Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF PONOMARYOV v. UKRAINE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, 29, P1-1

NUMERO: 3236/03/2008
STATO: Ucraina
DATA: 03/04/2008
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-1 ; Violation of P1-1 ; Remainder inadmissible ; Non-pecuniary damage - award ; Pecuniary damage - award
FIFTH SECTION
CASE OF PONOMARYOV v. UKRAINE
(Application no. 3236/03)
JUDGMENT
STRASBOURG
3 April 2008
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Ponomaryov v. Ukraine,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Peer Lorenzen, President,
Snejana Botoucharova,
Volodymyr Butkevych,
Rait Maruste,
Renate Jaeger,
Isabelle Berro-Lefèvre,
Mirjana Lazarova Trajkovska, judges,
and of Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 11 March 2008,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 3236/03) against Ukraine lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Ukrainian national, Mr V. V. P. (“the applicant”), on 17 January 2003.
2. The Ukrainian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mrs V. Lutkovska, and the Head of the Government Agent's Office Mrs I. Shevchuk, of the Ministry of Justice.
3. On 21 January 2005 the Court decided to give notice of the application to the Government. Under the provisions of Article 29 § 3 of the Convention, it decided to examine the merits of the application at the same time as its admissibility. On 11 October 2005 the Court put additional questions to the parties.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant, Mr V. V. P., is a Ukrainian national who was born in 1953 and lives in the village of Rogan, Kharkiv region, Ukraine.
5. On 18 February 1991 the applicant was dismissed from the State-owned farm KhTZ.
6. After numerous unsuccessful attempts to receive salary and other payments arrears due to him from the farm, in February 1999 the applicant lodged a civil claim against the farm seeking the above payments and compensation for the delay in their payment.
7. In January 2001 the defendant was transformed into the S. Joint-Stock Company (hereafter “the Company”) in which 25% of shares belonged to the State.
8. On 5 October 2001 the Chuguyiv Town Court (hereafter “the Chuguyiv Court”) awarded the applicant 42,0861 Ukrainian hryvnas (UAH) in salary arrears, compensation and other payments from the Company. The judgment was not appealed against within the one-month statutory time-limit and became final on 5 November 2001.
9. On 30 November 2001 the Company lodged an appeal against the judgment of 5 October 2001.
10. On 10 December 2001 the bailiff service initiated enforcement proceedings.
11. By a ruling of 10 December 2001 the Chuguyiv Court left the appeal of the Company unexamined for failure to comply with procedural requirements, namely having been lodged outside the statutory time-limit without a request for renewal, failure to pay a court fee and shortcomings in the form and content of the appeal. The Company was given ten days to bring its appeal into compliance with relevant procedural law.
12. By a ruling of 10 January 2002, following the Company's failure to comply with the court's ruling of 10 December 2001, the Chuguyiv Court returned its appeal unexamined.
13. On 18 November 2002 the enforcement proceedings were suspended due to the insolvency proceedings against the Company initiated by the Commercial Court of Kharkiv on 25 October 2002.
14. On 12 December 2002 the State's share in the Company was reduced from 25 % to 19.99 %.
15. By a letter of 18 December 2002, the Ordzhonikidzevsky District Bailiffs' Service informed the applicant that the defendant Company had no funds in its account and that the procedure for the forced sale of assets belonging to the debtor was blocked by the Forced Sale of Property Moratorium Act of 26 November 2001.
16. On 4 March 2003 the Commercial Court of Kharkiv region approved a friendly settlement between the Company and its creditors and discontinued the insolvency proceedings.
17. On 24 March 2003 the enforcement proceedings were resumed.
18. On 30 January 2004, on a complaint by the applicant, the Ordzhonikidzevsky Prosecutor's Office instituted criminal proceedings against bailiff V. for fraud in relation to the enforcement of the judgment in the applicant's favour.
19. On 10 February 2004 the defendant Company again lodged an appeal against the judgment of 5 October 2001. It also requested that the time-limit for the appeal be renewed, on the ground that at the time of the impugned judgment of the first-instance court it had been in a difficult economic situation and had been using all its funds to pay off debts to avoid insolvency and, therefore, it had not been able to afford the court fees for an appeal.
20. On 20 February 2004 the Chuguyiv Court allowed the Company's request for renewal of the time-limit and issued a ruling in which it repeated the Company's grounds for the request and added that “the court considers it necessary to renew the time-limit for appeal”. The court also noted that its ruling of 20 February 2004 was not subject to appeal.
21. On 1 April 2004, on the basis of the ruling of 20 February 2004, the Ordzhonikidzevskiy Bailiffs' Service returned the writ of execution to the Chuguyiv Court.
22. On 21 April 2004 the Kharkiv Court of Appeal reviewed the judgment of 5 October 2001, found in part against the applicant and in the other part reviewed the calculation of the requested compensation and awarded the applicant UAH 3.09.
23. On 29 April 2004 the debtor transferred to the bailiff service the amount awarded from it under the decision of 21 April 2004. According to the Government, on 22 June 2004 the applicant was informed that this amount was available for him. According to the applicant he did not receive any such information at that time.
24. On 7 September 2004 the criminal proceedings against bailiff V. were discontinued for lack of proof of a crime.
25. On 15 October 2004 the applicant lodged a cassation appeal against the decision of 21 April 2004 and requested that the time-limit for lodging an appeal be renewed on the ground that he had not been present before the Court of Appeal and he had learned about the above decision only on 6 October 2004. By a ruling of 29 October 2004, the Chuguyiv Court allowed the applicant's request and renewed the time-limit for lodging a cassation appeal.
26. On 9 November 2005 the Supreme Court quashed the decision of 21 April 2004 on the ground that the court of appeal had considered the case in the applicant's absence and remitted the case to the court of appeal for a fresh consideration.
27. On 1 March 2006 the Kharkiv Court of Appeal issued a new decision along the same lines as its previous decision of 21 April 2004.
