Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF VIKENTIJEVIK v. "THE FORMER YUGOSLAV REPUBLIC OF MACEDONIA"

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: P1-1

NUMERO: 50179/07/2014
STATO: Macedonia
DATA: 06/02/2014
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion(s)
No violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions)



FIRST SECTION






CASE OF VIKENTIJEVIK v. THE FORMER YUGOSLAV REPUBLIC OF MACEDONIA

(Application no. 50179/07)









JUDGMENT


STRASBOURG

6 February 2014





This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Vikentijevik v. the former Yugoslav Republic of Macedonia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Isabelle Berro-Lefèvre, President,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Julia Laffranque,
Erik Møse,
Linos-Alexandre Sicilianos, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 12 November 2013 and 14 January 2014,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 50179/07) against the former Yugoslav Republic of Macedonia lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by a Macedonian national, OMISSIS (“the applicant”), on 8 November 2007.
2. The applicant was represented by OMISSIS, a lawyer practising in Skopje. The Macedonian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr K. Bogdanov.
3. The applicant alleged that the extraordinary quashing of a final restitution order rendered in his favour had violated his proprietary rights.
4. On 5 May 2011 the application was communicated to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1941 and lives in Skopje.
A. Background of the case
6. On 27 September 1945 V.D.M., the applicant’s late grandfather, together with other individuals, A.J., T.K. and L.L., members of the Executive Board of company T. (“the company”), were convicted of offences against the people and the State since they had put the company T. at the disposal of the enemy forces (during the Second World War). They were all sentenced to a suspended prison term with forced labour. The court also ordered full confiscation of the company’s property.
7. On 9 January 1946 the then Skopje People’s District Court confiscated the company’s immovable property (including residential apartments for workers (работнички станови)) and various items of movable property, which were specified in detail in the decision (“the confiscation order”). The total surface area of the confiscated buildings was 3,496 square metres. Some 60,549 sq. m of land was also subject to confiscation. The confiscated property was to be transferred to the State. The confiscation order referred to V.D.M., A.J., T.K. and L.L., as “convicted shareholders” who had actual possession (фактичка сопственост) of the company.
B. Relevant actions pre-dating the restitution proceedings
8. On 29 December 1995 the company decided to restructure itself in accordance with the Law for Reorganisation of Companies with Business Losses (“the Company Restructuring (Business Losses) Act”).
9. On the basis of that decision and at the request of the applicant, who was seeking that the property be retained for restitution, on 18 October 1996 the company entered into a contract (“the 1996 contract”) with the State, represented by the Privatisation Agency, transferring to it the title to specific named buildings (which did not include the residential apartments), the total surface area of which was 1,240 sq. m. It further transferred into the State’s possession preference shares (приоритетни акции), the value of which was 2,158,831 German marks (DEM) (“the shares”).
10. Thereafter, on 28 December 1999 the Skopje Court of First Instance (“the first-instance court”), on the applicant’s request, overturned the 1945 judgment in respect of his late grandfather concerning the confiscation of the company’s property. This judgment became final on 31 January 2000.
11. In a judgment of 6 July 2000, which became final on 10 July 2000, the first-instance court declared the applicant heir to the right to claim restitution (наследник на правото на денационализација) in respect of the property of his late grandfather (V.D.M.). Referring to the 1945 judgment, the confiscation order and the judgment of December 1999 (see paragraphs 6, 7 and 10 above), the inheritance order also concerned the applicant’s right to claim “restoration of possession and payment of compensation” in respect of the company’s immovable and movable property.
C. Restitution proceedings
12. On 14 August 2000 the applicant instituted restitution proceedings. The parties did not submit a copy of the restitution claim.
13. On 13 September 2000 the Ministry of Finance, represented by two officials, drew up a report concerning an on-site inspection carried out on 12 September 2000. According to the report, which was typed on a computer, V.D.M., A.J., T.K. and L.L. had been the company’s shareholders. The land was in the company’s possession. In 1959 the land in question was divided into two plots, which included buildings with a total surface area of 3,377 sq. m. The entry in the new Land Register indicated that the total surface area of the buildings constructed on the land was 34,617 sq. m. The report further stated that only some of the buildings specified in the confiscation order, including the residential apartments, were still on the land.
14. On 15 September 2000 the Restitution Commission of the Ministry of Finance accepted the applicant’s restitution claim and decided 1) to restore to his possession the buildings specified in the 1996 contract (see paragraph 9 above) and the residential apartments and adjacent buildings (694 sq. m), together with the land underneath, as well as the land described as a courtyard (двор), a total surface area of 60,549 sq. m; 2) to transfer into his possession the preference shares specified in the 1996 contract as compensation for the movable property of the company; and 3) to transfer into his possession State-owned shares in company P. as compensation (the equivalent to approximately 51,400 euros (EUR) for land underneath) for other objects (1,561 sq. m). As stated in the order, the Restitution Commission, assisted by an expert, had carried out an on-site inspection and established that the total surface area of all confiscated buildings at the time of confiscation, was 3,496 sq. m.
15. The restitution order indicates that the applicant’s restitution claim, together with the complete case file, was communicated to the Solicitor General (Јавен Правобранител) (see paragraph 48 below) , who submitted in reply that “there was no statutory provision requiring him or her to comment on the matter” (не бил законски обврзан да се изјасни по барањето). As is evident from a letter of 21 March 2003 from the Ministry of Finance included in the case file, the restitution order was served on the Solicitor General. No appeal having been submitted, the restitution order became final on 13 October 2000.
16. On 13 February 2001 the Restitution Commission rectified the restitution order under sub-heading 3), stating that the applicant would receive State-owned shares in company Z.L. (“the rectifying decision”).
17. Between 21 February and 27 March 2001, the State authorities 1) transferred to the applicant title to the company’s preference shares (which represented 7.84% of the company’s share capital (основна главнина)), and buildings specified in the 1996 contract (on the basis of two separate contracts concluded between the Privatisation Agency and the applicant), and 2) registered him as the owner of the buildings and the land. According to an extract from the land registry dated 25 October 2006, the applicant had title to 62,755 sq. m. The applicant was recorded in the company’s shareholder book (акционерска книга), as well as in the Central Securities Depositary (Централен Депозитар за хартии од вредност), as a shareholder in company T. and company I.G. (apparently instead of company Z.L.) The Privatisation Agency requested that company T. allow the applicant to obtain actual possession (владение) of the immovable property.
18. On 29 November 2003 an expert commission of the Ministry of Finance carried out an on-site inspection and established that the land in question could not be returned to the applicant, since it served the existing buildings (company property and the residential apartments).
19. On 8 December 2003 the applicant requested that the Ministry of Finance enforce the restitution order and asked that the company transfer the “land and buildings” into his actual possession. On 15 January 2004 he repeated his request for enforcement. On 22 April 2004 the Ombudsman also recommended that the Ministry of Finance enforce the restitution order and transfer the land into the applicant’s actual possession.
20. On 21 January 2004 a Coordinating Commission in the Ministry of Finance, having been approached by a group of citizens residing in the apartments located on the land in question, noted that there had been “certain irregularities” in the restitution proceedings, and requested that the Government Appeal Commission (“the Commission”) review the restitution order under the Administrative Proceedings Act. On 22 October 2004 the Commission found no grounds to rescind the restitution order within its powers of supervisory review (укинување по право на надзор). It also stated that the Coordinating Commission should submit the case file to the Restitution Commission, which had the authority to quash the restitution order of its own motion provided the statutory requirements had been met.
D. Extraordinary proceedings in which the restitution order of 15 September 2000 was quashed
21. On 1 December 2004 the Solicitor General requested, under section 267 § 1 (3) and (5) of the Administrative Proceedings Act (see paragraph 44 below), that the Commission declare the restitution order and the rectifying decision null and void (барање за огласување ништовно). He submitted that the applicant had been awarded full restitution of the entire property of the company, despite the fact that, as specified in the confiscation order of 1946, the company had been jointly owned by several persons. Furthermore, the buildings restored to the applicant were not the same in terms of surface area and description as the buildings confiscated in 1946. The current value of the land now by far exceeded its value at the time of confiscation. Furthermore, the land had been developed in the meantime, and buildings with a total surface area of 34.064 sq. m had been constructed. Lastly, he maintained that the preference shares transferred into the applicant’s possession on the basis of the 1996 contract represented over half the value of the entire movable property of the company.
22. On 26 April 2006 the Commission granted the request, quashed the restitution order and the rectifying decision, and remitted the case for re-examination. It ordered the Land Registry and the Central Securities Depositary to amend their records accordingly. It held that the Solicitor General, in what was a manifest omission (очигледен пропуст), had not appealed against the impugned decisions in the ordinary proceedings “despite their apparent unlawfulness”. Referring to the confiscation order of 1946, the Commission stated:
“... V.D.M., A.J., T.K. and L.L. were the former owners of the confiscated property of [the company].
... it is not in doubt that [the applicant] is the heir only of V.D.M., thus of only a notional one-quarter of the confiscated property ...
This is sufficient (for the conclusion) that the first-instance commission violated the Restitution Act at the expense of the State, and that it follows that the [restitution order] is invalid.
As is evident from the expert report of 13 September 2000 (see paragraph 13 above), which was drawn up only two days before the restitution order, the confiscated property was not at all identical to the existing property, specifically the buildings confiscated in 1946, the total surface area of which was 3,496 sq. m, were supporting objects, while the current buildings, with a surface area of 34,617 sq. m, are modern and solid constructions. Furthermore, the confiscated buildings no longer exist, but completely different buildings, which are ten times bigger, were constructed instead. That was confirmed in the report of 29 November 2003 (see paragraph 18 above).
Furthermore, the land (60,549 sq. m) could not be the subject of restitution and it could not be returned under section 28 of the Restitution Act, since buildings (34,617 sq. m) belonging to the company T. had been constructed on that land. It is developed construction land with complete infrastructure, which serves the existing property ...
Lastly, the first-instance body wrongly applied sections 33, 34, 35 and 36 of the Restitution Act when it transferred into [the applicant’s] sole possession the entire package of reserved preference shares of all four former owners, actually their heirs, instead of only a notional one-quarter. As a result, the State sustained damages. Accordingly, [the restitution order] cannot be enforced, as specified under section 267 § 1 (3) of the Administrative Proceedings Act ...”
23. On 22 June 2006 the applicant lodged an administrative-dispute claim (тужба за управен спор) with the Supreme Court, in which he argued that the restitution order and the rectifying decision had already been enforced. They had been rendered in proceedings in which the Solicitor General had failed to lodge an ordinary appeal, although entitled to do so. The quashing of the order had been based on alleged errors in the facts, which could not serve as a ground for the extraordinary remedy used in his case. Furthermore, the Solicitor General had not been entitled to intervene in the proceedings in order to protect the interests of third parties. The applicant argued that the Commission, by quashing the relevant decisions over five years after they had been adopted, had violated the principle of legal certainty and irrevocability of final decisions. Lastly, he complained that the expert report of 13 September 2000, to which the Commission referred in the impugned decision, carried no stamp; it had not been drawn up on the form in use at the time; and the Restitution Commission had not quoted it in the restitution order of 15 September 2000. That raised doubts about the reliability of that document.
24. On 16 March 2007 the Supreme Court dismissed the applicant’s appeal. It stated that section 267 § 1 (3) of the Administrative Proceedings Act concerned both the factual (фактичка) and legal (правна) impossibility of enforcement. The restitution order and the rectifying decision were contrary to sections 13, 21 § 1 (1), 28 § 2, 33 and 36 of the Restitution Act (see paragraphs 31-38 below), and were accordingly legally unenforceable. The court further stated:
