Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF IGARIENE AND PETRAUSKIENE v. LITHUANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 26892/05/2009
STATO: Lituania
DATA: 21/07/2009
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

SECOND SECTION
CASE OF IGARIENÄ– AND PETRAUSKIENÄ– v. LITHUANIA
(Application no. 26892/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
21 July 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of IgarienÄ— and PetrauskienÄ— v. Lithuania,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Ireneu Cabral Barreto,
Vladimiro Zagrebelsky,
Danutė Jočienė,
Dragoljub Popović,
András Sajó,
Nona Tsotsoria, judges,
and Sally Dollé, Section Registrar,
Having deliberated in private on 30 June 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 26892/05) against the Republic of Lithuania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by two Lithuanian nationals, Ms L. S. I. and Ms D. P. (“the applicants”), on 22 July 2005.
2. The Lithuanian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Ms E. Baltutytė.
3. On 2 February 2007 the Court decided to give notice to the Government of the applicants' complaints under Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. It also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicants were born in 1938 and 1968 respectively and live in Kaunas.
5. On 17 November 1992 the Kaunas City Board restored the applicants' property rights to part of a building in Kaunas. In particular, it restored in kind the applicants' property rights to the flats in which they lived. The property restitution decision specified that the property rights to the uninhabited part of the building (hereafter “the disputed premises”) would be restored in accordance with the procedure and terms fixed by the Government.
6. On 15 October 1993 the Kaunas City deputy mayor and the applicants signed a statement of transfer acceptance (priÄ—mimo-perdavimo aktas), by which the disputed premises were transferred to the applicants. On 21 December 1993 the applicants registered their title to the premises.
7. By a decision of 21 March 1994, the Kaunas City mayor declared the statement of transfer acceptance unlawful and consequently null and void. By a decision of 31 May 1994 the Kaunas City Board supplemented the decision of 17 November 1992 with a clause which specified the form in which the property rights were to be restored. Therein it was decided to pay compensation for the disputed premises, at that time occupied by a pharmacy, after the Government had determined the means and the procedure by which compensation was to be paid.
8. By a decision of 14 June 1994, the Kaunas City Board transferred the disputed premises from the balance sheet of one State-run company to the balance sheet of the State-run company of Kaunas area pharmacies. Subsequently, by a decision of the Kaunas City Board of 14 June 1996, the disputed premises were transferred into the private ownership of the closed-stock company, Šlamučio vaistinė.
9. On 3 June 1994 the applicants, together with other persons in a similar situation, brought a civil claim, challenging the local authorities' decisions of 21 March 1994 and 31 May 1994. It was dismissed as unsubstantiated by the Kaunas City District Court on 4 July 1994.
10. On 22 August 1994 the Supreme Court quashed the lower court's decision and remitted the case for a fresh examination. The Supreme Court noted that the lower court had not examined all the relevant circumstances. In particular, it had not taken account of the fact that, at the time of the adoption of the impugned decisions, the applicants had already been recognised as the owners of the entire building. The Supreme Court observed that only a court and not a local authority could have annulled the applicants' ownership rights.
11. On 7 October 1994 the Kaunas City District Court decided to suspend the civil proceedings further to a request by V.A., one of the plaintiffs in the case, on account of the illness of one of his relatives, who also was a plaintiff in that case. The court ordered V.A. to inform it when his relative's state of health would allow her to participate in the proceedings.
12. On 1 July 1999 the Kaunas City District Court of its own motion resumed the civil proceedings.
13. On 9 September 1999 the Kaunas City District Court granted the applicants' claim. It declared the local authority's decisions of 21 March 1994 and 31 May 1994 null and void, restoring the applicants' title to the premises occupied by the pharmacy.
14. On 28 February 2000 the Kaunas Regional Court upheld that decision.
15. On 12 September 2000 the Supreme Court quashed the lower courts' decisions and returned the case to the Kaunas City District Court for an examination de novo. The Supreme Court considered that the lower courts had again failed to assess all the relevant circumstances – even those to which attention had been drawn in its decision of 22 August 1994 – and that they had erred in law.
16. On 18 February 2004 the Kaunas City District Court dismissed the applicants' action. The court observed that the law had not provided for restitution in kind of immovable property if it had been occupied by public-interest institutions, such as a pharmacy. The court further interpreted the decision of 17 November 1992, noting that it could not have been read as guaranteeing restitution in kind of the entire building, but only of the unoccupied part. The court annulled the ambiguous phrasing of the decision, leaving it to the local authorities to determine how to remedy the situation, either by pecuniary compensation or by the transfer of an equivalent property.
17. On 23 September 2004 the Kaunas Regional Court upheld the decision of the first-instance court.
18. On 26 January 2005 the Supreme Court dismissed a cassation appeal by the applicants.
19. On 25 May 2005 certain parties to the case, including the applicants, submitted a request to the Kaunas City District Court to interpret its decision of 18 February 2004. Their request was dismissed on 21 June 2005.
20. On 3 April 2006 V.A. instituted civil proceedings challenging the initial proportions of the applicants' and other interested parties' property rights, as set in the decision of 17 November 1992. By a final decision of 5 September 2007 the Kaunas City District Court left V.A.'s request unexamined because V.A., although having been duly informed about the hearing, failed to appear in court.
21. On 11 December 2008 the head of the Kaunas City Municipality issued an order to pay the applicants pecuniary compensation for the disputed premises. The compensation was to be paid in three instalments and on 29 December 2008 the applicants received the first payment due. The two remaining instalments are to be paid in 2009 and 2010.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
22. The relevant domestic law and practice concerning the domestic remedies with regard to length of proceedings complaints have been summarised in the judgment of Četvertakas and Others v. Lithuania (no. 16013/02, §§ 19-22, 20 January 2009). In addition, Article 484 of the Civil Code, in force until 1 July 2001, provided that an organisation was to compensate for any damage which its employees had caused while performing their professional duties.
23. The Law on the procedure and conditions for thr restoration of ownership rights to existing real property (Įstatymas dėl piliečių nuosavybės teisių į išlikusį nekilnojamąjį turtą atstatymo tvarkos ir sąlygų), enacted on 18 June 1991 and amended on numerous occasions, provided for two forms of restitution – the return of the property in kind or compensation for it if its physical return was not possible. Pursuant to Article 14 of the Law, if a house had been converted into non-residential premises which had been given to a medical institution or used for medical purposes, those premises were to be bought out by the State. The local authorities were competent to decide on the method of compensation.
24. On 27 May 1994 the Constitutional Court examined the issue of the compatibility of the Constitution with the domestic laws on the restoration of property rights. In its decision the Constitutional Court held, inter alia, that possessions which had been nationalised by the Soviet authorities since 1940 should be treated as “property under the de facto control of the State”. The Constitutional Court stated:
“The rights of a former owner to particular property have not been restored until the property is returned or appropriate compensation is afforded. The law does not itself provide any rights while it is not applied to a concrete person in respect of a specific property. In such a situation the legal effect of a decision by a competent authority to return the property or to provide compensation is such that only from that moment does the former owner obtain property rights to a specific property.”
The Constitutional Court also held that fair compensation for property which could not be returned in kind was compatible with the principle of the protection of property.
25. On 20 June 1995 the Constitutional Court affirmed that the choice by Parliament of the partial reparation principle was influenced by the difficult political and social conditions, in that “new generations had grown, new proprietary and other socio-economic relations had been formed during the 50 years of occupation, which could not be ignored in deciding the question of restitution of property”.
26. The Law on the restoration of citizens' ownership rights to existing real property (Piliečių nuosavybės teisių į išlikusį nekilnojamąjį turtą atkūrimo įstatymas), which was enacted on 1 July 1997 and which repealed the Law on the procedure and conditions for the restoration of ownership rights to existing real property, at the material time read as follows:
Article 8 Conditions and procedures for the restoration of ownership rights to residential houses, portions thereof and flats
“1. Ownership rights to residential houses, portions thereof and flats shall be restored to persons specified in Article 2 of this Law by returning them in kind, except for residential houses, portions thereof and flats which are subject to a State buyout pursuant to Article 15 of this Law...”
