Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TARNOWSKI v. POLAND (No. 1)

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 33915/03/2009
STATO: Polonia
DATA: 29/09/2009
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

FOURTH SECTION
CASE OF TARNOWSKI v. POLAND (no. 1)
(Application no. 33915/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
29 September 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Tarnowski v. Poland (no. 1),
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Giovanni Bonello,
Ljiljana Mijović,
Ján Šikuta,
Mihai Poalelungi,
Nebojša Vučinić, judges,
Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 8 September 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 33915/03) against the Republic of Poland lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by three Polish nationals, Mr J. T., Mr M. T. and Mr A. T. (“the applicants”), on 15 October 2003.
2. The applicants were represented by Mr P. B., a lawyer practising in Cracow. The Polish Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr J. Wołąsiewicz of the Ministry of Foreign Affairs.
3. On 6 December 2007 the President of the Fourth Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 3) and that the case be examined simultaneously together with the case no. 43934/07 (Rule 42 § 2 of the Rules of Court).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicants, Mr J. T., Mr M. T. and Mr A. T. are brothers. They are Polish nationals who were born in 1929, 1932 and 1934 respectively and live in Kraków and Sopot.
5. The applicants are heirs of the owner of 27 plots of land and buildings, which constituted a property called “Końskie-Kolonie Fabryczne”. The property was de facto expropriated by the State by virtue of the 1944 Decree on Agrarian Reform in January 1945.
6. However, in this particular case the relevant authorities failed to issue an appropriate administrative decision, declaring that the property had been subject to expropriation within the framework of the agrarian reform.
7. In 1965 the State Treasury’s ownership title was entered in the land and mortgage register.
8. In respect of plot no. 6271, the right of perpetual use of that plot was granted by the State Treasury to the “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA” and that company was designated as the present occupier. On 12 July 1992 the State-owned enterprise was transformed into an independent public company, the “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA”, the structure and functioning of which were governed by the provisions of the Commercial Code and other relevant Acts. The State however retained a 100 % shareholding in the company.
1. Administrative proceedings concerning the applicants’ right to the property
9. On 23 July 1996 the applicants requested the Kielce Governor to issue a decision stating that the property “Końskie - Kolonie Fabryczne” should not have been subject to expropriation under section 2 § 1 (e) of the 1944 Decree on Agrarian Reform.
10. On 30 June 1997 the Kielce Governor partly dismissed the applicants’ request, finding that a part of the property had met the criteria for expropriation set out in the 1944 Decree. However, the Governor declared that several plots of land with an overall area of 12.03 hectares should not have been subject to expropriation. This decision concerned, among others, plot no. 6271.
11. The applicants and the present occupier of one of the plots appealed. On 14 January 1998 the applicants’ opponent withdrew its appeal. On 19 November 1997 the Minister of Agriculture discontinued the appellate proceedings in respect of the part of the decision given in the applicants’ favour and dismissed the applicants’ appeal against the remainder of the decision.
12. On 8 June 2001 the Supreme Administrative Court dismissed the applicants’ further appeal, finding that the contested administrative decisions of the Kielce Governor and the Minister of Agriculture had been lawful.
2. Civil proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register
13. On 25 July 1996 the applicants instituted civil proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register. They requested the court to enter their title to plot no. 6271 in the land and mortgage register. Hearings were held on 8 January and 9 April 1997.
14. On 16 April 1997 the Kielce Regional Court gave a decision, securing the applicants’ claims by entering a caveat in the land and mortgage register. Subsequently, the court stayed the proceedings pending the outcome of the above administrative proceedings.
15. On 7 December 1998, following the delivery of the Kielce Governor’s decision of 30 June 1997 (see paragraph 10 above), the applicants requested that the proceedings be resumed in the part concerning the following plots: 1) nos. 1299/2, 1303, 1306/3 and 1307/7; 2) nos. 1310 and 1314/1; 3) no. 6271.
16. On 23 June 1999 the Kielce Regional Court delivered a partial judgment in respect of the plots listed under 1) nos. 1299/2, 1303, 1306/3 and 1307/7 and 2) nos. 1310 and 1314/1. The judgment in this part became final. The proceedings in respect of plot no. 6271 continued.
17. On 9 November 2000 the Kielce Regional Court stayed the proceedings in respect of plot no. 6271 as it had decided, following the request of another party, to re-open the proceedings in respect of plots nos. 1310 and 1314/1. The proceedings were resumed on an unknown date.
18. On 1 March 2007 the Kielce Regional Court gave judgment in the case. In respect of the disputed plot no. 6271 the court partly allowed the applicants’ claim and decided on rectification of an entry in the land and mortgage register in respect of plot no. 6271/3. The court dismissed the remainder of the claim (plots nos. 6271/1 and 6271/2), finding that that part of plot no. 6271 had been sold by the applicants’ predecessor in title in 1939. It had been in the possession of certain individuals until the 1960s when it had been re-sold to the State Treasury with a view to realising certain development plans. The judgment became final as no parties lodged an appeal.
19. On 12 July 2007 the applicants were entered in the land and mortgage register as the owners of plot no. 6271/3.
20. On 19 November 2007 the applicants sold the above-mentioned plot to the present occupier (see paragraph 32 below).
3. Civil proceedings for recovery of possession
21. On 15 April 1999 the applicants lodged an action for recovery of plot no. 6271.
22. On 23 November 1999 the Kielce Regional Court stayed the proceedings pending the outcome of the proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register (see paragraphs 13-20 above).
23. On 20 January 2003 the applicants requested the court to resume the proceedings. The applicants submitted that the proceedings regarding the rectification of the entry in the land and mortgage register had been pending before the Kielce Regional Court. However, they wished to have the proceedings resumed as the Kielce Governor’s decision of 30 June 1997 had become final in respect of plot no. 6271 and their title to this plot had not been disputed.
24. On 21 March 2005 the Kielce Regional Court dismissed the applicants’ request.
25. On 1 June 2007 the applicants requested the court to resume the proceedings as the proceedings regarding the rectification of the entry in the land and mortgage register had ended on 1 March 2007 (see paragraph 18 above). On 28 June 2007 the court resumed the proceedings.
26. On 27 December 2007 the proceedings were discontinued, since the applicants had withdrawn their action.
4. Civil proceedings for compensation
27. On 1 March 1999 the applicants instituted civil proceedings for compensation for the use of their property by the State Treasury without valid legal title. They claimed compensation for the period from 29 September 1990.
28. The right of perpetual use of plot no. 6271 was granted by the State Treasury to the “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA” and that company was designated as the present occupier (see paragraph 8 above).
29. On 6 December 2001 the Kielce Regional Court gave judgment in the case. On 12 July 2001 the Cracow Court of Appeal upheld the first-instance judgment. On 11 February 2004 the Supreme Court quashed the second-instance judgment and remitted the case.
30. On 17 December 2004 the Court of Appeal held a hearing in the case. At the hearing the applicants partly withdrew their claim in respect of plots nos. 1310 and 1314/1.
31. On 29 December 2004 the Cracow Court of Appeal gave judgment partly in the applicants’ favour awarding them the amount of PLN 894,648 for the period from 1 January 1997 to 20 October 2000. In respect of plot no. 6271 the court awarded the amount of PLN 433,906 and dismissed the defendant’s claim that part of that plot had been sold by the applicants’ predecessor in 1939 as it had failed to substantiate them.
32. On 19 November 2007 the applicants sold plot no. 6271/3 to the present occupier of the property - the “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA”. On the basis of that agreement the applicants were awarded compensation for the use of the plot without title for the period from 20 April 2007 to 19 November 2007. In respect of the period from 1 November 2000 to 20 April 2007 the parties decided that it would be subject to another agreement to be concluded in the future or civil proceedings.
5. Proceedings under the 2004 Act
33. On 1 March 2005 the applicants lodged a complaint with the Cracow Court of Appeal under the Act of 17 June 2004 on complaints about a breach of the right to trial within a reasonable time (“the 2004 Act”). The applicants claimed just satisfaction in the amount of PLN 1. They also requested the court to take action to expedite and resume the proceedings for recovery of the property (see paragraphs 21-26 above).
