CASO: CASO LYSAK c. POLONIA

Testo originale e tradotto della sentenza selezionata

Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASO LYSAK c. POLONIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41,P1-1

NUMERO: 1631/16
STATO: Polonia
DATA: 07/10/2021
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION

CASE OF LYSAK v. POLAND

(Application no. 1631/16)







JUDGMENT
(Merits)



Art 1 P1 • Control of the use of property • Individual and excessive burden imposed on applicant as a result of protracted impoundment of his merchandise for the purpose of criminal proceedings into allegations of trading counterfeit clothes • Domestic courts’ failure to evaluate relevant circumstances and sufficiently consider less intrusive measures • Fair balance between competing interests upset



STRASBOURG

7 October 2021



This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of ?ysak v. Poland,

The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:

Ksenija Turkovi?, President,
Péter Paczolay,
Krzysztof Wojtyczek,
Alena Polá?ková,
Gilberto Felici,
Erik Wennerström,
Raffaele Sabato, judges,
and Renata Degener, Section Registrar,

Having regard to:

the application against the Republic of Poland lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Polish national, Mr Wojciech ?ysak (“the applicant”), on 21 December 2015;

the decision of 27 March 2018 to give notice to the Polish Government (“the Government”) of the complaint concerning Article 1 of Protocol No. 1, and to declare inadmissible the remainder of the application;

the parties’ observations;

Having deliberated in private on 21 September 2021,

Delivers the following judgment, which was adopted on that date:

INTRODUCTION

1. The case concerns the protracted impoundment of merchandise for the purpose of criminal proceedings concerning allegations of trading counterfeit clothes without the applicant being charged.

THE FACTS

2. The applicant was born in 1984 and lives in Katowice. He was represented by Mr K. Grochalski, a lawyer practising in Czelad?. The Government were represented by their Agent, Ms J. Chrzanowska and, subsequently, by Mr J. Sobczak, of the Ministry of Foreign Affairs.

3. The facts of the case, as submitted by the parties, may be summarised as follows.

INVESTIGATION CONCERNING THE APPLICANT’S MERCHANDISE
4. The applicant ran a wholesale clothing business selling branded clothes.

5. On 21 February 2013 the police searched his business premises and seized 582 items of his merchandise (brands B. and G.) in relation to a criminal investigation in rem (that is, without a designated suspect) into allegations of trading in counterfeit clothes, a criminal offence under section 305 of the Industrial Property Act (Prawo w?asno?ci przemys?owej).

6. On 28 February 2013 the Sosnowiec District Prosecutor (Prokurator Rejonowy) authorised the above-mentioned search.

7. On 11 March 2013 a witness testified that the clothes seized were counterfeit. On various dates, the authorities were informed by representatives of the B., G. and T.H. brands that the companies’ internal checks had proved that the clothes being sold by the applicant were counterfeit.

8. On 24 April 2013 additional merchandise (brands B., G. and T.H.) was seized under an order of 22 April 2013 issued by the District Prosecutor.

9. Altogether, 582 items of the applicant’s merchandise by brands B., G., and T.H. were seized by the police (case no. 3 Ds 217/13, subsequently, 3 Ds 605/14).

10. On 13 May 2013 the police issued a decision classifying the enumerated items of merchandise, which had been impounded in February and April, as evidence in the criminal investigation on suspicion of the items being counterfeit.

11. On 28 May 2013 the applicant lodged an interlocutory appeal against this decision, arguing that the suspicion was ill-founded. On the same date, the applicant also lodged a formal complaint against the District Prosecutor. The complaint was dismissed by the Sosnowiec Regional Prosecutor (Prokurator Okr?gowy) as ill-founded on 12 June 2013. A copy of that decision was not submitted to the Court.

12. On 3 June and 18 July 2013, the authorities ordered a report from an expert to establish whether the merchandise seized from the applicant bore genuine or counterfeit trademarks. The report was produced on an unspecified date. A copy of it has not been submitted to the Court. The applicant claims that the report was inconclusive. In the Government’s submission, the expert concluded that the trademarks of all three brands which had been printed on the seized clothes were identical to the genuine trademarks. The expert had nevertheless suspected that the clothes might be counterfeit and, that being the case, he had recommended that they be examined further by the brands’ representatives or by a specialised expert.

13. On 28 August 2013 the Sosnowiec District Court (S?d Rejonowy) dismissed the applicant’s interlocutory appeal as groundless. The court relied on the opinion of the expert who had concluded that the trademarks on the clothes in question might be fake. The court also observed that the investigation had been carried out with some delay.

14. In the meantime, on various dates in July 2013, representatives of the three brands had examined the photographs of the clothes seized and concluded that the respective items were fake.

15. Subsequently, the investigative authorities revealed that the suppliers the applicant had sourced his trademarks from were not authorised distributors of the T.H. or B. brands.

16. On 30 December 2013 the District Prosecutor discontinued the investigation (3 Ds 217/13) concerning the clothes of all three brands. It was concluded that although the clothes in question were unequivocally counterfeit, it was impossible to establish beyond reasonable doubt that the applicant had acted with criminal intent. In other words, the applicant was considered to have acted in ignorance (“w b??dzie”) and not intentionally. The elements of the criminal offence of the distribution of counterfeit merchandise were therefore not fulfilled. It was noted that the applicant could nevertheless be liable under the civil law.

17. On 23 May 2014 the Sosnowiec District Court quashed that decision and remitted the case for further investigation.

18. On 2 July 2014 the District Prosecutor authorised another search of the applicant’s business premises and the seizure of his business records.

19. On 3 and 7 July 2014 these items were classified as evidence.

20. On 9 July 2014 the applicant lodged an interlocutory appeal against the prosecutor’s decision and asked that the items be returned.

21. On 10 September 2014 the Sosnowiec District Court dismissed this appeal, holding that the records were necessary for the investigation.

22. On 25 November 2014 the investigation was stayed as the authorities were awaiting evidence they had sought abroad.

23. On 1 December 2014 and 18 May 2015, the applicant asked the prosecutor to return to him the material evidence that had been the subject of the decision of 13 May 2013, arguing that the merchandise was no longer needed for the investigation.

24. On 16 December 2014 and 8 June 2015, respectively, the District Prosecutor informed the applicant by letters that his requests could not be granted because the investigation had been stayed, awaiting the results of activities being carried out in the framework of international cooperation.

25. On an unspecified date, a new expert report was produced. It concluded that the clothes in question were counterfeit.

26. On an unspecified date in 2016, the case concerning the clothes of the T.H. brand was severed. On 26 February 2018 the Sosnowiec District Court acquitted the applicant of the offence of distributing counterfeit T.H. clothes. On 7 September 2018 the Katowice Court of Appeal (S?d Apelacyjny) upheld that judgment. The reasoning of these judgments has not been provided.

27. In June 2017 the Italian authorities informed the Polish prosecutor that they could not find the person sought for the purposes of the ongoing criminal investigation.

28. In October 2017 a French national was heard in the case.

29. The investigation in respect of B. and G. clothes appears to be still ongoing. The applicant, who has not been charged, appears to continue to have witness status.

THE APPLICANT’S CIVIL CASE
30. On 15 October 2013 the applicant sued the Sosnowiec District Court, seeking 24,000 Polish zlotys (approximately 6,000 euros) in compensation on account of the protracted seizure of his property.

31. On 17 April 2014 the Sosnowiec District Court dismissed this action.

32. On 18 March 2015 the Katowice Regional Court dismissed the applicant’s subsequent appeal.

RELEVANT LEGAL FRAMEWORK AND PRACTICE

USE OF FORGED TRADEMARKS AND DISTRIBUTION OF COUNTERFEIT MERCHANDISE
33. Marking merchandise destined for trade with forged trademarks and trading counterfeit merchandise are prohibited under section 305 of the Industrial Property Act. A person who intentionally engages in such trade is criminally liable to a fine or up to two years’ imprisonment, or, in the event of large-scale trade, from six months to five years’ imprisonment.

OWNERSHIP AND SEIZURE OF PROPERTY
34. Article 64 of the Constitution reads:

“1. Everyone shall have the right to ownership, other property rights and the right of succession.

2. Everyone, on an equal basis, shall receive legal protection regarding ownership, other property rights and the right of succession.

3. The right of ownership may only be limited by means of a statute and only to the extent that it does not violate the substance of such right.”

