Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF LENSKAYA v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 1 (elevata)
ARTICOLI: 6, P1-1

NUMERO: 28730/03/2008
STATO: Russia
DATA: 29/01/2009
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion No violation of Art. 6-1 ; No violation of P1-1
FIRST SECTION
CASE OF LENSKAYA v. RUSSIA
(Application no. 28730/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
29 January 2009
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Lenskaya v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens,
Giorgio Malinverni, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 8 January 2009,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 28730/03) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mrs L. G. L. (“the applicant”), on 19 May 2003.
2. The applicant was represented by Mrs T. V., a lawyer practising in Tomsk. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr P. Laptev and Ms V. Milinchuk, former Representatives of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. The applicant alleged, in particular, a violation of her “right to a court” and her right to peaceful enjoyment of possessions as a result of the quashing, by way of a supervisory review, of a final judgment issued in her favour.
4. By a decision of 8 March 2007, the Court declared the application partly admissible.
5. The applicant and the Government each submitted observations on the merits (Rule 59 § 1). The Court decided, after consulting the parties, that no hearing on the merits was required (Rule 59 § 3 in fine).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicant was born in 1955 and lives in the town of Tomsk. She works as a deputy head of the Tomsk Regional Hospital.
7. On 25 November 2000 the applicant asked the Kirovskiy District police department to institute criminal proceedings against her former husband, Mr Ch., complaining that he had assaulted her. She provided a police investigator with a certificate from the Tomsk Town Hospital no. 1. According to that certificate, on 25 November 2000 the applicant presented herself at the hospital, where she was examined and diagnosed with injuries to the soft tissues of the head. The certificate also stated that the applicant did not have concussion.
8. Two days later a forensic medical expert examined the applicant and issued a report which, in the relevant part, read as follows:
“1. On the day of the examination, on 27 November 2000, [the applicant] has: two bruises on the face, [and] an injury to the soft tissues on the left side of the parietal tuber. As it follows from medical documents, from 29 November to 16 December 2000 [the applicant] underwent treatment in the neurological department of the Tomsk Regional Hospital; following her dismissal from the hospital she underwent outpatient treatment, consulting a therapist until 23 December 2000 in respect of her diagnosis: “concussion”.
2. The concussion, bruises on the face, the injury to the soft tissues of the head sustained by [the applicant] were caused by blunt firm objects and are considered to have caused “minor health damage” requiring treatment for no more than twenty-one days....
It cannot be excluded that those injuries could have been caused in the period indicated by [the applicant]”.
9. On 15 December 2000 the Kirovskiy District Prosecutor instituted criminal proceedings, finding as follows:
“On 25 November 2000 [the applicant] applied to the Kirovskiy District police department seeking institution of criminal proceedings against her husband, Mr Ch., on the ground that he had injured her on 24 November 2000, at 8.30 p.m., in their place of residence...
I see particular social importance in the fact that the injuries were caused by a man to a woman who cannot offer adequate resistance”.
10. On an unspecified date Mr Ch. was committed to stand trial before the Kirovskiy District Court of Tomsk.
11. The District Court held several hearings at which it heard the applicant, Mr Ch. and a number of witnesses and examined documentary evidence, including two reports by forensic medical experts. The applicant insisted on her description of events as given to the police and prosecution authorities. Mr Ch. disputed the accusations, denying that he had even visited the applicant on the day of the alleged assault. He claimed that he had visited his female friend, Ms P., on that day and spent the night at her house. Ms P. confirmed Mr Ch.'s statement in open court. The defendant's alibi was also corroborated by his son, who claimed that he had spent the whole day with his father before the latter had gone to see Ms P. One witness testified to having heard the applicant and Mr Ch. arguing in the applicant's flat on the day of the alleged assault. Two witnesses stated that they had seen the applicant in the evening of the day of the alleged assault or on the following day. The applicant had complained to them that Mr Ch. had beaten her up. One witness, the applicant's neighbour, stated that the applicant had unsuccessfully asked two persons to lie in court about Mr Ch. assaulting her. The District Court also heard a doctor who had examined the applicant immediately after the alleged assault. The doctor insisted that the applicant had not had concussion.
12. On 15 July 2002 the Kirovskiy District Court found Mr Ch. guilty of assault and sentenced him to six months of correctional labour. The sentence was suspended on probation. The District Court also partly accepted the applicant's tort action against Mr Ch. and awarded her 4,782.68 Russian roubles (RUB) in compensation for pecuniary damage and RUB 10,000 in compensation for non-pecuniary damage.
13. Mr Ch. and his lawyer appealed, arguing that there was no evidence that the defendant had beaten the applicant. He had an alibi which had been confirmed by two witnesses. However, no witnesses testified to seeing the defendant hitting the applicant. The witnesses also did not state that they had seen the defendant in the vicinity of the applicant's flat at the alleged time of the assault. Furthermore, the lawyer argued that the presiding judge had unlawfully dismissed his request to step down from the case as the applicant's lawyer had supervised the presiding judge's Ph.D. work.
14. On 12 September 2002 the Tomsk Regional Court reduced the amount of compensation for non-pecuniary damage to RUB 3,000 and upheld the remainder of the judgment, endorsing reasons given by the District Court.
15. On 30 September 2002 Mr Ch. and his lawyer applied to the President of the Tomsk Regional Court, seeking institution of supervisory review proceedings. They once again insisted on the partiality of the presiding judge and the unavailability of evidence proving Mr Ch.'s guilt.
16. In October 2002 the President of the Tomsk Regional Court lodged an application for a supervisory review of the judgment of 15 July 2002, as amended on 12 September 2002.
17. On 1 November 2002 the Registry of the Presidium of the Tomsk Regional Court notified the applicant by letter that a hearing was scheduled for 13 November 2002 at 10.00 a.m. The applicant was also invited to study the case file materials and to submit her observations in response to Mr Ch.'s and his lawyer's applications for a supervisory review. On 10 November 2002 the applicant lodged her written arguments with the Presidium.