“... According to [the 1945 judgment], the confiscation concerned the convicted shareholders T.K., A.J. and L.L., who were (in addition to V.D.M.) the owners of [company T.]. Having regard to section 13 of the Restitution Act, [the applicant] applied as heir to the property of his legal predecessor, V.D.M. Consequently, he could inherit only V.D.M.’s share and not the entire property of [the company].
Having regard to the transcript of the hearing of 13 September 2000 ... the court finds that there has been a violation of section 21 of the Restitution Act, since it has not been established whether the value of the confiscated property has increased.
... there has been a violation of section 28 § 1 (2) of the Restitution Act, since land which has been developed and built upon (60,549 sq. m), as established on 29 November 2003 by a commission, has been restored [on the basis of the restitution order] to the possession of the applicant.
On the basis of the material in the case file it has been established beyond any doubt that the property subject to restitution had previously been owned by four persons, who were the shareholders. Consequently, there has been a violation of sections 33 and 36 of the Restitution Act, since the entire package of reserved preference shares for all four former shareholders was transferred to [the applicant’s] sole possession ...
... In the present case, the court underlines once more that there has been a violation of the imperative provisions of the Restitution Act, which made the enforcement of the final restitution order legally impossible, as specified under section 267 § 1 (3) of the Administrative Proceedings Act.
The court has examined [the applicant’s] allegations that there was a violation of the fundamental principle of finality of decisions in administrative proceedings, as well as that the impugned decision contained no reasons that could fall within the ambit of section 267 (of the Administrative Proceedings Act), but it considers them ill-founded. The Administrative Proceedings Act provides for the extraordinary remedy of declaring a decision null and void (section 267). [The Commission] is the competent body to decide, and the (impugned) decision clearly states that the decision was given under section 267 § 1 (3) of the Administrative Proceedings Act. Furthermore, the decision contains adequate reasoning.”
25. This judgment was served on the applicant on 11 May 2007.
26. On 3 July 2007 the public prosecutor found that there were no grounds to institute legality review proceedings (постапка по барање за заштита на законитоста) against the Supreme Court’s judgment.
E. Resumed restitution proceedings
27. On the basis of a request by the Restitution Commission, on 26 May 2008 an expert commission of the Ministry of Finance carried out an on-site inspection and found that construction of collective residential buildings had been planned under the town plan of May 2008 on the land in question. It further established that the part of the land on which roads, car parks and green space were planned could not be returned (не може да биде предмет на реално враќање). Over 42,600 sq. m of the land, the part on which construction of collective residential buildings was planned, could be restored.
28. On 7 December 2010 the Restitution Commission suspended the proceedings (прекинува) and instructed the applicant to institute, within fifteen days of service of that decision, separate civil proceedings in order to establish, as a preliminary question (претходно прашање), the amount of the share of V.D.M., his legal predecessor, in the company’s property. In the reasoning, it noted that on 9 May 2008 the applicant had submitted written evidence that T.K., A.J. and L.L. were not shareholders in the company. It also observed that five other requests for restitution of the company’s property had been submitted for consideration between 7 May 2003 and 15 May 2008. The claimants in those cases had provided documents indicating that their predecessors had been shareholders, dividing between them the entire property of the company.
29. The Government stated that most of the restitution claims concerning the property at issue which had been submitted by third parties had been dismissed.
30. On 22 December 2010 the applicant brought a civil action against T.K., A.J. and L.L., whose whereabouts were unknown, in which he sought to have the first-instance court declare V.D.M., his legal predecessor, the sole shareholder of the company. Those proceedings are still pending before the first-instance court.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. Restitution Act, consolidated version of 2000 (Закон за денационализација, пречистен текст, „Службен весник на Република Македонија„ бр.43/2000)
31. Section 13 of the Restitution Act entitled former owners and their heirs who had been recognised under inheritance rules to claim restitution.
32. In restitution proceedings it is for the Solicitor General to safeguard the proprietary rights and interests of the State (section 17).
33. Under section 20 § 1, the property in question could be restored into the possession of the claimant.
34. Under section 21 § 1 (1) of the Act, a property whose value increases after confiscation may be restored if the claimant pays the difference between the original and the increased value of the property.
35. Section 28 § 2 of the Act provided that building land was to be restored where the purpose of confiscation had not been achieved, as well as when that purpose had been achieved and the land, at the time of submission of the restitution claim, remained undeveloped.
36. Under section 29, the ownership of residential buildings and apartments could be restored in restitution proceedings.
37. The Privatisation Agency would transfer to the claimant the title to shares in the confiscated property of a restructured company, which were reserved and transferred to it on the basis of a contract (section 33).
38. Section 36 provided that the value of property specified under section 33 did not include property that the company had acquired after confiscation, nor did it include construction land on which business premises had been built.
39. Section 37 provided that compensation was to be paid for property that could not be returned.
40. A restitution order could be subject to an appeal to the Government (section 59). The Government’s decision on that appeal could be challenged by means of an administrative dispute (управен спор) before the Supreme Court (section 60).
41. Under section 63 § 2, third parties could assert their rights in respect of successful claimants to whom property had been restored or compensation paid on the basis of the Restitution Act, by means of a civil action before courts of general competence within five years of the date the restitution order became final.
42. Section 70 provided that lawful tenants who had lost their tenancy under section 29 of the Act were entitled to apply for the State to provide them with alternative accommodation (to rent or buy) according to the Law on Sale of Socially-Owned Apartments (“the Social Housing (Sales) Act”). Until they obtained occupancy of the alternative accommodation they were entitled to continue using the apartment in respect of which they had a lawful tenancy for up to one year after ownership of it had been returned to the claimant in restitution proceedings.
B. Administrative Proceedings Act 1986 (Закон за општата управна постапка)
43. Under section 12 of the Administrative Proceedings Act 1986, which was valid at the relevant time, a decision conferring rights or obligations to a party, which could no longer be challenged by means of an appeal or an administrative-dispute claim (a final decision) could be quashed, rescinded or amended in cases specified by law.
44. Section 267 § 1 of the Act provided that a decision could be declared null and void in the following cases: 1) if it had been rendered in administrative proceedings despite the fact that its subject matter was within the competence of a court; 2) if enforcement of the decision would give rise to a crime punishable under the Criminal Code or other laws; 3) if the decision was impossible to enforce; 4) if the decision had been issued in the absence of a claim; and 5) if it contained an error (неправилност) which was specified in an explicit statutory provision as a ground for nullity.
45. Under section 268 §§ 1 and 2, a decision could be declared null and void at any time at the request of a party to the proceedings or the public prosecutor. Both partial and full nullity could be ordered.
C. Solicitor General Act (Закон за Јавното Правобранителство, Official Gazette no. 47/1997)
46. Section 2 of the Solicitor General Act, as in force at the relevant time, provided that the Solicitor General protected the proprietary rights and interests of the State.
47. Under section 5, the Solicitor General represented the State and its bodies before national and foreign courts and bodies in property-related disputes.
48. According to section 10, the State bodies were obliged to notify the Solicitor General about any property-related dispute with domestic or foreign physical and legal persons.
49. Under section 16, the Government appointed the Solicitor General and his or her deputies.
THE LAW
ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 OF THE CONVENTION
50. The applicant complained under Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention that the State, by quashing the restitution order and the rectifying decision six years after they had been adopted, had deprived him of his possessions in respect of the immovable property and shares specified in those decisions. The quashing of the final order and the rectifying decision had been contrary to the principles of the rule of law and legal certainty. Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
51. The Government did not raise any objection as regards the admissibility of the application.
52. The Court notes that the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
(a) The applicant
53. The applicant contested the validity of the on-site inspection report of 13 September 2000 (see paragraph 13 above) arguing that it had been drawn up and attached to the case file subsequent to the restitution order. In this connection he submitted a written statement of 25 May 2004 in which an official of the Ministry of Finance, who had been responsible at the relevant time, had described how such reports were drawn up, namely that a blank form was filled in by hand by an expert. Further, he submitted documents attesting that in February 2005 insolvency proceedings had been requested by the State and opened against the company.
54. The Solicitor General, as the State representative, had participated in the restitution proceedings, but he had failed to comment on his restitution claim; neither had he appealed against the restitution order or instituted administrative-dispute proceedings before the Supreme Court. However, five years later he had requested the revocation of the restitution order notwithstanding that the facts of the case had remained the same.
55. The applicant denied that the buildings returned to him were not the same as those confiscated in 1946. The constructions specified in the confiscation order had been the same as those identified in the 1996 contract (see paragraph 9 above) and had been returned to him with the restitution order. He also contested that the land in question had been developed (изградено градежно земјиште). The 2008 report (see paragraph 27 above) demonstrated that the majority of the land could be returned. According to the relevant town planning documents, construction of collective residential buildings was planned for the area concerned. On the basis of the restitution order, he obtained title to the residential apartments that had been confiscated in 1946 and reserved for restoration under the 1996 contract. There were currently seventeen families living in those apartments, which were of extremely poor quality. Since those apartments were not socially owned, the State was not obliged to provide alternative accommodation for those affected by the restitution. In any event, lawful tenants were entitled to seek, under section 70 of the Restitution Act, to be provided with alternative accommodation by the State. The applicant also contested the findings of the domestic authorities that he should have been awarded only one-quarter of the company’s shares. In this connection he submitted that his predecessor was the sole proprietor of the company and that the remaining three individuals named in the confiscation order were not owners or shareholders of the company. In any event, those persons or their heirs had the opportunity to assert their rights, if any, regarding the property, under section 63 of the Restitution Act (see paragraph 41 above). No such persons had claimed any rights, either in restitution proceedings or in civil proceedings against him.
56. Lastly, the applicant reiterated that the restitution order had been set aside on the basis of an extraordinary remedy, which could be used without any time-limit. That fact alone was contrary to the principle of legal certainty. That remedy could be used in very exceptional circumstances of serious violations of law, which was not the case here. Errors made in the facts and law could not serve as a ground for declaring a final decision null and void. Furthermore, the financial interests of the State, if at stake, were not a matter of public interest and could not justify this interference with his possessions.
(b) The Government
57. The Government admitted that the final restitution order given in the applicant’s favour constituted a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, and that the quashing of the order amounted to a deprivation of his possessions. However, they submitted that the interference had been lawful; it had pursued a legitimate aim in the public interest; and it had been proportionate. In this connection they stated that it had been carried out in accordance with sections 267 and 268 of the Administrative Proceedings Act (see paragraphs 44 and 45 above). The Solicitor General, as a party to the proceedings, had sought revocation of the restitution order, which had been impossible to enforce, given the errors noted by the Commission and the Supreme Court. The restitution order of 2000, which had been adopted at a particular political moment and in an extremely short procedure in which State interests were not represented, had disregarded or failed to establish certain relevant facts, namely: the share in the property of the former owners indicated in the 1945 judgment; the property that could have been the subject of restitution, given the fact that the 1999 judgment had concerned only one former shareholder; that the property in question had meanwhile been developed with public funds; and that there were socially owned apartments on the site (referring to the “workers’” apartments), which accommodated thirty-three families. In this connection they submitted letters that the Restitution Commission had sent on 10 July 2008 to twenty-three individuals, seeking information regarding their tenancies. Those issues had made the enforcement of the restitution order burdensome.
