Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF POLANSCY v. POLAND

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI:

NUMERO: 21700/02/2009
STATO: Polonia
DATA: 07/07/2009
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

FOURTH SECTION
CASE OF POLAŃSCY v. POLAND
(Application no. 21700/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
7 July 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Polańscy v. Poland,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Giovanni Bonello,
Ljiljana Mijović,
Ján Šikuta,
Mihai Poalelungi,
Nebojša Vučinić, judges,
and Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 16 June 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 21700/02) against the Republic of Poland lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by two Polish nationals, Mrs K. P. and Mr J. P. (“the applicants”), on 30 November 2001.
2. The applicants, who had been granted legal aid, were represented by Ms J. S., a lawyer practising in Bielsko-Biała. The Polish Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr J. Wołąsiewicz of the Ministry of Foreign Affairs.
3. The applicants alleged, in particular, that the delay in payment of compensation for their plot of land amounted to a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
4. The applicants and the Government each filed observations on the merits (Rule 59 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicants are Polish nationals and live in Bystra.
A. Proceedings concerning compensation for the expropriated plot of land
6. The applicants owned some plots of land in Wieprz, Poland.
7. On 10 July 1989 the applicants signed a friendly settlement agreement with the Public District Roads Office (Rejon Dróg Publicznych) and agreed to the expropriation of 120 square metres of their property in return for compensation. The land was to be designated for the widening of a regional road (droga wojewódzka). Since then the property has been in the possession of the State Treasury.
8. In 1991 the Public District Roads Office requested the applicants to sign a notary deed confirming their friendly settlement. Subsequently, the representative of the Public District Roads Office refused to sign the deed because a contract of annuity had previously been concluded in favour of the mother of one of the applicants. That contract was registered in the property records of the plot in question. The applicant's mother could not sign the notary deed because she suffered from Alzheimer's disease.
9. In 1999 the applicant's mother died. The right of annuity was removed from the property records.
10. On 15 July 1999 the applicants asked the Żywiec District Roads Authority (Powiatowy Zarząd Dróg) for compensation for the expropriated plot or for the restitution of the land. The applicants noted that the matter of compensation had not been resolved for the previous seven years and requested that the matter be given urgent attention.
11. On 11 August 1999 the District Roads Authority informed the applicants that, on 1 January 1999, their plot of land had become ex lege the property of the State Treasury and that they would be granted compensation if they applied for it between 1 January 2001 and 31 December 2005. The applicants were also informed that their previous application for compensation would be regarded as an indication that they would lodge another, official application within the statutory time-limit. On 22 January 2001 the applicants filed another request for compensation for the expropriated land.
12. On 16 August 2001 the applicants complained about the lack of compensation to the Śląski Governor. They submitted that for several years they had been seeking compensation for expropriated property and that no appealable decision in their case had been given. On 26 September 2001 the Śląski Governor replied that they should complain and submit their application for compensation to the Mayor of the Żywiec District.
13. On 4 September 2001 the applicants lodged a further application for compensation, this time with the Mayor of the Żywiec District.
14. On 26 September 2001 the Mayor of the Żywiec District replied, informing the applicants that, on 1 January 1999, their plot of land had become ex lege the property of the State Treasury. He did not refer to the applicants' request for compensation.
15. On 1 October 2001 the applicants again complained to the ÅšlÄ…ski Governor.
16. On 10 October 2001 the Śląski Governor replied that, although the plot had become the State Treasury's property ex lege, a final decision by the Śląski Governor confirming the transfer of ownership was necessary in order to determine and pay compensation. The Governor also mentioned that “the drawing up of the necessary documentation for the plots of land in question” depended on “the financial means at the disposal of the office”.
17. On 20 February 2006 the ÅšlÄ…ski Governor gave a decision and confirmed the transfer of ownership of the plot of land in question. That was the first decision given in the applicants' case against which they could lodge an appeal.
18. On an unspecified date the applicants appealed, apparently complaining again about unpaid compensation.
19. On 25 April 2006 the Minister of Transport (Minister Transportu) upheld the challenged decision. Referring to the question of compensation, the Minister noted that that matter would be determined in separate proceedings before the Mayor.
20. On 29 June 2006 the applicants received a letter headed “notification” from the Mayor of the Żywiec District. The Mayor informed them that “due to financial constraints” their request for compensation would “presumably be examined in the first quarter of the year 2007”.
21. On 11 June 2007 the Mayor of the Żywiec District informed the applicants that they could consult the expert report concerning the value of the property (operat szacunkowy).
22. On 21 June 2007 the Mayor of the Żywiec District gave a decision, fixed the compensation to be paid to the applicants at PLN 1,265.00 and ordered that this amount be paid to the applicants. The decision became final on 24 July 2007.
23. On 13 September 2007 the compensation was paid to the applicants.
B. Proceedings for reimbursement of expenses incurred by the applicants
24. In 1990 in the course of work on widening the regional road onto the plot of land expropriated from the applicants, the workers removed a boundary along about one hundred metres of the applicants' property, giving rise to a boundary dispute between the applicants and their neighbours.
25. In November 1992 the applicants requested the Kraków Regional Director of Public Roads (Dyrekcja Okręgowych Dróg Publicznych) to reimburse the expenses incurred.
26. On 3 December 1992 the Kraków Regional Director of Public Roads replied that work on the demarcation of the applicants' plot and the plot of their neighbours had already been entrusted to a geodesist.
27. However, until 1999 no delimitation was carried out.
28. In 1999 the applicants requested a geodesist to mark the boundaries on their plot of land because they wanted to build houses for their children. The geodesist could not perform his work without marking the boundary between the applicants' plot and that of their neighbours. Therefore, the applicants had to bear the cost of the demarcation themselves.
29. On 15 July 1999 the applicants requested the Żywiec District Roads Authority to reimburse them for the cost of the demarcation and enclosed the invoice issued by the geodesist.
30. On 7 September 1999 the applicants received a letter from the Żywiec District Roads Authority to the effect that the authority did not have the financial means to reimburse them for the cost of the demarcation.
31. The applicants complained to the Mayor of the Żywiec District who referred their complaint back to the Żywiec District Roads Authority.
32. On 7 December 1999 the Żywiec District Roads Authority replied to the applicants using exactly the same wording as in their letter of 7 September 1999.
33. In 2001 the applicants again asked the Żywiec District Roads Authority for reimbursement of their expenses.
34. On 15 March 2001 the Żywiec District Roads Authority refused to reimburse the expenses, referring to the prescription period for lodging a claim.
