CASO: CASE OF CREDIT EUROPE LEASING IFN S.A. v. ROMANIA

Testo originale e tradotto della sentenza selezionata

Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF CREDIT EUROPE LEASING IFN S.A. v. ROMANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI: P1-1

NUMERO: 38072/11
STATO: Romania
DATA: 21/07/2020
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE


FOURTH SECTION
CASE OF CREDIT EUROPE LEASING IFN S.A. v. ROMANIA
(Application no. 38072/11)



JUDGMENT
(Merits)


Art 1 P1 • Peaceful enjoyment of possessions • Seizure in the context of criminal proceedings against third parties • Lengthy duration (more than eight years) • Considerable value of assets • Lack of opportunity to challenge effectively challenge the seizure in proceedings to which applicant company was not a party • Excessive burden



STRASBOURG
21 July 2020
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Credit Europe Leasing Ifn S.A. v. Romania,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Yonko Grozev, President,
Iulia Antoanella Motoc,
Branko Lubarda,
Carlo Ranzoni,
Georges Ravarani,
Jolien Schukking,
Péter Paczolay, judges,
and Hasan Bak?rc?, Deputy Section Registrar,
Having regard to:
the application against Romania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Romanian commercial company, Credit Europe Leasing Ifn S.A. (“the applicant company”), on 17 June 2011;
the decision to give notice to the Romanian Government (“the Government”) of the complaints concerning Article 6 § 1, Article 7 and Article 13 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and to declare inadmissible the remainder of the application;
the parties’ observations;
Having deliberated in private on 23 June 2020,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
INTRODUCTION
1. The applicant company complained that its right of access to court had been breached and that the excessively lengthy seizure of its property had constituted a penalty and a breach of its right to peaceful enjoyment of possessions in the absence of an effective domestic remedy.
THE FACTS
2. The applicant company is based in Bucharest and was represented by Mr A. Mor?rescu, a lawyer practising in Bucharest. By a letter dated 23 July 2019, he notified the Court that the applicant company had changed its name to Credit Europe Asset Management S.A. The Court advised the parties on 21 August 2019 that it would continue processing the application under the case name of Credit Europe Leasing Ifn S.A. v. Romania.
3. The Government were represented by their Agent, most recently Ms S.-M. Teodoroiu, of the Ministry of Foreign Affairs.
4. The facts of the case, as submitted by the parties, may be summarised as follows.
I. LEASE CONTRACTS CONCLUDED BY THE APPLICANT COMPANY
A. The truck
5. On 6 July 2005 a finance lease contract was concluded between the applicant company, as financier, and company S.C., as user, represented by its administrator, Mr H.A. Under this contract, a truck bought by the applicant company was rented to S.C. in exchange for a monthly rent and an undertaking by S.C. to buy it at the end of the contract.
6. On 13 September 2006 the truck was sold by S.C. to the State owned press distribution company R.
B. The kiosks
7. On 8 September 2006 a finance lease contract was concluded between the applicant company as financier and S.C. as user, represented by Mr H.A. Under this contract, 213 metal kiosks owned by the applicant company were rented to S.C. for eighty-four months in exchange for a monthly rent and an undertaking by S.C. to buy the kiosks at the end of that period. The value of the kiosks was set at 856,250 euros (EUR) excluding tax.
8. On 27 October 2006, 15 February and 23 April 2008 three more similar contracts were concluded between the same parties for the same period, for 500 metal kiosks (valued at EUR 2,500,000 excluding tax), 100 metal kiosks (valued at EUR 600,000 excluding tax) and twenty metal kiosks (valued at EUR 122,000 excluding tax) respectively.
9. These finance lease contracts provided that the applicant company had paid the supplier, company T., the price for the kiosks, and was ceding their use to the user (company S.C.), for the entire period in which the latter fulfilled its obligation to pay the rent. The contracts further provided that, at the end of the leasing period, and only if the user fulfilled all contractual obligations, the applicant company would transfer ownership of the goods to it.
C. The vans
10. On 22 October 2007 a finance lease contract was concluded between the applicant company as financier and S.C. as user, represented by Mr H.A. Under this contract, six vans owned by the applicant company were rented to S.C. for sixty months in exchange for a monthly rent and an undertaking by S.C. to buy the vans at the end of that period.
II. TERMINATION OF THE LEASE CONTRACTS
11. On 9 November 2009, because S.C. failed to fulfill its obligations, the applicant company notified it that the above-mentioned contracts had been terminated and that the truck, kiosks and vans should all be returned.
12. In November and December 2009 S.C. sold a number of kiosks, including the kiosks under the above-mentioned lease contracts, to company E. Some of these kiosks were then sold on by E. to another company.
13. Between August and October 2010 forty-nine of the above mentioned kiosks were also sold by the applicant company to other commercial companies.
III. CRIMINAL INVESTIGATION AND SEIZURE OF THE APPLICANT COMPANY’S ASSETS
14. On 17 June 2010 an ongoing criminal investigation – started by the Directorate for Investigating Organised Crime and Terrorism (hereinafter, “the DIICOT”) of the prosecutor’s office attached to the High Court of Cassation and Justice and involving numerous individuals and commercial companies – was extended to Mr H.A., the administrator of S.C. (see paragraphs 5, 7 and 10 above). He was accused of fraud and money laundering in the context of the privatisation of the State-owned press distribution company R. (see paragraph 6 above). According to the prosecutors, between January 2004 and December 2009 the suspects had formed an organisedcriminal group and caused millions of euros in losses to the budget of the State-owned company. In July 2010 the investigation was extended to tax evasion.
15. According to a decision issued by the DIICOT on 22 June 2010 several commercial companies, including T. (see paragraph 9 above) and other companies in which Mr H.A. was associate or administrator, were included in the proceedings as parties liable under civil law for the damage caused by the offences under investigation. By the same decision, the prosecutor noted that the proceeds of the crimes under investigation had not yet been recovered and ordered the seizure of all movable and immovable assets belonging to these companies and Mr H.A, pursuant to Article 25 of Law no. 656/2002 on the prevention and sanctioning of money laundering, Article 13 of Law no. 39/2003 on combating organised crime and Article 163 of the former Code of Criminal Procedure (hereinafter “the old CCP” – see, respectively, paragraphs 37, 38 and 33below). In the enforcement of this decision, on 24 and 25 June 2010 a number of vans and other vehicles used for the distribution of print media were seized from premises belonging to one of the commercial companies listed in the decision. The report drafted on that occasion by the police mentioned among the seized items the six vans belonging to the applicant company (see paragraph 10 above).
16. On 29 October 2010 the DIICOT ordered the seizure of all kiosks in the possession of N. (former company R., see paragraphs 6 and 14 above), a company in which Mr H.A. and other accused had shares. The measure, based on Article 163 of the old CCP read in conjunction with Articles 241, 25(1) and 25(6) of Law no. 656/2002 (see, respectively, paragraphs 33 and 37 below), was taken in order to secure subsequent special confiscation justified by the need to recover the proceeds of crime and to guarantee payment of the fine applied.
17. On 1 November 2010, in the enforcement of the above mentioned decision, some 1,483 kiosks were seized from premises belonging to N. According to a report drafted on that occasion by the police in the presence of the administrator and an employee representative of N., the value of the seized assets was EUR 2,859,000. The administrator of N. was appointed custodian of the seized assets. He was warned that the seized assets could not be altered, destroyed or assigned for any other purpose, as stipulated by Article 244 of the Criminal Code. The representatives of N. signed the report without objections.
IV. COMPLAINTS BY THE APPLICANT COMPANY AGAINST THE SEIZURE
18. On 23 November 2010 the applicant company lodged a complaint with the hierarchically superior prosecutor against the DIICOT’s decision of 29 October 2010 (see paragraph 16 above). It explained that some of the kiosks seized by that decision were its property and submitted as proof copies of the purchase contracts and finance lease contracts. It claimed that the seizure had been unlawful as it was not party to the criminal investigation and requested the lifting of the measure as regards the kiosks belonging to it.
19. On 14 December 2010 the chief prosecutor of the DIICOT rejected the complaint as unfounded, holding that the legal framework governing the crimes under investigation and the preventive measures applied allowed for the seizure of assets from any third party for the purpose of subsequent special confiscation. It was further noted that the seizure of assets belonging to third parties was triggered by the nature of the crime of money laundering. In the specific circumstances of the case, the prosecutor explained that the measure was justified for several reasons: the proceeds of crime had not been recovered, the accused were shareholders of N. and there was a risk that assets belonging to it would be alienated, and also, the accused had put in place a fictitious circuit of money and assets, more specifically the kiosks in question, according to which N. became the final beneficiary of the lease contracts since both companies – N. and S.C. – were controlled by the same accused.
20. On 17 February 2011 the complaint lodged by the applicant company with the Bucharest County Court against the DIICOT’s decision of 29 October 2010 (see paragraph 16 above) was rejected as inadmissible. The court held that Article 168 of the old CCP, as interpreted by decision no. 71/2007 of the High Court of Cassation and Justice (see paragraphs 33 and 34 below), provided that any complaint under that provision had to be decided by the prosecutor if the criminal investigation was still pending, and by the court if the trial had started in the case. The court therefore concluded that the present complaint was inadmissible since it related to a case in which the investigation was still pending and which had not been brought before the courts. The decision was final.
21. On 24 February 2011 the applicant company lodged a petition with the DIICOT requesting, as owner of 827 of the kiosks seized, to be appointed custodian of these kiosks.
22. On 6 February 2012 the applicant company lodged a complaint with the DIICOT requesting the lifting of the seizure applied to its six vans (see paragraphs 10 and 16in fine above).
23. On 12 September 2012 the applicant company, represented by a lawyer, lodged a new request with the DIICOT for the annulment of the seizure decision of 29 October 2010 (see paragraph 16 above). It clarified that it owned 779 of the 1,483 kiosks seized by the contested decision. It claimed that maintaining the measure breached its right to property, as guaranteed by the Constitution and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. It also argued that the seizure had been unlawful since Article 163 §§ 2 and 3 of the old CCP (see paragraph 33 below) provided for the seizure of assets only from the suspect or accused, and none of the situations listed in Article 118 of the Criminal Code (see paragraph 38 below) were applicable in its case. In its opinion, the measure had also been unnecessary since the purpose of this type of measure was to prevent the suspect, accused or party liable under civil law from selling its assets or going bankrupt. However, the seizure decision did not refer to any specific fact necessitating the adoption of such a measure in respect of assets belonging to a third party to the criminal proceedings, such as itself. Lastly, the applicant company argued that the seizure of its assets had prevented it from using its property and had caused it a loss of EUR 387,352 excluding tax, as calculated by a financial expert.
24. On 14 May 2015 the applicant company reiterated its complaints in connection with the seizure of the 779 kiosks, six vans and one truck, seeking the lifting of the measure and compensation for losses incurred to date. It submitted a similar request on 19 January 2016.
25. No reply was received by the applicant company to the above mentioned requests.
V. THE LIFTING OF THE SEIZURE
26. On 16 March 2018, at the request of company N., acting as owner of all the seized assets (see paragraph 16 above), the DIICOT decided to lift the seizure in respect of 1,390 kiosks. The prosecutor observed that in previous proceedings before the courts all sales contracts concluded by S.C. concerning the kiosks (see paragraph 12above) had been annulled and the assets returned to N., therefore the reasons on which the seizure measure had been based were no longer valid. This decision was communicated to N.
27. On 21 November 2018 the applicant company lodged a new request for the lifting of the seizure and the return of the 779 kiosks, six vans and one truck. It also sought compensation for the losses incurred due to the seizure.
28. This request was partially allowed by the DIICOT in a decision adopted on 6 March 2019. The decision stated that on 16 March 2018 the seizure had already been lifted as regards 1,390 kiosks, following a request submitted by the injured party, N. (see paragraph 26 above). However, that decision had failed to identify the kiosks concerned and so, to date, there were still ninety-three kiosks formally seized. Therefore, since the reasons for the lifting of the measure applied to all the kiosks, it was decided to lift the measure as regards the remaining ninety-three kiosks and to reject the applicant company’s request for the remaining kiosks as being devoid of purpose. As regards the six vans, noting that the applicant company had notified S.C. of the termination of the lease contract, the prosecutor considered that they had remained the applicant company’s property and decided to lift the seizure, ordering their return to the applicant company. Since there was evidence indicating that the truck had been sold(see paragraph 6 above) and then sublet by S.C., the prosecutor considered that further verifications were necessary and decided to examine the request concerning the truck separately in a future decision. With respect to the applicant company’s request for compensation for losses incurred, the prosecutor decided that such a request was not within the competence of the prosecutor’s office.
29. This decision was communicated to the applicant company and received at its office on 13 March 2019.
30. On 4 April 2019 the applicant company contested the decisions of 16 March 2018 and 6 March 2019 (see paragraphs 26 and 28 above) before the chief prosecutor of the DIICOT. It claimed that the lifting of the seizure had been a mere formality since the assets concerned were not in its possession, had not been identified and had not been returned to it in the authorities’ presence. It further requested that the ninety-three kiosks and six vans be identified, their depreciation due to use be valued by the prosecutor and possession of the goods be restored in the authorities’ presence. It also contested the prosecutor’s decision as regards the truck, which, in its opinion, was in the same situation as the kiosks and vans. It requested that the seizure be lifted, that the truck be identified and that possession of the truck be restored under the authorities’ supervision. Furthermore, it alleged that the prosecutor had wrongly rejected its complaint against the seizure of the 779 kiosks, since the decision of 16 March 2018 had ordered the lifting of the seizure in favour of N. and had not even been communicated to the applicant company. The latter also contested the rejection of its claim for compensation. In this connection, it submitted that the assets seized had been used for the benefit of N. and considered that the benefits generated by their use should be returned to it as rightful owner. In conclusion, the applicant company requested the annulment of the decisions of 16 March 2018 and 6 March 2019, the lifting of the seizure in respect of the 779 kiosks, six vans and one truck, their identification and valuation and restoration of possession in the authorities’ presence.
31. By a decision adopted on 3 May 2019 the chief prosecutor of the DIICOT rejected the applicant company’s complaint as ill founded, maintaining the arguments of the 6 March 2019 decision (see paragraph 28 above) and observing that none of the kiosks were currently seized. No mention was made of the applicant company’s request for the identification, valuation and restoration of possession of the seized assets. This decision was communicated to the applicant company on 10 May 2019.
