Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF PROVENZANO v. ITALIE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41,03,34

NUMERO: 55080/13/2018
STATO: Italia
DATA: 25/10/2018
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion(s)
Preliminary objections dismissed (Art. 34) Individual applications
(Art. 34) Locus standi
No violation of Article 3 - Prohibition of torture (Article 3 - Degrading treatment
Inhuman treatment) (Substantive aspect)
Violation of Article 3 - Prohibition of torture (Article 3 - Degrading treatment
Inhuman treatment) (Substantive aspect)
Non-pecuniary damage - finding of violation sufficient (Article 41 - Non-pecuniary damage
Just satisfaction)


FIRST SECTION





CASE OF PROVENZANO v. ITALY

(Application no. 55080/13)









JUDGMENT




STRASBOURG

25 October 2018


FINAL

25/01/2019

This judgment has become final under Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Provenzano v. Italy,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Linos-Alexandre Sicilianos, President,
Kristina Pardalos,
Guido Raimondi,
Krzysztof Wojtyczek,
Ksenija Turkovi?,
Armen Harutyunyan,
Jovan Ilievski, judges,
and Renata Degener, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 25 September 2018,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 55080/13) against the Italian Republic lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by the son and the partner of an Italian national, Mr Bernardo Provenzano (“the applicant”). The application was lodged on the applicant’s behalf on 25 July 2013. The applicant died on 13 July 2016. On 11 August 2016 the applicant’s son, Mr Angelo Provenzano, expressed the wish to pursue the proceedings before the Court.
2. The applicant was represented by Mrs R.A. Di Gregorio, a lawyer practising in Palermo. The Italian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mrs E. Spatafora, and their co-Agent, Mrs M.L. Aversano.
3. The applicant alleged, in particular, that he had not received adequate medical care in prison and that the continued imposition of the special prison regime to which he was subjected, notwithstanding his health status, breached his rights under Article 3 of the Convention..
4. On 6 July 2016 the complaints concerning Article 3 were communicated to the Government, and the remainder of the application was declared inadmissible pursuant to Rule 54 § 3 of the Rules of Court.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1933 and was detained in Milan up to the time of his death in 2016.
A. Background to the case
6. The applicant, who had been a fugitive on the run from the authorities (latitante) for over forty years, was arrested on 11 April 2006.
7. Several sets of criminal proceedings were brought against the applicant, as a result of which he was sentenced to several terms of life imprisonment for, amongst other offences, membership of a mafia-type criminal organisation, mass murder (strage), multiple homicide, aggravated attempted homicide, drug trafficking, kidnapping, criminal coercion, aggravated theft, and the illegal possession of firearms.
8. Other criminal proceedings against the applicant were ongoing at the time the application was lodged before the Court. In the context of one such set of proceedings, on 7 December 2012 the preliminary hearing judge (giudice dell’udienza preliminare, hereafter “the GUP”) of the Palermo District Court ordered an expert evaluation of the applicant’s health in order to assess his ability to understand and participate rationally in the preliminary hearing.
9. On 12 December 2012 the court-appointed experts carried out a first examination. However, they were unable to undertake further assessments, because on 17 December 2012 the applicant underwent surgery to remove a subdural haematoma, and was then in recovery (see paragraph 25 below). Based on their first examination conducted before the surgery and the applicant’s past medical records, the experts nonetheless reported that the applicant had displayed reduced consciousness and responsiveness to his surroundings, as well as a limited ability to express himself.
10. By an order of 8 January 2013 the GUP adjourned the proceedings against the applicant until such time as he had recovered from the surgery.
11. Following a documented improvement in his condition, the GUP ordered a new expert evaluation, which was carried out on 1 March 2013. The experts found that the applicant’s cognitive situation impaired his ability to interact with the outside world and communicate in a coherent and meaningful manner. They thus concluded that the applicant was not in a condition to consciously participate in the preliminary hearing.
12. By an order of 5 March 2013 the GUP suspended the proceedings against the applicant.
13. On 21 May 2014 the Guardianship Judge at the Milan District Court issued a guardianship order appointing the applicant’s son, Angelo Provenzano, as his limited guardian (amministratore di sostegno). The court observed that the applicant’s son had previously been appointed as the applicant’s legal guardian following the applicant’s being sentenced to life imprisonment and the consequent legal incapacitation such a sentence entailed under domestic law. For the purposes of the proceedings before it, the court gave the applicant’s son authority over decisions that concerned his health-care and personal assistance needs. The court also authorised the applicant’s son to be served with the applicant’s legal correspondence, and conferred upon him the power to appoint counsel in criminal and civil proceedings. On 27 May 2014 Angelo Provenzano was sworn in as the applicant’s guardian.
14. The applicant was detained in several Italian correctional facilities. According to the material in the case file, he was detained in the Novara Correctional Facility from an unspecified date until 27 April 2011, when he was transferred to the Parma Correctional Facility. On 7 June 2013 he was admitted to the correctional wing (reparto protetto) of Parma General Hospital, where he remained until his transfer to the Treatment and Diagnostic Centre (centro diagnostico terapeutico) of the Milan Opera Correctional Facility on 5 April 2014. On 9 April 2014 he was admitted to the correctional wing of San Paolo Hospital in Milan, where he was hospitalised until his death.
B. The applicant’s health, the medical care administered to him, and other relevant facts concerning the conditions of his detention
15. The applicant suffered from a number of chronic medical conditions, including vascular encephalopathy, hepatopathy linked to HCV (the hepatitis C virus), Parkinson’s disease, and arterial hypertension. It is apparent from his medical history that he underwent a radical prostatectomy in 2003 and a partial thyroidectomy on an unspecified date. The applicant’s clinical condition was also characterised by a decline in his cognitive functioning.
16. The prison medical records from May 2011 to April 2013 show that the applicant’s health was regularly monitored by medical and nursing staff at the Parma Correctional Facility’s health unit. In addition to such monitoring, there is a record of physicians being called to examine the applicant when he complained about specific ailments, or when they were requested by the nursing staff.
17. During the same period, the prison medical records show that a large number of specialist consultations were arranged and carried out. The applicant was examined by cardiologists, infectious disease specialists, urologists, endocrinologists, otolaryngologists, pulmonologists, orthopaedists, physiatrists, and nutrition specialists, and most of the examinations occurred on a regular basis. He also had several surgical consultations.
18. A large number of diagnostic tests were performed on him, ranging from routine blood tests and echocardiograms to various ultrasounds (renal, thyroidal, and abdominal), CAT (computerised axial tomography) scans, PET (positron emission tomography) scans, PSA (prostate-specific antigen) tests, X-rays, and colonoscopies.
19. With specific regard to the applicant’s neurological situation, the medical register shows that he was examined several times by a neurologist, a psychiatrist and a psychologist, and that tests were performed.
20. Each entry in the medical register by prison medical staff includes a section on the therapeutic plan for the management of the applicant’s chronic illnesses, health issues deriving from his prostatectomy and thyroidectomy, and other emerging health issues, with relevant drug dosages and a record of the medication administered.
21. On 17 October 2012 a doctor at the correctional facility’s medical centre reported an increase in the applicant’s blood pressure and transferred him to the emergency department of the civilian hospital in Parma, where he was diagnosed with a hypertensive crisis. A CAT scan and other diagnostic tests were performed, and the applicant was examined by specialists. The neurologist who examined the applicant described him as a subject with cognitive deterioration on a vascular basis. Following an improvement in his overall condition, he was discharged on 19 October 2012.
22. On 3 December 2012 the duty doctor transferred the applicant to the civilian hospital in Parma, as he appeared disorientated and was refusing to eat or take his prescribed medication. The duty doctor also reported that the applicant had fallen, with no consequences, but noted that this was among more than four accidental falls that had occurred.
According to the civilian hospital record, an ultrasound was performed and the applicant was examined by a neurologist, a psychiatrist and a nutrition specialist. The neurologist who examined him on 3 December detected signs of initial cerebral deterioration which could be attributed to degenerative and vascular causes, and the neurologist who visited him the next day found probable cognitive deterioration on a vascular basis. The applicant was declared fit to be discharged on 7 December 2012.
23. On 12 December 2012 the duty doctor was called by a prison officer, who reported that the applicant had slipped in his cell and fallen. He described the patient as alert and somewhat cooperative, although his verbal expression not readily comprehensible. He examined the applicant. He checked for signs of trauma and found none, and examined his pupils, which were isocoric, isocyclic and reactive to light. He concluded that no neurological deficits could be detected. He also examined, amongst other things, the applicant’s heart rate, blood pressure, and blood sugar levels. While no repercussions worthy of note were registered, amongst other things, the doctor suggested that the applicant be placed with a cellmate so as to ensure, amongst other things, the timely signalling of any worsening of his conditions. The doctor further recommended that his cell be equipped with a bed with safety rails.
24. On 15 December 2012 the duty nurse reported that the applicant had fallen out of bed while sleeping. The duty doctor examined him and found him to be alert, cooperative and oriented. The doctor noted what he described as minimal bruising above the applicant’s right eye, and reported normal vital signs. He examined the applicant on another occasion on the same day, reported normal cardiorespiratory values, and instructed the nurse to monitor his vital signs.
25. On 17 December 2012 the duty nurse called the doctor, as the applicant was not responding to verbal or painful stimuli. He was transferred to the emergency room of the civilian hospital in Parma, where he underwent urgent surgery for the removal of a subdural haematoma. He was then placed in the hospital’s long-term care unit, and later in its correctional wing.
26. In the application form it is stated that the applicant’s counsel lodged a criminal complaint with the Parma public prosecutor alleging, amongst other things, that the prison administration had failed to properly care for the applicant, and that the he had been left without medical assistance following the fall on 15 December 2012. However, there are no specific details about when that complaint was lodged, and no information was provided as to its outcome.
27. On 18 February 2013 the hospital doctors decided that the applicant could be discharged.
28. On 26 February 2013 an inspection was carried out by two doctors from the correctional facility’s medical unit to assess whether the premises where the applicant was to be accommodated on his return were compatible with his health and care needs.
29. On the same day the prison management issued a report summarising the structural changes that had already been carried out in view of the applicant’s return – such as the installation of a new bed with safety rails – and changes which were scheduled. Those scheduled changes included, amongst other things, an intervention in respect of the electrical system, planned for the same day, in order to plug in a special mattress to prevent bedsores and install an oxygen tank for medical emergencies.
30. On 1 March 2013 a personalised care plan had been drawn up by the correctional facility’s medical unit in view of the applicant’s return. The plan outlined the applicant’s general and specific needs, and included a schedule of regular medical examinations, a nutrition and hydration plan, and a plan to avoid bedsores and other consequences of long-term bed rest. Specialist consultations to follow up on the applicant’s medical conditions were requested and scheduled. The care plan also concerned assistance which the applicant required with daily tasks he could no longer perform, such as taking care of his personal hygiene on a daily basis. It also provided for the management of his incontinence and scheduled times at which his incontinence pads should be changed, with provision for additional changes according to his needs.
31. On 5 March 2013 the applicant was transferred back to the Parma Correctional Facility. The medical register from that date to the date of his transfer to the civilian hospital in Parma shows that, in addition to the treatment of his chronic conditions, the applicant underwent physiotherapy sessions to improve his mobility, coupled with passive mobilisation, also during the night, in order to avoid bedsores.
32. On 7 June 2013 the applicant was admitted to the civilian hospital in Parma. He was diagnosed with a bacterial infection and a yeast infection. Following a consultation with an infectious disease specialist, he was prescribed treatment. He remained hospitalised in the civilian hospital until his transfer on 5 April 2014. The material on file indicates that, during this period of hospitalisation, the applicant had daily medical examinations, periodic visits from specialists, and diagnostic tests.
33. On 29 June 2013 the applicant’s son lodged a criminal complaint with the Parma public prosecutor, alleging that his father was not being properly cared for, in that his underwear, which had been collected from the correctional facility on 22 June 2013, had been stained with bodily fluids. No information was provided by the parties as to the outcome of those proceedings.
34. On 10 October 2013 the Parma Prison administration submitted a report on the applicant to the General Directorate for the Treatment of “Section 41 bis” Detainees. The report attested that an inspection had been carried out by the local health authority on 26 February 2013 (see paragraph 28 above). It also certified and provided documentation to the effect that health-care assistants and nurses had taken care of the applicant’s personal hygiene on a daily basis as of 5 March 2013, in accordance with the instructions set out in the personalised care plan (see paragraph 30 above).
35. On 23 December 2013 the hospital in Parma submitted a report updating the Parma Prison administration on the applicant’s clinical situation. He was diagnosed by the reporting doctor as suffering from serious cognitive deterioration. He was described as being necessarily bedridden due to a hypokinetic syndrome, and completely dependent on others.
The applicant’s neurological situation was described as stable yet having deteriorated. His verbal expression, when present, was characterised by the production of a few incomprehensible syllables, which meant that the reporting doctor had had difficulties in assessing his degree of comprehension.
The applicant was receiving artificial nutrition and hydration via a nasointestinal feeding tube which had been put in place on 6 September 2013 due to his confirmed inability to feed himself.
36. On 29 January 2014 the Emergency Department of Parma General Hospital submitted a report updating the Director of Parma Prison on the applicant’s clinical situation. The first part of the report mainly repeated the findings of the report of 23 December 2013. Another part focused on the applicant’s cognitive status. In this respect, the reporting doctor stated that, during medical examinations, the applicant sometimes answered simple questions when he was verbally stimulated, but his expression was mostly incomprehensible.
37. On 19 March 2014 Parma General Hospital submitted another report updating the Parma Prison administration on the applicant’s clinical situation. Amongst other things, the reporting doctors had identified progressive atrophy of his muscular apparatus and the presence of small lesions caused by bedsores. His neuro-cognitive situation remained unchanged. If asleep, he woke up when stimulated. He rarely uttered intelligible words or carried out elementary tasks when stimulated. His verbal expression, when present, was described as incomprehensible. The reporting doctor confirmed the previous report’s finding to the effect that the applicant was completely dependent on others for everything. Since the insertion of the nasointestinal feeding tube, his necessary daily calorie intake had been ensured, with a consequent improvement in his nutritional status and weight.
38. On 5 April 2014 the applicant was released from Parma General Hospital. On the same day he was transferred to the Treatment and Diagnostic Centre of the Milan Opera Correctional Facility and was scheduled to be transferred to San Paolo Hospital for, amongst other things, an examination by a neurologist and an oncologist, a re-evaluation of his artificial nutritional support strategy, and a general re-evaluation of his treatment.
39. On 9 April 2014 the applicant was transferred to San Paolo Hospital in Milan, where he remained until the time of his death.
40. It is apparent from the material on file that, during his period of hospitalisation at San Paolo Hospital, the applicant had daily medical examinations, periodic visits from specialists and a wide range of tests (routine blood tests, regular monitoring of glycaemia, renal, hepatic and thyroid function, blood pressure, cardiac frequency, and daily hydration monitoring, as well as diagnostic tests such as CAT scans). There is evidence of treatment of the applicant’s bedsores and treatment to prevent the problem being aggravated, treatment of urinary infections linked to long-term catheterisation, treatment of intestinal problems and adjustments to the applicant’s hydration and nutritional support.
41. On 11 April 2014 the applicant underwent a neuropsychological examination by a specialist in San Paolo Hospital. He was described as being alert but not complying with instructions, aside from very simple ones. The reporting doctor stated, inter alia, that if the applicant was left on his own he voiced scarcely comprehensible sentences lacking a framework or grammatical structure. One of the conclusions the doctor reached was that the applicant’s lack of cooperation made it impossible to evaluate and quantify his cognitive status.
42. On 11 June 2014 the head of the ward where the applicant was hospitalised submitted a report updating the court in Rome responsible for the execution of sentences (“the Rome Court”) on the applicant’s clinical situation. The reporting doctor confirmed the findings of the report by the Parma General Hospital authorities of 19 March 2014 in terms of the applicant’s neuro-cognitive situation, which he described as seriously compromised, as well as his progressive muscular atrophy, lack of mobility, and complete dependence on others. The reporting doctor concluded that there had been a serious deterioration in the applicant’s clinical state, and his condition was worsening. As to nutrition, in addition to the nasointestinal tube, artificial nutritional support had to be provided by central venous access. In the doctor’s opinion, in the light of his current state of health, the applicant could only receive adequate medical treatment in a long-term care unit within a hospital. The doctors certified that the facility in which he was hospitalised had the necessary medical staff and equipment to provide adequate care and treatment, and recommended that he remain in the hospital.
43. On 8 August 2014 a report was submitted by two independent medical experts appointed by the Milan Court. The experts had been asked to provide an assessment of the applicant’s overall state of health and to specify, inter alia, whether he could receive adequate treatment in the hospital ward where he was currently detained.
Following consideration of a summary of his medical history, clinical chart and other health documentation, the experts provided an account of their examination of the applicant, whom they recorded as being hospitalised in the Internal Medicine Division, in the “[section] 41 bis area” of the hospital’s correctional wing. He was described as bedridden and was noted as being physically restrained because of his attempts to remove his feeding tube. His language and elocution could not be assessed; when greeted, he uttered things which were incomprehensible, to the experts and also to the health staff he had contact with on a daily basis. His state of consciousness was only examinable in terms of his being awake or asleep, and neither his space-time orientation nor his thought function could be conclusively assessed. His degree of collaboration was hard to gauge, owing to his incomprehensible verbal expression.
The experts described the applicant’s clinical situation as complex and characterised by multiple pathologies, although none of those pathologies were at an acute stage. The pathologies with the greatest functional impact were identified as being extrapyramidal syndrome and serious cognitive decline. The applicant’s being permanently bedridden, and the need for artificial nutrition and a permanent urinary catheter were permanent conditions not likely to improve. The experts reiterated his complete lack of autonomy in terms of performing basic everyday functions, and highlighted the need to provide him with constant assistance for his nutrition, hydration, personal hygiene, and to prevent complications linked to long-term bed rest. His cognitive situation was described as having worsened since the previous neuropsychological examination (see paragraph 41 above).
As to the applicant’s continued hospitalisation – albeit in the context of detention – and the adequacy of the care he received, the experts considered that San Paolo Hospital guaranteed an excellent level of treatment and the presence of clinical specialists who could ensure timely interventions in the event of complications. The absence of the kind of treatment which the applicant was receiving at that point would lead to his death in a very short time.
44. In a medical report of 11 August 2014 submitted by San Paolo Hospital to the Milan Opera Prison administration, the reporting doctor described the applicant’s condition as stable and reiterated the presence of a serious cognitive decline that made the applicant unable to maintain interactions with people and take care of himself.
45. The latter findings were confirmed in a subsequent report issued on 17 September 2014.
46. Various other reports were issued by doctors of San Paolo Hospital in Milan between April 2015 and March 2016. The applicant’s clinical situation was generally described as stable, although his neurological functions were characterised as being in progressive decline (report of 12 June 2015) and his cognitive functioning was described as having seriously deteriorated (report of 17 March 2016). Throughout the entire period the applicant was bedridden and received all his hydration and nutritional support via a nasointestinal feeding tube.
47. According to the most recent medical reports on file, issued by San Paolo Hospital in Milan on 9 and 13 July 2016, the applicant’s clinical condition deteriorated severely and he entered a preterminal phase. The report of 13 July 2016 states that the applicant’s relatives were granted access to his room and he died on the same day.
C. Domestic proceedings concerning the applicant’s health and detention
48. It is apparent from the material in the case file that, during the applicant’s detention in Parma and Milan, his lawyers lodged applications with different courts responsible for the execution of sentences, seeking the suspension of his prison sentence for medical reasons under Articles 146 and 147 of the Criminal Code (see paragraphs 81 and 82 below for the relevant domestic law provisions) and the replacement of his detention with more lenient custodial measures.
49. By a decision of 3 May 2013 the Bologna court responsible for the execution of sentences (“the Bologna Court”) held that there were no grounds for modifying the applicant’s sentence on health grounds. The court found that the applicant’s medical conditions were not in such an advanced state that he was no longer responding to treatment, a necessary condition for the application of Article 146 of the Criminal Code.
The court also found that discretionary suspension of the sentence under Article 147 was not warranted. It considered that it could not be stated that the applicant’s medical conditions required treatment which could not be provided in custody, albeit custody coupled with admission to a civilian hospital whenever necessary. The Bologna Court considered that he had received and was receiving medical treatment, frequent medical examinations, and diagnostic tests. It underlined that the applicant had been admitted to a civilian hospital when the necessary treatment could not be administered in the correctional facility, even for extended periods of time. It also noted that the proximity of the civilian hospital to the correctional facility made it possible for the applicant to be admitted to the emergency department in a timely fashion and whenever necessary.
The court reiterated that a court deciding on discretionary suspension of a sentence on health grounds must also take into account, as a relevant factor, the possibility that the individual applying for the suspension might engage in criminal behaviour (see paragraph 82 below). In this regard, the court considered that the applicant was a “socially dangerous” person who had been arrested after many years as a fugitive, and who was being tried for and had already been convicted of extremely serious crimes.
50. By a decision of 27 August 2013 the Bologna Court held that there were no grounds for modifying the applicant’s sentence on health grounds. The court found that the applicant’s medical conditions were not in such an advanced state that he was no longer responding to treatment. Moreover, the court considered that he would not benefit from additional or alternative medical treatment if his sentence were suspended.
The court was also not persuaded that the conditions for discretionary suspension under Article 147 obtained. It noted that the medical documentation it had considered showed that the applicant’s medical conditions were being adequately monitored and treated in the correctional facility, with external hospitalisation being sought when required. Referring to the medical reports in its possession, the court noted that the applicant was responding positively to treatment and in the manner expected, given his advanced age and the nature of his medical conditions.
As in its decision of 3 May 2013, the court further considered the danger that the applicant, a socially dangerous individual, could commit criminal offences in the event of his sentence being suspended. In this connection, the court considered that, notwithstanding the applicant’s proven cognitive deficit, the documentation available to it did not allow it to exclude his – albeit fluctuating and diminished – ability to comprehend and communicate.
51. The applicant appealed against the decision before the Court of Cassation. On 4 April 2014 the Court of Cassation dismissed the appeal. It reiterated the Bologna Court’s findings to the effect that the applicant’s health conditions were being adequately monitored, and the necessary medical treatment was being administered in the correctional facility, with external hospitalisation when required. The court was satisfied that the Bologna Court had relied on the most recent medical reports in its possession in concluding that the conditions required for a stay of execution of the applicant’s sentence under Articles 146 and 147 of the Criminal Code had not been met.
52. By a decision of 3 October 2014 the Milan Court held that there were no grounds for modifying the applicant’s sentence on health grounds. In making its assessment, the court relied on the content of the report by the two independent experts it had appointed (see paragraph 43 above). The court reiterated that, in cases such as the one under examination, the primary consideration had to be the best interests of the detainee in terms of safeguarding his health. The court considered that the applicant was not being detained in a correctional facility, but rather he had been placed in a highly specialist civilian hospital which could provide him with the most appropriate and effective care and treatment for his medical conditions. Moreover, in the court’s view, his placement in the correctional unit and not within the general hospital population guaranteed an even higher level of attention and vigilance with respect to his critical health conditions. The court concluded that the applicant’s situation at the time of the decision was the one that best secured his right to health. The applicant appealed against that decision before the Court of Cassation.
53. By a decision of 11 November 2014 the Bologna Court held that there were no grounds for modifying the applicant’s sentence on health grounds. It first of all reiterated and expressed its agreement with the conclusions of the Milan Court in its decision of 3 October 2014. It referred to the reports prepared by the medical staff at San Paolo Hospital and the independent medical experts appointed by the Milan Court in concluding that, notwithstanding the seriousness of the applicant’s medical conditions, he was not being detained in a correctional facility, but rather in a civilian hospital, and was responding to the treatment administered in that setting.
54. By a decision of 9 June 2015 the Court of Cassation dismissed the applicant’s appeal lodged against the Milan Court’s decision of 3 October 2014. It considered that the reasoning of the Milan Court hinged on the need to safeguard the detainee’s right to health to the fullest extent possible, and could not be deemed to be at odds with the provisions of the Criminal Code regulating stays of execution of prison sentences for health reasons.
55. By a decision of 11 July 2016 the Milan judge responsible for the execution of sentences (magistrato di sorveglianza) decided, on a provisional basis and pending a decision of the court responsible for the execution of sentences, that no urgent interim measure entailing a stay of execution of the applicant’s sentence was warranted. The judge found, inter alia, that the applicant was being treated in a facility that guaranteed excellent levels of care and which had medical and nursing staff of an extremely high quality, and that his detention in the hospital did not conflict with the common understanding of humanity.
D. The prison regime provided for in section 41 bis of the Prison Administration Act
56. On 13 April 2006 the Minister of Justice issued a decree ordering that the applicant should be made subject to the special prison regime provided for in the second subsection of section 41 bis of the Prison Administration Act (see paragraphs 83 - 86 below for the domestic law provisions).
57. The 2006 decree imposed the following restrictions:
– restrictions on visits by family members (a maximum of a single one hour visit per month);
– no visits with non-family members;
– a prohibition on using the telephone;
– no sums of money above a fixed amount to be received or sent out;
– no more than two parcels to be received per month, not exceeding a certain weight, but permission to receive two special parcels per year containing clothing and bed linen;
– no right to participate in elections for prisoners’ representatives or to be elected as a representative;
– no handicrafts;
– no food requiring cooking to be purchased;
– no more than two hours’ outdoor exercise per day, of which one could be spent in the library facilities, gym, and so on, and in groups of no more than four persons.
58. In addition, incoming and outgoing correspondence was to be monitored, subject to prior authorisation by the judicial authority.
59. The application of the special regime was subsequently extended for periods of one or two years, via extension orders issued on 5 April 2007, 3 April 2008, 2 April 2009, 1 April 2010, 28 March 2012, 26 March 2014 and 23 March 2016.
