Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF FORMINSTER ENTERPRISES LIMITED v. THE CZECH REPUBLIC

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, P1-1

NUMERO: 38238/04/2008
STATO: Repubblica Ceca
DATA: 09/10/2008
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of P1-1 ; Just satisfaction reserved
FIFTH SECTION
CASE OF FORMINSTER ENTERPRISES LIMITED v. THE CZECH REPUBLIC
(Application no. 38238/04)
JUDGMENT
(merits)
STRASBOURG
9 October 2008
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Forminster Enterprises Limited v. the Czech Republic,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Rait Maruste,
Karel Jungwiert,
Volodymyr Butkevych,
Mark Villiger,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Zdravka Kalaydjieva, judges,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 16 September 2008,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 38238/04) against the Czech Republic lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by F. E. Limited, a company with its registered seat in Cyprus (“the applicant company”), on 22 October 2004.
2. The applicant company was represented by Mr M. N., a lawyer practising in Prague. The Czech Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr V. A. Schorm, of the Ministry of Justice.
3. The applicant company complained under Article 1 of Protocol No. 1 and Article 6 of the Convention of the seizure of business documents and shares in its possession.
4. On 9 January 2007 the President of the Fifth Section of the Court decided to give notice of the application and to communicate the complaint concerning the seizure to the Government. On 12 January 2007 he decided to give notice of the application to the Government of the Republic of Cyprus in order to enable them to exercise their right to intervene in the proceedings (Article 36 § 1 and Rule 44). The Cypriot Government waived that right by their letter of 30 January 2007.
5. The applicant company and the Government each filed written observations (Rule 59 § 1). The Chamber decided that no hearing on the admissibility and merits was required (Rule 59 § 3 in fine)
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicant, F. E. Limited, is a limited liability company incorporated under Cypriot law with its registered seat in Nicosia. It is represented before the Court by Mr M. N., a lawyer practising in Prague.
A. The circumstances of the case
The facts of the case, as submitted by the applicant company, may be summarised as follows.
1. The background to the case
7. On 29 January 1997 the applicant company entered into a purchase agreement with K. b. a.s., a joint stock company incorporated under Czech law (“KHB”). Under the agreement it bought 384,971 book-entry shares representing 55.71% of the registered capital of K. a.s., a joint stock company incorporated under Czech law. The shares were registered with Prague Securities Centre (Středisko cenných papírů), which acted as a central securities depository.
2. The criminal proceedings against H. and others and the impounding of the applicant company's securities
8. In March 1997 criminal proceedings were instituted against H., a member of KHB's board of directors, for illegal disposal of shares and other securities to the detriment of two Czech investments funds, T. a.s. and M. a.s., which joined the criminal proceedings as civil parties seeking damages.
9. On 11 March 1997 the Hradec Králové Deputy Regional Prosecutor (náměstek krajského státního zástupce), within the framework of the criminal proceedings, ordered the Securities Centre to register the suspension of the applicant company's right to dispose of all shares deposited in its account (příkaz k registraci pozastavení výkonu práv majitele veškerých cenných papírů) until the end of the criminal proceedings. The order was based on a suspicion that the shares had been acquired illegally and that it was necessary to freeze them in order to secure claims from the victims of the transaction. The prosecutor relied on section 27(3)(d) of the Securities Act (no. 591/1992), which entitled State authorities to order such suspension where empowered to do so by a specific law, and on Article 78 § 1 of the Code of Criminal Procedure (“the CCP”), which gave the prosecuting authorities the right to seize items of importance for criminal proceedings.
10. In a letter of 25 April 1997 addressed to the Ministry of Finance, the Regional Prosecutor stated as follows:
“In order to clarify the criminal activities of [H. and others] and establish facts important for the criminal proceedings, and in an effort to prevent illegal transfers of securities, I decided to apply section 27(3)(d) of the Securities Act (no. 591/1992) ... However, this procedural step which, I discovered, was based on Articles 78 and 79 of the CCP, is very problematic and untenable in the case of book-entry shares. Under these circumstances, the Securities Centre will be ordered, by 16 May 1997 at the latest, to cancel the registration of the suspension of disposal rights over the book-entry shares held by the following companies: ... (f) F. E. Limited.
Securities owned by persons who are not facing criminal charges, which are in the portfolio of the aforesaid companies and are not relevant to the criminal activities, can no longer be impounded under criminal law because the existing criminal procedural regulations provide only for the seizure of tangible items of importance for the criminal proceedings under Article 78 of the [CCP] which can be surrendered or, pursuant to Article 79, seized. [In addition,] the application of Article 79a of the [CCP] in respect of securities is excluded. To proceed under section 27(3)(d) of the Securities Act is possible only when a specific law so provides. [However,] the [CCP] does not provide for such a procedural step ...”
11. On 12 May 1997 the Deputy Regional Prosecutor informed the Securities Centre that his order of 11 March 1997 was cancelled. Relying on section 27(3)(d) of the Securities Act read in conjunction with Article 79 § 1 of the CCP, he again ordered the suspension of the applicant company's right to dispose of its 384,971 K. shares pending the criminal proceedings. He considered, inter alia:
“In the field of financial and commercial law, book-entry shares are not considered to be items, unlike in criminal law, where they are considered as rei sui generis, and are clearly regarded as 'items', as the use of the term 'item' in Article 89 § 16 of the Criminal Code shows. With regard to the specific characteristics of such items and the manner in which they are dealt with on the capital markets, it is necessary to apply ... Article 79 § 1 of the [CCP] by analogy and impound the securities in question ... under section 27(3)(d) of Act no. 591/1992.”
12. On 15 May 1997 the Securities Centre implemented the order.
13. On 27 June 1997 the applicant company challenged this measure before the Prague Senior Prosecutor (vrchní státní zástupce) who, on 8 August 1997, held that the Deputy Regional Prosecutor had proceeded in accordance with the law.
14. On 30 January 1998 the applicant company lodged a constitutional appeal (ústavní stížnost) alleging, inter alia, that its property rights guaranteed by Article 11 of the Charter of Fundamental Rights and Freedoms (Listina základních práv a svobod) had been violated by the Deputy Regional Prosecutor's decision of 12 May 1997.
15. On 20 May 1998 the applicant company lodged an application with the Regional Prosecutor's Office seeking the restoration of its K. shares under Article 80 of the CCP. On 2 October 1998 it was told by the prosecutor's office that on 30 September 1998 H. and others had been officially indicted before the Hradec Králové Regional Court (krajský soud) which was, therefore, competent to deal with the company's application. The indictment contained more than 7,000 pages.
16. On 11 November 1998 the Constitutional Court (Ústavní soud) rejected the applicant company's constitutional appeal, contesting the seizure, as having been introduced outside the sixty-day statutory time-limit provided for by the Constitutional Court Act. According to the court, the time-limit had already been triggered by the adoption of the Deputy Regional Prosecutor's decision to seize the shares, as the company's complaints to the Senior Public Prosecutor's Office and the Prosecutor General's Office had not constituted effective remedies within the meaning of the Constitutional Court Act.
17. On 10 March 1999 the Regional Court remitted the criminal case against H. and others to the Regional Prosecutor's Office for further consideration.
18. On 28 April 1999 the applicant company renewed its application for restoration of its rights to the K. shares under Article 80 of the CCP, this time before the Regional Court; the latter was, however, no longer competent to consider it, as the criminal case had been returned to the Regional Prosecutor.
19. On 17 April 2000 the applicant company urged the Regional Prosecutor to decide on its application of 20 May 1998 for restoration of its rights to the K. shares. On 21 April 2000 it was informed that the case was currently under the supervision of the Olomouc Senior Public Prosecutor's Office and it was therefore open to the applicant company to challenge the impoundment before that authority.
20. On 7 February 2003 the applicant company requested the Senior Public Prosecutor's Office to annul the impoundment of the KOTVA shares under Article 79c of the CCP. On 17 February 2003 the prosecutor refused the request, finding it unsubstantiated.
21. On 10 March 2003 the Prague High Court (vrchní soud) rejected the applicant's complaint of 24 February 2003 in which it was argued that the impounding had been ordered sine lege and was no longer necessary in the light of the objectives of the criminal proceedings. The court ruled that the impounding had been justified by the reasonable suspicion that the shares had represented the profit obtained by Mr H. from his illegal transactions. According to the court, that suspicion had not yet been dispelled.
22. On 5 May 2003 the applicant company challenged this decision before the Constitutional Court. Referring to Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, it contended that the seizure of its shares had been ordered sine lege, that its property rights were restricted for more than seven years and that the seizure had been unlawful and was no longer necessary to achieve the aims of the criminal proceedings.
23. On 15 April 2004 the Constitutional Court declared the appeal inadmissible as manifestly ill-founded, stating, inter alia:
“... the Regional Prosecutor proceeded in accordance with the national law then in force. While at the relevant time the criminal law included neither Article 79c of the [CCP], which expressly provides for the impoundment of book-entry shares (this provision was introduced by Act no. 265/2001 which entered into force on 1 January 2002), nor Article 89 § 13 of the Criminal Code which subsumes securities under the notion of 'item' ... [introduced by Act no. 253/1997 which entered into force on 1 January 1998], there is no doubt that the criminal law ..., in respect of serious economic crime cases, considered book-entry shares as items within the meaning of the criminal law even before 1 January 1998. The Regional Prosecutor's order of 12 May 1997 ... was issued under section 27(3)(d) of Act no. 591/1992 as amended and under Article 79 of the [CCP]. At the relevant time, the criminal law did not require any particular form for such an order. No appeal against it was therefore available ... However, any order suspending the right to dispose of securities was subject to supervision by the competent prosecutors' offices. ”
24. H. and ten others accused of various economic crimes were re-indicted on 8 August 2003. In January 2004 their case was subsequently remitted once again by the Regional Court to the Regional Prosecutor's Office for further consideration.
25. On 15 July 2005 the indictment was filed by the Regional Prosecutor for the third time.
26. On 15 June 2006 the Regional Court decided under Article 79c § 3 of the CCP to extend the seizure until the end of the criminal proceedings, as the reasonable suspicion that the shares had constituted the profit obtained by H. as a result of his illegal transaction had not yet been dispelled. It further decided to suspend the voting rights connected with the seized shares.
27. On 24 July 2006 the High Court, on a complaint by the applicant company, upheld this decision.
28. In July 2006 the joint stock companies K-T-V Invest a.s. and Č. i. a s. a.s. merged. Following that merger, 384,971 seized KOTVA book-entry shares with a nominal value of 1,000 Czech korunas (CZK) (35.19 euros (EUR)1), held by the applicant company, were converted into the same number of share certificates issued by the company Č. i. a s. a.s., with a nominal value of CZK 920 (EUR 32.37).
29. On 5 February 2007 the share certificates for Č. i. a s. a.s. were deposited with the Regional Court pursuant to section 113(9) of the Capital Markets Act (Law no. 256/2004) and on a request made under Article 78 § 1 of the CCP.
30. The applicant company's constitutional appeal challenging these decisions is pending before the Constitutional Court.
