Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF PLECHANOW v. POLAND

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, P1-1

NUMERO: 22279/04/2009
STATO: Polonia
DATA: 07/07/2009
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objection joined to merits and dismissed (non-exhaustion of domestic remedies) ; Preliminary objections dismissed (ratione temporis, ratione materiae, ratione personae, six month period) ; Violation of P1-1 ; Just satisfaction reserved
FOURTH SECTION
CASE OF PLECHANOW v. POLAND
(Application no. 22279/04)
JUDGMENT
(Merits)
STRASBOURG
7 July 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Plechanow v. Poland,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Ljiljana Mijović,
David Thór Björgvinsson,
Ján Šikuta,
Päivi Hirvelä,
Mihai Poalelungi, judges,
and Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 16 June 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 22279/04) against the Republic of Poland lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by three Polish nationals, Mr J. P., Ms A. P. and Mr A. P. (“the applicants”), on 3 June 2004.
2. The applicants were represented by Ms M. L.-P., a lawyer practising in Warszawa. The Polish Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr J. Wołąsiewicz of the Ministry of Foreign Affairs.
3. The applicants alleged, in particular, that they were deprived of a fair trial on account of the Supreme Court's refusal to examine their cassation appeal (Article 6); they also complained about the alleged breach of their property rights (Article 1 of Protocol No. 1).
4. On 11 December 2007 the Court decided to give notice of the application to the Government. It also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
5. The applicant, but not the Government, filed observations on the admissibility and merits of the application (Rule 59 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
1. Background to the case
6. The applicants, J., A. and A. P., are Polish nationals who were born in 1953, 1924 and 1955 respectively and live in Warszawa.
7. The applicants' predecessor owned a plot of land with a residential building situated in Warsaw. The applicants are his heirs.
8. By virtue of the Decree of 26 October 1945 on the Ownership and Use of Land in Warsaw (“the 1945 Decree”) the ownership of all private land was transferred to the City of Warsaw.
9. The applicants' predecessor requested to be granted the right of temporary ownership (własność czasowa) of the property pursuant to section 7 of the 1945 Decree.
10. On 6 January 1964 the Board of the Warsaw National Council (Prezydium Rady Narodowej) refused the request. The Board also stated that the ownership of all buildings situated on the property had been transferred to the State Treasury. The property was subsequently divided into smaller plots.
11. Between 1975 and 1992 the State Treasury sold several apartments in the residential building (together with shares in the right of perpetual use of the land) to third parties.
12. In 1991, 1994 and 1995 the Warsaw Governor declared that on 27 May 1990 the Warsaw Municipality had acquired ex lege the ownership of the plots of land and the building thereon (with the exception of the previously sold apartments).
13. On 12 March 1997 the Board of the Praga-Południe District of the Warsaw-Centre Municipality adopted a resolution on the basis of which it published a list of flats which could be sold to the tenants. In September and November 1997 they sold two apartments.
14. On 5 March 1998 the Praga-Południe District Office informed the applicants of the above resolution and of the possibility of exercising a right of pre-emption in respect of the remaining flats. The right of pre-emption had been introduced as from 1 January 1998 on the basis of section 34 of the Act of 21 August 1997 on the management of real estates (ustawa o gospodarce gruntami).
15. On 18 March 1998 the applicants informed the municipality that the third applicant would buy the flat he had occupied so far. At the same time they requested that the further sale of other flats be stayed. They enclosed a decision of the Warsaw District Court of 5 March 1991 declaring them to be heirs of F.P., K.P. and P.P.
16. On 17 June 1998 the municipality allowed the applicants' request.
2. Proceedings in which the applicants sought to have the expropriation decision declared null and void
17. On 30 November 1999 the Local Government Board of Appeal (Samorządowe Kolegium Odwoławcze) declared the decision of 6 January 1964 null and void in respect of part of the property. However, the Board could not annul the decision in respect of the remaining part of the property in question, since the ownership rights to 19 apartments and respective shares in the right of perpetual use of the land had been sold in the meantime to third parties. Thus, in view of the irreversible legal consequences of the 1964 decision, the Board only declared that, in this respect, the decision had been issued in breach of law.
18. The Board noted that the obligations of the Warsaw National Council resulting from a breach of law had been taken over by the Warsaw Municipality.
19. The Board further noted that its decision entitled the applicants to seek compensation for damage caused by the administrative decision having been issued in breach of law.
3. Proceedings for compensation under Article 160 of the Code of Administrative Procedure
20. In March 2000 the applicants lodged compensation claims with the Mayor of the Warsaw District (Starosta Powiatu Warszawskiego) and the President of Warsaw in respect of the relevant 19 apartments.
21. On 9 June 2000 the Mayor of the Warsaw District transferred the claim to the Warsaw Local Government Board of Appeal in view of the latter organ's competence. In November 2000 and December 2000 the Board issued several decisions concerning particular apartments in which it refused to award compensation.
22. On 21 December 2000 the applicants lodged compensation claims with the Warsaw Regional Court against the Warsaw municipality under Article 160 of the Code of Administrative Procedure.
23. On 21 March 2002 the Regional Court dismissed the action. The court acknowledged that the applicants had sustained damage as a result of the 1964 decision (the court heard evidence, including an expert witness, who estimated the loss at PLN 1,025,970). However, the court eventually found that the State Treasury should have been sued instead of the municipality. The court noted that according to the Supreme Court judgment of 7 January 1998 the municipality had the legal capacity to be sued for compensation for damage resulting from an administrative decision issued before 27 May 1990. However, in the court's view, this interpretation had become obsolete in view of the subsequent interpretation of section 36 of the Local Government (Introductory Provisions) Act of 10 May 1990 (Przepisy wprowadzajÄ…ce ustawÄ™ o samorzÄ…dzie terytorialnym i ustawÄ™ o pracownikach samorzÄ…dowych).
24. On 19 June 2002 the applicants' lawyer lodged an appeal. He referred inter alia to the Supreme Administrative Court resolution of 15 April 1996, OPK 9/96, which, in his opinion, justified the responsibility of the local government administration in the present case. In this context he also invoked section 36 § 2 of the 1990 Local Government (Introductory Provisions) Act and relied on the judgment of the Supreme Court of 7 January 1998 arguing that the first-instance court had been wrong to consider the judgment obsolete.
25. On 11 April 2003 the Warsaw Court of Appeal dismissed the applicants' appeal. The court upheld the lower court's arguments, finding that the State Treasury should have been sued for damages because the Governor (the State's administration body) was the legal successor of the National Council.
26. The applicants lodged a cassation appeal. They submitted, inter alia, that the judgment was in breach of relevant substantive law on account of an erroneous interpretation and application of the provisions of the Local Government Act. They also invoked Article 393 of the Code of Civil Procedure arguing that the examination of the cassation appeal was justified because:
- the case raised a significant legal issue (i.e. the question to what extent and in respect of which competences the obligations of the national councils had been taken over by communities), and
- the need for an authoritative interpretation of provisions which had been interpreted differently in the courts' case-law (in particular section 36 § 3 of the 1990 Local Government (Introductory Provisions)), and
- the need to clarify the inconsistency of the Court of Appeal's judgment with the case-law invoked by the applicants and the alleged guidance provided by the decision of the Local Government Board of Appeal of 30 November 1999.
27. On 10 December 2003 the Supreme Court refused to entertain the cassation appeal. The decision was taken by a single judge sitting in camera. The written reasons provided as follows:
According to Article 393 of the Code of Civil Procedure, when the challenged judicial decision does not manifestly breach the law or the proceedings are not invalid in law (§ 2), the Supreme Court may refuse to entertain a cassation appeal if there is no appearance of a significant legal issue in the case, there is no need for the interpretation of provisions raising serious doubts or causing discrepancies in the courts' case-law or the cassation appeal is manifestly ill-founded (§ 1).
In the present case none of the circumstances set out in Article 393 § 2 was present and consequently the Supreme Court, having considered the grounds set out in § 1, found it justified to refuse to entertain the cassation appeal.
28. On 8 March 2004 the applicants lodged a constitutional complaint with the Constitutional Court, alleging a breach of their right of access to court and to a fair hearing on account of an erroneous application of Article 393 of the Code of Civil Procedure.
29. On 19 July 2005 the Constitutional Court discontinued the proceedings on the grounds that it had already examined the same issue in its judgment of 31 March 2005 (SK 26/02).
4. Proceedings under Article 7 of the 1945 Decree
30. On 3 March 2000 the applicants requested the Mayor of Warsaw to grant them the right of perpetual use of the remaining apartments which had not been sold. They relied on the decision of the Warsaw Local Government Board of Appeal of 30 November 1999.
31. On 25 April 2002 the applicants' lawyer submitted a certificate of the mortgage writer (pisarz hipoteczny) of 24 November 1937 certifying the ownership title of F.P. on that day.
32. The proceedings are pending.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
1. Relevant provisions concerning a cassation appeal
33. A party to civil proceedings could, at the material time, lodge a cassation appeal with the Supreme Court against a judicial decision of a second-instance court. A party had to be represented by an advocate or a legal adviser.
34. Article 3931 of the Code of Civil Procedure as applicable at that time listed the grounds on which a cassation appeal could be lodged. It read as follows:
“The cassation appeal may be based on the following grounds:
1) a breach of substantive law as a result of its erroneous interpretation or wrongful application;
2) a breach of procedural provisions, if that defect could significantly affect the outcome of the case.”
35. Article 3933 specified the requirements of a cassation appeal. It read in its relevant part:
Ҥ 1. A cassation appeal should include:
1) an indication of the decision under appeal together with information as to whether the appeal is lodged against this decision in its entirety or in part only;
2) an indication of the grounds for the cassation appeal;
3) arguments showing that its examination would be justified;
4) a motion to have the decision under appeal quashed or amended, specifying also the scope of the motion.”
36. Pursuant to Article 393¹³ the Supreme Court, having allowed a cassation appeal, could quash the challenged judgment in its entirety or in part and remit the case for re-examination. Where the Supreme Court failed to find non-conformity with the law, it dismissed the cassation appeal.
37. Pursuant to Article 3937 a cassation appeal, in principle, was examined during a hearing by a panel of three judges; the court could, however, reject a cassation appeal on formal grounds at a sitting. The judgment or decision had to be accompanied by written reasons.
38. On 24 May 2000 a law was enacted amending the Code of Civil Procedure. It entered into force on 1 July 2000. It introduced, inter alia, the following provision (amended Article 393) – the so-called “pre-judgment” (preliminary assessment of a cassation appeal):
Ҥ 1. The Supreme Court may refuse to entertain the cassation appeal, if:
1) there is no appearance of any significant legal issue in the case,
2) there is no need for the interpretation of provisions raising serious doubts or causing discrepancies in the courts' case-law,
3) the appeal is manifestly ill-founded.
§ 2. Paragraph 1 shall not apply if the challenged judicial decision manifestly breached law or when the proceedings are invalid at law.”
39. Pursuant to amended Article 3937 the decision to refuse to entertain a cassation appeal or to reject it on formal grounds could be taken in camera, in a single judge formation.
40. Although the legal provisions did not expressly provide for such a possibility, usually the written reasons accompanying such decisions were limited to a simplified, schematic formula which did not contain any legal analysis, did not indicate the specific grounds for the decision, did not invoke grounds of appeal and did not refer to any facts or circumstances which would allow the identification of a particular case.
41. On 6 February 2005 new provisions on a “cassation complaint” came into effect, replacing the provisions governing the cassation appeal.
2. The judgment of the Constitutional Court
42. In its judgment of 31 March 2005 (SK 26/02) the Constitutional Court examined a number of constitutional complaints challenging the provisions of Article 393 of the Code of Civil Procedure.
