Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF UNISTAR VENTURES GMBH v. MOLDOVA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 29, P1-1

NUMERO: 19245/03/2008
STATO: Moldova
DATA: 09/12/2008
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1 ; Pecuniary and non-pecuniary damage - award
FOURTH SECTION
CASE OF UNISTAR VENTURES GMBH v. MOLDOVA
(Application no. 19245/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
9 December 2008
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Unistar Ventures Gmbh v. Moldova,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Nicolas Bratza, President,
Lech Garlicki,
Giovanni Bonello,
Ljiljana Mijović,
Ján Šikuta,
Päivi Hirvelä,
Mihai Poalelungi, judges,
and Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 18 November 2008,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 19245/03) against the Republic of Moldova lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by U. V. G., a company incorporated in Germany (“the applicant”), on 7 March 2003.
2. The applicant company was represented by Mr V. N. and Mr A. N., lawyers practising in Chişinău. The Moldovan Government (“the Government”) were represented by their Agents, Mr V. Pârlog and subsequently, Mr V. Grosu.
3. The applicant complained that a final judgment in its favour was not enforced for several years.
4. The application was allocated to the Fourth Section of the Court. On 15 June 2004 a Chamber of that Section communicated the application to the Government. On 14 February 2006, it was decided under the provisions of Article 29 § 3 of the Convention to examine the merits of the application at the same time as its admissibility.
5. By a decision of 20 February 2007 the Court declared the application admissible in a separate decision and discontinued the application of Article 29 § 3 of the Convention to the case. On the same date the German Government were informed of their right to intervene in the proceedings in accordance with Article 36 § 1 of the Convention and Rule 44 § 1(b), but they did not communicate any wish to avail themselves of this right.
6. The applicant company and the Government each filed observations on the merits of the application (Rule 59 § 1), the Chamber having decided, after consulting the parties, that no hearing on the merits was required (Rule 59 § 3 in fine).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
7. The applicant, U. V. G. (hereafter “UV”), is a company incorporated in Germany.
1. The creation of the Moldovan-German company Air Moldova S.R.L.
8. On 3 March 2000 UV signed a contract with the Civil Aviation State Authority (hereafter “CASA”), under which the State-owned airline company Air Moldova was to be reorganised into a Moldovan-German limited liability airline company called Air Moldova S.R.L. (hereafter “the company”). The Moldovan Government, represented by the CASA, was to contribute 31,025,504 Moldovan lei (MDL) (2,548,086 euros (EUR) at the time) representing 51% of the registered capital, and UV was to contribute 2,384,705 United States dollars (USD), the equivalent of MDL 29,808,812 (EUR 2,448,161 at the time) representing 49% of the registered capital. The new company was declared to be the legal successor of the State airline company, Air Moldova.
9. On the same date the Articles of Association were adopted and the Chief Executive Officer (CEO) was elected. The Articles of Association provided that he could be dismissed only with three quarters of the votes.
10. On 7 April 2000 the Privatisation Department of the Ministry of Economy issued a permit to the newly created company. The permit stated, inter alia, that after having verified the incorporation documents the Department of Privatisation had decided to allow the creation of the new company.
11. On 25 July 2000 a specialised department of the Ministry of Justice examined the legality of the documents of incorporation of the company. It issued a decision according to which the company was legally incorporated and that all the documents of incorporation were in order and conformed to the legislation of the Republic of Moldova.
12. On 2 August 2000, following a letter from a member of Parliament, the Prosecutor General's Office carried out a verification of the legality of the incorporation of the company. In its written conclusion it stated that all the documents of incorporation were in order and that the rules for creating a company with State participation had been fully complied with.
13. It appears from documents submitted by the parties that on 12 June 2000 and 13 June 2001 the company received from UV and/or its CEO via Dresdner Bank USD 2,384,705 in three instalments.
2. The purchase of new aeroplanes by the company
14. On an unspecified date the company concluded an agreement with the Brazilian aircraft manufacturer Embraer-Empresa Brasileira de Aeronáutica S.A. (hereafter “the Brazilian aircraft manufacturer”) for the purchase of two Embraer 145 aeroplanes. It appears from the documents submitted by the parties that the price of the aeroplanes was approximately USD 39 million, of which 15% was to be paid by the company and the rest was to be financed by Dresdner Bank and the European Bank for Reconstruction and Development (EBRD) by way of a ten-year loan.
15. On an unspecified date the company paid a non-refundable advance of approximately USD 3.7 million to the Brazilian aircraft manufacturer.
3. The change of Government and the dispute between UV and the new Government
16. The facts presented under this heading are based on the submissions and documents provided by the applicant that were not disputed by the Government.
17. In February 2001 the Communist Party of Moldova won the parliamentary elections. It declared in its manifesto, inter alia, that Western countries had a tendency to enter the Moldovan economy at any price, take over valuable assets and impose unequal contracts on the country in order to make it dependent on creditors. One of the goals of the Communist Party was to obtain control over the strategic branches of the national economy while at the same time keeping private the spheres of commerce and services, agriculture and small manufacturing industries.
18. In January 2002 the CASA made an attempt to change the company's CEO by using its 51% of the votes. UV, however, opposed the attempt. UV's position was supported by Dresdner Bank, who wrote to the President of Moldova informing him that in its view the change of management was contrary to the company's Articles of Association and that it would consider withdrawing the lines of credit and that the EBRD would do likewise in case of a change of management. It appears that after this intervention, the CASA conceded temporarily. However, the company started to experience pressure from different State bodies.
19. Later, at the shareholders' meeting of 19 June 2002, by making use of its 51% of the votes, the CASA unilaterally dismissed Air Moldova's chief executive officer.
20. On the same date Dresdner Bank informed the President of Moldova, the Prime Minister, the German Embassy in Chişinău, the EBRD office in Chişinău, the World Bank office in Chişinău and the International Monetary Fund office in Chişinău inter alia that the CASA's actions were contrary to the Articles of Association of the company, which provided that at least 75% of the votes were needed for a change of management. It also declared its intention to withdraw from the company's project of purchasing new aeroplanes and stressed that the Government's actions were seriously damaging the image of the country and its attraction for foreign investors.
21. On 21 June 2002 the EBRD wrote to the Prime Minister of Moldova and expressed concern about the pressure put on the company and about the “arbitrary and commercially unnecessary change of the airline's management”. It stressed that such actions by the Government could lead to the termination of any EBRD investment in Moldova and that the eventual withdrawal of the Dresdner Bank from the financing of the company would also lead to the EBRD's withdrawal.
22. On 3 July 2002 Dresdner Bank informed the company of its withdrawal of the credit line for the purchase of the Embraer aeroplanes.
23. On 18 July 2002 UV wrote to the CASA and proposed to find a solution to the problem by reorganising the company into a joint-stock company and including the EBRD as a shareholder. It stressed that otherwise the company risked losing the advance of USD 3.7 million paid to the Brazilian aircraft manufacturer and incurring penalties of up to USD 7 million. It appears that UV's proposal was not followed up.
4. The court proceedings between UV and the CASA
24. On 26 June 2002 UV brought a civil action against the CASA, challenging the change of CEO on the ground that it was contrary to the Articles of Association.
25. On 10 July 2002 the CASA brought its own action against UV, seeking the annulment of the contract of 3 March 2000 by which the company had been created (see paragraph 8 above). The grounds relied upon by the CASA were, inter alia, that the documents of incorporation were not in conformity with Government decisions and that the applicant did not have legal capacity to be a partner in the company.
26. UV contested the CASA's action, arguing, inter alia, that it had legal capacity and that, under the Law on Foreign Investment, companies with foreign investments were not bound by Government decisions but exclusively by laws enacted by Parliament. It also argued that in any event there was no prohibition under Moldovan law on stipulating in the Articles of Association of a company that a higher percentage of votes was needed for the election of the management.
27. The Economic Court of the Republic of Moldova joined the two actions and, on 6 August 2002, ruled in favour of the CASA. The court dismissed UV's action on the ground that, in accordance with the Governmental Decision on Enterprises No. 500 of 10 September 1991, a chief executive officer had to be elected by a simple majority of 51%.
28. At the same time the Economic Court upheld the CASA's action against UV, ordering the rescission of the contract by which the company had been created. The court upheld all the arguments relied upon by the CASA and also added, on its own initiative, that it did not have in its possession any evidence that UV had paid its contribution of USD 2,384,705 into the company's statutory fund.
29. In the operative part of the judgment the Economic Court made the following order:
“The parties shall be put in the same position as they had been prior to the conclusion of the contract, following an audit and accounting control to be carried out by the Government, the Ministry of Finance and the Civil Aviation State Authority with the participation of UV (in Romanian: Readucerea părţilor la situaţia iniţială se va efectua după o verificare de audit contabilă şi stabilirea cuantumului investiţiilor efectuate. Alineatul dat al hotărârii judecătoreşti se va executa de către Guvernul RM, Ministerul Finanţelor, Administraţia de Stat a Aviaţiei Civile, cu participarea ÎCS „Unistar Ventures GmbH”).”
30. The court also ordered UV to pay court fees in the amount of MDL 180,000 (approximately EUR 13,427).
31. UV appealed against the judgment, but its appeal was dismissed by the Supreme Court of Justice on 18 September 2002. No new reasons were given by the Supreme Court of Justice.
32. The decision of the Economic Court of 6 August 2002 became final and shortly thereafter the company was reorganised and reregistered as a State-owned airline company called Air Moldova. It appears that the reregistered company kept all the assets and debts of the company.
4. The events which took place after the court proceedings
33. On 25 October 2002 UV wrote a letter to the CASA and to the State-owned company Air Moldova, requesting the reimbursement of its investment by 29 October 2002. UV also stated that if the money was not paid, it would take all the necessary measures up to sequestration of Air Moldova's aircraft on German territory.
34. On 4 November 2002 UV requested from the Economic Court an enforcement warrant in respect of the decision of 6 August 2002.
35. On 21 November 2002 the Economic Court replied that no enforcement warrant could be issued because enforcement was to be carried out solely on the basis of the judgment of 6 August 2002.
36. On 6 December 2002 UV wrote a letter to the Government of Moldova and the Ministry of Finance asking them to comply with the court decision of 6 August 2002, so as to put the parties in the same position as they had been prior to the conclusion of the joint venture contract.
37. On 26 December 2002 the Court of Accounts of the Republic of Moldova, the body which controls the formation, administration and use of public finances in Moldova, issued a decision concerning the administration of public money with regard to the company. It found, inter alia, that UV had invested USD 2.384 million in the statutory fund of the company, representing 49% of the capital, which, at the date of the examination by the Court of Accounts, was entirely paid up by UV. The decision of the Court of Accounts was published in the Official Gazette.
38. On 20 February 2003 the Ministry of Finance replied to UV's letter of 6 December 2002 indicating that since it was not the beneficiary of the investment, it could not pay.
39. Since the State Registry of immovable property was refusing to reregister some of the assets of the former Moldovan-German company in the name of the reorganised State-owned company on the ground of lack of clarity of the judgment of 6 August 2002, the CASA made a request to the Economic Court, on 12 February 2004, asking it to clarify the judgment in that respect.
40. On 6 May 2004 UV addressed a similar request to the Economic Court asking, inter alia, for clarification of the reason for ordering an audit and accounting control once the size of the investment was known to the parties. It also asked who was to carry out the control and whether it should be a national, international, governmental or non-governmental organisation. It finally asked about the time-limit for carrying out the control and explanation of the phrase in the judgment “with the participation of UV”.
