Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF NAGOVITSYN v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, 29, P1-1

NUMERO: 6859/02/2008
STATO: Russia
DATA: 24/01/2008
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-1 ; Violation of P1-1 ; Remainder inadmissible ; Pecuniary damage - claim dismissed ; Non-pecuniary damage - award
FIRST SECTION
CASE OF NAGOVITSYN v. RUSSIA
(Application no. 6859/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
24 January 2008
FINAL
24/04/2008
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Nagovitsyn v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Loukis Loucaides, President,
Nina Vajic,
Anatoly Kovler,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Dean Spielmann,
Sverre Erik Jebens, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 3 January 2008,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 6859/02) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Russian national, Mr Y. A. N. (“the applicant”), on 16 May 2001.
2. The applicant was represented by Ms A. V., a lawyer practising in the Raduzhniy township, Kirov Region. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr P. Laptev, the Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. On 22 February 2005 the Court decided to give notice of the application to the Government. Under the provisions of Article 29 § 3 of the Convention, it decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1950 and lives in Kirov.
5. In 1986 the applicant took part in the cleaning up operation after the nuclear accident at the Chernobyl nuclear plant. He was subsequently registered disabled, becoming entitled to various social benefits, including the right to obtain a loan on preferential terms (???????? ??????) and free housing from the State.
6. According to the Government, the applicant lived in a four-room flat with six other members of his family. The flat measured 52 square metres. In 1996 this flat was officially categorised as a “communal dwelling” which gave the applicant the right to claim free housing from the State.
A. Proceedings concerning the preferential loan
7. On an unspecified date the applicant requested S. (a bank controlled by the State – hereafter “the bank”) to provide him with a preferential loan to purchase housing for himself and his family. However, he did not obtain the loan. Apparently there had been no agreement between the State and the banks regulating the allocation of such credits to Chernobyl victims.
8. In 1997 the applicant brought proceedings against the State and the bank, seeking to obtain a preferential loan, as provided by the Law on the welfare of Chernobyl victims (“the Chernobyl Law” – see “Relevant domestic law” below).
9. On 19 November 1997 the Leninskiy District Court of Kirov decided the case in his favour. It found that the applicant, as a Chernobyl victim, had the right to a preferential loan under section 14 (20) of the Chernobyl Law, but the Ministry of Finance had not yet signed an agreement with banks on the procedure for issuing such loans. The District Court ordered the Ministry of Finance to secure the applicant's right to the loan. That judgment was not appealed against and became final on 1 December 1997. The writ of execution was forwarded to the bailiff in Moscow, and on 27 July 1999 enforcement proceedings were commenced.
10. In the meantime, on 13 July 1999 the Ministry of Finance informed the applicant that the judgment of 19 November 1997 could not be enforced since the law relating to the federal budget did not allow the allocation of preferential loans to Chernobyl victims.
11. Later that year, referring to the lack of progress in the enforcement proceedings, the applicant requested the court to modify the operative part of the judgment of 1997. He sought to obtain compensation of 50% of the amount he needed to buy a flat. On 24 November 1999 the Leninskiy District Court modified the judgment of 19 November 1997 ordering the State to compensate the applicant for the cost of the flat he would buy.
12. On 27 December 1999 the applicant purchased a three-room flat in a house under construction from a developer. He paid 203,200 Russian roubles (RUB) for that flat.
13. On 10 April 2001 the Kirov Regional Court quashed the decision of 24 November 1999 and remitted the case to the district court for fresh examination. There is no information as to whether the applicant's request concerning the modification of the original judgment of 19 November 1997 was eventually satisfied.
B. Proceedings concerning the housing in Moscow
14. On 10 October 2000, referring to the provisions of the Chernobyl Law, the applicant brought proceedings against the municipality of Moscow seeking an order to oblige them to provide him with a flat in Moscow. On 15 January 2001 the Presnenskiy District Court of Moscow dismissed his claim. On 14 May 2001 the Moscow City Court upheld the district court's decision.
C. Proceedings concerning the housing in Kirov
15. On 8 August 2001 the applicant brought proceedings against the local municipality of Kirov claiming free accommodation. On 28 November 2001 the Leninskiy District Court of Kirov ruled in his favour and ordered the municipality to provide the applicant with appropriate housing for a family of three within three months, in accordance with existing housing and sanitary standards. That judgment was not appealed against and became final on 10 December 2001. On 11 January 2002 the bailiffs initiated enforcement proceedings.
16. On an unspecified date the municipality requested the court to stay the enforcement proceedings. They claimed that they had no free housing available to enforce the judgment of 28 November 2001. The applicant objected; he also asked the court to specify how the judgment of 28 November 2001 should be enforced.
17. By a supplementary judgment of 12 November 2002 the Leninskiy District Court dismissed the request of the municipality. The court also held that housing should be given to the applicant under a protected tenancy agreement. The court further held that the applicant had the right to acquire the housing through privatisation in accordance with section 14 (21) of the Chernobyl Law. In the operative part of the supplementary judgment the court held as follows:
“[the applicant] should be provided with housing either [on the basis of] a social tenancy or ...by way of transfer [of housing] into his ownership.”
That judgment was not appealed against and became final.
18. On 15 December 2002 the applicant registered himself as the owner of another flat in Kirov, which he had purchased some time earlier from a developer (see paragraph 12 above).
19. On 25 December 2002 the municipality formally deprived the applicant of the status of a person in need of better housing. On 29 May 2003 the municipality tried to reopen the case which had ended with the judgment of 28 November 2001, claiming that the applicant was no longer entitled to better housing. However, on 14 July 2003 the court refused to reopen the case.
20. On 22 June 2004 the municipality offered the applicant a two-room flat. According to the Government, since the flat offered to the applicant was smaller than the one awarded by the court judgment, the municipality also offered the applicant compensation to cover the difference. However, the applicant refused to accept the flat and the compensation.
21. In December 2004 the applicant was offered a three-room flat. However, he did not accept the offer.
22. On 5 April 2005 the municipality provided the applicant with another three-room flat. On 11 April 2005 the applicant signed a declaration which was formulated as follows:
“I declare that I accept, in execution of the judgment of 28 November 2001..., ... the three-room flat situated at 9/1, Stroiteley Avenue, ... measuring 40.28 square metres.
Taking into account the decision of the Leninskiy District Court of 12 November 2002, the flat should either be transferred into my ownership or the social tenancy agreement should stipulate that ... 'the owner shall transfer the flat into the ownership of the tenant at his first request.'
...
Otherwise I shall not consider that the judgment of the court is executed.”
23. On 13 April 2005 the applicant received the keys to flat no. 68, 9/1, Stroiteley Avenue. However, it appears that another tenant had already obtained the title to the flat by that time. Thus, on 6 May 2005 the municipality decided to allocate another flat to the applicant (no. 72). The applicant accepted the flat, and on 19 May 2005 he signed a social tenancy agreement with the municipality.
24. On 27 May 2005 the Mayor of Kirov wrote a letter to the applicant stating that “flat no. 72 would be transferred to the applicant, free of charge”.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Entitlement of the Chernobyl victims to housing
25. The Law on social protection of citizens exposed to radiation as a result of the Chernobyl Nuclear Power Station explosion (“the Chernobyl Law”) of 15 May 1991, as in force at the material time, provides that persons who were registered disabled following their exposure to radioactive emissions are entitled to certain social benefits. In particular, they were entitled to free housing, where their existing accommodation did not comply with minimum housing standards (“a person in need of better housing”). The State undertook to provide such persons with accommodation within three months of placing them on a waiting list. The same law entitled them to obtain preferential credit - an interest-free loan for buying or constructing a house. It also provided that fifty per cent of the amount of the loan would be paid off by the State (section 14 (20) of the Chernobyl Law), under the condition that they are in need of better housing.