28. On 12 May 2006 the Supreme Court refused the applicant's request for leave to appeal in cassation.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. Legislation concerning enforcement proceedings
1. Forced Sale of Property Moratorium Act of 29 November 2001
29. The Act (????? ??????? “??? ???????? ???????i? ?? ????????? ????i???i? ?????”) aims at protecting State interests in the sale of assets belonging to undertakings in which the State holds at least 25% of the share capital. A moratorium on the enforcement of judgment debts has been introduced until such time as the mechanism for the forced sale of the property of such undertakings has been improved. No time-limit has been set. Section 2 of that Act provides that the prohibition on the forced sale of property includes the execution of writs by the State Bailiffs' Service on property belonging to such companies. The Act therefore stays the execution of all writs by the State Bailiffs' Service against the assets of undertakings in which the State holds at least 25% of the share capital.
2. Enforcement Proceedings Act of 21 April 1999
30. Under section 2 of the Act (????? ??????? “??? ????????? ???????????”), the enforcement of judgments is entrusted to the State Bailiffs' Service. Under section 85 of the Act, a creditor may make a complaint against actions or omissions of the State Bailiffs' Service with the head of the competent department of that Service or with a local court. Section 86 of the Act entitles a creditor to institute court proceedings against a legal person, entrusted with the enforcement of a judgment, for the inadequate enforcement or non-enforcement of that judgment, and to receive compensation.
3. State Bailiffs' Service Act of 24 March 1998
31. Section 11 of the Act (????? ??????? “??? ???????? ????????? ??????”) provides for the liability of bailiffs for any inadequate performance of their duties, and compensation for damage caused by a bailiff when enforcing a judgment. Under section 13 of the Act, acts and omissions of the bailiff can be challenged before a superior official or the courts.
B. Legislation concerning time-limits
1. The Code of Civil Procedure, 1963 (replaced by a new Code on 1 January 2005)
32. Article 68 of the Code provided for delayed payment of the court fees or their payment by instalments. These methods of court fee payment could be allowed by a judge with regard to the property status of a party. Such an extension or delay in payment could be granted for a maximum period of three months.
33. Article 89 of the Code provided that the procedural time-limits could be extended or renewed if the court found valid reasons for such an extension or renewal. A refusal to renew a time-limit was subject to appeal.
34. Article 292 of the Code provided for a one-month period for lodging appeals against decisions of the first-instance court and a fifteen-day period for appeal against its rulings. It further provided that these periods could be renewed if the court found valid reasons for their renewal.
2. Other procedural codes
35. The new Code of Civil Procedure, as well as the Code of Criminal Procedure and the Code of Administrative Justice provide similar provisions as to the renewal of the procedural time-limits. The Code of Commercial Procedure, however, limits the possibility of renewal to three months.
THE LAW
I. THE REOPENING OF THE JUDICIAL PROCEEDINGS AND QUASHING OF THE JUDGMENT
36. The applicant complained under Article 6 § 1 of the Convention that the renewal of the time-limit for an ordinary appeal after a considerable lapse of time and the consecutive quashing of the judgment of 5 October 2001 had violated the principle of legal certainty and unlawfully prolonged the judicial proceedings. He further complained under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention of an interference with his right to the peaceful enjoyment of possessions. The relevant parts of these provisions read as follows:
Article 6 § 1
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing within a reasonable time... by [a]... tribunal...”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law...”
A. Admissibility
37. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Arguments by the parties
38. The Government maintained that the ruling of 20 February 2004 had not changed the judgment of 5 October 2001 but only allowed a review of it. They further submitted that the decision of 21 April 2004 by the court of appeal quashing the judgment of 5 October 2001 was subsequently quashed by the Supreme Court.
39. The applicant disagreed. He maintained that the reasons for renewal advanced by the defendant Company had been unfounded, since the financial situation of the defendant at the end of 2001 had been more than satisfactory, which could be proved by relevant documents. He further noted that the defendant Company had previously used its right to appeal against the judgment of 5 October 2001. The applicant considered that by renewing the time-limit for a repeated appeal after a considerable lapse of time the domestic court had violated the principle of legal certainty and unlawfully prolonged the judicial proceedings.
2. The Court's assessment
(a) Article 6 of the Convention
40. The Court reiterates that the right to a fair hearing before a tribunal as guaranteed by Article 6 § 1 of the Convention must be interpreted in the light of the Preamble to the Convention, which declares, in its relevant part, the rule of law to be part of the common heritage of the Contracting States. One of the fundamental aspects of the rule of law is the principle of legal certainty, which presupposes respect for the principle of res judicata, that is the principle of the finality of judgments. This principle underlines that no party is entitled to seek a review of a final and binding judgment merely for the purpose of obtaining a rehearing and a fresh determination of the case. Higher courts' power of review should be exercised to correct judicial errors and miscarriages of justice, but not to carry out a fresh examination. The review should not be treated as an appeal in disguise, and the mere possibility of there being two views on the subject is not a ground for re-examination. A departure from that principle is justified only when made necessary by circumstances of a substantial and compelling character (see, mutatis mutandis, Ryabykh v. Russia, no. 52854/99, § 52, ECHR 2003-X).
