Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF SUN v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: P1-1

NUMERO: 31004/02/2009
STATO: Russia
DATA: 05/02/2009
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1


FIRST SECTION
CASE OF SUN v. RUSSIA
(Application no. 31004/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
5 February 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Sun v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajić,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Giorgio Malinverni,
George Nicolaou, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 15 January 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 31004/02) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a national of the People's Republic of China, Mr S. H. X. (“the applicant”), on 29 July 2002.
2. The Russian Government (“the Government”) were initially represented by Mr P. Laptev and then by Mrs V. Milinchuk, former Representatives of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. The applicant alleged, in particular, a violation of his right to peaceful enjoyment of possession on account of confiscation of his money.
4. On 20 January 2006 the President of the First Section decided to give notice of the application to the Government. It was also decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility (Article 29 § 3 of the Convention).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1949 and lives in Khabarovsk.
6. In 2001 the applicant, a salesman by occupation, decided to go to China to purchase merchandise.
7. On 30 July 2001 the applicant arrived at the Khabarovsk International Seaport. The customs found on him 72,300 United States dollars (USD) and 760 Chinese yuan (CNY) in cash which he had not reported in his customs declaration. The applicant was charged with attempted smuggling of foreign currency, a criminal offence under Articles 30 § 3 and 188 § 1 of the Criminal Code. The money was appended to the criminal case as physical evidence (вещественные доказательства).
8. On 6 November 2001 the Tsentralniy District Court of Khabarovsk found the applicant guilty as charged and imposed a suspended sentence of two years' imprisonment conditional on one year's probation. As regards the money, the court held that:
“Physical evidence – USD 72,300 and CNY 760 taken from Mr S. H. X. – shall be confiscated by the State ...”
9. In his statement of appeal, counsel for the applicant argued that the confiscation measure had no basis in domestic law because the offence of smuggling did not carry such a penalty. She asked that the money be returned to the applicant as the lawful owner.
10. On 29 January 2002 the Khabarovsk Regional Court upheld the conviction on appeal. As regards the money, the Regional Court held as follows:
“Pursuant to Article 86 (4) of the RSFSR Code of Criminal Procedure, criminally acquired money and other valuables shall be confiscated by the State after conviction.
It appears from the case materials that Mr S. H. X. did not report USD 72,300 and CNY 760 in his customs declaration when crossing the customs border of the Russian Federation. Since that moment, the above-mentioned valuables have become criminally acquired by Mr S. H. X. and, pursuant to Article 86 (4) of the RSFSR Code of Criminal Procedure, should be confiscated by the State after conviction.”
11. On 2 March 2006 the first deputy prosecutor of the Khabarovsk Region lodged an application for supervisory review of the applicant's conviction. He submitted as follows:
“It was established during the trial that the money which Mr S. H. X. omitted to declare... USD 6,100 were his personal property, whereas the remainder was the money destined to pay for the merchandise he had intended to buy in China. Thus, the court did not adduce any evidence showing that the seized foreign currency had been criminally acquired. In these circumstances, the physical evidence – USD 72,300 and CNY 760 – must be returned to the lawful owner, Mr S. H. X.. Moreover, the first-instance and appeal judgments contradict the requirements of Article 1 of Protocol No. 1 ...”
12. On 5 June 2006 the Presidium of the Khabarovsk Regional Court rejected the prosecutor's application. In a succinct decision it held, without further details, that “the convict's acts had been correctly characterised” and that “the penalty had been determined in accordance with the requirements of the law”. It did not address in substance the issue raised in the prosecutor's application. Finally, noting that Article 188 of the Criminal Code did not provide for confiscation, the Regional Court considered it necessary to amend the first-instance and appeal judgments to read “reverted to the profit [of the State]” instead of “confiscated [by the State]”.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
13. The Criminal Code of the Russian Federation provides that smuggling, that is movement of large amounts of goods or other objects across the customs border of the Russian Federation, committed by concealing such goods from the customs or combined with non-declaration or inaccurate declaration of such goods, carries a penal sanction of up to five years' imprisonment (Article 188 § 1).
14. The RSFSR Code of Criminal Procedure of the Russian Federation (“CCrP”, in force at the material time) provided as follows:
Article 86. Measures taken in respect of physical evidence upon completion of a criminal case
“The judgment, interim decision or decision on discontinuation of proceedings must deal with the destiny of physical evidence in the following manner:
(1) instruments of the crime belonging to the accused are liable to confiscation, transfer to competent authorities or destruction;
(2) objects banned from circulation must be transferred to competent authorities or destroyed;
(3) unusable objects of no value must be destroyed...;
(4) criminally acquired money and other valuables must revert to the State by a judicial decision; any other objects must be returned to their lawful owners or, if the identity of the owner cannot be established, transferred to the State...