35. The applicants lodged a complaint with the Supreme Administrative Court.
36. On 23 July 2001 the Supreme Administrative Court rejected their complaint, finding that the letter of 15 March 2001 in respect of which they had lodged their complaint was not a decision of a second-instance administrative authority and that the applicants had not proved that any administrative decisions had been issued in respect of their case.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Relevant provisions of legislation on land expropriation
37. According to paragraph 1 of the friendly settlement between the parties, it was signed on the basis of the Act of 12 March 1958 on Expropriation of Real Property (Ustawa o zasadach i trybie wywłaszczania nieruchomości) which reads as follows:
Section 1:
“Property may be expropriated only for the benefit of the State Treasury”.
Section 7:
“Expropriation shall be carried out against compensation”.
38. However, from 29 April 1985 to 1 January 1998 the rules governing the administration of land held by the State Treasury and municipalities were laid down in the Land Administration and Expropriation Act of 29 April 1985 (“the 1985 Land Administration Act”) (Ustawa o gospodarce gruntami i wywłaszczaniu nieruchomości). Thus, at the time of the conclusion of the friendly settlement between the parties (10 August 1998), the Act invoked in the settlement was not in force.
39. On 1 January 1998 the Land Administration Act of 21 August 1997 (Ustawa o gospodarce nieruchomościami – “the 1997 Land Administration Act”) entered into force. Under section 112 of that Act, expropriation consists in taking away, by virtue of an administrative decision, ownership or other rights in rem. Expropriation can be carried out where public interest aims cannot be achieved without restriction of those rights and where it is impossible to acquire those rights by way of a civil law contract.
40. Under section 113 an expropriation can only be carried out for the benefit of the State Treasury or the local municipality.
41. In accordance with section 128 § 1 of the Act, expropriation can be carried out against payment of compensation corresponding to the value of the property right concerned. Under section 130 § 1 of the Act, the amount of compensation shall be fixed according to the status and value of the property on the day on which the expropriation decision was given. The value of the property shall be estimated on the basis of a report prepared by a certified expert
42. Section 131 provides that a replacement property can be awarded to the expropriated owner, if he or she agrees.
43. Under section 132, compensation shall be paid within fourteen days from the date on which the expropriation decision becomes enforceable.
B. Introductory provisions concerning the right to compensation for expropriated property
44. On 29 October 1998 the Act of 13 October 1998 – introductory provisions concerning acts reforming public administration (Ustawa - przepisy wprowadząjace ustawy reformujące administrację publiczną) - entered into force.
45. Section 73 of that Act provides as follows:
“Land which as of 31 December 1998 remained in the possession of the State Treasury or local self-government authorities, which is not owned by these entities and has been expropriated for the purposes of constructing roads, shall become ex lege the property of the State Treasury or the respective local self-government authorities, against payment of compensation, on 1 January 1999.
..
Compensation ... shall be fixed and paid according to the provisions on compensation for expropriated property, at the request of the property owner, which must be lodged between 1 January 2001 and 31 December 2005. On the latter date the claim for compensation expires.”
C. Inactivity on the part of the administrative authorities
46. The relevant domestic law concerning inactivity on the part of administrative authorities is set out in the Court's judgment in the case of Grabiński v. Poland, no. 43702/02, §§ 60-65, 17 October 2006.
4. The 2006 resolution of seven judges of the Supreme Court
47. On 26 May 2006 seven judges of the Supreme Court, ruling on a legal question referred to it by the Supreme Court, held that section 73 of the Act of 13 October 1998 – introductory provisions concerning acts reforming public administration providing compensation for owners of plots of land expropriated for the construction of public roads – did not exclude the possibility to seek compensation for so-called extra-contractual use of land for the period before 1 January 1999.
In this resolution the Supreme Court acknowledged the need to clarify the issue because of divergences in the domestic case-law.
THE LAW
I. THE GOVERNMENT'S PRELIMINARY OBJECTIONS
A. The applicants' victim status
48. According to the Government, the applicants ceased to be victims of the alleged breach of the Convention as a result of the payment of the compensation on 13 September 2007. The Government submitted that since the administrative proceedings had meanwhile been terminated and the entirety of the applicants' claims had been satisfied, the damage to their pecuniary interests, allegedly caused by the non-payment of the compensation in question, had been fully redressed.
49. The applicants did not comment.
50. According to Article 34 of the Convention, “the Court may receive applications from any person ... claiming to be the victim of a violation by one of the High Contracting Parties of the rights set forth in the Convention or the Protocols thereto ...”.
51. The Court reiterates that it falls first to the national authorities to redress any alleged violation of the Convention. In this regard, the question whether or not the applicant can claim to be a victim of the violation alleged is relevant at all stages of the proceedings under the Convention (see E. v. Austria, no. 10668/83, Commission decision of 13 May 1987, Decisions and Reports 52, p. 177).
52. The Court further reiterates that a decision or measure favourable to the applicant is not in principle sufficient to deprive him of his status as a “victim” unless the national authorities have acknowledged, either expressly or in substance, and then afforded redress for, the breach of the Convention (see, for example, Amuur v. France, judgment of 25 June 1996, Reports of Judgments and Decisions 1996-III, p. 846, § 36, and Dalban v. Romania [GC], no. 28114/95, § 44, ECHR 1999-VI).
53. Turning to the facts of the present case, it may be that the applicants have now been paid the outstanding compensation in accordance with the relevant domestic provisions. Nevertheless, the payment did not involve any acknowledgment of the violations alleged. Nor did it afford the applicants adequate redress having regard to the delay in payment. In this respect, contrary to the Government's submissions, it does not matter whether the payment of the compensation occurred before or after the notification of the application to the Government.
54. In these circumstances, the Court considers that the applicants may still claim to be victims of a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
B. Non-exhaustion of domestic remedies
1. The Government's submissions
55. The Government submitted that the applicants had not exhausted all available domestic remedies. They relied on three grounds. Firstly, the applicants had lodged their application when the relevant proceedings were pending and thus their complaints were premature. Secondly, they had failed to make use of a complaint about the inactivity on the part of administrative authorities provided for by the provisions of the Code of Administrative Proceedings. Thirdly, the applicants could have lodged a claim for compensation for so-called extra-contractual use of their land by the State Treasury.
2. The applicants' submissions
56. The applicants submitted that for the whole period between 10 July 1989 and 20 February 2006 the plot had been in the possession of the State Treasury. They did not refer to the Government's argument that their application was premature.
57. As regards the alleged possibility to lodge a claim for compensation for extra-contractual use of the land, they submitted that at the time of lodging their application, the domestic practice had not been consistent. Some courts dismissed claims for compensation for extra-contractual use of land on the ground that competence in this respect had been granted only to administrative authorities. Only on 26 May 2006 did the Supreme Court adopt a resolution of seven judges and hold that the judicial avenue was possible in this type of case. This resolution was given as a result of a legal question put to the seven judges of the Supreme Court by the Supreme Court taking into consideration inconsistent domestic practice.
