CASO: CASE OF TADEVOSYAN v. ARMENIA

Testo originale e tradotto della sentenza selezionata

Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TADEVOSYAN v. ARMENIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 1 (elevata)
ARTICOLI: 01,P1-1

NUMERO: 69936/10
STATO: Armenia
DATA: 16/05/2019
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION







CASE OF TADEVOSYAN v. ARMENIA

(Application no. 69936/10)








JUDGMENT








STRASBOURG

16 May 2019



This judgment is final but it may be subject to editorial revision.
In the case of Tadevosyan v. Armenia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Committee composed of:
Aleš Pejchal, President,
Tim Eicke,
Jovan Ilievski, judges,
and Renata Degener, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 23 April 2019,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 69936/10) against the Republic of Armenia lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by an Armenian national, Ms Gayane Tadevosyan (“the applicant”), on 25 November 2010.
2. The applicant was represented by Mr A. Ghazaryan, a lawyer practising in Yerevan. The Armenian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr G. Kostanyan, Representative of the Republic of Armenia to the European Court of Human Rights.
3. On 10 March 2016 notice of the complaint concerning the right to peaceful enjoyment of possessions was given to the Government and the remainder of the application was declared inadmissible pursuant to Rule 54 § 3 of the Rules of Court.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
4. The applicant was born in 1966 and lives in Yerevan.
A. Background to the case
5. On 5 October 2001 the Government adopted Decree no. 950 by which it approved the procedure for the designation of plots of land and real estate situated within Yerevan as alienation zones, and established rules for the payment of compensation, price offers, and their implementation.
6. On 1 August 2002 the Government adopted Decree no. 1151-N by which it approved as an alienation zone real estate situated within the administrative boundaries of the Kentron District of Yerevan, containing land to be taken for State needs with a total area of 345,000 square metres.
7. A special body, the “Yerevan Construction and Investment Project Implementation Agency” (hereinafter “the Agency”), was set up to manage the implementation of the project.
8. The applicant owned a building measuring 240.2 square metres and had a lease on the plot of land on which it stood, measuring 437.8 square metres, situated in the centre of Yerevan. This property was included in the alienation zone of real estate to be taken for State needs. The applicant had acquired these pieces of property on 17 December 2003 for 1,000,000 Armenian drams (AMD, approximately 1,767 euros (EUR) at the material time).
B. The alienation of the applicant’s property
9. On 7 September 2004 the applicant signed an agreement with the Agency by which she gave up her property for 265,020 US dollars (USD). The contract also provided for a financial incentive of USD 78,006 to be paid to the applicant. Thus, the final amount of the sale, including the additional 15% required by law, was equal to USD 394,479, of which the applicant received USD 355,031, as USD 39,447 was levied as income tax.
10. On 13 January 2006 the Anti-Corruption Department of the Prosecutor General’s Office instituted criminal proceedings against Agency officials for deliberately overestimating the market value of the applicant’s property and overpaying her. The applicant testified as a witness in the course of the investigation of the criminal case.
11. According to the applicant, at some point during the proceedings the head of the Agency demanded that she pay back USD 180,000, otherwise she could be held criminally liable for appropriation of State funds. On 3 February 2006 the applicant transferred AMD 75,820,000 (approximately EUR 133,958) to the Agency’s account.
12. By a prosecutor’s decision of 28 February 2006 the investigation of the case was terminated for absence of evidence that a crime had been committed. The relevant parts of this decision state the following:
“...it has not been established that [a number of residents of the expropriation zone] had fraudulently misappropriated others’ property ... and therefore their actions lack corpus delicti.
As a result of the investigation of the criminal case it has not been established that the officials of [the Agency] have failed to perform properly their official duties or have used their official capacity to the detriment of the interests of their service...”
13. The applicant subsequently demanded that the Agency return the AMD 75,820,000 paid to its account. On 2 April 2007 she received a reply from the head of the Agency, stating that she had transferred the amount in question to the Agency’s account without any documentary proof. According to the applicant, she contacted the Agency on two occasions thereafter, demanding the return of money transferred to its account, but received no response.
C. The proceedings concerning restitution and reimbursement of income tax
14. On 30 October 2007 the applicant lodged a claim with the Kentron and Nork-Marash District Court of Yerevan, seeking to recover the money paid back to the Agency, the amount of income tax collected from her, and damages for unlawfully retention of her assets. The applicant claimed that she had paid back part of the sales price received because she was confused as a result of her conversation with the head of the Agency.
15. In its reply the Agency claimed that, by paying back the amount in question, the applicant had in fact accepted that she had been overpaid and for that reason the criminal proceedings had been terminated. The Yerevan Mayor’s office, which had been involved in the proceedings, submitted a similar argument to that of the Agency.
16. On 27 May 2008 the applicant withdrew her claim for damages.
17. On 16 July 2008 the Civil Court of Yerevan partially granted the applicant’s claims. In doing so, it stated that the amount of AMD 75,820,000 was to be returned to the applicant since there was no legal basis for the Agency to keep that amount, on the ground that the decision to terminate the criminal proceedings confirmed that the applicant had not committed any illegal act.
18. Upon the Agency’s appeal, on 20 October 2008 the Civil Court of Appeal quashed the judgment and remitted the case for a fresh examination on the merits. The decision also stated that the Ministry of Finance should have been involved in the proceedings since the applicant’s claims could have implications for the State budget.
19. On 4 August 2009 the Kentron and Nork-Marash District Court of Yerevan delivered its judgment by which it rejected the applicant’s claims. The court stated, in particular, that there should be a causal link between the damage allegedly suffered and the fault of the person who allegedly caused the damage, and that the claimant bore the burden of proof in this regard.
20. The applicant lodged an appeal, arguing that the court had applied the provisions of law concerning compensation for damages but that she had withdrawn her claim for damages and had merely demanded the return of her property unlawfully kept by the Agency. She further argued that she had not been charged with any offence in the course of the criminal proceedings; the fact that she had paid the amount in question was confirmed by the payment slip, and moreover the Agency had never denied being in possession of her property.
21. On 4 May 2010 the Civil Court of Appeal rejected the applicant’s appeal. The relevant part of the judgment read as follows:
“Article 1099 § 4 provides that monetary assets and other property given in fulfilment of non-existent obligations are not subject to return as unjust enrichment if the acquirer proves that the person demanding return of the property had knowledge of the absence of an obligation ...
