CASO: CASE OF HAKOBYAN AND AMIRKHANYAN v. ARMENIA

Testo originale e tradotto della sentenza selezionata

Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF HAKOBYAN AND AMIRKHANYAN v. ARMENIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI: P1-1

NUMERO: 14156/07
STATO: Armenia
DATA: 17/10/2019
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION






CASE OF HAKOBYAN AND AMIRKHANYAN v. ARMENIA

(Application no. 14156/07)











JUDGMENT




STRASBOURG

17 October 2019



This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Hakobyan and Amirkhanyan v. Armenia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Ksenija Turkovi?, President,
Krzysztof Wojtyczek,
Aleš Pejchal,
Pere Pastor Vilanova,
Pauliine Koskelo,
Tim Eicke,
Jovan Ilievski, judges,
and Abel Campos, Section Registrar,
Having deliberated in private on 17 September 2019,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 14156/07) against the Republic of Armenia lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by Armenian nationals, Mr Versandik Hakobyan and Ms Heghine Amirkhanyan (“the applicants”), on 27 March 2007.
2. The applicants were represented by Mr A. Zohrabyan, Ms M. Ghulyan and Mr K. Mezhlumyan, lawyers practising in Yerevan. The Armenian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr G. Kostanyan, and subsequently by Mr Y. Kirakosyan, Representative of the Republic of Armenia before the European Court of Human Rights.
3. On 3 March 2009 the Court decided to communicate to the Government the part of the application regarding the applicants’ complaints concerning the deprivation of their property and the alleged unfairness of the ensuing civil proceedings under Article 1 of Protocol No. 1 and Article 6 § 1 of the Convention. The remainder of the application was declared inadmissible.
4. Mr Armen Harutyunyan, the judge elected in respect of Armenia, was unable to sit in the case (Rule 28 of the Rules of Court). Accordingly, the President of the Chamber decided to appoint Pauliine Koskelo to sit as an ad hoc judge (Rule 29 § 2 (b)).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicants Hakobyan and Amirkhanyan (hereafter, the first and the second applicants), who were born in 1950 and 1958 respectively and live in Yerevan, are husband and wife. They jointly owned a plot of land measuring 222 sq. m. and a house measuring 124.52 sq. m. situated in the centre of Yerevan. The applicants bought this property on 23 October 2001 for 84,466,500 Armenian drams (AMD) (approximately 167,250 euros (EUR) at the material time). On the ownership certificate issued in respect of this property on 7 November 2001 the first applicant was indicated as its sole owner.
6. On 25 November 2000 the Government adopted Decree no. 774 by which it approved a project presented by the Yerevan Mayor’s Office to construct an avenue, the Northern Avenue, in the centre of Yerevan which would link the two main squares, Liberty Square and Republic Square. It appears that the idea of constructing the Northern Avenue dated back to the 1920s when the original town plan of Yerevan was conceived.
7. On 16 July 2001 the Government adopted Decree no. 645 by which it approved the alienation zone of the real estate situated in the Northern Avenue strip to be taken for State needs, covering a total area of 82,700 sq. m.
8. On 1 August 2002 the Government adopted Decree no. 1151-N by which it modified its Decree no. 645 of 16 July 2001 and approved the alienation zone of the real estate situated within the administrative boundaries of the Kentron District of Yerevan to be taken for State needs, covering a total area of 345,000 sq. m.
9. A special body, the “Yerevan Construction and Investment Project Implementation Agency” (“the Agency”), was set up to manage the implementation of the project.
10. On an unspecified date the Agency requested a licensed valuation organisation, A.E. Ltd, to carry out a valuation of the property in question.
11. On 16 September 2005 A.E. Ltd prepared a preliminary valuation report without having had access to the premises. The market value of the property was found to be AMD 48,846,000 as at 15 September 2005. According to the covering letter of the manager of A.E. Ltd, this report could serve as a basis for a preliminary offer but not for the final agreement and compensation.
12. On 27 September 2005 the Agency informed the first applicant that the property in question was situated in the alienation zone and was to be taken for State needs. The first applicant was offered the above sum as compensation, plus a financial incentive in the amount of AMD 14,653,800, if he agreed to sign an agreement within ten days from the date of receipt of the offer, signed such an agreement within a month and handed over the property within the period stipulated by that agreement.
13. On 10 October 2005 the Agency lodged a claim against the first applicant seeking to oblige him to sign an agreement on taking the property for State needs for compensation in the amount of AMD 48,846,000.
14. On 28 October 2005 A.E. Ltd, upon a court order, carried out an additional valuation to determine the real market value of the property, having had access to it.
15. On 10 November 2005 A.E. Ltd prepared a valuation report, according to which the market value of the property was AMD 54,838,000 as at 28 October 2005.
16. On 16 November 2005 the Agency made a new proposal to the first applicant, offering him the above-mentioned sum plus a financial incentive in the amount of AMD 16,451,400. It appears that the first applicant did not accept this offer.
17. On 6 December 2005 the Kentron and Nork-Marash District Court of Yerevan granted the Agency’s claim, ordering the first applicant to sign an agreement for a total amount of compensation of AMD 54,838,000 and his eviction together with his family members.
18. On 21 December 2005 the first applicant lodged an appeal.
19. On 2 February 2006 the first applicant’s lawyer addressed a letter to the Real Estate Registry, enquiring about the evolution of real estate prices between the last quarter of 2001 and the last quarter of 2005.
20. By a letter of 7 February 2006 the Real Estate Registry informed the first applicant’s lawyer that, in the relevant period, the average real estate prices per square metre in apartment buildings had increased from AMD 134,000 to AMD 325,400 and in houses measuring up to 250 sq. m. and having an adjacent territory measuring up to 400 sq. m., from AMD 141,200 to AMD 340,700.
21. On 23 March 2006 a correction was made to the ownership certificate and the second applicant was added as joint owner.
22. On 18 April 2006 the Constitutional Court found, inter alia, Government Decree no. 1151-N of 1 August 2002 to be unconstitutional.
23. On 21 June 2006 the first applicant’s lawyers filed written submissions with the Civil Court of Appeal arguing, inter alia, that the market value of the property in question, as established by the valuation reports of A.E. Ltd, was seriously underestimated, given the increase in real estate prices during the previous five years as evidenced by the information provided by the Real Estate Registry. They also submitted that the second applicant was not engaged in the proceedings as a defendant, despite the fact that she was a joint owner of the property in question and the fact that the District Court’s judgment affected her ownership rights.
24. On 27 June 2006 A.E. Ltd carried out an additional valuation of the applicants’ property upon the Agency’s request.
25. It appears that, at some point during the proceedings before the Court of Appeal, the second applicant was engaged as a party, receiving a summons to appear at one of the hearings. It further appears that on 3 July 2006 she enquired with the Court of Appeal about her status in the proceedings.
26. On 4 July 2006 A.E. Ltd prepared a new valuation report, according to which the market value of the property was AMD 60,292,000 as at 27 June 2006 (approximately EUR 114,650 at the material time).
27. On 6 July 2006 the Agency made a new proposal to both applicants, offering them the above-mentioned sum plus a financial incentive in the amount of AMD 18,087,600.
28. On the same date the new valuation report was presented to the Civil Court of Appeal.
29. On 7 July 2006 a law was adopted introducing a number of amendments to the Code of Civil Procedure (“the CCP”).
30. By a letter of 7 July 2006 the Local Council informed the Court of Appeal that the first applicant had been summoned to appear at the hearing of 10 July 2006 but not the second applicant, due to her absence.
31. On 10 July 2006 the first applicant’s lawyers filed an application with the Civil Court of Appeal, requesting the court to order an expert opinion to determine, inter alia, the real market value of the property in question, taking into account the increase in prices between 2001 and 2006. It appears that this application was dismissed.
32. On 14 July 2006 the Civil Court of Appeal granted the Agency’s claim on appeal, ordering the applicants to sign an agreement for a total amount of AMD 60,292,000 in compensation and their eviction, together with their family members. Only the first applicant was present at this hearing. The judgment stated that the second applicant had been duly notified of the time and place of the hearing but had failed to appear. The judgment was to enter into force in 15 days and could be contested before the Court of Cassation.
33. On 28 July 2006 the applicants lodged two separate appeals on points of law with the Court of Cassation. The second applicant complained, inter alia, that she had not been engaged in the proceedings before the District Court. She further alleged that the Court of Appeal had failed to respond to her inquiry of 3 July 2006 and to summon her to its hearing of 14 July 2006.
34. On 5 August 2006 the amendments of 7 July 2006 to the CCP entered into force.
35. On 11 August 2006 the then Civil Chamber of the Court of Cassation decided not to admit the applicants’ appeals on the ground that they did not comply with the requirements of Article 230 §§ 1 (4.1) and 3 of the CCP. In particular, the appeals did not indicate any of the grounds required by Article 231.2 § 1. Furthermore, there was no evidence that copies of the appeals had been sent to the other parties and to the lower court which had examined the case. The Court of Cassation fixed a one-month time-limit from the date of receipt of its decisions by the applicants for them to correct the shortcomings in their appeals.
36. On 11 September 2006 the first applicant submitted a new appeal on points of law. In particular, he argued that the violations of the substantive and the procedural laws would cause grave consequences, namely the unlawful deprivation of his property. Furthermore, the judicial act to be adopted by the Court of Cassation would have a significant impact on the uniform application of the law, taking into account the Constitutional Court’s decision of 18 April 2006. Finally, the contested judgment contradicted another decision previously adopted by the Court of Cassation. He also argued that his initial appeal should have been admitted without applying the requirements of Article 231.2 § 1 since it was not yet effective at the time when the appeal was lodged.
37. On 28 September 2006 the Court of Cassation, sitting in camera as a panel of six judges, decided to declare the appeal inadmissible. The reasons provided were as follows:
“The Court of Cassation finds that the arguments raised in the appeal on points of law [, as required by] Article 231.2 § 1 of [the CCP], are not sufficient to admit the appeal.”
38. On 30 October 2006 the Civil Court of Appeal issued a writ of execution in respect of its judgment of 14 July 2006.
39. On 22 November 2006 the second applicant submitted a new appeal on points of law which also contained arguments similar to those raised by the first applicant. She also raised a similar argument in connection with her initial appeal.
40. According to the information provided by the Government, on 1 December 2006 the applicants’ property was handed over to the Agency.
41. On 15 December 2006 the Court of Cassation, sitting in camera as a panel of seven judges, decided to declare the appeal inadmissible. The reasons provided were as follows:
“The Court of Cassation finds that the admissibility grounds raised in the appeal on points of law [, as required by] Article 231.2 § 1 of [the CCP], are absent. In particular, the judicial act to be adopted by the Court of Cassation in this case cannot have a significant impact on the uniform application of the law. Furthermore, the Court of Cassation considers the arguments raised in the appeal on points of law concerning a possible judicial error and its consequences, in the circumstances of the case, to be unfounded.”
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. The Constitution of 1995 (following the amendments introduced on 27 November 2005 with effect from 6 December 2005)
42. Article 31 of the Constitution read as follows:
“Everyone shall have the right to dispose of, use, manage and bequeath his property in the way he sees fit. ...
No one can be deprived of his property save by a court in cases prescribed by law.
Property can be expropriated for the needs of society and the State only in exceptional cases of paramount public interest, in a procedure prescribed by law and with prior equivalent compensation. ...”
B. The Decision of the Constitutional Court of 27 February 1998 on the Conformity of Article 22 of the Law on Real Estate adopted by the National Assembly on 27 December 1995 with Articles 8 and 28 of the Constitution (?? ????????????? ???????? 1998 ?. ???????? 27-? ???????? ??????? ?????? ?????? 1995 ?. ?????????? 27-?? ????????? «?????? ?????? ?????» ?? ?????? 22 ??????? ???????, ??????, ??????? ? ????????? ??????` ?? ??????????????? 8 ???????? ? 28 ??????? ??????? ????? ?????????????????? ????? ???????? ?????????? ??????)
43. In interpreting Article 28 of the Constitution, prior to the amendments introduced on 27 November 2005, the Constitutional Court noted that a person’s property could be expropriated and – in the absence of his consent – a person could be deprived of his property on the grounds envisaged by Article 28 of the Constitution only through the adoption of a law on the immovable property in question, which would substantiate the exceptional importance and significance of the expropriation and which would indicate the needs of society and the State to be satisfied by the expropriation. The law should also oblige the Government to fix the amount of compensation on the basis of a financial-economic assessment, taking into account market prices, the results of the negotiation between the Government and the owner of the property subject to expropriation and upon his written consent. The Constitutional Court further noted that the Government was not entitled to establish a procedure for the expropriation of property for the needs of society and the State that would grant them the right to expropriate such immovable property.
C. Government Decree no. 950 of 5 October 2001 Approving the Procedure for the Taking of Plots of Land and Real Estate Situated within the Alienation Zones of Yerevan, their Compensation, Elaboration of Price Offers and their Realisation (?? ????????????? 2001 ?. ?????????? 5-? ??? 950 ???????? ????? ?????? ??????? ?????????? ?????? ?????????? ?? ??????? ?????? ?????????, ?????????????, ?????? ???????? ?????????? ? ????????? ????? ?????????? ?????)
44. Paragraph 7 provides that the market value of the real estate, which is determined by a licensed valuation organisation selected through a tender, shall serve as a basis for the determination of the amount of compensation for the real estate (land plots, buildings and constructions) situated within the alienation zone.
D. Government Decree no. 1151-N of 1 August 2002 Concerning the Implementation of Construction Projects within the Administrative Boundaries of the Kentron District of Yerevan (?? ????????????? 2002 ?. ???????? 1-? ??? 1151-? ??????? ?????? ??????? ??????? ???????? ???????? ????????? ????????????? ???????? ??????????? ?????????????? ?????)
45. For the purpose of the implementation of construction projects in Yerevan, the Government decided to approve the expropriation zones of the real estate (plots of land, buildings and constructions) situated within the administrative boundaries of the Kentron District of Yerevan to be taken for the needs of the State, with a total area of 345,000 sq. m.
