Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF WCIS?O AND CABAJ v. POLAND

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41,13,35,06

NUMERO: 49725/11/2018
STATO: Polonia
DATA: 08/11/2018
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusions:
Preliminary objection joined to merits and dismissed (Art. 35) Admissibility criteria
(Art. 35-1) Exhaustion of domestic remedies
Violation of Article 13+6-1 - Right to an effective remedy (Article 13 - Effective remedy) (Article 6 - Right to a fair trial
Administrative proceedings
Article 6-1 - Reasonable time)
Violation of Article 6 - Right to a fair trial (Article 6 - Administrative proceedings
Article 6-1 - Reasonable time)
Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Deprivation of property)
Non-pecuniary damage - award (Article 41 - Non-pecuniary damage
Just satisfaction)
Pecuniary damage - reserved (Article 41 - Pecuniary damage
Just satisfaction)



FIRST SECTION







CASE OF WCIS?O AND CABAJ v. POLAND

(Applications nos. 49725/11 and 79950/13)









JUDGMENT






STRASBOURG

8 November 2018



This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.
In the case of Wcis?o and Cabaj v. Poland,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Linos-Alexandre Sicilianos, President,
Ksenija Turkovi?,
Aleš Pejchal,
Krzysztof Wojtyczek,
Armen Harutyunyan,
Tim Eicke,
Jovan Ilievski, judges,
and Abel Campos, Section Registrar,
Having deliberated in private on 2 and 16 October 2018,
Delivers the following judgment, which was adopted on the last mentioned date:
PROCEDURE
1. The case originated in two applications (nos. 49725/11 and 79950/13) against the Republic of Poland lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by three Polish nationals, OMISSIS (“the first applicant”) (no. 49725/11) and OMISSIS (“the second applicant” and “the third applicant”) (no. 79950/13). The applications were lodged on 27 July 2011 and 8 December 2013 respectively.
2. The first applicant was represented by Mr OMISSIS, a lawyer practising in Wejherowo. The second and third applicants were represented by OMISSIS, a lawyer practising in Warsaw.
The Polish Government (“the Government”) were represented by their Agent, Ms J. Chrzanowska, and subsequently by Mr J. Sobczak, of the Ministry of Foreign Affairs.
3. The applicants alleged a violation of Article 6 § 1 of the Convention on account of the unreasonable length of the administrative proceedings in their cases and a violation of Article 13 of the Convention on account of lack of effective domestic remedies for the excessive length of the administrative proceedings. They also invoked Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
4. On 8 January 2018 the applications were communicated to the Government.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
A. The case of Mr Wcis?o (application no. 49725/11)
5. The applicant was born in 1963 and lives in ?wi?tniki Górne.
1. Background to the case
6. The applicant owns the majority of shares in an apartment building situated in Cracow. The owners of the adjacent building extended their building upwards by raising the roof and adding another floor. The new roof was supported on a wall belonging to the applicant’s building.
2. Administrative proceedings concerning illicit extension of the adjacent building
7. On 1 June 2000 the applicant asked the Cracow District Inspector of Construction Supervision (Powiatowy Inspektor Nadzoru Budowlanego – “the District Inspector”) to institute proceedings concerning the illicit extension (samowola budowlana) of the building adjacent to his property.
8. On 20 July 2000 the District Inspector instituted proceedings against the applicant’s neighbours (the owners of the adjacent building).
9. On 24 April 2001 the District Inspector discontinued the proceedings because meanwhile, two flats in the adjacent building had been sold and the co-owners had changed. On the same date he instituted a new set of proceedings, indicating also the new co-owners as parties to the proceedings.
10. On 20 May 2002 the District Inspector issued a decision. Relying on an expert opinion, he ordered the co-owners of the flats situated on the additional floor to undertake certain building work so that the extension would comply with the relevant regulations.
11. On 5 June 2002 the applicant appealed to the Ma?opolski Regional Inspector of Construction Supervision (Ma?opolski Wojewódzki Inspektor Nadzoru Budowlanego – “the Regional Inspector”).
12. On 24 October 2002 the Regional Inspector annulled the decision of 20 May 2002 and remitted the case, noting that there was no information in the file as to whether the experts on whose expertise the District Inspector had relied had the required licence.
13. On 11 April 2003 the District Inspector again ordered the co-owners of the adjacent property to undertake certain building work in order for the extension to comply with the relevant building permit.
14. On 27 April 2003 the applicant appealed again.
15. On 18 June 2003 the Regional Inspector annulled the decision of 11 April 2003 on the grounds that the first-instance authority had wrongly indicated the persons obliged to undertake the building work. The case was remitted to the first-instance authority again.
16. In a decision of 18 November 2003 the District Inspector for the third time ordered the relevant co-owners to undertake certain precisely indicated building work in order for the extension to comply with the building permit.
17. On 1 December 2003 the applicant appealed against that decision.
18. On 10 February 2004 the Regional Inspector annulled the decision of 18 November 2003 on the grounds that the District Inspector had again wrongly indicated the co-owners of the adjacent building. The case was remitted to the first-instance authority yet again.
19. On 14 March 2005 the District Inspector stayed the proceedings until the delivery of a decision by the Mayor of Cracow concerning a certain procedural issue. The Mayor gave a decision on 25 July 2005.
20. On 21 February 2006 the District Inspector, in a fourth decision on the merits, ordered the co-owners to suspend all building work and provide a technical opinion.
21. On 12 September 2006 the Regional Inspector dismissed an appeal lodged by the co-owners of the adjacent building.
22. On 8 November 2006 and 25 January 2007 the District Inspector ordered the co-owners to suspend all building work.
23. On 23 March 2007 the District Inspector ordered the co-owners to submit a corrected technical plan for the extension.
24. The decisions of 25 January and 23 March 2007 were annulled by the Regional Inspector on 3 and 4 November 2008 respectively on procedural grounds and the case was remitted to the first-instance authority.
25. On 30 July 2009 building experts from the District Inspector’s office inspected the site.
26. On 8 December 2011 the District Inspector yet again ordered the parties to provide a number of technical documents and a corrected building plan.
27. On 27 December 2011 two of the applicant’s neighbours appealed.
28. On 26 October 2015 the Regional Inspector annulled the decision of 8 December 2011 and issued a decision on the merits, in particular, ordering the parties to submit a new building plan.
29. On 27 November 2015 one of the applicant’s neighbours appealed.
30. On 10 May 2016 the Regional Administrative Court in Cracow (Wojewódzki S?d Administracyjny) rendered its judgment on the matter, suspending enforcement of the decision of 26 October 2015.
31. The proceedings are still pending.
3. Length-of-proceedings complaints
32. On 27 May 2003 the applicant complained to the Regional Inspector of delays in the proceedings.
33. On 3 September 2003 the applicant complained to the Regional Inspector of the District Inspector’s failure to comply with the time limits provided for by Article 35 of the Code of Administrative Procedure (“the CAP”) (see paragraph 89 below).
34. On 12 November 2003 the Regional Inspector found, under Article 37 of the CAP, that the applicant’s complaint was well-founded and ordered the District Inspector to deliver a decision on the merits before 12 December 2003.
35. On 12 January 2006 the applicant again complained to the Regional Inspector of the District Inspector’s inactivity.
36. On 16 March 2006 the Regional Inspector decided, pursuant to Article 37 of the CAP, that the applicant’s complaint was not justified. The Regional Inspector noted that although the applicant’s complaint appeared to have been justified on the date on which it had been lodged, it had become groundless after the decision of 21 February 2006 had been given.
37. Subsequently, on 31 July 2006 the applicant lodged a complaint under the Administrative Courts Act of 30 August 2002 (Prawo o post?powaniu przed s?dami administracyjnymi) (“the 2002 Act”) (see paragraphs 96-98 below) with the Cracow Regional Administrative Court about the inactivity of the District Inspector.
38. On 16 February 2007 the Cracow Regional Administrative Court gave judgment confirming that there had been a delay in the proceedings before the District Inspector. It ordered the District Inspector to deliver a decision on the merits within two months of the date of the judgment. The court noted that the proceedings before the District Inspector had begun in 2000 and had yet not ended. During that time the District Inspector had delivered three decisions on the merits; however, they had all been annulled by a higher authority and the case had been remitted. The court noted that since the last remittal (10 February 2004) the District Inspector had stayed the proceedings until the delivery of a decision by the Mayor of Cracow (14 March 2005 to 25 July 2005) and ordered the suspension of building works (on 21 February and 8 November 2006, and 25 January 2007). However, apart from establishing the names of the parties and obtaining an expert report, the District Inspector had not undertaken any other actions.
39. On 28 July 2008 the applicant again complained to the Regional Inspector of delays in the proceedings. The complaint was transferred to the Chief Inspector of Construction Supervision (G?ówny Urz?d Nadzoru Budowlanego – “the Chief Inspector”).
40. On 11 September 2008 the Chief Inspector informed the applicant that his complaint was well-founded and that there had indeed been a delay in the proceedings. The Chief Inspector noted that the Regional Inspector had received the complete case file on 30 November 2007 and therefore the case had not been handled within the time-limits provided for by Article 35 of the CAP.
41. On 19 September 2008 the Chief Inspector found that the applicant’s complaint about the failure to comply with the time-limits specified in Article 35 of the CAP should have been lodged with the Regional Inspector.
42. On 1 March 2011, pursuant to Article 37 § 1 of the CAP, the District Inspector set a new time-limit for dealing with the case (1 May 2011).
43. On 29 March 2011, in response to the applicant’s complaint of 28 July 2008, the Regional Inspector refused to set a new time-limit for the District Inspector, as the time-limit had already been extended in the meantime.
44. On 20 April 2012 the Regional Inspector set another new time-limit for dealing with the case (31 July 2012).
45. On 9 June 2015 the Regional Inspector set yet another new time limit for dealing with the case (31 August 2015).
B. The case of Ms and Mr Cabaj (application no. 79950/13)
46. The applicants were born in 1954 and 1957 respectively and live in Garwolin.
1. Background to the case
47. In 1996 the applicants asked the local authority for a decision on the division of their land. On 10 June 1996 the Garwolin District Office (Urz?d Rejonowy) decided to approve the division of two larger plots of land. Four plots were designated for the construction of roads. Under the relevant provisions in force at the material time, those plots were expropriated ex lege on the date on which the decision on division became final. Compensation was to be determined in separate proceedings.
2. Proceedings seeking to have the decision declared null and void
48. On 7 May 2001 the Garwolin City Office (Urz?d Miasta) applied to the Mazowiecki Governor seeking to have the decision of 10 June 1996 declared null and void.
49. On 18 July 2001 the Mazowiecki Governor (Wojewoda Mazowiecki) rejected the application. Following a number of appeals, that decision was finally upheld by the Warsaw Regional Administrative Court on 2 March 2005.
3. Proceedings for compensation
50. Between 1996 and 1999 the applicants lodged several applications with the Garwolin City Office, seeking compensation for the expropriated plots of land. However, they maintained that the amounts offered by the municipality did not reflect the market value of the land.
51. On 23 February 2001 the applicants asked the Mayor of Garwolin District (Starosta Powiatu Garwoli?skiego – “the Mayor”) to determine the compensation to be paid for the expropriated plots.
52. On 24 April 2001 the Mayor issued a decision determining the amount of compensation at 103,106.29 Polish zlotys (PLN) (approximately 25,776 euros (EUR)).
53. On 7 May 2001 the Garwolin City Office appealed against that decision.
54. On 4 June 2001 the Mazowiecki Governor stayed the proceedings until completion of the annulment proceedings (see paragraphs 48 and 49 above).
55. On 23 July 2005 the applicants asked the Garwolin City Office when they would receive compensation. In reply they were informed that the decision of 24 April 2001 determining the amount of compensation was not final.
56. At the request of the applicants, on 3 October 2005 the Mazowiecki Governor ordered the resumption of the proceedings. The Garwolin City Office appealed to the Minister of Transport and Construction (Minister Transportu i Budownictwa). The decision to resume the proceedings was upheld on 17 February 2006 by the Minister and on 25 October 2006 by the Supreme Administrative Court (Naczelny S?d Administracyjny).
57. On 25 April 2007 the Mazowiecki Governor annulled the Mayor’s decision of 24 April 2001 and remitted the case, holding that the compensation had not been correctly calculated.
58. On 11 February 2008 the Mayor gave a new decision, determining the amount of compensation to be paid to the applicants at PLN 220,000 (approximately EUR 55,000).
59. The applicants appealed, submitting that that amount did not reflect the market value of the expropriated property.
60. On 28 July 2008 the Mazowiecki Governor annulled the Mayor’s decision on procedural grounds and remitted the case. The Governor noted that the Mayor had failed to summon to the administrative hearing the real estate appraiser who had prepared the valuation report.
61. On 28 January 2009 the Warsaw Regional Administrative Court dismissed a further appeal lodged by the applicants.
62. On 12 November 2009 the Mayor stayed the proceedings regarding compensation until the Polish Federation of Real Estate Appraisers had examined whether the valuation reports submitted in the case had been prepared in accordance with the relevant regulations.
63. The proceedings were resumed on 27 May 2010.
64. On 6 December 2010 the Mayor again gave a decision determining the amount of compensation to be paid to the applicants at PLN 329,957 (approximately EUR 82,480). The Mayor relied on a valuation report of 9 August 2010.
65. The Garwolin City Office appealed against that decision. It was subsequently upheld by the Mazowiecki Governor on 28 January 2011.
66. On a further appeal, on 13 October 2011 the Warsaw Regional Administrative Court gave a judgment setting aside both decisions (of 6 December 2010 and 28 January 2011), The court held that the valuation report of 9 August 2010 on which the authorities had based their decisions had not been prepared in accordance with the relevant legal provisions.
67. The applicants lodged a cassation appeal.
68. On 14 June 2013 the Supreme Administrative Court (Naczelny S?d Administracyjny) upheld the Warsaw Regional Administrative Court’s judgment. It further noted that in any event, following recent changes in the relevant legislation, any new valuation reports would have to be prepared in accordance with the new regulations.
69. The case file was returned to the Mazowiecki Governor on 22 August 2013. It was subsequently transferred to the Mayor on 26 August 2013.
70. On 25 June 2014 the Mayor gave yet another decision determining the amount of compensation to be paid to the applicants at PLN 280,000 (approximately EUR 70,000). The Mayor relied on a new valuation report of 4 February 2014.
71. The Garwolin City Office appealed.
72. On 27 November 2014 the Mazowiecki Governor upheld the Mayor’s decision.
73. On 12 December 2014 the Garwolin City Office appealed.
74. On 8 July 2015 the Warsaw Regional Administrative Court set aside both decisions (of 25 June and 27 November 2014). The court held that the valuation report of 4 February 2014 on which the authorities had based their decisions had not been prepared in accordance with the legal regulations in force.
75. On 12 October 2015 the applicants lodged another cassation appeal.
76. On 5 April 2017 the Supreme Administrative Court quashed the judgment of 8 July 2015 and remitted the case to the Warsaw Regional Administrative Court. The court noted that contrary to the clear indications given in its previous judgment of 14 June 2013, the Regional Administrative Court had examined the validity of the valuation report of 2014 in the light of the old domestic provisions.
77. On 17 October 2017 the Warsaw Regional Administrative Court gave judgment and dismissed the Garwolin City Office’s appeal against the decision of 27 November 2014.
78. The Garwolin City Office lodged a cassation appeal on 22 November 2017.
79. The proceedings are pending before the Supreme Administrative Court.
4. Length-of-proceedings complaints
80. The applicants made use of various remedies seeking to accelerate the administrative proceedings.
81. On 21 January 2006, in reply to a request submitted by the applicants, the Minister of Transport and Construction set a new time limit for dealing with the case (as provided for by Article 36 § 1 of the CAP).
82. Subsequently, on 29 June and 24 August 2010, 16 September and 28 November 2013 the Mayor informed the applicants that a decision could not be given within the statutory time-limit. On each occasion the Mayor fixed a new time-limit for dealing with the case.
83. On 6 December 2013 the applicants lodged a complaint with the Mazowiecki Governor’s office under Article 37 § 1 of the CAP, complaining of an excessive delay in conducting the proceedings.
84. On 29 January 2014 the Governor’s office, having examined only the period after 26 August 2013 (the date when the case file had been transferred to the Mayor), held that the applicants’ complaint was not justified, as there had been no excessive delays in the proceedings before the Mayor after that date. The applicants did not appeal against that decision to the Warsaw Regional Court.
85. On 24 February 2014 the Mayor set another new time-limit for dealing with the case (31 March 2014).
86. On 30 December 2016 the applicants lodged a complaint with the Supreme Administrative Court under section 3(6) of the Law of 17 June 2004 on the right to have a case examined in judicial proceedings without undue delay (“the 2004 Act”) (see paragraphs 107-109 below). They sought a finding that the length of the proceedings had been excessive and an award of PLN 2,000 to each of them by way of compensation. The applicants maintained that in the thirteen months since their cassation appeal had been lodged with the Supreme Administrative Court, that court had not undertaken any action in their case.
87. On 19 January 2017 the Supreme Administrative Court dismissed the applicants’ complaint. The court assessed only the last stage of the proceedings, that is the period before the case had reached the Supreme Administrative Court. It found that the applicants’ cassation appeal had been registered on 24 November 2015. Subsequently, it had been examined in accordance with the date of registration and was waiting for a hearing date to be scheduled. Since the applicants had not asked for a speedy examination, the waiting time before a hearing date was scheduled could not be considered as an unjustified delay on the part of the court.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Code of Administrative Procedure
88. Article 35 of the Code of Administrative Procedure of 14 June 1960 (“the CAP”) lays down time-limits ranging from one month to two months for dealing with a case pending before an administrative authority. If those time-limits have not been complied with, the authority must, under Article 36, inform the parties of that fact, explain the reasons for the delay and fix a new time-limit.
89. Article 37 § 1 provides that if the case has not been handled within the time-limits referred to in Articles 35 and 36, a party to administrative proceedings can lodge an appeal with the higher authority, alleging inactivity. In cases where the allegations of inactivity are well founded, the higher authority fixes a new term for handling the case and orders an inquiry in order to determine the reasons for the inactivity and to identify the persons responsible for the delay. If need be, the authority may order that measures be applied to prevent such delays in the future.
1. Amendments of 2011
90. In 2011 the CAP was amended on three occasions. The amendments entered into force on 11 April, 17 May and 12 July 2011.
91. In particular, the amended Article 37 § 1 provides that a party to administrative proceedings may lodge a complaint not only about an authority’s failure to handle the case within the time limits referred to in Articles 35 and 36 (as then provided for), but also about excessive delay in conducting the proceedings (przewlek?e prowadzenie post?powania). Pursuant to Article 37 § 2, when examining the complaint, the higher authority also decides whether the inactivity or excessive delay was in flagrant breach of the law (ra??ce naruszenie prawa).
2. Amendments of 2017
92. The CAP was amended again on 7 April 2017. The amendments entered into force on 1 June 2017 and concern only proceedings instituted after that date. Several new procedures aiming at simplifying and accelerating proceedings were introduced, in particular a “silent procedure” (milcz?ce za?atwienie sprawy) and a simplified procedure (Article 35 § 3 (a) and Articles 163b-163g).
93. In addition, the CAP was amended to include legal definitions of inactivity (bezczynno??) and excessive length (przewlek?o??). Those definitions read as follows:
Article 37 § 1 (1) (inactivity)
“The case has not been dealt with within the time-limits provided for by Article 35 [of the CAP] and other special provisions nor within the time-limit indicated under Article 36 § 1.”
Article 37 § 1 (2) (excessive length)
“The proceedings take longer than necessary in order to resolve the case.”
94. A complaint about an authority’s failure to comply with the time limits provided for in Article 37 was called a “request for acceleration” (ponaglenie). Pursuant to the amended provisions, a higher authority is now obliged to examine a party’s request for acceleration within seven days.
B. Procedure before the administrative courts
1. The 1995 Act
95. The Supreme Administrative Court Act of 11 May 1995 (“the 1995 Act”) entered into force on 1 October 1995. Section 17 of the Act provided that a party to administrative proceedings could, at any time, lodge a complaint with the Supreme Administrative Court about inactivity on the part of an authority obliged to issue an administrative decision.
2. The 2002 Act
96. The 1995 Act was repealed and replaced by the Administrative Courts Act of 30 August 2002 (Prawo o post?powaniu przed s?dami administracyjnymi) (“the 2002 Act”), which entered into force on 1 January 2004. Section 3(2)(8) of the 2002 Act contains provisions analogous to section 17 of the 1995 Act. A party to administrative proceedings can lodge a complaint with an administrative court alleging inactivity on the part of an authority responsible for issuing an administrative decision.
97. Section 149 in its original wording provided:
“If the court finds a complaint alleging inactivity on the part of an authority well founded in cases described in sections 3(2)(1) to (14), it shall order the authority concerned to issue a decision within a prescribed time-limit, or to perform a specific act, or to confirm or recognise a right or obligation provided for by law.”
98. Section 154 in its original wording, in so far as relevant, provided:
“1. In the event of an authority’s failure to implement a judgment allowing a complaint about inactivity ... a party to the proceedings, after submitting a written request to the authority concerned, may lodge a complaint in that respect, asking for a fine to be imposed on that authority.
2. In situations described in subsection (1) above, a court may decide about the existence or non-existence of a right or obligation, if it is possible in view of the type of matter concerned and its factual and legal circumstances.
...”
(a) Amendments of 2011
99. In 2011 the 2002 Act was amended on several occasions. The most relevant amendments entered into force on 11 April, 17 May and 12 July 2011.
100. In particular, section 3(2)(8) was amended to include a similar provision to that added to the CAP (see paragraph 91 above), providing that a party to administrative proceedings may also complain of excessive delay in conducting the proceedings (przewlek?e prowadzenie post?powania).
101. Moreover, under the amended section 149 of the 2002 Act, if the Administrative Court considers a complaint to be well-founded, it must also determine whether the inactivity or excessive delay was in flagrant breach of the law. A new subsection 149(2) was introduced, providing that if a court allowed a complaint alleging inactivity, it could also, either of its own motion or at a party’s request, impose on the responsible authority a fine of up to ten times the average monthly public-sector salary.
(b) Amendments of 2015
102. The 2002 Act was amended again on 9 April 2015 (the amendments entered into force on 15 August 2015). The changes were aimed mainly at simplifying proceedings before the administrative courts. In particular, if an administrative court considers a complaint about inactivity or excessive delay well-founded, in addition to ordering an administrative authority to act in a certain manner, it can also issue a decision on the substance of the case (section 149(1)(b)).
103. Most importantly, by the amendment of 2015 the administrative courts were granted the competence to award compensation directly to a party to proceedings that had suffered as a result of inactivity or excessive delay on the part of administrative authorities. Consequently, the administrative court may now not only fine the administrative authority on account of its inactivity, but may also order it to pay compensation directly to an applicant in an amount of up to five times the average monthly public sector salary (section 149(2)).
104. A similar mechanism is provided for if an administrative authority fails to implement a court judgment allowing a complaint alleging inactivity or excessive delay (section 154(2) and (7) of the 2002 Act). In such circumstances, the party concerned may apply to an administrative court asking it to impose a fine on the relevant administrative authority. If the court allows the complaint, it may award compensation directly to the party concerned in an amount of up to five times the average monthly public sector salary. In addition, the party may claim damages under the relevant provisions of the Civil Code.
3. The Supreme Administrative Court’s relevant case-law
105. The Supreme Administrative Court has on several occasions delivered rulings concerning the interpretation of the 2002 Act and, in particular, on the issue of the fragmentation of proceedings that were the subject of a complaint concerning their length. For instance, in its judgment of 27 October 2016 (I OSK 1781/16) the Supreme Administrative Court held that while the adopted legislative model of a “length” complaint under the 2002 Act led to fragmentation of the assessment of the length of the proceedings, such complaints should be examined bearing in mind the particular circumstances of each case, in particular if the case has already been examined by the same authority.
A similar view – that the assessment of the length of the proceedings could include their earlier stages before the same authority – was expressed in a number of subsequent judgments of the Supreme Administrative Court, for instance in the judgments of 15 February 2018 (II OSK 920/17) and 5 April 2018 (II GSK 621/18).
C. Civil Code
106. Articles 417 et seq. of the Civil Code (Kodeks cywilny) provide for the State’s liability in tort. Article 417¹ § 3 of the Civil Code entered into force on 1 September 2004. It provides for a possibility of lodging a compensation claim for damage resulting from the unreasonable length of administrative proceedings, after it has been formally determined in the relevant proceedings that there was an unlawful failure to issue an administrative decision within the relevant time-limits.
D. The 2004 Act
107. The relevant domestic law and practice concerning remedies for excessively lengthy criminal and civil judicial proceedings, in particular the applicable provisions of the Law of 17 June 2004 on the right to have a case examined in judicial proceedings without undue delay (ustawa o skardze na naruszenie prawa strony do rozpoznania sprawy w post?powaniu s?dowym bez nieuzasadnionej zw?oki – “the 2004 Act”), are presented in the Court’s judgment in the case of Rutkowski and Others v. Poland (nos. 72287/10, 13927/11 and 46187/11, §§ 75-92, 7 July 2015) and in the decision in Za?uska, Rogalska and Others v. Poland ((dec.), nos. 53491/10 and 72286/10, §§ 19-22, 20 June 2017).
108. Under section 3 of the 2004 Act, in judicial administrative proceedings a complaint may be lodged by a party (skar??cy) or a participant acting as a party (uczestnik post?powania na prawach strony).
109. Under section 4(3) of the 2004 Act, a complaint concerning the excessive length of proceedings before a regional administrative court or the Supreme Administrative Court will be examined by the Supreme Administrative Court.
E. Statistical and other information on the practice of administrative courts
110. The Government have produced statistical information on the number of complaints on inactivity or excessive length of administrative proceedings lodged with the administrative courts and the amounts awarded in just satisfaction from 2011 to 2017.
111. With regard exclusively to complaints about inactivity and excessive length of proceedings, the statistics are as follows. In 2011 and 2012, respectively 3,831 and 4,154 complaints were lodged with the regional administrative courts. Between 2013 and 2017 on average, more than 6,000 complaints per year were lodged with the regional administrative courts (2013 – 6,262; 2014 – 6,769; 2015 – 6,517; 2016 – 6,597; 2017 6,305).
112. As regards applications under section 149(2) of the 2002 Act (imposition of a fine and compensation awarded to a party to proceedings), the Government submitted the following statistics.
113. In 2011 and 2012 the regional administrative courts imposed fines on the administrative authorities in nine and fifty cases respectively.
114. In 2013, 512 complaints were lodged with the regional administrative courts; in 135 cases the courts imposed fines on the administrative authorities.
115. In 2014, a total of 746 applications were lodged with the regional administrative courts and in 238 cases the courts imposed fines on the administrative authorities. The fines ranged between PLN 100 and PLN 5,000.
116. In 2015 a total of 1,437 applications were lodged with the regional administrative courts. In 225 cases the courts imposed a fine on the administrative authority at the request of a party and in 73 cases they did so of their own motion. The fines ranged between PLN 200 and PLN 5,000. In addition, the courts awarded the parties compensation totalling PLN 26,572.
117. In 2016 a total of 1,372 applications were lodged with the regional administrative courts. In 296 cases the courts imposed a fine on the administrative authority at the request of a party and in 86 cases did so of their own motion. The fines ranged between PLN 250 and PLN 15,000. The compensation awarded to the parties totalled PLN 216,629.
118. In 2017 a total of 1,308 applications were lodged with the regional administrative courts. In 213 cases the courts imposed a fine on the administrative authority at the request of a party and in 46 cases did so of their own motion. The fines ranged between PLN 200 and PLN 5,000. The compensation awarded to the parties totalled PLN 216,250.
III. COMMITTEE OF MINISTERS’ DOCUMENTS CONCERNING THE LENGTH OF ADMINISTRATIVE PROCEEDINGS IN POLAND
119. On 8 December 2016 the Committee of Ministers, at its 1273rd meeting of the Ministers’ Deputies, decided to close the execution of eighty judgments against Poland relating to the excessive length of proceedings before administrative courts and bodies, and adopted a final resolution (CM/ResDH(2016)359) (“the 2016 CM Resolution”).
The 2016 CM resolution reads, in so far as relevant, as follows:
“Having regard to the final judgment transmitted by the Court to the Committee in these cases and to the violations established due to excessive length of administrative proceedings;
Recalling the respondent State’s obligation, under Article 46, paragraph 1, of the Convention, to abide by all final judgments in cases to which it has been a party and that this obligation entails, over and above the payment of any sums awarded by the Court, the adoption by the authorities of the respondent State, where required:
of individual measures to put an end to violations established and erase their consequences so as to achieve as far as possible restitutio in integrum; and
of general measures preventing similar violations;
Having examined the information provided by the government (see document DH DD(2016)1160);
Having noted that just satisfaction awarded by the Court has been paid by the government of the respondent State and that domestic proceedings in these cases are now terminated;
Having noted the general measures adopted by the Polish authorities, which demonstrate their commitment to continue the efforts to solve the problem of the excessive length of administrative proceedings;
Noting with satisfaction that the amendments to the Law on proceedings before administrative courts which entered into force in August 2015 have allowed for termination of the practice of remittals of cases after annulment of administrative decisions, a reason for numerous delays in the proceedings;
Noting that outstanding issues concerning the length of administrative proceedings and the functioning of the remedies remain under supervision in the framework of the Beller group of cases;
DECLARES that it has exercised its functions under Article 46, paragraph 2, of the Convention in the cases enlisted below and
DECIDES to close the examination thereof.”
THE LAW
I. JOINDER OF THE APPLICATIONS
120. In accordance with Rule 42 § 1 of the Rules of Court, the Court decides that the present applications should be joined.
II. THE GOVERNMENT’S PRELIMINARY OBJECTION
121. The Government raised an objection, arguing that the applicants had failed to exhaust available domestic remedies. In particular, they pointed out that after 28 July 2008 Mr Wcis?o had not made use of any remedies provided for by the CAP and the 2002 Act. As regards Ms and Mr Cabaj, they had not lodged an appeal against the Mazowiecki Governor’s decision of 29 January 2014 and had not made use of the remedies introduced following the amendments to the CAP and the 2002 Act.
122. The applicants contested the Government’s argument, stating that they had raised the issue of delays in the proceedings on many occasions. They further referred to all their complaints about the length of administrative proceedings.
123. The Court observes that the question whether the requirement that an applicant must exhaust domestic remedies has been satisfied in the instant cases is closely linked to the complaints concerning the existence of an effective remedy within the meaning of Article 13 of the Convention. It therefore considers that this objection, raised by the Government under Article 6 § 1 of the Convention, should be joined to the merits of the complaints under Article 13.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 6 § 1 OF THE CONEVNTION
124. All applicants complained that the domestic remedies in respect of the protracted length of the administrative proceedings had been ineffective in their cases. They invoked Article 13 of the Convention, which reads:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. Admissibility
125. The Court notes that these complaints are not manifestly ill founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds and must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
(a) The applicants
