Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ALBERT AND OTHERS v. HUNGARY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 34,P1-1

NUMERO: 5294/14/2019
STATO: Ungheria
DATA: 29/01/2019
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusions:
No violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions)



FOURTH SECTION







CASE OF ALBERT AND OTHERS v. HUNGARY

(Application no. 5294/14)







JUDGMENT


STRASBOURG

29 January 2019






This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Albert and Others v. Hungary,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Ganna Yudkivska, President,
Paulo Pinto de Albuquerque,
Robert Spano,
Faris Vehabovi?,
Iulia Antoanella Motoc,
Carlo Ranzoni,
Marko Bošnjak, judges,
and Marialena Tsirli, Section Registrar,
Having deliberated in private on 4 December 2018,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 5294/14) against Hungary lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by OMISSIS and 240 other Hungarian nationals, whose details are set out in the appendix, on 10 January 2014.
2. The applicants were represented by Mr I. Gárdos, a lawyer practising in Budapest. The Hungarian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Z. Tallódi, from the Ministry of Justice.
3. The applicants alleged, in particular, that the restriction of their rights to influence the operation of the banks in which they held shares, stemming from the Integration Act of 2013, had violated their rights under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
4. By a decision of 4 April 2017, the Court declared the application admissible and joined to the merits two objections by the Government concerning the applicants’ victim status.
5. The applicants filed further written observations (Rule 59 § 1 of the Rules of Court) and requested a hearing on the merits of the case. The Court however considered a hearing unnecessary in the present case (Rules 54 § 5 and 59 § 3).
6. As Mr Péter Paczolay, the judge elected in respect of Hungary, withdrew from sitting in the case (Rule 28 § 3), the President decided to appoint Mr Robert Spano, the judge elected in respect of Iceland, to sit as an ad hoc judge (Article 26 § 4 of the Convention and Rule 29 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
7. The applicants are shareholders of two savings banks, namely Kinizsi Bank Zrt. (“Kinizsi Bank”) and Mohácsi Takarék Bank Zrt. (“Mohácsi Bank”), and of one savings cooperative, Pátria Takarékszövetkezet (“Pátria Cooperative”). A list of the applicants is set out in the appendix, which also indicates the financial institution in which they hold shares and any changes to their situation following the lodging of the application.
8. At the time the application was lodged, the applicants held shares with an aggregate par value of 2,043,342,000 Hungarian forints (HUF), approximately 6,310,000 euros (EUR), representing 98.28% of the total registered capital of Kinizsi Bank and shares with an aggregate par value of HUF 1,833,300,000, approximately EUR 5,662,000, representing 87.65% of the total registered capital of Mohácsi Bank, and shares with an aggregate par value of HUF 8,100,000, approximately EUR 25,000, representing 5.61% of the total share capital of Pátria Cooperative.
9. On 18 December 2014 and 15 April 2015 respectively two of the applicants, Ms László Jánosné Boris (no. 18) and Ms. Endréné Csoltkó (no. 28), the only shareholders of Pátria Cooperative amongst the applicants, withdrew their complaints before the Court. Therefore, the facts of the case below do not contain any further information relating specifically to Pátria Cooperative.
A. Institutional protection system prior to the Integration Act
10. Kinizsi Bank and Mohácsi Bank were established in 1958 and used to operate as savings cooperatives. Their clientele was mostly from the local community.
11. In 1993 a voluntary and restricted integration took place involving 235 savings cooperatives, including the predecessors of Kinizsi Bank and Mohácsi Bank. The purpose of the integration was to enhance the cooperatives’ market position and financial security. With the active support of the Hungarian State and the PHARE Program of the European Union, they entered into an integration agreement. The key institutions of the integration were the National Association of Savings Cooperatives (Országos Takarékszövetkezeti Szövetség – “OTSZ”), the Savings Bank (Takarékbank Zrt.) and the National Fund for the Institutional Protection of Savings Cooperatives (Országos Takarékszövetkezeti Intézményvédelmi Alap – “OTIVA”), which was created as part of the integration. OTIVA, on the one hand, improved the security of deposits placed with the savings cooperatives by supplementing the National Deposit Insurance Fund (Országos Betétbiztosítási Alap – “OBA”), and, on the other hand, served to prevent crisis situations and improved the stability of savings cooperatives. Until changes were introduced by the Integration Act, the shareholding of the savings cooperatives and certain saving banks (together referred to as “cooperative credit institutions”) in the Savings Bank exceeded 60%.
12. In 2006 and 2008 respectively Kinizsi Bank and Mohácsi Bank transformed into the companies limited by shares and received their licences for banking operations. They however remained members of OTIVA and part of the above-mentioned integration.
B. Economic situation of the cooperative credit institutions
13. According to Risk Report 2013/I issued by the Hungarian Financial Supervisory Authority (hereafter “the Supervisory Authority”) in June 2013, the cooperative credit institution sector remained profitable throughout the economic crisis. However, in 2011 and 2012 respectively the operating licences of two saving cooperatives were revoked by the Supervisory Authority, which resulted in the deposit holders obtaining indemnification from OBA.
14. Following an audit carried out with respect to 121 cooperative credit institutions, further to the entry into force of the Integration Act (see paragraph 16 below), a certain number of them had their operating licences withdrawn. Furthermore, ninety-one cooperative credit institutions were obliged to commit reserves, in eight cases a serious crisis situation was established and some required a capital injection from the Integration Organisation (see paragraph 18 below).
15. According to the Government, basing its findings on the data collected after the Integration Act came into force, considering the capital/loan ratio, thirty-nine cooperative credit institutions would not have been in a position to ensure profitable operations without the new measures. The above-mentioned audit also revealed that thirteen cooperative credit institutions had a capital adequacy ratio below 8%, five of which had a negative ratio value.
C. The Integration Act
1. Main features of the Integration Act and scope of its application
16. On 13 July 2013 Act no. CXXXV of 2013 on the Integration of Cooperative Credit Institutions and the Amendment of Certain Laws Regarding Economic Matters (“the Integration Act”) entered into force. It was then amended in several aspects, including by Act no. CXCVI of 2013 on the Amendment of Certain Laws Regarding the Integration of Cooperative Credit Institutions (“the Integration (Amendment) Act”) with effect from 30 November 2013.
17. The Integration Act concerned cooperative credit institutions, that is most savings cooperatives operating as a cooperative and the banks operating as companies limited by shares who on 1 January 2013 had been members of OTIVA. Its scope therefore extended to Kinizsi Bank and Mohácsi Bank. It made the cooperative credit institutions ipso jure members of the Integration Organisation and shareholders of the Savings Bank.
18. The Integration Act abolished the integration of cooperatives organised on a voluntary basis, with voluntary membership, and terminated OTIVA. Instead, it introduced a mandatory integration headed by, inter alia, the Integration Organisation of Cooperative Credit Institutions (Szövetkezeti Hitelintézetek Integrációs Szervezete ? “the Integration Organisation”), which had been newly created as a legal successor of OTIVA and other voluntary institutional protection funds, and the Savings Bank, which continued to be the central bank of the integration, now having more extensive powers. The Integration Act also created a financial risk pool, encompassing the whole of the cooperative credit institutions sector.
19. The Savings Bank supervises the operations of the cooperative credit institutions and is authorised to issue instructions in order to ensure compliance with the law and the regulations issued by the Integration Organisation and the Savings Bank. Apart from the cooperative credit institutions, the Savings Bank and the Hungarian Development Bank (Magyar Fejlesztési Bank Zrt. – “the MFB”) became members of the Integration Organisation by virtue of law. Due to the changes in the ownership of the Savings Bank pursuant to the Integration Act (see in particular, sections 13 and 20, cited in paragraph 39 below) the shareholding of Kinizsi Bank and Mohácsi Bank in the Savings Bank changed. While the two banks previously possessed 0.15% and 2.27% respectively in the Savings Bank, they had a 0.12% and 1.83% stake respectively following the implementation of the Integration Act.
20. The Integration Organisation’s assets are included in the consolidated own funds of the Savings Bank and the cooperative credit institutions. The solvency capital of the cooperative credit institutions is determined collectively, including the property of the Savings Bank and the Integration Organisation.
2. Possibilities to exit the system
21. Under section 17 of the Integration Act, the cooperative credit institutions which did not comply with the relevant requirements of the Integration Act were excluded from integration and their operating licences withdrawn. In such cases, and if they decided to exit, their shares in the Savings Bank could be bought by the MFB, who had a call option (section 20(10) of the Integration Act).
22. In July 2013 banks could leave the integration if they were each able to provide an additional HUF 2 billion, approximately EUR 6 million, as for the creation of a new bank. Moreover, following the amendment of the Integration Act, the cooperative credit institutions were obliged to deposit an amount equivalent to the value of the share capital they had had at the time of the establishment of their membership in the Integration Organisation to a separate account at the Savings Bank for 730 days (sections 11(7) and (8), and 20/A(12) and (13) of the Integration Act; see also paragraph 43 below). At least one bank, to which the Integration Act applied, decided to exit the system and this decision was accepted by the Supervisory Authority.
3. State’s role in the integration
23. In 2012 the Hungarian State emerged as an indirect owner of the Savings Bank, when the MFB (see paragraph 19 above), which is owned by the State, purchased a stake in Deutsche Zentral-Genossenschaftsbank AG, representing 38.5% of the Savings Bank’s shares. Following the entry into force of the Integration Act, the Savings Bank’s capital was increased by HUF 654,986,000 to HUF 3,389,704,000 (approximately EUR 10 million) from the previous amount of HUF 2,735,038,000. Out of this capital increase, the State-owned Hungary Post (Magyar Posta) exercised its statutory subscription rights and acquired ordinary shares with an aggregate par value of HUF 654,666,000 (approximately EUR 2 million), almost 20% of the Savings Bank’s shares (see section 20 of the Integration Act, cited in paragraph 39 below).
24. Apart from the capital increase, the State has directly paid HUF 136 billion, approximately EUR 420 million, to the Integration Organisation through the Joint Capital Coverage Fund of Cooperative Credit Institutions (hereinafter referred to as “the Fund”).
25. It was envisaged that the State’s ownership in the integration would only be of a temporary nature. In 2014 its stake in the Savings Bank was sold, through a bidding process, to one company. According to the Government, the majority of the buyer company is owned by savings cooperatives and private individuals and, as a result of this transaction, the direct and indirect shareholding of cooperative credit institutions in the Savings Bank increased to 76.96%.
D. Impact of the Integration Act on the decision making of the cooperative credit institutions
26. Following the entry into force of the Integration Act, the cooperative credit institutions were obliged to approve a new memorandum of association conforming to the model established by the Integration Organisation. They continue to be bound by any amendments to the model introduced by the Integration Organisation (sections 17/H and 19(3) of the Integration Act, see also paragraph 46 below).
27. For a resolution by the board of directors and supervisory board of the cooperative credit institutions to be valid, an invitation to the relevant meeting of the board of directors or supervisory board, together with all related material, must be simultaneously sent to the Savings Bank (section 15/A of the Integration Act). Minutes of the general meetings and meetings of the board of directors of the cooperative credit institutions must always be submitted to the Savings Bank, and minutes of the supervisory board meetings must be sent to the Savings Bank in certain cases. The cooperative credit institutions are also required to inform, inter alia, the Integration Organisation and the Savings Bank of any legal proceedings in which they are involved (section 15/C of the Integration Act).
28. The shareholders of the cooperative credit institutions may take, inter alia, the following resolutions subject to consent/approval of the Savings Bank:
- the adoption of the annual financial report of the company (section 15(11) and 17/J(2) of the Integration Act);
- the issuing of bonds (section 17/K(1) of the Integration Act);
- decreases or increases of capital (ibid.);
- any payment to the shareholders under any legal title (e.g. dividends, reduction of capital) in connection with their status as shareholders (see section 17/Q(3) and (4) of the Integration Act, cited in paragraph 39 below);
- the conversion, merger or demerger of the company (section 17/S(3) of the Integration Act); and
- acquisition of own shares (section 17/Q(6) of the Integration Act).
29. The consent of the Savings Bank is required for the appointment of executive officers of the cooperative credit institutions (section 15(12) of the Integration Act). The Savings Bank is authorised to suspend their mandate; it may appoint a managing official for an interim period if the cooperative credit institutions do not comply with the instructions or their operations are not in compliance with the law or regulations, or if they are in a so-called crisis situation (section 15(4), (7) and (12) of the Integration Act).
30. The Integration Organisation is entitled to suspend the voting rights of the shareholders of the cooperative credit institution for one year if they threaten the reliable and secure operation of the cooperative credit institutions (see section 17/C(5), cited in paragraph 39 below).
31. The Integration Organisation is authorised to define the level of the cooperative credit institutions’ solvency capital on an individual case by case (not consolidated) basis (section 17/C(1); if they do not reach the level defined, the Integration Organisation is authorised to increase the capital of the cooperative credit institutions, or take certain other measures (see section 17/C(2), cited in paragraph 39 below).
32. As to the actual application of the measures provided for by the Integration Act, the Government submitted the following information:
(i) There have been altogether 151 cases in which cooperative credit institutions sought the consent of the Integration Organisation for the appointment of board members; in ten cases the consent was refused, affecting seven cooperative credit institutions. These cases did not concern Kinizsi Bank or Mohácsi Bank.
(ii) Executive officers of cooperative credit institutions were removed in nine cases; four of these affected cooperative credit institutions where the capital adequacy ratio was largely insufficient, which led to a capital injection by the Integration Organisation in three cases and a merger with another cooperative credit institution in the fourth case; in the remaining five cases, executive officers were removed for breaches of the relevant legislation. These cases did not concern Kinizsi Bank or Mohácsi Bank.
(iii) In eight cases the Savings Bank refused to consent to the payment of dividends; the reasons were: (a) non-compliance with the relevant legislation (two cases, including Kinizsi Bank (see paragraph 35 below)), (b) the risk of not fulfilling the business plan (four cases), (c) the risk of not fulfilling the business plan but allowing for the payment of a limited amount of dividends (two cases, including Mohácsi Bank (see paragraph 35 below)).
(iv) In three cases the increase in capital was provided by the Integration Organisation in order to achieve the 8% capital adequacy ratio; none of them concerned Kinizsi Bank or Mohácsi Bank.
(v) The voting rights of shareholders of cooperative credit institutions have never been suspended by the Integration Organisation.
(vi) In two cases, not concerning Kinizsi Bank and Mohácsi Bank, the Savings Bank refused to consent to the payment of the shares’ value in a cooperative credit institution for members who had exited the institution, finding that the payment would have jeopardised the fulfillment of the capital adequacy ratio requirements.
E. Interference by the integration bodies in the decision making of Kinizsi Bank and Mohácsi Bank
33. Kinizsi Bank and Mohácsi Bank had to adopt a memorandum of association in line with the model provided by the Integration Organisation following the entry into force of the Integration Act. However, the shareholders of the two banks who disagreed with the resolution adopting the aforementioned memorandum challenged it in court. On 12 March 2015 the Pécs High Court found for the plaintiffs in the case brought by the Mohacsi Bank’s shareholders. The court held that the model memorandum of association issued by the Savings Bank and the Integration Organisation could not in any way deviate from the mandatory provisions of the Companies Act. On 30 March 2015 a similar judgment was given by the Veszprém High Court in a case brought by the shareholders of Kinizsi Bank. In both cases, the decision adopting the impugned memorandum at the general meetings of the bank was annulled.
34. It would appear that the required solvency capital of Kinizsi Bank and Mohácsi Bank was at some point raised. However, both banks were able to comply with the new requirement.
35. In the case of Kinizsi Bank, the Savings Bank refused to approve the annual report for 2014 as the bank had not provided data to the auditor to complete the financial audit. The applicants submitted that the required data had been submitted in due time. In the case of Mohácsi Bank, the Savings Bank approved the annual financial report for 2014 but prohibited the actual payment of dividends amounting to 25% (see paragraph 32 above).
36. The Government averred that several further sets of proceedings were pending before Hungarian courts in which Kinizsi Bank or Mohácsi Bank or their shareholders had sought a remedy against certain decisions of the Savings Bank or the Integration Organisation.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. The 2006 Companies Act
37. Act no. IV of 2006 on Companies (“the 2006 Companies Act”, as in force on 12 July 2013, a day before the Integration Act’s entry into force) provided, with respect to a general meeting of a limited liability company, as follows:
Section 231
“(1) The general meeting is the supreme body of a private company limited by shares, and consists of all shareholders.
(2) The following shall fall within the exclusive competence of the general meeting:
(a) decisions to approve and amend the articles of association, unless this Act contains provisions to the contrary;
(b) decisions on changing the operating form of the private limited company;
(c) decisions on converting or terminating the company without succession;
(d) with the exception of the provisions in section 37 (concerning the delegation of certain competences to the supervisory board), the election and removal of members of the management board or the general director, members of the supervisory board and the auditor, and their remuneration;
(e) approval of the annual report prepared pursuant to the Accounting Act;
(f) decisions to pay interim dividends, unless this Act contains provisions to the contrary;
(g) decisions to convert printed share certificates into dematerialised shares;
(h) alteration of the rights attached to the various series of shares, and the conversion of categories or classes of shares;
(i) decisions to issue convertible bonds or bonds with subscription rights, unless this Act contains provisions to the contrary;
(j) decisions to increase the share capital, unless this Act contains provisions to the contrary;
(k) decisions to reduce the share capital, unless this Act contains provisions to the contrary;
(l) decisions to abolish preferential subscription rights, or for authorising the management board for the exclusion or restriction of preferential subscription rights;
(m) decisions on all issues which are assigned to the competence of the general meeting by law or the articles of association.”
B. Integration Act
38. The Preamble to the Integration Act (see paragraph 16 above) reads, in so far as relevant, as follows:
“The savings cooperatives industry needs to be restructured; the sector is under capitalised, and the level of its organisation and the standard of its services are not adequate and its operability may not be ensured in the long term.
Under the authorisation of Act no. CCVI of 2007, in a Government decree the Hungarian State has established the minimum amount provided from State assets for the sectorial restructuring of savings cooperatives. Due to international commitments, however, the funds to be actually devoted to restructuring may not exceed the amount corresponding to the due consideration to be payable by investors in similar market conditions for the rights and positions acquired by the Hungarian State.
Though the Hungarian State acquires major ownership in the industry, it avails such strong positions to restructure, professionalise and reorganise the sector and wishes to sell its positions – thus improved and strengthened – in due time, provided that the positive developments induced by the Hungarian State seem to be irreversible.
The Act aims to provide a uniform and transparent legal framework for all cooperative credit institutions...
The personal scope of the Act extends to cooperative credit institutions defined in the Act, i.e. savings cooperatives, cooperative credits and other credit institutions described in the Act that at any time prior to the Act entering into force operated in cooperative form and prior to the Act entering into force has transformed from cooperatives to limited liability companies, retaining their cooperative affiliation, indicated by the fact that they continue to operate as members of an organisation representing savings cooperatives’ interests.”
39. Apart from those set out above (see paragraphs 21 to 31 above), the following provisions of the Integration Act (as amended) are relevant:
Section 1
“...
(4) [The Savings Bank] is obliged to approve a new risk management policy uniformly applicable to members of the integration within 120 days following the entry into force of this Act. The Integration Organisation, [the Savings Bank] and the cooperative credit institution shall bear joint and several liability for obligations assumed after the thirtieth day following the issuing of new risk management policy of [the Savings Bank].”
Section 1/A
“This Act aims to:
(a) establish a bank for the rural communities, operating under the principle of joint and several liability, the members of which are preferably local private property owners, the efficient operation and economies of scale of which are ensured by professional central management,
(b) provide institutional guarantees for the prudent operation of cooperative credit institutions in the long term,
(c) professionalise, modernise and organise a competitive cooperative credit institution sector,
(d) improve risk management of the cooperative credit institution sector,
(e) ensure integrated operation of the cooperative credit institution sector and establish the necessary infrastructure,
(f) standardise operational policies in order to achieve the aims described in paragraphs (a) to (e).
(g) ensure institutional protection of cooperative credit institutions,
(h) ensure compliance with international and European requirements, regulations, standards and customs applicable to credit institutions.”
Section 3
“...
(2) The Integration Organisation may accept as member who,
