Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF LUKATS v. ROMANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 35,P1-1

NUMERO: 24199/07/2016
STATO: Romania
DATA: 05/04/2016
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE


Conclusions: Remainder inadmissible
No violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions Possessions)


FOURTH SECTION







CASE OF LUKATS v. ROMANIA

(Application no. 24199/07)








JUDGMENT


STRASBOURG

5 April 2016





This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Lukats v. Romania,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
András Sajó, President,
Vincent A. De Gaetano,
Boštjan M. Zupan?i?,
Nona Tsotsoria,
Paulo Pinto de Albuquerque,
Krzysztof Wojtyczek,
Iulia Antoanella Motoc, judges,
and Fato? Arac?, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 1 March 2016,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 24199/07) against Romania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Romanian national, OMISSIS (“the applicant”), on 2 May 2007.
2. The Romanian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Ms C. Brumar, of the Ministry of Foreign Affairs.
3. The applicant alleged that the domestic mechanism providing for compensation for lost properties from provinces which were formerly part of Romania was not effective.
4. On 19 March 2010 the application was communicated to the Government.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1936 and lives in Skokie, USA.
6. On 31 August 1998 the applicant lodged a request with the Bucharest Commission for Implementing Law no. 9/1998 (the County Commission) seeking compensation for assets owned by her ancestors and transferred to the Bulgarian State. On 29 April 2004 the County Commission issued a decision whereby the applicant was entitled to compensation of ROL 4,991,284,506 (approximately EUR 123,500 at the time).
7. Between 2005 and 2008 the applicant lodged several applications with the National Authority for Property Restitution (hereinafter “the National Authority”) and the President of Romania for payment of the compensation. On each occasion, the applicant was informed that her file was subject to ratification by the responsible authority for implementing Law no. 9/1998.
8. On 20 February 2009 the National Authority issued the ratification decision, confirming the applicant’s entitlement to RON 499,128.43 (approximately EUR 117,000 at the time). The decision mentioned that the payment would be made in two annual instalments, as provided for by the methodological rules for the implementation of the law, in force since 30 November 1998 and amended on 26 October 2007.
9. To date, the applicant has not received the compensation or any indication as to when such compensation would be paid.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
10. For an overall description of the legal framework and of the domestic mechanisms created for the assessment of various types of restitution and compensation claims, see Maria Atanasiu and Others v. Romania, nos. 30767/05 and 33800/06, §§ 45-51, 12 October 2010. As mentioned in this pilot judgment, the Romanian State undertook via various international treaties signed at the relevant time the obligation to compensate former owners or their successors in title who lost buildings, land or crops abandoned on certain territories following border changes before and during the Second World War. The administrative procedure for obtaining compensation in respect of such property, provided for by Laws nos. 9/1998, 290/2003 and 393/2006 and coordinated by the National Authority, differed from that for immovable property nationalised by the communist regime, and the necessary funds came out of the State budget (see Maria Atanasiu and Others, cited above, § 51), as also presented succinctly below.
A. Law no. 9/1998
11. Law no. 9/1998 came into force on 14 March 1998 and was amended in 2004 and 2007; it established a compensatory mechanism for Romanian citizens whose immovable properties were confiscated without due compensation under the Treaty of Craiova, signed by Romania and Bulgaria on 7 September 1940 (see paragraph 38 below).
12. The mechanism referred essentially to pecuniary compensation or to the right to shares in State-run companies. The deadline for filing such claims was set in Article 4 § 1 at eighteen months from the entry into force of the law. This deadline was subsequently extended by Law no. 97/2005, for a period of twelve more months starting with the entry into force of the law on 21 April 2005 and then by Law no. 348/2006, for a period of eighteen more months, starting from the entry into force of the law on 28 July 2006.
13. The bodies in charge of implementing the said Law were the County Commissions established within each county (including Bucharest) under the authority of the Prefect, and the Central Commission for Implementing Law no. 9/1998.
14. Under Article 7 § 1, the County Commissions had responsibility for assessing and dealing with requests for compensation within a maximum of six months following the date of registration. The decisions of the County Commissions were communicated to the claimants and the Central Commission, and they could be challenged by the claimants before the Central Commission within fifteen days. The latter then had to ratify or reject such decisions within sixty days.
In their turn, the decisions adopted by the Central Commission could be challenged before the domestic courts.
15. The methodological rules issued for the implementation of Law no. 9/1998, in force since 30 November 1998, provided for, inter alia, a calculation method for the setting of the compensation. This amount was to be updated when payment was made, according to Articles 8, 21 and 27 of the rules, on the basis of the median salary index of the last trimester prior to the moment of the actual payment.
16. In its original version, Article 8 stipulated in its paragraph 3 that
“(3) Within sixty days of the deadline set out in Article 4 § 1, depending on the total amount of compensation to be granted, a Government Decision will set up payment by instalments, the amounts being adjusted for inflation. The instalments are not to be set for more than two consecutive years.”
This paragraph became paragraph 2 from 9 November 1999, and stated as follows:
“(2) ...when the compensation is paid in the year it was awarded it is granted in the amount validated by the Central Commission, and when it is paid the next year ... it is to be adjusted on the basis of the consumer price index. The payment is to be staggered over a maximum of two years.”
17. Government Decision no. 286/2004, in force since 22 March 2004, provided in its Article 5 that compensation validated by the Central Commission was to be paid in two annual instalments, namely 40% in the year of the payment and 60% the following year, this second instalment being adjusted for inflation as set out in Law no. 9/1998.
18. From 18 October 2004, when Government Decision no. 1643/2004 came into force, the responsibilities of the Central Commission were taken over by the Department for the Application of Law no. 9/1998, functioning within the Prime Minister’s Chancellery. The Department forwarded the ratification decisions adopted by the County Commissions for the approval of the Prime Minister’s Head of Chancellery. The Department was further entitled to make a proposal for adjustment of the compensation at the time of the ratification decision, in accordance with Law no. 9/1998.
19. These responsibilities were taken over by the National Authority with effect from the entry into force of Government Decision no. 361/2005, namely on 29 April 2005; this act was modified by Government Decision no. 240/2006 on 27 February 2006.
20. The methodological rules issued for the implementation of Law no. 9/1998, as amended on 26 October 2007 by Government Decision no. 1277/2007, set out in Article 38 § 1 that payment of compensation was to be made by the National Authority as the institution in charge of dealing with all claims lodged under the restitution laws adopted in Romania.
B. Law no. 290/2003
21. Law no. 290/2003, in force with certain amendments since 13 August 2003, provided for compensation for Romanian citizens whose immovable property located in the former provinces of Bessarabia, Northern Bukovina and Hertza, was confiscated without due compensation as a consequence of the state of war and the application of the Paris Peace Treaty signed by Romania with the Allied Powers on 10 February 1947.
The mechanism put in place by the law was similar to that described above in respect of Law no. 9/1998; in addition to the pecuniary compensation, the law provided for granting possession of plots of land equivalent to those that had been confiscated; the bodies in charge of implementing Law no. 290/2003 were the commissions established in accordance with Law no. 9/1998, following the same procedural steps as presented above in respect of the claims lodged under Law no. 9/1998.
The claimants were requested to lodge their applications no later than 1 May 2007.
C. Law no. 393/2006
22. A similar compensation mechanism was put into place by the State with effect from 18 February 2007, when Law no. 393/2006 came into force. The law concerned the granting of compensation to Romanian citizens for their lost property located in the previous Kingdom of Serbs, Croats and Slovenes, under, respectively, the Treaty of Belgrade signed between Romania and Yugoslavia on 24 November 1923, and the Convention between Romania and the above-mentioned Kingdom signed in Belgrade on 5 July 1924.
The County Commissions established pursuant to Law no. 9/1998 had jurisdiction to assess the claimants’ requests, which were to be lodged within eighteen months of the law’s entering into force. The Department for the application of Law no. 290/2003 within the National Authority acted in line with the procedures prescribed by Law no. 9/1998 and described above.
D. Emergency Government Ordinance no. 10/2013
23. On 27 February 2013 the Government adopted an ordinance establishing the payment by instalments of compensation granted under Law no. 9/1998, as well as Law no. 290/2003 and Law no. 393/2006. According to the ordinance, the compensation was to be paid from 1 January 2014 by equal annual instalments over a period of ten years, while a single instalment could not be lower than RON 20,000.
The preamble to the ordinance mentioned that its adoption had been determined by difficulties encountered in the payment of compensation, especially in connection with the implications of such payments for the State budget.
24. However, when called to examine the constitutionality of this ordinance, the Romanian Constitutional Court held on 12 December 2013 that the measures adopted by the Government, namely to make payments by instalments over a ten-year period, were in breach of the Constitution, in so far as they placed an excessive and disproportionate burden on claimants entitled to receive compensation from the State. The deadline of ten years was also considered to be unreasonable, in consideration of the financial documents relied on by the Government, which documented the impact on the State budget for a period of five years only.
25. As a consequence of this decision, the ordinance was abrogated on 11 March 2014.
E. Emergency Government Ordinance no. 10/2014
26. Adopted on 14 March 2014, EGO no. 10/2014 suspended for a period of six months the issue by the competent authorities of any decision on claims lodged under Law no. 9/1998 and Law no. 290/2003. The ordinance further suspended for the same period the voluntary payment of compensation already granted under Law no. 9/1998, Law no. 290/2003, and Law no. 393/2006.
F. Law no. 164/2014
27. Law no. 164/2014 concerning measures for the acceleration and finalisation of the process of resolving compensation claims lodged under Law no. 9/1998 and Law no. 290/2003 entered into force on 18 December 2014.
28. Article 2 states that the only compensatory measure possible was pecuniary compensation.
29. Article 3 defines the applicability of the law to all claims lodged in due time with the County Commissions and in respect of which no decision has been issued, or in respect of which a decision granting compensation has been issued but no payment has been made, as well as to those claims lodged under Law no. 9/1998 or Law no. 290/2003 that are currently pending before the domestic courts.
30. The law authorises the transfer of all powers of the Central Commission to the National Authority, who shall thus ratify or otherwise any decision taken by the County Commissions on claims lodged under Law no. 9/1998 and Law no. 290/2003. The National Authority is entitled to request further information and documents, from public institutions as well as from claimants, when such documents are missing or are not corroborated.
31. Decisions taken by the National Authority are subject to appeal before the administrative courts.
