Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ZIKATANOVA AND OTHERS v. BULGARIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI: 01,P1-1

NUMERO: 45806/11/2019
STATO: Bulgaria
DATA: 12/12/2019
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

FIFTH SECTION



CASE OF ZIKATANOVA AND OTHERS v. BULGARIA

(Application no. 45806/11)









JUDGMENT




Art 1 P1 • Peaceful enjoyment of possessions • No “legitimate expectation” to restitution in kind • Lengthy unjustified delays in restitution proceedings in respect of agricultural land • Prolonged uncertainty as to exact scope of entitlement to restitution



STRASBOURG

12 December 2019







This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Zikatanova and Others v. Bulgaria,

The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:

Angelika Nußberger, President,
Ganna Yudkivska,
Yonko Grozev,
Síofra O’Leary,
M?rti?š Mits,
L?tif Hüseynov,
Lado Chanturia, judges,
and Milan Blaško, Deputy Section Registrar,

Having deliberated in private on 19 November 2019,

Delivers the following judgment, which was adopted on that date:

PROCEDURE

1. The case originated in an application (no. 45806/11) against the Republic of Bulgaria lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a hundred and forty-seven Bulgarian nationals (“the applicants”) on 15 July 2011. Some of the applicants passed away after the lodging of the application and their heirs expressed a wish to continue the proceedings in their stead. A list of the applicants, indicating also the heirs of those of them who have passed away, is set out in the appendix.

2. The applicants were represented by Mr M. Ekimdzhiev and Ms G. Chernicherska, lawyers practising in Plovdiv. The Bulgarian Government (“the Government”) were represented by their Agents, Ms I. Stancheva-Chinova and Ms I. Nedyalkova, of the Ministry of Justice.

3. The applicants, who had initiated restitution-of-property proceedings, complained, relying on Article 1 of Protocol No. 1 and Article 13 of the Convention, about the impossibility of obtaining restitution in kind and about the prolonged uncertainty in resolving their restitution claims.

4. On 5 July 2018 the Government were given notice of the application, in so far as the applicants enumerated in the appendix were concerned, while the complaints of other initial applicants were declared inadmissible pursuant to Rule 54 § 3 of the Rules of Court.

THE FACTS

THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
Facts common to all applicants
5. Ancestors of the applicants owned plots of agricultural land in the outskirts of Sofia, in an area called Vrazhdebna. In the 1950s the land was incorporated into an agricultural cooperative.

6. In 1960 the State expropriated part of the land used by the cooperative. The plot, measuring about 350,000 square metres, was registered as State property in 1970. On that land the Ministry of Education created, and subsequently managed, an experimental field for students and trainee agrobiologists. In the 1960s and 1970s buildings, roads, irrigation installations and other infrastructure were constructed on the land.

7. In 1998 the Minister of Education granted the use of the field to the Forestry University in Sofia.

8. In the meantime, in 1991 Parliament enacted the Agricultural Land Act (hereinafter “the 1991 Act”, see paragraph 46 below). On different dates after that the applicants applied for the restitution of their ancestors’ land. The individual restitution procedures, most of which have not yet ended, are described in more detail in paragraphs 17-45 below.

9. In 1999 the Ministry of Agriculture proposed that about 63,000 square metres of the territory of the experimental field be reserved for use by the Forestry University, and the remainder be used to satisfy restitution claims of former owners of land in the area. In 2001, upon the initiative of the Ministry of Agriculture, the Sofia regional governor proposed to the Council of Ministers (the Government) to annul its 1960 decision concerning the expropriation of the land (see paragraph 6 above), as that decision was seen as an impediment to the completion of the restitution procedures. The proposal has never been examined by the Government.

10. A land redistribution plan for Vrazhdebna (concerning land not included in the territory of the experimental field) was adopted in 1999 (on such plans see paragraph 48 below).

11. In 2008 the Minister of Education once again granted the Forestry University the right to use and manage the experimental field, and initiated a procedure for the registration of that land as public State property.

12. In 2010 the Kremikovtsi Agricultural Department (hereinafter “the Agricultural Department”) took the position that the land at issue was being used “ineffectively” by the University. It reiterated its proposal that, apart from 63,000 square metres necessary for the experimental field, the remainder of the land should be subject to restitution.

13. In 2011 the Minister of Education sent a letter to the Minister of Agriculture, explaining that the totality of the land was being used as an experimental field, and insisting that the restitution decisions concerning the territory of the field be re-examined.

14. On 18 March 2014 the plot of land, with a surface of 340,959 square metres, was entered by the Sofia regional governor into the list of public State properties.

15. In 2017 the Agricultural Department instructed the applicants to submit requests for the restitution in kind of their plots.

16. In October 2018 some of the applicants brought an action against the State, contesting the registration of the land of the experimental field as public State property, and seeking a judicial declaration that that land was not such property. The Court has not been informed of the course of these proceedings.

Individual restitution proceedings
Applicants nos. 1-9
17. In a decision of 18 May 1994 the Kremikovtsi land commission (hereinafter “the land commission”, after 2002 renamed as Agricultural Department, see paragraph 59 below) refused the restitution of a plot of land. After applicants nos. 1-9 sought judicial review, that decision was quashed on 26 May 1995 by the Sofia District Court, which found it sufficiently established that the applicants’ ancestor had owned the plot and that the land had been included in the agricultural cooperative. Accordingly, it stated that it “restored” the applicants’ rights to the plot “through a land redistribution plan”.

18. Despite that, in a subsequent decision of 19 June 1995 the land commission stated that the applicants were to receive compensation in lieu of restitution. That decision was served on the applicants.

19. The applicants did not object to the land redistribution plan for Vrazhdebna adopted in 1999 (see paragraph 10 above).

20. In 2006 they sought a judicial declaration that the decision of 19 June 1995 was null and void. Such a declaration was made in a judgment of the Sofia District Court of 4 July 2007, which found that the impugned decision contradicted the previous judgment of 26 May 1995.

21. In 2017 the applicants submitted a request for restitution in kind (see paragraph 15 above). In a decision of 18 January 2018 the Agricultural Department refused such restitution, noting that the land claimed by them was considered public State property, and held that the applicants were entitled to compensation. The applicants applied for judicial review. The proceedings initiated by them are still pending.

Applicants nos. 10-25, 34, 37 and 44-67
22. As concerns the restitution claims of applicants nos. 34, 37 and 61?67, prior to 2010 the land commission, subsequently Agricultural Department, gave several decisions, which were quashed or declared null and void by the competent courts upon application by the applicants. Finally, their entitlement to restitution in kind was recognised in a decision of the Agricultural Department of 16 December 2010.

23. In 2005-06 applicants nos. 10-25 and 44-60 brought proceedings against the Agricultural Department under section 11(2) of the 1991 Act (see paragraph 53 below), seeking a declaration that they were entitled to the restitution of different plots of land. Their claims were allowed in judgments of the Sofia District Court, which recognised the applicants’ restitution rights. After that, in decisions given in 2006 and 2007 the Agricultural Department also provided such a recognition.

24. In 2017 the applicants submitted requests for restitution in kind (see paragraph 15 above). In four decisions dated 11 and 18 January 2018 the Agricultural Department refused such restitution, noting that the land at issue was considered public State property, and held that the applicants were entitled to compensation in lieu of restitution. The applicants applied for judicial review. The proceedings are still pending.

25. In one of the cases (brought by applicants nos. 44-60), in a judgment of 8 January 2019 the Sofia District Court dismissed the application for judicial review, finding that the previous judicial and administrative decisions had not ordered restitution in kind and could not give rise to title to property, but had contained a general recognition of the applicants’ entitlement to restitution. The Agricultural Department’s impugned decision had determined the manner of completing the restitution procedure, namely through the provision of compensation. Restitution in kind of the land claimed by the applicants was impossible, in particular given the requirements of section 24(2) of the 1991 Act (see paragraph 49 below).

26. On an unspecified date the applicants lodged an appeal against that judgment.

Applicants nos. 68-82, 103-16, 121-30 and 147
27. In 2007 applicants nos. 121-30 brought proceedings against the Agricultural Department under section 11(2) of the 1991 Act, and their entitlement to restitution was recognised in a judgment of 7 March 2008 of the Sofia City Court. In a subsequent decision of 17 May 2008, which was not contested and became final, the Agricultural Department also recognised the applicants’ entitlement to restitution, holding expressly that part of the plot claimed by them could not be subject to restitution in kind since it fell within the territory of the experimental field.

28. As concerns applicants nos. 103-08, on 9 March 1999 the land commission stated that they were entitled to compensation in lieu of restitution. In another decision which the applicants submitted, dated 20 February 2001, it recognised, in principle, their entitlement to restitution in kind. The Government contested the authenticity of that latter decision, on the ground that an original of such a decision had not been found in the Agricultural Department’s archives, and the decision with corresponding number and date concerned different plots.

29. The entitlement of applicants nos. 68-82, 109-16 and 147 to the restitution of several plots of land in Vrazhdebna was recognised in decisions of the land commission (respectively Agricultural Department) issued on different dates in 1999 and 2010?11.

30. In 2017 the applicants submitted requests for restitution in kind (see paragraph 15 above). By letters sent in the end of 2017 and the beginning of 2018 the Agricultural Department informed them that they had to submit cadastral plans of the plots claimed by them – documents that the applicants contend they are not able to obtain. The course of the restitution procedures after that is unclear.

Applicants nos. 83-89
31. In 2006 and 2007 applicants nos. 83-89 brought proceedings against the Agricultural Department, under section 11(2) of the 1991 Act, seeking a declaration that they were entitled to the restitution of different plots of land in Vrazhdebna. The actions were allowed by the competent courts in 2006 and 2011.

32. In the proceedings brought by applicants nos. 83-87, in a subsequent decision of 11 January 2018 the Agricultural Department refused restitution in kind, noting that the plot of land claimed by them was considered public State property, and held that the applicants were to receive compensation. In ensuing proceedings for judicial review brought by the applicants, in a judgment of 27 December 2018 the Sofia District Court quashed the impugned decision, finding that the Agricultural Department had failed to show that any of the impediments to restitution in kind was present. The Department filed an appeal, and the appeal proceedings are pending.

33. In the proceedings brought by applicants nos. 88-89, on 2 August 2013 the Agricultural Department refused restitution in kind of the plots claimed, noting that the land fell within the territory of the experimental field used by the Forestry University, and held that the applicants were entitled to compensation. In judicial-review proceeding brought by the applicants, that decision was quashed in a final judgment of 29 May 2014 of the Sofia District Court, which noted that the Agricultural Department had not shown that any of the impediments to restitution in kind were present, in particular since it had not submitted evidence to prove that the land at issue indeed fell within the territory of the experimental field. Accordingly, the Sofia District Court held that the applicants’ property rights were to be restored. In a subsequent decision of 26 September 2014 accompanied by a cadastral plan the Agricultural Department also ordered restitution in kind, and in 2016 the applicants obtained a notarial deed, recognising them as owners. However, they could not enter into possession of the land, since it was being held by the Forestry University. In 2017 the land register in Sofia refused to register the land as property of the applicants, noting the property dispute between them and the University and pointing out that it fell to be decided by the civil courts.

Applicants nos. 32-33, 38-43, 117-20 and 140-46
34. In judgments given in 1996-97 and 2006 the Sofia District Court recognised the entitlement of applicants nos. 32-33, 117-20 and 140-46 to the restitution of several plots of land in Vrazhdebna. In further decisions given on different dates between 1999 and 2017 the land commission, respectively the Agricultural Department, refused restitution in kind of the plots at issue and held that the applicants were to receive compensation. The applicants did not apply for judicial review of the respective decisions, and those decisions entered into force.

35. As to applicants nos. 38-43, the land commission refused restitution in kind and held that they would receive compensation in a decision of 13 January 1995. Upon application by the applicants, that decision was declared null and void by the Sofia District Court on 19 November 2008. Subsequently, on 18 March 2009 the Agricultural Department held once again that the applicants were to receive compensation. The application for the judicial review of that decision submitted by the applicants was found inadmissible in 2011 and the decision at issue thus entered into force. Applicants nos. 38-43 submitted in addition a decision of the land commission dated 4 March 1999, restoring their property rights to the plots at issue. The document sent by them does not carry the signatures of the commission members, but has a handwritten mention that it is a valid copy, accompanied by the commission’s stamp. The Government disputed the authenticity of the document, saying that an original copy of such a decision could not be found, and that if such a decision had been validly given, it would have been pointless for the applicants to contest the initial refusal of the commission of 13 January 1995.

36. In 2001 the land commission set the value of the compensation to be provided to applicants nos. 140-46, and the applicants made a declaration as to their preferred means of compensation. No further decision on the compensation due to them has been taken. Nor has the land commission (later on Agricultural Department) taken any decision on the compensation to be provided to applicants nos. 32-33, 38-43 and 117-20.

Applicants nos. 134-39
37. Applicants nos. 134-39 submitted a copy of a decision dated 23 March 1999, with the heading and the stamp of the Agricultural Department, stating that their property rights to several plots in Vrazhdebna were being restored. The plots were not however identified with the necessary specifications (see paragraph 55 below). The document submitted by the applicants does not carry the signatures of the Department members, but has a handwritten mention that it is a valid copy, accompanied by the Department’s stamp. The applicants stated that it had not been accompanied by a cadastral plan of the plot.

38. The Government disputed the authenticity of the above document, and submitted another decision of the same date and bearing the same number, issued by the land commission and signed by its members, refusing restitution in kind of some of the plots claimed by the applicants and stating that the applicants would receive compensation. Another similar decision concerning the remaining plots claimed by the applicants had been issued on 12 January 1995. The Government stated that both decisions submitted by it had entered into force. The applicants, for their part, contended that they had never been notified of such decisions.

Applicants nos. 90-102 and 131-33
39. In several decisions issued in 1995 the land commission recognised the entitlement of applicants nos. 90-102 and 131-33 to the restitution of plots of land in Vrazhdebna, holding that these plots were to be returned to the applicants through a land redistribution plan. The applicants’ complaints concern some of these plots only.

40. A land redistribution plan for the area was adopted in 1999 (see paragraph 10 above) and a number of plots of land were allotted to the applicants. The applicants did not challenge the plan. In their submissions to the Court they claimed that that plan did not concern the plots which are the subject of the present complaints.

41. In 2001 a further decision of the land commission stated that other plots were to be returned through a land redistribution plan to applicants nos. 131-33.

42. In 2017 applicants nos. 90-102 submitted a request for restitution in kind of the plot which is the subject of their complaints. In a letter of 30 October 2017 the Agricultural Department instructed them to submit a cadastral plan of that plot – a document which they contend not to be able to obtain.

Applicants nos. 26-31 and 34-37
43. In decisions given between 1994 and 1999 the land commission recognised the entitlement of applicants nos. 26-31 and 34-37 to the restitution of several plots of land in Vrazhdebna, through a land redistribution plan.

44. Such a plan for the area was adopted in 1999 (see paragraph 10 above). Under it plots of land were allotted to the applicants. In December 1999 the applicants took possession of their land.

Table of the proceedings
45. The individual proceedings described above are also presented in the following table, which contains additionally data on the size of the plots claimed by the applicants:
[...]
RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
46. Restitution of agricultural land is provided for in the Agricultural Land Act of 1991 (????? ?? ????????????? ? ?????????? ?? ???????????? ???? – “the 1991 Act”) and the Regulations on the Implementation of the Agricultural Land Act (????????? ?? ????????? ?? ?????? ?? ????????????? ? ?????????? ?? ???????????? ????, hereinafter “the Regulations”).

Scope of the restitution
47. The 1991 Act provides, inter alia, that persons, or their heirs, whose land has been collectivised, may request the restoration of their ownership rights under certain conditions. If their request is allowed, they can obtain restitution in kind or compensation in lieu thereof.

48. Restitution in kind can be “in actual boundaries” (“? ????? ?????? ???????”) – in cases where the old borders of the plot of land once owned by the claimant or his or her ancestors are preserved or traceable (roads, fences, river banks, trees and others, which have not changed after the collectivisation), or through a so-called land redistribution plan (“???? ?? ?????????????”). Land redistribution plans set new borders of the plots to be restituted, if possible in the approximate area where the plots previously owned had been situated (section 10a(2) of the 1991 Act).

49. The 1991 Act envisages different situations where restitution in kind (“in actual boundaries” or through a land redistribution plan) cannot be carried out and the claimants are to receive compensation in lieu thereof. Section 10(7) excludes restitution in kind in situations where third parties have lawfully constructed buildings in urbanised areas. Under section 10b(1), compensation is also to be awarded in cases where the land has been taken by a “complex of construction works” (???????????). The national courts have interpreted that latter term broadly, taking it to cover any construction or other public works, regardless of their lawfulness (??????? ? 77 ?? 9.03.2010 ?. ?? ??? ?? ??. ?. ? 4209/2008 ?., I ?. ?., ??; ??????? ? 70 ?? 22.06.2010 ?. ?? ??? ?? ??. ?. ? 674/2009 ?., I ?. ?., ??). In addition, under section 24(2), (3) and (4) of the 1991 Act the State retains property of land used for purposes such as education, science, archaeological studies and national defence, as well as land included in certain national parks and reserves. The existence or not of the above impediments to restitution in kind is to be assessed as of the moment of the 1991 Act’s entry into force.

50. Additionally, if the land available for redistribution is not sufficient to satisfy the restitution claims of all former owners, they may be awarded partial compensation (section 19(1) and (8) of the Regulations). Compensation is also to be awarded in situations where a claimant has presented to the land commission/Agricultural Department a court judgment recognising his entitlement to restitution through a land redistribution plan or a judgment given in the procedure under section 11(2) of the 1999 Act (see paragraph 53 below) after a redistribution plan for the area has already been elaborated (section 11(4) of the 1991 Act and section 25(3) of the Regulations).

51. As to compensation in lieu of restitution, it can be through comparable municipally-owned land, in so far as such land is available, or through so-called compensation bonds.

Procedural rules
52. Under section 11(1) of the 1991 Act, former owners, or their heirs, could initiate administrative proceedings for restitution within a period of seventeen months following the entry into force of the Act. They had to lodge a request for restitution with the local land commission, which had to establish whether the relevant statutory conditions for restitution were met, and if so, to issue a decision. Favourable decisions of the land commissions were not subject to judicial review and were final, whereas negative decisions were subject to judicial review (section 14(3) of the 1991 Act).

53. Persons seeking restitution of agricultural land who had missed the seventeen-month time-limit indicated above could bring an action for a declaratory judgment against the local land commission/Agricultural Department (section 11(2) of the 1991 Act). Such a possibility existed until 2007. Where the courts decided in favour of the claimants, the administrative bodies had to comply and issue the necessary decisions.

54. It has been the established practice of land commissions (Agricultural Departments) to issue several types of decisions during the different stages of the procedure. A first decision, based usually on an assessment of merely whether the claimants’ predecessors were the owners of the plots of land concerned and whether the land was included in an agricultural cooperative, recognises the claimants’ entitlement to restitution. Sometimes such a decision can also state that the restitution would be carried out through a land redistribution plan (section 14(1)(2) of the 1991 Act). Decisions of that type do not give rise to any title to property (??????? ? 11 ?? 06.02.1998 ?. ?? ??. ?. ? 1480/1997, ???, IV ??. ?.; ??????? ? 43 ?? 3.02.2010 ?. ?? ???????????? ?? ?. ??. ?. ? 12/2010 ?.; ??????? ?? 20.12.2017 ?. ?? ??-????? ?? ?. ??. ?. ? 318/2017 ?.). They have been referred to in the legal theory as “recognition” decisions (????????? ???????, ?????? ???????, ???? ????????, „?????? ????? ?? ???????????? ???? ? ???????? ?????????“, 2011, ???. 24-25). Judgments given in proceedings under section 11(2) of the 1991 Act can also only have a “recognition” effect (??????? ?? 20.12.2017 ?. ?? ???????? ?? ?. ??. ?. ? 318/2017 ?.; ??????? ? 473 ?? 24.11.2014 ?. ?? ?? - ??????? ?? ??. ?. ? 235/2013 ?.).

55. A further decision of the land commission (Agricultural Department) orders restitution “in actual boundaries” or allocates the former owners specific plots under a land redistribution plan. Such decisions – capable of giving rise to property rights and completing the restitution procedure through restitution in kind – have been known in the legal theory as “restoration” decisions. A “restoration” decision has to indicate the specifications of the plots of land concerned, namely their size, category, location and borders. Such a decision must also be accompanied by a cadastral plan of the plots. If these requirements are met, the decision at issue, after it enters into force, serves as title to property equivalent to a notarial deed (sections 14(1)(1) and 17(1) of the 1991 Act and sections 18g(1) and 27(1) and (3) of the Regulations).

56. Nevertheless, even where such a decision has been issued and has entered into force, it can be contested by a third party having competing claims (not based on restitution) to the same plot of land, since the procedure under the 1991 Act does not permit that party’s participation and any judgments and decisions given in the restitution proceedings are not considered binding on it. The domestic courts examining such a third-party claim exercise what is called “indirect judicial review” and re-examine, in view of the new arguments put forward, whether the preconditions for restitution in kind had been in place (??????? ? 201 ?? 30.06.2010 ?. ?? ??? ?? ??. ?. ? 79/2009 ?., II ?. ?., ??; ??????? ? 250 ?? 8.05.2014 ?. ?? ??? ?? ??. ?. ? 3215/2013 ?., II ?. ?., ??; additional domestic case law is cited in Sivova and Koleva v. Bulgaria, no. 30383/03, § 44, 15 November 2011).

57. Different decisions are also given by the land commissions (Agricultural Departments) with regard to the allocation of compensation in lieu of restitution. The relevant bodies are to set the value and type of compensation and, where compensation is to be through the provision of other comparable land, select and distribute the respective plots (Article 19a of the 1991 Act).

58. Interested parties may make challenges to land redistribution plans, before the land commission or the courts, within fourteen days of their publication (section 25(2), (4) and (6) of the Regulations).

59. The competent administrative bodies – land commissions, which were local branches of the Ministry of Agriculture – were replaced with Agricultural Departments in 2002.

Relevant provisions concerning State properties
60. Pursuant to section 7(1) of the State Property Act (????? ?? ?????????? ???????????), public State property cannot be transferred to private persons.

61. Entries into the list of State-owned properties, to be effectuated by regional governors, do not in themselves give rise to property rights for the State (section 5(3) of the State Property Act). Any ownership dispute is to be determined by the courts (section 79(3) of the Act).

THE LAW

PRELIMINARY QUESTIONS
Withdrawal of the complaints by some of the applicants
62. In their observations following the communication of the application applicants nos. 26-31 and 34-37 stated that they wished to withdraw their complaints, seeing that their restitution claims had been satisfied (see paragraphs 43-44 above).