32. At the time of the latest information available to the Court (11 November 2019), the criminal investigation was still ongoing at the DIICOT.
RELEVANT LEGAL FRAMEWORK AND PRACTICE
I. RELEVANT PROVISIONS CONCERNING SEIZURE
33. The relevant provisions of the old CCP, in force between 30 April 1997 and 31 January 2014, read as follows at the relevant time:
Article 163 – Preventive measures (M?surile asigur?torii)
“(1) Preventive measures are taken during the criminal proceedings by the prosecutor or by the court and consist of freezing, by means of seizure, movable and immovable property, with a view to securing special confiscation, to recover damage caused by an offence, as well as to guarantee the payment of a fine.
(2) Preventive measures aimed at recovering damage [caused by an offence] may be taken in respect of assets belonging to the suspect, accused or party liable under civil law, up to the maximum value of the damage.
(3) Preventive measures aimed at guaranteeing the payment of a fine shall be taken only in respect of assets belonging to the suspect or accused.”
Article 165 – Procedure for seizure
“(1) The body responsible for enforcing the seizure shall identify and value the seized assets, and may, if need be, have recourse to experts.
...
(7) Seized assets shall be kept until the seizure is lifted.
...
(9) If there is a risk of alienation, the other seized movable assets (other than money, precious metals or perishable items) shall be sealed or taken away, and a custodian may be appointed.”
Article 168 – Complaints against preventive measures
“(1) The suspect, accused, party liable under civil law and any other interested person may lodge a complaint with the prosecutor or the court, at any stage of the criminal proceedings.”
34. The provisions of Article 168 of the old CCP were clarified in an appeal on points of law by the High Court of Cassation and Justice, which held (in decision no. 71/2007) that a seizure could only be contested before the prosecutor while the investigation was ongoing, and before the courts once the investigation had been concluded and the case sent to trial.
35. On 1 February 2014 a new Code of Criminal Procedure (“the new CCP”) entered into force, containing new provisions concerning preventive measures as follows:
Article 250 – Complaints against preventive measures
“(1) The suspect, accused and any other interested person may lodge a complaint with the court competent to decide on the merits of the case against the prosecutor’s decision to take a preventive measure within three days of its notification or the date of its enforcement.”
II. RELEVANT PROVISIONS CONCERNING CONFISCATION
36. The relevant provisions of Law no. 656/2002 on the prevention and sanctioning of money laundering, in force at the relevant time, read as follows:
Article 241
“The adoption of preventive measures shall be compulsory in cases concerning money laundering or the financing of terrorism.”
Article 25
“(1) In cases concerning money laundering and the financing of terrorism, the provisions on confiscation set forth by Article 118 of the Criminal Code shall apply. ...
(6) In order to ensure confiscation, the application of the preventive measures provided for by the Code of Criminal Procedure shall be compulsory.”
37. Article 13 of Law no. 39/2003 on combating organised crime, in force at the relevant time, included provisions similar to those in Law no. 656/2002 mentioned above as regards the applicability of Article 118 of the Criminal Code to confiscation ordered for the offence of conspiracy to commit crime.
38. The Criminal Code in force at the relevant time provided as follows:
Article 118 – Special confiscation
“(1) The following shall be subject to special confiscation:
(a) assets produced through the commission of an offence;
(b) assets that have been used, in any way, in the commission of an offence, if they belong to the perpetrator or to another person who knew the purpose of their use;
...
(e) assets acquired through the commission of an offence, if they are not returned to the injured party and if they are not used to indemnify the injured party;”
III. RELEVANT PROVISIONS CONCERNING COMPENSATION
39. Article 504 of the old CCP provided for the right to compensation for those who have been acquitted after a final conviction and those who had been unlawfully deprived of their liberty during the criminal proceedings. Article 504 § 3 provided that the unlawful deprivation of liberty had to be established by decision of the prosecutor or the court. The new CCP, in force after 1 February 2014, includes similar provisions in Articles 538 and 539 on the right to compensation for judicial error and unlawful detention. Under these provisions, a person who receives a final conviction has the right to be compensated for any damage suffered if the conviction has been overturned and a final decision for acquittal has been pronounced owing to a new or recently discovered fact that proves that the conviction was the result of a judicial error. A person unlawfully detained in the course of criminal proceedings has the same right.
40. Articles 998 and 999 of the former Civil Code, in force until 30 September 2011, provided that any person who had suffered damage could seek redress by bringing a civil action against the person who had intentionally or negligently caused it. In order for the action to be admitted, the interested party had to prove in court that the defendant had committed an illicit act with liability under civil law, that the plaintiff had sustained damage, and that there was a causal link between the illicit act and the damage sustained. Similar provisions were included in Article 1349 of the new Civil Code, in force after 1 October 2011.
IV. RELEVANT PRACTICE OF THE DOMESTIC COURTS
41. The Government submitted numerous judgments adopted by the domestic courts in cases in which third parties to the criminal investigation contested the seizure of their assets ordered by the prosecutor during the investigation. All these judgments were adopted in cases in which the criminal investigation had finished and the defendants had been sent to trial, or in cases concerning measures ordered after the entry into force of the new CCP.
42. In one judgment of 21 September 2016 the domestic court examined on the merits and rejected as ill-founded a complaint lodged by a third party to the investigation against the seizure ordered by the prosecutor on 1 February 2011, before the entry into force of the new CCP. It appears from this judgment that the criminal investigation had finished and that the defendant had been sent to trial at the time the complaint was lodged.
43. The Government also submitted a judgment adopted by the High Court of Cassation and Justice on 30 January 2014 concerning a claim for compensation for damage incurred as a result of alleged unlawful detention, abusive investigation and several preventive or other measures adopted during the investigation against the plaintiff. The plaintiff in this case (an ex-customs officer and former member of parliament) had been placed in pre-trial detention for several months during the criminal investigation and then convicted by a court. Subsequently, his conviction had been overturned, the criminal investigation reopened and the charges against him dropped. In whole the proceedings against him lasted eleven years and ended with the prosecutor’s decision to close the investigation as he had committed no crime. Under Articles 504 and 505 of the former CCP concerning the right to compensation for unlawful conviction and deprivation of liberty (see paragraph 39 above) and the general tort provisions in Articles 998 and 999 of the former Civil Code (see paragraph 40 above), the court awarded the plaintiff compensation for non-pecuniary damage. The court established that the plaintiff first had been held in pre-trial detention but subsequently had not been brought before a court and had had the charges against him dropped. This was considered by the court to be a judicial error giving rise to the right to compensation. The court awarded compensation for a number of measures adopted by the prosecutor during the investigation and their excessive duration. These measures included the pre-trial detention and seizure of the plaintiff’s car.
44. The Government also referred to decision no. 20 of 19 January 2016, in which the Constitutional Court held that the provisions of the CCP concerning preventive measures ordered by criminal bodies and, more specifically, the lifting of preventive measures, had to be supplemented by the provisions of the Code of Civil Procedure. The Constitutional Court explained that Article 957 § 1 of the Code of Civil Procedure provided for the possibility of requesting the lifting of the seizure if a sufficient real or personal guarantee was given by the debtor. Accordingly, in criminal matters, a suspect or defendant whose assets had been seized could, during the criminal proceedings, request the lifting of the measure if he or she offered a sufficient guarantee, made a deposit covering the entire value of the debt or paid the entire debt.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
45. The applicant company complained of interference with its property rights contrary to Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
46. Relying on Articles 6 § 1 and 13 of the Convention, the applicant company further complained of the excessive length of that interference and of a lack of an effective remedy in that regard.
47. Being the master of the characterisation to be given in law to the facts of the case (see, for example, Radomilja and Others v. Croatia [GC], no. 37685/10, §§ 114 and 126, 20 March 2018) and bearing in mind the procedural requirements inherent in Article 1 of Protocol No. 1 (see the case–law quoted in paragraph 78 below), the Court finds it appropriate to examine the complaints raised under Articles 6 § 1 and 13 of the Convention as part of the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 (see,mutatis mutandis, Forminster Enterprises Limited v. the Czech Republic, no. 38238/04, § 59, 9 October 2008).
A. Admissibility
1. Abuse of the right of application
(a) The Government’s objection
48. The Government pointed out that on 16 March 2018 and 6 March 2019 two decisions had been adopted by the authorities lifting the seizure measures at issue in the present application (see paragraphs 26 and 28 above). In their opinion, the fact that the applicant company had failed to inform the Court of the above-mentioned decisions – that had re-established its property rights over the assets in dispute – had been an abuse of the right of application. Moreover, even after the Government had informed the Court on 20 March 2019 of the above-mentioned decisions and this correspondence had been forwarded to the applicant company on 2 April 2019, the latter had still not submitted any sufficient explanation for its silence on the issue.
49. Relying on the Court’s reasoning in the cases of Constantinescu and Others v. Romania ((dec.) no. 33605/03, 16 June 2009), Cir v. Romania ((dec.) no. 52330/07, 26 January 2010) and Jian v. Romania ((dec.) no. 46640/99, 30 March 2004), the Government considered that the applicant company had failed to inform the Court of an essential fact and that therefore the application should be declared inadmissible pursuant to Article 35 § 3 (a) of the Convention.
(b) The applicant company’s reply
50. The applicant company argued that it had never been informed of the decision of 16 March 2018. On 13 March 2019, when it had been notified of the decision of 6 March 2019 (see paragraph 29 above), notice of the present application before the Court had already been given to the Government; the latter had submitted their observations on the admissibility and merits on 11 June 2019. Subsequently, on 23 July 2019, in compliance with the procedure and within the time-limit granted by the Court, it had sent its comments in reply, including submissions as regards the two above mentioned decisions of the national authorities.
51. Therefore, in its opinion, there had been no abuse of the right of application.
(c) The Court’s assessment
52. The Court reiterates that, under Article 35 § 3 (a) of the Convention, an application may be rejected as an abuse of the right of individual application if, among other reasons, it was knowingly based on untrue facts. Incomplete and therefore misleading information may also amount to abuse of the right of application, especially if the information concerns the very core of the case and no sufficient explanation is given for the failure to disclose that information (see Gross v. Switzerland [GC], no. 67810/10, § 28, ECHR 2014, with further references).
53. In the present case, the fact that the applicant company waited until its turn to reply to the Government’s observations in order to submit information about the two decisions in question cannot be seen as an attempt to conceal any essential information from the Court. In any event, the Court notes that the core of the applicant company’s complaint is the absence of procedural guarantees for a decision interfering with its property rights and the excessively long duration of that interference, which had already lasted more than eight years and eight months at the time it was informed of its discontinuance (see paragraph 63 below). In addition, the applicant company argued that the two decisions in question had failed to put an end to the interference complained of (see paragraph 67 below).
54. The Court also observes that the present case differs from the cases put forward by the Government (see paragraph 49 above). More specifically, two of these cases concern complaints of non-enforcement of domestic decisions where the applicants failed to inform the Court that the decisions concerned had in fact been enforced (seeConstantinescu and Others and Cir, decisions cited above) while the case of Jian (decision cited above) concerned the applicant’s use of a forged document in order todeliberately mislead the Court, by presenting a distorted image of the most serious part of his application.
55. In view of the above and having found no fraudulent intent on the part of the applicant company, the Court dismisses the Government’s objection that there has been an abuse of the right of application.
2. Exhaustion of domestic remedies and loss of victim status
56. The Government submitted that the applicant company had failed to exhaust the available domestic remedies in connection with its complaints under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. This failure, in their opinion, had also triggered the loss of the applicant company’s victim status (see, notably, the Government’s arguments summarised in paragraphs 60 to 62 below).
57. The Court considers that in the particular circumstances of the case, the Government’s objections are so closely linked to the substance of the applicant company’s complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention that they should be joined to the merits.
3. Other grounds for inadmissibility
58. The Court notes that this complaint is neither manifestly ill founded nor inadmissible on any other grounds listed in Article 35 § 3 (a) of the Convention. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Submissions by the parties
(a) The Government
59. The Government submitted that the seizure of the applicant company’s assets had been lawful. They pointed out that it was questionable whether there had been an interference with the applicant company’s property in the present case. When the measure had been taken, the property in dispute – movable assets found in the possession of N., some of which had even been sold to third parties (see paragraph 12 above) – had appeared to belong to N. The measure had pursued the legitimate aim of securing the proceeds of crime pending the criminal proceedings, the ultimate purpose being their confiscation. The Government contended that the seizure had also been proportionate to the aim pursued in the context of the criminal investigation conducted in the present case and in view of the fact that national law provided for an obligation to adopt preventive measures in order to secure subsequent special confiscation (see paragraph 37 above).
60. The Government further submitted that the seizure of the applicant company’s assets had been accompanied by sufficient procedural guarantees. More specifically, they argued firstly that the applicant company could have brought a claim before the courts for non-pecuniary damage under Article 504 of the old CCP, or Articles 538 and 539 of the new CCP from 1 February 2014 (see paragraph 39 above). Under those legal provisions, those who had been subjected to a judicial error were entitled to seek compensation for any damage sustained, including in the event of alleged disproportionate seizure of their assets as shown in the case-law example provided in paragraph43 above. Secondly, the Government submitted that the applicant company had also had the possibility to request the lifting of the seizure under Article 957 § 1 of the Code of Civil Procedure (see paragraph 44 above). Thirdly, referring to examples of case-law of the domestic courts (see paragraph 41 above), they argued that the applicant company could have claimed compensation from N. or from those accused in the criminal proceedings.
61. The Government also pointed out that the new CCP included in Article 250 provisions which allowed third parties to the criminal proceedings to contest measures taken during the investigation before the courts (see paragraph 35 above).
62. Furthermore, as of 6 March 2019 the seizure had been lifted for all property belonging to the applicant company (see paragraph 28 above). Therefore, in the Government’s opinion, the facts on which the present complaint had been based no longer existed and their consequences – which could have caused a possible breach of the Convention – had been erased. In these circumstances, and in view of the fact that the applicant company had failed to bring a claim before the national authorities for compensation in respect of any additional damage, they contended that it had lost its victim status.
(b) The applicant
63. The applicant company alleged that it had not been a party to the criminal proceedings and that there had been neither suspicion nor proof that the seized assets were proceeds of crime. The seizure of its property had therefore been unlawful and unjustified. Given its excessive duration, the seizure had also been disproportionate. On this point, the applicant company argued that its request to be appointed custodian of the seized assets had remained unanswered (see paragraphs 21 and 25 above), preventing it from using its property, while the same property had remained in the custody of N., which had made profit from its use.