(5) documents must be kept with the case file...”
15. The Resolution of the Plenary Supreme Court of the USSR “On judicial practice regarding the offence of smuggling” (no. 2 of 3 February 1978) provided as follows:
“7. In accordance with the current legislation, the objects of smuggling are liable to confiscation to the State as physical evidence. Vehicles and other means of transport are also liable to confiscation as instruments of the crime provided that they were equipped with special hiding places for concealing goods or other valuables...”
16. The Resolution of the Plenary Supreme Court of the USSR “On confiscation of the instruments of the offence that were recognised as physical evidence in the case” (no. 19 of 16 August 1984) provided as follows:
“Having regard to the questions relating to the possibility of applying Article 86 § 1 of the RSFSR Code of Criminal Procedure... in cases of negligent criminal offences, the Plenary USSR Supreme Court resolves -
- to clarify that the objects belonging to the convict and declared to be physical evidence may be confiscated on the basis of Article 86 (1) of the RSFSR Code of Criminal Procedure... only if the convict or his accomplices deliberately used them as the instruments of the crime with a view to achieving a criminal result.”
17. The Presidium of the Supreme Court of the Russian Federation in the case of Prosecutor General v. Petrenko (decision no. 446p98pr of 10 June 1998) granted the prosecution's appeal against the judgment, by which Mr P. had been found guilty of smuggling foreign currency but the money had been returned to him on the ground that Article 188 of the Criminal Code did not provide for confiscation as a penal sanction. The Presidium held as follows:
“Confiscation of property as a penal sanction must be distinguished from confiscation of smuggled objects which were recognised as physical evidence. These issues must be addressed separately in the judgment...
In the meaning of [Article 86 (1) of the RSFSR Code of Criminal Procedure] and also Article 83 of the CCrP, an instrument of the offence is any object which has been used for accomplishing publicly dangerous actions, irrespective of the main purpose of the object. Accordingly, the notion of an instrument of the offence comprises the object of the offence.
A mandatory element of a criminal offence under Article 188 of the Criminal Code is an object of smuggling that is being illegally transported across the customs border... The court found Mr Petrenko guilty of [attempted smuggling], noting that the US dollars were the object of the offence. Accordingly, it was required to decide on the destiny of physical evidence in accordance with Article 86 § 1 of the CCrP – that is, according to the rules on the instruments of the offence – but failed to do so.”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1
18. The applicant complained under Articles 6 and 7 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 that the confiscation measure had had no basis in domestic law. The Court considers that this complaint should be examined solely under Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
19. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Submissions by the parties
20. The applicant maintained firstly that the decision to confiscate his money had been unlawful. Pursuant to the general provisions of the Criminal Code, confiscation is a form of an auxiliary penal sanction which may only be imposed for serious or particularly serious criminal offences. The offence of smuggling was neither and moreover Article 188 of the Criminal Code did not provide for confiscation as a sanction. Furthermore, confiscation could be ordered if the defendant was given a suspended sentence, as it was in the applicant's case. The Supreme Court's judgment in the Petrenko case could not be a lawful basis because it had not been officially published and had also been issued in breach of the binding instructions of the Plenary Supreme Court (no. 19 of 16 August 1984).
21. Secondly, the applicant pointed out that the appeal court's finding that the currency had been criminally acquired did not have a factual basis. He had earned the money through the lawful exercise of his trade on Russian territory and was the lawful owner of the confiscated currency.
22. The Government denied that the applicant had been the lawful owner of the confiscated currency since he had not presented any documents showing that he had legally imported currency into Russia. In the Government's view, irrespective of whether or not the applicant had legally earned the currency in Russian territory, he was no longer the “legal holder” of that money after he had entered the customs control zone located in the Khabarovsk seaport. The Government maintained that the taking of the currency had been carried out in accordance with the domestic law.
2. The Court's assessment
(a) The applicable rule
23. Article 1 of Protocol No. 1 comprises three distinct rules: the first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, inter alia, to control the use of property in accordance with the general interest. The three rules are not, however, distinct in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule (see, as a recent authority, Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 134, ECHR 2004-V).
24. The “possession” at issue in the present case was an amount of money in United States dollars and Chinese yuan which was confiscated from the applicant by a judicial decision. It is not in dispute between the parties that the confiscation order amounted to an interference with the applicant's right to peaceful enjoyment of his possessions and that Article 1 of Protocol No. 1 is therefore applicable. It remains to be determined whether the measure was covered by the first or second paragraph of that Convention provision.
