Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF MERZHOYEV v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 35, P1-1

NUMERO: 68444/01/2009
STATO: Russia
DATA: 08/10/2009
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objections dismissed (non-exhaustion of domestic remedies, ratione personae) ; Preliminary objection allowed (ratione temporis) ; No violation of P1-1
FIRST SECTION
CASE OF MERZHOYEV v. RUSSIA
(Application no. 68444/01)
JUDGMENT
STRASBOURG
8 October 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Merzhoyev v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Nina Vajić, President,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens,
Giorgio Malinverni, judges,
and André Wampach, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 17 September 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 68444/01) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mr I. I. M. (“the applicant”), on 3 April 2001.
2. The applicant was represented by Ms S. A., a lawyer practising in Moscow. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr P. Laptev and Ms V. Milinchuk, former Representatives of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. The applicant complained of his inability to withdraw his savings deposited in the Chechen branch of the Savings Bank of Russia.
4. By a decision of 17 January 2008, the Court declared the application admissible.
5. The applicant and the Government each filed further written observations (Rule 59 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicant was born in 1949 and lives in Moscow.
A. Deposit of savings and attempts to recover them
7. On 15 May 1990, 13 March 1991 and 20 February 1992 the applicant, then a resident of Grozny, Chechnya, deposited 31,881.47, 30,000 and 24,500 Soviet roubles on behalf of his son, his daughter and himself respectively in three savings accounts with the Grozny branch of the Chechen Savings Bank, which was an integral part of the USSR Savings Bank.
8. In late 1994 hostilities began in Chechnya and the applicant left for Ingushetia. On 5 January 1995 he was registered as an internally displaced person by the Migration Service of the Sunzhenskiy District of Ingushetia.
9. It appears that at some point the applicant moved and settled in Moscow.
10. In early 1999 the applicant unsuccessfully requested the Savings Bank of Russia, the successor of the USSR Savings Bank, to transfer his indexed deposits to a branch in Moscow.
B. Court proceedings
11. Following the bank's refusal, the applicant brought a court action, seeking to have his deposits restored, indexed and transferred to the Moscow branch of the Savings Bank of Russia.
12. On 13 October 2000 the Gagarinskiy District Court of Moscow found against the applicant. The court confirmed the fact that during the period from 15 May 1990 until 20 February 1992 the applicant had made deposits on behalf of himself and his two children with the Grozny branch of the USSR Savings Bank and came to a conclusion acknowledging “the existence of obligations under the bank deposit agreements between the applicant and the Savings Bank”. The court continued:
“According to telegram no. 26-3-2/281a of the Central Bank of Russia dated 22 December 1997, branches of the Chechen Savings Bank were closed by virtue of a decision of the Management Board of the Savings Bank of Russia. These branches were removed from the State Register of Lending Agencies.
...
It is clear from the case file that all the branches of the Savings Bank of Russia in the territory of the Chechen Republic were wound up, and powers of attorney issued to the managers of [these branches] were revoked and annulled.
The aforementioned circumstances are confirmed by decision no. 127 of the Management Board of the Savings Bank of Russia dated 16 December 1996.
At present there is no [legal] mechanism which could enable the transfer of deposits from branches of the Savings Bank of the Chechen Republic to the Moscow branch of the Savings Bank of Russia.
In such circumstances [the applicant's] claim to restore and transfer his indexed deposits from ... the Chechen [Savings] Bank to the Moscow branch of the Savings Bank of Russia should be denied.”
13. On 26 December 2000 the Civil Section of the Moscow City Court upheld the judgment of 13 October 2000 on appeal.
14. Thereafter the applicant applied for supervisory review, but to no avail.
C. Further developments
1. Information submitted prior to the decision on admissibility
15. In their memorial of 1 April 2005 the Government informed the Court that between 21 January and 22 April 2002 the Government of the Chechen Republic within the territory of this republic, and the branches of the Savings Bank of Russia in any other regions of Russia, had made a list of the former depositors of the Chechen Savings Bank who had produced their savings books (сберегательные книжки).
16. On 15 April 2003 the Savings Bank of Russia commenced payment of compensation to those included on the list. As provided by governmental decree no. 117 of 19 February 2003, this procedure was applied in respect of savings deposited with the Chechen Savings Bank prior to 20 June 1991.
17. From 1 October 2003 until 31 March 2004 the authorities made an additional list of former depositors of the Chechen Savings Bank. In the Government's submission, “repayment of deposits to those included on the additional list would be made in the near future”.
2. Information submitted after the decision on admissibility
18. In their additional memorial of 31 March 2008 the Government informed the Court, in reply to its specific request to that end, that if the applicant's deposits had been paid to him on 13 October 2000, the date on which the Gagarinskiy District Court of Moscow had confirmed “the existence of obligations under the bank deposit agreements between the applicant and the Savings Bank”, he would have received the following amounts.
19. In respect of the deposit made on 15 May 1990, the applicant would have received 2,521.60 Russian roubles (RUB, approximately 60 euros (EUR)), comprising the sum of the original deposit and 40 per cent compensation totalling RUB 32.08, plus accrued interest of RUB 2,489.52.
20. As regards the deposit made on 13 March 1991, the applicant would have received a total of RUB 557.58 (approximately EUR 13), comprising the sum of the initial deposit of RUB 30 plus accrued interest of RUB 527.58.
21. In respect of the deposit made on 20 February 1992 the amount payable to the applicant would have been RUB 56.66 (approximately EUR 1.30), of which RUB 24.50 was the amount of the deposit and RUB 32.16 the accrued interest.
22. The Government further submitted a letter dated 21 March 2005 which the Savings Bank had addressed to the applicant, informing him that it was ready to pay all his deposits, along with the accrued interest, as well as preliminary compensation in respect of the deposit made on 15 May 1991, in accordance with governmental decree no. 343 of 9 July 2004 (see paragraph 27 below).
23. The Government also submitted a letter of 25 March 2003 addressed by the Savings Bank to the then Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights. The letter stated that on 21 March 2005 a representative of the bank had had a telephone conversation with the applicant and had invited him to go to the bank to settle the question of the payment of his deposits; however, the applicant had refused to accept the amounts due to him, deeming them insufficient, and had stated that he had been prepared to resolve the issue only on condition that he would be paid compensation equal to 19,282 United States dollars (USD).
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
24. In August 1996 the President of the Management Board of the Savings Bank of Russia (Председатель правления Сберегательного Банка России) ordered that all operations in respect of deposits with the Chechen Savings Bank be suspended until further notice.
25. By virtue of decision no. 127 of the Management Board of the Savings Bank of Russia dated 16 December 1996, the branches of the Savings Bank of Russia in the territory of the Chechen Republic were wound up and removed from the State Register of Lending Agencies. Powers of attorney issued to the managers of those branches were revoked and annulled.
26. By section 12 of decree no. 117 on payment to certain categories of citizens of the Russian Federation in 2003 of preliminary compensation (compensation) in respect of deposits with the Savings Bank of the Russian Federation and certain insurance organisations, dated 19 February 2003, the Government of Russia entitled the former depositors of the Chechen Savings Bank to compensation for deposits they had made prior to 20 June 1991. In particular, individuals who lived outside the territory of the Chechen Republic could obtain compensation in those branches of the Savings Bank which had put them on the list of former depositors of the Chechen Savings Bank.