126. All applicants submitted that as shown by the circumstances of their cases, the combination of remedies under the CAP, the 2002 Act and the 2004 Act could not be considered “effective” within the meaning of Article 13 of the Convention. The remedies as applicable at the material time had not been effective since they had not resulted in acceleration of the proceedings and had not enabled them to obtain appropriate compensation.
127. The applicants acknowledged that amendments to the CAP introducing new remedies had been introduced in 2017. However, those amendments were irrelevant for their cases, as they applied to proceedings instituted after 1 June 2017.
128. The first applicant further submitted that he had made use of the remedies provided for by the 2002 Act and lodged a complaint with an administrative court. In reply, the administrative court had ordered the first instance authority to settle the case within two months. However, despite that ruling, there had been no acceleration of the proceedings.
129. The second and third applicants stressed that they had been informed by the authorities on many occasions that a decision could not be issued within the statutory time-limit and a new time-limit had been set. They pointed to the deficiencies in the functioning of the domestic remedies. In particular, the domestic authorities had been applying the defective practice of “fragmentation of proceedings” when deciding on complaints about the length of proceedings. In the applicants’ case, in reply to their complaint of 6 December 2013, the Mazowiecki Governor had examined only the period after 26 August 2013, after the case file had been remitted to the first-instance authority (see paragraph 84 above).
130. Lastly, the second and third applicants submitted that they had made use of various remedies over many years in an attempt to accelerate the proceedings. However, the combination of remedies had not enabled them to prevent the proceedings from becoming excessively lengthy or to obtain appropriate compensation. They also stressed that the very fact of lodging a complaint about the length of the proceedings had contributed significantly to their length, as the case files had been automatically sent to the authority dealing with the complaint and the proceedings on the merits had been suspended. There had been no appropriate regulations which would have allowed the proceedings on the merits to be continued.
(b) The Government
131. The Government disagreed with the applicants’ submissions. They maintained that the aggregate of remedies provided for by the CAP, the 2002 Act and the 2004 Act was adequate and effective within the meaning of Article 13 of the Convention. They referred to the recent amendments to those acts (see paragraphs 92-94 and 102-104 above).
132. With respect to the CAP, the Government referred to the new mechanisms provided for by the amendment of 2017.
133. The Government noted that further amendments had been introduced in order to limit situations where cases were remitted by a second-instance authority for reconsideration. Under those provisions, a party to proceedings could request that the higher authority supplement the evidence or instruct the first-instance authority to do so.
134. They also referred to a new mechanism whereby an appeal could be lodged against a decision remitting a case for re-examination (sprzeciw od decyzji kasatoryjnej). Such an appeal would be examined in a simplified administrative procedure. This, in their view, would prevent excessive length of proceedings and limit the practice of repeated remittals.
135. The Government listed other amendments to the CAP aimed at improving and accelerating administrative proceedings. Those included the introduction of an “optional” request for reconsideration of the case relating to decisions given by ministers or self-government boards of appeal; a waiver of the right to appeal; the possibility to notify a decision by means of a so called “public notification” (zawiadomienie publiczne); and the introduction of a “silent procedure” (milcz?ce za?atwienie sprawy) and “simplified procedure” (post?powanie uproszczone). Lastly, it was no longer necessary to request the elimination of a breach before lodging an appeal with an administrative court.
136. With respect to the 2002 Act, the Government pointed out that amendments had been adopted in 2011 and 2015. In particular, they stressed that pursuant to the amendments of 2015, the administrative courts had been granted the competence to award compensation directly to the party to the proceedings on account of inactivity or excessive delay in the administrative proceedings.
137. The Government stated that a party to administrative proceedings had access to numerous effective remedies at national level and that the Court had already found that the combination of those remedies had been effective for the purpose of Article 13 of the Convention. In that connection, they referred to previous cases against Poland (Futro v. Poland (dec.), no. 51832/99, 3 June 2003; Ko?odziej v. Poland (dec), no. 47995/99, 18 October 2005; Szabli?ska v. Poland (dec.), no. 52462/99, 2 February 2006; and Ol?dzki v. Poland (dec.), no. 13715/03, 4 January 2008) in which the Court had found that the applicants had failed to use available domestic remedies against lengthy administrative proceedings.
138. Lastly, the Government stressed that the Committee of Ministers of the Council of Europe, at its 1273rd meeting held on 6-8 December 2016, had closed the execution of judgments delivered against Poland in a group of eighty cases concerning the length of administrative proceedings. In the 2016 CM Resolution, the Committee of Ministers noted that the general measures adopted by the Polish authorities had demonstrated their commitment to continuing efforts to solve the problem of excessively lengthy administrative proceedings (see paragraph 119 above).
139. In conclusion, the Government expressed their intention to continue taking all further necessary actions in order to make administrative proceedings more efficient.
2. The Court’s assessment
(a) General principles deriving from the Court’s case-law
140. The relevant principles relating to the application of Article 13 of the Convention to complaints about a violation of the right to a hearing within a reasonable time have been set out in a number of judgments (see, among other authorities, Kud?a, cited above, § 157; Scordino (no. 1), cited above, §§ 182-89; Sürmeli v. Germany ([GC], no. 75529/01, §§ 97 101, ECHR 2006 VII, with further references; Vassilios Athanasiou and Others v. Greece, no. 50973/08, § 55, 21 December 2010; and Ümmühan Kaplan v. Turkey, no. 24240/07, § 72, 20 March 2012. They were recently restated in the pilot judgment Rutkowski and Others (cited above, §§ 172-175).
141. The Court reiterates, in particular, that remedies available to a litigant at domestic level for raising a complaint about the length of proceedings are “effective” within the meaning of Article 13 of the Convention if they can be used either to expedite the proceedings before the national courts or to provide the party with adequate redress for delays that have already occurred. Where a domestic legal system has made provision for bringing an action against the State, such an action must remain an effective, sufficient and accessible remedy in respect of the excessive length of judicial proceedings. Its sufficiency may be affected by excessive delays and depend on the level of compensation (see Rutkowski and Others, cited above, § 173).
(b) Application of the above principles to the present cases
142. The Court finds at the outset that the applicants’ complaints are “arguable” for the purposes of Article 13 and that they were entitled to a remedy whereby they could obtain appropriate relief for the Convention breach before the domestic authority, including compensation for non-pecuniary damage suffered on account of delays that had occurred in their cases (see Kud?a, cited above, § 157, and Rutkowski and Others, cited above, § 176).
143. The Government did not contest the applicants’ right to an “effective remedy” and, in consequence, their right to redress for the violation alleged. However, in their view, the aggregate of remedies provided for by the CAP, the 2002 Act and the 2004 Act offered the applicants “appropriate and sufficient redress”. In that context, they relied on the Court’s previous rulings in Polish cases, holding that a combination of remedies designed to accelerate the administrative proceedings had been regarded as “effective remedies” (see paragraph 137 above).
144. The applicants contested that argument, maintaining that the operation of those remedies had been defective, in particular as regards the possibility of preventing excessively lengthy proceedings and obtaining appropriate compensation. This, in their view, resulted from, among other things, the national authorities’ defective practice of limiting the assessment of the length of proceedings to the stage at the current instance, without taking any account of previous delays, and the practice of repeatedly remitting the case to the first-instance authority (see paragraph 129 above).
145. The Court has already examined the effectiveness of the combination of remedies for excessively lengthy administrative proceedings and found them found them effective (see, among other authorities, Bukowski v. Poland (dec.), no. 38665/97, 11 June 2002; Koss v. Poland, no. 52495/99, §§ 43-49, 28 March 2006; Turczanik v. Poland, no. 38064/97, § 54, ECHR 2005 VI; Leon and Agnieszka Kania v. Poland, no. 12605/03, §§ 89-90, 21 July 2009 and Derda v. Poland, no. 58154/08, § 58, 1 June 2010). Those rulings were based on the circumstances as established at the material time. However, since those rulings were given the practice of the domestic authorities has developed. The instant cases reveal their failure to take account of any previous delays and the practice of frequent remittals to the first-instance authority. In the light of those circumstances, the Court sees good cause for reconsidering its previous position on the effectiveness of a combination of remedies for complaints concerning excessively lengthy administrative proceedings.
(i) As regards the CAP
146. The Court observes that in Poland a party to administrative proceedings may lodge an appeal under Article 37 of the CAP in order to urge the relevant authority to issue a decision within the relevant time-limits (see paragraph 89 above).
147. As shown by the facts of the present cases, the applicants made use of the remedies provided for by the CAP on numerous occasions. Although new time-limits for dealing with the cases were fixed, those complaints did not result in the acceleration of the applicants’ cases, as the competent authorities repeatedly failed to comply with the newly fixed time-limits. Moreover, such non-compliance had no consequences for either the administrative authorities in question or the officials acting on their behalf (see paragraphs 32-35, 39, 40, 42, 44, 45, 81- 83 and 85 above).
148. The Court acknowledges that significant amendments have recently been introduced to the CAP and a number of procedures aimed at simplifying and accelerating the administrative procedure has been introduced (see paragraphs 92-94 above). As pointed out by the Government, these new mechanisms might prevent excessively lengthy administrative proceedings (see paragraphs 133-136 above).
149. The Court welcomes those recent legislative initiatives but nevertheless observes that the new procedures could not remedy the applicants’ situation as they apply only to proceedings instituted after 1 June 2017. In any event, the functioning of the new procedures must be assessed in the light of developments in domestic practice.
150. The Court considers that in the circumstances of the applicants’ cases, the remedies provided for by the CAP, as applicable at the material time, namely before 1 June 2017, did not represent effective remedies for excessively lengthy administrative proceedings.
(ii) As regards the 2002 Act
151. The Court observes that in cases where an authority fails to comply with the relevant time-limits provided for by the CAP, it is possible under the 2002 Act (previously under the 1995 Act) to lodge a complaint with an administrative court alleging inactivity on the part of that authority or excessive delay in conducting the proceedings (see paragraphs 95-98 above).
152. Currently, if an administrative court considers such complaint well founded, in addition to imposing on an administrative authority an obligation to act in a certain manner, it can also give a decision on the substance of the case (see paragraph 102 above). Moreover, it may fine the administrative authority for failure to act and for excessive delay, and it may also make such authority liable for the payment of compensation directly to an applicant (see paragraph 103 above). This mechanism is again available if an administrative authority fails to implement a court judgment allowing a complaint about inactivity (see paragraph 104 above).
153. The first applicant had recourse to that remedy. His complaint alleging inactivity resulted in a judgment of the Cracow Regional Administrative Court of 16 February 2007, which confirmed that there had indeed been a delay in the proceedings. Despite that decision, there was no acceleration in the proceedings (see paragraphs 37-39 above). At the same time, the Court notes with satisfaction that the Regional Court did not limit itself to assessing the last stage of the proceedings, but examined their overall length notwithstanding the fact that there had been several remittals (see paragraph 38 above). It thus correctly applied the relevant standards in conformity with the principles embodied in the Court’s case-law (see Majewski v. Poland, no. 52690/99, § 36, 11 October 2005, and Rutkowski and Others, cited above, § 213).
154. The Court further observes that the second and third applicants did not make use of the remedy provided for by the 2002 Act.
155. However, in this regard, the Court observes that the possibility of claiming compensation for excessively lengthy administrative proceedings was only introduced by the amendments of 2015, which entered into force on 15 August 2015.
156. In the case of the first applicant, the complaint under the 2002 Act was made before the adoption of the 2015 amendments. As regards, the second and third applicants, the proceedings in their case have been pending before the administrative courts since December 2014 (see paragraphs 73 79 above). Therefore, the compensatory remedy provided for by the amendments of 2015 was at the relevant time not available to the applicants.
157. The Court notes that, as it appears from the statistical information produced by the Government, since the adoption of the amendments of 2015 the courts have been making awards to parties to administrative proceedings who have complained about their length. However, the Government did not provide any detailed information on the amounts of compensation awarded by the administrative courts, or the number of cases in which such compensation had been granted. They merely indicated the total sums awarded to individuals in a calendar year (see paragraphs 116 118 above). Consequently, it is not possible to establish the average sum of compensation per case, or the minimum and maximum awards. For those reasons, the operation of the compensatory remedy and the practice of the domestic authorities in this respect cannot yet be established.
158. It would thus appear that in the circumstances of the applicants’ cases, the remedies provided for by the 2002 Act, as applicable at the material time, namely before 15 August 2015, did not represent an effective remedy for their complaints about the excessive length of the administrative proceedings. However, the Court’s position may be subject to review in the future, and the burden of proof as to the effectiveness of the remedy in practice remains on the Polish Government.
(iii) As regards the 2004 Act
159. As regards delays before the administrative courts, the Court notes that a party to judicial administrative proceedings may lodge a complaint with the Supreme Administrative Court under the 2004 Act. Under the relevant provisions, if the court finds a breach of the “reasonable time” requirement, it may award compensation to the party (see paragraphs 107 109 above).
160. It is true that the first applicant did not make use of that remedy. However, it was not appropriate in the circumstances of his case, which has been pending mainly before the administrative authorities.
161. The second and third applicants’ complaint under the 2004 Act was dismissed on 19 January 2017 as lacking substantiation. The Supreme Administrative Court considered that the applicants had failed to ask for a speedy examination of their complaint and noted that all cases were examined in accordance with the date of registration. The Court, however, notes that the Supreme Administrative Court did not examine the overall length of the judicial administrative proceedings but limited its assessment to the current instance and disregarded the period in which the case had been pending before the Regional Court (see paragraph 87 above).
162. The Court reiterates that it perceived the practice of “fragmentation of proceedings” applied by the national courts as incompatible with Article 6 § 1 already at an early stage of the operation of the 2004 Act, and brought the matter to the attention of the Polish State. It was in the Majewski v. Poland judgment, delivered on 11 October 2005, that the Court first reminded the Polish authorities that “as it ha[d] already indicated on a great number of occasions, the reasonableness of the length of the proceedings must be assessed in the light of the particular circumstances of the case taken as a whole. The Court’s approach consist[ed] in examining the overall length of proceedings and in covering all stages of the proceedings” (see Majewski, cited above, § 35). In the light of that judgment, it should have been clear for the domestic authorities that a court dealing with a complaint under the 2004 Act must consider the entirety of the proceedings and all their stages (see Rutkowski and Others, cited above, § 213).
163. The Court also points out that it has already examined the effectiveness of a complaint under the 2004 Act in the context of civil and criminal proceedings in the pilot judgment in the case of Rutkowski and Others (cited above, §§ 161-186) and found a violation of Article 13 on account of the lack of effectiveness of this remedy only in its compensatory aspect (ibid., §§ 179-186). Subsequently, however, in its decision in Za?uska it noted that a number of issues that had been the root cause of the violation of Article 6 § 1 and Article 13 of the Convention found in the pilot judgment had been addressed by the relevant amendments (see Za?uska, cited above, § 44). It further concluded that the Polish Government, by the various measures adopted in implementation of the Rutkowski and Others judgment and the legislative measures as promised in their declarations, demonstrated an active and reliable commitment to take measures intended to remedy the systemic defects in the Polish legislation and judicial practice identified by the Court in its pilot judgment.
164. In view of the above considerations, the Court finds that, despite the shortcomings in approach of the domestic courts in the instant cases (see paragraph 161 above), the remedy under the 2004 Act, after the measures adopted to implement the Rutkowski and Others judgment, by itself, appears to be effective, sufficient and accessible also in respect of excessively lengthy judicial administrative proceedings.
(iv) Conclusion
165. The Court observes that the applicants had at their disposal a number of domestic remedies for the allegedly lengthy administrative proceedings. During respectively sixteen and seventeen years of the proceedings in their cases, they made use of several different remedies at various stages of the proceedings. However, none of those remedies, either individually or in combination, resulted in the acceleration of the proceedings or offered the required redress to the applicants.
166. In the light of all the foregoing considerations, the Court is not satisfied that the aggregate of the aforementioned legal remedies can be considered an effective legal remedy in the circumstances of the present cases.
167. The Court therefore finds that the applicants did not have access to an “effective remedy” in respect of their complaints under Article 6 § 1 of the Convention.
168. Accordingly, the Court dismisses the Government’s preliminary objection of non-exhaustion of domestic remedies (see paragraph 121 above) and holds that there has been a violation of Article 13 in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention.
IV. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
169. Article 6 § 1 of the Convention, in so far as relevant, reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal ...”
A. General principles deriving from the Court’s case-law
170. The general principles relating to the “reasonable time” guarantee of Article 6 § 1 of the Convention were recently restated in the pilot judgment of Rutkowski and Others (cited above, §§ 126-128). The Court reiterates that the reasonableness of the length of proceedings must be assessed in the light of the particular circumstances of the case and having regard to the criteria laid down in the Court’s case-law, in particular the complexity of the case and the conduct of the applicant and of the relevant authorities. On the latter point, what is at stake for the applicant has also to be taken into account (see ibid., and Kud?a v. Poland [GC], no. 30210/96, § 124, ECHR 2000 XI).
B. Case of Mr Wcis?o
171. The applicant complained under Article 6 § 1 of the Convention that the length of the administrative proceedings in his case had been excessive.
1. Admissibility
172. The Court notes that this part of the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention and that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) Period to be taken into consideration
173. The Court observes that the administrative proceedings in the present case were instituted on 20 July 2000 (see paragraph 8 above). However, the period to be taken into consideration began only on 5 June 2002 when the applicant appealed against the decision of the District Inspector (see paragraph 11 above). It was then that a “dispute” within the meaning of Article 6 § 1 arose (see, for example, Janssen v. Germany, no. 23959/94, § 40, 20 December 2001; Mitkova v. the former Yugoslav Republic of Macedonia, no. 48386/09, § 49, 15 October 2015; and Christian Baptist Church in Wroc?aw v. Poland, no. 32045/10, § 85, 5 April 2018). The proceedings are still pending. They have therefore lasted so far more than sixteen years. During that time the case was examined several times by administrative authorities at two levels and by a regional administrative court.
(b) Reasonableness of the length of that period
(i) The parties
174. The applicant submitted that the proceedings in his case had been excessively lengthy and that there was no justification for their delay.
175. The Government made no comment on the merits of the complaint.
(ii) The Court’s assessment
176. The Court accepts that the present case might have presented some difficulties for the domestic administrative authorities, particularly as expert opinions had to be obtained and also since the parties to the proceedings kept changing.
177. Having regard to the available evidence, the Court finds that the applicant did not contribute to the overall length of the proceedings. On the contrary, he attempted to expedite the proceedings in many ways (see paragraphs 32, 33, 35, 37 and 39 above).
178. As regards the conduct of the relevant authorities, the Court notes that on several occasions the Regional Inspector annulled the decisions of the first-instance authority and remitted the case on procedural grounds (see paragraphs 12, 15, 18 and 24 above). In particular, the Regional Inspector twice remitted the case (18 June 2003 and 10 February 2004) because on both occasions the District Inspector had wrongly indicated the owners obliged to undertake building work (see paragraphs 15 and 18 above). The Court considers in that regard that since the remittal of cases for re examination is usually ordered as a result of errors committed by lower authorities, the repetition of such orders within one set of proceedings discloses a serious deficiency in the operation of the legal system (see, among many others, Wierciszewska v. Poland, no. 41431/98, § 46, 25 November 2003, and Vlad and Others v. Romania, nos. 40756/06 and 2 others, § 133, 26 November 2013).
179. Moreover, the Court observes that there were several periods of inactivity in the proceedings. By way of example, it notes that following the remittal of the case on 24 October 2002, it took the District Inspector nearly six months to issue a decision (see paragraph 13 above). Subsequently, there was a period of seven months of inactivity between the Mayor’s decision of 25 July 2005 and the decision of the District Inspector of 21 February 2006 (see paragraphs 19 and 20 above). The Court further notes that there were other unexplained periods of inactivity in the subsequent proceedings, such as a period of nearly two and a half years between 30 July 2009, when an inspection of the site was held, and the District Inspector’s decision of 8 December 2011 (see paragraphs 25 and 26 above). Lastly, there was a period of nearly four years of inactivity when the case was before the Regional Inspector (from 27 December 2011 until 26 October 2015) (see paragraphs 27 and 28 above).
180. Given that the Government did not provide any reason justifying the overall length of the proceedings, the Court cannot but find that the applicant was deprived of his right to a “hearing within a reasonable time”.
181. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention on account of the excessive length of the proceedings.
C. Case of Ms and Mr Cabaj
182. The applicants complained under Article 6 § 1 of the Convention that the length of the administrative proceedings in their case had been excessive.
1. Admissibility
183. The Court notes that this part of the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention and that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) Period to be taken into consideration
184. The Court observes that the administrative proceedings in the present case were instituted on 23 February 2001 (see paragraph 51 above). However, the period to be taken into consideration began only on 7 May 2001 when an appeal against the Mayor’s decision was lodged (see paragraph 53 above). It was then that a “dispute” within the meaning of Article 6 § 1 arose (see, for example, Janssen, cited above, § 40; Mitkova, cited above, § 49; and Christian Baptist Church in Wroc?aw, cited above, § 85). The proceedings are still pending. They have therefore lasted so far more than seventeen years. During that time the case was examined several times by administrative authorities at different levels and by two instances of the administrative courts.
(b) Reasonableness of the length of that period
The parties
185. The applicants submitted that the proceedings in their case had been excessively lengthy and that there was no justification for their overall length. The case was not complex and they had not contributed to any delays. The delays in the proceedings had been caused by several periods of inactivity, a lack of diligence on the part of the authorities and the practice of repeatedly referring the case back to the first-instance authority.
186. The Government made no comment on the merits of the complaint.
(c) The Court’s assessment
187. The Court accepts the applicants’ contention that their case did not involve complex issues of fact and law, even though the value of the expropriated land had to be determined by real-estate appraisers. Although the taking of expert evidence necessarily takes time, this fact in the Court’s view cannot by itself explain the delay of seventeen years in the present case.
188. The Court observes that there is no indication that the applicants contributed in any way to the length of the proceedings. On the contrary, on many occasions they attempted to expedite the proceedings (see paragraphs 80, 83 and 86 above).
189. As regards the conduct of the relevant authorities, the Court notes that following three remittals on procedural grounds, the applicants’ case was examined on four occasions by the first-instance authority. It appears that the Mayor repeatedly relied on valuation reports which had not been prepared in accordance with the relevant legal provisions (see paragraphs 66, 70 and 74 above). In that connection, the Court observes that the Supreme Administrative Court expressly noted that the lower instance had not followed its clear indications given in a previous judgment (see paragraph 76 above). It further reiterates that the repetition of orders for re examination within one set of proceedings discloses a serious deficiency in the operation of the legal system (see, among many others, Wierciszewska, cited above, § 46).
190. Furthermore, the Court observes that significant periods of inactivity occurred in the proceedings at issue. For instance, following the remittal of the case on 25 April 2007, it took the Mayor ten months to determine a new amount of compensation (see paragraphs 57 and 58 above). It then took twenty-two months for the Supreme Administrative Court to examine the applicants’ first cassation appeal (see paragraphs 67 and 68 above) and eighteen months to examine their second cassation appeal (see paragraphs 75 and 76 above). It would appear that during those periods, the Supreme Administrative Court remained inactive and the case was simply lying dormant waiting for a hearing date to be scheduled (see paragraph 87 above).
191. Given that the Government did not provide any justification for the delay in the examination of the applicants’ case, the Court cannot but find that they were deprived of their right to a “hearing within a reasonable time”.
192. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention on account of the excessive length of the proceedings.
V. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
193. All applicants complained that the excessive length of the administrative proceedings in their cases had constituted a breach of their right to property pursuant to Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
194. The Court notes that these complaints are not manifestly ill founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Case of Mr Wcislo
195. The Court observes that the applicant’s complaints have already been examined under Article 6 § 1 (see paragraph 181 above). Consequently, having regard to its finding under that provision, the Court considers that it is not necessary to examine whether there has also been a separate violation of Article 1 of Protocol No. 1 (see Zanghì v. Italy, 19 February 1991, § 23, Series A no. 194-C, p. 47, and Beller v. Poland, no. 51837/99, § 74, 1 February 2005).
2. Case of Ms and Mr Cabaj
196. The Court considers that the circumstances of this case require it to depart from its practice of not determining a complaint under Article 1 of Protocol No. 1 separately once a violation of Article 6 § 1 has been found (see paragraph 195 above), since in the present case the delay in the payment of compensation to the applicants still persists (see Czajkowska and Others v. Poland, no. 16651/05, § 47, 13 July 2010).
197. Most importantly, the Court notes that the domestic authorities unequivocally confirmed that the applicants were entitled to compensation for deprivation of their property (see paragraphs 47-49 above). The substance of the applicants’ claim has never been contested and the ongoing dispute concerns only the exact amount of compensation to be paid (see paragraph 51 above).
198. The Court has already found that the administrative proceedings relating to the applicants’ claim for compensation had lasted for an unreasonably long time (see paragraph 192 above). In the Court’s view, the fact that the applicants have been expropriated and have not yet received the compensation provided for by domestic law constitutes an excessive burden which has upset the fair balance that has to be struck between the demands of the public interest and the protection of the right to peaceful enjoyment of possessions (see Kuni? v. Croatia, no. 22344/02, § 67, 11 January 2007, and Czajkowska and Others, cited above, § 62, 13 July 2010).
199. There has accordingly been a breach of Article 1 of Protocol No. 1.
VI. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
200. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Case of Mr Wcis?o
201. The applicant claimed 23,351.94 euros (EUR) in respect of pecuniary damage, namely for compensation for loss of profit on account of the fact that he had been unable to rent two of his apartments due to a faulty ventilation system caused by improperly carried out work. He also claimed EUR 15,000 in respect of non-pecuniary damage caused by the excessive length of the proceedings in his case.
202. The Government contested those claims. With respect to the pecuniary damage claimed, they pointed out that the domestic proceedings were still pending. In addition, the applicant had failed to submit any relevant documents in support of his claim.
203. The Court does not discern any causal link between the violation found and the pecuniary damage alleged; it therefore rejects this claim. On the other hand, it considers that the applicant must have suffered non pecuniary damage on account of the excessive length of the proceedings in his case. It therefore awards him EUR 13,000 in respect of non-pecuniary damage.
2. Case of Ms and Mr Cabaj
204. The applicants claimed 280,000 Polish zlotys (PLN) (approximately EUR 66,000) together with statutory interest in the amount of PLN 71,733.70 (approximately EUR 17,079) in respect of pecuniary damage, namely compensation for the expropriated land in question. They also claimed EUR 15,000 in respect of non-pecuniary damage caused by the excessive length of the proceedings in their case.
205. The Government contested those claims. With respect to the pecuniary damage claimed, they stated that the domestic proceedings were still pending and therefore any claims were premature.
206. In the circumstances of the present case, given the ongoing dispute concerning the value of the expropriated land, the Court considers that the question of compensation for pecuniary damage is not ready for decision. It is therefore necessary to reserve the matter, due regard being had to the possibility of an agreement between the respondent State and the applicants (Rule 75 §§ 1 and 4 of the Rules of Court).
207. On the other hand, the Court considers that the applicants must have suffered non pecuniary damage on account of the excessive length of the proceedings in their case. It therefore awards them EUR 10,400 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
208. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum.
1. Case of Mr Wcis?o
209. The applicant claimed EUR 2,000 for the costs and expenses incurred before the Court. In support he submitted itemised particulars of his claim, involving thirty-five hours of legal work (six hours for the preliminary examination; two hours for preparation of an authority form; two hours for consultation with the client; and twenty-five hours’ for preparation of observations).
210. The Government contested the claim on the grounds that the applicant had not attached an invoice from his lawyer.
211. The Court reiterates that in order for costs and expenses to be reimbursed under Article 41, it must be established that they were actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum (see, for example, Nilsen and Johnsen v. Norway [GC], no. 23118/93, § 62, ECHR 1999-VIII). In accordance with Rule 60 § 2 of the Rules of Court, itemised particulars of all claims must be submitted, failing which the Chamber may reject the claim in whole or in part.
212. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 2,000 for costs and expenses for the proceedings before the Court.
2. Case of Ms and Mr Cabaj
213. The applicants claimed a total of PLN 21,941 for the costs and expenses incurred before the domestic courts and for those incurred before the Court. That sum included PLN 12,423 (approximately EUR 2,958) for legal representation before the Court. They submitted invoices from lawyers as well as an invoice from an expert real-estate appraiser who had prepared an opinion on the amount of statutory interest due on the compensation claim.
214. The Government contested the claim. In particular, they noted that the calculation of the statutory interest had not required the services of an expert.
215. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court rejects the claim for costs and expenses in the domestic proceedings and considers it reasonable to award the sum of EUR 2,958 for the proceedings before the Court.
C. Default interest
216. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Decides to join the applications;

