Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TUDOR TUDOR v. ROMANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 14, 35, 6, P1-1

NUMERO: 21911/03/2009
STATO: Italia
DATA: 24/03/2009
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

Conclusion Remainder inadmissible ; Violation of Art. 6-1 ; Non-pecuniary damage - award ; Pecuniary damage - claim dismissed
THIRD SECTION
CASE OF TUDOR TUDOR v. ROMANIA
(Application no. 21911/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
24 March 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Tudor Tudor v. Romania,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Elisabet Fura-Sandström,
Corneliu Bîrsan,
Boštjan M. Zupančič,
Alvina Gyulumyan,
Egbert Myjer,
Luis López Guerra, judges,
and Stanley Naismith, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 3 March 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 21911/03) against Romania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Romanian national, Mr T. T. (“the applicant”), on 26 June 2003.
2. The applicant, who had been granted legal aid, was represented by Mr F. A., a lawyer practising in Bucharest. The Romanian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Răzvan-Horaţiu Radu, of the Ministry of Foreign Affairs.
3. On 10 April 2006 the Court decided to give notice of the application to the Government, under Articles 6 of the Convention and 1 of Protocol No. 1 to the Convention taken alone or together with Article 14. It also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
4. On 17 June 2008 the Chamber decided to ask the parties additional questions concerning the effectiveness of remedies in respect of the complaint raised under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1944 and lives in Bucharest.
6. From 1973 he lived in an apartment rented from the State in a nationalised building. On 13 January 1997, under Law no. 112/1995 on the legal status of certain residential property, the applicant bought that apartment from the State.
7. In a final decision of 23 May 1997 the Bucharest District Court allowed an action (acţiunea în revendicare) brought by the former owner against the State for recovery of possession of the building where the applicant's apartment was situated.
8. Based on that decision, the former owner lodged several actions for recovery of possession against the persons who had bought apartments in the building in similar conditions, including the applicant.
9. In a final decision of 28 January 2003 the Bucharest Court of Appeal ordered the applicant to surrender possession of the apartment to the plaintiff. The court found that the former owner's property title deed, as it had been confirmed by the final decision of 23 May 1997, prevailed over the applicant's purchase contract. It also considered that the applicant's bona fides in concluding the 13 January 1997 contract was relevant only in the event that the applicant lodged an action for compensation against the State.
10. Meanwhile, the same Court of Appeal did take into account the buyers' good faith in dismissing actions lodged by the former owner against other persons who had bought apartments in the same building. Thus, on 28 November 2002 the Court of Appeal dismissed the action against T.I. and T.A., who had bought their apartment on 12 December 1996; on 7 February 2003 it dismissed the action against I.E. and M.S. and on 20 June 2003 it dismissed the action against C.D., who had bought his apartment on 27 March 1997.
11. On 6 April 2006 the High Court of Cassation and Justice, acting on an application by the Procurator General (recurs în anulare), quashed the final decision of 28 November 2002 and sent the case back to the first-instance court. According to the information available to the Court, the proceedings are still pending with the domestic courts.
On 9 February 2006 the High Court allowed a similar application by the Procurator General and set aside the 20 June 2003 decision, thereby allowing the former owner's action against C.D.
A similar action by the Procurator General, lodged against the
7 February 2003 decision mentioned above, was allowed by the High Court on 14 February 2007. The case was sent back to the Bucharest County Court for re-examination of the appeal. The proceedings are still pending with that court.
12. As to the applicant, eviction proceedings lodged by the former owner against him are currently pending with the domestic courts.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Action for recovery of possession (acţiunea în revendicare)
13. Under Romanian law, an action for recovery of possession is one of the principal remedies for the protection of a right of property. Such action is not governed by statute per se but has emerged from case-law. An action for recovery of possession can be defined as the bringing of proceedings to enforce a right in rem in which a dispossessed owner claims back his or her property from the person currently in possession of it. When both the plaintiff and the defendant have a title deed, the court must compare the two deeds and decide which one is preferred. The main outcome of such an action, if successful, is the acknowledgment by the court of the claimant's title to the property, with retrospective effect, thus obliging the defendant to return the property. If physical restitution is no longer possible, that obligation is replaced by an obligation to pay compensation on the basis of an equivalent sum (see Străin and Others v. Romania, no. 57001/00, § 26, ECHR 2005-VII).
B. Action for compensation provided for in the Civil Code: responsibility for eviction (garanţia pentru evicţiune)
14. Articles 1337-1351 of the Civil Code institute the seller's responsibility for eviction. They provide for the evicted buyer to claim reimbursement of the price and also the payment of costs and damages, regardless of the seller's good or bad faith. The buyer can either join the seller to the proceedings instituted against him by the third party or lodge a new action against the seller after having been evicted. In the latter case, if the seller proves that he could have won the case against the third party had he been joined to the proceedings, he will be exempted from compensating the buyer (Article 1351 of the Civil Code).
A bona fide buyer continues to enjoy the benefits of the property until he is no longer considered bona fide, that is at the latest when the action for eviction is lodged against him, at which time enjoyment of the property reverts to the rightful owner. However, the buyer may still claim compensation for his loss from the seller.
C. Actions for compensation available under Law no. 10/2001
15. At the date of the facts of the present case, Article 51 of Law no. 10/2001 on the rules governing immovable property wrongfully seized by the State between 6 March 1945 and 22 December 1989, as amended by the Government's Emergency Ordinance no. 184 of 12 December 2002 (“Law no. 10/2001”), prescribed that an action for recovery of the purchase price, indexed to take account of inflation, brought against the State by a buyer whose contract had been declared null and void, was not subject to court fees. It also provided that the indexed price was to be paid by the Ministry of Finance from a special fund.