25. The Court reiterates its constant approach that a confiscation measure, even though it does involve a deprivation of possessions, constitutes nevertheless control of the use of property within the meaning of the second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see Riela and Others v. Italy (dec.), no. 52439/99, 4 September 2001; Arcuri and Others v. Italy (dec.), no. 52024/99, 5 July 2001; C.M. v. France (dec.), no. 28078/95, 26 June 2001; Air Canada v. the United Kingdom, judgment of 5 May 1995, Series A no. 316-A, § 34; and AGOSI v. the United Kingdom, judgment of 24 October 1986, Series A no. 108, § 34). Accordingly, it considers that the same approach must be followed in the present case.
(b) Compliance with Article 1 of Protocol No. 1
26. The Court emphasises that the first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be “lawful”: the second paragraph recognises that the States have the right to control the use of property by enforcing “laws”. Moreover, the rule of law, one of the foundations of a democratic society, is inherent in all the Articles of the Convention. The issue of whether a fair balance has been struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual's fundamental rights only becomes relevant once it has been established that the interference in question satisfied the requirement of lawfulness and was not arbitrary (see, among other authorities, Baklanov v. Russia, no. 68443/01, § 39, 9 June 2005, and Frizen v. Russia, no. 58254/00, § 33, 24 March 2005).
27. Moreover, the Court reiterates that a norm cannot be regarded as a “law” within the meaning of the Convention unless it is formulated with sufficient precision to enable the citizen to regulate his conduct; an individual must be able – if need be with appropriate advice – to foresee, to a degree that is reasonable in the circumstances, the consequences which a given action may entail. A law may still satisfy the requirement of foreseeability even if the person concerned has to take appropriate legal advice to assess, to a degree that is reasonable in the circumstances, the consequences which a given action may entail (see, for example, Chauvy and Others v. France, no. 64915/01, §§ 43-45, ECHR 2004-VI).
28. Turning to the case before it, the Court observes that the money which had been discovered on the applicant was recognised as physical evidence in the criminal case. The first-instance court ordered confiscation of the entire amount without specifying the legal basis for the measure. The appeal court filled in the lacuna and indicated that the money should be confiscated as “criminally acquired” in accordance with Article 86 (4) of the then effective Code of Criminal Procedure. The supervisory-review instance upheld that finding but replaced the word “confiscated” with the expression “reverted to the State” with a view to bringing the text of the judgment in line with Article 86 of the Code of Criminal Procedure.
29. In examining the applicant's case, the domestic courts determined that the money had become “criminally acquired” from the moment he had crossed the customs border without reporting it on the customs declaration. They did not cite any case-law or legal authority or indicate any factual ground for that finding. The Court will accordingly examine whether such a development was foreseeable in the circumstances of the case.
30. On the facts, the Court observes that it has never been claimed that the applicant's money was the proceeds of any criminal activity (see, by contrast, Phillips v. the United Kingdom, no. 41087/98, §§ 9-18, ECHR 2001-VII) or had been unlawfully acquired (see, by contrast, Riela and Arcuri, both cited above, or else Raimondo v. Italy, judgment of 22 February 1994, Series A no. 281-A, § 29). As it transpires from the prosecutor's application for supervisory review, the trial court unambiguously established that of the total amount, some 6,100 United States dollars had been the applicant's own whereas the remainder had been the money that had been destined for purchasing merchandise in China (see paragraph 11 above). The applicant did not have a criminal record and he had not been suspected of, or charged with, any criminal offences prior to the incident at issue. This lends support to his submission that the entire amount had been lawfully earned through his commercial activities on Russian territory.
31. It has thus been established that the applicant's money had had a lawful origin. That fact was brought by the prosecution to the attention of the supervisory-review instance which, however, omitted to address that issue. Through holding that the applicant's offence had received appropriate legal characterisation, the supervisory-review instance endorsed the appeal court's finding that the nature of the applicant's money had changed from “lawfully acquired” to “criminally acquired” when it crossed the customs border without being entered into a customs declaration.