2. Joins to the merits of the complaint under Article 13 of the Convention the Government’s non-exhaustion objection in relation to the complaint under Article 6 § 1 of the Convention and rejects it;

3. Declares the applications admissible;

4. Holds that there has been a violation of Article 13 of the Convention in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention;

5. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;

6. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in respect of the case of Ms and Mr Cabaj;

7. Holds that there is no need to examine the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in respect of the case of Mr Wcis?o;

8. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts in respect of non-pecuniary damage and costs and expenses, plus any tax that may be chargeable on those amounts, to be converted into Polish zlotys at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 13,000 (thirteen thousand euros) in respect of non pecuniary damage and EUR 2,000 (two thousand euros) for costs and expenses in respect of Mr Wcis?o;
(ii) EUR 10,400 (ten thousand four hundred euros) in respect of non pecuniary damage and EUR 2,958 (two thousand nine hundred and fifty-eight euros) for costs and expenses to Ms and Mr Cabaj;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

9. Holds that the question of the application of Article 41 of the Convention in so far as pecuniary damage resulting from the violation found in the present case in respect of the second and third applicants is concerned is not ready for decision, and accordingly:

(a) reserves the said question in that respect;

(b) invites the Government and the aforementioned applicants to submit, within three months of the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, their written observations on the matter and to notify the Court of any agreement that they may reach;

(c) reserves the further procedure and delegates to the President of the Chamber the power to fix the same if need be.

10. Dismisses the remainder of the applicants’ claims for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 8 November 2018, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Abel Campos Linos-Alexandre Sicilianos
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusioni:
Eccezione preliminare congiunse a meriti e respinse (l'Art. 35) criterio di ammissibilità
(L'Art. 35-1) l'esaurimento di via di ricorso nazionali
Violazione di Articolo 13+6-1 - Diritto ad una via di ricorso effettiva (Articolo 13 - via di ricorso Effettiva) (Articolo 6 - Diritto ad un processo equanime
Procedimenti amministrativi
Articolo 6-1 - il termine ragionevole)
Violazione di Articolo 6 - Diritto ad un processo equanime (Articolo 6 - procedimenti Amministrativi
Articolo 6-1 - il termine ragionevole)
Violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà (l'Articolo 1 parà. 1 di Protocollo N.ro 1 - la Privazione di proprietà)
Danno non-patrimoniale - l'assegnazione (Articolo 41 - danno Non-patrimoniale
Soddisfazione equa)
Danno patrimoniale - riservato (Articolo 41 - danno Patrimoniale
Soddisfazione equa)



PRIMA LA SEZIONE







CAUSA WCISO ?E CABAJ C. POLONIA

(Richieste N. 49725/11 e 79950/13)