34. On 29 April 2005 the Cracow Court of Appeal rejected the complaints of Mr M. T. and Mr A. T. as all three applicants had paid only PLN 100 by way of Court fees. It held that this had been contrary to section 17 § 2 of the 2004 Act, which provided that each applicant was obliged to pay the amount of PLN 100 in respect of their complaints.
35. Having examined the complaint lodged by Mr J. T., on 29 April 2005 the Cracow Court of Appeal found that the proceedings had been handled properly. The court concluded that the fact that the proceedings had been suspended from November 1999 had not amounted to “unreasonable delay” as defined by the 2004 Act. It found that a delay had occurred only between the date when the applicants submitted their request for the proceedings to be resumed to the Kielce Regional Court on 20 January 2003 and the date of the decision on this matter on 21 March 2005. The court granted Mr J. T. just satisfaction in the amount of PLN 1 as he had requested. The court dismissed the request for the proceedings to be expedited.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
36. The relevant domestic law and practice concerning remedies for the excessive length of judicial proceedings, in particular the applicable provisions of the 2004 Act, is set out in the Court’s decisions in the cases of Charzyński v. Poland no. 15212/03 (dec.), §§ 12-23, ECHR 2005-V, and Ratajczyk v. Poland no. 11215/02 (dec.), ECHR 2005-VIII, and the judgment in the case of Krasuski v. Poland, no. 61444/00, §§ 34-46, ECHR 2005-V.
The relevant domestic law and practice concerning Article 1 of Protocol No. 1 is set out in the Court’s judgments in the cases of Zwierzyński v. Poland, no. 34049/96, § 63-74, ECHR 2001-VI, and Bennich-Zalewski v. Poland, no. 59857/00, judgment of 22 April 2008.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION ON ACCOUNT OF THE UNREASONABLE LENGTH OF THE PROCEEDINGS
37. The applicants complained that the length of the proceedings had been incompatible with the “reasonable time” requirement, laid down in Article 6 § 1 of the Convention, which reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal...”
38. The Government contested that argument.
A. Admissibility
39. The Government raised a preliminary objection that the applicants had not exhausted the domestic remedies available to them under Polish law, as required by Article 35 § 1 of the Convention.
40. As regards the proceedings for recovery of possession the Government submitted that only Mr J. T. had lodged his complaint in accordance with the formal requirements set out in the 2004 Act.
41. The complaints of Mr M. T. and Mr A. T. had been rejected as they had failed to pay the court fee of PLN 100. Therefore, these applicants had failed to exhaust the remedies provided for by domestic law. The Government maintained that they could have lodged a new complaint concerning the length of the proceedings at any time after the court had rejected their requests.
42. The Government further maintained that all the applicants had failed to exhaust the remedies provided for by domestic law in respect of the proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register and the proceedings for compensation.
43. The Government also submitted that they had not made use of any remedies available under administrative law in order to complain about the allegedly protracted length of the administrative proceedings concerning the applicants’ title to the property.
44. The applicants disagreed with the Government. They submitted that, in separate proceedings under the 2004 Act (the proceedings concerning plots nos. 1310 and 1314/1 – see application no. 43934/07 pending before the Court), the Kielce Regional Court had examined their complaint under the 2004 Act on the merits in similar circumstances. They did not comment on the Government’s submissions concerning the other proceedings.
45. The Court reiterates that under Article 35 § 1 of the Convention, the Court may only deal with complaints after all domestic remedies have been exhausted.
46. The Court considers that the applicants were required by Article 35 § 1 of the Convention to lodge a complaint of a breach of the right to trial within a reasonable time with the domestic court under the 2004 Act in respect of the proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register and the proceedings for compensation. They were also required by Article 35 § 1 of the Convention to use remedies available under administrative law in order to complain about the length of the administrative proceedings. However, they did not avail themselves of these remedies.
47. It follows that this part of the applicants’ application in respect of the above-mentioned proceedings must be rejected under Article 35 §§ 1 and 4 of the Convention for non-exhaustion of domestic remedies.
48. As regards the proceedings for recovery of possession, the Court notes that only one of the applicants paid the court fee for the length complaint.
The Court notes that at that time the applicants were represented by a lawyer and the domestic court was not obliged to advise them on how to lodge or remedy formal deficiencies of their complaints (compare and contrast Wende and Kukówka v. Poland, no. 56026/00, § 54, 10 May 2007)
49. It follows that this part of the application in respect of the above-mentioned applicants, Mr M. T. and Mr A. T., must be rejected under Article 35 §§ 1 and 4 of the Convention for non-exhaustion of domestic remedies.
50. The Court further notes that, in view of the judgment of the Cracow Court of Appeal of 29 April 2005, a question arises as to whether the applicant, Mr J. T., can still claim to be a “victim”, within the meaning of Article 34 of the Convention, of a violation of his right to a hearing within a reasonable time in respect of the proceedings for recovery of the property. It notes, in this connection, that in its judgment of 29 April 2005 the Cracow Court of Appeal found the delay in the proceedings unjustified (see paragraph 35 above) and granted him just satisfaction in the amount of PLN 1 which was the full amount he had claimed in respect of delays which had occurred in the proceedings. Moreover, the proceedings in question quickly came to a final resolution (in less than 10 months) after the delivery of the final judgment in the proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register (see paragraphs 25-26 above). However, the Court considers that this issue is closely linked to the substance of the applicant’s complaint and its examination should therefore be joined to the merits of the case. As the complaint is not inadmissible on any other grounds, it must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The period to be taken into consideration
51. The civil proceedings for recovery of possession started on 15 April 1999 and ended on 27 December 2007 by a decision of the Kielce Regional Court (see paragraph 26 above). Thus, the period to be taken into consideration lasted 8 years, 6 months and 14 days.
2. The parties’ submissions
52. The Government submitted that the case had been very complex as the domestic authorities had had to clarify the legal and factual circumstances of events which had occurred in the past dating back to the Second World War. Numerous documents had had to be obtained and examined.
53. The Government acknowledged that the applicants had not contributed to the length of the proceedings.
54. The Government maintained that the proceedings for recovery of possession, which had been instituted on 15 April 1999, had had to be stayed pending the outcome of the proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register. The latter proceedings had been, in turn, adjourned pending the outcome of the administrative proceedings. In the Government’s opinion the proceedings in question had in fact lasted from 15 April 1999 to 23 November 1999, when the Kielce Regional Court stayed the proceedings pending the outcome of the proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register and from 28 June 2007 when the court resumed the proceedings to 27 December 2007, when it discontinued the proceedings. Therefore, the length of the proceedings amounted only to twelve months. The Government further claimed that the periods during which the proceedings had been stayed should be deducted from the overall period.
55. The applicants disagreed with the Government. They submitted that after the decisions of 30 June 1997 by the Kielce Governor, and subsequently, that of 19 November 1998 by the Minister of Agriculture, the State Treasury should have returned the property in question without delay. Finally, they submitted that the case had been examined with delays and they had had to wait almost ten years before their title to the property was entered in the land and mortgage register by the judgment given by the Kielce Regional Court on 1 March 2007.
3. The Court’s assessment
56. The Court reiterates that the reasonableness of the length of proceedings must be assessed in the light of the circumstances of the case and with reference to the following criteria: the complexity of the case, the conduct of the applicant and the relevant authorities and what was at stake for the applicant in the dispute (see, among many other authorities, Frydlender v. France [GC], no. 30979/96, § 43, ECHR 2000-VII).
57. The Court observes that the case involved a certain degree of complexity. The Court can accept that some delays in the proceedings before the Kielce Regional Court could be explained by the fact that at the material time the court had to stay the proceedings until delivery of a judgment in separate proceedings. However, it considers that this in itself cannot justify the overall length of the proceedings.
58. As regards the conduct of the applicant, the Court, having regard to the available evidence, does not find it established that the applicant substantially contributed to the delays in the proceedings.
59. As regards the conduct of the relevant authorities, the Court observes that the proceedings, instituted on 15 April 1999, remained dormant from 23 November 1999 to 27 June 2007 since they were stayed pending the outcome of separate proceedings.
60. The Court does not share the Government’s view that the whole period during which the proceedings were stayed should be deducted from the overall length of the proceedings. The Court further observes that some delays occurred between the date when the applicants submitted their request for the proceedings to be resumed to the Kielce Regional Court on 20 January 2003 and the date of the decision on this matter on 21 March 2005 (see paragraphs 23-24 above).
