Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF SHARXHI AND OTHERS v. ALBANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41,13,35,06,08,P1-1

NUMERO: 10613/16/2018
STATO: Albania
DATA: 11/01/2018
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusions
Preliminary objections joined to merits and dismissed (Art. 35) Admissibility criteria
(Art. 35-1) Exhaustion of domestic remedies
(Art. 35-1) Effective domestic remedy
Remainder inadmissible (Art. 35) Admissibility criteria
(Art. 35-3-a) Manifestly ill-founded
Violation of Article 13+6-1 - Right to an effective remedy (Article 13 - Effective remedy) (Article 6-1 - Access to court
Fair hearing
Article 6 - Administrative proceedings
Right to a fair trial)
Violation of Article 6 - Right to a fair trial (Article 6 - Administrative proceedings
Article 6-1 - Access to court
Fair hearing)
Violation of Article 8 - Right to respect for private and family life (Article 8-1 - Respect for home)
Violation of Article 13+8 - Right to an effective remedy (Article 13 - Effective remedy) (Article 8-2 - Interference
In accordance with the law
Article 8-1 - Respect for home
Article 8 - Right to respect for private and family life)
Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions)
Violation of Article 13+P1-1 - Right to an effective remedy (Article 13 - Effective remedy) (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions
Prescribed by law
Interference
Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property)
Violation of Article 13+P1-1 - Right to an effective remedy (Article 13 - Effective remedy) (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions
Interference
Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property)
Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Deprivation of property
Peaceful enjoyment of possessions)
Pecuniary and non-pecuniary damage - award (Article 41 - Non-pecuniary damage
Pecuniary damage
Just satisfaction)



FIRST SECTION








CASE OF SHARXHI AND OTHERS v. ALBANIA

(Application no. 10613/16)








JUDGMENT


STRASBOURG

11 January 2018





This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.



Table of Contents
PROCEDURE 3
THE FACTS 4
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE 4
A. Background to the case 4
B. Judicial proceedings concerning the interim measure and proceedings for its enforcement 6
C. Complaint to the Ombudsman 8
D. Proceedings concerning the merits of the case related to the seizure of the building 9
E. Administrative and judicial proceedings concerning the expropriation and demolition of the applicants’ building 10
1. Administrative proceedings 10
2. Judicial proceedings 11
F. Criminal proceedings against State officials 15
G. Other information submitted by the parties 17
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE 19
A. Constitution 19
B. Civil Code 20
C. Code of Civil Procedure 20
D. Administrative Disputes Act 21
E. Expropriation Act 21
F. Other Acts 23
G. Relevant domestic case-law 24
THE LAW 24
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 TAKEN ALONE AND IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 13 OF THE CONVENTION 24
A. Admissibility 25
1. Whether the applicants have exhausted domestic remedies 25
2. Whether the applicants lack “victim status” 25
3. Conclusion 26
B. Merits 27
1. Compliance with Article 13 in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention 27
2. Compliance with Article 6 § 1 of the Convention 28
II. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 8 TAKEN ALONE AND IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 13 OF THE CONVENTION 31
A. Complaint concerning the seizure of the building 32
1. Admissibility 32
2. Merits 33
B. Complaint concerning the expropriation and demolition of the building 37
III. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION TAKEN ALONE AND IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 13 OF THE CONVENTION 37
A. Complaint concerning the seizure of the building 38
1. Admissibility 38
2. Merits 38
B. Complaint concerning the expropriation and demolition of the property 40
1. Admissibility 40
2. Merits 44
IV. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION 50
A. Complaints under Article 6 § 2 of the Convention 50
B. Complaints under Article 8 of the Convention 51
C. Alleged violation of Article 14 read in conjunction with Article 6 § 1 and Article 8 of the Convention as well as Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention 52
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION 52
A. Damage 52
1. Pecuniary damage 52
2. Non-pecuniary damage 57
B. Costs and expenses 58
C. Default interest 60
APPENDIX 63


In the case of Sharxhi and Others v. Albania,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Linos-Alexandre Sicilianos, President,
Kristina Pardalos,
Ledi Bianku,
Aleš Pejchal,
Armen Harutyunyan,
Pauliine Koskelo,
Tim Eicke, judges,
and Abel Campos, Section Registrar,
Having deliberated in private on 23 May and 5 December 2017,
Delivers the following judgment, which was adopted on the last-mentioned date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 10613/16) against the Republic of Albania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by eighteen Albanian nationals and one Italian national, on 19 February 2016. The applicants’ details are set out in the appended table.
2. The applicants were represented by OMISSIS, a lawyer practising in Rome. The Albanian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Ms A. Hicka of the State Advocate’s Office.
3. The applicants alleged that, as a result of the authorities’ disregard of an administrative court injunction, there had been a breach of Article 6 § 1 of the Convention. They also complained under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention of an interference with the peaceful enjoyment of their possessions and under Article 8 of the Convention of an interference with their right to respect for their homes. They further complained under Article 13 of the Convention of a lack of an effective domestic remedy for the above complaints, as required by Article 13 of the Convention.
4. On 19 April 2016 the application was communicated to the Government. The Italian Government did not make use of their right to intervene in the proceedings (Article 36 § 1 of the Convention).
5. A hearing took place in public in the Human Rights Building, Strasbourg, on 23 May 2017 (Rule 59 § 3).
There appeared before the Court:
(a) for the Albanian Government
Ms A. HICKA, Ministry of Justice, Agent,
Mr A. HYSI, Ministry of Justice, Adviser,
Mr R. HOXHA, Ministry of Justice, Adviser,
Ms E. SADUSHAJ, Ministry of Justice, Adviser;
(b) for the applicants
Mr A. SACCUCCI, Counsel,
Ms G. BORGNA, Counsel,
Ms E. BALLANCA, Adviser.

The Court heard addresses by Ms Hicka, Mr Saccucci and Ms Borgna and replies to questions from the Court.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
A. Background to the case
6. On 11 November 2009 two of the applicants, Xhuvi Sharxhi (“the first applicant”) and Xhafer Isufi (“the second applicant”), purchased a plot of land measuring 1,663 square metres from several individuals whose property was recognised and returned in 1995 by a decision of the Commission on Property Restitution and Compensation. The land is situated on the coastline of the city of Vlora in the so-called area of Uji i Ftohtë - Tuneli.
7. On an unspecified date the first and second applicants entered into an agreement with a company for the construction of a five-storey residential and service building, with a penthouse floor and an underground floor containing shops (hereinafter “the Jon Residence” or “the building”) on the above-mentioned plot of land.
8. On 17 August 2010 the Vlora Municipal Council for Territorial Planning (Këshilli i Rregullimit të Territorit të Bashkisë Vlorë – “the CTP”) issued a building permit to the company and the first and second applicants. The remaining applicants entered into purchase agreements in respect of the flats to be constructed on the plot of land. The first and second applicants, by virtue of their ownership of the plot of land, were to be owners of some of the flats and shops in the Jon Residence. On 27 December 2012 the building was registered with the Immovable Property Registration Office (“the IPRO”).
9. Upon completion of the construction works in September 2012, it appears that the majority of the flats and shops were furnished, the owners moved into their respective flats, and a pool bar/pizzeria was opened. The adjacent stretch of beach was opened for public use.
10. It appears from a letter from the Ombudsman dated 13 November 2013 (see paragraph 24 below) that on 30 October 2013 the National Construction and Urban Planning Inspectorate (Inspektoriati Ndërtimor dhe Urbanistik Kombëtar – “the NUCI”) requested support from the Vlora district police for the demolition of illegal constructions along the Vlora coastline, to be carried out the same day. Further demolition work was to continue the next day on other parts of the Vlora coastline.
11. On 3 November 2013, without prior notice, officials of the NUCI and the Vlora Construction and Urban Planning Inspectorate (Inspektoriati Ndërtimor dhe Urbanistik Vlorë – “the MUCI”), supported by the State Police, surrounded the Jon Residence and cordoned it off with yellow police tape marked “Crime scene – no entry” (Skenë krimi, nuk lejohet kalimi). According to the evidence submitted by the applicants, which were widely published in the media, the residents of the building were told that the authorities were seizing the building. They were prevented from entering their flats and retrieving their valuables. The applicants only learned of the situation through the media or by telephone from the building’s security guards. They were told that the authorities were examining the legality of the building permit and other relevant documents. It appears from the documents submitted that the building was guarded by armed police officers, who were positioned in such a way as to prevent the residents of the building (including some of the applicants) from entering. Furthermore, when one of the residents asked one of the State employees to provide identification or another official document to justify the authorities’ interference with their property rights, the State employee declared that they were not obliged to give any information because they were an official body.
12. On an unspecified date the NUCI prepared an information report concerning the inspection they had carried out at the Jon Residence on 3 November 2013. According to the report, neither had the members of the CTP, the employees of the Vlora Urban Planning Department nor the inspectors of the MUCI had at no stage carried out the necessary building and planning inspections of the site. With their continuous actions and omissions they had allowed irregularities and unlawfulness throughout the whole period from the very moment the relevant permits had been approved in clear breach of the law, as well as throughout the construction and project implementation process.
13. On 20 November 2013, according to the evidence submitted by the applicants, the then Deputy Minister of Transport and Infrastructure, in an television interview for national TV Top Channel given in relation to the Jon Residence, stated:
“...The State is entitled to have the land back in its previous state. The demolition of the building is an indisputable consequence. The land should be cleared. If this means that the building should be demolished, then demolition should take place. The demolition is not a purpose per se. It is the result of a series of unlawful acts, a series of flagrant violations of Albanian law...The Immovable Property Registration Office has been involved in this illegality (futet në këtë valle të paligjshmërisë); then there is Vlora Municipal Council, which – in contravention of the urban plan and in respect of land which does not exist – issued a building permit. The Immovable Property Registration Office has registered a building that has zero – nil – value (ndërtim me vlerë zero, nul). There is a 3,000-square-metre construction on a plot of land that only measures 600 square metres ... it’s like a stage set for a show put on by corrupt authorities. We have reached this point in flagrant violation of the law ... Everyone could have been a victim as a result of this series of illegalities. Those that have bought flats in this building are victims. These people cannot be treated the same as those who have flagrantly violated the law. The Government should approve a fund for the full compensation of the people who have bought flats in this building ...”
14. On 28 November 2013, according to the evidence submitted by the applicants, the Prime Minister publicly declared that the Government intended to realise a project for the construction of Lungomare, a seaside promenade in Vlora, with a view to completion by the summer of 2015. He also declared that the Government would put out a tender for the design of the project.
15. The Jon Residence was demolished with explosives between 4 December 2013 and 8 December 2013.
B. Judicial proceedings concerning the interim measure and proceedings for its enforcement
16. On 4 November 2013 eleven residents, including nine of the applicants (E. Durolli, A. Deromemaj, V. Kacorri, P. Rakipaj, G. Calliku, V. Calliku, B. Rakipaj, Xh. Sharxhi and E. Ballanca) lodged a claim with the Vlora Administrative District Court (“the District Court”) against the NUCI and MUCI, requesting an “acknowledgment of the unlawfulness of the administrative actions carried out on 3 November 2013, which had resulted in a violation of their property rights, and the obligation of administrative authorities, the NUCI and MUCI to refrain from taking any further administrative action, necessary for the protection of the applicants’ property rights” (konstatimi i paligjshmërisë së veprimit administrativ të kryer nga pala e paditur i datës 3 Nëntor 2013, që kanë sjellë cënimin e të drejtave të pronësisë së paditësave; detyrimi i organit administrativ INUK dhe INUV Vlorë për të ndaluar kryerjen e një veprimi tjetër administrativ, të nevojshëm për mbrojtjen e të drejtave të paditësave).
17. It appears from the District Court’s decision dated 7 November 2013 (see paragraph 19 below) that during the proceedings the applicants argued that the actions taken by the NUCI and MUCI had been arbitrary because the construction had been lawful and in accordance with urban planning regulations. They claimed that police officers and representatives of the MUCI and NUCI had refused to allow them to enter the building by surrounding the building with crime scene tape. The cordoning off of the building had been done with a view to its demolition because the authorities had already proceeded in the same manner with other buildings, a fact which made it ever more apparent that there was a risk of adverse consequences for the applicants. The actions taken, namely the surrounding of the building with a view to its demolition without conducting a detailed analysis of whether the documentation was unlawful, and without the situation being examined by a court, had resulted in an extreme interference with the applicants’ property rights.
18. During those proceedings the applicants further requested the District Court to issue an interim order for the necessary measures to stay the implementation of the above-mentioned administrative action and for the removal of the obstacles which had made the seizure of the building possible and had made it impossible for them to use their properties, as well as a stay of all administrative decisions already issued or which were in the process of being issued related to the demolition of a lawful construction.
19. On 7 November 2013 the District Court, under Articles 202 et seq. of the Code of Civil Procedure (“CCP”) and Articles 28, 29 and 30 of the Administrative Disputes Act (see “Relevant domestic law and practice” below), in its operative provisions ordered: “the issuance of an interim order staying the administrative actions of any public authority that can interfere with the peaceful enjoyment by the applicants of their respective properties...the interim order is to remain in place until a decision is given on the merits, provided that the applicants themselves institute proceedings on the merits within ten days of the interim order to challenge the administrative actions or any administrative decision that will be adopted in respect of their properties”. The decision, in so far as relevant, is reasoned as follows:
“...it is proved that the applicants – owners of the flats in the Jon Residence ? have not been allowed to enter their respective properties, thus impeding them in the exercise of their property rights to a property which they have acquired legally in accordance with domestic law...the court considers that the request for the interim order should be accepted because the applicants submitted evidence which proves...that in the event that a civil claim on the merits is allowed, the execution of that decision would be difficult or impossible, thus creating a situation where the legal interest or subjective right recognised by a final judicial decision remains ineffective ... in the present case the interim order requested by the applicants represents their right to access the court with the purpose of prohibiting any further action by the administrative authority...in this way protecting their fundamental constitutional and legal rights until the examination of the merits of their claims...the court considers that the NUCI and MUCI have not documented their administrative decision in the form required by law...under administrative law this [undocumented administrative action] is also considered an administrative decision...this does not affect the actual consequences of the execution of the decision, consequences which may bring about irreparable damage to the legal interest and subjective rights of the applicants...The District Court considers that it is the duty of the administrative authority to issue an administrative decision in the written form required by law, in this way there is compliance with the principle of good governance of the public administration authorities as well as effective compliance with the rights of the party against which the administrative decision has been issued, so that that party is able to institute judicial proceedings and always in respect of the principle of the right to a fair trial...the principle of proportionality during the administrative procedure followed by the authorities in the present case is similar to the constitutional principles of proportionality examined above, which essentially aim to strike a balance between the purpose to be achieved through the administrative act and the means to be used, without disregarding fundamental freedoms and rights and the achievement of legal public interests...”
20. On an unspecified date the applicants’ representative submitted a request to the NUCI, informing it of the interim order of 7 November 2013. He stressed the fact that under Article 210 of the CCP an interim order was an executable decision, even in the event of an appeal against it. He urged the authorities to take the necessary measures for the immediate enforcement of the interim order. It appears that no reply was given.
21. On 11 November 2013 the NUCI lodged an appeal against the interim order of 7 November 2013.
22. On 20 January 2014 the Administrative Court of Appeal terminated the proceedings concerning the interim measure on the grounds that the subject matter of the proceedings had ceased to exist, as the Jon Residence had already been demolished in December 2013 (see paragraph 15 above). The decision, in so far as relevant, reads as follows:
“...it was already ...a well-known public fact that the Jon Residence had been demolished, in relation to which the District Court had decided to stay the administrative actions of any State authority with the aim of the peaceful enjoyment of the property by the applicants until the final solution of the dispute ... The outcome which the interim order was trying to stay, has now occurred...”
C. Complaint to the Ombudsman
23. It appears that on an unspecified date one of the applicants complained to the Ombudsman (Avokati i Popullit) about the authorities’ interference with her entering her flat and other residents entering their flats (see also paragraph 24 below). She complained that the authorities had arbitrarily cordoned off the building using yellow police “crime scene” tape.
24. On 13 November 2013, in reply to the applicant’s complaints and to other residents’ complaints appearing in the media, the Ombudsman sent an official letter to the chief of Vlora police station (Komisariati i Policisë), the head of Vlora district police (Policia e Qarkut), and for information to the Director General of the State Police (Policia e Shtetit), recommending that they take all appropriate measures to stop the unlawful actions that had resulted in a violation of the Jon Residence residents’ property rights. The Ombudsman stated that the NUCI had seized the building without any formal act. The cordoning off of the building preventing the applicants from enjoying their properties was unlawful and had consequently resulted in a violation of their legal interests. Moreover, the use of yellow police “crime scene” tape was not appropriate since the events in the present case did not involve a crime scene. He further suggested that it was necessary to examine the case and undertake organisational measures aimed at ensuring that such actions were not repeated in the future.
D. Proceedings concerning the merits of the case related to the seizure of the building
25. On an unspecified date, but within ten days from the interim order, eleven residents, including nine of the applicants (E. Durolli, A. Deromemaj, V. Kacorri, P. Rakipaj, G. Calliku, V. Calliku, B. Rakipaj, Xh. Sharxhi and E. Ballanca), lodged a claim on the merits with the District Court. It appears from the District Court’s decision of 28 January 2014 (see paragraph 26 below) that the object of the claim was the same as that lodged on 4 November 2013 (see paragraph 16 above).
26. On 28 January 2014 the District Court declared that the actions carried out by the MUCI and NUCI on 3 November 2013 had been arbitrary and in flagrant breach of the Albanian Constitution and the law. The decision in so far as relevant reads as follows:
“...[the] MUCI and [the] NUCI abusively and without any administrative decision to justify their illegal actions took arbitrary action with the aim of demolishing a property which had been acquired in accordance with the law. The NUCI had no legal reason to take this administrative action, and therefore its actions were totally illegal...the administrative action for the demolition of the construction as duly authorised by the competent authorities without first analysing in detail the illegality of the actions and without an assessment of the situation by an independent court of law, was within the limits of extreme illegality...The authorities unilaterally and without a full and comprehensive administrative investigation surrounded the building... The authorities with their arbitrary actions gravely violated the principle of legal certainty, according to which no one should suffer an interference with their rights obtained by law and has the expectation that no State authority will take any administrative decision or action by which the rights obtained by law could later be violated as a consequence of the State authorities’ actions...”
The District Court accordingly allowed the claim. The applicants, however, withdrew their request for the authorities to be prohibited from taking any further action, which had become devoid of purpose, since the Jon Residence had in the meantime been demolished by the authorities. The District Court therefore discontinued the examination of this part of the claim.
27. On 6 May 2016, following an appeal by the authorities, the Administrative Court of Appeal upheld the District Court’s decision of 28 January 2014. It appears from the decision that the applicants argued that the MUCI and NUCI had abusively and without any administrative decision to justify their illegal actions taken arbitrary action with a view to demolishing a lawful property. The Administrative Court of Appeal reasoned that the cordoning off of the building and prevention of the applicants from entering it had been arbitrary, not in accordance with the law and in breach of their property rights. It further noted that the NUCI were obliged to compensate the applicants for their illegal actions under the Non-Contractual Liability of the State Act (see “Relevant domestic law and practice” below) and Article 608 of the Civil Code. Only after the actions taken by the authorities were declared unlawful were the applicants entitled to bring a claim for damages under section 14 of the Inspection of Buildings Act (see “Relevant domestic law and practice” below). However, it did not decide this issue as it had not been part of the claim. It appears that the proceedings are pending before the Supreme Court.
E. Administrative and judicial proceedings concerning the expropriation and demolition of the applicants’ building
1. Administrative proceedings
28. On 8 October 2013 the National Council for Territorial Planning (Këshilli Kombëtar për Rregullimin e Territorit – “the NCTP”) adopted a decision on emergency measures to be undertaken for the protection and rehabilitation of the environment in some areas of national importance, as well as a procedure for the preparation of an integrated sectoral plan concerning stretches of coastline. The decision stated that stretches of coastline were areas of national importance where measures of an emergency nature were to be undertaken with a view to protecting and rehabilitating the territory and environment. Furthermore, it was decided that the granting of new development building permits for individual buildings on stretches of coastline and in other areas of national importance would be suspended pending the preparation of the integrated sectoral plan.
29. On 27 November 2013 the Council of Ministers issued a decision, which came into effect immediately, ordering the expropriation in the public interest of immovable private properties affected by the environmental rehabilitation of Uji i Ftohtë – Tuneli, a protected stretch of coastline in the Vlora Municipality. The expropriation was made in favour of Vlora Municipality within thirty days of the decision. The total compensation awarded was 462,919,230 Albanian Leks (ALL) (approximately 3,456,600 euros (EUR)) in respect of the construction measuring 8,121.39 square metres in total, to be divided among the owners. The decision was taken under the Expropriation Act and on the basis of two decisions of the NCTP – the above-mentioned decision of 8 October 2013 (see paragraph 28 above) and an earlier decision of 23 June 2004 on the approval of the Vlora city centre plan. According to the decision, after the expropriation the legal owners of the property would be compensated (by the authorities) on presentation of their property title documents. The deadline for the termination of the expropriation procedure was set for 28 December 2013.
30. The decision was published in the Official Gazette on 3 December 2013. It appears that the applicants only learned of the decision that day, when the press spokesman for the Minister of Home Affairs announced that the Jon Residence was to be demolished – a process that was to start the following day (4 December 2013).
31. On 2 December 2013 the mayor of Vlora requested the assistance of the NUCI with the demolition of the Jon Residence in accordance with the decision of 27 November 2013. On the same day the NUCI requested the assistance of Vlora police station with the demolition, which was planned to start at 8 a.m. the next morning. The entire building was demolished between 4 December 2013 and 8 December 2013 (see also paragraph 15 above).
32. On 29 January 2014 the IPRO, in response to a letter sent by one of the applicants asking for a copy of her certificate of ownership, said that since the building had been demolished, it was unable to issue a certificate of ownership in respect of a property that no longer existed.
33. On 9 April 2014 the Council of Ministers issued another decision, “On some amendments to the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013”, amending its previous decision of 27 November 2013 to the effect that it awarded the applicants a total of ALL 441,168,600 in compensation in respect of a plot of land measuring 7,739.80 square metres. The deadline for the termination of the expropriation procedure was set for 30 April 2014. No appeal was lodged against this decision.
34. On 12 April 2017 the Budget Management Department of the Ministry of Finance addressed a letter to the Government Agent, stating that the Ministry of Finance had approved a fund of ALL 362,919 and ALL 100,000 (approximately EUR 3,460 in total) for the implementation of the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013. No payment has been made to the applicants.
2. Judicial proceedings
(a) Proceedings in the District Court
35. On 26 December 2013 twenty-one residents, including all the applicants, lodged a claim with the District Court against the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013, challenging the value of the compensation awarded and the calculation of the exact surface area of the property which had been expropriated, on the basis that the decision had been issued as a result of an expropriation procedure in flagrant breach of the law. They also requested that the Council of Ministers be ordered to change the amount of compensation (to ALL 57,000 per square metre) and compensate each owner based upon the exact size of their property, corresponding to an amount of fair compensation in accordance with the law and calculated by an expert appointed by the court, also taking into consideration the possibility of development of the property. In their claim the applicants maintained that the expropriation had been unlawful and that a “de facto expropriation” (shpronësim de facto) had taken place. They also maintained that the actions of 3 November 2013 of the NUCI and MUCI had been abusive and had been taken without any administrative decision to justify their illegal actions with the aim of demolishing a lawful property. They further submitted that, even though the authorities had issued an interim order and the Ombudsman had also acknowledged the illegality of the authorities’ actions and had recommended that similar actions in the future should not be repeated without awaiting a decision of the District Court, they had nevertheless adopted the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013.
36. On 6 March 2014 the District Court allowed the applicants’ claim. It reasoned that the expropriation had been unlawful in that the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 had been adopted in gross procedural violations and breaches of the Expropriation Act (see “Relevant domestic law and practice” below) and various by-laws.
37. As regards the facts of the case, the District Court mentioned that the actions taken on 3 November 2013 consisting of the cordoning off of the building with a view to its demolition had been arbitrary and taken in breach of domestic law, as it had held in its decision of 28 January 2014 (see paragraph 26 above). It also reiterated the fact that the Ombudsman had recommended that necessary measures be taken so that similar arbitrary actions would not be repeated in the future. It nevertheless noted that the authorities had adopted the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 without awaiting the decision on the merits of the case.
38. As regards the legal arguments as to whether the interference had been lawful, the District Court reasoned that the authorities had not complied with the whole expropriation procedure as set out in sections 9 to 16 and 20 to 21 of the Expropriation Act. The competent ministry had not informed the owners of the property or the construction company of the expropriation, therefore they and any other third parties had been deprived of the opportunity to challenge it. According to their claims submitted before the district court, the applicants had only learned of the expropriation decision through the media, while the building was being demolished. Even afterwards, the applicants had never been informed, despite it being a legal requirement. This would have given them reasonable time to leave the building and take their belongings to other places. The authorities had continued with the demolition of the property without having all the information as to who the residents were. From the documents in the case file it was evident that the relevant ministry had only asked the Vlora Municipality for information about the residents of the Jon Residence a month after the building had been demolished and more than forty-five days after the decision on the expropriation had been issued. It further held that the expropriation had been disguised as a formal expropriation taken in compliance with the legal provisions in force, but that in reality the seriousness of the violations had been such as to make it a “de facto expropriation” (shpronësim de facto). The Council of Ministers’ decision to expropriate the property had been a formal act, the sole purpose of which had been to disguise the actual nature of the expropriation. Furthermore, as a result of the immediate demolition of the building, without the authorities respecting the deadlines set in the law, the applicants had been prevented from being returned to their previous situation, even though the Council of Ministers’ decision had been null and void. The District Court reasoned that the non-compliance with domestic law concerning the expropriation procedure had aggravated the applicants’ situation and, therefore, the violation of the property rights had been so serious that it was unacceptable in a State governed by the rule of law. It reasoned that, according to the Court’s case-law (reference was made to Guiso-Gallisay v. Italy judgment (just satisfaction) [GC], no. 58858/00, §§ 94-95, 22 December 2009), in cases of unlawful expropriation the domestic courts had a strict obligation to award higher compensation than in cases of lawful expropriation. Moreover, as regards the existence of any legitimate aim in the public interest, the District Court noted that there had been no infrastructure or ecological (environmental) regulatory plan approved by law, not even a plan for the development of the protected area. The District Court noted that the decisions of the NCPT of 8 October 2013 and 23 June 2004 had not provided for the demolition of any legal building or its expropriation, or the invalidity of any authorisation that had already been granted and of any construction already built. On the basis of the above considerations, the District Court decided to amend the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 concerning the exact total surface area of the expropriated property, as well as the total amount of compensation and the amounts to be paid to each applicant. More concretely, the District Court increased the total compensation to be awarded to the applicants to ALL 1,580,712,321, on the basis of a court-ordered experts’ report. The District Court found that the authorities had blatantly violated the procedure set out in the Constitution and domestic law concerning the determination of the compensation to be paid in expropriation cases. Therefore, the calculation by the Council of Ministers in its decision of 27 November 2013 had not been made in accordance with the law. It accepted the report on the grounds that the valuation of the property had been based on the open market value following contemporary valuation methods for immovable properties such as the direct comparison and the state of the development of the property and taking also into consideration the location of the property, the development of the property, its actual development on the basis of legal documents as well as analysing the values of sales and rents of similar properties. The experts had also tried to analyse increases or decreases in the market prices of sales or purchases of similar properties. Under the expert report, the price per square metre was EUR 1,155 (ALL 161,700) in respect of the flats and EUR 2,000 (ALL 280,000) in respect of the business premises. The price was calculated using the average market value during the period between 2013 and January 2014 based on a Council of Ministers’ decision “on the valuation methods for immovable properties in Albania” which stated that such calculations are made in accordance with international valuation standards.
39. The District Court also recalculated the surface area of the expropriated property, stating that it actually measured 8,396 square metres. Furthermore, it included all the owners of the Jon Residence in the list of parties to be compensated, as some of the applicants had been excluded from the list under the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013. Lastly, the court ruled that the compensation was to be paid by the Council of Ministers and the Vlora Municipality in three tranches over a period of eighteen months from the moment the court’s decision became final. Both the Council of Ministers and the Vlora Municipality were obliged to pay jointly the judicial costs and expenses including the experts’ fee, the court fees for lodging the claim (ALL 11,409,852) and the lawyers’ fee for the representation of G. Calliku, V. Calliku, M. Mecaj, A. Deromemaj, E. Durolli, M. Hanxhari, P. Rakipaj, B. Rakipaj, K. Kapedani (applicants in the proceedings before the Court), J. Ismailaj and S. Ismailaj (not applicants before the Court), which amounted to EUR 12,000 (ALL 1,680,000) in total.
(b) Proceedings in the Court of Appeal
40. On an unspecified date thereafter the applicants lodged an appeal against the part of the District Court’s decision of 6 March 2014 concerning the amount of compensation and the manner in which it was to be paid. They argued that the expert report did not reflect the market value of the property, which was much higher than the value indicated, and that the valuation standards for expropriated properties had not been complied with. More concretely, the experts had not complied with the criteria and standards provided for by The European Group of Valuers’ Associations (TEGOVA) and the valuation standards based on the financial and legal interests of the applicants. The property had had a higher value at the time of its expropriation. The experts had not specified the value of the specific components of the relevant calculation formula or the market value for every flat in order to reflect the market value of the building. Nor had they taken into consideration all the official data in the purchase agreements for the flats. They also complained of factual and calculation errors in the expert report and requested that another be produced. An appeal was also lodged by the Attorney General’s Office.
41. On 23 September 2014 the Administrative Court of Appeal upheld in part the District Court’s decision of 6 March 2014. It reiterated the facts of the case as noted by the District Court and upheld the amount of compensation awarded, the size of the construction land and the list of owners concerned. It decided that the applicants should be compensated individually based on the size of their property. The total amount of compensation (ALL 1,580,712,321) was to be divided as follows: ALL 161,700 (EUR 1,155) per square metre in respect of the flats, which measured 6,564.79 square metres in total, and ALL 280,000 (EUR 2,000) per square metre in respect of the business premises, which measured 1,831.63 square metres in total. It decided that the value calculated in the expert report represented the real value and just compensation in accordance with the Constitution, the European Convention, the Expropriation Act and other by-laws. It ruled that the compensation was to be paid by the Council of Ministers in one lump sum. The Council of Ministers was also obliged to pay the legal costs and expenses.
(c) Proceedings in the Supreme Court
42. Both the applicants and the Attorney General’s Office lodged an appeal with the Supreme Court against the lower courts’ judgments. The applicants requested a higher amount of compensation for their expropriated property. The Council of Ministers, however, requested that the execution of the decision be stayed.
43. On 15 January 2015 the Supreme Court, on the basis of Article 479 of the CCP allowed the request of the Council of Ministers and the proceedings were stayed. The decision contained no reasoning. The case is still pending before the Supreme Court. There is no information in the case file on what grounds the Council of Ministers appealed against the lower courts’ decisions and requested a stay of execution.
F. Criminal proceedings against State officials
44. It appears from the Ombudsman’s letter of 13 November 2013 (see paragraph 24 above) that on 18 February 2011 the NUCI lodged a criminal complaint with the Vlora District Prosecutor against the head of the Vlora Urban Planning Department, alleging irregularities in the proceedings leading to the granting of the building permit on 17 August 2010. The case was sent to the Vlora District Court for trial. There is no information about the outcome of those proceedings.
45. On 4 November 2013 the first applicant and another resident lodged two separate criminal complaints with the District Prosecutor, alleging abuse of power on the part of officials of the NUCI and the police officers of the State Police involved in the seizure of the Jon Residence on 3 and 4 November 2013. They complained that they had not been allowed to enter their homes, that the State Police had cordoned off the building with police crime scene tape and that inspectors of the NUCI had entered the building. They also asked the authorities to take measures to end the arbitrary interference with their property rights, which was still continuing the day that they lodged the criminal complaint.
46. In February 2014 the District Prosecutor decided not to initiate criminal proceedings, on the grounds that the actions did not constitute a criminal offence (fakti i kallëzuar nuk parashikohet nga ligji si vepër penale). It reasoned that the NUCI’s employees under domestic law had been entitled to carry out the inspection and verify the regularity of the documents concerning the approval of the building permit and the implementation of its technical standards by the construction company. They had accordingly been entitled to enter the premises of the Jon Residence. Furthermore, the officers of the State Police had been entitled to cooperate with and support the NUCI. After the authorities had carried out the inspection criminal proceedings had been instituted, therefore the suspicion of non-compliance with the rules and urban planning conditions had been realistic. The District Prosecutor further reasoned that one of the complainants had said that when he had returned to the building the following day he had seen officers of the State Police inside and had been allowed to enter his flat freely after showing them his certificate of ownership. That statement had also been corroborated with the information given by the NUCI and the Vlora police.
47. On 18 December 2013 the District Prosecutor, following a request lodged by the Taskforce for Territorial Protection (Task-Forca për Mbrojtjen e Territorit – a body under the authority of the Minister of Home Affairs), instituted a criminal investigation against six public officials (some of them employees of the IPRO, others employees of the Vlora Municipality) for possible abuse of power because of the irregularity of the proceedings concerning the restitution of the applicants’ property and the subsequent proceedings concerning the issuance of the building permit. On 20 April 2016 the Vlora Court of Appeal terminated the proceedings in respect of four of the public officials and the remaining two were acquitted. The proceedings are currently pending before the Supreme Court following an appeal by the District Prosecutor.
G. Other information submitted by the parties
48. On 14 August 2013 an article was published on the official website of the Vlora Municipality reading, inter alia, as follows:
“Today the Vlora Municipality instituted an action for the demolition of illegal buildings in the Old Beach area of Vlora. The head of the Vlora Municipality declared that three weeks ago the Municipality had already demolished 130 other illegal buildings situated in Radhimë village in the city of Vlora. These actions [were] aimed at clearing and releasing territory which had been unlawfully occupied, as well as the management of the urban territory. He also declared that the process for the demolition of all illegal buildings would continue on the whole Vlora coastline. The second phase would deal with the revaluation of lawful constructions which have not been constructed in accordance with the regulatory planning and the touristic perspective of Vlora ...the Vlora Municipality in cooperation with the new Government will provide for legal forms of compensation or if necessary, financial indemnification. In this category there were [two to three] buildings, amongst others, [which] impeded the implementation of the Lungomare [promenade] construction project.”
49. On 2 November 2013 an article was published on an online portal, Shqiptarja.com, stating that the authorities in Vlora were continuing with the demolition of buildings in the area where the promenade would be constructed. Provisional permits had been issued by the authorities for the buildings which operated as bars and restaurants during the summer.
50. On 4 November 2013 an article was published on an online portal, Tema, stating that the residents of the Jon Residence were unable to enter the building. The article mentioned that, according to the NUCI, the building had been seized so that the authorities could inspect the building permit, the relevant documentation for the construction, and whether or not the building permit had been carried out in compliance with the law. The Ministry of Home Affairs, having been contacted by Vizion Plus (a national television station), had clarified that the police had taken part in the actions taken on 3 November 2013 to support the NUCI. The head of the NUCI had declared that they were still examining the case and if any shortcomings resulted, the Taskforce would then have to decide whether or not to demolish the building.
51. It appears from the evidence submitted by the applicants that on 4 December 2013 a local television channel broadcast in their news bulletin that the NUCI, supported by police officers, had started the procedure for the demolition of the building. According to the broadcast, on that day the demolition was considered to be partial, and the residents of the building were given five days to remove their movable property from their flats. The owners of the residential premises had not removed their movable property on the grounds that the authorities had not properly valued their flats, whereas the owners of the business premises had duly removed their movable property. The authorities had valued their flats as being worth EUR 350 per square metre, whereas they had paid EUR 1,300 per square metre when they had bought them. However, according to the broadcast it was noted that the procedure for the demolition of the property had already been started by the authorities following the Jon Residence having been blocked for a long time.
52. On 20 June 2016 an online portal, Vizioplus.tv, published an article stating that the National Inspectorate for Territorial Protection (Inspektoriati Kombëtar për Mbrojtjen e Territorit – “the NIPT”, the former NUCI), had initiated proceedings for the demolition of illegal buildings so as to make possible the implementation of the Lungomare project. A two-storey building had already been demolished on the Monday, and the demolition of two other buildings (bars) would happen in the days that followed.
53. On 29 June 2016 an online portal, JavaNews, published an article stating that the NIPT had initiated an operation in Vlora city for the implementation of the Lungomare project. The NIPT had already demolished a single-storey building. It would also demolish another building. During the first part of the operation the NIPT had already demolished three other buildings.
54. On 31 March 2017 the NIPT addressed a letter to the Government Agent. In so far as relevant, the letter reads as follows:
“... [The] NUCI had exercised their functions in accordance with domestic law. On 3 November 2013 the NUCI, in the presence of a representative of the Vlora Urban Planning Department, inspected the construction site of the Jon Residence. All the remaining procedures followed by the NUCI were based on the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013. On the basis of the expropriation procedure the Vlora Municipality on 2 December 2013 had requested the NUCI’s cooperation with the implementation of the Council of Ministers decision to demolish immovable properties which would be expropriated. On the basis of this request, the NUCI had carried out the demolition of the building in cooperation with the Ministry of Home Affairs, the Defence Ministry, the Environmental Ministry and the Vlora Municipality... In the present case the NUCI had complied with the interim order of 7 November 2013 and had not taken any action in breach of this decision. In compliance with the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 and following the request of the Vlora Municipality it had undertaken all the necessary steps for the demolition of the building...in the present case there had not been any administrative or criminal investigation in respect of the applicants’ claims concerning the non-enforcement of the interim order...the use of yellow crime scene tape had not been made by the NUCI. It is true that the NUCI had requested the support of the State Police, however it is not the NUCI’s competence to dictate or examine the manner and equipment used by the State Police for securing the perimeter of the site under the authorities’ control...the NUCI had not taken any action that could have impeded the applicants in exercising their property rights. The object of the inspection had been the building and the subject of the inspection had not been the residents but the construction company and the activities of the MUCI’s employees.”
55. The Government submitted as part of their observations domestic case-law consisting of two decisions of the district courts allowing appellants’ claims for compensation in respect of pecuniary damage suffered as a result of the demolition of their properties by the MUCI and NUCI. In one case the demolition had occurred in respect of a property which had been illegally built but for which proceedings for its legalisation were ongoing. The claim was allowed under the Non-Contractual Liability of the State Act and Articles 608 to 640 of the Civil Code. In the other case the district court allowed the appellants’ claim for compensation on the grounds that the demolition of the property had occurred despite another court taking a decision to suspend the NUCI’s decision to demolish the property for being illegally built. The claim was allowed under Articles 608 and 640 of the Civil Code. It is unclear whether the two district court decisions became final.
56. The Government also submitted three other domestic court decisions in which the domestic courts allowed the appellants’ claim for a higher amount of compensation for their expropriated property in the public interest.
57. At the hearing the applicants’ representative pleaded that on 9 December 2013 the applicants had lodged a request with the Vlora Municipality for compensation. On 20 January 2014 the Vlora Municipality had asked the applicants to produce a copy of their certificate of ownership accompanied by a map of flats issued by the IPRO within the last seventy-two hours. The applicants did not submit the two documents. They further submitted that the IPRO had refused to issue the certificates (see also paragraph 32 above).
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Constitution
58. The relevant part of the Constitution reads as follows:

