Richiesta di nulla osta allo svincolo di indennità definitiva di esproprio

Avvertenza: questo estratto di documento fa parte dell'archivio storico di alcuni atti prodotti da ANPTES e non è aggiornato. Per la documentazione aggiornata torna alla home page del sito.

[...]
1) QUANTO ALLA ISTANZA DI SVINCOLO DELLE INDENNITÀ DI ESPROPRIO
Con decreto di esproprio di esproprio n. [...] emesso dal Presidente della Giunta Regionale [...] per la realizzazione del [...], codesta [...] espropriava i terreni di comproprietà degli scriventi siti in Comune di [...] e già distinti in catasto al foglio 20 particelle 7, 11, 12, 13, 15, 16 e 17 (s.e.o.).

In particolare i terreni di cui trattasi appartenevano in uguale misura ai signori [...], come del resto in atti. A seguito del decesso di quest'ultimo, allo stesso sono succeduti gli eredi ed in particolare [...], giusta dichiarazione di successione allegata (doc. n. 2).

Con quietanza del 8.5.1998 n. [...], codesta [...] depositava alla Cassa DD.PP. la somma di lire 224.805.780 a titolo di indennità provvisoria di esproprio.

Con successiva quietanza del 21.3.2000 n. 27 posizione n. 134392 (doc. n. 4), codesta [...] (a seguito della rideterminazione nella somma complessiva di lire 459.364.230 della indennità definitiva ad opera del Ministero delle Finanze Dipartimento del Territorio Ufficio del Territorio di L'Aquila) procedeva al deposito presso la Cassa DD.PP della somma di lire 234.558.450 (derivante dalla differenza tra l'indennità provvisoria inizialmente versata e l'indennità definitiva rideterminata in sede amministrativa) a titolo di indennità di esproprio definitiva non opposta dagli scriventi.
Non essendo stata spiegata opposizione alla stima dinanzi alla Corte di Appello, la indennità di esproprio di cui sopra sopra si e' resa definitiva, non piu' modificabile e pertanto puo' essere corrisposta agli aventi diritto.
Con la presente istanza, gli istanti intendono chiedere ed ottenere lo svincolo ed il pagamento delle indennità di cui sopra loro spettanti, ovviamente in ragione dei rispettivi diritti ed in particolare nella misura del 25 % delle indicate indennità in favore del signor [...] ed ion ragione del 25 % delle indicate indennità in favore di [...] nella loro qualità di eredi.

Infine, sono allegati alla presente istanza di svincolo:
• il certificato storico catastale ventennale, fino ad avvenuta trascrizione del decreto di esproprio, rilasciato dall'ufficio tecnico erariale (ora agenzia del territorio) (doc. n. 5);
• il certificato ipotecario ventennale, fino ad avvenuta trascrizione del decreto di esproprio, rilasciato dalla conservatoria dei registri immobiliari (ora agenzia del territorio) (doc. n. 6).


2) QUANTO AL REGIME FISCALE DELLE INDENNITà DI ESPROPRIO: INAPPLICABILITà DELLA RITENUTA DEL 20 %
Per cio' che attiene al regime fiscale delle indennità di esproprio da svincolare, e' appena il caso di precisare che nella fattispecie l'indennità di esproprio di cui trattasi non deve scontare la ritenuta irpef del 20 % di cui all'art. 11/5 della legge n. 413/1991, atteso che i terreni espropriati ricadevano nella zona omogenea F.

Con riguardo a tale aspetto, gli scriventi chiedono a codesta amministrazione – in conformità ad espressa indicazione fornita dalla Cassa DD.PP. - di voler corredare il richiesto provvedimento di svincolo di certificazione da cui risulti che i terreni espropriati di cui trattasi ricadevano nella zona omogenea F alla data del decreto di esproprio e che in ogni caso non trattasi di interventi di edilizia residenziale pubblica economica e popolare di cui alla legge 18.4.1962 n. 167.

Solo per completezza di indagine e con l'intento di semplificare l'eventuale attività istruttoria, gli istanti ritengono utile fornire a codesta amministrazione i seguenti elementi di prova di esclusione dell'applicazione nella fattispecie della ritenuta irpef del 20 %.

