Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TRZASKALSKA v. POLAND

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 34469/05/2009
STATO: Polonia
DATA: 01/12/2009
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

FOURTH SECTION
CASE OF TRZASKALSKA v. POLAND
(Application no. 34469/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
1 December 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Trzaskalska v. Poland,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Giovanni Bonello,
Ljiljana Mijović,
Päivi Hirvelä,
Ledi Bianku,
Nebojša Vučinić, judges,
and Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 10 November 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 34469/05) against the Republic of Poland lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Polish national, Ms J. T. (“the applicant”), on 29 August 2005.
2. The Polish Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr J. Wołąsiewicz of the Ministry of Foreign Affairs.
3. On 14 November 2007 the President of the Fourth Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant, Ms J. T., is a Polish national who was born in 1955 and lives in Częstochowa.
5. She owned a plot of land which was expropriated by a decision of 5 May 1988 for the purposes of building a housing estate. By virtue of the same decision the applicant received compensation for one plot amounting to 1,121.299 old Polish zlotys (PLZ). By a supplementary decision of 8 June 1988 the Częstochowa Municipal Office fixed the amount of compensation for another plot at PLZ 560,649. On 29 January 1990 and 19 April 1990 the Municipal Office fixed the amounts of compensation for two remaining expropriated plots at PLZ 236,073.600 and PLZ 119,817.600, respectively.
6. On 30 January 1997 the applicant filed a motion with the President of the Urban Development Office to declare the expropriation decision of 1988 null and void. She claimed that the compensation was too low, as the authorities had calculated it on the basis of agricultural land, whereas after the decision to build a housing estate the land should have been regarded as building land. The applicant invoked the relevant provisions of the Code of Administrative Procedure, on the basis of which land loses its agricultural nature after it has been expropriated for building purposes. The applicant's motion was forwarded to the ÅšlÄ…sk Governor on 25 January 1999.
7. As the applicant received no reply to her original motion, on 6 October 1998 she filed the same motion with the Częstochowa Governor. The Governor informed the applicant by a letter of 8 December 1998 that in view of the need to obtain an expert assessment of the land's value, the case could be dealt with in the first quarter of 1999.
8. On 13 April 1999 the ÅšlÄ…sk Governor's Office notified the applicant that proceedings to declare the contested decision null and void had been instituted.
9. On 26 July 1999 the ÅšlÄ…sk Governor declared the expropriation decision of 5 May 1988 and the supplementary compensation decision of 8 June 1998 null and void as having been issued in flagrant breach of the law.
10. On 20 October 1999 the Częstochowa Municipal Office instituted administrative proceedings in order to fix the amount of compensation for the expropriation of the applicant's land. On 20 November 1999 the Municipal Office contacted five experts, asking them to quote by 5 December 1999 a price for drawing up an evaluation report in the applicant's case, and informed the applicant that her case would be dealt with within 14 days from the submission of the evaluation report. Subsequently, S.H. was appointed as an expert. As he resigned on 1 February 2000, A.G. was assigned the case.
11. On 17 February 2000 the applicant was notified that the time-limit for the examination of the case had been set for 31 March 2000. On 13 March 2000 A.G. submitted his evaluation report, wherein he assessed the value of the real estate at PLN 63,000 and the amount of compensation which had already been paid, re-assessed against inflation, at PLN 46,980.
12. On 28 March 2000 the evidentiary proceedings were terminated and the applicant was invited to read the file and submit her comments.
13. On 4 April 2000 the applicant challenged the evaluation report.
14. On 20 April 2000 the Mayor awarded the applicant compensation for the expropriated plot in the amount of PLN 63,000, reduced by the amount of PLN 46,980 already paid to her by virtue of the decision of 5 May 1998. The applicant appealed on 7 May 2000, contesting the amount of compensation. She argued that she had been granted PLN 17 (EUR 4.50) per square metre, whereas the average price of land in the neighbourhood at the material time was PLN 32 per square metre.
15. On 5 June 2000 the ÅšlÄ…sk Governor's Office quashed the decision and remitted the case for re-examination, having noted that the first-instance authority had wrongly fixed the amount of compensation according to the regulations which had been in force until 15 February 2000. On 28 June 2000 A.G. was ordered to submit a new evaluation report, which he did on 2 August 2000. The value of the land was assessed at PLN 1,767,388.
16. On 9 August 2000 the Municipal Office scheduled a hearing for 23 August 2000 and summoned the applicant and A.G. The applicant failed to attend it. On 28 August 2000 she justified her absence at the hearing and asked for another hearing to be scheduled. The date was set for 22 September 2000. The time-limit for a decision to be given in the case was extended until 30 September 2000.
17. On 12 September 2000 the applicant submitted additional pleadings and requested that certain evidence be taken.
18. The hearing was held on 22 September 2000. The applicant again challenged the report and submitted further documents as evidence.
19. On 26 September 2000 the applicant asked the Municipal Office to extend the time-limit for deciding her case as she had ordered a private expert opinion which would be submitted by the end of October 2000. On 5 October 2000 the Office extended the time-limit until 28 November 2000. On 6 November 2000 the applicant submitted a report prepared by Z.S., who assessed the value of the land at PLN 2,933.000. In view of the discrepancies between the expert opinions, on 16 November 2000 the Municipality requested the Silesian Association of Property Experts (Śląskie Stowarzyszenie Rzeczoznawców Majątkowych) to assess those two expert opinions. On 31 January 2001 the Association gave its opinion to the effect that the conclusions reached by Z. S. were correct, notwithstanding the fact that certain amendments to the report had to be made.
20. On 16 May 2001 the applicant was ordered to submit an amended report by Z.S within seven days, on pain of a decision being given on the basis of the available evidence. The applicant failed to comply with the order. On 7 August 2001 a new expert opinion was ordered. On 8 October 2001 F.Åš. submitted a new evaluation report wherein he considered that the value of the land on the day of expropriation amounted to PLZ 2,346,616 (before the revaluation of the currency).
21. On 30 October 2001 the Municipal Office scheduled a hearing for 9 November 2001. The applicant attended it. The Office heard experts Z.S. and F.Åš., who upheld the conclusions of their evaluation reports. Z.S. was granted seven days to supplement his report according to the guidelines of the Silesian Association of Property Experts (see paragraph 19 above). However, he failed to do so.
On 11 December 2001 the applicant again read the case file and declared that she would present her position in writing by 20 December 2001. On 19 December 2001 she submitted pleadings in which she again challenged the expert opinions. In her opinion, neither of the experts had taken into account decisions on compensation issued for her neighbors.
