Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ZELENCHUK AND TSYTSYURA v. UKRAINE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41,46,P1-1

NUMERO: 846/16/2018
STATO: Ucraina
DATA: 22/05/2018
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE

Conclusions:
Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 2 of Protocol No. 1 - Control of the use of property)
Respondent State to take measures of a general character (Article 46-2 -General measures)
Non-pecuniary damage - finding of violation sufficient (Article 41 - Non-pecuniary damage Just satisfaction)



FOURTH SECTION








CASE OF ZELENCHUK AND TSYTSYURA v. UKRAINE

(Applications nos. 846/16 and 1075/16)







JUDGMENT


STRASBOURG






22 May 2018



This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.
In the cases of Zelenchuk and Tsytsyura v. Ukraine,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Vincent A. De Gaetano, President,
Ganna Yudkivska,
Paulo Pinto de Albuquerque,
Faris Vehabovi?,
Georges Ravarani,
Marko Bošnjak,
Péter Paczolay, judges,
and Marialena Tsirli, Section Registrar,
Having deliberated in private on 10 April 2018,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in applications (nos. 846/16 and 1075/16) against Ukraine lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by two Ukrainian nationals, OMISSIS (“the applicants”), on 22 and 23 December 2015 respectively.
2. The applicants, who had been granted legal aid, were represented by OMISSIS, a lawyer practising in Kyiv. When the applicants’ observations and claims for just satisfaction were submitted on 14 December 2016 the applicants were also represented by OMISSIS, who at that time was a lawyer practising in Kyiv. The Ukrainian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr I. Lishchyna.
3. The applicants alleged that the legislative restrictions imposed on them as owners of agricultural land had breached their rights under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
4. On 4 May 2016 the applications were communicated to the Government.
5. Written submissions were received from EasyBusiness, an non-governmental organisation based in Kyiv, which had been granted leave by the President of the Section to intervene as a third party (Article 36 § 2 of the Convention and Rule 44 § 3 of the Rules of Court).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The first applicant was born in 1947 and lives in Dolyna, a city in the Ivano-Frankivsk Region.
In December 1996 her mother obtained a share of land in the village of Kopytkove in the Zdolbunivsky district of the Rivne region (see paragraphs 11 to 14 below concerning the nature of shares of land and their subsequent conversion into plots). Following her mother’s death in November 1999, the first applicant inherited that share and obtained a certificate confirming that she had become its new owner on 25 May 2000. On 10 January 2006 the Zdolbuniv District State Administration allocated a plot of land to her measuring 2.5917 hectares, zoned for use as an individual smallholding (???????? ????????? ????????????, see paragraph 18 below for a description of zoning categories of agricultural land under Ukrainian law).
The applicant obtained a property certificate in respect of that land on 13 August 2007. She rented out 2.0917 hectares to a company under a lease registered on 30 May 2015 and due to expire on 10 November 2021, and 0.5 hectares to another company under a fifteen-year lease registered on 10 August 2016. According to the applicant, she receives rent in kind, either in grain or sunflower oil, depending on the crops grown on the land in a given year.
7. The second applicant was born in 1939 and lives in Ternopil.
On an unspecified date his mother obtained the right to a share of land in the village of Rakovets in the Zbarazh district of the Ternopil region. In November 2004 he inherited it from her. On 27 March 2008 the Zbarazh District State Administration allocated 3.41 hectares of agricultural land to him, zoned for commercial agricultural production (??????? ??????????????????? ???????????). He obtained a property certificate on 22 July 2008.
The land is rented by a limited liability company. Since 2010 the second applicant has received rent in the following amounts:
Year UAH
(in total) UAH
(per hectare) Approximate equivalent in EUR
(per hectare)
2010 729.29 213.87 20
2011 749.44 219.78 20
2012 1316.02 385.93 36
2013 1316.02 385.93 33
2014 1316.02 385.93 19
2015 2191.73 642.74 24
2016 2191.73 642.74 22
8. The applicants’ land is subject to legislative restrictions on alienation and change of designated use, which are described in “Relevant domestic material” and, as regards their current state, in paragraph 22 below.
II. RELEVANT DOMESTIC MATERIAL
A. Background to the legal situation of land ownership in Ukraine
9. Under the laws of the Ukrainian Soviet Socialist Republic, prior to the enactment of the Land Code of 18 December 1990 (hereinafter “the Land Code”), individuals and non-State entities could not own land and all land was owned by the State.
10. Under Article 17 of the Land Code, local councils were authorised to transfer land to individuals and non-State entities. However, for a period of six years, those who acquired land could not sell or otherwise dispose of it (except in cases of inheritance). They could only transfer the property back to their local council. The courts could shorten this period if there was a valid reason for such a decision.
11. In the 1990s a large proportion of the country’s agricultural land was held by the former Soviet collective and State-owned farms which, under the Law of 14 February 1992 were renamed “collective agricultural enterprises” (hereinafter “CAEs” or “collective farms”).
12. Presidential Decree no. 720/95 of 8 August 1995 provided for a programme of gradual reform of the CAEs through the issuance to their current and former members of shares of land, that is to say land entitlements in the form of shares of the whole land mass of the CAE expressed as a number of hectares but without a specific physical location or defined boundaries. The decree provided that the shares were to be distributed to current and former members of CAEs as well as to certain categories of workers employed in the social sector (education, medicine and so forth) in rural areas. While the decree gave members of the CAEs the ability to withdraw from their CAEs with their shares, the large-scale process of dissolving the CAEs through the issuance of shares did not actually start until 1999 (see next paragraph).
13. Presidential Decree no. 1529/99 of 3 December 1999 accelerated the land reform by requiring the dissolution of all CAEs by April 2000, through the distribution of shares of land and other assets to their members. In the process of dissolving the CAEs, a large proportion of the rural population acquired shares of land.
14. A large-scale process of converting the shares into physical plots of land (defined on the ground) was then organised. As a result of this process, millions of new owners were issued with ownership certificates relating to specific plots of land. The land owned by the applicants underwent this process (see paragraphs 6 and 7 above).
15. According to Parliamentary Resolution no. 882-IV of 22 May 2003 summarising the provisional results of the land reform, during the process 6.87 million Ukrainians obtained shares of land and 3.17 million had them converted into plots of land. Parliament noted some difficulties in the issuance of shares of land and their conversion into plots of land, with some regions falling behind: only 13% of share owners obtained property certificates to plots of land in the Zhytomyr Region, while this figure stood at 96% in the Kirovograd Region. Some 107,000 shares were sold or otherwise disposed of by their new owners, which, according to Parliament, showed that they had not been adequately informed about the land reform and their rights and duties.
Parliament observed that, due to a lack of funding, the Cabinet of Ministers was only planning to complete the share conversion and titling work by 2006, which made it impossible to introduce the land sales market from 1 January 2005, as the Land Code provided at the time (see paragraph 19 below).
B. The initial “land moratorium”
16. Law no. 2242-III of 18 January 2001 prohibited, until the enactment of a new Land Code, the alienation of shares of land, except in cases of inheritance and expropriation for public needs.
17. On 25 October 2001 a new Land Code was enacted. It entered into force on 1 January 2002.
18. Article 22 § 3 of the new Land Code defines the following categories of designated use for agricultural land: (i) individual smallholdings; (ii) land for fruit and vegetable growing; (iii) land for pasture and hay harvesting; (iv) land for commercial agricultural production; and (v) individual farming enterprises, that is to say commercial entities owned by individual farmers engaged in commercial agricultural production.
19. Article 15 of the Transitional Provisions of the new Land Code provided that until 1 January 2005 individuals and non-State entities could not sell or otherwise transfer title to two categories of land in their ownership: (i) plots zoned for individual farming enterprises or for other commercial agricultural production and (ii) shares of land. Swap transactions, inheritance cases and expropriation for public needs were exempt from the ban. The ban, which has been subsequently extended and modified (see the Table in paragraph 21 below) is commonly referred to in Ukraine as the “the land moratorium” (????????? ?????????).
20. According to the Government, the transcript of the parliamentary session at which the new Code was passed shows that the moratorium was introduced in view of the need for additional time to form a land market with “adequate” prices and enact legislation necessary for the creation of such a market. In particular, according to the transcript, at the opening of the debate Member of Parliament V. Asadchev expressed his concern that, if rules of the Code concerning the transfer of land into private hands were to be adopted, this would create a few large landowners (?????? ?????????????) and transform the rest of the population into hired agricultural labour (???????). In presenting the draft Code for the vote, Ms K. Vashchuk, Chairwoman of the Parliamentary Committee for Land Affairs and Agriculture, stated that, in order to address concerns such as those expressed by the MP, the draft suspended the operation of all provisions concerning the sale of land until 2005, until laws on the creation of a land cadastre, land registration and others were passed and a State land bank was established.
C. Changes in the moratorium and its current form
21. The Land Code was amended on a number of occasions as to both the duration and scope of the original ban, as summarised in the Table below:
Table Key legislative developments concerning the land moratorium
No. Date of the law End date of the ban Changes in the scope of the moratorium and other related changes Summary of the reasons given in the explanatory note to the draft law
1 06/10/2004 01/01/2007 Swap transactions involving land, including swaps of land for equity in companies, prohibited Legislation governing the land market had not yet been developed by the Cabinet of Ministers; technical work was needed to prepare the administrations for processing land transactions. The “extension” was needed to prevent “ impoverishment of the Ukrainian people” and the buying up of land by Ukrainian and foreign tycoons (???????)
2 09/02/2006 Contracts and powers of attorney envisaging future (after expiry of the moratorium) transfers of land subject to the moratorium declared invalid Legislation aimed at preventing circumvention of the moratorium through the issuance of powers of attorney by land owners to third parties authorising them to dispose of the land subject to the moratorium
3 19/12/2006 01/01/2008 Moratorium extended, in addition to land for commercial agricultural production, to individual smallholdings (see paragraph 18 above); any change of designated use of the land subject to the moratorium forbidden; swap transactions involving a swap of one land plot for another allowed again Develop private land ownership, ensure the unrestricted exercise of owners’ rights, and ensure free circulation of land except in the cases provided for by law. The creation of a land market would allow transfers of land to more efficient users but in order to do so the market had to be subject to reasonable regulation. Such regulation should include: limits on changing the designated use, the imposition of criteria to qualify as a buyer of land, limiting the maximum plot sizes of certain land and the concentration of land in the hands of a single person and family etc.
4 28/12/2007 and 03/06/2008 Until entry into force of the Land Cadastre Act and Land Market Act No notable changes The amendments were incorporated in omnibus bills covering mostly budgetary matters and containing a wide range of changes; there were apparently no specific comments made on the moratorium issue
5 19/01/2010 Until entry into force of the Land Cadastre Act and Land Market Act, but not before 01/01/2012 No notable changes Legislation regulating land relations had not yet been developed; technical work was needed to prepare administrations for processing land transactions. The “extension” was needed to prevent “impoverishment of the Ukrainian people” and the buying up of land by Ukrainian and foreign tycoons
6 07/07/2011
and 01/01/2013
Land Cadastre Act was enacted and entered into force
7 09/12/2011 Parliament approved the draft Land Market Act at the first reading (see paragraph 40 below). It appears that no further progress on the bill was made In the course of the parliamentary debate it was proposed to rename the Land Market Act the Circulation of Agricultural Land Act (“the CALA”).
8 20/12/2011 Until entry into force of the Land Market Act, but not before 01/01/2013 No notable changes The Land Cadastre Act would enter into force on 1 January 2013 and the end of moratorium should be set for that specific date
9 02/10/2012 Change of designated use was allowed where land was allocated to an investor under a production-sharing agreement Encourage investment under production-sharing agreements, particularly in the field of the exploration and extraction of hydrocarbons
10 20/11/2012 Until entry into force of the CALA, but not before 01/01/2016 The law extending the moratorium instructed the Cabinet of Ministers to produce the draft CALA and submit it to Parliament within six months. Even though the draft Land Market Act had been approved at the first reading on 9 December 2011, it had not yet been passed into law. A change to the concept of that bill was envisaged, with the name changing to the CALA. An “extension” of the moratorium was needed to develop an effective mechanism for sales and overseeing sales of land and to prevent possible abuses
11 10/11/2015 The same as in row 10, but not before 01/01/2017 The law extending the moratorium instructed the Cabinet of Ministers to produce the draft CALA and submit it to Parliament by 01/03/2016 Lifting the moratorium in times of war and economic crisis would be a threat to national and food security and the threat of a loss of land, as an important national resource. A step-by-step roadmap for introducing agricultural land into circulation, which would be clear to the public, needed to be developed. The moratorium created difficulties in obtaining finance for agricultural production, and led to depopulation of the countryside. In order to solve these and other problems created by the moratorium, the CALA had to be passed and the land eventually introduced into circulation
12 06/10/2016 The same as in row 10, but not before 01/01/2018 Draft CALA to be submitted by 01/07/2017 Apparently no such draft was submitted by the Cabinet of Ministers by this or the previously set deadlines, although two drafts of the CALA were submitted in 2016 by certain MPs (see paragraph 43 below)
While the creation of a land market was a necessary element of the development of a market economy, the market had to be transparent and fair, competitive and efficient, and be able to prevent shadow transactions. Therefore the “extension” was needed to develop legislation regulating the land market
13 07/12/2017 The same as in row 10, but not before 01/01/2019 Draft CALA to be submitted by 01/07/2018 Abolition of the moratorium in times of war and economic crisis without having in place legislation regulating the circulation of agricultural land would create risks for national and food security. A lifting of the moratorium had to be preceded by legislative work to encourage the creation of a network of strong farmers’ enterprises and cooperatives. The prohibition on the sale of agricultural land was a barrier for attracting investment in the agricultural sector since land could not be used as security for loans, but its lifting could not be the end in itself and needed to be thought of as a measure to encourage investment in the agricultural sector without, at the same time, leading to landlessness among the rural population
22. As at today’s date, the Transitional Provisions of the Land Code prohibit alienation in any form of most agricultural land, including of the categories owned by the applicants, except in cases of inheritance, swap transactions and expropriation for public use. They also prohibit any change in the designated use of such land, except where it has been allocated to an investor under a production-sharing agreement. Currently the Transitional Provisions state that those restrictions are to remain effective until the entry into force of the Circulation of Agricultural Land Act (“the CALA”), but in any case at least until 1 January 2019.
D. Constitutional matters
23. Article 13 § 1 of the Constitution of 1996 provides that land, its subsoil, air, water and other resources are the property of the Ukrainian people (? ??’?????? ????? ????????? ???????????? ??????). Article 13 § 4 requires the State to ensure protection of the rights of all property owners and economic players and social orientation of the economy. Article 14 § 1 provides that land is the main national asset, and is under the special protection of the State. Article 14 § 2 guarantees the right to land ownership and provides that land ownership may be acquired and exercised by citizens, legal entities and the State in accordance with the law.
24. Article 22 provides that human and citizens’ rights and freedoms are guaranteed and may not be diminished by the enactment of new laws or the amendment of laws that are already in force.
25. Article 41 of the Constitution reads:
“Everyone shall have the right to own, use, or dispose of his or her property and the results of his or her intellectual or creative activities.
...
No one shall be unlawfully deprived of the right to property. The right to private property shall be inviolable...”
26. On 17 February 2017 fifty-five Members of Parliament lodged an application with the Constitutional Court seeking to have the Law of 6 October 2016 reaffirming the moratorium declared unconstitutional. They invoked Articles 13, 14, and 41 of the Constitution set out above as well as Articles 8 (the principle of the rule of law), 24 (non-discrimination), 42 (the right to enterprise), 48 (the right to a sufficient standard of living), and 64 (general provision concerning the restriction of constitutional rights) of the Constitution.
On 14 February 2018 the Constitutional Court rejected the application without examining it on the merits. It found the arguments presented in support of that application for abstract review insufficiently developed to permit the opening of the constitutional review proceedings and its substantive examination. It concluded that the application failed to meet the requirements of section 51 § 3 of the Constitutional Court Act which sets out the details an application must contain, namely the reasoning as to why the applicant considered a given provision unconstitutional.
According to the information on the Constitutional Court’s web site, as of 6 April 2018, which appears to be the most recent information publicly available on the date of examination of the case by the Court, there was no new application for constitutional review of the matter in question pending.
E. Taxation and rules governing land ownership
27. Article 281.3 of the Tax Code of 2010 exempts from property tax land rented to commercial agricultural producers benefitting from the simplified taxation regime. Article 281.1.3 exempts old-age pensioners from the payment of land tax.
28. Article 78 § 1 defines ownership as the right to possess, use and dispose of land.
29. Article 81 § 2 and Article 82 §§ 2 and 3 provide that foreign nationals, stateless persons, foreign legal entities and legal entities with foreign capital can only own non-agricultural land of certain categories.
30. Article 91 requires land owners to use land according to its designated use category, respect environmental rules, improve land fertility, respect neighbours’ rights, and so forth. Article 143 provides that a court may order expropriation of land without compensation in cases of failure to respect the designated use of the land or rectify a serious breach of land protection rules despite a warning from the land protection authorities.
31. Article 130 provides that land zoned for commercial agricultural production can only be acquired by a Ukrainian national with sufficient educational qualifications or experience to engage in agricultural production or by a Ukrainian legal entity which has agriculture listed in its articles of association among the types of business it can engage in. The municipality where the land is located, as well as its permanent residents, have a right of first refusal in respect of the land sold.
32. Item 13 of the Transitional Provisions of the Code, as in force in 2001, provided that a single person or entity could not acquire more than 100 hectares of agricultural land. The Law of 6 October 2004 (the first extension of the moratorium – see row 1 of the Table in paragraph 21 above) extended that limitation to 1 January 2015. It expired on that date. However, given that most agricultural land could not be sold throughout the period, it would appear that the restriction never had much practical application.
F. Rules and statistics concerning the land lease market
33. The Land Lease Act (section 21) provides that rent is set by agreement of the parties. However, Presidential Decree no. 92/2002 of 2 February 2002 instructed the Cabinet of Ministers and local executive authorities to take operational measures to ensure that the level of rent under land leases would be at least 3% of the land’s estimated value. According to the statistics published by the State Land Cadastre Agency, in 2013 74.4% of leases provided for rent of at least 3% of the value.
34. Section 19 of the Land Lease Act provides that for the main categories of agricultural land, the term of lease cannot be less than seven years and, for any lease, cannot exceed fifty years.
35. The State Land Cadastre Agency published certain statistics concerning the land lease market in Ukraine on which the parties relied in their submissions:
(i) as at 2013 there were 4,741,400 leases concerning shares of land in former CAEs or plots converted from former shares, covering 17.5 million hectares. Of them 35.5% were with entities which were successors of former collective farms, 14.2% with individual farming enterprises (see paragraph 18 above) and 50.3% with other entities. The national average rent was UAH 563.50 (around EUR 48 at the time). 52.2% of landlords were pensioners;
(ii) as at April 2015 the number of leases rose to 4.8 million, the national average annual rent was UAH 727.6 per hectare (about EUR 29 at the time) and the average rent for the Rivne and Ternopil regions, where the first and the second applicant’s land was located, were UAH 1068.80 and 546.10 per hectare (EUR 42 and 21 respectively).
G. Policy statements and plans, legislative proposals and public attitudes towards the moratorium
36. On 31 May 2002, in his annual address to Parliament on the state of the nation, the President of Ukraine stressed the need to create the structure for an efficient and transparent land market by 2005, when the moratorium would expire. Important aspects were the creation of a transparent property registration system, introduction of the ability to use land as security for mortgage financing and completion of the conversion of shares of land into plots and the issuance of property certificates.
37. Coalition Agreements of 22 June 2006 and 29 November 2007 and an action programme of the Cabinet of Ministers of 16 January 2008 stated, in nearly identical terms, that the coalition and government had the following priorities: creation of the conditions for the functioning of the land market (issuance of ownership certificates, demarcation of boundaries of plots of land, putting the land cadastre into operation, land valuations, introduction of the mechanism for land market regulation) and then revocation of the moratorium.
38. On 17 June 2009 the Cabinet of Ministers approved the outline of a State programme for the development of land relations until 2020. It noted a number of problems in land relations and listed a number of measures to resolve them, including the gradual introduction into circulation of land and rights to it and the creation and development of a land market.
39. On 7 April 2011, in his annual address to Parliament on the state of the nation, the President of Ukraine stated that the moratorium was preventing the transfer of land to efficient owners, thus slowing down the development of the agricultural sector. Steps in order to introduce a regulated land market had to be taken urgently.
40. On 9 December 2011 Parliament approved the draft Land Market Act at the first reading (see paragraph 21 above). The draft law provided that only citizens of Ukraine, municipalities and the State could acquire agricultural land. A single citizen would not be permitted to own more than 100 hectares of land zoned for commercial agricultural production or rent more than 6,000 hectares of such land in any one district or more than 5% of the land in any one region. The caps would also apply to those associated with the individual. The bill provided that owners of neighbouring land would have a right of first refusal in the event of alienation of agricultural land and that such land could not be sold for less than the price determined by an expert, a procedure to be regulated by law. Rezoning of formerly publicly owned agricultural land would be prohibited for ten years after acquisition. The bill also contained a number of other rules aimed at safeguarding the efficient use of agricultural land.
41. On 3 July 2012, in his annual address to Parliament on the state of the nation, the President of Ukraine stated that that year, before revocation of the moratorium, a mechanism for the effective protection of the interests of agricultural producers and of food security of the country needed to be created and their effective functioning secured.
42. In his annual addresses to Parliament on the state of the nation in 2016 and 2017, the President of Ukraine made the following remarks concerning the land moratorium.
On 6 September 2016 he said:
“The inability to freely sell and buy agricultural land unquestionably inhibits investment in agriculture, reduces and breaches the rights of the rural population, among other things, lease rights, taking the last remaining kopeks out of their pockets. This is axiomatic. However, I am also aware of public opinion on this matter and the position of the majority of parliamentary groups. I value and respect that. But how can we resolve this problem, my dear legislators? This is within your purview. Either to stick your head in the sand and change nothing or to work to create a land market in Ukraine with all the possible safeguards against any possible negative impact.”
On 7 September 2017 he said:
“.. In Estonia they have privatised everything: ports, telecommunications, aviation and even the railways. In Poland out of 8,500 State companies the State has kept only 41. And, by the way, their land has not been bought up by foreigners, despite the fact that the residents of those countries can easily buy and sell agricultural land.
Until now, Ukrainians have been deprived of that right. Millions of people formally own land but it has been decided for them that they are unable to handle it and an unconstitutional moratorium was introduced. Why then do we allow people to sell their flats? Because you know, by this logic, someone could come along and buy them all up.
As a statesman, in making decisions I must have regard to public opinion. For now, unfortunately, it has been formed by the populists. I am not going to put pressure on Parliament to adopt the land reform, I will not do it. But I am asking you to make a resolution, for now at least a silent one, in your minds, in favour of such a reform. Enact such laws which would assuage the phobias, which would remove all the objections, introduce all the necessary safeguards, introduce minimum prices, make registers transparent, protect the rural population but also give them freedom. I am asking you to set, I invite you to set, a specific date when all of this could be launched, even if not today.”
43. On 3 April 2017 the Cabinet of Ministers approved its mid-term action plan for up until 2020 and its priority action plan for 2017. The 2020 plan describes the continuing maintenance of the moratorium as one of the main problems in the agricultural sector that deprives a large number of Ukrainian citizens of the opportunity to exercise their constitutional right to property and obstructs the development of the agricultural market. The plan provides that the problem created by the moratorium could be resolved through nationwide discussion and the introduction of a land market based on a model acceptable to the population. The 2017 plan stated that the draft CALA would be submitted to Parliament in the second quarter of 2017. However, it appears that no such bill has been introduced.
44. The Government submitted information about protest actions led by farmers in early October 2016 in a number of regions, including highway blockades. The farmers called for the restoration of tax benefits for the agricultural sector. One of their demands was also to reaffirm the land moratorium.
III. COMPARATIVE LAW
45. It appears from the material available to the Court on the legislation of member States of the Council of Europe that none of the thirty two member States surveyed has a general ban on the sale or any other form of alienation of agricultural land. The same can be said about the two non member States surveyed, Canada and the United States of America.
46. Although twenty-two of the thirty-two member States surveyed have undergone a land-reform programme since 1990 (Armenia, Azerbaijan, Bosnia and Herzegovina, Croatia, the Czech Republic, Estonia, Finland, Germany (after unification), Greece, Hungary, Latvia, Lithuania, the Republic of Moldova, Montenegro, Poland, Romania, the Russian Federation, Serbia, Slovak Republic, Slovenia and the former Yugoslav Republic of Macedonia), none of those States have since that time imposed such a general ban, even though some used to impose time-limited restrictions on the resale of land acquired as a result of privatisation, for example three years in Armenia and ten years in Russia (according to pre 2001 legislation).
47. However, in many of the member States surveyed transfers of agricultural land are subject to a number of restrictions and conditions.
48. Thus, in seven of the member States surveyed (Austria, France, Germany, Hungary, Lithuania, Norway and Sweden), the transfer of ownership of agricultural land must be authorised by a special government body. Generally speaking, the authorisation procedure is normally aimed at preserving the effective use of the land for agriculture, so that for example in Austria for the authorisation to be issued the buyer needs to provide assurances that he or she will actually cultivate the acquired land. In another example, in Norway a typical condition on which authorisation is granted may be that the buyer must move onto the land and live on it for five years. In a further three member States (Poland, the Slovak Republic and Slovenia) some categories of buyers, notably those already engaged in farming or their family members, are exempted from the authorisation procedure.
49. In seven of the member States surveyed (Austria, Hungary, Latvia, Lithuania, Poland, the Slovak Republic and Slovenia), qualifications or prior experience in the agricultural sector on the part of the buyer are required for the transfer of ownership of land or to confer priority over other buyers. Some States, such as Estonia, Poland and Sweden, generally authorise only individuals, and not legal entities, to acquire agricultural land of a certain size and subject acquisition by legal entities to additional conditions, such as the need to obtain a permit.
50. More than half of the member States surveyed – eighteen out of thirty-two, namely Austria, Bosnia and Herzegovina, the Czech Republic, Finland, France, Georgia, Hungary, Italy, Latvia, Lithuania, the Netherlands, Poland, Romania, the Russian Federation, Serbia, the Slovak Republic, Slovenia and the former Yugoslav Republic of Macedonia – have pre-emption laws, securing a right of first refusal mostly to co-owners, close family members, neighbouring or other farmers, tenants, agricultural enterprises, municipalities and in some cases the State.
51. In nine of the member States surveyed (Armenia, Azerbaijan, Bosnia and Herzegovina, Croatia, Georgia, the Republic of Moldova, Montenegro, the Russian Federation and the former Yugoslav Republic of Macedonia), agricultural land cannot generally be sold to foreign persons. In addition, the majority of the surveyed former Soviet Union and other Central and East European member States make a distinction between European Union nationals, who generally can acquire agricultural land subject to compliance with other restrictions and after the expiry of certain time-limited transitional periods, and third-country nationals, for whom restrictions are more severe (for example, the requirement to obtain a special permit in Estonia and a ban on ownership by third-country nationals in Hungary). However, these restrictions are subject to exceptions, notably in cases of inheritance and where more liberal rules are provided by international agreements. A special regime may thus be in place with member States of the European Economic Area and of the Organisation for Economic Co operation and Development.
