Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF KOSTIC v. SERBIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, 46, 29, P1-1

NUMERO: 41760/04/2008
STATO: Serbia
DATA: 25/11/2008
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P 1-1 ; Non-pecuniary damage - award ; Pecuniary damage - Government to enforce a demolition order
SECOND SECTION
CASE OF KOSTIĆ v. SERBIA
(Application no. 41760/04)
JUDGMENT
STRASBOURG
25 November 2008
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Kostić v. Serbia,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Ireneu Cabral Barreto,
Vladimiro Zagrebelsky,
Danutė Jočienė,
Dragoljub Popović,
Nona Tsotsoria,
Işıl Karakaş, judges,
and Sally Dollé, Section Registrar,
Having deliberated in private on 4 November 2008,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 41760/04) against the State Union of Serbia and Montenegro, lodged with the Court, under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”), by, at that time, two citizens of the State Union of Serbia and Montenegro, Mr N. K. and Ms Z. K. (“the applicants”), on 2 November 2004.
2. As of 3 June 2006, following the Montenegrin declaration of independence, Serbia remained the sole respondent in the proceedings before the Court.
3. The applicants were represented by Mr A. M., a lawyer practicing in Belgrade. The Government of the State Union of Serbia and Montenegro and, subsequently, the Government of Serbia (“the Government”) were represented by their Agent, Mr S. Carić.
4. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention about the non-enforcement of a demolition order rendered in their favour.
5. On 11 September 2006 the Court decided to give notice of the application to the Government. Under the provisions of Article 29 § 3 of the Convention, it decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicants are spouses. They were both born in 1947 and currently live in Belgrade.
7. The facts of the case, as submitted by the parties, may be summarized as follows.
8. The applicants and a certain M.P. were co-owners of a house and five other buildings in Belgrade.
9. On 21 May 1998 M.P. obtained a building permit for the partial reconstruction of the house co-owned by the applicants, authorizing him to convert his flat into a duplex and enlarge it by approximately 100 meters squared.
10. M.P. started with the construction work immediately thereafter.
11. On 7 August 1998, on the basis of an on-site intervention, the Inspectorate of the Voždovac Municipality (“the Municipality”) concluded that M.P. was not performing the construction work in line with the building permit. It therefore ordered him to stop all work and to file a request for a new permit.
12. On 2 September 1998 the Inspectorate ordered M.P. to demolish, within three days, that part of the construction which had been erected contrary to the building permit.
13. On 11 September 1998 the Inspectorate issued an enforcement order in this respect.
14. Meanwhile, M.P. filed a request for a new building permit.
15. On 24 September 1998 the Municipality issued a favorable interim decision.
16. On 15 December 1998 the second-instance authority quashed this decision, remitting the case for re-consideration.
17. On 13 July 1999 the Municipality dismissed M.P.'s request for a new building permit, finding that his plan did not satisfy the requirements prescribed by the relevant domestic legislation.
18. On the same date, a technical report noted that “following the recent precipitation” and the construction work undertaken by M.P. the applicants' property had been seriously damaged. In particular, mortar had fallen, walls had cracked, and extensive damp and leakages had appeared throughout the premises.
19. On 27 March 2001 and 20 June 2002 the applicants filed criminal complaints against unidentified officials employed with the Municipality, alleging abuse of office.
20. On 25 November 2003 this complaint was rejected by the Fifth Municipal Public Prosecutor's Office (Peto opštinsko javno tužilaštvo) in Belgrade.
21. Following the entry into force of the new Planning and Construction Act in May 2003, M.P filed a request with the Municipality for the “legalization” of the reconstruction of his flat (see paragraphs 32-34 below).
22. On 22 May 2003 and 11 June 2004 the applicants lodged submissions opposing the said legalisation.
23. On 11 February 2005 the Municipality informed the applicants that M.P. had filed a request for legalisation.
24. On 14 December 2005 M.P. supplemented this request.
25. Over the years, the applicants had repeatedly requested enforcement of the demolition order dated 2 September 1998, but to no avail.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. General Administrative Proceeding Act (Zakon o opštem upravnom postupku, published in the Official Gazette of the Republic of Serbia - OG RS - nos. 55/96, 33/97 and 31/01)
26. Article 39 defines a party to an administrative case as a person at whose request the proceedings have been instituted, a person against whom the proceedings have been brought, or, indeed, any other person who is entitled to participate in the proceedings with a view to protecting his or her rights or interests.
27. Article 261 § 2 provides that an administrative decision shall be executed once it becomes enforceable.
28. Article 268 § 1 provides, inter alia, that the authority in charge of the enforcement of an administrative decision shall, ex officio or at the request of a party, issue an enforcement order. Such an order shall declare that the decision has become enforceable and determine the means and object of the enforcement.
29. Article 271 provides, inter alia, that enforcement proceedings shall be terminated ex officio if the enforcement title itself has been repealed in the meantime. These proceedings shall, however, be stayed “if it is established” that an interim decision, which was being executed, has subsequently been replaced by a contradicting separate “decision in respect of the main issue”.
B. Planning and Area Development Act (Zakon o planiranju i uređenju prostora i naselja, published in OG RS nos. 44/95, 23/96, 16/97 and 46/98)
30. Article 5 provided, inter alia, that an area's development was to be carried out in such a way as to: (i) protect its natural and man-made characteristics; (ii) respect the relevant planning regulations; (iii) preserve its natural resources; and (iv) protect the environment, as well as the public interest in general.
