Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ZIAUNYS v. THE REPUBLIC OF MOLDOVA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, P1-1

NUMERO: 42416/06/2014
STATO: Moldova
DATA: 11/02/2014
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE


Conclusions: Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions Possessions) Pecuniary damage - award Non-pecuniary damage - award


THIRD SECTION






CASE OF ZIAUNYS v. THE REPUBLIC OF MOLDOVA

(Application no. 42416/06)




JUDGMENT




STRASBOURG

11 February 2014


This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Ziaunys v. the Republic of Moldova,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Alvina Gyulumyan,
Ján Šikuta,
Luis López Guerra,
Kristina Pardalos,
Valeriu Griţco,
Iulia Antoanella Motoc, judges,
and Santiago Quesada, Section Registrar,
Having deliberated in private on 21 January 2014,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 42416/06) against the Republic of Moldova lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Lithuanian national, OMISSIS (“the applicant”), on 13 October 2006.
2. The applicant was represented by OMISSIS, a lawyer practising in Vilnius. The Moldovan Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr L. Apostol.
3. The applicant alleged, in particular, that he had been unlawfully deprived of his property, contrary to the requirements of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
4. On 17 December 2009 the application was communicated to the Government.
5. Having been given leave to intervene in the proceedings pursuant to Article 36 § 1 of the Convention and Rule 44 § 1 of the Rules of Court, the Lithuanian Government did not submit any observations concerning the present case.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicant was born in 1965 and lives in Vilnius.
7. The applicant is a member of the International Banknote Society, the American Numismatic Association and the Collectors’ Club of Vilnius.
8. On 12 December 2000 the applicant signed a contract with the Educational Coin Company (“the company”), registered in the United States of America (“the USA”), according to which he would deliver to the company 8,500 kg of banknotes (in five and ten rouble notes) issued by the self-proclaimed Bank of the “Moldavian Republic of Transdniestria (MRT)” (see further details about the events leading to the creation of the self-proclaimed “MRT” in Ilaşcu and Others v. Moldova and Russia [GC], no. 48787/99, ECHR 2004 VII). In exchange, under the contract, he had the right to select items from the company’s wholesale catalogue to a value of 7,000 United States dollars (USD).
9. On 26 January 2001 the applicant bought from the “MRT” bank 13,590,000 “MRT” roubles (in five and ten rouble banknotes) issued in 1994. The banknotes issued in 1994 were no longer in circulation in the “MRT”, having been replaced by new banknotes in 2000. Such banknotes have never been in official circulation in Moldova and had been accepted as payment only in the “MRT” and only prior to 2000.
10. On 1 February 2001 the applicant submitted to Moldovan customs 353 sealed bags of banknotes issued by the “MRT” bank in 1994. He asked for permission to ship the items to the USA, in accordance with the contract with the company. He declared that the paper in the bags had a numismatic value of USD 7,000.
11. The customs authority decided to store the bags in its warehouse until a decision could be taken about what to do with them. Subsequently, the bags were moved to the premises of the State Tax Inspectorate (“the STI”), where they have remained since.
12. By a decision of 23 July 2003 and further to a report of 25 August 2003, the Customs Department decided not to return the banknotes to the applicant and to transfer them instead to the STI for free as the items were banned from general circulation in Moldova.
13. The applicant asked on a number of occasions for the return of the items confiscated from him. On an unknown date in 2005 he initiated court proceedings to have the decisions taken in July and August 2003 set aside and the items returned to him.
14. On 19 April 2005 the Chişinău Court of Appeal dismissed his court action as lodged out of time. On 3 August 2005 the Supreme Court of Justice quashed that decision and ordered a rehearing of the case by the lower court.
15. On 7 November 2005 the Chişinău Court of Appeal allowed the applicant’s claims in part. The court found that the banknotes under examination had never been introduced into general circulation in Moldova and had never been exchanged for the official currency of the country. There was no evidence in the file that the banknotes had been manufactured for circulation in Moldova. The applicant had officially declared the 353 bags of banknotes, which he considered to be waste paper with numismatic value, in order to transport them abroad. Moreover, it had to be presumed that he had obtained the items in a lawful manner, unless proof to the contrary had been adduced. However, nobody had claimed a property right in respect of the relevant items. The court concluded that the Customs Department and the STI had acted unlawfully.
16. On 17 May 2006 the Supreme Court of Justice quashed the lower court’s judgment and delivered a new one, rejecting all his claims. The court found that, in accordance with Articles 1 and 2 of the Money Act (see paragraph 19 below), only the National Bank of Moldova had the right to issue banknotes, and that the “MRT” bank had not been given such a right. As a result, the banknotes issued by the “MRT” bank could not be introduced into legal circulation and could not, under Article 206 of the Civil Code (see paragraph 18 below), be the lawful object of the contract of 26 January 2001. That judgment was final.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
17. The relevant part of the Moldovan Constitution reads as follows:
“Article 46. Private property rights and their protection.
(1) The right of private property, and claims against the State, shall be guaranteed.
(2) No one may be expropriated except for reasons dictated by public necessity, as established by law and against just and appropriate compensation made in advance.”
18. The relevant provisions of the Civil Code reads as follows:
“Article 285. Assets.
(1) Assets are patrimonial rights and any things which can be individually or collectively owned.
(2) Things are tangible items which can be the subject of civil rights and obligations”..
“Article 206. Object of legal acts
... 2. The object of a legal act must be lawful, in legal circulation and be specific or specifiable, at least generically”.
“Article 219. Effects of legal acts that are void
1. A legal act that is void shall be inoperative retroactively, with effect from the time of its conclusion. ...
2. Each party must return everything received on the basis of a legal act that is void; if restitution cannot be made, the party must pay the monetary value of the [other party’s] contribution.
3. A party, and any third party, to a legal act who has acted in good faith has the right to be compensated for damage caused by the legal act that is void .”
“Article 220. Nullity of acts contrary to the law, public order or good morals.