63. In the light of the foregoing, and in the absence of any special circumstances regarding respect for the rights guaranteed by the Convention and the Protocols thereto, the Court, in accordance with Article 37 § 1 (a) of the Convention, considers that it is no longer justified to continue the examination of the application in so far as applicants nos. 26-31 and 34-37 are concerned. Accordingly, that part of the application is to be struck out of the list.

The Government’s objection concerning applicants nos. 14 and 102
64. The Government observed that applicants nos. 14 and 102, Ms Angelina Angelova Hristova and Ms Gyurgena Traykova Mladenova, had passed away on 22 May and 20 January 2011 respectively, namely before the lodging of the application on 15 July 2011 (see paragraph 1 above). The Government urged the Court to dismiss these applicants’ complaints as inadmissible.

65. The Court, noting that Ms Hristova and Ms Mladenova indeed passed away before the lodging of the application, finds the complaints raised on their behalf incompatible ratione personae with the provisions of the Convention, within the meaning of Article 35 § 3 (a), and thus rejects them in accordance with Article 35 § 4.

66. Accordingly, when it indicates hereinafter “the applicants”, the Court will refer to the remaining applicants, excluding those discussed in paragraphs 62-65 above.

The Government’s objection concerning applicants nos. 32 and 33
67. The Government pointed out that applicants nos. 32 and 33, Ms Varadinka Pavlova Taseva and Mr Dimitar Pavlov Toshkov, had not submitted an authority form, whereas the application had been lodged by their representatives and not by the applicants themselves. On that ground the Government urged the Court to dismiss the complaints of Ms Taseva and Mr Toshkov.

68. After that argument had been raised, the applicants’ representatives submitted an authority form signed by those two applicants, dated 1 March 2011, as well as an invoice dated 17 March 2011 showing that Ms Taseva had paid their legal fee. Since Ms Taseva and Mr Toshkov had in the meantime passed away, the representatives submitted also statements by their heirs who wished to continue the proceedings. As to the invoice, even though it indicated Ms Taseva as the payer, it was not signed by her, but by an unknown third person. The Government pointed to this fact, and in addition contested Mr Toshkov’s signature on the authority form, noting some differences between it and his signature seen on other documents.

69. The Court points out that, pursuant to Rule 45 § 3 of the Rules of Court, a valid power of attorney is required where an applicant is represented in the proceedings before it. In the present case it has to determine whether the applicants themselves signed the relevant documents and, in view of all the evidence, whether the application was made with their consent and whether they maintained an interest in pursuing the case (see, for example, Velikova v. Bulgaria, no. 41488/98, §§ 48-51, ECHR 2000?VI).

70. In the absence of any further evidence to the contrary, the Court is satisfied that Mr Toshkov signed the authority form of 1 March 2011, observing that, despite some differences, the signature contested by the Government is not dissimilar to his signature on other documents. As to the invoice, its being signed by a third person does not alter the fact that payment was made, as indicated in the document, in Ms Taseva’s name and for the purposes of her legal representation before the Court. Accordingly, the Court concludes that the two applicants at issue intended to authorise their representatives to lodge an application on their behalf and that they took the necessary action in that respect. It was apparently due to an error that the authority form was not submitted initially together with the forms signed by the remaining applicants (contrast Post v. the Netherlands (dec.), no. 21727/08, 20 January 2009, where there had been no indication whatsoever that the applicant wished the person having submitted the application to represent her). The Court notes in addition that, after Ms Taseva and Mr Toshkov passed away, their heirs wished to maintain the application.

71. The Court finds accordingly that the application has been validly submitted on behalf of the two applicants and dismisses the Government’s objection in that regard.

Abuse of the right of individual application
72. The Government, contesting the authenticity of several documents submitted by the applicants (see paragraphs 28, 35 and 38 above), also urged the Court to dismiss the complaints of the respective groups of applicants on the ground of abuse of the right to individual application.

73. The Court has held that an application may be rejected under Article 35 § 3 (a) of the Convention for abuse of the right of individual application if, among other reasons, it was knowingly based on untruths, or if the applicant submitted incomplete or misleading information (see Gross v. Switzerland [GC], no. 67810/10, § 28, ECHR 2014, and Shalyavski and Others v. Bulgaria, no. 67608/11, § 44, 15 June 2017).

74. However, in the case at hand it has not been established whether, if the impugned documents were not authentic (see the analysis in paragraphs 93 and 116 below), the applicants were aware of this. Accordingly, it has not been proven that the applicants “knowingly” declared untruths or submitted misleading information, and the Court cannot conclude that they abused their right to individual application. It thus dismisses the Government’s objection.

75. Nevertheless, the Court will refer to the matter in its analysis, and assess the reliability of the documents at issue when examining on the merits the respective complaints (see paragraphs 90, 93, 95 and 116 below).

Locus standi of the remaining applicants’ heirs
76. Lastly, the Court sees no reason not to accede to the wish of the heirs of the remaining applicants who passed away after the lodging of the application to continue the proceedings in their predecessors’ stead (see paragraph 1 above and the appendix).

ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
77. The applicants complained under Article 1 of Protocol No. 1 and Article 13 of the Convention about the impossibility of obtaining the restitution in kind of their predecessors’ land in Vrazhdebna and the prolonged uncertainty in resolving their restitution claims.

78. The Court is of the view that the complaints fall to be examined under Article 1 of Protocol No. 1 alone, which reads as follows:

“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.

The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”

Arguments of the parties
The Government
79. As concerns the impossibility to obtain restitution in kind, the Government argued that the complaints of many of the applicants under Article 1 of Protocol No. 1 were incompatible ratione materiae, since no “legitimate expectation” for them to the restitution in kind of their predecessors’ land had ever arisen. The relevant administrative and judicial bodies had only given “recognition” decisions, which meant that the exact manner of completing the restitution process had not been determined. The Government pointed out in addition that in some cases the applicants had not contested decisions of the land commission/Agricultural Department affecting them. Furthermore, in many cases proceedings regarding the scope of the applicants’ restitution rights were still pending.

80. The Government contended that the experimental field in Vrazhdebna had for many years been used for educational purposes, even before the adoption of the 1991 Act, and that there had been no ambiguity as to its status. It was being managed by the Ministry of Education and the Ministry of Agriculture, through its bodies, was not competent to take any decisions concerning it. The State had legitimately retained for itself ownership in the experimental field, and the only possible manner of completing the restitution procedures initiated by the applicants was through the award of compensation. The Government relied on earlier decisions and judgments of the Court concerning restitution, such as Sivova and Koleva (cited above) and Kupenova and Others v. Bulgaria, ((dec.), no. 12664/05, 7 May 2013).

81. Lastly, the Government argued that many of the applicants had remained inactive in the restitution procedures and had not taken the “necessary action as required by law”. In particular, it had been only in 2017, long after the initial “recognition” decisions in their favour, that many of the applicants had expressly requested restitution in kind. The proceedings had additionally been delayed due to the applicants’ “refusal to accept” that restitution in kind of their land in Vrazhdebna was impossible.

The applicants
82. The applicants argued that a large part of the national authorities’ actions related to their restitution claims had been “clearly designed and undoubtedly aimed” at accomplishing restitution in kind. They considered that even after the registration of the territory of the experimental field in Vrazhdebna as public State property the bodies of the Ministry of Agriculture had “maintained” in them the expectation that they would obtain such restitution. At the same time, other State bodies, in particular the Council of Ministers and the regional governor, had “manifestly in bad faith” obstructed that process.

83. In support of the above arguments the applicants relied on the Court’s earlier restitution cases of Mutishev and Others v. Bulgaria (no. 18967/03, 3 December 2009), Hadzhigeorgievi v. Bulgaria (no. 41064/05, 16 July 2013) and Velcheva v. Bulgaria (no. 35355/08, 9 June 2015).

84. At the same time, the applicants stated that the State authorities’ obligation was to complete the restitution procedures, in any of the manners provided for by law, and within a reasonable time. If restitution in kind was impossible, they had had to award compensation. For many years the authorities had failed to complete the procedures, and had in addition kept the applicants in prolonged uncertainty as to the scope of their restitution rights and the feasibility of restitution in kind. The applicants, for their part, had cooperated with the authorities and had complied with any instructions they had been given.

85. In so far as the Government contested the authenticity of documents submitted by the applicants (see paragraphs 28, 35 and 38 above), the applicants argued that such contestation was impermissible in the proceedings before the Court.

The Court’s assessment
Complaint related to the impossibility for the applicants to obtain restitution in kind
Admissibility

86. According to the Court’s settled case?law, applicants may allege a violation of Article 1 of Protocol No. 1 only in so far as the impugned decisions relate to their “possessions” within the meaning of that provision. “Possessions” can be either “existing possessions” or assets, including claims, in respect of which the applicants can argue that they have at least a “legitimate expectation” of obtaining effective enjoyment of a property right (see Kopecký v. Slovakia [GC], no. 44912/98, § 35, ECHR 2004-IX, and Von Maltzan and Others v. Germany (dec.) [GC], nos. 71916/01 and 2 others, § 74, ECHR 2005-V).

87. The present cases do not concern “existing possessions” of the applicants, since most of the restitution procedures initiated by them have not ended and none of the applicants has entered into possession of the land claimed. It remains therefore to be determined whether the applicants could be said to have acquired a “legitimate expectation” of obtaining the restitution in kind they have sought.

88. In that regard, the Court has previously accepted that legislation enacted or in force after the ratification of the Convention and Protocol No. 1 and providing for full or partial restoration of property confiscated under a previous regime may be regarded as giving rise to “possession” protected by Article 1 of Protocol No. 1 for those satisfying the relevant conditions (see Kopecký, cited above, § 35). However, the mere hope that a long-extinguished property right may be revived cannot be regarded as such “possession” (see Jantner v. Slovakia, no. 39050/97, § 27, 4 March 2003).

89. In 1991 the Bulgarian Parliament adopted legislation providing for the restitution of agricultural land, and in particular for restitution in kind (see paragraphs 46-48 above). The existence or not of the conditions for restitution in kind in the cases under examination is, in principle, to be assessed by the competent national authorities, in accordance with domestic law. The Court’s task is to survey whether those authorities have taken decisions capable of giving rise to a “legitimate expectation” to restitution in kind, as claimed by the applicants.

90. This was clearly not the case as concerns applicants nos. 32-33, 38?43, 117-20 and 140-46. In the restitution proceedings initiated by those applicants, on different dates between 1999 and 2017 the competent authorities – the local land commission, subsequently the Agricultural Department – ordered the award of compensation and refused restitution in kind. These decisions entered into force after the applicants failed to duly challenge them (see paragraphs 34-36 above). As concerns in particular applicants nos. 38-43, it is irrelevant for the present analysis whether a decision restoring their property rights was given on 4 March 1999 – as claimed by the applicants and disputed by the Government (see paragraph 35 above); what is decisive is that a subsequent decision of 18 March 2009 stated that those applicants were to receive compensation and that that decision has entered into force.

91. Accordingly, the applicants in the cases above cannot claim to have any “legitimate expectation” to restitution in kind.

92. The Court reaches the same conclusion as regards applicants nos. 134-39. In that case two decisions of the land commission – one adopted in 1995 and the other in 1999 – refused restitution in kind of the plots claimed by the applicants and ordered the provision of compensation (see paragraph 38 above).

93. The latter group of applicants submitted a copy of a decision dated 23 March 1999, ordering restitution in kind, which the Government contested (see paragraphs 37-38 above). Given that the Government submitted a copy of a decision of the same date and bearing the same number, but with different contents, the Court cannot accept the document presented by the applicants as authentic. It observes furthermore that the document submitted by the applicants is not signed and, as an indication that it may have been created after 2002, that it bears the heading and the stamp of the Agricultural Department (see paragraph 37 above), whereas in 1999 when the document should have been issued, and until 2002, the relevant bodies under the 1991 Act were named land commissions (see paragraph 59 above). Lastly, and in response to the applicants’ argument that the contestation of the document at issue by the Government was impermissible (see paragraph 85 above), the Court points out that it is entitled to evaluate freely the evidence submitted to it by the parties (see, even though they concern complaints under different provisions of the Convention, Ledyayeva and Others v. Russia, nos. 53157/99 and 3 others, § 89, 26 October 2006; Hakobyan and Others v. Armenia, no. 34320/04, § 89, 10 April 2012; Aliyev v. Azerbaijan, nos. 68762/14 and 71200/14, § 204, 20 September 2018).

94. Turning to the cases of applicants nos. 10-13 (the complaints on behalf of applicant no. 14 having been declared inadmissible – see paragraph 65 above), 15-25, 34, 37 and 44-67, the Court observes that on different dates they obtained court judgments under section 11(2) of the 1991 Act and administrative decisions recognising their entitlement to restitution (see paragraphs 22-23 above). However, these were only “recognition” judgments and decisions, of a type considered by the national courts not to give rise to title in specific property (see paragraph 54 above), and they did not determine the manner of completing the restitution procedures (through restitution in kind or compensation). This was confirmed by the Sofia District Court in one of the cases under examination: after the applicants contested the Agricultural Department’s decision to award them compensation in lieu of restitution (see paragraph 24 above), it upheld that refusal, finding that the previous decisions concerning those applicants had not given rise to a specific entitlement to restitution in kind (see paragraph 25 above). An appeal against that judgment, as well as the remaining judicial-review proceedings initiated by the applicants of the present group, are pending (see paragraphs 24-26 above), but at the current stage the Court, once again, sees no valid basis for any “legitimate expectation” on the part of the applicants to obtain restitution in kind.

95. The above conclusions are also applicable to applicants nos. 68-82, 103-16, 121-30 and 147. They have also obtained only “recognition” decisions, with the Agricultural Department even holding expressly in one of the cases that for a part of the land claimed the applicants were to receive compensation (see paragraph 27 above). The Government contested the decision submitted by the applicants in another case of the group (see paragraph 28 above), but the Court considers it irrelevant for the purposes of the present analysis whether the document at issue was authentic; it is in any event, as already noted, a “recognition” decision, which cannot give rise to a specific “legitimate expectation” to restitution in kind. In the cases discussed in the present paragraph the relevant national bodies have not yet determined the manner of completing the restitution process – through restitution in kind or compensation (see paragraph 30 above) – and, as above, while the procedures are pending, at the current stage the Court cannot conclude that the applicants ever acquired any specific “legitimate expectation” to restitution in kind.

96. Applicants nos. 83-87 contested in 2018 a decision of the Agricultural Department awarding them compensation in lieu of restitution, and the Sofia District Court quashed that decision and ordered restitution “in actual boundaries”. That judgment is not final, because the Agricultural Department lodged an appeal against it and the proceedings are pending (see paragraph 32 above). Since the applicants have not yet obtained a final recognition of their alleged entitlement to restitution in kind, nor a final decision or judgment ordering the restoration of their property rights, they cannot be said to have acquired any “legitimate expectation” to such restitution.

97. Such a “legitimate expectation” could have arisen initially for applicants nos. 1-9, after the Sofia District Court held in 1995 that they were entitled to restitution through a land redistribution plan (see paragraph 17 above). However, the entitlement which could have arisen for them was not to a specific plot of land, but to the future allocation of land through a land redistribution plan. The Court does not have to decide on this matter, as later in 1995 the local land commission held that applicants nos. 1?9 were entitled to receive compensation, and the applicants failed to challenge that decision at the time (see paragraph 18 above). No land was thus allotted to them under the 1999 land redistribution plan of the area, which they failed to challenge as well. While the land commission’s decision of 1995 was eventually found to be null and void, this was done in 2007 and by that time, namely after the adoption and entry into force of a land redistribution plan for the area, the applicants’ initial entitlement to restitution in kind had already, in accordance with domestic law (see paragraph 50 above), been transformed into a “legitimate expectation” to receive compensation in lieu of restitution. Proceedings concerning the scope of the applicants’ restitution entitlement are pending (see paragraph 21 above), but at the current stage the Court is unable to conclude that the applicants have any “legitimate expectation” to obtain, as claimed by them, restitution in kind.

98. The latter conclusion is also valid as regards applicants nos. 131-33, in so far as they obtained a decision in 2001 for the restitution through a land redistribution plan of some of the plots claimed by them (see paragraph 41 above). As already pointed out, a land redistribution plan was adopted in 1999 and after that date former owners in possession of a decision or judgment ordering restitution through such a plan could only receive compensation.

99. With regard to the applicants and the plots of land discussed in the paragraphs above (namely applicants nos. 1-13, 15-25, 34, 37-87, 103-30 and 134-147, as well as applicants nos. 131-33, in so far as the plots subject to the 2001 decision of the land commission were concerned) the Court concludes therefore that the applicants had no “legitimate expectation” to restitution in kind, as claimed by them. In respect of the complaints under examination here, namely about the impossibility to obtain restitution in kind, they thus had no “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, which is inapplicable. Additional facts such as the Agricultural Department’s instructions to the applicants in 2017 to submit requests for restitution in kind (see paragraph 15 above), or earlier actions of the Ministry of Agriculture which seemed to consider that restitution in kind was, in principle, feasible (see paragraphs 9 and 12 above), cannot lead the Court to a different conclusion. These circumstances, which do not involve binding decisions by the relevant authorities, may have given rise to hopes for the applicants that they may eventually obtain the restitution in kind they sought, but such hopes are insufficient to amount to a “legitimate expectation” and thus a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see paragraph 88 above).

100. The complaints above are thus incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a) and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.

101. The Court wishes additionally to distinguish the cases discussed above from its earlier cases relied on by the applicants (see paragraph 83 above). The cases of Mutishev and Others and Hadzhigeorgievi concerned decisions of the relevant authorities ordering with finality restitution in kind, and the implementation of these decisions had been blocked by the administrative authorities for reasons which the Court rejected, finding that they were not of “a substantial and compelling character” (see Mutishev and Others, §§ 131-37, and Hadzhigeorgievi, §§ 67-70, both cited above). The case of Velcheva concerned a court judgment and an administrative decision ordering restitution “in actual boundaries”, where the land commission/Agricultural Department had failed to complement them with the requisite cadastral plan and thus complete the restitution procedure (see §§ 42-49 of the judgment cited above). In all three cases restitution in kind had been ordered with finality, which gave rise to a “legitimate expectation” for the applicants in that regard (see, for example, the Court’s express finding on that question in Hadzhigeorgievi, cited above, § 63).

102. As to applicants nos. 90-101 (the complaints on behalf of applicant no. 102 having been dismissed – see paragraph 65 above) and 131-33 (as concerns the latter group of applicants – in respect of the plots subject to the land commission’s 1995 decision – see paragraph 39 above), they were entitled to restitution through a land redistribution plan, and such a plan was adopted in 1999 (see paragraphs 15 and 39-40 above). The applicants claimed that the plots which are the subject of their complaints were not concerned by this plan, but they failed to challenge it and seek that it be complemented, as entitled to (see paragraph 58 above). Their complaints must therefore be rejected under Article 35 §§ 1 and 4 of the Convention for non-exhaustion of domestic remedies.

103. Lastly, the Court turns to the case of applicants nos. 88-89, who obtained a final decision on restitution “in actual boundaries” and a notarial deed. They cannot enter into possession of the plot of land concerned since it is being held and used by the Forestry University, which disputes their title (see paragraph 33 above).

104. Under the national law and in accordance with the practice of the domestic courts, administrative and judicial decisions ordering restitution “in actual boundaries” can be challenged by third persons claiming to have rights (not based on restitution) over the same land (see paragraph 56 above). In previous cases concerning the process of restitution of agricultural land in Bulgaria the Court has held that, where there are such rival claims to the land at issue, the judgments and decisions indicated above cannot be seen as determining with finality the scope of the applicants’ restitution rights, which can be the case only after the affected third parties have had their claims examined as well (see Sivova and Koleva, § 74, and Kupenova and Others, §§ 30-31, both cited above; Nedelcheva and Others v. Bulgaria, no. 5516/05, §§ 56-57, 28 May 2013; Karaivanova and Mileva v. Bulgaria, no. 37857/05, §§ 74 and 76, 17 June 2014).

105. As in the above cases, in the case of applicants nos. 88-89 the rival claims to the land of the Forestry University, which in 1998 had been granted the right of use of the experimental field in Vrazhdebna (see paragraph 7 above), were known to the applicants, who could not therefore have legitimately expected that the restitution decisions in their favour, even though ordering restitution “in actual boundaries”, had decided the matter with finality. As mentioned, the exact scope of the applicants’ restitution entitlement, namely to restitution in kind or to compensation, can only be determined after the Forestry University – a third party to the restitution procedure – has had the possibility to have its own arguments on the matter examined (see Kupenova and Others, § 31, and Nedelcheva and Others, § 57, both cited above; on the separate personality in such a context of entities related to the State see Karaivanova and Mileva, § 50, and Ilieva and Others v. Bulgaria, no. 17705/05, § 36, 3 February 2015). The same finding was also reached by the local land register office, which indicated to the applicants that their dispute with the Forestry University fell to be examined by the civil courts (see paragraph 33 above in fine).

106. It thus remains open for applicants nos. 88-89 to bring proceedings against the Forestry University and have their entitlement to restitution in kind confirmed or rejected with finality. While in the previous cases cited above the Court has criticised the requirement under domestic law for people in a position such as that of the applicants to bring additional proceedings, considering that this prolonged the restitution procedures and engendered insecurity (see, for example, Sivova and Koleva, § 116, and Nedelcheva and Others, § 78, both cited above), this is not what is at stake here. What is decisive, with a view of the complaint under examination, is that a procedural avenue is open to the applicants, permitting them to defend their alleged entitlement to restitution in kind. The applicants have not informed the Court of having resorted to that avenue.

107. Their complaints must therefore be rejected under Article 35 §§ 1 and 4 of the Convention for non-exhaustion of domestic remedies.

108. To sum up, the Court finds the complaints of applicants nos. 1-13, 15-25, 34, 37-87, 103-30 and 134-147, as well as applicants nos. 131-33 (in so far as the plots subject to the 2001 decision of the land commission were concerned) related to the impossibility of obtaining restitution in kind incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of its Article 35 § 3 (a) (see paragraphs 90-101 above). Furthermore, it finds that applicants nos. 88-89 (see paragraphs 103-107 above) and 90-101 and 131-33 (see paragraph 102 above, as concerns the latter group of applicants – in respect of the plots subject to the land commission’s 1995 decision), have failed to exhaust the available domestic remedies related to restitution in kind, as required under Article 35 § 1 of the Convention. Accordingly, the complaints under examination must be rejected as inadmissible in accordance with Article 35 § 4 of the Convention.