60. On 8 March 2013, in an application addressed to three different courts for the execution of sentences (Bologna, Rome and Parma) as well as to the Minister of Justice, the applicant’s counsel sought revocation of the special prison regime provided for by section 41 bis of the Prison Administration Act, a key argument being that, in the light of the deterioration in the applicant’s cognitive functioning, the reasons as to why the regime had been applied originally were no longer relevant.
61. On 22 July 2013 the District Anti-Mafia Prosecution Office (Direzione Distrettuale Antimafia, hereafter “the DDA”) of Caltanissetta expressed a favourable opinion on revocation of the special prison regime. The office acknowledged that there had been a deterioration in the applicant’s health, noting his compromised cognitive functioning, as evidenced by the medical documentation available to it. It noted in particular the conclusions of the report by the experts appointed by the Palermo GUP (see paragraph 11 above) to the effect that the applicant’s cognitive functioning had deteriorated and his ability to communicate had been impaired. In the light of such findings, the office expressed the opinion that the reasons which had initially justified the imposition of the special prison regime no longer obtained.
62. By a decision of 27 August 2013 the Rome Court declared the applicant’s application of 8 March 2013 inadmissible. It considered that the power to revoke the imposition of the section 41 bis special prison regime per se rested with the Minister of Justice. The court only had jurisdiction in relation to applications lodged against decisions issued by the Minister of Justice, such as orders to renew the application of the special regime or refusals by the Minister to revoke orders for the regime. The court was therefore precluded from examining the merits of the application.
63. On 21 November 2013 the applicant’s counsel lodged an application with the Minister of Justice seeking revocation of the section 41 bis special prison regime. On an unspecified date the Minister of Justice dismissed the application. The decision was served on the applicant’s son on 11 February 2014.
64. On 13 February 2014 the applicant’s counsel lodged an application against the latter decision with the Rome Court. He reiterated the arguments advanced in the application of 8 March 2013.
1. Renewal order of 26 March 2014
65. On 26 March 2014 the Minister of Justice issued an order renewing the application of the special prison regime for two years. It was found that the applicant’s ability to maintain contact with members of the criminal organisation had not ceased, and regard was also had to his “particular and concrete dangerousness”.
66. The order reiterated the rationale underlying the special prison regime, and restated in particular that its imposition constituted a preventive measure in the interests of ensuring public safety and order, and did not serve any punitive purpose.
67. The order also reviewed some of the applicant’s convictions for extremely serious crimes, including multiple aggravated homicides, aiding and abetting mass murder (stragi), and criminal association, which indicated his high level of responsibility in the criminal organisation.
68. The order further gave an overview of information provided by different police bodies, prosecution offices, the Anti-Mafia Investigations Directorate, and the Minister of the Interior, which had been requested with a view to ascertaining the persistence of the conditions justifying the extension of the regime (istruttorie relative alla preesistente attualità ed alla permanente gravità delle esigenze di prevenzione ai fini della proroga). It also summarised opinions issued by the DDAs of Florence and Caltanissetta in February 2014 and by the National Anti-Mafia and Counterterrorism Prosecution Office (Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, hereafter “the DNA”) and the Palermo DDA in March 2014.
69. The order stated that the Palermo, Caltanissetta and Florence DDAs had expressed an unfavourable opinion as to the renewal of the restrictions, in the light of the applicant’s health conditions. However, it stated that the Palermo DDA had found that the applicant was still socially dangerous.
70. The order focused in particular on the findings of the DNA, which outlined the applicant’s criminal profile as well as Cosa Nostra’s (the Sicilian Mafia) ongoing criminal activities, and called attention to the fact that one of the most prominent members of the applicant’s criminal organisation was still on the loose. As per the text of the order, the DNA further found that, on the basis of the expert medical evidence in its possession, it could not be concluded that there had been a complete annihilation of the applicant’s attention, comprehension and orientation abilities at that time, but rather only a – non-quantifiable – deterioration. This, in turn, could not exclude the possibility that the applicant could communicate orders to the criminal organisation if detained in the context of a normal prison regime. The applicant’s health was also addressed in terms of whether the imposition of the special prison regime was hindering the medical treatment that he needed in view of his health problems, which, in the office’s opinion, it was not. The DNA concluded that the renewal of the restrictions was still considered necessary.
71. The order also focused on the Minister of the Interior’s opinion summarising the findings of recently concluded investigations confirming the applicant’s prominent role in the criminal organisation. The outcome of such investigations had also shed light on the means by which the applicant’s support network had enabled him to remain in hiding, the communication system between himself and prominent fugitives during their time in hiding, and his use of coded messages to convey the organisation’s strategies.
2. First set of proceedings before the Rome Court
72. On 31 March 2014 the applicant lodged an application against the Minister of Justice’s renewal order of 26 March 2014. The applicant’s counsel argued that the special prison regime ought to be suspended due to the applicant’s psychophysical condition, and provided medical documentation in support of that argument.
73. By a decision of 5 December 2014 the Rome Court dealt with the applications of 13 February 2014 and 31 March 2014 jointly and dismissed them both. Some salient points of the decision may be summarised as follows.
The court reviewed the applicant’s arguments and the medical documentation available to it and focused on the applicant’s neurological condition. It quoted extracts from a report of a neuropsychological examination performed on the applicant on 25 November 2014 indicating that he was bedridden, that he alternated between being asleep and being awake, and that, if appropriately stimulated, he sometimes formulated words that made sense or carried out elementary tasks. The applicant was described as alert and occasionally “reachable”, but the report noted that he did not comply with instructions. The court noted that a conclusive assessment of his cognitive skills had not been possible due to his severely compromised motor function, coupled with his inability to concentrate and general lack of cooperation.
The court thus acknowledged the existence of a serious decline in the applicant’s cognitive functioning. However, notwithstanding that decline, on the basis of the medical documentation available to it, the court concluded that it could not with absolute certainty rule out the possibility of the applicant being able to convey criminally relevant messages pertaining to the organisation’s criminal activities via family members or other individuals if he were allowed unregulated contact with the outside world. The court also relied on reports from health-care staff in the hospital ward which indicated that the applicant had transient moments of lucidity alternating with moments of confusion, and that at times he replied to their questions in a comprehensible manner. In conclusion, in the court’s view, the applicant’s clinical status could not be considered such as to preclude the communication of messages or criminal instructions.
The court reiterated that the applicant, the leader of Cosa Nostra for decades, was considered to be an individual who posed a great threat to national security and society at large. It further reiterated that during his time in hiding he had relied on a solid support network and managed to run the criminal organisation through so-called pizzini, apparently simple messages which concealed orders for the criminal network. Thus, in the court’s view, the criminal organisation could obtain instructions for carrying out criminal activities by receiving even simple messages from the applicant, given his position within the organisation. It also noted that one of the key and most dangerous individuals belonging to the applicant’s organisation was still a fugitive at the time.
Based on the foregoing considerations, the court concluded that the extension of the section 41 bis prison regime was still fully justified, in the interests of public order and safety.
3. The renewal order of 23 March 2016
74. On 23 March 2016 the Minister of Justice issued an order renewing the application of the special prison regime for another two years. As with the 2014 order, he held that the applicant was still able to maintain contact with members of the criminal organisation who were still at large, and also had regard to his “particular and concrete dangerousness”. The minister confirmed the renewal of all the restrictions in place (see paragraph 57 above). Some salient points of the order may be summarised as follows.
75. As with the 2014 order, the Minister of Justice reiterated the regime’s rationale and purpose and provided an overview of information provided by different police bodies, prosecution offices, and the Minister of the Interior – information which had been requested with a view to ascertaining the persistence of the conditions justifying the extension of the regime. The order summarised opinions issued by the DDAs of Florence, Caltanissetta and Palermo in February 2016 and the DNA in March 2016.
76. The order acknowledged that the Caltanissetta and Florence DDAs had confirmed their previous negative opinion as to the renewal of the regime with regard to the applicant, and that the Caltanissetta DDA had relied on the deterioration in the applicant’s health to reach its conclusions, while the Florence DDA’s opinion had hinged on the finding that there were no longer any ongoing criminal investigations involving the applicant. On the other hand, the Palermo DDA and the DNA confirmed that there was a need for the renewal of the special prison regime.
77. As reported in the order, the Palermo DDA had concluded that the application of the section 41 bis regime was still absolutely necessary to prevent and interrupt the applicant’s lasting and dangerous relations with the outside world and with other detainees which would allow him to pursue the illegal activities that he had headed for decades. The DDA focused on, inter alia, the applicant’s criminal history and his leadership role in Cosa Nostra, reviewing his decisive participation in a large number of criminal acts, from mass murder to extortions, and noting the control he had exercised over economic activities which had allowed him to acquire considerable assets. The DDA provided details on the support network which the applicant had had within the organisation – the network had allowed him to stay in hiding for over forty years and manage multiple aspects of the criminal enterprise ranging from resolving disputes to commissioning murders. It highlighted that a prominent member of the criminal organisation was still on the run from the authorities.
With regard to the applicant’s health, the Palermo DDA stated that, on the basis of the clinical information in its possession, it agreed with the Rome Court’s decision (see paragraph 73 above), and it quoted an extract from the decision in which the court had stated that it could not rule out with absolute certainty the applicant’s being able to convey criminally relevant messages pertaining to the organisation’s criminal activities.
78. As reported in the order, the DNA concluded that the combination of elements that had warranted the initial application of the special prison regime remained unchanged in its view. It relied primarily on the applicant’s “criminal profile”, his multiple convictions for heinous crimes, and the ongoing activities of Cosa Nostra and its continuous reorganisation, in addition to the fact that a prominent member of the criminal organisation who had had a documented relationship with the applicant in the past was still on the run.
With regard to the applicant’s health, the DNA reiterated the content of its 2014 opinion on the extension of the special prison regime and quoted extracts from it to the effect that the imposition of such a regime in no way interfered with the applicant’s medical care, and modifying the regime would not have an impact on his health. The DNA also quoted an extract from its 2014 opinion where it had found that, based on the documentation available to it, it did not appear that the applicant’s attention, comprehension and orientation in space and time had completely ceased, but had only deteriorated.
4. Second set of proceedings before the Rome Court
79. On 8 April 2016 the applicant’s counsel lodged an application against the Minister of Justice’s renewal order with the Rome Court.
80. On 16 September 2016 the Rome Court discontinued the proceedings due to the applicant’s death.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Suspension of a prison sentence on health grounds
81. The relevant parts of Article 146 of the Italian Criminal Code (“mandatory suspension of sentences”) provide that:
The execution of a penalty of a non-pecuniary nature shall be suspended: ...
(3) with respect to a person suffering from full-blown AIDS or serious immunodeficiency ... or [some] other particularly serious illness resulting in his or her state of health being incompatible with detention, when the illness is at such an advanced stage that it no longer responds to treatment, according to medical certification by the prison or external medical service.
82. The relevant parts of Article 147 of the Italian Criminal Code (“discretionary suspension of sentences”) provide that:
The execution of a penalty of a non-pecuniary nature may be suspended:
... if a sentence involving the deprivation of liberty is enforced against an individual suffering from serious physical infirmity ... [such a measure] shall not be adopted, or, if it is adopted, shall be revoked if there is a concrete danger of criminal offences being committed.
B. Section 41 bis special prison regime
83. Section 41 bis of the Prison Administration Act (Law no. 354 of 26 July 1975), as amended by Law no. 356 of 7 August 1992 and Law no. 94 of 15 July 2009, gives the Minister of Justice the power to suspend the application of the ordinary prison regime in whole or in part, by means of a reasoned decision, on the grounds of public order and security, in cases where the ordinary prison regime would conflict with these requirements.
84. Subsection 2 bis of section 41 bis provides that the Minister of Justice may issue an order renewing the application of the special prison regime unless it emerges that the ability of the detainee to maintain contact with the criminal organisation to which he belonged no longer obtains.
85. The same subsection lists some of the factors to be taken into account in order to ascertain whether the defendant has the above-mentioned ability to maintain contact: his criminal profile, the position he occupied in the criminal enterprise, the continuation of the criminal enterprise’s activity, new prosecutions against the detainee which have previously not been taken into account, the results of incarceration, and the living standards of the detainee’s family.
86. The same subsection further specifies that the mere passage of time does not constitute, of itself, a sufficient element to exclude a defendant’s ability to maintain contact with the criminal organisation of which he was a member.
87. Subsection 2 quinques of section 41 bis provides that an application (reclamo) against a renewal order may be lodged with the Rome court responsible for the execution of sentences, which will verify, by examining the arguments put forward in the application and the findings listed in the renewal order, whether the criteria provided for by law for the adoption of such a decision have been complied with.
88. Subsection 2 sexies of section 41 bis provides that an appeal against the decision of a court responsible for the execution of sentences may be lodged with the Court of Cassation, solely on the grounds of violation of the law (violazione di legge).
89. The scope of appeals before the Court of Cassation against the decisions of courts responsible for the execution of sentences on renewal orders of the section 41 bis special prison regime was delimited on many occasions by the Court of Cassation. According to that court, the scope of such an appeal does not render an impugned decision amenable to challenges based on defective reasoning (vizio di motivazione), unless that reasoning is entirely absent or flawed to the point that it is merely apparent and non-existent, that is, lacking the minimum requirements of coherence, completeness, and logic (see, among other authorities, Trombetta, Criminal Section I, no. 2984 of 22 January 2014). In a recent ruling (Oppedisano, Criminal Section I, no. 11620 of 19 February 2016), the Court of Cassation recapitulated the following principles on the scope of its review:
“It must be noted at the outset that the appeal at issue is based on section 41 bis subsection 2 sexies of Law no. 354 of 1975 and subsequent amendments. In accordance with these provisions, the decision of a court responsible for the execution of sentences concerning an application against a ministerial decree renewing the application of the special prison regime is open to appeal before the Court of Cassation ‘for breach of the law’. Now, in accordance with the present court’s long-standing and well-established interpretation (Cass. pen. 13.03.92, p.c. in c. Bonati), a breach of the law with respect to [a court’s] reasoning is rooted in constitutional provisions (paragraphs 6 and 7 of Article 111) and exists where there is either a total absence of reasoning, or where the reasoning at issue may be deemed to be fictitious or contradictory ... the first [situation] occurs when the judicial authority employs standardised and routine expressions, while the second [situation] occurs when the judicial authority has recourse to decisive arguments that conflict with one another. What is excluded from the notion of breach of the law are all other cases where the court’s reasoning may be viewed as insufficient and not entirely precise in the manner in which it addresses the applicants’ arguments.”
90. The same judgment reviewed the manner in which the Court of Cassation had applied the latter general principles to the specific context of appeals against the decisions of courts responsible for the execution of sentences under section 41 bis, subsection 2 sexies, of Law no. 354 of 1975:
“According to the interpretation of the present court (Cass., section I, 9.01.2004, n. 449; 14.11.2003 n. 5338; 9.11.2004, n. 48494), in the context of different prison regimes, the notion of breach of the law ... also encompasses the absence of reasoning, which in turn encompasses all those cases in which the [relevant] reasoning lacks the minimum requirements of coherence, completeness and logic, to the extent that it becomes merely apparent or entirely unsuitable for conveying, in a comprehensible manner, the logical steps followed by the judge, or when the arguments employed in the decision are so uncoordinated and lacking the necessary logical passages that they conceal the reasons on which the decision is based.”
C. Other domestic law
91. Legislative Decree No. 146 of December 2013 established a new preventive remedy allowing a detainee to complain of any violation of his or her rights before a supervisory judge (magistrato di sorveglianza).
D. Other domestic material
92. In April 2016 the Italian Senate’s Commission for the Protection and Promotion of Human Rights (commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani) published a report on the section 41 bis special prison regime (Rapporto sul Regime Detentivo Speciale – Indagine Conoscitiva sul 41 bis). Amongst a number of other recommendations, the following recommendation was made:
The Commission also recommends more accurate evidence gathering (istruttoria) by the offices involved in the renewal of the application of the special prison regime, in order to avoid the imposition of the regime with respect to persons who are mentally incapacitated (incapaci di intendere e di volere).
THE LAW
I. PRELIMINARY ISSUE
93. Following the applicant’s death on 13 July 2016, his son, Mr Angelo Provenzano, informed the Court of his wish to pursue the application in his father’s stead (see paragraph 1 above).
94. The Government requested that the application be struck out of the list of cases in accordance with Article 37 of the Convention, challenging the right of the applicant’s son to pursue the application. They contended, inter alia, that the applicant’s son could not claim to be an indirect victim, because the alleged breach of Article 3 of the Convention had not affected him personally, and the right invoked by the applicant, which was linked to his personal and intimate sphere, was non-transferable in nature. They added that the applicant’s son had limited his submissions to expressing his intention to pursue the proceedings, without explaining the grounds for his alleged legitimacy as a successor, beyond providing his birth certificate and stating his personal interest in pursuing the case.
95. At the outset, the Court reiterates the need to distinguish cases in which an applicant has died in the course of proceedings from cases where an application has been lodged with the Court by an applicant’s heirs after the death of the victim (see Ergezen v. Turkey, no. 73359/10, § 28, 8 April 2014; Fairfield v. the United Kingdom (dec.), no. 24790/04, ECHR 2005 VI; and Biç and Others v. Turkey, no. 55955/00, § 20, 2 February 2006). The Court further highlights that, in the light of its well-established case-law, the issue of whether a person may be considered an indirect victim is only relevant where the direct victim dies before bringing his or her complaint before the Court (Centre for Legal Resources on behalf of Valentin Câmpeanu v. Romania [GC], no. 47848/08, §§ 97-100, ECHR 2014).
96. In cases such as the present one, where the applicant died after lodging an application, the Court has consistently accepted that the next of kin, close family member or heir may, in principle, pursue the application, provided that he or she has sufficient interest in the case (see Centre for Legal Resources on behalf of Valentin Câmpeanu v. Romania [GC], cited above, § 97; Fartushin v. Russia, no. 38887/09, § 33, 8 October 2015; and Vaš?enkovs v. Latvia, no. 30795/12, § 27, 15 December 2016). The Court reiterates that it is not only material interests which the successor of a deceased applicant may pursue by his or her wish to maintain the application. Human rights cases before the Court generally also have a moral dimension, and persons near to an applicant may thus have a legitimate interest in ensuring that justice is done, even after the applicant’s death (see Malhous v. the Czech Republic (dec.) [GC], no. 33071/96, ECHR 2000-XII). Thus, in cases where the direct victim has died after the lodging of an application, the decisive factor is not whether the rights at issue are transferable to heirs willing to pursue an application, but whether the persons wishing to pursue the proceedings can claim a legitimate interest in seeking that the Court decide the case on the basis of the applicant’s desire to use his individual and personal right to lodge a case before the Court (see Ergezen v. Turkey, no. 73359/10, § 29, 8 April 2014). Nor has the Court found it decisive that the person wishing to pursue the application is not the legally recognised heir under domestic law (see Malhous v. the Czech Republic, cited above).
97. Turning to the present case, the Court observes that the person seeking to pursue the proceedings before it is the applicant’s son, and thus a close family member. The document produced by the son, namely his birth certificate, attests to the existence of the family relationship.
98. The Court further notes that the applicant’s son was appointed the applicant’s legal guardian in the light of the applicant’s legal incapacitation following his being sentenced to life imprisonment, and was also appointed and sworn in as the applicant’s limited guardian (amministratore di sostegno) in May 2014. Finally, the Court observes that he introduced the present application on the applicant’s behalf at a time when he was acting as the applicant’s legal guardian (see paragraphs 1 and 13 above).
99. In view of the above, and having regard to the circumstances of the present case, the Court is satisfied that Mr Angelo Provenzano has a legitimate interest in pursuing the application. At his request, it will therefore continue to deal with the case. For practical reasons, Mr Bernardo Provenzano will continue to be called “the applicant”, although Mr Angelo Provenzano is now to be regarded as such.
100. The Court therefore dismisses the Government’s request to strike the application out of its list of cases.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 3 OF THE CONVENTION
101. The applicant complained that his detention was incompatible with his age and health conditions. He further complained that the domestic authorities had not taken all necessary measures to safeguard his health and well-being in detention, and that the continued imposition of the section 41 bis special prison regime entailed a violation of Article 3, which reads as follows:
“No one shall be subjected to torture or to inhuman or degrading treatment or punishment.
A. Admissibility
102. The Government made a preliminary objection of non-exhaustion of domestic remedies and asked the Court to reject the application as inadmissible under Article 35 §§ 1 and 4 of the Convention. In the light of the circumstances of the present case, the Court considers that it would be appropriate to examine the two limbs of the applicant’s complaint under Article 3 separately.
1. Complaint concerning the incompatibility of the applicant’s detention with his health
103. The Government observed in this respect that the applicant had had several remedies at his disposal, the first one being the possibility to seek the deferral of his prison sentence for health reasons before the courts responsible for the execution of sentences. While they accepted that the applicant had made use of the latter avenue of redress on four occasions and obtained unfavourable decisions by the courts responsible for the execution of sentences, they pointed out that on only two occasions had the applicant appealed against such decisions before the Court of Cassation, which in any event had dismissed his appeals. The Government also argued that the applicant had had a further avenue of redress which he had not made use of, namely the remedy introduced by Legislative Decree No. 146 of 2013, allowing an inmate to complain of any violation of his or her rights to a supervisory judge (see paragraph 91 above).
104. The applicant contended that he had only failed to appeal against one decision issued by the Bologna Court because he had been transferred to Milan in the meantime. He further stated that while he had been detained in Milan, he had pursued proceedings before the Court of Cassation. He argued that all the proceedings had ended unfavourably for him.
105. The Court reiterates that where more than one potentially effective remedy is available, the applicant is only required to use one remedy of his or her choice (see, among many other authorities, Micallef v. Malta [GC], no. 17056/06, § 58, ECHR 2009; Nada v. Switzerland [GC], no. 10593/08, § 142, ECHR 2012; Göthlin v. Sweden, no. 8307/11, § 45, 16 October 2014; and O’Keeffe v. Ireland [GC], no. 35810/09, §§ 109-111, ECHR 2014 (extracts)).
106. In the present case, given that the applicant lodged several applications raising his complaints related to his health and detention before the courts responsible for the execution of sentences, the Court considers that he was not required to avail himself of an additional legal avenue in order to fulfil the requirements under Article 35 § 1 of the Convention. Moreover, the Court observes that the applicant appealed against the decision of the Bologna Court of 27 August 2013 and the decision of the Milan Court of 3 October 2014 before the Court of Cassation. The Court is prepared to accept that this suffices for it to find that the applicant exhausted domestic remedies under Article 35 § 1 of the Convention for the purposes of this part of the application.
2. Complaint concerning the continued imposition of the section 41 bis special prison regime
107. The Government submitted that, under section 41 bis of the Prison Administration Act, it was possible to lodge an appeal on points of law with the Court of Cassation against the decisions of a court responsible for the execution of sentences, on the grounds of “violation of the law”. Given the existence of such a remedy, with respect to the renewal of the special prison regime in 2014, the applicant ought to have lodged an appeal against the Rome Court’s decision of 5 December 2014, but had failed to do so.
108. The applicant contested the Government’s argument in a generic manner.
109. The Court reiterates its well-established case-law to the effect that Article 35 § 1 of the Convention provides for a distribution of the burden of proof, and that it is incumbent on the Government claiming that domestic remedies have not been exhausted to satisfy the Court that the remedy which they claim the applicant has not used was an effective one available in theory and in practice at the relevant time, that is to say, that it was accessible, was capable of providing redress in respect of the applicant’s complaints and offered reasonable prospects of success (see, among other authorities, Sejdovic v. Italy [GC], no. 56581/00, § 46, ECHR 2006-II; Scoppola v. Italy (no. 2) [GC], no. 10249/03, § 71, 17 September 2009; Vallianatos and Others v. Greece [GC], nos. 29381/09 and 32684/09, § 57, ECHR 2013 (extracts); and Davydov and Others v. Russia, no. 75947/11, § 233, CEDH 2017 (extracts)).
110. The Court reiterates at the outset that the domestic decision under scrutiny – the decision of the court responsible for the execution of sentences ruling on an application against the ministerial decree renewing the application of the section 41 bis special prison regime – in addition to not being open to challenge on questions of fact, could not be challenged on the basis of the full range of grounds available for a review on points of law by the Court of Cassation, but only on the grounds of violation of the law (see paragraph 88 above). In turn, violation of the law has been narrowly interpreted by the Court of Cassation, which raised the threshold and restricted those grounds to cases where the reasoning of the court responsible for the execution of sentences in relation to the matter complained of was missing altogether, or frustrated by such serious flaws that the grounds on which the decision was based were virtually indiscernible (see paragraph 89 above).
111. The Court observes that the essence of the applicant’s complaint hinges on the argument that, in the light of his severe and medically documented cognitive decline, the original reasons for imposing the special prison regime no longer obtained and therefore lacked justification. Domestically, he brought that complaint before the Rome Court, which addressed and dismissed his arguments in a decision which he does not contest as being riddled by the kind of flaws required to meet the threshold for a review by the Court of Cassation.
112. The Court further notes that, in articulating their non-exhaustion argument, the Government have not provided any supporting documentation indicating that the applicant’s complaint could have fallen within the scope of the permitted grounds for a review by the Court of Cassation.
113. Accordingly, in the light of the specificity of the remedy at issue, which entails limitations on access, coupled with the nature of the applicant’s complaint, the Court concludes that, in the particular circumstances of the present case, the Government have failed to discharge the burden of proof incumbent on them in claiming non-exhaustion.
114. With reference to the renewal of the special prison regime in March 2016 and the period which ensued, the Government did not raise a specific non-exhaustion objection. They did, however, call the Court’s attention to the fact that proceedings lodged by the applicant before the Rome Court against the Minister’s 2016 renewal order had been discontinued due to the applicant’s death (see paragraph 80 above).
3. Conclusions
115. It follows from the foregoing considerations that the Government’s non-exhaustion objections must be dismissed.
116. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Complaint concerning the incompatibility of the applicant’s detention with his health, allegations of inadequate medical care, and other aspects of conditions of detention
(a) The parties’ submissions