The criminal proceedings are still pending and the applicant company's securities remain seized. Seventeen hearings, each lasting several days, were held by the court, during which a large volume of evidence was taken. The case file contains more than 14,500 pages. The Regional Court heard or is still due to hear several dozens of witnesses, some of them abroad. Moreover, several experts were heard and expert reports commissioned. The damage caused according to the indictment amounts to CZK 1,191,922,741 (EUR 41,941,642)
3. The settlements concluded by the applicant company, M. a.s. and T. a.s. in separate civil proceedings against the applicant company
31. M. and T. challenged the acquisition of the K. shares by the applicant company, not only as civil parties seeking damages in the criminal proceedings but also through their respective civil actions disputing the transfer of the shares to the applicant company.
32. On 9 September 1998 the Prague Regional Commercial Court (krajský obchodní soud), before which M. had contested the title to 251,497 K. shares (out of a total of 384,971 K. shares) in civil proceedings brought against the applicant company, approved a friendly settlement concluded between the applicant company and M..
33. On 21 December 1999 the applicant company and T. concluded a friendly settlement of their civil dispute concerning the ownership of the 384,971 K. shares. This settlement was contested by an action for nullity filed on an unspecified date by minority shareholders of T. seeking the return of the K. shares to T..
34. On 17 May 2000 the Czech Securities Commission (Komise pro cenné papíry), a State regulatory authority, approved the settlements. As a consequence, all civil proceedings concerning K. shares brought by M. and/or T. against the applicant company were discontinued. Moreover, these joint stock companies waived their status as civil parties in the criminal proceedings. They informed the State authorities acting in the criminal case of their respective settlements and stated that, as the instigators of the impoundment of the shares, they no longer insisted on seizure.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
Constitutional Court Act (no. 182/1993)
35. Under Section 72(1)(a) an individual alleging an impairment of his or her rights guaranteed by constitutional law may lodge a constitutional appeal with the Constitutional Court.
Criminal Code
36. Until 31 December 1997, Article 89 § 16 read as follows:
“Controllable natural resources, too, shall be regarded as items.”
37. Another sentence was inserted into that provision on 1 January 1998. It provided as follows:
“The provisions governing items shall also apply to securities.”
38. After Act no. 238/1999 entered into force on 1 January 2000, this provision became Article 89 § 13.
Code of Criminal Procedure (as in force at the material time)
39. Article 78 governs the obligation to hand over items of importance for criminal proceedings. Under paragraph 1, persons possessing such items are required to submit them to a court, prosecutor or police authority at the latter's request. If the item is being seized for the purposes of the criminal proceedings, the person concerned must surrender it to the prosecuting authorities at their request.
40. Pursuant to Article 79 § 1, if the person concerned does not surrender the item of importance for the criminal proceedings, it must be taken from him/her and seized on an order from the president of a chamber during the trial or by the prosecutor, investigator or police authority at the pre-trial stage of the proceedings. The investigator or police authority may do so only with the authorisation of a prosecutor.
41. Article 80 § 1 provides, inter alia, that items which are no longer needed for the criminal proceedings and whose confiscation or seizure can be ruled out should be returned to the person concerned. Under Article 80 § 3 a decision on this matter at the pre-trial stage of the criminal proceedings is adopted by a prosecutor. Such a decision may be challenged by means of a complaint.
42. According to Article 119 § 2 rulings of prosecutor, investigator and police have the form of decision.
43. Article 141 § 1 states that a complaint is a remedy against a decision.
44. Under Article 141 § 2 a first-instance decision adopted by a court or a prosecutor may be challenged by means of a complaint only where the law explicitly so provides.
Act no. 265/2001 amending the Code of Criminal Procedure and the Criminal Code (entry into force on 1 January 2002)
45. Article 79a provides for the seizure of financial assets deposited in a bank account. Under paragraph 1, if the facts indicate that the financial assets in a bank account are destined for the commission of a crime, or have already been used for such purposes, or constitute the proceeds of criminal activities, the president of a chamber or a prosecutor, or the police authority at the pre-trial stage of the criminal proceedings, are empowered to impound them. Paragraph 5 provides that such seizure may be challenged by means of a complaint.
46. The newly introduced Article 79c governs the seizure of book-entry shares. Under paragraph 1, should the president of the chamber, or the prosecutor at the pre-trial stage of the criminal proceedings, decide on a seizure of book-entry shares, the Securities Centre, a legal person empowered to keep records and exercise other activities of the Securities Centre under a specific law, or the Czech National Bank must open a special bank account in which the seized securities are deposited. Paragraph 3 provides, inter alia, that the authorities mentioned in paragraph 1 may suspend the rights connected with seized shares. According to paragraph 4, Article 79a applies mutatis mutandis to the procedure governing decisions to seize book-entry shares and to reduce the terms of or lift such seizures.
47. Article 146a, which provided for a review by a court of seizures of property by a prosecutor, was substantially amended, bringing within its ambit, inter alia, decisions on seizures of book-entry shares under Article 79c, financial assets, real estate and other assets. However, seizures of items under Article 79 do not fall within its scope.
State Prosecution Act (no. 283/1993)
48. Section 12a (3) provides that a decision adopted by a prosecutor may be reviewed by a superior prosecutor unless the Act or another law provides otherwise.
Securities Act (no. 591/1992, as in force at the relevant time)
49. Under section 1(2) a share certificate may be substituted by a book-entry share, that is, by entry in a record of shares as provided for by law.
50. Section 27 provided for suspension of the right to dispose of book-entry shares. Under paragraph 3d, a suspension order was to be issued by the competent State authority, under a specific law (for instance, section 313 of the Code of Civil Procedure). The provision was repealed by Act no. 257/2004, which entered into force on 1 May 2004.
Capital Markets Act (no. 256/2004, entry into force on 1 May 2004)
51. Section 97 provides for suspension of the owner's disposal rights over book-entry investment instruments. Under paragraph 1(b), an order registering the suspension of the owner's disposal rights is granted by the competent court or administrative authority, if it is necessary in connection with the issuing of a preliminary measure, for the purposes of judicial or administrative proceedings, or if a specific law so provides.
Interpretative guideline no. 2/1998 of the Prosecutor General (published in the Interpretative Guidelines Gazette)
52. The Prosecutor General directed that book-entry shares were to be considered as items within the meaning of criminal law and could therefore be seized on the basis of Articles 78 and 79 of the CCP. This was according to him possible even before the enactment of Act no. 253/1997, which entered into force on 1 January 1998.
III. RELEVANT DOMESTIC PRACTICE
53. The Criminal Code – A Commentary by Šámal, P., Púry, F. and Rizman, S., 3rd edition, 1998, C.H. Beck, p. 548, reads as follows:
“According to the majority opinion in [domestic] practice, ... [as of] ... 1 January 1998 ... it is also possible to seize book-entry securities as items ... on the basis of Articles 78 et seq. of the Code of Criminal Procedure governing the seizure of items. What continues to cause problems is the inadequate and inappropriate nature of Articles 78 and 79 of the [CCP] in respect of [such seizures], as the seizure of book-entry shares does not constitute the seizure or taking of an 'item' within the proper meaning of that term.”
54. The Criminal Code – A Commentary by Šámal, P., Púry, F. and Rizman, S., 4th edition, 1998, C.H. Beck, pp. 472 and 865, reads:
“An order to seize an item [under Article 79 § 1] is a decision sui generis ... No complaint can be lodged against it, as it is not a decision [within the meaning of Article 141 et seq.].”
“A prosecutor supervising the pre-trial stage of criminal proceedings is in principle empowered to decide on complaints challenging decisions adopted therein by [the prosecuting authorities]. The exception to this principle is a situation where the prosecutor assented to or initiated the decision and is thus not in a position to review the complaint impartially.”
55. The Code of Criminal Procedure – A Commentary by Růžička, M. and others, ASPI, 13 January 2003, in a chapter entitled “The seizure of book securities – Article 79c”, reads as follows:
„Until the end of 2001, [domestic] practice relied on the idea that even book-entry securities constituted items within the meaning of criminal law. The provisions of Article 89 § 13 of the Criminal Code (inserted by amendment no. 253/1997) extended the scope of application of the term 'item' to include, inter alia, all types of securities. Nevertheless, it had been possible to arrive at the same conclusion even before that amendment entered into force ... It was therefore possible to seize [book-entry shares] (Article 79 of the [CCP]) ...”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 OF THE CONVENTION
56. The applicant company complained of interference with its property rights contrary to Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
57. The Government contested that argument.
58. The applicant company further complained of the excessive length of that interference under Article 6 § 1 of the Convention which, in so far as relevant, provides:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair and public hearing ... by an independent and impartial tribunal. ...”
59. The Court reiterates that it is the master of the characterization to be given in law to the facts of the case (see Guerra and Others v. Italy, judgment of 19 February 1998, Reports of Judgments and Decisions 1998-I, p. 223, § 44), and that it has previously held that whilst Article 1 of Protocol No. 1 contains no explicit procedural requirements, it nevertheless implies that domestic law must provide for legal protection against arbitrary interference by the public authorities and that any interference with the peaceful enjoyment of possession must be accompanied by certain procedural guarantees (see Capital Bank AD v. Bulgaria, no. 49429/99, § 134, ECHR 2005-XII (extracts)). In the instant case the Court considers that the complaint raised by the applicant company under Article 6 § 1 of the Convention is closely linked to the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 and may accordingly be examined as part of the latter complaint.
A. Admissibility
60. The Court notes that the application raises issues of fact and law under the Convention, the determination of which requires an examination of the merits. It also considers that the complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention and that it cannot be declared inadmissible on any other grounds. The complaint must therefore be declared admissible.
B. Merits
The parties' submissions
61. The applicant company alleged that its shares had been seized on the basis of a legal provision which lacked sufficient clarity and foreseeablity. It also alleged that it had not had at its disposal sufficient procedural safeguards against the seizure. It further asserted that the seizure did not pursue any legitimate aim as the possible victims of the suspected crimes, MERCIA and TREND, concluded with it friendly settlements whereby they waived their claims in damages. The applicant company further asserted that the seizure had not been proportionate as its length was excessive.
62. While admitting that the seizure constituted interference with the applicant company's property rights, the Government asserted that the interference had been lawful. They conceded that Article 79 of the CCP, one of the provisions relied on by the prosecuting authorities, did not expressly provide for the seizure of book-entry shares. None the less, they maintained that, despite the fact that neither the Supreme Court nor the Constitutional Court had clarified in their respective case-law at the time the seizure had been imposed whether book-entry shares fell within the scope of that provision, the case-law of the ordinary courts had answered this question in the affirmative, as evidenced by the Prosecutor General's interpretative guideline (see paragraph 52 above). The principles enshrined in this case-law were subsequently embodied in the CCP, with the amendment which entered into force on 1 January 1998. Moreover, the interpretation of book-entry shares as movable items was also borne out by the records of the debate preceding the adoption of the Securities Act in Parliament. The Government further pointed out that Article 89 § 16 (previously Article 89 § 13) of the Criminal Code, which entered into force on 1 January 1998, stipulated that the provisions governing items were applicable to securities. They further asserted that the seizure of items had been subject to judicial control under Article 80 of the CCP and, subsequently, from 1 January 2002 onwards, under Article 79c taken in conjunction with Article 79a of the CCP. As regards the procedural safeguards available to the applicant company, the Government maintained that the seizure could have been appealed before the Constitutional Court and that the applicant company could have lodged an application under Article 80 of the CCP requesting that the seizure be lifted or, after 1 January 2002, challenged the decision to seize under Article 79c of the CCP directly.