As a result of the examination of the materials of the civil case it has been revealed that the claimant returned the amount in question on the basis of [the Agency’s] demand which was not based either on the law or ... on a contract. In particular, from the legal point of view the respondent [Agency’s] demand for the return of AMD 75,820,000 had no legal basis and the failure to respect it could not of itself bring about ... negative consequences for the claimant.
... [the applicant] had no financial obligation towards [the Agency]. The fact that [the applicant] was aware of having no obligations towards the respondent [Agency] is also supported by the fact that, apart from [the agreement of 7 September 2004], the parties have not concluded any other ... agreements or an agreement to return a sum of money or another agreement in relation to it.
In view of the foregoing, it can be concluded that paragraph 4 of Article 1099 of the Civil Code is fully applicable in the present ... civil case.
As regards [the applicant’s] argument that [the Agency] had informed her that the General Prosecutor’s Office was investigating matters relating to the ... agreement concluded with her, as a result of which she had been confused and therefore had returned the amount to [the Agency]; the Court of Appeal notes in this respect that this argument may serve as an independent legal basis to dispute [the Agency’s] actions in judicial proceedings ...”
22. The applicant lodged an appeal on points of law. She argued that in the course of the proceedings it had not been substantiated that, when making the payment, she had been aware of the fact that she did not have any obligations towards the Agency, since she had been informed to the contrary, namely that she had been overpaid and that she could be held criminally liable if she did not return the money.
23. On 21 July 2010 the Court of Cassation declared the appeal inadmissible for lack of merit.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. The Constitution of 1995 (following the amendments introduced on 27 November 2005 with effect from 6 December 2005)
24. According to Article 31, everyone shall have the right to dispose of, use, manage, and bequeath his property in the way he sees fit. No one can be deprived of his property, save by a court in cases prescribed by law. Property can be expropriated for the needs of society and the State only in exceptional cases of paramount public interest, in a procedure prescribed by law, and with prior equivalent compensation.
B. The Civil Code (in force from 1 January 1999)
25. According to Article 132 § 1, monetary assets are objects of the civil law.
26. According to Article 274, the owner has the right to demand the return of his property from the unlawful possession of another person.
27. According to Article 1092, a person who has acquired possession of the property (acquirer) of another person (victim) without any legal or contractual basis has an obligation to return the unlawfully acquired property (unjust enrichment) with the exception of the cases stated in Article 1099 of the Code.
28. According to Article 1099 § 4, monetary assets and other property given in fulfilment of non-existent obligations are not subject to return as unjust enrichment if the acquirer proves that the person demanding return of the property had knowledge of the absence of an obligation or had provided the property for charitable purposes.
C. Government Decree no. 950 of 5 October 2001 Approving the Procedure for the Taking of Plots of Land and Real Estate Situated within the Alienation Zones of Yerevan, their Compensation, Elaboration of Price Offers and their Implementation (?? ????????????? 2001 ?. ?????????? 5-? ??? 950 ???????? ????? ?????? ??????? ?????????? ?????? ?????????? ?? ??????? ?????? ?????????, ?????????????, ?????? ???????? ?????????? ? ????????? ????? ?????????? ?????)
29. Paragraph 4 provides that the Yerevan Construction and Investment Project Implementation Agency is responsible for taking the plots of land and real estate, for drawing up price offers to proprietors, and for the supervision and implementation of payment of compensation for expropriation of property.
D. Government Decree no. 1151-N of 1 August 2002 Concerning the Implementation of Construction Projects within the Administrative Boundaries of the Kentron District of Yerevan (?? ????????????? 2002 ?. ???????? 1-? ??? 1151-? ??????? ?????? ??????? ??????? ???????? ???????? ????????? ????????????? ???????? ??????????? ?????????????? ?????)
30. For the purpose of implementation of construction projects in Yerevan, the Government decided to designate real estate (plots of land, buildings and constructions) situated within the administrative boundaries of the Kentron District of Yerevan as expropriation zones, to be taken for the needs of the State, with a total area of 345,000 square metres.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
31. The applicant complained under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention that she had been unlawfully deprived of her monetary assets in the amount of AMD 75,820,000.
32. Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
33. The Government argued that the applicant should have initiated criminal proceedings against the Agency for fraud. As she had been represented by counsel throughout the proceedings, she should have been aware of that remedy. The applicant did therefore not exhaust the effective domestic remedies, and her application should be declared inadmissible under Article 35 § 1 of the Convention.
34. The applicant claimed that recourse to criminal proceedings would not have been effective, as legal entities could not be held liable for criminal offences, but only physical persons could be perpetrators of crime. It had been the Agency which had contributed to an illegal act when withholding her assets in their bank account, not the Agency official who had received it and transferred it to the Agency’s bank account. Even if the applicant had made a police complaint, it would not unequivocally have entailed the institution of a criminal case, as it was at the prosecutor’s discretion whether or not to institute criminal proceedings.
35. The Court notes that, before lodging her application with the Court, the applicant brought civil proceedings before the domestic courts which ended with a final decision on 21 July 2010. These civil proceedings should be considered an “effective remedy” for the purposes of Article 35 § 1 of the Convention since, on 16 July 2008, the Civil Court of Yerevan granted the applicant’s claims in part (see paragraph 17 above). While the outcome of the case was not favourable for the applicant, this does not render her recourse to civil proceedings obviously lacking prospects of success. The fact that there might have been other remedies to challenge the Agency’s refusal to return the amount at stake to the applicant does not mean that the applicant failed to exhaust domestic remedies (see Vu?kovi? and Others v. Serbia (preliminary objection) [GC], nos. 17153/11 and 29 others, § 74, 25 March 2014). The Government’s preliminary objection must therefore be rejected.
36. The Court therefore notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
(a) The applicant
37. The applicant argued that Article 1099 § 4 of the Civil Code could not serve as a legal basis for the interference as the applicant had not been aware of the absence of any obligation to return the monetary assets when making the payment. The Government had failed to prove the existence of such awareness. It would have been reasonable for the applicant to have believed that she was obliged to return a part of the assets to the State as she had been told that failure to do so would lead to criminal proceedings against her. Once the criminal proceedings against the Agency officials were over, it had become clear to the applicant that she had paid back the money without any legal basis. As Article 1099 § 4 of the Civil Code was not applicable to the applicant’s case, the refusal to return her assets was not lawful.
38. Moreover, the applicant noted that the Government had failed to show any public interest in respect of the decision to refuse to return her monetary assets to her. The interference had also been disproportionate.
