Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TANAY v. TURKEY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 06, 29

NUMERO: 18753/04/2008
STATO: Turchia
DATA: 09/12/2008
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-1 ; Non-pecuniary damage - award
SECOND SECTION
CASE OF TANAY v. TURKEY
(Application no. 18753/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
9 December 2008
FINAL
09/03/2009
This judgment may be subject to editorial revision.


In the case of Tanay v. Turkey,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Ireneu Cabral Barreto,
Vladimiro Zagrebelsky,
Danutė Jočienė,
András Sajó,
Nona Tsotsoria,
Işıl Karakaş, judges,
and Sally Dollé, Section Registrar,
Having deliberated in private on 18 November 2008,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 18753/04) against the Republic of Turkey lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Turkish national, Mr M. T. (“the applicant”), on 11 February 2004.
2. The applicant was represented by Mrs F. K. D., a lawyer practising in Tunceli. The Turkish Government (“the Government”) were represented by their Agent.
3. The applicant alleged, in particular, that a factual error made by the Court of Cassation had infringed his right of access to court, in violation of Article 6 of the Convention.
4. On 20 November 2007 the Court decided to give notice of the application to the Government. It also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3 of the Convention).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1956 and lives in Istanbul.
6. On 18 November 1997 the General Directorate of National Roads and Highways (hereinafter “the Directorate”) expropriated 4,309 square metres of the applicant’s land in Tunceli. The expropriation decision was communicated to the applicant on 16 August 2000. According to the domestic procedure, the applicant had thirty days, which began the day after the decision was communicated to him, to ask for an increase in the amount of compensation.
7. On 1 September 2000 a certain Mr S. Y., who had been authorised by the applicant to appoint a lawyer for him, had a power of attorney drawn up at a notary public, appointing Mrs F. K.D. as legal counsel to represent the applicant.
8. On 19 September 2000 the applicant, with the assistance of his lawyer Mrs D., brought an action before the Tunceli Civil Court (hereinafter the “Tunceli Court”), seeking increased compensation. Mrs D. requested the court to accept the case despite the expiry of the statutory time-limit on 17 September 2000, as she had had health problems preventing her lodging the case earlier.
9. On 9 November 2000 the Tunceli Court asked the Forensic Medicine Institute in Ankara to clarify whether Mrs D. had had health problems at the relevant time and whether those problems had been of a nature to render it impossible for her to come to the court house and lodge the applicant’s case within the statutory time-limit.
10. On 22 May 2001 the Erzurum branch of the Forensic Medicine Institute forwarded to the Tunceli Court a number of medical reports, confirming that Mrs D. had been ill between 23 August 2000 and 17 September 2000 and had thus been unable to lodge the case within the statutory time-limit.
11. The Tunceli Court accepted the medical report and began examining the merits of the case. In the course of the proceedings it had regard to the zone plan, the expropriation documentation, two principal and two additional expert reports, and awarded the applicant additional compensation on 31 May 2001. The Directorate appealed.
12. On 3 March 2003 the Court of Cassation quashed the decision, quoting the applicant’s name, instead of that of his representative, as the person who had been ill. The Court of Cassation stated that the applicant had given a power of attorney to F. K. D. so that, even if he had been ill, Mrs K. D. could have lodged the claim on his behalf within the statutory time-limit. The Court of Cassation consequently held that the case had been time-barred on 17 September 2000.
13. In an application for rectification Mrs D. argued that it was she who had been ill, not her client. The Court of Cassation had therefore made a factual error which should be rectified.
14. On 12 May 2003, the Court of Cassation held that “amending the factual error would not affect the outcome”, and dismissed the rectification request.
