CASO: CASE OF ROMEVA v. NORTH MACEDONIA

Testo originale e tradotto della sentenza selezionata

Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ROMEVA v. NORTH MACEDONIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI: 01,P1-1

NUMERO: 32141/10/2019
STATO: Macedonia
DATA: 12/12/2019
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

FIRST SECTION
CASE OF ROMEVA v. NORTH MACEDONIA

(Application no. 32141/10)

JUDGMENT

Art 1 P1 • Peaceful enjoyment of possessions • Applicant retroactively divested of retirement pension constituting her sole source of income and required to reimburse amounts paid for seven years • Correction of authorities’ mistake in original assessment of applicant’s eligibility for pension • No applicant’s fault • Excessive individual burden

STRASBOURG

12 December 2019

This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Romeva v. North Macedonia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:

Ksenija Turkovi?, President,
Krzysztof Wojtyczek,
Aleš Pejchal,
Armen Harutyunyan,
Pauliine Koskelo,
Tim Eicke,
Jovan Ilievski, judges,
and Abel Campos, Section Registrar,
Having deliberated in private on 10 October 2017 and 12 November 2019,
Delivers the following judgment, which was adopted on the last-mentioned date:

PROCEDURE

1. The case originated in an application (no. 32141/10) against the Republic of North Macedonia lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by Ms Olgica Romeva, a Macedonian/citizen of the Republic of North Macedonia.
2. The Government of North Macedonia (“the Government”) were represented by their Agent, Mr K. Bogdanov.
3. The applicant alleged that she had been deprived of her pension, in breach of the principle of legal certainty. She relied on Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
4. On 8 September 2014 the above complaints were communicated to the Government and the remainder of the application was declared inadmissible, pursuant to Rule 54 § 3 of the Rules of Court.
THE FACTS

I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1947 and lives in Skopje.
A. Background to the case

6. The pension system in the respondent State primarily relies on employers to submit the requisite data about individuals’ employment, especially regarding the beginning and end-dates of periods of employment, as well as any subsequent changes (see paragraph 33 below).
7. Prior to the events relating to her application for a pension the applicant was unemployed and was receiving financial aid via the unemployment benefits social scheme. During this period her health insurance was also covered through the unemployment benefits social scheme. Her entitlement to continue to receive such benefits would end at the moment that she found employment or met the criteria required to obtain a pension. In May 2000 the applicant was instructed by the Employment Bureau (???????? ?? ???????????) to lodge an application for a pension.
B. Retirement pension proceedings
8. On 22 May 2000 the applicant lodged an application for a retirement pension with the Pension and Disability Fund (???? ?? ???????? ? ?????????? ??????????? – “the Fund”). The application contained only basic information about the applicant, such as her home address and personal identification number. It did not contain any information regarding her past employment, and nor were any annexes attached.
9. On 23 May 2000 the Fund granted the applicant a retirement pension in the amount of 6,462 denars (MKD) per month. The Fund established that by having completed a service period of thirty-five years, ten months and twenty-four days, the applicant had satisfied the service period criterion to qualify for a pension, which was the sole precondition at the material time. The decision became final and the applicant started receiving monthly payments.
10. Between February and July 2007 the Fund conducted an internal audit of its records. A final report was drafted which found that the records of several pension recipients had been incomplete and that in some cases there were missing or insufficient data regarding past employment.
11. With regard to the applicant, the report established that, although the records showed that she had been employed for the requisite period, her “employment booklet” (??????? ??????) was missing. It was therefore decided to consult the employer for whom the applicant had worked between 1963 and 1967 to verify this period of her employment. It appears that no further evidence was obtained with regard to the applicant’s employment for the period mentioned.
12. Following the findings of the internal audit, a proprio motu review of the applicant’s case was conducted. On 18 October 2007 the Fund annulled the decision of 23 May 2000 and refused the applicant’s request for a pension. In its decision the Fund ruled that the information in the Fund’s possession regarding the applicant’s employment had been incorrect for the period between 1963 and 1967 in that she had not in fact been employed during that period. As a consequence, she did not satisfy the statutory criterion to qualify for a pension – namely a minimum period of thirty-five years in employment. The Fund relied on section 258 of the Administrative Proceedings Act and section 145-A of the Act on Pensions and Disability Insurance (see paragraphs 32 and 30 below). Following this decision, payment of the applicant’s pension was discontinued.
13. On 26 November 2007 the applicant appealed. She claimed that section 145-A of the Act on Pensions and Disability Insurance had been introduced after the date on which she had been granted a pension, so it should not have been applied retroactively in her case.
14. Not having received a decision on the appeal, on 28 February 2008, the applicant brought an administrative action in the Administrative Court (??????? ???). She argued that domestic law prescribed that information pertaining to employment be collected, kept and processed by the Fund and that she had never submitted any documents to it, apart from an application for a retirement pension, which had contained only her personal information. Furthermore, she argued that she was unable to contest the veracity of the data, because it had been collected, maintained and processed exclusively by the Fund.
15. On 17 April 2008 the appeal was dismissed by the Second-Instance Commission for Pension and Retirement-Related Issues (???????? ?? ????? ?? ????????? ?????????? ?? ???????? ?? ???? ?????? ?? ?????????? ?? ???????? ? ?????????? ??????????? – “the Second?Instance Commission”).

16. On 6 November 2008 the Administrative Court upheld the action and quashed the Second-Instance Commission’s decision. The Administrative Court found that section 145-A of the Act on Pensions and Disability Insurance had indeed been applied retroactively in the applicant’s case. The section in question had come into force on 14 June 2006, so it could not be applied to the decision concerning the applicant, which dated from 2000.
17. On 16 March 2009 the Second-Instance Commission issued a fresh decision dismissing the applicant’s appeal. Referring to section 249 paragraph 2 of the Administrative Proceedings Act (see paragraph 31 below) it established that grounds for reopening final proceedings existed in the applicant’s case, namely the finding that “erroneous documents had been used in the proceedings before the Fund, which the claimant endorsed by submitting her request for a pension” with regard to her employment for the period between 1963 and 1967. This finding was extrapolated from the Fund’s records and held to be sufficient to justify re-examining her application for a pension and refusing it.
18. On 9 April 2009 the applicant brought an action in the Administrative Court. She reiterated that under domestic law the Fund was responsible for the accuracy of its records regarding employment and it was the employer’s duty to submit the relevant documents. Moreover, she submitted that the decision of 22 May 2000 did not make reference to any specific periods of employment, so she could not have been aware of any inaccuracies. Therefore, any suggestion that she had endorsed erroneous data by lodging an application for a retirement pension with the Fund, or that she should be held responsible in any way, was unfounded.
19. On 15 October 2009 the Administrative Court dismissed her action, upholding the findings of the Second-Instance Commission in both fact and law. It held that the relevant form held by the Fund regarding the applicant’s employment between 1963 and 1967 was illegible and contained insufficient data and therefore could not serve as relevant to calculate the applicant’s employment.
20. On 30 November 2009 the applicant lodged an appeal with the Supreme Court (??????? ???). She reiterated her earlier complaints about having had no influence on the data maintained by the Fund.
21. On 26 April 2010 the Supreme Court dismissed the applicant’s appeal and held that the decision of the Fund to refuse the applicant’s request for a pension had been lawful.
C. Other relevant facts
22. On 15 May 2012 the Fund lodged a criminal complaint against the applicant, stating that she had submitted falsified information to the Fund regarding her employment. The complaint was rejected by the Public Prosecution (??????? ????? ?????????????) on 25 May 2012 on the grounds that the statutory limitation period for the prosecution had expired.
23. In the meantime, specifically on 11 June 2008, the Fund brought a civil action in the Skopje Court of First Instance against the applicant seeking reimbursement of the full amount of the pension paid to her for the period between 5 May 2000 and 30 September 2007. The Fund submitted that the applicant owed it the amount of MKD 645,138 on the grounds of unjust enrichment (?????????? ??? ?????). In support of its action the Fund referred to its own findings, in particular the decision of 18 October 2007 to discontinue the applicant’s pension (see paragraph 12 above).
24. The Skopje Court of First Instance upheld the action; after an appeal by the applicant was dismissed by the Skopje Court of Appeal, on 8 January 2014 the judgment became final. The judgment was submitted to a bailiff, who started enforcement proceedings against the applicant on behalf of the Fund.
25. The applicant lodged an appeal on points of law with the Supreme Court, which was dismissed on 28 January 2015.
26. According to a document from the Public Revenues Office (?????? ?? ????? ???????) issued on 29 October 2008, the applicant’s sole source of income since 2006 had been her pension.
27. While the applicant’s pension proceedings were still pending, changes were introduced in the domestic legislation regarding the necessary criteria to qualify for a retirement pension. Following those changes, the applicant lodged a fresh request with the Fund, and on 3 November 2009 she was granted a retirement pension under the new criteria in the amount of MKD 10,384.50 per month. The Fund found that she met the newly introduced “age criterion” for a pension (at the time she was sixty-two years old, as required). It appears that since that date she has been regularly receiving her pension.

II. RELEVANT DOMESTIC LAW

A. Act on Pensions and Disability Insurance (????? ?? ?????????? ? ???????????? ???????????, Official Gazette Nos. 80/1993, 14/1995, 71/96, 32/97, 24/2000, 96/2000, 5/2001, 50/2001, 85/2003, 50/04, 4/05, 84/05, 101/05, 70/06)
28. Under section 6 paragraph 3, the rights acquired under this Act can be divested or limited only in accordance with and subject to the conditions stipulated in this Act.
29. Section 143 provides for review of a decision which became final under conditions provided in the Administrative Proceedings Act. The review can be initiated proprio motu or following a request.
30. Section 145-A was introduced by a change made to the Act during June 2006 that came into force on 14 June 2006. It allows for a final decision granting a right (including a pension) to a person to be annulled by means of a fresh proprio motu decision of the Fund. The only condition stipulated is that the person in question “should not have been entitled to such a right”. Such an annulment can be partial or in full.