(b) The Government
39. The Government argued that the applicant had returned the monetary assets of her own free will, and not by virtue of any legal act or provision. The District Court had found that the applicant had failed to prove any fault on the part of the Agency in causing her damage; nor had any fault on her own part when she returned the assets to the Agency been substantiated. According to Article 1099 § 4 of the Civil Code, monetary assets and other property given in fulfilment of non-existent obligations were not subject to return as unjust enrichment, if the acquirer proved that the person demanding return of the property had knowledge of the absence of an obligation. The applicant did not deny the absence of any kind of obligation to return the amount at issue, but claimed that the return of the assets had taken place only because she was confused at the time. The refusal to return her assets had thus been carried out in compliance with the civil law legislation.
40. The Government pointed out that the applicant had never raised any public-interest issue in the instant case, and therefore this issue had not been subject to consideration by the domestic courts. As to the proportionality, the actions taken by the domestic courts had been proportionate to those taken by the applicant. She had not been deprived of the opportunity to submit her claim to adversarial proceedings.
2. The Court’s assessment
41. The Court reiterates that the essential object of Article 1 of Protocol No. 1 is to protect a person against unjustified interference by the State with the peaceful enjoyment of his or her possessions. However, by virtue of Article 1 of the Convention, each Contracting Party “shall secure to everyone within [its] jurisdiction the rights and freedoms defined in [the] Convention”. The discharge of this general duty may entail positive obligations inherent in ensuring the effective exercise of the rights guaranteed by the Convention. In the context of Article 1 of Protocol No. 1, those positive obligations may require the State to take measures necessary to protect the right of property (see Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 143, ECHR 2004 V, and Antonyan v. Armenia, no. 3946/05, § 49, 2 October 2012).
42. The Court notes that monetary assets are ‘possessions’ within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. Moreover, monetary assets are also recognised as objects of civil law in the domestic legal system (see paragraph 25 above). Therefore, there is no issue as to the applicability of this Article to the present application.
43. The Court notes that it has not been disputed by the parties that the applicant paid AMD 75,820,000 (approximately EUR 133,958) to the Agency. This payment was definitive in the sense that, as a result, the applicant lost her ownership of this amount of money. There was thus a deprivation of the applicant’s property as far as the amount in question was concerned. The main question that arises in the present case is thus whether the Agency was entitled to keep the applicant’s monetary assets for whatever reason they were found to be in its possession.
44. The Court reiterates that, to be compatible with Article 1 of Protocol No. 1, deprivation of property must fulfil three conditions: it must be carried out “subject to the conditions provided for by law”, which rules out any arbitrary action on the part of the national authorities, must be “in the public interest”, and must strike a fair balance between the owner’s rights and the interests of the community (see, among other authorities, Visti?š and Perepjolkins v. Latvia [GC], no. 71243/01, § 94, 25 October 2012). The Court will thus proceed to examine whether those three conditions have been met in the present case.
(a) “Subject to the conditions provided for by law”
45. The Court reiterates that the first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II). However, the existence of a legal basis is not in itself sufficient to satisfy the principle of lawfulness, which also presupposes that the applicable provisions of domestic law are sufficiently accessible, precise and foreseeable in their application. That principle also requires the Court to verify whether the way in which the domestic law is interpreted and applied by the domestic courts produces consequences that are consistent with the principles of the Convention (see, for example, Apostolidi and Others v. Turkey, no. 45628/99, § 70, 27 March 2007).
46. In the present case, the Government relied on Article 1099 § 4 of the Civil Code as the legal basis for not returning the applicant’s property, as the applicant had allegedly paid the amount knowing that she was not obliged to do so, either by law or on the basis of a contract.
47. The Court accepts that Article 1099 § 4 of the Civil Code provides a sound legal basis for the interference in question, provided that the prerequisites stipulated in that provision are fulfilled. For the Court this provision is also sufficiently accessible, precise and foreseeable in its application. This seems also to have been accepted by the applicant, who only argued that Article 1099 § 4 of the Civil Code did not apply to her case, as the prerequisites had not been fulfilled, namely that she had not been aware of the absence of any obligation to return the monetary assets when making the payment. Leaving aside the issues relating to the application of domestic law and the assessment of evidence, which are the tasks of the domestic courts, the Court considers that the provision in question provided a sufficiently clear legal basis for the interference at stake, which thus was “subject to conditions provided for by law”.
(b) “In the public interest”
48. The Court reiterates that, because of their direct knowledge of their society and its needs, the national authorities are in principle better placed than an international judge to appreciate what is “in the public interest”. Under the system of protection established by the Convention, it is thus for the national authorities to make an initial assessment as to the existence of a matter of public concern warranting measures of deprivation of property. Here, as in other fields to which the safeguards of the Convention extend, the national authorities accordingly enjoy a certain margin of appreciation. Furthermore, the notion of the “public interest” is necessarily a broad one. In particular, the decision to enact laws expropriating property will commonly involve consideration of political, economic and social issues. The Court, finding it natural that the margin of appreciation available to the legislature in implementing social and economic policies should be a wide one, will respect the legislature’s judgment as to what is “in the public interest” unless that judgment is manifestly without reasonable foundation (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 112, ECHR 2000 I, and Visti?š and Perepjolkins, cited above, § 106).
49. The Court notes the Government have not brought up any arguments as to what public interest the non-restitution of the applicant’s property served. It appears from the case file that this matter was simply not discussed during the domestic proceedings. As the Court cannot speculate whether or not the interference served a public interest, it cannot but conclude that the domestic courts failed to show that the deprivation of the applicant’s property was carried out in the public interest.
50. Accordingly, there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
(c) Proportionality of the impugned measure
51. Having regard to the above conclusion, the Court does not consider it necessary to review compliance with the other requirements of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
52. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
53. The applicant claimed AMD 104,061,598 in respect of pecuniary damage. The claimed amount was composed of the following elements: AMD 75,820,000 for the amount paid to the Agency; AMD 16,607,187 for the deduction of 10% of the income tax from the overall compensation amount against the expropriated property; and AMD 7,578,000 for the deduction of 10% of the income tax from the amount of USD 394,479.9 rather than from the USD 214,479.9. Moreover, she claimed EUR 5,000 in respect of non-pecuniary damage.
54. The Government considered that the claim for AMD 75,820,000 had no basis since there had been no violation of the applicant’s rights. The amounts of AMD 16,607,187 and AMD 7,578,000 related to expropriation proceedings which were not the subject of the present application, and the claim in that respect should therefore be rejected. Concerning the non-pecuniary damage, the Government found the amount claimed excessive and considered that it should be reduced.