43. The Constitutional Court held that although the Constitution did not guarantee a right to cassation as such, the fact that it was provided for by the Code of Civil Procedure meant that it had to meet the requirements of the rule of law and procedural justice.
44. The Constitutional Court observed, inter alia, that certain terms describing the conditions which a cassation appeal had to meet under Articles 393 et seq. of the Code (“significant legal issue”, “provisions raising serious doubts or causing discrepancies in the courts' case-law”, “arguments showing that examination of the cassation appeal would be justified”) were drafted in the broadest terms. It noted that the judicial practice regarding their application had given rise to serious interpretational difficulties and discrepancies in the case-law of the Supreme Court. The Constitutional Court considered the relevant requirements of Article 393 and their interpretation by the Supreme Court to be vague and subjective and, in practice, known exclusively to the Supreme Court but not to those who wished to lodge a cassation appeal.
45. According to the Constitutional Court, if the conditions for admissibility of a claim (preliminary assessment of a cassation appeal) were formulated in imprecise terms, the right of access to a court could not be exercised effectively because of the risk of arbitrariness of the assessing body.
46. In this context the court criticised, in particular, the practice of “simplified reasons”. It held that the use of open-ended concepts by the legislator could not be considered, in itself, as unconstitutional, as it allowed the courts a certain flexibility, to better-tailor their decisions to circumstances at hand. However, in such case the obligation to substantiate the legal norm was shifted to the stage of its application. This gave the courts a certain discretion which was not to be confused with an absolute freedom from external supervision. Consequently, a general and imprecise procedural clause required a strong justification and indication of specific circumstances.
47. The practice of formulaic justification in the preliminary assessment of a cassation appeal created a situation where nobody could identify how, if at all, the Supreme Court had performed the necessary assessment to substantiate those vague terms. The case-law providing guidance on their application was thus practically non-existent. The court informed the addressee of its decision that the requirements of the given article had not been met, but did not indicate any circumstances which justified this conclusion. As a result, a principle of trust has been breached. Moreover, it was impossible for lawyers in general to recognise the Supreme Court's understanding of those requirements for the purpose of effectively lodging a cassation appeal in the future.
48. Consequently, the “pre-judgment” did not guarantee procedural predictability to the party, who has lodged a cassation appeal meeting all formal requirements. The right of access to a court had thus been transformed into a pretence of this right.
49. Nevertheless the Constitutional Court found that it was the practice of the Supreme Court that deserved disapproval and not the relevant provisions, and the wording of those provisions could not be considered unconstitutional. In this context the court observed that the practice was not uniform and certain chambers of the Supreme Court justified their decisions in a much more elaborate and substantive way. The court further observed that the challenged provisions had already ceased to exist prior to the delivery of the present judgment.
50. Accordingly, the Constitutional Court refused to decide on the compatibility of those provisions with the Constitution and discontinued the proceedings in this respect.
3. The individual constitutional complaint
51. Article 79 § 1 of the Constitution, which entered into force on 17 October 1997, provides as follows:
“In accordance with principles specified by statute, everyone whose constitutional freedoms or rights have been infringed, shall have the right to appeal to the Constitutional Court for a judgment on the conformity with the Constitution of a statute or another normative act on the basis of which a court or an administrative authority has issued a final decision on his freedoms or rights or on his obligations specified in the Constitution.”
52. Article 190 of the Constitution, insofar as relevant, provides as follows:
“1. Judgments of the Constitutional Court shall be universally binding and final.
2. Judgments of the Constitutional Court, ... shall be published without delay.
3. A judgment of the Constitutional Court shall take effect from the day of its publication; however, the Constitutional Court may specify another date for the end of the binding force of a normative act. Such time-limit may not exceed 18 months in relation to a statute or 12 months in relation to any other normative act. ...
4. A judgment of the Constitutional Court on the non-conformity with the Constitution, an international agreement or statute, of a normative act on the basis of which a final and enforceable judicial decision or a final administrative decision ... was given, shall be a basis for re-opening of the proceedings, or for quashing the decision ... in a manner and on principles specified in provisions applicable to the given proceedings.”
53. Article 39 of the Constitutional Court Act reads:
“1. The Court shall, at a sitting in camera, discontinue the proceedings:
1) if the pronouncement of a judicial decision would not serve any purpose or is inadmissible;
2) in consequence of the withdrawal of the application, question of law or constitutional complaint;
3) if the normative act has ceased to have effect ... prior to the delivery of a judicial decision by the Tribunal.
2. If these circumstances come to light at the hearing, the Tribunal shall take a decision to discontinue the proceedings.
3. Item 1 (3) of the present Article does not apply if giving a decision on the compatibility with the Constitution of a normative act which has already lost its validity is necessary for the protection of the constitutional freedoms and rights.”
4. Re-opening of civil proceedings following a judgment of the Constitutional Court
54. Article 4011 of the Code of Civil Procedure provides that a party to civil proceedings which have ended with a final judgment on the merits can request that these proceedings be re-opened, if the Constitutional Court has found that the legal provision on the basis of which this judgment was given was incompatible with the Constitution. Such a request can be lodged with the competent court within one month from the date of the judgment of the Constitutional Court.
5. The 1945 Decree on real property in Warsaw and the Local Government Act of 10 May 1990
55. The Decree of 26 October 1945 on real property in Warsaw expropriated real property situated in Warsaw and transferred ownership to the municipality of Warsaw.
56. Pursuant to section 33(2) of the Local State Administration Act of 20 March 1950, ownership of property situated in Warsaw was assigned to the State Treasury.
57. A very significant reduction in the State Treasury's land resources was brought about by legislative measures aimed at reforming the administrative structure of the State.
58. The Local Government (Introductory Provisions) Act of 10 May 1990 (Przepisy wprowadzające ustawę o samorządzie terytorialnym i ustawę o pracownikach samorządowych – “the 1990 Act”), which came into force on 27 May 1990, and other related statutes enacted at that time, re-established local government and municipalities and transferred to them powers that had previously been exercised solely by the local State administration. Pursuant to section 5(1), ownership of land which had previously been held by the State Treasury and which had been within the administrative territory of municipalities at the relevant time was transferred to the municipality.
59. Section 36 § 3 (3) of the Act provides, as far as relevant:
“The State Treasury takes over:
3) obligations and receivables of local bodies of state administration (...) resulting from final and binding court rulings and administrative decisions delivered before 27 May 1990 (...).”
6. Compensation for damage caused by an administrative decision subsequently annulled or declared null and void
60. Article 155 of the Code of Administrative Procedure permits the amendment or annulment of any final administrative decision at any time where necessary in the general or individual interest, if this is not prohibited by specific legal provisions. In particular, pursuant to Article 156, a final administrative decision is subject to annulment if it has been issued by an authority which had no jurisdiction, or if it is without a legal basis or contrary to the applicable laws.
61. Article 160 of the Code of Administrative Procedure, as applicable at the material time, read in its relevant part:
“A person who has suffered a loss on account of the issuing of a decision in a manner contrary to Article 156 § 1 or on account of the annulment of such a decision shall have a claim for compensation for actual damage, unless he has been responsible for the circumstances mentioned in this provision.”
62. An administrative decision in respect of the compensation claim could be appealed against in a civil court.
7. Resolution and judgments of the Supreme Administrative Court and the Supreme Court concerning the legal capacity to be sued
63. In its resolution adopted on 11 December 1995 (VI SA 9/95) the Supreme Administrative Court concluded that disputes instituted under Article 7 of the Decree of 26 October 1945 concerning the right of perpetual use of a plot of land presently owned by the municipality, should be resolved by a competent mayor [a local government body].
64. Section 36 § 3 (3) of the 1990 Act raised doubts as to which legal entity was liable for damages caused by an unlawful administrative decision issued before the administrative reform. The problem was subject to divergent judicial interpretation.
65. On 7 January 1998 the Supreme Court delivered a judgment (II CKN 550/97) in which it concluded that the municipality should be sued for compensation for damages caused by an administrative decision delivered before 27 May 1990.
66. On 16 November 2004 a panel of three judges of the Supreme Court adopted a resolution (no. III CZP 64/04), finding that the municipality – and not the State Treasury – had the legal capacity to be sued for damages resulting from an administrative decision issued before 27 May 1990, provided that the decision had been annulled or declared unlawful after that date.
67. In its resolution of 7 December 2006 (no. III CZP 99/06), adopted by a panel of seven judges, the Supreme Court concluded that the State Treasury had the capacity to be sued for damages caused by an administrative decision delivered before 27 May 1990, even if the decision had been annulled or declared null and void after that date. The resolution was adopted following a legal question referred to the Supreme Court by another Court of Appeal having a similar case before it.
68. The Supreme Court confirmed this stance in several subsequent judgments, delivered in cases similar to the present one (see below).
8. Examples of subsequent jurisprudence of the domestic courts
a. Judgment of the Supreme Court of 25 January 2007, ref no. V CSK 425/06
69. On 21 March 2001 the Opolskie Governor declared that the decision of 1983 of the Head of municipality D. had been adopted in breach of law. The plaintiff's claim for compensation against the State Treasury (Opolskie Governor) was dismissed by the first- and second-instance courts. In particular, the Court of Appeal, invoking the resolution of the Supreme Court of 16 November 2004 (ref no. Ill CZP 64/04), considered that the State Treasury did not have the legal capacity to be sued in that case since municipality D. had taken over its obligations under Article 36 § 1 of the 1990 Introductory Provisions Act.
The Supreme Court quashed the appellate judgment and remitted the case, relying on the above-mentioned resolution of 7 December 2006.
b. Judgment of the Supreme Court of 14 March 2007, ref no. I CSK 247/06
70. In 1951 the Presidium of the Warsaw National Council refused to grant the right of perpetual use of land covered by the operation of the 1945 Decree. Subsequently, the State Treasury sold three flats in the building. On 22 September 1994 the Minister of Construction declared that the decision of 1951 had been adopted in breach of law.
The plaintiffs lodged a civil action for compensation against the State Treasury. The Warsaw Regional Court allowed their claim in part and awarded compensation from the State Treasury.
On 31 January 2006 the Warsaw Court of Appeal amended the first-instance judgment and dismissed the claim against the State Treasury finding that it lacked legal capacity to be sued in the case.
On 14 March 2007 the Supreme Court quashed the appellate judgment and remitted the case, invoking the resolution of 7 December 2006.
9. Resolution and judgment of the Supreme Court concerning the character of the compensation claim
71. In its judgment of 27 November 2002 (no. I CKN 1215/00), the Supreme Court ruled that there was a causal link between an administrative decision, taken under the 1945 Decree, refusing to grant the previous owner of a real property (a land with a building) the right of temporary ownership (perpetual use) of that property and the sale of apartments in the building by the State Treasury.
72. On 21 March 2003 the Supreme Court adopted a resolution (no. III CZP 6/03) in which it found that financial loss resulting from a decision under the 1945 Decree refusing to grant the right of perpetual use, which had been issued in breach of law, constituted a loss within the meaning of Article 361 § 2 of the Civil Code and an actual damage within the meaning of Article 160 of CAP.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION AND ARTICLES 6 AND 13 OF THE CONVENTION
73. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 and under Article 6 of the Convention that as a result of the shortcomings in the decisions of the domestic courts and the lack of legal certainty, they were deprived of compensation for damage caused by an unlawful administrative decision.
74. The applicants also complained under Articles 6 and 13 of Convention that they were deprived of a fair hearing (in particular that they were denied access to a court) and an effective remedy in respect of their allegations under Article 1 of Protocol No. 1 in that the Supreme Court had refused to entertain their cassation appeal without giving adequate reasons.