117. The applicant submitted that his detention was incompatible with his old age and health conditions, and that the domestic authorities had not taken all necessary measures to safeguard his health and well-being in detention.
118. With reference to his detention in Parma, the applicant complained that his health and well-being had not been adequately monitored and protected, and that he had not received sufficient medical attention. He argued that his condition had not been adequately monitored and assessed, particularly following his falls in December 2012, and that he had been left without medical assistance, which had in turn led to his hospitalisation and surgery being delayed. He further contended that his bed had not been equipped with safety rails and that he ought to have been placed in a cell with a cellmate, in order to ensure the timely detection of any problem that might have arisen with respect to his health. The applicant further asserted that, despite his inability to care for himself and his incontinence problems, he had not been adequately washed and changed.
119. With regard to his detention in Milan, the applicant complained in a general manner about the fact that he was still subject to detention measures, albeit in a civilian hospital, and that, despite his health problems, he had not been granted a more lenient custodial measure.
120. The Government submitted firstly that the domestic courts had assessed the applicant’s state of health on numerous occasions and had found that it was not incompatible with detention. They provided an overview of the domestic decisions dismissing the applicant’s complaints, and cited numerous findings by the domestic courts (see paragraphs 49 - 54 above).
121. As regards the medical care provided, the Government pointed out that during his period of detention in Parma, owing to his state of health, the applicant had been placed in a facility which had a health-care department capable of providing care appropriate to his condition. He had also been admitted to hospital outside prison when necessary. In support of their submissions, the Government listed and summarised the applicant’s external hospitalisations between October 2012 and June 2013. In the Government’s view, the numerous health reports on file and those submitted with their observations indicated that the applicant had had specialist consultations, diagnostic tests and check-ups during his stay at the correctional facility in Parma.
122. Referring to the events of December 2012, the Government contended that, while the applicant had fallen a number of times between 3 and 17 December 2012, he had immediately had medical examinations and, when necessary, had been hospitalised. The Government further highlighted that in view of the applicant’s discharge from Parma General Hospital, on 25-26 February 2013 he had been examined by two doctors in order for his health and care needs upon his return to prison to be established. The same doctors had inspected the area of the correctional hospital wing in which the applicant was to be detained on his return, so as to establish what adjustments would be required to accommodate his needs (see paragraph 28 above). In particular, the Government highlighted that a bed with safety rails and an electrical mattress to prevent bedsores, a clinic for physiotherapy sessions, and a space for exercising with a walking frame had been made available. Following his return, the applicant’s health conditions had been constantly monitored.
123. As regards the hygiene conditions of the applicant’s detention in Parma, the Government referred to a report issued on 11 October 2013 by the director of the Parma Correctional Facility, a report issued on 3 January 2013 by the manager of the Parma Correctional Facility’s health programme, and the personalised care plan developed on 1 March 2013 by the correctional facility’s medical unit. According to those documents, which the Government enclosed with their observations, the applicant had been assisted in the performance of daily tasks which he was no longer able to perform; his personal hygiene had been ensured; and as of 7 March 2013 arrangements had been made for his room to be cleaned through a supervised programme for housekeeping work by detainees.
124. Upon his transfer to the Milan Opera Correctional Facility, the applicant had been immediately examined by the head of the health unit, who had recommended that he be hospitalised in order for diagnostic tests to be performed and a therapeutic strategy to be defined. On 9 April 2014 he had been transferred to San Paolo Hospital in Milan. His hospitalisation had been subsequently extended. The Government enclosed a number of medical reports issued between April 2015 and March 2016 attesting to the evolution of the applicant’s clinical situation and the medical care provided to him. They pointed out that his health had worsened on 9 July 2016 and on 12 July 2016 his family had been allowed access to the hospital room to visit him.
125. The Government concluded by stating that the applicant had received proper and adequate medical care and treatment, regular check-ups, and the prevention of the worsening of his conditions had been ensured, thus protecting his physical integrity.
(b) The Court’s assessment
126. The Court reiterates that Article 3 of the Convention enshrines one of the most fundamental values of democratic society. It prohibits in absolute terms torture or inhuman or degrading treatment or punishment, irrespective of the circumstances and the victim’s behaviour (see, for example, Labita v. Italy [GC], no. 26772/95, § 119, ECHR 2000-IV). Ill treatment must, however, attain a minimum level of severity if it is to fall within the scope of Article 3. The assessment of this minimum is relative: it depends on all the circumstances of the case, such as the duration of the treatment, its physical and mental effects and, in some cases, the sex, age and state of health of the victim (see, among other authorities, Kud?a v. Poland [GC], no. 30210/96, § 91, ECHR 2000 XI; Peers v. Greece, no. 28524/95, § 67, ECHR 2001-III; Enea v. Italy [GC], no. 74912/01, § 55, ECHR 2009; and Bouyid v. Belgium [GC], no. 23380/09, § 86, ECHR 2015).
127. The State must ensure that a person is detained in conditions which are compatible with respect for human dignity, that the manner and method of the execution of the measure of deprivation of liberty do not subject him to distress or hardship of an intensity exceeding the unavoidable level of suffering inherent in detention (see Kud?a, cited above, § 94, and Svinarenko and Slyadnev v. Russia [GC], nos. 32541/08 and 43441/08, § 116, ECHR 2014 (extracts)), and that, given the practical demands of imprisonment, his health and well-being are adequately secured (see Kud?a, cited above, § 94, and Idalov v. Russia [GC], no. 5826/03, § 93, 22 May 2012). In most cases concerning the detention of ill persons, the Court has examined whether or not the applicant received adequate medical assistance in prison (Mozer v. the Republic of Moldova and Russia [GC], no. 11138/10, § 178, ECHR 2016).
128. In this connection, the “adequacy” of medical assistance remains the most difficult element to determine. The Court reiterates that the mere fact that a detainee is seen by a doctor and prescribed a certain form of treatment cannot automatically lead to the conclusion that the medical assistance was adequate (see Hummatov v. Azerbaijan, nos. 9852/03 and 13413/04, § 116, 29 November 2007). The authorities must also ensure that a comprehensive record is kept concerning the detainee’s state of health and his or her treatment while in detention (see Khudobin v. Russia, no. 59696, § 83, ECHR 2006-XII), that diagnosis and care are prompt and accurate (see Melnik v. Ukraine, no. 72286/01, §§ 104-06, 28 March 2006, and Hummatov, cited above, § 115), and that where necessitated by the nature of a medical condition, supervision is regular and systematic and involves a comprehensive therapeutic strategy aimed at adequately treating the detainee’s health problems or preventing their aggravation, rather than addressing them on a symptomatic basis (see Blokhin v. Russia [GC] no. 47152/06, § 137, ECHR 2016).
129. On the whole, the Court reserves a degree of flexibility in defining the required standard of health care, deciding it on a case-by-case basis (see Aleksanyan v. Russia, no. 46468/06, § 140, 22 December 2008).
130. Lastly, as far as the standard of proof is concerned, the Court reiterates that allegations of ill-treatment must be supported by appropriate evidence. To assess this evidence, the Court adopts the standard of proof “beyond reasonable doubt”, but adds that such proof may follow from the coexistence of sufficiently strong, clear and concordant inferences or of similar unrebutted presumptions of fact (see Enea, cited above, § 55).
131. Turning to the circumstances of the present case, the Court observes that the applicant suffered from a number of chronic medical conditions, including Parkinson’s disease, vascular encephalopathy, hepatopathy linked to HCV, and arterial hypertension, as well as a serious, progressive decline in cognitive functioning (see paragraph 15 above). The medical documentation on file also indicates that, in addition to being affected by chronic conditions, the applicant’s health deteriorated over time. He was described in December 2013 as having become permanently bedridden due to a serious impairment of his motor skills, and from September 2013 at least he had to receive artificial nutrition via a feeding tube owing to his inability to feed himself (see paragraph 35 above).
132. Having established the applicant’s health conditions, and given that there is no dispute as to the seriousness and progression of those conditions over time, the Court finds it necessary to assess the adequacy of the medical care afforded to him in order to determine whether the requirements of Article 3 of the Convention have been respected.
133. As to the period of the applicant’s detention in Parma from April 2011 to April 2013, the Court notes at the outset that the applicant was detained in a facility equipped with a correctional clinical centre (centro clinico penitenziario), as highlighted by the Government. The prison medical register and other medical reports on file show that during this period the applicant’s health was regularly monitored by medical and nursing personnel (see paragraph 16 above). Moreover, evidence of the existence of a therapeutic strategy can be found in the entries in the prison medical register (see paragraph 20 above).
134. During the same time frame, the applicant had a large number of specialist consultations with respect to his chronic illnesses and other health issues arising during the course of his detention (see paragraph 17 above). The medical documentation on file further indicates that he underwent a wide array of tests on a regular basis – tests ranging from routine blood tests to specialist tests (see paragraph 18 above). When necessary, he was transferred to a civilian hospital in order to undergo tests that could not be performed in-house or to receive the required treatment (see paragraphs 21, 22, and 25 above), and was transferred back to the correctional facility when the hospital physicians certified that he could be discharged.
135. With specific reference to the aftermath of the applicant’s falls in December 2012, based on a reading of the prison medical register, the Court cannot conclude that his condition was not monitored or that he was left without medical assistance. In this respect, the Court points out that, according to the entries on the medical register, following his fall on 12 December, the applicant was visited and examined by the duty doctor (see paragraph 23 above). On 15 December the duty doctor examined the applicant twice following his fall and ordered the monitoring of his condition by nursing staff, and the applicant was transferred to the emergency room of a civilian hospital when he was found to be unresponsive (see paragraph 24 and 25 above). The Court further notes that the applicant has not contested the Government’s assertions and submitted documentation to the effect that he received medical attention following these incidents. Moreover, aside from reporting the existence of a criminal complaint lodged with respect to the above-mentioned incidents, the applicant did not provide any information as regards the outcome of the complaint before the domestic authorities (see paragraph 26 above). In the light of the foregoing considerations, and on the basis of the information submitted, the Court finds that there is insufficient evidence for it to draw conclusions as to whether or not the prison medical personnel were medically negligent and whether this, in turn, led to the applicant’s hospitalisation and surgery being delayed.
136. The Court acknowledges the applicant’s further argument that certain precautions to avoid his falling again were not taken. While the Court is not persuaded by the contention that the authorities were under an obligation to place him with a cellmate in order to ensure his supervision, the Court does express concern about the fact that, prior to his having another fall, the applicant’s bed was not equipped with safety rails, despite the doctor’s recommendation of 12 December 2012 (see paragraph 23 above). However, while the Court acknowledges this shortcoming, it does not consider that it suffices to raise, by itself, an issue under Article 3. As highlighted by the Government, who provided documentation to this effect, prior to the applicant’s return to the correctional facility in March 2013, certain measures, including the provision of a bed equipped with safety rails, were put in place, in addition to other structural measures designed to accommodate the applicant’s needs upon his return (see paragraph 29 above).
137. To the extent that the applicant appears to be complaining about his detention in Milan, the Court reiterates that, following several months of hospitalisation in a civilian hospital in Parma, on 5 April 2014 the applicant was transferred to the medical centre in the Milan Opera Correctional Facility, and on 9 April 2014 he was admitted to San Paolo Hospital, where he remained until the time of his death in July 2016. Therefore, the Court highlights that as of 9 April 2014 the applicant was detained in a long-term care unit of a civilian hospital, albeit in a correctional wing. Based on the material submitted in relation to this period, the Court has no reason to doubt that the applicant received adequate medical care in a hospital which the domestic courts described as a centre providing excellent medical care (see paragraph 43 and 55 above), where his health was regularly monitored and treatment for his multiple medical issues was constantly administered (see paragraph 40 above).
138. The Court further observes that the applicant had the opportunity to apply to the domestic courts for an assessment of the compatibility of his detention with his health. The two decisions submitted in relation to his period of detention in Parma indicate that the domestic courts assessed the medical evidence before them and concluded that the applicant’s medical conditions were being adequately monitored and treated in the correctional facility, with external hospitalisation being sought when required (see paragraphs 49-51 above). In the domestic decisions concerning the applicant’s detention in San Paolo Hospital in Milan, the domestic courts relied on medical documentation and a report prepared by two court-appointed independent experts in concluding that the applicant was receiving appropriate and effective medical treatment in a civilian hospital setting (see paragraphs 52-54 above).
139. As to the applicant’s allegation that his hygiene needs were not properly catered for, the Court notes at the outset that the applicant has not elaborated on his claim by providing details such as the period of time during which the alleged treatment took place. The complaint lodged at domestic level in this respect (see paragraph 33 above) concerns one occasion, on 22 June 2013, when the applicant’s son collected a bag of the applicant’s underwear from the correctional facility and complained about their being soiled, but no information was provided by the applicant as to the outcome of such proceedings. Moreover, the Government provided documentation to the effect that there had been provision for the management of the applicant’s incontinence and daily personal hygiene needs, and that those needs had been taken care of as of 5 March 2013 (see paragraphs 30 and 34 above). This has not been contested by the applicant. In the light of the foregoing considerations, the Court considers that it has insufficient elements at its disposal to enable it to draw conclusions as to whether or not the applicant’s hygiene and personal care needs were met.
140. Having regard to the preceding paragraphs, and assessing the relevant facts as a whole, the Court does not find it established that the applicant’s detention per se could be considered incompatible with his – albeit serious – health conditions and advanced age, or that, given the practical demands of imprisonment, his health and well-being were not adequately protected.
141. There has, accordingly, been no violation of Article 3 in so far as this part of the complaint is concerned.
2. Complaint concerning the continued application of the section 41 bis special regime
(a) The parties’ submissions
142. The applicant contended that his continued detention under the special prison regime provided for by section 41 bis of the Prison Administration Act was in breach of Article 3. He argued that, in the light of his state of health, particularly the severe deterioration in his cognitive functioning, the original reasons for imposing the special prison regime no longer obtained.
143. The Government disputed that there had been a violation of Article 3 on account of the continued imposition of the section 41 bis special prison regime. After highlighting the applicant’s prominent role in the Mafia and his dangerousness, they reiterated that the special prison regime laid down in section 41 bis, as highlighted in their observations, constituted a preventive measure – thus serving no punitive purpose – whose primary aim was to prevent detainees from maintaining contact with members of their criminal organisation, within or outside prison.
144. The Government referred to the Court’s case-law in which the Court had assessed different aspects of the special regime and had found them compatible with the Convention. They quoted, in particular, Gallico v. Italy, no. 53723/00, 28 June 2005; Argenti v. Italy, no. 56317/00, 10 November 2005; Campisi v. Italy, no. 24358/02, 11 July 2006; Enea v. Italy [GC], no. 74912/01, ECHR 2009; Madonia v. Italy, no. 55927/00, 6 July 2004; and Genovese v. Italy (dec.), no. 24407/03, 10 November 2009.
145. The Government added that, in any event, owing to the applicant’s serious health conditions, he had spent most of his detention in civilian hospitals, where some restrictions could not be implemented.
146. As to the justification for the continued imposition of the special prison regime, the Government pointed out that that it was based on the applicant’s continuing social dangerousness, coupled with the seriousness of the crimes he had committed, and was dictated by preventive security requirements. They added that all decisions renewing the regime had exhaustively enumerated the reasons in support of the extension.
(b) The Court’s assessment
147. The Court notes at the outset that it has already had ample opportunity to assess the section 41 bis regime in a large number of cases before it, and has concluded that, in the circumstances of those cases, the imposition of the regime does not give rise to an issue under Article 3, even when it has been imposed for lengthy periods of time (see, amongst many other examples, Enea, cited above; Argenti, cited above; Campisi v. Italy, no. 24358/02, 11 July 2006; and Paolello v. Italy (dec.) no. 37648/02, 24 September 2015). In such cases, the Court has consistently held that, when assessing whether or not the extended application of certain restrictions under the section 41 bis regime attains the minimum threshold of severity required to fall within the scope of Article 3, the length of time must be examined in the light of the circumstances of each case, which entails, inter alia, ascertaining whether the renewal or extension of the impugned restrictions was justified or not (see, amongst many other authorities, Enea, cited above, § 64; Argenti, cited above, § 21; Campisi, cited above, § 38, 11 July 2006; and Paolello, cited above, § 27); and, mutatis mutandis, Ramirez Sanchez v. France [GC], no. 59450/00, § 145, ECHR 2006-IX).
148. Turning to the case at hand, the Court will first examine the Government’s argument as to the impracticability of the imposition of certain restrictions (see paragraph 145 above). In this respect, the Court notes that the Government have not specified which restrictions, in their view, had ceased to apply in practice, or which detention periods in the different hospitals they were referring to. Nor have they provided any evidence in that regard. The Court further observes that, even when detained in hospital settings, the applicant was confined to correctional wards, and reporting physicians in Milan referred to the applicant’s detention in a “[section] 41 bis area” of the hospital (see paragraph 43 above). It may therefore be assumed that a certain number of restrictions were still practicable in such settings. In any event, it remains undisputed that the impugned restrictions were formally in place, following nine consecutive renewals, from the time of the applicant’s initial incarceration in 2006 up to his death in 2016 (see paragraph 59 above). Moreover, in view of the manner in which the applicant’s complaint was framed, the Court notes that he did not focus on specific restrictions whose application, individually or globally, subjected him to inhuman or degrading treatment. Rather, the essence of the complaint appears to be that in the light of his worsening state of health in general, and in particular the severe deterioration in his cognitive functioning, the reasons for imposing the restrictions no longer obtained, thus rendering their imposition unwarranted.
149. In the light of the foregoing, the Court will proceed to examine whether the extension of the restrictions could be said to raise an issue under Article 3, focusing in particular on whether or not such an extension could be said to have been justified.
150. The Court acknowledges the Government’s arguments on the purely preventive and security – rather than punitive – purposes of the special prison regime at issue, and its aim to sever contact between detainees and their criminal networks (see paragraph 143 above), as well as the arguments put forward with regard to the justification for the imposition of the measures (see paragraph 146 above). Indeed, the applicant had been an extremely dangerous individual and a prominent leader of one of the largest existing criminal organisations. The picture which emerges from the national authorities’ decisions to renew the imposition of the measures is clear and persuasive in this respect. The authorities provided detailed accounts, based on evidence provided by different State bodies and agencies, of, amongst other things, the applicant’s criminal history, his past leadership role within the criminal organisation, the support network which he had relied on during his time in hiding, his multiple convictions for heinous crimes, and the continuing existence and current state of activity of the criminal organisation in Italy and abroad (see paragraphs 65-71 and 74 78 above). Even the court responsible for the execution of the sentence, which was called upon to review the 2014 renewal order, highlighted the applicant’s leadership within the organisation and the great danger he had posed to society, as well as the unique network of supporters who had enabled him to run the organisation for decades, even while in hiding (see paragraph 73 above).
151. However, without underestimating the importance of the considerations contained in the above paragraph and their weight in relation to the assessment of whether or not to renew the restrictions, as will be further explained below, the Court is not persuaded that, in the present case, those considerations could suffice, on their own, as justification for the renewal of the measures. In this respect, the Court points out that the applicant’s health situation was characterised by a serious cognitive deterioration which undeniably worsened over time. This aspect thus distinguishes the present case from those where – albeit serious – health problems are limited to the physical sphere but do not affect an applicant’s mental capacity. The picture which emerges from the medical documentation available to the Court, summarised at paragraphs 15–47 above, is one which may at least cast some legitimate doubts on the applicant’s persistent dangerousness and his ability to maintain meaningful, constructive contact with his criminal association. Thus, the Court cannot state, as it has done in a number of previous cases concerning the section 41 bis regime, that the applicant failed to submit any evidence to it which could lead it to conclude that the extension of those restrictions was unjustified (see, amongst many others, Enea, cited above, § 65; Argenti, cited above, § 21; and Riina v. Italy (dec.), no 43575/09, § 28, 11 March 2014).
152. The Court reiterates that the very essence of the Convention is respect for human dignity, and that the object and purpose of the Convention as an instrument for the protection of individual human beings require that its provisions be interpreted and applied so as to make its safeguards practical and effective (Svinarenko and Slyadnev, cited above, § 138). In this connection, the Court considers that subjecting an individual to a set of additional restrictions (see paragraph 57 above), which are imposed by the prison authorities at their discretion, without providing sufficient and relevant reasons based on an individualised assessment of necessity, would undermine his human dignity and entail an infringement of the right set out in Article 3.
153. Against this backdrop, given the specific facts of the present case, the Court finds it necessary to inquire whether the domestic authorities entrusted with the task of deciding on the renewal of the application of the section 41 bis regime undertook a genuine reassessment taking into account any relevant changes in the applicant’s situation which could cast doubt on the continuing need for the imposition of those measures (see, mutatis mutandis, Horych, cited above, § 92). In circumstances such as the ones under scrutiny, such a reassessment appears to have been necessary in order to avoid the risk of abuse or arbitrariness.
154. Turning to the facts at hand, the Court notes that in relation to the period between the issuing of the renewal order in March 2012 and the renewal of March 2014, there is evidence that the applicant’s health deteriorated considerably and he had to undergo a neurosurgical intervention (see paragraph 25 above). Evidence of cognitive deterioration, already noted in medical reports from 2012 (see paragraphs 9, 21 and 22 above, was described as serious in a medical report from December 2013 (see paragraph 35 above), and the applicant’s verbal expression was reported to be incoherent and incomprehensible (see paragraphs 35 and 36 above). The Court notes with some concern that the 2014 renewal order did not devote much attention to the applicant’s cognitive deterioration, despite its seriousness and potential impact on the continuing need for special restrictive measures. The only evidence of such a situation having been acknowledged in the order is in the parts reporting the summarised findings of certain anti-Mafia prosecution offices (see paragraphs 69 and 70 above). Having said this, the Rome Court reviewed the 2014 order, and there is evidence in the text of the decision that, in doing so, it examined ample medical documentation, including a recent neuropsychological expert report that it had requested shortly prior to the issuing of the decision (see paragraph 73 above). On the basis of such documentation, the court made an independent assessment and reached a reasoned conclusion to the effect that the possibility that the applicant could convey criminally relevant messages to the organisation could not be ruled out with absolute certainty (ibid.). Thus, the Court cannot conclude that the applicant’s condition was not genuinely reassessed so as to take into account his changing circumstances when the order was renewed in 2014.
155. Turning to the Minister of Justice’s renewal order of 23 March 2016, the Court notes that the Government called the Court’s attention to that order in particular, in support of the position that the continued imposition of the measures was justified. The medical evidence available to the Court shows that in the time that elapsed between the issuing of the renewal order in March 2014 and the issuing of the renewal order of 23 March 2016, the applicant’s already severely compromised health situation deteriorated even further. By way of example, in August 2014 his cognitive situation was described as having worsened since the month of April, and the medical experts highlighted his complete lack of autonomy in performing basic everyday functions, to the extent that he had to receive all his hydration and nutrition artificially due to his inability to feed himself. In September 2014 he was described as unable to maintain interactions with people or take care of himself (see paragraph 45 above). The medical reports from 2015 and 2016 submitted by the Government disclose a further progressive decline of his cognitive functions, which were described as “extremely deteriorated” in March 2016 (see paragraph 46 above). In addition, the applicant continued to be bedridden and to receive all hydration and nutritional support through a feeding tube until he entered a preterminal stage just a few months after the issuing of the order, in July 2016.
156. Given the seriousness of the situation, the Court considers that in renewing the imposition of the section 41 bis regime in March 2016, not only should the statement of reasons militating in favour of renewal have been increasingly detailed and compelling, but the applicant’s evolving cognitive deterioration needed to be taken into account (see Vinter and Others v. the United Kingdom [GC], nos. 66069/09 and 2 others, §§ 119-22, ECHR 2013 (extracts). While the order provides a detailed account of the applicant’s criminal history, his prominent role in the criminal organisation, and the proven, continuing activity of such an organisation, the Court notes that, aside from the two references described in paragraphs 77 and 78 above, which refer to reports by the Palermo DDA and the DNA, there is no other mention in the order of the applicant’s cognitive situation. Moreover, there appears to be no discernible trace in the text of the order of an explicit, autonomous assessment by the Minister of Justice of the applicant’s cognitive situation at the time the decision was made. The limited space afforded to such circumstances and the lack of an explicit assessment make it difficult for the Court to ascertain in what manner and to what extent such circumstances were weighed up when assessing whether to renew the restrictions. Accordingly, the Court cannot but conclude that there is insufficient evidence in the reasoning of the order of a genuine reassessment having been made with regard to relevant changes in the applicant’s situation, in particular his critical cognitive decline.
157. In the light of the foregoing, the Court is not persuaded that the Government have convincingly demonstrated that, in the particular circumstances of the present case, the extended application of the section 41 bis regime in 2016 was justified.
158. There has accordingly been a violation of Article 3 of the Convention, for the period following the renewal of the section 41 bis regime on 23 March 2016.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
159. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
160. In respect of non-pecuniary damage, the applicant claimed 150,000 euros (EUR) or any other amount the Court should find appropriate.
161. The Government contested that amount.
162. The Court points out that it has found a violation of the Convention only with regard to one aspect of the applicant’s complaint concerning the renewal of the section 41 bis special prison regime (see paragraphs 157 and 158 above). In the circumstances of the case, it considers that the finding of a violation is sufficient to compensate for the non-pecuniary damage sustained.
B. Costs and expenses
163. The applicant also claimed EUR 20,000 for costs and expenses incurred before the Court.
164. The Government contested that amount, and highlighted that in any event the applicant had not submitted any documentation in support of his claim.
165. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. Regard being had to the fact that the applicant did not provide any documentary evidence demonstrating what costs he had actually and necessarily incurred, the Court rejects his claim for reimbursement of costs and expenses and makes no award under this head.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Accepts the locus standi of the applicant’s son, Mr Angelo Provenzano, to pursue the application in his father’s stead;

