Procedura esproprio per pubblica utilità - A.N.P.T.ES.
A.N.P.T.ES. Associazione Nazionale per la Tutela degli Espropriati. Oltre 5.000 espropri trattati in 15 anni di attività.
Qui trovi tutto cio che ti serve in tema di espropriazione per pubblica utilità.
Tutte le novità in tema di espropriazione raccolte in modo organico

Procedura esproprio per pubblica utilità

17 Novembre 2023

Nel vasto panorama degli espropri per pubblica utilità, la procedura di notifica riveste un ruolo cruciale.

In questo articolo, esploreremo in dettaglio il processo di notifica di un esproprio e forniremo una guida completa su come avviene questo importante passo nel contesto di progetti di interesse pubblico.

Il procedimento

Prima del DPR 327/2001, le norme sull’espropriazione erano sparse, ma ora sono tutte racchiuse nel Testo Unico espropri.

Il procedimento si divide in tre fasi principali, che si concludono con una cessione volontaria o un decreto di esproprio. Le fasi sono:

  1. Pianificazione urbanistica: Si effettua un piano di intervento urbanistico, stabilendo un vincolo preordinato all’esproprio sul bene in questione.
  2. Dichiarazione di pubblica utilità: Viene emesso un provvedimento che dichiara la pubblica utilità dell’esproprio.
  3. Calcolo provvisorio dell’indennità: Si stima l’indennità di esproprio in modo provvisorio.

Il Vincolo espropriativo

Il Testo Unico Espropri sottolinea l’importanza dell’apposizione del vincolo espropriativo come fase cruciale per garantire la legittimità della procedura di espropriazione per pubblica utilità.

Questa prima fase, può derivare da diverse fonti, tra cui approvazioni al Piano Regolatore Generale (PRG) o conferenze di servizi e accordi di programma.

I comuni, attraverso approvazioni o varianti al PRG, possono destinare aree all’esproprio per opere di pubblica utilità, apponendo il vincolo semplicemente con il classamento di una zona a destinazione pubblica.

La comunicazione dell’apposizione del vincolo espropriativo ai proprietari avviene entro 30 giorni, con la possibilità per loro di presentare osservazioni, alle quali deve essere data risposta per iscritto.

Quando i proprietari superano il numero di 50, la comunicazione può avvenire attraverso la pubblicazione nell’albo pretorio dell’ente.

La durata quinquennale del vincolo espropriativo spesso precede notevolmente l’avvio effettivo della procedura espropriativa, impedendo nel frattempo al proprietario di edificare sul bene.

Il punto di partenza cruciale nell’iter di esproprio è l’approvazione del progetto preliminare. Qui, tutti i dettagli, dagli elaborati grafici alla relazione illustrativa, vengono depositati presso gli enti pubblici e i Comuni coinvolti.

I proprietari ricevono notifica, a meno che siano oltre 50, caso in cui l’avviso compare nell’albo pretorio.

Entro 30 giorni, i proprietari possono presentare osservazioni sul progetto, una fase chiave per influenzarne la modifica.

Dichiarazione di pubblica utilità dell’esproprio

L’approvazione del progetto definitivo segna l’inizio concreto dell’opera e della procedura di esproprio, sottolineando la sua rilevanza nella definizione del percorso.

Quest’atto, che elenca tutti gli elementi cruciali del procedimento, innescando automaticamente la dichiarazione di pubblica utilità, è un passo fondamentale nel processo.

La comunicazione rivolta ai proprietari coinvolti è gestita attraverso una notifica giudiziale, garantendo un approccio formale ed efficace.

L’articolo 17, specifica chiaramente l’approvazione del progetto definitivo e pone l’attenzione sulla dichiarazione di pubblica utilità, evidenziando l’origine del vincolo preordinato all’esproprio.

La notifica al proprietario avviene tramite raccomandata con avviso di ricevimento o tramite altri mezzi equipollenti, assicurando trasparenza nel processo.

Questa comunicazione fornisce dettagli sulla data di efficacia dell’atto di approvazione del progetto definitivo e concede al proprietario l’opportunità di esaminare la documentazione correlata. Contestualmente, viene garantito il diritto al proprietario di fornire informazioni utili per la valutazione del valore dell’area in vista della liquidazione dell’indennità di esproprio.

