Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF KUNI? AND OTHERS v. BOSNIA AND HERZEGOVINA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41,35,06,46,P1-1

NUMERO: 68955/12/2018
STATO: Bosnia Herzegovina
DATA: 14/11/2017
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE


Conclusions
Violation of Article 6 - Right to a fair trial (Article 6 - Enforcement proceedings
Article 6-1 - Access to court)
Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions)
Respondent State to take individual measures (Article 46-2 - Individual measures)
Respondent State to take measures of a general character (Article 46-2 - General measures)
Pecuniary damage - award (Article 41 - Pecuniary damage
Just satisfaction)
Non-pecuniary damage - award (Article 41 - Non-pecuniary damage
Just satisfaction)


FOURTH SECTION








CASE OF KUNI? AND OTHERS v. BOSNIA AND HERZEGOVINA

(Applications nos. 68955/12 and 15 others – see appended list)








JUDGMENT

STRASBOURG


14 November 2017


FINAL

14/02/2018

This judgment has become final under Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Kuni? and Others v. Bosnia and Herzegovina,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Ganna Yudkivska, President,
Vincent A. De Gaetano,
Paulo Pinto de Albuquerque,
Faris Vehabovi?,
Iulia Motoc,
Carlo Ranzoni,
Georges Ravarani, judges,
and Andrea Tamietti, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 17 October 2017,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in 16 applications (nos. 68955/12, 7270/15, 7286/15, 7316/15, 7321/15, 7325/15, 7336/15, 7408/15, 7418/15, 7429/15, 19494/15, 19501/15, 19547/15, 19548/15, 19550/15 and 19617/15) against Bosnia and Herzegovina lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by 16 citizens of Bosnia and Herzegovina between 22 October 2012 and 13 April 2015. A list of the applicants with their personal details is set out in the appendix.
2. OMISSIS. The Government of Bosnia and Herzegovina (“the Government”) were represented by their Agent at the time, Ms M. Miji? and by their Deputy Agent at the time, Ms Z. Ibrahimovi?.
3. The applicants complained of the non-enforcement of final domestic judgments in their favour.
4. On 31 August 2015 the applications were communicated to the Government.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. By a judgment of the Zenica Cantonal Court of 5 February 2007, three judgments of the Tešanj Municipal Court of 30 July 2008, 31 March 2008 and 15 May 2009 and a judgment of the Zenica Municipal Court of 26 April 2007, which became final on 5 February 2007, 18 August 2008, 23 March 2009, 25 June 2010 and 27 March 2008, respectively, the Zenica-Doboj Canton (Zeni?ko-dobojski kanton; one of the ten cantons of the Federation of Bosnia and Herzegovina) was ordered to pay the applicants different sums in respect of unpaid work-related benefits together with default interest at the statutory rate and legal costs.
6. The writs of execution issued on 2 March 2007, 5 April 2010, 2 March 2010, 14 December 2010 and 24 June 2008, respectively, by the Zenica Municipal Court and the Tešanj Municipal Court, were transferred to the competent bank and were listed among the charges on the debtor’s account.
7. On several occasions thereafter the bank informed the competent courts that enforcement was not possible because the budgetary funds intended for that purpose had already been spent.
8. On 12 July 2008 the first applicant, Mr Suljo Kuni?, complained of the non-enforcement to the Constitutional Court of Bosnia and Herzegovina (“the Constitutional Court”).
9. On 12 October 2011 (decision no. AP 2110/08) the Constitutional Court found a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in Mr Suljo Kuni?’s and ten other cases on account of the prolonged non-enforcement of the final judgments in the appellants’ favour. It ordered the government of the Zenica-Doboj Canton to take the necessary steps in order to secure the payment of the cantonal debt arising from the final judgments within a reasonable time.
The relevant part of the decision reads as follows:
“39. ... The court notes that the judgments [in favour of the appellants] have not been enforced due to the lack of funds on the debtor’s bank account.
...
45. The Constitutional Court reiterates that under the Constitution of Bosnia and Herzegovina and Article 1 of the European Convention all levels of government must secure respect for individual human rights, including the right to enforcement of final judgments under Article 6 § 1 of the Convention and the right to property under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention ... The scope of that obligation is not reduced in the present case, notwithstanding the large number of judgments... [T]he Constitutional Court notes that in Jeli?i? v. BiH, and again in ?oli? and Others v. BiH, the European Court of Human Rights reiterated that ‘it is not open to a State authority to cite lack of funds as an excuse for not honouring a judgment debt. Admittedly, a delay in the execution of a judgment may be justified in particular circumstances, but the delay may not be such as to impair the essence of the right protected under Article 6 § 1’ ...
46. The Constitutional Court agrees with the position taken by the European Court ... it is nevertheless aware of the effects the global economic crisis had on Bosnia and Herzegovina ... The court notes that the federal and the cantonal governments had taken certain steps with the view to enforcement of final court decisions. Section 138 of the Federal Enforcement Procedure Act 2003 provides that the final judgments against the Federation and the cantons shall be enforced within the amount of budgetary funds designated for that purpose ... and that the creditors shall enforce their claims in the order in which they acquired the enforcement titles ... In 2010 and 2011 the amount of funds for that purpose in the budget of the Zenica-Doboj Canton was 100,000 convertible marks.
...
48. The court finds that the crux of the problem in the present case is that the Zenica-Doboj Canton did not identify the exact number of unenforced judgments and the aggregate debt ... without which it is impossible to know when all the creditors will realise their claims against this canton. Furthemore, there should exist a centralised and transparent database of all the claims listed in chronological order according to the time the judgments became final. It should include the enforcement time-frame and a list of partial payments, if any. This will also help to avoid abuses of the enforcement procedure. These measure and adequate funds in the annual budget would ensure that all the final judgments are enforced within a reasonable time ... and the Zenica-Doboj Canton would ensure the respect of its obligations from Article 6 §1 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
...
50. The court considers that the adoption of section 138 of the Enforcement Procedure Act 2003 had a legitimate aim, because the enforcement of a large number of judgments at the same time would jeopardise the normal functioning of the cantons. However, the limitation of the enforcement in the present case is contrary to the principle of proportionality enshrined in Article 1 of Protocol No. 1 which requires that a fair balance is struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights ... Section 138 places a disproportionate burden on the appellants ... they are placed in a situation of absolute uncertainty as regards the enforcement of their claims...
...
52. In order to comply with its positive obligation, the government of the Zenica-Doboj Canton must, as explained above, calculate the total amount of the aggregate debt arising from the final judgments and prepare a comprehensive and transparent database ... This court will not specify what a reasonable time-limit should be ... but, in any event, it must be in accordance with Article 6 § 1 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
...
54. ... The current situation does not give any guarantees to the appellants that their claims against the Zenica-Doboj Canton will be enforced within a reasonable time.”
10. On 16 January 2013 the Constitutional Court adopted a procedural decision to the effect that its decision of 12 October 2011 and eight other decisions on the same matter in cases concerning various individual appellants (see paragraph 15 below) had not been enforced.
11. The final judgments in the applicants’ favour have not yet been enforced.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. Constitution of the Zenica-Doboj Canton