18. On 11 December 2002 the Presidium of the Tomsk Regional Court, relying on Article 378 of the RSFSR Code of Criminal Procedure (the CCP), quashed the judgments of 15 July and 12 September 2002 and acquitted Mr Ch. The compensation claims were accordingly dismissed. The Presidium held, inter alia, that the district and regional courts had not established what constituted the criminal conduct under the particular head of the criminal charge, whether it had in fact taken place and whether it had been committed by the former husband. The District and Regional courts, without proper assessment of evidence, presumed that the applicant's injuries had been caused by her former husband. Thus, Mr Ch.'s guilt was not proven and the principle of presumption of innocence was violated.
19. The applicant and her representative attended the supervisory review hearing and submitted their arguments. On 10 January 2003 the applicant was served with a copy of the judgment of 11 December 2002.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
20. Section VI, Chapter 30, of the RSFSR Code of Criminal Procedure (in force at the material time) allowed certain officials to challenge a judgment which had entered into force and have the case reviewed on points of law and procedure. The supervisory review procedure was to be distinguished from proceedings which review a case because of newly discovered facts.
21. Pursuant to Article 356 of the CCP, a judgment entered into force and was subject to execution as of the day when the appeal (cassation) instance pronounced its judgment.
22. Article 371 of the CCP provided that the power to lodge an application for supervisory review could be exercised by the Prosecutor General, the President and the Vice-President of the Supreme Court of the Russian Federation, in respect of any judgment other than those of the Presidium of the Supreme Court, and by the president of the regional courts in respect of any judgment of a regional or subordinate court. A party to criminal or civil proceedings could solicit the intervention of such officials for a review.
23. Article 373 of the CCP laid down a limitation period of one year during which an application for supervisory review of an acquittal judgment could be brought. This period also applied to an application for supervisory review of a conviction, if such application sought a harsher punishment to be imposed. The period ran from the date when the judgment entered into force. In all other cases, there was no time-limit prescribed for lodging such applications.
24. According to Articles 374, 378 and 380 of the CCP, the application for supervisory review was to be considered by the judicial board of the competent court which examined the case on the merits, not being bound by the scope and grounds of the application. The board could either dismiss the application and thus uphold the earlier judgment, or grant the application. In the latter case it had to decide whether to quash the judgment and terminate the criminal proceedings, to remit the case for a new investigation, or for a fresh court examination at any instance, to uphold a first-instance judgment reversed on appeal, or to modify and uphold any of the earlier judgments.
25. According to Article 377 of the CCP, the relevant prosecutor was to participate in the supervisory review hearing. If necessary, the convicted person and his counsel could be summoned to the hearing to make submissions. If summoned to the hearing, the convicted person, the victim and their counsel were to have the opportunity to familiarize themselves with the application for supervisory review and written submissions in reply. At the hearing, the case was to be presented by a judge rapporteur, following which the parties, if present, were to be entitled to make oral submissions.
26. Articles 342 and 379 of the CCP identify grounds for quashing or amending earlier judgments. In particular, such judgments were to be quashed or modified if a court performing the supervisory review had found that the judgments were unlawful or groundless; or if the pre-trial and judicial investigation had been one-sided and inadequate; or if the lower-instance courts had come to conclusions which did not correspond to the facts of the case; or if the courts had violated criminal procedural law or had incorrectly applied criminal law; or if the sentence did not correspond to the gravity of the crime and the character of the convicted person.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLES 6 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
27. The applicant complained under Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 that the act of quashing of the final judgment of 15 July 2002, as amended on 12 September 2002, had violated her “right to a court” and her right to peaceful enjoyment of possessions. The relevant parts of these provisions read as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law...”
A. Submissions by the parties
28. The Government argued that the Presidium of the Tomsk Regional Court had quashed the judgments of 15 July and 12 September 2002 in order to correct the judicial error committed by the District and Regional courts. The guilt of the applicant's former husband in having assaulted the applicant had not been proven. The supervisory review proceedings had been instituted by the President of the Regional Court upon Mr Ch.'s and his counsel's applications in compliance with the relevant provisions of the RSFSR Code of Criminal Procedure. The Government insisted that the quashing of the final judgments had pursued the legitimate aim of correcting the fundamental judicial defect.
29. The applicant averred that the quashing of the final judgment in her case had irremediably impaired the principle of legal certainty and had deprived her of the right to receive compensation for damage caused by her former husband.
B. The Court's assessment
1. Article 6 § 1 of the Convention
(a) General principles
30. The Court reiterates that the right to a fair hearing before a tribunal as guaranteed by Article 6 § 1 of the Convention must be interpreted in the light of the Preamble to the Convention, which declares, in its relevant part, the rule of law to be part of the common heritage of the Contracting States. One of the fundamental aspects of the rule of law is the principle of legal certainty, which requires, among other things, that where the courts have finally determined an issue, their ruling should not be called into question (see Brumărescu v. Romania, judgment of 28 October 1999, Reports of Judgments and Decisions 1999-VII, § 61).
31. This principle insists that no party is entitled to seek reopening of proceedings merely for the purpose of a rehearing and a fresh decision on the case. The mere possibility of there being two views on the subject is not a ground for re-examination.
32. Departures from that principle are justified only when made necessary by circumstances of a substantial and compelling character (see, mutatis mutandis, Ryabykh v. Russia, no. 52854/99, § 52, ECHR 2003-X, and Pravednaya v. Russia, no. 69529/01, § 25, 18 November 2004). Higher courts' powers to quash or alter binding and enforceable judicial decisions should be exercised for correction of fundamental defects. That power must be exercised so as to strike, to the maximum extent possible, a fair balance between the interests of an individual and the need to ensure the effectiveness of the system of justice (see, mutatis mutandis, Nikitin v. Russia, no. 50178/99, §§ 54-61, ECHR 2004-VIII).
33. The relevant considerations to be taken into account in this connection include, in particular, the effect of the reopening and any subsequent proceedings on the applicant's individual situation and whether the reopening resulted from the applicant's own request; the grounds on which the domestic authorities revoked the finality of the judgment in the applicant's case; the compliance of the procedure at issue with the requirements of domestic law; the existence and operation of procedural safeguards in the domestic legal system capable of preventing abuses of this procedure by the domestic authorities; and other pertinent circumstances of the case (see Nikitin, cited above, § 60; Bratyakin v. Russia (dec.), no. 72776/01, 9 March 2006; Fadin v. Russia, no. 58079/00, § 34, 27 July 2006; and Savinskiy v. Ukraine, no. 6965/02, §§ 24-26, 28 February 2006). In addition, the review must afford all the procedural safeguards of Article 6 § 1 and must ensure the overall fairness of the proceedings (see Vanyan v. Russia, no. 53203/99, §§ 63-68, 15 December 2005).