61. The Court notes that the applicant, Mr J. Tarnowski, availed himself of the procedure provided for by domestic law to resume the proceedings in question as well as the procedure provided for by the 2004 Act to expedite the proceedings.
62. The Court observes that these efforts were unsuccessful, and the proceedings for recovery of possession have remained stayed, essentially, as a consequence of civil claims to the property having been raised in the context of separate proceedings (see paragraphs 17-18 above).
63. However, the Court is of the view that the State cannot be held responsible for the remaining period when the proceedings were stayed pending the outcome of the proceedings for rectification of an entry in the land and mortgage register. It was open to the applicant to lodge a complaint under the 2004 Act in the latter proceedings with a view to speeding them up since they were decisive for his rights, but he failed to do so (see paragraphs 13-20 above).
64. Having regard to all the circumstances of the case, the Court considers that there has been no violation of Article 6 § 1 of the Convention.
65. Lastly, the Court recalls that it has joined to the merits of the case the question whether the applicant, Mr J. T., can still claim to be a victim of a breach of the Convention (see paragraph 50 above). However, having regard to its conclusion on the Article 6 issue, the Court finds that it is not necessary to determine the issue of the applicant’s victim status.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
66. The applicants complained that the domestic courts had failed to take appropriate and speedy action to restore possession of their property to them. They relied on Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which reads:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
67. The Government raised a preliminary objection that the applicants could not claim to be victims of a breach of the Convention since they had already obtained just satisfaction within the domestic system. They had obtained full redress for any delay in having possession of the property restored to them by the present occupier.
68. Under the agreement which they had concluded with the company concerned, they had sold the property in question to it and had obtained compensation for the use of their property without title. Additionally, compensation under the same title but for another period of time was awarded to the applicants by the Cracow Court of Appeal.
69. The applicants disagreed with the Government.
70. The Court considers that the Government’s objection is closely linked to the substance of the applicants’ complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. Its examination should therefore be joined to the merits of the case. As the complaint is not inadmissible on any other grounds, it must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
71. The Government submitted that the applicants could not claim to be victims of a breach of the Convention since they had already obtained satisfaction within the domestic system. On 1 March 2007 the applicants had been entered as owners in the land and mortgage register. On 19 November 2007 they had sold plot no. 6271/03 to the present occupier and on the basis of the same agreement they had been compensated for the use of their property without title. Additionally, compensation under the same title but for another period of time had been awarded by the judgment of the Cracow Court of Appeal given on 29 December 2004.
72. The Government were of the opinion that the applicants had obtained full redress for any delays in securing possession of the property restored to them. Therefore, there had been no interference with their peaceful enjoyment of possessions for which the Government could have been held responsible. Although the applicants’ property had remained for a time in the possession of the public company, their rights had been safeguarded by the civil law and they had already obtained redress at the domestic level.
73. The applicants disagreed with the Government. They submitted that plots nos. 6271/1 and 6271/2 had not been returned to them despite the fact that they had a legitimate expectation of being declared the owners of that part of the former plot no. 6271. They maintained that they had not been awarded any compensation for the period from 10 October 1994, the date of the ratification by Poland of Protocol No. 1 to the Convention, to 31 December 1996.
2. The Court’s assessment
74. The Court first reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 contains three distinct rules. They have been described thus (in James and Others v. the United Kingdom, judgment of 21 February 1986, Series A no. 98, pp. 29-30, § 37; see also, 31524/96, § 51, ECHR 2000-VI):
“The first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, amongst other things, to control the use of property in accordance with the general interest ... The three rules are not, however, ‘distinct’ in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule.”
75. The Court points out that the concept of “possessions” in Article 1 of Protocol No. 1 has an autonomous meaning (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 100, ECHR 2000-I). Consequently, the issue that needs to be examined first is whether the circumstances of the case, considered as a whole, conferred on the applicant a substantive interest protected by Article 1 of Protocol No. 1.
76. In this connection, the Court notes that the applicants’ complaint is focused on the inability to enjoy what they perceive as their rights protected by Article 1 of Protocol No. 1. This inability has resulted from the fact that after the decisions of the Kielce Governor given on 30 June 1997 and the Minister of Agriculture given on 19 November 1997 by which their ownership was recognised, they had to take further proceedings in order to be able to effectively enjoy their rights originating in these decisions (see paragraphs 13-32 above).
77. The Court notes that the Kielce Governor declared that plot no. 6271 should not have been subject to expropriation (see paragraph 10 above). Under the provisions of Polish law such a decision should be regarded as conferring on the applicants a proprietary interest falling within the ambit of possessions within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see Bennich-Zalewski v. Poland, no. 59857/00, judgment of 22 April 2008, § 90) .
78. The Court reiterates that by virtue of Article 1 of the Convention, each Contracting Party must “secure to everyone within [its] jurisdiction the rights and freedoms defined in ... [the] Convention”. The obligation to secure the effective exercise of the rights defined in that instrument may result in positive obligations for the State (see, among other authorities, X and Y v. the Netherlands, 26 March 1985, Series A no. 91, p. 11, §§ 22-23). In such circumstances, the State cannot simply remain passive and “there is ... no room to distinguish between acts and omissions” (see, mutatis mutandis, Airey v. Ireland, 9 October 1979, Series A no. 32, p. 14, § 25).
79. As regards the right guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1, such positive obligations may entail certain measures necessary to protect the right to property (see, among other authorities and mutatis mutandis, López Ostra v. Spain, 9 December 1994, Series A no. 303-C, p. 55, § 55), even in cases involving litigation between private individuals or companies (see Anheuser-Busch Inc. v. Portugal [GC], no. 73049/01, § 83, ECHR 2007-..., Sovtransavto Holding v. Ukraine, no. 48553/99, § 96, ECHR 2002-VII, and Bennich-Zalewski v. Poland, cited above, § 92).
80. The Court observes that the applicants’ complaint does not relate to a simple failure on the part of the State to conduct enforcement proceedings in respect of a final judicial decision given against it in the applicant’s favour (in respect of which obligation, see Prodan v. Moldova, no. 49806/99, ECHR 2004-III (extracts), and Lupacescu and Others v. Moldova, nos. 3417/02, 5994/02, 28365/02, 5742/03, 8693/03, 31976/03, 13681/03, and 32759/03, 21 March 2006). Rather, their complaint is that it was left to them to take such measures as would have made it possible for them to fully enjoy the economic advantages arising out of their rights originating in the decision of the Kielce Governor in June 1997.
81. The Court notes that the property in question, a plot of land, was not held by any public authority either when the decision of the Kielce Governor was given in June 1997, or at any later time (contrast Zwierzyński v. Poland, cited above, § 67, ECHR 2001-VI). It was held by the “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA”, a public company. Even if the State retained 100 % of the shares in the company, it nevertheless enjoyed complete operational and financial autonomy and was governed by the provisions of the Commercial Code and other relevant Acts (see paragraph 8 above).
82. The Court observes that the status of the company has a bearing on the nature of the State’s obligations under Article 1 of Protocol No. 1. In particular, having regard to the institutional and operational independence of the present occupier of the property from the State, the latter must be taken to be absolved from responsibility under the Convention for that company’s acts and omissions. For the Court, the State’s obligation in the circumstances of this case is confined to ensuring effective enforcement of the decision annulling the expropriation, by having in place a legal framework making it possible for the applicants to recover possession of their property and to settle claims arising between them and the private-law entity which was in possession of the property at the time of the impugned decision (see, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding v. Ukraine, cited above, § 96).
83. The Court notes that under domestic law it was open to the applicants to have recourse to various types of proceedings in order to have the 1997 decision implemented in practice and, in particular, to have their claims and counterclaims determined by the courts. The applicants had recourse to them, firstly by instituting civil proceedings against the State Treasury in which they sought damages from it for the use of the property after 29 September 1990, the date on which the Constitutional Court had ruled on a legal question concerning interpretation of section 2 § 1 (e) of the Decree on Agrarian Reform. The Court of Appeal ruled partly in their favour and awarded just satisfaction to them (see paragraph 31 above). It was open to the applicants to appeal against that judgment or to institute civil proceedings with a view to obtaining compensation for a further period, but they failed to do so.