55. Given the nature of the violation found, the Court finds that the applicant undoubtedly suffered some pecuniary and non-pecuniary damage. In the particular circumstances of the present case, the Court awards the applicant EUR 133,958 in respect of pecuniary damage and EUR 2,000 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
56. The applicant also claimed AMD 4,056,411 for the costs and expenses incurred before the domestic courts and AMD 600,000 for those incurred before the Court.
57. The Government considered that the amount claimed for costs and expenses before the domestic courts should be rejected as there had been no violation. They considered the amount claimed for the Court proceedings excessive.
58. Regard being had to the documents in its possession and to its case-law, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 3,000 under both heads.
C. Default interest
59. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months, the following amounts, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 133,958 (one hundred thirty-three thousand nine hundred fifty-eight euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 2,000 (two thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(iii) EUR 3,000 (three thousand euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
4. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 16 May 2019, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Renata Degener Aleš Pejchal
Deputy Registrar President

TESTO TRADOTTO

PRIMA SEZIONE
CASO DI TADEVOSYAN v. ARMENIA
(Applicazione n. 69936/10)
GIUDICE
STRASBURGO
16 maggio 2019Questo giudizio è definitivo ma può essere soggetto a revisione editoriale.
Nella causa Tadevosyan contro l'Armenia,
La Corte europea dei diritti dell'uomo (Prima Sezione), che si riunisce come comitato composto da:
Aleš Pejchal, Presidente,
Tim Eicke,
Jovan Ilievski, giudici,
e Renata Degener, vice cancelliere della sezione,
Avendo deliberato in privato il 23 aprile 2019,
Emette la seguente sentenza, che è stata adottata in tale data:
PROCEDURA
1. La causa ha avuto origine in un ricorso (n. 69936/10) contro la Repubblica di Armenia presentato alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") da un cittadino armeno, la sig.ra Gayane Tadevosyan ("la ricorrente"), il 25 novembre 2010.
2. Il ricorrente era rappresentato dal sig. A. Ghazaryan, avvocato che esercitava a Yerevan. Il governo armeno (in prosieguo: il "governo") era rappresentato dal suo agente, sig. G. Kostanyan, rappresentante della Repubblica d'Armenia presso la Corte europea dei diritti dell'uomo.
3. Il 10 marzo 2016 è stata notificata al governo la denuncia relativa al diritto al godimento pacifico dei beni e il resto del ricorso è stato dichiarato irricevibile ai sensi dell'articolo 54, paragrafo 3 del regolamento della Corte.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DEL CASO
4. Il richiedente è nato nel 1966 e vive a Yerevan.
A. Contesto del caso
5. Il 5 ottobre 2001 il Governo ha adottato il Decreto n. 950 con il quale ha approvato la procedura per la designazione degli appezzamenti di terreno e dei beni immobili situati all'interno di Erevan come zone di alienazione e ha stabilito le norme per il pagamento degli indennizzi, le offerte di prezzo e la loro attuazione.
6. Il 1° agosto 2002 il Governo ha adottato il decreto n. 950 con il quale ha approvato la procedura di designazione degli appezzamenti di terreno e dei beni immobili situati a Yerevan come zone di alienazione e ha stabilito le norme per il pagamento degli indennizzi, le offerte di prezzo e la loro attuazione. 1151-N con il quale ha approvato come zona di alienazione i beni immobili situati all'interno dei confini amministrativi del distretto di Kentron di Yerevan, contenenti terreni da prendere per le esigenze dello Stato con una superficie totale di 345.000 metri quadrati.
7. Per la gestione della realizzazione del progetto è stato istituito un organismo speciale, la "Yerevan Construction and Investment Project Implementation Agency" (di seguito "l'Agenzia").
8. Il richiedente possedeva un edificio di 240,2 metri quadrati e aveva in affitto il terreno su cui sorgeva, di 437,8 metri quadrati, situato nel centro di Yerevan. Questa proprietà è stata inclusa nella zona di alienazione dei beni immobili da prendere per le esigenze dello Stato. Il richiedente aveva acquistato questi beni il 17 dicembre 2003 per 1.000.000 di drammi armeni (AMD, circa 1.767 euro (EUR) all'epoca dei fatti).
B. L'alienazione dei beni del richiedente
9. Il 7 settembre 2004 la ricorrente ha firmato un accordo con l'Agenzia con il quale ha rinunciato alla sua proprietà per 265.020 dollari USA (USD). Il contratto prevedeva anche un incentivo finanziario di 78.006 dollari USA da versare alla ricorrente. Pertanto, l'importo finale della vendita, incluso l'ulteriore 15% richiesto dalla legge, era pari a USD 394.479, di cui la ricorrente ha ricevuto USD 355.031, mentre USD 39.447 sono stati riscossi come imposta sul reddito.
10. Il 13 gennaio 2006 il Dipartimento anticorruzione dell'Ufficio del Procuratore Generale ha avviato un procedimento penale contro i funzionari dell'Agenzia per aver deliberatamente sopravvalutato il valore di mercato dei beni della ricorrente e per averla pagata in eccesso. La ricorrente ha testimoniato in qualità di testimone nel corso delle indagini del procedimento penale.
11. Secondo la ricorrente, ad un certo punto del procedimento il capo dell'Agenzia le ha chiesto di restituire 180.000 USD, altrimenti potrebbe essere ritenuta penalmente responsabile per l'appropriazione di fondi statali. Il 3 febbraio 2006 la ricorrente ha trasferito sul conto dell'Agenzia 75.820.000 AMD (circa 133.958 euro).
12. Con decisione del pubblico ministero del 28 febbraio 2006, l'indagine del caso è stata chiusa per mancanza di prove della commissione di un reato. Le parti pertinenti di tale decisione stabiliscono quanto segue:
"...non è stato stabilito che [un certo numero di residenti della zona di espropriazione] abbiano sottratto fraudolentemente beni altrui ... e quindi le loro azioni mancano di corpus delicti.
A seguito delle indagini sul procedimento penale non è stato stabilito che i funzionari [dell'Agenzia] non abbiano svolto correttamente le loro funzioni ufficiali o abbiano usato la loro capacità ufficiale a scapito degli interessi del loro servizio...".