Article 15 Residential houses, portions thereof and flats bought out by the State
“Residential houses, portions thereof and flats shall be bought out by the State from the citizens specified in Article 2 of this Law, who shall be compensated in accordance with Article 16 of this Law, provided that such residential houses, portions thereof or flats:
(1) have been converted into premises unfit for human occupancy and used for educational, health care protection, cultural or scientific purposes, or by communal care residences. The list of such premises shall be approved by the Government...”
Article 16 Compensation to citizens for real property bought out by the State
“1. The State shall compensate citizens for existing real property which is bought out by the State, as well as for real property which existed prior to 1 August 1991 but subsequently ceased to exist as a result of decisions adopted by the State or local authorities.
2. When the State compensates citizens for real property which, in accordance with this Law, is not returned in kind, the principle of equal value shall be applied to both the property that is not returned and other property which is transferred instead of it as compensation for the property bought out by the State. ...
7. Compensation for buildings used for economic and commercial purposes, residential houses, portions thereof and flats which are not returned pursuant to this Law shall be established in accordance with the methods approved by the Government. ...”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
27. The applicants complained that the length of the civil proceedings had been incompatible with the “reasonable time” requirement laid down in Article 6 § 1 of the Convention, which reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal...”
A. Admissibility
28. The Government submitted that the applicants should have brought a claim for damages before a civil court under Articles 483 and 484 of the Civil Code, in force until 1 July 2001. Relying on the ruling of the Constitutional Court of 19 August 2006, the Government also argued that, even assuming that specific redress had not been enshrined in any law, the applicants could have claimed redress by directly relying on the Constitution or on the general principles of law.
29. The Government further contended that the applicants could have applied to the domestic courts, seeking redress for the length of the civil proceedings under Article 6.272 of the Civil Code, in force since 1 July 2001. In this connection the Government submitted a copy of a judgment delivered by the Supreme Court on 6 February 2007 whereby a person had been awarded damages under Article 6.272 of the Civil Code for the excessive length of proceedings, albeit criminal, which had been instituted in 1998 and discontinued in 2004. In view of the applicants' failure to lodge such a claim in the present case, the complaint about the length of the proceedings should be rejected for non-exhaustion of domestic remedies, pursuant to Article 35 § 1 of the Convention. Lastly, the Government submitted that part of the impugned civil proceedings fell outside the Court's competence ratione temporis.
30. The applicants contested the Government's argument, stating that no adequate remedy existed which they could use in relation to their Convention complaint as to the excessive length of the proceedings.
31. The Court observes first that it has no competence to examine events which occurred prior to 20 June 1995, the date of the entry into force of the Convention in respect of Lithuania. In so far as part of the civil proceedings took place before that date, this aspect of the application should be rejected under Article 35 §§ 3 and 4 as being incompatible ratione temporis with the provisions of the Convention.
32. As to the Government's plea of non-exhaustion of domestic remedies, the Court refers to its conclusion in Baškienė v. Lithuania (no. 11529/04, §§ 68-72, 24 July 2007), where it held that a claim for damages under Article 6.272 of the Civil Code did not satisfy the test of “effectiveness”. The Court finds no reason to depart from its existing case-law in this regard. It further observes that, as an example of the relevant domestic case-law regarding Article 6.272 of the Civil Code, the Government relied on the decision of the Supreme Court of 6 February 2007. However, in the instant case the civil proceedings lasted from 3 June 1994 until 26 January 2005 (see paragraphs 9 and 18 above) while the application was lodged with the Court on 22 July 2005. Consequently, the Court remains unconvinced that the possibility of claiming damages for the excessive length of proceedings under Article 6.272 of the Civil Code had – at the time when the present application was submitted – already acquired a sufficient degree of legal certainty requiring its use for the purposes of Article 35 § 1 of the Convention.
33. As to the Government's argument that the applicants could have brought a claim based on Articles 483 and 484 of the Civil Code, in force until 1 July 2001, or on the general principles of law or the Constitution, they have not adduced any evidence to demonstrate that such a remedy had any reasonable prospect of success, especially before the ruling of the Constitutional Court on 19 August 2006 (see Četvertakas and Others v. Lithuania, no. 16013/02, § 30, 20 January 2009).
34. That being so, the Government's plea of inadmissibility on the ground of non-exhaustion of domestic remedies must be dismissed.
35. The Court also notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
36. The Government admitted that before the courts of first instance the civil proceedings as a whole had lasted a relatively long time. They submitted, however, that the length of the proceedings had been preconditioned by the serious illness of one of the parties. In particular, they noted that the civil proceedings had been suspended for almost five years and that this delay had been partly attributable to the conduct of the parties to the case, who had failed to request the domestic court to resume them (see paragraphs 11 and 12 above and the judgment Aleksa v. Lithuania, no. 27576/05, §§ 11 and 14, 21 July 2009, not yet final). They further contended that the case was complex since it had involved many plaintiffs, who had submitted numerous claims and counterclaims. A number of parties to the case had been replaced by other persons. The Government also drew the Court's attention to the fact that the case file consisted of 8 volumes (2,234 pages) and that there had been frequent changes in domestic legislation regulating the restitution process. It followed that there had been no breach of the right to a hearing within a “reasonable time”, conferred by Article 6 § 1 of the Convention.
37. The applicants disagreed, stating that the complexity of the case was not sufficient to discharge the State from its obligation to observe the reasonable-time requirement. They noted, in particular, that the case had been suspended for almost five years and argued that the Kaunas City District Court had not made any efforts to resume its examination of the case. The applicants further observed that after the decision of the Supreme Court of 12 September 2000, by which the case had been returned to the first-instance court for a fresh examination, the Kaunas City District Court had only given its decision on 18 February 2004. Consequently, the length of these proceedings had been excessive.
38. The Court notes that, although the civil proceedings were instituted on 14 June 1994, the period falling within its jurisdiction began only on 20 June 1995 (see paragraph 31 above) and lasted until 26 January 2005. The overall length of the proceedings was thus nine years and seven months for three levels of jurisdiction. However, the Court notes that by 20 June 1995 the proceedings had already been pending for a year.
39. The Court reiterates that the reasonableness of the length of proceedings must be assessed in the light of the circumstances of the case and with reference to the following criteria: the complexity of the case, the conduct of the applicants and the relevant authorities and what was at stake for the applicants in the dispute (see, among many other authorities, Frydlender v. France [GC], no. 30979/96, § 43, ECHR 2000-VII).
40. The Court has frequently found violations of Article 6 § 1 of the Convention in applications raising issues similar to the one in the present case (see Szilágyi v. Hungary, no. 73376/01, 5 April 2005).
41. The Court observes that the present proceedings were indeed complex, particularly because of the number of participants, the ongoing legislative amendments and the restitution aspect. That, however, cannot justify their significant overall length.
42. The Court finds no evidence to demonstrate that at any stage of the proceedings the applicants displayed dilatory conduct or otherwise disrupted their proper conduct. The Court takes into consideration the Government's argument that, from 7 October 1994 until 1 July 1999, the civil proceedings were suspended because one of the plaintiffs, V.A., had failed to inform the Kaunas City District Court about his relative's state of health. It is to be noted, however, that this was an obligation imposed upon V.A. and not upon the applicants in the case at hand, who consequently cannot be held responsible for that omission.
43. As regards the conduct of the authorities, the Court notes that, owing to the lower courts' failure to assess all the relevant circumstances in the case, the Supreme Court twice remitted the case to the lower courts for a fresh examination (see paragraphs 10 and 15 above). It should also be noted that it took the Kaunas City District Court three and a half years to adopt a new decision after the Supreme Court had returned the case to it for an examination de novo (see paragraphs 15 and 16 above and the judgment Kobelyan v. Georgia, no. 40022/05, not yet final, § 19).
44. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that the total length of the impugned civil proceedings breached the “reasonable time” requirement. There has accordingly been a violation of Article 6 § 1 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
45. The applicants also complained in their original application that they had not been able to obtain restitution of the disputed premises in kind. They further contended that, owing to the protracted nature of the civil proceedings which had started in 1994 and lasted more than eleven years, they had been unduly restricted in the enjoyment of their property. The applicants expanded the latter aspect of their complaint in their observations on admissibility and merits dated 3 July 2007, contending that up to that date they had not been awarded any compensation for their property. They alleged a violation of Article 1 of Protocol No. 1, which provides:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. The parties' arguments
46. The Government submitted that this part of the application was inadmissible ratione temporis, since the applicants' complaints related to events which had occurred before 24 May 1996, when Protocol No. 1 entered into force in respect of Lithuania.
47. The Government pointed out that the focus of the dispute between the applicants and the authorities was not the restoration of their property rights as such, but the question whether the applicants had been entitled to restitution of the disputed premises in kind. By the decisions of
21 March 1994 and 31 May 1994, the local authorities had not annulled the applicants' property rights but had only specified the form of the restitution. As under national law it was not possible to return the disputed property itself, the local authorities and, later, the courts had decided that the applicants had to be compensated for the disputed premises either by allocating to them a property of equivalent value or by paying them pecuniary compensation. The Government further contended that this possibility for the applicants to obtain compensation for the premises at issue ensured a reasonable balance between the interests of the applicants and the public and had been approved by the courts at three levels of jurisdiction. They alleged that the delay in paying the applicants the compensation for the disputed premises had resulted from the complexities of the restitution process and the related legal disputes. The Government concluded that this part of the application was manifestly ill-founded and should be dismissed pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
48. The applicants noted that on 17 November 1992 the local authorities had restored their property rights. Even though the disputed decisions of 21 March 1994 and 31 May 1994 regarding the way their property rights should be restored had been adopted prior to the entry into force of Protocol No. 1 in respect of Lithuania, the hindrance to their peaceful enjoyment of their possessions had continued until the decision of the Supreme Court of 26 January 2005. Taking into account this continuous violation of their property rights, the present complaint fell within the Court's competence ratione temporis.
49. The applicants further argued that the domestic courts had misinterpreted the national law in finding that the disputed premises could not have been returned to them in kind. In particular, they alleged that there was no public interest in refusing them ownership of those premises and in transferring title to them to the pharmacy. In the applicants' view, there was no public interest in that particular pharmacy conducting its business in those particular premises. Moreover, the restoration of the applicants' property rights did not preclude the pharmacy from renting those premises. As the domestic courts had not established a sufficient public interest for the expropriation of the applicants' property, there had been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
B. Admissibility
50. The Court recalls that on 17 November 1992 the local authorities restored in kind the applicants' ownership of part of a building in Kaunas and noted that their rights to the remaining part of the disputed premises would be restored in accordance with the procedure and terms set by the Government (see paragraph 5 above). Moreover, the aforementioned property restitution decision was never revoked; by a decision of 18 February 2004 the Kaunas City District Court merely left it to the local authorities to take appropriate measures to choose the form of compensation to be afforded to the applicants. The Court considers therefore that the local authorities' decision of 17 November 1992 to restore the applicants' property rights provided them with an enforceable claim constituting a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see Jasiūnienė v. Lithuania, no. 41510/98, § 44, 6 March 2003).
51. The Court notes the Government's argument that the impugned restitution-related decisions were adopted between 1992 and 1994, that is to say, before 24 May 1996, when Protocol No. 1 entered into force in respect of Lithuania. However the Court observes that even though the judicial proceedings as to the lawfulness of those decisions were initiated on 3 June 1994, they lasted until 26 January 2005, and that during that period the applicants were restricted in their enjoyment of their possessions. Furthermore, the applicants did not receive the first part of the compensation for their property until 29 December 2008 (see paragraph 21 above). It follows that the applicants' complaint cannot be dismissed as incompatible ratione temporis.
52. The Court observes that in this part of the application the applicants complained about two different issues. Firstly, they complained about their inability to recover ownership of the disputed premises in kind. Secondly, they argued that they had not had peaceful enjoyment of their possessions since 1994. The Court will examine the admissibility of each of these complaints separately.
1. The applicants' inability to recover the disputed premises in kind
53. To the extent that the applicants complained about their inability to recover the disputed premises in kind following the re-establishment of the Lithuanian State, the Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention does not guarantee, as such, the right to restitution of property. Nor can it be interpreted as creating any general obligation for the Contracting States to restore property which had been expropriated before they ratified the Convention, or as imposing any restrictions on their freedom to determine the scope and conditions of any property restitution to former owners (see, among many authorities, Jantner v. Slovakia, no. 39050/97, § 34, 4 March 2003, and Bergauer and Others v. the Czech Republic (dec.), no. 17120/04, 13 December 2005).
54. In the context of the present case the Court has regard to the decision of the Kaunas City District Court of 18 February 2004 that in accordance with the applicable domestic legislation the applicants had no right to recover the disputed premises in kind, and the authorities were simply required to grant them compensatory property. The Court sees no cause to depart from the domestic court's findings, which were based on its direct knowledge of the national law and the factual circumstances. It follows that this complaint is manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It must therefore be rejected under Article 35 §§ 3 and 4.
2. The applicants' inability to enjoy their possessions
55. The Court considers that the main problem arising in the present case under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention was the applicants' inability to use their property owing to the length of the civil litigation. In this connection the Court recalls its finding at paragraph 44 above and its previous case-law to the effect that, when a violation of Article 6 § 1 is found, the Court usually considers it unnecessary to determine the complaint based on Article 1 of Protocol No. 1 in addition (see, among many authorities, Mahieu v. France, no. 43288/98, § 27, 19 June 2001, and Michaïlidou and Others v. Greece, no. 21091/07, § 12, 12 March 2009). Nevertheless, the Court is of the view that the case at hand is to be distinguished from that practice because, although the civil litigation ended with the Supreme Court's decision of 26 January 2005, the restitution process has been substantially longer, and to date is still not finalised. Therefore the Court considers that this complaint merits separate consideration. Moreover, in the Court's view, it is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. As there are no other grounds warranting the rejection of this complaint, the Court concludes that it must be declared admissible.
C. Merits
56. The Court repeats that by a decision of 17 November 1992 the local authority granted the applicants the right to obtain compensation corresponding to the value of the disputed premises. Even though that right was created in an inchoate form, as its materialisation was to be effected by an administrative decision allocating State assets to them according to the rules fixed by the Government, it clearly constituted a legal basis for the State's obligation to implement it. However, as the applicants received the first part of the aforementioned compensation only on 29 December 2008, that is to say many years later, the Court considers that there was an interference with their right to the peaceful enjoyment of their possessions, conferred by the first sentence of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. It remains to be ascertained whether or not that interference was justified.
57. It is recalled that, for the purposes of the above-mentioned provision, the Court must determine whether a fair balance was struck between the demands of the general interest of the community and the protection of the individual's fundamental rights (see Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, § 68, Series A no. 52). The requisite balance will not be struck where the person concerned bears an individual and excessive burden (see Străin and Others v. Romania, no. 57001/00, § 44, ECHR 2005-VII).
58. The Court takes cognisance of the fact that the present case concerns restitution of property and is not unmindful of the complexity of the legal and factual issues a State faces when resolving such questions (see Velikovi and Others v. Bulgaria, nos. 43278/98, 45437/99, 48014/99, 48380/99, 51362/99, 53367/99, 60036/00, 73465/01 and 194/02, § 166, 15 March 2007). It follows that certain impediments to the realisation of the applicants' right to the peaceful enjoyment of their possessions are not in themselves open to criticism. However, there is a risk that such restitution proceedings may unreasonably restrict the applicants' ability to deal with their possessions, particularly if such proceedings are protracted (see, mutatis mutandis, Luordo v. Italy, no. 32190/96, § 70, ECHR 2003-IX). Moreover, the state of uncertainty in which applicants might find themselves as a result of delays attributable to the authorities is a factor to be taken into account in assessing the State's conduct (see Almeida Garrett, Mascarenhas Falcão and Others v. Portugal, nos. 29813/96 and 30229/96, § 54, ECHR 2000-I, and Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, §§ 151 and 185, ECHR 2004-V). The Court reiterates its case-law that compensation for the loss sustained by a deprivation of property must be paid within a reasonable time (see Guillemin v. France, 21 February 1997, § 54, Reports of Judgments and Decisions 1997-I).
