Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF PLACÌ v. ITALY

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 03, 06

NUMERO: 48754/11/2014
STATO:
DATA: 21/01/2014
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

Conclusions: Violation of Article 3 - Prohibition of torture (Article 3 - Degrading treatment Inhuman treatment) (Substantive aspect)
Violation of Article 6 - Right to a fair trial (Article 6 - Administrative proceedings Article 6-1 - Fair hearing Adversarial trial Equality of arms
Impartial tribunal) Pecuniary damage - claim dismissed Non-pecuniary damage - award



SECOND SECTION







CASE OF PLACÌ v. ITALY

(Application no. 48754/11)








JUDGMENT


STRASBOURG

21 January 2014






This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Placì v. Italy,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Işıl Karakaş, President,
Guido Raimondi,
Peer Lorenzen,
András Sajó,
Nebojša Vučinić,
Paulo Pinto de Albuquerque,
Egidijus KÅ«ris, judges,
and Stanley Naismith, Section Registrar,
Having deliberated in private on 17 December 2013,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 48754/11) against the Italian Republic lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by an Italian national, OMISSIS (“the applicant”), on 3 August 2011.
2. The applicant was represented by Mr OMISSIS and Ms I. De Francesco, lawyers practising in Corsano (Lecce). The Italian Government (“the Government”) were represented by their Agent Ms E. Spatafora and their co-Agent, Ms P. Accardo.
3. The applicant alleged a breach of Article 3 of the Convention, in so far as there had been a lack of a proper assessment of his fitness for service before conscription and because by being subjected to compulsory military service with the resulting training he had had to undergo and punishments that had been inflicted on him he had been subjected to treatment contrary to Article 3. He further complained under Article 6 of the unfairness of the proceedings.
4. On 28 August 2012 the application was communicated to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1975 and lives in Specchia (Lecce).
A. Background to the case
6. In 1993 the applicant, aged eighteen at the time, was called up to undertake compulsory military service. For the purposes of his conscription he had a combined psychological evaluation and physical examination on 3 December 1993, as a result of which he was found to be fit for military service. The detailed report, which was not disclosed to the applicant (until 21 September 2010 in the course of pension proceedings), considered that the applicant was slow in understanding and executing a task but logical in its exercise, although prone to giving up. In an evaluation covering language and cultural skills, motivation, mental performance and behaviour, he obtained a grade of 4 out of 10 in each area.
7. Upon his conscription, the applicant underwent another medical examination on 14 June 1994, as a result of which he was again found to be fit for military service on the basis that he was not suffering from any illness. He was assigned to Battalion no. 123 in Chieti, where he was subject to intensive physical and mental training, including in the use of firearms.
8. On 9 July 1994 the applicant was transferred to the provincial command unit in Aquila, where he remained until 30 December 1994. During this time, from 1 September to 2 November 1994 he temporarily formed part of its logistical battalion. While in Aquila the applicant was subjected to multiple punishments. According to the documentation presented, he was subjected to eight punishments between July and December, amounting to twenty-four days of confinement, including periods of solitary confinement, for reasons ranging from negligent care of his camp-bed area to failure to report to his supervisor, or informal behaviour towards his superior. During the time he spent with the logistical battalion he was hospitalised at least four times for medical care unrelated to his mental problems (see below).
9. On 30 December 1994 the applicant was transferred to Lecce, where a commander noted that the applicant suffered from nervous tics and twitches, difficulty in socialising and learning, and absent-minded behaviour. The commander ordered the applicant to undergo a specialised medical assessment to test his fitness to perform military service.
10. On 24 January 1995 he was admitted to hospital, where he was diagnosed with anxiety disorder and considered to be in a fragile state of mind.
A medical report by the NHS of Tricase of 6 February 1995 considered that in his youth the applicant had suffered from affection-relational problems and learning difficulties. He was physically weak and insecure, had a low aptitude for learning and was prone to isolation, was dysfunctional and incapable of taking up responsibilities. Tests revealed that he was unable to perform assigned tasks, had difficulty orienting himself and impaired cognitive functions (a deficit in logic and memory). He was considered to have a slight intellectual deficit (an IQ of 67) and to be incapable of creating positive relationships with people. This inadequacy caused him to live military life with anxiety and fear of his fellow soldiers, who he considered were aggressive towards him, even if they had only been joking. The report considered that the longer he remained in military service, the more severe his anxiety would become, and his defensive attitude arising from his fears would intensify.
11. The applicant remained on medical leave for recovery purposes until April 1995, when, following a specialised assessment to determine his suitability for military service, on 8 April 1995 the applicant was found to suffer from “dysphoria and borderline personality [disorder]” and was discharged due to unfitness.
12. Following his discharge, the applicant underwent further medical examinations. A report by the NHS of Tricase of 20 October 1995 considered that the applicant no longer had a defensive attitude, nor was he suffering from dysphoria and nervous tics. He was still, however, insecure, prone to isolation, unstable and unwilling to take up responsibilities. Following the tests performed, the report concluded that the stressful situation, namely his military service, having ended, the applicant had slightly improved. However, he still displayed signs of intellectual deficit.
13. At the time a report by the applicant’s doctor (Dr Russo) considered that the applicant had fallen sick because of military service or that there was at least a causal link between the two. In consequence, on 13 January 1996 the applicant asked the Defence Ministry to pay damages under Law no. 416 of 1926 and presidential decree no. 686 of 1957.
14. In the course of the examination of his request for damages, on 30 September 1999 the Medical Commission of the Bari Military Hospital diagnosed the applicant with “obsessive-compulsive disorder” (“OCD”), which it considered was not a result of his military service. It opined that the mental infirmity at issue was a pre-existing condition. It did not appear that during his military service the applicant had been involved in any events or had to carry out any duties which, given their importance, duration and nature, could have seriously influenced the onset or progression of this mental health problem. It further considered the request to have been made out of time.
15. In the meantime the applicant had repeatedly asked the relevant authorities to provide him with a copy of the pertinent documents regarding the period in which he had served in the military to enable him to substantiate his claims. On 24 November 1999 he further asked the Lecce Military District to provide him with the administrative and health documents related to his case together with the minutes of the Medical Commission’s meeting in his respect. This request was repeated four times in the year 2000 and remained unanswered.
16. On 19 June 2000 the second instance Medical Commission of Bari confirmed the findings of the Medical Commission dated 30 September 1999.
17. On 11 July 2000 the Ministry of Defence rejected the applicant’s request for damages, noting that the Medical Commission (second instance) of the Command of the Naples Health Service had, on 19 June 2000, determined that the OCD from which the applicant suffered had not been caused by his military service.
18. According to a medical certificate submitted by the applicant to this Court, issued by the Maglie Local Health Centre (mental health department) on 29 July 1999, the applicant, who had been treated by the department since 1977 for a fragile state of mind, a low IQ, and OCD which had become chronic, had developed behavioural problems to the extent of violent outbursts towards his family following his military service.
B. Domestic proceedings
1. Proceedings before the Regional Administrative Tribunal
19. On 21 July 2000 the applicant instituted proceedings before the Lecce Regional Administrative Tribunal (“TAR”) for the recognition of the causal link between his mental health problems and his compulsory military service, and in the event that the court considered his condition to be pre existing he asked it to ascertain the military’s liability for recruiting him and in consequence to make an award of damages in his favour.
20. On 4 August 2000 the applicant lodged an urgent request with the relevant authorities to access medical documents relating to the fitness-for-service examination prior to conscription, details about his time in the military – training, work, and so on, his disciplinary record, i.e. of the punishments endured, and a record of his hospital stays, an assessment by his commander of his personality and professionalism and all other relevant material held by the Military Administration. On 22 September 2000 he was informed that the unit in Aquila had been disbanded. He was further informed that he had spent twenty-three days in “consegna semplice” (a punishment prohibiting an individual from leaving the base) and one day of “consegna di rigore” (a punishment confining the individual to a specified area on the base) and that any further information had to be requested from the Lecce Recruiting Office. The applicant lodged a request with the Lecce Recruiting Office on 28 September 2000 and on 16 October 2000 the office replied, sending the applicant an excerpt containing his disciplinary record and noting that he had spent twenty-eight, rather than twenty-three, days in “consegna semplice”. No other documentation was sent to the applicant. Following further requests on 19 October 2000, the Lecce Recruiting Office sent the applicant the psycho-physical training file.
21. On 28 December 2002 the TAR appointed Dr S. as a court expert to ascertain the nature of the applicant’s infirmity and submit a report within sixty days.
22. Following an examination of the applicant, Dr S. failed to deliver the requisite report. Thus, on 30 January 2007, the applicant asked the TAR to replace the expert.
23. By a judgment filed in the relevant registry on 20 July 2007 the TAR, considering the applicant’s interlocutory request as an application for renewal (“rinnovo”), rejected the request, noting that for seven years the applicant had failed to solicit any action whatsoever. Considering that no more evidence was necessary, it proceeded to give judgment. It held that the two Medical Commissions had agreed about the source of the applicant’s infirmity and that it had resulted from a pre-existing condition. Indeed the first-instance Medical Commission had referred to a diagnosis of the applicant made in 1997 (when he had been admitted to hospital) which evidenced a fragile and vulnerable mental state. The court went on to note that it transpired that the medical examination of June 1994 to determine the applicant’s fitness for service had not been accurate, since it should already have transpired that the applicant was not entirely fit to take up military service.
2. Proceedings before the Supreme Administrative Court
24. On 9 July 2008 the applicant appealed to the Supreme Administrative Court (“CS”). He complained, inter alia, that: the outcome of the case had been illogical – even though the TAR had considered that his fitness-for-service examination had not been accurate it had failed to pronounce itself on any liability and to award damages; the TAR had considered the applicant’s interlocutory request for the replacement of the expert as an application for renewal, even though replacement of the expert was clearly due given the delay in performing his functions, leading to the court taking a decision to dismiss the action without the relevant information.
25. By a partial judgment of 19 January 2010, the CS considered that a specialised medical examination was indeed necessary to determine the connection, if any, between the applicant’s infirmity and his military service. It ordered that such an examination be carried out by the Defence Ministry’s Medical Board (Collegio Medico Legale della Difesa – the “Medical Board”), by means of a medical assessment in the presence of the applicant’s general practitioner, and that a report be submitted within thirty days. It appears from the documents that the Medical Board appointed for the applicant’s case was made up of four full members, three from the military and one from the State Police, and an external expert in neurology.
26. In June 2010 the Medical Board’s report was filed. Its findings took into consideration a report produced that year by an expert engaged by the applicant which he had been allowed to submit to the Board (before being submitted to the CS). The Medical Board’s report noted that when the applicant was discharged he had been suffering from dysphoria, anxiety disorder and borderline personality disorder and had been considered to suffer from slight intellectual disability. It confirmed the reports submitted by the Bari Medical Commissions and highlighted the relevance of the pre existing nature of the applicant’s condition, also noting that upon examination by the Bari Military Hospital’s Medical Panel on 30 September 1999 and at the date of the report in 2010 the applicant had been suffering from “chronic OCD, a slight degree of intellectual disability, displayed personality changes and was prone to have marginal traits”. It concluded that at the date of review, according to the information available, the infirmity could not be considered to have been the direct result of or aggravated by ordinary military service.
27. On an unspecified date the report of 6 May 2010 prepared by the applicant’s expert (Dr Russo) was filed with the court. It noted that the applicant, a mentally healthy subject upon undergoing medical assessments prior to being drafted, had never shown any symptoms of mental illness before conscription into the military service and it was only after repeated punishment that such traits had emerged. Therefore, even assuming that he was predisposed to mental health problems, it was evident that it was the treatment he had been subjected to during military service that had caused the emergence of the illness. The implications of military service were generally of great emotional impact and a source of stress, which for a person who was in a fragile state of mental health or predisposed to mental health problems, unlike in the case of a healthy person, could trigger mental illness. The applicant’s being away from his family and his inability to relate to colleagues and superiors, in the absence of the necessary psychological support and in view of the repeated punishments imposed on him, had caused him to develop dysphoria which had later evolved into chronic OCD. Thus, in the applicant’s case there had been a causal link between his mental health problems and his military service, or the latter had at least contributed to the development of his condition.
28. On 12 November 2010 the applicant filed pleadings contesting the findings of the Medical Board and arguing that its report could not be considered objective and impartial given its nature and composition, as it was an organ of the opposing party in the proceedings. He argued that there had been a lack of transparency in the production of the report, which was highlighted by the fact that he had recently become aware of other documents related to the case which had never been disclosed to him by the authorities, the substance of which had been reflected in the report. On 14 December the applicant made further oral pleadings.
29. By a judgment filed in the relevant registry on 4 February 2011 the CS rejected the applicant’s appeal, holding that the applicant’s infirmity was antecedent to his military service and that it had not been detectible during the examination in 1994, as had been established by the Medical Board. As to the failure to disclose documentation, it considered that such documentation did not relate to the period during which the applicant had carried out military service. In any event the crux of the applicant’s complaint had concerned the conclusions of the Medical Board’s report which did not accord with his claim. However, the CS considered that the report was not contradictory or illogical in itself and it had not ignored relevant facts. It followed that given that the CS (in its limited powers of judicial review of administrative acts) (in sede di legittimità) was not allowed to assess the merits of that report, the applicant’s challenge could not be upheld. In respect of the original medical examination to determine the applicant’s fitness for military service, the CS again adopted the findings of the Medical Board, which had considered that it was possible that the applicant’s health problems had not manifested themselves in the absence of particular stimuli.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
30. Under Italian law applicable at the relevant time, namely Article 138 of Presidential Decree no. 237 of 1964, failure to attend a medical assessment concerning one’s fitness for military service constituted an offence punishable with imprisonment for a maximum of two years. Failure to undertake military service constituted a crime of desertion under Article 148 of the Peacetime Military Penal Code punishable with imprisonment from six months to two years.
31. Punishments in the military are of different degrees and include a warning (richiamo), reprimand (rimprovero), “consegna semplice” (see paragraph 20 above) and “consegna di rigore” (idem.).
32. Article 68 of Legislative Decree no. 29 of 3 February 1993, in relation to the jurisdiction of the Italian courts, reads as follows:
“(1) The ordinary courts in their function as labour courts, have the competence to hear all disputes related to public-sector employment (rappori di lavoro) as mentioned in Article 1(2), with the exception of those disputes related to employment as mentioned in (...)
(4) Disputes related to employment for the categories mentioned in Article 2(4) remain within the competence of the administrative courts.”
Article 2(4) of the same law lists the categories, inter alia, as follows:
“Ordinary, fiscal (contabili) and administrative magistrates, advocates and prosecutors, military personnel, the police and diplomats (...)”
33. According to Article 11 of Law no. 416 of 11 March 1926, the Defence Ministry’s Medical Board, subdivided into six sections, is directly dependent on the Ministry of Defence. It is composed of the following medical personnel:
“(a) a General in the permanent service, who is a doctor, as president;
(b) a General in the permanent service, who is a doctor, preferably pertaining to a corps different from that of the president, as vice president;
(c) two superior officials, army doctors, one as secretary of the board and the other as secretary of a separate section of the Court of Audit (Corte dei Conti);
(d) four army doctors at the grade of General or Colonel, one doctor who is either a Rear Admiral or Captain of a naval vessel, a doctor at the grade of General or Colonel of the air force health service, as presidents of the six sections, one of which shall be a separate section at the Court of Audit;