D. Case-law on compensation
16. At the Court's request, the Government submitted case-law on the different actions for compensation when property is lost in conditions similar to those of the case at hand.
17. Of the seventeen relevant decisions adopted between 2005 and 2008 by courts all over the country, nine concerned actions lodged against the State authorities by persons who lost their property in actions for recovery of possession. The courts applied the Civil Code and awarded them the indexed purchase price and, in most of the cases, damages and the costs reasonably incurred for the upkeep of the house. Most of the courts considered that Law no. 10/2001 was not applicable to actions for recovery of possession when the sale contract was not declared null and void in such proceedings.
18. When such contracts are cancelled, however, the decisions submitted to the Court indicate that the courts consistently apply Law no. 10/2001 and award the buyer the indexed purchase price.
E. Recent developments favourable to the tenants
19. In a decision no. 520/C of 3 December 2007 the Constanţa Court of Appeal found in favour of the buyer in an action for recovery of possession lodged by the former owner of a nationalised apartment against the person who in good faith had bought the apartment from the State in 2000. The court decided that the restitution of the apartment to the former owner was no longer possible and, based on the Court's case-law on Article 1 of Protocol No. 1 (in particular: Pincová and Pinc v. the Czech Republic, no. 36548/97, ECHR 2002-VIII; Raicu v. Romania, no. 28104/03, 19 October 2006 and Păduraru v. Romania, no. 63252/00, ECHR 2005-XII (extracts)), it compelled the State to pay the market value of the apartment in compensation to the former owner. In the court's view, although the plaintiff had not asked for compensation, in the circumstances of the case the monetary award was the only solution to the action for recovery of possession.
20. In a similar decision of 12 December 2007 the High Court of Cassation and Justice found in favour of the buyer in an action for recovery of possession lodged by the former owner. The High Court took account of the fact that the buyer's title had been confirmed by the courts in an action in nullity of the sale contract lodged against him by the former owner whereas the former owner's title had not been upheld by a court. It further considered that dispossessing the buyer regardless of the circumstances, in order to surrender the property to the former owner, would create disproportionate new wrongs in the attempt to attenuate old injuries. It also considered, in a general statement, that the reimbursement of the indexed purchase price under Law no. 10/2001 could not compensate the buyer as it did not reflect the property's market value.
21. In a decision no. 1055 of 9 October 2008 the Constitutional Court declared Article 47 of Law no. 10/2001 unconstitutional in so far as it breached the buyer's property title. Under the provision concerned, persons whose actions based on the Civil Code had been dismissed before the entry into force of Law no. 10/2001 could use this Law in order once again to seek the restitution of their property. The Constitutional Court considered that persons whose title to property had been confirmed by a court decision could not be compelled to surrender that property where there was no serious justification for such a measure, based on public order, under Article 44 § 3 of the Constitution.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION TAKEN ALONE OR IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 14
22. The applicant complained under Article 6 § 1 taken alone and in conjunction with Article 14 of the Convention that the proceedings giving rise to the final decision of 28 January 2003 were unfair, in particular in so far as the same Court of Appeal adopted conflicting decisions in identical cases brought against other buyers of apartments situated in the same building.
Article 6 § 1 reads as follows in so far as relevant:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
Article 14 of the Convention reads as follows:
“The enjoyment of the rights and freedoms set forth in [the] Convention shall be secured without discrimination on any ground such as sex, race, colour, language, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a national minority, property, birth or other status.”
A. Admissibility
23. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties' submissions
24. The Government submitted that the proceedings had been fair and that the courts that had dealt with the applicant's case had given a well reasoned decision. In their view, the mere fact that the courts had reached opposing decisions in similar cases did not trigger a violation of the Convention. They pointed out that the controversial issue in these cases was the interpretation given by the courts to the notion of “good faith”, but that the conflicting decisions were justified by a different interpretation of the relevant facts in each case.
25. The applicant disagreed with the Government's position and reiterated that the Court of Appeal had reached opposing decisions in identical cases.
2. The Court's assessment
26. The Court considers that while the Convention does not impose an obligation on States to restore confiscated assets, let alone to dispose of them in accordance with the elements of the right of property, once a solution has been adopted by a State, it must be implemented with reasonable clarity and coherence in order to avoid, in so far as possible, uncertainty and ambiguity for the persons concerned by the measures to implement it. In that context, it should be stressed that uncertainty – be it legislative, administrative or arising from practices applied by the authorities – is an important factor to be taken into account in assessing the State's conduct (see Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 151, ECHR 2004-V; Păduraru, cited above, § 92 and Beian v. Romania (no. 1), no. 30658/05, § 33, ECHR 2007-... (extracts)).
27. The Court notes that, in the particular context of the restitution of nationalised properties in Romania, the lack of legislative coherence and the conflicting case-law on the interpretation of certain aspects of the restitution laws created a general climate of lack of legal certainty (see Păduraru, §§ 99, 109, cited above).
28. The same uncertainty appeared in the instant case: the same Court of Appeal gave opposing interpretations of the relevance of the buyers' good faith in concluding sale contracts with the State (see paragraphs 9-11 above).
