Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF EAST WEST ALLIANCE LIMITED v. UKRAINE

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 13, 35, P1-1

NUMERO: 19336/04/2014
STATO: Ucraina
DATA: 23/01/2014
ORGANO: Sezione Quinta


TESTO ORIGINALE

Conclusion(s)
Preliminary objection joined to merits and dismissed (Article 35-1 - Exhaustion of domestic remedies)
Violation of Article 13 - Right to an effective remedy (Article 13 - Effective remedy)
Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Deprivation of property)
Pecuniary and non-pecuniary damage - award


FIFTH SECTION





CASE OF EAST/WEST ALLIANCE LIMITED v. UKRAINE

(Application no. 19336/04)










JUDGMENT


STRASBOURG

23 January 2014



This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of East/West Alliance Limited v. Ukraine,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Mark Villiger, President,
Angelika Nußberger,
Boštjan M. Zupančič,
Ganna Yudkivska,
André Potocki,
Paul Lemmens,
Aleš Pejchal, judges,
and Stephen Phillips, Deputy Section Registrar,
Having deliberated in private on 17 December 2013,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 19336/04) against Ukraine lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) on 27 May 2004 by OMISSIS., an Irish company based in Dublin with a representative office in Ukraine (“the applicant company”).
2. The applicant company was represented by the “International law firm “Consulting” based in Kyiv. The Ukrainian Government (“the Government”) were represented by their Agent, most recently Mr Nazar Kulchytskyy.
3. The applicant company alleged breaches of Article 1 of Protocol No. 1, as well as Article 6 § 1 and Article 13 of the Convention, on account of the authorities’ numerous and multifaceted interferences with its property rights to fourteen aircraft, which allegedly resulted in its being deprived of those possessions.
4. On 31 March 2010 the application was communicated to the Government.
5. On 27 April 2012 the President of the Section decided, under Rule 54 § 2 (c) of the Rules of Court, that the parties should be invited to submit further written observations on the admissibility and merits of the application.
6. The Irish Government, having been informed of their right to intervene in the proceedings (Article 36 § 1 of the Convention and Rule 44 of the Rules of Court), indicated that they did not wish to exercise that right.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
7. At the time of the events the applicant company, along with ATI (an air cargo traffic company), URARP (an aircraft repairs and maintenance company), and some other companies involved in the aviation business, belonged to the Titan Consortium.
8. At various times between August 1997 and March 2002, when he was elected to the national parliament, the president of the Ukrainian office of the applicant company, ATI and the Titan Consortium was a certain Mr L.
A. Facts concerning the An-28 aircraft
1. Purchase and business operations by the applicant company
9. Pursuant to a sale contract of 30 July 1999, as modified on 28 December 1999, the applicant company purchased eight Antonov-28 (“An-28”) aircraft from the Russian airline company S. The aircraft had been manufactured in 1988-1990, and their flying records ranged from 1,455 to 2,821 hours.
10. On 9 and 19 January 2000 the applicant company leased those aircraft to ATI for ten years. It was stipulated in the contract that the aircraft would remain the property of the applicant company during that entire period. The ownership could then be transferred to ATI, on condition that it had settled all the leasing payments.
11. On 22 and 28 March 2000 the Ministry of Transport of Ukraine registered the aircraft. The applicant company was indicated as the owner in the registration certificates.
12. In November 2000 one of the aircraft was relocated to Moldova for commercial purposes.
13. On 7 March 2001 another aircraft was sold to company C.
14. The six remaining aircraft were parked at the Uzyn airbase in the Kyiv region (Bila Tserkva).
15. On 6 July 2001 the applicant company and ATI terminated the lease agreement because the lessee was unable to comply with its terms.
16. On 20 August 2001 the applicant company concluded an agreement on a ten-year lease of the six aircraft to another company, R.S.T., which was to take effect on 1 October 2001. That agreement, however, never entered into force.
2. Criminal proceedings against URARP and ATI officials
17. Between 23 and 25 January 2001 the tax police conducted a search on the premises of the Titan Consortium in Kyiv, including the applicant company’s office, apparently in the context of criminal investigations against URARP on account of suspected tax evasion. As a result, it seized “a considerable number of documents” (quoted from a ruling of the Kyiv Prosecutor’s Office of 20 September 2002 – see paragraph 27 below). The seized documentation included the original contract of sale for the six An-28s parked at the Uzyn airbase. The case file does not contain the search-and-seizure report.
18. On 23 March 2001 the tax police launched criminal proceedings against ATI officials on suspicion of tax evasion.
19. On 29 March 2001 the proceedings were discontinued as they had been instituted prematurely. However, by the same ruling the tax police instituted criminal proceedings against ATI officials on suspicion of document forgery.
20. On 30 March 2001 the tax police held an “inspection of the scene” at the Uzyn airbase, as a result of which they discovered and seized the six An-28 aircraft. The seizure was documented by a “report of the inspection of the scene” (the same procedure took place at Cherkasy airport in respect of eight L-410 planes also belonging to the applicant company – see paragraph 104 below). As the security guard was unable to produce the documentation for those aircraft, submitting that it was in the applicant company’s office in Kyiv, the police concluded that “their owner could not be established”.
21. The applicant company challenged the aforementioned seizure (as well as the seizure of the L-410 aircraft – see paragraph 105 below) before the prosecution authorities.
22. On 10 January 2002 the tax police opened again a criminal case against the ATI officials on suspicion of tax evasion.
23. On 21 March 2002 the Kyiv City Prosecutor’s Office wrote to the applicant company, in reply to its complaint about the alleged unlawfulness of the seizure of the aircraft of 30 March 2001, that it could not decide on the seizure of the An-28 aircraft, as in the meantime, on 10 September 2001, the Kyiv City Commercial Court had also impounded them in the context of the commercial proceedings brought by the tax authorities (see paragraph 35 below). As regards the L-410s, their seizure was found to be unlawful as it had not been based on an adequate procedural document (see paragraph 106 below).
24. On an unspecified date a criminal case was opened against the vice-president of ATI, who was charged with abuse of office, forgery, tax evasion and money laundering. Apparently, this criminal case replaced those previously opened against the ATI officials (see paragraphs 18 and 22 above). The ATI vice-president was suspected, in particular, of having forged the contracts of 9 and 19 January 2000 (see paragraph 10 above) for the allegedly non-existent lease of the aircraft, with a view to tax evasion.
25. On 17 April 2002 the tax police investigator conducted another inspection of the planes at the Uzyn airbase.
26. On the same date the investigator classified the planes as material evidence in the criminal case against the ATI vice-president, with reference to Articles 78 and 79 of the Code of Criminal Procedure (see paragraph 138 below).
27. On 20 September 2002 the Kyiv City Prosecutor’s Office refused to institute criminal proceedings against the tax police in respect of, inter alia, the search of the applicant company’s office between 23 and 25 January 2001 and the seizure of documentation relating to the aircraft. It was the fourth decision of the prosecution authorities refusing to open a criminal case in that regard. The previous three had been quashed on grounds of insufficient evidence. The applicant company also unsuccessfully tried to bring a civil claim in that regard.
28. On 3 February 2003 the Pecherskyy District Court of Kyiv (“the Pecherskyy Court”) found the vice-president of ATI guilty of professional negligence and acquitted him of the other charges (including the forgery of the lease contracts of 9 and 19 January 2001). By the same judgment the court ordered that the six AN-28s used as material evidence in the case be returned to “their owner”. On 8 May 2003 the Kyiv City Court of Appeal upheld that judgment.
29. On 26 May 2003 the Pecherskyy Court wrote to the State company in charge of the management of the Uzyn airbase stating that, pursuant to the judgment of 3 February 2003, the planes in question were to be returned to their owner.
30. On 30 May 2003 the airbase manager forwarded that instruction to the State Tax Inspectorate in Bila Tserkva (further referred to as “the Bila Tserkva Tax Inspectorate” or “the tax inspectorate”), which had entrusted it with their storage. The airbase manager also indicated that the tax inspectorate owed the State company 46,295 Ukrainian hryvnias (UAH) for the storage.
31. On 2 June 2003 the tax inspectorate replied that meanwhile, on 16 September 2002, the aircraft had been declared ownerless (see paragraph 41 below) and that there were no lawful grounds for discontinuing their sale for State revenue (see also paragraphs 61-65 below). As to the supposed indebtedness, the tax inspectorate submitted that the planes, which were now State property, had been stored in a State-owned airbase and guarded by the tax police (see paragraphs 73-74 below). Accordingly, it considered the claim for storage costs to be without basis.
32. On 7 February 2005 the Pecherskyy Court specified that, in accordance with the judgment of 3 February 2003, the six An-28s were to be returned to the applicant company, which was their owner.
33. On 28 February 2005 the court issued a writ of execution on the basis of its ruling of 7 February 2005.
3. Proceedings brought by the tax authorities for invalidation of the lease contracts of the aircraft
34. On 20 August 2001 the Pecherskyy District State Tax Administration in Kyiv lodged a claim with the Kyiv City Commercial Court against the applicant company and ATI, seeking to invalidate the lease contracts of 9 and 19 January 2000 (see paragraph 10 above). The claimant submitted that the applicant company had in fact supplied the planes to ATI free of charge, while the impugned lease contracts had subsequently been forged to conceal that fact, with a view to absolving ATI from any income tax payable. In addition to invalidation of the lease contracts, the tax administration sought confiscation of the eight aircraft, with the proceeds of their sale going to the State budget. It also requested that the planes be impounded as an interim measure to secure the claim.
35. On 10 September 2001 the court started the proceedings. It secured the claim by impounding the eight aircraft (including that sold to company C. and the one relocated to Moldova).
36. On 12 October 2001 company C. asked the court to lift the impoundment of the plane it had purchased. That request was apparently granted.
37. On 27 June 2003 the Kyiv City Commercial Court rejected the claim of the tax administration as unsubstantiated. It noted that it had been common ground that ATI had not complied with the lease contracts and therefore the applicant company remained the owner of the aircraft. The court also quashed the impoundment order of 10 September 2001 (see paragraph 35 above).
38. On 29 September 2003 the Kyiv Commercial Court of Appeal upheld that judgment. It stated that the applicant company’s ownership of the aircraft had been confirmed by documents, while the allegation that some of the documents had been forged had been found to be unsubstantiated in the judgment of 3 February 2003 (see paragraph 28 above).
4. Authorities’ decision to declare the six aircraft ownerless
39. On 10 July 2002 an investigator of the Bila Tserkva Tax Inspectorate issued a report about “the temporary seizure of the taxpayer’s assets” in respect of the six An-28 planes parked at the Uzyn airbase, with a view to “settlement of the taxpayer’s obligations vis-à-vis State budgets and target funds”. The report listed the planes’ registration numbers and referred to subsection 3.2 of section 9 of the Law of Ukraine “On the procedure for the settlement of taxpayers’ obligations to State budgets and special-purpose funds” (see paragraph 140 below). It was signed by a tax police official, the Uzyn airbase manager and two attesting witnesses.
40. On 11 July 2002 the deputy head of the Bila Tserkva Tax Inspectorate issued a decision about “the administrative seizure of the taxpayer’s assets” in respect of the aircraft in question. The decision reiterated that the measure had been undertaken with a view to “settlement of the taxpayer’s obligations vis-à-vis budgets and State target funds”. It was noted in the line “the taxpayer whose assets have been seized” that the owner of the aircraft had not been established.
41. On 16 September 2002 the Bila Tserkva City State Administration (“the Bila Tserkva Administration”) issued an order by which it declared the six aircraft ownerless and empowered the tax police to sell them. As a result, between March and June 2003 the planes were sold to third parties (see paragraphs 61-65 below).
42. On 15 May 2003 the applicant company lodged a claim with the Kyiv Regional Commercial Court against the Bila Tserkva Administration, challenging the order of 16 September 2002. It submitted that it was the legitimate owner of the aircraft, that the defendant had duly been informed of that fact, and that the impugned order had amounted to unlawful expropriation of the applicant company’s property.
43. On 3 June 2003, in order to secure the claim of the applicant company, the court banned any transactions involving the aircraft.
44. Consequently, on 4 June 2003 a bailiff sealed the six aircraft. The Ad Hoc Investigation Commission for the Investigation into Reasons for the Ukrainian Aviation Crisis Situation (“the Parliamentary Investigation Commission”), which in the meantime had been set up under the chairmanship of Mr L., MP (see paragraph 8 above), and to which the applicant company had complained, also sealed the aircraft.
45. The Bila Tserkva Administration appealed against the impoundment of the aircraft ordered on 3 June 2003 submitting, in particular, that the applicant company’s claim was of a non-pecuniary nature, being limited to the invalidation of a document.
46. On 8 July 2003 the Kyiv City Commercial Court of Appeal rejected that appeal. It found the appellant’s arguments groundless because the subject matter of the dispute was twofold: firstly, the impugned decision had declared the planes ownerless, and, secondly, it had authorised the tax authorities to sell the planes. Accordingly, a failure to secure the claim could jeopardise enforcement of any future judgment on the dispute.
47. On 11 November 2003 the Higher Commercial Court quashed the rulings of 3 June and 8 July 2003 on a cassation appeal lodged by the Bila Tserkva Administration. It noted that as of 3 June 2003 the planes had remained impounded in order to secure a claim in another set of proceedings under a ruling of 10 September 2001, which had not been quashed until 27 June 2003 (see paragraphs 35 and 37 above). As the legal procedure did not provide for “double” measures for securing claims, the ruling of the Kyiv Regional Commercial Court of 3 June 2003 had no legal basis.
48. On 25 December 2003 the Kyiv Regional Commercial Court found in favour of the applicant company and quashed the order of the Bila Tserkva Administration of 16 September 2002 (see paragraph 41 above). It stated that the property rights of the applicant company were confirmed by the aircraft registration certificates dated 28 March 2000 (see paragraph 11 above).
49. On 9 April 2004 the Kyiv Commercial Court of Appeal upheld that judgment. It also issued a separate ruling in which it referred, inter alia, to the documentary evidence in the case file proving that the Bila Tserkva Administration had proceeded with the sale of the planes on the grounds that they were ownerless (see paragraphs 41 and 61-65 below) after having received documents from the applicant company confirming the latter’s ownership of those planes. The court thus concluded that, by declaring the planes ownerless, the defendant had infringed the applicant company’s property rights. It further instructed the Kyiv Regional State Administration, the Kyiv City Tax Administration, and the Bila Tserkva Tax Inspectorate “to take appropriate measures in respect of the officials guilty of the violations of the procedure for identifying and declaring ownerless the property belonging to the [applicant company].”
50. On 20 July 2004 the Higher Commercial Court upheld the lower courts’ decisions of 25 December 2003 and 9 April 2004.
51. On 9 December 2004 the General Prosecutor’s Office (“the GPO”) instituted criminal proceedings on the suspected abuse of power by officials of the tax and other state authorities, which had “had grave consequences”. The prosecutor noted that, by declaring the applicant company’s aircraft ownerless and selling them, as well as by unlawfully seizing its L-410s (see also paragraphs 104 and 106 below), the authorities had caused the applicant company “direct pecuniary damage of over one million Ukrainian hryvnias”. On 15 December 2004 the supervision department of the GPO quashed the ruling of 9 December 2004 as premature. However, this later decision was subsequently also set aside (by the Deputy General Prosecutor’s decision of 14 April 2005). There is no information on any further developments in the investigation.
52. On 21 December 2004 the Supreme Court quashed the judgment of the Kyiv Regional Commercial Court of 25 December 2003 and the related rulings of the higher-level courts (see paragraphs 48 and 50 above) and remitted the case for fresh examination to the first-instance court. It considered that the courts had made a premature finding that the applicant company was the owner of the aircraft. The fresh examination of the case was supposed to clarify, including with the help of a forensic graphological examination, whether the contracts of sale of 30 July and 28 December 1999 (see paragraph 9 above) were authentic and in compliance with the Russian legislation as indicated therein.
53. On 25 September 2006 the Kyiv Regional Commercial Court, having examined the case afresh, allowed the applicant company’s claim once again and quashed as unlawful the order of the Bila Tserkva Administration of 16 September 2002 (see paragraph 41 above). Pursuant to the instructions of the Supreme Court, it had undertaken a forensic graphological examination of the contract of sale of 30 July 1999 and the additional agreement of 28 December 1999, and had found the signatures on them to be authentic. The court further established that the transaction had taken place in compliance with Russian legislation as indicated in the contracts. It underlined that the aircraft had been declared ownerless despite the fact that the case file had contained copies of the certificates of their registration with the Ministry of Transport of Ukraine of 28 March 2000 (see paragraph 11 above). Furthermore, the Russian company S. had confirmed to the court in writing that it had sold the planes at issue to the applicant company. Accordingly, the court concluded that there were no reasons not to consider the contract of sale of 30 July 1999 as appropriate proof of the applicant company’s title to the planes. The court also found that the Bila Tserkva Administration had breached the procedure for identifying and declaring the property ownerless.
54. The Bila Tserkva Administration, the Bila Tserkva Tax Inspectorate and the Kyiv Regional Prosecutor’s Office appealed.
55. The Kyiv Tax Administration also enquired with Interpol whether the applicant company was registered and pursued its activities lawfully.
56. On 16 January 2007 the Kyiv Regional Commercial Court of Appeal stayed the examination of the case pending receipt of information from the Irish Interpol Department concerning that enquiry.
57. On 27 February 2007 the Ukrainian Interpol Department informed the applicant company of the reply of their Irish counterparts confirming that it (the applicant company) had no criminal record, nor any problems with the police in Ireland.
58. On 7 June 2007 and 14 October 2008 the Kyiv Regional Commercial Court of Appeal and the Higher Administrative Court, respectively, upheld the judgment of the Kyiv Regional Commercial Court of 25 September 2006 (see paragraph 53 above; apparently at some point the jurisdiction over the case had been changed from commercial to administrative).
59. On 10 November 2008 the applicant company asked the Bila Tserkva Tax Inspectorate to return the six aircraft to it, with reference to those judicial decisions.
60. On 10 December 2008 the tax inspectorate replied that it was impossible to return the planes to the applicant company, because they had been sold off at a public auction in the meantime (see paragraphs 63-65 below).
5. Sale of the aircraft to third parties
61. In July 2002, following the seizure of the aircraft (see paragraphs 39-40 above), the Bila Tserkva Tax Inspectorate commissioned the Ukrimpeks-2000 company to store and sell them.
62. The applicant company unsuccessfully sought to prevent the sale before the Bila Tserkva Administration.
63. On 17 March 2003 Ukrimpeks-2000 sold one plane to a private company.
64. On 24 April 2003 four other planes were sold to another private company.
65. On 4 June 2003 the sixth plane was sold to the Ukrainian State Air Traffic Service Enterprise.
66. On 12 December 2003 the Kyiv Regional Commercial Court started proceedings following a claim by the applicant company challenging all those sale contracts, and impounded the aircraft in order to secure the claim.
67. Meanwhile, the Ukrainian State Air Traffic Service Enterprise, from its side, also challenged the contract of 4 June 2003 before the Commodity Market Arbitration Office (“Біржовий арбітраж (на правах третейського суду)”). The buyer could not get possession of the aircraft in question and found out that the sale had been carried out despite the judicial orders to impound the aircraft of 10 September 2001 and 3 June 2003.
68. On 19 February 2004 the Commodity Market Arbitration Office, in allowing the buyer’s claim, declared the sale of 4 June 2003 (carried out in the form of a commodity market transaction) null and void.
69. On 19 May 2005 the Kyiv Regional Commercial Court discontinued the proceedings in which the applicant company was seeking annulment of the sale contract of 4 June 2003, with reference to that decision.
70. On 6 July 2005 the court also quashed the impoundment order of 12 December 2003 on the ground that it was impeding technical maintenance of the aircraft (the ruling did not refer to any requests to have the order quashed).
71. On 25 August 2009 the Kyiv Regional Commercial Court, in allowing the applicant company’s claim, declared the sale contracts of 17 March and 24 April 2003 null and void.
72. On 17 December 2009 and 25 February 2010 the Kyiv Regional Commercial Court of Appeal and the Higher Commercial Court, respectively, upheld that judgment.
6. Security guard of the aircraft by the tax authorities
73. On 12 July 2002 the State Tax Administration instructed its Kyiv Regional Department to ensure security guard of the six An-28 aircraft.
74. The planes were apparently still parked at the Uzyn airbase after their sale to third parties (see paragraphs 14, 39 and 63-65 above).
75. According to the applicant company, on 4 June 2003 it concluded a contract with a State security agency on the guarding of the planes. That contract remained in force until August 2007 and the applicant company paid a total of UAH 351,522 (which, according to its calculations, was equivalent at the time to USD 67,865) for the services provided. According to the Government, that contract was of no effect in practice, given that the planes remained in the authorities’ custody (see also paragraph 243 below).
76. In 2004 the applicant company found out that some of the planes had been damaged or had had some equipment removed, so it complained to the police.
77. As a result, on 23 July 2004 the Bila Tserkva police investigator, in the presence of a representative of the applicant company, inspected the six planes. The inspection revealed that some of them had been damaged and/or had had certain equipment removed. A door handle had been broken and the door damaged on one plane, and the wheel housing, navigation equipment, engines, emergency radio installations, pilots’ seats and flashlight were missing on some of the planes. At the same time, some of the bailiffs’ seals and those of the Parliamentary Investigation Commission (see paragraph 44 above) were broken or missing, whereas there were fresh and intact Kyiv Regional Tax Administration seals on the planes.
78. On 26 July 2004 the applicant company complained to the GPO about the theft and damage of the aircraft, emphasising that it had happened while they were being guarded by the Bila Tserkva Tax Inspectorate. The applicant company sought to institute criminal proceedings against the latter. It further argued that the planes had arrived at the airbase in good condition, referring to the fact that they had all been independently flown there, rather than taken inside the hold of another aircraft.
79. On 5 August 2004 the prosecutor’s office refused to institute criminal proceedings against the officials of the Bila Tserkva Tax Inspectorate on account of the theft, having found no corpus delicti in their actions.
80. On 14 September 2004 the prosecutor’s office initiated criminal investigations into the theft without targeting them against any specific persons.
81. On 28 March 2005 the investigator terminated the investigations, having found it impossible to identify the perpetrator(s).
82. On 2 October 2007 the applicant company brought an administrative claim against the tax authorities on account of the allegedly unlawful armed guard of the aircraft, and sought its lifting.
83. On 19 November 2007 the Kyiv Regional Administrative Court refused to open the proceedings. It noted that the dispute in question had already been resolved by the judgment of the Kyiv Regional Commercial Court of 25 September 2006, upheld by the Kyiv Regional Commercial Court of Appeal on 7 June 2007 (see paragraphs 53 and 58 above).
84. On 17 February 2009 the applicant company brought another administrative claim against the Bila Tserkva Administration and Tax Inspectorate seeking the return of its six AN-28s. It submitted that those authorities had committed an unlawful omission by their failure to return the planes to the applicant company as their legitimate owner. It further noted that the decision of 16 September 2002 had been quashed by the Kyiv Regional Commercial Court on 25 September 2006, whose decision had been upheld by the higher-level courts. Nonetheless, the property had never been returned to the applicant company.
85. On 14 April 2009 the Kyiv Regional Administrative Court terminated the proceedings on the grounds that they fell under criminal rather than administrative jurisdiction. The court noted that it had been discovered that the applicant company’s claim concerned the alleged non-enforcement of a final criminal verdict (apparently meaning the verdict of the Pecherskyy Court of 3 February 2003, further clarified on 7 February 2005 – see paragraphs 28 and 32 above).
86. On 9 October 2009 the applicant company wrote to the tax authorities that it was the only legitimate owner of the six aircraft, as the decision to declare them ownerless had been quashed by the courts. It therefore insisted that the guard of the planes be lifted and that they be returned to it.
87. On 23 October 2009 the Bila Tserkva Tax Inspectorate replied that no decision had been taken about the lifting of the guard.
88. On 6 November 2009 the Kyiv Regional Tax Administration also replied to the applicant company that there was no reason to stop guarding the planes given that the court proceedings on the matter were ongoing (without specifying which proceedings it was referring to).
89. On 16 February 2010 the applicant company requested, once again, that the State Tax Administration set aside its instruction of 12 July 2002 regarding the guarding of the aircraft.
90. On 3 March 2010 the Deputy Head of the State Tax Administration forwarded that request to the Kyiv Regional Tax Administration.
91. On 15 March 2010 the latter dismissed the applicant company’s request. It noted that, indeed, the courts had invalidated both the decision to declare the planes ownerless and the contracts for their subsequent sale. Nonetheless, no decision had been delivered on the lifting of the security guard.
7. Criminal investigations in respect of Ukrimpeks-2000 (the company in charge of the sale of the aircraft)
92. On 6 October 2010 an investigator of the Bila Tserkva police department declared the six AN-28 planes as material evidence in the criminal investigation into suspected embezzlement by Ukrimpeks-2000, which had been initiated in February 2006 (the company officials were suspected of having failed to transfer all the proceeds of the aircraft sales to the State budget – see paragraphs 61 and 63-65 above). The investigator noted that the planes were under constant security guard by the Bila Tserkva Tax Inspectorate (see paragraphs 73 and 87-91 above).
93. On 26 November 2010 the applicant company complained about that decision to the Kyiv Regional Department of the Ministry of the Interior. It stated that there were no grounds for attaching the aircraft as material evidence in the criminal case in question, which had been opened about four years earlier. The applicant company pointed out that, while the planes had been guarded by the tax authorities, their technical condition had considerably deteriorated and they had become unusable. Therefore, the applicant company suggested that the tax authorities might have been seeking ways to shift the responsibility for that deterioration onto the law-enforcement authorities.
94. On 25 December 2010 the Bila Tserkva Prosecutor’s Office, to which the applicant company’s complaint had apparently been referred, replied that there were no reasons for it to intervene.
8. Inspection of the aircraft by Antonov specialists
95. On 17 June 2011 the investigator of the Bila Tserkva police department (apparently, the one in charge of the criminal investigation into suspected embezzlement by Ukrimpeks-2000 in which the planes had been declared as material evidence – see paragraph 92 above) decided that the planes should be returned to the applicant company.
96. On 9 August 2011 the applicant company contracted Antonov, the exclusive designer and manufacturer of An-28 aircraft, to carry out an expert evaluation of the planes.
97. From 3 to 8 October 2011 an expert commission of Antonov inspected the planes in the presence of the applicant company’s representative. It concluded that what had been presented to it for inspection had consisted of separate items and components, which could not be classified as aircraft. Nor could they be identified as constituent parts of exactly the planes belonging to the applicant company. Furthermore, no documentation for the planes was available.
B. Facts concerning the L-410 aircraft
1. Purchase and business operations by the applicant company
98. On 25 July 2000 the applicant company purchased six L-410 aircraft at a public auction.
99. On 15 August 2000 it received notarised certificates that those planes were its property.
100. On 19 September 2000 it purchased two more planes of the same type at a commodity market.
101. Pursuant to lease contracts between the applicant company and ATI of 18 August and 1 October 2000, the eight L-410s were to be leased to the latter after repairs and technical upgrading had been carried out by the applicant company. This was envisaged to be completed by 1 May 2001.
102. The planes were parked at Cherkasy airport.
2. Seizure of the aircraft by the tax authorities and related events
103. During the search conducted at the applicant company’s office in Kyiv between 23 and 25 January 2001 (see paragraph 17 above), the tax police seized original documentation for the L-410 planes. The case file does not contain the search-and-seizure report.
104. On 30 March 2001 the tax police seized the aircraft “for the purpose of using them as material evidence in the criminal case [against the ATI officials] and for redemption of tax arrears”. The seizure was documented by a “report of the inspection of the scene” (similar to the inspection conducted on the same date at the Uzyn airbase – see paragraph 20 above).
105. On 21 February 2002 the applicant company challenged the seizure of the planes before the Kyiv City Prosecutor’s Office.
106. On 21 March 2002 the prosecutor replied that, indeed, the seizure of the L-410 planes had not been based on any procedural document and that he had therefore instructed the tax police to “take an appropriate decision concerning those aircraft”.
107. On 22 April 2002 the Kyiv State Tax Administration instructed the applicant company to submit financial documentation in respect of the planes in order for a decision to be taken.
108. On 26 April 2002 the investigator of the police department of the State Tax Administration declared the eight L-410 planes as material evidence in the criminal investigations against the ATI officials (see also paragraph 26 above).
109. In August 2002 the criminal case was transferred to the GPO.
110. On 2 January 2003 a criminal case was opened in respect of Mr L. as the former president of ATI (see paragraph 8 above). Apparently, the planes were then classified as material evidence in those criminal proceedings. On 26 May 2003 the GPO discontinued the criminal investigations against Mr L. as there was insufficient evidence of any guilt. It was noted in the resolution that the eight L-410 planes, which had been classified as material evidence in the case, were to be returned to ATI. On 4 August 2004 the prosecutor amended his resolution to read that the planes had to be returned to the applicant company.
111. The applicant company unsuccessfully tried to bring proceedings before the commercial and civil courts on account of the seizure of the planes and their classification as evidence in the criminal case. On 18 October and 1 November 2004 the Kyiv City Commercial Court and the Shevchenkivskyy Court respectively refused to accept its claims for examination as being beyond their competence.
112. On 15 November 2004 the GPO’s supervisory department quashed the decision of 26 April 2002 (see paragraph 108 above).
113. On 19 November 2004 it informed the Kyiv Tax Administration of that decision and instructed it to return the aircraft to the applicant company as their rightful owner. A similar letter was sent to the management of Cherkasy Airport.
114. On 3 December 2004 the director of Cherkasy Airport informed the applicant company that the aircraft could be transferred to it only in the presence of the Kyiv Tax Administration which had seized them.
3. Proceedings brought by the applicant company against the tax authorities
115. On 8 February 2006 the applicant company lodged a claim with the Kyiv City Commercial Court against the Kyiv Tax Administration seeking the return of the eight L-410 aircraft.
116. On 24 May 2006 the court allowed the claim and obliged the defendant to return the planes to the applicant company. It noted that the tax police had ignored the prosecutor’s unambiguous instructions to return the planes to the applicant company. The judgment stated as follows:
“As confirmed by the case materials and not refuted by the defendant, the [applicant company] is the owner of the eight L-410 aircraft .... The failure of the Kyiv State Tax Administration to comply with the instructions of the General Prosecutor’s Office as regards the return of the planes to the claimant [unlawfully] deprives the latter of its right to possess and use its property”.
117. On 24 October 2006 the Kyiv Commercial Court of Appeal quashed that judgment on an appeal by the Kyiv Tax Administration and terminated the proceedings. It found that the defendant had no longer been in charge of the planes after the criminal case in which they had been declared as material evidence had been transferred to the GPO in August 2002 (see paragraph 109 above). Moreover, the court considered that the destiny of the planes had already been resolved in the context of the criminal proceedings by the prosecutors’ resolutions of 26 May 2003, 4 August and 19 November 2004, pursuant to which the planes had to be returned to the applicant company (see paragraphs 110 and 113 above). The court therefore concluded that, as from 4 August 2004, there had been no impediments, including from the defendant’s side, to the applicant company’s accessing the L-410 planes.
118. On 1 April 2008 the Higher Administrative Court issued a final decision quashing the ruling of the Kyiv Commercial Court of Appeal of 24 October 2006 and upholding the judgment of the Kyiv City Commercial Court of 24 May 2006 on the applicant company’s cassation appeal.
4. Proceedings for enforcement of the judgment of the Kyiv City Commercial Court of 24 May 2006
119. On 11 June 2008 the Kyiv City Commercial Court issued a writ of execution, according to which the eight L-410 aircraft were to be returned to the applicant company.
120. On 18 June 2008 the bailiff opened enforcement proceedings and instructed the Kyiv Tax Administration to send its representative to Cherkasy airport to inspect the planes, verify their completeness and implement the transfer.
121. From July to December 2008 the bailiff reported several times his failure to enforce the judgment because the tax authorities’ representative had been absent or because the airport administration had refused to allow the bailiff to enter the airport.
122. From 5 December 2008 to 6 May 2010 the enforcement proceedings were stayed pending the outcome of applications lodged by both the bailiff’s service and the tax authorities with the Kyiv City Commercial Court for clarification of its judgment of 24 May 2006 (those applications were eventually rejected).
123. From May to December 2010 the bailiff issued at least three more reports about his inability, for the same reasons as before (see paragraph 121 above), to enforce the judgment in question.
124. Meanwhile, in September 2010, the applicant company incidentally found out about a decision of the Cherkasy City Council of 24 July 2008 authorising the municipal enterprise “Cherkasy Airport” to sell the eight L 410 planes (with the same serial numbers as those of the planes belonging to the applicant company) at a public auction. The proceeds of the auction were to be used for the needs of Cherkasy Airport. Five of the planes had been sold to third parties.
125. On 10 December 2010 the administration of Cherkasy airport finally allowed the bailiff to enter the airport. Instead of the eight L-410 planes to be returned to the applicant company, the bailiff discovered there only three (or, more precisely, their components).
126. On 23 December 2010 the bailiff reported that he could not transfer the planes to the applicant company because: firstly, only three of them were left; secondly, the planes were locked and there were no keys to open them, which made it difficult to evaluate their technical condition; and, thirdly, the documentation for the planes was missing.
127. On the same date an expert commission of T., an aircraft maintenance company, which had been contracted by the applicant company, examined the planes discovered at Cherkasy airport and reported the following: instead of the eight complete L-410 planes as indicated in the writ of enforcement, there were separate components and items of three planes; no documentation for those items was available; the planes had corrosion on their metal surfaces and cracks in their windows; and their engines and propellers were missing. The conclusion was reached that the planes had not been stored in compliance with storage rules and that, in fact, the items discovered could no longer be considered as aircraft. Lastly, the absence of any documentation made it impossible to identify the discovered items as those belonging, and supposed to be returned, to the applicant company.
128. On 24 December 2010 the bailiff enquired with the Kyiv City Commercial Court, with reference to the expert commission’s report, as to how to proceed with the enforcement.
129. On 3 March 2011 T. informed the applicant company that in 2008 and 2009 it had performed major repairs to six aircraft propellers, the serial numbers of which were the same as those of the L-410s belonging to the applicant company. The customer company had presented itself as the owner of the planes in question.
130. On 15 June 2011 the bailiff declared a “search for the debtor’s property” in respect of the eight L-410s to be returned to the applicant company.
131. On 20 June 2011 the above decision was sent to the State Aviation Security Service.
132. On 16 and 18 August 2011 the bailiff repeated his request to the tax authorities to appear at Cherkasy airport at a specific time.
133. On 19 August 2011 the Kyiv City Tax Administration replied to the bailiff that after an audit in 2007 the eight L-410s had been declared as assets of the Cherkasy Airport municipal company and their ownership had been transferred to the city. It was a known fact that the bailiff had discovered only three planes at the airport and had therefore declared a search for the remaining five planes. Accordingly, the bailiff was aware that the debtor did not have the property defined in the writ of enforcement.
134. On 26 August 2011 the bailiff asked the applicant company to make it clear whether it was ready to accept the three aircraft in the condition in which they had been discovered at Cherkasy airport (which had not improved since 23 December 2010 – see paragraphs 126-127 above). As to the remaining five planes, it turned out that they had been sold to third parties in 2008 pursuant to a decision of the Cherkasy City Council. Furthermore, the State Aviation Security Service informed the bailiff that on 13 August 2008 the eight L-410s had been excluded from the state register of civilian aircraft and that their location was unknown.
135. On 30 August 2011 the group of technical experts again examined the components of the three planes at Cherkasy airport and confirmed its conclusion of 23 December 2010 that those items could not be regarded as aircraft.
136. On the same date the bailiff issued a report about the impossibility of returning to the applicant company even the three planes.
137. On 30 August 2011 the bailiff terminated the enforcement proceedings with the conclusion that it was impossible to enforce the judgment because the debtor did not have the property in question and the search for that property had been unsuccessful.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE AT THE MATERIAL TIME
138. The relevant provisions of the Code of Criminal Procedure (1960) read as follows:
“Article 78. Material evidence
Material evidence consists of items that are instruments or objects related to a criminal offence or bearing its traces, money, valuables and other proceeds of crime, as well as any items which could serve to uncover a criminal offence, to identify a perpetrator or to refute the accusation or mitigate a penalty.
Article 79. Preservation of material evidence
Material evidence shall be carefully examined, if possible photographed, described in detail in the examination report and attached to the case file by the inquiry officer, investigator or prosecutor in charge or by a judicial ruling. The material evidence shall be kept in the case file, except for cumbersome items which shall be stored by the enquiry or investigation authority or in the court or shall be transferred for storage to a respective enterprise, institution or organisation. ...
In some cases the material evidence may be returned to its owner if this is not detrimental to the proceedings. ...
Article 178. Grounds for conducting a seizure
A seizure shall be carried out in cases where the investigator has accurate information that the items or documents of relevance are with a certain person or at a certain place.
A seizure shall be based on the investigator’s ruling. ...
Article 181. Persons in whose presence search and seizure are conducted
A search and seizure shall be conducted in the presence of two attesting witnesses and the person occupying the premises in question ....
A search and seizure in premises occupied by an enterprise, company or organisation shall be conducted in the presence of their representatives. ...
The persons searched, the attesting witnesses and the respective representatives shall have explained to them their right to be present during all the actions of the investigator and to make statements on those actions; their statements shall be reflected in the report. ...
Article 186. Seizure of items and documents
During a search and seizure only items and documents relevant to the case may be seized, as well as the valuables and property of the accused or the suspect with a view to securing a civil claim or possible confiscation of property. ...
The investigator shall present to the attesting witnesses and the other persons present all the documents and items subject to seizure. They shall be listed in the seizure report with an indication of their name, number, measurements, weight, material and individual features. Where necessary, the seized items and documents shall be packed and sealed on the spot. ...
Article 188. Search and seizure report
The investigator shall produce a report on a search and seizure in two copies .... The report shall indicate the grounds for the search and seizure, the premises on which it was conducted ... the investigator’s actions and the search and seizure results.
The report of the search or seizure shall reflect all the statements and remarks of those present concerning the investigator’s actions. All those present shall sign both copies of the report. ...
Article 190. Inspection [of the scene or items]
In order to uncover traces of a crime and other material evidence, to clarify the circumstances of the crime, as well as other circumstances of relevance to the investigation, the investigator shall conduct an inspection of the scene, premises, items or documents.
In urgent cases, an inspection of the scene may be carried out before the institution of criminal proceedings. In this case, and where there are grounds for it, criminal proceedings shall be instituted immediately after the inspection of the scene.”
139. The Code of Commercial Procedure 1991 provided as follows:
“Article 66. Grounds for securing a claim
The commercial court shall be entitled to take measures for securing a claim, upon the request of the claimant ... or of its own motion. Securing a claim is allowed at any stage of the proceedings where a failure to take measures might complicate or render impossible the enforcement of the commercial court’s judgment.
Article 67. Measures for securing a claim
A claim may be secured by the following measures:
impoundment of the property or money belonging to the defendant;
prohibition on the defendant taking certain actions;
prohibition on other persons taking certain actions related to the subject matter of the dispute; ....
... A ruling on securing a claim may be appealed against.”
140. The relevant provisions of the Law of Ukraine “On the procedure for the settlement of taxpayers’ obligations to the State budgets and special-purpose funds” (“Про порядок погашення зобов’язань платників податків перед бюджетами та державними цільовими фондами”) (enacted in 2000 and repealed following the entry into force of the Tax Code on 2 December 2010), read as follows:
“Section 9. Administrative seizure of assets
9.3.1. Following an application by a tax police unit, the head of the tax authority (or his deputy) may decide to seize a taxpayer’s assets. This decision shall be sent:
... (b) to the taxpayer, with the assets’ alienation ban;
(c) to other persons in possession of or using the taxpayer’s assets, with the ban on their alienation.”
9.3.2. An assets seizure may be ... applied to goods which are produced, stored, transported or sold in breach of customs legislation or legislation on excise tax, as well as goods ... sold in breach of legal procedures, without prior determination of their owner. In this case, officials of the tax or other law-enforcement authorities, acting within their competence, shall have the right to undertake a temporary seizure of such assets. This should be reflected in a report giving the reasons for the seizure, with references to breaches of concrete legal provisions, the description of the assets, their specific features and quantity, information about the person or persons from whom the goods have been seized (if applicable), and a list of the rights and duties of those persons in respect of the seizure. ...”
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
141. The applicant company complained under Article 1 of Protocol No. 1 of the alleged infringement by the State authorities of its property rights to six An-28 and eight L-410 aircraft. The provision relied on reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. Non-exhaustion of domestic remedies
142. The Government submitted that the applicant company had not exhausted the domestic remedies insofar as its complaint concerned the seizure by the authorities of the aircraft and their documentation. They noted that after the applicant company’s unsuccessful attempt to bring civil proceedings in respect of the documentation seizure, it could have brought an administrative claim in that regard. The Government further argued that it had been open for the applicant company to bring a separate civil claim for damages in respect of its inability to recover the planes once they were designated as material evidence in criminal proceedings.