41. On 18 May 2004 the Economic Court upheld the CASA's request and ordered that the assets be reregistered in its name. At the same time, referring to UV's request, the court argued that the operative part of the judgment was clear enough as concerned the restitution of UV's investment and that since the court had not been presented [during the proceedings] with evidence establishing the exact amount, an audit control was ordered so that its amount could be established and repaid to UV.
42. After the communication of this case to the Government, on 20 May 2005, the CASA wrote to UV proposing to hold a meeting within the next fifteen days in order to agree upon the method of enforcement of the judgment of 6 August 2002. In particular, it stressed that it was necessary to agree upon the audit company to be employed, the costs of the audit and the questions to be put to the auditor.
43. On 26 May 2005 UV's representative replied that he was ready to meet the CASA's representatives and that he was available on any date except 30 and 31 May and 1, 2, 6 and 14 June 2006.
44. On 23 August 2005 a meeting between the representatives of the CASA, the Ministry of Finance and UV took place and it was agreed that the first two would formulate questions to be put to the auditor and send them to UV for comments. UV's representative expressed his disagreement with the proposal of the other parties that the company should contribute to the costs of the audit control. He argued that, according to the judgment, the audit control was to be carried out by the Government, the Ministry of Finance and the CASA, while UV was only to “participate”.
45. On 30 May 2005 the CASA wrote to the Economic Court asking it to clarify the judgment of 6 August 2002, namely to clarify who was to organise the audit and accounting control and what was the required extent of involvement of the Government, the Ministry of Finance, the CASA and UV. The CASA also asked for clarification as to which company was to carry out the control, what the questions to be put to it were and who was to pay for the audit control. It appears that the Economic Court never examined this request.
46. On 5 October 2005 UV's representative received from the CASA a set of questions to be put to the auditor. The questions raised such issues as Air Moldova's financial state at the time of its reorganisation into a Moldovan-German company, its financial evolution, the impact on the company of the contract for the purchase of Embraer aeroplanes, the manner in which UV's investment was used, the company's financial state at the date when the contract of association was declared null and void and the amount which should be restituted to UV. The CASA also proposed that the audit control be carried out by Deloitte & Touche and that the costs of the control should be divided between all the parties.
47. On 19 October 2005 UV's representative wrote back to the CASA and argued that the questions proposed were not consistent with the operative part of the judgment of 6 August 2002 and with the decision of 18 May 2004, since–according to them–the audit control was intended to establish the amount of money invested by UV in order to refund it, but not such issues as the impact of the contracts concluded by the company during its existence. He also argued that the financial evolution of the company was irrelevant for the purpose of putting the parties “in the same position as they had been prior to the conclusion of the contract”. UV proposed two questions which, in its view, were consistent with the operative part of the judgment of 6 August 2002 and which raised such issues as finding out the exact amount of UV's investment and of the default interest due to UV for the inability to use it.
48. On 8 November 2005 the CASA invited the representative of UV to another meeting to be held on 10 November. The representative declined the invitation, however, on the ground that he was busy on that date. He asked the CASA to notify him of meetings at least one week in advance.
49. On 28 December 2005 the CASA lodged an application with the Economic Court asking it to amend the wording of its judgment of 6 August 2002 and arguing that the operative part differed from that pronounced orally on 6 August 2002.
50. On 30 December 2005 the Economic Court upheld the CASA's application and amended the operative part (see paragraph 29 above), as suggested by the CASA, by deleting the words “audit” and “with the participation of”.
51. On 3 January 2006 the Vice-President of the Economic Court wrote to the Government Agent informing him, inter alia, that if UV possessed evidence to establish the amount of its investment then, in order to recover the money, it should have given the evidence to the Ministry of Finance.
52. On 2 March 2006 a meeting was held between the representatives of the CASA, the Government, UV, the Ministry of Finance and the State-owned company Air Moldova at which the representatives of the State insisted on the same questions as proposed to UV on 5 October 2005. Moreover, this time they proposed that the audit control be carried out by the National Centre for Expert Analysis under the control of the Ministry of Justice. UV's representative agreed with the questions but expressed concerns about the independence of the auditor proposed by the representatives of the State. Finally, UV's representative agreed with the proposed auditor, subject to the request to have sight of all the documents which were to be given to it.
53. It appears that UV was not sent the documents submitted to the National Centre for Expert Analysis.
54. On 6 April 2006 the latter drew up a “technical-scientific” report. Initially the report was to be signed by the Minister of Justice, as ordered by the Prime Minister of Moldova. However, the Minister of Justice wrote to the Prime Minister expressing her view that the applicant company could contest the independence and the impartiality of the National Centre for Expert Analysis on the ground that it was subordinated to the Ministry of Justice. She expressed the view that the report would be more credible if signed by the experts who had drafted it but not by her. Her proposal was accepted and the report was signed by the experts.
55. The conclusion of the report was, inter alia, that UV had invested USD 2,384,705 in Air Moldova, but since that money had been paid as an advance to the Brazilian aircraft manufacturer, it could be repaid to UV only after Air Moldova had recovered it or when the Embraer aeroplanes were delivered to Air Moldova. Moreover, the report stated that the money invested by UV had not been used by Air Moldova in its business activity, so UV could not lay claim to any part of the profit gained during the years 2000-2002 and could not be held liable for any part of the losses.
56. On 11 September 2006 the Court of Accounts of the Republic of Moldova issued a decision concerning the creation of the statutory fund of the Moldovan-German Airline Company Air Moldova. It found, inter alia, that some documents had been destroyed in accordance with the law, while others were contradictory, and decided to remit the materials to the Centre for Fighting Economic Crime and Corruption for investigation.
57. On 13 December 2006 the CASA wrote to the Economic Court and asked again for clarification of the manner of enforcement of the judgment of 6 August 2002.
58. On 23 March 2007 the Economic Court issued again an explanatory judgment in which it explained that the parties should recover all the assets and moneys with which they had participated in the company and that any profit obtained by the company during its existence should be divided among them in accordance with the percentage of their participation.
59. In April 2007, after the case was declared admissible by the Court, the parties agreed to contract a foreign audit company for the purpose of determining the amount due to the applicant company.
60. On 21 September 2007 the Government and the applicant company signed an agreement with Deloitte & Touche. The parties agreed to accept without any reserves the results of the report which was due by 1 May 2008. According to its mandate, Deloitte & Touche was to determine the amounts to be refunded to the founders in proportion to their shareholdings as at 25 September 2002 and in accordance with the National Accounting Standards and the pertinent court decisions. The mandate did not provide for the conversion of the amounts to a particular currency and for the calculation of any interest on the amounts due.
61. On 23 April 2008 Deloitte & Touche issued a report in which it determined that the applicant company had invested USD 2,384,705 in the share capital of the company and that the part of the profit to which it was entitled amounted to MDL 13,055,376 (EUR 984,108) as at 25 September 2002. It appears from the parties' submissions that they both accepted the report without any reservations. Nonetheless, in view of the diverging opinions concerning the interest due, the applicant company has not been refunded to date.
II. RELEVANT NON-CONVENTION MATERIALS
62. The relevant provisions of the Civil Code in force at the material time read as follows:
“Article 50. Nullity of contracts that are not in conformity with the law
...
When a contract is declared null and void, each party must return the other party everything received from it on the basis of the contract...
Article 198. Judgment by which a legal person is ordered to pay money
When the court orders a legal person... to pay an amount of money, it must indicate in the operative part of the judgment the nature of the amounts to be paid and the account from which the amounts will be deducted.
Article 207. Enforcement of the judgment
A court judgment must be enforced after it becomes final, except for cases of immediate enforcement.
Article 337. Enforcement documents
Enforcement documents are:
1) Enforcement warrants issued on the basis of court judgments and decisions, friendly settlements accepted by the court...
Article 338. Issuing of an enforcement warrant
An enforcement warrant must be issued to the plaintiff by a court, after the judgment has become final...
The enforcement warrant must be handed personally to the plaintiff, or if he or she so requests, it must be sent directly to the Department of Enforcement of court judgments by the Ministry of Justice.
Article 343. Request for enforcement
The bailiff shall start the enforcement of a judgment upon the request of [one of the parties to the proceedings]...
Article 361. Adjournment of enforcement
The bailiff can adjourn the enforcement only at the request of the plaintiff or on the basis of a court order.”
63. According to Article 143 (8) of the Code of Civil Procedure in force at the material time expert reports were to be ordered by the judge, at the stage of preparation of the case for debates, after having consulted the parties.
64. On 12 June 2003 a new Civil Code was enacted, the relevant provisions of which read as follows:
Article 619. Default interest
“(1) Default interest is payable for delayed execution of pecuniary obligations. Default interest shall be 5% above the interest rate provided for in Article 585 [NBM refinancing interest rate] unless the law or the contract provides otherwise. Proof that less damage has been incurred shall be admissible.
(2) In non consumer-related situations default interest shall be 9% above the interest rate provided for in Article 585 unless the law or the contract provides otherwise. Proof that less damage has been incurred shall be inadmissible.”
65. The explanatory judgment of the Plenary of the Supreme Court of Justice, No. 12 of 25 April 2000 states:
“...A court judgment must be certain, complete, clear, coherent and convincing...
It is forbidden to use superfluous and unclear ... language...
No judgment shall be pronounced whose enforcement depends on the fulfilment of a precondition.”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
66. The applicant company complained that the non-enforcement of the final judgment of 6 August 2002 had violated its right to the peaceful enjoyment of its possessions under Article 1 of Protocol No. 1 which, in so far as relevant, provides:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law....”
A. The submissions of the parties
1. The applicant company's submissions
67. The applicant company submitted in the first place that the pressure put on it, starting in January 2002, and the subsequent proceedings which ended with the final judgment of 6 August 2002 were a result of the implementation by the Government of the programme of the Communist Party (see paragraph 17 above).
68. According to the applicant company, making the enforcement of the judgment of 6 August 2002 conditional on an audit control pursued the aim of delaying or even hindering the refunding of the money invested by it. Imposing that condition was illegal because it was contrary to the explanatory judgment of the Plenary Supreme Court of Justice, No. 12 of 25 April 2000. The applicant company admitted that, under the domestic law, the explanatory judgments of the Supreme Court were in theory not binding on the lower courts; however, there was no explanation as to why the Supreme Court had disregarded its own case-law. Moreover, the applicant company pointed to the fact that the Government had not presented any domestic case-law in which the Supreme Court had departed from its explanatory judgments.
69. The fact that the judgment of 6 August 2002 had ordered an audit control after the judgment became final was also contrary to Article 143(8) of the Code of Civil Procedure, which stipulated clearly that an expert control should be ordered during the proceedings but not afterwards. The applicant company alleged that the courts which considered its case were not independent from the Government. In its view the problem of restitutio in integrum was not so complex as to require an audit control. It was sufficient to refund the applicant company the invested money and 49% of the profit obtained by the company during its existence.
70. The applicant company further submitted that the Government had not undertaken any steps in order to enforce the judgment of 6 August 2002, a judgment which was in any event illegal in its view. The Government had started to act only after the communication of this case by the Court and all their acts pursued the goal of avoiding paying any compensation to UV. The applicant company sent the Court a copy of a newspaper article containing a statement of the United States Ambassador to Moldova, in which it was mentioned, inter alia, that several foreign companies including UV had been deprived of their investments in Moldova without any compensation.