E. The Decision of the Constitutional Court of 18 April 2006 on the Conformity of Article 218 of the Civil Code, Articles 104, 106 and 108 of the Land Code and the Government Decree no. 1151-N adopted on 1 August 2002 Concerning the Implementation of Construction Projects within the Administrative Boundaries of the Kentron District of Yerevan with Article 31 of the Constitution (?? ????????????? ???????? 2006 ?. ?????? 18-? ???????? «?????? ??????? ??????? ???????? ???????? ????????? ????????????? ???????? ??????????? ?????????????? ?????» ??? 1151-? ???????` ?? ??????????????? 31 ???????? ?????????????????? ????? ???????? ?????????? ??????)
46. The Constitutional Court, deciding on the application of the Armenian Ombudsmen, found that Article 31 of the Constitution, as amended on 27 November 2005, required that the expropriation process be regulated by a law. Such law should establish in clear terms the legal framework for expropriation of property for the needs of society and the State. The contested legal provisions, including Government Decree no. 1151-N, failed to meet this requirement and were therefore incompatible with, inter alia, Article 31 of the Constitution.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
47. The applicants complain that the deprivation of their property was unlawful and did not pursue any public interest, while the amount of compensation awarded was inadequate. Furthermore, they were deprived of the financial incentive because the judgment of the Court of Appeal was adopted less than ten days after they had received the Agency’s proposal of 6 July 2006. They rely on Article 1 of Protocol No. 1 which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. The Government’s request to strike out the application under Article 37 § 1 of the Convention
48. The Government submitted a unilateral declaration requesting the Court to strike the application out of its list of cases pursuant to Article 37 § 1 of the Convention.
In the light of the criteria established in its jurisprudence, the Court considers that the unilateral declaration submitted by the Government does not offer a sufficient basis for finding that respect for human rights as defined in the Convention does not require the Court to continue its examination of the case (Article 37 § 1 in fine). Hence, the Court rejects the Government’s request to strike the application out and will accordingly pursue its examination of the merits of the case (see Tahsin Acar v. Turkey (preliminary objections) [GC], no. 26307/95, § 75, ECHR 2003 VI).
B. Admissibility
49. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
C. Merits
50. The applicants submitted that the deprivation of their property had not been carried out under the conditions provided for by law since it had been effected in violation of the guarantees of Article 31 of the Constitution. They also argued that the expropriation of their property had not been based on any prevailing public interest. The applicants further submitted that the market value of their property had been grossly underestimated in the domestic proceedings. They lastly argued that no compensation had been paid to them for their expropriated property. The first applicant had neither signed an agreement on the taking of his property nor had he ever attempted to claim the amount of AMD 54,838,000 allegedly transferred to the deposit account of the public notary following the Kentron and Nork-Marash District Court’s judgment of 6 December 2005.
51. The Government refrained from making any submissions concerning this complaint.
52. The Court notes that it has already examined complaints concerning the application of the same provisions of domestic law in a number of cases against Armenia and concluded that the deprivation of property at the material time was not carried out in compliance with “conditions provided for by law” (see, among other cases, Minasyan and Semerjyan v. Armenia, no. 27651/05, §§ 69-77, 23 June 2009; Tunyan and Others v. Armenia, no. 22812/05, §§ 35-39, 9 October 2012). The Court does not see any reason to depart from that finding in the present case.
53. In view of this finding, it is unnecessary to examine whether the interference in question pursued a legitimate aim and was proportionate to that aim (see, for example, Vijatovi? v. Croatia, no. 50200/13, § 58, 16 February 2016; Gubiyev v. Russia, no. 29309/03, § 83, 19 July 2011).
54. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
55. Relying on Article 6 of the Convention, the applicants complained of the lack of access to the Court of Cassation and the lawfulness of the Court of Cassation’s composition when it decided to return their appeals of 28 July 2006. Again relying on the same provision, the first applicant complained that the principle of equality of arms had not been respected, while the second applicant raised a number of other complaints concerning the lack of a fair hearing.
56. Having regard to the facts of the case and its finding of a violation of Article 1 of Protocol No. 1 concerning the deprivation of the applicants’ property, the Court considers that it has examined the main legal question raised in the present application. It concludes, therefore, that there is no need to give a separate ruling on the applicants’ complaints under Article 6 of the Convention (see Ghasabyan and Others v. Armenia, no. 23566/05, § 29, 13 November 2014).
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
57. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
58. The applicants claimed 480,000,000 (AMD) (879,000 euros (EUR)) in respect of pecuniary damage. This amount included the applicants’ claim of AMD 280,000,000 (EUR 512,000) as compensation for their expropriated property and AMD 200,000,000 (EUR 366,000) for the loss of income.
In support of the first part of their claim, the applicants submitted two valuation reports dated 23 December 2015 and 6 May 2016, assessing the market value of their plot of land at respectively AMD 279,100,000 (EUR 532,830) and AMD 280,450 (EUR 513,310) on the respective dates when the relevant reports were drafted. Both reports estimated the market value of the applicants’ plot of land at the time of the expropriation (1 September 2005) to have been AMD 196,300,000 (EUR 345,270 at the relevant time).
As regards the second part of their claim, the applicants provided a lease agreement dated 3 October 2002 whereby the first applicant had leased the property in question to a private company for a monthly rental price of AMD 1,600,000 (EUR 2,785 at the relevant time). The applicants argued that the contract had been concluded for an indefinite period of time. However, they were obliged to terminate it by an agreement of 16 January 2006 since they had been requested by the bailiffs to hand over the property.
The applicants further claimed EUR 10,000 in respect of non-pecuniary damage.
59. The Government argued that the applicants’ claims were excessive and not supported by accurate and reliable documentation.
As regards in particular the applicants’ claim with regard to compensation of the value of their property, the Government argued that the assessment of the compensation in this respect should be based on the market value of the property in question at the material time.
The Government submitted that the applicants had not received the compensation in the amount of AMD 60,292,000 (approximately EUR 114,650 at the material time) awarded in the domestic proceedings due to their own omission. Therefore, the Government should not bear responsibility for the possible negative effects of inflation with regard to this amount. On 28 November 2006 the amount in question was transferred by the Agency to the relevant bank deposit account of the Department for the Enforcement of Judicial Acts. The Government submitted relevant documentary evidence attesting that the amount in question had been available on the relevant bank account as of May 2016, when the Government had filed its submissions in this respect.
The Government expressed doubts concerning the accuracy of estimations of the market value of the applicants’ property reflected in the real estate valuation reports submitted by the applicants. They argued, inter alia, that the market price of the property at the material time as indicated in the relevant reports, that is AMD 196,300,000, was inconsistent with the prices of real estate indicated in the very letter of the State Real Estate Agency of 7 February 2006 on which the applicants relied in the domestic proceedings to prove that the value of their property had been underestimated.
As regards the applicants’ claim with regard to the loss of income, the Government disputed the validity of the lease contract of 15 October 2002 submitted by the applicants in support of this claim. They argued, in particular, that the contract in question had not been registered with the State Real Estate Registry as required by domestic law. Furthermore, according to the information provided by the tax authorities, neither the first applicant nor the company who had allegedly leased the property had made any tax contributions related to the lease during the period from 2002 until 2006.
Lastly, the Government argued that the applicants’ claim in respect of non-pecuniary damage was inconsistent with the Court’s previous awards in similar cases against Armenia. Referring to the Court’s awards in the cases of Minasyan and Semerjyan (Minasyan and Semerjyan v. Armenia (just satisfaction), no. 27651/05, § 24, 7 June 2011) and Baghdasaryan and Zarikyants (Baghdasaryan and Zarikyants v. Armenia, no. 43242/05, § 30, 13 November 2014), the Government considered the applicants’ claim under this head to be excessive.
60. The Court has held on a number of occasions that a judgment in which it finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation to put an end to the breach and make reparation for its consequences in such a way as to restore, as far as possible, the situation existing before the breach (see Iatridis v. Greece (just satisfaction) [GC], no. 31107/96, § 32, ECHR 2000 XI). If the nature of the violation allows of restitutio in integrum it is the duty of the State held liable to effect it, the Court having neither the power nor the practical possibility of doing so itself. If, however, national law does not allow – or allows only partial – reparation to be made for the consequences of the breach, Article 41 empowers the Court to afford the injured party such satisfaction as appears to it to be appropriate (see, among other authorities, Brum?rescu v. Romania (just satisfaction) [GC], no. 28342/95, § 20, ECHR 2001 I).
61. The Court notes that no restitutio in integrum as regards the applicants’ house is possible, since it has been demolished. The Court notes at the same time that the applicants’ claim for pecuniary damages merely concerns the value of the land, which has moreover been the subject of valuation in the two expert reports provided by them in support of their claim.
In so far as the applicants claim compensation for the value of the plot of land of which they have been deprived, the Court notes that, in principle, the return of the land would put the applicants as far as possible in a situation equivalent to the one in which they would have been if there had not been a breach of Article 1 of Protocol No. 1. In the instant case, however, given that the applicants have never requested restitution of the land before the national courts and that the possibility of such restitution has not been discussed by the parties in their submissions before the Court, the Court considers that an award for pecuniary damage is more appropriate in the present case (see, mutatis mutandis, Chengelyan and Others v. Bulgaria (just satisfaction), no. 47405/07, § 28, 23 November 2017).
62. In assessing the pecuniary damage sustained by the applicants, the Court takes note of the Government’s submission that the amount of AMD 60,292,000 awarded to the applicants in domestic proceedings remains deposited in the relevant bank account of the Department for Enforcement of Judicial Acts since 28 November 2006 (see paragraph 59 above). This sum should therefore be deducted from the amount of the final award on the presumption that it is still available to the applicants.
63. Having regard to the principles established in the Minasyan and Semerjyan v. Armenia judgment (see Minasyan and Semerjyan v. Armenia (just satisfaction), no. 27651/05, §§ 17-21, 7 June 2011), the Court rejects the applicants’ claims in so far as they are based on the market value of their plot of land as at December 2015 and May 2016 and considers that the level of compensation should be determined with reference to the date on which the applicants lost ownership of their property – the house and the underlying plot of land, that is December 2006 (see paragraph 40 above).
64. The Court, however, notes that it does not possess a valuation report determining the market value of the property in question as at December 2006.
According to the reports of December 2015 and May 2016 commissioned by the applicants, the value of their land as at September 2005 was the equivalent of EUR 345,270. The Court observes that, according to the contract of 23 October 2001, the applicants had bought the property in question for the equivalent of approximately EUR 167,250 at the material time (see paragraph 5 above). The Court further observes that in the course of the domestic proceedings the applicants produced evidence to substantiate that property prices had more than doubled between 2001 and 2005 (see paragraphs 19 and 20 above).
The Court, however, notes that no evidence was submitted by the applicants in the proceedings before the Court to substantiate that the price paid for the property at the time of purchase corresponded to its average market price at the relevant time. In view of this, and the information available to it on purchase prices on the Armenian property market during the relevant period, the Court is not able to accept the valuations commissioned by the applicants as fully credible and will proceed to determine the level of pecuniary compensation on the basis of the materials at its disposal.
65. Hence, making its own assessment based on all the information available to it, the Court estimates the market value of the property in question at approximately the equivalent of EUR 234,000 at the relevant time. Having regard to the principles established in the Minasyan and Semerjyan v. Armenia judgment (see, Minasyan and Semerjyan, cited above, § 20), this amount should be converted to current value to offset the effects of inflation. Furthermore, a reduction in the amount of domestic compensation (see paragraph 62 above) should be made.
66. Having regard to the above factors, the Court estimates the pecuniary damage suffered at EUR 250,000 and decides to award this amount jointly to the applicants.
67. The Court lastly notes that the applicants claimed the loss of income they had allegedly sustained on account of no longer being able to collect rent in respect of the property in question after its expropriation. The Court observes that, according to the lease contract of 15 October 2002 submitted by the applicants in support of their claim, it was subject to mandatory registration with the State Real Estate Registry within thirty days. The contract also stipulated that it would enter into force from the moment of registration of property rights arising out of the lease agreement. As it appears from the material at the Court’s disposal, the contract in question was not submitted for state registration with the competent authority, as was required by domestic law and the relevant provisions of the contract itself. In these circumstances, the Court considers that the applicants’ claim under this head is not duly substantiated and does not give rise to any separate compensable loss.
2. Non-pecuniary damage
68. The applicants claimed EUR 10,000 in respect of non-pecuniary damage.
69. The Government considered that the applicants’ claim under this head was excessive.
70. Ruling on an equitable basis, as required by Article 41 of the Convention, the Court decides to award EUR 3,000 to each of the applicants under this head.
B. Costs and expenses
71. The applicants also claimed AMD 807,600 (EUR 1,480) for the costs and expenses incurred before the domestic courts and AMD 3,336,594 (EUR 6,170) for those incurred before the Court.
72. The Government did not make any submissions in this respect.
73. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 3,000 for the costs and expenses incurred in the domestic proceedings and in the proceedings before the Court.
C. Default interest
74. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT
1. Rejects, unanimously, the Government’s request to strike the application out of the list;