75. These provisions provide in their relevant part:
Article 6
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
Article 13
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. Compatibility ratione temporis
76. The Government submitted that the complaints should be rejected as being incompatible ratione temporis with the provisions of Article 1 of Protocol No. 1. They submitted that the damage suffered by the applicants had been caused by the decision of 1964 and therefore constituted an instantaneous act which had occurred before 10 October 1994 (the date of entry into force of Protocol No. 1 in respect of Poland). They further argued that according to a recent interpretation of the relevant law, the 1999 decision of the Local Government Board of Appeal (see paragraph 17 above) only opened a possibility of seeking compensation for the damage caused in 1964.
77. The applicants maintained that the violations in question were of a continuing nature.
78. The Court's jurisdiction ratione temporis covers only the period after the date of ratification of the Convention and its Protocols by the respondent State. After ratification, the State's acts must conform to the Convention or its Protocols and subsequent facts fall within the Court's jurisdiction even where they are merely extensions of an already existing situation (see, for example, Almeida Garrett, Mascarenhas Falcão and Others v. Portugal, nos. 29813/96 and 30229/96, § 43, ECHR 2000-I). Accordingly, the Court is competent to examine the facts of the present case for their compatibility with the Convention only in so far as they occurred after 10 October 1994, the date of ratification of Protocol No. 1 by Poland. It may, however, have regard to facts prior to ratification inasmuch as they could be considered to have created a continuous situation extending beyond that date or may be relevant for the understanding of facts occurring after that date (see Hutten-Czapska v. Poland [GC], no. 35014/97, §§ 147-153, ECHR 2006-...).
79. The Court notes that the applicants' complaint does not concern a deprivation of property by virtue of the decision of 1964. In the present case, the applicants complain about the inability to effectively enforce their compensation claim stemming from the fact that the 1964 decision had been issued in breach of law. Even if the entitlement to compensation had been created by the original interference (namely the adoption of the flawed 1964 decision), the 1999 ruling of the Local Government Board of Appeal confirmed their entitlement and enabled the applicants to seek redress for the interference.
Therefore, in so far as the applicants' complaints are directed against the acts and omissions of the State in relation to the enforcement of the compensation claim to which they were entitled under Polish law – an entitlement which continued to exist after 10 October 1994 having regard to the above-mentioned 1999 ruling – the Court has temporal jurisdiction to entertain that complaint (cf. Broniowski v. Poland (dec.) [GC], no. 31443/96, §§ 75-76, ECHR 2002-X; Vajagić v. Croatia, no. 30431/03, § 24, 20 July 2006).
80. The Government's objection must therefore be dismissed.
2. Compatibility ratione materiae – existence of possessions within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1
81. The Government argued that the complaints were also incompatible ratione materiae with the Convention, as the applicants had not proved that they had any “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. They submitted that the Convention did not guarantee a right to the return of property which had been expropriated before the date of ratification of the Convention. Further, the fact that the applicants were entitled to pursue a claim for compensation under Article 160 of the CAP did not mean that they had a “legitimate expectation of obtaining effective enjoyment of a property right”. In this respect they argued that the applicants had not obtained a ruling confirming, in particular, that they had sustained damage and that there was a causal link between the adoption of the flawed administrative decision and the damage. Moreover, the applicants could not have expected to have their claim allowed if they had sued the wrong defendant.
82. The applicants did not comment.
83. The Court reiterates that the concept of “possessions” in the first part of Article 1 of Protocol No. 1 has an autonomous meaning which is not limited to ownership of physical goods and is independent from the formal classification in domestic law. Accordingly, as well as physical goods, certain rights and interests constituting assets may also be regarded as “property rights”, and thus as “possessions” for the purposes of this provision (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 54, ECHR 1999-II, and Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 100, ECHR 2000-I). The concept of “possessions” is not limited to “existing possessions” but may also cover assets, including claims, in respect of which the applicant can argue that he has at least “legitimate expectation” of obtaining effective enjoyment of a property right (see, for example, Prince Hans-Adam II of Liechtenstein v. Germany [GC], no. 42527/98, § 83, ECHR 2001-VIII).
Where the proprietary interest is in the nature of a claim it may be regarded as an “asset” only where it has a sufficient basis in national law, for example where there is settled case-law of the domestic courts confirming it (Kopecký v. Slovakia [GC], no. 44912/98, §§ 52, ECHR 2004-IX; Draon v. France [GC], no. 1513/03, § 68, 6 October 2005; Anheuser-Busch Inc. v. Portugal [GC], no. 73049/01, § 65, 11 January 2007).
Where that has been established, the concept of “legitimate expectation” can come into play, which must be of a nature more concrete than a mere hope and be based on a legal provision or a legal act such as a final judicial decision (see Draon, cited above, § 65, and Gratzinger and Gratzingerova v. the Czech Republic (dec.), no. 39794/98, § 73, ECHR 2002-VII).
84. Turning to the circumstances of the present case the Court observes that in the 1999 ruling the Local Government Board of Appeal established that the 1964 decision had been issued in breach of law and this fact entitled the applicants to seek compensation for damage. The Court notes that the entitlement was expressly provided for in domestic law and the domestic courts' established case-law confirmed the existence of a casual link between a flawed administrative decision and loss sustained in result thereof (see paragraphs 71-72 above). Only the extent of the alleged loss and the amount of compensation remained to be established in judicial proceedings.
Therefore, in the Court's view, the applicants could be considered to have a “legitimate expectation” that their claim would be dealt with in accordance with the applicable laws and, consequently, upheld (see Pressos Compania Naviera S.A. and Others v. Belgium, judgment of 20 November 1995, Series A no. 332, § 31; S.A. Dangeville v. France, no. 36677/97, § 46 48, ECHR 2002-III).
85. Accordingly, the applicants had a pecuniary interest which was recognised under Polish law and which was subject to the protection of Article 1 of Protocol No. 1.
86. It is true that the existence of such a claim does not exempt the applicants from pursuing that claim diligently and suing the appropriate defendant. This issue, however, goes to the merits of the case and shall be examined at that stage.
87. Accordingly, the Government's objection in this regard must be dismissed.
3. Compatibility ratione personae
88. In the Government's opinion, the applicants failed to submit to the Court documents proving their standing in the present case – they did not prove their status as legal successors of F.P. and also failed to submit documents proving F.P's title to the property at issue. Consequently, in the Government's view, the present complaint should be rejected as incompatible ratione personae with the Convention and the Protocol at issue.
89. The Court reiterates that the applicants' complaint does not concern the deprivation of property but their claim for damages. The Court notes that the applicants were parties to the compensation proceedings, as well as to the proceedings in which they sought to have the 1964 decision declared null and void. Their legal standing in both sets of proceedings was never disputed (see paragraphs 15 and 31 above).
90. Accordingly, the Court rejects the Government's objection.
4. Compliance with the six month rule
91. The Government further requested the Court to reject the application for non-compliance with the six months' time-limit. In their view, the applicants should have lodged their application with the Court following the decision of the Local Government Board of Appeal of 30 November 1999.
92. The Court observes that the applicants lodged their application within six months of the decision of the Supreme Court of 10 December 2003, which constituted the final decision in the compensation proceedings. The Court therefore concludes that they have filed their application within the six months' time-limit as required by Article 35 § 1 of the Convention and accordingly rejects the Government's objection.
5. Exhaustion of domestic remedies
93. Finally, the Government submitted that the applicants had not exhausted domestic remedies. In this context they argued, in particular, that the applicants had not availed themselves properly of the possibility to seek compensation under Article 160 of the CAP, since they had sued the municipality instead of the State Treasury.
94. The Court considers that this objection is closely linked to the substance of the applicant's complaint and that its examination should therefore be joined to the merits.
6. Conclusion
95. The Court will join to the merits the Government's objection to admissibility based on non-exhaustion of domestic remedies. It notes that the applicants' complaints under the provisions relied on are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Article 1 of Protocol No. 1
a. The parties' submissions
96. The applicants complained that as a result of the shortcomings in the decisions of the domestic courts and the lack of legal certainty, they were deprived of compensation to which they were entitled under domestic law.
They alleged that the domestic courts unfairly dismissed their claim on the grounds that they had not sued the right legal entity, without giving proper consideration to the case-law invoked by them.
The applicants further submitted that the Supreme Court had refused to entertain their cassation appeal although the applicants had indicated that all statutory requirements justifying the examination of the cassation appeal on the merits had been met, in particular there was a need for interpretation of a significant legal issue causing discrepancies in the courts' case-law.
97. The Government contested those arguments. They referred to the Supreme Court resolution of 7 December 2006 and subsequent jurisprudence and claimed that the Supreme Court's decision could not have had any negative consequences for the applicants, as in accordance with later jurisprudence, their claim directed against the municipality was bound to be dismissed.
The Government further submitted that neither the Convention nor the Polish Constitution guaranteed a right to have a civil case examined by three judicial instances. Nevertheless, the Government were of the view that the Supreme Court's so-called “pre-judgment” practice pursued the legitimate aim of expediting the examination of non-meritorious appeals. They also argued that the applicants had not sufficiently proved the alleged discrepancies in the case-law.
Lastly, they stated that it was not for the Government or the Court to assess whether the cassation appeal had been meritorious or whether the Supreme Court's decision had been sufficiently reasoned.
b. The Court's assessment
i. Existence of possessions within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1
98. The Court has found that the applicants' claim “constituted an asset” and therefore amounted to a “possession” within the meaning of the first sentence of Article 1 of Protocol No. 1, which is accordingly applicable in the present case.
ii. Compliance with Article 1 of Protocol No. 1
99. The Court reiterates that the genuine, effective exercise of the right protected by Article 1 of Protocol No. 1 does not depend merely on the State's duty not to interfere, but may give rise to positive obligations (see Öneryıldız v. Turkey [GC], no. 48939/99, § 134, ECHR 2004-XII, and Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 143, ECHR 2004-V; Blumberga v. Latvia, no. 70930/01, § 65, 14 October 2008).
100. Such positive obligations may entail the taking of measures necessary to protect the right to property, particularly where there is a direct link between the measures an applicant may legitimately expect from the authorities and his effective enjoyment of his possessions, even in cases involving litigation between private entities. This means, in particular, that States are under an obligation to provide a judicial mechanism for settling effectively property disputes and to ensure compliance of those mechanisms with the procedural and material safeguards enshrined in the Convention. This principle applies with all the more force when it is the State itself which is in dispute with an individual.
Accordingly, serious deficiencies in the handling of such disputes may raise an issue under Article 1 of Protocol No. 1.
101. In assessing compliance with Article 1 of Protocol No. 1, the Court must make an overall examination of the various interests in issue, bearing in mind that the Convention is intended to safeguard rights that are “practical and effective”. It must look behind appearances and investigate the realities of the situation complained of.
102. While they have a wide margin of appreciation in assessing the existence of a problem of public concern warranting specific measures and in implementing social and economic policies (see Kopecký, cited above, § 37), where an issue in the general interest is at stake it is incumbent on the public authorities to act in good time, in an appropriate manner and with utmost consistency (see Beyeler, cited above, §§ 110 in fine, 114 and 120 in fine; Broniowski, cited above, § 151; Sovtransavto Holding, cited above, §§ 97-98; Novoseletskiy v. Ukraine, no. 47148/99, § 102, ECHR 2005-II; Blücher v. the Czech Republic, no. 58580/00, § 57, 11 January 2005; and O.B. Heller, a.s., v. the Czech Republic (dec.), no. 55631/00, 9 November 2004).
