Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF EFENDIOGLU v. TURKEY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 3869/04/2009
STATO: Turchia
DATA: 27/10/2009
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

SECOND SECTION
CASE OF EFENDÄ°OÄžLU v. TURKEY
(Application no. 3869/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
27 October 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of EfendioÄŸlu v. Turkey,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Ireneu Cabral Barreto,
Danutė Jočienė,
András Sajó,
Nona Tsotsoria,
Işıl Karakaş,
Kristina Pardalos, judges,
and Françoise Elens-Passos, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 6 October 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 3869/04) against the Republic of Turkey lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Turkish national, Mr Ş. E. (“the applicant”), on 7 October 2003.
2. The applicant was represented by Mr I. K., a lawyer practising in Istanbul. The Turkish Government (“the Government”) were represented by their Agent.
3. On 6 March 2008 the President of the Second Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
4. By a letter dated 2 July 2009 the applicant's representative informed the Court that the applicant had died and that his heirs, Ms E. E., Mr A.R. E., Mr A. H. E., Mr V. E., Mr M.E. and Ms F. E. wished to pursue his application. The Government had no comments on this request.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1930 and had been living in Erzurum. On 11 June 2009 he died.
6. On 6 April 1989 the applicant bought a plot of land (no. 5784) in Istanbul. The land was later divided in five parts (plot nos. 13320, 13321, 13322, 13323 and 13324).
7. Upon the Ãœmraniye Municipality's decision to put a notice in the Land Registry in 1993, the applicant learned that there was a water pipeline passing underneath plot no. 13324.
A. The proceedings for annulment of the applicant's title deed to plot no. 13324
8. On 12 April 2000 the Istanbul General Directorate for Water and Infrastructure (the “ISKI”) filed an action with the Üsküdar Civil Court of First Instance and requested the annulment of the title deed of the applicant to the land in question and its registration in their name. In this respect, they submitted that they had occupied the disputed plot of land since 1970 by way of laying down a water pipeline underneath it and that, therefore, it should be registered under its name pursuant to Article 38 of Law no. 2942.
9. In the course of the proceedings a commission of experts examined the documentary evidence and conducted an onsite inspection together with the court. On 17 July 2001 the experts submitted their report where they considered, inter alia, that the land in question would be worth around 305,972,500,000 Turkish liras1. In the annexed document it was noted that plot no. 13324 was de facto a road.
10. On 28 December 2001 the Üsküdar Civil Court of First Instance, noting that as of 15 November 2001 the Ümraniye Civil Court of First Instance had become operational, transferred the case to it.
11. On 18 June 2002 the Ãœmraniye Civil Court of First Instance, on the basis of the evidence, particularly official documents concerning the construction of the water pipeline, accepted the request of the ISKI and ordered that the land be registered in their name. It considered, in particular, that the applicant's property rights over the land in question had ceased, following the expiry of the statutory time-limit provided under Article 38 of the Law no. 2942.
12. The applicant appealed. Referring to a court case concerning the previous owner of the plot of land, the applicant submitted, inter alia, that the water pipeline in question passed through another plot and not plot no. 13324, and that the statutory time-limit provided under Article 38 of the Law no. 2942 had not expired since a notice was put in the Land Registry only in 1993.
13. On 10 December 2002 the Court of Cassation upheld the first-instance court's judgment. The applicant's request for rectification was rejected on 17 March 2003. This decision was served on him on 8 April 2003.
B. Subsequent developments
14. On 10 April 2003 the Constitutional Court annulled Article 38 of Law no. 2942.
15. On an unspecified date the applicant asked the Ãœmraniye Civil Court of First Instance to reopen the proceedings on the ground, inter alia, that, according to their own investigation there were no water pipelines passing underneath plot no. 13324 and, consequently, the court's earlier decision had been based on erroneous official documents and the false testimony of State officials.
16. On 11 December 2003 the Ãœmraniye Civil Court of First Instance dismissed the applicant's request on the ground that the applicant had already made similar claims in the earlier proceedings, that in the presence of official documents there was no need, in such cases, to investigate by digging up the disputed land, and that, although Article 38 of Law no. 2942 had been subsequently annulled by the Constitutional Court, this was not a reason for reopening the proceedings.