3. General principles relating to exhaustion of domestic remedies
58. The Court observes that the rule of exhaustion of domestic remedies contained in Article 35 § 1 of the Convention requires that normal recourse should be had by an applicant to remedies which are available and sufficient to afford redress in respect of the breaches alleged. The existence of the remedies in question must be sufficiently certain not only in theory but in practice, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness (see, among other authorities, Akdivar and Others v. Turkey, judgment of 16 September 1996, Reports of Judgments and Decisions 1996-IV, § 65).
59. In the area of the exhaustion of domestic remedies there is a distribution of the burden of proof. It is incumbent on the Government claiming non-exhaustion to satisfy the Court that the remedy was an effective one available in theory and practice at the relevant time, that is to say, that it was accessible, was capable of providing redress in respect of the applicant's complaints and offered reasonable prospects of success. However, once this burden has been satisfied it falls to the applicant to establish that the remedy advanced by the Government was in fact used or was for some reason inadequate and ineffective in the particular circumstances of the case or that there existed special circumstances absolving him or her from the requirement (ibid., § 68).
60. In addition, Article 35 § 1 must be applied with some degree of flexibility and without excessive formalism. This means amongst other things that it must take realistic account not only of the existence of formal remedies in the legal system of the Contracting Party concerned but also of the general legal and political context in which they operate as well as the personal circumstances of the applicants (ibid., § 69).
4. The Court's assessment
61. As regards the first argument, the Court notes that the applicants' application concerned primarily the delay in payment of the compensation and not the outcome of any proceedings. At the date of the lodging of the application (30 November 2001), the applicants had already been waiting for compensation for over ten years. It is the Court's well-established practice that in cases of continuous situations, a category to which a delay in payment of compensation clearly belongs, there is no need to wait until the relevant proceedings are terminated to lodge an application with the Court.
62. As regards the Government's second argument, the Court notes that between 10 July 1989 and 20 February 2006 no administrative decision was given. However, that does not mean that the administrative authorities remained completely inactive. They corresponded with the applicants, replied to their complaints and requests, and informed them several times that they would be granted compensation, referring to the administration's difficult financial situation. By way of example, on 11 August 1999 the District Roads Authority informed the applicants that their plot of land had become ex lege the property of the State Treasury and that they would be granted compensation if they applied for it between 1 January 2001 and 31 December 2005 (see paragraph 11 above). Thus, it appears that from August 1999 the applicants had no other solution but to wait until 1 January 2001 to lodge their request for compensation.
63. For these reasons the Court finds that in the circumstances of the present case a complaint about inactivity on the part of administrative authorities cannot be regarded as an effective remedy with a sufficient degree of certainty.
64. As regards the Government's third argument, the Court reiterates that the only remedies which Article 35 of the Convention requires to be exhausted are those that relate to the breaches alleged and at the same time are available and sufficient. The existence of such remedies must be sufficiently certain not only in theory but also in practice, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness (see, among many authorities, Mifsud v. France (dec.) [GC], no. 57220/00, ECHR 2002-VIII).
65. The Court notes that indeed at the time of the lodging of the present application by the applicants the domestic practice was not consistent and well-established (see paragraph 47 above). Only on 26 May 2006 did the Supreme Court give a resolution confirming the possibility of making a claim for compensation for the extra-contractual use of land. The Court further notes that the claim referred to by the Government, even if successful, would enable the applicants to claim compensation for the period before 1 January 1999 only. In this connection, the Court observes that only a remedy capable of addressing the applicants' complaint in its entirety, and not only selected aspects of it, could realistically redress the applicants' situation.
C. Conclusion as to the admissibility
66. The Court observes that, in the circumstances of the present case, the remedies referred to by the Government were not capable of providing redress in respect of the applicants' complaints. Having regard to the above considerations, the Court dismisses the Government's preliminary objection as to the non-exhaustion of domestic remedies.
67. The Court also considers that the instant application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further finds that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION ON ACCOUNT OF THE DELAY IN PAYMENT OF THE COMPENSATION
68. Article 1 of Protocol No. 1 reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
69. The Government submitted that there had not been any interference with the applicants' peaceful enjoyment of possessions for which the Government could be held responsible under Article 1 of Protocol No. 1. They further submitted that “although it took some time until the compensation was paid to the applicants, their rights were safeguarded by the civil law and they have already obtained redress at the domestic level for any negative consequences”. The Government did not dispute that the payment of the compensation had been delayed. However, in their view it had not led to increased financial loss for the applicants.
70. The applicants did not comment.
71. The Court reiterates that a “claim” can constitute a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 if it is sufficiently established to be enforceable (see Stran Greek Refineries and Stratis Andreadis v. Greece, judgment of 9 December 1994, Series A no. 301-B, p. 84, § 59).
72. The Court notes that from at least 29 October 1998, when the Act of 13 October 1998 came into force, the applicants had an enforceable claim and not simply a general right to receive compensation for their property. This right was subsequently confirmed several times by official letters from the administrative authorities. It follows that the prolonged impossibility for the applicants to obtain payment of the compensation constituted an interference with their right to peaceful enjoyment of their possessions, as set out in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see, mutatis mutandis, Burdov v. Russia, no. 59498/00, § 40, ECHR 2002-III).
73. What is more, the payment of compensation was blocked for over two years by the Act of 13 October 1998 itself, under which the application for compensation could only be lodged on 1 January 2001 at the earliest. This was confirmed in the letter of 11 August 1999 which the applicants had received from the District Roads Authority (see paragraph 11 above).
74. Subsequently, after 1 January 2001, even though the payment of compensation was formally possible, it was nonetheless delayed by the lack of funds on the part of administrative authorities (see paragraph 16 above) and was not effected until 13 September 2007.
75. Without examining the details of the circumstances of the present case before the entry into force of the Act of 13 October 1998, it has not been disputed between the parties that the ownership of the applicants' property was transferred to the State on 1 January 1999. The compensation was paid to the applicants on 13 September 2007. Thus the delay in payment lasted at least eight years and nine months. By failing to comply during that period with the statutory obligation to pay the compensation, the national authorities prevented the applicants from receiving the money they were entitled to receive. The Government have not advanced any justification for this interference. Moreover, the Court recalls that a lack of funds cannot justify such an omission (see, mutatis mutandis, Ambruosi v. Italy, no. 31227/96, §§ 28-34, 19 October 2000). The Court further notes that the compensation granted did not contain any just-satisfaction for the non-pecuniary damage that the applicants must have suffered as a result of the delay.
76. In sum, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
77. The applicants complained that the administrative authorities' failure to give an appealable administrative decision for a period of several years amounted to a violation of Article 13 of the Convention, which provides:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
78. The Court notes that this complaint is linked to the complaint examined above and must, therefore, likewise be declared admissible.