103. The Court reiterates that the Convention imposes no specific obligation on States to right injustices or harm caused before they ratified the Convention. However, once such a solution has been adopted by a State, it must be implemented with reasonable clarity and coherence, in order to avoid, in so far as possible, legal uncertainty and ambiguity for the persons concerned by the measures to implement it.
In that context, it should be stressed that uncertainty – be it legislative, administrative or arising from practices applied by the authorities – is an important factor to be taken into account in assessing the State's conduct (see Broniowski, cited above, § 151).
104. Turning to the circumstances of the present case, the Court notes that the applicants' claim failed because, in the domestic courts' view, they sued the wrong defendant. The applicants lodged their claim against the municipality on the basis of the hitherto prevailing case-law, which the courts considered later to be obsolete.
105. The Court further observes in this context that numerous court actions, such as those instituted by the applicants, have been brought before domestic courts. Due to several major administrative reforms which had been implemented in Poland during the past fifty years, the courts have been required to determine the authority responsible for taking over the competencies of bodies which had existed previously. The interpretation of provisions of relevant laws introducing the administrative reforms have constantly changed, which has led to varying judicial rulings by different domestic courts on the same legal question (see paragraphs 63-70 above). As a result, the case-law at the domestic level, including the Supreme Court judgments and resolutions, has often been contradictory.
106. The examples of the case-law submitted both by the applicants and the Government show that the question of liability for damages resulting from flawed administrative decisions was by no means clear at the time the applicants' claim was examined and the divergences in case-law continued several years later (see paragraphs 69-70 above).
107. The Court has already held that divergences in case-law are an inherent consequence of any judicial system which is based on a network of trial and appeal courts with authority over the area of their territorial jurisdiction, and that the role of a supreme court is precisely to resolve conflicts between decisions of the courts below (see Zielinski and Pradal and Gonzalez and Others v. France [GC], nos. 24846/94 and 34165/96 to 34173/96, § 59, ECHR 1999-VII). In the instant case, however, even the Supreme Court failed to have a uniform case-law on the legal questions in issue (see paragraphs 65-68 above).
108. The Court does not deny the complexity of the problems with which the courts were faced as a result of the fundamental changes in the competencies of all the various authorities at the local and State administrative levels. It considers, however, that shifting the duty of identifying the competent authority to be sued to the applicants and depriving them of compensation on this basis was a disproportionate requirement and failed to strike a fair balance between the public interest and the applicants' rights.
109. In the Court's view, when a public entity is liable for damages, the State's positive obligation to facilitate identification of the correct defendant is all the more important.
110. In the Court's opinion, the applicants seem to have fallen victims of the administrative reforms, the inconsistency of the case-law and the lack of legal certainty and coherence in this respect. As a result, the applicants were unable to obtain due compensation for damage suffered.
111. In the light of the foregoing, the Court considers that the State has failed to comply with its positive obligation to provide measures safeguarding the applicants' right to the effective enjoyment of their possessions as guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1, thus upsetting the “fair balance” between the demands of the public interest and the need to protect the applicants right (see, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding, cited above, § 96).
112. Consequently, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 and the Government's objection based on non-exhaustion of domestic remedies (see paragraphs 93 and 94 above) must accordingly be rejected.
2. Articles 6 and 13 of Convention
113. Having regard to the particular circumstances of the present case and to the reasoning which led the Court to find a violation of Article 1 of Protocol No. 1, the Court considers that a separate examination of the merits of the case under Articles 6 and 13 of Convention is not necessary.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
114. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
115. The applicants claimed 1,025,970 PLN (approx. 248,010 EUR) in respect of pecuniary and non-pecuniary damage. They did not claim costs and expenses.
116. In the Government's opinion, the applicants failed to prove a causal link between the alleged pecuniary damage and the violations of the Convention and had not substantiated their claim.
117. In the circumstances of the case and having regard to the parties' submissions, the Court considers that the question of the application of Article 41 of the Convention as regards pecuniary and non-pecuniary damage is not ready for decision and reserves it, due regard being had to the possibility that an agreement between the respondent State and the applicant may be reached (Rule 75 § 1 of the Rules of Court).
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Joins to the merits the Government's preliminary objection based on non-exhaustion of domestic remedies and declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No 1 to the Convention and dismisses the above-mentioned objection;
3. Holds that there is no need to examine separately the applicants' complaints under Articles 6 and 13 of the Convention;
4. Holds that as far as any pecuniary and non-pecuniary damage is concerned, the question of the application of Article 41 is not ready for decision and accordingly:
(a) reserves the said question;
(b) invites the Government and the applicants to submit, within six months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the matter and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 7 July 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Nicolas Bratza
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusione Obiezione preliminare congiunta a meriti e respinta (non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali); obiezioni Preliminari respinte (ratione temporis, ratione materiae, ratione personae periodo di sei mesi); Violazione di P1-1; soddisfazione Equa riservata
QUARTA SEZIONE
CAUSA PLECHANOW C. POLONIA
(Richiesta n. 22279/04)
SENTENZA
(I meriti)
STRASBOURG
7 luglio 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa di Plechanow c. Polonia,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente, Lech Garlicki, Ljiljana Mijović, David Thór Björgvinsson, Ján Šikuta, Päivi Hirvelä, Mihai Poalelungi, giudici,
e Lorenzo Early, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 16 giugno 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 22279/04) contro la Repubblica della Polonia depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da tre cittadini polacchi, il Sig. J. P., la Sig.ra A. P. ed il Sig. A. P. (“i richiedenti”), il 3 giugno 2004.
2. I richiedenti sono stati rappresentati dalla Sig.ra M. L. - P., un avvocato che pratica a Varsavia. Il Governo polacco (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente, il Sig. J. Wołąsiewicz del Ministero degli Affari Esteri.
3. I richiedenti addussero, in particolare, di essere privati di un processo equo a causa del rifiuto della Corte Suprema di esaminare il loro ricorso in cassazione (Articolo 6); loro si lamentarono anche della violazione addotta del loro diritto alla proprietà (Articolo 1 di Protocollo N.ro 1).
4. L’ 11 dicembre 2007 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo. Decise anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
5. Il richiedente, ma non il Governo, ha depositato delle osservazioni sull'ammissibilità e i meriti della richiesta (Articolo 59 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
1. Background della causa
6. I richiedenti, J., A. ed A. P. sono cittadini polacchi nati rispettivamente nel 1953, 1924 e 1955 e che vivono a Varsavia.
7. Il predecessore dei richiedenti possedeva un'area di terreno con un edificio residenziale situata a Varsavia. I richiedenti sono i suoi eredi.
8. In virtù del Decreto del 26 ottobre 1945 sulla Proprietà e l’ Uso di Terreno a Varsavia (“il Decreto del 1945”) la proprietà di ogni terreno privato fu trasferita alla Città di Varsavia.
9. Il predecessore dei richiedenti richiese che gli venisse accordato il diritto di proprietà provvisoria (własność czasowa) della proprietà facendo seguito alla sezione 7 del Decreto del 1945.
10. Il 6 gennaio 1964 il Consiglio del Consiglio Nazionale di Varsavia (Prezydium Rady Narodowej) rifiutò la richiesta. Il Consiglio affermò anche che la proprietà di tutti gli edifici situati sulla proprietà era stata trasferita alla Tesoreria Statale. La proprietà fu suddivisa successivamente in aree più piccole.
11. Fra il 1975 ed il 1992 la Tesoreria Statale vendette molti appartamenti dell'edificio residenziale (insieme con quote nel diritto di uso perpetuo della terra) a terze parti.
12. Nel 1991, 1994 e 1995 il Governatore in Varsavia ha dichiarato che il 27 maggio 1990 il Municipio di Varsavia aveva acquisito ex lege la proprietà delle aree dei terreni e dei loro edifici (ad eccezione dei primi appartamenti venduti).
13. Il 12 marzo 1997 il Consiglio del Distretto di Praga-Południe del Municipio di Varsavia-Centro adottò una decisione sulla base della quale pubblicò una lista di appartamenti che avrebbero potuto essere venduti agli inquilini. Nel settembre e novembre 1997 vendette due appartamenti.
14. Il 5 marzo 1998 l’ Ufficio del Distretto di Praga-Południe informò i richiedenti della decisione sopra e della possibilità di esercitare un diritto di prelazione a riguardo degli appartamenti rimanenti. Il diritto di prelazione era introdotto dal 1 gennaio 1998 sulla base della sezione 34 dell'Atto del 21 agosto 1997 sulla gestione dei beni immobili (ustawa o gospodarce gruntami).
15. Il 18 marzo 1998 i richiedenti informarono il municipio che il terzo richiedente avrebbe comprato l'appartamento che aveva occupato fino ad allora. Allo stesso tempo richiesero che l'ulteriore vendita di altri appartamenti venisse sospesa. Inclusero una decisione della Corte distrettuale di Varsavia del 5 marzo 1991 che li dichiarava eredi di F.P., K.P. e P.P.
16. Il 17 giugno 1998 il municipio accettò la richiesta dei richiedenti.
2. Procedimenti nei quali i richiedenti cercarono di far dichiarare la decisione di espropriazione priva di valore legale
17. Il 30 novembre 1999 il Consiglio locale di Governo d’Appello (Samorządowe Kolegium Odwoławcze) dichiarò la decisione del 6 gennaio 1964 priva di valore legale riguardo alla parte della proprietà. Comunque, il Consiglio non poteva annullare la decisione riguardo alla parte rimanente della proprietà in oggetto, in quanto i diritti di proprietà dei 19 appartamenti e delle rispettive quote nel diritto all’ uso perpetuo della terra erano stati venduti nel frattempo a terze parti. In prospettiva delle conseguenze legali irreversibili della decisione del 1964, il Consiglio dichiarò solo che, a questo riguardo, la decisione era stata emessa in violazione della legge.
18. Il Consiglio notò che gli obblighi del Consiglio Nazionale di Varsavia che erano il risultato di una violazione della legge erano stati assunti dal Municipio di Varsavia.
19. Il Consiglio notò inoltre che la sua decisione diede un titolo ai richiedenti per chiedere il risarcimento per danno causato dalla decisione amministrativa che era stata presa in violazione della legge.
3. Procedimenti per il risarcimento sotto l’Articolo 160 del Codice di Procedura Amministrativa
20. Nel marzo 2000 i richiedenti depositarono rivendicazioni per risarcimenti presso il Sindaco del Distretto di Varsavia (Starosta Powiatu Warszawskiego) ed il Presidente di Varsavia riguardo ai 19 appartamenti attinenti.
21. Il 9 giugno 2000 il Sindaco del Distretto di Varsavia trasferì la rivendicazione al Consiglio locale del Governo di Varsavia del Ricorso in virtù della competenza di quest’ultimo organo . Nel novembre 2000 e dicembre 2000 il Consiglio emise molte decisioni concernenti i particolari appartamenti per cui rifiutò di assegnare il risarcimento.
22. Il 21 dicembre 2000 i richiedenti depositarono rivendicazioni per risarcimento presso la Corte Regionale di Varsavia contro il municipio di Varsavia sotto l’Articolo 160 del Codice di Procedura Amministrativa.
23. Il 21 marzo 2002 la Corte Regionale respinse l'azione. La corte ammise che i richiedenti avevano subito un danno come risultato della decisione del 1964 (la corte ascoltò le prove, incluso un consulente tecnico che valutò la perdita a PLN 1,025,970). La corte trovò infine comunque, che la Tesoreria Statale avrebbe dovuto essere citata in giudizio invece del municipio. La corte notò che secondo la sentenza della Corte Suprema del 7 gennaio 1998 il municipio aveva la qualità giuridica per essere citato in giudizio per il risarcimento per danno che era il risultato di una decisione amministrativa emessa prima del 27 maggio 1990. Secondo la corte, questa interpretazione era divenuta comunque, obsoleta in prospettiva della susseguente interpretazione della sezione 36 dell’ Atto (Disposizioni Introduttive) del Governo locale del 10 maggio 1990 (Przepisy wprowadzające ustawę o samorządzie terytorialnym i ustawę o pracownikach samorządowych).