Complaint concerning the duration of the restitution procedures
(a) Whether such a complaint falls within the scope of the case

109. The Court has held that the scope of a case “referred to” it in the exercise of the right of individual application is determined by the applicant’s complaint or “claim”. Allegations made after the communication of the case to the respondent Government can only be examined by the Court if they constitute an elaboration of the applicant’s original complaint (see Radomilja and Others v. Croatia [GC], nos. 37685/10 and 22768/12, §§ 108-09 and 120-22, 20 March 2018; Piryanik v. Ukraine, no. 75788/01, § 20, 19 April 2005; ?cis v. Latvia, no. 12879/09, § 68, 10 January 2019).

110. As to the case at hand, in the application form the applicants complained of the impossibility of obtaining restitution in kind and of the prolonged uncertainty in resolving their restitution rights (see paragraph 77 above). Even though the complaint about the duration of the restitution procedures was phrased in a more explicit manner in their observations submitted after the communication of the application – with their stating that the national authorities had been obliged to complete those procedures within a reasonable time (see paragraph 84 above) – the Court is satisfied that these submissions amounted to an elaboration of a complaint made originally, and not to an attempt to raise a new complaint. Accordingly, the Court concludes that the complaint relating to the duration of the restitution procedures falls within the scope of the case.

(b) Admissibility

111. The Court already found above that applicants nos. 90-101 and 131-33 (as concerns the latter group – in respect of the plots subject to a 1995 decision of the land commission, see paragraph 39 above) had failed to exhaust the available domestic remedies, seeing that they had failed to challenge the 1999 land redistribution plan (see paragraph 102 above). After the time-limits for such challenges expired (see paragraph 58 above), the restitution procedures at issue therefore ended, as no further procedural avenues appear to have been available to the applicants (see, for similar conclusions, Kayriakovi v. Bulgaria, no. 30945/04, § 26-29, 7 January 2010). Even though some of the applicants submitted in 2017 a request for restitution in kind (see paragraph 42 above), this fact does not alter the above conclusion, as the applicants have not shown that any action could have been validly taken pursuant to such a request. The restitution procedures at issue having been completed in 1999 and the application having been submitted in 2011 (see paragraph 1 above), the Court finds that the complaints of applicants nos. 90-101 and 131-33 (in respect of the plots subject to the 1995 decision) have been introduced out of time. They must therefore be rejected in accordance with Article 35 §§ 1 and 4 of the Convention.

112. As to the remaining applicants (further in the analysis referred to as “the applicants”), while the Court concluded above that many of them did not have a “legitimate expectation” to obtain restitution in kind, and thus found their complaints concerning the possibility of obtaining such restitution incompatible ratione materiae (see paragraphs 90-100 above), the complaint examined here is different. It is about the duration of the restitution proceedings and the authorities’ failure to complete those proceedings, in whatever way possible, including through the award of compensation. The complaint under examination does not thus concern, as the complaint examined above, specifically the possibility of obtaining restitution in kind, but the applicants’ more general entitlement to restitution under the 1991 Act, as mentioned – through restitution in kind or compensation. That more general entitlement – not disputed by the domestic authorities who are still liable to satisfy it – amounts to a “legitimate expectation”, triggering the protection of Article 1 of Protocol No. 1.

113. As to these applicants, the Court notes additionally that their complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention, or inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.

(c) Merits

114. The Court has already cited some of the general principles under Article 1 of Protocol No. 1 applicable to restitution cases in paragraphs 86 and 88 above.

115. Furthermore, in assessing compliance with Article 1 of Protocol No. 1 in such a context the Court must make an overall examination of the various interests in issue, bearing in mind that the Convention is intended to safeguard rights that are “practical and effective”. It must look behind appearances and investigate the realities of the situation complained of, including the conduct of the parties, the means employed by the State and their implementation. In that context, uncertainty – be it legislative, administrative or arising from practices applied by the authorities – is a factor to be taken into account in assessing the State’s conduct. Indeed, where an issue in the general interest is at stake, it is incumbent on the public authorities to act in good time, in an appropriate and consistent manner (see Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 151, ECHR 2004?V, and Vasilev and Doycheva v. Bulgaria, no. 14966/04, § 40, 31 May 2012).

116. The applicants’ “legitimate expectation” to restitution arose between 1995 and 2011 when it was recognised by the national authorities. The different dates concerning the different groups of applicants have been indicated in the table in paragraph 45 above. As concerns in particular applicants nos. 38-43, the Court cannot accept that any “legitimate expectation” to restitution arose for them on 4 March 1999. For the reasons put forward by the Government (the document is not signed, an original of such a decision could not be found, it did not “fit” within the procedure – see paragraph 35 above), the Court cannot accept the decision of that date presented by the applicants as authentic, and will not take it into account. It finds thus that those applicants’ “legitimate expectation” to restitution validly arose on 18 March 2009, as is indicated in the table.

117. None of the proceedings initiated by the applicants has ended (those in relation to the applicants whose complaints were struck out of the list or found inadmissible – see paragraphs 62-63 and 111 above – not being examined here). In some of the cases no determination has been made as to whether the applicants are entitled to restitution in kind or to compensation (see, for example, the cases of applicants nos. 10-13, 15-25, 34, 37, 44-67, 83-89, 103-16, 121-30 and 147, the facts described in paragraphs 22-33 above), and in other cases, even though it was found with finality that the applicants would receive compensation, no such compensation has yet been allocated (see the cases of applicants nos. 32-33, 38-43, 117-20 and 140-46, the facts described in paragraphs 34-36 above).

118. The periods to be taken into consideration thus lasted between eight and twenty-four years.

119. The applicants argued that it was the authorities’ responsibility to complete the procedures in a timely manner (see paragraph 84 above) and the Court sees no reason to find otherwise. It has already held in similar cases that it is for the State to organise its judicial and administrative systems in such a way as to guarantee the rights under the Convention (see, for example, Sivova and Koleva v. Bulgaria, no. 30383/03, § 116, 15 November 2011, and Nedelcheva and Others v. Bulgaria, no. 5516/05, § 78, 28 May 2013).

120. The Government, while arguing that the applicants had had to take “necessary action” (see paragraph 81 above), have not shown that such action, for instance the applicants requesting restitution in kind as they did in 2017, was indispensable. It has not been demonstrated that the competent authorities – the land commissions/Agricultural Departments – could not, without such action, proceed with the examination of the restitution claims and take the necessary decisions. The Government in addition criticised the applicants’ “refusal to accept” compensation in lieu of restitution (ibid.). However, the Court notes that the applicants were entitled to challenge the decisions of the relevant authorities they considered unfavourable and should not be blamed for that; moreover, the challenges they made did not appear to have caused excessive delays.

121. What transpires from the facts summarised above is that at least some of the delays were caused through the relevant authorities’ hesitation as to whether restitution in kind was feasible, and the Ministry of Agriculture engaging in a dispute in that regard with the Ministry of Education (see paragraphs 7 and 11-14 above). Moreover, even in the cases where a decision for the award of compensation has already entered into force, the Agricultural Department has not taken action to allocate such compensation, and no justification for its inactivity has been provided.

122. The Court concludes therefore that the delays in the restitution procedures were imputable to the authorities. For the reasons above it finds in addition that the delays were unjustified, even if it is to take into account the undeniable complexity of the restitution process and the need for the national authorities to accommodate the interests of numerous interested parties (see Mutishev and Others v. Bulgaria, no. 18967/03, § 144, 3 December 2009, and Lyubomir Popov v. Bulgaria, no. 69855/01, § 122, 7 January 2010).

123. To these delays must be added the lengthy uncertainty as to the fate of the applicants’ restitution claims. As noted, throughout the years the Ministry of Agriculture and the Ministry of Education had conflicting opinions on the matter (see paragraphs 7 and 11-14 above), and the Ministry of Agriculture’s bodies were unable to complete the procedures. In one of the cases, namely that of applicants nos. 88-89, that uncertainty continues despite the applicants having obtained final judicial and administrative decisions on restitution, because of the need for them to bring additional proceedings to have the scope of their entitlement to restitution determined with finality (see paragraphs 33 and 104-106 above). The Court has on numerous occasions criticised that particular aspect of the domestic procedure (see, for example, Sivova and Koleva, § 116, and Karaivanova and Mileva, § 81, both cited above).

124. In numerous previous cases against Bulgaria the Court held that lengthy unjustified delays in the restitution procedures, coupled with prolonged uncertainty, resulted in breaches of Article 1 of Protocol No. 1 (see, for example, Sivova and Koleva, Lyubomir Popov and Vasilev and Doycheva, all cited above; Popov and Chonin v. Bulgaria, no. 36094/08, 17 February 2015; Kamenova v. Bulgaria [Committee], no. 61731/11, 16 May 2019). It sees no reason to reach a different conclusion in the case at hand.

125. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in so far as the applicants complained of the duration of the restitution procedures.

APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
126. Article 41 of the Convention provides:

“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”

Damage
127. In respect of pecuniary damage, the applicants claimed the restitution in kind of their land, considering that this was feasible and that in the case it would constitute the most appropriate redress. Applicants nos. 88 and 89 claimed in addition 98,279 euros (EUR) each for the rent they could have received between 2014 and 2019 for the plots restituted to them (see paragraph 33 above).

128. The applicants claimed also between EUR 20,000 and EUR 80,000 for each of them in respect of non-pecuniary damage.

129. The Government contested the claims. As concerns in particular the claims of applicants nos. 88 and 89 related to lost rent, they pointed out that the applicants were entitled to seek compensation in that regard from the Forestry University.

130. The Court observes that it found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 only as regards the lengthy duration of the restitution procedures and the prolonged uncertainty. It does not discern any causal link between that violation and the applicants’ request for it to order restitution in kind. Moreover, the applicants remain entitled under domestic law to obtain such restitution or compensation (see Sivova and Koleva, § 124, and Karaivanova and Mileva, § 88, both cited above). The Court therefore rejects this claim.

131. Applicants nos. 88-89 claimed in addition compensation for the loss of rent from the land restituted to them (see paragraph 127 above). However, the Court found above (see paragraphs 104-06) that those applicants’ entitlement to the restitution in kind of that land had not yet been proven. Accordingly, it sees no ground to award the compensation sought (see Popov and Chonin, cited above, § 66).

132. Lastly, the Court is of the view that the applicants must have suffered non-pecuniary damage as a result of the breach of their rights. Judging on an equitable basis, it awards them the amounts below. Within each groups, the respective amount is to be distributed in accordance with the inheritance shares of the applicants or the heirs of those applicants who passed away after the lodging of the application:

- applicants nos. 1-9 – EUR 2,500;

- applicants nos. 10-13 – EUR 1,500;

- applicants nos. 15-25 – EUR 2,000;

- applicants nos. 32-33 – EUR 2,000;

- applicants nos. 38-43 – EUR 3,000;

- applicants nos. 44-60 – EUR 1,500;

- applicants nos. 34, 37 and 61-67 – EUR 2,000;

- applicants nos. 68-82 – EUR 3,000;

- applicants nos. 83-87 – EUR 2,000;

- applicants nos. 88-89 – EUR 1,500;

- applicants nos. 103-08 – EUR 2,000;

- applicants nos. 109-16 – EUR 2,500;

- applicants nos. 117-20 – EUR 2,000;

- applicants nos. 121-30 – EUR 1,500;

- applicants nos. 131-33 – EUR 2,500;

- applicants nos. 135-39 – EUR 3,000;

- applicants nos. 140-46 – EUR 2,000;

- applicant no. 147 – EUR 2,000.

Costs and expenses
133. The applicants, including nos. 26-31 who withdrew their complaints (see paragraphs 62-63 above), claimed the reimbursement of 19,200 Bulgarian levs (BGN), the equivalent of EUR 9,800, paid by them to their legal representatives. In support of this claim they submitted invoices, showing that each group of applicants had paid the representatives BGN 960 (EUR 490). The applicants claimed in addition the reimbursement of other expenses incurred by them in the domestic proceedings. Lastly, they claimed costs and expenses for postage, translation and office materials, to be paid directly to their legal representatives, Mr M. Ekimdzhiev and Ms G. Chernicherska, submitting receipts for postage and a contract for translation substantiating their claim in the amount of EUR 926.66.

134. The Government contested the claims.

135. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum.

136. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court considers that the amounts paid by each group of applicants for legal representation were reasonable. It thus awards EUR 490 to each group in respect of which it found a violation of Article 1 of Protocol No. 1. It sees no justification for making an award to applicants nos. 26-31 in respect of whom the application was struck out of the list, as per Rule 43 § 4 of the Rules of Court. The global award thus made is EUR 8,820 (18 groups of applicants). The Court awards in addition the EUR 926.66 paid for postage and translation, to be transferred, as requested by the applicants, directly to their legal representatives. Lastly, the Court rejects the claims for other costs and expenses in the domestic proceedings, as it has not been shown that these costs and expenses were necessary for the prevention of the violation of the applicants’ rights or related to any compensation on that account.

Default interest
137. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.

FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,

Decides to strike the application out of its list of cases in so far as applicants nos. 26-31 and 34-37 are concerned;
Declares the complaints concerning the duration of the restitution procedures and the prolonged uncertainty, apart from those of applicants nos. 14, 90-102 and 131-33 (as concerns the latter group, in respect of the plots of land subject to a 1995 decision of the land commission) admissible, and the remainder of the application inadmissible;
Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on the ground of the lengthy duration of the restitution procedures and the prolonged uncertainty the applicants concerned were placed in;
Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Bulgarian levs at the rate applicable at the date of settlement:

(i) the amounts below, plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage, jointly to each group of applicants, to be distributed in accordance with the applicants’ inheritance shares or the shares of the heirs of the applicants who passed away after the lodging of the application:

- applicants nos. 1-9 – EUR 2,500 (two thousand five hundred euros);

- applicants nos. 10-13 – EUR 1,500 (one thousand five hundred euros);

- applicants nos. 15-25 – EUR 2,000 (two thousand euros);

- applicants nos. 32-33 – EUR 2,000 (two thousand euros);

- applicants nos. 38-43 – EUR 3,000 (three thousand euros);

- applicants nos. 44-60 – EUR 1,500 (one thousand five hundred euros);

- applicants nos. 34, 37 and 61-67 – EUR 2,000 (two thousand euros);

- applicants nos. 68-82 – EUR 3,000 (three thousand euros);

- applicants nos. 83-87 – EUR 2,000 (two thousand euros);

- applicants nos. 88-89 – EUR 1,500 (one thousand five hundred euros);

- applicants nos. 103-08 – EUR 2,000 (two thousand euros);

- applicants nos. 109-16 – EUR 2,500 (two thousand five hundred euros);

- applicants nos. 117-20 – EUR 2,000 (two thousand euros);

- applicants nos. 121-30 – EUR 1,500 (one thousand five hundred euros);

- applicants nos. 131-33 – EUR 2,500 (two thousand five hundred euros);

- applicants nos. 135-39 – EUR 3,000 (three thousand euros);

- applicants nos. 140-46 – EUR 2,000 (two thousand euros);

- applicant no. 147 – EUR 2,000 (two thousand euros);

(ii) EUR 490 (four hundred and ninety euros) jointly to each group of applicants in respect of which a violation of Article 1 of Protocol No. 1 was found (EUR 8,820 (eight thousand eight hundred and twenty euros) in total), and an additional EUR 926.66 (nine hundred and twenty-six euros and sixty-six cents), to be paid directly to the applicants’ legal representatives, plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of costs and expenses;

(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 12 December 2019, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.

Milan BlaškoAngelika Nußberger
Deputy RegistrarPresident



APPENDIX

No.

Applicant’s Name

Birth date

Nationality

Place of residence

1

Lyubka Todorova ZIKATANOVA

07/01/1960

Bulgarian

Sofia

2

Dimitar Ivanov DIMITROV

26/07/1983

Bulgarian

Sofia

3

Gabriela Ivanova DIMITROVA

13/03/1981

Bulgarian

Sofia

4

Neli Todorova LAZOVA

19/05/1955

Bulgarian

Sofia

5

Georgi Ivanov STOYANOV

24/09/1976

Bulgarian

Sofia

6

Vladimir Ivanov STOYANOV

10/01/1970

Bulgarian

Sofia

7

Maria Naydenova PETROVA

Date of demise: 19 June 2014

Heirs: Neli Todorova Lazova, Lyubka Todorova Zikatanova

08/04/1931

Bulgarian

8

Ivan Dimitrov SPASOV

20/01/1956

Bulgarian

Sofia

9

Nadezhda Vasileva STOYANOVA

28/12/1952

Bulgarian

Sofia

10

Angel Slavchev GEOREV

16/07/1955

Bulgarian

Sofia

11

Ivan Stoynov GEOREV

Date of demise: 20 July 2013

Heirs: Vasil Ivanov Stoynov (died, heirs: Stefanka Georgieva Stoynova and Elena Vasileva Stoynova), Nikolay Ivanov Stoynov

10/12/1925

Bulgarian

12

Tsvetanka Tsvetkova GEOREVA

Date of demise: 19 November 2013

Heirs: Angel Slavchev Georev, Snezhanka Slavcheva Georeva-Spirova

27/10/1933

Bulgarian

13

Snezhanka Slavcheva GEOREVA-SPIROVA

09/12/1958

Bulgarian

Sofia

14

Angelina Angelova HRISTOVA

Date of demise: 22 May 2011

01/08/1946

Bulgarian

15

Nikolina Petkova GYUROVA

13/06/1943

Bulgarian

Sofia

16

Gerginka Vasileva IVANOVA

Date of demise: 19 November 2014

Heirs: Trayan Blagoev Ivanov,

Dimitar Blagoev Ivanov

27/02/1929

Bulgarian

17

Petrana Simeonova IVANOVA

01/07/1946

Bulgarian

Sofia

18

Iglika Simeonova NIKOLOVA

Date of demise: 1 November 2018

Heirs: Daniela Georgieva Nikolova,

Sonya Georgieva Stancheva

06/04/1948

Bulgarian

19

Krastina Petkova SPASOVA

22/04/1950

Bulgarian

Sofia

20

Vasilka Petkova TSVETKOVA

20/10/1933

Bulgarian

Sofia

21

Veronika Ventsislavova VELICHKOVA

23/07/1982

Bulgarian

Sofia

22

Yuliyan Filipov VASILEV

29/05/1962

Bulgarian

Sofia

23

Eleonora Tsvetanova VASILEVA

04/06/1937

Bulgarian

Sofia

24

Eleonora Ventsislavova VASILEVA

24/08/1987

Bulgarian

Sofia

25

Krasa Petkova VLACHKOVA

22/04/1950

Bulgarian

Sofia

26

Margarita Trayanova DIMITROVA

22/07/1954

Bulgarian

Sofia

27

Nikola Trayanov SERAFIMOV

Date of demise: 19 September 2015

Heirs: Vishnya Raycheva

Serafimova, Tsvetelina Nikolova

Pandilova, Rositsa Nikolova Serafimova

17/10/1948

Bulgarian

28

Kiro Galabinov KOLEV

Date of demise: 6 July 2015

Heirs: Rumyana Kirilova Koleva,

Zorka Angelova Koleva

01/06/1940

Bulgarian

29

Radka Nikolova MILANOVA

16/03/1941

Bulgarian

Sofia

30

Lyubomir Galabinov MISHEV

26/07/1937

Bulgarian

Sofia

31

Anton Vasilev MOMCHILOV

Date of demise: 25 May 2017

Heirs: Svetla Vasileva Momchilova, Penka Vasileva Momchilova

21/12/1956

Bulgarian

32

Varadinka Pavlova TASEVA

Date of demise: 20 February 2017

Heirs: Dimitar Tsvetanov Dimitrov, Pavlinka Tsvetanova Krasteva

25/09/1927

Bulgarian

33

Dimitar Pavlov TOSHKOV

Date of demise: 21 December 2014

Heirs: Lidiya Dimitrova Lagadova,

Toshko Dimitrov Pavlov

15/08/1921

Bulgarian

34

Ginka Stoyanova KIROVA

21/01/1951

Bulgarian

Sofia

35

Nayden Iliev NAYDENOV

29/05/1950

Bulgarian

Sofia

36

Trayan Iliev VARADINOV

19/06/1954

Bulgarian

Sofia

37

Varadin Stoyanov VARADINOV

15/12/1953

Bulgarian

Sofia

38

Ivo Georgiev YANKOV

08/05/1950

Bulgarian

Sofia

39

Yordan Georgiev STOYANOV

Date of demise: 30 April 2012

Heir: Ivo Georgiev Yankov

04/01/1954

Bulgarian

40

Aneta Filipova LUKOVA

17/09/1962

Bulgarian

Sofia

41

Toshko Borisov MIHAYLOV

17/03/1959

Bulgarian

Sofia

42

Lilia Krasteva FILIPOVA

Date of demise: 2 September 2012

Heirs: Aneta Filipova Lukova, Desislava Filipova Kyoseva

21/11/1942

Bulgarian

43

Desislava Filipova KYOSEVA

02/07/1967

Bulgarian

Sofia

44

Georgi Yankov ANDREEV

02/08/1957

Bulgarian

Krivina

45

Yuriy Yankov ANDREEV

16/12/1965

Bulgarian

Krivina

46

Vanya Tsvetanova DIMITROVA

04/07/1966

Bulgarian

Sofia

47

Nadya Dimitrova HRISTOVA

31/01/1958

Bulgarian

Sofia

48

Stefanka Georgieva HRISTOVA

29/12/1957

Bulgarian

Sofia

49

Kiril Filipov IGNATOV

Date of demise: 19 November 2012

Heir: Stefcho Filipov Ignatov

16/02/1945

Bulgarian

50

Stefcho Filipov IGNATOV

01/11/1948

Bulgarian

Sofia

51

Milena Sotirova SOTIROVA

09/11/1973

Bulgarian

Sofia

52

Biser Tsvetanov ILIEV

03/10/1977

Bulgarian

Sofia

53

Georgi Tsvetanov ILIEV

13/07/1974

Bulgarian

Sofia

54

Ognyan Angelov MINOV

25/05/1953

Bulgarian

Sofia

55

Hristina Petrova NIKOLOVA

05/09/1961

Bulgarian

Sofia

56

Petar Radev PENEV

Date of demise: 3 May 2015

Heirs: Lyubka Kamenova Peneva, Ivaylo Petrov Radev, Kamelia Petrova Radeva

21/04/1940

Bulgarian

57

Valentin Tsvetanov PENEV

28/06/1971

Bulgarian

Sofia

58

Tsveta Valkova PENEVA

25/02/1943

Bulgarian

Sofia

59

Lyuben Angelov STOYNOV

Date of demise: 5 May 2015

Heirs: Anton Lyubenov Stoynov, Mariana Lyubenova Koller

12/03/1950

Bulgarian

60

Ventsislav Petrov YANKOV

30/09/1964

Bulgarian

Sofia

61

Dimitar Ivanov DENCHEV

27/05/1946

Bulgarian

Sofia

62

Petya Dimitrova GOSPODINOVA

25/02/1972

Bulgarian

Sofia

63

Damyan Lazarov KOSTADINOV

Date of demise: 28 February 2017

Heirs: Plamen Vikentiev Vikentiev, Nikolay Vikentiev Vikentiev

08/03/1930

Bulgarian

64

Nikolinka Nikolova NIKOLOVA

30/08/1958

Bulgarian

Sofia

65

Nikolay Vikentiev VIKENTIEV

19/12/1965

Bulgarian

Sofia

66

Plamen Vikentiev VIKENTIEV

25/05/1963

Bulgarian

Sofia

67

Krastana Stoynova YAKIMOVA

Date of demise: 10 July 2012

Heirs: Plamen Vikentiev Vikentiev, Nikolay Vikentiev Vikentiev

10/09/1926

Bulgarian

68

Kalionka Naydenova KOTSEVA

05/01/1935

Bulgarian

Sofia

69

Margarita Raykova DIMITROVA

22/09/1964

Bulgarian

Sofia

70

Deyanka Dimitrova DOBREVA

25/02/1941

Bulgarian

Sofia

71

Rubinka Ilieva DONEVA

08/09/1940

Bulgarian

Sofia

72

Iliya Milanov ILIEV

01/12/1960

Bulgarian

Sofia

73

Valeri Milanov ILIEV

Date of demise: 26 February 2018

Heir: Stanislav Valeriev Iliev

12/05/1968

Bulgarian

74

Stefka Dimitrova IVANOVA

03/12/1938

Bulgarian

Sofia

75

Edita Dimitrova PETKOVA

18/02/1953

Bulgarian

Sofia

76

Petar Iliev SPASOV

Date of demise: 29 April 2013

Heirs: Gyurgia Georgieva Spasova, Petar Petrov Iliev, Daniela Kostadinova Leshteva, Antoniy Kostadinov Iliev