1. A legal act, or any part thereof, which is contrary to binding rules shall be void, unless the law provides otherwise.
2. A legal act, or any part thereof, which is contrary to the law, public order or good morals shall be void.”
“Article 286. Legal circulation of assets
Assets may circulate freely, except in cases where their circulation is limited or prohibited by law”.
19. The relevant provisions of the Money Act (Law no. 1232 of 15 December 1992) reads as follows:
“Article 1. Currency unit.
The currency unit of the Republic of Moldova is the leu (Moldovan), which is equal to 100 bani. Currency put into circulation may be in paper form (banknotes) or metallic form (coins).
Article 2. Issue.
The National Bank of Moldova has the exclusive right to put into circulation (issue) leu and coins and the right to withdraw them, as well as the right to establish the value of banknotes and their distinctive signs.”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1 TO THE CONVENTION
20. The applicant complained that his right of property had been breached by the seizure of the banknotes belonging to him. He relied on Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
21. The Government argued that the application was manifestly ill-founded, since the applicant had not adduced prima facie evidence that he had had a property right.
22. The Court considers that this issue is closely related to the merits of the application. It therefore joins the Government’s objection to the merits.
B. Merits
1. The submissions of the parties
23. The applicant submitted that the Moldovan authorities had groundlessly seized the banknotes from him, thus causing him pecuniary and non-pecuniary damage.
24. The Government argued that the applicant had not had a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. He had obtained “MRT” roubles through a purchase contract which could not be considered valid since its object was items banned from circulation in Moldova. This had been confirmed by the Supreme Court of Justice. Moreover, the applicant could not have had a “legitimate expectation” of obtaining a property right over such banknotes, as they were banned from circulation, being considered “unlawful items”. The case was similar to Agneessens v. Belgium (no. 12164/86, Commission decision of 12 October 1988, Decisions and Reports 58, p.81), where the Commission had found that “there can be no deprivation of possessions if a conditional claim lapses as a result of non-fulfilment of the condition”. Moreover, the case was somewhat similar to Handyside v. the United Kingdom (7 December 1976, § 63, Series A no. 24), in which the British authorities had seized the book printed for the applicant in order to protect the morals of others. In the present case, the Moldovan authorities had been protecting the sovereignty of the country, which was undermined by actions taken by “MRT” such as issuing banknotes other than the only currency recognised in Moldova, the Moldovan leu. To accept the applicant’s request to export the banknotes outside Moldova would be tantamount to officially recognising the possibility that “MRT”-issued banknotes could be put into circulation. This was unlawful and unacceptable.
25. Furthermore, the banknotes seized from the applicant did not have any value. The right to obtain items from the company to the amount of USD 7,000, which the applicant claimed to have acquired under the contract, was a conditional claim that depended on the fulfilment of the contract. Since the contract could not be fulfilled as it contravened Moldovan public order, the applicant could not hope to obtain anything from the company on the basis of that contract, nor claim any damages from the Moldovan authorities for his inability to fulfil the contract.
2. The Court’s assessment
(a) Whether the applicant had a “possession”
26. The Court reiterates that “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 can be either “existing possessions” (see Van der Mussele v. Belgium, 23 November 1983, Series A no. 70, p. 23, § 48) or assets, including claims, in respect of which an applicant can argue that he has at least a “legitimate expectation” that they will be realised (see, for example, Pressos Compania Naviera S.A. and Others v. Belgium, 20 November 1995, § 31, Series A no. 332, and Gratzinger and Gratzingerova v. the Czech Republic (dec.), no. 39794/98, § 69, ECHR 2002 VII).
27. In the present case, the Court notes that it has not been argued, and there is nothing in the file to show, that the applicant intended to put the banknotes in question into circulation, which at the relevant time were not accepted as real money anywhere in the world, including in the self-proclaimed “MRT”. On the contrary, he had a contract to transfer the banknotes to a numismatic company, to be sold as an otherwise worthless item with purely collector value. This clearly distinguishes the present case from situations where counterfeit money is seized which could in principle be traded for goods or services, and also from situations concerning money issued by a self-proclaimed entity and which is in circulation within that entity and thus on the internationally recognised territory of the State.
28. The other issue, on which the Supreme Court of Justice insisted, was that, in Moldova, only its National Bank had the right to issue banknotes. Therefore banknotes issued by other entities, such as the “MRT” banks, were unlawful and could not be part of the “legal circuit”. The Government termed them “unlawful items” that had to be seized. The Court notes first that the applicant was never accused of having issued any banknotes. Moreover, it considers that this reasoning and the term used are very broad, as many other items could be included in this category. For instance, any old coin or old banknote would have to be considered “unlawful”. The notion of “unlawful items” as defined by the Government is unacceptably flexible and allows for selective application by the authorities, without any clear criterion. It is also apparent from the Government’s submissions under Article 41 of the Convention (see paragraph 40 below) that despite considering them “unlawful items”, these banknotes could be returned to the applicant in the event of this Court’s finding of a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and that, moreover, in such a case the applicant would be able to fulfil the contract by delivering the bills to the company.
29. The Court is far from suggesting that a State cannot protect its sovereignty by seizing assets of self-proclaimed entities or items produced by them, even when owned by third parties. This is especially true when the items concerned inherently convey a statement concerning sovereignty, such as money bills or flags. However, in doing so, the authorities interfere with the right of property of particular individuals or groups, an interference which must be lawful and justified.