35. Pursuant to Article 217 § 1 of the Code of Criminal Procedure (Kodeks Post?powania Karnego; “CCP”), objects to be used as evidence in a criminal case or for the purposes of securing the payment of fines may be seized by the police or by the prosecuting authorities.

36. Injunctions on the property of suspects or the accused (but not of witnesses) are regulated in Articles 291 to 295 of the CCP.

37. In particular, under Article 294 the security measure becomes invalid if a criminal court does not order any fine, forfeiture, compensation or redress, and if a related civil action has not been lodged within three months from the date when the criminal court’s decision has become final. In the event that such a civil case has been instituted, the injunction remains in force unless the civil court decides otherwise.

38. Moreover, Article 299 § 1 of the CCP provides that, in the preliminary proceedings, a victim and a suspect are parties to the proceedings. Under Article 302 of the CCP, persons who are not parties are entitled to lodge interlocutory appeals against decisions (postanowienia), orders (zarz?dzenia) and other activities of the prosecutor which breach their rights.

39. The return of seized property is regulated under Article 230 § 2 of the CCP in the following terms:

“2. The seized objects shall be returned as soon as they are found to no longer be needed for the criminal proceedings. ...”

40. Lastly, if a person is convicted of the offence of marking merchandise destined for trade with counterfeit trademarks or trading counterfeit merchandise, forfeiture of the merchandise may be ordered by the court pursuant to section 306 of the Industrial Property Act.

STATE LIABILITY FOR DAMAGE
41. Article 77 § 1 of the Constitution reads:

“Everyone shall have the right to compensation for any harm done to him by any action of an organ of public authority which is contrary to the law.”

42. Article 417 § 1 of the Civil Code (Kodeks Cywilny) lays down a general rule on State liability for damage caused by a public authority. The relevant part of this provision reads as follows:

“The State Treasury ... shall be liable for any damage caused by an unlawful act or omission [committed] in connection with the exercise of public authority.”

43. Article 4171 § 3 of the Civil Code reads as follows:

“If damage has been caused by failure to give a ruling [orzeczenie] or decision [decyzja] where there is a statutory duty to give one, reparation for [the damage] may be sought after it has been established in the relevant proceedings that the failure to give a ruling or decision was contrary to the law, unless otherwise provided for by other specific provisions.”

44. “Damage” as referred to in these provisions means pecuniary damage, which is defined in Article 361 § 2 of the Civil Code as “losses and lost profits, which an aggrieved party could have made if he had not sustained damage”.

45. In the practice of the domestic courts, a claim under Article 4171 of the Civil Code does not arise unless the unlawfulness of the action or omission resulting in damage has been declared in separate proceedings (prejudykat) (see judgment no. IC 342/16 of 2 February 2017 of the S?upsk Regional Court).

IMPLIED WARRANTY FOR DEFECTS UNDER THE CIVIL LAW
46. Purchase of counterfeit merchandise, which the buyer expected to be genuine, gives rise to the seller’s liability under the regime of implied warranty for defects and, potentially, contractual liability (Articles 556 et seq. of the Civil Code).

47. In particular, a seller is liable to the buyer if the object sold has a legal or physical defect (Article 556 of the Civil Code). A physical defect is defined as failure of the object sold to comply with the contract. An object sold is non-compliant with the contract if, for example, it does not have the properties described by the seller to the buyer (Article 5561 § 2 of the Civil Code). The term “defect” is interpreted broadly and includes the lack or existence of properties, contrary to the seller’s assurances, regardless of whether this has an impact on the usefulness or the value of the purchased item (see the judgment of 31 May 2017 of the Supreme Court in case no. V CSK 506/16).

48. Article 560 of the Civil Code entitles the buyer either to demand a price reduction or to withdraw from the purchase agreement (odst?pienie), in the event of purchasing a defective object.

49. The exercise of the buyer’s rights defined in Article 560 of the Civil Code is subject to limitations if the purchase agreement was concluded between entrepreneurs (in contrast to situations where the item was purchased by a consumer). Under Article 563 of the Civil Code, in such cases the buyer’s right to demand a price reduction or to withdraw from the purchase agreement expires if he has failed to examine the object in time and in the manner usually accepted when purchasing similar items. Moreover, the buyer must notify the seller of the defects discovered without undue delay. In the event of the defect being discovered at a later stage, the seller must be notified without undue delay after its discovery.

CIVIL LIABILITY FOR TRADEMARK INFRINGEMENT
50. Under section 296 (1) of the 2000 Industrial Property Act, a trademark owner is entitled to bring an action against a person who has committed trademark infringement. The plaintiff can seek the cessation of the infringement, the return of unlawfully obtained benefits and, in cases of intentional violations, compensation.

51. Where such an action is granted, the court may order the destruction of the counterfeit merchandise, pursuant to an application being lodged by the trademark owner (section 286 of the Industrial Property Act).

52. The Industrial Property Act does not require that the person committing trademark infringement be convicted of the offence of trading counterfeit merchandise before a civil action can be lodged. Where a final criminal judgment has been delivered, it binds all domestic courts in civil proceedings (Article 11 of the Code of Civil Procedure).

53. The statute of limitations for actions arising out of trademark infringements (namely, actions based on section 296 of the Industrial Property Act) is three years from the day on which the owner became aware of the infringement and of the identity of the person responsible. In any event, such claims become time-barred after five years from the day on which the infringement took place (section 299 of the Industrial Property Act).

THE LAW

ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
54. The applicant complained under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention of the unjustified and unnecessarily protracted control of the use of his property. The provision in question reads as follows:

“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.

The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”

Admissibility
55. The Government raised a preliminary objection, arguing that the application was inadmissible for non-exhaustion of domestic remedies.

56. Firstly, in their view, the application was premature because the criminal investigation concerning the applicant was still ongoing.

57. The Government submitted that, even if the criminal investigation were ultimately to be discontinued, the seizure measure could be maintained for the purpose of any potential criminal case under the other limb of section 305 of the Industrial Property Act, namely, for the offence of marking merchandise destined for trade with forged trademarks. Another possibility was for the authorities to order forfeiture. If the case was discontinued in the pre-trial stage, the prosecutor would have to decide on the items seized, and the applicant would have the right to appeal against any such decision.

58. The Government also pointed to another possible outcome, namely, the brands concerned could sue the applicant under the civil law under section 296(1) of the Industrial Property Act. The security measure would therefore possibly remain in force. Ultimately, the applicant would be able to challenge any court decision delivered in the course of such proceedings.

59. Secondly, the Government argued that the applicant, instead of lodging a formal complaint against the District Prosecutor, should rather have withdrawn from the contract with his suppliers under the law on civil liability for implied warranty for defects, or, alternatively, he should have sued them under the general provisions on civil liability for damage (Article 417 of the Civil Code).

60. The applicant did not make any comments in respect of the above?mentioned preliminary objection by the Government.

61. The Court reiterates that normal recourse should be had by an applicant to remedies which are available and sufficient to afford redress in respect of the breaches alleged. The existence of the remedies in question must be sufficiently certain not only in theory but in practice, failing which they will lack the requisite accessibility and effectiveness. However, there is no obligation to have recourse to remedies which are inadequate or ineffective (see Demopoulos and Others v. Turkey (dec.) [GC], nos. 46113/99 and 7 others, § 70, ECHR 2010, with further references).

62. Turning to the present case, the Court observes that the applicant complained that on 21 February and 24 April 2013 the authorities had seized 582 items of his merchandise and classified them as evidence in a criminal investigation into allegations of trading counterfeit clothes (see paragraphs 5, 8 and 10 above). The measure was authorised by the prosecutor under Article 217 § 1 of the CCP (see paragraphs 6, 8 and 35 above). The ensuing proceedings, which initially concerned three brands, were ultimately split into two separate sets (see paragraph 26 above). In respect of trading counterfeit clothes of the B. and G. brands, the applicant has had witness status (see paragraph 28 above). In respect of trading counterfeit clothes of the T.H. brand, the applicant was ultimately charged and then acquitted (see paragraph 26 above). Be it as it may, in light of information in the Court’s possession, none of the items seized have been returned to the applicant.

63. Moreover, the Court notes that the applicant appealed against the decision on the classification of the merchandise seized as evidence. He also lodged a formal complaint concerning the actions of the prosecutor in respect of the search and seizure. These remedies were to no avail. The authorities found that the search and seizure were lawful and not marked by any procedural shortcomings. The decision to classify the items seized as evidence was considered justified in the light of the expert’s conclusions (see paragraphs 10-11 and 13 above).