32. Article 10 of the law sets out the deadlines by which all payments should be made; it provides as follows:
Article 10
“(1) Compensation awarded by decision of the County Commission, by order of the Prime Minister’s Head of Chancellery or by a decision of the National Authority for Property Restitution and issued before the entry into force of the present law, shall be paid in equal annual instalments over a period of five years, starting on 1 January 2015;
(2) compensation awarded following a decision adopted after the entry into force of the present law by the National Authority for Property Restitution, ratifying the County Commissions’ decisions issued before the entry into force of the present law, shall be paid in equal annual instalments over a period of five years following the year when the decisions were ratified;
(3) compensation granted by means of judgments that became final ... before the entry into force of the present law shall be paid in equal annual instalments over a period of five years, starting on 1 January 2015 ...
(6) the National Authority for Property Restitution shall issue a payment voucher for each annual instalment ...
(7) the amount of one annual instalment shall not be smaller than RON 20,000. If the compensation to be paid is lower than this amount, it shall be paid in full in one instalment only.”
Paragraphs 4 and 5 of this Article refer essentially to the manner in which the compensation should be adjusted for inflation, on the basis of the consumer price index, from the moment the decision was issued until the entry into force of the law.
33. Article 12 sets out a 120-day deadline within which the claimants are to supplement their files with further documents, following a written request in that respect sent by the authority. This deadline may be extended once, for sixty more days, at the request of the claimant, if evidence shows that he/she has taken the necessary steps to obtain the necessary information.
34. Article 13 provides that the County Commissions are bound to issue a decision on the applicants’ claims within:
“a) nine months, if there are less than 500 files pending before them;
b) eighteen months, if the files pending before them are in the range of 501-1000;
c) thirty-six months if they have more than 1000 files pending before them.”
This deadline started running on 1 January 2015.
35. Article 14 stipulates that decisions issued by the County Commissions before the entry into force of the present law and already registered with the National Authority should be ratified or otherwise within eighteen months of the entry into force of the law. Decisions issued after the entry into force of the law should be ratified or otherwise by the National Authority within eighteen months of their registration with that authority.
The registration number and the number of files pending with the National Authority shall be published on its web page.
36. Article 15 gives claimants the opportunity to apply to the courts in the event that the above-mentioned deadlines are not complied with.
37. Article 17 of the law sets out several measures meant to increase the efficiency of the compensation procedures, providing, inter alia, for a temporary increase of the number of posts available at the National Authority.
III. RELEVANT INTERNATIONAL LAW
38. The Treaty of Craiova was signed on 7 September 1940 by Romania and Bulgaria. Under the terms of this treaty, the signatory parties agreed on the border line that was to be established between the two countries, with particular reference to the territory between the Black Sea and the Danube River (the Cadrilater). Section III of the Treaty provided for a mandatory resettlement of Romanian citizens of Bulgarian ethnicity living in Tulcea and Constan?a Districts to Bulgaria, and the resettlement of ethnic Romanians living in Durostor and Caliacra Districts to Romania. Section V of Annex C of the Treaty stipulated that the Romanian State was in charge of compensating those Romanian citizens who, following the mandatory resettlement had to abandon their possessions in the rural areas which were transferred to Bulgaria.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
39. The applicant submitted that her complete inability to secure the compensation granted to her in 2004 and validated in 2009 amounted to a breach of her right to the peaceful enjoyment of her possessions.
Article 1 of Protocol No. 1 reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
40. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
41. The Government admitted that the decision of the National Authority granting the applicant compensation in an amount of RON 499,128.43 constituted a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1.
They further argued that in compliance with the relevant provisions of Law no. 164/2014 all decisions granting compensation to claimants are to be enforced, payment to be made in equal annual instalments over a period of five years, starting from 1 January 2015.
42. In this context the Government argued that the new law, in force since 18 December 2014, put in place an effective mechanism for payment of compensation to those so entitled under Law no. 9/1998 and Law no. 290/2003.
In support of this assertion they contended that firstly Law no. 164/2014 instituted specific and precise deadlines for assessment of files submitted by claimants throughout the decision-making process.
Thus, the claimants had 120 days to submit any supplementary documents at the request of the authorities. This delay could be extended by another sixty days if the claimant was not able for objective reasons to obtain the documents required. The authorities responsible for delivery of copies of the requested documents needed to do so within thirty days.
All files were to be decided upon in chronological order, in order of the moment when they were lodged.
Assessment of files lodged by claimants was to be completed by the County Commissions within nine, eighteen or thirty-six months, depending on the number of files pending before them from 1 January 2015.
In its turn, the National Authority was obliged to issue a decision ratifying the decision or not within eighteen months, calculated either from 1 January 2015 for those files already pending before it, or from the date of registration with the Authority for all other files.
The law further set out a specific deadline for challenges to the decisions of the administrative authorities before the courts; this was thirty days from the date of delivery of the decision to the claimant.
The claimants were also entitled to complain before the courts if the administrative authorities failed to respond to their request.
43. The Government argued that the financial impact on the country’s budget of the decisions taken under Law no. 9/1998 and Law no. 290/2003 was substantial; they contended that the estimated value of the compensation to be granted in the pending files was RON 0.8 billion; the value of the compensation already established before the entry into force of the law was RON 1.1 billion, while the amounts to be granted pursuant to final judgments was RON 100 million. The amounts to be granted following adjustment of the initial sum for inflation were estimated at RON 240 million.
44. Concerning the actual payment of the compensation, the Government contended that in view of the need to ensure a fair balance between the public interest and the individual interest of the claimant in the general context of the financial difficulties which had arisen as a result of the high level of compensation to be paid pursuant to all restitution laws, the new law no. 164/2014 set out a system of payment by equal annual instalments.
The instalments were thus established for a period of five years, starting either on 1 January 2015 for decisions rendered before the entry into force of the law, or from the year following the one when the National Authority issued its decision.
Payment was to be made by the Ministry of Public Finances annually, within 180 days of the date of issue of the annual payment voucher by the National Authority.
The compensation due in accordance with judicial or administrative decisions issued before the entry into force of the law was to be adjusted for the consumer price index for the relevant period.
The law further provided that the forced enforcement of all outstanding decisions was suspended until the moment when they were to be paid, as stated on the payment voucher issued by the National Authority. This measure was necessary, in the Government’s view, to eliminate any potential blockage in the activity of the relevant domestic authorities, which would otherwise be forced to deploy essential resources for those enforcement proceedings.
45. The law further provided for supplementary financial and human resources to be deployed for the benefit of the National Authority for a period of thirty-six months this measure being aimed at rendering the decision-making process more efficient.
46. In conclusion the Government maintained that Law no. 164/2014 constituted an effective, transparent and fair mechanism for the assessment of all claims lodged under Law no. 9/1998 and Law no. 290/2003.
The Court was thus asked to find no violation of Article 1 of Protocol No. 1 in the applicant’s case, given that she was to receive the compensation within the deadlines prescribed by the new law.
47. While pointing out that she had still not received any compensation, the applicant has not commented on the Government’s submissions.
(b) The Court’s assessment
48. In its pilot judgment of Maria Atanasiu and Others (cited above, §§ 164-68), the Court has summarised the relevant principles in respect of the application of Article 1 of Protocol No 1 to reparation measures, as follows:
“164. Just as Article 1 of Protocol No. 1 does not guarantee the right to acquire property, it does not impose any restrictions on the Contracting States’ freedom to determine the scope of property restitution and to choose the conditions under which they agree to restore property rights of former owners (see Van der Mussele v. Belgium, 23 November 1983, § 48, Series A no. 70; Slivenko and Others v. Latvia (dec.) [GC], no. 48321/99, § 121, ECHR 2002-II (extracts); and Jantner v. Slovakia, no. 39050/97, § 34, 4 March 2003).
165. On the other hand, Article 1 of Protocol No. 1 requires that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful (see Former King of Greece and Others v. Greece [GC], no. 25701/94, § 79,
ECHR 2000-XII, and Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II). The principle of lawfulness also presupposes that the applicable provisions of domestic law be sufficiently accessible, precise and foreseeable in their application (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, §§ 109-110, ECHR 2000-I).
166. Furthermore, any interference with the enjoyment of a right or freedom recognised by the Convention must pursue a legitimate aim. By the same token, in cases involving a positive duty, there must be a legitimate justification for the State’s inaction. The principle of a “fair balance” inherent in Article 1 of Protocol No. 1 itself presupposes the existence of a general interest of the community. Because of their direct knowledge of their society and its needs, the national authorities are in principle better placed than the international judge to appreciate what is “in the public interest”. Under the system of protection established by the Convention, it is thus for the national authorities to make the initial assessment as to the existence of a problem of public concern warranting measures to be applied in the sphere of the exercise of the right of property, including deprivation and restitution of property. Here, as in other fields to which the safeguards of the Convention extend, the national authorities accordingly enjoy a certain margin of appreciation.
Furthermore, the notion of “public interest” is necessarily extensive. In particular, the decision to enact laws expropriating property or affording publicly funded compensation for expropriated property will commonly involve consideration of political, economic and social issues. Finding it natural that the margin of appreciation available to the legislature in implementing social and economic policies should be a wide one, the Court has declared that it will respect the legislature’s judgment as to what is “in the public interest” unless that judgment is manifestly without reasonable foundation (see James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 46, Series A no. 98; Former King of Greece and Others, cited above, § 87; and Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 149, ECHR 2004-V).
167. Both an interference with the peaceful enjoyment of possessions and an abstention from action must strike a fair balance between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. In particular, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised by any measures applied by the State, including measures depriving a person of his or her possessions. In each case involving the alleged violation of that Article the Court must, therefore, ascertain whether by reason of the State’s action or inaction the person concerned had to bear a disproportionate and excessive burden (see Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, § 73, Series A no. 52).”