71. Referring to the Government's statement that it (UV) should have presented evidence concerning its investment in the statutory fund of the company, the applicant company argued that the Court of Accounts of the Republic of Moldova in its decision of 26 December 2002 had established clearly the amount of the investment in the statutory fund (see paragraph 37 above). The applicant company also argued that it was undisputed that it had transferred USD 2,384,705 to the company and that the accounting documents of the company showed that amount as UV's contribution to the statutory fund. In any event the money could not have been transferred for other purposes as there was no consideration other than the subscription of shares. Moreover, the fact that the money had been transferred into the statutory fund had also been established by two independent companies, KPMG and E. & Y., in their yearly audit reports for 2000-2003 which proved that UV had invested USD 2,384,705 in the statutory fund of the company.
72. The applicant company argued that while the judgment of 6 August 2002 was illegal under the domestic law in that it did not specify the exact amount of money to be paid to it, it still established clearly that the applicant had a monetary claim against the Government in the amount of its investment in the company. That claim could be considered a possession for the purposes of Article 1 of Protocol No. 1. The failure to pay the applicant company the invested money constituted an interference with the right to property which was not provided for by law, was not in the public interest and was disproportionate.
73. In its observations of 15 July 2006 the applicant company informed the Court that the Government were not happy with the decision of the Court of Accounts of the Republic of Moldova of 26 December 2002 (see paragraph 37 above) because it was not consistent with their position in this case. It drew the Court's attention to the fact that the Government were undertaking measures directed at amending that decision. The applicant company expressed the view that the decision would be modified by the time the Government's final observations were due.
2. The Government's submissions
74. The Government argued that the National Centre for Expert Analysis had found in its report of 6 April 2006 (see paragraph 54 above) that USD 2,384,705 had not in fact been invested by UV in the statutory fund of the company but had been used by the company for the purchase of Embraer aeroplanes and that reimbursement would be possible only after the aeroplanes were delivered or the money was refunded by the Brazilian aircraft manufacturer.
75. According to the Government, the decision of the Court of Accounts of the Republic of Moldova of 26 December 2002 (see paragraph 37 above) should be disregarded because it did not focus on the investments made by the parties in the company, but rather on the activity of both the Stateowned Company “Air Moldova” and the company during the period 1998-2002. The Government referred to a new decision of the Court of Accounts of 11 September 2006 (see paragraph 56 above), which in their view was more relevant because it focused on the creation of the statutory fund of the company. The Government disputed the applicant's submissions made in paragraph 73 above and argued that the Court of Accounts had acted on its own initiative without any pressure from the Government.
76. According to the Government, making the enforcement of the judgment of 6 August 2002 subject to a precondition amounted to a temporary suspension of enforcement which was possible under the Code of Civil Procedure. Accordingly, it did not contradict the explanatory judgment of the Plenary Supreme Court of Justice. In any event, they argued that the explanatory judgments of the Supreme Court of Justice were not binding on the lower courts.
77. Making the enforcement of the judgment subject to a precondition had been dictated by the need to have a clear image of the investments effectively made by UV in the company. Had the applicant company submitted to the courts evidence concerning the amount of its investment, the courts would not have subjected the enforcement of the judgment to a precondition.
78. The Government further argued that the applicant company had not submitted any evidence that the authorities had interfered with the process of enforcement in order to hinder, invalidate or delay it. On the contrary, both the domestic courts and the Government had done everything possible to ensure that an audit control was carried out irreproachably and expeditiously.
79. In their pre-admissibility observations on the merits, the Government argued that the applicant company did not have a possession in the sense of that Article because the judgment debt had not been clearly established. In their final observations on the merits, the Government submitted that the applicant company did not have a possession until after the amount was determined in an accounting report. Making the enforcement of the judgment conditional on the carrying out of an audit control must be considered as a temporary control of use of property, which was not contrary to Article 1 of Protocol No. 1 since it had been done by a court in accordance with the law. According to the Government, making the payment of the money to the applicant conditional in the judgment of 6 August 2002 on the carrying out of a preliminary audit control, pursued the legitimate aim of “attempting to exclude arbitrariness in the areas of protection of the interests of foreign investors and the administration of public funds in a society which was in a process of transition”. The Government also argued that the applicant company did not bear an excessive burden because its investment would be reimbursed as soon as the exact amount had been established.
80. According to the Government the non-enforcement was due to the behaviour of the applicant company. They relied on the letter of 3 January 2006 of the Economic Court (see paragraph 51 above) and argued that the applicant company should have provided the Ministry of Finance with documents confirming its investment in order to be refunded, but had not done so.
81. From 30 December 2005 the applicant company had been under an obligation to participate in the audit control (see paragraph 50 above); however, it had not done anything in that respect.
82. Referring to the applicant company's representative's letter of 26 May 2005 (see paragraph 43 above), the Government argued that it was proof of the lack of interest on the part of the company in solving the problem quickly. Moreover, the fact that UV did not want to bear the cost of the audit control (see paragraph 44 above) was further proof of its lack of interest in a speedy execution of the judgment.
83. In their observations of 14 April 2006 the Government referred to the letter from the Economic Court of 3 January 2006 addressed to the Government (see paragraph 51 above) and argued that it was sufficient for the applicant to present the Ministry of Finance with evidence concerning its investment in order to be refunded.
84. In their observations of 18 September 2006 the Government argued that the audit control had been ordered with a view to verifying how much of the investment was left after the creation and liquidation of the company. According to the Government, the creation and the liquidation involved costs which had to be divided between the parties on the basis of their contribution to the statutory fund: 51% to 49%. They also argued that after the control of 6 April 2006 (see paragraphs 54 and 55 above) the parties had to sign the report and give it to a court for approval.
85. According to the Government, the CASA had signed the report of 6 April 2006 whereas the applicant company had refused to sign it. That was another indication that its intention was to protract the execution of the judgment of 6 August 2002 at all costs.
86. The Government further stated that if UV was sure of having invested money in the statutory fund of the company, it should have simply submitted the evidence rather than bear the supplementary expenses of an audit control. They expressed their astonishment at the fact that UV had presented such documents for the first time in the proceedings before the Court. However, at the same time, they argued that the documents presented by the applicant did not prove that the investment had been made in the statutory fund of the company. The Government concluded that UV's real intention was to obtain a judgment from the Court in its favour at any price.
B. The Court's assessment
87. The Government argued that the applicant company did not have a possession within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 until after the amount had been determined in an accounting report. It follows that according to the Government, the applicant company only started to have a possession on 23 April 2008 when Deloitte & Touche issued its report (see paragraph 61 above).
88. The Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 protects pecuniary assets, such as debts (see Pressos Compania Naviera S.A. and Others v. Belgium, 20 November 1995, § 31, Series A no. 332).
89. In order to determine when the applicant company started to have a “possession” for the purposes of Article 1 of Protocol No. 1, the Court must ascertain whether the judgment of 6 August 2002 gave rise to a debt in its favour that was sufficiently established to be enforceable (see Stran Greek Refineries and Stratis Andreadis v. Greece, 9 December 1994, § 59, Series A no. 301-B).
90. It notes that the relevant domestic legislation, in particular Article 50 of the Civil Code, afforded the applicant company a right to “restitutio in integrum” as a result of the rescission of the contract of 3 March 2000 between it and the CASA (see paragraph 62 above). The domestic courts also recognised in their judgments of 6 August 2002 and 18 September 2002 the applicant company's right to “restitutio in integrum” (see paragraphs 29 and 31 above). For the reasons set out below, the Court considers that those judgments gave rise to a debt in the applicant company's favour that was sufficiently established to be enforceable. The debt consisted of the recoupment of the initial investment and the return of the profit earned by the company during its existence.
91. As to the recoupment of the initial investment the Court notes that it is undisputed that UV invested USD 2,384,705 in the company. This amount appeared in the company's yearly audit reports of 2000-2002 (see paragraph 71 above) and in the decision of the Court of Accounts of 26 December 2002 (see paragraph 37 above). Moreover, while the Government insisted that the audit control made by the National Centre for Expert Analysis was necessary to establish the exact amount of UV's investment, the Court notes that even the questions put to the National Centre for Expert Analysis by the Government suggest that the amount of the investment was well known to them. In particular, the National Centre for Expert Analysis was not asked how much UV had invested in the company, but how its investment had been used (see paragraph 46 above).
What was disputed between the parties before April 2008, when Deloitte & Touche issued its report, was whether the money was invested in the statutory fund or used for other purposes. However, the Court does not consider this issue of any relevance, since it appears clear from the decision of 6 August 2002, as later clarified on 18 May 2004, that the intention of the Economic Court was that the applicant company be refunded the amount of its investment in the company irrespective of whether the money was invested in the statutory fund or invested elsewhere (see paragraphs 29 and 41 above). This conclusion is also supported by the letter dated 3 January 2006 sent to the Government Agent by the Vice-President of the Economic Court (see paragraph 51 above), a copy of which was submitted to the Court by the Government.
92. As to the return of the profit earned by the company during its existence, the Court notes that this part of the debt was confirmed by Deloitte & Touche, which ran an audit control in accordance with the terms of the Economic Court's judgment of 6 August 2002. It is to be noted that the Economic Court confirmed that this was the case in its explanatory judgment of 23 March 2007 (see paragraph 58 above). Moreover, this was also the common understanding of the parties when commissioning the audit from Deloitte & Touche. The profit earned by the company during its existence must also have been easily ascertainable from the financial statements made by the company with the Tax Authorities.
93. The Court recalls that failure by the authorities to enforce a final judgment can be considered a disproportionate interference with the right to peaceful enjoyment of “possessions”. That has been found to be the case on many occasions by the Court (see, for example, Prodan v. Moldova, no. 49806/99, ECHR 2004-III (extracts); Popov v. Moldova (no. 1), no. 74153/01, 18 January 2005). In the present case, the Court does not find any reason to depart from its findings in the above cases.
94. The Court observes in this connection that the non-enforcement of the final judgment of 6 August 2002 was due, to a large extent, to the fact that the Economic Court did not indicate in its judgment the amount to be paid to the applicant company, despite the provisions of Article 198 of the Civil Code (see paragraph 62 above). It is to be observed that the amount of the initial investment and the amount of the profits earned by the Company were readily and easily ascertainable. The Court refers to its findings in paragraphs 91 and 92 above in this connection. The justification for ordaining a procedure for this purpose is thus open to question.
95. Moreover, the judgment of the Economic Court was drafted in such a way as to make execution entirely dependent on the will of one of the parties to the proceedings, namely the Government. Indeed, the judgment ordered the restoration of the parties to their original position only after the Government, the Ministry of Finance and the CASA had carried out an audit and accounting control with the participation of UV (see paragraph 29 above). The situation did not change substantially after the changes made to the judgment on 30 December 2005 since the Government could still decide when and whether to proceed with the accounting control (see paragraph 50 above). The Government could not be coerced in any way by the applicant to comply with the judgment of 6 August 2002 for the simple reason that the Economic Court had refused to issue an enforcement warrant without specifying the legal grounds for its refusal (see paragraphs 34 and 35 above). Accordingly, the only way for the judgment to be executed was for the Government to comply with it voluntarily.
96. The Government decided to comply with the judgment of 6 August 2002 and to carry out an audit control only after the Court had communicated this case. However, it appears from the questions put to the auditor (see paragraph 46 above) that even at that point their intention was not to establish the amount of the investment as ordered by the courts. It was only after the case had been declared admissible, in February 2008, that the Government took more serious steps with a view to complying with the judgment of 6 August 2002 and agreed together with the applicant to employ Deloitte & Touche.