31. This Act was repealed on 13 May 2003.
C. Planning and Construction Act (Zakon o planiranju i izgradnji, published in OG RS nos. 47/03 and 34/06)
32. Articles 160-162 provide, inter alia, that the owner of a building, a flat or, indeed, of any other object erected or reconstructed in the absence of a valid building permit shall have to inform the competent administrative authority (“the authority”) of this situation by 13 November 2003. This authority shall have sixty days to advise the owner about the relevant conditions for the “legalisation” of the construction in question, as well as the documents needed in this regard. The owner himself shall then have another sixty days to comply with this instruction. Should he do so and depending on whether the relevant conditions have been met, the authority shall accept the legalisation sought. In the event, however, that the owner does not abide by the set deadlines, the authority shall adopt a demolition order in respect of the said construction.
33. Article 171 provides, inter alia, that requests concerning the “issuance of building permits”, as well as those to do with “other individual rights and obligations”, lodged before the entry into force of this Act, shall be dealt with on the basis of prior legislation.
34. The Planning and Construction Act entered into force on 13 May 2003.
D. Obligations Act (Zakon o obligacionim odnosima; published in the Official Gazette of the Socialist Federal Republic of Yugoslavia - OG SFRY - nos. 29/78, 39/85, 45/89 and 57/89, as well as in the Official Gazette of the Federal Republic of Yugoslavia - OG FRY - no. 31/93)
35. Article 154 defines different grounds for claiming civil compensation.
36. Article 172 § 1 provides that a legal entity is liable for any damage caused by one of “its own bodies”.
E. Domestic case-law referred to by the Government
37. On 17 May 2005 the First Municipal Court (Prvi opštinski sud) in Belgrade ordered the Municipality of Stari Grad to pay the plaintiff a specified amount of compensation on account of the lost rent. The court relied, inter alia, on Article 172 of the Obligations Act and explained that the plaintiff had been unable to lease his flat for a certain period of time as a result of the Municipality's failure to evict a protected tenant from the flat in question (XVIII P br. 9031/04). On 16 March 2006 this judgment was upheld by the District Court (Okružni sud) in Belgrade (Gž. br. 12872/05).
38. On 21 February 2006 the Municipal Court in Novi Sad ordered the respondent State to pay the plaintiff a specified amount of compensation for the breach of his rights guaranteed under Article 5 of the Convention (P br. 1848/05). On 8 November 2006 this judgment was upheld by the District Court in Novi Sad (Gž. br. 3293/06). Based on such jurisprudence, the Government maintained that the Serbian courts were willing to directly apply the Convention, as well as the Protocols thereto.
F. Property Act (Zakon o osnovama svojinskopravnih odnosa; published in OG SFRY nos. 6/80 and 36/90; as well as in OG FRY no. 29/96 and OG RS no. 115/05)
39. Under Article 25 § 1 if a builder was aware of the fact that he was building on land owned by another, or was not aware of this but the land's owner had immediately expressed his opposition to the work undertaken, the latter shall have the right to: (i) seek recognition of his ownership of the building erected; (ii) request that this building be demolished; or (iii) seek compensation from the builder for the usurped land, based on its market price.
40. Under Article 43, inter alia, a co-owner shall be entitled to file a claim for the protection of his or her rights in respect of an entire property, as well as the protection of that individual's stake therein.
G. Code of Criminal Procedure (Zakonik o krivičnom postupku; published in OG FRY nos. 70/01 and 68/02, as well as OG RS nos. 58/04, 85/05 and 115 /05)
41. Under Articles 61 and 201-212, should a Public Prosecutor reject a criminal complaint filed in respect of a crime prosecuted ex officio, the victim may personally take over the prosecution of his own case before a court and simultaneously file a claim for any civil damages suffered.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
42. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 about the non-enforcement of the demolition order dated 2 September 1998.
43. Article 1 of Protocol No. 1 reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. Compatibility ratione temporis
44. The Government submitted that the application should be rejected as being incompatible ratione temporis with the provisions of Article 1 of Protocol No. 1. In this regard, they noted that the damage suffered by the applicants had been instantaneous and had occurred before 13 July 1999 (see paragraphs 17 and 18 above) whilst Serbia had ratified Protocol No. 1 on 3 March 2004.
45. The applicants maintained that the violations in question were of a continuing nature.
46. Given the fact that the impugned non-enforcement of the demolition order has continued to date, the Court finds that the application is compatible with the provisions of Article 1 of Protocol No. 1 ratione temporis and dismisses the Governments objection in this regard.
2. Compatibility ratione materiae
47. The Government further argued that the application was incompatible ratione materiae with the provisions of Article 1 of Protocol No. 1. They maintained, in particular, that the applicants had requested the adoption of the demolition order based on Article 5 of the Planning and Area Development Act, a provision which was unrelated to the issue of “property rights protection”.
48. The applicants argued that the violation alleged fell within the scope of Article 1 of Protocol No. 1.
49. Irrespective of the legal basis for the adoption of the demolition order, the Court finds that it clearly concerns the peaceful enjoyment of the applicants' property rights (see paragraphs 64-67 below). Accordingly, without prejudging the merits of the applicants' complaint, the Government's objection in this regard must be dismissed.
3. Exhaustion of domestic remedies
50. Finally, the Government submitted that the applicants had not exhausted all effective domestic remedies. In particular, they had failed to: (i) file a civil action against the Municipality, under Article 1 of Protocol No. 1, as well as Articles 154 and 172 of the Obligations Act (see paragraphs 35 and 36 above); (ii) bring a separate civil claim against M.P. personally, in accordance with Article 1 of Protocol No. 1, Article 154 of the Obligations Act and Article 43 of the Property Act (see paragraphs 35 and 40 above); and (iii) take over the prosecution of their criminal case, following its initial rejection by the Public Prosecutor's Office, in accordance with Articles 61 and 201 of the Criminal Procedure Code (see paragraph 41 above).
