Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF CAPELLINI v. ITALY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI: 6, 37, 39, P1-1

NUMERO: 64009/00/2004
STATO: Italia
DATA: 16/12/2004
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

Conclusion Struck out of the list (friendly settlement)
THIRD SECTION
CASE OF CAPELLINI v. ITALY
(Application no. 64009/00)
JUDGMENT
(Friendly settlement)
STRASBOURG
16 December 2004
This judgment is final but it may be subject to editorial revision.

In the case of Capellini v. Italy,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Mr B.M. Zupančič, President,
Mr J. Hedigan,
Mr L. Caflisch,
Mrs M. Tsatsa-Nikolovska,
Mr V. Zagrebelsky,
Mr E. Myjer,
Mr David Thór Björgvinsson, judges,
and Mr V. Berger, Section Registrar,
Having deliberated in private on 25 November 2004,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 64009/00) against the Italian Republic lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by an Italian national, Mrs D. C. (“the applicant”), on 29 November 2000.
2. The applicant was represented before the Court by Mr M.A. d. S., a lawyer practising in Milan. The respondent Government were represented by their successive Agents, respectively Mr U. Leanza and Mr I.M. Braguglia, and by their successive co-Agents, respectively Mr V. Esposito and Mr F. Crisafulli
3. The applicant complained under Article 1 of Protocol No. 1 that she had been unable to recover possession of her flat within a reasonable time. Invoking Article 6 § 1 of the Convention, she further complained about the length of the eviction proceedings.
4. On 11 March 2004, after obtaining the parties’ observations, the Court (First Section) declared the application admissible.
5. On 28 October 2004 and on 29 October 2004, the applicant and the Government respectively submitted formal declarations accepting a friendly settlement of the case.
6. On 1 November 2004 the Court changed the composition of its Sections (Rule 25 § 1). This case was assigned to the newly composed Third Section (Rule 52 § 1).
THE FACTS
7. The applicant was born in 1956 and lives in Milan.
8. A.C., the applicant’s father, was the owner of a flat in Milan, which he had let to V.S.
9. In a registered letter of 9 November 1990, the applicant’s father informed the tenant that he intended to terminate the lease on expiry of the term on 31 December 1991 and asked him to vacate the premises by that date.
10. The tenant told the applicant’s father that he would not leave the premises.
11. In a writ served on the tenant on 22 January 1991, the applicant’s father reiterated his intention to terminate the lease and summoned the tenant to appear before the Milan Magistrate.
12. By a decision of 21 March 1991, which was made enforceable on 26 March 1991, the Milan Magistrate upheld the validity of the notice to quit and ordered that the premises be vacated by 31 December 1992.
13. On 11 January 1993, the applicant’s father served notice on the tenant requiring him to vacate the premises.
14. On 25 February 1993, he informed the tenant that the order for possession would be enforced by a bailiff on 19 March 1993.
15. Between 19 March 1993 and 18 April 2000, the bailiff made nineteen attempts to recover possession. Each attempt proved unsuccessful, as the applicant’s father and then the applicant were not entitled to police assistance in enforcing the order for possession.
16. In the meanwhile, on 24 August 1993, the applicant’s father died and the applicant inherited the flat.
17. On 14 February 2000, she became party to the proceedings.
18. On 15 June 2000, the applicant recovered possession of the flat.
19. Pursuant to the Pinto Law, on 3 April 2002 the applicant applied to the Brescia Court of Appeal. By decision of 12 June 2002, the Court of Appeal rejected the applicant’s claim. As far as the conduct of the relevant authorities were concerned, the Court of Appeal underlined that the behaviour of the Prefect was in conformity with the criteria fixed by the national law and that after the Law no. 431/98 the expulsion was suspended by other laws. So the delays derived from factum principis and were therefore irrelevant for the purpose of the Pinto Law.
20. The applicant did not appeal to the Court of Cassation.
THE LAW
21. On 29 October 2004, the Court received the following declaration from the Government:
“I declare that the Government of Italy offer to pay 5,717.70 euros (five thousand seven hundred seventeen euros and seventy cents) to Mrs D. C. with a view to securing a friendly settlement of the application registered under no. 64009/00. This sum shall cover any pecuniary and non-pecuniary damage as well as costs, and it will be payable within three months starting from the notification of the judgment delivered by the Court pursuant to Article 39 of the European Convention on Human Rights. This payment will constitute the final resolution of the case. In the event of failure to pay this sum within the said three-month period, the Government undertake to pay, until settlement, simple interest on the amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points.
This declaration does not entail any acknowledgement by the Government of a violation of the European Convention on Human Rights in the present case.
The Government further undertake not to request the referral of the case to the Grand Chamber under Article 43 § 1 of the Convention.”
