Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF FIRAT AND OTHERS v. TURKEY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 17597/03/2009
STATO:
DATA: 06/10/2009
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

SECOND SECTION
CASE OF FIRAT AND OTHERS v. TURKEY
(Application no. 17597/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
6 October 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Fırat and Others v. Turkey,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Ireneu Cabral Barreto,
Vladimiro Zagrebelsky,
Danutė Jočienė,
András Sajó,
Nona Tsotsoria,
Işıl Karakaş, judges,
and Sally Dollé, Section Registrar,
Having deliberated in private on 15 September 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 17597/03) against the Republic of Turkey lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by six Turkish nationals, Ms Z. F., Mr A. F., Ms H. F., Mr Ö. F., Mr O. F. and Ms A. Ö. (F.t) (“the applicants”), on 28 April 2003.
2. The applicants were represented by Mr M. B., a lawyer practising in Şanlıurfa. The Turkish Government (“the Government”) were represented by their Agent.
3. On 14 September 2007 the President of the Second Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicants were born in 1926, 1959, 1951, 1962, 1963 and 1966 respectively and live in Gaziantep.
5. In 1999 the Ministry of Energy and Natural Resources expropriated five plots of land belonging to the applicants (plots nos. 501, 561, 562, 606 and 608) in the Aşağıçardak village in Nizip for the construction of the Birecik Dam.
6. Following the applicants' requests for increased compensation, the Nizip Civil Court of First Instance awarded them additional compensation plus interest at the statutory rate. The applicants appealed and the Court of Cassation upheld the judgments of the first instance court.
7. In November and December 2002 the administration made partial payments to the applicants in additional compensation. On 31 May 2007 the Ministry made further payments to discharge their outstanding debts. The details regarding the proceedings and payments are indicated in the table below:
PLOT No. DATE OF JUDGMENT OF THE NÄ°ZÄ°P CIVIL COURT OF FIRST INSTANCE DATE OF FINAL DECISION BY THE COURT OF CASSATION AMOUNT OF ADDITIONAL COMPENSATION
(interests and legal costs not included)
(in Turkish liras (TRL)) AMOUNT OF FIRST PAYMENT (made in November and December 2002)
(in TRL) AMOUNT OF SECOND PAYMENT (made on 31 May 2007)
(in Turkish liras (TRY1))

501 30.12.1999 22.5.2000 1,490,114,475 4,459,615,014 2,483
561 30.12.1999 9.10.2000 2,123,437,500 6,443,401,220 3,269
562 12.4.2000 6.11.2000 4,114,327,200 12,420,060,000 6,533
606 30.12.1999 26.6.2000 6,185,875,000 11,681,545,946 6,105
608 30.12.1999 22.5.2000 1,230,027,343 3,643,790,000 1,094
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
8. The relevant domestic law and practice are set out in the cases of Akkuş v. Turkey (9 July 1997, Reports of Judgments and Decisions 1997-IV), Aka v. Turkey (23 September 1998, Reports 1998-VI); Gaganuş and Others v. Turkey (no. 39335/98, §§ 15-19, 5 June 2001), and Ak v. Turkey (no. 27150/02, §§ 11-13, 31 July 2007).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1
9. The applicants complained that they had been paid insufficient interest on additional compensation received following the expropriation of their lands, which had the effect of reducing the value of their compensation through the effect of inflation, and that the authorities had delayed in paying them the relevant amounts.
A. Admissibility
10. The Government submitted that the applicants had not suffered any material loss on account of the interest rates applied, as they alleged, since the payments effected on 31 May 2007 had been made with the highest interest rates in accordance with Article 46 of the Constitution of Turkey (“the Constitution”). The applicants, therefore, lacked victim status. The Government further contended that the applicants had not exhausted domestic remedies as required by Article 35 § 1 of the Convention. They argued in this regard that, had the applicants invoked Article 46 of the Constitution when claiming their monies from the authorities, the payments would have been effected with less delay as the administration gave priority to claims based on Article 46 of the Constitution.
11. The applicants maintained their allegations.
12. The Court considers in the first place that it is not necessary to examine the Government's first objection regarding the lack of victim status as the complaint concerning the insufficiency of interest rates is inadmissible in any event.