14/06/1929

Bulgarian

77

Velin Iliev SPASOV

19/03/1933

Bulgarian

Novi Iskar

78

Eleonora Georgieva SPASOVA

08/02/1938

Bulgarian

Sofia

79

Vladimirka Stamenova SPASOVA

10/02/1941

Bulgarian

Sofia

80

Natalia Raykova PETROVA

27/09/1959

Bulgarian

Sofia

81

Vasilka Georgieva STOYANOVA

23/12/1943

Bulgarian

Sofia

82

Ivanka Dimitrova STOYNEVA

Date of demise: 17 December 2013

Heir: Iskra Trayanova Taseva

15/01/1935

Bulgarian

83

Maria Ivanova YASHEVA

Date of demise: 19 July 2011

Heirs: Zoya Petrova Pandurska, Emil Petrov Yashev

11/08/1931

Bulgarian

84

Stefan Ivanov GEORGIEV

Date of demise: 16 December 2013

Heirs: Kata Ilieva Georgieva, Ivan Stefanov Ivanov, Iliyan Stefanov Ivanov

01/09/1935

Bulgarian

Sofia

85

Kata Ilieva GEORGIEVA

12/02/1938

Bulgarian

Sofia

86

Iliyan Stefanov IVANOV

03/02/1976

Bulgarian

Sofia

87

Ivan Stefanov IVANOV

20/03/1974

Bulgarian

Sofia

88

Tsvetanka Georgieva BACHEVA

12/10/1942

Bulgarian

Sofia

89

Dimitar Georgiev ALEKSANDROV

15/04/1945

Bulgarian

Sofia

90

Mariana Ivanova ATANASOVA

09/12/1962

Bulgarian

Sofia

91

Stoyanka Dimitrova CHIREPSKA

Date of demise: 27 December 2011

Heirs: Tsvetanka Georgieva Kavaleto, Stefanka Georgieva Stoynova, Slavka Georgieva Dimitrova

30/08/1921

Bulgarian

92

Valentina Filipova KISOVA

28/04/1948

Bulgarian

Sofia

93

Petranka Kircheva DIMITROVA

02/06/1952

Bulgarian

Sofia

94

Dimitar Kirchev DIMITROV

27/06/1950

Bulgarian

Sofia

95

Dimitar Filipov MLADENOV

08/06/1953

Bulgarian

Sofia

96

Emil Ivanov MLADENOV

14/08/1960

Bulgarian

Sofia

97

Kostadin Blagoychev MLADENOV

23/09/1960

Bulgarian

Sofia

98

Stefan Blagoychev MLADENOV

02/10/1959

Bulgarian

Sofia

99

Yordan Ivanov MLADENOV

19/01/1959

Bulgarian

Sofia

100

Deyanka Dimitrova STOYANOVA

14/04/1935

Bulgarian

Sofia

101

Stoyanka Dimitrova MLADENOVA

13/06/1933

Bulgarian

Sofia

102

Gyurgena Traykova MLADENOVA

Date of demise: 20 January 2011

16/04/1936

Bulgarian

103

Gergina Pavlova ZAREVA

20/02/1949

Bulgarian

Sofia

104

Kapka Stefanova PESHEVA

22/02/1964

Bulgarian

Sofia

105

Margaritka Pavlova ANDREEVA

15/06/1938

Bulgarian

Sofia

106

Metodi Yordanov ANDREEV

22/03/1965

Bulgarian

Sofia

107

Elena Yaneva ANDREEVA

21/12/1944

Bulgarian

Sofia

108

Paulina Yordanova MIHAYLOVA

30/11/1961

Bulgarian

Sofia

109

Selimka Stoimenova TRAYKOVA

Date of demise: 6 December 2014

Heir: Krasimir Ivanov Traykov

17/09/1931

Bulgarian

110

Lyudmil Angelov ANGELKOV

Date of demise: 18 August 2015

Heirs: Violeta Koeva Angelkova, Silviya Lyudmilova Angelkova, Rosen Lyudmilov Angelkov

18/06/1959

Bulgarian

111

Nikolay Angelov ANGELKOV

Date of demise: 26 January 2019

Heirs: Sonya Tsvetanova Angelkova, Tsvetelina Nikolaeva Angelkova

28/05/1965

Bulgarian

112

Tsvetanka Nikolova ANGELKOVA

02/11/1938

Bulgarian

Sofia

113

Zlatko Ivanov ANGELOV

17/06/1951

Bulgarian

Sofia

114

Stoimen Tsvetanov STOIMENOV

17/05/1948

Bulgarian

Sofia

115

Todorka Tsvetanova STOIMENOVA

12/10/1946

Bulgarian

Sofia

116

Kapka Ivanova IVANOVA

Date of demise: 13 July 2013

Heir: Viktor Ivanov Ivanov

29/05/1957

Bulgarian

117

Borislav Georgiev MLADENOV

07/05/1964

Bulgarian

Sofia

118

Ivanka Borisova YANKOVA

02/11/1932

Bulgarian

Sofia

119

Emilia Georgieva TERZIEVA

13/10/1962

Bulgarian

Sofia

120

Zlatka Borisova TODOROVA

23/08/1942

Bulgarian

Sofia

121

Dimitar Manolov ANGELOV

22/09/1947

Bulgarian

Sofia

122

Iliyana Borchova ANDREEVA

01/08/1966

Bulgarian

Sofia

123

Evgeni Borchov IVANOV

30/11/1978

Bulgarian

Sofia

124

Elena Petrova IVANOVA

19/06/1973

Bulgarian

Sofia

125

Gergina Stoilova IVANOVA

05/05/1942

Bulgarian

Sofia

126

Rayna Vladimirova IVANOVA

03/08/1944

Bulgarian

Sofia

127

Nikolay Dimitrov MANOLOV

19/12/1972

Bulgarian

Sofia

128

Rumyana Dimitrova MILANOVA

01/06/1978

Bulgarian

Sofia

129

Vanya Borchova TRAYKOVA

30/10/1969

Bulgarian

Sofia

130

Violeta Petrova VASILEVA

26/02/1976

Bulgarian

Sofia

131

Detelinka Stefanova SOTIROVA

Date of demise: 15 June 2013

Heirs: Gavril Zlatkov Sotirov, Zlatka Gavrilova Sotirova, Rositsa Gavrilova Sotirova

11/02/1938

Bulgarian

132

Detelina Aleksandrova BOYCHEVA

23/04/1962

Bulgarian

Sofia

133

Stefan Aleksandrov TSVETANOV

27/11/1964

Bulgarian

Sofia

134

Stefan Nenkov STOYANOV

Date of demise: 28 July 2015

Heirs: Yordanka Asenova Stoyanova, Rositsa Stefanova Nenkova-Nedyalkova, Ivaylo Stefanov Nenkov

27/04/1943

Bulgarian

135

Stoyan Nenkov STOYANOV

23/12/1948

Bulgarian

Buhovo

136

Krasimira Angelova STOYANOVA

27/09/1952

Bulgarian

Sofia

137

Valentina Angelova STOYANOVA

22/11/1956

Bulgarian

Sofia

138

Maria Ivanova TOMEVA

01/06/1932

Bulgarian

Sofia

139

Nikolina Nenkova STOIMCHEVA

08/11/1944

Bulgarian

Sofia

140

Lyudmila Petrova NIKOLOVA

01/10/1951

Bulgarian

Sofia

141

Nikolina Tsvetanova DIMITROVA

08/03/1947

Bulgarian

Sofia

142

Yanka Kirilova DERVENSKA

07/06/1951

Bulgarian

Sofia

143

Iliyan Metodiev NIKOLOV

22/10/1974

Bulgarian

Sofia

144

Kiril Tsvetanov NIKOLOV

18/05/1951

Bulgarian

Sofia

145

Tsvetan Metodiev NIKOLOV

13/06/1973

Bulgarian

Sofia

146

Petar Kirilov STOYANOV

12/07/1957

Bulgarian

Sofia

147

Naydenka Zaharieva DONKOVA

Date of demise: 1 November 2014

Heirs: Vasilka Todorova Atanasova,

Diana Todorova Donkova

18/02/1934

Bulgarian




TESTO TRADOTTO

QUINTA SEZIONE



CASO DI ZIKATANOVA E ALTRI v. BULGARIA

(Applicazione n. 45806/11)

Art. 1 P1 - Godimento pacifico dei beni - Assenza di "legittimo affidamento" alla restituzione in natura - Lunghi e ingiustificati ritardi nei procedimenti di restituzione dei terreni agricoli - Prolungata incertezza sull'esatta portata del diritto alla restituzione



STRASBURGO

12 dicembre 2019

Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze previste dall'articolo 44 § 2 della Convenzione. Essa può essere soggetta a revisione editoriale.

Nel caso di Zikatanova e altri contro la Bulgaria,

La Corte europea dei diritti dell'uomo (Quinta Sezione), che si riunisce come Sezione composta da:

Angelika Nußberger, Presidente,
Ganna Yudkivska,
Yonko Grozev,
Síofra O'Leary,
M?rti?š Mits,
L?tif Hüseynov,
Lado Chanturia, giudici,
e Milan Blaško, vice cancelliere di sezione,

Avendo deliberato in privato il 19 novembre 2019,

Emette la seguente sentenza, che è stata adottata in tale data:

PROCEDURA

1. La causa ha avuto origine da un'istanza (n. 45806/11) presentata alla Corte, ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione"), da centoquarantasette cittadini bulgari ("i ricorrenti") il 15 luglio 2011. Alcuni dei ricorrenti sono deceduti dopo la presentazione della domanda e i loro eredi hanno espresso il desiderio di proseguire il procedimento in loro vece. L'elenco dei ricorrenti, con l'indicazione degli eredi di coloro che sono deceduti, è riportato in appendice.
2. I ricorrenti erano rappresentati dal sig. M. Ekimdzhiev e dalla sig.ra G. Chernicherska, avvocati che esercitano a Plovdiv. Il governo bulgaro (in prosieguo: il "governo") era rappresentato dai loro agenti, sig.ra I. Stancheva-Chinova e sig.ra I. Nedyalkova, del Ministero della Giustizia.
3. I ricorrenti, che avevano avviato un procedimento di restituzione della proprietà, si sono lamentati, basandosi sull'articolo 1 del Protocollo n. 1 e sull'articolo 13 della Convenzione, dell'impossibilità di ottenere la restituzione in natura e della prolungata incertezza nella risoluzione delle loro richieste di restituzione.
4. Il 5 luglio 2018 il Governo è stato informato della domanda, per quanto riguarda i ricorrenti elencati in appendice, mentre le denunce di altri ricorrenti iniziali sono state dichiarate inammissibili ai sensi dell'articolo 54 § 3 del Regolamento della Corte.

I FATTI

LE CIRCOSTANZE DEL CASO
Fatti comuni a tutti i richiedenti
5. Gli antenati dei richiedenti possedevano appezzamenti di terreno agricolo nella periferia di Sofia, in una zona chiamata Vrazhdebna. Negli anni '50 il terreno è stato incorporato in una cooperativa agricola.

6. Nel 1960 lo Stato espropriò parte dei terreni utilizzati dalla cooperativa. Il terreno, di circa 350.000 metri quadrati, è stato registrato come proprietà dello Stato nel 1970. Su quel terreno il Ministero della Pubblica Istruzione ha creato, e successivamente gestito, un campo sperimentale per studenti e tirocinanti agrobiologi. Negli anni '60 e '70 sono stati costruiti sul terreno edifici, strade, impianti di irrigazione e altre infrastrutture.
7. Nel 1998 il Ministro della Pubblica Istruzione ha concesso l'uso del campo all'Università forestale di Sofia.
8. Nel frattempo, nel 1991 il Parlamento ha promulgato la legge sui terreni agricoli (di seguito "la legge del 1991", cfr. paragrafo 46). In diverse date successive i richiedenti hanno chiesto la restituzione dei terreni dei loro antenati. Le singole procedure di restituzione, la maggior parte delle quali non si sono ancora concluse, sono descritte più dettagliatamente nei paragrafi 17-45 che seguono.
9. Nel 1999 il Ministero dell'Agricoltura ha proposto che circa 63.000 metri quadrati del territorio del campo sperimentale siano riservati all'Università di Scienze Forestali e che il resto sia utilizzato per soddisfare le richieste di restituzione degli ex proprietari di terreni dell'area. Nel 2001, su iniziativa del Ministero dell'Agricoltura, il Governatore regionale di Sofia propose al Consiglio dei Ministri (il Governo) di annullare la sua decisione del 1960 relativa all'esproprio dei terreni (cfr. paragrafo 6), in quanto tale decisione era considerata un ostacolo al completamento delle procedure di restituzione. La proposta non è mai stata esaminata dal Governo.
10. Nel 1999 è stato adottato un piano di ridistribuzione dei terreni per Vrazhdebna (riguardante terreni non compresi nel territorio del campo sperimentale) (su tali piani si veda il successivo paragrafo 48).
11. Nel 2008 il ministro della Pubblica istruzione ha nuovamente concesso all'Università forestale il diritto di utilizzare e gestire il campo sperimentale e ha avviato una procedura per la registrazione di tale terreno come proprietà pubblica dello Stato.
12. Nel 2010 il Dipartimento agricolo della Kremikovtsi (di seguito "il Dipartimento agricolo") ha ritenuto che il terreno in questione fosse utilizzato "in modo inefficace" dall'Università. Ha ribadito la sua proposta che, oltre ai 63.000 metri quadrati necessari per il campo sperimentale, il resto del terreno dovrebbe essere soggetto a restituzione.
13. Nel 2011 il Ministro della Pubblica Istruzione ha inviato una lettera al Ministro dell'Agricoltura, spiegando che la totalità del terreno è stata utilizzata come campo sperimentale e insistendo affinché le decisioni di restituzione relative al territorio del campo siano riesaminate.
14. Il 18 marzo 2014 l'appezzamento di terreno, con una superficie di 340.959 metri quadrati, è stato inserito dal governatore regionale di Sofia nell'elenco delle proprietà pubbliche dello Stato.
15. Nel 2017 il Dipartimento dell'Agricoltura ha incaricato i richiedenti di presentare le richieste di restituzione in natura dei loro appezzamenti.
16. Nell'ottobre 2018 alcuni dei ricorrenti hanno presentato un ricorso contro lo Stato, contestando la registrazione del terreno del campo sperimentale come proprietà pubblica dello Stato, e chiedendo una dichiarazione giudiziaria che il terreno non fosse tale proprietà. La Corte non è stata informata dello svolgimento di questo procedimento.
Procedimento di restituzione individuale
Richiedenti n. 1-9
17. In una decisione del 18 maggio 1994 la commissione fondiaria Kremikovtsi (di seguito "la commissione fondiaria", dopo il 2002 rinominata Dipartimento Agricoltura, vedi paragrafo 59) ha rifiutato la restituzione di un appezzamento di terreno. Dopo che i richiedenti n. 1-9 hanno chiesto il controllo giurisdizionale, tale decisione è stata annullata il 26 maggio 1995 dal tribunale distrettuale di Sofia, che ha ritenuto sufficientemente accertato che l'antenato dei richiedenti era il proprietario dell'appezzamento e che il terreno era stato incluso nella cooperativa agricola. Di conseguenza, ha dichiarato di aver "ripristinato" i diritti dei ricorrenti sull'appezzamento "attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni".
18. Ciononostante, in una successiva decisione del 19 giugno 1995, la commissione fondiaria ha dichiarato che i ricorrenti avrebbero ricevuto un indennizzo in sostituzione della restituzione. Tale decisione è stata notificata ai ricorrenti.
19. I ricorrenti non si sono opposti al piano di ridistribuzione dei terreni per Vrazhdebna adottato nel 1999 (cfr. paragrafo 10).
20. Nel 2006 hanno chiesto una dichiarazione giudiziale di nullità della decisione del 19 giugno 1995. Tale dichiarazione è stata resa in una sentenza del tribunale distrettuale di Sofia del 4 luglio 2007, che ha ritenuto che la decisione impugnata contraddiceva la precedente sentenza del 26 maggio 1995.
21. Nel 2017 i ricorrenti hanno presentato una richiesta di restituzione in natura (cfr. paragrafo 15). In una decisione del 18 gennaio 2018 il Dipartimento dell'Agricoltura ha rifiutato tale restituzione, rilevando che i terreni da loro rivendicati erano considerati di proprietà dello Stato e ha ritenuto che i richiedenti avessero diritto a un risarcimento. I ricorrenti hanno chiesto il controllo giurisdizionale. Il procedimento da loro avviato è ancora in corso.

I richiedenti nn. 10-25, 34, 37 e 44-67
22. Per quanto riguarda le domande di restituzione dei ricorrenti nn. 34, 37 e 61-67, prima del 2010 la Commissione fondiaria, successivamente Dipartimento Agricoltura, ha emesso diverse decisioni, che sono state annullate o dichiarate nulle dai tribunali competenti su istanza dei ricorrenti. Infine, il loro diritto alla restituzione in natura è stato riconosciuto con decisione del Dipartimento dell'Agricoltura del 16 dicembre 2010.
23. Nel 2005-2006 i richiedenti nn. 10-25 e 44-60 hanno avviato un procedimento contro il Dipartimento dell'Agricoltura ai sensi dell'articolo 11, paragrafo 2, della legge del 1991 (cfr. paragrafo 53), chiedendo una dichiarazione che attesti il loro diritto alla restituzione di diversi appezzamenti di terreno. Le loro richieste sono state accolte nelle sentenze del tribunale distrettuale di Sofia, che ha riconosciuto i diritti di restituzione dei richiedenti. Successivamente, nelle decisioni emesse nel 2006 e nel 2007, anche il Dipartimento dell'agricoltura ha fornito tale riconoscimento.
24. Nel 2017 i richiedenti hanno presentato richieste di restituzione in natura (cfr. paragrafo 15). In quattro decisioni dell'11 e del 18 gennaio 2018 il Dipartimento dell'Agricoltura ha rifiutato tale restituzione, rilevando che i terreni in questione erano considerati di proprietà dello Stato e ha ritenuto che i richiedenti avessero diritto a un risarcimento in sostituzione della restituzione. I ricorrenti hanno chiesto il controllo giurisdizionale. Il procedimento è ancora pendente.
25. In uno dei casi (proposto dai ricorrenti nn. 44-60), con sentenza dell'8 gennaio 2019, il Tribunale di Sofia ha respinto la domanda di controllo giurisdizionale, ritenendo che le precedenti decisioni giudiziarie e amministrative non avessero ordinato la restituzione in natura e non potessero dar luogo a titoli di proprietà, ma che contenessero un riconoscimento generale del diritto alla restituzione dei ricorrenti. La decisione impugnata del Dipartimento dell'Agricoltura aveva determinato le modalità di completamento della procedura di restituzione, in particolare attraverso la concessione di un risarcimento. La restituzione in natura dei terreni rivendicati dai richiedenti era impossibile, in particolare a causa dei requisiti dell'articolo 24(2) della legge del 1991 (cfr. paragrafo 49).
26. In una data non specificata i richiedenti hanno presentato ricorso contro tale sentenza.
I richiedenti nn. 68-82, 103-16, 121-30 e 147
27. Nel 2007 i richiedenti n. 121-30 hanno presentato un ricorso contro il Dipartimento dell'Agricoltura ai sensi dell'articolo 11, paragrafo 2, della legge del 1991 e il loro diritto alla restituzione è stato riconosciuto con sentenza del 7 marzo 2008 del tribunale della città di Sofia. In una successiva decisione del 17 maggio 2008, non impugnata e divenuta definitiva, anche il Dipartimento dell'Agricoltura ha riconosciuto il diritto di restituzione dei ricorrenti, affermando espressamente che una parte dell'appezzamento da loro rivendicato non poteva essere oggetto di restituzione in natura in quanto rientrava nel territorio del campo sperimentale.