Calcolo provvisorio dell’indennità

In contesti di esproprio gestiti da enti locali, si apre spesso una fase di negoziazione per l’indennità provvisoria.

Questa rappresenta la prima offerta dell’ente pubblico al proprietario e può essere oggetto di negoziazione entro i primi 30 giorni dall’approvazione del progetto definitivo.

L’accettazione rende definitiva l’indennità di esproprio, ma in caso di rifiuto si avvia la procedura per la determinazione dell’indennità definitiva.

Il passo successivo alla negoziazione dell’indennità è il trasferimento della proprietà. Questo può avvenire attraverso due vie: la cessione volontaria, solitamente tramite un atto notarile, o il decreto di esproprio, un atto amministrativo.

Anche in caso di accettazione dell’indennità, l’ente pubblico può optare per il decreto di esproprio come modalità di trasferimento.

L’emanazione del decreto di esproprio deve avvenire entro 5 anni dall’approvazione del progetto definitivo e dalla dichiarazione di pubblica utilità, termine rinnovabile per soli 2 anni in presenza di forza maggiore.

Prima del decreto, avviene il frazionamento catastale del bene espropriato. Il decreto, sempre preceduto dal pagamento dell’indennità provvisoria o dal suo deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti, segna il passaggio ufficiale della proprietà all’ente espropriante.

Segue l’immissione in possesso, atto mediante il quale l’ente assume la disponibilità materiale del bene. Di solito, questo atto segue l’emanazione del decreto di esproprio e il conseguente trasferimento di proprietà. Si redige un verbale, compilato in presenza dei proprietari espropriati, descrivendo dettagliatamente il bene.

In caso di dissenso o assenza del proprietario, il verbale viene redatto con la presenza di due testimoni.

Dall’immissione in possesso, l’ente ottiene il titolo per intervenire sul bene e inizia la concretizzazione dell’opera.

È cruciale sottolineare che l’indennità provvisoria diventa effettivamente l’indennità di esproprio solo con l’accettazione del proprietario. In caso contrario, il proprietario ha il diritto di richiedere il calcolo dell’indennità definitiva.


Desideri approfondire ulteriormente l'argomento e ottenere consigli legali personalizzati? I nostri consulenti esperti in espropriazione per pubblica utilità sono a tua disposizione.

A chi rivolgersi e i costi dell'assistenza

Il Diritto dell'Espropriazione è una materia molto complessa e poco conosciuta, che "ingloba" parti importanti di molteplici rami del diritto. Per tutelarsi è quindi essenziale farsi assistere da un Professionista (con il quale si consiglia di concordare in anticipo i costi da sostenere, come ormai consentito dalle leggi in vigore).

Se l'espropriato ha già un Professionista di sua fiducia, può comunicagli che sul nostro sito trova strumenti utili per il suo lavoro.
Per capire come funziona la procedura, quando intervenire e i costi da sostenere, si consiglia di consultare la Sezione B.6 - Come tutelarsi e i Costi da sostenere in TRE Passi.

  • La consulenza iniziale, con esame di atti e consigli, è sempre gratuita
    - Per richiederla cliccate qui: Colloquio telefonico gratuito
  • Un'eventuale successiva assistenza, se richiesta, è da concordare
    - Con accordo SCRITTO che garantisce l'espropriato
    - Con pagamento POSTICIPATO (si paga con i soldi che si ottengono dall'Amministrazione)
    - Col criterio: SE NON OTTIENI NON PAGHI

Se l'espropriato è assistito da un Professionista aderente all'Associazione pagherà solo a risultato raggiunto, "con i soldi" dell'Amministrazione. Non si deve pagare se non si ottiene il risultato stabilito. Tutto ciò viene pattuito, a garanzia dell'espropriato, con un contratto scritto. è ammesso solo un rimborso spese da concordare: ad. es. 1.000 euro per il DAP (tutelarsi e opporsi senza contenzioso) o 2.000 euro per il contenzioso. Per maggiori dettagli si veda la pagina 20 del nostro Vademecum gratuito.

La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è la seguente: 12/07/2024