13. The Court notes in this regard that, according to the calculation method adopted in the case of Akkuş (cited above, §§ 35, 36 and 39), the applicants appear to have received more than 95% of the full compensation owed to them for all the relevant plots on the date of the second payment. In the light of the Court's findings in Arabacı v. Turkey ((dec.), no. 65714/01, 7 March 2002), the Court is of the opinion that the total amount of money paid to the applicants was satisfactory and that the applicants did not sustain separate loss in addition to the loss deriving from the expropriation of their lands on account of the low interest rates (see, among others, Akkuş, cited above, § 30, and Gül and Others v. Turkey (dec.), no. 44715/98, 18 March 2004).
It follows that this complaint is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
14. As regards the Government's second objection concerning non-exhaustion of domestic remedies in relation to the delay encountered in the payment of compensation, the Court recalls that a person who has obtained an enforceable judgment against the State as a result of successful litigation cannot be required to resort to additional remedies to have it executed (see Metaxas v. Greece, no. 8415/02, § 19, 27 May 2004, and Arat and Others v. Turkey, nos. 42894/04, 42904/04, 42905/04, 42906/04, 42907/04, 42908/04, 42909/04 and 42910/04, § 19, 13 January 2009). The Court consequently dismisses the Government's objection on this matter.
15. The Court notes that the complaint regarding delayed payment is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
16. The Court observes that the authorities effected the first payments two to two and a half years after the Court of Cassation's decisions and that the second payments were made almost seven years after the said decisions. The Court notes that it has already examined similar cases on previous occasions and has found violations of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 (see, for instance, Burdov v. Russia, no. 59498/00, §§ 34-42, ECHR 2002-III, and M. Kaplan v. Turkey, no. 29016/04, §§ 16-19, 9 December 2008). The Court considers that there is nothing to warrant a departure from its findings in the previous cases.
17. In the light of the foregoing, the Court concludes that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 on account of the delayed payment of additional expropriation compensation.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
A. Damages, costs and expenses
18. The applicants claimed, jointly, 15,000 euros (EUR) in respect of pecuniary damage and EUR 35,000 in respect of non-pecuniary damage. They also claimed EUR 3,000 for costs and expenses. They did not submit any documents to substantiate their claims.
19. The Government submitted that no compensation should be awarded to the applicants as they had been sufficiently compensated by the payments made by the authorities.
20. The Court does not discern any causal link between the violation found and the pecuniary damage alleged; it therefore rejects this claim. However, ruling on an equitable basis, it awards each of the applicants EUR 1,000 in respect of non-pecuniary damage.
21. As for costs and expenses, the Court makes no award under this head as the applicants have failed to substantiate their claims.
B. Default interest
22. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning the delayed payment of additional expropriation compensation under Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay each of the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 1,000 (one thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage, to be converted into Turkish liras at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 6 October 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Registrar President
1. On 1 January 2005 the Turkish lira (TRY) entered into circulation, replacing the former Turkish lira (TRL). TRY 1= TRL 1,000,000.


TESTO TRADOTTO

SECONDA SEZIONE
CAUSA FIRAT ED ALTRI C. TURCHIA
(Richiesta n. 17597/03)
SENTENZA
STRASBOURG
6 ottobre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa di Fırat ed Altri c. la Turchia,
La Corte europea di Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Françoise Tulkens, Presidente, Ireneu Cabral Barreto, Vladimiro Zagrebelsky, Danutė Jočienė, András Sajó, Nona Tsotsoria, Işıl Karakaş, giudici,
e Sally Dollé, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 15 settembre 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 17597/03) contro la Repubblica della Turchia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da sei cittadini turchi, la Sig.ra Z. F., il Sig. A. F., la Sig.ra H. F., il Sig. Ö. F., il Sig. O. F. ed la Sig.ra A. Ö. (F.) (“i richiedenti”), il 28 aprile 2003.
2. I richiedenti sono stati rappresentati dal Sig. M. B., un avvocato che pratica a Şanlıurfa. Il Governo turco (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente.