64. At a later stage, the applicant twice asked the prosecutor to return the seized merchandise (see paragraph 23 above). On 16 December 2014 and 8 June 2015, respectively, the District Prosecutor refused to grant these requests (see paragraph 23 above).

65. As regards the Government’s preliminary objection that the complaint is premature, the Court observes that the applicant’s grievance under Article 1 of Protocol No. 1 is precisely about the fact that no decision has been taken as to the fate of his merchandise, which in 2013 was seized and classified as evidence in a case which has not, to this day, been fully concluded. The Court therefore finds that the different scenarios presented by the Government of how the case in question might develop (see paragraphs 57 and 58 above) are irrelevant for the admissibility issue. Likewise, the applicant seeking redress from his suppliers under the regime of implied warranty for defects would not constitute an adequate remedy because his complaint before the Court is directed against the State authorities.

66. Accordingly, the Court dismisses the Government’s preliminary objection.

67. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.

Merits
The parties’ submissions
68. The applicant complained that impounding his merchandise for the purpose of the criminal proceedings against him had been unjustified and that the measure had lasted an unnecessarily long time, in breach of Article 1 of Protocol No. 1. The seizure had had far-reaching negative consequences for him as he had had to cease his main commercial activity of selling branded clothes.

69. The Government acknowledged that there had been an interference with the applicant’s property rights but they considered that it had been in accordance with the law and that it had pursued the legitimate aim of securing evidence necessary for the purpose of the ongoing criminal proceedings.

70. To that end they submitted, referring to the expert reports, the information from the representatives of the three brands concerned and the prosecutor’s decision of 30 December 2013, that there had been a strong suspicion that the items seized were counterfeit. It followed that even though, in the absence of the necessary criminal intent, the applicant might ultimately not be held criminally accountable, the seizure in question could be considered justified in view of the possibility of the applicant being sued under the Industrial Property Act by the brands affected by his trademark infringement.

71. The Government also stressed that the applicant was a professional entrepreneur and, as such, he should have been aware of the economic risks entailed in trading counterfeit merchandise. To that end, the applicant should have acted more diligently when choosing his suppliers.

72. The Government also argued that the losses the applicant had incurred due to the seizure were proportionate to the value of his transactions. They provided the following details about the applicant’s business. The applicant’s trade margin was around 200% of the purchase price of the goods from the supplier. He had been reselling those goods at around half the market value of the genuine products. For example, the applicant had bought shirts with the B. trademark for 110 Polish zlotys (PLN - approximately 27 euros (EUR)) each. He would have sold each shirt on for PLN 329 (EUR 82). The market value of a genuine shirt was PLN 775 (EUR 193).

73. The Government thus concluded that the impugned measure had not disproportionately affected the applicant’s rights and had not imposed an excessive individual burden on him. According to public records, the applicant’s business was still operating. Moreover, under the existing legal framework, the applicant could have sought compensation from his suppliers.

74. Lastly, the Government pointed out that the decisions issued in respect of the applicant’s property had not been arbitrary or marked by a manifest error of judgment.

The Court’s assessment
(a) General principles

75. Article 1 of Protocol No. 1, which guarantees the right to the protection of property, contains three distinct rules: “the first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, among other things, to control the use of property in accordance with the general interest. The three rules are not, however, “distinct” in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule” (see, among many other authorities, J.A. Pye (Oxford) Ltd and J.A. Pye (Oxford) Land Ltd v. the United Kingdom [GC], no. 44302/02, § 52, ECHR 2007?III; Anheuser-Busch Inc. v. Portugal [GC], no. 73049/01, § 62, ECHR 2007?I; AGOSI v. the United Kingdom, 24 October 1986, § 48, Series A no. 108; and Hábenczius v. Hungary, no. 44473/06, § 27, 21 October 2014).

76. A seizure of property for legal proceedings normally relates to the control of the use of property, which falls within the ambit of the second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see, among other authorities, Raimondo v. Italy, 22 February 1994, § 27, Series A no. 281?A; Patrikova v. Bulgaria, no. 71835/01, § 81, 4 March 2010; JGK Statyba Ltd and Guselnikovas v. Lithuania, no. 3330/12, § 117, 5 November 2013; Hábenczius, cited above, § 28; Džini? v. Croatia, no. 38359/13, § 62, 17 May 2016; Lachikhina v. Russia, no. 38783/07, § 58, 10 October 2017; and Adamczyk v. Poland (dec.), no. 28551/04, 7 November 2006; contrast Waldemar Nowakowski v. Poland, no. 55167/11, § 46, 24 July 2012).

77. In order for an interference to be compatible with Article 1 of Protocol No. 1 it must be lawful, be in the general interest and be proportionate, that is, it must strike a “fair balance” between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights (see, among many other authorities, Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 107, ECHR 2000-I, and J.A. Pye (Oxford) Ltd and J.A. Pye (Oxford) Land Ltd, cited above, § 75). The requisite fair balance will not be struck where the person concerned bears an individual and excessive burden (see Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, §§ 69-74, Series A no. 52, and Hábenczius, cited above, § 29).

78. The application of provisional measures in the context of judicial proceedings, aimed at anticipating a possible confiscation of property, has already been held to be in the “general interest” of the community (see, for example, Borzhonov v. Russia, no. 18274/04, § 58, 22 January 2009, and the cases cited therein; East West Alliance Limited v. Ukraine, no. 19336/04, § 187, 23 January 2014; and Džini?, cited above, § 65).

(b) Application of the above principles to the present case

79. It is not in dispute between the parties that the measure in question amounted to an interference with the applicant’s right to the peaceful enjoyment of his possessions. The seizure of the 582 items of the applicant’s merchandise amounted to a temporary, albeit protracted, restriction on the use of his property, and did not entail a transfer of ownership. The Court therefore follows the general principle above and qualifies the interference in question as control of the use of property within the meaning of the second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1.

80. The items in question were seized under Article 217 § 1 of the CCP and classified as evidence in the criminal investigation into allegations of trading counterfeit clothes. The Court thus finds that the interference was prescribed by law and in the general interest of the community.

81. Even if it has taken place “subject to the conditions provided for by law” – implying the absence of arbitrariness – and in the public interest, as stated above (see paragraph 77 above), an interference with the right to the peaceful enjoyment of possessions must always strike a “fair balance” between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. In particular, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be achieved (see Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, § 49, ECHR 1999?V, and JGK Statyba Ltd and Guselnikovas, cited above, § 127).

82. The Court notes at the outset that seizure of property is, by its nature, a harsh and restrictive measure for the property’s owner. It is capable of affecting the rights of an owner to such an extent that his or her main business activity or even living conditions may be at stake (see JGK Statyba Ltd and Guselnikovas, cited above, § 129, with further references).

83. In the present case, the alleged violation of the applicant’s property rights stems, on the one hand, from the initial imposition of the measure and, on the other hand, from the fact that it has remained in force for over six years, while the main criminal investigation is still ongoing.

84. The Court accepts the justification given for the initial decisions to seize the applicant’s merchandise and to classify it as evidence in the criminal proceedings concerning trading counterfeit clothes. The suspicion that the clothes in question were counterfeit had indeed been very strong in the light of the statements made by the representatives of the brands concerned and in the expert report (see paragraphs 7 and 12 above).

85. As to the duration of the measure, the Court accepts that the proper administration of justice takes time (see, mutatis mutandis, JGK Statyba Ltd and Guselnikovas, cited above, §§ 131-32). However, where an issue in the general interest is at stake, in particular when the matter affects fundamental human rights such as those involving property, the public authorities must act in good time (ibid., § 133).

86. In the present case, the criminal investigation fairly quickly led the prosecutor to conclude that the merchandise of the three brands concerned, which had been offered for sale by the applicant, was indeed counterfeit (see paragraph 17 above). Since 2014 the sole thrust of the investigation (in so far as it concerns brands B. and G.) has thus been to establish the second necessary element of the offence in question, that is, the applicant’s criminal intent. To that end, the authorities seized the applicant’s business records (see paragraphs 18 and 19 above). They also set up international cooperation to find the applicant’s alleged collaborators operating in the countries were the clothes were made. The investigation was for some time, or possibly still is, officially stayed, awaiting the results of that international cooperation (see paragraphs 24 and 27 and 28 above).

87. The Court also notes that in respect of the third brand concerned, T.H., the case was severed and the applicant was acquitted (see paragraph 26 above).