51. The applicants contended that they had exhausted all effective domestic redress.
52. As regards the Government's submissions under (i) and (iii), the Court recalls that it has already held that remedies of this sort were ineffective within the meaning of Article 35 § 1 of the Convention (see, mutatis mutandis, ZIT Company v. Serbia, no. 37343/05, §§ 45-47, 27 November 2007). It sees no reason to depart from this finding in the present case.
53. Concerning the Government's submissions under (ii), the Court notes that the remedies referred to relate to M.P. only, not the Municipality as but one emanation of the respondent State. Since the applicants' complaint concerns the failure of the Serbian authorities to enforce their own demolition order, the Court finds that such redress against the private individual was not necessary to be exhausted within the meaning of Article 35 § 1 of the Convention.
54. It follows that the Government's objection must be dismissed in its entirety.
4. Conclusion
55. The Court considers that the applicants' complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and finds no other ground to declare it inadmissible. The complaint must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Arguments of the parties
56. The Government conceded that the demolition order in question remained enforceable, but noted that its actual execution would have been “contra legem” and/or served no useful purpose.
57. In particular, whilst the interim building permit was in force it made no sense to undertake the demolition sought which, in any event, should have been stayed in accordance with Article 271 of the General Administrative Proceedings Act.
58. As regards the period thereafter, the Municipality “did not have the time” to proceed with the demolition because of the large number of other illegally erected buildings.
59. In May 2003 the new Planning and Construction Act entered into force whereby, pursuant to Articles 160-162, it was possible to file for the legalization of all buildings constructed without a valid building permit. Since M.P. had filed such a request with the Municipality, any demolition in the meantime would have been unwarranted.
60. Lastly, the Government observed that there was no evidence that the applicants had been unable to lease their property or dispose of it due to the construction work carried out by M.P. On the contrary, the value of their real estate could have even increased in accordance with Article 25 § 1 of the Property Act.
61. The applicants reaffirmed their complaints, noting that the impugned non-enforcement had resulted in a permanent restriction of their property rights.
62. Further, the said Planning and Construction Act did not provide that all existing demolition orders were to be considered null and void.
63. Ultimately, the applicants noted that M.P. could not obtain the legalization sought as they, being the co-owners of the house in question, were firmly opposed to this.
2. Relevant principles
64. Article 1 of Protocol No. 1 guarantees, inter alia, the right of property, which includes the right to enjoy one's property peacefully, as well as the right to dispose of it (see, among many other authorities, Marckx v. Belgium, 13 June 1979, § 63, Series A no. 31).
65. By virtue of Article 1 of the Convention, each Contracting Party “shall secure to everyone within [its] jurisdiction the rights and freedoms defined in [the] Convention”. The discharge of this general duty may entail positive obligations inherent in ensuring the effective exercise of the rights guaranteed by the Convention.
66. In the context of Article 1 of Protocol No. 1, those positive obligations may require the State to take the measures necessary to protect the right of property (see, for example, Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 143, ECHR 2004-V), particularly where there is a direct link between the measures which an applicant may legitimately expect the authorities to undertake and the effective enjoyment of his possessions (see Öneryıldız v. Turkey [GC], no. 48939/99, § 134, ECHR 2004-XII).
67. It is thus the State's responsibility to make use of all available legal means at its disposal in order to enforce a final administrative decision, notwithstanding the fact that it has been issued against a private party, as well as to make sure that all relevant domestic procedures are duly complied with (see Ilić v. Serbia, no. 30132/04, §§ 74 and 75, 9 October 2007).
3. The Court's assessment as regards the present case
68. The Court, in the first place, notes that the very existence of an unauthorized construction amounts to an interference with the applicants' property rights (see paragraph 64 above).
69. Secondly, the demolition order in question was issued on 2 September 1998 and its enforcement was sanctioned on 11 September 1998 (see paragraphs 12 and 13 above).
70. Thirdly, Serbia ratified Protocol No. 1 on 3 March 2004, meaning that the impugned proceedings have been within the Court's competence ratione temporis for a period of more than four years and seven months.
71. Fourthly, the interim building permit issued in favour of M.P. was repealed by 15 December 1998, which is why, inter alia, Article 271 of the General Administrative Proceedings Act was irrelevant as regards all developments following the ratification (see paragraphs 16 and 29 above).
72. Fifthly, there is indeed nothing in the Planning and Construction Act to the effect that existing demolition orders are to be deemed null and void. On the contrary, Article 171 thereof would appear to suggest otherwise (see paragraphs 32-34 above).
73. Sixthly, there is no evidence that the value of the applicants' real estate “could have increased” in accordance with Article 25 § 1 of the Property Act”, as argued by the Government (see paragraphs 39 and 60 above).
74. In view of the foregoing, the Court finds that the Serbian authorities have failed to fulfil their positive obligation, within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, to enforce the demolition order of 2 September 1998 (see paragraphs 66 and 67 above). There has, accordingly, been a violation of the said provision.
II. APPLICATION OF ARTICLES 41 AND 46 OF THE CONVENTION
75. The relevant provisions of these Articles read as follows:
Article 41
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
Article 46
“1. The High Contracting Parties undertake to abide by the final judgment of the Court in any case to which they are parties.
2. The final judgment of the Court shall be transmitted to the Committee of Ministers, which shall supervise its execution.”