64. The applicant company further submitted that it had not had sufficient procedural safeguards at its disposal against the seizure of its property, as the national legal framework had not provided for the possibility of contesting the prosecutor’s decisions of 22 June and 29 October 2010 before the courts (see paragraphs 15, 16, 33 and34 above).
65. In reply to the Government’s allegations of non-exhaustion of domestic remedies and loss of victim status (see paragraphs 60 to 62 above), it explained that, in the specific circumstances of its case, there had been no effective remedy available in the domestic legal system. It argued that the provisions of Article 504 of the old CCP (see paragraph 39 above) had only applied to people who had been wrongfully convicted or unlawfully detained. It pointed out that the decision of the High Court of Cassation and Justice of 30 January 2014 on which the Government had based their arguments (see paragraph 43 above) concerned a claim for compensation for unlawful detention to which the claim for compensation for the alleged unlawful seizure had been accessory. As regards the Government’s second allegation concerning the possibility to seek compensation from N. or from those accused in the criminal proceedings, the applicant company submitted that there was no legal provision allowing a third party to the criminal proceedings to be compensated for damage caused by an excessively lengthy preventive measure ordered by the prosecutor while the investigation was still ongoing. Also, the possibility to request the lifting of the seizure under Article 957 § 1 of the Code of Civil Procedure (see paragraph 44 above) was only available to a suspect or defendant and only after offering a guarantee. This avenue had therefore not been open to it.
66. The applicant company also argued that, even after the entry into force of the new CCP, which provided for the possibility of complaining against the seizure order before the courts, this possibility had not been open to it since such a complaint had to be lodged within three days of the adoption of the contested measure (see paragraph35 above). It pointed out that the Government had not supported their arguments with any examples of domestic case-law relevant to the situation at issue in the present case.
67. The applicant company further submitted that the seizure had indeed been lifted by the decision of 6 March 2019 – the only decision it had been informed of (see paragraphs 28 and 29 above) – but not in respect of its truck. Moreover, the seized assets had never been identified and handed over to it. Its right to property therefore continued to be breached and it continued to be a victim within the meaning of the Convention.
2. The Court’s assessment
(a) The applicable rule
68. From the facts of the case, the Court notes that the “possessions” at issue were movable assets seized by decision of the DIICOT in June and October 2010 (see paragraphs 15 and 16 above). The Government did not contest the interference with the applicant company’s property rights over the seven vehicles seized (six vans and a truck). However, as regards the kiosks, they claimed that these assets appeared to be the property of another company, which had even concluded valid purchase contracts in respect of them (see paragraphs 12, 13 and 59 above). The Court observes that, in accordance with the lease contracts concluded for the kiosks, the applicant company remained their owner (see paragraph 9 above). Moreover, following the user’s failure to fulfil its contractual obligations, the applicant company asked for the return of the kiosks (see paragraph 11 above). The Court further observes that the applicant company notified the prosecutor of its property rights over the seized kiosks on 23 November 2010 (see paragraph 18 above) and that the purchase contracts mentioned by the Government were annulled in court proceedings (see paragraph 26 above). Therefore, the seizure complained of may be regarded as an interference with the applicant company’s exercise of its right to the peaceful enjoyment of its possessions in respect of the seven vehicles as well as the 779 kiosks.
69. The Court further points out that Article 1 of Protocol No. 1 comprises three distinct rules: the first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers the deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled to control the use ofproperty in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties. The three rules are not, however, “distinct” in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule (see, among many authorities, AGOSI v. the United Kingdom, 24 October 1986, § 48, Series A no. 108, and Centro Europa 7 S.r.l. and Di Stefano v. Italy [GC], no. 38433/09, § 185, ECHR 2012).
70. The Court observes that the seizure of assets ordered during criminal proceedings is in principle a measure which amounts to a temporary restriction on their use and does not involve a transfer of ownership. This line of reasoning has led the Court to consider seizure as a measure of control of use of property (see, mutatis mutandis,Forminster Enterprises Limited, cited above, § 63, and Iordachescu v. Romania, (dec.), no. 32889/09, §§ 37 and 38, 23 May 2017; see also, a contrario, Andonoski v. the former Yugoslav Republic of Macedonia, no. 16225/08, § 30, 17 September 2015, and B.K.M. Lojistik Tasimacilik Ticaret Limited Sirketi v. Slovenia, no. 42079/12, § 38, 17 January 2017, where a confiscation was considered to amount to a deprivation of property by reason of its permanent nature, which entailed a conclusive transfer of ownership, without the possibility of recovery). However, in the present case, the measure affecting the applicant company’s kiosks and vans lasted for almost nine years and, even after it was lifted, the authorities failed to identify the assets and return them to the applicant company. Moreover, for the truck claimed to be owned by the applicant company, the situation continues to be uncertain ten years later.
71. Under these circumstances, the Court considers that there is no need to take a clear stance on the question of the rule of Article 1 of Protocol No. 1 under which the case should be examined, because the principles governing the question of justification are substantially the same, involving as they do the legitimacy of the aim of any interference, as well as its proportionality and the preservation of a fair balance (see, mutatis mutandis, Denisova and Moiseyeva v. Russia, no. 16903/03, § 55, 1 April 2010).
(b) Compliance with Article 1 of Protocol No. 1
(i) Whether the interference was prescribed by law
72. The Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 above all requires that any interference by a public authority with the enjoyment of property be in accordance with the law: the second sentence of the first paragraph only authorises deprivation of property “subject to the conditions provided for by law”; the second paragraph entitles the States to control the use of property by enforcing “laws”. Moreover, the rule of law, which is one of the fundamental principles of a democratic society, is inherent in all the Articles of the Convention. It follows that the need to ascertain whether a fair balance has been struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights becomes relevant only once it has been established that the impugned interference satisfied the requirement of lawfulness and was not arbitrary (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 108, ECHR 2000–I, and Iordachescu, decision cited above, § 39, with further references).
73. Turning to the present case, the Court notes that the seizure of the applicant company’s property was ordered pursuant to Articles 241 and 25 of Law no. 656/2002 on the prevention and sanctioning of fraud, tax evasion and money laundering, Article 13 of Law no. 39/2003 on combating organised crime and Article 163 of the old CCP(see paragraphs 15, 16, 37, 38 and 33 above). Under the above-mentioned legal framework, the adoption of preventive measures such as seizure was compulsory for the crimes under investigation in the present case (see paragraph 37 above). The Court further observes that the seizure was justified by the need to secure the subsequent special confiscation in order to recover the proceeds of crime and to guarantee payment of the fine applied (see paragraphs 15 and 16 above). The provisions on special confiscation set forth by Article 118 letters a) and e) of the Criminal Code in force at the relevant time, allowed for the confiscation of assets produced or acquired through the commission of a crime, in other words of the proceeds of crime, without specifying whether this concerned only assets belonging to the perpetrator (see paragraph 38above). Nevertheless, on this point the Court considers, as held on numerous occasions, that it is not its task to take the place of the domestic courts and it is primarily for the national authorities, notably the courts, to interpret and apply domestic law (see among many other authorities, Pine Valley Developments Ltd and Others v. Ireland,29 November 1991, § 52, Series A no. 222; and S.C. Antares Transport S.A. and S.C. Transroby S.R.L. v. Romania, no. 27227/08, § 42, 15 December 2015).
74. For the Court this issue is closely related to the question whether the requisite balance was struck between the means employed for the seizure of the applicant company’s assets and the aims sought to be achieved. The Court therefore considers that it is not necessary to establish whether the domestic legal framework relied on in the present case could, in abstracto, constitute a foreseeable legal basis for the interference complained of and will continue the examination of the case, turning to the questions whether the interference pursued a legitimate aim and whether there were sufficient procedural guarantees in place.
(ii) Pursuit of a legitimate aim
75. As regards the legitimacy of the aim pursued by the impugned seizure, the Court observes that the measure was part of a legislative framework aimed at intensifying the fight against money laundering (see paragraphs 37-38 above). The seizure involved assets considered by the authorities to be necessary to recover the proceeds of crime and to secure their subsequent confiscation (see paragraphs 15, 16 and 19 above). Therefore, the seizure measure in the instant case was carried out in the general interest to ensure that the use of the property in question did not benefit the defendants to the detriment of the community (see, mutatis mutandis, Phillips v. the United Kingdom, no. 41087/98, § 52, ECHR 2001 VII). In conclusion, the measure was pursuing a general interest the importance of which has already been stressed in several judgments of the Court (see, for example, Raimondo v. Italy, 22 February 1994, § 30, Series A no. 281 A; Riela v. Italy, no. 52439/99, 4 September 2001; Grifhorst v. France, no. 28336/02, §§ 92-93, 26 February 2009; and Michaud v. France, no. 12323/11, § 123, ECHR 2012).
(iii) Proportionality of the interference
76. The question is therefore whether, in the circumstances of the case, the measure was proportionate to the aim pursued; in other words, whether a fair balance was struck between the requirements of the general interest and the protection of the applicant company’s right to the peaceful enjoyment of its possessions, in particular by providing procedures affording the applicant company a reasonable opportunity of putting its case to the responsible authorities (see AGOSI, cited above, § 55, Series A no. 108, and Arcuri v. Italy (dec.), no. 52024/99, ECHR 2001 VII).
77. As regards the requisite balance to be struck between the means employed for the seizure of the applicant company’s assets and the above mentioned legitimate aim, the Court notes that the tenor of the applicant company’s submissions in this regard called into question the duration of the measure and the absence of judicial review (see paragraphs 63 to 67 above).
78. The Court has, on many occasions, noted that, although Article 1 of Protocol No. 1 contains no explicit procedural requirements, judicial proceedings concerning the right to the peaceful enjoyment of one’s possessions must also afford the individual a reasonable opportunity of putting his or her case to the competent authorities for the purpose of effectively challenging the measures interfering with the rights guaranteed by this provision. An interference with the rights provided for by Article 1 of Protocol No. 1 cannot therefore have any legitimacy in the absence of adversarial proceedings that comply with the principle of equality of arms, allowing discussion of aspects that are important for the outcome of the case. In order to ensure that this condition is satisfied, the applicable procedures should be considered from a general standpoint (seeG.I.E.M. S.R.L. and Others v. Italy [GC], nos. 1828/06 and 2 others, § 302, 28 June 2018).
79. In the present case, the Government submitted that the seizure had been accompanied by procedural guarantees since the applicant company had had various opportunities to bring its case before an independent body but had failed to use them (see paragraphs 60 and 61 above).
80. Firstly, the Court observes as regards the procedure provided for by Article 504 of the old CCP (Articles 538 and 539 of the new CCP) that from the wording (see paragraph 39 above) and its interpretation by the domestic courts, as shown in the example submitted by the Government (see paragraph 43 above), this was an avenue open specifically to people who had been wrongfully convicted or unlawfully detained. This was clearly not the case with the applicant company.
81. Secondly, the Government argued that the applicant company had also had the possibility to request the lifting of the seizure under Article 957 § 1 of the Code of Civil Procedure. The Court notes, along with the applicant company, that the Constitutional Court explained in the decision submitted by the Government (see paragraph 44above) that this possibility was open to a suspect or defendant whose assets had been seized and only after offering a sufficient guarantee, making a deposit covering the entire value of the debt or paying the entire debt. However, the applicant company was neither a suspect nor defendant in the criminal proceedings. Even supposing that the above-mentioned provisions had been applicable to the applicant company, which was not party to the criminal proceedings, the Court observes that, in order to be able to apply for the lifting of the seizure, it would have had to cover the debt caused by the crimes under investigation. Under these circumstances, it is doubtful whether the above provisions may be considered a reasonable opportunity for the applicant company to challenge the seizure measure.
82. The Government also argued that the applicant company could have claimed compensation from N. or from those accused in the criminal proceedings. On this point, the Court observes that all the examples submitted by the Government in support of this argument (see paragraphs 41 and 42 above) concern cases which were at the trial stage, unlike the present case, in which no suspect had yet been brought before the courts.
83. In the instant case, the seizure was ordered by the prosecutor in the framework of criminal proceedings against third parties. The applicant company was not party to those proceedings and, under the legal framework in force at the time of the adoption of the seizure, it could not contest the measure in question before the courts (see paragraphs 20, 33 and 34 above). It is true that in 2014 new criminal law provisions entered into force providing for the possibility of contesting measures such as that in the present case before the courts (see paragraph 35 above). However, the new provisions also introduced a time-limit for lodging such complaints (three days from the adoption of the measure) and the Government did not submit any examples of case-law where the domestic courts had examined, after 2014, complaints against measures ordered by the prosecutors under the old CCP lodged by third parties during the criminal investigation. The judgment of 21 September 2016 submitted by the Government concerns a case in which the investigation had finished and it is therefore not similar to the present case (see paragraph 42 above).
84. Finally, the Court recalls that in situations concerning confiscation it has held that a compensation claim against the perpetrator entailed further uncertainty for a bona fide owner because the offender might be found to be insolvent. The compensation claim was not held to offer bona fide owners sufficient opportunity for bringing their cases before the competent national authorities (see B.K.M. Lojistik Tasimacilik Ticaret Limited Sirketi, cited above, § 50, with further references). The general nature of the argument adduced by the Government in the present case does not provide a sufficient basis for the Court to depart from its above-mentioned findings.
85. In view of the above, the Court considers that the Government did not prove how the above-mentioned avenues could have offered adequate redress for the applicant company’s grievances. It follows that the Government’s objection of non-exhaustion of domestic remedies (see paragraph 56 above) should be dismissed.
86. The Government also contended that since the seizure had been lifted and no claim for compensation brought before the national authorities, the applicant company had lost its victim status (see paragraph 62 above). On this point, the Court notes that the seizure was first ordered on 22 June 2010 (see paragraph 16 above) and was formally lifted in respect of all the kiosks on 6 March 2019 (see paragraph 28 above). It thus lasted for more than eight years and eight months. Moreover, according to the applicant company (see paragraphs 30 and 67 above), even after the measure was lifted, the authorities failed to identify the assets in question and return them to their lawful owner. Also, no decision was adopted in relation to the truck, which was also not returned to the applicant company. During this entire period, the applicant company was deprived of the possibility to use its assets and/or to contest their seizure before a court, and no specific legal provision or case-law example allows for the conclusion that it would have been able to obtain compensation for the interference with its property rights (see paragraph 85 above). The Court cannot therefore come to the conclusion that the applicant company lost its victim status; it follows that the Government’s objection in this respect (see paragraph 56 above) should also be dismissed.
