Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF BUDAYEVA AND OTHERS v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 1 (elevata)
ARTICOLI: 41, 13, 35, P1-1

NUMERO: 15339/02 /2008
STATO: Russia
DATA: 20/03/2008
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objection dismissed (non-exhaustion of domestic remedies) ; Violation of Art. 2 (substantive aspect) ; Violation of Art. 2 (procedural aspect) ; No violation of P1-1 ; No violation of Art. 13+P1-1 ; Non-pecuniary damage - award ; Pecuniary damage - claim dismissed
FIRST SECTION
CASE OF BUDAYEVA AND OTHERS v. RUSSIA
(Applications nos. 15339/02, 21166/02, 20058/02, 11673/02 and 15343/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
20 March 2008
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Budayeva and Others v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Christos Rozakis, President,
Nina Vajic,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Giorgio Malinverni,
George Nicolaou, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 28 February 2008,
Delivers the following judgment, which was adopted on the last-mentioned date:
PROCEDURE
1. The case originated in five applications (nos. 15339/02, 21166/02, 20058/02, 11673/02 and 15343/02) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by six Russian nationals, Ms K. K. B. and Ms F. K. A. on 15 March 2002, by Ms R. M. S. on 10 April 2002, by Ms N. N. K.a on 18 February 2002 and by Mr A. A. S. and Ms I. I. S. on 9 March 2002 (“the applicants”).
2. The applicants, who had been granted legal aid, were represented by Mr D., a lawyer practising in Nalchik, Mr M., a lawyer practising in Moscow and Mr Se., a lawyer practising in Pyatigorsk. The Russian Government (“the Government”) were initially represented by Mr P. Laptev, the former Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights, and subsequently by their Representative, Mrs V. Milinchuk.
3. Relying on Articles 2, 8 and 13 of the Convention and on Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, the applicants alleged that the national authorities were responsible for the death of Mr B., for putting their lives at risk and for the destruction of their property, as a result of the authorities' failure to mitigate the consequences of a mudslide which occurred in Tyrnauz on 18-25 July 2000, and that no effective domestic remedy was provided to them in this respect.
4. The Chamber decided to join the proceedings in the applications (Rule 42 § 1).
5. By a decision of 5 April 2007 the Court declared the applications admissible.
6. The applicants and the Government each filed further written observations (Rule 59 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
7. The applicant in the first application (no. 15339/02), Ms K. K. B., was born in 1961 and lives in Tyrnauz, in the Elbrus District of the Republic of Kabardino-Balkariya (KBR), Russia (the first applicant).
8. The applicant in the second application (no. 21166/02), Mrs F. K. A., was born in 1963 and lives in Tyrnauz (the second applicant).
9. The applicant in the third application (no. 20058/02), Ms R. M. S., was born in 1953 and lives in Nalchik in the KBR (the third applicant).
10. The applicant in the fourth application (no. 11673/02), Ms N. N. K., was born in 1955 and lives in Tyranuz (the fourth applicant).
11. The applicants in the fifth application (no. 15343/02), Mr A. A. S. and Mrs I. I. S., were born in 1958 and 1955 respectively and live in Tyrnauz (the fifth and the sixth applicants).
12. The facts of the case are partially in dispute between the parties. Their submissions on the circumstances in which a mudslide swept through the town of Tyrnauz in 2000 are set out in Section A below. The manner in which these events affected the individual applicants is set out in Section B. A description of the materials submitted to the Court by the applicants is given in Section C.
A. The circumstances concerning the mudslide
1. Background facts
13. The town of Tyrnauz is situated in the mountain district adjacent to Mount Elbrus, in the central Caucasus. Its population is about 25,000 inhabitants. The general urban plan of the town was developed in the 1950s as part of a large-scale industrial construction project. Two tributaries of the Baksan River passing through Tyrnauz, the Gerhozhansu and the Kamyksu, are known to be prone to causing mudslides.
14. The first documentary evidence of a mudslide in the Gerhozhansu River dates back to 1937. Subsequently mudslides were registered almost every year; occasionally they hit the town, causing damage. The heaviest mudslides registered prior to 2000 occurred on 1 August 1960, on 11 August 1977 and on 20 August 1999. According to the Government, the series of mudslides of 18-25 July 2000 were the strongest and most destructive of all.
15. The inhabitants and authorities of Tyrnauz are generally aware of the hazard, and are accustomed to the mudslides which usually occur in the summer and early autumn.
16. The first technical research into a scheme to protect Tyrnauz from the mudslides was carried out in the 1950s, and by 1959 a number of proposals had been made. The scheme chosen by the authorities following a comparative feasibility study provided for the construction of a feed-through mud retention collector. Construction work began, but in 1960 this was disrupted by an exceptionally strong mudslide, and the project had to be corrected and extended accordingly. The construction of the collector was finished in 1965 and operated successfully for 35 years, apparently providing sufficient defence against the mudslides. In 1977 a technical review was carried out following a particularly strong mudslide which seriously damaged some sections of the collector, and it was considered necessary to carry out repair work. The collector was fully repaired by 1982.
17. In addition, in early 1999 the local authorities put into operation a mud retention dam in the river gorge of Gerhozhan, upstream from the mud retention collector. The dam was intended to enhance the protection of Tyrnauz from mud and debris flows. It measured 160 m x 38 m x 40 m and was built with 6,000 cubic metres of reinforced concrete and 2,000 tons of metal structures.
2. The condition of the dam in the summer of 2000
18. On 20 August 1999 a mud and debris flow hit the dam, seriously damaging it.
19. On 30 August 1999 the director of the Mountain Institute, a state agency whose mandate included monitoring weather hazards in high-altitude areas, called for an independent survey of the damage caused to the dam by the mudslide. He made recommendations to the Minister responsible for Disaster Relief of the KBR concerning the composition of a State Commission for the survey.
20. On the same day he also sent a letter to the President of the KBR, calling for emergency clean-up and restoration work to the dam and for an early warning system to be set up to raise the alarm in the event of a mudslide (see the full text in Section C “Documents submitted by the applicants”).
21. On 17 January 2000 the acting director of the Mountain Institute sent a letter to the Prime Minister of the KBR, warning about the increased risk of mudslides in the coming season. He stated that the dam was seriously damaged, that its reconstruction appeared unfeasible at that stage and that, consequently, the only way to avoid casualties and mitigate the damage was to establish observation posts to warn civilians in the event of a mudslide, for which he requested a mandate and financial support (see the full text in Section C below).
22. On 7 March 2000 the Head of the Elbrus District Administration sent a letter to the Prime Minister of the KBR in which he referred to the imminent large-scale mudslide and requested financial aid to carry out certain emergency work on the dam. In his request he invoked possible “record losses” and casualties (see the full text in Section C below).
23. On 7 July 2000 the assistant director and the head of research of the Mountain Institute attended a session at the Ministry for Disaster Relief of the KBR. At the meeting they reiterated the warning about the risk of mudslides in that period and requested that observation points be set up in the upper sections of the Gerhozhansu River, in order to monitor the river at all times and to issue an emergency warning in the event of a mudslide.
24. On 10 July 2000 the assistant director of the Mountain Institute reported to the agency director that he had warned the Ministry for Disaster Relief of the KBR of the forthcoming mudslide and requested the setting up of twenty-four hour observation posts.
25. It would appear that none of the above measures were ever implemented.
3. The mudslide of 18-25 July 2000
26. At about 11 p.m. on 18 July 2000 a flow of mud and debris hit the town of Tyrnauz and flooded some of the residential quarters.
27. According to the Government, this first wave caused no casualties. However, the applicants alleged that at least one person was killed. In particular, the second applicant claimed to have witnessed the death of her neighbour Ms B, born in 1934, who was trapped in the debris and drowned in the mud before anybody could help her. She also alleged that she had witnessed a Zhiguli vehicle with four men in it being carried away by the mudslide.
28. According to the Government, following the mudslide of 18 July 2000 the authorities ordered the emergency evacuation of the residents of Tyrnauz. The police and local officials went round people's homes to notify them of the mudslide and to help evacuate the elderly and disabled. In addition, police vehicles equipped with loudspeakers drove round the town, calling on residents to evacuate because of the mud hazard.
29. The Government did not specify when exactly these measures were taken. The applicants agreed that the alarm was indeed raised through loudspeakers once the mudslide had struck, but no advance warning was given. They claimed that they had been unaware of the order to evacuate and doubted that any had been issued. They also alleged that there had been no rescue forces or other organised on-the-spot assistance at the scene of the disaster, which became a cauldron of chaos and mass panic.
30. In the morning of 19 July 2000 the mud level lowered and the residents returned to their homes. The Government alleged that they did so in breach of the evacuation order, while the applicants claimed that they were not aware that the mudslide alert was still active, pointing out that there were no barriers or warnings to prevent people from returning to their homes. They did not spot any police or emergency officers near their homes, but could see that their neighbours were all at home and children were playing outside. Water, gas and electricity supplies had been reconnected after being cut off during the night.
31. At 1 p.m. on the same day a second, more powerful, mudslide hit the dam and destroyed it. Mud and debris instantly descended on the town, sweeping the wreckage of the dam before them. At 17 Otarova Street the mudslide destroyed part of a nine-storey block of flats, with four officially reported casualties. Several other buildings were damaged. It also caused the river to overflow, flooding the residential quarters on the right bank.
32. The town was hit by a succession of mudslides until 25 July 2000.
33. Eight people were officially reported dead. According to the applicants, a further 19 persons allegedly went missing.
34. According to the Government, on 3 August 2000 the Prosecutor's Office of the Elbrus District decided not to launch a criminal investigation into the accident. The applicants claimed that they were unaware of this. No copy of this decision was made available to the Court.
35. On 12 August 2000 the Government of the KBR adopted a directive on the payment of compensation for loss of housing to the victims of the mudslide. It established the general principles for the provision of new accommodation and the guidelines for calculating compensation for those who wished to settle outside Tyrnauz. The loss of a 1-room flat gave rise to payment of up to 15,000 roubles (RUB), of a 2-room flat – to up to RUB 20,000 and of a 3-room flat – to up to RUB 45,000. Alternately, victims could opt for housing vouchers that would entitle families of more than one person to free housing of at least 18 sq. m per family member, and single-person families – to 33 sq. m.
36. On 20 December 2000 the Department of Disaster Relief of the Elbrus District issued a written statement, apparently in connection with individual lawsuits, that it had received no advance warning concerning the Tyrnauz mudslide in 2000, either from the Ministry for Disaster Relief of the KBR or from any other authority.
37. On the same day the Elbrus District Administration also issued a written statement that it had received no warning of a mudslide at any time during the past two years.
38. On 14 February 2001, apparently following an enquiry from the district administration, the Finance Department of the Elbrus District reported that no funds had been allocated in the district budget for the restoration work required after the 1999 mudslide.
B. The circumstances of the individual applicants
1. The first applicant
39. Before the events of July 2000 the first applicant, her husband and their two sons, born in 1987 and 1997, lived at 17 Otarova Street, Tyrnauz, in a 72 sq. m flat they owned on the seventh floor.
40. On 18 July 2000 she and her family were asleep when the mudslide began. The first applicant claimed that no emergency warning was given, and the mudslide came as a total shock. They had a narrow escape and spent the night in the mountains.
41. At about noon on the following day (19 July 2000) they returned to their flat. According to the first applicant, the mudslide appeared to have ended, and since there had been no warning or barriers to stop them, they thought that it must be safe to return home. Exhausted from the events of the previous night, they went straight to bed. However, shortly afterwards the first applicant was woken up by Ms K, a friend of her sister's (see Ms K's testimonies in Section C below), and within minutes they felt the walls shake and heard a loud rumble, glass shattering, cries and people running.
42. The first applicant and her older son only just managed to escape.
43. The younger son was carried out by Ms K and rescued from the wreckage, but he sustained serious injuries, including cerebral and spinal contusion, erosion of the cornea, multiple avulsed wounds, abrasions and bruises.
44. The first applicant's husband, Mr V. K. B., aged 47, stayed behind to help her parents flee but was killed when the building collapsed after being hit by the mudslide. The first applicant's parents were rescued.
45. The first applicant's flat and all her possessions were flooded and destroyed by the mudslide.
46. On 3 August 2000 the Prosecutor's Office of the Elbrus District decided not to launch a criminal investigation into the death of the first applicant's husband. Having found that he died as a result of the collapse of the building, it established that the death was accidental and not attributable to any criminal act.
47. Following a decision by the Government of the KBR on 12 August 2000, the applicant was issued with a housing voucher on 4 June 2001 entitling her to 54 sq. m of free accommodation to compensate for the loss of her flat. It would appear that the size of the accommodation was reduced pro rata her deceased husband's share, but, after numerous complaints, she was eventually provided with another 40 sq. m flat in Nalchik. She received a grant from the emergency fund of RUB 13,200 to compensate for the loss of her possessions, plus an additional allowance of RUB 2,337.
48. On an unspecified date the first applicant brought an action in damages against the Government of the KBR, the Ministry for Disaster Relief of the KBR and the Elbrus District Administration. She claimed RUB 259,200 for the loss of movable and immovable property, and RUB 5,000,000 for non-pecuniary damage on account of the death of her husband and the mental and physical suffering she and her children had been caused by the disaster. She claimed that the authorities had persuaded the local population that there was no risk of a mudslide. She also alleged that the authorities had been negligent as they had failed to take measures to mitigate the damage, in particular by establishing an early warning system and clearing the deposits left in the dam and river channel since the 1999 mudslide. In support of her claims she provided the documents set out in Part 2 of Section C (“Official letters and documents issued before the 2000 mudslide”) and other evidence.
49. On 9 October 2001 the Baksan District Court of the KBR examined the case and found that the authorities had taken all reasonable measures to mitigate the risk of a mudslide. Noting that the retention capacity of the dam was calculated for a flow of 500 cu. m per second, when the actual flow rate was 2,000 cu. m per second, it concluded that a mudslide of such exceptional force could be neither predicted nor stopped. The court also found that the media had informed civilians of the risk of possible mudslides and it took into account the fact that, following the mudslide, the authorities had carried out infrastructure work, such as repairs to a water pipeline, and had offered the applicant social aid in the form of accommodation and financial compensation.
50. The court concluded that no fault attached to the authorities for the damage sustained by the applicant and found her claim for pecuniary and non-pecuniary damage unsubstantiated.
51. On 20 November 2001 the Supreme Court of the KBR upheld the judgment of 9 October 2001.
52. According to the first applicant, her living conditions have been extremely difficult since the disaster. She claimed that both her own and her children's health has deteriorated substantially as a result of the injuries, stress and devastation caused. Her younger son has developed serious chronic post-traumatic conditions, such as enuresis and the progressive deterioration of his eyesight. Both her sons require regular neurological treatment as a result of their injuries and shock. The flat she bought with the housing voucher had to be sold immediately to cover living expenses and pay for medical treatment. The flat in Nalchik was in an appalling state (it had not been renovated since its construction in 1952) and she had no means of restoring it sufficiently to make it habitable.
2. The second applicant
53. Before the events of July 2000 the second applicant, her husband and their daughter lived at 42 Otarova Street in a 44.6 sq. m flat (no. 33) which they owned. She owned another flat (no. 1) in the same block under a social tenancy agreement.
54. In 1999 a mudslide caused damage to the second applicant's property and she lost some of her livestock. She said that she requested the local authorities to carry out emergency maintenance to the dam and clear away the wreckage. However, despite numerous requests by the residents, nothing was done.
55. On 18 July 2000 the second applicant and her family were at home when the mudslide began at about 11 p.m. She claimed that no emergency warning was given, and they had to flee their home in their pyjamas. As they attempted to escape, the applicant and her daughter were caught in the flow of mud and debris, which dragged them for some distance before passers-by came to their rescue. Both were injured and suffering from severe shock, in particular the second applicant's daughter, who suffered severe friction burns caused by the debris.
56. On the following day, 19 July 2000, the second applicant's brother-in-law (the first applicant's husband V. B.) died while helping the first and second applicants' parents to flee when a new mudslide hit the town.
57. Both of the second applicant's flats and all of her possessions were destroyed by the mudslide.
58. Following the decision of the Government of the KBR of 12 August 2000, the second applicant received a housing voucher on 29 August 2001 to compensate for the loss of flat no. 1. It entitled her to 33 sq. m of free accommodation. She also received a grant from the emergency fund of RUB 13,200 to compensate for the loss of her possessions, plus an additional allowance of RUB 1,168. She has not received any compensation in respect of flat no. 33.
59. The second applicant brought an action in damages against the Government of the KBR, the Ministry for Disaster Relief of the KBR and the Elbrus District Administration. She claimed RUB 360,000 for the loss of movable and immovable property, and RUB 1,000,000 for non-pecuniary damage for the mental and physical suffering she and her daughter had been caused by the disaster. Her allegations, arguments and other submissions were essentially the same as those of the first applicant.
60. On 9 October 2001 the Baksan District Court of the KBR examined her claim together with that of the first applicant and rejected it on the same grounds.
61. On 20 November 2001 the Supreme Court of the KBR upheld the judgment of 9 October 2001.
62. According to the second applicant, her living conditions after the disaster were, and remain, very poor. Both her own and her daughter's health deteriorated substantially as a result of the injuries, stress and devastation caused and they had to receive neurological treatment for their injuries and shock.
3. The third applicant
63. Before the events of July 2000 the third applicant lived at 17 Otarova Street, Tyrnauz, in a 54.2 sq. m flat which she owned.
64. On 18-24 July 2000 her flat was flooded and destroyed by the mudslide, together with her possessions. The third applicant claimed that no emergency warning was given and that she only just managed to escape the mudslide.
65. Following the decision of the Government of the KBR of 12 August 2000 the third applicant received a subsidy of RUB 30,000 for the loss of her flat and a grant from the emergency fund of RUB 13,200 to compensate for the loss of her possessions, plus an additional allowance of RUB 584.
66. She brought an action in damages against the Government of the KBR, the Ministry for Disaster Relief of the KBR and the Elbrus District Administration. She claimed RUB 730,662 for the loss of movable and immovable property, as well as RUB 250,000 for non-pecuniary damage for the mental and physical suffering she was caused by the disaster. Her allegations, arguments and other submissions were essentially the same as those of the first and the second applicants.
67. On 27 August 2001 the Nalchik Town Court of the KBR examined the case and rejected her claims. Its judgment was based on essentially the same reasons as the subsequent judgment of the Baksan District Court of the KBR, dated 9 October 2001, in the case brought by the first and second applicants. In its judgment, the court referred to certain media records of 1999-2000 which had been submitted by the Ministry for Disaster Relief of the KBR. On the basis of these records, taken together with the weather reports for the relevant period, it concluded that the local population had been adequately forewarned about the possible mudslides. The court took into account the fact that, following the mudslide, the authorities had offered the applicant welfare aid, namely the subsidy for a flat and the monetary compensation. It also noted, inter alia, that the third applicant was entitled to exchange the RUB 30,000 subsidy for 33 sq. m of social housing.
68. On 25 September 2001 the Supreme Court of the KBR upheld the judgment of 27 August 2001. This decision was served on the third applicant on 25 October 2001.
69. On 5 June 2004 the third applicant exchanged her housing subsidy for a housing voucher which entitled her to 33 sq. m of free accommodation. She used this voucher to purchase a flat in the Moscow Region, which she resold shortly afterwards.
70. According to the third applicant, her health and living conditions deteriorated as a result of the above events and she was not adequately compensated for the losses sustained in the accident.
4. The fourth applicant
71. Before the events of July 2000 the fourth applicant lived at 46 Elbrusskiy Prospekt, Tyrnauz, in a 33 sq. m flat which she owned.
72. On 18-24 July 2000 her flat and possessions were flooded and destroyed by the mudslide. She claimed that no emergency warning had been given prior to the mudslide, but she managed to make her way to safety.
73. The fourth applicant brought an action in damages against the Government of the KBR, the Ministry for Disaster Relief of the KBR and the Elbrus District Administration. She claimed RUB 248,942 in compensation for the loss of movable and immovable property and RUB 1,266 for medical treatment; she also claimed RUB 100,000 for non-pecuniary damage for mental and physical suffering. Her allegations, arguments and other submissions were essentially the same as those of the other applicants referred to above.
74. On 25 April 2001 the Elbrus District Court of the KBR examined the fourth applicant's claim and rejected it.
75. On 22 May 2001 the Supreme Court of the KBR reversed the judgment of 25 April 2001 on the grounds that one of the parties had not attended the trial. The case was remitted for re-examination by a first-instance court.
76. On 9 October 2001 the Baksan District Court of the KBR examined her claim and rejected it on the same grounds as those of the other applicants referred to above. It noted, inter alia, that the fourth applicant was still entitled to apply for compensation of RUB 30,000 from an emergency fund or, alternatively, for 33 sq. m of free housing, but held that any further claims were unsubstantiated.
77. On 20 November 2001 the Supreme Court of the KBR upheld the judgment of 9 October 2001.
78. On 7 December 2001 the fourth applicant was issued a housing voucher entitling her to 33 sq. m of free accommodation to compensate for the loss of her flat and received a grant of RUB 13,200 from the emergency fund to compensate for the loss of her possessions, plus an additional allowance of RUB 584.
79. According to the fourth applicant, her living conditions after the above events were extremely difficult and her health deteriorated substantially as a result of the stress and devastation they had caused. Following the disaster she suffered from psychological disorientation and depression, for which she had to undergo psychiatric treatment. According to her medical records her condition has been further aggravated by the litigation over the compensation.
5. The fifth and sixth applicants
80. Before the events of July 2000 the applicants and their two daughters lived in a 72 sq. m flat, which they owned.
81. On 18-24 July 2000 their flat and possessions were flooded and destroyed by the mudslide. They claimed that no emergency warning was given and that they and their family had only just managed to escape the mudslide.
82. The fifth and sixth applicants brought an action in damages against the Government of the KBR, the Ministry for Disaster Relief of the KBR and the Elbrus District Administration. They claimed RUB 498,368 for the loss of their movable and immovable property as well as RUB 200,000 for non-pecuniary damage for mental and physical suffering. Their allegations, arguments and other submissions were essentially the same as those of the other applicants referred to above.
83. On 25 April 2001 the Elbrus District Court of the KBR examined the fifth and sixth applicants' claim and rejected it.
84. On 22 May 2001 the Supreme Court of the KBR reversed the judgment of 25 April 2001 on the grounds that one of the parties had not attended the trial. The case was remitted for re-examination by a first-instance court.
85. On 9 October 2001 the Baksan District Court of the KBR examined their claim and rejected it on the same grounds as those of the other applicants referred to above. It noted, inter alia, that the fifth and sixth applicants were still entitled to apply for compensation from an emergency fund in the sum of RUB 13,200 for the loss of movable property and RUB 45,000 for the loss of the flat or, alternatively, for 33 sq. m of free housing per person, but held that further any claims were unsubstantiated.
86. On 20 November 2001 the Supreme Court of the KBR upheld the judgment of 9 October 2001.
87. On 8 December 2001 the fifth and sixth applicants were issued with a housing voucher entitling them to 72 sq. m of free accommodation to compensate for the loss of the flat and received a grant from the emergency fund of RUB 13,200 to compensate for the loss of their possessions, plus an additional allowance of RUB 2,337.
88. According to the fifth and sixth applicants, their health deteriorated substantially as a result of the stress and devastation. In particular, the sixth applicant had to receive extensive psychiatric and neurological treatment following a nervous breakdown caused by living through the disaster and its consequences.
C. Documents submitted by the applicants
89. In support of their allegations the applicants submitted numerous newspaper articles, official letters, documents and witness statements to the Court. In so far as relevant, these documents read as follows.
1. Official letters and documents issued before the 2000 mudslide
90. Official letter of 30 August 1999 from the director of the Mountain Institute, Mr M. Zalikhanov, to the President of the KBR:
“As you know, earlier this year, on 20 August, a heavy mudslide with a volume of some 1 million cu. m was recorded in the valley of the Gerhozhansu River. The aerial visual survey made from a helicopter found that fluid material had formed in the upper stream of one of the mud-bearing deposits of Kaya-Arty-Su. At the same time, another mud-bearing deposit has formed in the Gerhozhan basin, in the Sakashili-Su River, and the mud reserves may soon become active.
Given that the feed-through mud retention collector at the estuary of the mudslide basin has been destroyed by previous mudslides, and the river channel has filled up with mud deposits, the disaster may recur on a larger scale.
We therefore request financial support to set up for the period of September radio-communication posts in the upper section of the river to warn civilians and the [emergency] services of the mud-hazard and to conduct engineering surveys to restore the mud-protection structure, which is now in a critical state of disrepair.”
91. Official letter of 17 January 2000 from the acting director of the Mountain Institute, Mr Kh. Kalov, to the Prime Minister of the KBR:
“As you are well aware, the area around Tyrnauz is one of the areas most at risk of a mudslide in the Russian Federation. The mudslide retention dam erected here, which is 160 m long, 38 m high and 40 m broad ... was destroyed on 20 August last year. The devastating 1 million cu. m mudslide caused the collapse of the dam, with a 60 m fracture line. Damage was caused to Tyrnauz...
In view of the high risk of mudslides in the coming year and given that the reconstruction of the dam does not appear financially or technically feasible, observation points must be set up in the upper section of the Gerhozhansu River to avoid casualties and mitigate the damage... with the task of monitoring the river and giving an emergency warning to civilians in the event of a mudslide ... Twenty-four-hour monitoring will be carried out in the period from 15 June to 15 September to provide a mudslide forecast and to inform the [Ministry for Disaster Relief of the KBR]...
The Mountain Institute has a wealth of experience of such work in the Tyrnauz area, and will provide members of the expedition with salary, gear and equipment. We request financial aid of 100,000 roubles to cover field supplies and transport.”
92. Official letter of 7 March 2000 from the Head of the Elbrus District Administration to the Prime Minister of the KBR:
“In August 1999 the mudslide from the Sakashili-Su tract blocked the bed of the Baksan River and directed the main water stream outside the retaining wall on the left side of the riverbed. As a result, the foundation soil and spandrels of the retaining wall have eroded and continue to erode. At the moment a 500 m section of the bypass road has been put completely out of service.