The Government further asserted that the seizure pursued a legitimate aim in the public interest, namely that of protecting the victims of crime, seizing the proceeds of crime and combating the most dangerous form of economic crime faced by the Czech Republic in the course of the transformation of its economy. In their view, the seizure was justified as it was indispensable for securing the enforcement of the outcome of the criminal proceedings against H. and others who, through transfers of securities, had inflicted damage to the detriment of the companies concerned amounting to nearly CZK 1.2 billion. Should the seizure be terminated, that enforcement might be frustrated. Referring to the exceptional circumstances of the case, they considered the seizure to be proportionate. They emphasised the extreme complexity of the proceedings, due to the fact that they concerned one of the most serious economic crimes in the history of the Czech Republic. In their observations they stated that more hearings would be held regularly every month. They stated that a decision on the merits would be adopted and the proceedings possibly terminated by the end of 2007.
The Court's assessment
63. The Court observes that the gist of the applicant company's complaint consists in the allegation that shares in its possession were seized contrary to Article 1 of Protocol No. 1 and that it lost all control over them as a result of that seizure. The freezing of the shares thus amounted, in the applicant company's view, to de facto deprivation of its property. The Government asserted that the situation constituted a control of property within the meaning of the third sentence of Article 1 of Protocol No. 1. The Court notes that the applicant company did not allege that it had lost its status as holder of the shares. It further observes that not all of the rights relating to the shares were suspended by the original seizure, the applicant company having been entitled, inter alia, to receive dividends, to challenge resolutions of general meetings or to propose the convening of general meetings. Moreover, the voting rights attached to the shares were suspended only in June 2006. Therefore, the Court considers that the situation in question could not be regarded as a deprivation of property. Accordingly, it is the second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 which is applicable (see Capital Bank AD v. Bulgaria, no. 49429/99, § 86, ECHR 2005-XII (extracts), with further reference to, mutatis mutandis, AGOSI v. the United Kingdom, judgment of 24 October 1986, Series A no. 108, § 51, and Bosphorus Hava Yollari Turizm ve Ticaret Anonim Şirketi v. Ireland [GC], no. 45036/98, §§ 153-154, ECHR 2005-VI).
64. The Court reiterates that its power to review compliance of impugned acts with national law is limited and it is not its task to take the place of the domestic courts (see Malone v. the United Kingdom, judgment of 2 August 1984, Series A no. 82, § 79, and Sovtransavto Holding v. Ukraine, no. 48553/99, § 95, ECHR 2002-VII). However, that does not dispense with the need for the Court to determine whether the interference in issue complied with the requirements of Article 1 of Protocol No. 1 (ibid.). The Court further recalls that the first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful (see Capital Bank AD v. Bulgaria, cited above, with further reference to Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II).
65. Moreover, the Court reiterates that a norm cannot be regarded as a “law” within the meaning of the Convention unless it is formulated with sufficient precision to enable the citizen to regulate his conduct; an individual must be able – if need be with appropriate advice – to foresee, to a degree that is reasonable in the circumstances, the consequences which a given action may entail. Those consequences need not be foreseeable with absolute certainty. Whilst certainty is desirable, it may bring in its train excessive rigidity and the law must be able to keep pace with changing circumstances. Accordingly, many laws are inevitably couched in terms which, to a greater or lesser extent, are vague and whose interpretation and application are questions of practice. The Court further reiterates that the scope of the notion of foreseeability depends to a considerable degree on the content of the text in issue, the field it is designed to cover and the number and status of those to whom it is addressed. A law may still satisfy the requirement of foreseeability even if the person concerned has to take appropriate legal advice to assess, to a degree that is reasonable in the circumstances, the consequences which a given action may entail. This is particularly true in relation to persons carrying on a professional activity, who are used to having to proceed with a high degree of caution when pursuing their occupation. They can on this account be expected to take special care in assessing the risks that such activity entails (see, for example, Cantoni v. France, judgment of 15 November 1996, Reports of Judgments and Decisions 1996-V, § 35, and Chauvy and Others v. France, no. 64915/01, §§ 43-45, ECHR 2004-VI).
66. Turning to the specific facts of the case, the Court observes that the first issue in dispute under the invoked provision is whether Article 79 of the CCP provided a legal basis for the seizure of book-entry shares, in particular whether the term “item” contained therein encompassed such shares. It notes that neither the Criminal Code nor the CCP specified before 1 January 1998 whether the prosecuting authorities were empowered to seize book-entry shares, the statutes in question providing for the seizure of “items” in general. Nor did the case-law of the Supreme Court and the Constitutional Court clarify the issue at that time. As to the existence of the domestic courts' practice alleged by the Government with reference to the Prosecutor General's interpretative guideline, the Court accepts that the requirements of foreseeability and clarity of the law may be satisfied if the matter in question can be solved by means of the application of principles enshrined in settled domestic practice, including a practice having a certain degree of authoritative effect.
67. However, notwithstanding the question whether the guideline reflected the practice of the domestic authorities, the Court observes that the Government did not show that the guideline had been issued at the time of the original seizure in 1997 and that it had been published at that time in the Official Gazette or other publicly accessible standardised law resource. The same conclusion must be made with regard to the ordinary courts' practice referred to by the Government and by the Constitutional Court in the reasoning of its decision rejecting the applicant company's constitutional appeal. Consequently, the Court is not in a position to conclude that the case-law whose existence is alleged by the Government could have made the interpretation of Article 79 of the CCP unequivocal, as that case-law must be considered inaccessible to the applicant at the time of the original seizure. Furthermore as regards Czech practice, the Court observes that, when they were published in 1998, the legal opinions adduced by the Government (see paragraphs 53 – 55) had not arrived at the same conclusions when addressing the issue whether the term “item” in Article 79 of the CCP encompassed book-entry shares before 1 January 1998. That jurisprudence cannot therefore be regarded as interpreting unambiguously the scope of application of Article 79 of the CCP before 1 January 1998. In these circumstances, the Court observes that at least two interpretations of the scope of application of Article 79 of the CPC existed at the relevant time.
None the less, this does not suffice in order to conclude that the law was not foreseeable or was arbitrary (see O. B. Heller, a.s. and Československá obchodní banka, a.s. v. the Czech Republic (dec.), no. 5631/00, 9 November 2004). The Court notes in this regard that the seizure took place in consequence of the business transaction concluded by the applicant company in the course of its professional activities. Given the unsettled business environment of the Czech Republic of 1990 and the considerable volume of that transaction, it considers that the applicant company, if dealing with due care, presupposing inter alia legal assistance, could not be regarded as lacking a reasonable opportunity to foresee the consequences of acquiring the securities, including the impossibility of ruling out the risk that the securities might be subsequently seized. This conclusion applies a fortiori to the situation after 1 January 1998, when Article 89 § 13 of the Criminal Code was amended so as to bring securities within the ambit of the provisions governing items, and even more so with the entry into force on 1 January 2002 of Article 79c of the CCP providing explicitly for the seizure of book-entry shares.
68. It remains to be examined whether the applicant company enjoyed safeguards against arbitrary interference by the prosecuting authorities when its securities were seized.
69. The Court recalls that the requirement of lawfulness, within the meaning of the Convention, presupposes, among other things, that the national law must provide a measure of legal protection against arbitrary interference by the public authorities with the rights safeguarded by the Convention (see Hasan and Chaush v. Bulgaria [GC], no. 30985/96, § 84, ECHR 2000-XI). Moreover, the concepts of lawfulness and the rule of law in a democratic society require that measures affecting fundamental rights be, in certain cases, subject to some form of adversarial proceedings before an independent body competent to review the reasons for the measures and the relevant evidence (see, mutatis mutandis, Al-Nashif v. Bulgaria, no. 50963/99, § 123, 20 June 2002). It is true that Article 1 of Protocol No. 1 contains no explicit procedural requirements and the absence of judicial review does not amount, in itself, to a violation of that provision (see Fredin v. Sweden (no. 1), judgment of 18 February 1991, Series A no. 192, § 50). Nevertheless, it implies that any interference with the peaceful enjoyment of possessions must be accompanied by procedural guarantees affording to the individual or entity concerned a reasonable opportunity of presenting their case to the responsible authorities for the purpose of effectively challenging the measures interfering with the rights guaranteed by this provision. In ascertaining whether this condition has been satisfied, a comprehensive view must be taken of the applicable judicial and administrative procedures (see Jokela v. Finland, no. 28856/95, § 45, ECHR 2002-IV).
70. In the instant case, it was not disputed by the parties that the decision on seizure under Article 79 of the CCP could not be contested under the CCP. The Court observes that according to that provision a decision on seizure during the pre-trial proceedings is reserved to the prosecutor. Such a decision cannot be contested under the CCP as it is, according to domestic practice, a decision sui generis, not a decision within the meaning of Article 119 § 2 of the CCP (see paragraph 54 above).
Moreover, a complaint against a prosecutor's decision is, according to Article 141 § 2 of the CCP, permissible only in cases where the law so provides. Article 79 of the CCP does not provide for such a complaint in relation to seizures. As regards Article 80 of the CCP, the Court observes that it provides, inter alia, for the lifting of a seizure measure in pre-trial proceedings by the prosecutor when the seized item is no longer required for the criminal proceedings and its expropriation or confiscation can be ruled out. Thus, it is a legal instrument which makes it possible, not to appeal directly a decision on seizure, but rather to react to a change in the circumstances under which an item was seized. Furthermore, decisions under Article 80 of the CCP and appeals against them are adopted by a prosecutor (see paragraph 48 above) and not by a court, at the pre-trial stage of criminal proceedings. It is true that the seizure of book-entry shares became reviewable by a court with the amendment of the CCP, which introduced Article 79c CCP taken in conjunction with Article 79a of the CCP and with Article 146a of the CCP as amended. However, the correspondingly worded legal provisions entered into force only on 1 January 2002. The applicant company thus cannot be considered to have enjoyed under Czech criminal law as it stood at the time of the seizure sufficient procedural guarantees within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1
71. As for the right to challenge the seizure by means of a constitutional appeal, the Court observes that the applicant availed itself twice of this remedy without success (see paragraphs 16 and 23). The Court observes that the task of the Constitutional Court, when dealing with appeals filed under section 72(1) of the Constitutional Court Act, is, in principle, to review constitutionality of an impugned measure. As a general rule, it is not the function of that court to deal with errors in fact or law asserted in such an appeal. Therefore, it is doubtful whether such a review provides, on its own, individuals or entities with a reasonable opportunity to challenge effectively measures interfering with the rights guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1.