58. The quashing of the order was aimed at protecting the proprietary rights and financial interests of the State. Furthermore, the interests of third parties, as well as those of the company which had operated and developed the site for many years previously, had also been disrespected. The Supreme Court had noted the “problems” in the restitution order and had instructed the Restitution Commission to take into consideration, in the resumed proceedings, the interests of third parties, whose guarantor was the State. Because of the many unclear issues concerning the property in question, the Restitution Commission had suspended the renewed proceedings and advised the applicant to establish, by means of a separate civil action, the share that his predecessor had had in the company’s capital. Lastly, the Government argued that there had been no other available means of protecting the public interest, which had been endangered by the restitution order.
2. The Court’s assessment
(a) General principles
59. The Court reiterates that the existence of a claim confirmed by a binding and enforceable judgment or an administrative decision furnishes the beneficiary with a “legitimate expectation” that the claim would be enforced, and constitutes the beneficiary’s “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. Quashing such a judgment or decision amounts to an interference with his or her right to peaceful enjoyment of possessions. An interference with the peaceful enjoyment of possessions must be lawful (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II) and must strike a fair balance between the demands of the general interests of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. In particular, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised by any measure depriving a person of his possessions (see Lenskaya v. Russia, no. 28730/03, § 45, 29 January 2009). The requisite “fair balance” will not be struck where the person concerned bears an individual and excessive burden (see Moskal v. Poland, no. 10373/05, §§ 49-52, 15 September 2009).
(b) Application to the present case
60. In the present case, the Court notes that the restitution order issued by the Restitution Commission on 15 September 2000 conferred on the applicant the title to the immovable property specified therein, as well as to the preference shares in the company that had been transferred earlier, on the basis of the 1996 contract, to the State. He also obtained possession of formerly State-owned shares in company I.G. as compensation for land which apparently it was impossible to return to him. On the basis of the restitution order, the applicant was recorded in the Land Registry as the owner of the land and buildings. He was also registered by the Securities Depositary as the shareholder in company T. and company I.G. (see paragraph 17 above). The Government admitted that the restitution order constituted a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. The Court sees no reasons to find otherwise. The mere fact that his property rights were later revoked does not prevent them from being a “possession” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 105, ECHR 2000 I).
61. The Court further considers, as the Government admitted, that the quashing of the restitution order, which became final, amounted to an interference with his possessions.
62. It must therefore ascertain whether the interference complained of was lawful and whether it was proportionate to the legitimate aim pursued.
(i) Lawfulness of the interference
63. As regards the lawfulness of the measure complained of, the Court observes that the extraordinary proceedings that led to the quashing of the restitution order were initiated, under section 268 of the Administrative Proceedings Act (see paragraph 45 above), by the Solicitor General, who had been a party to the restitution proceedings (see paragraphs 21 and 23 above). The intervention of the Solicitor General can be considered to have been taken in light of his or her right and duty to protect the proprietary rights and interests of the State (see paragraphs 32 and 46 above). The quashing of the order was based on section 267 § 1 (3) of the Administrative Proceedings Act (see paragraph 44 above), which provided that a final administrative decision could be set aside if it was impossible to enforce. Both the Commission and the Supreme Court referred to this provision in their decisions (see paragraphs 22 and 24 above). As interpreted by the Supreme Court, enforcement of an order could be impossible both factually and legally. It is therefore not in doubt that, as the Supreme Court established in its decision of 16 March 2007 (see paragraph 24 above), the measure complained of was based on valid statutory provisions.
64. It is true that, as the applicant argued (see paragraph 56 above), the domestic law did not explicitly provide that errors in facts and law could serve as a legal basis for the extraordinary quashing of a final restitution order. In this connection the Court reiterates that the existence of a legal basis in domestic law does not suffice in itself to satisfy the principle of lawfulness. In addition, the legal basis must have a certain quality, namely it must be compatible with the rule of law and must provide guarantees against arbitrariness (see N.K.M. v. Hungary, no. 66529/11, § 47, 14 May 2013).
65. The Court observes that the errors cited by the Commission and the Supreme Court concerned the following: 1) the applicant had obtained possession of the entire immovable property and preference shares in the company despite the fact that the company had been in the joint ownership of four individuals, one of whom had been the applicant’s late predecessor; 2) the buildings that had been restored to the applicant had been larger than those confiscated, in terms both of their size and of their value; and 3) there had been development on the land which had been returned to him on the basis of the restitution order. The Commission and the Supreme Court established that the Restitution Commission’s decision suffered from fundamental defects, as a result of which the restitution order was legally unenforceable. The Supreme Court further stated that those errors had violated imperative provisions of the Restitution Act (see paragraph 24 above). Having regard to the information before it and considering that it has only limited power to deal with alleged errors of fact or law committed by the national courts (see García Ruiz v. Spain [GC], no. 30544/96, § 28, ECHR 1999 I and Kopp v. Switzerland, 25 March 1998, § 59, Reports of Judgments and Decisions 1998 II), the Court considers that it cannot substitute its view for that of the national courts, which in the absence of any argument to the contrary, does not appear unreasonable or manifestly arbitrary.
66. In such circumstances, the Court considers that the decisions of the Commission and the Supreme Court dating 26 April 2006 and 16 March 2007 respectively can be accepted as providing a proper legal basis for the measure in question, taking into account the degree of autonomy and latitude afforded to the domestic authorities regarding the interpretation and application of domestic law.
67. The Court therefore concludes that the interference with the applicant’s property rights was provided for by law, as required by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
(ii) Legitimate aim
68. The Court reiterates that the national authorities, because of their direct knowledge of society and its needs, are in principle better placed than an international court to appreciate what is “in the public interest”. Under the system of protection established by the Convention, it is thus for the national authorities to make the initial assessment as to the existence of a problem of public concern warranting measures of deprivation of property. Here, as in other fields to which the safeguards of the Convention extend, the national authorities accordingly enjoy a certain margin of appreciation. The Court will respect the judgment of the national authorities as to what is “in the public interest” unless that judgment is manifestly without reasonable foundation (see Vistiņš and Perepjolkins v. Latvia [GC], no. 71243/01, § 98, 25 October 2012).
69. The Court accepts that the aim of the interference in question was to correct errors on the part of the Restitution Commission, which had led to the applicant’s being divested of proprietary rights, which he had acquired allegedly unjustly. Those errors, as argued by the Government, affected the proprietary rights and financial interests of the State, as well as the interests of third parties namely the company and those living in the residential apartments, which had been returned to the applicant (see paragraphs 20 and 57 above). As noted by the Commission and the Supreme Court, those errors also adversely affected the proprietary interests of A.J., T.K. and L.L. or their heirs (see paragraphs 22 and 24 above).
70. The Court therefore considers that the interference in question pursued a legitimate aim, namely to ensure that the public purse was not called upon to subsidise undeserving claimants. Holding otherwise would be contrary to the doctrine of unjust enrichment (see, mutatis mutandis, Moskal, cited above, §§ 63 and 73). In any event, the Court has already found that the protection of the rights and interests of third persons is a legitimate consideration which may justify the quashing of a final and binding judgment (see Protsenko v. Russia, no. 13151/04, § 33, 31 July 2008).
(iii) Proportionality
71. It remains to be ascertained whether the interference found by the Court satisfied the requirement of proportionality under Article 1 of Protocol No. 1. In particular, the Court has to assess whether the power to launch and conduct an extraordinary review was exercised by the authorities so as to strike, to the maximum extent possible, a fair balance between the interests of the applicant and the need to ensure the proper administration of justice, given the fact that the quashing of the restitution order was based on the findings that there had been fundamental defects in the proceedings before the Restitution Commission (ibid., § 29 and mutatis mutandis, Radchikov v. Russia, no. 65582/01, § 43, 24 May 2007).
72. Having examined the case file and the parties’ submissions, the Court is of the opinion that the authorities respected this requirement in the present case. In this connection the Court accepts that the extraordinary review procedure was conducted in compliance with the requirements of the domestic law and procedure (see paragraphs 63 and 66 above) and that the applicant had the opportunity effectively to challenge the measure complained of (see paragraph 23 above). Furthermore, it considers that the circumstances referred to by the Commission and the Supreme Court (see paragraphs 22 and 24 above) were in their nature and significance such as to justify the quashing of the final restitution order. The domestic authorities, including the Supreme Court, as the highest judicial authority in the State, exercised their power of review in order to correct certain fundamental defects committed by the Restitution Commission, which had been the first and only instance in the ordinary restitution proceedings that had examined the merits of the applicant’s claim. These errors led the review bodies to conclude that the restitution order had been legally unenforceable and in violation of the imperative provisions of the Restitution Act. In so doing they advanced reasons of substantial and compelling character that justify the extraordinary quashing of the final restitution order.
73. The Court observes that the deficiencies noted by the review bodies could have been rectified had the Solicitor General intervened before the Restitution Commission and availed himself of the available remedies in the ordinary restitution proceedings. The reasons for his or her inactivity remain unclear. However, the Court is of the opinion that the “manifest omission” of the Solicitor General in the ordinary restitution proceedings (see paragraph 22 above) cannot be interpreted, in the present case, as a bar to the impugned intervention, the aim of which was to correct fundamental errors. To consider otherwise would be contrary to the principle of the proper administration of justice. Given the particular circumstances of the case, the Court is not convinced that the errors of the Restitution Commission could be neutralised or corrected by any other means than those applied therein.
74. The Court further considers that the implications of the quashing of the restitution order are not without relevance in the present case. In this connection it notes that on the basis of the errors specified above, the case was remitted to the Restitution Commission for a fresh examination and since 2007 the restitution proceedings have been pending before the Restitution Commission. They were suspended in December 2010 when the applicant was instructed to initiate separate civil proceedings in order to establish the share of his late predecessor in the company’s property (see paragraph 28 above). The applicant may therefore recover possession of parts of the property after the restitution proceedings would resume.
75. Nevertheless, whereas the Court does not underestimate the complexity of the circumstances of the present case, the issue of proportionality further requires that the applicant should not be left in a situation of uncertainty for an unreasonable period of time. In this respect the Court notes with concern that the new restitution proceedings have been pending since 2007 and that, at present, it is unclear when they will come to an end. In this connection it recalls that there is an effective remedy before the Supreme Court that the applicant can avail himself of regarding the length of the resumed restitution proceedings (see Adži-Spirkoska and Others v. the former Yugoslav Republic of Macedonia (dec.), nos. 38914/05 and 17879/05, 3 November 2011). Whereas inactivity on behalf of the national authorities may in future lead the Court to hold otherwise, it does not find that the present situation is such that due to the still pending proceedings a disproportionate burden has been placed on the applicant.
76. The foregoing considerations thus lead the Court to conclude that the extraordinary quashing of the order did not amount in the present case to an unjustified interference with the applicant’s property rights as guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1.
77. There has accordingly been no violation of that Convention provision.
FOR THESE REASONS, THE COURT,UNANIMOUSLY,
1. Declares the application admissible;