32. In this connection the Court considers, firstly, that such an interpretation appears to be at variance with the ordinary meaning of the term “criminally acquired”, which implies that the offender gained possession of the assets through criminal activities. In the instant case the applicant did not obtain the money as a result of committing the offence of smuggling, but rather – as has been noted above – he earned it through the exercise of his trade. Secondly, the Court observes that the interpretation in question does not appear to be the result of a gradual clarification of the rules of criminal liability through judicial interpretation from case to case (compare K.-H. W. v. Germany [GC], no. 37201/97, § 45, ECHR 2001-II). The finding that the smuggled object is “criminally acquired” represented a departure from the previous case-law of the Russian courts. In a series of binding resolutions the Supreme Court clarified that the money or other objects smuggled across the customs border were the “instruments” or “objects” of the offence of smuggling. That approach was endorsed by the Supreme Court's judgment in the Petrenko case, to which the Government referred, and also followed by ordinary Russian courts in the cases which have previously come before the Court (see Baklanov, cited above, § 14). In the applicant's case, however, the courts did not recognise that the money he had carried was either the “instrument” or “object” of the offence. On the other hand, the Government did not cite any other case-law or legal authority supporting the domestic courts' finding that the money the applicant had omitted to report on a customs declaration had been “criminally acquired” from the moment he had crossed the customs border.
33. In these circumstances, the Court finds that the confiscation measure issued by the Russian courts in the applicant's case fell short of the requirement of foreseeability of the law. This finding makes it unnecessary to examine whether the interference with the applicant's property right also pursued a general community interest and was also proportionate to it.
34. There has therefore been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
35. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
36. The applicant did not submit a claim for just satisfaction. The Court considers therefore that there is no call to award him any sum on that account. It observes, however, that Article 413 § 4 (2) of the Code of Criminal Procedure of the Russian Federation provides for the reopening of the criminal proceedings if a violation of the Convention has been established. In the present case the Court found a violation of Article 1 of Protocol No. 1. Accordingly, it is open to the applicant to request the reopening of the criminal proceedings in so far as the domestic courts' findings were incompatible with the requirements of that Convention provision.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
Done in English, and notified in writing on 5 February 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione: Violazione di P1-1

PRIMA SEZIONE
CAUSA SUN C. RUSSIA
(Richiesta n. 31004/02)
SENTENZA
STRASBOURG
5 febbraio 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze stabilite nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Sun c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajić, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Giorgio Malinverni, Giorgio Nicolaou, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 15 gennaio 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 31004/02) contro la Federazione russa depositata con la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino della Repubblica Popolare della Cina, il Sig. S. H. X. (“il richiedente”), il 29 luglio 2002.
2. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato inizialmente dal Sig. P. Laptev e poi dalla Sig.ra V. Milinchuk, Rappresentanti precedenti della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Il richiedente addusse, in particolare, una violazione del suo diritto al pacifico godimento della proprietà a causa del sequestro dei suoi soldi.
4. Il 20 gennaio 2006 il Presidente della prima Sezione decise di dare avviso della richiesta al Governo. Fu deciso anche di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità (Articolo 29 § 3 della Convenzione).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1949 e vive a Khabarovsk.
6. Nel 2001 il richiedente, un commerciante per occupazione decise di andare in Cina ad acquistare merce.
7. Il 30 luglio 2001 il richiedente arrivò al Porto marittimo Internazionale di Khabarovsk. Le dogane gli trovarono addosso 72,300 dollari degli Stati Uniti (USD) e 760 yuan cinesi (CNY) in contanti che non aveva riportato nella sua dichiarazione doganale. Il richiedente fu accusato di contrabbando tentato di valuta estera, un reato penale sotto gli Articoli 30 § 3 e 188 § 1 del Codice Penale. I soldi furono allegati alla causa penale come prova fisica (вещественные доказательства).
8. Il 6 novembre 2001 la Corte distrettuale di Tsentralniy di Khabarovsk trovò il richiedente colpevole come da accusa e fu condannato ad una pena di reclusione di due anni sospesa condizionale alla prova di un anno. Riguardo ai soldi, il tribunale sostenne che :
“La Prova fisica- USD 72,300 e CNY 760 presi dal Sig. S.H. X. -sarà confiscata dallo Stato...”
9. Nella sua dichiarazione di ricorso, il consigliere per il richiedente dibatté che la misura di sequestro non aveva base in diritto nazionale perché il reato di contrabbando non comportava tale sanzione penale. Chiese che i soldi venissero ridati al richiedente come proprietario legale.
10. Il 29 gennaio 2002 la Corte Regionale di Khabarovsk sostenne la condanna su ricorso. Riguardo ai soldi, la Corte Regionale sostenne ciò che segue:
“Facendo seguito all’ Articolo 86 (4) del Codice RSFSR di Procedura penale, i soldi criminalmente acquisiti e gli altri valori saranno confiscati dallo Stato dopo la condanna.