97. The Court does not accept the Government's submissions to the effect that it was the applicant company's behaviour which prevented them from complying with the judgment of 6 August 2002. The circumstances of the case plainly indicate that the initiative lay with the Government to complete the procedure set in motion by the judgment of 6 August 2002. They have failed to do so to date.
98. In such circumstances, the Court concludes that the interference with the applicant company's right to peaceful enjoyment of “possessions” was disproportionate and that there has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
99. Since the issues complained of under this Article are similar to those examined under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see paragraphs 94-97 above), the Court does not consider it necessary to examine separately this complaint (see, mutatis mutandis, Megadat.com S.r.l. v. Moldova, no. 21151/04, § 80, 8 April 2008; Davidescu v. Romania, no. 2252/02, § 57, 16 November 2006; Laino v. Italy [GC], no. 33158/96, § 25, ECHR 1999-I; and Zanghì v. Italy, 19 February 1991, § 23, Series A no. 194-C).
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
100. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Pecuniary damage
101. The applicant company claimed EUR 7,533,878 for pecuniary damage suffered as a result of the failure of the authorities to enforce the judgment of 6 August 2002. This amount, calculated as of the date on which the applicant company submitted its claims under Article 41 of the Convention, included the equivalent of the investment from the date when the company was constituted, 49% of the income earned by the company during its existence and the default interest calculated in accordance with the Moldovan legislation. The applicant company also claimed EUR 2,303 per day to be calculated after the date on which they submitted their claims for just satisfaction until such date when the Court would determine the issue of just satisfaction in the case.
102. The Government agreed to pay the money invested by the applicant company in the joint venture company and 49% of its profit as determined by Deloitte & Touche. According to them this amount was EUR 3,431,313. As to the interest on the above amount, the Government disagreed with the amount claimed by the applicant company and reiterated their claim that the non-enforcement was due to the applicant company's behaviour. They contested the method of calculation used by the applicant company and submitted that they were ready to accept an amount of EUR 1,514,287.
103. The Court accepts that the applicant company suffered pecuniary damage as a result of the breach of Article 1 of Protocol No. 1 found above. The Court considers that the applicant is entitled to recover its lost investment and a part of the profit of the joint venture company in proportion to its shareholding. Taking into account the circumstances of the case under consideration and making its own assessment, the Court awards the applicant company a total amount of EUR 6,700,000 for pecuniary damage.
B. Non-pecuniary damage
104. The applicant claimed EUR 200,000 for the non-pecuniary damage suffered as a result of the non-enforcement of the judgment of 6 August 2002.
105. The Government contested the amount claimed and asked the Court to dismiss it.
106. The Court considers that the applicant company must have been caused considerable inconvenience, if only in the conduct of the company's everyday affairs. Deciding on an equitable basis, it awards the applicant company EUR 3,000 for non-pecuniary damage.
C. Costs and expenses
107. The applicant company claimed EUR 9,855 to cover the representation fees and EUR 28,420 to cover its expenses related to the accounting control carried out by Deloitte & Touche.
108. The Government contested the amount claimed for legal fees, calling it excessive and unreal in the light of the economic situation of the country and of the average monthly salary. They disputed the number of hours spent by the applicant company's lawyers and the hourly fees charged by them and argued that the lawyers could claim a maximum sum of EUR 350. They also contested the amount of EUR 28,420 and argued that according to the judgment of 6 August 2002 as amended by the Economic Court on 30 December 2005, the applicant company was to contribute for the purpose of running the accounting verification.
109. The Court reiterates that in order for costs and expenses to be included in an award under Article 41 of the Convention, it must be established that they were actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum (see, for example, Amihalachioaie v. Moldova, no. 60115/00, § 47, ECHR 2004-III).
110. The applicant had not shown any basis for claiming the costs of the audit carried out by Deloitte & Touche with the agreement of the parties. Accordingly, this claim is disallowed. On the other hand, the Court awards the applicant company the full sum claimed for costs and expenses (EUR 9,855).
D. Default interest
111. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT
1. Holds unanimously that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
2. Holds unanimously that there is no need to examine separately the complaint under Article 6 § 1 of the Convention;
3. Holds by six votes to one:
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable on the date of settlement:
(i) EUR 6,700,000 (six million seven hundred thousand euros) in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 3,000 (three thousand euros) in respect of non-pecuniary damage;
(iii) EUR 9,855 (nine thousand eight hundred and fifty-five euros) in respect of costs and expenses;
(iv) any tax that may be chargeable on the above amounts;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses unanimously the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 9 December 2008, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Nicolas Bratza
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P1-1; danno Materiale e morale - assegnazione
QUARTA SEZIONE
CAUSA UNISTAR VENTURE GMBH C. MOLDOVA
(Richiesta n. 19245/03)
SENTENZA
STRASBOURG
9 dicembre 2008
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa i Unistar Venture Gmbh c. Moldova,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Nicolas Bratza, Presidente, Lech Garlicki il Giovanni Bonello, Ljiljana Mijović, Ján Šikuta, Päivi Hirvelä, Mihai Poalelungi, giudici,
e Lorenzo Early, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 18 novembre 2008,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in questa data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 19245/03) contro la Repubblica della Moldova depositata con la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da U. V. G., una società incorporata in Germania (“il richiedente”), il 7 marzo 2003.
2. La società richiedente fu rappresentata dal Sig. V. N. ed il Sig. A. N., avvocati che praticano in Chişinău. Il Governo Moldavo (“il Governo”) fu rappresentato dai suoi Agenti, il Sig. V. Pârlog e successivamente, il Sig. V. Grosu.
3. Il richiedente si lamentò che una sentenza definitiva a suo favore non fu eseguita per molti anni.
4. La richiesta fu assegnata alla quarta Sezione della Corte. Il 15 giugno 2004 una Camera di questa Sezione comunicò la richiesta al Governo. Il 14 febbraio 2006, fu deciso sotto le disposizioni dell’Articolo 29 § 3 della Convenzione di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità.
5. Con una decisione del 20 febbraio 2007 la Corte dichiarò la richiesta ammissibile in una decisione separata e terminò l’applicazione dell’ Articolo 29 § 3 della Convenzione alla causa. Nella stessa data il Governo tedesco fu informato del suo diritto ad intervenire nei procedimenti in conformità con l’Articolo 36 § 1 della Convenzione e l’Articolo 44 § 1(b), ma non comunicò alcun desiderio di giovarsi di questo diritto.
6. La società richiedente ed il Governo hanno registrato rispettivamente delle osservazioni sui meriti della richiesta (Articolo 59 § 1), avendo deciso la Camera, dopo avere consultato le parti che nessuna udienza sui meriti fosse richiesta (Articolo 59 § 3 in fine).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
7. Il richiedente, U. V. G. (in futuro “UV”), è una società incorporata in Germania.
1. La creazione della società Moldava -tedesca Air Moldova S.r.l..
8. Il 3 marzo 2000 UV firmò un contratto con l'Autorità Statale di Aviazione Civile (in futuro “CASA”) sotto il quale la società aerea posseduta dallo Stato Air Moldova sarebbe stata riorganizzata in una società aerea Moldava -tedesca a responsabilità limitata di chiamata Air Moldova S.r.l.. (in futuro “la società”). Il Governo Moldavo, rappresentato dalla CASA doveva offrire 31,025,504 di lei Moldavi (MDL) (2,548,086 euro (EUR) al tempo) rappresentanti il 51% del capitale registrato, ed UV doveva offrire 2,384,705 dollari degli Stati Uniti (USD), l'equivalente di MDL 29,808,812 (EUR 2,448,161 al tempo) rappresentanti il 49% del capitale registrato. La nuova società fu dichiarata essere il successore giuridico della società aerea Statale, Air Moldova.
9. Nella stessa data furono adottati gli Articoli di Associazione e fu eletto l'Ufficiale Esecutivo Principale (CEO). Gli Articoli di Associazione prevedevano che quest’ultimo avrebbe potuto essere licenziato solamente con i tre quarti dei voti.
10. Il 7 aprile 2000 il Dipartimento di Privatizzazione del Ministero dell’ Economia emise una licenza per la società recentemente creata. La licenza enunciava, inter alia che dopo avere verificato i documenti d’incorporazione il Dipartimentodi Privatizzazione aveva deciso di concedere la creazione della società nuova.
11. Il 25 luglio 2000 un reparto specializzato del Ministero della Giustizia esaminò la legalità dei documenti d’incorporazione della società. Emise una decisione secondo la quale la società fu incorporata giuridicamente e che tutti i documenti di incorporazione erano in ordine e conformi alla legislazione della Repubblica della Moldova.
12. Il 2 agosto 2000, a seguito di una lettera da parte di un membro del Parlamento, l'Ufficio dell'Procuratore Generale eseguì una verifica della legalità dell'incorporazione della società. Nella sua conclusione scritta affermò che tutti i documenti d’incorporazione erano in ordine e che si erano attenuti pienamente agli articoli per creare una società a partecipazione Statale.
13. Sembra dai documenti presentati dalle parti che il 12 giugno 2000 e il 13 giugno 2001 la società ricevette da UV e/o dal suo CEO tramite la Banca di Dresdner USD 2,384,705 in tre rate.
2. L'acquisto di nuovi aeroplani da parte della società
14. In una data non specificata la società concluse un accordo con il fabbricante di aerei brasiliano Embraer-Empresa Brasileira de Aeronáutica S.A. (in futuro “il fabbricante brasiliano di aerei”) per l'acquisto di due aeroplani Embraer 145. Sembra dai documenti presentati dalle parti che il prezzo degli aeroplani era di circa USD 39 milioni del quale il 15% sarebbe stato pagato dalla società ed il resto sarebbe stato finanziato da Banca di Dresdner e dalla Banca europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (EBRD) tramite un prestito di dieci anni.
15. In una data non specificata la società pagò un anticipo non rimborsabile di circa USD 3.7 milioni al fabbricante brasiliano di aerei.
3. Il cambio di Governo e la controversia fra UV ed il nuovo Governo
16. I fatti presentati sotto questa intestazione sono basati sulle osservazioni e i documenti provvisti dal richiedente che non sono stati contestati dal Governo.
17. Nel febbraio 2001 il Partito comunista della Moldova vinse le elezioni parlamentari. Dichiarò nel suo manifesto, inter l'alia, che i paesi Occidentali avevano la tendenza a entrare nell'economia della Moldova a qualsiasi prezzo, a prendere beni preziosi ed imporre contratti disuguali al paese per renderlo dipendente dai creditori. Una delle mete del Partito comunista era ottenere controlli sui rami strategici dell'economia nazionale mentre allo stesso tempo tenere private le sfere del commercio e dei servizi, l'agricoltura e le piccole industrie manifatturiere.
18. Nel gennaio 2002 la CASA fece un tentativo di cambiare il CEO della società usando il suo 51% dei voti. Comunque, UV si oppose al tentativo. La posizione di UV fu sostenuta dalla Banca di Dresdner che scrisse al Presidente della Moldova informandolo che secondo lei il cambio di gestione era contrario agli Articoli dell’ Associazione della società e che avrebbe considerato di ritirare le linee di credito e che EBRD avrebbe fatto similmente in caso di un cambio di gestione. Sembra che dopo questo intervento, la CASA concedette temporaneamente. Comunque, la società iniziò a subire la pressioni di diversi corpi Statali.
19. Più tardi, alla riunione degli azionisti del 19 giugno 2002, avvalendosi del suo 51% dei voti la CASA licenziò unilateralmente il capo ufficiale esecutivo della Air Moldova.