2. Holds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 of the Convention.
Done in English, and notified in writing on 6 February 2014, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Isabelle Berro-Lefèvre
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusioni: Nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 1 del Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo della proprietà)



PRIMA LA SEZIONE






CAUSA VIKENTIJEVIK C. REPUBBLICA DELL’EX IUGOSLAVA E MACEDONIA

(Richiesta n. 50179/07)









SENTENZA


STRASBOURG

6 febbraio 2014





Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.

Nella causa di Vikentijevik c. la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Isabelle Berro-Lefèvre, Presidente
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Mirjana Lazarova Trajkovska,
Julia Laffranque,
Erik Møse,
Linos-Alexandre Sicilianos, giudici
e Søren Nielsen, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato il 2013 e 14 gennaio 2014 di 12 novembre,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 50179/07) contro la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con un cittadino macedone, OMISSIS (“il richiedente”), 8 novembre 2007.
2. Il richiedente fu rappresentato con OMISSIS, un avvocato che pratica in Skopje. Il Governo macedone (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig. K. Bogdanov.
3. Il richiedente addusse che lo straordinario annullando di un definitivo ordine di restituzione rese nel suo favore aveva violato i suoi diritti di proprietà riservati.
4. In 5 maggio 2011 la richiesta fu comunicata al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti della richiesta allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1941 e vive in Skopje.
Sfondo di A. della causa
6. Sul 1945 V.D.M di 27 settembre., il defunto nonno del richiedente, insieme con gli altri individui A.J., T.K. e L.L., membri del Consiglio Esecutivo di società T. (“la società”), fu dichiarato colpevole di reati contro le persone e lo Stato poiché loro avevano messo la società T. alla disposizione del nemico costringe (durante la Seconda Mondo Guerra). Loro erano tutti condannati ad un termine di prigione sospeso con forzato lavori. La corte ordinò anche pieno sequestro della proprietà della società.
7. 9 gennaio 1946 il poi la Corte distrettuale di Persone di Skopje confiscò il patrimonio immobiliare della società (incluso appartamenti residenziali per lavoratori (и)) ed i vari articoli di proprietà mobile che fu specificata in dettaglio nella decisione (“l'ordine di sequestro”). L'area di superficie totale degli edifici confiscati era 3,496 metri di piazza. Dei 60,549 sq. metro di terra era anche soggetto al sequestro. La proprietà confiscata sarebbe trasferita allo Stato. L'ordine di sequestro si riferì a V.D.M., A.J., T.K. e L.L., come “azionisti condannato” chi aveva proprietà effettiva (т) della società.
B. azioni Attinenti pre-datano i procedimenti di restituzione
8. 29 dicembre 1995 la società decise di ristrutturarsi in conformità con la Legge per Reorganisation di Società con Perdite di Affari (“la Società che Ristruttura (Perdite di Affari) l'Atto”).
9. Sulla base di che decisione ed alla richiesta del richiedente che stava chiedendo che la proprietà sia trattenuta per restituzione, 18 ottobre 1996 la società entrò in un contratto (“il contratto del 1996”) con lo Stato, rappresentò con la Privatizzazione AGENZIA, mentre trasferendo a sé il titolo agli specifici edifici chiamati (quale non incluse gli appartamenti residenziali), l'area di superficie totale di che era 1,240 sq. metro. Trasferì inoltre nella preferenza di proprietà dello Stato divide (и), il valore di che era 2,158,831 marchi tedeschi (DEM) (“le quote”).
10. Da allora in poi, 28 dicembre 1999 il Giudice di prima istanza di Skopje (“la corte di primo-istanza”), sulla richiesta del richiedente, rovesciò la sentenza del 1945 in riguardo di suo defunto nonno riguardo al sequestro della proprietà della società. Questa sentenza divenne definitivo 31 gennaio 2000.
11. In una sentenza di 6 luglio 2000 che divenne definitivo 10 luglio 2000 la corte di primo-istanza dichiarò l'erede di richiedente al diritto per chiedere restituzione (а) in riguardo della proprietà di suo defunto nonno (V.D.M.). Riferendosi alla sentenza del 1945, l'ordine di sequestro e la sentenza di dicembre 1999 (vedere divide in paragrafi 6, 7 e 10 sopra), l'ordine di eredità concernè anche il diritto del richiedente per chiedere “restituzione di proprietà e pagamento del risarcimento” in riguardo della proprietà immobile e mobile della società.
Procedimenti di Restituzione di C.
12. 14 agosto 2000 il richiedente avviò procedimenti di restituzione. Le parti non presentarono una copia della rivendicazione di restituzione.
13. 13 settembre 2000 il Ministero di Finanza, rappresentato con due ufficiali stese un rapporto riguardo ad un'ispezione di su-luogo eseguita 12 settembre 2000. Secondo il rapporto che fu battuto a macchina su un computer V.D.M., A.J., T.K. e L.L. era stato gli azionisti della società. La terra era nella proprietà della società. Nel 1959 la terra in oggetto fu diviso in due aree che edifici inclusi con un'area di superficie totale di 3,377 sq. metro. L'entrata nel Terra Registro nuovo indicato che l'area di superficie totale degli edifici costruì sulla terra era 34,617 sq. metro. Il rapporto affermò inoltre che solamente alcuni degli edifici specificati nell'ordine di sequestro, incluso gli appartamenti residenziali ancora era sulla terra.
14. 15 settembre 2000 la Restituzione Commissione del Ministero di Finanza accettò la rivendicazione di restituzione del richiedente e decise 1) ripristinare alla sua proprietà gli edifici specificarono nel contratto del 1996 (vedere paragrafo 9 sopra) e gli appartamenti residenziali ed edifici adiacenti (694 sq. metro), insieme con la terra sotto, così come la terra descrisse come un cortile (р), un'area di superficie totale di 60,549 sq. metro; 2) trasferire nella sua proprietà le quote di preferenza specificarono nel contratto del 1996 come risarcimento per la proprietà mobile della società; e 3) trasferire nella sua proprietà quote Statali in società P. come risarcimento (l'equivalente ad approssimativamente 51,400 euros (EUR) per terra sotto) per altri oggetti (1,561 sq. metro). Come affermato nell'ordine, la Restituzione Commissione, assistita con un esperto aveva eseguito un'ispezione di su-luogo e stabilito che l'area di superficie totale di tutti confiscò edifici al tempo del sequestro, era 3,496 sq. metro.
15. L'ordine di restituzione indica che la rivendicazione di restituzione del richiedente, insieme con l'archivio di causa completo fu comunicata al Procuratore legale Generale (л) (vedere paragrafo 48 sotto) che presentò in replica che “non c'era nessuna disposizione legale che li costringe lui o a fare commenti sulla questione” (о). Siccome è evidente da una lettera di 21 marzo 2003 dal Ministero di Finanza incluso nell'archivio di causa, l'ordine di restituzione fu notificato sul Procuratore legale Generale. Nessun ricorso stato stato presentato, l'ordine di restituzione divenne definitivo 13 ottobre 2000.
16. 13 febbraio 2001 la Restituzione Commissione rettificò l'ordine di restituzione sotto supplire-capeggiando 3), affermando che il richiedente riceverebbe quote Statali in società Z.L. (“la decisione che rettifica”).
17. Fra 21 febbraio e 27 marzo 2001, le autorità 1 Statali) trasferì al titolo di richiedente alla preferenza della società divide (quale rappresentò 7.84% del capitale di quota della società (а)), ed edifici specificati nel contratto del 1996 (sulla base di due contratti separati conclusa fra la Privatizzazione AGENZIA ed il richiedente), e 2) lo registrò come il proprietario degli edifici e la terra. Secondo un estratto dalla cancelleria di terra 25 ottobre 2006 datò, il richiedente aveva titolo a 62,755 sq. metro. Il richiedente fu registrato nel libro di azionista della società (), così come nel Depositario di Sicurezze Centrale (т), come un azionista in società T. e società I.G. (apparentemente invece di società Z.L.) La Privatizzazione AGENZIA richiese che società T. permette il richiedente di ottenere proprietà effettiva (е) del patrimonio immobiliare.
18. 29 novembre 2003 un perpetrazione competente del Ministero di Finanza eseguì un'ispezione di su-luogo e stabilito che la terra in oggetto non poteva essere ritornato al richiedente, poiché notificò gli edifici esistenti (proprietà di società e gli appartamenti residenziali).
19. 8 dicembre 2003 il richiedente richiese che il Ministero di Finanza esegue l'ordine di restituzione e chiese che il trasferimento di società il “terra ed edifici” nella sua proprietà effettiva. 15 gennaio 2004 lui ripetè la sua richiesta per esecuzione. 22 aprile 2004 il Difensore civile raccomandò anche che il Ministero di Finanza esegue l'ordine di restituzione e trasferisce la terra nella proprietà effettiva del richiedente.
20. 21 gennaio 2004 una Commissione che Coordina nel Ministero di Finanza, si stato stato avvicinato con un gruppo di cittadini che risiedono negli appartamenti localizzato sulla terra in oggetto, celebre che c'era stato “le certe irregolarità” nei procedimenti di restituzione, e richiese che la Ricorso Commissione Statale (“la Commissione”) faccia una rassegna l'ordine di restituzione sotto il Procedimenti Atto Amministrativo. 22 ottobre 2004 la Commissione non trovò nessuno motivi per rescindere l'ordine di restituzione all'interno dei suoi poteri di revisione direttiva (р). Affermò anche che la Commissione che Coordina dovrebbe presentare l'archivio di causa alla Restituzione Commissione che aveva l'autorità per annullare l'ordine di restituzione di sua propria istanza prevista che i requisiti legali erano stati incontrati.