Sembra dai materiali della causa che il Sig. S. H. X. non riportò USD 72,300 e CNY 760 nella sua dichiarazione doganale attraversando il confine doganale con la Federazione russa. Da quel momento, i valori summenzionati sono stati acquisiti criminalmente dal Sig. S. H. X. e, facendo seguito all’ Articolo 86 (4) del Codice RSFSR di Procedura penale, dovrebbero essere confiscato dallo Stato dopo la condanna.”
11. Il 2 marzo 2006 il primo sostituto accusatore della Regione di Khabarovsk depositò una richiesta per una revisione direttiva della condanna del richiedente. Lui presentò ciò che segue:
“Fu stabilito durante il processo che i soldi che il Sig. S. H. X. omise di dichiarare... USD 6,100 erano suoi beni mobili, mentre il resto erano i soldi destinati a pagare la merce che intendeva comprare in Cina. Così, la corte non addusse alcuna prova che mostrasse che la valuta estera sequestrata era stata acquisita criminalmente. In queste circostanze, la prova fisica-USD 72,300 e CNY 760-deve essere ridata al proprietario legale, il Sig. S. H. X.. Inoltre, la i giudizi di prima istanza e d’appello contraddicono i requisiti dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1...”
12. Il 5 giugno 2006 il Presidium della Corte Regionale di Khabarovsk respinse la richiesta dell’accusatore. In una decisione succinta sostenne, senza ulteriori dettagli che “gli atti del carcerato erano stati caratterizzati correttamente” e che “la sanzione penale era stata determinata in conformità coi requisiti della legge.” Non si rivolse in sostanza al problema sollevato nella richiesta dell'accusatore. Infine, notando che l’Articolo 188 del Codice Penale non prevedeva il sequestro, la Corte Regionale considerò necessario correggere i giudizi di prima istanza e d’appello per leggere “ritornati a profitto [dello Stato]” invece di “confiscati [dallo Stato].”
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
13. Il Codice Penale della Federazione russa prevede che il contrabbando che è il movimento di grandi importi di beni o di altri oggetti attraverso i confini doganali della Federazione russa, commesso celando simili beni alle dogane o combinato con la non-dichiarazione o la dichiarazione imprecisa di simili beni, porta una sanzione penale fino alla reclusione di cinque anni (Articolo 188 § 1).
14. Il Codice RSFSR Procedura penale della Federazione russa (“CCrP”, in vigore al tempo attinente) prevede ciò che segue:
Articolo 86. Misure prese riguardo la prova fisica su completamento di una causa penale
“La sentenza, la decisione provvisoria o la decisione su interruzione di procedimenti devono trattare il destino della prova fisica nel seguente modo:
(1) strumenti del crimine appartenenti all'accusato sono passibili di sequestro, di trasferimento alle autorità competenti o alla distruzione;
(2) oggetti interdetti alla circolazione devono essere trasferiti ad autorità competenti o devono essere distrutti;
(3) oggetti inutili di nessun valore devono essere distrutti...;
(4) i soldi criminalmente acquisiti e gli altri valori devono essere ritornati allo Stato con una decisione giudiziale; qualsiasi altro oggetto deve essere ritornato ai loro proprietari legali o, se l'identità del proprietario non può essere stabilita, trasferiti allo Stato...
(5)i documenti devono essere tenuti nell’archivio della causa...”
15. La Decisione dell’ Assoluta Corte Suprema dell'URSS “Sulla pratica giudiziale riguardo al reato di contrabbando” (n. 2 del 3 febbraio 1978) prevede ciò che segue:
“7. Gli oggetti di contrabbando sono passibili di sequestro dallo Stato come prova fisica in conformità con la legislazione corrente. I veicoli ed altro mezzo di trasporto sono anche passibili di sequestro come strumenti del crimine ammesso che furono dotati di posti di occultamento speciali per celare i beni o altri valori...”
16. La Decisione dell’ Assoluta Corte Suprema dell'URSS “Sul sequestro degli strumenti del reato che cono stati riconosciuti come prova fisica nella causa” (n. 19 del 16 agosto 1984) prevede ciò che segue:
“Avendo riguardo alle questioni relative alla possibilità di applicare l’ Articolo 86 § 1 del Codice RSFSR di Procedura penale... in casi di reati penali negligenti, l’Assoluta Corte Suprema dell'URSS risolve -
- chiarificare che gli oggetti che appartengono al carcerato e dichiarati come prova fisica possano essere confiscati sulla base dell’Articolo 86 (1) del Codice RSFSR di Procedura penale... solamente se il carcerato o i suoi complici li usassero intenzionalmente come gli strumenti del crimine con una prospettiva a realizzando un risultato penale.”