2. Declares the application admissible;

3. Holds that there has been no violation of Article 3 of the Convention in respect of the conditions of detention;

4. Holds that there has been a violation of Article 3 of the Convention on account of the renewed application of the special prison regime on 23 March 2016;

5. Holds that the finding of a violation constitutes in itself sufficient just satisfaction for the non-pecuniary damage sustained by the applicant;

6. Dismisses the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 25 October 2018, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Renata Degener Linos-Alexandre Sicilianos
Deputy Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusioni:
Eccezioni preliminari respinsero (l'Art. 34) le richieste individuali
(L'Art. 34) standi della località
Nessuna violazione di Articolo 3 - Proibizione di tortura (Articolo 3 - trattamento Degradante
Trattamento inumano) (aspetto Effettivo)
Violazione di Articolo 3 - Proibizione di tortura (Articolo 3 - trattamento Degradante
Trattamento inumano) (aspetto Effettivo)
Danno non-patrimoniale - trovando di violazione sufficiente (Articolo 41 - danno Non-patrimoniale
Soddisfazione equa

)

CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO
PRIMA SEZIONE
CAUSA PROVENZANO c. ITALIA
(Ricorso n. 55080/13)
SENTENZA
STRASBURGO
25 ottobre 2018
La presente sentenza diverrà definitiva alle condizioni previste dall’articolo 44 § 2 della Convenzione Può subire modifiche di forma.
Nella causa Provenzano c. Italia,
la Corte europea dei diritti dell’uomo (Prima Sezione), riunita in una Camera composta da:
• Linos-Alexandre Sicilianos, Presidente,
• Kristina Pardalos,
• Guido Raimondi,
• Krzysztof Wojtyczek,
• Ksenija Turkovi?,
• Armen Harutyunyan,
• Jovan Ilievski, giudici,
• e Renata Degener, cancelliere di Sezione aggiunto,
dopo aver deliberato in camera di consiglio in data 25 settembre 2018,
pronuncia la seguente sentenza, adottata in tale data:
PROCEDURA
1. All’origine della causa vi è un ricorso (n. 55080/13) proposto contro la Repubblica italiana con il quale il figlio e la moglie di un cittadino italiano, il Sig. Bernardo Provenzano (“il ricorrente”), hanno adito la Corte ai sensi dell’articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (“la Convenzione”). Il ricorso è stato presentato in data 25 luglio 2013 nell’interesse del ricorrente, che è deceduto in data 13 luglio 2016. L’11 agosto 2016 il figlio del ricorrente, Sig. Angelo Provenzano, ha espresso la volontà di proseguire il procedimento dinanzi alla Corte.
2. Il ricorrente è stato rappresentato dall’avvocato R.A. Di Gregorio, del foro di Palermo. Il Governo italiano (“il Governo”) è stato rappresentato dal suo agente, Sig.ra E. Spatafora, e dal suo agente aggiunto, Sig.ra M.L. Aversano.
3. Il ricorrente ha lamentato, in particolare, di non aver ricevuto adeguate cure mediche in carcere e che la protrazione dell’applicazione del regime detentivo speciale cui era sottoposto, nonostante il suo stato di salute, violava i suoi diritti di cui all’articolo 3 della Convenzione.
4. In data 6 luglio 2016 sono state comunicate al Governo le doglianze ai sensi dell’articolo 3 e il ricorso è stato dichiarato irricevibile per il resto in applicazione dell’articolo 54 § 3 del Regolamento della Corte.
IN FATTO
I. LE CIRCOSTANZE DEL CASO DI SPECIE
5. Il ricorrente è nato nel 1933 ed è stato detenuto a Milano fino al momento della morte, avvenuta nel 2016.
A. Il contesto della causa
6. Il ricorrente, che era stato latitante per oltre quarant’anni, era arrestato in data 11 aprile 2006.
7. Il ricorrente era stato sottoposto a diversi procedimenti penali, in esito ai quali aveva riportato più condanne alla pena detentiva dell’ergastolo per reati quali la partecipazione a un’associazione di tipo mafioso, la strage, plurimi omicidi, il tentato omicidio aggravato, il traffico di sostanze stupefacenti, il sequestro di persona, l’estorsione, il furto aggravato, e il possesso illegale di armi da fuoco.
8. All’epoca della presentazione del ricorso alla Corte erano in corso ulteriori procedimenti penali a carico del ricorrente. Nell’ambito di uno di tali procedimenti, in data 7 dicembre 2012 il giudice dell’udienza preliminare (in prosieguo “il GUP”) del Tribunale di Palermo disponeva una perizia dello stato di salute del ricorrente, al fine di valutare la sua capacità di comprendere e partecipare coscientemente all’udienza preliminare.
9. Il 12 dicembre 2012 i periti nominati dal tribunale effettuavano un primo esame. Non erano tuttavia in grado di compiere ulteriori accertamenti, in quanto il 17 dicembre 2012 il ricorrente era sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere un ematoma subdurale ed era successivamente ricoverato in rianimazione (si veda il paragrafo 25 infra). Sulla base del primo esame svolto prima dell’intervento chirurgico e dei precedenti referti medici del ricorrente, i periti dichiaravano comunque che il ricorrente aveva dimostrato una ridotta consapevolezza e reattività in relazione all’ambiente circostante, nonché una limitata capacità di espressione.
10. Con ordinanza dell’8 gennaio 2013 il GUP disponeva il rinvio del procedimento a carico del ricorrente in attesa che egli si riprendesse dall’intervento.
11. A seguito del documentato miglioramento delle sue condizioni, il GUP disponeva una nuova perizia, che fu effettuata il 1 marzo 2013. I periti concludevano che la situazione cognitiva del ricorrente inficiava la sua capacità di relazionarsi con il mondo esterno e di comunicare in modo congruo e proficuo. Concludevano quindi che il ricorrente non era in grado di partecipare coscientemente all’udienza preliminare.
12. Con ordinanza del 5 marzo 2013 il GUP sospendeva il procedimento a carico del ricorrente.
13. Il 21 maggio 2014 il Giudice tutelare del Tribunale di Milano emetteva un decreto di tutela nominando il figlio del ricorrente, Angelo Provenzano, suo amministratore di sostegno. Il giudice osservava che il figlio del ricorrente era stato precedentemente nominato tutore del padre in seguito alla condanna di quest’ultimo alla pena dell’ergastolo e alla conseguente incapacità giuridica derivante da tale pena nel diritto interno. Ai fini del procedimento di cui era investito, il giudice conferiva al figlio del ricorrente la facoltà di prendere decisioni in ordine alle cure sanitarie e alle esigenze di assistenza personale del padre. Il giudice autorizzava inoltre il figlio del ricorrente a ricevere le notifiche giudiziali e stragiudiziali e a provvedere al conferimento di eventuali mandati difensivi relativi a procedimenti civili e penali. In data 27 maggio 2014 Angelo Provenzano giurava assumendo l’ufficio di amministratore di sostegno del ricorrente.
14. Il ricorrente è stato detenuto in diverse strutture carcerarie italiane. Dalla documentazione agli atti risulta che è stato detenuto nella Casa circondariale di Novara da una data imprecisata al 27 aprile 2011, data in cui è stato trasferito nella Casa di reclusione di Parma. In data 7 giugno 2013 è stato ricoverato nel reparto protetto dell’Ospedale Generale di Parma, dove rimaneva fino al trasferimento al Centro diagnostico terapeutico della Casa di reclusione di Milano-Opera, avvenuto in data 5 aprile 2014. In data 9 aprile 2014 era ricoverato nella Divisione di medicina protetta dell’Ospedale San Paolo di Milano, dove rimaneva fino alla morte.
B. La salute del ricorrente, le cure mediche dispensategli e gli altri fatti pertinenti relativi alle sue condizioni carcerarie
15. Il ricorrente era affetto da diverse patologie croniche, tra le quali vi erano l’encefalopatia vascolare, l’epatopatia HCV correlata (virus dell’epatite C), il morbo di Parkinson e l’ipertensione arteriosa. Dalle sue cartelle cliniche risulta che è stato sottoposto a prostatectomia radicale nel 2003 e a parziale tiroidectomia in data imprecisata. Le condizioni cliniche del ricorrente erano caratterizzate anche dal decadimento delle funzioni cognitive.
16. Il diario clinico penitenziario relativo al periodo compreso tra il maggio 2011 e l’aprile 2013 dimostra che la salute del ricorrente era monitorata regolarmente dal personale medico e infermieristico dell’unità sanitaria della Casa di reclusione di Parma. Oltre a tale monitoraggio, vi è un referto redatto da medici cui era stato chiesto di visitare il ricorrente quando lo stesso aveva lamentato disturbi specifici o quando erano stati invitati a farlo dal personale infermieristico.
17. Il diario clinico penitenziario dimostra che nel corso dello stesso periodo erano organizzate e svolte un elevato numero di visite mediche specialistiche. Il ricorrente era visitato da cardiologi, specialisti in malattie infettive, urologi, endocrinologi, otorinolaringoiatri, pneumologi, ortopedici, fisiatri e specialisti della nutrizione, e la maggior parte delle visite mediche era svolta su base regolare. Aveva beneficiato anche della consultazione di diversi chirurghi.
18. Era stato sottoposto anche a numerosi esami diagnostici, che andavano dalle analisi emocromocitometriche di routine e agli ecocardiogrammi a varie ecografie (renale, tiroidea e addominale), TAC (tomografia assiale computerizzata), PET (tomografia a emissione di positroni), PSA (antigene specifico prostatico), raggi X e colonscopie.
19. Con specifico riguardo alla situazione neurologica del ricorrente, il diario clinico dimostra che era stato visitato più volte da un neurologo, da uno psichiatra e da uno psicologo e che erano stati eseguiti degli esami.
20. Ogni annotazione sul diario clinico da parte del personale medico penitenziario comprende una sezione relativa al piano terapeutico per gestire le patologie croniche del ricorrente, i problemi di salute derivanti dalle pregresse prostatectomia e tiroidectomia e gli altri problemi di salute emergenti, con i relativi dosaggi dei farmaci e un verbale dei farmaci somministrati.
21. Il 17 ottobre 2012 un medico del reparto sanitario protetto del carcere rilevava un aumento della pressione sanguigna del ricorrente e ne disponeva il trasferimento al pronto soccorso dell’ospedale civile di Parma, dove gli era diagnosticata una crisi ipertensiva. Erano eseguiti una TAC e altri esami diagnostici e il ricorrente era visitato da medici specialisti. Il neurologo che ha visitato il ricorrente lo definiva un soggetto affetto da deterioramento cognitivo su base vascolare. A seguito del miglioramento delle sue condizioni generali, il 19 ottobre 2012 egli era dimesso.
22. Il 3 dicembre 2012 il medico di turno disponeva il trasferimento del ricorrente all’ospedale civile di Parma, in quanto sembrava disorientato e si rifiutava di alimentarsi e di assumere i farmaci prescritti. Il medico di turno riferiva anche che il ricorrente era caduto, senza riportare conseguenze, ma rilevava che si trattava di una di oltre quattro cadute accidentali che si erano verificate.
La cartella sanitaria dell’ospedale civile indica che era eseguita un’ecografia e che il ricorrente era visitato da un neurologo, da uno psichiatra e da uno specialista della nutrizione. Il neurologo che lo visitava il 3 dicembre rilevava segnali di un iniziale decadimento cerebrale attribuibili a cause degenerative e vascolari, e il neurologo che lo visitava il giorno successivo riscontrava un probabile deterioramento cognitivo su base vascolare. Il ricorrente era dichiarato in condizioni di essere dimesso il 7 dicembre 2012.
23. Il 12 dicembre 2012 un agente penitenziario chiamava il medico di turno e gli comunicava che il ricorrente era scivolato nella sua cella ed era caduto. Definiva il paziente vigile e parzialmente collaborante, benché il suo eloquio verbale non fosse facilmente comprensibile. Visitava il ricorrente e controllava se vi fossero eventuali segni di traumi e non ne riscontrava alcuno, esaminava le sue pupille, che erano isocoriche, isocicliche e reattive alla luce. Concludeva che non era rilevabile alcun deficit neurologico. Esaminava inoltre, tra l’altro, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e il livello glicemico ematico del ricorrente. Sebbene non fossero state registrate ripercussioni degne di nota, il medicò suggeriva, tra l’altro, che il ricorrente fosse collocato in cella con un compagno in modo da garantire, tra altre cose, la segnalazione tempestiva dell’eventuale peggioramento delle sue condizioni. Il medico raccomandava inoltre che la cella fosse dotata di un letto munito di sponde.
24. Il 15 dicembre 2012 l’infermiera di turno riferiva che il ricorrente era caduto dal letto mentre dormiva. Il medico di turno lo visitava e lo trovava attento, collaborante e orientato. Il medico annotava la presenza di lesioni che descriveva come dei minimi lividi al di sopra dell’occhio destro del ricorrente e riferiva normali parametri vitali. Visitava il ricorrente in un’altra occasione lo stesso giorno, riferiva normali valori cardiorespiratori e ordinava all’infermiera di monitorare i parametri vitali.
25. Il 17 dicembre 2012 l’infermiera di turno chiamava il medico, in quanto il ricorrente non rispondeva agli stimoli vocali o dolorosi. Era trasferito al pronto soccorso dell’ospedale civile di Parma, dove era sottoposto a un intervento urgente per rimuovere un ematoma subdurale. Era quindi ricoverato nel reparto di lungodegenza dell’ospedale e successivamente nella sua divisione di medicina protetta.
26. Nel formulario di ricorso è dichiarato che il difensore del ricorrente aveva presentato una denuncia al pubblico ministero di Parma, sostenendo, tra l’altro, che la Direzione del carcere non aveva fornito al ricorrente cure adeguate e che lo stesso non aveva ricevuto assistenza medica successivamente alla caduta del 15 dicembre 2012. Non vi sono tuttavia dettagli specifici sulla data di presentazione di tale denuncia e non sono state fornite informazioni sull’esito della stessa.
27. Il 18 febbraio 2013 i medici dell’ospedale stabilivano che il ricorrente poteva essere dimesso.
28. Il 26 febbraio 2013 due medici del reparto di medicina protetta effettuavano un’ispezione al fine di valutare se i locali in cui il ricorrente sarebbe stato collocato al suo ritorno fossero compatibili con le sue esigenze sanitarie e assistenziali.
29. In pari data la direzione del carcere emetteva un rapporto che sintetizzava le modifiche strutturali già apportate in vista del ritorno del ricorrente - come l’installazione di un nuovo letto dotato di sponde - e le modifiche programmate. Tali modifiche comprendevano, tra l’altro, un intervento sull’impianto elettrico, pianificato per lo stesso giorno, al fine di collegare un materasso speciale finalizzato a prevenire le piaghe da decubito e installare una bombola di ossigeno per le emergenze mediche.
30. Il 1 marzo 2013 il reparto di medicina protetta predisponeva un piano di assistenza personalizzato in vista del ritorno del ricorrente. Il piano descriveva le esigenze generali e specifiche del ricorrente e comprendeva un calendario di visite mediche regolari, un programma di nutrizione e idratazione e un programma finalizzato a prevenire le piaghe da decubito e le altre conseguenze di un lungo periodo di riposo a letto. Erano richieste e programmate visite mediche specialistiche per seguire le condizioni sanitarie del ricorrente. Il piano di assistenza riguardava anche l’assistenza necessaria al ricorrente per compiere atti quotidiani che non era più in grado di svolgere, come la cura quotidiana della propria igiene personale. Prevedeva anche la gestione dell’incontinenza e orari programmati per il cambio dei relativi pannoloni, con la previsione di ulteriori cambi in funzione delle sue esigenze.
31. Il 5 marzo 2013 il ricorrente era trasferito nuovamente nella Casa di reclusione di Parma. Il diario clinico decorrente da tale data alla data del suo trasferimento all’ospedale civile di Parma dimostra che, oltre alle cure per le sue patologie croniche, il ricorrente beneficiava di sedute di fisioterapia finalizzate a migliorare la sua mobilità, accompagnate dalla mobilizzazione passiva, anche durante la notte, per prevenire la formazione di piaghe da decubito.
32. Il 7 giugno 2013 il ricorrente era ricoverato all’ospedale civile di Parma. Gli erano diagnosticate un’infezione batterica e un’infezione da candida. A seguito della consultazione di uno specialista in malattie infettive, gli era prescritta una terapia. Rimaneva ricoverato all’ospedale civile fino al suo trasferimento, avvenuto il 5 aprile 2014. La documentazione agli atti indica che, nel corso del ricovero, il ricorrente era sottoposto a visite mediche quotidiane, a visite mediche specialistiche periodiche e a esami diagnostici.
33. Il 29 giugno 2013 il figlio del ricorrente presentava una denuncia alla Procura di Parma, sostenendo che suo padre non era curato adeguatamente, in quanto la sua biancheria intima, consegnata dalla Casa di reclusione il 22 giugno 2013, era macchiata di fluidi corporei. Le parti non fornivano alcuna informazione sull’esito di tale procedimento.
34. Il 10 ottobre 2013 la Direzione della Casa di reclusione di Parma presentava una relazione sul ricorrente all’Ufficio della Direzione generale detenuti e trattamento competente per i detenuti di cui “all’articolo 41 bis “. La relazione attestava che il 26 febbraio 2013 le autorità sanitarie locali avevano svolto un’ispezione (si veda il paragrafo 28 supra). Certificava inoltre e forniva la documentazione che dimostrava che gli assistenti sanitari e gli infermieri avevano curato quotidianamente l’igiene personale del ricorrente a decorrere dal 5 marzo 2013, in conformità alle disposizioni previste nel piano di assistenza personalizzato (si veda il paragrafo 30 supra).
35. Il 23 dicembre 2013 l’ospedale di Parma presentava una relazione che aggiornava la Direzione della Casa di reclusione di Parma sulla situazione clinica del ricorrente. Il medico che redigeva la relazione diagnosticava al ricorrente un grave deterioramento cognitivo, sottolineava la necessità che fosse allettato a causa di una sindrome ipocinetica e lo dichiarava totalmente dipendente dagli altri.
La situazione neurologica del ricorrente era definita stabile ma deteriorata. La sua espressione verbale, quando presente, era caratterizzata dalla produzione di alcuni vocalizzi incomprensibili, il che significava che il medico che aveva redatto la relazione aveva avuto difficoltà a valutare il suo grado di comprensione.
Il ricorrente era alimentato e idratato artificialmente mediante un sondino naso-gastrico, che era stato applicato il 6 settembre 2013 a causa della sua confermata incapacità di alimentarsi.
36. Il 29 gennaio 2014 il Pronto soccorso dell’Ospedale Generale di Parma presentava una relazione per aggiornare il Direttore della Casa di reclusione di Parma sulla situazione clinica del ricorrente. La prima parte della relazione ripeteva principalmente le conclusioni della relazione del 23 dicembre 2013. Un’altra parte si concentrava sulle condizioni cognitive del ricorrente. A tale riguardo, il medico che redigeva la relazione affermava che durante le visite mediche il ricorrente rispondeva talvolta a domande semplici quando veniva stimolato verbalmente, ma il suo eloquio era per lo più incomprensibile.
37. Il 19 marzo 2014 l’Ospedale Generale di Parma presentava un’altra relazione per aggiornare la Direzione della Casa di reclusione di Parma sulla situazione clinica del ricorrente. I medici che redigevano la relazione individuavano, tra l’altro, la progressiva atrofia dell’apparato muscolare e la presenza di piccole lesioni causate da piaghe da decubito. La sua situazione neuro-cognitiva era rimasta invariata. Quando era addormentato si svegliava se era stimolato. Pronunciava raramente parole comprensibili e svolgeva compiti elementari quando era stimolato. Il suo eloquio verbale, quando presente, era definito incomprensibile. Il medico che redigeva la relazione confermava la conclusione della precedente relazione secondo la quale il ricorrente era totalmente dipendente dagli altri per qualsiasi atto. A partire dal momento in cui era stato inserito il sondino nasogastrico era stato garantito il necessario apporto calorico quotidiano, con conseguente miglioramento del suo stato nutritivo e del peso.
38. Il 5 aprile 2014 il ricorrente era dimesso dall’ospedale generale di Parma. In pari data era trasferito al Centro diagnostico terapeutico della Casa di reclusione di Milano Opera e doveva essere trasferito all’Ospedale San Paolo per essere visitato, tra l’altro, da un neurologo e da un oncologo, per rivalutare la strategia di supporto nutrizionale artificiale e in generale le terapie cui era sottoposto.
39. Il 9 aprile 2014 il ricorrente era trasferito all’ospedale San Paolo di Milano, dove rimase fino alla morte.
40. Dagli atti si evince chiaramente che, durante il periodo di ricovero presso l’Ospedale San Paolo, il ricorrente era sottoposto a visite mediche quotidiane, a visite mediche specialistiche periodiche e a un’ampia gamma di esami (analisi emocromocitometriche di routine, regolare controllo della glicemia, monitoraggio renale, epatico e della funzionalità tiroidea, della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca e monitoraggio quotidiano dell’idratazione, nonché esami diagnostici come la TAC). È provato che il ricorrente riceveva cure per le piaghe da decubito ed sottoposto a terapie finalizzate a prevenire l’aggravamento del problema, a cure per le infezioni urinarie connesse alla protratta applicazione di un catetere, a cure per i problemi intestinali e ad adeguamenti dell’idratazione e del supporto nutrizionale di cui beneficiava.
41. L’11 aprile 2014 il ricorrente era sottoposto a visita neuropsicologica da parte di un medico specialista dell’Ospedale San Paolo. Era definito un paziente vigile ma che non eseguiva quanto gli era chiesto, a parte compiti molto semplici. Il medico che redigeva la relazione dichiarava, inter alia, che se il ricorrente era lasciato da solo esprimeva frasi scarsamente comprensibili prive di un quadro e di una struttura grammaticale. Una delle conclusioni cui perveniva il medico era che la mancanza di collaborazione da parte del ricorrente non permetteva di valutare e quantificare la sua capacità cognitiva.