22. By a decision of 16 January 2002 the Mayor fixed the amount of compensation at PLZ 22,346,616 and granted the applicant compensation in the amount of PLN 21,375 (EUR 5,600) which constituted the difference between the amount of compensation fixed and that already paid in the past. The Mayor refused to admit the report of Z.S. as evidence, having regard to the fact that it had not been supplemented as requested. On 6 February 2002 the applicant appealed, arguing that the amount was insufficient. At the same time she submitted the supplement to the expert opinion. On 15 February 2002 the appeal was forwarded to the ÅšlÄ…sk Governor. The Governor quashed the decision on 9 April 2002 and remitted the case for re-examination. The Mayor appealed to the Supreme Administrative Court. On 8 August 2002 the ÅšlÄ…sk Governor filed with the Supreme Administrative Court his pleadings in reply.
23. By a judgment of 14 June 2004 the Supreme Administrative Court upheld the Governor's decision to quash the first-instance decision given by the Mayor. The judgment became final on 14 September 2004. On 16 November 2004 the Municipal Office informed the applicant that expert opinions had again been ordered in her case. On 5 January 2005 an expert was appointed and asked to prepare an evaluation report by 5 February 2005. He submitted his report on 7 February 2005. On 11 February 2005 a hearing was scheduled for 2 March 2005.
24. On 2 March 2005 a hearing was held. By a decision of 15 March 2005 the Mayor fixed the amount of compensation to be paid to the applicant at PLN 81,240 It considered that the amount of compensation already paid was PLZ 51,490.34. Thus, the amount to be paid to the applicant was PLN 29,749.66.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Inactivity on the part of the administrative authorities
25. The relevant domestic law concerning inactivity on the part of administrative authorities is set out in Grabiński v. Poland, no. 43702/02, §§ 60-65, 17 October 2006.
B. Relevant provisions of the Code of Administrative Procedure
26. Under Article 65 § 1, if a motion has been submitted to an administrative authority lacking jurisdiction to examine it, the authority is obliged to forward it without delay to the authority competent to deal with the case.
27. Article 156 of the Code provides that a final administrative decision can be declared null and void at any time if it was issued without a legal basis, or in flagrant violation of the law. If the flaw that taints the challenged decision is of a substantive nature, namely, if the decision had been given without a legal basis or in flagrant violation of the law, the administrative authority shall declare it null and void. A decision to declare the old decision null and void, or a refusal to do so, may ultimately be appealed against to the administrative courts.
C. Relevant provisions of the land expropriation legislation
28. On 1 January 1998 the Land Administration Act of 21 August 1997 (Ustawa o gospodarce nieruchomościami – “the 1997 Land Administration Act”) entered into force. Pursuant to section 112 of that Act, expropriation consists in taking away, by way of an administrative decision, of ownership or of other rights in rem. Expropriation can be carried out where public interest aims cannot be achieved without restriction of these rights and where it is impossible to acquire these rights by way of a civil law contract.
29. Under section 113 an expropriation can only be carried out for the benefit of the State Treasury or of the local municipality. In accordance with section 128 § 1 of the Act, expropriation can only be carried out against payment of compensation corresponding to the value of the property right concerned.
D. Remedy against the excessive length of judicial proceedings
30. The relevant domestic law and practice concerning remedies for the excessive length of judicial proceedings, in particular the applicable provisions of the 2004 Act, are stated in the Court's decisions in the cases of Charzyński v. Poland no. 15212/03 (dec.), §§ 12-23, ECHR 2005-V and Ratajczyk v. Poland no. 11215/02 (dec.), ECHR 2005-VIII, and the judgment in the case of Krasuski v. Poland, no. 61444/00, §§ 34-46, ECHR 2005-V.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION ON ACCOUNT OF THE UNFAIRNESS OF THE PROCEEDINGS
31. The applicant first complained that the proceedings in her case were unfair. In particular, she alleged errors of fact and law committed by the authorities. She complained that the decision of 1988 was erroneous and that in the proceedings terminated by the decision of 25 March 2005 the administrative bodies failed to assess the evidence correctly and wrongly applied provisions of domestic law. She alleged a breach of Article 6 § 1 of the Convention, which, in its relevant part, reads:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
32. However, the Court reiterates that, according to Article 19 of the Convention, its duty is to ensure the observance of the engagements undertaken by the Contracting Parties to the Convention. In particular, it is not its function to deal with errors of fact or law allegedly committed by a national court unless and in so far as they may have infringed rights and freedoms protected by the Convention. Moreover, while Article 6 of the Convention guarantees the right to a fair hearing, it does not lay down any rules on the admissibility of evidence or the way it should be assessed, which are therefore primarily matters for regulation by national law and the national courts (see García Ruiz v. Spain [GC], no. 30544/96, § 28, ECHR 1999-I, with further references).
33. In the present case the applicant did not allege any particular failure to respect her right to a fair hearing on the part of the relevant courts. Indeed, her complaints are limited to contesting the result of the proceedings. Assessing the circumstances of the case as a whole, the Court finds no indication that the impugned proceedings were conducted unfairly.
It follows that this part of the application is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION ON ACCOUNT OF THE UNREASONABLE LENGTH OF THE PROCEEDINGS
34. The applicant complained that the length of the administrative proceedings had been incompatible with the “reasonable time” requirement, laid down in Article 6 § 1 of the Convention, which reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal...”
35. The Government contested that argument. They argued that the proceedings concerned in fact three sets of proceedings, not one. The first set of proceedings started when the applicant submitted her first motion with the President of the Urban Development Office (see paragraph 6 above). However, he was not competent to examine the case. The applicant's motion was therefore forwarded to the Śląsk Governor on 27 January 1999. The second set of proceedings, in which the applicant sought to have the decision on the amount of compensation given in 1988 declared null and void, started on 6 October 1998 when the applicant's new motion was submitted to the Governor (see paragraph 7 above) and ended on 26 July 1999 by a decision declaring the 1988 decision null and void (see paragraph 9 above). In the third set of proceedings the applicant sought that the amount of compensation be fixed. They started on 20 October 1999 when the Częstochowa Municipal Office instituted, of its own motion, the proceedings concerning the amount of compensation and ended on 15 March 2005.
The applicant contested that argument.
36. The Court observes that the dates of the beginning and end of the proceedings should be established with due regard being had to the essential purpose which the applicant wished to achieve. The Court notes that the applicant's objective was to have the amount of the compensation paid to her in 1988 re-determined. That was impossible as long as the 1988 decision on compensation remained valid. She therefore had to request first that that decision be declared null and void, as provided for by Article 156 § 1 (2) of the Code of Administrative Procedure (see paragraph 27 above), as the result of that request had a decisive impact upon her claim to have the compensation re-calculated (see J.S. and A.S. v. Poland, no. 40732/98, § 49, 24 May 2005, mutatis mutandis).