The state of the foundation of the retaining wall is near critical. When the thaw floods begin in spring it may lead to the collapse of sections of the retaining wall of the defence system above the hollowed out soil. Their reconstruction will be very costly.
The mudslide has also filled up the mud conveying channel to up to 25-30% of capacity; if another mudslide occurs, the mud conveying channel may overflow and flood the residential neighbourhoods of Tyrnauz. This could lead to an emergency on a scale that is impossible to predict, with record financial losses and, probably, casualties.
Taking the above into account, the Elbrus District Administration requests financial aid to perform the above work.”
2. Newspaper publications
93. Interview with Mr M. Z., published in the national newspaper Rossiyskaya Gazeta on 26 July 2000.
“ ... M. Z., member of the Russian Academy of Sciences, leading expert in the studies of natural disasters, ... member of the Parliamentary Commission of the State Duma of the Russian Federation on sustainable development...
MZ: It is not only nature that must take the blame for the tragedy [of 18-25 July 2000, but also] blatant irresponsibility on the part of officials and their reluctance to follow the recommendations of specialists. ...
RG: ... could this disaster have been foreseen? And why did the mud protection dam on the Gerhozhansu River fail?
MZ: ... Tyrnayz is a mining centre of the [KBR] ... and because of its geographical position it is under permanent threat from mudslides. The most disastrous were the mudslides of 1964 and especially of 1977. [The latter] destroyed over thirty houses in the town centre, and casualties were avoided solely because the specialists of the [Mountain Institute] gave a timely warning to the town authorities about the impending disaster. Later it was decided ... to erect a mud-protection system. I was ordered to develop specifications for the construction ... one of such mud retention dams ... [it] was launched last year.
RG: Is it true that you then refused to sign the commission acceptance report for the mud-protection system?
MZ: Yes. Why? Because the first construction stage of the complex had been sitting unfinished for over four years. There remained a great risk that the first mudslide to arrive, even if relatively feeble, would break the complex because its top section was not firmly anchored to solid rock. The funding for the completion of the construction had been allocated, but as to where the funds had disappeared (between Nalchik and Tyrnauz), nobody could give me a clear answer. Stressing the importance of this issue and the need to complete the construction, I made numerous appeals to the [KBR President], V. Kokov, and to the Minister for Disaster Relief of the Russian Federation, S. Shoigu. Finally more funds were allocated and the construction was ostensibly brought to completion. ... I refused to take part in the [inaugural ceremony] because of concern for my expert and academic reputation. My assistant specialists, in particular my deputy for the construction [Mr R.] and the geologist [Ms N.S.] drew up a report; here are some extracts from it: '... a failure to submit [project documentation] makes it impossible to assess the project's compliance [with the specifications]... Given the novelty of the [design] ... the high levels of seismic activity in the area, the high fail-safety requirements for the dam structure, any deformation of which may increase the impact of a mudslide on the town of Tyrnauz and thus significantly aggravate the mud hazard, and also taking into account the inordinate time taken to complete the construction work, with intervals as long as four years, it is necessary to subject the facility to a special architectural survey. [A number of serious technical deviations] give grounds for suspecting a degree of tension within the construction, even without mud or seismic impact. All of this considerably reduces the project capacity of the dam. The visual survey of the dam construction showed signs of wear and tear of sections of it even without mud...'
RG: So even though Z., a Member of the Academy, did not sign the report, the facility was nevertheless put into service?
MZ: Yes. And within two months [it] had been destroyed by a mudslide of far from catastrophic intensity. I wrote to the KBR Minister for Disaster Relief, A. Turkinov ... and in August last year advised the KBR President, V. Kokov ... that the mud reserves might become active in the near future ... and that the disaster could be repeated on a much larger scale ... and requested assistance in finding resources for setting up surveillance posts ... and carrying out an engineering study to restore the construction, which was in a critical state...
I believe that it is of the utmost importance to set up [without delay] a competent commission comprising prominent experts to establish the true causes of the tragedy. ... Another commission is also needed ... to develop a complex programme for the protection of the KBR community from environmental hazards...”
94. Interview with Mr O. Baydayev, the first Deputy Head of the Elbrus District Administration, published in the local newspaper Gazeta Yuga on 3 August 2000:
“... 1.2 million roubles were allocated from the district budget to clear the mud conveying channel. We sent this money for clearing the [mud conveying] channel. Otherwise the outcome could have been even more disastrous. However, a mudslide of such force could not have been stopped even by a perfectly clear channel.
About the warning. The very first impact [of the mudslide] tore down the electric wires and telephone cables. We were running around the town with two loudspeakers. It is possible we did not reach every single house or flat but the information was conveyed to every district of the town. On the very first night the town was divided into five sectors, temporary heads of administrations were appointed, and they received all the information. Understandably, people wanted to know how the mudslide would evolve, but even the scientists did not know that...”
95. Research note by Ms I. Seinova, holder of a research degree in geography, dated 26 August 1999. The text below is based on the text published in one of the KBR local newspapers after the mudslide of 2000 (the exact publication reference is not available):
“The [1999] disaster at the Gerhozhansu mudslide retention dam has vividly demonstrated the danger posed by an unstable mudslide protection device situated above the town. ... The international practice of mudslide defence includes many examples of the collapse of a dam leading to a tenfold increase in the destructive force [of a mudslide] compared with the naturally occurring level...
The mudslides on Gerhozhansu are among the most disastrous in the Central Caucasus. The volume of the 1977 mudslide was 3 million cu. m of mud and debris, discharging at 500 cu. m per second...
In the current environmental and social situation the most reasonable solution would be to reject the idea of constructing a mud-retention dam. The top priority should be to dismantle the unstable blocks.
Following the mudslide of 20 August [1999] the mud conveying channel retained a considerable amount of mud and debris deposit, but for the most part it settled in the flood-plain of the Baksan River. It is necessary to clear the mud conveying channel because its carrying capacity has reduced significantly...”
96. Interview with Mr V. Bolov, Director of the Centre for Disaster Monitoring and Forecasting of the Ministry of Disaster Relief, published on 28 July 2001 in the newspaper Gazeta Yuga following the Centre's field investigation into the 2000 mudslide:
“V.B.: ... the expedition concluded ... that last year's mudslides in Tyrnauz were absolutely unique ... nowadays the profile of the mud phenomena in this basin has drastically changed for the worse.
However, according to preliminary estimates, the extraordinary volume of [active] mud from last year is unlikely to be repeated this year, although the chances of several mudslides of variable intensity remain.
G.Y.: So all of this may happen as unexpectedly as on 18 June 2000?
V.B.: Here we can be certain that the situation has radically improved. The present position is that even before the beginning of the period when the mud is active, surveillance posts have been set up in the immediate vicinity of the glacier as well as [further down] where the mudslide gains force and becomes dangerous for the town.
The [surveillance] posts are functioning and are provided with reliable communication facilities. That is to say, in so far as prevention is concerned, measures have been taken ... The second important problem is ... to close the twist in the mud conveying channel with a more secure wall. Work has been under way for some time. ...
To sum up ... the mud activity in this gorge has increased because of last year's mudslide. At the same time the preventive measures that have already been taken inspire optimism. In any event, even if powerful mudslides develop, people's lives will undoubtedly be saved.
G.Y.: Are there any effective methods of influencing the mud activity, for example by blowing up part of a slope or draining a glacier lake, so that the risk of a mudslide is reduced?
V.B.: Yes, there are. ... but [their application] involves very complex and thorough calculations ... This question is currently being examined ... then it will be for the specialists and the authorities to decide whether to use this technology in the Gerhozhansu...
... At the same time in a number of mud-affected areas it is necessary to solve the question of [resettling the residents] outside the zone of mud activity in order to ensure [their] safety. This would be much cheaper and quicker. Engineering schemes involve tremendous expenditure, and given that funds are always lacking, are unlikely to offer a solution. Therefore, introducing restrictions in the mud-affected zones and regulating [building] within them, especially of a residential nature, is worth considering.”
3. Witness statements
97. Statement by Ms K, a friend of the first applicant:
“On 19 July 2000 I, [K], born in 1970, decided on my way to work to call at my best friend Fatima's [the second applicant's] home. On the previous night I arrived in town late and went straight to bed ... unaware of what was happening in the town. At 7.30 a.m. on the morning of 19 July, I went out and saw people gathered on the mountain ... and found out that a mudslide had hit F.'s house... The bridge had been destroyed and I could not cross to the other side where her house was. I decided to enquire after F. and went to the home of her sister K. [the first applicant], who lives on this side. I saw the police nearby and asked them if I could go to this house [pointing at the first applicant's house] and they confirmed that I could, adding that the electricity had been switched back on two hours previously, and people were allowed back in their flats. I headed there with no apprehension, went up to the sixth floor ... walked in and found them asleep. I woke up K. and she told me that on the previous night F. had crossed to the other side of the river. We had been talking for about 15 minutes when we heard a loud rumble. I rushed out to the balcony and saw people running. K. also rushed to wake up her husband and children. I grabbed their youngest son, three-year-old Inar, and ran downstairs. On my way out I saw K.'s husband [V.] looking for his trousers and K. herself following me with her eldest son M.. Between the third and fourth floors I felt the stairs pitching and realised that the house was collapsing. We fell and I found myself locked with the child under a [concrete sheet] with dust, blood and debris around me. I pushed Inar up between the sheets so that he could get out. A man saw him and pulled him out but I stayed under the sheet. I could feel my legs but could not see them ... they were buried under a concrete sheet... I later saw three dead bodies underneath the same sheet (a woman and two children of about three to five years of age). I tried to pull my legs out but felt an awful pain in the pelvis... Eventually I was helped out by the emergency services and taken to hospital... For two months I was immobilised and continued to receive treatment for a further nine months...
I did not sue... Every time I applied [to the authorities for medical or welfare benefits] I was asked why I had gone there in the first place, to which I could only answer that nobody had stopped me or warned me that it was dangerous; on the contrary, they had told me that I could go in... I am a reasonable person and would never have headed towards the danger if only I had been warned...”
98. Statement by Ms T.K. who lived at 17 Otarova Street, Tyrnauz:
“... On the night of 18 July 2000 I, my husband and our grandson were woken up by a terrible rattling noise. We realised at once that it was a mudslide. We rushed out dressed in whatever we were wearing. It was raining heavily, people were running in fear and panic in all directions. The rest of the night we spent up in the mountains, trembling with cold and fear. In the morning, we saw the awful spectacle of the town partly covered in mud and rocks with some areas, especially Otarova Street, destroyed by the mud, and the centre flooded with water from the Baksan River.
By about 11 a.m. [on 19 July] it seemed to everybody that the flow of mud had begun to settle and we approached our house. Nobody stopped us, there were no barriers. All the residents of our apartment block and of the two neighbouring nine-storey apartment blocks returned to their flats. We ate and went to sleep. I woke up because the house was shaking and I heard the noise and people screaming. I opened the door and saw that the right side of our house was missing and the staircase had collapsed. I grabbed my grandson and ran out to the balcony where the fire exit was. We could only make it to the fourth floor where the fire staircase ended; there were about 30 of us gathered there, while people from the lower floors were jumping out of their windows and balconies, which I could see. My neighbours, the men, found some ropes and began taking us down, the children first and then the women. It took me a while to come to my senses after the descent. My neighbour, [the first applicant], was crying and asking about her husband and child. But nobody knew what had become of them and the rest of us were also looking for our relatives. After these events we were in a state of shock for a long time, but no one paid any attention to us. The authorities still do not admit that they were not actually in control of the situation and that nothing had been done to save us from the disaster. They had taken no measures before the mudslide, or while it continued from 18 to 25 July, basically leaving us to our own devices. In our apartment block alone four people were killed and many were injured and remained disabled for life; it is a pity, especially about the children. Nobody knows how many people in fact died, in particular on the night of 18 July, as these facts have been vigorously concealed. We did not bring proceedings with a view to punishing those who were really responsible for everything we had had to endure, because we were sure that the court would never give a just ruling as these people occupy very high posts.”
99. Statement by Mr B, father of the first and the second applicants:
“... Almost every year a mudslide descends through the bed of the Gerhozhansu River. Back in the 1970s there existed a special organisation to monitor the river estuary, and an alarm outside the factory would be activated when the [lookouts] warned the duty officer of danger. In the 1980s all that was [abandoned]. ... On the night of 18 to 19 July [2000] my wife and I were at home. We went to bed at about 10 p.m., but I was soon woken up by my wife's cries. I went out to the balcony but could not see anything because the electricity pylons had been taken down by the flow of mud. I lit a torch and saw the mud running through the entrance to our apartment block... I saw a passenger car being carried along by the wave of mud... The staircase had collapsed and the house was falling apart. ... we did not know what to do. I picked up the phone. It was still working, so I dialled the police and reported what was happening to us, and they told us to “wait, help will come”.
We sat there until 3 a.m., until my son-in-law V. B., his friends and our neighbours came [to help] us...
Just before the mudslide [of July 2000] we sent a collective petition to the Head of the Elbrus District Administration, Mr B.Sh. Chechenov, asking for the waterway to be cleared. Having received no reply to our petition, we went to meet him for public consultations. At our meeting he said that he had no money to clear the waterway, as no funds had been allocated, so there was nothing he could do for us. We suggested writing a letter to the government requesting the funds, but he began shouting at us that the government had enough work to deal with without us. We then demanded that a commission be set up to find out whether it was true that no money had been allocated for clearing the mud conveying channel, after which B.Sh. Chechenov called the police and they escorted us – respectable people, men with grey hair – out of his office...
Then the mudslide occurred, and if only timely measures had been taken many victims could have been spared and there would not have been destruction on such a scale. Many of the casualties could have been avoided. Could they not have told people just an hour before the mudslide what they had known for 11 days before the tragedy? ...
...I lost my flat; my children were left without their flats, property, and most importantly my son-in-law was killed, my grandson remained between life and death for a long time, my granddaughter Indira and my grandsons Inar and Magomet Budayev are still receiving medical treatment ...”
100. Statement by Ms Zh. who lived at 42 Otarova Street, Tyrnauz:
“... The mudslide of 2000 was terrible. It took away my home, all my possessions...
On the night it occurred I was at home at 42 Otariva Street, already asleep. I woke up because of the rattling noise. I tried to get out of the flat but could not. I was crying out for help ... but nobody could hear me because of the horrible noise of the mudslide. ...
... This night was the most harrowing of my life ... because of the stress I lost my eyesight and cannot see anything now. For this I blame the mudslide and our authorities who did not prepare people psychologically for the possibility of a natural disaster and found themselves unable to provide relief to the victims...”
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. Responsibility of the State in the area of emergency relief
101. Section 6 of the Federal Law of 21 December 1994 No. 68-FZ “On Protection of Civilians and Terrains from Emergencies of Natural and Industrial Origin” imposes an obligation on the federal, regional and local authorities to promptly and accurately inform civilians through the mass media and other channels of information about any emergency situations and the safety measures taken to protect the population and about any forecasted disasters and means of protection against them. The same Section provides for the liability of State officials in the event of their failure to make this information public.
102. Section 7 of the same Law provides that prevention of emergencies and mitigation, to the maximum extent possible, of damage and losses constitutes one of fundamental principles of emergency relief and requires that all preventive measures be carried out in sufficient time in advance.
B. Tort liability of the State
103. Article 1064 § 1 of the Civil Code of the Russian Federation provides that the damage caused to the person or property of a citizen must be compensated in full by the person who caused the damage. Pursuant to Article 1069, a State agency or a State official is liable to a citizen for damage caused by their unlawful actions or failure to act. Such damage is to be compensated at the expense of the federal or regional treasury.
104. Articles 151 and 1099-1101 of the Civil Code provide for compensation for non-pecuniary damage. Article 1099 states, in particular, that non-pecuniary damage shall be compensated irrespective of any award for pecuniary damage.
THE LAW
I. THE GOVERNMENT'S PRELIMINARY OBJECTION
A. The parties' submissions
105. The Government contended that the complaint concerning the alleged violation of the right to life guaranteed by Article 2 should be declared inadmissible for non-exhaustion of domestic remedies. They considered that the applicants should have challenged the respective decisions to dispense with a criminal investigation into the catastrophe. In the first applicant's case, this was the decision taken by the Prosecutor's Office of the Elbrus District of 3 August 2000, which specifically concerned her husband's death and stated that it did not call for a criminal investigation. As regards the other applicants, the Government referred to the general ruling of the same Prosecutor's Office, allegedly taken on the same date, that no criminal investigation into the natural disaster of
8-25 July 2000 was needed. Moreover, the applicants did not rely on the violation of the right to life in the civil proceedings for damages.
106. The applicants contested the Government's objection. They pointed out that the events at issue were of such a scale that it was incumbent on the authorities to conduct an investigation without waiting for the victims or their next of kin to ask the authorities to take action. They further argued that the manner in which the decisions dispensing with criminal proceedings were taken and served had made it impracticable for the victims to challenge them.
107. The first applicant argued, in particular, that the decision was served on her sister while she herself was watching over her son, who was in intensive care, and that she herself had been in a desperate condition. She maintained that the decision did not state how it could be challenged, and that in the circumstances of the loss of her husband and the devastation of her home she was not in a position to seek and pay for legal advice. She added that it was clear that the prosecutor's office was determined not to give the matter any further consideration and that attempts to challenge it would be futile. She therefore decided that the best way of obtaining redress would be through civil proceedings.
108. As for the decision refusing to launch criminal proceedings into the catastrophe in general, all the applicants, including the first applicant, denied any knowledge of its existence and said that they had therefore been unable to challenge it before the competent authorities.
B. The Court's assessment
1. As regards the first applicant
109. The Government claimed that the first applicant had not lodged a complaint under the Code of Criminal Procedure against the prosecutor's decision to dispense with criminal proceedings into the circumstances of her husband's death. While it is clear that the State was under an obligation to take the initiative and investigate the death, the Government argued that the applicant did not challenge the authorities' failure to do so, although this remedy, if successful, would have provided all the advantages of a criminal investigation to ascertain the circumstances. However, the applicant preferred another avenue and brought a civil action in damages.
110. The Court firstly notes that where the applicant has a choice of remedies and their comparative effectiveness is not obvious the Court tends to interpret the requirement of exhaustion of domestic remedies in the applicant's favour (see, among numerous examples, Khashiyev and Akayeva v. Russia, nos. 57942/00 and 57945/00, §§ 115-25 and 156-66, 24 February 2005; Manoussakis and Others v. Greece, judgment of 26 September 1996, Reports of Judgments and Decisions 1996-IV, pp. 1359-60, § 33; and Aquilina v. Malta [GC], § 39, ECHR 1999-III).
111. Moreover, in the specific context of establishing State liability for the damage caused by a natural disaster, it has previously found that successful administrative proceedings were sufficient to deprive the applicant of his victim status (see Murillo Saldias and Others v. Spain (dec.), no. 76973/01, 28 November 2006).
112. The Court further notes that the events complained of in the present case were of such a vast scale that bringing the matter to the attention of the authorities did not depend on the applicant's diligence. Moreover, the advantage to be gained by the applicant in instituting criminal proceedings was not obvious, given that the civil court had competence to engage the responsibility of a particular State authority, and such institutional liability could have provided a basis for reparation to the victims. This consideration is essential given that disasters of this kind are more likely to result from a combined failure of a number of officials, whose individual liability does not necessarily attain the gravity required for a criminal conviction. For this reason and also due to lower standards of proof in civil proceedings, the Court does not find it unreasonable on the part of the first applicant to choose a civil action as means of seeking redress.
113. The Court therefore considers that for the purpose of exhausting domestic remedies in the present case it was sufficient for the first applicant to bring civil proceedings, as she did.
2. As regards other applicants
114. The Government considered that the applicants failed to exhaust domestic remedies as regards their Article 2 complaints because they neither challenged the decision dispensing with a criminal investigation into the natural disaster, nor invoked their right to life in their civil claims for damages. Concerning the decision dispensing with criminal proceedings, the applicants deny any knowledge that such decision has been adopted. Indeed, they were not involved in any such proceedings and it is unclear in what capacity under domestic law they would have been able to challenge the decision referred to by the Government. Unlike the first applicant, they had to prove their victim status before they could commence criminal proceedings. As to the alleged failure to invoke their right to life in the civil proceedings, the Court observes that their statement of claim was formulated in terms that embraced the substance of this guarantee. It therefore considers this part of the Government's preliminary objection also unfounded.
115. The Court accordingly rejects the Government's preliminary objection that the applicants failed to exhaust domestic remedies.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 2 OF THE CONVENTION
116. The applicants complained that the authorities had failed to comply with their positive obligations to take appropriate measures to mitigate the risks to their lives against the natural hazards. The first applicant complained that the domestic authorities were responsible for the death of her husband in the mudslide of July 2000. She and the other applicants also complained that the domestic authorities were responsible for putting their lives at risk, as they had failed to discharge the State's positive obligations and had been negligent in the maintenance of the dam, in monitoring the hazardous area and in providing an emergency warning or taking other reasonable measures to mitigate the risk and the effects of the natural disaster. They also complained that they had had no redress, in particular they had not received adequate compensation in respect of their pecuniary and non-pecuniary damage. They relied on Article 2 of the Convention which, in so far as relevant, provides:
“1. Everyone's right to life shall be protected by law. No one shall be deprived of his life intentionally save in the execution of a sentence of a court following his conviction of a crime for which this penalty is provided by law.
...”
A. The parties' submissions
1. The Government
117. The Government denied any responsibility for the loss of life and other adverse consequences of the 2000 mudslide. They submitted that although the hazards of the area were well known both to the authorities and the civilian population, the mudslide of 18-25 July 2000 had been unpredictable owing to its exceptional force. It was an act of God, the time and the extent of which could neither be foreseen nor influenced. Even if the mudslide had been forecast, no effective technical measures could have prevented a catastrophe on that scale at such short notice. They submitted that after the 2000 disaster the construction of a new engineering defence structure had begun, and that this new project with increased mud retention capacity was due for completion in 2006. No up-to-date information on the new construction was made available to the Court.
118. The Government contended that on 5 January 2001 funds were allocated for the reconstruction of the defence infrastructure damaged by the mudslide of 2000.
119. Concerning the arrangements in place for warning the local population, the Government submitted that there was an operational system of general weather monitoring in the area. In particular, during the period of mud activity every year the Mountain Institute engaged in a special surveillance mission staffed by its research fellows. In the event of a mud hazard the evacuation of the civilian population would be ordered. In 2000 the visual monitoring of the mud slippage was performed by the KBR division of the integrated national system of disaster prevention and relief.
120. The Government considered that on the night of 18-19 July 2000 the civilian population had received due warning of the mudslide. They submitted that after the first wave of the mudslide, the Elbrus police, the fire brigade and staff from the municipal community services had called at peoples' homes to inform them of the mudslide and had helped evacuate elderly residents who were unable to leave unaided. They also stated that police vehicles equipped with loudspeakers had driven round residential quarters calling on residents to evacuate because of the mud hazard. The Government claimed that all necessary measures had been taken to rescue the victims, to resettle the residents of affected apartment blocks and to bring in emergency supplies. 620 members of the rescue services, 106 units of technical facilities, 9 floating facilities and 3 helicopters had been engaged on the site of the disaster.
121. The Government further submitted that the local population could have listened to the weather forecasts broadcast by the media and that public servants from various State institutions were trained to respond to emergencies. They finally submitted that since 1994 a central warning system had been functioning in the KBR.
122. In so far as the applicants claimed that they had not had an effective remedy in respect of the alleged violations, the Government contended that they had, in fact, availed themselves of such a remedy, namely, the civil action in damages against the State, even though they were ultimately unsuccessful.
123. The Government also referred, as in their preliminary objection above, to a remedy which the applicants had allegedly failed to use, namely an application for review of the decisions dispensing with the inquest into the deaths and with the criminal investigation into the circumstances of the disaster.
2. The applicants
124. The applicants contested the Government's submissions pointing out the absence of any specific information about the preventive measures allegedly implemented to mitigate the risks posed by the regular mudslides. They maintained that the authorities had found themselves in a position where they were simply incapable of providing an adequate response to the disaster or of giving an early warning because they had failed to ensure the functioning of the safety infrastructure. In particular, they had failed to organise surveillance of the mud slippage in the summer period and had neglected the maintenance of the mud defence structure. They referred to the official letters referred to above in the Facts Section (Part C-2 “Official letters and documents issued before the 2000 mudslide”) and claimed that the authorities could not deny knowledge of the imminent threat to lives and property, or their failure to take even the most basic steps to mitigate the risk. In addition, they referred to the petition whereby the civilian population had called upon the local authorities to clear the mud conveying channel in readiness for the forthcoming season.
125. The applicants further claimed that they had not received warning of the mudslide before it started on 18 July 2000. They did not accept that the warning transmitted through the loudspeakers after the mudslide had already hit the town could count as such a warning, because it was given too late. They also denied knowledge of the existence of a central warning system referred to by the Government and suggested that even if such a system was indeed functioning in the KBR it obviously did not cover their area and was not used for informing the public.
126. The applicants also contested the Government's allegation that their return home on 19 July 2000 was in breach of an order to evacuate. They maintained that no ban or warning had been communicated to them. In particular, there had been no sign or barrier, or other indication of any ongoing mud alert.
127. The applicants considered that through these omissions the authorities had failed to comply with their positive obligations to take reasonable and appropriate measures to protect people and property from the hazards to which the area was subject.
B. The Court's assessment
1. General principles applicable in the present case
(a) Applicability of Article 2 of the Convention and general principles relating to the substantive aspect of that Article
128. The Court reiterates that Article 2 does not solely concern deaths resulting from the use of force by agents of the State but also, in the first sentence of its first paragraph, lays down a positive obligation on States to take appropriate steps to safeguard the lives of those within their jurisdiction (see, for example, L.C.B. v. the United Kingdom, cited above, p. 1403, § 36, and Paul and Audrey Edwards v. the United Kingdom, no. 46477/99, § 54, ECHR 2002-II).