13. Il richiedente ha successivamente chiesto all'Agenzia di restituire l'AMD 75.820.000 versato sul suo conto. Il 2 aprile 2007 ha ricevuto una risposta dal capo dell'Agenzia, dichiarando di aver trasferito l'importo in questione sul conto dell'Agenzia senza alcuna prova documentale. Secondo la ricorrente, in seguito ha contattato l'Agenzia in due occasioni, chiedendo la restituzione del denaro trasferito sul suo conto, ma non ha ricevuto alcuna risposta.
C. Il procedimento relativo alla restituzione e al rimborso dell'imposta sul reddito
14. Il 30 ottobre 2007 la ricorrente ha presentato un ricorso al Tribunale distrettuale del Kentron e del Nork-Marash District Court di Yerevan, chiedendo di recuperare il denaro versato all'Agenzia, l'importo dell'imposta sul reddito da lei riscossa e il risarcimento dei danni per la ritenzione illecita dei suoi beni. La ricorrente ha sostenuto di aver restituito una parte del prezzo di vendita ricevuto perché era confusa a causa della sua conversazione con il capo dell'Agenzia.
15. Nella sua risposta, l'Agenzia ha sostenuto che, rimborsando l'importo in questione, la ricorrente aveva effettivamente accettato di essere stata pagata in eccesso e che, per tale motivo, il procedimento penale era stato chiuso. L'ufficio del sindaco di Yerevan, che era stato coinvolto nel procedimento, ha presentato un'argomentazione simile a quella dell'Agenzia.
16. Il 27 maggio 2008 la ricorrente ha ritirato la sua domanda di risarcimento danni.
17. Il 16 luglio 2008 il Tribunale civile di Yerevan ha parzialmente accolto le richieste della ricorrente. Così facendo, esso ha dichiarato che l'importo di AMD 75.820.000 doveva essere restituito alla ricorrente in quanto non vi era alcuna base giuridica che consentisse all'Agenzia di trattenere tale importo, in quanto la decisione di chiudere il procedimento penale confermava che la ricorrente non aveva commesso alcun atto illecito.
18. Su ricorso dell'Agenzia, il 20 ottobre 2008 la Corte d'Appello Civile ha annullato la sentenza e rinviato la causa per un nuovo esame nel merito. La decisione ha inoltre stabilito che il Ministero delle Finanze avrebbe dovuto essere coinvolto nel procedimento in quanto le pretese del ricorrente potevano avere implicazioni per il bilancio dello Stato.
19. Il 4 agosto 2009 il tribunale distrettuale di Kentron e Nork-Marash di Yerevan ha emesso la sentenza con la quale ha respinto le richieste del ricorrente. Il tribunale ha dichiarato, in particolare, che dovrebbe sussistere un nesso di causalità tra il danno asseritamente subito e la colpa della persona che avrebbe causato il danno, e che l'onere della prova a carico dell'attore è a carico di quest'ultimo.
20. La ricorrente ha presentato un ricorso, sostenendo che il giudice aveva applicato le disposizioni di legge relative al risarcimento dei danni, ma che aveva ritirato la sua richiesta di risarcimento e si era limitata a chiedere la restituzione dei suoi beni illegittimamente custoditi dall'Agenzia. Essa ha inoltre sostenuto di non essere stata accusata di alcun reato nel corso del procedimento penale; il fatto di aver pagato l'importo in questione è stato confermato dalla polizza di versamento, e inoltre l'Agenzia non ha mai negato di essere in possesso dei suoi beni.
21. Il 4 maggio 2010 la Corte d'Appello Civile ha respinto il ricorso della ricorrente. La parte rilevante della sentenza è la seguente:
"L'articolo 1099 § 4 prevede che i beni monetari e gli altri beni dati in adempimento di obblighi inesistenti non sono soggetti a restituzione come arricchimento senza causa se l'acquirente prova che la persona che chiede la restituzione dei beni era a conoscenza dell'assenza di un obbligo ...
Dall'esame del materiale della causa civile è emerso che l'attore ha restituito l'importo in questione sulla base di una domanda [dell'Agenzia] che non era basata né sulla legge né ... su un contratto. In particolare, dal punto di vista giuridico, la richiesta di restituzione di AMD 75.820.000 da parte del convenuto [dell'Agenzia] non aveva alcun fondamento giuridico e il mancato rispetto di tale richiesta non poteva di per sé comportare ... conseguenze negative per il ricorrente.
... [la ricorrente] non aveva alcun obbligo finanziario nei confronti [dell'Agenzia]. Il fatto che [la ricorrente] fosse consapevole di non avere obblighi nei confronti della convenuta [Agenzia] è anche supportato dal fatto che, a parte [l'accordo del 7 settembre 2004], le parti non hanno concluso nessun altro ... accordo o un accordo per la restituzione di una somma di denaro o un altro accordo in relazione ad esso.
Alla luce di quanto precede, si può concludere che il comma 4 dell'art. 1099 del Codice Civile è pienamente applicabile nella presente ... causa civile.
Per quanto riguarda l'argomento [della ricorrente] secondo cui [l'Agenzia] l'avrebbe informata che la Procura generale stava indagando su questioni relative all'accordo ... concluso con lei, a seguito del quale era stata confusa e quindi aveva restituito l'importo a [l'Agenzia]; la Corte d'Appello rileva al riguardo che tale argomento può servire come base giuridica indipendente per contestare le azioni [dell'Agenzia] nei procedimenti giudiziari ...".
22. Il ricorrente ha presentato ricorso per motivi di diritto. Essa ha sostenuto che nel corso del procedimento non era stato dimostrato che, al momento di effettuare il pagamento, era a conoscenza del fatto che non aveva alcun obbligo nei confronti dell'Agenzia, in quanto era stata informata del contrario, ossia che era stata pagata in eccesso e che poteva essere ritenuta penalmente responsabile se non avesse restituito il denaro.
23. Il 21 luglio 2010 la Corte di Cassazione ha dichiarato l'impugnazione irricevibile per difetto di merito.
II. DIRITTO INTERNO PERTINENTE
A. La Costituzione del 1995 (a seguito delle modifiche introdotte il 27 novembre 2005 con effetto dal 6 dicembre 2005)
24. Ai sensi dell'articolo 31, ogni persona ha il diritto di disporre, utilizzare, gestire e lasciare in eredità i suoi beni nel modo che ritiene più opportuno. Nessuno può essere privato dei suoi beni, salvo il tribunale nei casi previsti dalla legge. I beni possono essere espropriati per le esigenze della società e dello Stato solo in casi eccezionali di pubblico interesse, in una procedura prevista dalla legge e con un preventivo indennizzo equivalente.
