Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF TIZIANA PENNINO v. ITALY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 3 (limitata)
ARTICOLI: 03

NUMERO: 21759/15/2017
STATO: Italia
DATA: 12/10/2017
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE




FIRST SECTION






CASE OF TIZIANA PENNINO v. ITALY

(Application no. 21759/15)









JUDGMENT



STRASBOURG

12 October 2017


FINAL

12/01/2018

This judgment has become final under Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.
In the case of Tiziana Pennino v. Italy,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Linos-Alexandre Sicilianos, President,
Kristina Pardalos,
Guido Raimondi,
Krzysztof Wojtyczek,
Ksenija Turkovi?,
Armen Harutyunyan,
Jovan Ilievski, judges,
and Abel Campos, Section Registrar,
Having deliberated in private on 19 September 2017,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 21759/15) against the Italian Republic lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by an Italian national, Ms Tiziana Pennino (“the applicant”), on 27 April 2015.
2. The applicant was represented by Mrs A. Mascia, a lawyer practising in Verona and Strasbourg. The Italian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mrs E. Spatafora, and their co-Agent, Mrs P. Accardo.
3. The applicant alleged that she had been ill-treated by the police and that the authorities had not carried out an effective investigation into her allegations.
4. On 25 April 2016 the application was communicated to the Government.
THE FACTS
THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1969 and lives in Benevento.
A. The events of 2 April 2013
6. On 2 April 2013, between 1 and 1.15 p.m., the applicant was stopped by two officers of the Benevento municipal police while she was driving her car.
7. According to the applicant, the police officers checked her driver’s licence and her vehicle documents. An argument broke out between the applicant and the officers. In the applicant’s view, her nervous and hostile attitude led the police officers to suspect that she was intoxicated, which she denied. As the officers did not have the necessary equipment to perform a breathalyser test, they requested the assistance of the road police (Polizia Stradale). The applicant returned to her car. Once she had got back into the vehicle, one of the police officers pulled the car door open and dragged her out by the arm.
8. As recorded in the municipal police officers’ report of 3 April 2013, the applicant had been stopped because she had been driving in an erratic manner, braking suddenly and changing lanes abruptly. The applicant did not seem to be able to exit the vehicle by herself and had had to be assisted by one of the officers. The officers reported that they had smelt alcohol on her breath and that she had been unsteady on her feet. The applicant had insulted and threatened them.
9. At 1.30 p.m. traffic police officers arrived on the scene with the breathalyser equipment.
10. According to the applicant, she was not able to take the test because she was in a state of anxiety that had been exacerbated by one of the officers shouting at her that she was drunk. That had caused her to tremble and had meant she could not keep the breathalyser tube in her mouth. The applicant requested that carabinieri be called to the scene, but the request was denied.
11. According to the traffic police report (annotazione di servizio della Polizia Stradale), the applicant agreed to be breathalysed, but did not blow into the device in the manner she had been told to do by the officers and refused to cooperate. At one point she had thrown the device’s mouthpiece into the face of one of the officers. The applicant was described as being in a “clearly altered” state, smelling strongly of alcohol and staggering.
12. The applicant was taken to the municipal police station (Comando di Polizia Municipale), where she arrived at approximately 1.50 p.m.
13. According to the applicant, once at the station the lieutenant on duty started drafting an offence report (verbale di contestazione) for driving under the influence of alcohol. The two officers who had stopped her in the street and escorted her to the station and another officer were also present. She repeatedly requested that she be allowed to use a telephone to let her family and her lawyer know of her whereabouts but her requests were denied. When she tried to pick up a telephone, one of the officers hit her in order to make her sit down. The same officer twisted her arms behind her back and handcuffed her, hurting her wrists. He then squeezed her buttocks and asked her if the handcuffs were tight enough. The applicant started screaming loudly and the officer removed the handcuffs in a violent manner. In doing so, he fractured the applicant’s right thumb and caused other injuries to her wrists. He then warned her not to cause further trouble and threatened her. The applicant left the station between 2.15 and 2.30 p.m. and proceeded further on foot as her car had been seized.
14. As recorded in the joint report issued on 3 April 2013 by the two municipal police officers who had stopped her in the street and the lieutenant on duty at the municipal police station, upon her arrival at the station the applicant had started threatening and insulting them. When the lieutenant started drafting the offence report, she grabbed a telephone from a desk and ran into the corridor. When the lieutenant tried to stop her, the applicant pushed him violently, causing him to fall. She then threw the telephone out of the window. The applicant, who was in an extremely agitated state, pushed and kicked the other two officers, and they eventually handcuffed her. When the applicant calmed down, the handcuffs were removed. The applicant ran out of the station, leaving her bag and personal belongings behind. Her vehicle and driver’s licence had been seized under road traffic legislation. The same account of the events is recorded in the offence notification (informativa di reato) filed by the directing commander of the Benevento municipal police with the Benevento public prosecutor on 3 April 2013.
15. According to the applicant, once she had left the station she got a lift to the emergency department of a local hospital, where she was examined.
16. At approximately 8 p.m. the applicant went to the State Police and attempted, unsuccessfully, to lodge a criminal complaint against the municipal police officers. According to the report of the officer on duty, the applicant complained that she had been assaulted by Benevento municipal police officers and that her finger had been fractured. When the officer informed her that the she could not file a criminal complaint because the station was closed, the applicant started speaking incoherently in a loud voice. Given her nervous and agitated state, the officer called the local questura (police headquarters) for backup. The applicant requested that an ambulance be called. The ambulance arrived at 8.30 p.m. and the applicant was examined by the ambulance medics. She was taken home by ambulance at approximately 9 p.m.
B. Criminal complaint against the police officers and the ensuing investigation
17. On 4 April 2013 the applicant lodged a criminal complaint against the two police officers who had stopped her in the street on 2 April 2013 and the other two officers who had been present at the municipal police station, but whose names she did not know, alleging assault and battery, infliction of bodily harm, abuse of office, and threats.
18. An investigation into the applicant’s allegations was initiated. Seven people identified by the applicant as witnesses (persone informate sui fatti) were interviewed. Two were people who stated they had seen one of the officers dragging the applicant out of her vehicle. One was the owner of a bar where the applicant had gone in order to call her former spouse once she had left the hospital on 2 April 2013. Another was the applicant’s former spouse, who stated that her alcohol intake was limited to consumption during meals. He further stated that because of a traumatic event in her life the applicant became agitated, trembled and had trouble expressing herself when subjected to stress. The other three were colleagues, who stated that the applicant had not appeared to be intoxicated when she had left her office on 2 April 2013. The police officers who had allegedly been involved in the ill-treatment were not interviewed, and neither was the applicant.
19. On 17 January 2014 the public prosecutor requested that the proceedings be discontinued. The basis of the request was that “the allegations in the criminal complaint are not confirmed by the statements made by the witnesses identified by the victim”.
20. On 27 February 2014 the applicant lodged an objection against the prosecutor’s request to discontinue the proceedings. She complained about the lack of reasoning in the prosecutor’s request and alleged that the investigation had not been thorough. In that connection, she complained about the “total absence” of investigative measures with respect to the events that had occurred at the municipal police station and requested that the investigating judge order such measures without delay. Moreover, the applicant complained that she had not been questioned and requested that she be interviewed immediately. She also requested that officials interview the person who had taken her to the hospital when she had left the police station and other individuals. She also challenged the credibility of the official police reports, as they were in stark contrast with her account of the impugned events.
21. At a hearing on 22 September 2014 the applicant’s lawyer repeated the complaints and requests contained in the objection against the prosecutor’s request to discontinue the proceedings and reiterated, in particular, the request to conduct an investigation into the events that had occurred at the municipal police station.
22. By an order of 3 October 2014, served on the applicant on 27 October 2014, the Benevento District Court preliminary investigations judge (giudice per le indagini preliminari) decided to discontinue the proceedings. The order stated that the evidence gathered during the preliminary investigation had not been sufficient to warrant indicting the officers. It stated that the victim’s allegations had not been corroborated by evidence and that further investigative measures, as requested by the victim, would have “no influence whatsoever”.