143. As regards the documentation seizure, the applicant company noted that only a party to the criminal proceedings could challenge actions taken by an enquiry authority in the course of preliminary investigation. As the applicant company had had no status in the respective criminal investigation, there had been no legally envisaged possibility for it to challenge the impugned seizure.
144. The applicant company further contended that, given the multiple judicial proceedings it had already initiated seeking to have its rights restored, and noting the authorities’ non-compliance with the final judicial decisions delivered in its favour, it could not have been reasonably expected to initiate any additional proceedings in order to comply with the requirement of the exhaustion of domestic remedies. In its view, it had done everything possible at the domestic level before bringing its complaints to the Court.
145. The Court points out that the purpose of the rule of exhaustion of domestic remedies under Article 35 is to afford the Contracting States the opportunity of preventing or putting right the violations alleged against them before those allegations are submitted to the Convention institutions (see, for example, Selmouni v. France [GC], no. 25803/94, § 74, ECHR 1999 V). At the same time, this rule must be applied with some degree of flexibility and without excessive formalism. The Court has already held on a number of occasions that this rule is neither absolute nor capable of being applied automatically; for the purposes of reviewing whether it has been observed, it is essential to have regard to the circumstances of the individual case (see Akdivar and Others v. Turkey [GC], 16 September 1996, § 69, Reports of Judgments and Decisions 1996 IV, and Aksoy v. Turkey, 18 December 1996, §§ 53-54, Reports 1996-VI). The Court looks, in particular, whether the applicant did everything that could reasonably be expected in order to exhaust available domestic remedies (see Merit v. Ukraine, no. 66561/01, § 58, 30 March 2004).
146. Turning to the present case, the Court notes the multifaceted nature of the alleged breach of the applicant company’s rights under Article 1 of Protocol No. 1, where the seizure of the documentation and the aircraft are only a few of the issues complained of (see paragraph 155 below).
147. Furthermore, the Court does not lose sight of the extensive efforts undertaken by the applicant company at the national level. It notes that the applicant company sought to restore its rights under the criminal, civil, administrative and commercial jurisdictions for more than ten years. Accordingly, the Court does not consider that the Ukrainian authorities were in principle not provided with sufficient opportunity to prevent or put right the alleged violation of Article 1 of Protocol No. 1.
148. The Court will not go on with its assessment of the admissibility of this part of the application here, as the question of exhaustion of domestic remedies relates to the merits of the applicant company’s complaint, under Article 13 of the Convention, that it lacked effective remedies in respect of the alleged interference with its property rights. Hence, to avoid prejudging those issues, the Court considers that these questions should be examined together. Accordingly, it holds that the question of exhaustion of domestic remedies should be joined to the merits of the applicant company’s complaint under Article 13 (see paragraphs 223-229 below).
2. Compatibility ratione personae
149. The Government, referring to the decision of the tax police of 17 June 2011 on the return of the An-28s to the applicant company (see paragraph 95 above), submitted that the applicant company had lost its victim status in respect of its complaint under Article 1 of Protocol No. 1 concerning those aircraft.
150. The applicant company, in turn, referred to the report of the Antonov expert commission of 8 October 2011, according to which the property to be returned to the applicant company – the six An-28s, which had been taken from it in good operational condition – had in fact consisted of separate items and components which could no longer be classified as aircraft. Nor were those items identifiable as constituent parts of the aircraft belonging to the applicant company (see paragraph 97 above). In the applicant company’s view, there were therefore no grounds for considering that it had lost its victim status.
151. The Court notes that an applicant is deprived of his or her status as a victim if the national authorities have acknowledged, either expressly or in substance, and then afforded appropriate and sufficient redress for, a breach of the Convention (see, for example, Scordino v. Italy (no. 1) [GC], no. 36813/97, §§ 178-193, ECHR 2006 V).
152. It considers that none of the aforementioned conditions have been met in the present case.
153. Accordingly, this objection by the Government should be rejected.
3. Otherwise as to admissibility
154. The Court notes that this part of the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
155. The applicant company alleged that the State had committed a series of unlawful acts and omissions, violating its property rights, including the following:
(a) the seizure of the aircraft documentation in January 2001;
(b) the seizure of the An-28 and L-410 aircraft on 30 March 2001;
(c) the decision of the Bila Tserkva Administration of 16 September 2002 to declare the six An-28s ownerless and to authorise their sale on that ground;
(d) the sale of the An-28s to third parties before completion of the judicial proceedings brought by the applicant company challenging the authorities’ decision to declare those planes ownerless property and while the planes were under court impoundments;
(e) the continued security guard of the An-28s by the tax police from July 2002 onwards, including after several judicial decisions ordering the return of the planes to the applicant company;
(f) the damage to the six An-28s and three L-410s and the vandalising of their equipment, as well as the disappearance of the five L-410s while they were in the authorities’ custody;
(g) the decision of the Cherkasy City Council of 24 July 2008 authorising the Cherkasy Airport municipal enterprise to sell the eight L-410s belonging to the applicant company at a public auction (apparently, five of them were eventually sold); and
(h) the non-enforcement of the final judicial decisions ordering the return of the aircraft to the applicant company.
156. The applicant company emphasised that there had been no criminal proceedings against it and that it had no tax arrears.
157. Having regard to all the above issues and its inability in principle to retrieve its property, the applicant company submitted that the interference by the respondent State had resulted in de facto unlawful and arbitrary deprivation of its possessions.
158. The Government admitted that the seizure of the aircraft on 30 March 2001 and the non-enforcement of the final decisions ordering their return to the applicant company had constituted interference with its right to peaceful enjoyment of its possessions.
159. They noted, however, that the aircraft had been seized as material evidence in the criminal proceedings on the basis of the public interest of crime combating, and that that public interest prevailed over the private interest of the applicant company to possess the planes.
160. The Government disagreed with the applicant company’s argument that the seizure of its property had been unlawful, because it had taken place in the context of criminal proceedings not against the applicant company, but against third persons. They referred in that connection to the Code of Criminal Procedure, under which the seizure of property of third persons in criminal proceedings was possible. Furthermore, the issue had been examined by the domestic courts, which had rejected the applicant company’s complaints in that regard.
161. The Government noted that it had been possible in principle to return the material evidence to its owner before completion of the criminal proceedings. However, given that the applicant company was an Irish entity, there had been the risk that the aircraft might be moved to Ireland before the proceedings were completed.
162. The Government admitted that by the judgment of 3 February 2003 the Pecherskyy Court had ordered that the An-28s, which had previously been classified as material evidence in the criminal proceedings against the ATI officials, be returned to the applicant company. However, given that between 2003 and 2010 there had been a number of judicial proceedings regarding those aircraft, they had in fact been disputed property and could not be returned to the applicant company. The Government further observed that on 6 October 2010 the planes had been declared as material evidence in criminal proceedings against Ukrimpeks-2000 officials. They emphasised that from that point onwards the applicant company could not be regarded as having any entitlement to them.
163. As to the authorities’ handling of the aircraft while they were material evidence in criminal proceedings, the Government submitted that the responsibility for the destiny of material evidence had rested on the State and that the applicant company had had no entitlement to the aircraft until the decision had been made to return them to it. Accordingly, the Government considered that there had been no interference with the applicant company’s property rights as regards the preservation of the aircraft, the authorities’ decision to declare them ownerless property, their sale to third parties and the damage to them, as at the time when all those events took place no such property rights could be said to have existed for the applicant company.
164. The Government further contended that the continued security guard of the aircraft by the tax police had not amounted to interference with the applicant company’s property rights. In their opinion, the guarding did not hinder the right of the applicant company to possess, use and dispose of the aircraft as its property.
165. In sum, the Government maintained that even if some of the issues raised by the applicant company had amounted to interference with its property rights, that interference had had an adequate legal basis, had pursued a legitimate aim and had been proportionate to that aim.
2. The Court’s assessment
(a) General principles established in the Court’s case-law
166. According to the well-established case-law of the Court, Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention comprises three distinct rules. The first, which is expressed in the first sentence of the first paragraph and is of a general nature, lays down the principle of peaceful enjoyment of property. The second rule, in the second sentence of the same paragraph, covers deprivation of possessions and makes it subject to certain conditions. The third, contained in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, among other things, to control the use of property in accordance with the general interest. The second and third rules, which are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property, must be construed in the light of the general principle laid down in the first rule (see, among many authorities, Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, § 44, ECHR 1999 V, and Vistiņš and Perepjolkins v. Latvia [GC], no. 71243/01, § 93, 25 October 2012).
167. The Court emphasises that the first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II). The requirement of lawfulness, within the meaning of the Convention, demands compliance with the relevant provisions of domestic law and compatibility with the rule of law, which includes freedom from arbitrariness (see Hentrich v. France, judgment of 22 September 1994, Series A no. 296-A, § 42, and Kushoglu v. Bulgaria, no. 48191/99, §§ 49-62, 10 May 2007).
168. The Court further reiterates that any interference with the peaceful enjoyment of possessions must strike a fair balance between the demands of the general interests of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. The concern to achieve this balance is reflected in the structure of Article 1 as a whole. The requisite balance will not be found if the person concerned has had to bear an individual and excessive burden (see, among other authorities, Sporrong and Lönnroth v. Sweden, 23 September 1982, §§ 69 and 73, Series A no. 52). In other words, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised (see, for instance, James and Others v. the United Kingdom, 21 February 1986, § 50, Series A no. 98).
(b) Application of the above principles to the present case
169. The Court notes that the applicant company’s ownership of the six An-28 and eight L-410 aircraft is confirmed by the aircraft registration certificates issued by the Ministry of Transport of Ukraine on 22 and 28 March 2000 and by the notarised property certificates of 15 August 2000 (see paragraphs 11 and 99 above).
170. Although between 19 January 2000 and 6 July 2001 the An-28s were leased to ATI, they remained the applicant company’s property factually and legally (see and compare with Gasus Dosier- und Fördertechnik GmbH v. the Netherlands, 23 February 1995, § 57, Series A no. 306 B). Their subsequent lease to R.S.T. on 20 August 2001 in fact never took effect. The same concerns the lease by the applicant company of the L-410s to ATI on 18 August and 1 October 2000, which did not take effect either, because the precondition was that the aircraft should be repaired by the applicant company by 1 May 2001 (by which time the planes had already been seized by the authorities – see paragraphs 10, 15-16 and 101 above).
171. Accordingly, the Court is satisfied that the six An-28s and eight L 410s constituted the applicant company’s “possessions” attracting protection under Article 1 of Protocol No. 1.
172. The Court has already noted the considerable number and multifaceted nature of the alleged interferences with the applicant company’s property rights (see paragraphs 146 and 155 above). It will analyse each of the incidents complained of separately and in their totality.
i. Documentation seizure by the tax police in January 2001
173. The impugned interferences with the applicant company’s property rights allegedly started in January 2001, with the seizure by the tax police of the original documentation proving its ownership title to the aircraft (see paragraphs 17 and 103 above).
174. The Court accepts that withholding of title documentation amounted to a measure of control of the use of property.
175. It notes the lack in the case file of comprehensive information and documents on the legal grounds for and necessity of the seizure in question. At the same time, the Court observes that, while the authorities did not deny having withheld the documentation proving the applicant company’s title to the aircraft, they never used it as evidence in any of the criminal proceedings regarding the applicant company’s business partners (there were no criminal proceedings against the applicant company itself). Moreover, it was the absence of that documentation that later prompted the authorities to conclude that the owner of the aircraft could not be established (see, in particular, paragraph 20 above). In the Court’s view, such behaviour of the tax authorities can be interpreted as disclosing indications of bad faith and arbitrariness.
176. The Court therefore concludes that the seizure by the tax police of the applicant company’s documentation in January 2001 was contrary to the requirements of Article 1 of Protocol No. 1.
ii. Seizure of the aircraft on 30 March 2001
177. The Court further notes that on 30 March 2001 the tax police conducted an “inspection of the scene” at the Uzyn airbase and Cherkasy airport, where the six An-28s and the eight L-410s belonging to the applicant company were parked. As a result, all those aircraft were seized (see paragraphs 20 and 104 above).
178. In so far as the seizure of the L-410 aircraft is concerned, the Court observes that, as acknowledged by the domestic authorities themselves, it was not based on an adequate procedural document and was thus in breach of the domestic legislation (see paragraph 106 above).
179. Although there was no such acknowledgement by the domestic authorities in respect of the An-28s because of the impoundment imposed within different proceedings (see paragraph 23 above), it follows from the case-file materials that their seizure on 30 March 2001 had not been based on a proper procedural document either (see paragraphs 20, 106 and 138 above). Accordingly, it appears that the above conclusion about the violation of the domestic legislation holds true in respect of the seizure of the An-28s too.
180. The Court also observes that the domestic legislation required the presence of a representative of the applicant company during the seizure and giving him the possibility to make statements concerning the investigative measure (see paragraph 138 above). In the present case, however, the tax authorities, which had earlier seized the documentation proving the applicant company’s title to the aircraft, considered that the owner of those planes could not be established (see paragraphs 17 and 20 above).
181. This leads the Court to conclude that the seizure of the applicant company’s An-28 and L-410 planes on 30 March 2001 did not comply with the requirement of lawfulness inherent in Article 1 of Protocol No. 1.
iii. Retention by the authorities of the An-28 aircraft and related developments
182. As regards the subsequent developments, the Court notes that on 20 August 2001 the applicant company signed an agreement to lease the aircraft to a third company, which however never took effect (see paragraph 16 above). However, as submitted by the Government in their comments on the applicant company’s claims for just satisfaction (see paragraph 240 below), at the time the aircraft remained under the seizure of 30 March 2001. Accordingly, the Court considers it established that the authorities continued to retain the aircraft. Its considerations on the unlawfulness of the seizure (see paragraph 181 above) hold true for the subsequent retention of the aircraft.
183. The Court further observes that from 10 September 2001 to 27 June 2003 the six An-28s were impounded by the Kyiv City Commercial Court in securing the claim of the tax administration, which had been brought against the applicant company on 20 August 2001 with a view to invalidating the lease contracts (see paragraphs 35 and 37 above).
184. The same An-28s were also classified as material evidence in the criminal case against the ATI vice-president during the period from 17 April 2002 to 3 February 2003 (see paragraphs 26 and 28 above).
185. The Court reiterates that the seizure of property for legal proceedings, which does not deprive the owner of his possessions, but only provisionally prevents him from using them and from disposing of them, normally relates to the control of the use of property, which falls within the ambit of the second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see, among others, Raimondo v. Italy, 22 February 1994, § 27, Series A no. 281 A; Adamczyk v. Poland (dec.), no. 28551/04, 7 November 2006; Karamitrov and Others v. Bulgaria, no. 53321/99, § 72, 10 January 2008; and Borzhonov v. Russia, no. 18274/04, § 51, 22 January 2009).
186. In the Court’s opinion, nothing indicates that either of the two aforementioned seizures (from 10 September 2001 to 27 June 2003 and from 17 April 2002 to 3 February 2003) was in breach of the domestic legislation (see paragraphs 138-139 above).
187. Concerning the impoundment applied on 10 September 2001, the Court accepts that the interference was in the “general interest” of the community, being aimed at securing the claims under examination in commercial proceedings and given the possibility of an eventual confiscation of property (see, mutatis mutandis, Földes and Földesné Hajlik v. Hungary, no. 41463/02, § 26, ECHR 2006 XII, and Borzhonov, cited above, § 58).
188. The same can be said about the retention of the aircraft within the criminal proceedings, as retention of physical evidence may be necessary in the interests of proper administration of justice, which is a legitimate aim in the “general interest” of the community (see Smirnov v. Russia, no. 71362/01, § 57, 7 June 2007).
189. Furthermore, given the substance of the tax administration’s commercial claim, as well as the criminal charge against the ATI vice-president, according to which the lease had allegedly been used as a tool to conceal taxable income and thus to enable tax evasion by ATI, the company to which those aircraft had been leased (see paragraphs 24 and 34 above), the Court does not exclude that both the impoundment within the commercial proceedings and the seizure within the criminal proceedings were also of relevance to eventually secure the payment of taxes.
190. The Court cannot, however, limit its examination of the situation to the impoundment of 10 September 2001 and the seizure of 17 April 2002, because during the time of their validity a number of other events took place having had serious, if not irreversible, impact on the applicant company’s property rights.
191. The Court notes that on 10 and 11 July 2002 the Bila Tserkva Tax Inspectorate seized the six An-28 aircraft with a view to “settlement of the taxpayer’s obligations vis-à-vis budgets and State target funds” (see paragraphs 39-40 above).
192. The second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 explicitly reserves the right of Contracting States to pass such laws as they may deem necessary to secure the payment of taxes. The importance which the drafters of the Convention attached to this aspect of this provision may be gauged from the fact that at a stage when the proposed text did not contain such explicit reference to taxes, it was already understood to reserve the States’ power to pass whatever fiscal laws they considered desirable, provided always that measures in this field did not amount to arbitrary confiscation (see Gasus Dosier- und Fördertechnik GmbH, cited above, § 59, with further reference to the travaux préparatoires).
193. The Court observes that the seizure of the aircraft by the tax authorities on 10 and 11 July 2002 was based on subsections 3.1 and 3.2 of section 9 of the Law “On the procedure for the settlement of taxpayers’ obligations to the State budgets and special-purpose funds” (see paragraphs 39 and 140 above). The provisions relied on provided for such a seizure in the event of a breach of the customs or excise tax legislation, or where an unlawful sales transaction had taken place. Furthermore, tax officials had to specify in the seizure report exactly which legal provision had been breached warranting the seizure in question.
194. In the present case, however, the seizure report did not contain any explanations as to what had warranted the seizure, contrary to the aforementioned legal requirement. Nor did it refer to any alleged breach of customs or excise tax legislation, or any unlawful sale transaction.
195. It therefore appears that the tax authorities acted in breach of the applicable domestic fiscal legislation. Accordingly, their actions were unlawful under paragraph 1 of Article 1 of Protocol No. 1. With that said, there is no need for the Court to assess the respective legislation itself in the light of the principles enshrined in paragraph 2 of the mentioned provision (see paragraph 192 above).
196. The Court further observes that the tax authorities, having obtained the seizure of the six An-28s first as material evidence in the criminal proceedings initiated by them against the ATI officials and later by way of impoundment within the commercial proceedings against the applicant company, also initiated by them (see paragraphs 26 and 35 above), decided to seize those aircraft yet again on 10 and 11 July 2002. Being well aware of the applicant company’s title to the aircraft (see paragraphs 11 and 53 above), they proceeded with the seizure under the pretext that the owner of those aircraft was unknown.
197. The Court next observes that on 16 September 2002 the Bila Tserkva City Administration declared the six aircraft ownerless property and empowered the tax police to sell them. As a result, between March and June 2003 the aircraft were sold to third parties (see paragraphs 61-65 below).
198. Those measures amounted to the applicant company’s deprivation of its property (see and compare with Patrikova v. Bulgaria, no. 71835/01, § 101, 4 March 2010).
199. As found by the domestic courts, the authorities’ decision to declare the six An-28s ownerless property, as well as their subsequent sale to third parties, was in breach of the domestic legislation (see paragraphs 53, 58, 68 and 71-72 above). The Court has no reason to question those findings. It further observes that, by the time the last aircraft was sold (on 4 June 2003), the planes had been impounded for the third time (in addition to the seizures from 10 September 2001 to 27 June 2003 and from 17 April 2002 to 3 February 2003), for the period from 3 June to 11 November 2003 in the context of the commercial proceedings brought by the applicant company in the meantime seeking invalidation of the authorities’ decision to declare its aircraft ownerless (see paragraphs 25, 28, 35, 37, 43, 47 and 65 above).
200. Although several judicial decisions unambiguously reaffirmed the applicant company’s title to the aircraft (see paragraphs 28, 32, 38, 53 and 58-59 above), it still remained impossible for it to recover them.
201. The Court observes, in particular, that, although the tax administration admitted in its letter to the applicant company of 15 March 2010 that there had been final judgments invalidating as unlawful the declaration of the aircraft as ownerless property and their subsequent sale to third parties, it continued to guard them on the grounds that there had been no separate decision lifting that guard (see paragraph 91 above). The Court concludes that the retention of the aircraft continued without any legal basis or logical rationale.
202. The Court further notes that subsequently, on 6 October 2010, an investigator of the Bila Tserkva police department declared the aircraft material evidence in criminal proceedings instituted in February 2006 regarding embezzlement by Ukrimpeks-2000 (company officials were suspected of having failed to transfer all the proceeds from the sale of the aircraft to the State – see paragraphs 61 and 92 above). The aircraft were retained as material evidence until 17 June 2011, when the investigator decided that they should be returned to the applicant company.
203. However, while remaining in the authorities’ custody, the aircraft got damaged and vandalised.
204. The Court reiterates that any seizure or confiscation entails damage. But, in order to be compatible with Article 1 of Protocol No. 1, the actual damage sustained should not be more extensive than that which is inevitable (see Raimondo, cited above, § 33, and Jucys v. Lithuania, no. 5457/03, § 36, 8 January 2008).
205. The Court notes that in the present case the applicant company alerted the authorities to the damage to its aircraft as early as in 2004 and that its concerns proved accurate (see paragraph 77 above). Nonetheless, by the time the applicant company was finally allowed to recover those aircraft in June 2011, they were in such poor condition that they could no longer even be considered as aircraft and were no more than their separate items and components (see paragraph 97 above).
206. Even though the applicant company itself contracted a security company to guard the aircraft, in addition to their guard by the tax police (see paragraph 75 above and paragraph 242 below), the Court is satisfied that the responsibility for the physical damage of the planes rests with the State. It further notes that there is nothing to show that this damage, which in fact amounted to the complete destruction of the property, was inevitable.
207. Accordingly, in so far as the retention by the authorities of the An-28 aircraft is concerned, the Court cannot but conclude that, once again, the requirements of Article 1 of Protocol No. 1 were not respected.
iv. Retention by the authorities of the L-410 aircraft and related developments
208. The Court notes that, following the seizure of the L-410s on 30 March 2001, the tax authorities retained them even after the Kyiv City Prosecutor’s Office concluded on 21 March 2002 that the aforementioned seizure had been unlawful (see paragraphs 104-106 above).
209. The Court further observes that the eight L-410s were declared as material evidence in the criminal investigation against the ATI officials for the periods from 26 April 2002 to 15 November 2004 and from 2 January to 26 May 2003 (see paragraphs 108, 110 and 112 above). In the absence of comprehensive information regarding the aforementioned investigation, it appears difficult to judge on the lawfulness and necessity of those seizures.
210. At the same time, the Court notes that the tax authorities continued to retain the aircraft after the prosecutor, who had earlier declared them as material evidence, had ordered that they be returned to the applicant company on 25 May 2003 and later on 15 November 2004. The retention of the aircraft was therefore devoid of any legal basis.
211. Following its futile attempts to recover its property, in February 2006 the applicant company had to initiate separate judicial proceedings in that regard. Although eventually, on 1 April 2008, those proceedings were completed with a final judicial decision in its favour, this turned out to be of no effect in practice, as the decision remained unenforced.
212. The Court emphasises that the interference with the applicant company’s property rights in the present case should not be viewed as confined to the lengthy non-enforcement of the final domestic judgment in its favour. The necessity for the applicant company to bring those proceedings in the first place to recover property which legitimately belonged to it is in itself an indication of a breach of its rights under Article 1 of Protocol No. 1.
213. The Court notes that before the aforementioned proceedings were completed, in 2007 the eight L-410s had been declared as assets of the “Cherkasy Airport municipal company and transferred to the ownership of the city. Subsequently, while the bailiff service was trying to enforce the ruling of 1 April 2008 and was confronted with a complete lack of cooperation from the tax authorities and the airport administration, on 24 July 2008 Cherkasy City Council authorised the airport administration to sell the aircraft at a public auction. As a result, five of the planes were sold to third parties (see paragraphs 121, 123, 124 and 133 above). As regards the three remaining planes, they had been damaged to such an extent that, as established by technical experts in December 2010 and August 2011, they could no longer be considered as aircraft (see paragraphs 125 and 127 above).
214. The Court therefore considers that the authorities’ behaviour was arbitrary and abusive and that it resulted in the applicant company being deprived of its possessions in breach of all the safeguards of Article 1 of Protocol No. 1.
v. Conclusions
215. In the light of the foregoing, the Court cannot but conclude that the applicant company has been deprived of its six An-28 and eight L-410 aircraft in an utterly arbitrary manner, contrary to the rule of law principle.
216. Furthermore, the Court notes that this interference was not of an instantaneous nature, but that the applicant company was denied access to its property for more than ten years. While it was taking strenuous efforts before various administrative, tax, prosecution and judicial authorities to recover its property, which remained fruitless regardless of their legal outcome, the aircraft were getting damaged and vandalised, or sold to third parties, or simply disappeared without anybody held accountable.
217. Even though for brief periods the retention of the aircraft by the authorities complied with some of the principles inherent in Article 1 of Protocol No. 1, the concomitant abusive and arbitrary actions of the authorities negated in practice the effectiveness of those safeguards.
218. For the reasons set out in paragraph 229 below the Court rejects the Government’s exception of non-exhaustion as regards Article 1 of Protocol no. 1 and finds that there has been a violation of that provision.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
219. The applicant company also complained under Article 6 § 1 of the Convention about the length of the domestic proceedings, including the lengthy non-enforcement of the judgment of the Kyiv City Commercial Court of 24 May 2006 given in its favour. The provision relied on reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal ...”
220. The Court notes that this complaint is closely linked to those under Article 1 of Protocol No. 1 and must therefore likewise be declared admissible.
221. However, having regard to the reasons which led the Court to find a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, the Court considers that the present complaint does not give rise to any separate issue.
222. Consequently, the Court holds that it is not necessary to examine the complaint under Article 6 § 1 of the Convention separately.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
223. The applicant company further complained that it did not have an effective domestic remedy in respect of the above complaints. It relied on Article 13 of the Convention, which reads as follows:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. Admissibility
224. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
225. The applicant company maintained its complaint.
226. The Government contended that no arguable claim had been raised. Therefore, they considered that there was no issue under Article 13 of the Convention.
227. The Court reiterates that Article 13 of the Convention guarantees the availability, at the national level, of a remedy to enforce the substance of Convention rights and freedoms in whatever form they might happen to be secured in the domestic legal order. The effect of Article 13 is thus to require the provision of a domestic remedy to deal with the substance of an “arguable complaint” under the Convention and to grant appropriate relief, although Contracting States are afforded some discretion as to the manner in which they conform to their Convention obligations under this provision. The scope of the obligation under Article 13 varies depending on the nature of the applicant’s complaint under the Convention. Nevertheless, the remedy required by Article 13 must be “effective” in practice as well as in law; in particular, its exercise must not be unjustifiably hindered by the acts or omissions of the authorities of the respondent State (see, among other authorities, Aksoy v. Turkey, cited above, § 95, and Kudła v. Poland [GC], no. 30210/96, § 157, ECHR 2000 XI).
228. The Court has already noted in the present case that the applicant company’s strenuous efforts before various authorities to recover its property brought no results for over twelve years (see, in particular, paragraph 216 above). There is nothing to show that it had in practice an opportunity to obtain effective remedies for its complaints, that is to say, remedies which could have prevented the violations from occurring or continuing, or could have afforded the applicant appropriate redress.
229. The Court concludes, therefore, that there has been a violation of Article 13 of the Convention. It also dismisses the Government’s objection regarding the admissibility of the applicant company’s complaint under Article 1 of Protocol No. 1 based on the non-exhaustion of domestic remedies, which was previously joined to the merits of its complaint under Article 13 of the Convention (see paragraph 148 above).
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
230. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. The parties’ submissions
(a) Pecuniary damage
231. The applicant company claimed 165,915,960 US dollars (USD) in respect of the pecuniary damage on the basis of the following calculations.
232. First, it claimed compensation equivalent to the current market value of fourteen aircraft similar to those of which it had been deprived.
233. As An-28s were no longer in production, the applicant company referred to the current market value of the M28 Skytruck, produced by a Polish company, “PZL Mielec” as a development of licence-built Antonov An-28. Six new M28 Skytrucks could currently be purchased for USD 48,000,000.
234. L-410s continued to be produced by the Czech manufacturer, LET Airplane Industries. The current market value of eight such new aircraft was USD 44,000,000.
235. Secondly, the applicant company claimed compensation for lost profit. It referred in this connection to the profit it could have made by virtue of the lease agreements of 18 August 2000 and 20 August 2001 (see paragraphs 16 and 101 above). According to its calculation, the amount of that profit taking account of inflation was USD 60,464,552.
236. Thirdly, the applicant company submitted that it could have placed the aforementioned profits from the lease of the aircraft on a bank deposit at an average annual interest rate of 3.8%. As a result, it would have earned USD 13,383,543.
237. Lastly, the applicant company claimed under this head compensation for the costs borne under the security contract of 4 June 2003 to guard the six An-28s, which amounted to USD 67,865 (see paragraph 75 above).
238. The Government contested the above claims. They submitted that the applicant company’s property rights to the respective aircraft had been reaffirmed by the domestic courts and that the authorities had been making all possible efforts to enforce those judgments and to return the planes to the applicant company. Accordingly, if the Court were to grant compensation for their value, the applicant company would receive double payment.
239. The Government also pointed out that the aircraft in question were not new when the State authorities had allegedly interfered with the applicant company’s property rights. They therefore considered the applicant company’s claim for compensation of the value of new aircraft unjustified.
240. The Government also contended that the applicant company’s claim regarding the loss of profit was unsubstantiated. As regards the lease agreement of 18 August 2000 with ATI in respect of the L-410s, the Government noted that ATI had proved unable to comply with a similar lease agreement concerning the An-28s (see paragraph 15 above). Accordingly, there were no grounds for considering that it would have properly complied with the agreement of 18 August 2000. In so far as the applicant company referred to the lease agreement of 20 August 2001 in respect of the six An-28s, the Government noted that it had had no right to conclude that agreement at all, as at that time the aircraft had been retained by the authorities pursuant to the seizure of 30 March 2001 (see paragraph 20 above).
241. The Government also contested as groundless and speculative the applicant company’s argument concerning potential bank deposits.
242. As regards the compensation for the security contract costs, the Government noted that the aircraft had been at the time in the custody of the authorities. Therefore, it was unnecessary and pointless for the applicant company to conclude a separate contract for their security guard.
(b) Non-pecuniary damage
243. The applicant company also claimed USD 10,000 in respect of non-pecuniary damage.
244. The Government contested this claim as unsubstantiated and exorbitant.
2. The Court’s assessment
(a) General principles
245. The Court reiterates that a judgment in which it finds a breach imposes on the respondent State a legal obligation to put an end to the breach and to make reparation for its consequences in such a way as to restore as far as possible the situation existing before the breach (see, for example, Brumărescu v. Romania (just satisfaction) [GC], no. 28342/95, § 19, ECHR 2001 I, and Iatridis v. Greece (just satisfaction) [GC], no. 31107/96, § 32, ECHR 2000 XI).
246. The Contracting States that are parties to a case are in principle free to choose the means whereby they will comply with a judgment in which the Court has found a breach. This discretion as to the manner of execution of a judgment reflects the freedom of choice attaching to the primary obligation of the Contracting States under the Convention to secure the rights and freedoms guaranteed (Article 1). If the nature of the breach allows for restitutio in integrum, it is for the respondent State to effect it. If, on the other hand, national law does not allow – or allows only partial – reparation to be made for the consequences of the breach, Article 41 empowers the Court to afford the injured party such satisfaction as appears to it to be appropriate (see Brumărescu, cited above, § 20).
247. The Court enjoys certain discretion in the exercise of the power conferred by Article 41, as is borne out by the adjective “just” and the phrase “if necessary” in its text (see Guzzardi v. Italy, 6 November 1980, § 114, Series A no. 39). In order to determine just satisfaction, it has regard to the particular features of each case, which may call for an award of less than the value of the actual damage sustained or the costs and expenses actually incurred, or even for no award at all.
248. In this context, the Court reiterates that in cases involving the taking of property by the State, the distinction between “lawful” and “unlawful” deprivation of property is particularly relevant to the assessment of a pecuniary claim (see Ukraine-Tyumen v. Ukraine (just satisfaction), no. 22603/02, § 22, 20 May 2010, with further references).
249. The nature and the extent of the just satisfaction to be afforded by the Court under Article 41 of the Convention directly depend on the nature of the breach (see Shesti Mai Engineering OOD and Others v. Bulgaria, no. 17854/04, § 101, 20 September 2011, with further references). Moreover, the Court’s case-law establishes that there must be a clear causal connection between the damage claimed by the applicant and the violation of the Convention (see, amongst others, Stretch v. the United Kingdom, no. 44277/98, § 47, 24 June 2003). Thus, for an award to be made in respect of pecuniary damage, the applicant must demonstrate that there is a causal link between the violation and any financial loss alleged (see, for example, Družstevní záložna Pria and Others v. the Czech Republic (just satisfaction), no. 72034/01, § 9, 21 January 2010).
250. Sometimes a precise calculation of the sums necessary to make complete reparation in respect of the pecuniary losses suffered by the applicant may be prevented by the inherently uncertain character of the damage flowing from the violation (see Smith and Grady v. the United Kingdom (just satisfaction), nos. 33985/96 and 33986/96, § 18, ECHR 2000 IX). There might be other impediments. For example, it is impossible to calculate precisely the value of property which no longer exists (see Hovhannisyan and Shiroyan v. Armenia (just satisfaction), no. 5065/06, § 13, 15 November 2011).
251. The Court is also aware of the difficulties in calculating lost profits in circumstances where such profits could fluctuate owing to a variety of unpredictable factors (see Dacia S.R.L. v. Moldova (just satisfaction), no. 3052/04, § 47, 24 February 2009). This is particularly true in cases concerning the commercial activities of a company, which implies the taking of risks and a degree of uncertainty as to the use and the profitability of the possessions in question (see Basarba OOD v. Bulgaria (just satisfaction), no. 77660/01, § 26, 20 January 2011).
252. As regards pecuniary compensation for non-pecuniary damage, the Court may award it to commercial companies ruling on an equitable basis, as its exact calculation is in principle impossible. Non-pecuniary damage suffered by such companies may include aspects that are to a greater or lesser extent “objective” or “subjective”. Aspects that may be taken into account include the company’s reputation, uncertainty in decision-planning, disruption in the management of the company (for which there is no precise method of calculating the consequences) and lastly, albeit to a lesser degree, the anxiety and inconvenience caused to the members of the management team (see Comingersoll S.A. v. Portugal [GC], no. 35382/97, § 35, ECHR 2000 IV).
253. If one or more heads of damage cannot be calculated precisely, the Court may decide to make a global assessment ruling on an equitable basis (see, for a recent reference, Agrokompleks v. Ukraine (just satisfaction), no. 23465/03, §§ 80 and 93, 25 July 2013).
(b) Application of the above general principles to the present case
254. The Court has found that the applicant company has been deprived by the State of its fourteen aircraft in an unlawful and arbitrary manner (see paragraphs 215-218 above).
255. Accordingly, only the return of those aircraft to the applicant company would put it, as far as possible, in a situation equivalent to the one in which it would have found itself had there not been a breach of Article 1 of Protocol No. 1 (see and compare with Iatridis (just satisfaction), cited above, § 35).
256. However, restitutio in integrum is not possible because the aircraft in question have either been seriously damaged, or have been sold to third parties, or have gone missing.
257. It follows that the respondent Government must compensate the applicant company for their value as of the time of the interference.
258. The Court does not agree, however, with the applicant company’s approach to its calculation, according to which it should be compensated the current market value of new aircraft (see paragraphs 233-234 above).
259. The Court notes that the aircraft of which the applicant company was dispossessed were not new. Thus, the An-28s which it purchased in 1999 had been manufactured in 1988-1990 and had a flying record of between 1,455 and 2,821 hours (see paragraph 9 above). Although equivalent information on the L-410s is unavailable, it appears that they required some repairs and technical upgrading following their purchase by the applicant company (see paragraph 101 above).
260. The Court has not been provided with information on the market value of the aircraft at the time of the events or the current market value of aircraft of comparable technical characteristics and wear. Neither is it in a position to establish with precision the inherent amortisation and repair costs.
261. With regard to the business operations involving the aircraft which the applicant company pursued after their purchase (see paragraphs 10, 16 and 101 above), the Court accepts that in the present case the planes were intended to be used in gainful activity. It therefore has no doubt that the applicant company has lost profits which it could have derived from its planes during the period from their taking up to the present time.
262. At the same time, the Court finds it impossible to define the amount of the lost profits with precision, given all the imponderables involved.
263. The Court also considers that the violations it has found in the instant case must have caused the applicant company disruption and prolonged uncertainty in the conduct of its business. It must also have caused its managers feelings of helplessness and frustration (see and compare Centro Europa 7 S.R.L. and di Stefano v. Italy [GC], no. 38433/09, § 221, ECHR 2012).
264. In the light of the foregoing considerations and having regard to all the materials in its possession, the Court finds it appropriate to rule in equity and make a global assessment in the present case (see Agrokompleks, cited above, §§ 80 and 93).
265. It considers it reasonable to award the applicant company an aggregate sum of 5,000,000 euros (EUR), covering all heads of damage, plus any tax that may be chargeable on that amount.
B. Costs and expenses
266. The applicant company further claimed an award equal to 10% of the above just satisfaction claims in respect of its legal representation in the proceedings before the Court. In substantiation, it submitted copies of the legal services agreements which it had concluded with the “International law firm “Consulting” on 1 November 2006 and 8 January 2009, according to which the applicant company undertook to pay the law firm 10% of the just satisfaction to be awarded to it by the Court on this case. In the event that its application should be found inadmissible or raising no issues under the Convention or its Protocols, the applicant company would pay the law firm UAH 50,000 under the agreement of 1 November 2006 and UAH 5,000 under that of 8 January 2009.
267. The Government contested that claim. In their view, “the realistic amount” of the legal fees was set by the applicant company itself at UAH 50,000 in the legal services agreement of 1 November 2006.
268. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum (see, for example, Bottazzi v. Italy [GC], no. 34884/97, § 30, ECHR 1999 V).
269. The Court notes that the applicant company concluded an agreement with a law company concerning its fees which is comparable to a contingency fee agreement. Such an agreement whereby a lawyer’s client agrees to pay the lawyer, in fees, a certain percentage of the sum, if any, awarded to the litigant by the court – giving rise to obligations solely between lawyer and client – cannot bind the Court, which must assess the level of costs and expenses to be awarded with reference not only to whether the costs are actually incurred but also to whether they have been reasonably incurred (see Iatridis (just satisfaction), cited above, § 55, with further references).
270. In the light of the foregoing principles and having regard to the case-file materials, the Court considers it reasonable to award EUR 8,000 under this head, plus any tax that may be chargeable to the applicant company on that amount.
C. Default interest
271. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT
1. Decides unanimously to join the Government’s objection as to the exhaustion of domestic remedies in respect of the applicant company’s complaint under Article 1 of Protocol No. 1 to the merits of its complaint under Article 13 of the Convention, and dismisses it after having examined the merits of that complaint;