(a) made, in accordance with the provisions of the Civil Code, a preliminary undertaking towards the Savings Bank to take over one “C” preference share with a nominal value of HUF 2,000;
(b) approved a new memorandum or articles of association in line with the model pre-approved by the board of the Savings Bank in accordance with the present Act;
(c) except for the cooperative credit institutions defined in section 19(4), notified, in the manner prescribed by this Act, the Integration Organisation of its intention to join the organisation ...”
Section 4
“(1) The initial assets of the Integration Organisation shall consist of the contribution provided by the MFB and the assets acquired under the title of legal succession ...
(2) The contribution of the MFB shall amount to HUF 1,000,000,000, that is, one billion forints, to be provided by the MFB ...
...”
Section 11
“(1) The Board of the Integration Organisation shall adopt rules obligatory for the members of the Integration Organisation, save for the MFB, on the following:
(a) accounting procedures;
(b) internal control procedures;
(c) suitability criteria for executive officers and the verification of such suitability;
(d) provision of financial aid eligible for cooperative credit institutions;
(e) building-up of the assets of the Integration Organisation described in section 4(4).
(2) Upon the initiative of the Board of [the Savings Bank], the Board of the Integration Organisation shall decide on the admission of a cooperative credit institution into the Integration Organisation and on its exclusion from the Integration Organisation.
...
(4) For the purpose of institutional protection, in the event that the measure(s) taken under section 17/C(2) yield(s) no result, the Integration Organisation may acquire ownership in [the Savings Bank] and the cooperative credit institution by means of a capital increase. The Integration Organisation is obliged to dispose of, within two years, the shares and bonds thus acquired in [the Savings Bank] or the cooperative credit institution
...
(7) Exit from the Integration Organisation shall be regulated by the statutes of the Integration Organisation. Cooperative credit institutions exiting the Integration Organisation shall apply to the Supervisory Authority for operational authorisation within [eight] days following the Integration Organisation’s notification of its exit from the Integration Organisation as if the financial institution were being newly established. If the cooperative credit institution exiting or excluded from the Integration Organisation fails to apply to the Supervisory Authority for operational authorisation ..., or the operational authorisation is not granted within 120 days of the date of the Integration Organisation’s notification of its exit or exclusion from the Integration Organisation, the Supervisory Authority shall revoke its operational authorisation and the provisions of section 17 shall be applied to the cooperative credit institution.
(8) In the event of exit or exclusion from the Integration Organisation, with respect to the exiting or excluded member, the joint and several liability of the members of the Integration Organisation shall terminate for the obligations assumed by the member as of the day of its exit or exclusion ...”
Section 12
“(2) The shareholders of [the Savings Bank] are the cooperative credit institutions, the eventual general or specific successor(s) of the MFB and Magyar Posta, and other organisations, legal entities or natural persons acquiring shares in [the Savings Bank] with the consent of the Board of [the Savings Bank].”
Section 13
“(1) The authorised share capital of [the Savings Bank] shall be at least HUF 3,389,704,000 ...
(2) Magyar Posta shall acquire ownership in [the Savings Bank] by subscribing to ordinary shares.
(3) The cooperative credit institutions shall hold series “C” preference shares in [the Savings Bank].
(4) Shareholders of [the Savings Bank] may only hold one kind of preference share.”
Section 15
“...(2) [The Savings Bank] shall adopt rules obligatory for cooperative credit institutions on the following:
(a) the detailed rules on risk management, including credit authorisation, risk monitoring, deposit allocation, cash management and investment policy ... and rules on additional specific capital requirements in addition to laws, regulations and other binding rules;
(b) the applicable business policy;
(c) the joint marketing activity;
(d) the establishment of an integrated IT system.
(3) [The Savings Bank] shall exert control over the activity of the cooperative credit institution, and it may give instructions to the cooperative credit institution in order to ensure compliance with the laws and regulations, the rules issued by or the instructions given by the Integration Organisation and [the Savings Bank]. The cooperative credit institution is under an obligation to comply with those instructions. The instructions must be justified and a deadline for compliance must be set. As to whom the instructions are addressed, the cooperative credit institution has the right to resort to the courts in order to determine if the instructions are in accordance with the Act, other laws and regulations and the rules issued by [the Savings Bank] and the Integration Organisation. Resort to the courts has no suspensive effect; the instructions irrespectively shall be complied with by the deadline set therein.
(4) In the event that the cooperative credit institution fails to comply with the instructions or it is operating in discordance with the laws, regulations or rules:
(a) the Board of [the Savings Bank] may decide to suspend the mandate of the executive officer of the cooperative credit institution for a maximum of 180 days...
(b) upon the initiative of the Board of [the Savings Bank] or upon its own initiative, the Board of the Integration Organisation shall decide on the suspension of membership of the cooperative credit institution in the Integration Organisation and if justified - on the exclusion of the cooperative credit institution from the Integration Organisation.
...
(7) If in the view of the Board of [the Savings Bank] a cooperative credit institution or a group of cooperative credit institutions is in crisis,
(a) the Board of [the Savings Bank] may decide to suspend the mandate of the executive officer of the cooperative credit institution for a maximum of 180 days; that suspension may be extended for an additional 180 days or – in particularly justified cases – it may decide to terminate their mandates and appoint executive officer(s) on a provisional basis;
(b) ... the Board of the Integration Organisation shall decide on the suspension of membership of the cooperative credit institution in the Integration Organisation and if justified - on the exclusion of the cooperative credit institution from the Integration Organisation.
...
(19) In its capacity as the central bank of the cooperative credit institutions and of the integration, in order to ensure prudent operation [the Savings Bank] shall be entitled to give – at its sole discretion – prior consent to the acquisition of own shares or sale of own shares acquired by certain cooperative credit institutions and by the Integration Organisation, provided the value of the ownership to be acquired or to be sold exceeds 0.1% of the own funds of the integration, calculated on a consolidated basis. Transactions pertaining to the same ownership carried out within twelve months shall be aggregated.
(20) In addition to ... section 15(3), the cooperative credit institution may resort to the courts against the decision or instructions of the Board of [the Savings Bank] in accordance with the rules on the judicial review of company resolutions. Resort to the courts has no suspensive effect; the decision or instructions irrespectively shall be complied with by the deadline set therein.
(21) The cooperative credit institution has the right to resort to the courts and contest the decision taken by the Integration Organisation against it, in order to determine if the decision is in accordance with the Act, other laws and regulations and the rules issued by the Integration Organisation or other policies of the Integration. Resort to the courts has no suspensive effect; the decision irrespectively shall be complied with by the deadline set therein.
...”
Section 17
“(1) ... the Supervisory Authority shall revoke the operational authorisation of any cooperative credit institution that fails to comply with or to respect the deadline for complying with its obligations ...”
Section 17/C
“(1) A cooperative credit institution may be established with a minimum initial share capital of [HUF 250 million]. Regardless of its form of operation, the own funds of the cooperative credit institution may not be lower than the level established from time to time by the Integration Organisation on an individual (not consolidated) basis.
(2) Should the own funds of the cooperative credit institution fall below the level specified in subsection (1) or in the case described in section 19(13) [concerning the consequences for cooperative credit institutions who have applied unsuccessfully for a new licence], the Integration Organisation is entitled to resort to the following exceptional measures – without prejudice to the powers and duties of the Supervisory Authority and provided the Supervisory Authority has failed to take such measures by giving prior notice to the Supervisory Authority:
(a) It may provide for the cooperative credit institution:
(aa) to sell its assets not serving the purposes of banking operations;
(ab) to improve its capital structure (including the sale of assets) within the deadline set and in compliance with the requirements;
(ac) with regard to the financial services rendered by the financial institution and the risks assumed by that financial institution, it may determine an individual capital requirement higher than the level specified ...
(b) It may prevent or prohibit the cooperative credit institution from:
(ba) performing transactions in the relation [between] the owner and the cooperative credit institution;
(bb) paying deposits and other repayable funds;
(bc) assuming obligations.
(c) It may determine the maximum rate of interest to be stipulated by the cooperative credit institution.
(d) It may oblige the board of the cooperative credit institution to convene a general meeting and invite it to discuss specific items of the agenda or draw the attention of the board and the general meeting to the need for certain decisions to be taken ...
(e) It may call upon the following owner(s) of the cooperative credit institution to take the necessary measures:
(ea) owner(s) of the cooperative credit institution holding a minimum direct shareholding of 5% as registered in the stock registry or – for cooperative credit institutions operating in a cooperative form – in the registry of members;
(eb) owner(s) having qualifying majority influence.
...
(5) The Integration Organisation may suspend the voting rights of the owners of the cooperative credit institution for a definite period of time, but for no more than one year, by simultaneously taking the additional measures enlisted in subsection (2) ... provided the activity of the owner or his influence over the cooperative credit institution jeopardises the reliable and secure operation of the cooperative credit institution on the basis of the available facts; in such a case, votes concerned by the limitation shall be disregarded upon forming the quorum.”
Section 17/M
“(1) ... The purpose of the Fund is to compensate and indemnify claims enforced against the members of the integration of cooperatives under the principle of joint and several liability.”
Section 17/O
“The Fund relies on resources paid by the cooperative credit institutions and [the Savings Bank] ...”
Section 17/P
“(1) The cooperative credit institutions and [the Savings Bank] provide coverage for their joint and several liability defined in section 1(4) primarily by means of paying an annual contribution to the Fund and an extraordinary contribution as ordered by the Fund.
...”
Section 17/Q
“(3) The general meeting of the cooperative credit institution shall decide upon the decrease of authorised share capital or any payment or repayment made to the member (shareholder) under any [legal title] in connection with its membership (shareholder), and the prior consent of the Board of [the Savings Bank] is required.
(4) In relation to the above subsection (3), the Board of [the Savings Bank] may not refuse to grant its prior consent as long as the payment of dividends does not jeopardise the solvency of the cooperative credit institution or the performance of its business policy or the level of own funds as established on an individual basis. In connection with the above subsection (3), the Board of [the Savings Bank] is obliged to refuse its prior consent, provided that the investigation ... is not yet terminated or it has terminated and found ... that capital replacement is needed and capital replacement has not yet taken place.”
Section 20
“(1) Within thirty days following the entry into force of the Act ... the two auditors, independent ... upon the invitation of the MFB [they] shall determine the current market price of series “B” preference shares and establish the price unit of one ordinary share and one series “B” preference share of [the Savings Bank]. ...
(2) From the first capital increase of HUF 654,986,000 the share capital of [the Savings Bank], to be effected following the entry into force of this Act, Magyar Posta shall take over additional ordinary shares of HUF 654,666,000 at nominal value, while the cooperative credit institutions shall take over a maximum of HUF 320,000 of series “C” preference shares at nominal value. Series “C” preference shares have priority rights as determined in the statutes of [the Savings Bank]...
...
(10) The MFB shall have a call option on the series “B” preference shares of shareholders ... and for [the Savings Bank] shares held by the cooperative credit institutions of which the operational authorisation has been revoked. The call option is valid for one year and may be called as of the day following revocation of the operational authorisation. The call option may be exercised at the value determined by section 20(1). ... The purchase price shall be paid within [ninety] days following the call option statement. The consent of an authorised body of [the Savings Bank] is required for the acquisition of own shares by the MFB.
...”
Section 20/A
“...
(12) The cooperative credit institution which has declared its intention to exit the Integration Organisation is obliged to fully perform its obligations arising from this Act so long as it is a member of the Integration Organisation. As regards section 11(7) the declared intention to exit will become effective, and the cooperative credit institution ceases to be a member of the Integration Organisation on the subsequent working day, if and when:
(a) the operational authorisation is granted by the Supervisory Authority, based on an application for authorisation,
(b) the cooperative credit institution has settled all its claims with the Integration Organisation and all its members and has no outstanding debt towards them, excluding cases where a member of the Integration Organisation placed a deposit with the institution and excluding pending liabilities within the scope of joint and several liability ...,
(c) the conditions for exit as determined in the statutes of the Integration Organisation effective at the date of the exit have been fulfilled,
(d) the condition described in subsection (13) has been fulfilled,
(e) the cooperative credit institution and the Integration Organisation have signed a joint statement on the scheduled exit.
(13) With regard to section 11(8), the excluded or exiting member is obliged to hold the value of its own funds as upon the establishment of its membership in the Integration Organisation in a separate account maintained with [the Savings Bank] for 730 days following the declaration of the intention to exit and to duly notify the Integration Organisation thereof. The amount paid to the [Fund] by the cooperative credit institution until the declaration of the intention to exit may be deducted from the amount to be placed in the separate account maintained with [the Savings Bank] under this subsection. The amount to be placed in the separate account maintained with [the Savings Bank] may be released on the conditions and dates to be determined in the statutes ...”
C. Constitutional Court decision no. 20/2014
40. The Constitutional Court reviewed the Integration Act in its decision no. 20/2014 (VII.3) of 30 June 2014. As regards the process of its adoption in noted, in particular, the following:
“The legislation under examination aimed at the transformation of a significant subsystem of the financial sector and was based on a complex regulatory concept. Due to this and the [particular] sensitivity of the sector the legislator had reasonable grounds for keeping the process of arrangement and preparation to a strict minimum. It was in the interest of both the credit institutions and their clients/depositors to maintain a [precarious] situation for as short a time as possible [so that] an atmosphere of panic or negative chain reaction did not occur.”
41. As regards the aim of the Integration Act and the justification for the limitations imposed on the cooperative credit institutions’ operations, the Constitutional Court held, inter alia, as follows:
“... [S]pecific credit institutions operate as a subsystem of the highly organised financial system and cannot be considered autonomous entities even in terms of civil law ...
...
Secure operation of credit institutions operating in cooperative form plays an important role in ensuring the stability of the financial sector as a whole. The sector in question gains its importance from its extensive branch network, the fact that in the majority of municipalities financial services are available solely through cooperative credit institutions, furthermore, cooperatives play a defining role in financing sole enterprises and businesses active in the agricultural sector. Maintaining this financial infrastructure and ensuring its operability constitutes a public interest that may justify interference with property (and financial autonomy) as part of economic and financial policy, social responsibility, the role of the national economy and social rigidity of property.
Since 2008-2009 statutory conditions of establishing and operating financial organisations, their supervision and control, consolidated management and coordination have become stricter all over the world. The integration itself and the control rights conferred to its bodies aim to coordinate the operation of cooperative credit institutions by means of rules and regulations on a general level and by means of specific measures and instructions on an individual level. These are necessary to coordinate the operation of the credit institutions concerned and to ensure integrated operation. For operational activity, the issues enlisted in section 15(2) of the Act (such as risk management, business policy, marketing and IT systems) are undoubtedly important, therefore the legislator has authorised [the Savings Bank] to establish binding regulations on such issues. In exercising its right of control, [the Savings Bank] monitors compliance with the regulations issued and, in that framework, it is entitled to give specific instructions. Taking into consideration that integrated operation is contingent upon compliance with the regulations and instructions mentioned, the legislator has also authorised the implementation of certain sanctions. Since cooperatives are managed by executive officers on an operative level, their mandates may be suspended or terminated. Sanctions against cooperatives not complying with the binding rules (suspension of the Integration Organisation’s membership, exclusion) are one means of ensuring integrated operation. It is also justified to exercise [the Savings Bank]’s right of control and implement sanctions if a cooperative is in crisis, since – because of a financial risk pool – the operation of a single member may jeopardise the security of the whole system. ... The requirement pertaining to the suspension of the rights of [the Savings Bank] shareholders is a provision promoting the establishment and maintenance of the integration and compliance with integration requirements. ...
...
In addition to all this, the Act introduces a further limitation on the financial operations of cooperative credit institutions ... The objective of these rules is to ensure predictable, stable and prudent operation, minimise business risks and improve secure lending activity.
...
In examining the proportionality of the limitation, the Constitutional Court has considered it an important aspect that though the rights of control of the bodies of the integration have a decisive impact on the operational independence of cooperative credit institutions, this is outweighed by the benefits of integrated operation (mainly the reduction of business risks, improved profitability) and the fact that – in order to ensure the stability and security of the sector – the State contributes significant amounts to institutional protection through the MFB, thereby improving the stability of the sector. In legal terms, not only does the State take something from the system (from the independence of credit institutions), but also gives something (financial coverage, security). ...
...
... The State – in this case as an economic and financial public administration authority – has set the objective of strengthening the cooperative credit institution sector within the system of financial institutions, ensuring its stability and operability and promoting efficient and competitive operation. In the view of the Constitutional Court, limitations on the right to property of ordinary shareholders are duly justified and compensated by this fact.
...
The acquisition of property by the State effected indirectly via Magyar Posta and the restriction of ordinary shareholders resulting therefrom has so far involved not only the mere acquisition of management rights, but also a real and complex financial reinforcement of the sector. Capital was provided by the State to the sector in two ways: on the one hand, through a capital increase effected in [the Savings Bank] the State provided extra assets to the central bank of integration, and, on the other hand, a significant amount ( ... about HUF 136.5 billion) was provided to [the Integration Organisation]. The latter amount should be spent on the transformation, professionalisation and reorganisation of the sector.”
42. As regards the call option of the MFB, the Constitutional Court noted the following:
“Since the [call] option, if exercised, entails loss of property, the proportionality of the public interest and deprivation requires compensation. The option may only be constitutional with a value guarantee ... In the case under review, the legislator has also provided for consideration: by virtue of section 20(1) and (10) to (11), a purchase price must be paid for the shares, the value of which is established as the [average] of an estimation given by two independent auditors, and the purchase price is to be paid within [ninety] days following the statement on the call option. The legislator has thus taken into consideration the requirement of a value guarantee, with no reduction in the assets of the shareholders.”
43. Regarding the scope of the Integration Act, extending to certain banks, the Constitutional Court found as follows:
“In considering the reasonable nature of such distinction it must not be overlooked that cooperatives-turned-banks have kept their membership in the institutional protection fund, hence maintaining their strong attachment to the cooperative credit institution sector at their own discretion despite the change in the way they operate. Membership ... offered them a special ‘financial safety net’ but the Act has dissolved such funds. [The Integration Organisation] has become their legal successor; hence, it is reasonable for this organisation to provide protection to all credit institutions which were members of one of the voluntary funds. Accordingly, it was necessary to extend the integration to those credit institutions already transformed into banks on the condition that – if they so decide – it is possible to leave the integration (in the meantime, one of the banks concerned has already taken this opportunity).”
44. Lastly, the following parts of the Constitutional Court decision are relevant to the issue of the remedies available as of 30 November 2013:
“ ... As a means of exercising control rights, the Act authorises the bodies of the integration to establish various regulations and decisions (... (i) rules, (ii) instructions and (iii) other decisions); thereby giving them powers to exercise a fundamental influence on the operation of the cooperative credit institutions concerned. Misuse or abuse of such rights may result in a grave violation of the rights of those involved. To counterbalance this fact, the Act – as of 30 November 2013 – ensures cooperative credit institutions the right to resort to the courts:
...
(a) Section 15(3) of the Act ensures such a right ... against the instructions of [the Savings Bank]. ...
(b) In accordance with section 15(20) of the Act, the cooperative credit institution may contest the decision or instruction of [the Savings Bank] under the rules applying to the judicial review of company resolutions ...
(c) Section 15(21) of the Act provides a judicial avenue to contest the decisions of [the Integration Organisation] for the cooperative credit institution [concerned] by the decision. The court may examine whether that decision was in conformity with the law and other regulations and the policies issued by the integration bodies.
...
On the basis of the foregoing, it may be established that the right to seek a legal remedy against the instructions of [the Savings Bank] is ensured by section 15(3) and (20) of this Act, against its binding rules by section 45 of the Business Associations Act, or section 3:35 of the Civil Code replacing [it] [confirmed by section 15(20) of this Act].
...
As regards [the Integration Organisation’s] rules, the Act does not provide for a similar requirement, regulating judicial review. Nevertheless, rules established by [Integration Organisation] are enforced through specific instructions and other individual decisions. In the event the rules are directly applicable, non-compliance entails sanctions for the cooperative credit institution, ... [the Savings Bank] takes measures to enforce the rules by means of a specific measure (gives instructions) under section 15(3) or implements sanctions in accordance with the provisions of the Act. Such individual decisions may be contested before the court and, in the course of the judicial review, the rules serving as the basis of the individual decisions [must] be examined.”
45. As regards joint and several liability, the Constitutional Court revoked certain provisions of the Integration Act and held that the Fund should pay any amount payable on the grounds of joint and several liability instead of the debtor within a set time-limit. After payment has been effected by the Fund, any amount payable on the grounds of joint and several liability shall be paid by the other cooperative credit institutions, the Integration Organisation or the Savings Bank. It also noted that “liability for debts is incurred solely for the debts of cooperative credit institutions, so members of the integration assume no liability for the debts of [the Savings Bank] and [the Integration Organisation].”
46. The Constitutional Court also held that the provisions concerning the model memorandum of association should be interpreted so that such statutes may only contain compulsory elements that are essential for the purposes of the Integration Act or serve the implementation thereof or are necessary for meeting the EU requirements on the integrated operation of credit institutions.
THE LAW
I. PRELIMINARY ISSUES
A. The Government’s objections
47. The Government argued that the applicants could not be considered victims of a breach of their rights because, firstly, only the cooperative credit institutions, not the shareholders themselves, had been affected by the Integration Act. A mere loss of value of shares would also not be sufficient for conferring victim status on shareholders of a company. Secondly, a capital increase and the funds that the State had provided to the Integration Organisation (directly to the Fund) had to be considered as compensation for the restrictions imposed because such a contribution had decreased the business risk and increased the profitability of the cooperative credit institutions.
48. The applicants submitted that their complaints were limited to the provisions of the Integration Act that restricted their rights to influence the operations of the banks in which they held shares. They further explained that their complaints did not extend to the effect the Integration Act had on the cooperative credit institutions.
49. In its admissibility decision of 4 April 2017 the Court joined to the merits the two above-mentioned Government objections (see Albert and Others v. Hungary (dec.), no. 5294/14, §§ 57 and 61, 4 April 2017). It will thus address them together with the merits of the application.
B. Withdrawal of the application in so far as it concerns the shareholders of Pátria Cooperative
50. Two of the applicants, Ms László Jánosné Boris (no. 18) and Ms Endréné Csoltkó (no. 28), who were shareholders of Pátria Cooperative, withdrew their complaints before the Court (see paragraph 9 above).
51. In the light of the foregoing, and in the absence of any special circumstances regarding respect for the rights guaranteed by the Convention or its Protocols, the Court, in accordance with Article 37 § 1 (a) of the Convention, considers that it is no longer justified to continue the examination of the application in so far as it has been introduced by Ms László Jánosné Boris and Ms Endréné Csoltkó and finds it appropriate to strike it out of the list.
52. In view of the above finding, the Court observes that the case before it now concerns only shareholders of Kinizsi Bank and Mohácsi Bank.
C. Whether it is justified to continue the examination of the application as regards the deceased applicants
53. The Court notes that seven of the applicants, Ms Erzsébet Ambergné Schumacher (no. 3), Mr Gyula Csanádi (no. 24), Ms Gyuláné Flórián (no. 45), Mr András Gász (no. 50), Mr László Sándor Jónás (no. 84), Mr Miklós Kovács (no. 111) and Mr János Múth (no. 137), died while the case was pending before the Court. Their heirs informed the Court that they wished to pursue the application lodged by them. The Court has accepted on a number of occasions that close relatives of a deceased applicant are entitled to take his or her place (see, among many authorities, Petrovi? v. the former Yugoslav Republic of Macedonia, nos. 30721/15, §§ 15 and 16, 22 June 2017). For the purposes of the instant case, the Court is prepared to accept that the heirs of the deceased applicants, who are indicated in the appendix, can pursue the application initially brought by the aforementioned applicants.
54. Furthermore, Mr József Gy?ri (no. 59), Mr József Jakab (no. 83) and Mr György Kiss (no. 102) also died pending the proceedings before the Court. As regards Mr József Gy?ri and Mr György Kiss, no heirs or relatives expressed any wish to continue the proceedings before the Court. As regards Mr József Jakab, his heir informed the Court that she did not wish to pursue the proceedings in his stead.
55. In these circumstances, the Court concludes that it is no longer justified to continue the examination of the application in so far as it concerns Mr József Gy?ri, Mr József Jakab and Mr György Kiss, within the meaning of Article 37 § 1 (c) of the Convention (see, for example, Dinçer and Others v. Turkey, no. 10435/08, §§ 13 and 14, 3 November 2011). Furthermore, the Court finds no reasons of a general nature, as defined in Article 37 § 1 in fine, which would require the further examination of the application in so far as it concerns the complaints made on behalf of the above-mentioned applicants. Accordingly, this part of the application should be struck out of the list.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 OF THE CONVENTION
56. The applicants complained about the impact of the Integration Act on the exercise of their rights to influence the conduct and policy of the banks of which they were shareholders. They relied on Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. The parties’ arguments
1. The applicants
57. The applicants argued that the Integration Act imposed measures which could not be regarded as in the public interest because the cooperative credit institutions, which had amounted to only 5% of the credit institution sector had, already prior to the Act, been highly profitable. They contested the Government’s argument that the cooperative credit institutions had benefited from membership in the new protection system. They submitted that the latter had resulted from a misuse of power by the legislator, who had adopted the Integration Act and its amendment in haste, giving extensive powers to the Savings Bank.
58. The applicants acknowledged that they continued to own shares in Kinizsi Bank and Mohácsi Bank but argued that as shareholders they had lost their autonomy in exercising the rights normally attached to shares. In particular, they maintained that after receiving their licences for banking operations, Kinizsi Bank and Mohácsi Bank had no longer belonged to the sector of cooperatives but the Integration Act nevertheless applied to them. In their view, it excessively interfered with their rights to freely establish and amend a memorandum of association, adopt resolutions on a number of issues (such as adoption of the annual financial report, the issuing of bonds, reductions/increases of the share capital, any payments to the shareholders, acquisition of own shares, and the conversion, merger or demerger of the company), appoint directors/members of supervisory board and determine their remuneration. Moreover, the Integration Act required them to comply with the instructions issued by the Savings Bank, allowed for the suspension of voting rights and authorised the International Organisation to define, without any clear limits, the banks’ solvency capital (see paragraphs 26 to 31 and 39 above). This, in their view, amounted to a deprivation of their rights without receiving any compensation. In this connection, they submitted that the funds supplied by the State to the protection system could in no way improve their situation and that, in any event, the funds had been provided to the Savings Bank and the Integration Organisation, not to them. Moreover, the applicants explained that their complaints did not extend to the effect the Integration Act had on Kinizsi Bank and Mohácsi Bank and to the concrete measures taken by the Savings Bank and the Integration Organisation against those banks. They argued that their right to property had been violated by “the mere existence of the obligation to request consent and by the right of the Savings Bank and the Integration Organisation [to interfere]”. In this connection, they also submitted that they as shareholders could only directly challenge the shareholders’ resolutions, not the measures of the Savings Bank and the Integration Organisation, and that a judicial review made sense only if the impugned measures exceeded the scope allowed by the Integration Act.
59. The applicants further argued that the security of depositors and prudent operation of financial institutions could be reached by much less restrictive measures, such as the effective operation of the supervisory authorities and proper regulation of the sector. They further submitted that though the provision of the Integration Act allowed for the banks to leave the integration it was practically impossible for them to fulfil the conditions for exiting, especially following the amendment of the Integration Act.
60. The applicants argued that the change in the ownership of the Savings Bank was irrelevant to the alleged violation in the present case. They also submitted that “the loss suffered by [their] banks with respect to the value of their shares in the Savings Bank [was] of an insignificant amount”. In their view, the only relevant issue was who should influence the operation of Kinizsi Bank and Mohácsi Bank and how. In this connection, they submitted that while their property had not been transferred to another entity, the Integration Act’s interference with their rights had been so severe as to amount to de facto expropriation.
2. The Government
61. The Government conceded that in so far as Article 1 of Protocol No. 1 could be applied to the present case, the measures in question could be considered as interference with the applicants’ right to property. However, they had been lawfully based on the Integration Act and the Constitutional Court’s decision. The impugned legislation concerned a very sensitive financial sector and the legislator had thus been justified in keeping the process and preparation to a strict minimum.
62. The Government also argued that the Integration Act pursued the legitimate aims of averting potential financial crises affecting the cooperative credit institutions, improving their function in the financial sector, protecting the interest of thousands of their depositors as well as making the system compliant with the requirements of the Third Basel Accord (2013/36/EU Directive).
63. The Government noted that the cooperative credit institutions had not been at an immediate risk before the entry into force of the Integration Act because they had kept their lending activity low. However, low capitalisation of the cooperative credit institutions prior to the Integration Act, which had not been properly addressed in the 2013 Supervisory Authority’s report due to their inadequate risk assessment mechanisms, would have not allowed for long-term profitable operations. This was the case because, inter alia, the interest rates of newly issued Hungarian State Bonds, often used by the cooperative credit institutions, had significantly dropped. In any event, even if the cooperative credit institutions could have maintained their previous business model, they would have not fulfilled their social function. Credit institutions were there to provide capital for the development of the economy through providing loans to enterprises and consumers. They did not fulfil this function by investing the consumers’ deposits in State bonds.
64. As regards the application of the Integration Act to Kinizsi Bank and Mohácsi Bank, the Government submitted that both banks had been members of OTIVA, whose assets had been included in the Integration Organisation’s assets. It had thus been inevitable that the Integration Organisation would provide protection to the two banks and that other services previously provided through the voluntary integration would be provided to them under the new system. They also drew attention to the funds provided by the MFB to the Integration Organisation, submitting that they had significantly raised the own funds of every single cooperative credit institution participating in the integration. Furthermore, the Government pointed out that certain uniformity regarding the operations of the cooperative credit institutions was necessary because of the joint and several liability, which had benefited the cooperative credit institutions and their creditors, and the fact that the solvency and liquidity were monitored as a whole on the basis of consolidated accounts of these institutions. For instance, the limitations on the use of profit served bank stability, did not make it impossible to eventually use such profit and could be challenged in court. The applicants’ argument of de facto expropriation was thus wholly unfounded.
65. As regards the transfer of shares following the entry into force of the Integration Act, the Government submitted that the introduced rules were meant to provide membership rights to each cooperative credit institution, which had not previously been the case. The MFB paid proper compensation for series “B” shares. Moreover, as a result of the measures taken under the Integration Act, the value of the Savings Bank’s shares had increased, meaning that the cooperative credit institutions had in fact benefited from them.
B. The Court’s assessment
66. In its decision of 4 April 2017 the Court found Article 1 of Protocol No. 1 to be applicable to the circumstances of the case (see Albert and Others, cited above, § 43). In this connection, the Court reiterates that a share in a company is a complex object which certifies that the holder possesses a share in the company together with the corresponding rights. This encompasses an indirect claim over the company’s assets, including the right to a share in them in the event of it being wound up, but also other unrestricted rights, especially voting rights and the right to influence the company’s conduct and policy (see, among many authorities, Olczak v. Poland (dec.), no. 30417/96, § 60, ECHR 2002 X (extracts)).
67. The Court notes that the applicants hold shares in Kinizsi Bank and Mohácsi Bank (see paragraph 8 above) and that these banks, being ipso jure members of the Integration Organisation, are subject to control exercised by the integration’s central bodies, namely the Integration Organisation and the Savings Bank (see paragraphs 26 to 31 above). The Court notes that the legislative provisions complained of mostly allow for measures to be taken against the cooperative credit institutions. Only very few provisions seem to allow for measures to be taken directly against particular shareholders. In this connection, it is observed that such measures were taken by the Savings Bank when it refused to consent to the payment of dividends in the case of Kinizsi Bank and imposed the limits on such payment in the case of Mohácsi Bank (see paragraphs 32 and 35 above). However, the applicants explicitly excluded such concrete measures from the scope of their complaint (see paragraph 58 above).
68. As regards the impugned legislative provisions allowing for measures to be taken against Kinizsi Bank and Mohácsi Bank, it cannot be ignored that the applicants fall short of holding 100% shares in the respective banks (see paragraph 8 above) and are thus not the “sole” owners of the companies in question (see, by contrast, Ankarcrona v. Sweden (dec.), no. 35178/97, 27 June 2000, and Glas Nadezhda EOOD and Anatoliy Elenkov v. Bulgaria, no. 14134/02, § 40, ECHR 2007). Therefore, it should normally be for Kinizsi Bank and Mohácsi Bank, not the applicants, to pursue an application before the Court, save if there were exceptional circumstances justifying the disregarding of legal personality (see Agrotexim and Others v. Greece, 24 October 1995, §§ 65 and 66, Series A no. 330 A). Such exceptions could be accepted when it is clearly established that it was impossible for the company to apply to the Convention institutions through the organs set up under its articles of incorporation or, in the event of liquidation, through its liquidators (see Agrotexim and Others, cited above, § 66; Credit and Industrial Bank v. the Czech Republic, no. 29010/95, §§ 50 to 52, ECHR 2003 XI (extracts); and Feldman and Slovyanskyy Bank v. Ukraine, no. 42758/05, §§ 28 and 29, 21 December 2017); where the acts or decisions complained of related to the actions of persons such as a liquidator acting on the company’s behalf (see G.J. v. Luxembourg, no. 21156/93, § 24, 26 October 2000); or where the measures complained of consisted of the cancellation of shares belonging to the applicant and were directly aimed at the applicant’s rights as a shareholder (see Olczak, cited above, § 58).
69. The Court notes, however, that the present case cannot be compared to any of the above situations. Firstly, notwithstanding their criticism of the reform of the institutional protection system, the applicants did not show that their shares in Kinizsi Bank and Mohácsi Bank had lost their economic value due to those banks’ automatic membership in the Integration Organisation (see paragraph 23 above and section 20 of the Integration Act, cited in paragraph 39 above). Secondly, the applicants did not complain about any concrete measures directly affecting them but about the provisions of the Integration Act which (i) allow for instructions to be imposed on the cooperative credit institutions, including Kinizsi Bank and Mohácsi Bank, (ii) oblige the latter to seek the Savings Bank’s consent for a number of important decisions such as the adoption of the annual financial report, issuing of bonds, changes in capital and the appointment of their executive officers (see paragraphs 28, 29 and 39 above) and (iii) require them to adjust their memorandum of association in line with the standard provisions issued by the Integration Organisation (see paragraph 26 above). These legislative provisions could indeed affect the applicants’ interest, for instance by constraining the scope of the decisions which could be taken at the general meeting. However, none of them are directly aimed at the applicants as shareholders.
70. In this connection, it is to be reiterated that whenever a shareholder’s interests are harmed by a measure directed at the company, it is up to the latter to take appropriate action. An act infringing only the company’s rights does not involve responsibility towards the shareholders, even if their interests are affected. Such responsibility arises only if the act complained of is aimed at the rights of the shareholder as such or if the company has been wound up (see Olczak, cited above, § 59), which is not the situation in the present case.
71. Furthermore, while bearing in mind the applicants’ argument that their rights had been infringed by “the mere existence” of the impugned legislative provisions (see paragraph 58 above), the Court cannot ignore the fact that Kinizsi Bank and Mohácsi Bank could contest decisions of the Savings Bank and the Integration Organisation and the Savings Bank’s instructions before the domestic courts (see section 15 of the Integration Act cited in paragraph 39, see also paragraphs 44 and 58 above). Accordingly, since the applicants as shareholders are not entitled to pursue remedies against such measures, accepting the assumption that they have locus standi would engender considerable problems concerning the requirement of exhaustion of domestic remedies (see Agrotexim and Others, cited above, § 65).
72. Having regard to the above and to the fact that the applicants did not point to any circumstances justifying the lifting of the corporate veil, the Court finds that they cannot claim to be victims of the alleged violation stemming from the legislative provisions that are aimed at regulating the operation of the cooperative credit institutions and allow for measures to be taken against Kinizsi Bank and Mohácsi Bank. Such measures could possibly amount to interference with the rights of those banks, but not the applicants.
73. In so far as the Integration Act allows for measures to be taken directly against the owners or shareholders of the cooperative credit institutions (for instance, the Savings Bank’s consent/approval needed for any payment to the shareholders under any legal title – see paragraph 28 above), the Court has already noted that the applicants had explicitly excluded concrete measures, such as the Savings Bank’s refusal to consent to the payment of dividends in the case of Kinizsi Bank and the limitation imposed on such payment in the case of Mohácsi Bank, from the scope of their complaint (see paragraph 67 above).
74. The Court further notes that measures such as the suspension of the shareholders’ voting rights (see paragraph 30 above) and certain other measures stipulated in section 17/C of the Integration Act (see paragraph 39 above) can be taken only in exceptional cases. For instance, they can be taken on the condition that the cooperative credit institutions’ funds fall under the required level or that they have been unsuccessful in applying for a new licence (see paragraph 39 above). Having regard to the information in the Court’s possession (see paragraph 32 above) it has not been demonstrated that the applicants, as the shareholders of Kinizsi Bank and Mohácsi Bank, were in fact likely to run the risk of being affected by the aforementioned measures (see, mutatis mutandis, Jensen and Rasmussen v. Denmark (dec.), no. 52620/99, 20 March 2003).
75. The Court reiterates that the question whether an applicant can claim to be a victim of the violation alleged is relevant at all stages of the proceedings under the Convention (see Centro Europa 7 S.r.l. and Di Stefano v. Italy [GC], no. 38433/09, § 80, ECHR 2012). In the present case, it finds that the impugned legislation did not interfere with the applicants’ rights in view of the scope of their complaints (see paragraphs 58 and 67 above) and that they therefore cannot claim to be victims of the alleged violations within the meaning of Article 34 of the Convention. Therefore, the Court is unable to take cognizance of the merits of the applicants’ complaint. Accordingly, it upholds the Government’s related objection.
76. Consequently there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1. This conclusion makes it unnecessary to examine the remaining Government’s objection concerning the alleged compensation received by the applicants (see paragraph 47 above).
FOR THESE REASONS, THE COURT,
1. Holds, unanimously, that (i) Ms Erzsébet Amberg, (ii) Mr László Gyula Csanádi, (iii) Mr Gyula György Flórián, (iv) Ms Judit Terézia Ádámné Gász, Ms Andrea Domokosné Gász and Ms Andrásné Gász, (v) Ms Glória Hoffmanné Jónás and Mr Robin Jónás, (vi) Ms Miklósné Kovács, and (vii) Ms Edina Kollárné Múth, Ms Jánosné Múth and Ms Melinda Schneiderné Múth have standing to continue the present proceedings instead of, respectively, (i) Ms Erzsébet Ambergné Schumacher (no. 3), (ii) Mr Gyula Csanádi (no. 24), (iii) Ms Gyuláné Flórián (no. 45), (iv) Mr András Gász (no. 50), (v) Mr László Sándor Jónás (no. 84), (vi) Mr Miklós Kovács (no. 111) and (vii) Mr János Múth (no. 137);