49. The facts of the present case may well be examined in terms of a hindrance to the effective exercise of the right protected by Article 1 of Protocol No. 1 or in terms of a failure to secure the implementation of that right.
Having regard to the particular circumstances of the present case, the Court considers it necessary to determine whether the conduct of the Romanian authorities – regardless of whether that conduct may be characterised as an interference or as a failure to act, or a combination of both – was justifiable in the light of the applicable principles set out above (see also Broniowski [GC], cited above, § 146).
50. The Court must therefore establish whether a fair balance was struck between the demands of the general interest of the community and the requirements of protection of the individual’s fundamental rights. In the circumstances of the instant case, the Court is called upon to determine whether the time necessary for the domestic authorities to pay the applicant compensation to which she was entitled disturbed that balance and whether it placed an excessive burden on her.
The Court considers however that the applicant’s claims should also be looked at from a more general perspective. The obligation to compensate, undertaken by the Romanian State under various international treaties or via specific domestic legal provisions (see paragraph 10 above) concerned not only the applicant, but also many other Romanian citizens who had suffered considerable material losses caused by, generally, expropriation and nationalisation both before and after the war and under totalitarian regimes. In the circumstances, the State, in implementing the impugned legislation, had had to take into account the interests of others and of society as a whole.
The Court therefore considers it necessary to examine the case also from the perspective of the general measures that were taken in the interest of other potentially affected individuals (see, mutatis mutandis, Wolkenberg v. Poland (dec.), no. 50003/99, § 35, 4 December 2007).
51. The Court cannot ignore that in this general context the Romanian authorities have had to put forward efforts on a larger scale, mainly in response to the requirements set out in the pilot judgment, according to which “in view of the large number of problems besetting the restitution and compensation mechanism” the State was bound to “take general measures as a matter of urgency capable of guaranteeing in an effective manner the right to restitution or compensation while striking a fair balance between the different interests at stake” (see Maria Atanasiu and Others, cited above, § 228).
Consequently, on 15 May 2013 Law no. 165/2013 was adopted. It established a mechanism which, when under the scrutiny of the Court, was found to offer a range of effective remedies that needed to be exhausted by the majority of the claimants seeking either restitution or compensation for their immovable property taken over under the communist regime (see Preda and Others v. Romania, nos. 9584/02, 33514/02, 38052/02, 25821/03, 29652/03, 3736/03, 17750/03 and 28688/04, §§ 134-40, 29 April 2014). Within this mechanism, a crucial role was delegated to the National Authority (ibidem, §§ 82-89), which remained the single body with the authority to ratify or otherwise decisions taken in respect of all types of restitution claims and to issue, where applicable, payment vouchers to those entitled, including therefore those who fell under the provisions of Law no. 9/1998.
52. The Court reiterates that in view of the large number of people affected by the restitution mechanism in general and the far-reaching consequences of such a scheme, which has a considerable impact on the country as a whole (see also paragraph 43 above), the national authorities must be allowed to retain full discretion in choosing the general measures to be laid down in the domestic legal system in order to prevent or to provide redress for any breaches of these persons’ rights (see Maria Atanasiu and Others, cited above, § 236).
53. Turning to the mechanism set out by Law no. 9/1998, the Court refers to paragraphs 11-37 above, describing the relevant successive legislative amendments with impact on the functioning of the mechanism in question.
These changes essentially concerned, on the one hand, the deadlines for claimants to lodge their requests before the relevant authorities and the extension of those deadlines, and, on the other hand, the consequent shifts of decision-making responsibilities from one administrative body to another, starting with the Central Commission, continuing with the Department for the application of Law no. 9/1998 within the Prime Minister’s Chancellery, and ending with the National Authority.
54. The Court takes note of the Romanian authorities’ constructive attempts of 2013 and 2014 to improve and increase the efficiency of the relevant compensation mechanism by adopting measures seeking to continue payments while also maintaining a proper budgetary balance. Such measures included payment by instalments and temporary suspension of both the issue of payment orders and of voluntary payments.
55. Following the Romanian Constitutional Court’s intervention of 12 December 2013, which considered the ten-year period in which the payments were to be made unreasonable, the Romanian authorities adopted a new law, namely Law no. 164/2014, which provided for a five-year instalment payment plan, while also providing for a mechanism for the proper adjustment of the amounts granted as compensation in relation to the consumer price index.
56. This law came into force on 18 December 2014. It prescribed, as the Government also contended, binding time-limits for each administrative step, as well as opportunities for an effective review by the courts in case of non-compliance on the part of the responsible authorities (see paragraphs 27-37 above).
57. The Court therefore sees no reason to consider at this stage that the procedure set out by the new law, as described above, would lack clarity and foreseeability.
58. Furthermore, concerning the actual payment mechanism, the Court has already held that, in principle, paying compensation awards in instalments over a longer period might also help to strike a fair balance between the interests of former owners and the general interest of the community (see Maria Atanasiu and Others, cited above, § 235), so long as the authorities manage to implement and enforce such measures with the required diligence (see Preda and Others, cited above, § 128).
59. Having regard to the general social and financial context presented above (see in particular paragraphs 43 and 51 above), as well as to the above-mentioned specificities of the newly launched compensation scheme, the Court considers that by adopting Law no. 164/2014 the Romanian authorities have in principle put in place a mechanism able to offer redress in respect of all claims lodged under Law no. 9/1998 and Law no. 290/2003 (see, mutatis mutandis, Mutishev and Others v. Bulgaria (just satisfaction), no. 18967/03, § 38, 28 February 2012).
60. Turning to the present case, the Court observes that the administrative authorities issued a decision in 2004 acknowledging the applicant’s entitlement to compensation. This decision was ratified in 2009 by the National Authority.
61. The Court can accept the Government’s contention that payments of the amounts granted to various claimants as compensation was delayed on account of the consequent legislative changes in this field, which themselves were attempts to render more efficient the payment mechanism in a general context of financial difficulties (see paragraphs 23 and 43-44 above).
In this context, the Court considers that the authorities’ similar conduct in respect of the applicant cannot be regarded as lacking justification.
Furthermore, the Court notes that in accordance with the new Law no. 164/2014, the compensation to be granted to the applicant is to be paid in five equal annual instalments, starting on 1 January 2015, following adjustment of the amount in line with the consumer price index (see, by contrast, ?uri? and Others v. Bosnia and Herzegovina, nos. 79867/12, 79873/12, 80027/12, 80182/12, 80203/12 and 115/13, § 30, 20 January 2015).
62. In so far as the State ensures that payment to the applicant is made in the conditions prescribed by law, and having regard also to its conclusions drawn in paragraphs 58-59 above, the Court holds that the burden on the applicant cannot be considered to have been either disproportionate or excessive. A fair balance between the general and the individual interest has thus been struck.
Accordingly, there has been no violation of Article 1 of Protocol No 1 to the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
63. The applicant further alleged that the authorities’ prolonged failure to deal with her claims infringed both her right of access to a court, as well as the right to have her case heard within a reasonable time.
Article 6 of the Convention, in so far as relevant, reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal ...”.
A. The parties’ submissions
64. The Government submitted that given that the applicant’s compensation claims have never been brought before a court Article 6 did not apply, the proceedings pending before the administrative bodies falling thus outside the scope of this Article.
65. The Government further mentioned that the applicant could have lodged a request with the administrative courts, asking them to oblige the National Authority to reply to her claims. Given that the applicant had not pursued this remedy, her complaints under Article 6 were to be dismissed for non-exhaustion.
66. The applicant has not submitted any comments in reply.
B. The Court’s assessment
67. The Court reiterates that for Article 6 § 1 in its “civil” limb to be applicable, there must be a dispute (“contestation” in the French text) over a “right” which can be said, at least on arguable grounds, to be recognised under domestic law, irrespective of whether that right is protected under the Convention. The dispute must be genuine and serious; it may relate not only to the actual existence of a right but also to its scope and the manner of its exercise; and, finally, the result of the proceedings must be directly decisive for the right in question, mere tenuous connections or remote consequences not being sufficient to bring Article 6 § 1 into play.
In this regard, the character of the legislation which governs how the matter is to be determined (civil, commercial, administrative law, and so on) and that of the authority which is invested with jurisdiction in the matter (ordinary court, administrative body, and so forth) are not of decisive consequence (see Bochan v. Ukraine (no. 2) [GC], no. 22251/08, §§ 42-43, ECHR 2015).
68. Furthermore, the Court has recognised that in administrative proceedings the period to be taken into consideration may even start to run prior to the court proceedings, if however preliminary administrative proceedings were a precondition of the former (see, among other authorities, Nichifor v. Romania (no. 1), no. 62276/00, § 23, 13 July 2006).
69. Turning to the present case, the Court notes that the applicant’s right to compensation pursuant to Law no. 9/1998 was firstly set out in the decision issued by the Bucharest County Commission on 29 April 2004 and then confirmed by the National Authority’s decision of 20 February 2009 (see paragraphs 6 and 8 above).
It further notes that to date no other decision has been given and the compensation has not been paid to the applicant. At the same time, the Court cannot ignore the fact that the applicant has never had recourse to the domestic administrative courts, whether to oblige the administrative authorities to issue their decision more speedily, as argued by the Government, or, after 2009, to have them act in relation to the non enforcement of the outstanding decision.
70. The Court therefore considers that in such circumstances, no “dispute” within the meaning of Article 6 § 1 arises in respect of the impugned proceedings, which are still pending before the administrative bodies, without ever reaching the judicial stage before a “tribunal” (see Janssen v. Germany, no. 23959/94, § 40, 20 December 2001 and Šiki? v. Croatia, no. 9143/08, § 34, 15 July 2010).
71. In these circumstances, the Government’s preliminary objection concerning the inapplicability of Article 6 to the compensation proceedings lodged by the applicant before the domestic administrative authorities must be allowed.
72. It follows that the applicant’s complaints under Article 6 are inadmissible as incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Declares the applicant’s complaints under Article 6 of the Convention inadmissible;