42. L’11 giugno 2014 il direttore del reparto in cui era ricoverato il ricorrente presentava una relazione per aggiornare il Tribunale di sorveglianza di Roma (“il Tribunale di Roma”) sulla situazione clinica del ricorrente. Il medico che redigeva la relazione confermava le conclusioni della relazione della Direzione dell’Ospedale Generale di Parma del 19 marzo 2014 in ordine alla situazione neuro-cognitiva del ricorrente, che definiva gravemente compromessa, nonché la sua progressiva atrofia muscolare, mancanza di mobilità e totale dipendenza dagli altri. Il medico che redigeva la relazione concludeva che le condizioni cliniche del ricorrente si erano gravemente deteriorate e le sue condizioni erano in peggioramento. In ordine alla nutrizione, oltre che mediante il sondino nasogastrico, il supporto nutrizionale artificiale doveva essere fornito mediante l’accesso venoso centrale. Secondo il medico, alla luce delle attuali condizioni di salute, il ricorrente poteva essere curato adeguatamente in un reparto di lungodegenza ospedaliero. I medici certificavano che la struttura in cui era stato ricoverato era dotata del personale medico e delle attrezzature necessarie per fornire cure e terapie adeguate e raccomandavano che rimanesse in ospedale.
43. L’8 agosto 2014 due periti medici indipendenti nominati dal Tribunale di Milano presentavano una relazione. Era stato chiesto ai periti di fornire una valutazione dello stato di salute generale del ricorrente e di precisare, inter alia, se poteva essere curato adeguatamente nel reparto ospedaliero in cui era attualmente detenuto.
A seguito dell’esame di una sintesi della sua storia clinica, delle sue cartelle cliniche e di altri documenti sanitari, i periti redigevano una relazione sul loro esame del ricorrente, che dichiaravano ricoverato nella Divisione di Medicina interna, nel reparto protetto dell’ospedale riservato all’articolo 41 bis. Dichiaravano che era allettato e rilevavano che era legato a causa dei tentativi di togliersi il sondino naso-gastrico. Non era possibile valutare la sua espressione verbale e il suo eloquio; quando veniva salutato pronunciava parole incomprensibili per i periti e anche per il personale sanitario con cui aveva rapporti quotidiani. Il suo stato di coscienza era esaminabile soltanto in termini di vigilanza o sonno, e non era possibile valutare in modo definitivo il suo orientamento spazio-temporale né le sue funzioni cognitive. Era difficile valutare il suo livello di collaborazione a causa dell’incomprensibilità della sua produzione verbale.
I periti definivano la situazione clinica del ricorrente complessa e caratterizzata da plurime patologie, nessuna delle quali in fase acuta. Le patologie che comportavano le maggiori conseguenze funzionali erano individuate nella sindrome extrapiramidale e nel grave decadimento cognitivo. Il fatto che il ricorrente trascorresse tutto il tempo allettato, la sua necessità di essere alimentato artificialmente e di un catetere vescicale permanente erano condizioni permanenti non suscettibili di miglioramento. I periti ribadivano la sua totale mancanza di autonomia in ordine alle funzioni elementari della vita quotidiana, e sottolineavano la sua necessità di essere costantemente assistito per la nutrizione, l’idratazione, l’igiene personale e per prevenire le complicazioni connesse ai lunghi periodi di immobilità a letto. Dichiaravano che la sua situazione cognitiva era peggiorata rispetto al precedente esame neuropsicologico (si veda il paragrafo 41 supra).
In ordine alla protrazione del ricovero del ricorrente in ospedale - seppur in un reparto protetto - e all’adeguatezza delle cure ricevute, i periti ritenevano che l’ospedale di San Paolo garantisse un eccellente livello di cure e la presenza di specialisti in grado di garantire interventi tempestivi in caso di complicazioni. L’assenza del tipo di trattamento che il ricorrente riceveva in quel periodo ne avrebbe comportato la morte in brevissimo tempo.
44. In un bollettino medico dell’11 agosto 2014 presentato dall’Ospedale San Paolo alla Direzione della Casa di reclusione di Milano-Opera, il medico che redigeva il bollettino definiva la situazione del ricorrente stabile e ribadiva la presenza di un grave declino cognitivo che aveva reso il ricorrente incapace di relazionarsi con il mondo esterno e di prendersi cura di sé.
45. Tali ultimi risultati erano confermati in una successiva relazione redatta il 17 settembre 2014.
46. I medici dell’Ospedale San Paolo di Milano emettevano diversi altri bollettini tra l’aprile 2015 e il marzo 2016. La situazione clinica del ricorrente era definita in generale stabile, benché caratterizzata dal progressivo peggioramento delle funzioni neurologiche (relazione del 12 giugno 2015) ed era segnalato anche il grave deterioramento delle funzioni cognitive (relazione del 17 marzo 2016). Il ricorrente era stato allettato per l’intero periodo ed era idratato e alimentato totalmente mediante un sondino naso-gastrico.
47. Secondo i più recenti bollettini medici agli atti, emessi dall’ospedale San Paolo di Milano in data 9 e 13 luglio 2016, le condizioni cliniche del ricorrente si erano gravemente deteriorate ed egli era entrato in fase pre-terminale. La relazione del 13 luglio 2016 dichiara che era stato permesso ai parenti del ricorrente di accedere alla sua stanza ed egli decedeva lo stesso giorno.
C. I procedimenti interni relativi alla salute e alla detenzione del ricorrente
48. Dal fascicolo risulta che, durante la detenzione del ricorrente a Parma e a Milano, i suoi difensori presentavano istanze a diversi tribunali di sorveglianza, chiedendo la sospensione della pena detentiva per motivi di salute a norma degli articoli 146 e 147 del codice penale (si vedano paragrafi 81 e 82 infra per le disposizioni del diritto interno pertinente) e la sostituzione della detenzione con misure restrittive più miti.
49. Con ordinanza del 3 maggio 2013, il tribunale di sorveglianza di Bologna (“il tribunale di Bologna”) stabiliva che non sussistevano motivi per differire la pena del ricorrente per motivi di salute. Il Tribunale riteneva che le condizioni di salute del ricorrente non fossero in una fase così avanzata da non rispondere più alle cure, condizione necessaria per l’applicazione dell’articolo 146 del Codice Penale.
Il Tribunale riteneva inoltre che la sospensione discrezionale della pena ai sensi dell’articolo 147 non fosse giustificata. Riteneva che non si potesse affermare che le condizioni di salute del ricorrente richiedevano cure che non potevano essere fornite in detenzione, benché la detenzione fosse accompagnata dal ricovero in un ospedale civile ogniqualvolta necessario. Il Tribunale di Bologna riteneva che il ricorrente avesse ricevuto e stesse ricevendo cure mediche, frequenti visite mediche ed esami diagnostici. Sottolineava che il ricorrente era stato ricoverato in un ospedale civile anche per lunghi periodi di tempo quando non era stato possibile dispensare le cure necessarie nella struttura carceraria. Rilevava inoltre che la prossimità dell’ospedale civile alla struttura carceraria aveva permesso al ricorrente di essere ricoverato nel pronto soccorso tempestivamente e ogniqualvolta necessario.
Il Tribunale ribadiva che un Tribunale che decide in merito alla sospensione discrezionale della pena per motivi di salute deve anche tenere conto, come fattore pertinente, della possibilità che il soggetto che chiede la sospensione possa avere un comportamento criminale (si veda il paragrafo 82 infra). A tale riguardo, il Tribunale riteneva che il ricorrente fosse un soggetto “socialmente pericoloso”, in quanto era stato arrestato dopo molti anni di latitanza, ed era stato processato e già condannato per reati estremamente gravi.
50. Con ordinanza del 27 agosto 2013, il Tribunale di Bologna stabiliva che non sussistevano motivi per differire la pena del ricorrente per motivi di salute. Il Tribunale rilevava che le condizioni di salute del ricorrente non erano in una fase così avanzata da non rispondere più alle cure. Il Tribunale riteneva inoltre che egli non avrebbe beneficiato di ulteriori o alternative cure mediche in caso di sospensione della pena.
Il Tribunale non era neanche convinto della sussistenza delle condizioni richieste per la sospensione discrezionale ai sensi dell’articolo 147. Rilevava che la documentazione medica che aveva esaminato dimostrava che le condizioni di salute del ricorrente erano monitorate e curate adeguatamente nella struttura carceraria, e che era richiesto il ricovero ospedaliero quando necessario. Rinviando alle relazioni mediche di cui era in possesso, il Tribunale osservava che il ricorrente rispondeva alle cure positivamente e nel modo previsto, in considerazione dell’età avanzata e del carattere delle patologie da cui era affetto.
Come nella sua ordinanza del 3 maggio 2013, il Tribunale teneva inoltre conto del pericolo che il ricorrente, che era un soggetto socialmente pericoloso, potesse commettere reati in caso di sospensione della pena. A tale riguardo, il Tribunale riteneva che, nonostante il comprovato deficit cognitivo del ricorrente, la documentazione di cui disponeva non gli consentiva di escludere la sua - seppur fluttuante e ridotta - capacità di comprendere e comunicare.
51. Il ricorrente impugnava la decisione dinanzi alla Corte di cassazione. Il 4 aprile 2014 la Corte di cassazione rigettava il ricorso. Ribadiva le conclusioni del Tribunale di Bologna relative al fatto che le condizioni di salute del ricorrente erano monitorate adeguatamente e che le cure mediche necessarie erano somministrate nella struttura carceraria, con il ricovero in un ospedale esterno all’occorrenza. La Corte era convinta del fatto che il Tribunale di Bologna si fosse basato sulle più recenti relazioni mediche di cui era in possesso per concludere che non erano soddisfatte le condizioni richieste per la sospensione dell’esecuzione della pena del ricorrente ai sensi degli articoli 146 e 147 del codice penale.
52. Con ordinanza del 3 ottobre 2014 il Tribunale di Milano concludeva che non sussistevano ragioni per modificare la pena del ricorrente per motivi di salute. Nel compiere la sua valutazione, il Tribunale si basava sul contenuto del rapporto dai due periti indipendenti che aveva nominato (si veda il paragrafo 43 supra). Il Tribunale ribadiva che, in casi come quello in esame, la considerazione primaria doveva essere l’interesse superiore del detenuto in termini di tutela della sua salute. Il Tribunale riteneva che il ricorrente non fosse detenuto in un istituto penitenziario, ma piuttosto che fosse stato ricoverato in un ospedale civile altamente specializzato in grado di fornirgli le cure e il trattamento più appropriati ed efficaci per i suoi problemi di salute. Inoltre, secondo il Tribunale, il suo collocamento nel reparto protetto e non tra i comuni pazienti ospedalieri garantiva un livello ancora più elevato di attenzione e vigilanza sulle sue critiche condizioni di salute. Il Tribunale concludeva che la situazione del ricorrente al momento della decisione era quella che garantiva in modo migliore il suo diritto alla salute. Il ricorrente impugnava tale provvedimento dinanzi alla Corte di cassazione.
53. Con ordinanza dell’11 novembre 2014, il Tribunale di Bologna concludeva che non sussistevano ragioni per differire l’esecuzione della pena del ricorrente per motivi di salute. Ribadiva innanzitutto e conveniva con le conclusioni del Tribunale di Milano nella sua ordinanza del 3 ottobre 2014. Rinviava alle relazioni redatte dal personale medico dell’Ospedale San Paolo e dai periti medici indipendenti nominati dal Tribunale di Milano per concludere che, nonostante la gravità delle condizioni di salute del ricorrente, lo stesso non era detenuto in una struttura carceraria bensì in un ospedale civile, e rispondeva alle cure somministrato in tale contesto.
54. Con sentenza del 9 giugno 2015, la Corte di cassazione rigettava il ricorso presentato dal ricorrente avverso l’ordinanza del Tribunale di Milano del 3 ottobre 2014. Riteneva che la motivazione del Tribunale di Milano fosse imperniata sulla necessità di tutelare il diritto del detenuto alla salute nella massima misura possibile, e non potesse essere ritenuta in contrasto con le disposizioni del codice penale che disciplinano la sospensione dell’esecuzione della pena detentiva per motivi di salute.
55. Con ordinanza dell’11 luglio 2016 il magistrato di sorveglianza di Milano stabiliva, a titolo provvisorio e in attesa di un provvedimento del Tribunale di sorveglianza, che non fosse giustificato un provvedimento in via provvisoria e d’urgenza che disponesse la sospensione dell’esecuzione della pena del ricorrente. Il magistrato rilevava, inter alia, che il ricorrente era curato in una struttura che garantiva eccellenti livelli di assistenza e che disponeva di personale medico e infermieristico di altissima qualità e che la sua detenzione in ospedale non contrastava con il senso comune di umanità.
D. Il regime detentivo previsto dall’articolo 41 bis della legge sull’Ordinamento penitenziario
56. Il 13 aprile 2006 il Ministro della giustizia emetteva un decreto che disponeva che il ricorrente dovesse essere sottoposto al regime detentivo speciale di cui al comma 2 dell’articolo 41 bis della legge sull’Ordinamento penitenziario (per le disposizioni del diritto interno si vedano i paragrafi 83-86 infra).
57. Il decreto del 2006 imponeva le seguenti restrizioni:
• restrizioni delle visite da parte dei familiari (non più di un’unica visita mensile della durata di un’ora);
• divieto di ricevere visite da parte di persone diverse dai familiari;
• divieto di utilizzare il telefono;
• divieto di ricevere o inviare una somma di denaro superiore a un importo fisso;
• divieto di ricevere più di due pacchi al mese, non eccedenti un determinato peso, ma permesso di ricevere due pacchi speciali all’anno contenenti vestiario e biancheria da letto;
• esclusione del diritto di partecipare alle elezioni dei rappresentanti dei detenuti o di essere eletto in qualità di rappresentante;
• divieto di fare lavori artigianali;
• divieto di acquistare cibo da cuocere;
• non più di due ore giornaliere di attività fisica all’aperto, una delle quali poteva essere trascorsa in biblioteca, in palestra e così via, e in gruppi di non più di quattro persone.
58. Inoltre, la corrispondenza in entrata e in uscita doveva essere monitorata, e soggetta a preliminare provvedimento autorizzativo dell’autorità giudiziaria.
59. L’applicazione del regime speciale era successivamente prorogata per periodi di uno o due anni, mediante decreti di proroga emessi in data 5 aprile 2007, 3 aprile 2008, 2 aprile 2009, 1 aprile 2010, 28 marzo 2012, 26 marzo 2014 e 23 marzo 2016.
60. L’8 marzo 2013, con istanza indirizzata a tre diversi tribunali di sorveglianza (Bologna, Roma e Parma), nonché al Ministro della giustizia, il difensore del ricorrente chiedeva la revoca del regime detentivo speciale previsto dall’articolo 41 bis della legge sull’ordinamento penitenziario, osservando fondamentalmente che, alla luce del deterioramento delle funzioni cognitive del ricorrente, i motivi per cui il regime era stato applicato originariamente non erano più rilevanti.
61. Il 22 luglio 2013 la Direzione Distrettuale Antimafia (in prosieguo “la DDA”) di Caltanissetta esprimeva un parere favorevole alla revoca del regime detentivo speciale. L’Ufficio riconosceva che le condizioni di salute del ricorrente erano peggiorate, rilevando che il suo funzionamento cognitivo era compromesso, come sottolineato dalla documentazione medica di cui disponeva. Osservava in particolare le conclusioni della relazione dei periti nominati dal GUP di Palermo (si veda il paragrafo 11 supra) che avevano rilevato che il funzionamento cognitivo del ricorrente era deteriorato e la sua capacità di comunicare era compromessa. Alla luce di tali conclusioni, l’Ufficio esprimeva il parere che le ragioni che avevano inizialmente giustificato l’applicazione del regime detentivo speciale non sussistevano più.
62. Con ordinanza del 27 agosto 2013, il Tribunale di Roma dichiarava inammissibile l’istanza presentata dal ricorrente in data 8 marzo 2013. Riteneva che la facoltà di revocare l’imposizione del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis fosse di competenza del Ministro della Giustizia. Il Tribunale era competente solo in relazione ai reclami presentati avverso i provvedimenti emessi dal Ministro della giustizia, quali i decreti di proroga dell’applicazione del regime speciale o i rifiuti da parte del Ministro di revocare i decreti che applicavano il regime. L’esame del merito della domanda era pertanto precluso al Tribunale.
63. Il 21 novembre 2013 il difensore del ricorrente presentava ricorso al Ministro della Giustizia per chiedere la revoca del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis. In data imprecisata il Ministro della giustizia rigettava il ricorso. La decisione era notificata al figlio del ricorrente l’11 febbraio 2014.
64. Il 13 febbraio 2014 il difensore del ricorrente presentava ricorso al Tribunale di Roma avverso quest’ultima decisione. Ribadiva i rilievi dedotti nella domanda dell’8 marzo 2013.
1. Il decreto di proroga del 26 marzo 2014
65. Il 26 marzo 2014 il Ministro della Giustizia emetteva un decreto che prorogava per due anni l’applicazione del regime detentivo speciale. Era constatato che la capacità del ricorrente di mantenere collegamenti con i membri dell’organizzazione criminale non era venuta meno, e si era anche tenuto conto della sua “particolare e concreta pericolosità”.
66. Il decreto ribadiva la logica alla base del regime detentivo speciale e riaffermava in particolare che la sua applicazione costituiva una misura preventiva finalizzata a garantire la sicurezza e l’ordine pubblico e non aveva alcuna finalità punitiva.
67. Il decreto esaminava inoltre alcune condanne del ricorrente per reati estremamente gravi, tra i quali vi erano plurimi delitti di omicidio aggravato, il favoreggiamento di stragi e l’associazione a delinquere, indicativi del suo elevato livello di responsabilità all’interno dell’organizzazione criminale.
68. Il decreto offriva inoltre un quadro generale delle informazioni fornite da diversi organi di polizia, dalle Procure, dalla Direzione investigativa antimafia e dal Ministro dell’Interno, che erano state richieste al fine di accertare la persistenza delle condizioni che giustificavano la proroga del regime (istruttorie relative alla preesistente attualità ed alla permanente gravità delle esigenze di prevenzione ai fini della proroga). Esso riassumeva inoltre i pareri emessi dalle DDA di Firenze e di Caltanissetta nel febbraio 2014 e dalla Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo (in prosieguo “la DNA”) e la DDA di Palermo nel marzo 2014.
69. Il decreto dichiarava che le DDA di Palermo, Caltanissetta e Firenze avevano espresso un parere sfavorevole alla proroga delle restrizioni, alla luce delle condizioni di salute del ricorrente. Affermava tuttavia che la DDA di Palermo aveva concluso che il ricorrente era ancora socialmente pericoloso.
70. Il decreto si concentrava in particolare sulle conclusioni della DNA, che aveva delineato il profilo criminale del ricorrente e le attuali attività criminali di Cosa Nostra (la mafia siciliana) e richiamava l’attenzione sul fatto che uno dei membri più importanti dell’organizzazione criminale cui apparteneva il ricorrente era ancora a piede libero. Secondo il testo del decreto, la DNA riteneva inoltre che, sulla base delle perizie medico-legali di cui era in possesso, non si poteva concludere che in quel momento vi era stato un totale scadimento delle capacità di attenzione, comprensione e orientamento del ricorrente, bensì piuttosto soltanto un deterioramento non quantificabile. Ciò, a sua volta, non poteva escludere la possibilità che il ricorrente potesse comunicare ordini all’organizzazione criminale se fosse stato ristretto con un regime detentivo ordinario. Era anche trattata la questione della salute del ricorrente esaminando se l’applicazione del regime detentivo speciale ostacolava le cure mediche di cui aveva bisogno in considerazione dei suoi problemi di salute, e, ad avviso dell’Ufficio, esso non le ostacolava. La DNA concludeva che la proroga delle restrizioni era ancora ritenuta necessaria.
71. Il decreto si concentrava anche sul parere del Ministro dell’Interno che sintetizzava le conclusioni delle indagini concluse recentemente, che confermavano il ruolo di spicco del ricorrente in seno all’organizzazione criminale. L’esito di tali indagini aveva anche fatto luce sui mezzi mediante i quali la rete di supporto del ricorrente gli aveva permesso di protrarre la latitanza, il sistema di comunicazione tra lo stesso e i latitanti di spicco nel corso della loro latitanza e il suo uso di messaggi codificati per trasmettere le strategie dell’organizzazione.
2. Il primo procedimento dinanzi al Tribunale di Roma
72. Il 31 marzo 2014 il ricorrente presentava reclamo avverso il decreto di proroga emesso dal Ministro della Giustizia in data 26 marzo 2014. Il difensore del ricorrente sosteneva che il regime detentivo speciale dovesse essere sospeso a causa delle condizioni psicofisiche del ricorrente e forniva la documentazione medica a sostegno di tale tesi.
73. Con ordinanza del 5 dicembre 2014, il Tribunale di Roma esaminava congiuntamente i ricorsi proposti in data 13 febbraio 2014 e 31 marzo 2014 e li rigettava entrambi. Alcuni punti salienti dell’ordinanza possono essere sintetizzati come segue.