2. Decides, unanimously, to strike the application out of its list of cases as far as it concerns the applicants Ms László Jánosné Boris (no. 18), Ms. Endréné Csoltkó (no. 28), Mr József Gy?ri (no. 59), Mr József Jakab (no. 83) and Mr György Kiss (no. 102);

3. Holds, by six votes to one, that the applicants cannot claim to be victims of the alleged violation and that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1.
Done in English, and notified in writing on 29 January 2019, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Marialena Tsirli Ganna Yudkivska
Registrar President
In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the separate opinion of Judge Pinto de Albuquerque is annexed to this judgment.
G.Y.
M.T.


DISSENTING OPINION OF JUDGE PINTO DE ALBUQUERQUE
1. Albert and Others v. Hungary concerns one of the most consequential issues in property rights in Europe today: the extent to which State control of banks should be tolerated. The majority evade this extremely important question by erroneously arguing that individual shareholders are not directly harmed by the regulation of banks in which they have a stake. I respectfully disagree with this proposition, and would find a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
2. This case presents an excellent occasion for the European Court of Human Rights (“the Court”) to address the legality of excessively stringent banking regulations, which have unfortunately become typical in many States under our jurisdiction. Given this judgment’s impact on millions of ordinary shareholders beyond Hungary, the Court must consider the significant ramifications of the challenged legislation.
The impact of the Integration Act on shareholders’ rights
3. The Court’s finding that the shareholders lack victim status because only the banks are affected by Act no. CXXXV of 2013 on the Integration of Cooperative Credit Institutions and the Amendment of Certain Laws Regarding Economic Matters (“the Integration Act”) is entirely misguided. The Integration Act has real and serious consequences for the property rights of the applicants as individual shareholders.
4. First, the right to establish and modify the deed of foundation of the banks is an important right associated with the ownership of shares. Yet, instead of enjoying the freedom to collectively create or amend the deed of foundation of Mohacsi Bank and Kinizsi Bank, the applicants are obliged to approve the standard statutes with content prescribed by the Integration Organisation .
5. Before the Integration Act came into force, this freedom was tangible and valuable for the applicants: since the applicants in aggregate held over 87% and 98% of shares in Mohacsi Bank and Kinizsi Bank respectively , they had effective control over the banks’ major decisions. It is misleading to suggest that anything falling short of a 100% shareholding means that the applicants could not exercise control over the company . Without the interference of the Integration Act, the applicants together would have had the power to determine the most important matters of their credit institutions, including the many areas in which the Integration Organisation now has uncontested authority.
6. Second, the Integration Act excessively restricts the ordinary rights of shareholders by subjecting shareholder resolutions to prior approval of the Savings Bank . Consequently, the Savings Bank can veto the most basic decisions like decreases or increases of capital, acquisition of own shares or the issuing of bonds. The legislation thus deprives the shareholders of the ability to determine a variety of questions that can affect the value of their shares dramatically.
7. Third, the Integration Act entitles the Integration Organisation to suspend the voting rights of the applicants altogether for one year if it considers that the shareholders “jeopardise the reliable and secure operation of the cooperative credit institution” . Despite the drastic nature of such measure, the Act does not provide any concrete guidelines on what actions would count as jeopardising the operation. Considering that voting is the paramount right associated with shares, such suspension is an extremely serious, direct infringement upon the applicants’ property rights.
8. Moreover, the Integration Organisation can actually act contrary to the resolution of the shareholders. For instance, if the bank’s solvency capital does not reach a specific level, the Integration Organisation is authorised to increase that capital without shareholder approval . The Savings Bank can also suspend the mandate of executive officers of the shareholders’ choosing; they may even appoint a managing official for an interim period .
9. Under the majority’s reasoning, these strict, invasive regulations have had no measurable effect on the shareholders. However, the cumulative impact on shareholders who are unable to participate in such consequential choices cannot be precisely predicted, nor should it be underestimated. Even if there is no immediate, visible financial detriment, the sheer loss of control in these matters in and of itself constitutes interference with the shareholders’ right to the enjoyment of their property.
10. The majority further state that the suspension of voting rights and measures against the interests of shareholders occur only in exceptional cases, and that the applicants were not “in fact likely to run the risk of being affected by” these measures. These are entirely speculative observations that have no basis in the submissions. Even if these measures do not occur frequently, the fact that the law provides for the possibility of such extreme measures should itself be of great concern. After all, there has been no principle in the history of the Court’s case-law to the effect that a single occurrence of a violation is not enough.
11. Fourth, cooperative credit institutions that do not comply with the relevant requirements of the Integration Act can be excluded from integration, and even have their operating licences withdrawn . This means that the requirements with which the credit institutions must comply dictate the day-to-day activities of their banks, rather than the collective wishes of the shareholders. The applicants are thus subjected to an ongoing, continuous interference with their exercise of shareholder rights.
12. Fifth, the Savings Bank can actually refuse to consent to the payment of dividends on grounds of “non-compliance with the relevant legislation” or the “risk of not fulfilling the business plan”, which has already happened to shareholders of Mohacsi Bank . Given that the right to payment of dividends is an essential right associated with shares, this is another instance of a severe encroachment.
13. The majority have unjustifiably disregarded these serious consequences by noting that “[o]nly very few provisions seem to allow for measures to be taken directly against particular shareholders” . This evaluation misses the point: the analysis ought to focus on the impact on the shares, not on the particular shareholders as persons. The interference at issue unequivocally targets the core substance of shareholders’ rights, namely their economic or pecuniary rights, such as the right to dividends, and their control or governance rights, such as the right to vote on the most significant decisions for their banks .
Shareholders’ rights under the Court’s case-law
14. The majority’s conclusion that the applicants cannot claim victim status under Article 34 is inconsistent with the development of this Court’s case-law since Agrotexim and Others v. Greece, the leading case on the victim status of individual shareholders . In Agrotexim, the Court held that “[o]nly a person whose personal interests have been directly affected could have [victim] status” , and therefore matters that only concern the corporate entity do not necessarily confer victim status on the shareholders. Put differently, the Court held that in the presence of measures affecting shareholder rights, “such as the right to attend the general meeting and to vote” , these would be direct violations against which shareholders might bring claims. Thus, when shareholders in a public company complained that they were obliged to exchange their shares in an old company for shares in a new one at an unfavourable rate, as a result of a merger of the latter with another company, the Court found that they could claim to be victims of a violation of Article 1 of Protocol No. 1 . The Court held that the protection sought by the shareholder could include a guarantee that the terms of the share exchange were appropriate.
15. Put simply, shareholders have standing before the Court where the impugned measures have a direct bearing on their own rights which are inherent in the ownership of stocks or shares .
16. Such a direct bearing is indeed at stake here. As the majority correctly explain, a share “certifies that the holder possesses a share in the company together with the corresponding rights. This encompasses an indirect claim over the company’s assets ... [and] also other unrestricted rights, especially voting rights and the right to influence the company’s conduct and policy” . As demonstrated above, the shareholders have been directly affected by the Integration Act’s interference with the most important and representative rights associated with their shares, such as voting rights and the right to dividends.
17. Developments since Agrotexim have reaffirmed the standing of shareholders when their rights are directly at stake. For example, in Olczak the Court found that the cancellation of the applicant’s shares entitled him to bring a claim .
18. Similarly, in Yukos v. Russia , the Court ordered the State to compensate the individual shareholders for the damage sustained by the relevant company, recognising their status as victims. The Court awarded damages to shareholders even though the direct harm at issue – the tax arrears and the injunction prohibiting the company from disposing of its assets – had been imposed on the company as a whole.
19. Likewise, in Suzer and Eksen Holding v. Turkey, the Court found that the takeover of a private bank by the State authorities could be regarded as an interference with the property right of the former shareholders of the bank . The measures taken by the Turkish authorities had resulted in depriving the applicants of the economic rights, both tangible and intangible, related to the operation of their former bank . Thus, the Court recognised that some economic rights might not be immediately quantifiable, but nevertheless relevant. This conclusion was reached in spite of an acknowledgment that initially the measures taken by the government had fallen within its power of control over the Turkish banking sector to ensure its proper functioning.
20. As with those cases, the Integration Act has also gone beyond mere regulation of the control of property by interfering with the substance of the ownership – in this case, of shares. Therefore, there is no justification for deviating from this line of authority recognising the victim status of applicants in such a situation.
Protection of shareholders’ rights in international law
21. International standards on the protection of shareholders’ interests would also support a finding that the present applicants have victim status.
22. Shareholders’ rights in situations where the company is adversely affected by government regulations have been recognised by various international courts and bodies. For instance, the International Court of Justice (“the ICJ”) has held that direct infringement of a shareholder’s rights include the right to any dividend, voting rights and the right to a share in the company’s residual assets upon liquidation – whenever one of these direct rights is infringed, the shareholder has an independent right of action . Similarly, in the ELSI case , the ICJ accepted without discussion that the United States was entitled to initiate a suit on behalf of American shareholders in the Italian company when the authorities issued an order requisitioning ELSI’s plant and related assets for six months .
23. The International Centre for the Settlement of Investment Disputes (ICSID) has also taken the position that shareholders’ rights give rise to independent claims. One prominent arbitrator has concluded that “it is beyond doubt that shareholders have standing in ICSID to submit claims separate and independent from the claims of the corporation” and that “this principle applies to all shareholders, no matter whether or not they own the majority of the shares or control the corporation” .
24. For instance, in proceedings initiated by minority shareholders in a company after the value of their investment was diminished by conversion of contract sums from US dollars to pesos, the ICSID tribunal found “no bar in current international law to the concept of allowing claims by shareholders independently from those of the corporation concerned, not even if those shareholders are minority or non-controlling shareholders” . ICSID tribunals have consistently concluded that shareholder investments are protected by bilateral investment treaties, including in the context of financial institutions .
25. Similarly, the United Nations Commission on International Trade Law (UNCITRAL) has held in a NAFTA arbitration that “[t]he fact that a host State does not explicitly interfere with share ownership is not decisive” and that “[t]he issue is rather whether a breach of [the applicable treaty] leads with sufficient directness to loss or damage in respect of a given investment” .
26. The Permanent Court of Arbitration (PCA) has also accepted that controlling shareholders have standing to challenge State action affecting the company. Thus, in the widely known Yukos cases, the PCA dismissed Russia’s jurisdictional objection that the company itself was “dead” as a legal person . Significantly, the PCA found for the claimant shareholders despite acknowledging that Russia had “not explicitly expropriated Yukos or the holdings of its shareholders” .
27. Indeed, contemporary treaty law on foreign investments gives an “independent standing to shareholders” . Many investment treaties “include shareholding ... in their definitions of ‘investment’” , thereby allowing the shareholder to pursue claims for adverse action by a host State that affects the company’s value or profitability. There are “extensive and uniform” examples of arbitral cases on this point .
28. The Inter-American system also upholds the right of the shareholder to bring a suit. In Cantos, the applicant – the main shareholder of a corporation – filed a claim in his own name and on behalf of his company which had been subjected to arbitrary measures by the government . The Inter-American Court of Human Rights admitted the case, holding that “the rights and obligations attributed to companies become rights and obligations for the individuals who comprise them or who act in their name or representation” .
29. The European Court of Justice has admitted cases from shareholder applicants where the “intensity of [the regulation’s] effects ... necessarily affects the substance and extent of [the shareholders’] rights” . Therefore, in Trasta Komercbanka AS v European Central Bank, “since the contested decision ha[d] the effect of withdrawing [the] bank’s authorisation and, accordingly, of preventing it from achieving its object and having an economic activity”, the Court found that the contested measure “directly affect[ed] the legal position of the shareholder applicants” and admitted their claims .
30. In sum, international law supports the finding that the victim status of shareholders must be recognised where their rights and privileges are affected .
Interference with the applicants’ right to peaceful enjoyment of their possessions
31. It is well-established that shares in a public company have an economic value and, therefore, must be regarded as “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention . Having established that the shareholders have standing in the present case to challenge the measure, I will now turn to the substance of the violation of Article 1 of Protocol No. 1.
32. Article 1 of Protocol No. 1 lays out “three distinct rules” for the protection of property, as was explained in Sporrong and Lönnroth v. Sweden :
“The first rule, which is of a general nature, enounces the principle of peaceful enjoyment of property; it is set out in the first sentence of the first paragraph. The second rule covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions; it appears in the second sentence of the same paragraph. The third rule recognises that the States are entitled, amongst other things, to control the use of property in accordance with the general interest, by enforcing such laws as they deem necessary for the purpose; it is contained in the second paragraph.”
33. Notably, the Court has clarified in James and Others v. United Kingdom that the three rules are not “distinct” in the sense of being “unconnected” . Rather, “[t]he second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule” .
34. The relevant inquiry is thus the same for all three rules: the nature of the measure, the margin of appreciation, existence of a legitimate purpose, and proportionality.
Deprivation or regulation of the use of a possession?
35. Article 1 of Protocol No. 1 provides for two forms of interference with possessions: control and deprivation. Deprivation is the transfer de jure or de facto of the possession away from its owner to the State or to a third party, or its destruction. Control involves no transfer: the owner retains his possession, but is restricted in his use of it.
36. However, in Sporrong and Lönnroth the Court identified a new type of interference: interference with “the very substance of ownership” . This form of interference, which is of a general nature, allows the Court to review all situations not falling under the other two forms (deprivation or control of use).
37. Defining the nature of the violation is important because it determines the margin of appreciation: the scope of the margin of appreciation depends on the extent of the intrusion into the applicant’s sphere of interests . The margin of appreciation afforded in instances of deprivation of a possession is narrower than for the control of the use of property. Deprivation of a possession is, in the literal terms of Protocol No. 1, prohibited “except in the public interest”. By contrast, regulation (control of use) measures are not per se prohibited, but fall within a “right of the State to enforce such laws” . States do not have per se a “right” to deprive people of their possessions; such highly intrusive State action will be subjected to an enhanced standard of judicial review by this Court.
38. The majority have essentially given the State a wide margin of appreciation because they have treated the present case simply as a control of the use of property. However, it is evident that the nature of the violation at issue here is much more grave and consequential than mere control of the use of possessions.
39. What qualifies a measure as incompatible with the substance of the right to the peaceful enjoyment of property is not properly defined. However, the Court’s jurisprudence provides some guidance as to what constitutes interference with the substance of ownership. For instance, simply recognising the lawfulness of expropriation in advance, even where actual expropriation has not happened, was an unlawful interference with the substance of ownership since it rendered possession “precarious” . Similarly, a restriction on the use of land – despite preserving the right to use the property – affected the very substance of ownership since it “reduced the possibility of its exercise” .
40. These cases are similar to the circumstances at issue, since the Integration Act has made the applicants’ ownership of shares “precarious” by conditioning shareholder rights upon various requirements. The Integration Act is like an ever-present sword of Damocles over affected shareholders: non-compliance will result in an immediate termination of a variety of rights. While the Government argue that the provisions of the Integration Act have the “mere possibility” of affecting the applicants , the case-law is clear that making a property right “precarious and defeasible over a long period of time”, by enabling the State to interfere with it in the future, can suffice for a violation to be found .
41. Moreover, the Act “reduced the possibility of” exercising the rights associated with shares by severely limiting the choices left to banks and hindering the decision-making ability of shareholders . As previously demonstrated, the tremendous impact on shareholder rights cannot be denied.
42. Therefore, the Integration Act cannot be understood merely as a form of control of the use of property, but rather “interference with the substance of ownership”. Accordingly, the margin of appreciation applicable in this case must be narrower than that afforded by the majority.
The legitimacy of the purpose of the interference measure
43. Where there is a clear interference with a property right as in this instant case, it must pursue a legitimate aim, or be in the general public interest. The notion of general interest “is necessarily extensive” .
44. But even under this generous standard, I am sceptical as to whether the Integration Act had a legitimate purpose. The purported aims of the Integration Act are laid out in Section 1/A .
45. On the surface, these aims appear legitimate . However, I am not convinced that they actually reflect the purpose of the Integration Act, because I fail to see how the violations at issue – severe restrictions on shareholder rights – achieve these goals. For instance, it is doubtful that the Act would “professionalise, modernise and organise” the cooperative credit institution sector. In fact, it is quite the opposite: severe State regulation of the banking industry turns the clock back on the modernisation of banks by hindering efficient and profit-maximising decision-making.
46. Similarly, it is doubtful whether the Act really seeks “prudent operation of cooperative credit institutions in the long term”, since it is unreasonable to expect that such extensive interference in bank management would improve the industry’s sustainability. If prudential bank regulation aims at the safety and soundness of the financial sector and the protection of depositors, any such interference should not undermine other regulatory objectives, such as corporate competiveness and the variety of market-based business and risk-taking policies in the banking sector. Otherwise the negative externality of the prudential policy will be that of supressing diversity in the banking sector, which in itself had a foreseeable social and economic cost, independent of the losses imposed on the banks’ shareholders.
47. Even if there is a legitimate aim involved, the Integration Act remains unlawful. It should be recalled that the Court found a violation in Olczak despite admitting that the purpose of the intervention in that case was “to prevent the bank from becoming insolvent” and that “[c]onsequently, the bank was to benefit from them, whereas the applicant’s interests suffered” . Likewise, the Integration Act seeks to ensure the “prudent operation of the cooperative credit institutions and protect the resources of the whole network” to the detriment of the applicants who lost the privileges associated with their shares. No proper balancing of the rights of shareholders against the alleged objectives of prudential regulation and crisis management was performed, as will now be explained.
The proportionality of the interference measure
48. The most evident problem with the Integration Act is its failure to satisfy the proportionality test. Even where there is a general interest or legitimate aim behind the interference, States are required to strike a fair balance “between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights” . Specifically, the “measure must be both appropriate for achieving its aim and not disproportionate thereto” . In other words, there “must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim pursued” .
49. This balance is upset when the victims must bear “an individual and excessive burden” or one that is “disproportionate” . Several factors can be relevant to whether a “fair balance” has been struck: the degree of protection from arbitrariness that is afforded by the proceedings ; availability of less restrictive alternatives ; and the degree of harm imposed on the victims (including, for instance, whether the affected individuals have been adequately compensated) .
50. In the present case, there are plenty of factors to justify the conclusion that the interference has been entirely disproportionate.
51. First, there is no evidence that the financial circumstances of the credit institutions had necessitated government interference. In the decade leading up to the Integration Act, only two non-OTIVA savings cooperatives had gone into liquidation . By contrast, both Kinizsi Bank and Mohacsi Takarek Bank were healthy and profitable at the time the Integration Act was introduced. Mohacsi Takarek was ranked fifth and Kinizsi fourteenth for profitability among thirty-six banks in 2012 . The capital adequacy ratio of the cooperative credit institutions at all times exceeded the regulatory requirements, and fared better than the rest of the banking and credit institution sectors . Indeed, in the years leading up to the Integration Act, cooperative credit institutions remained profitable while some of the other groups in the banking sector (major banks, small- and medium-sized banks) suffered losses .
52. Even the Government admitted that “[o]bviously, there has been no immediate risk for cooperative credit institutions since they kept their lending activity low” . Nonetheless, the Government’s position is that the Integration Act was necessary for “long term profitable operation” . Yet it is difficult to see how such future concerns – which have yet to manifest themselves – merited the immediate, drastic provisions of the Integration Act.
53. Second, the State failed to consider or evaluate any less restrictive measures. The Integration Act was adopted without any period of prior consultation with the banks and shareholders affected, nor any form of preliminary impact assessment. Indeed, it bypassed the ordinary legislative procedure, as the Act passed during an extraordinary sitting of Parliament, as a matter of urgency, within two days following the submission of the legislative proposal . In other words, there is no evidence that the government had considered any alternative methods of intervention that would have had a less drastic impact on the applicants’ rights. Moreover, the rushed nature of the Act’s passage and the apparent lack of a proper deliberation process raise concerns for “regulatory arbitrage”, a common worry for macro-prudential supervision of the banking sector in general .
54. Third, the Integration Act provided no compensation for the individual shareholders. Compensation terms are “material to the assessment whether the contested measure respects the requisite fair balance” . Interference with property without payment of an amount reasonably related to its value is usually disproportionate, and a total lack of compensation is justifiable only in exceptional circumstances . The Government submit that the funding provided to the Integration Organisation and the Savings Bank must be regarded as compensation. However, there is no direct relationship between these organisations and the applicant shareholders that would allow the funding to flow to the latter. Even if there is some indirect advantage afforded to the shareholders vis à vis their banks, any such benefit is too tenuous to be considered adequate compensation .
55. Fourth, the State provided no judicial remedy for the applicant shareholders. The Act is entirely silent on the right to legal remedy for individual shareholders. While provisions in section 15 of the Integration Act allow the banks to initiate legal proceedings to challenge policies of the Savings Bank and the Integration Organisation that do not comply with the Integration Act , there are no similar provisions that enable shareholders to challenge these policies. Besides, the scope of judicial challenge for banks is limited, rendering the potential remedy particularly weak.
56. Moreover, the Integration Act ensures that any delay caused by judicial proceedings favours the government. Section 15 provides that “[r]esort to the courts has no suspensive effect” , making any remedy less timely and, therefore, less effective.
57. Fifth, the consequences for non-compliance with the Integration Act are excessively drastic and punitive. In essence, the Integration Act presents an ultimatum to the banks and applicant shareholders: follow the guidance of the Savings Bank to the letter, or shut down the business entirely. For one, all banks are obliged to apply for an operating licence again by fulfilling the new conditions imposed by the Integration Act.
58. Remarkably, such re-certification is an ongoing, repeated process: the Savings Bank proposes what is called a “sample statute” that can be modified without any approval from the affected banks. While the Government alleged that the sample statute could not encroach upon the rights of the shareholders’ meeting provided for by the law on companies, they admitted that this was so “unless there [was] an express authorisation to the contrary in the Integration Act” . In other words, the Integration Act supersedes any infringement of shareholder rights.
59. Furthermore, if the majority shareholders do not adopt these changes by amending the deed of foundation of their banks accordingly, the Supervisory Authority can withdraw the operating licence .
60. In sum, it is impossible to conclude that there is a reasonable relationship of proportionality between the public interest pursued by the Integration Act and the consequences suffered by the applicant shareholders and their banks.
Conclusion
61. As shareholders, the applicants are entitled to make decisions for the credit institutions. Multiple provisions of the Integration Act violate the very essence of the right conferred on the applicants by virtue of their shares. As the Hungarian Constitutional Court has found, the Integration Act “contains provisions directly, factually and actually affecting the person and the specific legal relationship” of shareholders, including the applicants .
62. The violations at issue deprived the applicants of the essential rights associated with their shares. The majority recognise the violation but sidestep the issue by invoking the legal fiction that there was no direct impact on their rights. The applicants are clearly victims of the State policy as their right to vote, to participate in the making of major decisions for the respective banks, and the right to payments, were all undermined. For these reasons, I respectfully dissent.



