Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TAMIR AND OTHERS v. ROMANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 42194/05/2009
STATO: Romania
DATA: 15/09/2009
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

THIRD SECTION
CASE OF TAMIR AND OTHERS v. ROMANIA
(Application no. 42194/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
15 September 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Tamir and Others v. Romania,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Elisabet Fura,
Corneliu Bîrsan,
Egbert Myjer,
Ineta Ziemele,
Luis López Guerra,
Ann Power, judges,
and Santiago Quesada, Section Registrar,
Having deliberated in private on 25 August 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 42194/05) against Romania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by seven Israeli nationals, Mr D. T., Mrs D. S., Mrs M.
B.-J., Mrs V. K., Mr E. Z., Mr H. Z. and Mrs M. E. (“the applicants”), on 11 November 2005. The first two applicants and the last applicant also have Romanian nationality.
On 13 March 2007 Mr P. E., the son and only heir of the seventh applicant, Mrs M. E., informed the Court that the latter had died on 29 January 2004 and expressed his wish to pursue the application.
2. The applicants were represented by Mr A. G. and then by the first applicant, Mr D. T.. The Romanian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Răzvan-Horaţiu Radu.
3. On 9 February and 13 September 2007 the President of the Third Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The first six applicants were born in 1946, 1940, 1936, 1945, 1937 and 1941 respectively and live in Israel. The seventh applicant was born in 1920 and died in 2004.
5. In 1950, a building and 1,683 sq. m of appurtenant land situated in Mediaş, Piaţa Regele Ferdinand no. 2, the property of F.A., Z.E. and K.I., were seized by the State under Decree no. 92/1950 on nationalisation.
6. In 1974 the property was divided up and registered under two topographical numbers: 200-201/2/1 and 200-201/2/2. Title to the immovable property under number 200-201/2/2 was registered in the names of M.I. and M.A., and the immovable property under the first number was divided into six apartments together with the corresponding appurtenant land.
7. On 21 May 2001 the applicants, as heirs of F.A., Z.E. and K.I., lodged an application with the administrative authorities for return of property under Law no. 10/2001 governing immovable property wrongfully seized by the State.
8. On 11 December 2002 the Mayor of MediaÅŸ upheld in part their request and ordered the return of Apartments 1, 2 and 4, since they had not been sold by the State to third parties. As to the land appurtenant to those three apartments, their request for restitution was rejected on the ground that the applicants did not have Romanian nationality. The Mayor also dismissed their request in respect of Apartments 3, 5, 6 and that registered under the number 200-201/2/2 on the ground that they had been sold under Law no. 112/1995. However, he held that the applicants would receive pecuniary compensation for those apartments.
9. The applicants contested the Mayor's decision before the courts, claiming restitution of the whole property.
10. On 4 March 2003 the Sibiu County Court upheld in part their action, annulled the provision regarding the land appurtenant to Apartments 1, 2 and 4, and ordered the MediaÅŸ Town Council to enable the applicants to recover that land. It took into account that three of them had proved their Romanian nationality before the court. The court considered that the whole property, namely the building and 1,683 sq. m of appurtenant land, had been unlawfully seized by the State. It also noted that the State had in its ownership only Apartments 1, 2 and 4 with the appurtenant land and held that the applicants only had a right of compensation under Article 18 (d) of Law no. 10/2001 for the apartments transferred to third parties.
11. The applicants appealed, claiming the whole property.
12. On 17 June 2003 the Alba Iulia Court of Appeal dismissed their appeal. It held that the previous court had rightly established that the four items of immovable property which had not been restored had been sold in accordance with Law no. 112/1995 and that the applicants were entitled only to compensation under Article 18 (d) of Law no. 10/2001.
13. On 18 May 2005 the High Court of Cassation and Justice dismissed by a final decision a further appeal by the applicants.
