Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF MAGHERINI v. ITALY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI: 41, 35, P1-1

NUMERO: 69143/01/2006
STATO: Italia
DATA: 01/06/2006
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE

Conclusion Violation of Art. 6-1 ; Violation of P1-1 ; Pecuniary damage - claim dismissed ; Non-pecuniary damage - financial award ; Costs and expenses partial award - Convention proceedings
THIRD SECTION
CASE OF MAGHERINI v. ITALY
(Application no. 69143/01)
JUDGMENT
STRASBOURG
1 June 2006
FINAL
01/09/2006
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Magherini v. Italy,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Mr B.M. Zupanèiè, President,
Mr J. Hedigan,
Mr C. Bîrsan,
Mr V. Zagrebelsky,
Mrs A. Gyulumyan,
Mr David Thór Björgvinsson,
Mrs I. Ziemele, judges,
and Mr V. Berger, Section Registrar,
Having deliberated in private on 11 May 2006,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 69143/01) against the Italian Republic lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by two Italian nationals, Mrs A. M. and Mr F. M. (“the applicants”), on 6 March 2001.
2. The applicants were represented by Mr A. A., a lawyer practising in Florence. The Italian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr I.M. Braguglia, and by their co-Agent, Mr F. Crisafulli.
3. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 that they had been unable to recover possession of their flat within a reasonable time. Invoking Article 6 § 1 of the Convention, they further complained about the length of the eviction proceedings.
4. On 18 March 2004 the Court (First Section) declared the application admissible.
5. On 1 November 2004 the Court changed the composition of its Sections (Rule 25 § 1). This case was assigned to the newly composed Third Section.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicants were born in 1957 and 1955 respectively and live in Florence.
A. The eviction proceedings
7. E.M., the applicants’ father, was the owner of a flat in Florence, which he had let to G.B.
8. In a registered letter of 10 October 1988, the applicants’ father informed the tenant that he intended to terminate the lease on expiry of the term on 23 May 1989 and asked him to vacate the premises by that date.
9. The tenant told the owner that he would not leave the premises.
10. In the meanwhile, on 22 February 1989, the applicants’ father died and the applicants inherited the flat.
11. In a writ served on the tenant on 12 December 1990, they reiterated their intention to terminate the lease and summoned the tenant to appear before the Florence Magistrate.
12. By a decision of 12 February 1991, which was made enforceable on the same day, the Florence Magistrate upheld the validity of the notice to quit and ordered that the premises be vacated by 31 January 1992.
13. On 30 January 1992, the applicants served notice on the tenant requiring him to vacate the premises.
14. On 11 March 1992, they informed the tenant that the order for possession would be enforced by a bailiff on 24 April 1992.
15. On 4 April 1992, the applicants made a statutory declaration that they urgently required the premises as accommodation for themselves.
16. Between 24 April 1992 and 28 September 2000, the bailiff made fifteen attempts to recover possession. Each attempt proved unsuccessful, as the applicants were never granted the assistance of the police in enforcing the order for possession.
17. On 12 October 2000, the applicants recovered possession of the flat.
B. The proceedings to seek compensation for damage under Article 1591 of the Civil Code
18. On 19 January 2001 the first applicant sued the tenant before the Florence District Court seeking damages for the loss she had sustained as a result of the tenant’s refusal to quit the flat and because of the flat’s bad condition on restitution. On 11 February 2003 the second applicant sold his share in the flat to the first applicant.
19. During the preparation of the case for trial expert evidence was filed and witnesses were heard.
20. In a judgment of 28 May 2003, the text of which was deposited with the registry on 4 June 2003, the Florence District Court allowed the applicant 2,241.47 euros (EUR) for the works to be carried out in the flat and EUR 25,045.89 for the damage sustained on account of the flat’s unavailability, plus interest and the reimbursement of the costs and expenses.
21. On 7 June 2003 the applicant discovered that the former tenant (G.B.) had sold all his real property to members of his family in 2002. On 11 September 2003, the applicant served notice on G.B. to pay the amount owed. On 14 November 2003 the bailiff made a seizure of G.B.’s goods, but only up to an amount of EUR 1,500 because there was nothing more to be seized.