41. The Court notes that the present case concerns not an extraordinary review of the final and binding judgment under supervisory review proceedings or in the light of newly discovered circumstances (see among other authorities, Tregubenko v. Ukraine, no. 61333/00, §§ 34-38, 2 November 2004; and Pravednaya v. Russia, no. 69529/01, §§ 27-34, 18 November 2004), but the reopening of the proceedings after a considerable lapse of time by renewing the time-limit for an ordinary appeal. The Court notes that the legal systems of many member States provide for a possibility to extend procedural time-limits if there are valid reasons to do so. At the same time, if the time-limit for ordinary appeal procedure is renewed after a considerable lapse of time and for reasons which do not appear to be particularly persuasive, like in the present case an allegedly difficult economic situation preventing the defendant from paying the court fees (see paragraphs 19 and 20 above), such a decision can infringe the principle of legal certainty, in a similar way to the extraordinary review proceedings. The Court acknowledges that it is primarily within the domestic courts' discretion to decide on the renewal of the time-limit for an appeal, but such discretion is not unlimited. The courts shall be required to indicate the reasons. One of such reasons could be, for instance, a failure by the State authorities to inform parties of decisions taken with respect to their cases. Even then, however, the possibility of renewal would not be unlimited, since the parties should take steps within reasonable intervals to learn about the state of judicial proceedings of which they are aware (see, mutatis mutandis, Aleksandr Shevchenko v. Ukraine, no. 8371/02, § 27, 26 April 2007 and Trukh v. Ukraine (dec.), no. 50966/99, 14 October 2003) ). In every case, the domestic courts should verify whether the reasons for renewal of a time-limit for appeal could justify the interference with the principle of res judicata, especially, as in the present case, when the domestic legislation does not limit the courts' discretion either on the time or on the grounds for the renewal of the time-limits.
42. The Court notes that the renewal of the time-limit for the opposing party in the proceedings had been granted although the Company had been aware of the judgment of 5 October 2001 shortly if not immediately after its adoption. It had lodged a first appeal in November 2001, but it was not considered for a number of reasons, a failure to pay a court fee being only one of them (see paragraph 11 above). Two years later, the Company lodged a new appeal, maintaining that it could not afford the court fees at the time the decision of the first-instance court was open to appeal under the law. The Court notes that the Company did not refer to lack of funds, but to lack of free funds to pay the court fees. Furthermore, there is no indication that the Company ever asked for delay of payment of the court fees or for payment by instalments, which it could have done under domestic law (see Relevant domestic law above). In such a situation, allowing the Company to lodge a repeated appeal after a considerable lapse of time and after execution of judgment had started for reasons which, in the Court's opinion, are not exercised for correction of serious judicial errors and miscarriages of justice, but merely for the purpose of a rehearing and a fresh decision of the case, the domestic courts infringed the principle of legal certainty and the applicant's “right to a court” under Article 6 § 1 of the Convention. There has accordingly been a violation of that Article.
(b) Article 1 of Protocol No. 1
43. The Court reiterates that the existence of a debt confirmed by a binding and enforceable judgment furnishes the judgment beneficiary with a “legitimate expectation” that the debt will be paid and constitutes the beneficiary's “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. Quashing such a judgment amounts to an interference with his or her right to peaceful enjoyment of possessions (see, among other authorities, Brumarescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 74).
44. The Government agreed that the judgment of 5 October 2001 constituted a “possession”, but maintained that there had been no violation of Article 1 of Protocol No. 1, since the decision of the Kharkiv Court of Appeal, quashing the above judgment, had in its turn been quashed by the Supreme Court.
45. The applicant disagreed.
46. The Court finds that in the present case as a result of the reopening of the proceedings the amount of the judgment award was considerably reduced. The quashing of the enforceable judgment frustrated the applicant's reliance on a binding judicial decision and deprived him of an opportunity to receive the money he had legitimately expected to receive (see paragraphs 20 and 27 above).
47. In these circumstances, the Court considers that the reopening of the proceedings and the quashing of the judgment of 5 October 2001 placed an excessive burden on the applicant and was therefore incompatible with Article 1 of Protocol No. 1. There has therefore been a violation of that Article.
II. THE LENGTH OF THE ENFORCEMENT PROCEEDINGS
48. The applicant complained that the State authorities had not enforced the judgment of 5 October 2001 in due time. He relied on Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
49. The Government maintained that the State could not be held responsible for the debts of the Company, since the latter was a separate legal entity and the State had a minor share in it. Moreover this share had been reduced from 25% to 19.99% in December 2002. Therefore, the Forced Sale of Property Moratorium Act no longer protected the debtor's funds from the enforcement proceedings. They further maintained that the applicant had not exhausted the remedies available to him under the domestic law.
50. The applicant maintained that he had worked for the State-owned farm and that its consequent transformation into a joint-stock company did not relieve the State of the obligation to pay off its debts to him.
51. The Court notes that at the time the judgment in the applicant's favour was adopted the State was only a minor shareholder (25%) of the defendant Company. After the judgment of 5 October 2001 had become final the debtor Company had been protected by the law on moratorium for a relatively short period of time – about thirteen months – until the State's share had been reduced to 19.99 %. After this period the responsibility of the State extended no further than the involvement of State bodies in enforcement proceedings (see Shestakov v. Russia (dec.), no. 48757/99, 18 June 2002).
52. The applicant challenged the bailiff's actions under the criminal law but the investigation established no fault of the bailiff in the non-enforcement of the judgment. Nevertheless, the applicant has failed to challenge the decision of 7 September 2004 on termination of criminal proceedings against the bailiff before the courts. Neither has he lodged a civil claim seeking damages from the bailiff service for non-enforcement of the judgment in his favour.
53. The Court reiterates that, as it has already held in similar cases, Ukrainian legislation provides for a possibility to challenge before the courts the lawfulness of actions and omissions of the State Bailiffs' Service in enforcement proceedings and to claim damages from that Service for delays in payment of the amount awarded (see, for instance, Kukta v. Ukraine (dec.), no. 19443/03, 22 November 2005). In the present case, the applicant failed to do so and, accordingly, cannot be regarded as having exhausted the domestic remedies available to him under Ukrainian law.