2. Declares, unanimously, the application admissible;

3. Holds, unanimously, that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;

4. Holds, by six votes to one, that there is no need to rule separately on the applicants’ communicated complaints under Article 6 of the Convention;

5. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement:
(i) unanimously, EUR 250,000 (two hundred and fifty thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(ii) by six votes to one, EUR 6,000 (six thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(iii) unanimously, EUR 3,000 (three thousand euros), plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

6. Dismisses, unanimously, the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 17 October 2019, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Abel Campos Ksenija Turkovi?
Registrar President

In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the separate opinion of Judge Pastor Vilanova is annexed to this judgment.
K.T.U.
A.C.
PARTLY DISSENTING OPINION OF JUDGE
PASTOR VILANOVA
(Translation)

My dissenting opinion concerns only points 4 and 5 (a) (ii) of the operative part of the judgment, in respect of which I cast the sole dissenting vote.

I have already criticised the fact of focusing on “the main legal question” (see paragraph 56 of the judgment) in my dissenting opinion in the case of Popov and Others v. Russia (no. 44560/11, 27 November 2018), to which I now refer. Other judges of the Court have also spoken out in the past against this judicial approach, which I consider erroneous (see, inter alia, the dissenting opinions of judges Bošnjak and K?ris in the case of Petukhov v. Ukraine (no. 2) (no. 41216/13, 12 March 2019), judges Nußberger and Ranzoni in Kuzmenko v. Ukraine (no. 49526/07, 9 March 2017), judge De Gaetano in Mariusz Lewandowski v. Poland (no. 66484/09, 3 July 2012), judge Mularoni in Ki?mir v. Turkey (no. 27306/95, 31 May 2005), judges Tulkens, Spielmann and Laffranque in Stanev v. Bulgaria [GC] (no. 36760/06, ECHR 2012), and judges Rozakis, Bratza, Bonello, Loucaides and Jo?ien? in Draon v. France [GC] (no. 1513/03, 6 October 2005)).

The present judgment examines the applicants’ complaint solely under Article 1 of Protocol No. 1, but does not address their complaint under Article 6. This is a cause of concern, especially since the applicants complained of particularly serious violations, including a denial of access to the Court of Cassation, the unlawfulness of that court’s composition and, lastly, a breach of the principle of equality of arms (see paragraph 55 of the judgment). The fact of ignoring these grievances seems particularly problematic in that the Court itself had communicated no fewer than four questions on these specific points to the parties in 2009. A decade later, the majority finds these same issues to be secondary and no longer deserving of any examination. In my humble opinion, the Convention does not allow for a subjective sifting of the rights and freedoms recognised therein. The parties to the dispute deserve an objective examination (admittedly, more or less in-depth) of all the complaints raised by them. The legitimacy of a court lies essentially in the confidence that it inspires in the public. To sum up, I consider that the time has come for the Grand Chamber to take a decisive stand on this restrictive approach.

TESTO TRADOTTO


PRIMA SEZIONE






CASE DI HAKOBYAN E AMIRKHANYAN v. ARMENIA

(Applicazione n. 14156/07)











Giudizio




Strasburgo

giovedì 17 ottobre 2019



Questa sentenza diventerà definitiva nelle circostanze di cui all'articolo 44 e 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.