22. On 21 November 2003 G.B. notified the applicant that he had lodged an appeal with the Florence Court of Appeal. On 25 March 2004 the Court of Appeal rejected G.B.’s claim and ordered him to pay the costs and expenses of the proceedings.
23. On 8 October 2004 the company in charge of the auction by order of the Court (“Istituto Vendite Giudiziarie s.r.l.”) informed the judge that it could not have access to the goods seized because the door of G.B.’s flat was closed or he refused to give the goods and asked the judge to grant the assistance of the police on 16 November 2004. The judge granted the assistance on 11 October 2004.
24. On 30 June 2005 the applicant informed the Court that because of G.B.’s insolvency he had managed to recover only the sums G.B. owed him for the costs and expenses.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
25. The relevant domestic law and practice is described in the Court’s judgments in the cases of Mascolo v. Italy, (no. 68792/01, §§ 14-44, 16.12.2004) and Lo Tufo v. Italy (no. 64663/01, §§ 16-48, ECHR 2005-...).
THE LAW
I. THE GOVERNMENT’S PRELIMINARY OBJECTIONS
A. Non-exhaustion of the Pinto remedy
26. In their observations on the merits, the Government reiterated their objection on grounds of non-exhaustion of domestic remedies. They contested the conclusion of the Court in the Mascolo decision (Mascolo v. Italy (dec), no. 68792/01, 16 October 2003), which was also applied in the present case, and maintained that the Court of Cassation’s judgment of 18 June 2002 proved that a remedy under the Pinto Act was also available in respect of eviction proceedings. The success of other applicants who had used that remedy showed that it was an effective one. In support of their submission, they relied on the above-mentioned judgment of 18 June 2002.
27. The Court notes that it has already dismissed the Government’s objection concerning the existence of a domestic remedy in its admissibility decision of 18 March 2004.
It also points out that in the Mascolo case the Court noted that even for the Government the fact that the Pinto remedy was available for eviction proceedings did not seem to be so obvious, as they had only raised that issue after the judgment of 18 June 2002. Moreover, as in the Mascolo case, in the present case the time-limit for introducing such a remedy expired on 18 April 2002.
28. Therefore, the Court confirms that in those circumstances the applicants were exempted from the obligation to exhaust remedies.
29. The Court considers that the Government based their objection on arguments that were not such as to call into question its decision on admissibility. Accordingly, the objection must be dismissed.
B. Non-exhaustion of the remedy under Article 1591 of the Civil Code
30. In their observations on the merits, the Government argue that domestic remedies had not been exhausted on the grounds that the applicants had failed to seek compensation for damage before the national courts under Article 1591 of the Civil Code.
31. In so far as the Government’s arguments have to be regarded as a preliminary objection, the Court notes that the first applicant did use this remedy and that in any case the objection was not raised, as it could have been, before the admissibility decision. That being the case, the Government are estopped from raising it (see, among other authorities, Nikolova v. Bulgaria [GC], no. 31195/96, § 44, ECHR 1999-II).
32. This objection should accordingly be dismissed.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 AND OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
33. The applicants complained that they had been unable to recover possession of their flat within a reasonable time owing to the lack of police assistance. They alleged a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which provides:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
34. The applicants also alleged a breach of Article 6 § 1 of the Convention, the relevant part of which provides:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal...”
35. The Court has on several previous occasions decided cases raising similar issues as in the present case and found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 and Article 6 § 1 of the Convention (see Immobiliare Saffi, Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, §§ 46-75, ECHR 1999-V; Lunari v. Italy, no. 21463/93, §§ 34-46, 11 January 2001; Palumbo v. Italy, no. 15919/89, §§ 33-48, 30 November 2000).
36. The Court has examined the present case and finds that there are no facts or arguments from the Government, which would lead to any different conclusion in this case. The Court refers to its detailed reasons in the judgments cited above and notes that in this case the applicants have had to wait for eight years and five months before repossessing the flat.