79. Having regard to its finding of a violation of the applicants' right to peaceful enjoyment of their possessions (see paragraph 76 above), the Court does not consider it necessary to examine the allegation of a violation of Article 13 of the Convention.
IV. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION AND OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
80. The applicants also complained under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention about the authorities' refusal to reimburse the expenses they had borne for the delimitation of their plot of land. They also invoked Article 13, submitting that in this case the administrative authorities had also avoided giving decisions, thus hindering their right to appeal.
81. The Court notes that the applicants failed to lodge a civil claim for payment against the District Roads Authority.
82. Accordingly, this complaint must be rejected under Article 35 §§ 1 and 4 for failure to exhaust domestic remedies.
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
83. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
84. The applicants claimed EUR 8,562 in respect of pecuniary damage and EUR 14,793 in respect of non-pecuniary damage.
85. The Government contested the claims.
86. The Court does not discern any causal link between the violation found and the pecuniary damage alleged. It therefore rejects this claim. On the other hand, it awards the applicants EUR 7,000 jointly in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
87. The applicants, who were represented by a lawyer, claimed EUR 1,183.97 for costs and expenses.
88. The Government submitted that any award should be limited to those costs and expenses which were actually and necessarily incurred and were reasonable.
89. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to reimbursement of his costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. The Court notes that the applicants were paid EUR 850 in legal aid by the Council of Europe. In the present case, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the whole sum sought by the applicants (EUR 1,183,97) for the proceedings before it, less the amount received by way of legal aid from the Council of Europe. The Court thus awards EUR 334 for costs and expenses.
C. Default interest
90. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention concerning the delay in payment of compensation for the expropriated property and the related complaint under Article 13 of the Convention admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
3. Holds that it is not necessary to examine separately the complaint under Article 13 of the Convention;
4. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants jointly, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention,
(i) EUR 7,000 (seven thousand euros), plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of non-pecuniary damage, to be converted into Polish zlotys at the rate applicable at the date of settlement;
(ii) EUR 334 (three hundred and thirty four euros) plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of costs and expenses, to be converted into Polish zlotys at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 7 July 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Nicolas Bratza
Registrar President


TESTO TRADOTTO

QUARTA SEZIONE
CAUSA POLAŃSCY C. POLONIA
(Richiesta n. 21700/02)
SENTENZA
STRASBOURG
7 luglio 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Polańscy c. Polonia,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi in una Camera, compota da:
Nicolas Bratza, Presidente, Lech Garlicki il Giovanni Bonello, Ljiljana Mijović, Ján Šikuta, Mihai Poalelungi, Nebojša Vučinić, giudici,
e Lorenzo Early, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 16 giugno 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 21700/02) contro la Repubblica della Polonia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da due cittadini polacchi, la Sig.ra K. P. ed il Sig. J. P. (“i richiedenti”), il 30 novembre 2001.
2. I richiedenti a cui era stato accordato il patrocinio gratuito furono rappresentati dalla Sig.ra J. S., un avvocato che pratica a Bielsko-Biała. Il Governo polacco (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente, il Sig. J. Wołąsiewicz del Ministero degli Affari Esteri.
3. I richiedenti addussero, in particolare, che il ritardo nel pagamento del risarcimento per la loro area di terreno ha corrisposto ad una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
4. I richiedenti ed il Governo hanno depositatp osservazioni sui meriti (Articolo 59 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. I richiedenti sono cittadini polacchi e vivono a Bystra.
A. Procedimenti riguardo al risarcimento per l'area di terreno espropriata
6. I richiedenti possedevano delle aree di terreno a Wieprz, Polonia.
7. Il 10 luglio 1989 i richiedenti firmarono un accordo di regolamento amichevole con l'Ufficio delle Strade del Distretto Pubblico (Rejon Dróg Publicznych) e convenuto all'espropriazione di 120 metri quadrati della loro proprietà in cambio di un risarcimento. La terra sarebbe stata designata per l'allargamento di una strada regionale (droga wojewódzka). Da allora poi la proprietà è entrata nella proprietà della Tesoreria Statale.
8. Nel 1991 l'Ufficio delle Strade del Distretto Pubblico richiese ai richiedenti di firmare un atto del notaio che confermava il loro regolamento amichevole. Successivamente, il rappresentante dell'Ufficio delle Strade del Distretto Pubblico rifiutò di firmare l'atto perché precedentemente era stato concluso un contratto di rendita annua a favore della madre di uno dei richiedenti. Questo contratto fu registrato nei documenti di proprietà dell'area in oggetto. La madre del richiedente non poteva firmare l'atto del notaio perché soffriva della malattia di Alzheimer.
9. Nel 1999 la madre del richiedente morì. Il diritto della rendita annua fu tolto dai documenti di proprietà.
10. Il 15 luglio 1999 i richiedenti chiesero all’Autorità Stardale del Distretto di Żywiec (Powiatowy Zarząd Dróg) il risarcimento per l'area espropriata o la restituzione della terra. I richiedenti notarono che la questione del risarcimento non era risolta dai sette anni precedenti e richiesero che venisse data attenzione urgente alla questione.
11. L’ 11 agosto 1999 l'Autorità delle Strade del Distretto informò i richiedenti che, il 1 gennaio 1999 la loro area di terreno era divenuta, ex lege di proprietà della Tesoreria Statale e che a loro sarebbe stato accordato il risarcimento se l’ avessero richiesto fra il 1 gennaio 2001 e il 31 dicembre 2005 . I richiedenti furono anche informati che la loro precedente richiesta per il risarcimento sarebbe stata considerata un'indicazione che loro ne avrebbero depositata un’altra richiesta ufficiale all'interno del tempo-limite legale. Il 22 gennaio 2001 i richiedenti depositarono un'altra richiesta per il risarcimento per la terra espropriata.
12. Il 16 agosto 2001 i richiedenti si lamentarono della mancanza del risarcimento presso il Governatore di Śląski. Loro presentarono che da molti anni stavano chiedendo il risarcimento per la proprietà espropriata e che nessuna decisione appellabile nel loro caso era stata resa. Il 26 settembre 2001 il Governatore di Śląski rispose che avrebbero dovuto lamentarsi e avrebbero dovuto presentare la loro richiesta per il risarcimento al Sindaco del Distretto di Żywiec.
13. Il 4 settembre 2001 i richiedenti depositarono un'ulteriore richiesta per il risarcimento, questa volta presso il Sindaco del Distretto di Żywiec.
14. Il 26 settembre 2001 il Sindaco del Distretto di Żywiec rispose, informando i richiedenti che, il 1 gennaio 1999 la loro area di terreno era divenuta, ex lege proprietà della Tesoreria Statale. Non fece riferimento alla richiesta dei richiedenti per il risarcimento.