Nel caso di Hakobyan e Amirkhanyan v. Armenia,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (prima sezione), seduta in una Camera composta da:
Ksenija Turkovià, Presidente,
Krzysztof Wojtyczek,
Alea Pejchal,
Pere Pastor Vilanova,
Pauliine Koskelo,
Tim Eicke,
Jovan Ilievski, giudici,
e Abel Campos, Sezione,
Dopo aver deliberato in privato il 17 settembre 2019,
Pronuncia la seguente sentenza, che è stata adottata in tale data:
Procedura
1. Il caso è stato originato da una domanda (n. 14156/07) contro la Repubblica di Armenia presentata alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali ("Convenzione") da parte di cittadini armeni, Versandik Hakobyan e Heghine Amirkhanyan ("i richiedenti"), il 27 marzo 2007.
2. I ricorrenti erano rappresentati da A. Eordayan, M. Ghulyan e K. Mezhlumyan, avvocati che esercitavano a Yerevan.Il governo armeno ("governo") era rappresentato dal loro agente, G. Kostanyan, e successivamente da Y. Kirakosyan, Rappresentante della Repubblica di Armenia davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo.
3. Il 3 marzo 2009 la Corte ha deciso di comunicare al governo la parte della domanda relativa alle denunce dei ricorrenti in merito alla privazione dei loro beni e alla presunta ingiustizia del procedimento civile che ne è derivato ai sensi dell'articolo 1 del protocollo n. 1 e dell'articolo 6 della Convenzione. Il resto della domanda è stato dichiarato inammissibile.
4. Il signor Armen Harutyunyan, il giudice eletto nei confronti dell'Armenia, non è stato in grado di partecipare al caso (regola 28 del Regolamento). Di conseguenza, il Presidente della Camera ha deciso di nominare Pauliine Koskelo come giudice ad hoc (Regola 29 : 2 (b)).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DEL CASO
5. I ricorrenti Hakobyan e Amirkhanyan (qui dopo, il primo e il secondo richiedenti), nati rispettivamente nel 1950 e nel 1958 e che vivono a Erevan, sono marito e moglie. Possedevano congiuntamente un appezzamento di terreno di 222 mq e una casa di 124,52 mq situata nel centro di Erevan. Le ricorrenti hanno acquistato tale proprietà il 23 ottobre 2001 per 84.466.500 dramarmene armene (AMD) (circa 167.250 euro (EUR) al momento materiale). Sul certificato di proprietà rilasciato in merito a tale proprietà il 7 novembre 2001 il primo richiedente è stato indicato come suo unico proprietario.
6. Il 25 novembre 2000 il governo ha adottato il decreto n. 774 con il quale ha approvato un progetto presentato dall'Ufficio del sindaco di Yerevan per la costruzione di un viale, il viale settentrionale, nel centro di Erevan che collegherebbe le due piazze principali, Piazza della Libertà e Repubblica Piazza. Sembra che l'idea di costruire la Northern Avenue risale agli anni '20, quando fu concepito il piano originale della città di Erevan.
7. Il 16 luglio 2001 il governo ha adottato il decreto n. 645 con il quale ha approvato la zona di alienazione del patrimonio immobiliare situato nella striscia di Northern Avenue da prendere per esigenze statali, coprendo una superficie totale di 82.700 mq.
8. L’1 agosto 2002 il governo ha adottato il decreto n. 1151-N con il quale ha modificato il suo decreto n. 645 del 16 luglio 2001 e approvato la zona di alienazione del patrimonio immobiliare situato all'interno dei confini amministrativi del distretto di Kentron di Yerevan da adottare per stato 335.000 mq.
9. Per gestire l'attuazione del progetto è stato istituito un organismo speciale, la "Yerevan Construction and Investment Project Implementation Agency" ("The Agency").
10. In una data non specificata l'Agenzia ha chiesto a un'organizzazione di valutazione autorizzata, La A.E. Ltd, di effettuare una valutazione dell'immobile in questione.
11. Il 16 settembre 2005 A.E. Ltd ha predisposto una relazione preliminare di valutazione senza avere avuto accesso ai locali. Il valore di mercato dell'immobile è risultato essere AMD 48.846.000 al 15 settembre 2005. Secondo la lettera di accompagnamento del manager di A.E. Ltd, questa relazione potrebbe servire come base per un'offerta preliminare, ma non per l'accordo finale e l'indennizzo.
12. Il 27 settembre 2005 l'Agenzia ha informato il primo richiedente che l'immobile in questione si trovava nella zona di alienazione e doveva essere assunto per esigenze statali. Al primo richiedente è stata offerta la somma di cui sopra come compensazione, più un incentivo finanziario per l'importo di AMD 14.653.800, se ha accettato di firmare un accordo entro dieci giorni dalla data di ricezione dell'offerta, ha firmato tale accordo entro un mese e ha consegnato l'immobile entro il periodo stabilito da tale accordo.
13. Il 10 ottobre 2005 l'Agenzia ha presentato una domanda contro il primo richiedente che chiedeva di obbligarlo a firmare un accordo sul prelievo della proprietà per le esigenze statali per un risarcimento dell'AMD 48.846.000.
14. Il 28 ottobre 2005 la A.E. Ltd, su ordine del tribunale, ha effettuato una valutazione supplementare per determinare il valore di mercato reale dell'immobile, avendo avuto accesso ad esso.
15. Il 10 novembre 2005 A.E. Ltd ha predisposto un rapporto di valutazione, secondo il quale il valore di mercato dell'immobile era AMD 54.838.000 al 28 ottobre 2005.
16. Il 16 novembre 2005 l'Agenzia ha presentato una nuova proposta al primo richiedente, offrendogli la somma summenzionata più un incentivo finanziario per un importo di AMD 16.451.400. Sembra che il primo richiedente non abbia accettato tale offerta.
17. Il 6 dicembre 2005 il Kentron and Nork-Marash District Court di Yerevan ha accolto la richiesta dell'Agenzia, ordinando al primo richiedente di firmare un accordo per un importo totale di AMD 54.838.000 e il suo sfratto insieme ai suoi familiari.
18. Il 21 dicembre 2005 la prima ricorrente ha presentato ricorso.
19. Il 2 febbraio 2006 l'avvocato del primo ricorrente ha indirizzato una lettera al registro immobiliare, indagando sull'evoluzione dei prezzi immobiliari tra l'ultimo trimestre del 2001 e l'ultimo trimestre del 2005.
20. Con una lettera del 7 febbraio 2006 il registro immobiliare ha informato l'avvocato del primo richiedente che, nel periodo in questione, i prezzi medi degli immobili per metro quadrato nei condomini erano aumentati da AMD 134.000 a AMD 325.400 e nelle case fino a 250 mq e con un territorio adiacente di dimensioni fino a 400 mq, da AMD 141.200 a AMD 340.700.
21. Il 23 marzo 2006 è stata apportata una correzione al certificato di proprietà e il secondo richiedente è stato aggiunto come proprietario congiunto.
22. Il 18 aprile 2006 la Corte costituzionale ha ritenuto incostituzionale il decreto 1151-N del 1o agosto 2002.
23. Il 21 giugno 2006 gli avvocati del primo ricorrente hanno presentato osservazioni scritte alla Corte d'Appello Civile, sostenendo, tra l'altro, che il valore di mercato dell'immobile in questione, come stabilito dalle relazioni di valutazione della A.E. Ltd, è stato gravemente sottovalutato, dato l'aumento dei prezzi immobiliari nei cinque anni precedenti, come evidenziato dalle informazioni fornite dal registro immobiliare. Essi hanno inoltre sostenuto che il secondo ricorrente non era coinvolto nel procedimento in quanto convenuto, fatto che fosse titolare congiunta dell'immobile in questione e che la sentenza della Corte distrettuale influisse sui suoi diritti di proprietà.
24. Il 27 giugno 2006 A.E. Ltd ha effettuato un'ulteriore valutazione dei beni dei richiedenti su richiesta dell'Agenzia.
25. Sembra che, ad un certo punto del procedimento dinanzi alla Corte d'appello, il secondo ricorrente sia stato assunto come parte, ricevendo una citazione a comparire in una delle udienze. Sembra inoltre che il 3 luglio 2006 abbia chiesto alla Corte d'appello informazioni sul suo status nel procedimento.
26. Il 4 luglio 2006 A.E. Ltd ha predisposto un nuovo rapporto di valutazione, secondo il quale il valore di mercato dell'immobile era AMD 60.292.000 al 27 giugno 2006 (circa 114.650 euro all'epoca dei materiali).
27. Il 6 luglio 2006 l'Agenzia ha presentato una nuova proposta a entrambi i richiedenti, offrendo loro la somma summenzionata più un incentivo finanziario per un importo di AMD 18.087.600.
28. Nella stessa data la nuova relazione di valutazione è stata presentata alla Corte d'appello civile.
29. Il 7 luglio 2006 è stata adottata una legge che introduce una serie di modifiche al codice di procedura civile ("CCP").
30. Con una lettera del 7 luglio 2006 il Consiglio locale ha informato la Corte d'appello che il primo ricorrente era stato convocato per comparire all'udienza del 10 luglio 2006, ma non per la seconda ricorrente, a causa della sua assenza.
31. Il 10 luglio 2006 gli avvocati del primo ricorrente hanno presentato una domanda presso la Corte d'appello civile, chiedendo al giudice di ordinare un parere di perizia per determinare, tra l'altro, il valore reale di mercato dell'immobile in questione, tenendo conto dell'aumento dei prezzi tra il 2001 e il 2006. Sembra che questa domanda sia stata respinta.
