Occupazione illegittima: quali sono i dettagli e i diritti - A.N.P.T.ES.
A.N.P.T.ES. Associazione Nazionale per la Tutela degli Espropriati. Oltre 5.000 espropri trattati in 15 anni di attività.
Qui trovi tutto cio che ti serve in tema di espropriazione per pubblica utilità.
Tutte le novità in tema di espropriazione raccolte in modo organico

Occupazione illegittima: quali sono i dettagli e i diritti

7 Dicembre 2023

L’occupazione illegittima rappresenta una questione complessa, soprattutto quando il procedimento di esproprio è viziato da irregolarità.

In questo articolo, esploreremo il panorama giuridico che circonda questa delicata situazione, con un focus particolare sulle recenti evoluzioni legislative e le possibilità offerte al proprietario dalla normativa vigente.

Cambiamenti legislativi: dal T.U. Espropri ad oggi

Prima dell’approvazione del Testo Unico Espropri, la giurisprudenza aveva consolidato il concetto di acquisizione irrevocabile al patrimonio pubblico del suolo illegittimamente occupato.

Tuttavia, le cose hanno preso una svolta con l’entrata in vigore dell’art. 43 D.p.r. 327/2001, che ha introdotto la possibilità di atti espropriativi in sanatoria.

Questo scenario è stato successivamente dichiarato costituzionalmente illegittimo dalla sentenza 293/2010, ma una norma simile è stata reintrodotta nel 2011 con l’art. 42 bis.

I Diritti del proprietario secondo l’Art. 42 bis Testo Unico Espropri

In base a quanto previsto dall’art. 42 bis, il proprietario ha il diritto di richiedere la restituzione dei beni occupati illegalmente, con demolizione delle opere e rimissione in pristino dello stato dei luoghi.

Inoltre, è previsto un risarcimento per i danni subiti a causa dell’occupazione illegittima.

Sanatoria dell’abuso da parte dell’ente pubblico

L’ente pubblico ha la possibilità di procedere a una sorta di sanatoria dell’abuso commesso, riconoscendo al proprietario un’indennità di esproprio pari al valore venale del bene al momento dell’emissione del provvedimento sanante.

Tuttavia, dovrà corrispondere un interesse annuo del 5% per ogni anno di illegittima occupazione, oltre a una maggiorazione del 10% a titolo di risarcimento del danno extracontrattuale.

Nessuna prescrizione: Il diritto del proprietario

Data la natura di illecito permanente dell’occupazione illegittima, la giurisprudenza sostiene l’assenza di termini di prescrizione.

Il diritto del proprietario può essere fatto valere anche a distanza di molto tempo, e la pubblica amministrazione non può invocare l’usucapione del bene.

Competenza giurisdizionale: TAR e Tribunale Ordinario

Il Tar sarà competente nei casi di atti espropriativi viziati da illegittimità, mentre il tribunale ordinario sarà chiamato in causa per le occupazioni condotte in assenza di atti espropriativi.

La normativa vigente offre al proprietario strumenti significativi per difendere i propri diritti in caso di occupazione illegittima.

È essenziale comprendere appieno le disposizioni dell’art. 42 bis e monitorare attentamente l’evoluzione della giurisprudenza per garantire una difesa efficace in situazioni complesse come questa.


Desideri approfondire ulteriormente l'argomento e ottenere consigli legali personalizzati? I nostri consulenti esperti in espropriazione per pubblica utilità sono a tua disposizione.

A chi rivolgersi e i costi dell'assistenza

Il Diritto dell'Espropriazione è una materia molto complessa e poco conosciuta, che "ingloba" parti importanti di molteplici rami del diritto. Per tutelarsi è quindi essenziale farsi assistere da un Professionista (con il quale si consiglia di concordare in anticipo i costi da sostenere, come ormai consentito dalle leggi in vigore).

Se l'espropriato ha già un Professionista di sua fiducia, può comunicagli che sul nostro sito trova strumenti utili per il suo lavoro.
Per capire come funziona la procedura, quando intervenire e i costi da sostenere, si consiglia di consultare la Sezione B.6 - Come tutelarsi e i Costi da sostenere in TRE Passi.

  • La consulenza iniziale, con esame di atti e consigli, è sempre gratuita
    - Per richiederla cliccate qui: Colloquio telefonico gratuito
  • Un'eventuale successiva assistenza, se richiesta, è da concordare
    - Con accordo SCRITTO che garantisce l'espropriato
    - Con pagamento POSTICIPATO (si paga con i soldi che si ottengono dall'Amministrazione)
    - Col criterio: SE NON OTTIENI NON PAGHI

Se l'espropriato è assistito da un Professionista aderente all'Associazione pagherà solo a risultato raggiunto, "con i soldi" dell'Amministrazione. Non si deve pagare se non si ottiene il risultato stabilito. Tutto ciò viene pattuito, a garanzia dell'espropriato, con un contratto scritto. è ammesso solo un rimborso spese da concordare: ad. es. 1.000 euro per il DAP (tutelarsi e opporsi senza contenzioso) o 2.000 euro per il contenzioso. Per maggiori dettagli si veda la pagina 20 del nostro Vademecum gratuito.

La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è la seguente: 24/07/2024