Dal certificato di destinazione urbanistica prot. n. 4549 del 22.7.2008 (doc. n. 6) rilasciato dal Comune di Corfinio, risulta che i terreni espropriati di cui trattasi ricadevano in Zona F 5 (Parco Archeologico).

Cio' premesso, si rende ora necessario aggiungere che l'art. 4 d.m. 2.4.1968 n. 1444, in materia di cosiddetta zonizzazione del territorio comunale, prevede testualmente che alle zone F siano destinati "gli spazi per le attrezzature pubbliche di interesse generale…".

• ESAME DELL'ART. 11 LEGGE N. 413/1991
Ai fini di un esatto inquadramento della fattispecie, si rende necessario prendere le mosse preliminarmente dall'esame dell'art. 11 della legge n. 413/1991 per poterne successivamente individuare l'esatto contenuto ed ambito.
Come e' noto il citato art. 11/5 della legge n. 413/1991 ha introdotto l'imposta del 20 % sulle somme ivi indicate ed in particolare sulle " plusvalenze conseguenti alla percezione,…, di indennità di esproprio o di somme percepite a seguito di cessioni volontarie nel corso di procedimenti espropriativi nonche' di somme comunque dovute per effetto di acquisizione coattiva conseguente ad occupazioni di urgenza divenute illegittime relativamente a terreni destinati ad opere pubbliche o ad infrastrutture urbane all'interno delle zone omogenee di tipo A, B, C, D di cui al decreto ministeriale 2 aprile 1968, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 97 del 16 aprile 1968…".

• ESCLUSIONE DA IMPOSIZIONE DI SOMME RELATIVE A ZONA F
Successivamente all'entrata in vigore della legge n. 413/1991, alle quattro zone omogenee inizialmente indicate era stata aggiunta anche la zona F che era stata inserita nell'ambito della previsione normativa dall'art. 3 comma 1 lettera a) del decreto legge 28 febbraio 1992 n. 174, del decreto legge 27 aprile 1992 n. 269 e del decreto legge 25 giugno 1992 n. 319, tutti rimasti non convertiti. Infine, si segnala che l'art. 2 della legge 24 marzo 1993 n. 75 ha fatto salvi gli effetti dei decreti non convertiti e, pertanto, la zona omogenea F e' rimasta definitivamente esclusa dalla fattispecie impositiva prevista dall'art. 11 della legge n. 413/1991.
Si deve dunque concludere, senza possibilità di errore, che restano escluse dalla imposizione del 20 % le somme dovute a seguito di acquisizione coattiva relativamente a terreni occupati per la costruzione di opere pubbliche appartenenti alle zone F del territorio comunale come definite dal citato d.m. 2.4.1968 n. 1444.
Atteso che – per quanto risulta dimostrato in precedenza – la somma spettante agli istanti per la causale di cui trattasi scaturisce da un esproprio di terreni destinati alla costruzione di un'opera pubblica e di attrezzature di interesse generale comprese nella zona F, essa non deve scontare l'imposta del 20 % introdotta dall'art. 11 della legge n. 413/1991.

• LA POSIZIONE DEL MINISTERO DELLE FINANZE
Per completezza di indagine, e' appena il caso di precisare che, fin dalle prime applicazioni dell'art. 11 della legge n. 413/1991, lo stesso ministero delle finanze ha piu' volte e costantemente chiarito e ribadito l'esclusione dalla tassazione del 20 % delle somme dovute a seguito della espropriazione di terreni destinati ad ospitare opre pubbliche ed infrastrutture ricadenti nella zona F.

• risoluzione ministeriale n. 5865 del 14.12.1994
Con la r.m. n. 5865/1994, il ministero delle finanze ha testualmente stabilito che "per quanto riguarda le fattispecie da assoggettare a tassazione, codesta Cassa Depositi e Prestiti ha chiesto di conoscere se le indennità relative a terreni ricadenti nella zona omogenea F siano da assoggettare a ritenuta, cio' in quanto la lettera F era stata inserita, dall'art. 3 comma 1 lettera a) dei decreti legge 28 febbraio 1992 n. 174, 27 aprile 1992 n. 269 e 25 giugno 1992 n. 319, tutti non convertiti. Al riguardo, si precisa che l'art. 2 della legge 24 marzo 1993 n. 75, ha fatto salvi gli effetti dei decreti non convertiti e, pertanto, si deve ritenere legittima l'effettuazione della ritenuta avvenuta nel periodo di vigenza di detti decreti. Anche in merito a questo punto l'Avvocatura generale, con il parere sopra indicato, ha confermato l'interpretazione dell'amministrazione finanziaria" [e per l'effetto restano escluse dalla tassazione tutte le somme da versare (ivi compresa quelle spettanti agli scriventi al di fuori di periodo di vigenza dei citati decreti legge);