B. Administrative Proceedings Act (????? ?? ????? ??????? ????????, Official Gazette No. 38/2005)

31. Section 249 stipulates the conditions subject to which a review can be allowed of a decision that has become final in administrative proceedings. Paragraph 2 provides for a review of a final decision if it is established that the final decision was based on erroneous documentation, an erroneous statement by a witness or expert, or as a result of a criminal act.
32. Under section 258, when deciding whether to reopen a final case (decision), the administrative organ issues a decision whereby it can overturn or confirm the earlier decision. If it overturns the decision, it is up to the organ to decide whether this new decision will come into force ex tunc or ex nunc.

C. Act Regulating Records of Pensions and Disability Insurance Beneficiaries (????? ?? ????????? ?????????? ?? ????????????? ? ??????????? ?? ??????? ?? ???????? ? ?????????? ???????????, Official Gazette No. 16/2004 – as applicable at the time)
33. Under section 7 of the Act, the responsibility for providing relevant data concerning employees falls to the employer. Under section 8 that data includes, in particular, information regarding the beginning and the end of each period of employment.
34. Section 19 stipulates that the records regarding employment be kept by the Fund and its branch offices.
35. Section 24 stipulates that in the event that the information submitted to the Fund is found to be erroneous, the Fund will request the person who submitted it to correct it within a period of no more than thirty days from the date on which that person received that request.

THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No.1 TO THE CONVENTION
36. The applicant complained that she had been deprived of her pension, in breach of the principle of legal certainty. She relied on Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which reads as follows:

“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.

The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”

A. Admissibility
37. The Court notes that the Government did not raise any objections as to the admissibility of the case. However, noting that the issue of compatibility ratione materiae is a question that falls under the Court’s jurisdiction, the Court finds it necessary to examine the matter of its own motion (see T?nase v. Moldova [GC], no. 7/08, § 131, ECHR 2010, and Ble?i? v. Croatia [GC], no. 59532/00, § 67, ECHR 2006?III).
38. Article 1 of Protocol No. 1 places no restriction on the Contracting States’ freedom to decide whether or not to have in place any form of social security or pension scheme, or to choose the type or amount of benefits to provide under any such scheme. However, where a Contracting State has in force legislation providing for the payment as of right of a welfare benefit or pension – whether or not such benefit is conditional on the prior payment of contributions – that legislation must be regarded as generating a proprietary interest falling within the ambit of Article 1 of Protocol No. 1, but it does so only for persons satisfying the requirements thereof (see, for example, Béláné Nagy v. Hungary [GC], no. 53080/13, § 82, 13 December 2016, ECHR 2016, and cases cited therein).
39. In a number of cases the Court has accepted that the grant of a pension benefit of which the applicant was subsequently divested on the grounds that the legal conditions for such a grant had not been fulfilled initially, could give rise to a “possession” for the purposes of Article 1 of Protocol No. 1 (see Béláné Nagy cited above, § 87). In such cases the Court has considered that a property right was generated by a favourable evaluation of pension request that was lodged by an applicant in good faith (see for example, Moskal v. Poland, no. 10373/05, § 45, 15 September 2009, and Antoni Lewandowski v. Poland, no. 38459/03, §§ 78 and 82, 2 October 2012).
40. The Court notes, in the instant case, that the applicant’s right to receive a pension was generated by the favourable evaluation of her pension application by the Fund. In particular, on the basis of the applicant’s request and the information available to the Fund, on 23 May 2000 the Fund recognised the applicant’s right to a pension. She was therefore provided with an enforceable right to receive the pension in a particular amount. On the basis of that decision, the applicant was in receipt of a pension until 18 October 2007.
41. The Court furthermore notes that the applicant lodged her initial request for a pension following an instruction to do so issued by the Employment Bureau. At that point she did not specify anything regarding her periods of employment, and did not provide any annexes or evidence to that end (see paragraphs 8 and 14 above), and nor was it established that at any point in the past the applicant had personally supplied the Fund with any information regarding her past employment. Indeed, under sections 7 and 8 of the Act Regulating Records of Pensions and Disability Insurance Beneficiaries (see paragraph 33 above), it was incumbent on the employer, and not the employee, to supply the Fund with all the relevant information regarding the period of employment in question. Furthermore, under section 19 of the same Act, it is the responsibility of the Fund and its branch offices to create and maintain individual records of employment (see paragraph 34 above).
42. Accordingly, no reason not to rely on the instruction of the Employment Bureau to submit a pension request was apparent to the applicant (see paragraphs 7 and 8 above). From that point on it fell to the relevant authorities to check whether she met the necessary requirements to be granted a pension. In fact, such an assessment was indeed made and the applicant was granted ? pension.
43. Moreover, it cannot be inferred from the facts of the case that the applicant took any action with the intention of misleading the Fund or that she otherwise acted in bad faith when submitting her request for a pension or at any point in her communication with the Fund. Such a conclusion also follows from the findings of the Second-Instance Commission, which ? although it established the existence of erroneous data with regard to the period of the applicant’s employment – failed to establish any liability on the part of the applicant for providing such data. It rather held that the applicant had endorsed the use of the incorrect data on which the Fund had relied when granting her request. However, the Court notes that it failed to explain the manner in which the applicant had allegedly endorsed the incorrect provision of data (see paragraph 17 above). In this connection, it should be noted that the Fund itself established the relevant facts when granting the applicant’s request for a pension, without any involvement on the part of the applicant through which she could have consented to the provision of incorrect information.
44. Taking account of those circumstances, there is nothing that persuades the Court to conclude that the applicant’s pension request was not submitted in good faith (contrast Kusina v. Poland (dec.), no. 28589/05, § 35, 9 April 2013). The outcome of the criminal proceedings lodged against the applicant in this regard also cannot lead to a different conclusion (see paragraph 22 above). Accordingly, the Court finds that the favourable evaluation of the applicant’s pension request generated for the applicant a property right protected by Article 1 of Protocol No. 1 (see, among other authorities, Fábián v. Hungary [GC], no. 78117/13, §§ 61-62, 5 September 2017; Moskal, cited above, § 45; and P?aczkowska v. Poland, no. 15435/04, § 63, 2 October 2012).
45. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It furthermore notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.

B. Merits

1. The parties’ submissions
(a) The applicant
46. The applicant submitted that between 1963 and 1967 she had worked for several different employers. The nature of those assignments had been determined by and organised through “youth groups” (????????? ???????????). She submitted that, to her knowledge, at the time such assignments had been considered to constitute employment, which is why the records of the Fund had initially shown that she had been employed.
47. She furthermore submitted that, given the circumstances of her particular case, divesting her of her acquired right to a retirement pension had amounted to an unjustified deprivation of property. She had acted in good faith, but had now had to bear the consequences of mistakes committed by the State administration (the Fund employees). The upshot had been that she had been deprived of her sole source of income.
48. She maintained that she had been the victim of a “revisionist campaign” led by the Government that had had to succeed at any cost. The blame for any mistakes in the records of the Fund had therefore had to be shifted from the actual wrongdoers (the Fund employees) to ordinary citizens like her.
49. She considered that there had been a conflict between section 6 of the Pensions and Disability Insurance Act and the Administrative Proceedings Act in that the former ? which should have been applied as a lex specialis ? had not provided for any review of a final decision, whereas the latter did.
50. Lastly, no reasonable relationship of proportionality could be said to have existed between the interference with her property rights and the public interest, especially considering that she had been part of a small group of people who had been deprived of their pensions, there had been no significant impact on the overall welfare system. Furthermore, considering that prior to 23 May 2000 she had been dependent on the financial and healthcare benefits forming part of the unemployment benefits social scheme, the loss of her pension had amounted to a deprivation of both her sole source of income and her health insurance.

(b) The Government
51. The Government stated that the revision of the decision to grant the applicant a pension had been part of a large-scale campaign to filter out pensions that had been erroneously granted in the past and that the applicant was part of a group of eighty-five people who had been deprived of pensions as a consequence of that campaign. They maintained that in the case of the applicant the measure had been taken in good faith, especially given that at the time when she lodged the request for a pension she had knowingly concealed the fact that she fell short of the relevant criteria. This meant that she had acted in bad faith. Therefore, divesting the applicant of her right to a retirement pension had been an action that had been provided for by law and had been in the general and public interest, with the aim of preventing abuse of public funds.
52. The Government furthermore argued that the applicant had been deprived of her pension because she had supplied the Fund with erroneous information regarding her past employment. The applicant had acted in bad faith because she had known that the information was erroneous. That being so, divesting the applicant of her pension had been a proportionate measure. To this end, the Fund had even initiated criminal proceedings against the applicant, which were had been terminated only owing to the fact that the statutory period for prosecution had expired (see paragraph 22 above).
53. Lastly, as of 3 November 2009 – at which point she had satisfied the relevant criteria following the above mentioned legislative change (see paragraph 27 above) – the applicant had been granted a retirement pension. The Government also referred to the findings of the civil courts in the proceedings that the Fund had initiated against the applicant for the return of the pension sums already paid to her (see paragraphs 23-25 above).

