Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ANTONOVI v. BULGARIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 20827/02/2009
STATO: Bulgaria
DATA: 01/10/2009
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

FIFTH SECTION
CASE OF ANTONOVI v. BULGARIA
(Application no. 20827/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
1 October 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Antonovi v. Bulgaria,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Renate Jaeger,
Karel Jungwiert,
Rait Maruste,
Mark Villiger,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Zdravka Kalaydjieva, judges,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 8 September 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 20827/02) against the Republic of Bulgaria lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by two Bulgarian nationals, Mrs S. K. A. and Mr K. S. A. (“the applicants”), on 7 May 2002.
2. The applicants were represented by Mr R. K., a lawyer practising in Popovo. The Bulgarian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mrs M. Dimova of the Ministry of Justice.
3. On 4 September 2007 the Court declared the application partly inadmissible and decided to communicate to the Government the applicants' complaint concerning the continued failure of the authorities to provide the applicants with an apartment in compensation for their expropriated property. It also decided to rule on the admissibility and merits of the remainder of the application at the same time (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicants were born in 1944 and 1935 respectively and live in Popovo.
5. By a mayor's order of 9 May 1988 the applicants' house in Popovo was expropriated with a view to developing the land as a residential area. The order was based on sections 95 and 98(1) of the Territorial and Urban Planning Act of 1973 (“the TUPA”) and provided that the applicants were to be compensated with a two-room flat in a building which the municipality intended to construct.
6. In 1989 the house expropriated from the applicants was demolished.
7. By an order of 19 April 1991, under section 103 of the TUPA, the mayor indicated the exact future flat with which the applicants were to be compensated. Its surface was to be 73 square metres.
8. On an unspecified date in 1991 the municipal authorities opened with the State Savings Bank a blocked housing bank account in the name of the applicants and deposited an amount corresponding to the value of their expropriated real property.
9. The construction of the building where the applicants' apartment was to be located started in 1994.
10. For an unspecified period the applicants lived in their son's flat (their son was allotted a municipal flat). Later they rented other accommodation and in 1996 were housed in a makeshift dwelling provided by the municipality.
11. On an unspecified date in 2000 the applicants brought an action for damages against the Popovo municipality for wrongful failure to fulfil its obligations to build and provide them with a flat.
12. On 8 January 2001 they complained to the President of the National Assembly about the failure of the municipality to provide them with a flat. On 27 March 2001 they filed a complaint with the President of the Republic.
13. In a final judgment of 27 May 2003 the courts awarded the applicants 6,750 new Bulgarian levs (BGN), the equivalent of approximately 3,500 euros (EUR), in respect of non-pecuniary damage. The indemnification covered the period 1991-2000. The courts held that the municipality's failure to provide the applicants with a flat was unlawful and that the situation of uncertainty had caused them to suffer mental anguish.
14. In another judgment - of 31 August 2005 - the applicants' claim for pecuniary damages (loss of rent which they would have received had they let the flat) was dismissed as the courts found that this was speculative.
15. In January 2006 the applicants accepted an offer by the municipality to be compensated with an apartment in a different building. The new flat which had a surface area of 64 square metres, was delivered to the applicants in August 2007.
16. In September 2007 the applicants brought an action against the Popovo municipality. They claimed BGN 7,940, which represented the difference between the value of the flat allotted to them originally and the flat they received eventually. It appears that these proceedings are still pending.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
17. The relevant domestic law and practice have been summarised in the Court's judgments in the cases of Kirilova and Others v. Bulgaria, nos. 42908/98, 44038/98, 44816/98 and 7319/02, §§ 72-83, 9 June 2005, and Lazarov v. Bulgaria, no. 21352/02, § 19, 22 May 2008.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
18. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 that for many years the authorities had failed to deliver the apartment to which they had been entitled as compensation for their expropriated property.