24. Il 19 giugno 2002 l'avvocato dei richiedenti depositò un ricorso. Fece riferimento inter alia alla decisione della Corte amministrativa Suprema del 15 aprile 1996 (OPK 9/96) che, nella sua opinione, giustificava la responsabilità dell'amministrazione del governo locale nella presente causa. In questo contesto lui invocò anche la sezione 36 § 2 dell'Atto (Disposizioni Introduttive) del Governo locale del 1990 e si appellò alla sentenza della Corte Suprema del 7 gennaio 1998 che dibattendo che la corte di prima -istanza si era sbagliata nel considerare la sentenza obsoleta.
25. L’ 11 aprile 2003 la Corte d'appello di Varsavia respinse il ricorso dei richiedenti. La corte sostenne gli argomenti del tribunale inferiore, trovando che la Tesoreria Statale avrebbe dovuto essere citata in giudizio per danni perché il Governatore (l’ente dell’ amministrazione dello Stato) era il successore legale del Consiglio Nazionale.
26. I richiedenti depositarono un ricorso in cassazione. Loro presentarono, inter alia, che la sentenza era in violazione del diritto sostanziale attinente a causa di un'interpretazione erronea e la richiesta delle disposizioni dell’Atto del Governo locale. Loro invocarono anche l’Articolo 393 del Codice di Procedura Civile dibattendo che l'esame del ricorso di cassazione era giustificato perché:
- la causa sollevava un problema legale significativo (cioè la questione in che misura ed a riguardo di quali competenze gli obblighi dei consigli nazionali erano stati assunti dalle comunità), e
- il bisogno di un'interpretazione autorevole delle disposizioni che erano state interpretate differentemente nella giurisprudenza dei (in particolare nella sezione 36 § 3 del Governo locale del 1990 (Disposizioni Introduttive)), e
- il bisogno di chiarificare la discordanza della sentenza della Corte d'appello con la giurisprudenza invocata dai richiedenti e la guida addotta fornita dalla decisione del Consiglio del Governo locale del Ricorso del 30 novembre 1999.
27. Il 10 dicembre 2003 la Corte Suprema rifiutò di accogliere il ricorso in cassazione. La decisione fu presa da un solo giudice riunendosi in camera. Le ragioni scritte prevono ciò che segue:
Secondo l’Articolo 393 del Codice di Procedura Civile, quando la decisione giudiziale impugnata non viola manifestamente la legge o i procedimenti non sono nulli per legge (§ 2), la Corte Suprema può rifiutare di accogliere un ricorso in cassazione se non c'è nessuna comparizione di un problema legale significativo nella causa,se non c’è bisogno dell'interpretazione di disposizioni che sollevano dubbi seri o discrepanze che causano nella giurisprudenza dei tribunali o il ricorso in cassazione è manifestamente mal-fondato (§ 1).
Nella presente causa nessuna delle circostanze stabilite nell’ Articolo 393 § 2 era presente e di conseguenza la Corte Suprema, avendo considerato i motivi esposti nel § trovò giustificato rifiutare di accogliere il ricorso in cassazione.
28. L’ 8 marzo 2004 i richiedenti presentarono un reclamo costituzionale presso la Corte Costituzionale, adducendo una violazione del loro diritto di accesso ad un tribunale ed ad un’ equa udienza a causa di una’applicazione erronea dell’ Articolo 393 del Codice di Procedura Civile.
29. Il 19 luglio 2005 la Corte Costituzionale cessò i procedimenti per il motivo che già aveva esaminato lo stesso problema nella sua sentenza del 31 marzo 2005 (SK 26/02).
4. Procedimenti sotto l’Articolo 7 del Decreto del 1945
30. Il 3 marzo 2000 i richiedenti richiesero al Sindaco di Varsavia di accordare loro il diritto di uso perpetuo degli appartamenti rimanenti che non erano stati venduti. Loro si appellarono alla decisione del Consiglio del Governo locale di Varsavia d’ Appello del 30 novembre 1999.
31. Il 25 aprile 2002 l'avvocato dei richiedenti presentò un certificato dello scritto di ipoteca (pisarz hipoteczny) del 24 novembre 1937 che certificava il titolo di proprietà di F.P. a quel giorno.
32. I procedimenti sono pendenti.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
1. Disposizioni attinenti riguardo ad un ricorso di cassazione
33. Una parte a procedimenti civili poteva, al tempo attinente, depositare un ricorso in cassazione presso la Corte Suprema contro una decisione giudiziale di un tribunale di seconda -istanza. Una parte doveva essere rappresentata da un difensore o un consulente legale.
34. L’Articolo 3931 del Codice di Procedura Civile come applicabile a quel tempo elencava i motivi per i quali si sarebbe potuto depositare un ricorso in cassazione. Si legge come segue:
“Il ricorso in cassazione può essere basato sui seguenti motivi:
1) una violazione di diritto sostanziale come risultato della sua interpretazione erronea o dell’ applicazione sbagliata;
2) una violazione di disposizioni procedurali, se questa mancanza potrebbe colpire significativamente il risultato della causa.”
35. L’Articolo 3933 specificava i requisiti di un ricorso in cassazione. Nella sua parte attinente si legge:
Ҥ 1. Un ricorso in cassazione dovrebbe includere:
1) un'indicazione della decisione sotto ricorso insieme con le informazioni riguarda a se il ricorso è stato depositato contro questa decisione nella sua interezza o solamente in parte;
2) un'indicazione dei motivi per il ricorso in cassazione;
3) argomenti che mostrano che il suo esame sarebbe giustificato;
4) un'istanza per far annullare o correggere la decisione sotto ricorso, specificando anche la sfera dell'istanza.”
36. Facendo seguito all’ Articolo 393¹³ la Corte Suprema, avendo concesso un ricorso in cassazione, potrebbe annullare la sentenza impugnata nella sua interezza o in parte e rinviare la causa per riesame. Dove la Corte Suprema non è riuscita a trovare la non conformità con la legge, respinge il ricorso in cassazione.
37. Facendo seguito all’ Articolo 3937 un ricorso di cassazione, in principio fu esaminato durante un'udienza con un pannello di tre giudici; la corte poteva, comunque, respingere un ricorso in cassazione sulla base di motivi formali in una seduta. La sentenza o la decisione dovevano essere accompagnate da ragioni scritte.
38. Il 24 maggio 2000 fu decretata una legge che correggeva il Codice di Procedura Civile. Entrò in vigore il 1 luglio 2000. Introdusse, inter alia, la seguente disposizione (Articolo 393corretto)-il così definito “la pre-giudizio” (valutazione preliminare di un ricorso in cassazione):
“§ 1. La Corte Suprema può rifiutare di accogliere il ricorso di cassazione, se:
1) non c'è comparizione di un qualsiasi problema legale significativo nella causa,
2) non c'è bisogno dell'interpretazione di disposizioni che sollevano dubbi seri che causano discrepanze nella giurisprudenza dei,
3) il ricorso è manifestamente mal-fondato.
§ 2. Il paragrafo1 non si applicherà se la decisione giudiziale ed impugnata viola manifestamente la legge o quando i procedimenti sono nulli per legge.”
39. Facendo seguito all’ Articolo 3937 corretto la decisione di rifiutare di accogliere un ricorso in cassazione o di respingerlo sulla base di motivi formali potrebbe essere presa camera, in una formazione di un solo giudice.
40. Benché le disposizioni legali non prevedessero espressamente tale possibilità, di solito le ragioni scritte che accompagnano simili decisioni erano limitate ad una formula schematica e semplificata, che non conteneva alcuna analisi legale, non indicavano i motivi specifici per la decisione, non invocavano motivi di ricorso e non facevano riferimento ad alcun fatto o circostanza che avrebbe permesso l'identificazione di una particolare causa.
41. Il 6 febbraio 2005 nuove disposizioni su un “azione di reclamo in cassazione” entrarono in vigore, sostituendo le disposizioni che disciplinavano il ricorso in cassazione.
2. La sentenza della Corte Costituzionale
42. Nella sua sentenza del 31 marzo 2005 (SK 26/02) la Corte Costituzionale esaminò un numero di azioni di reclamo costituzionali che impugnano le disposizioni dell’ Articolo 393 del Codice di Procedura Civile.
43. La Corte Costituzionale sostenne che benché la Costituzione non garantisse un diritto alla cassazione in quanto, il fatto che fosse provvisto dal Codice di Procedura Civile significava che doveva soddisfare i requisiti del diritto e della giustizia procedurale.
44. La Corte Costituzionale osservò, inter alia che certi termini che descrivevano le condizioni che un ricorso di cassazione doveva soddisfare sotto gli Articoli 393 et seq. del Codice (“problema legale e significativo”, “provvedimenti che sollevano dubbi seri che causano discrepanze nella giurisprudenza dei tribunali”, “argomenti che mostrano che l’esame del ricorso in cassazione sarebbe giustificato”) erano redatti in termini più ampi. Notò che la pratica giudiziale che riguardava la loro applicazione aveva generato delle difficoltà serie di interpretazione e delle discrepanze nella giurisprudenza della Corte Suprema. La Corte Costituzionale considerò i requisiti attinenti dell’ Articolo 393 e la loro interpretazione da parte della Corte Suprema come vaghi e soggettivi e, in pratica, conosciuti esclusivamente dalla Corte Suprema ma non da quelli che desiderarono depositare un ricorso in cassazione.
45. Secondo la Corte Costituzionale, se le condizioni per l'ammissibilità di una rivendicazione (valutazione preliminare di un ricorso in cassazione) erano formulate in termini imprecisi, il diritto di accesso ad un tribunale non poteva essere esercitato efficacemente a causa del rischio dell'arbitrarietà dell’ente che valuta.
46. In questo contesto la corte criticò, in particolare, la pratica delle “ragioni semplificate.” Sostenne che l'uso di concetti liberi da parte del legislatore non poteva essere considerato, di per sé, come incostituzionale, in quanto permetteva ai tribunali una certa flessibilità, per prendere al meglio le loro decisioni nelle circostanze del caso. In simile caso l'obbligo di provare la norma legale veniva spostato comunque, allo stadio della sua applicazione. Questo diede ai tribunali una certa discrezione che non doveva essere confusa con una libertà assoluta da una soprintendenza esterna. Di conseguenza, una clausola procedurale generale ed imprecisa richiedeva una giustificazione forte ed un’ indicazione delle specifiche circostanze.
47. La pratica della giustificazione della formula nella valutazione preliminare di un ricorso in cassazione creò una situazione in cui nessuno poteva identificare come, se non del tutto, la Corte Suprema avesse compiuto la valutazione necessaria per provare quei termini vaghi. La giurisprudenza che offre guida sulla loro applicazione era così praticamente non-esistente. La corte informò il destinatario della sua decisione che i requisiti del determinato articolo non erano stati soddisfatti, ma non indicò alcuna circostanza che giustificasse questa conclusione. Di conseguenza, il principio della fiducia è stato violato. Inoltre, era impossibile per gli avvocati in generale riconoscere la comprensione della Corte Suprema di quei requisiti al fine di depositare efficacemente un ricorso di cassazione in futuro.