2. Declares the applicant’s complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention admissible;

3. Holds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
Done in English, and notified in writing on 5 April 2016, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Fato? Arac? András Sajó
Deputy Registrar President

TESTO TRADOTTO


Conclusioni: Resto inammissibile
Nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà (l'Articolo 1 parà. 1 di Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo di proprietà Proprietà)


QUARTA SEZIONE







CAUSA LUKATS C. ROMANIA

(Richiesta n. 24199/07)








SENTENZA


STRASBOURG

5 aprile 2016





Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.


Nella causa di Lukats c. la Romania,
La Corte europea di Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
András Sajó, Presidente
Vincenzo A. De Gaetano,
Boštjan M. Zupani?,
Nona Tsotsoria,
Paulo il de di Pinto Albuquerque,
Krzysztof Wojtyczek,
Iulia Antoanella Motoc, giudici
e Fato ?Arac, ?Sezione Cancelliere Aggiunto
Avendo deliberato in privato 1 marzo 2016,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 24199/07) contro la Romania depositò con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con un cittadino rumeno, OMISSIS (“il richiedente”), in 2 maggio 2007.
2. Il Governo rumeno (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig.ra C. Brumar, del Ministero di Affari Esteri.
3. Il richiedente addusse che il meccanismo nazionale che prevede per il risarcimento per proprietà perdute da province che erano precedentemente parte della Romania non era effettivo.
4. 19 marzo 2010 la richiesta fu comunicata al Governo.
I FATTI
IO. LE CIRCOSTANZE DI LA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1936 e vive in Skokie, Stati Uniti.
6. 31 agosto 1998 il richiedente depositò una richiesta con la Commissione di Bucharest per Implementare Legge n. 9/1998 (la Commissione Provinciale) chiedendo il risarcimento per i beni possedette coi suoi antenati e trasferì allo Stato bulgaro. 29 aprile 2004 la Commissione Provinciale emise una decisione da che cosa il richiedente fu concesso al risarcimento di ROL 4,991,284,506 (verso EUR 123,500 al tempo).
7. Fra il 2005 ed il 2008 il richiedente depositò molte richieste con l'Autorità Nazionale per Proprietà Restituzione (in seguito “l'Autorità Nazionale”) ed il Presidente della Romania per pagamento del risarcimento. Su ogni occasione, il richiedente fu informato, che il suo archivio era soggetto a ratifica con l'autorità responsabile per implementare Legge n. 9/1998.
8. 20 febbraio 2009 l'Autorità Nazionale emise la decisione di ratifica, mentre confermando il diritto del richiedente a RON 499,128.43 (verso EUR 117,000 al tempo). La decisione menzionò che il pagamento sarebbe stato reso in due rate annuali, come previsto per con gli articoli metodologici per l'attuazione della legge, in vigore fin da 30 novembre 1998 e corresse 26 ottobre 2007.
9. Datare, il richiedente non ha ricevuto il risarcimento o qualsiasi l'indicazione come a quando simile risarcimento sarebbe pagato.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
10. Per una descrizione complessiva della struttura legale e dei meccanismi nazionali creati per la valutazione di vari tipi di restituzione ed il risarcimento chiede, veda Maria Atanasiu ed Altri c. la Romania, N. 30767/05 e 33800/06, §§ 45-51, 12 ottobre 2010. Siccome menzionato in questa sentenza di pilota, lo Stato rumeno intraprese via i vari trattati internazionali firmati al tempo attinente l'obbligo per compensare proprietari precedenti o i loro successori in titolo che perse edifici, terra o raccolti abbandonati su certi territori confine seguente cambia prima e durante la Seconda Mondo Guerra. La procedura amministrativa per ottenere il risarcimento in riguardo di simile proprietà, purché per con Leggi N. 9/1998, 290/2003 e 393/2006 e coordinò con l'Autorità Nazionale, differì da che per patrimonio immobiliare nazionalizzò col regime comunista, ed i finanziamenti necessari uscirono del bilancio Statale (veda Maria Atanasiu ed Altri, citato sopra, § 51), come anche presentò succintamente sotto.
Legge di A. n. 9/1998
11. Legge n. 9/1998 entrarono in vigore 14 marzo 1998 e furono corretti nel 2004 e 2007; stabilì un meccanismo compensativo per cittadini rumeni i cui patrimoni immobiliari furono confiscati senza il risarcimento dovuto sotto il Trattato di Craiova, firmò con Romania e la Bulgaria 7 settembre 1940 (veda paragrafo 38 sotto).
12. Il meccanismo essenzialmente si riferì al risarcimento patrimoniale o al diritto a quote in società Stato-corse. Il termine massimo per registrare simile rivendicazioni fu esposto in Articolo 4 § 1 a diciotto mesi dall'entrata in vigore della legge. Questo termine massimo fu prolungato successivamente con Legge n. 97/2005, per un periodo del mesi di più di dodici che cominciano con l'entrata in vigore della legge 21 aprile 2005 e poi con Legge n. 348/2006, per un periodo del mesi di più di diciotto che cominciano dall'entrata in vigore della legge 28 luglio 2006.
13. I corpi in accusa di implementare la Legge detta erano le Commissioni Provinciali stabilite all'interno di ogni contea (incluso Bucharest) sotto l'autorità del Prefetto, e la Commissione Centrale per Implementare Legge n. 9/1998.
14. Sotto l'Articolo 7 § 1, le Commissioni Provinciali avevano la responsabilità per valutando e trattare con richieste per il risarcimento all'interno di un massimo di sei mesi che seguono la data di registrazione. Le decisioni delle Commissioni Provinciali furono comunicate ai rivendicatori e la Commissione Centrale, e loro potrebbero essere impugnati coi rivendicatori di fronte alla Commissione Centrale entro quindici giorni. I secondi avevano poi ratificare o respingere simile decisioni entro sessanta giorni.
Nella loro svolta, le decisioni adottate con la Commissione Centrale potrebbero essere impugnate di fronte alle corti nazionali.
15. Gli articoli metodologici emisero per l'attuazione di Legge n. 9/1998, in vigore fin da 30 novembre 1998, previsto per inter alia, un metodo di calcolo per il setting del risarcimento. Questo importo si aggiornerebbe quando pagamento fu reso, secondo Articoli 8, 21 e 27 degli articoli, sulla base dell'indice di salario mediano dello scorso trimestre prima del momento del pagamento effettivo.
16. Nella sua versione originale, Articolo 8 convenne nel suo paragrafo 3 quel
“(3) entro sessanta giorni del termine massimo esposti fuori in Articolo 4 § 1, dipendendo dall'importo totale del risarcimento per essere accordato una Decisione Statale preparerà pagamento con rate, gli importi che sono aggiustati per l'inflazione. Le rate non saranno esposte per più di due anni consecutivi.”
Questo paragrafo divenne paragrafo 2 da 9 novembre 1999, e determinato siccome segue:
“(2)... quando il risarcimento è pagato di anno fu assegnato è accordato nell'importo convalidato con la Commissione Centrale, e quando è pagato il prossimo anno... sarà aggiustato sulla base dell'indice dei prezzi al consumo. Il pagamento deve essere staggered su un massimo di due anni.”
17. Decisione statale n. 286/2004, in vigore fin da 22 marzo 2004, previde nel suo Articolo 5 che il risarcimento convalidò con la Commissione Centrale sarebbe pagato in due rate annuali, vale a dire 40% nell'anno del pagamento e 60% l'anno seguente, questa seconda rata che è aggiustata per l'inflazione come esposta fuori in Legge n. 9/1998.
18. Da 18 ottobre 2004, quando Decisione Statale n. 1643/2004 entrarono in vigore, le responsabilità della Commissione Centrale furono prese finite col Settore per la Richiesta di Legge n. 9/1998, funzionando all'interno della Cancelleria del Primo Ministro. Il Settore spedì le decisioni di ratifica adottate con le Commissioni Provinciali per l'approvazione del Capo del Primo Ministro della Cancelleria. Il Settore fu concesso inoltre per costituire una proposta rettifica del risarcimento al tempo della decisione di ratifica, nella conformità con Legge n. 9/1998.
19. Queste responsabilità furono prese finite con l'Autorità Nazionale con effetto dall'entrata in vigore di Decisione Statale n. 361/2005, vale a dire 29 aprile 2005; questo atto fu cambiato con Decisione Statale n. 240/2006 27 febbraio 2006.
20. Gli articoli metodologici emisero per l'attuazione di Legge n. 9/1998, corretto 26 ottobre 2007 di Decisione Statale n. 1277/2007, espose fuori in Articolo 38 § 1 che pagamento del risarcimento sarebbe stato reso con l'Autorità Nazionale come l'istituzione in accusa di trattare con tutte le rivendicazioni depositata sotto le leggi di restituzione adottate in Romania.