14. On 5 June 2006 the Mayor of MediaÅŸ varied the provisions of the administrative decision of 11 December 2002 and authorised the applicants to recover the land appurtenant to Apartments 1, 2 and 4. He also held that for the other four apartments, which were impossible to recover, the applicants had a right to pecuniary compensation under Law no. 247/2005.
15. So far the applicants have not received any compensation for the part of the property that was considered impossible to recover.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
16. The relevant legal provisions and jurisprudence are described in the following judgments: Brumărescu v. Romania ([GC], no. 28342/95, §§ 31-33, ECHR 1999-VII); Străin and Others v. Romania (no. 57001/00, §§ 19-26, ECHR 2005-VII); Păduraru v. Romania (no. 63252/00, §§ 38-53, 1 December 2005); and Tudor v. Romania (no. 29035/05, §§ 15-20, 17 January 2008).
THE LAW
I. SCOPE OF THE APPLICATION
17. The Court reiterates that the existence of a victim of a violation, that is to say, an individual who is personally affected by an alleged violation of a Convention right, is indispensable for putting the protection mechanism of the Convention into motion, although this criterion is not to be applied in a rigid, mechanical and inflexible way throughout the proceedings (see Karner v. Austria, 40016/98, § 25, ECHR 2003-IX).
18. The Court, through its jurisprudence, normally permits the next of kin to pursue an application provided he or she has sufficient interest, where the original applicant has died after the introduction of the application before the Court (see Malhous v. the Czech Republic (dec.), no. 33071/96, ECHR 2000-XII). The Court considers, however, that the present case must be distinguished from those cases which were introduced before this Court by the applicants themselves and only continued by their relatives after their subsequent death (see Fairfield v. the United Kingdom (dec.), no. 24790/04, ECHR 2005-VI, with reference back to Dalban v. Romania [GC], no. 28114/95, § 39, ECHR 1999-VI).
19. In this connection, it notes that the seventh applicant, Mrs M. E., died before the application was introduced in her name on 11 November 2005 by the then applicants' representative. Therefore the Court finds that the seventh applicant does not have the requisite standing under Article 34 of the Convention and that the application must be rejected as incompatible ratione personae with the provisions of the Convention in accordance with Article 35 §§ 3 and 4. Accordingly, her son and only heir cannot be regarded as pursuing an application lodged by his relative, subsequent to her death.
The first six applicants are therefore the sole applicants for the purposes of this application.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
20. The applicants alleged that the sale by the State of the four items of immovable property to third parties had not been performed in good faith and further complained that they had not received either their property or any kind of compensation. This had entailed a breach of Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
21. The Government raised an objection of incompatibility ratione materiae in respect of this complaint. They considered that the courts had not settled the issue of the lawfulness of the seizure in an irrevocable manner in the operative part of a judgment; therefore the applicants had not secured acknowledgment of any property rights in respect of those apartments and the appurtenant land.
22. The Government also considered that the applicants had no legitimate expectation because, unlike in the cases of Străin and Others (cited above, § 38) and Porteanu v. Romania (no. 4596/03, § 33, 16 February 2006), they did not have the benefit of an irrevocable decision acknowledging that the seizure had been unlawful. The applicants were “merely claimants” (see Pentia and Pentia v. Romania (dec.), no. 57539/00, 23 March 2006).
23. The applicants pointed out that the courts had acknowledged that the whole property had been unlawfully seized by the State and found no justification for the restoration of only one part without receiving any compensation for the rest.
24. The Court notes that a similar objection by the Government was dismissed in the Reichardt v. Romania (no. 6111/04, §§ 14-20, 13 November 2008) and Popescu and Dimeca v. Romania (no. 17799/03, §§ 21-24, 9 December 2008) judgments and finds no reasons to depart from its conclusion in those cases. It therefore dismisses the Government's objection.
25. The Court concludes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. Nor is it inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
26. The Government reiterated the arguments they had previously submitted in similar cases.
27. The applicants disagreed with those arguments.
28. The Court reiterates that, according to its case-law, the sale of another's possessions by the State, even before the question of ownership has been finally settled by the courts, amounts to a deprivation of possessions. Such deprivation, in combination with a total lack of compensation, is contrary to Article 1 of Protocol No. 1 (see Străin and Others, cited above, §§ 39, 43 and 59, and Porteanu, cited above, § 35).