29. While certain divergences in interpretation could be an inherent consequence of any judicial system which, like the Romanian one, is based on a network of trial and appeal courts with authority over the area of their territorial jurisdiction, the Court notes that in the case at hand the conflicting interpretations stemmed from the same jurisdiction which, in addition, was the court of last resort in the matter. Moreover, no effective mechanism was available for the Supreme Court to resolve conflicts between decisions of the lower courts (see Păduraru, §§ 99 and 109, and Beian, § 37, cited above, and, mutatis mutandis, Schwarzkopf and Taussik v. the Czech Republic (dec.), no. 42162/02, 2 December 2008). In the instant case, when assessing the Procurator General's application (see paragraph 11 above) the High Court of Cassation and Justice was not called to settle conflicting interpretation but rather to examine particular applications of the law in individual cases; in addition, its intervention in the case was only possible by means of an extraordinary appeal that contradicts in itself the principle of the legal certainty (see Brumărescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 62, ECHR 1999-VII; SC Maşinexportimport Industrial Group SA v. Romania, no. 22687/03, § 36, 1 December 2005).
30. Lastly, the Court observes that seven years after the adoption of Law no. 10/2001, the interpretation of essential aspects of the restitution law is still changing at the first-instance level, through individual decisions (see paragraphs 19-21 above), and there is still no definitive settlement of the interpretation given by the courts to various aspects of the restitution laws.
While it does not contest the domestic courts' power to change their practice, the Court notes that, in the particular context of restitution in Romania, this new trend in interpretation favourable to former tenants could prove to be nothing more than another temporary change in the case-law.
31. The Court considers that, in the absence of a mechanism which ensures consistency in the practice of the national courts, such profound and long-standing differences in approach in the case-law, concerning a matter of considerable importance to society, are such as to create continual uncertainty (see, mutatis mutandis, Păduraru, cited above, § 98).
32. In the case at hand this uncertainty deprived the applicant of a fair trial before the Court of Appeal.
There has consequently been a violation of Article 6 § 1 on this account.
33. Having regard to this finding of a violation, the Court considers that it is not necessary to examine whether, in this case, there has also been a violation of Article 14 taken together with Article 6 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION TAKEN ALONE OR IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 14
34. The applicant complained that the fact that the domestic courts had preferred the former owner's property title deed to his own made it impossible for him at present to exercise his property rights over the apartment, in violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. He also complained of discrimination, under Article 14 taken together with Article 1 of Protocol No. 1, in so far as the same Court of Appeal adopted contrasting decisions in identical cases brought against the buyers of apartments situated in the same building.
Article 1 of Protocol No. 1 reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. The parties' submissions
35. In their submissions of 13 August 2008, the Government contended that the applicant had not exhausted the domestic remedies, in so far as he had not lodged an action for responsibility for eviction against the State authorities under the Civil Code. This action would have allowed him to recover from the State the indexed purchase price and damages.
36. The applicant averred that there had been no need for him to join the State in the proceedings lodged against him, in so far as the court of first instance and the appeal court had found in his favour. He also considered that as the interference with his property rights had been caused by the 28 January 2003 decision, if he had lodged a new action against the State he would have missed the six-month time-limit provided for in Article 35 § 1 of the Convention.
B. The Court's assessment
37. The Court recalls that under Article 35 normal recourse should be had by an applicant to remedies which are available and sufficient to afford redress in respect of the breaches alleged. The existence of the remedies in question must be sufficiently certain not only in theory but in practice, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness (see Akdivar and Others v. Turkey, 16 September 1996, § 66, Reports of Judgments and Decisions 1996-IV).
38. In the present case, the domestic courts compared the title deeds presented by the applicant and the former owner and decided to give preference to the former owner's deed. In so doing the Court of Appeal did not set aside or declare null and void the applicant's title deed, nor did it award him any compensation for his loss.
However, the applicant, who can no longer validly use his title deed, may seek compensation from the seller, under the Civil Code, for eviction, either by joining the State in the proceedings lodged against him or by lodging a separate action to that end. The case-law submitted by the Government indicates a consistent domestic practice of awarding damages in cases similar to the present one. The remedy is therefore available both in theory and in practice.
39. It remains to be determined whether the amount of compensation that can be awarded by the national courts is sufficient to afford redress in respect of the breaches alleged. In this context, the Court notes that the case at hand stems from the application of the laws on the restitution of nationalised properties. While acknowledging the particularly difficult context of compensation for property nationalised during the communist regime, the Court has expressed the view that it is necessary to ensure that the attenuation of those old injuries does not create disproportionate new wrongs (see Pincová and Pinc, cited above, § 58, and Velikovi and Others v. Bulgaria, nos. 43278/98, 45437/99, 48014/99, 48380/99, 51362/99, 53367/99, 60036/00, 73465/01 and 194/02, §§ 178-179, 15 March 2007).
40. The case-law provided by the Government indicates that persons in the applicant's situation would have been awarded at least the indexed purchase price, and possibly damages up to the property's current market value, as well as the reimbursement of any costs reasonably incurred for the upkeep of the house.
41. Although the Court cannot speculate in this case what the outcome of the proceedings for compensation would have been should the applicant have chosen to use them, it notes that the awards made by the domestic courts in similar situations are significantly higher than those in the case of Pincová and Pinc, where the Court found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in so far as the applicants, who were in a similar situation to that of the applicant in the instant case, were only granted the purchase price as compensation for the lost property (see Pincová and Pinc, cited above, §§ 61-64; see also Velikovi and Others, cited above, §§ 140-141, and Kalinova v. Bulgaria, no. 45116/98, § 76, 8 November 2007).