Legge di B. n. 290/2003
21. Legge n. 290/2003, in vigore coi certi emendamenti fin da 13 agosto 2003, previsto per il risarcimento per cittadini rumeni il cui patrimonio immobiliare localizzò nelle province precedenti di Bessarabia, Bukovina Settentrionale e Hertza fu confiscato senza il risarcimento dovuto come una conseguenza dello stato di guerra e la richiesta del Parigi Pace Trattato firmata con la Romania coi Poteri Alleati 10 febbraio 1947.
Il meccanismo fissato in posto con la legge era simile a quel descrisse sopra in riguardo di Legge n. 9/1998; oltre al risarcimento patrimoniale, la legge previde per accordare proprietà di aree di terra equivalente a quelli che erano stati confiscati; i corpi in accusa di implementare Legge n. 290/2003 erano i perpetrazione stabiliti in conformità con Legge n. 9/1998, seguendo gli stessi passi procedurali siccome presentato sopra in riguardo delle rivendicazioni depositato sotto Legge n. 9/1998.
I rivendicatori furono richiesti di depositare le loro richieste nessuno più tardi che 1 maggio 2007.
Legge di C. n. 393/2006
22. Un meccanismo di risarcimento simile fu fissato in posto con lo Stato con effetto da 18 febbraio 2007, quando Legge n. 393/2006 entrarono in vigore. La legge concernita l'accordare del risarcimento a cittadini rumeni per la loro proprietà perduta localizzò nel Regno precedente di serbi, Croats e Slovenes, sotto, rispettivamente, il Trattato di Belgrade firmò fra Romania e l'Iugoslavia 24 novembre 1923, e la Convenzione fra Romania ed il Regno summenzionato firmati all'entrata Belgrade 5 luglio 1924.
Le Commissioni Provinciali stabilirono facendo seguito a Legge n. 9/1998 giurisdizione avuta per valutare i rivendicatori ' richiede che sarebbe depositato entro diciotto mesi della legge sta entrando in vigore. Il Settore per la richiesta di Legge n. 290/2003 all'interno dell'Autorità Nazionale agirono in linea con le procedure prescritte con Legge n. 9/1998 e descrisse sopra.
Emergenza di D. Ordinanza Statale n. 10/2013
23. 27 febbraio 2013 il Governo adottò un'ordinanza che stabilisce il pagamento con rate del risarcimento accordata sotto Legge n. 9/1998, così come la Legge n. 290/2003 e Legge n. 393/2006. Secondo l'ordinanza, il risarcimento sarebbe pagato da 1 gennaio 2014 con rate annuali ed uguali su un periodo di dieci anni, mentre una sola rata non potesse essere più bassa di RON 20,000.
Il preambolo all'ordinanza menzionata che la sua adozione era stata determinata con difficoltà incontrate nel pagamento del risarcimento, specialmente nel collegamento con le implicazioni di simile pagamenti per il bilancio Statale.
24. Comunque, quando chiamò per esaminare la costituzionalità di questa ordinanza, la Corte Costituzionale rumena sostenne 12 dicembre 2013 che le misure adottarono col Governo, vale a dire fare pagamenti con rate su un periodo di dieci-anno era in violazione della Costituzione, in finora siccome loro misero un carico eccessivo e sproporzionato su rivendicatori concedè ricevere il risarcimento dallo Stato. Era considerato anche che il termine massimo di dieci anni fosse irragionevole, nella considerazione dei documenti finanziari si appellata su col Governo che documentò solamente l'impatto sul bilancio Statale per un periodo di cinque anni.
25. Come una conseguenza di questa decisione, l'ordinanza fu abrogata 11 marzo 2014.
Emergenza di E. Ordinanza Statale n. 10/2014
26. Adottato 14 marzo 2014, Ego n. 10/2014 sospeso per un periodo di sei mesi il problema con le autorità competenti di qualsiasi decisione su rivendicazioni depositò sotto Legge n. 9/1998 e Legge n. 290/2003. L'ordinanza sospese inoltre già per lo stesso periodo il pagamento volontario del risarcimento accordato sotto Legge n. 9/1998, Legge n. 290/2003, e Legge n. 393/2006.
Legge di F. n. 164/2014
27. Legge n. 164/2014 riguardo a misure per l'accelerazione e finalisation dell'elaborazione di chiarire rivendicazioni di risarcimento depositati sotto Legge n. 9/1998 e Legge n. 290/2003 entrarono in vigore 18 dicembre 2014.
28. Articolo 2 stati che la misura compensativa e sola possibile era il risarcimento patrimoniale.
29. Articolo 3 definisce l'applicabilità della legge a tutte le rivendicazioni depositate in tempo dovuto con le Commissioni Provinciali ed in riguardo del quale è stata emessa nessuna decisione, o in riguardo del quale è stata emessa una decisione che accorda il risarcimento ma nessun pagamento è stato reso, così come a quelle rivendicazioni depositate sotto Legge n. 9/1998 o Legge n. 290/2003 quel è attualmente pendente di fronte alle corti nazionali.
30. La legge autorizza il trasferimento di tutti i poteri della Commissione Centrale all'Autorità Nazionale che ratificherà così o altrimenti qualsiasi decisione presa con le Commissioni Provinciali su rivendicazioni depositata sotto Legge n. 9/1998 e Legge n. 290/2003. L'Autorità Nazionale è concessa per richiedere le ulteriori informazioni e documenti, da istituzioni pubbliche così come da rivendicatori, quando simile documenti sono dispersi o non sono corroborati.
31. Decisioni prese con l'Autorità Nazionale sono soggetto a ricorso di fronte alle corti amministrative.
32. Articolo 10 della legge espone fuori i termine massimo coi quali dovrebbero essere resi tutti i pagamenti; prevede siccome segue:
Articolo 10
“(1) risarcimento assegnato con decisione della Commissione Provinciale, con ordine del Capo del Primo Ministro della Cancelleria o con una decisione dell'Autorità Nazionale per Proprietà Restituzione ed emise di fronte all'entrata in vigore della legge presente, sarà pagato in rate annuali ed uguali su un periodo di cinque anni, mentre cominciando 1 gennaio 2015;
(2) il risarcimento assegnò seguente una decisione adottata dopo l'entrata in vigore della legge presente con l'Autorità Nazionale per Proprietà Restituzione, ratificando che le Commissioni Provinciali le decisioni di ', emise di fronte all'entrata in vigore della legge presente, sarà pagato in rate annuali ed uguali su un periodo di cinque anni che seguono l'anno quando le decisioni furono ratificate;
(3) risarcimento accordato con vuole dire di sentenze che sono divenute definitivo... di fronte all'entrata in vigore della legge presente sarà pagato in rate annuali ed uguali su un periodo di cinque anni, mentre cominciando 1 gennaio 2015...
(6) l'Autorità Nazionale per Proprietà Restituzione emetterà una ricevuta di pagamento per ogni rata annuale...
(7) l'importo di una rata annuale non sarà più piccolo di RON 20,000. Se il risarcimento per essere pagato è più basso di questo importo, sarà pagato solamente in pieno in una rata.”
Paragrafi 4 e 5 di questo Articolo essenzialmente si riferiscono alla maniera nella quale il risarcimento dovrebbe essere aggiustato per l'inflazione, sulla base dell'indice dei prezzi al consumo dal momento la decisione fu emessa sino all'entrata in vigore della legge.
33. Articolo 12 set fuori un termine massimo di 120-giorno entro i quali i rivendicatori sono completare i loro archivi con gli ulteriori documenti, mentre seguendo una richiesta scritto in che riguardo spedì con l'autorità. Questo termine massimo può essere prolungato una volta, per il giorni di più di sessanta, alla richiesta del rivendicatore se show di prova che he/she ha preso i passi necessari per ottenere le informazioni necessarie.
34. Articolo 13 prevede che le Commissioni Provinciali sono legate per emettere una decisione sui richiedenti ' chiede entro:
“un) nove mesi, se c'è meno che 500 archivi pendente di fronte a loro;
b) diciotto mesi, se gli archivi pendente di fronte a loro è nella serie di 501-1000;
c) trenta-sei mesi se loro hanno più di 1000 archivi pendenti di fronte a loro.”
Questo termine massimo cominciò a correre 1 gennaio 2015.
35. Articolo 14 conviene che decisioni emisero con le Commissioni Provinciali di fronte all'entrata in vigore della legge presente e già registrato con l'Autorità Nazionale dovrebbe essere ratificato o altrimenti entro diciotto mesi dell'entrata in vigore della legge. Decisioni emesse dopo l'entrata in vigore della legge dovrebbero essere ratificate o altrimenti con l'Autorità Nazionale entro diciotto mesi della loro registrazione con quel l'autorità.
Il numero di registrazione ed il numero di archivi pendente con l'Autorità Nazionale sarà pubblicato sulla sua pagina web.