2. Declares unanimously the application admissible;

3. Holds unanimously that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;

4. Holds unanimously that there is no need to examine the complaint under Article 6 § 1 of the Convention;

5. Holds unanimously that there has been a violation of Article 13 of the Convention;

6. Holds by six votes to one
that the respondent State is to pay the applicant company, within three months of the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 5,000,000 (five million euros) in respect of pecuniary and non-pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable to the applicant company;

7. Holds unanimously that the respondent State is to pay the applicant company, within three months of the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 8,000 (eight thousand euros) in respect of costs and expenses, plus any tax that may be chargeable to the applicant company;

8. Holds unanimously that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

9. Dismisses unanimously the remainder of the applicant company’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 23 January 2014, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Stephen Phillips Mark Villiger
Deputy Registrar President
In accordance with Article 45 § 2 of the Convention and Rule 74 § 2 of the Rules of Court, the separate opinion of Judge P. Lemmens is annexed to this judgment.
M.V.
J.S.P.

PARTLY DISSENTING OPINION OF JUDGE LEMMENS
I voted with my colleagues in finding violations of Article 1 of Protocol No. 1 and Article 13. I would like to underline that this is a quite extraordinary case, in which the tax administration used all sorts of tricks to avoid doing what it had been ordered to do, namely to return the aircraft to the applicant company. This resulted in the applicant company being deprived of its aircraft “in an utterly arbitrary manner, contrary to the rule of law principle” (paragraph 215 of the judgment).

To my regret, however, I cannot join my colleagues in the decision relating to the just satisfaction awarded to the applicant company. The majority awards an aggregate sum of EUR 5,000,000. In my opinion, the question of the application of Article 41 is not yet ready for decision.

The applicant company provided the Court with calculations based on the current market value of new aircraft. I agree with the majority that this is not the correct approach (see paragraph 258), and that the calculation of the award should be based on the current market value of aircraft of comparable technical characteristics and wear, that is, of used aircraft (see paragraph 260).

In my opinion we have not been provided with sufficient elements to make an assessment of the current market value of An-28s and L-410s, regard being had to their state at the time they were placed under the supervision of the authorities and the applicant company was denied access to them. I do not feel reassured that, within the total amount of EUR 5,000,000, there is a part that reasonably relates to the actual market value of used aircraft. There are elements in the file which suggest that the amount of EUR 5,000,000 may be much higher than the total price paid by the applicant company for the aircraft in 1999 and 2000 (see paragraph 259, referring to paragraphs 9 and 101). In order to avoid the risk of our award being too high, I would have preferred to reserve the question of just satisfaction and to invite the parties to submit calculations on the basis of a set of criteria specified by the Court in its judgment.

TESTO TRADOTTO

Conclusioni: Eccezione preliminare congiunta ai meriti e respinta (Articolo 35-1 - Esaurimento delle vie di ricorso nazionali)
Violazione dell’ Articolo 13 - Diritto ad una via di ricorso effettiva (Articolo 13 - via di ricorso Effettiva)
Violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 1 del Protocollo N.ro 1 - Privazione di proprietà)
Danno patrimoniale e non-patrimoniale - assegnazione


QUINTA SEZIONE





CAUSA EAST/WEST ALLIANCE LIMITED C. UCRAINA

(Richiesta n. 19336/04)










SENTENZA


STRASBOURG

23 gennaio 2014



Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.