17. The applicant's appeal and subsequent request for a rectification was dismissed by the Court of Cassation on 17 May 2004 and 28 September 2004 respectively.
18. In 2004 the Ãœmraniye Magistrates' Court, upon the applicant's request, conducted an onsite inspection of the land. The appointed experts considered that the water pipelines in question were not laid underneath the applicant's plot but next to it.
19. In 2008 the Ãœmraniye Magistrates' Court, upon the ISKI's request, conducted another inspection of the land. The appointed experts considered that the water pipelines in question passed next to plot no. 13324, not underneath it.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
20. A full description of the domestic law may be found in Börekçioğulları (Çökmez) and Others v. Turkey (no. 58650/00, §§ 23-29, 19 October 2006).
THE LAW
I. LOCUS STANDI
21. The Court notes that the applicant died on 11 June 2009 and that his heirs, namely Ms E. E., Mr A. R. E., Mr A. H. E., Mr V. E., Mr M. E. and Ms F. E., expressed their wish to pursue the application. The Government did not contest the applicant's heirs' standing before the Court. Consequently, the Court holds that these heirs have standing to continue the present proceedings in the applicant's stead. However, Mr Åž.E. will continue to be referred to as the applicant.
II. ADMISSIBILITY
22. The Government asked the Court to dismiss the application for failure to comply with the requirement of exhaustion of domestic remedies under Article 35 § 1 of the Convention. In this connection, they maintained that the applicant had failed to raise the substance of his complaints before the domestic courts and to ask for compensation for either de facto expropriation of his land or for its unlawful occupation. The Government further claimed that the applicant could have also brought a civil nuisance and abatement action or an action for tort.
23. The applicant did not specifically respond to the above arguments.
24. The Court reiterates that it has already examined and rejected similar arguments by the Government in previous cases (see, for example, I.R.S. and Others v. Turkey, no. 26338/95, §§ 35-36, 20 July 2004, and Börekçioğulları (Çökmez) v. Turkey (dec.), no. 58650/00, 13 January 2005). The Court finds no particular circumstances in the present application which would require it to depart from that conclusion. Consequently, the Court rejects the Government's preliminary objection.
25. Moreover, the Court finds that the applicant's complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1
26. The applicant complained that he had been unjustifiably deprived of his land without payment of compensation in breach of Article 1 of Protocol No. 1, which reads, in so far as relevant, as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law...”
A. The parties' submissions
27. The Government maintained that the annulment of the applicant's title deed and the registration of the land in the name of the ISKI complied with domestic law and that Article 1 of Protocol No. 1 did not stipulate a right to full compensation under all circumstances.
28. The applicant submitted that there was no public interest in depriving him from his property rights without payment of compensation. In this connection, he pointed out that Article 38 of the Law no. 2942 was subsequently annulled by the Constitutional Court. Moreover, the applicant noted that he had been deprived of his land without payment of compensation because of insufficient investigation since it was clear that no pipeline passed through his land.
B. The Court's assessment
29. The Court refers to the basic principles laid down in its judgments concerning Article 1 of Protocol No. 1 (see, in particular, Börekçioğulları (Çökmez) and Others, §§ 35-37, cited above, and the cases referred to therein). It will examine the present case in the light of these principles.
30. In the instant case there is no dispute that the land in question had been registered in the name of the applicant. The title deed was transferred to the ISKI by the Ãœmraniye Civil Court of First Instance's decision, which was upheld by the Court of Cassation on 10 December 2002. Therefore the decision of the domestic courts clearly had the effect of depriving the applicant of his property within the meaning of the second sentence of Article 1 of Protocol No. 1. The Court must therefore examine whether this interference was justified under that provision.
31. The Court finds that the Ãœmraniye Civil Court of First Instance's decision to register the land in the name of the ISKI was provided for by law, as it was based on Article 38 of the Law no. 2942, which came into force on 4 November 1983. In this connection, the Court takes note that the applicant, by reference to expert reports drawn up in 2004 and 2008, criticises the manner in which the domestic courts reached their decision that the ISKI was in possession of the land in question within the meaning of Article 38 of the Law no. 2942. In the present circumstances, however, the Court is not required to take a position on this matter since, in any event, the key issue to be examined is that of proportionality, i.e. whether a fair balance was struck between the means employed and the aim sought to be realised.