• risoluzione n. 111/E-III-5-812 del 11.7.1996
Particolarmente significativa e decisiva si rivela l'indicata r.m. n. 111/1996 atteso che con essa il ministero delle finanze ha fornito al comune espropriante le necessarie indicazioni in relazione ad una fattispecie del tutto identica a quella oggetto del presente atto (caratterizzata in particolare dall'esproprio di terreni che benche' ricadenti nella zona omogenea F - e dunque espropriati per la realizzazione di opera pubblica ed attrezzatura di interesse generale – sono stati dal giudice ritenuti e valutati quali terreni edificabili).

Con l'indicata r.m. n. 111/1996, il ministero delle finanze ha cosi' testualmente stabilito:
"Con la nota... il comune di... ha fatto presente di essere stato condannato dalla Corte d'appello di Catania al pagamento alla ditta M. delle indennità di esproprio, occupazione, rivalutazione, risarcimento danni ed interessi per un'area destinata a parco comunale ed ha chiesto di conoscere se le somme da corrispondere siano da assoggettare o meno alla ritenuta prevista dalla norma indicata in oggetto.
In particolare, il comune di… ha precisato che l'area espropriata e' stata classificata, sulla base degli strumenti urbanistici vigenti, all'interno di una zona omogenea di tipo F, come risulta peraltro dalla relazione tecnica acquisita dall'ufficio tecnico comunale in data 28 dicembre 1995. Nella sentenza definitiva, invece, il giudice ha tenuto conto dei criteri di determinazione proposti dal consulente tecnico d'ufficio e, quindi della sua potenzialità edificatoria, equiparando sostanzialmente l'area espropriata, all'atto della valutazione, alle aree A e B. In forza di questa pronuncia, sulle somme da corrispondere alla predetta ditta M. si renderebbe applicabile la ritenuta d'imposta del 20% di cui alla norma in oggetto.
In relazione a quanto precede, il comune di... ha espresso l'opinione che, poiche' l'art. 11 commi 5 e seguenti della legge n. 413/1991 prevede l'assoggettamento a tassazione soltanto delle indennità di esproprio e delle altre somme riferibili ad aree destinate alla realizzazione di opere pubbliche o di infrastrutture urbane situate all'interno di zone omogenee di tipo A, B, C, D, di cui al d.m. 2 aprile 1968 - come tali definite dagli strumenti urbanistici - ovvero ad interventi di edilizia residenziale pubblica ed economica e popolare di cui alla legge 18 aprile 1962 n. 167 e successive modificazioni, nel caso di specie le somme da corrispondere non dovrebbero essere assoggettate a ritenuta.
Al riguardo e' opportuno chiarire che la norma non fa alcun riferimento alla suscettibilità edificatoria del terreno, bensi' alla collocazione dello stesso all'interno delle zone omogenee espressamente richiamate (zone omogenee di tipo A, B, C, D).
E' pur vero che la stesura originaria della norma in esame richiedeva, ai fini dell'assoggettabilità a tassazione dell'indennità di esproprio, il requisito della suscettibilità edificatoria dei terreni; tuttavia il testo, definitivamente approvato ha fatto esclusivo riferimento alle richiamate zone omogenee e, pertanto, solo ad esse si deve avere riguardo.
Ai fini dell'imponibilità, quindi, e' necessario verificare se il terreno rientri in una delle zone omogenee richiamate dalla norma e non, invece, se esso sia suscettibile di edificabilità.
In proposito si osserva che, sebbene nella maggior parte dei casi i due concetti coincidano, puo' verificarsi eccezionalmente che nelle zone omogenee previste dal legislatore rientrino non soltanto terreni suscettibili di edificabilità, ma anche quelli non edificabili. In questo caso l'indennità di esproprio e' assoggettata a tassazione per il semplice fatto che il terreno rientra in una delle zone omogenee di tipo A, B, C, D, di cui al d.m. 2 aprile 1968, definite dagli strumenti urbanistici.
E' appena il caso di ricordare che, mentre il certificato di destinazione urbanistica certifica se una certa area è edificabile ed in quale misura, il d.m. 2 aprile 1968 definisce le zone omogenee, cioe' reca la descrizione topografica del territorio e per ciascuna zona fissa le quote standards, cioe' le dotazioni minime inderogabili di spazi per infrastrutture e servizi pubblici. In pratica, un terreno - come già detto - potrebbe non essere edificabile e trovarsi in una delle zone omogenee per le quali e' prevista la tassazione e viceversa.
E' quindi necessario che sia il comune a specificare in quale zona omogenea il terreno ricade o ricadrebbe (nei casi in cui le zone omogenee non sono state definite). Va inoltre precisato che per quanto riguarda le fattispecie da assoggettare a tassazione, LE INDENNITà RELATIVE AI TERRENI RICADENTI NELLA ZONA OMOGENEA F NON SONO DA ASSOGGETTARE A RITENUTA; cio' in quanto la lettera F era stata inserita, dall'art. 3 comma 1 lettera a) dei decreti legge 28 febbraio 1992, n. 174, 27 aprile 1992, n. 269, e 25 giugno 1992, n. 319, tutti non convertiti. Al riguardo, si precisa ulteriormente che l'art. 2 della legge 24 marzo 1993, n. 75, ha fatto salvi gli effetti dei decreti non convertiti e, pertanto, si deve ritenere legittima l'effettuazione della ritenuta avvenuta nel periodo di vigenza di detti decreti. In tal senso si e' espressa anche l'Avvocatura Generale, confermando l'interpretazione dell'amministrazione finanziaria (c.s. n. 7854/93, partenza n. 043408, 12 aprile 1994)…
Va, infine, precisato che il criterio di valutazione assunto dal giudice per determinare l'indennità di esproprio non puo' essere di alcun ausilio per individuare le fattispecie da assoggettare a tassazione…".