26. The Law of 27 December 2000 on the federal budget for 2001 suspended the application of section 20 (14) of the Chernobyl Law until 31 December 2000 because of the lack of funds. In the following years the application of this paragraph was repeatedly suspended by the laws relating to the federal budget.
27. On 22 August 2004 the law commonly known as “the Monetisation of Social Benefits Law” was passed (Law no. 122-FZ). That Law abrogated various non-monetary social benefits granted by the previous legislation (free housing, free medicine and so on) or replaced them with monetary payments. Section 3 (8) of that Law modified the wording of section 14 of the Chernobyl Law. In particular, the right to receive preferential loans from the State was excluded from the list of social benefits to which the Chernobyl victims were entitled.
B. Social tenancy
28. For provisions governing the right to “social tenancy” of State-owned housing see Malinovskiy v. Russia, no. 41302/02, §§ 20 et seq., ECHR 2005-... (extracts)).
29. Under Articles 13, 209 and 338 of the Code of Civil Procedure, a court judgment which has acquired legal force is binding and must be executed.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
30. The applicant complained that the prolonged non-enforcement of the judgments of 19 November 1997 and 28 November 2001 in his favour breached Article 6 § 1 of the Convention, which reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal...”
He also referred to Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
31. The Government contested the applicant's argument. In their view, the applicant's complaints were manifestly ill-founded. First, the Government stressed that in April 2005 the applicant had received the flat in accordance with the judgment of 28 November 2001. Therefore, the judgment in his favour had been fully enforced. As to the delay in enforcing it, the Government pointed out that this had been explained by the need to provide housing for various groups of socially disadvantaged people, including other victims of the Chernobyl catastrophe. The Government argued that on two occasions the authorities had offered the applicant housing which he had not accepted.
32. Further, the Government maintained that the laws relating to the federal budget in 2001-2004 had not allocated funds for granting preferential loans. Further, on 22 August 2004, a new law had been passed which had abrogated section 14 of the Chernobyl Law, and which had served as the basis for the judgment of 19 November 1997.
33. Finally, as regards the judgment of 19 November 1997, they argued that the applicant himself had requested that his flat in Kirov be categorised as a “communal dwelling”. As a result, he had become de jure “a person in need of better housing” and thus obtained the right to claim free housing from the State, although de facto he had had enough living space. Further, in 1999 the applicant had bought another three-room flat in a house under construction in Kirov. The construction of that house had been completed in December 2001; however, the applicant had not registered his ownership rights to that flat until 15 December 2002 – in order to keep the status of a person in need of better housing. The authorities had tried to have the case reviewed, referring to the de facto situation of the applicant - but to no avail.
34. The applicant maintained his claims. In his submission, the fact that he owned a three-room flat and had sought to have another four-room flat, which also belonged to him, re-categorised as a “communal dwelling” was irrelevant. He had obtained two court judgments in his favour, and it was not disputed by the Government that those judgments were both valid and enforceable. The alleged lack of funds was not a valid reason for non-enforcement.
35. Further, the applicant maintained that neither judgment in his favour had been enforced. As to the housing awarded by the judgment of 28 November 2001, the municipal authorities had offered him three flats. However, the first two flats did not correspond to the requirements of the law as to the minimum standards of housing for disabled persons. As to the third flat, it had been transferred to him on the basis of a social tenancy agreement, whereas the decision of 12 November 2002 clearly stated that the flat should be transferred into his ownership. Therefore, the judgment of 25 November 2001 had been only partially enforced. In any event, the flat allocated to him was of very poor quality.
A. Admissibility
1. The first judgment
36. The Court notes that the first judgment (of 19 November 1997) entitled the applicant to receive a preferential loan from the State. It referred to the Chernobyl Law, which stipulated that the State's financial obligation consisted of (a) covering bank interest and (b) paying fifty per cent of the principal sum of the loan. However, the court's judgment did not establish the exact amount of the State's pecuniary obligation vis-à-vis the applicant. Nor did it refer to any exact amount the applicant needed to purchase or build a house. Finally, it did not indicate what would be the term of the loan, if any. It merely recognised that the applicant was entitled to receive a loan.
37. The Court notes that the court award in the applicant's favour did not amount to “existing possessions” but was a sort of a claim against the State. The Court reiterates that to constitute an “asset” or “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 and, consequently, to attract the guarantees of this provision, a claim, for example, a judgment debt, should be sufficiently established to be enforceable (see, among other authorities, Kopecký v. Slovakia [GC], no. 44912/98, §§ 35 et seq., ECHR 2004-IX; see also Stran Greek Refineries and Stratis Andreadis v. Greece, judgment of 9 December 1994, Series A no. 301-B, p. 84, § 59). In the present case the judgment of 19 November 1997 did not specify the amount of the claim or the modalities of payment of any sum due.
38. Furthermore, the Court does not have information to allow it to make any calculations as to the amount due to the applicant, and, in any event, they would only be speculative. In such circumstances the Court considers that the applicant's claim was not sufficiently established so as to qualify as an “asset” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see, by contrast, Vajagic v. Croatia, no. 30431/03, §§ 33 et seq., 20 July 2006).
39. The applicability of Article 6 § 1 of the Convention to the enforcement proceedings is also open to doubt. The Court points out that, for Article 6 § 1 to be applicable under its “civil” head, there must be a “dispute” over a “private right” which can be said, at least on arguable grounds, to be recognised under domestic law (on this particular point, see, for example, Allan Jacobsson v. Sweden (no. 1), judgment of 25 October 1989, Series A no. 163, p. 20, § 72). The “dispute” must be genuine and serious; it may relate not only to the actual existence of a right but also to its scope and the manner of its exercise. The outcome of the proceedings must be directly decisive for the right in question, mere tenuous connections or remote consequences being insufficient to bring Article 6 § 1 into play (see, for example, Balmer-Schafroth and Others v. Switzerland, judgment of 26 August 1997, Reports of Judgments and Decisions 1997-IV, p. 1357, § 32).
40. By judgment of 19 November 1997, the District Court acknowledged that the applicant had the right to a preferential loan under the Chernobyl Law (see paragraph 9 above). The Court observes, however, that the judgment did not confer any new entitlement on him since his eligibility for a preferential loan had never been disputed and since no domestic authority had contested the actual existence of the right established in the Chernobyl Law. Accordingly, the Court considers that the judgment at issue was essentially of a declaratory nature and did not concern any “dispute” over a civil right. Nor did the judgment determine the scope or manner of exercise of the applicant's right to a loan because he had not raised these issues in the proceedings. In these circumstances, the Court is unable to conclude that Article 6 § 1 of the Convention applied to the proceedings which ended with the judgment of 19 November 1997 or to the ensuing enforcement stage which is regarded as an integral part of the “trial” for the purposes of Article 6 (see Kanayev v. Russia, no. 43726/02, § 19, 27 July 2006, with further references).
41. Having regard to the above, the Court finds that the complaint under Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, in so far as it concerned the judgment of 19 November 1997, is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.