29. Having examined all the material in its possession, the Court considers that the Government have not put forward any fact or argument capable of persuading it to reach a different conclusion in the present case. The sale by the State of the applicants' possessions still prevents them from enjoying their right of property as acknowledged by a final decision. The Court considers that such a situation amounts to a de facto deprivation of possessions and notes that it has continued for more than six years, without any compensation having been paid.
30. The Court observes that, to date, the Government have not demonstrated that the system of compensation set up in July 2005 by Law no. 247/2005 would allow the beneficiaries of this system to recover damages reflecting the commercial value of the possessions of which they were deprived, in accordance with a foreseeable procedure and timetable.
31. Having regard to its case-law on the subject, the Court considers that in the instant case the deprivation of the applicants' possessions, together with the total lack of compensation, imposed on the applicants a disproportionate and excessive burden in breach of their right to the peaceful enjoyment of their possessions as guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1.
There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
32. The applicants complained under Article 6 § 1 of the Convention that the proceedings in question had been unfair.
33. Having carefully considered the applicants' submissions in the light of all the material in its possession, the Court finds that, in so far as the matters complained of are within its competence, they do not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in Article 6 § 1 of the Convention.
It follows that this complaint is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
34. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
35. The applicants claimed restitution of the four items of immovable property or, if that would be impossible, the sum of 200,000 euros (EUR) in respect of pecuniary damage, representing the value of the properties, on the basis of an expert report from July 2007. They did not submit a claim in respect of non-pecuniary damage.
36. The Government considered restitutio in integrum as the most appropriate manner to make reparation but, if restitution was not possible, compensation might be awarded. They submitted that, in line with their own expert reports from September 2007 and April 2008, the applicants could not claim an amount exceeding EUR 180,470.82 in respect of pecuniary damage.
37. The Court reiterates that a judgment in which it finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation under the Convention to put an end to the breach and make reparation for its consequences. If the domestic law allows only partial reparation to be made, Article 41 of the Convention gives the Court the power to award compensation to the party injured by the act or omission that has led to the finding of a violation of the Convention. The Court enjoys a certain discretion in the exercise of that power, as the adjective “just” and the phrase “if necessary” attest.
38. The Court notes that the applicants are not the only persons who may claim a right in respect to the property in issue (see paragraphs 8 and 10 above). Since it does not appear from the documents in the file that the applicants had divided up that property, the Court would not order to the respondent State to return those items of property to the applicants, in part or in whole (see Muşat v. Romania, no. 33353/03, §§ 60-61, 11 October 2007; Nistorescu v. Romania, no. 15517/03, § 24, 17 June 2008).
39. The Court holds that the respondent State is to pay to the applicants, in respect of pecuniary damage, an amount corresponding to the value of the property. Having regard to the information and to the expert reports submitted by the parties concerning real estate prices on the local market, the Court awards them jointly EUR 181,000.
40. The Court is aware of the fact that the heir of Mrs M. E. may claim a right in respect to that property. However, since he was not considered to be a party to the present proceedings before the Court (see paragraphs 17-19 above), the Court considers it appropriate to award the whole amount to the applicants, as the heir has at his disposal the means offered by the internal law to settle any potential dispute with the applicants.
B. Costs and expenses
41. The applicants also claimed EUR 8,919 for costs and expenses, broken down as follows: EUR 3,287 for a flight from Israel to Romania in November 2006, car rental and accommodation, EUR 2,948 for seven lawyers' fees, EUR 1,365 paid to the MediaÅŸ Town Council for land and construction taxes, EUR 36 for translations, EUR 583 for expert reports, and EUR 700 for postal, phone and fax expenses. They submitted invoices.