88. It would therefore seem that the clothes in question could not, for some time now, be legitimately perceived as necessary evidence, which was the formal justification for the seizure. Moreover, the Court observes that, in light of the material at its disposal, no other related criminal investigation has been opened by the authorities and no civil proceedings have been instituted against the applicant by the brands concerned for the alleged trademark infringement. It also appears that any such action would at this point be statute-barred (see paragraph 53 above).

89. Furthermore, the Court observes that in the absence of a forfeiture order, the clothes in question continue to be the applicant’s property. If the seizure was lifted, the applicant could make an informed decision on how to use or dispose of the clothes in question.

90. Lastly, the Court considers that the applicant’s situation was not sufficiently mitigated by the existence of a remedy within the civil-law framework of implied warranty for defects, as invoked by the Government. In the absence of any examples of relevant domestic practice, the Court is not convinced that the above framework would have allowed the applicant to seek and obtain compensation from his suppliers (contrast Sulejmani v. the former Yugoslav Republic of Macedonia, no. 74681/11, § 41, 28 April 2016).

91. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that the domestic courts did not evaluate all the relevant circumstances of the applicant’s case and did not give sufficient consideration to the possibility of taking less intrusive measures with respect to the applicant’s property. As a result, the retention of the applicant’s property for over six years constituted an individual and excessive burden on the applicant, upsetting the “fair balance” which should be struck between the protection of the right to the peaceful enjoyment of possessions and the requirements of the general interest (see, mutatis mutandis, Džini?, and Lachikhina, both cited above).

92. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.

APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
93. Article 41 of the Convention provides:

“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”

94. The applicant claimed PLN 1,405,000 (EUR 350,000), in respect of pecuniary damage, comprising approximately EUR 96,250 for actual damage, calculated as the market value of the seized items, and EUR 255,000 for lost profits.

95. The Government argued that granting any award would be unjust because the applicant had acted in breach of the Industrial Property Act. Moreover, the applicant’s claims, both in respect of the market value of the clothes and business losses, were highly speculative and not supported by any documents containing detailed valuations.

96. In the circumstances of the present case, the Court considers that, as far as the award of damages is concerned, the question of the application of Article 41 is not ready for decision. That question must accordingly be reserved and the subsequent procedure fixed, having regard to any agreement which might be reached between the Government and the applicant (Rule 75 §§ 1 and 4 of the Rules of Court).

FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,

Declares the application admissible;
Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
Holds that the question of the application of Article 41 of the Convention is not ready for decision and accordingly,
(a) reserves the said question;

(b) invites the Government and the applicant to submit, within three months from the date on which the judgment becomes final, in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the amount of damages to be awarded to the applicant and, in particular, to notify the Court of any agreement that they may reach;



Reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 7 October 2021, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.

{signature_p_2}

Renata Degener Ksenija Turkovi?
Registrar President

TESTO TRADOTTO

PRIMA SEZIONE

CASO LYSAK c. POLONIA

(Domanda n. 1631/16 )




SENTENZA
(meriti)



Art 1 P1 • Controllo dell'uso della proprietà • Onere individuale ed eccessivo imposto al richiedente a seguito del sequestro protratto della sua merce ai fini di procedimenti penali per accuse di commercio di vestiti contraffatti • L'incapacità dei tribunali nazionali di valutare le circostanze pertinenti e sufficientemente considerare misure meno intrusive • Giusto equilibrio tra interessi in competizione sconvolti



STRASBURGO

7 ottobre 2021



Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze previste dall'articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.


Nel caso ?ysak c. Polonia,

La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (Sezione Prima), riunita in una Sezione composta da:

Ksenija Turkovic, presidente,
Peter Paczolay,
Krzysztof Wojtyczek,
Alena Polá?ková,
Gilberto Felici,
Erik Wennerström,
Raffaele Sabato, judges,
e Renata Degener, cancelliere di sezione,

Aver riguardo di:

il ricorso contro la Repubblica di Polonia presentato alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") da un cittadino polacco, il sig. Wojciech ?ysak ("il ricorrente"), il 21 dicembre 2015;

la decisione del 27 marzo 2018 di notificare al governo polacco ("il governo") il ricorso relativo all'articolo 1 del protocollo n. 1 e di dichiarare irricevibile il ricorso per il resto;

le osservazioni delle parti;

Avendo deliberato in forma riservata il 21 settembre 2021,

Emette la seguente sentenza, adottata in tale data:

INTRODUZIONE

1. La causa riguarda il sequestro protratto di merci ai fini di un procedimento penale relativo ad accuse di commercio di vestiti contraffatti senza che il ricorrente sia accusato.

I FATTI

2. Il ricorrente è nato nel 1984 e vive a Katowice. Era rappresentato dal sig. K. Grochalski, avvocato che esercita a Czelad?. Il governo era rappresentato dal suo agente, la sig.ra J. Chrzanowska e, successivamente, dal sig. J. Sobczak, del Ministero degli affari esteri.

3. I fatti di causa, così come esposti dalle parti, possono essere riassunti come segue.

INDAGINE SULLA MERCE DEL RICHIEDENTE
4. Il ricorrente gestiva un'attività di vendita all'ingrosso di abbigliamento di marca.

5. Il 21 febbraio 2013 la polizia ha perquisito i suoi locali commerciali e ha sequestrato 582 articoli della sua merce (marchi B. e G.) in relazione a un'indagine penale in rem (vale a dire senza un sospettato designato) su accuse di commercio di prodotti contraffatti vestiti, un reato ai sensi dell'articolo 305 della legge sulla proprietà industriale ( Prawo w?asno?ci przemys?owej ).

6. Il 28 febbraio 2013 il procuratore distrettuale di Sosnowiec ( Prokurator Rejonowy ) ha autorizzato la suddetta perquisizione.

7. L'11 marzo 2013 un testimone ha testimoniato che gli abiti sequestrati erano contraffatti. In varie date, le autorità sono state informate da rappresentanti dei marchi B., G. e TH che i controlli interni delle società avevano dimostrato che gli abiti venduti dalla ricorrente erano contraffatti.

8. Il 24 aprile 2013 è stata sequestrata ulteriore merce (marchi B., G. e TH) con ordinanza del 22 aprile 2013 emessa dal procuratore distrettuale.

9. Complessivamente, sono stati sequestrati dalla polizia 582 articoli della merce del ricorrente dei marchi B., G. e TH (caso n. 3 Ds 217/13 , successivamente, 3 Ds 605/14 ).

10. Il 13 maggio 2013 la polizia ha emesso una decisione classificando gli articoli elencati di merce, che erano stati sequestrati nei mesi di febbraio e aprile, come prova nell'indagine penale per sospetta contraffazione degli articoli.

11. Il 28 maggio 2013 il ricorrente ha presentato ricorso interlocutorio contro tale decisione, sostenendo che il sospetto era infondato. Nella stessa data, il ricorrente ha anche presentato formale denuncia contro il Procuratore Distrettuale. La denuncia è stata respinta dal procuratore regionale di Sosnowiec ( Prokurator Okr?gowy ) in quanto infondata il 12 giugno 2013. Una copia di tale decisione non è stata presentata alla Corte.

12. Il 3 giugno e il 18 luglio 2013, le autorità hanno ordinato una relazione di un esperto per stabilire se la merce sequestrata al ricorrente portasse marchi autentici o contraffatti. La relazione è stata prodotta in una data non specificata. Una copia di esso non è stata presentata alla Corte. La ricorrente sostiene che la relazione era inconcludente. Secondo il governo, l'esperto ha concluso che i marchi di tutti e tre i marchi che erano stati stampati sugli abiti sequestrati erano identici ai marchi autentici. Il perito aveva comunque sospettato che gli abiti potessero essere contraffatti e, stando così le cose, aveva raccomandato che fossero ulteriormente esaminati dai rappresentanti dei marchi o da un esperto specializzato.

13. Il 28 agosto 2013 il tribunale distrettuale di Sosnowiec ( S?d Rejonowy ) ha respinto il ricorso interlocutorio del ricorrente in quanto infondato. Il tribunale si è basato sul parere del perito che aveva concluso che i marchi sugli abiti in questione potevano essere falsi. La corte ha anche osservato che l'indagine era stata condotta con un certo ritardo.

14. Nel frattempo, in varie date nel luglio 2013, i rappresentanti dei tre marchi avevano esaminato le fotografie degli abiti sequestrati e concluso che i rispettivi articoli erano falsi.