15. Il 1 ottobre 2001 i richiedenti si lamentarono di nuovo presso il Governatore di ÅšlÄ…ski.
16. Il 10 ottobre 2001 il Governatore di Śląski rispose che, benché l'area fosse divenuta proprietà della Tesoreria Statale ex lege, una decisione definitiva del Governatore di Śląski che confermava il passaggio di proprietà era necessaria per determinare e pagare il risarcimento. Il Governatore menzionò anche che “la stesura della documentazione necessaria per le aree di terreno in oggetto” dipendeva da “mezzi finanziari a disposizione dell'ufficio.”
17. Il 20 febbraio 2006 il Governatore di Śląski rese una decisione e confermò il trapasso di proprietà dell'area di terreno in oggetto. Questa era la prima decisione resa nella causa dei richiedenti contro la quale avrebbero potuto depositare un ricorso.
18. In una data non specificata i richiedenti fecero appello, lamentandosi di nuovo apparentemente del risarcimento non corrisposto .
19. Il 25 aprile 2006 il Ministro del Trasporto (Ministro Transportu) sostenne la decisione impugnata. Riferendosi alla questione del risarcimento, il Ministro notò che questa questione sarebbe stata determinata in procedimenti separati di fronte al Sindaco.
20. Il 29 giugno 2006 i richiedenti ricevettero una lettera intitolata “notifica” dal Sindaco del Distretto di Żywiec. Il Sindaco li informava che “a causa di costrizioni finanziarie” la loro richiesta per il risarcimento avrebbe potuto “presumibilmente essere esaminata nella prima metà dell'anno 2007.”
21. L’ 11 giugno 2007 il Sindaco del Distretto di Żywiec informò i richiedenti di poter consultare il rapporto competente riguardo al valore della proprietà (operat szacunkowy).
22. Il 21 giugno 2007 il Sindaco del Distretto di Żywiec rese una decisione, fissò il risarcimento da pagare ai richiedenti a PLN 1,265.00 ed ordinò che questo venisse pagato ai richiedenti. La decisione divenne definitiva il 24 luglio 2007.
23. Il 13 settembre 2007 il risarcimento fu pagato ai richiedenti.
B. Procedimenti per il rimborso delle spese sostenute dai richiedenti
24. Nel 1990 nel corso dei lavori di allargamento della strada regionale sopra l'area di terra espropriata dai richiedenti, i lavoratori rimossero un confine lungo approssimativamente cento metri della proprietà dei richiedenti, generando una controversia di confine fra i richiedenti ed i loro vicini di casa.
25. Nel novembre 1992 i richiedenti richiesero al Direttore Regionale delle Strade Pubbliche di Cracovia (Dyrekcja Okręgowych Dróg Publicznych) di rimborsare le spese sostenute.
26. Il 3 dicembre 1992 il Direttore Regionale delle Strade Pubbliche di Cracovia ha risposto che il lavoro di demarcazione dell'area dei richiedenti e dell'area dei loro vicini di casa era già stato affidato ad un geodeta.
27. Sino al 1999 nessuna delimitazione fu comunque eseguita.
28. Nel 1999 i richiedenti richiesero un geodeta per marcare i confini sulla loro area di terreno perché volevano costruire alloggi per i loro figli. Il geodeta non poteva compiere il suo lavoro senza marcare il confine fra l'area dei richiedenti e quella dei loro vicini di casa. I richiedenti dovevano perciò, sopportare il costo della loro demarcazione.
29. Il 15 luglio 1999 i richiedenti richiesero all’ Autorità Stardale del Distretto di Żywiec di rimborsare loro il costo della demarcazione ed inclusero la fattura emessa dal geodeta.
30. Il 7 settembre 1999 i richiedenti ricevettero una lettera dall’ Autorità Stradale del Distretto di Żywiec Distretto Strade che li informava che l'autorità non aveva i mezzi finanziari per rimborsare loro il costo della demarcazione.
31. I richiedenti si lamentarono presso il Sindaco del Distretto di Żywiec che fece di nuovo riferimento al la loro azione di reclamo presso l’Autorità Stradale del Distretto di Żywiec .
32. Il 7 dicembre 1999 l’Autorità Stradale del Distretto di Żywiec rispose ai richiedenti utilizzando precisamente la stessa enunciazione della loro lettera del 7 settembre 1999.
33. Nel 2001 i richiedenti chiesero di nuovo alla Autorità Stradale del Distretto di Żywiec il rimborso delle loro spese.
34. Il 15 marzo 2001 l’Autorità Stradale del Distretto di Żywiec rifiutò di rimborsare le spese, riferendosi al periodo di prescrizione per depositare una rivendicazione.
35. I richiedenti presentarono un reclamo presso la Corte amministrativa Suprema.
36. Il 23 luglio 2001 la Corte amministrativa Suprema respinse la loro azione di reclamo, trovando che la lettera del 15 marzo 2001 a riguardo della quale avevano presentato il loro reclamo non era una decisione di un’ autorità amministrativa di secondo-istanza e che i richiedenti non avevano provato che una qualsiasi decisione amministrativa era stata resa a riguardo della loro causa.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. disposizioni Attinenti della legislazione sull’espropriazione del terreno
37. Secondo il paragrafo 1 del regolamento amichevole fra le parti, fu firmato sulla base dell'Atto del 12 marzo 1958 sull'Espropriazione dei Beni immobili (Ustawa o zasadach i trybie wywłaszczania nieruchomości) che legge come segue:
Sezione 1:
“ La Proprietà può essere espropriata solamente per il beneficio della Tesoreria Statale.”
Sezione 7:
“L'espropriazione sarà eseguita contro un risarcimento.”
38. Comunque, dal 29 aprile 1985 al 1 gennaio 1998 gli articoli che disciplinavano l'amministrazione dei terreni posseduti dalla Tesoreria Statale e dai municipi furono esposti nell’Atto sull’Espropriazione e l’Amministrazione del Terreno del 29 aprile 1985 (“l'Atto dell'Amministrazione della Terra del 1985”) (Ustawa o gospodarce gruntami i wywłaszczaniu nieruchomości). Così, al tempo della conclusione del regolamento amichevole fra le parti (il 10 agosto 1998), l'Atto invocato nell'accordo non era in vigore.
39. Il 1 gennaio 1998 l'Atto dell'Amministrazione della Terra del 21 agosto 1997 (Ustawa o gospodarce nieruchomościami -“l'Atto dell'Amministrazione della Terra del 1997”) entrò in vigore. Sotto la sezione 112 di questo Atto, l'espropriazione consiste nel portare via, in virtù di una decisione amministrativa, la proprietà o gli altri diritti in rem. L'espropriazione si può eseguire dove degli scopi di interesse pubblico non possono essere realizzati senza una restrizione di quei diritti e dove è impossibile acquisire quei diritti tramite un contratto di diritto civile.