However, in the instant case, where the facts were not disputed by the parties, the Constitutional Court did address the issue in law, raised by the applicant company in the constitutional appeals, when it found in its decision of 15 April 2004 that the contested seizure was from the very beginning legal (see paragraph 23). It is true that in its first ruling of 11 November 1998 the Constitutional Court did not proceed so when it refused to review the legality of the seizure as it declared the first constitutional appeal before it inadmissible as being lodged outside the time-limit provided for by the Constitutional Court Act. However, the examination of that decision by the Court is barred by the fact that the present application was lodged on 22 October 2004, i.e. outside the six-month time-limit provided for in Article 35 § 1 of the Convention.
72. It ensues that, due to the particular circumstances of the present case where the Constitutional Court dealt with and ruled on the issue raised by the applicant company while challenging the seizure, the applicant company cannot be regarded as having been deprived of a reasonable opportunity to challenge effectively the seizure in question.
73. The imposition of the seizure must be therefore considered lawful within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1.
74. In these circumstances, it remains to be examined whether the seizure was justified, that is, whether it pursued a legitimate aim and was proportionate.
75. As to whether the control of property in issue pursued a legitimate aim, the Court notes that under the system of protection established by the Convention, it is for the national authorities to make the initial assessment of the existence of a problem of public concern warranting measures of the control of property. Here, the national authorities enjoy a wide margin of appreciation and the Court will respect their judgment as to what is “in the public interest” unless that judgment is manifestly without reasonable foundation. This necessarily applies, and perhaps to a greater extent, in the event of changes to a country's political system (see, mutatis mutandis, The former King of Greece and Others v. Greece [GC], no. 25701/94, § 87, ECHR 2000-XII). As for the requirement of proportionality, any interference with the right to the peaceful enjoyment of possessions must achieve a “fair balance” between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual's fundamental rights. In particular, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised by any measure interfering with property rights of individuals (see, among other authorities, Pressos Compania Naviera S.A. and Others v. Belgium, judgment of 20 November 1995, Series A no. 332, § 38, and Malama, cited above, § 48). In determining whether both requirements are met, the Court recognises that the State enjoys a wide margin of appreciation with regard both to choosing how the measures are to be implemented and to ascertaining whether the consequences of implementation are justified in the general interest for the purpose of achieving the object of the law in question (see Chassagnou and Others v. France [GC], nos. 25088/94, 28331/95 and 28443/95, § 75, ECHR 1999-III). Under the Court's case-law, the character of interference, the aim pursued, the nature of property rights interfered with, and the behaviour of the applicant and the interfering State authorities are among the principle factors material to the assessment whether the contested measure respects the requisite fair balance and, notably, whether it imposes a disproportionate burden on the applicants.
76. Applying these principles to the case at hand, the Court observes that the Government's assertion regarding a legitimate aim refers to policies which are essential for the proper functioning of all Contracting Parties. It further notes that at the time of the seizure the Czech Republic undertook systemic social and economic reforms one of whose side effects was an increase of serious economic crime. Moreover, although the Court accepts that the two victims of the transaction, MERCIA and TREND, might be regarded as having waived their rights with regard to the applicant company following their settlement agreements (see paragraphs 32-34), it was not shown by the applicant company that all reasons for the seizure thereby ceased to exist, as is evidenced, inter alia, by the legal actions brought before the courts by the minority shareholders of MERCIA and TREND in order to contest the settlement agreements concluded with the applicant company (paragraph 33). It follows that the seizure must be considered as pursuing a legitimate aim within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1.
77. As regards the proportionality of the seizure, the applicant company's right to dispose of its shares has been suspended since 11 May 1997, that is, for more than eleven years. Its voting rights attached to the shares were suspended on 15 June 2006 while other rights attached to the shares, such as the right to be paid dividends and to challenge resolutions of general meeting, were retained by the applicant company.
The Court acknowledges the importance of conducting investigations of suspected serious economic crimes, as in the instant case, with due diligence in order to ensure that these crimes are properly assessed and the proceedings duly terminated. Nevertheless, the Court, taking into account the length of the seizure of the shares of the applicant company – more than twelve years – and the considerable value of those assets, finds that a fair balance has not been struck in the instant case between the general interests of society and the interests of the applicant company, as the latter has been obliged to bear an excessive burden as a result of the continuing seizure.
78. Therefore, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
79. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
80. The Court considers that the question of the application of Article 41 is not ready for decision. The question must accordingly be reserved and the further procedure fixed with due regard to the possibility of agreement being reached between the Czech Government and the applicant company.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the application admissible under Article 1 of Protocol No. 1;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;
3. Holds that the question of the application of Article 41 is not ready for decision;
accordingly,
(a) reserves the said question;
(b) invites the Czech Government and the applicant company to submit, within the forthcoming three months, their written observations on the matter and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 9 October 2008, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President
1 EUR 1 = CZK 28.52 at the relevant time


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di P1-1; la soddisfazione Equa riservò
QUINTA SEZIONE
CAUSA IMPRESE FORMINSTER LIMITED C. REPUBBLICA CECA
(Richiesta n. 38238/04)
SENTENZA
( meriti)
STRASBOURG
9 ottobre 2008
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Imprese Forminster Limited c. Repubblica ceca,
La Corte europea dei Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi in una Camera, composta di:
Pari Lorenzen, Presidente, Rait Maruste Karel Jungwiert, Volodymyr Butkevych il Mark Villiger, Mirjana Lazarova Trajkovska, Zdravka Kalaydjieva, giudici, e Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 16 settembre 2008,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in questa data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 38238/04) contro la Repubblica ceca depositata con la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da F. E. Limited, una società con sede registrata a Cipro (“la società richiedente”), il 22 ottobre 2004.
2. La società richiedente fu rappresentata dal Sig. M. N., un avvocato praticante a Praga. Il Governo ceco (“il Governo”) fu rappresentato dal loro Agente, il Sig. V. A. Schorm, del Ministero della Giustizia.
3. La società richiedente si lamentò sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e l’ Articolo 6 della Convenzione della confisca di documenti commerciali e quote nella sua proprietà.
4. Il 9 gennaio 2007 il Presidente della quinta Sezione della Corte decise di notificare l’istanza e comunicare l'azione di reclamo riguardo alla confisca al Governo. Il 12 gennaio 2007 decise di notificare l’istanza al Governo della Repubblica di Cipro per abilitarlo ad esercitare il suo diritto ad intervenire nei procedimenti (Articolo 36 § 1 e Articolo 44). Il Governo cipriota rinunciò a questo diritto con una sua lettera del 30 gennaio 2007.
5. La società richiedente ed il Governo registratono rispettivamente osservazioni scritte (Articolo 59 § 1). La Camera decise che non erano richieste alcuna udienza sull'ammissibilità e sui meriti (Articolo 59 § 3 in fine)
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. Il richiedente, F. E. Limited è una società a responsabilità limitata incorporata sotto legge cipriota con sede registrata a Nicosia. È rappresentata di fronte alla Corte dal Sig. M. N., un avvocato che pratica a Praga.
A. Le circostanze della causa
I fatti della causa, come presentati dalla società richiedente, possono essere riassunti come segue.
1. Lo sfondo alla causa
7. Il 29 gennaio 1997 la società richiedente concluse un accordo di acquisto con K. b. a.s., una società per azioni incorporata sotto la legge ceca (“KHB”). In base all'accordo comprò 384,971 azioni book-entry rappresentanti il 55.71% del capitale registrato di K. a.s., una società per azioni incorporata sotto la legge ceca. Le quote furono registrate dal Centro Titoli di Praga (Středisko cenných papírů) che agì come depositario centrale di titoli.
2. I procedimenti penali contro H. ed altri e la confisca dei titoli della società richiedente
8. Nel marzo 1997 dei procedimenti penali furono avviati contro H., un membro dei consiglio di amministrazione di KHB, per disposizione illegale di quote e di altri titoli a danno di due fondi d’investimento cechi T. a.s. e M. a.s. che hanno congiunto i procedimenti penali come parti civili richiedendo i danni.
9. L’ 11 marzo 1997 l’ Accusatore Regionale Aggiunto di Hradec Králové (náměstek krajského státního zástupce), all'interno della struttura dei procedimenti penali, ordinò al Centro dei Titoli di registrare la sospensione del diritto della società richiedente di disporre di tutte le quote depositate sul suo conto (příkaz k registraci pozastavení výkonu práv majitele veškerých cenných papírů) sino alla fine dei procedimenti penali. L'ordine fu basato sul sospetto che le quote fossero state acquisite illegalmente e che fosse necessario congelarle per assicurare rivendicazioni da parte delle vittime dell'operazione. L'accusatore si appellò alla sezione 27(3)(d) dell'Atto dei Titoli (n. 591/1992) che abilitò le autorità Statali ad ordinare tale sospensione nel caso in cui gli venissero conferiti i poteri per agire in questo modo da una specifica legge, e all’ Articolo 78 § 1 del Codice di Diritto processuale penale (“il CCP”) che diede alle autorità perseguenti il diritto di sequestrare articoli d’importanza per i procedimenti penali.
10. In una lettera del 25 aprile 1997 rivolta al Ministero delle Finanze, l'Accusatore Regionale affermò, ciò che segue:
“Per chiarificare le attività penali di [H. ed altri] e stabilire fatti importanti per i procedimenti penali, nel tentativo di ostacolare trasferimenti illegali di titoli, decisi di applicare la sezione 27(3)(d) dell'Atto dei Titoli (n. 591/1992)... Comunque, questo passo procedurale che, scoprii, era basato sugli Articoli 78 e 79 del CCP, è molto problematico ed indifendibile in caso di azioni book-entry. Sotto queste circostanze, al Centro dei Titoli verrà ordinato, entro al massimo il 16 maggio 1997, di annullare la registrazione della sospensione del diritto di disporre delle quote book-entry possedute dalle seguenti società: ... (f) F. E. Limited.
I titoli posseduti da persone che non stanno affrontando accuse criminali che rientrano nel portfolio delle suddette società e non sono attinenti ad attività penali, non possono più essere confiscati sotto il diritto penale perché le regolamentazioni procedurali penali esistenti prevedono solamente la confisca di articoli tangibili d'importanza per i procedimenti penali sotto l’Articolo 78 del [CCP] che può essere consegnato o, applicando l’ Articolo 79, sequestrato. [Inoltre,] l’applicazione dell’ Articolo 79a del [CCP] riguardo alle sicurezze viene esclusa. Procedere sotto la sezione 27(3)(d) dell'Atto dei Titoli è solamente possibile quando una specifica legge prevede così. [Comunque,] il [CCP] non prevede simile passo procedurale...”