36. Articolo 15 dà rivendicatori l'opportunità di fare domanda alle corti nell'evento col quale i termine massimo summenzionati non si sono attenuti.
37. Articolo 17 della legge espone fuori molte misure voluto dire aumentare l'efficienza delle procedure di risarcimento, mentre prevedendo, inter l'alia, per un aumento provvisorio del numero di posti disponibile all'Autorità Nazionale.
III. DIRITTO INTERNAZIONALE ATTINENTE
38. Il Trattato di Craiova fu firmato 7 settembre 1940 con Romania e la Bulgaria. Sotto i termini di questo trattato, le parti firmatarie concordarono sulla linea di demarcazione che sarebbe stata stabilita fra i due paesi, col particolare riferimento al territorio fra il Mare Nero ed il Fiume di Danube (il Cadrilater). Sezione che III del Trattato ha offerto per un ristabilimento obbligatorio di cittadini rumeni di ethnicity bulgaro che vive in Tulcea e ?Distretti di Constana a Bulgaria, ed il ristabilimento di rumeno etnici che vivono in Durostor e Distretti di Caliacra a Romania. Sezione V di Annette C del Trattato convenuto che lo Stato rumeno era responsabile di compensare quelli cittadini rumeni che, seguendo il ristabilimento obbligatorio dovuto per abbandonare le loro proprietà nelle aree rurali che furono trasferite a Bulgaria.
LA LEGGE
IO. Violazione allegato Di Articolo 1 Di Protocollo N.ro 1 A La Convenzione
39. Il richiedente presentò che la sua incapacità completa per garantire il risarcimento accordato a lei nel 2004 e convalidò in 2009 corrisposti ad una violazione del suo diritto al godimento tranquillo delle sue proprietà.
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 letture siccome segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Ammissibilità di A.
40. La Corte nota che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Merits
1. Le parti le osservazioni di '
41. Il Governo ammise che la decisione dell'Autorità Nazionale che accorda il risarcimento di richiedente in un importo di RON 499,128.43 costituì un “la proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
Loro dibatterono inoltre che in ottemperanza con le disposizioni attinenti di Legge n. 164/2014 tutte le decisioni che accordano il risarcimento a rivendicatori saranno eseguite, pagamento per essere reso in rate annuali ed uguali su un periodo di cinque anni, cominciando da 1 gennaio 2015.
42. In questo contesto il Governo dibattè che la legge nuova, in vigore fin da 18 dicembre 2014, fissi in posto un meccanismo effettivo per pagamento del risarcimento a quelli così concedè sotto Legge n. 9/1998 e Legge n. 290/2003.
In appoggio di questa asserzione loro contesero che in primo luogo la Legge n. 164/2014 specifici e precisi termine massimo avviati per valutazione di archivi presentata con rivendicatori in tutta l'elaborazione decisionale.
Così, i rivendicatori avevano 120 giorni per presentare qualsiasi documenti supplementari alla richiesta delle autorità. Questo ritardo potrebbe essere prolungato con un altro sessanta giorni se il rivendicatore non fosse in grado per ragioni di obiettivo di ottenere i documenti richieste. Le autorità responsabile per consegna di copie dei documenti richiesti fare ebbe bisogno così entro trenta giorni.
Tutti registrano sarebbe deciso su in ordine cronologico, in ordine del momento quando loro furono depositati.
Valutazione di archivi depositata con rivendicatori sarebbe completata con le Commissioni Provinciali all'interno di nove, diciotto o trenta-sei mesi, dipendendo dal numero di archivi pendente di fronte a loro da 1 gennaio 2015.
Nella sua svolta, l'Autorità Nazionale fu obbligata per emettere una decisione che ratifica la decisione, o non entro diciotto mesi, o calcolò da 1 gennaio 2015 per quegli archivi già pendente di fronte a sé, o dalla data di registrazione con l'Autorità per tutti gli altri archivi.
La legge l'ulteriore set fuori un specifico termine massimo per richieste alle decisioni delle autorità amministrative di fronte alle corti; questo era trenta giorni dalla data di consegna della decisione al rivendicatore.
I rivendicatori furono concessi anche per lamentarsi prima le corti se le autorità amministrative andassero a vuoto a rispondere alla loro richiesta.
43. Il Governo dibattè che l'impatto finanziario sul bilancio del paese delle decisioni preso sotto Legge n. 9/1998 e Legge n. 290/2003 erano sostanziali; loro contesero che il valore di stima del risarcimento per essere accordato negli archivi pendenti era RON 0.8 miliardo; il valore del risarcimento già stabilito di fronte all'entrata in vigore della legge era RON 1.1 miliardo, mentre gli importi per essere accordato facendo seguito a definitivo sentenze RON 100 milione era. Gli importi per essere accordato rettifica seguente della somma iniziale per l'inflazione furono valutati a RON 240 milione.
44. Riguardo al pagamento effettivo del risarcimento, il Governo contese, che in prospettiva del bisogno di assicurare un equilibrio equo fra l'interesse pubblico e l'interesse individuale del rivendicatore nel contesto generale delle difficoltà finanziarie che erano sorte come un risultato del livello alto del risarcimento per essere pagato facendo seguito a tutte le leggi di restituzione, la legge nuova n. 164/2014 set fuori un sistema di pagamento con rate annuali ed uguali.
Le rate furono stabilite così per un periodo di cinque anni, mentre o cominciando 1 gennaio 2015 per decisioni rese di fronte all'entrata in vigore della legge, o dall'anno che segue quello quando l'Autorità Nazionale emise la sua decisione.
Pagamento sarebbe reso annualmente col Ministero di Finanze Pubbliche, entro 180 giorni della data di problema della ricevuta di pagamento annuale con l'Autorità Nazionale.
Il risarcimento dovuto nella conformità con decisioni giudiziali o amministrative emesse di fronte all'entrata in vigore della legge sarebbe aggiustato per l'indice dei prezzi al consumo per il periodo attinente.
La legge inoltre previde che la forzata esecuzione di tutte le decisioni insolute fu sospesa sino al momento quando loro sarebbero pagati, come affermato sulla ricevuta di pagamento emessa con l'Autorità Nazionale. Questa misura era necessaria, nella prospettiva del Governo, eliminare qualsiasi blocco potenziale nell'attività delle autorità nazionali ed attinenti che sarebbero costrette altrimenti per schierare risorse essenziali per quelli procedimenti di esecuzione.
45. La legge previde inoltre per risorse finanziarie ed umane supplementari per essere schierato per il beneficio dell'Autorità Nazionale per un periodo di trenta-sei mesi questa misura che è mirata a rendendo l'elaborazione decisionale più efficiente.
46. In conclusione il Governo sostenne che Legge n. 164/2014 costituirono un meccanismo effettivo, trasparente ed equo per la valutazione di tutte le rivendicazioni depositata sotto Legge n. 9/1998 e Legge n. 290/2003.
La Corte si chiese così a non trovare nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 nella causa del richiedente, determinato che lei era ricevere il risarcimento all'interno dei termine massimo prescritto con la legge nuova.
47. Mentre indicando che lei ancora non aveva ricevuto qualsiasi il risarcimento, il richiedente non ha fatto commenti sulle osservazioni del Governo.
(b) la valutazione di La Corte
48. Nella sua sentenza di pilota di Maria Atanasiu ed Altri (citò sopra, §§ 164-68), la Corte ha riassunto i principi attinenti in riguardo della richiesta di Articolo 1 di Protocollo Nessuno 1 a misure di riparazione, siccome segue:
“164. Nel momento in cui Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non garantisce il diritto per acquisire proprietà, non impone qualsiasi restrizioni sugli Stati Contraenti la libertà di ' per determinare la sfera di restituzione di proprietà e scegliere le condizioni sotto le quali loro sono d'accordo a ripristinare diritti di proprietà di proprietari precedenti (veda il der di Van Mussele c. il Belgio, 23 novembre 1983, § 48 la Serie Un n. 70; Slivenko ed Altri c. la Lettonia (il dec.) [GC], n. 48321/99, § 121 ECHR 2002-II (gli estratti); e Jantner c. la Slovacchia, n. 39050/97, § 34 4 marzo 2003).
165. D'altra parte Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 richiede che qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale (veda Re Precedente di Grecia ed Altri c. la Grecia [GC], n. 25701/94, § 79
ECHR 2000-XII, ed Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II). Il principio della legalità presuppone anche che le disposizioni applicabili di diritto nazionale sono sufficientemente accessibili, precise e prevedibili nella loro richiesta (veda Beyeler c. l'Italia [GC], n. 33202/96, §§ 109-110 ECHR 2000-io).