34. In a number of cases the Court, while addressing the notion of “a fundamental defect”, stressed that the mere consideration that the investigation in the applicant's case was “incomplete and one-sided” or led to an “erroneous” acquittal cannot in itself, in the absence of jurisdictional errors or serious breaches of court procedure, abuses of power, manifest errors in the application of substantive law or any other weighty reasons stemming from the interests of justice, indicate the presence of a fundamental defect in the previous proceedings (see Radchikov v. Russia, no. 65582/01, § 48, 24 May 2007).
35. The Court further reiterates its findings in the case of Protsenko v. Russia (no. 13151/04, 31 July 2008). In that case the final judgment in the applicant's favour was quashed by way of a supervisory review, on the ground that the first-instance court “had failed to establish all the circumstances of the case, to identify all the parties to the proceedings and to invite the owner of the land to participate in the proceedings, with the result that the rights of the latter [had been] adversely affected”. While concluding that there had been no breach of Article 6 § 1 of the Convention in that case, the Court held (§§ 31 et seq.) as follows:
“The Court observes that the third person knew about the judgment of 7 April 2003 only after it had become final and that, in any event, being no party to the proceedings the owner of the land could not lodge an ordinary appeal against it. Therefore, through no fault of the third person who was not a party to the proceedings the domestic court rendered a judgment which directly affected his rights. The Court considers that the circumstances referred to were in their nature and significance such as to justify the quashing of the final judgment and that this was not inconsistent with the principle of legal certainty. The Court finds, therefore, that in the circumstances of this particular case the quashing of the final judgment of 7 April 2003 by the Presidium of the Rostov Regional Court by way of supervisory review did not deprive the applicant of the “right to a court” under Article 6 § 1 of the Convention.”
(b) Application to the present case
36. Having regard to the above-mentioned principles, the Court has to ascertain whether on 11 December 2002 the Presidium of the Tomsk Regional Court reopened the proceedings and quashed the enforceable judgment of 15 July 2002, as amended on 12 September 2002, with a view to correcting a fundamental judicial error, and, if so, whether the actual manner in which the Presidium exercised that power undermined the overall fairness of the proceedings at issue.
37. As regards the purpose of the quashing performed by the Presidium of the Regional Court on 11 December 2002, the Court observes that the Presidium found that the district and regional courts had failed to indicate the constituent element of a criminal offence, in that they had not established that the assault had in fact taken place. The courts had also violated the former husband's right to be presumed innocent because in the absence of sufficient evidence they had concluded that he had assaulted the applicant. The Presidium considered that the former husband's guilt had not been proven, and acquitted him. Having regard to that finding, the Presidium held that there was no ground for accepting the applicant's tort action against her former husband and dismissed the compensation claims in full.
38. The Court considers that in such circumstances the Presidium's decision to quash the judgments, flawed as they were with such defects, does not appear unreasonable or arbitrary (see Bratyakin v. Russia (dec.), no. 72776/01, 9 March 2006). After examination of the entire case, including the evidence, the Presidium declared that the lower courts had committed a miscarriage of justice by having subjected the applicant's former husband to an unmerited conviction and by issuing decisions which were prejudicial to and inconsistent with the substantial rights of the convicted person. The Presidium concluded that the District and Regional courts had taken the mistaken judgments as to the existence and effect of matters of fact and the application of the law which had led to the conviction of an innocent person and the imposition on him of the obligation to pay compensation for damage, although it was not proven that he had caused that damage. The Presidium noted the lower courts' ignorance of the important substantive evidence, such as witnesses' statements corroborating the defendant's alibi, their selective and grossly inconsistent approach to the assessment of the circumstantial evidence, the overestimation of the evidential value of the victim's testimony and the defective understanding of the medical reports. The judicial errors committed by the district and regional courts went to the merits of the criminal case and the applicant's cause of action. Those errors vitiated the proceedings and were so grave that, if not rectified, would have resulted in a denial of a fair trial to the applicant's former husband.
39. In this connection, the Court once again reiterates that the Convention in principle permits the reopening of a final judgment to enable the State to correct miscarriages of criminal justice. A verdict ignoring key evidence may well constitute such a miscarriage (see Vedernikova v. Russia, no. 25580/02, § 25, 12 July 2007).
40. The Court observes that the errors committed by the District and Regional courts were sufficient in nature and effect to warrant the reopening of the proceedings. Leaving such errors uncorrected would seriously affect the fairness, integrity and public reputation of the judicial proceedings. The Court also attributes particular weight to the fact that those judicial errors could not be neutralised or corrected by any other means, save by the quashing of the judgments of 15 July and 12 September 2002. In such circumstances, the Presidium could not utterly disregard the plight of the innocent victim of the unjust conviction. The quashing of the final judgment was a means of indemnifying the convicted person for mistakes in the administration of the criminal law.
41. The Court is satisfied that the Presidium reopened the proceedings for the purpose of correcting a fundamental judicial error. The considerations of “legal certainty” should not discourage the State from correcting particularly egregious errors committed in the administration of justice and thus, in the circumstances of the present case, should not prevent the Presidium of the Tomsk Regional Court from reviewing the final judgment which was grossly prejudicial to the convicted person, that is the applicant's former husband.
42. Having established that the interests of justice required the reopening of the proceedings and the quashing of the judgment of 15 July 2002, as amended on 12 September 2002, the Court has now to consider whether the procedural guarantees of Article 6 of the Convention were available in those supervisory review proceedings.
43. The Court finds that there is nothing to indicate that the Presidium's evaluation of the facts and evidence presented in the case was contrary to Article 6 of the Convention. The Court observes that the applicant was provided with ample opportunities to present her arguments and to challenge the submissions of the adversary in the proceedings. She submitted detailed written arguments in reply to the supervisory review application. Furthermore, she and her representative attended the supervisory review hearing and made oral submissions. The Court considers that the Presidium gave the applicant's arguments due consideration. In the light of the foregoing consideration, the Court finds that the reasons on which the Presidium based its conclusions are sufficient to exclude any doubt that the way in which it established and assessed the evidence in the applicant's case was unfair or arbitrary. Therefore the Court considers that the proceedings before the Presidium of the Tomsk Regional Court afforded the applicant all the procedural safeguards of Article 6 § 1 of the Convention.