12. Article 19 of the Constitution of the Zenica-Doboj Canton (Ustav Zeni?ko-dobojskog kantona, Official Gazette of the Federation of Bosnia and Herzegovina, “OG FBH”, no. 7/96) provides that in accordance with the Constitution of the Federation of Bosnia and Herzegovina, the Federation and the Zenica-Doboj Canton are responsible for ensuring the implementation of human rights within their jurisdictions. The cantonal government is responsible for the enforcement of final courts’ judgments (Article 50 § b).
B. Settlement Plan of the Zenica-Doboj Canton
13. On 14 November 2013 the government of the Zenica-Doboj Canton adopted the Settlement Plan (Odluka o mjerilima i kriterijima za zaklju?ivanje vansudskih nagodbi na teret prora?una Zeni?ko-dobojskog kantona, Official Gazette of the Zenica-Doboj Canton no. 13/13), setting out the procedure for settling the enforcement claims against the canton. Settlement proposals will be accepted under the condition that creditors forsake part of their claims (principal debt, and/or default interest and/or legal costs) and withdrew their enforcement claims submitted to the competent courts. Priority is given to those creditors who renounce the largest parts of their claims.
C. Enforcement Procedure Act 2003 of the Federation of Bosnia and Herzegovina
14. The Enforcement Procedure Act 2003 (Zakon o izvršnom postupku, OG FBH nos. 32/03, 52/03, 33/06, 39/06, 39/09, 35/12, 35/12 and 46/16) provides for the limitation of enforcement of final judgments against the Federation of Bosnia and Herzegovina and the cantons: these will be enforced only within the amount of funds provided for that purpose in the federal and cantonal budgets which cannot be lower than 0,3% of the total budget (section 138 (3) and (6)). The enforcement will be carried out in a chronological order according to the time the judgments became final. The statutory prescription period does not apply to these claims (section 138 (5)).
D. The case-law of the Constitutional Court
15. After decision AP 2110/08 of 12 October 2011 (see paragraph 9 above), the Constitutional Court adopted eight more decisions on the same matter in cases submitted by various individuals who are not the applicants in the present case: AP 584/09 of 9 November 2011, AP 545/09 of 23 February 2012, AP 1316/09 of 14 March 2012, AP 2972/09 of 13 June 2012, AP 2535/09 of 13 June 2012, AP 801/09 of 18 April 2012, AP 633/09 of 18 April 2012 and AP 1209/09 of 18 April 2012. None of these decisions have been enforced.
THE LAW
I. JOINDER OF THE APPLICATIONS
16. Given their common factual and legal background, the Court decides to join these sixteen applications pursuant to Rule 42 § 1 of the Rules of Court.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
17. The applicants complained of the non-enforcement of the final domestic judgments indicated in paragraph 5 above. They relied on Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
Article 6 § 1, in so far as relevant, provides:
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair and public hearing within a reasonable time by an independent and impartial tribunal established by law.”
Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. The Government’s objection as to the admissibility
18. The Government argued that all the applications, except for that of Mr Suljo Kuni?, should be rejected on non-exhaustion grounds because of the applicants’ failure to complain of the non-enforcement to the Constitutional Court.
19. The applicants submitted that a constitutional appeal could not be considered to be an effective remedy for their complaints considering that none of the Constitutional Court’s decisions on that subject had been enforced.
2. The Court’s assessment
20. The Court reiterates that the application of the rule of exhaustion of domestic remedies referred to in Article 35 § 1 of the Convention must make due allowance for the fact that it is being applied in the context of machinery for the protection of human rights that the Contracting Parties have agreed to set up. Accordingly, the Court has recognised that Article 35 must be applied with some degree of flexibility and without excessive formalism. It has further recognised that the rule of exhaustion of domestic remedies is neither absolute nor capable of being applied automatically; in reviewing whether the rule has been observed, it is essential to have regard to the particular circumstances of the individual case. This means, amongst other things, that the Court must take realistic account not only of the existence of formal remedies in the legal system of the Contracting Party concerned but also of the general legal and political context in which they operate as well as the personal circumstances of the applicant (see Akdivar and Other v. Turkey, 16 September 1996, § 69, Reports of Judgments and Decisions 1996-IV; Selmouni v. France [GC], no. 25803/94, § 77, ECHR 1999-V; and Salah Sheekh v. the Netherlands, no. 1948/04, § 121, 11 January 2007).
21. Turning to the present case, the Court notes that the Constitutional Court found a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in the first applicant’s case and ordered the government of the Zenica-Doboj Canton to take the necessary steps in order to secure the payment of the cantonal debt arising from the final judgments within a reasonable time. Subsequently, the Constitutional Court adopted eight more decisions in cases raising the same issues as the present ones with the same legal reasoning and instructions for the cantonal government. However, on 16 January 2013 the Constitutional Court adopted a procedural decision to the effect that these decisions had not been enforced (see paragraphs 10 and 15 above). Therefore, it has not been shown that in this particular matter an appeal to the Constitutional Court was capable of providing redress for the applicants’ complaints and offered a reasonable prospect of success. In these circumstances, the Court considers that the Government’s objection on grounds of failure to exhaust domestic remedies cannot be upheld (see, mutatis mutandis, Hadžimejli? and Others v. Bosnia and Herzegovina, nos. 3427/13, 74569/13 and 7157/14, § 46, 3 November 2015).
3. Conclusion
22. The Court notes that the applications are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The applicants’ submissions
23. The applicants essentially maintained that the principle of the rule of law, which Bosnia and Herzegovina had undertaken to respect when it ratified the Convention, required that every judgment be enforced without delay.
2. The Government’s submissions
24. The Government submitted that the respondent State and the government of the Zenica-Doboj Canton had never disputed the applicants’ right to have their final judgments enforced. To that end, the Federation adopted the amendments to the Enforcement Procedure Act 2003 regulating the enforcement of final judgments against the Federation and the cantons, while the cantonal government encouraged its creditors to settle the claims by adopting the Settlement Plan 2013. Following the Constitutional Court’s decision of 12 October 2011, the cantonal government identified the number of unenforced judgments and the aggregate debt, and established a centralised database of all the claims. In 2011 there had been 6,536 creditors while the aggregate debt had been 64,631,526.53 convertible marks (BAM) . In 2014 there had been 2,215 creditors and the aggregate debt had been BAM 92,797,380.03. In 2015 the aggregate debt increased to BAM 111,040,509.
25. The Government further submitted that due to the size of the Zenica-Doboj Canton’s public debt, postponement in the enforcement was justified as otherwise macroeconomic stability and fiscal sustainability would be jeopardised. The cantonal government was willing to enforce all the final judgments against it and all the measures taken to that end were designed to strike a fair balance between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. In 2014 the cantonal government provided BAM 400,000 in its budget for that purpose. Moreover, in the same year 38 settlements were concluded.
3. The Court’s assessment
26. The general principles relating to the non-enforcement of domestic judgments were set out in Jeli?i? v. Bosnia and Herzegovina (no. 41183/02, §§ 38-39, ECHR 2006 XII). Notably, the Court has held that it is not open to authorities to cite lack of funds as an excuse for not honouring a judgment debt (see ibid., § 39; see also R. Ka?apor and Others v. Serbia, nos. 2269/06 et al., § 114, 15 January 2008, and Arba?iauskien? v. Lithuania, no. 2971/08, § 87, 1 March 2016). Admittedly, a delay in the execution of a judgment may be justified in particular circumstances, but the delay may not be such as to impair the essence of the right protected under Article 6 § 1 (see Burdov v. Russia, no. 59498/00, § 35, ECHR 2002 III, and Teteriny v. Russia, no. 11931/03, § 41, 30 June 2005).