30. More generally, the Court finds that a person in possession of an item must be presumed to have a property right over that item until proof to the contrary is adduced. In the present case the first-instance court expressly relied on this principle (see paragraph 15 above). Indeed, even if the contract between the applicant and the “MRT” bank was void, nobody other than the applicant claimed ownership of the banknotes, which were also in his physical possession, and he thus had to be assumed to be their owner. This distinguishes the case from those where a person attempts to obtain possession of an item and the authorities refuse him or her such a right. It also makes this case different from Agneessens, cited above, in which, unlike in the present case, the applicant no longer wanted to obtain the return of money bills, but rather compensation for the loss of value of those bills during the time of their retention by the Belgian authorities.
31. The presumption of ownership is valid even if the owner has failed to comply with certain conditions attached to possessing an item, such as obtaining a licence (see Waldemar Nowakowski v. Poland, no. 55167/11, § 45, 24 July 2012, where the Court subscribed to the parties’ view that confiscation of old weapons for which the owner had not obtained a licence as required by law constituted an interference with his property right). In the case of Bosphorus Hava Yolları Turizm ve Ticaret Anonim Şirketi v. Ireland [GC] (no. 45036/98, §§ 141 et seq., ECHR 2005 VI) the applicant company could no longer use leased aircraft, following sanctions adopted by the United Nations Security Council and the European Union. By virtue of these sanctions, all aircraft belonging to the former Yugoslavia (FRY) were to be impounded. This rendered the contract signed between the applicant company and a FRY airline for the lease of two aircrafts void for lack of a lawful object. However, the Grand Chamber did not have any doubt as to the applicability of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention on account of the applicant company’s inability to use the aircraft after it was impounded by Ireland. In that case the applicant company was essentially seeking to continue using aircrafts, the use of which was unlawful in international law, yet this did not preclude the applicability of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
32. The Court concludes that the applicant, who physically held 353 bags of banknotes, had a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
(b) Whether there was an interference with the applicant’s possession
33. The Court considers that the seizure of the banknotes clearly interfered with the applicant’s possession.
(c) Whether the interference was lawful
34. The Court notes the Government’s argument, mirroring that of the Supreme Court of Justice, that the issuing and circulation of banknotes in Moldova by any entity other than the National Bank of Moldova, was contrary to various legal requirements (see paragraphs 18 and 19 above).
35. The Court reiterates that the applicant was never accused of issuing money bills. It also refers to its finding in paragraph 27 above that there is no evidence of an attempt to put the banknotes in the applicant’s possession into circulation. He officially declared the bills to the Moldovan customs authority and clearly stated their numismatic value and destination. Moreover, those bills could not be in circulation in 2001 since by then they were no longer accepted as money anywhere. Accordingly, the legislation relied on by the Supreme Court of Justice and the Government concerning circulation of money bills could not serve as a basis for seizing the applicant’s property.
36. The Court notes that neither the Supreme Court of Justice nor the Government indicated a specific legal provision clearly providing for the seizure of property in cases similar to the one under examination. The Supreme Court of Justice referred to three legal provisions (Articles 1 and 2 of the Money Act and Article 206 of the Civil Code, see paragraph 16 above). However, none of these provides for the seizure of banknotes. Moreover, while under Article 206 of the Civil Code the contract between the applicant and the “MRT bank” could be annulled for lack of a lawful object, under Article 219 of the same code (see paragraph 18 above), the effect of the nullity of a contract was that the parties had to return their relevant contributions to each other. This would imply returning the banknotes to the applicant in order to return them to the “MRT” bank. Even assuming that administrative or criminal law provided for the seizure of unlawfully created or obtained items as a penalty, it is to be noted that neither administrative nor criminal proceedings were instituted against the applicant.
37. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that the interference with the applicant’s property right was not “subject to the conditions provided for by law” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
There has accordingly been a violation of that provision in the present case.
II. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
38. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Pecuniary damage
39. The applicant claimed 12,220 euros (EUR) in respect of pecuniary damage. He relied on the contract with an American numismatic company according to which he had the right to select items from the company’s catalogue to the amount of USD 7,000 (see paragraph 8 above), in exchange for the “MRT” banknotes, and on a contract for the freight of the banknotes which he had had to pay, in addition to various expenses such as court fees and Moldovan visa fees.
40. The Government submitted, first, that the applicant had incorrectly converted various sums claimed from USD into euros. Second, the main claim - the lost revenue under the contract with the numismatic company, -was to be rejected since he could still fulfil the contract in the event that the Court found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and the banknotes were returned to him by the Moldovan authorities. Moreover, under the contract, all expenses related to the transaction were to be covered by the applicant. Therefore, if the Court were to make an award, it should be limited to the difference between the sum payable under the contract (USD 7,000, corresponding to EUR 6,465) and the expenses which the applicant would have incurred in performing that contract, as specified by the applicant in his just satisfaction claims (approximately EUR 4,585).
41. In view of its finding of a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention and having regard to the parties’ submissions, the Court awards the applicant EUR 1,900 in respect of pecuniary damage.
B. Non-pecuniary damage
42. The applicant claimed EUR 20,000 in compensation for the non-pecuniary damage caused to him as a result of his inability to recover his property and the distress which he had endured for six years.
43. The Government submitted that the amount claimed was exaggerated. They considered that the case resembled that of Balan v. Moldova (no. 19247/03, 29 January 2008) in some respects. The award for non-pecuniary damage made in that case (EUR 5,000) would also seem appropriate in the present case.
44. Taking into account the circumstances of the case and deciding on an equitable basis, the Court awards the applicant EUR 5,000.
C. Costs and expenses
45. The applicant made no claims in this respect.
D. Default interest
46. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Declares the application admissible;

2. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;

3. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 1,900 (one thousand nine hundred euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 5,000 (five thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage.
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

4. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 11 February 2014, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Registrar President

TESTO TRADOTTO


Conclusioni: Violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 1 del Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo della proprietà Proprietà) danno Patrimoniale - assegnazione danno Non-patrimoniale - assegnazione


TERZA SEZIONE






CAUSA ZIAUNYS C. REPUBBLICA DI MOLDAVIA

(Richiesta n. 42416/06)




SENTENZA




STRASBOURG

11 febbraio 2014


Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.

Nella causa di Ziaunys c. la Repubblica della Moldavia,
La Corte europea di Diritti umani (terza Sezione), riunendosi che come una Camera, composta di:
Josep Casadevall, Presidente
Alvina Gyulumyan,
Ján Šikuta,
Luis López Guerra,
Kristina Pardalos,
Valeriu Griţco,
Iulia Antoanella Motoc, judges,and
Santiago Quesada, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato il 21 gennaio 2014,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 42416/06) contro la Repubblica della Moldavia depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino lituano, OMISSIS (“il richiedente”), 13 ottobre 2006.
2. Il richiedente fu rappresentato da OMISSIS, un avvocato che pratica in Vilnius. Il Governo di Moldovan (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig. L. Apostol.
3. Il richiedente addusse, in particolare, che lui era stato privato illegalmente della sua proprietà, contrariamente ai requisiti dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
4. 17 dicembre 2009 la richiesta fu comunicata al Governo.
5. Stato stato dato permesso per intervenire nei procedimenti facendo seguito ad Articolo 36 § 1 della Convenzione e Decide 44 § 1 degli Articoli di Corte, il Governo lituano non presentò qualsiasi osservazioni riguardo alla causa presente.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. Il richiedente nacque nel 1965 e vive in Vilnius.
7. Il richiedente è un membro della Banconota Società Internazionale, l'Associazione Numismatica americana ed i Raccoglitori Bastone di ' di Vilnius.
8. 12 dicembre 2000 il richiedente firmò un contratto con la Educational Coin Company (“la società”), registrato negli Stati Uniti dell'America (“gli Stati Uniti”) secondo che lui consegnerebbe alla società 8,500 kg di banconote (in banconote da cinque e dieci rublo) emise con la Banca auto proclamata “Moldavian Republic of Transdniestria (MRT)” (veda gli ulteriori dettagli degli eventi che conducono alla creazione degli stesso-proclamarono “MRT” in Ilaşcu ed Altri c. Moldavia e la Russia [GC], n. 48787/99, ECHR 2004-VII). In cambio, sotto il contratto lui aveva diritto a selezionare articoli dal catalogo di vendita all'ingrosso della società ad un valore di 7,000 dollari di Stati Uniti (USD).
9. 26 gennaio 2001 il richiedente comprò dal “MRT” banca 13,590,000 “MRT” i rubli (in cinque ed il banconote di dieci rublo) emesso nel 1994. Le banconote emesse nel 1994 non erano più in circolazione nel “MRT”, stato stato sostituito con banconote nuove nel 2000. Simile banconote non sono state mai in circolazione ufficiale in Moldavia ed erano state accettate solamente come pagamento nel “MRT” e solamente prima di 2000.
10. 1 febbraio 2001 il richiedente presentò alle dogane moldave 353 borse sigillate di banconote emesse dalla banca “MRT” nel 1994. Lui chiese permesso di inviare gli articoli agli Stati Uniti, nella conformità col contratto con la società. Lui dichiarò che la carta nelle borse aveva un valore numismatico di USD 7,000.
11. L'autorità doganale decise di immagazzinare le borse nel suo negozio all'ingrosso finché di cosa per fare con loro potrebbe essere presa una decisione. Successivamente, le borse si furono mosse ai locali Ispettorato fiscale statale (“il STI”), dove loro sono rimasti da allora.
12. Con una decisione di 23 luglio 2003 ed inoltre ad un rapporto di 25 agosto 2003, il Dogane Settore deciso di non restituire le banconote al richiedente e trasferirli invece al STI per libero come gli articoli fu proibito dalla circolazione generale in Moldavia.
13. Il richiedente chiese su un numero di occasioni il ritorno degli articoli confiscato da lui. Su una data ignota nel 2005 lui iniziò atti per avere le decisioni preso in luglio ed agosto 2003 accantonati e gli articoli ritornarono a lui.
14. 19 aprile 2005 la Corte d'appello di Chişinău respinse la sua azione di corte siccome depositato fuori termini. 3 agosto 2005 la Corte di giustizia Suprema annullò che decisione ed ordinò un riesame della causa con la corte piů bassa.