44. Having regard to the foregoing, the Court is of the opinion that in the circumstances of this particular case the Presidium rightfully balanced the competing interests of finality and justice. The Court finds that the quashing of the judgment of 15 July 2002, as amended on 12 September 2002, by the Presidium of the Tomsk Regional Court did not deprive the applicant of the “right to a court” under Article 6 § 1 of the Convention. There has been accordingly no violation of that Article.
2. Article 1 of Protocol No. 1
(a) General principles
45. The Court reiterates that the existence of a debt confirmed by a binding and enforceable judgment furnishes the judgment beneficiary with a “legitimate expectation” that the debt would be paid, and constitutes the beneficiary's “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. Quashing such a judgment amounts to an interference with his or her right to peaceful enjoyment of possessions (see, among other authorities, Brumărescu v. Romania, cited above, § 74, ECHR, and Androsov v. Russia, no. 63973/00, § 69, 6 October 2005). An interference with the peaceful enjoyment of possessions must strike a fair balance between the demands of the general interests of the community and the requirements of the protection of the individual's fundamental rights (see, among other authorities, Sporrong and Lönnroth v. Sweden, judgment of 23 September 1982, Series A no. 52, p. 26, § 69). In particular, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised by any measure depriving a person of his possessions (see Pressos Compania Naviera S.A. and Others, cited above, p. 23, § 38).
(b) Application to the present case
46. Turning to the facts of the present case, the Court observes that by virtue of the judgment of 15 July 2002, as amended on 12 September 2002, the applicant's former husband was to pay her a certain sum of money in compensation for damage caused as the result of the assault. By operation of law and as pronounced by the judgments of 15 July and 12 September 2002 the payment of the compensation was conditional on the former husband's conviction of the assault. Following the quashing of the judgments and the acquittal of the former husband, the applicant's claim in respect of the money awarded under those judgments ceased to exist.
47. Having regard to the Court's findings under Article 6 of the Convention, the Court concludes that the special circumstances of the present case can be regarded as exceptional grounds justifying the quashing of the judgments of 5 July and 12 September 2002 and the dismissal of the applicant's claim for compensation.
48. The Court therefore considers that the quashing in the present case did not amount to an unjustified interference with her property rights as guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1. There has, therefore, been no violation of that Convention provision.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Holds that there has been no violation of Article 6 § 1 of the Convention;
2. Holds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No.1.
Done in English, and notified in writing on 29 January 2009, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Nessuna violazione dell’ Art. 6-1; nessuna violazione di P1-1
PRIMA SEZIONE
CAUSA LENSKAYA C. RUSSIA
(Richiesta n. 28730/03)
SENTENZA
STRASBOURG
29 gennaio 2009
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Lenskaya c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, Giorgio Malinverni, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato l’8 gennaio 2009,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 28730/03) contro la Federazione russa depositata con la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, la Sig.ra L. G. L. (“il richiedente”), il 19 maggio 2003.
2. Il richiedente fu rappresentato dalla Sig.ra T. V., un avvocato che pratica a Tomsk. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. P. Laptev ed la Sig.ra V. Milinchuk, Rappresentanti precedenti della Federazione russa alla Corte europea dei Diritti umani.
3. Il richiedente addusse, in particolare, una violazione del suo “diritto ad un tribunale” ed il suo diritto al pacifico godimento della proprietà come risultato dell'annullamento, tramite una revisione direttiva, di una sentenza definitiva emessa a suo favore.
4. Con una decisione dell’ 8 marzo 2007, la Corte dichiarò la richiesta parzialmente ammissibile.
5. Il richiedente ed il Governo ognuno hanno presentato delle osservazioni sui meriti (Articolo 59 § 1). La Corte decise, dopo avere consultato le parti che nessuna udienza sui meriti fosse richiesta (Articolo 59 § 3 in fine).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. Il richiedente nacque nel 1955 e vive nella città di Tomsk. Lavora come capo aggiunto dell’Ospedale Regionale di Tomsk.
7. Il 25 novembre 2000 il richiedente chiese al dipartimento del Distretto di polizia di Kirovskiy di avviare procedimenti penali contro il suo precedente marito, il Sig. Ch., lamentandosi che lui l'aveva aggredita. Lei fornì ad un investigatore di polizia un certificato dell’ Ospedale n. 1 della Città di Tomsk. Secondo questo certificato, il 25 novembre 2000 il richiedente si presentò all'ospedale, dove lei fu visitata e le furono diagnosticati danni ai tessuti molli del capo. Il certificato affermò anche che il richiedente non aveva commozione cerebrale.
8. Due giorni più tardi un esperto medico forense esaminò il richiedente ed emise un rapporto che, nella parte attinente, si legge come segue:
“1. Nel giorno dell'esame, il 27 novembre 2000, [il richiedente] ha: due contusioni sulla faccia, [e] un danno ai tessuti molli sul lato sinistro del tubero parietale. Come segue dai documenti medici, dal 29 novembre al 16 dicembre 2000 [il richiedente] subì trattamento nel reparto neurologico dell’ Ospedale Regionale di Tomsk; seguendo della sua dimissione dall'ospedale lei subì un trattamento come paziente esterno, consultando un terapeuta sino al 23 dicembre 2000 riguardo la sua diagnosi: “commozione cerebrale.”
2. La commozione cerebrale, le contusioni sulla faccia e il danno ai tessuti molli del capo subiti dal [ richiedente] furono causati da oggetti duri e contundenti e si considera che abbiano causato, “danno minore di salute” che richiede trattamento per non più di ventuno giorni....
Non si può escludere che quei danni avrebbero potuto essere causati nel periodo indicato dal [ richiedente].”
9. Il 15 dicembre 2000 l’ Accusatore del Distretto di Kirovskiy avviò procedimenti penali, trovando ciò che segue:
“Il 25 novembre 2000 [il richiedente] fece domanda al Dipartimento del Distretto di polizia di Kirovskiy chiedendo l’istituzione di procedimenti penali contro suo marito, il Sig. Ch., sulla base che lui l'aveva ferita il 24 novembre 2000, alle 8.30 di sera, nella loro residenza...