32. In the instant case, the Court recalls that the applicant's title deed to the land in question was transferred to the General Directorate for Water and Infrastructure pursuant to Article 38 of the Law No. 2942, which provides that applications for compensation for the deprivation of property had to be made within 20 years from the date the property was occupied. By applying this provision retrospectively, the national courts deprived the applicant of any possibility of obtaining compensation for the annulment of his title deed. In this connection, the Court notes that it has examined similar cases on previous occasions and has found violations of Article 1 of Protocol No. 1 in respect of the annulment of title deeds, acquired in good faith, but restored to State ownership by applying Article 38 of the Law no. 2942 without compensation being paid (see, for example, İnci (Nasıroğlu) v. Turkey, no. 69911/01, §§ 24-27, 14 June 2007, Börekçioğulları (Çökmez) and Others, §§ 40-43, and I.R.S. and Others, §§ 50-56, both cited above). The Court finds no reason to depart from that conclusion in the present case.
33. Accordingly, it finds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
IV. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
34. In the application form the applicant further complained under Article 6 of the Convention and under unspecified provisions of Protocol No.7 about the manner in which the first-instance court determined the merits of the case. In particular, he considered that the first-instance court had failed to properly investigate whether the Water Authorities' pipeline passed underneath his plot of land.
35. The Court considers that the applicant's complaints fall to be examined under Article 6 of the Convention alone. Moreover, having regard to the facts of the case, the submissions of the parties and its finding of a violation under Article 1 of Protocol No. 1 above, the Court considers that it has examined the main legal question raised in the present application. It concludes therefore that there is no need to give a separate ruling on the applicant's remaining complaint under Article 6 (see, for example, Günaydin Turizm Ve İnşaat Ticaret Anonim Şirketi v. Turkey, no. 71831/01, § 109, 2 June 2009, K.Ö. v. Turkey, no. 71795/01, § 50, 11 December 2007, Mehmet and Suna Yiğit v. Turkey, no. 52658/99, § 43, 17 July 2007, and Uzun v. Turkey, no. 37410/97, § 64, 10 May 2007).
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
36. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
37. The applicant claimed 899,222 euros (EUR), plus interest running from the date of lodging of the application, in respect of pecuniary damage, and EUR 100,000 in respect of non-pecuniary damage. He based his claim for pecuniary damages on an expert report2 prepared by Ms S. Ü., a construction engineer, on 24 June 2008 at the applicant's request for the purposes of the present proceedings and submitted to the Ümraniye Civil Court of First Instance.
38. The Government contested the amounts. In particular, they held that the value of the land was based on fictitious calculations and assumptions.
39. As regards the applicant's claim for pecuniary damage, in the absence of documents provided by the Government to support the contrary, the Court, having regard the documents contained in the case file, including expert reports, photographs and maps contained in the case file (see paragraphs 9 and 37 above), the circumstances of the case and, in particular, to the fact that the land in question had been and is currently used as a public road, deems it appropriate to fix a lump sum that would correspond to the applicant's legitimate expectations. It accordingly awards the applicant's heirs, jointly, EUR 350,000 under this head.
40. As to the applicant's claim for non-pecuniary damages, the Court finds that, in the circumstances of the present case, the finding of a violation constitutes sufficient just satisfaction.
B. Costs and expenses
41. The applicant also claimed EUR 560 for the costs and expenses incurred both before the domestic courts and the Court. He submitted documentation in this respect.
42. The Government contested the amount.
43. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the full amount claimed by the applicant.
C. Default interest
44. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;
3. Holds that there is no need to examine separately the complaint under Article 6 of the Convention;
4. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant's heirs, jointly, within three months from the date on which the judgment becomes final according to Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts to be converted into Turkish liras at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 350,000 (three hundred and fifty thousand euros) in respect of pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable;
(ii) EUR 560 (five hundred and sixty euros) in respect of costs and expenses, plus any tax that may be chargeable to the applicant's heirs;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 27 October 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Françoise Elens-Passos Françoise Tulkens
Deputy Registrar President
1. Approximately 265,163 Euros (EUR) at the time.