C. Criminal proceedings against the applicant
23. On 25 October 2013 the applicant was charged with a number of offences in connection with the events of 2 April 2013, including resisting a police officer, insulting a public official, and driving under the influence of alcohol. The applicant was also charged with causing bodily harm to a police officer.
24. On an unspecified date, the public prosecutor and the applicant reached a plea agreement with respect to the offence of bodily harm and requested that the judge proceed with the imposition of a sentence (applicazione della pena su richiesta delle parti).
25. On 21 November 2014 the Benevento preliminary hearings judge took note of the plea agreement and gave the applicant a suspended sentence of twenty-eight days’ imprisonment. On the same day, the preliminary hearings judge suspended the proceedings against the applicant in connection with the charges of resisting a police officer, insulting a public official and driving under the influence of alcohol. The applicant was placed on probation with a requirement that she perform community service.
D. Medical documentation
1. Medical reports in connection with the events of 2 April 2013
26. On 2 April 2013, the applicant went to the emergency department of a local hospital. At 6.42 p.m. she was examined by a radiologist, who established that her right thumb was fractured.
27. On 3 April 2013 the applicant returned to the emergency department. According to the medical report, the applicant arrived at the hospital in an agitated state, complaining about pain in several parts of her body. She was examined by a doctor who noted the presence of a splint on her right hand to treat a fracture. The doctor further noted the presence of bruising resulting from traumatic injury (trauma contusivo con ecchimosi) to the right thigh, right shoulder and left wrist.
28. On 4 April 2013 the applicant went to a different hospital. She was examined by an orthopaedist, who confirmed the fracture of the thumb and the presence of bruises on her left thigh and on her back. The doctor recommended surgery to treat the fracture.
2. Expert psychological report submitted by the applicant in the course of the criminal proceedings against her (extracts)
29. Owing to a traumatic event in her life, the applicant suffers from chronic post-traumatic stress disorder, which has evolved into a major depressive disorder. She also suffers from a disorder which is characterised by mood swings which are exacerbated in times of particular stress, by the consumption of alcohol or sleep deprivation. The disorder in question includes peaks of manic behaviour when the applicant loses contact with reality and experiences a sense of impending threat to her own safety and that of those around her. The applicant was prescribed drugs for insomnia in February 2013. Combining the drugs with even moderate amounts of alcohol can have the same consequences as excessive alcohol consumption.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 3 OF THE CONVENTION
30. The applicant complained that she had been ill treated by the police and that the investigation into her allegations had been neither thorough nor effective. She relied on Article 3 of the Convention, which reads as follows:
“No one shall be subjected to torture or to inhuman or degrading treatment or punishment.”
A. Admissibility
31. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. General principles
32. In cases involving the substantive aspect of Article 3 concerning, in particular, allegations of ill-treatment by State agents, the relevant general principles were articulated by the Grand Chamber in Bouyid v. Belgium ([GC], no. 23380/09, § 81-90, ECHR 2015).
33. The Court reiterates, in particular, that in respect of a person who is deprived of his liberty, or, more generally, is confronted with law enforcement officers, any recourse to physical force which has not been made strictly necessary by his own conduct diminishes human dignity and is an infringement of the right set forth in Article 3 (ibid., § 88).
34. Allegations of ill-treatment contrary to Article 3 must be supported by appropriate evidence. To assess this evidence, the Court adopts the standard of proof “beyond reasonable doubt” but adds that such proof may follow from the coexistence of sufficiently strong, clear and concordant inferences or of similar unrebutted presumptions of fact (ibid., § 82).
35. On this latter point the Court has explained that where the events in issue lie wholly, or in large part, within the exclusive knowledge of the authorities, as in the case of persons within their control in custody, strong presumptions of fact will arise in respect of injuries occurring during such detention. The burden of proof is then on the Government to provide a satisfactory and convincing explanation by producing evidence establishing facts which cast doubt on the account of events given by the applicant. In the absence of such explanation, the Court can draw inferences which may be unfavourable for the Government. That is justified by the fact that persons in custody are in a vulnerable position and the authorities are under a duty to protect them. In Bouyid the Court found that the same principle held true in the context of an identity check in a police station or a mere interview on such premises (ibid., § 84).
36. The Court also pointed out in El-Masri v. the former Yugoslav Republic of Macedonia [GC] (no. 39630/09, § 155, ECHR 2012) that although it recognised that it must be cautious in taking on the role of a first-instance tribunal of fact where this was not made unavoidable by the circumstances of a particular case (see McKerr v. the United Kingdom (dec.), no. 28883/95, 4 April 2000), it had to apply a “particularly thorough scrutiny” where allegations were made under Article 3 of the Convention (see, mutatis mutandis, Ribitsch v. Austria, 4 December 1995, § 32, Series A no. 336, and Georgiy Bykov v. Russia, no. 24271/03, § 51, 14 October 2010), even if certain domestic proceedings and investigations had already taken place (see Cobzaru v. Romania, no. 48254/99, § 65, 26 July 2007).
37. In cases involving the investigation of allegations of ill-treatment, the general principles which apply in determining whether such an investigation was effective for the purposes of Article 3 were restated by the Grand Chamber, inter alia¸ in Mocanu and Others v. Romania ([GC], nos. 10865/09, 45886/07 and 32431/08, § 316-326 ECHR 2014 (extracts)).
38. In particular, any investigation of serious allegations of ill-treatment must be thorough. That means that the authorities must always make a serious attempt to find out what happened and should not rely on hasty or ill-founded conclusions to close their investigation or to use as the basis of their decisions (see Assenov and Others v. Bulgaria, 28 October 1998, § 103, Reports of Judgments and Decisions 1998 VIII, and Bat? and Others v. Turkey, nos. 33097/96 and 57834/00, § 136, ECHR 2004 IV). They must take all reasonable steps available to them to secure the evidence concerning the incident, including, inter alia, eyewitness testimony and forensic evidence (see Tanr?kulu v. Turkey [GC], no. 23763/94, § 104, ECHR 1999 IV, and Gül v. Turkey, no. 22676/93, § 89, 14 December 2000). Any deficiency in the investigation which undermines its ability to establish the cause of injuries or the identity of the persons responsible will risk falling foul of this standard (see Boicenco v. Moldova, no. 41088/05, § 123, 11 July 2006).
2. Application to the present case
39. The Court notes at the outset that the parties agree that the police used force against the applicant and that she sustained certain injuries as a result, namely contusions and a fractured finger. The Court also notes that the presence of certain injuries is supported by medical evidence (see paragraphs 26 - 28 above). The applicant contended that the finger had been fractured while she was at the municipal police station.
40. The Court notes that the essence of the disagreement between the parties concerns the exact circumstances in which the applicant sustained her injuries and whether recourse to physical force had been strictly necessary.
41. The Court considers that during the period the applicant spent at the police station the applicant can be viewed as having been under the control of the authorities. Thus, in contrast to cases in which it could not be established that the applicant had been under the control of the authorities, in the present case the Court concludes that the burden rests on the Government to provide a satisfactory and convincing explanation as to the circumstances in which the injuries were sustained and whether the force was made strictly necessary by the applicant’s own conduct (see Bouyid, cited above, §§ 83-84).
42. In their observations the Government argued that all the injuries, including the fractured finger, could plausibly and convincingly be explained by the applicant’s resistance to actions the police had taken to contain her incrementally agitated – and at times aggressive – behaviour. In their view therefore the force used against the applicant by the police officers had been made strictly necessary by her own conduct.
43. In support of their position they cited several elements attesting to the applicant’s agitated and altered state. First, they observed that witness statements about the applicant’s being sober prior to being stopped in the street did not exclude the possibility that she was intoxicated at the time she got behind the wheel of her vehicle. Second, they relied on the psychological report by the expert appointed by the applicant in the context of the criminal proceedings against her and highlighted the part stating that she had been taking medication which could have the same effect as excessive alcohol consumption when combined with even a very small amount of alcohol (see paragraph 29 above). They added that the report had been added to the investigation file and had been examined closely by the prosecutor and investigating judge. They also cited the report drawn up by the officer on duty at the Benevento police station where the applicant had attempted to file her criminal complaint, which described her as being extremely agitated (see paragraph 16 above). The Government further pointed out that the applicant’s aggressiveness was corroborated by the fact that one of the agents at the municipal police station had been pushed by the applicant and injured as a result. Moreover, the Government reiterated that criminal proceedings had been initiated against the applicant for offences against the police officers, including insulting a public official, and that the proceedings had ended with a plea agreement.