D. procedimenti Straordinari nei quali fu annullato l'ordine di restituzione di 15 settembre 2000
21. 1 dicembre 2004 il Procuratore legale Generale richiese, sotto sezione 267 § 1 (3) e (5) del Procedimenti Atto Amministrativo (vedere paragrafo 44 sotto), che la Commissione dichiara l'ordine di restituzione e la decisione che rettifica privo di valore legale (о). Lui presentò che il richiedente era stato assegnato la piena restituzione della proprietà intera della società, nonostante il fatto che, siccome specificato nell'ordine di sequestro di 1946, la società era stata posseduta congiuntamente con molte persone. Inoltre, gli edifici ripristinati al richiedente non erano gli stessi in termini di area di superficie e descrizione come gli edifici confiscati nel 1946. Il valore corrente della terra eccedè ora di gran lunga il suo valore al tempo del sequestro. La terra era stata sviluppata nel frattempo inoltre, ed edifici con un'area di superficie totale di 34.064 sq. metro era stato costruito. Infine, lui sostenne che le quote di preferenza trasferirono nella proprietà del richiedente sulla base del contratto del 1996 rappresentò su metà il valore della proprietà mobile ed intera della società.
22. 26 aprile 2006 la Commissione accordò la richiesta, annullò l'ordine di restituzione e la decisione che rettifica, e rinviò la causa per riesame. Ordinò la Terra Cancelleria ed il Depositario di Sicurezze Centrale per correggere di conseguenza i loro documenti. Contenne che il Procuratore legale Generale in che che era un'omissione manifesta (т), non aveva fatto appello contro le decisioni contestate nei procedimenti ordinari “nonostante la loro illegalità evidente.” Riferendosi all'ordine di sequestro di 1946, la Commissione affermò:
“... V.D.M., A.J., T.K. e L.L. era i proprietari precedenti della proprietà confiscata di [la società].
... non è incerto che [il richiedente] è solamente l'erede di V.D.M., così di solamente un uno-quartiere astratto della proprietà confiscata...
Questo è sufficiente (per la conclusione) che il perpetrazione di primo-istanza violò il Restituzione Atto alla spesa dello Stato, e che segue che il [ordine di restituzione] è nullo.
Siccome è evidente dal rapporto competente di 13 settembre 2000 (vedere paragrafo 13 sopra) che fu disegnato su solamente due giorni di fronte all'ordine di restituzione la proprietà confiscata non era a del tutto identico alla proprietà esistente, specificamente gli edifici confiscarono nel 1946, l'area di superficie totale di che era 3,496 sq. metro, stava sostenendo oggetti, mentre gli edifici correnti, con un'area di superficie di 34,617 sq. metro, è costruzioni moderne e solide. Gli edifici confiscati esistono più inoltre, ma edifici completamente diversi che sono dieci volte più grande furono costruiti invece. Quel fu confermato nel rapporto di 29 novembre 2003 (vedere paragrafo 18 sopra).
Inoltre, la terra (60,549 sq. metro) non poteva essere la materia di restituzione e non poteva essere ritornato sotto sezione 28 della Restituzione Agisca, fin da edifici (34,617 sq. metro) appartenendo alla società T. era stato costruito su quel la terra. È sviluppato terra di costruzione con infrastruttura completa che notifica la proprietà esistente...
Il corpo di primo-istanza fece domanda erroneamente infine, sezioni 33, 34 che 35 e 36 della Restituzione Agiscono quando trasferì in [il richiedente] risuoli proprietà il pacco intero di quote di preferenza riservate di tutti i quattro proprietari precedenti, davvero i loro eredi, invece di solamente un uno-quartiere astratto. Di conseguenza, i danni sostenuti e Statali. Di conseguenza, [l'ordine di restituzione] non può essere eseguito, siccome specificato sotto sezione 267 § 1 (3) del Procedimenti Atto Amministrativo...”
23. 22 giugno 2006 il richiedente depositò una rivendicazione di amministrativo-controversia (р) con la Corte Suprema nella quale lui dibattè che l'ordine di restituzione e la decisione che rettifica già erano state eseguite. Loro erano stati resi in procedimenti nei quali il Procuratore legale Generale era andato a vuoto a depositare un ricorso ordinario, benché concedette di fare così. Gli annullare dell'ordine erano stati basati su errori allegato nei fatti che non potevano notificare come una base per la via di ricorso straordinaria usati nella sua causa. Inoltre, il Procuratore legale Generalee non era stato concesso per intervenire nei procedimenti per proteggere gli interessi di terze parti. Il richiedente dibatté che la Commissione, con annullando le decisioni attinenti più di cinque anni dopo che loro era stato adottato, aveva violato il principio della certezza legale ed irrevocabilità di definitivo decisioni. Infine, lui si lamentò che il rapporto competente di 13 settembre 2000 al quale la Commissione si riferì nella decisione contestata, non portò francobollo; non era stato disegnato su sulla forma in uso al tempo; e la Restituzione Commissione non l'aveva citato nell'ordine di restituzione di 15 settembre 2000. Che sollevò dubita dell'affidabilità di quel il documento.
24. 16 marzo 2007 la Corte Suprema respinse il ricorso del richiedente. Affermò che sezione 267 § 1 (3) del Procedimenti Atto Amministrativo riguardato sia il che riguarda i fatti (а) e legale () l'impossibilità di esecuzione. L'ordine di restituzione e la decisione che rettifica erano contrarie a sezioni 13, 21 § 1 (1), 28 § 2, 33 e 36 della Restituzione Agiscono (vedere divide in paragrafi 31-38 sotto), ed era di conseguenza giuridicamente non eseguibili. La corte affermò inoltre:
“... Secondo [la sentenza del 1945], il sequestro concernente gli azionisti condannato T.K., A.J. e L.L. che era (oltre a V.D.M.) i proprietari di [la società T.]. Avendo riguardo ad a sezione 13 della Restituzione Agisca, [il richiedente] fece domanda come erede alla proprietà del suo legale predecessore, V.D.M. Di conseguenza, lui potrebbe ereditare solamente V.D.M. ' s dividono e non la proprietà intera di [la società].
Avendo riguardo ad alla trascrizione dell'udienza di 13 settembre 2000... i costatazione di corte che c'è stata una violazione di sezione 21 della Restituzione Agiscono, poiché non è stato stabilito se il valore della proprietà confiscata è aumentato.
... c'è stata una violazione di sezione 28 § 1 (2) del Restituzione Atto, fin da terra che è stata sviluppata e è stata costruita su (60,549 sq. metro), come stabilito 29 novembre 2003 con un perpetrazione, è stato ripristinato [sulla base dell'ordine di restituzione] alla proprietà del richiedente.
Sulla base del materiale nell'archivio di causa è stato stabilito oltre qualsiasi dubita che la proprietà soggetto a restituzione prima fosse stata posseduta con quattro persone che erano gli azionisti. C'è stata di conseguenza, una violazione di sezioni che 33 e 36 della Restituzione Agiscono, fin dal pacco intero di quote di preferenza riservate per tutti i quattro azionisti precedenti fu trasferito a [il richiedente] risuoli proprietà...
... Al giorno d'oggi la causa, la corte ancora una volta sottolinea che c'è stata una violazione delle disposizioni imperative della Restituzione Agisca che fece l'esecuzione del definitivo ordine di restituzione giuridicamente impossibile siccome specificato sotto sezione 267 § 1 (3) del Procedimenti Atto Amministrativo.
La corte ha esaminato [il richiedente] dichiarazioni che c'era una violazione del principio fondamentale della finalità di decisioni in procedimenti amministrativi, così come che la decisione contestata non contenne nessuno ragioni che potrebbero incorrere all'interno dell'ambito di sezione 267 (del Procedimenti Atto Amministrativo), ma li considera mal-fondò. Il Procedimenti Atto Amministrativo prevede per la via di ricorso straordinaria di dichiarare una decisione privo di valore legale (sezione 267). [La Commissione] è il corpo competente da decidere, ed il (contestò) la decisione chiaramente stati che la decisione è stata data sotto sezione 267 § 1 (3) del Procedimenti Atto Amministrativo. Inoltre, la decisione contiene ragionamento adeguato.”
25. Questa sentenza fu notificata sul richiedente in 11 maggio 2007.
26. 3 luglio 2007 l'accusatore pubblico trovato che non c'erano nessuno motivi per avviare procedimenti di revisione di legalità (а) contro la sentenza della Corte Suprema.
E. Riassunto dei procedimenti di restituzione
27. In 26 maggio 2008 un perpetrazione competente del Ministero di Finanza eseguì un'ispezione di su-luogo sulla base di una richiesta della Restituzione Commissione, e fondò che costruzione di edifici residenziali e collettivi era stata progettata sotto il piano di città di maggio 2008 sulla terra in oggetto. Stabilì inoltre che la parte della terra sulla quale strade, parchi di macchina e spazio verde furono progettati non poteva essere ritornata (е). Su 42,600 sq. metro della terra, la parte sulla quale fu progettata costruzione di edifici residenziali e collettivi potrebbe essere ripristinato.
28. 7 dicembre 2010 la Restituzione Commissione sospese i procedimenti (а) ed istruì il richiedente ad avviare, entro quindici giorni della notifica di che decisione, procedimenti civili e separati per stabilire come una questione preliminare (е), l'importo della quota di V.D.M., il suo legale predecessore, nella proprietà della società. Nel ragionamento, notò, che in 9 maggio 2008 il richiedente aveva presentato prova scritto che T.K., A.J. e L.L. non era azionisti nella società. Osservò anche che cinque altre richieste per restituzione della proprietà della società erano state presentate per la considerazione fra il 2003 e 15 maggio 2008 di 7 maggio. I rivendicatori in quelle cause avevano offerto documenti che indicano che i loro predecessori erano stati azionisti, mentre divise fra loro la proprietà intera della società.