59. In the context of the present case the Court observes that the State recognised the applicants' right to compensation for the disputed premises as early as 17 November 1992. Even taking into account that Protocol No. 1 to the Convention came into force with regard to Lithuania only four years later, the applicants were not paid the first part of that compensation until 29 December 2008. The Court is not insensitive to the complexities inherent in the restitution process. However, in the present case the hindrance to the peaceful enjoyment of their property is mainly attributable to the respondent State, since the Court has already found that the related civil proceedings breached the “reasonable time” requirement (see paragraph 44 above). What is more, the applicants have not been fully paid for their property to date, given that they will not receive the final balance of compensation before 2010. In the Court's view, the overall length of the restitution proceedings thus upset the balance which had to be struck between the general interest in securing the disputed premises for public needs and the applicants' personal interest in the peaceful enjoyment of their possessions. The interference with the applicants' right was accordingly disproportionate to the aim pursued.
60. Having regard to the foregoing, the Court finds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
III. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
61. The applicants argued under Article 6 § 1 of the Convention that the courts had incorrectly applied domestic procedural and substantive law when examining their claims regarding restitution.
62. The Court reiterates that it is not its task under the Convention to act as a court of appeal, or a so-called court of fourth instance, from the decisions taken by domestic courts. It is the role of the latter to interpret and apply the domestic law (see Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99, 72203/01 and 72552/01, § 86, ECHR 2005-VI). It follows that this part of the application must be rejected as being manifestly ill-founded, pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
63. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
64. The applicants claimed, without submitting any documents which would support that demand, 36,500 euros (EUR) in respect of pecuniary damage and EUR 100,000 in respect of non-pecuniary damage for each applicant.
65. The Government contested these claims as unsubstantiated and excessive.
66. The Court does not discern any causal link between the violation found and the pecuniary damage alleged; it therefore rejects this claim. However, it awards each of the applicants EUR 4,500 in respect of
non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
67. The applicants did not submit any claims for the costs and expenses incurred before the domestic courts or the Court. Accordingly, the Court makes no award under this head.
C. Default interest
68. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares admissible the applicants' complaints concerning the excessive length of the civil proceedings and their inability to enjoy their possessions;
2. Declares the remainder of the application inadmissible;
3. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;
4. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
5. Holds
(a) that the respondent State is to pay each of the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 4,500
(four thousand five hundred euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable, which sum is to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
6. Dismisses the remainder of the applicants' claims for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 21 July 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Registrar President


TESTO TRADOTTO

SECONDA SEZIONE
CAUSA IGARIENÄ– E PETRAUSKIENÄ– C. LITUANIA
(Richiesta n. 26892/05)
SENTENZA
STRASBOURG
21 luglio 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa IgarienÄ— e PetrauskienÄ— c. Lituania,
La Corte europea di Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Françoise Tulkens, Presidente, Ireneu Cabral Barreto, Vladimiro Zagrebelsky, Danutė Jočienė, Dragoljub Popović, András Sajó, Nona Tsotsoria, giudici,
e Sally Dollé, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 30 giugno 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 26892/05) contro la Repubblica della Lituania depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da due cittadini lituani, la Sig.ra L. S. io. ed la Sig.ra D. P. (“i richiedenti”), il 22 luglio 2005.
2. Il Governo lituano (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, la Sig.ra E. Baltutytė.
3. Il 2 febbraio 2007 la Corte decise di dare avviso al Governo delle azioni di reclamo dei richiedenti sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Decise anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1938 e 1968 e vivono a Kaunas.
5. Il 17 novembre 1992 il Consiglio Civico di Kaunas ripristinò i diritti di proprietà dei richiedenti su parte di un edificio a Kaunas. In particolare, ripristinò in natura i diritti di proprietà dei richiedenti sugli appartamenti nei quali vivevano. La decisione di restituzione della proprietà specificò che i diritti di proprietà sulla parte inabitata dell'edificio (in futuro “i locali contestati”) sarebbe stata ripristinata in conformità con la procedura e termini fissati dal Governo.
6. Il 15 ottobre 1993 il sostituto sindaco Civico di Kaunas ed i richiedenti firmarono una dichiarazione di accettazione di trasferimento (priėmimo-perdavimo aktas) con cui i locali contestati furono trasferiti ai richiedenti. Il 21 dicembre 1993 i richiedenti registrarono il loro titolo di proprietà sui locali.
7. Con una decisione del 21 marzo 1994, il sindaco Civico di Kaunas dichiarò la dichiarazione dell'accettazione di trasferimento illegale e di conseguenza priva di valore legale. Con una decisione del 31 maggio 1994 il Consiglio Civico di Kaunas completò la decisione del 17 novembre 1992 con una clausola che specificava la forma in cui sarebbero stati ripristinati i diritti di proprietà. In questa sede è stato deciso di pagare il risarcimento per i locali contestati, a quel tempo occupati da una farmacia, dopo che il Governo aveva determinato i mezzi e la procedura con cui sarebbe stato pagato il risarcimento.
8. Con una decisione del 14 giugno 1994, il Consiglio Civico di Kaunas trasferì i locali contestati dal rendiconto patrimoniale di una società gestita dallo Stato al rendiconto patrimoniale della società gestita dallo Stato delle farmacie dell’ area di Kaunas. Successivamente, con una decisione del Consiglio Civico di Kaunas del 14 giugno 1996, i locali contestati furono trasferiti nella proprietà privata della società per azioni chiusa, Šlamučio vaistinė.
9. Il 3 giugno 1994 i richiedenti, insieme con le altre persone in una situazione simile iniziarono una rivendicazione civile, impugnando le decisioni delle autorità locali del 21 marzo 1994 e del 31 maggio 1994. Fu respinta come non comprovata dalla Corte distrettuale Civica di Kaunas il 4 luglio 1994.
10. Il 22 agosto 1994 la Corte Suprema annullò la decisione della corte inferiore e rinviò la causa per un nuovo esame. La Corte Suprema notò che la corte inferiore non aveva esaminato tutte le circostanze attinenti. In particolare, non aveva preso in conto del fatto che, al tempo dell'adozione delle decisioni contestate, i richiedenti erano già stati riconosciuti come i proprietari dell' intero edificio. La Corte Suprema osservò che solamente un tribunale e non un'autorità locale avrebbe potuto annullare i diritti di proprietà dei richiedenti.
11. Il 7 ottobre 1994 la Corte distrettuale della città di Kaunas decise di sospendere inoltre i procedimenti civili su richiesta di V.A., uno dei querelanti nella causa, a causa della malattia di uno dei suoi parenti che era anche un querelante in quella causa. La Corte ordinò a V.A. di informarla quando lo stato di salute del suo parente gli avrebbe permesso di partecipare ai procedimenti.
12. Il 1 luglio 1999 la Corte distrettuale della Città di Kaunas di sua propria iniziativa riprese i procedimenti civili.
13. Il 9 settembre 1999 la Corte distrettuale della Città di Kaunas ammise il ricorso dei richiedenti. Dichiarò le decisioni dell'autorità locale del 21 marzo 1994 e del 31 maggio 1994 prive di valore legale, ripristinando il titolo di proprietà dei richiedenti sui locali occupati dalla farmacia.
14. Il 28 febbraio 2000 la Corte Regionale di Kaunas sostenne quella decisione.
15. Il 12 settembre 2000 la Corte Suprema annullò le decisioni dei tribunali inferiori e restituì la causa alla Corte distrettuale della Città di Kaunas per un esame de novo. La Corte Suprema considerò che i tribunali inferiori erano andati a vuoto di nuovo nel valutare tutte le circostanze attinenti -anche quelle su cui l’attenzione era stata attratta nella sua decisione del 22 agosto 1994-e che loro avevano errato nella legge.