A. Damage
76. The applicants claimed a total of 600.000 Euros (EUR) in respect of the pecuniary and non-pecuniary damages suffered. As regards the former, they referred to the “reduced value of their real estate”; concerning the latter they emphasized the mental anguish which they had endured as a result of not being able to freely use their property or, indeed, even leave for holidays since 1998 for fear that their other neighbors might themselves engage in illegal construction.
77. The Government contested these claims.
78. The Court sees no reason to doubt that the applicants have suffered distress as a result of the breach of their rights secured under Article 1 of Protocol No. 1, which is why a finding of a violation of this provision alone would clearly not constitute sufficient just satisfaction. Having regard to the above and on the basis of equity, as required by Article 41, the Court awards the applicants jointly EUR 4,000 in non-pecuniary damage.
79. The Court further points out that, under Article 46 of the Convention, the High Contracting Parties undertook to abide by the final judgments of the Court in any case to which they were parties, execution being supervised by the Committee of Ministers. It follows, inter alia, that a judgment in which the Court finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation not just to pay those concerned the sums awarded by way of just satisfaction, but also to choose, subject to supervision by the Committee of Ministers, the general and/or, if appropriate, individual measures to be adopted in their domestic legal order to put an end to the violation found and to redress, in so far as possible, the effects thereof (see Scozzari and Giunta v. Italy [GC], nos. 39221/98 and 41963/98, § 249, ECHR 2000-VIII).
80. The Court considers, therefore, taking into account the fact that the applicants have failed to substantiate the “reduction in the value of their real estate”, that their pecuniary damage claim must be met by the Government ensuring, through appropriate means, the speedy enforcement of the demolition order dated 2 September 1998 (see, mutatis mutandis, Ilić v. Serbia, no. 30132/04, § 112, 9 October 2007).
B. Costs and expenses
81. The applicants did not specify their claim in this respect. Accordingly, the Court makes no award under this head.
C. Default interest
82. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;
3. Holds
(a) that the respondent State shall ensure, by appropriate means, within six months from the date on which the judgment becomes final, in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the enforcement of the decisions adopted by the Municipality of Voždovac on 2 September 1998 and 11 September 1998, respectively;
(b) that the respondent State is to pay the applicants jointly, within three months from the date on which the judgment becomes final, EUR 4,000 (four thousand euros) in respect of the non-pecuniary damage suffered, which sum is to be converted into the national currency of the respondent State at the rate applicable on the date of settlement, plus any tax that may be chargeable;
(c) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicants' claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 25 November 2008, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P 1-1; danno morale - assegnazione; danno Materiale - Governo deve far eseguire un ordine di demolizione
SECONDA SEZIONE
CAUSA KOSTIĆ C. SERBIA
(Richiesta n. 41760/04)
SENTENZA
STRASBOURG
25 novembre 2008
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.


Nella causa Kostić c. Serbia,
La Corte europea dei Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Françoise Tulkens, Presidente, Ireneu Cabral Barreto, Vladimiro Zagrebelsky, Danutė Jočienė, Dragoljub Popović, Nona Tsotsoria, Işıl Karakaş, giudici,
e Sally Dollé, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 4 novembre 2008,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 41760/04) contro l'Unione Statale di Serbia e Montenegro, depositata con la Corte, sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”), da, a quel tempo, due cittadini dell'Unione Statale di Serbia e Montenegro, il Sig. N. K. ed la Sig.ra Z. K. (“i richiedenti”), il 2 novembre 2004.
2. Come al 3 giugno 2006, a seguito della dichiarazione d’indipendenza del Montenegro, la Serbia rimase la sola convenuta nei procedimenti di fronte alla Corte.
3. I richiedenti furono rappresentati dal Sig. A. M., un avvocato praticante a Belgrado. Il Governo dell'Unione Statale di Serbia e Montenegro e, successivamente, il Governo di Serbia (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, il Sig. S. Carić.
4. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione per la non-esecuzione di un ordine di demolizione resa a loro favore.
5. L’11 settembre 2006 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo. Sotto le disposizioni dell’ Articolo 29 § 3 della Convenzione, decise di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. I richiedenti sono consorti. Sono nati entrambi nel 1947 ed attualmente vivono a Belgrado.
7. I fatti della causa, come presentati dalle parti, possono essere riassunti come segue.
8. I richiedenti ed un certo M.P. erano comproprietari di un alloggio e di cinque altri edifici a Belgrado.
9. Il 21 maggio 1998 M.P. ottenne una licenza di costruzione per la ricostruzione parziale dell'alloggio posseduto insieme ai richiedenti, autorizzandolo a convertire il suo appartamento in una villetta bifamiliare e ad allargarlo di approssimativamente 100 metri quadrati.
10. M.P. comincio col lavoro di costruzione immediatamente da quel momento.
11. Il 7 agosto 1998, sulla base di un intervento di sopralluogo, l'Ispettorato del Municipio di Voždovac (“il Municipio”) concluse che M.P. non stava compiendo il lavoro di costruzione in linea con la licenza di costruzione. Ordinò perciò fermare ogni lavoro e registrare una richiesta per una nuova licenza.
12. Il 2 settembre 1998 l'Ispettorato ordinò a M.P. di demolire, entro tre giorni quella parte della costruzione che era stata eretta contrariamente alla licenza di costruzione.
13. L’11 settembre 1998 l'Ispettorato emise un ordine di esecuzione a questo riguardo.
14. Nel frattempo, M.P. registrò una richiesta per una nuova licenza di costruzione.
15. Il 24 settembre 1998 il Municipio emise una decisione provvisoria favorevole.
16. Il 15 dicembre 1998 l'autorità di seconda istanza annullò questa decisione, rinviando la causa per la re-considerazione.