129. This positive obligation entails above all a primary duty on the State to put in place a legislative and administrative framework designed to provide effective deterrence against threats to the right to life (see, for example, mutatis mutandis, Osman v. the United Kingdom, judgment of 28 October 1998, Reports 1998-VIII, p. 3159, § 115; Paul and Audrey Edwards, cited above, § 54; Ilhan v. Turkey [GC], no. 22277/93, § 91, ECHR 2000-VII; Kiliç v. Turkey, no. 22492/93, § 62, ECHR 2000-III; and Mahmut Kaya v. Turkey, no. 22535/93, § 85, ECHR 2000-III).
130. This obligation must be construed as applying in the context of any activity, whether public or not, in which the right to life may be at stake (see Öneryildiz v. Turkey [GC], no. 48939/99, § 71, ECHR 2004-XII). In particular, it applies to the sphere of industrial risks, or “dangerous activities”, such as the operation of waste collection sites in the case of Öneryildiz (ibid. §§ 71 and 90).
131. The obligation on the part of the State to safeguard the lives of those within its jurisdiction has been interpreted so as to include both substantive and procedural aspects, notably a positive obligation to take regulatory measures and to adequately inform the public about any life-threatening emergency, and to ensure that any occasion of the deaths caused thereby would be followed by a judicial enquiry (Öneryildiz, cited above, §§ 89-118).
132. As regards the substantive aspect, in the particular context of dangerous activities the Court has found that special emphasis must be placed on regulations geared to the special features of the activity in question, particularly with regard to the level of the potential risk to human lives. They must govern the licensing, setting up, operation, security and supervision of the activity and must make it compulsory for all those concerned to take practical measures to ensure the effective protection of citizens whose lives might be endangered by the inherent risks. Among these preventive measures, particular emphasis should be placed on the public's right to information, as established in the case-law of the Convention institutions. The relevant regulations must also provide for appropriate procedures, taking into account the technical aspects of the activity in question, for identifying shortcomings in the processes concerned and any errors committed by those responsible at different levels (see Öneryildiz, cited above, §§ 89-90).
133. It has been recognised that in the context of dangerous activities the scope of the positive obligations under Article 2 of the Convention largely overlap with those under Article 8 (see Öneryildiz, cited above, §§ 90 and 160). Consequently, the principles developed in the Court's case-law relating to planning and environmental matters affecting private life and home may also be relied on for the protection of the right to life.
134. As to the choice of particular practical measures, the Court has consistently held that where the State is required to take positive measures, the choice of means is in principle a matter that falls within the Contracting State's margin of appreciation. There are different avenues to ensure Convention rights, and even if the State has failed to apply one particular measure provided by domestic law, it may still fulfil its positive duty by other means (see, among other cases, Fadeyeva v. Russia, no. 55723/00, § 96, ECHR 2005-IV).
135. In this respect an impossible or disproportionate burden must not be imposed on the authorities without consideration being given, in particular, to the operational choices which they must make in terms of priorities and resources (see Osman, cited above, pp. 3159-60, § 116); this results from the wide margin of appreciation States enjoy, as the Court has previously held, in difficult social and technical spheres (see Hatton and Others v. the United Kingdom [GC], no. 36022/97, §§ 100-01, ECHR 2003-VIII, and Öneryildiz, cited above, § 107). This consideration must be afforded even greater weight in the sphere of emergency relief in relation to a meteorological event, which is as such beyond human control, than in the sphere of dangerous activities of a man-made nature.
136. In assessing whether the respondent State had complied with the positive obligation, the Court must consider the particular circumstances of the case, regard being had, among other elements, to the domestic legality of the authorities' acts or omissions (see López Ostra v. Spain, judgment of 9 December 1994, Series A no. 303-C, pp. 46-47, §§ 16-22, and Guerra and Others v. Italy, judgment of 19 February 1998, Reports 1998-I, p. 219, §§ 25-27), the domestic decision-making process, including the appropriate investigations and studies, and the complexity of the issue, especially where conflicting Convention interests are involved (see Hatton and others, cited above, § 128, and Fadeyeva, cited above, §§ 96-98).
137. In the sphere of emergency relief, where the State is directly involved in the protection of human lives through the mitigation of natural hazards, these considerations should apply in so far as the circumstances of a particular case point to the imminence of a natural hazard that had been clearly identifiable, and especially where it concerned a recurring calamity affecting a distinct area developed for human habitation or use (see, mutatis mutandis, Murillo Saldias and others, cited above). The scope of the positive obligations imputable to the State in the particular circumstances would depend on the origin of the threat and the extent to which one or the other risk is susceptible to mitigation.
(b) Principles relating to the judicial response required in the event of alleged infringements of the right to life: the procedural aspect of Article 2 of the Convention
138. The obligations deriving from Article 2 do not end there. Where lives have been lost in circumstances potentially engaging the responsibility of the State, that provision entails a duty for the State to ensure, by all means at its disposal, an adequate response – judicial or otherwise – so that the legislative and administrative framework set up to protect the right to life is properly implemented and any breaches of that right are repressed and punished (see, mutatis mutandis, Osman, cited above, p. 3159, § 115, and Paul and Audrey Edwards, cited above, § 54).
139. In this connection, the Court has held that if the infringement of the right to life or to physical integrity is not caused intentionally, the positive obligation to set up an “effective judicial system” does not necessarily require criminal proceedings to be brought in every case and may be satisfied if civil, administrative or even disciplinary remedies were available to the victims (see, for example, Vo v. France [GC], no. 53924/00, § 90, ECHR 2004-VIII; Calvelli and Ciglio v. Italy [GC], no. 32967/96, § 51, ECHR 2002-I; and Mastromatteo v. Italy [GC], no. 37703/97, §§ 90 and 94-95, ECHR 2002-VIII).
140. However, in the particular context of dangerous activities, the Court considered that an official criminal investigation is indispensible given that public authorities are often the only entities to have sufficient relevant knowledge to identify and establish the complex phenomena that might have caused an incident. It held that where the authorities in question, fully realising the likely consequences and disregarding the powers vested in them, failed to take measures that were necessary and sufficient to avert the risks inherent in a dangerous activity, the fact that those responsible for endangering life have not been charged with a criminal offence or prosecuted may amount to a violation of Article 2, irrespective of any other types of remedy which individuals may exercise on their own initiative (see Öneryildiz, cited above, § 93).
141. The approach taken by the Court in a case brought by victims of a natural disaster, namely campers caught in a flood at an official camping site, was consistent with that in the area of dangerous activities. The Court found that successful proceedings for damages before an administrative tribunal, preceded by comprehensive criminal proceedings, were an effective remedy for the purposes of Article 35 § 1 of the Convention (see Murillo Saldias and others, cited above).
142. Accordingly, the principles developed in relation to judicial response following incidents resulting from dangerous activities lend themselves to application also in the area of disaster relief. Where lives are lost as a result of events engaging the State's responsibility for positive preventive action, the judicial system required by Article 2 must make provision for an independent and impartial official investigation procedure that satisfies certain minimum standards as to effectiveness and is capable of ensuring that criminal penalties are applied to the extent that this is justified by the findings of the investigation (see, mutatis mutandis, Hugh Jordan v. the United Kingdom, no. 24746/94, §§ 105-09, 4 May 2001, and Paul and Audrey Edwards, cited above, §§ 69-73). In such cases, the competent authorities must act with exemplary diligence and promptness and must of their own motion initiate investigations capable of, firstly, ascertaining the circumstances in which the incident took place and any shortcomings in the operation of the regulatory system and, secondly, identifying the State officials or authorities involved in whatever capacity in the chain of events in issue (see Öneryildiz, cited above, § 94).
143. Moreover, the requirements of Article 2 go beyond the stage of the official investigation, where this has led to the institution of proceedings in the national courts: the proceedings as a whole, including the trial stage, must satisfy the requirements of the positive obligation to protect lives through the law (see Öneryildiz, cited above, § 95).
144. It should in no way be inferred from the foregoing that Article 2 may entail the right for an applicant to have third parties prosecuted or sentenced for a criminal offence (see, mutatis mutandis, Perez v. France [GC], no. 47287/99, § 70, ECHR 2004-I) or an absolute obligation for all prosecutions to result in conviction, or indeed in a particular sentence (see, mutatis mutandis, Tanli v. Turkey, no. 26129/95, § 111, ECHR 2001-III). In the particular context of disaster relief the Court found that the adequacy of the domestic judicial response was not undermined by the fact that no official was found criminally liable (see Murillo Saldias and others, cited above).
145. The Court's task therefore consists in reviewing whether and to what extent the courts, in reaching their conclusion, may be deemed to have submitted the case to the careful scrutiny required by Article 2 of the Convention, so that the deterrent effect of the judicial system in place and the significance of the role it is required to play in preventing violations of the right to life are not undermined (see Öneryildiz, cited above, § 93).
2. Application of the general principles in the present case
146. The Court will begin by noting that although only one of the present applications, brought by Ms B., concerns the death of a family member, the circumstances of the case in respect of the other applicants leave no doubt as to the existence of a threat to their physical integrity (see, mutatis mutandis, Makaratzis v. Greece [GC], no. 50385/99, §§ 52-55, ECHR 2004-XI). This brings their complaints within the ambit of Article 2 of the Convention. Moreover, the applicability of Article 2 has not been contested by the Government. Turning to the applicants' specific complaints, the Court observes that they accused the authorities of having allowed three major shortcomings in the functioning of the system for protection against natural hazards in Tyrnauz, which led to casualties and losses in July 2000. Firstly, they alleged a negligent failure to maintain mud-protection engineering facilities, notably to restore the mud-retention dam damaged in 1999 and to clear the mud-retention collector blocked by the leftover debris. Secondly, they complained about the lack of a public warning about the approaching disaster that would help to avoid casualties, injuries and mass panic. Finally, they complained that these events, despite their scale and devastating consequences, did not give rise to an enquiry that would assess the effectiveness of the authorities' conduct before and during the mudslide, in particular whether everything possible had been done to mitigate the damage. The Court will consider each of these aspects in the light of the general principles set out above.
(a) Alleged failure to maintain defence and warning infrastructure: substantive aspect of Article 2
147. The Court, first, observes that the town of Tyrnauz is situated in an area prone to mudslides. The regular occurrence of this calamity in the summer season and the prior existence of defence schemes designed to protect the area indicate that the authorities and the population reasonably assumed that a mudslide was likely in the summer of 2000. This is in fact not in dispute between the parties. What they disagree on is the authorities' prior knowledge that the mudslide in 2000 was likely to cause devastation on a larger scale than usual.
148. The Court notes that in the year immediately preceding the mudslide of August 2000 the authorities of the KBR received a number of warnings that should have made them aware of the increasing risks. The first warning, issued in 30 August 1999 by the competent surveillance agency, the Mountain Institute, informed the Minister for Disaster Relief of the KBR about the need to repair the mud-protection dam, damaged by a strong mudslide, and calling for the setting-up of an early warning system that would allow the timely evacuation of civilians in the event of a mudslide. The second warning from the same agency was sent on 17 January 2000 to the Prime Minister of the KBR. It stated that even if restoration of the dam was not feasible, it was indispensible to set up observation posts to ensure the functioning of the warning system in the summer of 2000. The next warning was sent by the Head of the Elbrus District Administration to the Prime Minister of the KBR on 7 March 2000. This warning restated the previous ones and, moreover, referred to possible record losses and casualties in the event of a failure to take the indicated measures. Finally, on 7 July 2000 the Mountain Institute sent another warning to the Minister for Disaster Relief of the KBR calling for urgent installation of the observation posts.
149. It follows that the authorities of the KBR at various levels were aware that any mudslide, regardless of its scale, was capable of causing devastating consequences in Tyrnauz because of the state of disrepair in which the defence infrastructure had been left after the previous mudslide. It is also clear that there was no ambiguity about the scope or the timing of the work that needed to be performed. However, the Government gave no reasons why no such steps were taken. On the basis of the documents submitted by the applicant, it appears that after the 1999 mudslide there was no allocation of funds for these purposes (see paragraph 38 above). It follows from the Government's observations that such funds were only made available after the 2000 disaster. In the absence of any explanation on the part of the Government the Court cannot but conclude that the demands for the restoration of the defence infrastructure after the 1999 mudslide were not given proper consideration by the decision-making and budgetary bodies prior to the hazardous season of 2000.
150. Moreover, it does not appear that at the material time the authorities were implementing any alternative land-planning policies in the area that would dispense with the concept of the mud-defence facilities or suspend their maintenance.
151. Consequently, the Court sees no justification for the authorities' failure to prepare the defence infrastructure for the forthcoming hazardous season in 2000.
152. In such circumstances the authorities could reasonably be expected to acknowledge the increased risk of accidents in the event of a mudslide that year and to show all possible diligence in informing the civilians and making advance arrangements for the emergency evacuation. In any event, informing the public about inherent risks was one of the essential practical measures needed to ensure effective protection of the citizens concerned.
153. The applicants consistently maintained that they had not received any warning until the mudslide actually arrived in the town. It also follows from the Government's submissions that the alarm was raised during the first wave of the mudslide on 18 July 2000, but not before. According to the Government, the evacuation order continued on the following day, 19 July 2000, when the most severe destruction occurred. This is contested by the applicants, who claimed that there had been no sign of any evacuation order when they were returning to their flats. They submitted witness statements confirming that people who returned to their homes on 19 July 2000 saw no warning against doing so. Given that the Government did not specify how the order, if it was issued, was publicised or otherwise enforced, the Court may only assume that the population was not made sufficiently aware of it, as the applicants allege.
154. The Court further notes that, in order to be able to inform the neighbourhood of the mudslide hazard, the authorities would need to set up temporary observation posts in the mountains. However, the persistent requests of the specialised surveillance agency indicating that such posts were indispensible for ensuring the residents' safety were simply ignored. By the beginning of the mudslide season the authorities thus found themselves short of means to estimate the time, force or probable duration of the mudslide. Accordingly, they were unable to give advance warning to the residents or to efficiently implement the evacuation order.
155. Since the Government have not put forward any explanation for the failure to set up temporary observation posts, the Court concludes that the authorities' omission in ensuring the functioning of the early warning system was not justified in the circumstances.
156. Finally, having regard to the authorities' wide margin of appreciation in matters where the State is required to take positive action, the Court must look beyond the measures specifically referred to by the applicants and consider whether the Government envisaged other solutions to ensure the safety of the local population. On order to do so the Court has requested the Government to provide information on the regulatory framework, land-planning policies and specific safety measures implemented at the material time in Tyrnauz for deterring natural hazards. The information submitted in response related exclusively to the creation of the mud-retention dam and the mud-retention collector, facilities that, as the Court has established above, were not adequately maintained. Accordingly, in exercising their discretion as to the choice of measures required to comply with their positive obligations, the authorities ended up by taking no measures at all up to the day of the disaster.
157. It is noteworthy that, as the Government pointed out in their observations, in 2001 budgetary allocations were made for the reconstruction of the defence infrastructure. This yields further support to the applicants' argument that implementing safety measures could have, and should have, taken place earlier, but only the catastrophic consequences of the 2000 mudslide put pressure on the authorities to do so.
158. In the light of the above findings the Court concludes that there was no justification for the authorities' omissions in implementation of the land-planning and emergency relief policies in the hazardous area of Tyrnauz regarding the foreseeable exposure of residents, including all applicants, to mortal risk. Moreover, it finds that there was a causal link between the serious administrative flaws that impeded their implementation and the death of V. B. and the injuries sustained by the first and the second applicants and the members of their family.
159. The authorities have thus failed to discharge the positive obligation to establish a legislative and administrative framework designed to provide effective deterrence against threats to the right to life as required by Article 2 of the Convention.
160. Accordingly, there has been a violation of Article 2 of the Convention in its substantive aspect.
(b) Judicial response required in the event of alleged infringements of right to life: procedural aspect of Article 2
161. The mudslide of 19-25 July 2000 killed eight people, including the first applicant's husband, V. B. and threatened the lives of an uncertain number of other residents of Tyrnauz.
162. Within a week of the incident the prosecutor's office decided to dispense with a criminal investigation into the circumstances of V. B.'s death. However, in conducting the inquest the prosecutor's office confined itself to establishing the immediate cause of his death, which was found to be the collapse of the building, and did not enter into the questions of safety compliance or the possible engagement of the authorities' responsibility. Moreover, it does not appear that those questions were the subject of any enquiry, whether criminal, administrative or technical. In particular, no action has been taken to verify the numerous allegations made in the media and in the victims' complaints concerning the inadequate maintenance of the mud-defence infrastructure or the authorities' failure to set up the warning system.
163. In so far as the question of State liability has been raised in certain individual civil actions, the Court notes that in order to be successful in these proceedings the plaintiffs would have to demonstrate to what extent the damage attributable to the State's alleged negligence exceeded what was inevitable in the circumstances of a natural disaster. Indeed, the applicants' claims for damages were dismissed precisely for the failure to do so (see paragraphs 49-50, 60, 67, 76 and 85 above). However, this question could only be answered, if at all, by a complex expert investigation involving the assessment of technical and administrative aspects, as well as by obtaining factual information available to the authorities alone. The claimants were thus required to discharge a burden of proof in respect of facts that were beyond the reach of private individuals. Accordingly, without the benefit of an independent criminal enquiry or expert assessment the victims would inevitably fall short of means to establish civil liability on the part of the State.
164. Moreover, the domestic courts deciding on the applicants' claims did not make full use of the powers they possessed in order to establish the circumstances of the accident. In particular, they dispensed with calling any witnesses, whether officials or ordinary citizens, or seeking an expert opinion which would have enabled them to establish or to disprove the authorities' responsibility, despite the plaintiffs' requests. The courts' reluctance to exercise their powers to establish the facts does not appear justified in view of the evidence already produced by the applicants, including the official reports suggesting that their concerns were also shared by certain officials. Accordingly, these proceedings were not capable of providing the judicial response required by the deaths caused by the mudslide in Tyrnauz.
165. Having found that the question of State responsibility for the accident in Tyrnauz has never as such been investigated or examined by any judicial or administrative authority, the Court concludes that there has also been a violation of Article 2 of the Convention in its procedural aspect.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
166. The applicants complained that the authorities' failure to maintain the mud-defence infrastructure, to monitor the hazardous area, to provide an emergency warning or to take other reasonable measures to mitigate the risk and the effects of the natural disaster also constituted a violation of their right to protection of property. They complained, in particular, that they had not received adequate compensation in respect of their losses. They relied on Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which provides:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. The parties' submissions
1. The Government
167. On the question of compliance with the State's positive obligations under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, the Government made no submissions other than those submitted under Article 2 of the Convention.
168. As regards compensation, they claimed that all the applicants had benefitted from disaster-relief benefits in the form of replacement accommodation and lump-sum compensations. They considered these benefits sufficient to cover the damage sustained by the applicants.
2. The applicants
169. Referring to the omissions in ensuring the functioning of the mud-defence and warning infrastructures, the applicants submitted that the authorities' failure to take even the most basic steps to mitigate the risks and effects of the mudslide also led to the destruction of their flats and possessions.
170. They contested the Government's argument as to the adequacy of the compensation granted to them. In particular, they pointed out that the above benefits were offered to them as victims of natural disaster on humanitarian grounds, irrespective of the property they had lost. Compensation of the full amount of damage was refused by the domestic courts, since they concluded that the responsibility for the damage was not attributable to the authorities.
B. The Court's assessment
171. The Court notes, first, that the applicants were the lawful owners and occupants of the flats destroyed by the mudslide, and of all of the destroyed belongings comprising their households. In fact, the existence of “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, or the list of objects that have been destroyed, are not in dispute between the parties. The Court will therefore proceed to examine to what extent the authorities were under an obligation to take measures for the protection of these possessions and whether this obligation has been complied with in the present case.
172. The Court reiterates that allegations of a failure on the part of the State to take positive action in order to protect private property should be examined in the light of the general rule in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which lays down the right to the peaceful enjoyment of possessions (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 98, ECHR 2000-I, and Öneryildiz, cited above, § 133). It also reiterates that genuine, effective exercise of the right protected by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention does not depend merely on the State's duty not to interfere, but may require positive measures of protection, particularly where there is a direct link between the measures an applicant may legitimately expect from the authorities and his effective enjoyment of his possessions (see Bielectric S.r.l. v. Italy (dec.), no. 36811/97, 4 May 2000, and Öneryildiz, cited above, § 134).
173. In the context of the State's positive obligation in the sphere of dangerous activities, the Court has found that the causal link established between the gross negligence attributable to the State and the loss of human lives also applied to the engulfment of the applicant's house (see Öneryildiz, cited above, § 135). It considered that in a situation where lives and property were lost as a result of events occurring under the responsibility of the public authorities, the scope of measures required for the protection of dwellings was indistinguishable from the scope of those to be taken in order to protect the lives of the residents. Treatment of waste, a matter relating to industrial development and urban planning, is regulated and controlled by the State, which brings accidents in this sphere within its responsibility. Accordingly, the Court concluded that the authorities were required to do everything within their power to protect private proprietary interests (ibid.).
174. In the present case, however, the Court considers that natural disasters, which are as such beyond human control, do not call for the same extent of State involvement. Accordingly, its positive obligations as regards the protection of property from weather hazards do not necessarily extend as far as in the sphere of dangerous activities of a man-made nature.
175. For this reason the Court considers that for the purposes of the present case a distinction must be drawn between the positive obligations under Article 2 of the Convention and those under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. While the fundamental importance of the right to life requires that the scope of the positive obligations under Article 2 includes a duty to do everything within the authorities' power in the sphere of disaster relief for the protection of that right, the obligation to protect the right to the peaceful enjoyment of possessions, which is not absolute, cannot extend further than what is reasonable in the circumstances. Accordingly, the authorities enjoy a wider margin of appreciation in deciding what measures to take in order to protect individuals' possessions from weather hazards than in deciding on the measures needed to protect lives.
176. In the present case the Court found that the measures invoked by the applicants, that is, the maintenance of the mud-defence infrastructure and the setting up of the early warning system, were vital for the protection of the lives and well-being of the civilians. However, it cannot be said that the causal link between the State's failure to take these measures and the extent of the material damage is similarly well-established.
177. The Court notes, and it is not in dispute between the parties, that the mudslide of 2000 was exceptionally strong, and the extent to which the proper maintenance of the defence infrastructure could have mitigated its destructive effects remains unclear. There is also no evidence that a functioning warning system could have prevented damage to the apartment blocks or the applicants' other possessions.
178. As regards the alleged lack of an independent enquiry and judicial response, the Court considers that this procedural duty does not have the same significance with regard to destroyed property as in the event of loss of life. Moreover, the extent of the material damage attributable to State negligence might not be susceptible to accurate evaluation in circumstances of outstanding complexity, as in the present case. In fact, providing redress by means of tort action may not always be the most appropriate response to a large-scale calamity. Considerations of urgency and efficiency may lead the authorities to give priority to other general and individual measures, such as providing emergency assistance and allotting benefits to all victims irrespective of the actual losses.
179. In the present case, the domestic courts found that the applicants were all granted free substitute housing and a lump-sum emergency allowance and that the authorities carried out emergency repairs of public facilities to restore the living conditions in residential quarters.
180. In so far as the applicants argued that these benefits did not fully cover their pecuniary losses, the Court observes that the terms of compensation have previously been found an essential element in cases concerning the taking of property under the second sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1. The Court found that while the absence of compensation would usually be incompatible with this provision, it does not guarantee a right to full compensation in all circumstances, since legitimate objectives of “public interest” may call for less than reimbursement of the full market value (see Papachelas v. Greece [GC], no. 31423/96, § 48, ECHR 1999-II).
181. Moreover, payment of full compensation cannot be regarded as a prerequisite for compliance with the first rule set out in the first sentence of the first paragraph. In order to be compatible with the general rule an interference with the right to the peaceful enjoyment of possessions must strike a “fair balance” between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual's fundamental rights (see Beyeler, cited above, § 107). Compensation terms under the relevant legislation are material to the assessment of whether the contested measure respects the requisite fair balance, and notably, whether it does not impose a disproportionate burden on the applicant (see Former King of Greece and Others v. Greece, [GC], no. 25701/94, § 89, ECHR 2000-XII).
182. The Court considers that the positive obligation on the State to protect private property from natural disasters cannot be construed as binding the State to compensate the full market value of destroyed property. In the present case, the damage in its entirety could not be unequivocally attributed to State negligence, and the alleged negligence was no more than an aggravating factor contributing to the damage caused by natural forces. In such circumstances the terms of compensation must be assessed in the light of all the other measures implemented by the authorities, account being taken of the complexity of the situation, the number of affected owners, and the economic, social and humanitarian issues inherent in the provision of disaster relief.
183. The Court observes that the disaster relief payable to the mudslide victims under the directive of 12 August 2000 entitled the applicants to free housing and an allowance of RUB 13,200 (then an equivalent of about 530 euros). The victims had equal, direct and automatic access to these benefits, which did not involve a contentious procedure or a need to prove the actual losses. As regards the first, the fourth, the fifth and the sixth applicants, the size of the free housing they received was equivalent to their perished flats. As regards the second applicant, she opted to receive free housing vouchers issued on the basis of the number of family members. She applied as a single-person family and received a voucher for 33 sq. m, as opposed to the 54 sq. m that she could have received had she applied as a family of three. She did not elaborate on the reasons for doing so. As regards the third applicant, she initially received monetary compensation that took account of the size of the perished flats. However, she later exchanged this for a housing voucher, with which she bought housing in the Moscow region which she resold shortly afterwards. Since she did not disclose the details of this transaction, the Court cannot assess her resulting losses or benefits.
184. On the basis of the foregoing, the Court concludes that the housing compensation provided to the applicants was not manifestly out of proportion to their lost accommodation. Given the importance of this asset, the large number of affected persons and the scale of emergency relief to be handled by the authorities in such circumstances, the cap of RUB 13,200 on compensation for household belongings appears justified. In sum, the Court considers that the conditions under which victims were granted compensation for possessions lost in the mudslide did not impose a disproportionate burden on the applicants.
185. It follows that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
IV. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
186. The applicants complained that they had no effective remedy in respect of their above complaints, as required by Article 13 of the Convention, which provides:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. The parties' submissions
187. The Government considered that the applicants have been provided adequate domestic redress through the system of disaster relief. Each applicant has thus benefitted from free substitute housing and a lump-sum allowance. Moreover, the applicants had availed themselves of civil proceedings in which they claimed damages against the State.