87. The Court acknowledges the importance of conducting investigations of suspected serious economic crimes, as in the instant case, with due diligence in order to ensure that the crimes are properly assessed and the proceedings duly terminated. Nevertheless, on the basis of the above mentioned considerations, and, taking into account, notably, the duration of the seizure of the assets belonging to the applicant company and the considerable value of those assets, as well as the lack of opportunity to challenge effectively the measure imposed in criminal proceedings in which it was not party, the Court finds that a fair balance has not been struck in the instant case between the general interest of society and the interests of the applicant company, as the latter has been obliged to bear an excessive burden (see, mutatis mutandis,Forminster Enterprises Limited, § 77; Denisova and Moiseyeva, § 64; B.K.M. Lojistik Tasimacilik Ticaret Limited Sirketi, § 52, all cited above).
88. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 7 OF THE CONVENTION
89. The applicant company complained that the seizure of its assets had constituted a penalty imposed without basis in domestic law. It relied on Article 7 of the Convention, the first paragraph of which provides:
“No one shall be held guilty of any criminal offence on account of any act or omission which did not constitute a criminal offence under national or international law at the time when it was committed. Nor shall a heavier penalty be imposed than the one that was applicable at the time the criminal offence was committed.”
90. The Government rejected the idea that the seizure measure ordered by the prosecutor in the course of the criminal investigation in the present case had been a “penalty” and argued that Article 7 was not applicable.
91. The Court reiterates that the concept of a “penalty” in Article 7 has an autonomous meaning. To render the protection offered by this Article effective, the Court must remain free to go behind appearances and assess for itself whether a particular measure amounts in substance to a “penalty” within the meaning of this provision The wording of Article 7 § 1, second sentence, indicates that the starting-point in any assessment of the existence of a “penalty” is whether the measure in question is imposed following a decision that a person is guilty of a criminal offence. However, other factors may also be taken into account as relevant in this connection, namely the nature and purpose of the measure in question; its characterisation under national law; the procedures involved in the making and implementation of the measure; and its severity (seeG.I.E.M. S.R.L. and Others, cited above, §§ 210 and 211, and Welch v. the United Kingdom, 9 February 1995, §§ 27 and 28, Series A no. 307 A).
92. The Court further reiterates its well-established case-law to the effect that in cases involving the seizure and confiscation of applicants’ property in the framework of criminal proceedings against third parties, such proceedings do not concern a “criminal charge” against the applicants (see Yildirim v. Italy (dec.), no. 38602/02, ECHR 2003-IV; Bowler International Unit v. France, no. 1946/06, § 67, 23 July 2009; and AEI Investment Industry S.R.L. and Others v. Romania [Committee] (dec.), no. 17910/15 and six other applications, § 38, 11 February 2020).
93. In the present case, the applicant company had never been charged or found guilty of any criminal offence by the Romanian courts. Accordingly, it cannot be concluded that the seizure in issue in the present case involved a finding of guilt subsequent to a criminal charge; it therefore did not constitute a “penalty” within the meaning of Article 7 of the Convention (see, mutatis mutandis, AEI Investment Industry S.R.L. and Others, § 38, and Yildirim, decisions cited above). That provision is accordingly not applicable in the case.
94. It follows that this complaint is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention, and must be rejected under Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
95. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
96. The applicant company claimed the following amounts in respect of pecuniary damage:
- EUR 2,337,000 representing the value of the 779 kiosks as it resulted from an accountant evaluation report;
- EUR 199,920 representing the value of the six vans as it resulted from purchasing invoices;
- EUR 38,000 representing the value of the truck as it resulted from its purchasing invoice.
97. The applicant company also requested EUR 10,000 in respect of non-pecuniary damage. It further claimed EUR 7,500 in respect of costs and expenses incurred in the proceedings before the Court and submitted invoices in support of this claim.
98. The applicant company lastly expressed its availability to reach an agreement with the respondent Government.
99. The Government considered that the applicant company’s claim was excessive, unjustified and submitted that the finding of a violation would be sufficient compensation for any damage sustained. They further asked the Court to reimburse only the costs and expenses that were actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum.
100. Having regard to the circumstances of the case, the Court considers that the question of the application of Article 41 of the Convention is not ready for decision. Consequently, it will reserve the question in its entirety and fix the subsequent procedure, bearing in mind the possibility of an agreement being reached between the respondent State and the applicant company (Rule 75 § 1 of the Rules of Court – see, for instance and mutatis mutandis, G.I.E.M. S.R.L. and Others, cited above, § 324). The Court invites the Government and the applicant company to notify it, within six months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, of any agreement that they may reach.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Joins to the merits the Government’s preliminary objections as to the non-exhaustion of domestic remedies and loss of victim status and dismisses them;
2. Declares the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 admissible and the remainder of the application inadmissible;
3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
4. Holds that the question of the application of Article 41 is not ready for decision;
accordingly,
(a) reserves the said question in whole;
(b) invites the Government and the applicant company to notify the Court, within six months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the matter and, in particular, of any agreement that they may reach;
(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.
Done in English, and notified in writing on 21 July 2020, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Hasan Bak?rc? Yonko Grozev
Deputy Registrar President

TESTO TRADOTTO


QUARTA SEZIONE

CASO DI CREDITO EUROPEO LEASING IFN S.A. contro ROMANIA

(Applicazione n. 38072/11)
GIUDICE
(Meriti)

Art. 1 P1 - Godimento pacifico del possesso - Sequestro nell'ambito di un procedimento penale a carico di terzi - Durata (superiore a otto anni) - Notevole valore dei beni - Mancata possibilità di impugnare efficacemente il sequestro in un procedimento di cui la società richiedente non era parte - Onere eccessivo
STRASBURGO
21 luglio 2020
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze previste dall'articolo 44 § 2 della Convenzione. Essa può essere soggetta a revisione editoriale.
Nel caso di Credit Europe Leasing Ifn S.A. contro la Romania,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (Quarta Sezione), che si riunisce come Sezione composta da:
Yonko Grozev, Presidente,
Iulia Antoanella Motoc,
Branko Lubarda,
Carlo Ranzoni,
Georges Ravarani,
Jolien Schukking,
Péter Paczolay, giudici,
e Hasan Bak?rc?, vice cancelliere di sezione,
Considerando:
la domanda contro la Romania presentata alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") da una società commerciale rumena, Credit Europe Leasing Ifn S.A. ("la società richiedente"), il 17 giugno 2011;
la decisione di notificare al Governo rumeno ("il Governo") le denunce relative agli articoli 6 § 1, 7 e 13 della Convenzione e all'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione e di dichiarare irricevibile il resto del ricorso;
le osservazioni delle parti;
dopo aver deliberato in privato il 23 giugno 2020,
Emette la seguente sentenza, che è stata adottata in tale data:
INTRODUZIONE
1. La società ricorrente lamentava che il suo diritto di accesso al tribunale era stato violato e che il sequestro eccessivamente lungo dei suoi beni aveva costituito una sanzione e una violazione del suo diritto al pacifico godimento dei beni in assenza di un effettivo ricorso interno.
I FATTI
2. La società ricorrente ha sede a Bucarest ed era rappresentata dal sig. A. Mor?rescu, un avvocato che esercitava a Bucarest. Con lettera del 23 luglio 2019, egli ha notificato al Tribunale che la società richiedente aveva cambiato la propria ragione sociale in Credit Europe Asset Management S.A. Il 21 agosto 2019 il Tribunale ha comunicato alle parti che avrebbe continuato a trattare la domanda sotto il nome di Credit Europe Leasing Ifn S.A. contro la Romania.
3. Il Governo era rappresentato dal suo agente, da ultimo la signora S.-M. Teodoroiu, del Ministero degli Affari Esteri.
4. I fatti del caso, così come presentati dalle parti, possono essere riassunti come segue.
CONTRATTI DI LOCAZIONE CONCLUSI DALLA SOCIETÀ RICHIEDENTE
Il camion
5. Il 6 luglio 2005 è stato stipulato un contratto di locazione finanziaria tra la società richiedente, in qualità di finanziatore, e la società S.C., in qualità di utente, rappresentata dal suo amministratore, il sig. H.A. In base a tale contratto, un camion acquistato dalla società richiedente è stato affittato alla S.C. in cambio di un canone mensile e dell'impegno da parte della S.C. ad acquistarlo alla fine del contratto.
6. Il 13 settembre 2006 il camion è stato venduto da S.C. alla società statale di distribuzione della stampa R.
I chioschi
7. In data 8 settembre 2006 è stato stipulato un contratto di locazione finanziaria tra la società richiedente in qualità di finanziatore e S.C. in qualità di utente, rappresentata dal sig. H.A. In base a tale contratto, 213 chioschi metallici di proprietà della società richiedente sono stati affittati a S.C. per ottantaquattro mesi in cambio di un affitto mensile e dell'impegno da parte di S.C. ad acquistare i chioschi alla fine di tale periodo. Il valore dei chioschi è stato fissato a 856.250 euro (EUR) al netto delle imposte.
8. Il 27 ottobre 2006, il 15 febbraio e il 23 aprile 2008 sono stati conclusi tra le stesse parti altri tre contratti simili per lo stesso periodo, rispettivamente per 500 chioschi metallici (per un valore di 2.500.000 euro tasse escluse), 100 chioschi metallici (per un valore di 600.000 euro tasse escluse) e venti chioschi metallici (per un valore di 122.000 euro tasse escluse).
9. Questi contratti di locazione finanziaria prevedevano che la società richiedente pagasse il prezzo dei chioschi al fornitore, la società T., e ne cedesse l'uso all'utente (società S.C.) per l'intero periodo in cui quest'ultimo rispettava l'obbligo di pagare l'affitto. I contratti prevedevano inoltre che, alla fine del periodo di locazione, e solo se l'utente avesse adempiuto a tutti gli obblighi contrattuali, la società richiedente avrebbe trasferito ad essa la proprietà dei beni.
I furgoni
10. In data 22 ottobre 2007 è stato stipulato un contratto di locazione finanziaria tra la società richiedente in qualità di finanziatore e S.C. in qualità di utente, rappresentata dal sig. H.A. In base a tale contratto, sei furgoni di proprietà della società richiedente sono stati affittati a S.C. per sessanta mesi in cambio di un canone mensile e dell'impegno da parte di S.C. ad acquistare i furgoni al termine di tale periodo.
RISOLUZIONE DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE
11. Il 9 novembre 2009, a causa del mancato adempimento da parte di S.C. dei propri obblighi, la società ricorrente ha comunicato che i suddetti contratti erano stati risolti e che il camion, i chioschi e i furgoni dovevano essere restituiti.
12. Nel novembre e dicembre 2009 S.C. ha venduto una serie di chioschi, compresi i chioschi oggetto dei suddetti contratti di locazione, alla società E. Alcuni di questi chioschi sono stati poi venduti da E. ad un'altra società.
13. Tra agosto e ottobre 2010 quarantanove dei suddetti chioschi sono stati venduti dalla società richiedente anche ad altre società commerciali.
INDAGINI PENALI E SEQUESTRO DEI BENI DELLA SOCIETÀ RICHIEDENTE
14. Il 17 giugno 2010 un'indagine penale in corso - avviata dalla Direzione Investigazione Criminalità Organizzata e Terrorismo (di seguito, "DIICOT") della Procura della Repubblica presso l'Alta Corte di Cassazione e di Giustizia e che coinvolge numerose persone fisiche e società commerciali - è stata estesa al sig. H.A., amministratore di S.C. (cfr. i precedenti paragrafi 5, 7 e 10). Egli è stato accusato di frode e riciclaggio di denaro nel contesto della privatizzazione della società statale di distribuzione della stampa R. (cfr. paragrafo 6). Secondo i pubblici ministeri, tra il gennaio 2004 e il dicembre 2009 i sospetti avevano formato un gruppo criminale organizzato e causato milioni di euro di perdite al bilancio della società statale. Nel luglio 2010 l'indagine è stata estesa all'evasione fiscale.
15. Secondo una decisione emessa dal DIICOT il 22 giugno 2010, diverse società commerciali, tra cui T. (cfr. paragrafo 9) e altre società in cui il sig. H.A. era socio o amministratore, sono state incluse nel procedimento in qualità di parti responsabili ai sensi del diritto civile per i danni causati dai reati oggetto di indagine. Con la stessa decisione, il Pubblico Ministero ha rilevato che i proventi dei reati oggetto di indagine non erano ancora stati recuperati e ha disposto il sequestro di tutti i beni mobili e immobili di proprietà di tali società e del sig. H.A., ai sensi dell'art. 25 della Legge n. 656/2002 sulla prevenzione e sanzione del riciclaggio, dell'art. 13 della Legge n. 39/2003 sulla lotta alla criminalità organizzata e dell'art. 163 dell'ex Codice di Procedura Penale (di seguito "il vecchio PCC" - cfr., rispettivamente, i successivi paragrafi 37, 38 e 33). Nell'esecuzione di tale decisione, il 24 e 25 giugno 2010 sono stati sequestrati, in data 24 e 25 giugno 2010, alcuni furgoni e altri veicoli utilizzati per la distribuzione della carta stampata in locali appartenenti ad una delle società commerciali elencate nella decisione. Il verbale redatto in tale occasione dalla polizia menzionava, tra gli oggetti sequestrati, i sei furgoni appartenenti alla società richiedente (cfr. paragrafo 10).
16. Il 29 ottobre 2010 il DIICOT ha disposto il sequestro di tutti i chioschi in possesso di N. (ex società R., si vedano i precedenti paragrafi 6 e 14), società di cui il sig. H.A. e altri imputati avevano azioni. Il provvedimento, basato sull'articolo 163 del vecchio PCC in combinato disposto con gli articoli 241, 25, comma 1 e 25, comma 6, della legge n. 656/2002 (cfr. rispettivamente i successivi paragrafi 33 e 37), è stato adottato al fine di ottenere una successiva confisca speciale giustificata dalla necessità di recuperare i proventi di reato e di garantire il pagamento dell'ammenda applicata.