27. Section 15 of governmental decree no. 343 on payment to certain categories of citizens of the Russian Federation in 2004 of preliminary compensation (compensation) in respect of deposits with the Savings Bank of the Russian Federation and certain insurance organisations, dated 9 July 2004, reproduces the provisions of section 12 of decree no. 117 of 19 February 2003 concerning compensation for deposits made prior to 20 June 1991 in the territory of the Chechen Republic. It contains no provisions relating to deposits made after 20 June 1991.
THE LAW
I. THE GOVERNMENT'S PRELIMINARY OBJECTIONS
A. Non-exhaustion of domestic remedies
28. In their additional memorial on the merits of the case, the Government contended that the applicant had not lodged any claim with the national courts concerning payment of his deposits, their index-linking in line with inflation or the incorrect calculation of interest, and that therefore he had failed to exhaust the available domestic remedies. In the Government's submission, they had not raised this objection earlier because this part of the application had not been communicated to them.
29. The Court reiterates that at the judgment stage it will not take cognisance of pleas of non-exhaustion unless the respondent State has already raised them in its written or oral observations on the admissibility of the application (see, among other authorities, K. and T. v. Finland [GC], no. 25702/94, § 145, ECHR 2001-VII, and N.C. v. Italy [GC], no. 24952/94, § 44, ECHR 2002-X). In the present case, it was open to the Government to raise their objection regarding non-exhaustion of domestic remedies in respect of any part of the application which they considered relevant. However, in their observations on the admissibility of the present application they failed to do so. Moreover, the Court cannot discern any exceptional circumstances that could have dispensed the Government from the obligation to raise their preliminary objection before the adoption of the Chamber's admissibility decision of 17 January 2008 (see Prokopovich v. Russia, no. 58255/00, § 29, 18 November 2004).
30. Consequently, the Government are stopped at this stage of the proceedings from raising the preliminary objection of failure to use the domestic remedy. It follows that the Government's preliminary objection must be dismissed.
B. Jurisdiction ratione temporis and ratione personae
31. In their additional memorial on the merits of the case, the Government argued that in so far as the present application concerned the events that had taken place prior to the ratification of the Convention by Russia, it was outside the Court's temporal jurisdiction.
32. In their memorial on the admissibility and merits of the case and in their additional memorial on the merits of the case, the Government further argued that the State was not responsible for the Savings Bank of Russia, which was now a joint stock commercial bank (акционерный коммерческий банк), and, in particular, for its obligations in respect of deposits. According to them, the Savings Bank effected the payment of deposits from its own funds, and the State did not interfere or finance the bank's activities. On the other hand, the Government stated that in the 1990s, during the period of galloping inflation, the State had assumed obligations to restore and pay compensation in respect of all deposits made in the Savings Bank prior to 20 June 1991, and subsequently payment of such deposits and compensation had been carried out from the funds allocated each year for that purpose in the federal budget, and that that payment had not been related to the events in the Chechen Republic and, in particular, the suspension of the activity of the Chechen Savings bank. In the Government's submission, it was an act of good will that the State assumed obligations concerning payment of that compensation, and therefore it was free to determine the amount of compensation to be paid, who should receive it, and the time-limits for its payment.
33. The Government also insisted that the State was not responsible for the absence of a mechanism for transferring funds from the former Chechen Savings Bank to any other branch of the Savings Bank of Russia. According to them, deposits could only be transferred by the bank, without any interference by the State. They also submitted that the domestic legislation imposed no obligation on the State or the Savings Bank of Russia to develop any specific mechanism for transferring the deposits.
34. The applicant disagreed with the Government and maintained his complaint. In so far as the State's responsibility was concerned, he argued that between 1990 and 1992 he had deposited his savings in the then State-owned Savings Bank of the USSR, that the Savings Bank of Russia was its legal successor, and that the State was therefore responsible for the bank and for the absence of a mechanism for transferring funds from the former Chechen Bank to any other branch of the Savings Bank of Russia. In support of his argument the applicant referred to the fact that the reimbursement of the deposits made in the Savings Bank was governed by legal instruments adopted by the Russian Government.
35. The Court reiterates that it may address questions of its jurisdiction at every stage of the proceedings to satisfy itself that it has jurisdiction in any case brought before it (see Blečić v. Croatia [GC], no. 59532/00, § 67, ECHR 2006-III). The Court further notes that, in its decision of 17 January 2008, it decided to join to the merits of the case the questions of its competence ratione temporis and ratione personae. Having regard to the circumstances of the case and the parties' arguments, the Court considers it appropriate to address these questions in its examination of the substance of the applicant's complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
36. The applicant complained under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention that he had been unable to have his deposits in the Savings Bank of Russia repaid for a long time and that his savings had suffered a significant depreciation because of inflation. The respective Article reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Submissions by the parties
1. The applicant
37. The applicant insisted that his property right secured by Article 1 of Protocol No. 1 had been violated. He argued that between 1995 and 2004, when the Government adopted decree no. 343 (see paragraph 27 above), he had been denied any access to his deposits.
38. The applicant did not dispute the Government's argument that he was now entitled to have all his deposits repaid, but argued that by virtue of decree no. 343 the amount of his savings, with compensation, would only be equal to RUB 1,054, corresponding to USD 37.40, whereas between 1990 and 1992 he had deposited an amount corresponding at that time to USD 14,832. In the applicant's submission, taking into account an interest rate of 3-4% per annum, he should have received a total sum of RUB 558,129.99 (approximately EUR 13,000) if his deposits had been paid to him in October 2000, when the Gagarinskiy District Court of Moscow had delivered its judgment. He further submitted that at present the total sum of his deposits should be equal to RUB 1,112,836.81 (approximately EUR 25,400).
2. The Government
39. The Government submitted that the activities of the Chechen Savings Bank had been suspended in August 1996 in view of the difficult political, economic and social situation in Chechnya, and that it had been impossible to resume the activity of the bank, as it had sustained significant pecuniary damage and had lost a considerable number of its primary documents and official seals, which could have enabled the falsification of claims concerning the reimbursement of deposits made with it. In such circumstances, in December 1996 the Management Board of the Savings Bank of Russia had taken a decision to wind up the Chechen Savings Bank. The Government thus argued, referring to these facts, that the Savings Bank of Russia had had no real opportunity to restore the applicant's savings deposited in the Chechen Savings Bank and transfer them to the Moscow branch of the Savings Bank of Russia and that it had had no intention of depriving the applicant of his possessions.
40. The Government further claimed that the Russian authorities, along with the Savings Bank of Russia, took steps aiming at identifying depositors of the Chechen Savings Bank with a view to repaying their deposits. In particular, in 2001-2002 the authorities had made a list of former depositors of the Chechen Savings Bank who had produced their savings books, and the applicant had been free to register himself on that list. The Government also submitted that it was now open to the applicant to receive his deposits and the accrued interest in any branch of the Savings Bank of Russia, on condition that he made an application and submitted his savings books. They also stated that under governmental decree no. 343 of 9 July 2004 the applicant could be entitled to compensation for inflation losses in respect of his deposits made prior to 20 June 1991. The Government did not reply to the Court's question whether the applicant was entitled to any compensation in respect of his deposit made on 20 February 1992.