29. Il Governo affermò che la maggior parte delle rivendicazioni di restituzione riguardo alla proprietà in questione che era stato presentato con terze parti era stato respinto.
30. 22 dicembre 2010 il richiedente portò un'azione civile contro T.K., A.J. e L.L. cui dove era ignoto in che lui chiese di avere la corte di primo-istanza dichiari V.D.M., il suo legale predecessore, il risuoli azionista della società. Quelli procedimenti ancora sono pendenti di fronte alla corte di prima -istanza.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Atto di Restituzione, versione consolidata di 2000 (а, т„а„р.43/2000)
31. Sezione 13 del Restituzione Atto diede un titolo a proprietari precedenti ed i loro eredi che erano stati riconosciuti sotto articoli di eredità per chiedere restituzione.
32. In procedimenti di restituzione è per il Procuratore legale Generale per salvaguardare i diritti di proprietà riservati ed interessi dello Stato (sezione 17).
33. Sotto la sezione 20 § 1, la proprietà in oggetto potrebbe essere ripristinato nella proprietà del rivendicatore.
34. Sotto la sezione 21 § 1 (1) dell'Atto, una proprietà cui aumenti di valore dopo che il sequestro può essere ripristinato se il rivendicatore paga la differenza fra l'originale ed il valore aumentato della proprietà.
35. Sezione 28 § 2 dell'Atto previde che costruendo terra sarebbe ripristinato dove il fine del sequestro non era stato realizzato, così come quando che fine era stato realizzato e la terra, al tempo di osservazione della rivendicazione di restituzione rimasto non sviluppato.
36. Sotto sezione 29, la proprietà di edifici residenziali ed appartamenti potrebbe essere ripristinata in procedimenti di restituzione.
37. La Privatizzazione AGENZIA trasferirebbe al rivendicatore il titolo a quote nella proprietà confiscata di una società ristrutturata che fu riservata e trasferì a sé sulla base di un contratto (sezione 33).
38. Sezione 36 purché che il valore di proprietà specificò sotto sezione 33 non includa proprietà che la società aveva acquisito dopo il sequestro, né incluse terra di costruzione sulla quale erano stati costruiti locali di affari.
39. Sezione 37 purché che il risarcimento sarebbe pagato per proprietà che non poteva essere ritornata.
40. Un ordine di restituzione potrebbe essere soggetto ad un ricorso al Governo (sezione 59). La decisione del Governo su che ricorso potrebbe essere impugnato con vuole dire di una controversia amministrativa (Ñ€) di fronte alla Corte Suprema (sezione 60).
41. Sotto la sezione 63 § 2, terze parti potrebbero asserire i loro diritti in riguardo di rivendicatori riusciti a chi proprietà era stata ripristinata o il risarcimento pagò sulla base del Restituzione Atto, con vuole dire di un'azione civile di fronte a corti della competenza Generalee entro cinque anni della data che l'ordine di restituzione è divenuto definitivo.
42. Sezione 70 purché che inquilini legali che avevano perso il loro affitto sotto sezione 29 dell'Atto furono concessi per fare domanda per lo Stato per offrirli con alloggio alternativo (affittare o comprare) a norma di legge in saldi di Appartamenti Socialmente-posseduti (“l'Alloggio Sociale (le Vendite) l'Atto”). Finché loro ottennero occupazione dell'alloggio alternativo loro furono concessi per continuare usare l'appartamento in riguardo del quale loro avevano su un affitto legale per ad un anno dopo che proprietà di sé era stata ritornata al rivendicatore in procedimenti di restituzione.
B. Procedimenti Amministrativi Agiscono 1986 (а)
43. Sotto sezione 12 dei Procedimenti Amministrativi Agisce 1986 che erano validi al tempo attinente una decisione che conferisce diritti od obblighi ad una parte con la quale potrebbe essere impugnata più vuole dire di un ricorso o una rivendicazione di amministrativo-controversia (una definitivo decisione) potrebbe essere annullato, potrebbe essere rescisso o potrebbe essere corretto in cause specificate con legge.
44. Sezione 267 § 1 dell'Atto previde che una decisione potrebbe essere dichiarata privo di valore legale nelle cause seguenti: 1) se fosse stato reso in procedimenti amministrativi nonostante il fatto che il suo argomento era all'interno della competenza di una corte; 2) se esecuzione della decisione generasse un punibile delittuoso sotto il Codice Penale o le altre leggi; 3) se la decisione fosse impossibile per eseguire; 4) se la decisione fosse stata emessa nell'assenza di una rivendicazione; e 5) se contenesse un errore (т) quale fu specificato in una disposizione legale ed esplicita come una base per la nullità.
45. Sotto la sezione 268 §§ 1 e 2, una decisione potrebbe essere dichiarata privo di valore legale a qualsiasi tempo alla richiesta di una parte ai procedimenti o l'accusatore pubblico. Sia la nullità parziale e piena potrebbe essere ordinata.
C. Procuratore legale Generalee Atto (о, Ufficiale Pubblica n. 47/1997)
46. Sezione 2 del Procuratore legale Generalee Atto, come in vigore al tempo attinente, purché che il Procuratore legale Generale proteggè i diritti di proprietà riservati ed interessi dello Stato.
47. Sotto sezione 5, il Procuratore legale Generale rappresentò lo Stato ed i suoi corpi di fronte a cittadino e giudici stranieri e corpi in controversie proprietà-relative.
48. Secondo sezione 10, i corpi Statali furono obbligati per notificare il Procuratore legale Generale, di qualsiasi controversia proprietà-relativa con nazionale o estero fisico e soggetti giuridici.
49. Sotto sezione 16, il Governo nominò il Procuratore legale Generalee e suo o i suoi sostituti.
LA LEGGE
VIOLAZIONE PRESUNTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 DELLA CONVENZIONE
50. Il richiedente si lamentò Articolo 1 di Protocollo sotto N.ro 1 della Convenzione che lo Stato, con annullando l'ordine di restituzione e la decisione che rettifica sei anni dopo che loro era stato adottato, l'aveva spogliato delle sue proprietà in riguardo del patrimonio immobiliare e quote specificato in quelle decisioni. Gli annullare del definitivo ordine e la decisione che rettifica erano stati contrari ai principi dell'articolo di legge e la certezza legale. Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 della Convenzione legge siccome segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi Generalei di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse Generalee o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
51. Il Governo non sollevò qualsiasi eccezione come riguardi l'ammissibilità della richiesta.
52. La Corte nota che la richiesta non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti (a) Il richiedente
53. Il richiedente contestò la validità del rapporto di ispezione di su-luogo di 13 settembre 2000 (vedere paragrafo 13 sopra) dibattendo che era stato disegnato su ed attaccato all'archivio di causa susseguente all'ordine di restituzione. In questo collegamento lui presentò una dichiarazione scritto di 25 maggio 2004 nella quale un ufficiale del Ministero di Finanza che era stata responsabile al tempo attinente aveva descritto come simile rapporti furono disegnati su, vale a dire che un modulo in bianco fu riempito a mano in con un esperto. Inoltre, lui presentò documenti che attestano che a febbraio 2005 procedura fallimentare erano state richieste con lo Stato ed erano state aperte contro la società.
54. Il Procuratore legale Generalee, come il rappresentante Statale aveva partecipato nei procedimenti di restituzione, ma lui non era riuscito a fare commenti sulla sua rivendicazione di restituzione; né lui aveva fatto appello contro l'ordine di restituzione o procedimenti di amministrativo-controversia avviati di fronte alla Corte Suprema. Lui aveva richiesto ciononostante comunque, cinque anni più tardi la revoca dell'ordine di restituzione che i fatti della causa erano rimasti lo stessi.
55. Il richiedente negò che gli edifici ritornarono a lui non era gli stessi come quelli confiscati nel 1946. Le costruzioni specificate nell'ordine di sequestro erano state le stesse come quegli identificati nel contratto del 1996 (vedere paragrafo 9 sopra) ed era stato ritornato a lui con l'ordine di restituzione. Lui contestò anche che la terra in oggetto era stato sviluppato (е). Il rapporto del 2008 (vedere paragrafo 27 sopra) dimostrò che la maggioranza della terra potrebbe essere ritornata. Secondo la città attinente che progetta documenti, costruzione di edifici residenziali e collettivi fu progettata per l'area riguardata. Sulla base dell'ordine di restituzione, lui ottenne titolo agli appartamenti residenziali che erano stati confiscati nel 1946 e riservato per restituzione sotto il contratto del 1996. C'erano attualmente diciassette famiglie che vivono in quegli appartamenti che erano di qualità estremamente povera. Poiché quegli appartamenti non furono posseduti socialmente, lo Stato non fu obbligato per offrire alloggio alternativo per quelli colpì con la restituzione. In qualsiasi l'evento, inquilini legali furono concessi per chiedere, sotto sezione 70 della Restituzione Agisca, essere previsto con alloggio alternativo con lo Stato. Il richiedente contestò anche le sentenze delle autorità nazionali che lui sarebbe dovuto essere assegnato solamente un quarto delle quote della società. In questo collegamento lui presentò che suo predecessore era il risuoli proprietario della società e che i rimanere tre individui chiamati nell'ordine di sequestro non era proprietari o azionisti della società. In qualsiasi evento, quelle persone o i loro eredi avevano l'opportunità di asserire i loro diritti, se qualsiasi, riguardo alla proprietà, sotto sezione 63 della Restituzione Agisca (vedere paragrafo 41 sopra). Nessuno simile persone avevano chiesto qualsiasi i diritti, o in procedimenti di restituzione o in procedimenti civili contro lui.