B. Il Codice Civile (in vigore dal 1° gennaio 1999)
25. Secondo l'articolo 132 § 1, i beni pecuniari sono oggetto del diritto civile.
26. Secondo l'articolo 274, il proprietario ha il diritto di chiedere la restituzione dei suoi beni dal possesso illegale di un'altra persona.
27. Secondo l'articolo 1092, una persona che ha acquisito il possesso dei beni (acquirente) di un'altra persona (vittima) senza alcun fondamento giuridico o contrattuale ha l'obbligo di restituire i beni acquisiti illegalmente (arricchimento senza causa), ad eccezione dei casi previsti dall'articolo 1099 del Codice.
28. Ai sensi dell'articolo 1099 § 4, i beni pecuniari e gli altri beni dati in adempimento di obblighi inesistenti non sono soggetti a restituzione come arricchimento senza causa se l'acquirente prova che la persona che chiede la restituzione dei beni era a conoscenza dell'assenza di un obbligo o ha fornito i beni a scopo di beneficenza.
C. Decreto governativo n. 950 del 5 ottobre 2001 che approva la procedura per la presa in consegna di terreni e immobili situati nelle zone di alienazione di Yerevan, il loro indennizzo, l'elaborazione di offerte di prezzo e la loro attuazione (?? ????????????? 2001 ?. ?????????? 5-? ??? 950 ???????? ????? ?????? ??????? ??????? ?????????? ?????? ?????????? ?????????? ?? ????? ??????? ?????? ?????????, ?????????????, ?????? ???????? ?????????? ?????????? ? ????????? ????? ?????????? ?????????? ?????)
29. Il paragrafo 4 prevede che l'Agenzia per l'attuazione dei progetti di costruzione e di investimento di Yerevan sia responsabile della presa in consegna dei terreni e dei beni immobili, della redazione delle offerte di prezzo ai proprietari e della supervisione e dell'attuazione del pagamento degli indennizzi per l'esproprio dei beni.
D. Decreto governativo n. 1151-N del 1° agosto 2002 relativo alla realizzazione di progetti di costruzione all'interno dei confini amministrativi del distretto di Kentron di Yerevan (?? ????????????? 2002 ?. ???????? 1-? ??? 1151-? ??????? ?????? ?????? ??????? ??????? ??????? ???????? ???????? ????????? ????????? ????????????? ???????? ??????????? ?????????????? ?????)
30. Ai fini della realizzazione dei progetti di costruzione a Yerevan, il Governo ha deciso di designare come zone di esproprio i beni immobili (appezzamenti di terreno, edifici e costruzioni) situati all'interno dei confini amministrativi del distretto di Kentron di Yerevan, da prendere per le esigenze dello Stato, con una superficie totale di 345.000 metri quadrati.
LA LEGGE
I. PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
31. La ricorrente ha denunciato, ai sensi dell'art. 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione, di essere stata illegittimamente privata dei suoi beni pecuniari per un importo pari a 75.820.000 AMD.
32. L'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione recita come segue:
"Ogni persona fisica o giuridica ha diritto al godimento pacifico dei suoi beni. Nessuno può essere privato dei suoi beni se non nell'interesse pubblico e alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali del diritto internazionale.
Le disposizioni che precedono non pregiudicano tuttavia in alcun modo il diritto di uno Stato di far rispettare le leggi che ritiene necessarie per controllare l'uso dei beni in conformità all'interesse generale o per garantire il pagamento di tasse o altri contributi o sanzioni".
A. Ammissibilità
33. Il Governo ha sostenuto che il richiedente avrebbe dovuto avviare un procedimento penale contro l'Agenzia per frode. Poiché era stata rappresentata da un legale per tutta la durata del procedimento, avrebbe dovuto essere a conoscenza di tale rimedio. La ricorrente non ha quindi esaurito gli effettivi rimedi nazionali, e la sua domanda dovrebbe essere dichiarata inammissibile ai sensi dell'articolo 35 § 1 della Convenzione.
34. La ricorrente ha sostenuto che il ricorso al procedimento penale non sarebbe stato efficace, in quanto le persone giuridiche non possono essere ritenute responsabili di reati, ma solo le persone fisiche possono essere autori di reati. Era stata l'Agenzia a contribuire ad un atto illegale quando ha trattenuto i suoi beni sul loro conto bancario, non il funzionario dell'Agenzia che li aveva ricevuti e trasferiti sul conto bancario dell'Agenzia. Anche se la ricorrente avesse presentato una denuncia alla polizia, ciò non avrebbe inequivocabilmente comportato l'avvio di un procedimento penale, in quanto era a discrezione del pubblico ministero decidere se avviare o meno un procedimento penale.
35. La Corte rileva che, prima di presentare la sua domanda alla Corte, la ricorrente ha intentato un procedimento civile dinanzi ai tribunali nazionali che si è concluso con una decisione definitiva il 21 luglio 2010. Tali procedimenti civili dovrebbero essere considerati un "rimedio effettivo" ai fini dell'articolo 35 § 1 della Convenzione, poiché il 16 luglio 2008 il Tribunale civile di Erevan ha parzialmente accolto le richieste della ricorrente (si veda il precedente paragrafo 17). Sebbene l'esito della causa non sia stato favorevole alla ricorrente, ciò non rende il suo ricorso al procedimento civile ovviamente privo di prospettive di successo. Il fatto che ci potessero essere altri rimedi per contestare il rifiuto dell'Agenzia di restituire alla ricorrente l'importo in questione non significa che la ricorrente non abbia esaurito i rimedi nazionali (cfr. Vu?kovi? e altri contro la Serbia (obiezione preliminare) [GC], nn. 17153/11 e 29 altri, § 74, 25 marzo 2014). L'obiezione preliminare del Governo deve pertanto essere respinta.
36. La Corte rileva pertanto che la domanda non è manifestamente infondata ai sensi dell'articolo 35, paragrafo 3, lettera a), della Convenzione. Essa rileva inoltre che non è inammissibile per altri motivi. Essa deve pertanto essere dichiarata ammissibile.