17. Il Presidium della Corte Suprema della Federazione russa nella causa Prosecutor General c. Petrenko ( decisione n. 446p98pr del 10 giugno 1998) concesse il ricorso dell'accusa contro la sentenza con cui il Sig. P. era stato trovato colpevole di contrabbando di valuta estera ma i soldi gli erano stati ritornato per il fatto che l’Articolo 188 del Codice Penale non prevedeva il sequestro come sanzione penale. Il Presidium sostenne ciò che segue:
“La confisca dei beni come sanzione penale deve essere distinta dal sequestro di oggetti contrabbandati che sono stati riconosciuti come prova fisica. Queste questioni devono essere affrontate separatamente nella sentenza...
Nel significato dell’ [Articolo 86 (1) del Codice RSFSR di Procedura penale] ed anche dell’Articolo 83 del CCrP, uno strumento di reato è qualsiasi oggetto che viene usato per portare a termine pubblicamente azioni pericolose, a dispetto dello scopo principale dell'oggetto. Di conseguenza, la nozione di strumento del reato comprende l'oggetto del reato.
Un elemento obbligatorio di un reato penale sotto Articolo 188 del Codice Penale è un oggetto di contrabbandare quel è stato trasportando illegalmente attraverso il confine di dogane... La corte trovò il Sig. Petrenko colpevoli di [tentò contrabbando], notando che i dollari Stati Uniti erano l'oggetto del reato. Di conseguenza, fu costretto a decidere sul destino di prova fisica in conformità con Articolo 86 § 1 del CCrP-quel è, secondo gli articoli sugli strumenti del reato-ma non riuscì a fare così.”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1
18. Il richiedente si lamentò sotto gli Articoli 6 e 7 § 1 della Convenzione e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che la misura di sequestro non aveva avuto base in diritto nazionale. La Corte considera che questa azione di reclamo dovrebbe essere esaminata solamente sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
19. La Corte nota che questa azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Osservazioni delle parti
20. Il richiedente sostenne in primo luogo che la decisione di confiscare i suoi soldi era stata illegale. Facendo seguito alle disposizioni generali del Codice Penale, il sequestro è una forma di sanzione penale ausiliare che può essere imposta solamente per reati penali seri o particolarmente seri. Il reato di contrabbando non lo era ed inoltre l’Articolo 188 del Codice Penale non prevedeva il sequestro come sanzione. Inoltre, il sequestro si potrebbe ordinare se all'imputato fosse data una condanna sospesa, come era nella caso del richiedente. La sentenza della Corte Suprema nella causa Petrenko non poteva essere una base legale perché non era stato pubblicata ufficialmente ed era stata emessa anche in violazione delle istruzioni vincolanti dell’ Assoluta Corte Suprema (n. 19 del 16 agosto 1984).
21. In secondo luogo, il richiedente indicò che la costatazione della corte d’appello per cui la valuta era stata acquisita criminalmente non aveva una base riguardante i fatti. Lui aveva guadagnato i soldi tramite l'esercizio legale del suo mestiere sul territorio russo ed era il proprietario legale della valuta confiscata.
22. Il Governo negò che il richiedente fosse il proprietario legale della valuta confiscata poiché lui non aveva presentato alcuna esposizione di documenti di aver importato legalmente la valuta in Russia. Nella prospettiva del Governo, a dispetto del fatto se il richiedente avesse guadagnato legalmente o meno la valuta in territorio russo, lui non era più il “possessore legale” di quei soldi dopo che lui aveva passato la zona di controllo doganale localizzata nel porto marittimo di Khabarovsk. Il Governo sostenne che la presa della valuta era stata eseguita in conformità col diritto nazionale.
2. La valutazione della Corte
(a) L'articolo applicabile
23. L’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 comprende tre articoli distinti: il primo articolo, esposto nella prima frase del primo paragrafo è di natura generale ed enuncia il principio del pacifico godimento della proprietà; il secondo articolo, contenuto nella seconda frase del primo paragrafo copre una privazione di proprietà e la sottopone a certe condizioni; il terzo articolo, determinato nel secondo paragrafo, riconosce che agli Stati Contraenti viene concesso, inter alia, il controllo dell'uso della proprietà in conformità con l'interesse generale. Comunque, i tre articoli non sono distinti nel senso di essere distaccati. Il secondo e il terzo articolo concernenti a particolari casi di interferenza col diritto al pacifico godimento della proprietà e dovrebbero essere costruiti perciò alla luce del principio generale enunciato nel primo articolo (vedere, come una recente autorità, Broniowski c. Polonia [GC], n. 31443/96, § 134 ECHR 2004-V ).