Io vedo la particolare importanza sociale nel fatto che i danni furono causati da un uomo ad una donna che non poteva offrire una resistenza adeguata.”
10. In una data non specificata il Sig. Ch. fu commesso per subire processo di fronte alla Corte distrettuale di Kirovskiy di Tomsk.
11. La Corte distrettuale sostenne molte udienze in cui ascoltò il richiedente, il Sig. Ch. ed un numero di testimoni ed esaminò prove documentarie, incluso due rapporti da parte di esperti medici forensi. Il richiedente ha insistito sulla sua descrizione degli eventi come data alla polizia ed alle autorità di accusa. Il Sig. Ch. contestò le accuse, negando anche di aver reso visita al richiedente nel giorno dell’aggressione addotta. Lui disse che di aver fatto visita ad una sua amica femmina, la Sig.ra P. quel giorno e passato la notte nel suo alloggio. La Sig.ra P. confermò la dichiarazione del Sig. Ch. In aperto tribunale. L'alibi dell'imputato fu corroborato anche da suo figlio che sostenne di aver passato il giorno intero con suo padre prima che quest’ultimo andasse a trovare la Sig.ra P. Un testimone ha testimoniato di aver sentito il richiedente ed il Sig. Ch. discutere nell'appartamento del richiedente il giorno dell’aggressione addotta. Due testimoni affermarono di aver visto il richiedente la sera del giorno dell’aggressione addotta o il giorno seguente. Il richiedente si era lamentato con loro che il Sig. Ch. le aveva dato delle botte. Un testimone, il vicino di casa del richiedente dichiarò che il richiedente inutilmente aveva chiesto a due persone di deporre in tribunale circa l’aggressione del Sig. Ch.. La Corte distrettuale ascoltò anche un dottore che immediatamente aveva esaminato il richiedente dopo l’aggressione addotta. Il dottore insistette nel dire che il richiedente non avesse avuto commozione cerebrale.
12. Il 15 luglio 2002 la Corte distrettuale di Kirovskiy trovò il Sig. Ch. colpevole di aggressione e lo condannò a sei mesi di lavori correttivi. La sentenza fu sospesa su prova. La Corte distrettuale accettò anche parzialmente l'azione di illecito civile del richiedente contro il Sig. Ch. e le assegnò 4,782.68 rubli russi (RUB) per risarcimento per danno materiale e RUB 10,000 per risarcimento per danno morale.
13. Il Sig. Ch. ed il suo avvocato fecero appello, dibattendo che non c'era prova che l'imputato avesse picchiato il richiedente. Lui aveva un alibi che era stato confermato da due testimoni. Comunque, nessuno testimone testimoniò di aver visto l'imputato colpire il richiedente. I testimoni non affermarono neanche che di aver visto l'imputato nei pressi dell'appartamento del richiedente al tempo dell’addotta aggressione. Inoltre, l'avvocato dibatté che il giudice che presiedeva aveva respinto illegalmente la sua richiesta di ritirarsi dalla causa siccome l'avvocato del richiedente aveva soprinteso al lavoro del giudice che presiedeva Ph.D..
14. Il 12 settembre 2002 la Corte Regionale di Tomsk ridusse l'importo del risarcimento per danno morale a RB 3,000 e sostenne il resto della sentenza, appoggiando le ragioni date dalla Corte distrettuale.
15. Il 30 settembre 2002 il Sig. Ch . ed il suo avvocato fecero domanda al Presidente della Corte Regionale di Tomsk, chiedendo l’ istituzione di procedimenti di revisione direttivi. Loro ancora una volta insistettero sulla parzialità del giudice che presiedeva e l'indisponibilità di prove che provassero la colpa del Sig. Ch..
16. Nell’ ottobre 2002 il Presidente della Corte Regionale di Tomsk depositò una richiesta per una revisione direttiva della sentenza del 15 luglio 2002, come corretta il 12 settembre 2002.
17. Il 1 novembre 2002 la Cancelleria del Presidium della Corte Regionale di Tomsk notificò al richiedente con una lettera che un'udienza era stata programmata per il 13 novembre 2002 alle 10.00 di mattina. Il richiedente fu invitato anche a studiare i materiali del file della causa e a presentare le sue osservazioni in risposta alle le richieste del Sig. Ch. e del suo avvocato per una revisione direttiva. Il 10 novembre 2002 il richiedente depositò i suoi argomenti scritti col Presidium.
18. L’ 11 dicembre 2002 il Presidium della Corte Regionale di Tomsk, appellandosi all’ Articolo 378 del RSFSR Codice Procedura penale (il CCP), annullò le sentenze del 15 luglio e del 12 settembre 2002 ed assolse il Sig. Ch. Le rivendicazioni di risarcimento furono respinte di conseguenza. Il Presidium sostenne, inter alia che il distretto e i tribunali regionali non avevano stabilito ciò che costituì la condotta penale sotto il particolare capo d'accusa criminale, se fosse infatti successo e se fosse stato commesso dal marito precedente. Il Distretto e i tribunali Regionali, senza valutazione corretta delle prove presunsero che i danni del richiedente fossero stati causati dal suo precedente marito. Così, la colpa del Sig. Ch. non fu provata ed il principio di presunzione d'innocenza fu violato.
19. Il richiedente ed il suo rappresentante presenziarono all’udienza per la revisione direttiva e presentano i loro argomenti. Il 10 gennaio 2003 al richiedente fu notificata una copia della sentenza dell’ 11 dicembre 2002.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
20. La Sezione VI, Capitolo 30 del Codice RSFSR di Procedura penale (in vigore al tempo attinente) permetteva a certi ufficiali di impugnare una sentenza che era diventata esecutiva e di far revisionare la causa su questioni di diritto e di procedura. La procedura di revisione direttiva sarebbe distinta dai procedimenti che fanno una revisione di una causa a causa di fatti di recente scoperti.
21. Facendo seguito all’ Articolo 356 del CCP, una sentenza entrava in vigore ed era soggetta ad esecuzione dal giorno in cui l’istanza di ricorso ( cassazione) pronunciava la sua sentenza.