APPENDIX
OMISSIS

TESTO TRADOTTO

Conclusioni:
Nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà (l'Articolo 1 parà. 1 di Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo di proprietà)



QUARTA SEZIONE







CAUSA ALBERT ED ALTRI C. UNGHERIA

(Richiesta n. 5294/14)







SENTENZA


STRASBOURG

29 gennaio 2019






Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.


Nella causa di Alberto ed Altri c. l'Ungheria,
La Corte europea di Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Ganna Yudkivska, Presidente
Paulo il de di Pinto Albuquerque,
Robert Spano,
Faris Vehabovi?,
Iulia Antoanella Motoc,
Carlo Ranzoni,
Marko Bošnjak, giudici
e Marialena Tsirli, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato 4 dicembre 2018,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 5294/14) contro l'Ungheria depositò con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con OMISSIS e 240 altri cittadini ungheresi i cui dettagli sono esposti fuori nell'appendice, 10 gennaio 2014.
2. I richiedenti furono rappresentati con Sig. io. Gárdos, un avvocato che pratica in Budapest. Il Governo ungherese (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig. Z. Tallódi, dal Ministero della Giustizia.
3. I richiedenti addussero, in particolare, che la restrizione dei loro diritti per influenzare l'operazione delle banche nella quale loro contennero quote, mentre scaturendo dall'Atto di Integrazione di 2013, aveva violato i loro diritti sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
4. Con una decisione di 4 aprile 2017, la Corte dichiarò la richiesta ammissibile e congiunse ai meriti due eccezioni col Governo riguardo ai richiedenti status di vittima di '.
5. I richiedenti registrarono inoltre osservazioni scritto (l'Articolo 59 § 1 degli Articoli di Corte) e richiese un'udienza sui meriti della causa. La Corte considerò un'udienza non necessario nella causa presente comunque (Decide 54 § 5 e 59 § 3).
6. Come il Sig. Péter Paczolay, il giudice elesse in riguardo dell'Ungheria, ritirò dal riunirsi nella causa (l'Articolo 28 § 3), il Presidente decise di nominare il Sig. Robert Spano, il giudice elesse in riguardo dell'Islanda, riunirsi come un ad giudice di hoc (l'Articolo 26 § 4 della Convenzione e Decide 29 § 1).
I FATTI
IO. LE CIRCOSTANZE DI LA CAUSA
7. I richiedenti sono azionisti di due banche di risparmi, vale a dire Banca di Kinizsi Zrt. (“Banca di Kinizsi”) e Mohácsi Takarék Banca Zrt. (“Banca di Mohácsi”), e di una cooperativa di risparmi, Pátria Takarékszövetkezet (“Pátria Cooperative”). Un ruolo dei richiedenti è esposto fuori nell'appendice che anche indica l'istituto di credito nel quale loro contengono quote e qualsiasi cambi alla loro situazione che segue l'alloggio della richiesta.
8. Al tempo la richiesta fu depositata, i richiedenti sostenuti quote con una parità globale valutano di 2,043,342,000 forints ungheresi (HUF), approssimativamente 6,310,000 euros (EUR), rappresentando che 98.28% della capitale registrata e totale di Banca di Kinizsi e quote con una parità globale, valuta di HUF 1,833,300,000, verso EUR 5,662,000 rappresentando 87.65% della capitale registrata e totale di Banca di Mohácsi, e quote con una parità globale valutano di HUF 8,100,000, verso EUR 25,000 rappresentando 5.61% della capitale di quota totale di Cooperativa di Pátria.
9. Il 2014 e 15 aprile 2015 di 18 dicembre rispettivamente due dei richiedenti, Sig.ra László Jánosné Boris (n. 18) e la Sig.ra Endréné Csoltkó (n. 28), gli azionisti soli di Pátria Cooperative fra i richiedenti, ritirò le loro azioni di reclamo di fronte alla Corte. Perciò, i fatti della causa sotto non contenga qualsiasi le ulteriori informazioni relativo specificamente a Cooperativa di Pátria.
A. sistema di protezione Istituzionale prima dell'Atto di Integrazione
10. Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi furono stabilite nel 1958 ed usato operare come cooperative di risparmi. La loro clientela era soprattutto dalla comunità locale.
11. Nel 1993 un'integrazione volontaria e limitata ebbe luogo che comporta 235 cooperative di risparmi, incluso i predecessori di Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi. Il fine dell'integrazione era migliorare le cooperative ' introduce sul mercato posizione e la sicurezza finanziaria. Con l'appoggio attivo dello Stato ungherese ed il PHARE Program dell'Unione europea, loro entrarono in un accordo di integrazione. Le istituzioni di chiave dell'integrazione erano l'Associazione Nazionale di Risparmi Cooperative (Országos Takarékszövetkezeti Szövetség-“OTSZ”), la Risparmi Banca (Takarékbank Zrt.) ed il Fondo Nazionale per la Protezione Istituzionale di Risparmi Cooperative (Országos Takarékszövetkezeti Intézményvédelmi Alap-“OTIVA”) che fu creato come parte dell'integrazione. OTIVA, sulla mano del una migliorò la sicurezza di depositi messa con le cooperative di risparmi con completando il Fondo dell'Assicurazione del Deposito Nazionale (Országos Betétbiztosítási Alap-“OBA”), e, d'altra parte notificò ostacolare situazioni di crisi e migliorò la stabilità di cooperative di risparmi. Finché cambi furono introdotti con l'Atto di Integrazione, il portafoglio di azioni delle cooperative di risparmi e le certe banche di risparmio (insieme assegnò a come “istituti di credito cooperativi”) nella Risparmi Banca 60% eccederono.
12. Nel 2006 e 2008 Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi trasformarono rispettivamente nelle società limitate con quote e ricevettero le loro licenze per operazioni bancarie. Loro rimasero membri di OTIVA e parte dell'integrazione summenzionata comunque.
B. situazione Economica degli istituti di credito cooperativi
13. Secondo Rischio Relazione 2013/I emessa con l'ungherese Autorità Direttiva e Finanziaria (in futuro “l'Autorità Direttiva”) a giugno 2013, il settore di istituto di credito cooperativo rimase proficuo in tutta la crisi economica. Nel 2011 e 2012 le licenze conduzione di due cooperative di risparmio furono revocate rispettivamente comunque, con l'Autorità Direttiva che diede luogo ai possessori di deposito che ottengono l'indennizzo da OBA.
14. Seguendo una revisione eseguita riguardo a 121 istituti di credito cooperativi, inoltre all'entrata in vigore dell'Atto di Integrazione (veda paragrafo 16 sotto), un certo numero di loro faceva ritirare le loro licenze conduzione. Inoltre, novantun istituti di credito cooperativi furono obbligati per commettere riserve, in otto cause una situazione di crisi seria fu stabilita ed alcuni richiesero un'iniezione di capitale dall'Organizzazione di Integrazione (veda paragrafo 18 sotto).
15. Secondo il Governo, basando le sue sentenze sui dati raccolsero dopo che l'Atto di Integrazione entrò in vigore, in considerazione del rapporto di capital/loan che trenta-nove istituti di credito cooperativi non sarebbero stati in una posizione per assicurare operazioni proficue senza le misure nuove. La revisione summenzionata rivelò anche che tredici istituti di credito cooperativi avevano un rapporto di adeguatezza di capitale sotto 8% cinque di che avevano un valore di rapporto negativo.
C. L'Atto di Integrazione
1. Caratteristiche principali dell'Integrazione Agiscono e sfera della sua richiesta
16. Sul 2013 Atto di 13 luglio n. CXXXV di 2013 sull'Integrazione di Istituti di credito Cooperativi e l'Emendamento di Certe Leggi che Riguardano le Questioni Economiche (“l'Atto di Integrazione”) entrò in vigore. Fu corretto poi in molti aspetti, incluso con Atto n. CXCVI di 2013 sull'Emendamento di Certe Leggi Riguardo all'Integrazione di Istituti di credito Cooperativi (“l'Integrazione (l'Emendamento) l'Atto”) con effetto da 30 novembre 2013.
17. L'Atto di Integrazione concernè istituti di credito cooperativi che sono più cooperative di risparmi che operano come una cooperativa e le banche che operano come società limitarono con quote che 1 gennaio 2013 era stato membri di OTIVA. La sua sfera prolungò perciò a Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi. Fece gli istituti di credito ipso jure membri cooperativi dell'Organizzazione di Integrazione ed azionisti della Risparmi Banca.
18. L'Atto di Integrazione abolì l'integrazione di cooperative organizzata su una base volontaria, con appartenenza volontaria e terminò OTIVA. Invece, introdusse un'integrazione obbligatoria capeggiata con, inter l'alia, l'Organizzazione di Integrazione di Istituti di credito Cooperativi (Szövetkezeti Hitelintézetek Integrációs Szervezete ?“l'Organizzazione di Integrazione”) che era stato creato di recente come un successore legale di OTIVA e l'altra protezione istituzionale volontaria procura, e la Risparmi Banca che continuò ad essere la banca centrale dell'integrazione mentre ora avendo i poteri più estesi. L'Atto di Integrazione creò anche una piscina di rischio finanziaria, mentre includendo l'intero del settore di istituti di credito cooperativo.
19. La Risparmi Banca soprintende alle operazioni degli istituti di credito cooperativi e è autorizzata per emettere istruzioni per assicurare ottemperanza con la legge e le regolamentazioni emisero con l'Organizzazione di Integrazione e la Risparmi Banca. Separatamente dagli istituti di credito cooperativi, la Risparmi Banca e la Sviluppo Banca ungherese (Magyar Fejlesztési Banca Zrt. -“il MFB”) divenne membri dell'Organizzazione di Integrazione con virtù di legge. A causa dei cambi nella proprietà della Risparmi Banca facendo seguito all'Atto di Integrazione (veda in particolare, sezioni 13 e 20, citò in paragrafo 39 sotto) il portafoglio di azioni di Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi nella Risparmi Banca cambiata. Mentre le due banche prima possedettero rispettivamente 0.15% e 2.27% nella Risparmi Banca, loro avevano un 0.12% e 1.83% a legare ad un palo seguendo rispettivamente l'attuazione dell'Atto di Integrazione.
20. I beni dell'Organizzazione di Integrazione sono inclusi nei propri finanziamenti consolidati della Risparmi Banca e gli istituti di credito cooperativi. La capitale di solvibilità degli istituti di credito cooperativi è determinata collettivamente, incluso la proprietà della Risparmi Banca e l'Organizzazione di Integrazione.
2. Possibilità di uscire il sistema
21. Sotto sezione 17 dell'Integrazione Agisce, gli istituti di credito cooperativi che non si attennero coi requisiti attinenti dell'Atto di Integrazione furono esclusi dall'integrazione e le loro licenze conduzione ritirate. In simile cause, e se loro decidessero di uscire, le loro quote nella Risparmi Banca potrebbero essere comprate col MFB che aveva un'opzione di acquisto (sezione 20(10) dell'Atto di Integrazione).
22. A luglio 2013 banche potrebbero lasciare l'integrazione se loro fossero ciascuno in grado offrire un HUF 2 miliardo supplementare, verso EUR 6 milione come per la creazione di una banca nuova. Inoltre, seguendo l'emendamento dell'Atto di Integrazione, gli istituti di credito cooperativi furono obbligati per depositare un importo equivalente al valore del capitale di quota loro avevano avuto al tempo della costituzione della loro appartenenza nell'Organizzazione di Integrazione ad un conto separato alla Risparmi Banca per 730 giorni (sezioni 11(7) e (8), e 20/A(12) e (13) dell'Atto di Integrazione; veda anche paragrafo 43 sotto). Almeno una banca alla quale fece domanda l'Atto di Integrazione, decise di uscire il sistema e questa decisione fu accettata con l'Autorità Direttiva.
3. Il ruolo di stato nell'integrazione
23. Nel 2012 lo Stato ungherese emerse come un proprietario indiretto della Risparmi Banca, quando il MFB (veda paragrafo 19 sopra) che è posseduto con lo Stato acquistò un gioco in Deutsche Zentral-Genossenschaftsbank AG, mentre rappresentando 38.5% delle quote della Risparmi Banca. Seguendo l'entrata in vigore dell'Atto di Integrazione, il capitale della Risparmi Banca fu aumentato con HUF 654,986,000 a HUF 3,389,704,000 (verso EUR 10 milione) dall'importo precedente di HUF 2,735,038,000. Fuori di questo incremento del capitale, il Posto di Ungheria Statale (Magyar Posta) esercitò i suoi diritti di sottoscrizione legali e quote ordinarie ed acquisite con una parità globale valuti di HUF 654,666,000 (verso EUR 2 milione), pressocché 20% delle quote della Risparmi Banca (veda sezione 20 dell'Integrazione Agire, citò in paragrafo 39 sotto).
24. Lo Stato ha pagato direttamente separatamente dall'incremento del capitale, HUF 136 miliardo, verso EUR 420 milione all'Organizzazione di Integrazione per il Fondo della Copertura del Capitale Unito di Istituti di credito Cooperativi (in seguito assegnò a come “il Fondo”).
25. Si previde che la proprietà dello Stato nell'integrazione sarebbe stata solamente di una natura provvisoria. Nel 2014 il suo gioco nella Risparmi Banca fu venduto, per un'elaborazione di offerta, ad una società. Secondo il Governo, la maggioranza della società di acquirente è posseduta con cooperative di risparmi ed individui privati e, come un risultato di questa operazione, il diretto e portafoglio di azioni indiretto di istituti di credito cooperativi nella Risparmi Banca aumentata a 76.96%.
D. Impact dell'Atto di Integrazione sulla presa di decisione degli istituti di credito cooperativi
26. Seguendo l'entrata in vigore dell'Atto di Integrazione, gli istituti di credito cooperativi furono obbligati per approvare un memorandum nuovo di associazione che adatta al modello stabilito con l'Organizzazione di Integrazione. Loro continuano ad essere legati con qualsiasi emendamenti al modello introdussero con l'Organizzazione di Integrazione (le sezioni 17/H e 19(3) dell'Atto di Integrazione, veda anche paragrafo 46 sotto).
27. Per una decisione coi consiglio di amministrazione e consiglio di sorveglianza degli istituti di credito cooperativi per essere valido, un invito alla riunione attinente dei consiglio di amministrazione o consiglio di sorveglianza insieme con ogni materiale relativo, deve essere spedito simultaneamente alla Risparmi Banca (sezione 15/A dell'Integrazione Agisce). Minuti delle assemblee generale e riunioni dei consiglio di amministrazione degli istituti di credito cooperativi devono essere presentati alla Risparmi Banca sempre, e minuti delle riunioni di consiglio di sorveglianza devono essere spediti alla Risparmi Banca nelle certe cause. Gli istituti di credito cooperativi sono costretti anche ad informare, inter alia, l'Organizzazione di Integrazione e la Risparmi Banca di qualsiasi procedimenti legali nei quali loro sono coinvolti (sezione 15/C dell'Integrazione Agisce).
28. Gli azionisti degli istituti di credito cooperativi possono prendere, inter alia, le decisioni seguenti soggetto a consent/approval della Risparmi Banca:
- l'adozione del rapporto finanziario annuale della società (sezione 15(11) e 17/J(2) dell'Atto di Integrazione);
- l'uscita di obbligazioni (sezione 17/K(1) dell'Atto di Integrazione);
- cali o aumenti di capitale (l'ibid.);
- qualsiasi pagamento agli azionisti sotto qualsiasi titolo legale (e.g. dividendi, riduzione di capitale) nel collegamento col loro status come azionisti (veda sezione 17/Q(3) e (4) dell'Atto di Integrazione, citò in paragrafo 39 sotto);
- la conversione, fusione o demerger della società (sezione 17/S(3) dell'Atto di Integrazione); e
- l'acquisizione di proprie quote (sezione 17/Q(6) dell'Atto di Integrazione).
29. Il beneplacito della Risparmi Banca è richiesto per l'appuntamento di ufficiali esecutivi degli istituti di credito cooperativi (sezione 15(12) dell'Atto di Integrazione). La Risparmi Banca è autorizzata per sospendere il loro mandato; può nominare un ufficiale direttivo per un periodo provvisorio se gli istituti di credito cooperativi non si attengono con le istruzioni o le loro operazioni non è in ottemperanza con la legge o regolamentazioni, o se loro sono in una così definita situazione di crisi (sezione 15(4), (7) e (12) dell'Atto di Integrazione).
30. L'Organizzazione di Integrazione è concessa per sospendere i diritti di votazione degli azionisti dell'istituto di credito cooperativo per un anno se loro minacciano l'affidabile ed operazione sicura degli istituti di credito cooperativi (veda sezione 17/C(5), citò in paragrafo 39 sotto).
31. L'Organizzazione di Integrazione è autorizzata per definire il livello degli istituti di credito cooperativi capitale di solvibilità di ' su una causa individuale con causa (non consolidato) la base (sezione 17/C(1); se loro non giungono al livello definito, l'Organizzazione di Integrazione è autorizzata per aumentare la capitale degli istituti di credito cooperativi, o prende le certe altre misure (veda sezione 17/C(2), citò in paragrafo 39 sotto).
32. Come alla richiesta effettiva delle misure prevista per con l'Atto di Integrazione, il Governo presentò le informazioni seguenti:
(i) ci sono state insieme 151 cause nelle quali istituti di credito cooperativi chiesero il beneplacito dell'Organizzazione di Integrazione per l'appuntamento di membri di asse; in dieci cause il beneplacito fu rifiutato, mentre colpendo sette istituti di credito cooperativi. Queste cause non concernerono Banca di Kinizsi o Banca di Mohácsi.
(l'ii) ufficiali Esecutivi di istituti di credito cooperativi furono rimossi in nove cause; quattro di questi istituti di credito cooperativi ed affettati dove era estesamente insufficiente il rapporto di adeguatezza di capitale che condusse ad un'iniezione di capitale con l'Organizzazione di Integrazione in tre cause ed una fusione con un altro istituto di credito cooperativo nella quarta causa; nel rimanendo cinque cause, ufficiali esecutivi furono rimossi per violazioni della legislazione attinente. Queste cause non concernerono Banca di Kinizsi o Banca di Mohácsi.
(l'iii) In otto cause la Risparmi Banca rifiutò di acconsentire al pagamento di dividendi; le ragioni erano: (un) inadempienza con la legislazione attinente (due cause, incluso Banca di Kinizsi (veda paragrafo 35 sotto)), (b) il rischio di non adempiere al piano di affari (quattro cause), (il c) il rischio di non adempiendo al piano di affari ma lasciare spazio al pagamento di un importo limitato di dividendi (due cause, incluso Banca di Mohácsi (veda paragrafo 35 sotto)).
(l'iv) In tre cause l'aumento in capitale fu offerto con l'Organizzazione di Integrazione per realizzare il 8% rapporto di adeguatezza di capitale; nessuno di loro Banca di Kinizsi interessata o Banca di Mohácsi.
(v) I diritti di votazione di azionisti di istituti di credito cooperativi non sono stati sospesi mai con l'Organizzazione di Integrazione.
(il vi) In due cause, la Risparmi Banca rifiutò non riguardo a Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi, di acconsentire al pagamento delle quote ' valuta in un istituto di credito cooperativo per membri che erano usciti l'istituzione, mentre trovando che il pagamento avrebbe messo in pericolo l'adempimento dei capitale adeguatezza rapporto requisiti.
Interferenza di E. coi corpi di integrazione nella presa di decisione di Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi
33. Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi dovevano adottare un memorandum dell'associazione in linea col modello previsto con l'Organizzazione di Integrazione che segue l'entrata in vigore dell'Atto di Integrazione. Comunque, gli azionisti delle due banche che non furono d'accordo con la decisione che adotta il memorandum summenzionato l'impugnarono in corte. 12 marzo 2015 il Pécs che Corte Alta trovata per i querelanti nella causa portata con gli azionisti della Banca di Mohacsi. La corte contenne che il memorandum di modello dell'associazione emise con la Risparmi Banca e l'Organizzazione di Integrazione non poteva in qualsiasi modo devia dalle disposizioni obbligatore del Società Atto. 30 marzo 2015 una sentenza simile fu data col Veszprém Corte Alta in una causa portata con gli azionisti di Banca di Kinizsi. In ambo le cause, la decisione che adotta il memorandum contestato alle assemblee generale della banca fu annullata.
34. Sembrerebbe che la capitale di solvibilità richiesta di Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi era a del punto sollevato. Comunque, sia banche erano in grado attenersi col requisito nuovo.
35. Nella causa di Banca di Kinizsi, la Risparmi Banca rifiutata di approvare la relazione annuale per 2014 come la banca non aveva offerto dati al revisore dei conti per completare la revisione finanziaria. I richiedenti presentarono che i dati richiesti erano stati presentati in tempo dovuto. Nella causa di Banca di Mohácsi, la Risparmi Banca approvò il rapporto finanziario annuale per 2014 ma proibì il pagamento effettivo di dividendi che corrispondono a 25% (veda paragrafo 32 sopra).
36. Il Governo asserì che molti ulteriori set di procedimenti erano pendenti prima che corti ungheresi nelle quali Banca di Kinizsi o Banca di Mohácsi o i loro azionisti avevano chiesto una via di ricorso contro le certe decisioni della Risparmi Banca o l'Organizzazione di Integrazione.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Il Società Atto del 2006
37. Atto n. IV di 2006 su Società (“le 2006 Società Agiscono”, come in vigore 12 luglio 2013, un giorno prima dell'entrata dell'Atto di Integrazione in vigore) purché, riguardo ad un'assemblea generale di una società di limite di responsabilità, siccome segue:
Sezione 231
“(1) l'assemblea generale è il corpo supremo di una società privata limitato con quote, e consiste di tutti gli azionisti.
(2) il seguente incorrerà all'interno della competenza esclusiva dell'assemblea generale:
(un) decisioni di approvare e correggere gli articoli dell'associazione, a meno che questo Atto contiene disposizioni al contrario;
(b) decisioni su cambiare la forma conduzione della società a responsabilità limitata privata;
(il c) decisioni su convertendo o terminare la società senza successione;
(d) con l'eccezione delle disposizioni in sezione 37 (riguardo alla delegazione delle certe competenze al consiglio di sorveglianza), l'elezione e l'allontanamento di membri della gestione abbordano o il direttore generale, membri del consiglio di sorveglianza ed il revisore dei conti e la loro rimunerazione;
(e) approvazione della relazione annuale preparò facendo seguito all'Atto di Contabilità;
(f) decisioni di pagare dividendi in acconto, a meno che questo Atto contiene disposizioni al contrario;
(il grammo) decisioni di convertire certificati di quota stampati in quote di dematerialised;
(h) la modifica dei diritti allegò alla varia serie di quote, e la conversione di categorie o classi di quote;
(i) decisioni di emettere obbligazioni convertibili od obbligazioni con diritti di sottoscrizione, a meno che questo Atto contiene disposizioni al contrario;
(j) decisioni di aumentare il capitale di quota, a meno che questo Atto contiene disposizioni al contrario;
(il k) decisioni di ridurre il capitale di quota, a meno che questo Atto contiene disposizioni al contrario;
(l) decisioni di abolire diritti di sottoscrizione preferenziali, o per authorising l'asse di gestione per l'esclusione o restrizione di diritti di sottoscrizione preferenziali;
(il metro) decisioni su tutti i problemi che sono assegnati alla competenza dell'assemblea generale con legge o gli articoli dell'associazione.”
B. Integrazione Atto
38. Il Preambolo all'Atto di Integrazione (veda paragrafo 16 sopra) le letture, in finora come attinente, siccome segue:
“L'industria di cooperative di risparmi ha bisogno di essere ristrutturata; il settore è capitalizzato sotto, ed il livello della sua organizzazione e lo standard dei suoi servizi non è adeguato ed i suoi operability non possono essere assicurati nella scadenza lunga.
Sotto l'auorizzazione di Atto n. CCVI di 2007, in un decreto Statale lo Stato ungherese ha stabilito il minimo importo previsto dai beni Statali per la ristrutturazione settoriale di cooperative di risparmi. A causa di impegni internazionali, comunque i finanziamenti per davvero essere dedicato a ristrutturando non possono eccedere l'importo che corrisponde alla considerazione dovuta per essere pagabile con investitori in condizioni di mercato simili per i diritti e posizioni acquisito con lo Stato ungherese.
Sebbene lo Stato ungherese acquisisce proprietà notevole nell'industria, giova a posizioni così forti per ristrutturare, professionalizza e riorganizza il settore e desidera vendere le sue posizioni-così migliorò e fortificò-in tempo dovuto, purché che gli sviluppi positivi incitarono con lo Stato ungherese sembri essere irreversibile.
L'Atto mira ad offrire un'uniforme e struttura legale e trasparente per tutti gli istituti di credito cooperativi...
La sfera personale dell'Atto prolunga ad istituti di credito cooperativi definiti nell'Atto, cioé. cooperative di risparmi, crediti cooperativi e gli altri istituti di credito descrissero nell'Atto che a qualsiasi tempo prima dell'Atto che entra in vigore operò in forma cooperativa e prima dell'Atto che entra in vigore ha trasformato da cooperative a società di limite di responsabilità, mentre trattenendo la loro affiliazione cooperativa, indicò col fatto che loro continuano ad operare come membri di un'organizzazione che rappresenta cooperative di risparmi ' interessa.”
39. Separatamente da quegli esposti fuori sopra (veda divide in paragrafi 21 a 31 sopra), le disposizioni seguenti dell'Integrazione Agiscono (corretto) è attinente:
Sezione 1
“...
(4) [la Risparmi Banca] è obbligato per approvare una politica di gestione di rischio nuova uniformemente applicabile a membri dell'integrazione entro 120 giorni che seguono l'entrata in vigore di questo Atto. L'Organizzazione di Integrazione, [la Risparmi Banca] e l'istituto di credito cooperativo sopporterà giuntura e molta responsabilità per obblighi presunti dopo il trentesimo giorno che segue l'uscita di politica di gestione di rischio nuova di [la Risparmi Banca].”
Sezione 1/A
“Questo Atto mira:
(un) stabilisce una banca per le comunità rurali, mentre operando sotto il principio di giuntura e molta responsabilità, i membri di che è proprietari di proprietà privati e preferibilmente locali, l'operazione efficiente ed economie di scala di che è assicurato con gestione centrale e professionale,
(b) offra garanzie istituzionali per l'operazione prudente di istituti di credito cooperativi nella scadenza lunga,
(il c) professionalizzi, modernizzi ed organizzi un settore di istituto di credito cooperativo e competitivo,
(d) migliori gestione di rischio del settore di istituto di credito cooperativo,
(e) assicuri operazione integrata del settore di istituto di credito cooperativo e stabilisca l'infrastruttura necessaria,
(f) standardizzi politiche operative per realizzare gli scopi descritti in paragrafi (un) a (e).
(il grammo) assicuri protezione istituzionale di istituti di credito cooperativi,
(h) assicuri ottemperanza con requisiti internazionali ed europei, regolamentazioni, standard e dogane applicabile ad istituti di credito.”
Sezione 3
“...
(2) l'Organizzazione di Integrazione può accettare come membro che,
(un) rese, nella conformità con le disposizioni del Codice civile, un'impresa preliminare verso la Risparmi Banca per prendere il finito “il C” quota di preferenza con un valore nominale di HUF 2,000;