188. The applicants contested the Government's submissions arguing that there had been no means of establishing the State's responsibility for the deaths and other adverse consequences of the mudslide. Moreover, without the benefit of an official investigation into these events their civil claims were devoid of any chances of success, and therefore they were unable to obtain adequate compensation in respect of the pecuniary and non-pecuniary damage sustained by them.
B. The Court's assessment
1. Principles applicable in the instant case
189. The Court reiterates that Article 13 of the Convention requires domestic legal systems to make available an effective remedy empowering the competent national authority to address the substance of an “arguable” complaint under the Convention (see Z and Others v. the United Kingdom [GC], no. 29392/95, § 108, ECHR 2001-V). Its object is to provide a means whereby individuals can obtain appropriate relief at national level for violations of their Convention rights before having to set in motion the international machinery of complaint before the Court (see Kudla v. Poland [GC], no. 31210/96, § 152, ECHR 2000-XI).
190. However, the protection afforded by Article 13 does not go so far as to require any particular form of remedy, Contracting States being afforded a margin of discretion in conforming to their obligations under this provision (see, for example, Kaya v. Turkey, judgment of 19 February 1998, Reports 1998-I, pp. 329-30, § 106).
191. The nature of the right at stake has implications for the type of remedy the State is required to provide under Article 13. Where violations of the rights enshrined in Article 2 are alleged, compensation for pecuniary and non-pecuniary damage should in principle be possible as part of the range of redress available (see Paul and Audrey Edwards, cited above, § 97; Z and Others v. the United Kingdom, cited above, § 109; and T.P. and K.M. v. the United Kingdom [GC], no. 28945/95, § 107, ECHR 2001-V). On the other hand, neither Article 13 nor any other provision of the Convention guarantees an applicant a right to secure the prosecution and conviction of a third party or a right to “private revenge” (see Perez, cited above, § 70). What is important is the impact the State's failure to comply with its procedural obligation under Article 2 had on the deceased's family's access to other available and effective remedies for establishing liability on the part of State officials or bodies for acts or omissions entailing the breach of their rights under Article 2 and, as appropriate, obtaining compensation (see Öneryildiz, cited above, § 148).
192. In relation to fatal accidents arising out of dangerous activities which fall within the responsibility of the State, Article 2 requires the authorities to carry out of their own motion an investigation, satisfying certain minimum conditions, into the cause of the loss of life. Without such an investigation, the individual concerned may not be in a position to use any remedy available to him for obtaining relief, given that the knowledge necessary to elucidate facts such as those in issue in the instant case is often in the sole hands of State officials or authorities. Accordingly, the Court's task under Article 13 is to determine whether the applicant's exercise of an effective remedy was frustrated on account of the manner in which the authorities discharged their procedural obligation under Article 2 (see Öneryildiz, cited above, §§ 90, 93-94 and 149).
193. These principles must equally apply in the context of the State's alleged failure to exercise their responsibilities in the area of disaster relief.
2. Application of these principles in the instant case
(a) As regards the complaint under Article 2 of the Convention
194. The Court refers to its finding above that the circumstances in which lives were lost in the mudslide of 2000, or the question of the authorities' responsibility, have not been a subject of any enquiry, whether criminal, administrative or technical (see paragraph 163 above). It has also been established that the failure to conduct such an enquiry undermined the applicants' prospects of success in the civil proceedings (see paragraphs 164-65 above).
195. The Court observes that the above failures gave rise to a violation of Article 2, given the lack of an adequate judicial response as required in the event of alleged infringements of the right to life. Making its assessment in the context of the procedural aspect of the right to life, the Court has addressed not only the absence of a criminal investigation following accidental deaths, but also the lack of further means available to the applicants by which they could secure redress for the authorities' alleged failure to discharge their positive obligations. Accordingly, the Court considers that it is not necessary to examine this complaint also under Article 13 of the Convention as regards the complaint under Article 2.
(b) As regards the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention
196. The Court refers to its finding above that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. It considers, however, that the applicants' claim for compensation was nonetheless “arguable” for the purposes of Article 13 (see Boyle and Rice v. the United Kingdom, judgment of 27 April 1988, Series A no. 131, § 52). Accordingly, they should have had effective and practical remedies in order to have their claims decided and, if appropriate, to obtain redress for their losses.
197. The Court notes that the applicants were able to lodge a claim for damages and have it examined by competent courts. The reason why no award was made in these proceedings was that the applicants had already received free substitute housing and monetary allowance, and no grounds were found to establish tort liability of the State in respect of the difference between that compensation and the actual losses. Moreover, the Court has held above that it would not be appropriate to impose an absolute obligation on the State to evaluate material damage and to assume tort liability in the circumstances where it implemented measures through the general scheme of emergency relief (see paragraph 179 above). In view of these factors taken into account by the domestic courts, their refusal to award the applicants damages in the part not covered by the disaster victims' benefits they received cannot be considered unreasonable or arbitrary. The Court sees no other grounds to conclude that the civil proceedings did not constitute an effective remedy for the applicants' complaints in respect of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
198. It follows that there has been no violation of Article 13 as regards Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
IV. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 8 OF THE CONVENTION AND OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 8 OF THE CONVENTION
199. The applicants lastly complained that the circumstances of the case had also infringed their right to respect for private and family life and their home as enshrined in Article 8 of the Convention, as well as their right to effective remedy in respect of this complaint. Article 8 provides:
“1. Everyone has the right to respect for his private and family life, his home and his correspondence.
2. There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.”
200. The parties' submissions under this head were essentially the same as those submitted under Articles 2 and 13 of the Convention.
201. The Court notes that the complaint under Article 8 of the Convention concerns the same facts as those examined under Article 2, Article 1 of Protocol No. 1 and of Article 13 in conjunction with these Articles. Having regard to its findings under those provisions, the Court considers that it is unnecessary to examine those complaints separately.
VI. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
202. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
203. The applicants submitted the following claims as regards pecuniary and non-pecuniary damage:
(a) the first applicant claimed 262,000 euros (EUR) in respect of pecuniary and non-pecuniary damage, which, according to her, comprised 8,000,000 roubles (RUB) on account of moral harm and RUB 1,200,000 on account of material losses;
(b) the second applicant claimed EUR 137,000 in respect of pecuniary and non-pecuniary damage, which, according to her, comprised RUB 3,000,000 on account of moral harm and RUB 1,800,000 on account of material losses;
(c) the third applicant claimed EUR 1,099,861 in respect of pecuniary and non-pecuniary damage, which, according to her, comprised RUB 730,662 in pecuniary damage and RUB 38,495,140 in non-pecuniary damage;
(d) the fourth applicant claimed 100,000 United States dollars (USD) in respect of pecuniary and non-pecuniary damage;
(e) the fifth and the sixth applicants claimed together USD 20,000 and RUB 500,000 in respect of pecuniary and non-pecuniary damage.
204. The Government contested these claims as excessive and unsubstantiated.
205. The Court observes that it has found violations of the substantive and procedural limbs of Article 2 of the Convention. The Court accepts that the applicants have suffered non-pecuniary damage and awards them the following amounts:
(a) EUR 30,000 to the first applicant;
(b) EUR 15,000 to the second applicant;
(c) EUR 10,000 to each of the third, fourth, fifth and sixth applicants,
plus any tax that may be chargeable on these amounts.
B. Costs and expenses
206. The applicants did not make any claims as regards the costs and expenses, accordingly no award is made under this head.
C. Default interest
207. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Dismisses the Government's preliminary objection;
2. Holds that there has been a violation of Article 2 of the Convention in its substantive aspect on account of the State's failure to discharge its positive obligation to protect the right to life;
3. Holds that there has been a violation of Article 2 of the Convention in its procedural aspect, on account of the lack of an adequate judicial response as required in the event of alleged infringements of the right to life;
4. Holds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
5. Holds that no separate issue arises under Article 13 of the Convention in conjunction with Article 2 of the Convention;
6. Holds that there has been no violation of Article 13 of the Convention in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
7. Holds that no separate issue arises under Article 8 of the Convention and under Article 13 of the Convention in conjunction with Article 8 of the Convention;
8. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement, in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on these amounts:
(i) EUR 30,000 (thirty thousand euros) to the first applicant;
(ii) EUR 15,000 (fifteen thousand euros) to the second applicant;
(iii) EUR 10,000 (ten thousand euros) to each of the third, the fourth, the fifth and the sixth applicants;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
7. Dismisses the remainder of the applicants' claims for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 20 March 2008, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Obiezione preliminare respinta ( non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali); Violazione dell’ Art. 2 (aspetto effettivo); Violazione dell’ Art. 2 (aspetto procedurale); Nessuna violazione di P1-1; Nessuna violazione dell’ Art. 13+P1-1; danno morale - assegnazione; danno Materiale - richiesta respinta
PRIMA SEZIONE
CAUSA BUDAYEVA ED ALTRI C. RUSSIA
(Richieste N. 15339/02, 21166/02, 20058/02 11673/02 e 15343/02)
SENTENZA
STRASBOURG
20 marzo 2008
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Budayeva ed Altri c. Russia,
La Corte europea dei Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Christos Rozakis, Presidente, Nina Vajic, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Giorgio Malinverni, Giorgio Nicolaou, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 28 febbraio 2008,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata nell’ultima data menzionata:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in cinque richieste (N. 15339/02, 21166/02, 20058/02 11673/02 e 15343/02) contro la Federazione russa depositata con la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da sei cittadini russi, K. K. B. ed F. K. A. il 15 marzo 2002, da R. M. S. 10 aprile 2002, da N. N. K. il 18 febbraio 2002 e da. A. A. S. e I . I. S. il 9 marzo 2002 (“i richiedenti”).
2. I richiedenti ai quali era stato accordato il patrocinio gratuito furono rappresentati dal Sig. D., un avvocato che pratica a Nalchik, il Sig. M. un avvocato che pratica a Mosca ed il Sig. S., un avvocato che pratica a Pyatigorsk. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato inizialmente dal Sig. P. Laptev, il Rappresentante precedente della Federazione russa alla Corte europea di Diritti umani e successivamente dal loro Rappresentante, la Sig.ra V. Milinchuk.
3. Appellandosi agli Articoli 2, 8 e 13 della Convenzione e all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, i richiedenti addussero che le autorità nazionali erano responsabili della morte del Sig. B., di aver messo le loro vite a rischio e della distruzione di loro proprietà, come risultato dell'insuccesso delle autorità di attenuare le conseguenze di una frana di fango che si verificò a Tyrnauz il 18-25 luglio 2000 e che nessuna via di ricorso nazionale effettiva fu offerta a loro a questo riguardo.
4. La Camera decise di congiungere i procedimenti nelle richieste (l'Articolo 42 § 1).
5. Con una decisione del 5 aprile 2007 la Corte dichiarò le richieste ammissibili.
6. I richiedenti ed il Governo registrarono inoltre delle osservazioni scritte (l'Articolo 59 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
7. Il richiedente nella prima richiesta (n. 15339/02), K. K. B., nacque nel 1961 e vive a Tyrnauz, nel Distretto di Elbrus della Repubblica di Kabardino-Balkariya (KBR), Russia (il primo richiedente).
8. Il richiedente nella seconda richiesta (n. 21166/02), F. K. A., nacque nel 1963 e vive a Tyrnauz (il secondo richiedente).
9. Il richiedente nella terza richiesta (n. 20058/02), R. M. S., nacque nel 1953 e vive a Nalchik nel KBR (il terzo richiedente).
10. Il richiedente nella quarta richiesta (n. 11673/02), N. N. K., nacque nel 1955 e vive a Tyranuz (il quarto richiedente).
11. I richiedenti nella quinta richiesta (n. 15343/02), A. A. S. e I. I. S., nacquero rispettivamente nel 1958 e 1955 e vivono a Tyrnauz (il quinto ed il sesto richiedente).
12. I fatti della causa sono parzialmente in controversia fra le parti. Le loro osservazioni sulle circostanze nelle quali una frana di fango spazzò la città di Tyrnauz nel 2000 sono esposte nella Sezione A sotto. Il modo in cui questi eventi colpirono i richiedenti individualmente è esposto nella Sezione B. Una descrizione dei materiali presentati alla Corte dai richiedenti è data nella Sezione C.
A. Le circostanze riguardo alla frana di fango
1. Fatti di sfondo
13. La città di Tyrnauz è situata nel distretto di montagna adiacente al Monte Elbrus, nel Caucaso centrale. La sua popolazione è approssimativamente di 25,000 abitanti. Il piano urbano generale della città fu sviluppato negli anni cinquanta come parte di un progetto di costruzione industriale di grande potenza. Due tributari del Fiume Baksan che passa per Tyrnauz, il Gerhozhansu ed il Kamyksu, sono noti per essere soggetti a provocare inondazioni di fango.
14. La prima prova che documentava una frana di fango del Fiume di Gerhozhansu risale al 1937. Successivamente delle inondazioni di fango furono registrate pressoché ogni anno; di quando in quando colpirono la città, provocando danni. Le inondazioni di fango più pesanti registrate prima del 2000 si verificarono il 1 agosto 1960, l’11 agosto 1977 e il 20 agosto 1999. Secondo il Governo, la serie di inondazioni di fango del 18-25 luglio 2000 era la più forte e più distruttiva di tutte.
15. Gli abitanti e le autorità di Tyrnauz sono in generale consapevoli del pericolo, e sono abituati alle inondazioni di fango che di solito si verificano in estate ed nel primo autunno.
16. La prima ricerca tecnica schematica per proteggere Tyrnauz dalle inondazioni di fango fu eseguita negli anni cinquanta, ed entro il 1959 era stato reso un certo numero di proposte. Lo schema scelto dalle autorità seguendo uno studio di fattibilità comparato prevedeva la costruzione di un raccoglitore di ritenuta del fango tramite immissione. Il lavoro di costruzione cominciò, ma nel 1960 questo fu distrutto da una frana di fango insolitamente forte, ed il progetto dovette essere corretto e prolungato di conseguenza. La costruzione del raccoglitore fu terminata nel 1965 ed operò con successo per 35 anni, offrendo apparentemente una difesa sufficiente contro il inondazioni di fango. Nel 1977 una revisione tecnica fu portata avanti a seguito di una frana di fango particolarmente forte che seriamente danneggiò delle sezioni del raccoglitore, e fu considerato necessario eseguire dei lavori di riparazione . Il raccoglitore fu riparato completamente entro il 1982.
17. Inoltre, all’inizio del 1999 le autorità locali misero in opera una diga di ritenuta di fango nella gola del fiume di Gerhozhan, controcorrente rispetto il raccoglitore di ritenuta di fango. La diga fu intesa a migliorare la protezione di Tyrnauz dal fango e dai flussi di detritii. Misurava 160 metri x 38 metri x 40 metri e fu costruita con 6,000 metri cubi di cemento armato e 2,000 tonnellate di strutture di metallo.
2. La condizione della diga nell'estate del 2000
18. Il 20 agosto 1999 un flusso di fango e di frammenti colpì la diga, danneggiandola seriamente.
19. Il 30 agosto 1999 il direttore dell’Istituto Montano, un'agenzia statale il cui mandato includeva il monitoraggio dei pericoli del tempo nelle aree di elevata altitudine, richiese un esame indipendente del danno causato alla diga dalla frana di fango. Fece raccomandazioni al Ministro responsabile dell’Assistenza nei Disastri del KBR riguardo alla composizione di una Commissione Statale per l'esame.
20. Nello stesso giorno spedì anche una lettera al Presidente del KBR, richiedendo una pulizia di emergenza e il lavoro di restauro alla diga e per predisporre un primo sistema di avvertimento per dare l'allarme nel caso di una frana di fango (vedere testo completo nella Sezione C “Documenti presentati dai richiedenti”).
21. Il 17 gennaio 2000 il direttore operativo dell’istituto Montano spedì una lettera al Primo Ministro del KBR, avvertendo circa il rischio aumentato di inondazioni di fango nella successiva stagione. Lui affermò che la diga era seriamente danneggiata, che la sua ricostruzione sembrava inattuabile a quello stadio e che, di conseguenza, il solo modo di evitare incidenti e di attenuare il danno era collocare dei posti di osservazione per avvertire la popolazione nel caso di una frana di fango per cui richiese un mandato ed un appoggio finanziario (vedere il testo completo nella Sezione C sotto).
22. Il 7 marzo 2000 il Capo del Distretto Amministrativo di Elbrus spedì una lettera al Primo Ministro del KBR nella quale si riferì alla frana di fango di grande potenza imminente e all’assistenza finanziaria richiesta per eseguire un determinato lavoro di emergenza sulla diga. Nella sua richiesta lui menzionò possibili “perdite di documenti” ed incidenti (vedere il testo completo nella Sezione C sotto).
23. Il 7 luglio 2000 direttore assistente ed il capo della ricerca dell’Istituto Montano presenziarono a un’udienza al Ministero per l’Assistenza nei Disastri del KBR. Alla riunione loro reiterarono l'avvertimento sul rischio di inondazioni di fango in quel periodo e richiesero che dei punti di osservazione fossero stabiliti nelle sezioni superiori del Fiume di Gerhozhansu per esaminare sempre il fiume e diramare un allarme in caso di una frana di fango.
24. Il 10 luglio 2000 il direttore assistente dell’Istituto Montano riportò al direttore dell’ agenzia che aveva avvertito il Ministero per l’Assistenza nei Distastri del KBR dell’ imminente frana di fango ed aveva richiesto la predisposizione di posti di osservazione di ventiquattro ore.
25. Sembra che nessuna delle misure riportate sopra fu mai perfezionata.
3. La frana di fango del 18-25 luglio 2000
26. Approssimativamente alle 11 di sera del 18 luglio 2000 un flusso di fango e detriti colpì la città di Tyrnauz ed allagò alcuni dei quartieri residenziali.
27. Secondo il Governo, questa prima ondata non provocò incidenti. Comunque, i richiedenti addussero che almeno una persona fu uccisa. In particolare, il secondo richiedente disse di essere stato testimone della morte del suo vicina di casa B, nata nel 1934 che fu intrappolata nei detriti ed affogata nel fango prima che qualcuno potesse aiutarla. Addusse anche che era stato testimone di un veicolo di Zhiguli con quattro uomini a bordo che fu trasportato dalla frana di fango.
28. Secondo il Governo, a seguito della frana di fango del 18 luglio 2000 le autorità ordinarono l'evacuazione di emergenza dei residenti di Tyrnauz. La polizia e gli ufficiali locali andarono in giro per le case delle persone per avvisarle della frana di fango ed aiutare ad evacuare gli anziani e gli invalidi. Inoltre, i veicoli di polizia dotati di altoparlanti girarono per la città, chiedendo ai residenti di evacuare a causa del pericolo del fango.
29. Il Governo non specificò precisamente quando queste misure furono prese. I richiedenti concordarono che l'allarme fu dato davvero tramite altoparlanti una volta che la frana di fango era già iniziata, ma nessun avvertimento fu dato in anticipo. Loro dissero che non erano a conoscenza dell'ordine di evacuare ed dubitavano che ne fosse stato dato uno. Loro addussero anche che non c'erano state forze di soccorso o altri aiuti organizzati al momento sulla scena del disastro che divenne un calderone di caos e panico di massa.
30. La mattina del 19 luglio 2000 il livello di fango si abbassò ed i residenti ritornarono alle loro case. Il Governo addusse che si comportarono così in violazione dell'ordine di evacuazione, mentre i richiedenti controbatterono che non erano consapevoli che l'allarme della frana di fango ancora fosse attivo, indicando che c'erano barriere o avvertimenti per impedire alle persone di ritornare alle loro case. Loro non individuarono polizia o ufficiali di soccorso vicino alle loro case, ma poterono vedere che i loro vicini di casa erano tutti a casa e figli stavano giocando fuori. Le forniture di acqua, benzina ed elettricità furono ripristinati dopo essere stati sospese durante la notte.
31. All’ 1 di notte dello stesso giorno la seconda, più potente, frana di fango colpì la diga e lao distrusse. Fango e detriti discesero immediatamente sulla città, trascinando con sé il rottame della diga. Sulla 17 Strada di Otarova la frana di fango distrusse parte di un condominio di nove piani , con quattro vittime ufficialmente riportate. Molti altri edifici furono danneggiati. Fece anche straripare il fiume, allagando i quartieri residenziali sulla riva destra.
32. La città fu colpita da una successione di inondazioni di fango fino al 25 luglio 2000.
33. Otto persone ufficialmente furono dichiarate morte. Secondo i richiedenti, altre 19 persone presumibilmente erano disperse.
34. Secondo il Governo, il 3 agosto 2000 l'Ufficio dell'Accusatore del Distretto di Elbrus ha decise di non iniziare un'indagine penale dell'incidente. I richiedenti affermarono che non sapevano nulla di questo. Nessuna copia di questa decisione fu resa disponibile alla Corte.
35. Il 12 agosto 2000 il Governo del KBR adottò una direttiva sul pagamento del risarcimento per la perdita dell’ alloggio alle vittime della frana di fango. Stabilì i principi generali per predisporre una nuova sistemazione e le linee guida per calcolare il risarcimento per coloro che desiderarono stabilirsi fuori Tyrnauz. La perdita di un appartamento di 1 stanza dava origine ad un pagamento fino a 15,000 rubli (RUB), di un appartamento di 2 stanze fino a RUB 20,000 e di un appartamento di 3 stanze fino a RUB 45,000. Alternativamente, le vittime avrebbero potuto optare per ricevute di alloggio che avrebbero dato un titolo alle famiglie di più di una persona di ricevere un alloggio gratuito di almeno 18 metri quadri per membro della famiglia, e famiglie di una singola persona di 33 metri quadrati.
36. Il 20 dicembre 2000 il Settore dell’Assistenza dei Disastri del Distretto di Elbrus emise una dichiarazione scritto, apparentemente in collegamento con le denuncie individuali sul fatto di non aver ricevuto un avvertimento in anticipo riguardo alla frana di fango a Tyrnauz nel 2000, né dal Ministero per l’Assistenza dei Disastri del KBR né da qualsiasi altra autorità.
37. Lo stesso giorno anche il Distretto Amministrativo di Elbrus emise una dichiarazione scritta sul fatto di non aver ricevuto nessun avvertimento di una frana di fango in un periodo qualsiasi durante i due anni passati.
38. Il 14 febbraio 2001, apparentemente a seguito di un’indagine dell'amministrazione del distretto, il Settore delle Finanze del Distretto di Elbrus riportò che nessun fondo era stato assegnato nel bilancio del distretto per il lavoro di riparazione richiesto dopo la frana di fango del 1999.
B. Le circostanze individuali dei richiedenti
1. Il primo richiedente
39. Prima degli eventi del luglio 2000 il primo richiedente, suo marito ed i loro due figli nati nel 1987 e 1997, vivevano al 17 di via Otarova, Tyrnauz, in un appartamento di 72 metri quadrati al settimo piano di loro proprietà.
40. Il 18 luglio 2000 lei e la sua famiglia erano addormentati quando la frana di fango cominciò. Il primo richiedente affermò che nessun allarme fu dato, e la frana di fango fu accolta come un completo shock. Fuggirono velocemente e passarono la notte sulle montagne.
41. Circa a mezzogiorno del giorno seguente (19 luglio 2000) ritornarono al loro appartamento. Secondo il primo richiedente, la frana di fango sembrava essere terminata, e poiché non c’era stato nessun allarme e non vi erano barriere per fermarla, pensarono di essere al sicuro ritornando a casa. Sfiniti dagli eventi della notte precedente, andarono diritti a letto. Il primo richiedente fu comunque svegliato poco dopo dalla Sig.ra K, un’ amica di sua sorella (vedere le testimonianze della Sig.ra nella Sezione C sotto), ed in pochi minuti sentirono tremare i muri e sentirono un forte rimbombo, i vetri rompersi grida e persone che correvano.
42. Solo il primo richiedente e il suo figlio maggiore riuscirono a scappare.
43. Il figlio più giovane fu portato fuori dalla Sig.ra K e salvato dal rottame, ma riportò danni seri, incluso una contusione cerebrale e spinale erosione della cornea, ferite multiple avulse, abrasioni e contusioni.
44. Il marito del primo richiedente, il Sig. V. K. B. di 47, rimase in dietro per aiutare i suoi genitori a fuggire ma fu ucciso quando l'edificio crollò dopo essere stato colpito dalla frana di fango. I genitori del primo richiedente furono salvati.
45. L'appartamento del primo richiedente e tutte le sue proprietà furono allagate e distrutte dalla frana di fango.
46. Il 3 agosto 2000 l'Ufficio dell'Accusatore del Distretto di Elbrus decise di non avviare un'indagine penale sulla morte del marito del primo richiedente. Avendo trovato che lui morì come un risultato del crollo dell'edificio, stabilì che la morte era fortuita e non attribuibile ad un qualsiasi atto penale.
47. A seguito di una decisione da parte del Governo del KBR del 12 agosto 2000, al richiedente fu emessa una ricevuta di alloggio il4 giugno 2001 che le dava titolo a ricevere una sistemazione gratuita di 54 metri quadrati per compensare la perdita del suo appartamento. Sembrerebbe che la misura della sistemazione fu ridotta pro rata della quota di suo marito deceduto, ma, dopo numerose lagnanze, le fu offerto infine un altro appartamento di 40 metri quadri a Nalchik. Lei ricevette una concessione dal fondo d’emergenza di RUB 13,200 per compensare per la perdita delle sue proprietà, più un assegno supplementare di RUB 2,337.
48. In una data non specificata il primo richiedente intentò un'azione in danni contro il Governo del KBR, il Ministero per l’Assistenza dei Disastri del KBR e il Distretto Amministrativo di Elbrus . Lei rivendicò RUB 259,200 per la perdita di proprietà mobili ed immobili, e RUB 5,000,000 per danno morale per la morte di suo marito ed la sofferenza mentale e fisica causata a lei ed ai suoi figli dal disastro. Lei disse che le autorità avevano persuaso la popolazione locale che non c'era nessun rischio di una frana di fango. Lei addusse anche che le autorità erano state negligenti siccome loro non erano riuscite a prendere misure per attenuare il danno, in particolare stabilendo un primo sistema di allarme e pulendo i depositi lasciati nella diga e nel canale del fiume fin dalla frana di fango del 1999. In appoggio alle sue richieste offrì i documenti esposti nella Parte 2 della Sezione C (“lettere Ufficiali e documenti emessi prima dell’ frana di fango del 2000”) e altre prove.