22. L’Articolo 371 del CCP prevedeva che il potere per depositare una richiesta per revisione direttiva potesse essere esercitato dall'Accusatore Generale, il Presidente ed il Vicepresidente della Corte Suprema della Federazione russa, riguardo a qualsiasi sentenza che non fosse quella del Presidium della Corte Suprema, e dal presidente dei tribunali regionali riguardo qualsiasi sentenza di un tribunale regionale o subordinato. Una parte a procedimenti criminale o civili potrebbe sollecitare l'intervento di simili ufficiali per una revisione.
23. L’Articolo 373 del CCP fissava un termine di prescrizione di un anno durante il quale avrebbe potuto essere portata una richiesta per revisione direttiva di una sentenza di assoluzione. Questo periodo si applicava anche ad una richiesta per revisione direttiva di una condanna, se simile richiesta avesse richiesto che una punizione più aspra venisse imposta. Il periodo iniziava dalla data in cui la sentenza è entrata in vigore. In tutte gli altri casi, non vi era nessun tempo-limite prescritto per depositare simili richieste.
24. Secondo gli Articoli 374, 378 e 380 del CCP, la richiesta per la revisione direttiva dovrebbe essere considerata dal consiglio giudiziale della corte competente che ha esaminato la causa sui meriti, non essendo legato dalla sfera ed dai motivi della richiesta. Il consiglio potrebbe o respingere la richiesta e potrebbe sostenere così la più prima sentenza, o accordare la richiesta. Nel secondo caso deve decidere se annullare la sentenza e terminare i procedimenti penali, rinviare la causa per una nuova indagine o per un nuovo esame del tribunale in qualsiasi istanza, sostenere una sentenza di prima istanza revocata su ricorso o cambiare e sostenere qualsiasi delle più prime sentenze.
25. Secondo l’Articolo 377 del CCP, l'accusatore attinente doveva partecipare all'udienza di revisione direttiva. Se necessario, la persona condannata ed il suo consigliere potrebbero essere chiamati in causa all'udienza per fare osservazioni. Se è chiamato in causa all'udienza, la persona condannata, la vittima ed il loro consigliere dovevano avere l'opportunità di familiarizzare con la richiesta per la revisione direttiva e le osservazioni scritte in replica. All'udienza, la causa sarebbe presentata da un giudice relatore , al seguito del quale alle parti quale, se presenti, sarebbe concesso di fare osservazioni orali.
26. Gli Articoli 342 e 379 del CCP identificano i motivi per l’annullamento o la correzione delle precedenti sentenze. In particolare, simili sentenze sarebbero annullate o cambiate se un tribunale che compie la revisione direttiva avesse trovato che le sentenze erano illegali o infondate; o se la pre-prova e l’ indagine giudiziale fossero state unilaterali ed inadeguate; o se i tribunali di bassa-istanza fossero venuti a conclusioni che non corrisposero ai fatti della causa; o se i tribunali avevano violato il diritto di procedura penale o avevano applicato erroneamente il diritto penale; o se la sentenza non corrispondeva alla gravità del crimine ed al carattere della persona condannato.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
27. Il richiedente si lamentò sotto l’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che l'atto di annullamento della sentenza definitiva del 15 luglio 2002, corretto il 12 settembre 2002, aveva violato il “diritto ad un tribunale” ed il suo diritto al pacifico godimento della proprietà. Le parti attinenti di queste disposizioni si leggono come segue:
Articolo 6 § 1
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale…”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale. ...”
A. Osservazioni delle parti
28. Il Governo dibatté che il Presidium della Corte Regionale di Tomsk aveva annullato le sentenze del 15 luglio e del 12 settembre 2002 per correggere l'errore giudiziale commesso dai tribunali del Distretto e Regionali. La colpa del marito precedente del richiedente di aver aggredito il richiedente non era stata provata. I procedimenti di revisione direttivi erano stati avviati dal Presidente della Corte Regionale su richiesta del Sig. Ch. e del suo consigliere in ottemperanza delle disposizioni attinenti del RSFSR Codice di procedura penale. Il Governo insistette che l'annullamento delle sentenze definitive avesse intrapreso lo scopo legittimo di correggere il difetto giudiziale fondamentale.
29. Il richiedente asserì che l’ annullamento della sentenza definitiva nella sua causa avevano danneggiato irrimediabilmente il principio della certezza legale e l'avevano spogliata del diritto a ricevere il risarcimento per danno causato dal suo precedente marito.
B. la valutazione della Corte
1. L’Articolo 6 § 1 della Convenzione
(a) principi Generali
30. La Corte reitera che il diritto ad un'udienza corretta di fronte ad un tribunale come garantito dall’Articolo 6 § 1 della Convenzione deve essere interpretato alla luce del Preambolo alla Convenzione che dichiara nella sua parte attinente, la regola di legge che deve essere parte dell'eredità comune degli Stati Contraenti. Uno degli aspetti fondamentali dell'articolo di legge è il principio di certezza legale che richiede fra le altre cose che dove i tribunali infine hanno determinato un problema, la loro direttiva non dovrebbe essere chiamata in questione (vedere Brumărescu c. Romania, sentenza del 28 ottobre 1999, Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1999-VII § 61).
31. Questo principio insiste che a nessuna parte sia concesso di chiedere la riapertura di procedimenti soltanto al fine di un riesame ed una nuova decisione sulla causa. La mera possibilità che ci siano due prospettive sulla materia non è un fatto per un riesame.
32. Gli scostamenti da quel principio sono giustificati solamente quando resi necessari da circostanze di un carattere sostanziale ed irresistibile (vedere, mutatis mutandis, Ryabykh c. Russia, n. 52854/99, § 52, ECHR 2003-X, e Pravednaya c. Russia, n. 69529/01, § 25 18 novembre 2004). I poteri dei tribunali più alti di annullare o alterare decisioni giudiziali esecutive e vincolanti dovrebbero essere esercitati per la correzione di difetti fondamentali. Quel potere deve essere esercitato così da prevedere, nella misura massima possibile, un equilibrio equo fra gli interessi di un individuo ed il bisogno di assicurare l'efficacia del sistema della giustizia (vedere, mutatis mutandis, Nikitin c. Russia, n. 50178/99, §§ 54-61 ECHR 2004-VIII).