32. Il 14 luglio 2006 la Corte d'Appello Civile ha accolto la domanda dell'Agenzia in appello, ordinando alle ricorrenti di firmare un accordo per un importo totale di AMD 60.292.000 in compensazione e il loro sfratto, insieme ai loro familiari. Solo il primo ricorrente era presente a questa udienza. La sentenza affermava che il secondo ricorrente era stato debitamente informato dell'ora e del luogo dell'udienza, ma non era comparso. La sentenza sarebbe entrata in vigore entro 15 giorni e poteva essere impugnata dinanzi alla Corte di Cassazione.
33. Il 28 luglio 2006 le ricorrenti hanno presentato due ricorsi separati sui punti di diritto alla Corte di cassazione. La seconda ricorrente ha denunciato, tra l'altro, di non essere stata impegnata nel procedimento dinanzi al Tribunale distrettuale. Ha inoltre sostenuto che la Corte d'appello non aveva risposto alla sua inchiesta del 3 luglio 2006 e di convocarla all'udienza del 14 luglio 2006.
34. Il 5 agosto 2006 sono entrati in vigore gli emendamenti del 7 luglio 2006 al PCC.
35. L'11 agosto 2006 l'allora Camera Civile della Corte di Cassazione ha deciso di non ammettere i ricorsi dei ricorrenti in quanto non rispettavano i requisiti dell'articolo 230 n. 1 (4,1) e 3 del PCC. In particolare, i ricorsi non indicavano alcun motivo richiesto dall'articolo 231.2 § 1. Inoltre, non vi erano prove che copie dei ricorsi fossero state inviate alle altre parti e al tribunale di base che aveva esaminato il caso. La Corte di Cassazione ha fissato un termine di un mese a decorrere dalla data di ricezione delle sue decisioni da parte delle ricorrenti per correggere le carenze nei loro ricorsi.
36. L'11 settembre 2006 la prima ricorrente ha presentato un nuovo ricorso sui punti di diritto. In particolare, egli ha sostenuto che le violazioni delle leggi sostanziali e procedurali causerebbero gravi conseguenze, vale a dire la privazione illecita dei suoi beni. Inoltre, l'atto giudiziario che deve essere adottato dalla Corte di Cassazione avrebbe un impatto significativo sull'applicazione uniforme della legge, tenendo conto della decisione della Corte costituzionale del 18 aprile 2006. Infine, la sentenza impugnata contraddiceva un'altra decisione adottata in precedenza dalla Corte di Cassazione. Egli ha inoltre sostenuto che il suo ricorso iniziale avrebbe dovuto essere ammesso senza applicare i requisiti dell'articolo 231,2 - 1 in quanto non era ancora efficace al momento della domanda di ricorso.
37. Il 28 settembre 2006 la Corte di Cassazione, seduta in qualità di gruppo di sei giudici, ha deciso di dichiarare inammissibile il ricorso. I motivi addotti sono i seguenti:
"La Corte di Cassazione rileva che le argomentazioni sollevate nel ricorso sui punti di diritto [, come richiesto dall'articolo 231,2 , 1 del [PCC], non sono sufficienti ad ammettere il ricorso."
38. Il 30 ottobre 2006 la Corte d'Appello Civile ha emesso un atto di esecuzione in merito alla sentenza del 14 luglio 2006.
39. Il 22 novembre 2006 la seconda ricorrente ha presentato un nuovo ricorso sui punti di diritto che conteneva anche argomentazioni simili a quelle sollevate dal primo ricorrente. Ha anche sollevato un argomento simile in relazione al suo appello iniziale.
40. Secondo le informazioni fornite dal governo, il 1o dicembre 2006 i beni delle ricorrenti sono stati consegnati all'Agenzia.
41. Il 15 dicembre 2006 la Corte di Cassazione, seduta in qualità di gruppo di sette giudici, ha deciso di dichiarare inammissibile il ricorso. I motivi addotti sono i seguenti:
"La Corte di Cassazione rileva che le motivazioni di ammissibilità sollevate nel ricorso sui punti di diritto [, come richiesto] dall'articolo 231.2 - 1 del [CCP], sono assenti. In particolare, l'atto giudiziario che deve essere adottato dalla Corte di Cassazione in questo caso non può avere un impatto significativo sull'applicazione uniforme della legge. Inoltre, la Corte di Cassazione ritiene infondate le argomentazioni sollevate nel ricorso sui punti di diritto relativi a un eventuale errore giudiziario e le sue conseguenze, date le circostanze del caso."
II. LEGGE INTERNA RILEVANTE
A. La Costituzione del 1995 (a seguito degli emendamenti introdotti il 27 novembre 2005 con effetto dal 6 dicembre 2005)
42. L'articolo 31 della Costituzione recitava come segue:
"Ognuno ha il diritto di disporre, utilizzare, gestire e querelare la sua proprietà nel modo che ritiene opportuno. ...
Nessuno può essere privato della sua proprietà salvo da un tribunale nei casi prescritti dalla legge.
La proprietà può essere espropriata per le esigenze della società e dello Stato solo in casi eccezionali di fondamentale interesse pubblico, in una procedura prescritta dalla legge e con un risarcimento equivalente precedente. ..."
B. La decisione della Corte costituzionale del 27 febbraio 1998 sulla conformità dell'articolo 22 della legge sugli immobili adottata dall'Assemblea nazionale il 27 dicembre 1995 con gli articoli 8 e 28 della Costituzione (?? ????????????? ???????? 1998 ?. ???????? 27-? ???????? ??????? ?????? ?????? 1995 ?. ?????????? 27-?? ????????? «?????? ?????? ?????» ?? ?????? 22 ??????? ???????, ??????, ??????? ? ????????? ??????` ?? ??????????????? 8 ???????? ? 28 ??????? ??????? ????? ?????????????????? ????? ???????? ?????????? ??????)
43. Nell'interpretare l'articolo 28 della Costituzione, prima degli emendamenti introdotti il 27 novembre 2005, la Corte costituzionale ha rilevato che i beni di una persona potrebbero essere espropriati e, in assenza del suo consenso, una persona potrebbe essere privata della sua proprietà motivi previsti dall'articolo 28 della Costituzione solo attraverso l'adozione di una legge sui beni immobili in questione, che dissuada l'eccezionale importanza e importanza dell'espropriazione e che indichi le esigenze della società e lo Stato di essere soddisfatti dall'espropriazione. La legge dovrebbe inoltre obbligare il governo a fissare l'importo dell'indennizzo sulla base di una valutazione economico-finanziaria, tenendo conto dei prezzi di mercato, dei risultati della negoziazione tra il governo e il proprietario dell'immobile soggetto a espropriazione e al suo consenso scritto. La Corte costituzionale ha inoltre rilevato che il governo non aveva il diritto di istituire una procedura per l'espropriazione di proprietà per le esigenze della società e dello Stato che avrebbe concesso loro il diritto di espropriare tali beni immobili.
C. Decreto governativo n. 950 del 5 ottobre 2001 Approvazione della procedura per la presa di terreni e immobili situata all'interno delle zone di alienazione di Erevan, la loro compensazione, l'elaborazione delle offerte di prezzo e la loro realizzazione (?? ????????????? 2001 ?. ?????????? 5-? ??? 950 ???????? ????? ?????? ??????? ?????????? ?????? ?????????? ?? ??????? ?????? ?????????, ?????????????, ?????? ???????? ?????????? ? ????????? ????? ?????????? ????? )
44. Il paragrafo 7 prevede che il valore di mercato dell'immobile, determinato da un'organizzazione di valutazione autorizzata selezionata mediante una gara d'appalto, serva come base per la determinazione dell'importo dell'indennizzo per l'immobile (terreni, edifici e costruzioni) situate all'interno della zona di alienazione.
D. Decreto governativo n. 1151-N del 1o agosto 2002 per quanto riguarda l'attuazione di progetti edilizi all'interno dei confini amministrativi del distretto di Kentron Distretto di Yerevan (?? ????????????? 2002 ?. ???????? 1-? ??? 1151-? ??????? ?????? ??????? ??????? ???????? ???????? ????????? ????????????? ???????? ??????????? ?????????????? ?????)
45. Ai fini dell'attuazione di progetti di costruzione a Erevan, il governo ha deciso di approvare le zone di espropriazione degli immobili (terreni, edifici e costruzioni) situati all'interno dei confini amministrativi del Kentron Distretto di Yerevan per le esigenze dello Stato, con una superficie totale di 345.000 mq.
E. La decisione della Corte costituzionale del 18 aprile 2006 sulla conformità dell'articolo 218 del codice civile, gli articoli 104, 106 e 108 del codice fondiaria e il decreto governativo n. 1151-N adottati il 1o agosto 2002 per quanto riguarda l'attuazione dei progetti di costruzione all'interno dei confini amministrativi del distretto di Kentron di Yerevan con l'articolo 31 della Costituzione (?? ????????????? ???????? 2006 ?. ?????? 18-? ???????? «?????? ??????? ??????? ???????? ???????? ????????? ????????????? ???????? ??????????? ?????????????? ?????» ??? 1151-? ???????` ?? ??????????????? 31 ???????? ?????????????????? ????? ???????? ?????????? ??????)
46. La Corte costituzionale, decidendo l'applicazione dei difensori civici armeni, ha ritenuto che l'articolo 31 della Costituzione, così modificato il 27 novembre 2005, richiedeva che il processo di espropriazione fosse disciplinato da una legge. Tale legge dovrebbe stabilire in termini chiari il quadro giuridico per l'espropriazione di proprietà per le esigenze della società e dello Stato. Le disposizioni giuridiche impugnati, compreso il decreto n. 1151-N, non hanno soddisfatto tale requisito ed erano pertanto incompatibili con, tra l'altro, l'articolo 31 della Costituzione.