2. The Court’s assessment
(a) General principles
54. As it has stated on several occasions, the Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 comprises three distinct rules: “the first rule, set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of the peaceful enjoyment of property; the second rule, contained in the second sentence of the first paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; the third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, among other things, to control the use of property in accordance with the general interest ... The three rules are not, however, ‘distinct’ in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule” (see, among many authorities, Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99 and 2 others, § 78, ECHR 2005?VI and cases cited therein).
55. The general principles relating to the scope of the application of Article 1 of Protocol No. 1 are equally relevant when it comes to cases concerning social security and welfare benefits (see, for example, Kjartan Ásmundsson v. Iceland, no. 60669/00, § 39, ECHR 2004?IX).
56. The Court reiterates that as a general rule, the first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful: the second sentence of the first paragraph authorises deprivation of possessions only “subject to the conditions provided for by law” and the second paragraph recognises that States have the right to control the use of property by enforcing “laws” (see, among many other authorities, Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 147, ECHR 2004?V).
57. Article 1 of Protocol No. 1 also requires that any interference be reasonably proportionate to the aim pursued. Consequently, any interference must achieve a “fair balance” between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. The requisite fair balance will not be struck where the person concerned bears an individual and excessive burden (see, among others authorities, Béláné Nagy, cited above, § 115, and Iwaszkiewicz v. Poland, no. 30614/06, § 44, 26 July 2011).
58. Moreover, the principle of “good governance” requires that where an issue in the general interest is at stake it is incumbent on the public authorities to act in good time, in an appropriate manner and with utmost consistency (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 120, ECHR 2000?I).
59. The requisite “fair balance” will not be struck where the person concerned bears an individual and excessive burden (see, for example, Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, §§ 69-74, Series A no. 52, and Brum?rescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 78, ECHR 1999?VII).

(b) Application of the Convention principles to the instant case
(i) Whether there has been an interference with the applicant’s possessions
60. It is not disputed between the parties that the Fund’s decision of 18 October 2007, which retroactively divested the applicant of the retirement pension that she had been receiving since May 2000, amounted to an interference with her possessions within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. The Court sees no reason to hold otherwise (see, among other authorities, Fábián, cited above, § 62, and B. v. the United Kingdom, no. 36571/06, §§ 36 and 41, 14 February 2012). The Fund’s civil claim against the applicant (see paragraphs 23-25 above) for reimbursement of amounts paid to her between 2000 and 2007 is a consequence of the original interference with the applicant’s possessions, and as such, it will be examined by the Court in its assessment of the proportionality of the interference.
61. In the circumstances of the present case, the Court considers that the applicant’s complaint should be examined under the general rule enunciated in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1, especially as the situations envisaged in the second sentence of the first paragraph and in the second paragraph are only particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property as guaranteed by the general rule set forth in the first sentence (see Beyeler, cited above, § 106, and Perdigão v. Portugal [GC], no. 24768/06, § 62, 16 November 2010). The Court will now assess whether that interference was prescribed by law, whether it pursued a legitimate aim, and whether there was a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim pursued (see, among many others, Broniowski, cited above, §§ 147-51).

(ii) Lawfulness of the interference
62. The Court finds that a proprio motu review of a final decision granting a pension is provided for in section 143 of the Pensions and Disability Insurance Act (see paragraph 29 above). Furthermore, the decision that deprived the applicant of her pension was based on section 258 of the Administrative Proceedings Act, which permitted a proprio motu review of a final decision in administrative proceedings, including proceedings relating to pensions (see paragraph 32 above).
63. Noting that its power to review compliance with domestic law is limited (see, among other authorities, Kudrevi?ius and Others v. Lithuania [GC], no. 37553/05, § 110, ECHR 2015), the Court accepts that the proceedings in the applicant’s case were reopened as a consequence of the discovery of a mistake made by the Fund in its original assessment of the applicant’s eligibility for a pension. The procedure for a proprio motu review that caused the applicant to be divested of the right to a pension was thus used to correct that error.
64. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that the interference with the applicant’s property rights was provided for by law, as required by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
(iii) Legitimate aim
65. The Court considers that depriving the applicant of her retirement pension pursued a legitimate aim – namely to ensure that the public purse was not called upon to subsidise for an indefinite period of time undeserving beneficiaries (see, for example, N.K.M. v. Hungary, no. 66529/11, § 59, 14 May 2013).
(iv) Proportionality
66. The Court must next examine whether the interference with the peaceful enjoyment of possessions struck a fair balance between the demands of the general interest of the public and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights, or whether it imposed a disproportionate and excessive burden on the applicant (see, among other authorities, Béláné Nagy, cited above, § 115).
67. The Court notes that prior to the internal audit, the Fund’s records showed that the applicant had been employed during the period 1963-1967. It was only after the internal audit in the case of the applicant that irregularities appeared, in so far as the applicant’s employment booklet was found to be missing from the records, necessitating a request to the applicant’s former employer for data to confirm the accuracy of the Fund’s records, which were incomplete. In the absence of any information from that employer that the applicant had indeed been employed between 1963 and 1967, the Fund concluded that the data regarding her employment for the above-mentioned period had been erroneously entered in its records.
68. In this connection, the Court notes that it has already found that there is nothing to suggest that the applicant was responsible for the incorrect assessment by the Fund of her pension request (see paragraphs 41-44 above; also contrast Kusina, cited above; and Zahi v. Croatia (dec.), no. 24546/09§§ 63-67, 18 March 2014). On the contrary, it was the Fund’s lack of diligence in properly gathering and maintaining the relevant data in respect of the applicant and in processing her initial claim for a pension that led to the erroneous decision, which the Fund later sought to correct at the applicant’s expense (contrast B. v. the United Kingdom, cited above, § 39). The Government’s argument that the applicant had supplied the Fund with erroneous information regarding her past employment should therefore be dismissed (see paragraphs 51 and 52 above).
69. Further to this point, the Court observes that the applicant’s claim that she had worked for various employers through “youth groups” between 1963 and 1967 was not contested by the Government.
70. Being mindful of the importance of social justice, the Court would reiterate in this regard that, as a general principle, public authorities should not be prevented from correcting their mistakes – even those resulting from their own negligence. Holding otherwise would be contrary to the doctrine of unjust enrichment. It would also be unfair to other individuals contributing to social security funds – in particular those denied a benefit because they failed to meet the statutory requirements. Lastly, it would amount to sanctioning an inappropriate allocation of scarce public resources, which in itself would be contrary to the public interest (see, for example, ?akarevi? v. Croatia, no. 48921/13, § 79, 26 April 2018).
71. Notwithstanding those important considerations, the Court nonetheless notes that the aforementioned general principle cannot prevail in a situation where the individual concerned is required to bear an excessive burden as a result of a measure divesting him or her of a benefit (see B. v. the United Kingdom, cited above, § 60). If a mistake has been caused by the authorities themselves, without any fault on the part of a third party, a different proportionality approach must be taken in determining whether the burden borne by an applicant was excessive.
72. In assessing compliance with Article 1 of Protocol No. 1, the Court must carry out an overall examination of the various interests in issue (see Perdigão, cited above, § 68), bearing in mind that the Convention is intended to safeguard rights that are “practical and effective” (see, for example, Chassagnou and Others v. France [GC], nos. 25088/94 and 2 others, § 100, ECHR 1999?III). It must look behind appearances and investigate the realities of the situation complained of (see Broniowski, cited above, § 151; Hutten-Czapska v. Poland [GC], no. 35014/97, § 168, ECHR 2006?VIII; and Zammit and Attard Cassar v. Malta, no. 1046/12, § 57, 30 July 2015). That assessment may involve the conduct of the parties, including the means employed by the State and their implementation. In that context, it should be stressed that uncertainty – be it legislative, administrative or arising from practices applied by the authorities – is a factor to be taken into account in assessing the State’s conduct. Indeed, where an issue in the general interest is at stake, it is incumbent on the public authorities to act in good time, in an appropriate and consistent manner (see Tunnel Report Limited v. France, no. 27940/07, § 39, 18 November 2010, and Zolotas v. Greece (no. 2), no. 66610/09, § 42, ECHR 2013 (extracts)).
73. In this regard the Court attaches particular importance to the fact that the revocation of the decision to grant a pension to the applicant was not based upon any new evidence but only upon a reassessment of the same evidence which was at the basis of the administrative decision, which became final as it had not been contested before the courts. In the Court’s view such a reassessment of evidence ex proprio motu ? outside the system of extraordinary remedies for quashing final administrative decisions ? brings into question legal certainty in the area of social security.
74. In addition, the Court notes that the case at hand does not concern a suspension of the applicant’s pension, but the complete loss of her pension entitlements (see Apostolakis v. Greece, no. 39574/07, § 39, 22 October 2009; also contrast Fábián, cited above, § 74, and cases cited therein). The fact that she obtained a new pension entitlement as of 3 November 2009 on the basis of a subsequent legislative change is of no relevance in respect of the deprivation itself (see paragraph 27 above).
75. The Court observes that prior to obtaining a pension the applicant had been dependent on the State’s social benefits scheme and had been in receipt of unemployment benefit (see paragraph 7 above). Owing to the applicant’s specific circumstances, the retirement pension had constituted her sole source of income for a period of over nine years. For more than two years of that period, being deprived of her pension, she had had no income whatsoever (see paragraph 26 above).
76. Moreover, the Court surmises that the civil claim against the applicant and the enforcement proceedings aimed at claiming the reimbursement of the pension benefits paid to her (see paragraphs 23-25 above) are capable of further aggravating her already difficult financial situation (see ?akarevi?, cited above, § 89).
77. Given the circumstances described above, it must be observed that ? as a result of the impugned measure ? the applicant was faced, practically from one day to the next, with the total loss of her retirement pension, which constituted her sole source of income (see, among others, Moskal, cited above, § 74).
78. In view of the above considerations, the Court finds that a fair balance has not been struck between the demands of the general interest of the public and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights and that the burden placed on the applicant was excessive.
79. It follows that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.