20. Nella stessa data la Banca di Dresdner informò il Presidente della Moldova, il Primo Ministro, l'Ambasciata tedesca a Chişinău, l'ufficio EBRD a Chişinău, l'ufficio della Banca Mondiale a Chişinău e l'ufficio del Fondo Monetario Internazionale a Chişinău, inter l'alia, che le azioni della CASA erano contrarie agli Articoli d’Associazione della società che prevedevano che ci fosse bisogno almeno del 75% dei voti per un cambio di gestione. Dichiarò anche la sua intenzione di ritirarsi dal progetto della società di acquistare nuovi aeroplani e sottolineò che le azioni del Governo stavano seriamente danneggiando l'immagine del paese e la sua attrattiva nei confronti di investitori esteri.
21. Il 21 giugno 2002 l'EBRD scrisse al Primo Ministro della Moldova e si preoccupò della pressione posta sulla società e circa il “cambio arbitrario e commercialmente non necessario della gestione della linea aerea.” Sottolineò che simili azioni del Governo avrebbero potuto condurre alla conclusione di qualsiasi investimento dell’ EBRD in Moldova e che l’ eventuale ritiro della Banca di Dresdner dal finanziamento della società avrebbe anche condotto al ritiro dell'EBRD.
22. Il 3 luglio 2002 la Banca di Dresdner informò la società del suo ritiro della linea di credito per l'acquisto degli aeroplani Embraer.
23. Il 18 luglio 2002 UV scrisse alla CASA e propose di trovare una soluzione al problema tramite una riorganizzazione della società in una società di joint-stock e l’inclusione di EBRD come azionista. Sottolineò che altrimenti la società rischiava di perdere l'anticipo di USD 3.7 milioni pagato al fabbricante di aerei brasiliano e e di incorrere sanzioni penali fino a USD 7 milioni. Sembra che la proposta di UV non fu seguita.
4. Gli atti fra UV ed la CASA
24. Il 26 giugno 2002 UV intentò un'azione civile contro la CASA, impugnando il cambio del CEO sul fatto che era contrario agli Articoli d’Associazione.
25. Il 10 luglio 2002 la CASA inentò la sua propria azione contro UV, chiedendo l'annullamento del contratto del 3 marzo 2000 col quale la società era stata creata (vedere paragrafo 8 sopra). I motivi a cui si è appellata la CASA erano, inter l'alia, che i documenti di incorporazione non erano in conformità alle decisioni Statali e che il richiedente non aveva la qualità giuridica per essere un partner nella società.
26. UV contestò l'azione della CASA, dibattendo, inter l'alia, che aveva la qualità giuridica e che, sotto la Legge sull’ Investimento Estero, le società con investimenti esteri non erano legate alle decisioni Statali ma esclusivamente alle leggi decretate dal Parlamento. Dibatté anche che in qualsiasi caso non c'era proibizione sotto la legge Moldava nello stipulare negli Articoli d’Associazione di una società che ci fosse bisogno di una percentuale più alta di voti per l'elezione della gestione.
27. La Corte Economica della Repubblica della Moldova unì le due azioni e, il 6 agosto 2002, si espresse a favore della CASA. La corte respinse l'azione della UV per il fatto che, in conformità con la Decisione Governativa sulle Imprese N.ro 500 del 10 settembre 1991, un capo ufficiale esecutivo doveva essere eletto con una semplice maggioranza del51%.
28. Allo stesso tempo la Corte Economica sostenne l'azione della CASA contro UV, ordinando la rescissione del contratto con la quale la società era stata creata. La corte sostenne tutti gli argomenti si a cui si era appellata la CASA ed aggiunse anche, di sua propria iniziativa che non aveva in suo possesso alcuna prova che UV aveva pagato il suo contributo di USD 2,384,705 nel finanziamento legale della società.
29. Nella parte operativa della sentenza la Corte Economica fece il seguente ordine:
“Le parti saranno messe nella stessa posizione di come erano state prima della conclusione del contratto, a seguito di una revisione e di un controllo di contabile da eseguire da parte del Governo, del Ministero delle Finanze e dall'Autorità Statale di Aviazione Civile con la partecipazione di UV (in rumeno: Readucerea părţilor la situaţia iniţială se va efectua după o verificare de audit contabilă şi stabilirea cuantumului investiţiilor efectuate. Alineatul dat al hotărârii judecătoreşti se va executa de către Guvernul RM, Ministerul Finanţelor, Administraţia de Stat a Aviaţiei Civile, cu participarea ÎCS „Unistar Ventures GmbH”).”
30. La corte ordinò anche che UV pagasse le parcelle del tribunale nell'importo di MDL 180,000 (circa EUR 13,427).
31. UV fece ricorso contro la sentenza, ma il suo ricorso fu respinto dalla Corte di giustizia Suprema il 18 settembre 2002. Nessuna nuova ragione fu data dalla Corte di giustizia Suprema.
32. La decisione della Corte Economica del 6 agosto 2002 divenne definitiva e poco dopo allora in poi la società fu riorganizzata e registrata di nuovo come una società aerea Statale chiamata Air Moldova. Sembra che la società di registrata di nuovo ha tenuto tutti i beni e i debiti della società.
4. Gli eventi che ebbero luogo dopo gli atti
33. Il 25 ottobre 2002 UV scrisse una lettera alla CASA ed alla società Statale Air Moldova, richiedendo il rimborso del suo investimento entro il 29 ottobre 2002. UV affermò anche che se i soldi non fossero stati pagati, avrebbe intrapreso tutte le misure necessarie fino al sequestro degli aeromobili Air Moldova sul territorio tedesco.
34. Il l4 novembre 2002 UV richiese dalla Corte Economica una garanzia di esecuzione a riguardo della decisione del 6 agosto 2002.
35. Il 21 novembre 2002 la Corte Economica rispose che nessuna garanzia di esecuzione avrebbe potuto essere emessa perché l’ esecuzione sarebbe stata eseguita solamente sulla base della sentenza del 6 agosto 2002.
36. Il 6 dicembre 2002 UV scrisse una lettera al Governo della Moldova ed al Ministero della Finanza chiedendo a loro di attenersi alla decisione del tribunale del 6 agosto 2002, così come mettere le parti nella stessa posizione di come erano stati prima della conclusione del contratto di joint venture.
37. Il 26 dicembre 2002 la Corte dei Conti della Repubblica della Moldova, il corpo che controlla la formazione, l’amministrazione e l’ uso delle finanze pubbliche in Moldova ha emesso una decisione riguardo all'amministrazione dei soldi pubblici riguardo alla società. Trovò, inter l'alia, che UV aveva investito USD 2.384 milioni nel finanziamento legale della società, rappresentando il 49% del capitale che, in data dell'esame della Corte dei Conti, fu saldato completamente da UV. La decisione della Corte dei Conti fu pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.
38. Il 20 febbraio 2003 il Ministero delle Finanze rispose alla lettera di UV del 6 dicembre 2002 indicando che poiché non era il beneficiario dell'investimento, non poteva pagare.
39. Poiché la Cancelleria Statale del patrimonio immobiliare stava rifiutando di registrare di nuovo i beni della precedente società Moldava -tedesca a nome della società Statale riorganizzata sulla base di mancanza di chiarezza della sentenza del 6 agosto 2002, la CASA fece una richiesta alla Corte Economica, il 12 febbraio 2004, chiedendole di chiarificare la sentenza a quel riguardo.
40. Il 6 maggio 2004 UV rivolse una richiesta simile alla Corte Economica chiedendo, inter alia, la chiarificazione della ragione per ordinare una revisione e un controllo contabile una volta che l’entità dell'investimento fosse conosciuto dalle parti. Chiese anche chi doveva eseguire il controllo e se avrebbe dovuto essere un cittadino, un’organizzazione internazionale, governativa o non-governativa. Infine chiese il tempo-limite per l’esecuzione del controllo e il chiarimento della frase nella sentenza “con la partecipazione di UV.”
41. Il 18 maggio 2004 la Corte Economica sostenne la richiesta della CASA ed ordinò che i beni fossero registrati nuovamente a suo nome. Allo stesso tempo, riferendosi alla richiesta di UV, la corte dibatté che la parte operativa della sentenza fosse abbastanza chiara a riguardo della restituzione dell'investimento di UV e che poiché alla corte non erano state presentate [durante i procedimenti] prove che stabilivano l'importo esatto, fu ordinato un controllo di revisione, così che il suo importo avrebbe potuto essere stabilito e avrebbe potuto essere rimborsato ad UV.
42. Il 20 maggio 2005, la CASA scrisse ad UV proponendo di tenere una riunione entro i successivi quindici giorni per concordare il metodo di esecuzione della sentenza del 6 agosto 2002 dopo la comunicazione di questa causa al Governo. In particolare, sottolineò che era necessario concordare sulla revisione della società da intraprendere, sui costi della revisione e le domande da porre al revisore dei conti.
43. Il 26 maggio 2005 il rappresentante della UV rispose che era pronto ad incontrare i rappresentanti della CASA e che era disponibile in qualsiasi data eccetto il 30 e il 31 maggio e il 1, il2, il 6 e il 14 giugno 2006.
44. Il 23 agosto 2005 una riunione fra i rappresentanti della CASA, il Ministero delle Finanze ed UV ebbe luogo e fu concordato che i primi due avrebbero formulato delle domande da porre al revisore dei conti e le avrebbero spedite ad UV per commenti. Il rappresentante della UV espresse il suo disaccordo con la proposta delle altre parti per la quale la società dovrebbe contribuire ai costi del controllo della revisione. Dibatté che, secondo la sentenza, il controllo della revisione avrebbe dovuto essere eseguito dal Governo, dal Ministero delle Finanze e dalla CASA mentre UV doveva solamente “partecipare.”
45. Il 30 maggio 2005 la CASA scrisse alla Corte Economica chiedendole di chiarificare la sentenza del 6 agosto 2002, vale a dire chiarificare chi doveva organizzare la revisione e il controllo contabile e quale fosse la misura richiesta di coinvolgimento del Governo, del Ministero delle Finanze, della CASA ed di UV. La CASA chiese anche una chiarificazione riguardo al come la società dovesse eseguire il controllo quali fossero le domande da porre e chi dovesse pagare il controllo della revisione. Sembra che la Corte Economica non esaminò mai questa richiesta.
46. Il 5 ottobre2005 il rappresentante della UV ricevette dalla CASA una serie di domande da porre
al revisore dei conti. Le domande sollevavano problemi come lo stato finanziario di Air Moldova al tempo della sua nuova riorganizzazione in una società Moldava -tedesca, la sua evoluzione finanziaria l'impatto del contratto per l'acquisto degli aeroplani di Embraer sulla società, la maniera in cui fu usato l'investimento di UV, lo stato finanziario della società in data in cui il contratto dell'associazione fu dichiarato privo di valore legale e l'importo che dovrebbe essere restituito ad UV. La CASA propose anche che il controllo di revisione dovesse essere eseguito da Deloitte & Touche e che i costi del controllo avrebbero dovuto essere divisi fra tutte le parti.