166. Inoltre qualsiasi interferenza col godimento di un diritto o la libertà riconosciuta con la Convenzione deve perseguire un scopo legittimo. Con lo stesso gettone, in cause che comportano un dovere positivo deve essere una giustificazione legittima per l'inazione dello Stato. Il principio di un “equilibrio equo” inerente in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 presuppone l'esistenza di un interesse generale della comunità. A causa della loro conoscenza diretta della loro società e le sue necessità, le autorità nazionali sono meglio in principio messo che il giudice internazionale per apprezzare che che è “nell'interesse pubblico.” Sotto il sistema di protezione stabilito con la Convenzione, è così per le autorità nazionali per fare la valutazione iniziale come all'esistenza di un problema di preoccupazione pubblica che garantisce misure per essere fatto domanda nella sfera dell'esercizio del diritto di proprietà, incluso la privazione e restituzione di proprietà. Qui, come negli altri campi ai quali prolungano le salvaguardie della Convenzione, le autorità nazionali godono di conseguenza un certo margine della valutazione.
Inoltre, la nozione di “interesse pubblico” necessariamente è esteso. In particolare, la decisione di decretare leggi espropriando proprietà o riconoscendo pubblicamente il risarcimento consolidato per proprietà espropriata comporterà comunemente considerazione di problemi politici, economici e sociali. Trovandolo naturale che il margine della valutazione disponibile alla legislatura nell'implementare politiche sociali ed economiche dovrebbe essere un ampio, la Corte ha dichiarato che rispetterà la sentenza della legislatura come a che che è “nell'interesse pubblico” a meno che che sentenza è manifestamente senza fondamento ragionevole (veda James ed Altri c. il Regno Unito, 21 febbraio 1986, § 46 la Serie Un n. 98; Re Precedente di Grecia ed Altri, citato sopra, § 87; e Broniowski c. la Polonia [GC], n. 31443/96, § 149 il 2004-V di ECHR).
167. Sia un'interferenza col godimento tranquillo di proprietà ed un'astensione da azione deve prevedere un equilibrio equo fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. In particolare, ci deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo chiese di essere compreso con qualsiasi misure fecero domanda con lo Stato, incluso misure che spogliano una persona di suo o le sue proprietà. In ogni causa che comporta la violazione allegato di che Articolo che la Corte deve, perciò accerta se con ragione dell'azione dello Stato o inazione la persona riguardata dovuto per sopportare un carico sproporzionato ed eccessivo (veda Sporrong e Lönnroth c. la Svezia, 23 settembre 1982, § 73 la Serie Un n. 52).”
49. I fatti della causa presente possono essere esaminati bene in termini di un ostacolo all'esercizio effettivo del diritto protegguto con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 o in termini di un insuccesso per garantire l'attuazione di quel il diritto.
Avendo riguardo ad alle particolari circostanze della causa presente, la Corte lo considera necessario determinare se la condotta delle autorità rumene-nonostante se che condotta può essere caratterizzata come un'interferenza o come un'omissione di atto, o una combinazione di sia-era giustificabile nella luce dei principi applicabili esposta fuori sopra (veda anche Broniowski [GC], citato sopra, § 146).
50. La Corte deve stabilire perciò se un equilibrio equo fu previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti di protezione dei diritti essenziali dell'individuo. Nelle circostanze della causa presente, la Corte è chiamata su per determinare se il tempo necessario per le autorità nazionali per pagare il risarcimento di richiedente al quale lei fu concessa disturbata che equilibrio e se mise un carico eccessivo su lei.
La Corte considera comunque che le rivendicazioni del richiedente dovrebbero essere guardate anche a da una prospettiva più generale. L'obbligo per compensare, si impegnato con lo Stato rumeno i vari trattati internazionali o via le specifiche disposizioni legali nazionali sotto (veda paragrafo 10 sopra) non solo concernè il richiedente, ma anche molti altri cittadini rumeni che avevano sofferto di perdite di materiale considerevoli causati con, generalmente l'espropriazione e nationalisation sia prima e dopo la guerra e sotto regimi totalitari. Nelle circostanze, lo Stato, nell'implementare la legislazione contestata aveva dovuto prendere in considerazione gli interessi di altri e di società nell'insieme.
La Corte lo considera perciò necessario esaminare anche la causa dalla prospettiva delle misure generali che sono state prese nell'interesse di altri individui potenzialmente affettati (veda, mutatis mutandis, Wolkenberg c. la Polonia (il dec.), n. 50003/99, § 35 4 dicembre 2007).
51. La Corte non può ignorare che in questo contesto generale le autorità rumene hanno dovuto mettere sforzi diretti su una più grande scala, principalmente in risposta ai requisiti esposti fuori nella sentenza di pilota secondo che “in prospettiva del grande numero di besetting dei problemi la restituzione e meccanismo di risarcimento” lo Stato fu legato “prende misure generali come una questione di urgenza capace di garantire in una maniera effettiva il diritto a restituzione o il risarcimento mentre prevede un equilibrio equo fra gli interessi diversi in pericolo” (veda Maria Atanasiu ed Altri, citato sopra, § 228).
Di conseguenza, sul 2013 Legge di 15 maggio n. 165/2013 furono adottati. Stabilì un meccanismo che, quando sotto lo scrutinio della Corte, fu trovato offrire una serie di via di ricorso effettive che hanno avuto bisogno di essere esaurite con la maggioranza dei rivendicatori che chiedono o restituzione o il risarcimento per il loro patrimonio immobiliare presa finito sotto il regime comunista (veda Preda ed Altri c. la Romania, N. 9584/02, 33514/02 38052/02, 25821/03 29652/03, 3736/03 17750/03 e 28688/04, §§ 134-40 29 aprile 2014). All'interno di questo meccanismo, un ruolo cruciale fu delegato all'Autorità Nazionale (l'ibidem, §§ 82-89) che rimase il solo corpo con l'autorità per ratificare o altrimenti decisioni prese in riguardo di tutti i tipi di rivendicazioni di restituzione ed emettere, dove applicabile, ricevute di pagamento a quelli concessi, incluso perciò quelli che abbatterono le disposizioni di Legge sotto n. 9/1998.
52. La Corte reitera che in prospettiva del grande numero di persone colpita col meccanismo di restituzione in generale e le conseguenze di vasta portata di tale schema nell'insieme le quali ha un impatto considerevole sul paese (veda anche paragrafo 43 sopra), alle autorità nazionali deve essere permesso per trattenere la piena discrezione nello scegliere le misure generali per essere posate in giù nell'ordinamento giuridico nazionale per ostacolare od offrire compensazione per qualsiasi violazioni di queste persone i diritti di ' (veda Maria Atanasiu ed Altri, citato sopra, § 236).
53. Rivolgendosi al meccanismo espose fuori con Legge n. 9/1998, la Corte si riferisce a paragrafi 11-37 sopra, mentre descrivendo gli emendamenti legislativi successivi ed attinenti con impatto sul funzionare del meccanismo in oggetto.
Questi cambi essenzialmente riguardarono, sulla mano del una, i termine massimo per rivendicatori per depositare le loro richieste di fronte alle autorità attinenti e la proroga di quelli termine massimo, e, d'altra parte i turni conseguenti delle responsabilità decisionali da un corpo amministrativo ad un altro, cominciando con la Commissione Centrale, continuando col Settore per la richiesta di Legge n. 9/1998 all'interno della Cancelleria del Primo Ministro, e terminando con l'Autorità Nazionale.
54. Le prese di Corte notano delle autorità rumene ' tentativi positivi di 2013 e 2014 di migliorare ed aumentare l'efficienza del meccanismo di risarcimento attinente con adottando misure che cercano di continuare pagamenti mentre mantiene anche un equilibrio budgetario e corretto. Simile misure inclusero pagamento con rate e sospensione provvisoria di sia il problema di ordini di pagamento e di pagamenti volontari.
55. Seguendo l'intervento della Corte Costituzionale rumena di 12 dicembre 2013 che considerato il periodo di dieci-anno durante il quale i pagamenti sarebbero resi irragionevoli, le autorità rumene adottarono una legge nuova, vale a dire la Legge n. 164/2014 che purché per un piano di pagamento a rate quinquennale, mentre prevedendo anche per un meccanismo per la rettifica corretta degli importi accordò come risarcimento in relazione all'indice dei prezzi al consumo.