• risoluzione ministeriale n. 30/E-III-5-1914 del 18 febbraio 1997
Con l'indicata r.m. n. 30/1997, il ministero delle finanze ha ribadito l'orientamento e le prescrizione già impartite con i pronunciamenti precedenti, stabilendo testualmente quanto segue.

"Con istanza... il comune di G. ha chiesto chiarimenti in ordine all'applicazione delle disposizioni contenute nell'art. 11 commi 5 e seguenti della legge 30 dicembre 1991 n. 413, concernenti la tassazione delle indennità di esproprio.
In proposito e' stato fatto presente che l'amministrazione comunale, nella procedura espropriativa delle aree ricadenti nel piano insediamenti produttivi (P.I.P.), ha offerto alle ditte interessate le indennità determinate ai sensi del titolo II della legge 22 ottobre 1971 n. 865, in quanto dette aree al momento dell'imposizione del vincolo (approvazione P.R.G.) avevano destinazione agricola…

Al riguardo si ricorda - come già precisato in precedenti occasioni - che i criteri in base ai quali viene determinata l'indennità di esproprio sono del tutto irrilevanti ai fini dell'assoggettamento o meno a tassazione delle somme in questione e, pertanto, la citata legge n. 359/1992 non puo' in alcun modo essere posta in relazione con le disposizioni della legge n. 413/1991, che disciplinano la soggetta materia.
Queste ultime, infatti, dettano il regime fiscale applicabile alle predette indennità di esproprio, mentre la citata legge n. 359/1992 disciplina soltanto i criteri di determinazione delle indennità stesse e non contiene alcun riferimento, neppure implicito, al sistema di tassazione, sistema, peraltro, già in vigore al momento dell'approvazione della richiamata legge n. 359/1992.
Per quanto riguarda piu' specificatamente il quesito posto, nel ricordare che il regime fiscale delle suddette indennità di esproprio e' stato anche illustrato nelle istruzioni delle dichiarazioni dei redditi (ad esempio, per le persone fisiche, nel modello 740/M) ed e' stato ribadito con numerose risoluzioni e, da ultimo, con risoluzione n. 111/E dell'11 luglio 1996, si ritiene utile ribadire quanto segue…