41. The Government thus argued that the interference with the applicant's right to withdraw his savings had been of a temporary nature and in the public interest, given the difficult situation in the Chechen Republic in the middle of the 1990s and the possibility of falsification of claims concerning the reimbursement of deposits made with the Chechen Savings Bank.
42. As regards the applicant's argument that his deposits had significantly depreciated in value, the Government relied on the Court's established case-law, stating that the Convention did not guarantee the right to acquire possessions, or the right to have the purchasing power of the national currency maintained by the State.
B. The Court's assessment
43. The Court observes that some of the events referred to by the applicant took place before 5 May 1998, the date of the ratification of the Convention by Russia, and considers it appropriate to distinguish two periods for the purpose of examining the present case.
1. Events before 5 May 1998
44. The Court observes at the outset that in 1996 the management bodies of the Savings Bank of Russia decided to ban for an indefinite period any operations in respect of deposits made with the Chechen Savings Bank, and then to wind it up. Those decisions, which both pre-dated the ratification of the Convention by Russia, served as the basis for the Savings Bank's repeated refusal to return the applicant's deposits and constituted therefore an interference with the applicant's property rights. The Court further considers that such interference amounted to a de facto deprivation of the applicant's possessions since the right of the depositors of the Chechen Savings Bank, including the applicant, to dispose of their funds was de facto extinguished by virtue of the aforementioned two decisions (see Cherkashin v. Russia (partial decision), no. 7412/02, 30 March 2006, and Pupkov v. Russia (dec.), no. 42453/02, 17 January 2008).
45. The Court reiterates in this connection that the deprivation of property is an instantaneous act and does not produce a continuing situation of “deprivation” of these rights (see Blečić, cited above, § 86). It therefore finds that it has no jurisdiction ratione temporis to examine the applicant's complaint in so far as it relates to the events that took place prior to 5 May 1998 (see Cherkashin and Pupkov, both cited above).
2. Events after 5 May 1998
46. Having regard to its above finding that the applicant had been deprived of his property prior to the ratification of the Convention by Russia and that this had been an instantaneous act not creating any continuing situation, the Court has to ascertain whether, in the period subsequent to the entry into force of the Convention in respect of Russia, Article 1 of Protocol No. 1 was applicable in the circumstances of the present case and, if so, whether it was complied with.
(a) Applicability of Article 1 of Protocol No. 1
47. The Court reiterates that, according to its established case-law, “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 can be either “existing possessions” or assets, including claims, in respect of which the applicant can argue that he or she has at least a “legitimate expectation” of obtaining effective enjoyment of a property right. By contrast, the hope of recognition of a property right which it has been impossible to exercise effectively cannot be considered a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see Kopecký v. Slovakia [GC], no. 44912/98, § 35, ECHR 2004-IX, and the authorities cited therein).
48. In the present case, the Court has established above that the applicant's rights to his deposits were extinguished by relevant decisions taken in 1996. It is therefore clear that on the date of the entry into force of the Convention in respect of Russia, the applicant had at best a mere hope of recovering his savings rather than any substantive interest protected by Article 1 of Protocol No. 1 (see Cherkashin and Pupkov, both cited above). However, in 2000 the domestic courts at two levels of jurisdiction established “the existence of obligations” under the bank deposit agreements between the applicant and the Savings Bank (see paragraphs 12 and 13 above). The Court therefore considers that the applicant's claim was sufficiently established to constitute an asset within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see, by contrast, Cherkashin and Pupkov, both cited above).
49. The Court further observes that in their decisions the domestic courts did not specify the amount which the applicant could have obtained, and therefore the scope of his newly acquired property remained unclear. In that respect, the parties presented conflicting arguments. The Government indicated that if the applicant's three deposits had been paid to him on the date on which the first-instance court adopted its judgment, the applicant would have received RUB 2,521.60, RUB 557.58 and RUB 56.66 respectively (see paragraphs 18-21 above). The applicant disagreed, stating that in 1990-1992 when he had deposited his savings, their total value amounted to the equivalent of USD 14,832, and that therefore on the date of the adoption of the first-instance judgment he should have received a total sum of RUB 558,129.99, taking into account an interest rate of 3-4% per annum.
50. The Court does not find the applicant's arguments convincing. It has already noted above that in 1996 the applicant was de facto deprived of his deposits and that he had no more than a mere hope for their recovery until 2000, when a new entitlement to his deposits was created by virtue of the domestic courts' decisions. In such circumstances, it is reasonable to assume that the amount which the applicant could reasonably have expected to receive should be calculated on the basis of the realities of 2000 rather than those of 1990-1992, and should therefore be comparable with an amount that any other depositor of the Savings Bank of Russia could have received in 2000. In this latter respect the Court notes the Government's argument that payments to former depositors of the USSR Savings Bank were being made from the federal budget in the amount defined by the State (see paragraph 32 above). It therefore accepts that the amounts the applicant could legitimately have expected to receive in 2000 were equal to those indicated by the Government in paragraphs 19-21. As to the applicant's complaint about the loss in value of his deposits, the Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 does not oblige a State to maintain the purchasing power of sums deposited with financial institutions (see Appolonov v. Russia (dec.), no. 67578/01, 29 August 2002).
51. Having regard to the foregoing, the Court concludes that starting from 26 December 2000, when the judgment of the Gagarinskiy District Court of Moscow of 13 October 2000 was upheld on appeal and became final, the applicant had a legitimate expectation of securing the reimbursement of his deposits in the amount of RUB 2,521.60, RUB 557.58 and RUB 56.66 respectively.
(b) Compliance with Article 1 of Protocol No. 1
52. The Court observes that whilst acknowledging the applicant's entitlement to the deposits, the domestic courts refused to grant any of his claims with reference to the absence of a legal mechanism which would have enabled the transfer of the applicant's deposits from the former Chechen Savings Bank (see paragraph 12 above). Such reasoning clearly demonstrated the need for relevant legal instruments to be adopted on the issue in question. In other words, the problem of the deposits in the former Chechen Savings Bank required intervention by the State in the absence of which it was impossible for the applicant to benefit from that entitlement in any respect.
53. In this connection, turning to the Government's preliminary objection ratione personae (see paragraphs 32 and 33 above), the Court notes that, in the present case, it is not called upon to decide whether the State is to be held liable for the debts of the Savings Bank of Russia, which is now a publicly owned private commercial bank; what is in issue is the State's alleged failure to take adequate steps to secure the applicant's property rights to his deposits. The Court therefore rejects this objection.