47. Il 19 ottobre 2005 il rappresentante della UV rispose alla CASA e dibatté che le domande proposte non erano coerenti con la parte operativa della sentenza del 6 agosto 2002 e con la decisione del 18 maggio 2004, poiché -secondo -il controllo di revisione era inteso per stabilire l'importo del denaro investito da UV in modo da rimborsarlo, ma non per simile problemi come l'impatto dei contratti conclusi dalla società durante la sua esistenza. Dibatté anche che l'evoluzione finanziaria della società era irrilevante al fine di mettere le parti “nella stessa posizione di come erano state prima della conclusione del contratto.” UV propose due domande che, secondo lei, erano coerente con la parte operativa della sentenza del 6 agosto 2002 e che sollevavano questioni come scoprire l'importo esatto dell'investimento di UV e dell'interesse di mora a causa dell’impossibilità di UV di usarlo.
48. L’ 8 novembre 2005 la CASA invitò il rappresentante della UV ad un'altra riunione da tenersi il 10 novembre. Comunque, il rappresentante declinò l'invito sulla base che era occupato in quella data. Chiese alla CASA d’informarlo delle riunioni almeno con una settimana di anticipo.
49. Il 28 dicembre 2005 la CASA depositò un’istanza con la Corte Economica chiedendole di correggere l'enunciazione della sua sentenza del 6 agosto 2002 e dibattendo che la parte operativa differiva da quella pronunciata oralmente il 6 agosto 2002.
50. Il 30 dicembre 2005 la Corte Economica sostenne l’istanza della CASA e corresse la parte operativa (vedere paragrafo 29 sopra), come suggerito dalla CASA, cancellando le parole “la revisione” e “con la partecipazione di.”
51. Il 3 gennaio 2006 il Vicepresidente della Corte Economica scrisse all'Agente Statale informandolo, inter l'alia che se UV avesse posseduto la prova per stabilire l'importo del suo investimento per recuperare i soldi, allora avrebbe dovuto dare la prova al Ministero delle Finanze.
52. Il 2 marzo 2006 una riunione fu tenuta fra i rappresentanti della CASA, il Governo, l’ UV il Ministero delle Finanze e la società Statale Air Moldova in cui i rappresentanti dello Stato insisterono sulle stesse domande come proposte a UV il 5 ottobre 2005. Inoltre, questa volta proposero proposto che il controllo di revisione fosse eseguito dal Centro Nazionale per l'Analisi Competente sotto il controllo del Ministero della Giustizia. Il rappresentante della UV concordò con le domande ma si preoccupò dell'indipendenza del revisore dei conti proposta dai rappresentanti dello Stato. Infine, il rappresentante della UV concordò col revisore dei conti proposto, soggetto alla richiesta di visionare di tutti i documenti che gli sarebbero stati dati .
53. Sembra che a UV non furono spediti i documenti presentati al Centro Nazionale per l'Analisi Competente.
54. Il 6 aprile 2006 i secondi stesero un rapporto “tecnico-scientifico”. Inizialmente il rapporto sarebbe stato firmato dal Ministro della Giustizia, come ordinato dal Primo Ministro della Moldova. Comunque, il Ministro della Giustizia scrisse al Primo Ministro esprimendo il suo punto di vista per cui la società richiedente avrebbe potuto contestare l'indipendenza e l'imparzialità del Centro Nazionale per l'Analisi Competente per il fatto che era subordinato al Ministero della Giustizia. Espresse il punto di vista secondo il quale il rapporto sarebbe stato più credibile se fosse stato firmato dagli esperti che l'avevano redatto ma non da lei. La sua proposta fu accettata ed il rapporto fu firmato dagli esperti.
55. La conclusione del rapporto era, inter alia, che UV aveva investito USD 2,384,705 nell’Air Moldova, ma poiché i soldi erano stati pagati come anticipo al fabbricante di aerei brasiliano, avrebbero potuto essere rimborsati solamente ad UV dopo che Air Moldova lo avesse recuperato o quando gli aeroplani di Embraer fossero stati consegnati a Air Moldova. Inoltre, il rapporto affermò che i soldi investiti da UV non erano stati usati tramite Air Moldova nel suo esercizio d'impresa, così UV non avrebbe potuto avanzare nessuna rivendicazione di parte del profitto guadagnato durante gli anni 2000-2002 e non avrebbe potuto essere ritenuta responsabile per qualsiasi parte delle perdite.
56. L’ 11 settembre 2006 la Corte dei Conti della Repubblica della Moldova emise una decisione a riguardo della creazione del finanziamento legale della Società Aerea Moldova- tedesca Air Moldova. Trovò, inter alia che dei documenti erano stati distrutti in conformità con la legge, mentre altri erano contraddittori, e decise di rinviare i materiali al Centro per la Lotta contro il Crimine Economico e la Corruzione per un’ indagine.
57. Il 13 dicembre 2006 la CASA scrisse alla Corte Economica e chiese di nuovo una chiarificazione del metodo di esecuzione della sentenza del 6 agosto 2002.
58. Il 23 marzo 2007 la Corte Economica emise di nuovo una sentenza esplicativa nella quale spiegò che le parti avrebbero dovuto recuperare tutti i beni e il denaro con cui avevano partecipato alla società e che qualsiasi profitto ottenuto dalla società durante la sua esistenza avrebbe dovuto essere diviso fra loro in conformità con la percentuale della loro partecipazione.
59. Nell’ aprile 2007, dopo che la causa fu dichiarata ammissibile dalla Corte, le parti furono d'accordo nel contrarre una società di revisione estera al fine di determinare l'importo dovuto alla società richiedente.
60. Il 21 settembre 2007 il Governo e la società richiedente firmarono un accordo con Deloitte & Touche. Le parti furono d'accordo nell’ accettare senza alcuna riserva i risultati del rapporto che era previsto per il 1 maggio 2008. Secondo il suo mandato, Deloitte & Touche doveva determinare gli importi da risarcire ai fondatori in proporzione al loro portafoglio azioni come al 25 settembre 2002 e in conformità con gli Standard di Contabilità Nazionali e le decisioni di corte pertinenti. Il mandato non prevedeva la conversione degli importi in una particolare valuta e il calcolo di un qualsiasi interesse sugli importi dovuto.
61. Il 23 aprile 2008 Deloitte & Touche emise un rapporto nel quale determinò che la società richiedente aveva investito USD 2,384,705 nel capitale di quota della società e che la parte del profitto che le fu concesso corrispondeva a MDL 13,055,376 (EUR 984,108) al 25 settembre 2002. Sembra dalle osservazioni delle parti che loro abbiano accettato il rapporto senza alcuna riserva. Nondimeno, la società richiedente non è stata risarcita ad oggi a causa delle opinioni divergenti riguardo all'interesse scaduto.
II. MATERIALI ATTINENTI NON FACENTI PARTE DELLA CONVENZIONE
62. Le disposizioni attinenti del Codice civile in vigore al tempo attinente si legge come segue:
“Articolo 50. La nullità dei contratti che non sono in conformità con la legge
...
Quando un contratto viene dichiarato privo di valore legale, ogni parte deve ridare all’altra parte tutto ciò è stato ricevuto da questa sulla base del contratto...
Articolo 198. Sentenza con la quale ad un soggetto giuridico viene ordinato di pagare dei soldi
Quando la corte ordina a un soggetto giuridico... deve indicare nella parte operativa della sentenza la natura degli importi che devono essere pagati, ed il conto dal quale saranno dedotti gli importi.
Articolo 207. Esecuzione della sentenza
Una sentenza della corte deve essere eseguita dopo che diviene definitiva, a parte per le cause di esecuzione immediata.
Articolo 337. Documenti di esecuzione
I documenti di esecuzione sono:
1) garanzie di esecuzione emessi sulla base di sentenze dei tribunali e decisioni, regolamenti amichevoli accettati dal tribunale...
Articolo 338. Emissione di una garanzia di esecuzione
Una garanzia di esecuzione deve essere emessa al querelante da un tribunale, dopo che la sentenza è divenuta definitiva...
La garanzia di esecuzione deve essere data personalmente al querelante, o se lui richiede così, deve essere spedita direttamente al Settore di Esecuzione di sentenze del tribunale da parte del Ministero della Giustizia.
Articolo 343. Richiesta di esecuzione
L'ufficiale giudiziario avvierà l'esecuzione di una sentenza su richiesta di [una delle parti dei procedimenti]...
Articolo 361. Aggiornamento di esecuzione
L'ufficiale giudiziario può aggiornare l'esecuzione solamente su richiesta del querelante o sulla base di un ordine del tribunale”.
63. Secondo l’Articolo 143 (8) del Codice di Procedura Civile in vigore al tempo attinente i rapporti competenti sarebbero ordinati dal giudice, allo stadio di preparazione della causa per i dibattiti, dopo avere consultato le parti.
64. Il 12 giugno 2003 un nuovo Codice civile fu decretato, le cui disposizioni attinenti si leggono come segue:
Articolo 619. Interesse di mora
“(1) l’interesse di mora è pagabile per l’esecuzione ritardata di obblighi materiali. L’interesse di mora sarà il 5% superiore al tasso di interesse previsto dall’ Articolo 585 [tasso di interesse di rifinanziamento NBM ] a meno che la legge o il contratto preveda altrimenti. La prova che si è incorsi in un danno inferiore sarà ammissibile.
(2) in situazioni non relative a consumatori un interesse di mora sarà il 9% superiore al tasso di interesse previsto dall’ Articolo 585 a meno che la legge o il contratto preveda altrimenti. La prova che si è incorsi in un danno inferiore sarà inammissibile.”
65. La sentenza esplicativa del Plenario della Corte di giustizia Suprema, N.ro 12 del 25 aprile 2000 enuncia:
“... Una sentenza del tribunale deve essere certa, completa, chiara, coerente e convincente...
È proibito usare… una lingua… superflua e poco chiara
Nessuna sentenza sarà pronunciata la cui esecuzione dipende dall'adempimento di un requisito indispensabile.”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
66. La società richiedente si lamentò che la non-esecuzione della sentenza definitiva del 6 agosto 2002 aveva violato il suo diritto al godimento tranquillo della sua proprietà sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che, nella parte attinente, prevede:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale…”
A. Le osservazioni delle parti
1. Le osservazioni della società richiedente
67. La società richiedente presentò prima di tutto che la pressione posta su di lei, a partire dal gennaio 2002, ed i susseguenti procedimenti che terminarono con la sentenza finale del 6 agosto 2002 erano il risultato dell'attuazione da parte del Governo del programma del Partito comunista (vedere paragrafo 17 sopra).
68. Secondo la società richiedente, vincolando l'esecuzione della sentenza del 6 agosto 2002 ad un controllo di revisione perseguiva lo scopo di differire o anche impedire il risarcimento dei soldi investiti da lei. Imporre quella condizione era illegale perché era contraria alla sentenza esplicativa della Corte Plenaria Suprema di giustizia, N.ro 12 del 25 aprile 2000. La società richiedente ha ammesso che, sotto il diritto nazionale, le sentenze esplicative della Corte Suprema erano in teoria non vincolante nei confronti dei tribunali inferiori; non c'era comunque, chiarimento riguardo a perché la Corte Suprema aveva trascurato la sua propria giurisprudenza. Inoltre, la società richiedente ha sottolineato il fatto che il Governo non aveva presentato nessuna giurisprudenza nazionale in cui la Corte Suprema si sarebbe discostata dalle sue sentenze esplicative.
69. Il fatto che la sentenza del 6 agosto 2002 avesse ordinato un controllo di revisione dopo che la sentenza era divenuta definitiva era anche contrario all’ Articolo 143(8) del Codice di Procedura Civile che chiaramente enunciava che un controllo competente avrebbe dovuto essere ordinato durante i procedimenti ma non dopo. La società richiedente addusse che i tribunali che considerarono la sua causa non erano indipendenti dal Governo. Secondo lei il problema della restitutio in integrum non era così complesso da richiedere un controllo di revisione. Era sufficiente risarcire alla società richiedente i soldi investiti e il 49% del profitto ottenuto dalla società durante la sua esistenza.