II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
80. The applicant complained that the proprio motu reopening of the social security proceedings, which resulted in the quashing of the final decision granting her a right to a pension, had been in breach of Article 6 § 1 of the Convention. Article 6 § 1 of the Convention in its relevant part reads as follows:

“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”

81. The Government contested that argument.
82. The Court considers that this part of the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention or inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
83. However, having regard to the reasons that led the Court to find a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, the Court finds that the applicant’s complaint under Article 6 regarding the principle of legal certainty of the Convention does not require a separate examination (see East West Alliance Limited v. Ukraine, no. 19336/04, § 222, 23 January 2014; Krsti? v. Serbia, no. 45394/06, § 88, 10 December 2013; and Moskal, cited above, § 83).

III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
84. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”

A. Damage
85. The applicant claimed 3,086 euros (EUR), which represented the amount she would have received between October 2007 and November 2009 had she continuously received a pension. She also claimed EUR 16,903 in respect of pecuniary damage suffered, as a consequence of a payment order issued by a bailiff as part of the enforcement proceedings initiated against the applicant (see paragraph 24 above) stating that amount. The total amount claimed by the applicant under the head of pecuniary damage, including interest, was set at EUR 24,142.

86. The applicant also claimed EUR 25,850 in respect of non-pecuniary damage.
87. The Government contested both amounts, stating that there was no causal link between the damages claimed and any violation that may be found by the Court. Furthermore, the claim regarding non-pecuniary damage was unsubstantiated.
88. The Court finds that the applicant was deprived of her income in connection with the violation found and must take into account the fact that she undoubtedly suffered some pecuniary and non-pecuniary damage (see Moskal, cited above, § 105). Making an assessment on an equitable basis, as is required by Article 41 of the Convention, the Court awards the applicant EUR 6,000 for both non-pecuniary damage and prospective pecuniary damage. Given the nature of the violation found, the Court further requests the Government to ensure that any payment order issued against the applicant following the proceedings initiated against her (see paragraph 24 above) is not enforced.

B. Costs and expenses
89. The applicant did not make a claim for any costs and expenses incurred. The Court therefore sees no reason to award her any sum in this respect.

C. Default interest
90. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.

FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,

1. Declares the application admissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
3. Holds that there is no need to examine separately the complaint under Article 6 of the Convention concerning the principle of legal certainty;
4. Holds

(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final, in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 6,000 (six thousand euros), in respect of non?pecuniary damage and prospective pecuniary damage, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement, plus any tax that may be chargeable;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period, plus three percentage points;
5. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.

Done in English, and notified in writing on 12 December 2019, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.

Abel Campos Ksenija Turkovi?
Registrar President

TESTO TRADOTTO

PRIMA SEZIONE


DI ROMAVA v. NORD MACEDONIA
(Applicazione n. 32141/10)
GIUDICE



Art. 1 P1 - Godimento pacifico dei beni - La richiedente è stata privata retroattivamente della pensione di vecchiaia che costituisce la sua unica fonte di reddito ed è tenuta a rimborsare le somme versate per sette anni - Correzione dell'errore delle autorità nella valutazione iniziale dell'ammissibilità alla pensione della richiedente - Nessuna colpa della richiedente - Onere individuale eccessivo

STRASBURGO

12 dicembre 2019

Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze previste dall'articolo 44 § 2 della Convenzione. Essa può essere soggetta a revisione editoriale.

Nel caso di Romeva contro la Macedonia del Nord,

La Corte europea dei diritti dell'uomo (Prima Sezione), che si riunisce come Camera composta da:

Ksenija Turkovi?, Presidente,
Krzysztof Wojtyczek,
Aleš Pejchal,
Armen Harutyunyan,
Pauliine Koskelo,
Tim Eicke,
Jovan Ilievski, giudici,
e Abel Campos, Registrar di sezione,

Avendo deliberato in privato il 10 ottobre 2017 e il 12 novembre 2019,

Emette la seguente sentenza, adottata in data odierna:

PROCEDURA

1. La causa ha avuto origine da un ricorso (n. 32141/10) contro la Repubblica della Macedonia del Nord, presentato alla Corte ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione") dalla sig.ra Olgica Romeva, macedone/cittadina della Repubblica della Macedonia del Nord.
2. Il Governo della Macedonia del Nord ("il Governo") era rappresentato dal suo agente, il sig. K. Bogdanov.
3. La ricorrente ha sostenuto di essere stata privata della sua pensione, in violazione del principio della certezza del diritto. Essa si è basata sull'art. 6 § 1 della Convenzione e sull'art. 1 del Protocollo n. 1.
4. L'8 settembre 2014 le denunce di cui sopra sono state comunicate al Governo e il resto del ricorso è stato dichiarato irricevibile, ai sensi dell'articolo 54 § 3 del Regolamento del Tribunale.

I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DEL CASO
5. Il richiedente è nato nel 1947 e vive a Skopje.

A. Contesto del caso
6. Il sistema pensionistico dello Stato convenuto si affida principalmente ai datori di lavoro per la presentazione dei dati necessari sull'occupazione individuale, in particolare per quanto riguarda le date di inizio e di fine dei periodi di occupazione, nonché le eventuali modifiche successive (cfr. paragrafo 33).
7. Prima degli eventi relativi alla sua domanda di pensione, la richiedente era disoccupata e riceveva un aiuto finanziario attraverso il regime sociale di indennità di disoccupazione. Durante questo periodo, anche la sua assicurazione sanitaria era coperta dal regime sociale di indennità di disoccupazione. Il suo diritto a continuare a ricevere tali prestazioni terminava nel momento in cui trovava un'occupazione o soddisfaceva i criteri richiesti per ottenere una pensione. Nel maggio 2000 la ricorrente è stata incaricata dall'Ufficio di collocamento (???????? ?? ???????????) di presentare una domanda di pensione.

B. Procedura di pensione di anzianità
8. Il 22 maggio 2000 il richiedente ha presentato una domanda di pensione di vecchiaia al Fondo pensioni e invalidità (???? ?? ???????? ? ? ?????????? ??????????? - "il Fondo"). La domanda conteneva solo informazioni di base sul richiedente, come l'indirizzo di casa e il numero di identificazione personale. Non conteneva informazioni relative al suo passato impiego, né erano allegati allegati.
9. Il 23 maggio 2000 il Fondo ha concesso alla ricorrente una pensione di vecchiaia dell'importo di 6.462 denari (MKD) al mese. Il Fondo ha stabilito che, avendo completato un periodo di servizio di trentacinque anni, dieci mesi e ventiquattro giorni, la richiedente aveva soddisfatto il criterio del periodo di servizio per ottenere la pensione, che era l'unica condizione preliminare all'epoca dei fatti. La decisione divenne definitiva e il richiedente iniziò a ricevere pagamenti mensili.
10. Tra febbraio e luglio 2007 il Fondo ha condotto una revisione interna dei propri registri. È stata redatta una relazione finale che ha rilevato che le registrazioni di diversi beneficiari di pensioni erano incomplete e che in alcuni casi mancavano o erano insufficienti i dati relativi al passato impiego.
11. Per quanto riguarda la ricorrente, la relazione ha stabilito che, sebbene i registri mostrassero che era stata impiegata per il periodo richiesto, il suo "libretto di lavoro" (??????? ??????) era mancante. Si è quindi deciso di consultare il datore di lavoro per il quale la ricorrente aveva lavorato tra il 1963 e il 1967 per verificare questo periodo di lavoro. Sembra che non siano state ottenute ulteriori prove per quanto riguarda l'occupazione della ricorrente per il periodo menzionato.
12. A seguito dei risultati della revisione interna, è stato condotto un esame proprio motu del caso della ricorrente. Il 18 ottobre 2007 il Fondo ha annullato la decisione del 23 maggio 2000 e ha respinto la domanda di pensione della ricorrente. Nella sua decisione il Fondo ha stabilito che le informazioni in possesso del Fondo in merito all'impiego della ricorrente erano errate per il periodo tra il 1963 e il 1967, in quanto la ricorrente non era stata effettivamente impiegata durante tale periodo. Di conseguenza, la ricorrente non soddisfaceva il criterio previsto dalla legge per ottenere la pensione, ossia un periodo minimo di trentacinque anni di attività lavorativa. Il Fondo si è basato sull'articolo 258 della legge sulle procedure amministrative e sull'articolo 145-A della legge sulle pensioni e l'assicurazione per l'invalidità (cfr. paragrafi 32 e 30 di seguito). A seguito di questa decisione, il pagamento della pensione del richiedente è stato interrotto.
13. Il 26 novembre 2007 il richiedente ha presentato ricorso. Essa ha sostenuto che l'articolo 145-A della legge sulle pensioni e l'assicurazione per l'invalidità era stato introdotto dopo la data in cui le era stata concessa la pensione, quindi non avrebbe dovuto essere applicato retroattivamente nel suo caso.
14. Non avendo ricevuto una decisione sul ricorso, il 28 febbraio 2008 la ricorrente ha presentato un ricorso amministrativo presso il Tribunale amministrativo (??????? ???). La ricorrente ha sostenuto che la legge nazionale prescriveva che le informazioni relative all'occupazione fossero raccolte, conservate ed elaborate dal Fondo e che non aveva mai presentato alcun documento a quest'ultimo, ad eccezione di una domanda di pensione di anzianità, che conteneva solo i suoi dati personali. Inoltre, ha sostenuto di non poter contestare la veridicità dei dati, in quanto raccolti, conservati ed elaborati esclusivamente dal Fondo.