54. It follows that this complaint must be rejected pursuant to Article 35 §§ 1, 3 and 4 of the Convention.
IV. OTHER COMPLAINTS
55. In so far as the applicant complained under Article 6 § 1 of the Convention that he was absent from the hearing at the court of appeal, the Court notes that the decision of the Court of Appeal of 21 April 2004 was quashed by the Supreme Court for that very reason. Therefore, the applicant could no longer claim to be a victim with respect to this complaint. It follows that this complaint is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
56. The applicant also relied on Articles 8 and 14 of the Convention with respect to the enforcement proceedings. The Article 8 complaint was based on the applicant's allegation that the judgment debt could have been used by him to ensure better treatment for his son, who had been suffering from leukaemia and had subsequently died, in March 2003. The Court notes that the applicant did not raise these complaints before the domestic courts. In any event, his allegations are unsubstantiated and do not lay a basis for an arguable claim of a breach of this provision. It follows that this part of the application is manifestly ill-founded too and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
57. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
58. The applicant claimed UAH 103,110 (equivalent to 14,133 euros (EUR), which corresponded to UAH 42,086.06 plus inflation losses, in respect of pecuniary damage. He also claimed EUR 100,000 in respect of non-pecuniary damage, stating that his son had died of cancer because the applicant lacked the awarded sum for better medical treatment for his son.
59. The Government found these claims groundless and irrelevant.
60. As to the pecuniary damage claimed, the Court notes that the amount awarded to the applicant by the domestic court on 1 March 2006 is negligible in comparison with the originally awarded amount under the judgment of 5 October 2001. The Court considers it appropriate to award the applicant EUR 5,780, which is the equivalent of the amount awarded to him by the domestic court under the quashed judgment.
61. As to non-pecuniary damage claimed, the Court takes the view that the applicant has suffered some non-pecuniary damage as a result of the violations found which cannot be made good by the Court's mere finding of a violation (Tregubenko v. Ukraine, cited above, § 63). Nevertheless, the amount claimed is excessive. Making its assessment on an equitable basis, as required by Article 41 of the Convention, the Court awards the applicant the sum of EUR 1,000 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
62. The applicant did not submit any claim under this head within the set time-limit; the Court therefore makes no award in this respect.
C. Default interest
63. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint concerning of the reopening of the proceedings and the quashing of the judgment of 5 October 2001 admissible and the remainder of the application inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention,
- EUR 5,780 (five thousand seven hundred and eighty Euros) in respect of pecuniary damage;
- EUR 1,000 (one thousand Euros) in respect of non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable;
- to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable on the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

4. Dismisses the remainder of the applicant's claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 3 April 2008, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Peer Lorenzen
Registrar President
1 Around EUR 5,780

TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione dell’Art. 6-1; violazione di P1-1; il Resto inammissibile; danno giuridico - assegnazione; danno Materiale - assegnazione
QUINTA SEZIONE
CAUSA PONOMARYOV C. UCRAINA
(Richiesta n. 3236/03)
SENTENZA
STRASBOURG
3 aprile 2008
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.


Nella causa Ponomaryov c. Ucraina,
La Corte europea di Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Pari Lorenzen, Presidente, Snejana Botoucharova, Volodymyr Butkevych, Rait Maruste, Renate Jaeger, Isabelle Berro-Lefèvre, Mirjana Lazarova Trajkovska, giudici
e di Claudia Westerdiek, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato 11 marzo 2008,
Consegna la sentenza seguente che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 3236/03) contro l'Ucraina depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino ucraino, il Sig. V. V. P. (“il richiedente”), 17 gennaio 2003.
2. Il Governo ucraino (“il Governo”) fu rappresentato dal suo Agente, la Sig.ra V. Lutkovska, ed il Capo dell'Ufficio dall'Agente Statale Sig.ra I. Shevchuk, del Ministero della Giustizia.
3. Il 21 gennaio 2005 la Corte decise di dare avviso della richiesta al Governo. Sotto le disposizioni del’ Articolo 29 § 3 della Convenzione, decise di esaminare i meriti della richiesta allo stesso tempo della sua ammissibilità. L’11 ottobre 2005 la Corte sottopoe questioni supplementari alle parti.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
4. Il richiedente, il Sig. V. V. P. è un cittadino ucraino che nacque nel 1953 e vive nel villaggio di Rogan, regione di Kharkiv, Ucraina.
5. Il 18 febbraio 1991 il richiedente fu licenziato dalla fattoria Statale KhTZ.
6. Dopo numerosi tentativi senza successo di ricevere salario e gli altri arretrati di pagamenti dovuti lui dalla fattoria, nel febbraio 1999 il richiedente depositò una richiesta civile contro la fattoria chiedendo i pagamenti sopra ed il risarcimento per il ritardo nel loro pagamento.
7. Nel gennaio 2001 l'imputato fu trasformato nella società per azioni S. (in futuro “la Società”) nella quale il 25% delle quote appartenevano allo Stato.
8. Il 5 ottobre 2001 la Corte Civile di Chuguyiv (in futuro “il Chuguyiv Court”) assegnò 42,0861 hryvnas ucraini al richiedente (UAH) per gli arretrati di salario, il risarcimento e gli altri pagamenti dalla Società. Non fu depositato alcun appello contro la sentenza entro il mese di tempo-limite legale e divenne definitiva il 5 novembre 2001.
9. Il 30 novembre 2001 la Società depositò un appello contro la sentenza del 5 ottobre 2001.
10. Il 10 dicembre 2001 il servizio dell’ ufficiale giudiziario iniziò procedimenti di esecuzione.
11. Con una direttiva del 10 dicembre 2001 la Corte di Chuguyiv lasciò l'appello della Società non esaminato per inosservanza dei requisiti procedurali, vale a dire era stato depositato fuori tempo-limite legale senza una richiesta di rinnovo, inosservanza di pagare una tassa di corte e difetti nella forma e nel contenuto dell'appello. Alla Società furono dati dieci giorni per intentare il suo appello in ottemperanza con il diritto procedurale attinente.
12. Con una direttiva del 10 gennaio 2002, a seguito dell'inosservanza della Società con la direttiva della corte del 10 dicembre 2001, la Corte di Chuguyiv restituì il suo dell'appello non esaminato.