LA LEGGE
I. PRESUNTA VIOLAZIONE DELL’ARTICOLO 1 DI PROTOCOLLO N. 1 DELLA CONVENZIONE
47. Le ricorrenti lamentano che la privazione dei loro beni era illegittima e non ha perseguito alcun interesse pubblico, mentre l'importo del risarcimento concesso era inadeguato. Inoltre, essi sono stati privati dell'incentivo finanziario perché la sentenza della Corte d'appello è stata adottata meno di dieci giorni dopo aver ricevuto la proposta dell'Agenzia del 6 luglio 2006. Essi si basano sull'articolo 1 del protocollo n. 1 che si legge come segue:
"Ogni persona fisica o giuridica ha diritto al godimento pacifico dei suoi beni. Nessuno deve essere privato dei suoi beni se non nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e ai principi generali del diritto internazionale.
Le disposizioni precedenti non prevengono tuttavia in alcun modo il diritto di uno Stato di far rispettare tali leggi che ritiene necessario controllare l'uso della proprietà in conformità con gli interessi generali o di garantire il pagamento di imposte o altri contributi o sanzioni."
A. La richiesta del governo di presentare la domanda ai sensi dell'articolo 37
48. Il Governo ha presentato una dichiarazione unilaterale chiedendo alla Corte di cancellare il ricorso dal suo elenco di cause ai sensi dell'articolo 37 § 1 della Convenzione.
Alla luce dei criteri stabiliti nella sua giurisprudenza, la Corte ritiene che la dichiarazione unilaterale presentata dal governo non offra una base sufficiente per constatare che il rispetto dei diritti umani, come definito nella Convenzione, non richieda alla Corte di continuare l'esame del caso (articolo 37 - 1 in ammenda). Di conseguenza, la Corte respinge la richiesta del governo di presentare la domanda e proseguirà di conseguenza il suo esame del merito del caso (vedi Tahsin Acar v. Turchia (obiezioni preliminari) [GC], n. 26307/95, n. 75, ECHR 2003VI).
B. Ammissibilità
49. La Corte rileva che tale denuncia non è manifestamente infondata ai sensi dell'articolo 35 e 3 (a) della Convenzione. Essa rileva inoltre che non è inammissibile per altri motivi. Deve pertanto essere dichiarato ammissibile.
C. Meriti
50. Le ricorrenti hanno sostenuto che la privazione dei loro beni non era stata effettuata alle condizioni previste dalla legge, in quanto essa era stata effettuata in violazione delle garanzie dell'articolo 31 della Costituzione. Essi hanno inoltre sostenuto che l'espropriazione dei loro beni non era stata basata su alcun interesse pubblico prevalente. Le ricorrenti hanno inoltre sostenutoche il valore di mercato dei loro beni era stato grossolanamente sottovalutato nel procedimento nazionale. Essi hanno infine sostenuto che non era stato loro versato alcun risarcimento per la loro proprietà espropriata. Il primo ricorrente non aveva né firmato un accordo sulla presa dei suoi beni, né aveva mai tentato di rivendicare l'importo di AMD 54.838.000 presumibilmente trasferito sul conto di deposito del notaio pubblico in seguito alla sentenza del Kentron e della corte distrettuale di Nork-Marash del 6 dicembre 2005.
51. Il governo si è astenuto dal presentare osservazioni in merito a tale denuncia.
52. La Corte rileva di aver già esaminato le denunce relative all'applicazione delle stesse disposizioni di diritto interno in una serie di cause contro l'Armenia e ha concluso che la privazione di beni all'epoca materiale non è stata effettuata in conformità con " condizioni previste dalla legge" (cfr., tra gli altri casi, Minasyan and Semerjyan v. Armenia, no. 27651/05, §§ 69-77, 23 June 2009; Tunyan and Others v. Armenia, no. 22812/05, §§ 35-39, 9 October 2012). La Corte non vede alcun motivo per discostarsi da tale constatazione nella presente causa.
53. Alla luce di questa constatazione, non è necessario esaminare se l'ingerenza in questione abbia perseguito un obiettivo legittimo ed è stata proporzionata a tale obiettivo (si veda, ad esempio, Vijatovi? v. Croatia, no. 50200/13, § 58, 16 February 2016; Gubiyev v. Russia, no. 29309/03, § 83, 19 July 2011).
54. Di conseguenza, la violazione della Convenzione da parte dell'articolo 1 del protocollo n. 1.
II. ALTRE PRESUNTE VIOLAZIONI DELLA CONVENZIONE
55. Basandosi sull'articolo 6 della Convenzione, le ricorrenti hanno lamentato la mancanza di accesso alla Corte di cassazione e la legittimità della composizione della Corte di Cassazione quando ha deciso di restituire i loro ricorsi del 28 luglio 2006. Ancora una volta basandosi sulla stessa disposizione, la prima ricorrente ha lamentato che il principio della parità delle armi non era stato rispettato, mentre la seconda ricorrente ha sollevato una serie di altre denunce relative alla mancanza di un'udienza equa.
56. Considerati i fatti del caso e la sua constatazione di una violazione dell'articolo 1 del protocollo n. 1 riguardante la privazione dei beni delle ricorrenti, la Corte ritiene di aver esaminato la principale questione giuridica sollevata nella presente domanda. Essa conclude, pertanto, che non è necessario pronunciarsi in modo separato sulle denunce presentate ai ricorrenti ai sensi dell'articolo 6 della Convenzione (cfr. Ghasabyan e altri v. Armenia,n. 23566/05, 29, 13 novembre 2014).
III. APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
57. l'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se la Corte rileva che vi è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli in questione, e se il diritto interno dell'Alta parte contraente interessato consente di risarcire solo parzialmente, la Corte, se necessario, proibirà solo soddisfazione partito ferito.
A. Danni
1. Danni pecuniari
58. Le ricorrenti hanno chiesto 480.000.000 (AMD) (879.000 euro (EUR) per danni pecuniari. Tale importo comprendeva la richiesta dei richiedenti di AMD 280.000.000 (512.000 euro) come compensazione per la loro proprietà espropriata e AMD 200.000.000 (366.000 EUR) per la perdita di reddito.
A sostegno della prima parte della loro richiesta, le ricorrenti hanno presentato due rapporti di valutazione datati il 23 dicembre 2015 e il 6 maggio 2016, valutando il valore di mercato del loro appezzamento di terreno rispettivamente amD 279.100.000 (EUR 532.830) e AMD 280.450 (EUR 513.310) rispettivamente le rispettive date in cui sono state redatte le relative relazioni. Entrambe le relazioni stimavano che il valore di mercato del complotto di terreno dei ricorrenti al momento dell'espropriazione (1 settembre 2005) era AMD 196.300.000 (345.270 euro al momento opportuno).
Per quanto riguarda la seconda parte della loro domanda, le ricorrenti hanno stipulato un contratto di locazione datato 3 ottobre 2002 in base al quale il primo richiedente aveva affittato l'immobile in questione ad una società privata per un prezzo mensile di affitto di AMD 1.600.000 (EUR 2.785 al momento opportuno). Le ricorrenti sostenevano che il contratto era stato concluso per un periodo di tempo indefinito. Tuttavia, essi sono stati obbligati a rescinderlo con un accordo del 16 gennaio 2006, poiché erano stati invitati dagli ufficiali giudiziari a consegnare l'immobile.
Le ricorrenti hanno inoltre chiesto 10.000 euro per danni non pecuniari.
59. Il governo ha sostenuto che le rivendicazioni delle ricorrenti erano eccessive e non supportate da una documentazione accurata e affidabile.
Per quanto riguarda in particolare la domanda delle ricorrenti in merito alla compensazione del valore dei loro beni, il governo ha sostenuto che la valutazione dell'indennizzo al riguardo dovrebbe basarsi sul valore di mercato dell'immobile in questione al momento materiale .
Il governo ha sostenuto che le ricorrenti non avevano ricevuto l'indennizzo dell'AMD 60.292.000 (circa 114.650 euro all'epoca materiale) assegnato nel procedimento nazionale a causa della propria omissione. Pertanto, il governo non dovrebbe assumersi la responsabilità dei possibili effetti negativi dell'inflazione in merito a tale importo. Il 28 novembre 2006 l'importo in questione è stato trasferito dall'Agenzia sul conto di deposito bancario competente del Dipartimento per l'esecuzione degli atti giudiziari. Il governo ha presentato prove documentali pertinenti che attestano che l'importo in questione era stato disponibile sul conto bancario in questione a partire da maggio 2016, quando il governo aveva presentato le sue osservazioni a tale riguardo.
Il governo ha espresso dubbi circa l'esattezza delle stime del valore di mercato dei beni delle ricorrenti riflesse nei rapporti di valutazione immobiliare presentati dalle ricorrenti. Essi hanno sostenuto, tra l'altro, che il prezzo di mercato dell'immobile al momento materiale, come indicato nelle relazioni pertinenti, vale a dire AMD 196.300.000, era incoerente con i prezzi degli immobili indicati nella lettera stessa dell'Agenzia Immobiliare statale del 7 febbraio 2006 in cui i ricorrenti si basavano nel procedimento nazionale per dimostrare che il valore dei loro beni era stato sottovalutato.