Nella causa di Alleanza di East/West Limitata c. l'Ucraina,
La Corte europea di Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Mark Villiger, Presidente
Angelika Nußberger,
Boštjan M. Zupanič,
Ganna Yudkivska,
André Potocki,
Paul Lemmens,
Aleš Pejchal, giudici
e Stefano Phillips, Sezione Cancelliere Aggiunto
Avendo deliberato in privato 17 dicembre 2013,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 19336/04) contro l'Ucraina depositò con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) in 27 maggio 2004 di OMISSIS., una società irlandese basò in Dublin con un ufficio rappresentativo in Ucraina (“la società di richiedente”).
2. La società di richiedente fu rappresentata col “ditta di diritto internazionale “Consultando” basato in Kyiv. Il Governo ucraino (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, più recentemente il Sig. Nazar Kulchytskyy.
3. La società di richiedente addusse violazioni di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, così come l'Articolo 6 § 1 ed Articolo 13 della Convenzione, su conto delle numerose e sfaccettate interferenze delle autorità coi suoi diritti di proprietà a quattordici aereo che diede luogo presumibilmente al suo essere privato di quelle proprietà.
4. 31 marzo 2010 la richiesta fu comunicata al Governo.
5. 27 aprile 2012 il Presidente della Sezione decise, sotto Decida 54 § 2 (il c) degli Articoli di Corte che le parti dovrebbero essere invitate per presentare inoltre osservazioni scritto sull'ammissibilità e meriti della richiesta.
6. Il Governo irlandese, stato stato informato del loro diritto per intervenire nei procedimenti (l'Articolo 36 § 1 della Convenzione e Decide 44 degli Articoli di Corte), indicò che loro non desiderarono ad esercizio che diritto.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
7. Al tempo degli eventi la società di richiedente, insieme ad ATI (un'aria carico traffico società), URARP (un aereo ripara e società di mantenimento), e delle altre società coinvolsero negli affari di aviazione, appartenuto al Consorzio Titanico.
8. Ai vari tempi fra agosto 1997 e marzo 2002, quando lui fu eletto al parlamento nazionale, il presidente dell'ufficio ucraino della società di richiedente, ATI ed il Consorzio Titanico era un certo Sig. L.
Fatti di A. riguardo all'Un-28 l'aereo
1. Acquisto ed operazioni di affari con la società di richiedente
9. Facendo seguito ad un contratto di vendita di 30 luglio 1999, siccome cambiato 28 dicembre 1999, la società di richiedente acquistò otto Antonov-28 (“Un-28”) aereo dalla società aerea russa S. che L'aereo era stato fabbricato nel 1988-1990, ed i loro documenti di volo variarono da 1,455 a 2,821 ore.
10. 9 e 19 gennaio 2000 la società di richiedente affittò quegli aereo ad ATI per dieci anni. Fu convenuto nel contratto durante il quale l'aereo rimarrebbe la proprietà della società di richiedente quel periodo intero. La proprietà potrebbe essere trasferita poi ad ATI, a condizione che aveva stabilito tutti i pagamenti di leasing.
11. 22 e 28 marzo 2000 il Ministero di Trasporto dell'Ucraina registrò l'aereo. La società di richiedente fu indicata come il proprietario nei certificati di registrazione.
12. In novembre 2000 uno dell'aereo fu trasferito a Moldavia per fini commerciali.
13. 7 marzo 2001 un altro aereo fu venduto a società C.
14. Il rimanente del sei aereo fu parcheggiato all'Uzyn base aerea nella regione di Kyiv (Bila Tserkva).
15. 6 luglio 2001 la società di richiedente ed ATI terminò l'accordo di contratto d'affitto perché l'affittuario non era capace di attenersi coi suoi termini.
16. 20 agosto 2001 la società di richiedente concluse un accordo su un contratto d'affitto di dieci - anni di sei areomobili ad un'altra società, R.S.T. che era prendere effetto 1 ottobre 2001. Comunque, che accordo non entrò mai in vigore.
2. Procedimenti penali contro URARP e gli ufficiali di ATI
17. Fra 23 e 25 gennaio 2001 la polizia di tassa condusse una ricerca sui locali del Consorzio Titanico in Kyiv, incluso l'ufficio della società di richiedente apparentemente nel contesto di indagini penali contro URARP su conto di evasione fiscale sospettata. Di conseguenza, sequestrò, “un numero considerevole di documenti” (citò da una direttiva dell'Ufficio dell'Accusatore di Kyiv di 20 settembre 2002-vedere paragrafo 27 sotto). La documentazione sequestrata incluse il contratto originale di vendita per i sei Un-28s parcheggiò all'Uzyn base aerea. L'archivio di causa non contiene il rapporto di ricerca-e-confisca.
18. 23 marzo 2001 la polizia di tassa avviò procedimenti penali contro gli ufficiali di ATI su sospetto di evasione fiscale.
19. 29 marzo 2001 i procedimenti furono cessati siccome loro prematuramente era stato avviato. Lo stesso decidere la polizia di tassa avviò comunque, procedimenti penali contro gli ufficiali di ATI su sospetto di falsificazione di documento.
20. 30 marzo 2001 la polizia di tassa contenne un “ispezione della scena” all'Uzyn base aerea, come un risultato del quale loro scoprirono e presero i sei Un-28 l'aereo. La confisca fu documentata con un “rapporto dell'ispezione della scena” (la stessa procedura ebbe luogo all'aeroporto di Cherkasy in riguardo di otto L-410 plana appartenendo anche alla società di richiedente-vedere paragrafo 104 sotto). Siccome la guardia di sicurezza non era capace di produrre la documentazione per quegli aereo, mentre presentò che era nell'ufficio della società di richiedente in Kyiv, la polizia concluse che “il loro proprietario non poteva essere stabilito.”
21. La società di richiedente impugnò la confisca summenzionata (così come la confisca dell'aereo di L-410-vedere paragrafo 105 sotto) di fronte alle autorità di accusa.
22. 10 gennaio 2002 la polizia di tassa aprì di nuovo una causa penale contro gli ufficiali di ATI su sospetto di evasione fiscale.
23. 21 marzo 2002 il Kyiv che l'Ufficio di Accusatore Urbano ha scritto alla società di richiedente, in replica alla sua azione di reclamo dell'illegalità allegato della confisca dell'aereo di 30 marzo 2001, che non potesse decidere sulla confisca dell'Un-28 aereo, come nel frattempo 10 settembre 2001, il Kyiv Tribunale di commercio Urbano li aveva confiscati anche nel contesto dei procedimenti commerciali portato con le autorità fiscali (vedere paragrafo 35 sotto). Come riguardi il L-410s, la loro confisca fu trovata essere illegale come sé non era stato basato su un documento procedurale ed adeguato (vedere paragrafo 106 sotto).
24. Su una data non specificata una causa penale fu aperta contro il vicepresidente di ATI che fu accusato con abuso di ufficio, falsificazione, evasione fiscale e soldi lavando. Questa causa penale prima sostituì apparentemente, quegli aperti contro gli ufficiali di ATI (vedere divide in paragrafi 18 e 22 sopra). Il vicepresidente di ATI fu sospettato, in particolare, di avere contraffatto i contratti di 9 e 19 gennaio 2000 (vedere paragrafo 10 sopra) per il presumibilmente contratto d'affitto non-esistente dell'aereo, con una prospettiva ad evasione fiscale.
25. 17 aprile 2002 l'investigatore di polizia di tassa condusse un'altra ispezione degli aerei all'Uzyn base aerea.
26. Sulla stessa data l'investigatore classificò gli aerei come prova importante nella causa penale contro il vicepresidente di ATI, con riferimento ad Articoli 78 e 79 del Codice di Diritto processuale penale (vedere paragrafo 138 sotto).
27. 20 settembre 2002 il Kyiv che l'Ufficio di Accusatore Urbano ha rifiutato di avviare procedimenti penali contro la polizia di tassa in riguardo di, inter l'alia, la ricerca dell'ufficio della società di richiedente fra 23 e 25 gennaio 2001 e la confisca della documentazione relativo all'aereo. Era la quarta decisione delle autorità di accusa che rifiutano di aprire una causa penale in quel riguardo a. Il precedente tre erano stati annullati sui motivi di prova insufficiente. La società di richiedente anche inutilmente tentò di trarre una rivendicazione civile quel riguardo a.
28. 3 febbraio 2003 la Corte distrettuale di Pecherskyy di Kyiv (“il Pecherskyy Court”) trovi il vicepresidente di ATI colpevole della negligenza professionale e l'assolse delle altre accuse (incluso la falsificazione del contratto d'affitto contrae di 9 e 19 gennaio 2001). Con la stessa sentenza l'ordine della corte che i sei Un-28s usato come prova importante nella causa sia ritornato a “il loro proprietario.” In 8 maggio 2003 il Kyiv Corte d'appello Urbana sostenne quel la sentenza.
29. In 26 maggio 2003 la Corte di Pecherskyy scrisse alla società Statale in accusa della gestione dell'Uzyn base aerea che afferma che, facendo seguito alla sentenza di 3 febbraio 2003, gli aerei in oggetto sarebbe ritornato al loro proprietario.
30. In 30 maggio 2003 il direttore di base aerea spedì che istruzione alla Tassa Statale Inspectorate in Bila Tserkva (inoltre assegnò a come “la Bila Tserkva Tassa Inspectorate” o “l'inspectorate della tassa”) che l'aveva affidato col loro deposito. Il direttore di base aerea indicò anche che gli inspectorate della tassa dovettero 46,295 hryvnias ucraini la società Statale (UAH) per il deposito.
31. 2 giugno 2003 gli inspectorate della tassa risposero che 16 settembre 2002, l'aereo era stato dichiarato nel frattempo, ownerless (vedere paragrafo 41 sotto) e che non c'erano motivi legali per cessare la loro vendita per reddito pubblico (vedere anche divide in paragrafi 61-65 sotto). Come all'indebitamento supposto, gli inspectorate della tassa presentarono, che gli aerei che ora erano proprietà Statale erano stati immagazzinati in un base aerea Statale ed erano stati protegguti con la polizia di tassa (vedere divide in paragrafi 73-74 sotto). Di conseguenza, considerò la rivendicazione per deposito costa essere senza base.
32. 7 febbraio 2005 la Corte di Pecherskyy specificata che, nella conformità con la sentenza di 3 febbraio 2003, i sei Un-28s sarebbe ritornato alla società di richiedente che era il loro proprietario.
33. 28 febbraio 2005 la corte emise un ordine di esecuzione della sentenza sulla base della sua direttiva di 7 febbraio 2005.
3. Procedimenti portati con le autorità fiscali per invalidazione del contratto d'affitto contraggono dell'aereo
34. 20 agosto 2001 il Distretto di Pecherskyy Amministrazione fiscale Statale in Kyiv depositò una rivendicazione col Kyiv Tribunale di commercio Urbano contro la società di richiedente ed ATI, cercando che di invalidare il contratto d'affitto, contrae di 9 e 19 gennaio 2000 (vedere paragrafo 10 sopra). Il rivendicatore presentò che la società di richiedente aveva infatti provvide gli aerei ad ATI esente da spese, mentre i contratti di contratto d'affitto contestati erano stati contraffatti successivamente per celare che fatto, con una prospettiva ad assolvendo ATI da qualsiasi l'imposta sul reddito pagabile. Oltre ad invalidazione del contratto d'affitto contrae, l'amministrazione fiscale chiese il sequestro dell'aereo del otto, con gli incassi della loro vendita che va al bilancio Statale. Richiese anche che gli aerei siano confiscati come una misura provvisoria per garantire la rivendicazione.
35. 10 settembre 2001 la corte avviò i procedimenti. Garantì la rivendicazione con confiscando l'aereo del otto (incluso quel vendette a società C. ed il trasferì a Moldavia).
36. Sul 2001 società di 12 ottobre C. chiese alla corte di togliere il sequestro dell'aereo aveva acquistato. Che richiesta apparentemente fu accordata.
37. 27 giugno 2003 il Kyiv Tribunale di commercio Urbano respinse la rivendicazione dell'amministrazione fiscale come non comprovato. Notò che era stata base comune che ATI non si era attenuto coi contratti di contratto d'affitto e perciò la società di richiedente rimase il proprietario dell'aereo. La corte annullò anche l'ordine di sequestro di 10 settembre 2001 (vedere paragrafo 35 sopra).
38. 29 settembre 2003 il Tribunale di commercio di Kyiv di Ricorso sostenne quel la sentenza. Affermò che la proprietà della società di richiedente dell'aereo era stata confermata con documenti, mentre la dichiarazione che alcuni dei documenti erano stati contraffatti era stata trovata essere non comprovata nella sentenza di 3 febbraio 2003 (vedere paragrafo 28 sopra).
4. La decisione delle autorità di dichiarare i sei aerei senza proprietario
39. 10 luglio 2002 un investigatore dell’Ispettorato fiscale Bila Tserkva emise un rapporto di “la confisca provvisoria dei beni del contribuente” in riguardo dei sei Un-28 aerei parcheggiarono all'Uzyn base aerea, con una prospettiva a “accordo del vis-à-vis di obblighi del contribuente bilanci Statali e finanziamenti di obiettivo.” Il rapporto elencò gli aerei la registrazione di ' numera e si riferì a sottosezione 3.2 di sezione 9 della Legge dell'Ucraina “Sulla procedura per l'accordo di contribuenti gli obblighi di ' per Affermare bilanci e la speciale-fine procura” (vedere paragrafo 140 sotto). Fu firmato con un ufficiale di polizia di tassa, il direttore di base aerea di Uzyn e due testimoni che attestano.
40. 11 luglio 2002 il capo aggiunto dell’Ispettorato fiscale Bila Tserkva emise una decisione di “la confisca amministrativa dei beni del contribuente” in riguardo dell'aereo in oggetto. La decisione reiterò che la misura si era stata impegnata con una prospettiva a “accordo dei bilanci di vis-à-vis di obblighi del contribuente e finanziamenti di obiettivo Statali.” Fu notato nella linea “il contribuente i cui beni sono stati sequestrati” che il proprietario dell'aereo non era stato stabilito.
41. 16 settembre 2002 l’Amministrazione Statale della città di Bila Tserkva (“la Bila Tserkva Amministrazione”) emesso un ordine col quale dichiarò i sei ownerless dell'aereo e conferì poteri la polizia di tassa per venderli. Fra marzo e giugno 2003 gli aerei furono venduti a terze parti di conseguenza, (vedere divide in paragrafi 61-65 sotto).
42. In 15 maggio 2003 la società di richiedente depositò una rivendicazione col Kyiv Tribunale di commercio Regionale contro la Bila Tserkva Amministrazione, impugnando l'ordine di 16 settembre 2002. Presentò che era il proprietario legittimo dell'aereo del quale l'imputato era stato informato debitamente che fatto, e che l'ordine contestato aveva corrisposto all'espropriazione illegale della proprietà della società di richiedente.
43. 3 giugno 2003 per garantire la rivendicazione della società di richiedente la corte proibì, qualsiasi operazioni che comportano l'aereo.
44. 4 giugno 2003 un ufficiale giudiziario sigillò di conseguenza, l'aereo del sei. L'Ad Hoc Indagine Commissione per l'Indagine in Ragioni per la Situazione della Crisi dell'Aviazione ucraina (“l'Indagine Commissione Parlamentare”) che era stato esposto nel frattempo su sotto la presidenza del Sig. L. il Deputato (vedere paragrafo 8 sopra), ed a che si era lamentata la società di richiedente, anche sigillò l'aereo.
45. La Bila Tserkva Amministrazione fece ricorso contro il sequestro dell'aereo ordinato 3 giugno 2003 che presenta, in particolare, che la rivendicazione della società di richiedente era di una natura non-patrimoniale, essendo limitato all'invalidazione di un documento.
46. 8 luglio 2003 il Kyiv Tribunale di commercio Urbano di Ricorso respinse quel il ricorso. Trovò gli argomenti dell'appellante infondato perché l'argomento della controversia era duplice: in primo luogo, la decisione contestata aveva dichiarato senza proprietari degli aerei, e, in secondo luogo, aveva autorizzato le autorità fiscali a vendere gli aerei. Di conseguenza, un insuccesso per garantire la rivendicazione potrebbe mettere in pericolo esecuzione di qualsiasi sentenza futura sulla controversia.
47. 11 novembre 2003 il Tribunale di commercio più Alto annullò le direttive di 3 giugno e 8 luglio 2003 su un ricorso di cassazione depositato con la Bila Tserkva Amministrazione. Notò che come di 3 giugno 2003 gli aerei erano rimasti confiscato per garantire una rivendicazione in un altro set di procedimenti sotto una direttiva di 10 settembre 2001 che non era stato annullato sino a 27 giugno 2003 (vedere divide in paragrafi 35 e 37 sopra). Siccome la procedura legale non previde per “duplice” misure per garantire rivendicazioni, la direttiva del Kyiv Tribunale di commercio Regionale di 3 giugno 2003 non aveva base legale.
48. 25 dicembre 2003 il Kyiv Tribunale di commercio Regionale trovato in favore della società di richiedente ed annullò l'ordine della Bila Tserkva Amministrazione di 16 settembre 2002 (vedere paragrafo 41 sopra). Affermò che i diritti di proprietà della società di richiedente furono confermati coi certificati di registrazione di aereo datò 28 marzo 2000 (vedere paragrafo 11 sopra).
49. 9 aprile 2004 il Tribunale di commercio di Kyiv di Ricorso sostenne quel la sentenza. Emise anche una direttiva separata nella quale assegnò, inter l'alia, alla prova documentaria nell'archivio di causa che prova che la Bila Tserkva Amministrazione aveva proceduto con la vendita degli aerei per motivi che loro erano ownerless (vedere divide in paragrafi 41 e 61-65 sotto) dopo avere ricevuto documenti dalla società di richiedente che conferma la proprietà seconda di quegli aerei. La corte concluse così che, dichiarando senza proprietà degli aerei, l'imputato aveva infranto i diritti di proprietà della società di richiedente. Istruì inoltre il Kyiv Amministrazione Statale e Regionale, il Kyiv Amministrazione fiscale Urbana, e dell’Ispettorato fiscale Bila Tserkva “prendere misure appropriate in riguardo degli ufficiali colpevole delle violazioni della procedura per identificando e dichiarare ownerless la proprietà che appartiene al [società di richiedente].”
50. 20 luglio 2004 il Tribunale di commercio più Alto sostenne il più basso corteggia decisioni di ' del 2003 e 9 aprile 2004 di 25 dicembre.
51. 9 dicembre 2004 l'Ufficio del Generale Accusatore (“il GPO”) avviò procedimenti penali sull'abuso di potere sospettato con ufficiali della tassa e le altre autorità statali che avevano “aveva conseguenze gravi.” L'accusatore notò che, con dichiarando senza proprietariodell'aereo della società di richiedente e vendendoli, così come con prendendo illegalmente il suo L-410s (vedere anche divide in paragrafi 104 e 106 sotto), le autorità avevano provocato la società di richiedente “danno patrimoniale e diretto di finito milione hryvnias ucraini.” 15 dicembre 2004 il reparto di soprintendenza del GPO annullò la direttiva di 9 dicembre 2004 come prematuro. Comunque, questo decisione fu accantonata successivamente più tardi anche (con la decisione del Generale Accusatore Aggiunto di 14 aprile 2005). Non ci sono informazioni su qualsiasi gli ulteriori sviluppi nell'indagine.
52. 21 dicembre 2004 la Corte Suprema annullò la sentenza del Kyiv Tribunale di commercio Regionale di 25 dicembre 2003 e le direttive relative delle corti di alto-livello (vedere divide in paragrafi 48 e 50 sopra) e rinviò la causa per esame nuovo alla corte di primo-istanza. Considerò che le corti avevano fatto una sentenza prematura che la società di richiedente era il proprietario dell'aereo. L'esame nuovo della causa fu supposto per chiarificare, incluso con l'aiuto di un esame di graphological forense, se i contratti di vendita di 30 luglio e 28 dicembre 1999 (vedere paragrafo 9 sopra) era autentico ed in ottemperanza con la legislazione russa come therein indicato.
53. 25 settembre 2006 il Kyiv Tribunale di commercio Regionale, mentre avendo esaminato da capo la causa, ancora una volta accolse la rivendicazione della società di richiedente ed annullò come illegale l'ordine della Bila Tserkva Amministrazione di 16 settembre 2002 (vedere paragrafo 41 sopra). Facendo seguito alle istruzioni della Corte Suprema, aveva intrapreso un esame grafologico forense del contratto di vendita di 30 luglio 1999 e l'accordo supplementare di 28 dicembre 1999, ed aveva trovato le firme su loro per essere autentico. La corte stabilì inoltre che l'operazione aveva avuto luogo in ottemperanza con legislazione russa siccome indicato nei contratti. Sottolineò che l'aereo era stato dichiarato ownerless nonostante il fatto che l'archivio di causa aveva contenuto copie dei certificati della loro registrazione col Ministero di Trasporto di Ucraina di 28 marzo 2000 (vedere paragrafo 11 sopra). Inoltre, la società russa che S. aveva confermato per iscritto alla corte che aveva venduto gli aerei in questione alla società di richiedente. Di conseguenza, la corte concluse che non c'erano nessuno ragioni di non considerare il contratto di vendita di 30 luglio 1999 come prova appropriata del titolo della società di richiedente agli aerei. La corte fondò anche che la Bila Tserkva Amministrazione aveva violato la procedura per identificando e dichiarare l'ownerless della proprietà.
54. La Bila Tserkva Amministrazione, la Bila Tserkva Tassa Inspectorate ed il Kyiv che l'Ufficio di Accusatore Regionale è piaciuto.
55. L'Amministrazione fiscale di Kyiv investigò anche con Interpol se la società di richiedente fu registrata ed intraprese legalmente le sue attività.
56. 16 gennaio 2007 il Kyiv Tribunale di commercio Regionale di Ricorso sospese l'esame della causa ricevuta pendente di informazioni dal Settore di Interpol irlandese che riguarda quel l'enquiry.
57. 27 febbraio 2007 il Settore di Interpol ucraino informò la società di richiedente della replica delle loro cose uguale irlandesi che confermano che sé (la società di richiedente) non aveva casellario giudiziale, né qualsiasi problemi con la polizia in Irlanda.
58. Il 2007 e 14 ottobre 2008 di 7 giugno il Kyiv Tribunale di commercio Regionale di Ricorso e la Corte amministrativa più Alta, rispettivamente sostenne la sentenza del Kyiv Tribunale di commercio Regionale di 25 settembre 2006 (vedere paragrafo 53 sopra; apparentemente a del punto la giurisdizione sulla causa era stata cambiata da pubblicità ad amministrativo).
59. 10 novembre 2008 la società di richiedente chiese alla Bila Tserkva Tassa Inspectorate per ritornargli l'aereo del sei, con riferimento a quelle decisioni giudiziali.
60. 10 dicembre 2008 gli inspectorate della tassa risposero che era impossibile per restituire gli aerei alla società di richiedente, perché loro erano stati svenduti nel frattempo ad un'asta pubblica (vedere divide in paragrafi 63-65 sotto).
5. Vendita dell'aereo a terze parti
61. A luglio 2002, seguendo la confisca dell'aereo (vedere divide in paragrafi 39-40 sopra), la Bila Tserkva Tassa Inspectorate commissionò la società di Ukrimpeks-2000 per immagazzinare e venderli.
62. La società di richiedente inutilmente cercò di ostacolare la vendita di fronte alla Bila Tserkva Amministrazione.
63. Sul 2003 Ukrimpeks-2000 di 17 marzo uno vendè piano ad una società privata.
64. Sul 2003 quattro altri aerei di 24 aprile fu venduto ad un'altra società privata.
65. 4 giugno 2003 il sesto aereo fu venduto all'Impresa del Servizio del Traffico aereo Statale ucraina.
66. 12 dicembre 2003 il Kyiv Tribunale di commercio Regionale avviò procedimenti che seguono una rivendicazione con la società di richiedente che impugna tutti quelli vendita contrae, e confiscò l'aereo per garantire la rivendicazione.
67. L'Impresa del Servizio del Traffico aereo Statale ucraina, dal suo lato impugnò anche nel frattempo, il contratto di 4 giugno 2003 di fronte al Merce Mercato Arbitrato Ufficio (“ж(у)”). L'acquirente non poteva trovare proprietà dell'aereo in oggetto e fondò fuori che la vendita era stata eseguita nonostante gli ordini giudiziali per confiscare l'aereo del 2001 e 3 giugno 2003 di 10 settembre.
68. 19 febbraio 2004 il Merce Mercato Arbitrato Ufficio, nel concedere la rivendicazione dell'acquirente dichiarò la vendita di 4 giugno 2003 (eseguì nella forma di un'operazione di mercato delle materie prime) privo di valore legale.
69. In 19 maggio 2005 il Kyiv Tribunale di commercio Regionale cessò i procedimenti nei quali la società di richiedente stava chiedendo annullamento del contratto di vendita di 4 giugno 2003, con riferimento a quel la decisione.
70. 6 luglio 2005 la corte annullò anche l'ordine di sequestro di 12 dicembre 2003 sulla base che stava impedendo mantenimento tecnico dell'aereo (la direttiva non assegnò a qualsiasi richiede di avere l'ordine annullò).
71. 25 agosto 2009 il Kyiv Tribunale di commercio Regionale, nel concedere la rivendicazione della società di richiedente dichiarò i contratti di vendita di 17 marzo e 24 aprile 2003 privo di valore legale.
72. Il 2009 e 25 febbraio 2010 di 17 dicembre il Kyiv Tribunale di commercio Regionale di Ricorso ed il Tribunale di commercio più Alto, rispettivamente sostenne quel la sentenza.
6. Guardia di sicurezza dell'aereo con le autorità fiscali
73. 12 luglio 2002 l'Amministrazione fiscale Statale istruì il suo Kyiv Settore Regionale per assicurare guardia di sicurezza dei sei Un-28 l'aereo.
74. Gli aerei apparentemente furono parcheggiati ancora all'Uzyn base aerea dopo la loro vendita a terze parti (vedere divide in paragrafi 14, 39 e 63-65 sopra).
75. 4 giugno 2003 concluse un contratto con un'agenzia di sicurezza Statale sul proteggere degli aerei secondo la società di richiedente. Che contratto rimase in vigore finché agosto 2007 e la società di richiedente pagarono un totale di UAH 351,522 (quale, secondo i suoi calcoli era equivalente al tempo ad USD 67,865) per i servizi previsti. Secondo il Governo, che contratto era di nessun effetto in pratica, determinato che gli aerei rimasero nelle autorità la custodia di ' (vedere anche paragrafo 243 sotto).
76. Nel 2004 la società di richiedente fondò fuori che alcuni degli aerei erano stati danneggiati o aveva avuto dell'attrezzatura rimossa, così si lamentò alla polizia.
77. Di conseguenza, 23 luglio 2004 il Bila investigatore di polizia di Tserkva, nella presenza di un rappresentante della società di richiedente ispezionò i sei aerei. L'ispezione rivelò che alcuni di loro erano stati danneggiati and/or avevano fatto rimuovere la certa attrezzatura. Un manico di porta era stato rotto e la porta danneggiò su un aereo, e l'alloggio di ruota, attrezzatura di navigazione motori, installazioni di radio emergenza pilotano ' fa sedere e pila stava perdendo su alcuni degli aerei. Allo stesso tempo, alcuni degli ufficiali giudiziari ' sigilla e quelli dell'Indagine Commissione Parlamentare (vedere paragrafo 44 sopra) fu rotto o perdendo, mentre c'erano Kyiv nuovi ed intatti che Amministrazione fiscale Regionale sigilla sugli aerei.
78. 26 luglio 2004 la società di richiedente si lamentò al GPO del furto e danno dell'aereo, emphasising che era successo mentre loro erano protegguti con la Bila Tserkva Tassa Inspectorate. La società di richiedente cercò di avviare procedimenti penali contro il secondi. Dibattè inoltre che gli aerei erano arrivati all'base aerea in buon condizione, mentre si riferì al fatto che loro facevano essere volato indipendentemente là tutti, piuttosto che preso nel sostenga di un altro aereo.
79. 5 agosto 2004 l'ufficio dell'accusatore rifiutò di avviare procedimenti penali contro gli ufficiali dell’Ispettorato fiscale Bila Tserkva su conto del furto, dopo non avendo trovato delicti del corpo nelle loro azioni.