24. La “ proprietà” in questione nella presente causa era un importo di soldi in dollari degli Stati Uniti e in yuan cinesi che furono confiscati al richiedente con una decisione giudiziale. Non è in controversia fra le parti che l'ordine di sequestro ha corrisposto ad un'interferenza col diritto del richiedente al pacifico godimento delle sue proprietà e che l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 sia perciò applicabile. Rimane da determinare se la misura fu coperta dal primo o secondo paragrafo di questa disposizione della Convenzione.
25. La Corte reitera il suo approccio coerente per cui una misura di sequestro, anche se comporta una privazione di proprietà, costituisce ciononostante un controllo dell'uso di proprietà all'interno del significato del secondo paragrafo del’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Riela ed Altri c. Italia (dec.), n. 52439/99, 4 settembre 2001; Arcuri ed Altri c. Italia (idec.), n. 52024/99, 5 luglio 2001; C.M. c. Francia (dec.), n. 28078/95, 26 giugno 2001; Air Canada c. Regno Unito, sentenza del 5 maggio 1995 Serie A n. 316-a, § 34; ed AGOSI c. Regno Unito, sentenza del 24 ottobre 1986 Serie A n. 108, § 34). Di conseguenza, considera che lo stesso approccio debba essere seguito nella presente causa.
(b) Ottemperanza con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
26. La Corte enfatizza che il primo e il più parte di importante requisito dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza da parte di un'autorità pubblica col pacifico godimento della proprietà dovrebbe essere “legale”: il secondo paragrafo riconosce che gli Stati hanno diritto a controllare l'uso di proprietà eseguendo “le leggi.” Inoltre, il codice di diritto, uno dei fondamenti di una società democratica è inerente a tutti gli Articoli della Convenzione. La questione del fatto se un equilibrio equo è stato previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo diviene attinente solamente una volta che è stato stabilito che l'interferenza in oggetto ha soddisfatto il requisito della legalità e non era arbitraria (vedere, fra le altre autorità, Baklanov c. Russia, n. 68443/01, § 39, 9 giugno 2005, e Frizen c. Russia, n. 58254/00, § 33 del 24 marzo 2005).
27. Inoltre, la Corte reitera che una norma non può essere riguardata come una “legge” all'interno del significato della Convenzione a meno che sia formulata con precisione sufficiente da permettere al cittadino di regolare la sua condotta; un individuo deve essere in grado- all’occorrenza tramite consiglio appropriato- di prevedere, ad un grado che sia ragionevole nelle circostanze, le conseguenze che può comportare una determinata azione. Inoltre una legge può soddisfare il requisito di prevedibilità anche se la persona riguardata deve prendere la consulenza legale appropriata per valutare, ad un grado che sia ragionevole nelle circostanze le conseguenze che può comportare una determinata azione (vedere, per esempio, Chauvy ed Altri c. Francia, n. 64915/01, §§ 43-45 ECHR 2004-VI).
28. Rivolgendosi alla causa di fronte a sé, la Corte osserva che i soldi che erano stati scoperti sul richiedente furono riconosciuti come prova fisica nella causa penale. La corte di prima istanza ordinò il sequestro dell’intero importo senza specificare la base legale per la misura. La corte d’appello riempì la lacuna ed indicò che i soldi avrebbero dovuto essere confiscati come “criminalmente acquisiti” in conformità con l’Articolo 86 (4) dell’effettivo Codice di Procedura penale. L'istanza di revisione direttiva- sostenne questa costatazione ma sostituì la parola “confiscati” con l'espressione “ritornati allo Stato” nella prospettiva di portare il testo della sentenza in linea con l’ Articolo 86 del Codice di Procedura penale.
29. Nell'esaminare la causa del richiedente, i tribunali nazionali determinarono, che i soldi erano divenuti “criminalmente acquisiti” dal momento che aveva attraversato i confini doganali senza riportarli sulla dichiarazione doganale. Loro non citarono qualsiasi giurisprudenza o autorità legale o indicato nessuna base riguardante i fatti per quella costatazione. La Corte esaminerà di conseguenza se tale sviluppo fosse prevedibile nelle circostanze della causa.