13. Il 18 novembre 2002 i procedimenti di esecuzione furono sospesi a causa della procedura fallimentare contro la Società iniziata dal Tribunale del commercio di Kharkiv il 25 ottobre 2002.
14. Il 12 dicembre 2002 la quota dello Stato nella Società fu ridotta dal 25% al 19.99%.
15. Con una lettera del 18 dicembre 2002, il Servizio del Distretto degli Ufficiali giudiziari di Ordzhonikidzevsky informò il richiedente che la società imputata non aveva fondi sul suo conto e che la procedura per la vendita forzata di beni apaprtenenti al debitore fu bloccata dall’Atto di Moratoria della Vendita Forzata della Proprietà del 26 novembre 2001.
16. Il 4 marzo 2003 il Tribunale di commercio della regione di Kharkiv approvò un regolamento amichevole fra la Società ed i suoi creditori e cessò le procedura fallimentare.
17. Il 24 marzo 2003 i procedimenti di esecuzione furono ripresi.
18. Il 30 gennaio 2004, su lagnanza del richiedente, L'Ufficio dell'Accusatore di Ordzhonikidzevsky istituì procedimenti penali contro ufficiale giudiziario V. per frode in relazione all'esecuzione della sentenza a favore del richiedente.
19. Il 10 febbraio 2004 la società imputata depositò nuovamente un appello contro la sentenza del 5 ottobre 2001. Richiese anche che il tempo-limite per l'appello venisse rinnovato, per il fatto che al tempo della sentenza impugnata della corte di prima istanza era in una situazione economica difficile e stava usando tutti i suoi fondi per pagare i debiti per evitare l'insolvenza e, perciò, non era stato in grado onorare le tasse della corte per un appello.
20. Il 20 febbraio 2004 la Corte di Chuguyiv accolse la richiesta della Società per il rinnovo del tempo-limite ed emise una direttiva nella quale ripeté i motivi della Società per la richiesta ed aggiunse che “la corte considera necessario rinnovare il tempo-limite per l’appello.” La corte fece anche notare che la sua direttiva del 20 febbraio 2004 non era soggetta ad appello.
21. Sulla base della direttiva del 20 febbraio 2004, il Servizio degli Ufficiali giudiziari di Ordzhonikidzevskiy restituì l'ordine di esecuzione della sentenza alla Corte di Chuguyiv il 1 aprile 2004.
22. Il 21 aprile 2004 la Corte d'appello di Kharkiv fece una revisione della sentenza del 5 ottobre 2001, fondata in parte contro il richiedente e nell'altra parte rivide il calcolo del risarcimento richiesto ed assegnò UAH 3.09 al richiedente.
23. Il 29 aprile 2004 il debitore trasferì al servizio dell’ ufficiale giudiziario l'importo che aveva assegnato sotto la decisione del 21 aprile 2004. Secondo il Governo, il richiedente fu informato il 22 giugno 2004 che questo importo era a sua disposizione. Secondo il richiedente lui non ricevette alcuna informazione di questo tipo in quel momento.
24. Il 7 settembre 2004 i procedimenti penali contro l’ufficiale giudiziario V. furono terminati per mancanza di prova di un crimine.
25. Il 15 ottobre 2004 il richiedente depositò un appello in cassazione contro la decisione del 21 aprile 2004 e richiese che il tempo-limite per depositare un appello fosse rinnovato per il fatto che lui non fu presente di fronte alla Corte d'appello e che aveva appreso la decisione sopra solamente il 6 ottobre 2004. Con una direttiva del 29 ottobre 2004, la Corte di Chuguyiv accolse la richiesta del richiedente e rinnovò il tempo-limite per depositare un appello in cassazione.
26. Il 9 novembre 2005 la Corte Suprema annullò la decisione del 21 aprile 2004 per il fatto che la corte d'appello aveva considerato la causa in assenza del richiedente ed aveva rinviato la causa alla corte d'appello per una nuova considerazione.
27. Il 1 marzo 2006 la Corte d'appello di Kharkiv emise una decisione nuova lungo le stesse linee della sua decisione precedente del 21 aprile 2004.
28. Il 12 maggio 2006 la Corte Suprema rifiutò la richiesta del richiedente in merito al permesso di fare appello in cassazione.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Legislazione riguardo ai procedimenti di esecuzione
1. Atto di Moratoria della Vendita Forzata della Proprietà di 29 novembre 2001
29. L'Atto (????? ??????? “??? ???????? ???????i? ?? ????????? ????i???i? ?????”) è atto a proteggere gli interessi Statali nella vendita di beni che appartengono ad imprese nelle quali lo Stato detiene almeno il 25% della quota di capitale. Una moratoria sull'esecuzione dei debiti di sentenza è stata presentata finché il meccanismo per la vendita forzata della proprietà di simili imprese non fosse stato migliorato. Nessun tempo-limite è stato esposto. La Sezione 2 di questo Atto prevede che la proibizione sulla vendita forzata di proprietà includa l'esecuzione degli ordini di esecuzione da parte del Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali su proprietà che appartengono a simili società. L'Atto sospende perciò l'esecuzione di tutti gli ordini di esecuzione da parte del Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali contro i beni delle imprese nei quali lo Stato detiene almeno il 25% della quota del capitale.
2. Atto dei Procedimenti di Esecuzione del 21 aprile 1999
30. Sotto la sezione 2 dell'Atto (????? ??????? “??????????? di ????????? di ???”), l'esecuzione di sentenze è affidata al Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali. Sotto la sezione 85 dell'Atto, un creditore può presentare una lagnanza contro azioni od omissioni del Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali al capo del reparto competente quel Servizio o a una corte locale. La Sezione 86 dell'Atto dà titolo ad un creditore di istituire atti contro un soggetto giuridico, a cui viene affidata l'esecuzione di una sentenza, per l'esecuzione inadeguata o non-esecuzione di quella sentenza, e ricevere il risarcimento.