2. The expert report contains pictures which clearly indicate that the plot in question is used as a road.


TESTO TRADOTTO

SECONDA SEZIONE
CAUSA EFENDÄ°OÄžLU C. TURCHIA
(Richiesta n. 3869/04)
SENTENZA
STRASBOURG
27 ottobre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa EfendioÄŸlu c. Turchia,
La Corte europea dei Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Françoise Tulkens, Presidente,
Ireneu Cabral Barreto, Danutė Jočienė, Andrįs Sajó,
Nona Tsotsoria, Işıl Karakaş, Kristina Pardalos, giudici, e Françoise Elens-Passos, Cancelliere Aggiunto di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 6 ottobre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 3869/04) contro la Repubblica della Turchia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino turco, il Sig. Ş. E. (“il richiedente”), il 7 ottobre 2003.
2. Il richiedente è stato rappresentato dal Sig. I. K., un avvocato che pratica ad Istanbul. Il Governo turco (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente.
3. Il 6 marzo 2008 il Presidente della Seconda Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
4. Con una lettera del 2 luglio 2009 il rappresentante del richiedente informò la Corte che il richiedente era morto e che i suoi eredi, la Sig.ra E. E., il Sig. A. R. E., il Sig. A. H. E., il Sig. V. E., il Sig. M. E. ed la Sig.ra F. E. desideravano proseguire la sua richiesta. Il Governo non ha fatto commenti su questa richiesta.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1930 e viveva a Erzurum. L’11 giugno 2009 morì.
6. Il 6 aprile 1989 il richiedente comprò un'area di terreno (n. 5784) ad Istanbul. Il terreno fu diviso più tardi in cinque parti (area N. 13320, 13321, 13322 13323 e 13324).
7. Su decisione del Municipio di Ümraniye di mettere una nota nel Registro Fondiario nel 1993, il richiedente apprese che c'era una conduttura di acqua che passava sotto l’area n. 13324.
A. I procedimenti per l’annullamento dell'atto del titolo di proprietà del richiedente per l’area n. 13324
8. Il 12 aprile 2000 la Direzione Generale di Istanbul per l’Acqua e le Infrastrutture (il “ISKI”) registrò un'azione presso la Corte Civile di Üsküdar di prima istanza e richiese l'annullamento dell'atto del titolo di proprietà del richiedente sul terreno in oggetto e la sua registrazione a suo nome. A questo riguardo, presentò di occupare l'area contestata di terreno dal 1970 in modo da collocare sotto questa una conduttura di acqua e che ,perciò, avrebbe dovuto essere registrata sotto il suo nome facendo seguito all’ Articolo 38 della Legge n. 2942.
9. Nel corso dei procedimenti una commissione di esperti esaminò le prove documentarie e condusse insieme un'ispezione sul luogo da parte della corte. Il 17 luglio 2001 gli esperti presentarono il loro rapporto in cui loro considerarono, inter alia che il terreno in oggetto varrebbe circa 305,972,500,000 lire1 turche. Nel documento annesso fu notato che l’area n. 13324 era de facto una strada.
10. Il 28 dicembre 2001 la Corte Civile di Üsküdar di prima istanza , notando che siccome il 15 novembre 2001 la Corte Civile di Ümraniye di prima istanza Civile era divenuta operativa, trasferì la causa a questa.
11. Il 18 giugno 2002 la Corte Civile di Üsküdar di prima istanza, sulla base dei documenti di prova ufficiali in particolare riguardo alla costruzione della conduttura di acqua, accettò la richiesta dell'ISKI ed ordinò che il terreno venisse registrato a suo nome. Considerò, in particolare, che i diritti di proprietà del richiedente sul terreno in oggetto erano cessati, a seguito della scadenza del tempo-limite legale previsto sotto l’Articolo 38 della Legge n. 2942.
12. Il richiedente fece appello. Riferendosi ad una controversia giudiziaria riguardo al proprietario precedente dell'area di terreno, il richiedente presentò, inter alia che la conduttura di acqua in oggetto passava per un'altra area e non sotto l'area n. 13324, e che il tempo-limite legale previsto sotto l’Articolo 38 della Legge n. 2942 non era scaduto poiché fu posta una nota nel Registro Fondiario solamente nel 1993.