Consequently, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 and of Article 6 § 1 of the Convention in the present case.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
37. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Pecuniary damage
38. In their submissions of 2004, the applicants sought reparation for the pecuniary damage they had sustained, which they put at 40,000 euros (EUR), i.e. the amounts awarded by the national court for the renovation works, for the conduct of the tenant, for the national costs and expenses and the interests.
They produced the fee notes for the proceedings under Article 1591 of the Civil Code. They consider that when the tenant is insolvent the damage due to the length of the non execution should be sustained by the Government.
39. The Government contested the claim. They stressed that the national courts have redressed the material damages sustained by the applicants. The insolvency of the tenant is irrelevant and the Government cannot be responsible for it. Accordingly, their claim must be rejected.
40. The Court observes that the Government have not put forward any argument regarding the possibility that appears to have been developed in the case-law of the Court of Cassation of suing the State for damages following an unjustified lack of police assistance (see Mascolo cited above § 34-44, and Lo Tufo cited above, §§ 37-48).
41. First of all the Court observes that in their letter of 30 June 2005 the applicants admitted that the tenant had paid for the costs and expenses, so this part of their claim must be rejected.
As regards the costs for the renovation works in the flat after possession was recovered, the Court considers that they are not related to the alleged violations. Therefore the Court rejects this part of the applicants’ claim.
42. As regard the other claim, the Court notes that the first applicant has brought an action in the civil courts under Article 1591 of the Civil Code claiming compensation from her former tenant for the loss incurred as a result of the property being returned late. The second applicant has sold his share of the flat to the first applicant, so nothing should be awarded under this head to the second applicant.
The issue in the present case is the damage arising from the unlawful conduct of the tenant, who, irrespective of the State’s cooperation in enforcing the court-ordered eviction, had a duty to return the flat to its owner. The breach of the applicants’ right to peaceful enjoyment of their possessions is above all the consequence of the tenant’s unlawful conduct. The breach of Article 6 § 1 of the Convention committed by the State and found by the Court is a procedural one that occurred after such conduct on the part of the tenant. The Court accordingly notes that the Italian domestic courts have awarded compensation for the material consequences of the breach.
43. Furthermore the Court considers that the insolvency of the tenant cannot be regarded as attributable to the State. Therefore this part of the claim should be dismissed.
B. Non-pecuniary damage
44. The applicants claimed EUR 25,000 for the non-pecuniary damage.
45. The Government submitted the amount claimed was excessive.
46. The Court considers that the applicants must have sustained some non-pecuniary damage which the mere finding of a violation cannot adequately compensate. Therefore, the Court decides, on an equitable basis, to award to each applicant EUR 9,000 under this head.
C. Costs and expenses
47. The applicants sought reimbursement for their costs and expenses before the Court.
48. The Government admitted that the applicants should be granted a reasonable amount for their costs and expenses before the Court.
49. According to the Court’s case-law, an award can be made in respect of costs and expenses only in so far as they have been actually and necessarily incurred by the applicant and are reasonable as to quantum (see Bottazzi v. Italy [GC], no. 34884/97, § 30, ECHR 1999-V). In the present case, on the basis of the information in its possession and the above-mentioned criteria, the Court considers that EUR 3,000 is a reasonable sum and awards each applicant EUR 1,500.
D. Default interest
50. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;
2. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay each of the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final according to Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts:
(i) EUR 9,000 (nine thousand euros) for non-pecuniary damage;
(ii) EUR 1,500 (one thousand five hundreds euros) for legal costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 1 June 2006, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Vincent Berger Boštjan M. Zupanèiè
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Violazione di Art. 6-1; violazione di P1-1; danno Pecuniario - richiesta respinta; danno Non-pecuniario - risarcimento finanziario; Costi e spese risarcimento parziale - procedimenti della Convenzione
TERZA SEZIONE
Causa MAGHERINI c. l'Italia
(Richiesta n. 69143/01)
SENTENZA
STRASBOURG
1 giugno 2006
DEFINITIVO
01/09/2006
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Magherini c. l'Italia,
La Corte europea di Diritti dell'uomo (terza Sezione), riunendosi in una Camera, composta di:
Il Sig. B.M. Zupančič, Presidente, il
Sig. J. Hedigan il Sig. C. Bîrsan, il Sig. V. Zagrebelsky Mrs A. Gyulumyan, il Sig. David Thór Björgvinsson la Sig.ra I. Ziemele, giudici, ed il Sig. V. Berger, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 11 maggio 2006,
Consegna la sentenza seguente che fu adottata il quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 69143/01) contro la Repubblica italiana depositata alla Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti dell'uomo e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) per due cittadini italiani, la Sig.ra A. M. ed il Sig. F. M. (“i richiedenti”), il 6 marzo 2001.