27. In addition, the Court reiterates that the impossibility of obtaining the execution of a final judgment in an applicant’s favour constitutes an interference with his or her right to the peaceful enjoyment of possessions, as set out in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see, among other authorities, Burdov, cited above, § 40; Jasi?nien? v. Lithuania, no. 41510/98, § 45, 6 March 2003; and Voytenko v. Ukraine, no. 18966/02, § 53, 29 June 2004).
28. In its decision of 12 October 2011 the Constitutional Court held that a prolonged non-enforcement of final judgments had violated the appellants’ rights (including the first applicant in this case) in breach of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. The government of the Zenica-Doboj Canton was ordered to take the necessary steps in order to secure the enforcement of final judgments from the cantonal budget within a reasonable time. The Constitutional Court held, in particular, that the cantonal government should identify the exact number of unenforced judgments and the amount of aggregate debt, and set up a centralised, chronological and transparent database which should include the enforcement time-frame and help avoid abuses of the enforcement procedure. On 16 January 2013 the Constitutional Court adopted a procedural decision to the effect that its decision of 12 October 2011 and eight other decisions concerning the same matter had not been enforced.
29. The Court notes that the cantonal government has, in the meantime, implemented some of the general measures ordered by the Constitutional Court. However, the enforcement time-frame has not yet been provided. Moreover, from the information submitted by the Government it would appear that the cantonal government encourages settlements which require the creditors to renounce part of their claims (see paragraph 13 above).
30. Therefore, the applicants’ situation remains unchanged. They are confronted by judgments in their favour which have not been enforced and are still in a situation of uncertainty as regards whether and when those judgments will be enforced. The Court notes that the domestic judgments under consideration in the present case became final between more than seven and almost eleven years ago. Such delays in enforcement were in the past considered to be excessive (see Jeli?i?, cited above, § 40; ?oli? and Others v. Bosnia and Herzegovina, nos. 1218/07 et al., 10 November 2009, § 15; and Runi? and Others v. Bosnia and Herzegovina, nos. 28735/06 et al., 15 November 2011, § 21). The Court does not see any reason to depart from that jurisprudence in the present case.
31. By failing for a considerable period of time to take the necessary measures to comply with the final judgments in the instant case, the authorities deprived the provisions of Article 6 § 1 of all useful effect and also prevented the applicants from receiving the money to which they were entitled. This failure amounted furthermore to a disproportionate interference with their peaceful enjoyment of possessions (see, among others, Khachatryan v. Armenia, no. 31761/04, § 69, 1 December 2009, and Voronkov v. Russia, no. 39678/03, § 57, 30 July 2015). Therefore, there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 thereto on account of the non enforcement of final and enforceable domestic judgments in the applicants’ favour.
III. APPLICATION OF ARTICLE 46 OF THE CONVENTION
32. Article 46 of the Convention provides:
“1. The High Contracting Parties undertake to abide by the final judgment of the Court in any case to which they are parties.
2. The final judgment of the Court shall be transmitted to the Committee of Ministers, which shall supervise its execution.”
33. The violation which the Court has found in the present case affects many people (see paragraph 24 above). There are already more than four hundred similar applications pending before the Court. Therefore, before examining the applicants’ individual claims for just satisfaction under Article 41 of the Convention, the Court wishes to consider what consequences may be drawn for the respondent State from Article 46 of the Convention. It reiterates that by virtue of Article 46 the High Contracting Parties have undertaken to abide by the final judgments of the Court in any case to which they are parties, execution being supervised by the Committee of Ministers of the Council of Europe. It follows that a judgment in which the Court finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation not just to pay those concerned the sums awarded by way of just satisfaction under Article 41, but also to implement, under the supervision of the Committee of Ministers, appropriate general and/or individual measures (see Assanidze v. Georgia [GC], no. 71503/01, § 198, ECHR 2004 II, and Greens and M.T. v. the United Kingdom, nos. 60041/08 and 60054/08, § 106, ECHR 2010 (extracts)).
34. The State is obliged to take such measures also in respect of other persons in the applicants’ position, notably by implementing the general measures indicated by the Constitutional Court in the decision of 12 October 2011 (see, by analogy, Karanovi? v. Bosnia and Herzegovina, no. 39462/03, § 28, 20 November 2007 and ?oli? and Others, cited above, § 17).
35. As regards the other similar applications lodged with the Court before the delivery of the present judgment, subject to their notification to the Government under Rule 54 § 2 (b) of the Rules of the Court, the Court considers that the respondent State must grant adequate and sufficient redress to all applicants. Such redress may be achieved through ad hoc solutions such as friendly settlements with the applicants or unilateral remedial offers in line with the Convention requirements and, notably, in accordance with the criteria set out in paragraphs 37 and 40 below (see Burdov v. Russia (no. 2), no. 33509/04, § 145, ECHR 2009-I; and ?oli? and Others, cited above, § 18).
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
36. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
37. In respect of pecuniary damage, the applicants sought the payment of the outstanding judgment debts. The Court reiterates that the most appropriate form of redress in non-enforcement cases is indeed to ensure full enforcement of the domestic judgments in question (see Jeli?i?, cited above, § 53, and Pejakovi? and Others v. Bosnia and Herzegovina, nos. 337/04, 36022/04 and 45219/04, § 31, 18 December 2007). This principle equally applies to the present case.
38. In respect of non-pecuniary damage, Mr Kuni? claimed 4,000 euros (EUR) and the other applicants claimed EUR 1,500 per application.
39. The Government considered the amounts claimed to be excessive.
40. The Court accepts that the applicants suffered distress, anxiety and frustration as a result of the respondent State’s failure to enforce final domestic judgments in their favour. Making its assessment on an equitable basis, as required by Article 41 of the Convention, it awards EUR 1,000, plus any tax that may be chargeable, to each of the applicants.
B. Costs and expenses
41. Mr Kuni? claimed the costs and expenses incurred in the domestic civil proceedings (as recognised in the final judgment rendered in his favour) and EUR 3,446 for the costs and expenses incurred before the Constitutional Court and before this Court. The remaining applicants claimed EUR 500 per application for costs and expenses incurred before the Court.
42. The Government considered the amounts claimed to be excessive.
43. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum (see, for example, Iatridis v. Greece (just satisfaction) [GC], no. 31107/96, § 54, ECHR 2000-XI). That is to say, the applicant must have paid them, or be bound to pay them, pursuant to a legal or contractual obligation, and they must have been unavoidable in order to prevent the breaches found or to obtain redress. The Court requires itemised bills and invoices that are sufficiently detailed to enable it to determine to what extent the above requirements have been met (see Rule 60 of the Rules of Court).
44. Regard being had to the information in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award Mr Kuni? EUR 500 for the costs and expenses incurred domestically before the Constitutional Court and before this Court. As regards the costs and expenses incurred in domestic civil proceedings, the Court notes that they are an integral part of that applicant’s pecuniary claim which has already been dealt with above.
45. The Court notes that the remaining applicants have not submitted any evidence (bills or invoices) about the costs and expenses incurred. Therefore, their claim is rejected for lack of substantiation.
C. Default interest
46. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Decides to join the applications;