52. In eight of the member States surveyed (Estonia, Hungary, Latvia, Lithuania, Poland, the Russian Federation, the former Yugoslav Republic of Macedonia and Turkey) there are restrictions on the size of agricultural land that can be disposed of. Generally, these States impose caps on the maximum amount of land which can be owned by the same person (ranging from 300 hectares in Hungary to 10% of the agricultural land area in a territorial unit in Russia) although some also limit the minimum size of land parcels, seeking to prevent excessive subdivision of land below a certain size.
53. Certain States have particular procedures in place for the sale of agricultural land. For instance, Bosnia and Herzegovina requires land most suitable for agriculture to be sold at public auctions. States, such as Italy, which have pre-emption laws, also have in place detailed procedures aimed at ensuring the effective exercise of pre-emption rights.
54. Special restrictions also exist in certain sensitive areas such as border areas and areas adjacent to military installations (for example, in Greece and Serbia).
THE LAW
I. JOINDER OF THE APPLICATIONS
55. The Court considers that, pursuant to Rule 42 § 1 of the Rules of Court, the applications should be joined, given their common factual and legal background.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
56. The applicants complained that the legislative restrictions applicable to their land had breached their right to peaceful enjoyment of their possessions, guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
57. The Government submitted that the first applicant had omitted to inform the Court in her application form that she had rented out her land. They accordingly invited the Court to reject her application for abuse of the right of individual application. The first applicant, implicitly admitting that she had omitted to mention the leasing arrangements in her application form, stated that she had believed this fact to be irrelevant to her application since her complaint concerned the restrictions on transfers of land other than leases. The negative impact of the restrictions on sales and other transfers on the value of the land, including its rental value, was only one aspect of her complaint.
58. The Court reiterates that the submission of incomplete and thus misleading information may amount to an abuse of the right of application, especially if the information concerns the very core of the case and no sufficient explanation has been provided for the failure to disclose that information. However, the applicant’s intention to mislead the Court must always be established with sufficient certainty (see Gross v. Switzerland [GC], no. 67810/10, § 28, ECHR 2014, with further references therein).
59. Turning to the circumstances of the present case, the Court observes that the first applicant’s initial submissions did not contain information about the fact that she had rented out her land. However, the Court cannot establish that by omitting to make such submissions she intended to mislead the Court. It cannot find, therefore, that she has abused the right of application.
60. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
(a) The applicants and the Government
(i) Existence of an interference and the applicable rule
61. The parties agreed that there had been an interference with the applicants’ rights guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1 and that this interference constituted “control” of the use of property within the meaning of the second paragraph of that provision.
(ii) Lawfulness
62. The parties agreed that the moratorium had basis in domestic law and that the relevant provisions were accessible. They disagreed as to whether they were “foreseeable”.
(?) The applicants
63. The applicants argued that the interference with their rights could not be considered to be based on precise and foreseeable provisions of the law. The first and second applicants had inherited their shares of land in May 2000 and November 2004 respectively and could reasonably expect that the moratorium would expire on 1 January 2005, as indicated at the time in the Transitional Provisions of the Land Code. Three years, the original duration of the moratorium, could reasonably be regarded as sufficient time to enact the necessary legislation regulating the land market. Thus, even if the original duration of the moratorium had been foreseeable, its subsequent extensions had not been. Enactment of the necessary legislation had been cited as the reason for each extension but it had not been enacted throughout all those years. For instance, the draft Land Market Act had been approved at the first reading in 2011 but no further progress had been made on that bill. Likewise, the 2015 law extending the moratorium had required the Cabinet of Ministers to develop a draft law regulating the circulation of agricultural land, the enactment of which had been the precondition to the lifting of the moratorium, by 1 March 2016. However, no such bill had been submitted.
64. For the applicants, those factors made the moratorium “virtually perpetual” and the relevant law unforeseeable. The applicants relied in this connection on judgments in which the Court reproached the authorities for failing to regulate certain relations for a period of time and resolve legal uncertainty (Zagorodniy v. Ukraine, no. 27004/06, §§ 53-56, 24 November 2011; Vyerentsov v. Ukraine, no. 20372/11, §§ 51-53, 11 April 2013; R & L, s.r.o. and Others v. the Czech Republic, nos. 37926/05 and 4 others, §§ 117 23, 3 July 2014; and Veniamin Tymoshenko and Others v. Ukraine, no. 48408/12, §§ 84 and 85, 2 October 2014). They contested the Government’s submission that each extension had given a clear new deadline, as only the extensions of 2004 and 2006 had given specific expiry dates (see paragraph 21 above) and the others had linked the lifting of the moratorium to the enactment of certain laws. For the applicants, this meant that the moratorium was of a virtually unlimited duration; the law did not contain sufficiently clear indicators as to when exactly it would be lifted, if at all. The wide margin of appreciation afforded to the national authorities in economic and social matters did not mean the right to put individuals in a situation of such protracted uncertainty.
65. If the State had wished to prohibit transfers of agricultural land into private property, it could have done so from the outset. Instead, the State had transferred land to members of former collective farms and expressed a clear intention to authorise the owners of the land to dispose of it. Once it had done so, it should have provided a legislative framework for the exercise of that right. Failure to do so for many years, without a clear indication as to when it would be done, had created a situation contrary to the requirements of “legality” inherent in Article 1 of Protocol No. 1.
66. What is more, the reasons for extending the moratorium had evolved over time – even if initially the extensions had been motivated merely by the need to enact the necessary legislation and conduct technical preparatory work, additional, more vague reasons had been added over time. This rendered the applicants’ situation even less foreseeable.
(?) The Government
67. The Government submitted that the applicants’ allegation that the moratorium was in place for an indefinite period was not true. Each extension of the moratorium had contained a clear endpoint, and each new extension had been adopted before the previous end date and at no point could the applicants entertain any expectation that they would be able to sell before the end date. Article 1 of Protocol No. 1 could not be interpreted as protecting the applicants against the changes in the legal regime of their possessions. The Government cited Van Marle and Others v. the Netherlands (26 June 1986, § 43, Series A no. 101) in support of their argument. The extensions had been passed following a wide discussion of the matter and the applicants could not claim to be unaware of the possibility of those extensions.
(iii) General interest
(?) The applicants
68. The applicants submitted that even though nominally additional reasons other than the need to enact the necessary land market legislation had been given in the explanatory notes to the laws extending the moratorium (see the Table in paragraph 21 above), these had been mere “cover” for the State’s inability to enact the relevant legislation, which, if properly drafted and enacted, could in fact have addressed all the alleged possible risks and concerns stated in the explanatory notes. The applicants concentrated, in this connection, on the concerns expressed by the legislature in the explanatory note for the 2015 extension, namely that the moratorium was needed to ensure national and food security and the Government’s argument that the release of agricultural land into circulation would risk it being purchased en masse for meagre prices and its concentration in the hands of a few tycoons or unfriendly powers, its withdrawal from cultivation and the impoverishment of farmers (see paragraph 76 below).
69. As to the risk of impoverishing farmers and a massive selloff of land at low prices, the applicants stated that lifting the moratorium would not mean that landowners would be compelled to sell, rather it would be their free decision whether to do so. The applicants referred to the third-party intervener’s submissions and other material showing that, in the opinion of some experts, international experience showed that the opening up of land markets normally led to a rise in land prices (see paragraph 96 below). They referred in particular to the alleged experience of Romania, which had experienced a high rate of growth in land prices. They also referred to the opinion of a former head of the State Land Cadastre Agency who had said, reportedly, that the lifting of the moratorium would lead to a 25% increase in land prices and a rise in land productivity. They submitted that, according to “expert opinion”, a fully open land market would generate from 50 to 100 billion US dollars in “GDP growth, foreign and domestic investment” as well as additional tax revenue.
70. As to the risk of excessive concentration of land holdings, the applicants referred to the third-party intervener’s assessment that no international financial entity possessed the financial resources necessary to buy up land in quantities which would constitute a threat. High land fragmentation also made this risk unrealistic (see paragraph 96 below). The risk of excessive concentration could be easily mitigated by introducing caps on the maximum amount of land owned, as the draft Land Market Act had envisaged (see paragraph 40 above). It was the prohibition introduced by the moratorium which had pushed the land transactions into the shadow and de facto created a non-transparent shadow land market. It had led to the very problems the Government referred to, in particular a high concentration of land in the hands of large agricultural companies. This was because the moratorium presented the landowners with only two options: either to cultivate the land themselves (which they often could not do due to their age, health, the remoteness of the land, or land fragmentation making cultivation not viable economically) or accept leases under the conditions proposed by the agricultural producers. This market dominance of the agribusiness companies had led to low rents (they cited the State Land Cadastre Agency’s statistics set out in paragraph 35 above) and “land devastation”.
71. For the applicants, it had precisely been the extension of the moratorium that had created and aggravated the problems cited by the Government as the reasons for extending it. It had prevented the flow of resources into the agricultural sector, in particular to small and medium farmers, because it had blocked their access to bank loans which could be secured on their land, and had thus prevented the development of the agriculture sector in general. This had also been admitted by the President of Ukraine (see paragraph 42 above).
72. As to the supposed protests against the lifting of the moratorium, the applicants alleged that the main opponents of the lifting of the moratorium had cited the absence of an appropriate legislative framework as the main reason for their support for its continuation. Support for the moratorium had mainly come from non-farmers and large agricultural companies benefitting from the absence of a transparent land market and lobbying to keep it in place for as long as possible.
73. The applicants submitted that the moratorium was harming the economy, the landowners and the agrarian sector, instead of protecting them from “imaginary risks”. Its extensions had not been dictated by any necessity but by purely populist political considerations. Therefore, the legislature’s judgment as to what was in the “general interest” was manifestly without reasonable foundation.
(?) The Government
74. The Government stressed that the legislature enjoyed a wide margin of appreciation in matters of economic policy. The Court had to respect their judgment unless it was manifestly without reasonable foundation.
75. They submitted that agricultural land accounted for 70% of Ukraine’s territory, the country having one of the world’s highest indicators of agricultural land per capita. This constituted great potential for the country but required implementation of an effective model of rational land use. The Government pointed to the constitutional provisions declaring land the main national asset and requiring appropriate regulation of land ownership and use (see paragraph 23 above). The moratorium was needed to create an appropriate framework for the protection of the rights of citizens and of the State. The extended period of operation of the moratorium was due to the need to create appropriate legal, institutional, financial and economic conditions for the introduction of free circulation of the land.
76. Referring to the explanatory note to the law which extended the moratorium in 2015 (see row 11 of the Table at paragraph 21 above), the Government submitted that the goal of the moratorium was to protect food and national security. Releasing land into circulation risked creating conditions for the concentration of land in the hands of a few tycoons or “foreign and unfriendly power” in exchange for a fraction of its real value, its withdrawal from cultivation, and the impoverishment of farmers. The Government considered that the reality of those dangers was illustrated by the experience of a brief period in the early 2000s when free circulation of shares of land had been allowed and shares had been purchased en masse for meagre prices. The Government referred, in this respect, to the statistics summarised in Parliament’s Resolution of 22 May 2003 (see paragraph 15 above).
77. The adoption and extensions of the moratorium had created considerable debate inside and outside of Parliament in the course of which both supporters and opponents of the moratorium had been free to express their opinions.
78. While Ukrainian society was sharply divided on the matter of the moratorium, a very substantial part of society, political parties, local authorities and academics, were in favour of maintaining it. The Government pointed to the protests which had taken place in 2016 demanding that the moratorium be maintained (see paragraph 44 above).
(iv) Proportionality
(?) The applicants
79. The margin of appreciation available to the national authorities could not cover a measure as extreme as a fifteen-year-long absolute prohibition on the alienation of land. No other State had such an absolute prohibition in place, only imposing certain conditions on sale or resale.
80. To the extent the Government argued that the applicants had acquired the land of their free will at a time when it had already been subject to restrictions, the applicants stressed that they had inherited the land by right and that, at the time, there had been specific deadlines in place for the expiry of the restrictions on land transactions. In this connection, they referred to their observations concerning the lawfulness of the interference (see paragraphs 63 to 66 above) and stressed that, when they had acquired the land, they could legitimately expect that the moratorium would expire and that they would be able to dispose of their land. As to the fact that the applicants had received their land free of charge, they argued that the protection provided by the Convention could not be made dependent on whether property had been acquired for free or otherwise (citing Ghigo v. Malta, no. 31122/05, 26 September 2006).
81. As to the Government’s reliance on the fact that the applicants’ rights to use and rent out the land had been unaffected by the moratorium, they stressed that the right to dispose of property was an essential element of ownership and it was for an owner to decide whether to dispose of or retain his or her property. Moreover, their plots were small and were located 300 and 50 kilometres from their respective places of residence. They were also elderly persons in poor health. This had prevented them from cultivating the land on their own.
82. Renting the land out at “knockdown prices” was not a viable proposition either: unable to find offers for monetary rent at an acceptable level, the first applicant had had to accept rent in kind and the second applicant was receiving very low rent payments (see paragraphs 6 and 7 above). Moreover, domestic law imposed a number of duties on the applicants as landowners, including the need to comply with environmental rules and pay property tax (see paragraph 30 above) which they would be unable to comply with without renting their land out to an agricultural producer. If not for the moratorium, the only viable option for the applicants would be to sell their land.
83. The applicants drew parallels between their situation and those of the applicants in the case of Sporrong and Lönnroth v. Sweden (23 September 1982, Series A no. 52), in that the Ukrainian legislature’s persistent failure to enact legislation which would allow the moratorium to be lifted and land to be sold was analogous to the Swedish authorities’ repeated extensions of a prohibition on construction which had created a prolonged situation of uncertainty for the applicants in that case.
84. This uncertainty and the legislature’s prolonged failure to adopt the necessary rules and lift the moratorium upset the balance between the protection of the applicants’ rights and the general interest, and imposed an excessive individual burden on them.
(?) The Government
85. The Government stressed that the member States had wide discretion to establish rules governing the circulation of agricultural land. Although they had a common origin in the “common understanding” of the need to control the circulation of agricultural land and ensure food security, the specific rules varied across States. They cited examples of various regulations in effect, according to them, in several European countries according to which: (i) a buyer had to show that he was capable of cultivating the bought land (Denmark), (ii) an authority annually inspected the use to which the buyer had put the acquired agricultural land (Austria), and (iii) sales of agricultural land were subject to the approval of a public authority (Sweden). The measure chosen by Parliament was within its power to regulate the economy as it saw fit and had broad public support.
86. The applicants had not had to bear an individual and excessive burden. Their predecessors in title had obtained their shares of land of their free will, and the applicants had freely chosen to accept them as their inheritance. When the applicants had obtained the land, they had known about the restrictions it was subject to, either those imposed within the framework of the moratorium in the 2001 Land Code or those set out in the 1990 Land Code (see paragraph 10 above). There had never been any undertaking on the part of the State that those restrictions would not be extended beyond the original deadlines which had been in effect when the applicants had acquired the land.
87. The applicants had received their land free of charge. Other than alienation and change of designated use they were not limited in their rights: they could cultivate the land themselves or rent it out to tenants on freely negotiated terms.
88. In response to the applicants’ argument that engaging in cultivation had not been a practical possibility for them due to the small size of their holdings, the Government submitted that farms of two to five hectares, comparable in size to those of the applicants, made up a sizeable proportion of all agricultural holdings in Europe. In this connection, they cited the 2013 Farm Structure Survey published by Eurostat according to which 4.9 million agricultural holdings, close to half of all holdings in the 28 EU Member States, were less than two hectares in size. In any event, given that the applicants did not see farming as practical, it was unclear why they had volunteered to obtain their land, zoned for farming, in the first place.
89. Certainly, there could be objective obstacles to farming but the applicants also had the right to rent out their land and this right was not subject to any restrictions. In fact the State was not depriving the applicants of income from their property. On the contrary, the State had taken steps to encourage a rise in rental income: while there were no caps on rent rates, a presidential decree had sought to ensure the observance of a minimum rent rate, at a level of 3% of the land’s value (see paragraph 33 above). In fact, the majority of leases nationwide provided for even higher levels of rent than this minimum (see paragraph 35 above). Renting out land was a popular means of obtaining benefits of ownership for Ukrainian landowners, as evidenced by the large number of land leases in effect and the land area covered by them (see paragraph 35 above). Both applicants had also taken this opportunity and had rented out their land.
90. As to the right to sell, Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention guaranteed no right to acquire property or obtain profit (citing, in particular, R & L, s.r.o. and Others v. the Czech Republic, cited above, § 103) and the State had at no time guaranteed to the applicants that they would be able to derive profit from the sale of their land. In the context of “control” of the use of property, which was the case here, the requirement to compensate for interferences with property rights had only a limited application. Here, the applicants were aware of the principle that no compensation in principle would be payable (citing Depalle v. France [GC], no. 34044/02, § 91, ECHR 2010) and had not invested anything into the property (citing Pindstrup Mosebrug A/S v. Denmark (dec.), no. 34943/06, 3 June 2008). Moreover, even if compensation were needed, the State policies aimed at protecting the rights of landlords and propping up of rent rates amounted to such compensation.
91. The Government also stressed that the moratorium applied to all agricultural land without distinction. The Government cited in this connection the Court’s decision in Lohuis and Others v. the Netherlands, where the Court found it relevant that the legislation in issue in that case was intended to reduce the environmental impact on an “entire farming sector” (no. 37265/10, 30 April 2013). They also referred to the Court’s decision in Pindstrup Mosebrug (cited above) dealing with a general regulatory act requiring the preservation of bogs and a general limitation on the right to extract peat.
92. Accordingly, for the Government, the moratorium did not impose an individual and excessive burden on the applicants, and a fair balance had been struck between the interests of the community and those of the applicants.
(b) Third-party intervener
93. EasyBusiness submitted certain information concerning the history of the land reform in Ukraine and the structure of its agricultural sector. In particular, according to them, from 1996 to 2009 two thirds of Ukraine’s agricultural land was transferred into private ownership and 94% of the rural population converted their shares of land into land plots. As a result, legally the land was fragmented into small parcels. However, agricultural production had not been so fragmented since in practice the agricultural producers rented large areas from numerous owners, with the ten top agricultural companies renting from 150 to 654 thousand hectares. They were using the resulting economies of scale to accumulate additional financial resources which in turn skewed the balance in the rental market in their favour.
94. The intervener argued that the moratorium violated the constitutional provisions guaranteeing property rights (see paragraphs 24 and 25 above). It prevented the creation of a transparent land market and owners from earning adequate income from their land.
95. The existing situation did not mean that there was no market in land, but rather that it was non-transparent, leading economic players to use devious schemes to ensure control over land. It had also led to concentration of control over land in the hands of agricultural holding companies which, as the most common tenants, had disproportionate power over small land owners (the average plot size being four hectares) who had no choice but to accept low rents. The land market was fairly monopolised with the 100 biggest players renting 6.5 million hectares. This had led to abnormally low rents. The interveners pointed out that about two thirds of the seven million individuals who had obtained land in the course of privatisation were senior citizens, the average age of a landowner being fifty-seven, and 79% of them being over fifty.
96. The interveners considered the risks advanced to justify the continuation of the present situation exaggerated. Thus, as to the risk that the land would be sold at meagre prices, international experience showed, to the contrary, that in most countries the creation of a free land market had led to an increase in the value of land. As to the risk of land being bought out by foreigners, no international financial entity possessed the financial resources necessary to buy up the land in quantities which would constitute a threat and high land fragmentation made this risk even less realistic. As to the possible lifting of the moratorium increasing the pressure on small farmers, the interveners considered, to the contrary, that the lifting of the moratorium would be beneficial to them by increasing their access to financing.
2. The Court’s assessment
(a) General principles
(i) The structure of Article 1 of Protocol No. 1
97. The Court reiterates that, according to its case-law, Article 1 of Protocol No. 1, which guarantees in substance the right of property, comprises three distinct rules: the first, which is expressed in the first sentence of the first paragraph and is of a general nature, lays down the principle of peaceful enjoyment of property. The second rule, in the second sentence of the same paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions. The third, contained in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, among other things, to control the use of property in accordance with the general interest (see Depalle, cited above, § 77).
(ii) Lawfulness
98. The first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful: the second sentence of the first paragraph authorises a deprivation of possessions only “subject to the conditions provided for by law” and the second paragraph recognises that States have the right to control the use of property by enforcing “laws”. Moreover, the rule of law, one of the fundamental principles of a democratic society, is inherent in all the Articles of the Convention. The principle of lawfulness also presupposes that the applicable provisions of domestic law are sufficiently accessible, precise and foreseeable in their application (see Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 147, ECHR 2004 V).
(iii) General interest
99. Any interference with the enjoyment of a Convention right must pursue a legitimate aim. Similarly, in cases involving a positive duty, there must be a legitimate justification for the State’s inaction. The principle of a “fair balance” inherent in Article 1 of Protocol No. 1 itself presupposes the existence of a general interest of the community. Moreover, it should be reiterated that the various rules incorporated in Article 1 of Protocol No. 1 are not distinct, in the sense of being unconnected, and that the second and third rules are concerned only with particular instances of interference with the right to the peaceful enjoyment of property. One of the effects of this is that the existence of a public interest required under the second sentence, or the general interest referred to in the second paragraph, are corollaries of the principle set forth in the first sentence, so that an interference with the exercise of the right to the peaceful enjoyment of possessions within the meaning of the first sentence of Article 1 of Protocol No. 1 must also pursue an aim in the public interest (see Ališi? and Others v. Bosnia and Herzegovina, Croatia, Serbia, Slovenia and the former Yugoslav Republic of Macedonia [GC], no. 60642/08, § 105, ECHR 2014).
100. Because of their direct knowledge of their society and its needs, the national authorities are in principle better placed than the international judge to appreciate what is “in the public interest”. Under the system of protection established by the Convention, it is thus for the national authorities to make the initial assessment as to the existence of a problem of public concern warranting measures to be applied in the sphere of the exercise of the right of property. Since the margin of appreciation available to the legislature in implementing social and economic policies is wide, the Court will respect the legislature’s judgment as to what is in the public interest, unless that judgment is manifestly without reasonable foundation (ibid., § 106).
(iv) Proportionality
101. Not only must an interference with the right of property pursue, on the facts as well as in principle, a “legitimate aim” in the “general interest”, but there must also be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised by any measures applied by the State, including measures designed to control the use of the individual’s property. That requirement is expressed by the notion of a “fair balance” that must be struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. The concern to achieve this balance is reflected in the structure of Article 1 of Protocol No. 1 as a whole. In each case involving an alleged violation of that Article the Court must therefore ascertain whether by reason of the State’s interference the person concerned had to bear a disproportionate and excessive burden (see Hutten-Czapska v. Poland [GC], no. 35014/97, § 167, ECHR 2006 VIII).
102. In assessing compliance with Article 1 of Protocol No. 1, the Court must make an overall examination of the various interests in issue, bearing in mind that the Convention is intended to safeguard rights that are “practical and effective”. It must look behind appearances and investigate the realities of the situation complained of. That assessment may involve not only the relevant compensation terms – if the situation is akin to the taking of property – but also the conduct of the parties, including the means employed by the State and their implementation. In that context, it should be stressed that uncertainty – be it legislative, administrative or arising from practices applied by the authorities – is a factor to be taken into account in assessing the State’s conduct (see Broniowski, cited above, § 151).
103. In the context of housing regulations, the Court has also held that its assessment of compliance with Article 1 of Protocol No. 1 may involve not only the conditions of the rent received by individual landlords and the extent of the State’s interference with freedom of contract and contractual relations in the lease market, but also the existence of procedural and other safeguards ensuring that the operation of the system and its impact on a landlord’s property rights are neither arbitrary nor unforeseeable (see Amato Gauci v. Malta, no. 47045/06, § 58, 15 September 2009).
(b) Application of the above principles to the present case
(i) Whether there is an interference and the applicable rule
104. The Court sees no reason to disagree with the parties and finds that the impugned legislative situation constitutes an interference with the applicants’ possessions attracting the application of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and that it is the rule on control of the use of property that applies (see, mutatis mutandis, Marckx v. Belgium, 13 June 1979, § 64, Series A no. 31; Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, § 46, ECHR 1999 V; Hutten-Czapska, cited above, §§ 160 and 161; Lindheim and Others v. Norway, nos. 13221/08 and 2139/10, §§ 76-78, 12 June 2012; and Herrmann v. Germany [GC], no. 9300/07, § 73, 26 June 2012, with further references therein). It notes, moreover, that even if the situation were to be analysed in terms of the respondent State’s positive obligation, the applicable principles would be similar (see Broniowski, cited above, § 146).
(ii) Lawfulness
105. The Court notes that the moratorium and its extensions clearly have basis in domestic law which has never been declared unconstitutional (contrast Hutten-Czapska, cited above, § 172, where a subsequent declaration of unconstitutionality nevertheless did not render the relevant measures “unlawful” for the purposes of Article 1 of Protocol No. 1, and R & L, s.r.o. and Others v. the Czech Republic, cited above, §§ 117-126, where a violation of Article 1 of Protocol No. 1 was found in a situation where the Czech Constitutional Court had declared the rent-control scheme unconstitutional but the legislature then failed to pass new legislation regulating the matter within the time allotted by the Constitutional Court).