(e) fourteen doctors being superior officials of the army, seven doctors being superior officials of the navy, seven doctors being superior officials of the air force health service, two superior officials being doctors or medical servants of equivalent qualification from the police force, as full (attuali) members of the six sections;
(f) fourteen doctors being lower ranking officials of the army, seven doctors being lower ranking officials of the navy, seven doctors being lower ranking officials of the air force health service, two lower ranking officials being doctors or medical servants of equivalent qualification from the police force, as deputy members of the six sections;
(...)
The president of the board can request the involvement, by means of an advisory opinion but without a right to vote, of doctors external to the board, to be chosen amongst civilian specialists who are university professors.
(...)”
According to Article 11 bis, every section must be composed of a president and at least four full members.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 3 OF THE CONVENTION
34. The applicant complained, citing Articles 2 and 3 of the Convention, of a lack of proper assessment of his state of health before conscription, which he considered had been in breach of the State’s positive obligations; and about his conscription into military service with the resulting training he had had to undergo and punishments that had been inflicted on him, which he considered had been in breach of the State’s negative obligations.
35. The Court considers that the said complaints do not engage Article 2 and should be examined solely under Article 3 of the Convention, which reads as follows:
“No one shall be subjected to torture or to inhuman or degrading treatment or punishment.”
36. Moreover, in so far as in his observations the applicant made reference to the State’s procedural obligations under Article 3 of the Convention, the Court notes that the applicant did not clearly raise the matter in his initial application and gave no details in this regard. In those circumstances the Court cannot consider the complaint in that respect to have been appropriately lodged and will thus only consider the Article 3 complaint under its substantive aspect.
A. Admissibility
1. The Government’s objection of non-exhaustion of domestic remedies.
37. The Government submitted that although the Court’s case-law had established that an individual was only obliged to exhaust one of alternative effective remedies, such jurisprudence was based on the premise that all the remedies were equally effective. In the present case the Government noted that the applicant had chosen to bring administrative proceedings and could not therefore now complain about those proceedings, when he had had an alternative remedy available to him which he could have chosen to make use of. They further considered that given the nature of the alleged violation it would have been more appropriate for the applicant to undertake civil proceedings, which had been both accessible and effective as shown by Court of Cassation judgments nos. 10739 and 18184 of 2002 and 2007 respectively.
38. The applicant submitted that under Italian law, the court having jurisdiction over a case was established by law. He referred to Article 68 of Legislative Decree no. 29 of 3 February 1993 (see relevant domestic law) which provided that disputes concerning military personnel were subject to the jurisdiction of the administrative courts and not the ordinary courts. The two examples provided by the Government were therefore irrelevant in the face of clear legal provisions. Moreover, in the two cited cases the Government had in fact pleaded the ordinary courts’ lack of competence.
39. The Court reiterates that Article 35 § 1 of the Convention requires that the only remedies to be exhausted are those that are available and sufficient to afford redress in respect of the breaches alleged. The purpose of Article 35 § 1 is to afford the Contracting States the opportunity of preventing or putting right the violations alleged against them before those allegations are submitted to the Court (see, inter alia, Selmouni v. France [GC], no. 25803/94 § 74, ECHR 1999-V). In the event of there being a number of domestic remedies which an individual can pursue, that person is entitled to choose a remedy which addresses his or her essential grievance (Jasinskis v. Latvia, no. 45744/08, § 50, 21 December 2010). Moreover, an applicant who has exhausted a remedy that is apparently effective and sufficient cannot also be required to have tried others that were available but probably no more likely to be successful (see Aquilina v. Malta [GC], no. 25642/94, § 39, ECHR 1999 III).
40. The Court firstly notes that the Government have failed to explain why a civil remedy would have been more appropriate in the present case, despite the law providing otherwise. Moreover, in contrast to what they claimed before this Court, from the examples of domestic case-law submitted it is clear that the Government specifically objected to the competence of the ordinary civil courts to assess military issues.
41. The Court further notes that, in accordance with the provisions of domestic law, the applicant made use of the indicated remedy in full compliance with domestic procedures and the formalities laid down in national law. Indeed the administrative courts could have granted the applicant redress, and thus were both accessible and effective. Those courts did not find that they did not have the required competence. On the contrary, they examined and decided the merits of the case without any hesitation. In that light the Court has no doubt that the applicant exhausted domestic remedies.
42. The Government’s objection is therefore dismissed.
43. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
(a) The applicant
44. The applicant considered that the State had failed to fulfil its positive obligation to protect him from treatment contrary to the Convention by means of appropriate pre-conscription tests and subsequently by forcing him to undertake military service which he had not been fit for. He attacked the effectiveness of the tests, noting particularly that if there had been doubt as to his fitness, further tests should have been undertaken. Indeed, there had been provision for further tests if called for; however, they had not been undertaken in his case despite sufficient indications that they were necessary (see paragraph 6 above). Ironically, specific and more rigorous tests had been in place for conscripts for voluntary military service (given the more demanding performance required of them), despite the fact that mandatory conscripts actually had a greater need of such psychological testing, the duty of military service being imposed on them. Moreover, this more specific testing went to show that the tests for mandatory conscripts had been weaker and not sufficiently accurate. He noted that even the TAR in its judgment of 20 July 2007 had found that the pre-conscription examination had been inaccurate and inappropriate (see paragraph 23 above). Indeed if, as had been held by the court-appointed experts, he had had a pre-existing intellectual disability which had caused his eventual mental health problems, then the State had had an obligation to acknowledge his condition and to act accordingly to protect his physical and mental well-being.
45. The applicant further complained that instead of the authorities protecting him, once in service he had been made to suffer sanctions and punishments at a time when he had been in need of psychological support. There had not been a system in place capable of speedily detecting behavioural problems or providing psychological support. Thus, his military superiors had again failed to detect any health problems and had instead opted to impose consecutive and repeated punishments on him, which had irretrievably prejudiced his health and isolated him even more. He had first started suffering from nervous tics, which eventually developed into chronic OCD (which could transform itself into more serious forms of psychosis according to the applicant’s expert) as a result of the compulsory military service and the treatment he had endured during that time. In his view there was no doubt that the stresses of military life away from his family, coupled with the punishments endured, could trigger such consequences in a subject who was already in a fragile mental state, or at least predisposed to mental health problems. Even assuming that military life and the treatment he had endured had not been the sole cause of his present condition, it could not be denied that it had been at least a partial cause. The applicant disagreed with the Government that the punishments could not have affected him and referred to the report by the NHS of Tricase of February 1995 (see paragraph 10 above). Moreover, the applicant’s expert (report of 6 May 2010 by Dr Russo) had precisely stated that the punishments had been the determinative cause of the applicant’s mental health problems. The applicant also challenged the Government’s contention that he had been moved to Lecce as some sort of ameliorative measure following the detection of his symptoms. Indeed the said move had only occurred by chance and it was only in Lecce that the military commander had detected the applicant’s discomfort (see paragraph 9), at a stage at which his health had already deteriorated to the extent that he had developed nervous tics.
(b) The Government
46. The Government first contended that the applicant had presented the application in a highly subjective way. They submitted that leaving one’s home to be part of another community could not be considered as a form of suffering more intense than that applicable to any individual drafted for military service. In addition, the applicant had not substantiated that he had been subject to a lot of ribbing by colleagues or intolerant or negligent behaviour by superiors. The Government noted that the tasks entrusted to the applicant had been normal, routine tasks in the military (such as guard duty), in respect of which they could not be expected to keep records years later. However, he had not been ordered to perform tasks on discriminatory or punitive grounds. As to his punishments, namely the twenty-eight days of “consegna semplice” (a punishment prohibiting an individual from leaving the base) and one day of “consegna di rigore” (a punishment confining the individual to a specified area on the base), the Government stressed that contrary to what had been claimed by the applicant in the application, these punishments had not been continuous and uninterrupted. Furthermore, the Government could not see how prohibiting the applicant from leaving the base (the most common punishment he had been subjected to) could have been particularly detrimental to him, given that he had claimed before this Court to be inclined to isolate himself from others. Neither had the applicant given specific details about his one-day confinement to a specified area on the base, which in the Government’s view indicated its lack of relevance. It followed that such treatment could not be considered as having reached the Article 3 threshold.
47. As to the applicant’s state of health on conscription, the Government noted that the applicant’s doctor had admitted that before commencing military service the applicant had not been suffering from a mental illness (see paragraph 27 above). In their report of 4 June 2010 the Medical Board had considered that the fact that no significant psychological problems had been apparent during the pre-conscription medical examination could be explained as follows: the applicant’s IQ of 67-71, when minor intellectual disability corresponded to an IQ of 50-69 and a lesser degree of such disability to an IQ of 70-89; the absence of particular stimuli which would have elicited a diagnosis of his borderline personality disorder and his latent psycho-neurotic conflict; and the absence of special tests, which at the time had not been compulsory unless there appeared to be a special need for them. It followed, in the Government’s view, that the applicant’s health problems had been hidden at the time of conscription, as also shown by the fact that when training in Chieti in the first month of his military service – at which time they considered his stress to have reached its height – the applicant had displayed normal behaviour. It followed that the medical results pre-conscription had been correct and the authorities could not be reproached.
48. Moreover, once the applicant’s symptoms had emerged he had immediately and repeatedly been hospitalised and moved to Lecce, closer to his family. He had benefited from recovery periods and had eventually been discharged before the end of his regular service period. This also showed that the State had complied with its positive obligations to respect the applicant’s dignity – particularly the preservation of his health and well being during military service.
3. The Court’s assessment
(a) General principles
49. The Court reiterates that States have an obligation to take measures designed to ensure that individuals within their jurisdiction are not subjected to torture or inhuman or degrading treatment or punishment. These measures should provide effective protection, in particular, of vulnerable persons, such as military conscripts, and include reasonable steps to prevent ill-treatment of which the authorities had or ought to have had knowledge (see Abdullah Yılmaz v. Turkey, no. 21899/02, §§ 67-72, 17 June 2008, and, mutatis mutandis, Osman v. the United Kingdom, 28 October 1998, § 116, Reports of Judgments and Decisions 1998-VIII).
50. It is generally for a State to determine the standards of health and fitness for potential conscripts, having regard to the fact that the role of the armed forces differs among States. However, conscripts should be physically and mentally equipped for challenges related to the particular characteristics of military life and for the special duties and responsibilities incumbent on members of the army. While completing military service may not in any way be overwhelming for a healthy young person, it could constitute an onerous burden on an individual lacking the requisite stamina and physical strength owing to the poor state of his health. Accordingly, given the practical demands of military service, States must introduce an effective system of medical supervision for potential conscripts to ensure that their health and well-being would not be put in danger and their human dignity would not be undermined during military service. State authorities, in particular drafting military commissions and military medical commissions, must carry out their responsibilities in such a manner that persons who are not eligible for conscript military service on health grounds are not registered and consequently admitted to serve in the army (see Kayankin v. Russia, no. 24427/02, § 87, 11 February 2010).
51. The Court further reiterates that the State has a duty to ensure that a person performs military service in conditions which are compatible with respect for his human dignity, that the procedures and methods of military training do not subject him to distress or suffering of an intensity exceeding the unavoidable level of hardship inherent in military discipline and that, given the practical demands of such service, his health and well-being are adequately secured by, among other things, providing him with the medical assistance he requires. The State has a primary duty to put in place rules geared to the level of risk to life or limb that may result not only from the nature of military activities and operations, but also from the human element that comes into play when a State decides to call up ordinary citizens to perform military service. Such rules must require the adoption of practical measures aimed at the effective protection of conscripts against the dangers inherent in military life and appropriate procedures for identifying shortcomings and errors liable to be committed in that regard by those in charge at different levels (see Chember v. Russia, no. 7188/03, § 50, ECHR 2008).
(b) Application to the present case
52. Turning to the circumstances of the present case, the Court is not convinced that the Italian authorities, in conducting the medical examinations of the applicant finding him fit for military service and eventually drafting him into the army, performed their duties in a negligent manner. Prior to his conscription the applicant went through a medical examination which found him fit for military service, despite the fact that it had detected certain deficiencies (see paragraph 6 above). He then underwent a further examination on being drafted. The applicant did not question the qualifications and experience of the doctors making those assessments. During those examinations the applicant did not make any complaints about the state of his health, neither did he, at the time, look for a second opinion elsewhere.
53. The Court, in addition, notes that the applicant’s own expert insisted on a causal link between his military service and his illness, insisting that it was his military service which had caused the outbreak, but does not allude to the fact that any specific indicators had been present at the time of drafting (see paragraphs 13 and 27). Indeed in his 2010 report he specifically stated that the applicant had been “a mentally healthy individual at the time of the medical assessment”. Similarly, the certificate issued by the Maglie Local Health Centre’s mental health department referred to the applicant’s behavioural problems arising after his military service (see paragraph 18 above).
54. While it is true that the first-instance court in the applicant’s case considered that the medical examination in June 1994 had been inaccurate, the Court considers that although stricter standards and further feasible precautions would have been entirely appropriate – particularly in circumstances such as those of the present case where certain problems were nevertheless detected – the material in its possession does not allow it to reach the same conclusion. The Court is not therefore able to establish that on the date of the applicant’s conscription the Italian authorities had substantial grounds to believe that, if drafted into the army, the applicant, owing to the state of his health, would face a real risk of treatment proscribed by Article 3 (see also, Kayankin, cited above § 91).
55. Nevertheless, the Court must also examine the period subsequent to his drafting into the military. It observes that in the approximately six months which the applicant spent in the Aquila provincial command unit, he was subjected to at least eight punishments as a result of breaches of military discipline. While such occurrences may of course be caused by voluntary insubordination, it did not occur to any of his superiors that such repeated unruliness could be the result of psychological issues. Such a possibility was, however, blatantly apparent to the applicant’s subsequent supervisor just a few days after his arrival in Lecce. It was only then that his health and well-being were adequately secured by, among other things, providing him with the medical examinations and assistance he required.
56. The Court notes that the Government failed to explain the competencies of the applicant’s superiors (particularly in Aquila), including whether there were any trained personnel capable of and responsible for detecting such situations. Nor did the Government point to any practice, rules or procedures in force to ensure early identification of such situations and indicating what steps could be taken in such circumstances. Neither was it argued by the Government that the applicant had access to psychological support or at least to some kind of examination or supervision. It follows that the applicant was left to his own devices for the initial six months (following less than a month of training) after conscription, during which he was subjected to treatment which, although it might not have been overwhelming for a healthy young person, could have constituted, and in the present case appears to have constituted an onerous burden on an individual lacking the requisite mental strength.