2. I richiedenti furono rappresentati da il Sig. A. A., un avvocato che pratica in Firenze. Il Governo italiano (“il Governo”) fu rappresentato dal loro Agente, il Sig. I.M. Braguglia, e per il loro co-agente, il Sig. F. Crisafulli.
3. I richiedenti si lagnarono sotto l’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 che loro non erano stati capaci di recuperare la proprietà del loro appartamento entro di un termine ragionevole. Invocando l’Articolo 6 § 1 della Convenzione, loro si lagnarono ulteriormente della lunghezza dei procedimenti di sfratto.
4. Il 18 marzo 2004 la Corte (Prima la Sezione) dichiarò la richiesta ammissibile.
5. Il 1 novembre 2004 la Corte cambiò la composizione delle sue Sezioni (Articolo 25 § 1). Questa causa fu assegnata alla terza Sezione ricomposta di recente.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1957 e 1955 e vivono in Firenze.
A. I procedimenti di sfratto
7. E.M., il padre dei richiedenti, era il proprietario di un appartamento in Firenze che lui aveva affittato a G.B.
8. In una lettera registrata il 10 ottobre 1988, il padre dei richiedenti informò l'inquilino che lui ha inteso terminare il contratto d'affitto alla scadenza del termine il 23 maggio 1989 e chiese a lui di sgombrare i locali per quella data.
9. L'inquilino disse al proprietario che lui non avrebbe lasciato i locali.
10. Nel frattempo, il 22 febbraio 1989, il padre dei richiedenti morì ed i richiedenti ereditarono l'appartamento.
11. In un documento presentato all’ inquilino il 12 dicembre 1990, loro reiterarono la loro intenzione di terminare il contratto d'affitto e chiamarono in causa l'inquilino per apparire di fronte al Magistrato di Firenze.
12. Per una decisione del 12 febbraio 1991 che fu fatta esecutoria lo stesso giorno il Magistrate di Firenze sostenne la validità dell'avviso per sgomberare ed ordinò che i locali fossero sgombrati entro il 31 gennaio 1992.
13. Il 30 gennaio 1992, i richiedenti presentarono avviso all’ inquilino che lo costringeva a sgombrare i locali.
14. L’11 marzo 1992, loro informarono l'inquilino che l'ordinativo per possesso sarebbe stato eseguito da un ufficiale giudiziario il 24 aprile 1992.
15. Il 4 aprile 1992, i richiedenti fecero una dichiarazione legale e richiesero urgentemente i locali come sistemazione per loro.
16. Tra il 24 aprile 1992 e il 28 settembre 2000, l'ufficiale giudiziario fece quindici tentativi di recuperare la proprietà. Ogni tentativo si dimostrò senza successo, siccome ai richiedenti non fu accordata mai l'assistenza della polizia nell'eseguire l'ordinativo per proprietà.
17. Il 12 ottobre 2000, i richiedenti recuperarono proprietà dell'appartamento.
B. I procedimenti per chiedere indennizzo per danno sotto Articolo 1591 del Codice civile
18. Il 19 gennaio 2001 il primo richiedente ha citato l'inquilino di fronte alla Corte distrettuale di Firenze chiedendo danni per la perdita che aveva sostenuto come un risultato del rifiuto dell'inquilino di sgomberare l'appartamento ed a causa della cattiva condizione dell'appartamento alla restituzione. L’11 febbraio 2003 il secondo richiedente vendette la sua quota nell'appartamento al primo richiedente.