13. Il 10 dicembre 2002 la Corte di Cassazione sostenne la sentenza della corte di prima -istanza. La richiesta del richiedente per rettifica fu respinta il 17 marzo 2003. Questa decisione fu notificata a lui l’8 aprile 2003.
B. Sviluppi Susseguenti
14. Il 10 aprile 2003 la Corte Costituzionale annullò l’Articolo 38 della Legge n. 2942.
15. In una data non specificata il richiedente chiese alla Corte Civile di Ümraniye di prima istanza Civile dir riaprire i procedimenti sulla base, inter alia che, secondo la loro propria indagine non vi era nessuna conduttura di acqua passante sotto l’area n. 13324 e, di conseguenza, la più prima decisione della corte era stata basata su documenti ufficiali erronei e sulla falsa testimonianza di ufficiali Statali.
16. L’ 11 dicembre 2003 la Corte Civile di Ümraniye di prima istanza respinse la richiesta del richiedente sulla base che il richiedente aveva già fatto rivendicazioni simili nei precedenti procedimenti che in presenza di documenti ufficiali non vi era bisogno, in simile casi, di investigare scavando sulla terra contestata, e che, benché l’Articolo 38 della Legge n. 2942 era stato annullato successivamente dalla Corte Costituzionale, questa non era una ragione per riaprire i procedimenti.
17. Il ricorso del richiedente e la susseguente richiesta per una rettifica furono respinte dalla Corte di Cassazione rispettivamente il 17 maggio 2004 e il 28 settembre 2004.
18. Nel 2004 la Corte dei Magistrati di Ãœmraniye, su richiesta del richiedente condusse un'ispezione del terreno sul luogo. Gli esperti nominati considerarono che le condutture di acqua in oggetto non erano poste sotto l'area del richiedente ma vicino a questa.
19. Nel 2008 la Corte dei Magistrati di Ümraniye, su richiesta dell'ISKI condusse un'altra ispezione del terreno. Gli esperti nominati considerarono che le condutture di acqua in oggetto passavano vicino all’area n. 13324, non sotto questa.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
20. Una piena descrizione del diritto nazionale può essere trovata in Börekçioğulları (Çökmez) ed Altri c. Turchia (n. 58650/00, §§ 23-29 19 ottobre 2006).
LA LEGGE
I. LOCUS STANDI
21. La Corte nota che il richiedente morì l’11 giugno 2009 e che i suoi eredi, vale a dire la Sig.ra E. E., il Sig. Ali R. E., il Sig. A. H. E., il Sig. V. E., il Sig. M. E. ed la Sig.ra F. E. espressero il loro desiderio di proseguire la richiesta. Il Governo non contestò la posizione degli eredi del richiedente di fronte alla Corte. Di conseguenza, la Corte sostiene che questi eredi hanno la qualità per continuare i presenti procedimenti al posto del richiedente. Comunque, si continuerà a riferirsi al Sig. Ş. E. come il richiedente.
II. AMMISSIBILITÀ
22. Il Governo chiese alla Corte di respingere la richiesta per inosservanza del requisito dell'esaurimento delle vie di ricorso nazionali sotto l’Articolo 35 § 1 della Convenzione. In questo collegamento, loro sostennero, che il richiedente non era riuscito a sollevare la sostanza delle sue azioni di reclamo di fronte ai tribunali nazionali e a chiedere il risarcimento sia per le espropriazione de facto del suo terreno che per la sua occupazione illegale. Il Governo affermò inoltre che il richiedente avrebbe potuto portare anche introdurre un’azione civile, un’ azione di diminuzione o un'azione per illecito civile
23. Il richiedente non rispose specificamente agli argomenti sopra.
24. La Corte reitera che ha già esaminato e ha respinto argomenti simili del Governo in cause precedenti (vedere, per esempio, I.R.S. ed Altri c. Turchia, n. 26338/95, §§ 35-36, 20 luglio 2004, e Börekçioðullarý (Çökmez) c. Turchia (dec.), n. 58650/00, 13 gennaio 2005). La Corte non trova particolari circostanze nella presente richiesta da costringerla ad abbandonare quella conclusione. Di conseguenza, la Corte respinge l'eccezione preliminare del Governo.