22. On 28 October 2004, the Court received the following declaration signed by the applicant:
“I note that the Government of Italy are prepared to pay a sum totalling 5,717.70 euros (five thousand seven hundred seventeen euros and seventy cents) covering both pecuniary and non-pecuniary damage and costs to Mrs D. C. with a view to securing a friendly settlement of the application no. 64009/00 pending before the Court.
I accept the proposal and waive any further claims in respect of Italy relating to the facts of this application. I declare that the case is definitely settled.
This declaration is made in the context of a friendly settlement which the Government and applicant has reached.
I further undertake not to request the referral of the case to the Grand Chamber under Article 43 § 1 of the Convention after the delivery of the Court’s judgment.”
23. The Court takes note of the agreement reached between the parties (Article 39 of the Convention). In this connection the Court considers that it has already specified the nature and extent of the obligations which arise for the respondent Government in cases concerning eviction of tenants (see Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, ECHR 1999-V), and the question of the performance of those obligations is currently pending before the Committee of Ministers. Therefore, a continuation of the examination of the present application is not required. In these circumstances the Court accepts that the settlement is based on respect for human rights as defined in the Convention or its Protocols (Article 37 § 1 in fine of the Convention and Rule 62 § 3 of the Rules of Court).
24. Accordingly, the case should be struck out of the list.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Decides to strike the case out of the list;
2. Takes note of the parties’ undertaking not to request a rehearing of the case before the Grand Chamber.
Done in English, and notified in writing on 16 December 2004, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Vincent Berger Boštjan M. Zupančič
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Cancellata dal ruolo (regolamento amichevole)
TERZA SEZIONE
Causa CAPELLINI c. l'Italia
(Richiesta n. 64009/00)
SENTENZA
( regolamento amichevole)
STRASBOURG
16 dicembre 2004
Questa sentenza è definitiva ma può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa di Capellini c. l'Italia,
La Corte europea di Diritti umani (terza Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Il Sig. B.M. Zupančič, Presidente, il
Sig. J. Hedigan, il Sig. L. Caflisch, il Sig.ra M. Tsatsa-Nikolovska, il Sig. V. Zagrebelsky, il Sig. E. Myjer, il Sig. David Thór Björgvinsson, giudici
ed il Sig. V. Berger, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato 25 novembre 2004,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa originò in una richiesta (n. 64009/00) contro la Repubblica italiana depositata per la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino italiano, la Sig.ra D. C. (“il richiedente”), il 29 novembre 2000.
2. Il richiedente fu rappresentato di fronte alla Corte dal Sig. M.A. d. S., un avvocato che pratica a Milano. Il Governo convenuto fu rappresentato dai suoi Agenti successivi, rispettivamente il Sig. U. Leanza ed il Sig. I.M. Braguglia, e dai suoi co-agenti successivi, rispettivamente il Sig. V. Esposito ed il Sig. F. Crisafulli
3. Il richiedente si lagnò sotto l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che lei non era stata capace di recuperare possesso del suo appartamento all'interno di un termine ragionevole. Invocando l’Articolo 6 § 1 della Convenzione, lei ulteriore si lagnò sulla lunghezza dei procedimenti di sfratto.
4. L’11 marzo 2004, dopo avere ottenuto le osservazioni delle parti , la Corte (Prima Sezione) dichiarò la richiesta ammissibile.
5. Il 28 ottobre 2004 e il 29 ottobre 2004, il richiedente ed il Governo rispettivamente presentarono dichiarazioni formali accettando un regolamento amichevole della causa.
6. Il 1 novembre 2004 la Corte cambiò la composizione delle sue Sezioni (Articolo 25 § 1). Questa causa fu assegnata ai di recente composero terza Sezione (Articolo 52 § 1).
I FATTI
7. Il richiedente nacque nel 1956 e vive a Milano.
8. A.C., il padre del richiedente, era il proprietario di un appartamento a Milano che lui aveva affittato a V.S.
9. In una lettera registrata il 9 novembre 1990, il padre del richiedente informò l'inquilino che lui intendeva terminare il contratto d'affitto alla scadenza del termine il 31 dicembre 1991 e chiese a lui di sgombrare i locali per quella la data.
10. L'inquilino disse al padre del richiedente che lui non avrebbe lasciato i locali.
11. In un documento notificato all'inquilino il 22 gennaio 1991, il padre del richiedente reiterò la sua intenzione di terminare il contratto d'affitto e chiamò in causa l'inquilino per apparire di fronte al Magistrato di Milano.
12. Da una decisione del 21 marzo 1991 che fu resa esecutiva il 26 marzo 1991 il Magistrato di Milano sostenne la validità dell'avviso per sgomberare ed ordinò che i locali fossero sgombrati il 31 dicembre 1992.
13. L’ 11 gennaio 1993, il padre del richiedente notificò avviso all'inquilino costringendolo a sgombrare i locali.
14. Il 25 febbraio 1993, lui informò l'inquilino che il mandato per possesso sarebbe stato eseguito da un ufficiale giudiziario il 19 marzo 1993.