42. The Government contested these claims. They considered that the flight from Israel to Romania in November 2006 had not been necessary, as the applicants were represented both in the domestic proceedings and before the Court. As for the lawyers' fees, the applicants had not submitted the contracts for judicial assistance to prove whether they had been paid for domestic or Court proceedings related to the present application. However, the low degree of complexity of the present case had not justified the high amounts paid to several lawyers. The Government also submitted that the amounts paid to the town council, although related to a violation of their rights guaranteed by the Convention, had been occasioned by their ownership of a part of the property. The amount claimed for postal expenses was excessive and unsubstantiated.
43. According to the Court's well-established case-law, costs and expenses will not be awarded under Article 41 unless it is established that they were actually and necessarily incurred and are also reasonable as to quantum. Furthermore, legal costs are only recoverable in so far as they relate to the violation found (see Rule 60 and, among other authorities, Beyeler v. Italy (just satisfaction) [GC], no. 33202/96, § 27, 28 May 2002, and Sahin v. Germany [GC], no. 30943/96, § 105, ECHR 2003-VIII).
In the present case, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award them jointly the sum of EUR 1,000 covering costs and expenses under all heads.
C. Default interest
44. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning Article 1 of Protocol No. 1 admissible in so far as the applicants D. T., D. S., M. B.-J., V. K., E. Z. and H. Z. are concerned and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay jointly to the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the amount of EUR 181,000 (one hundred and eighty-one thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(b) that the respondent State is to pay jointly to the applicants, within the same three-month period, the amount of EUR 1,000 (one thousand euros), plus any tax that may be chargeable to them, in respect of costs and expenses;
(c) that the aforementioned amounts shall be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement;
(d) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 15 September 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Registrar President


TESTO TRADOTTO

TERZA SEZIONE
CAUSA TAMIR ED ALTRI C. ROMANIA
(Richiesta n. 42194/05)
SENTENZA
STRASBOURG
15 settembre 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Tamir ed Altri c. Romania,
La Corte europea dei Diritti umani (terza Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Josep Casadevall, Presidente, Elisabet Fura, Corneliu Bîrsan, Egbert Myjer, Ineta Ziemele, Luis López Guerra, l'Ann Power, giudici,
e Santiago Quesada, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 25 agosto 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 42194/05) contro la Romania depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da sette cittadini israeliani, il Sig. D. T., la Sig.ra D. S. la Sig.ra M.
B. - J., lal Sig.ra V. K., il Sig. E. Z., il Sig. H. Z. ed la Sig.ra M. E. (“i richiedenti”), l’11 novembre 2005. I primi due richiedenti e l’ultimo richiedente hanno anche nazionalità rumena.
Il 13 marzo 2007 il Sig. P. E., il figlio e solo erede della settima richiedente, la Sig.ra M. E., ha informato la Corte che quest’ultima era morta il 29 gennaio 2004 ed aveva espresso il suo desiderio di proseguire la richiesta.
2. I richiedenti sono stati rappresentati dal Sig. A. G. e poi dal primo richiedente, il Sig. D. T.. Il Governo rumeno (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente, il Sig. Răzvan-Horaţiu Radu.
3. Il 9 febbraio e il 13 settembre 2007 il Presidente della terza Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. I primi sei richiedenti nacquero rispettivamente nel 1946, 1940 1936, 1945 1937 e 1941 e vivono in Israele. La settima richiedente nacque nel 1920 e morì nel 2004.
5. Nel 1950, un edificio e 1,683 metri quadrati di terra annessa situato a Mediaş, Piaţa Regele Ferdinando n. 2, di proprietà di F.A., Z.E. e K.I., fu sequestrato dallo Stato sotto il Decreto n. 92/1950 sulla nazionalizzazione.
6. Nel 1974 la proprietà fu divisa e registrata sotto due numeri topografici : 200-201/2/1 e 200-201/2/2. Il titolo di proprietà del patrimonio immobiliare fu registrato sotto il numero 200-201/2/2 a nome di M.I. e M.A., ed il patrimonio immobiliare sotto il primo numero fu diviso in sei appartamenti insieme con la il terreno annesso corrispondente.