54. The Court further observes that on 19 February 2003 the Russian Government adopted their decree which for the first time addressed, among other things, the matter of payments to depositors of the former Chechen Savings Bank. The Court considers that it was on that date rather than on 9 July 2004, as alleged by the applicant, that he was given free access to his deposits. Accordingly, the period during which the applicant was unable to enjoy his property rights in respect of his savings lasted from 26 December 2000, when the first-instance judgement conferring on the applicant an entitlement to his deposits became final, until 19 February 2003, when the Russian Government authorised payments to depositors of the former Chechen Savings Bank.
55. The Court further has to ascertain whether the conduct of the Russian authorities in the present case was justified under Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention. In this connection, it notes the Government's arguments concerning the difficult political, economic and social situation in the Chechen Republic and the loss by the Savings Bank of a considerable number of its primary documents and official seals following the outbreak of the hostilities in the region, which could have entailed falsification of claims for reimbursement of deposits made in the Chechen Republic. The Court is prepared to accept that the circumstances referred to by the Government may have warranted imposing a limitation on access by the depositors of the former Chechen Savings Bank to their accounts, and that the conduct of the Russian authorities respected the principle of lawfulness and was in the public interest. It remains to be decided whether a fair balance was struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the applicant's rights secured by Article 1 of Protocol No. 1, or, in other words, whether, taken overall, the applicant can be said to have suffered an “individual and excessive burden” (see James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 50, Series A no. 98).
56. The Court observes first of all that the applicant's inability to make use of his deposits was of a temporary nature, having lasted a little more than two years (see paragraph 54 above), and that at present he can freely access his savings, a fact which is not in dispute between the parties. Furthermore, although temporarily inaccessible for the applicant, his deposits yielded interest, which by now exceeds the sums of the initial deposits (see paragraphs 19-21 above). The Court also does not overlook the fact that, as pointed out by the Government, the applicant is entitled, like any other depositor of the Savings Bank of Russia, to compensation in connection with inflation losses in respect of his savings deposited before 20 June 1991. In such circumstances, the Court is unable to conclude that the applicant was required to suffer an “individual and excessive burden”.
57. Overall, having regard to the difficulties encountered by the Russian Government in connection with the hostilities in the Chechen Republic, on the one hand, and to the relevant factors in the situation with the applicant's deposits, on the other hand, the Court finds that a fair balance was struck between the general interest of the community and the applicant's property interests.
58. Accordingly, there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 in the instant case.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Dismisses the Government's preliminary objections concerning the exhaustion of domestic remedies and the Court's competence ratione personae;
2. Accepts the Government's preliminary objection concerning the Court's competence ratione temporis in so far as the events prior to 5 May 1998 are concerned and holds that it is unable to consider the merits of that part of the case;
3. Holds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in so far as the events after 5 May 1998 are concerned.
Done in English, and notified in writing on 8 October 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
André Wampach Nina Vajić
Deputy Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Obiezioni preliminari respinte (non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali, ratione personae); obiezione Preliminare ammessa (ratione temporis); Nessuna violazione di P1-1
PRIMA SEZIONE
CAUSA MERZHOYEV C. RUSSIA
(Richiesta n. 68444/01)
SENTENZA
STRASBOURG
8 ottobre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Merzhoyev c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Nina Vajić, Presidente, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, Giorgio Malinverni, giudici,
ed André Wampach, Cancelliere Aggiunto di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 17 settembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 68444/01) contro la Federazione russa depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, la Sig. I. I. M. (“la richiedente”), il 3 aprile 2001.
2. La richiedente è stata rappresentato col Sig.ra S. A., un avvocato che pratica a Mosca. Il Governo russo (“il Governo”) è stato rappresentato dal Sig. P. Laptev e dalla Sig.ra V. Milinchuk, Rappresentanti precedenti della Federazione russa presso la Corte europea dei Diritti umani.
3. La richiedente si lamentò della sua incapacità di ritirare i suoi risparmi depositati nella filiale di Cecenia della Banca del Risparmio Russia.
4. Con una decisione del 17 gennaio 2008, la Corte dichiarò la richiesta ammissibile.
5. La richiedente ed il Governo entrambi presentarono inoltre delle osservazioni scritte (Articolo 59 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. La richiedente nacque nel 1949 e vive a Mosca.
A. Deposito dei risparmi e tentativi per recuperarli
7. Il 15 maggio 1990, il 13 marzo 1991 e il 20 febbraio 1992 la richiedente, poi un residente di Grozny, Chechnya depositò rispettivamente 31,881.47, 30,000 e 24,500 rubli sovietici a nome di suo figlio, di sua figlia e di se stessa su tre conti di risparmio della filiale di Grozny della Banca di Risparmio di Cecenia che era una parte integrante della Banca di Risparmio dell’URSS .
8. Nel tarde 1994 le ostilità incominciarono in Cecenia e la richiedente partì per Ingushetia. Il 5 gennaio 1995 fu registrata come una persona deportata internamente dal Servizio Migrazione del Distretto di Sunzhenskiy di Ingushetia.
9. Sembra che ad un certo punto la richiedente si trasferì e si stabilì a Mosca.
10. Nel primo 1999 la richiedente richiese inutilmente alla Banca di Risparmio della Russia, il successore della Banca di Risparmio dell’URSS, di trasferire i suoi depositi indicizzati presso una filiale di Mosca.
B. Atti
11 A seguito del rifiuto della banca, la richiedente introdusse un'azione di corte, cercando di far ripristinare i suoi depositi, indicizzati e trasferiti alla filiale della Banca di Risparmio della Russia di Mosca.
12. Il 13 ottobre 2000 la Corte distrettuale di Gagarinskiy di Mosca si espresse contro la richiedente. La corte confermò il fatto che durante il periodo dal 15 maggio 1990 fino al 20 febbraio 1992 la richiedente aveva fatto depositi per suo contro e per conto dei suoi due figli presso la filiale di Grozny della Banca di Risparmio dell'URSS e giunse alla conclusione che riconosceva “l'esistenza di obblighi sotto gli accordi di deposito bancario fra la richiedente e la Banca di Risparmio.” La corte continuò:
“Secondo il telegramma n. 26-3-2/281a della Banca Centrale della Russia datato 22 dicembre 1997, la filiale di Cecenia della Banca di Risparmio furono chiusa in virtù di una decisione del Consiglio di Gestione della Banca di Risparmio della Russia. Queste filiali furono rimosse dal Registro Statale dell’ AGENZIA di Prestiti .
...
È chiaro dall'archivio della causa che tutte le filiali della Banca di Risparmio della Russia nel territorio della Repubblica di Cecenia sono stati chiuse, ed sono state emesse revoche ed annullamenti delle procure ai direttori di [queste filali ].
Le circostanze summenzionate sono confermate dalla decisione n. 127 del Consiglio di Gestione della Banca di Risparmio della Russia datata 16 dicembre 1996.
Non c'è attualmente nessun meccanismo [legale] tale da permettere il trasferimento di depositi da filiali della Banca di Risparmio della Repubblica di Cecenia alla filiale di Mosca della Banca di Risparmio della Russia.
In simili circostanze la rivendicazione [della richiedente] per ripristinare e trasferire i suoi depositi indicizzati da... dalla Banca di Risparmio di Cecenia alla filiale di Mosca della Banca di Risparmio della Russia dovrebbe essere negata.”