25. Inoltre, la Corte costata che l'azione di reclamo del richiedente non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1
26. Il richiedente si lamentò di essere stato privato ingiustificatamente del suo terreno senza pagamento del risarcimento in violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che si legge, nelle sue parti pertinenti, come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale…”
A. Le osservazioni delle parti
27. Il Governo sostenne che l'annullamento dell'atto di titolo del richiedente e la registrazione della terra nel nome dell'ISKI si attenuto con diritto nazionale e che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non stipulò un diritto al pieno risarcimento sotto tutte le circostanze.
28. Il richiedente presentò che non c'era interesse pubblico nello spogliarlo dai suoi diritti di proprietà senza pagamento del risarcimento. In questo collegamento, lui indicò, che Articolo 38 della Legge n. 2942 furono annullati successivamente con la Corte Costituzionale. Inoltre, il richiedente notò che lui era stato privato della sua terra senza pagamento del risarcimento a causa di indagine insufficiente poiché era chiaro che nessuna conduttura passò per la sua terra.
B. La valutazione della Corte
29. La Corte si riferisce ai principi di base posti nelle sue sentenze riguardo all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, in particolare, Börekçioðullarý (Çökmez) ed Altri, §§ 35-37 citata sopra, e le cause a cui vi si fa riferimento). Esaminerà la presente causa alla luce di questi principi.
30. Nella presente causa non è in controversia che il terreno in oggetto era stato registrato a nome del richiedente. L'atto di titolo di proprietà fu trasferito all'ISKI con la decisione della Corte Civile di Ümraniye di prima istanza che fu sostenuta dalla Corte di Cassazione il 10 dicembre 2002. Perciò la decisione dei tribunali nazionali chiaramente aveva avuto l'effetto di spogliare il richiedente della sua proprietà all'interno del significato della seconda frase dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. La Corte deve esaminare perciò se questa interferenza era giustificata sotto quella disposizione.
31. La Corte trova che la decisione Corte Civile di Ümraniye di prima istanza di registrare il terreno a nome dell'ISKI era prevista dalla legge, siccome era basata sull’ Articolo 38 della Legge n. 2942 che entrò in vigore il 4 novembre 1983. In questo collegamento, la Corte prende nota che il richiedente, in riferimento ai rapporti degli esperti redatti nel 2004 e nel 2008 critica il modo in cu i tribunali nazionali giunsero alla loro decisione per cui l'ISKI era in proprietà del terreno in oggetto all'interno del significato dell’ Articolo 38 della Legge n. 2942. Nelle presenti circostanze, comunque la Corte non è costretta a prendere una posizione su questa questione poiché in qualsiasi caso, il problema chiave che deve essere esaminato è quello della proporzionalità, cioè se un equilibrio equo è stato previsto fra i mezzi assunti e lo scopo che si cercava di raggiungere.
32. Nella presente causa, la Corte richiama che l'atto di titolo di proprietà del richiedente sul terreno in oggetto è stato trasferito alla Direzione Generale per l’Acqua e le Infrastrutture facendo seguito all’Articolo 38 della Legge N.ro 2942 che prevedeva che le richieste per il risarcimento per la privazione di proprietà dovevano essere fatte entro 20 anni dalla data in cui la proprietà veniva occupata. Applicando in modo retrospettivo questa disposizione, i tribunali nazionali avevano spogliato il richiedente di qualsiasi possibilità di ottenere il risarcimento per l'annullamento del suo atto di titolo di proprietà . In questo collegamento, la Corte nota, che ha esaminato cause simili in occasioni precedenti e ha trovato violazioni dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a riguardo dell'annullamento di atti di titolo di proprietà, acquisiti in buona fede, ma ripristinati nella proprietà dello Stato applicando l’ rticolo 38 della Legge n. 2942 senza che venisse pagato nessun risarcimento (vedere, per esempio, İnci (Nasıroğlu) c. Turchia, n. 69911/01, §§ 24-27, 14 giugno 2007 Börekçioðullarý (Çökmez) ed Altri, §§ 40-43, ed I.R.S. ed Altri, §§ 50-56 sia citata sopra). La Corte non trova nessuna ragione di scostarsi da questa conclusione nella presente causa.