7. Il 21 maggio 2001 i richiedenti, come eredi di F.A., Z.E. e K.I., depositarono una richiesta presso le autorità amministrative per la restituzione della proprietà sotto la Legge n. 10/2001 che disciplinava il patrimonio immobiliare erroneamente sequestrato dallo Stato.
8. L’ 11 dicembre 2002 il Sindaco di Mediaş sostenne in parte la loro richiesta ed ordinò la restituzione degli Appartamenti 1, 2 e 4 poiché loro non erano stati venduti dallo Stato a terze parti. Riguardo al terreno annesso a quei tre appartamenti, la loro richiesta per la restituzione fu respinta sulla base che i richiedenti non avevano nazionalità rumena. Il Sindaco respinse anche la loro richiesta riguardo agli Appartamenti 3, 5 6 e registrati sotto il numero 200-201/2/2 sulla base che loro erano stati venduti sotto la Legge n. 112/1995. Comunque, sostenne che i richiedenti avrebbero ricevuto il risarcimento materiale per quegli appartamenti.
9. I richiedenti contestarono la decisione del Sindaco di fronte ai tribunali, chiedendo la restituzione della proprietà intera.
10. Il 4 marzo 2003 l'Organo giudiziario locale di Sibiu sostenne in parte la loro azione, annullò la disposizione riguardo al terreno annesso agli Appartamenti 1, 2 e 4 ed ordinò al Consiglio della Città di Mediaş di permettere ai richiedenti di recuperare quel terreno. Prese in considerazione che tre di loro avevano provato la loro nazionalità rumena di fronte al tribunale. La corte considerò che la proprietà intera, vale a dire l'edificio e i 1,683 metri quadrati del terreno annesso, erano stati sequestrato illegalmente dallo Stato. Notò anche che lo Stato aveva in sua proprietà solamente gli Appartamenti 1, 2 e 4 con il terreno annesso e sostenne che i richiedenti avevano solamente un diritto di risarcimento sotto l’Articolo 18 (d) della Legge n. 10/2001 per gli appartamenti trasferiti a terze parti.
11. I richiedenti fecero appello, chiedendo la proprietà intera.
12. Il 17 giugno 2003 Corte d'appello Alba Iulia respinse il loro ricorso. Sostenne che la corte precedente aveva stabilito esattamente che i quattro articoli di patrimonio immobiliare che non era no stati ripristinati erano stati venduti in conformità con la Legge n. 112/1995 e che si richiedenti era concesso solamente il risarcimento sotto l’Articolo 18 (d) della Legge n. 10/2001.
13. Il 18 maggio 2005 l’Alta Corte di Cassazione e Giustizia respinse con una decisione definitiva un ulteriore ricorso dei richiedenti.
14. Il 5 giugno 2006 il Sindaco di Mediaş variò le disposizioni della decisione amministrativa dell’11 dicembre 2002 ed autorizzò i richiedenti a recuperare il terreno annesso agli Appartamenti 1, 2 e 4. Sostenne anche che per gli altri quattro appartamenti che era impossibile recuperare i richiedenti avevano un diritto al risarcimento materiale sotto la Legge n. 247/2005.
15. Quindi i richiedenti non hanno ricevuto nessun risarcimento per la parte della proprietà che è stata considerata impossibile da recuperare.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
16. Le disposizioni legali attinenti e la giurisprudenza sono descritte nelle seguenti sentenze: Brumărescu c. Romania ([GC], n. 28342/95, §§ 31-33 ECHR 1999-VII); Străin ed Altri c. Romania (n. 57001/00, §§ 19-26 ECHR 2005-VII); Păduraru c. Romania (n. 63252/00, §§ 38-53 del 1 dicembre 2005); e Tudor c. Romania (n. 29035/05, §§ 15-20 17 gennaio 2008).