Per quanto riguarda la domanda delle ricorrenti in merito alla perdita di reddito, il governo ha contestato la validità del contratto di locazione del 15 ottobre 2002 presentato dalle ricorrenti a sostegno di tale domanda. Essi hanno sostenuto, in particolare, che il contratto in questione non era stato registrato presso il registro immobiliare statale come richiesto dal diritto nazionale. Inoltre, in base alle informazioni fornite dalle autorità fiscali, né il primo richiedente né la società che avrebbe noto l'immobile avevano versato contributi fiscali relativi al contratto di locazione nel periodo 2002-2006.
Infine, il governo ha sostenuto che la domanda delle ricorrenti in merito a danni non pecuniari era incoerente con i precedenti premi della Corte in cause analoghe contro l'Armenia. Riferendosi ai premi della Corte nei casi di Minasyan e Semerjyan (Minasyan e Semerjyan v. Armenia (solo soddisfazione), n. 27651/05, 24 giugno 2011) e Baghdasaryan e zarikyants (Baghdasaryan e àarikyants v. Armenia, n. 43242/05,n. 30, 13 novembre 2014), il governo considerava eccessiva la pretesa dei ricorrenti sotto questo capo.
60. La Corte ha ritenuto più volte che una sentenza in cui essa trova una violazione impone allo Stato convenuto l'obbligo giuridico di porre fine alla violazione e di riparare le sue conseguenze in modo tale da ripristinare, per quanto possibile, la situazione esistente prima della violazione (cfr.Iatridis v. Grecia (solo soddisfazione) [GC], n. 31107/96 , 32, ECHR 2000XI). Se la natura della violazione consente la restitutio in integrum è dovere dello Stato ritenuto responsabile di effettuarla, la Corte non ha né il potere né la possibilità pratica di farlo da sola. Se, tuttavia, il diritto nazionale non consente – o consente di risarcire solo parzialmente – le conseguenze della violazione, l'articolo 41 autorizza la Corte a permettersi alla parte lesa tale soddisfazione come sembra appropriata (vedi, tra le altre autorità, Brum-rescu v. Romania (solo soddisfazione) [GC], n. 28342/95, n. 20, ECHR 2001I).
61. La Corte rileva che non è possibile alcuna restitutio in integrum per quanto riguarda la casa dei ricorrenti, in quanto è stata demolita. La Corte rileva contemporaneamente che la domanda di risarcimento danni pecuniari da parte delle ricorrenti riguarda semplicemente il valore del terreno, che è stato inoltre oggetto di valutazione nelle due periture da loro fornite a sostegno della loro domanda.
Nella misura in cui le ricorrenti chiedono un indennizzo per il valore del terreno di cui sono state private, la Corte osserva che, in linea di principio, la restituzione del terreno porrebbe le ricorrenti il più possibile in una situazione equivalente a quella in cui si sarebbero verificate se non vi fosse stata una violazione dell'articolo 1 del protocollo n. 1. Nel caso immediato, tuttavia, dato che i ricorrenti non hanno mai chiesto la restituzione del terreno dinanzi ai tribunali nazionali e che la possibilità di tale restituzione non è stata discussa dalle parti nelle loro osservazioni dinanzi alla Corte, la Corte ritiene che un premio per il danno pecuniario sia più appropriato nel caso in esame (cfr., mutatis mutandis, Chengelyan e altri paesi della Bulgaria ( solo soddisfazione), no. 47405/07, 28, 23 novembre 2017).
62. Nel valutare il danno pecuniario subito dalle ricorrenti, la Corte prende atto dell'affermazione del governo secondo cui l'importo di 60.292.000 AMD concesso ai ricorrenti nei procedimenti interni rimane depositato nel conto bancario pertinente del Dipartimento per l'esecuzione degli atti giudiziari dal 28 novembre 2006 (cfr. paragrafo59 sopra). Tale somma dovrebbe pertanto essere detratta dall'importo del premio finale, presunzione, che sia ancora a disposizione dei ricorrenti.
63. Considerato i principi stabiliti nel sentenza Minasyan e Semerjyan v. Armenia (vedi Minasyan e Semerjyan v. Armenia(solo soddisfazione), n. 27651/05, 17-21 USD, 7 giugno 2011), la Corte respinge le rivendicazioni dei ricorrenti nella misura in cui si basano sul valore di mercato del loro appezzamento di terreno a partire dal dicembre 2015 e maggio 2016 e ritiene che il livello di compensazione dovrebbe essere determinato con riferimento alla data in cui la proprietà dei richiedenti ha perso la proprietà dei loro beni – la casa e la casa del richiedente sottostante appezzamento di terreno, ovvero dicembre 2006 (cfr. paragrafo40 sopra).
64. La Corte, tuttavia, rileva di non essere in possesso di una relazione di valutazione che determini il valore di mercato dell'immobile in questione al dicembre 2006.
Secondo le relazioni di dicembre 2015 e maggio 2016 commissionate dalle ricorrenti, il valore dei loro terreni nel settembre 2005 era l'equivalente di 345.270 euro. La Corte osserva che, in base al contratto del 23 ottobre 2001, le ricorrenti avevano acquistato l'immobile in questione per l'equivalente di circa 167.250 euro al momento materiale (cfr. paragrafo 5 sopra). La Corte osserva inoltre che nel corso del procedimento interno le ricorrenti hanno prodotto prove a sostegno del fatto che i prezzi degli immobili erano più che raddoppiati tra il 2001 e il 2005 (cfr. paragrafi 19 e 20 sud).
La Corte rileva tuttavia che le ricorrenti non presentavano alcuna prova presentata al procedimento dinanzi alla Corte per dimostrare che il prezzo pagato per l'immobile al momento dell'acquisto corrispondeva al suo prezzo medio di mercato al momento opportuno. Tenuto conto di ciò, e delle informazioni a sua disposizione sui prezzi di acquisto sul mercato immobiliare armeno durante il periodo in questione, la Corte non è in grado di accettare le valutazioni commissionate dai ricorrenti come pienamente credibili e procederà a determinare il livello di pecuniario sulla base dei materiali a sua disposizione.
65. Pertanto, facendo la propria valutazione sulla base di tutte le informazioni a sua disposizione, la Corte stima il valore di mercato dell'immobile in questione all'equivalente di circa 234.000 euro al momento in questione. Per quanto riguarda i principi stabiliti nel Minasyan e Semerjyan v. Giudizio dell'Armenia (vedi Minasyan e Semerjyan,citati sopra, 20), tale importo dovrebbe essere convertito in valore corrente per compensare gli effetti dell'inflazione. Inoltre, dovrebbe essere effettuata una riduzione dell'importo della compensazione interna (cfr. paragrafo 62 sopra).
66. Per quanto riguarda i suddetti fattori, la Corte stima il danno pecuniario subito a 250.000 euro e decide di attribuire tale importo congiuntamente ai ricorrenti.
67. La Corte rileva infine che le ricorrenti hanno rivendicato la perdita di reddito che avrebbero sostenuto a causa di non essere più in grado di riscuotere l'affitto nei confronti dell'immobile in questione dopo il suo esproprio. La Corte osserva che, in base al contratto di locazione del 15 ottobre 2002 presentato dalle ricorrenti a sostegno della loro domanda, essa era soggetta alla registrazione obbligatoria al registro immobiliare statale entro trenta giorni. Il contratto prevedeva inoltre che sarebbe entrato in vigore dal momento della registrazione dei diritti di proprietà derivanti dal contratto di locazione. Come risulta dal materiale a disposizione della Corte, il contratto in questione non è stato sottoposto alla registrazione dello Stato presso l'autorità competente, come richiesto dal diritto nazionale e dalle pertinenti disposizioni del contratto stesso. In tali circostanze, la Corte ritiene che la domanda di risarcimento ai sensi di questo capo non sia debitamente motivata e non dia luogo a perdite compensabili separate.
2. Danni non pecuniari
68. Le ricorrenti hanno chiesto 10.000 euro per danni non pecuniari.
69. Il governo ha ritenuto che la domanda di risarcimento ai sensi di questo capo fosse eccessiva.
70. Sentenza su base equa, come richiesto dall'articolo 41 della Convenzione, la Corte decide di assegnare 3.000 euro a ciascuno dei ricorrenti ai sensi del presente capo.
B. Costi e spese
71. Le ricorrenti hanno inoltre chiesto all'AMD 807.600 (1.480 EUR) le spese e le spese sostenute dinanzi ai tribunali nazionali e l'AMD 3.336.594 (6.170 EUR) per coloro che sono stati sostenuti dinanzi alla Corte.
72. Il governo non ha presentato alcuna proposta al riguardo.
73. Secondo la giurisprudenza della Corte, il richiedente ha diritto al rimborso delle spese solo nella misura in cui è stato dimostrato che questi sono stati effettivamente e necessariamente sostenuti e sono ragionevoli per quanto riguarda la quantistica. Nel caso di specie, per quanto riguarda i documenti in suo possesso e i suddetti criteri, la Corte ritiene ragionevole attribuire la somma di 3.000 euro per le spese e le spese sostenute nel procedimento nazionale e nel procedimento dinanzi alla Corte.
C. Interesse di default
74. La Corte ritiene opportuno che il tasso di interesse di default si basi sul tasso di prestito marginale della Banca centrale europea, al quale si dovrebbero aggiungere tre punti percentuali.
PER QUESTI MOTIVI, IL TRIBUNALE
1. respinge all'unanimità la richiesta del governo di escludere la domanda dall'elenco;