42. Lastly, although the restitution law does not provide for a specific action against the State for persons in the applicant's situation (see, mutatis mutandis, Velikovi and Others, § 127, and Kalinova, § 77, cited above), the Court is satisfied that this remedy, afforded by the Civil Code, is sufficient to provide redress in the applicant's situation.
43. The applicant should thus have exhausted this remedy before lodging his complaint with the Court.
It follows that this complaint must be rejected under Article 35 §§ 1 and 4 of the Convention for non-exhaustion of domestic remedies.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
44. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
45. The applicant claimed 10,000 euros (EUR) in respect of pecuniary damage, representing the value of his apartment, and EUR 5,000 in respect of non-pecuniary damage.
46. The Government did not comment on these claims.
47. The Court does not discern any causal link between the violation found and the pecuniary damage alleged; it therefore rejects this claim. On the other hand, it awards the applicant EUR 5,000 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
48. The applicant also claimed EUR 3,000 and 100,000,000 Romanian lei (RON) for costs and expenses incurred before the domestic courts and before the Court. He sent invoices for RON 1,059.95 representing translation costs, and ROL (old Romanian lei) 9,000,000, RON 500 and EUR 1,500 for lawyers' fees.
49. The Government considered that the claims were unjustified and exorbitant.
50. According to the Court's case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 2,200 covering costs under all heads.
C. Default interest
51. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning Article 6 taken alone and together with Article 14 admissible;
2. Declares the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention taken alone and in conjunction with Article 14 inadmissible for non-exhaustion;
3. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;
4. Holds that there is no need to examine the complaint under Article 14 together with Article 6 of the Convention;
5. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts to be converted into the respondent State's national currency at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 5,000 (five thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage; and
(ii) EUR 2,200 (two thousand two hundred euros) for costs and expenses, plus any tax that may be chargeable to the applicant;

(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
6. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 24 March 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Stanley Naismith Josep Casadevall
Deputy Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Resto inammissibile; Violazione dell’ Art. 6-1; danno morale - assegnazione; danno Materiale - rivendicazione respinta
TERZA SEZIONE
CAUSA TUDOR TUDOR C. ROMANIA
(Richiesta n. 21911/03)
SENTENZA
STRASBOURG
24 marzo 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa di Tudor Tudor c. la Romania,
La Corte europea di Diritti umani (terza Sezione), riunendosi in una Camera, compota da:
Josep Casadevall, Presidente
Elisabet Fura-Sandström,
Corneliu Bîrsan,
Boštjan M. Zupančič,
Alvina Gyulumyan,
Egbert Myjer,
Luis López Guerra, giudici
e Stanley Naismith, Cancelliere Aggiunto di Sezione
Avendo deliberato in privato il 3 marzo 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 21911/03) contro la Romania depositata con la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino rumeno, il Sig. T. T. (“il richiedente”), il 26 giugno 2003.
2. Il richiedente a cui era stato accordato il patrocinio gratuito fu rappresentato dal Sig. F. A., un avvocato che pratica a Bucarest. Il Governo rumeno (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo Agente, il Sig. Răzvan-Horaţiu Radu, del Ministero degli Affari Esteri.
3. Il 10 aprile 2006 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo, sotto gli Articoli 6 della Convenzione e 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione preso da solo o insieme con l’Articolo 14. Decise anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
4. Il 17 giugno 2008 la Camera decise di porre domande supplementari alle parti riguardo all'efficacia della via di ricorso riguardo all'azione di reclamo sollevata sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1944 e vive a Bucarest.
6. Dal 1973 visse in un appartamento affittato dallo Stato in un edificio nazionalizzato. Il 13 gennaio 1997, sotto la Legge n. 112/1995 sulla condizione giuridica di certa proprietà residenziali, il richiedente comprò questo appartamento dallo Stato.
7. In una decisione definitiva del 23 maggio 1997 la Corte distrettuale di Bucarest permise un'azione (acţiunea în revendicare) portata dal proprietario precedente contro lo Stato per ricupero di proprietà dell'edificio in cui l'appartamento del richiedente era situato.
8. Sulla base di questa decisione, il precedente proprietario depositò molte azioni per ricupero di proprietà contro le persone che avevano comprato appartamenti nell'edificio in condizioni simili, incluso il richiedente.
9. La Corte d'appello di Bucarest ordinò che il richiedente cedesse la proprietà dell'appartamento al querelante in una decisione definitiva del 28 gennaio 2003. La corte trovò che l'atto del titolo di proprietà del proprietario precedente, come era stato confermato con la decisione definitiva del 23 maggio 1997, prevaleva sul contratto di acquisto del richiedente. Considerò anche che il fides bona del richiedente nel concludere il contratto 1997 del 13 gennaio era solamente attinente nel caso in cui il richiedente depositasse un'azione per il risarcimento contro lo Stato.
10. Nel frattempo, la stessa Corte d'appello prese in considerazione la buon fede degli acquirenti nel respingere le azioni depositate dal proprietario precedente contro le altre persone che avevano comprato appartamenti nello stesso edificio. Il 28 novembre 2002 la Corte d'appello respinse così, l'azione contro T.I. e T.A. che avevano comprato il loro appartamento il 12 dicembre 1996; il 7 febbraio 2003 respinse l'azione contro I.E e M.S. e il 20 giugno 2003 respinse l'azione contro C.D. che aveva comprato il suo appartamento il 27 marzo 1997.