28. Per quanto riguarda i richiedenti n. 103-08, il 9 marzo 1999 la commissione fondiaria ha dichiarato di avere diritto ad un indennizzo in sostituzione della restituzione. In un'altra decisione presentata dai ricorrenti, datata 20 febbraio 2001, essa ha riconosciuto, in linea di principio, il loro diritto alla restituzione in natura. Il Governo contestava l'autenticità di quest'ultima decisione, in quanto un originale di tale decisione non era stato trovato negli archivi del Dipartimento dell'Agricoltura, e la decisione con numero e data corrispondenti riguardava diversi appezzamenti.
29. Il diritto dei ricorrenti nn. 68-82, 109-16 e 147 alla restituzione di diversi appezzamenti di terreno a Vrazhdebna è stato riconosciuto con decisioni della commissione fondiaria (rispettivamente del Dipartimento dell'Agricoltura) emesse in date diverse nel 1999 e nel 2010-11.
30. Nel 2017 i richiedenti hanno presentato richieste di restituzione in natura (cfr. paragrafo 15). Con lettere inviate alla fine del 2017 e all'inizio del 2018 il Dipartimento dell'Agricoltura li ha informati che dovevano presentare i piani catastali delle parcelle da loro rivendicate - documenti che i richiedenti sostengono di non essere in grado di ottenere. Lo svolgimento delle procedure di restituzione dopo tale data non è chiaro.
I richiedenti nn. 83-89
31. Nel 2006 e nel 2007 i ricorrenti nn. 83-89 hanno presentato un ricorso contro il Dipartimento dell'Agricoltura, ai sensi dell'articolo 11, paragrafo 2, della legge del 1991, chiedendo la dichiarazione che essi avevano diritto alla restituzione di diversi appezzamenti di terreno a Vrazhdebna. Le azioni sono state ammesse dai tribunali competenti nel 2006 e nel 2011.
32. Nel procedimento promosso dai ricorrenti nn. 83-87, con successiva decisione dell'11 gennaio 2018 il Dipartimento dell'Agricoltura ha rifiutato la restituzione in natura, rilevando che l'appezzamento di terreno da loro rivendicato era considerato di proprietà dello Stato, e ha ritenuto che i ricorrenti dovessero ricevere un indennizzo. Nel successivo procedimento di controllo giurisdizionale promosso dai ricorrenti, con sentenza del 27 dicembre 2018 il Tribunale di Sofia ha annullato la decisione impugnata, dichiarando che il Dipartimento dell'Agricoltura non aveva dimostrato la presenza di alcun impedimento alla restituzione in natura. Il Dipartimento ha presentato ricorso e il procedimento di appello è pendente.
33. Nel procedimento promosso dai ricorrenti nn. 88-89, il 2 agosto 2013 il Dipartimento dell'Agricoltura ha negato la restituzione in natura delle parcelle rivendicate, rilevando che il terreno rientrava nel territorio del campo sperimentale utilizzato dall'Università Forestale, e ha ritenuto che i ricorrenti avessero diritto ad un risarcimento. Nell'ambito del procedimento di riesame giudiziario promosso dai ricorrenti, tale decisione è stata annullata con sentenza definitiva del 29 maggio 2014 del Tribunale di Sofia, che ha rilevato che il Dipartimento dell'Agricoltura non aveva dimostrato la presenza di alcun impedimento alla restituzione in natura, in particolare in quanto non aveva presentato prove che dimostrassero che i terreni in questione rientrassero effettivamente nel territorio del campo sperimentale. Di conseguenza, il tribunale distrettuale di Sofia ha ritenuto che i diritti di proprietà dei ricorrenti dovessero essere ripristinati. Con successiva decisione del 26 settembre 2014, accompagnata da un piano catastale, il Dipartimento dell'Agricoltura ha inoltre disposto la restituzione in natura e nel 2016 i ricorrenti hanno ottenuto un atto notarile che li riconosce come proprietari. Tuttavia, non hanno potuto entrare in possesso del terreno, in quanto detenuto dall'Università di Scienze Forestali. Nel 2017 il registro fondiario di Sofia ha rifiutato di registrare il terreno come proprietà dei ricorrenti, prendendo atto della disputa immobiliare tra questi e l'Università e sottolineando che la decisione spettava ai tribunali civili.
I richiedenti nn. 32-33, 38-43, 117-20 e 140-46
34. Nelle sentenze pronunciate nel 1996-97 e nel 2006 il Tribunale distrettuale di Sofia ha riconosciuto il diritto dei richiedenti n. 32-33, 117-20 e 140-46 alla restituzione di diversi appezzamenti di terreno a Vrazhdebna. In ulteriori decisioni emesse in date diverse tra il 1999 e il 2017 la commissione fondiaria, rispettivamente il Dipartimento dell'Agricoltura, ha rifiutato la restituzione in natura degli appezzamenti in questione e ha ritenuto che i richiedenti dovessero ricevere un risarcimento. I ricorrenti non hanno chiesto il controllo giurisdizionale delle rispettive decisioni, che sono entrate in vigore.
35. Per quanto riguarda i ricorrenti nn. 38-43, la commissione fondiaria ha rifiutato la restituzione in natura e ha ritenuto che essi avrebbero ricevuto un risarcimento con decisione del 13 gennaio 1995. Su istanza dei ricorrenti, tale decisione è stata dichiarata nulla dal Tribunale distrettuale di Sofia il 19 novembre 2008. Successivamente, il 18 marzo 2009, il Dipartimento dell'Agricoltura ha nuovamente dichiarato che i ricorrenti avrebbero ricevuto un risarcimento. La domanda di riesame giurisdizionale di tale decisione presentata dai ricorrenti è stata dichiarata irricevibile nel 2011 e la decisione in questione è quindi entrata in vigore. I ricorrenti nn. 38-43 hanno inoltre presentato una decisione della commissione fondiaria del 4 marzo 1999, con la quale hanno ripristinato i loro diritti di proprietà sugli appezzamenti in questione. Il documento da loro inviato non reca le firme dei membri della commissione, ma reca la menzione manoscritta che si tratta di una copia valida, accompagnata dal timbro della commissione. Il Governo ha contestato l'autenticità del documento, affermando che non è stato possibile trovare una copia originale di tale decisione e che se tale decisione fosse stata emessa in modo valido, sarebbe stato inutile per i ricorrenti contestare il rifiuto iniziale della commissione del 13 gennaio 1995.
36. Nel 2001 la commissione fondiaria ha fissato il valore del risarcimento da fornire ai richiedenti nn. 140-46, e i richiedenti hanno fatto una dichiarazione sul loro mezzo di risarcimento preferito. Non è stata presa alcuna ulteriore decisione sul risarcimento loro dovuto. Né la commissione fondiaria (più tardi nel Dipartimento Agricoltura) ha preso alcuna decisione sul risarcimento da fornire ai richiedenti nn. 32-33, 38-43 e 117-20.

I richiedenti nn. 134-39
37. I richiedenti n. 134-39 hanno presentato una copia della decisione del 23 marzo 1999, con l'intestazione e il timbro del Dipartimento dell'Agricoltura, in cui si dichiarava che i loro diritti di proprietà su diversi appezzamenti di terreno a Vrazhdebna venivano ripristinati. Gli appezzamenti non sono stati tuttavia identificati con le necessarie specifiche (cfr. paragrafo 55). Il documento presentato dai richiedenti non reca le firme dei membri del Dipartimento, ma reca la menzione manoscritta che si tratta di una copia valida, accompagnata dal timbro del Dipartimento. I richiedenti hanno dichiarato di non essere stati accompagnati da un piano catastale dell'appezzamento.
38. Il Governo ha contestato l'autenticità del documento di cui sopra, e ha presentato un'altra decisione della stessa data e recante lo stesso numero, emessa dalla commissione fondiaria e firmata dai suoi membri, rifiutando la restituzione in natura di alcuni degli appezzamenti rivendicati dai ricorrenti e dichiarando che i ricorrenti avrebbero ricevuto un risarcimento. Un'altra decisione analoga relativa ai restanti appezzamenti rivendicati dai ricorrenti era stata emessa il 12 gennaio 1995. Il Governo ha dichiarato che entrambe le decisioni da esso presentate erano entrate in vigore. I ricorrenti, da parte loro, hanno sostenuto di non essere mai stati informati di tali decisioni.
I richiedenti nn. 90-102 e 131-33
39. In diverse decisioni emesse nel 1995 la commissione fondiaria ha riconosciuto il diritto dei richiedenti n. 90-102 e 131-33 alla restituzione dei lotti di terreno a Vrazhdebna, sostenendo che tali lotti dovevano essere restituiti ai richiedenti attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni. I reclami dei ricorrenti riguardano solo alcuni di questi appezzamenti.
40. Nel 1999 è stato adottato un piano di ridistribuzione del terreno per l'area (cfr. paragrafo 10) e sono stati assegnati ai ricorrenti alcuni appezzamenti di terreno. I ricorrenti non hanno contestato il piano. Nelle loro osservazioni alla Corte hanno sostenuto che tale piano non riguardava gli appezzamenti oggetto delle presenti denunce.
41. Nel 2001 un'ulteriore decisione della commissione fondiaria ha stabilito che altri appezzamenti dovevano essere restituiti alle ricorrenti attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni n. 131-33.
42. Nel 2017 i ricorrenti n. 90-102 hanno presentato una richiesta di restituzione in natura dell'appezzamento oggetto dei loro reclami. In una lettera del 30 ottobre 2017 il Dipartimento dell'Agricoltura li ha incaricati di presentare un piano catastale di tale appezzamento - documento che essi sostengono di non poter ottenere.

I richiedenti nn. 26-31 e 34-37
43. Nelle decisioni emesse tra il 1994 e il 1999 la commissione fondiaria ha riconosciuto il diritto dei ricorrenti nn. 26-31 e 34-37 alla restituzione di diversi appezzamenti di terreno a Vrazhdebna, attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni.
44. Tale piano per l'area è stato adottato nel 1999 (cfr. paragrafo 10). In base ad esso, i lotti di terreno sono stati assegnati ai richiedenti. Nel dicembre 1999 i richiedenti hanno preso possesso dei loro terreni.

Tabella del procedimento
45. I singoli procedimenti sopra descritti sono inoltre presentati nella seguente tabella, che contiene anche dati aggiuntivi sulle dimensioni dei lotti rivendicati dai richiedenti:
Richiedenti n.
Dimensioni degli appezzamenti rivendicati, in metri quadrati
Date in cui il diritto di restituzione dei richiedenti è stato riconosciuto dalle autorità nazionali competenti
[...]

LA LEGISLAZIONE E LA PRASSI NAZIONALE IN MATERIA
46. La restituzione dei terreni agricoli è prevista dalla legge sui terreni agricoli del 1991 (????? ?? ????????????? ? ?????????? ?? ???????????? ???? - "la legge del 1991") e dai regolamenti sull'attuazione della legge sui terreni agricoli (????????? ?? ????????? ?? ?????? ?? ????????????? ? ?????????? ?? ???????????? ????, di seguito "i regolamenti").

Portata della restituzione
47. La legge del 1991 prevede, tra l'altro, che le persone, o i loro eredi, i cui terreni sono stati collettivizzati, possono chiedere il ripristino dei loro diritti di proprietà a determinate condizioni. Se la loro richiesta è accolta, possono ottenere la restituzione in natura o un risarcimento in sostituzione.
48. La restituzione in natura può avvenire "nei confini effettivi" ("? ????? ?????? ???????") - nei casi in cui i vecchi confini dell'appezzamento di terreno un tempo di proprietà del richiedente o dei suoi antenati sono conservati o rintracciabili (strade, recinzioni, argini dei fiumi, alberi e altri, che non sono cambiati dopo la collettivizzazione), o attraverso un cosiddetto piano di ridistribuzione della terra ("???? ?? ?????????????"). I piani di ridistribuzione dei terreni fissano nuovi confini degli appezzamenti da restituire, se possibile nell'area approssimativa in cui erano situati gli appezzamenti precedentemente posseduti (sezione 10a(2) della legge del 1991).
49. La legge del 1991 prevede diverse situazioni in cui la restituzione in natura ("nei confini effettivi" o attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni) non può essere effettuata e i ricorrenti devono ricevere un indennizzo in sostituzione. L'articolo 10, paragrafo 7, esclude la restituzione in natura in situazioni in cui terzi hanno costruito legalmente edifici in aree urbanizzate. Ai sensi dell'articolo 10b, paragrafo 1, il risarcimento è concesso anche nei casi in cui il terreno è stato preso da un "complesso di opere edilizie" (???????????). I tribunali nazionali hanno interpretato quest'ultimo termine in senso lato, considerandolo come comprendente qualsiasi costruzione o altra opera pubblica, indipendentemente dalla loro legittimità (??????? ? 77 ?? 9.03.2010 ?. ?? ??? ?? ??. ?. ? 4209/2008 ?., I ?. ?., ??; ??????? ? 70 ?? 22.06.2010 ?. ?? ??? ?? ??. ?. ? 674/2009 ?., I ?. ?., ??). Inoltre, ai sensi dell'articolo 24, paragrafi 2, 3 e 4, della legge del 1991, lo Stato conserva la proprietà dei terreni utilizzati per scopi quali l'istruzione, la scienza, gli studi archeologici e la difesa nazionale, nonché dei terreni inclusi in alcuni parchi e riserve nazionali. L'esistenza o meno dei suddetti ostacoli alla restituzione in natura deve essere valutata al momento dell'entrata in vigore della legge del 1991.
50. Inoltre, se i terreni disponibili per la ridistribuzione non sono sufficienti a soddisfare le richieste di restituzione di tutti gli ex proprietari, può essere concesso loro un indennizzo parziale (articolo 19, paragrafi 1 e 8, del regolamento). L'indennizzo deve essere concesso anche nei casi in cui un richiedente abbia presentato alla commissione fondiaria/del Dipartimento agricolo una sentenza del tribunale che riconosce il suo diritto alla restituzione attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni o una sentenza emessa nell'ambito della procedura di cui all'articolo 11(2) della legge del 1999 (cfr. paragrafo 53) dopo che è già stato elaborato un piano di ridistribuzione per l'area (articolo 11(4) della legge del 1991 e articolo 25(3) del regolamento).
51. Per quanto riguarda la compensazione in luogo della restituzione, essa può avvenire attraverso terreni di proprietà comunale comparabili, nella misura in cui tali terreni sono disponibili, o attraverso le cosiddette obbligazioni di compensazione.

Norme procedurali
52. Ai sensi dell'articolo 11, paragrafo 1, della legge del 1991, gli ex proprietari, o i loro eredi, possono avviare un procedimento amministrativo per la restituzione entro un periodo di diciassette mesi dall'entrata in vigore della legge. Essi dovevano presentare una richiesta di restituzione alla commissione fondiaria locale, che doveva stabilire se le condizioni legali per la restituzione erano soddisfatte e, in caso affermativo, emettere una decisione. Le decisioni favorevoli delle commissioni fondiarie non erano soggette a controllo giurisdizionale ed erano definitive, mentre le decisioni negative erano soggette a controllo giurisdizionale (sezione 14(3) della legge del 1991).

53. Le persone che chiedevano la restituzione dei terreni agricoli che non avevano rispettato il termine di diciassette mesi sopra indicato potevano presentare un ricorso per una sentenza dichiarativa contro la commissione fondiaria locale / Dipartimento agricolo (sezione 11(2) della legge del 1991). Tale possibilità esisteva fino al 2007. Quando i tribunali decidevano a favore dei ricorrenti, gli organi amministrativi erano tenuti a conformarsi e a emettere le decisioni necessarie.
54. È prassi consolidata delle commissioni fondiarie (dipartimenti agricoli) emettere diversi tipi di decisioni durante le diverse fasi del procedimento. Una prima decisione, basata di solito sulla semplice valutazione del fatto che i predecessori dei ricorrenti fossero i proprietari dei terreni in questione e che i terreni fossero inclusi in una cooperativa agricola, riconosce ai ricorrenti il diritto alla restituzione. Talvolta una tale decisione può anche affermare che la restituzione sarebbe stata effettuata attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni (articolo 14(1)(2) della legge del 1991). Decisioni di questo tipo non danno luogo ad alcun titolo di proprietà (??????? ? 11 ?? 06.02.1998 ?. ?? ??. ?. ? 1480/1997, ???, IV ??. ?.; ??????? ? 43 ?? 3.02.2010 ?. ?? ??-????????? ?? ?. ??. ?. ? 12/2010 ?.; ??????? ?? 20.12.2017 ?. ?? ??-????? ?? ?. ??. ?. ? 318/2017 ?.). Nella teoria giuridica sono state definite decisioni "di riconoscimento" (????????? ???????, ?????? ???????, ???? ????????, "?????? ????? ?? ???????????? ???? ? ???????? ????????", 2011, ???. 24-25). Anche le sentenze pronunciate in un procedimento ai sensi dell'articolo 11, paragrafo 2, della legge del 1991 possono avere solo effetto di "riconoscimento" (??????? ?? 20.12.2017 ?. ?? ??-????? ?? ?. ??. ?. ? 318/2017 ?.; ??????? ? 473 ?? 24.11.2014 ?. ?? ?? - ??????? ?? ??. ?. ? 235/2013 ?.).
55. Un'ulteriore decisione della commissione fondiaria (Dipartimento Agricoltura) ordina la restituzione "nei confini reali" o assegna agli ex proprietari specifici appezzamenti nell'ambito di un piano di ridistribuzione dei terreni. Tali decisioni - in grado di dare origine a diritti di proprietà e di completare la procedura di restituzione attraverso la restituzione in natura - sono state conosciute nella teoria giuridica come decisioni di "restauro". Una decisione di "restauro" deve indicare le specifiche dei terreni interessati, ossia la loro dimensione, la categoria, l'ubicazione e i confini. Tale decisione deve anche essere accompagnata da un piano catastale dei terreni. Se questi requisiti sono soddisfatti, la decisione in questione, dopo la sua entrata in vigore, funge da titolo di proprietà equivalente a un atto notarile (articoli 14(1)(1) e 17(1) della legge del 1991 e articoli 18g(1) e 27(1) e (3) del regolamento).
56. Tuttavia, anche se una tale decisione è stata emessa ed è entrata in vigore, essa può essere contestata da un terzo che abbia rivendicazioni concorrenti (non basate sulla restituzione) sullo stesso appezzamento di terreno, poiché la procedura ai sensi della legge del 1991 non consente la partecipazione di tale parte e le eventuali sentenze e decisioni emesse nel procedimento di restituzione non sono considerate per essa vincolanti. I tribunali nazionali che esaminano un tale credito di terzi esercitano il cosiddetto "controllo giurisdizionale indiretto" e riesaminano, alla luce delle nuove argomentazioni addotte, se sussistano i presupposti per la restituzione in natura (??????? ? 201 ?? 30.06.2010 ?. ?? ??? ?? ??. ?. ? 79/2009 ?., II ?. ?., ??; ??????? ? 250 ?? 8.05.2014 ?. ?? ??? ?? ??. ?. ? 3215/2013 ?., II ?. ?., ??; ulteriore giurisprudenza nazionale è citata nelle cause Sivova e Koleva c. Bulgaria, no. 30383/03, § 44, 15 novembre 2011).
57. Diverse decisioni sono inoltre adottate dalle commissioni fondiarie (Dipartimenti agricoli) per quanto riguarda l'assegnazione di un risarcimento in sostituzione della restituzione. Gli organi competenti stabiliscono il valore e il tipo di compensazione e, qualora la compensazione debba avvenire attraverso la messa a disposizione di altri terreni comparabili, selezionano e distribuiscono i rispettivi appezzamenti (articolo 19a della legge del 1991).
58. Le parti interessate possono contestare i piani di ridistribuzione dei terreni, dinanzi alla commissione fondiaria o ai tribunali, entro quattordici giorni dalla loro pubblicazione (articolo 25, paragrafi 2, 4 e 6 del regolamento).
59. Gli organi amministrativi competenti - le commissioni fondiarie, che erano succursali locali del ministero dell'Agricoltura - sono stati sostituiti nel 2002 con i dipartimenti agricoli.

Disposizioni pertinenti in materia di proprietà demaniale
60. Ai sensi dell'articolo 7, paragrafo 1, della legge sulla proprietà dello Stato (????? ?? ?????????? ???????????), la proprietà pubblica dello Stato non può essere trasferita a privati.
61. Le iscrizioni nell'elenco dei beni di proprietà dello Stato, che devono essere effettuate dai governatori regionali, non danno di per sé luogo a diritti di proprietà per lo Stato (articolo 5, paragrafo 3, della legge sul patrimonio dello Stato). Qualsiasi controversia in materia di proprietà deve essere determinata dai tribunali (articolo 79(3) della legge).

LA LEGGE
DOMANDE PRELIMINARI
Ritiro dei reclami da parte di alcuni dei ricorrenti
62. Nelle osservazioni presentate a seguito della comunicazione della domanda, i richiedenti nn. 26-31 e 34-37 hanno dichiarato di voler ritirare le loro denunce, visto che le loro richieste di restituzione sono state soddisfatte (cfr. paragrafi 43-44).
63. Alla luce di quanto precede, e in assenza di circostanze particolari relative al rispetto dei diritti garantiti dalla Convenzione e dai suoi protocolli, la Corte, ai sensi dell'articolo 37, paragrafo 1, lettera a), della Convenzione, ritiene che non sia più giustificato proseguire l'esame della domanda per quanto riguarda i richiedenti nn. 26-31 e 34-37. Di conseguenza, tale parte della domanda deve essere cancellata dall'elenco.
L'obiezione del Governo relativa ai richiedenti nn. 14 e 102
64. Il Governo ha osservato che le ricorrenti n. 14 e 102, Angelina Angelova Hristova e Gyurgena Traykova Mladenova, sono decedute rispettivamente il 22 maggio e il 20 gennaio 2011, ossia prima della presentazione della domanda il 15 luglio 2011 (cfr. paragrafo 1). Il Governo ha esortato la Corte a dichiarare irricevibili i reclami di queste ricorrenti.
65. La Corte, rilevando che la sig.ra Hristova e la sig.ra Mladenova sono effettivamente decedute prima della presentazione della domanda, ritiene le denunce presentate a loro nome incompatibili ratione personae con le disposizioni della Convenzione, ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a), e le respinge quindi ai sensi dell'articolo 35 § 4.
66. Di conseguenza, quando indica di seguito "i richiedenti", la Corte farà riferimento ai restanti richiedenti, esclusi quelli discussi nei paragrafi 62-65 di cui sopra.