13. Il 26 dicembre 2000 la Sezione Civile della Corte Urbana di Mosca sostenne la sentenza del 13 ottobre 2000 su ricorso.
14. Da allora in poi la richiedente fece domanda per una revisione direttiva, ma inutilmente.
C. Ulteriori sviluppi
1. Informazioni presentate prima della decisione sull’ ammissibilità
15. Nella loro nota del 1 aprile 2005 il Governo informò la Corte che fra il 21 gennaio e il 22 aprile 2002 il Governo della Repubblica di Cecenia all'interno del territorio di questa repubblica, e le filiali della Banca di Risparmio della Russia in qualsiasi altra regione della Russia, aveva fatto una lista dei precedenti depositanti della Banca di Risparmio di Cecenia che avevnoa prodotto i loro libretti di risparmio (сберегательные книжки).
16. Il 15 aprile 2003 la Banca di Risparmio della Russia cominciò il pagamento del risarcimento a quelli inclusi nella lista. Come previsto da un decreto governativo n. 117 del 19 febbraio 2003, questa procedura fu applicata riguardo ai risparmi depositati dalla Banca di Risparmio di Cecenia prima del 20 giugno 1991.
17. Dal 1 ottobre 2003 sino al 31 marzo 2004 le autorità hanno fatto una lista supplementare di precedenti depositanti della Banca di Risparmio di Cecenia. Nell'osservazione del Governo, “il rimborso dei depositi a colori inclusi nella lista supplementare sarebbe stato fatto a breve nel prossimo futuro.”
2. Informazioni presentate dopo la decisione sull’ ammissibilità
18. Nella loro nota supplementare del 31 marzo 2008 il Governo informò la Corte, in replica alla sua specifica richiesta a questo fine che se i depositi della richiedente le fossero stati pagati il 13 ottobre 2000, la data in cui aveva confermato la Corte distrettuale di Gagarinskiy di Mosca “l'esistenza di obblighi sotto gli accordi di deposito di banca fra la richiedente e la Banca di Risparmio”, avrebbe ricevuto i seguenti importi.
19. Riguardo al deposito fatto il 15 maggio 1990, la richiedente avrebbe ricevuto 2,521.60 rubli russi (RUB, approssimativamente 60 euro (EUR)), comprendenti la somma del deposito originale più il 40 per cento per risarcimento, totalizzante RUB 32.08, più l'interesse maturato di RUB 2,489.52.
20. Riguardo al deposito fatto il 13 marzo 1991, la richiedente avrebbe ricevuto un totale di RUB 557.58 (circa EUR 13), comprendente la somma del deposito iniziale di RUB 30 più l'interesse maturato di RUB 527.58.
21. Riguardo al deposito fatto il 20 febbraio 1992 l'importo pagabile al richiedente sarebbe stato RUB 56.66 (circa EUR 1.30) di cui RUB 24.50 era l'importo del deposito e RUB 32.16 l'interesse maturato.
22. Il Governo presentò inoltre una lettera datata 21 marzo 2005 che la Banca di Risparmio aveva indirizzato al richiedente, informandolo che era pronta a pagare tutti i suoi depositi, insieme all'interesse maturato così come il risarcimento preliminare riguardo al deposito fatto il 15 maggio 1991, in conformità al decreto governativo n. 343 del 9 luglio 2004 (vedere paragrafo 27 sotto).
23. Il Governo presentò anche una lettera del 25 marzo 2003 indirizzata dalla Banca di Risparmio al successivo Rappresentante della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani. La lettera affermava che il 21 marzo 2005 un rappresentante della banca aveva avuto una conversazione telefonica con la richiedente e l'aveva invitata ad andare alla banca per risolvere la questione del pagamento dei suoi depositi; comunque, la richiedente aveva rifiutato di accettare gli importi dovutole , ritenendoli insufficienti, ed aveva affermato di essere pronta a chiarire il problema solamente a condizione che le venisse pagato un risarcimento pari a 19,282 dollari di Stati Uniti (USD).
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
24. Nell’ agosto 1996 il Presidente del Consiglio di Gestione della Banca di Risparmio della Russia (Председатель правления Сберегательного Банка России) ordinò che tutte le operazioni riguardo ai depositi da parte della Banca di Risparmio di Cecenia venissero sospese fino a nuovo avviso.
25. In virtù della decisione n. 127 del Consiglio di Gestione della Banca di Risparmio della Russia datata 16 dicembre 1996, le filiali della Banca di Risparmio della Russia nel territorio della Repubblica di Cecenia furono chiuse e rimosse dal Registro Statale dell’AGENZIA dei prestiti. Le procure emesse ai direttori di quelle filiali furono revocate e furono annullate.
26. Con la sezione 12 del decreto n. 117 su pagamento a certe categorie di cittadini della Federazione russa nel 2003 del risarcimento preliminare (risarcimento) a riguardo dei depositi presso la Banca di Risparmio della Federazione russa e certe organizzazioni di assicurazione, datata 19 febbraio 2003, il Governo della Russia diede un titolo ai depositanti precedenti della Banca di Risparmio di Cecenia al risarcimento dei depositi che loro avevano fatto prima del 20 giugno 1991. In particolare, individui che vivevano fuori del territorio della Repubblica di Cecenia avrebbero potuto ottenere il risarcimento in quelle filiali della Banca di Risparmio che li avevano messi sulla lista dei precedenti depositanti della Banca di Risparmio di Cecenia.
27. La Sezione 15 del decreto governativo n. 343 sul pagamento a certe categorie di cittadini della Federazione russa nel 2004 del risarcimento preliminare (risarcimento) riguardo ai depositi presso la Banca di Risparmio della Federazione russa e a certe organizzazioni di assicurazione, datato 9 luglio 2004, riproduce le disposizioni della sezione 12 del decreto n. 117 del 19 febbraio 2003 riguardo al risarcimento per i depositi fatti prima del 20 giugno 1991 nel territorio della Repubblica di Cecenia. Non contiene disposizioni relative a depositi fatti dopo il 20 giugno 1991.
LA LEGGE
I. LE OBIEZIONI PRELIMINARI DEL GOVERNO
A. Non- esaurimento delle vie di ricorso nazionali
28. Nella sua nota supplementare sui meriti della causa, il Governo sostenne, che la richiedente non aveva depositato nessuna rivendicazione presso i tribunali nazionali riguardo al pagamento dei suoi depositi, il loro collegamento all’ indice in linea con l'inflazione o il calcolo incorretto dell’ interesse, e che perciò non era riuscita ad esaurire le vie di ricorso nazionali disponibili. Nell'osservazione del Governo, non aveva sollevato questa obiezione prima perché questa parte della richiesta non gli era stata comunicata.