“Article 37
1. The inviolability of residence is guaranteed.
2. Searches of a residence, as well as of equivalent premises may be carried out only in the cases and manner provided for by law.
...
Article 41
1. The right of private property is guaranteed.
...
3. The law may provide for expropriations or limitations in the exercise of a property right only in the public interest.
4. Expropriations, or limitations of a property right that are equivalent to expropriation, are permitted only in return for fair compensation.
5. A complaint may be lodged with a court to resolve disputes regarding the amount or extent of the compensation.
Article 42
1. Freedom, property and other rights recognised in the Constitution and by law may not be infringed without a fair hearing.
2. In order to protect their constitutional and legal rights, freedoms and interests, or when an accusation has been made against them, everyone has the right to a fair and public trial, within a reasonable time, by an independent and impartial tribunal established by law”.
B. Civil Code
59. Article 608 of the Civil Code provides that anyone who unlawfully causes damage to another person or to that person’s property is obliged to pay compensation for the damage. He is not liable if he proves that he is not at fault. Article 609 provides that the damage should be the result of a person’s direct and immediate act or omission. Article 625 provides that a person who suffers non-pecuniary damage is entitled to compensation if there has been damage to his health, physical or mental integrity; his honour, personality or reputation have been infringed or his right to respect for his private life has been infringed. Under Article 640, pecuniary damage consists of the actual loss suffered and loss of profit.
C. Code of Civil Procedure
60. Under Article 202 of the CCP, an interim order may be issued when there is reason to suspect that the execution of a final decision may be impossible or difficult. An interim order is allowed when the claim is based on evidence and the claimant party gives an undertaking for any damage that the defendant party may suffer as a result of the interim order. Under Article 204, an interim order may also be issued before the main proceedings have been instituted. In such cases the claim on the merits should be brought within the time fixed by the court but within no more than fifteen days. An appeal against the interim order does not stay its execution (Article 210). In the event that the claim is not lodged within the time fixed by the court, the interim order ceases to have effect (Article 211). If the claim is allowed in the final decision, the domestic court also validates the interim order (Article 212). Article 510 provides that an interim order constitutes an “executable decision” (titull ekzekutiv), which is subject to mandatory enforcement. Under Articles 511 and 515, enforcement of the interim order is carried out directly by the bailiff’s office at the creditor’s request.
61. Article 479 provides that the Supreme Court may stay execution of a decision when: (a) immediate execution of the decision would bring about serious and irreparable damage, and/or (b) the party making the application gives an undertaking in damages which ensures the execution of the eventual decision.
D. Administrative Disputes Act and relevant domestic case-law
62. Section 1 of Law no. 49/2012 of 18 May 2013 “On the administrative courts and the examination of administrative disputes” (“the Administrative Disputes Act”), provides that provisions of this Act are supplemented by provisions of the CCP unless it is provided otherwise. Section 14 provides that during judicial proceedings the parties’ rights and obligations are governed by the provisions of the CCP unless there is incompatibility. Section 28 provides that, until the adoption of a decision on the merits of the case, a claimant may apply to the court for an interim order if serious and irreparable damage may result as a result of the execution of an administrative decision. The claim on the merits should be lodged within ten days. Under section 29, the interim order is issued if there is reasonable suspicion that serious damage may result and that no breach of any public interest exists. Under section 32, an appeal against the interim order does not stay its execution. Under section 33, the interim order is executed in accordance with the rules concerning the execution of administrative court decisions provided for in the Act. Under section 40, the domestic court in its final decision on the merits of the case, when it has allowed the claim in full or in part, validates the interim order. Under section 65, enforcement of the interim order is carried out by the bailiff’s office at the creditor’s request. According to a consisting domestic case-law, administrative courts decide their cases based on both the administrative law, namely the Administrative Disputes Act, and the provisions of the CCP.
E. Expropriation Act
63. Law no. 8561 of 22 December 1999 “On Expropriations and Temporary Use of Private Property in the Public Interest” (“the Expropriation Act”) sets out the expropriation procedure of private properties in the public interest. Sections 2 and 4 provide that an expropriation is only in the public interest, where the public interest prevails over the private interest, and only for the reasons and in accordance with the procedures expressly set out in the Act, to the extent that it is essential for the achievement of the purpose of the expropriation and is in exchange for fair compensation. The principles of transparency, equality of citizens and protection of their property interests and rights must be respected (section 3). An expropriation can be made for various reasons, including the realisation of national or local projects and investments in the interests of the environment, health, etc. as well as infrastructure protection in the public interest (section 8). Under section 10, the applicant in whose favour the expropriation is to be carried out, including a municipal authority, must apply to the ministry that is competent under the law. The application must be accompanied by several documents, including a list of the owners of the private properties to be expropriated, together with explanations and information concerning each owner, including their addresses and last known residences, with respective estimates in respect of the valuation of the properties, and the amount of compensation that is to be paid for each of them. Section 11 provides that the competent minister must order the setting up of a special commission to supervise the implementation of the expropriation procedure. Section 12 provides that the competent ministry must verify the application and supporting documents. Section 13 provides that if the application is in accordance with the Act, the competent ministry accepts it and immediately notifies the applicant in whose favour the expropriation is sought in writing. An agreement must be entered into between the applicant and the competent ministry on the mutual rights and obligations related to the expropriation procedure. Section 14 provides that within ten days of the agreement the competent ministry must directly notify each owner or co-owner of the private properties to be expropriated of their compensation. Under section 15, the competent ministry must publish the application for expropriation in the Official Gazette, and in a national and local newspaper for a one week period. Section 16 § 2 provides that upon the completion of the expropriation proceedings, the competent Ministry is obliged to decide on the amount of compensation. That amount is paid to the person concerned as decided by the final court decision, in case of appeal, after having informed the competent ministry. Section 16 § 3 provides that the owners of the private properties must inform the competent ministry whether they accept the voluntary transfer of the property. Within fifteen days of receipt of the answer of the owners, and in any event no less than one month from the publication of the application for expropriation, the competent ministry, in the event that the parties have accepted the conditions of expropriation, must initiate the procedure for transferring ownership to the State in exchange for fair compensation (section 16 § 4). Section 17 provides that the special commission must calculate the amount of compensation related to the property to be expropriated. Section 20 provides that the competent minister must then submit to the Council of Ministers the proposal for expropriation accompanied by several documents. Under section 21, the Council of Ministers decides on the expropriation when the proposal for expropriation is considered to have a basis in law and in fact. The decision on expropriation must include the private properties to be expropriated and their respective owners, the amount of compensation to be awarded as well as the time limit and the manner for payment. The decision on expropriation comes into effect immediately and is published in the Official Gazette. Section 23 provides that the amount of compensation must be given to the person concerned within the time-limit indicated in the decision of the Council of Ministers, or from the date when the court decision becomes final in accordance with sections 16 § 2 and 24 of this Act. Section 24 provides that the decision of the Council of Ministers on expropriation must be sent by the competent ministry directly to the owners concerned. They may appeal to a court within thirty days against the amount of compensation specified in the decision. An appeal against a decision of the Council of Ministers on the expropriation does not stay implementation of the decision. As regards the amount of compensation, if an appeal to the court is not submitted within thirty days in accordance with the Act, the decision of the Council of Ministers on the expropriation becomes executable. Under section 26, the expropriation procedure is considered invalid when the subject in whose favour the expropriation was done does not commence or terminate the works within three months of the date specified in the decision of the Council of Ministers. The expropriation is also invalid when the subject uses the expropriated properties or performs actions in non compliance with the purpose of the expropriation, or when he changes the intended use of the properties or projects already performed on them before the expiry of the period as set out in the expropriation decision. An expropriation is also considered invalid if no payment has been made or no amount of compensation has been given in favour of the expropriated party and other owners in accordance with the Act. If the expropriation is invalid, upon an application by the respective owners, the private properties are returned to them with the same rights they had at the time of expropriation. The owners concerned may request compensation in respect of damage suffered as a result of the invalid expropriation.
F. Other Acts
64. Under the Non-Contractual Liability of the State Act (Law no. 8510 of 15 July 1999 “On the non-contractual liability of State administrative authorities”), a State entity is obliged to compensate the pecuniary and non pecuniary damage caused to third parties during the exercise of its public functions.
65. Section 14 of the Inspection of Buildings Act (Law no. 9780 of 16 July 2007 “On the inspection of buildings”) at the material time provided that an appeal against a decision of the NUCI or MUCI taking urgent measures or issuing administrative sanctions could be brought to a court. In the event that the court allowed the claim and the decision became final, the damaged party was entitled to request the NUCI or MUCI (whichever issued the decision) to award compensation for the damage caused.
66. The Prevention and Payment of Arrears Act (Council of Ministers’ decision no. 50 of 5 February 2014 “On the approval of the strategy for the prevention and payment of arrears and the action plan”) sets out the procedure that the Albanian Government should follow in respect of the payment of central government financial arrears, as well as measures to be taken for the prevention of an accumulation of financial debt in the future. One of the measures is the amendment of certain legislation such as laws on the management of the budget, financial management and control, procurement and various related by-laws. Under the Act, unpaid financial obligations include obligations stemming from final court decisions and compensation in the public interest.
67. The Council of Ministers’ decision “on the valuation methods for immovable properties in Albania” no. 658 of 26 September 2012, provides that, in evaluating immovable properties, authorities have to have regard, amongst others, to the protection of the right to property, the right of expropriation in return for fair compensation, the principle of legality, international immovable properties valuation standards based on the market price, type of property and the purpose of its use. The calculation of the value of the property is made in accordance with the price of sale contracts, which take into account the market price according to the type of property and the purpose of its use. The market price is set by official data of sale contracts registered with the IPRO.
G. Relevant domestic case-law
68. The Constitutional Court has reaffirmed its long established practice of finding a breach of appellants’ rights on account of the non-enforcement of final domestic court decisions (decisions nos. 63/17 of 31 July 2017, 50/17 of 3 July 2017, 35/17 of 18 April 2017, 25/17 of 27 March 2017, 89/16 of 30 December 2016, 79/16 of 27 December 2016, 66/16 of 7 November 2016) and where proceedings have been excessively long (decisions nos. 51/17 of 3 July 2017, 42/17 of 25 May 2017, 32/17 of 30 March 2017, 22/17 of 20 March 2017, 36/16 of 27 June 2016, 14/16 of 10 March 2016). No awards were made to the appellants in the above mentioned decisions, nor was any other means of redress provided in relation to the continued non-enforcement or the length of proceedings.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 TAKEN ALONE AND IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
69. The applicants alleged that there has been a breach of Article 6 § 1 of the Convention on account of the authorities’ disregard of the interim order of 7 November 2013 granting a stay of execution of the demolition order. They further submitted that the authorities’ failure to comply with the interim order had entailed a violation of their procedural rights and had prevented them from having the merits of their complaint properly examined in the proceedings before the District Court. They also complained of a lack of an effective remedy in that regard.
Article 6 § 1 of the Convention, insofar as relevant, reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
Article 13 of the Convention reads as follows:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. Admissibility
1. Whether the applicants have exhausted domestic remedies
70. The Government submitted that the applicants had failed to exhaust the available domestic remedies. In particular they had not brought a claim for compensation for the unlawful acts of 3 November 2013 under the Non Contractual Liability of the State Act or the Inspection of Buildings Act, either in separate proceedings or during the domestic proceedings concerning those events. The Government submitted domestic case-law in support of this submission (see paragraph 55 above).
71. The applicants argued that there had been no effective remedies that they could make use of. In their oral submissions they argued that, by failing to enforce the interim order, the authorities had irreversibly deprived them not only of their property rights but also of the opportunity to have the merits of their complaint effectively examined by a court. No domestic remedy could redress such a denial of justice. Furthermore, they submitted that it had been well-established that the disregard of the interim order had deprived the applicants of any effective judicial protection.
72. The Court considers that the question of exhaustion of domestic remedies is closely related to the merits of the applicants’ complaint of a lack of an effective remedy for the alleged interference with their right to a fair trial.
73. Thus, the Court joins the issue of whether the applicants exhausted the domestic remedies to the merits of their complaint under Article 13, in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention.
2. Whether the applicants lack “victim status”
74. The Government submitted that the domestic courts had issued reasoned decisions, properly addressing the applicants’ arguments and finding in their favour. The applicants had therefore abused their right of individual application.
75. The applicants did not submit any particular comments.
76. The Court reiterates that the adoption of a measure favourable to the applicant by the domestic authorities will deprive the applicant of victim status only if the violation is acknowledged expressly, or at least in substance, and is subsequently redressed (see Scordino v. Italy (no. 1) [GC], no. 36813/97, §§ 178 et seq. and § 193, ECHR 2006 V, and Dalban v. Romania [GC], no. 28114/95, § 44, ECHR 1999-VI).
77. The issue as to whether a person may still claim to be the victim of an alleged violation of the Convention essentially entails on the part of the Court an ex post facto examination of his or her situation (see Scordino, cited above, § 181, and Centro Europa 7 S.r.l. and Di Stefano v. Italy [GC], no. 38433/09, § 82, ECHR 2012). Whether the redress given is effective will depend, among other things, on the nature of the right alleged to have been breached, the reasons given for the decision and the persistence of the unfavourable consequences for the person concerned after that decision (see Oliari and Others v. Italy, nos. 18766/11 and 36030/11, § 78, 21 July 2015). The redress afforded must be appropriate and sufficient. Whether an individual has victim status may also depend on the amount of compensation awarded by the domestic courts and the effectiveness (including the promptness) of the remedy affording the award (see Paplauskien? v. Lithuania, no. 31102/06, § 51, 14 October 2014).
78. The Court observes that, following the applicants’ specific submissions, made during the proceedings concerning the expropriation and demolition of the applicants’ building the domestic courts held that the authorities had adopted the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 without awaiting the decision on the merits and in disregard of the interim order (see paragraphs 37 and 41 above). However, they did not award the applicants any compensation. Furthermore, the Court notes that the fact that the domestic courts in the interim and main proceedings found in the applicants’ favour is irrelevant, since those decisions remained unexecuted and failed to prevent the demolition of the building.
79. Accordingly, the Court considers that the national authorities did not afford redress to the applicants in respect of their complaint about the non enforcement of the interim order in their favour and that they can still claim to be victims of the violation alleged.
3. Conclusion
80. The Court considers that the applicants’ complaint under Article 6 § 1 and Article 13 of the Convention are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible, without prejudice to the decision ultimately to be taken on the Government’s objection of non-exhaustion of domestic remedies.
B. Merits
1. Compliance with Article 13 in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention
81. The Court reiterates that Article 13 of the Convention requires domestic legal systems to make available an effective remedy empowering the competent national authority to address the substance of an “arguable” complaint under the Convention (see Z and Others v. the United Kingdom [GC], no. 29392/95, § 108, ECHR 2001-V). Its object is to provide a means whereby individuals can obtain appropriate relief at national level for violations of their Convention rights before having to set in motion the international machinery of complaint before the Court (see Kud?a v. Poland [GC], no. 31210/96, § 152, ECHR 2000-XI).
82. However, the protection afforded by Article 13 does not go so far as to require any particular form of remedy, Contracting States being afforded a margin of discretion in conforming to their obligations under this provision (see, for example, Kaya v. Turkey, 19 February 1998, § 106, Reports 1998 I).
83. Turning to the present case, the Court is not convinced by the Government’s arguments that a claim for compensation under the Non Contractual Liability of the State Act, the Inspection of Buildings Act or the Civil Code as exemplified by the domestic case-law submitted by the Government (see paragraph 55 above), would have been effective in the particular circumstances of the case. Firstly, the Court notes that the examples given by the Government refer to claims for damages in cases where the MUCI or NUCI had demolished illegal buildings or where the legalisation procedure was still ongoing. However, the Court notes that there is no information in the case file as to whether those decisions became final at domestic level, and if so, whether the authorities enforced them. Furthermore, the Court notes that in the cases concerned the authorities did not proceed with any subsequent expropriation in the public interest, the circumstances being different from those in the present case. Secondly, the Court notes that the applicants did not complain to the Court of a lack of compensation for pecuniary damage for the non-enforcement of the interim order of 7 November 2013, rather that the authorities failed to enforce the interim measure, which made it impossible for them to have the merits of their case properly examined.
84. Furthermore, the Court reiterates that the principle of the rule of law which the Contracting States undertook to respect when they ratified the Convention encompasses the duty to ensure that the competent authorities enforce judicial remedies when granted (see, Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 66, ECHR 1999 II, and Pavi? v. Croatia, no. 21846/08, § 38, 28 January 2010). Moreover, referring to the cases of Gjyli v. Albania (no. 32907/07, §§ 55-61, 29 September 2009), Manushaqe Puto and Others v. Albania (nos. 604/07 and 3 others, §§ 33-35, 31 July 2012) and Luli and Others v. Albania (nos. 64480/09 and 5 others, §§ 77-84, and §§ 114-119, 1 April 2014), the Court finds that there was no effective remedy in Albania in respect of the non-enforcement of final decisions and length of proceedings at the material time. It further observes that the Constitutional Court, other than making a declaratory finding of a breach where final court decisions are not enforced (see paragraph 68 above), is unable to offer any means of redress to remedy the situation. In such circumstances, the Court finds that there was, and still is, no effective remedy available to the applicants in respect of the non-enforcement of the interim order.
85. It view of the above, the Court concludes that there has been a violation of Article 13 in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention. It follows that the Government’s preliminary objection of non-exhaustion in this respect must be dismissed.
2. Compliance with Article 6 § 1 of the Convention
(a) The parties’ submissions
(i) The applicants
86. The applicants submitted that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention as a result of the non-enforcement of the interim order of 7 November 2013. The interim order, which had prohibited any further action by any State authority against the Jon Residence that could hinder their right to peaceful enjoyment of their properties, had clearly stated that the building should not be demolished. However, the Albanian authorities demolished the Jon Residence despite the interim order issued by the District Court and just a few days before the hearing scheduled before the Administrative Court of Appeal. There was no public evidence of any demolition order ever being either adopted by the Vlora Municipality or notified to the applicants.
87. Moreover, as the domestic courts had ruled, the expropriation decision had been unlawful and overtly aimed at circumventing the interim order. The authorities had failed to comply with the interim order as the applicants had not been allowed unrestricted access to their properties following the seizure and the public announcement of the demolition.
88. Lastly, the authorities’ failure to comply with the interim order and the demolition of the Jon Residence in just a matter of days had entailed a violation of the applicants’ procedural rights by irreversibly frustrating their claims in the main proceedings.
(ii) The Government
89. The Government initially submitted that the authorities had not challenged the interim order of 7 November 2013 as it had not been issued in accordance with domestic law. In their oral submissions the Government argued that the Court had to have regard to the general situation faced by the new Government of June 2013: 400,000 illegal buildings had been constructed for a population of only 2.8 million and illegal constructions had been tolerated for twenty-five years. Accordingly, the Jon Residence having been built on the basis of a permit issued by the local authorities instead of the central authorities, had initially been considered a construction without a regular permit registered with the IPRO. Moreover, the building had not complied with urban planning. It had been under these circumstances that the NUCI and MUCI had taken action on 3 November 2013 in view of the irregularities observed during the procedures concerning the issuance of the building permit, with a view, potentially, to having the State employees responsible punished, as well as the building demolished as an administrative sanction under the Inspection of Buildings Act.
90. The Government further submitted that the interim order, for as long as it had any effect, had been complied with by the domestic authorities in that the NUCI and MUCI had not taken any unlawful action except for the actions taken on 3 November 2013. The interim order of 7 November 2013 had to be read and interpreted together with the District Court’s decision of 28 January 2014. The building had been considered by the authorities to be illegal until the adoption of the District Court’s decision of 7 November 2013. After its adoption, the authorities could no longer deal with the applicants’ building as a prima facie illegal construction. However, at the site of the Jon Residence an infrastructure project in the public interest had been planned. All other buildings had been demolished solely for the implementation of that project. The effects of the interim order had been extended until 27 November 2013, when the property had been subsequently expropriated and demolished in accordance with domestic law as it had then been presumed to be a lawful construction.
91. The Government further submitted that in fact the applicants were erroneously considering the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 as one which had not implemented the interim order. The interim order of 7 November 2013 had not prevented the expropriation procedure. It had been addressed only to the NUCI and MUCI and not the Council of Ministers. Therefore, the case in hand was different to that of Okyay and Others v. Turkey (no. 36220/97, ECHR 2005 VII), in which the circumstances were different. The interim proceedings in relation to the events of 3 November 2013 had been unrelated to the main proceedings for the demolition of the building taken from 4 to 8 December 2013 in that the interim order had not concerned the demolition of the building, only the conduct of the authorities prior to the decision on expropriation. They also pointed to the fact that during the interim proceedings before the Administrative Court of Appeal the applicants themselves had withdrawn their application for the adoption of an interim measure.
(b) The Court’s assessment
92. The Court reiterates that the execution of a judgment given by a court – including a judgment given in interim proceedings (see, amongst many other authorities, Okyay and Others, cited above, and Micallef v. Malta [GC], no. 17056/06, §§ 87-89, ECHR 2009) - is to be regarded as an integral part of the “trial” for the purposes of Article 6 of the Convention (see Hornsby v. Greece, 19 March 1997, § 40, Reports 1997 II). The right of access to a court guaranteed under that Article would be rendered illusory if a Contracting State’s legal system allowed a final binding judicial decision or an interlocutory order made pending the outcome of a final decision to remain inoperative to the detriment of one party. This principle is of even greater importance in the context of administrative proceedings concerning a dispute whose outcome is decisive for a litigant’s civil rights (see Okyay and Others, cited above, § 72).
93. The Court also reiterates that a person who has obtained a judgment against the State at the end of legal proceedings should not be expected to bring separate enforcement proceedings (see Burdov v. Russia (no. 2), no. 33509/04, § 68, ECHR 2009).
94. Turning to the present case, the Court notes that it is not in dispute that Article 6 § 1 is applicable to the interim proceedings in issue. Taking into consideration the Government’s submissions, it should firstly examine whether the interim proceedings were related to the demolition of the building which took place one month after the issuance of the interim order. Following the applicants’ explicit request to stay the adoption of all administrative decisions related to the demolition of the building (see paragraphs 17-18 above), the District Court in the operative part of its decision explicitly suspended all administrative actions of any public authority that could interfere with the peaceful enjoyment by the applicants of their respective properties. It further gave extensive reasons why the interim order had been issued (see paragraph 19 above). On 20 January 2014 the Administrative Court of Appeal noted that the consequence which the interim order had tried to stop – namely the demolition of the building – had occurred (see paragraph 22 above). Also, subsequent decisions of the domestic courts noted that the NUCI and MUCI had abusively taken arbitrary action with the aim of demolishing the building (see paragraphs 26 – 27, and paragraphs 37 and 41 above). For all the above considerations, the Court concludes that the interim order was issued with a view to preventing any possible demolition of the applicants’ building.
95. The Court will now turn to the question whether the authorities complied with the interim order of 7 November 2013. It notes that under Article 510 of the Code of Civil Procedure an interim order is directly enforceable and binding to all state institutions (see paragraphs 19 and 62 above). Turning to the present case, the Court notes that the interim order, directed to any official body, was to remain in place until a decision was given on the merits of the case (see paragraph 19 above). By contrast, by the time the domestic courts should have decided on the merits of the case, the Council of Ministers had decided that the Jon Residence should be expropriated in the public interest and the building had been demolished. Therefore, the enforcement of the interim order and the outcome of the main proceedings became redundant (see paragraphs 22 and 26-27 above). The Court also notes that the domestic courts at all levels observed that the Albanian authorities had failed to comply with the interim order (see also paragraphs 78 and 94 above).
96. In the light of the foregoing, the Court considers that the national authorities failed to comply in practice with the decision rendered by the Vlora Administrative District Court on 7 November 2013, thus depriving Article 6 § 1 of any useful effect (see, mutatis mutandis, Okyay and Others, cited above, §§ 72-73, and Kübler v. Germany, no. 32715/06, §§ 60-66, 13 January 2011).
97. There has therefore been a violation of Article 6 § 1 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 8 TAKEN ALONE AND IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
98. The applicants complained that their forcible removal from their homes without any prior notice and the seizure of the building had been in breach of Article 8 of the Convention. They further complained that the expropriation and subsequent demolition of the building had violated their right to respect for their homes under that provision. They also complained of a lack of an effective remedy in that regard.
Article 8 of the Convention reads as follows:
“1. Everyone has the right to respect for his private and family life, his home and his correspondence.
2. There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.”
A. Complaint concerning the seizure of the building
1. Admissibility
(a) In respect of the first and second applicants
99. The Court notes that the first and second applicants became owners of several flats and shops in the Jon Residence by virtue of their ownership of the plot of land (see paragraph 8 above). However, the Court notes that, the first and second applicants did not submit any documentary evidence to prove that they were actually using them as their homes or business premises (see, a contrario, Société Colas Est and Others v. France, no. 37971/97, § § 41-42, ECHR 2002 III) for the purpose of Article 8 of the Convention. Accordingly, this complaint in respect of the first and second applicants is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a) and must be rejected in accordance with Article 35 § 4. On the same basis, the Court also rejects their complaint under Article 13 of the Convention taken in conjunction with Article 8.
(b) In respect of the remaining applicants
(i) Whether the applicants have exhausted the domestic remedies
100. The Government submitted that the applicants had not complained to the domestic courts of a breach of their right to respect for their home. The applicants had only challenged the expropriation value. They had not claimed any compensation in the proceedings which had ended with the Administrative Court of Appeal’s decision of 21 January 2014; alternatively, they could have brought claims under the Civil Code, the Non-Contractual Liability of the State Act and the Inspection of Buildings Act.
101. The applicants reiterated that they had complained to the domestic courts about the seizure and surrounding of the building. They had challenged the unlawful acts of the administrative authorities (seizure, expropriation and demolition) interfering with their right to respect for their home, thereby raising at least in substance a complaint under Article 8 of the Convention.
102. The Court considers that the question of exhaustion of domestic remedies is so closely related to the merits of the applicants’ complaint of a lack of an effective remedy for the alleged interference with their right to home that they cannot be detached from it.
103. Thus, the Court holds that the issue of whether the applicants exhausted the domestic remedies should be joined to the merits of their complaint under Article 13, in conjunction with Article 8 of the Convention.
(ii) Whether the applicants lack “victim status”
104. The Government submitted that the Administrative Court of Appeal in its decision of 21 January 2014 had declared the NUCI’s actions of 3 November 2013 unlawful; therefore, the issue had already been addressed at domestic level.
105. The applicants did not submit any particular comments.
106. In the light of the foregoing (see paragraphs 76-79 above), the Court considers that the national authorities did not afford redress to the applicants in respect of their complaint of a breach of their right to respect for their home and that they can still claim to be victims of the violation alleged.
(iii) Conclusion
107. The Court considers that the applicants’ complaint under Articles 8 and 13 of the Convention are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible, without prejudice to the decision ultimately to be taken on the Government’s objection of non-exhaustion of domestic remedies.
2. Merits
(a) Compliance with Article 8 of the Convention
(i) The parties’ submissions
108. The applicants submitted that their right to respect for their home had been violated on account of their sudden, forced, unlawful and permanent eviction from their homes without any prior official notice. They alleged that on 3 November 2013 officials of the NUCI and MUCI, assisted by the State Police, had suddenly surrounded the building and cordoned it off with yellow police tape. Most of them had only learned of the situation by chance through the media or by telephone from the guards of the building. Those of them who had been inside their properties at the time had been forcibly removed and, from that moment onwards, all of them had been prevented from having access to their homes, even to recover their most essential belongings and valuables before the building was demolished. They also submitted that upon delivery of the interim decision, they had finally been allowed to return to their homes, provided they showed a certificate of ownership and a valid identity card (ID).
109. The applicants further submitted that the seizure of the building and ensuing impossibility for them to have access to their properties had not been based on a court decision. Furthermore, the seizure of the building had continued in spite of the interim order. The unlawfulness of the administrative authorities’ conduct had already been established by the domestic courts. Therefore, the seizure of the applicants’ homes and possessions had not been lawful, had not pursued a legitimate aim, and had not been proportionate to any aim pursued.
110. The Government acknowledged that there had been an interference with the applicants’ rights under Article 8 of the Convention but that interference had had a basis in law and had also pursued a legitimate aim, namely the recovery and reconstruction of the seafront of the city. As to the proportionality test, the Government submitted that a balance had been maintained between the applicants’ rights and the public interest. The applicants had also been awarded fair compensation. The circumstances in the present case were different to those in the cases of Demades v. Turkey (no. 16219/90, 31 July 2003), and Loizidou v. Turkey (merits) (18 December 1996, Reports 1996 VI).
111. Furthermore, the Government submitted that the applicants’ flats had been mainly summer homes and that they had not had to bear too much of a burden. They noted that after the interim order of 7 November 2013 the applicants themselves had admitted that they had been allowed to enter their flats. The Government also submitted that the use of yellow police crime scene tape had been standard procedure for the NUCI (see also paragraph 177 below). In their oral submissions the Government submitted that the issue was closely related to the examination of the case under Article 1 of Protocol No. 1 concerning the expropriation procedure.
(ii) The Court’s assessment
(?) Whether the Jon Residence was the applicants’ “home” within the meaning of Article 8 of the Convention
112. The Court notes at the outset that applicants nos. 3-19, as listed in the appendix, became owners of flats by virtue of purchase agreements (see paragraph 8 above). It observes that they had submitted sufficient documentary evidence showing that, upon completion of the construction works, their flats were furnished and used as holiday homes (see paragraph 9 above). It also notes that some of the applicants already started to make regular use of and lived in their flats. The Court further notes that the applicants’ flats were treated by them as a home. For all the above considerations, the Court, having regard also to the documents in the case file, concludes that although some of the applicants’ flats were used as holiday homes they qualify as “homes” for the purposes of Article 8 of the Convention as the applicants would have also formed emotional ties with their second homes (see Demades, cited above, § 34).
(ß) Whether there was an interference by a public authority with the applicants’ right to respect for their homes
113. Having established that the flats in question were the applicants’ homes for the purposes of Article 8 of the Convention, the Court has to determine whether there was an interference with their right to respect for their homes by a public authority.
114. The Court notes that the domestic courts established that the applicants had been unable to have access to their homes (see paragraphs 19, 26-27, 37 above). The Court further notes that the applicants nevertheless made clear in their written submissions that they had been allowed to return to their homes in the Jon Residence. However, that access was only possible if residents presented a certificate of ownership and valid ID to the authorities. The Court also notes that one of the residents declared during the proceedings before the District Prosecutor that he had only been allowed to enter his flat the day after he had shown the authorities his certificate of ownership (see paragraph 46 above). The fact that the District Prosecutor, following the first applicant’s criminal complaint, decided not to initiate any criminal proceedings on the grounds that on 3 November 2013 the authorities had acted in accordance with the law does not alter the decisions of the domestic courts which stated that the actions of 3 November 2013 had been arbitrary (see paragraphs 19, 26-27 and 37 above).
115. Based on the above considerations, the Court concludes that the applicants were unable to gain access to and use their homes, and that access was only possible if a certificate of ownership and valid ID were presented to the authorities. Furthermore, the Court notes that the fact that some applicants had limited access to their homes under particular conditions does not change the fact that the full and free access required by the interim order was not permitted. The Court thus finds that the police intervention, which led to the building being surrounded and the applicants being unable to gain access to and use their homes, constituted an interference by a public authority with their right to respect for their homes.
(?) Whether the interference was justified
116. According to the Court’s case-law, the expression “in accordance with the law” not only requires that the impugned measure should have some basis in domestic law, but also refers to the quality of the law in question, requiring that it should be accessible to the person concerned and foreseeable as to its effects. However, it is for the national authorities, notably the courts, to interpret and apply domestic law (see, among many other authorities, Paradiso and Campanelli v. Italy [GC], no. 25358/12, § 169, ECHR 2017).
117. The Court observes that the Government’s submissions concerning the regularity of the seizure and surrounding of the building were rejected by the domestic courts. More concretely, the District Court in its decision of 28 January 2014 concluded that the surrounding of the building had taken place without informing the owners or the construction company, and that no order had been issued by the authorities prohibiting the applicants from entering their flats (see paragraphs 19 and 26 above). That decision was upheld by the Administrative Court of Appeal in 6 May 2016 (see paragraph 27 above). The Court also notes that the interim order to remove the yellow police tape was not respected, in clear breach of national law, as the Albanian courts stated (see also paragraph 37 above). It is clear that in the present case there was no legal basis for the police intervention in the seizure and surrounding of the building. Furthermore, the requirement for the applicants to show the authorities a certificate of ownership or ID to access their properties was not based on any domestic law or a court decision. At this juncture, the Court considers it necessary to emphasise that the practice of police forces preventing people from entering their homes without any legal basis, and the seizure and cordoning off of a building contrary to domestic law, are not compatible with the rule of law in a democratic society respecting the fundamental rights and freedoms guaranteed under the Convention (see, mutatis mutandis, Khalikova v. Azerbaijan, no. 42883/11, § 128, 22 October 2015).
118. It follows that the interference in the present case cannot be considered to have been “in accordance with the law”, as required by Article 8 § 2 of the Convention. Having reached this conclusion, the Court is not required to determine whether the interference was “necessary in a democratic society” for one of the aims listed in paragraph 2 of Article 8. There has accordingly been a violation of these applicants’ right to respect for their home, within the meaning of Article 8, on account of the seizure and surrounding of the building (see among many other authorities, Khalikova, cited above, § 129, and Demades, cited above, § 37).
(b) Compliance with Article 13 in conjunction with Article 8 of the Convention
119. Having regard to its findings with respect to Article 8 of the Convention, the Court considers that the complaints under that Article were “arguable” for the purposes of Article 13 of the Convention (see, mutatis mutandis, Boyle and Rice v. the United Kingdom, 27 April 1988, § 52, Series A no. 131, and Sabanchiyeva and Others v. Russia, no. 38450/05, § 153, ECHR 2013 (extracts)).
120. The Court notes that the applicants complained about the seizure and surrounding of the building both in the interim and in the main proceedings concerning the actions of 3 November 2013, and that the domestic courts accordingly decided their claims, noting that they had been prevented from entering their homes (see paragraphs 16-19, 22, 25-26 and 94-95 above). Criminal proceedings were also brought (see paragraph 45 above). The Court notes that all those claims were made before the applicants were in a position to know that the building was to be demolished on 4 December 2013, irrespective of the property and compensation claims. In view of the above considerations, the Court accepts that the applicants did complain in substance to the domestic courts under Article 8 of the Convention – right to respect for their home.
121. As regards a claim for compensation under the Civil Code, the Non-Contractual Liability of the State Act and the Inspection of Buildings Act, the Court rejects the Government’s objections on the same grounds as previously (see paragraph 83 above).
122. Furthermore, the Court notes that the cordoning off of the building was clearly considered a violation of the applicants’ rights by the domestic courts. However, the Administrative Court did not award the applicants any compensation for this violation.
123. For the above reasons, the Court considers that there has been a violation of Article 13 in conjunction with Article 8 of the Convention. It follows that the Government’s preliminary objection of non-exhaustion in this respect must be dismissed.
B. Complaint concerning the expropriation and demolition of the building
124. The Government submitted that the applicants had failed to raise this complaint before the domestic courts. They also submitted that the Court should not examine Article 8 of the Convention separately but should do so under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
125. The applicants submitted that there had been a breach of Article 8 of the Convention on account of the demolition of their homes. Since the demolition of the building had been carried out in violation of Article 1 of Protocol No.1, it had automatically entailed a violation of Article 8 of the Convention.
126. The Court considers that it is not necessary to examine this complaint separately under Article 8 taken alone and in conjunction with Article 13 of the Convention. It considers that it is more appropriate to examine this complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention taken alone and in conjunction with Article 13 of the Convention (see paragraphs 137-175 below).
III. ALLEGED VIOLATIONS OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION TAKEN ALONE AND IN CONJUNCTION WITH ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
127. All the applicants complained that the seizure, expropriation and demolition of their properties without compensation had violated their right to the peaceful enjoyment of their possessions under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. They also complained of a lack of an effective remedy in that regard.
Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Complaint concerning the seizure of the building
1. Admissibility
128. The Government did not submit any specific objections concerning the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. Their arguments were essentially focused on the inadmissibility of the applicants’ complaints concerning the demolition of the property and the expropriation procedure.
129. The Court, taking into consideration the findings concerning the admissibility of complaints under Articles 8 and 13 of the Convention (see paragraphs 100-107 above) and that the first and second applicants complained about a breach of their property rights also in respect of their flats and business premises, notes that these complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) The parties’ submissions
130. The applicants raised the same arguments as those submitted in respect of Article 8 of the Convention and Article 13 in conjunction with Article 8 of the Convention.
131. The Government submitted that the applicants had not been deprived of their properties and hindered in their access for similar reasons to the Demades case (cited above) as they had been expropriated in the public interest in exchange for fair compensation.
(b) The Court’s assessment
(i) General principles
132. The Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1, which guarantees in substance the right of property, comprises three distinct rules. The first rule, which is set out in the first sentence of the first paragraph, is of a general nature and enunciates the principle of peaceful enjoyment of property. The second rule, contained in the second sentence of the same paragraph, covers deprivation of possessions and subjects it to certain conditions. The third rule, stated in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, amongst other things, to control the use of property in accordance with the general interest, by enforcing such laws as they deem necessary for the purpose. However, the rules are not “distinct” in the sense of being unconnected. The second and third rules are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property and should therefore be construed in the light of the general principle enunciated in the first rule (see, among many other authorities, James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 37, Series A no. 98; and Sargsyan v. Azerbaijan [GC], no. 40167/06, § 217, ECHR 2015).
133. The first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful: the second sentence of the first paragraph authorises a deprivation of possessions only “subject to the conditions provided for by law” and the second paragraph recognises that States have the right to control the use of property by enforcing “laws”. Moreover, the rule of law, one of the fundamental principles of a democratic society, is inherent in all the Articles of the Convention. It follows that the issue of whether a fair balance has been struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights becomes relevant only once it has been established that the interference in question satisfied the requirement of lawfulness and was not arbitrary (see, among many other authorities, Serkov v. Ukraine, no. 39766/05, § 33, 7 July 2011).
(ii) Application to the present case
134. The Court notes that, as established by the domestic courts, as a consequence of the fact that the applicants were refused access to their properties for a period of one month from 3 November to 4 December 2013, they effectively lost complete control over their properties, and the opportunity to use and enjoy them. The continuous denial of access for a period of one month must therefore be regarded as an interference with their rights under Article 1 of Protocol No. 1. Such an interference, in the view of the fact that the measures were taken with the purpose of demolishing the Jon Residence between 4 and 8 December 2013, clearly falls within the meaning of the first sentence of that provision as an interference with the peaceful enjoyment of possessions. Based on the reasons given by the domestic courts, the Court notes that the Government did not provide any legal justification whatsoever for this interference. The Court observes, as it did under Article 8 of the Convention above, that the seizure and surrounding of the Jon Residence with yellow police tape, and impeding the applicants’ use of their properties for about one month, were not lawful under domestic law because the authorities disregarded the interim order issued by the domestic courts.
135. For the above reasons, the Court concludes that there has been a violation of Article 1 of Protocol no. 1 to the Convention.
136. As regards the complaint under Article 13 in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, the Court notes that the applicants were not awarded any compensation by the domestic courts concerning the seizure of the building. The applicants did not therefore have any effective remedy at their disposal for the purpose of Article 13 of the Convention. Accordingly, it concludes that there has been a violation of Article 13 in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
B. Complaint concerning the expropriation and demolition of the property
1. Admissibility
(a) Whether the applicants have exhausted domestic remedies
(i) Government’s submissions
137. The Government submitted that the applicants’ appeal pending before the Supreme Court was an effective remedy. The proceedings had been stayed under Article 479 of the CCP on the grounds that the State had been unable to pay the compensation all at once. They submitted that the Council of Ministers had approved the decision of 5 February 2014 in order to prevent the accumulation of financial debts stemming from judicial decisions and the adequate planning of their payment. Under the Gjyli judgment (cited above) and Article 479 of CCP, the final decision on compensation would be the Supreme Court’s decision. They also submitted domestic case-law according to which legal proceedings to challenge the amount of compensation had been successful at domestic level (see paragraph 56 above). The proceedings before the Supreme Court had not been excessively long, taking into account the complexity of the case, the need to call different experts for the valuation of the property and the backlog before it. They further submitted that the Albanian authorities, in view of an ongoing reform in the justice system, were taking measures to address the length of judicial proceedings at domestic level.
138. In their oral submissions the Government stressed that the applicants had failed to seek compensation from the domestic authorities on the basis of the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 as amended by its decision of 9 April 2014, which had been the only enforceable decision at domestic level to date. The expropriation value had been available to the applicants for three years but they had failed to say to which bank account the award should be transferred. The additional compensation had not yet been awarded by a final decision.
139. Furthermore, the applicants had had the following remedies at their disposal: property rights claims, claims for possession and claims under the Inspection of Buildings Act, all of which were compensatory.
140. The Government further submitted that the applicants had failed to challenge the decision to demolish the Jon Residence before the domestic courts. They could have applied for an interim order to stay the demolition of the building since they had known about the demolition from at least 27 November 2013, the date of the Council of Ministers’ decision, or alternatively from 28 November 2013, when the Prime Minister had declared that the Lungomare project would be constructed, or from 3 December 2013, when the Council of Ministers’ decision had been published, until 8 December 2013, when the building had been demolished. Furthermore, the applicants had failed to challenge the alleged “de facto expropriation” (shpronësim de facto) under section 26 of the Expropriation Act. The unlawfulness of the expropriation procedure had not been part of the claim lodged with the domestic courts.
141. The Government also submitted that the applicants had failed to complain to the domestic courts about their movable property and the relevant compensation. In any case, from 7 November 2013 to 8 December 2013 the applicants had had all the time needed to remove their movable property.
(ii) Applicants’ submissions
142. The applicants contended that their appeal pending before the Supreme Court was not an effective remedy for the purposes of Article 13 of the Convention. Firstly, the proceedings concerned only the amount of compensation due to them for the unlawful expropriation and not the issue of whether the demolition had been in breach of their right to respect for their home and property. Secondly, the proceedings had been pending since 2013 and despite repeated requests by them for the case to be dealt with urgently, not even the first hearing had been scheduled. Thirdly, the proceedings had no reasonable prospect of success since it was unlikely that the Supreme Court would allow their appeal and rule against the Government and order them to pay them compensation at full market value, considering both the high political profile of the present case and the broader context of growing governmental interferences in the administration of justice. They relied on Kozac?o?lu v. Turkey ([GC], no. 2334/03, 19 February 2009). Lastly, even if the appeal before the Supreme Court turned out to be successful, the decision was doomed to remain unexecuted as the Government had clearly shown no intention of complying with the domestic decisions or even its own decisions. Payment of compensation was thus at the State’s discretion and dependent on their willingness. They relied on Driza v. Albania (no. 33771/02, §§ 119-120, ECHR 2007 V (extracts)).
143. As regards the applicants’ asserted failure to seek compensation, they submitted that they had done so (see paragraph 57 above).
144. The applicants further submitted that the ordinary judicial remedies available at domestic level could not be considered effective given that they did not allow them to assert their right to full redress for the adverse consequences of the unlawful deprivation of their property.
145. The applicants further submitted that the expropriation procedure had only lasted three days. Therefore, they could in no way have preventively challenged the unlawfulness of the authorities’ actions before the domestic courts before the demolition of the building had actually been carried out. They had only learned of the Council of Ministers’ decision on 3 December 2013. They also submitted that the administrative courts had duly assessed the unlawfulness of the expropriation procedure. They had challenged the expropriation decision both on substantive and procedural grounds and the domestic courts had explicitly acknowledged that the expropriation had been invalid under domestic law.
146. The applicants submitted that they had had no time to save their most essential belongings and valuables before the building was demolished.
(iii) Court’s assessment
147. The Court considers that the question of exhaustion of domestic remedies is so closely related to the merits of the applicants’ complaint of a lack of an effective remedy for the alleged interference with their property rights that they cannot be detached from it.
148. Thus, the Court holds that the issue of whether the applicants exhausted domestic remedies should be joined to the merits of their complaint under Article 13, in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
(b) Whether the applicants lack “victim status”
149. The Government further submitted that the domestic courts at all levels had found in the applicants’ favour. They had allowed the parties to present their claims on all issues on the merits and had drawn the relevant conclusions. Therefore, the applicants lacked victim status.
150. The applicants submitted that to date they had not received any compensation and that there was no prospect of them ever receiving payment.
151. Referring to the applicable principles in respect of victim status (see paragraphs 76-77 above), the Court notes that the first criterion, namely acknowledgment of a violation, has been met. Both the District Court and the Court of Appeal found that the Expropriation Act had been breached and that the authorities had “de facto expropriated” (shpronësuar de facto) the applicants’ properties. An appeal has been pending before the Supreme Court since 2014. As to the second criterion, the Court notes that both courts awarded compensation to the applicants and that the Court of Appeal increased the amount of that compensation. However, the Court notes that the Ministry of Finance approved a fund of only EUR 3,460 for the implementation of the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013, that is to say one thousand times less than the amount awarded in the decision. Even that amount has not yet been paid to the applicants (see paragraph 34 above). Under domestic law, expropriation should be made against fair compensation. Furthermore, in its own case-law the Court has recognised that the mere acceptance of a violation without adequate compensation does not deprive the applicants of their victim status. The Court, taking into consideration the fact that the applicants have not received any compensation for the demolition of their properties (see also paragraph 153 below), and that no sufficient relief has been provided to them to date at domestic level, meaning that they continue to suffer the consequences of a breach of their rights, considers that the applicants thus retain victim status for the purposes of this complaint (see Almeida Garrett, Mascarenhas Falcão and Others v. Portugal, nos. 29813/96 and 30229/96, § 54, ECHR 2000 I; Önery?ld?z v. Turkey [GC], no. 48939/99, § 156, ECHR 2004 XII; and Montanaro Gauci and Others v. Malta, no. 31454/12, §§ 41-48, 30 August 2016).
(c) Conclusion
152. The Court considers that the applicants’ complaints under Articles 1 of Protocol No. 1 to the Convention and Article 13 of the Convention are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible, without prejudice to the decisions ultimately to be taken on the Government’s objections of non-exhaustion of domestic remedies.
2. Merits
(a) Compliance with Article 13 in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention
153. The Court notes that the case regarding the level of compensation has been pending before the Supreme Court since 2014. On 15 January 2015 the Supreme Court stayed the proceedings, without giving any reasons (see paragraphs 42- 43 above). The Court notes that the applicants have not to date been compensated at all, not even in the amount awarded under the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013. In addition, the Court notes that the Council of Ministers, by its decision of 9 April 2014, unilaterally reduced the amount of compensation as awarded by the District Court’s decision of 6 March 2014, and that only EUR 3,460 have been allocated so far to the applicants. Therefore, in the circumstances of this case, the duration, and in particular the lengthy stay, of the Supreme Court proceedings further exacerbates the applicants’ situation. A delay of four years in paying compensation to the applicants, who have lost their homes and belongings, cannot be considered effective for the purposes of effective compensation. Such a delay already constitutes a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see Önery?ld?z cited above, § 137). The Court also notes that, in view of the lack of compensation, the applicants were denied an effective remedy for the alleged breach of their rights under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see Önery?ld?z, cited above, § 156).
154. Furthermore, the Court reiterates that is has already noted on many occasions that it is not open to a State authority to cite lack of funds as an excuse for not honouring a judgment debt (see, among many other authorities, Burdov v. Russia, no. 59498/00, § 35, ECHR 2002 III).
155. The Court also notes that even though the applicants did not submit the request sent to the Vlora Municipality seeking the payment of compensation to the Court, they did submit the IPRO’s reply of 29 January 2014 stating that it was unable to issue a certificate of ownership for a property that no longer existed (see paragraphs 32 and 57 above). It appears that the authorities had asked for the applicants’ certificates of ownership as a supporting document when they sought compensation. The Court notes that, under the Expropriation Act, it is up to the authorities to initiate the relevant compensation proceedings (see paragraph 63 above). Therefore, the Court considers that, in such cases, owners should not be expected to incur the expense and burden of instituting proceedings to ensure the authorities’ fulfilment of their legal obligation (see, mutatis mutandis, Apostol v. Georgia, no. 40765/02, §§ 64-65, ECHR 2006?XI, and Frendo Randon and Others v. Malta, no. 2226/10, § 65, 22 November 2011, in relation to enforcement proceedings).
156. The Court notes that the Government failed to specify what remedies under domestic law they were referring to in respect of property rights claims and claims for possession (see also paragraph 139 above). In any event, the Government made a similar argument under the Inspection of Buildings Act in the context of the complaint under Articles 6 § 1 and 13 which was rejected by the Court (see paragraph 83 above).
157. As regards the purported failure to bring a challenge against the demolition order and the ensuing interim order prohibiting the authorities from carrying out the demolition, the Court is not convinced by the Government’s argument, having regard to the particular circumstances of the case. An applicant who has exhausted a remedy that is apparently effective and sufficient cannot be required also to have tried others that were available but probably no more likely to be successful (see O’Keeffe v. Ireland [GC], no. 35810/09, §§ 109-111, ECHR 2014 (extracts)), and the cases cited therein). The applicants requested the authorities to refrain from any future actions in respect of the building with a view to its demolition. The judicial authorities granted the interim order to that effect, which was disregarded by the executive authorities and became futile. Therefore, the Court is left to wonder how a similar remedy could have been effective. At no point did the authorities inform the applicants or the construction company of the demolition of the property or the initiation of the expropriation procedure (see paragraphs 36-38 and 41 above). In view of the above, the applicants had no apparent opportunity to challenge the demolition when no demolition order had been issued except the Council of Ministers’ decision on expropriation, or to apply for a new interim order.
158. The Court also notes that while it is true that the applicants did not specifically lodge a claim with the domestic courts to have the expropriation procedure acknowledged as invalid, they expressly complained to the domestic courts of the unlawfulness of those proceedings. The domestic courts found that the expropriation had been unlawful and that a “de facto expropriation” (shpronësim de facto) had taken place. Accordingly, they found that the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 had been adopted in gross procedural violations and accordingly amended the amount of compensation. Therefore, the Court finds it difficult to accept that a claim under section 26 of the Expropriation Act could have been successful and redressed the applicants’ situation at a time when, as the District Court noted in its decision of 6 March 2014, the applicants were prevented from being returned to their previous situation.
159. As regards the applicants’ complaints about their movable property, assuming that they were told to move their belongings on 4 December 2013 (see paragraph 51 above), the Court is left to wonder how and when the applicants could have moved their movable property to other places when on the day that they were told to do so, the authorities had continued with the demolition of the building. Furthermore, the Court notes that in the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 the authorities failed to decide the issue of the applicants’ movable property, no assessment being made as to that property.
160. For all the above reasons, the Court concludes that there has been a violation of Article 13 in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. It follows that the Government’s objection about the non exhaustion of domestic remedies must be dismissed.
(b) Compliance with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention
(i) The applicants’ submissions
161. The applicants alleged a breach of their property rights as a result of the unlawful expropriation and demolition of the building in violation of the Expropriation Act and in disregard of the interim order, and the authorities’ failure to pay them any compensation. They submitted that they had had all the necessary permits, the residence had been built in full conformity with the provisions of the building permit and domestic law, and that they themselves had bought their properties in good faith. The authorities had ignored the interim measure and accelerated the expropriation procedure with a view to demolition. The expropriation order had been adopted on Wednesday 27 November 2013 and the following two days had been public holidays. On 2 December, the first working day thereafter, the mayor of Vlora had requested the NUCI’s assistance in demolishing the Jon Residence before the Council of Ministers’ decision had even been published in the Official Gazette. Therefore, in no way could they have preventively challenged in court the lawfulness of the authorities’ actions before the demolition of the building had actually been carried out.
162. The interference with their property rights had been unlawful and contrary to the Expropriation Act because, amongst other reasons, no application for expropriation had been submitted by the Vlora Municipality to the competent minister, no preliminary assessment had been carried out by the competent ministry, and no public notice of the planned expropriation had been given, let alone direct notification to them. The statutory time-limits had been disregarded. The expropriation procedure had lasted only three days. The disregard of the procedural safeguards provided for by law had made it impossible for them to present their case to the competent authorities challenging the interference with their property rights. The applicants further submitted that the expropriation and demolition of the Jon Residence had not pursued any legitimate objective in the public interest at the time of the expropriation. Ostensibly the expropriation had been ordered for purposes of environmental rehabilitation of the coastline. However, the Prime Minister had publicly announced that the expropriation had been necessary in order to build the so-called “Lungomare of Vlora” for leisure and tourism purposes.
163. Furthermore, the Albanian authorities had failed to establish a fair balance between the competing interests. They should have carried out a preventive building inspection to assess possible opposing interests well before issuing legitimate building permits and not arbitrarily change their mind immediately after the building had been completed. The applicants submitted that they had not received any compensation to date and were uncertain as to whether they might receive any at all. Furthermore, they had not received any compensation for the loss of their movable assets and personal belongings. They submitted that the stay of execution of the Court of Appeal’s decision on 15 January 2015 by the Supreme Court had had nothing to do with the 2014 Council of Ministers’ decision on compensation, which was still in force, and for unspecified reasons remained unexecuted. They also claimed an arbitrary legislative interference as a result of the Council of Ministers’ decision of 9 April 2014 which had unilaterally decreased the amount of compensation awarded for the deprivation of their property under the District Court’s decision of 6 March 2014.
(ii) The Government’s submissions
164. The Government initially submitted that since the proceedings were still pending before the Supreme Court, it was impossible for them to provide their opinion with regard to Article 1 Protocol No. 1. In their oral submissions they reiterated that, while acknowledging that there had been an interference with the applicants’ property rights on account of the expropriation procedure, there had been no interference with the applicants’ property rights as a result of the actual demolition. According to the Government, there had existed a legitimate aim in the public interest for the applicants’ expropriation, namely the realisation of the infrastructure project, which also included a reclassification of the area and an environmental intervention, mainly due to problems of flooding in the area. Despite the difficulties encountered, the project was now complete and most of Lungomare had come into use. The expropriation procedure had been undertaken in accordance with domestic law and the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013. It was on that basis that the Vlora Municipality had requested the assistance of the NUCI with the demolition of the property. According to the Government, the applicants had been aware that a legitimate reason for the expropriation had existed, that is why they had only challenged the expropriation value before the domestic courts. Even supposing that the expropriation had been declared invalid, that would have simply delayed matters – an expropriation would have taken place one day. The domestic courts had amended the Council of Ministers’ decision of 27 November 2013 concerning the amount of compensation but not the expropriation. The applicants had claimed for the first time before the Court that the expropriation had not been legitimate or in the public interest. Furthermore, the Council of Ministers had amended its own decision of 27 November 2013 with its decision of 9 April 2014 because at the time it had considered that the decision of 27 November 2013 had lacked certain elements (some of the residents had been excluded). The Council of Ministers’ decision of 9 April 2014 was unrelated to the domestic courts’ decisions of 6 March and 23 September 2014.
(c) The Court’s assessment
(i) General principles
165. Regarding whether or not there has been an interference, the Court reiterates that, in determining whether there has been a deprivation of possessions within the second “rule”, it is necessary not only to consider whether there has been a formal taking or expropriation of property but to look behind the appearances and investigate the realities of the situation complained of. Since the Convention is intended to guarantee rights that are “practical and effective”, it has to be ascertained whether the situation amounted to a de facto expropriation (see Brum?rescu v. Romania [GC], no. 28342/95, § 76, ECHR 1999 VII, and Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, §§ 63 and 69-74, Series A no. 52).
166. The taking of property can be justified only if it is shown, inter alia, to be “in the public interest” and “subject to the conditions provided for by law” (see Jahn and Others v. Germany [GC], nos. 46720/99, 72203/01 and 72552/01, § 91, ECHR 2005-VI; Immobiliare Saffi v. Italy, [GC], no. 22774/93, § 49, ECHR 1999-V; and, mutatis mutandis, Fleri Soler and Camilleri v. Malta, no. 35349/05, § 65, 26 September 2006). Any interference with property must also satisfy the requirement of proportionality. As the Court has repeatedly stated, a fair balance must be struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights, the search for such a fair balance being inherent in the whole of the Convention. (see Sporrong and Lönnroth, cited above, §§ 69-74, and Brum?rescu, cited above, § 78).
167. Compensation terms under the relevant legislation are material to the assessment of whether the contested measure respects the requisite fair balance and, notably, whether it imposes a disproportionate burden on the individuals (see Jahn and Others, cited above, § 94). In this connection, the taking of property without payment of an amount reasonably related to its value will normally constitute a disproportionate interference, and a total lack of compensation can be considered justifiable under Article 1 of Protocol No.1 only in exceptional circumstances (see The Holy Monasteries v. Greece, 9 December 1994, § 71, Series A no. 301-A). However, while it is true that in many cases of lawful expropriation only full compensation can be regarded as reasonably related to the value of the property, Article 1 of Protocol No. 1 does not guarantee a right to full compensation in all circumstances. Legitimate objectives in the “public interest”, such as those pursued in measures of economic reform or measures designed to achieve greater social justice, may call for less than reimbursement of the full market value (see Urbárska Obec Tren?ianske Biskupice v. Slovakia, no. 74258/01, § 115, ECHR 2007-XIII).
168. The Court reiterates, however, that the adequacy of the compensation would be diminished if it were to be paid without reference to various circumstances liable to reduce its value, such as unreasonable delay. Abnormally lengthy delays in the payment of compensation for expropriation lead to increased financial loss for the person whose property has been expropriated, putting him in a position of uncertainty (see Akku? v. Turkey, 9 July 1997, § 29, Reports 1997-IV).
(ii) Application of the above principles to the present case
169. The Court notes that it is undisputed that the applicants had “a possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. They had purchased the flats in good faith, whereas the first and second applicants had given their plot of land for construction and had subsequently enjoyed ownership of several flats and shops. The Court notes that even though an interim order was issued by the domestic courts prohibiting the authorities from taking any other action on the Jon Residence, the applicants could not enjoy their properties.
170. The Court notes that the demolition of the building deprived the applicants of any future possibility of enjoying their properties. In these circumstances, there has been an interference with the applicants’ property rights in the form of “a deprivation” within the meaning of the second sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1.
171. The Court must therefore now determine whether this deprivation was justified in accordance with the requirements of Article 1 of Protocol No. 1. In the instant case the lawfulness of the demolition has been disputed by the parties.
172. The Court notes that on 3 November 2013 the authorities cordoned off the building, alleging that it was illegal. On 7 November 2013 the domestic court ruled that the authorities’ actions of 3 November 2013 had been unlawful and accordingly issued an interim order. On 27 November 2013, despite the interim order and twenty days after it had been issued, the Council of Ministers issued the decision to expropriate the applicants’ properties, without informing them or the construction company. By 8 December 2013 the building had already been demolished. Taking into consideration the described sequence of events, the Court finds that legitimate concerns arise about the adequacy of a procedure whereby the authorities could decide, in such a short time, to expropriate the applicants’ properties in the public interest, and immediately proceed with the demolition. The Court also notes that in their decisions the domestic courts concluded that both the authorities’ failure to comply with the interim order, and the demolition of the Jon Residence had been unlawful. Therefore, the Court, as the domestic courts rightly pointed out (see paragraphs 36, 38 and 41 above), concludes that in the present case the whole procedure on the applicants’ expropriation was carried out hastily and was thus not in accordance with domestic law.
173. The Court further considers that the taking of the Jon Residence entailed sufficiently serious consequences for the applicants as their properties had been unlawfully dispossessed, in a manner incompatible with their right to the peaceful enjoyment of their possessions (see, among many other authorities, Iatridis, cited above, Papamichalopoulos and Others v. Greece, 24 June 1993, Series A no. 260 B, Kolona v. Cyprus, no. 28025/03, §§ 70-78, 27 September 2007, Loizidou, cited above, §§ 63-64, and Demades, cited above, § 46).
174. In view of all the above, the Court considers that the interference in question was manifestly in breach of Albanian law and, therefore, unlawful (see paragraph 133 above concerning the relevant principles). It was accordingly incompatible with the applicants’ right to the peaceful enjoyment of their possessions. This conclusion makes it unnecessary to ascertain whether a fair balance was struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights.
175. There has, accordingly, been a breach of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention an account of the expropriation and demolition of the applicants’ properties.
IV. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION
A. Complaints under Article 6 § 2 of the Convention
176. The applicants submitted that the use of yellow tape by the police for over six weeks to prevent them from having access to their homes had amounted to a breach of the presumption of innocence under Article 6 § 2 of the Convention.
They also complained that the Prime Minister, members of the Government and other high-ranking police officers had made numerous statements in the press aimed at creating doubts as to their innocence. They also relied on the fact that criminal proceedings had been instituted against State officials for abuse of power concerning the regularity of the restitution process in respect of the applicants’ properties.
Article 6 § 2 of the Convention, in so far as relevant, reads as follows:
“2. Everyone charged with a criminal offence shall be presumed innocent until proved guilty according to law...
177. The Government submitted that the applicants had not raised this complaint before the domestic courts. Moreover, no criminal charge had been brought against the applicants. They also argued that the use of yellow police “crime scene” tape was standard procedure for the NUCI for the suspension of any possible activity in a building where the lawfulness of the building permit was in question. They further submitted that the authorities had never mentioned the applicants’ names in the media. No investigation had taken place against them either. In their oral submissions the Government submitted that Article 6 § 2 was not applicable.
178. The Court reiterates that Article 6 § 2 of the Convention applies only when a criminal accusation is pending. Where no such proceedings are, or have been in existence, statements attributing criminal or other reprehensible conduct may, nevertheless, be relevant to considerations of protection against defamation and adequate access to court to determine civil rights and raising potential issues under Articles 8 and 6 of the Convention (see Zollmann v. the United Kingdom (dec.), no. 62902/00, ECHR 2003-XII). In the absence of a criminal charge against the applicants the Court concludes that Article 6 § 2 of the Convention is not applicable. This part of the application is therefore incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention, within the meaning of Article 35 § 3. Furthermore, the Court notes that the applicants failed to substantiate their allegations in this respect. Therefore, in any event this part of the application is manifestly ill-founded. For all the above reasons, it must be rejected pursuant to Article 35 § 4 of the Convention.
B. Complaints under Article 8 of the Convention
179. The applicants also complained of the right to reputation as guaranteed under the head of “private life” by Article 8 of the Convention for the same reasons as given earlier (see paragraph 176 above).
180. The Government submitted the same arguments as those made under Article 6 § 2 of the Convention.
181. The Court notes that there is no documentary evidence in the case file that any statement made by public officials cast doubts on the applicants’ innocence, or that declarations of members of the Government or statements of other high-ranking officials, the institution of criminal proceedings against police officers for abuse of power, or the cordoning off the building with yellow police tape, were directed against the applicants’ reputation (see paragraphs 13-14 and 44-47 above). Therefore, in the light of all the material in its possession, and in so far as the matters complained of are within its competence, the Court finds that they do not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention or its Protocols. It follows that this part of the application is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 (a) and 4 of the Convention.
C. Alleged violation of Article 14 read in conjunction with Article 6 § 1 and Article 8 of the Convention as well as Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention
182. The applicants submitted that they had been discriminated against because the Jon Residence had been the only legally constructed building that the authorities had demolished, whereas all the other buildings situated on the Lungomare promenade had been illegally constructed.
Article 14 of the Convention, reads as follows:
“The enjoyment of the rights and freedoms set forth in [the] Convention shall be secured without discrimination on any ground such as sex, race, colour, religion, political or other opinion, national or social origin, association with a minority, property, birth or other status.”
183. The Government submitted that the applicants had not raised this complaint before the domestic authorities. They further submitted that there had been no violation of Article 14 of the Convention as the procedure followed by the NUCI and MUCI in the present case had been the same as that followed in other cases where the authorities had demolished other buildings.
184. The Court notes that the applicants failed to raise this complaint before the domestic courts, even in substance. It therefore follows that this part of the application must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 (a) and 4 of the Convention.
V. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
185. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
(a) The parties’ submissions
186. The applicants initially claimed the following amounts in respect of pecuniary damage:
(i) EUR 14,222,986.00, on the basis of an expert report, to be divided among the applicants proportionally according to the surface area of their properties in the Jon Residence;
(ii) EUR 20,000.00 on an equitable basis to each applicant as an additional amount for loss of opportunities resulting from the unlawful seizure, expropriation and demolition of the building.
(iii) EUR 15,000.00 on an equitable basis to applicants nos. 3-19 as listed in the appendix, for the loss of their belongings, valuables, furniture and household items as a result of the demolition of the building. The first applicant also claimed EUR 15,000.00 on an equitable basis for the loss of equipment and furniture owned in his Bar-Restorant. They submitted that since the building had been demolished it was impossible for them to precisely quantify the amount of damages or to provide accurate evidence of the movable properties that had been destroyed.
(iv) An additional amount to the first and second applicants in respect of interest accrued on the last instalment of a bank loan (taken for the construction of the building) at a rate of 7 %, from 27 November 2013 to the date of the delivery of the judgment by the Court. They submitted that the applicants had taken a mortgage of ALL 397,920,600.00 (approximately EUR 3 million) and had already paid back two thirds before the demolition of the building. The applicants still owe the final instalment of EUR 903,350.000 to Banka Credins. Following the demolition of the Jon Residence, the applicants have been unable to pay off the remaining instalment and considerable interest has started to accrue at an annual LIBOR interest rate of 7 %.
187. The Government contended that as long as the applicants’ claims for compensation in respect of pecuniary damage were the subject of judicial proceedings pending at domestic level and partially had not been raised in the domestic courts, they should be rejected as an abuse of the right of application. Therefore, the applicants’ claims under Article 41 of the Convention were premature. The applicants could not be compensated twice. The amounts were exaggerated, speculative, and unsubstantiated. The applicants had also failed to lodge a claim with the domestic courts for pecuniary damage for loss of profit, the interest of the loan taken with the bank and the alleged damage for the loss of movable assets and buildings. The applicants had further failed to itemise their claims. Furthermore, no compensation had to date been paid to the applicants on the grounds that the proceedings were pending before the Supreme Court, not because of the authorities’ unwillingness. Their case was different from the case of Driza (cited above).
188. On 3 May 2017, in reply to the Court’s letter in preparation for the oral hearing, asking inter alia for any additional documentary material on which they wished to rely at the hearing before the Court, the applicants submitted additional claims in respect of pecuniary damage. They submitted an expert report, in which the calculation of the pecuniary damage had been based on the market values indicated in their first observations, EUR 1,600 per square metre in respect of the residential premises, and EUR 2,200 in respect of the business premises. The net value of the expropriated surface area (8,218.15 square metres), which amounted to EUR 14,222,986.00, had been further adjusted in line with inflation rates in Albania for the period 27 November 2013 (the date of the unlawful expropriation) to 31 March 2017. Furthermore, statutory interest on the capital progressively adjusted had been added for the period 27 November 2013 (the date of the unlawful expropriation) to 23 May 2017 (the date of the public hearing before the Court). In the light of the above, each applicant made the following claims in respect of the pecuniary damage they had suffered as a result of the demolition of the Jon Residence:


OMISSIS
189. The applicants also submitted photographs of their furnished flats before they were demolished.
190. The above documents of 3 May 2017 were included in the case file under Rules 54 and 64 of the Rules of the Court and the Government was invited to submit any comments on them at the hearing.
191. In their oral submissions the Government submitted that the Article 41 claim was premature.
192. In their oral submissions the applicants submitted that since the building had been taken unlawfully and restitutio in integrum was impossible, they were entitled to compensation corresponding at the very least to the full market value of the property at the date of expropriation. Apart from the fact that no compensation had yet been paid, the amount awarded by the Council of Ministers in 2014 was disproportionately low and inadequate to mitigate sufficiently the prejudicial consequences for the loss of their properties. That amount was only one-third of the amount for which they had purchased their flats, and a smaller proportion still of the value of their properties at the time of expropriation.
(b) The Court’s assessment
193. The Court reiterates that a judgment in which it finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation to put an end to the breach and make reparation for its consequences in such a way as to restore as far as possible the situation existing before the breach (see, among many other authorities, Scordino, cited above, § 246). If domestic law does not allow – or allows only partial – reparation to be made for the consequences of the breach, Article 41 empowers the Court to afford the injured party such satisfaction as it deems appropriate. The Court enjoys a certain discretion in the exercise of that power, as the adjective “just” and the phrase “if necessary” attest. Among the matters which the Court takes into account when assessing compensation are pecuniary damage, that is the loss actually suffered as a direct result of the alleged violation, and non pecuniary damage, that is reparation for the anxiety, inconvenience and uncertainty caused by the violation (see Comingersoll S.A. v. Portugal [GC], no. 35382/97, § 29, ECHR 2000?IV).
194. The Court further notes that the rule that domestic remedies should be exhausted does not apply to just satisfaction claims submitted to the Court under Article 41 (formerly Article 50) of the Convention (see De Wilde, Ooms and Versyp v. Belgium (Article 50), 10 March 1972, §§ 15 16, Series A no. 14, and Salah v. the Netherlands, no. 8196/02, §§ 67, ECHR 2006 IX (extracts)).
195. The unusual situation has arisen whereby applicants have presented just satisfaction claims to the Court under Article 41 of the Convention even though claims to the same effect are pending before a domestic court. The Court has held on an earlier occasion that it cannot allow proceedings before it and proceedings in a domestic court aimed at precisely the same intended result to be actively pursued in parallel. Normally, it will make little difference whether such parallel domestic proceedings are already pending at the time when the application is lodged with the Court, in which case the application will be inadmissible under Article 35 § 1 of the Convention, or whether the application is lodged with the Court first (see Salah, cited above, §§ 65-66).
196. The present case, however, does not fit the usual mold. The Court has found the proceedings available to the applicants not to constitute effective domestic remedies. In these circumstances, the Court cannot consider itself prevented by the pending domestic proceedings from examining the applicants’ claims: such an interpretation of Article 41 of the Convention would make this provision ineffective in a case such as the present (see, mutatis mutandis, Mikheyev v. Russia, no. 77617/01, § 155, 26 January 2006, and Frendo Randon and Others, cited above, § 77).
197. The Court further considers that by awarding amounts for damage at this stage there is no risk that the applicants will receive the said dues twice, as the national jurisdictions would inevitably take note of this award when deciding the case (see, mutatis mutandis, Serghides and Christoforou v. Cyprus (just satisfaction), no. 44730/98, § 29, 12 June 2003; Serrilli v. Italy (just satisfaction), no. 77822/01, § 17, 17 July 2008, and Silva Barreira Júnior v. Portugal, nos. 38317/06 and 38319/06, § 40, 11 January 2011).
198. Turning to the applicants’ claim for pecuniary damage, having regard to the fact that the pending proceedings before the Supreme Court have not yet changed the applicants’ situation, and that the Court of Appeal in its decision of 23 September 2014 based its calculation of the pecuniary damage on an experts’ report which took into consideration the development of the property, the open market value, an analysis of the values of sales and rents of similar properties, and a comparison of sale prices with similar properties in the same area, the Court concludes that the applicants should be awarded the amount of compensation as decided by the Court of Appeal in that decision, namely EUR 1,155 per square metre in respect of the flats and EUR 2,000 per square metre in respect of business premises (see Guiso Gallisay, cited above, § 105, and paragraphs 38 and 41 above). The Court further notes that interest will have to be paid on this amount so as to offset, at least in part, the four-year period during which the applicants were deprived of the land. In the Court’s opinion the interest should take the form of simple statutory interest based on the European Central Bank interest rates. Having regard to the above, the Court awards the applicants, jointly, EUR 13,098,600. The compensation is to be paid in the same manner as provided for in the decision of 23 September 2014, that is to say on the basis of the size of each applicant’s property and in one lump sum (see paragraph 41 above).
199. The Court considers that the applicants’ complaint of loss of opportunities should be rejected. The applicants failed to elaborate this claim and specify what type of opportunities they are claiming to have lost.
200. As regards the payment of compensation in respect of the loss of movable property, the Court notes that the applicants submitted photographs of their furnished flats without specifying to whom the movable property belonged. However, the Court notes that it is undisputed that some of the flats were furnished. Furthermore, the day that the applicants were told to move their movable properties, the authorities had continued with the demolition of the building (see paragraph 51 above). The Court also notes that the applicants learned about the expropriation only on 3 December 2013, the demolition had started to take place the next day. In these circumstances, having regard to the short time the proceedings had been conducted, the Court concludes that it had been impossible for the applicants to submit before the Court detailed documentary evidence. For all the above considerations, the Court finds it more appropriate to take this fact into consideration when considering the applicants’ claim for non pecuniary damage.
201. As regards the first and second applicants’ claims in respect of the loan taken with their bank, the Court does not discern any causal link between the violation found and the pecuniary damage alleged; it therefore rejects this claim.
2. Non-pecuniary damage
202. The applicants also claimed EUR 100,000 each in respect of non pecuniary damage, alleging that the authorities’ actions had caused them severe moral suffering. They submitted that a number of factors had to be taken into account, such as the frustration and anxiety stemming from being powerless witnesses to the abuses perpetrated by the Albanian authorities and from not being able to prevent the unlawful demolition of their properties, as well as the prolonged state of anxiety arising from not knowing whether they would ever be able to recover any compensation. They also drew attention to the situation of the first and second applicants, who had been investors in the Jon Residence and had eventually been forced to shut down their company at the end of 2015.
203. The Government contested their arguments as unsubstantiated on facts and evidence. The applicants had failed to submit any evidence, either direct or indirect, to prove they had suffered damage to their business or mental health. The applicants had further failed to exhaust domestic remedies and had abused their right of application.
204. The Court rejects the Government’s objection about the non exhaustion of domestic remedies (see paragraph 194 above). Although the Court has not accepted the applications in their entirety, it does accept that the applicants have suffered non-pecuniary damage that cannot be made good by the findings of violations alone. Accordingly, making its assessment on an equitable basis, the Court awards to each of the applicants nos. 3-19 as listed in the appendix, EUR 13,000 in respect of non-pecuniary damage for the suffering and the anguish they have experienced as a result of the violations under Article 6 § 1, Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
Furthermore, making its assessment on an equitable basis, the Court awards to each of the first and second applicants, EUR 7,800 in respect of non-pecuniary damage for the suffering and the anguish they have experienced as a result of the violations under Article 6 § 1 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
B. Costs and expenses
205. The applicants submitted the following claims in respect of costs and expenses:
(i) ALL 11,409,852.52 corresponding to the court fees for the institution of the domestic judicial proceedings to the first applicant, who on behalf of all applicants paid the court fees;
(ii) EUR 9,600 to the applicants M. Hanxhari, T. Pojani, G. Calliku, M. Mecaj, E. Durolli, B. Rakipaj, P. Rakipaj, A. Deromemaj (EUR 1,200 each), in respect of costs and expenses incurred at domestic level (the payment made to their lawyer in the proceedings before the domestic courts);
(iii) EUR 33,750.00 jointly to all applicants, in respect of costs and expenses incurred in the proceedings before the Court. On 3 May 2017 the applicants submitted additional claims for costs and expenses incurred before the Court as follows: EUR 2,582.63 in respect of the lawyers’ expenses incurred for their participation in the hearing held on 23 May 2017, and EUR 1,500 in respect of the preparation of the additional expert report submitted on 3 May 2017.
206. The Government submitted that the legal costs of the domestic proceedings were payable by the losing party in those proceedings, the Albanian State. Given that the domestic proceedings were still pending, despite the unfounded and abusive claims, the claims were premature since the proceedings were pending before the Supreme Court. As regards the costs and expenses incurred before the Court these were exaggerated, speculative and not necessarily incurred. The Government submitted that the applicants had failed to submit detailed receipts, as provided by the tax authorities, in accordance with domestic law.
207. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum (see, for example, Gjyli, cited above, § 72). To this end, Rule 60 §§ 2 and 3 of the Rules of Court states that applicants must enclose with their claims for just satisfaction “any relevant supporting documents”, failing which the Court “may reject the claims in whole or in part”.
208. The Court notes that the domestic courts awarded all applicants costs and expenses related to the court fees for the institution of the domestic judicial proceedings, and their representation before the domestic courts (see paragraphs 39 and 41 above). Nevertheless, as regards the court fees for the institution of the domestic judicial proceedings, the Court awards the applicants EUR 84,500. As regards the costs and expenses for the representation before the domestic courts, the Court considers it reasonable to award EUR 9,600 to the applicants M. Hanxhari, T. Pojani, G. Calliku, M. Mecaj, E. Durolli, B. Rakipaj, P. Rakipaj, A. Deromemaj, jointly. It will then be for the Albanian courts, if they deem it appropriate, to take account of the Court’s awards (see mutatis mutandis, Silva Barreira Júnior, cited above, § 40).
209. As regards the costs and expenses incurred before the Court, the Court cannot accept the Government’s suggestion that invoices officially approved by the tax authorities are required: there is no such obligation under the Convention, it not being for this Court to regulate the relationship between a taxpayer and the State (see Delijorgji v. Albania, no. 6858/11, § 100, 28 April 2015).
The Court has no reason to doubt that the applicants incurred expenses before the Court since it is in possession of an invoice which contains a detailed breakdown of the number of hours billed and the corresponding hourly rate. However, the Court considers that the expenses incurred during the Convention proceedings were not reasonable as to quantum. Making its own estimate based on the information contained in the case file, the Court considers it reasonable to award EUR 18,000 in respect of legal costs and expenses incurred before the Court under all heads (see Mullai and Others v. Albania (just satisfaction – striking out), no. 9074/07, § 18, 18 October 2011).
C. Default interest
210. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Decides to join to the merits of the complaints under Article 13, in conjunction with Articles 6 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in respect of all applicants, and in conjunction with Article 8 of the Convention in respect of applicants nos. 3-19 as listed in the appendix, the Government’s objections of non-exhaustion of domestic remedies and dismisses them;