56. Infine, il richiedente reiterò che l'ordine di restituzione era stato accantonato sulla base di una via di ricorso straordinaria che potrebbe essere usata senza qualsiasi il tempo-limite. Che fatto era contrario al principio della certezza legale da solo. Che via di ricorso potrebbe essere usata in circostanze molto eccezionali di violazioni serie di legge che non era la causa qui. Errori resero nei fatti e legge non poteva notificare come una base per dichiarare una definitivo decisione privo di valore legale. Inoltre, gli interessi finanziari dello Stato, se in pericolo, non era una questione di interesse pubblico e non poteva giustificare questa interferenza con le sue proprietà.
(b) Il Governo
57. Il Governo ammise che il definitivo ordine di restituzione dato nel favore del richiedente costituito un “la proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, e che gli annullare dell'ordine corrisposero ad una privazione delle sue proprietà. Comunque, loro presentarono che l'interferenza era stata legale; aveva intrapreso un scopo legittimo nell'interesse pubblico; ed era stato proporzionato. In questo collegamento loro affermarono che era stato eseguito in conformità con sezioni 267 e 268 dei Procedimenti Amministrativi Agiscono (vedere divide in paragrafi 44 e 45 sopra). Il Procuratore legale Generale, come una parte ai procedimenti aveva chiesto revoca dell'ordine di restituzione che era stato impossibile per eseguire determinato gli errori notati con la Commissione e la Corte Suprema. L'ordine di restituzione di 2000 che erano stati adottati ad un particolare momento politico ed in una procedura estremamente breve nella quale non furono rappresentati interessi Statali, aveva trascurato o non era riuscito a stabilire i certi fatti attinenti, vale a dire: la quota nella proprietà dei proprietari precedenti indicata nella sentenza del 1945; la proprietà che sarebbe potuta essere la materia di restituzione, determinato il fatto che la sentenza del 1999 aveva concernito solamente uno azionista precedente; che la proprietà in oggetto era stato sviluppato nel frattempo con finanziamenti pubblici; e che là fu posseduto socialmente appartamenti sul luogo (assegnando al “i lavoratori '” gli appartamenti) che accomodò trenta-tre famiglie. In questo collegamento loro presentarono lettere che la Restituzione Commissione aveva spedito sul 2008 a ventitré individui di 10 luglio, mentre chiedendo informazioni che riguardano i loro affitti. Quelli problemi avevano fatto l'esecuzione dell'ordine di restituzione gravosa.
58. L'annullare dell'ordine fu puntato contro di proteggendo i diritti di proprietà riservati ed interessi finanziari dello Stato. Inoltre, gli interessi di terze parti, così come quelli della società che aveva operato e prima sviluppava il luogo dal molti anni, era stato anche disrespected. La Corte Suprema aveva notato il “i problemi” nell'ordine di restituzione ed aveva istruito la Restituzione Commissione a prendere nell'esame, nei procedimenti ricapitolati gli interessi di terze parti il cui garante era lo Stato. A causa dei molti problemi poco chiari riguardo alla proprietà in oggetto, la Restituzione Commissione aveva sospeso i procedimenti rinnovati e considerato il richiedente per stabilire, con vuole dire di un'azione civile e separata, la quota che suo predecessore aveva avuto nel capitale della società. Infine, il Governo dibattè che non c'erano stati altri disponibile vuole dire di proteggere l'interesse pubblico che era stato messo in pericolo con l'ordine di restituzione.
2. La valutazione della Corte
(a) principi Generalei
59. La Corte reitera che l'esistenza di una rivendicazione confermò con una rilegatura e sentenza esecutiva o una decisione amministrativa fornisce il beneficiario con un “l'aspettativa legittima” che la rivendicazione sarebbe eseguita, e costituisce il beneficiario “le proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Annullando tale sentenza o decisione corrisponde ad un'interferenza con suo o il suo diritto a godimento tranquillo di proprietà. Un'interferenza col godimento tranquillo di proprietà deve essere legale (vedere Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II) e deve prevedere un equilibrio equo fra le richieste degli interessi Generalei della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. In particolare, ci deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo cercò di essere compreso con qualsiasi misura che spoglia una persona delle sue proprietà (vedere Lenskaya c. la Russia, n. 28730/03, § 45 29 gennaio 2009). Il richiesto “equilibrio equo” non sarà previsto dove la persona riguardò sopporta un carico individuale ed eccessivo (vedere Moskal c. la Polonia, n. 10373/05, §§ 49-52 15 settembre 2009).
(b) la Richiesta alla causa presente
60. Al giorno d'oggi la causa, la Corte nota che l'ordine di restituzione emise con la Restituzione Commissione 15 settembre 2000 conferito sul richiedente il titolo al patrimonio immobiliare specificò therein, così come alle quote di preferenza nella società che era stata trasferita più primo, sulla base del contratto del 1996, allo Stato. Lui ottenne anche proprietà di quote precedentemente Statali in società I.G. come risarcimento per terra che apparentemente era impossibile per ritornare a lui. Sulla base dell'ordine di restituzione, il richiedente fu registrato nella Terra Cancelleria come il proprietario della terra ed edifici. Lui fu registrato anche col Depositario di Sicurezze come l'azionista in società T. e società I.G. (vedere paragrafo 17 sopra). Il Governo ammise che l'ordine di restituzione costituì un “la proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. La Corte non vede nessuno ragioni di trovare altrimenti. Il fatto mero che i suoi diritti di proprietà furono revocati più tardi non impedisca loro dall'essere un “la proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (vedere Beyeler c. l'Italia [GC], n. 33202/96, § 105 ECHR 2000 io).
61. La Corte considera inoltre, siccome ammise il Governo, che gli annullare dell'ordine di restituzione che divenne definitivo corrisposero ad un'interferenza con le sue proprietà.
62. Deve accertare perciò se l'interferenza si lamentò di era legale e se era proporzionato allo scopo legittimo perseguito.
(i) la Legalità dell'interferenza
63. Come riguardi la legalità della misura si lamentò di, la Corte osserva che i procedimenti straordinari che hanno condotto all'annullare dell'ordine di restituzione furono iniziati, sotto sezione 268 dei Procedimenti Amministrativi Agisca (vedere paragrafo 45 sopra), col Procuratore legale Generale che era stato una parte ai procedimenti di restituzione (vedere divide in paragrafi 21 e 23 sopra). Si può considerare che l'intervento del Procuratore legale Generale sia stato preso in luce di, suo o il suo diritto ed il dovere di proteggere i diritti di proprietà riservati ed interessi dello Stato (vedere divide in paragrafi 32 e 46 sopra). L'annullare dell'ordine fu basato su sezione 267 § 1 (3) del Procedimenti Atto Amministrativo (vedere paragrafo 44 sopra) che purché che una definitivo decisione amministrativa potrebbe essere accantonata se fosse impossibile per eseguire. Sia la Commissione e la Corte Suprema si riferirono a questa disposizione nelle loro decisioni (vedere divide in paragrafi 22 e 24 sopra). Siccome interpretato con la Corte Suprema, esecuzione di un ordine potrebbe essere impossibile sia effettivamente e giuridicamente. Non è perciò incerto che, siccome la Corte Suprema stabilì nella sua decisione di 16 marzo 2007 (vedere paragrafo 24 sopra), la misura si lamentò di fu basato su disposizioni legali e valide.
64. È vero che, siccome dibattè il richiedente (vedere paragrafo 56 sopra), il diritto nazionale non previde esplicitamente che errori in fatti e legge potessero notificare come una base legale per lo straordinario annullando di un definitivo ordine di restituzione. In questo collegamento la Corte reitera che l'esistenza di una base legale in diritto nazionale non basta in se stesso soddisfare il principio della legalità. In oltre, la base legale deve avere una certa qualità, vale a dire deve essere compatibile con l'articolo di legge e deve offrire garanzie contro l'arbitrarietà (vedere N.K.M. c. l'Ungheria, n. 66529/11, § 47 14 maggio 2013).