19. Durante la preparazione della causa fu registrata una prova di consulenza tecnica e testimoni furono sentiti.
20. In una sentenza del 28 maggio 2003, il testo del quale fu depositato alla cancelleria il 4 giugno 2003, la Corte distrettuale di Firenze concedette al richiedente 2,241.47 euro (EUR) per i lavori che dovevano essere eseguiti nell'appartamento ed EUR 25,045.89 al motivo del danno sostenuto per l’indisponibilità dell'appartamento, più interesse ed il rimborso dei costi e spese.
21. Il 7 giugno 2003 il richiedente scoprì che il primo inquilino (G.B.) aveva venduto tutti i suoi beni immobili a membri della sua famiglia nel 2002. L’11 settembre 2003, il richiedente presento avviso a G.B. di pagare la somma dovuta. Il 14 novembre 2003 l'ufficiale giudiziario fece un sequestro dei beni di G.B., ma solamente fino ad una somma di EUR 1,500 perché non c'era niente più per essere preso.
22. Il 21 novembre 2003 G.B notificò al richiedente che lui aveva depositato un ricorso presso la Corte d'appello di Firenze . Il 25 marzo 2004 la Corte d'appello respinse il reclamo di G.B. e ordinò che lui pagasse i costi e spese dei procedimenti.
23. L’8 ottobre 2004 la società in carica della vendita all'asta per ordinativo della Corte (“Istituto Vendite Giudiziarie s.r.l.”) informato il giudice che non aveva potuto avere accesso ai beni sequestrati perché la porta dell’ appartamento di G.B. era chiusa o lui rifiutò di dare i beni e chiese al giudice di accordare l'assistenza della polizia il 16 novembre 2004. Il giudice accordò l'assistenza l’11 ottobre 2004.
24. Il 30 giugno 2005 il richiedente informò la Corte che a causa della decozione di G.B. lui era riuscito a recuperare solamente le somme che G.B. gli dovuto per i costi e spese.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
25. Il diritto nazionale attinente e la pratica sono descritti nelle sentenze della Corte nelle cause di Mascolo c. l'Italia, (n. 68792/01, §§ 14-44 16.12.2004) ed Lo Tufo c. l'Italia (n. 64663/01, §§ 16-48 ECHR 2005 -...).
LA LEGGE
I. LE OBIEZIONI PRELIMINARI DEL GOVERNO
A. La Non - esaurimento di della via di ricorso di Pinto
26. Nelle loro osservazioni sui meriti, il Governo reiterò la loro obiezione sui motivi del non-esaurimento di vie di ricorso nazionali. Loro contestarono la conclusione della Corte nella decisione Mascolo (Mascolo c. l'Italia (il dec), n. 68792/01, 16 ottobre 2003) che fu applicata anche nella causa presente e sostenne che la sentenza della Corte di Cassazione del18 giugno 2002 provò che una via di ricorso sotto l'Atto Pinto era anche disponibile rispetto ai procedimenti di sfratto. Il successo di altri richiedenti che avevano usato quella via di ricorso mostrò che era valido. In appoggio della loro osservazione, loro fecero affidamento sulla sentenza summenzionata del 18 giugno 2002.
27. La Corte nota che già ha respinto l'obiezione del Governo riguardo all'esistenza di una via di ricorso nazionale nella sua decisione di ammissibilità di 18 marzo 2004.
Indica anche che nella causa di Mascolo la Corte notò persino per il Governo il fatto che la via di ricorso di Pinto era disponibile per procedimenti di sfratto non sembrava essere così ovvio, siccome loro avevano sollevato quel problema solamente dopo la sentenza del 18 giugno 2002. Inoltre, come nella causa di Mascolo, nella presente causa il tempo-limite per presentare tale via di ricorso era scaduto il 18 aprile 2002.
28. Perciò, la Corte conferma che in quelle circostanze i richiedenti sono stati esentati dall'obbligo di esaurire la via di ricorso.