11. Il 6 aprile 2006 l’ Alta Corte di Cassazione e Giustizia, agendo su richiesta da parte del Procuratore Generale (recurs în anulare), annullò la decisione definitiva del 28 novembre 2002 e spedì di nuovo la causa alla corte di prima istanza. Secondo le informazioni disponibile alla Corte, i procedimenti sono ancora pendenti presso i tribunali nazionali.
Il 9 febbraio 2006 l’ Alta Corte ammise un’applicazione simile da parte del Procuratore Generale ed accantonò la decisione del 20 giugno 2003, ammettendo con ciò l'azione del proprietario precedente contro C.D.
Un'azione simile del Procuratore Generale, depositata contro la decisione del 7 febbraio 2003 menzionata sopra, fu concessa dall’ Alta Corte il 14 febbraio 2007. La causa fu rispedita all'Organo giudiziario locale di Bucarest per il riesame del ricorso. I procedimenti sono ancora pendenti presso quel tribunale.
12. Riguardo al richiedente, procedimenti di sfratto depositati dal proprietario precedente contro lui sono attualmente pendenti preso i tribunali nazionali.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Azione per il ricupero di proprietà (acţiunea în revendicare)
13. Sotto la legge rumena, un'azione per il ricupero di proprietà è una delle vie di ricorso principali per la protezione di un diritto di proprietà. Simile azione non è governata dallo statuto per se ma è emersa dalla giurisprudenza. Un'azione per il ricupero di proprietà può essere definita come intraprendere procedimenti per eseguire un diritto in rem in cui un proprietario spossessato rivendica il recupero della sua proprietà dalla persona attualmente proprietaria di questa. Quando sia il querelante che l'imputato hanno un atto di titolo di proprietà, il tribunale deve comparare i due atti e decidere quale sia il favorito. La conseguenza principale di tale azione, se riuscita, è il riconoscimento da parte del tribunale del titolo del rivendicatore della proprietà, con effetto retrospettivo che obbliga così l'imputato a restituire la proprietà. Se restituzione fisica non è più possibile, questo obbligo è sostituito con l’ obbligo di pagare il risarcimento sulla base di una somma equivalente (vedere Străin ed Altri c. Romania, n. 57001/00, § 26 ECHR 2005-VII).
B. Azione per risarcimento previsto nel Codice civile: la responsabilità per sfratto (garanţia pentru evicţiune)
14. Gli Articoli 1337-1351 del Codice civile istituiscono la responsabilità del venditore per sfratto. Loro prevedono per l'acquirente sfrattato di chiedere il rimborso del prezzo ed anche il pagamento dei costi e dei danni, nonostante la buona o mala fede del venditore. L'acquirente può o unirsi al venditore ai procedimenti avviati contro lui dalla terza parte o può depositare una nuova azione contro il venditore dopo essere stato sfrattato. Nel secondo caso, se il venditore prova che avrebbe potuto vincere la causa contro la terza parte se si fosse unito ai procedimenti, sarà esentato dal compensare l'acquirente (Articolo 1351 del Codice civile).
Un acquirente in buona fede continua a godere dei benefici della proprietà finché lui non è considerato più in buona fede, cioè all'ultimo quando l'azione per sfratto viene depositata contro lui momento in cui il godimento della proprietà ritorna al giusto proprietario. L'acquirente può ancora chiedere comunque, il risarcimento per la sua perdita dal venditore.
C. Azioni per il risarcimento disponibile sotto la Legge n. 10/2001
15. In data dei fatti della presente causa, l’Articolo 51 della Legge n. 10/2001 sulle regole che governano il patrimonio immobiliare erroneamente confiscato dallo Stato fra il 22 dicembre 1945 e il 6 marzo 1989, corretto con l'Ordinanza d’Emergenza del Governo n. 184 del 12 dicembre 2002 (“la Legge n. 10/2001”), prevedeva che un'azione per il ricupero del prezzo di acquisto, indicizzato da prendere conto dell'inflazione, portata contro lo Stato da un acquirente il cui contratto era stato dichiarato privo di valore legale non era soggetta a parcelle di tribunale. Prevedeva anche che il prezzo indicizzato dovesse essere pagato dal Ministero delle Finanze con un finanziamento speciale.
D. giurisprudenza sul risarcimento
16. Su richiesta della Corte, il Governo presentò la giurisprudenza sulle diverse azioni per il risarcimento quando la proprietà viene persa in condizioni simili a quelle della causa in oggetto.
17. Delle diciassette decisioni attinenti adottate fra il 2005 ed il 2008 da tribunali in tutto il paese, nove riguardavano azioni depositate contro le autorità Statali da persone che avevano perso la loro proprietà in azioni per ricupero di proprietà. I tribunali fecero applicarono il Codice civile ed assegnarono loro il prezzo di acquisto indicizzato e, nella maggior parte delle cause, i danni ed i costi ragionevolmente sostenuti per la manutenzione dell'alloggio. La maggior parte dei tribunali considerarono che la Legge n. 10/2001 non fosse applicabile ad azioni per il recupero di proprietà quando il contratto di vendita non era stato dichiarato privo di valore legale in simili procedimenti.
18. Comunque, quando simili contratti vengono annullati le decisioni presentate alla Corte indicano che i tribunali applicano costantemente la Legge n. 10/2001 ed assegnano il prezzo di acquisto indicizzato all'acquirente.