44. The Government stressed that the domestic investigation, which had been carried out in an effective and thorough manner, had not established that the events had occurred in the way described by the applicant, thus casting doubt on her account of what had happened. According to the Government, the information gathered from interviews with the individuals identified by the applicant during the course of the investigation had been insufficient to confirm her accusations against the municipal police officers, as confirmed by the investigating judge’s decision to discontinue the proceedings. Even if the witnesses had confirmed certain facts described by the applicant, her account had not been corroborated overall, as the witness statements had referred to ancillary matters. The Government also highlighted the coherence of the police officers’ account as opposed to the inconsistencies characterising the applicant’s account. In that regard, they pointed out that the police reports had provided a plausible explanation for the injuries sustained by the applicant, whereas the applicant’s account had not explained the police officer’s injuries and was, in their view, riddled with lacunae and contradictions.
45. In the circumstances of the present case, before examining the Government’s submissions, the Court wishes to reiterate that persons who are held in police custody or are even simply taken or summoned to a police station for an identity check or questioning, and more broadly all persons under the control of the police or a similar authority, are in a situation of vulnerability and the authorities are consequently under a duty to protect them (see Bouyid, cited above, § 107). In that regard, the Court recalls that Article 3 of the Convention establishes, as does Article 2, a positive obligation on the State to train its law-enforcement officials in such a manner as to ensure a high level of competence in their professional conduct so that no one is subjected to treatment that runs contrary to that provision (see Bouyid, cited above, § 108).
46. Turning to the arguments put forward by the Government, the Court notes that they hinge on a general reliance on the applicant’s agitated state and general statements about the need to use force as a reaction to such conduct. The Government have not provided specific details about how the events at the municipal police station unfolded, but referred in general terms to the account provided by the police officers, which they accepted as being plausible and coherent. No concrete attempt was made to explain, let alone substantiate, what may have led to the fracture of the applicant’s finger, despite the Government’s acknowledgement that the injury had occurred as a consequence of the use of force by the officers on the applicant.
47. Against this backdrop, the Court will next examine whether some substantiation of the Government’s submissions emerges from the domestic investigation. In that connection, on the facts of the present case the Court considers that the provision of a satisfactory and convincing explanation as to the necessity of the use of force is closely related to the question of whether the national authorities have conducted an effective investigation capable of establishing the circumstances and the nature of the force used (see, mutatis mutandis, Mihhailov v. Estonia, no. 64418/10, § 112, 30 August 2016; Hilal Mammadov v. Azerbaijan, no. 81553/12, § 83, 4 February 2016; Balajevs v. Latvia, no. 8347/07, § 95, 28 April 2016; and Cemal Y?lmaz v. Turkey, no. 31298/05, § 32, 7 February 2012).
48. The applicant contended that the investigation authorities had not made a serious attempt to find out what had happened in order to identify the origin of her injuries and the persons responsible for them. The Government submitted that the investigation had been conducted diligently, independently, and in a thorough manner.
49. For the reasons set out below, the Court is not persuaded that the investigation complied with the requirement of thoroughness as dictated by Article 3, in the sense that the authorities used their best endeavours to find out what happened or did not rely on hasty or ill-founded conclusions to close their investigation or as the basis of their decisions (see, amongst other authorities, Alberti v. Italy, no. 15397/11, § 62, 24 June 2014).
50. The Court notes at the outset that the investigation file shows no evidence of any investigative efforts directed towards the events that occurred in the municipal police station, although that is where the applicant alleged that the most important injuries had been inflicted. The Court further notes that the applicant explicitly complained about the lack of investigative measures concerning the events that had taken place at the station to the domestic authorities (see paragraph 20 above). The only documents which relate to the events at the municipal police station are reports by the municipal police officers (see paragraph 14 above). All the other documents contained in the investigation concern the events that took place in the street after the applicant had been stopped on suspicion of driving under the influence of alcohol.
51. The focus of the investigation on the latter events, as opposed to the events at the station, is also reflected in the fact that the interviews with witnesses were limited to the individuals identified by the applicant in her criminal complaint, as is also conceded by the Government in their observations. With the exception of the person who lent his telephone to the applicant after she had left the hospital, the individuals identified by the applicant were connected either to the events in the street or attested to the applicant’s being sober and her personal circumstances (see para 18 above). In addition, the Court notes that neither the police officers involved in the impugned events, nor the applicant, were interviewed.
52. Another aspect which the Court finds to be problematic in so far as the thoroughness of the investigation is concerned is the extremely succinct reasoning in the prosecutor’s request to discontinue the proceedings and the investigating judge’s decision to that effect (see paragraphs 19 and 22 above). The Court underlines in this respect that the prosecutor’s request appears to be drafted in a standardised manner. The investigating judge’s decision is similarly laconic. It contains generic formulations to the effect that the evidence gathered during the preliminary investigation was not sufficient to warrant indicting the officers and that the victim’s allegations have not been corroborated. No information can be gleaned from the request and the decision regarding the reconstruction of the facts, the possible causes of the applicant’s injuries, the nature of the force used, or the elements relied on by the prosecutor and investigating judge to request and order the discontinuance of the proceedings.
53. The Court notes further that the investigating judge gave no reasons for denying the applicant’s request for additional acts of investigation. The decision contains a generic dismissal to the effect that the further measures would have “no influence whatsoever”.
54. Those considerations are sufficient for the Court to conclude that the investigating authorities failed to devote the requisite attention to the applicants’ allegations concerning the events that occurred at the municipal police station despite the nature of the alleged acts, involving law-enforcement officers using force and causing injuries to a person under their control. The effect of the shortcomings identified above entailed, in practice, a failure to shed light on important aspects of the impugned events, the circumstances surrounding the use of force by the police against the applicant and, consequently, on the necessity of the use of such force.
55. Concerning the substantive limb of Article 3, the Court is not persuaded that the Government have provided a satisfactory and convincing explanation as to how the applicant’s injuries, namely the fractured finger, could have been caused. In conclusion, it cannot consider that the Government have discharged their burden of proof by demonstrating that the use of force was strictly necessary.
56. It follows that there has been a violation of Article 3 under both its substantive and procedural head.
57. Having regard to the latter findings, the Court does not consider it necessary to carry out a separate assessment of the events preceding the period the applicant spent at the police station, or to address the applicant’s other complaints relating to the effectiveness of the investigation.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
58. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
59. The applicant claimed 50,000 euros (EUR) in respect of pecuniary damage for loss of earnings and EUR 30,000 in respect of non-pecuniary damage.
60. The Government argued that the pecuniary damage claim was based on a highly speculative contention that there was a causal link between the violation and the loss of earnings.
61. As to the applicant’s claim for loss of earnings, the Court agrees with the Government that no direct causal link has been sufficiently established between the alleged loss and the violation it has found of Article 3 of the Convention; it therefore rejects this claim.
62. On the other hand, ruling on an equitable basis, it awards the applicant EUR 12,000 in respect of non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
63. The applicant also claimed EUR 2,660 for the costs and expenses incurred before the domestic courts and EUR 11,400 for those incurred before the Court.
64. The Government described the applicant’s claim as excessive.
65. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 8,000 covering costs under all heads.
C. Default interest
66. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Declares the application admissible;