57. The Court notes that while it cannot be ruled out that even routine duties may in certain circumstances raise an issue, in the present case the applicant was repeatedly punished, for a total of twenty-nine days, in a span of six months. Again, while the punishments in issue might be of little consequence to healthy individuals, their effects on someone like the applicant might not only be detrimental in the long run – as appears to have been the case for the applicant – but also very disturbing with instantaneous effects on physical or mental health lasting throughout their duration.
58. The Court observes that the NHS Tricase report of February 1995 found that the applicant was suffering from anxiety and the specialised assessment of April 1995 found him to suffer from “dysphoria and borderline personality disorder” and confirmed his discharge as he was unfit for military service. The applicant’s expert report obtained in 1995 (see paragraph 13 above) and all the subsequent reports by different bodies reiterated that the applicant was suffering from a mental health condition and none has denied its existence at the time during which he was in Aquila. It is therefore undisputed that the applicant was suffering from that condition at the time. Moreover, the Court observes that the NHS Tricase reports of February and October 1995 highlighted that the applicant’s inadequacy caused him to live military life with anxiety and that military service amounted to a situation of stress, respectively. It follows that, given that he was a vulnerable individual, the suffering to which the applicant was subjected went beyond that of any regular conscript in normal military service.
59. Against that background, and in the absence of any timely detection and reaction by the Military to the applicant’s vulnerability, or of any framework capable of preventing any such occurrence, the Court considers that the State failed in its duty to ensure that the applicant performed military service in conditions which were compatible with respect for his rights under Article 3 and finds that in the present case the applicant, in his specific circumstances, was subjected to distress or suffering of an intensity exceeding the unavoidable level of hardship inherent in military discipline.
60. There has therefore been a violation of Article 3 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 8 OF THE CONVENTION
61. The applicant further complained that the medical condition from which he was now suffering as a result of his military service, with the consequence that he was now totally dependent on his family, psychoactive drugs, and treatment in mental health centers, not therefore being able to have a life and family of his own, breached his right under Article 8 of the Convention, which reads as follows:
“1. Everyone has the right to respect for his private and family life, his home and his correspondence.
2. There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.”
62. The Government contested that argument and reiterated their submissions made for the purposes of the other complaints.
63. The Court considers that this complaint may be declared admissible. However, given that it was raised in the context of the above complaints and having regard to the Court’s finding under Article 3 (see paragraph 58 above), the Court considers that it is not necessary to examine the matter separately.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION
64. The applicant further complained under Articles 6 and 13 of the Convention of the lack of impartiality and independence of the Medical Board, which had provided crucial expert evidence in the proceedings, given that its conclusions had been adopted in their entirety by the domestic court, and about the lack of disclosure of certain documents (for example, the full report of the applicant’s fitness-for-service examination; the report by the commander in Lecce requesting a specialised assessment) which had meant that he had not been able to properly participate in the proceedings and had been denied equality of arms during the proceedings. The proceedings had, moreover, been tainted by the fact that he had been unable to contest the findings of the report. Despite the fact that the expert report had only been submitted at the appeal stage, the Supreme Administrative Court (“CS”) had considered that, in its limited powers of judicial review of administrative acts, it could not examine the merits of that report. The relevant parts of Article 6 and 13 read as follows:
Article 6
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair ... hearing ... by an independent and impartial tribunal.”
Article 13
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. Admissibility
65. The Government considered that the complaint was closely linked to the other complaints and reiterated the objection of non-exhaustion that they had previously made.
66. The applicant noted that the remedy he had availed himself of had not been used by choice but rather had been the legal avenue provided for by law, and thus should also have benefited from the Article 6 guarantees.
67. The Court cannot agree with the Government’s assertion that the applicant had undertaken administrative proceedings of his own choice and could not therefore now complain about those proceedings. First and foremost, the Court notes that it has already held that the remedy employed by the applicant was perfectly valid in law and appropriate in the circumstances (see paragraph 41 above). The Court further notes that, although the proceedings took place before the administrative courts (the Regional Administrative Tribunal at first instance and the Supreme Administrative Court on appeal), the proceedings instituted by the applicant concerned a claim for damages and were consequently civil in nature (see mutatis mutandis, Assenov and Others v. Bulgaria, 28 October 1998, Reports 1998 VIII). They were therefore required to comply with the Article 6 § 1 requirements. Lastly, although not relied upon by the Government, the Court observes that, in the present circumstances no issue arises as to the applicability of Article 6 on the basis of the applicant’s status as a military conscript, given that he had access to court under national law (see Vilho Eskelinen and Others v. Finland [GC], no. 63235/00, §§ 62-63, ECHR 2007 II).
68. It follows that the Government’s objection must be dismissed.
69. The Court notes that the complaint under Article 6 and 13 is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
70. The applicant complained of a lack of impartiality on the part of the CS in so far as it had based its findings solely on an expert report drafted by an organ which could not be considered impartial and independent of the parties. The expert body appointed by the court, which by law (no. 205 of 21 July 2000) had to be external to the “administration” (in administrative proceedings), had actually been an organ of the Ministry of Defence composed in the majority of military doctors, despite the defendant in the proceedings being, in fact, the military, also falling under the Ministry of Defence. The expert body was directly dependent on the Ministry, and the fact that one of its members had been external to the Ministry had made no difference. The content of the report, downplaying any negative facts and highlighting the value of the military, had only gone to prove its lack of objectivity. Furthermore, the applicant had not been able to challenge its findings, in so far as the CS had rejected his challenge to the report and his ex parte expert report on the basis that it was not for that court to assess the merits of expert findings. It ignored the fact that the report had not been presented at first instance – the report which had been commissioned by the first-instance court had never been submitted by the expert, and the applicant’s request (after seven years out of the twelve years of first-instance proceedings) to appoint a different expert had been refused by that court. Thus, the CS had decided on the basis of a freshly presented, biased report which the applicant had not been allowed to challenge.
71. The applicant further complained of a lack of disclosure in so far as the authorities had repeatedly failed to provide him with relevant documentation.
72. The Government submitted that the Medical Board was a technical and not a judicial body. It had not played a crucial and active role in the proceedings; its members had not attended the hearings or submitted any questions to the parties. It had been appointed following the applicant’s requests (following a period of passivity on his part during the first-instance proceedings) and it had limited its report to the questions set by the court. As to its composition, the Government noted that one of the members had been external (a professor of neurology), and that none of the members had had any connection to the applicant’s case. The doctors in question had not been, strictly speaking, part of the department involved in the applicant’s case and they had not been subject to hierarchical superiors who had taken a position on the case. Furthermore, in their report they had taken account of all the matters raised by the applicant’s expert and had drafted the report following an examination of the applicant, during which his appointed expert had also been present. Additionally, the applicant’s expert and his lawyer could have challenged those findings in adversarial proceedings and the CS had been able to base its findings on all the relevant arguments as to facts and law, including those of the applicant, who had made submissions in reply. They further noted that the applicant’s request to the first-instance court regarding the originally appointed expert had been rejected by that court (see paragraph 23 above). In addition, as to the substance of the report the Government noted that its findings, namely that it had only been coincidental that the applicant’s illness had appeared while undertaking military service, had also been based on a medical report (by the NHS of Tricase of October 1995) which had found that the applicant had not had neuropsychiatric problems before entering the military (see paragraph 12 above).
73. The Government further referred to the fact that the CS had rejected all of the applicant’s complaints as presented to the Court and the merits of his claim had been rejected by the CS in the course of a fair trial. It was therefore not for the Court to re-examine the merits of those claims. In particular, the Government noted that in relation to the alleged lack of disclosure the CS had considered that the undisclosed documents had been irrelevant.
2. The Court’s assessment
(a) Article 6
74. Article 6 § 1 of the Convention guarantees the right to a fair hearing by an independent and impartial “tribunal” and does not expressly require that an expert heard by that tribunal fulfil the same requirements. However, the opinion of an expert who has been appointed by the competent court to address issues arising in the case is likely to carry significant weight in that court’s assessment of those issues. In its case-law the Court has recognised that a lack of neutrality on the part of a court-appointed expert may in certain circumstances give rise to a breach of the principle of equality of arms inherent in the concept of a fair trial. In particular, regard must be had to such factors as the expert’s procedural position and role in the relevant proceedings (see, inter alia, Sara Lind Eggertsdóttir v. Iceland, no. 31930/04, § 47, 5 July 2007).
75. The Court observes that as specifically stated in the law (see relevant domestic law, paragraph 33 above) the Medical Board is dependent on the Ministry of Defence, which, amongst other things, appoints its members to their respective positions and pays their salaries. In particular, the Board (hereinafter understood as the five experts drawing up the report in the applicant’s case) was made up of at least three military officials, including the President of the Section. In that light, the Court considers that its structure and composition could give rise to certain concerns on the part of the applicant, which could not be dispelled simply because one of the Board’s members was a civilian. While such concerns may have a certain importance, they are not decisive: what is decisive is whether the doubts raised by appearances can be held to be objectively justified (see Brandstetter v. Austria, 28 August 1991, Series A no. 211, p. 21, § 44).
76. In this connection, the Court observes that the importance of the report in the applicant’s case is highlighted by the fact that on appeal the CS considered that it was indeed necessary for the determination of the case (see paragraph 25 above). There is also no doubt as to the reliance of the CS on the Medical Board’s report, the findings of which it endorsed without hesitation or further assessment. Indeed, while adopting the report’s conclusions, the CS noted that in its limited powers of judicial review of administrative acts (sede di legittimità) it could not examine the merits of that report (despite a contrasting report having been produced by the applicant’s expert), irrespective of the fact that the report had only been submitted at the appeal stage. The CS thus rejected the challenge raised by the applicant to the report based on the findings of his own expert (see paragraph 29 above). It follows that the relevant aspects of the judgment adopted were entirely based on the Medical Board’s findings.
77. The Court notes that the Board had to examine whether the applicant’s illness had been the result of his military service and, if not, whether his illness had been detectable through the tests performed before he was drafted. Thus, the Court observes that it was not required to give general advice on a particular subject, but rather was called upon to make findings on specific facts and to assess the performance of colleagues in the military with the aim of assisting the CS in determining the question of the military’s responsibility, which could have led to the applicant being awarded compensation (see, similarly, Sara Lind Eggertsdóttir, cited above, § 51, and Shulepova v. Russia, no. 34449/03, § 65, 11 December 2008). Therefore, the issue is not merely a question of experts being employed by the same administrative authority as that involved in the case (see, for example, Brandstetter, cited above, §§ 44-45).
78. The seriousness of such a failure is compounded by the fact that, as clearly transpires from the CS’s judgment, the applicant’s challenges to the Board’s findings were dismissed because that court was not empowered to examine the merits of the technical expert findings made by the Board. This left the Board’s findings as the sole uncontested and decisive evidence used to determine the issues in the case, and without a doubt highlights the dominant or even totally overriding role of the Board. In this light, little comfort can be found in the fact that the applicant’s expert was present when the Board examined the applicant, or that the Board was aware of the content of the applicant’s expert report.
79. In conclusion, the Court considers that the applicant had legitimate reasons to fear that the Medical Board had not acted with the appropriate neutrality in the proceedings before the CS. It further transpires that, as a result of the Board’s composition, procedural position and role in the proceedings before the CS the applicant was not on a par with his adversary, the State, as he was required to be in accordance with the principle of equality of arms. That conclusion suffices to find that the applicant was not afforded a fair hearing before an impartial tribunal and at a par with his adversary in the proceedings before the CS, without the need to examine further the applicant’s arguments in relation to the apparent late disclosure of documentation.
80. There has therefore been a violation of Article 6 of the Convention.
(b) Article 13
81. The Court reiterates that the role of Article 6 § 1 in relation to Article 13 is that of a lex specialis, the requirements of Article 13 being subsumed by the more stringent requirements of Article 6 § 1 (see, for example, Société Anonyme Thaleia Karydi Axte v. Greece, no. 44769/07, § 29, 5 November 2009; Dauti v. Albania, no. 19206/05, § 58; 3 February 2009; Jafarli and Others v. Azerbaijan, no. 36079/06, § 55, 29 July 2010; and Curmi v. Malta, no. 2243/10, § 58, 22 November 2011).
82. It follows that it is not necessary to examine the complaint under Article 13.
III. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
83. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
84. The applicant claimed a total of 2,140,000 euros (EUR) in respect of pecuniary and non-pecuniary damage. He quantified the claim as follows.
In respect of the violation of Articles 2, 3 and 8 he claimed EUR 980,000 in pecuniary damage and the same amount in non-pecuniary damage. The pecuniary damage consisted of the rounded-up sum of EUR 500,000, which had been arrived at on the basis of calculations made in accordance with domestic law whereby he was considered to have a partial (41–50 %) permanent disability, resulting in him being due a privileged pension. To that he had added EUR 480,000 in loss of earnings, him having been certified 100% disabled and dependent on his parents but receiving only a meagre pension of EUR 300 a month. The calculations were based on a life expectancy of 70 years and a working life of 40 years.
In respect of the violation of Articles 6 and 13 he claimed EUR 90,000 in pecuniary damage, equal to the sum he would have been awarded had the proceedings not been tainted by the relevant violation, and the same amount in non-pecuniary damage.
85. The Government asserted that no just satisfaction was due as the complaints were inadmissible. Nevertheless, they pointed out that the applicant’s calculation had not taken into account the fact that a privileged pension would not be paid to a person such as the applicant who was already receiving a disability benefit payment.
86. The Court notes that the applicant’s claims for pecuniary damage are based on the premise that the military was responsible for his illness in one way or another. However, the Court has not found it established that the military should have known at the time of his being drafted that the applicant was unfit for service, and it has only found a violation of Article 3 on the basis that the applicant – who, as is uncontested, suffered from anxiety disorder, dysphoria, borderline personality disorder and was in a fragile mental stage (see paragraphs 10 and 11 above) during his military service, and was thus vulnerable – was subjected to treatment contrary to Article 3 in the relevant period. While it is true that such a premise was the applicant’s contention before the domestic courts and that the Court has found a violation of Article 6 on account of the fact that the applicant was not afforded a fair hearing before an impartial tribunal before the Supreme Administrative Court, the Court cannot speculate as to the outcome of the trial had the said violation not occurred. It therefore rejects the applicant’s claims under that head (see Savino and Others v. Italy, nos. 17214/05, 20329/05 and 42113/04, § 111, 28 April 2009, and Higgins and Others v. France, 19 February 1998, § 48, Reports 1998 I).
87. It, however, awards the applicant EUR 40,000 in non-pecuniary damage.
B. Costs and expenses
88. The applicant also claimed EUR 34,060 for costs and expenses incurred before the domestic courts and before the Court. Including both court and legal fees, he specified these as EUR 7,800 in respect of the first-instance proceedings, EUR 7,205 in respect of the appeal proceedings and EUR 18,000 for the proceedings before the Court, together with EUR 1,055 in administrative expenses such as postage and travelling costs connected to the proceedings.
89. The Government made no comment in this respect.
90. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum. In the present case, regard being had to the documents in its possession and the above criteria, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 17,000 covering costs under all heads.
C. Default interest
91. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT,UNANIMOUSLY,
1. Declares the application admissible;