(b) approvato un memorandum nuovo o articoli dell'associazione in linea col modello pre-approvato con l'asse della Risparmi Banca in conformità con l'Atto presente;
(il c) a parte gli istituti di credito cooperativi definiti in sezione 19(4), notificò, nella maniera prescritta con questo Atto, l'Organizzazione di Integrazione della sua intenzione di congiungere l'organizzazione...”
Sezione 4
“(1) i beni iniziali dell'Organizzazione di Integrazione consisteranno del contributo previsto coi MFB ed i beni acquisiti sotto il titolo di successione legale...
(2) il contributo del MFB corrisponderà a HUF 1,000,000,000, quel è, un miliardo forints, essere previsto col MFB...
...”
Sezione 11
“(1) il Consiglio dell'Organizzazione di Integrazione adotterà articoli obbligatorio per i membri dell'Organizzazione di Integrazione, salvi per il MFB, sul seguente:
(un) le procedure contabili;
(b) procedure di controllo interne;
(il c) criterio di appropriatezza per ufficiali esecutivi e la verifica di simile appropriatezza;
(d) approvvigioni di assistenza finanziaria eleggibile per istituti di credito cooperativi;
(e) edificio-su dei beni dell'Organizzazione di Integrazione descritti in sezione 4(4).
(2) sull'iniziativa del Consiglio di [la Risparmi Banca], il Consiglio dell'Organizzazione di Integrazione deciderà sull'ammissione di un istituto di credito cooperativo nell'Organizzazione di Integrazione e sulla sua esclusione dall'Organizzazione di Integrazione.
...
(4) per il fine di protezione istituzionale, nell'evento che il measure(s) preso sotto sezione 17/C(2) lo yield(s) nessun risultato, l'Organizzazione di Integrazione può acquisire proprietà in [la Risparmi Banca] e l'istituto di credito cooperativo con vuole dire di un incremento del capitale. L'Organizzazione di Integrazione è obbligata a disporre di, entro due anni le quote e collega così acquisito in [la Risparmi Banca] o l'istituto di credito cooperativo
...
(7) esca dall'Organizzazione di Integrazione sarà regolato con gli statuti dell'Organizzazione di Integrazione. Istituti di credito cooperativi che escono l'Organizzazione di Integrazione faranno domanda all'Autorità Direttiva per auorizzazione operativo entro [otto] giorni seguendo la notificazione dell'Organizzazione di Integrazione della sua uscita dall'Organizzazione di Integrazione come se l'istituto di credito fosse stabilito di recente. Se l'istituto di credito cooperativo che esce o escluse dall'Organizzazione di Integrazione non riesce a fare domanda all'Autorità Direttiva per auorizzazione operativo..., o l'auorizzazione operativo non è accordato entro 120 giorni della data della notificazione dell'Organizzazione di Integrazione della sua uscita o esclusione dall'Organizzazione di Integrazione, l'Autorità Direttiva revocherà il suo auorizzazione operativo e le disposizioni di sezione 17 saranno fatte domanda all'istituto di credito cooperativo.
(8) nell'evento di uscita o esclusione dall'Organizzazione di Integrazione, riguardo al membro uscendo o escluse, la giuntura e molta responsabilità dei membri dell'Organizzazione di Integrazione terminerà per gli obblighi presunti col membro come del giorno della sua uscita o esclusione...”
Sezione 12
“(2) gli azionisti di [la Risparmi Banca] è gli istituti di credito cooperativi, il successor(s generale o specifico ed eventuale) del MFB e Magyar Posta, e le altre organizzazioni, persone giuridiche o persone fisiche che acquisiscono quote in [la Risparmi Banca] col beneplacito del Consiglio di [la Risparmi Banca].”
Sezione 13
“(1) il capitale di quota autorizzato di [la Risparmi Banca] sarà almeno HUF 3,389,704,000...
(2) Magyar Posta acquisirà proprietà in [la Risparmi Banca] con sottoscrivendo a quote ordinarie.
(3) gli istituti di credito cooperativi conterranno serie “il C” preferenza divide in [la Risparmi Banca].
(4) gli azionisti di [la Risparmi Banca] può sostenere solamente un genere di quota di preferenza.”
Sezione 15
“... (2) [la Risparmi Banca] adotterà articoli obbligatorio per istituti di credito cooperativi sul seguente:
(un) gli articoli particolareggiati su gestione di rischio, incluso auorizzazione di credito monitoraggio di rischio, depositi allocazione, gestione di cassa e politica di investimento... ed articoli su specifici requisiti di capitale supplementari oltre a leggi, regolamentazioni e gli altri articoli di rilegatura;
(b) la politica di affari applicabile;
(il c) l'attività di marketing unita;
(d) la costituzione di un integrato Sé il sistema.
(3) [la Risparmi Banca] eserciterà controlli sull'attività dell'istituto di credito cooperativo, e può dare istruzioni all'istituto di credito cooperativo per assicurare ottemperanza con le leggi e regolamentazioni, gli articoli emessi con o le istruzioni date con l'Organizzazione di Integrazione e [la Risparmi Banca]. L'istituto di credito cooperativo è sotto un obbligo per attenersi con quelle istruzioni. Le istruzioni devono essere giustificate ed un termine massimo per ottemperanza deve essere esposto. Come a chi le istruzioni sono rivolte, l'istituto di credito cooperativo ha diritto a ricorrere alle corti per determinare se le istruzioni sono in conformità con l'Atto, le altre leggi e regolamentazioni e gli articoli emessi con [la Risparmi Banca] e l'Organizzazione di Integrazione. Ricorra alle corti non ha suspensive effettuare; le istruzioni si saranno attenute irrispettosamente con col termine massimo esponga therein.
(4) nell'evento che l'istituto di credito cooperativo va a vuoto ad attenersi con le istruzioni o sta operando in discordanza con le leggi, regolamentazioni o articoli:
(un) il Consiglio di [la Risparmi Banca] può decidere di sospendere il mandato dell'ufficiale esecutivo dell'istituto di credito cooperativo per un massimo di 180 giorni...
(b) sull'iniziativa del Consiglio di [la Risparmi Banca] o su suo proprio iniziale, il Consiglio dell'Organizzazione di Integrazione deciderà sulla sospensione di appartenenza dell'istituto di credito cooperativo nell'Organizzazione di Integrazione e se allineato - sull'esclusione dell'istituto di credito cooperativo dall'Organizzazione di Integrazione.
...
(7) se nella prospettiva del Consiglio di [la Risparmi Banca] un istituto di credito cooperativo o un gruppo di istituti di credito cooperativi è in crisi,
(un) il Consiglio di [la Risparmi Banca] può decidere di sospendere il mandato dell'ufficiale esecutivo dell'istituto di credito cooperativo per un massimo di 180 giorni; che sospensione può essere prolungata per un 180 giorni supplementari o-in cause particolarmente allineato-può decidere di terminare i loro mandati e nominare officer(s esecutivo) su una base provvisoria;
(b)... il Consiglio dell'Organizzazione di Integrazione deciderà sulla sospensione di appartenenza dell'istituto di credito cooperativo nell'Organizzazione di Integrazione e se allineato - sull'esclusione dell'istituto di credito cooperativo dall'Organizzazione di Integrazione.
...
(19) nella sua veste come la banca centrale degli istituti di credito cooperativi e dell'integrazione per assicurare operazione prudente [la Risparmi Banca] sarà concesso per dare-a suo risuoli la discrezione-beneplacito precedente all'acquisizione delle proprie quote o vendita di proprie quote acquisita coi certi istituti di credito cooperativi e con l'Organizzazione di Integrazione, purché il valore della proprietà per essere acquisito o essere venduto eccede 0.1% dei propri finanziamenti dell'integrazione, calcolati su una base consolidata. Operazioni che concernono alla stessa proprietà eseguite entro dodici mesi saranno aggregate.
(20) oltre a... sezione 15(3), l'istituto di credito cooperativo può ricorrere alle corti contro la decisione o istruzioni del Consiglio di [la Risparmi Banca] nella conformità con gli articoli sul controllo giurisdizionale di decisioni di società. Ricorra alle corti non ha suspensive effettuare; la decisione o istruzioni si saranno attenute irrispettosamente con col termine massimo esponga therein.
(21) l'istituto di credito cooperativo ha diritto a ricorrere alle corti e contestare la decisione preso con l'Organizzazione di Integrazione contro sé per determinare se la decisione è in conformità con l'Atto, le altre leggi e regolamentazioni e gli articoli emessi con l'Organizzazione di Integrazione o le altre politiche dell'Integrazione. Ricorra alle corti non ha suspensive effettuare; la decisione si sarà attenuta irrispettosamente con col termine massimo esponga therein.
...”
Sezione 17
“(1)... l'Autorità Direttiva revocherà l'auorizzazione operativo di qualsiasi istituto di credito cooperativo che va a vuoto ad attenersi con o rispettare il termine massimo per attenersi coi suoi obblighi...”
Sezione 17/C
“(1) un istituto di credito cooperativo può essere stabilito con un minimo capitale di quota iniziale di [HUF 250 milione]. Nonostante la sua forma di operazione, i propri finanziamenti dell'istituto di credito cooperativo non possono essere, più basso che il livello stabilito con l'Organizzazione di Integrazione su un individuo a volte (non consolidato) la base.
(2) se i propri finanziamenti dell'istituto di credito cooperativo dovessero incorrere sotto il livello specificato in sottosezione (1) o nella causa descritta in sezione 19(13) [riguardo alle conseguenze per istituti di credito cooperativi che inutilmente hanno fatto domanda per una licenza nuova], l'Organizzazione di Integrazione è concessa per ricorrere alle misure eccezionali e seguenti-senza pregiudizio ai poteri ed i doveri dell'Autorità Direttiva e purché l'Autorità Direttiva è andata a vuoto a prendere simile misure con dando avviso precedente all'Autorità Direttiva:
(un) può prevedere per l'istituto di credito cooperativo:
(l'aa) vendere i suoi beni che non notificano i fini di operazioni bancarie;
(l'ab) migliorare la sua struttura di capitale (incluso la vendita dei beni) all'interno del set di termine massimo ed in ottemperanza coi requisiti;
(l'ac) con riguardo ad ai servizi finanziari resi con l'istituto di credito ed i rischi presunsero con che istituto di credito, può determinare un requisito di capitale individuale più alto che il livello specificò...
(b) può ostacolare o può proibire l'istituto di credito cooperativo da:
(il ba) compiendo operazioni nella relazione [fra] il proprietario e l'istituto di credito cooperativo;
(il bb) pagando depositi e gli altri finanziamenti rimborsabili;
(il bc) obblighi presuntuosi.
(il c) può determinare il tasso degli interessi di massimo per essere convenuto con l'istituto di credito cooperativo.
(d) può obbligare l'asse dell'istituto di credito cooperativo a convenire un'assemblea generale ed invitarlo a discutere gli specifici articoli dell'agenda o attrarre l'attenzione dell'asse e l'assemblea generale al bisogno per certe decisioni essere preso...
(e) può fare appello all'owner(s seguente) dell'istituto di credito cooperativo per prendere le misure necessarie:
(l'ea) l'owner(s) dell'istituto di credito cooperativo che sostiene un minimo portafoglio di azioni diretto di 5% come registrato nella cancelleria di scorta o-per istituti di credito cooperativi che operano in una forma cooperativa-nella cancelleria di membri;
(l'eb) l'owner(s) avendo l'influenza di maggioranza qualificativa.
...
(5) l'Organizzazione di Integrazione può sospendere i diritti di votazione dei proprietari dell'istituto di credito cooperativo per un periodo definito di tempo, ma per non più di un anno, con prendendo simultaneamente le misure supplementari arruolate in sottosezione (2)... purché l'attività del proprietario o la sua influenza sull'istituto di credito cooperativo mette in pericolo l'affidabile ed operazione sicura dell'istituto di credito cooperativo sulla base dei fatti disponibili; in tale causa, voti riguardati con la limitazione saranno trascurati al formano il quorum.”
Sezione 17/M
“(1)... Il fine del Fondo è compensare ed indennizzare rivendicazioni eseguito contro i membri dell'integrazione di cooperative sotto il principio di giuntura e molta responsabilità.”
Sezione 17/O
“Il Fondo si appella su risorse pagate con gli istituti di credito cooperativi e [la Risparmi Banca]...”
Sezione 17/P
“(1) gli istituti di credito cooperativi e [la Risparmi Banca] offra copertura per la loro giuntura e molta responsabilità definì in sezione 1(4) primariamente con vuole dire di pagare un contributo annuale al Fondo ed un contributo straordinario siccome ordinato col Fondo.
...”
Sezione 17/Q
“(3) l'assemblea generale dell'istituto di credito cooperativo deciderà sul calo di capitale di quota autorizzato o qualsiasi pagamento o rimborso resero al membro (l'azionista) sotto qualsiasi [titolo legale] nel collegamento con la sua appartenenza (l'azionista), ed il beneplacito precedente del Consiglio di [la Risparmi Banca] è richiesto.
(4) in relazione alla sottosezione sopra (3), il Consiglio di [la Risparmi Banca] non può rifiutare di accordare il suo beneplacito precedente lungo come il pagamento di dividendi non metta in pericolo la solvibilità dell'istituto di credito cooperativo o l'adempimento della sua politica di affari o il livello di propri finanziamenti come stabilito su una base individuale. Nel collegamento con la sottosezione sopra (3), il Consiglio di [la Risparmi Banca] è obbligato per rifiutare il suo beneplacito precedente, purché che l'indagine... non è terminato ancora o ha terminato e ha fondato... che di sostituzione di capitale è avuta bisogno e sostituzione di capitale non ha avuto ancora luogo.”
Sezione 20
“(1) entro trenta giorni che seguono l'entrata in vigore dell'Atto... i due revisori dei conti, indipendente... sull'invito del MFB [loro] determinerà il prezzo di mercato corrente di serie “B” preferenza divide e stabilisce l'unità di prezzo di una quota ordinaria ed una serie “B” quota di preferenza di [la Risparmi Banca]. ...
(2) dal primo incremento del capitale di HUF 654,986,000 il capitale di quota di [la Risparmi Banca], Magyar Posta prenderà su quote ordinarie e supplementari di HUF 654,666,000 a valore nominale per essere effettuato seguente l'entrata in vigore di questo Atto, mentre gli istituti di credito cooperativi prenderanno un massimo di HUF 320,000 di serie “il C” preferenza divide a valore nominale. Serie “il C” quote di preferenza hanno diritti prioritari come determinato negli statuti di [la Risparmi Banca]...
...
(10) i MFB avranno un'opzione di acquisto sulla serie “B” preferenza divide di azionisti... e per [la Risparmi Banca] quote sostenute con gli istituti di credito cooperativi dei quali è stato revocato l'auorizzazione operativo. L'opzione di acquisto è valida per un anno e può essere chiamata come del giorno revoca seguente dell'auorizzazione operativo. L'opzione di acquisto può essere esercitata al valore determinato con sezione 20(1). ... Il prezzo di acquisto sarà pagato entro [novanta] giorni seguendo la dichiarazione di opzione di acquisto. Il beneplacito di un corpo autorizzato di [la Risparmi Banca] è richiesto per l'acquisizione di proprie quote col MFB.
...”
Sezione 20/A
“...
(12) l'istituto di credito cooperativo che ha dichiarato la sua intenzione di uscire l'Organizzazione di Integrazione è obbligato per compiere pienamente i suoi obblighi che sorgono da questo Atto così lungo come sé è un membro dell'Organizzazione di Integrazione. Come riguardi sezione 11(7) l'intenzione dichiarata di uscire diverrà effettiva, e l'istituto di credito cooperativo cessa essere un membro dell'Organizzazione di Integrazione nella giornata lavorativa susseguente, se e quando:
(un) l'auorizzazione operativo è accordato con l'Autorità Direttiva, basato su una richiesta per auorizzazione,
(b) l'istituto di credito cooperativo ha stabilito tutte le sue rivendicazioni con l'Organizzazione di Integrazione e tutti i suoi membri e non ha pendenza debitoria verso loro, mentre escludendo cause dove un membro dell'Organizzazione di Integrazione mise un deposito con l'istituzione ed escludendo le responsabilità pendenti all'interno della sfera di giuntura e molta responsabilità...,
(il c) le condizioni per uscita come determinato negli statuti dell'Organizzazione di Integrazione effettivo alla data dell'uscita è stato adempiuto,
(d) la condizione descrisse in sottosezione (13) è stato adempiuto,
(e) l'istituto di credito cooperativo e l'Organizzazione di Integrazione ha firmato una dichiarazione unita sull'uscita programmato.
(13) con riguardo ad a sezione 11(8), il membro escluso o esce è obbligato per sostenere il valore di suoi propri finanziamenti come sulla costituzione della sua appartenenza nell'Organizzazione di Integrazione in un conto separato sostenne con [la Risparmi Banca] per 730 giorni che fanno seguire uscire e notificare debitamente al riguardo l'Organizzazione di Integrazione la dichiarazione dell'intenzione. L'importo pagò il [il Fondo] con l'istituto di credito cooperativo sino alla dichiarazione dell'intenzione di uscire può essere dedotto dall'importo per essere messo nel conto separato sostenne con [la Risparmi Banca] sotto questa sottosezione. L'importo per essere messo nel conto separato sostenne con [la Risparmi Banca] può essere rilasciato sulle condizioni e date per essere determinato negli statuti...”
C. decisione di Corte Costituzionale n. 20/2014
40. La Corte Costituzionale fece una rassegna l'Atto di Integrazione nella sua decisione n. 20/2014 (VII.3) di 30 giugno 2014. Come riguardi l'elaborazione della sua adozione in celebre, in particolare, il seguente:
“La legislazione sotto esame mirato alla trasformazione di un sottosistema significativo del settore finanziario e fu basato su un concetto regolatore e complesso. A causa di questo ed il [particolare] la sensibilità del settore il legislatore aveva i motivi ragionevoli per tenere l'elaborazione di disposizione e preparazione ad un minimo severo. Era nell'interesse di sia gli istituti di credito ed i loro clients/depositors per sostenere un [precario] la situazione per come breve un tempo come possibile [così che] non accadde un'atmosfera di panico o reazione di catena di negativo.”
41. Come riguardi lo scopo dell'Atto di Integrazione e la giustificazione per le limitazioni imposte sugli istituti di credito cooperativi le operazioni di ', la Corte Costituzionale sostenne, inter l'alia, siccome segue:
“... [Gli istituti di credito di S]pecific operano come un sottosistema del sistema finanziario ed estremamente organizzato e non possono essere considerati le entità autonome uguagliano in termini di diritto civile...
...
Operazione sicura di istituti di credito che operano in forma cooperativa ha un importante ruolo nell'assicurare la stabilità del settore finanziario nell'insieme. Il settore in oggetto guadagni la sua importanza dalla sua rete di ramo estesa, il fatto che nella maggioranza di municipi servizi finanziari sono solamente disponibili per istituti di credito cooperativi, inoltre cooperative hanno un importante ruolo nel finanziare risuoli imprese e società attivo nel settore agricolo. Mantenendo questa infrastruttura finanziaria ed assicurando il suo operability costituiscono un interesse pubblico che può giustificare interferenza con proprietà (e l'autonomia finanziaria) come parte di politica economica e finanziaria, la responsabilità sociale, il ruolo dell'economia nazionale e la rigidità sociale di proprietà.
Fin dalle 2008-2009 condizioni legali di stabilendo ed azionare organizzazioni finanziarie, la loro soprintendenza e controlla, gestione consolidata e la coordinazione sono divenute più severe in tutto il mondo. L'integrazione stessa ed i diritti di controllo conferiti al suo scopo di corpi per coordinare l'operazione di istituti di credito cooperativi con vogliono dire di articoli e regolamentazioni su un livello generale e con vuole dire di specifiche misure ed istruzioni su un livello individuale. Questi sono necessari per coordinare l'operazione degli istituti di credito riguardata ed assicurare operazione integrata. Per l'attività operativa, i problemi arruolarono in sezione 15(2) dell'Atto (come gestione di rischio, politica di affari, introducendo sul mercato e Sé i sistemi) è indubbiamente importante, perciò il legislatore ha autorizzato [la Risparmi Banca] stabilire regolamentazioni vincolanti su simile problemi. Nell'esercitare il suo diritto di controllo, [la Risparmi Banca] esamina ottemperanza con le regolamentazioni emesse e, in che struttura, è concesso per dare le specifiche istruzioni. Prendere in esame che ha integrato operazione è eventuale su ottemperanza con le regolamentazioni ed istruzioni menzionate, il legislatore ha autorizzato anche l'attuazione di certe sanzioni. Poiché cooperative sono maneggiate con ufficiali esecutivi su un livello operativo, i loro mandati possono essere sospesi o possono essere terminati. Sanzioni contro cooperative che non si attengono con gli articoli vincolanti (sospensione dell'appartenenza dell'Organizzazione di Integrazione, esclusione) è uno vuole dire di assicurare operazione integrata. È giustificato anche per esercitare [la Risparmi Banca] ' diritto di s di controllo e sanzioni di attrezzo se una cooperativa è in crisi, poiché-a causa di una piscina di rischio finanziaria-l'operazione di un solo membro può mettere in pericolo la sicurezza del sistema intero. ... Il requisito che concerne alla sospensione dei diritti di [la Risparmi Banca] azionisti sono una disposizione che promuove la costituzione e mantenimento dell'integrazione ed ottemperanza con requisiti di integrazione. ...
...
Oltre a tutti questo, l'Atto introduce un'ulteriore limitazione sulle operazioni finanziarie di istituti di credito cooperativi... L'obiettivo di questi articoli è assicurare operazione prevedibile, stabile e prudente, minimizzi affari rischia e migliora l'attività creditizia sicura.
...
Nell'esaminare la proporzionalità della limitazione, la Corte Costituzionale l'ha considerato un importante aspetto che sebbene i diritti di controllo dei corpi dell'integrazione hanno un impatto decisivo sull'indipendenza operativa di istituti di credito cooperativi, questo è vinto coi benefici di operazione integrata (principalmente la riduzione di rischi di affari, la redditività migliorata) ed il fatto che-per assicurare la stabilità e la sicurezza del settore-lo Stato offre somme notevoli a protezione istituzionale per il MFB, migliorando con ciò la stabilità del settore. In termini legali, non solo fa lo Stato prenda qualche cosa dal sistema (dall'indipendenza di istituti di credito), ma anche dà qualche cosa (copertura finanziaria, la sicurezza). ...
...
... Lo Stato-in questa causa come un'autorità di amministrazione pubblica ed economica e finanziaria-ha esposto l'obiettivo di fortificare il settore di istituto di credito cooperativo all'interno del sistema di istituti di credito, mentre assicurando la sua stabilità ed operability e promuovendo operazione efficiente e competitiva. Nella prospettiva della Corte Costituzionale, limitazioni sul diritto a proprietà di azionisti ordinari sono giustificate debitamente, e compensarono con questo fatto.
...
L'acquisto di proprietà dello Stato effettuò indirettamente via Magyar Posta e la restrizione di azionisti ordinari therefrom risultante ha comportato finora non solo l'acquisizione mera di diritti di gestione, ma anche un vero e complesso rinforzamento finanziario del settore. Capitale fu offerto con lo Stato al settore in due modi: sulla mano del una, per un incremento del capitale effettuato in [la Risparmi Banca] lo Stato offrì i beni addizionali alla banca centrale dell'integrazione, e, d'altra parte una somma notevole (... circa HUF 136.5 miliardo) fu previsto a [l'Organizzazione di Integrazione]. L'importo secondo dovrebbe essere speso sulla trasformazione, professionalisation e reorganisation del settore.”
42. Come riguardi l'opzione di acquisto del MFB, la Corte Costituzionale notò il seguente:
“Fin dal [chiami] la scelta, se è esercitato, comporta perdita di proprietà, la proporzionalità dell'interesse pubblico e la privazione richiede il risarcimento. La scelta può essere solamente costituzionale con una garanzia di valore... Nella causa sotto revisione, il legislatore ha previsto anche per la considerazione: con virtù di sezione 20(1) e (10) a (11), un prezzo di acquisto deve essere pagato per le quote, il valore di che è stabilito come il [la media] di un preventivo dato con due revisori dei conti indipendenti, e l'acquisto fissa il prezzo di sarà pagato entro [novanta] giorni seguendo la dichiarazione sull'opzione di acquisto. Il legislatore ha preso così nell'esame il requisito di una garanzia di valore, senza riduzione nei beni degli azionisti.”
43. Riguardo alla sfera dell'Atto di Integrazione, prolungando alle certe banche, la Corte Costituzionale fondò siccome segue:
“In in considerazione della natura ragionevole di simile distinzione non deve essere trascurato che cooperativa-girare-banche hanno tenuto la loro appartenenza nel finanziamento di protezione istituzionale, mentre mantiene il loro sequestro forte al settore di istituto di credito cooperativo alla loro propria discrezione nonostante il cambio nel modo da adesso loro operano. Appartenenza... offerto loro un ‘speciale la sicurezza finanziaria ' netto ma l'Atto ha dissolto simile finanziamenti. [L'Organizzazione di Integrazione] è divenuto il loro successore legale; da adesso, è ragionevole per questa organizzazione per offrire protezione a tutti gli istituti di credito che erano membri di uno dei finanziamenti volontari. Di conseguenza, era necessario per già prolungare l'integrazione a quegli istituti di credito trasformò in banche sulla condizione che-se loro così decide-è possibile lasciare l'integrazione (una delle banche riguardata già ha preso nel frattempo, questa opportunità).”
44. Infine, le parti seguenti della decisione di Corte Costituzionale sono attinenti al problema delle via di ricorso disponibile come di 30 novembre 2013:
“... L'Atto autorizza che i corpi dell'integrazione stabiliscano le varie regolamentazioni e decisioni come un mezzo per esercitando diritti di controllo, (... (i) gli articoli, (l'ii) le istruzioni e (l'iii) le altre decisioni); dandoli con ciò i poteri per esercitare un'influenza fondamentale sull'operazione degli istituti di credito cooperativi riguardò. Adoperi male o l'abuso di simile diritti dare luogo ad una violazione grave dei diritti di quelli coinvolta. Controbilanciare questo fatto, l'Atto-come di 30 novembre 2013-assicura istituti di credito cooperativi il diritto per ricorrere alle corti:
...
(un) Sezione 15(3) dell'Atto tale diritto assicura... contro le istruzioni di [la Risparmi Banca]. ...
(b) Nella conformità con sezione 15(20) dell'Atto, l'istituto di credito cooperativo può contestare la decisione o istruzione di [la Risparmi Banca] sotto gli articoli che fanno domanda al controllo giurisdizionale di decisioni di società...
(il c) Sezione 15(21) dell'Atto un viale giudiziale prevede contestare le decisioni di [l'Organizzazione di Integrazione] per l'istituto di credito cooperativo [interessato] con la decisione. La corte può esaminare se che decisione era in conformità alla legge e le altre regolamentazioni e le politiche emisero coi corpi di integrazione.