48. Di conseguenza, il “pre-giudizio” non garantisce la prevedibilità procedurale alla parte che ha depositato un ricorso in cassazione che soddisfa tutti i requisiti formali. Il diritto di accesso ad un tribunale era stato trasformato così in una finzione di questo diritto.
49. Ciononostante la Corte Costituzionale trovò che era la pratica della Corte Suprema che meritava disapprovazione e non le disposizioni attinenti, e l'enunciazione di quelle disposizioni non poteva essere considerata incostituzionale. In questo contesto la corte osservò che la pratica non era uniforme e certe camere della Corte Suprema giustificavano le loro decisioni in modo molto più elaborato ed effettivo. La corte osservò inoltre che le disposizioni impugnate avevano già cessato di esistere prima della consegna della presente sentenza.
50. Di conseguenza, la Corte Costituzionale rifiutò di decidere sulla compatibilità di quelle disposizioni con la Costituzione e cessò i procedimenti a questo riguardo.
3. L'azione di reclamo costituzionale ed individuale
51. L’Articolo che 79 § 1 della Costituzione che entrò in vigore il 17 ottobre 1997 prevede ciò che segue:
“In conformità con principi specificati dallo statuto, ciascuno le cui libertà costituzionali o diritti sono stati infranti avrà diritto a fare appello presso la Corte Costituzionale per una sentenza sulla conformità con la Costituzione di un statuto o di un altro atto normativo sulla base di cui un tribunale o un'autorità amministrativa ha emesso una decisione definitiva sulle sue libertà o diritti o sui suoi obblighi specificati nella Costituzione.”
52. L’ Articolo 190 della Costituzione, nella sua parte attinente, prevede ciò che segue:
“1. Le sentenze della Corte Costituzionale saranno universalmente vincolanti e definitive.
2. Le sentenze della Corte Costituzionale,... saranno pubblicate senza ritardo.
3. Una sentenza della Corte Costituzionale prenderà effetto dal giorno della sua pubblicazione; comunque, la Corte Costituzionale può specificare un'altra data al fine del potere vincolante di un atto normativo. Simile tempo-limite non può eccedere i 18 mesi in relazione ad un statuto o i 12 mesi in relazione a qualsiasi altro atto normativo. ...
4. Una sentenza della Corte Costituzionale sulla non-conformità con la Costituzione, un accordo internazionale o uno statuto, di un atto normativo sulla base di cui una decisione giudiziale definitiva ed esecutiva o una decisione amministrativa definitiva... fu data, sarà una base per ottenere la riapertura dei procedimenti, o per annullare la decisione... in modo e sui principi specificati nelle disposizioni applicabili a determinati procedimenti.”
53. L’Articolo 39 dell’Atto della Corte Costituzionali si legge:
“1. La Corte può, in una seduta in camera, chiudere i procedimenti:
1) se la dichiarazione di una decisione giudiziale non serve alcun fine o è inammissibile;
2) in conseguenza del ritiro della richiesta, questione di legge o azione di reclamo costituzionale;
3) se l'atto normativo ha cessato di avere effetto... prima della consegna di una decisione giudiziale del Tribunale.
2. Se queste circostanze vengono alla luce all'udienza, il Tribunale prenderà una decisione di cessare i procedimenti.
3. L’Articolo 1 (3) del presente Articolo non si applica se dare una decisione sulla compatibilità con la Costituzione di un atto normativo che ha già perso la sua validità è necessario per la protezione delle libertà e i diritti costituzionali.”
4. Riapertura dei procedimenti civili a seguito di una sentenza della Corte Costituzionale
54. L’Articolo 4011 del Codice di Procedura Civile prevede che una parte ai procedimenti civili che si sono conclusi con una sentenza definitiva sui meriti può richiedere che questi procedimenti siano re-aperti, se la Corte Costituzionale ha trovato che la disposizione legale sulla base della quale questa sentenza è stata resa era incompatibile con la Costituzione. Tale richiesta può essere depositata presso la corte competente entro un mese dalla data della sentenza della Corte Costituzionale.
5. Il Decreto del 1945 su beni immobili a Varsavia e l’Atto del Governo del 10 maggio 1990
55. Il Decreto del 26 ottobre 1945 su beni immobili a Varsavia espropriava i beni immobili situati a Varsavia e li trasferiva alla proprietà del municipio di Varsavia.
56. Facendo seguito alla sezione 33(2) dell'Atto dell’Amministrazione Statale Locale del 20 marzo 1950, le proprietà situate in Varsavia furono assegnatr alla Tesoreria Statale.
57. Una riduzione molto significativa nelle risorse dei terreni della Tesoreria Statale fu provocata da misure legislative che miravano a riformare la struttura amministrativa dello Stato.
58. L’Atto del Governo locale (Disposizioni Introduttive) del 10 maggio 1990 (ustawę di wprowadzające di Przepisy terytorialnym di samorządzie di o gli ustawę samorządowych di pracownikach di o(Przepisy wprowadzające ustawę o samorządzie terytorialnym i ustawę o pracownikach samorządowych –“l'Atto del 1990”) che entrò in vigore il 27 maggio 1990 e gli altri statuti relativi decretati a quel tempo, ristabilivano il governo locale e i municipi e conferivano a loro poteri che prima venivano esercitati solamente dall'amministrazione Statale locale. Facendo seguito alla sezione 5(1), la proprietà del terreno che prima era stata tenuta dalla Tesoreria Statale e che era all'interno del territorio amministrativo dri municipi al tempo attinente fu trasferita al municipio.
59. La Sezione 36 § 3 (3) dell'Atto prevede, nella parte attinente:
“Le Tesoreria Statale assume :
3) gli obblighi e gli attivi di enti locali dell’ amministrazione statale (...) che sono il risultato di direttive definitive e vincolanti dei tribunali e di decisioni amministrative consegnate prima del 27 maggio 1990 (...).”
6. Il risarcimento per danno causato da una decisione amministrativa successivamente annullata o dichiarata priva di valore legale
60. L’Articolo 155 del Codice di Procedura Amministrativa permette l'emendamento o l’annullamento di qualsiasi decisione amministrativa definitiva in qualsiasi momento è necessario nell’interesse generale o individuale, se questo non è proibito da specifiche disposizioni legali. In particolare, facendo seguito all’ Articolo 156, una decisione amministrativa definitiva è soggetta ad annullamento se è stato emessa da un'autorità che non aveva giurisdizione, o se è senza base legale o contraria alle leggi applicabili.
61. L’Articolo 160 del Codice di Procedura Amministrativa, come applicabile al tempo attinente legga nella sua parte attinente:
“Una persona che ha sofferto di una perdita a causa dell'uscita di una decisione in modo contrario all’ Articolo 156 § 1 o a causa dell'annullamento di tale decisione avrà una rivendicazione per il risarcimento per danno effettivo, a meno che lui sia stato responsabile per le circostanze menzionate in questa disposizione.”
62. Si potrebbe fare ricorso contro una decisione amministrativa a riguardo della rivendicazione di risarcimento in un tribunale civile.
7. Decisione e giudizi della Corte amministrativa Suprema e della Corte Suprema riguardo alla qualità giuridica per essere citato in giudizio
63. Nella sua decisione adottata l’11 dicembre 1995 (VI SA 9/95) la Corte amministrativa Suprema concluse che le controversie istituite sotto l’Articolo 7 del Decreto del 26 ottobre 1945 riguardo al diritto di uso perpetuo di un'area di terreno posseduta dal municipio, dovrebbero essere risolte da un sindaco competente [un ente del governo locale].
64. La Sezione 36 § 3 (3) dell'Atto del 1990 ha sollevato dubbi riguardo a che persona giuridica era responsabile per i danni causati da una decisione amministrativa illegale emessa prima della riforma amministrativa. Il problema era soggetto ad interpretazione giudiziale divergente.
65. Il 7 gennaio 1998 la Corte Suprema consegnò una sentenza (II CKN 550/97) in cui concluse che il municipio dovrebbe essere citato in giudizio per il risarcimento dei danni causati da una decisione amministrativa consegnata prima del 27 maggio 1990.
66. Il 16 novembre 2004 un pannello di tre giudici della Corte Suprema adottò una decisione (n. III CZP 64/04), che costatava che il municipio-e non la Tesoreria Statale- aveva la qualità giuridica per essere citato in giudizio per danni risultanti da una decisione amministrativa emessa prima del 27 maggio 1990, purché che la decisione sia stata annullata o sia stata dichiarata illegale dopo quella data.
67. Nella sua decisione del 7 dicembre 2006 (n. III CZP 99/06), adottata da un pannello di sette giudici, la Corte Suprema concluse che la Tesoreria Statale aveva la veste per essere citata in giudizio per danni causati da una decisione amministrativa consegnata prima del 27 maggio 1990, anche se la decisione era stata annullata o era stata dichiarata priva di valore legale dopo quella data. La decisione fu adottata in seguito un questione legale riferita alla Corte Suprema da un'altra Corte d'appello che ha una causa simile di fronte a sé.
68. La Corte Suprema confermò questa posizione in molte sentenze susseguenti, rese in cause simili alla presente (vedere sotto).
8. Esempi della susseguente giurisprudenza dei tribunali nazionali
a. Sentenza della Corte Suprema del 25 gennaio 2007( ref n. il V CSK 425/06)
69. Il 21 marzo 2001 il Governatore di Opolskie dichiarò che la decisione del 1983 del Capo della municipalità D. era stata adottata in violazione della legge. La rivendicazione del querelante per il risarcimento contro la Tesoreria Statale (Governatore di Opolskie) fu respinta dai tribunali di prima e seconda istanza. In particolare, la Corte d'appello, invocando la decisione della Corte Suprema del 16 novembre 2004 (ref n. CZP 64/04 Mal), considerò che la Tesoreria Statale non aveva la qualità giuridica per essere citata in giudizio in questa causa poiché la municipalità D. aveva assunto i suoi obblighi sotto l’Articolo 36 § 1 dell'Atto delle Disposizioni Introduttive del 1990.
La Corte Suprema annullò la sentenza di appello e rinviò la causa, appellandosi alla decisione summenzionata del 7 dicembre 2006.
b. Sentenza della Corte Suprema del 14 marzo 2007 (ref n. io CSK 247/06)
70. Nel 1951 il Presidium del Consiglio Nazionale di Varsavia ha rifiutato di accordare il diritto di uso perpetuo di terreno riguardato dall'operazione del Decreto del 1945. Successivamente, la Tesoreria Statale vendette tre appartamenti nell'edificio. Il 22 settembre 1994 il Ministro della Costruzione dichiarò che la decisione del 1951 era stata adottata in violazione della legge.
I querelanti depositarono un'azione civile per il risarcimento contro la Tesoreria Statale. La Corte Regionale di Varsavia accolse la loro rivendicazione in parte ed assegnò il risarcimento dalla Tesoreria Statale.
Il 31 gennaio 2006 la Corte d'appello di Varsavia corresse la sentenza di prima -istanza e respinse la rivendicazione contro la Tesoreria Statale trovando che mancava di qualità giuridica per essere citata in giudizio nella causa.
Il 14 marzo 2007 la Corte Suprema annullò la sentenza di appello e rinviò la causa, invocando la decisione del 7 dicembre 2006.
9. Decisione e sentenza della Corte Suprema riguardo al carattere della rivendicazione del risarcimento
71. Nella sua sentenza del 27 novembre 2002 (n. io CKN 1215/00), la Corte Suprema stabilì che c'era un collegamento causale fra una decisione amministrativa, presa sotto il Decreto del 1945 che rifiutava di accordare al precedente proprietario di beni immobili (una terra con un edificio) il diritto di proprietà provvisoria (uso perpetuo) di quella proprietà e la vendita di appartamenti nell'edificio della Tesoreria Statale.