2. The second judgment
42. It is not disputed that the second judgment concerned the applicant's “civil rights and obligations” and, therefore, Article 6 § 1 was applicable to the situation complained of - namely the failure to enforce the judgment within a reasonable time (see, as a classic authority, Burdov v. Russia, no. 59498/00, § 34, ECHR 2002-III). Further, the Court reiterates that, irrespective of whether that judgment required the provision of a flat in the applicant's ownership or under a social tenancy agreement, such a court award constituted the applicant's “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see Malinovskiy v. Russia, no. 41302/02, §§ 42 et seq., ECHR 2005 (extracts)), and the delayed enforcement constituted an interference with the rights guaranteed under Article 1 of Protocol No. 1. Therefore, the complaint about the non-enforcement of the second judgment falls within the scope of both Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
43. As regards the delay in the enforcement of the judgment of 28 November 2001, which became final on 10 December 2001, the parties disagreed as to when or whether it had been fully enforced (see paragraphs 30 et seq. above). The applicant alleged that the judge had ordered the transfer of the housing into his ownership. However, the Court observes that two possible solutions to the applicant's problem were provided (see paragraph 6 above), and the transfer of the housing into the applicant's ownership was only one of them. In the Court's opinion, by providing the applicant with appropriate housing under a “social tenancy” agreement the authorities complied with the judgment of 28 November 2001, as interpreted by the supplementary judgment of 12 November 2002.
44. At the same time the Court notes that it was not until 19 May 2005 that the applicant obtained appropriate housing. It appears that the other two flats, offered to the applicant in 2004, fell short of the requirements established by the applicable domestic legislation (see paragraphs 20 and 21 above). Thus the Court cannot accept the Government's argument that the applicant himself contributed to the delays in the enforcement of the second judgment (see paragraph 31 above). Therefore, the second judgment was enforced three years, five months and one week after it had become final and binding.
45. The Court notes that this part of the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
46. At the outset, the Court recalls that it has frequently found violations of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 in cases raising issues similar to the ones in the present case (see Malinovskiy, cited above, §§ 35 et seq.; Teteriny v. Russia, no. 11931/03, §§ 41 et seq., 9 June 2005; Gizzatova v. Russia, no. 5124/03, §§ 19 et seq., 13 January 2005; and Burdov, cited above, §§ 34 et seq.).
47. Turning to the present case, the Court notes that the Government claimed that the delay in the enforcement of the second judgment had been justified in the circumstances. They basically relied on three groups of arguments, which will be examined below.
1. Conflict with the budget law; shortage of housing
48. First of all, the Government claimed that the laws relating to the federal budget had not allocated enough money to honour all of the financial obligations of the State under the Chernobyl Law. Therefore, honouring the judgment in the applicant's favour would have been in conflict with budget legislation. By advancing this line of argument the Government, in substance, were referring to the lack of funds at federal level to be allocated to the implementation of the Chernobyl Law.
49. The Government also referred to the shortage of housing and the rights of other persons in need of better housing conditions. However, the rights of others would be infringed not by the applicant receiving his court award, but by the shortage of municipal property to be distributed amongst those entitled to it. In other words, in substance this argument also concerns the alleged lack of resources.
50. The Court reiterates that it is not open to a State authority to cite lack of funds or other resources, such as housing, as an excuse for not honouring a judgment debt (see Malinovskiy, cited above, § 35, and Plotnikovy v. Russia, no. 43883/02, § 23, 24 February 2005). Admittedly, a delay in the execution of a judgment may be justified in particular circumstances, but the delay may not be such as to impair the essence of the right protected under Article 6 § 1. The applicant should not be prevented from benefiting from the success of litigation on the ground of alleged financial difficulties experienced by the State (see Burdov, cited above, § 35). Therefore, this argument should be dismissed.
2. Abrogation of non-monetary social benefits
51. Further, the Government claimed that the Law of 22 August 2004 abrogated those provisions of the Chernobyl Law which had served as a basis for the awards in the applicant's favour. However, the Government did not explain why the second judgment had remained unenforced for more than two years before that Law was enacted. Furthermore, there is nothing in the law of 22 August 2004 to render null and void all the judgments adopted earlier under the previous legislation. If such was the meaning of the Law of 22 August 2004, it would be contrary to the principle of legal certainty, enshrined in Article 6 § 1 of the Convention, and would constitute a disproportionate interference with the possessions of those who obtained judicial awards against the State, and thus would be in breach of Article 1 of Protocol No. 1.
52. The Court recalls in this respect its findings in the Smokovitis and Others v. Greece case (no. 46356/99, § 23, 11 April 2002), where it held that, as a matter of principle, the legislature should not interfere with the judicial determination of disputes to which the State was a party. The Court reached a similar conclusion in another Greek case (see Stran Greek Refineries and Stratis Andreadis, cited above, § 47), where the State, by enacting new legislation, determined the outcome of a pending dispute to which it was a party and thus upset the fairness of the proceedings.
53. The Court further notes that only in very exceptional circumstances a judgment may be affected by changes in the legislative framework. Thus, as regards statutory pensions regulations (and other similar welfare benefits), they are “liable to change and a judicial decision cannot be relied on as a guarantee against such changes in the future” (see Sukhobokov v. Russia, no. 75470/01, § 26, 13 April 2006), even if such changes are to the disadvantage of certain welfare recipients. However, the State cannot interfere with the process of adjudication in an arbitrary manner. Thus, when the authorities lose a case in a court but then have the case reopened by introducing new legislation with retroactive effect, an issue under Article 6 § 1 and Article 1 of Protocol No. 1 may arise (see Bulgakova v. Russia, no. 69524/01, §§ 42 and 47, 18 January 2007).
54. In the present case the judgment in the applicant's favour did not concern regular payments in the future, but rather aimed at improving his housing conditions at the time. Given the nature of such an award it is inconceivable that it could be retroactively annulled by the legislature, without appropriate compensation and after a prolonged period of non-enforcement. Accordingly, the argument of the Government should be dismissed.
3. The applicant acted mala fide; the courts took wrong decisions
55. Finally, the Government suggested that the applicant had acted mala fide. First, he himself had created the situation in which he became entitled to better housing. Further, he had bought another flat for himself but had not registered his title to it before he had obtained the second court award. Therefore, the applicant had not in fact been “in need of better housing” at any time. As a result, the domestic courts had erred in their assessment of the facts of the case, applied the law in a formalistic way and awarded him unwarranted social benefits.
56. The Court reiterates that due to its subsidiary role it does not, as a rule, reassess the facts of the case or reinterpret national law. In the present circumstances the domestic courts, after having examined the parties' arguments, decided that the applicant was entitled to a particular social benefit – free housing. That judgment was not appealed against by the authorities and became final and enforceable. That judgment in the applicant's favour does not appear arbitrary or unreasonable. Therefore, this argument by the Government should be dismissed.
4. Conclusions
57. In sum, the arguments advanced by the Government cannot justify the prolonged non-enforcement of the second judgment in the applicant's favour. Having examined the material submitted to it, the Court notes that the Government have not put forward any other fact or argument capable of persuading it to depart from its previous case-law, cited above, in paragraph 42. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that by failing, for more than three years, to comply with the enforceable judgment in the applicant's favour the domestic authorities impaired the essence of his right to a court and prevented him from receiving housing he could reasonably have expected to receive.