LA LEGGE
I. SFERA DELL’APPLICAZIONE
17. La Corte reitera che l'esistenza di una vittima di una violazione cioè un individuo che è colpito personalmente da una violazione addotta di un diritto della Convenzione, è indispensabile per mettere in moto il meccanismo di protezione della Convenzione, benché questo criterio non debba essere applicato in modo rigido, meccanico ed inflessibile a tutti i procedimenti (vedere Karner c. Austria, 40016/98, § 25 ECHR 2003-IX).
18. La Corte, attraverso la sua giurisprudenza normalmente permette al parente prossimo di proseguire una richiesta ammesso che abbia un interesse sufficiente, dove il richiedente originale è morto dopo l'introduzione della richiesta di fronte alla Corte (vedere Malhous c. Repubblica ceca (dec.), n. 33071/96, ECHR 2000-XII). Comunque, la Corte considera che la presente causa deve essere distinta da quelle cause che furono introdotte di fronte a questa Corte dai richiedenti stessi e solamente continuate dai loro parenti dopo la loro susseguente morte (vedere Fairfield c. Regno Unito (dec.), n. 24790/04, ECHR 2005-VI con riferimento indietro a Dalban c. Romania [GC], n. 28114/95, § 39 ECHR 1999-VI).
19. In questo collegamento, nota, che la settima richiedente, la Sig.ra M. E. morì prima che la richiesta venisse introdotta a suo nome l’11 novembre 2005 dall’allora rappresentante dei richiedenti. Perciò la Corte costata che il settimo richiedente non ha la posizione richiesta sotto l’Articolo 34 della Convenzione e che la richiesta deve essere respinta come incompatibile ratione personae con le disposizioni della Convenzione in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4. Di conseguenza, suo figlio e solo erede non può essere riguardato come se proseguisse una richiesta depositata da un suo parente, successivamente la sua morte.
I primi sei richiedenti sono perciò i soli richiedenti ai fini di questa richiesta.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
20. I richiedenti addussero che la vendita dello Stato dei quattro articoli di patrimonio immobiliare a terze parti non era stata compiuta in buon fede ed inoltre si lamentò di non aver ricevuto la loro proprietà o qualsiasi tipo di risarcimento. Questo aveva comportato una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
21. Il Governo sollevò un’obiezione d’ incompatibilità ratione materiae riguardo a questa azione di reclamo. Considerò che i tribunali non avevano stabilito la questione della legalità della confisca in modo irrevocabile nella parte operativa di una sentenza; perciò i richiedenti non avevano riconoscimento garantito di qualsiasi diritti di proprietà a riguardo di quegli appartamenti e del terreno annesso.
22. Il Governo considerò anche che i richiedenti non avevano un’aspettativa legittima perché, diversamente dalle cause Străin ed Altri (citata sopra, § 38) e Porteanu c. Romania (n. 4596/03, § 33 del 16 febbraio 2006), loro non avevano il beneficio di una decisione irrevocabile che ammetteva che la confisca era stata illegale. I richiedenti erano “soltanto i rivendicatori” (vedere Pentia e Pentia c. Romania (dec.), n. 57539/00, 23 marzo 2006).
23. I richiedenti indicarono che i tribunali avevano ammesso che l’intera proprietà era stata sequestrata illegalmente dallo Stato e non era stata trovata giustificazione per la restituzione di solo una parte senza ricevere qualsiasi risarcimento per il resto.
24. La Corte nota che un'obiezione simile del Governo è stata respinta nelle sentenze Reichardt c. Romania (n. 6111/04, §§ 14-20 del 13 novembre 2008) e Popescu e Dimeca c. Romania (n. 17799/03, §§ 21-24 del 9 dicembre 2008) e non trova nessuna ragione di abbandonare la sua conclusione in quelle cause. Respinge perciò l'obiezione del Governo.