15. 7 novembre 2005 la Corte d'appello di Chişinău accolse le rivendicazioni del richiedente in parte. La corte fondò che le banconote sotto esame non erano state introdotte mai nella circolazione generale in Moldavia e non erano state scambiate mai per la valuta ufficiale del paese. Non c'era prova nell'archivio che le banconote erano state fabbricate per la circolazione in Moldavia. Il richiedente aveva dichiarato ufficialmente le 353 borse di banconote che lui considerò essere carta di spreco con valore numismatico per trasportarli all'estero. Doveva inoltre, essere presunto che lui aveva ottenuto gli articoli in una maniera legale, a meno che prova al contrario era stata addotta. Comunque, nessuno aveva chiesto un diritto di proprietà in riguardo degli articoli attinenti. La corte concluse che il Dogane Settore ed il STI avevano agito illegalmente.
16. In 17 maggio 2006 la Corte di giustizia Suprema annullò la sentenza della corte più bassa e consegnò un nuovo, respingendo tutte le sue rivendicazioni. La corte fondò che, nella conformità con Articoli 1 e 2 dei Soldi Agiscono (veda paragrafo 19 sotto), solamente la Banca Nazionale della Moldavia aveva diritto ad emettere banconote, e che il “MRT” banca non era stata data tale diritto. Di conseguenza, le banconote emesse col “MRT” banca non poteva essere introdotta nella circolazione legale e non poteva essere potuta, sotto Articolo 206 del Codice civile (veda paragrafo 18 sotto), sia l'oggetto legale del contratto di 26 gennaio 2001. Che sentenza era definitivo.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
17. La parte attinente della Costituzione moldava si legge siccome segue:
“Articolo 46. Diritti di proprietà privati e la loro protezione.
(1) il diritto di proprietà privata, e rivendicazioni contro lo Stato, sarà garantito.
(2) nessuno può essere espropriato a parte ragioni dettate con necessità pubblica, come stabilito con legge e contro risarcimento equo ed appropriato reso in anticipo.”
18. Le disposizioni attinenti delle letture di Codice civile siccome segue:
“Articolo 285. Beni.
(1) i beni sono diritti patrimoniali e qualsiasi cose che possono essere possedettero individualmente o collettivamente.
(2) cose sono articoli tangibili che possono essere la materia di diritti civili ed obblighi”..
“Articolo 206. Oggetto di atti legali
... 2. L'oggetto di un atto legale deve essere legale, in circolazione legale e è specifico o specifiable, almeno genericamente.”
“Articolo 219. Effetti di atti legali che sono vuoti
1. Un atto legale che è vuoto sarà retroattivamente non operante, con effetto dal tempo della sua conclusione. ...
2. Ogni parte deve restituire tutto ricevuto sulla base di un atto legale che è vuoto; se restituzione non può essere resa, la parte deve pagare il valore valutario del [altra parte] il contributo.
3. Una parte, e qualsiasi terza parte, ad un atto legale che ha agito in buon fede il diritto doveva essere compensato per danno causò con l'atto legale che è vuoto.”
“Articolo 220. La nullità di contrario di atti alla legge, ordine pubblico o la buona morale.
1. Un atto legale, o qualsiasi al riguardo parte che è contraria ad articoli vincolanti sarà vuota, a meno che la legge prevede altrimenti.
2. Un atto legale, o qualsiasi al riguardo parte che è contraria alla legge, ordine pubblico o la buona morale sarà vuota.”
“Articolo 286. La circolazione legale dei beni
I beni possono circolare liberamente, eccetto in cause dove la loro circolazione è limitata o proibì con legge.”
19. Le disposizioni attinenti dei Soldi Agiscono (la Legge n. 1232 15 dicembre 1992) legge siccome segue:
“Articolo 1. Unità di valuta.
L'unità di valuta della Repubblica della Moldavia è il leu (Moldovan) che è uguale a 100 bani. Valuta fissata nella circolazione può essere in forma di carta (le banconote) o forma metallica (le monete).
Articolo 2. Problema.
La Banca Nazionale della Moldavia ha il diritto di esclusiva per fissare nella circolazione (il problema) leu e monete ed il diritto di recesso loro, così come il diritto per stabilire il valore di banconote ed i loro segnali distintivi.”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE PRESUNTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N.RO 1 ALLA CONVENZIONE
20. Il richiedente si lamentò che il suo diritto di proprietà era stato violato con la confisca delle banconote che appartengono a lui. Lui si appellò su Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che legge siccome segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
21. Il Governo dibatté che la richiesta fu mal-fondata manifestamente, poiché il richiedente non aveva addotto prova di prima facie che lui aveva avuto un diritto di proprietà.
22. La Corte considera che questo problema è riferito da vicino ai meriti della richiesta. Si unisce perciò all'eccezione del Governo ai meriti.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