17. Il 13 luglio 1999 il Municipio respinse l’istanza di M.P. per una nuova licenza di costruzione, trovando che il suo piano non soddisfaceva i requisiti previsti dalla legislazione nazionale ed attinente.
18. Nella stessa data, un rapporto tecnico notò, che “a seguito delle recenti precipitazioni” e del lavoro di costruzione impegnato da M.P. la proprietà dei richiedenti era stata danneggiata seriamente. In particolare, l’intonaco si era staccato, i muri si erano rotti, e un’umidità estesa e delle perdite erano apparse in tutti i locali.
19. Il 27 marzo 2001 e il 20 giugno 2002 i richiedenti presentarono azioni di reclamo penali contro ufficiali non identificati assunti dal Municipio, adducendo un abuso di ufficio.
20. Il 25 novembre 2003 questa azione di reclamo fu respinta dall'Ufficio del quinto Pubblico Accusatore Municipale (Peto opštinsko javno tužilaštvo) a Belgrado.
21. Di seguito dell'entrata in vigore del nuovo Atto di Pianificazione e Costruzione nel maggio 2003, M.P presentò una richiesta col Municipio per “la legalizzazione” della ricostruzione del suo appartamento (vedere paragrafi 32-34 sotto).
22. Il 22 maggio 2003 e l’11 giugno 2004 i richiedenti depositarono osservazioni opponendosi a suddetta legalizzazione.
23. L’ 11 febbraio 2005 il Municipio informò i richiedenti che M.P. aveva presentato una richiesta per legalizzazione.
24. Il 14 dicembre 2005 M.P . fece un aggiunta a questa richiesta.
25. Durante il corso degli anni, i richiedenti avevano richiesto ripetutamente, l’esecuzione dell'ordine di demolizione datato 2 settembre 1998, ma inutilmente.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Atto di Procedura Amministrativa Generale (Zakon o opštem upravnom postupku,) pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica di Serbia - OG RS - N. 55/96, 33/97 e 31/01)
26. L’Articolo 39 definisce una parte in una causa amministrativa come una persona sulla cui richiesta vengono avviati i procedimenti, una persona contro la quale i procedimenti vengono portati avanti , o, in realtà qualsiasi altra persona a cui viene concesso di partecipare ai procedimenti in prospettiva di proteggere i suoi diritti o interessi.
27. L’Articolo 261 § 2 prevede che una decisione amministrativa verrà eseguita una volta divenuta esecutiva.
28. L’Articolo 268 § 1 prevede, inter alia che l'autorità incaricata dell'esecuzione di una decisione amministrativa può, ex officio o su richiesta di una parte, emettere un ordine di esecuzione. Tale ordine dichiarerà che la decisione è divenuta esecutiva e determina i mezzi e l’oggetto dell'esecuzione.
29. L’ Articolo 271 prevede, inter alia che procedimenti di esecuzione saranno terminati ex officio se il titolo di esecuzione stesso viene nel frattempo abrogato. Comunque, questi procedimenti saranno sospesi “se viene stabilito” che una decisione provvisoria che era in esecuzione è stata sostituita successivamente da una “decisione separata in contraddizione a riguardo del problema principale”
B. Atto di Pianificazione e di Sviluppo dell'Area (Zakon o planiranju i uređenju prostora i naselja, pubblicato sull’ OG RS N. 44/95, 23/96 16/97 e 46/98)
30. L’Articolo 5 prevede, inter alia che lo sviluppo di un'area venga portato avanti in modo tale da: (i) proteggere le sue caratteristiche naturali ed artificiali; (ii) prestare riguardo alle attinenti regolamentazioni di pianificazione; (iii) conservare le sue risorse naturali; e (iv) proteggere l'ambiente, così come l'interesse pubblico in generale.
31. Questo Atto fu abrogato il 13 maggio 2003.
C. Atto di Pianificazione e Costruzione (Zakon o planiranju i izgradnji, pubblicato sull’ OG RS N. 47/03 e 34/06)
32. Gli Articoli 160-162 prevedono, inter l'alia che il proprietario di un edificio, un appartamento o, in realtà di qualsiasi altro oggetto eretto o ricostruito in assenza di una licenza di costruzione valida dovrà informare l'autorità amministrativa competente (“l'autorità”) di questa situazione entro il 13 novembre 2003. Questa autorità avrà sessanta giorni per ragguagliare il proprietario sulle condizioni attinenti per la “ legalizzazione” della costruzione in oggetto, così come sui documenti occorrenti a questo riguardo . Il proprietario stesso avrà poi altri sessanta giorni per attenersi a questa istruzione. Se dovesse fare così e se le condizioni attinenti vengono soddisfatte, l'autorità accetterà la legalizzazione chiesta. Nel caso, comunque che il proprietario non si attenga al termine massimo fissato, l'autorità adotterà un ordine di demolizione nei confronti di detta costruzione.
33. L’ Articolo 171 prevede, inter alia che le richieste concernenti l’ “emissione di licenze di costruzione”, così come quelle che hanno a che fare con “ altri diritti individuali ed obblighi”, depositate prima dell'entrata in vigore di questo Atto, verranno trattate sulla base della precedente legislazione.
34. ‘Atto di Pianificazione e Costruzione è entrato in vigore il 13 maggio 2003.
D. Atto degli Obblighi (Zakon o obligacionim odnosima; pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Federale e Socialista della Iugoslavia - OG SFRY - N. 29/78, 39/85, 45/89 e 57/89 così come sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Federale della Iugoslavia - OG Fry - n. 31/93)
35. L’Articolo 154 definisce i diversi motivi per chiedere il risarcimento civile.
36. L’Articolo che 172 § 1 prevede che una persona giuridica sia responsabile per qualsiasi danno causato da uno dei “ suoi corpi.”