SENTENZA






STRASBOURG

8 novembre 2018



Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.
Nella causa di Wciso ?e Cabaj c. la Polonia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Linos-Alexandre Sicilianos, Presidente
Ksenija Turkovi?,
Aleš Pejchal,
Krzysztof Wojtyczek,
Armen Harutyunyan,
Tim Eicke,
Jovan Ilievski, giudici
ed Abel Campos, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato 2 e 16 ottobre 2018,
Consegna la sentenza seguente che fu adottata sulla scorsa data menzionata:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in due richieste (N. 49725/11 e 79950/13) contro la Repubblica della Polonia depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con tre cittadini polacchi, OMISSIS (“il primo richiedente”) (n. 49725/11) ed OMISSIS (“il secondo richiedente” e “il terzo richiedente”) (n. 79950/13). Le richieste furono depositate rispettivamente il 2011 e 8 dicembre 2013 di 27 luglio.
2. Il primo richiedente fu rappresentato col Sig. OMISSIS, un avvocato che pratica in Wejherowo. Il secondo e terzi richiedenti furono rappresentati con OMISSIS, un avvocato che pratica a Varsavia.
Il Governo polacco (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig.ra J. Chrzanowska e successivamente col Sig. J. Sobczak, del Ministero di Affari Esteri.
3. I richiedenti addussero una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione su conto della lunghezza irragionevole dei procedimenti amministrativi nelle loro cause ed una violazione di Articolo 13 della Convenzione su conto di mancanza di via di ricorso nazionali ed effettive per la lunghezza eccessiva dei procedimenti amministrativi. Loro invocarono anche Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
4. 8 gennaio 2018 le richieste furono comunicate al Governo.
I FATTI
IO. LE CIRCOSTANZE DI LA CAUSA
A. La causa del Sig. Wciso ?(richiesta n. 49725/11)
5. Il richiedente nacque nel 1963 e vive in ?witniki ?Górne.
1. Di fondo alla causa
6. Il richiedente possiede la maggioranza di quote in un palazzo situato in Cracow. I proprietari dell'edificio adiacente prolungarono il loro edificio con sollevando il tetto ed aggiungendo un altro pavimento verso l'alto. Il tetto nuovo fu sostenuto su un muro che appartiene al richiedente sta costruendo.
2. Procedimenti amministrativi che concernono proroga illecita dell'edificio adiacente
7. 1 giugno 2000 il richiedente chiese al Cracow Distretto Ispettore di Costruzione Supervision (Powiatowy Inspektor Nadzoru Budowlanego-“l'Ispettore in Distretto”) avviare procedimenti riguardo alla proroga illecita (samowola budowlana) dell'edificio adiacente alla sua proprietà.
8. 20 luglio 2000 l'Ispettore in Distretto avviò procedimenti contro i vicini di casa del richiedente (i proprietari dell'edificio adiacente).
9. 24 aprile 2001 l'Ispettore in Distretto cessò i procedimenti perché nel frattempo, due appartamenti nell'edificio adiacente erano stati venduti ed i coproprietari erano cambiati. Sulla stessa data lui avviò un set nuovo di procedimenti, mentre indicando anche i coproprietari nuovi come parti ai procedimenti.
10. In 20 maggio 2002 l'Ispettore in Distretto emise una decisione. Appellandosi su un'opinione competente, lui ordinò i coproprietari degli appartamenti situati sul pavimento supplementare per intraprendere il certo lavoro di edificio così che la proroga si atterrebbe con le regolamentazioni attinenti.
11. 5 giugno 2002 il richiedente fece appello al Maopolski ?Ispettore Regionale di Costruzione Supervision (Maopolski Wojewódzki Inspektor Nadzoru Budowlanego-“l'Ispettore Regionale”).
12. 24 ottobre 2002 l'Ispettore Regionale annullò la decisione di 20 maggio 2002 e rinviò la causa, mentre notando che non c'erano informazioni nell'archivio come a se gli esperti su cui expertise che l'Ispettore in Distretto si era appellato avuto la licenza richiesta.
13. L'Ispettore in Distretto ordinò di nuovo che i coproprietari della proprietà adiacente intraprendessero il certo lavoro di edificio in ordine per la proroga attenersi con la licenza di edificio attinente 11 aprile 2003.
14. 27 aprile 2003 il richiedente fece appello di nuovo.
15. 18 giugno 2003 l'Ispettore Regionale annullò la decisione di 11 aprile 2003 per motivi che l'autorità di primo-istanza aveva indicato erroneamente le persone obbligarono ad intraprendere il lavoro di edificio. La causa fu rinviata di nuovo all'autorità di primo-istanza.
16. L'Ispettore in Distretto per la terza volta ordinò che i coproprietari attinenti intraprendessero il certo lavoro di edificio precisamente indicato in ordine per la proroga attenersi con la licenza di edificio in una decisione di 18 novembre 2003.
17. 1 dicembre 2003 il richiedente fece appello contro quel la decisione.
18. 10 febbraio 2004 l'Ispettore Regionale annullò la decisione di 18 novembre 2003 per motivi che l'Ispettore in Distretto aveva indicato di nuovo erroneamente i coproprietari dell'edificio adiacente. La causa fu rinviata ancora di nuovo all'autorità di primo-istanza.
19. 14 marzo 2005 l'Ispettore in Distretto sospese i procedimenti sino alla consegna di una decisione col Sindaco di Cracow riguardo ad un certo problema procedurale. Il Sindaco diede una decisione 25 luglio 2005.
20. 21 febbraio 2006 l'Ispettore in Distretto, in una quarta decisione sui meriti ordinò i coproprietari sospendere ogni lavoro di edificio ed offrire un'opinione tecnica.
21. 12 settembre 2006 l'Ispettore Regionale respinse un ricorso depositato coi coproprietari dell'edificio adiacente.
22. L'Ispettore in Distretto ordinò che i coproprietari sospendessero ogni lavoro di edificio il 2006 e 25 gennaio 2007 di 8 novembre.
23. L'Ispettore in Distretto ordinò che i coproprietari presentassero un piano tecnico e corretto per la proroga 23 marzo 2007.
24. Le decisioni di 25 gennaio e 23 marzo 2007 furono annullate rispettivamente con l'Ispettore Regionale 3 e 4 novembre 2008 sui motivi procedurali e la causa fu rinviato all'autorità di primo-istanza.
25. Sul 2009 esperti di edificio di 30 luglio dall'ufficio dell'Ispettore in Distretto il luogo ispezionò.
26. L'Ispettore in Distretto ordinò ancora di nuovo che le parti offrissero un numero di documenti tecnici ed un piano di edificio corretto 8 dicembre 2011.
27. 27 dicembre 2011 due dei vicini di casa del richiedente fatti appello.
28. 26 ottobre 2015 l'Ispettore Regionale annullò la decisione di 8 dicembre 2011 ed emesso una decisione sui meriti, in particolare, ordinando le parti presentare un piano di edificio nuovo.
29. 27 novembre 2015 uno dei vicini di casa del richiedente fatti appello.
30. In 10 maggio 2016 la Corte amministrativa Regionale in Cracow (Wojewódzki Sd ?Administracyjny) rese la sua sentenza sulla questione, mentre sospendendo esecuzione della decisione di 26 ottobre 2015.
31. I procedimenti ancora sono pendenti.
3. Azioni di reclamo di lunghezza-di-procedimento
32. In 27 maggio 2003 il richiedente si lamentò all'Ispettore Regionale di ritardi nei procedimenti.
33. 3 settembre 2003 il richiedente si lamentò all'Ispettore Regionale dell'inosservanza dell'Ispettore in Distretto coi termini di decadenza previsti per con Articolo 35 del Codice di Procedura Amministrativa (“la Copertura”) (veda paragrafo 89 sotto).
34. 12 novembre 2003 l'Ispettore Regionale trovato, sotto Articolo 37 della Copertura, che l'azione di reclamo del richiedente era fondata ed ordinò che l'Ispettore in Distretto consegnasse una decisione sui meriti di fronte a 12 dicembre 2003.
35. 12 gennaio 2006 il richiedente si lamentò di nuovo all'Ispettore Regionale dell'inattività dell'Ispettore in Distretto.
36. 16 marzo 2006 l'Ispettore Regionale decise, facendo seguito ad Articolo 37 della Copertura che l'azione di reclamo del richiedente non è stata giustificata. L'Ispettore Regionale notò che benché l'azione di reclamo del richiedente sembrasse essere stata giustificata sulla data sulla quale era stato depositato, era divenuto infondato dopo la decisione di 21 febbraio 2006 era stato dato.
37. 31 luglio 2006 il richiedente presentato un reclamo sotto le Corti amministrative Agisce successivamente, di 30 agosto 2002 (Prawo o postpowaniu ?przed sdami ?administracyjnymi) (“l'Atto del 2002”) (veda divide in paragrafi 96-98 sotto) col Cracow Corte amministrativa Regionale dell'inattività dell'Ispettore in Distretto.
38. 16 febbraio 2007 il Cracow Corte amministrativa Regionale diede sentenza che conferma che c'era stato un ritardo nei procedimenti di fronte all'Ispettore in Distretto. Ordinò che l'Ispettore in Distretto consegnasse una decisione sui meriti entro due mesi della data della sentenza. La corte notò che i procedimenti di fronte all'Ispettore in Distretto avevano cominciato nel 2000 e non avevano terminato ancora. Durante che tempo l'Ispettore in Distretto aveva consegnato tre decisioni sui meriti; loro facevano comunque, essere annullato tutti con un'autorità più alta e la causa era stata rinviata. La corte notò che fin dallo scorso rinvio (10 febbraio 2004) l'Ispettore in Distretto aveva sospeso i procedimenti sino alla consegna di una decisione col Sindaco di Cracow (il 2005 a 25 luglio 2005 di 14 marzo) ed ordinò la sospensione di costruire lavori (21 febbraio e 8 novembre 2006, e 25 gennaio 2007). L'Ispettore in Distretto non si era impegnato separatamente da stabilendo i nomi delle parti ed ottenere un rapporto competente, comunque, qualsiasi le altre azioni.
39. 28 luglio 2008 il richiedente si lamentò di nuovo all'Ispettore Regionale di ritardi nei procedimenti. L'azione di reclamo fu trasferita all'Ispettore Principale di Costruzione Supervision (Gówny ?Urzd ?Nadzoru Budowlanego-“l'Ispettore Principale”).
40. 11 settembre 2008 l'Ispettore Principale informò il richiedente che la sua azione di reclamo era fondata e che c'era stato davvero un ritardo nei procedimenti. L'Ispettore Principale notò che l'Ispettore Regionale aveva ricevuto l'archivio di causa completo 30 novembre 2007 e della causa non si era stata occupata perciò all'interno dei tempo-limiti previsti per con Articolo 35 della Copertura.
41. 19 settembre 2008 l'Ispettore Principale trovato che il reclamo del richiedente dell'inosservanza coi tempo-limiti specificati in Articolo 35 della Copertura sarebbe dovuto essere presentato con l'Ispettore Regionale.
42. 1 marzo 2011, facendo seguito ad Articolo 37 § 1 della Copertura, l'Ispettore in Distretto espose un tempo-limite nuovo per trattare con la causa (1 maggio 2011).
43. In risposta all'azione di reclamo del richiedente di 28 luglio 2008, l'Ispettore Regionale rifiutò di esporre un tempo-limite nuovo per l'Ispettore in Distretto 29 marzo 2011, siccome già era stato prolungato nel frattempo il tempo-limite.
44. 20 aprile 2012 l'Ispettore Regionale espose un altro tempo-limite nuovo per trattare con la causa (31 luglio 2012).
45. 9 giugno 2015 l'Ispettore Regionale espose ancora un altro termine di decadenza nuovo per trattare con la causa (31 agosto 2015).
B. La causa di Mega ed il Sig. Cabaj (richiesta n. 79950/13)
46. I richiedenti nacquero rispettivamente nel 1954 e 1957 e vivono in Garwolin.
1. Di fondo alla causa
47. Nel 1996 i richiedenti chiesero l'autorità locale una decisione sulla divisione della loro terra. 10 giugno 1996 il Garwolin Distretto Ufficio (Urzd ?Rejonowy) decise di approvare la divisione di due più grandi aree di terra. Quattro aree furono designate per la costruzione di strade. Sotto le disposizioni attinenti in vigore al tempo di materiale, quelle aree furono espropriate, ex lege sulla data sul quale la decisione su divisione divenne definitivo. Il risarcimento sarebbe determinato in procedimenti separati.
2. Procedimenti che cercano di avere la decisione dichiararono privo di valore legale
48. In 7 maggio 2001 il Garwolin Ufficio Urbano (Urzd ?Miasta) fece domanda al Governatore di Mazowiecki che cerca di avere la decisione di 10 giugno 1996 dichiarato privo di valore legale.
49. 18 luglio 2001 il Governatore di Mazowiecki (Wojewoda Mazowiecki) respinto la richiesta. Seguendo un numero di ricorsi che decisione infine è stata sostenuta con la Varsavia Corte amministrativa Regionale 2 marzo 2005.
3. Procedimenti per il risarcimento
50. Fra il 1996 ed il 1999 i richiedenti depositarono molte richieste col Garwolin Ufficio Urbano, chiedendo il risarcimento per le aree espropriate di terra. Comunque, loro sostennero che gli importi offrirono col municipio non rifletta il valore di mercato della terra.
51. 23 febbraio 2001 i richiedenti chiesero al Sindaco di Distretto di Garwolin (Starosta Powiatu Garwoliskiego?-“il Sindaco”) determinare il risarcimento per essere pagato per le aree espropriate.
52. 24 aprile 2001 il Sindaco emise una decisione che determina l'importo del risarcimento a 103,106.29 zlotys polacchi (PLN) (approssimativamente 25,776 euros (EUR)).
53. In 7 maggio 2001 il Garwolin Ufficio Urbano piacque contro quel la decisione.
54. 4 giugno 2001 il Governatore di Mazowiecki sospese i procedimenti sino al completamento dei procedimenti di annullamento (veda divide in paragrafi 48 e 49 sopra).
55. 23 luglio 2005 i richiedenti chiesero al Garwolin Ufficio Urbano quando loro avrebbero ricevuto il risarcimento. In replica loro furono informati che la decisione di 24 aprile 2001 che determina l'importo del risarcimento non era definitivo.
56. 3 ottobre 2005 il Governatore di Mazowiecki ordinò la riassunzione dei procedimenti alla richiesta dei richiedenti. Il Garwolin Ufficio Urbano piacque al Ministro di Trasporto e Costruzione (Ministro Transportu i Budownictwa). La decisione di riprendere i procedimenti fu sostenuta 17 febbraio 2006 col Ministro e 25 ottobre 2006 della Corte amministrativa Suprema (Naczelny Sd ?Administracyjny).
57. 25 aprile 2007 il Governatore di Mazowiecki annullò la decisione del Sindaco di 24 aprile 2001 e rinviò la causa, mentre sostenendo che il risarcimento non era stato calcolato correttamente.
58. 11 febbraio 2008 il Sindaco diede una decisione nuova, mentre determinando l'importo del risarcimento per essere pagato ai richiedenti a PLN 220,000 (verso EUR 55,000).
59. I richiedenti fecero appello, mentre presentando che che importo non riflettè il valore di mercato della proprietà espropriata.
60. 28 luglio 2008 il Governatore di Mazowiecki annullò la decisione del Sindaco su motivi procedurali e rinviò la causa. Il Governatore notò che il Sindaco non era riuscito a chiamare in causa all'amministrativo ascolti lo stimatore di beni immobili che aveva preparato il rapporto di valutazione.
61. 28 gennaio 2009 la Varsavia Corte amministrativa Regionale respinse un ulteriore ricorso depositato coi richiedenti.
62. 12 novembre 2009 il Sindaco sospeso i procedimenti riguardo al risarcimento sino alla Federazione polacca di Beni immobili Stimatori aveva esaminato se i rapporti di valutazione presentarono nella causa era stato preparato in conformità con le regolamentazioni attinenti.
63. I procedimenti furono ripresi in 27 maggio 2010.
64. 6 dicembre 2010 il Sindaco diede di nuovo una decisione che determina l'importo del risarcimento per essere pagato ai richiedenti a PLN 329,957 (verso EUR 82,480). Il Sindaco si appellò su un rapporto di valutazione di 9 agosto 2010.
65. Il Garwolin Ufficio Urbano piacque contro quel la decisione. Fu sostenuto successivamente col Governatore di Mazowiecki 28 gennaio 2011.
66. Su un ulteriore ricorso, 13 ottobre 2011 la Varsavia Corte amministrativa Regionale diede una sentenza che accantona ambo le decisioni (del 2010 e 28 gennaio 2011 di 6 dicembre), La corte contenne che il rapporto di valutazione di 9 agosto 2010 sul quale le autorità avevano basato le loro decisioni non era stato preparato in conformità con le disposizioni legali ed attinenti.
67. I richiedenti depositarono un ricorso di cassazione.
68. 14 giugno 2013 la Corte amministrativa Suprema (Naczelny Sd ?Administracyjny) sostenne la Varsavia la sentenza di Corte amministrativa Regionale. Notò inoltre che in qualsiasi evento, seguendo i recenti cambi nella legislazione attinente qualsiasi rapporti di valutazione nuovi dovrebbero essere preparati in conformità con le regolamentazioni nuove.
69. L'archivio di causa fu ritornato al Governatore di Mazowiecki 22 agosto 2013. Fu trasferito successivamente al Sindaco 26 agosto 2013.
70. 25 giugno 2014 il Sindaco diede ancora un'altra decisione che determina l'importo del risarcimento per essere pagato ai richiedenti a PLN 280,000 (verso EUR 70,000). Il Sindaco si appellò su un rapporto di valutazione nuovo di 4 febbraio 2014.
71. Il Garwolin che Ufficio Urbano è piaciuto.
72. 27 novembre 2014 il Governatore di Mazowiecki sostenne la decisione del Sindaco.
73. 12 dicembre 2014 il Garwolin che Ufficio Urbano è piaciuto.
74. 8 luglio 2015 la Varsavia Corte amministrativa Regionale accantonò ambo le decisioni (di 25 giugno e 27 novembre 2014). La corte contenne che il rapporto di valutazione di 4 febbraio 2014 sul quale le autorità avevano basato le loro decisioni non era stato preparato in conformità con le regolamentazioni legali in vigore.
75. 12 ottobre 2015 i richiedenti depositarono un altro ricorso di cassazione.
76. 5 aprile 2017 la Corte amministrativa Suprema annullò la sentenza di 8 luglio 2015 e rinviò la causa alla Varsavia Corte amministrativa Regionale. La corte notò che contrario alle indicazioni chiare date nella sua sentenza precedente di 14 giugno 2013, la Corte amministrativa Regionale aveva esaminato la validità del rapporto di valutazione di 2014 nella luce delle vecchie disposizioni nazionali.
77. 17 ottobre 2017 la Varsavia Corte amministrativa Regionale diede sentenza e respinse il Garwolin il ricorso di Ufficio Urbano contro la decisione di 27 novembre 2014.
78. Il Garwolin Ufficio Urbano depositò un ricorso di cassazione 22 novembre 2017.
79. I procedimenti sono pendenti di fronte alla Corte amministrativa Suprema.
4. Azioni di reclamo di lunghezza-di-procedimento
80. I richiedenti si avvalsero di varie via di ricorso che cercano di accelerare i procedimenti amministrativi.
81. In replica ad una richiesta presentata coi richiedenti, il Ministro di Trasporto e Costruzione espose un termine di decadenza nuovo per trattare con la causa 21 gennaio 2006, (come previsto per con Articolo 36 § 1 della Copertura).
82. 29 giugno e 24 agosto 2010, 16 settembre e 28 novembre 2013 il Sindaco informò successivamente, i richiedenti che una decisione non poteva essere data all'interno del tempo-limite legale. Su ogni occasione il Sindaco fissò un tempo-limite nuovo per trattare con la causa.
83. 6 dicembre 2013 i richiedenti presentarono un reclamo con l'ufficio del Governatore di Mazowiecki sotto Articolo 37 § 1 della Copertura, lamentandosi di un ritardo eccessivo nel condurre i procedimenti.
84. 29 gennaio 2014 l'ufficio del Governatore, avendo esaminato solamente il periodo dopo 26 agosto 2013 (la data quando l'archivio di causa era stato trasferito al Sindaco), sostenne che i richiedenti che l'azione di reclamo di ' non è stata giustificata, come là nessuno ritardi eccessivi erano stati nei procedimenti di fronte al Sindaco dopo quel la data. I richiedenti non fecero appello contro che decisione alla Varsavia Corte Regionale.
85. 24 febbraio 2014 il Sindaco espose un altro tempo-limite nuovo per trattare con la causa (31 marzo 2014).
86. 30 dicembre 2016 i richiedenti presentarono un reclamo con la Corte amministrativa Suprema sotto sezione 3(6) della Legge di 17 giugno 2004 sul diritto per avere una causa esaminato in procedimenti giudiziali senza ritardo indebito (“l'Atto del 2004”) (veda divide in paragrafi 107-109 sotto). Loro chiesero una sentenza che la lunghezza dei procedimenti era stata eccessiva ed un'assegnazione di PLN 2,000 ad ognuno di loro con modo del risarcimento. I richiedenti sostennero che nei tredici mesi poiché il loro ricorso di cassazione era stato depositato con la Corte amministrativa Suprema che corte non si era impegnata qualsiasi azione nella loro causa.