40. Sotto la sezione 113 un'espropriazione può essere eseguita solamente a beneficio della Tesoreria Statale o del municipio locale.
41. In conformità con la sezione 128 § 1 dell'Atto, l'espropriazione può essere eseguita contro pagamento di un risarcimento che corrisponde al valore del diritto di proprietà riguardato. Sotto la sezione 130 § 1 dell'Atto, l'importo del risarcimento sarà fissato secondo lo status e valore della proprietà nel giorno in cui è stata resa la decisione di espropriazione. Il valore della proprietà sarà valutato sulla base di un rapporto preparato da un esperto munito di certificato
42. La Sezione 131 prevede che una proprietà in sostituzione può essere assegnata al proprietario espropriato, se concorda.
43. Sotto la sezione 132, il risarcimento sarà pagato entro quattordici giorni dalla data in cui la decisione di espropriazione diviene esecutiva.
B. disposizioni Introduttive riguardo al diritto al risarcimento per la proprietà espropriata
44. Il 29 ottobre 1998 l'Atto del 13 ottobre 1998-disposizioni introduttive riguardo ad atti che riformano l’amministrazione pubblica (Ustawa - przepisy wprowadząjace ustawy reformujące administrację publiczną) - entrò in vigore.
45. La Sezione 73 di questo Atto prevede come segue:
“La terra che al 31 dicembre 1998 è rimasta di proprietà della Tesoreria Statale o delle autorità di autogoverno locali che non sono possedute da queste entità e sono state espropriate ai fini di costruire strade, diverrà ex lege proprietà della Tesoreria Statale o delle rispettive autorità di autogoverno locali, contro pagamento del risarcimento, il 1 gennaio 1999.
..
Il Risarcimento... sarà fissato e pagato secondo le disposizioni sul risarcimento per la proprietà espropriata, su richiesta del proprietario della proprietà che deve essere depositata fra il 1 gennaio 2001 e 31 dicembre 2005 . Nella seconda data la rivendicazione per il risarcimento scade.”
C. L'Inattività da parte delle autorità amministrative
46. Il diritto nazionale attinente riguardo all'inattività da parte delle autorità amministrative è esposto nella sentenza della Corte nella causa Grabiński c. Polonia, n. 43702/02, §§ 60-65, 17 ottobre 2006.
4. La decisione del 2006 di sette giudici della Corte Suprema
47. Il 26 maggio 2006 sette giudici della Corte Suprema, decidendo su un quesito legale riferito dalla Corte Suprema, sostennero che la sezione 73 dell'Atto del 13 ottobre 1998-disposizioni introduttive riguardo ad atti che riformano l’amministrazione pubblica offrendo il risarcimento per i proprietari di aree di terreni espropriati per la costruzione di strade pubbliche -non escludeva la possibilità di chiedere il risarcimento il cosiddetto uso extra - contrattuale di terreno per il periodo prima del 1 gennaio 1999.
In questa decisione la Corte Suprema diede credito al bisogno di chiarificare il problema a causa di divergenze nella giurisprudenza nazionale.
LA LEGGE
I. LE OBIEZIONI PRELIMINARI DEL GOVERNO
A. Lo status di vittima dei richiedenti
48. Secondo il Governo, i richiedenti cessarono di essere vittime della violazione addotta della Convenzione come risultato del pagamento del risarcimento il 13 settembre 2007. Il Governo presentò che poiché i procedimenti amministrativi erano stati terminati nel frattempo e l'interezza delle rivendicazioni dei richiedenti era stata soddisfatta, il danno ai loro interessi materiali, causato presumibilmente dal non-pagamento del risarcimento in oggetto, era stato pienamente compensato.
49. I richiedenti non fecero commenti.
50. Secondo l’Articolo 34 della Convenzione, “la Corte può ricevere richieste da qualsiasi persona... che rivendica di essere vittima di una violazione da parte di una delle Alti Parti Contraenti dei diritti protetti dalla Convenzione o dai Protocolli....”
51. La Corte reitera che da prima spetta alle autorità nazionali compensare qualsiasi violazione allegato della Convenzione. A questo riguardo, la questione se il richiedente può pretendere o meno di essere una vittima della violazione addotta è attinente a tutti gli stadi dei procedimenti sotto la Convenzione (vedere E. c. Austria, n. 10668/83, decisione della Commissione del 13 maggio 1987, Decisioni e Relazioni 52, p. 177).
52. La Corte reitera inoltre che una decisione o misura favorevole al richiedente non è in principio sufficiente a spogliarlo del suo status come “vittima” a meno che le autorità nazionali abbiano riconosciuto, sia espressamente che in sostanza, e poi riparato, la violazione della Convenzione (vedere, per esempio, Amuur c. Francia, sentenza del 25 giugno 1996, Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1996-III, p. 846, § 36, e Dalban c. Romania [GC], n. 28114/95, § 44 ECHR 1999-VI).
53. Rivolgendosi ai fatti della presente causa, può essere che ai richiedenti ora sia stato pagato il risarcimento insoluto in conformità con le disposizioni nazionali ed attinenti. Ciononostante, il pagamento non ha coinvolto alcun riconoscimento delle violazioni addotte. Né ha riconosciuto ai richiedenti una compensazione adeguata avuto riguardo al ritardo nel pagamento. A questo riguardo, contrariamente alle osservazioni del Governo, non importa se il pagamento del risarcimento è avvenuto prima o dopo la notificazione della richiesta al Governo.
54. In queste circostanze, la Corte considera, che i richiedenti possono ancora pretendere di essere vittime di una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
B. Non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali
1. Le osservazioni del Governo
55. Il Governo presentò che i richiedenti non avevano esaurito le vie di ricorso nazionali e del tutto disponibili. Si appellò a tre motivi. In primo luogo, i richiedenti avevano depositato la loro richiesta quando i procedimenti attinenti erano pendenti e così le loro azioni di reclamo erano premature. In secondo luogo, loro non erano riusciti ad avvalersi di un'azione di reclamo sull'inattività da parte delle autorità amministrative prevista dalle disposizioni del Codice di Procedura Amministrativa. In terzo luogo, i richiedenti avrebbero potuto depositare una rivendicazione per il risarcimento per cosiddetto uso extra-contrattuale della loro terra presso la Tesoreria Statale.
2. Le osservazioni dei richiedenti
56. I richiedenti presentarono che per l’intero periodo fra il10 luglio 1989 e il 20 febbraio 2006 l'area era ancora nella proprietà della Tesoreria Statale. Non fecero riferimento all'argomento del Governo per cui la loro richiesta era prematura.