...
Sulla base del precedente, può essere stabilito, che il diritto per chiedere una via di ricorso legale contro le istruzioni di [la Risparmi Banca] è assicurato con sezione 15(3) e (20) di questo Atto, contro i suoi articoli di rilegatura con sezione 45 dell'Atto delle Associazioni degli Affari o sezione 3:35 del Codice civile che sostituisce [sé] [confermò con sezione 15(20) di questo Atto].
...
Come riguardi [l'Organizzazione di Integrazione] gli articoli, l'Atto non prevede per un requisito simile, controllo giurisdizionale che regola. Ciononostante, articoli stabiliti con [Organizzazione di Integrazione] è eseguito per le specifiche istruzioni e le altre decisioni individuali. Nell'evento gli articoli sono direttamente applicabili, inadempienza comporta sanzioni per l'istituto di credito cooperativo,... [la Risparmi Banca] prende misure per eseguire gli articoli con vuole dire di una specifica misura (dà istruzioni) sotto sezione 15(3) o implementa sanzioni in conformità con le disposizioni dell'Atto. Simile decisioni individuali possono essere contestate di fronte alla corte e, nel corso del controllo giurisdizionale, gli articoli che notificano come la base delle decisioni individuali [debba] sia esaminato.”
45. Siccome giuntura di riguardi e molta responsabilità, la Corte Costituzionale revocò le certe disposizioni dell'Integrazione Agiscono e sostennero che il Fondo dovrebbe pagare qualsiasi l'importo pagabile per motivi di giuntura e molta responsabilità invece del debitore all'interno di un tempo-limite fisso. Dopo che pagamento è stato effettuato col Fondo qualsiasi l'importo pagabile per motivi di giuntura e molta responsabilità sarà pagato con gli altri istituti di credito cooperativi, l'Organizzazione di Integrazione o la Risparmi Banca. Notò anche che “la responsabilità per debiti è incorsa in solamente per i debiti di istituti di credito cooperativi, così membri dell'integrazione non presumono responsabilità per i debiti di [la Risparmi Banca] e [l'Organizzazione di Integrazione].”
46. La Corte Costituzionale sostenne anche che le disposizioni riguardo al memorandum di modello dell'associazione dovrebbero essere interpretate così che simile statuti possono contenere elementi solamente obbligatori che sono essenziali per i fini dell'Integrazione Agiscono o notificano al riguardo l'attuazione o è necessario per soddisfare i requisiti di EU sull'operazione integrata di istituti di credito.
LA LEGGE
IO. QUESTIONI PREGIUDIZIALI
A. le eccezioni di Il Governo
47. Il Governo dibattè che i richiedenti non potevano essere considerati vittime di una violazione dei loro diritti perché, in primo luogo, solamente gli istituti di credito cooperativi, non gli azionisti stessi erano stati colpiti con l'Atto di Integrazione. Un deprezzamento mero di quote sarebbe neanche sufficiente per conferire status di vittima su azionisti di una società. In secondo luogo, un incremento del capitale ed i finanziamenti che lo Stato aveva offerto all'Organizzazione di Integrazione (direttamente al Fondo) doveva essere considerato come risarcimento per le restrizioni imposto perché tale contributo era decresciuto il rischio di affari ed aveva aumentato la redditività degli istituti di credito cooperativi.
48. I richiedenti presentarono che le loro azioni di reclamo furono limitate alle disposizioni dell'Atto di Integrazione che ha restretto i loro diritti per influenzare le operazioni delle banche nelle quali loro contennero quote. Loro spiegarono inoltre che le loro azioni di reclamo non prolungarono all'effetto l'Atto di Integrazione aveva sugli istituti di credito cooperativi.
49. Nella sua decisione di ammissibilità di 4 aprile 2017 la Corte congiunse ai meriti le due eccezioni Statali summenzionate (veda Alberto ed Altri c. l'Ungheria (il dec.), n. 5294/14, §§ 57 e 61, 4 aprile 2017). Li rivolgerà così insieme coi meriti della richiesta.
Ritiro di B. della richiesta in finora come sé concerne gli azionisti di Cooperativa di Pátria
50. Due dei richiedenti, Sig.ra László Jánosné Boris (n. 18) ed il Sig.ra Endréné Csoltkó (n. 28) che era azionisti di Cooperativa di Pátria ritirò le loro azioni di reclamo di fronte alla Corte (veda paragrafo 9 sopra).
51. Nella luce del precedente, e nell'assenza di qualsiasi circostanze speciali riguardo a riguardo per i diritti garantiti con la Convenzione o i suoi Protocolli, la Corte nella conformità con Articolo 37 § 1 (un) della Convenzione, considera che non è giustificato più per continuare finora l'esame della richiesta in come sé è stato introdotto con Sig.ra László Jánosné Boris ed i Sig.ra Endréné Csoltkó e costatazione sé appropriato colpirlo del ruolo.
52. In prospettiva della sentenza sopra, la Corte osserva, che la causa di fronte a sé ora concerne solamente azionisti di Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi.
C. Se è giustificato per continuare l'esame della richiesta come riguardi i richiedenti deceduti
53. La Corte nota che sette dei richiedenti, Sig.ra Erzsébet Ambergné Schumacher (n. 3), il Sig. Gyula Csanádi (n. 24), il Sig.ra Gyuláné Flórián (n. 45), il Sig. András Gász (n. 50), Sig. László Sándor Jónás (n. 84), il Sig. Miklós Kovács (n. 111) ed il Sig. János Múth (n. 137), morì mentre la causa era pendente di fronte alla Corte. I loro eredi informarono la Corte che loro desiderarono intraprendere la richiesta ha depositato con loro. La Corte ha accettato su un numero di occasioni che parenti vicini di un richiedente deceduto sono concessi per prendere suo o il suo posto (veda, fra molte autorità, Petrovi ?c. la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia, N. 30721/15, §§ 15 e 16, 22 giugno 2017). Per i fini della causa presente, la Corte è preparata per accettare che gli eredi dei richiedenti deceduti che sono indicati nell'appendice possono intraprendere inizialmente la richiesta portata coi richiedenti summenzionati.
54. Inoltre, il Sig. József Gyri ?(n. 59), il Sig. József Jakab (n. 83) ed il Sig. György Kiss (n. 102) anche morì durante i procedimenti di fronte alla Corte. Come riguardi i Sig. József Gyri ed i Sig. György Kiss, nessuno eredi o parenti espressero qualsiasi desidera continuare i procedimenti di fronte alla Corte. Come riguardi il Sig. József Jakab, il suo erede informò la Corte che lei non ha desiderato intraprendere i procedimenti nel suo posto.
55. In queste circostanze, la Corte conclude, che non è giustificato più per continuare finora l'esame della richiesta in come sé concerne il Sig. József Gyri?, il Sig. József Jakab ed il Sig. György Kiss, all'interno del significato di Articolo 37 § 1 (il c) della Convenzione (veda, per esempio, Dinçer ed Altri c. la Turchia, n. 10435/08, §§ 13 e 14, 3 novembre 2011). Inoltre, la Corte non trova nessuno ragioni di una natura generale, come definito in Articolo 37 § 1 in multa che richiederebbe finora l'ulteriore esame della richiesta in come sé concerne le azioni di reclamo rese in favore dei richiedenti summenzionati. Di conseguenza, questa parte della richiesta dovrebbe essere colpita del ruolo.
II. Violazione allegato Di Articolo 1 Di Protocollo N.ro 1 Di La Convenzione
56. I richiedenti si lamentarono dell'impatto dell'Atto di Integrazione sull'esercizio dei loro diritti per influenzare la condotta e politica delle banche delle quali loro erano azionisti. Loro si appellarono su Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che legge siccome segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Le parti gli argomenti di '
1. I richiedenti
57. I richiedenti dibatterono che l'Atto di Integrazione impose misure che non potevano essere riguardate come nell'interesse pubblico perché gli istituti di credito cooperativi che avevano corrisposto a solamente 5% del settore di istituto di credito avevano, già prima dell'Atto, stato estremamente proficuo. Loro contestarono l'argomento del Governo che gli istituti di credito cooperativi avevano tratto profitto da appartenenza nel sistema di protezione nuovo. Loro presentarono che i secondi erano stati il risultato di un abuso di potere col legislatore che aveva adottato l'Atto di Integrazione ed il suo emendamento in alacrità mentre diede i poteri estesi alla Risparmi Banca.
58. I richiedenti ammisero che loro continuarono a possedere quote in Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi ma dibattè che come azionisti loro avevano perso la loro autonomia nell'esercitare i diritti allegati a quote normalmente. In particolare, loro sostennero che dopo avere ricevuto le loro licenze per operazioni bancarie, Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi non avevano appartenuto più al settore di cooperative ma l'Integrazione Agisca ciononostante fatto domanda a loro. Nella loro prospettiva, interferì smodatamente coi loro diritti per stabilire liberamente e correggere un memorandum dell'associazione, adotti decisioni su un numero di problemi (come adozione del rapporto finanziario annuale, l'uscita di obbligazioni, reductions/increases del capitale di quota qualsiasi pagamenti agli azionisti, l'acquisizione di proprie quote, e la conversione, fusione o demerger della società), nomini directors/members di consiglio di sorveglianza e determini la loro rimunerazione. Inoltre, l'Atto di Integrazione li costretti ad attenersi con le istruzioni emesso con la Risparmi Banca, lasciò spazio alla sospensione di votare diritti ed autorizzato l'Organizzazione Internazionale per definire senza qualsiasi limiti chiari, le banche capitale di solvibilità di ' (veda divide in paragrafi 26 a 31 e 39 sopra). Questo, nella loro prospettiva corrispose ad una privazione dei loro diritti senza ricevere qualsiasi il risarcimento. In questo collegamento, loro presentarono, che i finanziamenti approvvigionarono con lo Stato al sistema di protezione poteva in nessun modo migliori la loro situazione e che in qualsiasi l'evento, i finanziamenti erano stati offerti alla Risparmi Banca e l'Organizzazione di Integrazione, non a loro. Inoltre, i richiedenti spiegarono che le loro azioni di reclamo non prolungarono all'effetto l'Atto di Integrazione avuto su Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi ed alle misure concrete prese con la Risparmi Banca e l'Organizzazione di Integrazione contro quelle banche. Loro dibatterono che il loro diritto a proprietà era stato violato con “l'esistenza mera dell'obbligo per richiedere beneplacito e col diritto della Risparmi Banca e l'Organizzazione di Integrazione [interferire].” In questo collegamento, loro presentarono anche, che loro come azionisti potessero impugnare solamente direttamente gli azionisti le decisioni di ', non le misure della Risparmi Banca e l'Organizzazione di Integrazione e che un controllo giurisdizionale ebbe solamente senso se le misure contestate eccedessero la sfera concessa con l'Atto di Integrazione.
59. I richiedenti dibatterono inoltre che la sicurezza di depositanti ed operazione prudente di istituti di credito potrebbe essere giunta a molte misure meno restrittive, come l'operazione effettiva delle autorità direttive e regolamentazione corretta del settore. Loro presentarono inoltre che sebbene la disposizione dell'Atto di Integrazione lasciò spazio alle banche lasciare l'integrazione era praticamente impossibile per loro per adempiere le condizioni per uscire, seguendo l'emendamento dell'Atto di Integrazione specialmente.
60. I richiedenti dibatterono che il cambio nella proprietà della Risparmi Banca era irrilevante alla violazione allegato nella causa presente. Loro presentarono anche che “la perdita subita con [loro] banche riguardo al valore delle loro quote nella Risparmi Banca [era] di un importo insignificante.” In prospettiva loro, il problema attinente e solo era, chi dovrebbe influenzare l'operazione di Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi e come. In questo collegamento, loro presentarono, che mentre la loro proprietà non era stata trasferita ad un'altra entità, l'interferenza dell'Atto di Integrazione coi loro diritti era stata così grave come corrispondere all'espropriazione de facto.
2. Il Governo
61. Il Governo concedè che in finora come Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 potrebbe essere fatto domanda alla causa presente, le misure in oggetto potrebbe essere considerato come interferenza coi richiedenti il diritto di ' a proprietà. Loro erano stati basati legalmente comunque, sull'Atto di Integrazione e la decisione della Corte Costituzionale. La legislazione contestata concernè un settore finanziario e molto sensibile ed il legislatore era stato giustificato così nel tenere l'elaborazione e preparazione ad un minimo severo.
62. Il Governo dibattè anche che l'Atto di Integrazione intraprese gli scopi legittimi di distogliere crisi finanziarie e potenziali che colpiscono gli istituti di credito cooperativi, mentre migliorò la loro funzione nel settore finanziario, proteggendo l'interesse di migliaia dei loro depositanti così come facendo il sistema conforme coi requisiti del terzo Basel Accord (2013/36/EU Direttiva).
63. Il Governo notò che gli istituti di credito cooperativi non erano stati ad un rischio immediato di fronte all'entrata in vigore dell'Atto di Integrazione perché loro avevano tenuto il loro minimo di attività creditizia. Comunque, capitalisation bassi degli istituti di credito cooperativi prima dell'Integrazione Agiscono che non era stato rivolto in modo appropriato nel rapporto della Direttiva del 2013 Autorità dovuto ai loro meccanismi di valutazione di rischio inadeguati non avrebbe lasciato spazio ad operazioni proficue ed a lungo termine. Questa era la causa perché, inter l'alia, i tassi di interesse di ungherese Stato Obbligazioni di recente emesse, spesso usati con gli istituti di credito cooperativi avevano lasciato cadere significativamente. In qualsiasi l'evento, anche se gli istituti di credito cooperativi avessero potuto mantenere il loro modello di affari precedente, loro non avrebbero adempiuto alla loro funzione sociale. Istituti di credito erano offrire capitale per lo sviluppo dell'economia per offrendo prestiti ad imprese e consumatori là. Loro non adempierono questa funzione con investendo i consumatori ' deposita in obbligazioni di Stato.
64. Come riguardi la richiesta dell'Atto di Integrazione a Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi, il Governo presentò che sia banche erano state membri di OTIVA i cui beni erano stati inclusi nei beni dell'Organizzazione di Integrazione. Era stato così inevitabile che l'Organizzazione di Integrazione avrebbe offerto protezione alle due banche e che altri servizi prima purché tramite l'integrazione volontaria sarebbe previsto a loro sotto il sistema nuovo. Loro attrassero anche attenzione ai finanziamenti previsti col MFB all'Organizzazione di Integrazione, mentre presentando che loro avevano sollevato significativamente i propri finanziamenti di ogni solo istituto di credito cooperativo che partecipa nell'integrazione. Inoltre, il Governo indicò che la certa uniformità riguardo alle operazioni degli istituti di credito cooperativi era necessaria a causa della giuntura e molta responsabilità che avevano tratto profitto gli istituti di credito cooperativi ed i loro creditori ed il fatto che la solvibilità e la liquidità furono esaminate nell'insieme sulla base di conti consolidati di queste istituzioni. Per istanza, le limitazioni sull'uso di profitto notificarono la stabilità di banca, non lo fecero impossibile usare infine simile profitto e potrebbero essere impugnate in corte. I richiedenti l'argomento di ' dell'espropriazione de facto era così completamente infondato.
65. Come riguardi il trasferimento di quote seguente l'entrata in vigore dell'Atto di Integrazione, il Governo presentò che gli articoli introdotti furono voluti dire offrire diritti di appartenenza ad ogni istituto di credito cooperativo che prima non era stato la causa. Il MFB pagò il risarcimento corretto per serie “B” le quote. Come un risultato delle misure preso sotto l'Atto di Integrazione, il valore delle quote della Risparmi Banca aveva aumentato inoltre, mentre volendo dire che gli istituti di credito cooperativi avevano infatti trasse profitto da loro.
B. la valutazione di La Corte
66. Nella sua decisione di 4 aprile 2017 la Corte trovò Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 per essere applicabile alle circostanze della causa (veda Alberto ed Altri, citato sopra, § 43). In questo collegamento, la Corte reitera, che una quota in una società è un oggetto complesso che certifica che il possessore possiede insieme una quota nella società coi diritti corrispondenti. Questo include su una rivendicazione indiretta i beni della società, incluso il diritto ad una quota in loro nell'evento di sé che è suonato su, ma anche gli altri diritti senza restrizioni, votando diritti ed il diritto per influenzare la condotta della società e politica specialmente (veda, fra molte autorità, Olczak c. la Polonia (il dec.), n. 30417/96, § 60 ECHR 2002 X (gli estratti)).
67. La Corte nota che i richiedenti sostengono quote in Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi (veda paragrafo 8 sopra) e che queste banche, mentre essendo membri di jure di ipso dell'Organizzazione di Integrazione, è soggetto a controllo esercitato coi corpi centrali dell'integrazione, vale a dire l'Organizzazione di Integrazione e la Risparmi Banca (veda divide in paragrafi 26 a 31 sopra). La Corte nota che le disposizioni legislative si lamentarono soprattutto di lasci spazio a misure per essere preso contro gli istituti di credito cooperativi. Disposizioni solamente molto poche sembrano lasciare spazio a misure per essere preso direttamente contro i particolari azionisti. In questo collegamento, è osservato, che simile misure furono prese con la Risparmi Banca quando rifiutò di acconsentire al pagamento di dividendi nella causa di Banca di Kinizsi ed impose i limiti su simile pagamento nella causa di Banca di Mohácsi (veda divide in paragrafi 32 e 35 sopra). I richiedenti esclusero esplicitamente comunque, simile misure concrete dalla sfera della loro azione di reclamo (veda paragrafo 58 sopra).
68. Come riguardi le disposizioni legislative e contestate che lasciano spazio a misure per essere preso contro Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi, non si può ignorare che i richiedenti incorrono brevemente di partecipazione azionaria 100% quote nelle rispettive banche (veda paragrafo 8 sopra) e non è così il “risuoli” proprietari delle società in oggetto (veda, con contrasto, Ankarcrona c. la Svezia (il dec.), n. 35178/97, 27 giugno 2000, e Glas Nadezhda EOOD ed Anatoliy Elenkov c. la Bulgaria, n. 14134/02, § 40 ECHR 2007). Normalmente dovrebbe essere perciò, per Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi, non i richiedenti, intraprendere una richiesta di fronte alla Corte salvano se c'erano circostanze eccezionali che giustificano il trascurare della personalità legale (veda Agrotexim ed Altri c. Grecia, 24 ottobre 1995 §§ 65 e 66, Serie Un n. 330 Un). Simile eccezioni potrebbero essere accettate quando chiaramente è stabilito che era impossibile per la società per fare domanda alle istituzioni di Convenzione per gli organi esponga su sotto i suoi statuti societario o, nell'evento della liquidazione, per i suoi liquidatori (veda Agrotexim ed Altri, citato sopra, § 66; Credito e Banca Industriale c. la Repubblica ceca, n. 29010/95, §§ 50 a 52, ECHR 2003 XI (gli estratti); e Feldman e Banca di Slovyanskyy c. l'Ucraina, n. 42758/05, §§ 28 e 29, 21 dicembre 2017); dove gli atti o decisioni si lamentarono di relativo alle azioni di persone come un liquidatore che agisce sul conto della società (veda G.J. c. il Lussemburgo, n. 21156/93, § 24 26 ottobre 2000); o dove le misure si lamentarono di consisterono dell'annullamento di quote che appartengono al richiedente e furono mirate direttamente ai diritti del richiedente come un azionista (veda Olczak, citato sopra, § 58).
69. Comunque, la Corte nota che la causa presente non può essere comparata a qualsiasi delle situazioni sopra. Nonostante la loro critica della riforma del sistema di protezione istituzionale, i richiedenti non mostrarono in primo luogo, che le loro quote in Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi avevano perso il loro valore economico dovuto a quelli deposita denaro ' appartenenza automatica nell'Organizzazione di Integrazione (veda paragrafo 23 sopra e sezione 20 dell'Integrazione Agisce, citò in paragrafo 39 sopra). In secondo luogo, i richiedenti non si lamentarono di qualsiasi misure concrete che li colpiscono direttamente ma sulle disposizioni dell'Integrazione Agisca che (i) lasci spazio ad istruzioni per essere imposto sugli istituti di credito cooperativi, incluso Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi (l'ii) obbliga il secondo a chiedere il beneplacito della Risparmi Banca per un numero di importanti decisioni come l'adozione del rapporto finanziario annuale, mentre emettendo di obbligazioni, cambi in capitale e l'appuntamento dei loro ufficiali esecutivi (veda divide in paragrafi 28, 29 e 39 sopra) e (l'iii) li costringa ad aggiustare il loro memorandum dell'associazione in linea con le disposizioni standard emise con l'Organizzazione di Integrazione (veda paragrafo 26 sopra). Queste disposizioni legislative potrebbero colpire davvero i richiedenti che ' interessa, per istanza con costringendo la sfera delle decisioni che potrebbero essere prese all'assemblea generale. Nessuno di loro è puntato direttamente comunque, contro dei richiedenti come azionisti.
70. In questo collegamento, sarà reiterato, che ogni qualvolta gli interessi di un azionista sono danneggiati con una misura diretta alla società, è su al secondo per intentare causa appropriata. Un atto che infrange i diritti di solamente la società non comporta la responsabilità verso gli azionisti, anche se i loro interessi sono colpiti. Simile responsabilità sorge solamente se l'atto si lamentasse di è mirato ai diritti dell'azionista come simile o se la società è stata suonata su (veda Olczak, citato sopra, § 59) che non è la situazione nella causa presente.
71. Inoltre, mentre tenendo presente i richiedenti argomento di ' col quale i loro diritti erano stati infranti “l'esistenza mera” delle disposizioni legislative e contestate (veda paragrafo 58 sopra), la Corte non può ignorare il fatto che Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi potessero contestare decisioni della Risparmi Banca e l'Organizzazione di Integrazione e le istruzioni della Risparmi Banca di fronte alle corti nazionali (veda sezione 15 dell'Atto di Integrazione citata in paragrafo 39, veda anche divide in paragrafi 44 e 58 sopra). Fin dai richiedenti come azionisti intraprendere via di ricorso contro simile misure non è concesso di conseguenza, mentre accetta l'assunzione che loro hanno standi della località procreerebbe problemi considerevoli riguardo al requisito dell'esaurimento di via di ricorso nazionali (veda Agrotexim ed Altri, citato sopra, § 65).
72. Avendo riguardo ad al sopra ed al fatto che i richiedenti non aguzzarono a qualsiasi circostanze che giustificano il sollevamento del velo aziendale, i costatazione di Corte che loro non possono dire di essere vittime della violazione allegato che scaturisce dalle disposizioni legislative che sono mirate a regolando l'operazione degli istituti di credito cooperativi e lasciano spazio a misure per essere preso contro Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi. Simile misure possibilmente potrebbero corrispondere ad interferenza coi diritti di quelle banche, ma non i richiedenti.
73. In finora come l'Atto di Integrazione lascia spazio a misure per essere preso direttamente contro i proprietari o azionisti degli istituti di credito cooperativi (per istanza, i consent/approval della Risparmi Banca ebbero bisogno, per qualsiasi pagamento agli azionisti sotto qualsiasi titolo legale-veda paragrafo 28 sopra), la Corte già ha notato che i richiedenti avevano escluso esplicitamente misure concrete, come il rifiuto della Risparmi Banca acconsentire al pagamento di dividendi nella causa di Banca di Kinizsi e la limitazione impose su simile pagamento nella causa di Banca di Mohácsi, dalla sfera della loro azione di reclamo (veda paragrafo 67 sopra).
74. La Corte nota inoltre che misure come la sospensione degli azionisti ' che vota diritti (veda paragrafo 30 sopra) e le certe altre misure convennero in sezione 17/C dell'Integrazione Agisca (veda paragrafo 39 sopra) può essere preso solamente in cause eccezionali. Per istanza, loro possono essere presi sulla condizione che gli istituti di credito cooperativi i finanziamenti di ' incorrono il livello richiesto sotto o che loro sono stati senza successi nel fare domanda per una licenza nuova (veda paragrafo 39 sopra). Avendo riguardo ad alle informazioni nella proprietà della Corte (veda paragrafo 32 sopra) non si ha dimostrato che i richiedenti, come gli azionisti di Banca di Kinizsi e Banca di Mohácsi erano infatti probabilmente correre il rischio di essere colpito con le misure summenzionate (veda, mutatis mutandis, Jensen e Rasmussen c. la Danimarca (il dec.), n. 52620/99, 20 marzo 2003).
75. La Corte reitera che la questione se un richiedente può chiedere di essere una vittima della violazione addotta è attinente a tutti gli stadi dei procedimenti sotto la Convenzione (veda Centro Europa 7 S.r.l. e Di Stefano c. l'Italia [GC], n. 38433/09, § 80 ECHR 2012). Al giorno d'oggi la causa, trova che la legislazione contestata non interferì coi richiedenti i diritti di ' in prospettiva della sfera delle loro azioni di reclamo (veda divide in paragrafi 58 e 67 sopra) e che loro non possono dire perciò di essere vittime delle violazioni allegato all'interno del significato di Articolo 34 della Convenzione. Perciò, la Corte non è capace di prendere cognizione dei meriti dei richiedenti l'azione di reclamo di '. Di conseguenza, sostiene l'eccezione relativa del Governo.
76. Non c'è stata di conseguenza nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Questa conclusione lo fa non necessario esaminare l'eccezione del Governo rimanente riguardo al risarcimento allegato ricevette coi richiedenti (veda paragrafo 47 sopra).
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE,
1. Sostiene, unanimamente, che (i) il Sig.ra Erzsébet Amberg, (l'ii) Sig. László Gyula Csanádi, (l'iii) Sig. Gyula György Flórián, (l'iv) il Sig.ra Judit Terézia Ádámné Gász, Sig.ra Andrea Domokosné Gász ed il Sig.ra Andrásné Gász (v) Sig.ra Glória Hoffmanné Jónás e la Sig. Robin Jónás, (il vi) il Sig.ra Miklósné Kovács, e (il vii) Sig.ra Edina Kollárné Múth, il Sig.ra Jánosné Múth e Sig.ra Melinda Schneiderné Múth hanno sostenendo continuare i procedimenti presenti invece di, rispettivamente (i) Sig.ra Erzsébet Ambergné Schumacher (n. 3), (l'ii) il Sig. Gyula Csanádi (n. 24), (l'iii) il Sig.ra Gyuláné Flórián (n. 45), (l'iv) il Sig. András Gász (n. 50), (v) Sig. László Sándor Jónás (n. 84), (il vi) il Sig. Miklós Kovács (n. 111) e (il vii) il Sig. János Múth (n. 137);