19. Article 1 of Protocol No. 1 provides:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
20. The Government argued that the applicants had ceased to be victims of the alleged violation because they had been awarded damages by the domestic courts. Further, the Government drew attention to the fact that the authorities had eventually delivered an apartment.
21. The applicants contested these arguments.
A. The Court's competence ratione temporis
22. The Court notes that the expropriation of the applicants' property was effected in 1988, that is before 7 September 1992 when the Convention entered into force in respect of Bulgaria. The Court therefore lacks competence ratione temporis to examine questions related to the deprivation of property. However, the alleged interference in the instant case does not concern the 1988 expropriation but the failure of the authorities to deliver an apartment to the applicants for many years. The Court finds that it has temporal jurisdiction to examine the issues pertaining to this failure (see Kirilova and Others v. Bulgaria, cited above, § 86).
B. Admissibility
23. The Court finds that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and not inadmissible on any other grounds. In particular, it does not accept the Government's argument that the applicants ceased to be victims of the alleged violation. For this to hold true, the authorities must have acknowledged and afforded adequate redress for the alleged breach of the Convention (see, mutatis mutandis, Morby v. Luxemburg (dec.), no. 27156/02, 13 December 2003). In the instant case, the domestic courts acknowledged that the authorities' failure to deliver an apartment had been unlawful and awarded the applicants non-pecuniary damages (see paragraph 13 above). However, their judgments only concerned the period before 2000 whereas the present complaint covers the period up to 2007 when the applicants received an apartment. Furthermore, the applicants did not receive any pecuniary damages. The Court thus considers that the applicants did not lose their status of victims of the alleged breach of Article 1 of Protocol No. 1.
24. In so far as the Government contend that the applicants failed to exhaust domestic remedies because they could have sought compensation for the period after 2000, the Court points out that in Kirilova and Others, cited above, § 116, it found that an action for damages could not directly compel the authorities to build and deliver the apartment due. Furthermore, as the applicants could not have predicted when the authorities would fulfil their obligation to build and deliver the apartment, they would have been periodically forced to lodge new actions and seek further compensation. The Court does not consider that they should have been expected to do this. It thus concludes that further actions for damages did not represent an effective remedy which the applicants should have exhausted.
25. The Court also notes that the proceedings in which the applicants sought compensation from the municipality for the difference in value between the apartment due to them and the apartment they eventually received are still pending (see paragraph 16 above). However, these proceedings do not concern redress for the authorities' failure, for many years, to deliver the apartment, which is at the heart of the present complaint.
26. The complaint must therefore be declared admissible.
C. Merits
27. The Court notes at the outset that the present case is very similar to Kirilova and Others and Lazarov, cited above.
28. In the instant case, as in those two cases, the applicants had a vested right to the flat due to them as compensation for their expropriated property, and were the victims of interference with their right to peaceful enjoyment of the possessions on account of the authorities' failure, over a long period of time, to deliver the real property.
29. As in Kirilova and Others and Lazarov, the Court considers that the situation in the present case comes within the scope of the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1, which lays down in general terms the principle of peaceful enjoyment of property (see Kirilova and Others, cited above, § 105, and Lazarov, cited above, § 28).
30. In order to ascertain whether a fair balance has been struck between the demands of the general interest and the need to protect the individual's fundamental rights, the Court must examine whether by reason of the authorities' inaction the applicants had to bear a disproportionate and excessive burden. In Kirilova and Others and in Lazarov the Court found that the fair balance required under Article 1 of Protocol No. 1 had not been achieved due to the long delays in providing the apartments, the authorities' passive attitude, and the long period of uncertainty endured by the applicants. Therefore, the applicants had to bear a special and excessive burden (see Kirilova and Others, cited above, § 123, and Lazarov, cited above, § 32). As the circumstances of the present case are identical, the Court sees no reason to reach a different conclusion. In particular, it does not consider that the eventual delivery of an apartment to the applicants, after a delay of more than sixteen years, and the partial compensation awarded in respect of the period up to 2000, could be seen as sufficient and timely steps capable of restoring the fair balance under Article 1 of Protocol No. 1 (see Lazarov, cited above, § 32).