84. The Court further notes that the applicants successfully instituted proceedings to have their title to plot no. 6271/3 entered in the land and mortgage register. It was open to the applicants to appeal against the judgment of the Regional Court in respect of plots nos. 6271/1 and 6271/2, but they failed to do so (see paragraph 18 above).
85. Furthermore, the applicants also successfully instituted proceedings to have possession of their property returned to them. They sold their property to the present occupier and were awarded compensation for the use of the plot for the period from 20 April 2007 to 19 November 2007. In respect of the period from 1 November 2000 to 20 April 2007, which had not been covered by the ruling of the Court of Appeal, the parties decided that it would be subject to another agreement or civil proceedings. Therefore, it was open to the applicants to conclude a new agreement in respect of the later period or to put the matter before the civil courts, but they failed to do so (see paragraph 31 above).
86. Hence, domestic law provided an effective framework of a judicial character by which the applicants could seek to have the economic value of their rights arising out of the Kielce Governor’s decision of 30 June 1997 recognised in practice (see paragraph 10 above).
87. Having regard to the circumstances of the case seen as a whole, the Court is of the view that the State has not failed to comply with its obligation to secure to the applicants the effective enjoyment of their rights guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. On that account, the Court finds that it is unnecessary to rule on the Government’s preliminary objection relating to lack of victim status (see paragraphs 67 – 68 above).
Therefore, there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1.
III. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
88. Lastly, the applicants complained that the 2004 Act had not provided an effective remedy against the excessive length of the proceedings. They relied on Article 13 of the Convention which provides as follows:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
89. The Court notes that two of the applicants, Mr M. T. and Mr A. T., failed to avail themselves of the remedy provided for by the 2004 Act (see paragraphs 40-51 above). It also notes that only Mr J. T. availed himself of that remedy in respect of the proceedings for recovery of possession.
90. The Court reiterates that Article 13 guarantees an effective remedy before a national authority for an alleged breach of the requirement under Article 6 § 1 to hear a case within a reasonable time. The Court has already found that the remedy under the 2004 Act is effective in respect of a length of proceedings complaint (see, Figiel v. Poland (no. 1), no. 38190/05, 17 July 2008).
91. It follows that this part of the application is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Joins the question of Mr J. T.’s victim status to the merits of his complaint under Article 6 of the Convention concerning the excessive length of the proceedings for recovery of possession and declares this applicant’s complaint admissible;
2. Joins to the merits the Government’s preliminary objection concerning the applicants’ lack of victim status to the merits of their complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and declares this complaint admissible;
3. Declares the remainder of the application inadmissible;
4. Holds that there has been no violation of Article 6 § 1 of the Convention and that it is not necessary to determine, in consequence, the issue of Mr J. T.’s victim status;
5. Holds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention;
6. Holds that it is not necessary to decide on the Government’s above-mentioned preliminary objection.
Done in English, and notified in writing on 29 September 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Nicolas Bratza Registrar President

TESTO TRADOTTO

QUARTA SEZIONE
CAUSA TARNOWSKI C. POLONIA (N. 1)
(Richiesta n. 33915/03)
SENTENZA
STRASBOURG
29 settembre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Tarnowski c. Polonia (n. 1),
La Corte europea di Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente, Lech Garlicki il Giovanni Bonello, Ljiljana Mijović, Ján Šikuta, Mihai Poalelungi, Nebojša Vučinić, giudici, Lorenzo Early, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato l’8 settembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 33915/03) contro la Repubblica della Polonia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da tre cittadini polacchi, il Sig. J. T., il Sig. M. T. ed il Sig. A. T. (“i richiedenti”), il 15 ottobre 2003.
2. I richiedenti sono stati rappresentati dal Sig. P. B., un avvocato che pratica a Cracow. Il Governo polacco (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente, il Sig. J. Wołąsiewicz del Ministero degli Affari Esteri.
3. Il 6 dicembre 2007 il Presidente della quarta Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e sui meriti della richiesta allo stesso tempo (Articolo 29 § 3) e che la causa fosse esaminata simultaneamente insieme con la causa n. 43934/07 (Articolo 42 § 2 degli Articoli di Corte).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. I richiedenti, il Sig. J. T., il Sig. M. T. ed il Sig. A. T. sono fratelli. Sono cittadini polacchi che nacquero rispettivamente nel 1929, 1932 e 1934 e vivono a Cracovia e Sopot.
5. I richiedenti sono eredi del proprietario di 27 aree di terra ed edifici che costituivano una proprietà chiamata “Końskie-Kolonie Fabryczne.” La proprietà fu de facto espropriato dallo Stato in virtù del Decreto del 1944 sulla Riforma Agraria nel gennaio 1945.
6. In questa particolare causa le autorità attinenti andarono a vuoto comunque nell’emettere una decisione amministrativa appropriata, che dichiarava che la proprietà era stata soggetta all'espropriazione all'interno della struttura della riforma agraria.
7. Nel 1965 il titolo di proprietà della Tesoreria Statale fu registrato nel registro dei terreni e delle ipoteche .
8. A riguardo dell’ area n. 6271, il diritto di usufrutto a vita di questa area fu accordato dalla Tesoreria Statale alla “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA” e questa società fu designata come l'attuale occupante. Il 12 luglio 1992 l'impresa Statale fu trasformata in una società pubblica indipendente, la “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA”, la cui struttura e funzionamento erano disciplinati dalle disposizioni del Codice Commerciale e dagli altri Atti attinenti. Lo Stato trattenne comunque un portafoglio del 100% di azioni nella società.
1. Procedimenti amministrativi riguardo al diritto alla proprietà dei richiedenti
9. Il 23 luglio 1996 i richiedenti richiesero al Governatore di Kielce di emettere una decisione che affermasse che la proprietà “Końskie - Kolonie Fabryczne” non avrebbe dovuto essere soggetta all'espropriazione sotto la sezione 2 § 1 (e) del Decreto del 1944 sulla Riforma Agraria.
10. Il 30 giugno 1997 il Governatore di Kielce respinse parzialmente l’istanza dei richiedenti, trovando che una parte della proprietà aveva soddisfatto il criterio per l’espropriazione esposto nel Decreto del 1944. Comunque, il Governatore dichiarò che molte aree di terreno con un'area complessiva di 12.03 ettari non avrebbero dovute essere soggette all'espropriazione. Questa decisione riguardava, fra altre, l’area n. 6271.
11. I richiedenti e l'attuale occupante di una delle aree fecero appello. Il 14 gennaio 1998 l'oppositore dei richiedenti ritirò il suo ricorso. Il 19 novembre 1997 il Ministro dell'Agricoltura cessò i procedimenti di appello a riguardo della parte della decisione resa a favore dei richiedenti e respinse il ricorso dei richiedenti contro il resto della decisione.
12. L’ 8 giugno 2001 la Corte amministrativa Suprema respinse l'ulteriore ricorso dei richiedenti , trovando che le decisioni amministrative contestate del Governatore di Kielce e del Ministro dell'Agricoltura erano state legali.
2. Procedimenti civili per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche
13. Il 25 luglio 1996 i richiedenti avviarono procedimenti civili per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche. Loro richiesero alla corte di inserire il loro titolo sull’area n. 6271 nel registro dei terreni e delle ipoteche. Udienze furono sostenute l’ 8 gennaio e il 9 aprile 1997.
14. Il 16 aprile 1997 la Corte Regionale di Kielce rese una decisione, garantendo la rivendicazione dei richiedenti inserendo un caveat nel registro dei terreni e delle ipoteche. Successivamente, la corte sospese i procedimenti essendo pendente il risultato dei procedimenti amministrativi sopra.
15. Il 7 dicembre 1998, a seguito della consegna della decisione del Governatore di Kielce del 30 giugno 1997 (vedere paragrafo 10 sopra), i richiedenti richiesero che i procedimenti venissero ripresi nella parte riguardante le seguenti aree: 1) N. 1299/2, 1303 1306/3 e 1307/7; 2) N. 1310 e 1314/1; 3) n. 6271.
16. Il 23 giugno 1999 la Corte Regionale di Kielce consegnò una sentenza parziale a riguardo delle aree elencato sotto 1) N. 1299/2, 1303 1306/3 e 1307/7 e 2) N. 1310 e 1314/1. La sentenza in questa parte divenne definitiva. I procedimenti a riguardo dell’ area n. 6271 continuarono.