23. Il richiedente presentò che le autorità moldave avevano preso immotivatamente le banconote da lui, mentre lo provocò così danno patrimoniale e non-patrimoniale.
24. Il Governo dibatté che il richiedente non aveva avuto un “la proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. Lui aveva ottenuto “MRT” rubli per un contratto di acquisto che non poteva essere considerato valido poiché il suo oggetto era articoli proibiti dalla circolazione in Moldavia. Questo era stato confermato con la Corte di giustizia Suprema. Inoltre, il richiedente non poteva avere un “l'aspettativa legittima” di ottenere un diritto di proprietà su simile banconote, siccome loro furono proibiti dalla circolazione, essendo considerato “articoli illegali.” La causa era simile ad Agneessens c. il Belgio (n. 12164/86, decisione di Commissione di 12 ottobre 1988, Decisioni e Relazioni 58 p.81), dove la Commissione aveva trovato che “non ci può essere nessuna privazione di proprietà se un errori di rivendicazione condizionali come un risultato del non-adempimento della condizione.” La causa era piuttosto inoltre, simile a Handyside c. il Regno Unito (7 dicembre 1976, § 63 la Serie Un n. 24) in che le autorità britanniche avevano preso il libro stampò per il richiedente per proteggere la morale di altri. Al giorno d'oggi la causa, le autorità moldave stavano proteggendo la sovranità del paese che fu minato con azioni presa con “MRT” come banconote di emissione altro che la valuta sola riconobbe in Moldavia, leu moldavo. Accettare la richiesta del richiedente per esportare le banconote fuori della Moldavia sarebbe uguale ad ufficialmente riconoscere la possibilità che “banconote MRT”-emesse potrebbero essere fissate nella circolazione. Questo era illegale ed inaccettabile.
25. Inoltre, le banconote sequestrate dal richiedente non avevano qualsiasi il valore. Il diritto per ottenere articoli dalla società all'importo di USD 7,000 che il richiedente chiese di avere acquisito sotto il contratto, era una rivendicazione condizionale che è dipesa dall'adempimento del contratto. Poiché al contratto non poteva essere adempiuto come sé contravvenne all'ordine pubblico di Moldovan, il richiedente non poteva sperare di ottenere qualsiasi cosa dalla società sulla base di che contratto, né rivendicazione qualsiasi danneggia dalle autorità moldave per la sua incapacità per adempiere il contratto.
2. La valutazione della Corte
(a) Se il richiedente aveva una “proprietà”
26. La Corte reitera che “le proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 può essere uno “proprietà esistenti” (veda il der di Van Mussele c. Belgio, 23 novembre 1983 la Serie Un n. 70, p. 23, § 48) o i beni, incluso rivendicazioni in riguardo dei quali un richiedente può dibattere che lui ha almeno un “l'aspettativa legittima” che di loro si saranno resi conto (veda, per esempio, Pressos Compania Naviera S.A. ed Altri c. il Belgio, 20 novembre 1995, § 31 la Serie Un n. 332, e Gratzinger e Gratzingerova c. la Repubblica ceca (il dec.), n. 39794/98, § 69 ECHR 2002-VII).
27. Al giorno d'oggi la causa, la Corte nota che non è stato dibattuto, e non c'è niente nell'archivio per mostrare, che il richiedente intese di mettere le banconote in oggetto in circolazione che al tempo attinente non fu accettata in qualsiasi parte del mondo come i veri soldi, incluso negli stesso-proclamarono “MRT.” Sul contrario, lui aveva un contratto per trasferire le banconote ad una società numismatica, essere venduto come un altrimenti articolo indegno con puramente valore di raccoglitore. Questo chiaramente distingue la causa presente da situazioni dove soldi falsificati è sequestrato quale poteva in principio sia commerciato per beni o servizi, ed anche da situazioni riguardo a soldi emesso con un'entità stesso-proclamata e quale è in circolazione entro che l'entità e così sull'internazionalmente riconobbe territorio dello Stato.
28. L'altro problema sul quale insisteva la Corte di giustizia Suprema, era che, in Moldavia, solamente sua Banca Nazionale aveva diritto ad emettere banconote. Perciò banconote emesse con altre entità, come il “MRT” le banche, era illegale e non poteva essere parte del “circuito legale.” Il Governo li chiamò “articoli illegali” quel doveva essere sequestrato. La Corte prima nota che il richiedente non fu accusato mai di avere emesso qualsiasi le banconote. Inoltre, considera che questo ragionamento ed il termine usarono è molto largo, siccome molti altri articoli potrebbero essere inclusi in questa categoria. Per istanza qualsiasi la vecchia moneta o la vecchia banconota dovrebbero essere considerate “illegale.” La nozione di “articoli illegali” come definito col Governo è inaccettabilmente flessibile e lascia spazio alla richiesta selettiva con le autorità senza qualsiasi criterio chiaro. È anche evidente dalle osservazioni del Governo sotto Articolo 41 della Convenzione (veda paragrafo 40 sotto) che nonostante in considerazione di loro “articoli illegali”, queste banconote potrebbero essere ritornate al richiedente nell'evento di questa Corte sta trovando di una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione e che, in tale causa il richiedente sarebbe inoltre, in grado adempiere il contratto consegnando i conti alla società.