58. There has accordingly been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 2 OF PROTOCOL No. 4 TO THE CONVENTION
59. The applicant complained about the outcome of the proceedings which ended with the decision of the Moscow City Court of 14 May 2001. In his submission, the refusal to provide him with a flat in Moscow constituted a breach of his right to liberty of movement guaranteed by Article 2 of Protocol No. 4 to the Convention. That provision of the Convention, in so far as relevant, reads as follows:
“1. Everyone lawfully within the territory of a State shall, within that territory, have the right to liberty of movement and freedom to choose his residence. ...”
60. The Court notes that the applicant was not in any way prevented from moving to Moscow or renting or purchasing a flat there. The fact that the domestic courts refused to allocate him free housing in Moscow cannot be considered an interference with his rights under Article 2 of Protocol No. 4 to the Convention (see Natalya Gerasimova v. Russia (dec.), no. 24077/02, 25 March 2004).
61. It follows that this complaint is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
62. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
63. As regards the judgment of 19 November 1997, the applicant claimed 1,800,000 Russian roubles in respect of pecuniary damage. That amount, in his words, represented fifty per cent of the cost of a flat in Moscow that he would need to buy in order to improve his housing conditions. The applicant further claimed 9,000 euros (EUR) in respect of non-pecuniary damage caused by the prolonged non-enforcement of both judgments in his favour.
64. The Government considered that no just satisfaction should be awarded to the applicant. They insisted that the applicant had received free housing and, therefore, the court judgments in his favour had been duly enforced.
65. The Court notes that the applicant's claim in respect of pecuniary damage was based on his understanding that the judgment of 1997 had not been enforced. However, the Court reiterates that it has found this complaint inadmissible. Therefore, the applicant's claims in this part should be dismissed.
66. At the same time the Court considers that the prolonged non-enforcement of the second judgment in the applicant's favour (that of 28 November 2001) caused him certain mental distress. Making its assessment on an equitable basis, it awards the applicant EUR 2,100 in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount.
B. Costs and expenses
67. The applicant did not make any claims for costs and expenses incurred before the domestic courts or the Court. Accordingly, the Court does not award anything under this head.
C. Default interest
68. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning non-enforcement of the judgment of 28 November 2001 in the applicant's favour admissible, and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention on account of unjustified delay in the enforcement of the judgment of 28 November 2001;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 2,100 (two thousand one hundred euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 24 January 2008, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Loukis Loucaides
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione dell’ Art. 6-1; violazione di P1-1; il Resto inammissibile; danno Materiale - richiesta respinta; danno morale - assegnazione
PRIMA SEZIONE
CAUSA NAGOVITSYN C. RUSSIA
(Richiesta n. 6859/02)
SENTENZA
STRASBOURG
24 gennaio 2008
DEFINITIVO
24/04/2008
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Nagovitsyn c. Russia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Loukis Loucaides, Presidente, Nina Vajic, Anatoly Kovler, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Dean Spielmann, Sverre Erik Jebens, giudici,
e Søren Nielsen, Cancelliere di Sezione ,
Avendo deliberato in privato il 3 gennaio 2008,
Consegna la sentenza seguente che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 6859/02) contro la Federazione russa depositata con la Corte sotto Articolo l’34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino russo, il Sig. Y. A. N. (“il richiedente”), il 16 maggio 2001.
2. Il richiedente fu rappresentato dalla Sig.ra A. V., un avvocato che pratica nel distretto amministrativo di Raduzhniy, Regione di Kirov. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato dal Sig. P. Laptev, il Rappresentante della Federazione russa alla Corte europea di Diritti umani.
3. Il 22 febbraio 2005 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo. Sotto le disposizioni dell’ Articolo 29 § 3 della Convenzione, decise di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. Il richiedente nacque nel 1950 e vive in Kirov.
5. Nel 1986 il richiedente prese parte all’ operazione pulizia dopo l'incidente nucleare all’impianto nucleare di Chernobyl. Fu registrato successivamente come invalido, fu abilitato a vari benefici sociali, incluso il diritto di ottenere un prestito a condizioni preferenziali (???????? ??????) ed un alloggio gratis dallo Stato.
6. Secondo il Governo, il richiedente visse in un appartamento di quattro stanze con sei altri membri della sua famiglia. L'appartamento misurava 52 metri quadrati. Nel 1996 questo appartamento fu categorizzato ufficialmente come un “abitazione comunale” il che diede al richiedente il diritto di chiedere l’alloggio gratis dallo Stato.
A. Procedimenti riguardo al prestito preferenziale
7. In una data non specificata il richiedente richiese a S. (una banca controllata dallo Stato -in futuro “la banca”) di offrirgli un prestito preferenziale per acquistare l’alloggio per lui e la sua famiglia. Comunque, lui non ottenne il prestito. Non c'era stato apparentemente accordo fra lo Stato e le banche che regolano l'allocazione di simile crediti alle vittime di Chernobyl.
8. Nel 1997 il richiedente intentò procedimenti contro lo Stato e la banca, cercando di ottenere un prestito preferenziale, come previsto dalla Legge sul welfare per le vittime di Chernobyl (“la Legge di Chernobyl”-vedere “diritto nazionale Attinente” sotto).
9. Il 19 novembre 1997 la Corte distrettuale di Leninskiy di Kirov decise la causa a suo favore. Trovò che il richiedente, come vittima di Chernobyl aveva il diritto ad un prestito preferenziale sotto la sezione 14 (20) della Legge di Chernobyl, ma il Ministero delle Finanze non aveva firmato ancora un accordo con le banche sulla procedura per concedere simili prestiti. La Corte distrettuale ordinò al Ministero delle Finanze di assicurare il diritto del richiedente al prestito. Nessuno si oppose a questa sentenza e divenne definitiva il 1 dicembre 1997. L'ordine di esecuzione della sentenza fu spedito all'ufficiale giudiziario a Mosca, e il 27 luglio 1999 il procedimento di esecuzione fu cominciato.
10. Nel frattempo il 13 luglio 1999 il Ministero delle Finanze informò, il richiedente che la sentenza del 19 novembre 1997 non poteva essere eseguita in quanto la legge relativa al bilancio federale non concedeva l'allocazione di prestiti preferenziali alle vittime di Chernobyl.
11. Più tardi quell’ anno, riferendosi alla mancanza di progressi nei procedimenti di esecuzione il richiedente richiese alla corte di cambiare la parte operativa della sentenza del 1997. Cercò di ottenere il risarcimento del 50% dell'importo di cui aveva bisogno per comprare un appartamento. Il 24 novembre 1999 la Corte distrettuale di Leninskiy cambiò la sentenza del 19 novembre 1997 ordinando allo Stato di ricompensare il richiedente per il costo dell'appartamento che avrebbe comprato.
12. Il 27 dicembre 1999 il richiedente acquistò un appartamento di tre stanze in un alloggio in costruzione da una persona incaricata dello sviluppo. Lui pagò 203,200 rubli russi (RUB) per quel l'appartamento.
13. Il 10 aprile 2001 la Corte Regionale di Kirov annullò la decisione del 24 novembre 1999 e rinviò la causa alla corte distrettuale per un nuovo esame. Non ci sono informazioni riguardo a se la richiesta del richiedente riguardo alla modifica della sentenza originale del 19 novembre 1997 fu infine soddisfatta.