Il Tribunale esaminava i rilievi del ricorrente e la documentazione medica di cui disponeva e si concentrava sulla condizione neurologica del ricorrente. Citava estratti di un rapporto di una visita neuropsicologica eseguita al ricorrente il 25 novembre 2014, che indicava che era allettato, che alternava il sonno alla vigilanza e che, se appropriatamente stimolato, articolava talvolta parole che avevano senso o eseguiva compiti elementari. Il ricorrente era definito vigile e occasionalmente “risvegliabile”, il rapporto rilevava tuttavia che non eseguiva gli ordini. Il Tribunale osservava che non era stato possibile effettuare una valutazione decisiva delle sue abilità cognitive a causa dello stato gravemente compromesso della sua funzione motoria, unito alla sua incapacità di concentrazione e alla generale mancanza di collaborazione.
Il Tribunale riconosceva quindi la sussistenza di un grave decadimento delle funzioni cognitive del ricorrente. Tuttavia, nonostante tale decadimento, sulla base della documentazione medica di cui disponeva, il Tribunale concludeva di non poter escludere con assoluta certezza che il ricorrente avrebbe potuto trasmettere messaggi penalmente rilevanti relativi alle attività criminali dell’organizzazione mediante i familiari o altre persone se gli fosse stato permesso di avere rapporti non regolamentati con il mondo esterno. Il Tribunale si basava inoltre sui bollettini emessi dal personale sanitario del reparto ospedaliero che indicavano che il ricorrente aveva transitori momenti di lucidità alternati a momenti di confusione, e che a volte rispondeva alle domande che gli erano poste in modo comprensibile. In conclusione, secondo il Tribunale, le condizioni cliniche del ricorrente non potevano essere considerate tali da precludere la comunicazione di messaggi o disposizioni criminali.
Il Tribunale ribadiva che il ricorrente, che era stato capo di Cosa Nostra per decenni, era ritenuto un soggetto che rappresentava una notevole minaccia per la sicurezza nazionale e la società in generale. Ribadiva inoltre che nel corso della latitanza aveva contato su una solida rete di supporto ed era riuscito a gestire l’organizzazione criminale attraverso i cosiddetti pizzini, messaggi apparentemente semplici che nascondevano ordini destinati alla rete criminale. Pertanto, ad avviso del Tribunale, l’organizzazione criminale avrebbe potuto ottenere disposizioni per svolgere attività criminali anche ricevendo dal ricorrente semplici messaggi, data la sua posizione in seno all’organizzazione. Notava anche che uno dei soggetti più importanti e più pericolosi appartenente all’organizzazione del ricorrente era all’epoca ancora latitante.
Sulla base delle suddette considerazioni, il Tribunale concludeva che la proroga del regime detentivo di cui all’articolo 41 bis era ancora pienamente giustificata, nell’interesse dell’ordine pubblico e della sicurezza.
3. Il decreto di proroga del 23 marzo 2016
74. Il 23 marzo 2016 il Ministro della giustizia emetteva un decreto di proroga dell’applicazione del regime detentivo speciale per ulteriori due anni. Come nel decreto del 2014, sosteneva che il ricorrente era ancora in grado di intrattenere rapporti con i membri dell’organizzazione criminale ancora latitanti, e aveva inoltre tenuto conto della sua “particolare e concreta pericolosità”. Il Ministro confermava la proroga di tutte le restrizioni in vigore (si veda il paragrafo 57 supra). Alcuni punti salienti del decreto possono essere sintetizzati in prosieguo.
75. Come nel decreto del 2014, il Ministro della Giustizia ribadiva la logica e le finalità del regime e forniva un quadro generale delle informazioni fornite da diversi organi di polizia, dalle Procure e dal Ministro dell’Interno - informazioni che erano state richieste al fine di accertare la persistenza delle condizioni che giustificavano la proroga del regime. Il decreto sintetizzava i pareri emessi dalla DDA di Firenze, Caltanissetta e Palermo nel febbraio 2016 e dalla DNA nel marzo 2016.
76. Il decreto riconosceva che le DDA di Caltanissetta e di Firenze avevano confermato il loro precedente parere negativo sulla proroga del regime nei confronti del ricorrente e che per giungere alle sue conclusioni la DDA di Caltanissetta si era basata sul deterioramento della salute del ricorrente, mentre il parere della DDA di Firenze era imperniato sulla constatazione che il ricorrente non era oggetto di indagini penali. La DDA e la DNA di Palermo confermavano invece la necessità di prorogare il regime detentivo speciale.
77. Secondo quanto riportato nel decreto, la DDA di Palermo aveva concluso che l’applicazione del regime di cui all’articolo 41 bis continuava a essere assolutamente necessaria per prevenire e troncare i persistenti e pericolosi rapporti del ricorrente con il mondo esterno e con gli altri detenuti, che gli avrebbero permesso di proseguire le attività illegali che aveva diretto per decenni. La DDA si concentrava, inter alia, sui precedenti penali del ricorrente e sul suo ruolo apicale all’interno di Cosa Nostra, esaminando la sua determinante partecipazione a un elevato numero di delitti, dalle stragi alle estorsioni, e prendendo atto del controllo che aveva esercitato sulle attività economiche, che gli aveva permesso di acquisire considerevoli beni. La DDA forniva dettagli sulla rete di supporto che il ricorrente aveva avuto in seno all’organizzazione - rete che gli aveva permesso una latitanza durata oltre quarant’anni e la gestione di molteplici aspetti del sodalizio criminale, che andavano dalla risoluzione di controversie alla commissione di omicidi. Sottolineava che un importante membro dell’organizzazione criminale era ancora latitante.
In ordine alla salute del ricorrente, la DDA di Palermo dichiarava che, sulla base delle informazioni cliniche di cui era in possesso, conveniva con la decisione del Tribunale di Roma (si veda il paragrafo 73 supra) e citava un estratto dell’ordinanza in cui il Tribunale aveva affermato di non poter escludere con assoluta certezza che il ricorrente fosse in grado di trasmettere messaggi penalmente rilevanti relativi alle attività criminali dell’organizzazione.
78. Secondo quanto riportato nel decreto, la DNA concludeva che la combinazione di elementi che avevano giustificato l’iniziale applicazione del regime detentivo speciale era rimasta invariata. Si basava principalmente sul “profilo criminale” del ricorrente, sulle sue plurime condanne per delitti efferati, sulle attuali attività di Cosa Nostra e sulla sua continua riorganizzazione, oltre che sul fatto che un importante membro dell’organizzazione criminale, che aveva avuto in passato un rapporto documentato con il ricorrente, era ancora latitante.
In ordine alla salute del ricorrente, la DNA ribadiva il contenuto del suo parere del 2014 sulla proroga del regime detentivo speciale e ne citava estratti secondo i quali l’applicazione di un simile regime non interferiva in alcun modo con le cure mediche cui era sottoposto il ricorrente, e la modifica del regime non avrebbe avuto conseguenze per la sua salute. La DNA citava inoltre un estratto del suo parere del 2014 in cui aveva concluso che, sulla base della documentazione di cui disponeva, non sembrava che il ricorrente avesse del tutto perso le capacità di attenzione, comprensione e orientamento spazio-temporale, ma che tali capacità avevano soltanto subito un deterioramento.
4. Il secondo procedimento dinanzi al Tribunale di Roma
79. L’8 aprile 2016 il difensore del ricorrente presentava reclamo al Tribunale di Roma avverso il decreto di proroga emesso dal Ministro della Giustizia.
80. In data 16 settembre 2016 il Tribunale di Roma archiviava il procedimento a causa del decesso del ricorrente.
II. IL DIRITTO E LA PRASSI INTERNI PERTINENTI
A. Il differimento della pena detentiva per motivi di salute
81. Le parti pertinenti dell’articolo 146 del codice penale italiano (“rinvio obbligatorio della esecuzione della pena”) prevedono che:
L’esecuzione di una pena, che non sia pecuniaria, è differita: (...)
3) se deve aver luogo nei confronti di persona affetta da HIV conclamata o da grave deficienza immunitaria (...) ovvero da altra malattia particolarmente grave per effetto della quale le sue condizioni di salute risultano incompatibili con lo stato di detenzione, quando la persona si trova in una fase della malattia così avanzata da non rispondere più, secondo le certificazioni del servizio sanitaria penitenziario o esterno, ai trattamenti disponibili e alle terapie curative.
82. Le parti pertinenti dell’articolo 147 del codice penale italiano (“rinvio facoltativo della esecuzione della pena”) prevedono che:
L’esecuzione di una pena può essere differita:
(...) se una pena restrittiva della libertà personale deve essere eseguita contro chi si trova in condizioni di grave infermità fisica (...) il provvedimento di cui al primo comma non può essere adottato o, se adottato, è revocato se sussiste il concreto pericolo della commissione di delitti.
B. Il regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis
83. L’articolo 41 bis della legge sull’Ordinamento penitenziario (legge 26 luglio 1975 n. 354), come modificato dalla legge 7 agosto 1992 n. 356 e dalla legge 15 luglio 2009 n. 94, conferisce al Ministro della Giustizia la facoltà di sospendere l’applicazione del regime detentivo ordinario in tutto o in parte, mediante un provvedimento motivato, per motivi di ordine pubblico e di sicurezza, nei casi in cui il regime detentivo ordinario contrasterebbe con tali requisiti.
84. Il comma 2 bis dell’articolo 41 bis prevede che il Ministro della giustizia possa emettere un decreto di proroga dell’applicazione del regime detentivo speciale, a meno che non emerga che la capacità del detenuto di mantenere collegamenti con l’organizzazione criminale di riferimento sia venuta meno.
85. Lo stesso comma elenca alcuni dei fattori di cui tener conto al fine di accertare se l’imputato abbia la capacità di mantenere i summenzionati collegamenti: il suo profilo criminale, la posizione che rivestiva in seno all’organizzazione, la perdurante operatività del sodalizio criminale, la sopravvenienza di nuove incriminazioni nei confronti del detenuto precedentemente non valutate, gli esiti del trattamento penitenziario e il tenore di vita dei familiari del detenuto.
86. Lo stesso comma precisa inoltre che il mero decorso del tempo non costituisce, di per sé, un elemento sufficiente per escludere la capacità dell’imputato di mantenere i collegamenti con l’associazione di cui faceva parte.
87. Il comma 2 quinquies dell’articolo 41 bis prevede la possibilità di proporre reclamo avverso il decreto di proroga al tribunale di sorveglianza di Roma, che verifica, esaminando i rilievi presentati nel ricorso e le conclusioni riportate nel decreto di proroga, se sono stati rispettati i criteri previsti dalla legge per l’adozione di un simile provvedimento.
88. Il comma 2 sexies dell’articolo 41 bis prevede la possibilità di presentare ricorso alla Corte di cassazione avverso l’ordinanza del tribunale di sorveglianza, unicamente per motivi di violazione di legge.
89. La Corte di cassazione delimitava in diverse occasioni la portata dei ricorsi avverso i decreti dei tribunali di sorveglianza di proroga del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis di cui può essere investita. Secondo tale Corte, la portata di un simile ricorso non rende una decisione impugnata suscettibile di contestazioni basate su un vizio di motivazione, salvo qualora la motivazione sia del tutto assente o viziata al punto da risultare meramente apparente e inesistente, vale a dire priva dei requisiti minimi di coerenza, completezza e logicità (si vedano, tra altri precedenti, Trombetta, Prima Sezione penale, n. 2984 del 22 gennaio 2014). In una recente pronuncia (Oppedisano, Prima Sezione penale, n. 11620 del 19 febbraio 2016), la Corte di cassazione ricapitolava i seguenti principi sulla portata del suo riesame:
“Giova premettere che l’impugnativa in esame trova la sua disciplina nell’art. 41 bis co. 2 sexies L. 26.07.1975 n. 354, e success. mod., il quale dispone, come è noto, che l’ordinanza del Tribunale di sorveglianza che abbia deciso sul reclamo proposto avverso il Decreto Ministeriale di cui all’art. 41-bis co. 2-bis è ricorribile in cassazione soltanto “per violazione di legge”. Orbene, secondo costante e risalente insegnamento di questa Corte (Cass. pen. 13.03.92, p.c. in c. Bonati), la violazione di legge concernente la motivazione trova il suo fondamento nella disciplina costituzionale di cui ai commi 6 e 7 dell’art. 111 e consiste nella omissione totale della motivazione stessa ovvero allorché ricorrano le ipotesi di motivazione fittizia o contraddittoria, che si configurano, la prima, allorché il giudicante utilizza espressioni di stile e stereotipate, e la seconda quando si riscontri un argomentare fondato sulla contrapposizione di argomentazioni decisive di segno opposto. Rimangono escluse dalla nozione di violazione di legge connessa al difetto di motivazione tutte le rimanenti ipotesi nelle quali la motivazione stessa si dipani in modo insufficiente e non del tutto puntuale rispetto alle prospettazioni censorie.”
90. La stessa sentenza esaminava le modalità con cui la Corte di cassazione aveva applicato questi ultimi principi generali allo specifico contesto dei ricorsi avverso le ordinanze dei tribunali di sorveglianza ai sensi dell’articolo 41 bis, comma 2 sexies, della legge n. 354 del 1975:
“Secondo detta lezione interpretativa (Cass., sez. I, 9.01.2004, n. 449; 14.11.2003 n. 5338; 9.11.2004, n. 48494) infatti, in tema di regime carcerario differenziato, nella nozione di violazione di legge (...) deve farsi rientrare anche la mancanza di motivazione, alla quale vanno ricondotti tutti i casi nei quali la motivazione stessa risulti priva dei requisiti minimi di coerenza, di completezza e di logicità, al punto da risultare meramente apparente o assolutamente inidonea a rendere comprensibile il filo logico seguito dal giudice di merito, ovvero quando le linee argomentative del provvedimento siano così scoordinate e carenti dei necessari passaggi logici da far rimanere oscure le ragioni che hanno giustificato la decisione.”
C. Altre disposizioni del diritto interno
91. Il decreto legislativo n. 146 del dicembre 2013 istituiva un nuovo ricorso preventivo che consente al detenuto di proporre reclamo al magistrato di sorveglianza per qualsiasi violazione dei suoi diritti.
D. Altro materiale interno
92. Nell’aprile 2016 la Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato pubblicava un rapporto sul regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis (Rapporto sul Regime Detentivo Speciale – Indagine Conoscitiva sul 41 bis). Tra diverse altre raccomandazioni era fatta la seguente:
la Commissione, inoltre, raccomanda una più accurata istruttoria da parte degli uffici competenti in merito al rinnovo dell’applicazione del regime detentivo speciale, onde evitare la sottoposizione al regime speciale di persone incapaci di intendere e di volere.
IN DIRITTO
I. SULLA QUESTIONE PRELIMINARE
93. A seguito della morte del ricorrente, avvenuta il 13 luglio 2016, il figlio, Sig. Angelo Provenzano, ha comunicato alla Corte l’intenzione di proseguire il ricorso nell’interesse del padre (si veda il paragrafo 1 supra).
94. Il Governo ha chiesto la cancellazione del ricorso dal ruolo ai sensi dell’articolo 37 della Convenzione, contestando il diritto del figlio del ricorrente a proseguire il ricorso. Ha sostenuto, inter alia, che il figlio del ricorrente non poteva affermare di essere una vittima indiretta, in quanto la dedotta violazione dell’articolo 3 della Convenzione non lo aveva colpito personalmente, e il diritto invocato dal ricorrente, che era connesso alla sua sfera personale e intima, non era di carattere trasferibile. Ha aggiunto che nelle sue osservazioni il figlio del ricorrente si era limitato a esprimere l’intenzione di proseguire il procedimento, senza spiegare i motivi della sua legittimazione a succedere, e aveva inoltre presentato il suo certificato di nascita e dichiarato il suo personale interesse a proseguire la causa.
95. La Corte ribadisce innanzitutto la necessità di distinguere le cause in cui il ricorrente è deceduto nel corso del procedimento dalle cause in cui il ricorso è stato presentato alla Corte dagli eredi del ricorrente successivamente alla morte della vittima (si vedano Ergezen c. Turchia, n. 73359/10, § 28, 8 aprile 2014; Fairfield c. Regno Unito (dec.), n. 24790/04, CEDU 2005 VI; e Biç e altri c. Turchia, n. 55955/00, § 20, 2 febbraio 2006). La Corte sottolinea inoltre che, alla luce della sua giurisprudenza consolidata, la questione di sapere se un soggetto possa essere considerato una vittima indiretta è rilevante soltanto quando la vittima diretta muore prima di presentare ricorso alla Corte (Centre for Legal Resources per Valentin Câmpeanu c. Romania [GC], n. 47848/08, §§ 97-100, CEDU 2014).
96. In casi come quello di specie, in cui il ricorrente è deceduto dopo aver presentato ricorso, la Corte ha coerentemente accettato che il più prossimo parente, uno stretto congiunto o l’erede possa, in linea di massima, proseguire il ricorso, a condizione che abbia sufficiente interesse alla causa (si vedano Centre for Legal Resources per Valentin Câmpeanu c. Romania [GC], sopra citata, § 97; Fartushin c. Russia, n. 38887/09, § 33, 8 ottobre 2015; e Vaš?enkovs c. Lettonia, n. 30795/12, § 27, 15 dicembre 2016). La Corte ribadisce che esprimendo l’intenzione di proseguire il ricorso l’erede di un ricorrente deceduto può essere motivato anche da interessi non esclusivamente materiali. Le cause relative ai diritti umani di cui è investita la Corte hanno generalmente anche una dimensione morale, e le persone vicine al ricorrente possono quindi avere un legittimo interesse a garantire che sia fatta giustizia, anche successivamente alla morte del ricorrente (si veda Malhous c. Repubblica ceca (dec.) [GC], n. 33071/96, CEDU 2000-XII). Pertanto, qualora la vittima diretta sia deceduta dopo aver presentato ricorso, il fattore determinante non è stabilire se i diritti in questione siano trasferibili a eredi intenzionati a proseguire il ricorso, ma se i soggetti che desiderano proseguire il procedimento possano rivendicare un legittimo interesse a chiedere che la Corte decida la causa sulla base della volontà del ricorrente di avvalersi del suo diritto individuale e personale di adire la Corte (si veda Ergezen c. Turchia, n. 73359/10, § 29, 8 aprile 2014). La Corte non ha ritenuto decisivo neanche il fatto che il soggetto che desidera proseguire il ricorso non sia un erede giuridicamente riconosciuto ai sensi del diritto interno (si veda Malhous c. Repubblica ceca, sopra citata).
97. Passando al caso di specie, la Corte osserva che il soggetto che chiede di proseguire il procedimento dinanzi a essa è il figlio del ricorrente, e quindi uno stretto congiunto. Il documento prodotto dal figlio, vale a dire il suo certificato di nascita, attesta la sussistenza del rapporto familiare.
98. La Corte rileva inoltre che il figlio del ricorrente è stato nominato tutore del ricorrente alla luce dell’incapacità giuridica del ricorrente a seguito della condanna alla pena dell’ergastolo, ed è stato inoltre nominato amministrazione di sostegno del ricorrente, ufficio che ha assunto prestando giuramento nel maggio 2014. La Corte osserva infine che egli ha introdotto il presente ricorso nell’interesse del ricorrente in un momento in cui era tutore del ricorrente (si vedano i paragrafi 1 e 13 supra).
99. Per quanto sopra esposto e in considerazione delle circostanze del caso di specie, la Corte è convinta che il Sig. Angelo Provenzano abbia un legittimo interesse a proseguire il ricorso. Su sua richiesta, continuerà quindi a trattare la causa. Per ragioni pratiche il Sig. Bernardo Provenzano continuerà a essere definito “il ricorrente”, sebbene debba attualmente essere considerato tale il Sig. Angelo Provenzano.
100. La Corte rigetta pertanto la domanda del Governo di cancellazione del ricorso dal ruolo.
II. SULLA DEDOTTA VIOLAZIONE DELL’ARTICOLO 3 DELLA CONVENZIONE
101. Il ricorrente ha lamentato che la sua detenzione era incompatibile con la sua età e le sue condizioni di salute. Ha inoltre lamentato che le autorità interne non avevano adottato tutte le misure necessarie per salvaguardare la sua salute e il suo benessere nel corso della detenzione, e che la protrazione del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis comportava la violazione dell’articolo 3, che recita:
"Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti.”
A. Sulla ricevibilità
102. Il Governo ha eccepito preliminarmente il mancato esaurimento delle vie di ricorso interne e ha chiesto alla Corte di rigettare il ricorso in quanto irricevibile ai sensi dell’articolo 35 §§ 1 e 4 della Convenzione. Alla luce delle circostanze del caso di specie, la Corte ritiene opportuno esaminare separatamente i due aspetti del ricorso del ricorrente ai sensi dell’articolo 3.
1. La doglianza relativa all’incompatibilità della detenzione del ricorrente con la sua salute
103. Il Governo ha osservato a tale riguardo che il ricorrente disponeva di diversi ricorsi, in primo luogo la possibilità di chiedere al tribunale di sorveglianza il differimento dell’esecuzione della pena detentiva per motivi di salute. Pur ammettendo che il ricorrente si era avvalso di quest’ultimo ricorso in quattro occasioni con esiti negativi da parte dei tribunali di sorveglianza, ha sottolineato che soltanto in due occasioni il ricorrente aveva presentato ricorso avverso tali decisioni alla Corte di cassazione, la quale aveva comunque rigettato i suoi ricorsi. Il Governo ha inoltre ha sostenuto che il ricorrente aveva avuto un’ulteriore mezzo di ricorso che non aveva esperito, vale a dire il ricorso introdotto dal decreto legislativo n. 146 del 2013, che consentiva al detenuto di lamentare al magistrato di sorveglianza qualsiasi violazione dei suoi diritti (si veda il paragrafo 91 supra).