65. La Corte osserva che gli errori citarono con la Commissione e la Corte Suprema concernè il seguente: 1) il richiedente aveva ottenuto proprietà del patrimonio immobiliare intero e preferenza divide nella società nonostante il fatto che la società era stata nella comproprietà di quattro individui, uno di chi era stato il defunto predecessore del richiedente; 2) gli edifici che erano stati ripristinati al richiedente erano stati più grande che quelli confiscarono, in termini sia della loro taglia e del loro valore; e 3) c'era stato sviluppo sulla terra che era stata ritornata a lui sulla base dell'ordine di restituzione. La Commissione e la Corte Suprema stabilirono che la decisione della Restituzione Commissione patì difetti fondamentali, come un risultato del quale l'ordine di restituzione era giuridicamente unenforceable. La Corte Suprema affermò inoltre che quegli errori avevano violato disposizioni imperative della Restituzione Agiscono (vedere paragrafo 24 sopra). Avendo riguardo ad alle informazioni di fronte a sé e considerando che ha limitato solamente potere per trattare con errori allegato di fatto o legge commise con le corti nazionali (vedere García Ruiz c. la Spagna [GC], n. 30544/96, § 28 ECHR 1999 io e Kopp c. la Svizzera, 25 marzo 1998, § 59 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1998 II), la Corte considera che non può sostituire la sua prospettiva per che delle corti nazionali che nell'assenza di qualsiasi argomento al contrario, non sembri irragionevole o manifestamente arbitrario.
66. In simile circostanze, la Corte considera, che le decisioni della Commissione e la datazione di Corte Suprema che il 2006 e 16 marzo 2007 di 26 aprile può essere accettato rispettivamente siccome offrendo una base legale e corretta per la misura in oggetto, prendendo che in considerazione il grado dell'autonomia e latitudine, riconobbe alle autorità nazionali riguardo all'interpretazione e la richiesta di diritto nazionale.
67. La Corte conclude perciò che l'interferenza coi diritti di proprietà del richiedente fu offerta per con legge, come richiesto con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
(l'ii) scopo Legittimo
68. La Corte reitera che le autorità nazionali, a causa della loro conoscenza diretta di società e le sue necessità sono meglio in principio messo che una corte internazionale per apprezzare che che è “nell'interesse pubblico.” Sotto il sistema di protezione stabilito con la Convenzione, è così per le autorità nazionali per fare la valutazione iniziale come all'esistenza di un problema di preoccupazione pubblica che garantisce misure della privazione di proprietà. Qui, come negli altri campi ai quali prolungano le salvaguardie della Convenzione, le autorità nazionali godono di conseguenza un certo margine della valutazione. La Corte rispetterà la sentenza delle autorità nazionali come a che che è “nell'interesse pubblico” a meno che questa sentenza è manifestamente senza fondamento ragionevole (vedere Vistiš ņe Perepjolkins c. la Lettonia [GC], n. 71243/01, § 98 25 ottobre 2012).
69. La Corte accetta che lo scopo dell'interferenza in oggetto era correggere errori da parte della Restituzione Commissione che aveva condotto all'essere del richiedente spossessato di diritti di proprietà riservati che lui aveva acquisito presumibilmente ingiustamente. Quegli errori, siccome dibattuto col Governo, affettato i diritti di proprietà riservati ed interessi finanziari dello Stato, così come gli interessi di terze parti vale a dire la società e quelli che vivono negli appartamenti residenziali che erano stati ritornati al richiedente (vedere divide in paragrafi 20 e 57 sopra). Come notato con la Commissione e la Corte Suprema, quegli errori colpirono anche avversamente gli interessi di proprietà riservati di A.J., T.K. e L.L. o i loro eredi (vedere divide in paragrafi 22 e 24 sopra).
70. La Corte considera perciò che l'interferenza in oggetto intraprese un scopo legittimo, vale a dire assicurare che il denaro pubblico non fu chiamato su per sovvenzionare rivendicatori immeritevoli. Sostenere altrimenti sarebbe contrario alla dottrina dell'arricchimento ingiusto (vedere, mutatis mutandis, Moskal citato sopra, §§ 63 e 73). In qualsiasi l'evento, la Corte già ha trovato che la protezione dei diritti ed interessi di terza persona è una considerazione legittima che può giustificare l'annullare di un definitivo e sentenza vincolante (vedere Protsenko c. la Russia, n. 13151/04, § 33 31 luglio 2008).
(l'iii) la Proporzionalità
71. Rimane essere accertato se l'interferenza trovata con la Corte soddisfatto il requisito della proporzionalità sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. In particolare, la Corte deve valutare se il potere per avviare e condurre una revisione straordinaria fu esercitato con le autorità così come prevedere, alla misura di massimo possibile, un equilibrio equo fra gli interessi del richiedente ed il bisogno di assicurare l'amministrazione corretta della giustizia, determinato il fatto che l'annullare dell'ordine di restituzione fu basato sulle sentenze che c'erano stati difetti fondamentali nei procedimenti di fronte alla Restituzione Commissione (l'ibid., § 29 e mutatis mutandis, Radchikov c. la Russia, n. 65582/01, § 43 24 maggio 2007).
72. Avendo esaminato l'archivio di causa e le parti le osservazioni di ', la Corte è dell'opinione che le autorità rispettarono questo requisito nella causa presente. In questo collegamento la Corte accetta che la procedura di revisione straordinaria fu condotta in ottemperanza coi requisiti del diritto nazionale e procedura (vedere divide in paragrafi 63 e 66 sopra) e che il richiedente aveva efficacemente l'opportunità di impugnare la misura si lamentò di (vedere paragrafo 23 sopra). Inoltre, considera che le circostanze assegnarono a con la Commissione e la Corte Suprema (vedere divide in paragrafi 22 e 24 sopra) era nella loro natura e significato come giustificare l'annullare del definitivo ordine di restituzione. Le autorità nazionali, incluso la Corte Suprema, come l'autorità giudiziale e più alta nello Stato il loro potere di revisione esercitò per correggere i certi difetti fondamentali commessi con la Restituzione Commissione che era stata i primi e solamente aveva citato un esempio nei procedimenti di restituzione ordinari che avevano esaminato i meriti della rivendicazione del richiedente. Questi errori condussero i corpi di revisione a concludere che l'ordine di restituzione era stato giuridicamente unenforceable ed in violazione delle disposizioni imperative della Restituzione Agisca. Nel fare così loro avanzarono ragioni di carattere sostanziale ed irresistibile che giustificato lo straordinario che annulla del definitivo ordine di restituzione.
73. La Corte osserva che le deficienze notarono coi corpi di revisione sarebbero potute essere rettificate avuto il Procuratore legale Generale intervenuto di fronte alla Restituzione Commissione e si sarebbero potute essere giovate a delle via di ricorso disponibili nei procedimenti di restituzione ordinari. Le ragioni per suo o la sua inattività rimane poco chiara. Comunque, la Corte è dell'opinione che il “omissione manifesta” del Procuratore legale Generale nei procedimenti di restituzione ordinari (vedere paragrafo 22 sopra) non può essere interpretato, al giorno d'oggi causa, come una sbarra all'intervento contestato lo scopo di che era correggere errori fondamentali. Considerare altrimenti sarebbe contrario al principio dell'amministrazione corretta della giustizia. Dato le particolari circostanze della causa, la Corte non si convince che gli errori della Restituzione Commissione potrebbero essere neutralizzati o potrebbero essere corretti con qualsiasi altro mezzo che quelli in esso applicati.
74. La Corte considera inoltre che le implicazioni dell'annullare dell'ordine di restituzione non sono senza attinenza nella causa presente. In questo collegamento nota che sulla base degli errori specificata sopra di, la causa fu rinviata alla Restituzione Commissione per un esame nuovo e fin da 2007 i procedimenti di restituzione sono stati pendenti di fronte alla Restituzione Commissione. Loro furono sospesi a dicembre 2010 quando il richiedente fu istruito per iniziare procedimenti civili e separati per stabilire la quota di suo defunto predecessore nella proprietà della società (vedere paragrafo 28 sopra). Il richiedente può recuperare perciò proprietà di parti della proprietà dopo che i procedimenti di restituzione ricapitolerebbero.
75. Ciononostante, mentre la Corte non sottovaluta la complessità delle circostanze della causa presente, il problema della proporzionalità richiede inoltre che il richiedente non dovrebbe essere lasciato in una situazione dell'incertezza per un periodo irragionevole di tempo. In questo riguardo la Corte nota con preoccupazione che i procedimenti di restituzione nuovi sono pendenti dal 2007 e che, attualmente, è poco chiaro quando loro finiranno. In questo collegamento ricorda che c'è una via di ricorso effettiva di fronte alla Corte Suprema che il richiedente può giovarsi a di riguardo alla lunghezza dei procedimenti di restituzione ricapitolati (vedere Adži-Spirkoska ed Altri c. la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia (dec.), N. 38914/05 e 17879/05, 3 novembre 2011). Mentre l'inattività in favore delle autorità nazionali può in piombo futuro la Corte per sostenere altrimenti, non trova che la situazione presente è simile che a causa dell'ancora procedimenti pendenti che un carico sproporzionato è stato messo sul richiedente.
76. Le considerazioni precedenti così il piombo la Corte per concludere che lo straordinario annullando dell'ordine non corrispose nella causa presente ad un'interferenza ingiustificata coi diritti di proprietà del richiedente come garantito con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
77. Non c'è stata di conseguenza violazione di quel disposizione di Convenzione.
PER QUESTE RAGIONI, IL COURT,UNANIMOUSLY,
1. Dichiara la richiesta ammissibile;

2. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 della Convenzione.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 6 febbraio 2014, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Søren Nielsen Isabelle Berro-Lefèvre
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.