E. Giurisprudenza Nazionale a cui ha fatto riferimento Governo
37. Il 17 maggio 2005 la prima Corte Municipale (Prvi opštinski sud) a Belgrado ordinò al Municipio di Stari Grad di pagare al querelante uno specifico importo cme acconto del risarcimento dell'affitto perduto. La corte si appellò, inter l'alia, all’ Articolo 172 dell’Atto degli Obblighi e spiegò che il querelante non era stato in grado di affittare il suo appartamento per un certo periodo di tempo come risultato dell'insuccesso del Municipio di sfrattare un inquilino protetto dall'appartamento in oggetto (XVIII P br. 9031/04). Il 16 marzo 2006 questa sentenza fu sostenuta dalla Corte distrettuale (Okružni sud) di Belgrado (Gž. br. 12872/05).
38. Il 21 febbraio 2006 la Corte Municipale di Novi Sad ordinò lo Stato rispondente di pagare al querelante un importo specificato come risarcimento per la violazione dei suoi diritti garantiti sotto l’Articolo 5 della Convenzione (br di P. 1848/05). L’8 novembre 2006 questa sentenza fu sostenuta dalla Corte distrettuale di Novi Sad (Gž. br. 3293/06). Sulla base di simile giurisprudenza, il Governo sostenne che i tribunali serbi erano disposti ad applicare direttamente la Convenzione, così come inoltre i Protocolli.
F. L’Atto di Proprietà (Zakon o osnovama svojinskopravnih odnosa; pubblicato sull’ OG SFRY N. 6/80 e 36/90; così come sull’ OG Fry n. 29/96 ed OG RS n. 115/05)
39. Sotto l'Articolo 25 § 1 nel caso in cui un costruttore fosse consapevole del fatto che stava costruendo su terra posseduta da un altro, o non era consapevole di questo ma il proprietario della terra avesse immediatamente espresso la sua opposizione al lavoro iniziato, il secondo avrà il diritto a: (i) chiedere riconoscimento della sua proprietà dell'edificio eretto; (ii) richiedere che questo edificio venga demolito; o (iii) chiedere il risarcimento dal costruttore per la terra usurpata, basato sul suo prezzo di mercato.
40. Sotto l’Articolo 43, inter alia, ad un comproprietario sarà concesso di presentare una rivendicazione per la protezione di suoi diritti riguardo un’intera proprietà, così come la protezione della quota individuale posseduta in una proprietà .
G. Codice di Procedura Penale (Zakonik o krivičnom postupku; pubblicato sull’ OG Fry N. 70/01 e 68/02, così come sull’OG RS N. 58/04, 85/05 e 115 /05)
41. Sotto gli Articoli 61 e 201-212, se un Pubblico Accusatore dovesse respingere un'azione di reclamo penale presentata a riguardo di un crimine perseguito ex officio, la vittima può proseguire personalmente la sua propria causa di fronte ad un tribunale e simultaneamente può presentare una rivendicazione per qualsiasi un danno civile subito.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
42. I richiedenti si lamentarono sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 della non-esecuzione dell'ordine di demolizione datato 2 settembre 1998.
43. L’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
1. Compatibilità ratione temporis
44. Il Governo ha presentato che la richiesta avrebbe dovuto essere respinta perché incompatibile ratione temporis con le disposizioni dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. A questo proposito, ha notato che il danno subito dai richiedenti era stato istantaneo ed era accaduto prima del 13 luglio 1999 (vedere paragrafi 17 e 18 sopra) mentre la Serbia aveva ratificato il Protocollo N.ro 1 il 3 marzo 2004.
45. I richiedenti sostennero che le violazioni in oggetto erano di natura continuativa.
46. Dato il fatto che la non-esecuzione contestata dell'ordine di demolizione perdura in essere, la Corte costata che la richiesta è compatibile ratione temporis con le disposizioni dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e respinge l'obiezione del Governo a questo riguardo.
2. Compatibilità ratione materiae
47. Il Governo dibatté inoltre che la richiesta fosse incompatibile ratione materiae con le disposizioni dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Sostenne, in particolare, che i richiedenti avevano richiesto l'adozione dell'ordine di demolizione basata sull’ Articolo 5 dell’Atto di Pianificazione e Sviluppo dell'Area, una disposizione che non era correlata al problema “protezione dei diritti di proprietà.”
48. I richiedenti dibatterono che la violazione addotta rientrava all'interno della sfera dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
49. Nonostante la base giuridica per l'adozione dell'ordine di demolizione, la Corte costata che chiaramente concerne il pacifico godimento del diritto di proprietà dei richiedenti (vedere paragrafi 64-67 sotto). Di conseguenza, senza giudicare prematuramente i meriti dell'azione di reclamo dei richiedenti, l'obiezione del Governo a questo riguardo deve essere respinta.
3. L'esaurimento delle vie di ricorso nazionali
50. Infine, il Governo presentò che i richiedenti non avevano esaurito le vie di ricorso nazionali completamente efficaci. In particolare, loro avevano fallito nel: (i) presentare un'azione civile contro il Municipio, sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, così come gli Articoli 154 e 172 dell’Atto degli Obblighi (vedere paragrafi 35 e 36 sopra); (ii) portare avanti una rivendicazione civile separata contro M.P. personalmente, in conformità con l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, Articolo 154 dell’Atto degli Obblighi ed l’Articolo 43 dell’Atto della Proprietà (vedere paragrafi 35 e 40 sopra); e (iii) intraprendere il proseguimento della loro causa penale, a seguito del rifiuto iniziale da parte dell'Ufficio del Pubblico Accusatore, in conformità con gli Articoli 61 e 201 del Codice di Procedura Penale (vedere paragrafo 41 sopra).