Le indennità e le altre somme sopra specificate sono assoggettate a tassazione a condizione che siano state corrisposte relativamente ad aree destinate alla realizzazione di opere pubbliche ovvero di infrastrutture urbane all'interno di zone omogenee di tipo A, B, C e D di cui al d.m. 2 aprile 1968, definite dagli strumenti urbanistici, e di interventi di edilizia residenziale pubblica ed economica e popolare di cui alla legge 18 aprile 1962 n. 167 e successive modificazioni.
Pertanto, ove l'esproprio venga disposto per destinare l'area ad interventi di edilizia residenziale pubblica ed economica e popolare di cui alla legge sopra citata, la relativa indennità di esproprio dev'essere sempre assoggettata a tassazione, non assumendo alcun rilievo la collocazione dell'area in questione nelle diverse zone omogenee in cui e' ripartito il territorio. Le zone omogenee, infatti, vengono prese in considerazione, ai fini della tassazione delle indennità di esproprio, solo quando si riferiscono a procedimenti espropriativi relativi ad aree destinate alla realizzazione di opere pubbliche o di infrastrutture urbane.
Va, inoltre, ribadito che il riferimento alle zone omogenee contenuto nella disposizione in questione deve ritenersi tassativo, nel senso che la norma dispone l'assoggettamento a tassazione delle indennità di esproprio (nelle ipotesi sopra specificate) con riferimento alla collocazione dell'area nelle zone omogenee di tipo A, B, C e D, senza discriminare i terreni tra quelli agricoli e quelli suscettibili di un uso diverso rispetto a quello agricolo…

Sulla base delle premesse considerazioni, si precisa, dunque, che nel caso di specie le somme non debbono essere assoggettate a tassazione se al momento dell'inizio della procedura di esproprio le aree espropriate ricadevano in una delle zone omogenee non comprese tra quelle elencate nell'art. 11 comma 5 della legge 30 dicembre 1991 n. 413".

• circolare ministeriale n. 194/E del 24.7.1998
Con l'indicata c.m. n. 194/1998, il ministero delle finanze, dopo aver espressamente richiamato e ribadito le precedenti r.m. n. 111/E del 11.7.1996 e r.m. n. 30/E del 18.2.1997, ha ulteriormente confermato che "…con riferimento alle fattispecie da assoggettare a tassazione, si precisa che le indennità relative ai terreni ricadenti nella zona omogenea F sono escluse dalla tassazione in quanto l'inclusione della medesima tra quelle nelle quali la realizzazione di opere pubbliche e di infrastrutture urbane dà luogo alla tassazione delle relative indennità e' stata effettuata dall'articolo 3 comma 1 lettera a) dei decreti legge 28 febbraio 1992 n. 174, 27 aprile 1992 n. 269 e 25 giugno 1992 n. 319, tutti non convertiti…".

• r.m. n. 7/35 del 21 luglio 1993
Appartiene allo stesso indirizzo anche l'iniziale indicata r.m. n. 7/1993 con la quale il ministero delle finanze ha stabilito quanto segue.
"L'Ing. G.F. ha chiesto di conoscere se alla ritenuta del 20% ... recentemente istituita, debbano essere assoggettate le indennità di esproprio relative sia a terreni che a fabbricati, ivi comprese le pertinenze, ricadenti all'interno delle zone omogenee di tipo A, B, C, D, F, di cui al D.M. 2 aprile 1968 o se, invece, solo le indennità relative ai terreni siti nelle predette zone omogenee siano da ritenere assoggettabili a tassazione…
In forza delle citate disposizioni le indennità e le altre somme sono sottoposte a tassazione se corrisposte relativamente ad aree destinate alla realizzazione di opere pubbliche o di infrastrutture urbane all'interno di zone omogenee di tipo A, B, C e D (infatti l'allargamento alla lettera F era contenuto nel d.l. 28 febbraio 1992, n. 174, non convertito nei termini e la disposizione non e' stata riprodotta nei decreti di reiterazione) di cui al d.m. 2 aprile 1968, definite dagli strumenti urbanistici, ovvero ad interventi di edilizia residenziale pubblica ed economica e popolare di cui alla legge 18 aprile 1962 n. 167, e successive modificazioni."