2. Declares the applications admissible;

3. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;

4. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;

5. Holds
(a) that the respondent State is to secure enforcement of the domestic judgments under consideration in the present case within three months of the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, and, in addition, to pay the applicants, within the same period, the following amounts, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 1,000 (one thousand euros), plus any tax that may be chargeable, to each of the applicants, in respect of non-pecuniary damage;
(ii) EUR 500 (five hundred euros) to Mr Kuni?, plus any tax that may be chargeable to him, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

6. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 14 November 2017, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Andrea Tamietti Ganna Yudkivska
Deputy Registrar President

?

APPENDIX
OMISSIS

TESTO TRADOTTO


Conclusioni
Violazione dell’ Articolo 6 - Diritto ad un processo equanime (Articolo 6 - procedimenti di Esecuzione Articolo 6-1 - Accesso per corteggiare)
Violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 1 del Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo di proprietà)
Stato rispondente per prendere misure individuali (Articolo 46-2 - misure Individuali)
Stato rispondente deve prendere misure di carattere generale (Articolo 46-2 – Misure generali)
Danno patrimoniale - assegnazione (Articolo 41 - danno Patrimoniale
Soddisfazione equa)
Danno non-patrimoniale - assegnazione (Articolo 41 - danno Non -patrimoniale
Soddisfazione equa)


QUARTA SEZIONE








CAUSA KUNI? ED ALTRI C. BOSNIA E HERZEGOVINA

(Richieste N. 68955/12 e 15 altri-veda ruolo appeso)








SENTENZA

STRASBOURG


14 novembre 2017


DEFINITIVO

14/02/2018

Questa sentenza è divenuta definitivo sotto Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.