106. The Court notes the applicants’ argument that the uncertainty created by the repeated extensions of the moratorium and the repeated failure of Parliament and the government to respect self-imposed deadlines for the creation of a sales market in agricultural land rendered the relevant legislation unforeseeable. However, it considers that this argument is rather relevant for determining whether the authorities struck a fair balance between the interests involved (see Hutten-Czapska, § 172, and Broniowski, § 151, both cited above).
107. Therefore, it considers that restrictions imposed on the exercise of the applicants’ rights complied with the requirement of “lawfulness” inherent in Article 1 of Protocol No. 1.
(iii) General interest
108. The Court has considered the aims of the impugned legislative restrictions invoked by the Government, most notably the avoidance of excessive concentration of land in the hands of wealthy individuals or hostile powers, its withdrawal from cultivation, the desire to avoid landlessness and impoverishment of the rural population, all serving the needs of national and food security (see paragraph 76 above). It considers that the domestic authorities’ judgment that the maintenance of the moratorium on land sales served those goals cannot be said to be “manifestly without reasonable foundation”.
109. This conclusion is not disturbed by the apparent mismatch between the pronounced goals of the moratorium, namely the need to prepare the market infrastructure, and the apparent lack of tangible progress in that direction. It is true that this mismatch could raise doubts as to whether the extensions of the moratorium beyond a certain point had been a reasonable means of achieving the proclaimed aims. However, the Court considers that that matter, like the question of uncertainty created by the repeated extension of the deadlines for lifting the moratorium (see paragraph 106 above), should be examined in the context of the proportionality of the impugned measures (see, mutatis mutandis, Bittó and Others v. Slovakia, no. 30255/09, § 109, 28 January 2014, where the Court considered the mismatch between the Government policy plans which envisaged the introduction of market-level rents and the actual lack of progress in that direction as a factor in assessing the proportionality of the rent control measures which affected the applicants).
(iv) Proportionality
110. The Court notes that it is not its role to decide in principle whether a State which has decided to transfer previously State-owned land into private hands should or should not then allow the new owners to sell it and under what conditions. Under the Court’s well-established case-law, its task is not to review domestic law in abstracto, but to determine whether the manner in which it was applied to, or affected, the applicants gave rise to a violation of the Convention (see Garib v. the Netherlands [GC], no. 43494/09, § 136, 6 November 2017).
111. In this context the Court must stress its fundamentally subsidiary role. The Contracting Parties, in accordance with the principle of subsidiarity, have the primary responsibility to secure the rights and freedoms defined in the Convention and the Protocols thereto, and in doing so they enjoy a margin of appreciation, subject to the supervisory jurisdiction of the Court. The national authorities have direct democratic legitimation and are, as the Court has held on many occasions, in principle better placed than an international court to evaluate local needs and conditions. In matters of general policy, on which opinions within a democratic society may reasonably differ widely, the role of the domestic policy-maker should be given special weight (ibid., § 137).
112. It is therefore important for the Court’s analysis of the situation affecting the applicants that the respondent State has consistently, throughout the period during which the moratorium has remained in place, declared the creation of a sales market in agricultural land and eventual discontinuation of the moratorium as its goal (see paragraphs 36 to 43 above). In view of the principle of subsidiarity, the Court can only assess the situation in the light of this goal defined by the respondent State itself and cannot substitute its own judgment as to whether it would be desirable to have a land sales market for that consistently reached and proclaimed by the domestic authorities themselves.
113. Evaluating the legislative restrictions affecting the applicants’ property rights in the light of those considerations, the Court finds the following factors relevant.
(?) Legislative uncertainty
114. Even though throughout the relevant period the legislature’s proclaimed eventual goal has remained the eventual introduction of a land sales market and the lifting of the moratorium, the motives for its introduction and maintenance, its scope and the end point have evolved considerably over time.
115. A large part of the motivation behind the initial moratorium appears to have been the lack of a transparent system of title registration for shares of land and the need to complete their conversion into defined land parcels with a formal title (see paragraphs 15, 36 and 37 above), a process which was already advanced in 2003 and appears to have been largely completed by 2009 (see paragraphs 15 and 93 above). While this initial reason largely disappeared, the ban initially introduced primarily for shares of land (see paragraphs 16 and 19 above), was extended to plots with clear registered title, such as those owned by the applicants.
116. In apparent contradiction with the goal of eventually creating a land sales market, almost all changes in the moratorium following its initial adoption were in fact aimed at tightening rather than gradually loosening restrictions, even though it is understandable that some of those changes may have been needed to prevent operations aimed at circumventing the moratorium (see, for example, row 2 of the Table at paragraph 21 above). The domestic authorities also apparently hesitated in determining the desirable scope of the moratorium, as is shown for example by their first allowing, then banning and then allowing again swap transactions within the space of five years (see paragraph 19 and rows 1 and 3 of the Table at paragraph 21 above).
117. The end date of the moratorium underwent even more significant changes. The provision of the Land Code which introduced the initial moratorium and its first two extensions provided specific deadlines for its expiry. Accordingly, at that time Parliament had to take action and legislate if it wished to keep the moratorium in place. The Laws of 28 December 2007 and 3 June 2008 (see row 4 of the Table) changed that, effectively removing the specific end date and reversing the situation, which required Parliament to act and legislate if it wished to discontinue the moratorium. It appears that no specific reason has been given for this key change.
118. Moreover, it appears that, while the authorities considered the initial end date of the moratorium as the actual date by which the land market infrastructure had to be put in place and by which the moratorium was actually expected to expire, currently the moratorium is treated as, for all practical purposes, indefinite, despite the periodically set deadlines for the development of legislation which would regulate the land sales market and lift the moratorium which appear to be routinely pushed back (contrast the presidential address of 2002 at paragraph 36 above with that of 2017 at paragraph 42 above; see also, concerning failure to respect the self-imposed deadlines for development of the legislation, rows 10-12 of the Table and paragraph 43 above).
119. The Court has on many occasions stressed the need to look beyond appearances and the language used and to concentrate on the realities of the situation (see, for example, Blokhin v. Russia [GC], no. 47152/06, § 180, ECHR 2016). Applying this approach, the Court observes that the nature of the moratorium changed after the enactment of the above-mentioned laws of December 2007 and June 2008 and the moratorium became de facto indefinite and the conditions for its lifting indeterminate. No reason was given for this change. This change is also in apparent contradiction with the proclaimed aim of the gradual introduction of a land sales market.
120. In Bittó (cited above, §§ 108-110) the Court, in finding the then Slovakian rent-control scheme incompatible with Article 1 of Protocol No. 1, found it relevant that the scheme had been kept in place despite repeatedly announced Government policy plans envisaging the introduction of market-level rents. Likewise, in Skibi?scy v. Poland (no. 52589/99, §§ 94-98, 14 November 2006), the Court found that repeated extensions of the rent-control scheme, initially justified in view of the transition from a State-controlled to a market economy, meant that a fair balance had not been struck between the competing general and individual interests. In Sporrong and Lönnroth (cited above, § 70), it was also relevant that the repeated extension of expropriation permits which restricted the full exercise of the applicants’ ownership rights had left the applicants in “complete uncertainty as to the fate of their properties” which was a factor in the Court finding a violation of the applicants’ property rights in that case.
121. Similarly, in the present case, the lack of consistency on the part of the authorities in modifying the scope and the very nature of the moratorium and the uncertainty it has created are important factors in the Court’s assessment of the proportionality of the impugned situation (see Broniowski, cited above, § 151).
(?) Reasons advanced for the introduction and maintenance of the moratorium
122. The Court notes that the Government did not advance any specific reasons as to exactly why the domestic authorities considered the temporary blanket ban on land sales as the only appropriate measure of achieving their desired social and economic goals, whether it seriously considered other means of achieving them short of a total ban or assessed the proportionality of a total ban to the aims sought (compare, in the context of Article 3 of Protocol No. 1, Hirst v. the United Kingdom (no. 2) [GC], no. 74025/01, § 79, ECHR 2005 IX). Even though the Government did not advance this argument explicitly, the Court is prepared to accept that the reason for the choice of the temporary blanket ban may have been implicit in the initial moratorium, namely that time was needed to develop a land market infrastructure, which would supposedly include the consideration of less restrictive alternatives to a total ban. However, once the nature of that initial moratorium changed and the specific end date for its expiry was removed (see paragraph 119 above), no specific reasons were given for the continuing failure to legislate and consider such less restrictive alternatives.
123. Likewise, while the Constitutional Court examined the admissibility of the constitutional review application concerning the 2016 “extension” of the moratorium (see paragraph 26 above), it found the arguments presented in support of that application for abstract review insufficiently developed to permit the opening of the constitutional review proceedings and its substantive examination. In such circumstances it appears that the Constitutional Court was prevented from engaging in any detail with the substance of the matter, in particular the reasons for the introduction and maintenance of the moratorium and the question of balancing of the relevant interests (contrast Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99 and 2 others, § 116, ECHR 2005 VI, and in the context of Article 10, Animal Defenders International v. the United Kingdom [GC], no. 48876/08, §§ 13 33 and 113-16, ECHR 2013 (extracts)).
124. In the proceedings before the Court the Government argued that the moratorium was needed to avoid the following key risks: (i) impoverishment of the rural population, (ii) excessive concentration of land in the hands of wealthy individuals or hostile powers, and (iii) its withdrawal from cultivation.
125. The concern that the lifting of the moratorium may lead to the impoverishment of the rural population and farmers does not address the situation of owners such as the applicants who reside in urban areas and do not work in farming. The applicants consider that for them farming is not a viable option in view of their age and the distances involved (see paragraphs 6, 7 and 81 above), an assessment which the Court finds reasonable. As to the risk of impoverishing the rural population generally, the Court notes that the makers of the laws which extend the moratorium appear to acknowledge that the absolute prohibition on sales was not needed as such to achieve that goal but rather served to provide time to develop the necessary legislation introducing appropriate safeguards to ensure a well-regulated land sales market (see, for example, rows 3 and 10-13 of the Table at paragraph 21 above).
126. As to the aims of preventing excessive concentration of land and its withdrawal from cultivation, the Court observes that Ukrainian law already contains certain provisions which appear to be aimed at achieving the same result. These include: (i) the taxation regime which would appear to benefit cultivated land and penalise its withdrawal from cultivation (see paragraph 27 above), (ii) the restrictions on the categories of those who can own land, and (iii) the caps on the maximum amount of land owned (see paragraphs 29 to 32 above). A number of further restrictions were also contemplated in the draft Land Market Act, which was approved by Parliament at the first reading in 2011 but did not advance further (see row 7 of the Table and paragraph 40 above). It is notable in this connection that the enactment of the Land Market Act, along with the State Land Cadastre Act, was, until 20 November 2012, defined as the key prerequisite for lifting the moratorium (see row 8 of the Table).
127. It is also relevant in this connection that no other Council of Europe member State, including those who have undergone transition from State-controlled to market economies and have implemented land reform programmes, have in place blanket restrictions on the sale of agricultural land (see paragraphs 45 and 46 above) which would be analogous to the situation existing in Ukraine. Comparative law research demonstrates that in many of those States the authorities apparently pursue largely the same goals of ensuring the effective use of land for agricultural production and the avoidance of excessive concentration of land holdings, particularly in the hands of economic players not engaged in local rural life and farming. However, that research demonstrates that the authorities in those countries have at their disposal a wide range of other legislative tools which appear to adequately address those goals without the need to have recourse to a total ban on sales (see paragraphs 47 to 54 above).
128. Certainly, it is an established case-law principle that where the legislature has made a choice by enacting laws which it considers to be in the general interest, the possible existence of alternative solutions does not in itself undermine the validity of the justification behind the contested legislation because specific circumstances may warrant it. It is not for the Court to say whether the legislation represented the best solution, provided that the authorities remain within the bounds of their margin of appreciation (see, for example, Be?vá? and Be?vá?ová v. the Czech Republic, no. 58358/00, § 66, 14 December 2004). It remains the case, however, that reasons need to be shown for the choice of a more restrictive solution and the existence of alternative solutions does constitute a factor relevant for determining whether the means chosen could be regarded as reasonable and suited to achieving the legitimate aim being pursued, having regard to the need to strike a "fair balance" (see James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 51, Series A no. 98).
129. In that context, the Court would reiterate once again that in the present case it is the Ukrainian authorities themselves who have consistently, for nearly two decades, defined their goal as the eventual introduction of a well-regulated land sales market, the moratorium being only an intermediate step to that end. The very nature of the moratorium and the proclaimed goal for its introduction and extension was essentially to have time to consider possible alternatives to the absolute ban on sales. That such alternatives were available and would be suitable to achieve the same goals has been repeatedly recognised at the highest levels of the respondent State (see, for example, paragraphs 36 to 42 above).
130. Given that the authorities proclaimed the creation of such a market as their goal, the availability of alternative solutions and the lack of consistent reasons given for not adopting those solutions and keeping in place the most restrictive one, must have a substantial weight in the assessment of the latter’s proportionality.
(?) The burden imposed on the applicants
131. In assessing the burden the impugned situation imposes on the applicants, the Government pointed out that the applicants had obtained their land of their free will at a time when it had already been subject to the legislative restrictions in question.
132. Indeed, when the second applicant came into possession of the land he had to be aware that it was already subject to restrictive regulations on its sale (compare, mutatis mutandis, Fredin v. Sweden (no. 1), 18 February 1991, § 54, Series A no. 192) and it could not be ruled out that the prohibition could be extended (compare Depalle, cited above, § 86). However, the second applicant inherited his land in November 2004, shortly after the first extension of the moratorium (see paragraph 7 and row 1 of the Table at paragraph 21 above). As the Court has noted above (see paragraphs 118 and 119), at that time the officially proclaimed expectation had been that the moratorium would actually expire on a defined date, and the nature of the moratorium changed and the prospects of it being lifted became much more uncertain at a later date, after the enactment of the laws of December 2007 and June 2008 (see row 4 of the Table).
133. The first applicant’s situation is somewhat different. When her share of land was converted into a plot, on 10 January 2006, the moratorium did not apply to land of her category, zoned for use as an individual smallholding. It was extended to that type of land somewhat later, by the Law of 19 December 2006 (see row 3 of the Table). Therefore, it cannot be said that the first applicant acquired her land when it was already subject to the moratorium.
134. Whatever the details of their situation, however, when the applicants obtained rights to their land, the law applicable to it was clearly in flux. Moreover, the Court does not lose sight of the fact that both applicants obtained the land as a result of a far-reaching land reform which had not been completed by the time they came into possession of it (compare Jahn, cited above, § 116).
135. On the other hand, the applicants inherited the land from their parents rather than acquired it in a commercial transaction (contrast, for example, Pine Valley Developments Ltd and Others v. Ireland, 29 November 1991, § 59, Series A no. 222). Moreover, given the Land Code’s pronounced policy of eventually opening up agricultural land to the market, which was particularly clear in the initial stages of the moratorium, they could not expect that the absolute prohibition would continue indefinitely.
136. Therefore, it cannot be said that the applicants had to know from the start that they were coming into possession of encumbered property which would remain so encumbered save for the eventuality of some uncertain future development (contrast, for example, Depalle, cited above; Lacz v. Poland (dec.), no. 22665/02, 23 June 2009; and Håkansson and Sturesson v. Sweden, 21 February 1990, § 53, Series A no. 171 A).
137. As to the financial aspect of the burden imposed on the applicants, the Court recognises that it is not as severe as that imposed, for example, on owners by some rent-control schemes which it has had occasion to examine in its previous judgments (see, for example, Hutten-Czapska, § 198, and R & L, s.r.o. and Others v. the Czech Republic, § 104, both cited above, where rents were demonstrably below maintenance costs; see also Ghigo, cited above, § 66, and Edwards v. Malta, no.17647/04, § 75, 24 October 2006, where this was not necessarily the case but the statutory rent for houses, amounting to less than five or six euros per month, was extremely low and demonstrably below market rates).
138. As the Government pointed out, and contrary to those rent-control cases, the applicants in the present case remain free to rent their land out at market rates. The respondent State does not cap those rates but rather takes measures to prop them up to the owners’ benefit by setting minimum rents. While these minimum rents are, legally speaking, indicative rather than binding, as a matter of practice they appear to be followed in the majority of cases (see paragraph 33 above).
139. These positive aspects, however, are offset, to some extent, by certain other aspects of domestic law. Notably, tax law would appear to penalise owners who do not lease their land to agricultural producers and benefit those who do (see paragraph 27 above), even though the applicants would in any case appear to be entitled to a tax exemption due to their advanced age. Moreover, rules fixing the minimum duration of land leases at seven years also apparently aim to create stability for tenants but, by the same token, likely further restrict the owners’ ability to seek higher rents in the process of lease renegotiation (see paragraph 34 above). It is also reasonable to assume that, as has been suggested (see paragraphs 82 and 95 above), the moratorium exercises a certain downward pressure on rents even though it is difficult to determine its precise extent, given there has never, in recent decades, been a functional land sales market in Ukraine (compare Chiragov and Others v. Armenia (just satisfaction) [GC], no. 13216/05, § 68, 12 December 2017).
140. It should also be noted that in the above-mentioned cases rent control measures were motivated by concern for the social rights of third parties, often vulnerable categories of the population, whom the rent control schemes aimed to protect. This consideration is not necessarily present here, as the applicants’ land is rented by commercial enterprises (see paragraphs 6 and 7 above and compare Urbárska Obec Tren?ianske Biskupice v. Slovakia, no. 74258/01, § 131, 27 November 2007, where the Court, in finding that the compulsory letting of the land owned by the members of the applicant association and the subsequent transfer of that land to the tenants breached Article 1 of Protocol No. 1, noted that the supposed beneficiaries of those measures did not belong to a socially weak or particularly vulnerable part of the population, with Hutten-Czapska, § 225, where even measures in favour of tenants recognised as vulnerable were found to be disproportionate). Quite to the contrary, in the present case it is the applicants themselves, as well as other owners, who may be considered vulnerable, if nothing else, at least by reason of their advanced age (see paragraphs 35 (i), 81 and 95 above, and, mutatis mutandis, Komnatskyy v. Ukraine, no. 40753/07, § 18, 15 October 2009, and Stoyan Mitev v. Bulgaria, no. 60922/00, § 73, 7 January 2010, where the Court recognised, albeit in different factual contexts, advanced age as one of the factors of the applicants’ vulnerability).
141. The applicants and the third-party intervener suggested, citing certain statistics concerning market concentration, that the maintenance of the moratorium, far from being protective of the interests of vulnerable landowners, could actually favour tenants, many of whom were businesses of considerable size and influence, over such small landowners (see paragraphs 70, 93 and 95 above). The Court considers that this is not a case where it can rely on such merely statistical evidence (contrast D.H. and Others v. the Czech Republic [GC], no. 57325/00, §§ 187-89, ECHR 2007 IV, concerning the use of statistical evidence in cases concerning discrimination) and the applicants did not submit any evidence showing any abuse of market power by tenants in their particular cases. However, the Government did not specifically challenge their allegation and, most importantly, did not provide any specific evidence to show that, to the contrary, the moratorium served to protect vulnerable categories of the population, rather than disadvantage them.
142. The Court is also conscious of the fact that the applicants acquired their land free of charge from their parents who, in turn, had obtained it in the process of privatisation of previously publicly owned land. While the parties did not comment on the grounds on which the applicants’ parents obtained their shares of land, the Court notes that such shares were primarily allocated to former members of collective farms, normally based on their work for those enterprises (see paragraph 12 above). The applicants inherited the land in the process of ordinary inheritance. Therefore, it cannot be said that the land in question was a gratuitous windfall for them.
143. Moreover, according to the Court’s case-law, the fact that a property has been acquired without payment does not rule out a finding of a violation of Article 1 of Protocol No. 1 (see, for example, Edwards, cited above, §§ 5 and 75-79, and Visti?š and Perepjolkins v. Latvia [GC], no. 71243/01, § 121, 25 October 2012). The Court considers, however, that this fact may be pertinent in its assessment under Article 41 of the Convention (see paragraph 155 below).
144. In assessing the severity of the burden imposed on the applicants the Court also finds relevant:
(i) the length of time the restrictions remained in place, which so far has reached seventeen years overall, with the restrictions affecting the first and second applicants personally for more than twelve and ten years respectively (see, for example, Sporrong and Lönnroth, cited above, § 72, and JGK Statyba Ltd and Guselnikovas v. Lithuania, no. 3330/12, § 143, 5 November 2013, where restrictions on the full enjoyment of property rights lasted for twelve and more than ten years respectively),
(ii) the broad scope of restrictions, in that they prevent the applicants from both alienating their land in nearly every possible fashion and using it for any other purpose than agriculture, and
(iii) the blanket and inflexible nature of the restrictions, which are not subject to any individual review or exception (compare Immobiliare Saffi, cited above, § 54, where the Court found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in part because no court had jurisdiction to rule on the impact which the delay in enforcing eviction orders might have in a particular owner’s case, with Spadea and Scalabrino v. Italy, no. 12868/87, §§ 37-40, 28 September 1995, and Lohuis, cited above, § 59, where such provision for individual hardship cases was made, and P. Plaisier B.V. and Others v. the Netherlands (dec.), nos. 46184/16, 47789/16 and 19958/17, § 91, 14 November 2017, where an individualised assessment of the severity of the burden imposed on the applicant by domestic courts was not excluded).
145. The latter feature of the legal regime to which the applicants are subject means that the proportionality of the measure restricting their rights has not been substantively examined either at the legislative (see paragraph 122 above) or the individual level.
146. Lastly, the above-mentioned uncertainty created by the repeated extensions of the moratorium has in itself contributed to the burden imposed on the applicants. Realisation of one of the key elements of their ownership, the right to dispose of one’s property (see paragraph 28 above), became subject to the passage of legislation of indefinite content, passage which has been postponed in a fashion which appears unpredictable and insufficiently explained (see paragraphs 118, 119 and 122 above). Their ownership rights were rendered, in practical terms, precarious and defeasible. This should be seen in the light of the long-standing principle of the Court’s case-law that the Convention should be interpreted and applied in a manner which renders its guarantees practical and effective and not theoretical and illusory (see, mutatis mutandis, Paposhvili v. Belgium [GC], no. 41738/10, § 182, ECHR 2016, with further references therein).
147. The Court concludes that the applicants have been made to bear as individuals the burden of the authorities’ failure to meet their self-imposed goals and deadlines. In view of the weakness of the reasons given for the choice of the most restrictive alternative available to the authorities over less restrictive measures, the Court considers that the burden imposed on the applicants is excessive.
(v) Conclusion
148. In view of the above considerations and the Government’s failure to advance sufficient reasons to justify the measures applicable to the applicants’ land, the Court concludes that the respondent State has overstepped its wide margin of appreciation in this area and has not struck a fair balance between the general interest of the community and the property rights of the applicants.
149. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
III. APPLICATION OF ARTICLES 46 AND 41 OF THE CONVENTION
A. Article 46 of the Convention
150. The Court stresses that the problem underlying the violation of Article 1 of Protocol No. 1 concerns the legislative situation itself and that its findings extend beyond the sole interests of the applicants in the instant case. The Court considers that the respondent State should take appropriate legislative and/or other general measures to ensure a fair balance between the interests of agricultural land owners on the one hand, and the general interests of the community, on the other hand, in accordance with the principles of protection of property rights under the Convention. It is not for the Court to specify how those interests should be balanced. Under Article 46 the State remains free to choose the means by which it will discharge its obligations arising from the execution of the Court’s judgment (see, mutatis mutandis, Hutten-Czapska, cited above, §§ 237 and 238, and Lindheim, cited above, § 137). The Court’s judgment should not be understood to mean that an unrestricted market in agricultural land has to be introduced in Ukraine immediately.
B. Article 41 of the Convention
151. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
1. Damage
152. The applicants claimed 30,000 euros (EUR) each in respect of non pecuniary damage.
153. The Government considered the amounts claimed exorbitant and unsubstantiated.
154. The Court observes that the applicants did not submit a claim for pecuniary damage. Moreover, it considers that, in the absence of a functioning market for agricultural land in Ukraine, any such claim would likely be speculative (see paragraph 139 above).
155. Concerning the matter of non-pecuniary damage, the Court reiterates that situations where the applicant has suffered evident trauma, whether physical or psychological, pain and suffering, distress, anxiety, frustration, feelings of injustice or humiliation, prolonged uncertainty, disruption to life, or real loss of opportunity can be distinguished from those situations where the public vindication of the wrong suffered by the applicant, in a judgment binding on the Contracting State, is an appropriate form of redress in itself. In some situations, where a law, procedure or practice has been found to fall short of Convention standards, this is enough to put matters right (see, for example, Chiragov, cited above, § 57, with further reference therein).
156. In view of these principles, the Court considers that the finding of a violation constitutes in itself sufficient just satisfaction for any non pecuniary damage sustained by the applicants. In making this finding the Court has regard, inter alia, to its findings in paragraphs 138 and 143 above as to the nature of the burden the present legislative situation has imposed on the applicants, its holding that the respondent State must take appropriate legislative and/or other general measures to secure compliance with Article 1 of Protocol No. 1 (see, mutatis mutandis, Lindheim, cited above, § 141) and to the fact that an exceptionally large number of individuals are affected by the moratorium (see paragraphs 15 and 95 above and, mutatis mutandis, Chiragov, cited above, § 46, and Edwards v. Malta (just satisfaction), no. 17647/04, § 30, 17 July 2008).
157. However, the Court stresses that, should the respondent State unreasonably delay adoption of the requisite general execution measures, this may, with the passage of time, lead to a situation where awards under Article 41 may eventually become warranted, at least for some categories of agricultural land owners.
2. Costs and expenses
158. The applicants also claimed EUR 4,800 each for the costs and expenses incurred before the Court, to be paid directly into Mr Tarakhkalo’s bank account.
159. The Government contested the reasonability of that claim. They pointed out that the Court awarded EUR 11,000 in legal fees in Kulykov and Others v. Ukraine (nos. 5114/09 and 17 others, § 159, 19 January 2017) which, in their estimation, was considerably more complex than the present case.
160. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, as well as taking into account the legal aid payment Mr Tarakhkalo has already received, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 3,000 to each applicant for the proceedings before the Court, to be transferred directly into Mr Tarakhkalo’s bank account.
161. The Court would also stress that, even though it makes an award for legal fees in the present case, it would be difficult for it to envisage making any awards for costs and expenses in any follow-up cases of this type, unless very exceptional circumstances justified a different conclusion.
C. Default interest
162. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Decides to join the applications;

