Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ERBEY v. TURKEY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, P1-1

NUMERO: 29188/02/2009
STATO: Turchia
DATA: 10/03/2009
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1 ; Just satisfaction reserved
SECOND SECTION
CASE OF ERBEY v. TURKEY
(Application no. 29188/02)
JUDGMENT
(on the merits)
STRASBOURG
10 March 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject t to editorial revision.


In the case of Erbey v. Turkey,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Ireneu Cabral Barreto,
Vladimiro Zagrebelsky,
Danutė Jočienė,
Dragoljub Popović,
Nona Tsotsoria,
Işıl Karakaş, judges,
and Sally Dollé, Section Registrar,
Having deliberated in private on 2 December 2008,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 29188/02) against the Republic of Turkey lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Turkish national, Mr C. E. (“the applicant”), on 23 May 2002.
2. The applicant was represented by Mr E. Ş., a lawyer practising in İzmir. The Turkish Government (“the Government”) were represented by their Agent.
3. On 12 June 2007 the President of the Second Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3).
4. By a letter dated 28 November 2008 the applicant's representative informed the Court that the applicant had died on 21 August 2008 and that his heirs, Ms H. E., Mr M. E. and Ms E. S. (E.), wished to pursue his application. The Government had no comments on this request.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1926 and lived in Ä°zmir.
6. On 23 February 1998 the applicant bought a plot of land (plot no. 536 in the Ulucak village, in the Menemen district of Ä°zmir) from the heirs of V.G.
7. On 13 July 1999 the Ministry of Agriculture (“the Ministry”) brought an action before the Menemen Civil Court, requesting the annulment of the title deed of the applicant to plot no. 536 and its registration in the Treasury's name, claiming that it had had actual possession of this land since 1966. The Ministry primarily relied on Article 38 of the Expropriation Act (Law no. 2942). The Ministry also alleged that an expropriation had been effected in relation to the said land in 1966 and that V.G. had received compensation for it. However, the land register had not been amended due to an administrative error.
8. On 20 December 2000 the Menemen Civil Court accepted the request of the Ministry of Agriculture and ordered that the land be registered in favour of the Treasury in accordance with Article 38 of Law no. 2942. In its judgment, the first-instance court noted that the Ministry had been in actual possession of this land for more than twenty years and that the applicant had been aware of this fact when he had bought the plot.
9. The applicant appealed.
10. On 17 September 2001 the Court of Cassation upheld the judgment of 20 December 2000.
11. The applicant requested rectification of the decision of 17 September 2001.
12. On 24 December 2001 the Court of Cassation dismissed the applicant's request.
13. On 4 January 2002 the Court of Cassation's decision was served on the applicant.
14. On 10 April 2003 the Constitutional Court annulled Article 38 of Law no. 2942.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
15. A full description of the domestic law may be found in Börekçioğulları (Çökmez) and Others v. Turkey (no. 58650/00, §§ 23-29, 19 October 2006).
THE LAW
I. LOCUS STANDI
16. The Court notes that the applicant died on 21 August 2008 and that his heirs, namely Ms H. E., Mr M. E. and Ms E. S. (E.), expressed their wish to pursue the application. The Government did not contest the applicant's heirs' standing before the Court. Consequently, the Court holds that these heirs have standing to continue the present proceedings in the applicant's stead. However, Mr C. E. will continue to be referred to as the applicant.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
17. The applicant complained that the deprivation of his land without compensation amounted to a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
18. The Government contested that argument.
A. Admissibility
19. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
20. The Government maintained that the impugned plot had been expropriated in 1966 and compensation had been paid to V.G., the owner of the land at the material time. In view of this expropriation, which had been effected long before its purchase by the applicant, the Government argued that the applicant had never had a legitimate property right to the land in question. To support their allegations, the Government submitted a document dated 13 September 1966, which notified V.G. through the notary public of the expropriation decision and further informed him that the relevant compensation would be deposited at a public bank.
21. The applicant contested these submissions. He argued that the expropriation of the plot had never been completed as alleged by the Government as the expropriation compensation had never been deposited with the bank and hence the title deed register had never been amended in favour of the Treasury.
22. The Court observes in the first place that despite its allegations concerning the expropriation of the disputed plot, the Government cannot produce any evidence to prove that any payment was made in relation to this expropriation to finalize it. In these circumstances, and bearing in mind the ownership status at the title deed register prior to the judgment of the Menemen Civil Court on 20 December 2000, the Court believes that there is not enough evidence to conclude that the impugned land was effectively expropriated by the Ministry at any point.