17. In data 1° novembre 2010, nell'esecuzione della suddetta decisione, sono stati sequestrati circa 1.483 chioschi in locali di proprietà di N. AcSecondo un rapporto redatto in quell'occasione dalla polizia alla presenza dell'amministratore e di un dipendente rappresentante di N., il valore dei beni sequestrati era di 2.859.000 euro. L'amministratore di N. è stato nominato custode dei beni sequestrati. Egli è stato avvertito che i beni sequestrati non potevano essere alterati, distrutti o destinati ad altri scopi, come previsto dall'art. 244 del Codice Penale. I rappresentanti di N. hanno firmato il verbale senza obiezioni.
RECLAMI DELLA SOCIETÀ RICHIEDENTE CONTRO IL SEQUESTRO
18. Il 23 novembre 2010 la società ricorrente ha presentato un reclamo al pubblico ministero gerarchicamente superiore contro la decisione del DIICOT del 29 ottobre 2010 (cfr. paragrafo 16). Essa ha spiegato che alcuni dei chioschi sequestrati da tale decisione erano di sua proprietà e ha presentato come prova copie dei contratti di acquisto e dei contratti di locazione finanziaria. Ha sostenuto che il sequestro era stato illegittimo in quanto non era parte dell'indagine penale e ha chiesto la revoca del provvedimento per quanto riguarda i chioschi di sua proprietà.
19. Il 14 dicembre 2010 il procuratore capo del DIICOT ha respinto la denuncia in quanto infondata, ritenendo che il quadro giuridico che disciplina i reati oggetto dell'indagine e le misure preventive applicate consentisse il sequestro dei beni da parte di terzi ai fini di una successiva confisca speciale. E' stato inoltre rilevato che il sequestro di beni appartenenti a terzi è stato innescato dalla natura del reato di riciclaggio. Nelle specifiche circostanze del caso, la Procura ha spiegato che il provvedimento era giustificato per diversi motivi: i proventi del reato non erano stati recuperati, gli imputati erano soci di N. e vi era il rischio che i beni ad essa appartenenti fossero alienati, inoltre, l'imputato aveva messo in atto un circuito fittizio di denaro e beni, in particolare i chioschi in questione, secondo il quale N. era diventato il beneficiario finale dei contratti di locazione in quanto entrambe le società - N. e S.C. - erano controllate dallo stesso imputato.
20. Il 17 febbraio 2011 la denuncia presentata dalla società ricorrente al Tribunale della Contea di Bucarest contro la decisione del DIICOT del 29 ottobre 2010 (cfr. paragrafo 16) è stata respinta in quanto inammissibile. Il tribunale ha ritenuto che l'articolo 168 del vecchio PCC, come interpretato dalla decisione n. 71/2007 dell'Alta Corte di Cassazione e di Giustizia (si vedano i successivi paragrafi 33 e 34), prevedeva che qualsiasi reclamo ai sensi di tale disposizione dovesse essere deciso dal pubblico ministero se l'indagine penale era ancora pendente, e dal tribunale se il processo era iniziato nel caso. Il tribunale ha pertanto concluso che la presente denuncia era inammissibile in quanto si riferiva a un caso in cui l'indagine era ancora pendente e che non era stato portato dinanzi ai tribunali. La decisione era definitiva.
21. Il 24 febbraio 2011 la società richiedente ha presentato una petizione al DIICOT chiedendo, in qualità di proprietaria di 827 chioschi sequestrati, di essere nominata custode di tali chioschi.
22. Il 6 febbraio 2012 la società richiedente ha presentato un reclamo al DIICOT chiedendo la revoca del sequestro applicato ai suoi sei furgoni (si vedano i paragrafi 10 e 16 dell'ammenda di cui sopra).
23. Il 12 settembre 2012 la società ricorrente, rappresentata da un avvocato, ha presentato una nuova richiesta al DIICOT per l'annullamento della decisione di sequestro del 29 ottobre 2010 (cfr. paragrafo 16). Essa ha chiarito di essere proprietaria di 779 dei 1.483 chioschi sequestrati con la decisione impugnata. Essa ha sostenuto che il mantenimento del provvedimento violava il suo diritto di proprietà, come garantito dalla Costituzione e dall'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione. Ha inoltre sostenuto che il sequestro era stato illegittimo in quanto l'articolo 163 §§ 2 e 3 del vecchio CCP (cfr. paragrafo 33 infra) prevedeva il sequestro dei beni solo da parte dell'indagato o dell'imputato e nessuna delle situazioni elencate nell'articolo 118 del Codice penale (cfr. paragrafo 38 infra) era applicabile nel suo caso. A suo parere, il provvedimento era anche inutile, poiché lo scopo di questo tipo di misure era quello di impedire all'indagato, all'imputato o al responsabile di diritto civile di vendere i propri beni o di fallire. Tuttavia, la decisione di sequestro non faceva riferimento ad alcun fatto specifico che richiedesse l'adozione di un tale provvedimento in relazione a beni appartenenti a una terza parte del procedimento penale, come la stessa. Infine, la società ricorrente ha sostenuto che il sequestro dei suoi beni le aveva impedito di utilizzare i suoi beni e le aveva causato una perdita di 387.352 EUR al netto delle imposte, calcolata da un esperto finanziario.
24. Il 14 maggio 2015 la società ricorrente ha ribadito i suoi reclami in relazione al sequestro dei 779 chioschi, dei sei furgoni e di un camion, chiedendo la revoca della misura e il risarcimento delle perdite finora subite. Essa ha presentato una richiesta analoga il 19 gennaio 2016.
25. La società richiedente non ha ricevuto alcuna risposta alle suddette richieste.
LA REVOCA DEL SEQUESTRO
26. Il 16 marzo 2018, su richiesta della società N., in qualità diIn qualità di proprietario di tutti i beni sequestrati (cfr. paragrafo 16), il DIICOT ha deciso di revocare il sequestro per quanto riguarda 1.390 chioschi. Il pubblico ministero ha osservato che in precedenti procedimenti giudiziari tutti i contratti di vendita conclusi da S.C. relativi ai chioschi (cfr. paragrafo 12) erano stati annullati e i beni restituiti a N., pertanto le ragioni su cui si basava il provvedimento di sequestro non erano più valide. Tale decisione è stata comunicata a N.
27. Il 21 novembre 2018 la società ricorrente ha presentato una nuova domanda per la revoca del sequestro e la restituzione dei 779 chioschi, dei sei furgoni e di un camion. Essa ha inoltre chiesto il risarcimento dei danni subiti a causa del sequestro.
28. Tale richiesta è stata parzialmente accolta dal DIICOT con decisione adottata il 6 marzo 2019. La decisione affermava che il 16 marzo 2018 il sequestro era già stato revocato per quanto riguarda 1.390 chioschi, a seguito di una richiesta presentata dalla parte lesa, N. (cfr. paragrafo 26). Tuttavia, tale decisione non aveva identificato i chioschi interessati e quindi, ad oggi, vi erano ancora novantatré chioschi formalmente sequestrati. Pertanto, poiché i motivi della revoca della misura si applicavano a tutti i chioschi, si è deciso di revocare la misura per quanto riguarda i restanti novantatre chioschi e di respingere la richiesta della società richiedente di considerare i restanti chioschi come privi di oggetto. Per quanto riguarda i sei furgoni, osservando che la società richiedente aveva notificato a S.C. la risoluzione del contratto di locazione, il pubblico ministero ha ritenuto che essi fossero rimasti di proprietà della società richiedente e ha deciso di revocare il sequestro, ordinandone la restituzione alla società richiedente. Poiché vi erano prove che indicavano che l'autocarro era stato venduto (cfr. paragrafo 6) e poi subaffittato da S.C., il procuratore ha ritenuto che fossero necessarie ulteriori verifiche e ha deciso di esaminare la richiesta relativa all'autocarro separatamente in una decisione futura. Per quanto riguarda la richiesta di risarcimento per le perdite subite dalla società richiedente, il procuratore ha deciso che tale richiesta non era di competenza dell'ufficio del procuratore.
29. Tale decisione è stata comunicata alla società richiedente e ricevuta presso il suo ufficio il 13 marzo 2019.
30. Il 4 aprile 2019 la società ricorrente ha contestato le decisioni del 16 marzo 2018 e del 6 marzo 2019 (cfr. paragrafi 26 e 28) dinanzi al procuratore capo del DIICOT. Essa ha sostenuto che la revoca del sequestro era stata una mera formalità in quanto i beni in questione non erano in suo possesso, non erano stati identificati e non le erano stati restituiti in presenza delle autorità. Ha inoltre chiesto che i novantatre chioschi e i sei furgoni fossero identificati, che il loro ammortamento dovuto all'uso fosse valutato dal pubblico ministero e che il possesso dei beni fosse ripristinato in presenza delle autorità. Ha inoltre contestato la decisione del procuratore per quanto riguarda il camion, che, a suo parere, si trovava nella stessa situazione dei chioschi e dei furgoni. Ha chiesto che il sequestro sia revocato, che il camion sia identificato e che il possesso del camion sia ripristinato sotto il controllo delle autorità. Inoltre, ha sostenuto che il pubblico ministero aveva erroneamente respinto la sua denuncia contro il sequestro dei 779 chioschi, poiché la decisione del 16 marzo 2018 aveva ordinato la revoca del sequestro a favore di N. e non era stata nemmeno comunicata alla società ricorrente. Quest'ultima ha anche contestato il rigetto della sua domanda di risarcimento. A tale riguardo, essa ha sostenuto che i beni sequestrati erano stati utilizzati a favore di N. e ha ritenuto che i benefici generati dal loro utilizzo dovessero esserle restituiti in quanto legittimi proprietari. In conclusione, la società ricorrente ha chiesto l'annullamento delle decisioni del 16 marzo 2018 e del 6 marzo 2019, la revoca del sequestro dei 779 chioschi, dei sei furgoni e di un camion, la loro identificazione e valutazione e il ripristino del possesso in presenza delle autorità.
31. Con decisione adottata il 3 maggio 2019, il procuratore capo del DIICOT ha respinto la denuncia della società richiedente in quanto infondata, mantenendo le argomentazioni della decisione del 6 marzo 2019 (cfr. paragrafo 28) e osservando che nessuno dei chioschi è stato attualmente sequestrato. Non è stata fatta menzione della richiesta della società richiedente di identificare, valutare e ripristinare il possesso dei beni sequestrati. Tale decisione è stata comunicata alla società richiedente il 10 maggio 2019.
32. Al momento delle ultime informazioni a disposizione della Corte (11 novembre 2019), l'indagine penale era ancora in corso presso il DIICOT.
QUADRO GIURIDICO E PRASSI PERTINENTE

DISPOSIZIONI PERTINENTI IN MATERIA DI SEQUESTRO
33. Le disposizioni in materia del vecchio PCC, in vigore tra il 30 aprile 1997 e il 31 gennaio 2014, si leggono come segue al momento in questione:
Articolo 163 - Misure preventive (M?surile asigur?torii)
"(1) Le misure preventive sono adottate durante il procedimento penale dal pubblico ministero o dal tribunale e consistono nel congelamento, mediante sequestro, di beni mobili e immobili al fine di ottenere una confisca speciale, di recuperare i danni causati da un reato, nonché di garantire il pagamento di una multa.
(2) Misure preventive volte al recupero dei danni [causati da un reato] possono essere adottate per i beni appartenenti all'indagato, all'imputato o al responsabile civile, fino al valore massimo del danno.
(3) Le misure preventive volte a garantire il pagamento di una multa possono essere adottate solo per i beni appartenenti all'indagato o all'imputato".
Art. 165 - Procedura di sequestro
"(1) L'organismo responsabile dell'esecuzione del sequestro identifica e valuta i beni sequestrati e può, se necessario, ricorrere a periti.
...
(7) I beni sequestrati sono conservati fino alla revoca del sequestro.
...
(9) In caso di rischio di alienazione, gli altri beni mobili sequestrati (diversi dal denaro, dai metalli preziosi o dagli oggetti deperibili) devono essere sigillati o portati via e può essere nominato un depositario".
Art. 168 - Reclami contro le misure preventive
"(1) L'indagato, l'imputato, la parte responsabile ai sensi del diritto civile e qualsiasi altra persona interessata può presentare una denuncia al pubblico ministero o al tribunale, in qualsiasi fase del procedimento penale".
34. Le disposizioni dell'articolo 168 del vecchio PCC sono state chiarite in un ricorso per motivi di diritto dall'Alta Corte di Cassazione e di Giustizia, che ha stabilito (con decisione n. 71/2007) che un sequestro può essere contestato davanti al pubblico ministero solo durante le indagini in corso, e davanti ai tribunali una volta che le indagini sono state concluse e il caso è stato mandato in giudizio.
35. Il 1° febbraio 2014 è entrato in vigore un nuovo Codice di procedura penale ("nuovo PCC"), contenente le seguenti nuove disposizioni in materia di misure preventive:
Art. 250 - Reclami contro le misure preventive
"(1) L'indagato, l'imputato e qualsiasi altra persona interessata può presentare una denuncia al tribunale competente a decidere nel merito contro la decisione del pubblico ministero di adottare una misura preventiva entro tre giorni dalla sua notifica o dalla data della sua esecuzione".
DISPOSIZIONI PERTINENTI IN MATERIA DI CONFISCA
36. Le disposizioni rilevanti della Legge n. 656/2002 sulla prevenzione e sanzione del riciclaggio, in vigore alla data di riferimento, sono le seguenti:
Articolo 241
"L'adozione di misure preventive è obbligatoria nei casi riguardanti il riciclaggio di denaro o il finanziamento del terrorismo".
Articolo 25
"(1) Nei casi di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo si applicano le disposizioni in materia di confisca previste dall'articolo 118 del codice penale. ...
(6) Per garantire la confisca, è obbligatoria l'applicazione delle misure preventive previste dal codice di procedura penale".
37. L'art. 13 della Legge n. 39/2003 sulla lotta alla criminalità organizzata, in vigore al momento, ha previsto disposizioni analoghe a quelle della citata Legge n. 656/2002 per quanto riguarda l'applicabilità dell'art. 118 del Codice Penale alla confisca disposta per il reato di associazione per delinquere.
38. Il codice penale in vigore alla data di riferimento ha previsto quanto segue:
Art. 118 - Confisca speciale
"(1) Sono soggetti a speciale confisca:
(a) i beni prodotti attraverso la commissione di un reato;
(b) i beni che sono stati utilizzati, in qualsiasi modo, per la commissione di un reato, se appartengono all'autore del reato o ad un'altra persona che conosceva lo scopo del loro uso;
...