2. Holds that there has been a violation of Article 3 of the Convention in so far as the State failed in its duty to ensure that the applicant performed military service in conditions which were compatible with his Article 3 rights, as a result of which the applicant was subjected to distress or suffering of an intensity exceeding the unavoidable level of hardship inherent in military discipline;

3. Holds that there is no need to examine the complaint under Article 8 of the Convention;

4. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention;

5. Holds that there is no need to examine the complaint under Article 13 of the Convention;

6. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts;
(ii) EUR 40,000 (forty thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(iii) EUR 17,000 (seventeen thousand euros), plus any tax that may be chargeable to the applicant, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

7. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 21 January 2014, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Stanley Naismith Işıl Karakaş
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusioni: Violazione dell’ Articolo 3 - Proibizione della tortura (Articolo 3 - trattamento Degradante trattamento Inumano) (aspetto Effettivo)
Violazione dell’ Articolo 6 - Diritto ad un processo equanime (Articolo 6 - procedimenti Amministrativi Articolo 6-1 - udienza corretta processo contraddittorio Uguaglianza dei mezzi
Tribunale imparziale) danno Patrimoniale - rivendicazione respinta danno Non-patrimoniale - assegnazione



SECONDA SEZIONE







CAUSA PLACÌ C. ITALIA

(Richiesta n. 48754/11)








SENTENZA


STRASBOURG

21 gennaio 2014






Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.