15. Successivamente, le autorità investigative hanno rivelato che i fornitori da cui il ricorrente aveva acquistato i suoi marchi non erano distributori autorizzati dei marchi TH o B..

16. Il 30 dicembre 2013 la Procura Distrettuale ha interrotto l'istruttoria (3 Ds 217/13 ) riguardante gli abiti di tutti e tre i marchi. Si è concluso che sebbene gli abiti in questione fossero inequivocabilmente contraffatti, era impossibile stabilire oltre ogni ragionevole dubbio che il ricorrente avesse agito con intento criminale. In altre parole, si riteneva che il ricorrente avesse agito nell'ignoranza (" w b??dzie ") e non intenzionalmente . Gli elementi del reato di distribuzione di merce contraffatta non sono stati pertanto soddisfatti. È stato notato che il ricorrente potrebbe tuttavia essere responsabile ai sensi del diritto civile.

17. Il 23 maggio 2014 il tribunale distrettuale di Sosnowiec ha annullato tale decisione e ha rinviato la causa per ulteriori indagini.

18. Il 2 luglio 2014 il Procuratore Distrettuale ha autorizzato un'altra perquisizione dei locali commerciali del ricorrente e il sequestro dei suoi documenti aziendali.

19. Il 3 e il 7 luglio 2014 questi elementi sono stati classificati come elementi di prova.

20. Il 9 luglio 2014 il ricorrente ha presentato ricorso interlocutorio contro la decisione del pubblico ministero e ha chiesto la restituzione degli oggetti.

21. Il 10 settembre 2014 il tribunale distrettuale di Sosnowiec ha respinto questo ricorso, ritenendo che gli atti fossero necessari per l'indagine.

22. Il 25 novembre 2014 l'indagine è stata sospesa poiché le autorità erano in attesa di prove che avevano cercato all'estero.

23. Il 1 dicembre 2014 e il 18 maggio 2015, il ricorrente ha chiesto al pubblico ministero di restituirgli le prove materiali che erano state oggetto della decisione del 13 maggio 2013, sostenendo che la merce non era più necessaria per l'indagine.

24. Il 16 dicembre 2014 e l'8 giugno 2015, rispettivamente, il procuratore distrettuale ha informato il ricorrente con lettere che le sue richieste non potevano essere accolte perché l'indagine era stata sospesa, in attesa dei risultati delle attività svolte nell'ambito della cooperazione internazionale.

25. In una data imprecisata è stata prodotta una nuova perizia. Ha concluso che gli abiti in questione erano contraffatti.

26. In una data imprecisata nel 2016, il caso relativo agli abiti del marchio TH è stato interrotto. Il 26 febbraio 2018 il tribunale distrettuale di Sosnowiec ha assolto il ricorrente dal reato di distribuzione di abiti TH contraffatti. Il 7 settembre 2018 la Corte d'appello di Katowice ( S?d Apelacyjny ) ha confermato tale sentenza. La motivazione di queste sentenze non è stata fornita.

27. Nel giugno 2017 le autorità italiane hanno informato il pubblico ministero polacco di non poter trovare la persona ricercata ai fini dell'indagine penale in corso.

28. Nell'ottobre 2017 un cittadino francese è stato ascoltato nella causa.

29. L'indagine sugli abiti di B. e G. sembra essere ancora in corso. Il ricorrente, che non è stato accusato, sembra continuare ad avere lo status di testimone.

LA CAUSA CIVILE DEL RICORRENTE
30. Il 15 ottobre 2013 il ricorrente ha citato in giudizio il tribunale distrettuale di Sosnowiec, chiedendo 24.000 zloty polacchi (circa 6.000 euro) di risarcimento a causa del sequestro prolungato della sua proprietà .

31. Il 17 aprile 2014 il tribunale distrettuale di Sosnowiec ha respinto questa azione.

32. Il 18 marzo 2015 la Corte Regionale di Katowice ha respinto il successivo ricorso del ricorrente.

QUADRO GIURIDICO E PRATICA RILEVANTI

UTILIZZO DI MARCHI CONTRAFFATTI E DISTRIBUZIONE DI MERCE CONTRAFFATTA
33. La marcatura di merci destinate al commercio con marchi contraffatti e il commercio di merci contraffatte è vietata ai sensi della sezione 305 della legge sulla proprietà industriale. Chi esercita intenzionalmente tale commercio è punito penalmente con la reclusione fino a due anni o, in caso di grande commercio, con la reclusione da sei mesi a cinque anni.

PROPRIETÀ E SEQUESTRO DEI BENI
34. L' articolo 64 della Costituzione recita:

“1. Ogni individuo ha diritto alla proprietà, ad altri diritti di proprietà e al diritto di successione.

2. Ciascuno, su base paritaria, riceve tutela giuridica in materia di proprietà, altri diritti patrimoniali e diritto di successione.

3. Il diritto di proprietà può essere limitato solo mediante legge e solo nella misura in cui non violi la sostanza di tale diritto».

35. Ai sensi dell'articolo 217 § 1 del codice di procedura penale ( Kodeks Post?powania Karnego ; "CCP"), gli oggetti da utilizzare come prova in un procedimento penale o al fine di garantire il pagamento di ammende possono essere sequestrati dalla polizia o dalle autorità di perseguimento penale.

36. Le ingiunzioni sulla proprietà degli indagati o degli imputati (ma non dei testimoni) sono disciplinate dagli articoli da 291 a 295 del PCC.

37. In particolare, ai sensi dell'articolo 294, la misura di sicurezza decade se il giudice penale non dispone l'ammenda, la confisca o l'indennizzo e se la relativa azione civile non è stata costituita entro tre mesi dalla data in cui è stata pronunciata la decisione del giudice penale è diventato definitivo. Nel caso in cui sia stata istituita tale causa civile, l'ingiunzione resta in vigore, salvo diversa decisione del tribunale civile.

38. Inoltre, l'articolo 299 § 1 del CCP prevede che, nel procedimento preliminare, una vittima e un indagato siano parti del procedimento. Ai sensi dell'articolo 302 del CCP, le persone che non ne sono parti hanno il diritto di presentare ricorsi interlocutori contro decisioni ( postanowienia ), ordinanze ( zarz?dzenia ) e altre attività del pubblico ministero che violano i loro diritti.

39. La restituzione dei beni sequestrati è disciplinata dall'articolo 230 § 2 del CCP nei seguenti termini:

“2. Gli oggetti sequestrati devono essere restituiti non appena risultino non più necessari per il procedimento penale. ...”

40. Infine, se una persona è condannata per il reato di contrassegno di merci destinate al commercio con marchi contraffatti o commercio di merci contraffatte, la confisca della merce può essere disposta dal tribunale ai sensi dell'articolo 306 della legge sulla proprietà industriale .

RESPONSABILITA' DELLO STATO PER DANNI
41. L' articolo 77 § 1 della Costituzione recita:

“Ognuno ha diritto al risarcimento del danno che gli è arrecato da ogni atto contrario alla legge di un organo della pubblica autorità”.

42. L' articolo 417 § 1 del codice civile ( Kodeks Cywilny ) stabilisce una norma generale sulla responsabilità dello Stato per i danni causati da un'autorità pubblica. La parte rilevante di questa disposizione recita come segue:

"L'erario dello Stato ... è responsabile per qualsiasi danno cagionato da un atto illecito o da un'omissione [commessa] nell'esercizio dei pubblici poteri".

43. L' articolo 417 1 § 3 del codice civile così recita:

“Se il danno è stato causato dalla mancata pronuncia [ orzeczenie ] o decisione [ decyzja ] in cui vi è un obbligo legale di darlo, il risarcimento del [danno] può essere chiesto dopo che sia stato stabilito nel relativo procedimento che il l'omessa pronuncia o decisione era contraria alla legge, salvo diversa disposizione di altre specifiche disposizioni”.

44. Per "danno" di cui alle presenti disposizioni si intende il danno patrimoniale, definito nell'articolo 361 § 2 del codice civile come "perdite e lucro cessante che il creditore avrebbe potuto arrecare se non avesse subito il danno".

45. Nella prassi dei tribunali nazionali, una domanda ai sensi dell'articolo 417 del codice civile non sorge a meno che l'illegittimità dell'azione o dell'omissione dannosa sia stata dichiarata in procedimenti separati ( prejudykat ) (vedi sentenza n. IC 342 /16 del 2 febbraio 2017 del tribunale regionale di S?upsk).