3. Il 14 settembre 2007 il Presidente della Seconda Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1926, 1959 1951, 1962 1963 e 1966 e vivono a Gaziantep.
5. Nel 1999 il Ministero dell’ Energia e delle Risorse naturali espropriò cinque aree di terreno che appartenevano ai richiedenti (le aree N. 501, 561, 562 606 e 608) nel villaggio di Aşağıçardak a Nizip per la costruzione della Diga di Birecik.
6. A seguito delle richieste dei richiedenti per l’aumento del risarcimento, il Giudice Civile di prima istanza di Nizip assegnò loro un risarcimento supplementare più interessi al tasso legale. I richiedenti fecero appello e la Corte di Cassazione sostenne le sentenze del primo giudice di prima istanza.
7. Nel novembre e nel dicembre 2002 l'amministrazione fece dei pagamenti a rate ai richiedenti per il risarcimento supplementare. Il 31 maggio 2007 il Ministero fece ulteriori pagamenti per assolvere le loro pendenze debitorie. I dettagli riguardo ai procedimenti e ai pagamenti sono indicati nella tabella sotto:
Area No DATA DELLA SENTENZA DEL GIUDICE CIVILE DI PRIMA ISTANZA DI NÄ°ZÄ°P DATA DELLA DECISIONE DEFINITIVA DELLA CORTE DI CASSAZIONE IMPORTO DEL RISARCIMENTO SUPPLEMENTARE
(interesse e spese processuali non inclusi)
(in lire turche (TRL)) Importo Del primo Pagamento (fatto nel novembre e dicembre 2002)
(in TRL) Importo DelSecondo Pagamento (fatto il 31 maggio 2007)
(in lire turche (TRY1))
501 30.12.1999 22.5.2000 1,490,114,475 4,459,615,014 2,483
561 30.12.1999 9.10.2000 2,123,437,500 6,443,401,220 3,269
562 12.4.2000 6.11.2000 4,114,327,200 12,420,060,000 6,533
606 30.12.1999 26.6.2000 6,185,875,000 11,681,545,946 6,105
608 30.12.1999 22.5.2000 1,230,027,343 3,643,790,000 1,094
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
8. Il diritto nazionale attinente e pratica sono esposti nelle cause Akkuş c. Turchia (9 luglio 1997, Relazioni di Sentenze e Decisioni 1997-IV), Aka c. Turchia (23 settembre 1998, Relazioni 1998-VI); Gaganuş ed Altri c. la Turchia (n. 39335/98, §§ 15-19 5 giugno 2001), ed Ak c. Turchia (n. 27150/02, §§ 11-13 31 luglio 2007).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1
9. I richiedenti si lamentarono di essere stato pagato loro un interesse insufficiente sul risarcimento supplementare ricevuto a seguito dell'espropriazione delle loro terre che aveva avuto l'effetto di ridurre il valore del loro risarcimento per effetto dell'inflazione e che le autorità avevano differito nel pagare loro gli importi attinenti.
A. Ammissibilità
10. Il Governo presentò che i richiedenti non avevano subito alcuna perdita materiale a causa dei tassi di interesse applicati, come loro addussero, poiché i pagamenti effettuati il 31 maggio 2007 erano stati fatti coi tassi di interesse più alti in conformità con l’ Articolo 46 della Costituzione della Turchia (“la Costituzione”). Ai richiedenti, perciò, manca lo status di vittime. Il Governo contese inoltre che i richiedenti non avevano esaurito le vie di ricorso nazionali come richiesto dall’ Articolo 35 § 1 della Convenzione. Dibatté a questo riguardo che, se i richiedenti avessero invocato l’Articolo 46 della Costituzione nel chiedere i loro soldi dalle autorità, i pagamenti sarebbero stati effettuati con meno ritardo siccome l'amministrazione ha dato la priorità alle rivendicazioni basate sull’ Articolo 46 della Costituzione.
11. I richiedenti sostennero loro dichiarazioni.
12. La Corte considera al primo posto che non è necessario esaminare la prima obiezione del Governo riguardo alla mancanza di status di vittima siccome l'azione di reclamo riguardo all'insufficienza dei tassi di interesse è inammissibile in qualsiasi caso.