23. Secondly, the Court observes that regardless of whether any expropriation was effected in 1966 or not, the Menemen Civil Court relied on no reasons other than section 38 of Law no. 2942 in ordering the registration of the land in favour of the Treasury. In these circumstances, the Court cannot but conclude that the applicant was the legal owner of the disputed land up until the judgment of the Menemen Civil Court and that he was deprived of his land within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, pursuant only to section 38 of Law no. 2942.
24. In this connection, the Court notes that according to section 38 of Law no. 2942, applications for compensation for deprivation of property had to be made within twenty years of the date the property was occupied. By applying this provision retrospectively, the national courts deprived the applicant of any possibility of obtaining compensation for the annulment of his title deed. The Court observes at this point that, since the application was lodged with the Court, section 38 of Law no. 2942 has been annulled by the Constitutional Court as being unconstitutional. In its judgment dated 10 April 2003, the Constitutional Court held that limiting an individual's right to property, by maintaining that the right to bring an action against the de facto occupation of the disputed property lapses, and requiring that the property must be transferred to the authorities twenty years after that occupation, was contrary to the Constitution. Moreover, referring to the case-law of the Court, it held that depriving individuals arbitrarily of their right to property and their right to compensation was contrary to the principle of the rule of law.
25. The Court takes into consideration the judgment of the Constitutional Court and acknowledges its reasoning. Nevertheless, it notes that the judgment of the Constitutional Court did not have retroactive effect and therefore did not provide the applicant with a procedure capable of redressing the effects of a possible violation of the Convention. Consequently, it considers that the matter has not been resolved within the meaning of Article 37 § 1 (b) of the Convention (see Börekçioğulları (Çökmez) and Others, cited above, § 41).
26. The Court considers that the application of Article 38 of Law no. 2942 to the applicant's case had the consequence of depriving him of the possibility to obtain damages for the annulment of his title. Although such an interference was founded on legislation that was valid at the material time, it could only be described as arbitrary, in so far as no compensation procedure capable of maintaining the fair balance which had to be struck between the demands of the general interest of the community and the requirement of the protection of the individual's fundamental rights had been put in place (see Akıllı v. Turkey, no. 71868/01, § 33, 11 April 2006).
27. Accordingly, the Court concludes that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
28. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
29. The applicant claimed 6,500,000 euros (EUR) in respect of pecuniary damage. He did not submit any documents in support of his claim.
30. The Government contested this claim.
31. In the circumstances of the case, the Court considers that the question of the application of Article 41 is not ready for decision and must be reserved, due regard being had to the possibility of an agreement between the respondent State and the applicant's heirs.
B. Costs and expenses
32. The applicant did not claim any costs and expenses. Accordingly, no award is made under this head.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Holds that the applicant's heirs, namely Ms H. E., Mr M. E. and Ms E. S. (E.), have standing to continue the present proceedings in the applicant's stead;
2. Declares the application admissible;
3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
4. Holds that the question of the application of Article 41 of the Convention is not ready for decision; accordingly,
(a) reserves the said question;
(b) invites the Government and the applicant's heirs to submit, within six months from the date of notification of the judgment, their written observations on the matter and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 10 March 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P1-1; soddisfazione Equa riservata
SECONDA SEZIONE
CAUSA ERBEY C. TURCHIA
(Richiesta n. 29188/02)
SENTENZA
(sui meriti)
STRASBOURG
10 marzo 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Erbey c. Turchia,
La Corte europea dei Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Françoise Tulkens, Presidente, Ireneu Cabral Barreto, Vladimiro Zagrebelsky, Danutė Jočienė, Dragoljub Popović, Nona Tsotsoria, Işıl Karakaş, giudici,
e Sally Dollé, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 2 dicembre 2008,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 29188/02) contro la Repubblica della Turchia depositata con la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) daun cittadino turco, il Sig. C. E. (“il richiedente”), il 23 maggio 2002.
2. Il richiedente fu rappresentato dal Sig. E. Ş., un avvocato che pratica a İzmir. Il Governo turco (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente.
3. Il 12 giugno 2007 il Presidente della Seconda Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3).
4. Con una lettera del 28 novembre 2008 il rappresentante del richiedente informò la Corte che il richiedente era morto il 21 agosto 2008 e che i suoi eredi, la Sig.ra H. E., il Sig. M. E. ed la Sig.ra E. S. (E.), desideravano proseguire la sua istanza. Il Governo non aveva commenti da fare su questa richiesta.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1926 e visse a Ä°zmir.