2. Declares admissible the complaints concerning Articles 6 § 1 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in respect of all applicants, and the complaints concerning Article 8 of the Convention in respect of applicants nos. 3-19 as listed in the appendix, and the lack of an effective remedy related thereto;

3. Declares the remainder of the application inadmissible;

4. Holds that there has been a violation of Article 13, in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention;

5. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;

6. Holds that there has been a violation of Article 8 of the Convention, in respect of applicants nos. 3-19 as listed in the appendix, as regards the seizure of the building;

7. Holds that there has been a violation of Article 13, in conjunction with Article 8 of the Convention, in respect of applicants nos. 3-19 as listed in the appendix, as regards the seizure of the building;

8. Holds that there is no need to examine the complaint under Article 8 taken alone and in conjunction with Article 13 of the Convention concerning the expropriation and demolition of the building;

9. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention as regards the seizure of the building;

10. Holds that there has been a violation of Article 13, in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention as regards the seizure of the building;

11. Holds that there has been a violation of Article 13, in conjunction with Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention concerning the expropriation and demolition of the building;

12. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention concerning the expropriation and demolition of the building;

13. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 13,098,600 (thirteen million ninety-eight thousand six hundred euros) to all applicants, plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 13,000 (thirteen thousand euros) to each of the applicants nos. 3-19 as listed in the appendix, plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(iii) EUR 7,800 (seven thousand eight hundred euros) to each of the first and second applicants, plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(iv) EUR 84,500 (eighty-four thousand five hundred euros) to all applicants, jointly, plus any tax that may be chargeable, in respect of costs and expenses incurred before the domestic courts (the tax fee);
(v) EUR 9,600 (nine thousand six hundred euros) to applicants M.Hanxhari, T. Pojani, G. Calliku, M. Mecaj, E. Durolli, B. Rakipaj, P. Rakipaj, A. Deromemaj, jointly, plus any tax that may be chargeable, in respect of costs and expenses incurred before the domestic courts (lawyer’s fees);
(vi) EUR 18,000 (eighteen thousand euros) to all applicants, jointly, plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of costs and expenses incurred before the Court;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

14. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 11 January 2018, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Abel Campos Linos-Alexandre Sicilianos
Registrar President

?

APPENDIX


OMISSIS

TESTO TRADOTTO

Conclusioni
Eccezioni preliminare congiunta ai meriti e respinta (l'Art. 35) criterio di ammissibilità
(Art. 35-1) esaurimento delle vie di ricorso nazionali
(Art. 35-1) via di ricorso nazionale effettiva
Resto inammissibile (Art. 35) criterio di ammissibilità
(Art. 35-3-a) Manifestamente mal-fondò
Violazione di Articolo 13+6-1 - Diritto ad una via di ricorso effettiva (Articolo 13 - via di ricorso Effettiva) (Articolo 6-1 - Accesso per corteggiare Udienza corretta
Articolo 6 - procedimenti Amministrativi Diritto a processo equanime)
Violazione dell’ Articolo 6 - Diritto a processo equanime (Articolo 6 - procedimenti Amministrativi Articolo 6-1 - Accesso ad un tribunale Udienza corretta)
Violazione dell’ Articolo 8 - Diritto al rispettare della vita privata e familiare (Articolo 8-1 - Riguardo per casa)
Violazione dell’ Articolo 13+8 - Diritto ad una via di ricorso effettiva (Articolo 13 - via di ricorso Effettiva) (Articolo 8-2 - l'Interferenza In conformità con la legge
Articolo 8-1 - Riguardo per il domicilio Articolo 8 - Diritto al rispetto della vita familiare e privata)
Violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà (Articolo 1 par. 1 di Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo di proprietà)
Violazione dell’ Articolo 13+P1-1 - Diritto ad una via di ricorso effettiva (Articolo 13 - via di ricorso Effettiva) (Articolo 1 par. 1 di Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo di proprietà
Prescritto dalla legge Interferenza
Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà)
Violazione dell’ Articolo 13+P1-1 - Diritto ad una via di ricorso effettiva (Articolo 13 - via di ricorso Effettiva) (Articolo 1 protegge. 1 di Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo di proprietà Interferenza Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà)
Violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà (Articolo 1 par. 1 del Protocollo N.ro 1 - la Privazione di proprietà Godimento tranquillo di proprietà)
Danno patrimoniale e non-patrimoniale - assegnazione (Articolo 41 - danno Non -patrimoniale Danno patrimoniale Soddisfazione equa)



PRIMA SEZIONE








CAUSA SHARXHI ED ALTRI V. ALBANIA

(Richiesta n. 10613/16)








SENTENZA


STRASBOURG

11 gennai 2018





Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 §s 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.





Negli alloggi di Sharxhi ed Altri c. Albania,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come a Camera, compose di:
Linos-Alexandre Sicilianos, Presidente
Kristina Pardalos,
Lei ferisce Bianku,
Aleš Pejchal,
Armen Harutyunyan,
Pauliine Koskelo,
Tim Eicke, giudici
ed Abel Campos, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato 23 maggio e 5 dicembri 2017,
Consegna la sentenza seguente:
PROCEDURA
1. Gli alloggi nacquero da in una richiesta (n. 10613/16) contro la Repubblica dell'Albania depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con diciotto cittadini albanesi ed un cittadino italiano, 19 febbrai 2016. I richiedenti dettagliano set di are fuori nella tavola appesa.
2. I richiedenti furono rappresentati con OMISSIS, ad avvocato che pratica a Roma. Il Governo albanese (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig.ra A. Hicka dell'Ufficio del Difensore.
3. I richiedenti addussero che, come risultare della noncuranza di autorità di un'ingiunzione di corte amministrativa, era stato violare di Articolo 6 §s 1 della Convenzione. Loro si lamentarono anche sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione di un'interferenza col godimento tranquillo delle loro proprietà e sotto Articolo 8 della Convenzione di un'interferenza col loro diritto per rispettare per le loro case. Loro si lamentarono inoltre sotto Articolo 13 della Convenzione di mancare di una via di ricorso nazionale ed effettiva per le azioni di reclamo sopra, come richiesto con Articolo 13 della Convenzione.
4. 19 aprile 2016 la richiesta fu comunicata al Governo. Il Governo italiano non si avvalse del loro diritto per intervenire nei procedimenti (l'Articolo 36 §s 1 della Convenzione).
5. Ad ascolti succedè in pubblico nell'il Diritti umani Costruire, Strasbourg in 23 maggio 2017 (l'Articolo 59 §s 3).
Là sembrò di fronte alla Corte:
(a) per il Governo albanese
Sig.ra A. HICKA, Ministero della Giustizia, Agente
Sig. A. HYSI, Ministero della Giustizia, Consulente
Sig. R. HOXHA, Ministero della Giustizia, Consulente
Sig.ra E. SADUSHAJ, Ministero della Giustizia, Consulente;
(b) per i richiedenti
Sig. A. SACCUCCI, Consulente legale
Sig.ra G. BORGNA, Consulente legale
Sig.ra E. BALLANCA, Consulente.