80. 14 settembre 2004 l'ufficio dell'accusatore iniziò indagini penali nel furto senza designarli come bersaglio contro qualsiasi le specifiche persone.
81. 28 marzo 2005 l'investigatore terminò le indagini, dopo l'avendo trovato impossibile identificare il perpetrator(s).
82. 2 ottobre 2007 la società di richiedente portò una rivendicazione amministrativa contro le autorità fiscali su conto del presumibilmente guardia armata ed illegale dell'aereo, e chiese il suo sollevamento.
83. 19 novembre 2007 il Kyiv che Corte amministrativa Regionale ha rifiutato di aprire i procedimenti. Notò che la controversia in oggetto già era stato risolto con la sentenza del Kyiv Tribunale di commercio Regionale di 25 settembre 2006, sostenne col Kyiv Tribunale di commercio Regionale di Ricorso 7 giugno 2007 (vedere divide in paragrafi 53 e 58 sopra).
84. 17 febbraio 2009 la società di richiedente portò un'altra rivendicazione amministrativa contro la Bila Tserkva Amministrazione e Tassa Inspectorate che chiede il ritorno dei suoi sei Un-28s. Presentò che quelle autorità avevano commesso un'omissione illegale col loro insuccesso per restituire gli aerei alla società di richiedente come il loro proprietario legittimo. Notò inoltre che la decisione di 16 settembre 2002 era stata annullata col Kyiv 25 settembre 2006 Tribunale di commercio Regionale la cui decisione era stata sostenuta con le corti di alto-livello. La proprietà non era stata ritornata mai nondimeno, alla società di richiedente.
85. 14 aprile 2009 il Kyiv Corte amministrativa Regionale terminò i procedimenti per motivi che loro abbatterono criminale piuttosto che giurisdizione amministrativa sotto. La corte notò che era stato scoperto che la rivendicazione della società di richiedente concernè la non-esecuzione allegato di un definitivo verdetto penale (apparentemente intendendo il verdetto della Corte di Pecherskyy di 3 febbraio 2003, inoltre chiarificò 7 febbraio 2005-vedere divide in paragrafi 28 e 32 sopra).
86. 9 ottobre 2009 la società di richiedente scrisse alle autorità fiscali che era il proprietario legittimo e solo dell'aereo del sei, come la decisione per dichiararli senza proprietario erano stati annullati con le corti. Insistè perciò che la guardia degli aerei sia tolta e che loro siano ritornati a sé.
87. 23 ottobre 2009 dl’Ispettorato fiscale Bila Tserkva ha risposto che nessuna decisione era stata presa del sollevamento della guardia.
88. 6 novembre 2009 il Kyiv che Amministrazione fiscale Regionale ha risposto anche alla società di richiedente che non c'era nessuna ragione di fermare di proteggere gli aerei data che gli atti sulla questione erano in corso (senza specificare quale procedimenti sé stava assegnando a).
89. 16 febbraio 2010 la società di richiedente richiese, ancora una volta, che l'Amministrazione fiscale Statale accantonò la sua istruzione di 12 luglio 2002 riguardo al proteggere dell'aereo.
90. 3 marzo 2010 il Capo Aggiunto dell'Amministrazione fiscale Statale spedì che richiesta al Kyiv Amministrazione fiscale Regionale.
91. 15 marzo 2010 i secondi respinsero la richiesta della società di richiedente. Notò che, davvero, le corti avevano invalidato sia la decisione di dichiarare gli ownerless degli aerei ed i contratti per la loro vendita susseguente. Nondimeno, nessuna decisione era stata consegnata sul sollevamento della guardia di sicurezza.
7. Indagini penali in riguardo di Ukrimpeks-2000 (la società in accusa della vendita dell'aereo)
92. 6 ottobre 2010 un investigatore del Bila reparto di polizia di Tserkva dichiarò i sei Un-28 aerei come prova importante nell'indagine penale in appropriazione indebita sospettata di Ukrimpeks-2000 che era stato iniziato a febbraio 2006 (gli ufficiali di società furono sospettati di non essere riusciti a trasferire tutti gli incassi delle vendite di aereo al bilancio Statale-vedere divide in paragrafi 61 e 63-65 sopra). L'investigatore notò che gli aerei erano guardia di sicurezza continua con la Bila Tserkva Tassa Inspectorate sotto (vedere divide in paragrafi 73 e 87-91 sopra).
93. 26 novembre 2010 la società di richiedente si lamentò di che decisione al Kyiv Settore Regionale del Ministero dell'Interno. Affermò che non c'erano motivi per allegare l'aereo come prova importante nella causa penale in oggetto che era stato aperto approssimativamente quattro anni più primi. La società di richiedente indicò che, mentre gli aerei erano stati protegguti con le autorità fiscali, la loro condizione tecnica aveva deteriorato notevolmente e loro erano divenuti inutili. Perciò, la società di richiedente suggerì che è probabile che le autorità fiscali avrebbero stato chiedendo modi di spostare la responsabilità per che il deterioramento sopra le autorità di legge-esecuzione.
94. 25 dicembre 2010 l'Ufficio del Bila Tserkva Accusatore al quale apparentemente si era stata riferita l'azione di reclamo della società di richiedente, rispose che non c'erano nessuno ragioni di intervenire, per sé.
8. Ispezione dell'aereo con specialisti di Antonov
95. 17 giugno 2011 l'investigatore del Bila reparto di polizia di Tserkva (apparentemente, quell'in accusa dell'indagine penale in appropriazione indebita sospettata di Ukrimpeks-2000 nella quale gli aerei erano stati dichiarati come prova importante-vedere paragrafo 92 sopra) decise che gli aerei dovrebbero essere ritornati alla società di richiedente.
96. 9 agosto 2011 la società di richiedente contrasse Antonov, il disegnatore esclusivo e fabbricante di Un-28 aereo, eseguire una valutazione competente degli aerei.
97. Da 3 a 8 ottobre 2011 un perpetrazione competente di Antonov ispezionò gli aerei nella presenza del rappresentante della società di richiedente. Concluse che che che era stato presentato a sé per ispezione era consistito di articoli separati e componenti che non potevano essere classificati come aereo. Né loro potrebbero essere identificati come parti costituenti di precisamente la cosa di aerei alla società di richiedente. Inoltre, nessuna documentazione per gli aerei era disponibile.
Fatti di B. riguardo all'aereo di L-410
1. Acquisto ed operazioni di affari con la società di richiedente
98. 25 luglio 2000 la società di richiedente acquistò sei aereo di L-410 ad un'asta pubblica.
99. 15 agosto 2000 ricevette certificati autenticati che quegli aerei erano la sua proprietà.
100. 19 settembre 2000 acquistò due più aerei dello stesso tipo ad un mercato delle materie prime.
101. Facendo seguito affittare contratti fra la società di richiedente ed ATI di 18 agosto e 1 ottobre 2000, gli otto L-410s sarebbero affittati al secondi dopo ripara ed aggiornamento tecnico era stato eseguito con la società di richiedente. Questo fu previsto per essere completato con 1 maggio 2001.
102. Gli aerei furono parcheggiati all'aeroporto di Cherkasy.
2. La confisca dell'aereo con le autorità fiscali ed eventi relativi
103. Durante la ricerca condotta all'ufficio della società di richiedente in Kyiv fra 23 e 25 gennaio 2001 (vedere paragrafo 17 sopra), la polizia di tassa prese la documentazione originale per gli aerei di L-410. L'archivio di causa non contiene il rapporto di ricerca-e-confisca.
104. 30 marzo 2001 la polizia di tassa prese l'aereo “per il fine di usarli come prova importante nella causa penale [contro gli ufficiali di ATI] e per rimborso di arretrati di tassa.” La confisca fu documentata con un “rapporto dell'ispezione della scena” (simile all'ispezione condotta sulla stessa data all'Uzyn base aerea-vedere paragrafo 20 sopra).
105. 21 febbraio 2002 la società di richiedente impugnò la confisca degli aerei di fronte al Kyiv l'Ufficio di Accusatore Urbano.
106. 21 marzo 2002 l'accusatore rispose che, davvero, la confisca degli aerei di L-410 non era stata basata su qualsiasi documento procedurale e che lui aveva istruito perciò la polizia di tassa a “prenda una decisione appropriata che concerne quegli aereo.”
107. 22 aprile 2002 il Kyiv Amministrazione fiscale Statale istruì la società di richiedente a presentare la documentazione finanziaria in riguardo degli aerei in ordine per una decisione essere preso.
108. 26 aprile 2002 che l'investigatore del reparto di polizia dell'Amministrazione fiscale Statale ha dichiarato il L-410 del otto plana come prova importante nelle indagini penali contro gli ufficiali di ATI (vedere anche paragrafo 26 sopra).
109. Ad agosto 2002 la causa penale fu trasferita al GPO.
110. 2 gennaio 2003 una causa penale fu aperta in riguardo del Sig. L. come il presidente precedente di ATI (vedere paragrafo 8 sopra). Gli aerei furono classificati poi apparentemente, come prova importante in quelli procedimenti penali. In 26 maggio 2003 il GPO cessò le indagini penali contro il Sig. L. come là era prova insufficiente di qualsiasi la colpa. Fu notato nella decisione che il L-410 del otto plana che era stata classificata come prova importante nella causa sarebbe ritornato ad ATI. 4 agosto 2004 l'accusatore corresse la sua decisione di leggere che gli aerei dovevano essere ritornati alla società di richiedente.
111. La società di richiedente inutilmente tentò di portare procedimenti di fronte alle corti commerciali e civili su conto della confisca degli aerei e la loro classificazione come prova nella causa penale. 18 ottobre e 1 novembre 2004 il Kyiv che Tribunale di commercio Urbano e lo Shevchenkivskyy Court hanno rifiutato rispettivamente di accettare le sue rivendicazioni per esame come essendo oltre la loro competenza.
112. 15 novembre 2004 il reparto direttivo del GPO annullò la decisione di 26 aprile 2002 (vedere paragrafo 108 sopra).
113. 19 novembre 2004 informò l'Amministrazione fiscale di Kyiv di che decisione e l'istruì a restituire l'aereo alla società di richiedente come il loro proprietario giusto. Una lettera simile fu spedita alla gestione di Aeroporto di Cherkasy.
114. 3 dicembre 2004 il direttore di Aeroporto di Cherkasy informò la società di richiedente che l'aereo potrebbe essere trasferito solamente a sé nella presenza dell'Amministrazione fiscale di Kyiv che li aveva presi.
3. Procedimenti portati con la società di richiedente contro le autorità fiscali
115. 8 febbraio 2006 la società di richiedente depositò una rivendicazione col Kyiv Tribunale di commercio Urbano contro l'Amministrazione fiscale di Kyiv che chiede il ritorno dell'aereo di L-410 del otto.
116. In 24 maggio 2006 la corte accolse la rivendicazione ed obbligò l'imputato a restituire gli aerei alla società di richiedente. Notò che la polizia di tassa aveva ignorato le istruzioni non ambigue dell'accusatore per restituire gli aerei alla società di richiedente. La sentenza affermò siccome segue:
“Come confermato coi materiali di causa e non confutato con l'imputato, il [società di richiedente] è il proprietario dell'aereo di L-410 del otto.... L'insuccesso della Kyiv Stato Amministrazione fiscale per attenersi con le istruzioni dell'Ufficio del Generale Accusatore come riguardi il ritorno degli aerei al rivendicatore [illegalmente] spoglia il secondo del suo diritto per possedere ed usare la sua proprietà.”
117. 24 ottobre 2006 il Tribunale di commercio di Kyiv di Ricorso annullò che sentenza su un ricorso dell'Amministrazione fiscale di Kyiv e terminò i procedimenti. Fondò che l'imputato non era stato responsabile più degli aerei dopo la causa penale nella quale loro erano stati dichiarati come prova importante era stato trasferito al GPO ad agosto 2002 (vedere paragrafo 109 sopra). Inoltre, la corte considerò che il destino degli aerei già era stato risolto nel contesto dei procedimenti penali con gli accusatori le decisioni di ' di 26 maggio 2003, 4 agosto e 19 novembre 2004, facendo seguito a che gli aerei dovevano essere ritornati alla società di richiedente (vedere divide in paragrafi 110 e 113 sopra). La corte concluse perciò che, come da 4 agosto 2004, non erano impedimenti, incluso dal lato dell'imputato, alla società di richiedente sta accedendo gli aerei di L-410.
118. 1 aprile 2008 la Corte amministrativa più Alta emise una definitivo decisione annullando la direttiva del Tribunale di commercio di Kyiv di Ricorso di 24 ottobre 2006 e sostenendo la sentenza del Kyiv Tribunale di commercio Urbano di 24 maggio 2006 sul ricorso di cassazione della società di richiedente.
4. Procedimenti per esecuzione della sentenza del Kyiv Tribunale di commercio Urbano di 24 maggio 2006
119. 11 giugno 2008 il Kyiv Tribunale di commercio Urbano emise un ordine di esecuzione della sentenza secondo il quale l'aereo di L-410 del otto sarebbe ritornato alla società di richiedente.
120. 18 giugno 2008 l'ufficiale giudiziario aprì procedimenti di esecuzione ed istruì l'Amministrazione fiscale di Kyiv a spedire il suo rappresentante all'aeroporto di Cherkasy per ispezionare gli aerei, verifichi la loro completezza ed implementi il trasferimento.
121. Da luglio a dicembre 2008 l'ufficiale giudiziario riportò molte volte il suo insuccesso per eseguire la sentenza perché le autorità fiscali il rappresentante di ' era stato assente o perché l'amministrazione di aeroporto aveva rifiutato di permettere l'ufficiale giudiziario di entrare nell'aeroporto.
122. Dal 2008 a 6 maggio 2010 di 5 dicembre i procedimenti di esecuzione furono sospesi durante la conseguenza delle richieste depositata con sia il servizio dell'ufficiale giudiziario e le autorità fiscali col Kyiv Tribunale di commercio Urbano per la chiarificazione della sua sentenza di 24 maggio 2006 (quelle richieste furono respinte infine).
123. Da maggio a dicembre 2010 l'ufficiale giudiziario emise almeno tre più rapporti di incapacità sua, per le stesse ragioni come prima (vedere paragrafo 121 sopra), eseguire la sentenza in oggetto.
124. La società di richiedente fondò incidentalmente nel frattempo, fuori di una decisione del Cherkasy Consiglio Urbano del 2008 authorising di 24 luglio l'impresa municipale a settembre 2010, “Aeroporto di Cherkasy” vendere 410 aerei gli otto L (con gli stessi numeri di serie come quelli della cosa di aerei alla società di richiedente) ad un'asta pubblica. Gli incassi della vendita all'asta sarebbero usati per le necessità di Aeroporto di Cherkasy. Cinque degli aerei erano stati venduti a terze parti.
125. 10 dicembre 2010 l'amministrazione dell'aeroporto di Cherkasy infine permise l'ufficiale giudiziario di entrare nell'aeroporto. Invece degli otto aerei di L-410 l'ufficiale giudiziario scoprì là solamente tre per essere ritornato alla società di richiedente (o, più precisamente, i loro componenti).
126. 23 dicembre 2010 l'ufficiale giudiziario riportò che lui non potesse trasferire gli aerei alla società di richiedente perché: in primo luogo, solamente tre di loro furono lasciati; in secondo luogo, gli aerei furono chiusi a chiave e non c'erano nessuno chiavi per aprirli che lo fecero difficile valutare la loro condizione tecnica; e, in terzo luogo, la documentazione per gli aerei era dispersa.
127. Sulla stessa data un perpetrazione competente di T., una società di mantenimento di aereo che era stata contratta con la società di richiedente esaminò gli aerei scoperti all'aeroporto di Cherkasy e riportò il seguente: invece degli otto aerei di L-410 completi siccome indicato nel documento di esecuzione, c'erano componenti separati ed articoli di tre aerei; nessuna documentazione per quegli articoli era disponibile; gli aerei avuti corrosione sul loro metallo affiorano e fessure nelle loro finestre; ed i loro motori e propulsori erano dispersi. Alla conclusione fu giunta che gli aerei non erano stati immagazzinati in ottemperanza con deposito decide e che, infatti, gli articoli scoperti non potrebbero essere considerati più come aereo. Infine, l'assenza di qualsiasi la documentazione lo fece impossibile identificare gli articoli scoperti come quelli che appartengono, e supposto essere ritornato, alla società di richiedente.
128. 24 dicembre 2010 l'ufficiale giudiziario investigò col Kyiv Tribunale di commercio Urbano, con riferimento al rapporto del perpetrazione competente come a come procedere con l'esecuzione.
129. Sul 2011 T. di 3 marzo la società di richiedente informò che nel 2008 e 2009 aveva compiuto maggiore ripara a sei propulsori di aereo, i numeri di serie di che era gli stessi come quelli del L-410s che appartiene alla società di richiedente. La società di cliente si era presentata come il proprietario degli aerei in oggetto.
130. 15 giugno 2011 l'ufficiale giudiziario dichiarò un “ricerca per la proprietà del debitore” in riguardo degli otto L-410s per essere ritornato alla società di richiedente.
131. 20 giugno 2011 la decisione sopra fu spedita al Servizio della Sicurezza dell'Aviazione Statale.
132. 16 e 18 agosto 2011 l'ufficiale giudiziario ripetè la sua richiesta alle autorità fiscali per sembrare all'aeroporto di Cherkasy ad un specifico tempo.
133. 19 agosto 2011 il Kyiv Amministrazione fiscale Urbana rispose all'ufficiale giudiziario che dopo una revisione nel 2007 il L-410s del otto era stato dichiarato come i beni dell'Aeroporto di Cherkasy che società municipale e la loro proprietà erano state trasferite alla città. Era un fatto noto che l'ufficiale giudiziario aveva scoperto solamente tre aerei all'aeroporto ed aveva dichiarato perciò una ricerca per il rimanendo cinque aerei. Di conseguenza, l'ufficiale giudiziario era consapevole che il debitore non aveva la proprietà definita nel documento di esecuzione.
134. 26 agosto 2011 l'ufficiale giudiziario chiese alla società di richiedente di farlo chiaro se era pronto accettare l'aereo del tre nella condizione nella quale loro erano stati scoperti all'aeroporto di Cherkasy (quale non migliorava da 23 dicembre 2010-vedere divide in paragrafi 126-127 sopra). Come al rimanendo cinque aerei, risultò che loro erano stati venduti a terze parti nel 2008 facendo seguito ad una decisione del Cherkasy Consiglio Urbano. Inoltre, il Servizio della Sicurezza dell'Aviazione Statale informò l'ufficiale giudiziario che 13 agosto 2008 il L-410s del otto era stato escluso dal registro statale di aereo civile e che la loro ubicazione era ignota.
135. 30 agosto 2011 il gruppo di esperti tecnici esaminò di nuovo i componenti dei tre aerei all'aeroporto di Cherkasy ed inveterato la sua conclusione di 23 dicembre 2010 che quegli articoli non potevano essere considerati aereo.
136. Sulla stessa data l'ufficiale giudiziario emise un rapporto dell'impossibilità di ritornare anche alla società di richiedente i tre aerei.
137. 30 agosto 2011 l'ufficiale giudiziario terminò i procedimenti di esecuzione con la conclusione che era impossibile per eseguire la sentenza perché il debitore non aveva la proprietà in oggetto e la ricerca per che proprietà era stata senza successo.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA AL TEMPO ATTINENTE
138. Le disposizioni attinenti del Codice di Diritto processuale penale (1960) legga siccome segue:
“Articolo 78. Prova importante
Prova importante consiste di articoli che sono strumenti od oggetti riferiti ad un reato penale o sopportando le sue tracce, soldi, valuables e gli altri incassi di crimine, così come qualsiasi articoli che potrebbero notificare scoprire un reato penale, identificare un perpetratore o confutare l'accusa o attenuare una sanzione penale.
Articolo 79. Conservazione di prova importante
Prova importante sarà esaminata attentamente, se possibile fotografò, descrisse in dettaglio nel rapporto di esame ed attaccato all'archivio di causa con l'ufficiale di indagine, investigatore o accusatore in accusa o con una direttiva giudiziale. La prova importante sarà tenuta nell'archivio di causa, a parte articoli ingombranti che saranno immagazzinati con l'enquiry o autorità di indagine o nella corte o sarà trasferito per deposito ad una rispettiva impresa, istituzione od organizzazione. ...
In delle cause la prova importante può essere ritornata al suo proprietario se questo non è dannoso ai procedimenti. ...
Articolo 178. I motivi per condurre una confisca
Una confisca sarà eseguita in cause dove l'investigatore ha informazioni accurate che gli articoli o documenti di attinenza sono con una certa persona o ad un certo posto.
Una confisca sarà basata sull'investigatore sta decidendo. ...
Articolo 181. Persone in cui perquisizione e sequestro di presenza è condotta
Una perquisizione e sequestro sarà condotta nella presenza di due testimoni che attestano e la persona che occupano i locali in oggetto....
Una perquisizione e sequestro in locali occupati con un'impresa, società od organizzazione sarà condotta nella presenza dei loro rappresentanti. ...
Le persone percorsero, i testimoni che attestano ed i rispettivi rappresentanti avranno spiegato a loro il loro diritto per essere presente durante tutte le azioni dell'investigatore e fare dichiarazioni su quelle azioni; le loro dichiarazioni saranno riflesse nel rapporto. ...
Articolo 186. La confisca di articoli e documenti
Durante una perquisizione e sequestro solamente articoli e documenti attinente alla causa può essere sequestrato, così come il valuables e proprietà dell'accusato o la persona sospetta con una prospettiva a garantendo una rivendicazione civile o la possibile confisca dei beni. ...
L'investigatore presenterà ai testimoni che attestano e le altre persone presenti tutti i documenti ed articoli soggetto alla confisca. Loro saranno elencati nel rapporto di confisca con un'indicazione del loro nome, numero, misurazioni, peso, materiale e caratteristiche individuali. Dove necessario, gli articoli sequestrati e documenti saranno impaccati e saranno sigillati sulla macchia. ...
Articolo 188. Rapporto di perquisizione e sequestro
L'investigatore produrrà un rapporto su una perquisizione e sequestro in due copie.... Il rapporto indicherà i motivi per la perquisizione e sequestro, i locali sui quali fu condotto... le azioni dell'investigatore ed i risultati di perquisizione e sequestro.
Il rapporto della ricerca o la confisca rifletterà tutte le dichiarazioni e commenti di quelli presentano riguardo alle azioni dell'investigatore. Tutti quelli presente firmerà sia copie del rapporto. ...
Articolo 190. Ispezione [della scena o articoli]
Per scoprire tracce di una prova importante delittuosa ed altra, chiarificare le circostanze del crimine, così come le altre circostanze di attinenza all'indagine, l'investigatore condurrà un'ispezione della scena, locali, articoli o documenti.
In cause urgenti, un'ispezione della scena può essere eseguita di fronte all'istituzione di procedimenti penali. In questa causa, e dove ci sono motivi per sé, procedimenti penali immediatamente saranno avviati dopo l'ispezione della scena.”
139. Il Codice di Procedura 1991 Commerciale purché siccome segue:
“Articolo 66. I motivi per garantire una rivendicazione
Il tribunale di commercio sarà concesso per prendere misure per garantire una rivendicazione, sulla richiesta del rivendicatore... o di sua propria istanza. Garantendo una rivendicazione è concesso a qualsiasi stadio dei procedimenti dove è probabile che un insuccesso per prendere misure complichi o renderebbe impossibile l'esecuzione della sentenza del tribunale di commercio.
Articolo 67. Misure per garantire una rivendicazione
Una rivendicazione può essere garantita con le misure seguenti:
sequestro della proprietà o soldi che appartengono all'imputato;
proibizione sull'imputato che intenta le certe cause;
proibizione sulle altre persone che intentano le certe cause riferite all'argomento della controversia;....
... Una direttiva su garantire una rivendicazione può essere piaciuta contro.”
140. Le disposizioni di legge attinenti dell'Ucraina “Sulla procedura per l'accordo di contribuenti gli obblighi di ' ai bilanci Statali e la speciale-fine procura” (“в'и”) (decretò nel 2000 ed abrogò seguente l'entrata in vigore del Tassa Codice 2 dicembre 2010), legga siccome segue:
“Sezione 9. La confisca amministrativa dei beni
9.3.1. Seguendo una richiesta con un'unità di polizia di tassa, il capo dell'autorità fiscale (o il suo sostituto) può decidere di prendere i beni di un contribuente. Questa decisione sarà spedita:
... (b) al contribuente, coi beni proibizione di alienazione di ';
(il c) alle altre persone in proprietà di o usando i beni del contribuente, con la proibizione sulla loro alienazione.”
9.3.2. Una confisca di beni può essere... fatto domanda a beni che sono prodotti, immagazzinò, trasportò o vendè in violazione di legislazione di dogane o legislazione su tassa di imposta indiretta, così come i beni... venduto in violazione di procedure legali, senza determinazione precedente del loro proprietario. In questa causa, ufficiali della tassa o le altre autorità di legge-esecuzione, mentre agendo all'interno della loro competenza, avrà diritto ad intraprendere una confisca provvisoria di simile beni. Questo dovrebbe essere riflesso in un rapporto che dà le ragioni per la confisca, con riferimenti a violazioni di disposizioni legali e concrete la descrizione dei beni, le loro specifiche caratteristiche e quantità, informazioni della persona o persone da chi i beni sono stati sequestrati (se applicabile), ed un ruolo dei diritti ed i doveri di quelle persone in riguardo della confisca. ...”
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE PRESUNTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
141. La società di richiedente si lamentò Articolo 1 di Protocollo sotto N.ro 1 della violazione allegato con le autorità Statali dei suoi diritti di proprietà a sei Un-28 ed otto aereo di L-410. La disposizione si appellò su letture siccome segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
a. Ammissibilità
1. Non- esaurimento delle vie di ricorso nazionali
142. Il Governo presentò che la società di richiedente non aveva esaurito pertanto le via di ricorso nazionali come la sua azione di reclamo riguardava la confisca con le autorità dell'aereo e la loro documentazione. Loro notarono che dopo il tentativo senza successo della società di richiedente di portare procedimenti civili in riguardo della confisca di documentazione, avesse potuto trarre una rivendicazione amministrativa quel riguardo a. Il Governo dibattè inoltre che era stato aperto per la società di richiedente per portare una rivendicazione civile e separata per danni in riguardo della sua incapacità recuperare una volta gli aerei loro furono designati come prova importante in procedimenti penali.
143. Come riguardi la confisca di documentazione, la società di richiedente notò che solamente una parte ai procedimenti penali potesse impugnare azioni prese con un'autorità di enquiry nel corso di indagine preliminare. Siccome la società di richiedente non aveva avuto status nella rispettiva indagine penale, non c'era stata possibilità giuridicamente prevista per sé per impugnare la confisca contestata.