6. Il 23 febbraio 1998 il richiedente comprò un'area di terreno (l'area n. 536 nel villaggio di Ulucak, nel distretto di Menemen di İzmir) dagli eredi di V.G.
7. Il 13 luglio 1999 il Ministero dell'Agricoltura (“il Ministero”) portò un'azione di fronte alla Corte Civile di Menemen, richiedendo l'annullamento dell'atto del titolo del richiedente rispetto l’area n. 536 e la sua registrazione a nome della Tesoreria, rivendicando che aveva la proprietà effettiva di questa terra dal 1966. Il Ministero primariamente si è appellato all’Articolo 38 dell'Atto sull’Espropriazione (Legge n. 2942). Il Ministero addusse anche che un'espropriazione era stata effettuata in relazione alla detta terra nel 1966 e che V.G. aveva ricevuto il risarcimento per questo. Comunque, il registro dei terreni non era stato corretto a causa di un errore amministrativo.
8. Il 20 dicembre 2000 la Corte Civile di Menemen accettò la richiesta del Ministero dell'Agricoltura ed ordinò che la terra venisse registrata a favore della Tesoreria in conformità con l’Articolo 38 dellaLegge n. 2942. Nel suo giudizio, la corte di prima istanza notò che il Ministero aveva la proprietà effettiva di questa terra da più di venti anni e che il richiedente era consapevole di questo fatto quando lui aveva comprato l'area.
9. Il richiedente fece appello.
10. Il 17 settembre 2001 la Corte di Cassazione sostenne la sentenza del 20 dicembre 2000.
11. Il richiedente richiese la rettifica della decisione del 17 settembre 2001.
12. Il 24 dicembre 2001 la Corte di Cassazione respinse la richiesta del richiedente.
13. Il 4 gennaio 2002 la Corte della decisione della Cassazione fu notificata al richiedente.
14. Il 10 aprile 2003 la Corte Costituzionale annullò l’Articolo 38 della Legge n. 2942.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
15. Una piena descrizione del diritto nazionale può essere trovata in Börekçioğulları (Çökmez) ed Altri c. Turchia (n. 58650/00, §§ 23-29 del 19 ottobre 2006).
LA LEGGE
I. LOCUS STANDI
16. La Corte nota che il richiedente morì il 21 agosto 2008 e che i suoi eredi, vale a dire la Sig.ra H. E., il Sig. M. E. ed la Sig.ra E. S. (E.), hanno espresso il loro desiderio di proseguire l’istanza. Il Governo non contestò la posizione degli eredi del richiedente di fronte alla Corte. Di conseguenza, la Corte sostiene che questi eredi possiedono la condizione per continuare i presenti procedimenti al posto del richiedente. Comunque, si continuerà a riferirsi al Sig. C. E. come il richiedente.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
17. Il richiedente si lamentò che la privazione della sua terra senza risarcimento ha corrisposto ad una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
18. Il Governo contestò questo argomento.
A. Ammissibilità
19. La Corte nota che la richiesta non è manifestamente mal fondata all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
20. Il Governo sostenne che l'area contestata era stata espropriata nel 1966 ed il risarcimento era stato pagato a V.G., il proprietario della terra al tempo materiale. In prospettiva di questa espropriazione che era stata effettuata ben prima del suo acquisto da parte del richiedente, il Governo dibatté che il richiedente non aveva mai avuto un diritto di proprietà legittimo sulla terra in oggetto. Per sostenere le sue dichiarazioni, il Governo presentò un documento datato 13 settembre 1966 che notificò a V.G. tramite notaio pubblico la decisione dell’ espropriazione ed inoltre lo informò del fatto che il risarcimento attinente sarebbe stato depositato presso una banca pubblica.
21. Il richiedente contestò queste osservazioni. Lui dibatté che l'espropriazione dell'area non era mai stata completata come addotto dal Governo siccome il risarcimento dell’ espropriazione non era stato mai depositato dalla banca e quindi il registro degli atti dei titoli non era mai stato corretto a favore della Tesoreria.
22. La Corte osserva in primo luogo che nonostante le sue dichiarazioni riguardo all'espropriazione dell'area contestata, il Governo non può produrre, nessuna prova per provare che fu reso un qualsiasi pagamento in relazione a questa espropriazione per renderla definitiva. In queste circostanze, e tenendo presente che lo status di proprietà sul registro degli atti dei titoli prima della sentenza della Corte Civile di Menemen il 20 dicembre 2000, la Corte crede che non ci sono abbastanza prove per concludere che la terra contestata è stata effettivamente espropriata dal Ministero in qualsiasi punto.