15. Il 17 aprile 2008 il ricorso è stato respinto dalla Commissione di seconda istanza per le questioni relative alle pensioni e ai pensionamenti (???????? ?? ????? ?? ????????? ?????????? ?? ???????? ?? ???? ?????? ?? ?????????? ?? ???????? ? ?????????? ??????????? - "la Commissione di seconda istanza").
16. Il 6 novembre 2008 il Tribunale amministrativo ha accolto il ricorso e ha annullato la decisione della Commissione di seconda istanza. Il tribunale amministrativo ha constatato che l'articolo 145-A della legge sulle pensioni e l'assicurazione per l'invalidità è stato effettivamente applicato retroattivamente nel caso del richiedente. La sezione in questione era entrata in vigore il 14 giugno 2006, quindi non poteva essere applicata alla decisione relativa al ricorrente, che risale al 2000.
17. Il 16 marzo 2009 la Commissione di Seconda Istanza ha emesso una nuova decisione che respinge il ricorso della ricorrente. Facendo riferimento all'articolo 249, paragrafo 2, della legge sui procedimenti amministrativi (si veda il successivo paragrafo 31), essa ha stabilito che nel caso della ricorrente esistevano motivi per la riapertura del procedimento definitivo, vale a dire la constatazione che "nel procedimento dinanzi al Fondo sono stati utilizzati documenti errati, che la ricorrente ha avallato presentando la sua domanda di pensione" in relazione al suo impiego per il periodo compreso tra il 1963 e il 1967. Tale constatazione è stata estrapolata dai documenti del Fondo e ritenuta sufficiente a giustificare il riesame della sua domanda di pensione e il suo rifiuto.
18. Il 9 aprile 2009 la ricorrente ha presentato un ricorso dinanzi al Tribunale amministrativo. Essa ha ribadito che, secondo il diritto nazionale, il Fondo è responsabile dell'esattezza dei suoi documenti relativi all'occupazione ed è dovere del datore di lavoro presentare i relativi documenti. Inoltre, essa ha sostenuto che la decisione del 22 maggio 2000 non faceva riferimento ad alcun periodo specifico di occupazione, per cui non poteva essere a conoscenza di eventuali inesattezze. Pertanto, qualsiasi suggerimento di aver avallato dati errati con la presentazione di una domanda di pensione di vecchiaia al Fondo, o di essere ritenuta in qualche modo responsabile, era infondato.
19. Il 15 ottobre 2009 il Tribunale amministrativo ha respinto il suo ricorso, confermando in fatto e in diritto le conclusioni della Commissione di secondo grado. Esso ha ritenuto che la forma rilevante detenuta dal Fondo in merito all'impiego della ricorrente tra il 1963 e il 1967 fosse illeggibile e contenesse dati insufficienti e quindi non potesse essere rilevante ai fini del calcolo dell'impiego della ricorrente.
20. Il 30 novembre 2009 il richiedente ha presentato ricorso alla Corte Suprema (??????? ???). Ha ribadito le sue precedenti denunce per non aver avuto alcuna influenza sui dati conservati dal Fondo.
21. Il 26 aprile 2010 la Corte Suprema ha respinto il ricorso della ricorrente e ha ritenuto legittima la decisione del Fondo di rifiutare la richiesta di pensione della ricorrente.

C. Altri fatti rilevanti
22. Il 15 maggio 2012 il Fondo ha presentato una denuncia penale contro la ricorrente, affermando che quest'ultima aveva presentato al Fondo informazioni falsificate riguardanti il suo impiego. La denuncia è stata respinta dal Pubblico Ministero (??????? ????? ?????????????) il 25 maggio 2012 con la motivazione che il termine di prescrizione legale per l'azione penale era scaduto.
23. Nel frattempo, in particolare l'11 giugno 2008, il Fondo ha intentato un'azione civile presso il Tribunale di primo grado di Skopje contro la ricorrente per ottenere il rimborso dell'intero importo della pensione versatale per il periodo compreso tra il 5 maggio 2000 e il 30 settembre 2007. Il Fondo ha sostenuto che la ricorrente le doveva l'importo di MKD 645.138 per arricchimento senza causa (?????????? ??? ?????). A sostegno del suo ricorso, il Fondo ha fatto riferimento alle proprie conclusioni, in particolare alla decisione del 18 ottobre 2007 di sospendere la pensione del richiedente (cfr. paragrafo 12).
24. Il Tribunale di primo grado di Skopje ha accolto il ricorso; dopo che un ricorso del ricorrente è stato respinto dalla Corte d'appello di Skopje, l'8 gennaio 2014 la sentenza è passata in giudicato. La sentenza è stata presentata a un ufficiale giudiziario, che ha avviato un procedimento esecutivo contro il richiedente per conto del Fondo.
25. Il ricorrente ha presentato ricorso per questioni di diritto alla Corte Suprema, che è stata respinta il 28 gennaio 2015.

26. Secondo un documento dell'Ufficio delle entrate pubbliche (?????? ?? ????? ???????) emesso il 29 ottobre 2008, l'unica fonte di reddito della ricorrente dal 2006 era la sua pensione.
27. Mentre il procedimento di pensione della ricorrente era ancora in corso, sono state introdotte modifiche nella legislazione nazionale per quanto riguarda i criteri necessari per ottenere una pensione di vecchiaia. A seguito di tali modifiche, la ricorrente ha presentato una nuova domanda al Fondo e il 3 novembre 2009 le è stata concessa una pensione di vecchiaia secondo i nuovi criteri per un importo di 10.384,50 MKD al mese. Il Fondo ha riscontrato che la richiedente soddisfaceva il nuovo "criterio di età" introdotto per la pensione (all'epoca aveva sessantadue anni, come richiesto). Sembra che da quella data abbia ricevuto regolarmente la sua pensione.

II. DIRITTO NAZIONALE PERTINENTE

A. Legge sulle pensioni e l'assicurazione invalidità (????? ?? ?????????? ? ? ???????????? ???????????, Gazzetta ufficiale n. 80/1993, 14/1995, 71/96, 32/97, 24/2000, 96/2000, 5/2001, 50/2001, 85/2003, 50/04, 4/05, 84/05, 101/05, 70/06)
28. Ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 3, i diritti acquisiti ai sensi della presente legge possono essere ceduti o limitati solo in conformità e alle condizioni previste dalla legge stessa.
29. L'articolo 143 prevede la revisione di una decisione divenuta definitiva alle condizioni previste dalla legge sulla procedura amministrativa. La revisione può essere avviata proprio motu o a seguito di una richiesta.
30. L'articolo 145-A è stato introdotto da una modifica apportata alla legge nel giugno 2006, entrata in vigore il 14 giugno 2006. Esso consente l'annullamento di una decisione definitiva che concede un diritto (compresa la pensione) a una persona mediante una nuova decisione proprio motu del Fondo. L'unica condizione prevista è che la persona in questione "non avrebbe dovuto avere diritto a tale diritto". Tale annullamento può essere parziale o totale.

B. Legge sulle procedure amministrative (????? ?? ????? ??????? ????????, Gazzetta ufficiale n. 38/2005)
31. L'articolo 249 stabilisce le condizioni per la revisione di una decisione passata in giudicato in un procedimento amministrativo. Il capoverso 2 prevede la revisione di una decisione definitiva se è accertato che la decisione definitiva si basa su una documentazione errata, su una dichiarazione errata di un testimone o di un perito o in seguito a un atto criminale.
32. Ai sensi dell'articolo 258, nel decidere se riaprire un caso definitivo (decisione), l'organo amministrativo emette una decisione con la quale può ribaltare o confermare la decisione precedente. Se rovescia la decisione, spetta all'organo decidere se questa nuova decisione entrerà in vigore ex tunc o ex nunc.

C. Legge che regola i registri dei beneficiari dell'assicurazione pensioni e invalidità (????? ?? ????????? ?????????? ?? ????????????? ? ??????????? ? ??????????? ?? ??????? ?? ???????? ? ?????????? ???????????, Gazzetta ufficiale n. 16/2004 - come applicabile al momento)
33. Ai sensi dell'articolo 7 della legge, la responsabilità di fornire i dati pertinenti relativi ai dipendenti spetta al datore di lavoro. Ai sensi dell'articolo 8, tali dati comprendono, in particolare, informazioni relative all'inizio e alla fine di ciascun periodo di lavoro.
34. L'articolo 19 stabilisce che i dati relativi all'occupazione siano conservati dal Fondo e dalle sue filiali.
35. L'articolo 24 stabilisce che nel caso in cui le informazioni presentate al Fondo siano ritenute errate, il Fondo chiederà alla persona che le ha presentate di correggerle entro un periodo non superiore a trenta giorni dalla data in cui tale persona ha ricevuto la richiesta.

LA LEGGE

I. ALLEGATO VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 DELLA CONVENZIONE
36. La ricorrente si è lamentata di essere stata privata della sua pensione, in violazione del principio della certezza del diritto. Essa si è basata sull'art. 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione, che recita come segue:

"Ogni persona fisica o giuridica ha diritto al pacifico godimento dei suoi beni. Nessuno può essere privato dei suoi beni se non nell'interesse pubblico e alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali del diritto internazionale.

Le disposizioni che precedono non pregiudicano tuttavia in alcun modo il diritto di uno Stato di far rispettare le leggi che ritiene necessarie per controllare l'uso dei beni in conformità all'interesse generale o per garantire il pagamento di tasse o altri contributi o sanzioni".