29. La Corte reitera che allo stadio del giudizio non prenderà in conoderazione delle dichiarazioni di non-esaurimento a meno che lo Stato rispondente li abbia già sollevati nelle sue osservazioni scritte od orali sull'ammissibilità della richiesta (vedere, fra le altre autorità, K. e T. c. Finlandia [GC], n. 25702/94, § 145, ECHR 2001-VII, e N.C. c. Italia [GC], n. 24952/94, § 44 ECHR 2002-X). Nella presente causa, era aperto al Governo sollevare la sua difficoltà riguardo al non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali riguardo a qualsiasi parte della richiesta che considerava attinenti. Nelle sue osservazioni sull'ammissibilità della presente richiesta non riuscì comunque, a fare così. Inoltre, la Corte non può discernere qualsiasi circostanza eccezionale che avrebbe potuto dispensare il Governo dall'obbligo di sollevare la sua obiezione preliminare prima dell'adozione della decisione di ammissibilità della Camera del 17 gennaio 2008 (vedere Prokopovich c. Russia, n. 58255/00, § 29 18 novembre 2004).
30. Di conseguenza, il Governo non può a questo stadio dei procedimenti sollevare delle obiezioni preliminari di insuccesso nell’utilizzo della via di ricorso nazionale. Ne segue che l'obiezione preliminare del Governo deve essere respinta.
B. Giurisdizione ratione temporis e ratione personae
31. Nella sua nota supplementare sui meriti della causa, il Governo dibatté, che per quanto la presente richiesta riguardava gli eventi che avevano avuto luogo prima della ratifica della Convenzione da parte della Russia, era fuori dalla giurisdizione temporale della Corte.
32. Nella sua nota sull'ammissibilità e sui meriti della causa e nella sua nota supplementare sui meriti della causa, il Governo dibatté inoltre, che lo Stato non era responsabile per la Banca Di Risparmio della Russia che ora era una banca commerciale per azioni (акционерный коммерческий банк) e, in particolare, per i suoi obblighi riguardo ai depositi. Secondo lui, la Banca di Risparmio effettuò il pagamento dei depositi con i suoi propri finanziamenti, e lo Stato non interferì o finanziò le attività della banca. D'altra parte il Governo affermò che negli anni novanta, durante il periodo d'inflazione galoppante lo Stato aveva assunto degli obblighi per ripristinare e pagare il risarcimento riguardo di tutti i depositi fatti nella Banca di Risparmio prima del 20 giugno 1991, e successivamente il pagamento di simili depositi ed il risarcimento era stato eseguito dai finanziamenti assegnati ogni anno a quel fine nel bilancio federale, e che questo pagamento non aveva avuto riferimento agli eventi nella Repubblica di Cecenia e, in particolare, la sospensione dell'attività della banca di Risparmio della Cecenia. Nell'osservazione del Governo, era un atto di buona volontà che lo stato si assumesse gli obblighi riguardo al pagamento di quel risarcimento, e perciò era libero di determinare l'importo del risarcimento da pagare, che avrebbe dovuto riceverlo ed i tempi-limiti per il suo pagamento.
33. Il Governo insistette anche che lo Stato non era responsabile per l'assenza di un meccanismo per il trasferimento di fondi della precedente Banca di Risparmio della Cecenia a qualsiasi altra filiale della Banca di Risparmio della Russia. Secondo lui, i depositi avrebbero potuto essere trasferiti solamente dalla banca senza qualsiasi interferenza dello Stato. Presentò anche che la legislazione nazionale non imponeva obbligo sullo Stato o sula Banca di Risparmio della Russia di sviluppare qualsiasi specifico meccanismo per trasferire i depositi.
34. La richiedente non era d'accordo col Governo e sostenne la sua azione di reclamo. Per quanto riguarda la responsabilità dello Stato dibatté che fra il 1990 ed il 1992 aveva depositato i suoi risparmi nella Banca di Risparmio Statale dell'URSS, che la Banca di Risparmio della Russia era il suo successore legale, e che lo Stato era perciò responsabile della banca e dell'assenza di un meccanismo per il trasferimento di fondi dalla precedente Banca di Cecenia a qualsiasi altra filiale della Banca di Risparmio della Russia. In appoggio del suo argomento la richiedente si riferì al fatto che il rimborso dei depositi fatti nella Banca di Risparmio fu disciplinato da strumenti legali adottati dal Governo russo.
35. La Corte reitera che ci si può rivolgere alle questioni della sua giurisdizione ad ogni stadio dei procedimenti per convincersi di avere giurisdizione in qualsiasi causa portata di fronte a sé (vedere Blečić c. Croatia [GC], n. 59532/00, § 67 ECHR 2006-III). La Corte nota inoltre che, nella sua decisione del 17 gennaio 2008, decise di congiungere ai meriti della causa le questioni della sua competenza ratione temporis e ratione personae. Avendo riguardo alle circostanze della causa e agli argomenti delle parti, la Corte considera appropriato rivolgersi queste questioni nel suo esame della sostanza dell'azione di reclamo della richiedente sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
36. La richiedente si lamentò sotto l’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione di non essere stata in grado farsi rimborsare i suoi depositi nella Banca di Risparmio della Russia per molto tempo e che i suoi risparmi avevano sofferto di un deprezzamento significativo a causa dell'inflazione. Il rispettivo Articolo si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Osservazioni delle parti
1. La richiedente
37. La richiedente insistette che il suo diritto di proprietà garantito dall’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 era stato violato. Dibatté che fra il 1995 ed il 2004, quando il Governo adottò il decreto n. 343 (vedere paragrafo 27 sopra), le era stato negato qualsiasi accesso ai suoi depositi.
38. La richiedente non contestò l'argomento del Governo per cui ora le era stato concesso il rimborso di tutti i suoi depositi, ma dibatté che in virtù del decreto n. 343 l'importo dei suoi risparmi, tramite risarcimento sarebbe solamente uguale a RUB 1,054, corrispondenti ad USD 37.40, mentre fra il 1990 ed il 1992 aveva depositato un importo corrispondente a quel tempo ad USD 14,832. Nell'osservazione della richiedente, prendendo in considerazione un tasso di interesse del 3-4% all'anno, avrebbe dovuto ricevere una somma totale RUB 558,129.99 (circa EUR 13,000) se i suoi depositi le fossero stati pagati nell’ ottobre 2000, quando la Corte distrettuale di Gagarinskiy di Mosca aveva consegnato la sua sentenza. Presentò inoltre che attualmente la somma totale dei suoi depositi dovrebbe essere uguale a RUB 1,112,836.81 (circa EUR 25,400).
2. Il Governo
39. Il Governo presentò che le attività della Banca di Risparmio della Cecenia erano state sospese nell’ agosto 1996 in prospettiva della difficile situazione politica, economica e sociale in Cecenia, e che era stato impossibile riprendere l'attività della banca, in quanto aveva subito un significativo danno materiale ed aveva perso un numero considerevole dei suoi documenti primari e dei sigilli ufficiali che avrebbero potuto abilitare la falsificazione di rivendicazioni riguardo al rimborso di depositi fatti presso di lei. Nel dicembre 1996 il Consiglio di Gestione della Banca di Risparmio della Russia aveva preso la decisione di chiudere la Banca di Risparmio della Cecenia in simili circostanze. Il Governo dibatté così, riferendosi a questi fatti, che la Banca di Risparmio della Russia non aveva avuto nessuna vera opportunità di ripristinare i risparmi della richiedente depositati presso la Banca di Risparmio della Cecenia e di trasferirli alla filiale di Mosca della Banca di Risparmio della Russia e che non aveva avuto nessuna intenzione di spogliare la richiedente delle sue proprietà.