2. Dichiara, all'unanimità, la domanda ammissibile;

3. ritiene, all'unanimità, che vi sia stata una violazione dell'articolo 1 del protocollo n. 1 alla Convenzione;

4. ritiene, con sei voti a uno, che non è necessario pronunciarsi separatamente sulle denunce comunicate dei richiedenti ai sensi dell'articolo 6 della Convenzione;

5. Regge
(a) che lo Stato convenuto debba pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva ai sensi dell'articolo 44 e 2 della Convenzione, i seguenti importi, da convertire nella valuta dello Stato convenuto al tasso applicabile alla data di regolamento:
i) all'unanimità, 250.000 euro (duecentocinquantamila euro), più qualsiasi imposta che possa essere impostabile, per quanto riguarda i danni pecuniari;
ii) con sei voti a uno, 6.000 euro (seimila euro), più qualsiasi imposta che possa essere impensabile, per danni non pecuniari;
(iii) all'unanimità, 3.000 euro (tremila euro), più qualsiasi imposta che possa essere impartita ai ricorrenti, per quanto riguarda i costi e le spese;
b) che dalla scadenza dei suddetti tre mesi fino alla liquidazione degli interessi semplici siano pagabili sugli importi summenzionati ad un tasso pari al tasso di prestito marginale della Banca centrale europea durante il periodo di insolvenza più tre punti percentuali;

6. respinge all'unanimità il resto della domanda di giusta soddisfazione da parte dei ricorrenti.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 17 ottobre 2019, ai sensi dell'articolo 77 n. 2 e 3 del Regolamento.
Abel Campos Ksenija Turkovi?
Cancelliere Presidente

Conformemente all'articolo 45 , 2 della Convenzione e all'articolo 74, il parere separato del giudice Pastor Vilanova è annesso a questa sentenza.
K.T.U.A.C.
GIUDIZIO DI DISSENSO
OPINIONE DEL GIUDICE PASTOR VILANOVA
(Traduzione)

La mia opinione dissenziente riguarda solo i punti 4 e 5 (a) (ii) della parte operativa della sentenza, nei confronti dei quali ho espresso l'unico voto dissenziente.

Ho già criticato il fatto di concentrarmi sulla "principale questione giuridica"(cfr. paragrafo 56 della sentenza) nel mio parere dissenziente nel caso di Popov e altri v. Russia (n. 44560/11, 27 novembre 2018), a cui ora mi riferisco. Anche altri giudici della Corte si sono espressi in passato contro questo approccio giudiziario, che considero erroneo (vedi, tra l'altro,le opinioni dissenzienti dei giudici Bo'njak e Koris nel caso di Petukhov v. Ucraina (n. 2) (n. 41216/13, 12 marzo 2019), giudici Nu'berger e Ranzoni a Kuzmenko v. Ucraina (n. 49526/07, 9 marzo 2017), giudice De Gaetano in Mariusz Lewandowski v. Polonia (n. 66484/09, 3 luglio 2012), giudice Mularion mularion Turchia (n. 27306/95, 31 maggio 2005), giudici Tulkens, Spielmann e Laffranque a Stanev contro Bulgaria [GC] (n. 36760/06, ECHR 2012), e giudici Rozakis, Bratza, Bonello, Loucaides e Joien in Draon v. France [N. 1513/03, 6 ottobre 2005)).

La presente sentenza esamina la denuncia presentata dalle ricorrenti esclusivamente ai sensi dell'articolo 1 del protocollo 1, ma non affronta la loro denuncia ai sensi dell'articolo 6. Ciò desta preoccupazione, tanto più che le ricorrenti hanno denunciato violazioni particolarmente gravi, tra cui il rifiuto dell'accesso alla Corte di cassazione, il malessere della composizione di tale giudice e, infine, una violazione del principio di parità di armi (cfr. paragrafo 55 della sentenza). Il fatto di ignorare queste rimostranze sembra particolarmente problematico in quanto la Corte stessa aveva comunicato non meno di quattro domande su questi punti specifici alle parti nel 2009. Un decennio dopo, la maggioranza ritiene che questi stessi problemi siano secondari e non meritino più alcun esame. A mio modesto parere, la Convenzione non consente un vaglio soggettivo dei diritti e delle libertà in esso riconosciuti. Le parti della controversia meritano un esame obiettivo (certamente, più o meno approfondito) di tutte le denunce da loro sollevate. La legittimità di un tribunale risiede essenzialmente nella fiducia che ispira al pubblico. Riassumendo, ritengo che sia giunto il momento che la Grande Aula prenda una posizione decisiva su questo approccio restrittivo.


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è venerdì 10/09/2021.