15. On 4 July 2003 the Tunceli Court concurred with the Court of Cassation’s decision and dismissed the case. On 13 November 2003 the Court of Cassation upheld the final ruling.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
16. According to sections 166-168 of the Code of Civil Procedure, if a person or his or her legal representative is unable to comply with a statutory time-limit for reasons outside his or her control, that individual is given an additional ten-day period starting on the date when the situation giving rise to the inability to comply has ended.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION
17. The applicant complained that the Court of Cassation’s mistake had violated his right to a fair hearing within the meaning of Article 6 of the Convention, which reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
18. The Government contested that argument.
A. Admissibility
19. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
20. The Government accepted that the Court of Cassation had made an error by referring in its decision to the applicant as the person who had been ill. The Government also acknowledged that, according to the applicable legislation and the case-law of the Court of Cassation, if a party in domestic proceedings fell ill and became unable to comply with a statutory time-limit, he or she would be given an additional ten-day period starting on the date of recovery from the illness.
21. However, the Government were of the opinion that the applicant’s legal representative’s illness had not justified her failure to comply with the time-limit. Holding otherwise would mean that, whenever a party missed a time-limit, he or she would obtain a medical report from a medical institute and request extra time.
22. The Government alleged that the applicant’s legal representative had pretended to have been ill only when she realised that she had missed the time-limit. It was also remarkable, according to the Government, that on 1 September 2000 S. Y. had given a power of attorney to Mrs D. to represent the applicant, yet, according to the medical report, Mrs D. had been ill on that day.
23. Furthermore, although it had been open to Mrs D. to delegate one of her colleagues to file the case on her behalf, she had failed to do so and had acted in an irresponsible manner, causing a disadvantage to the applicant.
24. Lastly, the Government reminded the Court that it was not a court of first instance; it was not for the Court to evaluate the evidence and decide as if it were a first-instance court.
25. The applicant maintained his complaints. He submitted that there existed official medical records showing that his legal representative had been treated at the hospital. Thus, the distrust displayed by the Government towards his legal representative, as well as towards the official medical institutions, had been unjustified.
26. As regards the Government’s submission that his legal representative had accepted the power of attorney at a time when she was purportedly ill, the applicant referred to the applicable legislation which stipulated that a lawyer did not have to be present when a power of attorney was signed at a notary public by his or her client. Furthermore, the applicant maintained that he did not know at the time of giving the power of attorney that his representative was ill.
27. Lastly, the applicant argued that the main issue in the case had been the factual error made by the Court of Cassation and that that factual error had infringed his right of access to court.
28. The Government conceded that the Court of Cassation had made a factual error. Furthermore, the Government have not disputed that the applicant was penalised by the Court of Cassation on account of the error for which he was not responsible (see, mutatis mutandis, Platakou v. Greece, no. 38460/97, § 39, ECHR 2001-I). What the Government did challenge is the veracity of the applicant’s claim that his legal representative had been ill.
29. The Court notes that the veracity of this claim and the accuracy of the medical reports issued by the Forensic Medicine Institute – a State body – were never the subject of the domestic courts’ examination as there had never been any suggestion of impropriety in the domestic proceedings. Indeed, the Government’s accusations about the health of the applicant’s legal representative are not supported by any evidence and, as such, the Court cannot attach any importance to them.
30. Similarly, the Court deems it unnecessary to examine the Government’s arguments concerning whether or not the legal representative had been right in accepting the power of attorney when she was ill and whether or not she should have delegated another lawyer to file the applicant’s case on her behalf. These are issues for the domestic courts to examine; as pointed out by the Government, the Court is not a court of first instance. Nevertheless, it is important to note that these matters were not raised and examined by the domestic courts and that the Court of Cassation’s conclusion that the applicant had failed to comply with the time-limit was not based on these issues.
31. The Court of Cassation’s decision was based solely on the erroneous mention of the applicant’s name, instead of that of his legal representative, as the person who had been ill. It accordingly quashed the decision in which the applicant had been awarded additional compensation for the expropriation of his land. When this error was brought to its attention in rectification proceedings, the Court of Cassation concluded that amending their error would not affect the outcome of the case.