2. Holds that there has been a violation of Article 3 of the Convention in both its procedural and substantive aspects;

3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts:
(i) EUR 12,000 (twelve thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(ii) EUR 8,000 (eight thousand euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

4. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 12 October 2017, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Abel Campos Linos-Alexandre Sicilianos
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusioni
Violazione dell’ Articolo 3 - Proibizione della tortura (Articolo 3 - trattamento Degradante) (aspetto Effettivo)
Violazione dell’ Articolo 3 - Proibizione della tortura (Articolo 3 - indagine Effettiva) (aspetto Procedurale)


CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO
PRIMA SEZIONE
CAUSA TIZIANA PENNINO c. ITALIA
(Ricorso n. 21759/15)
SENTENZA
STRASBURGO
12 ottobre 2017
La presente sentenza diverrà definitiva alle condizioni stabilite dall’articolo 44 § 2 della Convenzione. Può subire modifiche di forma.
Nella causa Tiziana Pennino c. Italia,
la Corte europea dei diritti dell'uomo (Prima Sezione), riunita in una Camera composta da:
Linos-Alexandre Sicilianos, Presidente,
Kristina Pardalos,
Guido Raimondi,
Krzysztof Wojtyczek,
Ksenija Turkovi?,
Armen Harutyunyan,
Jovan Ilievski, giudici,
e Abel Campos, cancelliere di Sezione,
dopo aver deliberato in camera di consiglio in data 19 settembre 2017,
pronuncia la seguente sentenza, adottata in tale data:
PROCEDURA
1. La causa trae origine da un ricorso (n. 21759/15), proposto contro la Repubblica italiana, con il quale in data 27 aprile 2015 una cittadina italiana, OMISSIS ("la ricorrente"), ha adito la Corte ai sensi dell’articolo 34 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali ("la Convenzione").
2. La ricorrente è stata rappresentata dall’avvocato OMISSIS, che esercita a Verona e a Strasburgo. Il Governo italiano ("il Governo") è stato rappresentato dal suo agente, Sig.ra E. Spatafora, e dal suo co-agente, Sig.ra P. Accardo.
3. La ricorrente ha sostenuto di essere stata maltrattata dalla polizia e che le autorità non avevano svolto un'indagine efficace su quanto aveva denunciato.
4. Il ricorso è stato comunicato al Governo in data 25 aprile 2016.