87. 19 gennaio 2017 la Corte amministrativa Suprema respinse i richiedenti l'azione di reclamo di '. La corte valutata solamente la scorsa tappa dei procedimenti che sono il periodo di fronte alla causa era giunta alla Corte amministrativa Suprema. Fondò che i richiedenti che ricorso di cassazione di ' era stato registrato 24 novembre 2015. Successivamente, era stato esaminato in conformità con la data di registrazione ed era stato aspettando una data di udienza per essere elencato. Poiché i richiedenti non avevano chiesto un esame veloce, il tempo di attesa prima che una data di udienza fosse elencata non poteva essere considerato come un ritardo ingiustificato da parte della corte.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. Code di Procedura Amministrativa
88. Articolo 35 del Codice di Procedura Amministrativa di 14 giugno 1960 (“la Copertura”) posa in giù tempo-limiti che variano da un mese a due mesi per trattare con una causa pendente di fronte ad un'autorità amministrativa. Se quelli tempo-limiti non si sono stati attenuti con, l'autorità deve, sotto Articolo 36, informi le parti di che fatto, spieghi le ragioni per il ritardo e fissi un tempo-limite nuovo.
89. Articolo che 37 § 1 offre che se della causa non si è stata occupata all'interno dei tempo-limiti assegnati ad in Articoli 35 e 36, una parte a procedimenti amministrativi può depositare un ricorso con l'autorità più alta, mentre adducendo l'inattività. In cause dove le dichiarazioni dell'inattività sono fondate bene, l'autorità più alta fissa un termine nuovo per occuparsi della causa ed ordini un'indagine per determinare le ragioni per l'inattività ed identificare le persone responsabile per il ritardo. Se bisogno è, l'autorità può ordinare che misure siano fatte domanda per ostacolare simile ritardi nel futuro.
1. Emendamenti di 2011
90. Nel 2011 la Copertura fu corretta su tre occasioni. Gli emendamenti entrarono in vigore 11 aprile, 17 maggio e 12 luglio 2011.
91. In particolare, l'Articolo corretto che 37 § 1 offre che una parte a procedimenti amministrativi non solo può presentare un reclamo dell'insuccesso di un'autorità per occuparsi della causa all'interno dei termini di decadenza assegnato ad in Articoli 35 e 36 (come poi purché per), ma anche di ritardo eccessivo nel condurre i procedimenti (?postpowania di prowadzenie di przewleke?). Facendo seguito ad Articolo 37 § 2, quando esaminando l'azione di reclamo, l'autorità più alta decide anche se l'inattività o ritardo eccessivo erano in violazione flagrante della legge (?prawa di naruszenie di ?razza?).
2. Emendamenti di 2017
92. La Copertura fu corretta di nuovo 7 aprile 2017. Gli emendamenti entrarono in vigore 1 giugno 2017 e concernono solamente procedimenti avviati dopo quel la data. Molte procedure nuove che mirano a semplificando ed accelerando procedimenti furono introdotte, in particolare un “procedura silenziosa” (?sprawy di ?zaatwienie di milczce?) ed una procedura semplificata (l'Articolo 35 § 3 (un) ed Articoli 163b-163g).
93. In oltre, la Copertura fu corretta per includere definizioni legali dell'inattività (il bezczynno?) e lunghezza eccessiva (il przewleko). Quelle definizioni lessero siccome segue:
Articolo 37 § 1 (1) (inattività)
“La causa non è stata data con all'interno dei tempo-limiti previsti per con Articolo 35 [della Copertura] e le altre disposizioni speciali né all'interno del tempo-limite indicato sotto Articolo 36 § 1.”
Articolo 37 § 1 (2) (lunghezza eccessiva)
“I procedimenti prendono più lungo che necessario per chiarire la causa.”
94. Un'azione di reclamo dell'inosservanza di un'autorità coi termini di decadenza previsti per in Articolo 37 fu chiamata un “richiesta per l'accelerazione” (il ponaglenie). Facendo seguito alle disposizioni corrette, un'autorità più alta ora è obbligata per esaminare la richiesta di una parte per l'accelerazione entro sette giorni.
Procedura di B. di fronte alle corti amministrative
1. L'Atto del 1995
95. Il Corte amministrativa Atto Supremo di 11 maggio 1995 (“l'Atto del 1995”) entrò in vigore 1 ottobre 1995. Sezione 17 dell'Atto previde che una parte a procedimenti amministrativi poteva a qualsiasi il tempo, presenti un reclamo con la Corte amministrativa Suprema dell'inattività da parte di un'autorità obbligò ad emettere una decisione amministrativa.
2. L'Atto del 2002
96. L'Atto del 1995 fu abrogato e sostituì col Corti amministrative Atto di 30 agosto 2002 (Prawo o postpowaniu ?przed sdami ?administracyjnymi) (“l'Atto del 2002”) che entrò in vigore 1 gennaio 2004. Sezione 3(2)(8) dell'Atto del 2002 contiene disposizioni analogo a sezione 17 dell'Atto del 1995. Una parte a procedimenti amministrativi può presentare un reclamo con una corte amministrativa che adduce l'inattività da parte di un'autorità responsabile per emettere una decisione amministrativa.
97. Sezione 149 nella sua enunciazione originale prevista:
“Se la corte trova un'azione di reclamo che adduce bene l'inattività da parte di un'autorità fondata in cause descritte in sezioni 3(2)(1) a (14), ordinerà l'autorità riguardò emettere una decisione all'interno di un tempo-limite prescritto, o compiere un specifico atto, o confermare o riconoscere un diritto od obbligo previde per con legge.”
98. Sezione 154 nella sua enunciazione originale, in finora come attinente, purché:
“1. Nell'evento dell'insuccesso di un'autorità per implementare una sentenza che concede un'azione di reclamo dell'inattività... una parte ai procedimenti, dopo avere presentato una richiesta scritto all'autorità riguardò può presentare un reclamo in che riguardo, chiedendo una multa per essere imposto su quel l'autorità.
2. In situazioni descritte in sottosezione (1) sopra, una corte può decidere dell'esistenza o la non-esistenza di un diritto od obbligo, se è possibile in prospettiva del tipo della questione riguardata e le sue circostanze che riguarda i fatti e legali.
...”
(un) Emendamenti di 2011
99. Nel 2011 l'Atto del 2002 fu corretto su molte occasioni. Gli emendamenti più attinenti entrarono in vigore 11 aprile, 17 maggio e 12 luglio 2011.
100. In particolare, sezione 3(2)(8) fu corretto per includere una disposizione simile a quel aggiunse alla Copertura (veda paragrafo 91 sopra), prevedendo che una parte a procedimenti amministrativi può lamentarsi anche di ritardo eccessivo nel condurre i procedimenti (?postpowania di prowadzenie di przewleke?).
101. Inoltre, sotto la sezione 149 corretta dell'Atto del 2002, se la Corte amministrativa considera che un'azione di reclamo sia fondata, deve determinare anche se l'inattività o ritardo eccessivo erano in violazione flagrante della legge. Una sottosezione 149(2 nuova) fu introdotto, mentre prevedendo che se una corte concedesse un'azione di reclamo che adduce l'inattività, poteva anche, entrambi sua propria istanza o alla richiesta di una parte, imponga sull'autorità responsabile una multa di su a dieci volte il salario di pubblico-settore mensile e medio.
(b) Emendamenti di 2015
102. L'Atto del 2002 fu corretto di nuovo 9 aprile 2015 (gli emendamenti entrarono in vigore 15 agosto 2015). I cambi che semplificarono procedimenti di fronte alle corti amministrative furono tirati principalmente. In particolare, se una corte amministrativa considera un'azione di reclamo dell'inattività o ritardo eccessivo fondato, oltre ad ordinando un'autorità amministrativa per agire in una certa maniera, può emettere anche una decisione sulla sostanza della causa (sezione 149(1)(b)).
103. Con l'emendamento di 2015 le corti amministrative furono accordate più importantemente, la competenza per assegnare direttamente il risarcimento ad una parte a procedimenti che avevano subito come un risultato dell'inattività o ritardo eccessivo da parte di autorità amministrative. La corte amministrativa ora può multare di conseguenza, non solo l'autorità amministrativa su conto della sua inattività, ma può ordinarlo anche per pagare direttamente il risarcimento ad un richiedente in un importo di su a cinque volte il salario di settore di pubblico mensile e medio (sezione 149(2)).
104. Un meccanismo simile è offerto per se un'autorità amministrativa va a vuoto ad implementare una sentenza di corte che concede un'azione di reclamo che adduce inattività o ritardo eccessivo (sezione 154(2) e (7) dell'Atto del 2002). In simile circostanze, la parte riguardata può fare domanda ad una corte amministrativa che chiede a sé di imporre una multa sull'autorità amministrativa ed attinente. Se la corte concede l'azione di reclamo, può assegnare direttamente il risarcimento alla parte riguardata in un importo di su a cinque volte il salario di settore di pubblico mensile e medio. In oltre, la parte può chiedere danneggia sotto le disposizioni attinenti del Codice civile.
3. La causa-legge attinente della Corte amministrativa Suprema
105. La Corte amministrativa Suprema ha su molte occasioni consegnato direttive riguardo all'interpretazione dell'Atto del 2002 e, in particolare, sul problema della frammentazione di procedimenti che erano la materia di un'azione di reclamo che concerne la loro lunghezza. Per istanza, nella sua sentenza di 27 ottobre 2016 (io OSK 1781/16) la Corte amministrativa Suprema sostenne che mentre il modello legislativo ed adottato di un “la lunghezza” azione di reclamo sotto l'Atto del 2002 condotto alla frammentazione della valutazione della lunghezza dei procedimenti, simile azioni di reclamo dovrebbero essere esaminate che porta in mente le particolari circostanze di ogni causa, in particolare se la causa già è stata esaminata con la stessa autorità.
Una prospettiva simile-che la valutazione della lunghezza dei procedimenti potesse includere i loro più primi stadi di fronte alla stessa autorità-fu espresso in un numero di sentenze susseguenti della Corte amministrativa Suprema, per istanza nelle sentenze di 15 febbraio 2018 (II OSK 920/17) e 5 aprile 2018 (II GSK 621/18).
Codice civile di C.
106. Articoli 417 et seq. del Codice civile (cywilny di Kodeks) preveda per la responsabilità dello Stato in illecito civile. Articolo che 417¹ § 3 del Codice civile è entrato in vigore 1 settembre 2004. Prevede per una possibilità di depositare una rivendicazione di risarcimento per danno che è il risultato della lunghezza irragionevole di procedimenti amministrativi, dopo che è stato determinato formalmente nei procedimenti attinenti che c'era un insuccesso illegale per emettere una decisione amministrativa all'interno dei tempo-limiti attinenti.
D. L'Atto del 2004
107. Il diritto nazionale attinente e pratica smodatamente lungo riguardo a via di ricorso per procedimenti giudiziali e penali e civili, in particolare le disposizioni di legge applicabili di 17 giugno 2004 sul diritto per avere una causa esaminato in procedimenti giudiziali senza ritardo indebito (l'ustawa o skardze na naruszenie prawa strony fanno rozpoznania sprawy w postpowaniu ?sdowym ?bez nieuzasadnionej zwoki?-“l'Atto del 2004”), è presentato nella sentenza della Corte nella causa di Rutkowski ed Altri c. la Polonia (N. 72287/10, 13927/11 e 46187/11, §§ 75-92 7 luglio 2015) e nella decisione in Zauska, Rogalska ed Altri c. la Polonia ((il dec.), N. 53491/10 e 72286/10, §§ 19-22 20 giugno 2017).
108. Sotto sezione 3 dell'Atto del 2004, in procedimenti amministrativi e giudiziali un reclamo può essere presentato con una parte (lo skarcy?) o un partecipante che si comporta come una parte (uczestnik postpowania ?na prawach strony).
109. Sotto sezione 4(3) dell'Atto del 2004, un'azione di reclamo riguardo alla lunghezza eccessiva di procedimenti di fronte ad una corte amministrativa regionale o la Corte amministrativa Suprema sarà esaminata con la Corte amministrativa Suprema.
E. informazioni Statistiche ed altre sulla pratica di corti amministrative
110. Il Governo ha prodotto informazioni statistiche sul numero di azioni di reclamo sull'inattività o lunghezza eccessiva di procedimenti amministrativi depositata con le corti amministrative e gli importi assegnati in soddisfazione equa da 2011 a 2017.
111. Con riguardo ad esclusivamente ad azioni di reclamo dell'inattività e lunghezza eccessiva di procedimenti, le statistiche sono siccome segue. Nel 2011 e 2012, 3,831 e 4,154 reclami furono presentati rispettivamente con le corti amministrative regionali. Fra 2013 e 2017 su media, più di 6,000 reclami per anno furono presentati con le corti amministrative regionali (2013-6,262; 2014-6,769; 2015-6,517; 2016-6,597; 2017 6,305).
112. Come riguarda le richieste sotto sezione 149(2) dell'Atto del 2002 (l'imposizione di una multa ed il risarcimento assegnò ad una parte a procedimenti), il Governo presentò le statistiche seguenti.
113. Nel 2011 e 2012 le corti amministrative regionali imposero rispettivamente multe sulle autorità amministrative in nove e cinquanta cause.
114. Nel 2013, 512 reclami furono presentati con le corti amministrative regionali; in 135 cause le corti imposero multe sulle autorità amministrative.
115. Nel 2014, un totale delle 746 richieste fu depositato con le corti amministrative regionali ed in 238 cause le corti imposero multe sulle autorità amministrative. Le multe variarono fra PLN 100 e PLN 5,000.
116. Nel 2015 un totale delle 1,437 richieste fu depositato con le corti amministrative regionali. In 225 cause le corti imposero una multa sull'autorità amministrativa alla richiesta di una parte ed in 73 cause loro facevano così di loro propria istanza. Le multe variarono fra PLN 200 e PLN 5,000. In oltre, le corti assegnarono PLN 26,572 l'importo totale di risarcimento di parti.
117. Nel 2016 un totale delle 1,372 richieste fu depositato con le corti amministrative regionali. In 296 cause le corti imposero una multa sull'autorità amministrativa alla richiesta di una parte e nel 86 cause facevano così di loro propria istanza. Le multe variarono fra PLN 250 e PLN 15,000. Il risarcimento assegnò al totalled delle parti PLN 216,629.
118. Nel 2017 un totale delle 1,308 richieste fu depositato con le corti amministrative regionali. In 213 cause le corti imposero una multa sull'autorità amministrativa alla richiesta di una parte e nel 46 cause facevano così di loro propria istanza. Le multe variarono fra PLN 200 e PLN 5,000. Il risarcimento assegnò al totalled delle parti PLN 216,250.
III. COMITATO DI MINISTRI DOCUMENTI DI ' RIGUARDO A LA LUNGHEZZA DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN POLONIA
119. 8 dicembre 2016 il Comitato di Ministri, alla sua 1273 riunione dei Ministri Sostituti di ', deciso di chiudere l'esecuzione di ottanta sentenze contro la Polonia relativo alla lunghezza eccessiva di procedimenti di fronte a corti amministrative e corpi ed adottò una definitivo decisione (CM/ResDH(2016)359) (“la Cm Decisione del 2016”).
La decisione di Cm del 2016 legge, in finora come attinente, siccome segue:
“Avendo riguardo ad alla definitivo sentenza trasmessa con la Corte al Comitato in queste cause ed alle violazioni stabilite dovuto a lunghezza eccessiva di procedimenti amministrativi;
Richiamando l'obbligo dello Stato rispondente, sotto Articolo 46 divide in paragrafi 1, della Convenzione attenersi a tutte le definitivo sentenze in cause alle quali è stata una parte e che questo obbligo comporta, su e sopra del pagamento di qualsiasi somme assegnarono con la Corte, l'adozione con le autorità dello Stato rispondente, dove richiesto:
di misure individuali porre fine a violazioni stabilì ed annulla le loro conseguenze così come realizzare come lontano come il possibile restitutio in integrum; e
di misure generali che ostacolano violazioni simili;
Avendo esaminato le informazioni previste col governo (veda documento DH DD(2016)1160);
Avendo notato che la soddisfazione equa assegnò con la Corte è stato pagato col governo dello Stato rispondente e che procedimenti nazionali in queste cause ora sono terminati;
Avendo notato le misure generali adottate con le autorità polacche che dimostrano il loro impegno per continuare gli sforzi di risolvere il problema della lunghezza eccessiva di procedimenti amministrativi;
Notando con soddisfazione che gli emendamenti alla Legge su procedimenti di fronte a corti amministrative che entrarono in vigore ad agosto 2015 hanno concesso per conclusione della pratica di rinvii di cause dopo annullamento di decisioni amministrative, una ragione per ritardi numerosi nei procedimenti;
Notando che problemi insoluti riguardo alla lunghezza di procedimenti amministrativi ed i funzionare delle via di ricorso rimangono soprintendenza nella struttura del gruppo di Beller di cause sotto;
Dichiara che ha esercitato le sue funzioni sotto Articolo 46, divida in paragrafi 2, della Convenzione nelle cause arruolate sotto e
Decide di chiudere al riguardo l'esame.”
LA LEGGE
IO. RIUNIONE DI LE RICHIESTE
120. Nella conformità con Articolo 42 § 1 degli Articoli di Corte, la Corte decide che le richieste presenti dovrebbero essere congiunte.
II. L'ECCEZIONE PRELIMINARE DEL GOVERNO
121. Il Governo sollevò una difficoltà, mentre dibattendo che i richiedenti non erano riusciti ad esaurire via di ricorso nazionali e disponibili. In particolare, loro indicarono che dopo il 2008 Sig. Wciso di 28 luglio ?uso di qualsiasi via di ricorso previdero per con la Copertura e l'Atto del 2002 non aveva reso. Come riguardi Sig.ra ed il Sig. Cabaj, loro non avevano depositato un ricorso contro la decisione del Governatore di Mazowiecki di 29 gennaio 2014 e non si erano avvalsi delle via di ricorso introdotto seguente gli emendamenti alla Copertura e l'Atto del 2002.
122. I richiedenti contestarono l'argomento del Governo, mentre affermando che loro avevano sollevato il problema di ritardi nei procedimenti su molte occasioni. Loro si riferirono inoltre a tutte le loro azioni di reclamo della lunghezza di procedimenti amministrativi.
123. La Corte osserva che la questione se il requisito che un richiedente deve esaurire via di ricorso nazionali è stato soddisfatto nelle cause presenti è collegato da vicino alle azioni di reclamo riguardo all'esistenza di una via di ricorso effettiva all'interno del significato di Articolo 13 della Convenzione. Considera perciò che questa eccezione, sollevata col Governo sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione dovrebbe essere congiunta ai meriti delle azioni di reclamo sotto Articolo 13.
III. Violazione allegato Di Articolo 13 Di La Convenzione In Concomitanza Con Articolo 6 § 1 Di Il CONEVNTION
124. Tutti i richiedenti si lamentarono che le via di ricorso nazionali in riguardo della lunghezza prolungata dei procedimenti amministrativi erano state inefficaci nelle loro cause. Loro invocarono Articolo 13 della Convenzione che legge:
“Ognuno cui diritti e le libertà come insorga avanti [il] Convenzione è violata avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale nonostante che la violazione è stata commessa con persone che agiscono in una veste ufficiale.”
Ammissibilità di A.
125. La Corte nota che queste azioni di reclamo non sono manifestamente mal fondato all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che loro non sono inammissibili su qualsiasi gli altri motivi e deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Merits
1. Le parti le osservazioni di '
(un) I richiedenti
126. Tutti i richiedenti presentarono che siccome mostrato con le circostanze delle loro cause, la combinazione di via di ricorso sotto la Copertura l'Atto del 2002 e l'Atto del 2004 non potevano essere considerati “effettivo” all'interno del significato di Articolo 13 della Convenzione. Le via di ricorso come applicabile al tempo di materiale non era stato effettivo poiché loro non avevano dato luogo all'accelerazione dei procedimenti e non li avevano abilitati per ottenere il risarcimento appropriato.
127. I richiedenti ammisero che emendamenti alla Copertura che introduce via di ricorso nuove erano stati introdotti nel 2017. Comunque, quegli emendamenti erano irrilevanti per le loro cause, siccome loro fecero domanda a procedimenti avviati dopo 1 giugno 2017.
128. Il primo richiedente presentò inoltre che lui si era avvalso delle via di ricorso previsto per con l'Atto del 2002 ed aveva presentato un reclamo con una corte amministrativa. In replica, la corte amministrativa aveva ordinato la prima autorità di istanza per stabilire la causa entro due mesi. Comunque, nonostante che decidendo, non c'era stata nessuna accelerazione dei procedimenti.