32. The Court reiterates that it is not the Court’s function to deal with errors of fact or law allegedly committed by a national court unless and in so far as they may have infringed rights and freedoms protected by the Convention (see P.G. and J.H. v. the United Kingdom, no. 44787/98, § 76, ECHR 2001-IX). Furthermore, it is in the first place for the national authorities, and notably the courts, to interpret domestic law and the Court will not substitute its own interpretation for theirs in the absence of arbitrariness (see Tejedor García v. Spain, 16 December 1997, § 31, Reports of Judgments and Decisions 1997-VIII and the cases cited therein).
33. In the present case it is necessary to examine the consequences of the factual error made by the Court of Cassation since it had a bearing on the determination of the applicant’s civil rights under Article 6 of the Convention. The Court considers that the justification put forward by the Court of Cassation when refusing to correct the error (see paragraph 14 above) lacked any relevant reasoning. In the opinion of the Court, contrary to what was suggested by the Court of Cassation, correcting the factual error would have made a critical difference to the assessment of the applicant’s compliance with the domestic rules of procedure. The Court thus concludes that the Court of Cassation’s unreasoned decision based on the factual error violated the applicant’s rights under Article 6 § 1 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
34. The applicant further complained that the Court of Cassation’s refusal to correct its error had also violated his rights under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
35. The Government contested that argument.
36. The Court notes that this complaint is linked to the one examined above and must therefore likewise be declared admissible.
37. The Court further notes that the main Convention question raised in the present application is the applicant’s rights guaranteed by Article 6 § 1 of the Convention. Having found a violation of that provision (paragraph 33 above), the Court considers that there is no need to make a separate ruling on this remaining complaint. In reaching this decision the Court has particular regard to the fact that the Court of Cassation did not examine the merits of the appeal lodged by the Directorate.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
38. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
39. The applicant claimed 21,877 euros (EUR) in respect of pecuniary and EUR 10,000 in respect of non-pecuniary damage.
40. The Government contested the claims and argued that the sums were excessive and not supported by evidence.
41. As regards pecuniary damage, the Court reiterates that the most appropriate form of redress for the violation of Article 6 § 1 would be to ensure that the applicant, as far as possible, is put in the position in which he would have been had this provision not been disregarded (see Mehmet and Suna Yiğit v. Turkey, no. 52658/99, § 47, 17 July 2007). Consequently, it considers that the most appropriate form of redress would be to restart the appeal proceedings, correcting the factual error, should the applicant so request (see, mutatis mutandis, Gençel v. Turkey, no. 53431/99, § 27, 23 October 2003).
42. As regards non-pecuniary damage, deciding on an equitable basis, the Court awards the applicant EUR 3,000.
B. Costs and expenses
43. The applicant also claimed EUR 677 for the costs and expenses incurred before the domestic courts and EUR 1,423 for those incurred before the Court. The claim made in respect of costs and expenses incurred before the domestic courts and the claim made in respect of the costs and expenses incurred before the Court included the sums of EUR 389 and EUR 1,142 respectively, in respect of his lawyer’s fees. In support of the claims for these fees the applicant submitted a copy of the agreement signed by both himself and his lawyer. The remaining EUR 569, for which the applicant submitted receipts, was claimed in respect of domestic court fees and translation expenses.
44. The Government contested the claims.
45. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 1,800 covering costs under all heads. The Court considers that the remaining EUR 300 had been claimed in respect of court fees and other costs incurred before the Tunceli Court prior to the Court of Cassation’s factual error. As such, it was not incurred for the prevention or redress of the violation (see Société Colas Est and Others v. France, no. 37971/97, § 56, ECHR 2002-III).