The applicant tried to institute the relevant proceedings by submitting, in January 1997, her motion to the Office of Urban Development. The Court notes the Government's argument that this authority lacked competence to examine the case. However, it also observes that under Article 65 § 1 of the Code of Administrative Procedure, that authority was obliged to forward her motion to the competent body without delay. The Office ultimately complied with this obligation, but only two years later. In the meantime, in the absence of any reaction from the Office, the applicant submitted a new motion to the Governor. The Court therefore considers that in the absence of an appropriate reaction on the part of the Office, the proceedings should be deemed to have started in January 1997.
Subsequently, in July 1999 the applicant obtained a declaratory decision that the 1988 decision on compensation was null and void. That decision gave rise, under the provisions of the 1997 Land Administration Act, to the authorities' obligation to determine the amount of compensation for the expropriation to be paid to her (see paragraphs 28 – 29 above). Indeed, three months later, in October 1999, the authorities instituted the proceedings for the determination of the new amount of their own motion. In these circumstances, the Court is of the view that all three sets of proceedings relate to the same issue, namely the applicant's attempts to obtain compensation and that therefore their duration should be examined as a whole (Cravcenco v. Moldova, no. 13012/02, § 49, 15 January 2008; Boboc v. Moldova, no. 27581/04, § 27, 4 November 2008).
37. The proceedings commenced on 30 January 1997 and ended on 15 March 2005, when the amount to be paid to her was ultimately determined by a final decision. They thus lasted eight years and one month for three levels of jurisdiction.
A. Admissibility
38. The Government raised a preliminary objection that the applicant had not exhausted the domestic remedies available to her under Polish law, as required by Article 35 § 1 of the Convention. It was open to her to complain, under Article 37 of the Code of Administrative Procedure or under Article 17 of the Supreme Administrative Court Act 1995, to that court about the inactivity of the administrative authorities and to higher administrative authorities about the inactivity of the lower bodies. The applicant failed to do so.
39. They maintained that the applicant had failed to lodge a compensation claim with a civil court in order to seek redress for the alleged damage which had resulted from the inactivity of the administrative authorities. They relied on Article 417¹ § 3 of the Civil Code. In addition, they maintained that the applicant could have brought an action for damages under Article 417 of the Civil Code.
40. The Government further argued that, with respect to the proceedings before the Supreme Administrative Court conducted after 17 September 2001, it had been open to the applicant to file a complaint under the 2004 Act.
41. The applicant contested the Government's argument.
42. The Court first observes that admittedly the applicant did not complain of inactivity on the part of the administrative authorities in compliance with the law. However, the Court notes that the length of the proceedings cannot be said to have originated in the inactivity of the administrative authorities. There were no significant delays which could be construed as inactivity on the part of the authorities as understood under the relevant provisions of domestic law. The Court notes that the applicant submitted her application in January 1997 and later on, having regard to the absence of a response on the part of the authorities, she chose to renew her motion (see paragraph 36 above). Throughout the proceedings the authorities often took various procedural steps. Three decisions on the merits of the case were issued. Two of these decisions were subsequently quashed by the appellate authorities as not being in conformity with the law and the case was remitted. Hence, the duration of the proceedings should be attributed to a pattern of taking ineffectual procedural measures and issuing decisions flawed with various legal shortcomings.
The Court is of the view that in the circumstances of the case a complaint about inactivity did not offer the applicant any reasonable prospects of success (see Stevens v. Poland, no. 13568/02, judgment of 26 October 2006, §§ 44-46 and Kamecki and Others v. Poland, no. 62506/00, § 42, 9 June 2009). Moreover, the longest delay in the case occurred between 9 April 2002 and 14 June 2004, when the applicant's appeal against a decision given on the former date was pending before the Supreme Administrative Court. No remedy in respect of the length of judicial proceedings was available to the applicant at that time (Helwig v. Poland, no. 33550/02, § 44, 21 October 2008).
43. Regarding the subsequent period after 17 September 2004 when the 2004 Act came into force, the Court notes that that Act provides for a complaint about the unreasonable length of judicial proceedings, whereas proceedings before administrative authorities other than administrative courts are not covered by its provisions. After that date the proceedings were not pending before any administrative court. Hence, the remedy concerning the excessive length of judicial proceedings which became available as from that date was not available to the applicant.
44. With regard to the Government's submissions that the applicant had failed to institute proceedings for damages under Article 417¹ § 3 or Article 417 of the Civil Code, the Court observes that according to Article 417¹ § 3 of the Civil Code no claim for damages resulting from the unreasonable length of administrative proceedings may arise unless it has been formally determined that there was an unlawful failure to issue an administrative decision within the relevant time-limits. The Court also notes that the domestic case-law relied on by the Government does not constitute evidence of sufficiently established judicial practice to show that a claim for compensation based on Article 417¹ § 3 of the Civil Code was an effective remedy, and they have thus failed to substantiate their contention (see Boszko v. Poland, no. 4054/03, § 35, 5 December 2006; Grabiński v. Poland, no. 43702/02, § 74, 17 October 2006; and Pióro and Łukasik v Poland, no. 8362/02, § 35, 2 December 2008).
45. Accordingly, the Court concludes that in the circumstances of the case seen as a whole the Government's plea of inadmissibility on the ground of non-exhaustion of domestic remedies must be dismissed.
46. The Court further notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It also notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
47. The Court reiterates that the reasonableness of the length of proceedings must be assessed in the light of the circumstances of the case and with reference to the following criteria: the complexity of the case, the conduct of the applicant and the relevant authorities and what was at stake for the applicant in the dispute (see, among many other authorities, Frydlender v. France [GC], no. 30979/96, § 43, ECHR 2000-VII).
48. As regards the administrative proceedings in the present case, the Court, having regard to the evidence available, does not find it established that the applicant contributed to the length of the proceedings. The Court acknowledges that the applicant lodged several appeals and complaints in the course of the impugned proceedings.
49. However, in this connection the Court notes that following her appeals two decisions on the merits were quashed by the higher authorities and remitted for re-examination. Given that a remittal of a case for re-examination is usually ordered as a result of errors committed by the lower courts, the Court considers that the repetition of such orders within one set of proceedings discloses a deficiency in the procedural system as applied in the present case (see, mutatis mutandis, Wierciszewska v. Poland, no. 41431/98, § 46, 25 November 2003). Furthermore, the Mayor's appeal against the Governor's decision ordering that the Mayor's decision be quashed was dismissed by the Supreme Administrative Court as unfounded. Moreover, the time-limits set to deal with the case were on many occasions prolonged, the authorities not being able to finish the examination of the case by the dates which had been fixed for that purpose.
50. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that the applicant's case has not been heard within a reasonable time. There has accordingly been a breach of Article 6 § 1.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO.1 TO THE CONVENTION
51. The applicant complained that her property rights had been violated as a result of the excessive duration of the administrative proceedings, during which she had been obliged to bear the costs of the expert opinions and was deprived of fair compensation for the expropriated land. The Court considers that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. No other ground for declaring it inadmissible has been established. It must therefore be declared admissible.
52. Having regard to the circumstances of the case seen as a whole and to its finding under Article 6 § 1 (see paragraph 50 above), the Court considers that it is not necessary to examine whether, in this case, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 (see Zanghì v. Italy, judgment of 19 February 1991, Series A no. 194-C, p. 47, § 23).
IV. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
53. The applicant also alleged a breach of Article 13 of the Convention in that she had no effective domestic remedy in respect of the protracted length of proceedings in her case. Article 13 reads:
Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.
54. The Government contested that argument.
55. The Court reiterates that Article 13 guarantees an effective remedy before a national authority for an alleged breach of the requirement under Article 6 § 1 to hear a case within a reasonable time. The Court has already found that the remedy under the 2004 Act is effective in respect of a complaint about length of judicial proceedings (see, Figiel v. Poland (no. 1), no. 38190/05, 17 July 2008) and that under the Polish administrative law there are remedies available concerning excessive length of administrative proceedings (Bukowski v. Poland (dec.), no. 38665/97, 11 June 2002). It follows that this part of the application is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
A. Damage
56. The applicant claimed 250,000 PLN (62,000 EUR) in respect of pecuniary and non-pecuniary damage.
57. The Government contested the claim.
58. The Court does not discern any causal link between the violation found and the pecuniary damage alleged; it therefore rejects this claim. On the other hand, it awards the applicant EUR 2,400 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
59. The applicant also claimed 10,000 PLN (2,500 EUR) for costs and expenses incurred before the domestic courts and for those incurred before the Court.
60. The Government contested the claim.
61. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court rejects the claim for costs and expenses in the domestic proceedings and considers it reasonable to award the sum of EUR 500 for the proceedings before the Court.
C. Default interest
62. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning the excessive length of the proceedings and the related complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;
3. Declares that it is not necessary to examine the applicant's complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
4. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 2,400 (two thousand four hundred euros) in respect of non-pecuniary damage and EUR 500 (five hundred euros) in respect of costs and expenses, plus any tax that may be chargeable to the applicant, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 1 December 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Nicolas Bratza
Registrar President


TESTO TRADOTTO

QUARTA SEZIONE
CAUSA TRZASKALSKA C. POLONIA
(Richiesta n. 34469/05)
SENTENZA
STRASBOURG
1 dicembre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa di Trzaskalska c. la Polonia,
La Corte europea di Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente, Lech Garlicki il Giovanni Bonello, Ljiljana Mijović, Päivi Hirvelä, Ledi Bianku, Nebojša Vučinić, giudici,
e Lorenzo Early, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 10 novembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 34469/05) contro la Repubblica della Polonia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino polacco, la Sig.ra J. T. (“la richiedente”), il 29 agosto 2005.
2. Il Governo polacco (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. J. Wołąsiewicz del Ministero degli Affari Esteri.
3. Il 14 novembre 2007 il Presidente della quarta Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e i meriti della richiesta allo stesso tempo (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. La richiedente, la Sig.ra J. T. è una cittadina polacca nata nel 1955 e che vive a Częstochowa.
5. Possedeva un'area di terreno che fu espropriata con una decisione del 5 maggio 1988 al fine di costruire un complesso residenziale. In virtù della stessa decisione la richiedente ricevette il risarcimento per un'area corrispondente a 1,121.299 vecchi zloty polacchi (PLZ). Con una decisione supplementare dell’ 8 giugno 1988 l’ Ufficio Municipale di Częstochowa fissò l'importo del risarcimento per un'altra area a PLZ 560,649. Il 29 gennaio 1990 e il 19 aprile 1990 l'Ufficio Municipale fissò gli importi del risarcimento per le due aree espropriate rimanenti rispettivamente a PLZ 236,073.600 e PLZ 119,817.600.
6. Il 30 gennaio 1997 la richiedente introdusse un'istanza presso il Presidente dell’ Ufficio per lo Sviluppo Urbano per dichiarare la decisione di espropriazione del 1988 priva di valore legale. Lei disse che il risarcimento era troppo basso, siccome le autorità l'avevano calcolato sulla base del terreno agricola, mentre dopo la decisione di costruire un centro residenziale il terreno avrebbe dovuto essere considerato come terreno edificabile. La richiedente invocò le disposizioni attinenti del Codice di Procedura Amministrativa, sulla base delle quali il terreno perde la sua natura agricola dopo che viene stato espropriato ai fini edili. L'istanza della richiedente fu spedita al Governatore di Śląsk il 25 gennaio 1999.
7. Siccome la richiedente non ricevette replica alla sua istanza originale, il 6 ottobre 1998 lei introdusse la stessa istanza presso il Governatore di Częstochowa. Il Governatore informò la richiedente con una lettera dell’ 8 dicembre 1998 che nella prospettiva della necessità di ottenere una valutazione competente del valore del terreno, la causa avrebbe potuto essere trattata nel primo trimestre del 1999.
8. Il 13 aprile 1999 l'Ufficio del Governatore di Śląsk notificò alla richiedente che erano stati avviati dei procedimenti per far dichiarare la decisione contestata priva di valore legale.
9. Il 26 luglio 1999 il Governatore di Śląsk dichiarò la decisione di espropriazione del 5 maggio 1988 e la decisione di risarcimento supplementare dell’ 8 giugno 1998 prive di valore legale siccome erano state emesso in violazione flagrante della legge.
10. Il 20 ottobre 1999 l’ Ufficio Municipale di Częstochowa avviò dei procedimenti amministrativi per fissare l'importo del risarcimento per l'espropriazione del terreno della richiedente. Il 20 novembre 1999 l'Ufficio Municipale contattò cinque esperti, chiedendo loro di quotare entro il 5 dicembre 1999 un prezzo per la redazione di un rapporto di valutazione nella causa della richiedente, ed informò la richiedente che la sua causa sarebbe stata trattata entro 14 giorni dalla presentazione del rapporto di valutazione. Successivamente, S.H. fu nominato come esperto. Siccome lui si dimise il 1 febbraio 2000, A.G. fu assegnato alla causa.
11. Il 17 febbraio 2000 alla richiedente fu notificato che il tempo-limite per l'esame della causa era stato stabilito per il 31 marzo 2000. Il 13 marzo 2000 A.G. presentò il suo rapporto di valutazione, dove lui valutava il valore del beni immobili a PLN 63,000 e l'importo del risarcimento che già era stato pagato, rivalutato contro l'inflazione, a PLN 46,980.