A. Ammissibilità
37. La Corte rileva che il governo non ha sollevato obiezioni in merito alla ricevibilità del caso. Tuttavia, osservando che la questione della compatibilità ratione materiae è una questione che rientra nella giurisdizione della Corte, la Corte ritiene necessario esaminare la questione d'ufficio (cfr. T?nase c. Moldova [GC], n. 7/08, § 131, CEDU 2010, e Ble?i? c. Croazia [GC], no. 59532/00, § 67, ECHR 2006-III).
38. L'articolo 1 del protocollo n. 1 non pone alcuna restrizione alla libertà degli Stati contraenti di decidere se istituire o meno una qualsiasi forma di previdenza sociale o di regime pensionistico, o di scegliere il tipo o l'importo delle prestazioni da erogare nell'ambito di un tale regime. Tuttavia, quando uno Stato contraente ha in vigore una legislazione che prevede il pagamento a titolo di diritto di una prestazione previdenziale o pensionistica - a prescindere dal fatto che tale prestazione sia o meno subordinata al previo pagamento dei contributi - tale legislazione deve essere considerata come generatore di un interesse proprietario che rientra nell'ambito di applicazione dell'articolo 1 del protocollo n. 1, ma lo fa solo per le persone che ne soddisfano i requisiti (si veda, ad esempio, Béláné Nagy c. Ungheria [GC], n. 53080/13, § 82, 13 dicembre 2016, CEDU 2016, e le cause ivi citate).
39. In una serie di cause la Corte ha accettato che la concessione di una prestazione pensionistica di cui il richiedente è stato successivamente ceduto per il fatto che le condizioni legali per tale concessione non erano state inizialmente soddisfatte, potesse dar luogo a un "possesso" ai fini dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 (cfr. Béláné Nagy citato, § 87). In tali casi la Corte ha ritenuto che un diritto di proprietà sia stato generato da una valutazione favorevole della richiesta di pensione presentata da un richiedente in buona fede (cfr. ad esempio, Moskal c. Polonia, n. 10373/05, § 45, 15 settembre 2009, e Antoni Lewandowski c. Polonia, no. 38459/03, §§ 78 e 82, 2 ottobre 2012).
40. La Corte rileva, nel caso in questione, che il diritto della ricorrente a ricevere una pensione è stato generato dalla valutazione favorevole della sua domanda di pensione da parte del Fondo. In particolare, sulla base della richiesta della ricorrente e delle informazioni a disposizione del Fondo, il 23 maggio 2000 il Fondo ha riconosciuto il diritto alla pensione della ricorrente. Le è stato quindi riconosciuto un diritto esecutivo a ricevere la pensione per un determinato importo. Sulla base di tale decisione, la ricorrente ha beneficiato di una pensione fino al 18 ottobre 2007.
41. La Corte rileva inoltre che la ricorrente ha presentato la sua domanda iniziale di pensione a seguito di un'istruzione in tal senso emanata dall'Ufficio del lavoro. A quel punto non ha specificato nulla riguardo ai suoi periodi di occupazione e non ha fornito alcun allegato o prova a tal fine (cfr. paragrafi 8 e 14), né è stato stabilito che in passato la ricorrente abbia fornito personalmente al Fondo informazioni relative alla sua passata occupazione. In effetti, ai sensi degli articoli 7 e 8 della legge che disciplina i registri delle pensioni e dei beneficiari dell'assicurazione per l'invalidità (cfr. paragrafo 33 di cui sopra), spettava al datore di lavoro, e non al dipendente, fornire al Fondo tutte le informazioni pertinenti relative al periodo di occupazione in questione. Inoltre, ai sensi dell'articolo 19 della stessa legge, è responsabilità del Fondo e delle sue succursali creare e mantenere registri individuali di occupazione (si veda il precedente paragrafo 34).

42. Di conseguenza, non vi era alcun motivo per non fare affidamento sull'istruzione dell'Ufficio per l'impiego di presentare una richiesta di pensione al richiedente (cfr. paragrafi 7 e 8 di cui sopra). Da quel momento in poi, spettava alle autorità competenti verificare se soddisfaceva i requisiti necessari per ottenere la pensione. In effetti, tale valutazione è stata effettivamente effettuata e alla ricorrente è stata concessa una pensione.
43. Inoltre, non si può dedurre dai fatti del caso che la ricorrente abbia agito con l'intenzione di fuorviare il Fondo o che abbia agito in malafede quando ha presentato la sua richiesta di pensione o in qualsiasi momento della sua comunicazione con il Fondo. Tale conclusione deriva anche dalle constatazioni della Commissione di Seconda Istanza, la quale - pur avendo stabilito l'esistenza di dati errati riguardo al periodo di occupazione della ricorrente - non ha stabilito alcuna responsabilità da parte della ricorrente nel fornire tali dati. Essa ha piuttosto ritenuto che la ricorrente avesse avallato l'uso dei dati errati sui quali il Fondo si era basato per accogliere la sua richiesta. Tuttavia, la Corte rileva che non ha spiegato il modo in cui la ricorrente avrebbe avallato l'errata comunicazione di dati (cfr. punto 17). A tale riguardo, va osservato che il Fondo stesso ha stabilito i fatti rilevanti al momento dell'accoglimento della richiesta di pensione della ricorrente, senza alcun coinvolgimento da parte della ricorrente attraverso il quale essa avrebbe potuto acconsentire alla fornitura di informazioni inesatte.
44. Tenuto conto di tali circostanze, non vi è nulla che induca il Tribunale a concludere che la richiesta di pensione della ricorrente non sia stata presentata in buona fede (contrasto Kusina c. Polonia (dicembre), n. 28589/05, § 35, 9 aprile 2013). L'esito del procedimento penale avviato nei confronti del richiedente anche a questo proposito non può portare a una conclusione diversa (cfr. punto 22). Di conseguenza, la Corte ritiene che la valutazione favorevole della domanda di pensione del richiedente abbia generato per il richiedente un diritto di proprietà protetto dall'articolo 1 del Protocollo n. 1 (cfr., tra le altre autorità, Fábián c. Ungheria [GC], n. 78117/13, §§ 61-62, 5 settembre 2017; Moskal, citata, § 45; e P?aczkowska c. Polonia, n. 15435/04, § 63, 2 ottobre 2012).
45. La Corte rileva che questa denuncia non è manifestamente infondata ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) della Convenzione. Essa rileva inoltre che non è inammissibile per altri motivi. Essa deve pertanto essere dichiarata ammissibile.

B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
a) Il richiedente
46. La ricorrente ha sostenuto che tra il 1963 e il 1967 aveva lavorato per diversi datori di lavoro. La natura di questi incarichi era stata determinata e organizzata da "gruppi di giovani" (????????? ???????????). Ha affermato che, per quanto a sua conoscenza, al momento in cui tali incarichi erano stati considerati come un'occupazione, per questo motivo i registri del Fondo avevano inizialmente dimostrato che era stata assunta.
47. Ha inoltre sostenuto che, date le circostanze del suo caso particolare, la cessione del suo diritto acquisito alla pensione di vecchiaia ha rappresentato una ingiustificata privazione di proprietà. Aveva agito in buona fede, ma ora aveva dovuto sopportare le conseguenze degli errori commessi dall'amministrazione statale (i dipendenti del Fondo). Il risultato è stato che è stata privata della sua unica fonte di reddito.
48. Sosteneva di essere stata vittima di una "campagna revisionista" guidata dal governo che doveva avere successo ad ogni costo. La colpa di eventuali errori nei registri del Fondo è stata quindi trasferita dai veri malfattori (i dipendenti del Fondo) ai comuni cittadini come lei.
49. A suo avviso, c'era stato un conflitto tra l'articolo 6 della legge sulle pensioni e l'assicurazione invalidità e la legge sulle procedure amministrative, in quanto la prima - che avrebbe dovuto essere applicata come lex specialis - non prevedeva la revisione di una decisione finale, mentre la seconda lo prevedeva.
50. Infine, non si poteva dire che esistesse un ragionevole rapporto di proporzionalità tra l'interferenza con i suoi diritti di proprietà e l'interesse pubblico, soprattutto se si considera che faceva parte di un ristretto gruppo di persone che erano state private della pensione, non vi era stato alcun impatto significativo sul sistema previdenziale complessivo. Inoltre, considerando che prima del 23 maggio 2000 era stata dipendente dalle prestazioni finanziarie e sanitarie che facevano parte del regime sociale di indennità di disoccupazione, la perdita della sua pensione era stata una privazione sia della sua unica fonte di reddito che della sua assicurazione sanitaria.