C. Default interest
46. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;
3. Holds that there is no need to examine the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
4. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following sums, plus any tax that may be chargeable to the applicant, to be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 3,000 (three thousand euros) in respect of non-pecuniary damage, and
(ii) EUR 1,800 (one thousand eight hundred euros) in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 9 December 2008, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di Art. 6-1; danno morale - assegnazione
SECONDA SEZIONE
CAUSA TANAY C. TURCHIA
(Richiesta n. 18753/04)
SENTENZA
STRASBOURG
9 dicembre 2008
DEFINITIVO
09/03/2009
Questa sentenza può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Tanay c. Turchia,
La Corte europea dei Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Françoise Tulkens, Presidente, Ireneu Cabral Barreto, Vladimiro Zagrebelsky, Danutė Jočienė, András Sajó, Nona Tsotsoria, Işıl Karakaş, giudici,
e da Sally Dollé, Sezione Cancelliere,
Avendo deliberato in privato il 18 novembre 2008,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 18753/04) contro la Repubblica della Turchia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino turco, il Sig. M. T. (“il richiedente”), l’11 febbraio 2004.
2. Il richiedente fu rappresentato dalla Sig.ra F. K. D., un avvocato che pratica a Tunceli. Il Governo turco (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente.
3. Il richiedente addusse, in particolare, che un errore che riguarda i fatti fato dalla Corte di Cassazione aveva infranto il suo diritto di accesso ad un tribunale, in violazione dell’ Articolo 6 della Convenzione.
4. Il 20 novembre 2007 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo. Decise anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3 della Convenzione).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1956 e vive ad Istanbul.
6. Il 18 novembre 1997 la Direzione Generale delle Strade e Autostrade Nazionali (in seguito “la Direzione”) espropriò 4,309 metri quadrati di terreni del richiedente a Tunceli. La decisione di espropriazione fu comunicata al richiedente il 16 agosto 2000. Secondo la procedura nazionale, il richiedente aveva trenta giorni a partire dal giorno dopo che la decisione gli veniva comunicata, per chiedere un aumento dell'importo del risarcimento.
7. Il 1 settembre 2000 un certo Sig. S. Y. che era stato autorizzato dal richiedente a nominare un avvocato per lui fece redigere una procura da un pubblico notaio, che nominava la Sig.ra F. K. D. come consigliere legale per rappresentare il richiedente.
8. Il 19 settembre 2000 il richiedente, con l'assistenza del suo avvocato la Sig.ra D. introdusse un'azione di fronte alla Corte Civile di Tunceli (in seguito “la Corte di Tunceli”), chiedendo l’aumento del risarcimento. La Sig.ra D. richiese alla corte di accettare la causa nonostante la scadenza del tempo-limite legale del 17 settembre 2000, siccome aveva avuto problemi di salute che le avevano impedito di depositare la causa prima.
9. Il 9 novembre 2000 la Corte di Tunceli chiese all’Istituto di Medicina legale di Ankara di chiarire se la Sig.ra D.º aveva avuto problemi di salute al tempo attinente e se quei problemi erano stati di natura tale da renderle impossibile venire presso la sede della corte per depositare la causa del richiedente all'interno del tempo-limite legale.
10. Il 22 maggio 2001 il dipartimento Erzurum dell’ Istituto di Medicina legale spedì alla Corte di Tunceli un numero di referti medici, che confermavano che la Sig.ra D. era stata male fra il 23 agosto 2000 e il 17 settembre 2000 e non era stata così in grado di depositare la causa all'interno del tempo-limite legale.
11. La Corte di Tunceli accettò il referto medico e cominciò ad esaminare i meriti della causa. Nel corso dei procedimenti ebbe riguardo al piano di zona, alla documentazione di espropriazione, due rapporti principali e due rapporti supplementari di esperti, ed assegnò il risarcimento supplementare al richiedente il 31 maggio 2001. La Direzione fece ricorso.
12. Il 3 marzo 2003 la Corte di Cassazione annullò la decisione, citando il nome del richiedente, invece di quello del suo rappresentante, come la persona che era stata male. La Corte di Cassazione affermò che il richiedente aveva dato una procura a F. K. D. così che, anche se lui era stato male, la Sig.ra K. D. avrebbe potuto depositare la rivendicazione per suo conto all'interno del tempo-limite legale. La Corte di Cassazione sostenne di conseguenza che la causa era stata sospesa per scadenza del tempo limite il 17 settembre 2000.