17. Il 9 novembre 2000 la Corte Regionale di Kielce sospese i procedimenti a riguardo dell’ area n. 6271 siccome aveva deciso, a seguito della richiesta di un'altra parte, di riaprire i procedimenti a riguardo delle aree N. 1310 e 1314/1. I procedimenti furono ripresi in una data ignota.
18. Il 1 marzo 2007 la Corte Regionale di Kielce rese sentenza nella causa. A riguardo dell'area contestata n. 6271 la corte accetto parzialmente la rivendicazione dei richiedenti e decise sulla rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche a riguardo dell’ area n. 6271/3. La corte respinse il resto della rivendicazione (aree N. 6271/1 e 6271/2), trovando che il titolo di questa parte dell’ area n. 6271 era stata venduta dal predecessore dei richiedenti il predecessore nel 1939. Era stato di proprietà di certi individui sino agli anni sessanta quando era stato rivenduto alla Tesoreria Statale nella prospettiva di realizzare certi piani di sviluppo. La sentenza divenne definitiva siccome nessuna delle parti depositò un ricorso.
19. Il 12 luglio 2007 i richiedenti furono registrati sul registro dei terreni e delle ipoteche come proprietari dell’ area n. 6271/3.
20. Il 19 novembre 2007 i richiedenti vendettero l'area summenzionata all’attuale occupante (vedere paragrafo 32 sotto).
3. Procedimenti civili per recupero della proprietà
21. Il 15 aprile 1999 i richiedenti depositarono un'azione per il ricupero dell’ area n. 6271.
22. Il 23 novembre 1999 la Corte Regionale di Kielce sospese i procedimenti essendo pendente il risultato dei procedimenti per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche (vedere paragrafi 13-20 sopra).
23. Il 20 gennaio 2003 i richiedenti richiesero alla corte di riprendere i procedimenti. I richiedenti presentarono che i procedimenti riguardo alla rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche erano pendenti di fronte alla Corte Regionale di Kielce. Comunque, loro desiderarono far riprendere i procedimenti siccome la decisione del Governatore di Kielce del 30 giugno 1997 era divenuto definitivo a riguardo dell’ area n. 6271 e il loro titolo i proprietà su questa area non era stato contestato.
24. Il 21 marzo 2005 la Corte Regionale di Kielce respinse l’istanza dei richiedenti.
25. Il 1 giugno 2007 i richiedenti richiesero alla corte di riprendere i procedimenti siccome i procedimenti riguardo alla rettifica della registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche erano terminati il 1 marzo 2007 (vedere paragrafo 18 sopra). Il 28 giugno 2007 la corte riprese i procedimenti.
26. Il 27 dicembre 2007 i procedimenti furono cessati, poiché i richiedenti avevano ritirato la loro azione.
4. Procedimenti civili per il risarcimento
27. Il 1 marzo 1999 i richiedenti avviarono procedimenti civili per il risarcimento per l'uso della loro proprietà da parte della Tesoreria Statale senza titolo legale valido. Loro chiesere il risarcimento per il periodo dal 29 settembre 1990.
28. Il diritto di usufrutto a vita dell’ area n. 6271 fu accordato dalla Tesoreria Statale alla “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA” e questa società fu designata come l'attuale occupante (vedere paragrafo 8 sopra).
29. Il 6 dicembre 2001 la Corte Regionale di Kielce rese il giudizio nella causa. Il 12 luglio 2001 la Corte d'appello di Cracovia sostenne la sentenza di prima -istanza. L’11 febbraio 2004 la Corte Suprema annullò la sentenza di seconda -istanza e rinviò la causa.
30. Il 17 dicembre 2004 la Corte d'appello sostenne un'udienza nella causa. Nell’udienza i richiedenti ritirarono in parte la loro rivendicazione riguardo le aree N. 1310 e 1314/1.
31. Il 29 dicembre 2004 la Corte d'appello di Cracovia rese un giudizio in parte a favore dei richiedenti che assegnava loro l'importo di PLN 894,648 per il periodo dal 1 gennaio 1997 al 20 ottobre 2000. A riguardo dell’ area n. 6271 la corte assegnò l'importo di PLN 433,906 e respinse la rivendicazione dell'imputato per cui la parte di questa area era stata venduta dal predecessore dei richiedenti nel 1939 come non era riuscito a provarlo.
32. Il 19 novembre 2007 i richiedenti vendettero l’area n. 6271/3 all'attuale occupante della proprietà - la “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA.” Sulla base di questo accordo ai richiedenti fu assegnato il risarcimento per l'uso dell'area senza titolo per il periodo dal 20 aprile 2007 al 19 novembre 2007. A riguardo del periodo dal 1 novembre 2000 al 20 aprile 2007 le parti decisero che sarebbe stato soggetto ad un altro accordo da concludere nei futuri procedimenti o civili.
5. Procedimenti sotto l'Atto del 2004
33. Il 1 marzo 2005 i richiedenti presentarono un reclamo presso la Corte d'appello di Cracovia sotto l'Atto del 17 giugno 2004 sulle azioni di reclamo di una violazione del diritto ad un processo all'interno di un termine ragionevole (“l'Atto del 2004”). I richiedenti chiesero la soddisfazione equa nell'importo di PLN 1. Loro richiesero anche la corte di prendere un’azione per accelerare e riprendere i procedimenti per il ricupero della proprietà (vedere paragrafi 21-26 sopra).
34. Il 29 aprile 2005 la Corte d'appello di Cracovia respinse le azioni di reclamo del Sig. M. T. ed del Sig. A. T. siccome tutti i tre richiedenti aveva pagato solamente PLN 100 come parcelle di Corte. Sostenne che questo era contrario alla sezione 17 § 2 dell'Atto del 2004 che prevedeva che ogni richiedente era obbligato a pagare l'importo di PLN 100 a riguardo delle loro azioni di reclamo.
35. Avendo esaminato l'azione di reclamo depositata dal Sig. J. T., il 29 aprile 2005 la Corte d'appello di Cracovia trovò che ci si era occupati dei procedimenti in modo appropriato . La corte concluse che il fatto che i procedimenti erano sospesi dal novembre 1999 non aveva corrisposto ad un “ritardo irragionevole” come definito dall'Atto del 2004. Trovò che un ritardo si era verificato solamente fra la data i cui i richiedenti presentarono la loro richiesta per riprendere i procedimenti alla Kielce Corte Regionale il 20 gennaio 2003 e la data della decisione su questa questione il 21 marzo 2005. La corte accordò al Sig. J. T. la soddisfazione equa nell'importo di PLN 1 come lui aveva richiesto. La corte respinse la richiesta di accelerare i procedimenti.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
36. Il diritto nazionale attinente e pratica riguardo alle vie di ricorso per lunghezza eccessiva dei procedimenti giudiziali, in particolare le disposizioni applicabili dell'Atto del 2004, sono esposte i nelle decisioni della Corte nelle cause Charzyński c. Polonia n. 15212/03 (dec.), §§ 12-23, il 2005-V di ECHR, e Ratajczyk c. Polonia n. 11215/02 (dec.), ECHR 2005-VIII, e nel giudizio nella causa Krasuski c. Polonia, n. 61444/00, §§ 34-46, 2005-V di ECHR.
Il diritto nazionale attinente e la pratica riguardo all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 sono esposti nei giudizi della Corte nelle cause Zwierzyński c. Polonia, n. 34049/96, § 63-74, ECHR 2001-VI, e Bennich-Zalewski c. Polonia, n. 59857/00, sentenza del 22 aprile 2008.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE A CAUSA DELLA LUNGHEZZA IRRAGIONEVOLE DEI PROCEDIMENTI
37. I richiedenti si lamentarono che la lunghezza dei procedimenti era stata incompatibile col requisito del “termine ragionevole”, stabilito dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione che si legge come segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale…”
38. Il Governo contestò questo argomento.
A. Ammissibilità
39. Il Governo sollevò un’eccezione preliminare che i richiedenti non avevano esaurito le vie di ricorso nazionali disponibili a loro sotto la legge polacca, come richiesto dall’Articolo 35 § 1 della Convenzione.