b) Il governo
51. Il Governo ha dichiarato che la revisione della decisione di concedere alla ricorrente una pensione era stata parte di una campagna su larga scala per filtrare le pensioni che erano state erroneamente concesse in passato e che la ricorrente faceva parte di un gruppo di ottantacinque persone che erano state private delle pensioni in conseguenza di tale campagna. Essi hanno sostenuto che nel caso della ricorrente il provvedimento era stato adottato in buona fede, tanto più che, al momento della presentazione della domanda di pensione, essa aveva consapevolmente nascosto il fatto che non soddisfaceva i criteri previsti. Ciò significava che aveva agito in malafede. Pertanto, la cessione alla ricorrente del suo diritto alla pensione di vecchiaia era stata un'azione prevista dalla legge e di interesse generale e pubblico, con l'obiettivo di prevenire l'abuso di fondi pubblici.
52. Il Governo ha inoltre sostenuto che la ricorrente era stata privata della sua pensione perché aveva fornito al Fondo informazioni errate riguardo alla sua passata occupazione. La ricorrente aveva agito in malafede perché sapeva che le informazioni erano errate. Stando così le cose, la cessione della pensione della ricorrente era stata una misura proporzionata. A tal fine, la Cassa aveva persino avviato un procedimento penale contro la ricorrente, che era stato archiviato solo perché era scaduto il termine legale per l'azione penale (cfr. punto 22).
53. Infine, a partire dal 3 novembre 2009 - a quel punto la ricorrente aveva soddisfatto i relativi criteri a seguito della modifica legislativa di cui sopra (cfr. paragrafo 27) - le era stata concessa una pensione di vecchiaia. Il Governo ha an fatto riferimento alle conclusioni dei tribunali civili nel procedimento che il Fondo aveva avviato nei confronti della ricorrente per la restituzione delle somme di pensione già versate (cfr. paragrafi 23-25).
2. La valutazione della Corte
a) Principi generali
54. Come ha più volte affermato, la Corte ribadisce che l'articolo 1 del protocollo n. 1 comprende tre norme distinte: "la prima regola, contenuta nel primo periodo del primo comma, ha carattere generale ed enuncia il principio del pacifico godimento dei beni; la seconda regola, contenuta nel secondo periodo del primo comma, riguarda la privazione dei beni e la sottopone a determinate condizioni; la terza regola, contenuta nel secondo comma, riconosce agli Stati contraenti il diritto, tra l'altro, di controllare l'uso dei beni in conformità all'interesse generale ... Le tre regole non sono, tuttavia, "distinte" nel senso di non essere collegate tra loro. La seconda e la terza regola riguardano casi particolari di interferenza con il diritto al pacifico godimento della proprietà e devono quindi essere interpretate alla luce del principio generale enunciato nella prima regola" (cfr., tra molte autorità, Jahn e altri contro la Germania [GC], nn. 46720/99 e altri 2, § 78, CEDU 2005-VI e casi ivi citati).
55. I principi generali relativi all'ambito di applicazione dell'articolo 1 del protocollo n. 1 sono ugualmente rilevanti quando si tratta di casi riguardanti la sicurezza sociale e le prestazioni sociali (si veda, ad esempio, Kjartan Ásmundsson c. Islanda, n. 60669/00, § 39, CEDU 2004-IX).
56. La Corte ribadisce che, come regola generale, il primo e più importante requisito dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 è che qualsiasi interferenza da parte di un'autorità pubblica nel pacifico godimento dei beni sia lecita: la seconda frase del primo paragrafo autorizza la privazione dei beni solo "alle condizioni previste dalla legge" e il secondo paragrafo riconosce che gli Stati hanno il diritto di controllare l'uso dei beni facendo rispettare le "leggi" (si veda, tra molte altre autorità, Broniowski c. Polonia [GC], no. 31443/96, § 147, ECHR 2004-V).

57. L'articolo 1 del Protocollo n. 1 richiede inoltre che qualsiasi interferenza sia ragionevolmente proporzionata allo scopo perseguito. Di conseguenza, ogni interferenza deve raggiungere un "giusto equilibrio" tra le esigenze dell'interesse generale della comunità e le esigenze di tutela dei diritti fondamentali dell'individuo. Il giusto equilibrio richiesto non sarà raggiunto quando la persona interessata sopporta un onere individuale ed eccessivo (cfr., tra le altre autorità, Béláné Nagy, citata, § 115, e Iwaszkiewicz c. Polonia, no. 30614/06, § 44, 26 luglio 2011).
58. Inoltre, il principio del "buon governo" richiede che, quando è in gioco una questione di interesse generale, spetta alle autorità pubbliche agire in tempo utile, in modo appropriato e con la massima coerenza (cfr. Beyeler c. Italia [GC], n. 33202/96, § 120, CEDU 2000-I).
59. Il necessario "giusto equilibrio" non sarà raggiunto quando la persona interessata sopporta un onere individuale ed eccessivo (cfr., ad esempio, Sporrong e Lönnroth c. Svezia, 23 settembre 1982, §§ 69-74, serie A n. 52, e Brum?rescu c. Romania [GC], n. 28342/95, § 78, CEDU 1999-VII).

b) Applicazione dei principi della Convenzione al caso di specie
(i) se vi è stata un'interferenza con i beni del richiedente

60. Non è contestato tra le parti che la decisione del Fondo del 18 ottobre 2007, che ha ceduto retroattivamente alla ricorrente la pensione di vecchiaia che riceveva dal maggio 2000, costituisca un'interferenza con i suoi beni ai sensi dell'art. 1 del Protocollo n. 1. La Corte non vede alcuna ragione per ritenere altrimenti (si veda, tra le altre autorità, Fábián, citata, § 62, e B. contro il Regno Unito, no. 36571/06, §§ 36 e 41, 14 febbraio 2012). La richiesta civile del Fondo nei confronti della ricorrente (si vedano i paragrafi 23-25 di cui sopra) per il rimborso delle somme pagatele tra il 2000 e il 2007 è una conseguenza dell'interferenza originaria con i beni della ricorrente e, come tale, sarà esaminata dalla Corte nella sua valutazione della proporzionalità dell'interferenza.
61. Nelle circostanze del caso di specie, la Corte ritiene che la denuncia della ricorrente debba essere esaminata in base alla regola generale enunciata nella prima frase del primo paragrafo dell'articolo 1 del protocollo n. 1, primo comma. 1, tanto più che le situazioni previste nella seconda frase del primo comma e nel secondo comma sono solo casi particolari di ingerenza nel diritto al pacifico godimento della proprietà garantito dalla norma generale di cui alla prima frase (cfr. Beyeler, citata, § 106, e Perdigão c. Portogallo [GC], n. 24768/06, § 62, 16 novembre 2010). La Corte valuterà ora se tale ingerenza fosse prescritta dalla legge, se perseguisse uno scopo legittimo e se vi fosse un ragionevole rapporto di proporzionalità tra i mezzi impiegati e lo scopo perseguito (cfr., tra molti altri, Broniowski, citato, §§ 147-51).

(ii) Legittimità dell'ingerenza
62. La Corte ritiene che un riesame proprio motu di una decisione finale di concessione di una pensione sia previsto dall'articolo 143 della legge sulle pensioni e l'assicurazione invalidità (cfr. paragrafo 29 sopra). Inoltre, la decisione che ha privato la richiedente della pensione si basava sull'articolo 258 della legge sui procedimenti amministrativi, che permetteva un riesame proprio motu di una decisione finale nei procedimenti amministrativi, compresi i procedimenti relativi alle pensioni (cfr. paragrafo 32 sopra).
63. Osservando che il suo potere di controllo della conformità con il diritto nazionale è limitato (cfr., tra le altre autorità, Kudrevi?ius e altri contro la Lituania [GC], n. 37553/05, § 110, CEDU 2015), la Corte accetta che il procedimento nel caso del richiedente sia stato riaperto in seguito alla scoperta di un errore commesso dal Fondo nella sua valutazione iniziale dell'ammissibilità del richiedente alla pensione. Per correggere tale errore è stata quindi utilizzata la procedura di riesame proprio motu che ha causato la cessione del diritto alla pensione al ricorrente.
64. Le considerazioni che precedono sono sufficienti per consentire alla Corte di concludere che l'interferenza con i diritti di proprietà del richiedente era prevista dalla legge, come richiesto dall'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione.

iii) Scopo legittimo
65. La Corte ritiene che il fatto di privare la ricorrente della sua pensione di anzianità perseguisse uno scopo legittimo - vale a dire garantire che le casse pubbliche non fossero chiamate a sovvenzionare per un periodo di tempo indeterminato beneficiari immeritevoli (cfr., ad esempio, N.K.M. c. Ungheria, n. 66529/11, § 59, 14 maggio 2013).