144. La società di richiedente contese inoltre che, determinato i procedimenti giudiziali e multipli era iniziato già cercando di avere i suoi diritti ripristinò, e notando le autorità l'inadempienza di ' con le definitivo decisioni giudiziali consegnò nel suo favore, non poteva essere aspettatosi ragionevolmente di iniziare qualsiasi procedimenti supplementari per attenersi col requisito dell'esaurimento di via di ricorso nazionali. Aveva fatto tutto possibile al livello nazionale prima di portare le sue azioni di reclamo alla Corte nella sua prospettiva.
145. La Corte indica che il fine dell'articolo dell'esaurimento di via di ricorso nazionali sotto Articolo 35 è riconoscere gli Stati Contraenti l'opportunità di ostacolando o mettere diritto le violazioni addotta contro loro prima che quelle dichiarazioni sono presentate alle istituzioni di Convenzione (vedere, per esempio, Selmouni c. la Francia [GC], n. 25803/94, § 74 ECHR 1999 V). Allo stesso tempo, questo articolo deve essere fatto domanda con del grado della flessibilità e senza il formalismo eccessivo. La Corte già ha sostenuto su un numero di occasioni che questo articolo è né assoluto né capace di essere fece domanda automaticamente; per i fini di fare una rassegna se è stato osservato, è essenziale per avere riguardo ad alle circostanze della causa individuale (vedere Akdivar ed Altri c. la Turchia [GC], 16 settembre 1996, § 69 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996 IV, ed Aksoy c. la Turchia, 18 dicembre 1996, §§ 53-54 Relazioni 1996-VI). La Corte guarda, in particolare, se il richiedente faceva tutto quello che potrebbe essere aspettatosi ragionevolmente per per esaurire via di ricorso nazionali e disponibili (vedere Merito c. l'Ucraina, n. 66561/01, § 58 30 marzo 2004).
146. Rivolgendosi alla causa presente, la Corte nota la natura svariata della violazione allegato dei diritti della società di richiedente sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, dove è la confisca della documentazione e l'aereo solamente alcuni dei problemi si lamentò di (vedere paragrafo 155 sotto).
147. Inoltre, la Corte non perde vista degli sforzi estesi si impegnata con la società di richiedente al livello nazionale. Nota che la società di richiedente chiese di ripristinare i suoi diritti sotto il criminale, giurisdizioni civili, amministrative e commerciali per più di dieci anni. Di conseguenza, la Corte non considera che le autorità ucraine erano in principio non dato l'opportunità sufficiente di ostacolare o mettere diritto la violazione allegato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
148. La Corte non seguirà con la sua valutazione dell'ammissibilità di questa parte della richiesta qui, come la questione dell'esaurimento di via di ricorso nazionali riferisce ai meriti dell'azione di reclamo della società di richiedente, sotto Articolo 13 della Convenzione che gli mancarono via di ricorso effettive in riguardo dell'interferenza allegato coi suoi diritti di proprietà. Da adesso, la Corte considera evitare giudicare prematuramente quelli problemi, che queste questioni dovrebbero essere esaminate insieme. Di conseguenza, contiene che la questione dell'esaurimento di via di ricorso nazionali dovrebbe essere congiunta ai meriti dell'azione di reclamo della società di richiedente sotto Articolo 13 (vedere divide in paragrafi 223-229 sotto).
2. Compatibilità di ratione Personae
149. Il Governo, riferendosi alla decisione della polizia di tassa di 17 giugno 2011 sul ritorno dell'Un-28s alla società di richiedente (vedere paragrafo 95 sopra), presentò che la società di richiedente aveva perso il suo status di vittima in riguardo della sua azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che concerne quegli aereo.
150. La società di richiedente, a turno, si riferì al rapporto dell'Antonov perpetrazione competente di 8 ottobre 2011 secondo che la proprietà per essere ritornato alla società di richiedente-i sei Un-28s che era stato preso da sé in buon condizione operativa-aveva infatti consisteva di articoli separati e componenti che potrebbero essere classificati più come aereo. Né era quegli articoli identificabile come parti costituenti dell'aereo che appartiene alla società di richiedente (vedere paragrafo 97 sopra). Nella prospettiva della società di richiedente, non erano perciò motivi per considerare che aveva perso il suo status di vittima.
151. La Corte nota che un richiedente è privato di suo o il suo status come una vittima se le autorità nazionali hanno ammesso, o espressamente o in sostanza, e poi riconobbe compensazione appropriata e sufficiente per, una violazione della Convenzione (vedere, per esempio, Scordino c. l'Italia (n. 1) [GC], n. 36813/97, §§ 178-193 ECHR 2006 V).
152. Considera che nessune delle condizioni summenzionate è stato soddisfatto nella causa presente.
153. Di conseguenza, questa eccezione del Governo dovrebbe essere respinta.
3. Altrimenti come all'ammissibilità
154. La Corte nota che questa parte della richiesta non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti 155. La società di richiedente addusse che lo Stato aveva commesso una serie di atti illegali ed omissioni, mentre violando i suoi diritti di proprietà, incluso il seguente:
1) la confisca della documentazione di aereo a gennaio 2001;
2) la confisca dell'Un-28 e l'aereo di L-410 30 marzo 2001;
3) la decisione della Bila Tserkva Amministrazione di 16 settembre 2002 di dichiarare senza proprietario i sei Un-28s ed autorizzare la loro vendita su quel la base;
4) la vendita dell'Un-28s a terze parti di fronte al completamento dei procedimenti giudiziali portato con la società di richiedente che impugna la decisione delle autorità di dichiarare senza proprietario gli aerei e mentre gli aerei erano sotto sequestri di corte;
5) la guardia di sicurezza continuata dell'Un-28s con la polizia di tassa da luglio 2002 onwards, incluso dopo molte decisioni giudiziali che ordinano il ritorno degli aerei alla società di richiedente;
6) il danno ai sei Un-28s e tre L-410s ed i vandalising della loro attrezzatura, così come la scomparsa dei cinque L-410s mentre loro erano nelle autorità la custodia di ';
7) la decisione del Cherkasy Consiglio Urbano del 2008 authorising di 24 luglio l'Aeroporto di Cherkasy impresa municipale per vendere gli otto L-410s che appartengono alla società di richiedente ad un'asta pubblica (cinque di loro furono venduti infine apparentemente,); e
8) la non-esecuzione delle definitivo decisioni giudiziali che ordinano il ritorno dell'aereo alla società di richiedente.
156. La società di richiedente enfatizzò che non c'erano stati procedimenti penali contro sé e che non aveva arretrati di tassa.
157. Avendo riguardo ad a tutti i problemi sopra e la sua incapacità in principio la società di richiedente presentò recuperare la sua proprietà, che l'interferenza dello Stato rispondente aveva dato luogo alla privazione illegale ed arbitraria de facto delle sue proprietà.
158. Il Governo ammise che la confisca dell'aereo su 30 marzo 2001 e la non-esecuzione delle definitivo decisioni che ordinano il loro ritorno alla società di richiedente aveva costituito interferenza col suo diritto a godimento tranquillo delle sue proprietà.
159. Comunque, loro notarono che l'aereo era stato sequestrato come prova importante nei procedimenti penali sulla base dell'interesse pubblico di combating delittuoso, e che che interesse pubblico prevalse sull'interesse privato della società di richiedente per possedere gli aerei.
160. Il Governo non fu d'accordo con l'argomento della società di richiedente che la confisca della sua proprietà era stata illegale, perché non era successo nel contesto di procedimenti penali contro la società di richiedente, ma contro terza persona. Loro assegnarono in che il collegamento al Codice di Diritto processuale penale sotto il quale la confisca di proprietà di terza persona in procedimenti penali era possibile. Inoltre, il problema era stato esaminato con le corti nazionali nelle quali avevano respinto le azioni di reclamo della società di richiedente quel riguardo a.
161. Il Governo notò che era stato possibile in principio per restituire la prova importante al suo proprietario di fronte al completamento dei procedimenti penali. Comunque, determinato che la società di richiedente era un'entità irlandese, c'era stato il rischio che è probabile che l'aereo si sia trasferito ad Irlanda prima che i procedimenti fossero completati.
162. Il Governo ammise che con la sentenza di 3 febbraio 2003 la Corte di Pecherskyy aveva ordinato che l'Un-28s che prima era stato classificato come prova importante nei procedimenti penali contro gli ufficiali di ATI sia ritornato alla società di richiedente. Comunque, determinato che fra il 2003 ed il 2010 era stato un numero di procedimenti giudiziali che riguardano quegli aereo, loro avevano infatti stato contestato proprietà e non poteva essere ritornato alla società di richiedente. Il Governo osservò inoltre che 6 ottobre 2010 gli aerei erano stati dichiarati come prova importante in procedimenti penali contro gli ufficiali di Ukrimpeks-2000. Loro enfatizzarono che da che onwards del punto che la società di richiedente non poteva essere riguardata siccome avendo qualsiasi diritto a loro.
163. Come alle autorità ' che maneggia dell'aereo mentre loro erano prova importante in procedimenti penali, il Governo presentò che la responsabilità per il destino di prova importante era rimasta sullo Stato e che la società di richiedente non aveva avuto diritto all'aereo finché la decisione era stata presa per ritornarglieli. Di conseguenza, il Governo considerò che non c'era stata interferenza coi diritti di proprietà della società di richiedente come riguardi la conservazione dell'aereo, la decisione delle autorità di dichiararli senza proprietario, la loro vendita a terze parti ed il danno a loro, come al tempo quando tutti quegli eventi ebbero luogo nessuno si potrebbe dire che simile diritti di proprietà siano esistiti per la società di richiedente.
164. Il Governo contese inoltre che la guardia di sicurezza continuata dell'aereo con la polizia di tassa non aveva corrisposto ad interferenza coi diritti di proprietà della società di richiedente. Nella loro opinione, i proteggere non impedirono il diritto della società di richiedente per possedere, uso e si sbarazza dell'aereo come la sua proprietà.
165. In somma, il Governo sostenne, che anche se alcuni dei problemi sollevarono con la società di richiedente aveva corrisposto ad interferenza coi suoi diritti di proprietà, che interferenza aveva avuto una base legale ed adeguata, aveva intrapreso un scopo legittimo ed era stata proporzionato a quel lo scopo.
2. La valutazione della Corte
(un) principi di Generale stabilirono nella giurisprudenzadella Corte
166. Secondo la giurisprudenza ben stabilita della Corte, Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione comprende tre articoli distinti. Il primo che è espresso nella prima frase del primo paragrafo e è di una natura generale, posa in giù il principio di godimento tranquillo di proprietà. Il secondo articolo, nella seconda frase dello stesso paragrafo copre privazione di proprietà e lo fa soggetto alle certe condizioni. Il terzo, contenuto nel secondo paragrafo riconosce che gli Stati Contraenti sono concessi, fra le altre cose, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale. Il secondo e terzi articoli che concernono con le particolari istanze di interferenza col diritto a godimento tranquillo di proprietà devono essere costruiti nella luce del principio generale posata in giù nel primo articolo (vedere, fra molte autorità, Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], n. 22774/93, § 44 ECHR 1999 V, e Vistiš ņe Perepjolkins c. la Lettonia [GC], n. 71243/01, § 93 25 ottobre 2012).
167. La Corte enfatizza che il primo e la maggior parte di importante requisito di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale (vedere Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II). Il requisito della legalità, all'interno del significato della Convenzione ottemperanza di richieste con le disposizioni attinenti di diritto nazionale e la compatibilità con l'articolo di legge che include la libertà dall'arbitrarietà (vedere Hentrich c. Francia, sentenza di 22 settembre 1994 la Serie Un n. 296-un, § 42, e Kushoglu c. la Bulgaria, n. 48191/99, §§ 49-62 10 maggio 2007).
168. La Corte reitera inoltre che qualsiasi interferenza col godimento tranquillo di proprietà deve prevedere un equilibrio equo fra le richieste degli interessi generali della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. La preoccupazione per realizzare questo equilibrio è riflessa nella struttura di Articolo 1 nell'insieme. L'equilibrio richiesto non si troverà se la persona riguardata ha dovuto sopportare un carico individuale ed eccessivo (vedere, fra le altre autorità, Sporrong e Lönnroth c. Svezia, 23 settembre 1982 §§ 69 e 73, Serie Un n. 52). Nelle altre parole, deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo cercò di essere compreso (vedere, per istanza, James ed Altri c. il Regno Unito, 21 febbraio 1986, § 50 la Serie Un n. 98).
(b) la Richiesta dei principi sopra alla causa presente
169. La Corte nota che la proprietà della società di richiedente dei sei Un-28 ed otto aereo di L-410 è confermato coi certificati di registrazione di aereo emessi col Ministero di Trasporto dell'Ucraina 22 e 28 marzo 2000 e coi certificati di proprietà autenticati di 15 agosto 2000 (vedere divide in paragrafi 11 e 99 sopra).
170. Benché fra il 2000 e 6 luglio 2001 di 19 gennaio l'Un-28s fu affittato ad ATI, loro rimasero effettivamente e giuridicamente la proprietà della società di richiedente (vedere e compari con Gasus Dosier - l'und Fördertechnik GmbH c. i Paesi Bassi, 23 febbraio 1995, § 57 la Serie Un n. 306 B). Il loro contratto d'affitto susseguente a R.S.T. 20 agosto 2001 infatti mai non prese effetto. Le stesse preoccupazioni il contratto d'affitto con la società di richiedente del L-410s a 18 agosto e 1 ottobre 2000 ATI che non prese effetto uno perché il requisito indispensabile era che l'aereo dovrebbe essere riparato con la società di richiedente con 1 maggio 2001 (con che il tempo gli aerei già erano stati sequestrati con le autorità-vedere divide in paragrafi 10, 15-16 e 101 sopra).
171. Di conseguenza, la Corte è soddisfatta che i sei Un-28s ed otto L 410s costituì la società di richiedente “le proprietà” attirando protezione sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
172. La Corte già ha notato il numero considerevole e natura di multifaceted delle interferenze allegato coi diritti di proprietà della società di richiedente (vedere divide in paragrafi 146 e 155 sopra). Analizzerà ognuno degli incidenti si lamentò separatamente di e nella loro totalità.
i. La confisca di documentazione con la polizia di tassa a gennaio 2001
173. Le interferenze contestate coi diritti di proprietà della società di richiedente cominciati presumibilmente a gennaio 2001, con la confisca con la polizia di tassa della documentazione originale che prova il suo titolo di proprietà all'aereo (vedere divide in paragrafi 17 e 103 sopra).
174. La Corte accetta che trattenendo della documentazione di titolo corrispose ad una misura di controllo dell'uso di proprietà.
175. Nota la mancanza nell'archivio di causa di informazioni comprensive e documenti sui motivi legali per e la necessità della confisca in oggetto. Allo stesso tempo, la Corte osserva, che, mentre le autorità non negarono avendo trattenuto la documentazione che prova il titolo della società di richiedente all'aereo, loro non l'usarono mai come prova in qualsiasi dei procedimenti penali riguardo ai partner di affari della società di richiedente (non c'erano procedimenti penali contro la società di richiedente stessa). Inoltre, era l'assenza di che documentazione che più tardi ha incitato le autorità a concludere che il proprietario dell'aereo non poteva essere stabilito (vedere, in particolare, divida in paragrafi 20 sopra). Nella prospettiva della Corte, simile comportamento delle autorità fiscali può essere interpretato come rivelando indicazioni di mala fede e l'arbitrarietà.
176. La Corte conclude perciò che la confisca con la polizia di tassa della documentazione della società di richiedente a gennaio 2001 era contraria ai requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
ii. La confisca dell'aereo 30 marzo 2001
177. La Corte nota inoltre che 30 marzo 2001 la polizia di tassa condusse un “ispezione della scena” all'Uzyn base aerea e l'aeroporto di Cherkasy, dove i sei Un-28s e gli otto L-410s che appartengono alla società di richiedente furono parcheggiati. Di conseguenza, tutti quegli aereo fu sequestrato (vedere divide in paragrafi 20 e 104 sopra).
178. In finora come la confisca dell'aereo di L-410 riguarda, la Corte osserva che, siccome ammesso con le autorità nazionali loro, non fu basato su un documento procedurale ed adeguato ed era così in violazione della legislazione nazionale (vedere paragrafo 106 sopra).
179. Benché c'era nessuno simile riconoscimento con le autorità nazionali in riguardo dell'Un-28s a causa del sequestro imposto all'interno di procedimenti diversi (vedere paragrafo 23 sopra), segue dai materiali di causa-archivio che la loro confisca 30 marzo 2001 non era stata basata su un documento procedurale e corretto uno (vedere divide in paragrafi 20, 106 e 138 sopra). Di conseguenza, sembra che la conclusione sopra della violazione della legislazione nazionale contiene vera in riguardo della confisca dell'Un-28s anche.
180. La Corte osserva anche che la legislazione nazionale richiese la presenza di un rappresentante della società di richiedente durante la confisca e dandolo la possibilità di fare dichiarazioni riguardo alla misura investigativa (vedere paragrafo 138 sopra). Al giorno d'oggi causa, comunque le autorità fiscali che avevano più primo presero la documentazione che prova il titolo della società di richiedente all'aereo, considerato che il proprietario di quegli aerei non poteva essere stabilito (vedere divide in paragrafi 17 e 20 sopra).
181. Questo conduce la Corte a concludere che la confisca della società di richiedente Un-28 e L-410 plana 30 marzo 2001 non si attenga col requisito della legalità inerente in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
iii. Ritenuta con le autorità dell'Un-28 aereo e sviluppi relativi
182. Come riguardi gli sviluppi susseguenti, la Corte nota che 20 agosto 2001 la società di richiedente firmò un accordo per affittare l'aereo ad una terza società che comunque mai non prese effetto (vedere paragrafo 16 sopra). Comunque, siccome presentato col Governo nei loro commenti sulle rivendicazioni della società di richiedente per la soddisfazione equa (vedere paragrafo 240 sotto), al tempo l'aereo rimase sotto la confisca di 30 marzo 2001. Di conseguenza, la Corte considera stabilì che le autorità continuarono a trattenere l'aereo. Le sue considerazioni sull'illegalità della confisca (vedere paragrafo 181 sopra) sostenga vero per la ritenuta susseguente dell'aereo.
183. La Corte osserva inoltre che dal 2001 a 27 giugno 2003 di 10 settembre i sei Un-28s fu confiscato col Kyiv Tribunale di commercio Urbano nel garantire la rivendicazione dell'amministrazione fiscale che era stata portata contro la società di richiedente 20 agosto 2001 con una prospettiva ad invalidando il contratto d'affitto contrae (vedere divide in paragrafi 35 e 37 sopra).
184. Lo stesso Un-28s fu classificato anche come prova importante nella causa penale contro il vicepresidente di ATI durante il periodo dal 2002 a 3 febbraio 2003 di 17 aprile (vedere divide in paragrafi 26 e 28 sopra).
185. La Corte reitera che la confisca di proprietà per procedimenti legali che non spogliano il proprietario delle sue proprietà ma solamente provvisoriamente gli impedisce dall'usarli e dallo sbarazzarsi di loro, normalmente riferisce al controllo dell'uso di proprietà che incorre all'interno dell'ambito del secondo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (vedere, fra altri, Raimondo c. l'Italia, 22 febbraio 1994, § 27 la Serie Un n. 281 Un; Adamczyk c. la Polonia (il dec.), n. 28551/04, 7 novembre 2006; Karamitrov ed Altri c. la Bulgaria, n. 53321/99, § 72 10 gennaio 2008; e Borzhonov c. la Russia, n. 18274/04, § 51 22 gennaio 2009).
186. Nell'opinione della Corte, nulla indica, che entrambe le due confische summenzionate (dal 2001 a 27 giugno 2003 di 10 settembre e dal 2002 a 3 febbraio 2003 di 17 aprile) era in violazione della legislazione nazionale (vedere divide in paragrafi 138-139 sopra).
187. Riguardo al sequestro fatto domanda 10 settembre 2001, la Corte accetta, che l'interferenza era nel “interesse generale” della comunità, essendo mirato a garantendo le rivendicazioni sotto esame in procedimenti commerciali e determinato la possibilità di una confisca dei beni eventuale (vedere, mutatis mutandis, Földes e Földesné Hajlik c. l'Ungheria, n. 41463/02, § 26 ECHR 2006 XII, e Borzhonov, citato sopra, § 58).
188. Gli stessi possono essere detti sulla ritenuta dell'aereo all'interno dei procedimenti penali, come ritenuta di prova fisica può essere necessario negli interessi di amministrazione corretta di giustizia nella quale è un scopo legittimo il “interesse generale” della comunità (vedere Smirnov c. la Russia, n. 71362/01, § 57 7 giugno 2007).
189. Inoltre, determinato la sostanza della rivendicazione commerciale dell'amministrazione fiscale, così come l'accusa criminale contro il vicepresidente di ATI secondo la quale il contratto d'affitto era usato presumibilmente come un attrezzo per celare reddito imponibile e così abilitare evasione fiscale con ATI, la società a che quegli aereo era stato affittato (vedere divide in paragrafi 24 e 34 sopra), la Corte non esclude che sia il sequestro all'interno dei procedimenti commerciali e la confisca all'interno dei procedimenti penali sia anche di attinenza per garantire infine il pagamento di tasse.
190. Comunque, la Corte non può limitare il suo esame della situazione al sequestro di 10 settembre 2001 e la confisca di 17 aprile 2002, perché durante il tempo della loro validità un numero di altri eventi ebbe luogo che ha avuto serio, se non irreversibile, abbia un impatto su sui diritti di proprietà della società di richiedente.
191. La Corte nota che 10 e 11 luglio 2002 la Bila Tserkva Tassa Inspectorate prese i sei Un-28 aereo con una prospettiva a “accordo dei bilanci di vis-à-vis di obblighi del contribuente e finanziamenti di obiettivo Statali” (vedere divide in paragrafi 39-40 sopra).
192. Il secondo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 esplicitamente le riserve il diritto degli Stati Contraenti per varare simile leggi siccome loro possono ritenere necessari garantire il pagamento di tasse. L'importanza che gli estensori della Convenzione diedero a questo aspetto di questa disposizione può essere gauged dal fatto che ad un stadio quando il testo proposto non contenne riferimento così esplicito a tasse, già fu capito per riservare lo Stati ' motorizzi varare leggi fiscali e purchessihe loro considerarono desiderabili, previde sempre che misure in questo campo non corrisposero al sequestro arbitrario (vedere Gasus Dosier - l'und Fördertechnik GmbH, citato sopra, § 59, con l'ulteriore riferimento al travaux préparatoires).
193. La Corte osserva che la confisca dell'aereo con le autorità fiscali 10 e 11 luglio 2002 fu basata su sottosezioni 3.1 e 3.2 di sezione 9 della Legge “Sulla procedura per l'accordo di contribuenti gli obblighi di ' ai bilanci Statali e la speciale-fine procura” (vedere divide in paragrafi 39 e 140 sopra). Le disposizioni si appellarono su purché per tale confisca nell'evento di una violazione delle dogane o legislazione di tassa di imposta indiretta, o dove un'operazione di vendite illegale aveva avuto luogo. Ufficiali di tassa dovevano specificare precisamente inoltre, nel rapporto di confisca quale disposizione legale che aveva garantito la confisca in oggetto era stata violata.
194. Al giorno d'oggi causa, comunque il rapporto di confisca non contenne qualsiasi i chiarimenti come a che che aveva garantito la confisca, contrari al requisito giuridico summenzionato. Né assegnò a qualsiasi violazione allegato di dogane o legislazione di tassa di imposta indiretta, o qualsiasi operazione di vendita illegale.
195. Sembra perciò che le autorità fiscali agirono in violazione della legislazione fiscale nazionale ed applicabile. Di conseguenza, le loro azioni erano illegali sotto paragrafo 1 di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Con che detto, non c'è bisogno per la Corte per valutare la rispettiva legislazione stessa nella luce dei principi custodì in paragrafo 2 della disposizione menzionata (vedere paragrafo 192 sopra).
196. La Corte osserva inoltre che le autorità fiscali, avendo ottenuto la confisca dei sei Un-28s prima come prova importante nei procedimenti penali iniziati con loro contro gli ufficiali di ATI e più tardi con modo di sequestro all'interno dei procedimenti commerciali contro la società di richiedente, anche iniziò con loro (vedere divide in paragrafi 26 e 35 sopra), decise di prendere ancora di nuovo quegli aereo 10 e 11 luglio 2002. Essendo bene consapevole del titolo della società di richiedente all'aereo (vedere divide in paragrafi 11 e 53 sopra), loro procederono con la confisca sotto il pretesto che il proprietario di quegli aereo era ignoto.
197. La Corte osserva seguente che 16 settembre 2002 il Bila Tserkva Amministrazione Urbana dichiarò la proprietà di ownerless di aereo del sei e conferì poteri la polizia di tassa per venderli. Fra marzo e giugno 2003 l'aereo fu venduto a terze parti di conseguenza, (vedere divide in paragrafi 61-65 sotto).
198. Quelle misure corrisposero alla privazione della società di richiedente della sua proprietà (vedere e compari con Patrikova c. la Bulgaria, n. 71835/01, § 101 4 marzo 2010).
199. Come trovato con le corti nazionali, le autorità la decisione di ' di dichiarare i sei Un-28s proprietà di ownerless, così come la loro vendita susseguente a terze parti, era in violazione della legislazione nazionale (vedere divide in paragrafi 53, 58 68 e 71-72 sopra). La Corte non ha nessuna ragione di mettere in dubbio quelle sentenze. Osserva inoltre che, col tempo lo scorso aereo fu venduto (4 giugno 2003), gli aerei erano stati confiscati per la terza volta (oltre alle confische dal 2001 a 27 giugno 2003 di 10 settembre e dal 2002 a 3 febbraio 2003 di 17 aprile), per il periodo da 3 giugno a 11 novembre 2003 nel contesto dei procedimenti commerciali portato con la società di richiedente che cerca nel frattempo invalidazione della decisione delle autorità di dichiarare il suo aereo senza proprietario (vedere divide in paragrafi 25, 28, 35 37, 43 47 e 65 sopra).
200. Benché molte decisioni giudiziali riaffermassero inequivocabilmente il titolo della società di richiedente all'aereo (vedere divide in paragrafi 28, 32, 38 53 e 58-59 sopra), ancora rimase impossibile per sé per recuperarli.