L'obiezione del Governo riguardante i richiedenti n. 32 e 33
67. Il Governo ha sottolineato che i ricorrenti nn. 32 e 33, la sig.ra Varadinka Pavlova Taseva e il sig. Dimitar Pavlov Toshkov, non avevano presentato un modulo di autorizzazione, mentre la domanda era stata presentata dai loro rappresentanti e non dai ricorrenti stessi. Per tale motivo, il governo ha chiesto al Tribunale di respingere i reclami della sig.ra Taseva e del sig. Toshkov.
68. Dopo che tale argomento era stato sollevato, i rappresentanti delle ricorrenti hanno presentato un modulo di autorizzazione firmato dai due ricorrenti, datato 1° marzo 2011, nonché una fattura datata 17 marzo 2011 che dimostrava che la sig.ra Taseva aveva pagato le loro spese legali. Poiché la sig.ra Taseva e il sig. Toshkov erano nel frattempo deceduti, i rappresentanti hanno presentato anche le dichiarazioni dei loro eredi che intendevano proseguire il procedimento. Quanto alla fattura, pur indicando la sig.ra Taseva come pagante, essa non è stata firmata da lei, ma da una terza persona sconosciuta. Il Governo ha sottolineato questo fatto, contestando inoltre la firma del sig. Toshkov sul modulo di autorizzazione, rilevando alcune differenze tra esso e la sua firma che si vede su altri documenti.
69. La Corte sottolinea che, ai sensi dell'articolo 45 § 3 del Regolamento del Tribunale, è richiesta una valida procura quando un richiedente è rappresentato nel procedimento dinanzi ad esso. Nel caso di specie, essa deve stabilire se i richiedenti stessi hanno firmato i documenti pertinenti e, alla luce di tutte le prove, se la domanda è stata presentata con il loro consenso e se hanno mantenuto un interesse a portare avanti il caso (si veda, ad esempio, Velikova c. Bulgaria, no. 41488/98, §§ 48-51, ECHR 2000-VI).
70. In assenza di ulteriori prove del contrario, la Corte è convinta che il sig. Toshkov abbia firmato il modulo di autorizzazione del 1° marzo 2011, osservando che, nonostante alcune differenze, la firma contestata dal Governo non è dissimile dalla sua firma su altri documenti. Quanto alla fattura, la sua firma da parte di un terzo non modifica il fatto che il pagamento sia stato effettuato, come indicato nel documento, a nome della sig.ra Taseva e ai fini della sua rappresentanza legale dinanzi al Tribunale. Di conseguenza, il Tribunale conclude che le due ricorrenti in questione intendevano autorizzare i loro rappresentanti a presentare una domanda a loro nome e che hanno adottato le misure necessarie a tal fine. A quanto pare, a causa di un errore, il modulo di autorizzazione non è stato presentato inizialmente insieme ai moduli firmati dalle altre ricorrenti (cfr. Post c. Paesi Bassi (dicembre), n. 21727/08, 20 gennaio 2009, in cui non vi era alcuna indicazione che la ricorrente desiderasse che la persona che ha presentato la domanda la rappresentasse). La Corte rileva inoltre che, dopo la scomparsa della sig.ra Taseva e del sig. Toshkov, i loro eredi desideravano mantenere la domanda.
71. La Corte dichiara pertanto che la domanda è stata validamente presentata a nome dei due ricorrenti e respinge l'obiezione del governo a tale riguardo.

Abuso del diritto di ricorso individuale
72. Il Governo, contestando l'autenticità di diversi documenti presentati dai ricorrenti (cfr. paragrafi 28, 35 e 38), ha inoltre sollecitato la Corte a respingere le denunce dei rispettivi gruppi di ricorrenti per abuso del diritto alla domanda individuale.
73. La Corte ha ritenuto che una domanda può essere respinta ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) della Convenzione per abuso del diritto di applicazione individuale se, tra le altre ragioni, è stata consapevolmente basata su menzogne, o se il richiedente ha presentato informazioni incomplete o fuorvianti (cfr. Gross v. Svizzera [GC], n. 67810/10, § 28, CEDU 2014, e Shalyavski e altri v. Bulgaria, n. 67608/11, § 44, 15 giugno 2017).
74. Tuttavia, nel caso in esame non è stato stabilito se, se i documenti impugnati non fossero autentici (cfr. l'analisi ai successivi paragrafi 93 e 116), i richiedenti ne fossero a conoscenza. Di conseguenza, non è stato dimostrato che i ricorrenti abbiano "consapevolmente" dichiarato menzogne o presentato informazioni fuorvianti, e la Corte non può concludere che essi abbiano abusato del loro diritto alla domanda individuale. Essa respinge pertanto l'obiezione del Governo.
75. Ciononostante, la Corte farà riferimento alla questione nella sua analisi e valuterà l'affidabilità dei documenti in questione nell'esaminare nel merito le rispettive denunce (cfr. paragrafi 90, 93, 95 e 116).

Locus standi dei rimanenti eredi dei ricorrenti
76. Infine, il Tribunale non vede alcuna ragione per non accogliere la volontà degli eredi dei restanti ricorrenti deceduti dopo il deposito della domanda di proseguire il procedimento in sostituzione dei loro predecessori (cfr. il precedente paragrafo 1 e l'allegato).

PRESUNTE VIOLAZIONI DELL'ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
77. I ricorrenti si sono lamentati, ai sensi dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 e dell'articolo 13 della Convenzione, dell'impossibilità di ottenere la restituzione in natura della terra dei loro predecessori a Vrazhdebna e della prolungata incertezza nella risoluzione delle loro richieste di restituzione.
78. La Corte ritiene che le denunce debbano essere esaminate solo alla luce dell'articolo 1 del protocollo n. 1, che recita come segue:
"Ogni persona fisica o giuridica ha diritto al pacifico godimento dei suoi beni. Nessuno può essere privato dei suoi beni se non nell'interesse pubblico e alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali del diritto internazionale.

Le disposizioni che precedono non pregiudicano tuttavia in alcun modo il diritto di uno Stato di far rispettare le leggi che ritiene necessarie per controllare l'uso dei beni in conformità all'interesse generale o per garantire il pagamento di tasse o altri contributi o sanzioni".

Argomenti delle parti
Il Governo
79. Per quanto riguarda l'impossibilità di ottenere la restituzione in natura, il Governo ha sostenuto che i reclami di molti dei ricorrenti ai sensi dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 erano incompatibili ratione materiae, poiché non era mai sorto per loro alcun "legittimo affidamento" alla restituzione in natura delle terre dei loro predecessori. Gli organi amministrativi e giudiziari competenti avevano dato solo decisioni di "riconoscimento", il che significava che non era stato determinato il modo esatto di completare il processo di restituzione. Il Governo ha inoltre sottolineato che in alcuni casi i richiedenti non hanno contestato le decisioni della commissione fondiaria/del Dipartimento agricolo che li riguardano. Inoltre, in molti casi erano ancora in corso procedimenti relativi alla portata dei diritti di restituzione dei richiedenti.
80. Il Governo ha sostenuto che il campo sperimentale di Vrazhdebna è stato utilizzato per molti anni per scopi educativi, anche prima dell'adozione della legge del 1991, e che non c'è stata alcuna ambiguità sul suo status. Era gestito dal Ministero dell'Istruzione e il Ministero dell'Agricoltura, attraverso i suoi organi, non era competente a prendere decisioni in merito. Lo Stato aveva legittimamente mantenuto per sé la proprietà in campo sperimentale, e l'unico modo possibile per completare le procedure di restituzione avviate dai richiedenti era la concessione di un risarcimento. Il Governo si è basato su precedenti decisioni e sentenze della Corte in materia di restituzione, come Sivova e Koleva (sopra citate) e Kupenova e altri contro la Bulgaria, ((dec.), n. 12664/05, 7 maggio 2013).
81. Infine, il Governo ha sostenuto che molti dei ricorrenti erano rimasti inattivi nelle procedure di restituzione e non avevano intrapreso le "azioni necessarie come richiesto dalla legge". In particolare, solo nel 2017, molto tempo dopo le prime decisioni di "riconoscimento" a loro favore, molti dei richiedenti hanno espressamente richiesto la restituzione in natura. Il procedimento era stato inoltre ritardato a causa del "rifiuto dei richiedenti di accettare" che la restituzione in natura dei loro terreni a Vrazhdebna fosse impossibile.

I ricorrenti
82. I ricorrenti hanno sostenuto che gran parte delle azioni delle autorità nazionali relative alle loro richieste di restituzione erano state "chiaramente progettate e indubbiamente mirate" a realizzare la restituzione in natura. Essi ritengono che anche dopo la registrazione del territorio del campo sperimentale di Vrazhdebna come proprietà pubblica dello Stato, gli organi del Ministero dell'Agricoltura hanno "mantenuto" in loro l'aspettativa di ottenere tale restituzione. Allo stesso tempo, altri organi statali, in particolare il Consiglio dei ministri e il governatore regionale, avevano "manifestamente in malafede" ostacolato tale processo.
83. A sostegno delle argomentazioni di cui sopra, i ricorrenti si sono basati sulle precedenti cause di restituzione di Mutishev e altri c. Bulgaria (n. 18967/03, 3 dicembre 2009), Hadzhigeorgievi c. Bulgaria (n. 41064/05, 16 luglio 2013) e Velcheva c. Bulgaria (n. 35355/08, 9 giugno 2015).
84. Al tempo stesso, i ricorrenti hanno dichiarato che le autorità statali hanno l'obbligo di completare le procedure di restituzione, in uno dei modi previsti dalla legge ed entro un termine ragionevole. Qualora la restituzione in natura fosse stata impossibile, avrebbero dovuto concedere un risarcimento. Per molti anni le autorità non sono riuscite a completare le procedure, e hanno inoltre mantenuto i richiedenti in una prolungata incertezza sulla portata dei loro diritti di restituzione e sulla fattibilità della restituzione in natura. I ricorrenti, dal canto loro, avevano collaborato con le autorità e si erano attenuti alle istruzioni che erano state loro impartite.
85. Nella misura in cui il Governo ha contestato l'autenticità dei documenti presentati dai ricorrenti (cfr. paragrafi 28, 35 e 38), i ricorrenti hanno sostenuto che tale contestazione era inammissibile nel procedimento dinanzi alla Corte.

La valutazione della Corte
Reclamo relativo all'impossibilità per i richiedenti di ottenere la restituzione in natura
Ammissibilità
86. Secondo la giurisprudenza consolidata della Corte, i ricorrenti possono invocare una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 solo nella misura in cui le decisioni contestate si riferiscono ai loro "pos,à sedimenti" ai sensi di tale disposizione. I "possedimenti" possono essere sia "possedimenti esistenti" sia beni, incluse le rivendicazioni, per i quali i ricorrenti possono sostenere di avere almeno una "legittima aspettativa" di ottenere il godimento effettivo di un diritto di proprietà (cfr. Kopecký v. Slovacchia [GC], no. 44912/98, § 35, CEDU 2004-IX, e Von Maltzan e altri c. Germania (dec.) [GC], n. 71916/01 e 2 altri, § 74, CEDU 2005-V).
87. I presenti casi non riguardano i "possedimenti esistenti" dei richiedenti, poiché la maggior parte delle procedure di restituzione da loro avviate non si sono concluse e nessuno dei richiedenti è entrato in possesso del terreno rivendicato. Resta quindi da determinare se i richiedenti abbiano acquisito una "legittima aspettativa" di ottenere la restituzione in natura che hanno richiesto.
88. A questo proposito, la Corte ha precedentemente accettato che la legislazione emanata o in vigore dopo la ratifica della Convenzione e del Protocollo n. 1 e che prevede la restituzione totale o parziale dei beni confiscati in un regime precedente può essere considerata come un "possesso" protetto dall'articolo 1 del Protocollo n. 1 per coloro che soddisfano le condizioni pertinenti (cfr. Kopecký, citato sopra, § 35). Tuttavia, la semplice speranza che un diritto di proprietà estinto da lungo tempo possa essere ripristinato non può essere considerato come tale "possesso" (cfr. Jantner c. Slovacchia, n. 39050/97, § 27, 4 marzo 2003).
89. Nel 1991 il Parlamento bulgaro ha adottato una legislazione che prevede la restituzione dei terreni agricoli e, in particolare, la restituzione in natura (cfr. paragrafi 46-48). L'esistenza o meno delle condizioni per la restituzione in natura nei casi in esame deve, in linea di principio, essere valutata dalle autorità nazionali competenti, conformemente al diritto nazionale. Il compito della Corte è quello di verificare se tali autorità abbiano preso decisioni che possano far sorgere un "legittimo affidamento" sulla restituzione in natura, come sostenuto dai richiedenti.
90. Evidentemente non è stato così per i richiedenti nn. 32-33, 38-43, 117-20 e 140-46. Nei procedimenti di restituzione avviati da tali richiedenti, in date diverse tra il 1999 e il 2017 le autorità competenti - la commissione fondiaria locale, poi il Dipartimento Agricoltura - hanno ordinato il riconoscimento del risarcimento e rifiutato la restituzione in natura. Tali decisioni sono entrate in vigore dopo che i ricorrenti non le hanno debitamente contestate (cfr. paragrafi 34-36). Per quanto riguarda in particolare i ricorrenti nn. 38-43, è irrilevante ai fini della presente analisi se una decisione di ripristino dei loro diritti di proprietà sia stata emessa il 4 marzo 1999 - come sostenuto dai ricorrenti e contestato dal Governo (si veda il precedente paragrafo 35); ciò che è decisivo è che una successiva decisione del 18 marzo 2009 ha dichiarato che tali ricorrenti avrebbero ricevuto un risarcimento e che tale decisione è entrata in vigore.
91. Di conseguenza, i ricorrenti nei casi di cui sopra non possono pretendere di avere alcuna "legittima aspettativa" di restituzione in natura.
92. La Corte giunge alla stessa conclusione per quanto riguarda i ricorrenti nn. 134-39. In tal caso, due decisioni della commissione fondiaria - una adottata nel 1995 e l'altra nel 1999 - hanno rifiutato la restituzione in natura degli appezzamenti rivendicati dai richiedenti e hanno disposto il risarcimento dei danni (cfr. paragrafo 38).
93. Quest'ultimo gruppo di richiedenti ha presentato copia di una decisione del 23 marzo 1999, che ordinava la restituzione in natura, che il Governo ha contestato (cfr. paragrafi 37-38). Dato che il Governo ha presentato una copia di una decisione della stessa data e recante lo stesso numero, ma con contenuti diversi, il Tribunale non può accettare il documento presentato dai ricorrenti come autentico. Essa osserva inoltre che il documento presentato dai ricorrenti non è firmato e, a indicare che potrebbe essere stato creato dopo il 2002, reca l'intestazione e il timbro del Dipartimento dell'agricoltura (cfr. paragrafo 37 di cui sopra), mentre nel 1999, quando il documento avrebbe dovuto essere emesso, e fino al 2002, gli organi competenti ai sensi della legge del 1991 sono stati nominati commissioni fondiarie (cfr. paragrafo 59 di cui sopra). Infine, e in risposta all'argomentazione dei ricorrenti secondo cui la contestazione del documento in questione da parte del Governo era inammissibile (cfr. paragrafo 85), la Corte sottolinea di avere il diritto di valutare liberamente le prove presentate dalle parti (cfr., anche se si tratta di denunce ai sensi di diverse disposizioni della Convenzione, Ledyayeva e altri c. Russia, nn. 53157/99 e altri 3, § 89, 26 ottobre 2006; Hakobyan e altri c. Armenia, no. 34320/04, § 89, 10 aprile 2012; Aliyev c. Azerbaigian, nn. 68762/14 e 71200/14, § 204, 20 settembre 2018).
94. Per quanto riguarda i casi dei richiedenti n. 10-13 (i reclami a nome del richiedente n. 14 sono stati dichiarati inammissibili - cfr. paragrafo 65 di cui sopra), 15-25, 34, 37 e 44-67, la Corte osserva che in date diverse hanno ottenuto sentenze giudiziarie ai sensi dell'articolo 11(2) della legge del 1991 e decisioni amministrative che riconoscono il loro diritto alla restituzione (cfr. paragrafi 22-23 di cui sopra). Tuttavia, si trattava soltanto di sentenze e decisioni di "riconoscimento", del tipo che i giudici nazionali ritengono non dar luogo a titoli di proprietà specifici (cfr. paragrafo 54), e non hanno determinato le modalità di completamento delle procedure di restituzione (attraverso la restituzione in natura o il risarcimento). Ciò è stato confermato dal Tribunale distrettuale di Sofia in uno dei casi in esame: dopo che i richiedenti hanno contestato la decisione del Dipartimento dell'Agricoltura di concedere loro un risarcimento in sostituzione della restituzione (cfr. paragrafo 24), esso ha confermato tale rifiuto, constatando che le precedenti decisioni riguardanti tali richiedenti non avevano dato luogo ad un diritto specifico alla restituzione in natura (cfr. paragrafo 25). Un ricorso contro tale sentenza, così come i rimanenti procedimenti di riesame giudiziario avviati dai richiedenti del presente gruppo, sono pendenti (cfr. paragrafi 24-26), ma allo stato attuale la Corte, ancora una volta, non vede alcuna valida base per un "legittimo affidamento" da parte dei richiedenti di ottenere la restituzione in natura.
95. Le conclusioni di cui sopra sono applicabili anche ai richiedenti nn. 68-82, 103-16, 121-30 e 147. Essi hanno inoltre ottenuto solo decisioni di "riconoscimento", con il Dipartimento dell'Agricoltura anche tenendo espressamente in considerazione, in uno dei casi, che per una parte dei terreni richiesti i richiedenti dovevano ricevere un risarcimento (vedi paragrafo 27 sopra). Il Governo ha contestato la decisione presentata dai ricorrenti in un altro caso del gruppo (cfr. paragrafo 28), ma la Corte ritiene irrilevante ai fini della presente analisi se il documento in questione fosse autentico; si tratta in ogni caso, come già rilevato, di una decisione di "riconoscimento", che non può dar luogo ad una specifica "legittima aspettativa" di restituzione in natura. Nei casi discussi nel presente paragrafo gli organi nazionali competenti non hanno ancora determinato le modalità di completamento del processo di restituzione - attraverso la restituzione in natura o il risarcimento (si veda il precedente paragrafo 30) - e, come già detto, mentre i procedimenti sono pendenti, allo stato attuale il Tribunale non può concludere che i richiedenti abbiano mai maturato una specifica "legittima aspettativa" alla restituzione in natura.
96. I ricorrenti nn. 83-87 hanno contestato nel 2018 una decisione del Dipartimento dell'Agricoltura che concedeva loro un risarcimento in sostituzione della restituzione, e il Tribunale di Sofia ha annullato tale decisione e ha ordinato la restituzione "nei limiti effettivi". Tale sentenza non è definitiva, poiché il Dipartimento dell'Agricoltura ha presentato ricorso contro di essa e il procedimento è pendente (cfr. paragrafo 32). Poiché i ricorrenti non hanno ancora ottenuto il riconoscimento definitivo del loro presunto diritto alla restituzione in natura, né una decisione o sentenza definitiva che ordini il ripristino dei loro diritti di proprietà, non si può dire che abbiano acquisito un "legittimo affidamento" a tale restituzione.
97. Tale "legittimo affidamento" avrebbe potuto sorgere inizialmente per i richiedenti nn. 1-9, dopo che il Tribunale distrettuale di Sofia ha stabilito nel 1995 che essi avevano diritto alla restituzione attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni (si veda il precedente paragrafo 17). Tuttavia, il diritto che avrebbe potuto sorgere per loro non era quello di uno specifico appezzamento di terreno, ma la futura assegnazione del terreno attraverso un piano di ridistribuzione del terreno. La Corte non è tenuta a decidere in merito, in quanto più tardi, nel 1995, la commissione fondiaria locale ha ritenuto che i richiedenti nn. 1-9 avessero diritto a ricevere un indennizzo, e i richiedenti non hanno impugnato tale decisione all'epoca (cfr. il precedente paragrafo 18). Non è stato quindi assegnato loro alcun terreno nell'ambito del piano di ridistribuzione fondiaria dell'area del 1999, che non hanno impugnato. Mentre la decisione della commissione fondiaria del 1995 è stata infine dichiarata nulla, ciò è avvenuto nel 2007 e a quel tempo, vale a dire dopo l'adozione e l'entrata in vigore di un piano di ridistribuzione fondiaria per l'area, il diritto iniziale dei ricorrenti alla restituzione in natura era già stato trasformato, in conformità al diritto nazionale (cfr. paragrafo 50 di cui sopra), in un "legittimo affidamento" a ricevere un risarcimento in sostituzione della restituzione. Il procedimento relativo alla portata del diritto di restituzione dei richiedenti è pendente (si veda il precedente paragrafo 21), ma allo stato attuale la Corte non è in grado di concludere che i richiedenti abbiano una "legittima aspettativa" di ottenere, come da loro richiesto, la restituzione in natura.
98. Quest'ultima conclusione è valida anche per i richiedenti nn. 131-33, nella misura in cui hanno ottenuto una decisione nel 2001 per la restituzione attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni di alcuni dei lotti da loro rivendicati (cfr. paragrafo 41). Come già evidenziato, un piano di ridistribuzione dei terreni è stato adottato nel 1999 e dopo tale data gli ex proprietari in possesso di una decisione o sentenza che ordinava la restituzione attraverso tale piano potevano ricevere solo un indennizzo.
99. Per quanto riguarda i richiedenti e gli appezzamenti discussi nei paragrafi precedenti (in particolare i richiedenti nn. 1-13, 15-25, 34, 37-87, 103-30 e 134-147, nonché i richiedenti nn. 131-33, per quanto riguarda gli appezzamenti oggetto della decisione della commissione fondiaria del 2001), la Corte conclude pertanto che i richiedenti non avevano alcuna "legittima aspettativa" di restituzione in natura, come da loro sostenuto. Per quanto riguarda le denunce in esame, ossia l'impossibilità di ottenere la restituzione in natura, esse non avevano quindi alcun "possesso" ai sensi dell'articolo 1 del Protocollo n. 1, inapplicabile. Ulteriori fatti, quali le istruzioni del Dipartimento dell'Agricoltura ai ricorrenti nel 2017 di presentare richieste di restituzione in natura (cfr. paragrafo 15), o azioni precedenti del Ministero dell'Agricoltura che sembravano ritenere che la restituzione in natura fosse, in linea di principio, fattibile (cfr. paragrafi 9 e 12), non possono portare la Corte ad una diversa conclusione. Queste circostanze, che non comportano decisioni vincolanti da parte delle autorità competenti, possono aver fatto sorgere per i richiedenti la speranza di poter eventualmente ottenere la restituzione in natura da essi richiesta, ma tali speranze sono insufficienti per costituire un "legittimo affidamento" e quindi un "possesso" ai sensi dell'articolo 1 del protocollo n. 1 (cfr. paragrafo 88).
100. I reclami di cui sopra sono quindi incompatibili ratione materiae con le disposizioni della Convenzione ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) e devono essere respinti ai sensi dell'articolo 35 § 4.
101. La Corte desidera inoltre distinguere i casi sopra discussi dai casi precedenti su cui i ricorrenti si sono basati (cfr. paragrafo 83). I casi di Mutishev e altri e Hadzhigeorgievi riguardavano decisioni delle autorità competenti che ordinavano con restituzione definitiva in natura, e l'attuazione di tali decisioni era stata bloccata dalle autorità amministrative per motivi che la Corte ha respinto, ritenendo che non fossero di "carattere sostanziale e convincente" (cfr. Mutishev e altri, §§ 131-37, e Hadzhigeorgievi, §§ 67-70, entrambi citati sopra). Il caso di Velcheva riguardava una sentenza del tribunale e una decisione amministrativa che ordinava la restituzione "nei confini reali", in cui la commissione fondiaria/del Dipartimento agricolo non era riuscita a completarle con il piano catastale richiesto e quindi a completare la procedura di restituzione (cfr. §§ 42-49 della sentenza citata). In tutti e tre i casi la restituzione in natura era stata ordinata con sentenza passata in giudicato, il che ha fatto sorgere un "legittimo affidamento" per i ricorrenti a tale riguardo (si veda, ad esempio, la sentenza esplicita della Corte su tale questione nella causa Hadzhigeorgievi, citata, § 63).
102. Per quanto riguarda i ricorrenti n. 90-101 (i reclami a nome del ricorrente n. 102 sono stati respinti - cfr. paragrafo 65 sopra) e 131-33 (per quanto riguarda quest'ultimo gruppo di ricorrenti - per quanto riguarda i terreni oggetto della decisione della commissione fondiaria del 1995 - cfr. paragrafo 39 sopra), essi avevano diritto alla restituzione attraverso un piano di ridistribuzione dei terreni, e tale piano è stato adottato nel 1999 (cfr. paragrafi 15 e 39-40 sopra). I ricorrenti hanno sostenuto che gli appezzamenti oggetto delle loro denunce non erano interessati da tale piano, ma non hanno contestato tale piano e non hanno chiesto che fosse integrato, come invece sarebbe stato loro diritto (cfr. punto 58). I loro reclami devono quindi essere respinti ai sensi dell'articolo 35 §§ 1 e 4 della Convenzione per la non esaurimento dei rimedi interni.
103. Infine, la Corte si rivolge al caso dei ricorrenti nn. 88-89, che hanno ottenuto una decisione definitiva sulla restituzione "nei limiti effettivi" e un atto notarile. Essi non possono entrare in possesso dell'appezzamento di terreno in questione in quanto detenuto e utilizzato dall'Università forestale, che ne contesta il titolo (cfr. punto 33).
104. In base al diritto nazionale e secondo la prassi dei tribunali nazionali, le decisioni amministrative e giudiziarie che ordinano la restituzione "nei confini effettivi" possono essere impugnate da terzi che affermano di avere diritti (non basati sulla restituzione) sullo stesso terreno (cfr. paragrafo 56). In casi precedenti riguardanti il processo di restituzione di terreni agricoli in Bulgaria, la Corte ha ritenuto che, in presenza di tali rivendicazioni rivali sui terreni in questione, le sentenze e le decisioni sopra indicate non possono essere considerate come determinanti in via definitiva la portata dei diritti di restituzione dei richiedenti, il che può avvenire solo dopo che anche i terzi interessati hanno fatto esaminare le loro rivendicazioni (cfr. Sivova e Koleva, § 74, e Kupenova e altri, §§ 30-31, entrambi citati sopra; Nedelcheva e altri contro la Bulgaria, no. 5516/05, §§ 56-57, 28 maggio 2013; Karaivanova e Mileva c. Bulgaria, n. 37857/05, §§ 74 e 76, 17 giugno 2014).
105. Come nei casi di cui sopra, nel caso dei richiedenti n. 88-89, le rivendicazioni rivali al terreno dell'Università forestale, che nel 1998 aveva ottenuto il diritto d'uso del campo sperimentale di Vrazhdebna (cfr. paragrafo 7), erano note ai richiedenti, i quali non potevano quindi legittimamente aspettarsi che le decisioni di restituzione a loro favore, pur ordinando la restituzione "nei limiti effettivi", avessero deciso la questione in via definitiva. Come accennato, l'esatta portata del diritto di restituzione dei richiedenti, vale a dire la restituzione in natura o il risarcimento, può essere determinata solo dopo che l'Università forestale - una terza parte nella procedura di restituzione - ha avuto la possibilità di far esaminare le proprie argomentazioni sulla questione (cfr. Kupenova e altri, § 31, e Nedelcheva e altri, § 57, entrambi citati sopra; sulla personalità separata in un tale contesto di entità legate allo Stato cfr. Karaivanova e Mileva, § 50, e Ilieva e altri v. Bulgaria, n. 17705/05, § 36, 3 febbraio 2015). La stessa conclusione è stata raggiunta anche dall'ufficio locale del catasto, che ha indicato ai ricorrenti che la loro controversia con l'Università forestale doveva essere esaminata dai tribunali civili (si veda il paragrafo 33 di cui sopra nella multa).
106. Resta quindi aperta la possibilità per i ricorrenti nn. 88-89 di proporre un'azione legale contro l'Università forestale e di far confermare o respingere con sentenza definitiva il loro diritto alla restituzione in natura. Mentre nei casi precedenti citati la Corte ha criticato l'obbligo previsto dal diritto nazionale per le persone che si trovano in una posizione come quella dei richiedenti di avviare un ulteriore procedimento, considerando che ciò ha prolungato le procedure di restituzione e ha generato insicurezza (si veda, ad esempio, Sivova e Koleva, § 116, e Nedelcheva e altri, § 78, entrambi citati sopra), questo non è ciò che è in gioco in questo caso. Ciò che è decisivo, in vista della denuncia in esame, è che si apre ai ricorrenti una via procedurale che permette loro di difendere il loro presunto diritto alla restituzione in natura. I ricorrenti non hanno informato la Corte di aver fatto ricorso a tale via.
107. I loro reclami devono quindi essere respinti ai sensi dell'articolo 35 §§ 1 e 4 della Convenzione per la non esaurimento dei rimedi interni.
108. In sintesi, la Corte ritiene che i reclami dei ricorrenti nn. 1-13, 15-25, 34, 37-87, 103-30 e 134-147, nonché i ricorrenti nn. 131-33 (per quanto riguarda gli appezzamenti oggetto della decisione del 2001 della commissione fondiaria) riguardavano l'impossibilità di ottenere la restituzione in natura incompatibile ratione materiae con le disposizioni della Convenzione ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) (cfr. paragrafi 90-101). Inoltre, essa constata che i richiedenti nn. 88-89 (cfr. paragrafi 103-107 di cui sopra) e 90-101 e 131-33 (cfr. paragrafo 102 di cui sopra, per quanto riguarda quest'ultimo gruppo di richiedenti - per quanto riguarda gli appezzamenti oggetto della decisione della commissione fondiaria del 1995), non hanno esaurito i rimedi nazionali disponibili relativi alla restituzione in natura, come richiesto dall'articolo 35 § 1 della Convenzione. Di conseguenza, i reclami in esame devono essere respinti in quanto inammissibili ai sensi dell'articolo 35 § 4 della Convenzione.