B. Meriti
1. 1. Osservazioni delle parti
a) Il richiedente
37. Il richiedente ha sostenuto che l'articolo 1099, paragrafo 4, del codice civile non poteva servire come base giuridica per l'ingerenza in quanto il richiedente non era a conoscenza dell'assenza di un obbligo di restituzione delle attività monetarie al momento del pagamento. Il governo non aveva dimostrato l'esistenza di tale consapevolezza. Sarebbe stato ragionevole che la ricorrente avesse creduto di essere obbligata a restituire una parte dei beni allo Stato, poiché le era stato detto che il mancato rispetto di tale obbligo avrebbe portato ad un procedimento penale a suo carico. Una volta terminato il procedimento penale contro i funzionari dell'Agenzia, era diventato chiaro alla ricorrente che aveva restituito il denaro senza alcuna base giuridica. Poiché l'articolo 1099 § 4 del Codice Civile non era applicabile al caso della ricorrente, il rifiuto di restituire i suoi beni non era legittimo.
38. Inoltre, la ricorrente ha osservato che il Governo non aveva mostrato alcun interesse pubblico in relazione alla decisione di rifiutare di restituirle i suoi beni monetari. Anche l'ingerenza era stata sproporzionata.
b) Il governo
39. Il governo ha sostenuto che la ricorrente ha restituito i beni monetari di sua spontanea volontà e non in virtù di un atto o di una disposizione di legge. Il tribunale distrettuale aveva ritenuto che la ricorrente non avesse dimostrato alcuna colpa da parte dell'Agenzia nel causare il suo danno, né aveva alcuna colpa da parte sua quando aveva restituito i beni all'Agenzia. Ai sensi dell'art. 1099 § 4 del Codice Civile, i beni pecuniari e gli altri beni dati in adempimento di obblighi inesistenti non erano soggetti a restituzione come arricchimento senza causa, se l'acquirente provava che la persona che chiedeva la restituzione dei beni era a conoscenza dell'assenza di un obbligo. La ricorrente non ha negato l'assenza di qualsiasi tipo di obbligo di restituzione dell'importo in questione, ma ha sostenuto che la restituzione dei beni era avvenuta solo perché all'epoca era confusa. Il rifiuto di restituire i suoi beni era stato quindi effettuato nel rispetto della normativa di diritto civile.
40. Il Governo ha sottolineato che la ricorrente non aveva mai sollevato questioni di interesse pubblico nel caso in questione e che pertanto tale questione non era stata oggetto di esame da parte dei tribunali nazionali. Per quanto riguarda la proporzionalità, le azioni intraprese dai tribunali nazionali sono state proporzionate a quelle intraprese dal ricorrente. La ricorrente non è stata privata della possibilità di presentare la sua domanda in contraddittorio.
2. 2. Valutazione della Corte
41. La Corte ribadisce che lo scopo essenziale dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 è quello di proteggere una persona da interferenze ingiustificate da parte dello Stato nel pacifico godimento dei suoi beni. Tuttavia, in virtù dell'articolo 1 della Convenzione, ciascuna parte contraente "garantisce a tutti coloro che si trovano nella [sua] giurisdizione i diritti e le libertà definiti nella [Convenzione]". L'adempimento di questo dovere generale può comportare obblighi positivi inerenti all'effettivo esercizio dei diritti garantiti dalla Convenzione. Nel contesto dell'articolo 1 del Protocollo n. 1, tali obblighi positivi possono richiedere allo Stato di adottare le misure necessarie per proteggere il diritto di proprietà (vedi Broniowski c. Polonia [GC], no. 31443/96, § 143, CEDU 2004 V, e Antonyan c. Armenia, n. 3946/05, § 49, 2 ottobre 2012).
42. La Corte rileva che i beni monetari sono "possedimenti" ai sensi dell'articolo 1 del Protocollo n. 1. Inoltre, i beni monetari sono anche riconosciuti come oggetti di diritto civile nell'ordinamento giuridico nazionale (cfr. paragrafo 25). Pertanto, non vi è alcuna questione relativa all'applicabilità di questo articolo alla presente domanda.
43. La Corte rileva che non è stato contestato dalle parti il fatto che il richiedente abbia versato all'Agenzia 75.820.000 AMD (circa 133.958 euro). Tale pagamento era definitivo nel senso che, di conseguenza, la ricorrente ha perso la proprietà di tale somma di denaro. Vi è stata quindi una privazione della proprietà della ricorrente per quanto riguarda l'importo in questione. La questione principale che si pone nel caso di specie è quindi se l'Agenzia fosse legittimata a tenere i beni monetari della ricorrente per qualsiasi motivo essi siano stati trovati in suo possesso.
44. La Corte ribadisce che, per essere compatibile con l'articolo 1 del Protocollo n. 1, la privazione di beni deve soddisfare tre condizioni: deve essere effettuata "alle condizioni previste dalla legge", il che esclude qualsiasi azione arbitraria da parte delle autorità nazionali, deve essere "nell'interesse pubblico" e deve trovare un giusto equilibrio tra i diritti del proprietario e gli interessi della comunità (cfr., tra le altre autorità, Visti?š e Perepjolkins c. Lettonia [GC], n. 71243/01, § 94, 25 ottobre 2012). La Corte procederà quindi ad esaminare se queste tre condizioni sono state soddisfatte nel caso di specie.
a) "Subordinatamente alle condizioni previste dalla legge".
45. La Corte ribadisce che il primo e più importante requisito dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 è che qualsiasi interferenza da parte di un'autorità pubblica nel pacifico godimento dei beni deve essere lecita (cfr. Iatridis c. Grecia [GC], n. 31107/96, § 58, CEDU 1999-II). Tuttavia, l'esistenza di una base giuridica non è di per sé sufficiente a soddisfare il principio di legalità, che presuppone anche che le disposizioni applicabili del diritto interno siano sufficientemente accessibili, precise e prevedibili nella loro applicazione. Tale principio impone inoltre alla Corte di verificare se il modo in cui il diritto interno viene interpretato e applicato dai giudici nazionali produca conseguenze conformi ai principi della Convenzione (v., ad esempio, Apostolidi e a./Turchia, n. 1). 45628/99, § 70, 27 marzo 2007).
46. Nel caso di specie, il Governo si è basato sull'articolo 1099 § 4 del Codice Civile come base giuridica per non restituire i beni della ricorrente, in quanto la ricorrente avrebbe pagato l'importo sapendo di non essere obbligata a farlo, né per legge né sulla base di un contratto.
