L'indennità di esproprio per i fabbricati parzialmente o totalmente abusivi - A.N.P.T.ES.
A.N.P.T.ES. Associazione Nazionale per la Tutela degli Espropriati. Oltre 5.000 espropri trattati in 15 anni di attività.
Qui trovi tutto cio che ti serve in tema di espropriazione per pubblica utilità.
Sei qui > Sezione: Ricerche espropri - Per l’INDICE GENERALE clicca qui
TI SERVE UN CONSIGLIO? E' Gratuito!
Informaci sul tuo caso cliccando qui:
Colloquio telefonico gratuito
Poi chiamaci ai seguenti numeri:
06.91.65.04.018 340.95.85.515
Ricerche espropri

L’indennità di esproprio per i fabbricati parzialmente o totalmente abusivi

L’ammontare dell’indennità è indipendente dall’accettazione o rifiuto dell’indennità provvisoria offerta dall’Autorità espropriante. Le norme CEDU tutelano anche le opere illegittimamente edificate.

Avvertenza: questo estratto di documento fa parte dell’archivio storico di alcuni atti prodotti da ANPTES e non è aggiornato. Per la documentazione aggiornata torna alla home page del sito.

NORME ITALIANE
Eventuali maggiorazioni in caso di accordo di cessione:
Se la costruzione non è sanabile, (e quindi l’indennità è determinata in base all’articolo 37 ) tenendo conto della sola area di sedime, l’indennità deve essere maggiorata del 10% in caso di accordo bonario, ai sensi dell’art 37 comma 2 e dell’art 45 comma 2 lettera a.
Se la costruzione è sanabile, (e, di conseguenza, l’indennità è rapportata al valore di mercato della costruzione ai sensi dell’Art. 38 comma 1) nessuna maggiorazione è prevista in caso di accordo bonario, ai sensi dell’art 45 comma 2 lettera b.
L’ammontare dell’indennità è quindi indipendente dal fatto che l’espropriato accetti o rifiuti l’indennità provvisoria offerta dall’Autorità espropriante.

Eventuali somme aggiuntive:
Se la costruzione non è sanabile (e quindi l’indennità è determinata in base all’articolo 37 ) si applicano le seguenti norme.

Art. 37 comma 8
Se per il bene negli ultimi cinque anni è stata pagata dall’espropriato o dal suo dante causa un’imposta in misura maggiore dell’imposta da pagare sull’indennità, la differenza è corrisposta dall’espropriante all’espropriato.

Art 37 comma 9
Qualora l’area edificabile sia utilizzata a scopi agricoli, spetta al proprietario coltivatore diretto anche una indennità pari al valore agricolo medio corrispondente al tipo di coltura effettivamente praticato.
La stessa indennità spetta al fittavolo, al mezzadro o al compartecipante che, per effetto della procedura, sia costretto ad abbandonare in tutto o in parte il fondo direttamente coltivato, da almeno un anno, col lavoro proprio e di quello dei familiari.

Se la costruzione è sanabile, (e, di conseguenza, l’indennità è rapportata al valore di mercato della costruzione ai sensi dell’Art. 38 comma 1),
Non sono previste somme aggiuntive; tutti gli indennizzi devono essere calcolati ed inseriti nell’ammontare dell’indennità.

NORME ITALIANE
Eventuali maggiorazioni in caso di accordo di cessione:
– Per la parte della costruzione legittimamente edificata e per la parte abusiva della costruzione, se è sanabile.
L’indennità è rapportata al valore di mercato della costruzione ai sensi dell’Art. 38 comma 1 e nessuna maggiorazione è prevista in caso di accordo bonario, ai sensi dell’art 45 comma 2 lettera b
L’ammontare dell’indennità è quindi indipendente dal fatto che l’espropriato accetti o rifiuti l’indennità provvisoria offerta dall’Autorità espropriante.
– Per la parte abusiva della costruzione non sanabile
L’indennità è determinata in base all’articolo 37 tenendo conto della sola area di sedime e deve essere maggiorata del 10% in caso di accordo bonario, ai sensi dell’art 37 comma 2 e dell’art 45 comma 2 lettera a.

Eventuali somme aggiuntive:
– Per la parte della costruzione legittimamente edificata e per la parte abusiva della costruzione, se è sanabile
L’indennità è rapportata al valore di mercato della costruzione ai sensi dell’Art. 38 comma 1.
Non sono previste somme aggiuntive; tutti gli indennizzi devono essere calcolati ed inseriti nell’ammontare dell’indennità.
– Per la parte abusiva della costruzione non sanabile
L’indennità è determinata in base all’articolo 37 e si applicano le seguenti norme.
Art. 37 comma 8
Se per il bene negli ultimi cinque anni è stata pagata dall’espropriato o dal suo dante causa un’imposta in misura maggiore dell’imposta da pagare sull’indennità, la differenza è corrisposta dall’espropriante all’espropriato.
Art 37 comma 9
Qualora l’area edificabile sia utilizzata a scopi agricoli, spetta al proprietario coltivatore diretto anche una indennità pari al valore agricolo medio corrispondente al tipo di coltura effettivamente praticato.
Art 37 comma 9
La stessa indennità spetta al fittavolo, al mezzadro o al compartecipante che, per effetto della procedura, sia costretto ad abbandonare in tutto o in parte il fondo direttamente coltivato, da almeno un anno, col lavoro proprio e di quello dei familiari.

NORME CEDU
La CEDU tutela anche le opere illegittimamente edificate, specie nei casi di ragionevole aspettativa ( l’espérance légitime ) o tolleranza implicita
Diritti e interessi non tutelati dalle norme italiane, perdita di chanche, ecc…

Per i documenti aggiornati, vedi anche:

A.1 Le “trappole” in cui cadono gli espropriati
A.3 Vuoi accettare l’indennità? Le avvertenze
A.4 La tua indennità – con le norme italiane
A.5 La tua indennità – con le norme europee
A.6 Le illegittimità della procedura
A.7 Il T.U. Espropri sempre aggiornato

A chi rivolgersi e i costi dell'assistenza

Il Diritto dell'Espropriazione è una materia molto complessa e poco conosciuta, che "ingloba" parti importanti di molteplici rami del diritto. Per tutelarsi è quindi essenziale farsi assistere da un Professionista (con il quale si consiglia di concordare in anticipo i costi da sostenere, come ormai consentito dalle leggi in vigore).


SE L'ESPROPRIATO
ha già un Professionista di sua fiducia
Per capire come funziona la procedura, quando intervenire e i costi da sostenere, si consiglia di consultare la Sezione B.6 - Come tutelarsi e i Costi da sostenere in TRE Passi.

SE L'ESPROPRIATO
vuol richiedere assistenza a un Professionista dell'Associazione
  • La consulenza iniziale, con esame di atti e consigli, è sempre gratuita
           - Per richiederla cliccate qui: Colloquio telefonico gratuito
  • Un'eventuale successiva assistenza, se richiesta, è da concordare
           - Con accordo SCRITTO che garantisce l'espropriato
           - Con pagamento POSTICIPATO (si paga con i soldi che si ottengono dall'Amministrazione)
           - Col criterio: SE NON OTTIENI NON PAGHI

Per maggiori dettagli si veda la pagina 20 del nostro Vademecum gratuito.


La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è la seguente: 29 Maggio 2024

La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è la seguente: 24/07/2024