49. Il 9 ottobre 2001 la Corte distrettuale di Baksan del KBR esaminò la causa e trovò che le autorità avevano preso tutte le misure ragionevoli per attenuare il rischio di una frana di fango. Notando che la capacità di ritenuta della diga fu calcolata per un flusso di 500 metri cubi al secondo, quando il tasso attuale del flusso era di 2,000 metri cubi al secondo, concluse che una frana di fango di vigore così eccezionale non avrebbe potuto né essere predetta né avrebbe potuto essere fermata. La corte trovò anche che i media avevano informato i cittadini del rischio di possibile inondazioni di fango e prese in considerazione il fatto che, a seguito della frana di fango, le autorità avevano eseguito un lavoro di infrastrutture, come riparazioni a condutture di acqua, ed aveva offerto aiuto sociale al richiedente nella forma di una sistemazione di risarcimento finanziario.
50. La corte concluse che nessuna colpa fosse attribuibile alle autorità per il danno subito dal richiedente e trovò la sua richiesta per danno materiale e morale non comprovata.
51. Il 20 novembre 2001 la Corte Suprema del KBR confermò la sentenza del 9 ottobre 2001.
52. Secondo il primo richiedente, le sue condizioni di vita sono state estremamente difficili fin dal disastro. Lei disse che sia la propria salute sia quella dei suoi figli si era deteriorata sostanzialmente come risultato dei danni, dello stress e della devastazione causati. Suo figlio più giovane ha sviluppato condizioni posto-traumatiche croniche e serie, come enuresi ed il deterioramento progressivo della sua vista. Entrambi i suoi figli richiedono un trattamento neurologico regolare come risultato dei loro danni e del loro shock. L'appartamento che lei ha comprato con la ricevuta di alloggio ha dovuto immediatamente essere venduto per coprire le spese vive e pagare i trattamenti medici. L'appartamento a Nalchik era in un stato terrificante (non era stato rinnovato fin dalla sua costruzione nel 1952) e lei non aveva nessun mezzo per ristrutturarlo e renderlo sufficientemente abitabile.
2. Il secondo richiedente
53. Prima degli eventi del luglio 2000 il secondo richiedente, suo marito e la loro figlia vivevano al 42 di via Otarova in un appartamento di 44.6. metri (n. 33) di loro proprietà. Lei possedeva un altro appartamento (n. 1) nello stesso condominio sotto un accordo di affitto sociale.
54. Nel 1999 una frana di fango provocò danni alla proprietà del secondo richiedente e perse alcuni capi del suo bestiame. Lei disse che richiese alle autorità locali di eseguire una manutenzione d’emergenza alla diga e fare piazza pulita del rottame. Nonostante le numerose richieste dei residenti, nulla fu comunque fatto.
55. Il 18 luglio 2000 il secondo richiedente e la sua famiglia erano a casa quando la frana di fango cominciò approssimativamente alle 11 di sera Lei disse che nessun allarme fu dato, e dovettero abbandonare la loro casa in pigiama. Nel tentativo di scappare di scappare, il richiedente e sua figlia furono presi nel flusso di fango e detriti che li trascinò per una certa distanza prima essere liberati da passanti. Entrambi furono feriti e subirono un grave shock, in particolare la figlia del secondo richiedente che subì gravi scottature da attrito causate dai detriti.
56. Il giorno seguente, il 19 luglio 2000, il cognato del secondo richiedente (il marito del primo richiedente V. B.) morì aiutando i genitori del primo e del secondo richiedente a fuggire quando una nuova frana di fango colpì la città.
57. Entrambi gli appartamenti del secondo richiedente e tutte le sue proprietà furono distrutti dalla frana di fango.
58. A seguito della decisione del Governo del KBR del 12 agosto 2000, il secondo richiedente ricevette una ricevuta di alloggio il 29 agosto 2001 per compensare la perdita dell’ appartamento n. 1. Le diede titolo ad una sistemazione gratuita di 33 metri quadrati. Lei ricevette anche una concessione dal fondo emergenza di RUB 13,200 per compensare la perdita delle sue proprietà, più un assegno supplementare di RUB 1,168. Lei non ha ricevuto alcun risarcimento riguardo all’ appartamento n. 33.
59. Il secondo richiedente intentò un'azione in danni contro il Governo del KBR, il Ministero per L’Assistenza dei Disastri del KBR e il Distretto Amministrativo di Elbrus . Lei richiese RUB 360,000 per la perdita di proprietà mobile ed immobile, e RUB 1,000,000 per danno morale per la sofferenza mentale e fisica causata a lei e sua figlia dal disastro. Le sue dichiarazioni, argomenti e le altre osservazioni erano essenzialmente le stesse di quelli del primo richiedente.
60. Il 9 ottobre 2001 la Corte distrettuale di Baksan del KBR esaminò la sua richiesta insieme a quella del primo richiedente e la respinse per gli stessi motivi.
61. Il 20 novembre 2001 la Corte Suprema del KBR confermò la sentenza del 9 ottobre 2001.
62. Secondo il secondo richiedente, le sue condizioni di vita dopo il disastro erano, e rimangono, molto misere. Sia la propria la salute e quella di sua figlia si sono sostanzialmente deteriorate come risultato dei danni, dello stress e della devastazione causata e devono ricevere dei trattamenti neurologici per i loro danni e shock.
3. Il terzo richiedente
63. prima degli eventi del luglio 2000 il terzo richiedente viveva al 17 di via Otarova, Tyrnauz, in appartamento di54.2 metri quadrati di sua proprietà.
64. Il 18-24 luglio 2000 il suo appartamento fu allagato e distrutto dalla frana di fango, insieme alle sue proprietà. Il terzo richiedente affermò che nessun allarme fu dato e che lei solamente riuscì a scappare dalla frana di fango.
65. A seguito della decisione del Governo del KBR del 12 agosto 2000 il terzo richiedente ricevette un sussidio di RUB 30,000 per la perdita del suo appartamento ed una concessione dal fondo d’emergenza di RUB 13,200 per compensare la perdita delle sue proprietà, più un assegno supplementare di RUB 584.
66. Lei intentò un'azione in danni contro il Governo del KBR, il Ministero per l’Assistenza dei Disastri del KBR e il Distretto Amministrativo di Elbrus. Lei chiese RUB 730,662 per la perdita di proprietà mobili ed immobili, così come RUB 250,000 per danno morale per la sofferenza mentale e fisica causata dal disastro. Le sue dichiarazioni, argomenti e le altre osservazioni erano essenzialmente le stesse di quelli del primo ed del secondo richiedente.
67. Il 27 agosto 2001 la Corte Civica di Nalchik del KBR esaminò la causa e respinse le sue richieste. La sua sentenza fu basata essenzialmente sulle stesse ragioni della sentenza successiva della Corte distrettuale di Baksan del KBR, datata 9 ottobre 2001, nella causa intentata dal primo e dal secondo richiedente. Nella sua sentenza, la corte si riferì a certi documenti dei media del 1999-2000 che erano stati presentati dal Ministero per l’Assistenza dei Disastri del KBR. Sulla base di questi documenti, presi insieme coi rapporti del tempo per il periodo attinente, concluse che la popolazione locale era stata adeguatamente preavvisata di possibili inondazioni di fango. La corte prese in considerazione il fatto che, a seguito della frana di fango, le autorità avevano offerto un aiuto al benessere del richiedente, vale a dire il sussidio per un appartamento ed il risarcimento monetario. Notò anche, inter alia che al terzo richiedente era stato concesso di scambiare RUB 30,000 del sussidio per un alloggio sociale di 33 metri quadri.
68. Il 25 settembre 2001 la Corte Suprema del KBR confermò la sentenza del 27 agosto 2001. Questa decisione fu notificata al terzo richiedente il 25 ottobre 2001.
69. Il 5 giugno 2004 il terzo richiedente scambiò il suo sussidio di alloggio con una ricevuta di alloggio che le diede titolo ad una sistemazione gratuita di 33 metri quadri. Lei usò questa ricevuta per acquistare un appartamento nella Regione di Mosca che rivendette poco dopo.
70. Secondo il terzo richiedente, la sua salute e le condizioni di vita si deteriorano come risultato degli eventi sopra e lei non fu compensata adeguatamente per le perdite sostenute nell'incidente.
4. Il quarto richiedente
71. Prima degli eventi del luglio 2000 il quarto richiedente viveva al 46 di via Elbrusskiy Prospekt, Tyrnauz, appartamento di 33 metri quadrati di sua proprietà.
72. Il 18-24 luglio 2000 il suo appartamento e le sue proprietà furono allagate e distrutte dalla frana di fango. Lei disse che nessun allarme era stato dato prima della frana di fango, ma lei riuscì a trovare il modo di salvarsi.
73. Il quarto richiedente intentò un'azione in danni contro il Governo del KBR, il Ministero per l’Assistenza dei Disastri del KBR e il Distretto Amministrativo di Elbrus . Lei chiede RUB 248,942 per risarcimento della perdita di proprietà mobile ed immobile e RUB 1,266 per trattamento medico; lei chiese anche RUB 100,000 per danno morale per la sofferenza mentale e fisica. Le sue dichiarazioni, argomenti e le altre osservazioni erano le stesse come essenzialmente quelli degli altri richiedenti riferiti sopra.
74. Il 25 aprile 2001 la Corte distrettuale di Elbrus del KBR esaminò la richiesta del quarto richiedente e la respinse.
75. Il 22 maggio 2001 la Corte Suprema del KBR revocò la sentenza del 25 aprile 2001 per il motivo che una delle parti non aveva presenziato alla prova. La causa fu rinviata per riesame ad un tribunale di prima istanza.
76. Il 9 ottobre 2001 la Corte distrettuale di Baksan del KBR esaminò la sua richiesta e la respinse per gli stessi motivi di quelli degli altri richiedenti riportati a sopra. Notò, inter alia che il quarto richiedente aveva ancora il diritto di fare domanda per il risarcimento di RUB 30,000 da un fondo d’emergenza o, alternativamente, per un alloggio gratuito di 33 metri quadrati, ma sostenne che qualsiasi ulteriore richiesta era non comprovata.
77. Il 20 novembre 2001 la Corte Suprema del KBR confermò la sentenza del 9 ottobre 2001.
78. Il 7 dicembre 2001 al quarto richiedente fu emessa una ricevuta di alloggio che le dà titolo ad avere un appartamento gratuito di 33 metri quadrati per compensare la perdita del suo appartamento e ricevette una concessione di RUB 13,200 dal fondo d’emergenza per compensare la perdita delle sue proprietà, più un assegno supplementare di RUB 584.
79. Secondo il quarto richiedente, le sue condizioni di vita dopo che gli eventi sopra citati erano estremamente difficili e la sua salute si deteriorò sostanzialmente come risultato dello stress e la devastazione che avevano causato. A seguito del disastro lei patì disorientamento psicologico e depressione per cui lei doveva subire un trattamento psichiatrico. Secondo i suoi documenti medici la sua condizione è stata inoltre aggravata dal processo per il risarcimento.
5. Il quinto e il sesto richiedente
80. Prima degli eventi del luglio 2000 i richiedenti e le loro due figlie vivevano in un appartamento di 72 metri quadrati di loro proprietà.
81. Il 18-24 luglio 2000 il loro appartamento e le loro proprietà furono allagate e distrutte dalla frana di fango. Loro dissero che nessun allarme fu dato e che loro e la loro famiglia da soli erano riusciti a scappare dalla frana di fango.
82. Il quinto e il sesto richiedente intentarono un'azione in danni contro il Governo del KBR, il Ministero per l’assistenza dei Disastri del KBR e il Distretto Amministrativo di Elbrus. Chiesero RUB 498,368 per la perdita della loro proprietà mobile ed immobile così come RUB 200,000 per danno morale per la sofferenza mentale e fisica. Le loro dichiarazioni, argomenti e le altre osservazioni erano essenzialmente le stesse di quelli degli altri richiedenti riportati sopra.
83. Il 25 aprile 2001 la Corte distrettuale di Elbrus del KBR esaminò la richiesta del quinto e del sesto richiedente e la respinse.
84. Il 22 maggio 2001 la Corte Suprema del KBR revocò la sentenza del 25 aprile 2001 per il motivo che una delle parti non aveva presenziato alla prova. La causa fu rinviata per un riesame da parte di un tribunale di prima istanza.
85. Il 9 ottobre 2001 la Corte distrettuale di Baksan del KBR esaminò la loro richiesta e la respinse per gli stessi motivi di quelli degli altri richiedenti riportati sopra. Notò, inter alia che il quinto e il sesto richiedente erano ancora abilitati a fare domanda per il risarcimento da un fondo d’emergenza nella somma di RUB 13,200 per la perdita di proprietà mobile e RUB 45,000 per la perdita dell'appartamento o, alternativamente, un alloggio gratuito di 33 metri quadri per persona, ma sostenne che inoltre qualsiasi altra richiesta non era comprovata.
86. Il 20 novembre 2001 la Corte Suprema del KBR confermò la sentenza del 9 ottobre 2001.
87. L’ 8 dicembre 2001 al quinto e al sesto richiedente fu emessa una ricevuta di alloggio che dava loro titolo ad una sistemazione gratuita di 72 metri quadri per compensare la perdita dell'appartamento e ricevette una concessione dal fondo d’emergenza di RUB 13,200 a compensare la perdita delle loro proprietà, più un assegno supplementare di RUB 2,337.
88. Secondo il quinto e il sesto richiedente, la loro salute si deteriorò sostanzialmente come risultato dello stress e della devastazione. In particolare, il sesto richiedente doveva ricevere un ampio trattamento psichiatrico e neurologico a seguito di un esaurimento nervoso causato dall’esperienza del disastro e dalle sue conseguenze.
C. Documenti presentati dai richiedenti
89. In appoggio alle loro dichiarazioni i richiedenti presentarono alla Corte numerosi articoli di giornale, lettere ufficiali, documenti e dichiarazioni di testimoni. Nella loro parte attinente, questi documenti si leggono come segue.
1. Lettere ufficiali e documenti emessi prima della frana di fango del 2000
90. Lettera ufficiale del 30 agosto 1999 dal direttore dell’Istituto Montano, il Sig. M. Zalikhanov, al Presidente del KBR:
“Come Lei saprà, precedentemente quest'anno, il 20 agosto, una grossa frana di fango con un volume di circa 1 milione di metri cubi fu registrata nella valle del Fiume di Gerhozhansu. L'esame visuale ed aereo fatto da un elicottero ha trovato che il materiale fluido si era formato nel ruscello superiore di uno dei depositi di fango di Kaya-Arty-Su Allo stesso tempo, un altro deposito fango si è formato nel bacino di Gerhozhan, nel Fiume di Sakashili-Su e le riserve di fango possono divenire presto attive.
Dato che il raccoglitore di ritenuta del fango all'estuario del bacino di frana del fango è stato distrutto da precedenti inondazioni di fango , ed il canale del fiume si è riempito con depositi di fango, il disastro può verificarsi su una più grande scala.
Noi richiediamo perciò appoggio finanziario per predisporre per il periodo di settembre posti di radio comunicazione nella zona superiore del fiume per avvertire i civili e i servizi [d’emergenza] del pericolo del fango e condurre ispezioni da parte degli ingenieri per ripristinare la struttura della protezione contro il fango che ora si trova in un stato critico per le sue cattivo condizioni.”
91. La lettera ufficiale del 17 gennaio 2000 dall’assistente direttore dell’ Istituto Montano, il Sig. Kh. Kalov, al Primo Ministro del KBR:
“Come Lei è bene consapevole, la maggior parte dell’area intorno a Tyrnauz è una delle aree a maggior rischio di frana di fango nella Federazione russa. La diga di ritenuta della frana di fango che è di 160 metri di lunghezza 38 metri di altezza e 40 metri di larghezza... fu distrutta il 20 agosto dell’anno scorso. La devastante frana di fango da 1 milione di metri cubi provocò il crollo della diga, con una linea di frattura di 60 metri. Danni furono causati a Tyrnauz...
In prospettiva dell’ alto rischio di inondazioni di fango nel corso del prossimo anno e dato che la ricostruzione della diga non appare finanziariamente o tecnicamente fattibile, si devono predisporre dei punti di osservazione nella sezione superiore del Fiume di Gerhozhansu per evitare incidenti e attenuare il danno... col compito di esaminare il fiume e dare un allarme ai civili nel caso di una frana di fango... Monitoraggi di Venti quattro ore saranno eseguiti per il periodo dal 15 giugno a 15 settembre per offrire una previsione di frana di fango ed informare il [Ministero per l’Assistenza dei Disastri del KBR]...
L’Istituto Montano ha una grande esperienza di simili lavori nell'area di Tyrnauz, e fornirà ai membri della spedizione un salario, il cambio e l’attrezzatura. Noi richiediamo assistenza finanziaria di 100,000 rubli per coprire il campo delle forniture e del trasporto.”
92. La lettera ufficiale del 7 marzo 2000 dal Capo del Distretto Amministrativo di Elbrus al Primo Ministro del KBR:
“Nell’ agosto 1999 la frana di fango dal tratto di Sakashili-Su rese impraticabile il letto del Fiume di Baksan e diressero il flusso principale d’acqua fuori dal muro di contenimento sul lato sinistro dell'alveo fluviale. Di conseguenza, il suolo di fondamento e e i parapetti del muro di contenimento si sono erosi e hanno continuato ad erodersi. Al momento una sezione di 500 metri della strada di aggiramento è stata dichiarata completamente fuori di servizio.
Lo stato del fondamento del muro di contenimento è vicino al punto critico. Quando le inondazioni del disgelo cominceranno in primavera si potrà arrivare al crollo di sezioni del muro di contenimento del sistema di difesa sopra il suolo scavato. La loro ricostruzione sarà molto costosa.
La frana di fango ha riempito anche il canale convettivo del fango fino al 25-30% della capacità; se succede un’altra frana di fango, il canale contenitore del fango può esondare e può allagare i dintorni residenziali di Tyrnauz. Questo potrebbe condurre ad un'emergenza su scala impossibile da prevedere, con perdite finanziarie da record e, probabilmente, vittime.
Prendendo in considerazione ciò che precede, il Distretto Amministrativo di Elbrus richiede assistenza finanziaria per compiere il lavoro descritto sopra.”
2. Pubblicazioni dei quotidiani
93. Intervista col Sig. M. Z., pubblicato sul quotidiano nazionale Rossiyskaya Gazeta il 26 luglio 2000.
“... M. Z., membro dell'Accademia russa delle Scienze, principale esperto negli studi di catastrofi naturali... membro della Commissione Parlamentare del Duma Statale della Federazione russa su uno sviluppo sostenibile...
MZ: Non è solo la natura che deve prendersi il biasimo per la tragedia [del 18-25 luglio 2000, ma anche] l'irresponsabilità vistosa da parte degli ufficiali e la loro riluttanza a seguire le raccomandazioni degli esperti. ...
RG: ... questo disastro avrebbe potuto essere previsto? E perché la diga di protezione del fango sul Fiume di Gerhozhansu non funzionò?
MZ: ... Tyrnayz è un centro di estrazione del [KBR]... ed a causa della sua posizione geografica è sotto la minaccia permanente di frane di fango. Le più disastrose furono le frane di fango del 1964 e specialmente del 1977. [La seconda] distrusse circa trenta alloggi nel centro della città, e le vittime furono evitate solamente perché gli esperti del [Istituto Monatno] diedero un allarme opportuno alle autorità della città sull’ imminente disastro. Più tardi fu deciso... di erigere un sistema protezione dal fango. Mi fu ordinato di sviluppare delle specifiche per la costruzione... di simile diga di contenimento del fango... [che] fu avviata l'anno scorso.
RG: È vero che Lei rifiutò poi di firmare il rapporto di accettazione della commissione per il sistema di protezione dal fango?
MZ: Sì. Perché? Perché il primo stadio di costruzione del complesso rimase incompiuto per più di quattro anni. Rimaneva un grande rischio che all’arrivo della prima frana di fango, anche se relativamente debole, avrebbe rotto il complesso perché la sua sezione superiore non era fissata fermamente alla roccia solida. Il finanziamento per il completamento della costruzione era stato assegnato, ma riguardo a dove i fondi erano scomparsi (fra Nalchik e Tyrnauz), nessuno potrebbe darmi una risposta chiara. Sottolineando l'importanza di questo problema ed il bisogno di completare la costruzione, feci numerosi appelli al [Presidente del KBR], V. Kokov, ed al Ministro per l’Assistenza per i Disastri Federazione russa, S. Shoigu. Infine più fondi furono assegnati e la costruzione fu portata apparentemente al completamento. ... Io rifiutai di prendere parte alla [cerimonia inaugurale] a causa delle preoccupazione per la mia reputazione d’esperto ed accademica. I miei assistenti esperti, in particolare il mio sostituto per la costruzione [il Sig. R.] ed il geologo [la Sig.ra N.S.] redigettero un rapporto; ecco degli estratti da questo: '... una mancanza nel presentare [la documentazione del progetto] rende impossibile valutare l'ottemperanza del progetto [con le specifiche]... Dato la novità del [ disegno]... gli alti livelli dell'attività sismica nell'area, gli elevati requisiti di errori della sicurezza per la struttura della diga, qualsiasi deformazione che potrebbe aumentare l'impatto di una frana di fango sulla città di Tyrnauz e così significativamente può aggravare il pericolo del fango, e prendendo anche in considerazione il tempo smoderato impiegato per completare il lavoro di costruzione, con intervalli lunghi anche quattro anni, è necessario sottoporre la struttura ad un esame architettonico speciale. [Un numero di deviazioni tecniche serie] danno motivo di sospettare un grado di logoramento e di frattura all'interno della costruzione, anche senza fango o impatto sismico. Tutto ciò riduce notevolmente la capacità del progetto della diga. L'esame visuale della costruzione della diga mostrò anche segnali di deterioramento delle sezioni di questa anche senza fango... '
RG: Quindi anche se Z., un Membro dell'Accademia non firmò il rapporto, la struttura fu messa ciononostante in servizio?
MZ: Sì. Ed di lì a due mesi [questa] fu distrutta da una frana di fango dall'intensità catastrofica. Io scrissi al Ministro dell’Assistenza per i Disastri del KBR , A. Turkinov... ed nell’ agosto dell'anno scorso e avvisai il Presidente del KBR, V. Kokov... che era probabile che le riserve di fango divenissero attive in un futuro prossimo... e che il disastro si sarebbe potuto ripetere su una scala molto più grande... e richiesi assistenza nel trovare risorse per preparare le postazioni di sorveglianza... ed esegure un studio di ingegneria per ripristinare la costruzione che era in un stato critico...
Io credo che sia della massima importanza predisporre [senza ritardo] una commissione competente comprendente esperti prominenti per stabilire le vere cause della tragedia. ... Si è avuto bisogno anche di un'altra commissione... per sviluppare un programma complesso per la protezione della comunità di KBR da pericoli ambientali...”
94. Intervista col Sig. O. Baydayev, il primo Capo Sostituto del Distretto Amministrativo di Elbrus, pubblicata sul quotidiano locale Gazeta Yuga il 3 agosto 2000:
“... 1.2 milioni di rubli furono assegnati dal bilancio del distretto per pulire il fango del canale convettivo. Noi spedimmo questi soldi per pulire il canale [convettivo del fango]. Altrimenti la conseguenza avrebbe potuto essere persino più disastrosa. Una frana di fango di simile vigore non poteva essere fermata comunque nemmeno da un canale perfettamente pulito.
Circa l’avvertimento. Proprio il primo impatto [della frana di fango] abbatté i fili elettrici e cavi telefonici. Noi stavamo girando per la città con due altoparlanti. È possibile che non raggiungemmo ogni singola abitazione o appartamento ma le informazioni furono portate in ogni distretto della città. Proprio la prima notte la città è stata divisa in cinque settori, furono nominati capi provvisori amministrativi, e loro ricevettero tutte le informazioni. Persone vollero comprensibilmente, sapere come la frana di fango si sarebbe evoluta, ma persino gli scienziati non lo sapevano...”
95. Note della ricerca di I. Seinova., titolare di una laurea di ricercatrice in geografia datata 26 agosto 1999. Il testo sotto è basato sul testo pubblicato in un giornale locale del KBR dopo il frana di fango del 2000 (il riferimento della pubblicazione esatto non è disponibile):
“Il disastro del[1999] alla diga di contenimento della frana di fango di Gerhozhansu ha dimostrato vividamente il pericolo posto da una struttura di protezione per la frana di fango instabile situata sopra la città. ... La pratica internazionale di difesa della frana di fango include molti esempi del crollo di una diga che conduce ad un aumento dieci volte più grande nel vigore distruttivo [di una frana di fango] comparato al livello che si verifica in modo naturale...
Le frane di fango su Gerhozhansu sono fra il più disastrose del Caucaso Centrale. Il volume della frana di fango del 1977era di 3 milioni di metri cubi di fango e detriti, che scaricava a 500 metri cubi al secondo...
Nell’attuale situazione ambientale e sociale la soluzione più ragionevole sarebbe respingere l'idea di costruire una diga di contenimento del fango. La priorità assoluta dovrebbe essere smantellare i blocchi instabili.
A seguito della frana di fango del 20 agosto [1999] il canale convettivo del fango trattenne un importo considerevole di fango e deposito di detriti, ma in gran parte si depositò nel bacino di scorrimento del Fiume di Baksan. È necessario pulire il fango del canale convettivo perché la sua capacità di portata si è ridotta significativamente...”
96. Interviste col Sig. V. Bolov, Direttore del Centro per il Monitoraggio e la Previsione dei Disastri del Ministero per l’Assistenza ai Disastri pubblicata il 28 luglio 2001 nel giornale Gazeta Yuga che segue l'indagine di campo del Centre nei 2000 frana di fango:
“V.B.: ... la spedizione concluse ... che le frane di fango dell’anno scorso a Tyrnauz erano assolutamente uniche... oggi il profilo dei fenomeni legati al fango in questo bacino è cambiato drasticamente in peggio.