La Corte parlò indirizzi coi Sig.ra Hicka, i Sig. Saccucci ed i Sig.ra Borgna e repliche a questioni alla Corte.
I FATTI
IO. LE CIRCOSTANZE DI GLI ALLOGGI
Sfondo di A. agli alloggi
6. 11 novembri 2009 due dei richiedenti, Xhuvi Sharxhi (“il primo richiedente”) e Xhafer Isufi (“il secondo richiedente”), acquistò disegnare di terra che misura 1,663 metri di piazze da molti individui cui proprietà fu riconosciuta e ritornò nel 1995 con a decisione della Commissione su Proprietà Restituzione ed il Risarcimento. La terra è situata sulla linea costiera della città di Vlora nell'area sapere-chiamata di Uji il Ftohtës - Tuneli.
7. Su un determinato non specificato i primo e secondo richiedenti entrarono in un accordo con a società per la costruzione di a cinque-piano residenziale ed edificio di servizio, con a pavimento di tettoia ed un pavimento sotterraneo che contengono negozi (in seguito “la Residenza di Jon” o “l'edificio”) sull'area summenzionata di terra.
8. 17 agosti 2010 il Vlora Consiglio Municipale per Pianificazione Territoriale (Këshilli che i Rregullimits prendono il tè Territorit prende il tè Bashkisë Vlorë-“the CTP”) emesso a costruendo licenza alla società ed i primo e secondo richiedenti. I richiedenti rimanenti entrarono in accordi di acquisto in riguardo degli appartamenti per essere costruito sull'area di terra. I primo e secondo richiedenti, con virtù della loro proprietà dell'area di terra dovevano essere proprietari di carichi degli appartamenti e negozi nella Residenza di Jon. 27 dicembri 2012 l'edificio fu registrato con l'Ufficio della Registrazione del Patrimonio immobiliare (“l'IPRO”).
9. Sul completamento della costruzione lavora a settembre 2012, sembra che la maggioranza degli appartamenti e negozi fu fornita, i proprietari passarono ai loro rispettivi appartamenti, e mettere in fondo comune bar/pizzeria fu aperto. Lo stiramento adiacente di spiaggia fu aperto per uso pubblico.
10. Sembra da a lettera dal Difensore civile datò 13 novembri 2013 (veda paragrafo 24 sotto) che 30 ottobri 2013 la Costruzione Nazionale e Pianificazione Urbana Inspectorate (Inspektoriati il dhe di Ndërtimor Urbanistik Kombëtar-“the NUCI”) richiese appoggio dalla polizia di distretto di Vlora per la demolizione di costruzioni illegali lungo la linea costiera di Vlora, essere portato fuori lo stesso giorno. Inoltre lavoro di demolizione era continuo al prossimo giorno su altre parti della linea costiera di Vlora.
11. 3 novembri 2013, senza avviso precedente, ufficiali del NUCI e la Costruzione di Vlora e Pianificazione Urbana Inspectorate (Inspektoriati il dhe di Ndërtimor Urbanistik Vlorë-“the MUCI”), sostenne con la Polizia, circondò la Residenza di Jon e lo mantenne l'ordine pubblico via con nastro di polizia giallo marcato “il Crimine scena-nessuno entrata” (krimi di Skenë, kalimi di lejohet di nuk). Secondo la prova presentata coi richiedenti che furono pubblicati estesamente in medio il, i residenti dell'edificio si dissero che le autorità stavano prendendo l'edificio. A loro furono impediti da entrando nei loro appartamenti e recuperare il loro valuables. I richiedenti seppero solamente della situazione per medio l'o per telefono dalle guardie di sicurezza dell'edificio. Loro si dissero che le autorità stavano esaminando la legalità della licenza di edificio e gli altri documenti attinenti. Sembra dai documenti presentati che l'edificio fu protegguto con agenti di polizia armati in che furono posizionati simile a modo come ostacolare i residenti dell'edificio (incluso carichi dei richiedenti) dall'entrare. Inoltre, quando uno dei residenti chiese ad uno degli impiegati di offrire l'identificazione o un altro documento ufficiale per giustificare l'interferenza di autorità coi loro diritti di proprietà, l'impiegato dichiarò che loro non furono obbligati per dare qualsiasi le informazioni perché loro erano un corpo ufficiale.
12. Su un determinato non specificato il NUCI preparò un rapporto di informazioni riguardo all'ispezione che loro avevano eseguito alla Residenza di Jon 3 novembri 2013. Secondo il rapporto, i membri né avevano del CTP, gli impiegati del Vlora che Pianificazione Settore Urbano né gli ispettori del MUCI avevano a nessun stadio eseguito l'edificio necessario ed ispezioni che progettano del luogo. Con le loro azioni continue ed omissioni loro avevano concesso irregolarità e l'illegalità in tutto il periodo intero dal molto momento che le licenze attinenti erano state approvate in violazione chiara della legge, così come in tutta la costruzione ed elaborazione di attuazione di progetto.
13. 20 novembri 2013, secondo la prova presentata coi richiedenti, il poi Ministro Aggiunto di Trasporto ed Infrastruttura, in un colloquio di televisione per Canale della Cima della Tivù nazionale dato in relazione alla Residenza di Jon, determinato:
“... Lo Stato è concesso per avere di nuovo la terra in suo precedente. La demolizione dell'edificio è una conseguenza indisputabile. La terra dovrebbe essere chiarita. Se questo vuole dire che l'edificio dovrebbe essere demolito, poi la demolizione dovrebbe avere luogo. La demolizione non è a fine per se. È il risultato di a serie di atti illegali, a serie di violazioni flagranti di legge albanese... L'Ufficio della Registrazione del Patrimonio immobiliare è stato comportato in questa illegalità (il futet nessuno këtë valle tè paligjshmërisë); c'è poi Vlora Consiglio Municipale, che-in violazione del piano urbano ed in riguardo di terra che non fa esistere-emesso a costruendo licenza. L'Ufficio della Registrazione del Patrimonio immobiliare ha registrato a costruendo quel ha la zero-nullo-valore (il ndërtim io vlerë azzerano, nul). C'è a 3,000-quadrato-metre le costruzioni su disegnare di terra che solamente misura 600 metri di piazze... è piacere inscenare esposto show per porsi con autorità corrotte. Noi siamo giunti a questo punto in violazione flagrante della legge... Ognuno sarebbe potuto essere a vittima come risultare di questa serie delle illegalità. Quelli che hanno comprato appartamenti in queste vittime di are di edificio. Queste persone non possono essere trattate lo stesse come quelli che hanno violato flagrantemente la legge. Il Governo dovrebbe approvare procurare per il pieno risarcimento delle persone che hanno comprato appartamenti in questo edificio...”
14. 28 novembri 2013, il primo Ministro dichiarò pubblicamente secondo la prova presentata coi richiedenti, che il Governo intese di comprendere proiettare per la costruzione di Lungomare, a passeggiata di spiaggia in Vlora con vedere al completamento con l'estate di 2015. Lui dichiarò anche che il Governo avrebbe fissato fuori per offrire in pagamento d'un debito per il disegno del progetto.
15. La Residenza di Jon fu demolita con esplosivi fra il 2013 e 8 dicembri 2013 di 4 dicembri.
B. procedimenti Giudiziali riguardo alla misura provvisoria e procedimenti per la sua esecuzione
16. Sul 2013 undici residenti di 4 novembri, incluso nove dei richiedenti (E. Durolli, A. Deromemaj, V. Kacorri, P. Rakipaj, G. Calliku, V. Calliku, B. Rakipaj, Xh. Sharxhi ed E. Ballanca) depositò chiedere col Vlora Corte distrettuale Amministrativa (“la Corte distrettuale”) contro il NUCI e MUCI, richiedendo un “riconoscimento dell'illegalità delle azioni amministrative eseguì 3 novembri 2013 che aveva risultato in a violazione dei loro diritti di proprietà e l'obbligo di autorità amministrative, i NUCI e MUCI per frenarsi dal prendere qualsiasi l'ulteriore azione amministrativa, necessario per la protezione dei diritti di proprietà di richiedenti” (il konstatimi il paligjshmërisës stesso che veprimit administrativ prendono il tè kryer nga spalano e paditur il datëses 3 Nëntors 2013, që kanë sjellë cënimin e drejtave di tè prendono il tè pronësisë stesso paditësave; il detyrimi l'organits administrativ il dhe di INUK INUV che i për di Vlorë prendono il tè ndaluar kryerjen e një veprimi tjetër administrativ, tè nevojshëm për mbrojtjen e drejtave di tè prendono il tè paditësave).
17. Sembra dalla decisione della Corte distrettuale datò 7 novembri 2013 (veda paragrafo 19 sotto) che durante i procedimenti i richiedenti dibatterono che le azioni prese col NUCI e MUCI era stato arbitrario perché la costruzione era stata legale e nella conformità con regolamentazioni di pianificazione urbane. Loro dissero che agenti di polizia e rappresentanti del MUCI e NUCI avevano rifiutato di concederloro digitare l'edificio con circondando l'edificio con nastro di scene delittuoso. I mantenere l'ordine pubblico via dall'edificio erano stati fatti con per vedere alla sua demolizione perché le autorità già avevano proceduto nella stessa maniera con gli altri edifici, a fatto che mai lo fece scuro evidente che c'era rischiare di conseguenze avverse per i richiedenti. Le azioni prese, vale a dire il dintorno dell'edificio con vedere alla sua demolizione senza condurre all'analisi dettagliata di se la documentazione era illegale, e senza la situazione che è esaminata con per corteggiare, aveva dato luogo ad un'interferenza estrema coi diritti di proprietà di richiedenti.
18. Durante quelli procedimenti i richiedenti richiesero inoltre la Corte distrettuale per emettere un ordine provvisorio per le misure necessarie per sospendere l'attuazione dell'azione amministrativa summenzionata e per l'allontanamento degli ostacoli che avevano reso possibile la confisca dell'edificio e l'avevano fatto impossibile per loro usare le loro proprietà, così come già sospendere di tutte le decisioni amministrative emise o quale era nell'elaborazione di essere emesso relativo alla demolizione di a costruzione legale.
19. 7 novembri 2013 la Corte distrettuale, sotto Articoli 202 ets seq. delle Code di Procedura Civile (“CCP”) ed Articoli 28, 29 e 30 del Controversie Atto Amministrativo (veda “diritto nazionale Attinente e pratica” sotto), in operativo le sue disposizioni ordinarono: “l'emissione di un ordine provvisorio che sospende le azioni amministrative di qualsiasi autorità pubblica che Can interferisce col godimento tranquillo coi richiedenti delle loro rispettive proprietà... l'ordine provvisorio è rimanere in posto sino ad a decisione è dato sui meriti, purché che i richiedenti stessi procedimenti di istituto sui meriti entro dieci giorni dell'ordine provvisorio per impugnare le azioni amministrative o qualsiasi decisione amministrativa che sarà adottata in riguardo di proprietà loro.” La decisione, in me sappia come rendere come attinente, è ragionato siccome segue:
“... è provò che ai richiedente-proprietari degli appartamenti nella Residenza di Jon non ?è stato permesso per digitare le loro rispettive proprietà, mentre li impedì così nell'esercizio dei loro diritti di proprietà a proprietà che loro hanno acquisito giuridicamente in conformità con diritto nazionale... la corte considera che la richiesta per l'ordine provvisorio dovrebbe essere accettata perché i richiedenti presentarono prova che prova... che nell'evento che a rivendicazione civile sui meriti è concesso, l'esecuzione di che decisione sarebbe difficile o impossibile, mentre crea così a situazione dove l'interesse legale o diritto soggettivo riconobbero con a definitivo decisione giudiziale rimane inefficace... al giorno d'oggi gli alloggi l'ordine provvisorio richiesto coi richiedenti rappresenta il loro diritto per accedere la corte col fine di proibire qualsiasi l'ulteriore azione con l'autorità amministrativa... nel proteggere così il loro principio costituzionale e diritti sino all'esame dei meriti delle loro rivendicazioni... la corte considera che il NUCI e MUCI non hanno documentato la loro decisione amministrativa nella forma richiesta con legge... sotto il diritto amministrativo questo [azione amministrativa non documentata] è considerato anche una decisione amministrativa... questo non colpisce le conseguenze effettive dell'esecuzione della decisione, conseguenze che possono provocare danno irreparabile all'interesse legale e diritti soggettivi dei richiedenti... La Corte distrettuale considera che è il dovere dell'autorità amministrativa di emettere una decisione amministrativa nella forma scritto richiesto con legge, in c'è così ottemperanza col principio di buon governo delle autorità di amministrazione pubblica così come ottemperanza effettiva coi diritti della parte contro i quali la decisione amministrativa è stata emessa, sa che che parte è in grado avviare procedimenti giudiziali e sempre in riguardo del principio del diritto a processo equanime... il principio della proporzionalità durante le procedure amministrative seguite con le autorità negli alloggi presenti è simile ai principi costituzionali della proporzionalità esaminati sopra di che essenzialmente scopo per prevedere bilanciare fra il fine per essere realizzato per l'atto amministrativo ed i mezzi essere usato, senza trascurare le libertà fondamentali e diritti ed il conseguimento di interessi pubblici e legali...”
20. Su un determinato non specificato il rappresentante di richiedenti presentò richiedere al NUCI, mentre informandolo dell'ordine provvisorio di 7 novembri 2013. Lui sottolineò il fatto che sotto Articolo 210 del CCP un ordine provvisorio era una decisione eseguibile, anche nell'evento di un ricorso contro sé. Lui esortò le autorità a prendere le misure necessarie per immediato l'esecuzione dell'ordine provvisorio. Sembra che nessuna replica fu data.
21. 11 novembri 2013 il NUCI depositò un ricorso contro l'ordine provvisorio di 7 novembri 2013.
22. 20 gennai 2014 la Corte amministrativa di Ricorso terminò i procedimenti riguardo alla misura provvisoria per motivi che l'argomento dei procedimenti aveva cessato esistere, siccome la Residenza di Jon già era stata demolita a dicembre 2013 (veda paragrafo 15 sopra). La decisione, in me sappia come rendere come attinente, legge siccome segue:
“... già era... a fatto pubblico e notorio che la Residenza di Jon era stata demolita, in relazione alla quale la Corte distrettuale aveva deciso di sospendere le azioni amministrative di qualsiasi autorità con lo scopo del godimento tranquillo della proprietà coi richiedenti sino alla definitivo soluzione delle controversie... La conseguenza che l'ordine provvisorio stava tentando di sospendere, ora è accaduto...”
Azione di reclamo di C. al Difensore civile
23. Sembra che su un determinato non specificato dei richiedenti si lamentò al Difensore civile (Avokati il Popullits) dell'interferenza di autorità con la sua iscrizione i suoi residenti piatti ed altri che entrano nei loro appartamenti (veda anche paragrafo 24 sotto). Lei si lamentò che le autorità avevano mantenuto l'ordine pubblico arbitrariamente via l'edificio che usa polizia gialla “scene delittuose” il nastro.
24. 13 novembri 2013, in replica alle azioni di reclamo del richiedente ed alle altre azioni di reclamo di residenti che sembrano in medio il, il Difensore civile spedì una lettera ufficiale al capo di stazione di polizia di Vlora (Komisariati il Policisës), il capo di polizia di distretto di Vlora (Policia e Qarkut), e per informazioni al Direttore General della Polizia (Policia e Shtetit), raccomandando che loro prendono appropriati tutte le misure per fermare le azioni illegali che avevano risultato in a violazione dei Jon Residenza residenti proprietà diritti. Il Difensore civile affermò che il NUCI aveva preso l'edificio senza qualsiasi atto formale. Il mantenere l'ordine pubblico via dall'edificio che impedisce ai richiedenti di godere le loro proprietà era illegale ed aveva risultato di conseguenza in a violazione dei loro interessi legali. Inoltre, l'uso di polizia gialla “scene delittuose” nastro non era appropriato fin dagli eventi negli alloggi presenti non coinvolga incriminare scene. Lui suggerì inoltre che era necessario per esaminare gli alloggi e misure di organisational di impresa mirate ad assicurando che simile azioni non furono ripetute in futuro il.
Procedimenti di D. riguardo ai meriti degli alloggi riferiti alla confisca dell'edificio
25. Su un determinato non specificato, ma entro dieci giorni dall'ordine provvisorio, undici residenti, incluso nove dei richiedenti (E. Durolli, A. Deromemaj, V. Kacorri, P. Rakipaj, G. Calliku, V. Calliku, B. Rakipaj, Xh. Sharxhi ed E. Ballanca), depositò chiedere sui meriti con la Corte distrettuale. Sembra dalla decisione della Corte distrettuale di 28 gennai 2014 (veda paragrafo 26 sotto) che l'oggetto della rivendicazione era lo stesso come quel depositò 4 novembri 2013 (veda paragrafo 16 sopra).
26. 28 gennai 2014 la Corte distrettuale dichiarò che le azioni eseguirono col MUCI e NUCI sul 2013 hads di 3 novembri stato arbitrario ed in violazione flagrante della Costituzione albanese e la legge. La decisione in me sa come rendere come letture attinenti siccome segue:
“... [il] MUCI e [il] NUCI abusivamente e senza qualsiasi decisione amministrativa di giustificare le loro azioni illegali prese azione arbitraria con lo scopo di demolire a proprietà che era stata acquisita in conformità con la legge. Il NUCI non aveva nessuna ragione legale di prendere questa azione amministrativa, e perciò le sue azioni erano totalmente illegali... l'azione amministrativa per la demolizione della costruzione come autorizzò debitamente con le autorità competenti senza analizzare in dettaglio l'illegalità delle azioni prima e senza una valutazione della situazione con una corte indipendente di legge, era all'interno dei limiti dell'illegalità estrema... Le autorità unilateralmente e senza alla piena e comprensiva indagine amministrativa l'edificio circondò... Le autorità con le loro azioni arbitrarie violarono seriamente il principio di certezza legale secondo il quale nessuno dovrebbe soffrire di un'interferenza coi loro diritti ottenuto con legge e hanno l'aspettativa che nessuno è autorità prenderà qualsiasi decisione amministrativa o azione con le quali i diritti ottennero con legge potrebbe essere violata più tardi come a conseguenza delle azioni di autorità...”
La Corte distrettuale concedè di conseguenza la rivendicazione. Comunque, i richiedenti ritirarono la loro richiesta per le autorità per essere proibito dal prendere qualsiasi l'ulteriore azione che era divenuta priva di fine poiché la Residenza di Jon era stata demolita nel frattempo con le autorità. La Corte distrettuale cessò perciò l'esame di questa parte della rivendicazione.
27. In 6 maggio 2016, seguendo un ricorso con le autorità, la Corte amministrativa di Ricorso sostenne la decisione della Corte distrettuale di 28 gennai 2014. Sembra dalla decisione che i richiedenti hanno dibattuto che il MUCI e NUCI avevano abusivamente e senza qualsiasi decisione amministrativa di giustificare le loro azioni illegali intentate causa arbitraria con vedere a demolendo a proprietà legale. La Corte amministrativa di Ricorso ragionò che i mantenere l'ordine pubblico via dall'edificio e prevenzione dei richiedenti dal digitarlo erano stati arbitrari, non nella conformità con la legge ed in violazione dei loro diritti di proprietà. Notò inoltre che i NUCI furono obbligati compensato ai richiedenti per le loro azioni illegali sotto la Responsabilità Non-contrattuale dell'Atto (veda “diritto nazionale Attinente e pratica” sotto) ed Articolo 608 del Codice civile. Solamente dopo le azioni prese con le autorità fu dichiarato illegale era i richiedenti concederono portare per chiedere per danni sotto sezione 14 dell'Ispezione di Edifici Atto (veda “diritto nazionale Attinente e pratica” sotto). Comunque, faceva non decide questo problema come sé non era stato parte della rivendicazione. Sembra che le are di procedimenti pendente di fronte a Supremo la Corte.
E. procedimenti Amministrativi e giudiziali riguardo all'espropriazione e la demolizione dell'edificio di richiedenti
1. Procedimenti amministrativi
28. 8 ottobri 2013 il Consiglio Nazionale per Pianificazione Territoriale (Këshilli il për di Kombëtar Rregullimin e Territorit-“the NCTP”) adottò a decisione su misure emergenza per essere impegnatosi per la protezione e riabilitazione dell'ambiente in aree di carichi dell'importanza nazionale, come bene procedure come per la preparazione di un piano di sectoral integrato riguardo a stiramenti di linea costiera. La decisione affermò che tende di linea costiera era aree dell'importanza nazionale dove misura di un nature emergenza si sarebbe impegnato con per vedere a proteggendo e riabilitando il territorio ed ambiente. Inoltre, fu deciso che l'accordare di sviluppo nuovo che costruisce licenze per edifici individuali su stiramenti di linea costiera e nelle altre aree dell'importanza nazionale sarebbe sospeso durante la preparazione del piano di sectoral integrato.
29. 27 novembri 2013 il Consiglio di Ministri emise a decisione che immediatamente entrò in vigore mentre ordinando l'espropriazione nell'interesse pubblico di patrimoni immobiliari privati colpì con la riabilitazione ambientale di Uji il Ftohtës-Tuneli, a protetto tenda di linea costiera nel Municipio di Vlora. L'espropriazione fu resa in favore di Municipio di Vlora entro trenta giorni della decisione. Il risarcimento totale assegnato era 462,919,230 Leks albanese (Tutti) (approssimativamente 3,456,600 euroses (EUR)) in riguardo della costruzione che misura 8,121.39 metri di piazze in totale, essere diviso fra i proprietari. La decisione fu presa sotto l'Atto di Espropriazione e sulla base di due decisioni della NCTP-la decisione summenzionata di 8 ottobri 2013 (veda paragrafo 28 sopra) ed una più prima decisione di 23 giugno 2004 sull'approvazione del Vlora piano di centre urbano. Secondo la decisione, i proprietari legali della proprietà sarebbero compensati dopo l'espropriazione (con le autorità) su presentazione dei loro documenti di titolo di proprietà. Il termine massimo per la conclusione delle procedure di espropriazione fu esposto per 28 dicembri 2013.
30. La decisione fu pubblicata nell'Ufficiale Pubblichi 3 dicembri 2013. Sembra che i richiedenti seppero solamente della decisione che giorno, quando il portavoce di stampa per il Ministro di Casa Affari annunciato che la Residenza di Jon doveva essere trattare che era avviare il giorno seguente (4 dicembri 2013).
31. 2 dicembri 2013 il sindaco di Vlora richiese l'assistenza del NUCI con la demolizione della Residenza di Jon in conformità con la decisione di 27 novembri 2013. Nello stesso giorno il NUCI richiese l'assistenza di stazione di polizia di Vlora con la demolizione che fu progettata per cominciare a 8 a.ms. la prossima mattina. L'edificio intero fu demolito fra il 2013 e 8 dicembri 2013 di 4 dicembri (veda anche paragrafo 15 sopra).
32. 29 gennai 2014 l'IPRO, in risposta a lettera spedita entro uno dei richiedenti che chiedono di copiare della certificò di proprietà, disse che poiché l'edificio era stato demolito, non era capace di emettere a munito di certificato di proprietà in riguardo di a proprietà che più è esistita.
33. 9 aprile 2014 il Consiglio di Ministri emise un'altra decisione, “Su emendamenti di carichi al Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013”, correggendo la sua decisione precedente di 27 novembri 2013 all'effetto che assegnò i richiedenti per sommare di Tutti i 441,168,600 in risarcimento in riguardo di disegnare di terra che misura 7,739.80 quadra metri. Il termine massimo per la conclusione delle procedure di espropriazione fu esposto per 30 aprile 2014. Nessun ricorso fu depositato contro questa decisione.
34. 12 aprile 2017 il Gestione del budget Settore del Ministero di Finanza rivolse a lettera all'Agente Statale, mentre affermando che il Ministero di Finanza aveva approvato procurare di Tutti i 362,919 e Tutti i 100,000 (verso EUR 3,460 in totale) per l'attuazione del Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013. Nessun pagamento è stato reso ai richiedenti.
2. Procedimenti giudiziali
(a) Procedimenti nella Corte distrettuale
35. Sul 2013 ventun residenti di 26 dicembri, incluso tutti i richiedenti chiedere con la Corte distrettuale contro il Consiglio di Ministri depositò ' decisione di 27 novembri 2013, impugnando il valore del risarcimento assegnato ed il calcolo dell'area di superficie esatta della proprietà che era stata espropriata, sulla base che la decisione era stata emessa come per dare luogo di un procedure di espropriazione a violazione flagrante della legge. Loro richiesero anche che il Consiglio di Ministri sia ordinato per cambiare l'importo del risarcimento (a Tutti i 57,000 per metro di piazza) compensò ed ogni proprietario basò sulla taglia esatta della loro proprietà, mentre corrispondendo ad un importo del risarcimento equo in conformità con la legge e calcolò con un esperto nominato con la corte, mentre prendendo anche nell'esame la possibilità di sviluppo della proprietà. Nella loro rivendicazione i richiedenti sostennero che l'espropriazione era stata illegale e che a “l'espropriazione de facto” (shpronësim de facto) era successo. Loro sostennero anche che le azioni di 3 novembri 2013 del NUCI e MUCI avevano non autorizzate stato ed erano state prese senza qualsiasi decisione amministrativa di giustificare le loro azioni illegali con lo scopo di demolire a proprietà legale. Loro presentarono inoltre che, anche se le autorità avevano emesso un ordine provvisorio ed il Difensore civile aveva dato credito anche all'illegalità delle azioni di autorità ed aveva raccomandato che azioni simili in futuro il non dovrebbe essere ripetuto senza attendere a decisione della Corte distrettuale, loro avevano adottato ciononostante il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013.
36. 6 marzi 2014 la Corte distrettuale concedè la rivendicazione di richiedenti. Ragionò che l'espropriazione era stata illegale in che il Consiglio di Ministri ' decisione del 2013 hads di 27 novembri stata adottata in violazioni procedurali e lorde e violazioni dell'Espropriazione Agisca (veda “diritto nazionale Attinente e pratica” sotto) ed il vario by-laws.
37. Come riguardi i fatti degli alloggi, la Corte distrettuale menzionò che le azioni assunte il 2013 consistings di 3 novembri del mantenere l'ordine pubblico via dall'edificio con vedere alla sua demolizione era stato arbitrario e preso in violazione di diritto nazionale, come sé aveva sostenuto nella sua decisione di 28 gennai 2014 (veda paragrafo 26 sopra). Reiterò anche il fatto che il Difensore civile aveva raccomandato che misure necessarie siano prese io so che azioni arbitrarie e simili non sarebbero ripetute in futuro il. Notò ciononostante che le autorità avevano adottato il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013 senza attendere la decisione sui meriti degli alloggi.
38. Come riguardi gli argomenti legali come a se l'interferenza era stata legale, la Corte distrettuale ragionò che le autorità non si erano attenute con le procedure di espropriazione intere come esponga fuori in sezioni che 9 a 16 e 20 a 21 dell'Espropriazione Agiscono. Il ministero competente non aveva informato i proprietari della proprietà o la società di costruzione dell'espropriazione, perciò loro e qualsiasi le altre terze parti erano state private dell'opportunità di impugnarlo. Secondo le loro rivendicazioni presentate di fronte alla corte distrettuale, i richiedenti avevano saputo solamente della decisione di espropriazione per medio il, mentre l'edificio era demolito. I richiedenti non erano stati informati mai anche dopo, nonostante sé essendo a requisito giuridico. Questo li avrebbe dati termine ragionevole per lasciare l'edificio e portare i loro belongings agli altri posti. Le autorità avevano continuato con la demolizione della proprietà senza avere tutte le informazioni come a chi i residenti era. Dai documenti negli alloggi registri era evidente che il ministero attinente aveva chiesto solamente il Municipio di Vlora informazioni dei residenti della Residenza di Jon a mese dopo che l'edificio era stato demolito scuro e che quaranta-cinque giorni dopo che la decisione sull'espropriazione era stata emessa. Contenne inoltre che l'espropriazione era stata travestita come ad espropriazione formale presa in ottemperanza con le disposizioni legali in vigore, ma che in realtà la serietà delle violazioni era stata come per farlo a “l'espropriazione de facto” (shpronësim de facto). Il Consiglio di Ministri ' decisione di espropriare la proprietà era stata ad atto formale, da solo il fine di che era stato travestire le nature effettive dell'espropriazione. Inoltre, come risultare di immediato la demolizione dell'edificio, senza le autorità che rispettano il set di termine massimo nella legge ai richiedenti erano stati impediti dell'essere ritornati alla loro situazione precedente, anche se il Consiglio di Ministri ' decisione era stata privo di valore legale. La Corte distrettuale ragionò che la non-ottemperanza con diritto nazionale riguardo alle procedure di espropriazione aveva aggravato la situazione di richiedenti e, perciò, la violazione dei diritti di proprietà era stata io so serio che era inaccettabile in a è governato con l'articolo di legge. Ragionò che, secondo l'alloggio-legge della Corte (riferimento fu reso a Guiso-Gallisay c. sentenza di Italia (soddisfazione equa) [GC], n. 58858/00, §§ 94-95 22 dicembri 2009), in cause dell'espropriazione illegale le corti nazionali avevano ad obbligo severo per assegnare il risarcimento più alto che in cause dell'espropriazione legale. Inoltre, come riguardi l'esistenza di qualsiasi scopo legittimo nell'interesse pubblico, la Corte distrettuale notò che non c'era stata infrastruttura o ecologico (ambientale) piano regolatore approvato con legge, non progettare per lo sviluppo dell'area protetta. La Corte distrettuale notò che le decisioni del NCPT di 8 ottobri 2013 ed il 2004 hads di 23 giugno non previdero per la demolizione di qualsiasi edificio legale o la sua espropriazione, o l'invalidamento di qualsiasi auorizzazione che già era stato accordato e di qualsiasi costruzione già costruì. Sulla base delle considerazioni sopra, la Corte distrettuale decise di correggere il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013 riguardo all'area di superficie totale ed esatta della proprietà espropriata, così come l'importo totale del risarcimento e gli importi per essere pagato ad ogni richiedente. Scuro concretamente, la Corte distrettuale aumentò il risarcimento totale per essere assegnata ai richiedenti a Tutti i 1,580,712,321, sulla base di a rapporto di esperti corte-ordinato. La Corte distrettuale fondò che le autorità avevano violato chiassosamente il set di procedure fuori nella Costituzione e diritto nazionale riguardo alla determinazione del risarcimento essere pagato in cause di espropriazione. Perciò, il calcolo del Consiglio di Ministri nella sua decisione del 2013 hads di 27 novembri non stato reso in conformità con la legge. Accettò il rapporto per motivi che la valutazione della proprietà era stata basata sul valore di mercato aperto metodi di valutazione contemporanei e seguenti per patrimoni immobiliari come il paragone diretto ed il dello sviluppo della proprietà e prendendo anche nell'esame l'ubicazione della proprietà, lo sviluppo della proprietà il suo sviluppo effettivo sulla base di documenti legali così come analizzando i valori di vendite ed affitti di proprietà simili. Gli esperti avevano tentato anche di analizzare aumenti o cali nei prezzi di mercato di vendite o acquisti di proprietà simili. Sotto il rapporto competente, il prezzo per metro quadrato era EUR 1,155 (Tutti i 161,700) in riguardo degli appartamenti ed EUR 2,000 (Tutti i 280,000) in riguardo dei locali di affari. Il prezzo fu calcolato usando il valore di mercato medio durante il periodo fra 2013 e gennaio 2014 basato su a Consiglio di Ministri ' la decisione “sui metodi di valutazione per patrimoni immobiliari in Albania” quale determinato che simile are di calcoli resero in conformità con standard di valutazione internazionali.
39. La Corte distrettuale ricalcolò anche l'area di superficie della proprietà espropriata, mentre afferma che davvero misurò 8,396 quadra metri. Inoltre, incluse tutti i proprietari della Residenza di Jon nel ruolo di parti per essere compensato, come carichi dei richiedenti era stato escluso dal ruolo sotto il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013. Infine, la corte decise che il risarcimento sarebbe stato pagato col Consiglio di Ministri ed il Municipio di Vlora in tre rate finito a periodo di diciotto mesi dal momento che la decisione della corte è divenuta definitivo. Sia il Consiglio di Ministri ed il Municipio di Vlora fu obbligato per pagare congiuntamente i costi giudiziali e spese incluso la parcella di esperti, le parcelle di corte per depositare la rivendicazione (Tutti i 11,409,852) e la parcella di avvocati per la rappresentanza di G. Calliku, V. Calliku, M. Mecaj, A. Deromemaj E. Durolli, M. Hanxhari P. Rakipaj, B. Rakipaj K. Kapedani (richiedenti nei procedimenti di fronte alla Corte), J. Ismailaj e S. Ismailaj (non richiedenti di fronte alla Corte) che corrispose ad EUR 12,000 (Tutti i 1,680,000) in totale.
(b) Procedimenti nella Corte d'appello
40. Su un determinato non specificato da allora in poi i richiedenti depositarono un ricorso contro la parte della decisione della Corte distrettuale di 6 marzi 2014 riguardo all'importo del risarcimento e la maniera nel quale sarebbe pagato. Loro dibatterono che il rapporto competente non riflettè il valore di mercato della proprietà che molto era più alto che il valore indicò, e che gli standard di valutazione per proprietà espropriate non si erano stati attenuti con. Scuro concretamente, gli esperti non avevano approvato il criterio e standard previdero per con Il Gruppo europeo di Stimatori ' le Associazioni (TEGOVA) e gli standard di valutazione basarono sui finanziari ed interessi legali dei richiedenti. La proprietà aveva avuto a valore più alto al tempo della sua espropriazione. Gli esperti non avevano specificato il valore degli specifici componenti del calcolo attinente formula o il valore di mercato per ogni appartamento per riflettere il valore di mercato dell'edificio. Né loro avevano preso nell'esame tutte le date ufficiali negli accordi di acquisto per gli appartamenti. Loro si lamentarono anche di che riguarda i fatti ed errori di calcolo nel rapporto competente e richiese che un altro sia prodotto. Un ricorso fu depositato anche con l'Ufficio dell'Avvocato Generale.
41. 23 settembri 2014 la Corte amministrativa di Ricorso sostenne in parte la decisione della Corte distrettuale di 6 marzi 2014. Reiterò i fatti degli alloggi come notato con la Corte distrettuale e sostenuto l'importo del risarcimento assegnato, la taglia della terra di costruzione ed il ruolo di proprietari riguardò. Decise che i richiedenti dovrebbero essere compensati basato individualmente sulla taglia della loro proprietà. L'importo totale del risarcimento (Tutti i 1,580,712,321) sarebbe diviso siccome segue: Tutti i 161,700 (EUR 1,155) per metro di piazza in riguardo degli appartamenti che misurarono 6,564.79 metri di piazze in totale e Tutti i 280,000 (EUR 2,000) per metro di piazza in riguardo degli affari premette che misurò 1,831.63 metri di piazze in totale. Decise che il valore calcolò nel rapporto competente rappresentò il vero valore ed il risarcimento equo in conformità con la Costituzione, la Convenzione europea, l'Atto di Espropriazione e l'altro by-laws. Decise che il risarcimento sarebbe stato pagato col Consiglio di Ministri in un prezzo globale. Il Consiglio di Ministri fu obbligato anche per pagare le spese processuali e spese.
(il c) i Procedimenti in Supremo la Corte
42. Sia i richiedenti e l'Ufficio dell'Avvocato Generale depositarono un ricorso con Supremo la Corte contro il più basso corteggia sentenze. I richiedenti richiesero ad importo più alto del risarcimento per la loro proprietà espropriata. Comunque, il Consiglio di Ministri richiese che l'esecuzione della decisione sia sospesa.
43. 15 gennai 2015 Supremo la Corte, sulla base di Articolo 479 del CCP concessa la richiesta del Consiglio di Ministri ed i procedimenti fu sospeso. La decisione non contenne ragionamento. Gli alloggi ancora sono pendenti prima Supremo la Corte. Non ci sono informazioni nell'archivio di alloggi su che motivi il Consiglio di Ministri fatto appello contro il più basso corteggia decisioni e richiese di sospendere di esecuzione.
F. procedimenti Penali contro ufficiali
44. Sembra dalla lettera del Difensore civile di 13 novembri 2013 (veda paragrafo 24 sopra) che 18 febbrai 2011 il NUCI depositò ad azione di reclamo penale col Vlora Distretto Accusatore contro il capo del Vlora Pianificazione Settore Urbano, adducendo le irregolarità nei procedimenti che conducono all'accordare della licenza di edificio 17 agosti 2010. Gli alloggi furono spediti alla Corte distrettuale di Vlora per processo. Non ci sono informazioni della conseguenza di quelli procedimenti.
45. 4 novembri 2013 il primo richiedente ed un altro residente presentò due reclami penali separati con l'Accusatore in Distretto, mentre adducendo l'abuso di potere da parte di ufficiali dei NUCI e gli agenti di polizia della Polizia coinvolse nella confisca della Residenza di Jon 3 e 4 novembri 2013. Loro si lamentarono che loro non era stato concesso per digitare le loro case che la Polizia aveva mantenuto l'ordine pubblico via l'edificio con polizia scene delittuose leghi con un nastro e che ispettori del NUCI avevano digitato l'edificio. Loro chiesero anche alle autorità di prendere misure per terminare l'interferenza arbitraria coi loro diritti di proprietà che ancora stavano continuando il giorno che loro presentarono il reclamo penale.
46. A febbraio 2014 l'Accusatore in Distretto decise di non iniziare procedimenti penali, per motivi che le azioni non costituirono a reato penale (il fakti il kallëzuars nuk parashikohet nga ligji lui vepër penale). Ragionò che gli impiegati del NUCI sotto diritto nazionale erano stati dati un titolo ad eseguire l'ispezione e verificare la regolarità dei documenti riguardo all'approvazione della licenza di edificio e l'attuazione dei suoi standard tecnici con la società di costruzione. Loro erano stati concessi di conseguenza per digitare i locali della Residenza di Jon. Inoltre, gli ufficiali della Polizia erano stati concessi cooperato a con ed erano stati sostenuti il NUCI. Dopo che le autorità avevano eseguito l'ispezione procedimenti penali erano stati avviati, perciò il sospetto della non-ottemperanza con gli articoli e le condizioni di pianificazione urbane era stato realistico. L'Accusatore in Distretto ragionò inoltre che uno dei reclamanti aveva detto che quando lui era ritornato al costruire il giorno seguente lui aveva visto ufficiali della Polizia in ed era stato concesso per entrare liberamente nel suo appartamento dopo li avere mostrati certificò il suo di proprietà. Che dichiarazione era stata corroborata anche con le informazioni date col NUCI e la polizia di Vlora.
47. 18 dicembri 2013 l'Accusatore in Distretto, seguendo che richiedere, depositò col Taskforce per Protezione Territoriale (për di Compito-forca Mbrojtjen e Territorit-a corpo sotto l'autorità del Ministro di Casa Affari), avviò ad indagine penale contro sei ufficiali pubblici (carichi di loro impiegati dell'IPRO, altri impiegati del Municipio di Vlora) per il possibile abuso di potere a causa dell'irregolarità dei procedimenti riguardo alla restituzione della proprietà di richiedenti ed i procedimenti susseguenti riguardo all'emissione della licenza di edificio. 20 aprile 2016 la Corte d'appello di Vlora terminò i procedimenti in riguardo di quattro degli ufficiali pubblici ed i rimanere due furono assolti. Le are di procedimenti attualmente pendente di fronte a Supremo la Corte seguente un ricorso dell'Accusatore in Distretto.
G. le Altre informazioni presentate con le parti
48. 14 agosti 2013 un articolo fu pubblicato sul website ufficiale del Vlora Municipio leggere, inter l'alia, siccome segue:
“Oggi il Municipio di Vlora avviò un'azione per la demolizione di edifici illegali nella Vecchia area Da spiaggia di Vlora. Il capo del Municipio di Vlora dichiarò che tre settimane cuciono il Municipio già aveva demolito 130 altri edifici illegali situati in villaggio di Radhimë nella città di Vlora. Queste azioni [era] mirò a chiarendo e rilasciando territorio che era stato occupato illegalmente, così come la gestione del territorio urbano. Lui dichiarò anche che l'elaborazione per la demolizione di tutti gli edifici illegali può continua sulla linea costiera di Vlora intera. La seconda fase tratterebbe con la rivalutazione di costruzioni legali che non sono state costruite in conformità con la pianificazione regolatore e la prospettiva turistica di Vlora... il Municipio di Vlora nella cooperazione con la volontà Statale e nuova prevede per forme legali del risarcimento o se l'indennizzo necessario, finanziario. C'era in questa categoria [due a tre] edifici, fra altri [quale] impedì l'attuazione del Lungomare [la passeggiata] progetto di costruzione.”
49. 2 novembri 2013 un articolo fu pubblicato su un portale on-line, Shqiptarja.com affermando che le autorità in Vlora stavano continuando con la demolizione di edifici nell'area dove la passeggiata sarebbe costruita. Licenze provvisorie erano state emesse con le autorità per gli edifici che operarono come sbarre e ristoranti durante l'estate.
50. 4 novembri 2013 un articolo fu pubblicato su un portale on-line, Tema affermando che i residenti della Residenza di Jon non erano capaci di digitare l'edificio. L'articolo menzionò che, secondo il NUCI, l'edificio era stato sequestrato, io so che le autorità potessero ispezionare la licenza di edificio, la documentazione attinente per la costruzione e se o non la licenza di edificio era stata eseguita in ottemperanza con la legge. Il Ministero di Casa Affari, stato stato contattato con Vizion Più (a stazione di televisione nazionale), aveva chiarificato che la polizia aveva preso parte nelle azioni assunte 3 novembri 2013 per sostenere il NUCI. Il capo del NUCI aveva dichiarato che loro ancora stavano esaminando gli alloggi e se qualsiasi difetti risultarono, i Taskforce avrebbero poi decide se demolire l'edificio o no.
51. Sembra dalla prova presentata coi richiedenti che 4 dicembri 2013 a trasmissione di canale di televisione locale nel loro bollettino di notizie che il NUCI, sostenuto con agenti di polizia aveva avviato le procedure per la demolizione dell'edificio. Secondo la trasmissione, su che giorno era considerato che la demolizione fosse parziale, ed i residenti dell'edificio furono dati cinque giorni per rimuovere la loro proprietà mobile dai loro appartamenti. I proprietari dei locali residenziali non avevano rimosso la loro proprietà mobile per motivi che le autorità non avevano valutato in modo appropriato i loro appartamenti, mentre i proprietari dei locali di affari avevano rimosso debitamente la loro proprietà mobile. Le autorità avevano valutato i loro appartamenti come valendo EUR 350 per metro di piazza, mentre loro avevano pagato EUR 1,300 per metro di piazza quando loro li avevano comprati. Secondo la trasmissione fu notato comunque, che le procedure per la demolizione della proprietà già erano state cominciate con le autorità che seguono la Residenza di Jon stato stato bloccato per a tempo lungo.
52. 20 giugno 2016 un portale on-line, Vizioplus.tv pubblicò un articolo che afferma che l'Inspectorate Nazionale per Protezione Territoriale (Inspektoriati il për di Kombëtar Mbrojtjen e Territorit-“the NIPT”, il NUCI precedente), era iniziato procedimenti per la demolizione di edifici illegali che io so come di rendere possibile l'attuazione del progetto di Lungomare. All'edificio di due-piano già era stato demolito il lunedì, e la demolizione di due altri edifici (le sbarre) accadrebbe di giorni che seguì.
53. 29 giugno 2016 un portale on-line, JavaNews pubblicò un articolo che afferma che il NIPT era iniziato un'operazione in città di Vlora per l'attuazione del progetto di Lungomare. Il NIPT già aveva demolito all'edificio di singolo-piano. Demolirebbe anche un altro edificio. Durante la prima parte dell'operazione il NIPT già aveva demolito tre altri edifici.
54. 31 marzi 2017 il NIPT rivolse a lettera all'Agente Statale. In me sappia come rendere come attinente, la lettera legge siccome segue:
“... [Il] NUCI aveva esercitato le loro funzioni in conformità con diritto nazionale. 3 novembri 2013 il NUCI, nella presenza di a rappresentante del Vlora Pianificazione Settore Urbano, ispezionò il luogo di costruzione della Residenza di Jon. Tutte le procedure rimanenti seguite col NUCI furono basate sul Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013. Sulla base delle procedure di espropriazione il Municipio di Vlora sul 2013 hads di 2 dicembri richiese la cooperazione del NUCI con l'attuazione del Consiglio di decisione di Ministri per demolire patrimoni immobiliari che sarebbero espropriati. Sulla base di questa richiesta, il NUCI aveva eseguito la demolizione dell'edificio in cooperazione col Ministero di Casa Affari, il Difesa Ministero, il Ministero Ambientale ed il Municipio di Vlora... Al giorno d'oggi gli alloggi il NUCI si era attenuto con l'ordine provvisorio di 7 novembri 2013 e non aveva preso qualsiasi azione in violazione di questa decisione. In ottemperanza col Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013 e facendo seguire sé la richiesta del Municipio di Vlora aveva intrapreso tutti i passi necessari per la demolizione dell'edificio... al giorno d'oggi gli alloggi non c'era stato qualsiasi indagine amministrativa o penale in riguardo dei richiedenti chiede riguardo alla non-esecuzione dell'ordine provvisorio... il di nastro di scene di crimine giallo non si era stato avvalso col NUCI. È vero che il NUCI aveva richiesto l'appoggio della Polizia, comunque non è la competenza del NUCI per dettare o esaminare la maniera ed attrezzatura usò con la Polizia per garantire il perimetro del luogo sotto le autorità controlli... il NUCI non aveva preso qualsiasi azione che avrebbe potuto impedire i richiedenti nell'esercitare i loro diritti di proprietà. L'oggetto dell'ispezione era stato l'edificio e la materia dell'ispezione non erano state i residenti ma la società di costruzione e le attività degli impiegati del MUCI.”
55. Il Governo presentò come parte delle loro osservazioni che alloggio-legge nazionale che consiste di due decisioni delle corti distrettuali che lasciano spazio rivendicazioni di appellanti al risarcimento in riguardo di danno patrimoniale ha subito come per risultare della demolizione delle loro proprietà col MUCI e NUCI. In uno alloggi la demolizione era accaduta in riguardo di a proprietà che era stata costruita illegalmente ma per che procedimenti per il suo legalisation erano in corso. Alla rivendicazione fu concesso sotto la Responsabilità Non-contrattuale dell'Atto ed Articoli 608 a 640 del Codice civile. Negli altri alloggi la corte distrettuale concedè gli appellanti chiedono per il risarcimento per motivi che la demolizione della proprietà era accaduta nonostante un'altra presa di corte a decisione per sospendere la decisione del NUCI di demolire la proprietà per essere costruito illegalmente. Alla rivendicazione fu concesso sotto Articoli 608 e 640 del Codice civile. È poco chiaro se le due decisioni di corte distrettuale divennero definitivo.
56. Il Governo presentò anche tre altre decisioni di corte nazionali nelle quali le corti nazionali permisero gli appellanti chiedono per ad importo più alto del risarcimento per la loro proprietà espropriata nell'interesse pubblico.
57. All'ascolti i richiedenti pleaded rappresentativo che 9 dicembri 2013 i richiedenti avevano depositato richiedere col Municipio di Vlora per il risarcimento. 20 gennai 2014 il Municipio di Vlora aveva chiesto ai richiedenti a produce copiare di munito di certificato loro di proprietà accompagnata con per progettare di appartamenti emessa con l'IPRO entro le ultime settanta-due ore. I richiedenti non presentarono i due documenti. Loro presentarono inoltre che l'IPRO aveva rifiutato di emettere i certificati (veda anche paragrafo 32 sopra).
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
Costituzione di A.
58. La parte attinente della Costituzione legge siccome segue:

“Articolo 37
1. L'inviolabilità di residenza è garantita.
2. Ricerche di a residenza, così come di locali equivalenti può essere eseguito solamente nelle cause e maniera previste per con legge.
...
Articolo 41
1. Il diritto privato di proprietà è garantito.
...
3. La legge può prevedere solamente per le espropriazioni o limitazioni nell'esercizio di a diritto di proprietà nell'interesse pubblico.
4. Espropriazioni, o limitazioni di a diritto di proprietà che le are equivalente all'espropriazione, are permisero solamente in ritorno per il risarcimento equo.
5. Ad azione di reclamo può essere depositato con per corteggiare chiarire controversie riguardo all'importo o misura del risarcimento.
Articolo 42
1. La libertà, proprietà e gli altri diritti riconobbero nella Costituzione e con legge non può essere infranto senza ad udienza corretta.
2. Per proteggere i loro diritti costituzionali e legali, le libertà ed interessi, o quando un'accusa è stata resa contro loro, ognuno ha il diritto a fiera e dibattimento a porte aperte, entro a termine ragionevole, con un tribunale indipendente ed imparziale stabilito con legge.”
B. Code Civili
59. Articolo 608 del Codice civile prevede che chiunque che illegalmente danno di cause ad un'altra persona o a che la proprietà di persona è obbligata per pagare il risarcimento per il danno. Lui non è responsabile se lui prova che lui non è a colpa. Articolo 609 provideses che il danno dovrebbe essere il risultato di a persona diretto immediato ed atto od omissione. Articolo 625 provideses che a persona che soffre di danno non-patrimoniale sono concessi al risarcimento se c'è stato danno a salute sua, l'integrità fisica o mentale; suo onori, la personalità o reputazione sono state infrante o il suo diritto per rispettare per privato la sua vita è stata infranta. Sotto Articolo 640, danno patrimoniale consiste della perdita effettiva subita e perdita di profitto.
C. Code di Procedura Civile
60. Sotto Articolo 202 del CCP, un ordine provvisorio si può emettere quando c'è ragione di sospettare che l'esecuzione di a definitivo decisione può essere impossibile o difficile. Un ordine provvisorio si concede quando la rivendicazione è basata sulla prova e la parte di rivendicatore dà un'impresa per qualsiasi danno che la parte di imputato può subire come per risultare dell'ordine provvisorio. Sotto Articolo 204, un ordine provvisorio si può emettere anche prima che i procedimenti principali siano stati avviati. In simile cause la rivendicazione sui meriti dovrebbe essere portata all'interno del tempo fissato con la corte ma entro nessuno scuro che quindici giorni. Un ricorso contro l'ordine provvisorio non sospende la sua esecuzione (Articolo 210). Nell'evento che la rivendicazione non è depositata all'interno del tempo fissato con la corte, l'ordine provvisorio cessa avere effetto (Articolo 211). Se alla rivendicazione è concesso nella definitivo decisione, la corte nazionale convalida anche l'ordine provvisorio (Articolo 212). Articolo 510 provideses che un ordine provvisorio costituisce un “decisione eseguibile” (titull ekzekutiv) che è soggetto ad esecuzione obbligatoria. Sotto gli Articoli 511 e 515, esecuzione dell'ordine provvisorio è eseguita direttamente con l'ufficio dell'ufficiale giudiziario alla richiesta del creditore.
61. Articolo 479 provideses che Supremo la Corte può sospendere esecuzione di a decisione quando: (a) esecuzione immediata della decisione porterebbe danno pressocché serio ed irreparabile, and/or (b) la parte che fa la richiesta dà un'impresa in danni che assicurano l'esecuzione della decisione eventuale.
D. Controversie Atto Amministrativo ed alloggio-legge nazionale ed attinente
62. Sezione 1 di Legge n. 49/2012 di 18 maggio 2013 “Sulle corti amministrative e l'esame di controversie amministrative” (“il Controversie Atto Amministrativo”), prevede che approvvigiona di queste are di Atto completate con disposizioni del CCP a meno che è offerto altrimenti. Sezione 14 provideses che durante procedimenti giudiziali i diritti di parti ed are di obblighi governate con le disposizioni del CCP a meno che c'è incompatibilità. Sezione 28 provideses che, sino all'adozione di a decisione sui meriti degli alloggi, a rivendicatore può fare domanda alla corte per un ordine provvisorio se danno serio ed irreparabile può risultare come per risultare dell'esecuzione di una decisione amministrativa. La rivendicazione sui meriti dovrebbe essere depositata entro dieci giorni. Sotto sezione 29, l'ordine provvisorio si emette se c'è ragionevole sospetto che danno serio può risultare e che nessuna violazione di qualsiasi interesse pubblico esiste. Sotto sezione 32, un ricorso contro l'ordine provvisorio non sospende la sua esecuzione. Sotto sezione 33, l'ordine provvisorio è eseguito in conformità con gli articoli riguardo all'esecuzione di decisioni di corte amministrativa prevista per nell'Atto. Sotto sezione 40, la corte nazionale nella sua definitivo decisione sui meriti degli alloggi, quando ha concesso la rivendicazione in pieno o in parte, convalida l'ordine provvisorio. Sotto sezione 65, esecuzione dell'ordine provvisorio è eseguita con l'ufficio dell'ufficiale giudiziario alla richiesta del creditore. Secondo consistendo diritto nazionale, corti amministrative decidono le loro cause basate su sia il diritto amministrativo, vale a dire il Controversie Atto Amministrativo e le disposizioni del CCP.
E. Espropriazione Atto
63. Legge n. 8561 22 dicembri 1999 “Sulle Espropriazioni ed Uso Provvisorio Privato di Proprietà nell'Interesse Pubblico” (“l'Atto di Espropriazione”) espone fuori le procedure di espropriazione privato di proprietà nell'interesse pubblico. Sezioni che 2 e 4 offrono che un'espropriazione è solamente nell'interesse pubblico, dove l'interesse pubblico prevale su privato l'interesse, e solamente per le ragioni e nella conformità con le procedure esposte espressamente fuori nell'Atto, alla misura che è essenziale per il conseguimento del fine dell'espropriazione e è in cambio per il risarcimento equo. I principi di trasparenza, l'uguaglianza di cittadini e protezione della loro proprietà interessa e diritti devono essere rispettati (sezione 3). Un Can di espropriazione sia costituito le varie ragioni, incluso la realizzazione di cittadino o progetti locali ed investimenti negli interessi dell'ambiente la salute, ecc. così come protezione di infrastruttura nell'interesse pubblico (sezione 8). Sotto sezione 10, il richiedente in cui il favore l'espropriazione sarà eseguita, incluso ad autorità municipale, deve fare domanda al ministero che è competente sotto la legge. La richiesta deve essere accompagnata con molti documenti, incluso elencare dei proprietari di privato le proprietà per essere espropriato, insieme con chiarimenti ed informazioni che concernono ogni proprietario incluso i loro indirizzi e le scorse residenze note, con le rispettive stime in riguardo della valutazione delle proprietà e l'importo di risarcimento che sarà pagato per ognuno di loro. Sezione 11 provideses che il ministro competente deve ordinare il setting su di a perpetrazione speciale soprintendere all'attuazione delle procedure di espropriazione. Sezione 12 provideses che il ministero competente deve verificare la richiesta e sostenendo documenti. Sezione 13 provideses che se la richiesta è in conformità con l'Atto, il ministero competente l'accetta ed immediatamente notifica il richiedente in cui favore che l'espropriazione è chiesta per iscritto. Un accordo deve essere entrato in fra il richiedente ed il ministero competente sui diritti reciproci ed obblighi riferiti alle procedure di espropriazione. Sezione 14 provideses che entro dieci giorni dell'accordo il ministero competente deve notificare direttamente ogni proprietario o coproprietario di privato le proprietà essere espropriato del loro risarcimento. Sotto sezione 15, il ministero competente deve pubblicare la richiesta per l'espropriazione nell'Ufficiale Pubblichi, ed in a cittadino e giornale locale per ad un periodo di settimana. Sezione 16 §s 2 provideses che sul completamento dei procedimenti di espropriazione, il Ministero competente è obbligato a decide sull'importo del risarcimento. Che importo è pagato alla persona riguardata come decisa con la definitivo decisione di corte, negli alloggi di ricorso, dopo avere informato il ministero competente. Sezione 16 §s 3 provideses che i proprietari di privato le proprietà devono informare il ministero competente se loro accettano il trasferimento volontario della proprietà. Entro quindici giorni di ricevuta della risposta dei proprietari, ed in qualsiasi l'evento nessuno meno che un mese dalla pubblicazione della richiesta per l'espropriazione, il ministero competente, nell'evento che le parti hanno accettato le condizioni dell'espropriazione, deve iniziare le procedure per proprietà traslativa agli stati in cambio per il risarcimento equo (la sezione 16 §s 4). Sezione 17 provideses che il perpetrazione speciale deve calcolare l'importo del risarcimento riferì alla proprietà per essere espropriato. Sezione 20 provideses che il ministro competente deve presentare poi al Consiglio di Ministri la proposta per l'espropriazione accompagnati con molti documenti. Sotto sezione 21, il Consiglio di Ministri decide sull'espropriazione quando si considera che la proposta per l'espropriazione abbia a base in legge, ed infatti. La decisione su espropriazione deve include privato le proprietà per essere espropriato ed i loro rispettivi proprietari, l'importo del risarcimento per essere assegnato così come il termine di decadenza e la maniera per pagamento. La decisione su espropriazione immediatamente entra in vigore e è pubblicata nell'Ufficiale Pubblichi. Sezione che 23 provideses che l'importo del risarcimento deve essere dato alla persona hanno concernito all'interno del tempo-limite indicato nella decisione del Consiglio di Ministri, o da determinato il quando la decisione di corte diviene definitivo in conformità con sezioni 16 §s 2 e 24 di questo Atto. Sezione che 24 provideses che la decisione del Consiglio di Ministri su espropriazione deve essere spedita direttamente col ministero competente ai proprietari hanno concernito. Loro possono fare appello corteggiare entro trenta giorni contro l'importo del risarcimento specificò nella decisione. Un ricorso contro a decisione del Consiglio di Ministri sull'espropriazione attuazione della decisione non sospende. Come riguardi l'importo del risarcimento, se un ricorso alla corte non è presentato entro trenta giorni in conformità con l'Atto, la decisione del Consiglio di Ministri sull'espropriazione diviene eseguibile. Sotto sezione 26, le procedure di espropriazione sono considerate nulle quando la materia in cui favore che l'espropriazione era fatta non comincia finito o i lavori entro tre mesi di determinato gli specificarono nella decisione del Consiglio di Ministri. L'espropriazione è anche nulla quando gli usi soggetti le proprietà espropriate o compie azioni in non ottemperanza col fine dell'espropriazione, o quando lui già cambia l'uso intenzionale delle proprietà o progetti compiuto su loro di fronte alla scadenza del periodo come esposto fuori nella decisione di espropriazione. Un'espropriazione è considerata anche nulla se nessun pagamento è stato reso o nessun importo del risarcimento è stato dato in favore della parte espropriata e gli altri proprietari in conformità con l'Atto. Se l'espropriazione è nulla, su una richiesta coi rispettivi proprietari, privato le are di proprietà ritornarono a loro con gli stessi diritti che loro avevano al tempo dell'espropriazione. I proprietari riguardati possono richiedere il risarcimento in riguardo di danno subito come per risultare dell'espropriazione nulla.
F. gli Altri Atti
64. Sotto la Responsabilità Non-contrattuale dell'Atto (la Legge n. 8510 15 lugli 1999 “Sulla responsabilità non-contrattuale di autorità amministrative”), a è l'entità è obbligata compensato al patrimoniale e danno non patrimoniale causati a terze parti durante l'esercizio delle sue funzioni pubbliche.
65. Sezione 14 dell'Ispezione di Edifici Atto (la Legge n. 9780 16 lugli 2007 “Sull'ispezione di edifici”) al tempo di materiale previde che un ricorso contro a decisione del NUCI o MUCI che prendono misure urgenti o sanzioni amministrative che emette di corteggiare potrebbe essere portato. Nell'evento che la corte concedè la rivendicazione e la decisione divenne definitivo, la parte danneggiata fu concessa per richiedere il NUCI o MUCI (chiunque emise la decisione) assegnare il risarcimento per il danno causò.
66. La Prevenzione e Pagamento di Arretrati Atto (Consiglio di Ministri ' la decisione n. 50 5 febbrai 2014 “Sull'approvazione della strategia per la prevenzione e pagamento di arretrati e l'azione progetti”) espone fuori le procedure che il Governo albanese dovrebbe seguire in riguardo del pagamento di governo centrale arretrati finanziari, così come misure per essere preso per la prevenzione di un'accumulazione di debito finanziario in futuro il. Una delle misure è l'emendamento di certa legislazione come leggi sulla gestione del bilancio, gestione finanziaria e controlla, approvvigionamento ed il vario by-laws relativo. Sotto l'Atto, obblighi finanziari e non retribuiti includono obblighi che scaturiscono da definitivo decisioni di corte ed il risarcimento nell'interesse pubblico.
67. Il Consiglio di Ministri ' la decisione “sui metodi di valutazione per patrimoni immobiliari in Albania” n. 658 26 settembri 2012, prevede che, nel valutare patrimoni immobiliari, autorità devono avere riguardo a, fra altri, alla protezione del diritto a proprietà il diritto dell'espropriazione in ritorno per il risarcimento equo, il principio della legalità, standard di valutazione di patrimoni immobiliari internazionali basarono sul prezzo di mercato, dattilografi di proprietà ed il fine del suo uso. Il calcolo del valore della proprietà è reso in conformità col prezzo di contratti di scalate che prendono in considerazione il prezzo di mercato secondo il tipo di proprietà ed il fine del suo uso. Il prezzo di mercato è esposto con date ufficiali di sé scala contratti registrati con l'IPRO.
G. alloggio-legge nazionale ed Attinente
68. La Corte Costituzionale ha riaffermato la sua pratica stabilita e lunga di trovare violare di diritti di appellanti su conto della non-esecuzione di definitivo decisioni di corte nazionali (le decisioni N. 63/17 31 il 2017 lugli 50/17 di 3 il 2017 lugli 35/17 di 18 il 2017 aprile 25/17 di 27 il 2017 marzi 89/16 di 30 il 2016 dicembri 79/16 di 27 il 2016 dicembri 66/16 di 7 novembri 2016) e dove sono stati smodatamente lunghi procedimenti (le decisioni N. 51/17 3 il 2017 lugli 42/17 di 25 maggio 2017, 32/17 30 il 2017 marzi 22/17 di 20 il 2017 marzi 36/16 di 27 il 2016 giugno 14/16 di 10 marzi 2016). Nessuno assegnazioni furono rese agli appellanti nel sopra menzionato decisioni, né era qualsiasi altro vuole dire di compensazione prevista in relazione alla non-esecuzione continuata o la lunghezza di procedimenti.
LA LEGGE
IO. Violazione allegato Di Articolo 6 §s 1 Alone Preso Ed In Concomitanza Con Articolo 13 Di La Convenzione
69. I richiedenti addussero che c'è stato violare di Articolo 6 §s 1 della Convenzione su conto della noncuranza di autorità dell'ordine provvisorio di 7 novembri 2013 che accordano sospendere di esecuzione dell'ordine di demolizione. Loro presentarono inoltre che l'inosservanza di autorità con l'ordine provvisorio aveva comportato a violazione dei loro diritti procedurali ed aveva impedito loro dall'avere i meriti della loro azione di reclamo in modo appropriato esaminati nei procedimenti di fronte alla Corte distrettuale. Loro si lamentarono anche di per mancare di una via di ricorso effettiva in quel riguardo a.
Articolo 6 §s 1 della Convenzione, pertanto come attinente, legge siccome segue:
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è concesso a fiera... ascolti... con [a]... tribunale...”
Articolo 13 della Convenzione legge siccome segue:
“Ognuno cui diritti e le libertà come insorga avanti [il] are di Convenzione violate avranno prima una via di ricorso effettiva ad autorità nazionale nonostante che la violazione è stata commessa con persone che agiscono in una veste ufficiale.”
Ammissibilità di A.
1. Se i richiedenti hanno esaurito via di ricorso nazionali
70. Il Governo presentò che i richiedenti non erano riusciti ad esaurire le via di ricorso nazionali e disponibili. In particolare loro non avevano portato per chiedere per il risarcimento per gli atti illegali di 3 novembri 2013 sotto il Non la Responsabilità contrattuale dell'Atto o l'Ispezione di Edifici Atto, o in procedimenti separati o durante i procedimenti nazionali che concernono quegli eventi. Il Governo presentò alloggio-legge nazionale in appoggio di questa osservazione (veda paragrafo 55 sopra).
71. I richiedenti dibatterono che non c'erano state via di ricorso effettive che loro potessero avvalersi di. Nelle loro osservazioni orali loro dibatterono che, non riuscendo ad eseguire l'ordine provvisorio, le autorità li avevano spogliati irreversibilmente non solo dei loro diritti di proprietà ma anche dell'opportunità di avere i meriti della loro azione di reclamo esaminata efficacemente con per corteggiare. Nessuna via di ricorso nazionale potrebbe compensare simile a rifiuto della giustizia. Inoltre, loro presentarono che era stato ben stabilito che la noncuranza dell'ordine provvisorio aveva spogliato i richiedenti di qualsiasi protezione giudiziale ed effettiva.
72. La Corte considera che la questione dell'esaurimento di via di ricorso nazionali è riferita da vicino ai meriti dell'azione di reclamo di richiedenti di mancare di una via di ricorso effettiva per l'interferenza allegato col loro diritto a processo equanime.
73. Così, la Corte si unisce al problema di se i richiedenti esaurirono le via di ricorso nazionali ai meriti della loro azione di reclamo sotto Articolo 13, in concomitanza con Articolo 6 §s 1 della Convenzione.
2. Se i richiedenti manca “status di vittima”
74. Il Governo presentò che le corti nazionali avevano emesso decisioni ragionate, mentre in modo appropriato rivolse gli argomenti di richiedenti e trovando nel loro favore. I richiedenti avevano abusato perciò il loro diritto della richiesta individuale.
75. I richiedenti non presentarono qualsiasi i particolari commenti.
76. La Corte reitera che l'adozione di misurare favorevole al richiedente con le autorità nazionali spoglierà solamente il richiedente di status di vittima se alla violazione è data credito espressamente, o almeno in sostanza, e è compensato successivamente (veda Scordino c. l'Italia (n. 1) [GC], n. 36813/97, §§ 178 ets seq. e § 193, ECHR 2006 Vs, e Dalban c. la Romania [GC], n. 28114/95, § 44 ECHR 1999-là).
77. Il problema come a se a persona ancora può chiedere di essenzialmente essere la vittima di una violazione allegato della Convenzione comporta da parte della Corte un ex esame di facto di posto di suo o la sua situazione (veda Dimentichi, citato sopra, § 181, e Centro Europa 7 S.r.ls. Stefano e c. l'Italia [GC], n. 38433/09, § 82 ECHR 2012). Se la compensazione data è effettiva dipenderà, fra le altre cose, essere stati violati addusse sulle nature del diritto, le ragioni date per la decisione e la persistenza delle conseguenze di unfavourable per la persona riguardata dopo che decisione (veda Oliari ed Altri c. l'Italia, N. 18766/11 e 36030/11, § 78 21 lugli 2015). La compensazione riconosciuta deve appropriare sia e sufficiente. Se un individuo ha status di vittima può dipendere anche dall'importo del risarcimento assegnato con le corti nazionali e l'efficacia (incluso la prontezza) della via di ricorso che riconosce l'assegnazione (veda Paplauskien ?c. la Lituania, n. 31102/06, § 51 14 ottobri 2014).
78. La Corte osserva che, facendo seguire le specifiche osservazioni i richiedenti, rese durante i procedimenti riguardo all'espropriazione e la demolizione dei richiedenti che costruiscono le corti nazionali sostenute che le autorità avevano adottato il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013 senza attendere la decisione sui meriti e nella noncuranza dell'ordine provvisorio (veda divide in paragrafi 37 e 41 sopra). Comunque, loro non assegnarono i richiedenti qualsiasi il risarcimento. Inoltre, il quaderno di Corte che il fatto che le corti nazionali nei provvisori e procedimenti principali trovati nel favore di richiedenti sono irrilevanti, poiché quelle decisioni rimasero unexecuted e non riuscirono ad ostacolare la demolizione dell'edificio.
79. Di conseguenza, la Corte considera che le autorità nazionali non riconobbero compensazione ai richiedenti in riguardo della loro azione di reclamo del non esecuzione dell'ordine provvisorio nel loro favore e che loro Can ancora chiede di essere vittime della violazione addotte.
3. Conclusione
80. La Corte considera che l'azione di reclamo di richiedenti sotto Articolo 6 §s 1 ed Articolo 13 delle are di Convenzione mal-fondarono non manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 §s 3 della Convenzione. Sé l'ulteriore quaderno che loro le are non inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili, senza pregiudizio alla decisione ultimamente essere preso sull'eccezione del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali.
B. Merits
1. Ottemperanza con Articolo 13 in concomitanza con Articolo 6 §s 1 della Convenzione
81. La Corte reitera che Articolo 13 della Convenzione costringe ordinamenti giuridici nazionali a rendere disponibile una via di ricorso effettiva che conferisce poteri l'autorità nazionale e competente per rivolgere la sostanza di un “difendibile” azione di reclamo sotto la Convenzione (veda Z ed Altri c. il Regno Unito [GC], n. 29392/95, § 108 il 2001-V di ECHR). Il suo oggetto è prevedere a vuole dire da che cosa individui Can appropriato ottenga il sollievo a livello di cittadino per violazioni dei loro diritti di Convenzione prima di dovere insorgere istanza il sistema internazionale di azione di reclamo di fronte alla Corte (veda Kuda ?c. la Polonia [GC], n. 31210/96, § 152 ECHR 2000-XI).
82. Comunque, la protezione riconosciuta con Articolo che 13 doeses non vanno io so come rendere come per richiedere qualsiasi la particolare forma di via di ricorso, Stati Contraenti che si sono permessi di provvedere d'un margine della discrezione nell'adattare ad obblighi loro sotto questa disposizione (veda, per esempio, Kaya c. la Turchia, 19 febbrai 1998, § 106 Relazioni 1998 Il).
83. Rivolgendosi agli alloggi presenti, la Corte non è convinta con gli argomenti del Governo che chiedere per il risarcimento sotto il Non la Responsabilità contrattuale dell'Atto, l'Ispezione di Edifici Atto o il Codice civile siccome esemplificato con l'alloggio-legge nazionale presentata col Governo (veda paragrafo 55 sopra), sarebbe stato effettivo nelle particolari circostanze degli alloggi. In primo luogo, il quaderno di Corte che gli esempi dati col Governo si riferisce a rivendicazioni per danni in cause dove il MUCI o NUCI avevano demolito edifici illegali o dove ancora erano in corso le procedure di legalisation. Comunque, il quaderno di Corte che non ci sono informazioni nell'archivio di alloggi come a se quelle decisioni divennero definitivo a livello nazionale, e se io so, se le autorità li eseguirono. Inoltre, il quaderno di Corte che nelle cause ha concernito le autorità non procedè con qualsiasi l'espropriazione susseguente nell'interesse pubblico, le circostanze che sono diverso da quelli negli alloggi presenti. In secondo luogo, il quaderno di Corte che i richiedenti non si lamentarono alla Corte di mancare del risarcimento per danno patrimoniale per la non-esecuzione dell'ordine provvisorio di 7 novembri 2013, piuttosto che le autorità andarono a vuoto ad eseguire la misura provvisoria che lo fece impossibile per loro avere i meriti di alloggi loro in modo appropriato esaminata.
84. Inoltre, la Corte reitera che il principio dell'articolo di legge che gli Stati Contraenti si impegnarono rispettare quando loro ratificarono la Convenzione include il dovere di assicurare che le autorità competenti eseguono misure giuridiche quando concesso (veda, Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 66 ECHR 1999 IIs, e Pavi ?c. Croatia, n. 21846/08, § 38 28 gennai 2010). Inoltre, riferendosi alle cause di Gjyli c. l'Albania (n. 32907/07, §§ 55-61 29 settembri 2009), Manushaqe Puto ed Altri c. l'Albania (N. 604/07 e 3 altri, §§ 33-35 31 lugli 2012) e Luli ed Altri c. l'Albania (N. 64480/09 e 5 altri, §§ 77-84, e §§ 114-119 1 aprile 2014), i costatazione di Corte che non c'era via di ricorso effettiva in Albania in riguardo della non-esecuzione di definitivo decisioni e lunghezza di procedimenti al tempo di materiale. Osserva inoltre che la Corte Costituzionale, altro che rendendo a sentenza dichiaratoria di violare dove definitivo are di decisioni di corte non eseguirono (veda paragrafo 68 sopra), non è capace di offrire qualsiasi vuole dire di compensazione per rimediare alla situazione. In simile circostanze, i costatazione di Corte che c'erano, ed ancora è, nessuna via di ricorso effettiva disponibile ai richiedenti in riguardo della non-esecuzione dell'ordine provvisorio.
85. Sé prospettiva del sopra, la Corte conclude che c'è stata a violazione di Articolo 13 in concomitanza con Articolo 6 §s 1 della Convenzione. Segue che l'eccezione preliminare del Governo della non-esaurimento in questo riguardo deve essere respinta.
2. Ottemperanza con Articolo 6 §s 1 della Convenzione
(a) Le osservazioni di parti
(il) I richiedenti
86. I richiedenti presentarono che c'è stata a violazione di Articolo 6 §s 1 della Convenzione come risultare della non-esecuzione dell'ordine provvisorio di 7 novembri 2013. L'ordine provvisorio che aveva proibito qualsiasi l'ulteriore azione con qualsiasi autorità contro la Residenza di Jon che potrebbe impedire il loro diritto a godimento tranquillo delle loro proprietà, chiaramente aveva affermato che l'edificio non dovrebbe essere demolito. Comunque, le autorità albanesi demolirono la Residenza di Jon nonostante l'ordine provvisorio emesso con la Corte distrettuale ed equo ai pochi giorni prima dell'udienza elencata di fronte alla Corte amministrativa di Ricorso. Non c'era prova pubblica di qualsiasi ordine di demolizione che o è adottato mai col Municipio di Vlora o notificò ai richiedenti.
87. Inoltre, siccome avevano deciso le corti nazionali, la decisione di espropriazione era stata illegale ed apertamente aveva mirato a circonvenendo l'ordine provvisorio. Le autorità erano andate a vuoto ad attenersi con l'ordine provvisorio come i richiedenti non era stato concesso accesso senza restrizioni alle loro proprietà che seguono la confisca e l'annuncio pubblico della demolizione.
88. Infine, l'inosservanza di autorità con l'ordine provvisorio e la demolizione della Residenza di Jon in equo importarsi di giorni aveva comportato a violazione dei richiedenti diritti procedurali con frustrando irreversibilmente le loro rivendicazioni nei procedimenti principali.
(l'ii) Il Governo
89. Il Governo presentò inizialmente che le autorità non avevano impugnato l'ordine provvisorio di 7 novembri 2013 come sé non era stato emesso in conformità con diritto nazionale. Nelle loro osservazioni orali il Governo dibattè che la Corte doveva avere riguardo ad alla situazione generale affrontata col Governo nuovo di giugno 2013: 400,000 edifici illegali erano stati costruiti per a popolazione di solamente 2.8 milione e costruzioni illegali era tollerato da venticinqui anni. Di conseguenza, la Residenza di Jon stata stata costruita sulla base di permettere emise con le autorità locali invece delle autorità centrali, era stato considerato inizialmente a costruzione senza a licenza regolare registrata con l'IPRO. Inoltre, l'edificio non si era attenuto con pianificazione urbana. Era stata queste circostanze sotto che il NUCI e MUCI avevano intentato causa 3 novembri 2013 in prospettiva delle irregolarità osservò durante le procedure riguardo all'emissione della licenza di edificio, con vedere, potenzialmente ad avendo gli impiegati responsabile punii, così come l'edificio demolì come una sanzione amministrativa sotto l'Ispezione di Edifici Atto.
90. Il Governo presentò inoltre che l'ordine provvisorio, per come lungo come aveva qualsiasi l'effetto, si era stato attenuto con con le autorità nazionali in che il NUCI e MUCI non avevano preso qualsiasi azione illegale a parte le azioni assunta 3 novembri 2013. L'ordine provvisorio del 2013 hads di 7 novembri per essere letto ed interpretò insieme con la decisione della Corte distrettuale di 28 gennai 2014. L'edificio era stato considerato con le autorità per essere illegale sino all'adozione della decisione della Corte distrettuale di 7 novembri 2013. Dopo la sua adozione, le autorità non potrebbero trattare più coi richiedenti che costruiscono come a primo facie costruzione illegale. Al luogo della Residenza di Jon un progetto di infrastruttura nell'interesse pubblico era stato progettato comunque. Tutti gli altri edifici erano stati demoliti solamente per l'attuazione di quel il progetto. Gli effetti dell'ordine provvisorio erano stati prolungati fino a 27 novembri 2013, quando la proprietà era stata espropriata successivamente ed era stata demolita in conformità con diritto nazionale come sé era stato presunto poi per essere a costruzione legale.
91. Il Governo presentò inoltre che infatti i richiedenti stavano considerando erroneamente il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013 come uno che non aveva implementato l'ordine provvisorio. L'ordine provvisorio del 2013 hads di 7 novembri non ostacolò le procedure di espropriazione. Era stato rivolto solamente al NUCI e MUCI e non il Consiglio di Ministri. Perciò, gli alloggi disponibile era diverso a che di Okyay ed Altri c. la Turchia (n. 36220/97, ECHR 2005 VIIs) in che le circostanze erano diverse. I procedimenti provvisori in relazione agli eventi del 2013 hads di 3 novembri stati non correlati ai procedimenti principali per la demolizione dell'edificio presa da 4 a 8 dicembri 2013 in che l'ordine provvisorio non aveva concernito la demolizione dell'edificio, solamente la condotta delle autorità prima della decisione su espropriazione. Loro aguzzarono anche al fatto che durante i procedimenti provvisori di fronte alla Corte amministrativa di Ricorso i richiedenti stessi avevano ritirato la loro richiesta per l'adozione di una misura provvisoria.
(b) la valutazione di La Corte
92. La Corte reitera che l'esecuzione di a sentenza data con a corte-incluso a sentenza data in procedimenti provvisori (veda, fra molte altre autorità, Okyay ed Altri, citato sopra, e Micallef c. il Malta [GC], n. 17056/06, §§ 87-89 ECHR 2009) - sarà considerato una parte integrante del “il processo” per i fini di Articolo 6 della Convenzione (veda Hornsby c. la Grecia, 19 marzi 1997, § 40 le Relazioni 1997 IIs). Il diritto di accesso per corteggiare garantì sotto che Articolo sarebbe stato reso illusorio se all'ordinamento giuridico di Stato Contraente concesso a definitivo rilegatura che decisione giudiziale o un ordine interlocutorio hanno reso durante la conseguenza di a definitivo decisione di rimanere non operante al danno di una parte. Questo principio è di anche più grande importanza nel contesto di controversie di procedimenti amministrative che riguardano cui la conseguenza decisivo è per ai diritti civili di contendente (veda Okyay ed Altri, citato sopra, § 72).
93. La Corte reitera anche che a persona contro che ha ottenuto a sentenza il di separare non dovrebbe essere aspettatosi alla fine di procedimenti legali porti procedimenti di esecuzione (veda Burdov c. la Russia (n. 2), n. 33509/04, § 68 ECHR 2009).
94. Rivolgendosi agli alloggi presenti, il quaderno di Corte che non è in controversie che l'Articolo 6 §s 1 è applicabile ai procedimenti provvisori in problema. Prendendo nell'esame le osservazioni del Governo, dovrebbe esaminare in primo luogo se i procedimenti provvisori furono riferiti alla demolizione dell'edificio che ebbe luogo un mese dopo l'emissione dell'ordine provvisorio. Facendo seguire richiesta esplicita per sospendere l'adozione di tutte le decisioni amministrative i richiedenti riferì alla demolizione dell'edificio (veda divide in paragrafi 17-18 sopra), la Corte distrettuale in operativo la parte della sua decisione sospese esplicitamente tutte le azioni amministrative di qualsiasi autorità pubblica che potrebbe interferire col godimento tranquillo coi richiedenti delle loro rispettive proprietà. Diede inoltre ragioni estese perché l'ordine provvisorio era stato emesso (veda paragrafo 19 sopra). 20 gennai 2014 la Corte amministrativa di Ricorso notò che la conseguenza della quale l'ordine provvisorio aveva tentato a fermare-vale a dire la demolizione l'era accaduto (veda paragrafo 22 sopra). Anche, decisioni susseguenti delle corti nazionali notarono che il NUCI e MUCI avevano intentato abusivamente causa arbitraria con lo scopo di demolire l'edificio (veda divide in paragrafi 26-27, e divide in paragrafi 37 e 41 sopra). Per tutte le considerazioni sopra, la Corte conclude, che l'ordine provvisorio fu emesso con per vedere ad ostacolando qualsiasi la possibile demolizione dell'edificio di richiedenti.
95. La Corte ora si rivolgerà alla questione se le autorità si attennero con l'ordine provvisorio di 7 novembri 2013. Sé il quaderno che sotto Articolo 510 delle Code di Procedura Civile un ordine provvisorio è direttamente esecutivo e vincolante a tutte le istituzioni (veda divide in paragrafi 19 e 62 sopra). Rivolgendosi agli alloggi presenti, il quaderno di Corte che l'ordine provvisorio, diresse a qualsiasi corpo ufficiale, era rimanere in posto sino ad a decisione fu dato sui meriti degli alloggi (veda paragrafo 19 sopra). Col tempo le corti nazionali avrebbero dovuto decidere sui meriti degli alloggi con contrasto, il Consiglio di Ministri aveva deciso che la Residenza di Jon dovrebbe essere espropriata nell'interesse pubblico e l'edificio era stato demolito. Perciò, l'esecuzione dell'ordine provvisorio e la conseguenza dei procedimenti principali divenne ridondante (veda divide in paragrafi 22 e 26-27 sopra). La Corte anche quaderno che le corti nazionali a tutti i livelli hanno osservato che le autorità albanesi erano andate a vuoto ad attenersi con l'ordine provvisorio (veda anche divide in paragrafi 78 e 94 sopra).
96. Nella luce del precedente, la Corte considera, che le autorità nazionali andarono a vuoto ad attenersi in pratica con la decisione rese col Vlora Corte distrettuale Amministrativa 7 novembri 2013, spogliando così Articolo 6 §s 1 di qualsiasi effetto utile (veda, mutatis mutandis, Okyay ed Altri, citato sopra, §§ 72-73, e Kübler c. la Germania, n. 32715/06, §§ 60-66 13 gennai 2011).
97. C'è stata perciò a violazione di Articolo 6 §s 1 della Convenzione.
II. Violazioni allegato Di Articolo 8 Alone di TAKENs Ed In Concomitanza Con Articolo 13 Di La Convenzione
98. I richiedenti si lamentarono che il loro forzato allontanamento dalle loro case senza qualsiasi avviso precedente e la confisca dell'edificio erano state in violazione di Articolo 8 della Convenzione. Loro si lamentarono inoltre che l'espropriazione e la demolizione susseguente dell'edificio avevano violato il loro diritto per rispettare per le loro case sotto quel la disposizione. Loro si lamentarono anche di per mancare di una via di ricorso effettiva in quel riguardo a.
Articolo 8 della Convenzione legge siccome segue:
“1. Ognuno ha diritto a rispettare per privato suo e la vita di famiglia, la sua casa e la sua corrispondenza.
2. Non ci sarà interferenza con ad autorità pubblica con l'esercizio di questo diritto eccetto come è in conformità con la legge e è necessario in a società democratica negli interessi della sicurezza nazionale, la sicurezza pubblica o il benessere economico del paese, per la prevenzione di disturbo o incrimina, per la protezione di salute o morale, o per la protezione dei diritti e le libertà di altri.”
Azione di reclamo di A. riguardo alla confisca dell'edificio
1. Ammissibilità
(a) In riguardo dei primo e secondo richiedenti
99. Il quaderno di Corte che i primo e secondo richiedenti divennero proprietari di molti appartamenti e negozi nella Residenza di Jon con virtù della loro proprietà dell'area di terra (veda paragrafo 8 sopra). Comunque, il quaderno di Corte che, i primo e secondo richiedenti non presentarono qualsiasi prova documentaria a prove che loro davvero stavano usandoli come le loro case o affari premette (veda, contrariare, Cole di Société Est ed Altri c. la Francia, n. 37971/97, § § 41-42, ECHR 2002 IIIs) per il fine di Articolo 8 della Convenzione. Di conseguenza, questa azione di reclamo in riguardo dei primo e secondo richiedenti è ratione materiae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 §s 3 (a) e deve essere respinto in conformità con Articolo 35 §s 4. Sulla stessa base, la Corte respinge anche la loro azione di reclamo sotto Articolo 13 della Convenzione preso in concomitanza con Articolo 8.
(b) In riguardo dei richiedenti rimanenti
(il) Se i richiedenti hanno esaurito le via di ricorso nazionali
100. Il Governo presentò che i richiedenti non si erano lamentati alle corti nazionali di violare del loro diritto per rispettare per la loro casa. I richiedenti avevano impugnato solamente il valore di espropriazione. Loro non avevano detto qualsiasi il risarcimento nei procedimenti che avevano terminato con la Corte amministrativa della decisione di Ricorso di 21 gennai 2014; alternativamente, loro avrebbero potuto portare rivendicazioni sotto il Codice civile, la Responsabilità Non-contrattuale dell'Atto e l'Ispezione di Edifici Atto.
101. I richiedenti reiterarono che loro si erano lamentati alle corti nazionali della confisca e circondando dell'edificio. Loro avevano impugnato gli atti illegali delle autorità amministrative (la confisca, l'espropriazione e la demolizione) interferendo col loro diritto per rispettare per la loro casa, sollevando almeno con ciò in sostanza ad azione di reclamo sotto Articolo 8 della Convenzione.
102. La Corte considera che la questione dell'esaurimento di via di ricorso nazionali è io so riferito da vicino ai meriti dell'azione di reclamo di richiedenti di mancare di una via di ricorso effettiva per l'interferenza allegato col loro diritto a casa che loro non possono essere liberati da sé.
103. Così, la Corte sostiene che il problema di se i richiedenti esaurirono le via di ricorso nazionali dovrebbero essere congiunte ai meriti della loro azione di reclamo sotto Articolo 13, in concomitanza con Articolo 8 della Convenzione.
(l'ii) Se i richiedenti manca “status di vittima”
104. Il Governo presentò che la Corte amministrativa di Ricorso nella sua decisione del 2014 hads di 21 gennai dichiarò le azioni del NUCI di 3 novembri 2013 illegali; il problema già era stato rivolto perciò, a livello nazionale.
105. I richiedenti non presentarono qualsiasi i particolari commenti.
106. Nella luce del precedente (veda divide in paragrafi 76-79 sopra), la Corte considera che le autorità nazionali non riconobbero compensazione ai richiedenti in riguardo della loro azione di reclamo di violare del loro diritto per rispettare per la loro casa e che loro Can ancora chiede di essere vittime della violazione addotte.
(l'iii) la Conclusione
107. La Corte considera che l'azione di reclamo di richiedenti sotto Articoli 8 e 13 delle are di Convenzione mal-fondarono non manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 §s 3 della Convenzione. Sé l'ulteriore quaderno che loro le are non inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili, senza pregiudizio alla decisione ultimamente essere preso sull'eccezione del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali.
2. Meriti
(a) Ottemperanza con Articolo 8 della Convenzione
(il) Le osservazioni di parti
108. I richiedenti presentarono che il loro diritto per rispettare per la loro casa era stato violato su conto del loro sfratto improvviso, forzato, illegale e permanente dalle loro case senza qualsiasi preavviso ufficiale precedente. Loro addussero che sul 2013 officialses di 3 novembri del NUCI e MUCI, assistè con la Polizia, aveva circondato improvvisamente l'edificio e l'aveva mantenuto l'ordine pubblico via con nastro di polizia giallo. La maggior parte di loro avevano saputo solamente per caso della situazione per medio l'o per telefono dalle guardie dell'edificio. Quelli di loro che erano stati nelle loro proprietà al tempo forzatamente erano stati rimossi e, da che onwards del momento, tutti di loro erano stati ostacolati dall'avere accesso alle loro case, anche recuperare il loro belongings più essenziale e valuables prima che l'edificio fosse demolito. Loro presentarono anche che su consegna della decisione provvisoria, loro infine erano stati concessi per ritornare alle loro case, purché loro mostrarono a munito di certificato di proprietà ed a scheda di identità valida (l'Id).
109. I richiedenti presentarono inoltre che la confisca dell'edificio e conseguendo l'impossibilità per loro per avere accesso alle loro proprietà non era stato basato su per corteggiare decisione. Inoltre, la confisca dell'edificio aveva continuato nonostante l'ordine provvisorio. L'illegalità della condotta di autorità amministrativa già era stata stabilita con le corti nazionali. Perciò, la confisca delle case di richiedenti e proprietà non era stata legale, non aveva perseguito legittimare scopo, e non era stata proporzionato a qualsiasi scopo perseguì.
110. Il Governo ammise che c'era stata un'interferenza coi diritti di richiedenti sotto Articolo 8 della Convenzione ma che interferenza aveva avuto a base in legge ed aveva intrapreso anche legittimare scopo, vale a dire il ricupero e ricostruzione del seafront della città. Come alla prova di proporzionalità, il Governo presentò, che bilanciare era stato sostenuto fra i diritti di richiedenti e l'interesse pubblico. I richiedenti erano stati assegnati anche il risarcimento equo. Le circostanze negli alloggi presenti erano diverse a quelli nelle cause di Demades c. la Turchia (n. 16219/90, 31 lugli 2003), e Loizidou c. la Turchia (i meriti) (18 dicembri 1996, Relazioni 1996 Lei).
111. Inoltre, il Governo presentò che gli appartamenti di richiedenti erano stati passi l'estate principalmente case e che loro non avevano dovuto sopportare troppo di opprimere. Loro notarono che dopo l'ordine provvisorio di 7 novembri 2013 i richiedenti stessi avevano ammesso che loro era stato concesso per entrare nei loro appartamenti. Il Governo presentò anche che l'uso di polizia gialla nastro di scene delittuoso era stato procedure standard per il NUCI (veda anche paragrafo 177 sotto). Nelle loro osservazioni orali il Governo presentò che il problema fu riferito da vicino all'esame degli alloggi sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 riguardo alle procedure di espropriazione.
(l'ii) la valutazione di La Corte
(?) Se la Residenza di Jon era i richiedenti “la casa” all'interno del significato di Articolo 8 della Convenzione
112. Il quaderno di Corte all'inizio che i richiedenti N. 3-19, siccome elencato nell'appendice, divenne proprietari di appartamenti con virtù di accordi di acquisto (veda paragrafo 8 sopra). Osserva che loro avevano presentato prova di documentario sufficiente che mostra che, sul completamento della costruzione lavora, i loro appartamenti furono forniti ed usato come case di festa (veda paragrafo 9 sopra). Sé anche quaderno che già opprime dei richiedenti avviò avvalersi regolare di e visse nei loro appartamenti. La Corte l'ulteriore quaderno che gli appartamenti di richiedenti sono stati trattati con loro come a casa. Per tutte le considerazioni sopra, la Corte, avendo riguardo ad anche ai documenti negli alloggi registri, conclude che benché carichi degli appartamenti di richiedenti fossero usati come case di festa loro qualificano come “le case” per i fini di Articolo 8 della Convenzione come i richiedenti cravatte emotive avrebbero formato anche con le loro secondo case (veda Demades, citato sopra, § 34).
(ß) Se c'era un'interferenza con ad autorità pubblica col diritto di richiedenti rispettare per le loro case
113. Avendo stabilito che gli appartamenti in oggetto era le case di richiedenti per i fini di Articolo 8 della Convenzione, la Corte deve determinare se c'era un'interferenza col loro diritto per rispettare per le loro case con ad autorità pubblica.
114. Il quaderno di Corte che le corti nazionali hanno stabilito che i richiedenti non erano stati capaci di avere accesso alle loro case (veda divide in paragrafi 19, 26-27 37 sopra). La Corte l'ulteriore quaderno che i richiedenti hanno reso ciononostante chiari nelle loro osservazioni scritte alle quali loro era stato permesso per ritornare alle loro case nella Residenza di Jon. Comunque, che accesso era solamente possibile se residenti presentassero a munito di certificato di proprietà ed Id valido alle autorità. La Corte anche quaderno che uno dei residenti ha dichiarato durante i procedimenti di fronte all'Accusatore in Distretto che gli era stato permesso solamente per entrare nel suo appartamento il giorno dopo che lui aveva mostrato le autorità certificarono il suo di proprietà (veda paragrafo 46 sopra). Il fatto che l'Accusatore in Distretto, mentre seguendo l'azione di reclamo penale del primo richiedente, decise di non iniziare qualsiasi procedimenti penali per motivi che 3 novembri 2013 le autorità avevano agito in conformità con la legge non altera le decisioni delle corti nazionali che affermarono che le azioni del 2013 hads di 3 novembri state arbitrarie (veda divide in paragrafi 19, 26-27 e 37 sopra).
115. Basato sulle considerazioni sopra, la Corte conclude che i richiedenti non erano capaci di guadagnare accesso ad ed usare le loro case, e che accesso era solamente possibile se a munito di certificato di proprietà ed Id valido fu presentato alle autorità. Inoltre, il quaderno di Corte che il fatto che opprime richiedenti aveva limitato accesso alle loro case sotto le particolari condizioni non cambi il fatto che il pieno ed accesso gratis richiesero con l'ordine provvisorio non fu permesso. La Corte così costatazione che l'intervento di polizia che condusse all'essere di edificio ha circondato ed i richiedenti che non sono capace di guadagnare accesso ad ed usare le loro case, costituì un'interferenza con ad autorità pubblica col loro diritto rispettare per le loro case.
(?) Se l'interferenza fu giustificata
116. Secondo l'alloggio-legge della Corte, l'espressione “nella conformità con la legge” non solo richiede che la misura contestata dovrebbe avere base di carichi in diritto nazionale, ma anche si riferisce alla qualità della legge in oggetto, mentre richiedendo che dovrebbe essere accessibile alla persona riguardata e prevedibile come ai suoi effetti. Comunque, è per le autorità nazionali, notevolmente le corti interpretare e fare domanda diritto nazionale (veda, fra molte altre autorità, Cielo e Campane c. l'Italia [GC], n. 25358/12, § 169 ECHR 2017).
117. La Corte osserva che le osservazioni del Governo riguardo alla regolarità della confisca e circondando dell'edificio fu respinto con le corti nazionali. Scuro concretamente, la Corte distrettuale nella sua decisione del 2014 concludeds di 28 gennai che il dintorno dell'edificio aveva avuto luogo senza informare i proprietari o la società di costruzione, e che nessun ordine era stato emesso con le autorità che proibiscono i richiedenti dall'entrare nei loro appartamenti (veda divide in paragrafi 19 e 26 sopra). Che decisione fu sostenuta con la Corte amministrativa di Ricorso in 6 maggio 2016 (veda paragrafo 27 sopra). La Corte anche il quaderno che l'ordine provvisorio per rimuovere il nastro di polizia giallo non fu rispettato, in violazione chiara di legge nazionale, siccome affermarono le corti albanesi (veda anche paragrafo 37 sopra). È chiaro che negli alloggi presenti non era base legale per l'intervento di polizia nella confisca e circondando dell'edificio. Inoltre, il requisito per i richiedenti per mostrare le autorità a munito di certificato di proprietà o Id accedere le loro proprietà non fu basato su qualsiasi il diritto nazionale o corteggiare decisione. A questa connessione, la Corte lo considera necessario enfatizzare che la pratica di vigori di polizia che impediscono a persone del digitare le loro case senza qualsiasi base legale, e la confisca e mantenendo l'ordine pubblico via da a costruendo contrario a diritto nazionale, are non compatibile con l'articolo di legge in a società democratica che rispetta i diritti essenziali e le libertà garantita sotto la Convenzione (veda, mutatis mutandis, Khalikova c. Azerbaijan, n. 42883/11, § 128 22 ottobri 2015).
118. Segue che non si può considerare che l'interferenza negli alloggi presenti sia stata, “nella conformità con la legge”, come richiesto con Articolo 8 §s 2 della Convenzione. Essendo giunto a questa conclusione, la Corte non è costretta a determinare se l'interferenza era “necessario in a società democratica” per uno degli scopi elencato in paragrafo 2 di Articolo 8. C'è stata di conseguenza a violazione di questo diritto di richiedenti per rispettare per la loro casa, all'interno del significato di Articolo 8 su conto della confisca e circondando dell'edificio (veda fra molte altre autorità, Khalikova citato sopra, § 129, e Demades, citato sopra, § 37).
(b) Ottemperanza con Articolo 13 in concomitanza con Articolo 8 della Convenzione
119. Avendo riguardo ad alle sue sentenze riguardo ad Articolo 8 della Convenzione, la Corte considera, che le azioni di reclamo sotto che Articolo sia “difendibile” per i fini di Articolo 13 della Convenzione (veda, mutatis mutandis, Boyle e Riso c. il Regno Unito, 27 aprile 1988, § 52 la Serie Á n. 131, e Sabanchiyeva ed Altri c. la Russia, n. 38450/05, § 153 ECHR 2013 (gli estratti)).
120. Il quaderno di Corte che i richiedenti si lamentarono della confisca e circondando dell'edificio sia nel provvisorio e nei procedimenti principali riguardo alle azioni di 3 novembri 2013, e che le corti nazionali decisero di conseguenza le loro rivendicazioni, mentre notando che a loro erano stati impediti dal digitare le loro case (veda divide in paragrafi 16-19, 22 25-26 e 94-95 sopra). Procedimenti penali furono portati anche (veda paragrafo 45 sopra). Il quaderno di Corte che tutti quelle rivendicazioni furono rese di fronte ai richiedenti era in per posizionare sapere che l'edificio sarebbe stato demolito 4 dicembri 2013, irrispettoso della proprietà e rivendicazioni di risarcimento. In prospettiva delle considerazioni sopra, la Corte accetta, che i richiedenti si lamentarono in sostanza alle corti nazionali sotto Articolo 8 della Convenzione-diritto rispettare per la loro casa.
121. Per quanto riguarda rivendicazione per il risarcimento sotto il Codice civile, la Responsabilità Non-contrattuale dell'Atto e l'Ispezione di Edifici Atto, la Corte prima respinge le eccezioni del Governo sugli stessi motivi come (veda paragrafo 83 sopra).
122. Inoltre, il quaderno di Corte che il mantenere l'ordine pubblico via dall'edificio chiaramente è stato considerato a violazione dei diritti di richiedenti con le corti nazionali. Comunque, la Corte amministrativa non assegnò i richiedenti qualsiasi il risarcimento per questa violazione.
123. Per le ragioni sopra, la Corte considera, che c'è stata a violazione di Articolo 13 in concomitanza con Articolo 8 della Convenzione. Segue che l'eccezione preliminare del Governo della non-esaurimento in questo riguardo deve essere respinta.
Azione di reclamo di B. riguardo all'espropriazione e la demolizione dell'edificio
124. Il Governo presentò che i richiedenti non erano riusciti a sollevare questa azione di reclamo di fronte alle corti nazionali. Loro presentarono anche che la Corte non dovrebbe esaminare separatamente Articolo 8 della Convenzione ma se io dovessi dare io so sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
125. I richiedenti presentarono che c'era stato violare di Articolo 8 della Convenzione su conto della demolizione delle loro case. Fin dalla demolizione dell'edificio era stato eseguito in violazione di Articolo 1 di Protocollo No.1, aveva comportato automaticamente a violazione di Articolo 8 della Convenzione.
126. La Corte considera che non è necessario per esaminare separatamente questa azione di reclamo sotto Articolo 8 alone di takens ed in concomitanza con Articolo 13 della Convenzione. Considera che sé il buio appropriato è esaminare questa azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione presa alone ed in concomitanza con Articolo 13 della Convenzione (veda divide in paragrafi 137-175 sotto).
III. Violazioni allegato Di Articolo 1 Di Protocollo N. 1 A La Convenzione Presa Alone Ed In Concomitanza Con Articolo 13 Di La Convenzione
127. Tutti i richiedenti si lamentarono che la confisca, l'espropriazione e la demolizione delle loro proprietà senza il risarcimento avevano violato il loro diritto al godimento tranquillo delle loro proprietà sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Loro si lamentarono anche di per mancare di una via di ricorso effettiva in quel riguardo a.
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione legge siccome segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di a è eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Azione di reclamo di A. riguardo alla confisca dell'edificio
1. Ammissibilità
128. Il Governo non presentò qualsiasi le specifiche eccezioni riguardo all'azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. I loro argomenti essenzialmente si furono concentrati sull'inammissibilità delle azioni di reclamo di richiedenti riguardo alla demolizione della proprietà e le procedure di espropriazione.
129. La Corte, prendendo nell'esame le sentenze riguardo all'ammissibilità di azioni di reclamo sotto Articoli 8 e 13 della Convenzione (veda divide in paragrafi 100-107 sopra) e che i primo e secondo richiedenti si lamentarono di per violare anche dei loro diritti di proprietà in riguardo dei loro appartamenti ed affari premette, quaderno che queste are di azioni di reclamo mal-fondarono non manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 §s 3 (a) della Convenzione. Sé l'ulteriore quaderno che loro le are non inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili.
2. Meriti
(a) Le osservazioni di parti
130. I richiedenti sollevarono gli stessi argomenti come quelli presentati in riguardo di Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 13 in concomitanza con Articolo 8 della Convenzione.
131. Il Governo presentò che i richiedenti non erano stati privati delle loro proprietà ed erano stati impediti nel loro accesso per ragioni simili agli alloggi di Demades (citò sopra) siccome loro erano stati espropriati nell'interesse pubblico in cambio per il risarcimento equo.
(b) la valutazione di La Corte
(il) principi di Generale
132. La Corte reitera che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che garantisce in sostanza il diritto di proprietà comprende tre articoli distinti. Il primo articolo che è esposto fuori nella prima frase del primo paragrafo è di a nature generali ed enuncia il principio di godimento tranquillo di proprietà. Il secondo articolo, contenuto nella seconda frase dello stesso paragrafo copre privazione di proprietà e materie sé alle certe condizioni. Il terzo articolo, determinato nel secondo paragrafo, riconosce che le are di Stati Contraenti concederono, fra le altre cose, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale, con eseguendo simile leggi siccome loro ritengono necessari per il fine. Comunque, le are di articoli non “distinto” nel senso di essere distaccato. Il secondo e terzo decide are si preoccupate delle particolari istanze di interferenza col diritto a godimento tranquillo di proprietà e dovrebbe essere costruito perciò nella luce del principio generale enunciata nel primo articolo (veda, fra molte altre autorità, James ed Altri c. il Regno Unito, 21 febbrai 1986, § 37 la Serie Á n. 98; e Sargsyan c. Azerbaijan [GC], n. 40167/06, § 217 ECHR 2015).
133. Il primo e la maggior parte di importante requisito di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi l'interferenza con ad autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale: la seconda frase del primo paragrafo autorizza solamente alla privazione di proprietà “soggetto alle condizioni previste per con legge” ed il secondo paragrafo riconosce che Stati hanno diritto a controllare l'uso di proprietà con eseguendo “le leggi.” Inoltre, l'articolo di legge, uno dei principi fondamentali di a società democratica, è inerente in tutti gli Articoli della Convenzione. Segue che il problema di se ad equilibrio equo è stato previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo diviene attinente solamente once che è stato stabilito che l'interferenza in oggetto soddisfatto il requisito della legalità e non era arbitrario (veda, fra molte altre autorità, Serkov c. l'Ucraina, n. 39766/05, § 33 7 lugli 2011).
(l'ii) la Richiesta agli alloggi presenti
134. Il quaderno di Corte che, come stabilito con le corti nazionali, come a conseguenza del fatto che i richiedenti furono rifiutati accesso alle loro proprietà per a periodo di un mese da 3 novembri a 4 dicembri 2013, loro completano efficacemente perduti controlli sulle loro proprietà, e l'opportunità di usare e goderli. Il rifiuto continuo di accesso per a periodo di un mese deve essere considerato perciò un'interferenza coi loro diritti sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Tale interferenza, nella prospettiva del fatto che le misure furono prese col fine di demolire la Residenza di Jon fra 4 e 8 dicembri 2013, chiaramente incorre all'interno del significato della prima frase di che approvvigiona come un'interferenza col godimento tranquillo di proprietà. Basato sulle ragioni date con le corti nazionali, il quaderno di Corte che il Governo non ha offerto qualsiasi la giustificazione legale qualsiasi per questa interferenza. La Corte osserva, come sé faceva sotto Articolo 8 della Convenzione sopra, che la confisca e circondando della Residenza di Jon con nastro di polizia giallo, ed impedendo l'uso di richiedenti delle loro proprietà per approssimativamente un mese, non era legale sotto diritto nazionale perché le autorità trascurarono l'ordine provvisorio emesso con le corti nazionali.
135. Per le ragioni sopra, la Corte conclude, che c'è stata a violazione di Articolo 1 di Protocollo n. 1 alla Convenzione.
136. Come riguardi l'azione di reclamo sotto Articolo 13 in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, il quaderno di Corte che i richiedenti non sono stati assegnati qualsiasi il risarcimento con le corti nazionali riguardo alla confisca dell'edificio. I richiedenti non avevano perciò qualsiasi via di ricorso effettiva alla loro disposizione per il fine di Articolo 13 della Convenzione. Di conseguenza, conclude che c'è stata a violazione di Articolo 13 in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
Azione di reclamo di B. riguardo all'espropriazione e la demolizione della proprietà
1. Ammissibilità
(a) Se i richiedenti hanno esaurito via di ricorso nazionali
(il) le osservazioni di Governo
137. Il Governo presentò che i richiedenti fanno appello pendenti prima Supremo la Corte era una via di ricorso effettiva. I procedimenti erano stati sospesi sotto Articolo 479 del CCP per motivi che il non era stato capace di pagare il risarcimento tutti ad once. Loro presentarono che il Consiglio di Ministri aveva approvato la decisione di 5 febbrai 2014 di per ostacolare l'accumulazione di debiti finanziari che scaturiscono da decisioni giudiziali e la pianificazione adeguata del loro pagamento. Sotto la sentenza di Gjyli (citò sopra) ed Articolo 479 di CCP, la definitivo decisione su risarcimento sarebbe Suprema la decisione della Corte. Loro presentarono anche alloggio-legge nazionale secondo che procedimenti legali per impugnare l'importo del risarcimento erano stati riusciti a livello nazionale (veda paragrafo 56 sopra). I procedimenti di fronte a Supremo la Corte non era stata smodatamente lunga, mentre prendendo in considerazione la complessità degli alloggi, il bisogno di mandare a chiamare esperti diversi la valutazione della proprietà ed il lavoro arretrato di fronte a sé. Loro presentarono inoltre che le autorità albanesi, in prospettiva di una riforma in corso nel sistema di giustizia stavano prendendo misure per rivolgere la lunghezza di procedimenti giudiziali a livello nazionale.
138. Nelle loro osservazioni orali il Governo sottolineò che i richiedenti non erano riusciti a chiedere il risarcimento dalle autorità nazionali sulla base del Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013 corretto con la sua decisione di 9 aprile 2014 che era stato la decisione esecutiva e sola a livello nazionale data a. Il valore di espropriazione era stato disponibile ai richiedenti per tre anni ma loro non erano riusciti a dire a che conto bancario che l'assegnazione dovrebbe essere trasferita. Il risarcimento supplementare non era stato assegnato ancora con a definitivo decisione.
139. Inoltre, i richiedenti avevano avuto le via di ricorso seguenti alla loro disposizione: rivendicazioni di diritti di proprietà, rivendicazioni per proprietà e rivendicazioni sotto l'Ispezione di Edifici Atto tutti di che era compensativo.
140. Il Governo presentò inoltre che i richiedenti non erano riusciti ad impugnare la decisione di demolire la Residenza di Jon di fronte alle corti nazionali. Loro avrebbero potuto fare domanda per un ordine provvisorio per sospendere la demolizione dell'edificio poiché loro conoscevano la demolizione da almeno 27 novembri 2013, dato il del Consiglio di Ministri ' la decisione, o alternativamente da 28 novembri 2013, quando il primo Ministro aveva dichiarato che il progetto di Lungomare sarebbe costruito, o da 3 dicembri 2013, quando il Consiglio di Ministri ' decisione era stata pubblicata, sino a 8 dicembri 2013, quando l'edificio era stato demolito. Inoltre, i richiedenti non erano riusciti ad impugnare l'allegato “l'espropriazione de facto” (shpronësim de facto) sotto sezione 26 dell'Espropriazione Agisca. L'illegalità delle procedure di espropriazione non era stata parte della rivendicazione depositata con le corti nazionali.
141. Il Governo presentò anche che i richiedenti non erano riusciti a lamentarsi alle corti nazionali della loro proprietà mobile ed il risarcimento attinente. In qualsiasi gli alloggi, dal 2013 a 8 dicembri 2013 di 7 novembri i richiedenti avevano avuto tutto il tempo necessitato rimuovere la loro proprietà mobile.
(l'ii) i Richiedenti ' le osservazioni
142. I richiedenti contesero che il loro ricorso pendente di fronte a Supremo la Corte non era una via di ricorso effettiva per i fini di Articolo 13 della Convenzione. In primo luogo, i procedimenti concernerono solamente l'importo del risarcimento due a loro per l'espropriazione illegale e non il problema di se la demolizione era stata in violazione del loro diritto per rispettare per la loro casa e proprietà. In secondo luogo, i procedimenti erano pendenti dal 2013 e non anche la prima udienza era stata elencata per essere data urgentemente con, nonostante richieste ripetute con loro per gli alloggi. In terzo luogo, i procedimenti non avevano nessuna prospettiva ragionevole del successo poiché era improbabile che Supremo la Corte concederebbe il loro ricorso e deciderebbe contro il Governo ed ordina che loro li paghino il risarcimento al pieno valore di mercato, mentre considerando sia alto il profilo politico degli alloggi presenti ed il contesto più largo di crescere interferenze governative nell'amministrazione della giustizia. Loro si appellarono su Kozacolu ?c. la Turchia ([GC], n. 2334/03, 19 febbrai 2009). Infine, anche se il ricorso di fronte a Supremo la Corte risultò avere successo, la decisione fu condannata per rimanere unexecuted come il Governo chiaramente non aveva mostrato nessuna intenzione di attenersi con le decisioni nazionali o anche le sue proprie decisioni. Pagamento del risarcimento era così alla discrezione dello Stato e dipendente sulla loro buona volontà. Loro si appellarono su Driza c. l'Albania (n. 33771/02, §§ 119-120 ECHR 2007 Vs (gli estratti)).
143. Come riguardi i richiedenti asserirono insuccesso per chiedere il risarcimento, loro presentarono che loro avevano fatto io so (veda paragrafo 57 sopra).
144. I richiedenti presentarono inoltre che le misure giuridiche ordinarie disponibile a livello nazionale non poteva essere considerato effettivo determinato che loro non concederono loro asserire il loro diritto alla piena compensazione per le conseguenze avverse della privazione illegale della loro proprietà.
145. I richiedenti presentarono inoltre che le procedure di espropriazione erano durate solamente tre giorni. Perciò, loro potevano in nessun modo ha impugnato preventivamente l'illegalità delle azioni di autorità di fronte alle corti nazionali di fronte alla demolizione dell'edificio davvero era stato eseguito. Loro avevano saputo solamente del Consiglio di Ministri ' decisione 3 dicembri 2013. Loro presentarono anche che le corti amministrative avevano valutato debitamente l'illegalità delle procedure di espropriazione. Loro avevano impugnato la decisione di espropriazione sia sui motivi effettivi e procedurali e le corti nazionali aveva ammesso esplicitamente che l'espropriazione era stata nulla sotto diritto nazionale.
146. I richiedenti presentarono che loro non avevano avuto nessun tempo per salvare il loro affetti più essenziale e di valore prima che l'edificio fosse demolito.
(l'iii) la valutazione di Corte
147. La Corte considera che la questione dell'esaurimento di via di ricorso nazionali è io so riferito da vicino ai meriti dell'azione di reclamo di richiedenti di mancare di una via di ricorso effettiva per l'interferenza allegato coi loro diritti di proprietà che loro non possono essere liberati da sé.
148. Così, la Corte sostiene che il problema di se i richiedenti esaurirono via di ricorso nazionali dovrebbero essere congiunte ai meriti della loro azione di reclamo sotto Articolo 13, in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
(b) Se i richiedenti manca “status di vittima”
149. Il Governo presentò inoltre che le corti nazionali a tutti i livelli avevano trovato nel favore di richiedenti. Loro avevano permesso le parti di presentare le loro rivendicazioni su tutti i problemi sui meriti ed avevano disegnato le conclusioni attinenti. Ai richiedenti mancò perciò, status di vittima.
150. I richiedenti presentarono che determinato a loro non aveva ricevuto qualsiasi il risarcimento e che non c'era mai nessuna prospettiva di loro pagamento ricevente.
151. Riferendosi ai principi applicabili in riguardo di status di vittima (veda divide in paragrafi 76-77 sopra), il quaderno di Corte che il primo criterio, vale a dire il riconoscimento di a violazione, è stato incontrato. Sia la Corte distrettuale e la Corte d'appello fondarono che l'Atto di Espropriazione era stato violato e che le autorità avevano “de facto espropriò” (shpronësuar de facto) le proprietà di richiedenti. Un ricorso è stato pendente prima Supremo la Corte fin da 2014. Come al secondo criterio, il quaderno di Corte che sia corti assegnarono il risarcimento ai richiedenti e che la Corte d'appello aumentò l'importo di quel il risarcimento. Comunque, il quaderno di Corte che il Ministero di Finanza ha approvato procurare di solamente EUR 3,460 per l'attuazione del Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013, quel è dire meno milli volte che l'importo assegnò nella decisione. Anche che importo non è stato pagato ancora ai richiedenti (veda paragrafo 34 sopra). Sotto il diritto nazionale, l'espropriazione dovrebbe essere resa contro il risarcimento equo. Nella sua propria alloggio-legge la Corte ha riconosciuto inoltre, che mero l'accettazione di a violazione senza il risarcimento adeguato non spogli i richiedenti del loro status di vittima. La Corte, prendendo nell'esame il fatto che i richiedenti non hanno ricevuto qualsiasi il risarcimento per la demolizione delle loro proprietà (veda anche paragrafo 153 sotto), e che nessun sollievo sufficiente è stato offerto a loro determinato ad a livello nazionale, volendo dire che continuo loro per soffrire delle conseguenze di violare dei loro diritti, considera che i richiedenti trattengono così status di vittima per i fini di questa azione di reclamo (veda Almeida Garrett, Mascarenhas Falcão ed Altri c. il Portogallo, N. 29813/96 e 30229/96, § 54 ECHR 2000 Il; Öneryldz ?c. la Turchia [GC], n. 48939/99, § 156 ECHR 2004 XII; Montagna e Gauci ed Altri c. il Malta, n. 31454/12, §§ 41-48 30 agosti 2016).
(il c) la Conclusione
152. La Corte considera che le azioni di reclamo di richiedenti sotto Articoli 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione ed Articolo 13 delle are di Convenzione mal-fondò non manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 §s 3 della Convenzione. Sé l'ulteriore quaderno che loro le are non inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili, senza pregiudizio alle decisioni ultimamente essere preso sulle eccezioni del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali.
2. Meriti
(a) Ottemperanza con Articolo 13 in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione
153. Il quaderno di Corte che gli alloggi riguardo al livello del risarcimento sono stati pendenti prima Supremo la Corte fin da 2014. 15 gennai 2015 Supremo la Corte sospese i procedimenti, senza dare qualsiasi le ragioni (veda divide in paragrafi 42 - 43 sopra). Il quaderno di Corte al quale i richiedenti non hanno dato stato compensato a tutti, non anche nell'importo assegnato sotto il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013. In oltre, il quaderno di Corte che il Consiglio di Ministri, con la sua decisione di 9 aprile 2014 ha ridotto unilateralmente l'importo del risarcimento siccome assegnato con la decisione della Corte distrettuale di 6 marzi 2014, e che solamente EUR 3,460 sono stati assegnati io so come rendere ai richiedenti. Perciò, nelle circostanze di questo alloggi, la durata ed in particolare il lungo la sospensione, di Supremo gli atti esacerbano inoltre la situazione di richiedenti. Differire di quattro anni nel pagare il risarcimento ai richiedenti che hanno perso le loro case e belongings non può essere considerato effettivo per i fini del risarcimento effettivo. Simile già differire costituisce a violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (veda Öneryldz ?citò sopra di, § 137). La Corte anche il quaderno che, in prospettiva della mancanza del risarcimento, i richiedenti furono negati una via di ricorso effettiva per la violazione allegato dei loro diritti sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (veda Öneryldz, citato sopra, § 156).
154. Inoltre, la Corte reitera quel è già ha notato su molte occasioni che non è aperto a è autorità per citare mancanza di finanziamenti come una scusa per non onorare a debito di sentenza (veda, fra molte altre autorità, Burdov c. la Russia, n. 59498/00, § 35 ECHR 2002 IIIs).
155. La Corte anche il quaderno che anche se i richiedenti non presentarono la richiesta spedita al Municipio di Vlora che chiede il pagamento del risarcimento alla Corte, loro presentarono la replica dell'IPRO del 2014 statings di 29 gennai che non era capace di emettere a munito di certificato di proprietà per a proprietà che più è esistita (veda divide in paragrafi 32 e 57 sopra). Sembra che le autorità avevano chiesto i certificati di richiedenti di proprietà come a sostenendo documento quando loro chiesero il risarcimento. Il quaderno di Corte che, sotto l'Atto di Espropriazione, è su alle autorità per iniziare i procedimenti di risarcimento attinenti (veda paragrafo 63 sopra). Perciò, la Corte considera che, in simile cause, proprietari non dovrebbero essere aspettatisi di incorrere nella spesa e carico di avviare procedimenti per assicurare l'adempimento di autorità del loro obbligo legale (veda, mutatis mutandis, Apostol c. la Georgia, n. 40765/02, §§ 64-65, ECHR 2006XI?, e Frendo Randon ed Altri c. il Malta, n. 2226/10, § 65, 22 novembri 2011 in relazione a procedimenti di esecuzione).
156. Il quaderno di Corte che il Governo è andato a vuoto a specificare che che rimedia a sotto diritto nazionale loro stavano assegnando ad in riguardo di rivendicazioni di diritti di proprietà e rivendicazioni per proprietà (veda anche paragrafo 139 sopra). In qualsiasi l'evento, il Governo rese ad argomento simile sotto l'Ispezione di Edifici Atto nel contesto dell'azione di reclamo sotto Articoli 6 §s 1 e 13 quale fu respinto con la Corte (veda paragrafo 83 sopra).
157. Come riguardi l'insuccesso stabilito per portare per impugnare contro l'ordine di demolizione e l'ordine provvisorio che consegue che proibisce le autorità dall'eseguire la demolizione, la Corte non è convinta con l'argomento del Governo, mentre avendo riguardo ad alle particolari circostanze degli alloggi. Un richiedente che ha esaurito rimediare a quel è evidentemente effettivo e sufficiente può essere costretto neanche ad avere provato altri che erano disponibili ma probabilmente nessuno scuro probabile avere successo (veda O'Keeffe c. l'Irlanda [GC], n. 35810/09, §§ 109-111 ECHR 2014 (gli estratti)), e le cause citate therein). I richiedenti richiesero le autorità per frenarsi da futuro qualsiasi azioni in riguardo dell'edificio con vedere alla sua demolizione. Le autorità giudiziali accordarono l'ordine provvisorio a che effetto che fu trascurato con le autorità esecutive e futile divenne. Perciò, la Corte ha lasciato chiedersi come a via di ricorso simile sarebbe potuto essere effettivo. A nessun punto faceva le autorità informano i richiedenti o la società di costruzione della demolizione della proprietà o l'iniziazione delle procedure di espropriazione (veda divide in paragrafi 36-38 e 41 sopra). In prospettiva del sopra, i richiedenti non avevano nessuna opportunità evidente di impugnare la demolizione quando nessun ordine di demolizione era stato emesso eccetto il Consiglio di Ministri ' decisione su espropriazione, o fare domanda nuovo per ordine provvisorio.
158. La Corte anche il quaderno che mentre è vero che i richiedenti non depositarono specificamente chiedere con le corti nazionali per avere le procedure di espropriazione ammesso come nullo, loro si lamentarono espressamente alle corti nazionali dell'illegalità di quelli procedimenti. Le corti nazionali fondarono che l'espropriazione era stata illegale e che a “l'espropriazione de facto” (shpronësim de facto) era successo. Di conseguenza, loro fondarono che il Consiglio di Ministri ' decisione del 2013 hads di 27 novembri stata adottata in violazioni procedurali e lorde e corresse di conseguenza l'importo del risarcimento. Perciò, la Corte lo trova difficile accettare che chiedere sotto sezione 26 dell'Atto di Espropriazione avesse potuto avere successo ed avrebbe potuto compensare la situazione di richiedenti a calcolare quando, siccome la Corte distrettuale notò nella sua decisione di 6 marzi 2014, ai richiedenti furono impediti di essere ritornati alla loro situazione precedente.
159. Come riguardi le azioni di reclamo di richiedenti su proprietà mobile loro, presumendo che loro furono detti di trasportare il loro belongings 4 dicembri 2013 (veda paragrafo 51 sopra), la Corte ha lasciato chiedersi come e quando i richiedenti avessero potuto trasportare la loro proprietà mobile agli altri posti quando nel giorno che loro furono detti a me dia io so, le autorità avevano continuato con la demolizione dell'edificio. Inoltre, il quaderno di Corte che nel Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013 alla quale le autorità sono andate a vuoto decide il problema dei richiedenti proprietà mobile, nessuna valutazione che è resa come a quel la proprietà.
160. Per tutte le ragioni sopra, la Corte conclude, che c'è stata a violazione di Articolo 13 in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Segue che l'eccezione del Governo del non l'esaurimento di via di ricorso nazionali deve essere respinto.
(b) Ottemperanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione
(il) Le osservazioni di richiedenti
161. I richiedenti addussero violare dei loro diritti di proprietà come dare luogo dell'espropriazione illegale e la demolizione dell'edificio a violazione dell'Atto di Espropriazione e nella noncuranza dell'ordine provvisorio, e l'insuccesso di autorità per pagarli qualsiasi il risarcimento. Loro presentarono che loro avevano avuto tutte le licenze necessarie, la residenza era stata costruita in piena conformità con le disposizioni della licenza di edificio e diritto nazionale, e che loro loro avevano comprato le loro proprietà in buon fede. Le autorità avevano ignorato la misura provvisoria ed avevano accelerato le procedure di espropriazione con vedere alla demolizione. L'ordine di espropriazione era stato adottato in mercoledì 27 novembri 2013 ed il seguente due giorni erano stati feste pubbliche. 2 dicembri, la prima giornata lavorativa da allora in poi, il sindaco di Vlora aveva richiesto l'assistenza del NUCI nel demolire la Residenza di Jon di fronte al Consiglio di Ministri ' decisione era stata pubblicata anche nell'Ufficiale Pubblichi. Perciò, in nessun modo poteva loro hanno impugnato preventivamente in corte la legalità delle azioni di autorità di fronte alla demolizione dell'edificio davvero era stato eseguito.
162. L'interferenza coi loro diritti di proprietà era stata illegale ed aveva contrariato all'Atto di Espropriazione perché, fra le altre ragioni, nessuno applicativo per l'espropriazione era stato presentato col Municipio di Vlora al ministro competente, nessuna valutazione preliminare era stata eseguita col ministero competente, e nessun avviso pubblico dell'espropriazione progettata era stato dato, affitti alone notificazione diretta a loro. I tempo-limiti legali erano stati trascurati. Le procedure di espropriazione erano durate solamente tre giorni. La noncuranza delle salvaguardie procedurali prevista per con legge l'aveva fatto impossibile per loro presentare i loro alloggi alle autorità competenti che impugnano l'interferenza coi loro diritti di proprietà. I richiedenti presentarono inoltre che l'espropriazione e la demolizione della Residenza di Jon non avevano perseguito qualsiasi obiettivo legittimo nell'interesse pubblico al tempo dell'espropriazione. Apparentemente l'espropriazione era stata ordinata per fini di riabilitazione ambientale della linea costiera. Il primo Ministro aveva annunciato pubblicamente comunque, che l'espropriazione era stata necessaria per costruire i sapere-chiamarono “Lungomare di Vlora” per agio e fini di turismo.
163. Inoltre, le autorità albanesi erano andate a vuoto a stabilire ad equilibrio di fiera fra gli interessi che competono. Loro avrebbero dovuto eseguire ad ispezione di edificio preventiva per valutare bene i possibili interessi avversario prima di emettere licenze di edificio legittime e non arbitrariamente il cambio la loro mente immediatamente dopo che l'edificio era stato completato. I richiedenti presentarono che loro non avevano ricevuto qualsiasi risarcimento dato ad ed era incerto come a se è probabile che loro ricevano qualsiasi affatto. Inoltre, loro non avevano ricevuto qualsiasi il risarcimento per la perdita dei loro beni mobili e belongings personali. Loro presentarono che la sospensione di esecuzione della decisione della Corte d'appello 15 gennai 2015 con Supremo la Corte non aveva avuto niente a me dia coi 2014 Consigli di Ministri ' decisione su risarcimento che era ancora in vigore, e per ragioni non specificate unexecuted rimasero. Loro dissero anche un'interferenza arbitraria e legislativa come risultare del Consiglio di Ministri ' decisione di 9 aprile 2014 quale era decresciuto unilateralmente l'importo del risarcimento assegnato per la privazione della loro proprietà sotto la decisione della Corte distrettuale di 6 marzi 2014.
(l'ii) le osservazioni di Il Governo
164. Il Governo presentò inizialmente che poiché i procedimenti ancora erano pendenti prima Supremo la Corte, era impossibile per loro per offrire la loro opinione con riguardo ad ad Articolo 1 Protocollo N.ro 1. Nelle loro osservazioni orali loro reiterarono che, mentre ammise che c'era stata un'interferenza coi diritti di proprietà di richiedenti su conto delle procedure di espropriazione, non c'era stata interferenza coi diritti di proprietà di richiedenti come risultare della demolizione effettiva. Secondo il Governo, là era esistito legittimare scopo nell'interesse pubblico per l'espropriazione di richiedenti, vale a dire la realizzazione del progetto di infrastruttura che anche incluse a reclassification dell'area ed un intervento ambientale principalmente due a problemi di allagare nell'area. Nonostante le difficoltà incontrate, il progetto ora era completo e la maggior parte di Lungomare aveva come in uso. Le procedure di espropriazione si erano state impegnate in conformità con diritto nazionale ed il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013. Era su che base che il Municipio di Vlora aveva richiesto l'assistenza del NUCI con la demolizione della proprietà. Secondo il Governo, i richiedenti erano stati consapevoli che legittimare ragione per l'espropriazione era esistito, quel è perché loro avevano impugnato solamente il valore di espropriazione di fronte alle corti nazionali. Supponendo anche che l'espropriazione era stata dichiarata nulla, quel avrebbe rimandato semplicemente questione-una espropriazione sarebbe successo un giorno. Le corti nazionali avevano corretto il Consiglio di Ministri ' decisione di 27 novembri 2013 riguardo all'importo del risarcimento ma non l'espropriazione. I richiedenti avevano affermato di fronte alla Corte per la prima volta che l'espropriazione non era stata legittima o nell'interesse pubblico. Inoltre, il Consiglio di Ministri aveva corretto la sua propria decisione di 27 novembri 2013 con la sua decisione di 9 aprile 2014 perché al tempo aveva considerato che alla decisione del 2013 hads di 27 novembri mancarono i certi elementi (carichi dei residenti erano stati esclusi). Il Consiglio di Ministri ' decisione del 2014 wases di 9 aprile non correlato al nazionale corteggia decisioni di 6 marzi e 23 settembri 2014.
(il c) la valutazione di La Corte
(il) principi di Generale
165. Riguardo a se o c'è stata non un'interferenza, la Corte reitera che, nel determinare se c'è stata alla privazione di proprietà entro il secondo “l'articolo”, non solo è necessario per considerare se c'è stata a presa formale o l'espropriazione di proprietà ma guardare dietro alle comparizioni investigò e le realtà della situazione si lamentarono di. Poiché si intende che la Convenzione garantisca diritti, che le are “pratico ed effettivo”, doveva essere accertato se la situazione corrispose all'espropriazione de facto (veda Brumrescu ?c. la Romania [GC], n. 28342/95, § 76 ECHR 1999 VIIs, e Sporrong e Lönnroth c. Svezia, 23 settembri 1982 §§ 63 e 69-74, Serie Á n. 52).
166. La presa di proprietà Can si giustifici solamente se è mostrato, inter l'alia, essere “nell'interesse pubblico” e “soggetto alle condizioni previste per con legge” (veda Jahn ed Altri c. la Germania [GC], N. 46720/99, 72203/01 e 72552/01, § 91 ECHR 2005-là; il beni immobili Saffi c. l'Italia, [GC], n. 22774/93, § 49 il 1999-V di ECHR; e, mutatis mutandis, Fleri Soler e Camilleri c. il Malta, n. 35349/05, § 65 26 settembri 2006). Qualsiasi interferenza con proprietà deve soddisfare anche il requisito della proporzionalità. Siccome ha affermato ripetutamente la Corte, ad equilibrio equo deve essere previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo, la ricerca per simile ad essere di equilibrio di fiera inerente nell'intero della Convenzione. (veda Sporrong e Lönnroth, citato sopra, §§ 69-74, e Brumrescu?, citato sopra, § 78).
167. Il risarcimento chiama sotto il materiale di are di legislazione attinente alla valutazione di se la misura contestata rispetta l'equilibrio equo e, notevolmente, se impone a carico sproporzionato sugli individui (veda Jahn ed Altri, citato sopra, § 94). In questo collegamento, la presa di proprietà senza pagamento di un importo ragionevolmente riferito al suo valore normalmente costituirà ad interferenza sproporzionata, e distruggere completamente mancanza di Can di risarcimento sia considerato solamente giustificabile sotto Articolo 1 di Protocollo No.1 in circostanze eccezionali (veda I Conventi Santi c. la Grecia, 9 dicembri 1994, § 71 la Serie Á n. 301-a). Comunque, mentre è vero che in molte cause dell'espropriazione legale solamente pieno Can di risarcimento sia riguardato ragionevolmente come riferì al valore della proprietà, Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non garantisce a diritto al pieno risarcimento in tutte le circostanze. Obiettivi legittimi nel “interesse pubblico”, come quelli perseguiti in misure di riforma economica o misure realizzare la più grande giustizia sociale disegnò, può richiedere meno che rimborso del pieno valore di mercato (veda Urbárska Obec Trenianske ?Biskupice c. la Slovacchia, n. 74258/01, § 115 ECHR 2007-XIII).
168. Comunque, la Corte reitera che l'adeguatezza del risarcimento sarebbe diminuita se fosse pagato senza riferimento alle varie circostanze responsabile a legionario il suo valore, come ritardo irragionevole. Anormalmente lungo ritardi nel pagamento del risarcimento per piombo di espropriazione a perdita finanziaria ed aumentata per la persona la cui proprietà è stata espropriata, mentre mettendolo in posizionare dell'incertezza (veda Akku ?c. la Turchia, 9 lugli 1997, § 29 Relazioni 1997-IV).
(l'ii) la Richiesta dei principi sopra agli alloggi presenti
169. Il quaderno di Corte che è incontrastato che i richiedenti avevano “a proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Loro avevano acquistato gli appartamenti in buon fede, mentre i primo e secondo richiedenti avevano dato la loro area di terra per costruzione ed avevano goduto successivamente proprietà di molti appartamenti e negozi. Il quaderno di Corte che anche se un ordine provvisorio fu emesso con le corti nazionali che proibiscono le autorità dal prendere qualsiasi l'altra azione sulla Residenza di Jon, i richiedenti non potevano godere le loro proprietà.
170. Il quaderno di Corte che la demolizione dell'edificio spogliò i richiedenti di futuro qualsiasi possibilità di godere le loro proprietà. C'è stata un'interferenza coi diritti di proprietà di richiedenti nella forma di in queste circostanze, “alla privazione” all'interno del significato della seconda frase del primo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
171. La Corte deve determinare perciò ora se questa privazione fu giustificata in conformità coi requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Negli alloggi presenti la legalità della demolizione è stata contestata con le parti.
172. Il quaderno di Corte che 3 novembri 2013 che le autorità hanno mantenuto l'ordine pubblico via l'edificio, mentre adducendo che era illegale. 7 novembri 2013 la corte nazionale decise che le azioni di autorità del 2013 hads di 3 novembri state illegali ed emisero di conseguenza un ordine provvisorio. 27 novembri 2013, nonostante l'ordine provvisorio e venti giorni dopo che era stato emesso, il Consiglio di Ministri emise la decisione di espropriare le proprietà di richiedenti, senza informare loro o la società di costruzione. In 8 dicembri 2013 l'edificio già era stato demolito. Prendendo nell'esame la sequenza descritta di eventi, la Corte trova che preoccupazioni legittime sorgono delle procedure di adeguatezza di da che cosa le autorità potevano decide, in simile a tempo breve, espropriare le proprietà di richiedenti nell'interesse pubblico, ed immediatamente procede con la demolizione. La Corte anche il quaderno che nelle loro decisioni le corti nazionali conclusero che sia l'inosservanza di autorità con l'ordine provvisorio, e la demolizione della Residenza di Jon era stata illegale. Perciò, la Corte, come le corti nazionali indicate esattamente (veda divide in paragrafi 36, 38 e 41 sopra), conclude che negli alloggi presenti le procedure intere sull'espropriazione di richiedenti furono eseguite con fretta e non erano così in conformità con diritto nazionale.
173. La Corte considera inoltre che la presa della Residenza di Jon comportò conseguenze sufficientemente serie per i richiedenti come le loro proprietà era stato spossessato illegalmente, in a maniera incompatibile col loro diritto al godimento tranquillo delle loro proprietà (veda, fra molte altre autorità, Iatridis, citato sopra, Papamichalopoulos ed Altri c. Grecia, 24 giugno 1993 la Serie Á n. 260 Bs, Kolona c. la Cipro, n. 28025/03, §§ 70-78 27 settembri 2007, Loizidou citato sopra, §§ 63-64, e Demades, citato sopra, § 46).
174. In prospettiva di tutto il sopra, la Corte considera, che l'interferenza in oggetto era manifestamente in violazione di legge albanese e, perciò, illegale (veda paragrafo 133 sopra riguardo ai principi attinenti). Era di conseguenza incompatibile col diritto di richiedenti al godimento tranquillo delle loro proprietà. Questa conclusione lo fa non necessario accertare se ad equilibrio equo fu previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo.
175. Là, di conseguenza, è stato violare di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione un conto dell'espropriazione e la demolizione delle proprietà di richiedenti.
IV. ALTRE VIOLAZIONI ALLEGATO DI LA CONVENZIONE
Azioni di reclamo di A. sotto Articolo 6 §s 2 della Convenzione
176. I richiedenti presentarono che l'uso di nastro giallo con la polizia per più di sei settimane per impedirloro dall'avere accesso alle loro case avevano corrisposto violare della presunzione dell'innocenza sotto Articolo 6 §s 2 della Convenzione.
Loro si lamentarono anche che il primo Ministro, membri degli agenti di polizia di alto-classificazione Statali ed altri avevano fatto dichiarazioni numerose nella stampa mirata a creando dubbi come alla loro innocenza. Loro si appellarono anche sul fatto che procedimenti penali erano stati avviati contro ufficiali per l'abuso di potere riguardo alla regolarità dell'elaborazione di restituzione in riguardo delle proprietà di richiedenti.
Articolo 6 §s 2 della Convenzione, in me sappia come rendere come attinente, legge siccome segue:
“2. Ognuno accusato con a reato penale sarà presunto innocente sino a si dimostrò colpevole secondo legge...
177. Il Governo presentò che i richiedenti non avevano sollevato questa azione di reclamo di fronte alle corti nazionali. Inoltre, nessuna accusa criminale era stata portata contro i richiedenti. Loro dibatterono anche che l'uso di polizia gialla “scene delittuose” nastro era procedure standard per il NUCI per la sospensione di qualsiasi la possibile attività in a costruendo dove era in oggetto la legalità della licenza di edificio. Loro presentarono inoltre che le autorità non avevano menzionato mai i nomi di richiedenti in medio il. Nessuna indagine o aveva avuto luogo contro loro. Nelle loro osservazioni orali il Governo presentò che Articolo 6 §s 2 wases non applicabile.
178. La Corte reitera che Articolo che 6 §s 2 della Convenzione fa domanda solamente quando all'accusa penale è pendente. Dove nessuno simile are di procedimenti, o è stato in esistenza, dichiarazioni che attribuiscono criminale o l'altra condotta biasimevole possono, ciononostante, sia attinente alle considerazioni di protezione contro la diffamazione ed accesso adeguato corteggiare determinare diritti civili e sollevando problemi potenziali sotto Articoli 8 e 6 della Convenzione (veda Zollmann c. il Regno Unito (il dec.), n. 62902/00, ECHR 2003-XII). Nell'assenza di ad accusa criminale contro i richiedenti la Corte conclude che Articolo 6 §s 2 della Convenzione non è applicabile. Questa parte della richiesta è perciò ratione materiae incompatibile con le disposizioni della Convenzione, all'interno del significato di Articolo 35 §s 3. Inoltre, il quaderno di Corte che i richiedenti non sono riusciti a provare le loro dichiarazioni in questo riguardo. Perciò in qualsiasi evento che questa parte della richiesta è mal-fondata manifestamente. Per tutte le ragioni sopra, deve essere respinto, facendo seguito ad Articolo 35 §s 4 della Convenzione.
Azioni di reclamo di B. sotto Articolo 8 della Convenzione
179. I richiedenti si lamentarono anche del diritto a reputazione come garantito sotto il capo di “la vita privata” con Articolo 8 della Convenzione per le stesse ragioni come dato più primo (veda paragrafo 176 sopra).
180. Il Governo presentò gli stessi argomenti come quelli resi sotto Articolo 6 §s 2 della Convenzione.
181. Il quaderno di Corte che non c'è prova documentaria nell'archivio di alloggi che qualsiasi dichiarazione resa con ufficiali pubblici gettò dubbi sull'innocenza di richiedenti, o che dichiarazioni di membri del Governo o dichiarazioni di altri ufficiali di alto-classificazione, l'istituzione di procedimenti penali contro agenti di polizia per l'abuso di potere, o il mantenere l'ordine pubblico via l'edificio con nastro di polizia giallo, fu diretto contro la reputazione di richiedenti (veda divide in paragrafi 13-14 e 44-47 sopra). Perciò, nella luce di tutto il materiale in proprietà sua, ed in me sappia come rendere come le questioni si lamentò di are all'interno di competenza sua, i costatazione di Corte che loro io do non riveli qualsiasi la comparizione di a violazione dei diritti e le libertà esposta fuori nella Convenzione o i suoi Protocolli. Segue che questa parte della richiesta è mal-fondata manifestamente e deve essere respinta in conformità con Articolo 35 §§s 3 (a) e 4 della Convenzione.
C. Alleged violazione di Articolo 14 letture in concomitanza con Articolo 6 §s 1 ed Articolo 8 della Convenzione così come Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione
182. I richiedenti presentarono che loro erano stati discriminati contro perché la Residenza di Jon era stata i soli costruirono giuridicamente edificio che le autorità avevano demolito, mentre tutti gli altri edifici situarono sulla passeggiata di Lungomare era stato costruito illegalmente.
Articolo 14 della Convenzione, legge siccome segue:
“Il godimento dei diritti e le libertà insorse avanti [il] Convenzione sarà garantita senza la discriminazione su qualsiasi base come sesso, razza, colore, religione, opinione politica o altra, cittadino od origine sociale, l'associazione con a minoranza, proprietà, nascita o l'altro status.”
183. Il Governo presentò che i richiedenti non avevano sollevato questa azione di reclamo di fronte alle autorità nazionali. Loro presentarono inoltre che non c'era stata nessuna violazione di Articolo 14 della Convenzione come le procedure seguite col NUCI e MUCI negli alloggi presenti era stato gli stessi come quel seguì nelle altre cause dove le autorità avevano demolito gli altri edifici.
184. Il quaderno di Corte che i richiedenti non sono riusciti a sollevare questa azione di reclamo di fronte alle corti nazionali, anche in sostanza. Segue perciò che questa parte della richiesta deve essere respinta in conformità con Articolo 35 §§s 3 (a) e 4 della Convenzione.
C. la Richiesta Di Articolo 41 Di La Convenzione
185. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se i costatazione di Corte che c'è stata a violazione della Convenzione o i Protocolli inoltre, e se la legge interna di Alto la Parte Contraente riguardata permette a riparazione solamente parziale di essere resa, la Corte può, se necessario, riconosca la soddisfazione equa alla vittima.”
A. Damage
1. Danno patrimoniale
(a) Le osservazioni di parti
186. I richiedenti chiesero inizialmente gli importi seguenti in riguardo di danno patrimoniale:
(il) EUR 14,222,986.00, sulla base di un rapporto competente per essere diviso proporzionalmente fra i richiedenti secondo l'area di superficie delle loro proprietà nella Residenza di Jon;
(l'ii) EUR 20,000.00 su una base equa ad ogni richiedente come un importo supplementare per perdita di opportunità che sono il risultato della confisca illegale, l'espropriazione e la demolizione dell'edificio.
(l'iii) EUR 15,000.00 su una base equa a richiedenti N. 3-19 siccome elencato nell'appendice, per la perdita del loro belongings, valuables, mobilia ed articoli di famiglia come risultare della demolizione dell'edificio. Il primo richiedente chiese anche EUR 15,000.00 su una base equa per la perdita di attrezzatura e mobilia posseduta in suo Caffè-Restorant. Loro presentarono che poiché l'edificio era stato demolito era impossibile per loro per quantificare precisamente l'importo di danni o ad accurato offra prova delle proprietà mobili che erano state distrutte.
(l'iv) Un importo supplementare ai primo e secondo richiedenti in riguardo di interesse accumulato sulla scorsa rata di depositare denaro prestito (preso per la costruzione dell'edificio) ad a rate di 7%, da 27 novembri 2013 a determinato il della consegna della sentenza della Corte. Loro presentarono che i richiedenti avevano preso ipotecare di Tutti i 397,920,600.00 (verso EUR 3 milione) e già aveva pagato di nuovo due terzo di fronte alla demolizione dell'edificio. I richiedenti ancora devono la definitivo rata di EUR 903,350.000 a Banka Credins. Seguendo la demolizione della Residenza di Jon, i richiedenti non sono stati capaci di pagare la rata rimanente ed interesse considerevole ha avviato accumulare ad un rate di interesse di LIBOR annuali di 7%.
187. Il Governo contese che lungo come le rivendicazioni di richiedenti per il risarcimento in riguardo di danno patrimoniale la materia di procedimenti giudiziali sia pendente a livello nazionale e parzialmente non era stata sollevata nelle corti nazionali, loro dovrebbero essere respinti come un abuso del diritto della richiesta. Perciò, le rivendicazioni di richiedenti sotto Articolo 41 della Convenzione prematuro era. I richiedenti non potevano essere compensati due volte. Gli importi furono esagerati, speculativo, e non comprovato. I richiedenti non erano riusciti anche a depositare chiedere con le corti nazionali per danno patrimoniale per perdita di profitto, l'interesse del prestito preso con la banca ed il danno allegato per la perdita dei beni mobili ed edifici. I richiedenti non erano riusciti inoltre a particolareggiare le loro rivendicazioni. Inoltre, nessun risarcimento aveva dato stato pagato ai richiedenti per motivi che i procedimenti erano pendenti prima Supremo la Corte, non a causa della svogliatezza di autorità. I loro alloggi erano diversi dagli alloggi di Driza (citò sopra).
188. In 3 maggio 2017, in replica alla lettera della Corte in preparazione per l'udienza orale, chiedendo inter l'alia per qualsiasi materiale documentario e supplementare sul quale loro desiderarono appellarsi all'udienza di fronte alla Corte, i richiedenti presentarono rivendicazioni supplementari in riguardo di danno patrimoniale. Loro presentarono un rapporto competente nel quale il calcolo del danno patrimoniale era stato basato sui valori di mercato indicato nelle loro prime osservazioni, EUR 1,600 per metro di piazza in riguardo dei locali residenziali, ed EUR 2,200 in riguardo dei locali di affari. Il valore netto dell'area di superficie espropriata (8,218.15 metri di piazze) che corrispose ad EUR 14,222,986.00 era stato aggiustato inoltre in linea con inflazione tassa in Albania per il periodo 27 novembri 2013 (determinato il dell'espropriazione illegale) a 31 marzi 2017. Inoltre, interesse legale sul capitale aggiustato progressivamente era aggiunto dall'il periodo 27 novembri 2013 (determinato il dell'espropriazione illegale) a 23 maggio 2017 (determinato il dell'udienza pubblica di fronte alla Corte). Nella luce del sopra, ogni richiedente fece le rivendicazioni seguenti in riguardo del danno patrimoniale che loro avevano subito come per risultare della demolizione della Residenza di Jon:


OMISSIS
189. I richiedenti presentarono anche fotografie dei loro appartamenti ammobiliati prima che loro fossero demoliti.
190. I documenti sopra del 2017 weres di 3 maggio inclusi nell'archivio di alloggi sotto Decidono 54 e 64 degli Articoli della Corte ed il Governo fu invitato per presentare qualsiasi commenti su loro all'udienza.
191. Nelle loro osservazioni orali il Governo presentò che l'Articolo 41 rivendicazioni prematuro era.
192. Nelle loro osservazioni orali i richiedenti presentarono che poiché l'edificio era stato preso illegalmente e restitutio in integrum era impossibile, loro furono concessi a risarcimento che corrisponde al molto minimo al pieno valore di mercato della proprietà a determinato il dell'espropriazione. Separatamente dal fatto che nessun risarcimento era stato pagato ancora, l'importo assegnato sproporzionatamente col Consiglio di Ministri in 2014 wases basso ed inadeguato attenuò a sufficientemente le conseguenze pregiudizievoli per la perdita delle loro proprietà. Che importo era solamente un terzo dell'importo per i quali loro avevano acquistato i loro appartamenti, ed alla più piccola proporzione ancora del valore delle loro proprietà al tempo dell'espropriazione.
(b) la valutazione di La Corte
193. La Corte reitera che a sentenza nella quale trova violare impone sul convenuto stato ad obbligo legale per porre fine alla violazione e costituire riparazione le sue conseguenze in simile a modo come ripristinare come per rendere come possibile la situazione che esiste di fronte alla violazione (veda, fra molti altri authoritieses, Dimentichi, citato sopra, § 246). Se diritto nazionale non fa concedere-o permette a solamente parziale-riparazione di essere costituita le conseguenze della violazione, Articolo 41 empowerses la Corte per riconoscere la vittima simile soddisfazione come sé appropriato ritiene. La Corte gode alla certa discrezione nell'esercizio di che il potere, come l'aggettivo “equo” e la frase “se necessario” attesti. Fra le questioni che la Corte prende in considerazione quando valutando are di risarcimento danno patrimoniale che davvero è la perdita subì come per dirigere risultato della violazione allegato, e danno non patrimoniale che è riparazione per l'ansia disturbo e l'incertezza causate con la violazione (veda Comingersoll S.A. c. il Portogallo [GC], n. 35382/97, § 29 ECHR 2000IV?).
194. La Corte l'ulteriore quaderno che l'articolo che via di ricorso nazionali dovrebbero essere esaurite non faccia domanda a rivendicazioni di soddisfazione eque presentate alla Corte sotto Articolo 41 (precedentemente Articolo 50) della Convenzione (veda De Wilde, Ooms e Versyp c. il Belgio (Articolo 50), 10 marzi 1972, §§ 15 16 la Serie Á n. 14, e Salah c. i Paesi Bassi, n. 8196/02, §§ 67 ECHR 2006 IXs (gli estratti)).
195. La situazione insolita è sorta da che cosa richiedenti hanno presentato la soddisfazione equa chiede alla Corte sotto Articolo 41 della Convenzione anche se rivendicazioni alle stesse are di effetto pendente di fronte ad a corte nazionale. La Corte ha sostenuto su una più prima occasione che non può concedere procedimenti di fronte a sé e procedimenti in a corte nazionale mirò a precisamente lo stesso risultato intenzionale per attivamente essere perseguito in parallelo. Normalmente, farà la piccola differenza se are di procedimenti nazionali e così parallele già pendente al tempo quando la richiesta è depositata con la Corte in che gli alloggi la richiesta sarà inammissibile sotto Articolo 35 §s 1 della Convenzione, o se la richiesta è depositata con la Corte prima (veda Salah, citato sopra, §§ 65-66).
196. Comunque, gli alloggi presenti non vanno bene i soliti forgiano. La Corte ha trovato i procedimenti disponibili ai richiedenti non costituire via di ricorso nazionali ed effettive. In queste circostanze, la Corte non può considerare, ostacolò coi procedimenti nazionali e pendenti dall'esaminare le rivendicazioni di richiedenti: tale interpretazione di Articolo 41 della Convenzione farebbe questa disposizione inefficace in ad alloggi come il presente (veda, mutatis mutandis, Mikheyev c. la Russia, n. 77617/01, § 155, 26 gennai 2006, e Frendo Randon ed Altri, citato sopra, § 77).
197. La Corte considera inoltre che assegnando importi per danno a questo stadio non è rischio che i richiedenti riceveranno due volte le quote dette, siccome le giurisdizioni nazionali possono saputo inevitabilmente prende di questa assegnazione quando decidendo gli alloggi (veda, mutatis mutandis, Serghides e Christoforou c. la Cipro (soddisfazione equa), n. 44730/98, § 29 12 giugno 2003; Serrilli c. l'Italia (soddisfazione equa), n. 77822/01, § 17, 17 lugli 2008, e Silva Barreira Júnior c. il Portogallo, N. 38317/06 e 38319/06, § 40 11 gennai 2011).
198. Rivolgendosi alla rivendicazione di richiedenti per danno patrimoniale, avendo riguardo ad al fatto che i procedimenti pendenti di fronte a Supremo la Corte non ha cambiato ancora la situazione di richiedenti, e che la Corte d'appello nella sua decisione di 23 settembri 2014 basato il suo calcolo del danno patrimoniale su un rapporto di esperti che prese nell'esame lo sviluppo della proprietà, il valore di mercato aperto, un'analisi dei valori di vendite ed affitti di proprietà simili ed a paragone di prezzi di scalate con proprietà simili nella stessa area, la Corte conclude, che i richiedenti dovrebbero essere assegnati l'importo del risarcimento come deciso con la Corte d'appello in che decisione, vale a dire EUR 1,155 per metro di piazza in riguardo degli appartamenti ed EUR 2,000 per metro di piazza in riguardo di locali di affari (veda Guiso Gallisay, citato sopra, § 105, e divide in paragrafi 38 e 41 sopra). La Corte l'ulteriore quaderno che interessa doveva essere pagato su questo importo io so come compensazione a, almeno in parte, il periodo di quattro anni durante il quale i richiedenti furono privati della terra. Nell'opinione della Corte l'interesse dovrebbe prendere la forma di semplice interesse legale basata sui tassi di interesse di Banca Centrali europei. Avendo riguardo ad al sopra, la Corte assegna i richiedenti, congiuntamente EUR 13,098,600. Il risarcimento sarà pagato nella stessa maniera come previsto per nella decisione di 23 settembri 2014, quel è dire sulla base della taglia della proprietà di ogni richiedente ed in un prezzo globale (veda paragrafo 41 sopra).
199. La Corte considera che l'azione di reclamo di richiedenti di perdita delle opportunità dovrebbe essere respinta. I richiedenti fallirono elaborati a questa rivendicazione e specificano che che dattilografa delle opportunità loro are che chiedono di avere perso.
200. Come riguardi il pagamento del risarcimento in riguardo della perdita di proprietà mobile, il quaderno di Corte che i richiedenti presentarono fotografie dei loro appartamenti ammobiliati senza specificare a chi la proprietà mobile appartenne. Comunque, il quaderno di Corte che è incontrastato che carichi degli appartamenti furono forniti. Inoltre, il giorno che i richiedenti sono stati detti trasportare le loro proprietà mobili, le autorità avevano continuato con la demolizione dell'edificio (veda paragrafo 51 sopra). La Corte anche quaderno che i richiedenti hanno imparato solamente dell'espropriazione 3 dicembri 2013, la demolizione aveva avviato succedere il prossimo giorno. In queste circostanze, avendo riguardo ad al tempo breve i procedimenti erano stati condotti, la Corte conclude che era stato impossibile per i richiedenti per presentare di fronte alla Corte dettagliò prova documentaria. Per tutte le considerazioni sopra, i costatazione di Corte il buio appropriato sé per prendere questo fatto nell'esame quando considerato che i richiedenti chiedono per danno non patrimoniale.
201. Come riguardi le primo e secondo rivendicazioni di richiedenti in riguardo del prestito preso con la loro banca, la Corte non discerne qualsiasi collegamento causale fra la violazione fondò ed il danno patrimoniale addusse; respinge perciò questa rivendicazione.
2. Danno non-patrimoniale
202. I richiedenti chiesero anche EUR 100,000 ognuno in riguardo di danno non patrimoniale, adducendo che le azioni di autorità avevano causato gravi loro la sofferenza morale. Loro presentarono che numerare di fattori doveva essere preso in considerazione, come la frustrazione ed ansia che scaturisce dall'essere testimoni deboli agli abusi perpetrò con le autorità albanesi e dal non essere in grado ostacolare la demolizione illegale delle loro proprietà, così come il prolungato di ansia che sorge da non intelligente se loro mai sarebbero in grado recuperare qualsiasi il risarcimento. Loro attrassero anche attenzione alla situazione dei primo e secondo richiedenti che erano stati investitori nella Residenza di Jon ed erano stati costretti per spegnere infine la loro società alla fine di 2015.
203. Il Governo contestò i loro argomenti come non comprovato su fatti e prova. I richiedenti non erano riusciti a presentare qualsiasi prova, diretto o indiretto a prove loro avevano sofferto di danno ai loro affari o salute mentale. I richiedenti non erano riusciti inoltre ad esaurire via di ricorso nazionali ed avevano abusato il loro diritto della richiesta.
204. La Corte respinge l'eccezione del Governo del non l'esaurimento di via di ricorso nazionali (veda paragrafo 194 sopra). Benché la Corte non abbia accettato le richieste nella loro interezza, accetta che i richiedenti hanno sofferto di danno non-patrimoniale che non può essere reso buono con le sentenze di alone di violazioni. Di conseguenza, facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna ad ognuno dei richiedenti N. 3-19 siccome elencato nell'appendice, EUR 13,000 in riguardo di danno non-patrimoniale per la sofferenza e l'angoscia loro hanno esperimentato come per risultare delle violazioni sotto Articolo 6 §s 1, Articolo 8 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
Inoltre, facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna ad ognuno dei primo e secondo richiedenti, EUR 7,800 in riguardo di danno non-patrimoniale per la sofferenza e l'angoscia loro hanno esperimentato come per risultare delle violazioni sotto Articolo 6 §s 1 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
Costi di B. e spese
205. I richiedenti presentarono le rivendicazioni seguenti in riguardo di costi e spese:
(il) Tutti i 11,409,852.52 che corrispondono alle parcelle di corte per l'istituzione dei procedimenti giudiziali e nazionali al primo richiedente che in favore di tutti i richiedenti pagò le parcelle di corte;
(l'ii) EUR 9,600 ai richiedenti M. Hanxhari, T. Pojani, G. Calliku M. Mecaj, E. Durolli B. Rakipaj, P. Rakipaj A. Deromemaj (EUR 1,200 ognuno), in riguardo di costi e spese incorso in a livello nazionale (il pagamento rese al loro avvocato nei procedimenti di fronte alle corti nazionali);
(l'iii) EUR 33,750.00 congiuntamente a tutti i richiedenti, in riguardo di costi e spese incorso in nei procedimenti di fronte alla Corte. In 3 maggio 2017 i richiedenti presentarono rivendicazioni supplementari per costi e spese incorse in di fronte alla Corte siccome segue: EUR 2,582.63 in riguardo delle spese di avvocati incorso in per la loro partecipazione nell'udienza sostenuta in 23 maggio 2017, ed EUR 1,500 in riguardo della preparazione del rapporto competente e supplementare presentato in 3 maggio 2017.
206. Il Governo presentò che le spese processuali dei procedimenti nazionali erano pagabili con la parte perditore in quelli procedimenti, lo Stato albanese. Dato che i procedimenti nazionali ancora erano pendenti, nonostante l'infondato non autorizzato e rivendicazioni, le rivendicazioni prematuro era poiché i procedimenti erano pendenti prima Supremo la Corte. Come riguardi i costi e spese incorsero in di fronte alla Corte che questi sono stati esagerati, speculativo e non necessariamente incorse in. Il Governo presentò che i richiedenti non erano riusciti a presentare ricevute particolareggiate, come previsto con le autorità fiscali, in conformità con diritto nazionale.
207. Secondo l'alloggio-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente al rimborso di costi e spese in me sappia come rendere come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in ed are ragionevole come a quantum (veda, per esempio, Gjyli, citato sopra, § 72). A questa fine, Decide 60 §§s 2 e 3 degli Articoli di stati di Corte che richiedenti devono includere con le loro rivendicazioni per la soddisfazione equa “qualsiasi documenti che sostengono attinenti”, fallendo quale la Corte “può respingere le rivendicazioni in intero o in parte.”
208. Il quaderno di Corte che le corti nazionali assegnarono tutti i costi di richiedenti e spese riferì alle parcelle di corte per l'istituzione dei procedimenti giudiziali e nazionali, e la loro rappresentanza di fronte alle corti nazionali (veda divide in paragrafi 39 e 41 sopra). Ciononostante, come riguardi le parcelle di corte per l'istituzione dei procedimenti giudiziali e nazionali, la Corte assegna EUR 84,500 i richiedenti. Come riguardi i costi e spese per la rappresentanza di fronte alle corti nazionali, la Corte lo considera ragionevole assegnare EUR 9,600 ai richiedenti M. Hanxhari, T. Pojani, G. Calliku, M. Mecaj, E. Durolli, B. Rakipaj, P. Rakipaj, A. Deromemaj, congiuntamente. Sarà poi per le corti albanesi, se loro ritengono l'appropri, prendere conto delle assegnazioni della Corte (veda mutatis mutandis, Silva Barreira Júnior citato sopra, § 40).
209. Come riguardi i costi e spese incorsero in di fronte alla Corte, la Corte non può accettare il suggerimento del Governo che fattura ufficialmente approvato con le are di autorità fiscali richieste: c'è nessuno simile obbligo sotto la Convenzione, sé che non è per questa Corte per regolare la relazione fra a contribuente ed il (veda Delijorgji c. l'Albania, n. 6858/11, § 100 28 aprile 2015).
La Corte non ha nessuna ragione di dubitare che i richiedenti incorsero in spese di fronte alla Corte poiché è in proprietà di una fattura che contiene a particolareggiato riparta del numero di ore accreditato e le rate orarie e corrispondenti. Comunque, la Corte considera che le spese incorsero in durante i procedimenti di Convenzione non era ragionevole come a quantum. Facendo la sua propria stima basata sulle informazioni contenute nell'archivio di alloggi, la Corte lo considera ragionevole assegnare EUR 18,000 in riguardo di spese processuali e spese incorse in di fronte alla Corte sotto tutti i capi (veda Mullai ed Altri c. l'Albania (equo soddisfazione-impressionante fuori), n. 9074/07, § 18 18 ottobri 2011).
Interesse di mora di C.
210. La Corte considera l'appropria che le rate di interesse di mora dovrebbero essere basate sulle rate di prestito marginali della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE, UNANIMAMENTE
1. Decide di congiungere ai meriti delle azioni di reclamo sotto Articolo 13, in concomitanza con Articoli 6 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione in riguardo di tutti i richiedenti, ed in concomitanza con Articolo 8 della Convenzione in riguardo di richiedenti N. 3-19 siccome elencato nell'appendice, le eccezioni del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali e li respinge;