33. Di conseguenza, trova che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
IV. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
34. Nel modulo di richiesta il richiedente si lamentò inoltre sotto l’Articolo 6 della Convenzione e sotto le disposizioni non specificate del Protocollo No.7 della modo in cui la corte di prima -istanza determinò i meriti della causa. In particolare, lui considerò che la corte di prima -istanza era andata a vuoto nell’investigare in modo appropriato se la conduttura delle Autorità delle Acque passava sotto la sua area di terreno.
35. La Corte considera che le azioni di reclamo del richiedente devono essere esaminate sotto l’Articolo 6 della Convenzione da solo. Inoltre, avendo riguardo ai fatti della causa, alle osservazioni delle parti e alla sua costatazione sopra di una violazione sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, la Corte considera che ha esaminato il principale quesito legale sollevato nella presente richiesta. Conclude perciò che c'è nessun bisogno di considerare separatamente la parte rimanente dell’azione di reclamo del richiedente sotto l’Articolo 6 (vedere, per esempio, Günaydin Turizm Ve İnşaat Ticaret Anonim Şirketi c. Turchia, n. 71831/01, § 109, 2 giugno 2009, K.Ö. c. Turchia, n. 71795/01, § 50, 11 dicembre 2007, Mehmet e Suna Yiğit c. Turchia, n. 52658/99, § 43, 17 luglio 2007, ed Uzun c. Turchia, n. 37410/97, § 64 10 maggio 2007).
V. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
36. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
37. Il richiedente chiese 899,222 euro (EUR), più interesse a decorrere dalla data di deposito della richiesta, a riguardo del danno materiale ed EUR 100,000 a riguardo del danno morale. Lui basò la sua rivendicazione per danni materiali su un rapporto2 competente preparato dalla Sig.ra S. Ü., un ingegnere edile del 24 giugno 2008 su richiesta del richiedente ai fini dei presenti procedimenti e presentato alla Corte Civile di Ümraniye di prima istanza.
38. Il Governo contestò gli importi. In particolare, sostenne che il valore del terreno era basato su calcoli fittizi e presunzioni.
39. Riguardo alla rivendicazione del richiedente per danno materiale, in assenza di documenti forniti dal Governo per sostenere il contrario, la Corte avendo riguardo ai documenti contenuti nell'archivio della causa, inclusi i rapporti competenti, le fotografie e le mappe contenute nell'archivio della causa (vedere paragrafi 9 e 37 sopra), alle circostanze della causa e, in particolare, al fatto che il terreno in oggetto era stato usato e veniva attualmente usato come strada pubblica, ritiene appropriato fissare un prezzo globale che corrisponderebbe alle aspettative legittime del richiedente. Assegna di conseguenza gli eredi del richiedente, congiuntamente EUR 350,000 sotto questo capo.
40. Riguardo alla rivendicazione del richiedente per danni morali, la Corte costata che, nelle circostanze della presente causa, la costatazione di una violazione costituisce una soddisfazione equa sufficiente.
B. Costi e spese
41. Il richiedente chiese anche EUR 560 per i costi e le spese incorsi sia di fronte ai tribunali nazionali che alla Corte. Lui presentò la documentazione a questo riguardo.
42. Il Governo contestò l'importo.
43. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso un rimborso de costi e delle spese solamente quando si dimostra che questi sono stati davvero e necessariamente sostenuti e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa, avuto riguardo alle informazioni nella in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte considera ragionevole assegnare il pieno importo chiesto dal richiedente.
C. Interesse di mora
44. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui si dovrebbero aggiungere tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
3. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare separatamente l'azione di reclamo sotto l’Articolo 6 della Convenzione;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare gli eredi del richiedente, congiuntamente entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva secondo l’Articolo 44 § 2 della Convenzione, gli i seguenti importi da convertire in lire turche al tasso applicabile in data dell’accordo:
(i) EUR 350,000 (trecento e cinquanta mila euro) a riguardo del danno materiale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile;
(ii) EUR 560 (cinquecento sessanta euro) a riguardo dei costi e delle spese, più qualsiasi tassa che può essere a carico degli eredi del richiedente;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 27 ottobre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Françoise Elens-Passos Françoise Tulkens
Cancelliera Aggiunta Presidentessa
1. Approssimativamente 265,163 Euro (EUR) al tempo.

2. Il rapporto competente contiene fotografie che chiaramente indicano che l'area in oggetto viene usata come strada.




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.