31. It follows that there has been a breach of Article 1 of Protocol No. 1.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
32. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
33. In respect of damage, the Court finds it appropriate to adopt the same approach as in Kirilova and Others v. Bulgaria (just satisfaction), nos. 42908/98, 44038/98, 44816/98 and 7319/02, 14 June 2007, and Lazarov, cited above, §§ 37-45.
1. Pecuniary damage
34. The applicants claimed the following amounts: 1) 24,840 Bulgarian levs (BGN) in respect of rent which they would have received had they rented out the apartment between 1991 and 2007; 2) BGN 16,637.40 for losses allegedly resulting from the fact that they could not use the sums deposited in their State Savings Bank account (see paragraph 8 above); and 3) BGN 5,780 representing the difference in value between the apartment the applicants were entitled to and the one they received in 2007.
35. The Government did not express an opinion on the matter.
36. In respect of the alleged loss of rent, the Court observes that the applicants have not shown that they had had alternative housing and, consequently, that they would have let out the apartment. Furthermore, the applicants, who lived in their son's apartment and were later provided with temporary municipal housing, did not claim that they had incurred expenses in order to find accommodation while awaiting delivery of the flat. Their claims in respect of alleged loss of rent are thus unproven. Indeed, this was also the conclusion of the domestic courts (see paragraph 14 above).
37. As regards the alleged loss of earnings resulting from the fact that the money deposited in the applicants' housing savings account remained inoperative, the Court does not find a causal link between any such loss and the violation found in the present case. In particular, it is obvious that, had the municipality delivered on time the property due to the applicants, the amount in question would have been paid as early as 1991 or 1992 to cover the price of the flat (see Lazarov, cited above, § 42).
38. Nor does the Court find it necessary to award the applicants separate damages on account of the fact that they received a smaller flat, as the proceedings they brought to obtain damages in this respect are still pending (see paragraphs 15-16 above).
39. The Court nevertheless considers that the applicants have suffered a certain loss of opportunity on account of not having been able to use and enjoy the flat for a long period of time (see Kirilova and Others v. Bulgaria (just satisfaction), cited above, § 33). Ruling in equity, it awards the two applicants jointly EUR 3,000 under this head.
2. Non-pecuniary damage
40. In respect of non-pecuniary damage, the applicants claimed BGN 180,000. They submitted that they had suffered frustration and anxiety over a period of many years.
41. The Government did not comment.
42. The Court considers that the breach of Article 1 of Protocol No. 1 caused the applicants non-pecuniary damage arising out of the frustration suffered as a result, firstly, of the prolonged failure of the authorities to deliver the property to which they were entitled and, secondly, of the authorities' inability and reluctance to solve their problem for a long period of time (see Kirilova and Others v. Bulgaria (just satisfaction), cited above, § 37, and Lazarov, cited above, § 45). The applicants were further distressed by the need to live in worse conditions in a makeshift dwelling (see paragraph 10 above). The Court, ruling in equity, and also taking into account the fact that the applicants have already received EUR 3,500 in non-pecuniary damages (see paragraph 13 above), awards them jointly EUR 3,000.
B. Costs and expenses
43. The applicants did not submit claims for costs and expenses. Accordingly, the Court considers that there is no call to award them any sum under that head.