B. Procedimenti riguardo all'alloggio a Mosca
14. Il 10 ottobre 2000, riferendosi alle disposizioni della Legge di Chernobyl, il richiedente intentò procedimenti contro il municipio di Mosca che cercando un ordine che lo obbligasse ad offrirgli un appartamento a Mosca. Il 15 gennaio 2001 la Corte distrettuale di Presnenskiy di Mosca respinse la sua richiesta. Il 14 maggio 2001 la Corte Civile di Mosca confermò la decisione della corte distrettuale.
C. Procedimenti riguardo all'alloggio in Kirov
15. L’8 agosto 2001 il richiedente intentò procedimenti contro il municipio locale di Kirov richiedendo una sistemazione gratuita. Il 28 novembre 2001 la Corte distrettuale di Leninskiy di Kirov decretò a suo favore ed ordinò al municipio di fornire al richiedente un alloggio appropriato per una famiglia di tre entro tre mesi, in conformità con gli alloggi esistenti e gli standard sanitari. Questa sentenza non fu impugnata e divenne definitiva il 10 dicembre 2001. L’11 gennaio 2002 gli ufficiali giudiziari iniziarono i procedimenti di esecuzione.
16. In una data non specificata il municipio richiese alla corte di sospendere i procedimenti di esecuzione. Disse che non aveva nessun alloggio libero disponibile per poter eseguire la sentenza del 28 novembre 2001. Il richiedente obiettò; Chiese anche alla corte di specificare in che modo la sentenza del 28 novembre 2001 avrebbe dovuto essere eseguita.
17. Con una sentenza supplementare del 12 novembre 2002 la Corte distrettuale di Leninskiy respinse la richiesta del municipio. La corte sostenne anche che un alloggio avrebbe dovuto essere dato al richiedente sotto un accordo di affitto protetto. La corte sostenne inoltre che il richiedente aveva diritto ad acquisire l'alloggio tramite privatizzazione in conformità con la sezione 14 (21) della Legge di Chernobyl. Nella parte operativa della sentenza supplementare la corte sostenne ciò segue:
“[al richiedente] dovrebbe essere fornito un alloggio o [sulla base di] un affitto sociale o... per mezzo di trasferimento [di alloggio] nella sua proprietà.”
Nessuno si oppose a questa sentenza e divenne definitiva.
18. Il 15 dicembre 2002 il richiedente si registrò come il proprietario di un altro appartamento in Kirov che lui aveva acquistato qualche tempo prima da una persona incaricata dello sviluppo (vedere paragrafo 12 sopra).
19. Il 25 dicembre 2002 il municipio spogliò formalmente il richiedente dello status di persona bisognosa di migliore alloggio. Il 29 maggio 2003 il municipio tentò di riaprire la causa che era terminata con la sentenza del 28 novembre 2001, chiedendo che il richiedente non fosse più concesso un miglior alloggio. Comunque, il 14 luglio 2003 questo tribunale ha rifiutato di riaprire la causa.
20. Il 22 giugno 2004 il municipio offrì un appartamento di due stanze al richiedente. Secondo il Governo, poiché l'appartamento proposto al richiedente era più piccolo di quello l'assegnato dalla sentenza del tribunale, il municipio offrì al richiedente anche la compensazione per coprire la differenza. Comunque, il richiedente si rifiutò di accettare l'appartamento ed il risarcimento.
21. Il dicembre 2004 al richiedente fu offerto un appartamento di tre stanze. Comunque, lui non accettò l'offerta.
22. Il 5 aprile 2005 il municipio fornì al richiedente un altro appartamento di tre stanze. L’11 aprile 2005 il richiedente firmò una dichiarazione che fu formulata come segue:
“Io dichiaro che accetto, in esecuzione della sentenza del 28 novembre 2001...,... l'appartamento di tre stanze situato al 9/1, Viale di Stroiteley... che misura 40.28 metri quadrati.
Prendendo in considerazione la decisione della Corte distrettuale di Leninskiy del 12 novembre 2002, l'appartamento o dovrebbe essere trasferito nella mia proprietà o l'accordo di affitto sociale dovrebbe stipulare che... 'il proprietario trasferirà l'appartamento nella proprietà dell'inquilino alla sua prima richiesta.'
...
Altrimenti io non considererò la sentenza della corte come eseguita.”
23. Il 13 aprile 2005 il richiedente ricevette le chiavi l’appartamento n. 68, 9/1, Viale di Stroiteley. Comunque, sembra che un altro inquilino aveva già ottenuto il titolo per l'appartamento a quel il tempo. Il 6 maggio 2005 il municipio decise così, di assegnare un altro appartamento al richiedente (n. 72). Il richiedente accettò l'appartamento, ed il 19 maggio 2005 firmò un accordo di affitto sociale col municipio.
24. Il 27 maggio 2005 il Sindaco di Kirov scrisse una lettera al richiedente affermando che “l'appartamento n. 72 sarebbe stato trasferito al richiedente, senza spese.”
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Diritto delle vittime di Chernobyl ad un alloggio
25. La Legge sulla protezione sociale dei cittadini esposti a radiazioni come risultato dell’ esplosione della Centrale Nucleare di Chernobyl (“la Legge di Chernobyl”) del 15 maggio 1991, come in vigore correntemente, prevede che le persone che furono registrate come disabili in seguito alla loro esposizione ad emissioni radioattive sono abilitate a certi benefici sociali. In particolare, a loro furono concessi degli alloggi gratuiti, nel caso in cui la loro sistemazione esistente non si attenesse agli standard minimi dell’ alloggio (“una persona bisognosa di un alloggio migliore”). Lo Stato si impegnò a fornire a simili persone la sistemazione entro tre mesi dal loro collocamento su una lista d'attesa. La stessa legge diede loro un titolo per ottenere credito preferenziale - un prestito libero da interessi per comprare o costruire un alloggio. Prevedeva anche che il cinquanta per cento dell'importo del prestito sarebbe stato pagato dallo Stato (sezione 14 (20) della Legge di Chernobyl), sotto la condizione che siano bisognosi di migliore alloggio.
26. La Legge del 27 dicembre 2000 sul bilancio federale per il 2001 sospese l’applicazione della sezione 20 (14) della Legge di Chernobyl sino al 31 dicembre 2000 a causa della mancanza di fondi. Negli anni seguenti l’applicazione di questo paragrafo fu sospesa ripetutamente dalle leggi relative al bilancio federale.
27. Il 22 agosto 2004 la legge comunemente nota come “la Legge della Monetizzazione dei Benefici Sociale” fu approvata (la Legge n. 122-FZ). Questa Legge abrogò i vari benefici sociali non-monetari accordati dalla precedente legislazione (alloggio gratis, medicine gratis e così via) o li sostituì con pagamenti valutari. La Sezione 3 (8) di questa Legge cambiò l'enunciazione della sezione 14 della Legge di Chernobyl. In particolare, il diritto a ricevere prestiti preferenziali dallo Stato fu escluso dalla lista dei benefici sociali al quale le vittime di Chernobyl furono abilitate.
B. affitto Sociale
28. Per le disposizioni che governano il diritto ad un “affitto sociale” di alloggi Statali vedere Malinovskiy c. Russia, n. 41302/02, §§ 20 e seguenti., ECHR 2005 -... (gli estratti)).
29. Sotto gli Articoli 13, 209 e 338 del Codice di Procedura Civile una sentenza di un tribunale che ha acquisito valore giuridico è vincolante e deve essere eseguita.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE ED DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
30. Il richiedente si lamentò che la non-esecuzione prolungata delle sentenze del28 novembre 1997 e del 19 novembre 2001 a suo favore violò l’Articolo 6 § 1 della Convenzione che si legge come segue:
“1. Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... da [un] tribunale...”