(iv) Proporzionalità
66. La Corte deve poi esaminare se l'interferenza con il pacifico godimento dei beni abbia trovato un giusto equilibrio tra le esigenze dell'interesse generale del pubblico e quelle della tutela dei diritti fondamentali dell'individuo, o se abbia imposto un onere sproporzionato ed eccessivo al richiedente (v., tra le altre autorità, Béláné Nagy, citato, § 115).
67. La Corte rileva che, prima della revisione contabile interna, i registri del Fondo indicavano che il ricorrente era stato assunto nel periodo 1963-1967. Solo dopo l'audit interno nel caso del ricorrente sono apparse delle irregolarità, nella misura in cui il libretto di lavoro del ricorrente è risultato mancante nei registri, il che ha reso necessaria una richiesta all'ex datore di lavoro del ricorrente di dati che confermassero l'esattezza dei registri del Fondo, che erano incompleti. In mancanza di informazioni da parte di tale datore di lavoro secondo cui la ricorrente era stata effettivamente impiegata tra il 1963 e il 1967, il Fondo ha concluso che i dati relativi alla sua occupazione per il periodo summenzionato erano stati erroneamente inseriti nei suoi registri.
68. A questo proposito, il Tribunale osserva che ha già rilevato che non vi è nulla che suggerisca che la ricorrente sia responsabile dell'errata valutazione della sua richiesta di pensione da parte del Fondo (si vedano i paragrafi 41-44 di cui sopra; si veda anche Kusina, citata; e Zahi c. Croazia (dicembre), n. 24546/09, §§ 63-67, 18 marzo 2014). Al contrario, è stata la mancanza di diligenza del Fondo nel raccogliere e mantenere correttamente i dati rilevanti per la ricorrente e nel trattare la sua richiesta iniziale di pensione che ha portato alla decisione errata, che il Fondo ha poi cercato di correggere a spese della ricorrente (contrasto B. c. Regno Unito, sopra citato, § 39). L'argomentazione del Governo secondo cui la ricorrente aveva fornito al Fondo informazioni errate riguardo alla sua passata occupazione dovrebbe pertanto essere respinta (cfr. paragrafi 51 e 52).
69. Oltre a questo punto, la Corte osserva che l'affermazione della ricorrente di aver lavorato per vari datori di lavoro attraverso "gruppi giovanili" tra il 1963 e il 1967 non è stata contestata dal Governo.
70. Consapevole dell'importanza della giustizia sociale, la Corte ribadisce a questo proposito che, come principio generale, non si deve impedire alle autorità pubbliche di correggere i loro errori - anche quelli derivanti dalla loro stessa negligenza. Un'affermazione contraria sarebbe contraria alla dottrina dell'arricchimento senza causa. Sarebbe ingiusto anche nei confronti di altri individui che contribuiscono ai fondi di previdenza sociale - in particolare quelli cui viene negato un beneficio perché non soddisfano i requisiti di legge. Infine, equivarrebbe a sanzionare un'allocazione inadeguata di scarse risorse pubbliche, che di per sé sarebbe contraria all'interesse pubblico (cfr., ad esempio, ?akarevi? c. Croazia, n. 48921/13, § 79, 26 aprile 2018).
71. Nonostante queste importanti considerazioni, la Corte osserva tuttavia che il suddetto principio generale non può prevalere in una situazione in cui l'individuo interessato è tenuto a sostenere un onere eccessivo a causa di un provvedimento di cessione di un beneficio (cfr. B. c. Regno Unito, citata, § 60). Se un errore è stato causato dalle autorità stesse, senza alcuna colpa da parte di terzi, occorre adottare un diverso approccio di proporzionalità nel determinare se l'onere sostenuto da un richiedente era eccessivo.
72. Nel valutare il rispetto dell'articolo 1 del Protocollo n. 1, la Corte deve effettuare un esame complessivo dei vari interessi in questione (cfr. Perdigão, citata, § 68), tenendo presente che la Convenzione mira a salvaguardare diritti "pratici ed effettivi" (cfr., ad esempio, Chassagnou e altri c. Francia [GC], n. 25088/94 e altri 2, § 100, CEDU 1999-III). Deve guardare dietro le apparenze e indagare sulla realtà della situazione lamentata (vedi Broniowski, citato sopra, § 151; Hutten-Czapska c. Polonia [GC], n. 35014/97, § 168, CEDU 2006-VIII; e Zammit e Attard Cassar c. Malta, n. 1046/12, § 57, 30 luglio 2015). Tale valutazione può comportare il comportamento delle parti, compresi i mezzi impiegati dallo Stato e la loro attuazione. In tale contesto, va sottolineato che l'incertezza - sia essa legislativa, amministrativa o derivante da pratiche applicate dalle autorità - è un fattore da prendere in considerazione nella valutazione del comportamento dello Stato. Infatti, quando è in gioco una questione di interesse generale, spetta alle autorità pubbliche agire in tempo utile, in modo appropriato e coerente (cfr. Tunnel Report Limited c. Francia, n. 27940/07, § 39, 18 novembre 2010, e Zolotas c. Grecia (n. 2), n. 66610/09, § 42, CEDU 2013 (estratti)).
73. A questo proposito, la Corte attribuisce particolare importanza al fatto che la revoca della decisione di concedere una pensione al ricorrente non si basava su nuove prove, ma solo su una nuova valutazione delle stesse prove che erano alla base della decisione amministrativa, divenuta definitiva in quanto non era stata contestata in tribunale. Secondo il Tribunale, tale rivalutazione delle prove ex proprio motu - al di fuori del sistema dei rimedi straordinari per l'annullamento delle decisioni amministrative definitive - mette in discussione la certezza del diritto in materia di previdenza sociale.
74. Inoltre, la Corte osserva che il caso in questione non riguarda la sospensione della pensione della ricorrente, ma la perdita completa dei suoi diritti pensionistici (cfr. Apostolakis c. Grecia, no. 39574/07, § 39, 22 ottobre 2009; si veda anche il caso Fábián, citato in precedenza, § 74, e le cause ivi citate). Il fatto che abbia ottenuto un nuovo diritto alla pensione a partire dal 3 novembre 2009 sulla base di una successiva modifica legislativa non ha alcuna rilevanza per quanto riguarda la privazione stessa (si veda il precedente paragrafo 27).
75. La Corte osserva che, prima di ottenere la pensione, la ricorrente era dipendente dal regime di prestazioni sociali dello Stato ed era stata beneficiaria di un'indennità di disoccupazione (cfr. il precedente paragrafo 7). A causa delle circostanze specifiche della ricorrente, la pensione di anzianità aveva costituito la sua unica fonte di reddito per un periodo di oltre nove anni. Per più di due anni di tale periodo, essendo stata privata della pensione, non aveva avuto alcun reddito (cfr. paragrafo 26).
76. Inoltre, la Corte suppone che la causa civile contro la ricorrente e il procedimento esecutivo volto a chiedere il rimborso delle prestazioni pensionistiche versatele (si vedano i precedenti paragrafi 23-25) siano in grado di aggravare ulteriormente la sua già difficile situazione finanziaria (si veda ?akarevi?, sopra citato, § 89).
77. Date le circostanze sopra descritte, si deve osservare che - a seguito della misura contestata - la ricorrente ha dovuto affrontare, praticamente da un giorno all'altro, la perdita totale della sua pensione di anzianità, che costituiva la sua unica fonte di reddito (cfr., tra l'altro, Moskal, citata, § 74).
78. Alla luce delle considerazioni di cui sopra, la Corte ritiene che non sia stato raggiunto un giusto equilibrio tra le esigenze dell'interesse generale del pubblico e quelle della tutela dei diritti fondamentali dell'individuo e che l'onere gravante sulla ricorrente sia stato eccessivo.
79. Ne consegue che vi è stata una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione.

II. PRESUNTA VIOLAZIONE DELL'ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE

80. La ricorrente lamentava che la riapertura proprio motu del procedimento di previdenza sociale, che ha portato all'annullamento della decisione finale che le riconosceva il diritto alla pensione, aveva violato l'art. 6 § 1 della Convenzione. L'articolo 6 § 1 della Convenzione, nella sua parte pertinente, recita come segue:

"Nella determinazione dei suoi diritti e dei suoi obblighi civili ..., ogni individuo ha diritto a un'equa ... udienza ... da [a] ... tribunale ...".
81. Il governo ha contestato tale argomentazione.
82. La Corte ritiene che questa parte della domanda non è manifestamente infondata ai sensi dell'articolo 35 § 3 della Convenzione o inammissibile per qualsiasi altro motivo. Essa deve pertanto essere dichiarata ammissibile.
83. Tuttavia, in considerazione delle ragioni che hanno portato la Corte a constatare una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione, la Corte ritiene che il reclamo del ricorrente ai sensi dell'articolo 6 relativo al principio della certezza del diritto della Convenzione non richieda un esame separato (cfr. East West Alliance Limited c. Ucraina, n. 19336/04, § 222, 23 gennaio 2014; Krsti? c. Serbia, no. 45394/06, § 88, 10 dicembre 2013; e Moskal, citata, § 83).

III. APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
84. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se il Tribunale constata una violazione della Convenzione o dei suoi protocolli, e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente un risarcimento solo parziale, il Tribunale, se necessario, dà giusta soddisfazione alla parte lesa".

A. Danni
85. La ricorrente ha chiesto 3.086 euro (EUR), che rappresentano l'importo che avrebbe ricevuto tra ottobre 2007 e novembre 2009 se avesse ricevuto ininterrottamente una pensione. Ha inoltre chiesto EUR 16.903 a titolo di risarcimento del danno pecuniario subito, in conseguenza di un ordine di pagamento emesso da un ufficiale giudiziario nell'ambito del procedimento esecutivo avviato nei confronti della ricorrente (cfr. punto 24) che indicava tale importo. L'importo totale richiesto dalla ricorrente a titolo di danno patrimoniale, comprensivo degli interessi, è stato fissato in EUR 24.142.
86. Il ricorrente ha inoltre chiesto EUR 25.850 a titolo di danno morale.
87. Il governo ha contestato entrambi gli importi, affermando che non vi era alcun nesso di causalità tra i danni richiesti e le eventuali violazioni riscontrate dalla Corte. Inoltre, la richiesta relativa ai danni non pecuniari non era comprovata.
88. La Corte ritiene che la ricorrente sia stata privata del suo reddito in relazione alla violazione riscontrata e deve tener conto del fatto che ha indubbiamente subito un danno pecuniario e non pecuniario (cfr. Moskal, citato sopra, § 105). Effettuando una valutazione su base equa, come richiesto dall'articolo 41 della Convenzione, la Corte assegna alla ricorrente EUR 6.000 sia per il danno morale che per quello potenziale. Data la natura della violazione riscontrata, la Corte chiede inoltre al Governo di garantire che qualsiasi ordine di pagamento emesso contro la ricorrente a seguito del procedimento avviato nei suoi confronti (cfr. paragrafo 24 di cui sopra) non sia eseguito.

B. Costi e spese
89. La ricorrente non ha presentato alcuna richiesta per i costi e le spese sostenute. Il Tribunale non vede quindi alcun motivo per concederle una somma a tale riguardo.

C. Interessi di mora
90. La Corte ritiene opportuno che il tasso di interesse di mora sia basato sul tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca centrale europea, al quale vanno aggiunti tre punti percentuali.

PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ,

1. 2. Dichiara la domanda ammissibile;
2. 3. Dichiara che vi è stata una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione;
3. 3. Dichiara che non è necessario esaminare separatamente il reclamo ai sensi dell'articolo 6 della Convenzione relativo al principio della certezza del diritto;
4. 5. Detenga

(a) che lo Stato convenuto paghi all'istante, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva, ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione, 6.000 euro (seimila euro), per i danni non patrimoniali e i danni pecuniari futuri, da convertire nella moneta dello Stato convenuto al tasso applicabile alla data del regolamento, più le imposte eventualmente esigibili;

(b) che, dalla scadenza dei tre mesi sopra indicati fino al regolamento, sull'importo di cui sopra saranno dovuti interessi semplici ad un tasso pari al tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca Centrale Europea durante il periodo di inadempienza, maggiorato di tre punti percentuali;
5. 5) La parte restante del credito del ricorrente è respinta per giusta soddisfazione.

Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 12 dicembre 2019, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.

Abel Campos Ksenija Turkovi?
Cancelliere Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è martedì 27/07/2021.