16. Il 18 febbraio 2004 la Corte distrettuale della Città di Kaunas respinse l'azione dei richiedenti. La corte osservò che la legge non aveva previsto la restituzione in natura del patrimonio immobiliare nel caso fosse stato occupato da istituzioni di interesse pubblico, come una farmacia. La corte interpretò inoltre la decisione del 17 novembre 1992, notando che non poteva essere letta come se garantisse la restituzione in natura dell' intero edificio, ma solamente della parte non occupata. La corte annullò la frase ambigua della decisione, lasciando alle autorità locali di determinare come rimediare alla situazione, o tramite risarcimento materiale o tramite trasferimento di una proprietà equivalente.
17. Il 23 settembre 2004 la Corte Regionale di Kaunas sostenne la decisione della corte di prima istanza.
18.Il 26 gennaio 2005 la Corte Suprema respinse un ricorso di cassazione da parte dei richiedenti.
19. Il 25 maggio 2005 certe parti alla causa, incluso i richiedenti presentarono una richiesta alla Corte distrettuale della Città di Kaunas per interpretare la sua decisione del 18 febbraio 2004. La loro richiesta fu respinta il 21 giugno 2005.
20. Il 3 aprile 2006 V.A avviò procedimenti civili che impugnavano le proporzioni iniziali dei diritti di proprietà dei richiedenti e delle altre parti interessate, come stabilito nella decisione del 17 novembre 1992. Con una decisione definitiva del 5 settembre 2007 la Corte distrettuale della Città di Kaunas lasciò l’istanza di V.A. in esaminata perché V.A., benché fosse stato debitamente informato sull'udienza, non è riuscito a presentarsi in giudizio.
21. L’ 11 dicembre 2008 il capo del Municipio della Città di Kaunas emise un ordine a pagare ai richiedenti il risarcimento materiale per i locali contestati. Il risarcimento sarebbe stato pagato in tre rate e il 29 dicembre 2008 i richiedenti ricevettero la prima quota di pagamento. Le due rate rimanenti saranno pagate nel 2009 e 2010.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
22. Il diritto nazionale attinente e la pratica riguardo alle vie di ricorso nazionali con riguardo alla lunghezza dei procedimenti delle azioni di reclamo è stato riassunto nella sentenza Četvertakas ed Altri c. Lituania (n. 16013/02, §§ 19-22 20 gennaio 2009). Inoltre, l’Articolo 484 del Codice civile, in vigore sino al 1 luglio 2001, prevedeva che un'organizzazione doveva compensare qualsiasi danno che aveva causato ai suoi impiegati che assolvevano i loro doveri professionali.
23. La Legge sulla procedura e le condizioni per la restituzione dei diritti di proprietà sui beni immobili esistenti (Įstatymas dėl piliečių nuosavybės teisių į išlikusį nekilnojamąjį turtą atstatymo tvarkos ir sąlygų), approvata il 18 giugno 1991 e corretta in numerose occasioni, prevedeva due forme di restituzione -il ritorno della proprietà in natura o il risarcimento per questa se il suo ritorno fisico non fosse stato possibile. Facendo seguito all’ Articolo 14 della Legge, se un alloggio fosse stato convertito in locali non-residenziali che erano stati dati ad un'istituzione medica o usato ai fini medici, quei locali sarebbero stati comprati dallo Stato. Le autorità locali erano competenti per decidere sul metodo del risarcimento.
24. Il 27 maggio 1994 la Corte Costituzionale esaminò il problema della compatibilità della Costituzione coi diritti nazionali sulla restituzione dei diritti di proprietà. Nella sua decisione la Corte Costituzionale sostenne, inter alia che le proprietà che erano state nazionalizzate dalle autorità sovietiche dal 1940 avrebbero dovuto essere trattate come “proprietà sotto il controllo de facto dello Stato.” La Corte Costituzionale affermò:
“I diritti di un proprietario precedente della particolare proprietà non vengono ripristinati finché la proprietà non viene ritornata o non viene riconosciuto il risarcimento appropriato. La legge non prevede di per se stessa qualsiasi diritto fintanto che non è applicato ad una persona concreta a riguardo di una specifica proprietà. In tale situazione l'effetto legale di una decisione da parte di un'autorità competente di restituire la proprietà o di offrire il risarcimento è tale solamente dal momento che il proprietario precedente ottiene i diritti di proprietà su una specifica proprietà.”
La Corte Costituzionale sostenne anche che il risarcimento equo per la proprietà che non poteva essere restituita in natura era compatibile col principio della protezione di proprietà.
25. Il 20 giugno 1995 la Corte Costituzionale affermò che la scelta del Parlamento del principio di riparazione parziale fu influenzata dalle condizioni politiche e sociali difficili, in cui “le nuove generazioni erano cresciute, nuove relazioni socio-economiche e di proprietà erano state formate durante gli anni 50 dell’ occupazione che non potevano essere ignorate nel decidere la questione della restituzione della proprietà.”
26. La Legge sulla restituzione dei diritti di proprietà dei cittadini su beni immobili esistenti (Piliečių nuosavybės teisių į išlikusį nekilnojamąjį turtą atkūrimo įstatymas), che fu decretata il 1 luglio 1997 e che abrogò la Legge sulla procedura e le condizioni per la restituzione dei diritti di proprietà su beni immobili esistenti, al tempo attinente si legge come segue:
Articolo 8 Le condizioni e le procedure per la restituzione dei diritti di proprietà sugli alloggi residenziali, porzioni di questi ed appartamenti
“1. Diritti di proprietà su alloggi residenziali, parti di questi ed appartamenti saranno ripristinati a favore delle persone specificate nell’ Articolo 2 di questa Legge restituendoli in natura, a parte gli alloggi residenziali, parti di questi ed appartamenti che sono soggetti acquisto Statale facendo seguito all’ Articolo 15 di questa Legge...”
L’Articolo 15 Gli alloggi Residenziali, parti di questi ed appartamenti comprati dallo Stato
“Gli Alloggi residenziali, parti di questi ed appartamenti saranno comprati dallo Stato dai cittadini specificati nell’Articolo 2 di questa Legge che saranno compensati in conformità con l’Articolo 16 di questa Legge ad eccezione che questi alloggi residenziali, parti di questi o appartamenti:
(1) sono stati convertito in locali disadatti all’ occupazione umana ed usati ai fini educativi, di protezione e di assistenza sanitaria, culturali o scientifici o come case di cura comunali. Il ruolo di simili locali sarà approvato dal Governo...”
Articolo il 16 Il Risarcimento a cittadini per i beni immobili comprati dallo Stato
“1. Lo Stato compenserà i cittadini per beni immobili esistenti che sono stati comprati dallo Stato, così come per beni i immobili esistenti prima del 1 agosto 1991 ma che hanno successivamente cessò di esistere come risultato di decisioni adottate dalle autorità Statali o locali.
2. Quando lo Stato compensa i cittadini per beni immobili che, in conformità con questa Legge, non vengono restituiti in natura, il principio del valore uguale sarà applicato sia alla proprietà che non viene restituita sia all'altra proprietà che viene trasferita invece di questa come risarcimento per la proprietà comprata dallo Stato. ...
7. Il risarcimento per gli edifici usati ai fini economici e commerciali, alloggi residenziali parti di questi ed appartamenti che non sono restituiti facendo seguito a questa Legge sarà stabilito in conformità coi metodi approvati dal Governo. ...”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
27. I richiedenti si lamentarono che la lunghezza dei procedimenti civili era stata incompatibile col requisito del “ termine ragionevole” stabilito nell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione che legge come segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale…”
A. Ammissibilità
28. Il Governo presentò che i richiedenti avrebbero dovuto portare una rivendicazione per danni di fronte ad un tribunale civile sotto gli Articoli 483 e 484 del Codice civile, in vigore sino al 1 luglio 2001. Appellandosi alla direttiva della Corte Costituzionale del 19 agosto 2006, il Governo dibatté anche che, presumendo anche che la specifica compensazione non era stata custodita in alcuna legge, i richiedenti avrebbero potuto chiedere compensazione appellandosi direttamente alla Costituzione o ai principi generali di diritto.