13. La Corte nota a questo riguardo che, secondo il metodo di calcolo adottato nella causa Akkuş (citata sopra, §§ 35, 36 e 39), i richiedenti sembrano avere ricevuto più del 95% del pieno risarcimento dovuto a loro per tutte le aree attinenti in data del secondo pagamento. Alla luce delle costatazioni della Corte in Arabacı c. Turchia (( dec.), n. 65714/01, 7 marzo 2002), la Corte è dell'opinione che l'importo totale dei soldi pagato ai richiedenti fosse soddisfacente e che i richiedenti non hanno subito perdita separata oltre alla perdita derivante dall'espropriazione delle loro terre a causa dei tassi a basso tasso d'interesse (vedere, fra altre, Akkuş, citata sopra, § 30, e Gül ed Altri c. Turchia (dec.), n. 44715/98, 18 marzo 2004).
Ne segue che questa azione di reclamo è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
14. Riguardo alla seconda obiezione del Governo riguardo al non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali in relazione al ritardo incontrato nel pagamento del risarcimento, la Corte richiama che una persona che ha ottenuto una sentenza esecutiva contro lo Stato come risultato una sentenza di successo non può essere costretta a ricorrere a vie di ricorso supplementari a per farla eseguire (vedere Metaxas c. Grecia, n. 8415/02, § 19, 27 maggio 2004, ed Arat ed Altri c. Turchia, N. 42894/04, 42904/04 42905/04, 42906/04 42907/04, 42908/04 42909/04 e 42910/04, § 19 del 13 gennaio 2009). La Corte respinge di conseguenza l'obiezione del Governo su questa questione.
15. La Corte nota che l'azione di reclamo che riguarda il pagamento ritardato non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
16. La Corte osserva che le autorità effettuarono i primi pagamenti l'anni dai anni ai due anni e mezzo dopo le decisioni della Corte Cassazione e che i secondi pagamenti furono fatti pressoché sette anni dopo le dette decisioni. La Corte nota che ha già esaminato cause simili in precedenti occasioni e ha trovato violazioni dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, per esempio, Burdov c. Russia, n. 59498/00, §§ 34-42, ECHR 2002-III, e M. Kaplan c. Turchia, n. 29016/04, §§ 16-19 9 dicembre 2008). La Corte considera che non c'è nulla che giustifichi il discostarsi della Corte dalle sue sentenze nelle cause precedenti.
17. Alla luce di ciò che precede, la Corte conclude, che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 a causa del pagamento ritardato del risarcimento di espropriazione supplementare.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
A. Danni, costi e spese
18. I richiedenti chiesero, congiuntamente, 15,000 euro (EUR) riguardo il danno materiale ed EUR 35,000 riguardo il danno morale. Loro chiesero anche EUR 3,000 per costi e spese. Loro non presentarono nessun documento per provare le loro rivendicazioni.
19. Il Governo presentò che nessun risarcimento dovrebbe essere assegnato ai richiedenti siccome loro sono stati sufficientemente compensati dai pagamenti fatti dalle autorità.
20. La Corte non vede nessun collegamento causale fra la violazione trovata ed il danno materiale addotto; respinge perciò questa rivendicazione. Comunque, decidendo su una base equa, assegna ad ognuno dei richiedenti EUR 1,000 riguardo il danno morale.
21. Riguardo ai costi e spese, la Corte non fa assegnazione sotto questo capo siccome i richiedenti non sono riuscito a provare le loro rivendicazioni.
B. Interesse di mora
22. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo riguardo al pagamento ritardato del risarcimento di espropriazione supplementare sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare ad ognuno dei richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 1,000 (mille euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, riguardo il danno morale da convertire in lire turche al tasso applicabile in data di accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesie, e notificato per iscritto il 6 ottobre 2009, facendo seguito all'Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento .
Sally Dollé Françoise Tulkens
Cancelliere Presidente
1. 1 gennaio 2005 la lira turca (TRY) entrò in circolazione, sostituendo la precedente lira turca (TRL). TRYi 1 = TRL 1,000,000.




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.