15. Tra il 19 marzo 1993 e il 18 aprile 2000, l'ufficiale giudiziario fece diciannove tentativi per recuperare possesso. Ogni tentativo si dimostrò senza successo, siccome il padre del richiedente e poi il richiedente non fu abilitato ad assistenza di polizia nell'eseguire il mandato per possesso.
16. Il 24 agosto 1993 il padre del richiedente morì nel frattempo, ed il richiedente ereditò l'appartamento.
17. Il 14 febbraio 2000, lei divenne parte ai procedimenti.
18. Il 15 giugno 2000, il richiedente recuperò possesso dell'appartamento.
19. Facendo seguito alla Legge Pinto, il 3 aprile 2002 il richiedente fece domanda alla Corte d'appello di Brescia. Dalla decisione del 12 giugno 2002, la Corte d'appello respinse la richiesta del richiedente. Fino a che la condotta delle autorità attinenti erano riguardate, la Corte d'appello sottolineò che il comportamento del Prefetto era in conformità al criterio fissato dalla legge nazionale e che dopo la Legge n. 431/98 l'espulsione è stata sospesa dalle altre leggi. Quindi i ritardi sono derivati da principis del factum ed erano perciò irrilevanti per lo scopo della Legge di Pinto.
20. Il richiedente non fece appello alla Corte di Cassazione.
LA LEGGE
21. Il 29 ottobre 2004, la Corte ricevette la dichiarazione seguente dal Governo:
“Io dichiaro che il Governo di Italia si offre di pagare 5,717.70 euro (cinque mila settecento diciassette euro e settanta centesimi) alla Sig.ra D. C. per una prospettiva per assicurare un regolamento amichevole della richiesta registrata sotto il n. 64009/00. Questa somma coprirà qualsiasi danno pecuniario e non-pecuniario così come i costi, e sarà pagabile entro tre mesi che cominciano dalla notificazione della sentenza consegnata dalla Corte facendo seguito all’Articolo 39 della Convenzione europea su Diritti umani. Questo pagamento costituirà la finale decisione della causa. Nel caso di mancato pagamento di questa somma entro il detto periodo di tre-mesi, lo stato s’impegna a pagare, sino ad accordo l’interesse semplice sull'importo ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale.
Questa dichiarazione non comporta qualsiasi riconoscimento del Governo di una violazione della Convenzione europea sui Diritti umani nella presente causa.
Lo stato s’impegna ulteriormente per non richiedere la raccomandazione della causa alla Grande Camera sotto l’Articolo 43 § 1 della Convenzione.”
22. Il 28 ottobre 2004, la Corte ricevette la seguente dichiarazione firmata dal richiedente:
“Io noto che il Governo dell'Italia è preparato per pagare un importo totale della somma 5,717.70 euro (cinque mila settecento diciassette euro e settanta centesimi) coprendo danno pecuniario e non-pecuniario e costi alla Sig.ra D. C. nella prospettiva di assicurare un regolamento amichevole della richiesta n. 64009/00 pendente di fronte alla Corte.
Io accetto la proposta e rinuncio a qualsiasi le ulteriore richiesta nei confronti dell'Italia relativo ai fatti di questa richiesta. Io dichiaro che la causa è regolata definitivamente.
Questa dichiarazione è resa nel contesto di un regolamento amichevole che il Governo e richiedente hanno raggiunto.
Io ulteriormente m’impegno a non richiedere la raccomandazione della causa alla Grande Camera sotto l’Articolo 43 § 1 della Convenzione dopo la consegna della sentenza della Corte.”
23. La Corte prende nota dell'accordo raggiunto dalle parti (Articolo 39 della Convenzione). In questa connessione la Corte considera che ha già specificato la natura ed estensione degli obblighi che sorgono per il Governo convenuto in cause riguardanti sfratti di inquilini (vedere Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], n. 22774/93, il 1999-V di ECHR), e la questione dell'adempimento di quegli obblighi è attualmente pendente di fronte al Comitato dei Ministri. Perciò, una continuazione dell'esame della presente richiesta non è richiesta. In queste circostanze la Corte accetta che l'accordo è basato sul rispetto per diritti umani come definito nella Convenzione o i suoi Protocolli (l'Articolo 37 § 1 in fine della Convenzione e Articolo 62 § 3 delle Norme della Corte).
24. Di conseguenza, la causa dovrebbe essere cancellata dal ruolo.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE UNANIMAMENTE
1. Decide di cancellare la causa dal ruolo;
2. Prende nota l’impegno delle parti che s’impegnano a non richiedere un riesame della causa di fronte alla Grande Camera.
Fatto in inglese, ed notificato per iscritto 16 dicembre 2004, facendo seguito all’articolo 77 §§ 2 e 3 delle Regole della Corte.
Vincenzo Berger Boštjan M. Zupančič
Cancelliere President




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.