13. In un’istanza di rettifica la Sig.ra D. dibatté che era lei chi era stata male, non il suo cliente. La Corte di Cassazione aveva fatto perciò un errore che riguardava i fatti che avrebbe dovuto essere rettificato.
14. Il 12 maggio 2003 la Corte di Cassazione sostenne, che “correggere l'errore che riguardava i fatti non avrebbe cambiato il risultato”, e respinse l’istanza di rettifica.
15. Il 4 luglio 2003 la Corte di Tunceli concordò con la decisione della Corte di Cassazione ed archiviò la causa. Il 13 novembre 2003 la Corte di Cassazione sostenne la decisione definitiva.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
16. Secondo le sezioni 166-168 del Codice di Procedura Civile, se una persona o il suo rappresentante legale non è capace di attenersi ad un tempo-limite legale per ragioni fuori dal suo controllo, a questo individuo viene dato un periodo supplementare di dieci- giorni che comincia dalla data in cui la situazione che genera l'incapacità di attenersi è terminato.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE
17. Il richiedente si lamentò che l’errore della Corte di Cassazione aveva violato il suo diritto ad un'udienza corretta all'interno del significato dell’ Articolo 6 della Convenzione che si legge come segue:
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi..., ad ognuno viene concessa un’udienza... corretta... da parte di [un]... tribunale...”
18. Il Governo contestò quell'argomento.
A. Ammissibilità
19. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
20. Il Governo accettò che la Corte di Cassazione aveva fatto un errore riferendosi nella sua decisione al richiedente come la persona che era stata male. Il Governo ammise anche che, secondo la legislazione applicabile e la giurisprudenza della Corte di Cassazione, se una parte a procedimenti nazionali incorre in malattia e diviene incapace di attenersi ad un tempo-limite legale, le viene dato un periodo supplementare di dieci- giorni che comincia in data del ricupero dalla malattia.
21. Comunque, il Governo è dell'opinione che la malattia del rappresentante legale del richiedente non aveva giustificato la sua inosservanza col tempo-limite. Sostenere altrimenti vorrebbe dire che, ogni qualvolta una parte non riesce ad attenersi ad un tempo-limite, potrebbe ottenere un referto medico da un istituto medico e richiedere un tempo addizionale.
22. Il Governo addusse che il rappresentante legale del richiedente aveva solamente finto di essere stato mal quando comprese di aver superato fallito il tempo-limite. Era anche straordinario, secondo il Governo che il 1 settembre 2000 S. Y. aveva dato una procura alla Sig.ra D. per rappresentare il richiedente, e ancora secondo il referto medico, la Sig.ra D. era stata male quel giorno.
23. Inoltre, benché fosse stato aperto alla Sig.ra D. di delegare ad uno dei suoi colleghi la registrazione della causa per suo conto, lei non era riuscita a fare così ed aveva agito in una maniera irresponsabile, provocando uno svantaggio al richiedente.
24. Infine, il Governo ricordò alla Corte che non era un giudice di prima istanza; non spettava alla Corte valutare la prova e decidere come se fosse un tribunale di prima -istanza.
25. Il richiedente sostenne le sue azioni di reclamo. Lui presentò che esistevano rapporti medici ed ufficiali che dimostravano che il suo rappresentante legale era stato curato all'ospedale. Così, la diffidenza mostrata dal Governo verso il suo rappresentante legale, così come verso le istituzioni mediche ed ufficiali, era ingiustificata.
26. Riguardo all'osservazione del Governo che il suo rappresentante legale aveva accettato la procura in un periodo proprio in cui stava male , il richiedente si riferì alla legislazione applicabile che sosteneva che un avvocato non doveva essere presente quando una procura veniva firmata presso un notaio pubblico dal suo cliente. Inoltre, il richiedente sostenne che lui non sapeva nel momento di dare la procura che il suo rappresentante era malato.