70. La società richiedente presentò inoltre che il Governo non aveva intrapreso nessun passo per eseguire la sentenza del 6 agosto 2002, una sentenza che era in qualsiasi caso illegale secondo lei . Il Governo ha iniziato ad agire solamente dopo la comunicazione di questa causa con la Corte e tutti i loro atti perseguivano lo scopo evitare il pagamento di qualsiasi risarcimento ad UV. La società richiedente spedì alla Corte una copia di un articolo di giornale contenente una dichiarazione dell'Ambasciatore degli Stati Uniti in Moldova in cui fu menzionato, inter alia che molte società straniere inclusa UV erano state private dei loro investimenti in Moldova senza alcun risarcimento.
71. Riferendosi alla dichiarazione del Governo che questa (UV) avrebbe dovuto presentare una prova concernente il suo investimento nel finanziamento legale della società, la società richiedente dibatté che la Corte dei Conti della Repubblica della Moldova nella sua decisione del 26 dicembre 2002 aveva chiaramente stabilito l'importo dell'investimento nel finanziamento legale (vedere paragrafo 37 sopra). La società richiedente dibatté anche che era incontrastato che aveva trasferito USD 2,384,705 alla società e che la contabilità documenta della società ha mostrato questo importo come il contributo di UV al finanziamento legale. In qualsiasi caso i soldi non potevano essere trasferiti per altri fini siccome non vi era alcuna considerazione se non la sottoscrizione di quote. Inoltre, il fatto che i soldi erano stati trasferiti nel finanziamento legale era stato stabilito anche da due società indipendenti, KPMG ed E. & G., nei loro rendiconti contabili annuali per il 2000-2003 che hanno provato che UV aveva investito USD 2,384,705 nel finanziamento legale della società.
72. La società richiedente dibatté che mentre la sentenza del 6 agosto 2002 era illegale sotto il diritto nazionale in quanto non specificava l'importo esatto di soldi da corrisponderle, stabiliva ancora chiaramente che il richiedente aveva una rivendicazione valutaria nei confronti del Governo nell'importo del suo investimento nella società. Questa rivendicazione potrebbe essere considerata una proprietà ai i fini dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. L'insuccesso nel pagare alla società richiedente i soldi investiti ha costituito un'interferenza col diritto alla proprietà che non era prevista per legge, non era nell'interesse pubblico ed era sproporzionata.
73. Nelle sue osservazioni del 15 luglio 2006 la società richiedente informò la Corte che il Governo non era felice della decisione della Corte dei Conti della Repubblica di Moldova del 26 dicembre 2002 (vedere paragrafo 37 sopra) perché non era coerente con la sua posizione in questa causa. Attrasse l'attenzione della Corte sul fatto che il Governo stava intraprendendo misure dirette a correggere questa decisione. La società richiedente espresse la prospettiva secondo cui la decisione sarebbe cambiata entro il tempo in cui le osservazioni definitive del Governo venivano richieste.
2. Le osservazioni del Governo
74. Il Governo dibatté che il Centro Nazionale per l'Analisi Competente aveva trovato nel suo rapporto del 6 aprile 2006 (vedere paragrafo 54 sopra) che USD 2,384,705 non erano stati infatti investiti da UV nel finanziamento legale della società ma erano stati usati dalla società per l'acquisto di aeroplani Embraer e che il rimborso sarebbe stato solamente possibile dopo che gli aeroplani fossero stati consegnati o i soldi fossero statati risarciti dal fabbricante di aerei brasiliano.
75. Secondo il Governo, la decisione della Corte dei Conti della Repubblica di Moldova del 26 dicembre 2002 (vedere paragrafo 37 sopra) dovrebbe essere trascurata perché non si concentrò sugli investimenti fatti dalle parti nella società, ma piuttosto sull'attività sia della Società di proprietà dello Stato “Air Moldova” sia della società durante il periodo 1998-2002. Il Governo si riferì ad una nuova decisione della Corte dei Conti dell’11 settembre 2006 (vedere paragrafo 56 sopra) che secondo lui era più attinente perché si concentrava sulla creazione del finanziamento legale della società. Il Governo contestò le osservazioni del richiedente fatte nel paragrafo 73 sopra e ha dibattuto che la Corte dei Conti aveva agito di sua propria iniziativa senza alcuna pressione dal Governo.
76. Secondo il Governo, rendendo l'esecuzione della sentenza del 6 agosto 2002 soggetta ad un requisito indispensabile ha corrisposto ad una sospensione provvisoria dell’ esecuzione possibile sotto il Codice di Procedura Civile. Di conseguenza, non ha contraddetto la sentenza esplicativa della Corte Plenaria Suprema di giustizia. In qualsiasi caso, dibatté che le sentenze esplicative della Corte di giustizia Suprema erano vincolanti sui tribunali inferiori.
77. Rendere l'esecuzione della sentenza soggetta ad un requisito indispensabile era stato dettato dal bisogno di avere un'immagine chiara degli investimenti efficacemente fatti da UV nella società. Se la società richiedente avesse presentato ai tribunali prove riguardo all'importo del suo investimento, i tribunali non avrebbero sottoposto l'esecuzione della sentenza ad un requisito indispensabile.
78. Il Governo dibatté inoltre che la società richiedente non aveva presentato alcuna prova che le autorità avevano interferito con il processo di esecuzione per impedirlo, invalidarlo o rimandarlo. Al contrario, sia i tribunali nazionali che il Governo hanno fatto tutto il possibile per assicurare che un controllo di revisione venisse eseguito irreprensibilmente e rapidamente.
79. Nelle loro osservazioni di precedenti all’ammissibilità sui meriti, il Governo dibatté, che la società richiedente non aveva una proprietà ai sensi di quell’ Articolo perché il debito della sentenza non era stato stabilito chiaramente. Nelle loro osservazioni finali sui meriti, il Governo presentò, che la società richiedente non aveva una proprietà sino a dopo che l'importo fosse stato determinato in un rapporto di contabilità. Rendere l'esecuzione della sentenza condizionale all’esecuzione di un controllo di revisione deve essere considerato come un controllo provvisorio dell’ uso della proprietà che non era contrario all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 poiché era stato fatto da un tribunale in conformità con la legge. Secondo il Governo, rendendo il pagamento dei soldi al richiedente condizionale nella sentenza del 6 agosto 2002 all’esecuzione di un controllo di revisione preliminare, ha perseguito lo scopo legittimo di “tentare di escludere l'arbitrarietà nelle aree di protezione degli interessi degli investitori esteri e nell'amministrazione di finanziamenti pubblici in una società che era in un processo di transizione.” Il Governo dibatté anche che la società richiedente non sopportò un carico eccessivo perché il suo investimento sarebbe stato rimborsato appena l'importo esatto fosse stato stabilito.
80. Secondo il Governo la non-esecuzione era dovuta al comportamento della società richiedente. Si è appellato alla lettera del 3 gennaio 2006 della Corte Economica (vedere paragrafo 51 sopra) e dibatté che la società richiedente avrebbe dovuto fornire al Ministero delle Finanze documenti che confermavano che il suo investimento dovesse essere risarcito, ma non aveva fatto così.
81. Dal 30 dicembre 2005 la società richiedente era sotto l’ obbligo di partecipare al controllo di revisione (vedere paragrafo 50 sopra); comunque, non aveva fatto nulla a quel proposito .
82. Riferendosi alla lettera del rappresentante della società richiedente del 26 maggio 2005 (vedere paragrafo 43 sopra), il Governo dibatté che era la prova della mancanza di interesse da parte della società nel risolvere rapidamente il problema. Inoltre, il fatto che UV non ha voluto sopportare il costo del controllo di revisione (vedere paragrafo 44 sopra) era inoltre prova della sua mancanza di interesse in un'esecuzione veloce della sentenza.
83. Nelle loro osservazioni del 14 aprile 2006 il Governo fece riferimento alla lettera dalla Corte Economica del 3 gennaio 2006 rivolta al Governo (vedere paragrafo 51 sopra) e dibatté che era sufficiente per il richiedente presentare al Ministero delle Finanze una prova concernente il suo investimento per essere risarcito.
84. Nelle sue osservazioni del 18 settembre 2006 il Governo dibatté che il controllo di revisione era stato ordinato nella prospettiva di verificare quanto dell'investimento era rimasto dopo la creazione e la liquidazione della società. Secondo il Governo, la creazione e la liquidazione comportarono dei costi che dovevano essere divisi fra le parti sulla base del loro contributo al finanziamento legale: dal 51% al 49%. Dibatté anche che dopo il controllo del 6 aprile 2006 (vedere paragrafi 54 e 55 sopra) le parti hanno dovuto firmare il rapporto e darlo ad un tribunale per approvazione.
85. Secondo il Governo, la CASA aveva firmato il rapporto del 6 aprile 2006 mentre la società richiedente si era rifiutata di firmarlo. Questa era un'altra indicazione che la sua intenzione era di protrarre l'esecuzione della sentenza del 6 agosto 2002 a tutti i costi.
86. Il Governo affermò inoltre che se UV fosse stata sicura di avere investito soldi nel finanziamento legale della società, avrebbe dovuto presentare semplicemente la prova piuttosto che sostenere le spese supplementari di un controllo di revisione. Espresse il suo stupore per il fatto che UV aveva presentato per la prima volta simili documenti nei procedimenti di fronte alla Corte. Allo stesso tempo, dibatté comunque, che i documenti presentati dal richiedente non hanno provato che l'investimento era stato reso nel finanziamento legale della società. Il Governo concluse che la vera intenzione di UV era ottenere una sentenza dalla Corte a suo favore a qualsiasi costo.
B. La valutazione della Corte
87. Il Governo dibatté che la società richiedente non aveva una proprietà all'interno del significato dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 sino a dopo che l'importo fosse stato determinato in un rapporto di contabilità. Ne segue che secondo il Governo, la società richiedente iniziò ad avere una proprietà solamente dal 23 aprile 2008 quando Deloitte & Touche emise il suo rapporto (vedere paragrafo 61 sopra).
88. La Corte reitera che l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 protegge i beni materiali, come debiti (vedere Pressos Compania Naviera S.A. ed Altri c. Belgio, 20 novembre 1995, § 31 Serie A n. 332).
89. Per determinare quando la società richiedente iniziò ad avere una “ proprietà” ai fini dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, la Corte deve accertare se la sentenza del 6 agosto 2002 ha generato un debito a suo favore che fosse sufficientemente stabilito da essere esecutivo (vedere Stran Raffinerie greche e Stratis Andreadis c. Grecia, 9 dicembre 1994, § 59 Serie A n. 301-B).
90. Nota che la legislazione nazionale attinente, in particolare l’Articolo 50 del Codice civile ha riconosciuto alla società richiedente un diritto alla “restitutio in integrum” come risultato della rescissione del contratto del 3 marzo 2000 fra lei e la CASA (vedere paragrafo 62 sopra). I tribunali nazionali riconobbero anche nelle loro sentenze del 6 agosto 2002 e del 18 settembre 2002 il diritto della società richiedente alla “restitutio in integrum” (vedere paragrafi 29 e 31 sopra). Per le ragioni esposte sotto, la Corte considera, che quelle sentenze generarono un debito a favore della società richiedente che era stato sufficientemente stabilito da essere esecutivo. Il debito consisteva nel rimborso dell'investimento iniziale ed il ritorno del profitto guadagnato dalla società durante la sua esistenza.