40. Riguardo ai procedimenti per il recupero della proprietà il Governo presentò che solamente il Sig. J. T. aveva presentato il suo reclamo in conformità coi requisiti formali esposti nell'Atto del 2004.
41. Le azioni di reclamo del Sig. M. T. ed il Sig. A. T. erano state respinte siccome non erano riusciti a pagare la parcella di corte di PLN 100. Perciò, questi richiedenti non erano riusciti ad esaurire le vie di ricorso previste dal diritto nazionale. Il Governo sostenne che loro avrebbero potuto presentare un nuovo reclamo riguardo alla lunghezza dei procedimenti in qualsiasi momento dopo che la corte aveva respinto le loro richieste.
42. Il Governo sostenne inoltre che tutti i richiedenti non erano riusciti ad esaurire le vie di ricorso previste dal diritto nazionale a riguardo dei procedimenti per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche ed i procedimenti per il risarcimento.
43. Il Governo presentò anche che loro non si erano avvalsi di nessuna via di ricorso disponibile sotto il diritto amministrativo per lamentarsi della lunghezza presumibilmente prolungata dei procedimenti amministrativi riguardo al titolo di proprietà dei richiedenti.
44. I richiedenti non erano d'accordo col Governo. Loro presentarono che, in procedimenti separati sotto l'Atto del 2004 (i procedimenti riguardo alle aree N. 1310 e 1314/1-vedere la richiesta n. 43934/07 pendente di fronte alla Corte), la Corte Regionale di Kielce aveva esaminato la loro azione di reclamo sotto l'Atto del 2004 sui meriti in circostanze simili. Loro non fecero commenti sulle osservazioni del Governo riguardo agli altri procedimenti.
45. La Corte reitera che sotto l’Articolo 35 § 1 della Convenzione, la Corte può trattare con azioni di reclamo solamente dopo che tutte le vie di ricorso nazionali sono state esaurite.
46. La Corte considera che i richiedenti erano stati costretti dall’ Articolo 35 § 1 della Convenzione a presentare un reclamo di una violazione del diritto ad un processo all'interno di un termine ragionevole presso la corte nazionale sotto l'Atto del 2004 a riguardo dei procedimenti per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche e dei procedimenti per il risarcimento. Loro erano anche obbligati dall’Articolo 35 § 1 della Convenzione ad usare la via di ricorso disponibile sotto il diritto amministrativo per lamentarsi della lunghezza dei procedimenti amministrativi. Comunque, loro non si giovarono di queste vie di ricorso.
47. Ne segue che questa parte della richiesta dei richiedenti a riguardo dei procedimenti summenzionati deve essere respinta sotto l’Articolo 35 §§ 1 e 4 della Convenzione per non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali.
48. Riguardo ai procedimenti per il recupero di proprietà, la Corte nota che solamente uno dei richiedenti pagò la parcella di corte per l'azione di reclamo in merito alla lunghezza.
La Corte nota che a quel tempo i richiedenti erano rappresentati da un avvocato e il tribunale nazionale non era obbligato a consigliare loro su come depositare o rimediare alle deficienze formali delle loro azioni di reclamo (per confronto e per contrasto Wende e Kukówka c. Polonia, n. 56026/00, § 54 del 10 maggio 2007)
49. Ne segue che questa parte della richiesta a riguardo dei richiedenti summenzionati, il Sig. M. T. ed il Sig. A. T., deve essere respinta sotto l’Articolo 35 §§ 1 e 4 della Convenzione per non-esaurimento delle via di ricorso nazionali.
50. La Corte nota inoltre che, in prospettiva della sentenza della Corte d'appello di Cracovia del 29 aprile 2005, una questione sorge riguardo a se il richiedente, il Sig. J. T. può ancora pretendere di essere una “vittima”, all'interno del significato dell’ Articolo 34 della Convenzione, di una violazione del suo diritto ad un'udienza all'interno di un termine ragionevole a riguardo dei procedimenti per recupero della proprietà. Nota, in questo collegamento che nella sua sentenza del 29 aprile 2005 la Corte d'appello di Cracovia trovò ingiustificato il ritardo nei procedimenti (vedere paragrafo 35 sopra) e gli accordò la soddisfazione equa nell'importo di PLN 1 che era il pieno importo che lui aveva chiesto a riguardo dei ritardi che erano accaduti nei procedimenti. Inoltre, i procedimenti in oggetto giunsero rapidamente ad una decisione definitiva (in meno di 10 mesi) dopo la consegna della sentenza definitiva nei procedimenti per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche (vedere paragrafi 25-26 sopra). Comunque, la Corte considera che questo problema è collegato da vicino alla sostanza dell'azione di reclamo del richiedente ed il suo esame dovrebbe essere congiunto perciò ai meriti della causa. Siccome l'azione di reclamo non è inammissibile per qualsiasi altro motivo, deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Il periodo da prendere in esame
51. I procedimenti civili per recupero di proprietà cominciarono il 15 aprile 1999 e terminarono il 27 dicembre 2007 con una decisione della Corte Regionale di Kielce (vedere paragrafo 26 sopra). Così, il periodo da prendere in esame durò 8 anni, 6 mesi e 14 giorni.
2. Le osservazioni delle parti
52. Il Governo presentò che la causa è stata molto complessa siccome le autorità nazionali avevano dovuto chiarire le circostanze legali e di fatto degli eventi che erano accaduti risalenti alla Seconda Guerra Mondiale. Era stato necessario ottenere ed esaminare numerosi documenti .
53. Il Governo ammise che i richiedenti non avevano contribuito alla lunghezza dei procedimenti.
54. Il Governo sostenne che i procedimenti per recupero di proprietà che erano stati avviati il 15 aprile 1999 hanno dovuto essere sospesi essendo pendente il risultato dei procedimenti per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche. Questi ultimi procedimenti erano stati, a turno, aggiornati essendo pendente il risultato dei procedimenti amministrativi. Secondo il Governo i procedimenti in oggetto erano infatti durati dal 15 aprile 1999 al 23 novembre 1999, quando la Corte Regionale di Kielce sospese i procedimenti essendo pendente il risultato dei procedimenti per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche e dal 28 giugno 2007 quando la corte riprese i procedimenti al 27 dicembre 2007, quando cessò i procedimenti. La lunghezza dei procedimenti corrispose solamente perciò, a dodici mesi. Il Governo affermò inoltre che i periodi durante i quali erano stati sospesi i procedimenti dovrebbero essere dedotti dal periodo complessivo.
55. I richiedenti non erano d'accordo col Governo. Loro presentarono che dopo le decisioni del 30 giugno 1997 del Governatore di Kielce, e successivamente, quelli del 19 novembre 1998 del Ministro dell'Agricoltura, la Tesoreria Statale avrebbe dovuto restituire la proprietà in oggetto senza ritardo. Infine, loro presentarono che la causa era stata esaminata con ritardo e loro avevano dovuto aspettare pressoché dieci anni prima che il loro titolo sulla proprietà fosse registrato nel registro dei terreni e delle ipoteche con la sentenza resa dalla Corte Regionale di Kielce il 1 marzo 2007.
3. La valutazione della Corte
56. La Corte reitera che la ragionevolezza della lunghezza di procedimenti deve essere valutata alla luce delle circostanze della causa e con riferimento ai seguenti criteri: la complessità della causa, la condotta del richiedente e delle autorità attinenti e la posta ingioco per il richiedente nella controversia (vedere, fra molte altre autorità, Frydlender c. Francia [GC], n. 30979/96, § 43 ECHR 2000-VII).
57. La Corte osserva che la causa comportò un certo grado di complessità. La Corte può accettare che dei ritardi nei procedimenti di fronte alla Corte Regionale di Kielce potrebbero essere spiegati col fatto che al tempo attinente la corte aveva dovuto sospendere i procedimenti sino alla consegna di una sentenza in procedimenti separati. Comunque, considera che questo non può giustificare in se stessa la lunghezza complessiva dei procedimenti.
58. Riguardo alla condotta del richiedente, la Corte avuto riguardo alle prove disponibili, non trova stabilito che il richiedente abbia contribuito sostanzialmente ai ritardi nei procedimenti.
59. Riguardo alla condotta delle autorità attinenti, la Corte osserva che i procedimenti, avviati il 15 aprile 1999, rimasero inattivi dal 23 novembre 1999 al 27 giugno 2007 poiché furono sospesi essendo pendente il risultato dei procedimenti separati.