51. I richiedenti contesero di aver esaurito ogni via di ricorso nazionale efficace.
52. A riguardo delle osservazioni del Governo sotto (i) e (iii), la Corte richiama che già ha sostenuto che le vie di ricorso di questo genere fossero inefficaci all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 1 della Convenzione (vedere, mutatis mutandis, Società ZIT c. Serbia, n. 37343/05, §§ 45-47 27 novembre 2007). Non vede nessuna ragione di allontanarsi da questo giudizio nella causa presente.
53. Riguardo alle osservazioni del Governo sotto (ii), la Corte nota che le vie di ricorso a cui si faceva riferimento per essere riferirsi solo a M.P. , non il Municipio essendo solo un'emanazione dello Stato rispondente. Poiché l'azione di reclamo dei richiedenti concerne l'insuccesso delle autorità serbe nell’esecuzione del loro proprio ordine di demolizione, la Corte costata che simile azione legale contro l'individuo privato non fosse necessaria al fine dell’esaurimento all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 1 della Convenzione.
54. Ne segue che l'obiezione del Governo deve essere respinta nella sua interezza.
4. Conclusione
55. La Corte considera che l'azione di reclamo dei richiedenti non è manifestamente mal fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e non costata nessun altro fatto per dichiararla inammissibila. L'azione di reclamo deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Argomenti delle parti
56. Il Governo ha concesso che l'ordine di demolizione in oggetto è rimasto esecutivo, ma ha notato che la sua esecuzione effettiva sarebbe stata “contra legem” e/o non perseguiva un fine utile.
57. In particolare, mentre la licenza provvisoria di costruzione era in vigore non aveva nessun senso intraprendere la demolizione chiesta che in ogni caso, avrebbe dovuto essere sospesa in conformità con l’Articolo 271 dell’Atto Generale dei Procedimenti Amministrativi.
58. Riguardi al periodo da allora in poi, la Municipalità “non ha avuto il tempo” di procedere con la demolizione a causa del grande numero di altri edifici eretti illegalmente.
59. Nel maggio 2003 l’Atto di nuova Pianificazione e Costruzione entrò in vigore e da questo momento, facendo seguito agli Articoli 160-162, era possibile introdurre una richiesta per la legalizzazione di tutti gli edifici costruiti senza una licenza di costruzione valida. Poiché M.P. aveva presentato nel frattempo tale richiesta alla Municipalità qualsiasi demolizione sarebbe stata non garantita.
60. Infine, il Governo osservò che non c'era prova che i richiedenti non erano stati capaci di affittare la loro proprietà o di disfarsene a causa del lavoro di costruzione eseguito da M.P. Al contrario, il valore del loro beni immobili avrebbe potuto aumentare anche in conformità con l’Articolo 25 § 1 dell’Atto di Proprietà.
61. I richiedenti riaffermarono le loro azioni di reclamo, notando che la non-esecuzione contestata aveva dato luogo ad una restrizione permanente dei loro diritti di proprietà.
62. Inoltre, il suddetto Atto di Pianificazione e Costruzione non prevedeva che tutti gli ordini di demolizione esistenti fossero considerati privi di valore legale.
63. Infine, i richiedenti notarono che M.P. non poteva ottenere la legalizzazione chiesta siccome loro, essendo i comproprietari dell'alloggio in oggetto, si opponevano fermamente a questo.
2. Principi attinenti
64. Le garanzie dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, inter alia, il diritto di proprietà che include il diritto al pacifico godimento della proprietà così come il diritto a disfarsene (vedere, fra molte altre autorità, Marckx c. Belgio, 13 giugno 1979, § 63 Serie A n. 31).
65. In virtù dell’ Articolo 1 della Convenzione, ogni Parte Contraente “assicurerà a ciascuno all’interno della [sua] giurisdizione i diritti e le libertà definite [nella] Convenzione.” Il pagamento di questo dovere generale può comportare obblighi positivi inerenti all'assicurare l'esercizio effettivo dei diritti garantiti dalla Convenzione.
66. Nel contesto dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, questi obblighi positivi possono costringere lo Stato a prendere le misure necessarie di protezione del diritto di proprietà (vedere, per esempio, Broniowski c. Polonia [GC], n. 31443/96, § 143 il 2004-V di ECHR), particolarmente dove c'è un collegamento diretto fra le misure che un richiedente può legittimamente aspettarsi che le autorità intraprendano ed il godimento effettivo della sua proprietà (vedere Öneryıldız c. Turchia [GC], n. 48939/99, § 134 ECHR 2004-XII).
67. È così è responsabilità dello Stato di avvalersi di tutti i mezzi legali a sua disposizione per eseguire una decisione amministrativa definitiva, nonostante il fatto che sia stato emessa contro una parte privata, così come garantire che ci si sia attenuti debitamente a tutte le procedure nazionali attinenti (vedere Ilić c. Serbia, n. 30132/04, §§ 74 e 75, 9 ottobre 2007).
3. La valutazione della Corte riguardo alla presente causa
68. La Corte, prima di tutto nota che la stessa esistenza di una costruzione non autorizzata corrisponde ad un'interferenza coi diritti di proprietà dei richiedenti (vedere paragrafo 64 sopra).