IN FATTO
LE CIRCOSTANZE DEL CASO DI SPECIE
1. La ricorrente è nata nel 1969 e vive a Benevento.
A. Gli eventi avvenuti il 2 aprile 2013
2. Il 2 aprile 2013, tra le ore 13 e le 13.15, la ricorrente fu fermata da due agenti della polizia municipale di Benevento mentre era alla guida del suo autoveicolo.
7. La ricorrente ha sostenuto che gli agenti di polizia controllarono la sua patente di guida e il suo libretto automobilistico. La ricorrente e gli agenti ebbero una discussione. La ricorrente ha sostenuto che il suo atteggiamento nervoso e ostile condusse gli agenti a sospettare che fosse in stato di ebbrezza, circostanza che ella negò. Atteso che gli agenti non disponevano dell’attrezzatura necessaria per accertare il tasso alcolemico, chiesero assistenza alla polizia stradale (Polizia Stradale). La ricorrente rientrò nel suo veicolo e, appena lo fece, uno degli agenti aprì lo sportello dell’auto e la strattonò fuori prendendola per il braccio.
8. Dal verbale redatto dagli agenti della Polizia municipale il 3 aprile 2013 risulta che la ricorrente era stata fermata perché guidava in modo bizzarro, frenando improvvisamente e cambiando bruscamente corsia. La ricorrente non sembrava in grado di uscire dal veicolo da sola e aveva dovuto essere assistita da un agente. Gli agenti verbalizzarono che il fiato della donna odorava di alcool e che la stessa non riusciva a stare in piedi. La ricorrente li aveva insultati e minacciati.
9. Alle 13.30 giunsero sul posto agenti della polizia stradale muniti di etilometro.
10. La ricorrente ha affermato di non essere in grado di sottoporsi all’accertamento in quanto era in uno stato di ansia, aggravato da uno degli agenti che le gridava che era ubriaca. Ciò l’aveva fatta tremare e aveva comportato che fosse incapace di tenere in bocca il tubo dell’etilometro. La ricorrente chiese che intervenissero sul posto i carabinieri, ma la richiesta fu respinta.
11 . Dal verbale della polizia stradale (annotazione di servizio della Polizia Stradale ) risulta che la ricorrente aveva accettato di essere sottoposta all’accertamento del tasso alcolemico, ma non aveva soffiato nel dispositivo nel modo in cui le avevano detto di fare gli agenti e aveva rifiutato di collaborare. A un certo punto aveva gettato il bocchino del dispositivo in faccia a uno degli agenti. È stato riferito che la ricorrente era in uno stato "chiaramente alterato", emanava un forte odore di alcool e barcollava.
12. La ricorrente fu condotta alla stazione della Polizia municipale (Comando di Polizia Municipale ), dove giunse verso le ore 13.50.
13. La ricorrente ha sostenuto che quando giunse al Comando, il tenente in servizio iniziò a redigere un verbale di contestazione per guida sotto l'influenza dell'alcool. Erano presenti anche i due agenti che l'avevano fermata per strada e l’avevano accompagnata al Comando, nonché un altro agente. Ella chiese ripetutamente il permesso di utilizzare un telefono per comunicare ai suoi familiari e al suo difensore il luogo in cui si trovava, ma le sue richieste furono respinte. Quando cercò di sollevare un telefono, un agente la picchiò per farla sedere. Lo stesso agente lo torse le braccia dietro la schiena e la ammanettò, ferendole i polsi. Le compresse successivamente i glutei e le chiese se le manette fossero abbastanza strette. La ricorrente iniziò a urlare forte e l'agente le tolse violentemente le manette. Così facendo fratturò il pollice destro della ricorrente e le causò ulteriori lesioni ai polsi. La diffidò successivamente dal causare ulteriori problemi e la minacciò. La ricorrente lasciò il Comando tra le 14.15 e le 14.30 e procedette a piedi, in quanto il suo veicolo era stato sequestrato.
14. Secondo il verbale congiunto redatto il 3 aprile 2013 dai due agenti della Polizia municipale che l’avevano fermata per strada e dal tenente in servizio presso il Comando di polizia municipale, appena giunta al Comando la ricorrente aveva iniziato a minacciarli e a insultarli. Quando il tenente iniziò a redigere il verbale di contestazione, ella afferrò un telefono da una scrivania e corse in corridoio. Il tenente cercò di fermarla, ma la ricorrente lo spinse violentemente, facendolo cadere. La stessa gettò il telefono dalla finestra. La ricorrente, che era in stato di estrema agitazione, spinse e prese a calci gli altri due agenti, e alla fine essi l’ammanettarono. Quando la ricorrente si calmò, le furono tolte le manette. La ricorrente uscì dalla stazione, dimenticando la borsa e gli oggetti personali. Il suo veicolo e la sua patente erano stati sequestrati a norma della legislazione in materia di circolazione stradale. La notizia di reato (informativa di reato) trasmessa dal comandante della Polizia municipale di Benevento al pubblico ministero di Benevento in data 3 aprile 2013 riporta la medesima descrizione degli avvenimenti.
15. La ricorrente ha affermato che, dopo che ebbe lasciato il Comando, ottenne un passaggio per il pronto soccorso di un ospedale locale, dove fu visitata.
16. Verso le ore 20 la ricorrente si recò al Commissariato di Pubblica sicurezza e tentò, senza successo, di sporgere denuncia nei confronti degli agenti della Polizia municipale. Dal verbale redatto dall’agente di turno, emerge che la ricorrente aveva lamentato di essere stata aggredita da agenti della Polizia municipale di Benevento e che le era stato fratturato il dito. Quando l'agente le comunicò che non poteva sporgere denuncia in quanto il Commissariato era chiuso, la ricorrente cominciò a parlare ad alta voce in modo sconnesso. Dati il suo nervosismo e la sua agitazione, l'agente telefonò alla locale questura (il quartier generale della polizia) per avere un supporto. La ricorrente chiese che fosse chiamata un'ambulanza. L'ambulanza giunse alle 20.30 e la ricorrente fu visitata dai medici presenti in essa. Fu condotta a casa con l’ambulanza verso le 21.00.
B. La denuncia nei confronti degli agenti di polizia e le conseguenti indagini
17. In data 4 aprile 2013 la ricorrente sporse denuncia nei confronti dei due agenti di polizia che l'avevano fermata per strada il 2 aprile 2013 e degli altri due agenti presenti presso il Comando di Polizia municipale, dei quali non conosceva i nomi, affermando di essere stata aggredita e picchiata, di aver subito lesioni personali, abuso d’ufficio e minacce.
18. Fu avviata un'indagine sulla base della denuncia sporta dalla ricorrente. Furono interrogate sette persone, individuate dalla ricorrente quali testimoni (persone informate sui fatti). Due erano persone che affermavano di aver visto uno degli agenti strattonare la ricorrente fuori dal veicolo. Uno era il proprietario di un bar dove la ricorrente era andata per telefonare al suo ex marito il 2 aprile 2013 dopo aver lasciato l'ospedale. Un altro era l'ex marito della ricorrente, che dichiarò che l’assunzione di alcool da parte della donna era limitata al consumo durante i pasti. Egli affermò inoltre che a causa di un evento traumatico avvenuto nella sua vita, la ricorrente si agitava, tremava e aveva difficoltà a esprimersi quando era sottoposta a stress. Gli altri tre erano colleghi, che affermarono che il 2 aprile 2013, quando aveva lasciato lo studio, la ricorrente non sembrava in stato di ebbrezza. Gli agenti di polizia che avevano asseritamente inflitto i maltrattamenti non furono interrogati, così come non fu interrogata la ricorrente.
19. Il 17 gennaio 2014 il pubblico ministero chiese l’archiviazione del procedimento. La richiesta era motivata dal fatto che "le accuse contenute nella denuncia non sono confermate dalle deposizioni dei testimoni individuati dalla vittima".
20. Il 27 febbraio 2014 la ricorrente si oppose alla richiesta del pubblico ministero di archiviazione del procedimento. Lamentò il difetto di motivazione della richiesta del pubblico ministero e sostenne che l'inchiesta non era stata esauriente. A tale proposito, denunciò la "totale assenza" di misure investigative relative agli eventi avvenuti all’interno del Comando di Polizia municipale e chiese al giudice per le indagini preliminari di disporre tali misure senza indugio. La ricorrente lamentò inoltre di non essere stata interrogata e chiese di essere immediatamente interrogata. Chiese inoltre che gli agenti interrogassero la persona che l'aveva condotta in ospedale quando aveva lasciato il Comando di polizia e altre persone. Contestò la credibilità dei verbali redatti dagli agenti di polizia, in quanto in completo contrasto con la sua esposizione degli eventi contestati.