(e) i beni acquisiti con la commissione di un reato, se non sono restituiti alla persona offesa e se non sono utilizzati per risarcire la persona offesa;".
DISPOSIZIONI PERTINENTI IN MATERIA DI RISARCIMENTO
39. L'articolo 504 del vecchio PCC prevedeva il diritto al risarcimento per coloro che erano stati assolti dopo una condanna definitiva e per coloro che erano stati illegittimamente privati della libertà personale durante il procedimento penale. L'articolo 504 § 3 prevedeva che l'illegittima privazione della libertà personale dovesse essere stabilita con decisione del pubblico ministero o del tribunale. Il nuovo PCC, in vigore dopo il 1° febbraio 2014, contiene disposizioni analoghe negli articoli 538 e 539 sul diritto al risarcimento dei danni per errore giudiziario e detenzione illegale. In base a queste disposizioni, chi riceve una condanna definitiva ha il diritto di essere risarcito per qualsiasi danno subito se la condanna è stata annullata e se è stata pronunciata una decisione definitiva di assoluzione a causa di un fatto nuovo o scoperto di recente che dimostra che la condanna è il risultato di un errore giudiziario. Lo stesso diritto spetta a una persona detenuta illegalmente nel corso di un procedimento penale.
40. Gli artt. 998 e 999 dell'ex Codice Civile, in vigore fino al 30 settembre 2011, prevedevano che chiunque avesse subito un danno potesse chiedere il risarcimento intentando un'azione civile contro la persona che lo avesse causato intenzionalmente o per negligenza. Per l'ammissione dell'azione, l'interessato doveva provare in giudizio che l'imputato aveva commesso un atto illecito con responsabilità civile, che l'attore aveva subito un danno e che esisteva un nesso causale tra l'atto illecito e il danno subito. Analoghe disposizioni sono state inserite nell'art. 1349 del nuovo Codice Civile, in vigore dopo il 1° ottobre 2011.
PRASSI RILEVANTE DEI TRIBUNALI NAZIONALI
41. Il Governo ha presentato numerose sentenze adottate dai tribunali nazionali nei casi in cui terzi coinvolti nell'indagine penale hanno contestato il sequestro dei loro beni disposto dal pubblico ministero durante le indagini. Tutte queste sentenze sono state adottate nei casi in cui l'indagine penale era terminata e gli imputati erano stati rinviati a giudizio, o nei casi riguardanti misure ordinate dopo l'entrata in vigore del nuovo PCC.
42. In una sentenza del 21 settembre 2016 il tribunale nazionale ha esaminato nel merito e respinto come infondata una denuncia presentata da una terza parte dell'inchiesta contro il sequestro ordinato dal procuratore il 1° febbraio 2011, prima dell'entrata in vigore del nuovo PCC. Da questa sentenza risulta che l'indagine penale era terminata e che l'imputato era stato mandato in giudizio al momento della presentazione della denuncia.
43. Il Governo ha inoltre presentato una sentenza adottata dall'Alta Corte di Cassazione e di Giustizia il 30 gennaio 2014 relativa a una richiesta di risarcimento per i danni subiti a seguito di presunte detenzioni illegali, indagini abusive e diverse misure preventive o di altro tipo adottate durante le indagini contro l'attore. Il ricorrente in questo caso (un ex funzionario della dogana ed ex membro del Parlamento) era stato posto in custodia cautelare per diversi mesi durante l'indagine penale e poi condannato da un tribunale. Successivamente, la sua condanna è stata annullata, l'indagine penale è stata riaperta e le accuse contro di lui sono cadute. Nel complesso, il procedimento contro di lui è durato undici anni e si è concluso con la decisione del procuratore di chiudere l'indagine in quanto non aveva commesso alcun reato. Ai sensi degli articoli 504 e 505 dell'ex PCC relativi al diritto al risarcimento dei danni per l'illegittima condanna e la privazione della libertà personale (cfr. paragrafo 39) e delle disposizioni generali in materia di responsabilità civile di cui agli articoli 998 e 999 dell'ex Codice civile (cfr. paragrafo 40), il tribunale ha concesso all'attore il risarcimento dei danni non pecuniari. Il tribunale ha stabilito che l'attore è stato dapprima detenuto in custodia cautelare, ma che successivamente non è stato portato davanti a un tribunale e ha fatto cadere le accuse contro di lui. Questo è stato considerato dal tribunale come un errore giudiziario che ha dato diritto al risarcimento. Il tribunale ha concesso un risarcimento per una serie di misure adottate dal pubblico ministero durante le indagini e per la loro durata eccessiva. Tali misure comprendevano la detenzione preventiva e il sequestro dell'auto del querelante.
44. Il Governo ha inoltre fatto riferimento alla sentenza n. 20 del 19 gennaio 2016, con la quale la Corte Costituzionale ha ritenuto che le disposizioni del PCC relative alle misure preventive disposte dagli organi penali e, più specificamente, alla revoca delle misure preventive, dovessero essere integrate dalle disposizioni del Codice di Procedura Civile. La Corte costituzionale ha spiegato che l'articolo 957 § 1 del Codice di procedura civile prevedeva la possibilità di chiedere la revoca del sequestro qualora il debitore fornisse una garanzia reale o personale sufficiente. Di conseguenza, in materia penale, un indagato o un imputato i cui beni sono stati sequestrati poteva, durante il procedimento penale, chiedere la revoca del provvedimento se offriva una garanzia sufficiente, effettuava un deposito che coprisse l'intero valore del debito o pagava l'intero debito.
LA LEGGE
PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
45. La società ricorrente ha denunciato un'interferenza nei suoi diritti di proprietà in contrasto con l'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione, che recita come segue:
"Ogni persona fisica o giuridica ha diritto al pacifico godimento dei suoi beni. Nessuno può essere privato dei suoi beni se non nell'interesse pubblico e alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali del diritto internazionale.
Le disposizioni che precedono non pregiudicano tuttavia in alcun modo il diritto di uno Stato di far rispettare le leggi che ritiene necessarie per controllare l'uso dei beni in conformità all'interesse generale o per garantire il pagamento di tasse o altri contributi o sanzioni".
46. Basandosi sugli articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione, la società richiedente ha inoltre lamentato l'eccessiva durata di tale ingerenza e la mancanza di un rimedio efficace al riguardo.
47. Essendo il padrone della caratterizzazione da dare in diritto ai fatti del caso (si veda, ad esempio, Radomilja e altri contro la Croazia [GC], n. 37685/10, §§ 114 e 126, 20 marzo 2018) e tenendo conto dei requisiti procedurali inerenti all'articolo 1 del Protocollo n. 1 (si veda la giurisprudenza citata al successivo paragrafo 78), la Corte ritiene opportuno esaminare le denunce sollevate ai sensi degli articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione come parte della denuncia ai sensi dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 (si veda, mutatis mutandis, Forminster Enterprises Limited c. Repubblica Ceca, n. 38238/04, § 59, 9 ottobre 2008).
Ammissibilità
Abuso del diritto di ricorso
a) Obiezione del governo
48. Il governo ha sottolineato che il 16 marzo 2018 e il 6 marzo 2019 le autorità hanno adottato due decisioni di revoca delle misure di sequestro oggetto del presente ricorso (cfr. paragrafi 26 e 28). A loro avviso, il fatto che la società richiedente non abbia informato il Tribunale delle suddette decisioni - che aveva ristabilito i suoi diritti di proprietà sui beni oggetto della controversia - costituisce un abuso del diritto di ricorso. Inoltre, anche dopo che il Governo aveva informato il 20 marzo 2019 la Corte delle suddette decisioni e che tale corrispondenza era stata inoltrata alla società ricorrente il 2 aprile 2019, quest'ultima non aveva ancora presentato alcuna spiegazione sufficiente per il suo silenzio sulla questione.
49. Basandosi sul ragionamento della Corte nelle cause Constantinescu e altri contro la Romania ((dec.) n. 33605/03 del 16 giugno 2009), Cir c. Romania ((dec.) n. 52330/07 del 26 gennaio 2010) e Jian contro la Romania ((dec.) n. 46640/99, 30 marzo 2004), il governo ha ritenuto che la società richiedente non avesse informato la Corte di un fatto essenziale e che pertanto la domanda dovesse essere dichiarata inammissibile ai sensi dell'articolo 35, paragrafo 3, lettera a), della Convenzione.
b) La risposta della società richiedente
50. La società richiedente ha sostenuto di non essere mai stata informata della decisione del 16 marzo 2018. Il 13 marzo 2019, quando le era stata notificata la decisione del 6 marzo 2019 (cfr. paragrafo 29), la notifica del presente ricorso alla Corte era già stata data al governo; quest'ultimo aveva presentato le sue osservazioni sull'ammissibilità e sul merito l'11 giugno 2019. Successivamente, il 23 luglio 2019, in conformità alla procedura ed entro il termine concesso dalla Corte, essa aveva inviato le proprie osservazioni in risposta, comprese le osservazioni relative alle due suddette decisioni delle autorità nazionali.
51. Pertanto, a suo parere, non vi è stato alcun abuso del diritto di ricorso.
c) Valutazione della Corte
52. La Corte ribadisce che, ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) della Convenzione, una domanda può essere respinta come abuso del diritto di domanda individuale se, tra le altre ragioni, è stata consapevolmente basata su fatti non veri. Anche informazioni incomplete e quindi fuorvianti possono costituire un abuso del diritto di domanda, soprattutto se le informazioni riguardano il nucleo stesso del caso e non viene fornita una spiegazione sufficiente per la mancata divulgazione di tali informazioni (cfr. Gross v. Switzerland [GC], n. 67810/10, § 28, CEDU 2014, con ulteriori riferimenti).
53. Nel caso di specie, il fatto che la società richiedente abbia atteso il proprio turno per rispondere alle osservazioni del Governo al fine di presentare informazioni sulle due decisioni in questione non può essere considerato come un tentativo di nascondere alla Corte informazioni essenziali. In ogni caso, la Corte osserva che il nucleo della denuncia della società richiedente è l'assenza di garanzie procedurali per una decisione che interferisce con i suoi diritti di proprietà e la durata eccessivamente lunga di tale interferenza, che era già durata più di otto anni e otto mesi al momento in cui è stata informata della sua cessazione (cfr. paragrafo 63). Inoltre, la società richiedente ha sostenuto che le due decisioni in questione non avevano posto fine all'interferenza denunciata Inoltre, la società richiedente ha sostenuto che le due decisioni in questione non avevano posto fine all'interferenza denunciata (cfr. paragrafo 67).
54. La Corte osserva inoltre che il presente caso differisce da quelli presentati dal governo (cfr. paragrafo 49). Più specificamente, due di questi casi riguardano le denunce di mancata esecuzione di decisioni nazionali in cui i ricorrenti non hanno informato la Corte che le decisioni in questione erano state effettivamente eseguite (cfr. Costantinescu e altri e Cir, decisioni citate in precedenza), mentre il caso di Jian (decisione citata in precedenza) riguardava l'uso da parte del ricorrente di un documento falso al fine di ingannare deliberatamente la Corte, presentando un'immagine distorta della parte più grave della sua domanda.
55. Alla luce di quanto sopra e non avendo riscontrato alcun intento fraudolento da parte della società richiedente, la Corte respinge l'obiezione del Governo secondo cui vi sarebbe stato un abuso del diritto di ricorso.
Esaurimento dei rimedi interni e perdita dello status di vittima
56. Il Governo ha sostenuto che la società ricorrente non aveva esaurito i mezzi di ricorso nazionali disponibili in relazione alle sue denunce ai sensi dell'art. 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione. Tale mancanza, a loro avviso, aveva anche causato la perdita dello status di vittima della società richiedente (si vedano, in particolare, le argomentazioni del Governo riassunte nei successivi paragrafi 60-62).
57. La Corte ritiene che, nelle particolari circostanze del caso, le obiezioni del Governo siano così strettamente legate al merito della denuncia della società richiedente ai sensi dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione che dovrebbero essere riunite nel merito.
Altri motivi di irricevibilità
58. La Corte rileva che tale reclamo non è né manifestamente infondato né inammissibile per qualsiasi altro motivo elencato all'articolo 35 § 3 (a) della Convenzione. Essa deve pertanto essere dichiarata ammissibile.
Meriti
Osservazioni delle parti
a) Il governo
59. Il governo ha sostenuto che il sequestro dei beni della società richiedente era legittimo. Ha sottolineato che era discutibile che nella fattispecie vi fosse stata un'interferenza con i beni della società richiedente. Una volta adottato il provvedimento, i beni in questione - beni mobili trovati in possesso di N., alcuni dei quali erano stati addirittura venduti a terzi (cfr. paragrafo 12) - sembravano appartenere a N. Il provvedimento aveva perseguito lo scopo legittimo di garantire i proventi di reato in attesa del procedimento penale, il cui fine ultimo era la loro confisca. Il governo ha sostenuto che il sequestro era stato proporzionato allo scopo perseguito anche nell'ambito dell'indagine penale condotta nel presente caso e in considerazione del fatto che il diritto nazionale prevedeva l'obbligo di adottare misure preventive per ottenere una successiva confisca speciale (cfr. punto 37).
60. Il governo ha inoltre sostenuto che il sequestro dei beni della società richiedente era stato accompagnato da sufficienti garanzie procedurali. Più specificamente, essi hanno sostenuto in primo luogo che la società richiedente avrebbe potuto presentare un ricorso in tribunale per danni non pecuniari ai sensi dell'articolo 504 del vecchio CCP, o degli articoli 538 e 539 del nuovo CCP a partire dal 1° febbraio 2014 (cfr. il precedente paragrafo 39). In base a tali disposizioni di legge, coloro che avevano subito un errore giudiziario avevano il diritto di chiedere il risarcimento dei danni subiti, anche in caso di presunto pignoramento sproporzionato dei loro beni, come indicato nell'esempio di giurisprudenza di cui al precedente punto 43. In secondo luogo, il governo ha sostenuto che la società ricorrente aveva anche la possibilità di chiedere la revoca del sequestro ai sensi dell'articolo 957 § 1 del codice di procedura civile (cfr. paragrafo 44). In terzo luogo, facendo riferimento ad esempi di giurisprudenza dei tribunali nazionali (cfr. paragrafo 41), essi hanno sostenuto che la società richiedente avrebbe potuto chiedere un risarcimento a N. o agli imputati nel procedimento penale.