57. Riguardi alla possibilità addotta di depositare una rivendicazione per il risarcimento per uso extra-contrattuale della terra, loro presentarono che al tempo di depositare la loro richiesta, la pratica nazionale non era coerente. De tribunali respinsero rivendicazioni per il risarcimento per uso extra-contrattuale di terra per il fatto che la competenza a questo riguardo era stata accordata solamente alle autorità amministrative. Solamente il 26 maggio 2006 la Corte Suprema adottò una decisione di sette giudici e sostenne che la via giudiziale era possibile in questo tipo di causa. Questa decisione fu data come risultato di un quesito legale posto ai sette giudici della Corte Suprema dalla Corte Suprema prendendo in considerazione la pratica nazionale incoerente.
3. Principi Generali relativi all'esaurimento delle vie di ricorso nazionali
58. La Corte osserva che la norma dell'esaurimento delle vie di ricorso nazionali contenuta nell’Articolo 35 § 1 della Convenzione richiede che un richiedente dovrebbe avere accesso a un ricorso normale alle vie di ricorso che sono disponibili e sufficienti per riconoscere una compensazione riguardo alle violazioni addotte. L'esistenza delle via di ricorso in oggetto deve essere sufficientemente sicura non solo in teoria ma in pratica, se così non fosse mancherà dell'accessibilità richiesta e di efficacia (vedere, fra le altre autorità, Akdivar ed Altri c. Turchia, sentenza del 16 settembre 1996, Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1996-IV § 65).
59. Nell'area dell'esaurimento delle vie di ricorso nazionali c’è una distribuzione dell'onere della prova. Incombe sullo Stato richiedere l’esaurimento delle vie di ricorso nazionali per soddisfare la Corte che le vie di ricorso erano efficaci e disponibili in teoria e in pratica al tempo attinente vale a dire che erano accessibili e capaci di offrire compensazione riguardo alle azioni di reclamo del richiedente e di offrire prospettive ragionevoli di successo. Una volta che è stato soddisfatto questo onere comunque, spetta al richiedente stabilire quale via di ricorso avanzata dal Governo era infatti usata o era per delle ragioni inadeguata ed inefficace nelle particolari circostanze della causa o che esistevano delle circostanze speciali che lo assolvevano dal requisito (ibid., § 68).
60. In oltre,l’Articolo 35 § 1 deve essere applicato con un certo grado di flessibilità e senza formalismo eccessivo. Questo vuole dire fra le altre cose che deve prendere in conto in modo realistico non solo l'esistenza di vie di ricorso formali nell'ordinamento giuridico della Parte Contraente riguardata ma anche del contesto legale e politico generale nel quale opera così come delle circostanze personali dei richiedenti (ibid., § 69).
4. La valutazione della Corte
61. Riguardo al primo argomento, la Corte nota che la richiesta dei richiedenti concerneva primariamente il ritardo nel pagamento del risarcimento e non la conseguenza di un qualsiasi procedimento. In data del deposito della richiesta (30 novembre 2001), i richiedenti già stavano aspettando il risarcimento da più di dieci anni. È la pratica ben stabilita della Corte che in caso di situazioni continue, una categoria alla quale chiaramente appartiene un ritardo nel pagamento del risarcimento, non c'è nessun bisogno di aspettare fin quando i procedimenti attinenti sono terminati per depositare una richiesta presso la Corte.
62. Riguardo al secondo argomento del Governo, la Corte nota che fra il 10 luglio 1989 e il 20 febbraio 2006 nessuna decisione amministrativa fu resa. Comunque, ciò non vuole dire che le autorità amministrative rimasero completamente inattive. Hanno intrattenuto corrispondenza coi richiedenti, risposto alle loro azioni di reclamo e alle loro richieste e li hanno informati molte volte che sarebbe stato accordato loro il risarcimento, facendo riferimento alla situazione finanziaria difficile dell'amministrazione. A titolo d’esempio, l’11 agosto 1999 l'Autorità Stradale del Distretto informò i richiedenti che la loro area di terreno era divenuta, ex lege proprietà della Tesoreria Statale e che a loro sarebbe stato accordato il risarcimento se avessero fatto domanda fra il1 gennaio 2001 e il 31 dicembre 2005 (vedere paragrafo 11 sopra). Così, sembra che dall’ agosto 1999 i richiedenti non avevano altra soluzione se non aspettare fino al 1 gennaio 2001 per depositare la loro richiesta per il risarcimento.
63. Per queste ragioni la Corte costata che nelle circostanze della presente causa un'azione di reclamo sull'inattività da parte delle autorità amministrative non poteva essere riguardata come una via di ricorso efficace con un grado sufficiente di certezza.
64. Riguardo al terzo argomento del Governo, la Corte reitera che le sole vie di ricorso che l’Articolo 35 della Convenzione costringe ad esaurire sono quelle che si riferiscono alle violazioni addotte ed allo stesso tempo sono disponibile e sufficienti. L'esistenza di simile via di ricorso non solo deve essere sufficientemente sicura in teoria ma anche in pratica, altrimenti mancherà dell'accessibilità e dell'efficacia richieste (vedere, fra molte autorità, Mifsud c. Francia (dec.) [GC], n. 57220/00, ECHR 2002-VIII).
65. La Corte nota che davvero al tempo del deposito della presente richiesta da parte dei richiedenti la pratica nazionale non era coerente e ben stabilita (vedere paragrafo 47 sopra). Solamente il 26 maggio 2006 la Corte Suprema ha reso una decisione che confermava la possibilità di fare una rivendicazione per il risarcimento per l'uso extra-contrattuale del terreno. La Corte nota inoltre che la rivendicazione citata dal Governo, anche se di successo, avrebbe permesso ai richiedenti di chiedere il risarcimento solamente per il periodo prima del 1 gennaio 1999. In questo collegamento, la Corte osserva, che solamente una via di ricorso capace di rivolgere l'azione di reclamo dei richiedenti nella sua interezza, e non solo in determinati aspetti di questa, potrebbe compensare realisticamente la situazione dei richiedenti.
C. Conclusione riguardo all'ammissibilità
66. La Corte osserva che, nelle circostanze della presente causa, le vie di ricorso a cui fa riferimento il Governo non erano capaci di offrire compensazione riguardo alle azioni di reclamo dei richiedenti. Avendo riguardo alle considerazioni sopra, la Corte respinge l'obiezione preliminare del Governo riguardo al non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali.
67. La Corte considera anche che la richiesta immediata non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Trova inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE SU CONTO DEL RITARDO NEL PAGAMENTO DEL RISARCIMENTO
68. L’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
69. Il Governo presentò che non c'era stata nessuna interferenza col pacifico godimento dei richiedenti della loro proprietà per cui il Governo potrebbe essere ritenuto come responsabile sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Presentarono inoltre che “benché ci fosse voluto del tempo prima che il risarcimento fosse stato pagato ai richiedenti, i loro diritti furono salvaguardati dal diritto civile e loro già hanno ottenuto compensazione a livello nazionale per qualsiasi conseguenza negativa.” Il Governo non contestò che il pagamento del risarcimento era stato differito. Secondo lui non aveva condotto comunque, ad una perdita finanziaria elevata per i richiedenti.