33. Le considerazioni attinenti da prendere in considerazione in questo collegamento includono, in particolare, l'effetto della riapertura e qualsiasi procedimenti susseguenti sulla situazione individuale del richiedente e se la riapertura è stata il risultato della propria richiesta del richiedente; i motivi sui quali le autorità nazionali revocarono la finalità della sentenza nella causa del richiedente; l'ottemperanza della procedura in questione coi requisiti di diritto nazionale; l'esistenza e l’operatività delle salvaguardie procedurali nell'ordinamento giuridico nazionale capaci di ostacolare abusi di questa procedura da parte delle autorità nazionali; e le altre circostanze pertinenti della causa (vedere Nikitin, citata sopra, § 60; Bratyakin c. Russia ( dec.), n. 72776/01, 9 marzo 2006; Fadin c. Russia, n. 58079/00, § 34 del 27 luglio 2006; e Savinskiy c. Ucraina, n. 6965/02, §§ 24-26 del 28 febbraio 2006). Inoltre, la revisione deve riconoscere tutte le salvaguardie procedurali dell’ Articolo 6 § 1 e deve assicurare l'equità complessiva dei procedimenti (vedere Vanyan c. Russia, n. 53203/99, §§ 63-68 15 dicembre 2005).
34. In un numero di cause la Corte, rivolgendosi alla nozione di “difetto fondamentale”, sottolineò che la mera considerazione che l'indagine nella causa del richiedente fosse “incompleta ed unilaterale” o conducesse ad un’“erronea” assoluzione non poteva di per sé , in assenza di errori giurisdizionali o violazioni serie di procedura del tribunale, di abusi di potere, di errori manifesti nella richiesta di diritto sostanziale o di qualsiasi altra ragione pesante che scaturisce dagli interessi della giustizia, indicare la presenza di un difetto fondamentale nei procedimenti precedenti (vedere Radchikov c. Russia, n. 65582/01, § 48 del 24 maggio 2007).
35. La Corte reitera inoltre le sue sentenze nella causa Protsenko c. Russia (n. 13151/04, 31 luglio 2008). In quella causa la sentenza definitiva a favore del richiedente fu annullata tramite una revisione direttiva, sulla base che il tribunale di prima istanza “non era riuscito a stabilire tutte le circostanze della causa, identificare tutte le parti ai procedimenti ed invitare il proprietario della terra a partecipare ai procedimenti col risultato che i diritti del secondo [erano stati] colpiti avversamente.” Concludendo che non c'era stata nessuna violazione dell’Articolo 6 § 1 della Convenzione in quella causa, la Corte sostenne (§§ 31 et seq.) ciò che segue:
“La Corte osserva che la terza persona venne a conoscenza della sentenza de 7 aprile 2003 solamente dopo che era divenuta definitive e che in qualsiasi caso, non essendo parte ai procedimenti il proprietario della terra, non poteva depositare un ricorso ordinario contro questa. Tramite la non colpevolezza della terza persona che non era una parte ai procedimenti la corte nazionale rese perciò una sentenza che colpì direttamente i suoi diritti . La Corte considera che le circostanze a cui si è fatto riferimento erano nella loro natura e significato tali da giustificare l'annullamento della sentenza definitiva e che questo non era incoerente col principio della certezza legale. La Corte trova, perciò, che nelle circostanze di questa particolare causa l’annullamento della sentenza definitiva del 7 aprile 2003 da parte del Presidium della Corte Regionale di Rostov tramite revisione direttiva non spogliarono il richiedente del “diritto ad un tribunale” sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione.”
(b) l’Applicazione alla presente causa
36. Avendo riguardo ai principi summenzionati, la Corte deve accertare se l’11 dicembre 2002 il Presidium della Corte Regionale di Tomsk riaprì i procedimenti ed annullò la sentenza esecutiva del 15 luglio 2002, corretta il 12 settembre 2002, nella prospettiva di correggere un errore giudiziale e fondamentale e, in tal caso, se la maniera effettiva in cui il Presidium esercitò quel potere minò l'equità complessiva dei procedimenti in questione.
37. Riguardo al fine dell'annullamento compiuto dal Presidium della Corte Regionale l’11 dicembre 2002, la Corte osserva che il Presidium trovò che il distretto e i tribunali regionali erano andati a vuoto nell’ indicare l'elemento costituente di un reato penale, in quanto non avevano stabilito che l'aggressione era infatti avvenuta. I tribunali avevano violato anche il diritto del marito precedente ad essere presunto innocente perché in assenza di prove sufficienti avevano concluso che lui aveva aggredito il richiedente. Il Presidium considerò che la colpa del marito precedente non era stata provata, e l'assolse. Avendo riguardo a questa scoperta, il Presidium sostenne che c'era nessuna base per accettare l'azione di illecito civile del richiedente contro il suo precedente marito e respinse le rivendicazioni di risarcimento in pieno.
38. La Corte considera che in simili circostanze la decisione del Presidium di annullare le sentenze, inficiate come erano con simili difetti, non sembra irragionevole o arbitraria (vedere Bratyakin c. Russia (dec.), n. 72776/01, 9 marzo 2006). Dopo esame della causa intera, incluso la prova il Presidium dichiarò che le corti più basse avevano commesso un errore giudiziario avendo sottoposto il marito precedente del richiedente ad una condanna immeritata e emettendo decisioni che erano pregiudizievoli ed incoerenti coi diritti sostanziali della persona condannata. Il Presidium concluse che il Distretto e i tribunali Regionali avevano emesso giudizi sbagliati riguardo all'esistenza ed all’ effetto di questioni di fatto e all’applicazione della legge che aveva condotto alla condanna di una persona innocente e l'imposizione su di lui dell'obbligo di pagare il risarcimento per danno, benché non fosse provato che lui aveva causato quel danno. Il Presidium notò che i tribunali più bassi ignorarono importanti prove effettive, come le dichiarazioni di testimoni che corroboravano l'alibi dell'imputato, il loro approccio selettivo e grossolanamente incoerente alla valutazione della prova circostanziale, la stima in eccesso del valore probatorio della testimonianza della vittima e la comprensione difettosa dei referti medici. Gli errori giudiziali commessi dal distretto e dai tribunali regionali andarono ai meriti della causa penale e alla causa di azione del richiedente. Quegli errori viziarono i procedimenti ed erano così gravi che, se non rettificati, avrebbero dato luogo ad un rifiuto di un processo equo al precedente marito del richiedente.