21. All'udienza del 22 settembre 2014 il difensore della ricorrente ribadì le doglianze e le richieste contenute nell'opposizione alla richiesta di archiviazione del procedimento formulata da pubblico ministero e reiterò, in particolare, la richiesta di indagare sugli eventi avvenuti all’interno del Comando di Polizia municipale.
22. Con decreto del 3 ottobre 2014, notificato alla ricorrente il 27 ottobre 2014, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Benevento dispose l’archiviazione del procedimento. Il decreto dichiarava che le prove raccolte nel corso delle indagini preliminari non erano sufficienti a giustificare il rinvio a giudizio degli agenti, che le accuse formulate dalla vittima non erano state corroborate da prove e che le ulteriori misure investigative, richieste dalla vittima, non avrebbero avuto "alcuna influenza".
C. Il procedimento penale a carico della ricorrente
23. Il 25 ottobre 2013 la ricorrente fu accusata di più reati in relazione agli eventi verificatisi il 2 aprile 2013, tra i quali resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio a pubblico ufficiale e guida sotto l'influenza dell'alcool. La ricorrente fu inoltre accusata di aver cagionato lesioni personali a un agente di polizia.
24. In data imprecisata il pubblico ministero e la ricorrente patteggiarono l’imputazione relativa al reato di lesioni personali e chiesero al giudice di procedere all’applicazione della pena (applicazione della pena su richiesta delle parti).
25. Il 21 novembre 2014 il giudice per l’udienza preliminare di Benevento prese atto del patteggiamento e inflisse alla ricorrente la pena, sospesa, di ventotto giorni di reclusione. In pari data, il giudice per l’udienza preliminare sospese il procedimento a carico della ricorrente in ordine alle accuse di resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio a pubblico ufficiale e guida sotto l'influenza dell'alcool. La ricorrente fu posta in libertà condizionale con l’obbligo di svolgere un lavoro di pubblica utilità.
D. La documentazione medica
1. I referti relativi agli eventi verificatisi in data 2 aprile 2013
3. Il 2 aprile 2013 la ricorrente si recò al Pronto soccorso di un ospedale locale. Alle ore 18.42 fu visitata da un radiologo che constatò la frattura del primo dito della mano destra.
27. Il 3 aprile 2013 la ricorrente tornò al Pronto soccorso. Emerge dal referto clinico che la ricorrente giunse in ospedale in stato di agitazione, lamentando dolori in diverse parti del corpo. Fu visitata da un medico che rilevò la presenza di immobilizzazione in stecca alla mano destra, per pregressa frattura. Il medico rilevò inoltre la presenza di contusioni, causate da lesioni traumatiche (trauma contusivo con ecchimosi) alla coscia destra, alla spalla destra e al polso sinistro.
28. Il 4 aprile 2013 la ricorrente si recò in un altro ospedale. Fu visitata da un ortopedico il quale confermò la frattura del pollice e la presenza di ecchimosi alla coscia sinistra e al dorso. Il medico consigliò un intervento chirurgico per curare la frattura.
2. La perizia psicologica presentata dalla ricorrente nel corso del procedimento penale a suo carico (estratti)
29. A causa di un evento traumatico avvenuto nella sua vita, la ricorrente soffre di un disturbo cronico da stress post-traumatico, che si è trasformato in un grave disturbo depressivo. Soffre inoltre di un disturbo caratterizzato da alterazioni dell'umore, che sono aggravate, nei momenti di particolare stress, dal consumo di alcool o dall’insonnia. Il disturbo in questione comprende picchi di comportamento maniacale in cui la ricorrente perde il contatto con la realtà e prova un senso di imminente minaccia per la propria sicurezza e per quella di coloro che la circondano. Nel febbraio 2013 sono stati prescritti alla ricorrente farmaci per l’insonnia. La combinazione dei farmaci con quantità di alcool anche modeste può avere gli stessi effetti di un eccessivo consumo di alcool.
IN DIRITTO
I. SULLA DEDOTTA VIOLAZIONE DELL’ARTICOLO 3 DELLA CONVENZIONE
30. La ricorrente ha lamentato di essere stata maltrattata dalla polizia e che l'indagine relativa alle sue accuse non era stata esauriente né efficace. Ha invocato l'articolo 3 della Convenzione, che recita:
"Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti".
A. Sulla ricevibilità
31. La Corte osserva che il ricorso non è manifestamente infondato ai sensi dell'articolo 35 § 3, lettera a), della Convenzione e che non incorre in altri motivi di irricevibilità. Deve pertanto essere dichiarato ricevibile.
B. Sul merito
1. Principi generali
32. I principi generali pertinenti ai casi riguardanti l'aspetto sostanziale dell'articolo 3 concernenti, in particolare, accuse di maltrattamenti da parte di agenti statali, sono stati articolati dalla Grande Camera nella sentenza Bouyid c. Belgio ([GC], n. 23380/09, § 81-90, CEDU 2015).
33. La Corte ribadisce, in particolare, che qualora una persona sia privata della libertà, o, più in generale, debba affrontare gli agenti delle forze dell'ordine, il ricorso alla forza fisica, che non sia rigorosamente imposto dal comportamento della stessa, svilisce la dignità umana e costituisce una violazione del diritto sancito dall'articolo 3 (ibid., § 88).
34. Le accuse di maltrattamenti contrari all'articolo 3 devono essere corroborate da prove appropriate. Per valutare tali prove la Corte utilizza il criterio della prova "al di là di ogni ragionevole dubbio", ma aggiunge che tale prova può risultare dalla coesistenza di indizi sufficientemente forti, chiari e concordanti o da analoghe presunzioni fattuali non confutate (ibid., § 82).
35. In relazione a quest’ultimo punto la Corte ha spiegato che, qualora gli eventi in questione siano interamente, o in gran parte, di esclusiva conoscenza delle autorità, come nel caso di persone che si trovino in custodia sotto il loro controllo, sorgeranno forti presunzioni fattuali in ordine alle lesioni verificatesi nel corso di tale detenzione. L’onere della prova spetta quindi al Governo, che deve fornire una spiegazione soddisfacente e convincente, producendo prove di accertamento dei fatti che facciano dubitare della esposizione degli eventi fornita dalla ricorrente. In assenza di tale spiegazione, la Corte può trarre conclusioni che possono essere sfavorevoli al Governo. Ciò è giustificato dal fatto che le persone sottoposte a custodia si trovano in una posizione vulnerabile e le autorità hanno il dovere di proteggerle. Nella sentenza Bouyid la Corte ha concluso che valesse lo stesso principio nel corso dell’identificazione all’interno di un commissariato o di un semplice interrogatorio svolto in tale luogo (ibid., § 84).
4. Nella causa El-Masri c Ex Repubblica yugoslava di Macedonia [GC] (n. 39630/09, § 155, CEDU 2012) la Corte ha inoltre sottolineato che, pur avendo riconosciuto di dover essere prudente nell’assumere il ruolo di un tribunale di primo grado, giudice del fatto, qualora ciò non fosse stato imposto inevitabilmente dalle circostanze di un particolare caso (si veda McKerr c. Regno Unito (dec.), n. 28883/95, 4 aprile 2000), essa doveva svolgere un “esame particolarmente approfondito” in caso di accuse relative all’articolo 3 della Convenzione (si vedano, mutatis mutandis, Ribitsch c. Austria, 4 dicembre 1995, § 32, Serie A n. 336, e Georgiy Bykov c. Russia, n. 24271/03, § 51, 14 ottobre 2010), anche qualora fossero già stati svolti procedimenti e indagini a livello interno (si veda Cobzaru c. Romania, n. 48254/99, § 65, 26 luglio 2007).
5. Nei casi relativi ad accuse di maltrattamenti, i principi generali che si applicano per determinare se tali indagini siano state efficaci ai fini dell'articolo 3 sono stati riaffermati dalla Grande Camera, inter alia¸ nella causa Mocanu e altri c. Romania ([GC], nn. 10865/09, 45886/07 e 32431/08, § 316-326 CEDU 2014 (estratti)).
6. In particolare, qualsiasi indagine relativa a gravi accuse di maltrattamento deve essere approfondita. Ciò significa che le autorità devono sempre compiere un serio tentativo di scoprire che cosa sia accaduto e non devono fare affidamento su conclusioni frettolose o infondate per chiudere le indagini o utilizzarle come base delle loro decisioni (si vedano Assenov e altri c. Bulgaria, 28 ottobre 1998, § 103, Reports of Judgments and Decisions 1998 VIII, e Bat? e altri c. Turchia, nn. 33097/96 e 57834/00, § 136, CEDU 2004 IV). Esse devono adottare ogni ragionevole misura di cui dispongono per assicurare le prove relative all’incidente, compreso, inter alia, le deposizioni dei testimoni oculari e le prove medico-legali (si vedano Tanr?kulu c. Turchia [GC], n. 23763/94, § 104, CEDU 1999 IV, e Gül c. Turchia, n. 22676/93, § 89, 14 dicembre 2000). Qualsiasi carenza delle indagini che comprometta la loro idoneità ad accertare la causa delle lesioni o l'identità delle persone responsabili rischia di non soddisfare tale criterio (si veda Boicenco c. Moldavia, n. 41088/05, § 123, 11 luglio 2006).