47. La Corte riconosce che l'articolo 1099 § 4 del Codice Civile fornisce una solida base giuridica per l'interferenza in questione, a condizione che siano soddisfatti i prerequisiti previsti da tale disposizione. Per il Tribunale questa disposizione è anche sufficientemente accessibile, precisa e prevedibile nella sua applicazione. Ciò sembra essere stato accettato anche dalla ricorrente, la quale ha solo sostenuto che l'articolo 1099 § 4 del Codice Civile non si applicava al suo caso, in quanto i requisiti non erano stati soddisfatti, vale a dire che non era a conoscenza dell'assenza dell'obbligo di restituire i beni monetari al momento del pagamento. Tralasciando le questioni relative all'applicazione del diritto interno e alla valutazione delle prove, che sono di competenza dei giudici nazionali, la Corte ritiene che la disposizione in questione fornisse una base giuridica sufficientemente chiara per l'ingerenza in questione, che era quindi "soggetta alle condizioni previste dalla legge".
b) "Nell'interesse pubblico".
48. La Corte ribadisce che, per la loro conoscenza diretta della loro società e delle sue esigenze, le autorità nazionali sono in linea di principio in una posizione migliore di quella di un giudice internazionale per apprezzare ciò che è "nell'interesse pubblico". Nell'ambito del sistema di protezione stabilito dalla Convenzione, spetta quindi alle autorità nazionali effettuare una prima valutazione dell'esistenza di una questione di interesse pubblico che giustifichi misure di privazione della proprietà. In questo caso, come in altri campi in cui si estendono le garanzie della Convenzione, le autorità nazionali godono di un certo margine di discrezionalità. Inoltre, la nozione di "interesse pubblico" è necessariamente ampia. In particolare, la decisione di emanare leggi di espropriazione comporterà comunemente la considerazione di questioni politiche, economiche e sociali. La Corte, ritenendo naturale che il margine di discrezionalità a disposizione del legislatore nell'attuazione delle politiche sociali ed economiche debba essere ampio, rispetterà il giudizio del legislatore su ciò che è "di pubblico interesse", a meno che tale giudizio non sia manifestamente privo di fondamento ragionevole (cfr. Beyeler c. Italia [GC], no. 33202/96, § 112, CEDU 2000 I, e Visti?š e Perepjolkins, citata, § 106).
49. La Corte rileva che il Governo non ha avanzato alcuna argomentazione in merito all'interesse pubblico che la mancata ricostituzione dei beni del richiedente ha servito. Dal fascicolo del caso risulta che tale questione non è stata semplicemente discussa durante il procedimento interno. Poiché la Corte non può ipotizzare se l'interferenza sia servita o meno a un interesse pubblico, non può non concludere che i tribunali nazionali non hanno dimostrato che la privazione della proprietà del richiedente è stata effettuata nell'interesse pubblico.
50. Di conseguenza, vi è stata una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione.
c) Proporzionalità della misura contestata
51. Alla luce di tale conclusione, la Corte non ritiene necessario verificare l'osservanza delle altre prescrizioni dell'articolo 1 del protocollo n. 1 della Convenzione.
II. APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
52. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se il Tribunale constata una violazione della Convenzione o dei suoi protocolli, e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente un risarcimento solo parziale, il Tribunale, se necessario, dà giusta soddisfazione alla parte lesa".
A. Danni
53. La ricorrente ha chiesto l'AMD 104.061.598 a titolo di risarcimento del danno pecuniario. L'importo richiesto era composto dai seguenti elementi: AMD 75.820.000 per l'importo pagato all'Agenzia; AMD 16.607.187 per la deduzione del 10% dell'imposta sul reddito dall'importo complessivo del risarcimento per i beni espropriati; e AMD 7.578.000 per la deduzione del 10% dell'imposta sul reddito dall'importo di USD 394.479,9 anziché da USD 214.479,9. Inoltre, ha chiesto EUR 5.000 per danni non pecuniari.
54. Il Governo ha ritenuto che la richiesta di AMD 75.820.000 non avesse alcun fondamento, poiché non vi era stata alcuna violazione dei diritti della ricorrente. Gli importi di AMD 16.607.187 e di AMD 7.578.000 si riferivano a procedimenti di espropriazione che non erano oggetto della presente domanda, e la richiesta a tale riguardo deve pertanto essere respinta. Per quanto riguarda il danno non pecuniario, il governo ha ritenuto eccessivo l'importo richiesto e ha ritenuto che dovesse essere ridotto.
55. Data la natura della violazione constatata, il Tribunale ritiene che la ricorrente abbia indubbiamente subito un danno pecuniario e non pecuniario. Nelle particolari circostanze del caso di specie, la Corte concede alla ricorrente EUR 133.958 per il danno pecuniario e EUR 2.000 per il danno morale.
B. Costi e spese
56. Il richiedente ha inoltre chiesto l'indennità di AMD 4.056.411 per i costi e le spese sostenute dinanzi ai tribunali nazionali e l'indennità di AMD 600.000 per quelle sostenute dinanzi al tribunale.
57. Il governo ha ritenuto che l'importo richiesto per i costi e le spese sostenute dinanzi ai tribunali nazionali dovesse essere respinto in quanto non vi era stata alcuna violazione. Ha ritenuto eccessivo l'importo richiesto per i procedimenti giudiziari.
58. Considerando i documenti in suo possesso e la sua giurisprudenza, la Corte ritiene ragionevole concedere la somma di 3.000 euro sotto entrambi i capi.
C. Interessi di mora
59. La Corte ritiene opportuno che il tasso di interesse di mora sia basato sul tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca centrale europea, al quale vanno aggiunti tre punti percentuali.
PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ,
1. Dichiara la domanda ammissibile;
2. Dichiara che vi è stata una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione;
3. Dichiara che il ricorso è stato presentato all'indirizzo
(a) che lo Stato convenuto paghi all'istante, entro tre mesi, i seguenti importi, da convertire nella valuta dello Stato convenuto al tasso applicabile alla data del regolamento:
(i) 133.958 euro (centotrentatremilanovecentocinquantotto euro), oltre alle imposte eventualmente dovute, a titolo di danno patrimoniale;
(ii) Euro 2.000 (duemila euro), oltre all'imposta eventualmente dovuta, a titolo di danno morale;
(iii) Euro 3.000 (tremila), più eventuali imposte a carico del richiedente, a titolo di costi e spese;
(b) che a partire dalla scadenza dei tre mesi sopra indicati e fino al regolamento saranno dovuti interessi semplici sugli importi di cui sopra ad un tasso pari al tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca Centrale Europea durante il periodo di inadempienza, maggiorato di tre punti percentuali;
4. La parte restante del credito del ricorrente è respinta per giusta soddisfazione.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 16 maggio 2019, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.
Renata Degener Aleš Pejchal
Cancelliere Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 23/05/2022.