104. Il ricorrente ha sostenuto di non aver impugnato soltanto un’ordinanza emessa dal Tribunale di Bologna in quanto era stato trasferito nel frattempo a Milano. Ha inoltre dichiarato che mentre era detenuto a Milano aveva introdotto un procedimento dinanzi alla Corte di cassazione. Ha sostenuto che tutti i procedimenti avevano avuto un esito a lui sfavorevole.
105. La Corte ribadisce che quando sono disponibili più ricorsi potenzialmente efficaci, è richiesto al ricorrente soltanto di esperire un ricorso di sua scelta (si vedano, tra numerosi altri precedenti, Micallef c. Malta [GC], n. 17056/06, § 58, CEDU 2009; Nada c. Svizzera [GC], n. 10593/08, § 142, CEDU 2012; Göthlin c. Svezia, n. 8307/11, § 45, 16 ottobre 2014; e O’Keeffe c. Irlanda [GC], n. 35810/09, §§ 109-111, CEDU 2014 (estratti)).
106. Nella fattispecie, dato che il ricorrente aveva presentato ai tribunali di sorveglianza diversi ricorsi che sollevavano doglianze relative alla sua salute e alla sua detenzione, la Corte ritiene che non fosse tenuto a esperire un ulteriore ricorso per soddisfare i requisiti dell’articolo 35 § 1 della Convenzione. La Corte osserva inoltre che il ricorrente ha impugnato dinanzi alla Corte di cassazione l’ordinanza del Tribunale di Bologna del 27 agosto 2013 e l’ordinanza del Tribunale di Milano del 3 ottobre 2014. La Corte è disposta ad accettare che ciò sia sufficiente per concludere che il ricorrente ha esaurito le vie di ricorso interne ai sensi dell’articolo 35 § 1 della Convenzione ai fini della presente parte del ricorso.
2. La doglianza relativa alla protrazione del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis
107. Il Governo ha sostenuto che, ai sensi dell’articolo 41 bis della Legge sull’Ordinamento penitenziario, era possibile presentare ricorso in punto di diritto alla Corte di cassazione avverso le ordinanze dei tribunali di sorveglianza per motivi di “violazione di legge”. Data l’esistenza di tale ricorso, il ricorrente avrebbe dovuto impugnare l’ordinanza del Tribunale di Roma del 5 dicembre 2014 in ordine alla proroga del regime detentivo speciale, ma non l’aveva fatto.
108. Il ricorrente ha contestato genericamente il rilievo del Governo.
109. La Corte ribadisce la sua giurisprudenza consolidata secondo la quale l’articolo 35 § 1 della Convenzione prevede la ripartizione dell’onere della prova, e spetta al Governo che sostiene il mancato esaurimento delle vie di ricorso interne convincere la Corte che il ricorso del quale afferma il mancato esperimento da parte del ricorrente fosse efficace e disponibile teoricamente e praticamente al momento pertinente, vale a dire che era accessibile, in grado di riparare le doglianze del ricorrente e offriva ragionevoli prospettive di successo (si vedano, tra altri precedenti, Sejdovic c. Italia [GC], n. 56581/00, § 46, CEDU 2006-II; Scoppola c. Italia (n. 2) [GC], n. 10249/03, § 71, 17 settembre 2009; Vallianatos e altri c. Grecia [GC], nn. 29381/09 e 32684/09, § 57, CEDU 2013 (estratti); e Davydov e altri c. Russia, n. 75947/11, § 233, CEDU 2017 (estratti)).
110. La Corte ribadisce innanzitutto che la decisione interna in esame – ovvero l’ordinanza del tribunale di sorveglianza che si è pronunciato su un reclamo avverso il decreto ministeriale che aveva prorogato l’applicazione del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis - oltre a non poter essere impugnata per motivi di fatto, non poteva essere impugnata sulla base della completa gamma di motivi disponibili per un riesame in punto di diritto da parte della Corte di cassazione, bensì soltanto per violazione di legge (si veda il paragrafo 88 supra). A sua volta, la violazione di legge è stata interpretata in senso restrittivo dalla Corte di cassazione, che ha innalzato la soglia e limitato tali motivi ai casi in cui la motivazione del tribunale di sorveglianza relativa alla questione lamentata era del tutto assente, o era compromessa da vizi talmente gravi che i motivi su cui era basata la decisione erano praticamente indiscernibili (si veda il paragrafo 89 supra).
111. La Corte osserva che l’essenza della doglianza del ricorrente è imperniata sulla tesi secondo cui, alla luce del suo grave e clinicamente documentato decadimento cognitivo, gli originari motivi per applicare il regime detentivo speciale non sussistevano più ed erano quindi privi di giustificazione. A livello interno, ha presentato tale reclamo al Tribunale di Roma, che ha esaminato e rigettato i suoi rilievi con un’ordinanza che egli non contesta come piena del genere di vizi richiesti per soddisfare la soglia necessaria per un riesame da parte della Corte di cassazione.
112. La Corte rileva inoltre che, nell’articolare il suo rilievo relativo al mancato esaurimento, il Governo non ha fornito alcuna documentazione a sostegno che indicasse che la doglianza del ricorrente sarebbe potuta rientrare nell’ambito dei motivi che consentivano un riesame da parte della Corte di cassazione.
113. Pertanto, alla luce della specificità del ricorso in questione, al quale si può accedere limitatamente, unitamente al carattere della doglianza del ricorrente, la Corte conclude che, date le particolari circostanze del caso di specie, il Governo non ha soddisfatto l’onere della prova incombente su di esso nell’eccepire il mancato esaurimento.
114. Con riferimento alla proroga del regime detentivo speciale nel marzo 2016 e al periodo successivo, il Governo non ha eccepito specificamente il mancato esaurimento. Ha tuttavia richiamato l’attenzione della Corte sul fatto che il procedimento introdotto dal ricorrente dinanzi al Tribunale di Roma avverso il decreto di proroga del Ministro del 2016 era stato archiviato a causa del decesso del ricorrente (si veda il paragrafo 80 supra).
3. Conclusioni
115. Per quanto sopra esposto le eccezioni del Governo relative al mancato esaurimento devono essere respinte.
116. La Corte rileva che il ricorso non è manifestamente infondato ai sensi dell’articolo 35 § 3 lettera a) della Convenzione. Rileva inoltre che non incorre in altri motivi di irricevibilità. Deve pertanto essere dichiarato ricevibile.
B. Sul merito
1. La doglianza relativa all’incompatibilità della detenzione del ricorrente con la sua salute, l’asserita inadeguatezza delle cure mediche e altri aspetti delle condizioni di detenzione
a) Le osservazioni delle parti
117. Il ricorrente ha dichiarato che la sua detenzione era incompatibile con la sua età avanzata e le sue condizioni di salute, e che le autorità interne non avevano adottato tutte le misure necessarie a salvaguardare la sua salute e il suo benessere nel corso della detenzione.
118. Con riferimento alla sua detenzione a Parma, il ricorrente ha lamentato che la sua salute e il suo benessere non erano stati monitorati e protetti adeguatamente e che non aveva ricevuto sufficienti cure mediche. Ha sostenuto che le sue condizioni non erano state monitorate e valutate adeguatamente, in particolare dopo le cadute avvenute nel dicembre 2012, e che era stato lasciato senza assistenza medica, il che aveva condotto a sua volta al ritardo nel ricovero e nell’intervento chirurgico. Ha inoltre sostenuto che il suo letto non era stato dotato di sponde e che avrebbe dovuto essere collocato in una cella con un compagno, al fine di garantire la tempestiva individuazione di eventuali problemi che potevano sorgere in relazione alla sua salute. Il ricorrente ha inoltre affermato che, nonostante la sua incapacità di prendersi cura di sé e dei suoi problemi di incontinenza, non era stato lavato e cambiato adeguatamente.
119. In ordine alla sua detenzione a Milano, il ricorrente ha lamentato in modo generale il fatto che era stato ancora sottoposto a misure restrittive, sebbene in un ospedale civile, e che, nonostante i suoi problemi di salute, non gli era stata concessa una misura restrittiva più mite.
120. Il Governo ha sostenuto in primo luogo che i tribunali interni avevano valutato lo stato di salute del ricorrente in numerose occasioni e avevano concluso che non era incompatibile con la detenzione. Ha fornito un quadro generale delle decisioni interne che avevano rigettato i reclami del ricorrente e ha citato numerose pronunce dei tribunali interni (si vedano i paragrafi 49-54 supra).
121. In ordine alle cure mediche fornite, il Governo ha sottolineato che durante il periodo in cui è stato detenuto a Parma, a causa del suo stato di salute, il ricorrente era stato collocato in una struttura dotata di un reparto di assistenza sanitaria in grado di fornire cure appropriate alle sue condizioni. Era stato anche ricoverato in un ospedale all’esterno del carcere, quando era stato necessario. A sostegno delle sue osservazioni, il Governo ha elencato e riassunto i ricoveri esterni del ricorrente tra l’ottobre 2012 e il giugno 2013. Secondo il Governo, i numerosi bollettini sanitari agli atti e quelli presentati con le sue osservazioni indicavano che durante la permanenza presso la Casa di reclusione di Parma il ricorrente aveva beneficiato di consultazioni specialistiche, esami diagnostici e visite di controllo.
122. Rinviando agli avvenimenti del dicembre 2012, il Governo ha sostenuto che, mentre il ricorrente era caduto più volte tra il 3 e il 17 dicembre 2012, era stato immediatamente sottoposto a esami clinici e, quando ve ne era stata la necessità, era stato ricoverato in ospedale. Il Governo ha inoltre sottolineato che, in considerazione delle dimissioni del ricorrente dall’Ospedale Generale di Parma, il 25 e il 26 febbraio 2013 egli era stato visitato da due medici per stabilire le sue esigenze sanitarie e assistenziali al suo ritorno in carcere. Gli stessi medici avevano ispezionato la zona del reparto ospedaliero protetto in cui doveva essere detenuto il ricorrente al suo ritorno, per stabilire quali adeguamenti fossero necessari per fare fronte alle sue esigenze (si veda il paragrafo 28 supra). Il Governo ha sottolineato in particolare che erano stati forniti un letto con sponde e un materasso elettrico per prevenire le piaghe da decubito, un ambulatorio per effettuare sedute di fisioterapia e uno spazio per fare esercizio con un deambulatore. Dopo il suo ritorno, le condizioni di salute del ricorrente sono state costantemente monitorate.
123. Per quanto riguarda le condizioni igieniche della detenzione del ricorrente a Parma, il Governo ha rinviato a un rapporto emesso l’11 ottobre 2013 dal direttore della Casa di reclusione di Parma, a una relazione redatta il 3 gennaio 2013 dal direttore del programma sanitario della Casa di reclusione di Parma, e al piano terapeutico personalizzato elaborato il 1 marzo 2013 dall’unità medica della Casa di reclusione. Secondo tali documenti, che il Governo ha allegato alle sue osservazioni, il ricorrente era stato assistito nell’esecuzione di atti quotidiani che non era più in grado di compiere; era stata garantita la sua igiene personale; e dal 7 marzo 2013 era stata organizzata la pulizia della sua stanza mediante un programma controllato di lavori di pulizia da parte dei detenuti.
124. Al momento del suo trasferimento nella Casa circondariale di Milano-Opera, il ricorrente era stato immediatamente visitato dal direttore dell’unità sanitaria, che aveva prescritto che fosse ricoverato in ospedale per eseguire esami diagnostici e definire una strategia terapeutica. Il 9 aprile 2014 è stato trasferito all’ospedale San Paolo di Milano. Il suo ricovero in ospedale è stato successivamente prorogato. Il Governo ha allegato una serie di bollettini sanitari emessi tra l’aprile 2015 e il marzo 2016 che attestano l’evoluzione della situazione clinica del ricorrente e le cure mediche dispensategli. Ha sottolineato che il 9 luglio 2016 le sue condizioni di salute erano peggiorate e il 12 luglio 2016 era stato concesso alla sua famiglia l’accesso nella stanza dell’ospedale per fargli visita.
125. Il Governo ha concluso affermando che il ricorrente aveva ricevuto cure mediche appropriate e adeguate, controlli regolari ed era stata garantita la prevenzione del peggioramento delle sue condizioni, e quindi protetta la sua integrità fisica.
b) La valutazione della Corte
126. La Corte ribadisce che l’articolo 3 della Convenzione sancisce uno dei valori fondamentali di una società democratica. Proibisce in modo assoluto la tortura o le pene e i trattamenti inumani o degradanti, indipendentemente dalle circostanze e dal comportamento della vittima. Per essere compreso nel campo di applicazione dell’articolo 3 il maltrattamento deve comunque raggiungere un livello minimo di gravità. La valutazione di tale minimo è relativa: dipende da tutte le circostanze del caso, quali la durata del trattamento, i suoi effetti fisici e mentali e, in alcuni casi, il sesso, l’età e lo stato di salute della vittima (si vedano, tra altri precedenti, Kud?a c. Polonia [GC], n. 30210/96, § 91, CEDU 2000 XI; Peers c. Grecia, n. 28524/95, § 67, CEDU 2001-III; Enea c. Italia [GC], n. 74912/01, § 55, CEDU 2009; e Bouyid c. Belgio [GC], n. 23380/09, § 86, CEDU 2015).
127. Lo Stato deve assicurare che una persona sia detenuta in condizioni compatibili con il rispetto della dignità umana, che le modalità e il metodo di esecuzione della misura privativa della libertà non la sottopongano a sacrifici o privazioni di intensità superiore all’inevitabile livello di sofferenza inerente alla detenzione (si vedano Kud?a, sopra citata, § 94, e Svinarenko e Slyadnev c. Russia [GC], nn. 32541/08 e 43441/08, § 116, CEDU 2014 (estratti)), e che, date le esigenze pratiche della reclusione, siano garantiti adeguatamente il suo benessere e la sua salute (si vedano Kud?a, sopra citata, § 94, e Idalov c. Russia [GC], n. 5826/03, § 93, 22 maggio 2012). Nella maggior parte delle cause relative alla detenzione di persone malate, la Corte ha esaminato se il ricorrente avesse ricevuto un’adeguata assistenza medica in carcere (Mozer c. Repubblica di Moldavia e Russia [GC], n. 11138/10, § 178, CEDU 2016).
128. A tale riguardo, l’“adeguatezza” dell’assistenza medica rimane l’elemento più difficile da determinare. La Corte ribadisce che il mero fatto che un detenuto sia visitato da un medico e gli sia prescritta una determinata cura non può condurre automaticamente a concludere che l’assistenza medica era adeguata (si veda Hummatov c. Azerbaigian, nn. 9852/03 e 13413/04, § 116, 29 novembre 2007). Le autorità devono inoltre assicurare che sia tenuto un registro completo dello stato di salute del detenuto e delle cure cui è sottoposto nel corso della detenzione (si veda Khudobin c. Russia, n. 59696, § 83, CEDU 2006-XII), che la diagnosi e le cure siano sollecite e accurate (si vedano Melnik c. Ucraina, n. 72286/01, §§ 104-06, 28 marzo 2006, e Hummatov, sopra citata, § 115), e che, laddove sia richiesto dal carattere di una condizione medica, il controllo sia regolare e sistematico e riguardi una strategia terapeutica globale finalizzata a curare adeguatamente i problemi di salute dei detenuti o a prevenire il loro aggravamento, piuttosto che ad affrontarli su base sintomatica (si veda Blokhin c. Russia [GC] n. 47152/06, § 137, CEDU 2016).
129. Nel complesso, la Corte si riserva un certo grado di elasticità nel definire il livello di assistenza sanitaria richiesto, decidendolo caso per caso (si veda Aleksanyan c. Russia, n. 46468/06, § 140, 22 dicembre 2008).
130. Infine, per quanto riguarda il livello della prova, la Corte ribadisce che le accuse di maltrattamento devono essere supportate da prove adeguate. Per valutare tali prove, la Corte adotta il criterio della prova “oltre ogni ragionevole dubbio”, ma aggiunge che tale prova può derivare dalla coesistenza di inferenze sufficientemente forti, chiare e concordanti o di analoghe presunzioni di fatto non confutate (si veda Enea, sopra citata, § 55).
131. Passando alle circostanze del caso di specie, la Corte osserva che il ricorrente era affetto da diverse patologie croniche, tra cui il morbo di Parkinson, l’encefalopatia vascolare, l’epatopatia HCV correlata e l’ipertensione arteriosa, nonché un grave e progressivo decadimento delle funzioni cognitive (si veda il paragrafo 15 supra). La documentazione medica agli atti indica anche che, oltre al fatto che il ricorrente era affetto da patologie croniche, la sua salute si è deteriorata nel tempo. Nel dicembre 2013 è stato definito una persona allettata a causa della grave compromissione delle sue abilità motorie e, almeno a decorrere dal settembre 2013, ha dovuto essere alimentato artificialmente mediante un sondino a causa della sua incapacità di alimentarsi (si veda il paragrafo 35 supra).
132. Avendo accertato le condizioni di salute del ricorrente, e dato che non sono contestati la gravità e il progredire di tali condizioni nel tempo, la Corte ritiene necessario valutare l’adeguatezza delle cure mediche che gli sono state offerte al fine di determinare se siano stati rispettati i requisiti dell’articolo 3 della Convenzione.
133. In ordine al periodo di detenzione del ricorrente a Parma dall’aprile 2011 all’aprile 2013, la Corte rileva innanzitutto che il ricorrente è stato detenuto in una struttura dotata di un centro clinico penitenziario, come sottolineato dal Governo. Il diario clinico penitenziario e gli altri rapporti medici agli atti dimostrano che nel corso di tale periodo la salute del ricorrente è stata monitorata regolarmente dal personale medico e infermieristico (si veda il paragrafo 16 supra). Inoltre, si può trovare la prova dell’esistenza di una strategia terapeutica nelle annotazioni contenute nel diario clinico penitenziario (si veda il paragrafo 20 supra).
134. Durante lo stesso periodo, il ricorrente ha beneficiato di un gran numero di consultazioni specialistiche per le sue patologie croniche e per altri problemi di salute sorti durante la detenzione (si veda il paragrafo 17 supra). La documentazione medica agli atti indica inoltre che ha subito un’ampia serie di esami su base regolare – esami che vanno dalle analisi emocromocitometriche di routine agli esami specialistici (si veda il paragrafo 18 supra). Quando è stato necessario, è stato trasferito in un ospedale civile per essere sottoposto ad accertamenti che non potevano essere eseguiti internamente o per ricevere le cure necessarie (si vedano i paragrafi 21, 22 e 25 supra), ed è stato ricondotto in carcere quando i medici dell’ospedale hanno certificato che poteva essere dimesso.
135. Con specifico riferimento alle conseguenze delle cadute del ricorrente nel dicembre 2012, sulla base della lettura del diario clinico penitenziario, la Corte non può concludere che le sue condizioni non siano state monitorate o che sia stato lasciato privo di assistenza medica. A tale riguardo, la Corte precisa che, secondo le annotazioni contenute nel diario clinico, a seguito della caduta del 12 dicembre, il ricorrente è stato visitato ed esaminato dal medico di turno (si veda il paragrafo 23 supra). Il 15 dicembre il medico di turno ha visitato il ricorrente due volte dopo che era caduto e ha disposto il monitoraggio delle sue condizioni da parte del personale infermieristico, e il ricorrente è stato trasferito al pronto soccorso di un ospedale civile quando è stato giudicato non responsivo (si vedano i paragrafi 24 e 25 supra). La Corte rileva inoltre che il ricorrente non ha contestato le affermazioni del Governo e ha presentato una documentazione che dimostra che ha ricevuto cure mediche successivamente a tali incidenti. Inoltre, oltre a segnalare l’esistenza di una denuncia presentata in relazione ai summenzionati incidenti, il ricorrente non ha fornito alcuna informazione in merito all’esito della denuncia alle autorità interne (si veda il paragrafo 26 supra). Per quanto sopra esposto, e sulla base delle informazioni presentate, la Corte ritiene che non vi siano prove sufficienti per concludere che il personale medico del carcere fosse negligente dal punto di vista medico e se questo, a sua volta, ha condotto al ritardo nel ricovero e nell’intervento chirurgico del ricorrente.
136. La Corte prende atto dell’ulteriore rilievo del ricorrente secondo il quale non erano state adottate determinate precauzioni per evitare che cadesse nuovamente. Mentre la Corte non è persuasa dal fatto che le autorità fossero obbligate a collocarlo con un compagno di cella al fine di garantire che fosse controllato, essa esprime preoccupazione per il fatto che, prima che egli cadesse nuovamente, il letto del ricorrente non era stato dotato di sponde, nonostante la raccomandazione del medico del 12 dicembre 2012 (si veda il paragrafo 23 supra). Tuttavia, mentre la Corte riconosce tale carenza, non ritiene che sia sufficiente a sollevare, di per sé, una questione ai sensi dell’articolo 3. Come sottolineato dal Governo, che ha fornito della documentazione in tal senso, prima del ritorno del ricorrente nella Casa di reclusione avvenuto nel marzo 2013, erano state adottate alcune misure, tra cui la fornitura di un letto dotato di sponde, in aggiunta ad altre misure strutturali finalizzate a soddisfare le necessità del ricorrente al suo ritorno (si veda il paragrafo 29 supra).
137. Nella misura in cui il ricorrente sembra lamentare la sua detenzione a Milano, la Corte ribadisce che, dopo diversi mesi di ricovero in un ospedale civile di Parma, il 5 aprile 2014 il ricorrente è stato trasferito nel Centro diagnostico terapeutico della Casa di reclusione di Milano-Opera, e il 9 aprile 2014 è stato ricoverato all’Ospedale San Paolo, dove è rimasto fino alla morte, avvenuta nel luglio 2016. La Corte sottolinea pertanto che dal 9 aprile 2014 il ricorrente è stato detenuto nel reparto di lungodegenza di un ospedale civile, sebbene in un reparto protetto. Sulla base del materiale presentato in relazione a tale periodo, la Corte non ha motivo di dubitare che il ricorrente abbia ricevuto cure mediche adeguate in un ospedale che le autorità interne hanno descritto come un centro che forniva eccellenti cure mediche (si vedano i paragrafi 43 e 55 supra), nel quale la sua salute era monitorata regolarmente e gli erano costantemente somministrate cure per i suoi molteplici problemi di salute (si veda il paragrafo 40 supra).