C. Default interest
44. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares admissible the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention concerning the prolonged failure of the authorities to provide the applicants with an apartment in compensation for their expropriated property;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No.1 to the Convention;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the two applicants jointly, within three months of the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 6,000 (six thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary and non-pecuniary damage, to be converted into Bulgarian levs at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 1 October 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President


TESTO TRADOTTO

QUINTA SEZIONE
CAUSA ANTONOVI C. BULGARIA
(Richiesta n. 20827/02)
SENTENZA
STRASBOURG
1 ottobre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Antonovi c. Bulgaria,
La Corte europea di Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente, Renate Jaeger Karel Jungwiert, Rait Maruste il Mark Villiger, Mirjana Lazarova Trajkovska, Zdravka Kalaydjieva, giudici,
e Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato l’8 settembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 20827/02) contro la Repubblica della Bulgaria depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da due cittadini bulgari, la Sig.ra S. K. A. e il Sig. K. S. A. (“i richiedenti”), il 7 maggio 2002.
2. I richiedenti sono stati rappresentati dal Sig. R. K., un avvocato che pratica a Popovo. Il Governo bulgaro (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente, la Sig.ra M. Dimova del Ministero di Giustizia.
3. Il 4 settembre 2007 la Corte dichiarò la richiesta parzialmente inammissibile e decise di comunicare al Governo l'azione di reclamo dei richiedenti riguardo all'insuccesso continuato delle autorità nel fornire ai richiedenti un appartamento in risarcimento per la loro proprietà espropriata. Decise anche di decidere sull'ammissibilità ed i meriti del resto della richiesta allo stesso tempo (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1944 e 1935 e vivono a Popovo.
5. Per ordine di un sindaco del 9 maggio 1988 l'alloggio dei richiedenti a Popovo fu espropriato con nella prospettiva dello sviluppo del terreno come zona residenziale. L'ordine è stato basato sulle sezioni 95 e 98(1) dell’Atto di Pianificazione Urbana e Territoriale del 1973 (“il TUPA”) e prevedeva che i richiedenti sarebbero stati ricompensati con un appartamento di due stanze in un edificio che il municipio intendeva costruire.
6. Nel 1989 l'alloggio espropriato dai richiedenti fu demolito.
7. Con un ordine del 19 aprile 1991, sotto la sezione 103 del TUPA il sindaco indicò l'esatto appartamento futuro col quale sarebbero stati compensati i richiedenti. La sua superficie doveva essere di 73 metri quadrati.
8. In una data non specificata nel 1991 le autorità municipali aprirono un conto bancario bloccato per l’alloggio presso la Banca Statale di Risparmio a nome dei richiedenti e depositarono un importo corrispondente al valore del loro bene immobile espropriato.
9. La costruzione dell'edificio dove l'appartamento dei richiedenti sarebbe stato ubicato cominciò nel 1994.
10. Per un periodo non specificato i richiedenti vissero nell'appartamento di loro figlio (a loro figlio fu assegnato un appartamento municipale). Più tardi affittarono un altro alloggio e nel 1996 furono alloggiati in un’abitazione di ripiego fornita dal municipio.
11. In una data non specificata nel 2000 i richiedenti portarono un'azione per danni contro il municipio di Popovo per errore d’insuccesso nell’ adempiere i suoi obblighi di costruire e fornire loro un appartamento.
12. L’ 8 gennaio 2001 si lamentarono presso il Presidente della Riunione Nazionale dell'insuccesso del municipio nel fornire loro un appartamento. Il 27 marzo 2001 loro registrarono un'azione di reclamo presso il Presidente della Repubblica.
13. In una sentenza definitiva del 27 maggio 2003 i tribunali assegnarono 6,750 nuovi lev bulgari ai richiedenti (BGN), l'equivalente di approssimativamente 3,500 euro (EUR), riguardo al danno morale. L'indennizzo copriva il periodo 1991-2000. I tribunali sostennero che l'insuccesso del municipio nel fornire ai richiedenti un appartamento era illegale e che la situazione d'incertezza aveva causato loro sofferenza ed angoscia mentale.
14. In un'altra sentenza - del 31 agosto 2005 - la rivendicazione dei richiedenti per danni materiali (perdita di affitto che loro avrebbero ricevuto se avessero affittato l'appartamento) fu respinto siccome i tribunali trovarono che questo era speculativo.