Comunque, secondo stime preliminari, il volume straordinario di fango[attivo] dall'anno scorso è improbabile si ripetuta questo anno, benché rimangono molte possibilità di frane fango d'intensità variabile.
G.Y.: Quindi tutto di questo può verificarsi all'improvviso come il 18 giugno 2000?
V.B.: Qui noi possiamo essere sicuri che la situazione sia radicalmente migliorata. L’attuale posizione è che anche prima dell'inizio del periodo in cui il fango è attivo, postazioni di sorveglianza sono state predisposte su nelle immediate vicinanze del ghiacciaio così come [inoltre più in basso] dove la frana di fango guadagna vigore e diviene pericolosa per la città.
Le postazioni [di sorveglianza] stanno funzionando e sono provviste di sistemi di comunicazione affidabili. Questo vuol dire che, per ciò che riguarda la prevenzione, sono state prese delle misure... Il secondo importante problema è... chiudere l’ansa nel canale convettore di fango con un muro più sicuro. Lavoro è in corso da tempo. ...
Per riassumere... l'attività del fango in questa gola è aumentata a causa della frana di fango dell’anno scorso. Allo stesso tempo le misure preventive che già sono state prese inspirano l'ottimismo. In qualsiasi caso, anche se potenti frane di fango si sviluppassero, le vite delle persone verrebbero indubbiamente salvate.
G.Y.: C'è qualche metodo efficace per influenzare l'attività del fango, per esempio facendo esplodere parte di un pendio o prosciugando un lago di ghiacciaio così che il rischio di una frana di fango venga ridotto?
V.B.: Sì, c'è. ... ma [la loro applicazione] comporta dei calcoli molto complessi e completi... Questa questione viene esaminata attualmente... poi spetterà agli specialisti e alle autorità decidere se usare questa tecnologia nel Gerhozhansu...
... Allo stesso tempo in un certo un numero di aree influenzate dal fango è necessario risolvere la questione del [rialloggio dei residenti] fuori dalla zona dell'attività di fango per assicurare la[loro] sicurezza. Questo sarebbe molto più conveniente e più rapido. Gli schemi d’ingegneria comportano una spesa tremenda, e dato che fondi mancano sempre, è improbabile offrire una soluzione. Perciò, introducendo restrizioni nelle zone influenzate dal fango e regolare [le costruzioni] al loro interno, specialmente di natura residenziale, è di considerevole valore.”
3. Dichiarazioni dei testimoni
97. Dichiarazione della Sig.ra K, un’amica del primo richiedente:
“Il 19 luglio 2000 io, [ K], nata nel 1970, ho deciso recandomi al lavoro di chiamare casa della mia più cara amica F. [il secondo richiedente]. La notte precedente arrivai tardi in città ed andai diritta a letto... inconsapevole di quello che stava accadendo in città. Alle 7.30 della mattina del 19 luglio, andai fuori e vidi delle persone raggruppate sulla montagna... e scoprii che una frana di fango aveva colpito l'alloggio di F.... Il ponte era stato distrutto ed io non potevo attraversare sull'altro lato dove era il suo alloggio. Io decisi di cercare informazioni circa F. ed andai a casa di sua sorella K. [il primo richiedente] che abitava su questo lato. Io vidi nelle vicinanze la polizia e chiesi a loro se fossi potuta andare presso quell’ alloggio [indicando l'alloggio del primo richiedente] e loro mi confermarono che potevo, aggiungendo che l'elettricità era stata ripristinata due ore prima, ed alle persone fu permesso di rientrare nei loro appartamenti. Avanzai senza esitazioni, salii al sesto piano... entrai e la trovai addormentata. Svegliai K. lei mi disse che la sera precedente F. aveva attraversato il fiume sull’altro lato. Parlavamo approssimativamente da 15 minuti quando sentimmo un rimbombo forte. Mi precipitai fuori sul balcone e vidi persone che correvano. K. si precipitò a svegliare anche suo marito e i suoi figli. Io afferrai il loro figlio più giovane, I. di tre anni e corsi giù dalle scale. Quando uscii vidi il marito di K. [V.] che cercava i suoi pantaloni e K. stessa che mi seguiva con suo figlio maggiore M. Fra il terzo e il quarto piano sentii i gradini cedere e compresi che l'alloggio stava crollando. Cademmo ed io mi trovai chiusa col figlio sotto uno [spesso strato] di polvere, sangue e detriti intorno a me. Io spinsi I. sopra lo strato così che lui potesse uscire. Un uomo lo vide e l'estrasse ma io rimasi sotto lo strato. Potevo sentirmi le gambe ma non potevo vederle... erano seppelliti sotto uno strato di cemento... Io vidi più tardi sotto tre corpi morti lo stesso strato (una donna e due figli di approssimativamente tre o al massimo 5 anni). Io tentai di estrarre le mie gambe ma provai un dolore terribile al bacino... Infine fui estratta fuori dai servizi d'emergenza e ricoverata in ospedale... Per due mesi fui immobilizzata e continuai a ricevere trattamenti per altri nove mesi...
Io non intentai una causa... Ogni volta che mi rivolgevo [alle autorità per trarre benefici medici o monetari] mi si chiedeva perché ero andata là in prima linea alla cui domanda potevo solo rispondere che nessuno mi aveva fermato o mi aveva avvertito che era pericoloso; al contrario, mi avevano detto che potevo entrare... Io sono una persona ragionevole e non sarei mai andata verso il pericolo se solamente fossi stata avvertita...”
98. Dichiarazione del Sig.ra T.K. che viveva al 17 di via Otarova, Tyrnauz:
“... La notte del 18 luglio 2000 io, mio marito e nostro nipote fummo svegliati da un frastuono terribile. Noi subito comprendemmo che era una frana di fango. Noi ci precipitammo fuori vestiti con ciò che stavamo indossando. Stava piovendo fitto, delle persone stavano correndo in preda alla paura e sono stata colta dal panico in tutte le direzioni. Il resto della notte l’ abbiamo speso sulle montagne, tremando per il freddo e la paura. Di mattina, noi vedemmo in parte lo spettacolo terribile della città coperto dal fango e pietre con delle aree, specialmente via Otarova, distrutte dal fango ed i centri allagati dall’acqua dal Fiume di Baksan.
Entro approssimativamente le 11 di mattina [il 19 luglio] sembrò ad ognuno che il flusso di fango aveva cominciato a stabilirsi e noi ci avvicinammo al nostro alloggio. Nessuno ci fermò, non c'erano barriere. Tutti i residenti del nostro condominio e dei due condomini di nove piani vicini ritornarono ai loro appartamenti. Noi mangiammo ed andammo a dormire. Io mi svegliai perché l'alloggio stava tremando ed ascoltai il rumore e le persone che gridavano. Io aprii la porta e vidi che il lato destro del nostro alloggio nostro era mancante e la scala era crollata. Io afferrai mio nipote e corsi fuori sul balcone dove vi era l’uscita antincendio . Potemmo farlo solamente fino al quarto piano dove la scala antincendio terminò; c'erano approssimativamente 30 di noi raggruppati là, mentre potei vedere le persone dai piani più bassi che stavano saltando dalle loro finestre e balconi. I miei vicini, gli uomini, trovarono delle corde e cominciarono a portarci giù, i figli prima e poi le donne. Mi ci volle tempo per riavere i miei sensi dopo la discesa. La mia vicina, [il primo richiedente], stava piangendo e stava chiedendo di suo marito e di suo figlio. Ma nessuno sapeva quello che era successo a loro ed anche il resto di noi stava cercando i propri parenti. Dopo questi eventi rimanemmo per molto tempo in un stato di shock, ma nessuno ci prestò alcuna attenzione. Le autorità ancora non ammettono che non avevano davvero il controllo della situazione e che nulla era stato fatto per salvarci dal disastro. Loro non avevano preso delle misure di fronte al frana di fango, o mentre continuava dal 18 al 25 luglio, lasciandoci fondamentalmente ai nostri destini. Nel nostro condominio quattro persone rimasero uccise e molti furono feriti e rimasero invalidi per tutta la vita; è penoso, specialmente per i bambini. Nessuno in effetti sa quanti persone sono morte, in particolare nella notte del 18 luglio, siccome questi fatti sono stati vigorosamente nascosti. Noi non intentammo cause nella prospettiva di punire coloro che erano veramente responsabili per tutto ciò avevamo dovuto sopportare, perché eravamo sicuri che la corte non avrebbe mai dato una direttiva equa siccome queste persone occupavano dei posti molto alti.”
99. Dichiarazione del Sig. B, padre del primo e del secondo richiedente:
“... Pressoché ogni anno una frana di fango discende per il letto del Fiume di Gerhozhansu. Indietro negli anni settanta esisteva un'organizzazione speciale per esaminare l'estuario del fiume, ed un allarme fuori della fabbrica veniva attivato quando [le guardie] avvertivano l'ufficiale di dovere del pericolo. Negli anni ottanta tutto ciò fu [abbandonato]. ... Nella notte tra il 18 e il 19 luglio [2000] mia moglie ed io eravamo a casa. Noi andammo a letto approssimativamente alle 10 di sera, ma fui subito svegliato da dalle grida di mia moglie. Io andai fuori sul balcone ma non potevo vedere nulla perché i piloni dell’ elettricità erano stati abbattuti dal flusso di fango. Io accesi una torcia e vidi il fango che attraversa l'ingresso del nostro condominio... Io vidi una macchina con un passeggero trascinata dall'ondata di fango... La scala era crollata e l'alloggio stava collassando separatamente. ... noi non sapevamo cosa per fare. Io presi il telefono. Ancora stava funzionando, così io composi il numero della polizia e riportai ciòe che ci stava accadendo, e loro ci dissero “attenda, verranno degli aiuti.”
Rimanemmo seduti là sino alle 3 di mattina, finché il mio genero V. B., i suoi amici ed i nostri vicini vennero [ad aiutarci]...
Poco prima che la frana di fango [del luglio 2000] noi spedimmo un appello collettivo al Capo del Distretto Amministrativo di Elbrus, il Sig. B.Sh. Chechenov, chiedendo che l'idrovia venisse pulita. Non avendo ricevuto replica al nostro appello, noi andammo ad incontrarlo per le consultazioni pubbliche. Al nostra incontro lui disse che lui non aveva soldi per pulire l'idrovia, siccome non era stato assegnato nessuno fondo, così non c'era niente che lui avrebbe potuto fare per noi. Noi suggerimmo di scrivere una lettera al Governo per richiedere i fondi, ma lui cominciò a gridare a noi che il governo aveva già abbastanza lavoro e non poteva darci retta. Noi richiedemmo poi che venisse predisposta una commissione per scoprire se era vero che nessun denaro era stato assegnato per pulire il canale convettivo del fango dopo questo B.Sh. Chechenov chiamò la polizia e loro ci scortarono -persone rispettabili, uomini con i capelli grigi-fuori dal suo ufficio...
Accadde poi la frana di fango, e se solo fossero state prese delle misure opportune si sarebbero potute risparmiar molte vittime e non ci sarebbe stata una distruzione su simile scala. Molti degli incidenti avrebbero potuto essere evitati. Come hanno potuto dire alle persone solo un'ora prima della frana di fango ciò che loro sapevano da 11 giorni prima della tragedia? ...
... Io persi il mio appartamento; i miei figli furono lasciati senza i loro appartamenti e proprietà e ciò che più importa il mio genero fu ucciso, mio nipote rimase per molto tempo fra la vita e morte, la mia nipote I. ed il miei nipoti I. e M. B. stanno ancora ricevendo trattamenti medici...”
100. Dichiarazione della Sig.ra Zh. Che viveva al 42 di via Otarova, Tyrnauz:
“... La frana di fango del 2000 fu terribile. Portò via la mia casa, tutte le mie proprietà...
Nella notte in cui si è verificata io ero a casa al 42 di via Otariva, già addormentata. Io mi svegliai a causa del frastuono. Io tentai di uscire dall'appartamento ma non potevo. Io stavo invocando aiuto... ma nessuno poteva sentirmi a causa del rumore orribile del frana di fango. ...
... Questa notte fu la più straziante della mia vita... a causa dello stress io persi la mia vista ed ora non posso vedere nulla. Per questo io biasimo la frana di fango e le nostre autorità che non prepararono psicologicamente le persone della possibilità di una catastrofe naturale e furono incapaci di offrire sollievo alle vittime...”
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. La Responsabilità dello Stato nell'area di pronto intervento
101. La Sezione 6 della Legge Federale del 21 dicembre 1994 N.ro 68-FZ “Sulla Protezione dei Civili e e di Terreni da Emergenze di Origine Naturale ed Industriale” impone un obbligo alle autorità federali, regionali e locali d’informare prontamente ed accuratamente i civili tramite i mass media e gli altri canali di informazione circa qualsiasi situazioni d’ emergenza e le misure di sicurezza prese per proteggere la popolazione e circa qualsiasi previsione di disastri e i mezzi di protezione contro loro. La stessa Sezione prevede la responsabilità degli ufficiali Statali in caso di una loro mancanza nel per rendere queste informazioni pubbliche.
102. La Sezione 7 della stessa Legge prevede che la prevenzione delle emergenze e l’attenuazione, nella misura massima possibile, dei danni e delle perdite costituisca uno di principi fondamentali del pronto intervento e richiede che tutte le misure preventive vengano eseguite con sufficiente anticipo.
B. La responsabilità da atto illecito dello Stato
103. L’Articolo 1064 § 1 del Codice civile della Federazione russa prevede che il danno causato alla persona o alla proprietà di un cittadino deve essere compensato pienamente dalla persona che ha provocato il danno. Facendo seguito all’ Articolo 1069, un'agenzia Statale o un ufficiale Statale è responsabile del danno causato ad un cittadino dalle loro azioni illegali od omissioni in atti. Simile danno sarà compensato a spese della tesoreria federale o regionale.
104. Gli Articoli 151 e 1099-1101 del Codice civile prevedono il risarcimento per danno morale. L’Articolo 1099 dichiara, in particolare, che il danno morale sarà ricompensato a prescindere da qualsiasi assegnazione per danno materiale.
LA LEGGE
I. L'OBIEZIONE PRELIMINARE DEL GOVERNO
A. le osservazioni delle parti
105. Il Governo contestò che la lagnanza riguardo alla violazione addotta del diritto alla vita garantito dall’Articolo 2 dovrebbe essere dichiarata inammissibile per il non-esaurimento delle vie di ricorso nazionali. Considerò che i richiedenti avrebbero dovuto impugnare le rispettive decisioni di fare a meno di un'indagine penale sulla catastrofe. Nella causa del primo richiedente, questa era la decisione presa dall’ l'Ufficio dell'Accusatore del Distretto di Elbrus del 3 agosto 2000 che specificamente concerneva la morte di suo marito e nella quale dichiarava che non avrebbe richiesto un'indagine penale. Riguardo agli altri richiedenti, il Governo si riferì alla direttiva generale dell'Ufficio dello stesso Accusatore, adottata presumibilmente nella stessa data secondo la quale non vi era bisogno di nessuna indagine penale sulla catastrofe naturale dell’ 8-25 luglio 2000. Inoltre, i richiedenti non si appellarono alla violazione del diritto alla vita nei procedimenti civili per danni.
106. I richiedenti contestarono l'obiezione del Governo. Loro indicarono che gli eventi in questione erano su tale scala che spettava alle autorità condurre un'indagine senza aspettare che le vittime o i loro parente prossimi chiedessero alle autorità di intervenire . Loro dibatterono inoltre che il modo in cui le decisioni a non procedere con i procedimenti penali furono prese e notificate aveva reso impossibile per le vittime impugnarle.
107. Il primo richiedente dibatté, in particolare, che la decisione fu notificata a su sua sorella mentre lei stava accudendo su suo figlio che era in terapia intensiva e anche lei stessa si trovava in una condizione disperata. Lei sostenne che la decisione non spiegava come avrebbe potuto essere impugnata, e che nelle circostanze della perdita di suo marito e la devastazione di casa sua lei non era in una posizione tale da richiedere e pagare una consulenza legale. Lei aggiunse che era chiaro che l'ufficio dell'accusatore era determinato non prestare qualsiasi ulteriore considerazione alla questione e il tentativo di impugnarla sarebbe stato futile. Lei decise perciò che miglior modo di ottenere compensazione sarebbe stato tramite procedimenti civili.
108. Riguardo alla sua decisione di rifiutare di intentare dei procedimenti penali inerenti alla catastrofe in generale, tutti i richiedenti, incluso il primo richiedente negarono, una qualsiasi conoscenza della sua esistenza e dissero che loro non erano stati perciò capaci di impugnarla di fronte alle autorità competenti.
B. la valutazione della Corte
1. Riguardo al primo richiedente
109. Il Governo affermò che il primo richiedente non aveva presentato un reclamo sotto il Codice di Diritto processuale penale contro la decisione dell'accusatore di non procedere con i procedimenti penali nelle circostanze della morte di suo marito. Mentre è chiaro che lo Stato era sottoposto all’ obbligo di prendere l'iniziativa ed investigare circa la morte, il Governo dibatté che il richiedente non impugnò la mancanza da parte delle autorità nell’agire così, benché questa via di ricorso, se avesse avuto un esito positivo, avrebbe offerto tutti i vantaggi di un'indagine penale per accertare le circostanze. Comunque, il richiedente preferì un’ altra via ed intentò un'azione civile in danni.
110. La Corte nota in primo luogo che nel momento in cui il richiedente ha la scelta di una via di ricorso e la sua efficacia comparatativa non è ovvia la Corte tende ad interpretare il requisito dell'esaurimento delle vie di ricorso nazionali a favore del richiedente (vedere, fra esempi numerosi, Khashiyev ed Akayeva c. Russia, N. 57942/00 e 57945/00, §§ 115-25 e 156-66, 24 febbraio 2005; Manoussakis ed Altri c. Grecia, sentenza del 26 settembre 1996, Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1996-IV, pp. 1359-60, § 33; ed Aquilina c. Malta [GC], § 39, ECHR 1999-III).
111. Nello specifico contesto di stabilire la responsabilità Statale per il danno causato da una catastrofe naturale, ha trovato inoltre precedentemente , che i procedimenti amministrativi di successo erano sufficienti per spogliare il richiedente del suo status di vittima (vedere Murillo Saldias ed Altri c. Spagna (dec.), n. 76973/01, 28 novembre 2006).
112. La Corte nota inoltre che gli eventi di cui si lamentarono nella presente causa erano di portata tale che il portare la questione all'attenzione delle autorità non dipendeva dalla diligenza del richiedente. Inoltre, il beneficio che il richiedente avrebbe potuto trarre e nell’avviare procedimenti penali non era ovvio, dato che la corte civile aveva la competenza per impegnare la responsabilità di una particolare autorità Statale, e una responsabilità istituzionale di questo genere avrebbe potuto offrire una base per una riparazione a favore delle vittime. Questa considerazione è essenziale dato che è più probabile che i disastri di questo genere sono il risultato di una combinazione di una mancanza di un numero di ufficiali la cui responsabilità individuale non raggiunge necessariamente la gravità richiesta per una condanna penale. Per questa ragione ed anche a causa degli standard più bassi di prova nei procedimenti civili, la Corte non trova irragionevole da parte del primo richiedente aver scelto un'azione civile per richiedere compensazione.
113. La Corte considera perciò che al fine di esaurire le vie di ricorso nazionali nella presente causa fosse sufficiente per il primo richiedente intentare procedimenti civili, come ha fatto.
2. Riguardo agli altri richiedenti
114. Il Governo considerò che i richiedenti non riuscirono ad esaurire le vie di ricorso nazionali riguardo alle loro lagnanze sulla base dell’ Articolo 2 perché non impugnarono la decisione di non avviare un'indagine penale sulla catastrofe naturale, né invocarono il loro diritto alla vita nelle loro richieste civili per danni. Riguardo alla decisione di non avviare procedimenti penali, i richiedenti negano di essere stati conoscenza che simile decisione fosse stata adottata. Effettivamente, loro non furono coinvolti in simili procedimenti e è poco chiaro in quale veste sotto il diritto nazionale sarebbero stati in grado di impugnare la decisione resa dal Governo. Diversamente dal primo richiedente, dovevano provare il loro status di vittime prima di poter cominciare i procedimenti penali. Riguardo alla loro mancanza addotta nell’ invocare il loro diritto alla vita nei procedimenti civili, la Corte osserva, che la loro dichiarazione di richiesta fu formulata in termini che abbracciavano la sostanza di questa garanzia. Considera perciò anche questa parte dell'obiezione preliminare del Governo infondata.
115. La Corte respinge di conseguenza l'obiezione preliminare del Governo secondo cui i richiedenti non erano riusciti ad esaurire le vie di ricorso nazionali.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 2 DELLA CONVENZIONE
116. I richiedenti si lamentarono che le autorità non erano riuscite ad attenersi ai loro obblighi positivi di prendere misure appropriate per attenuare i rischi alle loro vite contro i pericoli naturali. Il primo richiedente si lamentò che le autorità nazionali erano responsabili per la morte di suo marito nel frana di fango del luglio 2000. Lei e gli altri richiedenti si lamentarono anche che le autorità nazionali erano responsabili di aver messo le loro vite a rischio, siccome loro non erano riusciti a soddisfare gli obblighi positivi dello Stato ed erano stati negligenti nel mantenimento della diga, nell'esaminare l'area a rischio e nell'offrire un allarme o nel prendere altre misure ragionevoli che avessero potuto attenuare il rischio e gli effetti della catastrofe naturale. Loro si lamentarono anche che di non aver avuto compensazione, in particolare non avevano ricevuto il risarcimento adeguato riguardo al loro danno materiale e morale. Si appellarono all’ Articolo 2 della Convenzione che, nella parte attinente, prevede:
“1. Il diritto di ciascuno alla vita sarà protetto dalla legge. Nessuno sarà privato intenzionalmente della sua vita salvo nell'esecuzione di una sentenza di un tribunale a seguito della sua condanna per un crimine per il quale questa sanzione penale è offerta dalla legge.
...”
A. le osservazioni delle parti
1. Il Governo
117. Il Governo negò qualsiasi responsabilità per la perdita della vita e le altre conseguenze avverse della frana di fango del 2000. Loro presentarono che benché i pericoli dell'area fossero ben noti sia alle autorità che alla popolazione civile, la frana di fango del 18-25 luglio 2000 era stata imprevedibile causa del suo vigore eccezionale. Era una causa di forza maggiore, la durata e la misura della quale non avrebbero potuto essere previste né su cui si sarebbe potuto avere una certa influenza. Anche se la frana di fango era in previsione, nessuna misura tecnica ed effettive avrebbe potuto ostacolare una catastrofe di tale portata e con così poco preavviso. Presentò che dopo il disastro del 2000 la costruzione di una struttura difensiva di nuova ingegneria era iniziata, e che il completamento di questo nuovo progetto con capacità di ritenuta di fango aumentata era previsto per il 2006. Nessuna informazioni aggiornata sulla nuova costruzione fu messa a disposizione della Corte.
118. Il Governo contese che il5 gennaio 2001 dei fondi furono assegnati per la ricostruzione dell'infrastruttura di difesa danneggiata dalla frana di fango del 2000.
119. Riguardo al collocamento di postazioni per avvertire la popolazione locale, il Governo presentò, che c'era un sistema operativo generale di monitoraggio del tempo meteorologico nell'area. In particolare, durante il periodo dell'attività del fango ogni anno l’Istituto Montano prendeva parte ad una missione di sorveglianza speciale il cui staff era composto dai suoi ricercatori. Nel caso di pericolo di fango l'evacuazione della popolazione civile sarebbe stata ordinata. Nel 2000 il monitoraggio visuale dello scivolamento del fango fu compiuto dalla divisione del sistema nazionale integrato di prevenzione dei disastro e di pronto intervento del KBR .
120. Il Governo considerò che nella notte del 18-19 luglio 2000 la popolazione civile aveva ricevuto un allarme a causa della frana di fango. Presentò che dopo la prima ondata della frana di fango, la polizia di Elbrus, i vigili del fuoco e il personale dei servizi della comunità municipale avevano chiamato le abitazioni delle persone per informarle del frana di fango ed avevano aiutato ad evacuare i residenti anziani che non erano capaci partire da soli. Affermò anche che veicoli della polizia dotati di altoparlanti giravano per i quartieri residenziale e gridando ai residenti di evacuare a causa del pericolo del fango. Il Governo affermò che tutte le misure necessarie erano state prese liberare le vittime, ristabilire i residenti dei condomini colpiti e portare approvvigionamenti d’emergenza. 620 membri dei servizi di salvataggio, 106 unità di apparecchiature tecniche , 9 attrezzature galleggianti e 3 elicotteri erano stati impegnati sul luogo del disastro.
121. Il Governo presentò inoltre che la popolazione locale avrebbe potuto ascoltare le previsioni del tempo trasmesse dai media e che degli addetti pubblici dalle varie istituzioni Statali furono addestrati per rispondere all’ emergenze. Infine presentò che dal 1994 un sistema d’allarme centrale era in funzione nel KBR.
122. Dal momento che i richiedenti rivendicarono di non aver mai avuto una via di ricorso effettiva riguardo alle violazioni addotte, il Governo contese che loro, in realtà, si erano giovati a di tale via di ricorso, vale a dire l'azione civile in danni contro lo Stato, anche se risultarono alla fine senza successo.
123. Il Governo fece anche riferimento, come nella sua obiezione preliminare sopra, ad una via di ricorso che i richiedenti non erano riusciti presumibilmente ad usare, vale a dire una richiesta di revisione delle decisioni di non avviare l'inchiesta sulle morti e l'indagine penale sulle circostanze del disastro.