2. Declares the applications admissible;

3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;

4. Holds that the finding of a violation constitutes in itself sufficient just satisfaction for any non-pecuniary damage sustained by the applicants;

5. Holds
(a) that the respondent State is to pay, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 3,000 (three thousand euros) to each applicant, plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of costs and expenses, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement and to be transferred directly into the account of the applicants’ lawyer Mr Tarakhkalo;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

6. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 22 May 2018, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Marialena Tsirli Vincent A. De Gaetano
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusioni:
Violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà (l'Articolo 1 parà. 2 di Protocollo N.ro 1 - Controlli dell'uso di proprietà)
Stato rispondente per prendere misure di un carattere generale (Articolo 46-2 - Generale misura)
Danno non-patrimoniale - trovando di violazione sufficiente (Articolo 41 - danno Non-patrimoniale la soddisfazione Equa)



QUARTA SEZIONE








CAUSA ZELENCHUK E TSYTSYURA C. UCRAINA

(Richieste N. 846/16 e 1075/16)







SENTENZA


STRASBOURG






22 maggio 2018



Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.
Nelle cause di Zelenchuk e Tsytsyura c. l'Ucraina,
La Corte europea di Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Vincenzo A. De Gaetano, Presidente
Ganna Yudkivska,
Paulo il de di Pinto Albuquerque,
Faris Vehabovi?,
Georges Ravarani,
Marko Bošnjak,
Péter Paczolay, giudici
e Marialena Tsirli, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato 10 aprile 2018,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in richieste (N. 846/16 e 1075/16) contro l'Ucraina depositò con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con due cittadini ucraini, OMISSIS (“i richiedenti”), 22 e 23 dicembre 2015 rispettivamente.
2. I richiedenti che erano stati accordati patrocinio gratuito furono rappresentati con OMISSIS, un avvocato che pratica in Kyiv. Quando i richiedenti le osservazioni di ' e rivendicazioni per la soddisfazione equa furono presentate 14 dicembre 2016 i richiedenti furono rappresentati anche con OMISSIS che a che tempo era un avvocato che pratica in Kyiv. Il Governo ucraino (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, Sig. io. Lishchyna.
3. I richiedenti addussero che le restrizioni legislative imposero su loro come proprietari di terra agricola aveva violato i loro diritti sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
4. In 4 maggio 2016 le richieste furono comunicate al Governo.
5. Osservazioni scritte furono ricevute da EasyBusiness, un'organizzazione non-governativa basò in Kyiv che era stato accordato permesso col Presidente della Sezione per intervenire come una terza parte (l'Articolo 36 § 2 della Convenzione e Decide 44 § 3 degli Articoli di Corte).
I FATTI
IO. LE CIRCOSTANZE DI LA CAUSA
6. Il primo richiedente nacque nel 1947 e vive in Dolyna, una città nella Regione di Ivano-Frankivsk.
A dicembre 1996 sua madre ottenne una quota di terra nel villaggio di Kopytkove nel distretto di Zdolbunivsky della regione di Rivne (veda divide in paragrafi 11 a 14 sotto riguardo alla natura di quote di terra e la loro conversione susseguente in aree). Seguendo la morte di sua madre a novembre 1999, il primo richiedente ereditò che quota ed ottenne un certificato che conferma che lei era divenuta il suo proprietario nuovo in 25 maggio 2000. 10 gennaio 2006 il Distretto di Zdolbuniv che Amministrazione Statale ha assegnato un'area di terra a lei misurando 2.5917 ettari, suddivise in zone per uso come una piccola azienda agricola individuale (?, veda paragrafo 18 sotto per una descrizione di suddividere in zone categorie di terra agricola sotto legge ucraina).
Il richiedente ottenne un certificato di proprietà in riguardo di che terra 13 agosto 2007. Lei affittò fuori 2.0917 ettari ad una società sotto un contratto d'affitto registrato in 30 maggio 2015 ed a causa di scada 10 novembre 2021, e 0.5 ettari ad un'altra società sotto un contratto d'affitto di quindici-anno registrato 10 agosto 2016. Secondo il richiedente, lei riceve affitto in natura, o in grano o petrolio di girasole, dipendendo che dai raccolti, cresciuto sulla terra in un anno determinato.
7. Il secondo richiedente nacque nel 1939 e vive in Ternopil.
Su una data non specificata sua madre ottenne il diritto ad una quota di terra nel villaggio di Rakovets nel distretto di Zbarazh della regione di Ternopil. A novembre 2004 lui l'ereditò da lei. 27 marzo 2008 il Distretto di Zbarazh che Amministrazione Statale ha assegnato 3.41 ettari di terra agricola a lui, suddivise in zone per produzione agricola e commerciale (?). Lui ottenne un certificato di proprietà 22 luglio 2008.
La terra è affittata con una società di limite di responsabilità. Fin da 2010 il secondo richiedente ha ricevuto affitto negli importi seguenti:
Anno UAH
(in totale) UAH
(per ettaro) Approssimato equivalente in EUR
(per ettaro)
2010 729.29 213.87 20
2011 749.44 219.78 20
2012 1316.02 385.93 36
2013 1316.02 385.93 33
2014 1316.02 385.93 19
2015 2191.73 642.74 24
2016 2191.73 642.74 22
8. I richiedenti la terra di ' è soggetto a restrizioni legislative sull'alienazione e cambio di uso designato nei quali è descritto “materiale nazionale ed Attinente” e, come riguardi il loro stato corrente, in paragrafo 22 sotto.
II. MATERIALE NAZIONALE ED ATTINENTE
Sfondo di A. alla situazione legale di proprietà di terra in Ucraina
9. Sotto le leggi della Socialista Repubblica sovietica ucraina, prima della promulgazione del Terra Codice di 18 dicembre 1990 (in seguito “il Terra Codice”), individui e le entità di non-stato non potevano possedere terra ed ogni terra fu posseduto con lo Stato.
10. Sotto Articolo 17 del Terra Codice, giunte comunali furono autorizzate per trasferire terra ad individui e le entità di non-stato. Per un periodo di sei anni, quelli che acquisirono terra non potevano vendere comunque, o altrimenti potrebbero sbarazzarsi di sé (eccetto in cause di eredità). Loro potrebbero trasferire di nuovo solamente la proprietà alla loro giunta comunale. Le corti potrebbero accorciare questo periodo se c'era una ragione valida per tale decisione.
11. Negli anni novanta una grande proporzione della terra agricola del paese fu contenuta col collettivo sovietico e precedente e fattorie Statali che, sotto la Legge di 14 febbraio 1992 fu cambiato il nome “imprese agricole e collettive” (in seguito “gli IAO” o “fattorie collettive”).
12. Decreto presidenziale n. 720/95 8 agosto 1995 purché per un programme di riforma graduale degli IAO per l'emissione ai loro membri correnti e precedenti di quote di terra che è dire diritti di terra nella forma di quote della massa di terra intera dell'IAO espressi come un numero di ettari ma senza una specifica ubicazione fisica o confini definito. Il decreto previde che le quote sarebbero distribuite a corrente e membri precedenti di IAO così come alle certe categorie di lavoratori assunte nel settore sociale (l'istruzione, medicina e così avanti) in aree rurali. Mentre il decreto diede membri degli IAO la capacità di ritirare dai loro IAO con le loro quote, l'elaborazione di grande potenza di dissolvere gli IAO per l'emissione di quote non cominciò davvero fino a 1999 (veda il prossimo paragrafo).
13. Decreto presidenziale n. 1529/99 3 dicembre 1999 accelerarono la riforma agraria con richiedendo la risoluzione di tutti gli IAO in aprile 2000, tramite la distribuzione di quote di terra e gli altri beni ai loro membri. Nell'elaborazione di dissolvere gli IAO, una grande proporzione della popolazione rurale acquisì quote di terra.
14. Un'elaborazione di grande potenza di convertire le quote in aree fisiche di terra (definito sulla base) fu organizzato poi. Come un risultato di questa elaborazione, millions di proprietari nuovi furono emessi con certificati di proprietà relativo alle specifiche aree di terra. La terra posseduta coi richiedenti subì questa elaborazione (veda divide in paragrafi 6 e 7 sopra).
15. Secondo Decisione Parlamentare n. 882-IV del 2003 summarising di 22 maggio i risultati provvisori della riforma agraria, durante l'elaborazione 6.87 milioni di ucraini ottennero quote di terra e 3.17 milione facevano convertire li in aree di terra. Parlamento notò delle difficoltà nell'emissione di quote di terra e la loro conversione in aree di terra, con delle regioni che incorrono parte posteriore: solamente 13% di proprietari di quota ottennero certificati di proprietà ad aree di terra nella Regione di Zhytomyr, mentre questa cifra stette in piedi a 96% nella Regione di Kirovograd. Delle 107,000 quote furono vendute o altrimenti disposero di coi loro proprietari nuovi che, secondo Parlamento, mostrò che loro non erano stati informati adeguatamente della riforma agraria ed i loro diritti ed i doveri.
Parlamento osservò che, a causa di una mancanza di procurare, il Gabinetto di Ministri stava progettando solamente di completare la conversione di quota e lavoro che intitola entro 2006 che lo fecero impossibile introdurre le vendite di terra introduce sul mercato da 1 gennaio 2005, siccome il Terra Codice previde al tempo (veda paragrafo 19 sotto).
B. L'iniziale “moratoria di terra”
16. Legge n. 2242-III 18 gennaio 2001 proibirono, sino alla promulgazione di un Terra Codice nuovo, l'alienazione di quote di terra, eccetto in cause di eredità e l'espropriazione per le necessità pubbliche.
17. 25 ottobre 2001 un Terra Codice nuovo fu decretato. Entrò in vigore 1 gennaio 2002.
18. Articolo 22 § 3 del Terra Codice nuovo definisce le categorie seguenti di uso designato per terra agricola: (i) piccole aziende agricole individuali; (l'ii) terra per frutta e vegetale che crescono; (l'iii) terra per pascolo e fieno che raccolgono; (l'iv) terra per produzione agricola e commerciale; e (v) imprese di agricoltura individuali che sono dire le entità commerciali possedute con coltivatori individuali presi parte in produzione agricola e commerciale.
19. Articolo 15 delle Disposizioni Di transizione del Terra Codice nuovo previde che finché il 2005 individui di 1 gennaio e le entità di non-stato non potevano vendere o altrimenti potrebbero trasferire titolo a due categorie di terra nella loro proprietà: (i) aree suddivisero in zone per imprese di agricoltura individuali o per altra produzione agricola commerciale e (l'ii) quote di terra. Baratti operazioni, cause di eredità e l'espropriazione per le necessità pubbliche era esente dalla proibizione. La proibizione che è stata prolungata successivamente e è stata cambiata (veda il Tavolo in paragrafo 21 sotto) è assegnato comunemente ad in Ucraina come il “la moratoria di terra” (?).
20. Secondo il Governo, la trascrizione della sessione parlamentare alla quale il Codice nuovo fu passato show che la moratoria è stata introdotta in prospettiva del bisogno per tempo supplementare per formare un mercato di terra con “adeguato” i prezzi e decreta legislazione necessario per la creazione di tale mercato. In particolare, all'apertura del dibattito Membro di Parlamento V. Asadchev espresse la sua preoccupazione secondo la trascrizione, che, se articoli del Codice riguardo al trasferimento di terra in mani private fossero adottati, questo creerebbe alcuni grandi possidenti (?) e trasforma il resto della popolazione in noleggiato agricolo lavori (?). Nel presentare il bozza Codice per il voto, il Sig.ra K. Vashchuk, Presidentessa del Comitato Parlamentare per Terra Affari e l'Agricoltura determinato che per rivolgere preoccupazioni come quegli espresse col Deputato, la bozza sospese l'operazione di tutte le disposizioni riguardo alla vendita di terra fino a 2005, sino a leggi sulla creazione di un catasto di terra registrazione di terra ed altri furono passati ed una banca di terra Statale fu stabilita.
C. Changes nella moratoria e la sua forma corrente
21. Il Terra Codice fu corretto su un numero di occasioni come a sia la durata e sfera della proibizione originale, siccome riassunto nel Tavolo sotto:
Tavolo Chiave sviluppi legislativi riguardo alla moratoria di terra
No Data della legge Data di fine della proibizione Cambi nella sfera della moratoria e gli altri cambi relativi Riassunto delle ragioni dato nell'esplicativo nota alla legge di bozza
1 06/10/2004 01/01/2007 Baratti operazioni che comportano terra, incluso baratta di terra per l'equità in società, proibì Legislazione che governa il mercato di terra non era stata sviluppata ancora col Gabinetto di Ministri; lavoro tecnico fu avuto bisogno di preparare le amministrazioni per trattare operazioni di terra. Il “la proroga” fu avuto bisogno di ostacolare “impoverimento delle persone ucraine” e l'acquirente su di terra con ucraino e tycoons estero (?)
2 09/02/2006 Contratti e procure che prevedono futuro (dopo scadenza della moratoria) trasferisce di terra soggetto alla moratoria dichiarata nullo Legislazione mirata ad ostacolando circonvenzione della moratoria per l'emissione di procure con proprietari terrieri a terzo festeggia authorising loro per sbarazzarsi della terra soggetto alla moratoria
3 19/12/2006 01/01/2008 Moratoria prolungò, oltre a terra per produzione agricola e commerciale, a piccole aziende agricole individuali (veda paragrafo 18 sopra); qualsiasi cambio di uso designato della terra soggetto alla moratoria impedito; baratti operazioni che coinvolgono un baratti di un'area di terra per un altro concesso di nuovo Sviluppi proprietà di terra privata, assicuri l'esercizio senza restrizioni di proprietari i diritti di ', ed assicuri circolazione libera di terra eccetto nelle cause previste per con legge. La creazione di un mercato di terra concederebbe trasferimenti di terra ad utenti più efficienti ma per fare così il mercato doveva essere soggetto a regolamentazione ragionevole. Simile regolamentazione dovrebbe includere: limiti su cambiare l'uso designato, l'imposizione di criterio per qualificare come un acquirente di terra, limitando ecc. le taglie di area di massimo della certa terra e la concentrazione di terra nelle mani di una sola persona e famiglia
4 28/12/2007 e 03/06/2008 Sino ad entrata in vigore dell'Atto del Catasto della Terra ed Atto del Mercato della Terra Niente cambi notabili Gli emendamenti furono incorporati in autobus conti copertura le questioni quasi sempre budgetarie e contenendo una serie ampia di cambi; non c'erano apparentemente nessuno specifici commenti resi sul problema di moratoria
5 19/01/2010 Sino ad entrata in vigore dell'Atto del Catasto della Terra ed Atto del Mercato della Terra, ma non di fronte a 01/01/2012 Niente cambi notabili Legislazione relazioni di terra che regola non erano state sviluppate ancora; lavoro tecnico fu avuto bisogno di preparare amministrazioni per trattare operazioni di terra. Il “la proroga” fu avuto bisogno di ostacolare “impoverimento delle persone ucraine” e l'acquirente su di terra con ucraino e tycoons estero
6 07/07/2011
e 01/01/2013
Atto del Catasto della terra fu decretato ed entrò in vigore
7 09/12/2011 Parlamento approvò il bozza Terra Mercato Atto alla prima lettura (veda paragrafo 40 sotto). Sembra che nessun ulteriore progresso sul conto fu reso Nel corso del dibattito parlamentare fu proposto di cambiare il nome l'Atto del Mercato della Terra la Circolazione di Terra Atto Agricolo (“il CALA”).
8 20/12/2011 Sino ad entrata in vigore dell'Atto del Mercato della Terra, ma non di fronte a 01/01/2013 Niente cambi notabili L'Atto del Catasto della Terra entrerebbe in vigore su 1 gennaio 2013 e la fine di moratoria dovrebbe essere esposto per quel la specifica data
9 02/10/2012 Cambio di uso designato si concedè dove terra fu assegnata ad un investitore sotto un accordo che produzione-divide Incoraggi investimento sotto produzione-dividendo accordi, particolarmente nel campo dell'esplorazione e l'estrazione di idrocarburi
10 20/11/2012 Sino ad entrata in vigore del CALA, ma non di fronte a 01/01/2016 La legge che prolunga la moratoria istruì il Gabinetto di Ministri a produrre la bozza CALA e presentarlo a Parlamento entro sei mesi. Anche se il bozza Terra Mercato Atto era stato approvato alla prima lettura 9 dicembre 2011, non era stato passato ancora in legge. Un cambio al concetto di che conto fu previsto, col cambio di nome al CALA. Un “la proroga” di sviluppare un meccanismo effettivo per vendite fu avuto bisogno della moratoria e sorvegliando vendite di terra ed ostacolare i possibili abusi
11 10/11/2015 Lo stesso come in fila 10, ma non di fronte a 01/01/2017 La legge che prolunga la moratoria istruì il Gabinetto di Ministri a produrre la bozza CALA e presentarlo a Parlamento entro 01/03/2016 Togliere la moratoria in tempi di guerra e crisi economica sarebbe una minaccia a cittadino e la sicurezza di cibo e la minaccia di una perdita di terra, come un'importante risorsa nazionale. Un roadmap per introdurre terra agricola in circolazione che sarebbe chiara al pubblico ebbero bisogno di un passo alla volta essere sviluppati. La moratoria creò le difficoltà nell'ottenere finanza per produzione agricola, e condusse allo spopolamento della campagna. Per risolvere questi e gli altri problemi creati con la moratoria il CALA doveva essere passato e la terra introdusse infine nella circolazione
12 06/10/2016 Lo stesso come in fila 10, ma non di fronte a 01/01/2018 Rediga CALA per Apparentemente essere presentato entro 01/07/2017 nessuno simile bozza fu presentata col Gabinetto di Ministri con questo o il prima termine massimo fissi, benché due bozze del CALA fossero presentate nel 2016 coi certi Deputati (veda paragrafo 43 sotto)
Mentre la creazione di un mercato di terra era un elemento necessario dello sviluppo di un'economia di mercato, il mercato doveva essere trasparente ed equo, competitivo ed efficiente, e è in grado ostacolare operazioni di ombra. Perciò il “la proroga” fu avuto bisogno di sviluppare legislazione che regola il mercato di terra
13 07/12/2017 Lo stesso come in fila 10, ma non di fronte a 01/01/2019 Rediga CALA per essere presentato entro 01/07/2018 L'abolizione della moratoria in tempi di guerra e crisi economica senza avere in legislazione di posto che regola la circolazione di terra agricola creerebbe rischi per cittadino e la sicurezza di cibo. Un sollevamento della moratoria doveva essere preceduto con lavoro legislativo per incoraggiare la creazione di una rete di coltivatori forti le imprese di ' e cooperative. La proibizione sulla vendita di terra agricola era una barriera per attirare investimento nel settore agricolo poiché terra non poteva essere usata come sicurezza per prestiti, ma il suo sollevamento non poteva essere in se stesso la fine e potrebbe avere bisogno di essere pensato di come una misura per incoraggiare investimento nel settore agricolo senza, allo stesso tempo conducendo a landlessness fra la popolazione rurale
22. Come alla data di oggi, le Disposizioni Di transizione del Terra Codice proibiscono l'alienazione in qualsiasi forma di più terra agricola, incluso delle categorie possedute coi richiedenti, eccetto in cause di eredità, baratti operazioni e l'espropriazione per uso pubblico. Loro proibiscono anche qualsiasi cambio nell'uso designato di simile terra, eccetto dove è stato assegnato ad un investitore sotto un accordo che produzione-divide. Attualmente lo stato di Disposizioni Di transizione che quelle restrizioni sono rimanere effettivo sino all'entrata in vigore della Circolazione di Terra Atto Agricolo (“il CALA”), ma in qualsiasi la causa almeno sino a 1 gennaio 2019.
D. le questioni Costituzionali
23. Articolo che 13 § 1 della Costituzione di 1996 offre che terra, il suo sottosuolo, aria, acqua e le altre risorse sono la proprietà delle persone ucraine (?'?). Articolo 13 § 4 costringe lo Stato ad assicurare protezione dei diritti di tutti i proprietari di proprietà e giocatori economici ed orientamento sociale dell'economia. Articolo che 14 § 1 offre che terra è il bene nazionale e principale, e è sotto la protezione speciale dello Stato. Articolo 14 § 2 garanzie il diritto per sbarcare proprietà e prevede che proprietà di terra può essere acquisita e può essere esercitata con cittadini, persone giuridiche e lo Stato in conformità con la legge.
24. Articolo 22 prevede che umano e cittadini i diritti di ' e le libertà sono garantite e non possono essere diminuite con la promulgazione di leggi nuove o l'emendamento di leggi che già sono in vigore.
25. Articolo 41 delle letture di Costituzione:
“Ognuno avrà diritto a possedere, userà, o disporrà di suo o la sua proprietà ed i risultati di suo o le sue attività intellettuali o creative.
...
Nessuno sarà privato illegalmente del diritto a proprietà. Il diritto a proprietà privata sarà inviolabile...”
26. Sul 2017 cinquanta-cinque Membri di Parlamento di 17 febbraio una richiesta depositò con la Corte Costituzionale che cerca di avere la Legge di 6 ottobre 2016 che riafferma la moratoria dichiarata incostituzionale. Loro invocarono Articoli 13, 14, e 41 della Costituzione esposti fuori sopra così come Articoli 8 (il principio dell'articolo di legge), 24 (non-discriminazione), 42 (il diritto ad impresa), 48 (il diritto ad un standard di vita sufficiente), e 64 (disposizione generale riguardo alla restrizione di diritti costituzionali) della Costituzione.
14 febbraio 2018 la Corte Costituzionale respinse la richiesta senza esaminarlo sui meriti. Trovò gli argomenti presentati in appoggio di che la richiesta per revisione di astratto sviluppò insufficientemente permettere l'apertura dei procedimenti di revisione costituzionali ed il suo esame effettivo. Concluse che la richiesta andò a vuoto a soddisfare i requisiti di sezione 51 § 3 del Corte Atto Costituzionale che espone fuori i dettagli una richiesta deve contenere, vale a dire il ragionamento come a perché il richiedente considerò una disposizione determinata incostituzionale.
Secondo le informazioni sul sito web della Corte Costituzionale, come non c'era richiesta nuova per revisione costituzionale della questione in oggetto pendente di 6 aprile 2018 che sembra essere pubblicamente le più recenti informazioni disponibile sulla data di esame della causa con la Corte.
Tassazione di E. ed articoli proprietà di terra governante
27. Articolo 281.3 del Tassa Codice di 2010 esenta da rendita fondiaria di tassa di proprietà a benefitting dei produttori agricolo e commerciale dal regime di tassazione semplificato. Articolo 281.1.3 esenta pensionati di vecchio-età dal pagamento di tassa di terra.
28. Articolo 78 § 1 definisce proprietà come il diritto per possedere, uso e si sbarazza di terra.