GARANZIA IMPLICITA PER VIZI SECONDO IL DIRITTO CIVILE
46. ??L' acquisto di merce contraffatta, di cui l'acquirente si aspettava genuina, fa sorgere la responsabilità del venditore in regime di garanzia implicita per vizi ed, eventualmente, di responsabilità contrattuale (artt. 556 e ss. cc).

47. In particolare, il venditore è responsabile nei confronti dell'acquirente se l'oggetto venduto presenta un vizio giuridico o fisico (art. 556 cc). Si definisce difetto fisico il mancato rispetto del contratto da parte dell'oggetto venduto. Un oggetto venduto non è conforme al contratto se, ad esempio, non possiede le proprietà descritte dal venditore all'acquirente (articolo 556 1 § 2 del codice civile). Il termine “difetto” è interpretato estensivamente e comprende la mancanza o l'esistenza di beni, contrariamente alle assicurazioni del venditore, indipendentemente dal fatto che questo abbia un impatto sull'utilità o sul valore del bene acquistato (si veda la sentenza del 31 maggio 2017 del Suprema Corte nella causa n° V CSK 506/16 ).

48. L' articolo 560 del codice civile autorizza l'acquirente a richiedere una riduzione del prezzo o a recedere dal contratto di acquisto ( odst?pienie ), in caso di acquisto di un oggetto difettoso.

49. L'esercizio dei diritti dell'acquirente definiti nell'articolo 560 del codice civile è soggetto a limitazioni se il contratto di acquisto è stato concluso tra imprenditori (a differenza delle situazioni in cui l'articolo è stato acquistato da un consumatore). Ai sensi dell'articolo 563 del codice civile, in tali casi il diritto dell'acquirente di chiedere la riduzione del prezzo o di recedere dal contratto di compravendita decade se non ha esaminato l'oggetto nei tempi e nei modi abitualmente accettati all'acquisto di simili. Inoltre, l'acquirente deve comunicare senza indebito ritardo al venditore i vizi scoperti. Nel caso in cui il difetto venga scoperto in una fase successiva, il venditore deve essere informato senza indebito ritardo dopo la sua scoperta.

RESPONSABILITÀ CIVILE PER VIOLAZIONE DEL MARCHIO
50. Ai sensi della sezione 296 (1) della legge sulla proprietà industriale del 2000 , il titolare di un marchio ha il diritto di intentare un'azione contro una persona che ha commesso una violazione del marchio. L'attore può chiedere la cessazione della violazione, la restituzione dei benefici illegittimamente ottenuti e, in caso di violazioni dolose, il risarcimento.

51. Qualora tale azione sia accolta, il tribunale può ordinare la distruzione della merce contraffatta, a seguito di una domanda presentata dal titolare del marchio (sezione 286 della legge sulla proprietà industriale ).

52. La legge sulla proprietà industriale non richiede che la persona che commette la violazione del marchio sia condannata per il reato di commercio di merci contraffatte prima che possa essere costituita un'azione civile. Quando è stata pronunciata una sentenza penale definitiva, essa vincola tutti i tribunali nazionali nei procedimenti civili (articolo 11 del codice di procedura civile).

53. La prescrizione per le azioni derivanti da violazione di marchio (vale a dire, azioni basate sull'articolo 296 della legge sulla proprietà industriale ) è di tre anni dal giorno in cui il titolare è venuto a conoscenza della violazione e dell'identità del responsabile . In ogni caso, tali rivendicazioni si prescrivono dopo cinque anni dal giorno in cui si è verificata la violazione (articolo 299 della legge sulla proprietà industriale ).

LA LEGGE

PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N o . 1 ALLA CONVENZIONE
54. Il richiedente si lamentò sotto l' Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione del controllo ingiustificato e inutilmente prolungato dell'uso della sua proprietà . La disposizione in questione recita quanto segue:

“Ogni persona fisica o giuridica ha diritto al godimento pacifico dei suoi beni. Nessuno può essere privato dei suoi beni se non nell'interesse pubblico e alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali del diritto internazionale.

Le precedenti disposizioni non pregiudicano tuttavia in alcun modo il diritto di uno Stato di far applicare le leggi che ritenga necessarie per controllare l'uso dei beni secondo l'interesse generale o per garantire il pagamento di tasse o altri contributi o sanzioni. "

ammissibilità
55. Il Governo sollevò un'eccezione preliminare, sostenendo che il ricorso era irricevibile per mancato esaurimento delle vie di ricorso interne.

56. In primo luogo, a loro avviso, la domanda era prematura perché l'indagine penale riguardante il ricorrente era ancora in corso.

57. Il governo ha sostenuto che, anche se l'indagine penale dovesse essere infine interrotta, la misura di sequestro potrebbe essere mantenuta ai fini di qualsiasi potenziale procedimento penale ai sensi dell'altra parte della sezione 305 della legge sulla proprietà industriale , vale a dire, per il reato della marcatura di merci destinate al commercio con marchi contraffatti. Un'altra possibilità era che le autorità ordinassero la confisca. Se il caso fosse archiviato nella fase istruttoria, il pubblico ministero dovrebbe decidere sugli elementi sequestrati e il ricorrente avrebbe il diritto di appellarsi contro tale decisione.

58. Il Governo indicò anche un altro possibile risultato, vale a dire, i marchi interessati potevano citare in giudizio il richiedente sotto la legge civile sotto la sezione 296 (1) dell'Atto sulla Proprietà Industriale . La misura di sicurezza rimarrebbe quindi eventualmente in vigore. In definitiva, il richiedente sarebbe in grado di impugnare qualsiasi decisione del tribunale emessa nel corso di tali procedimenti.

59. In secondo luogo, il Governo ha sostenuto che il ricorrente, invece di sporgere denuncia formale contro il procuratore distrettuale, avrebbe dovuto piuttosto recedere dal contratto con i suoi fornitori ai sensi della legge sulla responsabilità civile per garanzia implicita per vizi, o, in alternativa, avrebbe dovuto li hanno querelati ai sensi delle disposizioni generali sulla responsabilità civile per danno (art. 417 c.c.).

60. La ricorrente non ha fatto alcun commento in relazione a quanto sopra - citata eccezione preliminare da parte del governo.

61. La Corte reitera che un ricorso normale dovrebbe essere fatto da un ricorrente ai rimedi che sono disponibili e sufficienti per permettere un risarcimento riguardo alle violazioni addotte. L'esistenza dei rimedi in questione deve essere sufficientemente certa non solo in teoria ma anche in pratica, pena la mancanza della necessaria accessibilità ed efficacia. Tuttavia, non vi è alcun obbligo di ricorrere a rimedi inadeguati o inefficaci (si veda Demopoulos e altri c. Turchia (dec.) [GC], n. 46113/99 e 7 altri, § 70, CEDU 2010, con ulteriori rinvii ).

62. Passando al presente caso, la Corte osserva che il ricorrente si è lamentato del fatto che il 21 febbraio e il 24 aprile 2013 le autorità avevano sequestrato 582 articoli della sua merce e li avevano classificati come elementi di prova in un'indagine penale sulle accuse di commercio di vestiti contraffatti (vedere paragrafi 5, 8 e 10 sopra). La misura è stata autorizzata dal pubblico ministero ai sensi dell'articolo 217 § 1 del CCP (cfr. paragrafi 6, 8 e 35 sopra). I successivi procedimenti, che inizialmente riguardavano tre marchi, sono stati infine suddivisi in due serie separate (paragrafo 26 supra). Per quanto riguarda il commercio di abiti contraffatti dei marchi B. e G., il ricorrente ha avuto lo status di testimone (paragrafo 28 supra). Per quanto riguarda il commercio di vestiti contraffatti del marchio TH, la ricorrente è stata infine accusata e poi assolta (paragrafo 26 supra). Comunque sia, alla luce delle informazioni in possesso della Corte, nessuno degli oggetti sequestrati è stato restituito al ricorrente.

63. Inoltre, la Corte rileva che la ricorrente ha impugnato la decisione sulla classificazione della merce sequestrata come prova. Ha anche presentato una denuncia formale in merito alle azioni del pubblico ministero in relazione alla perquisizione e al sequestro. Questi rimedi non sono serviti a nulla. Le autorità hanno ritenuto che la perquisizione e il sequestro fossero leciti e non contrassegnati da carenze procedurali. La decisione di classificare gli elementi sequestrati come prove è stata considerata giustificata alla luce delle conclusioni dell'esperto (vedere paragrafi 10-11 e 13 supra).