2. I richiedenti
124. I richiedenti contestarono le osservazioni del Governo che indicavano l'assenza di qualsiasi specifica informazione sulle misure preventive presumibilmente perfezionate per attenuare i rischi portati dalle regolari frane di fango. Loro sostennero che le autorità si erano trovate in una posizione in cui erano semplicemente incapaci di offrire una risposta adeguata al disastro o di dare un primo allarme perché non erano riuscite ad assicurare il funzionamento dell'infrastruttura di sicurezza. In particolare, non erano riusciti ad organizzare una sorveglianza dello scivolamento del fango del periodo estivo ed avevano trascurato la manutenzione della struttura di difesa dal fango. Si riferirono alle lettere ufficiali a cui si fa riferimento nella Sezione Fatti ( Parte C-2 “lettere Ufficiali e documenti emessi prima della frana di fango del 2000”) ed affermarono che le autorità non potevano negare di essere a conoscenza della minaccia imminente alle vite e alle proprietà, o la loro mancanza nell’intraprendere anche solo dei passi di base per attenuare il rischio. Inoltre, loro fecero riferimento all’appello in cui la popolazione civile aveva fatto richiesto alle autorità locali di pulire prontamente il fango del canale convettivo del fango per la stagione imminente.
125. I richiedenti affermarono inoltre che non avevano ricevuto alcun avvertimento della frana di fango prima di cominciare il18 luglio 2000. on accettarono che l’allarme trasmesso dagli altoparlanti dopo che la frana di fango aveva già colpito la città avrebbe potuto essere considerato come tale avvertimento, perché fu dato troppo tardi. Negarono anche di conoscere dell'esistenza di un sistema di allarme centrale a cui il Governo aveva fatto riferimento e suggerirono che anche se tale sistema fosse stato in davvero funzione nel KBR evidentemente non coprì la loro area e non fu usato per informare il pubblico.
126. I richiedenti contestarono anche la dichiarazione del Governo secondo la quale il loro ritorno a casa del 19 luglio 2000 fosse in violazione di un ordine di evacuazione. Sostennero che nessuna proibizione o avvertimento era stato comunicato a loro. In particolare, non c'era stato segnale o sbarramento, o altra qualsiasi indicazione di allerta per il fango in coro.
127. I richiedenti considerarono che per queste omissioni le autorità no n erano riuscite ad attenersi ai loro obblighi positivi di prendere misure ragionevoli ed appropriate per proteggere le persone e le proprietà dai pericoli ai quali l'area era soggetta.
B. la valutazione della Corte
1. Principi Generali applicabili nella presente causa
(a) l'Applicabilità dell’ Articolo 2 della Convenzione e principi generali relativi all'aspetto effettivo di quell'Articolo
128. La Corte reitera che l’Articolo 2 non concerne solamente le morti che sono il risultato dell'uso della forza da parte degli agenti dello Stato ma anche, nella prima frase del suo primo paragrafo, predispone un obbligo positivo per gli Stati di intraprendere i passi appropriati per salvaguardare le vite di coloro che sono all'interno della loro giurisdizione (vedere, per esempio, L.C.B. c. Regno Unito, citata sopra, p. 1403, § 36, e Paul ed Audrey Edwards c. Regno Unito, n. 46477/99, § 54 ECHR 2002-II).
129. Questo obbligo positivo comporta soprattutto un dovere primario per lo Stato di mettere in atto una struttura legislativa ed amministrativa progettata per offrire prevenzione effettiva contro minacce al diritto alla vita (vedere, per esempio, mutatis mutandis, Osman c. Regno Unito, sentenza del 28 ottobre 1998, Relazioni 1998-VIII, p. 3159, § 115; Paul ed Audrey Edwards, citata sopra, § 54; Ilhan c. la Turchia [GC], n. 22277/93, § 91 ECHR 2000-VII; Kiliç c. la Turchia, n. 22492/93, § 62 ECHR 2000-III; e Mahmut Kaya c. Turchia, n. 22535/93, § 85 ECHR 2000-III).
130. Questo obbligo si deve costruire applicandolo nel contesto di qualsiasi attività, sia pubblica che no in cui il diritto alla vita può essere in pericolo (vedere Öneryildiz c. Turchia [GC], n. 48939/99, § 71 ECHR 2004-XII). In particolare, si applica alla sfera di rischi industriali, o “delle attività pericolose”, come l'operazione dei siti di raccolta d’immondizia nella causa di Öneryildiz (l'ibid. §§ 71 e 90).
131. L'obbligo da parte dello Stato di salvaguardare le vite di coloro che sono all'interno della sua giurisdizione è stato interpretato così da includere sia gli aspetti effettivi e procedurali, in particolare un obbligo positivo di prendere delle misure regolatrici sia d’ informare adeguatamente il pubblico circa qualsiasi emergenza che minaccia le vite , ed assicurare che a qualsiasi evento di morte causata in questo modo farà seguito un’indagine giudiziale (Öneryildiz, citata sopra, §§ 89-118).
132. Riguardo all'aspetto concreto, nel particolare contesto delle attività pericolose la Corte ha trovato che un’enfasi speciale deve essere messa sulle regolamentazioni legate alle caratteristiche speciali dell'attività in oggetto, con particolare riguardo al livello del potenziale rischio di vite umane. Devono governare l'autorizzazione, la predisposizione, l’operazione, la sicurezza e la soprintendenza dell'attività e devono renderlo obbligatorio per tutti coloro che devono prendere delle misure pratiche per assicurare la protezione effettiva dei cittadini per cui è probabile che le loro vite siano messe in pericolo dai rischi inerenti. Fra queste misure preventive, una particolare enfasi dovrebbe essere messa sul diritto del pubblico ad avere informazioni, come stabilito nella giurisprudenza delle istituzioni della Convenzione. Le regolamentazioni attinenti devono prevedere anche procedure appropriate, prendendo in considerazione gli aspetti tecnici dell'attività in oggetto, per identificare i difetti nei processi riguardati e qualsiasi errore commesso da coloro che sono responsabili nei diversi livelli (vedere Öneryildiz, citata sopra, §§ 89-90).
133. E’ riconosciuto che nel contesto delle attività pericolose la sfera degli obblighi positivi sotto l’Articolo 2 della Convenzione ricopre grandemente quelli sotto l’Articolo 8 (vedere Öneryildiz, citata sopra, §§ 90 e 160). Di conseguenza, i principi sviluppati nella giurisprudenza della Corte relativa alla pianificazione e alle questioni ambientali che colpiscono la vita privata e l’abitazione e a cui si può anche fare appello per la protezione del diritto alla vita.
134. Riguardo alla scelta di particolari misure pratiche, la Corte ha sostenuto costantemente, che dove lo Stato è costretto a prendere misure positive, la scelta dei mezzi è in principio una questione che rientra all'interno del margine di valutazione dello Stato Contraente. Ci sono vie diverse per assicurare i diritti della Convenzione, ed anche se lo Stato è andato non è riuscito ad applicare una particolare misura prevista dal diritto nazionale, può ancora adempiere il suo dovere positivo con altro mezzo (vedere, fra le altre cause, Fadeyeva c. Russia, n. 55723/00, § 96 ECHR 2005-IV).
135. A questo proposito un carico impossibile o sproporzionato non deve essere imposto alle autorità senza che vengono prese in considerazione, in particolare, le scelte operative che loro devono prendere in termini di priorità e risorse (vedere Osman, citata sopra, pp. 3159-60, § 116); questo è il risultato dell’ampio margine di valutazione di cui godono gli Stati, come prima ha sostenuto la Corte, in sfere sociali e tecniche difficili (vedere Hatton ed Altri c. Regno Unito [GC], n. 36022/97, §§ 100-01, ECHR 2003-VIII, e Öneryildiz citata sopra, § 107). A questa considerazione deve essere riconosciuta anche il più grande peso sia nella sfera del pronto intervento d’emergenza in relazione ad un evento meteorologico che in quanto tale va oltre controllo umano, che nella sfera delle attività pericolose di natura artificiale.
136. Nel valutare se lo Stato rispondente si era attenuto all'obbligo positivo, la Corte deve considerare le particolari circostanze della causa, prestando attenzione, fra gli altri elementi, alla legalità nazionale degli atti delle autorità od omissioni (vedere López Ostra c. Spagna, sentenza del 9 dicembre 1994 Serie A n. 303-C, pp. 46-47, §§ 16-22, e Guerra ed Altri c. Italia, sentenza del 19 febbraio 1998 Relazioni 1998-I, p. 219, §§ 25-27), l'elaborazione decisionale nazionale, incluso le indagini appropriate e gli studi e la complessità del problema, specialmente dove gli interessi conflittuali della Convenzione sono coinvolti (vedere Hatton ed altri, citata sopra, § 128, e Fadeyeva, citata sopra, §§ 96-98).
137. Nella sfera del pronto interevento, in cui lo Stato è coinvolto direttamente nella protezione delle vite umane per l’attenuazione dei pericoli naturali, queste considerazioni dovrebbero applicarsi dal momento che le circostanze di una particolare causa riguardano l'imminenza di un pericolo naturale che chiaramente poteva essere identificabile, e specialmente nel caso di una calamità ricorrente che colpisce una area distinta sviluppata per l'abitazione o l’uso umani (vedere, mutatis mutandis, Murillo Saldias ed altri, citata sopra). La sfera degli obblighi positivi imputabili allo Stato nelle particolari circostanze dipenderebbe dall'origine della minaccia e alla misura in cui un rischio o l'altro sia suscettibile ad attenuazione.
(b) Principi relativi alla risposta giudiziale richiesta nel caso di violazioni addotte del diritto alla vita: l'aspetto procedurale dell’ Articolo 2 della Convenzione
138. Gli obblighi che derivano dall’ Articolo 2 non si limitano a questo. Dove le vite sono state perse in circostanze che coinvolgono potenzialmente la responsabilità dello Stato, il provvedimento comporta il dovere per lo Stato di assicurare, con tutti i mezzi a sua disposizione, una risposta adeguata-giudiziale o altro- così che la struttura legislativa e amministrativa predisposta per proteggere il diritto alla vita in modo appropriato venga perfezionata e qualsiasi violazione di quel diritto venga repressa e punita (vedere, mutatis mutandis, Osman citata sopra, p. 3159, § 115, e Paul ed Audrey Edwards citata sopra, § 54).
139. In questo contesto, la Corte ha sostenuto, che se la violazione del diritto alla vita o all'integrità fisica non è causata intenzionalmente, l'obbligo positivo di predisporre un “sistema giudiziale ed effettivo” non richiede necessariamente che dei procedimenti penali debbano essere portati avanti in ogni causa e può essere soddisfatto anche nel caso in cui una via di ricorso civile, amministrativa o disciplinare era disponibile alle vittime (vedere, per esempio, Vo c. Francia [GC], n. 53924/00, § 90 ECHR 2004-VIII; Calvelli e Ciglio c. Italia [GC], n. 32967/96, § 51 ECHR 2002-I; e Mastromatteo c. Italia [GC], n. 37703/97, §§ 90 e 94-95, ECHR 2002-VIII).
140. Comunque nel particolare contesto delle attività pericolose, la Corte ha considerato che un'indagine penale ed ufficiale sia indispensabile dato che le autorità pubbliche sono spesso le sole entità che hanno una sufficiente conoscenza attinente per identificare e stabilire i fenomeni complessi che avrebbero provocato un incidente. Sostiene che dove le autorità in oggetto, essendo pienamente coscienti delle probabili conseguenze e trascurando i poteri assegnati loro legalmente , non sono riuscite a prendere misure che erano necessarie e sufficienti per evitare i rischi inerenti ad un'attività pericolosa il fatto che coloro che sono responsabili di mettere in pericolo la vita non siano stati accusati di un reato penale o sono stati perseguiti può corrispondere ad una violazione dell’ Articolo 2, a prescindere da qualsiasi altro tipo di via di ricorso che gli individui possono esercitare di loro propria iniziativa (vedere Öneryildiz, citata sopra, § 93).
141. L'approccio preso dalla Corte in una causa intentata da vittime di una catastrofe naturale, vale a dire campeggiatori sorpresi da un’inondazione in un luogo di campeggio ufficiale, era coerente con quello nell'area delle attività pericolose. La Corte trovò che i procedimenti per danni che hanno avuto successo di fronte ad un tribunale amministrativo, preceduti da procedimenti penali e comprensivi, erano una via di ricorso effettiva ai i fini dell’ Articolo 35 § 1 della Convenzione (vedere Murillo Saldias ed altri, citata sopra).
142. Di conseguenza, i principi sviluppati in relazione alla risposta giudiziale a seguito di incidenti che sono il risultato delle attività pericolose si prestano anche alla richiesta nell'area di pronto intervento in caso di disastri. Nel caso in cui si perdono delle vite come risultato di eventi che coinvolgono la responsabilità dello Stato in merito all’azione preventiva positiva, il sistema giudiziale richiesto dall’ Articolo 2 deve prevedere la disposizione di una procedura di indagine ufficiale indipendente ed imparziale che soddisfi certi minimi standard come l'efficacia e sia capace di assicurare che delle sanzioni penali vengano applicate nella misura in cui siano giustificate dalle costatazioni dell'indagine (vedere, mutatis mutandis, la Hugh Giordania c. Regno Unito, n. 24746/94, §§ 105-09, 4 maggio 2001, e Paul ed Audrey Edwards citata sopra, §§ 69-73). In simile cause, le autorità competenti devono agire con diligenza esemplare e prontezza e hanno il dovere di iniziare di loro iniziativa delle indagini capaci di, in primo luogo, accertare le circostanze nelle quali l'incidente ebbe luogo e qualsiasi difetti nell'operazione del sistema regolatore e, in secondo luogo, identificare gli ufficiali Statali o le autorità coinvolti in una qualsiasi veste nella catena di eventi in questione (veda Öneryildiz, citato sopra, § 94).
143. Inoltre, i requisiti dell’ Articolo 2 vanno oltre lo stadio dell'indagine ufficiale, nel caso in cui questa venga portata all'istituzione di procedimenti presso i tribunali nazionali: i procedimenti nell'insieme, incluso lo stadio di prova, devono soddisfare i requisiti dell'obbligo positivo di proteggere le vite per legge (vedere Öneryildiz, citata sopra, § 95).
144. Non si deve in nessun caso dedurre da ciò che precede che l’Articolo 2 può comportare il diritto per un richiedente di far perseguire delle terze parti o farle condannare per un reato penale (vedere, mutatis mutandis, Perez c. la Francia [GC], n. 47287/99, § 70 ECHR 2004-io) o un obbligo assoluto per tutte le accuse di dare luogo ad una condanna, o proprio in una particolare sentenza (vedere, mutatis mutandis, Tanli c. Turchia, n. 26129/95, § 111 ECHR 2001-III). Nel particolare contesto assistenza in caso di disastro la Corte trovò che l'adeguatezza della risposta giudiziale nazionale non fu minata dal fatto che nessun ufficiale sia stato considerato responsabile penalmente (vedere Murillo Saldias ed altri, citaa sopra).
145. Il compito della Corte consiste perciò nell’esaminare se ed in che misura si possa ritenere che i tribunali, nel giungere alla loro conclusione abbiano sottoposto la causa allo scrutinio accurato richiesto dall’ Articolo 2 della Convenzione, così che all'effetto deterrente del sistema giudiziale in vigore ed al significato del ruolo che viene richiesto di giocare nell'ostacolare le violazioni del diritto alla vita non venga minato (vedere Öneryildiz, citato sopra, § 93).
2. L’applicazione dei principi generali nella causa presente
146. La Corte comincerà dal notare che benché solamente una delle presenti richieste, intentate dalla Sig.ra B., riguardava la morte di un membro della famiglia, le circostanze della causa riguardo agli altri richiedenti non lasciano dubbi in merito all'esistenza di una minaccia alla loro integrità fisica (vedere, mutatis mutandis, Makaratzis c. Grecia [GC], n. 50385/99, §§ 52-55 ECHR 2004-XI). Questo porta le loro lagnanze all'interno dell'ambito dell’Articolo 2 della Convenzione. Inoltre, l'applicabilità dell’Articolo 2 non è stata contestata al Governo. Rivolgendosi alle specifiche lagnanze dei richiedenti, la Corte osserva che accusarono le autorità di avere permesso tre principali deficienze nel funzionamento del sistema per la protezione contro i pericoli naturali a Tyrnauz che portarono ad incidenti e perdite nel luglio 2000. In primo luogo, loro addussero una mancanza negligente nella manutenzione della attrezzature di ingegneria per la protezione contro il fango che, vale a dire nel ripristinare la diga di contenimento del fango danneggiata nel 1999 e pulire il raccoglitore connettivo del fango bloccato dai detriti residui. In secondo luogo, si lamentarono della mancanza di un allarme pubblico sul disastro che si avvicinava che avrebbe aiutato ad evitare incidenti, danni e panico di massa. Infine, si lamentarono che questi eventi, nonostante la loro portata e le conseguenze devastanti non diedero origine ad un’indagine di fronte alla quale si sarebbe valutato l'efficacia della condotta delle autorità durante la frana di fango, in particolare se tutto il possibile era stato fatto per attenuare il danno. La Corte considererà ognuno di questi aspetti alla luce dei principi generali esposti sopra.
(a) insuccesso addotto nella manutenzione dell’ infrastruttura di difesa e di avvertimento: aspetto concreto dell’ Articolo 2
147. In primo luogo , la Corte osserva che la città di Tyrnauz è situata in un'area soggetta a inondazioni di fango. L'avvenimento regolare di questa calamità nella stagione estiva e l'esistenza di schemi precedenti di difesa progettati per proteggere l'area indica che le autorità e la popolazione presumessero ragionevolmente che una frana di fango fosse probabile nell’ estate del 2000. Questo è infatti non viene messo in discussione da nessuna delle parti. Ciò in cui non sono d'accordo è la conoscenza anticipata da parte delle autorità del fatto che fosse probabile che la frana di fango nel 2000 provocasse la devastazione su una scala più grande del solito.
148. La Corte nota che nell'anno che immediatamente precedeva la frana di fango dell’ agosto 2000 le autorità del KBR ricevettero un certo numero di avvertimenti che avrebbero dovuto renderle consapevoli dei rischi in aumento. Il primo avvertimento, emesso il 30 agosto 1999 dall'agenzia competente di sorveglianza, l’Istituto Montano informò il Ministro per l’Assistenza ai Disastri del KBR del bisogno di riparare la diga protettiva dal fango, danneggiata da una frana di fango forte e di richiedere la predisposizione di un pronto sistema d’allarme che avrebbe permesso l'evacuazione opportuna dei civili nel caso di una frana di fango. Il secondo avvertimento dalla stessa agenzia fu spedito il 17 gennaio 2000 al Primo Ministro del KBR. Affermava che anche se la riparazione della diga non era fattibile, era indispensabile predisporre delle postazioni di osservazione per assicurare il funzionamento del sistema dall’arme nell’ estate del 2000. L’avvertimento successivo fu spedito dal Capo del Distretto Amministrativo di Elbrus al Primo Ministro del KBR il 7 marzo 2000. Questo avvertimento riconfermò i precedenti e, inoltre, si riferì alle possibili perdite di documenti ed ad incidenti nel caso di un insuccesso nel prendere le misure indicate. Infine, l’ Istituto Montano spedì un altro avvertimento al Ministro per l’Assistenza dei Disastri del KBR il 7 luglio 2000 che richiedeva di nuovo l’ installazione urgente di postazioni di osservazione.
149. Segue che le autorità del KBR a vari livelli fossero consapevoli di una qualsiasi frana di fango, che a prescindere dalla sua portata era capace di provocare conseguenze devastanti a Tyrnauz a causa dello del cattivo stato in cui l'infrastruttura di difesa era stata lasciata dopo la precedente frana di fango. È anche chiaro che non c'era ambiguità sullo scopo o la tempistica del lavoro che bisognava compiere. Comunque, il Governo non diede alcuna ragione del perché non fu intrapreso alcuno di questi passi. Sulla base dei documenti presentati dal richiedente, sembra, che dopo la frana di fango del 1999 non vi era alcuna allocazione di fondi a questi fini (vedere paragrafo 38 sopra). Segue dalle osservazioni del Governo che simili fondi sono stati resi disponibili solamente dopo il disastro del 2000. In assenza di qualsiasi chiarimento da parte del Governo la Corte può solamente concludere che le richieste per la riparazione dell'infrastruttura di difesa dopo la frana di fango del 1999 non furono prese nella dovuta considerazione dai decisionali e corpi budgetari prima della stagione pericolosa del 2000.
150. Inoltre, non sembra che al tempo in questione le autorità stavano implementando una qualsiasi politica di pianificazione alternativa della terra nell'area che avrebbe sostituito il concetto delle attrezzature di difesa contro il fango o avrebbe sospeso la loro manutenzione.
151. Di conseguenza, la Corte non vede giustificazione per l'insuccesso delle autorità nel preparare l'infrastruttura di difesa per la stagione pericolosa disponibile nel 2000.
152. In simile circostanze ci si sarebbe potuto ragionevolmente aspettare che le autorità dessero credito al rischio aumentato di incidenti nel caso di una frana di fango quell’anno e mostrare ogni possibile diligenza nell'informare i civili e predisporre in anticipo delle disposizioni per l'evacuazione d’emergenza. In qualsiasi caso, informare il pubblico su rischi inerenti, era una delle misure pratiche essenziali che occorreva assicurare per la protezione effettiva dei cittadini riguardati.
153. I richiedenti sostennero costantemente che non avevano ricevuto in realtà alcun avvertimento sino a quando la frana di fango arrivò nella città. Segue anche dalle osservazioni del Governo che l'allarme era stato dato durante la prima ondata della frana di fango il18 luglio 2000, ma non prima. Secondo il Governo, l'ordine di evacuazione continuò il giorno seguente, il 19 luglio 2000 quando si verificò la distruzione più grave. Questo è contestato dai richiedenti che rivendicarono che non vi fosse stato alcun segnale di ordine di evacuazione quando stavano ritornando ai loro appartamenti. Loro presentarono dichiarazioni di testimoni che confermano che le persone che tornarono alle loro case il 19 luglio 2000 non videro alcun avvertimento che impedisse di agire così. Dato che il Governo non specificò come l'ordine, se fu dato, fosse stato pubblicato o ad ogni modo reso esecutivo, la Corte può presumere solamente che la popolazione non fu resa sufficientemente consapevole, come adducono i richiedenti.
154. La Corte nota inoltre che per essere in grado di informare il vicinato circa il rischio del frana di fango, le autorità avrebbero avuto bisogno di predisporre delle postazioni provvisorie di osservazione sulle montagne. Comunque, la persistente richiesta dell'agenzia di sorveglianza specializzata indica che simili postazioni che erano indispensabili per assicurare la sicurezza dei residenti furono semplicemente ignorate. Con l'inizio della stagione delle frane di fango le autorità si trovarono a corto di mezzi per valutare il tempo, il vigore o la probabile durata del frana di fango. Di conseguenza, loro non furono in grado di dare un allarme in anticipo ai residenti o di perfezionare efficientemente l'ordine di evacuazione.
155. Poiché il Governo non ha esposto alcun chiarimento per l'insuccesso nel predisporre postazioni provvisorie di osservazione, la Corte conclude che l'omissione delle autorità nell'assicurare il funzionamento del primo sistema d’allarme non era giustificata nelle circostanze.
156. Infine, avendo riguardo all’ampio margine di valutazione delle autorità in questioni in cui lo Stato è costretto prendere un’azione positiva, la Corte specificamente deve guardare oltre le misure a cui si riferiscono i richiedenti e deve considerare se il Governo avesse previsto delle altre soluzioni per assicurare la sicurezza della popolazione locale. Su ordine per agire così la Corte ha richiesto al Governo di fornire informazioni sulla struttura regolatrice, sulla pianificazione della terra, sulle politiche e le specifiche misure di sicurezza implementate al momento a Tyrnauz per impedire i pericoli naturali. Le informazioni presentate in risposta si riferiscono esclusivamente alla creazione della diga di contenimento del fango ed del raccoglitore connettivo di fango, installazioni che, come la Corte ha stabilito sopra, non erano adeguatamente mantenute. Di conseguenza nell'esercitare la loro discrezione riguardo alla scelta di misure che si attenessero ai loro obblighi positivi richiesti le autorità finirono col non prendere affatto delle misure fino al giorno del disastro.
157. È notevole che, come il Governo indicò nelle sue osservazioni, nel 2001 le allocazioni budgetarie furono concesse per la ricostruzione dell'infrastruttura di difesa. Questo produce un ulteriore appoggio all'argomento dei richiedenti secondo il quale l’implementazione di misure di sicurezza avrebbe potuto, e avrebbe dovuto avere, un posto prioritario , ma solamente le conseguenze catastrofiche della frana di fango del 2000 fecero pressione sulle autorità per agire così.
158. Alla luce delle precedenti costatazioni la Corte conclude che non c'era giustificazione per le omissioni delle autorità nell’ attuazione della pianificazione d’emergenza della terra e delle politiche di soccorso d’emergenza nell'area in pericolo di Tyrnauz riguardo all'esposizione prevedibile dei residenti, incluso tutti i richiedenti, a rischio mortale. Inoltre, trova che c'era un collegamento causale fra i difetti amministrativi e gravi che hanno impedito la loro attuazione e la morte di V. B ed i danni sostenuti dal primo ed il secondo richiedente ed i membri della loro famiglia.
159. Le autorità sono non sono riuscite così a espletare l'obbligo positivo di stabilire una struttura legislativa ed amministrativa progettata per offrire una prevenzione effettiva contro minacce al diritto alla vita come richiesto dall’ Articolo 2 della Convenzione.
160. C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione nel suo aspetto effettivo.
(b) risposta Giudiziale richiesta nel caso di violazioni di un diritto addotto alla vita: aspetto procedurale dell’ Articolo 2
161. La frana di fango del 19-25 luglio 2000 uccise otto persone, incluso il marito del primo richiedente V. B., e minacciò le vite di un numero incerto di altri residenti di Tyrnauz.
162. Entro una settimana dall'incidente l'ufficio dell'accusatore decise di avviare un'indagine penale sulle circostanze della morte di V. B.. Nel condurre l'inchiesta l'ufficio dell'accusatore si limitò comunque, a stabilire la causa immediata della sua morte che fu trovata essere il crollo dell'edificio e non entrò nelle questioni di ottemperanza della sicurezza o il possibile coinvolgimento della responsabilità delle autorità. Inoltre, non sembra che quelle questioni fossero materia di qualsiasi indagine, sia penale, amministrativa o che tecnica. In particolare, nessuna causa è stata intentata per verificare le numerose dichiarazioni rese tramite i media e le lagnanze delle vittime riguardo al mantenimento inadeguato dell'infrastruttura di difesa contro il fango o l'insuccesso delle autorità nel preparare il sistema d’allarme.