Lui si riferì anche all’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che si legge come segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
31. Il Governo contestò l'argomento del richiedente. Nella sua prospettiva, le lagnanze del richiedente furono manifestamente mal-fondate. In primo luogo, il Governo sottolineò che nell’ aprile 2005 il richiedente aveva ricevuto l'appartamento in conformità con la sentenza del 28 novembre 2001. Perciò la sentenza a suo favore era stata eseguita pienamente. Riguardo al ritardo nell’esecuzione, il Governo indicò, che questo era stato spiegato col bisogno di offrire alloggio a vari gruppi di persone socialmente svantaggiate, incluso le altre vittime della catastrofe di Chernobyl. Il Governo dibatté che in due occasioni le autorità avevano offerto alloggi al richiedente che lui non aveva accettato.
32. Inoltre, il Governo sostenne che le leggi relative al bilancio federale nel 2001-2004 non avevano assegnato fondi per accordare prestiti preferenziali. Il 22 agosto 2004 inoltre una nuova legge era stata varata, che aveva abrogato la sezione 14 della Legge di Chernobyl, e che era servita come base per la sentenza del 19 novembre 1997.
33. Infine, riguardo alla sentenza del 19 novembre 1997, dibatté che il richiedente stesso aveva richiesto che il suo appartamento in Kirov venisse categorizzato come un’ “abitazione comunale.” Di conseguenza, lui era divenuto de jure “una persona bisognosa di un migliore alloggio” e così ottenne il diritto dir chiedere un alloggio gratuito dallo Stato, benché de facto lui avesse abbastanza spazio vitale. Inoltre, il richiedente aveva comprato un altro appartamento di tre stanze in un alloggio in costruzione a Kirov nel 1999. La costruzione di quel alloggio era stata completato nel dicembre 2001; comunque, il richiedente non aveva registrato i suoi diritti di proprietà di quel appartamento sino al 15 dicembre 2002-per mantenere lo status di una persona bisognosa di migliore alloggio. Le autorità avevano tentato far rivedere la causa, riferendosi alla situazione de facto del richiedente - ma inutilmente.
34. Il richiedente sostenne le sue richieste. Nella sua osservazione, il fatto che lui possedesse un appartamento di tre stanze ed avesse cercato di avere un altro appartamento di quattro stanze che anche gli appartenesse ricategorizzato come un “abitazione comunale” era irrilevante. Lui aveva ottenuto due sentenze del tribunale a suo favore, e non fu contestato dal Governo che quelle sentenze fossero sia valide che esecutive. La mancanza addotta di fondi non era una ragione valida per la non-esecuzione.
35. Inoltre, il richiedente sostenne che nessuna sentenza a suo favore era stata eseguita. Come all'alloggio assegnato dalla sentenza del 28 novembre 2001, le autorità municipali gli avevano offerto tre appartamenti. Comunque, i primi due appartamenti non corrispondevano ai requisiti della legge riguardo agli standard minimi degli alloggi per invalidi. Riguardo al terzo appartamento, era stato trasferito a lui sulla base di un accordo di affitto sociale, mentre la decisione del 12 novembre 2002 chiaramente affermò che l'appartamento avrebbe dovuto essere trasferito nella sua proprietà. La sentenza del 25 novembre 2001 era stata eseguita solamente perciò, parzialmente. In qualsiasi caso, l'appartamento assegnato a lui era di qualità molto scarsa.
A. Ammissibilità
1. La prima sentenza
36. La Corte nota che la prima sentenza (del 19 novembre 1997) diede un titolo al richiedente per ricevere un prestito preferenziale dallo Stato. Si riferì alla Legge di Chernobyl che stipulò che l'obbligo finanziario dello Stato consisteva di (un) interesse bancario che copriva e (b) pagava il cinquanta per cento della somma principale del prestito. Comunque, la sentenza della corte non stabilì l'importo esatto dell’ obbligo materiale dello Stato nei confronti del richiedente. Né fece riferimento a qualsiasi importo esatto di cui il richiedente aveva avuto bisogno per acquistare o costruire un alloggio. Infine, non indicò quali sarebbe stati i termini del prestito, se ce ne fossero. Riconobbe soltanto che il richiedente era abilitato a ricevere un prestito.
37. La Corte nota che l'assegnazione del tribunale a favore del richiedente non corrispondeva a “proprietà esistente” ma era un genere di rivendicazione contro lo Stato. La Corte reitera che per costituire un “ bene” o “la proprietà” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 e, di conseguenza, attirare le garanzie di questa disposizione, una rivendicazione, per esempio un debito di sentenza, dovrebbe essere sufficientemente stabilita per essere esecutiva (vedere, fra le altre autorità, Kopecký c. Slovacchia [GC], n. 44912/98, §§ 35 e seguenti., ECHR 2004-IX; vedere anche Stran Raffinerie greche e Stratis Andreadis c. Grecia, sentenza del 9 dicembre 1994 Serie A n. 301-B, p. 84, § 59). Nella presente causa la sentenza del 19 novembre 1997 non specificò l'importo della richiesta o le modalità di pagamento di qualsiasi somma dovuta.
38. Inoltre, la Corte non ha informazioni che le permettano di fare qualunque calcolo riguardo all'importo dovuto al richiedente, ed in qualsiasi caso, sarebbero solamente speculativi. In simile circostanze la Corte considera che la rivendicazione del richiedente non fosse sufficientemente stabilita così da essere qualificata come un “ bene” all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere, per contrasto, Vajagic c. Croatia, n. 30431/03, §§ 33 e seguenti., 20 luglio 2006).
39. L'applicabilità dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione ai procedimenti di esecuzione è anche aperto al dubbio. La Corte indica che, perché l’Articolo 6 § 1 sia applicabile sotto il suo capo “civile”, ci deve essere un “disputa” su un “diritto privato” che si possa dire, almeno su motivi discutibili, di essere riconosciuto sotto il diritto nazionale (su questo particolare punto, vedere, per esempio, Allan Jacobsson c. Svezia (n. 1), sentenza del 25 ottobre 1989, Serie A n. 163, p. 20, § 72). La “ disputa” deve essere genuina e seria; non solo può far riferimento all'esistenza effettiva di un diritto ma anche al suo scopo e alla modalità del suo esercizio. Il risultato dei procedimenti deve essere direttamente decisivo per il diritto in oggetto, essendo insufficienti i tenui e meri collegamenti o le conseguenze remote a portare in gioco l’ Articolo 6 § 1 (vedere, per esempio, Balmer-Schafroth ed Altri c. Svizzera, sentenza del 26 agosto 1997, Relazioni delle Sentenze e Decisioni 1997-IV, p. 1357, § 32).