Nella causa di Kuni ?ed Altri c. Bosnia e Herzegovina,
La Corte europea di Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Ganna Yudkivska, Presidente
Vincenzo A. De Gaetano,
Paulo il de di Pinto Albuquerque,
Faris Vehabovi?,
Iulia Motoc,
Carlo Ranzoni,
Georges Ravarani, giudici
ed Andrea Tamietti, Sezione Cancelliere Aggiunto
Avendo deliberato in privato 17 ottobre 2017,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in 16 richieste (N. 68955/12, 7270/15 7286/15, 7316/15 7321/15, 7325/15 7336/15, 7408/15 7418/15, 7429/15 19494/15, 19501/15 19547/15, 19548/15 19550/15 e 19617/15) contro Bosnia e Herzegovina depositò con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con 16 cittadini di Bosnia e Herzegovina fra il 2012 e 13 aprile 2015 di 22 ottobre. Un ruolo dei richiedenti coi loro dettagli personali è esposto fuori nell'appendice.
2. OMISSIS. Il Governo di Bosnia e Herzegovina (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente al tempo, il Sig.ra M. Miji ?e col loro Agente Aggiunto al tempo, il Sig.ra Z. Ibrahimovi.?
3. I richiedenti si lamentarono della non-esecuzione di definitivo sentenze nazionali nel loro favore.
4. 31 agosto 2015 le richieste furono comunicate al Governo.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Con una sentenza dello Zenica Corte Cantonale di 5 febbraio 2007, tre sentenze del Tešanj Corte Municipale di 30 luglio 2008, il 2008 e 15 maggio 2009 di 31 marzo ed una sentenza dello Zenica Corte Municipale di 26 aprile 2007 che divenne definitivo 5 febbraio 2007 18 agosto 2008, 23 marzo 2009 il 2010 e 27 marzo 2008 di 25 giugno, rispettivamente il Cantone di Zenica-Doboj (?kanton di Zeniko-dobojski; uno dei dieci cantoni della Federazione di Bosnia e Herzegovina) fu ordinato per pagare i richiedenti somme diverse in riguardo di non retribuito lavoro-relativo trae profitto insieme con interesse di mora al tasso legale e spese processuali.
6. Gli ordini di esecuzione della sentenza emisero 2 marzo 2007, 5 aprile 2010, 2 marzo 2010 il 2010 e 24 giugno 2008 di 14 dicembre, rispettivamente dello Zenica Corte Municipale ed il Tešanj Corte Municipale, fu trasferito alla banca competente e fu elencato fra le accuse sul conto del debitore.
7. Su molte occasioni la banca informò da allora in poi le corti competenti che esecuzione non era possibile perché i finanziamenti budgetari proporsi per che fine già era stato speso.
8. 12 luglio 2008 il primo richiedente, il Sig. Suljo Kuni si ?lamentò della non-esecuzione alla Corte Costituzionale di Bosnia e Herzegovina (“la Corte Costituzionale”).
9. 12 ottobre 2011 (la decisione n. AP 2110/08) la Corte Costituzionale trovò una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione nel Sig. Suljo Kuni ?e dieci altre cause su conto della non-esecuzione prolungata delle definitivo sentenze negli appellanti il favore di '. Ordinò il governo del Cantone di Zenica-Doboj per prendere i passi necessari per garantire il pagamento del debito cantonale che sorge dalle definitivo sentenze all'interno di un termine ragionevole.
La parte attinente della decisione legge siccome segue:
“39. ... La corte nota che le sentenze [in favore degli appellanti] non è stato eseguito dovuto alla mancanza di finanziamenti sul conto bancario del debitore.
...
45. La Corte Costituzionale reitera che sotto la Costituzione di Bosnia e Herzegovina ed Articolo 1 della Convenzione europea tutti i livelli di governo devono garantire riguardo per diritti umani individuali, incluso il diritto ad esecuzione di definitivo sentenze sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione ed il diritto a proprietà sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione... La sfera di che obbligo non è ridotto nella causa presente, nonostante il grande numero di sentenze... [T]he che Corte Costituzionale nota che in Jelii ?c. BiH, e di nuovo in ?oli ?ed Altri c. BiH, la Corte europea di Diritti umani reiterò che ‘non è aperto ad un'autorità Statale per citare mancanza di finanziamenti come una scusa per non onorare un debito di sentenza. Per ammissione, un ritardo nell'esecuzione di una sentenza può essere giustificato nelle particolari circostanze, ma il ritardo non può essere come per danneggiare l'essenza del diritto protegguta sotto Articolo 6 § 1 '...
46. La Corte Costituzionale si confa con la posizione presa con la Corte europea... è ciononostante consapevole degli effetti la crisi economica e globale avuta su Bosnia e Herzegovina... La corte nota che i federali ed i governi cantonali avevano portato i certi passi con la prospettiva ad esecuzione di definitivo decisioni di corte. Sezione 138 dell'Esecuzione Procedura Federale che Atto 2003 offre che le definitivo sentenze contro la Federazione ed i cantoni saranno eseguiti all'interno dell'importo di finanziamenti budgetari designato per che fine... e che i creditori eseguiranno le loro rivendicazioni nell'ordine nel quale loro acquisirono l'esecuzione intitola... Nel 2010 e 2011 l'importo di finanziamenti per che fine nel bilancio del Cantone di Zenica-Doboj era 100,000 marchi convertibili.
...
48. I costatazione di corte che la croce del problema nella causa presente è che il Cantone di Zenica-Doboj non identificò il numero esatto di sentenze di unenforced ed il debito globale... senza che è impossibile per sapere quando tutti i creditori si renderanno conto delle loro rivendicazioni contro questo cantone. Furthemore, là dovrebbe esistere un centralizzò e database trasparente di tutte le rivendicazioni elencò in ordine cronologico secondo il tempo che le sentenze sono divenute definitivo. Dovrebbe includere la tempo-cornice di esecuzione ed un ruolo di pagamenti a rate, se qualsiasi. Questo aiuterà anche ad evitare abusi della procedura di esecuzione. Questi misurano e finanziamenti adeguati nel bilancio annuale assicurerebbero che tutte le definitivo sentenze sono eseguite all'interno di un termine ragionevole... ed il Cantone di Zenica-Doboj assicurerebbe il riguardo dei suoi obblighi da Articolo 6 §1 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