15. Nel gennaio 2006 i richiedenti accettarono un'offerta da parte municipio di essere compensati con un appartamento in un edificio diverso. Il nuovo appartamento che aveva un'area della superficie di 64 metri quadrati, fu consegnato ai richiedenti nell’ agosto 2007.
16. Nel settembre 2007 i richiedenti portarono un'azione contro il municipio di Popovo. Loro chiesero BGN 7,940 che rappresentavano la differenza fra il valore dell'appartamento assegnato originalmente a loro e l'appartamento che loro hanno ricevuto alla fine. Sembra che questi procedimenti siano ancora pendenti.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
17. Il diritto nazionale attinente e la pratica sono stati riassunti nelle sentenze della Corte nelle cause Kirilova ed Altri c. Bulgaria, N. 42908/98, 44038/98, 44816/98 e 7319/02, §§ 72-83, 9 giugno 2005, e Lazarov c. Bulgaria, n. 21352/02, § 19, 22 maggio 2008).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
18. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che dal molti anni le autorità andavano a vuoto nel consegnare l'appartamento che era stato concesso loro come risarcimento per la loro proprietà espropriata.
19. L’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 prevede:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
20. Il Governo dibatté che i richiedenti avevano cessato di essere vittime della violazione addotta perché a loro erano stati assegnati i danni dai tribunali nazionali. Inoltre, il Governo attrasse attenzione sul fatto che le autorità avevano consegnato infine un appartamento.
21. I richiedenti contestarono questi argomenti.
A. La competenza ratione temporis della Corte
22. La Corte nota che l'espropriazione della proprietà dei richiedenti fu effettuata nel 1988, cioè prima del 7 settembre 1992 quando la Convenzione entrò in vigore a riguardo della Bulgaria. La Corte manca perciò di competenza di ratione temporis per esaminare le questioni riferite alla privazione di proprietà. Comunque, l'interferenza addotta nella presente causa non riguarda l'espropriazione del 1988 ma l'insuccesso delle autorità nel consegnare un appartamento ai richiedenti per molti anni. La Corte costata che ha giurisdizione temporale per esaminare i problemi che concernono questo insuccesso (vedere Kirilova ed Altri c. Bulgaria, citata sopra, § 86).
B. Ammissibilità
23. La Corte costata che l'azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. In particolare, non accetta l'argomento del Governo per cui i richiedenti hanno cessato di essere vittime della violazione addotta. Per fare che questo sia ritenuto per vero le autorità hanno dovuto ammettere, e hanno dovuto riconoscere una compensazione adeguata per la violazione addotta della Convenzione (vedere, mutatis mutandis, Morby c. Lussemburgo (dec.), n. 27156/02, 13 dicembre 2003). Nella presente causa, i tribunali nazionali ammisero, che l'insuccesso delle autorità nel consegnare un appartamento era stato illegale ed aveva assegnato danni morali ai richiedenti (vedere paragrafo 13 sopra). I loro giudizi riguardavano comunque, solamente il periodo prima del 2000 mentre la presente azione di reclamo copre il periodo fino al 2007 quando i richiedenti ricevettero un appartamento. Inoltre, i richiedenti non ricevettero nessun danno materiale. La Corte considera così che i richiedenti non persero il loro status di vittime della violazione addotta dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
24. Nella misura in cui il Governo sostiene che i richiedenti non riuscirono ad esaurire le vie di ricorso nazionali perché avrebbero potuto chiedere il risarcimento del periodo dopo il 2000, la Corte indica che in Kirilova ed Altri, citata sopra, § 116, trovò che un'azione per danni non poteva obbligare direttamente le autorità a costruire e consegnare la quota di appartamento. Inoltre, siccome non poteva predire ai richiedenti quando le autorità avrebbero adempiuto il loro obbligo di costruire e consegnare l'appartamento, loro sarebbero stati costretti periodicamente a depositare nuove azioni e chiedere ulteriore risarcimento. La Corte non considera che ci si sarebbe dovuto aspettare da loro di fare questo. Conclude così che le ulteriori azioni per danni non rappresentavano una via di ricorso effettiva che avrebbero dovuto esaurire i richiedenti.