3. L’Atto del Servizio degli Ufficiali giudiziari statali del 24 marzo 1998
31. La Sezione 11 dell'Atto (????? ??????? “??? ???????? ????????? ??????”) prevede la responsabilità degli ufficiali giudiziari per qualsiasi adempimento inadeguato dei loro doveri, ed il risarcimento per danno causato da un ufficiale giudiziario nell’eseguire una sentenza. Sotto la sezione 13 dell'Atto, degli atti e delle omissioni dell'ufficiale giudiziario possono essere impugnati di fronte ad un ufficiale superiore o alle corti.
B. Legislazione riguardo al tempo-limite
1. Il Codice di Procedura Civile, 1963 (sostituto con un Codice nuovo il 1 gennaio 2005)
32. L’Articolo 68 del Codice prevede il pagamento ritardato delle oneri della corte o il loro pagamento a rate. Questi metodi di pagamento di oneri della corte potrebbero essere concessi da un giudice facendo prendendo in considerazione lo status di proprietà di una parte. Tale proroga o pagamento differito potrebbe essere accordato per un periodo massimo di tre mesi.
33. L’Articolo 89 del Codice prevede che i tempi limite procedurali potrebbero essere prolungati o rinnovati se la corte trovasse ragioni valide per tale proroga o rinnovo. Un rifiuto di rinnovare un tempo-limite era soggetto ad appello.
34. L’Articolo 292 del Codice prevede un periodo di un mese per depositare appelli contro decisioni della corte di prima istanza ed un periodo di quindici giorni per appello contro le sue direttive. Inoltre prevede che questi periodi potrebbero essere rinnovati se la corte trovasse ragioni valide per il loro rinnovo.
2. Altri codici procedurali
35. Il Codice nuovo di Procedura Civile, così come il Codice di Diritto processuale penale ed il Codice della Giustizia Amministrativa offrono disposizioni simili riguardo al rinnovo dei tempi limite procedurali. Comunque, il Codice di Procedura Commerciale limita la possibilità di rinnovo a tre mesi.
LA LEGGE
I. LA RIAPERTURA DEI PROCEDIMENTI GIUDIZIALI E DI ANNULLAMENTO DELLA SENTENZA
36. Il richiedente si lamentò sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione che il rinnovo del tempo-limite per un appello ordinario dopo un considerevole lasso di tempo ed il consecutivo annullando della sentenza del 5 ottobre 2001 aveva violato il principio della certezza giuridica ed aveva prolungato illegalmente i procedimenti giudiziali. Lui si lamentò inoltre sotto l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione di un'interferenza col suo diritto al godimento tranquillo della proprietà. Le parti attinenti di queste disposizioni si leggono come segue:
Articolo 6 § 1
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi..., ognuno è abilitato ad una giusta... udienza all'interno di un termine ragionevole... da [un]... tribunale...”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale...”
A. Ammissibilità
37. La Corte nota che questa lagnanza non è manifestamente mal-fondata all'interno del significato dell’ Articolo 35 § 3 della Convenzione. Nota ulteriormente che non è inammissibile per qualsiasi altro motivi. Deve essere dichiarata perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Argomenti delle parti
38. Il Governo sostenne che la direttiva del 20 febbraio 2004 non aveva cambiato la sentenza del 5 ottobre 2001 ma solamente aveva concesso una sua revisione. Presentò inoltre che la decisione del 21 aprile 2004 da parte della corte d'appello che annullava la sentenza del 5 ottobre 2001 fu annullata successivamente dalla Corte Suprema.
39. Il richiedente non fu d'accordo. Lui sostenne che le ragioni del rinnovo avanzato dalla società imputata erano infondate, in quanto la situazione finanziaria dell'imputato alla fine del 2001 era più che soddisfacente il che potrebbe essere provato da documenti attinenti. Lui notò inoltre che la società imputata prima aveva usato il suo diritto di fare appello contro la sentenza del 5 ottobre 2001. Il richiedente considerò che rinnovando il tempo-limite per un appello ripetuto dopo che un lasso di tempo considerevole la corte nazionale aveva violato il principio della certezza giuridica ed aveva prolungato illegalmente i procedimenti giudiziali.
2. La valutazione della Corte
(a) Articolo 6 della Convenzione
40. La Corte reitera che il diritto ad un'udienza corretta di fronte ad un tribunale come garantito dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione deve essere interpretato alla luce del Preambolo alla Convenzione che dichiara nella sua parte attinente, che l'articolo di legge deve essere parte dell'eredità comune degli Stati Contraenti. Uno degli aspetti fondamentali dell'articolo di legge è il principio di certezza giuridica che presuppone il principio della res judicata cioè il principio della finalità di sentenze. Questo principio sottolinea che nessuna parte è abilitata a chiedere una revisione di una sentenza definitiva e vincolante solamente allo scopo di ottenere un riesame ed una determinazione nuova della causa. Il potere di revisione delle corti più alte dovrebbe essere esercitato per correggere errori giudiziali ed errori giudiziari, ma non per eseguire un esame nuovo. La revisione non dovrebbe essere trattata come un appello mascherato, e la mera possibilità che ci possano essere due prospettive sulla materia non è un fatto per riesame. Una partenza da questo principio è giustificata solamente quando reso necessario da circostanze di un carattere sostanziale ed contingente (vedere, mutatis mutandis, Ryabykh c. Russia, n. 52854/99, § 52 ECHR 2003-X).