29. Articolo 81 § 2 ed Articolo 82 §§ che 2 e 3 offrono che cittadini esteri, persone senza nazionalità, persone giuridiche estere e persone giuridiche con capitale di proprietà estera possono possedere terra solamente non-agricola di certe categorie.
30. Articolo 91 costringe proprietari terrieri ad usare terra secondo la sua categoria di uso designata, riguardo articoli ambientali, migliori la fertilità di terra, vicini di casa di riguardo i diritti di ', e così avanti. Articolo 143 prevede che una corte può ordinare espropriazione di terra senza il risarcimento in cause di insuccesso rispettare l'uso designato della terra o rettificare una violazione seria di articoli di protezione di terra nonostante un avvertimento dalle autorità di protezione di terra.
31. Articolo 130 prevede che terra suddivise in zone per produzione agricola e commerciale può essere acquisita solamente con un cittadino ucraino con qualifiche istruttive e sufficienti o può essere esperimentata per prendere parte in produzione agricola o con una persona giuridica ucraina che ha l'agricoltura elencata nei suoi articoli dell'associazione fra i tipi di affari nei quali può prendere parte. Il municipio dove la terra è localizzata, così come i suoi residenti permanenti, abbia un diritto di primo rifiuto in riguardo della terra venduto.
32. Articolo 13 delle Disposizioni Di transizione del Codice, come in vigore nel 2001, purché che una sola persona o l'entità non potessero acquisire più di 100 ettari di terra agricola. La Legge di 6 ottobre 2004 (la prima proroga della moratoria-veda fila 1 del Tavolo in paragrafo 21 sopra) steso che limitazione a 1 gennaio 2015. Scadde su quel la data. Comunque, dato che la maggior parte di terra agricola non poteva essere venduta in tutto il periodo, sembrerebbe che la restrizione non aveva mai molta richiesta pratica.
F. Rules e statistiche riguardo al mercato di contratto d'affitto di terra
33. L'Atto del Contratto d'affitto della Terra (sezione 21) prevede che affitto è esposto con accordo delle parti. Comunque, Decreto Presidenziale n. 92/2002 2 febbraio 2002 istruirono il Gabinetto di Ministri ed autorità esecutive e locali a prendere misure operative per assicurare che il livello di affitto sotto contratti d'affitto di terra sarebbe stato almeno 3% del valore di stima della terra. Nel 2013 74.4% di contratti d'affitto previdero per affitto di almeno 3% del valore secondo le statistiche pubblicate con l'AGENZIA del Catasto della Terra Statale.
34. Sezione 19 dell'Atto del Contratto d'affitto della Terra prevede che per le categorie principali di terra agricola, il termine di contratto d'affitto non può essere meno, che sette anni e per qualsiasi il contratto d'affitto, non può eccedere cinquanta anni.
35. L'AGENZIA del Catasto della Terra Statale pubblicò le certe statistiche riguardo al mercato di contratto d'affitto di terra in Ucraina sulla quale le parti si appellarono nelle loro osservazioni:
(i) come a 2013 erano 4,741,400 contratti d'affitto riguardo a quote di terra in IAO precedenti o aree convertite da quote precedenti, mentre coprendo 17.5 milioni di ettari. Di loro 35.5% erano con entità che erano successori di fattorie di collettivo precedenti, 14.2% con imprese di agricoltura individuali (veda paragrafo 18 sopra) e 50.3% con altre entità. L'affitto medio e nazionale era UAH 563.50 (circa EUR 48 al tempo). 52.2% di padroni di casa erano pensionati;
(l'ii) come ad aprile 2015 il numero di rosa di contratti d'affitto a 4.8 milione, l'affitto di pianta annua medio e nazionale era UAH 727.6 per ettaro (di EUR 29 al tempo) e l'affitto medio per i Rivne e le regioni di Ternopil, dove il primo e la terra del secondo richiedente furono localizzate, era UAH 1068.80 e 546.10 per ettaro (EUR 42 e 21 rispettivamente).
Dichiarazioni di Politica di G. e piani, proposte legislative ed atteggiamenti pubblici verso la moratoria
36. Nel suo indirizzo annuale a Parlamento sullo stato della nazione, il Presidente dell'Ucraina sottolineò il bisogno di creare la struttura per un mercato di terra efficiente e trasparente entro 2005 in 31 maggio 2002, quando la moratoria scadrebbe. Gli importanti aspetti erano la creazione di un sistema di registrazione di proprietà trasparente, introduzione della capacità di usare terra come sicurezza per finanziamento di ipoteca ed il completamento della conversione di quote di terra in aree e l'emissione di certificati di proprietà.
37. Coalizione Accordi del 2006 e 29 novembre 2007 di 22 giugno ed un programme dell'azione del Gabinetto di Ministri di 16 gennaio 2008 determinato, in termini quasi identici che la coalizione e governo aveva le priorità seguenti: la creazione delle condizioni per il funzionare del mercato di terra (emissione di certificati di proprietà, demarcazione di confini di aree di terra mettendo il catasto di terra in operazione, valutazioni di terra introduzione del meccanismo per regolamentazione di mercato di terra) e poi revoca della moratoria.
38. 17 giugno 2009 il Gabinetto di Ministri approvò il contorno di un programme Statale per lo sviluppo di relazioni di terra sino a 2020. Notò un numero di problemi in relazioni di terra ed elencò un numero di misure per chiarirli, incluso l'introduzione graduale nella circolazione di terra e diritti a sé e la creazione e sviluppo di un mercato di terra.
39. 7 aprile 2011, il Presidente dell'Ucraina affermò nel suo indirizzo annuale a Parlamento sullo stato della nazione, che la moratoria stava ostacolando il trasferimento di terra a proprietari efficienti, così slowing in giù lo sviluppo del settore agricolo. Passi per introdurre un mercato di terra regolato doveva per essere preso urgentemente.
40. Sul 2011 Parlamento di 9 dicembre il bozza Terra Mercato Atto approvò alla prima lettura (veda paragrafo 21 sopra). La legge di bozza previde che solamente cittadini dell'Ucraina, municipi e lo Stato potrebbero acquisire terra agricola. Un solo cittadino non sarebbe permesso di possedere più di 100 ettari di terra suddivisi in zone per produzione agricola e commerciale o sarebbe affittato più di 6,000 ettari di simile terra in qualsiasi un distretto o più di 5% della terra in qualsiasi una regione. Le coperture farebbero domanda anche a quegli associati con l'individuo. Il conto previde che proprietari di terra di neighbouring avrebbero un diritto di primo rifiuto nell'evento dell'alienazione di terra agricola e che simile terra non poteva essere venduta meno per che il prezzo determinò con un esperto, una procedura per essere regolato con legge. Rezoning di precedentemente possedette pubblicamente terra agricola sarebbe proibito per dieci anni dopo l'acquisizione. Il conto contenne anche un numero di altri articoli mirato a salvaguardando l'uso efficiente di terra agricola.
41. 3 luglio 2012, il Presidente dell'Ucraina affermò nel suo indirizzo annuale a Parlamento sullo stato della nazione, che che anno, di fronte a revoca della moratoria un meccanismo per la protezione effettiva degli interessi di produttori agricoli e della sicurezza di cibo del paese ebbe bisogno di essere creato e loro effettivo funzionando garantito.
42. Nei suoi indirizzi annuali a Parlamento sullo stato della nazione nel 2016 e 2017, il Presidente dell'Ucraina fece i commenti seguenti riguardo alla moratoria di terra.
6 settembre 2016 lui disse:
“L'incapacità per vendere liberamente e comprare indiscutibilmente terra agricola interdice investimento in agricoltura, riduce e viola i diritti della popolazione rurale, fra le altre cose diritti di contratto d'affitto, prendendo lo scorso kopeks rimanente delle loro tasche. Questo è assiomatico. Io sono anche comunque, consapevole di opinione pubblica su questa questione e la posizione della maggioranza di gruppi parlamentari. Io valuto e rispetto quel. Ma come possiamo chiarire questo problema, i miei cari legislatori? Questo è all'interno del Suo dispositivo. Conficcarsi il Suo capo nella sabbia e cambio nulla o lavorare creare un mercato di terra in Ucraina con tutte le possibili salvaguardie contro qualsiasi il possibile impatto negativo.”
7 settembre 2017 lui disse:
“.. In Estonia loro hanno privatizzato tutto: porti, telecomunicazioni l'aviazione ed anche i binari. In Polonia fuori di 8,500 società di Stato lo Stato ha tenuto solamente 41. E, a proposito, la loro terra non è stata comprata su con stranieri, nonostante il fatto che i residenti di quelli paesi possono comprare facilmente e possono vendere terra agricola.
Sino ad ora, ucraini sono stati privati di quel il diritto. Millions di persone terra formalmente propria ma è stato deciso per loro che loro non sono capaci di occuparsi di sé ed una moratoria incostituzionale fu introdotto. Perché permettiamo poi persone vendere i loro appartamenti? Perché Lei sa, con questa logica, qualcuno potrebbe venire lungo e potrebbe comprarloro tutti su.
Come un uomo di stato, io devo avere nel prendere decisioni riguardo ad ad opinione pubblica. Per è stato formato sfortunatamente, ora, col populists. Io non metterò pressione su Parlamento per adottare la riforma agraria, io non lo farò. Ma io sto chiedendo a Lei di fare una decisione, per ora almeno un silenzioso, nelle Sue menti, in favore di tale riforma. Decreti simile leggi che allevierebbero le fobie che rimuoverebbero tutte le eccezioni introducono tutte le salvaguardie necessarie, introduca i minimi prezzi, faccia registri trasparente, protegga la popolazione rurale ma anche li dia la libertà. Io sto chiedendo a Lei di esporre, io L'invito ad esporre, una specifica data quando tutto di questo potrebbero essere avviati, anche se non oggi.”
43. 3 aprile 2017 il Gabinetto di Ministri approvò sul suo piano di azione di mezzo-termine per sino a 2020 ed il suo piano di azione prioritario per 2017. Il piano del 2020 descrive il mantenimento che continua della moratoria come uno dei problemi principali nel settore agricolo che spoglia un gran numero di cittadini ucraini dell'opportunità di esercitare il loro diritto costituzionale a proprietà ed ostruisce lo sviluppo del mercato agricolo. Il piano prevede che il problema creò con la moratoria potrebbe essere risolto per discussione su scala nazionale e l'introduzione di un mercato di terra basate su un modello accettabile alla popolazione. Il piano del 2017 affermò che la bozza che CALA sarebbe presentato a Parlamento nel secondo quartiere di 2017. Comunque, sembra che nessuno simile conto è stato introdotto.
44. Il Governo presentò informazioni di azioni di protesta condotte con coltivatori ad ottobre inizio 2016 in un numero di regioni, incluso blocchi di strada pubblica. I coltivatori mandarono a chiamare la restituzione di benefici di tassa per il settore agricolo. Una delle loro richieste dovette riaffermare anche la moratoria di terra.
III. DIRITTO COMPARATO
45. Sembra dal materiale disponibile alla Corte sulla legislazione di membro Stati del Consiglio dell'Europa che nessuno del due del trenta membro che Stati hanno osservato ha una proibizione generale sulla vendita o qualsiasi l'altra forma dell'alienazione di terra agricola. Gli stessi possono essere detti dei due non membro che Stati hanno osservato, Canada e gli Stati Uniti dell'America.
46. Benché ventidui del membro del trenta-due che Stati hanno osservato subiscano un programme della terra-riforma dal 1990 (Armenia, Azerbaijan, Bosnia e Herzegovina Croatia, la Repubblica ceca Estonia, Finlandia la Germania (dopo unificazione), Grecia, Ungheria Lettonia, Lituania la Repubblica di Moldavia, Montenegro, Polonia, Romania, la Federazione russa, Serbia, Repubblica slovacca, Slovenia e la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia), nessuni di quelli Stati hanno da allora che tempo impose tale proibizione generale, anche se alcuni imponevano restrizioni tempo-limitate sulla rivendita di terra acquisita come un risultato di privatizzazione, per esempio tre anni in Armenia e dieci anni in Russia (secondo per 2001 legislazione).
47. In molto del membro Stati osservarono comunque, trasferimenti di terra agricola sono soggetto ad un numero di restrizioni e le condizioni.
48. In sette del membro Stati osservarono così, (Austria, Francia, Germania, Ungheria, Lituania, Norvegia e la Svezia), il trapasso di proprietà di terra agricola deve essere autorizzato con un corpo statale e speciale. Generalmente parlando, la procedura di auorizzazione che preserva l'uso effettivo della terra per l'agricoltura normalmente è tirata, così che per esempio in Austria per l'auorizzazione essere emesso l'acquirente ha bisogno di offrire assicurazioni che lui o lei davvero coltiveranno la terra acquisita. In un altro esempio, una condizione tipica sulla quale è accordato auorizzazione può essere in Norvegia che l'acquirente deve muoversi sopra la terra e deve vivere su sé per cinque anni. In un membro ulteriore del tre gli Stati (Polonia, la Repubblica slovacca e la Slovenia) delle categorie di acquirenti, notevolmente quelli già impegnato nel coltivare o i loro membri di famiglia, è esentato dalla procedura di auorizzazione.
49. In sette del membro Stati osservarono (Austria, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, la Repubblica slovacca e la Slovenia), qualifiche o antecedente esperimenta nel settore agricolo da parte dell'acquirente è richiesto per il trapasso di proprietà di terra o conferire priorità sugli altri acquirenti. Degli Stati, come Estonia, Polonia e la Svezia autorizzano solamente individui generalmente, e non persone giuridiche, acquisire terra agricola di una certa taglia e l'acquisizione soggetta con persone giuridiche alle condizioni supplementari, come il bisogno di ottenere una licenza.
50. Più della metà del membro Stati osservarono-diciotto fuori di trenta-due, vale a dire Austria, Bosnia e Herzegovina, la Repubblica ceca, Finlandia, Francia, Georgia, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, i Paesi Bassi, Polonia, Romania, la Federazione russa, Serbia, la Repubblica slovacca, Slovenia e la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia-ha leggi di pre-acquisto, mentre garantendo soprattutto un diritto di primo rifiuto a coproprietari, membri di famiglia vicini, neighbouring o gli altri coltivatori, inquilini, imprese agricole i municipi ed in delle cause lo Stato.
51. In nove del membro Stati osservarono (Armenia, Azerbaijan, Bosnia e Herzegovina Croatia, Georgia la Repubblica di Moldavia, Montenegro, la Federazione russa e la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia), terra agricola non può essere venduta a persone estere generalmente. In oltre, la maggioranza dell'Unione sovietica precedente ed osservata e l'altro membro europeo Centrale ed Est Stati fanno una distinzione fra cittadini di Unione europei che generalmente possono acquisire terra agricola soggetto ad ottemperanza con le altre restrizioni e dopo la scadenza di certi periodi di transizione tempo-limitati, e cittadini di terzo-paese per che restrizioni sono più gravi (per esempio, il requisito per ottenere una licenza speciale in Estonia ed una proibizione su proprietà con cittadini di terzo-paese in Ungheria). Comunque, queste restrizioni sono soggetto ad eccezioni, notevolmente in cause di eredità e dove articoli più liberali sono offerti con accordi internazionali. Un regime speciale può essere così a posto con membro Stati dell'Area Economica europea e dell'Organizzazione per operazione di Co Economica e Sviluppo.
52. In otto del membro Stati osservarono (Estonia, Ungheria Lettonia, Lituania Polonia, la Federazione russa la Repubblica iugoslava e precedente di Macedonia e Turchia) ci sono restrizioni sulla taglia di terra agricola che può essere disposto di. Generalmente, questi Stati impongono coperture sul massimo corrisponda di terra che può essere posseduta con la stessa persona (variando da 300 ettari in Ungheria a 10% dell'area di terra agricola in un'unità territoriale in Russia) benché alcuni anche il limite la minima taglia di pacchetti di terra, cercando di ostacolare suddivisione eccessiva di terra sotto una certa taglia.
53. I certi Stati hanno le particolari procedure in posto per la vendita di terra agricola. Per istanza, la Bosnia e Herzegovina richiede terra più appropriato per l'agricoltura per essere venduto ad aste pubbliche. Stati, come Italia che ha leggi di pre-acquisto anche abbia in posto dettagliato procedure mirate ad assicurando l'esercizio effettivo di diritti di pre-acquisto.
54. Restrizioni speciali esistono anche nelle certe aree sensibili come aree di confine ed aree adiacente ad installazioni militari (per esempio, in Grecia e Serbia).
LA LEGGE
IO. RIUNIONE DI LE RICHIESTE
55. La Corte considera che, facendo seguito le richieste dovrebbero essere congiunte per Decidere 42 § 1 degli Articoli di Corte, determinato il loro terreno di proprietà comune sfondo che riguarda i fatti e legale.
II. VIOLAZIONE ALLEGATO DI ARTICOLO 1 DI PROTOCOLLO N. 1
56. I richiedenti si lamentarono che le restrizioni legislative applicabile alla loro terra aveva violato il loro diritto a godimento tranquillo delle loro proprietà, garantì con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che legge siccome segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Ammissibilità di A.
57. Il Governo presentò che il primo richiedente aveva omesso informare la Corte nel suo modulo di domanda che lei aveva affittato fuori la sua terra. Loro invitarono di conseguenza la Corte a respingere la sua richiesta per l'abuso del diritto della richiesta individuale. Il primo richiedente, ammettendo implicitamente che lei aveva omesso menzionare le disposizioni di leasing nel suo modulo di domanda, affermò che lei aveva creduto questo fatto per essere irrilevante alla sua richiesta poiché la sua azione di reclamo concernè le restrizioni su trasferimenti di terra altro che i contratti d'affitto. L'impatto negativo delle restrizioni su vendite e gli altri trasferimenti sul valore della terra, incluso il suo valore di noleggio era solamente uno aspetto della sua azione di reclamo.
58. La Corte reitera che l'osservazione di incompleto e così informazioni ingannevoli possono corrispondere ad un abuso del diritto della richiesta, specialmente se le informazioni riguardano il molto centro della causa e nessun chiarimento sufficiente è stato offerto per l'insuccesso per rivelare quel le informazioni. L'intenzione del richiedente di fuorviare la Corte deve essere stabilita sempre comunque, con certezza sufficiente (veda Lordo c. la Svizzera [GC], n. 67810/10, § 28, ECHR 2014 con ulteriore cita therein).
59. Rivolgendosi alle circostanze della causa presente, la Corte osserva che le osservazioni iniziali del primo richiedente non contennero informazioni del fatto che lei aveva affittato fuori la sua terra. Comunque, la Corte non può stabilire che omettendo fare simile osservazioni lei intese di fuorviare la Corte. Non può trovare, perciò, che lei ha abusato il diritto della richiesta.
60. La Corte nota che la richiesta non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Merits
1. Le parti le osservazioni di '
(un) I richiedenti ed il Governo
(i) Esistenza di un'interferenza e l'articolo applicabile
61. Le parti concordarono che c'era stata un'interferenza coi richiedenti diritti di ' garantiti con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 e che questa interferenza costituì “controlli” dell'uso di proprietà all'interno del significato del secondo paragrafo di quel la disposizione.
(l'ii) la Legalità
62. Le parti concordarono che la moratoria aveva base in diritto nazionale e che le disposizioni attinenti erano accessibili. Loro non furono d'accordo come a se loro erano “prevedibile.”
(?) I richiedenti
63. I richiedenti dibatterono che non si poteva considerare che l'interferenza coi loro diritti sia basata su disposizioni precise e prevedibili della legge. I primo e secondo richiedenti avevano ereditato rispettivamente le loro quote di terra in maggio 2000 e novembre 2004 e potrebbero aspettarsi ragionevolmente che la moratoria scadrebbe 1 gennaio 2005, siccome indicato al momento di entrata le Disposizioni Di transizione del Terra Codice. Tre anni, la durata originale della moratoria potrebbero essere considerati ragionevolmente tempo sufficiente per decretare la legislazione necessaria che regola il mercato di terra. Così, anche se la durata originale della moratoria era stata prevedibile, le sue proroghe susseguenti non erano state. Promulgazione della legislazione necessaria era stata citata come la ragione per ogni proroga ma non era stato decretato in tutto tutti quegli anni. Per istanza, il bozza Terra Mercato Atto era stato approvato alla prima lettura in 2011 ma nessuno ulteriori progressi era stato reso su quel conto. Similmente, la legge del 2015 che prolunga la moratoria aveva costretto il Gabinetto di Ministri a sviluppare una legge di bozza che regola la circolazione di terra agricola, la promulgazione di che era stato il requisito indispensabile al sollevamento della moratoria, in 1 marzo 2016. Comunque, nessuno simile conto era stato presentato.
64. Per i richiedenti, quelli fattori fecero la moratoria “virtualmente perpetuo” e la legge attinente imprevedibile. I richiedenti si appellarono in questo collegamento su sentenze nelle quali la Corte sgridò le autorità per non riuscire a regolare le certe relazioni per un periodo di tempo e risoluzione l'incertezza legale (Zagorodniy c. l'Ucraina, n. 27004/06, §§ 53-56 24 novembre 2011; Vyerentsov c. l'Ucraina, n. 20372/11, §§ 51-53 11 aprile 2013; R & L, s.r.o. ed Altri c. la Repubblica ceca, N. 37926/05 e 4 altri, §§ 117 23 3 luglio 2014; e Veniamin Tymoshenko ed Altri c. l'Ucraina, n. 48408/12, §§ 84 e 85, 2 ottobre 2014). Loro contestarono l'osservazione del Governo che ogni proroga aveva dato un termine massimo nuovo e chiaro, come solamente le proroghe di 2004 e 2006 aveva dato la specifica scadenza data (veda paragrafo 21 sopra) e gli altri avevano collegato il sollevamento della moratoria alla promulgazione di certe leggi. Per i richiedenti, questo volle dire, che la moratoria era di una durata virtualmente illimitata; la legge non contenne indicatori sufficientemente chiari come a quando precisamente sarebbe stato tolto, se affatto. Il margine ampio della valutazione riconosciuto alle autorità nazionali in questioni economiche e sociali non volle dire il diritto per mettere individui in una situazione di simile incertezza prolungata.