12. Il 28 marzo 2000 procedimenti probatori furono terminati ed la richiedente fu invitata a leggere il file e a presentare i suoi commenti.
13. Il 4 aprile 2000 la richiedente impugnò il rapporto di valutazione.
14. Il 20 aprile 2000 il Sindaco assegnò il risarcimento della richiedente per l'area espropriata nell'importo di PLN 63,000, ridotto dell'importo di PLN 46,980 già pagato a lei in virtù della decisione del 5 maggio 1998. La richiedente fece ricorso il 7 maggio 2000, contestando l'importo del risarcimento. Lei dibatté che le erano stati accordati PLN 17 (EUR 4.50) al metro quadrato, mentre il prezzo medio dei terreni limitrofi al tempo attinente era PLN 32 al metro quadrato.
15. Il 5 giugno 2000 l'Ufficio del Governatore di Śląsk annullò la decisione e rinviò la causa per un riesame, dopo aver notato che l'autorità di prima -istanza aveva fissato erroneamente l'importo del risarcimento secondo le regolamentazioni che erano state in vigore sino al 15 febbraio 2000. Il 28 giugno 2000 ad A.G. fu ordinato di presentare un nuovo rapporto di valutazione che lui fece il 2 agosto 2000. Il valore del terreno fu valutato a PLN 1,767,388.
16. Il 9 agosto 2000 l'Ufficio Municipale fissò un'udienza per il 23 agosto 2000 e chiamò in causa la richiedente ed A.G. La richiedente non riuscì ad essere presente. Il 28 agosto 2000 lei giustificò la sua assenza all'udienza e chiese che venisse fissate un'altra udienza. La data fu stabilita per il 22 settembre 2000. Il tempo-limite per rendere una decisione nella causa fu prolungato sino al 30 settembre 2000.
17. Il 12 settembre 2000 la richiedente presentò note supplementari e richiese che venissero accolte certe prove.
18. L'udienza fu sostenuta il 22 settembre 2000. La richiedente impugnò di nuovo il rapporto e presentò ulteriori documenti come prova.
19. Il 26 settembre 2000 la richiedente chiese all'Ufficio Municipale di prolungare il tempo-limite per decidere la sua causa siccome lei aveva ordinato un'opinione competente privata che sarebbe stata presentata entro la fine dell’ ottobre 2000. Il 5 ottobre 2000 l'Ufficio prolungò il tempo-limite sino al 28 novembre 2000. Il 6 novembre 2000 la richiedente presentò un rapporto preparato da Z.S. che valutò il valore del terreno a PLN 2,933.000. Il 16 novembre 2000 il Municipio richiese all'Associazione Salesiana di Esperti di Proprietà nella prospettiva delle discrepanze fra le opinioni competenti, (Śląskie Stowarzyszenie Rzeczoznawców Majątkowych) di valutare quelle due opinioni competenti. Il 31 gennaio 2001 l'Associazione diede la sua opinione stabilendo che le conclusioni alle quali era giunto Z. S. erano corrette, nonostante il fatto che dovevano essere fatti certi emendamenti al rapporto.
20. Il 16 maggio 2001 alla richiedente fu ordinato di presentare un rapporto corretto da parte di Z.S entro sette giorni, altrimenti sarebbe stata presa una decisione sulla base delle prove disponibili. La richiedente non riuscì ad attenersi all'ordine. Il 7 agosto 2001 una nuova opinione competente fu ordinata. L’8 ottobre 2001 F.Ś .presentò un nuovo rapporto di valutazione dove lui considerò che il valore del terreno il giorno dell’ espropriazione corrispondeva a PLZ 2,346,616 (al netto della rivalutazione della valuta).
21. Il 30 ottobre 2001 l'Ufficio Municipale fissò un'udienza per il 9 novembre 2001. La richiedente fu presente. L'Ufficio ascoltò gli esperti Z.S. e F.Ś. che sostennero le conclusioni dei loro rapporti di valutazione. A Z.S. furono accordati sette giorni per completare il suo rapporto secondo gli orientamenti dell'Associazione dei Slesiani degli Esperti di Proprietà (vedere paragrafo 19 sopra). Comunque, lui non riuscì a fare così.
L’11 dicembre 2001 la richiedente lesse di nuovo il file della causa e dichiarò che lei avrebbe presentato per iscritto la sua posizione entro il 20 dicembre 2001. Il 19 dicembre 2001 lei presentò note nelle quali lei impugnava di nuovo le opinioni competenti. Secondo lei, nessuno degli esperti aveva preso in conto le decisioni sul risarcimento emesso per i suoi confinanti.
22. Con una decisione del 16 gennaio 2002 il Sindaco fissò l'importo del risarcimento a PLZ 22,346,616 e concesse il risarcimento della richiedente nell'importo di PLN 21,375 (EUR 5,600) che costituiva la differenza fra l'importo del risarcimento fissato e quello era già stato pagato in passato. Il Sindaco rifiutò di accogliere il rapporto di Z.S. come prova, avendo riguardo al fatto che non era stato completato come richiesto. Il 6 febbraio 2002 la richiedente fece ricorso, dibattendo che l'importo era insufficiente. Allo stesso tempo lei presentò il supplemento all'opinione competente. Il 15 febbraio 2002 il ricorso fu spedito al Governatore di Śląsk. Il Governatore annullò la decisione il 9 aprile 2002 e rinviò la causa per un riesame. Il Sindaco fece appello alla Corte amministrativa Suprema. L’8 agosto 2002 il Governatore di Śląsk introdusse presso la Corte amministrativa Suprema le sue note in replica.
23. Con una sentenza del 14 giugno 2004 la Corte amministrativa Suprema sostenne la decisione del Governatore di annullare la decisione di prima -istanza data dal Sindaco. La sentenza divenne definitiva il 14 settembre 2004. Il 16 novembre 2004 l'Ufficio Municipale informò la richiedente che erano state ordinate di nuovo delle opinioni competenti nella sua causa. Un perito fu nominato il 5 gennaio 2005 e a cui fu chiesto di preparare un rapporto di valutazione entro il 5 febbraio 2005. Lui presentò il suo rapporto il 7 febbraio 2005. L’11 febbraio 2005 un'udienza fu fissata per il 2 marzo 2005.