129. Il secondo e terzi richiedenti sottolinearono che loro erano stati informati con le autorità su molte occasioni che una decisione non poteva essere emessa all'interno del tempo-limite legale ed un tempo-limite nuovo era stato esposto. Loro aguzzarono alle deficienze nell'il funzionare delle via di ricorso nazionali. In particolare, le autorità nazionali stavano facendo domanda la pratica difettosa di “la frammentazione di procedimenti” quando decidendo su azioni di reclamo della lunghezza di procedimenti. Nei richiedenti la causa di ', in replica alla loro azione di reclamo di 6 dicembre 2013 il Governatore di Mazowiecki aveva esaminato solamente il periodo dopo 26 agosto 2013, dopo che l'archivio di causa era stato rinviato all'autorità di primo-istanza (veda paragrafo 84 sopra).
130. Infine, il secondo e terzi richiedenti presentarono che loro si erano avvalsi su di varie via di ricorso molti anni in un tentativo di accelerare i procedimenti. Comunque, la combinazione di via di ricorso non li aveva abilitati per impedire ai procedimenti di divenire smodatamente lungo od ottenere il risarcimento appropriato. Loro sottolinearono anche che il molto fatto di presentare un reclamo della lunghezza dei procedimenti aveva contribuito significativamente alla loro lunghezza, come gli archivi di causa era stato spedito automaticamente all'autorità che tratta con l'azione di reclamo ed i procedimenti sui meriti erano stati sospesi. Non c'erano state nessuno regolamentazioni appropriate che avrebbero concesso i procedimenti sui meriti per essere continuato.
(b) Il Governo
131. Il Governo non fu d'accordo coi richiedenti le osservazioni di '. Loro sostennero che l'aggravamento di via di ricorso previde per con la Copertura, l'Atto del 2002 e l'Atto del 2004 era adeguato ed effettivo all'interno del significato di Articolo 13 della Convenzione. Loro si riferirono ai recenti emendamenti a quegli atti (veda divide in paragrafi 92-94 e 102-104 sopra).
132. Riguardo alla Copertura, il Governo si riferì ai meccanismi nuovi previsti per con l'emendamento di 2017.
133. Il Governo notò che gli ulteriori emendamenti erano stati introdotti per per limitare situazioni dove cause furono rinviate con un'autorità di secondo-istanza per revisione. Sotto quelle disposizioni, una parte a procedimenti potrebbe richiedere che il supplemento di autorità più alto la prova o istruisce l'autorità di primo-istanza a fare così.
134. Loro si riferirono anche ad un meccanismo nuovo da che cosa un ricorso potrebbe essere depositato contro una decisione che rinvia una causa per riesame (sprzeciw od decyzji kasatoryjnej). Tale ricorso sarebbe esaminato in una procedura amministrativa e semplificata. Questo, nella loro prospettiva ostacolerebbe lunghezza eccessiva di procedimenti e limiterebbe la pratica di rinvii ripetuti.
135. Il Governo elencò gli altri emendamenti alla Copertura mirata a migliorando ed accelerando procedimenti amministrativi. Quegli inclusero l'introduzione di un “l'accessorio extra” richiesta per revisione della causa relativo a decisioni date con ministri o autogoverno abborda di ricorso; una rinuncia del diritto per fare appello; la possibilità di notificare una decisione con vuole dire di un così chiamò “notificazione pubblica” (zawiadomienie publiczne); e l'introduzione di un “procedura silenziosa” (?sprawy di ?zaatwienie di milczce?) e “semplificò procedura” (postpowanie ?uproszczone). Era più infine, necessario per richiedere l'eliminazione di una violazione prima di depositare un ricorso con una corte amministrativa.
136. Riguardo all'Atto del 2002, il Governo indicò, che emendamenti erano stati adottati nel 2011 e 2015. In particolare, loro sottolinearono che facendo seguito agli emendamenti di 2015, le corti amministrative erano state accordate la competenza per assegnare direttamente il risarcimento alla parte ai procedimenti su conto dell'inattività o ritardo eccessivo nei procedimenti amministrativi.
137. Il Governo affermò che una parte a procedimenti amministrativi aveva accesso a via di ricorso effettive e numerose a livello di cittadino e che la Corte già aveva trovato che la combinazione di quelle via di ricorso era stata effettiva per il fine di Articolo 13 della Convenzione. In che il collegamento, loro si riferirono a cause precedenti contro la Polonia (Futro c. la Polonia (il dec.), n. 51832/99, 3 giugno 2003; Koodziej ?c. la Polonia (il dec), n. 47995/99, 18 ottobre 2005; Szabliska ?c. la Polonia (il dec.), n. 52462/99, 2 febbraio 2006; ed Oldzki ?c. la Polonia (il dec.), n. 13715/03, 4 gennaio 2008) in che la Corte aveva trovato che i richiedenti non erano riusciti ad usare via di ricorso nazionali e disponibili contro procedimenti lungo amministrativi.
138. Infine, il Governo sottolineò che il Comitato di Ministri del Consiglio dell'Europa, alla sua 1273 riunione sostenuta 6-8 dicembre 2016 aveva chiuso l'esecuzione di sentenze consegnata contro la Polonia in un gruppo di ottanta cause riguardo alla lunghezza di procedimenti amministrativi. Nella Cm Decisione del 2016, il Comitato di Ministri notò, che le misure generali adottarono con le autorità polacche aveva dimostrato il loro impegno a continuando sforzi di risolvere smodatamente lungo il problema di procedimenti amministrativi (veda paragrafo 119 sopra).
139. In conclusione, il Governo espresse la loro intenzione di continuare intentare necessarie cause del tutto ulteriori per fare procedimenti amministrativi più efficienti.
2. La valutazione della Corte
(un) principi di Generale che derivano dalla causa-legge della Corte
140. I principi attinenti relativo alla richiesta di Articolo 13 della Convenzione ad azioni di reclamo di una violazione del diritto ad un'udienza all'interno di un termine ragionevole sono stati esposti fuori in un numero di sentenze (veda, fra le altre autorità, Kuda?, citato sopra, § 157; Scordino (n. 1), citato sopra, §§ 182-89; Sürmeli c. la Germania ([GC], n. 75529/01, §§ 97 101 ECHR 2006 VII, con gli ulteriori riferimenti; Vassilios Athanasiou ed Altri c. la Grecia, n. 50973/08, § 55 21 dicembre 2010; e Ümmühan Kaplan c. la Turchia, n. 24240/07, § 72, 20 marzo 2012. Loro furono riaffermati recentemente nella sentenza di pilota Rutkowski ed Altri (citò sopra, §§ 172-175).
141. La Corte reitera, in particolare, che via di ricorso disponibile ad un contendente a livello nazionale per sollevare un'azione di reclamo della lunghezza di procedimenti è “effettivo” all'interno del significato di Articolo 13 della Convenzione se loro si possono usare o accelerare i procedimenti di fronte alle corti nazionali o fornire alla parte compensazione adeguata per ritardi che già sono accaduti. Dove un ordinamento giuridico nazionale ha fabbricato disposizione per portare un'azione contro lo Stato, tale azione deve rimanere una via di ricorso effettiva, sufficiente ed accessibile in riguardo della lunghezza eccessiva di procedimenti giudiziali. La sua sufficienza può essere colpita con ritardi eccessivi e può essere dipesa dal livello del risarcimento (veda Rutkowski ed Altri, citato sopra, § 173).
(b) la Richiesta dei principi sopra alle cause presenti
142. La Corte trova all'inizio che i richiedenti le azioni di reclamo di ' sono “difendibile” per i fini di Articolo 13 e che loro furono concessi ad una via di ricorso da che cosa loro potrebbero ottenere il sollievo appropriato per la violazione di Convenzione di fronte all'autorità nazionale, incluso il risarcimento per danno non-patrimoniale subito su conto di ritardi che erano accaduti nelle loro cause (veda Kuda?, citato sopra, § 157, e Rutkowski ed Altri, citato sopra, § 176).
143. Il Governo non contestò i richiedenti il diritto di ' ad un “via di ricorso effettiva” e, in conseguenza, il loro diritto per compensare per la violazione addusse. Nella loro prospettiva, l'aggravamento di via di ricorso previde comunque, per con la Copertura, l'Atto del 2002 e l'Atto del 2004 offrirono i richiedenti “compensazione appropriata e sufficiente.” In che contesto, loro si appellarono sulle direttive precedenti della Corte in cause polacche, mentre sostenne che una combinazione di via di ricorso progettò per accelerare i procedimenti amministrativi era stato riguardato come “via di ricorso effettive” (veda paragrafo 137 sopra).
144. I richiedenti contestarono che argomento, sostenendo che l'operazione di quelle via di ricorso era stata difettosa, in particolare come riguardi la possibilità di ostacolando smodatamente lungo procedimenti ed ottenere il risarcimento appropriato. Questo, nella loro prospettiva risultò da, fra le altre cose, le autorità nazionali ' pratica difettosa di limitare la valutazione della lunghezza di procedimenti allo stadio all'istanza corrente, senza prendere qualsiasi conto di ritardi precedenti, e la pratica di rinviare ripetutamente la causa all'autorità di primo-istanza (veda paragrafo 129 sopra).
145. La Corte già ha esaminato smodatamente lungo l'efficacia della combinazione di via di ricorso per procedimenti amministrativi e li ha fondati li trovati effettivo (veda, fra le altre autorità, Bukowski c. la Polonia (il dec.), n. 38665/97, 11 giugno 2002; Koss c. la Polonia, n. 52495/99, §§ 43-49 28 marzo 2006; Turczanik c. la Polonia, n. 38064/97, § 54 ECHR 2005 VI; Leon ed Agnieszka Kania c. la Polonia, n. 12605/03, §§ 89-90, 21 luglio 2009 e Derda c. la Polonia, n. 58154/08, § 58 1 giugno 2010). Quelle direttive furono basate sulle circostanze come stabilito al tempo di materiale. Comunque, poiché quelle direttive furono date la pratica delle autorità nazionali ha sviluppato. Le cause presenti rivelano il loro insuccesso per prendere conto di qualsiasi ritardi precedenti e la pratica di rinvii frequenti all'autorità di primo-istanza. Nella luce di quelle circostanze, la Corte vede la buon causa per riconsiderare la sua posizione precedente sull'efficacia di una combinazione di via di ricorso per azioni di reclamo che concernono smodatamente lungo procedimenti amministrativi.
(i) Come riguardi la Copertura
146. La Corte osserva che in Polonia una parte a procedimenti amministrativi può depositare un ricorso sotto Articolo 37 della Copertura per esortare l'autorità attinente ad emettere una decisione all'interno dei tempo-limiti attinenti (veda paragrafo 89 sopra).
147. Siccome mostrato coi fatti delle cause presenti, i richiedenti si avvalsero delle via di ricorso previsto per con la Copertura su occasioni numerose. Benché tempo-limiti nuovi per trattare con le cause furono fissati, quelle azioni di reclamo non diedero luogo all'accelerazione dei richiedenti le cause di ', come le autorità competenti attenersi coi tempo-limiti di recente fissati andò a vuoto ripetutamente. Inoltre, simile inadempienza non aveva conseguenze per o le autorità amministrative in oggetto o gli ufficiali che agiscono sul loro conto (veda divide in paragrafi 32-35, 39 40, 42 44, 45 81 - 83 e 85 sopra).
148. La Corte ammette che emendamenti significativi sono stati introdotti recentemente alla Copertura ed un numero di procedure mirati a semplificando ed accelerando la procedura amministrativa è stato introdotto (veda divide in paragrafi 92-94 sopra). Come indicato col Governo, è probabile che questi meccanismi nuovi ostacolino smodatamente lungo procedimenti amministrativi (veda divide in paragrafi 133-136 sopra).
149. La Corte dà il benvenuto quelle recenti iniziative legislative ma ciononostante osserva che le procedure nuove non potessero rimediare ai richiedenti la situazione di ' siccome loro fanno domanda solamente a procedimenti avviati dopo 1 giugno 2017. In qualsiasi l'evento, i funzionare delle procedure nuove devono essere valutati nella luce di sviluppi in pratica nazionale.
150. La Corte considera che nelle circostanze dei richiedenti le cause di ', le via di ricorso previdero per con la Copertura, come applicabile al tempo di materiale, vale a dire di fronte a 1 giugno 2017, non rappresenti smodatamente lungo via di ricorso effettive per procedimenti amministrativi.
(l'ii) Come riguardi l'Atto del 2002
151. La Corte osserva che in cause dove un'autorità va a vuoto ad attenersi coi tempo-limiti attinenti previde per con la Copertura, è possibile sotto l'Atto del 2002 (prima sotto l'Atto del 1995) presentare un reclamo con una corte amministrativa che adduce l'inattività da parte di che autorità o ritardo eccessivo nel condurre i procedimenti (veda divide in paragrafi 95-98 sopra).
152. Attualmente, se una corte amministrativa considera bene simile azione di reclamo fondata, oltre ad imponendo su un'autorità amministrativa un obbligo per agire in una certa maniera può dare anche una decisione sulla sostanza della causa (veda paragrafo 102 sopra). Inoltre, può eccellente l'autorità amministrativa per omissione di atto e per ritardo eccessivo, e può costituire anche direttamente simile autorità responsabile il pagamento del risarcimento ad un richiedente (veda paragrafo 103 sopra). Questo meccanismo è di nuovo disponibile se un'autorità amministrativa va a vuoto ad implementare una sentenza di corte che concede un'azione di reclamo dell'inattività (veda paragrafo 104 sopra).
153. Il primo richiedente aveva ricorso a quel la via di ricorso. La sua azione di reclamo che adduce l'inattività diede luogo ad una sentenza del Cracow Corte amministrativa Regionale di 16 febbraio 2007 che inveterato che c'era stato davvero un ritardo nei procedimenti. Nonostante che decisione, non c'era accelerazione nei procedimenti (veda divide in paragrafi 37-39 sopra). Allo stesso tempo, la Corte nota con soddisfazione che la Corte Regionale non si limitò a valutando la scorsa tappa dei procedimenti, ma esaminò la loro lunghezza complessiva nonostante il fatto che c'erano stati molti rinvii (veda paragrafo 38 sopra). Fece domanda così correttamente gli standard attinenti in conformità ai principi incarnati nella causa-legge della Corte (veda Majewski c. la Polonia, n. 52690/99, § 36, 11 ottobre 2005, e Rutkowski ed Altri, citato sopra, § 213).
154. La Corte osserva inoltre che il secondo e terzi richiedenti non si avvalsero della via di ricorso previsto per con l'Atto del 2002.
155. Comunque, in questo riguardo a, la Corte osserva che la possibilità di chiedere smodatamente lungo il risarcimento per procedimenti amministrativi fu introdotta solamente con gli emendamenti di 2015 che entrarono in vigore 15 agosto 2015.
156. Nella causa del primo richiedente, l'azione di reclamo sotto l'Atto del 2002 fu resa di fronte all'adozione dei 2015 emendamenti. Come riguardi, il secondo e terzi richiedenti, i procedimenti nella loro causa sono stati pendenti di fronte alle corti amministrative fin da dicembre 2014 (veda divide in paragrafi 73 79 sopra). La via di ricorso compensativa prevista per con gli emendamenti di 2015 non era perciò, al tempo attinente disponibile ai richiedenti.
157. La Corte nota che, come sé sembra dalle informazioni statistiche prodotte col Governo, fin dall'adozione degli emendamenti di 2015 le corti stanno facendo assegnazioni a parti a procedimenti amministrativi che si sono lamentati della loro lunghezza. Comunque, il Governo non previde qualsiasi informazioni particolareggiate sugli importi del risarcimento assegnate con le corti amministrative, o il numero di cause nel quale simile risarcimento era stato accordato. Loro indicarono soltanto le somme totali assegnate ad individui in un anno solare (veda divide in paragrafi 116 118 sopra). Di conseguenza, non è possibile stabilire la somma media del risarcimento per causa, o il minimo ed assegnazioni di massimo. Per quelle ragioni, l'operazione della via di ricorso compensativa e la pratica delle autorità nazionali in questo riguardo non può essere stabilita ancora.
158. Sembrerebbe così che nelle circostanze dei richiedenti le cause di ', le via di ricorso previdero per con l'Atto del 2002, come applicabile al tempo di materiale, vale a dire di fronte a 15 agosto 2015, non rappresenti una via di ricorso effettiva per le loro azioni di reclamo della lunghezza eccessiva dei procedimenti amministrativi. Comunque, la posizione della Corte può essere soggetto a revisione nel futuro, e l'onere della prova come all'efficacia della via di ricorso in resti di pratica sul Governo polacco.
(l'iii) Come riguardi l'Atto del 2004
159. Come ritardi di riguardi di fronte alle corti amministrative, la Corte nota, che una parte a procedimenti amministrativi e giudiziali può presentare un reclamo con la Corte amministrativa Suprema sotto l'Atto del 2004. Sotto le disposizioni attinenti, se la corte trova una violazione del “il termine ragionevole” il requisito, può assegnare il risarcimento alla parte (veda divide in paragrafi 107 109 sopra).
160. È vero che il primo richiedente non si avvalse di quel la via di ricorso. Comunque, non era appropriato nelle circostanze della sua causa che è stata pendente principalmente di fronte alle autorità amministrative.
161. Il secondo e terzi richiedenti l'azione di reclamo di ' sotto l'Atto del 2004 fu respinta 19 gennaio 2017 come mancando prova. La Corte amministrativa Suprema considerò che i richiedenti non erano riusciti a chiedere un esame veloce della loro azione di reclamo e celebre che tutte le cause furono esaminate in conformità con la data di registrazione. Comunque, la Corte nota che la Corte amministrativa Suprema non esaminò la lunghezza complessiva dei procedimenti amministrativi e giudiziali ma limitò la sua valutazione all'istanza corrente e trascurò il periodo durante il quale la causa era stata pendente di fronte alla Corte Regionale (veda paragrafo 87 sopra).
162. La Corte reitera che percepì la pratica di “la frammentazione di procedimenti” già fece domanda con le corti nazionali come incompatibile con Articolo 6 § 1 all'inizio dell'operazione dell'Atto del 2004, e portò la questione all'attenzione dello Stato polacco. Era nel Majewski c. sentenza di Polonia, consegnò 11 ottobre 2005, che la Corte ricordò alle autorità polacche prima che “come sé il ha[d] già indicò su un grande numero di occasioni, la ragionevolezza della lunghezza dei procedimenti deve essere valutata nella luce delle particolari circostanze della causa presa nell'insieme. Il consist[ed di approccio della Corte] nell'esaminare la lunghezza complessiva di procedimenti e nel coprire tutti gli stadi dei procedimenti” (veda Majewski, citato sopra, § 35). Nella luce di che sentenza, sarebbe dovuto essere chiaro per le autorità nazionali che una distribuzione di corte con un'azione di reclamo sotto l'Atto del 2004 deve considerare l'interezza dei procedimenti e tutti i loro stadi (veda Rutkowski ed Altri, citato sopra, § 213).
163. La Corte indica anche che già ha esaminato l'efficacia di un'azione di reclamo sotto l'Atto del 2004 nel contesto di procedimenti civili e penali nella sentenza di pilota nella causa di Rutkowski ed Altri (citò sopra, §§ 161-186) e trovò solamente una violazione di Articolo 13 su conto della mancanza dell'efficacia di questa via di ricorso nel suo aspetto compensativo (l'ibid., §§ 179-186). ?Notò successivamente nella sua decisione in Zauska comunque, che un numero di problemi che erano stati la causa di radice della violazione di Articolo 6 § 1 ed Articolo 13 della Convenzione trovato nella sentenza di pilota era stato rivolto con gli emendamenti attinenti (veda Zauska, citato sopra, § 44). Concluse inoltre che il Governo polacco, con le varie misure adottate in attuazione dei Rutkowski ed Altri sentenza e le misure legislative siccome promesso nelle loro dichiarazioni, dimostrò un impegno attivo ed affidabile per prendere misure intese di rimediare ai difetti sistematici nella legislazione polacca e pratica giudiziale identificò con la Corte nella sua sentenza di pilota.