201. La Corte osserva, in particolare, che, benché l'amministrazione fiscale ammettesse nella sua lettera alla società di richiedente di 15 marzo 2010 che c'erano state definitivo sentenze che invalidano come illegale la dichiarazione dell'aereo come proprietà di ownerless e la loro vendita susseguente a terze parti, continuò a proteggerli per motivi che non c'era stata nessuna decisione separata che toglie che guardia (vedere paragrafo 91 sopra). La Corte conclude che la ritenuta dell'aereo continuò senza qualsiasi base legale o base razionale logica.
202. La Corte nota inoltre che successivamente, 6 ottobre 2010, un investigatore del Bila reparto di polizia di Tserkva dichiarò la prova importante di aereo in procedimenti penali avviati a febbraio 2006 riguardo ad appropriazione indebita con Ukrimpeks-2000 (ufficiali di società furono sospettati di non essere riusciti a trasferire tutti gli incassi dalla vendita dell'aereo allo Stato-vedere divide in paragrafi 61 e 92 sopra). L'aereo fu trattenuto come prova importante sino a 17 giugno 2011, quando l'investigatore decise che loro dovrebbero essere ritornati alla società di richiedente.
203. Comunque, mentre rimanendo nelle autorità la custodia di ', l'aereo fu danneggiato e fu danneggiato.
204. La Corte reitera che qualsiasi la confisca o il sequestro comporta danno. Ma per essere compatibile con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, il danno effettivo subito non dovrebbe essere più esteso che che quale è inevitabile (vedere Raimondo, citato sopra, § 33, e Jucys c. la Lituania, n. 5457/03, § 36 8 gennaio 2008).
205. La Corte nota che nella causa presente l'alerted di società di richiedente le autorità al danno al suo aereo come presto come nel 2004 e che le sue preoccupazioni si dimostrarono accurate (vedere paragrafo 77 sopra). Col tempo alla società di richiedente infine fu permesso nondimeno, per recuperare quegli aereo a giugno 2011, loro erano in condizione così povera che loro potrebbero essere considerati più anche come aereo e potrebbero essere stati nessuno più dei loro articoli separati e componenti (vedere paragrafo 97 sopra).
206. Anche se la società di richiedente stessa contrasse una società di sicurezza per proteggere l'aereo, oltre alla loro guardia con la polizia di tassa (vedere paragrafo 75 sopra e divida in paragrafi 242 sotto), la Corte è soddisfatta che la responsabilità per il danno materiale dei resti di aerei con lo Stato. Nota inoltre che non c'è niente da mostrare che questo danno che infatti corrispose alla distruzione completa della proprietà, era inevitabile.
207. Di conseguenza, in finora come la ritenuta con le autorità dell'Un-28 aereo concerne, la Corte non può ma conclude che, ancora una volta, i requisiti di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non fu rispettato.
iv. Ritenuta con le autorità dell'aereo di L-410 e sviluppi relativi
208. La Corte nota che, seguendo la confisca del L-410s 30 marzo 2001, le autorità fiscali li trattennero anche dopo che il Kyiv che l'Ufficio di Accusatore Urbano ha concluso 21 marzo 2002 che la confisca summenzionata era stata illegale (vedere divide in paragrafi 104-106 sopra).
209. La Corte osserva inoltre che gli otto L-410s furono dichiarati come prova importante nell'indagine penale contro gli ufficiali di ATI per i periodi dal 2002 a 15 novembre 2004 di 26 aprile e da 2 gennaio a 26 maggio 2003 (vedere divide in paragrafi 108, 110 e 112 sopra). Nell'assenza di informazioni comprensive riguardo all'indagine summenzionata, sembra difficile a giudice sulla legalità e la necessità di quelle confische.
210. Allo stesso tempo, la Corte nota, che le autorità fiscali continuarono a trattenere l'aereo dopo l'accusatore che aveva più primo li dichiarò come prova importante, aveva ordinato che loro siano ritornati alla società di richiedente in 25 maggio 2003 e più tardi 15 novembre 2004. La ritenuta dell'aereo era perciò priva di qualsiasi base legale.
211. Seguendo i suoi tentativi futili di recuperare la sua proprietà, a febbraio 2006 la società di richiedente doveva iniziare procedimenti giudiziali e separati in quel riguardo a. Benché 1 aprile 2008, quelli procedimenti fossero completati infine, con una definitivo decisione giudiziale nel suo favore, questo risultò essere di nessun effetto in pratica, siccome la decisione rimase unenforced.
212. La Corte enfatizza che l'interferenza coi diritti di proprietà della società di richiedente nella causa presente non dovrebbe essere vista siccome confinato al lungo non-esecuzione della definitivo sentenza nazionale nel suo favore. La necessità per la società di richiedente di portare quelli procedimenti nel primo posto per recuperare proprietà che legittimamente appartenne a sé è in se stesso un'indicazione di una violazione dei suoi diritti sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
213. La Corte nota che prima che i procedimenti summenzionati fossero completati, nel 2007 il L-410s del otto era stato dichiarato come beni del “Aeroporto di Cherkasy società municipale e trasferì alla proprietà della città. Successivamente, mentre il servizio di ufficiale giudiziario stava tentando di eseguire la direttiva di 1 aprile 2008 e fu confrontato con una mancanza completa della cooperazione dalle autorità fiscali e l'amministrazione di aeroporto, sul 2008 Cherkasy di 24 luglio Consiglio Urbano autorizzò l'amministrazione di aeroporto a vendere l'aereo ad un'asta pubblica. Di conseguenza, cinque degli aerei furono venduti a terze parti (vedere divide in paragrafi 121, 123 124 e 133 sopra). Come riguardi i tre aerei rimanenti, loro erano stati danneggiati a tale misura che, come stabilito con esperti tecnici in dicembre 2010 ed agosto 2011, loro non potrebbero essere considerati più come aereo (vedere divide in paragrafi 125 e 127 sopra).
214. La Corte considera perciò che le autorità il comportamento di ' era arbitrario ed abusivo e che diede luogo alla società di richiedente che è privata delle sue proprietà in violazione di tutte le salvaguardie di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
c. le Conclusioni
215. Nella luce del precedente, la Corte non può, ma conclude che la società di richiedente è stata privata dei suoi sei Un-28 ed otto aereo di L-410 in un improvvisamente maniera arbitraria, contrari all'articolo di principio di legge.
216. Inoltre, la Corte nota che questa interferenza non era di una natura istantanea, ma che la società di richiedente fu negata accesso a proprietà sua per più di dieci anni. Mentre stava prendendo sforzi strenui prima vario amministrativo, tassa, accusa ed autorità giudiziali per recuperare la sua proprietà che rimase infruttifero nonostante la loro conseguenza legale l'aereo fu danneggiato e fu danneggiato, o venduto a terze parti, o semplicemente scomparve senza qualcuno sostenuto responsabile.
217. Anche se per brevi periodi la ritenuta dell'aereo con le autorità si attenute con alcuni dei principi inerente in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, le azioni abusive ed arbitrarie concomitanti delle autorità negarono in pratica l'efficacia di quelle salvaguardie.
218. Per le ragioni esposero fuori in paragrafo 229 sotto i rifiuti di Corte l'eccezione del Governo della non-esaurimento come riguardi Articolo 1 di Protocollo n. 1 e costatazione di che c'è stata una violazione quel la disposizione.
II. VIOLAZIONE PRESUNTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
219. La società di richiedente si lamentò anche sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione della lunghezza dei procedimenti nazionali, incluso il lungo non-esecuzione della sentenza del Kyiv Tribunale di commercio Urbano di 24 maggio 2006 determinato nel suo favore. La disposizione si appellò su letture siccome segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale indipendente ed imparziale stabilito dalla legge.”
220. La Corte nota che questa azione di reclamo è collegata da vicino a quelli sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 e deve essere dichiarato perciò similmente ammissibile.
221. Comunque, avendo riguardo ad alle ragioni che condussero la Corte a trovare una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, la Corte considera che l'azione di reclamo presente non dà aumento a qualsiasi problema separato.
222. Di conseguenza, la Corte sostiene che non è necessario per esaminare separatamente l'azione di reclamo sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione.
III. Violazione allegato Di Articolo 13 Di La Convenzione
223. La società di richiedente si lamentò inoltre che non aveva una via di ricorso nazionale ed effettiva in riguardo delle azioni di reclamo sopra. Si appellò su Articolo 13 della Convenzione che legge siccome segue:
“Ognuno cui diritti e le libertà come insorga avanti [il] Convenzione è violata avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale nonostante che la violazione è stata commessa con persone che agiscono in una veste ufficiale.”
A. Ammissibilità 224. La Corte nota che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
225. La società di richiedente mantenne la sua azione di reclamo.
226. Il Governo contese che nessuna rivendicazione difendibile era stata avanzata. Perciò, loro considerarono che non c'era problema sotto Articolo 13 della Convenzione.
227. La Corte reitera che Articolo 13 della Convenzione garantisce la disponibilità, al livello nazionale di una via di ricorso per eseguire la sostanza di diritti di Convenzione e le libertà in forma purchessia è probabile che sarebbero accaduti loro di essere garantiti nell'ordine legale e nazionale. L'effetto di Articolo 13 deve costringere così la disposizione di una via di ricorso nazionale a trattare con la sostanza di un “azione di reclamo difendibile” sotto la Convenzione ed accordare il sollievo appropriato, benché Stati Contraenti siano riconosciuti della discrezione come alla maniera nella quale loro adattano ai loro obblighi di Convenzione sotto questa disposizione. La sfera dell'obbligo sotto Articolo 13 varia dipendendo dalla natura dell'azione di reclamo del richiedente sotto la Convenzione. Ciononostante, la via di ricorso richiesta con Articolo 13 deve essere “effettivo” in pratica così come in legge; in particolare, il suo esercizio non deve essere impedito ingiustificabilmente con gli atti od omissioni delle autorità dello Stato rispondente (vedere, fra le altre autorità, Aksoy c. la Turchia, citato sopra, § 95, e Kuda łc. la Polonia [GC], n. 30210/96, § 157 ECHR 2000 XI).
228. La Corte già ha notato nella causa presente che gli sforzi strenui della società di richiedente di fronte alle varie autorità di recuperare la sua proprietà non portata risultati per più di dodici anni (vedere, in particolare, divida in paragrafi 216 sopra). Non c'è niente da mostrare che aveva in pratica un'opportunità di ottenere via di ricorso effettive per le sue azioni di reclamo che sono dire via di ricorso che avrebbero potuto impedire alle violazioni di accadendo o continuare, o avrebbe potuto riconoscere il richiedente compensazione appropriata.
229. La Corte conclude, perciò, che c'è stata una violazione di Articolo 13 della Convenzione. Respinge anche l'eccezione del Governo riguardo all'ammissibilità dell'azione di reclamo della società di richiedente sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 basato sulla non-esaurimento di via di ricorso nazionali che prima furono congiunte ai meriti della sua azione di reclamo sotto Articolo 13 della Convenzione (vedere paragrafo 148 sopra).
IV. APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
230. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
1. Le osservazioni delle parti
(a) danno Patrimoniale
231. La società di richiedente chiese 165,915,960 dollari Stati Uniti (USD) in riguardo del danno patrimoniale sulla base dei calcoli seguenti.
232. Prima, chiese il risarcimento equivalente al valore di mercato corrente di quattordici aereo simile a quelli di che era stato privato.
233. Come Un-28s era più in produzione, la società di richiedente si riferì al valore di mercato corrente del M28 Skytruck, prodotto con una società polacca “PZL Mielec” come un sviluppo di Antonov licenza-costruito Un-28. Sei M28 Skytrucks nuovo potrebbe essere acquistato attualmente per USD 48,000,000.
234. L-410s continuò ad essere prodotto col fabbricante ceco, Industrie dell'Aeroplano dell'Impedimento. Il valore di mercato corrente di otto aereo così nuovo era USD 44,000,000.
235. In secondo luogo, la società di richiedente chiese il risarcimento per profitto perduto. Si riferì in questo collegamento al profitto avrebbe potuto rendere con virtù degli accordi di contratto d'affitto del 2000 e 20 agosto 2001 di 18 agosto (vedere divide in paragrafi 16 e 101 sopra). Secondo il suo calcolo, l'importo di che conto di realizzo di utili dell'inflazione era USD 60,464,552.
236. In terzo luogo, la società di richiedente presentò che avesse potuto mettere i profitti summenzionati dal contratto d'affitto dell'aereo su un deposito di banca ad un tasso di interesse annuale e medio di 3.8%. Di conseguenza, avrebbe guadagnato USD 13,383,543.
237. Infine, la società di richiedente chiese sotto questo risarcimento di capo per i costi sopportati sotto il contratto di sicurezza di 4 giugno 2003 per proteggere i sei Un-28s che corrispose ad USD 67,865 (vedere paragrafo 75 sopra).
238. Il Governo contestò le rivendicazioni sopra. Loro presentarono che i diritti di proprietà della società di richiedente al rispettivo aereo erano stati riaffermati con le corti nazionali e che le autorità stavano fabbricando eseguire quelle sentenze e restituire gli aerei alla società di richiedente tutti i possibili sforzi. Di conseguenza, se la Corte fosse accordare il risarcimento per il loro valore, la società di richiedente riceverebbe pagamento duplice.
239. Il Governo indicò anche che l'aereo in oggetto non era nuovo quando le autorità Statali avevano interferito presumibilmente coi diritti di proprietà della società di richiedente. Loro considerarono perciò la rivendicazione della società di richiedente per il risarcimento del valore di aereo nuovo ingiustificato.
240. Il Governo contese anche che la rivendicazione della società di richiedente riguardo alla perdita di profitto era non comprovata. Come riguardi l'accordo di contratto d'affitto di 18 agosto 2000 con ATI in riguardo del L-410s, il Governo notò che ATI si ebbe dimostrato incapace per attenersi con un accordo di contratto d'affitto simile riguardo all'Un-28s (vedere paragrafo 15 sopra). Non c'erano di conseguenza, motivi per considerare che in modo appropriato si sarebbe attenuto con l'accordo di 18 agosto 2000. In finora come la società di richiedente si riferita all'accordo di contratto d'affitto di 20 agosto 2001 in riguardo dei sei Un-28s, il Governo notò che aveva avuto nessuno diritto concludere che accordo a tutti, come a che tempo l'aereo era stato trattenuto con le autorità facendo seguito alla confisca di 30 marzo 2001 (vedere paragrafo 20 sopra).
241. Il Governo contestò anche come infondato e speculativo l'argomento della società di richiedente che concerne depositi di banca potenziali.
242. Come riguardi il risarcimento per la sicurezza costi contraenti, il Governo notò che l'aereo era stato al momento di entrata la custodia delle autorità. Perciò, era non necessario e spuntato per la società di richiedente per concludere un contratto separato per la loro guardia di sicurezza.
(b) danno Non-patrimoniale
243. La società di richiedente chiese anche USD 10,000 in riguardo di danno non-patrimoniale.
244. Il Governo contestò questa rivendicazione come non comprovato ed esorbitante.
2. La valutazione della Corte
(un) principi di Generale
245. La Corte reitera che una sentenza nella quale trova una violazione impone sullo Stato rispondente un obbligo legale per porre fine alla violazione e costituire riparazione le sue conseguenze in tale modo come ripristinare il più lontano possibile la situazione che esiste di fronte alla violazione (vedere, per esempio, Brumrescu ăc. la Romania (soddisfazione equa) [GC], n. 28342/95, § 19 ECHR 2001 io, ed Iatridis c. la Grecia (soddisfazione equa) [GC], n. 31107/96, § 32 ECHR 2000 XI).
246. Gli Stati Contraenti che sono parti ad una causa sono in principio libero scegliere i mezzi da che cosa loro si atterranno con una sentenza nella quale la Corte ha trovato una violazione. Questa discrezione come alla maniera di esecuzione di una sentenza la libertà di scelta che allega all'obbligo primario degli Stati Contraenti sotto la Convenzione per garantire i diritti e le libertà garantita riflette (Articolo 1). Se la natura della violazione lascia spazio a restitutio in integrum, è per lo Stato rispondente per effettuarlo. Se, d'altra parte legge nazionale non concede-o concede solamente parziale-riparazione per essere costituito le conseguenze della violazione, Articolo 41 conferisce poteri la Corte per riconoscere la vittima simile soddisfazione siccome sembra a sé per essere appropriato (vedere Brumrescuă, citato sopra, § 20).
247. La Corte gode la certa discrezione nell'esercizio del potere conferito con Articolo 41, siccome è sopportato fuori con l'aggettivo “equo” e la frase “se necessario” nel suo testo (vedere Guzzardi c. l'Italia, 6 novembre 1980, § 114 la Serie Un n. 39). Per determinare la soddisfazione equa ha riguardo ad alle particolari caratteristiche di ogni causa che può mandare a chiamare un'assegnazione di meno che il valore del danno effettivo subì o i costi e spese davvero incorsero in, o anche per nessuna assegnazione affatto.
248. In questo contesto, la Corte reitera, che in cause che comportano la presa di proprietà con lo Stato, la distinzione fra “legale” e “illegale” la privazione di proprietà è particolarmente attinente alla valutazione di una rivendicazione patrimoniale (vedere Ucraina-Tyumen c. l'Ucraina (soddisfazione equa), n. 22603/02, § 22, 20 maggio 2010 con gli ulteriori riferimenti).
249. La natura e la misura della soddisfazione equa per essere riconosciuto direttamente con la Corte sotto Articolo 41 della Convenzione dipendono dalla natura della violazione (vedere Shesti Mai Engineering OOD ed Altri c. la Bulgaria, n. 17854/04, § 101, 20 settembre 2011 con gli ulteriori riferimenti). Inoltre, la giurisprudenzadella Corte stabilisce che ci deve essere un collegamento causale e chiaro fra il danno chiesto col richiedente e la violazione della Convenzione (vedere, fra altri, Tenda c. il Regno Unito, n. 44277/98, § 47 24 giugno 2003). Per un'assegnazione il richiedente deve dimostrare così, essere reso in riguardo di danno patrimoniale, che c'è un collegamento causale fra la violazione e qualsiasi perdita finanziaria addusse (vedere, per esempio, lo záložna di Družstevní Pria ed Altri c. la Repubblica ceca (soddisfazione equa), n. 72034/01, § 9 21 gennaio 2010).
250. Qualche volta un calcolo preciso delle somme necessario fare riparazione completa in riguardo delle perdite patrimoniali subì col richiedente può essere ostacolato col carattere inerentemente incerto del danno che fluisce dalla violazione (vedere Smith e Grady c. il Regno Unito (soddisfazione equa), N. 33985/96 e 33986/96, § 18 ECHR 2000 IX). È probabile che ci sia gli altri impedimenti. Per esempio, è impossibile per calcolare precisamente il valore di proprietà che più esiste (vedere Hovhannisyan e Shiroyan c. l'Armenia (soddisfazione equa), n. 5065/06, § 13 15 novembre 2011).
251. La Corte è anche consapevole delle difficoltà nel calcolare profitti perduti in circostanze dove simile profitti potessero fluttuare dovendo ad una varietà di fattori imprevedibili (vedere Dacia S.R.L. c. la Moldavia (soddisfazione equa), n. 3052/04, § 47 24 febbraio 2009). Questo è particolarmente vero in cause riguardo alle attività commerciali di una società che implica la presa di rischi ed un grado dell'incertezza come all'uso e la redditività delle proprietà in oggetto (vedere Basarba OOD c. la Bulgaria (soddisfazione equa), n. 77660/01, § 26 20 gennaio 2011).
252. Come riguardi il risarcimento patrimoniale per danno non-patrimoniale, la Corte può assegnarlo a società commerciali che decidono su una base equa, siccome il suo calcolo esatto è in principio impossibile. Danno non-patrimoniale subito con simile società può includere aspetti ai quali sono un più grande o minore misura “l'obiettivo” o “soggettivo.” Aspetti che possono essere presi in considerazione includono la reputazione della società, incertezza nel decisione-progettare la disgregazione nella gestione della società (per che non c'è nessun metodo preciso di calcolare le conseguenze) ed infine, benché ad un minore grado, l'ansia e disturbo causarono ai membri dell'organizzazione aziendale (vedere Comingersoll S.A. c. il Portogallo [GC], n. 35382/97, § 35 ECHR 2000 IV).
253. Se uno o più che capi di danno non possono essere calcolati precisamente, la Corte può decidere di fare una valutazione globale che decide su una base equa (vedere, per un recente riferimento, Agrokompleks c. l'Ucraina (soddisfazione equa), n. 23465/03, §§ 80 e 93, 25 luglio 2013).
(b) la Richiesta dei principi generali e sopra alla causa presente
254. La Corte ha trovato che la società di richiedente è stata privata con lo Stato del suo aereo del quattordici in una maniera illegale ed arbitraria (vedere divide in paragrafi 215-218 sopra).
255. Di conseguenza, solamente il ritorno di quegli aereo alla società di richiedente lo metterebbe, il più lontano possibile in una situazione equivalente a quello nel quale si sarebbe trovato una violazione di Articolo 1 di Protocollo non era stata là N.ro 1 (vedere e compari con Iatridis (soddisfazione equa), citato sopra, § 35).
256. Comunque, restitutio in integrum non è possibile perché l'aereo in oggetto o è stato danneggiato seriamente, o è stato venduto a terze parti, o è andato perdendo.
257. Segue che il Governo rispondente deve compensare la società di richiedente per il loro valore come del tempo dell'interferenza.
258. Comunque, la Corte non si confa con l'approccio della società di richiedente al suo calcolo secondo il quale dovrebbe essere compensato il valore di mercato corrente di aereo nuovo (vedere divide in paragrafi 233-234 sopra).
259. La Corte nota che l'aereo del quale fu spossessata la società di richiedente non sia nuovo. Così, l'Un-28s quale acquistò nel 1999 era stato fabbricato nel 1988-1990 ed era stato avuto un documento volatore di fra 1,455 e 2,821 ore (vedere paragrafo 9 sopra). Benché informazioni equivalenti sul L-410s siano non disponibili, sembra che loro richiesero alcuno ripara ed aggiornamento tecnico seguente il loro acquisto con la società di richiedente (vedere paragrafo 101 sopra).
260. Alla Corte non è stata fornita informazioni sul valore di mercato dell'aereo al tempo degli eventi o il valore di mercato corrente di aereo di caratteristiche tecniche e comparabili ed uso. Né è in una posizione per stabilire con precisione l'amortisation inerente e riparare costi.
261. Con riguardo ad alle operazioni di affari che comportano l'aereo che la società di richiedente intraprese dopo il loro acquisto (vedere divide in paragrafi 10, 16 e 101 sopra), la Corte accetta che nella causa presente gli aerei furono intesi di essere usati in attività lucrativa. Ha perciò senza dubbio che la società di richiedente ha perso profitti che sarebbe potuto derivare dai suoi aerei durante il periodo dalla loro presa su al tempo presente.
262. Allo stesso tempo, la Corte lo trova impossibile definire l'importo dei profitti perduti con precisione, dato tutto l'imponderabile coinvolto.
263. La Corte considera anche che le violazioni che ha trovato nella causa presente hanno dovuto provocare la disgregazione di società di richiedente e l'incertezza prolungata nella condotta dei suoi affari. Ha dovuto provocare anche i suoi sentimenti di frustrazione (vedere e compari Centro Europa 7 S.R.L. e di Stefano c. l'Italia [GC], n. 38433/09, § 221 ECHR 2012).
264. Nella luce delle considerazioni precedenti ed avendo riguardo ad a tutti i materiali nella sua proprietà, la Corte lo trova appropriato decidere in equità e fare una valutazione globale nella causa presente (vedere Agrokompleks, citato sopra, §§ 80 e 93).
265. Lo considera ragionevole assegnare una somma globale di 5,000,000 euro
la società di richiedente (EUR), coprendo tutti i capi di danno, più qualsiasi tassa sulla quale può essere addebitabile quel l'importo.
B. Costi e spese
266. La società di richiedente chiese inoltre un'assegnazione uguale a 10% delle rivendicazioni di soddisfazione eque e sopra in riguardo della sua rappresentanza legale nei procedimenti di fronte alla Corte. In prova, presentò copie del legale ripara accordi coi quali aveva concluso il “ditta di diritto internazionale “Consultando” il 2006 e 8 gennaio 2009 di 1 novembre secondo il quale la società di richiedente si impegnò pagare la ditta legale 10% della soddisfazione equa per essere assegnato a sé con la Corte su questa causa. Nell'evento che la sua richiesta dovrebbe essere trovata inammissibile o non sollevando problemi sotto la Convenzione o i suoi Protocolli, la società di richiedente pagherebbe la ditta legale UAH 50,000 sotto l'accordo di 1 novembre 2006 ed UAH 5,000 sotto che di 8 gennaio 2009.
267. Il Governo contestò quel la rivendicazione. Nella loro prospettiva, “l'importo realistico” delle parcelle legali sia esposto con la società di richiedente stessa ad UAH 50,000 nell'accordo di servizi legale di 1 novembre 2006.
268. Secondo la giurisprudenzadella Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum (vedere, per esempio, Bottazzi c. l'Italia [GC], n. 34884/97, § 30 ECHR 1999 V).
269. La Corte nota che la società di richiedente concluse un accordo con una società di legge che concerne le sue parcelle che sono comparabili ad un accordo di parcella di previdenza. Tale accordo da che cosa il cliente di un avvocato è d'accordo a pagare l'avvocato, in parcelle una certa percentuale della somma, se qualsiasi, assegnò al contendente con la corte-generando solamente obblighi fra avvocato e cliente-non può legare la Corte che deve valutare il livello di costi e spese per non solo essere assegnata con riferimento a se i costi davvero ma anche sono incorsi in se loro è stato incorso in ragionevolmente (vedere Iatridis (soddisfazione equa), citato sopra, § 55, con gli ulteriori riferimenti).
270. Nella luce dei principi precedenti ed avendo riguardo ad ai materiali di causa-archivio, la Corte lo considera ragionevole assegnare EUR 8,000 sotto questo capo, più qualsiasi tassa sulla quale può essere a carico della società di richiedente quel l'importo.
Interesse di mora di C.
271. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE
1. Decide all’unanimità di congiungere l'eccezione del Governo come all'esaurimento di via di ricorso nazionali in riguardo dell'azione di reclamo della società di richiedente sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ai meriti della sua azione di reclamo sotto Articolo 13 della Convenzione, e lo respinge dopo avere esaminato i meriti di quel l'azione di reclamo;