24. Il 2 marzo 2005 un'udienza fu sostenuta. Con una decisione del 15 marzo 2005 il Sindaco fissò l'importo del risarcimento da pagare alla richiedente a PLN 81,240. Considerò che l'importo del risarcimento già pagato era PLZ 51,490.34. Così, l'importo da pagare alla richiedente era PLN 29,749.66.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. L'Inattività da parte delle autorità amministrative
25. Il diritto nazionale attinente riguardo all'inattività da parte delle autorità amministrative è esposto in Grabiński c. Polonia, n. 43702/02, §§ 60-65, 17 ottobre 2006.
B. disposizioni Attinenti del Codice di Procedura Amministrativa
26. Sotto l'Articolo 65 § 1, se un'istanza viene stata presentata ad un'autorità amministrativa che manca di giurisdizione per esaminarla, l'autorità è obbligata a spedirla senza ritardo all'autorità competente per trattare con la causa.
27. L’Articolo 156 del Codice prevede che una decisione amministrativa definitiva può essere dichiarata priva di valore legale in qualsiasi tempo se fosse stata emessa senza una base legale, o in violazione flagrante della legge. Se il difetto che macchia questa decisione impugnata è di natura effettiva, vale a dire se la decisione fosse stata data senza una base legale o in violazione flagrante della legge, l'autorità amministrativa la dichiarerà priva di valore legale. Una decisione di dichiarare la vecchia decisione priva di valore legale, o un rifiuto a fare così, può essere impugnato ultimamente presso i tribunali amministrativi.
C. Disposizioni attinenti della legislazione di espropriazione del terreno
28. Il 1 gennaio 1998 l'Atto dell'Amministrazione del terreno del 21 agosto 1997 (Ustawa o gospodarce nieruchomościami -“l'Atto dell'Amministrazione del terreno del 1997”) entrò in vigore. Facendo seguito alla sezione 112 di questo Atto, l'espropriazione consiste nel portare via, tramite una decisione amministrativa, di proprietà o di altri diritti in rem. L'espropriazione si può eseguire dove degli scopi di interesse pubblico non possono essere realizzati senza la restrizione di questi diritti e dove è impossibile acquisire questi diritti tramite un contratto di diritto civile.
29. Sotto la sezione 113 un'espropriazione può essere eseguita solamente per il beneficio della Tesoreria Statale o del municipio locale. In conformità con la sezione 128 § 1 dell'Atto, l'espropriazione può essere eseguita solamente contro pagamento di risarcimento corrispondente al valore del diritto di proprietà riguardato.
D. Via di ricorso contro la lunghezza eccessiva di procedimenti giudiziali
30. Il diritto nazionale attinente e la pratica riguardo alla via di ricorso per la lunghezza eccessiva dei procedimenti giudiziali, in particolare le disposizioni applicabili dell'Atto del 2004, è affermato nelle decisioni della Corte nelle cause Charzyński c. Polonia n. 15212/03 (dec.), §§ 12-23, il 2005-V di ECHR e Ratajczyk c. Polonia n. 11215/02 (dec.), ECHR 2005-VIII, e il giudizio nella causa Krasuski c. Polonia, n. 61444/00, §§ 34-46, 2005-V di ECHR.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE A CAUSA DELL'INIQUITÀ DEI PROCEDIMENTI
31. La richiedente prima si lamentò che i procedimenti nella sua causa erano ingiusti. In particolare, addusse errori di fatto e di diritto commessi dalle autorità. Lei si lamentò che la decisione del 1988 era erronea e che nei procedimenti terminati con la decisione del 25 marzo 2005 i corpi amministrativi non sono riusciti a valutare la prova correttamente ed erroneamente applicarono le disposizioni di diritto nazionale. Lei addusse una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione che, nella sua parte attinente, si legge:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale…”
32. Comunque, la Corte reitera che, secondo l’Articolo 19 della Convenzione, il suo dovere è assicurare l'osservanza degli impegni assunti dalle Parti Contraenti alla Convenzione. In particolare, non è la sua funzione trattare gli errori di fatto o di diritto commisi presumibilmente da un tribunale nazionale a meno che e nella misura in cui potrebbero violare diritti e libertà protetti dalla Convenzione. Inoltre, mentre Articolo 6 della Convenzione garantisce il diritto ad un'udienza giusta, non fissa alcuna norma sull'ammissibilità di prove o sul modo in cui dovrebbero essere valutate che sono perciò primariamente delle questioni di regolamentazione da parte della legge nazionale e dei tribunali nazionali (vedere García Ruiz c. Spagna [GC], n. 30544/96, § 28 ECHR 1999-I, con gli ulteriori riferimenti).
33. Nella presente causa la richiedente non addusse qualsiasi particolare insuccesso nel rispetto del suo diritto ad un'udienza giusta da parte dei tribunali attinenti. Effettivamente, le sue azioni di reclamo sono limitate a contestare il risultato dei procedimenti. Valutando le circostanze della causa nell'insieme, la Corte non trova nessuna indicazione che i procedimenti contestati siano stati condotti ingiustamente.
Ne segue che questa parte della richiesta è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE A CAUSA DELLA LUNGHEZZA IRRAGIONEVOLE DEI PROCEDIMENTI
34. La richiedente si lamentò che la lunghezza dei procedimenti amministrativi era stata incompatibile col requisito del “termine ragionevole”, fissato nell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione che si legge come segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale…”
35. Il Governo contestò questo argomento. Dibatté che i procedimenti riguardavano infatti tre set di procedimenti, non uno. Il primo set di procedimenti cominciò quando la richiedente presentò la sua prima istanza presso il Presidente dell’ Ufficio per lo Sviluppo Urbano (vedere paragrafo 6 sopra). Comunque, non era competente per esaminare la causa. L'istanza della richiedente fu spedita perciò al Governatore di Śląsk il 27 gennaio 1999. Il secondo set di procedimenti nel quale la richiedente cercò di far dichiarare la decisione sull'importo del risarcimento dato nel 1988 priva di valore legale, cominciò il 6 ottobre 1998 quando la nuova istanza della richiedente fu presentata al Governatore (vedere paragrafo 7 sopra) e terminò il 26 luglio 1999 con una decisione che dichiarava la decisione del 1988 priva di valore legale (vedere paragrafo 9 sopra). Nel terzo set di procedimenti la richiedente chiese che l'importo del risarcimento venisse fissato. Loro cominciarono il 20 ottobre 1999 quando l’Ufficio Municipale di Częstochowa ha avviato, di sua propria iniziativa, i procedimenti riguardo all'importo del risarcimento e terminarono il 15 marzo 2005.
La richiedente contestò questo argomento.