Reclamo relativo alla durata delle procedure di restituzione
a) se tale denuncia rientri nell'ambito del caso di specie
109. La Corte ha ritenuto che la portata di una causa "rinviata" nell'esercizio del diritto di ricorso individuale è determinata dal reclamo o "reclamo" del richiedente. Le accuse fatte dopo la comunicazione del caso al governo convenuto possono essere esaminate dalla Corte solo se costituiscono un'elaborazione del reclamo originale del richiedente (cfr. Radomilja e altri c. Croazia [GC], nn. 37685/10 e 22768/12, §§ 108-09 e 120-22, 20 marzo 2018; Piryanik c. Ucraina, n. 75788/01, § 20, 19 aprile 2005; ?cis c. Lettonia, n. 12879/09, § 68, 10 gennaio 2019).
110. Per quanto riguarda il caso in esame, nel modulo di domanda i ricorrenti hanno lamentato l'impossibilità di ottenere la restituzione in natura e la prolungata incertezza nella risoluzione dei loro diritti di restituzione (si veda il precedente paragrafo 77). Anche se la denuncia relativa alla durata delle procedure di restituzione è stata formulata in modo più esplicito nelle loro osservazioni presentate dopo la comunicazione della domanda - con l'affermazione che le autorità nazionali erano state obbligate a completare tali procedure entro un termine ragionevole (cfr. paragrafo 84) - la Corte è convinta che tali osservazioni costituissero un'elaborazione di una denuncia presentata originariamente e non un tentativo di presentare una nuova denuncia. Di conseguenza, la Corte conclude che la denuncia relativa alla durata delle procedure di restituzione rientra nell'ambito di applicazione del caso.

b) Ricevibilità
111. La Corte ha già constatato che i richiedenti nn. 90-101 e 131-33 (per quanto riguarda quest'ultimo gruppo - per quanto riguarda i terreni oggetto di una decisione della commissione fondiaria del 1995, si veda il precedente paragrafo 39) non hanno esaurito i rimedi nazionali disponibili, visto che non hanno contestato il piano di ridistribuzione dei terreni del 1999 (si veda il precedente paragrafo 102). Scaduti i termini per tali impugnazioni (cfr. punto 58), le procedure di restituzione in questione si sono quindi concluse, in quanto non sembrano essere state disponibili ulteriori vie procedurali per le ricorrenti (cfr., per conclusioni analoghe, Kayriakovi c. Bulgaria, n. 30945/04, § 26-29, 7 gennaio 2010). Anche se alcuni dei richiedenti hanno presentato nel 2017 una richiesta di restituzione in natura (cfr. paragrafo 42 di cui sopra), questo fatto non modifica la conclusione di cui sopra, in quanto i richiedenti non hanno dimostrato che qualsiasi azione avrebbe potuto essere validamente intrapresa ai sensi di tale richiesta. Poiché le procedure di restituzione in questione si sono concluse nel 1999 e la domanda è stata presentata nel 2011 (cfr. paragrafo 1), il Tribunale ritiene che le denunce dei ricorrenti n. 90-101 e 131-33 (relative ai lotti oggetto della decisione del 1995) siano state introdotte fuori tempo. Essi devono pertanto essere respinti ai sensi dell'articolo 35 §§ 1 e 4 della Convenzione.
112. Per quanto riguarda i rimanenti richiedenti (più avanti nell'analisi denominata "i richiedenti"), mentre la Corte ha concluso sopra che molti di loro non avevano un "legittimo affidamento" per ottenere la restituzione in natura, e quindi hanno trovato i loro reclami riguardanti la possibilità di ottenere tale restituzione incompatibile ratione materiae (cfr. paragrafi 90-100 di cui sopra), il reclamo esaminato qui è diverso. Si tratta della durata del procedimento di restituzione e della mancata conclusione di tale procedimento da parte delle autorità, in ogni modo possibile, anche attraverso la concessione di un risarcimento. Il reclamo in esame non riguarda quindi, come quello esaminato in precedenza, in particolare la possibilità di ottenere la restituzione in natura, ma il diritto più generale dei ricorrenti alla restituzione ai sensi della legge del 1991, come menzionato, attraverso la restituzione in natura o il risarcimento. Tale diritto più generale - non contestato dalle autorità nazionali che sono comunque tenute a soddisfarlo - equivale ad un "legittimo affidamento", che fa scattare la tutela dell'articolo 1 del Protocollo n. 1.
113. Per quanto riguarda questi ricorrenti, la Corte rileva inoltre che i loro reclami non sono manifestamente infondati ai sensi dell'articolo 35 § 3 (a) della Convenzione, né inammissibili per altri motivi. Essi devono pertanto essere dichiarati ammissibili.

c) Merito
114. La Corte ha già citato alcuni dei principi generali di cui all'articolo 1 del protocollo n. 1 applicabili ai casi di restituzione di cui ai precedenti paragrafi 86 e 88.
115. Inoltre, nel valutare l'osservanza dell'articolo 1 del protocollo n. 1 in tale contesto, la Corte deve effettuare un esame complessivo delle varie garanzie in questione, tenendo presente che la Convenzione è intesa a salvaguardare diritti "pratici ed effettivi". Essa deve guardare dietro le apparenze e indagare sulla realtà della situazione lamentata, compresi i comportamenti delle parti, i mezzi impiegati dallo Stato e la loro attuazione. In tale contesto, l'incertezza - sia essa legislativa, amministrativa o derivante da pratiche applicate dalle autorità - è un fattore da prendere in considerazione nella valutazione del comportamento dello Stato. Infatti, quando è in gioco una questione di interesse generale, spetta alle autorità pubbliche agire in tempo util, in modo appropriato e coerente (cfr. Broniowski c. Polonia [GC], no. 31443/96, § 151, CEDU 2004-V, e Vasilev e Doycheva c. Bulgaria, n. 14966/04, § 40, 31 maggio 2012).
116. Il "legittimo affidamento" dei ricorrenti alla restituzione è sorto tra il 1995 e il 2011, quando è stato riconosciuto dalle autorità nazionali. Le diverse date relative ai diversi gruppi di richiedenti sono state indicate nella tabella del precedente paragrafo 45. Per quanto riguarda in particolare i richiedenti nn. 38-43, la Corte non può accettare che il 4 marzo 1999 sia sorta per loro una "legittima aspettativa di restituzione". Per le ragioni addotte dal Governo (il documento non è firmato, non è stato possibile trovare un originale di tale decisione, non è stato "idoneo" alla procedura - si veda il precedente paragrafo 35), la Corte non può accettare la decisione di tale data presentata dai richiedenti come autentica, e non ne terrà conto. Essa ritiene quindi che la "legittima aspettativa di restituzione" di tali ricorrenti sia validamente sorta il 18 marzo 2009, come indicato nella tabella.
117. Nessuno dei procedimenti avviati dai ricorrenti si è concluso (quelli relativi ai ricorrenti i cui reclami sono stati cancellati dall'elenco o ritenuti inammissibili - si vedano i precedenti paragrafi 62-63 e 111 - non sono qui esaminati). In alcuni casi non è stato stabilito se i richiedenti abbiano diritto alla restituzione in natura o al risarcimento (si vedano, ad esempio, i casi dei richiedenti n.d. 10-13, 15-25, 34, 37, 44-67, 83-89, 103-16, 121-30 e 147, i fatti descritti ai precedenti paragrafi 22-33), e in altri casi, anche se è stato accertato in via definitiva che i richiedenti avrebbero ricevuto un risarcimento, tale risarcimento non è stato ancora assegnato (si vedano i casi dei richiedenti nn. 32-33, 38-43, 117-20 e 140-46, i fatti descritti ai precedenti paragrafi 34-36).
118. I periodi da prendere in considerazione sono quindi durati da otto a ventiquattro anni.
119. I ricorrenti hanno sostenuto che spettava alle autorità completare le procedure in modo tempestivo (cfr. il precedente paragrafo 84) e la Corte non vede alcuna ragione per ritenere il contrario. In casi analoghi ha già affermato che spetta allo Stato organizzare i propri sistemi giudiziari e amministrativi in modo tale da garantire i diritti previsti dalla Convenzione (cfr., ad esempio, Sivova e Koleva c. Bulgaria, n. 30383/03, § 116, +15 novembre 2011, e Nedelcheva e altri c. Bulgaria, n. 5516/05, § 78, 28 maggio 2013).
120. Il Governo, pur sostenendo che i richiedenti avevano dovuto intraprendere "azioni necessarie" (cfr. paragrafo 81), non ha dimostrato che tali azioni, ad esempio i richiedenti che chiedevano la restituzione in natura come nel 2017, fossero indispensabili. Non è stato dimostrato che le autorità competenti - le commissioni fondiarie/dipartimenti agricoli - non potessero, senza tale azione, procedere all'esame delle domande di restituzione e prendere le decisioni necessarie. Il Governo ha inoltre criticato il "rifiuto di accettare" dei ricorrenti al posto della restituzione (ibidem). Tuttavia, la Corte osserva che i ricorrenti avevano il diritto di contestare le decisioni delle autorità competenti che ritenevano sfavorevoli e non dovevano essere incolpati per questo; inoltre, le contestazioni da loro presentate non sembravano aver causato ritardi eccessivi.
121. Ciò che emerge dai fatti sopra riassunti è che almeno una parte dei ritardi è stata causata dall'esitazione delle autorità competenti in merito alla fattibilità della restituzione in natura e dal fatto che il Ministero dell'Agricoltura ha avviato un contenzioso in merito con il Ministero dell'Istruzione (cfr. paragrafi 7 e 11-14). Inoltre, anche nei casi in cui una decisione per la concessione di un indennizzo è già entrata in vigore, il ministero dell'Agricoltura non ha preso provvedimenti per l'assegnazione di tale indennizzo e non è stata fornita alcuna giustificazione per la sua inattività.
122. La Corte conclude pertanto che i ritardi nelle procedure di restituzione sono imputabili alle autorità. Per le ragioni sopra esposte, essa ritiene inoltre che i ritardi fossero ingiustificati, anche se si deve tener conto dell'innegabile complessità del processo di restituzione e della necessità che le autorità nazionali tengano conto degli interessi di numerose parti interessate (cfr. Mutishev e altri c. Bulgaria, n. 18967/03, § 144, 3 dicembre 2009, e Lyubomir Popov c. Bulgaria, n. 69855/01, § 122, 7 gennaio 2010).
123. A questi ritardi si aggiunge la lunga incertezza sulla sorte delle domande di restituzione dei richiedenti. Come osservato, nel corso degli anni il Ministero dell'Agricoltura e il Ministero dell'Istruzione hanno avuto opinioni contrastanti sulla questione (cfr. paragrafi 7 e 11-14), e gli organi del Ministero dell'Agricoltura non sono stati in grado di completare le procedure. In uno dei casi, quello dei richiedenti n. 88-89, tale incertezza continua nonostante i richiedenti abbiano ottenuto decisioni giudiziarie e amministrative definitive in materia di restituzione, a causa della necessità di avviare ulteriori procedimenti per far determinare con sentenza passata in giudicato la portata del loro diritto alla restituzione (cfr. paragrafi 33 e 104-106). La Corte ha più volte criticato questo particolare aspetto della procedura interna (cfr., ad esempio, Sivova e Koleva, § 116, e Karaivanova e Mileva, § 81, entrambi citati sopra).
124. In numerose cause precedenti contro la Bulgaria, la Corte ha ritenuto che lunghi ritardi ingiustificati nelle procedure di restituzione, uniti a una prolungata incertezza, abbiano comportato violazioni dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 (cfr., ad esempio, Sivova e Koleva, Lyubomir Popov e Vasilev e Doycheva, tutti citati in precedenza; Popov e Chonin c. Bulgaria, n. 36094/08, 17 febbraio 2015; Kamenova c. Bulgaria [Comitato], n. 61731/11, 16 maggio 2019). Non vede alcuna ragione per giungere a una conclusione diversa nel caso in questione.
125. Vi è stata pertanto una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 nella misura in cui i ricorrenti hanno lamentato la durata delle procedure di restituzione.

APPLICAZIONE DELL'ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
126. L'articolo 41 della Convenzione prevede:
"Se il Tribunale constata una violazione della Convenzione o dei suoi Protocolli e se il diritto interno dell'Alta Parte contraente interessata consente un risarcimento solo parziale, il Tribunale, se necessario, dà giusta soddisfazione alla parte lesa".

Danni
127. Per quanto riguarda il danno pecuniario, i ricorrenti hanno chiesto la restituzione in natura dei loro terreni, ritenendo che ciò fosse fattibile e che nel caso in cui ciò costituisse il risarcimento più adeguato. I richiedenti n. 88 e 89 hanno chiesto inoltre 98.279 euro (EUR) ciascuno per l'affitto che avrebbero potuto ricevere tra il 2014 e il 2019 per i terreni loro restituiti (si veda il precedente paragrafo 33).
128. I richiedenti hanno chiesto anche tra i 20.000 e gli 80.000 euro per ciascuno di loro per danni non patrimoniali.
129. Il Governo ha contestato le richieste. Per quanto riguarda in particolare le richieste dei ricorrenti n. 88 e 89 relative al mancato pagamento dell'affitto, essi hanno sottolineato che i ricorrenti avevano il diritto di chiedere un risarcimento a tale riguardo all'Università forestale.
130. La Corte osserva che ha riscontrato una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 solo per quanto riguarda la lunga durata delle procedure di restituzione e la prolungata incertezza. Non ravvisa alcun nesso causale tra tale violazione e la richiesta delle ricorrenti di ordinare la restituzione in natura. Inoltre, i ricorrenti hanno il diritto, ai sensi del diritto nazionale, di ottenere tale restituzione o risarcimento (cfr. Sivova e Koleva, § 124, e Karaivanova e Mileva, § 88, entrambi citati sopra). La Corte respinge pertanto tale richiesta.
131. I richiedenti nn. 88-89 hanno chiesto inoltre un risarcimento per la perdita del canone di locazione del terreno loro restituito (cfr. paragrafo 127 sopra). Tuttavia, la Corte ha rilevato in precedenza (cfr. paragrafi 104-06) che il diritto di tali richiedenti alla restituzione in natura di quel terreno non era ancora stato provato. Di conseguenza, non vede alcun motivo per concedere il risarcimento richiesto (cfr. Popov e Chonin, citato sopra, § 66).
132. Infine, la Corte è del parere che i ricorrenti devono aver subito un danno non patrimoniale a causa della violazione dei loro diritti. Giudicando in base a criteri di equità, essa concede loro gli importi di seguito indicati. All'interno di ciascun gruppo, il rispettivo importo deve essere distribuito in base alle quote di successione dei ricorrenti o degli eredi di quei ricorrenti deceduti dopo la presentazione della domanda:
- richiedenti n. 1-9 - EUR 2.500;
- richiedenti n. 10-13 - EUR 1.500;
- richiedenti nn. 15-25 - EUR 2.000;
- richiedenti nn. 32-33 - EUR 2.000;
- richiedenti nn. 38-43 - EUR 3.000;
- richiedenti nn. 44-60 - EUR 1.500;
- richiedenti nn. 34, 37 e 61-67 - EUR 2.000;
- richiedenti n. 68-82 - EUR 3.000;
- richiedenti n. 83-87 - EUR 2.000;
- richiedenti n. 88-89 - EUR 1.500;
- richiedenti n. 103-08 - EUR 2.000;
- richiedenti nn. 109-16 - EUR 2.500;
- richiedenti nn. 117-20 - EUR 2.000;
- richiedenti nn. 121-30 - EUR 1.500;
- richiedenti n. 131-33 - EUR 2.500;
- richiedenti n. 135-39 - EUR 3.000;
- richiedenti n. 140-46 - EUR 2.000;
- richiedenti n. 147 - EUR 2.000.
Costi e spese
133. I ricorrenti, compresi i nn. 26-31 che hanno ritirato le loro denunce (cfr. paragrafi 62-63), hanno chiesto il rimborso di 19.200 contributi bulgari (BGN), l'equivalente di 9.800 euro, da loro versati ai loro rappresentanti legali. A sostegno di tale richiesta hanno presentato delle fatture, dalle quali risulta che ciascun gruppo di richiedenti ha pagato ai rappresentanti BGN 960 BGN (490 euro). I richiedenti hanno inoltre chiesto il rimborso di altre spese da loro sostenute nel procedimento nazionale. Infine, hanno chiesto il rimborso delle spese di spedizione, traduzione e materiale d'ufficio, da pagare direttamente ai loro rappresentanti legali, il sig. M. Ekimdzhiev e la sig.ra G. Chernicherska, presentando le ricevute di spedizione e un contratto di traduzione a sostegno della loro richiesta per un importo di EUR 926,66.
134. Il Governo ha contestato i crediti.
135. Secondo la giurisprudenza della Corte, un ricorrente ha diritto al rimborso delle spese solo nella misura in cui sia stato dimostrato che queste sono state effettivamente e necessariamente sostenute e che sono ragionevoli quanto al loro ammontare.
136. Nel caso di specie, tenuto conto dei documenti in suo possesso e dei criteri di cui sopra, la Corte ritiene che gli importi pagati da ciascun gruppo di richiedenti per la rappresentanza legale fossero ragionevoli. Essa assegna quindi 490 euro a ciascun gruppo per il quale ha riscontrato una violazione dell'articolo 1 del Protocollo n. 1. Non vede alcuna giustificazione per l'assegnazione di un premio ai richiedenti n. 26-31 per i quali la domanda è stata cancellata dall'elenco, ai sensi della regola 43 § 4 del Regolamento della Corte. Il premio globale così ottenuto è di 8.820 euro (18 gruppi di richiedenti). La Corte assegna inoltre i 926,66 euro pagati per l'affrancatura e la traduzione, da trasferire, come richiesto dai richiedenti, direttamente ai loro rappresentanti legali. Infine, il Tribunale respinge le richieste relative ad altri costi e spese del procedimento interno, in quanto non è stato dimostrato che tali costi e spese siano stati necessari per la prevenzione della violazione dei diritti delle ricorrenti o relativi ad eventuali indennizzi su tale conto.
Interessi di mora
137. La Corte ritiene opportuno che il tasso di interesse di mora sia basato sul tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca centrale europea, al quale vanno aggiunti tre punti percentuali.

PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL'UNANIMITÀ,
Decide di depennare la domanda dall'elenco dei casi per quanto riguarda i richiedenti nn. 26-31 e 34-37;
Dichiara ammissibili i reclami relativi alla durata delle procedure di restituzione e alla prolungata incertezza, oltre a quelli dei richiedenti nn. 14, 90-102 e 131-33 (per quanto riguarda quest'ultimo gruppo, per quanto riguarda i terreni oggetto di una decisione della commissione fondiaria del 1995), e il resto del ricorso inammissibile;
Dichiara che vi è stata una violazione dell'art. 1 del Protocollo n. 1 a causa della lunga durata delle procedure di restituzione e della prolungata incertezza in cui sono stati collocati i ricorrenti interessati;
Contiene
(a) che lo Stato convenuto deve pagare ai ricorrenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diventa definitiva ai sensi dell'articolo 44 § 2 della Convenzione, i seguenti importi, da convertire in contributi bulgari al tasso applicabile alla data del regolamento:
(i) gli importi di seguito indicati, più le imposte eventualmente esigibili, per i danni non pecuniari, congiuntamente a ciascun gruppo di richiedenti, da distribuire in base alle quote di successione dei richiedenti o alle quote degli eredi dei richiedenti deceduti dopo la presentazione della domanda:
- i richiedenti nn. 1-9 - 2.500 euro (duemilacinquecento euro);
- richiedenti n. 10-13 - EUR 1.500 (millecinquecento euro);
- richiedenti n. 15-25 - 2.000 euro (duemila euro);
- richiedenti n. 32-33 - 2.000 euro (duemila euro);
- richiedenti n. 38-43 - 3.000 euro (tremila euro);
- richiedenti n. 44-60 - 1.500 euro (millecinquecento euro);
- richiedenti n. 34, 37 e 61-67 - 2.000 euro (duemila euro);
- richiedenti n. 68-82 - 3.000 euro (tremila euro);
- richiedenti n. 83-87 - 2.000 euro (duemila euro);
- richiedenti n. 88-89 - 1.500 euro (millecinquecento euro);
- richiedenti n. 103-08 - 2.000 euro (duemila euro);
- richiedenti n. 109-16 - 2.500 euro (duemilacinquecento euro);
- richiedenti n. 117-20 - 2.000 euro (duemila euro);
- richiedenti n. 121-30 - 1.500 euro (millecinquecento euro);
- richiedenti n. 131-33 - 2.500 euro (duemilacinquecento euro);
- richiedenti n. 135-39 - 3.000 euro (tremila euro);
- richiedenti n. 140-46 - 2.000 euro (duemila euro);
- richiedenti n. 147 - 2.000 euro (duemila euro);

(ii) euro 490 (quattrocentonovanta euro) in solido a ciascun gruppo di richiedenti per i quali è stata accertata la violazione dell'art. 1 del Protocollo n. 1 (euro 8.820 (ottomila-ottocentoventi euro) in totale), e ulteriori euro 926,66 (novecentoventisei euro e sessantasei centesimi), da corrispondere direttamente ai legali rappresentanti dei richiedenti, oltre alle imposte eventualmente dovute ai richiedenti, per costi e spese;

(b) che dalla scadenza dei tre mesi sopraindicati fino al regolamento saranno dovuti interessi semplici sugli importi di cui sopra ad un tasso pari al tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca Centrale Europea durante il periodo di inadempienza, maggiorato di tre punti percentuali;

3) Il resto della domanda delle ricorrenti è respinto per giusta soddisfazione.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 12 dicembre 2019, ai sensi dell'articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.

Milano BlaškoAngelika Nußberger
Vice presidente della segreteria

APPENDICE
Numero
Il nome del richiedente
Data di nascita
Nazionalita'

1

Lyubka Todorova ZIKATANOVA

07/01/1960

Bulgaria

Sofia

2

Dimitar Ivanov DIMITROV

26/07/1983

Bulgaria

Sofia

3

Gabriela Ivanova DIMITROVA

13/03/1981

Bulgaria

Sofia

4

Neli Todorova LAZOVA

19/05/1955

Bulgaria

Sofia

5

Georgi Ivanov STOYANOV

24/09/1976

Bulgaria

Sofia

6

Vladimir Ivanov STOYANOV

10/01/1970

Bulgaria

Sofia

7

Maria Naydenova PETROVA

Data di morte: 19 Giugno 2014

Eredi: Neli Todorova Lazova, Lyubka Todorova Zikatanova

08/04/1931

Bulgaria

8

Ivan Dimitrov SPASOV

20/01/1956

Bulgaria

Sofia

9

Nadezhda Vasileva STOYANOVA

28/12/1952

Bulgaria

Sofia

10

Angel Slavchev GEOREV

16/07/1955

Bulgaria

Sofia

11

Ivan Stoynov GEOREV

Data di morte: 20 Luglio 2013

Eredi: Vasil Ivanov Stoynov (died, heirs: Stefanka Georgieva Stoynova and Elena Vasileva Stoynova), Nikolay Ivanov Stoynov

10/12/1925

Bulgaria

12

Tsvetanka Tsvetkova GEOREVA

Data di morte: 19 Novembre 2013

Eredi: Angel Slavchev Georev, Snezhanka Slavcheva Georeva-Spirova

27/10/1933

Bulgaria

13

Snezhanka Slavcheva GEOREVA-SPIROVA

09/12/1958

Bulgaria

Sofia

14

Angelina Angelova HRISTOVA

Data di morte: 22 Maggio 2011

01/08/1946

Bulgaria

15

Nikolina Petkova GYUROVA

13/06/1943

Bulgaria

Sofia

16

Gerginka Vasileva IVANOVA

Data di morte: 19 Novembre 2014

Eredi: Trayan Blagoev Ivanov,

Dimitar Blagoev Ivanov

27/02/1929

Bulgaria

17

Petrana Simeonova IVANOVA

01/07/1946

Bulgaria

Sofia

18

Iglika Simeonova NIKOLOVA

Data di morte: 1 Novembre 2018

Eredi: Daniela Georgieva Nikolova,

Sonya Georgieva Stancheva

06/04/1948

Bulgaria

19

Krastina Petkova SPASOVA

22/04/1950

Bulgaria

Sofia

20

Vasilka Petkova TSVETKOVA

20/10/1933

Bulgaria

Sofia

21

Veronika Ventsislavova VELICHKOVA

23/07/1982

Bulgaria

Sofia

22

Yuliyan Filipov VASILEV

29/05/1962

Bulgaria

Sofia

23

Eleonora Tsvetanova VASILEVA

04/06/1937

Bulgaria

Sofia

24

Eleonora Ventsislavova VASILEVA

24/08/1987

Bulgaria

Sofia

25

Krasa Petkova VLACHKOVA

22/04/1950

Bulgaria

Sofia

26

Margarita Trayanova DIMITROVA

22/07/1954

Bulgaria

Sofia

27

Nikola Trayanov SERAFIMOV

Data di morte: 19 Settembre 2015

Eredi: Vishnya Raycheva

Serafimova, Tsvetelina Nikolova

Pandilova, Rositsa Nikolova Serafimova

17/10/1948

Bulgaria

28

Kiro Galabinov KOLEV

Data di morte: 6 Luglio 2015

Eredi: Rumyana Kirilova Koleva,

Zorka Angelova Koleva

01/06/1940

Bulgaria

29

Radka Nikolova MILANOVA

16/03/1941

Bulgaria

Sofia

30

Lyubomir Galabinov MISHEV

26/07/1937

Bulgaria

Sofia

31

Anton Vasilev MOMCHILOV

Data di morte: 25 Maggio 2017

Eredi: Svetla Vasileva Momchilova, Penka Vasileva Momchilova

21/12/1956

Bulgaria

32

Varadinka Pavlova TASEVA

Data di morte: 20 Febbraio 2017

Eredi: Dimitar Tsvetanov Dimitrov, Pavlinka Tsvetanova Krasteva

25/09/1927

Bulgaria

33

Dimitar Pavlov TOSHKOV

Data di morte: 21 Dicembre 2014

Eredi: Lidiya Dimitrova Lagadova,

Toshko Dimitrov Pavlov

15/08/1921

Bulgaria

34

Ginka Stoyanova KIROVA

21/01/1951

Bulgaria

Sofia

35

Nayden Iliev NAYDENOV

29/05/1950

Bulgaria

Sofia

36

Trayan Iliev VARADINOV

19/06/1954

Bulgaria

Sofia

37

Varadin Stoyanov VARADINOV

15/12/1953

Bulgaria

Sofia

38

Ivo Georgiev YANKOV

08/05/1950

Bulgaria

Sofia

39

Yordan Georgiev STOYANOV

Data di morte: 30 Aprile 2012

Erede: Ivo Georgiev Yankov

04/01/1954

Bulgaria

40

Aneta Filipova LUKOVA

17/09/1962

Bulgaria

Sofia

41

Toshko Borisov MIHAYLOV

17/03/1959

Bulgaria

Sofia

42

Lilia Krasteva FILIPOVA

Data di morte: 2 Settembre 2012

Eredi: Aneta Filipova Lukova, Desislava Filipova Kyoseva

21/11/1942

Bulgaria

43

Desislava Filipova KYOSEVA

02/07/1967

Bulgaria

Sofia

44

Georgi Yankov ANDREEV

02/08/1957

Bulgaria

Krivina

45

Yuriy Yankov ANDREEV

16/12/1965

Bulgaria

Krivina

46

Vanya Tsvetanova DIMITROVA

04/07/1966

Bulgaria

Sofia

47

Nadya Dimitrova HRISTOVA

31/01/1958

Bulgaria

Sofia

48

Stefanka Georgieva HRISTOVA

29/12/1957

Bulgaria

Sofia

49

Kiril Filipov IGNATOV

Data di morte: 19 Novembre 2012

Erede: Stefcho Filipov Ignatov

16/02/1945

Bulgaria

50

Stefcho Filipov IGNATOV

01/11/1948

Bulgaria

Sofia

51

Milena Sotirova SOTIROVA

09/11/1973

Bulgaria

Sofia

52

Biser Tsvetanov ILIEV

03/10/1977

Bulgaria

Sofia

53

Georgi Tsvetanov ILIEV

13/07/1974

Bulgaria

Sofia

54

Ognyan Angelov MINOV

25/05/1953

Bulgaria

Sofia

55

Hristina Petrova NIKOLOVA

05/09/1961

Bulgaria

Sofia

56

Petar Radev PENEV

Data di morte: 3 Maggio 2015

Eredi: Lyubka Kamenova Peneva, Ivaylo Petrov Radev, Kamelia Petrova Radeva

21/04/1940

Bulgaria

57

Valentin Tsvetanov PENEV

28/06/1971

Bulgaria

Sofia

58

Tsveta Valkova PENEVA

25/02/1943

Bulgaria

Sofia

59

Lyuben Angelov STOYNOV

Data di morte: 5 Maggio 2015

Eredi: Anton Lyubenov Stoynov, Mariana Lyubenova Koller

12/03/1950

Bulgaria

60

Ventsislav Petrov YANKOV

30/09/1964

Bulgaria

Sofia

61

Dimitar Ivanov DENCHEV

27/05/1946

Bulgaria

Sofia

62

Petya Dimitrova GOSPODINOVA

25/02/1972

Bulgaria

Sofia

63

Damyan Lazarov KOSTADINOV

Data di morte: 28 Febbraio 2017

Eredi: Plamen Vikentiev Vikentiev, Nikolay Vikentiev Vikentiev

08/03/1930

Bulgaria

64

Nikolinka Nikolova NIKOLOVA

30/08/1958

Bulgaria

Sofia

65

Nikolay Vikentiev VIKENTIEV

19/12/1965

Bulgaria

Sofia

66

Plamen Vikentiev VIKENTIEV

25/05/1963

Bulgaria

Sofia

67

Krastana Stoynova YAKIMOVA

Data di morte: 10 Luglio 2012

Eredi: Plamen Vikentiev Vikentiev, Nikolay Vikentiev Vikentiev

10/09/1926

Bulgaria

68

Kalionka Naydenova KOTSEVA

05/01/1935

Bulgaria

Sofia

69

Margarita Raykova DIMITROVA

22/09/1964

Bulgaria

Sofia

70

Deyanka Dimitrova DOBREVA

25/02/1941

Bulgaria

Sofia

71

Rubinka Ilieva DONEVA

08/09/1940

Bulgaria

Sofia

72

Iliya Milanov ILIEV

01/12/1960

Bulgaria

Sofia

73

Valeri Milanov ILIEV

Data di morte: 26 Febbraio 2018

Erede: Stanislav Valeriev Iliev

12/05/1968

Bulgaria

74

Stefka Dimitrova IVANOVA

03/12/1938

Bulgaria

Sofia

75

Edita Dimitrova PETKOVA

18/02/1953

Bulgaria

Sofia

76

Petar Iliev SPASOV

Data di morte: 29 Aprile 2013

Eredi: Gyurgia Georgieva Spasova, Petar Petrov Iliev, Daniela Kostadinova Leshteva, Antoniy Kostadinov Iliev

14/06/1929

Bulgaria

77

Velin Iliev SPASOV

19/03/1933

Bulgaria

Novi Iskar

78

Eleonora Georgieva SPASOVA

08/02/1938

Bulgaria

Sofia

79

Vladimirka Stamenova SPASOVA

10/02/1941

Bulgaria

Sofia

80

Natalia Raykova PETROVA

27/09/1959

Bulgaria

Sofia

81

Vasilka Georgieva STOYANOVA

23/12/1943

Bulgaria

Sofia

82

Ivanka Dimitrova STOYNEVA

Data di morte: 17 Dicembre 2013

Erede: Iskra Trayanova Taseva

15/01/1935

Bulgaria

83

Maria Ivanova YASHEVA

Data di morte: 19 Luglio 2011

Eredi: Zoya Petrova Pandurska, Emil Petrov Yashev

11/08/1931

Bulgaria

84

Stefan Ivanov GEORGIEV

Data di morte: 16 Dicembre 2013

Eredi: Kata Ilieva Georgieva, Ivan Stefanov Ivanov, Iliyan Stefanov Ivanov

01/09/1935

Bulgaria

Sofia

85

Kata Ilieva GEORGIEVA

12/02/1938

Bulgaria

Sofia

86

Iliyan Stefanov IVANOV

03/02/1976

Bulgaria

Sofia

87

Ivan Stefanov IVANOV

20/03/1974

Bulgaria

Sofia

88

Tsvetanka Georgieva BACHEVA

12/10/1942

Bulgaria

Sofia

89

Dimitar Georgiev ALEKSANDROV

15/04/1945

Bulgaria

Sofia

90

Mariana Ivanova ATANASOVA

09/12/1962

Bulgaria

Sofia

91

Stoyanka Dimitrova CHIREPSKA

Data di morte: 27 Dicembre 2011

Eredi: Tsvetanka Georgieva Kavaleto, Stefanka Georgieva Stoynova, Slavka Georgieva Dimitrova

30/08/1921

Bulgaria

92

Valentina Filipova KISOVA

28/04/1948

Bulgaria

Sofia

93

Petranka Kircheva DIMITROVA

02/06/1952

Bulgaria

Sofia

94

Dimitar Kirchev DIMITROV

27/06/1950

Bulgaria

Sofia

95

Dimitar Filipov MLADENOV

08/06/1953

Bulgaria

Sofia

96

Emil Ivanov MLADENOV

14/08/1960

Bulgaria

Sofia

97

Kostadin Blagoychev MLADENOV

23/09/1960

Bulgaria

Sofia

98

Stefan Blagoychev MLADENOV

02/10/1959

Bulgaria

Sofia

99

Yordan Ivanov MLADENOV

19/01/1959

Bulgaria

Sofia

100

Deyanka Dimitrova STOYANOVA

14/04/1935

Bulgaria

Sofia

101

Stoyanka Dimitrova MLADENOVA

13/06/1933

Bulgaria

Sofia

102

Gyurgena Traykova MLADENOVA

Data di morte: 20 Gennaio 2011

16/04/1936

Bulgaria

103

Gergina Pavlova ZAREVA

20/02/1949

Bulgaria

Sofia

104

Kapka Stefanova PESHEVA

22/02/1964

Bulgaria

Sofia

105

Margaritka Pavlova ANDREEVA

15/06/1938

Bulgaria

Sofia

106

Metodi Yordanov ANDREEV

22/03/1965

Bulgaria

Sofia

107

Elena Yaneva ANDREEVA

21/12/1944

Bulgaria

Sofia

108

Paulina Yordanova MIHAYLOVA

30/11/1961

Bulgaria

Sofia

109

Selimka Stoimenova TRAYKOVA

Data di morte: 6 Dicembre 2014

Erede: Krasimir Ivanov Traykov

17/09/1931

Bulgaria

110

Lyudmil Angelov ANGELKOV

Data di morte: 18 Agosto 2015

Eredi: Violeta Koeva Angelkova, Silviya Lyudmilova Angelkova, Rosen Lyudmilov Angelkov

18/06/1959

Bulgaria

111

Nikolay Angelov ANGELKOV

Data di morte: 26 Gennaio 2019

Eredi: Sonya Tsvetanova Angelkova, Tsvetelina Nikolaeva Angelkova

28/05/1965

Bulgaria

112

Tsvetanka Nikolova ANGELKOVA

02/11/1938

Bulgaria

Sofia

113

Zlatko Ivanov ANGELOV

17/06/1951

Bulgaria

Sofia

114

Stoimen Tsvetanov STOIMENOV

17/05/1948

Bulgaria

Sofia

115

Todorka Tsvetanova STOIMENOVA

12/10/1946

Bulgaria

Sofia

116

Kapka Ivanova IVANOVA

Data di morte: 13 Luglio 2013

Erede: Viktor Ivanov Ivanov

29/05/1957

Bulgaria

117

Borislav Georgiev MLADENOV

07/05/1964

Bulgaria

Sofia

118

Ivanka Borisova YANKOVA

02/11/1932

Bulgaria

Sofia

119

Emilia Georgieva TERZIEVA

13/10/1962

Bulgaria

Sofia

120

Zlatka Borisova TODOROVA

23/08/1942

Bulgaria

Sofia

121

Dimitar Manolov ANGELOV

22/09/1947

Bulgaria

Sofia

122

Iliyana Borchova ANDREEVA

01/08/1966

Bulgaria

Sofia

123

Evgeni Borchov IVANOV

30/11/1978

Bulgaria

Sofia

124

Elena Petrova IVANOVA

19/06/1973

Bulgaria

Sofia

125

Gergina Stoilova IVANOVA

05/05/1942

Bulgaria

Sofia

126

Rayna Vladimirova IVANOVA

03/08/1944

Bulgaria

Sofia

127

Nikolay Dimitrov MANOLOV

19/12/1972

Bulgaria

Sofia

128

Rumyana Dimitrova MILANOVA

01/06/1978

Bulgaria

Sofia

129

Vanya Borchova TRAYKOVA

30/10/1969

Bulgaria

Sofia

130

Violeta Petrova VASILEVA

26/02/1976

Bulgaria

Sofia

131

Detelinka Stefanova SOTIROVA

Data di morte: 15 Giugno 2013

Eredi: Gavril Zlatkov Sotirov, Zlatka Gavrilova Sotirova, Rositsa Gavrilova Sotirova

11/02/1938

Bulgaria

132

Detelina Aleksandrova BOYCHEVA

23/04/1962

Bulgaria

Sofia

133

Stefan Aleksandrov TSVETANOV

27/11/1964

Bulgaria

Sofia

134

Stefan Nenkov STOYANOV

Data di morte: 28 Luglio 2015

Eredi: Yordanka Asenova Stoyanova, Rositsa Stefanova Nenkova-Nedyalkova, Ivaylo Stefanov Nenkov

27/04/1943

Bulgaria

135

Stoyan Nenkov STOYANOV

23/12/1948

Bulgaria

Buhovo

136

Krasimira Angelova STOYANOVA

27/09/1952

Bulgaria

Sofia

137

Valentina Angelova STOYANOVA

22/11/1956

Bulgaria

Sofia

138

Maria Ivanova TOMEVA

01/06/1932

Bulgaria

Sofia

139

Nikolina Nenkova STOIMCHEVA

08/11/1944

Bulgaria

Sofia

140

Lyudmila Petrova NIKOLOVA

01/10/1951

Bulgaria

Sofia

141

Nikolina Tsvetanova DIMITROVA

08/03/1947

Bulgaria

Sofia

142

Yanka Kirilova DERVENSKA

07/06/1951

Bulgaria

Sofia

143

Iliyan Metodiev NIKOLOV

22/10/1974

Bulgaria

Sofia

144

Kiril Tsvetanov NIKOLOV

18/05/1951

Bulgaria

Sofia

145

Tsvetan Metodiev NIKOLOV

13/06/1973

Bulgaria

Sofia

146

Petar Kirilov STOYANOV

12/07/1957

Bulgaria

Sofia

147

Naydenka Zaharieva DONKOVA

Data di morte: 1 Novembre 2014

Eredi: Vasilka Todorova Atanasova,

Diana Todorova Donkova

18/02/1934

Bulgaria




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 05/04/2021.