Nella causa Placì c. Italia,
La Corte europea dei Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi in una Camera, composta da:
Il ıKaraka, şPresidente
Guido Raimondi,
Pari Lorenzen,
András Sajó,
Nebojša Vuinić,
Paulo il de di Pinto Albuquerque,
Egidijus Kris, giudici
e Stanley Naismith, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 17 dicembre 2013,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da una richiesta (n. 48754/11) contro la Repubblica italiana depositata presso la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da un cittadino italiano, OMISSIS (“il richiedente”), 3 agosto 2011.
2. Il richiedente fu rappresentato col Sig. OMISSIS e Mega io. De Francesco, avvocati che praticano in Corsano (Lecce). Il Governo italiano (“il Governo”) fu rappresentato col loro Rappresentante Sig.ra E. Spatafora ed il loro co-agente, il Sig.ra P. Accardo.
3. Il richiedente addusse una violazione di Articolo 3 della Convenzione, in finora come là era stato una mancanza di una valutazione corretta della sua appropriatezza per servizio di fronte alla coscrizione e perché con essendo sottoposto a servizio militare ed obbligatorio con l'addestramento risultante lui aveva dovuto subire e punizioni che erano state inflitte su lui che lui era stato sottoposto a contrario di trattamento ad Articolo 3. Lui si lamentò inoltre sotto Articolo 6 dell'iniquità dei procedimenti.
4. 28 agosto 2012 la richiesta fu comunicata al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti della richiesta allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1975 e vive in Specchia (Lecce).
A. Background della causa
6. Nel 1993 il richiedente, diciottenne al tempo, fu chiamato per intraprendere servizio militare ed obbligatorio. Per i fini della sua coscrizione lui aveva una valutazione psicologica combinata ed esame fisico 3 dicembre 1993, come un risultato del quale lui fu trovato essere appropriato per servizio militare. Il rapporto particolareggiato che non fu rivelato al richiedente (sino a 21 settembre 2010 nel corso di procedimenti di pensione), considerò che il richiedente era lento nel capendo ed eseguire un compito ma logico nel suo esercizio, benché soggetto ad abbandonando. In una valutazione lingua coprente e le abilità culturali, motivazione, l'adempimento mentale e comportamento, lui ottenne un grado di 4 fuori di 10 in ogni area.
7. Sulla sua coscrizione, il richiedente subì un altro esame medico 14 giugno 1994, come un risultato del quale lui fu trovato di nuovo essere appropriato per servizio militare sulla base della quale lui non stava soffrendo da qualsiasi la malattia. Lui fu assegnato a Battaglione n. 123 in Chieti, dove era soggetto ad addestramento fisico e mentale intensivo lui, incluso nell'uso di arma da fuoco.
8. 9 luglio 1994 il richiedente fu trasferito all'unità di comando provinciale in Aquila, dove lui rimase sino a 30 dicembre 1994. Da 1 settembre a 2 novembre 1994 lui formò temporaneamente parte del suo battaglione di logistica durante questa volta. Mentre in Aquila il richiedente fu sottoposto a punizioni multiple. Secondo la documentazione presentata, lui fu sottoposto ad otto punizioni fra luglio e dicembre, mentre corrispondendo a ventiquattro giorni di confino, incluso periodi di segregazione cellulare, per ragioni che variano da cura negligente della sua area di campo-letto ad insuccesso per riportare al suo supervisore o comportamento informale verso suo superiore. Durante il tempo lui spese col battaglione di logistical lui fu ricoverato in ospedale almeno quattro volte per cura medica non correlato ai suoi problemi mentali (vedere sotto).
9. 30 dicembre 1994 il richiedente fu trasferito a Lecce, dove un comandante notò che il richiedente patì tic nervosi e si contorce, la difficoltà in socialising ed imparando, e comportamento distratto. Il comandante ordinò che il richiedente subisse una valutazione medica e specializzata per esaminare la sua appropriatezza per compiere servizio militare.
10. 24 gennaio 1995 lui fu ammesso per ricoverare in ospedale, dove lui fu diagnosticato con disturbo di ansia e considerato essere in un stato fragile di mente.
Un referto medico del NHS di Tricase di 6 febbraio 1995 considerato che nella sua gioventù il richiedente aveva patito problemi affettivo - relazionali ed imparando le difficoltà. Lui era fisicamente debole ed insicuro, aveva un'attitudine bassa ad imparare ed era soggetto ad isolamento, era disfunzionale ed incapace di presa delle responsabilità. Prove rivelarono che lui non era capace di compiere compiti assegnati, aveva difficoltà di orientamento e funzioni cognitive deficitarie (un deficit in logica e memoria). Era considerato che lui avesse un disdegni deficit intellettuale (un IQ di 67) ed essere incapace di creare relazioni positive con persone. Questa inadeguatezza lo causato per vivere la vita militare con l'ansia e paura di individuo suo fa il soldato che lui considerò era aggressivo verso lui, anche se loro stavano scherzando solamente. Il rapporto considerò che il più lungo lui rimase in servizio militare, il più grave la sua ansia diverrebbe, ed il suo atteggiamento difensivo che sorge da paure sue intensificherebbe.
11. Il richiedente rimase su permesso medico per fini di ricupero sino ad aprile 1995, quando, seguendo una valutazione specializzata per determinare la sua appropriatezza per servizio militare, 8 aprile 1995 il richiedente fu trovato in parte “disforia e la personalità borderline [disturbo]” e fu assolto a causa dell'inabilità.
12. Seguendo il suo pagamento, il richiedente subì gli ulteriori esami medici. Un rapporto del NHS di Tricase di 20 ottobre 1995 considerato che il richiedente non aveva più un atteggiamento difensivo, né lui stava patendo disforia e tic nervosi. Lui ancora era comunque, insicuro, soggetto ad isolamento, instabile e non disposto prendere sulle responsabilità. Seguendo le prove compiute, il rapporto concluse che la situazione stressante, vale a dire il suo servizio militare, avendo terminato che il richiedente aveva migliorato leggermente. Lui ancora visualizzò comunque, segnali di deficit intellettuale.
13. Al tempo un rapporto del dottore del richiedente (Dr Russo) considerato che il richiedente era incorso ammalato a causa di servizio militare o che c'era almeno un collegamento causale fra i due. 13 gennaio 1996 il richiedente chiese al Difesa Ministero di pagare danni sotto Legge in conseguenza, n. 416 di 1926 e decreto presidenziale n. 686 di 1957.
14. Nel corso dell'esame della sua richiesta per danni, 30 settembre 1999 la Commissione Medica della Bari Ospedale Militare diagnosticò il richiedente con “disturbo ossessivo - compulsivo” (“OCD”) che considerò non era un risultato del suo servizio militare. Opinò che la debolezza mentale in questione era una condizione che preesiste. Non sembrò che durante il suo servizio militare il richiedente era stato comportato in qualsiasi gli eventi o doveva portare fuori qualsiasi i doveri che, determinato la loro importanza, durata e natura avrebbero potuto influenzare l'assalto o procedere di questo problema di salute mentale seriamente. Considerò inoltre la richiesta per essere stato reso fuori termini.
15. Nel frattempo il richiedente aveva chiesto ripetutamente alle autorità attinenti di offrirlo con una copia dei documenti pertinenti riguardo al periodo durante il quale lui aveva notificato nel militare per abilitarlo per provare le sue rivendicazioni. 24 novembre 1999 lui chiese inoltre al Lecce Distretto Militare per offrirlo con gli amministrativi e documenti di salute riferì insieme alla sua causa coi minuti della Commissione Medica sta incontrandosi nel suo riguardo. Questa richiesta fu ripetuta quattro volte di anno 2000 e rimase senza risposta.
16. 19 giugno 2000 la seconda istanza che Commissione Medica di Bari ha confermato le sentenze della Commissione Medica datarono 30 settembre 1999.
17. 11 luglio 2000 il Ministero di Difesa respinse la richiesta del richiedente per danni, mentre notando che la Commissione Medica (seconda istanza) del Comando del Napoli Salute Servizio avuto, 19 giugno 2000, deciso che l'OCD dal quale subito il richiedente non era stato causato col suo servizio militare.
18. Secondo un certificato medico presentato col richiedente a questa Corte, emise dal Centro di Salute Mentale Locale (reparto di salute mentale) 29 luglio 1999, il richiedente che era trattato col reparto dal 1977 per un stato fragile di mente, un IQ basso, ed OCD che erano divenute croniche aveva sviluppato problemi comportamentali alla misura di scoppi violenti verso la sua famiglia che segue il suo servizio militare.
B. Procedimenti Nazionali
1. Procedimenti di fronte al Tribunale Amministrativo e Regionale
19. 21 luglio 2000 il richiedente avviò procedimenti di fronte al Lecce Tribunale Amministrativo e Regionale (“Impeci”) per il riconoscimento del collegamento causale fra i suoi problemi di salute mentali ed il suo servizio militare ed obbligatorio, e nell'evento che la corte considerò la sua condizione per essere per esistendo lui chiese a sé di accertare la responsabilità militare per arruolarlo ed in conseguenza per fare un risarcimento danni nel suo favore.
20. 4 agosto 2000 il richiedente depositò una richiesta urgente presso le autorità attinenti per accedere a documenti medici relativi all'esame di adeguatezza -per- servizio prima della coscrizione, dettagli del suo momento di inizio dell’addestramento militare, lavoro, e così via, il suo documento disciplinare, cioè delle punizioni sopportate, ed un documento delle sue dimissioni ospedaliere, una valutazione del suo comandante della sua personalità e la professionalità ed ogni altro materiale attinente in possesso dell'Amministrazione Militare. 22 settembre 2000 lui fu informato che l'unità in Aquila era stata sciolta. Lui si informò inoltre che lui aveva passato ventitré giorni in “consegna semplice” (una punizione che proibisce un individuo dal lasciare la base) ed un giorno di “rigore di di di consegna” (una punizione che confina l'individuo ad un'area specificata sulla base) e che qualsiasi le ulteriori informazioni dovevano essere richieste dall’ufficio Reclutamento di Lecce. Il richiedente depositò una richiesta dall’ufficio Reclutamento di Lecce il 28 settembre 2000 e il 16 ottobre 2000 che l'ufficio ha risposto, mentre spedendo un estratto contenendo il suo documento disciplinare e notando il richiedente che lui aveva passato ventotto, piuttosto che ventitré giorni in “consegna semplice.” Nessuna altra documentazione fu spedita al richiedente. Ulteriori richieste che seguono 19 ottobre 2000, l’ufficio Reclutamento di Lecce spedì il richiedente. Ad un training psico-fisico.
21. 28 dicembre 2002 l'Impeci nominato il Dr S. come esperto di corte per accertare la natura della debolezza del richiedente e presentare un rapporto entro sessanta giorni.
22. Seguendo un esame del richiedente, il Dr S. andò a vuoto a consegnare il rapporto richiesto. 30 gennaio 2007 il richiedente chiese così, l'Impeci sostituire l'esperto.
23. Con una sentenza registrata nella cancelleria attinente 20 luglio 2007 l'Impeci, in considerazione della richiesta interlocutoria del richiedente come una richiesta per rinnovamento (“il rinnovo”), respinto la richiesta, notando che da sette anni il richiedente non riusciva a sollecitare qualsiasi l'azione qualsiasi. Considerando che nessuna più prova era necessaria, procedè dare sentenza. Contenne che le due Commissioni Mediche avevano concordato della fonte della debolezza del richiedente e che era stato il risultato di una condizione che preesiste. Effettivamente la prim -istanza Commissione Medica si era riferita ad una diagnosi del richiedente resa nel 1997 (quando lui era stato ammesso per ricoverare in ospedale) quale attestò un stato mentale e fragile e vulnerabile. La corte seguì a notare che traspirò che l'esame medico di giugno 1994 per determinare l'appropriatezza del richiedente per servizio non era stato accurato, poiché già avrebbe dovuto traspirare che il richiedente non era completamente vada bene per prendere su servizio militare.