36. La Corte osserva che le date dell'inizio e della fine dei procedimenti dovrebbero essere stabilite con dovuto riguardo al fine essenziale che la richiedente desiderava realizzare. La Corte nota che l'obiettivo della richiedente era far decidere nuovamente l'importo del risarcimento pagato a lei nel 1988. Questo era impossibile fino a che la decisione del 1988 sul risarcimento rimaneva valida. Lei doveva prima richiedere perciò che questa decisione venisse dichiarata priva di valore legale, come previsto dall’ Articolo 156 § 1 (2) del Codice di Procedura Amministrativa (vedere paragrafo 27 sopra), siccome il risultato di questa richiesta aveva un impatto decisivo sulla sua rivendicazione far ricalcolare il risarcimento (vedere J.S. ed A.S. c. Polonia, n. 40732/98, § 49, 24 maggio 2005 mutatis mutandis).
La richiedente tentò di avviare i procedimenti attinenti presentando, nel gennaio 1997, la sua istanza all'Ufficio per lo Sviluppo Urbano. La Corte nota l'argomento del Governo che questa autorità mancava di competenza per esaminare la causa. Osserva anche comunque, che sotto l’Articolo 65 § 1 del Codice di Procedura Amministrativa questa autorità è stata obbligata a spedire la sua istanza al corpo competente senza ritardo. L'Ufficio si attenne alla fine con questo obbligo, ma solamente due anni più tardi. Nel frattempo, in assenza di qualsiasi reazione dall'Ufficio, la richiedente presentò una nuova istanza al Governatore. La Corte considera perciò che in assenza di una reazione appropriata da parte dell'Ufficio, si sarebbe dovuto ritenere che i procedimenti fossero cominciati nel gennaio 1997.
Nel luglio 1999 la richiedente ottenne successivamente, una decisione che dichiarava che la decisione del 1988 sul risarcimento era priva di valore legale. Questa decisione diede origine, sotto le disposizioni dell'Atto dell'Amministrazione del terreno del 1997 all'obbligo delle autorità di determinare l'importo del risarcimento per l'espropriazione da pagarle (vedere paragrafi 28-29 sopra). Nell’ ottobre 1999, le autorità avviarono tre mesi più tardi, effettivamente, i procedimenti per la determinazione del nuovo importo di loro propria iniziativa. In queste circostanze, la Corte è della prospettiva che tutti i tre set di procedimenti si riferiscono allo stesso problema, vale a dire i tentativi della richiedente di ottenere il risarcimento e che perciò la loro durata dovrebbe essere esaminata nell'insieme (Cravcenco c. Moldavia, n. 13012/02, § 49 15 gennaio 2008; Boboc c. Moldavia, n. 27581/04, § 27 4 novembre 2008).
37. I procedimenti cominciarono il 30 gennaio 1997 e terminarono il 15 marzo 2005, quando l'importo da pagarle fu determinato alla fine con una decisione definitiva. Loro durarono così otto anni ed un mese per tre livelli di giurisdizione.
A. Ammissibilità
38. Il Governo sollevò un’eccezione preliminare per cui la richiedente non aveva esaurito le vie di ricorso nazionali disponibili a lei sotto la legge polacca, come richiesto dall’ Articolo 35 § 1 della Convenzione. Era aperto a lei lamentarsi, sotto l’Articolo 37 del Codice di Procedura Amministrativa o sotto l’ Articolo 17 dell’Atto della Corte amministrativa Suprema del 1995, presso quel tribunale dell'inattività delle autorità amministrative ed presso autorità amministrative più elevate dell'inattività degli enti inferiori . La richiedente non riuscì a fare così.
39. Sostenne che la richiedente non era riuscita a depositare una rivendicazione di risarcimento presso un tribunale civile per chiedere compensazione per il danno addotto che era stato il risultato dell'inattività delle autorità amministrative. Si Appellò all’ Articolo 417¹ § 3 del Codice civile. Inoltre, sostenne che la richiedente avrebbe potuto introdurre un'azione per danni sotto l’Articolo 417 del Codice civile.
40. Il Governo dibatté inoltre che, riguardo ai procedimenti prima di fronte alla Corte amministrativa Suprema condotti dopo il 17 settembre 2001, era stato aperto alla richiedente introdurre un'azione di reclamo sotto l'Atto del 2004.
41. La richiedente contestò l'argomento del Governo.
42. La Corte prima osserva che per ammissione la richiedente non si lamentò dell'inattività da parte delle autorità amministrative in ottemperanza con la legge. Comunque, la Corte nota che non si può dire che la lunghezza dei procedimenti sia nata dall’inattività delle autorità amministrative. Non c'era stato nessun ritardo significativo tale da poter essere considerato come inattività da parte delle autorità come stabilito sotto le disposizioni attinenti di diritto nazionale. La Corte nota che la richiedente presentò la sua richiesta nel gennaio 1997 e più tardi, avendo riguardo all'assenza di una risposta da parte delle autorità, lei scelse di rinnovare la sua istanza (vedere paragrafo 36 sopra). In tutto i procedimenti le autorità spesso presero i vari passi procedurali. Tre decisioni sui meriti della causa furono emesse. Due di queste decisioni furono successivamente annullate dalle autorità di appello come non in conformità con la legge e la causa fu rinviata. Quindi, la durata dei procedimenti dovrebbe essere attribuita ad un schema di prendere misure procedurali inefficaci e di emettere decisioni inficiate da vari difetti legali.
La Corte è della prospettiva che nelle circostanze della causa un'azione di reclamo dell'inattività non offriva alla richiedente nessuna prospettiva ragionevole di successo (vedere Stevens c. Polonia, n. 13568/02, sentenza del 26 ottobre 2006, §§ 44-46 e Kamecki ed Altri c. Polonia, n. 62506/00, § 42 del 9 giugno 2009). Inoltre, il ritardo più lungo nella causa accadde fra il 9 aprile 2002 e il 14 giugno 2004, quando il ricorso della richiedente contro una decisione data sulla data precedente era pendente di fronte alla Corte amministrativa Suprema. Nessuna via di ricorso a riguardo della lunghezza di procedimenti giudiziali era disponibile alla richiedente a quel tempo (Helwig c. Polonia, n. 33550/02, § 44 del 21 ottobre 2008).
43. Riguardo al periodo susseguente dopo il 17 settembre 2004 quando l'Atto del 2004 entrò in vigore, la Corte nota che questo Atto prevede un'azione di reclamo sulla lunghezza irragionevole di procedimenti giudiziali, mentre i procedimenti di fronte alle autorità amministrative che non siano tribunali amministrativi non sono coperti dalle sue disposizioni. Dopo questa data i procedimenti non erano pendenti di fronte a qualsiasi corte amministrativa. Quindi, la via di ricorso riguardo alla lunghezza eccessiva di procedimenti giudiziali che divenne disponibile da quella data non era disponibile alla richiedente.