2. L’applicazione al caso di specie
39. La Corte osserva innanzitutto che le parti convengono che la polizia abbia usato la forza nei confronti della ricorrente e che in conseguenza di ciò la stessa abbia riportato alcune lesioni, vale a dire delle contusioni e la frattura di un dito. La Corte rileva inoltre che la presenza di alcune lesioni è corroborata da prove mediche (si vedano i paragrafi 26-28). La ricorrente ha sostenuto che il dito era stato fratturato nel corso della sua permanenza presso il Comando di Polizia municipale.
40. La Corte rileva che l'essenza del disaccordo tra le parti concerne le esatte circostanze in cui la ricorrente ha subito le lesioni e la questione di sapere se il ricorso alla forza fisica fosse stato rigorosamente necessario.
41. La Corte ritiene che per il tempo trascorso dalla ricorrente presso il Comando di polizia, la stessa può essere considerata sotto il controllo delle autorità. Pertanto, diversamente dai casi in cui non era possibile stabilire che il ricorrente fosse stato sotto il controllo delle autorità, nel caso di specie la Corte conclude che il Governo ha l'onere di fornire una spiegazione soddisfacente e convincente circa le circostanze in cui sono state subite le lesioni e sulla questione di sapere se la forza fosse stata imposta rigorosamente dal comportamento della ricorrente stessa (si veda Bouyid, sopra citata, §§ 83-84).
42. Il Governo ha sostenuto nelle sue osservazioni che tutte le lesioni, compresa la frattura del dito, potevano essere spiegate in modo plausibile e convincente dalla resistenza opposta dalla ricorrente alle azioni poste in essere dalla polizia per contenere il suo comportamento sempre più agitato, e talvolta aggressivo. A suo avviso, pertanto, la forza utilizzata dagli agenti di polizia nei confronti della ricorrente era stata imposta rigorosamente dal comportamento della stessa.
43. A sostegno della sua posizione ha citato diversi elementi che attestano lo stato di agitazione e alterazione della ricorrente. Ha osservato innanzitutto che le dichiarazioni rese dai testimoni sulla sobrietà della ricorrente precedentemente al fermo per strada non escludevano la possibilità che fosse in stato di ebbrezza quando era al volante della sua autovettura. Ha invocato in secondo luogo la relazione psicologica redatta dal consulente nominato dalla ricorrente nell'ambito del procedimento penale a suo carico e ha sottolineato la parte che afferma che la stessa assumeva medicinali che avrebbero potuto avere il medesimo effetto di un eccessivo consumo di alcool in caso di associazione anche a una minima quantità di alcool (si veda il paragrafo Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. supra). Ha aggiunto che la relazione era stata acquisita agli atti dell’indagine ed era stata esaminata attentamente dal pubblico ministero e dal giudice per le indagini preliminari. Ha inoltre citato il verbale redatto dall'ufficiale di turno presso il Comando di polizia di Benevento dove la ricorrente aveva tentato di sporgere denuncia, che l’ha descritta estremamente agitata (si veda il paragrafo 16 supra). Il Governo ha inoltre sottolineato che l'aggressività della ricorrente era corroborata dal fatto che la stessa aveva spinto uno dei agenti che si trovava nel Comando di Polizia municipale, il quale aveva riportato lesioni in conseguenza di ciò. Il Governo ha inoltre ribadito che era stato instaurato un procedimento penale a carico della ricorrente per i reati commessi nei confronti degli agenti di polizia, compreso l’oltraggio a pubblico ufficiale, e che il procedimento si era concluso con un patteggiamento.
44 . Il Governo ha sottolineato che l'indagine nazionale, che era stata svolta in modo efficace e approfondito, non aveva stabilito che gli eventi fossero avvenuti nel modo descritto dalla ricorrente, suscitando in tal modo dubbi sulla sua narrazione di quanto accaduto. Secondo il Governo, le informazioni raccolte nel corso degli interrogatori delle persone individuate dalla ricorrente nel corso delle indagini non erano sufficienti a confermare le sue accuse nei confronti degli agenti della Polizia municipale, come confermato dalla decisione del giudice per le indagini preliminari di archiviare il procedimento. Benché i testimoni avessero confermato alcuni fatti descritti dalla ricorrente, la sua narrazione non era stata complessivamente corroborata, in quanto le deposizioni dei testimoni riguardavano questioni secondarie. Il Governo ha inoltre sottolineato la coerenza della relazione effettuata degli agenti di polizia rispetto alle incongruenze che caratterizzano la narrazione della ricorrente. A tale proposito, ha sottolineato che i verbali di polizia avevano fornito una spiegazione plausibile delle lesioni subite dalla ricorrente, mentre il racconto della ricorrente non aveva spiegato le lesioni riportate dall’agente ed era, a suo avviso, pieno di lacune e contraddizioni.
45. Date le circostanze del caso di specie, prima di esaminare le osservazioni del Governo, la Corte desidera ribadire che le persone sottoposte a fermo di polizia o che sono semplicemente condotte o invitate a presentarsi a un posto di polizia al fine dell’identificazione o dell’interrogatorio, e ,più in generale, tutte le persone sottoposte al controllo della polizia o di un'analoga autorità, si trovano in una situazione di vulnerabilità e le autorità hanno conseguentemente il dovere di proteggerle (si veda Bouyid, sopra citata, § 107). A tale proposito, la Corte ricorda che l'articolo 3 della Convenzione, così come l'articolo 2, stabiliscono l’obbligo positivo dello Stato di formare le proprie forze dell’ordine in modo da garantire un elevato livello di competenza nel loro comportamento professionale, che faccia sì che nessuno sia sottoposto a un trattamento contrastante con tale disposizione (si veda Bouyid, sopra citata, § 108).
7. Passando ai rilievi presentati dal Governo, la Corte rileva che essi sono imperniati su un generale affidamento sullo stato di agitazione della ricorrente e su dichiarazioni generiche relative alla necessità di usare la forza per rispondere a tale condotta. Il Governo non ha fornito specifici particolari sulle modalità di svolgimento dei fatti all’interno del Comando di Polizia municipale, ma ha rinviato in termini generali a quanto esposto dagli agenti di polizia, che ha accettato come plausibile e coerente. Non è stato fatto alcun concreto tentativo per spiegare, e tanto meno per provare, da che cosa sia stata provocata la frattura del dito della ricorrente, nonostante il fatto che il Governo abbia riconosciuto che la lesione era avvenuta in conseguenza dell’uso della forza nei confronti della ricorrente da parte degli agenti.
8. In tale contesto, la Corte esaminerà successivamente se dalle indagini interne emerga qualche suffragazione delle osservazioni del Governo. A tale proposito, in ordine ai fatti oggetto della presente causa, la Corte ritiene che la fornitura di una spiegazione soddisfacente e convincente sulla necessità dell'uso della forza sia strettamente connessa alla questione di sapere se le autorità interne abbiano condotto un'indagine efficace in grado di accertare le circostanze e il carattere della forza utilizzata (si vedano, mutatis mutandis, Mihhailov c. Estonia, n. 64418/10, § 112, 30 agosto 2016; Hilal Mammadov c. Azerbaigian, n. 81553/12, § 83, 4 febbraio 2016; Balajevs c. Lettonia, n. 8347/07, § 95, 28 aprile 2016; e Cemal Y?lmaz c. Turchia, n. 31298/05, § 32, 7 febbraio 2012).
48. La ricorrente ha sostenuto che le autorità inquirenti non avevano compiuto un serio tentativo per scoprire che cosa fosse accaduto, al fine di individuare l'origine delle sue lesioni e le persone responsabili delle stesse. Il Governo ha sostenuto che l'indagine era stata condotta diligentemente, in modo indipendente ed esauriente.