164. In prospettiva delle considerazioni sopra, i costatazione di Corte che, nonostante i difetti in approccio delle corti nazionali nelle cause presenti (veda paragrafo 161 sopra), la via di ricorso sotto l'Atto del 2004, dopo che le misure adottarono implementare il Rutkowski ed Altri che sentenza, da solo sembra essere anche smodatamente lungo effettiva, sufficiente ed accessibile in riguardo di procedimenti amministrativi e giudiziali.
(l'iv) la Conclusione
165. La Corte osserva che i richiedenti avevano alla loro disposizione un numero di via di ricorso nazionali per il presumibilmente lungo procedimenti amministrativi. Durante rispettivamente sedici e diciassette anni dei procedimenti nelle loro cause, loro si avvalsero di molte via di ricorso diverse ai vari stadi dei procedimenti. Comunque, nessune di quelle via di ricorso, o individualmente o in combinazione, diede luogo all'accelerazione dei procedimenti o propose la compensazione richiesta ai richiedenti.
166. Nella luce di tutte le considerazioni precedenti, la Corte non è soddisfatta, che l'aggravamento delle via di ricorso legali e summenzionate può essere considerato una via di ricorso legale ed effettiva nelle circostanze delle cause presenti.
167. La Corte perciò i costatazione che i richiedenti non avevano accesso ad un “via di ricorso effettiva” in riguardo delle loro azioni di reclamo sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione.
168. Di conseguenza, la Corte respinge l'eccezione preliminare del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali (veda paragrafo 121 sopra) e sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 13 in concomitanza con Articolo 6 § 1 della Convenzione.
IV. VIOLAZIONE ALLEGATO DI ARTICOLO 6 § 1 DI LA CONVENZIONE
169. Articolo 6 § 1 della Convenzione, in finora come attinente, legge siccome segue:
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è concesso un... ascolti all'interno di un termine ragionevole con [un]... tribunale...”
Principi di Generale di A. che derivano dalla causa-legge della Corte
170. I principi generali relativo al “il termine ragionevole” garantisca di Articolo 6 § 1 della Convenzione furono riaffermati recentemente nella sentenza di pilota di Rutkowski ed Altri (citò sopra, §§ 126-128). La Corte reitera che la ragionevolezza della lunghezza di procedimenti deve essere valutata nella luce delle particolari circostanze della causa ed avendo riguardo ad al criterio posato in giù nella causa-legge della Corte, in particolare la complessità della causa e la condotta del richiedente e delle autorità attinenti. Sul punto secondo che che è in pericolo per il richiedente doveva essere preso anche in considerazione (veda ibid., e Kuda ?c. la Polonia [GC], n. 30210/96, § 124 ECHR 2000 XI).
Causa di B. del Sig. Wciso?
171. Il richiedente si lamentò Articolo 6 § 1 della Convenzione sotto che la lunghezza dei procedimenti amministrativi nella sua causa era stata eccessiva.
1. Ammissibilità
172. La Corte nota che questa parte della richiesta non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione e che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
2. Meriti
(un) Periodo per essere preso nell'esame
173. La Corte osserva che i procedimenti amministrativi nella causa presente furono avviati 20 luglio 2000 (veda paragrafo 8 sopra). Il periodo per essere preso nell'esame cominciò solamente comunque, 5 giugno 2002 quando il richiedente fece appello contro la decisione dell'Ispettore in Distretto (veda paragrafo 11 sopra). Era poi che un “la controversia” all'interno del significato di Articolo 6 § 1 sorse (veda, per esempio, Janssen c. la Germania, n. 23959/94, § 40 20 dicembre 2001; Mitkova c. la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia, n. 48386/09, § 49 15 ottobre 2015; e Cristiano Chiesa battista in Wrocaw ?c. la Polonia, n. 32045/10, § 85 5 aprile 2018). I procedimenti ancora sono pendenti. Loro sono durati perciò finora più di sedici anni. Durante che tempo la causa fu esaminata molte volte con autorità amministrative a due livelli e con una corte amministrativa regionale.
(b) la Ragionevolezza della lunghezza di quel periodo
(i) Le parti
174. Il richiedente presentò che i procedimenti nella sua causa erano stati smodatamente lungo e che non c'era giustificazione per il loro ritardo.
175. Il Governo non fece commento sui meriti dell'azione di reclamo.
(l'ii) la valutazione di La Corte
176. La Corte accetta che è probabile che la causa presente avrebbe presentato delle difficoltà per le autorità amministrative e nazionali, particolarmente siccome opinioni competenti dovevano essere ottenute ed anche fin dalle parti ai procedimenti continuarono a cambiare.
177. Avendo riguardo ad alla prova disponibile, i costatazione di Corte che il richiedente non ha contribuito alla lunghezza complessiva dei procedimenti. Sul contrario, lui tentò di accelerare i procedimenti in molti modi (veda divide in paragrafi 32, 33, 35 37 e 39 sopra).
178. Come riguardi la condotta delle autorità attinenti, la Corte nota che su molte occasioni l'Ispettore Regionale annullò le decisioni dell'autorità di primo-istanza e rinviò la causa su motivi procedurali (veda divide in paragrafi 12, 15 18 e 24 sopra). In particolare, l'Ispettore Regionale rinviò due volte la causa (il 2003 e 10 febbraio 2004 di 18 giugno) perché su sia occasioni che l'Ispettore in Distretto aveva indicato erroneamente i proprietari obbligarono ad intraprendere lavoro di edificio (veda divide in paragrafi 15 e 18 sopra). La Corte considera in che riguardo a che fin dal rinvio di cause per esame di re è ordinato come un risultato di errori commesso con autorità più basse di solito, la ripetizione di simile ordini all'interno di uno esposto di procedimenti rivela una deficienza seria nell'operazione dell'ordinamento giuridico (veda, fra molti altri, Wierciszewska c. la Polonia, n. 41431/98, § 46, 25 novembre 2003, e Vlad ed Altri c. la Romania, N. 40756/06 e 2 altri, § 133 26 novembre 2013).
179. Inoltre, la Corte osserva che c'erano molti periodi dell'inattività nei procedimenti. Con modo di esempio, nota, che seguendo il rinvio della causa 24 ottobre 2002, prese l'Ispettore in Distretto quasi sei mesi per emettere una decisione (veda paragrafo 13 sopra). C'era successivamente, un periodo di sette mesi dell'inattività fra la decisione del Sindaco di 25 luglio 2005 e la decisione dell'Ispettore in Distretto di 21 febbraio 2006 (veda divide in paragrafi 19 e 20 sopra). La Corte nota inoltre che c'erano gli altri periodi inspiegati dell'inattività nei procedimenti susseguenti, come un periodo dell'anni di quasi due e mezza fra 30 luglio 2009 quando un'ispezione del luogo fu contenuta, e la decisione dell'Ispettore in Distretto di 8 dicembre 2011 (veda divide in paragrafi 25 e 26 sopra). C'era infine, un periodo di quasi quattro anni dell'inattività quando la causa era di fronte all'Ispettore Regionale (da 27 dicembre 2011 sino a 26 ottobre 2015) (veda divide in paragrafi 27 e 28 sopra).
180. Dato che il Governo non previde qualsiasi ragione che giustifica la lunghezza complessiva dei procedimenti, la Corte non può ma trova che il richiedente fu privato del suo diritto ad un “ascolti all'interno di un termine ragionevole.”
181. Le considerazioni precedenti sono sufficienti per abilitare la Corte per concludere che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione su conto della lunghezza eccessiva dei procedimenti.
Causa di C. di Mega ed il Sig. Cabaj
182. I richiedenti si lamentarono Articolo 6 § 1 della Convenzione sotto che la lunghezza dei procedimenti amministrativi nella loro causa era stata eccessiva.
1. Ammissibilità
183. La Corte nota che questa parte della richiesta non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione e che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
2. Meriti
(un) Periodo per essere preso nell'esame
184. La Corte osserva che i procedimenti amministrativi nella causa presente furono avviati 23 febbraio 2001 (veda paragrafo 51 sopra). Il periodo per essere preso nell'esame cominciò solamente comunque, in 7 maggio 2001 quando un ricorso contro la decisione del Sindaco fu depositato (veda paragrafo 53 sopra). Era poi che un “la controversia” all'interno del significato di Articolo 6 § 1 sorse (veda, per esempio, Janssen, citato sopra, § 40; Mitkova, citato sopra, § 49; e Cristiano Chiesa battista in Wrocaw?, citato sopra, § 85). I procedimenti ancora sono pendenti. Loro sono durati perciò finora più di diciassette anni. Durante che tempo la causa fu esaminata molte volte con autorità amministrative a livelli diversi e con due istanze delle corti amministrative.
(b) la Ragionevolezza della lunghezza di quel periodo
Le parti
185. I richiedenti presentarono che i procedimenti nella loro causa erano stati smodatamente lungo e che non c'era giustificazione per la loro lunghezza complessiva. La causa non era complessa e loro non avevano contribuito a qualsiasi i ritardi. I ritardi nei procedimenti erano stati causati con molti periodi dell'inattività, una mancanza di diligenza da parte delle autorità e la pratica di riferirsi di nuovo ripetutamente la causa all'autorità di primo-istanza.
186. Il Governo non fece commento sui meriti dell'azione di reclamo.
(il c) la valutazione di La Corte
187. La Corte accetta la contesa di ' i richiedenti che la loro causa non comportò problemi complessi di fatto e diritto, anche se il valore della terra espropriata doveva essere determinato con stimatori di vero-appezzamento di terreno. Benché la presa di consulenza tecnica necessariamente impieghi tempo, questo fatto nella prospettiva della Corte non può spiegare il ritardo di diciassette anni nella causa presente da solo.
188. La Corte osserva che non c'è nessuna indicazione che i richiedenti hanno contribuito in qualsiasi modo alla lunghezza dei procedimenti. Su molte occasioni loro tentarono di accelerare i procedimenti sul contrario, (veda divide in paragrafi 80, 83 e 86 sopra).
189. Come riguardi la condotta delle autorità attinenti, la Corte nota che seguendo tre rinvii su motivi procedurali, i richiedenti che la causa di ' è stata esaminata su quattro occasioni con l'autorità di primo-istanza. Sembra che il Sindaco si appellò ripetutamente su rapporti di valutazione che non erano stati preparati in conformità con le disposizioni legali ed attinenti (veda divide in paragrafi 66, 70 e 74 sopra). In che il collegamento, la Corte osserva che la Corte amministrativa Suprema notò espressamente che l'istanza più bassa non aveva seguito le sue indicazioni chiare date in una sentenza precedente (veda paragrafo 76 sopra). Reitera inoltre che la ripetizione di ordini per esame di re all'interno di uno esposto di procedimenti rivela una deficienza seria nell'operazione dell'ordinamento giuridico (veda, fra molti altri, Wierciszewska citato sopra, § 46).
190. Inoltre, la Corte osserva che periodi significativi dell'inattività accaddero nei procedimenti in questione. Per istanza, seguendo il rinvio della causa 25 aprile 2007, prese il Sindaco dieci mesi per determinare un importo nuovo del risarcimento (veda divide in paragrafi 57 e 58 sopra). Ci vollero poi ventidui mesi per la Corte amministrativa Suprema per esaminare i richiedenti ' ricorso di cassazione prima (veda divide in paragrafi 67 e 68 sopra) e diciotto mesi per esaminare il loro secondo ricorso di cassazione (veda divide in paragrafi 75 e 76 sopra). Sembrerebbe che durante quelli periodi, la Corte amministrativa Suprema rimase inattiva e la causa stava giacendo semplicemente l'attesa inattiva per una data di udienza per essere elencato (veda paragrafo 87 sopra).
191. Dato che il Governo non previde qualsiasi la giustificazione per il ritardo nell'esame dei richiedenti la causa di ', la Corte non può ma trova che loro furono privati del loro diritto ad un “ascolti all'interno di un termine ragionevole.”
192. Le considerazioni precedenti sono sufficienti per abilitare la Corte per concludere che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione su conto della lunghezza eccessiva dei procedimenti.
C. ADDUSSE VIOLAZIONE DI ARTICOLO 1 DI PROTOCOLLO N. 1 A LA CONVENZIONE
193. Tutti i richiedenti si lamentarono che la lunghezza eccessiva dei procedimenti amministrativi nelle loro cause aveva costituito una violazione del loro diritto a proprietà facendo seguito ad Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che legge siccome segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Ammissibilità di A.
194. La Corte nota che queste azioni di reclamo non sono manifestamente mal fondato all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che loro non sono inammissibili su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili.
B. Merits
1. Causa del Sig. Wcislo
195. La Corte osserva che le azioni di reclamo del richiedente già sono state esaminate sotto Articolo 6 § 1 (veda paragrafo 181 sopra). Di conseguenza, avendo riguardo ad alla sua sentenza sotto che disposizione, la Corte considera che non è necessario per esaminare se c'è stata anche una violazione separata di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (veda Zanghì c. l'Italia, 19 febbraio 1991, § 23 la Serie Un n. 194-C, p. 47, e Beller c. la Polonia, n. 51837/99, § 74 1 febbraio 2005).
2. Causa di Mega ed il Sig. Cabaj
196. La Corte considera che le circostanze di questa causa lo costringono ad abbandonare dalla sua pratica di non determinare un'azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 separatamente una volta una violazione di Articolo 6 § 1 è stato trovato (veda paragrafo 195 sopra), poiché nella causa presente il ritardo nel pagamento del risarcimento ai richiedenti ancora persiste (veda Czajkowska ed Altri c. la Polonia, n. 16651/05, § 47 13 luglio 2010).
197. Più importantemente, la Corte nota che le autorità nazionali confermarono inequivocabilmente che i richiedenti furono concessi al risarcimento per la privazione della loro proprietà (veda divide in paragrafi 47-49 sopra). La sostanza dei richiedenti la rivendicazione di ' non è stata contestata mai e la controversia in corso concerne solamente l'importo esatto del risarcimento per essere pagata (veda paragrafo 51 sopra).
198. La Corte già ha trovato che i procedimenti amministrativi relativo ai richiedenti ' chiede per il risarcimento era durato per un irragionevolmente tempo lungo (veda paragrafo 192 sopra). Nella prospettiva della Corte, il fatto che i richiedenti sono stati espropriati e non sono stati ricevuti ancora il risarcimento previsto per con diritto nazionale costituisce un carico eccessivo che ha sconvolto l'equilibrio equo che doveva essere previsto fra le richieste dell'interesse pubblico e la protezione del diritto a godimento tranquillo di proprietà (veda Kuni ?c. Croatia, n. 22344/02, § 67, 11 gennaio 2007, e Czajkowska ed Altri, citato sopra, § 62, 13 luglio 2010).
199. C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
VI. La richiesta Di Articolo 41 Di La Convenzione
200. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se i costatazione di Corte che c'è stata una violazione della Convenzione o i Protocolli inoltre, e se la legge interna della Parte Contraente ed Alta riguardasse permette a riparazione solamente parziale di essere resa, la Corte può, se necessario, riconosca la soddisfazione equa alla vittima.”
A. Damage
1. Causa del Sig. Wciso?
201. Il richiedente chiese 23,351.94 euros (EUR) in riguardo di danno patrimoniale, vale a dire per il risarcimento per perdita di profitto su conto del fatto che lui non era stato capace di affittare due dei suoi appartamenti a causa di un sistema di ventilazione difettoso causò con eseguì impropriamente lavoro. Lui disse anche EUR 15,000 in riguardo di danno non-patrimoniale causato con la lunghezza eccessiva dei procedimenti nella sua causa.
202. Il Governo contestò quelle rivendicazioni. Riguardo al danno patrimoniale chiesto, loro indicarono, che i procedimenti nazionali ancora erano pendenti. In oltre, il richiedente non era riuscito a presentare qualsiasi documenti attinenti in appoggio della sua rivendicazione.
203. La Corte non discerne qualsiasi collegamento causale fra la violazione fondò ed il danno patrimoniale addusse; respinge perciò questa rivendicazione. D'altra parte considera che il richiedente ha dovuto subire non danno patrimoniale su conto della lunghezza eccessiva dei procedimenti nella sua causa. Gli assegna perciò EUR 13,000 in riguardo di danno non-patrimoniale.
2. Causa di Mega ed il Sig. Cabaj
204. I richiedenti chiesero 280,000 zlotys polacchi (PLN) (verso EUR 66,000) insieme con interesse legale nell'importo di PLN 71,733.70 (verso EUR 17,079) in riguardo di danno patrimoniale, vale a dire il risarcimento per la terra espropriata in oggetto. Loro dissero anche EUR 15,000 in riguardo di danno non-patrimoniale causato con la lunghezza eccessiva dei procedimenti nella loro causa.
205. Il Governo contestò quelle rivendicazioni. Riguardo al danno patrimoniale chiesto, loro affermarono, che i procedimenti nazionali ancora erano pendenti e perciò qualsiasi rivendicazioni erano premature.
206. Nelle circostanze della causa presente, determinato la controversia in corso riguardo al valore della terra espropriata, la Corte considera che la questione del risarcimento per danno patrimoniale non è pronta per decisione. È perciò necessario per riservare la questione, dovuto riguardo ad essere aveva alla possibilità di un accordo fra lo Stato rispondente ed i richiedenti (l'Articolo 75 §§ 1 e 4 degli Articoli di Corte).
207. D'altra parte la Corte considera che i richiedenti hanno dovuto subire non danno patrimoniale su conto della lunghezza eccessiva dei procedimenti nella loro causa. Assegna loro perciò EUR 10,400 in riguardo di danno non-patrimoniale.
Costi di B. e spese
208. Secondo la causa-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum.
1. Causa del Sig. Wciso?
209. Il richiedente chiese EUR 2,000 per i costi e spese incorse in di fronte alla Corte. In appoggio lui presentò dettagli particolareggiati della sua rivendicazione, mentre comportando trenta-cinque ore di lavoro legale (sei ore per l'esame preliminare; due ore per preparazione di una forma di autorità; due ore per la consultazione col cliente; ed il ' di venticinqui ore per preparazione di osservazioni).
210. Il Governo contestò la rivendicazione per motivi che il richiedente non aveva allegato una fattura dal suo avvocato.
211. La Corte reitera che in ordine per costi e spese deve essere stabilito per essere rimborsato sotto Articolo 41, che loro davvero e necessariamente erano incorsi in ed erano ragionevoli come a quantum (veda, per esempio, Nilsen e Johnsen c. la Norvegia [GC], n. 23118/93, § 62 ECHR 1999-VIII). Nella conformità con Articolo 60 § 2 degli Articoli di Corte, dettagli particolareggiati di tutte le rivendicazioni devono essere presentati, mentre fallendo la Camera può respingere quale la rivendicazione in intero o in parte.
212. Al giorno d'oggi la causa, riguardo ad essere aveva ai documenti nella sua proprietà ed il criterio sopra, la Corte lo considera ragionevole assegnare la somma di EUR 2,000 per costi e spese per i procedimenti di fronte alla Corte.
2. Causa di Mega ed il Sig. Cabaj
213. I richiedenti chiesero un totale di PLN 21,941 per i costi e spese incorse in di fronte alle corti nazionali e per quegli incorsi in di fronte alla Corte. Che somma incluse PLN 12,423 (verso EUR 2,958) per rappresentanza legale di fronte alla Corte. Loro presentarono fatture da avvocati così come una fattura da un stimatore di vero-appezzamento di terreno competente che aveva preparato un'opinione sull'importo di interesse scaduto legale sulla rivendicazione di risarcimento.
214. Il Governo contestò la rivendicazione. In particolare, loro notarono che il calcolo dell'interesse legale non aveva richiesto i servizi di un esperto.
215. Al giorno d'oggi la causa, riguardo ad essere aveva ai documenti nella sua proprietà ed il criterio sopra, la Corte respinge la rivendicazione per costi e spese nei procedimenti nazionali e lo considera ragionevole assegnare la somma di EUR 2,958 per i procedimenti di fronte alla Corte.
Interesse di mora di C.
216. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE, UNANIMAMENTE
1. Decide di congiungere le richieste;