30. Sui fatti, la Corte osserva, che non è mai stato rivendicato che i soldi del richiedente fossero gli incassi di qualsiasi attività penale (vedere, per contrasto, Phillips c. Regno Unito, n. 41087/98, §§ 9-18 ECHR 2001-VII) o che fossero stati acquisiti illegalmente (vedere, per contrasto, Riela ed Arcuri, entrambe citate sopra, altrimenti Raimondo c. Italia, sentenza del 22 febbraio 1994 Serie A n. 281-a, § 29). Come traspare dalla richiesta dell'accusatore per una revisione direttiva, il giudice stabilì inequivocabilmente che dell'importo totale, circa 6,100 dollari degli Stati Uniti erano propri del richiedente mentre il resto erano soldi destinati ad acquistare merce in Cina (vedere paragrafo 11 sopra). Il richiedente non aveva una fedina penale e lui non era stato sospettato di, o accusato di qualsiasi reato penale prima dell'incidente in questione. Questo presta appoggio alla sua osservazione che l' intero importo era stato guadagnato legalmente tramite le sue attività commerciali sul territorio russo.
31. E’ stato stabilito così che i soldi del richiedente avevano avuto un'origine legale. Questo fatto fu portato dall'accusa all'attenzione dell'istanza di revisione direttiva che, comunque, omise di rivolgersi a questa questione. Sostenendo che il reato del richiedente aveva ricevuto una caratterizzazione legale ed appropriata, l'istanza di revisione direttivo sottoscrisse la costatazione della corte di appello in merito a cui la natura dei soldi del richiedente era cambiata da “acquisiti legalmente” a “criminalmente acquisiti” attraversando i confini doganali senza fare una dichiarazione doganale.
32. In questo collegamento la Corte considera, in primo luogo, che tale interpretazione appare con la variazione del significato ordinario del termine “criminalmente acquisiti” che implica che l'offensore ha guadagnato la proprietà dei beni tramite attività penali. Nella presente causa il richiedente non ottenne i soldi come risultato di una perpetrazione del reato di contrabbando, ma piuttosto –come è stato notato sopra-lui li guadagnò tramite l'esercizio del suo mestiere. In secondo luogo, la Corte osserva che l'interpretazione in oggetto non sembra essere il risultato di una chiarificazione graduale degli articoli della responsabilità penale tramite interpretazione giudiziale da causa a causa (confronta K. - H. W. c. Germania [GC], n. 37201/97, § 45 ECHR 2001-II). La costatazione che l'oggetto contrabbandato sia “criminalmente acquisito” rappresentava una partenza dalla precedente giurisprudenza delle corti russe. In una serie di decisioni vincolanti la Corte Suprema chiarificò che i soldi o gli altri oggetti contrabbandati attraverso il confine doganale erano “gli strumenti” o “gli oggetti” del reato di contrabbando. Questo approccio fu sottoscritto con la sentenza della Corte Suprema nella causa di P. a cui fece riferimento il Governo, ed anche seguito dai tribunali russi ordinari nelle cause che prima sono venute di fronte alla Corte (vedere Baklanov, citata sopra, § 14). Nella causa del richiedente, comunque i tribunali non riconobbero che i soldi che lui aveva portato fossero né “lo strumento” né “l'oggetto” del reato. D'altra parte il Governo non citò nessun altra giurisprudenza o autorità legale che sostenesse la costatazione dei tribunali nazionali per cui i soldi che il richiedente aveva omesso di riportare sulla dichiarazione doganale fossero stati “criminalmente acquisiti” dal momento che lui aveva attraversato il confine doganale.
33. In queste circostanze, la Corte costata che la misura di sequestro emessa dai tribunali russi nella causa del richiedente non rientrava nel requisito di prevedibilità della legge. Questa costatazione non rende necessario esaminare se l'interferenza col diritto di proprietà del richiedente avesse anche perseguito un interesse di comunità generale e fosse anche proporzionata a questo.
34. C'è stata perciò una violazione dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
35. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
36. Il richiedente non presentò una rivendicazione per soddisfazione equa. La Corte considera perciò che non ci sia necessità di assegnargli qualsiasi somma su quel conto. Comunque, osserva che l’Articolo 413 § 4 (2) del Codice di Procedura penale della Federazione russa prevede la riapertura dei procedimenti penali se una violazione della Convenzione è stata stabilita. Nella presente causa la Corte ha trovato una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Di conseguenza, è aperto al richiedente richiedere la riapertura dei procedimenti penali dal momento che le sentenze dei tribunali nazionali erano incompatibili coi requisiti di questa disposizione della Convenzione.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE UNANIMAMENTE
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 5 febbraio 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 14/11/2020.