2. Decide, unanimamente, colpire la richiesta del suo ruolo di cause come lontano come concerne i richiedenti Sig.ra László Jánosné Boris (n. 18), la Sig.ra Endréné Csoltkó (n. 28), il Sig. József Gyri ?(n. 59), il Sig. József Jakab (n. 83) ed il Sig. György Kiss (n. 102);

3. Sostiene, con sei voti ad uno, che i richiedenti non possono chiedere di essere vittime della violazione allegato e che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 29 gennaio 2019, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Marialena Tsirli Ganna Yudkivska
Cancelliere Presidente
Nella conformità con Articolo 45 § 2 della Convenzione e Decide 74 § 2 degli Articoli di Corte, l'opinione separata di Giudice de di Pinto che Albuquerque è annesso a questa sentenza.
G.Y.
M.T.


OPINIONE CHE DISSENTE DI GIUDICE PINTO DE ALBUQUERQUE
1. Alberto ed Altri c. Ungheria concerne uno dei problemi più conseguenti in diritti di proprietà in Europa oggi: la misura alla quale dovrebbe essere tollerato controllo Statale di banche. La maggioranza evade questo questione estremamente importante con dibattendo erroneamente che azionisti individuali non sono danneggiati direttamente con la regolamentazione di banche nella quale loro hanno un gioco. Io non sono d'accordo rispettosamente con questa proposta, e troverebbe una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
2. Questa causa presenta un'occasione eccellente per la Corte europea di Diritti umani (“la Corte”) rivolgere la legalità di smodatamente regolamentazioni tecniche bancarie e severe che sono divenute sfortunatamente tipiche nei molti Stati sotto la nostra giurisdizione. Dato l'impatto di questa sentenza su millions di azionisti ordinari oltre l'Ungheria, la Corte deve considerare le ramificazioni significative della legislazione impugnata.
L'impatto dell'Atto di Integrazione su azionisti i diritti di '
3. La Corte sta trovando che agli azionisti manca status di vittima perché solamente le banche sono colpite con Atto n. CXXXV di 2013 sull'Integrazione di Istituti di credito Cooperativi e l'Emendamento di Certe Leggi che Riguardano le Questioni Economiche (“l'Atto di Integrazione”) è fuorviato completamente. L'Atto di Integrazione ha davvero e conseguenze serie per i diritti di proprietà dei richiedenti come azionisti individuali.
4. Prima, il diritto per stabilire e cambiare l'atto di fondamento delle banche è un importante diritto associato con la proprietà di quote. Ancora, i richiedenti sono obbligati per approvare gli statuti standard con contenuto invece di godere della libertà per creare collettivamente o correggere l'atto di fondamento di Banca di Mohacsi e Banca di Kinizsi, prescrisse con l'Organizzazione di Integrazione.
5. Prima che l'Atto di Integrazione entrò in vigore, questa libertà era tangibile e preziosa per i richiedenti: fin dai richiedenti in aggravamento 87% e 98% di quote contennero su rispettivamente in Banca di Mohacsi e Banca di Kinizsi, loro avevano su controllo effettivo le banche ' decisioni notevoli. Sta fuorviando suggerire che qualsiasi cosa incorrendo brevemente di un 100% portafoglio di azioni vuole dire che i richiedenti non potessero esercitare controlli sulla società. Senza l'interferenza dell'Atto di Integrazione, i richiedenti avrebbero avuto insieme il potere per determinare le più importanti questioni dei loro istituti di credito, incluso le molte aree nelle quali l'Organizzazione di Integrazione ora ha autorità incontestata.
6. Secondo, l'Atto di Integrazione restringe smodatamente i diritti ordinari di azionisti con sottoponendo decisioni di azionista ad approvazione precedente della Risparmi Banca. Di conseguenza, la Risparmi Banca può proibire le decisioni più di base come cali o aumenti di capitale, acquisizione delle proprie quote o l'uscita di obbligazioni. La legislazione spoglia così gli azionisti della capacità di determinare una varietà di questioni che possono colpire drammaticamente il valore delle loro quote.
7. Terzo, l'Atto di Integrazione dà un titolo all'Organizzazione di Integrazione per sospendere insieme i diritti di votazione dei richiedenti per un anno se considera che gli azionisti “metta in pericolo l'affidabile ed operazione sicura dell'istituto di credito cooperativo.” Nonostante la natura drastica di simile misura, l'Atto non prevede, qualsiasi orientamenti concreti su che azioni conterebbero come rischioso l'operazione. Considerando che votare è il diritto eminente associato con quote, simile sospensione è una violazione estremamente seria, diretta sui richiedenti diritti di proprietà di '.
8. L'Organizzazione di Integrazione davvero può agire inoltre, contrario alla decisione degli azionisti. Per istanza, se il capitale di solvibilità della banca non giunge ad un specifico livello, l'Organizzazione di Integrazione è autorizzata per aumentare che capitale senza approvazione di azionista. La Risparmi Banca può sospendere anche il mandato di ufficiali esecutivi degli azionisti ' che sceglie; loro possono nominare anche un ufficiale direttivo per un periodo provvisorio.
9. Sotto la maggioranza sta ragionando, questo severo, regolamentazioni di invasive non hanno avuto effetto misurabile sugli azionisti. L'impatto cumulativo su azionisti che non sono capaci di partecipare in scelte così conseguenti non può essere predetto precisamente comunque, né dovrebbe essere sottovalutato. Anche se non c'è danno finanziario ed immediato, visibile, la perdita puro e semplice di controllo in queste questioni in e di sé interferenza costituisce con gli azionisti il diritto di ' al godimento della loro proprietà.
10. La maggioranza l'ulteriore stato che la sospensione di votare diritti e misure contro gli interessi di azionisti accade solamente in cause eccezionali, e che i richiedenti non erano “infatti probabilmente correre il rischio di essere colpito con” queste misure. Queste sono osservazioni completamente speculative che non hanno base nelle osservazioni. Anche se non accadono frequentemente queste misure, il fatto che la legge prevede per la possibilità di misure così estreme se dovesse essere di grande preoccupazione. Non c'è stato dopo tutto, principio nella storia della causa-legge della Corte all'effetto che un solo avvenimento di una violazione abbastanza non è.
11. Quarto, istituti di credito cooperativi che non si attengono coi requisiti attinenti dell'Atto di Integrazione possono essere esclusi dall'integrazione, ed anche ha le loro licenze conduzione ritirate. Questo vuole dire che i requisiti coi quali gli istituti di credito devono assentire dettame le attività di giorno-a-giorno delle loro banche, piuttosto che i desideri collettivi degli azionisti. I richiedenti sono sottoposti così ad un'interferenza in corso, continua col loro esercizio di diritti di azionista.
12. Quinto, la Risparmi Banca davvero può rifiutare di acconsentire al pagamento di dividendi su motivi di “inadempienza con la legislazione attinente” o il “rischio di non adempiere al piano di affari” che già è accaduto ad azionisti di Banca di Mohacsi. Dato che il diritto a pagamento di dividendi è un diritto essenziale associato con quote, questa è un'altra istanza di un abuso grave.
13. La maggioranza ha trascurato ingiustificabilmente queste conseguenze serie con notando che “[l'o]nly disposizioni molto poche sembrano lasciare spazio a misure per essere preso direttamente contro i particolari azionisti.” Questa valutazione fallisce il punto: l'analisi dovrebbe concentrarsi sull'impatto sulle quote, non sui particolari azionisti come persone. L'interferenza in questione inequivocabilmente obiettivi la sostanza di centro di azionisti i diritti di ', vale a dire i loro diritti economici o patrimoniali, come il diritto a dividendi ed il loro controllo o diritti di governo, come il diritto per votare sulle decisioni più significative per le loro banche.
Azionisti i diritti di ' sotto la causa-legge della Corte
14. La conclusione della maggioranza che i richiedenti non possono chiedere status di vittima sotto Articolo 34 è incoerente con lo sviluppo della causa-legge di questa Corte dai tempi di Agrotexim ed Altri c. Grecia, la causa principale sullo status di vittima di azionisti individuali. In Agrotexim, la Corte sostenne, che “[l'o]nly una persona i cui interessi personali sono stati colpiti direttamente potrebbe avere [la vittima] lo status”, e perciò questioni che solamente concernono l'entità sociale non conferiscono necessariamente status di vittima sugli azionisti. Fissi differentemente, la Corte sostenne che nella presenza di misure diritti di azionista toccanti, “come il diritto per frequentare l'assemblea generale e votare”, queste sarebbero violazioni dirette contro le quali è probabile che azionisti portino rivendicazioni. Così, quando azionisti in una società pubblica si lamentarono che loro furono obbligati per scambiare le loro quote in una vecchia società per quote in un nuovo ad un tasso di unfavourable, come un risultato di una fusione del secondo con un'altra società la Corte trovata che loro potessero dire di essere vittime di una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. La Corte sostenne che la protezione chiese con l'azionista potrebbe includere una garanzia che i termini del cambio di quota erano appropriati.
15. Fissi semplicemente, azionisti hanno posizione di fronte alla Corte dove le misure contestate hanno un portante diretto su loro propri diritti che sono inerenti nella proprietà di scorte o quote.
16. Tale portante diretto è davvero in pericolo qui. Come la maggioranza correttamente spieghi, una quota “certifica che il possessore possiede insieme una quota nella società coi diritti corrispondenti. Questo include su una rivendicazione indiretta i beni della società... [e] anche gli altri diritti senza restrizioni, votando diritti ed il diritto per influenzare la condotta della società e politica specialmente.” Siccome dimostrato sopra, gli azionisti sono stati colpiti direttamente con l'interferenza dell'Atto di Integrazione coi più importanti e rappresentativi diritti associati con le loro quote, come votando diritti ed il diritto a dividendi.
17. Sviluppi poiché Agrotexim ha riaffermato la posizione di azionisti quando i loro diritti sono direttamente in pericolo. Per esempio, la Corte trovata in Olczak che l'annullamento delle quote del richiedente lo diede un titolo a per portare una rivendicazione.
18. Similmente, in Yukos c. la Russia, l'Ordine della corte lo Stato per compensare gli azionisti individuali per il danno subì con la società attinente, recognising il loro status come vittime. La Corte assegnò danni ad azionisti anche se il danno diretto in questione-gli arretrati di tassa e l'ingiunzione che proibiscono la società dallo sbarazzarsi dei suoi beni-era stato imposto sulla società nell'insieme.
19. Similmente, in Suzer ed Eksen Holding c. la Turchia, la Corte fondò che il rilevamento di una banca privata con le autorità Statali potrebbe essere considerato un'interferenza col diritto di proprietà degli azionisti precedenti della banca. Le misure prese con le autorità turche aveva risultato nello spogliare i richiedenti dei diritti economici, sia tangibile ed intangibile, relativo all'operazione della loro banca precedente. Così, la Corte riconobbe che è probabile che alcuni diritti economici non siano immediatamente quantifiable, ma ciononostante attinente. Questa conclusione fu giunta ad un riconoscimento che inizialmente le misure prese col governo era incorso su all'interno del suo potere di controllo il settore tecnico bancario turco per assicurare il suo funzionando corretto.
20. Come con quelle cause, l'Atto di Integrazione è andato anche oltre regolamentazione mera del controllo di proprietà con interferendo con la sostanza della proprietà-in questa causa, di quote. Non c'è perciò, giustificazione per deviare da questa linea di recognising dell'autorità lo status di vittima di richiedenti in tale situazione.
Protezione di azionisti i diritti di ' in diritto internazionale
21. Standard internazionali sulla protezione di azionisti gli interessi di ' sosterrebbero anche una sentenza che i richiedenti presenti hanno status di vittima.
22. Azionisti i diritti di ' in situazioni dove la società è colpita avversamente con regolamentazioni statali è stato riconosciuto con le varie corti internazionali e corpi. Per istanza, la Corte di giustizia Internazionale (“l'ICJ”) ha sostenuto che violazione diretta dei diritti di un azionista include il diritto a qualsiasi il dividendo, votando diritti ed il diritto ad una quota nei beni di residuo della società sulla liquidazione-ogni qualvolta uno di questi diritti diretti è infranto, l'azionista ha un diritto indipendente di azione. Nella causa di ELSI, l'ICJ accettò similmente, senza discussione che gli Stati Uniti furono concessi per iniziare un abito in favore di azionisti americani nella società italiana quando le autorità emisero un requisitioning dell'ordine la pianta di ELSI ed i beni relativi per sei mesi.
23. Il Centre Internazionale per l'Accordo di Investimento Controversie (ICSID) ha preso anche la posizione che gli azionisti i diritti di ' aumento determinato a rivendicazioni indipendenti. Un arbitro prominente ha concluso che “è senza possibiltà di dubbio che azionisti hanno posizione in ICSID per presentare rivendicazioni separato ed indipendente dalle rivendicazioni della società per azioni” e che “questo principio fa domanda a tutti gli azionisti, nessuna questione se o non loro possiedono la maggioranza delle quote o controllano la società per azioni.”
24. Per istanza, in procedimenti iniziati con azionisti di minoranza in una società dopo che il valore del loro investimento fu diminuito con conversione di somme contraenti da dollari Stati Uniti a pesi, il tribunale di ICSID fondò “nessuno decaduto in diritto internazionale corrente al concetto di concedere indipendentemente rivendicazioni con azionisti da quelli della società per azioni riguardato, non anche se quegli azionisti sono minoranza o azionisti di non-controllare.” I tribunali di ICSID hanno concluso costantemente che investimenti di azionista sono protegguti con trattati di investimento bilaterali, incluso nel contesto di istituti di credito.
25. Similmente, la Nazioni Commissione Unito su Commercio internazionale Legge (UNCITRAL) ha sostenuto in un arbitrato di NAFTA che “[fatto di t]he che un cameriere State non interferisce esplicitamente con proprietà di quota non è decisivo” e che “[problema di t]he è piuttosto se una violazione di [il trattato applicabile] piombi con l'esser diretto sufficiente a perdita o danneggia in riguardo di un investimento determinato.”
26. La Corte Permanente dell'Arbitrato (PCA) ha accettato anche che azionisti di controllare hanno sostenendo impugnare azione Statale che colpisce la società. Nelle cause di Yukos estesamente note, il PCA respinse così, l'eccezione giurisdizionale di Russia che la società stessa era “morto” come un soggetto giuridico. Significativamente, il PCA trovato per gli azionisti di rivendicatore nonostante ammettendo che Russia aveva “non espropriò esplicitamente Yukos o le partecipazione azionaria dei suoi azionisti.”
27. Effettivamente, legge di trattato contemporanea su investimenti esteri dà un “stando in piedi indipendente ad azionisti.” Molti trattati di investimento “includa portafoglio di azioni... nelle loro definizioni dell'investimento di ‘'”, permettendo con ciò l'azionista di intraprendere rivendicazioni per azione avversa con un cameriere State che colpisce il valore della società o la redditività. C'è “esteso ed uniforme” esempi di cause di arbitral su questo punto.
28. Il sistema inter-americano sostiene anche il diritto dell'azionista per portare un abito. In Canti, il richiedente-l'azionista principale di una società per azioni-registrò una rivendicazione nel suo proprio nome ed in favore della sua società che era stata sottoposta a misure arbitrarie col governo. La Corte inter-americana di Diritti umani ammise la causa, mentre sostenendo che “i diritti ed obblighi attribuirono a società divenute diritti ed obblighi per gli individui che li comprendono o che agiscono nel loro nome o rappresentanza.”
29. La Corte di giustizia europea ha potuto contenere cause da richiedenti di azionista dove il “l'intensità di [la regolamentazione] gli effetti... necessariamente colpisce la sostanza e misura di [gli azionisti '] i diritti.” Perciò, in Trasta Komercbanka Come v Banca Centrale europea, “fin dal ha[d della decisione contestato] l'effetto di ritirare [il] l'auorizzazione di banca e, di conseguenza, di impedirgli da realizzando il suo oggetto ed avere un'attività economica”, la Corte fondò che la misura contestata “direttamente l'affect[ed] la posizione legale dei richiedenti di azionista” ed ammise le loro rivendicazioni.
30. In somma, diritto internazionale sostiene la sentenza che lo status di vittima di azionisti deve essere riconosciuto dove i loro diritti e diritti sono colpiti.
Interferenza coi richiedenti il diritto di ' a godimento tranquillo delle loro proprietà
31. È ben stabilito che quote in una società pubblica hanno un valore economico e, perciò, deve essere riguardato come “le proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Avendo stabilito che gli azionisti hanno posizione nella causa presente per impugnare la misura, io ora mi rivolgerò alla sostanza della violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
32. Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 posa fuori “tre articoli distinti” per la protezione di proprietà, siccome fu spiegato in Sporrong e Lönnroth c. la Svezia:
“Il primo articolo che è di una natura generale l'enounces il principio di godimento tranquillo di proprietà; è esposto fuori nella prima frase del primo paragrafo. Il secondo articolo copre privazione di proprietà e materie sé alle certe condizioni; sembra nella seconda frase dello stesso paragrafo. Il terzo articolo riconosce che gli Stati sono concessi, fra le altre cose, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale, con eseguendo simile leggi siccome loro ritengono necessari per il fine; è contenuto nel secondo paragrafo.”
33. Notevolmente, la Corte ha chiarificato in James ed Altri c. Regno Unito che i tre articoli non sono “distinto” nel senso di essere “distaccato.” Piuttosto, “[t]he appoggiano e terzi articoli concernono con le particolari istanze di interferenza col diritto a godimento tranquillo di proprietà e dovrebbero essere costruiti perciò nella luce del principio generale enunciata nel primo articolo.”
34. L'indagine attinente è così la stessa per tutti i tre articoli: la natura della misura, il margine della valutazione, esistenza di un fine legittimo e la proporzionalità.
La privazione o regolamentazione dell'uso di una proprietà?
35. Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 prevede per due forme di interferenza con proprietà: controllo e la privazione. La privazione è il jure di de di trasferimento o de facto della proprietà via dal suo proprietario allo Stato o ad una terza parte, o la sua distruzione. Controllo non comporta trasferimento: il proprietario trattiene la sua proprietà, ma è restretto nel suo uso di sé.
36. In Sporrong e Lönnroth la Corte identificò comunque, un tipo nuovo di interferenza: interferenza con “la molta sostanza di proprietà.” Questa forma di interferenza che è di una natura generale permette alla Corte di fare una rassegna tutte le situazioni non caduta sotto le altre due forme (la privazione o controllo di uso).
37. Definire la natura della violazione è importante perché determina il margine della valutazione: la sfera del margine della valutazione dipende dalla misura dell'intrusione nella sfera del richiedente di interessi. Il margine della valutazione riconosciuto in istanze della privazione di una proprietà è narrower che per il controllo dell'uso di proprietà. La privazione di una proprietà è, nei termini letterali di Protocollo N.ro 1, proibì “eccetto nell'interesse pubblico.” Con contrasto, regolamentazione (controlli di uso) misure non sono per se proibito, ma incorre entro un “diritto dello Stato per eseguire simile leggi.” Stati non ha per se un “il diritto” spogliare persone delle loro proprietà; azione Statale e così estremamente intrusiva sarà sottoposta ad un standard migliorato di controllo giurisdizionale con questa Corte.
38. La maggioranza essenzialmente ha dato lo Stato un margine ampio della valutazione perché loro hanno trattato semplicemente la causa presente come un controllo dell'uso di proprietà. Comunque, è evidente che la natura della violazione in questione ecco molto più grave e conseguente di controllo mero dell'uso di proprietà.
39. Cosa qualifica una misura come incompatibile con la sostanza del diritto al godimento tranquillo di proprietà non è definito in modo appropriato. Comunque, la giurisprudenza della Corte offre della guida come a che che costituisce interferenza con la sostanza di proprietà. Per istanza, semplicemente il recognising la legalità dell'espropriazione in anticipo, anche dove non è accaduta l'espropriazione effettiva, era un'interferenza illegale con la sostanza di proprietà poiché rese proprietà “precario.” Similmente, una restrizione sull'uso di terra-nonostante preservando il diritto per usare la proprietà-affettato la molta sostanza di proprietà poiché sé “ridotto la possibilità del suo esercizio.”
40. Queste cause sono simili alle circostanze in questione, poiché l'Atto di Integrazione ha fabbricato proprietà di ' di quote i richiedenti “precario” con condizionando diritti di azionista sui vari requisiti. L'Atto di Integrazione è come una spada mai-presente di Damocles su azionisti affettati: inadempienza darà luogo ad una conclusione immediata di una varietà di diritti. Mentre il Governo dibatte che le disposizioni dell'Integrazione Agiscono abbia il “possibilità mera” di colpire i richiedenti, la causa-legge è chiara che girando a destra “precario ed a termine su un periodo lungo di tempo”, con abilitando lo Stato per interferire con sé nel futuro, può bastare per una violazione per essere trovato.
41. Inoltre, l'Atto “ridotto la possibilità di” esercitando i diritti associati con quote con limitando severamente le scelte lasciate a banche ed impedendo la capacità decisionale di azionisti. Come prima dimostrò, l'impatto tremendo su diritti di azionista non può essere negato.
42. L'Atto di Integrazione non può essere capito soltanto perciò, come una forma di controllo dell'uso di proprietà, ma piuttosto “interferenza con la sostanza di proprietà.” Di conseguenza, il margine della valutazione applicabile in questa causa narrower devono essere che quel riconobbe con la maggioranza.
La legittimità del fine della misura di interferenza
43. Dove c'è un'interferenza chiara con un diritto di proprietà come in questa causa presente, deve intraprendere un scopo legittimo, o è nell'interesse pubblico e generale. La nozione di interesse generale “necessariamente è esteso.”
44. Ma addirittura sotto questo standard generoso, io sono scettico come a se l'Atto di Integrazione aveva un fine legittimo. Gli scopi stabiliti dell'Atto di Integrazione sono posati fuori in Sezione 1/A.
45. Sulla superficie, questi scopi sembrano legittimi. Comunque, io non si convince che loro davvero riflettono il fine dell'Atto di Integrazione, perché io non riesco a vedere come le violazioni in questione-restrizioni gravi su diritti di azionista-realizzi queste mete. Per istanza, è dubbioso che l'Atto può “professionalizzi, modernizzi ed organizzi” il settore di istituto di credito cooperativo. Infatti, è completamente l'opposto: regolamentazione Statale e grave dell'industria tecnica bancaria gira di nuovo l'orologio sul modernisation di banche con impedendo efficiente e profitto-maximising decisionale.
46. Similmente, è dubbioso se l'Atto realmente chiede “operazione prudente di istituti di credito cooperativi nella scadenza lunga”, poiché è irragionevole per aspettarsi che interferenza così estesa in gestione di banca migliorerebbe la sostenibilità dell'industria. Se scopi di regolamentazione di banca prudenziali alla sicurezza e la sanità del settore finanziario e la protezione di depositanti qualsiasi simile interferenza non dovrebbe minare gli altri obiettivi regolatore, come competiveness sociale e la varietà di affari mercato-basati e politiche che rischio-prendono nel settore tecnico bancario. Altrimenti gli externality negativi della politica prudenziale saranno che della diversità di supressing nel settore tecnico bancario che in se stesso aveva un costo sociale ed economico prevedibile indipendente delle perdite imposte sulle banche gli azionisti di '.
47. Anche se c'è un scopo legittimo coinvolto, l'Atto di Integrazione rimane illegale. Si dovrebbe ricordare che la Corte trovò una violazione in Olczak nonostante ammettendo che il fine dell'intervento in che causa era “impedire alla banca del divenire insolvente” e che “[il c]onsequently, la banca era trarre profitto da loro, mentre gli interessi del richiedente subirono.” Similmente, l'Atto di Integrazione cerca di assicurare il “operazione prudente degli istituti di credito cooperativi e protegge le risorse della rete intera” al danno dei richiedenti che persero i diritti associato con le loro quote. Nessun bilanciamento corretto dei diritti di azionisti contro gli obiettivi allegato di regolamentazione prudenziale e gestione di crisi fu compiuto, come ora sarà spiegato.
La proporzionalità della misura di interferenza
48. Il problema più evidente con l'Atto di Integrazione è il suo insuccesso per soddisfare la prova di proporzionalità. Anche dove ci sono un interesse generale o scopo legittimo dietro all'interferenza, Stati sono costretti a prevedere un equilibrio equo “fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo.” Specificamente, il “misura deve essere sia appropriato per realizzare il suo scopo e non sproporzionato inoltre.” Nelle altre parole, là “deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo perseguì.”
49. Questo equilibrio si sconvolge quando le vittime devono nascere “un carico individuale ed eccessivo” o uno che è “sproporzionato.” Molti fattori possono essere attinenti a se un “equilibrio equo” è stato previsto: il grado di protezione da arbitrarietà che è riconosciuta coi procedimenti; la disponibilità di alternative meno restrittive; ed il grado di danno impose sulle vittime (incluso, per istanza, se gli individui affettati sono stati compensati adeguatamente).
50. Al giorno d'oggi la causa, ci sono molti fattori per giustificare la conclusione che l'interferenza è stata completamente sproporzionata.
51. Non c'è prima, prova che le circostanze finanziarie degli istituti di credito avevano reso necessario intromissione del governo. Nella decade che conduce all'Atto di Integrazione, solamente due non-OTIVA cooperative di risparmi erano andate nella liquidazione. Con contrasto, Banca di Kinizsi e Mohacsi Takarek Banca, erano sane e proficue al tempo che l'Atto di Integrazione è stato introdotto. Mohacsi Takarek fu classificato quinto e Kinizsi decimoquarto per la redditività fra trenta-sei banche nel 2012. Il rapporto di adeguatezza di capitale degli istituti di credito cooperativi eccedè i requisiti regolatore sempre, ed andò migliore del resto dell'arginatura e settori di istituto di credito. Negli anni che conducono all'Atto di Integrazione, istituti di credito cooperativi rimasero effettivamente, proficui mentre alcuni degli altri gruppi nel settore tecnico bancario (banche notevoli, piccolo - e mezzo-mise in ordine di grandezza banche) soffrì di perdite.
52. Anche il Governo ammise che “[l'o]bviously, non c'è stato rischio immediato per istituti di credito cooperativi poiché loro tennero la loro attività creditizia basso.” Nondimeno, la posizione del Governo è che l'Atto di Integrazione era necessario per “la scadenza lunga operazione proficua.” Ancora è difficile vedere come simile preoccupazioni future-quali devono manifestarsi ancora-meritò l'immediato, disposizioni drastiche dell'Integrazione Agiscono.
53. Secondo, lo Stato andò a vuoto a considerare o valutare qualsiasi misure meno restrittive. L'Atto di Integrazione fu adottato senza qualsiasi periodo della consultazione precedente con le banche ed azionisti colpì, né qualsiasi forma di valutazione di impatto preliminare. Effettivamente, aggirò la procedura legislativa ed ordinaria, siccome l'Atto passò durante una seduta straordinaria di Parlamento, come una questione di urgenza, entro due giorni che seguono l'osservazione della proposta legislativa. Nelle altre parole, non è nessuna prova che il governo aveva considerato qualsiasi metodi alternativi di intervento che avrebbe avuto un impatto meno drastico sui richiedenti i diritti di '. Inoltre, la natura precipitata del passaggio dell'Atto e la mancanza evidente di un aumento di elaborazione di deliberazione corretto riguarda per “arbitraggio regolatore”, una preoccupazione comune per soprintendenza macro-prudenziale del settore tecnico bancario in generale.
54. Terzo, l'Atto di Integrazione non offrì risarcimento per gli azionisti individuali. Termini di risarcimento sono “materiale alla valutazione se la misura contestata rispetta l'equilibrio equo e richiesto.” Interferenza con proprietà senza pagamento di un importo ragionevolmente riferito al suo valore è di solito sproporzionata, ed una mancanza totale del risarcimento è solamente giustificabile in circostanze eccezionali. Il Governo presenta che il consolidamento previde all'Organizzazione di Integrazione e la Risparmi Banca deve essere considerata il risarcimento. Non c'è comunque, relazione diretta fra queste organizzazioni e gli azionisti di richiedente che permetterebbero al consolidamento di fluire al secondo. Anche se c'è del vantaggio indiretto riconosciuto al vis degli azionisti à vis le loro banche qualsiasi simile beneficio è troppo tenue per essere considerato il risarcimento adeguato.
55. Quarto, lo Stato non offrì misura giuridica per gli azionisti di richiedente. L'Atto è completamente silenzioso sul diritto a via di ricorso legale per azionisti individuali. Mentre approvvigiona in sezione 15 dell'Integrazione Agisca permetta alle banche di iniziare procedimenti legali per impugnare politiche della Risparmi Banca e l'Organizzazione di Integrazione che non si attengono con l'Atto di Integrazione, non ci sono nessuno disposizioni simili che abilitano azionisti per impugnare queste politiche. Inoltre, la sfera di richiesta giudiziale per banche è limitata, mentre rendendo la via di ricorso potenziale particolarmente debole.
56. Inoltre, l'Atto di Integrazione assicura che qualsiasi ritardo causato con favori di procedimenti giudiziali il governo. Sezione 15 prevede che “[r]esort alle corti non ha suspensive effettuare”, rendendo qualsiasi rimedia a meno opportuno e, perciò, meno effettivo.
57. Quinto, le conseguenze per inadempienza con l'Atto di Integrazione sono smodatamente drastiche e punitive. In essenza, i presenti di Atto di Integrazione un ultimatum alle banche ed azionisti di richiedente: segua la guida della Risparmi Banca alla lettera, o spenga completamente gli affari. Per uno, tutte le banche sono obbligate per fare domanda di nuovo per una licenza conduzione con adempiendo alle condizioni nuove, impose con l'Atto di Integrazione.
58. Notevolmente, simile re-certificazione è un'elaborazione in corso, ripetuta: la Risparmi Banca propone che che è chiamato un “statuto di esemplare” quel può essere cambiato senza qualsiasi approvazione dalle banche affettate. Mentre il Governo addusse che lo statuto di esemplare non potesse abusare di sui diritti degli azionisti la riunione di ' previde per con la legge su società, loro ammisero che questo era così “a meno che là [era] un auorizzazione espresso al contrario nell'Atto di Integrazione.” Nelle altre parole, l'Atto di Integrazione sostituisce, qualsiasi violazione di diritti di azionista.
59. Inoltre, se gli azionisti di maggioranza non adottano questi cambi con correggendo di conseguenza l'atto di fondamento delle loro banche, l'Autorità Direttiva può ritirare la licenza conduzione.
60. In somma, è impossibile per concludere che c'è una relazione ragionevole della proporzionalità fra l'interesse pubblico perseguito con l'Atto di Integrazione e le conseguenze subirono con gli azionisti di richiedente e le loro banche.
Conclusione
61. Come azionisti, i richiedenti sono concessi per prendere decisioni per gli istituti di credito. Disposizioni Multiple dell'Integrazione Agiscono violi la molta essenza del diritto conferita sui richiedenti con virtù delle loro quote. Come la Corte Costituzionale ungherese ha trovato, l'Atto di Integrazione “contiene approvvigiona direttamente, mentre colpendo effettivamente e davvero la persona e la specifica relazione legale” di azionisti, incluso i richiedenti.
62. Le violazioni in questione deprivato i richiedenti dei diritti essenziali associarono con le loro quote. La maggioranza riconosce la violazione ma schiva il problema con invocando la narrativa legale che non c'era impatto diretto sui loro diritti. I richiedenti chiaramente sono vittime della politica Statale come il loro diritto per votare, partecipare nella creazione di decisioni notevoli per le rispettive banche ed il diritto a pagamenti, era tutti minati. Per queste ragioni, io dissento rispettosamente.



APPENDICE
OMISSIS




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 03/08/2020.