29. La Corte è lontano dal suggerire che un Stato non può proteggere la sua sovranità prendendo i beni delle entità stesso-proclamate o articoli prodotti con loro, anche quando possedette con terze parti. Questo è specialmente vero quando gli articoli riguardarono inerentemente porti una dichiarazione riguardo alla sovranità, come disegni di legge fiscale o bandiere. Comunque, nel fare così, le autorità interferiscono col diritto di proprietà di particolari individui o gruppi, un'interferenza che deve essere legale ed allineato.
30. Più generalmente, i costatazione di Corte che una persona in proprietà di un articolo deve essere presunta per avere un diritto di proprietà su che articolo sino a prova al contrario è addotto. Al giorno d'oggi la causa la corte di prima -istanza si appellò espressamente su questo principio (veda paragrafo 15 sopra). Effettivamente, anche se il contratto fra il richiedente ed il “MRT” banca era vuota, nessuno altro che il richiedente chiese proprietà delle banconote che erano anche nella sua proprietà fisica e lui doveva si presumere così che essere il loro proprietario. Questo distingue la causa da quelli dove una persona tenta di ottenere proprietà di un articolo e le autorità li rifiuti lui o tale diritto. Fa anche questa causa diverso da Agneessens, citato sopra in che, diversamente da nella causa presente, il richiedente non volle più ottenere il ritorno di disegni di legge fiscale, ma piuttosto il risarcimento per il deprezzamento di quelli conti durante il tempo della loro ritenuta con le autorità belghe.
31. La presunzione di proprietà è valida anche se il proprietario non è riuscito ad attenersi con certe condizioni allegò a possedendo un articolo, come ottenendo una licenza (veda Waldemar Nowakowski c. la Polonia, n. 55167/11, § 45, 24 luglio 2012 dove la Corte sottoscrisse alle parti prospettiva di ' che il sequestro di vecchie arma per il quale il proprietario non aveva ottenuto una licenza come richiesto con legge costituì un'interferenza col suo diritto di proprietà). Nella causa di Bosforo Hava Yolları Turizm il ve Ticaret Anonim Şirketi c. l'Irlanda [GC] (n. 45036/98, §§ 141 et seq., ECHR 2005-VI) la società di richiedente potrebbe usare aereo più affittato, sanzioni seguenti adottate col Consiglio della Sicurezza delle Nazioni Unito e l'Unione europea. Con virtù di queste sanzioni, ogni aereo che appartiene all'Iugoslavia precedente (Frigga) sarebbe confiscato. Questo reso il contratto firmato fra la società di richiedente ed una linea aerea di Frittura per il contratto d'affitto di due aerei evacua per mancanza di un oggetto legale. Comunque, la Grande Camera non aveva qualsiasi il dubbio come all'applicabilità di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione su conto dell'incapacità della società di richiedente per usare l'aereo dopo che fu confiscato con l'Irlanda. In che causa la società di richiedente essenzialmente stava cercando di continuare usare aerei, l'uso di che era illegale in diritto internazionale, ancora questo non precluse l'applicabilità di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
32. La Corte conclude che il richiedente che sostenne fisicamente 353 borse di banconote aveva un “la proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
(b) Se c'era un'interferenza con la proprietà del richiedente
33. La Corte considera che la confisca delle banconote chiaramente interferì con la proprietà del richiedente.
( c) Se l'interferenza era legale
34. La Corte nota l'argomento del Governo, mentre rispecchiando che della Corte di giustizia Suprema che l'uscita e la circolazione di banconote in Moldavia con qualsiasi l'entità altro che la Banca Nazionale della Moldavia, era contrario ai vari requisiti giuridici (veda divide in paragrafi 18 e 19 sopra).
35. La Corte reitera che il richiedente non fu accusato mai di emettere disegni di legge fiscale. Si riferisce anche alla sua sentenza in paragrafo 27 sopra che non c'è nessuna prova di un tentativo di mettere le banconote nella proprietà del richiedente nella circolazione. Lui dichiarò ufficialmente i conti all'autorità doganale di Moldovan e chiaramente affermò il loro valore numismatico e destinazione. Inoltre, quelli conti non potevano essere in circolazione nel 2001 poiché con poi loro fu accettato più dovunque come soldi. Di conseguenza, la legislazione si appellò su con la Corte di giustizia Suprema ed il Governo riguardo a circolazione monetaria che conti non potevano notificare come una base per prendere la proprietà del richiedente.