39. In questo collegamento, la Corte ancora una volta reitera, che la Convenzione in principio permette la riapertura di una sentenza definitiva per abilitare lo Stato a correggere fallimenti della giustizia penale. Un verdetto che ignora una prova chiave può ben costituire tale fallimento (vedere Vedernikova c. Russia, n. 25580/02, § 25 del 12 luglio 2007).
40. La Corte osserva che gli errori commessi dal Distretto e dai tribunali Regionali erano sufficienti in natura ed in effetto da garantire la riapertura dei procedimenti. Lasciando simile errori non corretti si sarebbero seriamente colpite l'equità, l'integrità e la pubblica reputazione dei procedimenti giudiziali. La Corte attribuisce anche particolare peso al fatto che quegli errori giudiziali non potevano essere neutralizzati o corretti con qualsiasi altro mezzo, salvo che con l'annullamento delle sentenze del 15 luglio e del 12 settembre 2002. In simili circostanze, il Presidium non poteva trascurare improvvisamente l'impegno della vittima innocente della condanna ingiusta. L'annullamenti della sentenza definitiva era un mezzo per indennizzare la persona condannata per errori nell'amministrazione del diritto penale
41. La Corte si soddisfa che il Presidium riaprì i procedimenti al fine di correggere un fondamentale errore giudiziale . Le considerazioni di “ certezza legale” non dovrebbe scoraggiare lo Stato dal correggere errori particolarmente egregi commessi nell'amministrazione della giustizia e così, nelle circostanze della presente causa, non dovrebbe impedire al Presidium della Corte Regionale di Tomsk di fare una rassegna della sentenza definitiva che era grezzamente pregiudizievole alla persona condannata che è il marito precedente del richiedente.
42. Avendo stabilito che gli interessi della giustizia richiesero la riapertura dei procedimenti e l'annullamento della sentenza del 15 luglio 2002, del 12 settembre 2002, la Corte ora deve considerare se le garanzie procedurali dell’ Articolo 6 della Convenzione erano disponibili in qui procedimenti di revisione direttiva.
43. La Corte costata che non c'è niente che indichi che la valutazione del Presidium dei fatti e le prove presentate nella causa fossero contrari all’ Articolo 6 della Convenzione. La Corte osserva che al richiedente furono fornite ampie opportunità di presentare i suoi argomenti ed impugnare le osservazioni dell'avversario nei procedimenti. Lei presentò argomenti scritti particolareggiati in replica alla richiesta di revisione direttiva. Inoltre, lei ed il suo rappresentante furono presenti all’udienza della revisione direttiva e hanno fatto osservazioni orali. La Corte considera che il Presidium diede agli argomenti del richiedente la considerazione dovuta. Alla luce della considerazione precedente, la Corte trova, che le ragioni sulle quali il Presidium basò le sue conclusioni sono sufficienti da escludere qualsiasi dubbio che il modo in cui stabilì e valutò la prova nella causa del richiedente fosse ingiusto o arbitrario. Perciò la Corte considera che i procedimenti di fronte al Presidium della Corte Regionale di Tomsk riconobbe al richiedente tutte le salvaguardie procedurali dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione.
44. Avendo riguardo a ciò che precede, la Corte è dell'opinione che nelle circostanze di questa particolare causa il Presidium bilanciò giustamente gli interessi in gioco della finalità e della giustizia. La Corte costata che l'annullamento della sentenza del 15 luglio 2002, come corretta il 12 settembre 2002, da parte del Presidium della Corte Regionale di Tomsk non spogliò il richiedente del “diritto ad un tribunale” sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione. Non c'è stata di conseguenza violazione di quell'Articolo.
2. Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
(a) Principi generali
45. La Corte reitera che l'esistenza di un debito confermato con una sentenza esecutiva vincolante fornisce al beneficiario della sentenza un’ “aspettativa legittima” che il debito venga pagato, e costituisce per il beneficiario “una proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Annullare tale giudizio corrisponde ad un'interferenza con il suo diritto al pacifico godimento della proprietà (vedere, fra le altre autorità, Brumărescu c. Romania, citata sopra, § 74, ECHR, ed Androsov c. Russia, n. 63973/00, § 69 del 6 ottobre 2005). Un'interferenza col pacifico godimento della proprietà deve prevedere un giusto equilibrio fra le richieste degli interessi generali della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo (vedere, fra le altre autorità, Sporrong e Lönnroth c. Svezia, sentenza del 23 settembre 1982 Serie A n. 52, p. 26, § 69). In particolare, ci deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo che si cerca di realizzare tramite qualsiasi misura che spoglia una persona delle sue proprietà (vedere Pressos Compania Naviera S.A. ed Altri, citata sopra, p. 23, § 38).
(b) l’Applicazione alla presente causa
46. Rivolgendosi ai fatti della presente causa, la Corte osserva che il 12 settembre 2002, il marito precedente del richiedente doveva pagarle una certa somma di soldi come risarcimento per danno causato come risultato dell’aggressione in virtù della sentenza del 15 luglio 2002. Con operazione di legge e come pronunciato dalle sentenze del 15 luglio e del 12 settembre 2002 il pagamento del risarcimento era condizionale alla condanna per aggressione del marito precedente. A seguito dell’annullamento e delle sentenze e l'assoluzione del marito precedente, la rivendicazione del richiedente riguardo i soldi assegnato sotto quelle sentenze cessò di esistere.
47. Avendo riguardo alle sentenze della Corte sotto l’Articolo 6 della Convenzione, la Corte conclude, che le circostanze speciali della presente causa possono essere considerate motivi eccezionali che giustificano l'annullamento delle sentenze del 5 luglio e del 12 settembre 2002 ed il proscioglimento della rivendicazione del richiedente per il risarcimento.
48. La Corte considera perciò che l’ annullamento nella presente causa non corrispose ad un'interferenza ingiustificata coi suoi diritti di proprietà come garantiti dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Là, perciò, non vi è stata violazione di quella disposizione della Convenzione.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
2. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo No.1.
Fatto in inglese, e notificò per iscritto il 29 gennaio 2009, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.