E. Recenti sviluppi favorevoli agli inquilini
19. In una decisione n. 520/C 3 del dicembre 2007 la Corte d'appello di Constanţa si è trovata a favore dell'acquirente in un'azione per recupero di proprietà depositata dal proprietario precedente di un appartamento nazionalizzato contro la persona che in buon fede aveva comprato l'appartamento dallo Stato nel 2000. Il tribunale decise che la restituzione dell'appartamento al proprietario precedente non era più possibile e, sulla base della giurisprudenza della Corte sull’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (in particolare: Pincová e Pinc c. Repubblica ceca, n. 36548/97, ECHR 2002-VIII; Raicu c. Romania, n. 28104/03, 19 ottobre 2006 e Păduraru c. Romania, n. 63252/00, ECHR 2005-XII (estratti)), obbligò lo Stato a pagare il valore di mercato dell'appartamento come risarcimento al precedente proprietario. Secondo il tribunale, benché il querelante non avesse chiesto il risarcimento, nelle circostanze della causa l'assegnazione valutaria era la sola soluzione all'azione per il recupero della proprietà.
20. In una decisione simile del 12 dicembre 2007 l’ Alta Corte di Cassazione e Giustizia si è trovata a favore dell'acquirente in un'azione per il ricupero della proprietà depositata dal precedente proprietario. L’ Alta Corte prese in conto il fatto che il titolo dell'acquirente era stato confermato dai tribunali in un'azione per nullità del contratto di vendita depositata contro lui dal precedente proprietario mentre il titolo del precedente proprietario non era stato sostenuto da un tribunale. Considerò inoltre che espropriando l'acquirente a prescindere dalle circostanze, per cedere la proprietà al precedente proprietario, creerebbe dei nuovi e sproporzionati mali nel tentativo di attenuare i vecchi danni. Considerò anche, in una dichiarazione generale che il rimborso del prezzo di acquisto indicizzato sotto la Legge n. 10/2001 non poteva compensare l'acquirente in quanto non riflette il valore di mercato della proprietà.
21. In una decisione n. 1055 del 9 ottobre 2008 la Corte Costituzionale dichiarò incostituzionale l’Articolo 47 della Legge n. 10/2001 dal momento che violava il titolo di proprietà dell'acquirente. Sotto la disposizione riguardata, le persone le cui azioni basate sul Codice civile erano state respinte prima dell'entrata in vigore della Legge n. 10/2001 ancora una volta potrebbero usare questa Legge in modo da chiedere la restituzione della loro proprietà. La Corte Costituzionale considerò che le persone i cui titoli di proprietà erano stati confermati con una decisione del tribunale non potevano essere obbligate a privarsi della proprietà dove non c'era giustificazione seria per tale misura, basata su ordine pubblico, sotto l’Articolo 44 § 3 della Costituzione.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE PRESA IN CONCOMITANZA CON ARTICOLO 14 O DA SOLO
22. Il richiedente si lamentò sotto l’Articolo 6 § 1 preso da solo ed in concomitanza con l’Articolo 14 della Convenzione che i procedimenti generanti la decisione definitiva del 28 gennaio 2003 erano ingiusti, in particolare dal momento che la stessa Corte d'appello adottò decisioni contraddittorie in cause identiche portate contro altri acquirenti di appartamenti situati nello stesso edificio.
L’Articolo 6 § 1 nella sua parte attinente si legge come segue:
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ad ognuno viene concessa un’ equa... udienza... da parte di [un]... tribunale...”
L’Articolo 14 della Convenzione si legge come segue:
“Il godimento dei diritti e delle libertà stabiliti [dalla] Convenzione sarà garantito senza la discriminazione per qualsiasi fatto come il sesso, la razza, il colore, la lingua, la religione, l’opinione politica o altro, cittadinanza od origine sociale, appartenenza ad una minoranza nazionale, la proprietà,la nascita o altro status.”
A. Ammissibilità
23. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal fondata all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
24. Il Governo presentò che i procedimenti erano stati equi e che i tribunali che avevano trattato la causa del richiedente avevano dato una decisione ben ragionata. Secondo lui, il mero fatto che i tribunali fossero giunti a decisioni contraddittorie in cause simili non provoca una violazione della Convenzione. Indicò che il problema controverso in queste cause era l'interpretazione data dai tribunali alla nozione di “ buona fede”, ma che le decisioni contraddittorie erano giustificate da un'interpretazione diversa dei fatti attinenti in ogni causa.
25. Il richiedente non era d'accordo con la posizione del Governo e reiterò che la Corte d'appello era giunta a decisioni contraddittorie in cause identiche.
2. La valutazione della Corte
26. La Corte considera che mentre la Convenzione non impone un obbligo sugli Stati di ripristinare i beni confiscati, a parte di disporre di loro in conformità con gli elementi del diritto di proprietà, una volta che è stata adottata una soluzione da parte di uno Stato, deve essere implementata con chiarezza ragionevole e coerenza per evitare, quanto possibile, l'incertezza e l'ambiguità per le persone riguardate dalle misure da implementare. In questo contesto, dovrebbe essere sottolineato che l'incertezza-sia legislativa, amministrativa o che nasce da pratiche applicate dalle autorità- è un importante fattore da prendere in considerazione nel valutare la condotta dello Stato (vedere Broniowski c. Polonia [GC], n. 31443/96, § 151 il 2004-V di ECHR; Păduraru, citata sopra, § 92 e Beian c. Romania (n. 1), n. 30658/05, § 33 ECHR 2007 -... ( estratti)).
27. La Corte nota che, nel particolare contesto della restituzione delle proprietà nazionalizzate in Romania, la mancanza di coerenza legislativa e la giurisprudenza contraddittoria sull'interpretazione di certi aspetti delle leggi sulla restituzione crearono un clima generale di mancanza di certezza legale (vedere Păduraru, §§ 99, 109 citata sopra).