11. Il 12 maggio 1997 l'Accusatore Regionale Aggiunto informò il Centro di Titoli che il suo ordine dell’ 11 marzo 1997 era stato annullato. Appellandosi alla sezione 27(3)(d) dell'Atto dei Titoli letto in concomitanza con l’Articolo 79 § 1 del CCP, ordinò di nuovo la sospensione del diritto della società richiedente di disporre delle sue 384,971 quote K. pendenti in procedimenti penali. Lui considerò, inter l'alia:
“Nel campo della legge finanziaria e commerciale non si considera che le quote book-entry siano articoli, diversamente che in diritto penale, dove vengono considerate come rei sui generis, e chiaramente vengono riguardate come articoli, come dimostra l'uso del termine 'articolo' nell’ Articolo 89 § 16 del Codice Penale. Con riguardo alle specifiche caratteristiche di simili articoli e al modo in cui sono trattati sui mercati capitali, è necessario applicare l’... Articolo 79 § 1 del [CCP] per analogia e confiscare i titoli in oggetto... sotto sezione 27(3)(d) dell’ Atto n. 591/1992.”
12. Il 15 maggio 1997 il Centro dei Titoli perfezionò l'ordine.
13. Il 27 giugno 1997 la società richiedente impugnò questa misura di fronte all’ Accusatore Senior di Praga (vrchní státní zástupce) che, l’8 agosto 1997, sostenne che l'Accusatore Regionale Aggiunto aveva proceduto in conformità con la legge.
14. Il 30 gennaio 1998 la società richiedente depositò un ricorso costituzionale (ústavní stížnost) adducendo, inter alia che i suoi diritti di proprietà garantiti dall’ Articolo 11 dello Statuto dei Diritti essenziali e delle Libertà (Listina základních práv a svobod) erano stati violati dalla decisione dell'Accusatore Regionale Aggiunto del 12 maggio 1997.
15. Il 20 maggio 1998 la società richiedente depositò un’istanza con l'Ufficio dell'Accusatore Regionale chiedendo la restituzione delle sue quote K. sotto l’Articolo 80 del CCP. Il 2 ottobre 1998 l'ufficio dell'accusatore disse che il30 settembre 1998 H. ed altri erano stati accusati ufficialmente di fronte alla Corte Regionale di Hradec Králové (krajský soud) che era, perciò, competente per trattare l’istanza a della società. L'accusa conteneva più di 7,000 pagine.
16. L’ 11 novembre 1998 la Corte Costituzionale (Ústavní soud) respinse il ricorso costituzionale della società richiedente, contestando la confisca siccome era stata introdotta fuori dal tempo limite legale di sessanta giorni legale previsto dall’ Atto della Corte Costituzionale. Secondo la corte, il tempo limite era iniziato con l'adozione della decisione dell'Accusatore Regionale Aggiunto di prendere le quote, in quanto le azioni di reclamo della società all'Ufficio dell'Accusatore Pubblico Senior e all'Ufficio dell'Accusatore Generale non avevano costituito una via di ricorso effettiva all'interno del significato dell’ Atto della Corte Costituzionale.
17. Il 10 marzo 1999 la Corte Regionale rinviò la causa penale contro H. ed altri all'Ufficio dell'Accusatore Regionale per ulteriore considerazione.
18. Il 28 aprile 1999 la società richiedente rinnovò la sua istanza per la restituzione dei suoi diritti alle quote K. sotto l’Articolo 80 del CCP, questa volta di fronte alla Corte Regionale; questo non era, comunque, più competente per prenderla un considerazione, in quanto la causa penale era stata rinviata all'Accusatore Regionale.
19. Il 17 aprile 2000 la società richiedente esortò l'Accusatore Regionale a decidere sulla sua istanza del 20 maggio 1998 per la restituzione dei suoi diritti alle quote di K.. Il 21 aprile 2000 fu informato che la causa era attualmente sotto la soprintendenza dell' Ufficio dell’ Accusatore Pubblico Senior Olomouc ed era perciò concesso alla società richiedente di impugnare il sequestro di fronte a quella autorità.
20. Il 7 febbraio 2003 la società richiedente richiese all'Ufficio dell'Accusatore Pubblico Senior di annullare il sequestro delle quote K. sotto l’Articolo 79c del CCP. Il 17 febbraio 2003 l'accusatore rifiutò la richiesta, trovandola non comprovata.
21. Il 10 marzo 2003 l’ Alta Corte di Praga (vrchní soud) respinse l'azione di reclamo del richiedente del 24 febbraio 2003 nella quale fu dibattuto che la confisca era stata ordinata sine lege e non era più necessaria alla luce degli obiettivi dei procedimenti penali. La corte decise che la confisca era giustificata dal ragionevole sospetto che le quote avessero rappresentato il profitto ottenuto dal Sig. H. dalle sue operazioni illegali. Secondo la corte questo sospetto non era stato ancora dissipato.
22. Il 5 maggio 2003 la società richiedente impugnò questa decisione di fronte alla Corte Costituzionale. Riferendosi all’ Articolo 6 § 1 della Convenzione ed all’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, contese che la confisca delle sue quote era stata ordinata sine lege , che i suoi diritti di proprietà erano stati ristretti per più di sette anni e che la confisca era stata illegale e non era più necessaria per realizzare gli scopi dei procedimenti penali.
23. Il 15 aprile 2004 la Corte Costituzionale dichiarò il ricorso inammissibile come manifestamente malfondato , affermando, inter l'alia:
“... l'Accusatore Regionale ha proceduto in conformità con la legge nazionale allora in vigore . Mentre al tempo attinente il diritto penale includeva né l’ Articolo 79c del [CCP] che espressamente prevedeva la confisca delle quote book-entry (questa disposizione fu introdotta dall’ Atto n. 265/2001 che entrò in vigore il 1 gennaio 2002), né l’Articolo 89 § 13 del Codice Penale che classifica i titoli sotto la nozione 'articolo'... [introdotto dall’ Atto n. 253/1997 che entrò in vigore il 1 gennaio 1998], senza dubbio il diritto penale..., riguardo a cause delittuose economiche serie, considerava quote book-entry come articoli all'interno del significato del diritto penale anche prima del 1 gennaio 1998. L'ordine dell'Accusatore Regionale del 12 maggio 1997... fu istruito sotto la sezione 27(3)(d) dell’ Atto n. 591/1992 corretto e sotto l’Articolo 79 del [CCP]. Al tempo attinente, il diritto penale non richiedeva, alcuna forma particolare per tale ordine. Nessun ricorso contro questo era perciò disponibile... Comunque qualsiasi ordine che sospendeva il diritto di disporre di titoli era soggetto a soprintendenza da parte degli uffici degli accusatori competenti. ”
24. H. e dieci altri accusati di vari crimini economici furono ri-accusati l’ 8 agosto 2003. Nel gennaio 2004 la loro causa fu rinviata successivamente ancora una volta dalla Corte Regionale all'Ufficio dell'Accusatore Regionale per ulteriore considerazione.
25. Il 15 luglio 2005 l'accusa fu registrata dall'Accusatore Regionale per la terza volta.
26. Il 15 giugno 2006 la Corte Regionale decise sotto l’Articolo 79c § 3 del CCP di prolungare la confisca sino alla fine dei procedimenti penali, siccome il ragionevole sospetto che le quote avevano costituito il profitto ottenuto da H. come risultato della sua operazione illegale non era stato ancora dissipato. Decise inoltre di sospendere i diritti di votazione connessi con le quote sequestrate.
27. Il 24 luglio 2006 l’Alta Corte, su un'azione di reclamo da parte della società richiedente sostenne questa decisione.
28. Il luglio 2006 la società per azioni K-T-V Invest a.s. e Č. i. a s. a.s. attuarono una fusione. A seguito di questa fusione, 384,971 quote book-entry di K. con un valore nominale di 1,000 koruna ceche (CZK) (35.19 euro (EUR)1), possedute dalla società richiedente, furono convertite nello stesso numero di certificati di azioni emessi dalla società Č. i. a s. a.s., con un valore nominale di CZK 920 (EUR 32.37).
29. Il 5 febbraio 2007 i certificati delle azioni per i Č. i. a s. a.s. furono depositati con la Corte Regionale facendo seguito alla sezione 113(9) dell'Atto dei Mercati Capitali ( Legge n. 256/2004) e su una richiesta resa sotto l’ Articolo 78 § 1 del CCP.
30. Il ricorso costituzionale della società richiedente che impugnava queste decisioni è pendente di fronte alla Corte Costituzionale.
I procedimenti penali sono ancora pendenti e i titoli della società richiedente rimangono sequestrati. Diciassette udienze, ognuna delle quali durata molti giorni, furono sostenute dalla corte durante le quali fu presa una grande quantità di prove. Il file della causa contiene più di 14,500 pagine. La Corte Regionale ha ascoltato o ancora deve ascoltare dozzine di testimoni, alcuni di loro all'estero. Inoltre, sono stati ascoltati molti esperti e furono commissionati rapporti competenti . Il danno causato secondo l’accusa ammonta a CZK 1,191,922,741 (EUR 41,941,642)
3. Gli accordi conclusi con la società richiedente, M. a.s. e T. a.s. in procedimenti civili separati contro la società richiedente
31. M. e T. impugnarono l'acquisizione delle azioni di K. da parte della società richiedente, non solo come parti civili che chiedono danni nei procedimenti penali ma anche per le loro rispettive azioni civili che contestano il trasferimento delle quote alla società richiedente.
32. Il 9 settembre 1998 il Tribunale del commercio Regionale di Praga (krajský obchodní soud), prima che M. avesse contestato il titolo a 251,497 azioni K. (fuori da un totale di 384,971 azioni K.) in procedimenti civili che vertevano contro la società richiedente, approvò un regolamento amichevole concluso fra la società richiedente e M..
33. Il 21 dicembre 1999 la società richiedente e T. conclusero un regolamento amichevole della loro controversia civile riguardo alla proprietà delle 384,971 quote di K.. Questo accordo fu contestato con un'azione per nullità registrata in una data non specificata da azionisti di minoranza della T. che chiesero il ritorno delle azioni K. a T..
34. Il 17 maggio 2000 la Commissione ceca dei Titoli (Komise pro cenné papíry), un'autorità regolatrice Statale, approvò gli accordi. Come conseguenza, tutti i procedimenti civili riguardo a quote di K. portate da M. e/o T. contro la società richiedente cessarono. Inoltre, queste società per azioni rinunciarono al loro status come parti civili nei procedimenti penali. Informarono le autorità Statali agenti nella causa penale dei loro rispettivi accordi e dichiararono che, come gli istigatori del sequestro delle quote, non avrebbero più insistito sulla confisca.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
Atto della Corte costituzionale (n. 182/1993)
35. Sotto la Sezione 72(1)(a) un individuo che adduce un danneggiamento dei suoi diritti garantiti dalla legge costituzionale può depositare un ricorso costituzionale con la Corte Costituzionale.
Codice penale
36. Sino al 31 dicembre 1997, l’ Articolo 89 § 16 si legge come segue:
“Anche le risorse naturali verificabili, saranno considerate articoli.”
37. Un'altra frase fu inserita in questo provvedimento il 1 gennaio 1998. Previde ciò che segue:
“Le disposizioni che governano gli articoli si applicheranno anche ai titoli.”