64. In una fase successiva, il ricorrente ha chiesto due volte al pubblico ministero di restituire la merce sequestrata (vedere paragrafo 23 supra). Il 16 dicembre 2014 e l'8 giugno 2015, rispettivamente, il procuratore distrettuale ha rifiutato di accogliere tali richieste (si veda il paragrafo 23 supra).

65. Per quanto riguarda l'obiezione preliminare del Governo secondo cui la denuncia è prematura, la Corte osserva che la lamentela del ricorrente ai sensi dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 riguarda proprio il fatto che non è stata presa alcuna decisione in merito al destino della sua merce, che in Il 2013 è stato sequestrato e classificato come prova in un caso che, ad oggi, non è stato completamente concluso. La Corte pertanto rileva che i diversi scenari presentati dal Governo su come potrebbe svilupparsi la causa in questione (vedere paragrafi 57 e 58 supra) sono irrilevanti per la questione dell'ammissibilità. Allo stesso modo, il richiedente che chiede riparazione ai suoi fornitori in regime di garanzia implicita per difetti non costituirebbe un rimedio adeguato perché il suo ricorso davanti alla Corte è diretto contro le autorità dello Stato.

66. Di conseguenza, la Corte respinge l'eccezione preliminare del Governo.

67. La Corte nota che il ricorso non è manifestamente infondato ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) della Convenzione. Rileva inoltre che non è inammissibile per nessun altro motivo. Deve pertanto essere dichiarato ammissibile.

meriti
Le argomentazioni delle parti
68. Il ricorrente lamentava che il sequestro della sua merce ai fini del procedimento penale a suo carico era stato ingiustificato e che la misura era durata inutilmente a lungo, in violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1. Il sequestro aveva avuto vasta portata conseguenze negative per lui in quanto aveva dovuto cessare la sua principale attività commerciale di vendita di abiti di marca.

69. Il Governo ha riconosciuto che c'era stata un'interferenza con i diritti di proprietà del ricorrente, ma ha ritenuto che fosse conforme alla legge e che avesse perseguito lo scopo legittimo di assicurare le prove necessarie ai fini del procedimento penale in corso.

70. A tal fine hanno presentato, facendo riferimento alle perizie, alle informazioni dei rappresentanti dei tre marchi interessati e alla decisione del pubblico ministero del 30 dicembre 2013, che sussisteva un forte sospetto che gli oggetti sequestrati fossero falsi. Ne consegue che anche se, in assenza del necessario intento criminale, il ricorrente potrebbe in definitiva non essere ritenuto penalmente responsabile, il sequestro in questione potrebbe essere considerato giustificato in considerazione della possibilità che il ricorrente sia citato in giudizio ai sensi della legge sulla proprietà industriale da parte del marchi interessati dalla sua violazione del marchio.

71. Il Governo ha anche sottolineato che il ricorrente era un imprenditore professionista e, come tale, avrebbe dovuto essere consapevole dei rischi economici implicati nel commercio di merci contraffatte. A tal fine, il ricorrente avrebbe dovuto agire con maggiore diligenza nella scelta dei suoi fornitori.

72. Il Governo dibatté anche che le perdite che il richiedente aveva subito a causa del sequestro erano proporzionate al valore delle sue transazioni. Hanno fornito i seguenti dettagli sull'attività del richiedente. Il margine commerciale della ricorrente era di circa il 200% del prezzo di acquisto della merce dal fornitore. Stava rivendendo quei beni a circa la metà del valore di mercato dei prodotti genuini. Ad esempio, la ricorrente aveva acquistato magliette con il marchio B. per 110 zloty polacchi (PLN - circa 27 euro (EUR)) ciascuna. Avrebbe venduto ogni maglia per 329 PLN (82 euro). Il valore di mercato di una maglietta originale era di 775 PLN (193 EUR).

73. Il Governo ha così concluso che la misura impugnata non aveva pregiudicato in modo sproporzionato i diritti del ricorrente e non gli aveva imposto un onere individuale eccessivo. Secondo i registri pubblici, l'attività della ricorrente era ancora in funzione. Inoltre, in base al quadro giuridico esistente, il ricorrente avrebbe potuto chiedere un risarcimento ai suoi fornitori.

74. Infine, il Governo indicò che le decisioni emesse riguardo alla proprietà del richiedente non erano state arbitrarie o contrassegnate da un errore manifesto di giudizio.

La valutazione della Corte
(un) Principi generali

75. L' articolo 1 del Protocollo n. 1, che garantisce il diritto alla protezione dei beni , contiene tre norme distinte: “la prima norma, enunciata nella prima frase del primo comma, è di carattere generale ed enuncia il principio del pacifico godimento della proprietà ; la seconda norma, contenuta nella seconda frase del primo comma, riguarda la privazione dei beni e la sottopone a determinate condizioni; la terza norma, enunciata al secondo comma, riconosce agli Stati contraenti il ??diritto, tra l'altro, di controllare l'uso dei beni secondo l'interesse generale. Le tre regole non sono, tuttavia, “distinte” nel senso di non essere collegate. La seconda e la terza regola riguardano casi particolari di interferenza con il diritto al godimento pacifico della proprietà e dovrebbero pertanto essere interpretate alla luce del principio generale enunciato nella prima regola” (si veda, tra molte altre autorità, JA Pye (Oxford ) Ltd e JA Pye (Oxford) Land Ltd c. Regno Unito [GC], n.44302 / 02 , § 52, CEDU 2007?III e Anheuser-Busch Inc. c. Portogallo [GC], n.73049/01 , § 62, CEDU 2007?I; AGOSI c. Regno Unito , 24 ottobre 1986, § 48, serie A n. 108; e Habenczius v. Ungheria , n. 44473/06 , § 27, 21 ottobre 2014).

76. Un sequestro di beni per azioni giudiziarie riguarda normalmente il controllo dell'uso dei beni , che rientra nell'ambito di applicazione del secondo comma dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 (si veda, tra l'altro, Raimondo c. Italia , 22 Febbraio 1994, § 27, Serie A n. 281?A, Patrikova c. Bulgaria , n. 71835/01 , § 81, 4 marzo 2010, JGK Statyba Ltd e Guselnikovas c. Lituania , n. 3330/12 , § 117, 5 novembre 2013; Hábenczius , sopra citata, § 28; Džini? c. Croazia , n. 38359/13 , § 62, 17 maggio 2016; Lachikhina c. Russia , no. 38783/07 , § 58, 10 ottobre 2017; e Adamczyk c. Polonia (dec.), n. 28551/04 , 7 novembre 2006; contrasto Waldemar Nowakowski c. Polonia , n. 55167/11 , § 46, 24 luglio 2012).

77. Affinché un'ingerenza sia compatibile con l'articolo 1 del Protocollo n. 1, deve essere lecita, essere nell'interesse generale ed essere proporzionata, cioè deve trovare un "giusto equilibrio" tra le esigenze dell'interesse generale della comunità e le esigenze della tutela dei diritti fondamentali dell'individuo (si veda, tra molte altre autorità, Beyeler c. Italia [GC], n. 33202/96 , § 107, CEDU 2000-I, e JA Pye (Oxford) Ltd e JA Pye (Oxford) Land Ltd , cit., § 75). Il giusto equilibrio richiesto non sarà raggiunto qualora la persona interessata sopporti un onere individuale ed eccessivo (vedi Sporrong e Lönnroth c. Svezia , 23 settembre 1982, §§ 69-74, serie A n. 52, e Hábenczius , cit., § 29).

78. L'applicazione di misure cautelari nell'ambito di procedimenti giudiziari, volte ad anticipare un'eventuale confisca dei beni , è già stata ritenuta nell'“interesse generale” della comunità (si veda, ad esempio, Borzhonov c. Russia , n. . 18274/04 , § 58, 22 gennaio 2009, e la giurisprudenza ivi citata; . East West Alliance Limited contro l'Ucraina , n. 19336/04 , § 187, il 23 gennaio 2014; e Dzinic , citata, § 65).