72. Il 21 marzo 2003 la Corte Suprema adottò una decisione (n. III CZP 6/03) in cui trovò che la perdita finanziaria risultante da una decisione sotto il Decreto del 1945 che rifiutava di accordare il diritto di uso perpetuo che era stata emessa in violazione della legge costituiva una perdita all'interno del significato dell’ Articolo 361 § 2 del Codice civile ed un danno effettivo all'interno del significato dell’Articolo 160 di Copertura.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE ED DEGLI ARTICOLI 6 E 13 DELLA CONVENZIONE
73. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e sotto l’Articolo 6 della Convenzione che come risultato dei difetti nelle decisioni dei tribunali nazionali e la mancanza di certezza legale, furono privati del risarcimento per danno causato da una decisione amministrativa illegale.
74. I richiedenti si lamentarono anche sotto gli Articoli 6 e 13 della Convenzione di essere stati privati di un'udienza giusta (in particolare che fu negato loro l’accesso ad un tribunale) ed una via di ricorso efficace riguardo alle loro dichiarazioni sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in cui la Corte Suprema aveva rifiutato di accogliere il loro ricorso in cassazione senza dare ragioni adeguate.
75. Queste disposizioni prevedono nella loro parte attinente:
Articolo 6
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale…”
Articolo 13
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
1. Compatibilità ratione temporis
76. Il Governo presentò che le azioni di reclamo dovrebbero essere respinte come incompatibili ratione temporis con le disposizioni dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Presentò che il danno subito dai richiedenti era stato causato dalla decisione del 1964 e perciò costituiva un atto istantaneo che era accaduto prima del 10 ottobre 1994 (la data di entrata in vigore del Protocollo N.ro 1 riguardo alla Polonia). Dibatté inoltre che secondo una recente interpretazione della legge attinente, la decisione del 1999 del Consiglio del Governo locale d’Appello (vedere paragrafo 17 sopra) aprì una possibilità solamente per chiedere il risarcimento per il danno causato nel 1964.
77. I richiedenti sostennero che le violazioni in oggetto erano di natura continua.
78. La giurisdizione temporis di ratione della Corte copre solamente il periodo dopo la data di ratificazione della Convenzione e dei suoi Protocolli da parte dello Stato rispondente. Dopo la ratificazione, gli atti dello Stato devono conformarsi alla Convenzione o ai suoi Protocolli e i fatti susseguenti incorrono all'interno della giurisdizione della Corte anche dove sono soltanto prolungamenti di una situazione già esistente (vedere, per esempio, Almeida Garrett, Mascarenhas Falcão ed Altri c. Portogallo, N. 29813/96 e 30229/96, § 43 ECHR 2000-I). Di conseguenza, la Corte è competente per esaminare i fatti della presente causa per la loro compatibilità con la Convenzione solamente dal momento che sono accaduti dopo il 10 ottobre 1994, data della ratificazione del Protocollo N.ro 1 della Polonia. Comunque, può avere riguardo ai fatti prima della ratificazione poiché si potrebbe considerare che abbiano creato una situazione continua che si prolunga oltre quella data o può essere attinente per la comprensione dei fatti che accadono dopo quella data (vedere Hutten-Czapska c. Polonia [GC], n. 35014/97, §§ 147-153 ECHR 2006 -...).
79. La Corte nota che l'azione di reclamo dei richiedenti non concerne una privazione di proprietà in virtù della decisione del 1964. Nella presente causa, i richiedenti si lamentano dell'incapacità di eseguire efficacemente la loro rivendicazione di risarcimento che scaturisce dal fatto che la decisione del 1964 era stata emessa in violazione di legge. Anche se il diritto al risarcimento era stato creato con l'interferenza originale (vale a dire l'adozione della decisione invalida del 1964), la direttiva del 1999 del Consiglio del Governo locale d’Appello confermò il loro diritto ed abilitò i richiedenti a chiedere compensazione per l'interferenza.
Perciò, dal momento che le azioni di reclamo dei richiedenti sono dirette contro gli atti e le omissioni dello Stato in relazione all'esecuzione della rivendicazione di risarcimento che fu concessa loro sottola legge polacca -un diritto che continuava ad esistere dopo il 10 ottobre 1994 tenendo presente la direttiva summenzionata del 1999-la Corte ha giurisdizione temporale per accogliere questa azione di reclamo ( cf. Broniowski c. Polonia (dec.) [GC], n. 31443/96, §§ 75-76 ECHR 2002-X; Vajagić c. Croatia, n. 30431/03, § 24 20 luglio 2006).
80. L'obiezione del Governo deve essere perciò respinta.
2. Compatibilità ratione materiae -esistenza di proprietà all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
81. Il Governo dibatté che le azioni di reclamo erano anche incompatibili ratione materiae con la Convenzione, siccome i richiedenti non avevano provato di avere una qualsiasi “ proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Presentò che la Convenzione non garantiva un diritto alla restituzione della proprietà che era stata espropriata prima della data di ratificazione della Convenzione. Inoltre, il fatto che ai richiedenti fosse concesso di intraprendere una rivendicazione per il risarcimento sotto l’Articolo 160 della Copertura non significava che avevano una “aspettativa legittima di ottenere il pacifico godimento di un diritto di proprietà.” A questo riguardo dibatté che i richiedenti non avevano ottenuto un direttiva che confermava, in particolare, che loro avevano subito un danno e che c'era un collegamento causale fra l'adozione della decisione amministrativa invalida ed il danno. Inoltre, i richiedenti non potevano aspettarsi di vedersi concedere la loro rivendicazione se loro avessero citato in giudizio l'imputato sbagliato.
82. I richiedenti non hanno fatto commenti.
83. La Corte reitera che il concetto di “ proprietà” nella prima parte dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 ha un significato autonomo che non è limitato alla proprietà di beni fisici ed è indipendente dalla classificazione formale in diritto nazionale. Di conseguenza, così come i beni fisici, anche certi diritti ed interessi che costituiscono dei beni possono essere riguardati come “diritti di proprietà”, e così come “ proprietà” ai fini di questa disposizione (vedere Iatridis c. Grecia [GC], n. 31107/96, § 54, ECHR 1999-II, e Beyeler c. Italia [GC], n. 33202/96, § 100 ECHR 2000-I). Il concetto di “proprietà” non è limitato alle “proprietà esistenti” ma può coprire anche beni, incluso rivendicazioni a riguardo delle quali il richiedente può sostenere di avere almeno un’ “aspettativa legittima” di ottenere godimento effettivo di un diritto di proprietà (vedere, per esempio, Principe Hans-Adamo II del Liechtenstein c. Germania [GC], n. 42527/98, § 83 ECHR 2001-VIII).
Dove l'interesse di proprietà è nella natura di una rivendicazione può essere considerato come un “ bene” solamente dove ha una base sufficiente nella legge nazionale, per esempio dove c’è una giurisprudenza stabilita dei tribunali nazionali che lo conferma (Kopecký c. Slovacchia [GC], n. 44912/98, §§ 52 ECHR 2004-IX; Draon c. Francia [GC], n. 1513/03, § 68 6 ottobre 2005; Anheuser-Busch Inc. c. Portogallo [GC], n. 73049/01, § 65 11 gennaio 2007).
Dove ciò è stato stabilito, il concetto di “aspettativa legittima” può entrare in gioco e deve essere di natura più concreta di una mera speranza e deve basarsi su una disposizione legale o su un atto legale come una decisione giudiziale definitiva (vedere Draon, citata sopra, § 65, e Gratzinger e Gratzingerova c. Repubblica ceca (dec.), n. 39794/98, § 73 ECHR 2002-VII).
84. Rivolgendosi alle circostanze della presente causa la Corte osserva che nella decisione del 1999 il Consiglio del Governo locale d’Appello ha stabilito che la decisione del 1964 era stata emessa in violazione della legge e questo fatto diede un titolo ai richiedenti per chiedere il risarcimento per danno. La Corte nota che il diritto fu offerto espressamente in diritto nazionale e la giurisprudenza stabilita dei tribunali nazionali confermò l'esistenza di un collegamento casuale fra una decisione amministrativa invalida e la perdita subita come risultato di questa (vedere paragrafi 71-72 sopra). Rimaneva da stabilire s procedimenti giudiziali olamente la misura della perdita addotta e l'importo del risarcimento nei.
Perciò, si potrebbe considerare che i richiedenti avessero, nella prospettiva della Corte, un “aspettativa legittima” che la loro rivendicazione venisse trattata in conformità con le leggi applicabili e, di conseguenza, sostenuta (vedere Pressos Compania Naviera S.A. ed Altri c. Belgio, sentenza di 20 novembre 1995 la Serie A n. 332, § 31; S.A. Dangeville c. Francia, n. 36677/97, § 46 48 ECHR 2002-III).
85. Di conseguenza, i richiedenti avevano un interesse materiale che è stato riconosciuto sotto la legge polacca e che era soggetto alla protezione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
86. È vero che l'esistenza di tale rivendicazione non esenta i richiedenti dal perseguire quella rivendicazione diligentemente e citando in giudizio l'imputato appropriato. Comunque, questo problema va ai meriti della causa e sarà esaminato a quello stadio.
87. Di conseguenza, l'obiezione del Governo aquesto riguardo a deve essere respinta.
3. Compatibilità ratione personae

88. Nell'opinione del Governo, i richiedenti non riuscirono a presentare alla Corte i documenti che provavano la loro posizione nella presente causa - non provarono il loro status come successori legali di F.P. ed anche non riuscirono a presentare i documenti che provavano il titolo di F.P sulla proprietà in questione. Nella prospettiva del Governo, la presente azione di reclamo dovrebbe essere respinta di conseguenza, come incompatibile ratione personae con la Convenzione ed il Protocollo in questione.
89. La Corte reitera che l'azione di reclamo dei richiedenti non concerne la privazione di proprietà ma la loro rivendicazione per danni. La Corte nota che i richiedenti erano parti ai procedimenti di risarcimento, così come ai procedimenti nei quali loro cercavano di far dichiarare la decisione del 1964 priva di valore legale. La loro posizione legale in entrambi i set di procedimenti non fu mai contestata (vedere paragrafi 15 e 31 sopra).
90. Di conseguenza, la Corte respinge l'obiezione del Governo.
4. Ottemperanza con la regola dei sei mesi
91. Il Governo richiese inoltre alla Corte di respingere la richiesta per inadempienza con il tempo-limite dei sei mesi. Secondo lui, i richiedenti avrebbero dovuto depositare la loro richiesta presso la Corte a seguito della decisione del Consiglio del Governo locale d’Appello del 30 novembre 1999 nella loro prospettiva.
92. La Corte osserva che i richiedenti hanno depositato la loro richiesta entro i sei mesi dalla decisione della Corte Suprema del 10 dicembre 2003 che costituì la decisione definitiva nei procedimenti di risarcimento. La Corte conclude perciò che loro hanno registrato la loro richiesta all'interno del tempo-limite dei sei mesi come richiesto dall’ Articolo 35 § 1 della Convenzione e di conseguenza respinge l'obiezione del Governo.
5. L'esaurimento delle vie di ricorso nazionali
93. Infine, il Governo presentò che i richiedenti non avevano esaurito le vie di ricorso nazionali. In questo contesto dibatté , in particolare, che i richiedenti non si erano giovati in modo appropriato della possibilità di chiedere il risarcimento sotto l’Articolo 160 del CAP, poiché avevano citato a giudizio il municipio invece della Tesoreria Statale.
94. La Corte considera che questa obiezione è collegata da vicino alla sostanza dell'azione di reclamo del richiedente e che il suo esame dovrebbe essere congiunto perciò ai meriti.