41. La Corte nota che la causa presente non concerne una revisione straordinaria della sentenza definitiva e vincolante sotto procedimenti di revisione direttivi o alla luce di circostanze recentemente scoperte (vedere fra le altre autorità, Tregubenko c. Ucraina, n. 61333/00, §§ 34-38 2 novembre 2004; e Pravednaya c. Russia, n. 69529/01, §§ 27-34 18 novembre 2004), ma la riapertura dei procedimenti dopo un lasso di tempo considerevole tramite rinnovo di tempo-limite per un appello all'ordine del giorno. La Corte nota che gli ordinamenti giuridici di molti Stati membro prevedono una possibilità di prolungare i tempi-limite procedurali se ci sono ragioni valide per farlo. Allo stesso tempo, se il tempo-limite per la procedura di appello all'ordine del giorno è rinnovato dopo un lasso di tempo considerevole e per ragioni che non sembrano essere particolarmente persuasive, come nella causa presente una presunta situazione economica difficile che impedisce all'imputato di pagare le tasse della corte (vedere paragrafi 19 e 20 sopra), tale decisione può infrangere il principio della certezza giuridica, in un modo simile ai procedimenti di revisione straordinari. La Corte ammette che è primariamente all'interno della discrezione delle corti nazionali decidere sul rinnovo del tempo-limite per un appello, ma simile discrezione non è illimitata. Le corti saranno costrette ad indicarne le ragioni. Una ragione di questo tipo potrebbe essere, per esempio, un inosservanza da parte delle autorità Statali di informare parti in merito a decisioni prese riguardo alle loro cause. La possibilità di rinnovo poi non sarebbe comunque neanche illimitata, poiché le parti dovrebbero intraprendere dei passi all'interno di intervalli ragionevoli per apprendere lo stato dei procedimenti giudiziali del quale loro sono consapevoli (vedere, mutatis mutandis, Aleksandr Shevchenko c. Ucraina, n. 8371/02, § 27, 26 aprile 2007 e Trukh c. Ucraina ( dec.), n. 50966/99, 14 ottobre 2003)). In ogni causa, le corti nazionali dovrebbero verificare, se le ragioni per rinnovo di un tempo-limite per appello possano giustificare l'interferenza col principio di res judicata, specialmente come nella causa presente, quando la legislazione nazionale non limita la discrezione delle corti o nel tempo o per motivi per il rinnovo dei tempi-limite.
42. La Corte nota che il rinnovo del tempo-limite per la parte avversaria nei procedimenti era stato accordato benché la Società fosse stata consapevole della sentenza del 5 ottobre 2001poco dopo se non immediatamente dopo la sua adozione. Aveva depositato un primo appello nel novembre 2001, ma non fu considerato per un numero di ragioni, un’ inosservanza nel pagare una tassa di corte era solamente una di queste (vedere paragrafo 11 sopra). Due anni più tardi, la Società depositò un nuovo appello, sostenendo che non poteva onorare le tasse della corte al tempo in cui la decisione della corte di prima istanza era aperta per fare appello sotto la legge. La Corte nota che la Società non si riferiva alla mancanza di fondi, ma alla mancanza di fondi liquidi pagare le tasse di corte. Non c'è inoltre, nessuna indicazione che la Società abbia mai chiesto delle proroghe per il pagamento delle tasse di corte o per il pagamento a rate anche se l’ avrebbe potuto fare in base al diritto nazionale (vedere diritto nazionale Attinente sopra). In tale situazione, avendo permesso alla Società di depositare un appello ripetuto dopo un lasso di tempo considerevole e dopo che l’esecuzione della sentenza era cominciata per ragioni che, secondo la Corte, non erano esercitate per correzione di errori giudiziali e seri ed errori giudiziari, ma soltanto per il fine di un riesame ed una nuova decisione della causa, le corti nazionali infransero il principio della certezza giuridica ed il diritto del richiedente “ ad una corte” sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione. C'è stata di conseguenza una violazione di quel l'Articolo.
(b) Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
43. La Corte reitera che l'esistenza di un debito confermato da una sentenza esecutiva e vincolante fornisce al beneficiario della sentenza una “legittima aspettativa” che il debito sarà pagato e costituisce “la proprietà” del richiedente all'interno del significato dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Annullando a tal punto la sentenza è un'interferenza con il suo diritto ad un tranquillo godimento della proprietà (vedere, fra le altre autorità, Brumarescu c. Romania [GC], n. 28342/95, § 74).
44. Il Governo convenne che la sentenza del 5 ottobre 2001 costituì una “ proprietà”, ma sostenne che non c'era stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, in quanto la decisione della Corte d'appello di Kharkiv annullava la sentenza sopra, essendo a sua volta stata annullata dalla Corte Suprema.
45. Il richiedente non era d'accordo.
46. La Corte costata che nella presente causa come risultato della riapertura dei procedimenti l'importo della concessione della sentenza fu ridotto notevolmente. L’annullamento della sentenza esecutiva frustrò la fiducia del richiedente su una decisione giudiziale vincolante e lo spogliarono di un'opportunità di ricevere i soldi che si era legittimamente aspettato di ricevere (vedere paragrafi 20 e 27 sopra).
47. In queste circostanze, la Corte considera, che la riapertura dei procedimenti e l’ annullamento della sentenza del 5 ottobre 2001 misero un carico eccessivo sul richiedente ed erano perciò incompatibili con l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. C'è stata perciò una violazione di quell'Articolo.
II. LA LUNGHEZZA DEI PROCEDIMENTI DI ESECUZIONE
48. Il richiedente si lamentò che le autorità Statali non avevano eseguito la sentenza del 5 ottobre 2001 in tempo dovuto. Lui si appellò all’ Articolo 6 § 1 della Convenzione ed all’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
49. Il Governo sostenne che lo Stato non poteva essere ritenuto responsabile per i debiti della Società, poiché la seconda era una persona giuridica separata e lo Stato aveva una quota minore in questa. Inoltre questa quota fu ridotta dal 25% al 19.99% nel dicembre 2002. L’ Atto della Moratoria della Vendita Forzata della Proprietà non proteggeva perciò più i fondi del debitore dai procedimenti di esecuzione. Sostenne inoltre che il richiedente non aveva esaurito le via di ricorso disponibile a lui sotto il diritto nazionale.
50. Il richiedente sostenne che lui aveva lavorato per la fattoria Statale e che la sua trasformazione conseguente in una società per azioni non sollevò lo Stato dall'obbligo di pagargli i suoi debiti.