2. Dichiara ammissibile le azioni di reclamo riguardo ad Articoli 6 §s 1 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione in riguardo di tutti i richiedenti, e le azioni di reclamo riguardo ad Articolo 8 della Convenzione in riguardo di richiedenti N. 3-19 siccome elencato nell'appendice, e la mancanza di una via di ricorso effettiva riferì inoltre;

3. Dichiara il resto della richiesta inammissibile;

4. Sostiene che c'è stata a violazione di Articolo 13, in concomitanza con Articolo 6 §s 1 della Convenzione;

5. Sostiene che c'è stata a violazione di Articolo 6 §s 1 della Convenzione;

6. Sostiene che c'è stata a violazione di Articolo 8 della Convenzione, in riguardo di richiedenti N. 3-19 siccome elencato nell'appendice, come riguardi la confisca dell'edificio;

7. Sostiene che c'è stata a violazione di Articolo 13, in concomitanza con Articolo 8 della Convenzione in riguardo di richiedenti N. 3-19 siccome elencato nell'appendice, come riguardi la confisca dell'edificio;

8. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto Articolo 8 alone di takens ed in concomitanza con Articolo 13 della Convenzione riguardo all'espropriazione e la demolizione dell'edificio;

9. Sostiene che c'è stata a violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione come riguardi la confisca dell'edificio;

10. Sostiene che c'è stata a violazione di Articolo 13, in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione come riguardi la confisca dell'edificio;

11. Sostiene che c'è stata a violazione di Articolo 13, in concomitanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione riguardo all'espropriazione e la demolizione dell'edificio;

12. Sostiene che c'è stata a violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione riguardo all'espropriazione e la demolizione dell'edificio;

13. Sostiene
(a) che il convenuto è pagare i richiedenti, entro tre mesi dal determinato sul quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 §s 2 della Convenzione gli importi seguenti, essere convertito nella valuta del convenuto alle rate applicabile a determinato il di accordo:
(il) EUR 13,098,600 (tredici milioni di novanta-otto mila seicento euros) a tutti i richiedenti, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno patrimoniale;
(l'ii) EUR 13,000 (tredici mila euros) ad ognuno dei richiedenti N. 3-19 siccome elencato nell'appendice, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno non-patrimoniale;
(l'iii) EUR 7,800 (sette mila ottocento euros) ad ognuno dei primo e secondo richiedenti, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno non-patrimoniale;
(l'iv) EUR 84,500 (ottanta-quattro mila cinquecento euros) a tutti i richiedenti, congiuntamente più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di costi e spese incorso in di fronte alle corti nazionali (la parcella di tassa);
(v) EUR 9,600 (nove mila seicento euros) a richiedenti M.Hanxhari, T. Pojani, G. Calliku M. Mecaj, E. Durolli B. Rakipaj, P. Rakipaj A. Deromemaj, congiuntamente più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di costi e spese incorso in di fronte alle corti nazionali (le parcelle di avvocato);
(Lei) EUR 18,000 (diciotto mila euros) a tutti i richiedenti, congiuntamente più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, in riguardo di costi e spese incorso in di fronte alla Corte;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad a rate uguale alle rate di prestito marginali della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

14. Respinge il resto della rivendicazione di richiedenti per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 11 gennai 2018, facendo seguito Decidere 77 §§s 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Abel Campos Linos-Alexandre Sicilianos
Cancelliere Presidente

?

APPENDICE


OMISSIS



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.