91. Riguardo al rimborso dell'investimento iniziale la Corte nota che è incontrastato che UV investì USD 2,384,705 nella società. Questo importo appariva nei rendiconti di revisione contabile annuali della società del 2000-2002 (vedere paragrafo 71 sopra) e nella decisione della Corte dei Conti del 26 dicembre 2002 (vedere paragrafo 37 sopra). Inoltre, mentre il Governo insisteva che il controllo di revisione fatto dal Centro Nazionale per l’ Analisi Competente era stato necessario per stabilire l'importo esatto dell'investimento di UV, la Corte nota che anche le domande fatte al Centro Nazionale per l'Analisi Competente dal Governo hanno suggerito che l'importo dell'investimento gli era ben noto. In particolare, al Centro Nazionale per l'Analisi Competente non fu chiesto quanto UV aveva investito nella società, ma come il suo investimento era stato usato (vedere paragrafo 46 sopra).
Quello che è stato contestato fra le parti prima dell’ aprile 2008, quando Deloitte & Touche emise il suo rapporto, era se i soldi erano stati investiti nel finanziamento legale o usati per altri fini. Comunque, la Corte non considera questo problema di qualsiasi attinenza, poiché appare in modo chiaro dalla decisione del 6 agosto 2002, come più tardi chiarito il 18 maggio 2004, che l'intenzione della Corte Economica era che la società richiedente venisse risarcita dell'importo del suo investimento nella società a prescindere dal fatto che i soldi furono investiti nel finanziamento legale o investiti altrove (vedere paragrafi 29 e 41 sopra). Questa conclusione è sostenuta anche dalla lettera datata 3 gennaio 2006 spedito all'Agente Statale dal Vicepresidente della Corte Economica (vedere paragrafo 51 sopra), una copia della quale fu presentata alla Corte dal Governo.
92. Riguardo al ritorno del profitto guadagnato dalla società durante la sua esistenza, la Corte nota, che questa parte del debito fu confermata da Deloitte & Touche che attuò un controllo di revisione in conformità coi termini della sentenza della Corte Economica del 6 agosto 2002. Si noterà che la Corte Economica confermò che questa era il caso nella sua sentenza esplicativa del 23 marzo 2007 (vedere paragrafo 58 sopra). Questa è stato anche inoltre, l’accordo comune delle parti nel commissionare la revisione da Deloitte & Touche. Il profitto guadagnato dalla società durante la sua esistenza doveva anche essere facilmente accertabile dai rendiconti gestionali fatti dalla società dalle Autorità Fiscali.
93. La Corte richiama che l’insuccesso da parte delle autorità di eseguire una sentenza definitiva può essere considerato un'interferenza sproporzionata col diritto al pacifico “della proprietà.” Ciò è stato trovato essere il caso in molte occasioni dalla Corte (vedere, per esempio, Prodan c. Moldova, n. 49806/99, ECHR 2004-III (gli estratti); Popov c. Moldova (n. 1), n. 74153/01, 18 gennaio 2005). Nella presente causa, la Corte non trova alcuna ragione di scostarsi dalle sue sentenze nelle cause sopra.
94. La Corte osserva in questo collegamento che la non-esecuzione della sentenza definitiva del 6 agosto 2002 era dovuta, in grande misura, al fatto che la Corte Economica non aveva indicato nella sua sentenza l'importo da pagare alla società richiedente, nonostante le disposizioni dell’ Articolo 198 del Codice civile (vedere paragrafo 62 sopra). Sarà osservato che l'importo dell'investimento iniziale e l'importo dei profitti guadagnati dalla Società era prontamente e facilmente accertabile. La Corte si riferisce ai suoi ritrovamenti nei paragrafi 91 e 92 sopra in questo collegamento. La giustificazione per ordinare una procedura a questo fine è così aperta all’indagine .
95. Inoltre, la sentenza della Corte Economica fu redatta in modo tale da rendere l’esecuzione completamente dipendente dalla volontà di una delle parti dei procedimenti, vale a dire il Governo. In realtà la sentenza ha ordinato,il ritorno delle parti alla loro posizione originale dopo che il Governo, il Ministero delle Finanze ed la CASA avevano eseguito una revisione e il controllo contabile con la partecipazione della UV (vedere paragrafo 29 sopra). La situazione non cambiò sostanzialmente dopo che furono fatti i cambi alla sentenza del 30 dicembre 2005 poiché il Governo ancora avrebbe potuto decidere quando e se procedere col controllo contabile (vedere paragrafo 50 sopra). Il Governo non poteva essere costretto in qualsiasi modo dal richiedente ad attenersi alla sentenza del 6 agosto 2002 per la semplice ragione che la Corte Economica aveva rifiutato di emettere una garanzia di esecuzione senza specificare i motivi giuridici per il suo rifiuto (vedere paragrafi 34 e 35 sopra). Di conseguenza, il solo modo per eseguire la sentenza per il Governo era per attenersi ad essa volontariamente.
96. Il Governo decise di attenersi alla sentenza del 6 agosto 2002 ed eseguire un controllo di revisione solamente dopo che la Corte aveva comunicato questa causa. Comunque, sembra dalle domande poste al revisore dei conti (vedere paragrafo 46 sopra) che anche a quel punto la sua intenzione non era di stabilire l'importo dell'investimento come ordinato dai tribunali. Era solamente dopo che la causa era stata dichiarata ammissibile, nel febbraio 2008, che il Governo intraprese passi più seri nella prospettiva di attenersi alla sentenza del 6 agosto 2002 e concordò insieme col richiedente di assumere Deloitte & Touche.
97. La Corte non accetta le osservazioni del Governo a proposito del fatto che è stato il comportamento della società richiedente ad impedirgli di attenersi alla sentenza del 6 agosto 2002. Le circostanze della causa indicano chiaramente che la disposizione iniziale da parte del Governo di completare la procedura messa in moto con la sentenza del 6 agosto 2002. Non è riuscito a fare così ad oggi.
98. In simili circostanze, la Corte conclude, che l'interferenza col diritto della società richiedente al pacifico godimento “della proprietà” era sproporzionato e che c'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
99. Poiché le questioni di cui ci si lamenta sotto questo Articolo sono simili a quelle esaminate sotto l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (vedere paragrafi 94-97 sopra), la Corte non considera necessario esaminare separatamente questa azione di reclamo (vedere, mutatis mutandis, Megadat.com S.r.l. c. Moldova, n. 21151/04, § 80 8 aprile 2008; Davidescu c. Romania, n. 2252/02, § 57 16 novembre 2006; Laino c. Italia [GC], n. 33158/96, § 25 ECHR 1999-io; e Zanghì c. Italia, 19 febbraio 1991, § 23 Serie A n. 194-C).
III. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
100. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. danno Materiale
101. La società richiedente chiese EUR 7,533,878 per danno materiale subito come risultato dell'insuccesso delle autorità nell’ eseguire la sentenza del 6 agosto 2002. Questo importo, calcolato come in data in cui la società richiedente presentò le sue rivendicazioni sotto l’Articolo 41 della Convenzione include l'equivalente dell'investimento dalla data in cui la società fu costituita, il 49% del reddito guadagnato dalla società durante la sua esistenza e l'interesse di mora calcolato in conformità con la legislazione della Moldova. La società richiedente ha chiesto anche EUR 2,303 al giorno da calcolare dopo la data in cui presentò le sue rivendicazioni per la soddisfazione equa sino alla data in cui la Corte avrebbe determinato la questione della soddisfazione equa nella causa.
102. Il Governo fu d'accordo nel pagare i soldi investiti dalla società richiedente nella società di joint venture e il 49% del suo profitto come determinato da Deloitte & Touche. Secondo lui questo importo era EUR 3,431,313. Riguardo all'interesse sull'importo sopra, il Governo non era d'accordo con l'importo chiesto dalla società richiedente e ha reiterato la sua rivendicazione secondo cui la non-esecuzione era dovuta al comportamento della società richiedente. Ha contestato il metodo di calcolo usato dalla società richiedente e ha presentato che era pronto ad accettare un importo di EUR 1,514,287.
103. La Corte accetta che la società richiedente abbia sofferto un danno materiale come risultato della violazione dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 trovata sopra. La Corte considera che al richiedente è permesso recuperare il suo investimento perduto ed una parte del profitto della società di joint venture in proporzione al suo portafoglio di azioni. Prendendo in considerazione le circostanze del caso in considerazione e facendo la sua propria valutazione, la Corte assegna un importo totale di EUR 6,700,000 alla società di richiedente per danno materiale.
B. Danno morale
104. Il richiedente chiese EUR 200,000 per il danno morale subito come risultato della non-esecuzione della sentenza del 6 agosto 2002.
105. Il Governo ha contestato l'importo chiesto e ha chiesto alla Corte di respingerlo.
106. La Corte considera che alla società richiedente sia stato provocato un disturbo considerevole, anche solo nella condotta degli affari di ogni giorno della società. Decidendo su una base equa, assegna EUR 3,000 alla società richiedente per danno morale.
C. Costi e spese
107. La società richiedente chiese EUR 9,855 per coprire le parcelle di rappresentanza ed EUR 28,420 per coprire le sue spese riferite al controllo contabile eseguito da Deloitte & Touche.
108. Il Governo contestò l'importo chiesto per le parcelle giuridiche, ritenendolo eccessivo ed irreale alla luce della situazione economica del paese e del salario mensile medio. Ha contestato il numero di ore spese dagli avvocati della società richiedente e le parcelle orarie addebitate da loro e ha dibattuto che gli avvocati avrebbero potuto chiedere una somma di EUR 350 al massimo. Ha contestato anche l'importo di EUR 28,420 e ha dibattuto che secondo la sentenza del 6 agosto 2002 come corretta dalla Corte Economica il 30 dicembre 2005, la società richiedente doveva contribuire al fine di effettuare la verifica di contabilità.
109. La Corte reitera che affinché i costi e le spese vengano inclusi in un’assegnazione sotto l’Articolo 41 della Convenzione deve essere stabilito, che siano stati davvero e necessariamente sostenuti e fossero ragionevoli riguardo al quantum (vedere, per esempio, Amihalachioaie c. Moldova, n. 60115/00, § 47 ECHR 2004-III).
110. Il richiedente non aveva mostrato nessuna base per chiedere i costi della revisione attuata da Deloitte & Touche in accordo con le parti. Di conseguenza, questa rivendicazione viene respinta. D'altra parte la Corte assegna la piena somma chiesta per costi e spese alla società richiedente (EUR 9,855).
D. Interesse di mora
111. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea al quale dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE
1. Sostiene all’unanimità che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
2. Sostiene all’unanimità che non c'è nessun bisogno di esaminare separatamente l'azione di reclamo sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione;
3. Sostiene per sei voti ad uno:
(a) che lo Stato rispondente deve pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi da convertire nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile nella data dell’ accordo:
(i) EUR 6,700,000 (sei milioni i settecento mila euro) riguardo il danno materiale;
(ii) EUR 3,000 (tre mila euro) riguardo il danno morale;
(iii) EUR 9,855 (nove mila ottocento e cinquanta-cinque euro) riguardo i costi e spese;
(iv) qualsiasi tassa che può essere addebitabile sugli importi sopra;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il tasso d’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge all’unanimità il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 9 dicembre 2008, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Lorenzo Early Nicolas Bratza
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.