29. Il Governo contese inoltre che i richiedenti avrebbero potuto presentare istanza ai tribunali nazionali, chiedendo compensazione per la lunghezza dei procedimenti civili sotto l’Articolo 6.272 del Codice civile, in vigore fin dal 1 luglio 2001. In questo collegamento il Governo presentò una copia di una sentenza consegnata dalla Corte Suprema il 6 febbraio 2007 in cui una ad una persona erano stati assegnati i danni sotto l’Articolo 6.272 del Codice civile per la lunghezza eccessiva del procedimento, che, benché criminale era stato avviato nel 1998 ed era stato concluso nel 2004. In prospettiva dell'insuccesso dei richiedenti nel depositare tale rivendicazione nella presente causa, l'azione di reclamo sulla lunghezza dei procedimenti dovrebbe essere respinta per non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali, facendo seguito all’ Articolo 35 § 1 della Convenzione. Infine, il Governo presentò che parte dei procedimenti civili e contestati non rientravano ratione temporis nella competenza della Corte.
30. I richiedenti contestarono l'argomento del Governo, affermando che esisteva non nessuna via di ricorso adeguata che loro avrebbero potuto usare in relazione alla loro azione di reclamo nei confronti della Convenzione in merito alla lunghezza eccessiva dei procedimenti.
31. La Corte prima osserva che non ha nessuna competenza per esaminare gli eventi che accaddero prima del 20 giugno 1995, la data dell'entrata in vigore della Convenzione a riguardo della Lituania. Per quanto riguarda i procedimenti civili portati avanti prima di quella data, questo aspetto della richiesta dovrebbe essere respinto sotto l’Articolo 35 §§ 3 e 4 come incompatibile ratione temporis con le disposizioni della Convenzione.
32. Riguardo alla dichiarazione del Governo del non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali, la Corte si riferisce alla sua conclusione in Baškienė c. Lituania (n. 11529/04, §§ 68-72 24 luglio 2007), dove sostenne che una rivendicazione per danni sotto l’Articolo 6.272 del Codice civile non soddisfaceva la prova dell’ “efficacia.” La Corte non trova nessuna ragione di abbandonare la sua giurisprudenza esistente a questo riguardo. Osserva inoltre che, come un esempio della giurisprudenza nazionale attinente riguardo all’ Articolo 6.272 del Codice civile, il Governo si appellò alla decisione della Corte Suprema del 6 febbraio 2007. Nella presente causa i procedimenti civili durarono comunque, dal 3 giugno 1994 fino al 26 gennaio 2005 (vedere i paragrafi 9 e 18 sopra) mentre la richiesta fu depositata presso la Corte il 22 luglio 2005. Di conseguenza, la Corte non rimane convinta che la possibilità di chiedere danni per la lunghezza eccessiva dei procedimenti sotto l’Articolo 6.272 del Codice civile avesse -al tempo in cui la presente richiesta fu presentata- già acquisito un grado sufficiente di certezza legale da richiedere il suo uso ai fini dell’ Articolo 35 § 1 della Convenzione.
33. Riguardo all'argomento del Governo per cui i richiedenti avrebbero potuto introdurre una rivendicazione basata sugli Articoli 483 e 484 del Codice civile, in vigore sino al 1 luglio 2001, o sui principi generali di diritto o della Costituzione, non ha addotto alcuna prova per dimostrare che tale via di ricorso aveva una qualsiasi prospettiva ragionevole di successo, specialmente prima della direttiva della Corte Costituzionale del 19 agosto 2006 (vedere Četvertakas ed Altri c. Lituania, n. 16013/02, § 30 del 20 gennaio 2009).
34. Che essendo così, la dichiarazione del Governo dell'inammissibilità sulla base del non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali deve essere respinta.
35. La Corte nota anche che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
36. Il Governo ammise che di fronte ai giudici di prima istanza i procedimenti civili nell'insieme erano durati un tempo relativamente lungo. Comunque, presentò che la lunghezza dei procedimenti era stata condizionata a priori dalla malattia seria di una delle parti. In particolare, notò che i procedimenti civili erano stati sospesi per pressoché cinque anni e che questo ritardo era stato parzialmente attribuibile alla condotta delle parti alla causa che erano andate a vuoto nel richiedere al tribunale nazionale di riprenderli (vedere paragrafi 11 e 12 sopra e la sentenza Aleksa c. Lituania, n. 27576/05, §§ 11 e 14, 21 luglio 2009 non ancora definitiva). Loro contesero inoltre che la causa era complessa poiché coinvolgeva molti querelanti che avevano presentato numerose rivendicazioni e contro rivendicazioni . Un numero di parti alla causa era stato sostituito da altre persone. Il Governo attrasse anche l'attenzione della Corte sul fatto che il file della causa consisteva di 8 volumi (2,234 pagine) e che c'erano stati cambi frequenti nella legislazione nazionale che regolava il processo di restituzione. Ne segue che non c'era stata nessuna violazione del diritto ad un'udienza entro un “termine ragionevole”, conferito dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
37. I richiedenti non erano d'accordo, affermando che la complessità della causa non era sufficiente ad assolvere lo Stato dal suo obbligo di osservare il requisito del tempo ragionevole. Loro notarono, in particolare, che la causa era stata sospesa per pressoché cinque anni ed arguirono che la Corte Distrettuale della città di Kaunas non aveva fatto alcuno sforzo per riprendere il suo esame della causa. I richiedenti osservarono inoltre che dopo la decisione della Corte Suprema del 12 settembre 2000 con la quale la causa era stata ritornata alla corte di prima istanza per un nuovo esame la Corte Distrettuale della città di Kaunas aveva reso la sua decisione solamente il 18 febbraio 2004. Di conseguenza, la lunghezza di questi procedimenti era stata eccessiva.
38. La Corte nota che, benché i procedimenti civili fossero stati avviati il 14 giugno 1994, il periodo che rientra all'interno della sua giurisdizione è cominciato solamente il 20 giugno 1995 (vedere paragrafo 31 sopra) ed è durato sino al 26 gennaio 2005. La lunghezza complessiva dei procedimenti era così di nove anni e sette mesi per tre livelli di giurisdizione. Comunque, la Corte nota che
il 20 giugno 1995 i procedimenti erano già pendenti da un anno.
39. La Corte reitera che la ragionevolezza della lunghezza dei procedimenti deve essere valutata alla luce delle circostanze della causa e con riferimento ai seguenti criteri: la complessità della causa, la condotta dei richiedenti e delle autorità attinenti e ciò che era in pericolo per i richiedenti nella controversia (vedere, fra molte altre autorità, Frydlender c. Francia [GC], n. 30979/96, § 43 ECHR 2000-VII).
40. La Corte ha frequentemente costatato la violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione in richieste che sollevavano problemi simili a quelli nella causa presente (vedere Szilágyi c.Ungheria, n. 73376/01, 5 aprile 2005).
41. La Corte osserva che i procedimenti presenti erano davvero complessi, particolarmente a causa del numero dei partecipanti, degli emendamenti legislativi in corso di modifica e l'aspetto della restituzione. Comunque, questo non può giustificare la loro significativa lunghezza complessiva.
42. La Corte non trova nessuna prova per dimostrare che a qualsiasi stadio dei procedimenti i richiedenti hanno tenuto una condotta dilatoria o che altrimenti non mantennero una condotta corretta. La Corte prende in esame l'argomento del Governo per cui, dal 7 ottobre 1994 sino al 1 luglio 1999 i procedimenti civili furono sospesi, perché uno dei querelanti, V.A., non era riuscito ad informare la Corte Distrettuale della Città di Kaunas dello stato di salute del suo parente. Comunque, si noterà che questo era un obbligo imposto a V.A. e non ai richiedenti nella presente causa che di conseguenza non possono essere ritenuti come responsabili di quell'omissione.