25. La Corte conclude che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Né è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
26. Il Governo reiterò gli argomenti che prima aveva presentato in cause simili.
27. I richiedenti non erano d'accordo con quegli argomenti.
28. La Corte reitera che, secondo la giurisprudenza, la vendita della proprietà altrui da parte dello Stato, anche prima che la questione della proprietà infine sia stato stabilita dai tribunali, porta ad una privazione di proprietà. Simile privazione, in combinazione con una mancanza totale di risarcimento è contraria all’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (vedere Străin ed Altri, citata sopra, §§ 39, 43 e 59, e Porteanu citata sopra, § 35).
29. Avendo esaminato tutto il materiale in suo possesso, la Corte considera che il Governo non ha proposto nessun fatto o argomento capace di persuaderla a giungere ad una conclusione diversa nella presente causa. La vendita dello Stato delle proprietà dei richiedenti ancora impedisce loro di godere del loro diritto di proprietà come ammesso da una decisione definitiva. La Corte considera che tale situazione corrisponde ad una privazione de facto di proprietà e nota che continua da più di sei anni senza che qualsiasi risarcimento sia stato pagato.
30. La Corte osserva che, il Governo ad oggi non ha dimostrato, che il sistema di risarcimento predisposto nel luglio 2005 della Legge n. 247/2005 permetterebbe ai beneficiari di questo sistema di recuperare danni che riflettono il valore commerciale delle proprietà delle quali loro furono privati, in conformità con una procedura prevedibile e a scadenze precise.
31. Avendo riguardo alla sua giurisprudenza sulla materia, la Corte considera, che nella presente causa la privazione delle proprietà dei richiedenti, insieme con la mancanza totale del risarcimento ha imposto sui richiedenti un carico sproporzionato ed eccessivo in violazione del loro diritto al tranquillo godimento delle loro proprietà come garantito dall’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
32. I richiedenti si lamentarono Articolo 6 § 1 della Convenzione sotto che i procedimenti in oggetto era stato ingiusto.
33. Avendo considerato attentamente le osservazioni dei richiedenti alla luce di tutto il materiale in suo possesso, la Corte costata che, in quanto alle questioni di cui ci si è lamentati all'interno della sua competenza, loro non rivelano nessuna apparenza di una violazione dei diritti e delle libertà esposte nell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
Ne segue che questa azione di reclamo è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
34. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
35. I richiedenti chiesero la restituzione dei quattro articoli del patrimonio immobiliare o, se questo fosse stato impossibile, la somma di 200,000 euro (EUR) a riguardo del danno materiale, rappresentante il valore delle proprietà, sulla base di un rapporto competente del luglio 2007. Loro non presentarono una rivendicazione riguardo al danno morale.
36. Il Governo ha considerato la restitutio in integrum come il modo più appropriato per fare riparazione ma, se la restituzione non fosse possibile, è probabile che venga assegnato il risarcimento. Presentò che, in linea coi loro propri rapporti competenti del settembre 2007 e dell’ aprile 2008, i richiedenti non potevano chiedere un importo eccedente gli EUR 180,470.82 a riguardo del danno materiale.
37. La Corte reitera che una sentenza che trova una violazione impone sullo Stato rispondente un obbligo legale sotto la Convenzione di porre fine alla violazione e di porre una riparazione alle sue conseguenze. Se il diritto nazionale permette che venga fatta solamente una riparazione parziale, l’Articolo 41 della Convenzione dà alla Corte il potere di assegnare il risarcimento alla parte lesa dall'atto o dall’ omissione che hanno condotto alla costatazione di una violazione della Convenzione. La Corte gode una certa discrezione nell'esercizio di questo potere, come l'aggettivo “equo” e la frase “se necessario” attestanoi.
38. La Corte nota che i richiedenti non sono le persone sole che possono chiedere un diritto in riguardo alla proprietà in problema (veda divide in paragrafi 8 e 10 sopra). Poiché non sembra dai documenti nell'archivio che i richiedenti avevano diviso su che proprietà, la Corte non ordinerebbe allo Stato rispondente restituire quegli articoli di proprietà ai richiedenti, in parte o in intero (veda Muşat c. la Romania, n. 33353/03, §§ 60-61 11 ottobre 2007; Nistorescu c. la Romania, n. 15517/03, § 24 17 giugno 2008).