65. Se lo Stato avesse desiderato proibire trasferimenti di terra agricola in proprietà privata, avrebbe potuto fare così dall'inizio. Invece, lo Stato aveva trasferito terra a membri di fattorie di collettivo precedenti ed aveva espresso un'intenzione chiara di autorizzare che i proprietari della terra sbarazzarsi di sé. Una volta aveva fatto così, avrebbe dovuto offrire una struttura legislativa per l'esercizio di quel il diritto. Insuccesso per fare così per molti anni, senza un'indicazione chiara come a quando sarebbe fatto, aveva creato un contrario di situazione ai requisiti di “la legalità” inerente in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
66. Che che è più, le ragioni per prolungare la moratoria avevano evoluto col tempo-anche se inizialmente le proroghe erano state motivate soltanto col bisogno di decretare la legislazione necessaria e condotta lavoro preparatorio e tecnico, ragioni supplementari, più vaghe erano state aggiunte col tempo. Questo rese anche i richiedenti la situazione di ' meno prevedibile.
(?) Il Governo
67. Il Governo presentò che i richiedenti la dichiarazione di ' che la moratoria era a posto per un periodo indefinito non era vero. Ogni proroga della moratoria aveva contenuto un chiaro terminale, ed ogni proroga nuova era stata adottata di fronte alla data di fine precedente ed a nessun punto poteva i richiedenti accolgono qualsiasi l'aspettativa che loro sarebbero in grado ad imbroglio di fronte alla data di fine. Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non si poteva interpretare siccome proteggendo i richiedenti contro i cambi nel regime legale delle loro proprietà. Il Governo citato Van Marle ed Altri c. i Paesi Bassi (26 giugno 1986, § 43 la Serie Un n. 101) in appoggio del loro argomento. Le proroghe erano state passate seguenti una discussione ampia sulla questione ed i richiedenti non poteva chiedere di non sapere della possibilità di quelle proroghe.
(l'iii) interesse di Generale
(?) I richiedenti
68. I richiedenti presentarono che anche se ragioni nominalmente supplementari altro che il bisogno di decretare la legislazione di mercato di terra necessaria era stato dato nell'esplicativo nota alle leggi che prolungano la moratoria (veda il Tavolo in paragrafo 21 sopra), questi erano stati meri “copra” per l'incapacità dello Stato per decretare la legislazione attinente che, se in modo appropriato è redatto e è decretato, poteva infatti ha rivolto tutti i possibili rischi allegato e preoccupazioni affermate nell'esplicativo nota. I richiedenti concentrarono, in questo collegamento, sulle preoccupazioni espresse con la legislatura nell'esplicativo noti per la proroga del 2015, vale a dire che la moratoria fu avuta bisogno di assicurare cittadino e la sicurezza di cibo e l'argomento del Governo che la liberazione di terra agricola nella circolazione lo rischierebbe essendo acquistato en masse per prezzi macilenti e la sua concentrazione nelle mani di alcuno tycoons o i poteri ostili, il suo ritiro dalla coltura e l'impoverimento di coltivatori (veda paragrafo 76 sotto).
69. Come al rischio di impoverire coltivatori ed un selloff massiccio di terra a prezzi contenuti, i richiedenti affermarono, che togliendo la moratoria non vorrebbe dire che possidenti sarebbero obbligati per vendere, piuttosto sarebbe la loro decisione gratis se fare così. I richiedenti si riferirono alle osservazioni degli intervener della terzo-parte e l'altro materiale che mostrano che, nell'opinione di alcuni esperti, l'esperienza internazionale mostrò, che l'apertura su di mercati di terra normalmente condotti ad un aumento in prezzi di terra (veda paragrafo 96 sotto). Loro si riferirono in particolare all'esperienza allegato di Romania che aveva esperimentato un tasso alto della crescita in prezzi di terra. Loro si riferirono anche all'opinione di un capo precedente dell'AGENZIA del Catasto della Terra Statale che aveva detto, a quanto riferito che il sollevamento della moratoria avrebbe condotto ad un 25% aumento in prezzi di terra ed un aumento in produttività di terra. Loro presentarono che, secondo “opinione competente”, un mercato di terra completamente aperto genererebbe da 50 a 100 miliardo dollari Stati Uniti in “la crescita di GDP, investimento estero e nazionale” così come ufficio imposte di soprattassa.
70. Come al rischio della concentrazione eccessiva di partecipazione azionaria di terra, i richiedenti si riferirono alla valutazione dell'intervener della terzo-parte che nessuna entità finanziaria ed internazionale possedette le risorse finanziarie necessario comprare su terra in quantità che costituirebbero una minaccia. La frammentazione di terra alta fece anche questo rischio irreale (veda paragrafo 96 sotto). Il rischio della concentrazione eccessiva potrebbe essere attenuato facilmente con introducendo coperture sul massimo corrisponda di terra posseduta, come il bozza Terra Mercato Atto aveva previsto (veda paragrafo 40 sopra). Era la proibizione introdotta con la moratoria che aveva spinto le operazioni di terra nell'ombra e de facto creò un mercato di terra di ombra opaco. Aveva condotto ai molti problemi ai quali il Governo si è riferito, in particolare una concentrazione alta di terra nelle mani di grandi società agricole. Questo era perché la moratoria presentò i possidenti con solamente due scelte: o coltivare la terra loro (quale loro non potevano fare quota alla loro età spesso, salute, la distanza della terra o frammentazione di terra che fa economicamente la coltura non vitale) o accetta contratti d'affitto sotto le condizioni proposte coi produttori agricoli. Questo dominio di mercato delle società di agri-industria aveva condotto ad affitti bassi (loro citarono la statistica dell'AGENZIA del Catasto della Terra Statale esposta fuori in paragrafo 35 sopra) e “la devastazione di terra.”
71. Per i richiedenti, era stata precisamente la proroga della moratoria che aveva creato ed aveva aggravato i problemi citata col Governo come le ragioni per prolungarlo. Aveva ostacolato il flusso di risorse nel settore agricolo, in particolare a piccolo e coltivatori di mezzo, perché aveva reso impraticabile il loro accesso per depositare denaro prestiti che potrebbero essere garantiti sulla loro terra, ed aveva ostacolato così lo sviluppo del settore di agricoltura in generale. Questo era stato ammesso anche col Presidente dell'Ucraina (veda paragrafo 42 sopra).
72. Come alle proteste supposte contro il sollevamento della moratoria, i richiedenti addussero, che gli oppositori principali del sollevamento della moratoria avevano citato l'assenza di una struttura legislativa ed appropriata come la ragione principale per il loro appoggio per la sua continuazione. Appoggio per la moratoria era venuto principalmente da non-coltivatori ed i grandi benefitting delle società agricoli dall'assenza di un mercato di terra trasparente e facendo pressioni su tenerlo in posto per come lungo come possibile.
73. I richiedenti presentarono che la moratoria stava danneggiando l'economia, i possidenti ed il settore agrario, invece di proteggerli da “rischi immaginari.” Le sue proroghe non erano state dettate con qualsiasi la necessità ma con puramente populist le considerazioni politiche. Perciò, la sentenza della legislatura come a che in che era il “interesse generale” era manifestamente senza fondamento ragionevole.
(?) Il Governo
74. Il Governo sottolineò che la legislatura godè un margine ampio della valutazione nelle questioni di politica economica. La Corte doveva rispettare la loro sentenza a meno che era manifestamente senza fondamento ragionevole.
75. Loro presentarono che accounted della terra agricolo per 70% del territorio dell'Ucraina, il paese che ha uno degli indicatori più alti del mondo di terra agricola per capita. Questo costituì grande potenziale per il paese ma attuazione richiesta di un modello effettivo di uso di terra razionale. Il Governo aguzzò alle disposizioni costituzionali che dichiarano terra il bene nazionale e principale e regolamentazione appropriata che richiede di proprietà di terra ed uso (veda paragrafo 23 sopra). La moratoria fu avuta bisogno di creare una struttura appropriata per la protezione dei diritti di cittadini e dello Stato. Il periodo steso di operazione della moratoria era dovuto al bisogno di creare le condizioni legali, istituzionali, finanziarie ed economiche ed appropriate per l'introduzione della circolazione libera della terra.
76. Riferendosi all'esplicativo nota alla legge che prolungò la moratoria nel 2015 (veda fila 11 del Tavolo a paragrafo 21 sopra), il Governo presentò che la meta della moratoria era proteggere cibo e la sicurezza di cittadino. Terra che rilascia nella circolazione rischiò creare le condizioni per la concentrazione di terra nelle mani di alcuno tycoons o “il potere estero ed ostile” in cambio per una frazione del suo vero valore, il suo ritiro dalla coltura, e l'impoverimento di coltivatori. Il Governo considerò che la realtà di quelli pericoli fu illustrata con l'esperienza di un breve periodo nei primi 2000s quando la circolazione libera di quote di terra era stata concessa e quote erano state acquistate en masse per prezzi macilenti. Il Governo assegnò, in questo riguardo, alle statistiche riassunte nella Decisione di Parlamento di 22 maggio 2003 (veda paragrafo 15 sopra).
77. L'adozione e proroghe della moratoria avevano creato dibattito considerevole in e fuori di Parlamento nel corso del quale sostenitori ed oppositori della moratoria, erano stati liberi per esprimere le loro opinioni.
78. Mentre società ucraina fu divisa bruscamente sulla questione della moratoria, una parte molto sostanziale di società, partiti politici, autorità locali ed academics era in favore di mantenerlo. Il Governo aguzzò alle proteste che avevano avuto luogo nel 2016 richiedendo che la moratoria sia sostenuta (veda paragrafo 44 sopra).
(l'iv) la Proporzionalità
(?) I richiedenti
79. Il margine della valutazione disponibile alle autorità nazionali una misura estremo come una proibizione assoluta e quindici-anno-lunga non poteva coprire sull'alienazione di terra. Nessun altro Stato aveva tale proibizione assoluta in posto, mentre imponendo solamente le certe condizioni in saldi o rivendita.
80. Alla misura il Governo dibattè che i richiedenti avevano acquisito la terra del loro spontanea volontà ad un tempo quando già era stato soggetto a restrizioni, i richiedenti sottolinearono che loro avevano ereditato la terra con diritto e che, c'erano stati gli specifici termine massimo a posto per la scadenza delle restrizioni su operazioni di terra al tempo. In questo collegamento, loro si riferirono alle loro osservazioni riguardo alla legalità dell'interferenza (veda divide in paragrafi 63 a 66 sopra) e sottolineò che, quando loro avevano acquisito la terra, loro legittimamente potrebbero aspettarsi che la moratoria scadrebbe e che loro sarebbero in grado sbarazzarsi della loro terra. Come al fatto che i richiedenti avevano ricevuto la loro terra esente da spese, loro dibatterono che la protezione previde con la Convenzione non poteva essere reso dipendente su se proprietà era stata acquisita per libero o altrimenti (citando Ghigo c. il Malta, n. 31122/05, 26 settembre 2006).
81. Come all'affidamento del Governo sul fatto che i richiedenti i diritti di ' per usare ed affittare fuori la terra erano stati non soggetti ad influssi con la moratoria, loro sottolinearono che il diritto per sbarazzarsi di proprietà era un elemento essenziale di proprietà ed era per un proprietario per decidere se disporre di o trattenere suo o la sua proprietà. Inoltre, le loro aree erano piccole e furono localizzate 300 e 50 chilometri dalle loro rispettive residenze. Loro erano anche persone anziane in salute povera. Questo aveva impedito loro dal coltivare la terra da solo.
82. Affittando la terra fuori a “knockdown fissa il prezzo di” non era o una proposta vitale: incapace trovare offerte per affitto valutario ad un livello accettabile, il primo richiedente aveva dovuto accettare affitto in natura ed il secondo richiedente stava ricevendo pagamenti di affitto molto bassi (veda divide in paragrafi 6 e 7 sopra). Inoltre, diritto nazionale impose un numero dei doveri sui richiedenti come possidenti, incluso il bisogno per attenersi con articoli ambientali e pagare tassa di proprietà (veda paragrafo 30 sopra) quale loro non sarebbero capaci di attenersi con senza affittare la loro terra fuori ad un produttore agricolo. Se non per la moratoria, la scelta vitale e sola per i richiedenti fosse vendere la loro terra.
83. I richiedenti disegnarono paralleli fra la loro situazione e quelli dei richiedenti nella causa di Sporrong e Lönnroth c. la Svezia (23 settembre 1982, Serie Un n. 52), in che l'insuccesso di persistente della legislatura ucraina per decretare legislazione che concederebbe la moratoria per essere tolta e sbarcare essere venduto era analogo alle autorità svedesi ' ripetè proroghe di una proibizione su costruzione nella quale aveva creato una situazione prolungata dell'incertezza per i richiedenti quel la causa.
84. Questa incertezza e l'insuccesso prolungato della legislatura per adottare gli articoli necessari e togliere la moratoria sconvolsero l'equilibrio fra la protezione dei richiedenti i diritti di ' e l'interesse generale, ed impose un carico individuale ed eccessivo su loro.
(?) Il Governo
85. Il Governo sottolineò che il membro Stati avevano la discrezione ampia per stabilire articoli che governano la circolazione di terra agricola. Benché loro avessero un'origine comune nel “comprensione comune” controllare la circolazione di terra agricola ed assicurare la sicurezza di cibo, gli specifici articoli variarono attraverso gli Stati del bisogno. Loro citarono esempi di varie regolamentazioni in effetto, secondo loro in molti paesi europei secondo che: (i) un acquirente doveva mostrare che lui era capace di coltivare la terra comprata (la Danimarca), (l'ii) un'autorità ispezionò annualmente l'uso al quale l'acquirente aveva messo la terra agricola ed acquisita (l'Austria), e (l'iii) vendite di terra agricola erano soggetto all'approvazione di un'autorità pubblica (la Svezia). La misura scelta con Parlamento era all'interno del suo potere per regolare l'economia come sé vide l'adattamento ed aveva appoggio pubblico e largo.
86. I richiedenti non avevano dovuto sopportare un carico individuale ed eccessivo. I loro predecessori in titolo avevano ottenuto le loro quote di terra del loro spontanea volontà, ed i richiedenti avevano scelto liberamente di accettarli come la loro eredità. Quando i richiedenti avevano ottenuto la terra, loro avevano conosciuto le restrizioni soggetto alle quali era, uno quegli imposero all'interno della struttura della moratoria nel Terra Codice del 2001 o quegli esposero fuori nel Terra Codice del 1990 (veda paragrafo 10 sopra). Ci non era stato mai qualsiasi impegnandosi da parte dello Stato che quelle restrizioni non sarebbero prolungate oltre i termine massimo originali che erano stati in effetto quando i richiedenti avevano acquisito la terra.
87. I richiedenti avevano ricevuto la loro terra esente da spese. Altro che l'alienazione e cambio di uso designato che loro non sono stati limitati nei loro diritti: loro potrebbero coltivare la terra loro o potrebbero affittarlo fuori ad inquilini su termini liberamente negoziati.
88. In risposta ai richiedenti argomento di ' che prendere parte in coltura non era stata una possibilità pratica per loro a causa della piccola taglia delle loro partecipazione azionaria, il Governo presentò che fattorie di due a cinque ettari, comparabile in taglia a quelli dei richiedenti, costituì una proporzione piuttosto grande di tutte le partecipazione azionaria agricole in Europa. In questo collegamento, loro citarono l'Esame della Struttura della Fattoria del 2013 pubblicato con Eurostat secondo che 4.9 milione di partecipazione azionaria agricole, vicino alla metà di tutte le partecipazione azionaria nel Membro di EU del 28 gli Stati, era meno che due ettari in taglia. In qualsiasi l'evento, determinato che i richiedenti non videro l'agricoltura come pratico, era poco chiaro perché loro avevano dato volontariamente ottenere la loro terra, suddiviso in zone per coltivare, nel primo posto.
89. Ci potrebbero essere certamente, ostacoli obiettivi a coltivando ma i richiedenti avevano diritto anche ad affittare fuori la loro terra e questo diritto non era soggetto a qualsiasi le restrizioni. Infatti lo Stato non stava spogliando i richiedenti di reddito dalla loro proprietà. Sul contrario, lo Stato aveva preso passi per incoraggiare un aumento nel reddito di noleggio: mentre non c'erano coperture su tassi di affitto, un decreto presidenziale aveva cercato di assicurare l'osservanza di un minimo tasso di affitto, ad un livello di 3% del valore della terra (veda paragrafo 33 sopra). Infatti, la maggioranza di contratti d'affitto su scala nazionale purché per anche livelli più alti di affitto che questo minimo (veda paragrafo 35 sopra). Affittare fuori terra era un popolare vuole dire di ottenere benefici di proprietà per possidenti ucraini, siccome attestato col grande numero di contratti d'affitto di terra in effetto e l'area di terra coperte con loro (veda paragrafo 35 sopra). Ambo i richiedenti avevano preso anche questa opportunità ed avevano affittato fuori la loro terra.
90. Come al diritto per vendere, Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione garantita nessuno diritto acquisire proprietà od ottenere profitto (citando, in particolare, R & L, s.r.o. ed Altri c. la Repubblica ceca, citato sopra, § 103) e lo Stato aveva a nessun tempo garantito ai richiedenti che loro sarebbero stati in grado dedurre profitto dalla vendita della loro terra. Nel contesto di “controlli” dell'uso di proprietà che era la causa qui il requisito per compensare per interferenze con diritti di proprietà aveva solamente una richiesta limitata. Qui, i richiedenti erano consapevoli del principio che nessun risarcimento in principio sarebbe stato pagabile (citando Depalle c. la Francia [GC], n. 34044/02, § 91 ECHR 2010) e non aveva investito qualsiasi cosa nella proprietà (citando Pindstrup Mosebrug A/S c. la Danimarca (il dec.), n. 34943/06, 3 giugno 2008). Inoltre, anche se del risarcimento fu avuto bisogno, le politiche Statali mirate a proteggendo i diritti di padroni di casa ed appoggiando di tassi di affitto corrisposero a simile risarcimento.
91. Il Governo sottolineò anche che la moratoria fece domanda ad ogni terra agricola senza distinzione. Il Governo citò in questo collegamento la decisione della Corte in Lohuis ed Altri c. i Paesi Bassi, dove la Corte lo trovò attinente che la legislazione in problema in che causa fu intesa di ridurre l'impatto ambientale su un “settore di agricoltura intero” (n. 37265/10, 30 aprile 2013). Loro si riferirono anche alla decisione della Corte in Pindstrup Mosebrug (citò sopra) trattando con un atto regolatore e generale che costringe la conservazione di pantani ed una limitazione generale sul diritto ad estrarre torba.
92. Per il Governo, la moratoria non impose di conseguenza, un carico individuale ed eccessivo sui richiedenti, ed un equilibrio equo era stato previsto fra gli interessi della comunità e quelli dei richiedenti.
(b) intervener di Terzo-parte
93. EasyBusiness presentò le certe informazioni riguardo alla storia della riforma agraria in Ucraina e la struttura del suo settore agricolo. In particolare, da 1996 a 2009 due terzo della terra agricola di Ucraina fu trasferito in proprietà privata e 94% della popolazione rurale secondo loro, convertì le loro quote di terra in aree di terra. Di conseguenza, la terra fu frammentata giuridicamente nei piccoli pacchetti. Produzione agricola non era stata frammentata così comunque, da allora in pratica i produttori agricoli affittarono le grandi aree da proprietari numerosi, con la cima del dieci società agricole che affittano da 150 a 654 mila ettari. Loro stavano usando le economie risultanti di scala per accumulare risorse finanziarie e supplementari che a turno skewed l'equilibrio nel mercato di noleggio nel loro favore.
94. Gli intervener dibatterono che la moratoria violò le disposizioni costituzionali che garantiscono diritti di proprietà (veda divide in paragrafi 24 e 25 sopra). Impedì alla creazione di un mercato di terra trasparente e proprietari del guadagnare reddito adeguato dalla loro terra.
95. La situazione esistente non volle dire che non c'era mercato in terra, ma piuttosto che era opaco, mentre conducendo giocatori economici ad usare schemi indiretti per assicurare controlla su terra. Aveva condotto anche su alla concentrazione di controllo terra nelle mani di società finanziarie agricole che, come gli inquilini più comuni, aveva sul potere sproporzionato i piccoli proprietari terrieri (l'essere di taglia di area medio quattro ettari) chi aveva nessuna alternativa ma accettare affitti bassi. Il mercato di terra fu monopolizzato equamente coi 100 più grandi giocatori che affittano 6.5 milioni di ettari. Questo aveva condotto ad affitti anormalmente bassi. Gli interveners indicarono che approssimativamente due terzi dei sette milioni di individui che avevano ottenuto terra nel corso di privatizzazione erano cittadini senior, l'età media di un possidente che è cinquanta-sette e 79% di loro che hanno su cinquanta anni.
96. Gli interveners considerarono i rischi avanzarono giustificare la continuazione della situazione presente esagerata. Così, come al rischio che la terra sarebbe venduta a prezzi macilenti, l'esperienza internazionale mostrò, al contrario che in più paesi la creazione di un mercato di terra gratis aveva condotto ad un aumento nel valore di terra. Come al rischio di terra che è comprata fuori con stranieri, nessuna entità finanziaria ed internazionale possedette le risorse finanziarie necessario comprare sulla terra in quantità che costituirebbero una minaccia e la frammentazione di terra alta fece anche questo rischio meno realistico. Come al possibile sollevamento della moratoria che aumenta la pressione su piccoli coltivatori, gli interveners considerarono, al contrario, che il sollevamento della moratoria sarebbe che dà beneficio a loro con aumentando il loro accesso a finanziando.
2. La valutazione della Corte
(un) principi di Generale
(i) La struttura di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
97. La Corte reitera che, secondo la sua causa-legge, Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che garantisce in sostanza il diritto di proprietà comprende tre articoli distinti: il primo che è espresso nella prima frase del primo paragrafo e è di una natura generale, posa in giù il principio di godimento tranquillo di proprietà. Il secondo articolo, nella seconda frase dello stesso paragrafo copre privazione di proprietà e materie sé alle certe condizioni. Il terzo, contenuto nel secondo paragrafo riconosce che gli Stati Contraenti sono concessi, fra le altre cose, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale (veda Depalle, citato sopra, § 77).