• risoluzione ministeriale n. III-5-561 del 15 ottobre 1993
Infine, conformi sono le prescrizioni impartite con la r.m. n. 5/1993.
"Codesto ministero ha chiesto di specificare se le indennità riferite all'acquisizione, mediante esproprio, di edifici urbani siano o meno soggette alla ritenuta di cui all'art. 11 comma 7 della legge 30 dicembre 1991 n. 413.
Al riguardo, va precisato che con l'art. 11 commi 5 e seguenti della legge citata, è stata disposta la tassazione delle indennità di esproprio e delle somme percepite a seguito di cessioni volontarie o ad altro titolo nel corso di procedimenti espropriativi, nonche' delle somme comunque dovute per effetto di occupazione acquisitiva, compresi gli interessi su tali somme e la rivalutazione, relative a terreni destinati ad opere pubbliche o ad infrastrutture urbane ricadenti all'interno delle zone omogenee di tipo A, B, C, D di cui al d.m. 2 aprile 1968, pubblicato nella gazzetta ufficiale n. 97 del 16 aprile 1968, definite dagli strumenti urbanistici ovvero ad interventi di edilizia residenziale pubblica ed economica e popolare di cui alla legge 18 aprile 1962 n. 167, e successive modificazioni, percepite da soggetti che non esercitano imprese commerciali…
In forza delle citate disposizioni, le indennità e le altre somme sono assoggettate a tassazione solo se corrisposte relativamente a terreni come sopra qualificati".

In conclusione, le somme e le indennità dovute per l'espropriazione di terreni ricadenti nella zona omogenea F sono escluse dalla imposta del 20 % perche' la zona F non e' contemplata dall'art. 11 della legge n. 413/1991 tra quelle previste e rilevanti ai fini della tassazione.

In forza dei documenti allegati ed alla luce dei motivi prospettati, gli scriventi

C H I E D O N O

a) di voler emettere il nulla osta ed il relativo provvedimento di svincolo delle indennità di esproprio di cui trattasi ed in particolare quelle relative:
• alla quietanza di versamento del 8.5.1998 n. 174 posizione n. 132712 di lire 224.805.780;
• alla quietanza di versamento del 21.3.2000 n. 27 posizione n. 134392 di lire 234.558.450;
b) di voler autorizzare la Cassa DD.PP. a procedere al pagamento delle indicate somme in favore di [...] (in ragione dei rispettivi diritti ed in particolare nella misura del 25 % delle indicate indennità);
c) di voler autorizzare la Cassa DD.PP. a procedere al pagamento delle indicate somme in favore di [...] (in ragione dei rispettivi diritti ed in particolare nella misura del 25 % delle indicate indennità);
d) di voler CONTESTUALMENTE CORREDARE IL RICHIESTO PROVVEDIMENTO DI SVINCOLO DI CERTIFICAZIONE DA CUI RISULTI CHE I TERRENI ESPROPRIATI DI CUI TRATTASI RICADEVANO NELLA ZONA OMOGENEA F ALLA DATA DEL DECRETO DI ESPROPRIO e che in ogni caso non trattasi di interventi di edilizia residenziale pubblica economica e popolare di cui alla legge 18.4.1962 n. 167;
e) di volere ESPRESSAMENTE INDICARE alla Cassa DD.PP. che, per effetto di quanto sopra, le somme da pagare agli istanti NON DEVONO SCONTARE LA RITENUTA IRPEF DEL 20 % DI CUI ALLA LEGGE N. 413/1991.
[...]

Per i documenti aggiornati, vedi anche:

A.1 Le "trappole" in cui cadono gli espropriati
A.3 Vuoi accettare l'indennità? Le avvertenze
A.4 La tua indennità - con le norme italiane
A.5 La tua indennità - con le norme europee
A.6 Le illegittimità della procedura
A.7 Il T.U. Espropri sempre aggiornato
DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 05/04/2021.