28. La stessa incertezza appare nella presente causa: la stessa Corte d'appello diede interpretazioni contraddittorie della pertinenza della buon fede degli acquirenti in contratti di vendita finali con lo Stato (vedere paragrafi 9-11 sopra).
29. Mentre certe divergenze nell’ interpretazione potrebbero essere una conseguenza inerente a qualsiasi sistema giudiziale che, come quello rumeno, è basato su una rete di tribunali di processo e di ricorso con autorità sull'area della loro giurisdizione territoriale, la Corte nota che nella causa in oggetto le interpretazioni contraddittorie scaturirono dalla stessa giurisdizione che, inoltre, era il tribunale di ultima istanza in questione. Inoltre, nessun meccanismo efficace era disponibile per la Corte Suprema per chiarire i conflitti fra le decisioni dei tribunali più bassi (vedere Păduraru, §§ 99 e 109, e Beian, § 37 citata sopra, e, mutatis mutandis, Schwarzkopf e Taussik c. Repubblica ceca ( dec.), n. 42162/02, 2 dicembre 2008). Nella presente causa, nel valutare la richiesta del Procuratore Generale (vedere paragrafo 11 sopra) l’ Alta Corte di Cassazione e Giustizia non fu chiamata a stabilire un’interpretazione contraddittoria ma piuttosto ad esaminare particolari applicazioni della legge in cause individuali; inoltre, il suo intervento nella causa era solamente possibile tramite un ricorso straordinario che contraddice di per sé il principio della certezza legale (vedere Brumărescu c. Romania [GC], n. 28342/95, § 62 ECHR 1999-VII; SC Maşinexportimport Industrial Group SA c. la Romania, n. 22687/03, § 36 del 1 dicembre 2005).
30. Infine, la Corte osserva che sette anni dopo l'adozione della Legge n. 10/2001, l'interpretazione degli aspetti essenziali della legge sulla restituzione ancora sta cambiando a livello di prima istanza, per decisioni individuali (vedere paragrafi 19-21 sopra), e non c'è ancora nessun accordo definitivo dell'interpretazione data dai tribunali ai vari aspetti delle leggi sulla restituzione.
Mentre non contesta il potere dei tribunali nazionali di cambiare la loro pratica, la Corte nota che, nel particolare contesto della restituzione in Romania, questa nuova tendenza nell’ interpretazione favorevole ai precedenti inquilini potrebbe rivelarsi di non essere nulla di più di un qualsiasi altro cambio provvisorio nella giurisprudenza.
31. La Corte considera che, in assenza di un meccanismo che assicura consistenza nella pratica dei tribunali nazionali, le differenze così profonde e di vecchia data nell’ approccio alla giurisprudenza, riguardo ad una questione d'importanza considerevole alla società sono tali da creare incertezza continua (vedere, mutatis mutandis, Păduraru citata sopra, § 98).
32. Nella causa in oggetto questa incertezza spogliò il richiedente di un processo equo di fronte alla Corte d'appello.
C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 6 § 1 a questo proposito.
33. Avendo riguardo a questa costatazione di violazione, la Corte considera, che non è necessario esaminare se, in questa causa, vi è stata anche una violazione dell’ Articolo 14 preso insieme con l’Articolo 6 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE PRESO DA SOLO O IN CONCOMITANZA CON L’ARTICOLO 14
34. Il richiedente si lamentò che il fatto che i tribunali nazionali avevano preferito l'atto del titolo di proprietà del precedente proprietario al proprio gli rese effettivamente impossibile esercitare i suoi diritti di proprietà sull'appartamento, in violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Lui si lamentò anche della discriminazione, sotto l’Articolo 14 preso insieme con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, in quanto la stessa Corte d'appello adottò decisioni contrastanti in cause identiche portate contro gli acquirenti di appartamenti situati nello stesso edificio.
L’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. le osservazioni delle parti
35. Nelle loro osservazioni del 13 agosto 2008, il Governo contese, che il richiedente non aveva esaurito le vie di ricorso nazionali, in quanto lui non aveva depositato un'azione per la responsabilità per lo sfratto contro le autorità Statali sotto il Codice civile. Questa azione gli avrebbe concesso di recuperare dallo Stato il prezzo di acquisto indicizzato e i danni.
36. Il richiedente asserì che non c'era stato bisogno per lui di congiungere lo Stato nei procedimenti depositati contro lui, in quanto il giudice di prima istanza e il tribunale del ricorso aveva deciso a suo favore. Lui considerò anche che siccome l'interferenza coi suoi diritti di proprietà era stata causata con la decisione del 28 gennaio 2003, se lui avesse depositato una nuova azione contro lo Stato avrebbe superato il tempo-limite dei sei mesi previsto dall’ Articolo 35 § 1 della Convenzione.
B. la valutazione della Corte
37. La Corte richiama che sotto l’Articolo 35 un richiedente dovrebbe avere ricorso normale a vie di rimedio che siano disponibili e sufficienti per riconoscere la compensazione riguardo le violazioni addotte. L'esistenza delle vie di ricorso in oggetto non solo deve essere sufficientemente sicura in teoria ma anche in pratica, mancando ciò mancherà l'accessibilità e l'efficacia richieste (vedere Akdivar ed Altri c. Turchia, 16 settembre 1996, § 66 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-IV).