61. Il Governo ha inoltre sottolineato che il nuovo CCP ha incluso nell'articolo 250 disposizioni che consentono a terzi nel procedimento penale di contestare le misure adottate durante le indagini dinanzi ai tribunali (cfr. paragrafo 35 sopra).
62. Inoltre, a partire dal 6 marzo 2019 il sequestro è stato revocato per tutti i beni appartenenti alla società richiedente (cfr. paragrafo 28). Pertanto, secondo il Governo, i fatti su cui si basava la presente denuncia non esistevano più e le loro conseguenze - che avrebbero potuto causare una possibile violazione della Convenzione - erano state cancellate. In tali circostanze, e in considerazione del fatto che la società richiedente non aveva presentato alle autorità nazionali una richiesta di risarcimento per eventuali danni aggiuntivi, esse hanno sostenuto che aveva perso il suo status di vittima.
b) La ricorrente
63. La società ricorrente ha sostenuto di non essere stata parte del procedimento penale e che non vi erano né sospetti né prove che i beni sequestrati fossero proventi di reato. Il sequestro dei suoi beni era pertanto illegale e ingiustificato. Data la sua durata eccessiva, il sequestro è stato inoltre sproporzionato. A questo proposito, la società richiedente ha sostenuto che la sua richiesta di essere nominata custode dei beni sequestrati era rimasta senza risposta (cfr. paragrafi 21 e 25), impedendole di utilizzare i suoi beni, mentre gli stessi beni erano rimasti sotto la custodia di N., che ne aveva tratto profitto.
64. La società richiedente ha inoltre sostenuto di non disporre di sufficienti garanzie procedurali contro il sequestro dei suoi beni, in quanto il quadro giuridico nazionale non prevedeva la possibilità di impugnare le decisioni del pubblico ministero del 22 giugno e del 29 ottobre 2010 dinanzi ai tribunali (cfr. paragrafi 15, 16, 33 e 34).
65. In risposta alle accuse del governo di non aver esaurito i rimedi nazionali e di aver perso lo status di vittima (cfr. paragrafi 60-62), il governo ha spiegato che, nelle circostanze specifiche del suo caso, non esistevano rimedi efficaci nel sistema giuridico nazionale. Essa ha sostenuto che le disposizioni dell'articolo 504 del vecchio PCC (cfr. paragrafo 39) si applicavano solo alle persone che erano state condannate ingiustamente o detenute illegalmente. Ha sottolineato che la decisione dell'Alta Corte di Cassazione e di Giustizia del 30 gennaio 2014 su cui il Governo aveva basato le proprie argomentazioni (cfr. paragrafo 43) riguardava una richiesta di risarcimento per detenzione illegale, alla quale la richiesta di risarcimento per il presunto sequestro illegale era stata associata. Per quanto riguarda la seconda contestazione del Governo relativa alla possibilità di chiedere un risarcimento a N. o agli imputati nel procedimento penale, la società ricorrente ha sostenuto che non esisteva alcuna disposizione di legge che consentisse di risarcire un terzo nel procedimento penale per i danni causati da una misura preventiva eccessivamente lunga ordinata dal pubblico ministero mentre l'indagine era ancora in corso. Inoltre, la possibilità di chiedere la revoca del sequestro ai sensi dell'articolo 957 § 1 del codice di procedura civile (cfr. punto 44) era disponibile solo per un indagato o un imputato e solo dopo aver offerto una garanzia. Questa strada non era quindi stata aperta ad essa.
66. La società ricorrente ha inoltre sostenuto che, anche dopo l'entrata in vigore del nuovo PCC, che prevedeva la possibilità di presentare una denuncia contro l'ordinanza di sequestro in tribunale, tale possibilità non le era stata offerta in quanto tale denuncia doveva essere presentata entro tre giorni dall'adozione della misura contestata (cfr. paragrafo 35). La Commissione ha sottolineato che il governo non aveva sostenuto le sue argomentazioni con esempi di giurisprudenza nazionale pertinenti alla situazione in questione nel caso in esame.
67. La società ricorrente ha inoltre sostenuto che il sequestro era stato effettivamente revocato con la decisione del 6 marzo 2019 - l'unica decisione di cui era stata informata (cfr. punti 28 e 29) - ma non per quanto riguarda il suo autocarro. Inoltre, i beni sequestrati non erano mai stati identificati e consegnati alla società richiedente. Il suo diritto di proprietà ha quindi continuato a essere violato e ha continuato a essere una vittima ai sensi della Convenzione.
La valutazione della Corte
a) La norma applicabile
68. Dai fatti della causa, la Corte rileva che i "beni" in questione erano beni mobili sequestrati con decisione del DIICOT nel giugno e nell'ottobre 2010 (cfr. paragrafi 15 e 16). Il governo non ha contestato l'interferenza con i diritti di proprietà della società richiedente sui sette veicoli sequestrati (sei furgoni e un camion). Tuttavia, per quanto riguarda i chioschi, ha sostenuto che tali beni sembravano essere di proprietà di un'altra società, che aveva persino concluso contratti di acquisto validi nei loro confronti (cfr. paragrafi 12, 13 e 59). La Corte osserva che, conformemente ai contratti di locazione conclusi per i chioschi, la società richiedente ne è rimasta proprietaria (cfr. paragrafo 9). Inoltre, in seguito al mancato rispetto degli obblighi contrattuali da parte dell'utente, la società richiedente ha chiesto la restituzione dei chioschi (cfr. paragrafo 11). La Corte osserva inoltre che la società richiedente ha notificato al pubblico ministero i suoi diritti di proprietà sui chioschi sequestrati il 23 novembre 2010 (cfr. paragrafo 18 sopra) e che i contratti di acquisto menzionati dal governo sono stati annullati nel corso di un procedimento giudiziario (cfr. paragrafo 26 sopra). Pertanto, il sequestro denunciato può essere considerato come un'interferenza nell'esercizio del diritto della società richiedente di godere pacificamente dei suoi beni in relazione ai sette veicoli e ai 779 chioschi.
69. La Corte sottolinea inoltre che l'articolo 1 del Protocollo n. 1 comprende tre norme distinte: la prima norma, contenuta nel primo periodo del primo comma, ha carattere generale ed enuncia il principio del pacifico godimento dei beni; la seconda norma, contenuta nel secondo periodo del primo comma, riguarda la privazione dei beni e la sottopone a determinate condizioni; la terza norma, contenuta nel secondo comma, riconosce agli Stati contraenti il diritto di controllare l'uso dei beni in conformità all'interesse generale o di garantire il pagamento di tasse o altri contributi o sanzioni. Le tre regole non sono, tuttavia, "distinte" nel senso di non essere collegate tra loro. La seconda e la terza regola riguardano casi particolari di interferenza con il diritto al pacifico godimento della proprietà e devono quindi essere interpretate alla luce del principio generale enunciato nella prima regola (cfr., tra molte autorità, AGOSI c. Regno Unito, 24 ottobre 1986, § 48, Serie A n. 108, e Centro Europa 7 S.r.l. e Di Stefano c. Italia [GC], no. 38433/09, § 185, ECHR 2012).
70. La Corte osserva che il sequestro dei beni disposti nel corso di un procedimento penale è, in linea di principio, una misura che costituisce una restrizione temporanea al loro utilizzo e non comporta un trasferimento di proprietà. Questa linea di ragionamento ha portato la Corte a considerare il sequestro come una misura di controllo dell'uso dei beni (cfr., mutatis mutandis, Forminster Enterprises Limited, citata, § 63, e Iordachescu c. Romania, (dicembre), n. 32889/09, §§ 37 e 38, 23 maggio 2017; cfr. anche, a contrario, Andonoski c. ex Repubblica iugoslava di Macedonia, n. 16225/08, § 30, 17 settembre 2015, e B.K.M. Lojistik Tasimacilik Ticaret Limited Sirketi c. Slovenia, n. 42079/12, § 38, 17 gennaio 2017, in cui la confisca è stata considerata come una privazione di beni a causa del suo carattere permanente, che ha comportato un trasferimento definitivo della proprietà, senza possibilità di recupero). Tuttavia, nel caso di specie, il provvedimento che ha interessato i chioschi e i furgoni della società richiedente è durato quasi nove anni e, anche dopo la sua revoca, le autorità non sono riuscite ad identificare i beni e a restituirli alla società richiedente. Inoltre, per quanto riguarda il furgone che si sostiene essere di proprietà della società richiedente, la situazione continua ad essere incerta dieci anni dopo.
71. In tali circostanze, la Corte ritiene che non sia necessario prendere una posizione chiara sulla questione della norma dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 in base alla quale il caso dovrebbe essere esaminato, in quanto i principi che disciplinano la questione della giustificazione sono sostanzialmente gli stessi, coinvolgendo così la legittimità dello scopo di qualsiasi interferenza, nonché la sua proporzionalità e il mantenimento di un giusto equilibrio (cfr., mutatis mutandis, Denisova e Moiseyeva c. Russia, n. 16903/03, § 55, 1° aprile 2010).
b) Conformità con l'articolo 1 del Protocollo n. 1
(i) Se l'interferenza è stata prescritta dalla legge
72. La Corte ribadisce che l'articolo 1 del Protocollo n. 1 richiede soprattutto che qualsiasi ingerenza di un'autorità pubblica nel godimento dei beni sia conforme alla legge: la seconda frase del primo paragrafo autorizza la privazione della proprietà solo "alle condizioni previste dalla legge"; il secondo paragrafo dà diritto agli Stati di controllare l'uso dei beni facendo rispettare "le leggi". Inoltre, lo Stato di diritto, che è uno dei principi fondamentali di una società democratica, è insito in tutti gli articoli della Convenzione. Ne consegue che la necessità di accertare se sia stato raggiunto un giusto equilibrio tra le esigenze dell'interesse generale della collettività e quelle della tutela dei diritti fondamentali dell'individuo diventa rilevante solo quando si è stabilito che l'interferenza contestata soddisfaceva il requisito della legalità e non era arbitraria (cfr. Beyeler c. Italia [GC], no. 33202/96, § 108, CEDU 2000-I, e Iordachescu, decisione citata, § 39, con ulteriori riferimenti).
73. Per quanto riguarda la presente causa, la Corte rileva che il sequestro dei beni della società ricorrente è stato disposto ai sensi degli articoli 241 e 25 della legge n. 656/2002 sulla prevenzione e sanzione della frode, dell'evasione fiscale e del riciclaggio di denaro, dell'articolo 13 della legge n. 39/2003 sulla lotta alla criminalità organizzata e dell'articolo 163 del vecchio PCC (cfr. i precedenti paragrafi 15, 16, 37, 38 e 33). In base al quadro normativo sopra citato, l'adozione di misure preventive quali il sequestro era obbligatoria per i reati oggetto di indagine nel caso di specie (cfr. supra, paragrafo 37). La Corte osserva inoltre che il sequestro era giustificato dalla necessità di ottenere la successiva confisca speciale per recuperare i proventi di reato e garantire il pagamento dell'ammenda applicata (cfr. paragrafi 15 e 16). Le disposizioni sulla confisca speciale di cui all'articolo 118, lettere a) ed e), del codice penale al momento rilevante, ha consentito la confisca dei beni prodotti o acquisiti con la commissione di un reato, ovvero dei proventi di reato, senza specificare se si trattasse solo di beni appartenenti all'autore del reato (si veda il precedente paragrafo 38). Tuttavia, su questo punto la Corte ritiene, come più volte ribadito, che non sia suo compito sostituirsi ai tribunali nazionali e che spetti principalmente alle autorità nazionali, in particolare ai tribunali, interpretare e applicare il diritto nazionale (cfr., tra le altre autorità, Pine Valley Developments Ltd e altri c. Irlanda, 29 novembre 1991, § 52, Serie A n. 222; e S.C. Antares Transport S.A. e S.C. Transroby S.R.L. c. Romania, n. 27227/08, § 42, 15 dicembre 2015).
74. Per la Corte la questione è strettamente correlata alla questione se sia stato raggiunto il necessario equilibrio tra i mezzi impiegati per il sequestro dei beni della società richiedente e gli obiettivi perseguiti. Il Tribunale ritiene, pertanto, che non sia necessario stabilire se il quadro normativo nazionale invocato nella presente causa possa, in astratto, costituire una base giuridica prevedibile per l'interferenza contestata e proseguirà l'esame della causa, passando alla questione se l'interferenza persegua uno scopo legittimo e se sussistano sufficienti garanzie procedurali.
ii) Perseguimento di uno scopo legittimo
75. Per quanto riguarda la legittimità dell'obiettivo perseguito dal sequestro contestato, la Corte osserva che il provvedimento si inserisce in un quadro legislativo volto ad intensificare la lotta al riciclaggio (cfr. paragrafi 37-38). Il sequestro riguardava beni ritenuti necessari dalle autorità per recuperare i proventi di reato e per garantirne la successiva confisca (cfr. paragrafi 15, 16 e 19). Pertanto, la misura di sequestro nel caso in questione è stata eseguita nell'interesse generale per garantire che l'uso dei beni in questione non andasse a vantaggio degli imputati a scapito della collettività (cfr., mutatis mutandis, Phillips c. Regno Unito, no. 41087/98, § 52, ECHR 2001-VII). In conclusione, il provvedimento perseguiva un interesse generale la cui importanza è già stata sottolineata in diverse sentenze della Corte (cfr., ad esempio, Raimondo c. Italia, 22 febbraio 1994, § 30, serie A n. 281-A; Riela c. Italia, no. 52439/99, 4 settembre 2001; Grifhorst c. Francia, n. 28336/02, §§ 92-93, 26 febbraio 2009; e Michaud c. Francia, n. 12323/11, § 123, CEDU 2012).
(iii) Proporzionalità dell'interferenza
76. La questione è quindi se, nelle circostanze del caso di specie, il provvedimento sia stato proporzionato allo scopo perseguito; in altre parole, se sia stato raggiunto un giusto equilibrio tra le esigenze dell'interesse generale e la tutela del diritto della società richiedente al pacifico godimento dei propri beni, in particolare prevedendo procedure che offrano alla società richiedente una ragionevole opportunità di sottoporre il proprio caso alle autorità competenti (cfr. AGOSI, citata, § 55, Serie A n. 108, e Arcuri c. Italia (dic.), n. 52024/99, ECHR 2001-VII).