29. La Corte considera che il Governo basò la sua obiezione su argomenti che non erano tali da chiamare in causa la sua decisione sull'ammissibilità. Di conseguenza, l'obiezione deve essere respinta.
B. Il non - esaurimento della via di ricorso sotto l’Articolo 1591 del Codice civile
30. Nelle loro osservazioni sui meriti, il Governo dibatte, che le vie di ricorso nazionali non erano state esaurite per il fatto che i richiedenti non erano riusciti a chiedere indennizzo per danno di fronte alle corti nazionali sotto l’Articolo 1591 del Codice civile.
31. In quanto gli argomenti del Governo devono essere considerati un'obiezione preliminare, la Corte nota che il primo richiedente usò questa via di ricorso e che la difficoltà non fu sollevata in ogni caso, come avrebbe potuto essere, di fronte alla decisione di ammissibilità. Essendo così il caso, il Governo è precluso dal sollevarla (vedere, fra le altre autorità, Nikolova c. la Bulgaria [GC], n. 31195/96, § 44 ECHR 1999-II).
32. Questa obiezione dovrebbe essere respinta di conseguenza.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 E DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
33. I richiedenti si lagnarono che loro non erano stati capaci di recuperare proprietà del loro appartamento all'interno di un termine ragionevole dovuto alla mancanza di assistenza di polizia. Loro dichiararono una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che prevede:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata alla fruizione tranquilla delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per legge e per i principi generali di diritto internazionale.
Comunque, i provvedimenti precedenti non possono in alcun modo danneggiare il diritto di un Stato per eseguire tali leggi siccome ritiene necessario controllare l'utilizzazione di proprietà in concordanza con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni.”
34. I richiedenti dichiararono anche un'infrazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione, la parte attinente del quale prevede:
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi..., ognuno è abilitato un... udienza all'interno di un termine ragionevole da [un]... tribunale...”
35. La Corte ha in molte occasioni precedenti deciso cause che sollevavano problemi simili come nella causa presente e trovò una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 e dell’Articolo 6 § 1 della Convenzione (vedere Immobiliare Saffi, Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], n. 22774/93, §§ 46-75 il 1999-V di ECHR; Lunari c. l'Italia, n. 21463/93, §§ 34-46 11 gennaio 2001; Palumbo c. l'Italia, n. 15919/89, §§ 33-48 30 novembre 2000).
36. La Corte ha esaminato la causa presente e scoperte che non ci sono nessuno fatti o argomenti del Governo che condurrebbe ad alcuna conclusione diversa in questa causa. La Corte si riferisce alle sue ragion particolareggiate nelle sentenze citate sopra e nota che in questa causa i richiedenti hanno dovuto aspettare otto anni e cinque mesi prima di recuperare l'appartamento.
C'è stata di conseguenza, una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 e dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione nella causa presente.
III. LA RICHIESTA DELL’ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
37. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte scopre che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli inoltre, e se la legge interna della Parte Contraente ed Alta concernente permette di essere fatta una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere alla vittima una soddisfazione equa.”
A. Danno pecuniario
38. Nelle loro osservazioni del 2004, i richiedenti chiesero riparazione per il danno pecuniario che loro avevano sostenuto, che fissarono a 40,000 euro (EUR), cioè le somme date dalla corte nazionale per il lavoro di rinnovamento , per la condotta dell'inquilino, per i costi nazionali e spese e gli interessi.
Loro produssero disitnte di onorario per i procedimenti sotto l’Articolo 1591 del Codice civile. Loro considerano che quando l'inquilino è insolvente il danno dovuto alla lunghezza della non esecuzione dovrebbe essere sostenuto dal Governo.
39. Il Governo contestò la richiesta. Sottolineò che le corti nazionali hanno compensato i danni materiali sostenuti dai richiedenti. La decozione dell'inquilino è irrilevante ed il Governo non può essere responsabile per lui. Di conseguenza, la loro richiesta deve essere respinta.
40. La Corte osserva che il Governo non ha messo in avanti argomento riguardo alla possibilità che sembra essere stata sviluppata nella causa-legge della Corte di Cassazione di citare lo Stato per danni conseguenti una mancanza ingiustificata di assistenza di polizia (vedere Mascolo citò sopra di § 34-44, ed Lo Tufo citò sopra di, §§ 37-48).