(l'ii) la Legalità
98. Il primo e la maggior parte di importante requisito di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale: la seconda frase del primo paragrafo autorizza solamente una privazione di proprietà “soggetto alle condizioni previste per con legge” ed il secondo paragrafo riconosce che Stati hanno diritto a controllare l'uso di proprietà con eseguendo “le leggi.” Inoltre, l'articolo di legge, uno dei principi fondamentali di una società democratica è inerente in tutti gli Articoli della Convenzione. Il principio della legalità presuppone anche che le disposizioni applicabili di diritto nazionale sono sufficientemente accessibili, precise e prevedibili nella loro richiesta (veda Broniowski c. la Polonia [GC], n. 31443/96, § 147 ECHR 2004 V).
(l'iii) interesse di Generale
99. Qualsiasi interferenza col godimento di un diritto di Convenzione deve perseguire un scopo legittimo. In cause che comportano un dovere positivo, deve essere similmente, una giustificazione legittima per l'inazione dello Stato. Il principio di un “equilibrio equo” inerente in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 presuppone l'esistenza di un interesse generale della comunità. Inoltre, si dovrebbe reiterare che i vari articoli incorporarono in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non è distinto, nel senso di essere distaccato, e che il secondo e terzi articoli concernono solamente con le particolari istanze di interferenza col diritto al godimento tranquillo di proprietà. Uno degli effetti di questo è che l'esistenza di un interesse pubblico richiese sotto la seconda frase, o l'interesse generale assegnò a nel secondo paragrafo, è corollari del principio insorti avanti la prima frase, così che un'interferenza con l'esercizio del diritto al godimento tranquillo di proprietà all'interno del significato della prima frase di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 deve intraprendere anche un scopo nell'interesse pubblico (veda Ališi ?ed Altri c. Bosnia e Herzegovina, Croatia, Serbia, Slovenia e la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia [GC], n. 60642/08, § 105 ECHR 2014).
100. A causa della loro conoscenza diretta della loro società e le sue necessità, le autorità nazionali sono meglio in principio messo che il giudice internazionale per apprezzare che che è “nell'interesse pubblico.” Sotto il sistema di protezione stabilito con la Convenzione, è così per le autorità nazionali per fare la valutazione iniziale come all'esistenza di un problema di preoccupazione pubblica che garantisce misure per essere fatto domanda nella sfera dell'esercizio del diritto di proprietà. Fin dal margine della valutazione disponibile alla legislatura nell'implementare politiche sociali ed economiche è ampio, la Corte rispetterà la sentenza della legislatura come a che che è nell'interesse pubblico, a meno che che sentenza è manifestamente senza fondamento ragionevole (l'ibid., § 106).
(l'iv) la Proporzionalità
101. Non solo debba un'interferenza col diritto di proprietà persegua, sui fatti così come in principio, un “scopo legittimo” nel “interesse generale”, ma ci deve essere anche una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo chiese di essere compreso con qualsiasi misure fecero domanda con lo Stato, incluso misure controllare l'uso della proprietà dell'individuo disegnò. Che requisito è espresso con la nozione di un “equilibrio equo” quel deve essere previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. La preoccupazione per realizzare questo equilibrio è riflessa nella struttura di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 nell'insieme. In ogni causa che comporta una violazione allegato di che Articolo la Corte deve accertare perciò se con ragione dell'interferenza dello Stato la persona riguardata dovuto per sopportare un carico sproporzionato ed eccessivo (veda Hutten-Czapska c. la Polonia [GC], n. 35014/97, § 167 ECHR 2006 VIII).
102. Nel valutare ottemperanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, la Corte deve fare un esame complessivo dei vari interessi in problema, mentre tenendo presente “pratico ed effettivo.” Deve guardare dietro a comparizioni e deve investigare le realtà della situazione si lamentarono di. Che valutazione non solo può coinvolgere il risarcimento attinente chiama-se la situazione è simile alla presa di proprietà-ma anche la condotta delle parti, incluso i mezzi assunti con lo Stato e la loro attuazione. In che contesto, dovrebbe essere sottolineato che l'incertezza-sia sé legislativo, amministrativo o sorgendo da pratiche fece domanda con le autorità-è un fattore per essere preso in considerazione nel valutare la condotta dello Stato (veda Broniowski, citato sopra, § 151).
103. Nel contesto di regolamentazioni di alloggio, la Corte ha sostenuto anche, che la sua valutazione di ottemperanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non solo può comportare le condizioni dell'affitto ricevute con padroni di casa individuali e la misura dell'interferenza dello Stato con libertà di contratto e relazioni contrattuali nel mercato di contratto d'affitto, ma anche l'esistenza di salvaguardie procedurali ed altre che assicurano che l'operazione del sistema ed il suo impatto sui diritti di proprietà di un padrone di casa è né arbitraria né imprevedibile (veda Amato Gauci c. il Malta, n. 47045/06, § 58 15 settembre 2009).
(b) la Richiesta dei principi sopra alla causa presente
(i) Se ci sono un'interferenza e l'articolo applicabile
104. La Corte non vede nessuna ragione di non essere d'accordo con le parti e costatazione che la situazione legislativa e contestata costituisce un'interferenza coi richiedenti proprietà di ' che attirano la richiesta di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione e che è l'articolo su controllo dell'uso di proprietà che fa domanda (veda, mutatis mutandis, Marckx c. il Belgio, 13 giugno 1979, § 64 la Serie Un n. 31; Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], n. 22774/93, § 46 ECHR 1999 V; Hutten-Czapska, citato sopra, §§ 160 e 161; Lindheim ed Altri c. la Norvegia, N. 13221/08 e 2139/10, §§ 76-78 12 giugno 2012; e Herrmann c. la Germania [GC], n. 9300/07, § 73, 26 giugno 2012 con ulteriore cita therein). Nota, inoltre, che anche se la situazione sarebbe analizzata in termini dell'obbligo positivo dello Stato rispondente, i principi applicabili sarebbero simili (veda Broniowski, citato sopra, § 146).
(l'ii) la Legalità
105. La Corte nota che la moratoria e le sue proroghe chiaramente hanno base in diritto nazionale che non è stato dichiarato mai incostituzionale (il contrasto Hutten-Czapska, citato sopra, § 172, dove una dichiarazione susseguente di unconstitutionality non rese ciononostante le misure attinenti “illegale” per i fini di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, e R & L, s.r.o. ed Altri c. la Repubblica ceca, citato sopra, §§ 117-126, dove una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 fu trovato in una situazione dove la Corte Costituzionale ceca aveva dichiarato lo schema di affitto-controllo incostituzionale ma la legislatura andò a vuoto poi a passare legislazione nuova che regola la questione all'interno del tempo assegnata con la Corte Costituzionale).
106. La Corte nota i richiedenti argomento di ' che l'incertezza ha creato con le proroghe ripetute della moratoria e l'insuccesso ripetuto di Parlamento ed il governo per rispettare termine massimo stesso-imposti per la creazione di un mercato di vendite in terra agricola rese la legislazione attinente imprevedibile. Comunque, considera che questo argomento è piuttosto attinente per determinare se le autorità previdero un equilibrio equo fra gli interessi coinvolti (veda Hutten-Czapska, § 172, e Broniowski, § 151 sia citò sopra).
107. Perciò, considera che restrizioni imposero sull'esercizio dei richiedenti diritti di ' si attenuti col requisito di “la legalità” inerente in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
(l'iii) interesse di Generale
108. La Corte ha considerato gli scopi delle restrizioni legislative e contestate invocati col Governo, più notevolmente l'evitare della concentrazione eccessiva di terra nelle mani di individui ricchi o i poteri ostili il suo ritiro dalla coltura, il desiderio di evitare landlessness ed impoverimento della popolazione rurale, ogni servizio le necessità di cittadino e la sicurezza di cibo (veda paragrafo 76 sopra). Considera che le autorità nazionali la sentenza di ' che il mantenimento della moratoria su vendite di terra notificò quelle mete non si può dire che sia, “manifestamente senza fondamento ragionevole.”
109. Questa conclusione non è disturbata col disadattamento evidente fra le mete pronunziate della moratoria, vale a dire il bisogno di preparare l'infrastruttura di mercato e la mancanza evidente di progresso tangibile in quel la direzione. È vero che questo disadattamento potesse sollevare dubbi come a se le proroghe della moratoria oltre un certo punto erano state un ragionevole vuole dire di realizzare gli scopi proclamati. Comunque, la Corte considera che che la questione, come la questione dell'incertezza creata con la proroga ripetuta dei termine massimo per togliere la moratoria (veda paragrafo 106 sopra), dovrebbe essere esaminato nel contesto della proporzionalità delle misure contestate (veda, mutatis mutandis, Bittó ed Altri c. la Slovacchia, n. 30255/09, § 109, 28 gennaio 2014 dove la Corte considerò il disadattamento fra la politica governativa progetta in che previde l'introduzione di affitti di mercato-livello e la mancanza effettiva di progresso che direzione come un fattore nel valutare la proporzionalità delle misure di controllo di affitto che colpirono i richiedenti).
(l'iv) la Proporzionalità
110. La Corte nota che non è il suo ruolo per decidere in principio se un Stato che ha deciso di prima trasferire terra Statale in mani private deve o non dovrebbe permettere poi i proprietari nuovi di venderlo e sotto che condizioni. Sotto la causa-legge ben stabilita della Corte, il suo compito è non fare una rassegna diritto nazionale in abstracto, ma determinare se la maniera nella quale fu fatto domanda, o affettato, i richiedenti generarono una violazione della Convenzione (veda Garib c. i Paesi Bassi [GC], n. 43494/09, § 136 6 novembre 2017).
111. In questo contesto la Corte deve sottolineare il suo ruolo fondamentalmente sussidiario. Le Parti Contraenti, in conformità col principio di sussidiarietà hanno la responsabilità primaria per garantire i diritti e le libertà definite nella Convenzione ed i Protocolli inoltre, e nel fare così loro godono un margine della valutazione, soggetto alla giurisdizione direttiva della Corte. Le autorità nazionali hanno legittimazione democratica e diretta e è, siccome la Corte ha sostenuto su molte occasioni, in principio meglio messo che una corte internazionale per valutare necessità locali e le condizioni. Nelle questioni di politica generale sulle quali opinioni all'interno di una società democratica possono differire ragionevolmente estesamente, il ruolo del politica-creatore nazionale dovrebbe essere dato peso speciale (l'ibid., § 137).
112. È perciò importante per l'analisi della situazione della Corte che colpisce i richiedenti che lo Stato rispondente ha costantemente, in tutto il periodo durante il quale la moratoria è rimasta in posto dichiarò la creazione di un mercato di vendite in terra agricola ed interruzione eventuale della moratoria come la sua meta (veda divide in paragrafi 36 a 43 sopra). In prospettiva del principio di sussidiarietà, la Corte può valutare solamente la situazione nella luce di questa meta definita con lo Stato rispondente stesso e non può sostituire la sua propria sentenza come a se sarebbe desiderabile per avere un vendite di terra introdurre sul mercato per che raggiunse costantemente e proclamò con le autorità nazionali loro.
113. Valutando le restrizioni legislative che colpiscono i richiedenti diritti di proprietà di ' nella luce di quelle considerazioni, la Corte trova i fattori seguenti attinenti.
(?) L'incertezza legislativa
114. Anche se in tutto il periodo attinente la meta eventuale proclamata della legislatura è rimasta l'introduzione eventuale di un vendite di terra introduca sul mercato ed il sollevamento della moratoria, i motivi per la sua introduzione e mantenimento, la sua sfera ed il punto finale hanno evoluto notevolmente col tempo.
115. Una grande parte della motivazione dietro alla moratoria iniziale sembra essere stata la mancanza di un sistema trasparente di registrazione di titolo per quote di terra ed il bisogno per completare la loro conversione in pacchetti di terra definito con un titolo formale (veda divide in paragrafi 15, 36 e 37 sopra), un'elaborazione che già fu avanzata nel 2003 e sembra essere stata estesamente completato entro 2009 (veda divide in paragrafi 15 e 93 sopra). Mentre questa ragione iniziale scomparve grandemente, la proibizione introdusse inizialmente primariamente per quote di terra (veda divide in paragrafi 16 e 19 sopra), fu prolungato ad aree con titolo registrato e chiaro, come quelli posseduti coi richiedenti.
116. In contraddizione evidente con la meta di creare infine un vendite di terra introduca sul mercato, pressocché tutti cambi nella moratoria che segue la sua adozione iniziale erano infatti mirò a stringendo piuttosto che gradualmente allentando restrizioni, anche se è comprensibile che alcuni di quelli cambi sono potuti essere avuti bisogno di ostacolare operazioni mirate a circonvenendo la moratoria (veda, per esempio, alteri 2 del Tavolo a paragrafo 21 sopra). Le autorità nazionali anche apparentemente esitarono nel determinare la sfera desiderabile della moratoria, siccome è mostrato per esempio col loro prima concedendo, mentre proibendo poi e concedendo di nuovo poi barattano operazioni all'interno dello spazio di cinque anni (veda paragrafo 19 ed altera 1 e 3 del Tavolo a paragrafo 21 sopra).
117. La data di fine della moratoria subì anche cambi più significativi. La disposizione del Terra Codice che introdusse la moratoria iniziale e le sue prime due proroghe offrirono gli specifici termine massimo per la sua scadenza. Di conseguenza, a che tempo Parlamento aveva intentare causa e legiferare se desiderasse tenere la moratoria in posto. Le Leggi del 2007 e 3 giugno 2008 di 28 dicembre (veda fila 4 del Tavolo) cambiò che, rimuovendo efficacemente la specifica data di fine ed invertendo la situazione che Parlamento richiesto per agire e legiferare se desiderasse cessare la moratoria. Sembra che nessuna specifica ragione è stata data per questo cambio di chiave.
118. Inoltre, sembra che, mentre le autorità considerarono la data di fine iniziale della moratoria come la data effettiva con la quale l'infrastruttura di mercato di terra doveva essere fissata in posto e con che la moratoria davvero fu aspettata scadere, attualmente la moratoria è trattata come, per tutti i fini pratici, indefinito, nonostante il periodicamente termine massimo fissi per lo sviluppo di legislazione che regolerebbe le vendite di terra introducono sul mercato e tolgono la moratoria che sembra essere spinta di solito indietro (il contrasto l'indirizzo presidenziale di 2002 a paragrafo 36 sopra con che di 2017 a paragrafo 42 sopra; veda anche, riguardo ad insuccesso per rispettare i termine massimo stesso-imposti per sviluppo della legislazione, altera 10-12 del Tavolo e divide in paragrafi 43 sopra).
119. La Corte ha su molte occasioni sottolineato il bisogno di guardare oltre comparizioni e la lingua usato e concentrarsi sulle realtà della situazione (veda, per esempio, Blokhin c. la Russia [GC], n. 47152/06, § 180 ECHR 2016). Facendo domanda questo approccio, la Corte osserva che la natura della moratoria cambiò dopo la promulgazione delle leggi summenzionate di dicembre 2007 e giugno 2008 e la moratoria divenne de facto indefinito e le condizioni per il suo sollevamento indeterminato. Nessuna ragione fu data per questo cambio. Questo cambio è anche in contraddizione evidente con lo scopo proclamato dell'introduzione graduale di un mercato di vendite di terra.
120. In Bittó (citò sopra, §§ 108-110) la Corte, nel trovare il poi Slovakian affitto-controlla schema incompatibile con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, lo trovi attinente che lo schema era stato tenuto in posto nonostante politica governativa ripetutamente annunciata progetta prevedendo l'introduzione di affitti di mercato-livello. Similmente, in Skibiscy ?c. la Polonia (n. 52589/99, §§ 94-98 14 novembre 2006), la Corte fondò quel ripetè proroghe dello schema di affitto-controllo, inizialmente giustificò in prospettiva della transizione da un Stato-controllato ad un'economia di mercato, volle dire che un equilibrio equo non era stato previsto fra gli interessi generali ed individuali che competono. In Sporrong e Lönnroth (citò sopra, § 70), era anche attinente che la proroga ripetuta di licenze di espropriazione che restrinsero il pieno esercizio dei richiedenti diritti di proprietà di ' aveva lasciato i richiedenti in “l'incertezza completa come al fato delle loro proprietà” quale era un fattore nella sentenza di Corte una violazione dei richiedenti diritti di proprietà di ' in quel la causa.
121. Similmente, al giorno d'oggi la causa, la mancanza di consistenza da parte delle autorità nel cambiare la sfera e la molta natura della moratoria e l'incertezza sé ha creato è gli importanti fattori nella valutazione della Corte della proporzionalità della situazione contestata (veda Broniowski, citato sopra, § 151).
(?) Ragioni avanzarono per l'introduzione e mantenimento della moratoria
122. La Corte nota che il Governo non avanzò qualsiasi le specifiche ragioni come a precisamente perché le autorità nazionali considerarono la proibizione di coperta provvisoria su vendite di terra come la misura appropriata e sola di realizzare le loro mete sociali ed economiche desiderate, se sé seriamente considerato altro vuole dire di realizzarli breve di una proibizione totale o valutò la proporzionalità di una proibizione totale agli scopi chiesti (il paragone, nel contesto di Articolo 3 di Protocollo N.ro 1, Hirst c. il Regno Unito (n. 2) [GC], n. 74025/01, § 79 ECHR 2005 IX). Anche se il Governo non avanzò esplicitamente questo argomento, la Corte è preparata per accettare che la ragione per la scelta della proibizione di coperta provvisoria è potuta essere implicita nella moratoria iniziale, vale a dire che tempo fu avuto bisogno di sviluppare un'infrastruttura di mercato di terra che includerebbe apparentemente la considerazione di alternative meno restrittive ad una proibizione totale. Comunque, una volta la natura di che moratoria iniziale cambiò e la specifica data di fine per la sua scadenza fu rimossa (veda paragrafo 119 sopra), nessuno specifica ragione fu dato per l'insuccesso che continua per legiferare e considerare alternative così meno restrittive.
123. Similmente, mentre la Corte Costituzionale esaminò l'ammissibilità della richiesta di revisione costituzionale riguardo ai 2016 “la proroga” della moratoria (veda paragrafo 26 sopra), trovò gli argomenti presentati in appoggio di che la richiesta per revisione di astratto sviluppò insufficientemente permettere l'apertura dei procedimenti di revisione costituzionali ed il suo esame effettivo. In simile circostanze sembra che alla Corte Costituzionale fu impedita dell'impegnare in qualsiasi dettaglio con la sostanza della questione, in particolare le ragioni per l'introduzione e mantenimento della moratoria e la questione di bilanciare degli interessi attinenti (il contrasto Jahn ed Altri c. la Germania [GC], N. 46720/99 e 2 altri, § 116 ECHR 2005 VI, e nel contesto di Articolo 10, Difensori Animali Internazionale c. il Regno Unito [GC], n. 48876/08, §§ 13 33 e 113-16, ECHR 2013 (gli estratti)).
124. Nei procedimenti di fronte alla Corte il Governo dibattè che la moratoria fu avuta bisogno di evitare i rischi di chiave seguenti: (i) impoverimento della popolazione rurale, (l'ii) la concentrazione eccessiva di terra nelle mani di individui ricchi o i poteri ostili, e (l'iii) il suo ritiro dalla coltura.
125. La preoccupazione che il sollevamento della moratoria può condurre all'impoverimento della popolazione rurale e coltivatori non rivolge la situazione di proprietari come i richiedenti che risiedono in aree urbane e non lavorano nel coltivare. I richiedenti considerano che per loro coltivare non è una scelta vitale in prospettiva della loro età e le distanze coinvolta (veda divide in paragrafi 6, 7 e 81 sopra), una valutazione che la Corte trova ragionevole. Come al rischio di impoverire la popolazione rurale generalmente, la Corte nota, che i creatori delle leggi che prolungano la moratoria sembrano ammettere che della proibizione assoluta su vendite non fu avuta bisogno come simile realizzare che meta ma piuttosto notificò offrire tempo per sviluppare la legislazione necessaria che introduce le salvaguardie appropriate per assicurare un vendite di terra ben regolate introduca sul mercato (veda, per esempio, altera 3 e 10-13 del Tavolo a paragrafo 21 sopra).
126. Come agli scopi di impedire alla concentrazione eccessiva di terra ed il suo ritiro della coltura, la Corte osserva, che legge ucraina già contiene le certe disposizioni che sembrano essere mirate a realizzando lo stesso risultato. Questi includono: (i) il regime di tassazione che sembrerebbe trarre profitto terra coltivata e penalizzare il suo ritiro dalla coltura (veda paragrafo 27 sopra), (l'ii) le restrizioni sulle categorie di quelli che possono possedere terra, e (l'iii) le coperture sul massimo corrispondono di terra posseduta (veda divide in paragrafi 29 a 32 sopra). Un numero di ulteriori restrizioni fu contemplato anche nel bozza Terra Mercato Atto che fu approvato con Parlamento alla prima lettura nel 2011 ma non fu avanzato inoltre (veda fila 7 del Tavolo e divida in paragrafi 40 sopra). È notabile in questo collegamento che la promulgazione dell'Atto del Mercato della Terra, insieme all'Atto del Catasto della Terra Statale era, sino a 20 novembre 2012, definito come la chiave essenziale per togliere la moratoria (veda fila 8 del Tavolo).