2. Procedimenti di fronte alla Corte amministrativa Suprema
24. 9 luglio 2008 il richiedente fece appello alla Corte amministrativa Suprema (“CS”). Lui si lamentò, inter alia che: la conseguenza della causa era stata illogica -anche se l'Impeci aveva considerato che il suo esame di appropriatezza –per -servizio non era stato accurato non era riuscito a pronunciarsi su qualsiasi la responsabilità ed assegnare danni; l'Impeci aveva considerato la richiesta interlocutoria del richiedente per la sostituzione dell'esperto come una richiesta per rinnovamento, anche se sostituzione dell'esperto chiaramente era dovuta dato il ritardo nel compiere le sue funzioni, mentre condusse alla presa di corte una decisione di a respingere l'azione senza le informazioni attinenti.
25. Con una sentenza parziale di 19 gennaio 2010, il CS considerò, che un esame medico e specializzato era davvero necessario per determinare il collegamento, se qualsiasi, fra la debolezza del richiedente ed il suo servizio militare. Ordinò che tale esame sia eseguito col Consiglio Medico del Difesa Ministero (Collegio Medico Legale della Difesa- “Consiglio Medico”), con vuole dire di una valutazione medica nella presenza del professionista generale del richiedente, e che un rapporto sia presentato entro trenta giorni. Sembra dai documenti che il Consiglio Medico ha nominato per la causa del richiedente fu reso su di quattro pieni membri, tre dal militare ed uno dalla Polizia Statale, ed un esperto esterno in neurologia.
26. A giugno 2010 il rapporto del Consiglio Medico fu registrato. Le sue sentenze presero nell'esame un rapporto prodotto che anno con un esperto impegnato col richiedente che gli era stato permesso per presentare al Consiglio (prima di essere presentato al CS). Il rapporto del Consiglio Medico notò che quando il richiedente fu assolto lui stava patendo disforia, disturbo di ansia e disturbo di personalità borderlineed era stato considerato che patisse disdegni l'invalidità intellettuale. Confermò i rapporti presentati con la Bari Commissioni Mediche ed accentuò l'attinenza del per natura esistente della condizione del richiedente, notando anche che su esame della Bari il Pannello Medico di Ospedale Militare 30 settembre 1999 ed alla data del rapporto nel 2010 il richiedente stava patendo “OCD cronico, un disdegni grado dell'invalidità intellettuale, la personalità esposta cambia ed era soggetta per avere tratti del volto marginali.” Concluse che alla data di revisione, secondo le informazioni disponibile, non si poteva considerare che la debolezza sia stata il risultato diretto di, o potrebbe essere aggravata con servizio militare ed ordinario.
27. Su una data non specificata il rapporto di 6 maggio 2010 preparato con l'esperto del richiedente (il Dr Russo) fu registrato con la corte. Notò che il richiedente, una materia mentalmente sana al subisco valutazioni mediche prima di essendo redatto non aveva mostrato mai qualsiasi sintomi di malattia mentale di fronte alla coscrizione nel servizio militare ed era solamente dopo punizione ripetuta che simile tratti del volto erano emersi. Perciò, presumendo anche che lui fu predisposto a problemi di salute mentali, era evidente che era il trattamento lui era stato sottoposto a durante servizio militare che aveva provocato la comparsa della malattia. Le implicazioni di servizio militare erano del grande impatto emotivo ed una fonte di stress generalmente che per una persona che era in un stato fragile di salute mentale o predisposto a problemi di salute mentali, diversamente da nella causa di una persona sana, potrebbe provocare malattia mentale. Il richiedente sta andando via dalla sua famiglia e la sua incapacità a riferire a colleghi e superiori, nell'assenza dell'appoggio psicologico e necessario ed in prospettiva delle punizioni ripetute imposta su lui, l'aveva causato per sviluppare disforia che aveva evoluto più tardi in OCD cronico. Nella causa del richiedente era stato così, un collegamento causale fra i suoi problemi di salute mentali ed il suo servizio militare, o i secondi avevano contribuito almeno allo sviluppo della sua condizione.
28. 12 novembre 2010 il richiedente registrò note contestando le sentenze del Consiglio Medico e dibattendo che il suo rapporto non poteva essere considerato obiettivo ed imparziale determinato la sua natura e composizione, come sé un organo della parte avversario era nei procedimenti. Lui dibatté che c'era stata una mancanza di trasparenza nella produzione del rapporto che fu accentuato col fatto che lui era divenuto recentemente consapevole di altri documenti riferiti alla causa che non era stata rivelata mai a lui con le autorità, la sostanza di che era stato riflesso nel rapporto. 14 dicembre il richiedente fece le ulteriori note orali.
29. Con una sentenza registrata nella cancelleria attinente 4 febbraio 2011 il CS respinse il ricorso del richiedente, mentre sostenendo che la debolezza del richiedente era antecedente al suo servizio militare e che non era stata deducibile durante l'esame nel 1994, siccome era stato stabilito col Consiglio Medico. Come all'insuccesso per rivelare la documentazione, considerò, che simile documentazione non riferì al periodo durante il quale il richiedente aveva eseguito servizio militare. In qualsiasi l'evento la croce dell'azione di reclamo del richiedente aveva riguardato le conclusioni del rapporto del Consiglio Medico che non accolse con la sua rivendicazione. Comunque, il CS considerò che il rapporto non era in se stesso contraddittorio o illogico e non aveva ignorato fatti attinenti. Seguì che determinato che il CS (nei suoi poteri limitati di controllo giurisdizionale di atti amministrativi) (in legittimità di di di sede) non fu concesso per valutare i meriti di che rapporto, la richiesta del richiedente non poteva essere sostenuta. Determinare l'appropriatezza del richiedente per servizio militare, il CS adottò di nuovo le sentenze del Consiglio Medico che aveva considerato in riguardo dell'esame medico ed originale che era possibile che i problemi di salute del richiedente non si erano manifestati nell'assenza dei particolari stimoli.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
30. Sotto legge italiana applicabile al tempo attinente, vale a dire Articolo 138 di Decreto Presidenziale n. 237 di 1964, insuccesso per frequentare una valutazione medica che concerne l'appropriatezza di uno per servizio militare costituì un punibile di reato con reclusione per un massimo di due anni. Insuccesso per intraprendere servizio militare costituì un crimine di abbandono sotto Articolo 148 del tempo di pace punibile di Codice penale Militare con reclusione da sei mesi a due anni.
31. Punizioni nel militare sono di gradi diversi ed includono un avvertimento (il richiamo), rabbuffo (il rimprovero), “consegna semplice” (vedere paragrafo 20 sopra) e “rigore di di di consegna” (idem.).
32. Articolo 68 di Decreto Legislativo n. 29 3 febbraio 1993, in relazione alla giurisdizione delle corti italiane leggono siccome segue:
“(1) le corti ordinarie nella loro funzione come operi corti, abbia la competenza per ascoltare tutte le controversie riferite a lavoro di pubblico-settore (lavoro di di di rappori) siccome menzionato in Articolo 1(2), con l'eccezione di quelle controversie riferita a lavoro siccome menzionato in (...)
(4) controversie riferirono a lavoro per le categorie menzionate in Articolo 2(4) rimanga all'interno della competenza delle corti amministrative.”
Articolo 2(4) degli stessi albo professionali le categorie, inter alia, come segue:
“Ordinario, fiscale (il contabili) e magistrati amministrativi, difensori ed accusatori, personale militare, la polizia e diplomatici (...)”
33. Secondo Articolo 11 di Legge n. 416 11 marzo 1926, il Consiglio Medico del Difesa Ministero, suddiviso in sei sezioni è direttamente dipendente sul Ministero di Difesa. È composto del personale medico e seguente:
“(un) un Generale nel servizio permanente che è un dottore come presidente;
(b) un Generale nel servizio permanente che è un dottore mentre concernendo preferibilmente ad un corpo diverso da che del presidente, come vicepresidente;
(il c) due ufficiali superiori, dottori di esercito uno come segretario dell'asse e l'altro come segretario di una sezione separata della Corte di Revisione (dei di Corte Conti);
(d) quattro dottori di esercito al grado di Generale o Colonnello, un dottore che o è un Retro Ammiraglio o Capitano di un vaso navale, un dottore al grado di Generale o Colonnello del servizio di salute di aeronautica militare, come presidenti delle sei sezioni uno di che saranno una sezione separata alla Corte di Revisione;
(e) quattordici dottori che sono ufficiali superiori dell'esercito, sette dottori che sono ufficiali superiori della marina militare sette dottori che sono ufficiali superiori del servizio di salute di aeronautica militare, due ufficiali superiori che sono dottori o servitori medici di qualifica equivalente dal vigore di polizia come pieno (l'attuali) membri delle sei sezioni;
(f) quattordici dottori che sono ufficiali di classificazione più bassi dell'esercito, sette dottori che sono ufficiali di classificazione più bassi della marina militare, sette dottori che sono ufficiali di classificazione più bassi del servizio di salute di aeronautica militare, due ufficiali di classificazione più bassi che sono dottori o servitori medici di qualifica equivalente dal vigore di polizia, come membri aggiunti delle sei sezioni;
(...)
Il presidente dell'asse può richiedere il coinvolgimento, con vuole dire di un'opinione consultiva ma senza un diritto per votare, di dottori esterno all'asse, essere scelto fra specialisti civili che sono professori di università.
(...)”
Secondo Articolo 11 bis, ogni sezione deve essere composta di un presidente ed almeno quattro pieni membri.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE PRESUNTA DELL’ ARTICOLO 3 DELLA CONVENZIONE
34. Il richiedente si lamentò, mentre citando Articoli 2 e 3 della Convenzione, di una mancanza di valutazione corretta del suo stato di salute di fronte a coscrizione che lui considerò era stato in violazione degli obblighi positivi dello Stato; e della sua coscrizione in servizio militare con l'addestramento risultante lui aveva dovuto subire e punizioni che erano state inflitte su lui che lui considerò erano state in violazione degli obblighi negativi dello Stato.
35. La Corte considera che le azioni di reclamo dette non impegnano Articolo 2 e dovrebbero essere esaminate solamente sotto Articolo 3 della Convenzione che legge siccome segue:
“Nessuno sarà sottoposto per torturare o a trattamento inumano o degradante o punizione.”
36. Inoltre, in finora come nelle sue osservazioni il richiedente fece riferimento agli obblighi procedurali dello Stato sotto Articolo 3 della Convenzione, la Corte nota che il richiedente non sollevò chiaramente la questione nella sua richiesta iniziale e non diede dettagli in questo riguardo a. In quelle circostanze la Corte non può considerare l'azione di reclamo in che riguardo per essere stato depositato propriamente e considererà così solamente l'Articolo 3 azione di reclamo sotto il suo aspetto effettivo.
Ammissibilità di A.
1. L'eccezione del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali.
37. Il Governo presentò che benché la causa-legge della Corte aveva stabilito che un individuo fu obbligato solamente per esaurire una di via di ricorso effettive ed alternative, simile giurisprudenza fu basata sul locale che tutte le via di ricorso erano ugualmente effettive. Al giorno d'oggi causa che il Governo ha notato che il richiedente aveva scelto di portare procedimenti amministrativi e non poteva lamentarsi perciò ora di quelli procedimenti, quando lui aveva avuto una via di ricorso alternativa disponibile a lui quale lui avrebbe potuto scegliere di avvalersi di. Loro considerarono inoltre che determinato la natura della violazione allegato sarebbe stato più appropriato per il richiedente per intraprendere procedimenti civili che erano stati sia accessibile ed effettivo siccome mostrato con Corte di sentenze di Cassazione N. 10739 e 18184 di 2002 e 2007 rispettivamente.