25. Infine la Corte nota anche che i procedimenti nei quali i richiedenti chiesero il risarcimento dal municipio per la differenza nel valore fra l'appartamento dovuto a loro e l'appartamento che loro hanno ricevuto sono ancora pendenti (vedere paragrafo 16 sopra). Comunque, questi procedimenti non riguardano i compensi per l'insuccesso delle autorità, per molti anni nel consegnare l'appartamento che è al cuore della presente azione di reclamo.
26. L'azione di reclamo deve essere dichiarata perciò ammissibile.
C. Meriti
27. La Corte nota all'inizio che la presente causa è molto simile a Kirilova ed Altri e Lazarov, citate sopra.
28. Nella presente causa, siccome i richiedenti avevano un diritto acquisito all’appartamento dovuto a loro come risarcimento in quelle due cause, per la loro proprietà espropriata, ed erano le vittime di un’interferenza col loro diritto al godimento tranquillo della proprietà a causa dell'insuccesso delle autorità, per un periodo lungo di tempo nel consegnare il bene immobile.
29. Come in Kirilova ed Altri e Lazarov, la Corte considera, che la situazione nella presente causa rientra all'interno della sfera della prima frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che enuncia in termini generali il principio di godimento tranquillo della proprietà (vedere Kirilova ed Altri, citata sopra, § 105, e Lazarov, citata sopra, § 28).
30. Per accertare se un equilibrio equo è stato previsto fra le richieste dell'interesse generale ed il bisogno di proteggere i diritti essenziali dell'individuo, la Corte deve esaminare se in ragione dell'inazione delle autorità i richiedenti hanno dovuto sopportare un carico sproporzionato ed eccessivo. In Kirilova ed Altri ed in Lazarov la Corte ha trovato che l'equilibrio equo richiesto sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non era stato realizzato a causa dei ritardi lunghi nell'offrire gli appartamenti, dell'atteggiamento passivo delle autorità, e del lungo periodo d'incertezza sopportato dai richiedenti. I richiedenti dovevano perciò, sopportare un carico speciale ed eccessivo (vedere Kirilova ed Altri, citata sopra, § 123, e Lazarov, citata sopra, § 32). Siccome le circostanze della presente causa sono identiche, la Corte non vede nessuna ragione di giungere ad una conclusione diversa. In particolare, non considera che l’eventuale consegna di un appartamento ai richiedenti, dopo un ritardo di più di sedici anni ed il risarcimento parziale assegnato a riguardo del periodo sino al 2000, possano essere considerati passi sufficienti ed opportuni capaci di ripristinare l'equilibrio equo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Lazarov, citata sopra, § 32).
31. Ne segue che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
II. L’APPLICAZIONE DELL0 ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
32. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
33. A riguardo del danno, la Corte trova appropriato adottare lo stesso approccio che in Kirilova ed Altri c. Bulgaria (soddisfazione equa), N. 42908/98, 44038/98, 44816/98 e 7319/02, 14 giugno 2007, e Lazarov citata sopra, §§ 37-45.
1. Danno materiale
34. I richiedenti chiesero i seguenti importi : 1) 24,840 lev bulgari (BGN) a riguardo dell’ affitto che loro avrebbero ricevuto se avessero affittato l'appartamento fra il 1991 ed il 2007; 2) BGN 16,637.40 per le perdite che sono presumibilmente il risultato del fatto che loro non potevano usare le somme depositate sul loro conto della Banca di Risparmio Statale (vedere paragrafo 8 sopra); e 3) BGN 5,780 che rappresentano la differenza nel valore fra l'appartamento assegnato ai richiedenti e quello che loro hanno ricevuto nel 2007.