6. Conclusione
95. La Corte congiungerà ai meriti l'obiezione del Governo all’ ammissibilità basata sul non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali. Nota che le azioni di reclamo dei richiedenti sotto le disposizioni su cui si basano non sono manifestamente mal-fondate all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che loro non sono inammissibili per qualsiasi altro motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili.
B. Meriti
1. L’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
a. Le osservazioni delle parti
96. I richiedenti si lamentarono che come risultato delle mancanze nelle decisioni dei tribunali nazionali e la mancanza di certezza legale, furono privati del risarcimento al quale avevano diritto sotto il diritto nazionale.
Loro addussero che i tribunali nazionali respinsero ingiustamente la loro rivendicazione sulla base di non avere citata a giudizio la persona giuridica corretta, senza dare la considerazione corretta giurisprudenza invocata da loro.
I richiedenti presentarono inoltre che la Corte Suprema aveva rifiutato di accogliere il loro ricorso in cassazione benché i richiedenti avessero indicato che tutti i requisiti legali che giustificavano l'esame del ricorso in cassazione sui meriti erano stati soddisfatti, in particolare c'era bisogno dell’interpretazione di un problema legale significativo che provocava discrepanze nella giurisprudenza dei tribunali .
97. Il Governo contestò questi argomenti. Si riferì alla decisione della Corte Suprema del 7 dicembre 2006 e alla giurisprudenza susseguente ed affermò che la decisione della Corte Suprema non poteva avere una qualsiasi conseguenza negativa per i richiedenti, siccome in conformità con la successiva giurisprudenza, la loro rivendicazione diretta contro il municipio era destinata ad essere respinta.
Il Governo presentò inoltre che né la Convenzione né la Costituzione polacca, garantivano un diritto a fare esaminare un giudizio civile da tre istanze giudiziali. Ciononostante, il Governo era del parere che la Corte Suprema la pratica così definita del “ pre-giudizio” inseguiva lo scopo legittimo di accelerare l'esame dei ricorsi non-meritori. Dibatté anche che i richiedenti non avevano sufficientemente provato le discrepanze addotte nella giurisprudenza.
Infine, affermò che non spettava al Governo o alla Corte valutare se il ricorso in cassazione era stato meritorio o se la decisione della Corte Suprema era stata ragionata sufficientemente.
b. La valutazione della Corte
i. Esistenza di proprietà all'interno del significato dell’ Articolo 1 deli Protocollo N.ro 1
98. La Corte ha trovato che la rivendicazione dei richiedenti “costituiva un bene” e perciò corrispondeva ad una “ proprietà” all'interno del significato della prima frase dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che è di conseguenza applicabile nella presente causa.
ii. Ottemperanza con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
99. La Corte reitera che il genuino, effettivo esercizio del diritto protetto dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non dipende soltanto dal dovere dello Stato di non interferire, ma può generare obblighi positivi (vedere Öneryıldız c. Turchia [GC], n. 48939/99, § 134 ECHR 2004-XII, e Broniowski c. Polonia [GC], n. 31443/96, § 143 il 2004-V di ECHR; Blumberga c. la Lettonia, n. 70930/01, § 65 14 ottobre 2008).
100. Gli obblighi positivi possono così comportare la presa di misure necessarie a proteggere il diritto alla proprietà, in particolare dove c'è un collegamento diretto fra le misure che un richiedente legittimamente può aspettarsi dalle autorità ed il suo pacifico godimento delle sue proprietà, anche in casi che coinvolgono controversie fra entità private. Questo vuole dire, in particolare, che gli Stati sono sotto l’ obbligo di offrire un meccanismo giudiziale per stabilire efficacemente la proprietà contesta ed assicurare l’ottemperanza di quei meccanismi con le salvaguardie procedurali e materiali contemplate nella Convenzione. Questo principio si applica con più forza quando è lo Stato stesso che è in controversia con un individuo.
Di conseguenza, le deficienze serie nel trattare simili controversie possono sollevare un problema sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
101. Nel valutare l’ottemperanza con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, la Corte deve fare un esame complessivo dei vari interessi in questione, tenendo presente che la Convenzione deve salvaguardare degli interessi che sono “pratici ed effettivi.” Deve guardare dietro alle apparenze e deve investigare le realtà della situazione di cui ci si lamenta.
102. Mentre hanno un margine ampio di valutazione nel valutare l'esistenza di un problema di preoccupazione pubblica garantendo specifiche misure e implementando politiche sociali ed economiche (vedere Kopecký, citata sopra, § 37), dove è in pericolo una questione nell'interesse generale spetta alle autorità pubbliche agire in tempo utile, in modo appropriato e con la massima consistenza (vedere Beyeler, citata sopra, §§ 110 in fine, 114 e 120 in fine; Broniowski, citatao sopra, § 151; Sovtransavto Sostenendo, citata sopra, §§ 97-98; Novoseletskiy c. Ucraina, n. 47148/99, § 102 ECHR 2005-II; Blücher c. Repubblica ceca, n. 58580/00, § 57 dell’11 gennaio 2005; ed O.B. Heller, a.s., c. Repubblica ceca (dec.), n. 55631/00, 9 novembre 2004).
103. La Corte reitera che la Convenzione non impone un obbligo specifico agli Stati di correggere le ingiustizie o i danni causati prima della loro ratifica della Convenzione. Comunque una volta che tale soluzione è stata adottata da un Stato, deve essere implementata con chiarezza ragionevole e coesione per evitare, per quanto possibile, l’incertezza legale e l'ambiguità per le persone riguardate dalle misure da implementare.
In questi contesto, dovrebbe essere sottolineato che l'incertezza-sia legislativa, amministrativa o che nasce da pratiche applicate dalle autorità- è un importante fattore da prendere in considerazione per valutare la condotta dello Stato (vedere Broniowski, citata sopra, § 151).
104. Rivolgendosi alle circostanze della presente causa, la Corte nota che la rivendicazione dei richiedenti è fallita perché, nella prospettiva dei tribunali nazionali, loro citarono a giudizio l'imputato sbagliato. I richiedenti depositarono la loro rivendicazione contro il municipio sulla base della giurisprudenza fino ad allora prevalente che i tribunali considerarono più tardi essere desueta.
105. La Corte osserva inoltre in questo contesto che le numerose azioni dei tribunali, come quelle avviat4i dai richiedenti sono state portate davanti ai tribunali nazionali. A causa di molte grosse riforme amministrative che erano state implementate in Polonia durante gli scorsi cinquanta anni, i tribunali sono stati costretti a determinare l'autorità responsabile di assumersi le competenze degli enti che erano esistiti in precedenza. L'interpretazione delle disposizioni delle leggi attinenti che introducevano le riforme amministrative è cambiata continuamente il che ha condotto a variare le direttive giudiziali da parte dei diversi tribunali nazionali sulla stessa questione legale (vedere paragrafi 63-70 sopra). Di conseguenza, la giurisprudenza a livello nazionale, incluse le sentenze e le risoluzioni della Corte Supreme è stata spesso contraddittoria.
106. Gli esempi della causa-legge presentarono sia coi richiedenti e lo show Statale che la questione della responsabilità per danni che sono il risultato di decisioni amministrative e crepate era con nessuno mezzi chiarisca al tempo la rivendicazione dei richiedenti fu esaminata e le divergenze in causa-legge continuata molti anni dopo (veda divide in paragrafi 69-70 sopra).
107. La Corte già ha sostenuto che divergenze nella giurisprudenza sono una conseguenza inerente a qualsiasi sistema giudiziale che è basato su una rete di tribunali di processi e di ricorso con autorità sull'area della loro giurisdizione territoriale, e che il ruolo di una corte suprema deve chiarire precisamente i conflitti fra le decisioni dei tribunali inferiori (vedere Zielinski e Pradal e Gonzalez ed Altri c. Francia [GC], N. 24846/94 e 34165/96 a 34173/96, § 59 ECHR 1999-VII). Nella presente causa, comunque la Corte Suprema andò a vuoto anche nell’uniformare una giurisprudenza sulle questioni legali in oggetto (vedere paragrafi 65-68 sopra).
108. La Corte non nega la complessità dei problemi che i tribunali dovevano affrontate come risultato dei cambi fondamentali nelle competenze di tutte le varie autorità locali e Statali a livello amministrativo. Comunque, considera che spostare il dovere di identificare l'autorità competente da citare a giudizio ai richiedenti e spogliarli del risarcimento su questa base era un requisito sproporzionato e non è riuscito a predisporre un equilibrio equo fra l'interesse pubblico ed i diritti dei richiedenti.
109. Nella prospettiva della Corte, quando un'entità pubblica è responsabile dei danni, l'obbligo positivo dello Stato per facilitare l’ identificazione dell'imputato corretto è il più importante.
110. Nell'opinione della Corte, i richiedenti sembrano essere stati vittime delle riforme amministrative, della discordanza della giurisprudenza e della mancanza di certezza legale e di coesione a questo riguardo. Di conseguenza, i richiedenti non erano in grado di ottenere il risarcimento dovuto per il danno subito.
111. Alla luce di ciò che precede, la Corte considera, che lo Stato è andato a vuoto nell’ attenersi col suo obbligo positivo di offrire misure che salvaguardano il diritto dei richiedenti al pacifico godimento della loro proprietà come garantito dall’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, sconvolgendo così il “giusto equilibrio ” fra le richieste dell'interesse pubblico ed il bisogno di proteggere il diritto dei richiedenti (vederea, mutatis mutandis, Sovtransavto Holding citata sopra, § 96).
112. C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e l'obiezione del Governo basata sul non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali (vedere paragrafi 93 e 94 sopra) deve essere di conseguenza respinta.
2. Gli Articoli 6 e 13 della Convenzione
113. Avendo riguardo alle particolari circostanze della presente causa ed al ragionamento che ha condotto la Corte a trovare una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, la Corte considera che non è necessario un esame separato dei meriti della causa sotto gli Articoli 6 e 13 della Convenzione.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
114. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
115. I richiedenti hanno chiesti 1,025,970 PLN (approssimativamente 248,010 EUR) riguardo al danno materiale e morale. Non hanno richiesto rimborsi per costi e spese.
116. Secondo il Governo, i richiedenti non sono riusciti a provare un collegamento causale fra il danno materiale addotto e le violazioni della Convenzione e non hanno provato la loro richiesta.
117. Nelle circostanze della causa ed avendo riguardo alle osservazioni delle parti, la Corte considera, che la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 della Convenzione riguardo al danno materiale e morale non è pronta per una decisione e la riserva, avendo riguardo alla possibilità che un accordo fra lo Stato rispondente ed il richiedente potrà essere raggiunto (Articolo 75 § 1 degli Articoli di Corte).
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Congiunge ai meriti l'obiezione preliminare del Governo basata sul non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali e dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo No. 1 alla Convenzione e respinge l'obiezione summenzionata;
3. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare separatamente le azioni di reclamo dei richiedenti sotto gli Articoli 6 e 13 della Convenzione;
4. Sostiene che dal momento che si considera il danno materiale e morale, la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 non è pronta per una decisione e di conseguenza:
(a) riserva la detta questione;
(b) invita il Governo ed i richiedenti a presentare, entro sei mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione le loro osservazioni scritte sulla questione e, in particolare, a notificare alla Corte qualsiasi accordo al quale potrebbero giungere;
(c) riserva l'ulteriore procedimento e delega al Presidente della Camera il potere di fissarlo all’occorrenza.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 7 luglio 2009, facendo seguito agli Articoli 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Lorenzo Early Nicolas Bratza
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.