38. Il richiedente presentò che sotto legge italiana, la corte che ha giurisdizione su una causa fu stabilita con legge. Lui si riferì ad Articolo 68 di Decreto Legislativo n. 29 3 febbraio 1993 (vedere diritto nazionale attinente) quale purché che controversie che concernono personale militare erano soggetto alla giurisdizione delle corti amministrative e non le corti ordinarie. I due esempi previsti col Governo erano perciò irrilevanti di fronte a disposizioni legali e chiare. Nelle due cause citate il Governo aveva inoltre, infatti il pleaded l'ordinario corteggia ' manca della competenza.
39. La Corte reitera che Articolo che 35 § 1 della Convenzione richiede che le via di ricorso sole per essere esaurito sono quelle che sono disponibili e sufficiente per riconoscere compensazione in riguardo delle violazioni addotte. Il fine di Articolo 35 § 1 è riconoscere gli Stati Contraenti l'opportunità di ostacolando o mettere diritto le violazioni addotta contro loro prima che quelle dichiarazioni sono presentate alla Corte (vedere, inter l'alia, Selmouni c. la Francia [GC], n. 25803/94 § 74, il 1999-V di ECHR). Nell'evento di là che è un numero di via di ricorso nazionali che può intraprendere un individuo, che persona è concessa per scegliere una via di ricorso che rivolge suo o il suo danno essenziale (Jasinskis c. la Lettonia, n. 45744/08, § 50 21 dicembre 2010). Un richiedente che ha esaurito una via di ricorso che è evidentemente effettiva e sufficiente non può essere costretto anche inoltre, ad avere provato altri che erano disponibili ma probabilmente nessuno più probabile avere successo (vedere Aquilina c. il Malta [GC], n. 25642/94, § 39 ECHR 1999 III).
40. La Corte nota in primo luogo che il Governo è andato a vuoto a spiegare perché una via di ricorso civile sarebbe stata più appropriata nella causa presente, nonostante la legge che prevede altrimenti. Inoltre, in contrasto a che che loro chiesero di fronte a questa Corte, dagli esempi di causa-legge nazionale presentati è chiaro che il Governo specificamente obiettò alla competenza delle corti civili ed ordinarie per valutare problemi militari.
41. La Corte nota inoltre che, nella conformità con le disposizioni di diritto nazionale, il richiedente si avvalse della via di ricorso indicata nella piena ottemperanza con procedure nazionali e le formalità posate in giù in legge nazionale. Effettivamente le corti amministrative avrebbero potuto accordare la compensazione di richiedente, e così era sia accessibile ed effettivo. Quelle corti non trovarono che loro non avevano la competenza richiesta. Sul contrario, loro esaminarono, e decisero i meriti della causa senza qualsiasi l'esitazione. In che luce che la Corte senza dubbio ha che il richiedente esaurì via di ricorso nazionali.
42. L'eccezione del Governo è respinta perciò.
43. La Corte nota che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
(a) Il richiedente
44. Il richiedente considerò che lo Stato era andato a vuoto ad adempiere il suo obbligo positivo a proteggerlo da contrario di trattamento alla Convenzione con vuole dire di prove di pre- coscrizione appropriate e successivamente costringendolo ad intraprendere servizio militare per il quale lui non era stato appropriato. Lui attaccò l'efficacia delle prove, mentre notando particolarmente che se c'era stato dubbio come alla sua appropriatezza, le ulteriori prove si sarebbero dovute essere impegnate. C'era stata effettivamente, disposizione per ulteriori prove se è stato richiesto; comunque, loro non si erano stati impegnati nella sua causa nonostante indicazioni sufficienti che loro erano necessari (vedere paragrafo 6 sopra). Ironicamente, le specifiche e più rigide prove erano state a posto per coscritti per servizio militare e volontario (determinato l'adempimento più esigente richiese di loro), nonostante il fatto che coscritti obbligatori davvero avevano un più grande bisogno di collaudo così psicologico, il dovere di essere di servizio militare impose su loro. Inoltre, questo che il più specifico collaudo è andato a mostrare che le prove per coscritti obbligatori erano state più deboli e non sufficientemente accurato. Lui notò che anche l'Impeci nella sua sentenza di 20 luglio 2007 aveva trovato che l'esame di pre -coscrizione era stato impreciso ed improprio (vedere paragrafo 23 sopra). Effettivamente se, siccome era stato sostenuto con gli esperti corte-nominati, lui aveva avuto un'invalidità intellettuale che preesiste che aveva provocato i suoi problemi di salute mentali ed eventuali, poi lo Stato aveva avuto un obbligo per dare credito alla sua condizione ed agire di conseguenza proteggere il suo benessere fisico e mentale.
45. Il richiedente si lamentò inoltre che una volta in servizio lui era stato reso per soffrire di sanzioni e punizioni ad un tempo invece delle autorità che lo proteggono, quando lui era stato in bisogno di appoggio psicologico. Non c'era stato un sistema a posto capace di velocemente problemi comportamentali rivelatori o appoggio psicologico che prevede. I suoi superiori militari erano andati a vuoto di nuovo così, a scoprire qualsiasi problemi di salute ed aveva optato invece di imporre punizioni consecutive e ripetute su lui che aveva in modo irrecuperabile prevenuto la sua salute e l'isolamento anche più. Lui aveva cominciato a patire tic nervosi che si svilupparono infine in OCD cronico prima (quale potrebbe trasformarsi in forme più serie della psicosi secondo l'esperto del richiedente) come un risultato del servizio militare ed obbligatorio ed il trattamento lui aveva sopportato durante quel il tempo. C'era senza dubbio in prospettiva sua che gli stress della vita militare via da famiglia sua, accoppiò con le punizioni sopportate, potrebbe provocare simile conseguenze in una materia che già era in un stato mentale e fragile, o almeno predispose a problemi di salute mentali. Presumendo anche che la vita militare ed il trattamento che lui aveva sopportato non erano stati il risuoli causa di condizione presente sua, non si poteva negare che era stata almeno una causa parziale. Il richiedente non fu d'accordo col Governo che le punizioni non potessero colpirlo e si sarebbero potute riferire al rapporto col NHS di Tricase di febbraio 1995 (vedere paragrafo 10 sopra). Inoltre, l'esperto del richiedente (rapporto di 6 maggio 2010 del Dr Russo) aveva affermato precisamente che le punizioni erano state i determinative causano dei problemi di salute mentali del richiedente. Il richiedente impugnò anche la contesa del Governo che lui si era stato trasferito a Lecce come del genere di misura di migliorativa seguente la scoperta dei suoi sintomi. Era accaduta solamente effettivamente per caso la mossa detta ed era solamente in Lecce che il comandante militare aveva scoperto il disagio del richiedente (vedere paragrafo 9), ad un stadio al quale la sua salute già aveva deteriorato alla misura che lui aveva sviluppato tic nervosi.
(b) Il Governo
46. Il Governo prima contese che il richiedente aveva presentato la richiesta in un modo estremamente soggettivo. Loro presentarono che lasciando la casa di uno per essere parte di un'altra comunità non poteva essere considerato come una forma di subire più intenso di quella applicabile a qualsiasi individuo redasse per servizio militare. In oltre, il richiedente non aveva provato che lui era stato soggetto a molto rafforzando con nervature con colleghi o comportamento intollerante o negligente con superiori. Il Governo notò che i compiti affidati al richiedente era stato normale, compiti di routine nel militare (come dovere di guardia), in riguardo di che loro non potevano essere aspettatisi di tenere registra più tardi anni. Comunque, lui non era stato ordinato per compiere compiti su motivi discriminatori o punitivi. Come alle sue punizioni, vale a dire i ventotto giorni di “consegna semplice” (una punizione che proibisce un individuo dal lasciare la base) ed un giorno di “consegna di rigore ” (una punizione che confina l'individuo ad un'area specificata sulla base), il Governo sottolineò che contrario a di quello era stato chiesto col richiedente nella richiesta, queste punizioni non erano state continue ed ininterrotte. Inoltre, il Governo non poteva vedere come proibendo il richiedente dal lasciare la base (la punizione più comune gli era stato sottoposto) sarebbe potuto essere particolarmente dannoso a lui, dato che lui aveva detto prima che questa Corte per essere inclinato per isolarsi da altri. Né il richiedente aveva dato gli specifici dettagli del suo confino di un -giorno ad un'area specificata sulla base che nella prospettiva del Governo indicava la sua mancanza di attinenza. Seguì che simile trattamento non poteva essere considerato siccome essendo giunto all'Articolo 3 soglia.
47. Come allo stato del richiedente di salute su coscrizione, il Governo notò, che il dottore del richiedente aveva ammesso che prima di cominciare servizio militare il richiedente non stava patendo una malattia mentale (vedere paragrafo 27 sopra). Nel loro rapporto di 4 giugno 2010 il Consiglio Medico aveva considerato che il fatto che nessuno problemi psicologici e significativi erano stati evidenti durante la pre- coscrizione esame medico potrebbe essere spiegato siccome segue: l'IQ del richiedente di 67-71, quando l'invalidità intellettuale e minore corrispose ad un IQ di 50-69 ed un minore grado di simile invalidità ad un IQ di 70-89; l'assenza di particolari stimoli che avrebbero suscitato una diagnosi del suo disturbo di personalità borderline ed il suo conflitto psico-nevrotico e latente; e l'assenza di prove speciali che al tempo non erano state obbligatorio a meno che là sembrò essere un bisogno speciale per loro. Seguì, nella prospettiva del Governo che i problemi di salute del richiedente erano stati nascosti al tempo della coscrizione, come anche mostrato col fatto che quando addestrando in Chieti nel primo mese del suo servizio militare -a quel tempo loro considerarono che il suo stress fosse giunto al suo altezza -il richiedente aveva mostrato comportamento normale. Seguì che la pre- coscrizione di risultati medica aveva avuto ragione e le autorità non potevano essere rimproverate.
48. I sintomi del richiedente erano emersi una volta inoltre, lui immediatamente e ripetutamente aveva stato ricoverato in ospedale e si trasferì a Lecce, più vicino alla sua famiglia. Lui traeva profitto da periodi di ricupero ed era stato assolto infine di fronte alla fine del suo periodo di servizio regolare. Questo mostrò anche che lo Stato si era attenuto coi suoi obblighi positivi per rispettare la dignità del richiedente-particolarmente la conservazione della sua salute ed essendo bene durante servizio militare.
3. La valutazione della Corte
(un) principi di Generale
49. La Corte reitera che Stati hanno un obbligo per prendere misure progettate per assicurare che individui all'interno della loro giurisdizione non sono sottoposti per torturare o trattamento inumano o degradante o punizione. Queste misure dovrebbero offrire protezione effettiva, in particolare, di persone vulnerabile, come coscritti militari ed include passi ragionevoli per ostacolare mal-trattamento del quale le autorità avevano o avrebbero dovuto avere conoscenza (vedere Abdullah Ylmaz ıc. la Turchia, n. 21899/02, §§ 67-72, 17 giugno 2008 e, mutatis mutandis, Osman c. il Regno Unito, 28 ottobre 1998, § 116 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1998-VIII).