38. Dopo che l’Atto n. 238/1999 entrò in vigore il 1 gennaio 2000, questa disposizione divenne l’89 § 13 Articolo.
Codice del Diritto processuale penale (come in vigore al tempo attinente)
39. L’Articolo 78 stabilisce l'obbligo di consegnare articoli d'importanza per procedimenti penali. Sotto il paragrafo 1, le persone che possiedono simili articoli sono costrette a presentarli ad una corte, ad un accusatore o ad un’autorità di polizia su richiesta di una di queste. Se l'articolo viene sequestrato ai fini di procedimenti penali, la persona riguardata deve cederlo alle autorità perseguenti si loro richiesta.
40. Facendo seguito all’ Articolo 79 § 1, se la persona riguardata non cede l'articolo d'importanza per procedimenti penali, deve essere preso da questa e deve essere sequestrato su un ordine dal presidente di una camera durante la prova o dall'accusatore, investigatore o da un’autorità di polizia allo stadio di precedente alla prova dei procedimenti. L'investigatore o l’autorità di polizia possono agire così solo con l'autorizzazione di un accusatore.
41. L’Articolo 80 § 1 che prevede, inter alia che gli articoli di cui non si ha più bisogno per i procedimenti penali e il cui sequestro o confisca possono essere esclusi dovrebbero essere ritornati alla persona riguardata. Sotto l'Articolo 80 § 3 una decisione su questa questione allo stadio precedente alla prova dei procedimenti penali è adottata da un accusatore. Tale decisione può essere impugnata per mezzo di un'azione di reclamo.
42. Secondo l’Articolo 119 § 2 le direttive dell’ accusatore, dell’investigatore e della polizia hanno la forma di decisione.
43. L’Articolo 141 § 1 stabilisce che un'azione di reclamo è una via di ricorso contro una decisione.
44. Sotto l'Articolo 141 § 2 una decisione di prima istanza adottata da una corte o da un accusatore può essere impugnata solo per mezzo di un'azione di reclamo nel caso in cui la legge preveda esplicitamente così.
Atto n. 265/2001 che emenda il Codice di Procedura penale ed il Codice Penale (entrato in vigore il 1 gennaio 2002)
45. L’ Articolo 79a prevede la confisca dei beni finanziari depositati su un conto bancario. Sotto il paragrafo 1, se i fatti indicano che i beni finanziari in un conto bancario sono destinati alla commissione di un crimine, o sono già stati usati per fini simili, o costituiscono incassi da attività criminali, al presidente di una camera o a un accusatore o all'autorità di polizia allo stadio precedente alla prova dei procedimenti penali, vengono conferiti poteri per confiscarli. Il paragrafo 5 prevede che simile confisca può essere impugnata tramite un'azione di reclamo.
46. L'Articolo 79c di recente introdotto stabilisce la confisca di quote book-entry. Sotto il paragrafo 1, se il presidente della camera, o l'accusatore allo stadio precedente alla prova dei procedimenti penali, dovessero decidere per una confisca di quote book-entry, il Centro dei Titoli un soggetto giuridico a cui sono stati conferiti poteri di registrare documenti ed esercitare le altre attività del Centro dei Titoli sotto una specifica legge, o la Banca Nazionale ceca devono aprire un conto bancario speciale nel quale vengono depositate i titoli sequestrati. Il paragrafo 3 prevede, inter alia che le autorità menzionate nel paragrafo 1 possono sospendere i diritti connessi alle quote sequestrate. L’Articolo 79a si applica mutatis mutandis alla procedura che regola le decisioni di prendere le azioni book-entry secondo il paragrafo 4, e per ridurre i termini o togliere simili confische.
47. L’Articolo 146a che prevede una revisione da parte di una corte delle confische di proprietà tramite un accusatore, fu emendato sostanzialmente, portando all'interno del suo ambito, inter l'alia, decisioni sulle confische di quote book-entry sotto l’Articolo 79c, di beni finanziari, di beni immobili e di altri beni. Comunque, le confische di articoli sotto l’Articolo 79 non rientrano all'interno della sua sfera.
Atto di Accusa statale (n. 283/1993)
48. La Sezione 12a (3) prevede che una decisione adottata da un accusatore può essere revisionata da un accusatore superiore a meno che l'Atto o un'altra legge preveda altrimenti.
Atto dei Titoli (n. 591/1992, come in vigore al tempo attinente)
49. Sotto la sezione 1(2) un certificato azionario può essere sostituito con una quota book-entry e cioè entrando in un record di azioni come previsto dalla legge.
50. La Sezione 27 prevede sospensione del diritto di disporre di quote book-entry. Sotto il paragrafi 3d, un ordine di sospensione dovrebbe essere emesso da un’autorità Statale competente, sotto una specifica legge (per esempio, sezione 313 del Codice di Procedura Civile). La disposizione fu abrogata con l’Atto n. 257/2004 entrato in vigore il 1 maggio 2004.
Atto dei Mercati Capitali (n. 256/2004, entrata in vigore il 1 maggio 2004)
51. La Sezione 97 prevede la sospensione dei diritti di disporre da parte del proprietario di strumenti di investimento book-entry. Sotto il paragrafi 1(b), un ordine che registra la sospensione dei diritti di disposizione del proprietario viene accordato dalla corte competente o da un’autorità amministrativa, se è necessario in collegamento con l’emissione di una misura preliminare, ai fini dei procedimenti giudiziali o amministrativi o se una specifica legge prevede così.
Linea guida interpretativa n. 2/1998 dell'Accusatore Generale (pubblicata nella Gazzetta delle linee guida Interpretative)
52. L'Accusatore Generale ha deciso che le quote book-entry sarebbero state considerate come articoli all'interno del significato del diritto penale e potrebbero essere sequestrate perciò sulla base degli Articoli 78 e 79 del CCP. Questo era secondo lui possibile anche prima che la promulgazione di Atto n. 253/1997 che entrarono in vigore 1 gennaio 1998.
III. PRATICA NAZIONALE ATTINENTE
53. Il Codice Penale- Un Commento di Šámal, P., Púry, F. e Rizman, S., 3 edizione, 1998, C.H. Beck, p. 548, si legge come segue:
“Secondo l'opinione di maggioranza nella pratica [nazionale],... [del]... 1 gennaio 1998... è anche possibile prendere le azioni book-entry come articoli... sulla base degli Articoli 78 et succ. del Codice del Diritto processuale penale che regola la confisca degli articoli. Ciò che continua a provocare problemi è l'inadeguata ed impropria natura degli Articoli 78 e 79 del [CCP] riguardo a [simili confische], siccome la confisca di quote book-entry non costituisce la confisca o la presa di un 'articolo' all'interno del significato corretto di questo termine.”
54. Il Codice Penale- Un Commento di Šámal, P., Púry, F. e Rizman, S., 4 edizione, 1998, C.H. Beck, pp. 472 e 865, dice:
“Un ordine di prendere un articolo [sotto l’Articolo 79 § 1] è una decisione sui generis... Nessun reclamo può essere presentato contro esso, siccome non è una decisione [all'interno del significato dell’ Articolo 141 e succ..].”
“Un accusatore che soprintende allo stadio di pre-prova di procedimenti penali è in principio conferito poteri per decidere su azioni di reclamo decisioni difficili adottarono therein con [le autorità che perseguono]. L'eccezione a questo principio è una situazione dove l'accusatore assentì o iniziò la decisione e non è così in una posizione per fare una rassegna imparzialmente l'azione di reclamo.”
55. Il Codice di Diritto processuale penale- Un Commento di Růžička, M. ed altri, ASPI, 13 gennaio 2003 in un capitolo intitolato “La confisca di azioni book -Articolo 79c”, si legge come segue:
„Sino alla fine di 2001, la pratica [nazionale] si appellava all'idea che persino i titoli book-entry costituivano articoli all'interno del significato del diritto penale. Le disposizioni dell’i Articolo 89 § 13 del Codice Penale (inserito con emendamento n. 253/1997) ha esteso la sfera di applicazione del termine 'articolo' includendo, inter alia, tutti i tipi di titoli. Ciononostante, era stato possibile arrivare alla stessa conclusione anche prima di quell’ emendamento entrato in vigore... Era perciò possibile sequestrare [le azioni book-entry] (Articolo 79 del [CCP])...”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 DELLA CONVENZIONE
56. La società richiedente si lamentò dell’ interferenza con i suoi diritti di proprietà contraria all’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento tranquillo della sua proprietà. Nessuno sarà privato della sua proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, i provvedimenti precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire tali leggi se ritiene necessario controllare l'uso della proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
57. Il Governo ha contestato questo argomento.
58. La società richiedente si lamentò inoltre della lunghezza eccessiva di quell’ interferenza sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione che, nella parte attinente, prevede:
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ad ognuno viene concesso una giusta udienza pubblica... da parte di un tribunale indipendente ed imparziale. ...”
59. La Corte reitera che è il padrone della caratterizzazione che deve essere data nella legge ai fatti della causa (vedere Guerra ed Altri c. Italia, sentenza del 19 febbraio 1998 Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1998-I, p. 223, § 44), e che prima ha già sostenuto che se da una parte l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non contiene requisiti procedurali espliciti, dall’altra implica ciononostante che il diritto nazionale debba prevedere una tutela giuridica contro l’interferenza arbitraria da parte delle autorità pubbliche e che qualsiasi interferenza col tranquillo godimento della proprietà debba essere accompagnata da certe garanzie procedurali (vedere Capital Bank AD c. Bulgaria, n. 49429/99, § 134 ECHR 2005-XII (gli estratti)). Nella presente causa la Corte considera che l'azione di reclamo sollevata dalla società richiedente sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione è collegata da vicino all'azione di reclamo sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e può essere esaminata di conseguenza come parte della seconda azione di reclamo .
A. Ammissibilità
60. La Corte nota che l’applicazione solleva questioni di fatto e di diritto sotto la Convenzione, la cui determinazione richiede un esame dei meriti. Considera anche che l'azione di reclamo non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione e che non può essere dichiarata inammissibile per qualsiasi altro motivo. L'azione di reclamo deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
Le osservazioni delle parti
61. La società richiedente addusse che le sue quote erano state sequestrate sulla base di una disposizione giuridica che mancò di chiarezza sufficiente e di prevedibilità. Addusse anche che non aveva avuto a sua disposizione le salvaguardie procedurali sufficienti contro la confisca. Asserì inoltre che la confisca non perseguì alcun scopo legittimo in quanto le possibili vittime dei crimini sospettati, M. e T., conclusero dei regolamenti amichevoli con i quali rinunciarono alle loro richieste per danni. La società richiedente asserì inoltre che la confisca non era stata proporzionata in quanto la sua lunghezza era eccessiva.