77. Per quanto riguarda il necessario equilibrio tra i mezzi impiegati per il sequestro dei beni della società richiedente e la finalità legittima di cui sopra, il Tribunale rileva che il tenore delle argomentazioni della società richiedente al riguardo ha messo in discussione la durata del provvedimento e l'assenza di controllo giurisdizionale (cfr. supra, punti 63-67).
78. Il Tribunale ha più volte rilevato che, sebbene l'articolo 1 del Protocollo n. 1 non contenga alcun esplicito requisito procedurale, i procedimenti giudiziari relativi al diritto al pacifico godimento dei propri beni devono anche offrire all'individuo una ragionevole opportunità di sottoporre il proprio caso alle autorità competenti al fine di contestare efficacemente le misure che interferiscono con i diritti garantiti da tale disposizione. Un'ingerenza nei diritti previsti dall'articolo 1 del Protocollo n. 1 non può quindi avere alcuna legittimità in assenza di un procedimento in contraddittorio che rispetti il principio della parità delle armi, consentendo la discussione di aspetti importanti per l'esito del caso. Al fine di garantire che tale condizione sia soddisfatta, le procedure applicabili devono essere considerate da un punto di vista generale (cfr. G.I.E.M. S.R.L. e altri c. Italia [GC], nn. 1828/06 e altri 2, § 302, 28 giugno 2018).
79. Nel caso in esame, il Governo ha sostenuto che il sequestro era stato accompagnato da garanzie procedurali, in quanto la società richiedente aveva avuto varie possibilità di adire un organo indipendente, ma non le aveva utilizzate (cfr. paragrafi 60 e 61).
80. In primo luogo, la Corte osserva, per quanto riguarda la procedura prevista dall'articolo 504 del vecchio PCC (articoli 538 e 539 del nuovo PCC), che dalla formulazione (cfr. paragrafo 39) e dalla sua interpretazione da parte dei giudici nazionali olo dalla formulazione (cfr. paragrafo 39) e dalla sua interpretazione da parte dei tribunali nazionali, come dimostra l'esempio presentato dal Governo (cfr. paragrafo 43), si trattava di una strada aperta specificamente alle persone che erano state ingiustamente condannate o detenute illegalmente. Questo non era chiaramente il caso della società richiedente.
81. In secondo luogo, il governo ha sostenuto che la società richiedente aveva anche avuto la possibilità di chiedere la revoca del sequestro ai sensi dell'articolo 957 § 1 del codice di procedura civile. La Corte osserva, insieme alla società ricorrente, che la Corte costituzionale ha spiegato nella decisione presentata dal governo (cfr. paragrafo 44) che questa possibilità era aperta a un sospetto o convenuto i cui beni erano stati sequestrati e solo dopo aver offerto una garanzia sufficiente, versando un deposito che coprisse l'intero valore del debito o pagando l'intero debito. Tuttavia, la società ricorrente non era né sospettata né imputata nel procedimento penale. Anche supponendo che le disposizioni di cui sopra fossero state applicabili alla società ricorrente, che non era parte del procedimento penale, la Corte osserva che, per poter chiedere la revoca del sequestro, essa avrebbe dovuto coprire il debito causato dai reati oggetto dell'indagine. In tali circostanze, è dubbio che le disposizioni di cui sopra possano essere considerate una ragionevole opportunità per la società richiedente di impugnare il provvedimento di sequestro.
82. Il governo ha inoltre sostenuto che la società richiedente avrebbe potuto chiedere un risarcimento a N. o agli imputati nel procedimento penale. Su questo punto, la Corte osserva che tutti gli esempi presentati dal governo a sostegno di tale argomentazione (cfr. paragrafi 41 e 42) riguardano casi che si trovavano nella fase processuale, a differenza del caso in esame, in cui nessun sospetto era stato ancora portato in tribunale.
83. Nel caso in questione, il sequestro è stato ordinato dal pubblico ministero nell'ambito di un procedimento penale contro terzi. La società richiedente non era parte di tale procedimento e, in base al quadro giuridico in vigore al momento dell'adozione del sequestro, non poteva contestare il provvedimento in questione dinanzi ai tribunali (cfr. paragrafi 20, 33 e 34). È vero che nel 2014 sono entrate in vigore nuove disposizioni di diritto penale che prevedono la possibilità di impugnare misure come quella in esame dinanzi ai giudici (cfr. supra, paragrafo 35). Tuttavia, le nuove disposizioni hanno anche introdotto un termine per la presentazione di tali ricorsi (tre giorni dall'adozione del provvedimento) e il Governo non ha presentato alcun esempio di giurisprudenza nel caso in cui i tribunali nazionali avessero esaminato, dopo il 2014, i ricorsi contro i provvedimenti ordinati dai pubblici ministeri ai sensi del vecchio PCC presentati da terzi nel corso dell'indagine penale. La sentenza del 21 settembre 2016 presentata dal Governo riguarda un caso in cui l'indagine era terminata e non è quindi simile al presente caso (cfr. paragrafo 42).
84. Infine, la Corte ricorda che in situazioni relative alla confisca ha ritenuto che una richiesta di risarcimento contro l'autore del reato comportasse un'ulteriore incertezza per un proprietario in buona fede, in quanto l'autore del reato potrebbe essere dichiarato insolvente. La richiesta di risarcimento non è stata ritenuta in grado di offrire ai proprietari in buona fede sufficienti opportunità di adire le autorità nazionali competenti (cfr. B.K.M. Lojistik Tasimacilik Ticaret Limited Sirketi, citata, § 50, con ulteriori riferimenti). La natura generale dell'argomentazione addotta dal governo nel presente caso non fornisce una base sufficiente per consentire alla Corte di discostarsi dalle conclusioni di cui sopra.
85. Alla luce di quanto sopra, la Corte ritiene che il governo non abbia dimostrato in che modo le suddette vie avrebbero potuto offrire un adeguato risarcimento per le rimostranze della società richiedente. Ne consegue che l'obiezione del governo di non aver esaurito i rimedi nazionali (cfr. paragrafo 56) deve essere respinta.
86. Il governo ha inoltre sostenuto che, poiché il sequestro è stato revocato e non è stata presentata alle autorità nazionali alcuna richiesta di risarcimento, la società richiedente ha perso il suo status di vittima (cfr. paragrafo 62). Su questo punto, la Corte osserva che il sequestro è stato ordinato per la prima volta il 22 giugno 2010 (cfr. paragrafo 16) ed è stato formalmente revocato per tutti i chioschi il 6 marzo 2019 (cfr. paragrafo 28). Esso è durato quindi più di otto anni e otto mesi. Inoltre, secondo la società richiedente (cfr. paragrafi 30 e 67), anche dopo la revoca del provvedimento, le autorità non sono riuscite a identificare i beni in questione e a restituirli al legittimo proprietario. Inoltre, non è stata adottata alcuna decisione in relazione al camion, che non è stato restituito alla società ricorrente. Durante tutto questo periodo, la società richiedente è stata privata della possibilità di utilizzare i propri beni e/o di contestarne il pignoramento dinanzi ad un tribunale, e nessuna specifica disposizione di legge o esempio di giurisprudenza consente di concludere che essa avrebbe potuto ottenere un risarcimento per l'interferenza con i propri diritti di proprietà (cfr. paragrafo 85). La Corte non può quindi giungere alla conclusione che la società richiedente abbia perso il suo status di vittima; ne consegue che anche l'obiezione del Governo a questo proposito (si veda il paragrafo 56 sopra) deve essere respinta.
87. La Corte riconosce l'importanza di condurre indagini su presunti gravi reati economici, come nel caso in questione, con la dovuta diligenza al fine di garantire che i reati siano adeguatamente valutati e che il procedimento sia debitamente concluso. Tuttavia, sulla base delle considerazioni di cui sopra, e tenendo conto, in particolare, della durata del sequestro dei beni appartenenti alla società richiedente e del considerevole valore di tali beni, nonché della mancanza di possibilità di contestare efficacemente la misura imposta in un procedimento penale in cui non era parte in causa, la Corte ritiene che non sia stato raggiunto un giusto equilibrio tra l'interesse generale della società e gli interessi della società richiedente, in quanto quest'ultima è stata obbligata a sostenere un onere eccessivo (cfr., mutatis mutandis, Forminster Enterprises Limited, § 77); Denisova e Moiseyeva, § 64; B. K.M. Lojistik Tasimacilik Ticaret Limited Sirketi, § 52, tutti citati sopra).
88. Di conseguenza, vi è stata una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione.
PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 7 DELLA CONVENZIONE
89. La società ricorrente lamentava che il sequestro dei suoi beni costituiva una sanzione imposta senza fondamento nel diritto nazionale. Essa si è basata sull'articolo 7 della Convenzione, il cui primo paragrafo prevede che:
"Nessuno può essere ritenuto colpevole di un reato per un atto o un'omissione che non costituiva un reato penale ai sensi del diritto nazionale o internazionale al momento in cui è stato commesso. Né può essere inflitta una pena più severa di quella applicabile al momento in cui il reato è stato commesso".
90. Il Governo ha respinto l'idea che la misura di sequestro ordinata dal pubblico ministero nel corso dell'indagine penale nel presente caso fosse una "sanzione" e ha sostenuto che l'articolo 7 non era applicabile.
91. La Corte ribadisce che il concetto di "sanzione" di cui all'articolo 7 ha un significato autonomo. Per rendere effettiva la protezione offerta da questo articolo, la Corte deve rimanere libera di andare oltre le apparenze e valutare da sola se una particolare misura equivale in sostanza a una "sanzione" ai sensi di questa disposizione La formulazione dell'articolo 7 § 1, seconda frase, indica che il punto di partenza in ogni valutazione dell'esistenza di una "sanzione" è se la misura in questione è imposta a seguito della decisione che una persona è colpevole di un reato. Tuttavia, a questo proposito possono essere presi in considerazione anche altri fattori, quali la natura e lo scopo del provvedimento in questione, la sua caratterizzazione ai sensi del diritto nazionale, le procedure coinvolte nell'elaborazione e nell'attuazione del provvedimento e la sua severità (cfr. G.I.E.M. S.R.L. e altri, già citati, §§ 210 e 211, e Welch c. Regno Unito, 9 febbraio 1995, §§ 27 e 28, serie A n. 307-A).
92. La Corte ribadisce inoltre la sua giurisprudenza consolidata secondo la quale nei casi che comportano il sequestro e la confisca dei beni dei richiedenti nell'ambito di un procedimento penale contro terzi, tali procedimenti non riguardano una "accusa penale" contro i richiedenti (cfr. Yildirim c. Italia (dic.), n. 38602/02, CEDU 2003-IV; Bowler International Unit c. Francia, n. 1946/06, § 67, 23 luglio 2009; e AEI Investment Industry S.R.L. e altri c. Romania [Comitato] (dic.), n. 17910/15 e sei altre domande, § 38, 11 febbraio 2020).
93. Nel caso in esame, la società richiedente non è mai stata accusata o dichiarata colpevole di alcun reato dai tribunali rumeni. Di conseguenza, non si può concludere che il sequestro in questione nella presente causa abbia comportato una constatazione di colpevolezza a seguito di un'accusa penale; non costituiva pertanto una "sanzione" ai sensi dell'articolo 7 della Convenzione (cfr., mutatis mutandis, le decisioni di AEI Investment Industry S.R.L. e altri, § 38, e Yildirim, citate in precedenza). Tale disposizione non è pertanto applicabile nel caso di specie.
94. Ne consegue che questo reclamo è incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione, e deve essere respinto ai sensi dell'articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
95. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se la Corte constata una violazione della Convenzione o dei suoi Protocolli e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente solo una parziale risarcimento da effettuare, il Tribunale, se necessario, darà giusta soddisfazione alla parte lesa".
96. La società richiedente ha richiesto le seguenti somme a titolo di risarcimento del danno pecuniario:
- 2.337.000 euro, pari al valore dei 779 chioschi così come risulta da un rapporto di valutazione contabile;
- EUR 199.920 che rappresentano il valore dei sei furgoni così come risulta dalle fatture di acquisto;
- EUR 38.000 che rappresentano il valore del furgone così come risulta dalla fattura d'acquisto.
97. La società richiedente ha inoltre chiesto EUR 10.000 a titolo di risarcimento del danno morale. Ha inoltre chiesto EUR 7.500 per le spese e i costi sostenuti nel procedimento dinanzi al Tribunale e ha presentato fatture a sostegno di tale richiesta.
98. La società richiedente ha infine espresso la sua disponibilità a raggiungere un accordo con il governo convenuto.
99. Il governo ha ritenuto che la richiesta della società richiedente fosse eccessiva, ingiustificata e ha sostenuto che la constatazione di una violazione sarebbe stata un risarcimento sufficiente per qualsiasi danno subito. Ha inoltre chiesto alla Corte di rimborsare solo i costi e le spese effettivamente e necessariamente sostenute e ragionevoli quanto a quantificazione.
100. Viste le circostanze del caso, la Corte ritiene che la questione dell'applicazione dell'articolo 41 della Convenzione non sia pronta per una decisione. Di conseguenza, essa si riserva la questione nella sua interezza e fisserà la procedura successiva, tenendo presente la possibilità di un accordo tra lo Stato convenuto e la società richiedente (articolo 75 § 1 del Regolamento della Corte - si veda, ad esempio e mutatis mutandis, G.I.E.M. S.R.L. e altri, citato, § 324). La Corte invita il Governo e la società richiedente a notificarle, entro sei mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione, qualsiasi accordo che possano raggiungere.
PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ,
Si unisce al merito delle obiezioni preliminari del Governo per quanto riguarda la non esaurimento dei rimedi interni e la perdita dello status di vittima e le respinge;
2) La denuncia ai sensi dell'art. 1 del Protocollo n. 1 è dichiarata ricevibile e per il resto il ricorso è irricevibile;
3. Dichiara che vi è stata una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione;
3) La questione dell'applicazione dell'art. 41 non è pronta per la decisione;
di conseguenza,
a) si riserva la suddetta questione nella sua interezza;
b) invita il Governo e la società richiedente a notificare alla Corte, entro sei mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione, le loro osservazioni scritte in merito e, in particolare, l'eventuale accordo da essi raggiunto;
c) riserva l'ulteriore procedura e delega al Presidente della Camera il potere di fissare la stessa, se necessario.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 21 luglio 2020, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.
Hasan Bak?rc? Yonko Grozev
Cancelliere Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è venerdì 10/09/2021.