43. Riguardo alla condotta delle autorità, la Corte nota che, a causa dell'insuccesso dei tribunali inferiori nel valutare tutte le circostanze attinenti nella causa, la Corte Suprema rinviò due volte la causa ai tribunali inferiori per un nuovo esame (vedere paragrafi 10 e 15 sopra). Si dovrebbe notare anche che la Corte distrettuale della città di Kaunas impiegò tre anni e mezzo per adottare una nuova decisione dopo che la Corte Suprema gli aveva ritornato la causa per un esame de novo (vedere paragrafi 15 e 16 sopra e la sentenza Kobelyan c. Georgia, n. 40022/05, non ancora definitiva, § 19).
44. Le considerazioni precedenti sono sufficienti per permettere alla Corte di concludere che la lunghezza totale dei procedimenti civili contestati violò il requisito del “ termine ragionevole”. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
45. I richiedenti si lamentarono anche nella loro richiesta originale che loro non erano stati in grado di ottenere la restituzione in natura dei locali contestati. Loro sosenevano inoltre che, a causa della natura prolungata dei procedimenti civili che erano incominciati nel 1994 ed erano durati più di undici anni, era stato restretto loro impropriamente il godimento della loro proprietà. I richiedenti ampliarono il secondo aspetto della loro azione di reclamo nelle loro osservazioni sull'ammissibilità e nei meriti datati 3 luglio 2007, sostenendo che ad oggi loro non è stato assegnato risarcimento per la loro proprietà. Loro addussero una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che prevede:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Gli argomenti delle parti
46. Il Governo presentò che questa parte della richiesta era ratione temporis inammissibile, poiché le azioni di reclamo dei richiedenti facevano riferimento ad eventi che erano accaduti prima del 24 maggio 1996, quando il Protocollo N.ro 1 entrò in vigore a riguardo della Lituania.
47. Il Governo indicò che il punto focale della controversia fra i richiedenti e le autorità non era la restituzione dei loro diritti di proprietà ma la questione se ai richiedenti era stata concessa la restituzione in natura dei locali contestati. Con le decisioni del 21 marzo 1994 e del 31 maggio 1994 , le autorità locali non avevano annullato i diritti di proprietà dei richiedenti ma avevano specificato solamente la forma della restituzione. Siccome sotto legge nazionale non era possibile restituire la proprietà contestata stessa, le autorità locali e, più tardi, i tribunali avevano deciso che i richiedenti dovevano essere compensati per i locali contestati o assegnando loro una proprietà di valore equivalente o pagando loro il risarcimento materiale. Il Governo sostenne inoltre che questa possibilità per i richiedenti di ottenere il risarcimento per i locali in questione assicurava un equilibrio ragionevole fra gli interessi dei richiedenti e quelli pubblici ed era stata approvata dai tribunali a tre livelli di giurisdizione. Addusse che il ritardo nel pagare ai richiedenti il risarcimento per i locali contestati era stato il risultato delle complessità del processo di restituzione e le dispute giudiziarie relative. Il Governo concluse che questa parte della richiesta era manifestamente mal-fondata e dovrebbe essere respinta facendo seguito all’ Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
48. I richiedenti notarono che il 17 novembre 1992 le autorità locali avevano ripristinato i loro diritti di proprietà. Anche se le decisioni contestate del 21 marzo 1994 e 3del 1 maggio 1994 riguardo al modo in cui i loro diritti di proprietà avrebbero dovuto essere ripristinati erano state adottate prima dell'entrata in vigore del Protocollo N.ro 1 a riguardo della Lituania, l'ostacolo al loro pacifico godimento delle loro proprietà era continuato sino alla decisione della Corte Suprema del 26 gennaio 2005. Prendendo in considerazione questa violazione continua dei loro diritti di proprietà, la presente azione di reclamo ricade all'interno della competenza ratione temporis della Corte.
49. I richiedenti dibatterono inoltre che i tribunali nazionali avevano interpretato male la legge nazionale nel trovare che i locali contestati non potevano essere restituiti a loro in natura. In particolare, loro addussero che non c'era interesse pubblico nel rifiutare loro la proprietà di quei locali e nel trasferire il titolo di proprietà da loro alla farmacia. Secondo i richiedenti, non vi era un interesse pubblico particolare in quella farmacia che conduce i suoi affari in quei particolari locali. Inoltre, la restituzione dei diritti di proprietà dei richiedenti non precludeva alla farmacia di affittare quei locali. Siccome i tribunali nazionali non avevano stabilito un interesse pubblico sufficiente per l'espropriazione della proprietà dei richiedenti, c'era stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
B. Ammissibilità
50. La Corte richiama che il 17 novembre 1992 le autorità locali ripristinarono la proprietà in natura dei richiedenti di parte di un edificio a Kaunas e nota che i loro diritti alla parte rimanente dei locali contestati avrebbe dovuto essere ripristinata in conformità con la procedura e i termini esposti dal Governo (vedere paragrafo 5 sopra). La decisione di restituzione della proprietà summenzionata non fu,inoltre,mai revocata; con una decisione del 18 febbraio 2004 la Corte distrettuale della città di Kaunas lasciò alle autorità locali soltanto di prendere misure appropriate per scegliere la forma del risarcimento da riconoscere ai richiedenti. La Corte considera perciò che la decisione delle autorità locali del 17 novembre 1992 di ripristinare i diritti di proprietà dei richiedenti ha offerto loro una rivendicazione esecutiva che costituisce una “proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Jasiūnienė c. Lituania, n. 41510/98, § 44 6 marzo 2003).
51. La Corte nota l'argomento del Governo per cui le contestate decisioni relative alla restituzione sono state adottate fra il 1992 ed il 1994, cioè , prima del 24 maggio 1996, quando il Protocollo N.ro 1 entrò in vigore a riguardo della Lituania. Comunque la Corte osserva che anche se i procedimenti giudiziali riguardo alla legalità di quelle decisioni sono stati iniziati il 3 giugno 1994, sono durati sino al 26 gennaio 2005, e che durante questo periodo i richiedenti sono stati vincolati nel loro godimento delle loro proprietà. Inoltre, i richiedenti non ricevettero la prima parte del risarcimento per la loro proprietà sino al 29 dicembre 2008 (vedere paragrafo 21 sopra). Ne segue che l'azione di reclamo dei richiedenti non può essere respinta come ratione temporis incompatibile.
52. La Corte osserva che in questa parte della richiesta i richiedenti si lamentarono approssimativamente in merito a due problemi diversi. In primo luogo, loro si lamentarono della loro incapacità di recuperare la proprietà in natura dei locali contestati. In secondo luogo, loro dibatterono che loro non godevano del pacifico godimento delle loro proprietà fin dal 1994. La Corte esaminerà separatamente l'ammissibilità di ognuno di queste azioni di reclamo.
1. L'incapacità dei richiedenti di recuperare i locali contestati in natura
53. Nella misura che i richiedenti si lamentavano della loro incapacità di recuperare i locali contestati in natura a seguito del ristabilimento dello Stato lituano, la Corte reitera che l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione non garantisce, di per sé, il diritto alla restituzione della proprietà. Né si può interpretare come se creasse un qualsiasi obbligo generale per gli Stati Contraenti di ripristinare la proprietà che era stata espropriata prima della loro ratifica della Convenzione, o come se imponesse una qualsiasi restrizione sulla loro libertà di determinare la sfera e le condizioni di qualsiasi restituzione di proprietà ai precedenti proprietari (vedere, fra molte autorità, Jantner c. Slovacchia,
n. 39050/97, § 34, 4 marzo 2003, e Bergauer ed Altri c. Repubblica ceca (dec.), n. 17120/04, 13 dicembre 2005).
54. Nel contesto della presente causa la Corte ha riguardo alla decisione della Corte distrettuale della città di Kaunas del 18 febbraio 2004 per cui in conformità con la legislazione nazionale applicabile i richiedenti non avevano nessuno diritto di recuperare in natura i locali contestati, e le autorità furono semplicemente costrette ad accordare loro una proprietà compensativa. La Corte non vede nessun motivo per discostarsi dalle decisioni della corte nazionale che furono basate sulla sua conoscenza diretta della legge nazionale e delle circostanze dei fatti. Ne segue che questa azione di reclamo è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Deve essere respinta perciò sotto l’Articolo 35 §§ 3 e 4.