62. Pur ammettendo che la confisca costituì interferenza coi diritti di proprietà della società richiedente, il Governo asserì che l'interferenza era stata legale. Concesse che l’Articolo 79 del CCP, una delle disposizioni applicate dalle autorità perseguenti, non preveda espressamente la confisca di quote book-entry. Ciononostante , sostenne che, nonostante il fatto che né la Corte Suprema né la Corte Costituzionale, avessero chiarito nella loro rispettiva giurisprudenza al tempo in cui la confisca era stata imposta se le azioni book-entry rientrassero all'interno della sfera di quella disposizione, la giurisprudenza dei tribunali ordinari aveva risposto a questa questione affermativamente, come attestato dalla linea guida interpretativa dell'Accusatore Generale (vedere paragrafo 52 sopra). I principi custoditi in questa giurisprudenza furono incorporati successivamente nel CCP, con l'emendamento che entrò in vigore il 1 gennaio 1998. L'interpretazione delle quote book-entry come articoli mobili è nata anche inoltre, dai documenti dal dibattimento precedente l'adozione dell'Atto dei Titoli Sicurezze in Parlamento. Il Governo indicò inoltre che l’Articolo 89 § 16 (prima Articolo 89 § 13) del Codice Penale che entrò in vigore il 1 gennaio 1998 stabiliva che le disposizioni che governavano gli articoli erano applicabili ai titoli. Asserì inoltre che la confisca degli articoli era stata soggetta a controllo giudiziale sotto l’ Articolo 80 del CCP e, successivamente, dal 1 gennaio 2002 in poi, sotto l’Articolo 79c preso in concomitanza con l’Articolo 79a del CCP. Riguardo alle salvaguardie procedurali disponibili alla società richiedente, il Governo sostenne, che si sarebbe puto fare appello contro la confisca di fronte alla Corte Costituzionale e che la società richiedente avrebbe potuto depositare un’istanza sotto l’Articolo 80 del CCP richiedendo che la confisca venisse tolta o, dopo il 1 gennaio 2002, impugnando la decisione di sequestrare direttamente sotto l’Articolo 79c del CCP.
Il Governo asserì inoltre che la confisca perseguiva uno scopo legittimo nell'interesse pubblico, vale a dire quello di proteggere le vittime del crimine, prendendo gli incassi di crimine e combattendo la forma più pericolosa di crimine economico affrontato dalla Repubblica ceca nel corso della trasformazione della sua economia. Nella loro prospettiva, la confisca fu giustificata come indispensabile per assicurare l'applicazione del risultato dei procedimenti penali contro H. ed altri che, attraverso trasferimenti di titoli, aveva inflitto un danno a scapito delle società riguardate corrispondente a quasi CZK 1.2 miliardi. Se la confisca terminasse, questa esecuzione sarebbe probabilmente frustrata. Riferendosi alle circostanze eccezionali della causa, considera che la confisca era proporzionata. Enfatizzò la complessità estrema dei procedimenti, a causa del fatto che concernevano uno dei crimini economici più seri nella storia della Repubblica ceca. Nelle sue osservazioni affermò che più udienze sarebbero state tenute regolarmente ogni mese. Affermò che una decisione sui meriti sarebbe stata adottata e che i procedimenti sarebbero terminati probabilmente entro la fine di 2007.
La valutazione della Corte
63. La Corte osserva che l'essenza dell'azione di reclamo della società richiedente consiste nella dichiarazione che le azioni della sua proprietà furono sequestrate contrariamente all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e che perse ogni controllo su di queste come risultato di quella confisca. Il congelamento delle quote corrispose così, nella prospettiva della società richiedente, alla privazione de facto della sua proprietà. Il Governo asserì che la situazione costituì un controllo di proprietà all'interno del significato della terza frase dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. La Corte nota che la società richiedente non addusse che aveva perso il suo status come possessore delle quote. Osserva inoltre che non tutti i diritti relativi alle quote furono sospesi con la confisca originale, essendo stato concesso alla società richiedente, inter alia, di ricevere dividendi, di impugnare decisioni di assemblee generali o di proporre il convenire di assemblee generale. I diritti di votazione legati alle quote furono inoltre sospesi solamente nel giugno 2006. Perciò, la Corte considera che la situazione in oggetto non poteva essere considerata come una privazione di proprietà. Di conseguenza, è il secondo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che è applicabile (vedere Capital Bank AD c. Bulgaria, n. 49429/99, § 86 ECHR 2005-XII (gli estratti), con ulteriore riferimento a, mutatis mutandis, AGOSI c. Regno Unito, sentenza del 24 ottobre 1986 Serie A n. 108, § 51, e Bosphorus Hava Yollari Turizm ve Ticaret Anonim Şirketi c. Irlanda [GC], n. 45036/98, §§ 153-154 ECHR 2005-VI).
64. La Corte reitera che il suo potere di fare una revisione dell’ ottemperanza di atti contestati dalla legge nazionale è limitato e non è suo compito sostituirsi ad essa (vedere Malone c. Regno Unito, sentenza del 2 agosto 1984 la Serie A n. 82, § 79, e Sovtransavto Holding c. Ucraina, n. 48553/99, § 95 ECHR 2002-VII). Comunque, questo non dispensa la Corte dalla necessità di determinare se l'interferenza in questione si attenuta ai requisiti dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (ibid.). La Corte richiama ulteriormente che il primo e il più importante requisito dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza da parte di un'autorità pubblica col tranquillo godimento della proprietà debba essere legale (vedere Capital Bank AA c. Bulgaria, citata sopra, con ulteriore riferimento a Iatridis c. Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II).
65. Inoltre, la Corte reitera che una norma non può essere riguardata come “legge” all'interno del significato della Convenzione a meno che venga formulata con precisione sufficiente per abilitare il cittadino a regolare la sua condotta; un individuo deve essere in grado-se necessario con consiglio appropriato-prevedere, ad un grado che sia ragionevole nelle date circostanze le conseguenze che una determinata azione può comportare. Queste conseguenze non hanno bisogno di essere prevedibili con certezza assoluta. Se da una parte la certezza è auspicabile, dall’altra potrebbe implicare una rigidità eccessiva e la legge dovrebbe essere in grado di tenere ritmo con le mutevoli circostanze. Molte leggi si sono inevitabilmente adattate di conseguenza, in termini che, misura più o meno grande, siano vaghe e la cui interpretazione e applicazione siano questioni di pratica. La Corte reitera inoltre che la sfera della nozione di prevedibilità dipende in un grado considerevole dal contenuto del testo in questione, essendo il campo progettato per coprire sia il numero che lo status di coloro a cui è rivolto. Una legge può soddisfare ancora il requisito di prevedibilità anche se la persona riguardata deve adottare una consulenza legale appropriata per valutare, ad un grado che sia ragionevole nelle date circostanze le conseguenze che determinata azione può comportare. Questo è particolarmente vero in relazione a persone che continuano un'attività professionale che sono solite a dover procedere con un grado alto di cautela portando avanti la loro occupazione. Ci si può aspettare a questo proposito che mettano una cura speciale nel valutare i rischi che simile attività comporta (vedere, per esempio, Cantoni c. Francia, sentenza del 15 novembre 1996 Relazioni delle Sentenze e delle Decisioni 1996-V, § 35, e Chauvy ed Altri c. Francia, n. 64915/01, §§ 43-45 ECHR 2004-VI).
66. Rivolgendosi agli specifici fatti della causa, la Corte osserva che la prima questione in controversia sotto la disposizione invocata è se l’Articolo 79 del CCP offrì una base giuridica per la confisca delle quote book-entry, in particolare se il termine “articolo” contenuto in esso includeva simili quote. Nota che né il Codice Penale né il CCP, specificarono prima del 1 gennaio 1998 se alle autorità perseguenti furono conferiti poteri di prendere quote book-entry, prevedendo gli statuti in oggetto la confisca di “articoli” in generale. Né la giurisprudenza della Corte Suprema e della Corte Costituzionale aveva chiarito il problema a quel tempo. Riguardo all'esistenza della pratica dei tribunali nazionali addotta dal Governo con riferimento alla linea guida interpretativa dell'Accusatore Generale, la Corte accetta, che i requisiti di prevedibilità e di chiarezza della legge possono essere soddisfatti se la questione in oggetto può essere risolta tramite l’applicazioni di principi custoditi nella pratica nazionale stabilita, incluso una pratica che ha un certo grado di effetto autorevole.
67. Comunque, nonostante la questione se l'orientamento riflettesse la pratica delle autorità nazionali, la Corte osserva che il Governo non mostrò che la linea guida era stata emessa al tempo della confisca originale nel 1997 e che era stata pubblicata in quel momento nella Gazzetta Ufficiale o in un’altra risorsa di legge standardizzata pubblicamente accessibile. La stessa conclusione deve essere resa riguardo alla pratica dei tribunali ordinari a cui ha fatto riferimento il Governo e la Corte Costituzionale nel ragionamento della sua decisione che respingeva il ricorso costituzionale della società richiedente. Di conseguenza, la Corte non è nella posizione di concludere che la giurisprudenza la cui esistenza viene addotta dal Governo avrebbe potuto rendere inequivocabile l'interpretazione dell’Articolo 79 del CCP, in quanto la giurisprudenza deve essere considerata inaccessibile al richiedente al tempo della confisca originale. Inoltre riguardo alla pratica ceca, la Corte osserva che, quando furono pubblicate nel 1998, le opinioni giuridiche addotte dal Governo (vedere paragrafi 53-55) non erano arrivate alle stesse conclusioni nel dedicarsi al problema se il termine “articolo” nell’Articolo 79 del CCP includesse le quote book-entry prima del 1 gennaio 1998. Quella giurisprudenza non può essere riguardata perciò come se interpretasse inequivocabilmente la sfera dell’ applicazione dell’ Articolo 79 del CCP prima del 1 gennaio 1998. In queste circostanze, la Corte osserva, che almeno due interpretazioni della sfera di applicazione dell’ Articolo 79 del CPC esistevano al tempo attinente.
Ciononostante, questo non basta per concludere che la legge non fosse prevedibile o fosse arbitraria (vedere O. B. Heller, a.s. and Československá obchodní banka, a.s c. Repubblica ceca ( dec.), n. 5631/00, 9 novembre 2004). La Corte nota a questo proposito che la confisca ebbe luogo in conseguenza dell'operazione commerciale conclusa con la società richiedente nel corso delle sue attività professionali. Dato l'ambito degli affari destabilizzato della Repubblica ceca del 1990 ed il volume considerevole di quell’ operazione, considera che la società richiedente, se trattata con dovuta cura, presupponendo inter alia l’assistenza giuridica, non poteva essere riguardata come in difetto di un'opportunità ragionevole di prevedere le conseguenze nell’acquisto di titoli, incluso l'impossibilità di escludere il rischio probabile che le sicurezze vengano successivamente sequestrate. Questa conclusione si applica a fortiori alla situazione dopo il 1 gennaio 1998, quando l’Articolo 89 § 13 del Codice Penale è stato emendato in modo da portare i titoli all'interno dell'ambito delle disposizioni che governano gli articoli, ed addirittura di più con l'entrata in vigore il 1 gennaio 2002 dell’Articolo 79c del CCP che prevedeva esplicitamente la confisca di quote book-entry.
68. Rimane da essere esaminato se la società richiedente godette delle salvaguardie contro un’interferenza arbitraria da parte delle autorità perseguenti quando le sue sicurezze furono sequestrate.