56. Questa legge entrò in vigore 18 dicembre 2014. Prescrisse, come il Governo anche conteso, tempo-limiti vincolanti per ogni passo amministrativo, così come le opportunità per una revisione effettiva con le corti in causa di inadempienza da parte delle autorità responsabili (veda divide in paragrafi 27-37 sopra).
57. La Corte non vede perciò nessuna ragione di considerare a questo stadio che la procedura ha esposto fuori con la legge nuova, siccome descritto sopra, mancherebbe la chiarezza e prevedibilità.
58. Riguardo al meccanismo di pagamento effettivo, la Corte già ha sostenuto inoltre, che, in principio, pagando che assegnazioni di risarcimento in rate su un periodo più lungo, aiuterebbe anche a prevedere un equilibrio equo fra gli interessi di proprietari precedenti e l'interesse generale della comunità (veda Maria Atanasiu ed Altri, citato sopra, § 235), così lungo siccome le autorità maneggiano implementare ed eseguire simile misure con la diligenza richiesta (veda Preda ed Altri, citato sopra, § 128).
59. Avendo riguardo ad al contesto sociale e finanziario generale presentato sopra di (veda in particolare divide in paragrafi 43 e 51 sopra), così come alle specificità summenzionate dello schema di risarcimento di recente avviato, la Corte considera, che con adottando Legge n. 164/2014 le autorità rumene hanno in principio fissato in posto un meccanismo in grado offrire compensa in riguardo di tutte le rivendicazioni depositato sotto Legge n. 9/1998 e Legge n. 290/2003 (veda, mutatis mutandis, Mutishev ed Altri c. la Bulgaria (soddisfazione equa), n. 18967/03, § 38 28 febbraio 2012).
60. Rivolgendosi alla causa presente, la Corte osserva che le autorità amministrative emisero una decisione nel 2004 dando credito al diritto del richiedente al risarcimento. Questa decisione fu ratificata nel 2009 con l'Autorità Nazionale.
61. La Corte può accettare la contesa del Governo che pagamenti degli importi hanno accordato ai vari rivendicatori come risarcimento fu differita su conto dei cambi legislativi e conseguenti in questo campo che loro erano tenta di rendere più efficiente il meccanismo di pagamento in un contesto generale delle difficoltà finanziarie (veda divide in paragrafi 23 e 43-44 sopra).
In questo contesto, la Corte considera, che le autorità ' condotta simile in riguardo del richiedente che manca la giustificazione non può essere considerata.
Inoltre, la Corte nota che nella conformità con la Legge nuova n. 164/2014, il risarcimento per essere accordato al richiedente sarà pagato in cinque rate annuali uguali, mentre cominciando 1 gennaio 2015, rettifica seguente dell'importo in linea con l'indice dei prezzi al consumo (veda, con contrasto, ?uri ?ed Altri c. Bosnia e Herzegovina, N. 79867/12, 79873/12 80027/12, 80182/12 80203/12 e 115/13, § 30 20 gennaio 2015).
62. In finora come lo Stato assicura che pagamento al richiedente è reso nelle condizioni prescritte con legge, ed avendo riguardo ad anche alle sue conclusioni disegnate in paragrafi 58-59 sopra, la Corte sostiene che non si può considerare che il carico sul richiedente sia stato sproporzionato o eccessivo. Un equilibrio equo fra il generale e l'interesse individuale è stato previsto così.
Non c'è stata di conseguenza, nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo Nessuno 1 alla Convenzione.
II. VIOLAZIONE ALLEGATO DI ARTICOLO 6 § 1 DI LA CONVENZIONE
63. Il richiedente addusse inoltre che le autorità ' prolungò insuccesso per trattare con le sue rivendicazioni infranto sia il suo diritto di accesso ad una corte, così come il diritto per avere la sua causa ascoltato all'interno di un termine ragionevole.
Articolo 6 della Convenzione, in finora come attinente, legge siccome segue:
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è concesso un... ascolti all'interno di un termine ragionevole con [un]... tribunale....”
A. Le parti le osservazioni di '
64. Il Governo presentò che determinato che le rivendicazioni di risarcimento del richiedente non sono state portate mai di fronte ad una corte Articolo 6 non fece domanda, i procedimenti pendente di fronte ai corpi amministrativi che incorrono così fuori della sfera di questo Articolo.
65. Il Governo menzionò inoltre che il richiedente avesse potuto depositare una richiesta con le corti amministrative, mentre chiese a loro di obbligare l'Autorità Nazionale a rispondere alle sue rivendicazioni. Dato che il richiedente non aveva intrapreso questa via di ricorso, le sue azioni di reclamo sotto Articolo 6 sarebbero respinte per la non-esaurimento.
66. Il richiedente non ha presentato qualsiasi commenti in replica.
B. la valutazione di La Corte
67. La Corte reitera che per Articolo 6 § 1 in suo “civile” margine per essere applicabile, ci deve essere una controversia (“la contestazione” nel testo francese) su un “il diritto” quale può essere detto, almeno su motivi difendibili, essere riconosciuto sotto diritto nazionale, irrispettoso di se che diritto è protegguto sotto la Convenzione. La controversia deve essere genuina e seria; non solo può riferire all'esistenza effettiva di un diritto ma anche alla sua sfera e la maniera del suo esercizio; e, il risultato dei procedimenti deve essere direttamente infine, decisivo per il diritto in oggetto, i collegamenti tenui e meri o conseguenze remote che non sono sufficiente apportare 6 § 1 Articolo gioca.
In questo riguardo a, il carattere della legislazione che governa come la questione sarà determinata (civile, commerciale, diritto amministrativo, e così su) e che dell'autorità che è investita con giurisdizione nella questione (corte ordinaria, corpo amministrativo e così avanti) non è di conseguenza decisiva (veda Bochan c. l'Ucraina (n. 2) [GC], n. 22251/08, §§ 42-43 ECHR 2015).
68. Inoltre, la Corte ha riconosciuto che in procedimenti amministrativi il periodo per essere preso nell'esame può avviare anche correre prima degli atti, se comunque procedimenti amministrativi e preliminari fossero stati un requisito indispensabile del precedente (veda, fra le altre autorità, Nichifor c. la Romania (n. 1), n. 62276/00, § 23 13 luglio 2006).
69. Rivolgendosi alla causa presente, la Corte nota che il diritto del richiedente al risarcimento facendo seguito a Legge n. 9/1998 furono esposti in primo luogo fuori nella decisione emessa col Bucharest Commissione Provinciale 29 aprile 2004 e poi confermarono con la decisione dell'Autorità Nazionale di 20 febbraio 2009 (veda divide in paragrafi 6 e 8 sopra).
Nota inoltre che non datare altra decisione è stato dato ed il risarcimento non è stato pagato al richiedente. Allo stesso tempo, la Corte non può ignorare il fatto che il richiedente non ha avuto mai ricorso alle corti amministrative nazionali, se obbligare le autorità amministrative ad emettere più velocemente la loro decisione, siccome dibattuto col Governo, o, dopo 2009, averli agire in relazione al non esecuzione della decisione insoluta.
70. La Corte considera perciò che in simile circostanze, nessuno “la controversia” all'interno del significato di Articolo 6 § 1 sorge in riguardo dei procedimenti contestati che ancora sono pendenti di fronte ai corpi amministrativi senza mai arrivare allo stadio giudiziale prima un “il tribunale” (veda Janssen c. la Germania, n. 23959/94, § 40, 20 dicembre 2001 e Šiki ?c. Croatia, n. 9143/08, § 34 15 luglio 2010).
71. In queste circostanze, all'eccezione preliminare del Governo che concerne l'inapplicability di Articolo 6 ai procedimenti di risarcimento depositata col richiedente di fronte alle autorità amministrative e nazionali deve essere concesso.
72. Segue che le azioni di reclamo del richiedente sotto Articolo 6 sono inammissibili come ratione materiae incompatibile con le disposizioni della Convenzione.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE, UNANIMAMENTE
1. Dichiara le azioni di reclamo del richiedente sotto Articolo 6 della Convenzione inammissibile;

2. Dichiara l'azione di reclamo del richiedente sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione ammissibile;

3. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 5 aprile 2016, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Fato ?Arac? András Sajó
Cancelliere aggiunto Presidente




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 03/08/2020.