163. Dal momento che la questione della responsabilità Statale è stata sollevato in certe azioni civili individuali, la Corte nota che per avere successo in questi procedimenti i querelanti dovrebbero dimostrare in che misura il danno attribuibile alla negligenza addotta dello Stato superava ciò che era inevitabile nelle circostanze di una catastrofe naturale. Effettivamente,le richieste dei richiedenti per danni furono precisamente respinte ,per non aver agito così (vedere paragrafi 49-50, 60, 67 76 e 85 sopra). A questa domanda si potrebbe solo rispondere comunque, se a tutti, tramite un'indagine competente e complessa che comporta la valutazione di aspetti tecnici ed amministrativi così come ottenendo informazioni riguardanti i fatti disponibili solo alle autorità. I rivendicatori furono costretti così a prosciogliere un carico di prova riguardo i fatti che erano oltre la portata degli individui privati. Di conseguenza, senza il beneficio di un inchiesta penale indipendente o della valutazione di un esperto vittime inevitabilmente si troverebbero a corto di mezzi per stabilire la responsabilità civile da parte dello Stato.
164. Inoltre, i tribunali nazionali che decidono delle richieste dei richiedenti non si avvalsero a pieno dei poteri che in loro possesso per stabilire le circostanze dell'incidente. In particolare, non procedettero a chiamare dei testimoni, sia ufficiali che cittadini ordinari, e non chiesero un'opinione competente che li avrebbe abilitati a stabilire o confutare la responsabilità delle autorità, nonostante le richieste dei querelanti. La riluttanza dei tribunali ad esercitare i loro poteri per stabilire i fatti non appare giustificata nella prospettiva della prova prodotta dai richiedenti, incluso i rapporti ufficiali che suggeriscono che le loro preoccupazioni furono condivise anche da certi ufficiali. Di conseguenza, questi procedimenti non erano in grado di offrire la risposta giudiziale richiesta dalle morti causate dalla frana di fango a Tyrnauz.
165. Avendo trovato che la questione della responsabilità Statale per l'incidente a Tyrnauz non è mai stata investigata come tale o esaminata con da una qualsiasi autorità giudiziale o amministrativa, la Corte conclude che c'è stata anche una violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione nel suo aspetto procedurale.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
166. I richiedenti si lamentarono che l'insuccesso delle autorità nella manutenzione l'infrastruttura di difesa dal fango, nell’esaminare l'area in pericolo per offrire un allarme d’ emergenza o prendere anche altre misure ragionevoli per attenuare il rischio e gli effetti della catastrofe naturale costituiti una violazione del loro diritto alla protezione della proprietà. Loro si lamentarono, in particolare, di non aver ricevuto il risarcimento adeguato riguardo alle loro perdite. Loro si appellarono all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che prevede:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. le osservazioni delle parti
1. Il Governo
167. Sulla questione di ottemperanza con gli obblighi positivi dello Stato sotto l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, il Governo non fece osservazioni se non quelle presentate sotto l’Articolo 2 della Convenzione.
168. Riguardo al risarcimento, disse, che tutti i richiedenti avevano beneficiato di benefici di assistenza nei disastri nella forma della sostituzione dell’alloggio ed i risarcimenti di somme globali. Considera questi benefici sufficienti per coprire il danno sostenuto dai richiedenti.
2. I richiedenti
169. Riferendosi alle omissioni nell'assicurare il funzionamento delle infrastrutture della difesa dal fango e d’allarme, i richiedenti presentarono che l'insuccesso delle autorità nell’intraprendere anche i passi di base per attenuare i rischi ed anche gli effetti del frana di fango condusse alla distruzione dei loro appartamenti e proprietà.
170. Loro contestarono l'argomento del Governo riguardo all'adeguatezza del risarcimento accordato a loro. In particolare, loro indicarono che i benefici sopra indicati furono proposti a loro come vittime di catastrofe naturale per motivi umanitari, a prescindere dalle proprietà che avevano perso. Il risarcimento dell’importo globale del danno fu rifiutato dai tribunali nazionali, poiché conclusero che la responsabilità per il danno non era attribuibile alle autorità.
B. la valutazione della Corte
171. In primo luogo , la Corte nota che i richiedenti erano i proprietari legali ed occupanti degli appartamenti distrutti dalla rana di fango, e di tutti gli averi distrutti compresi nelle loro famiglie. Infatti, l'esistenza delle“ proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, o la lista degli oggetti che sono stati distrutti, non è in disputa fra le parti. La Corte procederà perciò ad esaminare in che misura le autorità erano sottoposte all’ obbligo di prendere misure per la protezione di queste proprietà e se si sono attenute a questo obbligo nella causa presente.
172. La Corte reitera che le asserzioni di insuccesso da parte dello Stato nel prendere una azione positiva per proteggere la proprietà privata dovrebbero essere esaminate alla luce dell'articolo generale nella prima frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che prevede il diritto al godimento tranquillo della proprietà (vedere Beyeler c. Italia [GC], n. 33202/96, § 98 ECHR 2000-io, e Öneryildiz, citata sopra, § 133). Reitera anche che l’esercizio autentico, effettivo del diritto protetto dall’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione non dipende soltanto dal dovere dello Stato di non interferire, ma può richiedere misure positive di protezione, in particolare dove c'è un collegamento diretto fra le misure che un richiedente può legittimamente aspettarsi dalle autorità ed il suo godimento effettivo delle sue proprietà (vedere Bielectric S.r.l. c. Italia ( dec.), n. 36811/97, 4 maggio 2000, e Öneryildiz citata sopra, § 134).
173. Nel contesto dell'obbligo positivo dello Stato nella sfera delle attività pericolose, la Corte ha trovato, che il collegamento causale stabilito fra la negligenza grave attribuibile allo Stato e la perdita delle vite umane si applica anche al crollo dell'alloggio del richiedente (vedere Öneryildiz, citata sopra, § 135). Considerò che in una situazione in cui vite e proprietà furono perse come risultato di eventi che si verificarono sotto la responsabilità delle autorità pubbliche, la sfera delle misure richieste per la protezione delle abitazioni era indistinguibile dalla sfera di quelle da prendere per proteggere le vite dei residenti. Il trattamento dei rifiuti, una questione relativa allo sviluppo industriale e alla progettazione urbana è regolato e controllato dallo Stato che fa rientrare gli incidenti in questa sfera all'interno della sua responsabilità. Di conseguenza, la Corte concluse che le autorità erano costrette a fare tutto ciò che fosse in loro potere di fare per proteggere gli interessi delle proprietà private (ibid.).
174. Nella presente causa, comunque la Corte considera che le catastrofi naturali come quelle che vanno così oltre controllo umano, non coinvolgono nella stessa misura il coinvolgimento Statale. Di conseguenza, i suoi obblighi positivi riguardo alla protezione della proprietà dai pericoli del tempo atmosferico non si estendono necessariamente alla sfera delle attività pericolose di natura artificiale.
175. Per questa ragione la Corte considera che ai fini della presente causa una distinzione deve essere tracciata fra gli obblighi positivi sotto l’Articolo 2 della Convenzione e quelli sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Mentre l'importanza fondamentale del diritto alla vita richiede che la sfera degli obblighi positivi sotto l’Articolo 2 includa un dovere di fare tutto ciò che è nel potere delle autorità di fare nella sfera dell’assistenza ai disastri per la protezione di quel diritto, l'obbligo di proteggere il diritto al godimento tranquillo della proprietà che non è assoluto non può estendersi oltre a ciò che è ragionevole nelle circostanze. Di conseguenza, le autorità godono di un margine di valutazione più ampio sia nel decidere che misure per prendere per proteggere le proprietà degli individui dai pericoli del tempo atmosferico rispetto che nel decidere riguardo alle misure di protezione per le vite in pericolo.
176. Nella presente causa la Corte ha trovato che le misure invocate dai richiedenti che sono la manutenzione dell'infrastruttura di difesa dal fango ed la predisposizione del pronto sistema d’allarme, erano vitali per la protezione delle vite e del benessere dei civili. Comunque, non si può dire che il collegamento causale fra l'insuccesso dello Stato nel prendere queste misure e la misura del danno materiale è similmente ben stabilito.
177. La Corte nota, e non è in disputa fra le parti, che la frana di fango del 2000 era insolitamente forte, e la misura in cui la manutenzione corretta dell'infrastruttura di difesa avrebbe potuto attenuare i suoi i effetti distruttivi risulta poco chiara. Non c'è anche prova che un sistema funzionante d’allarme avrebbe potuto ostacolare il danno ai condomini o alle altre proprietà dei richiedenti.
178. Riguardo alla mancanza addotta di un inchiesta indipendente e di una risposta giudiziale, la Corte considera che questo dovere procedurale non ha lo stesso significato riguardo alla proprietà distrutta come nel caso di perdita della vita. Inoltre, la misura del danno materiale attribuibile alla negligenza dello Stato è probabile che non sia suscettibile a valutazione accurata in circostanze di notevole complessità, come nella causa presente. Infatti, offrire riparazione tramite azioni illecite civili non può essere la risposta più appropriata ad una calamità di grande potenza sempre. Le considerazioni di urgenza ed efficienza possono condurre le autorità a dare priorità ad altre misure generali ed individuali, come offrire soccorso d’ emergenza e assegnare benefici a tutte le vittime a prescindere dalle perdite effettive.
179. Nella presente causa, i tribunali nazionali trovarono che l’alloggio dei richiedenti fu sostituto gratuitamente e fu concessa un assegno assistenziale di una somma forfettaria e che le autorità eseguirono delle riparazioni d’emergenza installazioni pubbliche per ripristinare le condizioni di vita nei quartieri residenziali.
180. Siccome i richiedenti dibatterono che questi benefici non coprivano pienamente le loro perdite materiali, la Corte in primo luogo osserva che i termini del risarcimento sono stati precedentemente riconosciuti come un elemento essenziale nelle cause riguardanti la presa di proprietà sotto la seconda frase del primo paragrafo dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. La Corte trovò che mentre l'assenza di risarcimento sarebbe solitamente incompatibile con questa disposizione, non garantisce un diritto al risarcimento totale in tutte le circostanze, poiché gli obiettivi legittimi di “interesse pubblico” possono richiedere un rimborso inferiore rispetto al pieno valore di mercato (vedere Papachelas c. Grecia [GC], n. 31423/96, § 48 ECHR 1999-II).
181. Inoltre, il pagamento del risarcimento totale non può essere considerato un requisito indispensabile in ottemperanza col primo articolo esposto nella prima frase del primo paragrafo. Per essere compatibile con l'articolo in generale un'interferenza col diritto al godimento tranquillo di proprietà deve prevedere un “giusto equilibrio” fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo (vedere Beyeler, citata sopra, § 107). I termini del risarcimento sotto la legislazione attinente servono a valutare se la misura contestata rispetta l'equilibrio giusto richiesto, e in particolare, se non impone un carico sproporzionato sul richiedente (vedere Re Precedente di Grecia ed Altri c. Grecia, [GC], n. 25701/94, § 89 ECHR 2000-XII).
182. La Corte considera che l'obbligo positivo dello Stato di proteggere la proprietà privata da catastrofi naturali non può essere costruito per vincolare lo Stato a compensare il pieno valore di mercato della proprietà distrutta. Nella presente causa, il danno nella sua interezza non poteva essere attribuito inequivocabilmente per alla negligenza dello Stato, e la negligenza addotta era solamente un fattore aggravante che contribuiva al danno causato dal vigore della natura. In simili circostanze i termini del risarcimento devono essere valutati alla luce di tutte le altre misure implementate dalle autorità, tenuto conto della complessità della situazione, del numero di proprietari colpiti e le questioni economiche, sociali ed umanitarie inerenti alla disposizione dell’assistenza ai disastri.
183. La Corte osserva che il sussidio di calamità pagabile alle vittime della frana di fango sotto la direttiva del 12 agosto 2000 ha dato il titolo ai richiedenti di ottenere un alloggio gratuito ed un assegno di 13,200 RUB (poi un equivalente di approssimativamente 530 euro). Le vittime avevano stesso accesso, diretto ed automatico a questi benefici che non comportavano una procedura di contenzioso o un bisogno di provare le perdite effettive. Riguardo al primo, il quarto, il quinto ed il sesto richiedente la misura dell'alloggio gratuito che loro hanno ricevuto era equivalente ai loro appartamenti perduti. Riguardo al secondo richiedente, lei optò per ricevere una ricevuta di alloggio gratuito emessa sulla base del numero dei membri della famiglia. Lei fece domanda come famiglia di una singola persona e ricevette una ricevuta per 33 metri quadri, in contrasto con i 54 metri quadri che lei avrebbe potuto ricevere se avesse fatto domanda come famiglia di tre. Lei non fornì delle ragioni per agire così. Riguardo al terzo richiedente, lei ricevette inizialmente un risarcimento monetario che teneva conto della misura degli appartamenti persi. Lei scambiò più tardi comunque, questo per una ricevuta di alloggio con la quale lei comprò un alloggio nella regione di Mosca che lei rivendette subito dopo. Poiché lei non rivelò i dettagli di questa operazione, la Corte non può valutare le sue perdite o benefici che risultano.
184. Sulla base di ciò che precede, la Corte conclude, che il risarcimento dell’ alloggio previsto per i richiedenti non era manifestamente sproporzionato alla loro sistemazione perduta. Dato l'importanza di questo bene, il grande numero di persone colpite e la scala del sussidio d’emergenza da gestire dalle autorità in simile circostanze, la copertura di RUB 13,200 per risarcimento degli averi della famiglia appare adeguato. Insomma, la Corte considera, che le condizioni sotto le quali alle vittime fu accordato il risarcimento per la proprietà persa nella frana di fango non impongono un carico sproporzionato sui richiedenti.
185. Segue che non c'è stata nessuna violazione dell’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
IV. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE
186. I richiedenti si lamentarono che loro non avevano alcuna via di ricorso effettiva riguardo alle loro precedenti lagnanze, come richiesto dall’Articolo 13 della Convenzione che prevede:
“Ognuno i cui diritti e le libertà come stabiliti [nella] Convenzione sono stati violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale nonostante la violazione è sia stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
A. le osservazioni delle parti
187. Il Governo considerò che ai richiedenti fu offerta una compensazione nazionale adeguata per il sistema di assistenza nei disastri. Ogni richiedente ha così beneficiato della sostituzione gratuita dell’alloggio ed un assegno di una somma forfettaria. Inoltre, i richiedenti si erano avvalsi si procedimenti civili nei quali loro rivendicarono danni contro lo Stato.
188. I richiedenti contestarono le osservazioni del Governo dibattendo che non c'era stato mezzo di stabilire la responsabilità dello Stato per le morti e le altre conseguenze avverse della frana di fango. Senza il beneficio di un'indagine ufficiale su questi eventi le loro richieste civili erano inoltre, prive di qualsiasi opportunità di successo, e perciò loro non erano in grado di ottenere il risarcimento adeguato riguardo al danno materiale e morale subito da loro.
B. la valutazione di La Corte
1. Principi applicabile nella presente causa
189. La Corte reitera che l’Articolo 13 della Convenzione costringe gli ordinamenti giuridici nazionali a rendere disponibile una via di ricorso effettiva che conferisca poteri all'autorità nazionale competente per rivolgere la sostanza di un lagnanza“discutibile” sotto la Convenzione (vedere Z ed Altri c. Regno Unito [GC], n. 29392/95, § 108 il 2001-V di ECHR). Il suo oggetto è offrire un mezzo dal quale gli individui possano ottenere l’assistenza appropriata a livello di cittadino per le violazioni dei loro diritti della Convenzione prima di dovere mettere in moto il sistema internazionale di lagnanze di fronte alla Corte (vedere Kudla c. Polonia [GC], n. 31210/96, § 152 ECHR 2000-XI).
190. La protezione riconosciuta dall’Articolo 13 non arriva comunque a pretendere una particolare forma di via di ricorso, essendo stato riconosciuto agli Stati Contraenti un margine discrezionale nel conformare i loro obblighi sotto questa disposizione (vedere, per esempio, Kaya c. Turchia, sentenza del 19 febbraio 1998 le Relazioni 1998-I, pp. 329-30, § 106).
191. La natura del diritto violato ha implicazioni per il tipo di via di ricorso che lo Stato è costretto a prevedere sotto l’Articolo 13. Dove vengono addotte le violazioni dei diritti previsti all’ Articolo 2, il risarcimento per danno materiale e morale deve in principio essere possibile come parte della serie di compensazioni disponibili (vedere Paul ed Audrey Edwards, citata sopra, § 97; Z ed Altri c. Regno Unito, citata sopra, § 109; e T.P. e K.M. c. Regno Unito [GC], n. 28945/95, § 107 il 2001-V di ECHR). D'altra parte né l’Articolo 13 né qualsiasi altra disposizione della Convenzione garantisce a un richiedente un diritto per assicurare l'accusa e la condanna di una terza parte o un diritto a “vendetta privata” (vedere Perez, citata sopra, § 70). Ciò che è importante è l'impatto dell'inosservanza dello Stato del suo obbligo procedurale sotto l’Articolo 2 che ha vuto sull'accesso della famiglia del defunto alle altre vie di ricorso disponibili ed effettive per stabilire la responsabilità da parte degli ufficiali o i corpi Statali per atti od omissioni che hanno comportato la violazione dei loro diritto sotto l’Articolo 2 e, come è giusto, ottenendo il risarcimento (vedere Öneryildiz, citata sopra, § 148).
192. In relazione ad infortuni mortali legati ad attività pericolose che rientrano all'interno della responsabilità dello Stato, l’Articolo 2 costringe le autorità ad eseguire di loro propria iniziativa un'indagine, soddisfacendo certe condizioni minime, nella caso della perdita della vita. Senza tale indagine, l'individuo riguardato non può essere nella posizione di utilizzare una qualsiasi la via di ricorso disponibile a lui per ottenere l’aiuto, dato che la conoscenza necessaria a delucidare i fatti come quelli in questione nella presente causa è spesso nelle mani di ufficiali Statali o autorità. Di conseguenza, il compito della Corte sotto l’Articolo 13 deve determinare se l'esercizio del richiedente di una via di ricorso effettiva fu frustrato per conto del modo in cui le autorità respinsero il loro obbligo procedurale sotto l’Articolo 2 (vedere Öneryildiz, citata sopra, §§ 90, 93-94 e 149).
193. Questi principi devono applicarsi ugualmente nel contesto dell'insuccesso addotto dello Stato nell’ esercitare le loro responsabilità nell'area dell’assistenza del disastro .
2. L’applicazione di questi principi nella presente causa
(a) Riguardo alla lagnanza sotto l’Articolo 2 della Convenzione
194. La Corte si riferisce alla sua costatazione precedente secondo la quale le circostanze in cui le vite furono perse nella frana di fango del 2000, o la questione della responsabilità delle autorità, non è stata una materia di una qualsiasi indagine, sia penale, amministrativa che tecnica (vedere paragrafo 163 sopra). Si è stabilito anche che l'insuccesso che condusse a tale inchiesta minò le prospettive dei richiedenti del successo nei procedimenti civili (vedere n paragrafi 164-65 sopra).
195. La Corte osserva che gli insuccessi sopra generarono una violazione dell’Articolo 2, dato la mancanza di una risposta giudiziale adeguata come richiesto nel caso di violazioni addotte del diritto alla vita. Facendo la sua valutazione nel contesto dell'aspetto procedurale del diritto alla vita, la Corte non solo ha rivolto l'assenza di un'indagine penale a seguito di infortunio mortale , ma anche la mancanza di ulteriore mezzi disponibile ai richiedenti coi quali loro avrebbero potuto assicurare compensi per l'insuccesso addotto delle autorità per compiere i loro obblighi positivi. Di conseguenza, la Corte considera che non sia necessario esaminare anche questa lagnanza sotto l’Articolo 13 della Convenzione riguardo alla lagnanza sotto l’Articolo 2.
(b) Riguardo alla lagnanza sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione
196. La Corte si riferisce alla sua precedente costatazione che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Comunque, considera che la richiesta dei richiedenti per il risarcimento era nondimeno “discutibile” ai fini dell’ Articolo 13 (vedere Boyle e Riso c. Regno Unito, sentenza del 27 aprile 1988 Serie A n. 131, § 52). Di conseguenza, loro avrebbero dovuto avere vie di ricorso effettive e pratiche per far decid rre le loro richieste e, se appropriato, ottenere compensazione per le loro perdite.
197. La Corte nota che i richiedenti furono in grado depositare una richiesta per danni che è stata esaminata da tribunali competenti. La ragione perché nessuna assegnazione fu resa in questi procedimenti era che i richiedenti avevano già ricevuto la sostituzione gratuita dell’alloggio ed un assegno monetario, e nessuno motivo fu trovato per stabilire la responsabilità da atto illecito dello Stato riguardo alla differenza fra questo risarcimento e le perdite effettive. Inoltre, la Corte sopra ha sostenuto che non sarebbe appropriato imporre un obbligo assoluto allo Stato per valutare il danno materiale e presumere la responsabilità da atto illecito nelle circostanze in cui ha perfezionato delle misure per lo schema generale dell’assistenza d’emergenza (vedere paragrafo 179 sopra). In prospettiva di questi fattori presi in considerazione dai tribunali nazionali, il loro rifiuto di risarcire i danni dei richiedenti nella parte non coperta dai benefici ricevuti come vittime del disastro non può essere considerato irragionevole o arbitrario. La Corte non vede nessun altro motivo per concludere che i procedimenti civili non costituirono una via di ricorso effettiva per le lagnanze dei richiedenti riguardo all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
198. Segue che non c'è stata nessuna violazione dell’Articolo 13 combinato all’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
IV. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE IN CONCOMITANZA CON L’ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE
199. I richiedenti si lamentarono per ultimo che le circostanze della causa avevano infranto anche il loro diritto al rispetto della vita privata della famiglia e del loro domicilio come previsto nell’ Articolo 8 della Convenzione, così come il loro diritto ad una via di ricorso effettiva riguardo a questa lagnanza. L’Articolo 8 prevede:
“1. Ognuno ha diritto al rispetto della sua vita privata e della sua famiglia, del suo domicilio e della sua corrispondenza.
2. Non ci sarà interferenza da parte di un'autorità pubblica nell'esercizio di questo diritto eccetto nel caso in cui sia in conformità con la legge e sia necessario in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale, la sicurezza pubblica o il benessere economico del paese, per la prevenzione del disturbo o del crimine, per la protezione di salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui.”
200. Le osservazioni delle parti sotto questo capo erano essenzialmente le stesse di quelle presentate sotto gli Articoli 2 e 13 della Convenzione.
201. La Corte nota che la lagnanza sotto l’Articolo 8 della Convenzione riguardava gli stessi fatti come quelli esaminati sotto l’Articolo 2, l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e l’ Articolo 13 in concomitanza con questi Articoli. Avendo riguardo alle sue costatazioni sotto quegli articoli, la Corte considera, che è non necessario esaminare separatamente quelle lagnanze.
VI. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
202. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconosce una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
203. I richiedenti presentarono le seguenti richieste riguardo al danno materiale e morale:
(a) il primo richiedente chiese 262,000 euro (EUR) n riguardo il danno materiale e morale che, secondo lei, composto da 8,000,000 rubli (RUB) per conto del danno morale e RUB 1,200,000 per conto di perdite materiali;
(b) il secondo richiedente chiese EUR 137,000 riguardo al danno materiale e morale che, secondo lei, era composto da RUB 3,000,000 per conto di danno morale e RUB 1,800,000 per conto di perdite materiali;
(c) il terzo richiedente chiese EUR 1,099,861 riguardo al danno materiale e morale che, secondo lei, era composto da RUB 730,662 per danno materiale e RUB 38,495,140 per danno morale;
(d) il quarto richiedente chiese 100,000 dollari statunitensi (USD) riguardo al danno materiale e morale;
(e) il quinto ed il sesto richiedente chiesero insieme USD 20,000 e RUB 500,000 riguardo al danno materiale e morale.
204. Il Governo contestò queste richieste come eccessive e non comprovate.
205. La Corte osserva che ha trovato violazioni dei risvolti effettivi e procedurali dell’ Articolo 2 della Convenzione. La Corte accetta che i richiedenti abbiano subito un danno morale e assegna loro gli importi seguenti:
(a) EUR 30,000 al primo richiedente;
(b) EUR 15,000 al secondo richiedente;
(c) EUR 10,000 ad ognuno del terzo, quarto, quinto e sesto richiedente
più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi.
B. Costi e spese
206. I richiedenti non inolrarono richieste riguardo ai costi e spese, di conseguenza nessuna assegnazione è resa sotto questo capo.
C. Interesse moratorio
207. La Corte considera appropriato che l'interesse moratorio dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea al quale dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE UNANIMAMENTE
1. Respinge l'obiezione preliminare del Governo;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione nel suo aspetto effettivo per conto dell'insuccesso dello Stato nell’ adempiere il suo obbligo positivo di proteggere il diritto alla vita;
3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 2 della Convenzione nel suo aspetto procedurale , per conto della mancanza di una risposta giudiziale adeguata come richiesto nel caso di violazioni addotte del diritto alla vita;
4. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
5. Sostiene che nessun problema separato deriva sotto l’Articolo 13 della Convenzione combinato con l’Articolo 2 della Convenzione;
6. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione combinato con l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
7. Sostiene che nessun problema separato deriva sotto l’Articolo 8 della Convenzione e sotto l’Articolo 13 della Convenzione combinato con l’Articolo 8 della Convenzione;
8. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire in rubli russi al tasso applicabile alla data dell’ accordo, riguardo al danno morale più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi:
(i) EUR 30,000 (trenta mila euro) al primo richiedente;
(ii) EUR 15,000 (quindici mila euro) al secondo richiedente;
(iii) EUR 10,000 (dieci mila euro) al terzo, quarto, quinto ed sesto richiedente;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
7. Respinge il resto delle richieste dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificò per iscritto il 20 marzo 2008, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Søren Nielsen Christos Rozakis
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.