2. Congiunge ai meriti dell'azione di reclamo sotto Articolo 13 della Convenzione l'eccezione di non-esaurimento del Governo in relazione all'azione di reclamo sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione e rifiuti sé;

3. Dichiara le richieste ammissibile;

4. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 13 della Convenzione in concomitanza con Articolo 6 § 1 della Convenzione;

5. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione;

6. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione in riguardo della causa di Mega ed il Sig. Cabaj;

7. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione in riguardo della causa del Sig. Wciso;?

8. Sostiene
(un) che lo Stato rispondente è pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione gli importi seguenti in riguardo di danno non-patrimoniale e costa e spese, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su quegli importi, essere convertito in zlotys polacco al tasso applicabile alla data di accordo:
(i) EUR 13,000 (tredici mila euros) in riguardo di non danno patrimoniale ed EUR 2,000 (due mila euros) per costi e spese in riguardo del Sig. Wciso;?
(l'ii) EUR 10,400 (dieci mila quattrocento euros) in riguardo di non danno patrimoniale ed EUR 2,958 (due mila novecento e cinquanta-otto euros) per costi e spese a Mega ed il Sig. Cabaj;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

9. Sostiene che la questione della richiesta di Articolo 41 della Convenzione in finora come danno patrimoniale che è il risultato della violazione trovato nella causa presente in riguardo del secondo e terzi richiedenti riguarda non è pronto per decisione, e di conseguenza:

(un) le riserve la questione detta in quel il riguardo;

(b) invita il Governo ed i richiedenti summenzionati a presentare, entro tre mesi della data sui quali la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione le loro osservazioni scritto sulla questione e notificare la Corte di qualsiasi accordo al quale loro possono giungere;

(il c) le riserve l'ulteriore procedura e delegati al Presidente della Camera il potere per fissare lo stesso se bisogno è.

10. Respinge il resto dei richiedenti che ' chiede per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 8 novembre 2018, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Abel Campos Linos-Alexandre Sicilianos
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è giovedì 02/04/2020.