127. È anche attinente in questo collegamento che nessun altro Consiglio di Stato membro di Europa, incluso quelli che hanno subito transizione da Stato-controllato introdurre sul mercato economie e hanno implementato programmes della riforma agraria ha in restrizioni di coperta di posto sulla vendita di terra agricola (veda divide in paragrafi 45 e 46 sopra) quali sarebbero analoghi alla situazione che esiste in Ucraina. Ricerca di diritto comparato dimostra che in molti di quelli gli Stati le autorità apparentemente intraprendono grandemente le stesse mete di assicurare l'uso effettivo di terra per produzione agricola e l'evitare della concentrazione eccessiva di partecipazione azionaria di terra, particolarmente nelle mani di giocatori economici non occupato nella vita rurale e locale e coltivando. Comunque, che ricerca dimostra che le autorità in quelli paesi hanno alla loro disposizione una serie ampia di altri attrezzi legislativi che sembrano rivolgere adeguatamente quelle mete senza il bisogno di avere ricorso ad una proibizione totale su vendite (veda divide in paragrafi 47 a 54 sopra).
128. Certamente, è un principio di causa-legge stabilito che dove la legislatura ha fatto una scelta con decretando leggi che considera essere nell'interesse generale, la possibile esistenza di soluzioni alternative non mina in se stesso la validità della giustificazione dietro alla legislazione contestata perché le specifiche circostanze possono garantirlo. Non è per la Corte per dire se la legislazione rappresentò la migliore soluzione, purché che le autorità rimangono all'interno dei confini del loro margine della valutazione (veda, per esempio, Bevá ?e Beváová c. la Repubblica ceca, n. 58358/00, § 66 14 dicembre 2004). Comunque, rimane la causa che ragioni hanno bisogno di essere mostrate per la scelta di una soluzione più restrittiva e l'esistenza di soluzioni alternative costituisca un fattore attinente per determinare se l'eletto di mezzi potrebbe essere riguardato come ragionevole ed andò bene a realizzando l'essere di scopo legittimo perseguito, mentre avendo riguardo ad al bisogno di prevedere un equilibrio equo" (veda James ed Altri c. il Regno Unito, 21 febbraio 1986, § 51 la Serie Un n. 98).
129. In che contesto, la Corte ancora una volta reitererebbe che nella causa presente è le autorità ucraine loro chi hanno costantemente, per quasi due decadi, definì la loro meta come l'introduzione eventuale di un vendite di terra ben regolate introduca sul mercato, la moratoria che è solamente un passo intermedio a quel la fine. La molta natura della moratoria e la meta proclamata per la sua introduzione e proroga essenzialmente doveva avere tempo considerare le possibili alternative alla proibizione assoluta su vendite. Che simile alternative erano disponibili e sarebbero appropriate per realizzare le stesse mete è stato riconosciuto ripetutamente ai livelli più alti dello Stato rispondente (veda, per esempio, divide in paragrafi 36 a 42 sopra).
130. Dato che le autorità proclamarono la creazione di tale mercato come la loro meta, la disponibilità di soluzioni alternative e la mancanza di ragioni coerenti data per non adottando quelle soluzioni e tenere in posto il più restrittivo deve avere un peso sostanziale nella valutazione della proporzionalità seconda.
(?) Il carico impose sui richiedenti
131. Nel valutare il carico la situazione contestata impone sui richiedenti, il Governo indicò che i richiedenti avevano ottenuto la loro terra del loro spontanea volontà ad un tempo quando già era stato soggetto alle restrizioni legislative in oggetto.
132. Effettivamente, quando il secondo richiedente entrò in proprietà della terra lui doveva essere consapevole che già era soggetto a regolamentazioni restrittive sulla sua vendita (paragone, mutatis mutandis Fredin c. la Svezia (n. 1), 18 febbraio 1991, § 54 la Serie Un n. 192) e non poteva essere deciso fuori che la proibizione potrebbe essere prolungata (compari Depalle, citato sopra, § 86). Comunque, il secondo richiedente ereditò la sua terra a novembre 2004, brevemente dopo la prima proroga della moratoria (veda paragrafo 7 ed alteri 1 del Tavolo a paragrafo 21 sopra). Siccome la Corte ha notato sopra (veda divide in paragrafi 118 e 119), a che tempo che l'aspettativa ufficialmente proclamata era stata che la moratoria davvero scadrebbe su una data definito, e la natura della moratoria cambiò e le prospettive di sé che sono tolte divennero molto più incerte ad un più tardi la data, dopo la promulgazione delle leggi di dicembre 2007 e giugno 2008 (veda fila 4 del Tavolo).
133. La situazione del primo richiedente è piuttosto diversa. Quando la sua quota di terra fu convertita in un'area, 10 gennaio 2006, la moratoria non fece domanda sbarcare della sua categoria, suddiviso in zone per uso come una piccola azienda agricola individuale. Fu prolungato che dattilografa piuttosto più tardi di terra, con la Legge di 19 dicembre 2006 (veda fila 3 del Tavolo). Perciò, non si può dire che il primo richiedente acquisì la sua terra quando già era soggetto alla moratoria.
134. Purchessia i dettagli della loro situazione, comunque quando i richiedenti ottennero diritti alla loro terra, la legge applicabile a sé chiaramente era in flusso. Inoltre, la Corte non perde vista del fatto che ambo i richiedenti ottennero la terra come un risultato di una riforma agraria di vasta portata che non era stata completata col tempo loro entrarono in proprietà di sé (compari Jahn, citato sopra, § 116).
135. D'altra parte i richiedenti ereditati la terra dai loro genitori piuttosto che l'acquisirono in un'operazione commerciale (contrasto, per esempio Sviluppi della Valle del Pino Ltd ed Altri c. l'Irlanda, 29 novembre 1991, § 59 la Serie Un n. 222). Inoltre, determinato la politica pronunziata del Terra Codice di aprire su infine terra agricola al mercato che era particolarmente chiaro negli stadi iniziali della moratoria che loro non potevano aspettarsi che la proibizione assoluta continuerebbe indefinitamente.
136. Perciò, non si può dire che i richiedenti dovevano sapere dall'inizio che loro stavano entrando in proprietà di proprietà ingombrata che rimarrebbe così ingombrò salvataggio per l'eventualità di alcuno sviluppo futuro ed incerto (contrasto, per esempio Depalle, citato sopra; Lacz c. la Polonia (il dec.), n. 22665/02, 23 giugno 2009; e Håkansson e Sturesson c. la Svezia, 21 febbraio 1990, § 53 la Serie Un n. 171 Un).
137. Come all'aspetto finanziario del carico imposto sui richiedenti, la Corte riconosce, che non è come grave come quel impose, per esempio, su proprietari con degli schemi di affitto-controllo che ha avuto occasione per esaminare nelle sue sentenze precedenti (veda, per esempio, Hutten-Czapska, § 198, e R & L, s.r.o. ed Altri c. la Repubblica ceca, § 104 sia citò sopra, dove erano dimostrabilmente sotto spese di manutenzione affitti; veda anche Ghigo, citato sopra, § 66, ed Edwards c. Malta, no.17647/04 § 75, 24 ottobre 2006 dove non era necessariamente la causa ma l'affitto legale per alloggi questo, mentre corrispondendo a meno che cinque o sei euros per mese, era estremamente basso e dimostrabilmente sotto tassi di mercato).
138. Siccome indicò il Governo, e contraria a quegli affitto-controlli cause, i richiedenti nella causa presente rimangono liberi affittare la loro terra fuori a tassi di mercato. Lo Stato rispondente non fa copertura quelli tassi ma piuttosto prende misure per sostenerli su ai proprietari ' tragga profitto con esponendo i minimi affitti. Mentre questi minimi affitti sono, mentre parlando giuridicamente, indicativo come una questione di pratica loro sembrano essere seguiti nella maggioranza di cause piuttosto che legando, (veda paragrafo 33 sopra).
139. Comunque, questi aspetti positivi sono compensazione, a della misura, coi certi altri aspetti di diritto nazionale. Notevolmente, diritto tributario sembrerebbe penalizzare proprietari che non affittano la loro terra a produttori agricoli e traggono profitto quelli che fanno (veda paragrafo 27 sopra), anche se i richiedenti possono in qualsiasi causa sembra essere concessa ad un'esenzione dalle imposte a causa della loro età avanzata. Inoltre, articoli che fissano anche apparentemente la minima durata di contratti d'affitto di terra a sette anni scopo creare la stabilità per inquilini ma, nello stesso tempo, probabile inoltre restringa i proprietari la capacità di ' di chiedere affitti più alti nell'elaborazione di renegotiation del contratto d'affitto (veda paragrafo 34 sopra). È anche ragionevole per presumere che, siccome è stato suggerito (veda divide in paragrafi 82 e 95 sopra), la moratoria esercita una certa pressione discendente su affitti anche se è difficile determinare la sua misura precisa, dato là non ha mai, nelle recenti decadi, stato un vendite di terra funzionali introducono sul mercato in Ucraina (compari Chiragov ed Altri c. l'Armenia (soddisfazione equa) [GC], n. 13216/05, § 68 12 dicembre 2017).
140. Dovrebbe essere notato anche che nelle cause affitto controllo misure summenzionate fu motivato con preoccupazione per i diritti sociali di terze parti, categorie spesso vulnerabile della popolazione che gli schemi di controllo di affitto mirarono a proteggere. Questa considerazione non è necessariamente presenti qui, siccome i richiedenti la terra di ' è affittata con imprese commerciali (veda divide in paragrafi 6 e 7 sopra e compara Urbárska Obec Trenianske ?Biskupice c. la Slovacchia, n. 74258/01, § 131, 27 novembre 2007 dove la Corte, nel trovare che l'affitto obbligatorio della terra possedette coi membri dell'associazione di richiedente ed il trasferimento susseguente di che terra agli inquilini violò Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, celebre che i beneficiari supposti di quelle misure non appartennero ad una parte socialmente debole o particolarmente vulnerabile della popolazione, con Hutten-Czapska § 225, dove misure pari in favore di inquilini riconosciuto come vulnerabile furono trovate essere sproporzionate). Completamente al contrario, al giorno d'oggi la causa è i richiedenti stessi, così come gli altri proprietari che possono essere considerati vulnerabile se nulla altro, almeno con ragione della loro età avanzata (veda divide in paragrafi 35 (i), 81 e 95 sopra, e, mutatis mutandis, Komnatskyy c. l'Ucraina, n. 40753/07, § 18, 15 ottobre 2009, e Stoyan Mitev c. la Bulgaria, n. 60922/00, § 73, 7 gennaio 2010 dove la Corte riconobbe, benché in contesti che riguarda i fatti e diversi, età avanzata come uno dei fattori dei richiedenti la vulnerabilità di ').
141. I richiedenti e gli intervener della terzo-parte suggerirono, mentre citando le certe statistiche riguardo alla concentrazione di mercato che il mantenimento della moratoria, lontano dall'essere protettivo degli interessi di possidenti vulnerabile davvero poteva inquilini di favore, molto di chi era società di taglia considerevole ed influenza, su possidenti così piccoli (veda divide in paragrafi 70, 93 e 95 sopra). La Corte considera che questa non è una causa dove può appellarsi sulla prova così soltanto statistica (il contrasto D.H. ed Altri c. la Repubblica ceca [GC], n. 57325/00, §§ 187-89 ECHR 2007 IV, riguardo all'uso di prova statistica in cause riguardo alla discriminazione) ed i richiedenti non presentarono qualsiasi prova che mostra qualsiasi l'abuso del potere di mercato con inquilini nelle loro particolari cause. Il Governo non impugnò specificamente comunque, la loro dichiarazione e, più importantemente, non preveda qualsiasi la specifica prova per mostrare che, al contrario, la moratoria notificò proteggere categorie vulnerabile della popolazione, piuttosto che svantaggio loro.
142. La Corte è anche consapevole del fatto che i richiedenti acquisirono la loro terra esente da spese dai loro genitori che, a turno, prima l'aveva ottenuto nell'elaborazione di privatizzazione di possedette pubblicamente terra. Mentre le parti non fecero commenti per motivi su che i richiedenti i genitori di ' ottennero le loro quote di terra, la Corte nota che simile quote furono assegnate primariamente a membri precedenti di fattorie collettive, normalmente basò sul loro lavoro per quelle imprese (veda paragrafo 12 sopra). I richiedenti ereditarono la terra nell'elaborazione di eredità ordinaria. Perciò, non può essere detto che la terra in oggetto era un frutto abbattuto dal vento gratuito per loro.
143. Inoltre, secondo la causa-legge della Corte, il fatto che una proprietà è stata acquisita senza pagamento non decida fuori una sentenza di una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (veda, per esempio, Edwards, citato sopra, §§ 5 e 75-79, e Vistiš ?e Perepjolkins c. la Lettonia [GC], n. 71243/01, § 121 25 ottobre 2012). Comunque, la Corte considera che questo fatto può essere pertinente nella sua valutazione sotto Articolo 41 della Convenzione (veda paragrafo 155 sotto).
144. Nel valutare la gravità del carico imposta anche sui richiedenti la Corte trova attinente:
(i) la lunghezza di tempo le restrizioni rimasero in posto che finora è giunto a diciassette indice di anni con le restrizioni che colpiscono personalmente rispettivamente i primo e secondo richiedenti per più di dodici e dieci anni (veda, per esempio, Sporrong e Lönnroth, citato sopra, § 72, e JGK Statyba Ltd e Guselnikovas c. la Lituania, n. 3330/12, § 143, 5 novembre 2013 dove restrizioni sul pieno godimento di diritti di proprietà durato per dodici e più di dieci anni rispettivamente),
(l'ii) la sfera larga di restrizioni, in che loro ostacolano i richiedenti da sia alienando la loro terra in quasi ogni possibile maniera ed usandolo per qualsiasi l'altro fine che l'agricoltura, e
(l'iii) la coperta e natura inflessibile delle restrizioni che non sono soggetto a qualsiasi revisione individuale o eccezione (compari Immobiliare Saffi, citato sopra, § 54, dove la Corte trovò una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 in parte perché nessuna corte aveva giurisdizione per decidere sull'impatto che è probabile che il ritardo nell'eseguire ordini di sfratto abbia nella causa di un particolare proprietario, con Spadea e Scalabrino c. l'Italia, n. 12868/87, §§ 37-40, 28 settembre 1995, e Lohuis citato sopra, § 59, dove simile disposizione per cause di fatica individuali fu resa, e P. Plaisier B.V. ed Altri c. i Paesi Bassi (il dec.), N. 46184/16, 47789/16 e 19958/17 § 91, 14 novembre 2017 dove una valutazione individualizzata della gravità del carico impose sul richiedente con corti nazionali non fu escluso).
145. La caratteristica seconda del regime legale alla quale i richiedenti sono soggetti vuole dire che la proporzionalità della misura che restringe i loro diritti non è stata esaminata effettivamente o al legislativa (veda paragrafo 122 sopra) o il livello individuale.
146. L'incertezza summenzionata creata con le proroghe ripetute della moratoria ha contribuito in se stesso infine, al carico imposto sui richiedenti. Realizzazione di uno degli elementi di chiave della loro proprietà, il diritto per sbarazzarsi della proprietà di uno (veda paragrafo 28 sopra), divenne soggetto al passaggio di legislazione di contenuto indefinito, passaggio che è stato posticipato in una maniera che sembra imprevedibile e spiegò insufficientemente (veda divide in paragrafi 118, 119 e 122 sopra). I loro diritti di proprietà furono resi, in termini pratici, precario ed a termine. Questo dovrebbe essere visto nella luce del principio di vecchia data della causa-legge della Corte che la Convenzione dovrebbe essere interpretata e dovrebbe essere fatta domanda in una maniera che rende le sue garanzie pratico ed effettivo e non teoretico ed illusorio (veda, mutatis mutandis, Paposhvili c. il Belgio [GC], n. 41738/10, § 182, ECHR 2016 con ulteriore cita therein).
147. La Corte conclude che i richiedenti sono stati resi per nascere come individui il carico delle autorità l'insuccesso di ' per soddisfare le loro mete stesso-imposte e termine massimo. In prospettiva della debolezza delle ragioni data per la scelta dell'alternativa più restrittiva disponibile alle autorità su misure meno restrittive, la Corte considera, che il carico impose sui richiedenti è eccessivo.
(v) la Conclusione
148. In prospettiva delle considerazioni sopra e l'insuccesso del Governo per avanzare ragioni sufficienti di giustificare le misure applicabile ai richiedenti ' sbarchi, la Corte conclude che lo Stato rispondente ha oltrepassato il suo margine ampio della valutazione in questa area e non ha previsto un equilibrio equo fra l'interesse generale della comunità ed i diritti di proprietà dei richiedenti.
149. C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
III. La richiesta Di Articoli 46 E 41 Di La Convenzione
A. Articolo 46 della Convenzione
150. Gli stress di Corte che il problema che è posto sotto alla violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 preoccupazioni la situazione legislativa stessa e che le sue sentenze prolungano oltre il risuoli interessi dei richiedenti nella causa presente. La Corte considera che lo Stato rispondente dovrebbe prendere and/or legislativi ed appropriati le altre misure generali per assicurare un equilibrio equo fra gli interessi di proprietari terrieri agricoli sulla mano del una, e gli interessi generali della comunità, d'altra parte nella conformità coi principi di protezione di diritti di proprietà sotto la Convenzione. Non è per la Corte per specificare come quegli interessi dovrebbero essere bilanciati. Sotto Articolo 46 i resti Statali libero scegliere i mezzi con che assolverà i suoi obblighi che sorgono dall'esecuzione della sentenza della Corte (veda, mutatis mutandis, Hutten-Czapska citato sopra, §§ 237 e 238, e Lindheim, citato sopra, § 137). La sentenza della Corte non dovrebbe essere capita per volere dire che un mercato senza restrizioni in terra agricola doveva immediatamente essere introdotto in Ucraina.
B. Articolo 41 della Convenzione
151. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se i costatazione di Corte che c'è stata una violazione della Convenzione o i Protocolli inoltre, e se la legge interna della Parte Contraente ed Alta riguardasse permette a riparazione solamente parziale di essere resa, la Corte può, se necessario, riconosca la soddisfazione equa alla vittima.”
1. Danno
152. I richiedenti chiesero 30,000 euros (EUR) ognuno in riguardo di non danno patrimoniale.
153. Il Governo considerò gli importi chiesti esorbitante e non comprovato.
154. La Corte osserva che i richiedenti non presentarono una rivendicazione per danno patrimoniale. Inoltre, considera che, nell'assenza di un mercato che funziona per terra agricola in Ucraina qualsiasi simile rivendicazione sarebbe probabilmente speculativa (veda paragrafo 139 sopra).
155. Riguardo alla questione di danno non-patrimoniale, la Corte reitera, che situazioni dove il richiedente ha sofferto di trauma evidente, se fisico o psicologico, danno morale, l'angoscia, ansia la frustrazione, sentimenti dell'ingiustizia o umiliazione l'incertezza prolungata, disgregazione alla vita o la vera perdita dell'opportunità può essere distinta da quelle situazioni dove la rivendicazione pubblica del male subì col richiedente, in una sentenza che lega sullo Stato Contraente è in se stesso una forma appropriata di compensazione. In delle situazioni, dove una legge, procedura o pratica è stata trovata incorrere brevemente di standard di Convenzione, questo è abbastanza per mettere diritto di questioni (veda, per esempio, Chiragov, citato sopra, § 57, con l'ulteriore therein del riferimento).
156. In prospettiva di questi principi, la Corte considera, che la sentenza di una violazione costituisce in se stesso la soddisfazione equa e sufficiente per qualsiasi non danno patrimoniale subito coi richiedenti. Nel fabbricare la Corte questa sentenza ha riguardo a, inter l'alia, alle sue sentenze in paragrafi 138 e 143 sopra come alla natura del carico la situazione legislativa e presente ha imposto sui richiedenti, la sua partecipazione azionaria che lo Stato rispondente deve prendere and/or legislativi ed appropriati le altre misure generali per garantire ottemperanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (veda, mutatis mutandis, Lindheim citato sopra, § 141) ed al fatto che un numero insolitamente grande di individui è colpito con la moratoria (veda divide in paragrafi 15 e 95 sopra e, mutatis mutandis, Chiragov citato sopra, § 46, ed Edwards c. il Malta (soddisfazione equa), n. 17647/04, § 30 17 luglio 2008).
157. Comunque, gli stress di Corte che, debba irragionevolmente lo Stato rispondente che l'adozione di ritardo dell'esecuzione generale e richiesta misura, questo può, col passaggio di tempo, conduca ad una situazione dove assegna sotto Articolo 41 può essere garantito infine, almeno per delle categorie di proprietari terrieri agricoli.
2. Costi e spese
158. I richiedenti chiesero anche EUR 4,800 ognuno per i costi e spese incorse in di fronte alla Corte, essere pagato direttamente nel conto bancario del Sig. Tarakhkalo.
159. Il Governo contestò il reasonability di quel la rivendicazione. Loro indicarono che la Corte assegnò EUR 11,000 in parcelle legali in Kulykov ed Altri c. l'Ucraina (N. 5114/09 e 17 altri, § 159 19 gennaio 2017) quale, nel loro preventivo era notevolmente più complesso della causa presente.
160. Secondo la causa-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum. Al giorno d'oggi la causa, riguardo ad essere aveva ai documenti nella sua proprietà ed il criterio sopra, così come prendendo in considerazione il pagamento di patrocinio gratuito il Sig. Tarakhkalo già ha ricevuto, la Corte lo considera ragionevole assegnare la somma di EUR 3,000 ad ogni richiedente per i procedimenti di fronte alla Corte, essere trasferito direttamente nel conto bancario del Sig. Tarakhkalo.
161. La Corte sottolineerebbe anche che, anche se costituisce un'assegnazione parcelle legali nella causa presente, sarebbe difficile per sé per prevedere creazione qualsiasi assegna per costi e spese in qualsiasi cause di seguito di questo tipo, a meno che circostanze molto eccezionali giustificarono una conclusione diversa.
Interesse di mora di C.
162. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE, UNANIMAMENTE
1. Decide di congiungere le richieste;

2. Dichiara le richieste ammissibile;

3. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;

4. Sostiene che la sentenza di una violazione costituisce in se stesso soddisfazione equa e sufficiente per qualsiasi danno non-patrimoniale subì coi richiedenti;

5. Sostiene
(un) che lo Stato rispondente è pagare, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 3,000 (tre mila euros) ad ogni richiedente, più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, in riguardo di costi e spese per essere convertito nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile alla data di accordo ed essere trasferito direttamente nel conto dei richiedenti ' avvocato Sig. Tarakhkalo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

6. Respinge il resto dei richiedenti che ' chiede per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto in 22 maggio 2018, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Marialena Tsirli Vincenzo A. De Gaetano
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è giovedì 26/03/2020.