38. Nella presente causa, i tribunali nazionali compararono gli atti del titolo di proprietà presentati dal richiedente e dal precedente proprietario e decisero di dare preferenza all'atto del precedente proprietario. Nel fare così la Corte d'appello non mise da parte o dichiarò privo di valore legale l'atto del titolo del richiedente, né gli assegnò qualsiasi risarcimento per la sua perdita.
Comunque, il richiedente che non può più usare validamente il suo atto di titolo può chiedere il risarcimento dal venditore, sotto il Codice civile, per sfratto o congiungendo lo Stato nei procedimenti depositati contro lui o depositando un'azione separata a quello scopo. La giurisprudenza presentata dal Governo indica una pratica nazionale coerente di assegnazione di danni in cause simili alla presente. La via di ricorso è perciò disponibile sia in teoria che in pratica.
39. Rimane da determinare se l'importo del risarcimento che può essere assegnato dai tribunali nazionali sia sufficiente a riconoscere una compensazione a riguardo delle violazioni addotte. In questo contesto, la Corte nota, che la causa in questione scaturisce dall’applicazione delle leggi sulla restituzione delle proprietà nazionalizzate. Pur dando credito al contesto particolarmente difficile del risarcimento per le proprietà nazionalizzate durante il regime comunista, la Corte ha espresso il parere che sia necessario assicurare che l'attenuazione di questi vecchi danni non crei mali nuovi e sproporzionati (vedere Pincová e Pinc, citata sopra, § 58, e Velikovi ed Altri c. Bulgaria, N. 43278/98, 45437/99, 48014/99 48380/99, 51362/99 53367/99, 60036/00 73465/01 e 194/02, §§ 178-179 del 15 marzo 2007).
40. La giurisprudenza fornita dal Governo indica che a persone nella situazione del richiedente sarebbe stato assegnato almeno il prezzo di acquisto indicizzato, e possibilmente danni concorrenti al valore del mercato corrente della proprietà, così come il rimborso di qualsiasi costo ragionevolmente sostenuto per la manutenzione dell'alloggio.
41. Benché la Corte non possa speculare in questa causa ciò che sarebbe stata la conseguenza dei procedimenti per il risarcimento se il richiedente avesse scelto di usarli, nota che le assegnazioni fatte dai tribunali nazionali in situazioni simili sono significativamente più alte di quelle nella causa Pincová e Pinc, in cui la Corte trovò una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in quanto ai richiedenti che erano in una situazione simile a quella del richiedente nella presente causa , fu accordato solamente il prezzo di acquisto come risarcimento per la proprietà perduta (vedere Pincová e Pinc, citata sopra, §§ 61-64; vedere anche Velikovi ed Altri, citata sopra, §§ 140-141, e Kalinova c. Bulgaria, n. 45116/98, § 76 8 novembre 2007).
42. Infine, benché la legge sulla restituzione non preveda una specifica azione contro lo Stato per persone nella situazione del richiedente (vedere, mutatis mutandis, Velikovi ed Altri, § 127, e Kalinova, § 77, citata sopra), la Corte è soddisfatta del fatto che questa via di ricorso, riconosciuta dal Codice civile sia sufficiente ad offrire compensazione nella situazione del richiedente.
43. Il richiedente avrebbe dovuto esaurire così questa via di ricorso prima di presentare il suo reclamo con la Corte.
Ne segue che questa azione di reclamo deve essere respinta sotto l’Articolo 35 §§ 1 e 4 della Convenzione per non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
44. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
45. Il richiedente chiese 10,000 euro (EUR) riguardo il danno materiale, rappresentanti il valore del suo appartamento, ed EUR 5,000 riguardo il danno morale.
46. Il Governo non ha fatto commenti su queste rivendicazioni.
47. La Corte non trova alcun collegamento causale fra la violazione trovata ed il danno materiale addotto; respinge perciò questa rivendicazione. D'altra parte assegna EUR 5,000 al richiedente riguardo al danno morale.
B. Costi e spese
48. Il richiedente chiese anche EUR 3,000 e 100,000,000 lei rumeni (RON) per costi e spese sostenuti di fronte ai tribunali nazionali e di fronte alla Corte. Spedì fatture per RON 1,059.95 rappresentanti i costi di traduzione, e ROL ( vecchio lei rumeno) 9,000,000, RON 500 ed EUR 1,500 per le parcelle degli avvocati.
49. Il Governo considerò che le rivendicazioni fossero ingiustificate ed esorbitanti.
50. Secondo la giurisprudenza della Corte, ad un richiedente viene concesso il rimborso dei costi e delle spese solamente se viene dimostrato che questi sono stati davvero e necessariamente sostenuti e sono stati ragionevoli riguardo al quantum. Nella presente causa, avuto riguardo alle informazioni nella in suo possesso ed ai criteri sopra, la Corte considera ragionevole assegnare la somma di EUR 2,200 a copertura dei costi sotto tutti i capi.
C. Interesse di mora
51. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui si dovrebbero aggiungere tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE LL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo riguardo all’ Articolo 6 preso da solo ed insieme all’Articolo 14 ammissibile;
2. Dichiara l'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione preso da solo ed in concomitanza con l’Articolo 14 inammissibile per non-esaurimento;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
4. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto l’Articolo 14 insieme con l’Articolo 6 della Convenzione;
5. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente debba pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi da convertire nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) EUR 5,000 (cinque mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, riguardo al danno morale; e
(ii) EUR 2,200 (due mila duecento euro) per costi e spese, più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente;

(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
6. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificato per iscritto il 24 marzo 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Stanley Naismith Josep Casadevall
Cancelliere Aggiunto Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.