60. La Corte non condivide la prospettiva del Governo per cui l’intero periodo durante il quale furono sospesi i procedimenti dovrebbe essere dedotto dalla lunghezza complessiva dei procedimenti. La Corte osserva inoltre che alcuni ritardi accaddero fra la data in cui i richiedenti presentarono la loro richiesta per la ripresa dei procedimenti alla Corte Regionale di Kielce il 20 gennaio 2003 e la data della decisione su questa questione il 21 marzo 2005 (vedere paragrafi 23-24 sopra).
61. La Corte nota che il richiedente, il Sig. J. Tarnowski si giovò a della procedura prevista per con diritto nazionale per riprendere i procedimenti in oggetto così come la procedura previde per con l'Atto del 2004 per accelerare i procedimenti.
62. La Corte osserva che questi sforzi rimasero senza successo, ed i procedimenti per recupero della proprietà sono rimasti sospesi, essenzialmente, come conseguenza di rivendicazioni civili alla proprietà sollevate nel contesto di procedimenti separati (vedere paragrafi 17-18 sopra).
63. Comunque, la Corte è della prospettiva che lo Stato non può essere ritenuto per responsabile per il periodo rimanente quando i procedimenti furono sospesi essendo pendente il risultato dei procedimenti per rettifica di una registrazione nel registro dei terreni e delle ipoteche. Era aperto al richiedente presentare un reclamo sotto l'Atto del 2004 negli ultimi procedimenti nella prospettiva di accelerarli poiché erano decisivi per i suoi diritti, ma lui non riuscì a fare così (vedere paragrafi 13-20 sopra).
64. Avendo riguardo a tutte le circostanze della causa, la Corte considera, che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
65. Infine, la Corte richiama che ha unito ai meriti della causa la questione se il richiedente, il Sig. J. T. potesse ancora pretendere di essere una vittima di una violazione della Convenzione (vedere paragrafo 50 sopra). Comunque, avendo riguardo alla sua conclusione sulla questione dell’Articolo 6, i la Corte costata che non è necessario determinare la questione dello status di vittima del richiedente.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
66. I richiedenti si lamentarono che i tribunali nazionali erano andati a vuoto nel prendere un’azione appropriata e veloce per ripristinare loro il possesso della loro proprietà. Si appellarono all’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che si legge:
““Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
67. Il Governo sollevò un’eccezione preliminare che i richiedenti non potevano pretendere di essere vittime di una violazione della Convenzione poiché loro avevano già ottenuto la soddisfazione equa all'interno del sistema nazionale. Loro avevano ottenuto la piena compensazione per qualsiasi ritardo nel far ripristinare loro il possesso della proprietà da parte dell’attuale occupante .
68. Sotto l'accordo che loro avevano concluso con la società riguardata, avevano venduto la proprietà in oggetto a questa ed avevano ottenuto il risarcimento per l'uso della loro proprietà senza titolo. Inoltre, il risarcimento sotto lo stesso titolo ma per un altro periodo di tempo fu assegnato ai richiedenti dalla Corte d'appello di Cracovia.
69. I richiedenti non erano d'accordo col Governo.
70. La Corte considera che l'eccezione del Governo è collegata da vicino alla sostanza dell’azione di reclamo dei richiedenti sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Il suo esame dovrebbe essere congiunto perciò ai meriti della causa. Siccome l'azione di reclamo non è inammissibile per qualsiasi altro motivo, deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
71. Il Governo presentò che i richiedenti non potevano pretendere di essere vittime di una violazione della Convenzione poiché loro avevano già ottenuto la soddisfazione all'interno del sistema nazionale. Il 1 marzo 2007 i richiedenti erano stati registrati come proprietari registro dei terreni e delle ipoteche. Il 19 novembre 2007 loro avevano venduto l’area n. 6271/03 all'attuale occupante e sulla base dello stesso accordo erano stati compensati per l'uso della loro proprietà senza titolo. Inoltre, il risarcimento sotto lo stesso titolo ma per un altro periodo di tempo era stato assegnato con la sentenza della Corte d'appello di Cracovia del 29 dicembre 2004.
72. Il Governo è dell'opinione che i richiedenti avevano ottenuto la piena compensazione per qualsiasi ritardo nel garantire loro il ripristino del possesso della proprietà. Non c'era stata perciò, interferenza col loro godimento tranquillo della proprietà per il quale il Governo avrebbe potuto essere ritenuto responsabile. Benché la proprietà dei richiedenti era rimasta per un periodo di proprietà della società pubblica, i loro diritti erano stati salvaguardati col diritto civile e loro avevano già ottenuto compensazione a livello nazionale.
73. I richiedenti no erano d'accordo col Governo. Loro presentarono che aree N. 6271/1 e 6271/2 non erano stati restituite loro nonostante il fatto che loro avevano un'aspettativa legittima di essere dichiarati i proprietari di quella parte della precedente area n. 6271. Loro sostennero che non era stato assegnato loro alcun risarcimento per il periodo dal 10 ottobre 1994, la data della ratifica della Polonia del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, al 31 dicembre 1996.
2. La valutazione della Corte
74. La Corte prima reitera che l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 contiene tre articoli distinti. Sono stati descritti così (in James ed Altri c. Regno Unito, sentenza del 21 febbraio 1986 Serie A n. 98, pp. 29-30, § 37; vedere anche, 31524/96, § 51 ECHR 2000-VI):
“Il primo articolo, esposto nella prima frase del primo paragrafo è di natura generale ed enuncia il principio del godimento tranquillo di proprietà; il secondo articolo, contenuto nella seconda frase del primo paragrafo copre la privazione di proprietà e la sottopone a certe condizioni; il terzo articolo, determinato nel secondo paragrafo, riconosce che agli Stati Contraenti viene concesso, fra le altre cose, il controllo dell'uso della proprietà in conformità con l'interesse generale... Comunque, i tre articoli non sono ‘' distinti nel senso di essere distaccati. Il secondo e il terzo articolo riguardano particolari casi di interferenza col diritto al godimento tranquillo della proprietà e dovrebbero essere costruiti perciò alla luce del principio generale enunciato nel primo articolo.”
75. La Corte indica che il concetto di “proprietà” nell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ha un significato autonomo (vedere Beyeler c. Italia [GC], n. 33202/96, § 100 ECHR 2000-I). Di conseguenza, il problema che ha bisogno da prima di essere esaminato è se le circostanze della causa, considerate nell'insieme, hanno conferito al richiedente un interesse effettivo protetto dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
76. In questo collegamento, la Corte nota, che l'azione di reclamo dei richiedenti si è concentrata sull'incapacità per godere di ciò che loro percepiscono come il loro diritto protetto dall’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Questa incapacità è stata il risultato del fatto che dopo le decisioni del Governatore di Kielce rese il 30 giugno 1997 ed del Ministro dell'Agricoltura rese il 19 novembre 1997 con cui fu riconosciuta la loro proprietà, loro dovevano intraprendere ulteriori procedimenti per essere in grado di godere effettivamente dei loro diritti che originavano da queste decisioni (vedere paragrafi 13-32 sopra).
77. La Corte nota che il Governatore di Kielce dichiarò che l’area n. 6271 non avrebbe dovuto essere soggetta all'espropriazione (vedere paragrafo 10 sopra). Sotto le disposizioni della legge polacca tale decisione avrebbe dovuto essere considerata come conferente ai richiedenti un interesse di proprietà riservato che rientra all'interno dell'ambito della proprietà all'interno del significato dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (vedere Bennich-Zalewski c. Polonia, n. 59857/00, sentenza del 22 aprile 2008 § 90).
78. La Corte reitera che in virtù dell’ Articolo 1 della Convenzione, ogni Parte Contraente deve, “garantire ad ognuno entro [la sua] giurisdizione i diritti e le libertà definite ... [nella] Convenzione.” L'obbligo di garantire l'esercizio effettivo dei diritti definito in questo strumento può dare luogo ad obblighi positivi per lo Stato (vedere, fra le altre autorità, X e Y c. Paesi Bassi, 26 marzo 1985 Serie A n. 91, p. 11, §§ 22-23). In simili circostanze, lo Stato non può rimanere semplicemente passivo e “non c'è... nessun motivo per distinguere fra atti ed omissioni” (vedere, mutatis mutandis, Airey c. Irlanda, 9 ottobre 1979 Serie A n. 32, p. 14, § 25).