2. Dichiara all’unanimità la richiesta ammissibile;

3. Sostiene all’unanimità che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1;

4. Sostiene all’unanimità che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione;

5. Sostiene all’unanimità che c'è stata una violazione di Articolo 13 della Convenzione;

6. Sostiene con sei voti ad uno
che lo Stato rispondente è pagare la società di richiedente, entro tre mesi della data sui quali la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 5,000,000 (cinque milioni di euros) in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale, più qualsiasi tassa che può essere a carico della società di richiedente;

7. Sostiene all’unanimità che lo Stato rispondente è pagare la società di richiedente, entro tre mesi della data sui quali la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 8,000 (otto mila euros) in riguardo di costi e spese, più qualsiasi tassa che può essere a carico della società di richiedente;

8. Sostiene all’unanimità che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

9. Respinge all’unanimità il resto della rivendicazione della società di richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 23 gennaio 2014, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Stefano Phillips Mark Villiger
Cancelliere aggiunto Presidente
Nella conformità con Articolo 45 § 2 della Convenzione e Decide 74 § 2 degli Articoli di Corte, l'opinione separata di Giudice P. Lemmens è annessa a questa sentenza.
M.V.
J.S.P.

OPINIONE IN PARTE DISSENTENTE DEL GIUDICE LEMMENS
Io votai coi miei colleghi nel trovare violazioni di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ed Articolo 13. Gradirei sottolineare che questa sia una causa piuttosto straordinaria nella quale l'amministrazione fiscale usò tutti i generi di trucchi per evitare fare che che era stato ordinato per fare, vale a dire restituire l'aereo alla società di richiedente. Questo diede luogo alla società di richiedente che è privata del suo aereo “in un improvvisamente maniera arbitraria, contrari all'articolo di principio di legge” (paragrafo 215 della sentenza).

Al mio rammarico, comunque io non posso unirmi ai miei colleghi nella decisione relativo alla soddisfazione equa assegnata alla società di richiedente. La maggioranza assegna una somma globale di EUR 5,000,000. Nella mia opinione, la questione della richiesta di Articolo 41 non è ancora pronta per decisione.

La società di richiedente fornì alla Corte calcoli basati sul valore di mercato corrente di aereo nuovo. Io convengo con la maggioranza che questo non è l'approccio corretto (vedere paragrafo 258), e che il calcolo dell'assegnazione dovrebbe essere basato sul valore di mercato corrente di aereo di caratteristiche tecniche e comparabili e dovrebbe essere portato che è di aereo usato (vedere paragrafo 260).

Nella mia opinione noi non siamo stati offerti con elementi sufficienti per fare una valutazione del valore di mercato corrente di Un-28s e L-410s, riguardo ad essere avuto al loro stato al tempo che loro sono stati messi sotto la soprintendenza delle autorità e la società di richiedente fu negato accesso a loro. Io non mi sento riassicurato che, all'interno dell'importo totale di EUR 5,000,000, è una parte che ragionevolmente riferisce al valore di mercato effettivo di aereo usato. Ci sono elementi nell'archivio che suggerisce che l'importo di EUR 5,000,000 molto può essere più alto che il prezzo totale pagato con la società di richiedente per l'aereo nel 1999 e 2000 (vede paragrafo 259, mentre riferendosi a paragrafi 9 e 101). Per evitare il rischio del nostro essere di assegnazione troppo alto io avrei preferito riservare la questione della soddisfazione equa ed invitare le parti per presentare i calcoli sulla base di un set di criterio specificò con la Corte nella sua sentenza.




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è sabato 11/07/2020.