69. In secondo luogo, l'ordine di demolizione in oggetto fu emesso il 2 settembre 1998 e la sua esecuzione fu ratificata l’ 11 settembre 1998 (vedere paragrafi 12 e 13 sopra).
70. In terzo luogo, la Serbia ratificò il Protocollo N.ro 1 il 3 marzo 2004, ciò significa che i procedimenti contestati rientrano all'interno della competenza ratione temporis della Corte da un periodo di più di quattro anni e sette mesi.
71. In quarto luogo , la licenza di costruzione provvisoria emessa a favore di M.P. fu abrogata il 15 dicembre 1998 motivo per cui, inter alia, l’Articolo 271 dell’Atto Generale dei Procedimenti Amministrativi era irrilevante riguardo a tutti gli sviluppi seguenti la ratifica (vedere paragrafi 16 e 29 sopra).
72. In quinto luogo, ci non vi è in realtà nulla nell’Atto di Pianificazione e Costruzione all'effetto che gli ordini di demolizione esistenti saranno ritenuti privi di valore legale. Al contrario, l’Articolo 171 sembrerebbe suggerire a riguardo altrimenti (vedere paragrafi 32-34 sopra).
73. In sesto luogo, non c'è prova che il valore del beni immobili dei richiedenti “avrebbe potuto aumentare” in conformità con l’Articolo 25 § 1 dell’Atto di Proprietà”, come dibattuto dal Governo (vedere paragrafi 39 e 60 sopra).
74. In prospettiva di ciò che precede, la Corte costata che le autorità serbe non sono riuscite ad adempiere al loro obbligo positivo, all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, di eseguire l'ordine di demolizione del 2 settembre 1998 (vedere paragrafi 66 e 67 sopra). Quindi, di conseguenza, vi è stata una violazione della detta disposizione.
II. L’APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 41 E 46 DELLA CONVENZIONE
75. Le attinenti disposizioni di questi Articoli si leggono come segue:
Articolo 41
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconosce una soddisfazione equa alla vittima.”
Articolo 46
“1. Le Alti Parti Contraenti si impegnano ad attenersi alla sentenza finale della Corte in una qualsiasi causa nella quale loro sono parti.
2. La sentenza finale della Corte sarà trasmessa al Comitato dei Ministri che soprintenderà alla sua esecuzione.”
A. Danno
76. I richiedenti chiesero un totale di 600.000 Euro (EUR) a riguardo dei danni materiali e morali subiti. Riguardo ai primi, hanno fatto riferimento al “valore ridotto del loro bene immobile”; riguardo ai secondi hanno enfatizzato l'angoscia mentale che hanno dovuto sopportare come risultato di non essere in grado di usare liberamente la loro proprietà o, in realtà, persino di partire in vacanza fin dal 1998 per timore che i loro altri vicini di casa avrebbero potuto prendere parte alla costruzione illegale.
77. Il Governo contestò queste rivendicazioni.
78. La Corte non vede nessuna ragione di dubitare che i richiedenti abbiano sofferto dell'angoscia come risultato della violazione dei loro diritti assicurati sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e che chiaramente la costatazione di una violazione di questa disposizione non costituirebbe da sola una soddisfazione equa e sufficiente. Avendo riguardo a ciò che precede e su base equa, come richiesto dall’Articolo 41, la Corte assegna congiuntamente EUR 4,000 ai richiedenti per danno morale.
79. La Corte sottolinea ulteriormente che, sotto l’Articolo 46 della Convenzione, le Alti Parti Contraenti si sono impegnate ad attenersi alle sentenze finali della Corte in qualsiasi causa in cui loro sono stati parti, con l’esecuzione supervisionata dal Comitato di Ministri. Ne segue, inter alia che una sentenza in cui la Corte trova una violazione impone allo Stato rispondente un obbligo legale non solo di pagare agli interessati le somme assegnate tramite soddisfazione equa, ma anche di scegliere, sotto la soprintendenza da parte del Comitato dei Ministri le misure generali e/o, se appropriate, individuali da adottare nel loro ordine giuridico nazionale per porre fine alla violazione trovata e compensare, tanto quanto possibile, gli effetti a riguardo (vedere Scozzari e Giunta c. l'Italia [GC], N. 39221/98 e 41963/98, § 249 ECHR 2000-VIII).
80. La Corte considera, perciò, prendendo in considerazione il fatto che i richiedenti non sono riusciti a provare la “riduzione del valore del loro bene immobile”, che la loro rivendicazione per danno materiale deve essere soddisfatta con l'assicurazione Statale, tramite mezzi appropriati , dell'esecuzione veloce dell'ordine di demolizione datato 2 settembre 1998 (vedere, mutatis mutandis, Ilić c. Serbia, n. 30132/04, § 112 9 ottobre 2007).
B. Costi e spese
81. I richiedenti non hanno specificato la loro rivendicazione a questo riguardo. Di conseguenza, la Corte non assegna nulla sotto questo capo.
C. Interesse di mora
82. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea al quale dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente assicurerà, tramite mezzi appropriati, entro sei mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva, in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione, l'esecuzione della decisione adottata dal Municipio di Voždovac rispettivamente il 2 settembre 1998 e l’ 11 settembre 1998;
(b) che lo Stato rispondente deve pagare congiuntamente i richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva EUR 4,000 (quattro mila euro) a riguardo del danno morale subito la qual somma sarà convertita nella valuta nazionale dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile;
(c) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo un tasso d’ interesse semplice sarà pagabile sul precedente importo ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della rivendicazione dei richiedenti per soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 25 novembre 2008, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Sally Dollé Françoise Tulkens
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.