51. La Corte nota che quando la sentenza a favore del richiedente fu adottata lo Stato era solamente un azionista minore (25%) della Società imputata. Dopo che la sentenza del 5 ottobre 2001 era divenuta definitiva la Società debitrice era stata protetta dalla legge sulla moratoria per un periodo di tempo relativamente breve -approssimativamente tredici mesi -finché la quota dello Stato fu ridotta a 19.99%. Dopo questo periodo la responsabilità dello Stato non riguardava che il semplice coinvolgimento dei corpi Statali in procedimenti di esecuzione (vedere Shestakov c. Russia ( dec.), n. 48757/99, 18 giugno 2002).
52. Il richiedente impugnò le azioni dell'ufficiale giudiziario sotto il diritto penale ma l'indagine non stabilì nessuna colpa dell'ufficiale giudiziario nella non-esecuzione della sentenza. Ciononostante, il richiedente non è riuscito ad impugnare la decisione del 7 settembre 2004 su conclusione dei procedimenti penali contro l'ufficiale giudiziario di fronte alle corti. Né lui ha depositato una richiesta civile richiedendo danni dall'ufficiale giudiziario per riparare alla non-esecuzione della sentenza a suo favore.
53. La Corte reitera che, come già ha sostenuto in cause simili, legislazione ucraina prevede una possibilità di impugnare di fronte alle corti la legalità di azioni ed omissioni del Servizio degli Ufficiali giudiziari Statali in procedimenti di esecuzione e chiedere danni da quel Servizio per i ritardi nel pagamento dell'importo assegnato (vedere, per esempio, Kukta c. l'Ucraina ( dec.), n. 19443/03, 22 novembre 2005). Nella presente causa, il richiedente non riuscì a fare così e, di conseguenza, non può essere riguardato come se avesse esaurito le via di ricorso nazionali disponibile a lui sotto legge ucraina.
54. Segue che questa lagnanza deve essere respinta facendo seguito all’ Articolo 35 §§ 1, 3 e 4 della Convenzione.
IV. ALTRE LAGNANZE
55. Per ciò che concerne il fatto che il richiedente si lamentò sotto l’Articolo 6 § 1 della Convenzione che lui era assente all’udienza della corte d'appello, la Corte nota che la decisione della Corte d'appello del 21 aprile 2004 fu annullata dalla Corte Suprema per quella stessa ragione. Il richiedente non potrebbe chiedere più perciò, di essere una vittima riguardo a questa lagnanza. Segue che questa lagnanza è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
56. Il richiedente si appellò anche agli Articoli 8 e 14 della Convenzione riguardo ai procedimenti di esecuzione. La lagnanza in base all’Articolo è stata basata sulla dichiarazione del richiedente secondo la quale il debito di sentenza potrebbe essere usato da lui per assicurare un migliore trattamento per suo figlio che stava soffrendo di leucemia ed era morto successivamente, nel marzo 2003. La Corte nota che il richiedente non sollevò queste lagnanze di fronte alle corti nazionali. In ogni caso, le sue dichiarazioni non sono comprovate e non costituiscono una base per una richiesta discutibile di una violazione di questa disposizione. Segue che anche questa parte della richiesta è manifestamente mal-fondata e deve essere respinta in conformità con l’Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
C. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
57. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte constata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale , la Corte può, se necessario, riconoscere la soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
58. Il richiedente chiese UAH 103,110 (equivalenti a 14,133 euro (EUR)) che corrispondevano a UAH 42,086.06 più perdite di inflazione riguardo al danno materiale. Lui disse anche EUR 100,000 in riguardo di danno non-materiale, mentre affermando che suo figlio era morto a causa di cancro perché il richiedente mancò la somma assegnata per migliore trattamento medico per suo figlio.
59. Il Governo trovò queste richieste infondate ed irrilevanti.
60. Riguardo al danno materiale chiesto, la Corte nota, che l'importo assegnato al richiedente dalla corte nazionale 1 marzo 2006 è trascurabile rispetto all'importo originalmente assegnato sotto la sentenza del 5 ottobre 2001. La Corte considera appropriato assegnare al richiedente EUR 5,780 che è l'equivalente dell'importo assegnato a lui dalla corte nazionale sotto la sentenza annullata.
61. Riguardo al danno morale chiesto, la Corte prende la prospettiva che il richiedente ha sofferto del danno morale come un risultato delle violazioni trovate che non può essere riparato con il solo riconoscimento di una violazione da parte della Corte (Tregubenko c. Ucraina, citata sopra, § 63). Ciononostante, l'importo chiesto è eccessivo. Facendo la sua valutazione su una base equa, come richiesto dall’ Articolo 41 della Convenzione, la Corte assegna la somma di EUR 1,000 al richiedente riguardo al danno morale.
B. Costi e spese
62. Il richiedente non presentò alcuna richiesta sotto questo capo all'interno del tempo-limite fissato; la Corte non fa perciò alcuna concessione a questo riguardo.
C. Interesse moratorio
63. La Corte considera appropriato che l'interesse moratorio debba essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea al quale dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE UNANIMAMENTE
1. Dichiara la lagnanza concernente la riapertura dei procedimenti e l'annullamento della sentenza del 5 ottobre 2001 ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e l’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1;
3. Sostiene
(a) che lo Stato convenuto deve pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione
- EUR 5,780 (cinque mila settecento ed ottanta Euro) riguardo al danno materiale;
- EUR 1,000 (mille Euro) riguardo al danno morale, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile;
- essere convertito nella valuta dello Stato convenuto al tasso applicabile nella data dell’ accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo un tasso d’interesse semplice sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;


4. Respinge il resto della richiesta del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesei, e notificò per iscritto 3 aprile 2008, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Claudia Westerdiek Pari Lorenzen
Cancelliere Presidente
1 circa EUR 5,780



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 07/10/2020.