40. Il Governo affermò inoltre che le autorità russe, insieme alla Banca di Risparmio della Russia presero i passi che miravano ad identificare i depositanti della Banca di Risparmio di Cecenia nella prospettiva di rimborsare i loro depositi. In particolare, nel 2001-2002 le autorità avevano fatto una lista di precedenti depositanti della Banca di Risparmio di Cecenia che avevano prodotto i loro libretti di risparmio, e la richiedente era stata libera di registrarsi su quella lista . Il Governo presentò anche che ora era aperto alla richiedente ricevere i suoi depositi e l'interesse maturato in qualsiasi filiale della Banca di Risparmio della Russia, a condizione di fare una richiesta e presentare i suoi libretti di risparmio. Affermò anche che sotto il decreto governativo n. 343 9 luglio 2004 alla richiedente potrebbe essere concesso il risarcimento per le perdite di inflazione riguardo ai suoi depositi reso prima del 20 giugno 1991. Il Governo non rispose alla questione della Corte se alla richiedente fosse stato concesso un qualsiasi risarcimento riguardo al suo deposito fatto il 20 febbraio 1992.
41. Il Governo dibatté così che l'interferenza col diritto della richiedente di ritirare i suoi risparmi era stato di natura provvisoria e nell'interesse pubblico, data la situazione difficile nella Repubblica di Cecenia a metà degli anni novanta e la possibilità di falsificazione di rivendicazioni riguardo al rimborso dei depositi fatti presso Banca di Risparmio di Cecenia.
42. Riguardo all'argomento della richiedente per cui i suoi depositi erano stati deprezzati significativamente nel valore, il Governo si appellò alla giurisprudenza stabilita della Corte, affermando che la Convenzione non garantiva il diritto ad acquisire proprietà, o il diritto ad avere il potere d'acquisto della valuta nazionale sostenuto dallo Stato.
B. La valutazione della Corte
43. La Corte osserva che alcuni degli eventi a cui fa riferimento la richiedente succedettero prima del 5 maggio 1998, la data della ratifica della Convenzione della Russia e considera appropriato distinguere due periodi al fine di esaminare la presente causa.
1. Eventi prima del 5 maggio 1998
44. La Corte osserva all'inizio che nel 1996 i corpi di gestione della Banca di Risparmio della Russia decisero di proibire per un periodo indefinito qualsiasi operazioni riguardo ai depositi fatti presso Banca di Risparmio di Cecenia, e poi li chiuse. Quelle decisioni, che entrambe sono pre -datate la ratifica della Convenzione della Russia, servivano come base per il rifiuto ripetuto della banca di Risparmio di restituire i depositi della richiedente e costituivano perciò un'interferenza coi diritti di proprietà della richiedente. La Corte considera inoltre che simile interferenza corrispondeva ad una privazione de facto delle proprietà della richiedente poiché diritto dei depositanti della Banca di Risparmio di Cecenia, inclusa la richiedente , di disporre dei loro finanziamenti era de facto estinto in virtù delle due decisioni summenzionate (vedere Cherkashin c. Russia (decisione parziale), n. 7412/02, 30 marzo 2006, e Pupkov c. Russia (dec.), n. 42453/02, 17 gennaio 2008).
45. La Corte reitera in questo collegamento che la privazione di proprietà è un atto istantaneo e non produce una situazione continua della “privazione” di questi diritti (vedere Blečić, citata sopra, § 86). Trova perciò che non ha nessuna giurisdizione ratione temporis per esaminare l'azione di reclamo del richiedente nel momento in cui si riferisce agli eventi che hanno avuto luogo prima del 5 maggio 1998 (vedere Cherkashin e Pupkov, sia citata sopra).
2. Eventi dopo il 5 maggio 1998
46. Avendo riguardo alla sua costatazione sopra che la richiedente era stata privata della sua proprietà prima della ratifica della Convenzione da parte della Russia e che questo era stato un atto istantaneo che non creava alcuna situazione continua, la Corte deve accertare se nel periodo susseguente all'entrata in vigore della Convenzione riguardo alla Russia, l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 era applicabile nelle circostanze della presente causa e, in tal caso, se è stato rispettato.
(a) L'Applicabilità del’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
47. La Corte reitera che, secondo la giurisprudenza stabilita, “la proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 può essere una “proprietà esistente” o dei beni, incluse le rivendicazioni a riguardo delle quali la richiedente può pretendere di avere almeno una “aspettativa legittima” di ottenere un godimento effettivo di un diritto di proprietà. Per contro, la speranza di riconoscimento di un diritto di proprietà che è stato impossibile esercitare non può essere considerata effettivamente, una “ proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Kopecký c. Slovacchia [GC], n. 44912/98, § 35, ECHR 2004-IX, e le autorità citate in questa).
48. Nella presente causa, la Corte ha stabilito sopra che i diritti della richiedente ai suoi depositi furono estinti con le decisioni attinenti prese nel 1996. È perciò chiaro che in data dell'entrata in vigore della Convenzione riguardo alla Russia, la richiedente aveva nel migliore dei casi una mera speranza mera di recuperare i suoi risparmi piuttosto che qualsiasi interesse effettivo protetto dall’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Cherkashin e Pupkov, entrambe citate sopra). Comunque, nel 2000 i tribunali nazionali a due livelli di giurisdizione stabilirono “l'esistenza di obblighi” sotto gli accordi di deposito di banca fra la richiedente e la Banca di Risparmio (vedere paragrafi 12 e 13 sopra). La Corte considera perciò che la rivendicazione della richiedente fosse sufficientemente stabilita da costituire un bene all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (vedere, per contrasto, Cherkashin e Pupkov, entrambe citate sopra).
49. La Corte osserva inoltre che nelle loro decisioni i tribunali nazionali non specificarono l'importo che avrebbe potuto ottenere la richiedente, e perciò la sfera della sua proprietà acquisita di recente rimase poco chiara. A questo riguardo, le parti presentarono argomenti contraddittori. Il Governo indicò che se i tre depositi della richiedente le fossero stati pagati in data in cui il tribunale di prima- istanza adottò la sua sentenza, la richiedente avrebbe ricevuto rispettivamente RUB 2,521.60, RUB 557.58 e RUB 56.66 (vedere paragrafi 18-21 sopra). La richiedente non era d'accordo, affermando che nel 1990-1992 quando aveva depositato i suoi risparmi, il loro valore totale corrispondeva all'equivalente di USD 14,832, e che perciò in data dell'adozione della sentenza di prima -istanza avrebbe dovuto ricevere una somma totale di RUB 558,129.99, prendendo in considerazione un tasso di interesse del 3-4% all'anno.