40. Con la sentenza del 19 novembre 1997, la Corte distrettuale ammise, che il richiedente aveva il diritto ad un prestito preferenziale sotto la Legge di Chernobyl (vedere paragrafo 9 sopra). Comunque, la Corte osserva che la sentenza non gli conferì alcun nuovo diritto in quanto la sua eleggibilità per un prestito preferenziale non era mai stata contestata e poiché nessuna autorità nazionale aveva contestato l'esistenza effettiva del diritto stabilito nella Legge di Chernobyl. Di conseguenza, la Corte considera che la sentenza in questione fosse essenzialmente di natura dichiaratoria e non riguardava alcuna “disputa” su un diritto civile. Né la sentenza determinò lo scopo o la modalità di esercizio del diritto del richiedente ad un prestito perché lui non aveva sollevato questi problemi nei procedimenti. In queste circostanze, la Corte è incapace di concludere che l’Articolo 6 § 1 della Convenzione si applicasse ai procedimenti che terminarono con la sentenza del 19 novembre 1997 o allo stadio dell’ esecuzione che consegue che è considerato una parte integrante della“l prova” ai fini dell’ Articolo 6 (vedere Kanayev c. Russia, n. 43726/02, § 19, 27 luglio 2006 con gli ulteriori riferimenti).
41. Avendo riguardo a ciò che è stato detto sopra, la Corte costata che la lagnanza sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione e l’ Articolo 1 dwl Protocollo N.ro 1, per quanto riguarda la sentenza del 19 novembre 1997, è ratione materiae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato dell’Articolo 35 § 3 e deve essere respinta in conformità all’Articolo 35 § 4.
2. La seconda sentenza
42. Non si contesta che la seconda sentenza riguardava i “diritti civili ed obblighi” del richiedente e, perciò, l’Articolo 6 § 1 fosse applicabile alla situazione di cui si lamentava - vale a dire l'insuccesso nell’eseguire la sentenza all'interno di un termine ragionevole (vedere, come autorità classica, Burdov c. Russia, n. 59498/00, § 34 ECHR 2002-III). Inoltre, la Corte reitera che, a prescindere dal fatto se la sentenza richiedesse la disposizione di un appartamento nella proprietà del richiedente o sotto un accordo di affitto sociale, tale assegnazione del tribunale costituì, “la proprietà” del richiedente all'interno del significato dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (vedere Malinovskiy c. Russia, n. 41302/02, §§ 42 e seguenti., ECHR 2005 (gli estratti)), e l'esecuzione ritardata costituì un'interferenza coi diritti garantiti sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1. Perciò, la lagnanza sulla non-esecuzione della seconda sentenza ricade all'interno della sfera sia dell'Articolo 6 della Convenzione che dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
43. Riguardo al ritardo nell'esecuzione della sentenza del 28 novembre 2001 che divenne definitiva il 10 dicembre 2001 le parti non furono d'accordo riguardo a quando o se era stata eseguita pienamente (vedere paragrafi 30 e seguenti. sopra). Il richiedente addusse che il giudice aveva ordinato il trasferimento dell'alloggio nella sua proprietà. Comunque, la Corte osserva che due possibili soluzioni al problema del richiedente furono offerte (vedere paragrafo 6 sopra), ed il trasferimento dell'alloggio nella proprietà del richiedente era solamente una di queste. Nell'opinione della Corte, fornendo al richiedente un alloggio appropriato sotto un “affitto sociale” le autorità si erano attenute alla sentenza del 28 novembre 2001, come interpretata dalla sentenza supplementare del12 novembre 2002.
44. Allo stesso tempo la Corte nota che fino al 19 maggio 2005 il richiedente non ottenne un alloggio appropriato. Sembra che gli altri due appartamenti, proposti al richiedente nel 2004 rispettassero poco i requisiti stabiliti dalla legislazione nazionale applicabile (vedere paragrafi 20 e 21 sopra). Così la Corte non può accettare l'argomento del Governo secondo il quale il richiedente stesso ha contribuito ai ritardi nell'esecuzione della seconda sentenza (vedere paragrafo 31 sopra). Perciò, la seconda sentenza fu eseguita tre anni, cinque mesi ed una settimana dopo che era divenuta definitivo e vincolante.
45. La Corte nota che questa parte della richiesta non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile per qualsiasi altro motivo. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
46. All'inizio, la Corte richiama che ha trovato frequentemente delle violazioni dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 in cause che sollevano problemi simili a quelli nella causa presente (vedere Malinovskiy, citata sopra, §§ 35 e seguenti.; Teteriny c. Russia, n. 11931/03, §§ 41 e seguenti., 9 giugno 2005; Gizzatova c. Russia, n. 5124/03, §§ 19 e seguenti., 13 gennaio 2005; e Burdov, citata sopra, §§ 34 e seguenti.).
47. Rivolgendosi alla presente causa, la Corte nota che il Governo rivendicò che il ritardo nell'esecuzione della seconda sentenza era stato giustificato dalle circostanze. Si appellò fondamentalmente a tre gruppi di argomenti che saranno esaminati sotto.
1. Contrasti con la legge di bilancio; la scarsità degli alloggi
48. Prima di tutto, il Governo affermò che le leggi relative al bilancio federale non avevano assegnato abbastanza soldi per onorare tutti gli obblighi finanziari dello Stato sotto la Legge di Chernobyl. Perciò, onorare la sentenza a favore del richiedente sarebbe stato in conflitto con la legislazione di bilancio. Avanzando questa linea di argomento il Governo, in sostanza stava riferendosi alla mancanza di fondi a livello federale da assegnare all'attuazione della Legge di Chernobyl.
49. Il Governo si riferì anche alla scarsità degli alloggi ed i diritti di altre persone bisognose di migliori condizioni di alloggio. Comunque, i diritti altrui non sarebbero stati infranti dal richiedente ricevendo la sua assegnazione del tribunale, ma dalla scarsità di proprietà municipale da distribuire fra quelli che ne avevano diritto. In sostanza in altre parole questo argomento riguardava anche la mancanza addotta di risorse.
50. La Corte reitera che non è concesso ad un'autorità Statale per citare la mancanza di fondi o di altre risorse, come gli alloggi come scusa per non onorare un debito di sentenza (vedere Malinovskiy, citata sopra, § 35, e Plotnikovy c. Russia, n. 43883/02, § 23 24 febbraio 2005). Per ammissione, un ritardo nell'esecuzione di una sentenza può essere giustificato in particolari circostanze, ma il ritardo non può essere tale da danneggiare l'essenza del diritto protetto sotto l’Articolo 6 § 1. Al richiedente non dovrebbe essere impedito di trarre profitto dal successo della causa sulla base delle difficoltà finanziarie addotte sperimentate dallo Stato (vedere Burdov, citata sopra, § 35). Perciò, questo argomento dovrebbe essere respinto.
2. L'abrogazione dei benefici sociali e non-monetari
51. Inoltre, il Governo affermò che la Legge del 22 agosto 2004 abrogò quelle disposizioni della Legge di Chernobyl che erano servite come una base per le assegnazioni a favore del richiedente. Comunque, il Governo non spiegò perché la seconda sentenza rimaneva non eseguita per più di due anni prima che Legge fosse decretata. Non vi è inoltre, nulla nella legge del 22 agosto 2004 per rendere prive di valore legale tutte le sentenze adottate precedentemente sotto la legislazione precedente. Se tale era il significato della Legge del 22 agosto 2004, sarebbe contraria al principio della certezza giuridica, custodito nell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e costituirebbe un'interferenza sproporzionata con la proprietà di coloro che ottennero assegnazioni giudiziali contro lo Stato, e così sarebbe una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1.
52. La Corte richiama a questo proposito le sue sentenze nella causa Smokovitis ed Altri c. Grecia (n. 46356/99, § 23 11 aprile 2002), dove sostenne che, per questione di principio, la legislatura non dovrebbe interferire con la determinazione giudiziale delle dispute nelle quali lo Stato era una parte. La Corte giunse ad una conclusione simile in un'altra causa greca (vedere Stran Raffinerie greche e Stratis Andreadis, citata sopra, § 47), in cui lo Stato, decretando una nuova legislazione decise il risultato di una disputa pendente nel quale era una parte e così sconvolse l'equità dei procedimenti.