44. Con riguardo alle osservazioni del Governo che la richiedente non era riuscita ad avviare procedimenti per danni sotto l’Articolo 417¹ § 3 o l’Articolo 417 del Codice civile, la Corte osserva, che secondo l’Articolo 417¹ § 3 del Codice civile nessuna rivendicazione per danni che sono il risultato della lunghezza irragionevole di procedimenti amministrativi può sorgere a meno che è stato determinato formalmente che c'era un insuccesso illegale nell’ emettere una decisione amministrativa all'interno dei tempo-limiti attinenti. La Corte nota anche che la giurisprudenza nazionale a cui si appellò il Governo non costituisce una prova di pratica giudiziale sufficientemente stabilita da mostrare che una rivendicazione per risarcimento basata sull’ Articolo 417¹ § 3 del Codice civile era una via di ricorso effettiva, e non è riuscito così a provare la loro pretesa (vedere Boszko c. Polonia, n. 4054/03, § 35 5 dicembre 2006; Grabiński c. Polonia, n. 43702/02, § 74 17 ottobre 2006; e Pióro and Łukasik c. Polonia, n. 8362/02, § 35 2 dicembre 2008).
45. Di conseguenza, la Corte conclude che nelle circostanze della causa viste nell'insieme la dichiarazione del Governo dell'inammissibilità sulla base del non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali deve essere respinta.
46. La Corte nota inoltre che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota anche che non è inammissibile epr qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
47. La Corte reitera che la ragionevolezza della lunghezza dei procedimenti deve essere valutata alla luce delle circostanze della causa e con riferimento ai seguenti criteri: la complessità della causa, la condotta della richiedente e delle autorità attinenti e cosa era in pericolo per la richiedente nella controversia (vedere, fra molte altre autorità, Frydlender c. Francia [GC], n. 30979/96, § 43 ECHR 2000-VII).
48. Riguardo ai procedimenti amministrativi nella presente causa, la Corte, avendo riguardo alle prove disponibili, non trova stabilito che la richiedente contribuì alla lunghezza dei procedimenti. La Corte ammette che la richiedente presentò molti ricorsi e reclami nel corso dei procedimenti contestati.
49. In questo collegamento la Corte nota comunque, che a seguito dei sui ricorsi due decisioni sui meriti furono annullate dalle autorità più alte e rinviate per riesame. Dato che un rinvio di una causa per riesame è ordinato di solito come risultato di errori commessi dai tribunali inferiori, la Corte considera che la ripetizione di simili ordini all'interno di un set di procedimenti rivela una deficienza nel sistema procedurale come applicato nella presente causa (vedere, mutatis mutandis, Wierciszewska c. Polonia, n. 41431/98, § 46 del 25 novembre 2003). Inoltre, il ricorso del Sindaco contro la decisione del Governatore che ordinava che la decisione del Sindaco venisse annullata fu respinto dalla Corte amministrativa Suprema come infondato. Inoltre, i tempo-limiti stabiliti per trattare con la causa erano stati in molte occasioni prolungati, non essendo state in grado le autorità di finire l'esame della causa entro le date per le quali erano state fissate a quello scopo.
50. Le considerazioni precedenti sono sufficienti per abilitare la Corte a concludere che la causa della richiedente non è stata ascoltata all'interno di un termine ragionevole. C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 6 § 1.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO NO.1 ALLA CONVENZIONE
51. La richiedente si lamentò che i suoi diritti di proprietà erano stati violati come risultato della durata eccessiva dei procedimenti amministrativi durante i quali lei era stata obbligata a sopportare i costi delle opinioni competenti ed era stata privata del risarcimento equo per il terreno espropriato. La Corte considera che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nessuna altra base per dichiararla inammissibile è stata stabilita. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
52. Avendo riguardo alle circostanze della causa viste nell'insieme ed al suo giudizio sotto l’Articolo 6 § 1 (vedere paragrafo 50 sopra), la Corte considera che non è necessario esaminare se, in questa causa, c’è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Zanghì c. Italia, sentenza del 19 febbraio 1991 Serie A n. 194-C, p. 47, § 23).
IV. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
53. La richiedente addusse anche una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione in quanto non aveva alcuna via di ricorso nazionale effettiva a riguardo della lunghezza prolungata dei procedimenti nella sua causa. L’Articolo 13 si legge:
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
54. Il Governo contestò quell'argomento.
55. La Corte reitera che l’Articolo 13 garantisce una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale per una violazione adotta del requisito sotto l’Articolo 6 § 1 per far ascoltare una causa all'interno di un termine ragionevole. La Corte ha già trovato che la via di ricorso sotto l'Atto del 2004 è effettiva a riguardo di un'azione di reclamo della lunghezza di procedimenti giudiziali (vedere, Figiel c. Polonia (n. 1), n. 38190/05, 17 luglio 2008) e che sotto il diritto amministrativo polacco ci sono disponibili vie di ricorso riguardanti la lunghezza eccessiva di procedimenti amministrativi (Bukowski c. Polonia (dec.), n. 38665/97, 11 giugno 2002). Ne segue che questa parte della richiesta è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
V. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
A. Danno
56. La richiedente chiese 250,000 PLN (62,000 EUR) a riguardo del danno patrimoniale e non-patrimoniale.
57. Il Governo contestò la rivendicazione.
58. La Corte non discerne qualsiasi collegamento causale fra la violazione trovata ed il danno patrimoniale addotto; respinge perciò questa rivendicazione. D'altra parte assegna EUR 2,400 alla richiedente a riguardo del danno non-patrimoniale.
B. Costi e spese
59. La richiedente chiese anche 10,000 PLN (2,500 EUR) per costi e le spese incorsi di fronte alle corti nazionali e per quelli incorsi di fronte alla Corte.
60. Il Governo contestò la rivendicazione.
61. Secondo la giurisprudenza della Corte,ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solamente nella misura in cui viene dimostrato che questi sono stati davvero e necessariamente sostenuti e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa, bisogna avuto alle informazioni in suo possesso ed ai criteri citati sopra, la Corte respinge la rivendicazione per i costi e le spese nei procedimenti nazionali e considera ragionevole assegnare la somma di EUR 500 per i procedimenti di fronte alla Corte.
C. Interesse di mora
62. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo riguardo alla lunghezza eccessiva dei procedimenti e la relativa azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
3. Dichiara che non è necessario esaminare l'azione di reclamo della richiedente sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare alla richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 2,400 (due mila quattrocento euro) a riguardo del danno non-patrimoniale ed EUR 500 (cinquecento euro) a riguardo di costi e spese, più qualsiasi tassa che può essere a carico della richiedente, da convertire nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione della richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 1 dicembre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’ordinamento di Corte.
Lorenzo Early Nicolas Bratza
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.