50. La Corte non trova convincenti gli argomenti della richiedente. Ha già notato sopra che nel 1996 la richiedente era stata de facto privata dei suoi depositi e che aveva avuto nulla di più che una mera speranza del loro ricupero fino al 2000, quando un nuovo diritto ai suoi depositi fu creato in virtù delle decisioni dei tribunali nazionali. In simili circostanze, è ragionevole presumere che l'importo che la richiedente si sarebbe ragionevolmente potuta aspettare di ricevere dovrebbe essere calcolato sulla base delle realtà del 2000 piuttosto che quella del 1990-1992, e dovrebbe essere perciò comparabile ad un importo che qualsiasi altro depositante della Banca di Risparmio della Russia avrebbe potuto ricevere nel 2000. A questo riguardo secondo la Corte nota l'argomento del Governo che pagamenti ai precedenti depositanti della Banca di Risparmio dell'URSS venivano restituiti dal bilancio federale nell'importo definito dallo Stato (vedere paragrafo 32 sopra). Accetta perciò che gli importi che la richiedente legittimamente si sarebbe potuta aspettare di ricevere nel 2000 erano uguali a quelli indicati dal Governo nei paragrafi 19-21. Riguardo all'azione di reclamo della richiedente della perdita di valore dei suoi depositi, la Corte reitera, che Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non obbliga un Stato a mantenere il potere d'acquisto di somme depositata presso istituti di credito (vedere Appolonov c. Russia (dec.), n. 67578/01, 29 agosto 2002).
51. Avendo riguardo a ciò che precede, la Corte conclude, che cominciando dal 26 dicembre 2000, quando la sentenza della Corte distrettuale di Gagarinskiy di Mosca del 13 ottobre 2000 fu sostenuta su ricorso e divenne definitiva, la richiedente aveva un'aspettativa legittima di garantire il rimborso dei suoi depositi nell'importo rispettivamente di RUB 2,521.60, RUB 557.58 e RUB 56.66.
(b) Ottemperanza con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
52. La Corte osserva che dando credito al diritto della richiedente ai depositi, i tribunali nazionali rifiutarono di accordare qualsiasi delle sue rivendicazioni in riferimento all'assenza di un meccanismo legale che avrebbe permesso il trasferimento dei depositi della richiedente dalla precedente Banca di Risparmio di Cecenia (vedere paragrafo 12 sopra). Simile ragionamento chiaramente dimostrava il bisogno di strumenti legali attinenti da adottare sul problema in oggetto. In altre parole, il problema dei depositi nella precedente Banca di Risparmio di Cecenia richiedeva l’ intervento dello Stato in assenza del quale era impossibile per la richiedente trarre profitto da quel diritto in qualsiasi riguardo.
53. In questo collegamento, rivolgendosi all’obiezione preliminare ratione personae del Governo (vedere paragrafi 32 e 33 sopra), la Corte nota che, nella presene causa, non è chiamata a decidere se lo Stato sarà ritenuto responsabile per i debiti della Banca di Risparmio della Russia che ora è una banca commerciale privata e pubblicamente posseduta; che ciò che è in questione è l'insuccesso addotto dello Stato di intraprendere passi adeguati per garantire i diritti di proprietà della richiedente ai suoi depositi. La Corte respinge perciò questa obiezione.
54. La Corte osserva inoltre che il 19 febbraio 2003 il Governo russo adottò il suo decreto che per la prima volta prese in considerazione, fra le altre cose la questione di pagamenti a depositanti della precedente Banca di Risparmio della Cecenia. La Corte considera che era in quella data piuttosto che il 9 luglio 2004, come addotto dal richiedente, che le fu dato libero accesso ai suoi depositi. Di conseguenza, il periodo durante il quale la richiedente non era in grado di godere i suoi diritti di proprietà riguardo ai suoi risparmi durò dal 26 dicembre 2000, quando il giudizio di prima -istanza che conferiva alla richiedente un diritto ai suoi depositi divenne definitivo, sino al 19 febbraio 2003, quando il Governo russo autorizzò il pagamento ai depositanti della precedente Banca di Risparmio di Cecenia.
55. La Corte deve accertare inoltre se la condotta delle autorità russe nella presente causa fu giustificata sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della Convenzione. Nota in questo collegamento gli argomenti del Governo riguardo alla difficile situazione politica, economica e sociale nella Repubblica di Cecenia e la perdita da parte della Banca di Risparmio di un numero considerevole di suoi documenti primari e sigilli ufficiali, a seguito dello scoppio delle ostilità nella regione che avrebbero potuto comportare falsificazione di rivendicazioni per il rimborso di depositi fatti nella Repubblica di Cecenia. La Corte è pronta ad accettare che le circostanze a cui fa riferimento il Governo hanno potuto richiedere l’imposizione di una limitazione all’ accesso da parte dei depositanti precedente della Banca di Risparmio di Cecenia ai loro conti, e che la condotta delle autorità russe rispettò il principio della legalità ed era nell'interesse pubblico. Rimane da decidere se un equilibrio equo è stato previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti della richiedente garantiti dall’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, o, in altre parole, se, preso nel complesso, si può dire che la richiedente abbia subito, un “carico individuale eccessivo” (vedere James ed Altri c. Regno Unito, 21 febbraio 1986, § 50 Serie A n. 98).
56. La Corte osserva prima di tutto che l'incapacità della richiedente di avvalersi dei suoi depositi era di natura provvisoria, essendo durata poco più di due anni (vedere paragrafo 54 sopra), e che attualmente può accedere liberamente ai suoi risparmi, un fatto che non è in controversia fra le parti. Inoltre, benché temporaneamente inaccessibile per la richiedente, i suoi depositi produssero un interesse che ad ora eccede le somme dei depositi iniziali (vedere paragrafi 19-21 sopra). La Corte non trascura neanche il fatto che, come indicato dal Governo, alla richiedente viene concesso come a qualsiasi altro depositante della banca di Risparmio della Russia, il risarcimento in collegamento con le perdite di inflazione riguardo ai suoi risparmi depositati prima del 20 giugno 1991. In simili circostanze, la Corte è incapace di concludere che la richiedente era stata costretta a subire un “carico individuale eccessivo.”
57. In generale, avendo riguardo alle difficoltà incontrate dal Governo russo in collegamento con le ostilità nella Repubblica di Cecenia, da una parte, e ai fattori attinenti alla situazione dei depositi della richiedente, dall’altra parte la corte costata che un equilibrio equo è stato previsto fra l'interesse generale della comunità e gli interessi di proprietà della richiedente.
58. Non c'è stata di conseguenza, nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 nella presente causa.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Respinge le obiezioni preliminari del Governo concernenti l'esaurimento delle vie di ricorso nazionali e la competenza ratione personae della Corte;
2. Accetta l'obiezione preliminare del Governo concernente la competenza ratione temporis della Corte riguardo agli eventi prima del 5 maggio 1998 e sostiene che non è in grado di considerare i meriti di questa parte della causa;
3. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione per quanto riguarda gli eventi dopo il 5 maggio 1998.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto l’8 ottobre 2009, facendo seguito allìartivolo 77 §§ 2 e 3 dell’ordinamento della Corte.
André Wampach Nina Vajić
Cancelliere Aggiunto Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.