69. La Corte richiama che il requisito della legalità, all'interno del significato della Convenzione presuppone, fra le altre cose che la legge nazionale debba fornire una misura di tutela giuridica contro l’interferenza arbitraria da parte di autorità pubbliche nei diritti salvaguardati dalla Convenzione (vedere Hasan e Chaush c. Bulgaria [GC], n. 30985/96, § 84 ECHR 2000-XI). Inoltre, i concetti di legalità e di regola giuridica in una società democratica richiedono che le misure che riguardano i diritti essenziali siano, in certi casi, soggette a delle forme di procedimenti della controparte di fronte ad un corpo indipendente competente per fare una revisione delle ragioni delle misure e della prova attinente (vedere, mutatis mutandis, Al-Nashif c. Bulgaria, n. 50963/99, § 123 20 giugno 2002). È vero che l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 non contiene nessuno requisito procedurale esplicito e l'assenza di controllo giurisdizionale non corrisponde, di per sé, ad una violazione di questo provvedimento (vedere Fredin c. Svezia (n. 1), sentenza del 18 febbraio 1991, Serie A n. 192, § 50). Ciononostante, implica che qualsiasi interferenza col tranquillo godimento della proprietà debba essere accompagnata da garanzie procedurali che riconoscano all'individuo o all'entità riguardata un'opportunità ragionevole di presentare la loro causa alle autorità responsabili al fine di impugnare efficacemente le misure che interferiscono coi diritti garantiti da questa disposizione. Nell'accertare se questa condizione è stata soddisfatta, una prospettiva comprensiva deve essere presa delle procedure giudiziali ed amministrative applicabili (vedere Jokela c. la Finlandia, n. 28856/95, § 45 ECHR 2002-IV).
70. Nella presente causa, non fu contestato dalle parti che la decisione sulla confisca sotto l’Articolo 79 del CCP non poteva essere contestata sotto il CCP. La Corte osserva che secondo questo provvedimento una decisione su confisca durante i procedimenti precedenti alla prova è riservata all'accusatore. Tale decisione non può essere contestata sotto il CCP siccome è, secondo la pratica nazionale, una decisione sui generis, non una decisione all'interno del significato dell’ Articolo 119 § 2 del CCP (vedere paragrafo 54 sopra).
Inoltre, un'azione di reclamo contro la decisione di un accusatore è, secondo l’Articolo 141 § 2 del CCP, lecita solamente in cause in cui la legge preveda così. L'Articolo 79 del CCP non prevede tale azione di reclamo in relazione alle confische. Riguardo all’ Articolo 80 del CCP, la Corte osserva che prevede, inter l'alia, il sollevamento di una misura di confisca nei procedimenti precedenti alla prova da parte dell'accusatore quando l'articolo sequestrato non è più richiesto per i procedimenti penali e la sua espropriazione o il suo sequestro possono essere esclusi. Così, è un strumento giuridico che rende possibile , non fare appello direttamente contro una decisione sulla confisca ma piuttosto reagire ad un cambio nelle circostanze sotto le quali fu sequestrato un articolo. Inoltre, le decisioni sotto l’Articolo 80 del CCP e i ricorsi contro queste sono adottate da un accusatore (vedere paragrafo 48 sopra) e non da un tribunale, allo stadio precedente alla prova dei procedimenti penali. È vero che la confisca di quote book-entry è diventata revisionabile da parte di un tribunale con l'emendamento del CCP che introdusse l’Articolo 79c CCP preso in concomitanza con l’Articolo 79a del CCP e con l’Articolo 146a del CCP emendato. Comunque le corrispondenti disposizioni giuridiche messe in parole entrarono comunque entrarono in vigore solo il 1 gennaio 2002. Non si può considerare così che la società richiedente abbia goduto sotto il diritto penale ceco così com’era al tempo della confisca, di garanzie procedurali sufficienti all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
71. In quanto al diritto di impugnare la confisca per mezzo di un ricorso costituzionale, la Corte osserva che il richiedente si avvalse due volte di questa via di ricorso senza successo (vedere paragrafi 16 e 23). La Corte osserva che il compito della Corte Costituzionale, trattando ricorsi registrati sotto la sezione 72(1) dell’Atto Costituzionale della Corte , è, in principio, di fare una revisione della costituzionalità di una misura contestata. Come regola generale, non spetta alla corte trattare con errori di fatto o giuridici asseriti in tale ricorso. Perciò, è in dubbio se tale revisione fornisca, di per sé , agli individui o alle entità un'opportunità ragionevole di impugnare efficacemente misure che interferiscono coi diritti garantiti dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
Comunque, nella presente causa, in cui i fatti non furono contestati dalle parti, la Corte Costituzionale rivolse il problema in legge, sollevata dalla società richiedente nei ricorsi costituzionali quando trovò nella sua decisione del 15 aprile 2004 che la confisca contestata era fin dall’inizio legale (vedere paragrafo 23). È vero che nella sua prima direttiva dell’ 11 novembre 1998 la Corte Costituzionale non procedette così quando rifiutò di fare una revisione della legalità della confisca siccome dichiarò il primo ricorso costituzionale di fronte a sé inammissibile in quanto depositato fuori il tempo limite previsto dall’Atto Costituzionale della Corte. Comunque, l'esame di quella decisione della Corte è inibito dal fatto che la presente richiesta fu depositata il 22 ottobre 2004, cioè fuori dal tempo limite di sei mesi previsto dall’ Articolo 35 § 1 della Convenzione.
72. Ne consegue che, a causa delle particolari circostanze della presente causa in cui la Corte Costituzionale tratto e decise la questione sollevata dalla società richiedente nell’impugnare la confisca, la società richiedente non può essere riguardata come essendo stata privata di un'opportunità ragionevole di impugnare efficacemente la confisca in oggetto.
73. L'imposizione della confisca deve essere considerata perciò legale all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
74. In queste circostanze, rimane da esaminare se la confisca fu giustificata, cioè se perseguì uno scopo legittimo ed era proporzionata.
75. In merito al fatto se il controllo di proprietà in questione perseguì uno scopo legittimo, la Corte nota che sotto il sistema di protezione stabilito dalla Convenzione, spetta alle autorità nazionali fare la valutazione iniziale dell'esistenza di un problema di preoccupazione pubblica che garantisce misure di controllo della proprietà. Qui, le autorità nazionali godono di un ampio margine di valutazione e la Corte rispetterà il loro giudizio riguardo a cosa è “nell'interesse pubblico” a meno che questo giudizio sia manifestamente senza fondamento ragionevole. Questo necessariamente si applica, e forse in più grande misura, nel caso di cambi al sistema politico di un paese (vedere, mutatis mutandis, Il Ex Re di Grecia ed Altri c. Grecia [GC], n. 25701/94, § 87 ECHR 2000-XII). Riguardo al requisito della proporzionalità qualsiasi interferenza col diritto al tranquillo godimento della proprietà deve raggiungere un “giusto equilibrio” fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. In particolare, ci deve essere una relazione ragionevole di proporzionalità fra i mezzi utilizzati e lo scopo che si cerca di realizzare tramite qualsiasi misura che interferisce con diritti di proprietà degli individui (vedere, fra altre autorità, Pressos Compania Naviera S.A. ed Altri c. Belgio, sentenza del 20 novembre 1995 la Serie A n. 332, § 38, e Malama citata sopra, § 48). Nel determinare se ambo i requisiti sono soddisfatti, la Corte riconosce che lo Stato gode di un ampio margine di valutazione in merito sia alla scelta di come le misure saranno implementate ed sia nella valutazione se le conseguenze della loro implementazione sono giustificate nell'interesse generale al fine di realizzare l'oggetto della legge in questione (vedere Chassagnou ed Altri c. Francia [GC], N. 25088/94, 28331/95 e 28443/95, § 75 ECHR 1999-III). Sotto la giurisprudenza della Corte, il carattere dell’ interferenza, lo scopo perseguito, la natura dei diritti di proprietà con cui vi è stata interferenza, ed il comportamento del richiedente e delle autorità Statali ed inframmettenti sono fra i principali fattori determinanti per valutare se la misura contestata rispetta il giusto equilibrio richiesto e, inoltre, se impone un carico sproporzionato sui richiedenti.
76. Applicando questi principi alla presente causa, la Corte osserva che l'asserzione del Governo riguardo ad uno scopo legittimo si riferisce a politiche che sono essenziali per il corretto funzionamento di tutte le Parti Contraenti. Nota inoltre che al tempo della confisca la Repubblica ceca intraprese riforme sociali ed economiche sistematiche i cui effetti collaterali erano un aumento di un grave crimine economico. Inoltre, benché la Corte accetta che le due vittime dell'operazione, M. e T., possono essere riguardate come avendo rinunciato ai loro diritti nei confronti della società richiedente a seguito dei loro accordi (vedere paragrafi 32-34), non fu mostrato dalla società richiedente che tutte le ragioni per la confisca cessarono con questo di esistere, come è attestato, inter alia, dalle azioni giuridiche portate di fronte ai tribunali dagli azionisti di minoranza di M. e T. per contestare gli accordi conclusi con la società richiedente (paragrafo 33). Segue che si deve considerare che la confisca persegua uno scopo legittimo all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
77. Riguardo alla proporzionalità della confisca, il diritto della società richiedente di disporre delle sue quote è stato sospeso dall’ 11 maggio 1997, cioè, per più di undici anni. I suoi diritti di votazione legati alle quote furono sospesi il 15 giugno 2006 mentre gli altri diritti connessi alle quote, come il diritto di incassare i dividendi ed impugnare decisioni di assemblea generale, furono mantenuti dalla società richiedente.
La Corte riconosce l'importanza di condurre indagini di sospetti crimini economici seri , come nella presente causa , con la dovuta diligenza per assicurare che questi crimini siano valutati in modo appropriato ed i procedimenti siano debitamente terminati. Ciononostante, la Corte, prendendo in considerazione la lunghezza della confisca delle quote della società richiedente -più di dodici anni -ed il valore considerevole di quei beni, costata che nella presente causa non è stato previsto un giusto equilibrio fra gli interessi generali della società e gli interessi della società richiedente siccome la seconda è stata obbligata a sopportare un carico eccessivo come risultato della continua confisca.
78. C'è stata perciò, una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
79. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o inoltre dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette di essere resa una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
80. La Corte considera che la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 non è pronta per una decisione. La questione di conseguenza deve essere riservata e l'ulteriore procedura fissata con dovuto riguardo alla possibilità di un accordo al quale sono giunti il Governo ceco e la società richiedente.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
3. Sostiene che la questione dell’applicazione dell’ Articolo 41 non è pronta per una decisione;
di conseguenza,
(a) riserva la detta questione;
(b) invita il Governo ceco e la società richiedente a presentare, entro i tre mesi successivi le loro osservazioni scritte sulla questione e, in particolare, a notificare alla Corte qualsiasi accordo al quale loro possono giungere;
(c) riserva l'ulteriore procedura e delega al Presidente della Camera il potere di fissarla all’occorrenza.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 9 ottobre 2008, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente
1 EUR 1 = CZK 28.52 al tempo attinente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.