2. L'incapacità dei richiedenti di godere delle loro proprietà
55. La Corte considera che il problema principale che sorge nella presente causa sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione era l'incapacità dei richiedenti nell’ usare la loro proprietà a causa della lunghezza della controversia civile. In questo collegamento la Corte richiama la sua decisione al paragrafo 44 sopra e la sua giurisprudenza precedente all'effetto che, quando una violazione dell’ Articolo 6 § 1 è stata trovata, la Corte di solita non considera necessario determinare in aggiunta l'azione di reclamo basata sull’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, fra molte autorità, Mahieu c. Francia, n. 43288/98, § 27, 19 giugno 2001, e Michaïlidou ed Altri c. Grecia, n. 21091/07, § 12 del 12 marzo 2009). Ciononostante, la Corte è del parere che la presente causa è distinta dalla pratica perché, benché la controversia civile è terminata con la decisione della Corte Suprema del 26 gennaio 2005, il processo di restituzione è stato sostanzialmente più lungo, e ad oggi non è stato ancora reso definitivo. Perciò la Corte considera che questa azione di reclamo merita una considerazione separata. Secondo la Corte, non è manifestamente mal-fondata inoltre, all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Siccome non ci sono altri motivi che garantiscono il rifiuto di questa azione di reclamo, la Corte conclude che deve essere dichiarata ammissibile.
C. Meriti
56. La Corte ripete che con una decisione del 17 novembre 1992 l'autorità locale accordò ai richiedenti il diritto di ottenere il risarcimento corrispondente al valore dei locali contestati. Anche se questo diritto fu creato in una forma iniziale, siccome la sua materializzazione sarebbe stata effettuata tramite una decisione amministrativa che assegnava i beni Statali a loro secondo gli articoli stabiliti dal Governo, chiaramente costituiva una base legale per l'obbligo dello Stato di implementarla. Comunque, siccome i richiedenti ricevettero solamente la prima parte del summenzionato risarcimento il 29 dicembre 2008, cioè molti anni più tardi, la Corte considera che c'era un'interferenza col loro diritto al pacifico godimento delle loro proprietà, conferito dalla prima frase dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Rimane da accertare se questa interferenza era giustificata o meno.
57. Si ricorda, ai fini della disposizione summenzionata, che la Corte deve determinare, se un equilibrio equo è stato previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità e la protezione dei diritti essenziali dell'individuo (vedere Sporrong e Lönnroth c. Svezia, 23 settembre 1982, § 68 Serie A n. 52). L'equilibrio richiesto non sarà previsto dove la persona riguardata sopporta un carico individuale ed eccessivo (vedere Străin ed Altri c. Romania, n. 57001/00, § 44 ECHR 2005-VII).
58. La Corte prende cognizione del fatto che la presente causa riguarda la restituzione della proprietà e non è immemore della complessità dei problemi legali e che riguardano i fatti a cui uno Stato fa fronte nel chiarire simili questioni (vedere Velikovi ed Altri c. Bulgaria, N. 43278/98, 45437/99, 48014/99 48380/99, 51362/99 53367/99, 60036/00 73465/01 e 194/02, § 166 15 marzo 2007). Ne segue che certi impedimenti alla realizzazione del diritto dei richiedenti al pacifico godimento delle loro proprietà non sono di per se stessi aperto alla critica. C'è comunque, un rischio che simile procedimento di restituzione possa restringere irragionevolmente la capacità dei richiedenti di utilizzare la loro proprietà, in particolare se simile procedimenti si protraggono nel tempo(vedere, mutatis mutandis, Luordo c. Italia, n. 32190/96, § 70 ECHR 2003-IX). Inoltre, lo stato di incertezza nel quale è probabile che richiedenti si trovino come risultato dei ritardi attribuibili alle autorità è un fattore da prendere in considerazione nel valutare la condotta dello Stato (vedere Almeida Garrett, Mascarenhas Falcão ed Altri c. Portogallo, N. 29813/96 e 30229/96, § 54 ECHR 2000-io, e Broniowski c. Polonia [GC], n. 31443/96, §§ 151 e 185, il 2004-V di ECHR). La Corte reitera la sua giurisprudenza per cui il risarcimento per la perdita subita con una privazione di proprietà deve essere pagato all'interno di un termine ragionevole (vedere Guillemin c. Francia, 21 febbraio 1997,
§ 54 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1997-I).
59. Nel contesto della presente causa la Corte osserva che lo Stato ha riconosciuto il diritto dei richiedenti al risarcimento per i locali contestati fin dal 17 novembre 1992. Prendendo anche in considerazione che il Protocollo N.ro 1 alla Convenzione entrò in vigore a riguardo della Lituania solamente quattro anni più tardi ai richiedenti non fu pagata, la prima parte di quel risarcimento fino al 29 dicembre 2008. La Corte non è insensibile alle complessità inerenti al processo di restituzione. Comunque, nella presente causa l'ostacolo al pacifico godimento della loro proprietà è principalmente attribuibile allo Stato rispondente, poiché la Corte ha già trovato che i procedimenti civili relativi hanno violato il requisito del “termine ragionevole” (vedere paragrafo 44 sopra). Inoltre, ai richiedenti non è stata pagata la piena proprietà ad oggi, dato che loro non riceveranno il saldo definitivo del risarcimento prima del 2010. Secondo la Corte, la lunghezza complessiva dei procedimenti di restituzione ha sconvolto così l'equilibrio che doveva essere previsto fra l'interesse generale nel garantire i locali contestati per le necessità pubbliche e l'interesse personale dei richiedenti nel godimento tranquillo della loro proprietà. L'interferenza col diritto dei richiedenti era di conseguenza sproporzionata allo scopo perseguito.
60. Avendo riguardo a ciò che precede, la Corte costata che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
III. ALTRE VIOLAZIONI ADDOTTE DELLA CONVENZIONE
61. I richiedenti dibatterono sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione che i tribunali avevano applicato erroneamente le leggi nazionali procedurali e sostanziale esaminando le loro rivendicazioni riguardo alla restituzione.
62. La Corte reitera che non è il suo compito sotto la Convenzione comportarsi come una corte d'appello, o una così definita corte di quarta istanza, dalle decisioni prese dai tribunali nazionali. È il ruolo dei secondi interpretare e applicare il diritto nazionale (vedere Jahn ed Altri c. Germania [GC], N. 46720/99, 72203/01 e 72552/01, § 86 ECHR 2005-VI). Ne segue che questa parte della richiesta deve essere respinta come essendo manifestamente mal-fondata, facendo seguito all’ Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
63. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
64. I richiedenti chiesero, senza presentare alcun documento a sostegno di questa richiesta, 36,500 euro (EUR) a riguardo del danno materiale ed EUR 100,000 a riguardo del danno morale per ogni richiedente.
65. Il Governo contestò queste rivendicazioni come non comprovate ed eccessive.
66. La Corte non discerne qualsiasi collegamento causale fra la violazione trovata ed il danno materiale addotto; respinge perciò questa rivendicazione. Comunque, assegna ad ognuno dei richiedenti EUR 4,500 a riguardo del danno morale.
B. Costi e spese
67. I richiedenti non presentarono alcuna rivendicazione per i costi e le spese incorsi di fronte ai tribunali nazionali o alla Corte. Di conseguenza, la Corte non fa assegnazione sotto questo capo.
C. Interesse di mora
68. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara ammissibile le azioni di reclamo dei richiedenti riguardo alla lunghezza eccessiva dei procedimenti civili e la loro incapacità di godere delle loro proprietà;
2. Dichiara il resto della richiesta inammissibile;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
5. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare ognuno dei richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 4,500
(quattro mila cinquecento euro) a riguardo del danno morale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, somma sarà convertita nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
6. Respinge il resto delle rivendicazioni dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 21 luglio 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’ordinamento.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.