70. I richiedenti non fecero commenti.
71. La Corte reitera che una “ rivendicazione” può costituire una “proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 se è sufficientemente stabilita da essere esecutiva (vedere Stran Raffinerie greche e Stratis Andreadis c. Grecia, sentenza di 9 dicembre 1994 Serie A n. 301-B, p. 84, § 59).
72. La Corte nota che da almeno il 29 ottobre 1998, quando l'Atto del 13 ottobre 1998 entrò in vigore, i richiedenti avevano una rivendicazione esecutiva e non semplicemente un diritto generale a ricevere il risarcimento per la loro proprietà. Questo diritto fu confermato successivamente molte volte con lettere ufficiali dalle autorità amministrative. Ne segue che l'impossibilità prolungata per i richiedenti di ottenere il pagamento del risarcimento ha costituito un'interferenza col loro diritto al pacifico godimento delle loro proprietà, come esposto nella prima frase del primo paragrafo dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, mutatis mutandis, Burdov c. Russia, n. 59498/00, § 40 ECHR 2002-III).
73. Inoltre, il pagamento del risarcimento fu bloccato per più di due anni dall'Atto del 13 ottobre 1998 stesso sotto il quale la richiesta per il risarcimento avrebbe potuto essere depositata solamente 1 gennaio 2001 al più presto. Questo fu confermato nella lettera dell’ 11 agosto 1999 che i richiedenti avevano ricevuto dall'Autorità delle Strade del Distretto (vedere paragrafo 11 sopra).
74. Successivamente, dopo il 1 gennaio 2001, anche se il pagamento del risarcimento era formalmente possibile, fu differito nondimeno per la mancanza di finanziamenti da parte delle autorità amministrative (vedere paragrafo 16 sopra) e non fu effettuato fino al 13 settembre 2007.
75. Senza esaminare i dettagli delle circostanze della presente causa prima dell'entrata in vigore dell'Atto del 13 ottobre 1998, non è stato contestato fra le parti che la proprietà della proprietà dei richiedenti è stata trasferita allo Stato il 1 gennaio 1999. Il risarcimento fu pagato ai richiedenti il 13 settembre 2007. Così il ritardo nel pagamento è durato almeno otto anni e nove mesi. Non riuscendo ad attenersi durante quel periodo all'obbligo legale di pagare il risarcimento, le autorità nazionali impedirono ai richiedenti di ricevere i soldi che fu permesso loro di ricevere. Il Governo non ha avanzato nessuna giustificazione per questa interferenza. Inoltre, la Corte richiama che una mancanza di finanziamenti non può giustificare tale omissione (vedere, mutatis mutandis, Ambruosi c. Italia, n. 31227/96, §§ 28-34 19 ottobre 2000). La Corte nota inoltre che il risarcimento accordato non conteneva alcuna soddisfazione equa per il danno morale del quale i richiedenti hanno dovuto soffrire come risultato del ritardo.
76. Insomma, c’è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE
77. I richiedenti si lamentarono che l'insuccesso delle autorità amministrative nel rendere una decisione amministrativa appellabile per un periodo di molti anni corrispose ad una violazione dell’Articolo 13 della Convenzione che prevede:
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
78. La Corte nota che questa azione di reclamo è collegata all'azione di reclamo esaminata sopra e deve, perciò, essere dichiarata allo stesso modo ammissibile.
79. Avendo riguardo alla sua costatazione di una violazione del diritto dei richiedenti al pacifico godimento della loro proprietà (vedere paragrafo 76 sopra), la Corte non considera necessario esaminare la dichiarazione di una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione.
IV. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE E DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE
80. I richiedenti si lamentarono anche sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione sul rifiuto delle autorità di rimborsare le spese che avevano sopportato per la delimitazione della loro area di terreno. Loro invocarono anche l’ Articolo 13, presentando che anche in questo caso le autorità amministrative avevano evitato di rendere delle decisioni, impedendo così il loro diritto a fare appello.
81. La Corte nota che i richiedenti non riuscirono a depositare una rivendicazione civile per pagamento contro l'Autorità delle Strade del Distretto.
82. Di conseguenza, questa azione di reclamo deve essere respinta sotto l’Articolo 35 §§ 1 e 4 per insuccesso nell’esaurimento delle vie di ricorso nazionali.
C. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
83. L’ Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
84. I richiedenti chiesero EUR 8,562 a riguardo del danno materiale ed EUR 14,793 a riguardo del danno morale.
85. Il Governo contestò le rivendicazioni.
86. La Corte non vede alcun collegamento causale fra la violazione trovata ed il danno materiale addotto. Respinge perciò questa rivendicazione. D'altra parte assegna congiuntamente EUR 7,000 ai richiedenti a riguardo del danno morale.
B. Costi e spese
87. I richiedenti che furono rappresentati da un avvocato hanno chiesto EUR 1,183.97 per costi e spese.
88. Il Governo presentò che qualsiasi assegnazione dovrebbe essere limitata a quei costi e a quelle spese davvero e necessariamente sono stati sostenuti in ed erano ragionevoli.
89. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso un rimborso dei suoi costi e spese solamente se viene di mostrato che questi sono stati davvero e necessariamente sostenuti e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. La Corte nota che ai richiedenti furono pagati EUR 850 per il patrocinio gratuito dal Consiglio d'Europa. Nella presente causa, avuto riguardo alle informazioni in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte considera ragionevole assegnare la somma intera chiesta dai richiedenti (EUR 1,183,97) per i procedimenti di fronte a sé, meno l'importo ricevuto come patrocinio gratuito dal Consiglio d'Europa. La Corte assegna così EUR 334 per costi e spese.
C. Interesse di mora
90. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui si dovrebbero aggiungere tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione riguardo al ritardo nel pagamento del risarcimento per la proprietà espropriata e la relativa azione di reclamo sotto l’Articolo 13 della Convenzione ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
3. Sostiene che non è necessario esaminare separatamente l'azione di reclamo sotto l’Articolo 13 della Convenzione;
4. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare congiuntamente ai richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitivo in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione
(i) EUR 7,000 (sette mila euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, riguardo al danno non-materiale da convertire in zloty polacchi al tasso applicabile in data dell’accordo;
(ii) EUR 334 (trecento trenta quattro euro) più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, riguardo ai costi e spese da convertire in zloty polacchi al tasso applicabile in data di accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
5. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 7 luglio 2009, facendo seguito agli Articoli 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Lorenzo Early Nicolas Bratza
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.