35. Il Governo non espresse un'opinione sulla questione.
36. A riguardo della perdita addotta d’ affitto, la Corte osserva, che i richiedenti non hanno mostrato di aver un alloggio alternativo e, di conseguenza, che loro avrebbero affittato l'appartamento. Inoltre, i richiedenti che vissero nell'appartamento di loro figlio e a cui fu fornito più tardi un alloggio municipale provvisorio, non hanno affermato di essere incorsi in spese per trovare un alloggio attendendo la consegna dell'appartamento. Le loro rivendicazioni a riguardo della perdita addotta di affitto sono così non comprovate. Questa era anche effettivamente, la conclusione dei tribunali nazionali (vedere paragrafo 14 sopra).
37. Riguardo alla perdita addotta di guadagni come risultato del fatto che i soldi depositati sul conto di risparmio per l’alloggio dei richiedenti rimasto non operante, la Corte non trova un collegamento causale fra una qualsiasi simile perdita e la violazione trovata nella presente causa. In particolare, è ovvio che, se il municipio avesse consegnato in tempo la proprietà dovuta richiedenti, l'importo in oggetto sarebbe stato pagato già dal 1991 o 1992 per coprire il prezzo dell'appartamento (vedere Lazarov, citata sopra, § 42).
38. Né la Corte considera necessario assegnare danni separati i richiedenti a causa del fatto che loro hanno ricevuto un appartamento più piccolo, siccome i procedimenti che hanno introdotto per ottenere danni a questo riguardo sono ancora pendenti (vedere paragrafi 15-16 sopra).
39. La Corte considera ciononostante che i richiedenti hanno sofferto di una certa perdita d'opportunità per il fatto di non essere stati in grado di usare e di godere dell'appartamento per un periodo lungo di tempo (vedere Kirilova ed Altri c. Bulgaria (soddisfazione equa), citata sopra, § 33). Decidendo in equità, assegna congiuntamente ai due richiedenti EUR 3,000 sotto questo capo.
2. Danno morale
40. Riguardo al danno morale, i richiedenti chiesero BGN 180,000. Loro presentarono di aver sofferto di frustrazione e di ansia per un periodo di molti anni.
41. Il Governo non fece commenti.
42. La Corte considera che la violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 provocò ai richiedenti un danno morale generato dalla frustrazione subita come conseguenza, in primo luogo dell'insuccesso prolungato delle autorità nel consegnare la proprietà concessa loro e, in secondo luogo, dell'incapacità delle autorità e della riluttanza nel risolvere il loro problema per un periodo lungo di tempo (vedere Kirilova ed Altri c. Bulgaria (soddisfazione equa), citata sopra, § 37, e Lazarov, citata sopra, § 45). I richiedenti furono angosciati inoltre dal bisogno di vivere in peggiori condizioni in un una dimora di ripiego (vedere paragrafo 10 sopra). La Corte, decidendo in equità e prendendo anche in considerazione il fatto che i richiedenti hanno già ricevuto EUR 3,500 per danni morali (vedere paragrafo 13 sopra), assegna loro congiuntamente EUR 3,000.
B. Costi e spese
43. I richiedenti non presentarono rivendicazioni per costi e spese. Di conseguenza, la Corte considera che non c'è nessuna necessita di assegnare loro qualsiasi sommano sotto questo capo.
C. Interesse di mora
44. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui si dovrebbero aggiungere tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara ammissibile l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione riguardo all'insuccesso prolungato delle autorità nel fornire ai richiedenti un appartamento come risarcimento per la loro proprietà espropriata;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo No.1 alla Convenzione;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare congiuntamente ai due richiedenti, entro tre mesi della data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 6,000 (sei mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo del danno materiale e morale da convertire in lev bulgari al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificò per iscritto il 1 ottobre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento della Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.