79. Riguardo al diritto garantito dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, tali obblighi positivi possono coinvolgere certe misure necessarie per proteggere il diritto alla proprietà (vedere, fra le altre autorità e mutatis mutandis, López Ostra c. Spagna, 9 dicembre 1994 la Serie Un n. 303-C, p. 55, § 55), anche in casi riguardanti un contenzioso fra individui privati o società (vedere Anheuser-Busch Inc. c. il Portogallo [GC], n. 73049/01, § 83 ECHR 2007 -..., Sovtransavto Holding c. Ucraina, n. 48553/99, § 96, ECHR 2002-VII, e Bennich-Zalewski c. Polonia, citata sopra, § 92).
80. La Corte osserva che l'azione di reclamo dei richiedenti non si riferisce ad un semplice insuccesso da parte dello Stato di condurre dei procedimenti d’esecuzione a riguardo di una decisione giudiziale definitiva resa contro sé a favore del richiedente (a riguardo di questo obbligo, vedere Prodan c. Moldavia, n. 49806/99, ECHR 2004-III (estratti), e Lupacescu ed Altri c. Moldavia, N. 3417/02, 5994/02, 28365/02, 5742/03, 8693/03, 31976/03, 13681/03, e 32759/03 21 marzo 2006). Piuttosto, la loro azione di reclamo è che fu lasciato a loro di prendere misure tali da rendere possibile per loro di godere pienamente i vantaggi economici generati dai loro diritti scaturiti dalla decisione del Governatore di Kielce nel giugno 1997.
81. La Corte nota che la proprietà in oggetto, un'area di terreno, non era posseduta da qualsiasi autorità pubblica quando la decisione del Governatore di Kielce fu resa nel giugno 1997, o in qualsiasi periodo più tardi (per contrasto Zwierzyński c. Polonia, citata sopra, § 67, ECHR 2001-VI). Era posseduta dalla “Zakłady Energetyczne Okręgu Radomsko-Kieleckiego SA”, una società pubblica. Anche se lo Stato trattenne il 100% delle quote nella società, godeva ciononostante di completa autonomia operativa e finanziaria ed era governata dalle disposizioni del Codice Commerciale e dagli altri Atti attinenti (vedere paragrafo 8 sopra).
82. La Corte osserva che lo status della società ha un peso sulla natura degli obblighi dello Stato sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. In particolare, avendo riguardo e all'indipendenza operativa ed istituzionale dell'attuale occupante della proprietà dallo Stato, i secondi devono essere considerati essere assolti dalla responsabilità sotto la Convenzione per gli atti e le omissioni della società omissioni. Per la Corte, l'obbligo dello Stato nelle circostanze di questa causa è confinato ad assicurare l’ esecuzione effettiva della decisione che annullava l'espropriazione, mettendo in posto una struttura legale che renda possibile per richiedenti di recuperare il possesso della loro proprietà e stabilire le rivendicazioni che sorgono fra loro e l'entità di legge privata che era in possesso della proprietà al tempo della decisione contestata (vedere, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding c. Ucraina, citata sopra, § 96).
83. La Corte nota che sotto diritto nazionale era aperto ai richiedenti di far ricorso ai vari tipi di procedimenti per far implementare la decisione del 1997 in pratica e, in particolare, per far determinare le loro rivendicazioni e contro rivendicazioni da parte dei tribunali. I richiedenti erano ricorsi a questi, in primo luogo avviando procedimenti civili contro la Tesoreria Statale in cui loro chiesero danni da questa per l'uso della proprietà dopo il 29 settembre 1990 la data in cui la Corte Costituzionale aveva deciso su un quesito legale riguardo all’ interpretazione della sezione 2 § 1 (e) del Decreto sulla Riforma Agraria. La Corte d'appello decise in parte a loro favore ed assegnò loro la soddisfazione equa (vedere paragrafo 31 sopra). Era aperto ai richiedenti fare appello contro questa sentenza o avviare procedimenti civili nella prospettiva di ottenere il risarcimento per un ulteriore periodo, ma loro non riuscirono a fare così.
84. La Corte nota inoltre che i richiedenti avviarono con successo procedimenti per far registrare il loro titolo sull’area n. 6271/3 nel registro dei terreni e delle ipoteche. Era aperto ai richiedenti fare appello contro la sentenza della Corte Regionale a riguardo delle aree N. 6271/1 e 6271/2, ma loro non riuscirono a fare così (vedere paragrafo 18 sopra).
85. I richiedenti avviarono anche inoltre, con successo procedimenti per farsi restituire il possesso della loro proprietà. Loro vendettero la loro proprietà all'attuale occupante e fu assegnato a loro il risarcimento per l'uso dell'area per il periodo dal 20 aprile 2007 al 19 novembre 2007. A riguardo Del periodo dal 1 novembre 2000 al 20 aprile 2007 che non era stato coperto dalla direttiva della Corte d'appello le parti hanno deciso che sarebbe stato soggetto ad un altro accordo o a procedimenti civili. Perciò, era aperto ai richiedenti concludere più tardi un nuovo accordo riguardo al periodo o mettere la questione di fronte ai tribunali civili, ma loro non riuscirono a fare così (vedere paragrafo 31 sopra).
86. Quindi, il diritto nazionale offriva una struttura effettiva di carattere giudiziale con cui i richiedenti avrebbero potuto cercare di fare riconoscere in pratica il valore economico dei loro diritti generati dalla decisione del Governatore di Kielce del 30 giugno 1997 (vedere paragrafo 10 sopra).
87. Avendo riguardo alle circostanze della causa viste nell'insieme, la Corte è della prospettiva che lo Stato non è andato a vuoto nell’ attenersi col suo obbligo per garantire ai richiedenti il godimento effettivo dei loro diritti garantiti dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Per questo motivo, la Corte costata che è non necessario decidere sull'eccezione preliminare del Governo relativa alla mancanza di status di vittima (vedere paragrafi 67-68 sopra).
Non c'è stata perciò, nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
III. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
88. Infine, i richiedenti si lamentarono che l'Atto del 2004 non aveva offerto una via di ricorso effettiva contro la lunghezza eccessiva dei procedimenti. Loro si appellarono all’ Articolo 13 della Convenzione che prevede come segue:
“Ad ognuno i cui diritti e le libertà stabiliti [dalla] Convenzione vengono violati sarà concessa una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale nonostante la violazione sia stata commessa da persone agenti in veste ufficiale.”
89. La Corte nota che due dei richiedenti, il Sig. M. T. ed il Sig. A. T., non riuscirono a giovarsi delle vie di ricorso previste dall'Atto del 2004 (vedere paragrafi 40-51 sopra). Nota anche che solamente il Sig. J. T. si giovò a di queste vie di ricorso in riguardo dei procedimenti per il recupero della proprietà.
90. La Corte reitera che l’Articolo 13 garantisce una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale per una violazione addotta del requisito sotto l’Articolo 6 § 1 all’ascolto di una causa all'interno di un termine ragionevole. La Corte ha già trovato che la via di ricorso sotto l'Atto del 2004 è effettiva a riguardo della lunghezza di un’azione di reclamo dei procedimenti (vedere, Figiel c. Polonia (n. 1), n. 38190/05, 17 luglio 2008).
91. Ne segue che questa parte della richiesta è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Congiunge la questione dello status di vittima del Sig. J. T. ai meriti della sua azione di reclamo sotto l’Articolo 6 della Convenzione riguardo alla lunghezza eccessiva dei procedimenti per recupero della proprietà e dichiara l'azione di reclamo di questo richiedente ammissibile;
2. Congiunge ai meriti l'eccezione preliminare del Governo concernente la mancanza dei richiedenti dello status di vittime ai meriti della loro azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione e dichiara questa azione di reclamo ammissibile;
3. Dichiara il resto della richiesta inammissibile;
4. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e che non è necessario determinare, di conseguenza, la questione dello status di vittima del Sig. J. T.;
5. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della Convenzione;
6. Sostiene che non è necessario decidere sull’eccezione preliminare summenzionata del Governo.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 29 settembre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Lorenzo Early Nicolas Bratza
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.