...
50. La corte considera che l'adozione di sezione 138 dell'Esecuzione Procedura Atto 2003 aveva un scopo legittimo, perché l'esecuzione di un gran numero di sentenze allo stesso tempo metterebbe in pericolo il normale funzionando dei cantoni. Comunque, la limitazione dell'esecuzione nella causa presente è contraria al principio della proporzionalità custodito in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che quale richiede che un equilibrio equo è previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo... Sezione 138 posti un carico sproporzionato sugli appellanti... loro sono messi in una situazione dell'incertezza assoluta come riguardi l'esecuzione delle loro rivendicazioni...
...
52. Per attenersi col suo obbligo positivo il governo del Cantone di Zenica-Doboj deve, siccome spiegato sopra, calcoli l'importo totale del debito globale che sorge dalle definitivo sentenze e prepari un database comprensivo e trasparente... Questa corte non specificherà che che dovrebbe essere un tempo-limite ragionevole... ma in qualsiasi l'evento, deve essere in conformità con Articolo 6 § 1 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
...
54. ... La situazione corrente non dà qualsiasi garantisce agli appellanti che le loro rivendicazioni contro il Cantone di Zenica-Doboj saranno eseguite all'interno di un termine ragionevole.”
10. 16 gennaio 2013 la Corte Costituzionale adottò una decisione procedurale all'effetto che la sua decisione del 2011 ed otto altre decisioni di 12 ottobre sulla stessa questione in cause che concernono i vari appellanti individuali (veda paragrafo 15 sotto) non era stato eseguito.
11. Le definitivo sentenze nei richiedenti il favore di ' non è stato eseguito ancora.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
Costituzione di A. del Cantone di Zenica-Doboj
12. Articolo 19 della Costituzione del Cantone di Zenica-Doboj (Ustav il ?kantona di Zeniko-dobojskog, Ufficiale Pubblica della Federazione di Bosnia e Herzegovina, “OG FBH”, n. 7/96) prevede che nella conformità con la Costituzione della Federazione di Bosnia e Herzegovina, la Federazione ed il Cantone di Zenica-Doboj è responsabile per assicurare l'attuazione di diritti umani all'interno delle loro giurisdizioni. Il governo cantonale è responsabile per l'esecuzione di definitivo corteggia le sentenze di ' (l'Articolo 50 § b).
B. Accordo Piano del Cantone di Zenica-Doboj
13. 14 novembre 2013 il governo del Cantone di Zenica-Doboj adottò l'Accordo Piano (Odluka o mjerilima i kriterijima za zakljuivanje ?vansudskih nagodbi na teret prorauna il kantona di Zeniko-dobojskog, Ufficiale Pubblica del Cantone di Zenica-Doboj n. 13/13), esponendo fuori la procedura per stabilire le rivendicazioni di esecuzione contro il cantone. Proposte di accordo saranno accettate sotto la condizione che creditori abbandonano parte delle loro rivendicazioni (debito principale, and/or interesse di mora and/or spese processuali) e ritirò le loro rivendicazioni di esecuzione presentate alle corti competenti. Priorità è data a quelli creditori che cedono le più grandi parti delle loro rivendicazioni.
C. Esecuzione Procedura Atto 2003 della Federazione di Bosnia e Herzegovina
14. L'Esecuzione Procedura Atto 2003 (Zakon postupku di izvršnom di o, OG FBH N. 32/03, 52/03 33/06, 39/06 39/09, 35/12 35/12 e 46/16) prevede per la limitazione di esecuzione di definitivo sentenze contro la Federazione di Bosnia e Herzegovina ed i cantoni: questi saranno eseguiti solamente all'interno dell'importo di finanziamenti previsto per che fine nei federali e bilanci cantonali che non possono essere più bassi che 0,3% del bilancio totale (sezione 138 (3) e (6)). L'esecuzione sarà eseguita in un ordine cronologico secondo il tempo che le sentenze sono divenute definitivo. Il periodo di prescrizione legale non fa domanda a queste rivendicazioni (sezione 138 (5)).
D. La causa-legge della Corte Costituzionale
15. Dopo decisione AP 2110/08 di 12 ottobre 2011 (veda paragrafo 9 sopra), la Corte Costituzionale adottò otto più decisioni sulla stessa questione in cause presentate coi vari individui che non sono i richiedenti nella causa presente: AP 584/09 di 9 novembre 2011, AP 545/09 di 23 febbraio 2012, AP 1316/09 di 14 marzo 2012, AP 2972/09 di 13 giugno 2012, AP 2535/09 di 13 giugno 2012, AP 801/09 di 18 aprile 2012, AP 633/09 di 18 aprile 2012 ed AP 1209/09 di 18 aprile 2012. Nessune di queste decisioni è stato eseguito.
LA LEGGE
I. UNIONE DELLE RICHIESTE
16. Dato il loro terreno di proprietà comune sfondo che riguarda i fatti e legale, la Corte decide di congiungere queste sedici richieste facendo seguito Decidere 42 § 1 degli Articoli di Corte.
II. VIOLAZIONE PRESUNTA DELL’I ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE ED ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
17. I richiedenti si lamentarono della non-esecuzione delle definitivo sentenze nazionali indicata in paragrafo 5 sopra. Loro si appellarono su Articolo 6 § 1 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
Articolo 6 § 1, in finora come attinente, prevede:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale indipendente ed imparziale stabilito dalla legge.”

Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione legge siccome segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità.
1. L'eccezione del Governo come all'ammissibilità
18. Il Governo dibatté che tutte le richieste, a parte che del Sig. Suljo Kuni?, dovrebbe essere respinto su motivi di non-esaurimento a causa dei richiedenti l'insuccesso di ' per lamentarsi della non-esecuzione alla Corte Costituzionale.
19. I richiedenti presentarono che non si poteva considerare che un ricorso costituzionale sia una via di ricorso effettiva per le loro azioni di reclamo che considerano, che nessune delle decisioni della Corte Costituzionale su che materia era stata eseguita.
2. La valutazione della Corte
20. La Corte reitera che la richiesta dell'articolo dell'esaurimento di via di ricorso nazionali assegnò ad in Articolo che 35 § 1 della Convenzione deve costituire il fatto assegno dovuto che è fatto domanda nel contesto di sistema per la protezione di diritti umani che le Parti Contraenti sono state d'accordo ad esporre su. Di conseguenza, la Corte ha riconosciuto che Articolo 35 deve essere fatto domanda con del grado della flessibilità e senza il formalismo eccessivo. Ha riconosciuto inoltre che l'articolo dell'esaurimento di via di ricorso nazionali è né assoluto né capace di essere fatto domanda automaticamente; nel fare una rassegna se l'articolo è stato osservato, è essenziale per avere riguardo ad alle particolari circostanze della causa individuale. Questo vuole dire, fra le altre cose, che la Corte non solo deve prendere conto realistico dell'esistenza di via di ricorso formali nell'ordinamento giuridico della Parte Contraente riguardò ma anche del contesto legale e politico generale nel quale loro operano così come le circostanze personali del richiedente (veda Akdivar ed Altro c. la Turchia, 16 settembre 1996, § 69 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-IV; Selmouni c. la Francia [GC], n. 25803/94, § 77 il 1999-V di ECHR; e Salah Sheekh c. i Paesi Bassi, n. 1948/04, § 121 11 gennaio 2007).
21. Rivolgendosi alla causa presente, la Corte nota che la Corte Costituzionale trovò una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione nella causa del primo richiedente ed ordinò il governo del Cantone di Zenica-Doboj per prendere i passi necessari per garantire il pagamento del debito cantonale che sorge dalle definitivo sentenze all'interno di un termine ragionevole. Successivamente, la Corte Costituzionale adottò otto più decisioni in cause che sollevano gli stessi problemi come i presenti con lo stesso ragionamento giuridico ed istruzioni per il governo cantonale. 16 gennaio 2013 la Corte Costituzionale adottò comunque, una decisione procedurale all'effetto che queste decisioni non erano state eseguite (veda divide in paragrafi 10 e 15 sopra). Perciò, non si ha mostrato che in questa particolare questione un ricorso alla Corte Costituzionale era capace di offrire compensazione per i richiedenti le azioni di reclamo di ' ed offrì una prospettiva ragionevole del successo. In queste circostanze, la Corte considera, che l'eccezione del Governo sui motivi di insuccesso per esaurire via di ricorso nazionali non può essere sostenuta (veda, mutatis mutandis, Hadžimejli ?ed Altri c. Bosnia e Herzegovina, N. 3427/13, 74569/13 e 7157/14, § 46 3 novembre 2015).
3. Conclusione
22. La Corte nota che le richieste non sono mal-fondate manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che loro non sono inammissibili su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili.
B. Meriti
1. Le osservazioni dei richiedenti
23. I richiedenti essenzialmente sostennero che il principio dell'articolo di legge che Bosnia e Herzegovina si erano impegnati rispettare quando ratificò la Convenzione, richiesto che ogni sentenza sia eseguita senza ritardo.
2. Le osservazioni del Governo
24. Il Governo presentò che lo Stato rispondente ed il governo del Cantone di Zenica-Doboj non avevano contestato mai i richiedenti il diritto di ' per avere le loro definitivo sentenze eseguito. A quello fine, la Federazione adottò gli emendamenti all'Esecuzione Procedura Atto 2003 che regola l'esecuzione di definitivo sentenze contro la Federazione ed i cantoni, mentre il governo cantonale incoraggiò i suoi creditori per stabilire le rivendicazioni con adottando l'Accordo Piano 2013. Seguendo la decisione della Corte Costituzionale di 12 ottobre 2011, il governo cantonale identificò il numero di sentenze di unenforced ed il debito globale, e stabilito un database centralizzato di tutte le rivendicazioni. Nel 2011 erano stati 6,536 creditori mentre il debito globale era stato 64,631,526.53 marchi convertibili (il BAM). C'erano stati nel 2014 2,215 creditori ed il debito globale erano stati BAM 92,797,380.03. Nel 2015 il debito globale aumentò a BAM 111,040,509.
25. Il Governo presentò inoltre che a causa della taglia del debito pubblico del Cantone di Zenica-Doboj, proroga nell'esecuzione fu giustificata come altrimenti la stabilità macroeconomica e sostenibilità fiscale sarebbe messo in pericolo. Il governo cantonale era disposto ad eseguire tutte le definitivo sentenze contro sé e tutte le misure preso a che fine fu progettata per prevedere un equilibrio equo fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. Nel 2014 il governo cantonale offrì BAM 400,000 nel suo bilancio per quel il fine. Inoltre, nello stesso anno che 38 accordi sono stati conclusi.
3. La valutazione della Corte
26. I principi generali relativo alla non-esecuzione di sentenze nazionali furono esposti fuori in Jelii ?c. Bosnia e Herzegovina (n. 41183/02, §§ 38-39 ECHR 2006 XII). Notevolmente, la Corte ha sostenuto che non è aperto ad autorità per citare mancanza di finanziamenti come una scusa per non onorare un debito di sentenza (veda ibid., § 39; veda anche R. Kaapor ?ed Altri c. Serbia, N. 2269/06 et al., § 114, 15 gennaio 2008, ed Arbaiauskien ?c. la Lituania, n. 2971/08, § 87 1 marzo 2016). Per ammissione, un ritardo nell'esecuzione di una sentenza può essere giustificato nelle particolari circostanze, ma il ritardo non può essere come per danneggiare l'essenza del diritto protegguta sotto Articolo 6 § 1 (veda Burdov c. la Russia, n. 59498/00, § 35 ECHR 2002 III, e Teteriny c. la Russia, n. 11931/03, § 41 30 giugno 2005).
27. In oltre, la Corte reitera che l'impossibilità di ottenere l'esecuzione di una definitivo sentenza nel favore di un richiedente costituisce un'interferenza con suo o il suo diritto al godimento tranquillo di proprietà, come esponga fuori nella prima frase del primo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (veda, fra le altre autorità, Burdov, citato sopra, § 40; Jasinien ?c. la Lituania, n. 41510/98, § 45 6 marzo 2003; e Voytenko c. l'Ucraina, n. 18966/02, § 53 29 giugno 2004).
28. Nella sua decisione di 12 ottobre 2011 la Corte Costituzionale sostenne che una non-esecuzione prolungata di definitivo sentenze aveva violato gli appellanti i diritti di ' (incluso il primo richiedente in questa causa) in violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Il governo del Cantone di Zenica-Doboj fu ordinato per prendere i passi necessari per garantire l'esecuzione di definitivo sentenze dal bilancio cantonale all'interno di un termine ragionevole. La Corte Costituzionale sostenne, in particolare, che il governo cantonale dovrebbe identificare il numero esatto di sentenze di non eseguite e l'importo di debito globale, ed espose su un centralizzò, database cronologico e trasparente che dovrebbe includere la tempo-cornice di esecuzione e dovrebbe aiutare evita abusi della procedura di esecuzione. 16 gennaio 2013 la Corte Costituzionale adottò una decisione procedurale all'effetto che la sua decisione del 2011 ed otto altre decisioni di 12 ottobre riguardo alla stessa questione non era stata eseguita.
29. La Corte nota che il governo cantonale, nel frattempo ha implementato alcune delle misure generali ordinati con la Corte Costituzionale. La tempo-cornice di esecuzione non è stata offerta ancora comunque. Inoltre, dalle informazioni presentate col Governo sé sembrerebbe che il governo cantonale incoraggia accordi che costringono i creditori a cedere parte delle loro rivendicazioni (veda paragrafo 13 sopra).