27. Infine, il richiedente dibatté che il problema principale nella causa era stato l'errore che riguardava i fatti fatto dalla Corte di Cassazione e che quell’ errore che riguardava i fatti aveva infranto il suo diritto di accesso ad un tribunale.
28. Il Governo concedette che la Corte di Cassazione aveva fatto un errore che riguardava i fatti. Inoltre, il Governo non ha contestato che il richiedente fu penalizzato dalla Corte di Cassazione a causa dell'errore per il quale lui non era responsabile (vedere, mutatis mutandis, Platakou c. Grecia, n. 38460/97, § 39 ECHR 2001-i). Ciò che impugnò il Governo è la veridicità della rivendicazione del richiedente per la quale il suo rappresentante legale era stato male.
29. La Corte nota che la veridicità di questa rivendicazione e l'accuratezza dei referti medici emessi dall’ Istituto di Medicina legale -un corpo Statale- non erano mai soggette all’esame da parte dei tribunali nazionali siccome non vi era mai stato alcun suggerimento d'improprietà nei procedimenti nazionali. Effettivamente, le accuse del Governo sulla salute del rappresentante legale del richiedente non sono sostenute da nessuna la prova e, come tali, la Corte non può legare alcuna importanza a queste.
30. Similmente, la Corte non ritiene necessario esaminare gli argomenti del Governo che riguardano se il rappresentante legale avesse avuto ragione o meno nell'accettare la procura quando lei era malata e se avrebbe dovuto o meno delegare un altro avvocato per registrare la causa del richiedente per conto suo. Questi sono problemi da esaminare da parte dei tribunali nazionali; come indicato dal Governo, la Corte non è un giudice di prima istanza. Ciononostante, è importante notare che queste questioni non furono sollevate ed esaminate dai tribunali nazionali e che la conclusione della Corte di Cassazione per cui il richiedente non era riuscito ad attenersi col tempo-limite non era basata su queste questioni.
31. La decisione della Corte di Cassazione fu basata solamente sulla menzione erronea del nome del richiedente, invece di quello del suo rappresentante legale, come la persona che era stata male. Annullò di conseguenza la decisione nella quale al richiedente era stato assegnato il risarcimento supplementare per l'espropriazione del suo terreno. Quando questo errore fu portato alla sua attenzione in procedimenti di rettifica, la Corte di Cassazione concluse che correggere il loro errore non avrebbe cambiato il risultato della causa.
32. La Corte reitera che non è una funzione della Corte trattare con errori di fatto o di legge commessi presumibilmente da un tribunale nazionale a meno che nella misura in cui abbiano violato diritti e libertà protetti dalla Convenzione (vedere P.G. e J.H. c. Regno Unito, n. 44787/98, § 76 ECHR 2001-IX). Inoltre, spetta al primo posto alle autorità nazionali, e in particolare ai tribunali, interpretare il diritto nazionale e la Corte non sostituirà la sua propria interpretazione con la loro in assenza di arbitrarietà (vedere Tejedor García c. Spagna, 16 dicembre 1997, § 31 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1997-VIII e le cause citate in questa).
33. Nella presente causa è necessario esaminare le conseguenze dell'errore che riguardava i fatti fatto dalla Corte di Cassazione poiché aveva peso sulla determinazione dei diritti civili del richiedente sotto l’Articolo 6 della Convenzione. La Corte considera che la giustificazione esposta dalla Corte di Cassazione rifiutando di correggere l'errore (vedere paragrafo 14 sopra) mancò di qualsiasi ragionamento attinente. Secondo la Corte, contrariamente a ciò che fu suggerito dalla Corte di Cassazione, correggere l'errore che riguardava i fatti avrebbe fatto una differenza critica sulla valutazione dell'ottemperanza del richiedente con le norme nazionali di procedura. La Corte conclude così che la decisione non ragionata della Corte di Cassazione basata sull'errore che riguardava i fatti ha violato i diritti del richiedente sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
34. Il richiedente si lamentò inoltre che il rifiuto della Corte di Cassazione di correggere il suo errore aveva violato anche i suoi diritti sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
35. Il Governo contestò questo argomento.
36. La Corte nota che questa azione di reclamo è collegata a quella esaminata sopra e deve essere dichiarata perciò similmente ammissibile.