53. La Corte nota inoltre che solamente in circostanze molto eccezionali una sentenza può essere colpita tramite cambi nella struttura legislativa. Così, riguardo alle regolamentazioni delle pensioni legali (e altri simili benefici del welfare), sono “soggette a cambiamenti e non si può fare affidamento su una decisione giudiziale come garanzia contro simili cambi nel futuro” (vedere Sukhobokov c. Russia, n. 75470/01, § 26 13 aprile 2006), anche se simili cambi sono a svantaggio di certi destinatari del welfare. Comunque, lo Stato non può interferire con l'elaborazione dell'aggiudicazione in un modo arbitrario. Così, quando le autorità perdono una causa in un tribunale ma poi la causa viene riaperta presentando una nuova legislazione con effetto retroattivo, può sorgere un problema sotto l’Articolo 6 § 1 e l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 (vedere Bulgakova c. Russia, n. 69524/01, §§ 42 e 47, 18 gennaio 2007).
54. Nella presente causa la sentenza a favore del richiedente non riguardava pagamenti regolari nel futuro, ma piuttosto mirava a migliorare le sue condizioni di alloggio nel presente. Dato la natura di tale assegnazione è inconcepibile che avrebbe potuto essere annullata retroattivamente dalla legislatura, senza il risarcimento appropriato e dopo un periodo prolungato di non-esecuzione. Di conseguenza, l'argomento del Governo dovrebbe essere respinto.
3. Il richiedente agì mala fede; le corti presero decisioni sbagliate
55. Infine, il Governo suggerì che il richiedente aveva agito in mala fide. In primo luogo, aveva creato la situazione nella quale fu abilitato ad un migliore alloggio. Inoltre, aveva comprato un altro appartamento per lui ma non si era intestata la proprietà prima che di aver ottenuto la seconda assegnazione del tribunale. Perciò, il richiedente non si trovava infatti nel “ bisogno di un migliore alloggio” in nessun periodo. Di conseguenza, i tribunali nazionali avevano sbagliato nella loro valutazione dei fatti della causa, avevano applicato la legge in n modo formalistico e gli avevano assegnato benefici sociali non garantiti.
56. La Corte reitera che a causa del suo ruolo sussidiario non gli spetta , come regola , rivalutare i fatti della causa o reinterpretare la legge nazionale. Nelle presenti circostanze le corti nazionali, dopo avere esaminato gli argomenti delle parti hanno deciso che il richiedente fu abilitato ad un particolare beneficio sociale -alloggio gratuito. Questa sentenza non impugnata dalle autorità e divenne definitiva ed esecutiva. Questa sentenza a favore del richiedente non appare arbitraria o irragionevole. Perciò, questo argomento del Governo dovrebbe essere respinto.
4. Conclusioni
57. Riassumendo, gli argomenti avanzati dal Governo non possono giustificare la non-esecuzione prolungata della seconda sentenza a favore del richiedente. Avendo esaminato il materiale presentato davanti a lei, la Corte nota che il Governo non ha avanzato nessun altro fatto o argomento capace di persuaderla ad abbandonare la sua giurisprudenza precedente, citata sopra, nel paragrafo 42. Le considerazioni precedenti sono sufficienti per permettere alla Corte di concludere che fallendo, per più di tre anni nell’ attenersi alla sentenza esecutiva a favore del richiedente le autorità nazionali danneggiarono l'essenza del suo diritto suo ad un tribunale e gli impedirono di ricevere l’alloggio che si sarebbe ragionevolmente potuto aspettare di ricevere.
58. C'è stata di conseguenza una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione ed dell’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 2 DEL PROTOCOLLO N.RO 4 ALLA CONVENZIONE
59. Il richiedente si lamentò della conseguenza dei procedimenti che terminarono con la decisione della Corte Civica di Mosca del 14 maggio 2001. Nella sua osservazione, il rifiuto di offrirgli un appartamento a Mosca costituì una violazione del suo diritto alla libertà di movimento garantita dall’Articolo 2 del Protocollo N.ro 4 alla Convenzione. Questo provvedimento della Convenzione, nella parte attinente, si legge come segue:
“1. Ognuno legalmente all'interno del territorio di un Stato avrà, entro questo territorio, il diritto alla libertà di movimento e alla libertà a scegliere la sua residenza. ...”
60. La Corte nota che il richiedente non era in qualsiasi modo ostacolato nel trasferirsi a Mosca o nell’affittare o acquistare un appartamento là. Il fatto che i tribunali nazionali rifiutarono di assegnargli un alloggio gratuito a Mosca non può essere considerato un'interferenza coi suoi diritti sotto l’Articolo 2 del Protocollo N.ro 4 alla Convenzione (vedere Natalya Gerasimova c. Russia (dec.), n. 24077/02, 25 marzo 2004).
61. Segue che questa lagnanza è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
III. L’APPLICAZIONE DELL’ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
62. L’Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconosce una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
63. Riguardo alla sentenza del 19 novembre 1997, il richiedente chiese 1,800,000 rubli russi per danno materiale. questo importo, a detta sua rappresentava il cinquanta per cento del costo di un appartamento a Mosca che lui avrebbe avuto bisogno di comprare per migliorare le sue condizioni di alloggio. Il richiedente chiese inoltre 9,000 euro (EUR) riguardo al danno morale causato dalla non-esecuzione prolungata di ambo le sentenze a suo favore.
64. Il Governo considerò che nessuna soddisfazione equa avrebbe dovuta essere assegnata al richiedente. Insisté che il richiedente aveva ricevuto alloggio gratuito e, le sentenze dei tribunali a suo favore erano state perciò eseguite debitamente.
65. La Corte nota che la richiesta del richiedente riguardo al danno materiale era basata sulla sua convinzione che la sentenza del 1997 non era stata eseguita. Comunque, la Corte reitera che ha trovato questa lagnanza inammissibile. Perciò, le richieste del richiedente in merito a questa parte dovrebbero essere respinte.
66. Allo stesso tempo la Corte considera che la non-esecuzione prolungata della seconda sentenza a favore del richiedente (quella del 28 novembre 2001) l provocò una certa angoscia mentale. Facendo la sua valutazione su una base equa, assegna EUR 2,100 al richiedente riguardo al danno morale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questo importo.
B. Costi e spese
67. Il richiedente non inoltrò alcuna richiesta per costi e spese incorsi di fronte ai tribunali nazionali o alla Corte. Di conseguenza, la Corte non assegna nulla sotto questo capo.
C. Interesse moratorio
68. La Corte considera appropriato che l'interesse moratorio dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea al quale dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE UNANIMAMENTE
1. Dichiara la lagnanza riguardo alla non-esecuzione della sentenza del 28 novembre 2001 a favore del richiedente ammissibile, ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione a causa del ritardo ingiustificato nell'esecuzione della sentenza del 28 novembre 2001;
3. Sostiene
(a) che lo Stato convenuto deve pagare al richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 2,100 (due mila cento euro) riguardo al danno morale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, da convertire in rubli russi al tasso applicabile alla data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso del prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della richiesta del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificò per iscritto il 24 gennaio 2008, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Søren Nielsen Loukis Loucaides
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.