36. La Corte nota che né la Corte di giustizia Suprema né il Governo, indicarono una specifica disposizione legale che chiaramente prevede per la confisca di proprietà in cause simile a quello sotto esame. La Corte di giustizia Suprema si riferì a tre disposizioni legali (gli Articoli 1 e 2 dei Soldi Agiscono ed Articolo 206 del Codice civile, veda paragrafo 16 sopra). Comunque, nessuni di questi prevede per la confisca di banconote. Inoltre, mentre sotto Articolo 206 del Codice civile il contratto fra il richiedente ed il “MRT deposita denaro” potrebbe essere annullato per mancanza di un oggetto legale, sotto Articolo 219 dello stesso codice (veda paragrafo 18 sopra), l'effetto della nullità di un contratto era che le parti dovevano restituire i loro contributi attinenti all'un l'altro. Questo implicherebbe restituendo le banconote al richiedente per restituirli al “MRT” la banca. Presumendo anche che amministrativo o diritto penale previde per la confisca di creò illegalmente od ottenne articoli come una sanzione penale, si noterà che procedimenti né amministrativi né penali furono avviati contro il richiedente.
37. Le considerazioni precedenti sono sufficienti per abilitare la Corte per concludere che l'interferenza col diritto di proprietà del richiedente non era “soggetto alle condizioni previste per con legge” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
C'è stata di conseguenza una violazione di che approvvigiona nella causa presente.
II. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
38. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. danno Patrimoniale
39. Il richiedente chiese 12,220 euros (EUR) in riguardo di danno patrimoniale. Lui si appellò sul contratto con una società numismatica americana secondo la quale lui aveva diritto a selezionare articoli dal catalogo della società all'importo di USD 7,000 (veda paragrafo 8 sopra), in cambio per il “MRT” le banconote, e su un contratto per il nolo delle banconote che lui aveva dovuto pagare, parcelle vidimano oltre alle varie spese come parcelle di corte moldava.
40. Prima, il Governo presentò che il richiedente aveva convertito erroneamente le varie somme chieste da USD in euro. Secondo, la rivendicazione principale - l'ufficio imposte perduto sotto il contratto con la società numismatica, - sarebbe respinto poiché lui ancora potrebbe adempiere il contratto nell'evento che la Corte trovò una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione e le banconote furono ritornate a lui con le autorità moldave. Sotto il contratto, tutte le spese riferite all'operazione sarebbero coperte inoltre, col richiedente. Perciò, se la Corte fosse fare un'assegnazione, dovrebbe essere limitato alla differenza fra la somma pagabile sotto il contratto (USD 7,000, corrispondendo ad EUR 6,465) e le spese che il richiedente sarebbe incorso in nel compiere che contratto, siccome specificato col richiedente nella sua soddisfazione equa chiede (verso EUR 4,585).
41. In prospettiva della sua sentenza di una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione ed avendo riguardo ad alle parti le osservazioni di ', la Corte assegna EUR 1,900 il richiedente in riguardo di danno patrimoniale.
B. Danno non-patrimoniale
42. Il richiedente chiese EUR 20,000 in risarcimento per il danno non-patrimoniale causato a lui come un risultato della sua incapacità per recuperare la sua proprietà e l'angoscia che lui sopportava da sei anni.
43. Il Governo presentò che l'importo chiesto fu esagerato. Loro considerarono che la causa assomigliò a che di Balan c. la Moldavia (n. 19247/03, 29 gennaio 2008) in dei riguardi. L'assegnazione per danno non-patrimoniale reso in questa causa (EUR 5,000) sembrerebbe anche appropriato nella causa presente.
44. Prendendo in considerazione le circostanze della causa e decidendo su una base equa, la Corte assegna EUR 5,000 il richiedente.
C. Costi e spese
45. Il richiedente non fece rivendicazioni in questo riguardo.
D. Interesse di mora
46. La Corte considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE, ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara la richiesta ammissibile;

2. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;

3. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione i seguenti importi, da convertire nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) EUR 1,900 (mille novecento euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno patrimoniale;
(l'ii) EUR 5,000 (cinque mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno non-patrimoniale.
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo l’interesse semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti percentuale;

4. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto l’11 febbraio 2014, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è giovedì 20/02/2020.