39. La Corte sostiene che lo Stato rispondente è pagare ai richiedenti, in riguardo di danno materiale un importo che corrisponde al valore della proprietà. Avendo riguardo ad alle informazioni ed ai rapporti competenti presentati con le parti riguardo a prezzi di beni immobili sul mercato locale, la Corte assegna loro congiuntamente EUR 181,000.
40. La Corte è consapevole del fatto che l'erede della Sig.ra M. E. può chiedere un diritto a riguardo di quella proprietà. Comunque, poiché non è stato considerato che lui fosse una parte ai procedimenti presenti di fronte alla Corte (vedere paragrafi 17-19 sopra), la Corte considera appropriato assegnare l'intero importo ai richiedenti, siccome l'erede ha a sua disposizione i mezzi offerti dalla legge interna per stabilire qualsiasi controversia potenziale coi richiedenti.
B. Costi e spese
41. I richiedenti chiesero anche EUR 8,919 per costi e spese, ripartiti come segue: EUR 3,287 per un volo dall’ Israele alla Romania nel novembre 2006, autonoleggio ed alloggio, EUR 2,948 per le parcelle di sette avvocati, EUR 1,365 pagato al Consiglio della Città di Mediaş per la tassa sul terreno e la costruzione, EUR 36 per traduzioni, EUR 583 per rapporti dell’ esperto, ed EUR 700 per spese postali, di telefono e di fax. Loro presentarono delle fatture.
42. Il Governo contestò queste rivendicazioni. Considerò che il volo dall’ Israele alla Romania nel novembre 2006 non era stato necessario, siccome i richiedenti erano stati rappresentati sia nei procedimenti nazionali che di fronte alla Corte. Riguardo alle parcelle degli avvocati, i richiedenti non avevano presentato i contratti per l’assistenza giudiziale per provare se loro erano stati pagati per i procedimenti nazionale o della Corte riferiti alla presente richiesta. Comunque, il grado basso di complessità della presente causa non giustificava gli importi elevati pagati a molti avvocati. Il Governo presentò anche che gli importi pagati al consiglio della città, benché relativi ad una violazione dei loro diritti garantiti dalla Convenzione, era stato causato dalla loro possesso di una parte della proprietà. L'importo chiesto per spese postali era eccessivo e non comprovato.
43. Secondo la giurisprudenza ben stabilita della Corte, costi e spese non saranno assegnate sotto l’Articolo 41 a meno che venga stabilito che sono stati davvero e necessariamente sostenuti e sono stati anche ragionevoli riguardo al quantum. Le spese processuali inoltre sono solamente recuperabili quando si riferiscono alla violazione trovata (vedere Articolo 60 e, fra le altre autorità, Beyeler c. Italia (soddisfazione equa) [GC], n. 33202/96, § 27, 28 maggio 2002, e Sahin c. Germania [GC], n. 30943/96, § 105 ECHR 2003-VIII).
Nella presente causa, avendo riguardo alle informazioni in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte considera ragionevole assegnare loro congiuntamente la somma di EUR 1,000 costi di copertura e spese sotto tutti i capi.
C. Interesse di mora
44. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui si dovrebbero aggiungere tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo riguardo all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ammissibile riguardo ai richiedenti D. T., D. S. M. D.-J., V. K., E. Z. e H. Z. ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare congiuntamente ai richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione l'importo di EUR 181,000 (cento ed ottantuno mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile a riguardo del danno materiale;
(b) che lo Stato rispondente deve pagare congiuntamente ai richiedenti, entro lo stesso periodo di tre mesi l'importo di EUR 1,000 (mille euro), più qualsiasi tassa che può essere a loro carico, riguardo ai costi e spese;
(c) che gli importi summenzionati saranno convertiti nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(d) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 15 settembre 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Cancelliere Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.