23. In secondo luogo, la Corte osserva che nonostante se qualsiasi espropriazione fosse stata effettuata nel 1966 o meno, la Corte Civile di Menemen non si appellò a nessun’altra ragione se non la sezione 38 della Legge n. 2942 nell'ordinare la registrazione della terra a favore della Tesoreria. In queste circostanze, la Corte può solamente concludere che il richiedente era il proprietario legale della terra contestata sino alla sentenza della Corte Civile di Menemen e che lui fu privato della sua terra all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, facendo seguito solamente alla sezione 38 della Legge n. 2942.
24. In questo collegamento, la Corte nota, che secondo la sezione 38 della Legge n. 2942, le richieste per il risarcimento per la privazione di proprietà dovevano essere rese entro venti anni dalla data n cui la proprietà fu occupata. Applicando in modo retrospettivo questa disposizione, i tribunali nazionali spogliarono il richiedente di qualsiasi possibilità di ottenere il risarcimento per l'annullamento del suo atto del titolo di proprietà. La Corte osserva a questo punto che, poiché la richiesta fu depositata con la Corte, la sezione 38 della Legge n. 2942 è stati annullata dalla Corte Costituzionale come incostituzionale. Nella sua sentenza del 10 aprile 2003 , la Corte Costituzionale sostenne che limitando il diritto di un individuo alla proprietà, sostenendo che il diritto di portare un'azione contro l'occupazione de facto della proprietà contestata cade, e richiedendo che la proprietà dovesse essere trasferita alle autorità venti anni dopo questa occupazione, fosse contrario alla Costituzione. Inoltre, riferendosi alla giurisprudenza della Corte, sostenne che spogliare arbitrariamente gli individui del loro diritto alla proprietà ed il loro diritto al risarcimento fosse contrario al principio della preminenza del diritto.
25. La Corte prende in esame la sentenza della Corte Costituzionale e dà credito al suo ragionamento. Ciononostante, nota che la sentenza della Corte Costituzionale non aveva effetto retroattivo e perciò non fornì al richiedente una procedura capace di compensare gli effetti di una possibile violazione della Convenzione. Di conseguenza, considera che la questione non è stata risolta all'interno del significato dell’ Articolo 37 § 1 (b) della Convenzione (vedere Börekçioğulları (Çökmez) ed Altri, citata sopra, § 41).
26. La Corte considera che l’applicazione dell’ Articolo 38 della Legge n. 2942 alla causa del richiedente aveva avuto la conseguenza di spogliarlo della possibilità di ottenere danni per l'annullamento del suo titolo. Benché tale interferenza fosse fondata su una legislazione che era valida al tempo materiale, potrebbe essere descritta solamente come arbitraria, in quanto non è stata attuata nessuna procedura di risarcimento capace di mantenere il giusto equilibrio che si deve prevedere fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed il requisito della protezione dei diritti essenziali dell'individuo (vedere Akıllı c. Turchia, n. 71868/01, § 33 dell’11 aprile 2006).
27. Di conseguenza, la Corte conclude che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
28. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
29. Il richiedente chiese 6,500,000 euro (EUR) riguardo il danno materiale. Lui non presentò nessun documento in appoggio della sua rivendicazione.
30. Il Governo contestò questa rivendicazione.
31. Nelle circostanze della causa, la Corte considera, che la questione dell’applicazione dell’Articolo 41 non è pronta per una decisione e deve essere riservata, con il dovuto riguardo alla possibilità di un accordo fra lo Stato rispondente e gli eredi del richiedente.
B. Costi e spese
32. Il richiedente non richiese nulla per costi e spese. Di conseguenza, nessuna assegnazione è resa sotto questo capo.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Sostiene che gli eredi del richiedente, vale a dire la Sig.ra H. E., il Sig. M. E. ed la Sig.ra E. S. (E.), hanno la condizione per continuare i procedimenti presenti al posto del richiedente;
2. Dichiara la richiesta ammissibile;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
4. Sostiene che la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 della Convenzione non è pronta per una decisione; di conseguenza,
(a) riserva la detta questione;
(b) invita il Governo e gli eredi del richiedente a presentare, entro sei mesi dalla data di notificazione della sentenza le loro osservazioni scritte sulla questione e, in particolare, notificare alla Corte qualsiasi accordo al quale possono giungere;
(c) riserva l'ulteriore procedura e delega al Presidente della Camera il potere di fissare la stessa all’occorrenza.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 10 marzo 2009, facendo seguito all’articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.