30. Perciò, i richiedenti che la situazione di ' rimane immutata. Loro sono confrontati con sentenze nel loro favore che non è stato eseguito e è stato stato ancora in una situazione dell'incertezza come riguardi se e quando quelle sentenze saranno eseguite. La Corte nota che le sentenze nazionali sotto la considerazione nella causa presente divennero più di sette e pressoché undici anni fa definitivo fra. Simile ritardi in esecuzione erano di passato considerato per essere eccessivo (veda Jelii?, citato sopra, § 40; l'oli ed Altri c. Bosnia e Herzegovina, N. 1218/07 et al., 10 novembre 2009, § 15; e Runi ed Altri c. Bosnia e Herzegovina, N. 28735/06 et al., 15 novembre 2011, § 21). La Corte non vede qualsiasi ragione di abbandonare da che la giurisprudenza nella causa presente.
31. Fallendo per un periodo considerevole di tempo per prendere le misure necessarie per attenersi con le definitivo sentenze nella causa presente, le autorità spogliarono le disposizioni di Articolo 6 § 1 di ogni effetto utile ed anche impedirono ai richiedenti del ricevere i soldi al quale furono concessi loro. Questo insuccesso corrispose inoltre ad un'interferenza sproporzionata col loro godimento tranquillo di proprietà (veda, fra altri, Khachatryan c. l'Armenia, n. 31761/04, § 69, 1 dicembre 2009, e Voronkov c. la Russia, n. 39678/03, § 57 30 luglio 2015). C'è stata perciò, una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 inoltre su conto del non esecuzione di definitivo e sentenze nazionali ed esecutive nei richiedenti il favore di '.
III. La richiesta Di Articolo 46 Di La Convenzione
32. Articolo 46 della Convenzione prevede:
“1. Le Parti Contraenti ed Alte si impegnano attenersi alla sentenza definitiva della Corte in qualsiasi causa alla quale loro sono parti.
2. La sentenza definitiva della Corte sarà trasmessa al Comitato di Ministri che soprintenderà alla sua esecuzione.”
33. La violazione che la Corte ha trovato nella causa presente colpisce molte persone (veda paragrafo 24 sopra). C'è già più che le quattrocento richieste simili pendente di fronte alla Corte. Prima di esaminare i richiedenti ' rivendicazioni individuali per la soddisfazione equa sotto Articolo 41 della Convenzione, la Corte desidera perciò, considerare che conseguenze possono essere dedotte per lo Stato rispondente da Articolo 46 della Convenzione. Reitera che con virtù di Articolo 46 le Parti Contraenti ed Alte si sono impegnate attenersi alle definitivo sentenze della Corte in qualsiasi causa alla quale loro sono parti, esecuzione che è supervisionata col Comitato di Ministri del Consiglio dell'Europa. Segue che una sentenza nella quale la Corte trova una violazione impone sullo Stato rispondente un obbligo legale per non pagare quelli concerniti le somme assegnate con modo della soddisfazione equa sotto Articolo 41, ma anche implementare, sotto la soprintendenza del Comitato di Ministri and/or generale ed appropriato misure individuali (veda Assanidze c. la Georgia [GC], n. 71503/01, § 198 ECHR 2004 II, e Verdure e M.T. c. il Regno Unito, N. 60041/08 e 60054/08, § 106 ECHR 2010 (gli estratti)).
34. Lo Stato è obbligato per prendere anche simile misure in riguardo di altre persone nei richiedenti ' posizioni, notevolmente con implementando le misure generali indicate con la Corte Costituzionale nella decisione di 12 ottobre 2011 (veda, con analogia, Karanovi ?c. Bosnia e Herzegovina, n. 39462/03, § 28, 20 novembre 2007 ed ?oli ?ed Altri, citato sopra, § 17).
35. Come riguardi le altre richieste simili depositarono con la Corte di fronte alla consegna della sentenza presente, soggetto alla loro notificazione al Governo sotto Articolo 54 § 2 (b) degli Articoli della Corte, la Corte considera, che lo Stato rispondente deve accordare compensazione adeguata e sufficiente a tutti i richiedenti. Simile compensazione può essere realizzata per ad soluzioni di hoc come regolamenti amichevoli coi richiedenti od offerte riparatore ed unilaterali in linea coi requisiti di Convenzione e, notevolmente, nella conformità col criterio esposto fuori in paragrafi 37 e 40 sotto (veda Burdov c. la Russia (n. 2), n. 33509/04, § 145 ECHR 2009-io; ed ?oli ?ed Altri, citato sopra, § 18).
IV. La richiesta Di Articolo 41 Di La Convenzione
36. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
37. In riguardo di danno patrimoniale, i richiedenti chiesero il pagamento dei debiti di sentenza insoluti. La Corte reitera che la forma più appropriata di compensazione in cause di non-esecuzione deve assicurare davvero la piena esecuzione delle sentenze nazionali in oggetto (veda Jelii?, citato sopra, § 53, e Pejakovi ed Altri c. Bosnia e Herzegovina, N. 337/04, 36022/04 e 45219/04, § 31 18 dicembre 2007). Questo principio fa domanda ugualmente alla causa presente.
38. In riguardo di danno non-patrimoniale, il Sig. Kuni ?chiese 4,000 euros (EUR) e gli altri richiedenti chiesero EUR 1,500 per la richiesta.
39. Il Governo considerò gli importi chiesero di essere eccessivi.
40. La Corte accetta che i richiedenti soffrirono dell'angoscia, l'ansia e la frustrazione come un risultato dell'insuccesso dello Stato rispondente per eseguire definitivo sentenze nazionali nel loro favore. Facendo la sua valutazione su una base equa, come richiesto con Articolo 41 della Convenzione, assegna EUR 1,000, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, ad ognuno dei richiedenti.
Costi di B. e spese
41. Il Sig. Kuni ?chiese i costi e spese incorse in nei procedimenti civili e nazionali (siccome riconosciuto nella definitivo sentenza resa nel suo favore) ed EUR 3,446 per i costi e spese incorse in di fronte alla Corte Costituzionale e di fronte a questa Corte. I richiedenti rimanenti chiesero EUR 500 per la richiesta per costi e spese incorse in di fronte alla Corte.
42. Il Governo considerò gli importi chiesero di essere eccessivi.
43. Secondo la causa-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum (veda, per esempio, Iatridis c. la Grecia (soddisfazione equa) [GC], n. 31107/96, § 54 ECHR 2000-XI). Quel è dire, il richiedente li ha dovuti pagare, o sia legato per pagarli, facendo seguito ad un obbligo legale o contrattuale, e loro sono dovuti essere inevitabili per ostacolare le violazioni trovate od ottenere compensazione. La Corte richiede conti particolareggiati e fatture che sufficientemente sono dettagliate per abilitarlo per determinare a che misura i requisiti sopra sono state soddisfatte (veda Articolo 60 degli Articoli di Corte).
44. Essendo avuto riguardo alle informazioni nella sua proprietà ed il criterio sopra, la Corte lo considera ragionevole assegnare ?EUR 500 il Sig. Kuni per i costi e spese incorse in nazionalmente di fronte alla Corte Costituzionale e di fronte a questa Corte. Come riguardi i costi e spese incorsero in in procedimenti civili e nazionali, la Corte nota che loro sono una parte integrante di che la rivendicazione patrimoniale di richiedente che già è stata data con sopra.
45. La Corte nota che i richiedenti rimanenti non hanno presentato qualsiasi la prova (conti o fattura) dei costi e spese incorse in. Perciò, la loro rivendicazione è respinta per mancanza di prova.
Interesse di mora di C.
46. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE, ALL’UNANIMITA’
1. Decide di congiungere le richieste;

2. Dichiara le richieste ammissibile;

3. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione;

4. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;

5. Sostiene
(un) che lo Stato rispondente è garantire esecuzione delle sentenze nazionali sotto la considerazione nella causa presente entro tre mesi della data sui quali la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione, e, in oltre, pagare i richiedenti, entro lo stesso periodo gli importi seguenti, essere convertito nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile alla data di accordo:
(i) EUR 1,000 (milli euros), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, ad ognuno dei richiedenti, in riguardo di danno non-patrimoniale;
(l'ii) EUR 500 (cinquecento euros) al Sig. Kuni?, più qualsiasi tassa che può essere a carico di lui, in riguardo di costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

6. Respinge il resto dei richiedenti che ' chiede per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 14 novembre 2017, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Andrea Tamietti Ganna Yudkivska
Cancelliere aggiunto Presidente

?

APPENDICE
OMISSIS



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 11/07/2020.