138. La Corte osserva inoltre che il ricorrente ha avuto l’opportunità di adire i tribunali interni per una valutazione della compatibilità della detenzione con la sua salute. Le due decisioni presentate in relazione al suo periodo di detenzione a Parma indicano che i tribunali interni hanno valutato le prove mediche di cui disponevano e hanno concluso che nella Casa di reclusione le condizioni mediche del ricorrente erano monitorate e curate adeguatamente, e quando necessario era richiesto il ricovero esterno (si vedano i paragrafi 49-51 supra). Nelle decisioni interne relative alla detenzione del ricorrente nell’ospedale San Paolo di Milano, i tribunali interni si sono basati sulla documentazione sanitaria e su una perizia elaborata da due periti indipendenti, per concludere che il ricorrente riceveva cure mediche appropriate ed efficaci in una struttura ospedaliera civile (si vedano i paragrafi 52-54 supra).
139. In ordine all’affermazione del ricorrente secondo la quale le sue esigenze igieniche non erano soddisfatte adeguatamente, la Corte rileva innanzitutto che il ricorrente non ha elaborato la sua richiesta fornendo dettagli quali il periodo di tempo durante il quale ha avuto luogo l’asserito trattamento. Il reclamo presentato a livello nazionale a tale riguardo (si veda il paragrafo 33 supra) riguarda un’occasione, il 22 giugno 2013, in cui il figlio del ricorrente ha prelevato una busta contenente la biancheria intima del ricorrente nella Casa di reclusione e ha lamentato il fatto che fosse sporca, ma il ricorrente non ha fornito alcuna informazione sull’esito di tale procedimento. Il Governo ha inoltre fornito della documentazione che dimostrava che era stata prevista la gestione dell’incontinenza del ricorrente e delle sue esigenze quotidiane di igiene personale, e che si era provveduto a tali necessità a decorrere dal 5 marzo 2013 (si vedano i paragrafi 30 e 34 supra). Ciò non è stato contestato dal ricorrente. Per quanto sopra esposto, la Corte ritiene di disporre di elementi insufficienti per poter trarre conclusioni in ordine al soddisfacimento delle esigenze di igiene e di cura personale del ricorrente.
140. Visti i paragrafi precedenti, e valutando i fatti pertinenti nel loro insieme, la Corte non ritiene accertato che la detenzione del ricorrente possa essere considerata per se incompatibile con le sue - seppur gravi - condizioni di salute ed età avanzata, o che, date le esigenze pratiche della reclusione, la sua salute e il suo benessere non erano stati tutelati adeguatamente.
141. Non vi è conseguentemente stata violazione dell’articolo 3 in ordine a questa parte della doglianza.
2. La doglianza relativa alla protrazione dell’applicazione del regime speciale di cui all’articolo 41 bis
a) Osservazioni delle parti
142. Il ricorrente ha sostenuto che la protrazione della sua detenzione ai sensi del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis della Legge sull’Ordinamento penitenziario violava l’articolo 3. Ha argomentato che, alla luce del suo stato di salute, in particolare del grave deterioramento delle sue funzioni cognitive, le originarie ragioni per applicare il regime detentivo speciale non sussistevano più.
143. Il Governo ha contestato che vi fosse stata violazione dell’articolo 3 in ragione della protrazione dell’applicazione del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis. Dopo aver sottolineato il ruolo di spicco del ricorrente nella mafia e la sua pericolosità, ha ribadito che il regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis , come sottolineato nelle sue osservazioni, costituiva una misura di prevenzione – che non aveva quindi finalità punitive - il cui scopo principale era impedire che i detenuti mantenessero collegamenti con membri della loro organizzazione criminale, all’interno o all’esterno del carcere.
144. Il Governo ha rinviato alla giurisprudenza della Corte in cui la quest’ultima aveva valutato diversi aspetti del regime speciale e li aveva considerati compatibili con la Convenzione. Ha citato, in particolare, i ricorsi Gallico c. Italia, n. 53723/00, 28 giugno 2005; Argenti c. Italia, n. 56317/00, 10 novembre 2005; Campisi c. Italia, n. 24358/02, 11 luglio 2006; Enea c. Italia [GC], n. 74912/01, CEDU 2009; Madonia c. Italia, n. 55927/00, 6 luglio 2004; e Genovese c. Italia (dec.), n. 24407/03, 10 novembre 2009.
145. Il Governo ha aggiunto che, in ogni caso, a causa delle gravi condizioni di salute del ricorrente, egli aveva trascorso la maggior parte della sua detenzione in ospedali civili, dove alcune restrizioni non potevano essere attuate.
146. In ordine alla giustificazione della protrazione del regime detentivo speciale, il Governo ha sottolineato che era basata sul permanere della pericolosità sociale del ricorrente, unita alla gravità dei reati che aveva commesso, ed era dettata da esigenze di sicurezza preventiva. Ha aggiunto che tutte le decisioni che prorogavano il regime avevano enumerato esaustivamente le ragioni a sostegno della proroga.
b) La valutazione della Corte
147. La Corte rileva innanzitutto di aver già avuto ampie opportunità di valutare il regime previsto dall’articolo 41 bis in un notevole numero di cause di cui è stata investita, e di aver concluso che, date le circostanze di tali cause, l’applicazione del regime non sollevava alcuna questione ai sensi dell’articolo 3, anche se lo stesso era stato applicato per lunghi periodi di tempo (si vedano, tra numerosi altri esempi, Enea, sopra citata; Argenti, sopra citata; Campisi c. Italia, n. 24358/02, 11 luglio 2006; nonché Paolello c. Italia (dec.) n. 37648/02, 24 settembre 2015). In tali cause la Corte ha ripetutamente ritenuto che, quando si valuta se la proroga dell’applicazione di alcune restrizioni ai sensi del regime previsto dall’articolo 41 bis raggiunga la soglia minima di gravità richiesta per rientrare nel campo di applicazione dell’articolo 3, la durata temporale deve essere esaminata alla luce delle circostanze di ciascuna causa, il che comporta, inter alia, la necessità di accertare se il rinnovo o la proroga delle restrizioni contestate fossero giustificati o meno (si vedano, tra numerosi altri precedenti, Enea, sopra citata, § 64; Argenti, sopra citata, § 21; Campisi, sopra citata, § 38, 11 luglio 2006; e Paolello, sopra citata, § 27); nonché, mutatis mutandis, Ramirez Sanchez c. Francia [GC], n. 59450/00, § 145, CEDU 2006-IX).
148. Passando al caso in esame, la Corte esaminerà in primo luogo il rilievo del Governo relativo all’impossibilità di applicare alcune restrizioni (si veda il paragrafo 145 supra). A tale riguardo la Corte rileva che il Governo non ha precisato quali restrizioni, a suo avviso, avevano cessato di essere applicate in pratica, o a quali periodi di detenzione nei diversi ospedali si riferisse. Esso non ha neanche fornito prove a tale riguardo. La Corte osserva inoltre che, anche quando era detenuto in strutture ospedaliere, il ricorrente era ristretto in reparti protetti, e i medici di Milano hanno dichiarato nella loro relazione che il ricorrente era detenuto in un “reparto dell’ospedale riservato all’articolo 41 bis” (si veda il paragrafo 43 supra). Si può pertanto assumere che anche in tali strutture potevano comunque essere applicate alcune restrizioni. In ogni caso, resta indiscusso che le restrizioni contestate erano formalmente in vigore, a seguito di nove proroghe consecutive, a decorrere dal momento dell’iniziale carcerazione del ricorrente, avvenuta nel 2006, alla sua morte, verificatasi nel 2016 (si veda il paragrafo59 supra). Inoltre, in considerazione delle modalità di formulazione della doglianza del ricorrente, la Corte rileva che egli non si è concentrato sulle specifiche restrizioni la cui applicazione, singolarmente o globalmente, lo aveva sottoposto a un trattamento inumano o degradante. L’essenza della doglianza sembra piuttosto lamentare il fatto che, alla luce del peggioramento del suo stato di salute generale, e in particolare del grave deterioramento delle sue funzioni cognitive, i motivi per applicare le restrizioni non sussistevano più, e ciò rendeva pertanto la loro applicazione ingiustificata.
149. Alla luce di quanto sopra, la Corte procederà a esaminare se si possa affermare che la proroga delle restrizioni sollevi una questione ai sensi dell’articolo 3, concentrandosi in particolare sulla questione di stabilire se si possa affermare che tale proroga era giustificata.
150. La Corte prende atto dei rilievi del Governo sulle finalità puramente preventive e di sicurezza - piuttosto che punitive – del regime detentivo speciale in questione, e del suo obiettivo di far troncare i rapporti tra i detenuti e le loro reti criminali (si veda il paragrafo 143 supra), nonché dei rilievi addotti in ordine alla giustificazione dell’applicazione delle misure (si veda il paragrafo 6 supra). In realtà il ricorrente era stato un soggetto estremamente pericoloso e il capo di una delle maggiori organizzazioni criminali esistenti. Il quadro che emerge dalle decisioni delle autorità nazionali di prorogare l’applicazione delle misure è chiaro e persuasivo a tale riguardo. Le autorità hanno fornito resoconti dettagliati, basati su prove fornite da diversi enti e agenzie statali, contenenti, tra l’altro, i precedenti penali del ricorrente, il suo passato ruolo di capo dell’organizzazione criminale, la rete di supporto sulla quale aveva fatto affidamento durante il tempo trascorso in latitanza, le sue molteplici condanne per crimini efferati, e la continua esistenza e l’operatività del sodalizio criminale in Italia e all’estero (si vedano i paragrafi 65-71 e 74 78 supra). Anche il tribunale di sorveglianza, che è stato chiamato a riesaminare il decreto di proroga del 2014, ha sottolineato il ruolo apicale rivestito dal ricorrente all’interno dell’organizzazione e il grande pericolo che aveva posto per la società, nonché la straordinaria rete di sostenitori che gli aveva permesso di gestire l’organizzazione per decenni, anche nel corso della latitanza (si veda il paragrafo 73 supra).
151. Tuttavia, senza sottovalutare l’importanza delle considerazioni contenute nel paragrafo precedente e il loro peso in relazione alla valutazione dell’opportunità di prorogare le restrizioni, come verrà ulteriormente spiegato in seguito, la Corte non è persuasa del fatto che, nel caso di specie, tali considerazioni possano essere sufficienti, da sole, a giustificare la proroga delle misure. A tale riguardo, la Corte sottolinea che la stato di salute del ricorrente era caratterizzato da un grave deterioramento cognitivo, che è innegabilmente peggiorato nel tempo. Tale aspetto distingue quindi il caso di specie da quelli in cui - pur essendo gravi - i problemi di salute sono limitati alla sfera fisica, ma non incidono sulla capacità mentale di un ricorrente. Il quadro che emerge dalla documentazione medica di cui dispone la Corte, riassunto nei paragrafi 15-47 supra, può almeno far suscitare alcuni legittimi dubbi sulla persistente pericolosità del ricorrente e sulla sua capacità di mantenere collegamenti significativi e costruttivi con il sodalizio criminale di cui faceva parte. La Corte non può pertanto affermare, come ha fatto in diverse precedenti cause relative al regime di cui all’articolo 41 bis, che il ricorrente non ha presentato prove che potessero indurla a concludere che la proroga di tali restrizioni era ingiustificata (si vedano, tra numerosi altri, Enea, sopra citata, § 65; Argenti, sopra citata, § 21; nonché Riina c. Italia (dec.), n 43575/09, § 28, 11 marzo 2014).
152. La Corte ribadisce che il rispetto della dignità umana è l’essenza stessa della Convenzione e che l’oggetto e la finalità della Convenzione, strumento destinato a proteggere i singoli esseri umani, impongono che le sue disposizioni siano interpretate e applicate in modo da rendere le sue garanzie pratiche ed effettive (Svinarenko e Slyadnev, sopra citata, § 138). A tale riguardo, la Corte ritiene che sottoporre un individuo a una serie di restrizioni aggiuntive (si veda il paragrafo 57 supra), applicate dalle autorità penitenziarie a loro discrezione, senza fornire motivi sufficienti e pertinenti basati su una valutazione personalizzata della necessità, compromette la sua dignità umana e comporta la violazione del diritto di cui all’articolo 3.
153. In tale contesto, tenuto conto degli specifici fatti del caso di specie, la Corte ritiene necessario verificare che le autorità nazionali che avevano il compito di decidere in merito alla proroga dell’applicazione del regime di cui all’articolo 41 bis abbiano proceduto a un autentico riesame, che tenesse conto dei pertinenti cambiamenti avvenuti nella situazione del ricorrente, che avrebbero potuto far dubitare della perdurante necessità di applicare tali misure (si veda, mutatis mutandis, Horych, sopra citata, § 92). In circostanze quali quelle in esame, sembra che tale riesame fosse necessario per evitare il rischio di abusi o arbitrarietà.
154. Passando ai fatti in esame, la Corte osserva che, in relazione al periodo compreso tra l’emissione del decreto di proroga nel marzo 2012 e la proroga del marzo 2014, è provato che lo stato di salute del ricorrente si è notevolmente deteriorato ed egli ha dovuto essere sottoposto a un intervento neurochirurgico (si veda il paragrafo 25 supra). Le prove del deterioramento cognitivo, già rilevato nelle relazioni mediche del 2012 (si vedano i paragrafi 9, 21 e 22 supra) sono state definite gravi in un rapporto medico del dicembre 2013 (si veda il paragrafo 35 supra), ed è stato menzionato che il ricorrente si esprimeva verbalmente in modo incoerente e incomprensibile (si vedano i paragrafi 35 e 36 supra). La Corte nota con una certa preoccupazione che il decreto di proroga del 2014 non ha dedicato molta attenzione al deterioramento cognitivo del ricorrente, nonostante la sua gravità e le sue potenziali conseguenze sulla perdurante necessità di misure restrittive speciali. L’unica prova del fatto che tale situazione sia stata riconosciuta nel decreto è contenuta nelle parti che riportano le sintesi delle conclusioni di alcune Procure antimafia (si vedano i paragrafi 69 e 70 supra). Detto ciò, il Tribunale di Roma ha riesaminato il decreto del 2014, e il testo della decisione prova che, nel farlo, esso ha esaminato un’ampia documentazione medica, compresa una recente perizia neuropsicologica che aveva richiesto poco prima dell’emissione della decisione (si veda il paragrafo 73 supra). Sulla base di tale documentazione, il Tribunale ha compiuto una valutazione indipendente e ha raggiunto una conclusione motivata secondo la quale la quale la possibilità che il ricorrente potesse trasmettere all’organizzazione messaggi penalmente rilevanti non poteva essere esclusa con assoluta certezza (ibid.). La Corte non può quindi concludere che le condizioni del ricorrente non siano state realmente riesaminate in modo da tener conto del mutamento delle sue circostanze al momento della proroga del decreto nel 2014.
155. Passando al decreto di proroga del Ministro della Giustizia del 23 marzo 2016, la Corte osserva che il Governo ha richiamato l’attenzione della Corte in particolare su tale decreto, a sostegno della posizione secondo la quale la protrazione dell’applicazione delle misure era giustificata. Le prove mediche di cui dispone la Corte dimostrano che nel periodo intercorso tra l’emissione del decreto di proroga, avvenuta nel marzo 2014, e l’emissione del decreto di proroga del 23 marzo 2016, la situazione di salute del ricorrente, già gravemente compromessa, si è ulteriormente deteriorata. A titolo di esempio, nell’agosto 2014 la sua situazione cognitiva è stata definita peggiorata dal mese di aprile, e gli esperti medici hanno sottolineato la sua totale mancanza di autonomia nell’esecuzione delle elementari funzioni quotidiane, al punto che doveva essere totalmente idratato e nutrito in modo artificiale a causa della sua incapacità di alimentarsi. Nel settembre 2014 è stato definito incapace di relazionarsi con il mondo esterno e di prendersi cura di sé (si veda il paragrafo 45 supra). I rapporti medici del 2015 e del 2016 presentati dal Governo rivelano un ulteriore progressivo declino delle sue funzioni cognitive, che nel marzo 2016 sono state definite “estremamente deteriorate” (si veda il paragrafo 46 supra). Inoltre il ricorrente continuava a essere allettato e a ricevere totalmente l’idratazione e il supporto nutrizionale attraverso un sondino, fino al momento in cui è entrato in una fase pre-terminale pochi mesi dopo l’emissione del decreto, nel luglio 2016.
156. Data la gravità della situazione, la Corte ritiene che, nel marzo 2016 quando è stata prorogata l’applicazione del regime di cui all’articolo 41 bis, non soltanto la dichiarazione dei motivi che militavano a favore della proroga avrebbe dovuto essere maggiormente particolareggiata e convincente, ma si sarebbe dovuto tener conto dell’evoluzione del deterioramento cognitivo del ricorrente (si veda Vinter e altri c. Regno Unito [GC], nn. 66069/09 e altri 2, §§ 119-22, CEDU 2013 (estratti). Benché il decreto fornisca un resoconto dettagliato dei precedenti penali del ricorrente, del suo ruolo di spicco nell’organizzazione criminale e della provata perdurante operatività di tale organizzazione, la Corte rileva che, a parte i due riferimenti descritti nei paragrafi 77 e 78 supra, che rinviano ai rapporti della DDA di Palermo e della DNA, il decreto non contiene alcuna altra menzione della situazione cognitiva del ricorrente. Inoltre non sembra che nel testo del decreto vi sia alcuna traccia visibile di una esplicita e autonoma valutazione da parte del Ministro della giustizia della situazione cognitiva del ricorrente al momento in cui è stata presa la decisione. Il limitato spazio concesso a tali circostanze e l’assenza di una esplicita valutazione rendono difficile per la Corte accertare in quale modo e in quale misura siano state ponderate tali circostanze nel valutare se prorogare le restrizioni. Conseguentemente, la Corte non può che concludere che nella motivazione del decreto non vi sono prove sufficienti che dimostrino che sia stata effettuata una reale rivalutazione relativa ai rilevanti cambiamenti della situazione del ricorrente, in particolare al suo cruciale declino cognitivo.
157. Alla luce di quanto sopra la Corte non è persuasa del fatto che il Governo abbia dimostrato in modo convincente che, date le particolari circostanze del caso di specie, fosse giustificato prorogare nel 2016 l’applicazione del regime previsto dall’articolo 41 bis.
158. Vi è conseguentemente stata violazione dell’articolo 3 della Convenzione, per il periodo successivo alla proroga del regime di cui all’articolo 41 bis in data 23 marzo 2016.
III. APPLICAZIONE DELL’ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
159. L’articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte dichiara che vi è stata violazione della Convenzione o dei suoi Protocolli, e se il diritto interno dell’Alta Parte contraente non permette se non in modo imperfetto di rimuovere le conseguenze di tale violazione, la Corte accorda, se del caso, un’equa soddisfazione alla parte lesa.”
A. Danno
160. In ordine al danno non patrimoniale, il ricorrente ha chiesto 150.000 euro (EUR) o l’eventuale altro importo che la Corte ritenga appropriato.
161. Il Governo ha contestato tale importo.
162. La Corte sottolinea di aver riscontrato la violazione della Convenzione soltanto in ordine a un aspetto della doglianza del ricorrente relativa alla proroga del regime detentivo speciale di cui all’articolo 41 bis (si vedano i paragrafi 157 e 158 supra). Date le circostanze della causa, ritiene che la constatazione della violazione sia sufficiente a risarcire il danno non patrimoniale subito.
B. Spese
163. Il ricorrente ha inoltre chiesto EUR 20.000 per le spese sostenute dinanzi alla Corte.
164. Il Governo ha contestato tale importo e ha sottolineato che in ogni caso il ricorrente non aveva presentato alcuna documentazione a sostegno della sua richiesta.
165. Secondo la giurisprudenza della Corte il ricorrente ha diritto al rimborso delle spese solo nella misura in cui ne siano accertate la realtà e la necessità e il loro importo sia ragionevole. Stante il fatto che il ricorrente non ha fornito alcuna prova documentale che dimostri l’importo delle spese che ha realmente e necessariamente sostenuto, la Corte rigetta la sua domanda di rimborso delle spese e non accorda alcuna somma a tale titolo.
PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL’UNANIMITÁ,
1. Accoglie la legittimazione ad agire del figlio del ricorrente, Sig. Angelo Provenzano, per proseguire il ricorso nell’interesse del padre;
2. Dichiara il ricorso ricevibile;
3. Ritiene che non vi sia stata violazione dell’articolo 3 della Convenzione in ordine alle condizioni di detenzione;
4. Ritiene che vi sia stata violazione dell’articolo 3 della Convenzione a causa della prorogata applicazione del regime detentivo speciale in data 23 marzo 2016;
5. Ritiene che la constatazione di una violazione costituisca di per sé una sufficiente equa soddisfazione del danno non patrimoniale subito dal ricorrente;
6. Rigetta la domanda di equa soddisfazione del ricorrente.
Fatta in inglese, poi notificata per iscritto in data 25 ottobre 2018, in applicazione dell’articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.
Renata Degener
Cancelliere aggiunto
Linos-Alexandre Sicilianos
Presidente


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è giovedì 02/04/2020.