(b) Applicazione dei principi di cui sopra al caso di specie

79. Non è in discussione tra le parti che la misura in questione equivaleva a un'ingerenza nel diritto del ricorrente al pacifico godimento dei suoi beni. Il sequestro dei 582 articoli della merce del ricorrente costituiva una restrizione temporanea, sebbene protratta, all'uso della sua proprietà e non comportava un trasferimento di proprietà. La Corte segue quindi il principio generale di cui sopra e qualifica l'ingerenza in questione come controllo dell'uso della proprietà ai sensi del secondo comma dell'articolo 1 del Protocollo n. 1.

80. Gli articoli in questione sono stati sequestrati ai sensi dell'articolo 217 § 1 del CCP e classificati come prove nell'indagine penale sulle accuse di commercio di vestiti contraffatti. La Corte rileva quindi che l'ingerenza era prevista dalla legge e nell'interesse generale della comunità.

81. Anche se si è verificata “nelle condizioni previste dalla legge” – implicando l'assenza di arbitrarietà – e nell'interesse pubblico, come sopra esposto (si veda il paragrafo 77 supra), un'ingerenza nel diritto al godimento pacifico dei beni deve sempre trovare un “giusto equilibrio” tra le esigenze dell'interesse generale della collettività e le esigenze della tutela dei diritti fondamentali dell'individuo. In particolare, deve sussistere un ragionevole rapporto di proporzionalità tra i mezzi impiegati e lo scopo perseguito (si veda Immobiliare Saffi c. Italia [GC], n. 22774/93 , § 49, CEDU 1999 - V, e JGK Statyba Ltd e Guselnikovas , cit., § 127).

82. La Corte rileva in via preliminare che il sequestro di beni è, per sua natura, una misura dura e restrittiva per il proprietario del bene . È in grado di ledere i diritti di un proprietario a tal punto che la sua principale attività commerciale o persino le sue condizioni di vita potrebbero essere in gioco (vedere JGK Statyba Ltd e Guselnikovas , citata sopra, § 129, con ulteriori riferimenti).

83. Nel caso di specie, l'asserita violazione dei diritti patrimoniali del ricorrente deriva, da un lato, dall'imposizione iniziale del provvedimento e, dall'altro, dal fatto che esso è rimasto in vigore per oltre sei anni, mentre l'indagine penale principale è ancora in corso.

84. La Corte accetta la giustificazione data per le decisioni iniziali di sequestrare la merce del richiedente e di classificarla come prova nei procedimenti penali riguardanti il ??commercio di vestiti contraffatti. Il sospetto che gli abiti in questione fossero contraffatti era stato infatti molto forte alla luce delle dichiarazioni rese dai rappresentanti dei marchi interessati e nella perizia (paragrafi 7 e 12 supra).

85. Quanto alla durata della misura, la Corte ammette che la corretta amministrazione della giustizia richiede tempo (si veda, mutatis mutandis , JGK Statyba Ltd e Guselnikovas , citata sopra, §§ 131-32). Tuttavia, quando è in gioco una questione di interesse generale, in particolare quando la questione riguarda i diritti umani fondamentali come quelli relativi alla proprietà , le autorità pubbliche devono agire in tempo utile (ibid., § 133).

86. Nel caso di specie, l'indagine penale ha portato abbastanza rapidamente il pubblico ministero a concludere che la merce dei tre marchi in questione, che era stata offerta in vendita dal ricorrente, era effettivamente contraffatta (si veda il paragrafo 17 supra). Dal 2014 l'unico impulso dell'indagine (in per quanto riguarda i marchi B. e G.) è stato quindi quello di stabilire il secondo elemento necessario del reato in esame, cioè il dolo del ricorrente. A tal fine, le autorità hanno sequestrato i registri aziendali del ricorrente (vedere paragrafi 18 e 19 supra). Hanno anche istituito una cooperazione internazionale per trovare i presunti collaboratori del ricorrente che operano nei paesi in cui sono stati realizzati i vestiti. L'indagine è stata per qualche tempo, o forse è ancora, ufficialmente sospesa, in attesa dei risultati di tale cooperazione internazionale (paragrafi 24, 27 e 28 supra).

87. La Corte rileva inoltre che per quanto riguarda il terzo marchio interessato, TH, la causa è stata interrotta e il ricorrente è stato assolto (si veda il paragrafo 26 supra).

88. Sembrerebbe quindi che gli abiti in questione non potessero, da tempo, essere legittimamente percepiti come prove necessarie, che era la giustificazione formale del sequestro. Inoltre, il Tribunale osserva che, alla luce del materiale a sua disposizione, nessun'altra indagine penale connessa è stata aperta dalle autorità e nessun procedimento civile è stato avviato contro la ricorrente dai marchi interessati per la presunta violazione del marchio. Sembra anche che qualsiasi azione del genere sarebbe a questo punto prescritta (vedere paragrafo 53 supra).

89. Inoltre, la Corte osserva che, in assenza di un ordine di confisca, gli abiti in questione continuano ad essere di proprietà del richiedente . Se il sequestro è stato revocato, il richiedente potrebbe prendere una decisione informata su come utilizzare o smaltire gli indumenti in questione.

90. Infine, la Corte ritiene che la situazione del ricorrente non sia stata sufficientemente mitigata dall'esistenza di un rimedio nell'ambito del quadro di diritto civile della garanzia implicita per i vizi, come invocato dal Governo. In assenza di esempi di prassi interna pertinente, la Corte non è convinta che il quadro di cui sopra avrebbe consentito al ricorrente di chiedere e ottenere un risarcimento dai suoi fornitori (contrariamente a Sulejmani c. l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia , n. 74681/11 , § 41, 28 aprile 2016).

91. Le precedenti considerazioni sono sufficienti per consentire alla Corte di concludere che i tribunali nazionali non hanno valutato tutte le circostanze attinenti del caso del richiedente e non hanno preso in sufficiente considerazione la possibilità di adottare misure meno invasive riguardo alla proprietà del richiedente . Di conseguenza, la conservazione della proprietà del ricorrente per oltre sei anni ha costituito un onere individuale ed eccessivo per il ricorrente, sconvolgendo il “giusto equilibrio” che dovrebbe essere trovato tra la tutela del diritto al godimento pacifico dei beni e le esigenze di l'interesse generale (vedi, mutatis mutandis , Džini? e Lachikhina , entrambi citati sopra).

92. Di conseguenza c'è stata una violazione dell' Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.

APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
93. L' articolo 41 della Convenzione prevede:

“Se la Corte constata che vi è stata una violazione della Convenzione o dei suoi Protocolli, e se il diritto interno dell'Alta Parte Contraente interessata consente solo un risarcimento parziale, la Corte, se necessario, accorda un'equa soddisfazione al parte lesa."

94. Il ricorrente ha chiesto PLN 1.405.000 (EUR 350.000), in relazione al danno patrimoniale, comprendente circa EUR 96.250 per il danno effettivo, calcolato come il valore di mercato degli oggetti sequestrati, e EUR 255.000 per il mancato guadagno.

95. Il Governo dibatté che concedere qualsiasi premio sarebbe stato ingiusto perché il richiedente aveva agito in violazione dell'Atto di Proprietà Industriale . Inoltre, le affermazioni del richiedente, sia riguardo al valore di mercato dei vestiti che alle perdite commerciali, erano altamente speculative e non supportate da alcun documento contenente valutazioni dettagliate.

96. Nelle circostanze della presente causa, la Corte considera che, per quanto riguarda la concessione del risarcimento, la questione dell'applicazione dell'articolo 41 non è pronta per la decisione. Tale questione deve di conseguenza essere riservata e la successiva procedura fissata, tenuto conto di qualsiasi accordo che potrebbe essere raggiunto tra il Governo e il ricorrente (Articolo 75 §§ 1 e 4 del Regolamento della Corte).

PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ,

Dichiara ammissibile il ricorso;
Sostiene che c'è stata una violazione dell'Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
Ritiene che la questione dell'applicazione dell'articolo 41 della Convenzione non è pronta per una decisione e, di conseguenza,
(un) si riserva la suddetta domanda;

(b) invita il Governo e il ricorrente a presentare, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva, ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione, le proprie osservazioni scritte sull'importo del risarcimento da riconoscere al ricorrente e, in in particolare, notificare alla Corte qualsiasi accordo che dovessero raggiungere;



Si riserva l'ulteriore procedura e delega al Presidente della Camera il potere di fissarla ove occorra.
Fatto in inglese e notificato per iscritto il 7 ottobre 2021, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.

{signature_p_2}

Renata Degener Ksenija Turkovic
Cancelliere Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 23/05/2022.