41. Prima di tutto la Corte osserva che nella loro lettera di 30 giugno 2005 i richiedenti ammettono che l'inquilino aveva pagato per i costi e spese, così questa parte della loro richiesta deve essere respinta.
Riguardo i costi per i lavori di rinnovamento nell'appartamento dopo che fu recuperata la proprietà, la Corte considera che loro non sono riferiti alle violazioni addotte. Perciò la Corte respinge questa parte della richiesta dei richiedenti.
42. Riguardo all'altra richiesta, la Corte nota che il primo richiedente ha intentato un'azione nelle corti civili sotto l’Articolo 1591 del Codice civile che chiede indennizzo dal suo primo inquilino per la perdita incorsa come un risultato della proprietà che viene restituita tardi. Il secondo richiedente ha venduto la sua quota dell'appartamento al primo richiedente, così nulla dovrebbe essere dato sotto questo capo al secondo richiedente.
Il problema nella causa presente è il danno che sorge dalla condotta illegale dell'inquilino che, irrispettoso della cooperazione dello Stato nell'eseguire lo sfratto ordinato dalla corte, aveva un dovere di restituire l'appartamento al suo proprietario. L'infrazione del diritto dei richiedenti alla tranquilla fruizione delle loro proprietà è soprattutto la conseguenza della condotta illegale dell'inquilino. L'infrazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione commesso dallo Stato e trovato dalla la Corte è una di tipo procedurale che accadde dopo tale condotta da parte dell'inquilino. La Corte di conseguenza nota che le corti nazionali italiane hanno dato indennizzo per le conseguenze materiali dell'infrazione.
43. Inoltre la Corte considera che la decozione dell'inquilino non può essere riguardata come attribuibile allo Stato. Perciò questa parte della richiesta dovrebbe essere respinta.
B. Danno non -pecuniario
44. I richiedenti chiesero EUR 25,000 per il danno non-pecuniario.
45. Il Governo sostenne che la somma chiesta era eccessiva.
46. La Corte considera che i richiedenti hanno dovuto sostenere un danno non-pecuniario che il ritrovamento mero di una violazione non può compensare adeguatamente. Perciò, la Corte decide, su una base equa, di dare ad ogni richiedente EUR 9,000 sotto questo capo.
C. Costi e spese
47. I richiedenti chiesero rimborso per i loro costi e spese di fronte alla Corte.
48. Il Governo ammise che ai richiedenti dovrebbe essere accordata una somma ragionevole per i loro costi e spese di fronte alla Corte.
49. Secondo la causa-legge della Corte, un risarcimento può essere fatto solamente finora in rispetto di costi e spese solo se davvero e necessariamente sono incorsi per il richiedente e sono stati ragionevoli rispetto a un quantum (vedere Bottazzi c. l'Italia [GC], n. 34884/97, § 30 il 1999-V di ECHR). Nella presente causa, sulla base delle informazioni in sua proprietà ed il criterio summenzionato la Corte considera che EUR 3,000 è una somma ragionevole e dà EUR 1,500 ad ogni richiedente.
D. Interesse di mora
50. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso del prestito marginale della Banca Centrale europea al quale dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE UNANIMAMENTE
1. Ritiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1;
2. Ritiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;
3. Ritiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare ognuno dei richiedenti, entro tre mesi dalla data alla quale la sentenza diviene definitiva secondo l’Articolo 44 § 2 della Convenzione le somme seguenti:
(i) EUR 9,000 (nove mila euro) per danno non-pecuniario;
(l'ii) EUR 1,500 (mille cinque cento euro) per spese processuali e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino alla liquidazione l’ interesse semplice sarà pagabile sulle somme ad una percentuale uguale al tasso del prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo moratorio più tre punti percentuale;
4. Respinge il resto della richiesta dei richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 1 giugno 2006, secondo l’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli della Corte.
Vincenzo Berger Boštjan M. Zupančič
Cancelliere Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.