37. La Corte nota inoltre che la questione principale della Convenzione sollevata nella presente richiesta è il diritto del richiedente garantito dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione. Avendo trovato una violazione di questo provvedimento (paragrafo 33 sopra), la Corte considera che non c'è nessun bisogno di fare una decisione separata su questa rimanente azione di reclamo. Nel giungere a questa decisione la Corte ha particolare riguardo al fatto che la Corte di Cassazione non esaminò i meriti del ricorso depositati dalla Direzione.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
38. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”

A. Danno
39. Il richiedente chiese 21,877 euro (EUR) a riguardo del danno materiale ed EUR 10,000 a riguardo del danno morale.
40. Il Governo contestò le rivendicazioni e dibatté che le somme erano eccessive e non sostenute da prove.
41. Riguardo al danno materiale, la Corte reitera che la forma più appropriata di compensazione per la violazione dell’ Articolo 6 § 1 sarebbero assicurare che il richiedente,venga posto il più possibile è nella posizione in cui si sarebbe trovato se questa disposizione non fosse stata trascurato (vedere Mehmet e Suna Yiğit c. Turchia, n. 52658/99, § 47 17 luglio 2007). Di conseguenza, considera che la forma più appropriata di compensazione sarebbe ricominciare i procedimenti di ricorso, correggendo l'errore che riguarda i fatti, nel caso il richiedente richiedesse così (vedere, mutatis mutandis, Gençel c. Turchia, n. 53431/99, § 27 23 ottobre 2003).
42. Riguardo al danno morale, decidendo su una base equa la Corte assegna EUR 3,000 al richiedente.
B. Costi e spese
43. Il richiedente chiese anche EUR 677 per i costi e le spese incorsi di fronte ai tribunali nazionali ed EUR 1,423 per quelli incorsi di fronte alla Corte. La rivendicazione fatta a riguardo dei costi e delle spese incorsi di fronte ai tribunali nazionali e la rivendicazione fatta a riguardo dei costi e delle spese incorsi di fronte alla Corte includeva rispettivamente le somme di EUR 389 ed EUR 1,142, a riguardo delle parcelle del suo avvocato. In appoggio delle rivendicazioni per queste parcelle il richiedente presentò una copia dell'accordo firmato sia da lui che dal suo avvocato. I 569 EUR rimanenti per il quale il richiedente presentò delle ricevute, furono chiesti a riguardo di parcelle dei tribunali nazionali e delle spese di traduzione.
44. Il Governo contestò le rivendicazioni.
45. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso un rimborso dei costi e delle spese solamente se viene dimostrato che questi sono stati davvero e necessariamente sostenuti e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa, bisogna tenere in considerazione le informazioni in suo possesso ed i criteri sopra, quindi la Corte considera ragionevole assegnare la somma di 1,800 EUR per i costi di copertura sotto tutti i capi. La Corte considera che i rimanenti 300 EUR erano stati chiesti a riguardo di parcelle di tribunali e di altri costi incorsi di fronte alla Corte di Tunceli Court prima dell'errore della Corte di Cassazione che riguardava i fatti. Essendo così, non sono stati sostenuti per prevenire o compensare la violazione (vedere Société Colas Est ed Altri c. Francia, n. 37971/97, § 56 ECHR 2002-III).
C. Interesse di mora
46. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione Dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
3. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare al richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’ Articolo 44 § 2 della Convenzione le seguenti somme, più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente, da convertire nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data di accordo:
(i) EUR 3,000 (tre mila euro) a riguardo del danno morale, e
(ii) EUR 1,800 (mille ottocento euro) a riguardo di costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 9 dicembre 2008, facendo seguito all’articolo 77 §§ 2 e 3 dell’ordinamento della Corte.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.