49. Per i motivi esposti in prosieguo, la Corte non è convinta del fatto che l'indagine soddisfacesse il requisito di esaustività imposto dall'articolo 3, nel senso che le autorità avessero compiuto il massimo sforzo per scoprire che cosa fosse accaduto o non avessero fatto affidamento su conclusioni frettolose o infondate per chiudere le indagini, o come base delle loro decisioni (si veda, tra altri precedenti, Alberti c. Italia, n. 15397/11, § 62, 24 giugno 2014).
50. La Corte osserva innanzitutto che il fascicolo delle indagini non dimostra alcuna prova di sforzi investigativi rivolti agli eventi verificatisi all’interno del Comando di Polizia municipale, nonostante il fatto che la ricorrente abbia sostenuto che le lesioni più importanti fossero state inflitte in tale luogo. La Corte rileva inoltre che la ricorrente ha esplicitamente lamentato alle autorità interne l’assenza di misure investigative riguardanti gli eventi avvenuti all’interno del Comando (si veda il paragrafo Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. supra). Gli unici documenti relativi agli eventi avvenuti all’interno del Comando di Polizia municipale sono i verbali redatti dagli agenti della polizia municipale (si veda il paragrafo 14 supra). Tutti gli altri documenti acquisiti all'indagine riguardano gli eventi avvenuti in strada, successivamente al fermo della ricorrente perché sospettata di guida sotto l'influenza dell'alcool.
51. L'attenzione dell'indagine per questi ultimi avvenimenti, piuttosto che per gli eventi verificatisi all’interno del Comando, è rispecchiata anche dal fatto che gli interrogatori dei testimoni sono stati limitati alle persone individuate dalla ricorrente nella sua denuncia, come ha ammesso anche il Governo nelle sue osservazioni. Fatta eccezione per la persona che ha prestato il telefono alla ricorrente dopo che ella aveva lasciato l'ospedale, le persone individuate dalla ricorrente erano collegate agli eventi avvenuti per strada o avevano attestato la sobrietà della ricorrente e le sue condizioni personali (si veda il paragrafo 18 supra). La Corte osserva inoltre che gli agenti di polizia che hanno partecipato agli eventi contestati non sono stati interrogati, così come non è stata interrogata la ricorrente.
52. Un altro aspetto che la Corte ritiene problematico in ordine all’esaustività delle indagini è la motivazione estremamente succinta della richiesta di archiviazione del procedimento formulata dal pubblico ministero e della decisione del giudice per le indagini preliminari in tal senso (si vedano i paragrafi 19 e 22 supra). La Corte sottolinea a tale riguardo che la richiesta del pubblico ministero appare redatta in modo standardizzato. La decisione del giudice per le indagini preliminari è analogamente laconica. Essa contiene formulazioni generiche secondo le quali le prove raccolte nel corso delle indagini preliminari non erano sufficienti a giustificare il rinvio a giudizio degli agenti e le accuse della vittima non erano state corroborate. La richiesta e la decisione non permettono di ricavare informazioni riguardanti la ricostruzione dei fatti, le possibili cause delle lesioni della ricorrente, il carattere della forza utilizzata o gli elementi su cui hanno fatto affidamento il pubblico ministero e il giudice per le indagini preliminari per chiedere e disporre l’archiviazione del procedimento.
53. La Corte rileva inoltre che il giudice per le indagini preliminari non ha motivato il diniego della richiesta della ricorrente di ulteriori atti d’indagine. La decisione contiene un generico rigetto, indicante che ulteriori misure non avrebbero "alcuna influenza".
54. Tali considerazioni sono sufficienti alla Corte per concludere che le autorità inquirenti non hanno prestato dovuta attenzione alle accuse della ricorrente relative agli eventi verificatisi all’interno del Comando di Polizia municipale, nonostante il carattere degli atti dedotti, che hanno comportato che gli agenti delle forze dell’ordine usassero la forza e cagionassero lesioni a una persona che si trovava sotto il loro controllo. Per effetto delle carenze individuate sopra non si è in pratica fatta luce su importanti aspetti degli eventi contestati, sulle circostanze relative all'uso della forza da parte della polizia nei confronti della ricorrente e, conseguentemente, sulla necessità dell'uso di tale forza.
55. In ordine all'aspetto sostanziale dell’articolo 3, la Corte non è persuasa del fatto che il Governo abbia fornito una spiegazione soddisfacente e convincente del modo in cui avrebbero potuto essere state cagionate le lesioni riportate dalla ricorrente, vale a dire la frattura del dito. In conclusione non può ritenere che il Governo abbia assolto il suo onere della prova, dimostrando che l'uso della forza era rigorosamente necessario.
56. Ne consegue che vi è stata violazione dell'articolo 3, sia sotto il profilo sostanziale che procedurale.
57. In considerazione di queste ultime conclusioni, la Corte non ritiene necessario svolgere una valutazione separata degli eventi precedenti il tempo trascorso dalla ricorrente all’interno del Comando di polizia, né trattare le altre doglianze della ricorrente relative all'efficacia dell'indagine.
II. SULL’APPLICAZIONE DELL’ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
58. L’articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte dichiara che vi è stata violazione della Convenzione o dei suoi Protocolli, e se il diritto interno dell’Alta Parte contraente non permette se non in modo imperfetto di rimuovere le conseguenze di tale violazione, la Corte accorda, se del caso, un’equa soddisfazione alla parte lesa.”
A. Danno
59. La ricorrente ha chiesto 50.000 euro (EUR) per il danno patrimoniale, derivante dalla perdita reddituale, e 30.000 euro per il danno morale.
60. Il Governo ha sostenuto che la domanda di risarcimento del danno patrimoniale si basava su una tesi altamente speculativa, secondo la quale vi era un nesso di causalità tra la violazione e la perdita reddituale.
61. In ordine alla domanda della ricorrente relativa al risarcimento della perdita reddituale, la Corte concorda con il Governo che non è stato accertato alcun diretto nesso causale tra la dedotta perdita e la violazione dell'articolo 3 della Convenzione constatata da essa; respinge pertanto tale domanda.
62. D'altronde, deliberando in via equitativa, accorda alla ricorrente EUR 12.000 per il danno non patrimoniale.
B. Spese
63. La ricorrente ha chiesto inoltre EUR 2.660 per le spese sostenute dinanzi ai tribunali interni ed EUR 11.400 per quelle sostenute dinanzi alla Corte.
64. Il Governo ha ritenuto che la pretesa della ricorrente fosse eccessiva.
65. Secondo la giurisprudenza della Corte, un ricorrente ha diritto al rimborso delle spese solo nella misura in cui ne siano accertate la realtà e la necessità e il loro importo sia ragionevole. Nel caso di specie, visti i documenti di cui è in possesso e i criteri di cui sopra, la Corte ritiene ragionevole accordare la somma di EUR 8.000 a copertura di tutte le voci delle spese.
C. Interessi moratori
66. La Corte ritiene appropriato basare il tasso degli interessi moratori sul tasso di interesse delle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca centrale europea, maggiorato di tre punti percentuali.
PER QUESTI MOTIVI, LA CORTE, ALL’UNANIMITÀ,
1. Dichiara il ricorso ricevibile;
2. Ritiene che vi sia stata violazione dell’articolo 3 della Convenzione sia in ordine ai suoi aspetti procedurali che in ordine a quelli sostanziali;
3. Ritiene
a. che lo Stato convenuto debba versare alla ricorrente, entro tre mesi a decorrere dalla data in cui la sentenza sarà divenuta definitiva in applicazione dell’articolo 44 § 2 della Convenzione, i seguenti importi:
i. EUR 12.000 (dodicimila euro), oltre l’importo eventualmente dovuto a titolo di imposta, per il danno non patrimoniale;
ii. EUR 8.000 (ottomila euro), oltre l’importo eventualmente dovuto dalla ricorrente a titolo di imposta, per le spese;
b. che, a decorrere dalla scadenza di detto termine e fino al versamento, tali importi dovranno essere maggiorati di un interesse semplice a un tasso equivalente a quello delle operazioni di rifinanziamento marginale della Banca centrale europea applicabile durante tale periodo, maggiorato di tre punti percentuali;
4. Rigetta la domanda di equa soddisfazione della ricorrente per il resto.
Fatta in inglese e notificata per iscritto in data 12 ottobre 2017, in applicazione dell’articolo 77 §§ 2 e 3 del Regolamento della Corte.
Linos-Alexandre Sicilianos
Presidente
Abel Campos
Cancelliere


DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è giovedì 20/02/2020.