50. È per un Stato per determinare gli standard di salute ed appropriatezza per coscritti potenziali generalmente, mentre avendo riguardo ad al fatto che il ruolo delle forze armate differisce fra gli Stati. Comunque, coscritti dovrebbero essere equipaggiati fisicamente e mentalmente per richieste riferite alle particolari caratteristiche della vita militare e per i doveri speciali e le responsabilità in carica su membri dell'esercito. Mentre completando servizio militare non può in qualsiasi modo è opprimente per un minore sano, potrebbe costituire un carico oneroso su un mancare individuale la capacità di resistenza richiesta e forza fisica che deve allo stato povero della sua salute. Di conseguenza, determinato le richieste pratiche di servizio militare, Stati devono introdurre un sistema effettivo di soprintendenza medica per coscritti potenziali per assicurare che la loro salute e benessere non sarebbero fissati in pericolo e la loro dignità umana non sarebbe minato durante servizio militare. Autorità statali, nei particolari perpetrazione militari che redigono e perpetrazione medici e militari devono eseguire le loro responsabilità in tale maniera che persone che non sono eleggibili per coscritto servizio militare su motivi di salute non sono registrate e di conseguenza ammisero di notificare nell'esercito (vedere Kayankin c. la Russia, n. 24427/02, § 87 11 febbraio 2010).
51. La Corte reitera inoltre che lo Stato ha un dovere di assicurare che una persona compie servizio militare in condizioni che sono compatibili con riguardo per la sua dignità umana, che le procedure e metodi di addestramento militare non lo sottopongono per angosciare o subendo di un'intensità che eccede il livello inevitabile della fatica inerente nella disciplina militare e che, determinato le richieste pratiche di simile servizio, la sua salute e benessere sono garantiti adeguatamente con, fra le altre cose, offrendolo con l'assistenza medica lui richiede. Lo Stato ha un dovere primario di fissare in articoli di posto ingranato al livello di rischio alla vita o margine che non solo possono essere il risultato della natura delle attività militari ed operazioni, ma anche dall'elemento umano nel quale entra gioca quando un Stato decide di chiamare su cittadini ordinari per compiere servizio militare. Simile articoli devono richiedere l'adozione di misure pratiche mirata alla protezione effettiva di coscritti contro i pericoli inerente in vita militare e procedure appropriate per identificare difetti ed errori responsabile essere commesso in che riguardo a con quegli in accusa a livelli diversi (vedere Chember c. la Russia, n. 7188/03, § 50 ECHR 2008).
(b) la Richiesta alla causa presente
52. Rivolgendosi alle circostanze della causa presente, la Corte non è convinta che le autorità italiane, nel condurre gli esami medici del richiedente che lo trova vada bene per servizio militare e redigendolo infine nell'esercito, compiè i loro doveri in una maniera negligente. Prima della sua coscrizione il richiedente superò un esame medico che lo trovò vada bene per servizio militare, nonostante il fatto che aveva scoperto le certe deficienze (vedere paragrafo 6 sopra). Lui subì poi un ulteriore esame su essere redatto. Il richiedente non mise in dubbio le qualifiche ed esperimentò dei dottori che fanno quelle valutazioni. Durante quegli esami il richiedente non rese qualsiasi azioni di reclamo dello stato della sua salute, neanche lui, al tempo, cerchi altrove una seconda opinione.
53. La Corte, in oltre, nota che il proprio esperto del richiedente insistè su un collegamento causale fra il suo servizio militare e la sua malattia, mentre insiste che era il suo servizio militare che aveva provocato lo scoppio, ma non allude al fatto che qualsiasi gli specifici indicatori erano stati presenti al tempo di redigere (vedere divide in paragrafi 13 e 27). Effettivamente nel suo rapporto del 2010 lui specificamente affermò che il richiedente era stato “un individuo mentalmente sano al tempo della valutazione medica.” Similmente, il certificato emesso dal reparto del centro di salute mentale Locale di Maglie si riferito ai problemi comportamentali del richiedente che sorgono dopo il suo servizio militare (vedere paragrafo 18 sopra).
54. Mentre è vero che la corte di prima -istanza nella causa del richiedente considerata che l'esame medico a giugno 1994 era stato impreciso, la Corte considera che benché standard più severi e le ulteriori precauzioni fattibili fossero state completamente appropriate-particolarmente in circostanze come quelli della causa presente dove i certi problemi furono scoperti ciononostante -il materiale nella sua proprietà non gli concede giungere alla stessa conclusione. La Corte non è perciò in grado stabilire che sulla data della coscrizione del richiedente le autorità italiane avevano i motivi sostanziali per credere che, se è redatto nell'esercito, il richiedente mentre dovendo allo stato della sua salute, affronterebbe un vero rischio di trattamento prescritto dall’ Articolo 3 (vedere anche, Kayankin, § 91 sopra e citato).
55. La Corte deve esaminare anche ciononostante, il periodo susseguente al suo redigendo nel militare. Osserva che negli approssimativamente sei mesi che il richiedente passò nell'Aquila unità di comando provinciale, lui fu sottoposto ad almeno otto punizioni come un risultato di violazioni di disciplina militare. Mentre simile avvenimenti possono essere causati chiaramente con insubordinazione volontaria, non accadde a qualsiasi del suo superiori che simile indisciplina ripetuta potesse essere il risultato di problemi psicologici. Tale possibilità era chiassosamente comunque, evidente al supervisore susseguente del richiedente equo alcuni giorni dopo il suo arrivo in Lecce. Era solamente poi che la sua salute e benessere furono garantiti adeguatamente con, fra le altre cose, offrendolo con gli esami medici ed assistenza lui richiese.
56. La Corte nota che il Governo andò a vuoto a spiegare le competenze del superiori del richiedente (particolarmente in Aquila), incluso se c'era di qualsiasi addestrò personale capace e responsabile per scoprire simile situazioni. Né faceva il punto Statale a qualsiasi pratica, articoli o procedure in vigore per assicurare identificazione di simile situazioni presto ed indicando che passi potrebbero essere presi in simile circostanze. Né fu dibattuto col Governo che il richiedente aveva accesso ad appoggio psicologico o almeno a qualche genere di esame o soprintendenza. Segue che il richiedente fu lasciato alle sue proprie apparecchiature per i sei mesi iniziali (seguendo meno che un mese di addestrare) dopo coscrizione durante la quale lui fu sottoposto a trattamento che, benché è probabile che non avrebbe stato sommergendo per un minore sano, avrebbe potuto costituire, e nella causa presente sembra avere costituito un carico oneroso su un mancare individuale la forza mentale e richiesta.
57. La Corte nota che mentre non può essere deciso fuori che i doveri di routine pari possono nelle certe circostanze sollevi un problema, al giorno d'oggi causa che il richiedente è stato punito ripetutamente, per un totale di ventinove giorni, in una spanna di sei mesi. Di nuovo, mentre è probabile che le punizioni in problema siano di piccola conseguenza ad individui sani, è probabile che i loro effetti su qualcuno come il richiedente siano non solo a lungo andare dannosi -come sembra essere stato la causa per il richiedente -ma anche il molto disturbando con effetti istantanei su salute fisica o mentale che dura in tutta la loro durata.
58. La Corte osserva che il rapporto NHS Tricase del febbraio 1995 trovò che il richiedente stava patendo l'ansia e la valutazione specializzata di aprile 1995 lo trovi per patire “disforia e disturbo di personalità borderline” confermato il suo congedo siccome lui era inadatto per servizio militare. Il rapporto competente del richiedente ottenne nel 1995 (vedere paragrafo 13 sopra) e tutti i rapporti susseguenti con corpi diversi reiterati che il richiedente stava patendo una condizione di salute mentale e nessuno ha negato la sua esistenza al tempo durante il quale lui era in Aquila. È perciò incontrastato che il richiedente stava patendo che la condizione al tempo. Inoltre, la Corte osserva che il NHS Tricase riporta di febbraio ed ottobre 1995 accentuati che l'inadeguatezza del richiedente lo causò per vivere la vita militare con ansia e che servizio militare corrispose ad una situazione di stress, rispettivamente. Segue che, determinato che lui era un individuo vulnerabile, la sofferenza alla quale fu sottoposto il richiedente andò oltre che di qualsiasi coscritto regolare in servizio militare e normale.
59. Contro che di fondo, e nell'assenza di qualsiasi la scoperta opportuna e reazione del Militare alla vulnerabilità del richiedente, o di qualsiasi la struttura capace di ostacolare qualsiasi simile avvenimento, la Corte considera che lo Stato andò a vuoto nel suo dovere di assicurare che il richiedente compi il servizio militare in condizioni che erano compatibili con riguardo per i suoi diritti sotto Articolo 3 e costatazione che nella causa presente il richiedente, nelle sue specifiche circostanze fu sottoposto per angosciare o subendo di un'intensità che eccede il livello inevitabile della fatica inerente nella disciplina militare.
60. C'è stata perciò una violazione di Articolo 3 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE PRESUNTA DELL’ ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE
61. Il richiedente si lamentò inoltre che la condizione medica dalla quale lui ora stava subendo come un risultato di servizio militare suo, con la conseguenza che lui ora era totalmente dipendente su famiglia sua, medicina psicoattiva, e trattamento in centri di salute mentale concentra, non essendo perciò in grado di avere una propria vita e famiglia , violò il suo diritto sotto Articolo 8 della Convenzione che legge siccome segue:
“1. Ognuno ha diritto al rispetto della sua vita privata e famigliare, della sua casa e della sua corrispondenza.
2. Non ci sarà interferenza da parte un'autorità pubblica con l'esercizio di questo diritto eccetto nel caso fosse in conformità con la legge e necessaria in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale, della sicurezza pubblica o del benessere economico del paese, per la prevenzione del disturbo o del crimine, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui.”
62. Il Governo contestò che argomento e reiterò le loro osservazioni costituite i fini delle altre azioni di reclamo.
63. La Corte considera che questa azione di reclamo può essere dichiarata ammissibile. Comunque, determinato che fu sollevato nel contesto delle azioni di reclamo sopra ed avendo riguardo ad alla Corte sta trovando sotto Articolo 3 (vedere paragrafo 58 sopra), la Corte considera che non è necessario per esaminare separatamente la questione.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE
64. Il richiedente si lamentò inoltre sotto Articoli 6 e 13 della Convenzione della mancanza dell'imparzialità e l'indipendenza del Consiglio Medico che aveva offerto consulenza tecnica cruciale nei procedimenti determinato che le sue conclusioni erano state adottate nella loro interezza con la corte nazionale, e della mancanza di rivelazione di certi documenti (per esempio, il pieno rapporto dell'esame di appropriatezza –per -servizio del richiedente; il rapporto col comandante in Lecce che richiede una valutazione specializzata) quale aveva voluto dire che lui non era stato in grado in modo appropriato partecipare nei procedimenti ed era stato negato uguaglianza di braccio durante i procedimenti. I procedimenti, inoltre erano stati contaminati col fatto che lui non era stato capace di contestare le sentenze del rapporto. Nonostante il fatto che il rapporto competente era stato presentato solamente allo stadio di ricorso, la Corte amministrativa Suprema (“CS”) aveva considerato che, nei suoi poteri limitati di controllo giurisdizionale di atti amministrativi, non poteva esaminare i meriti di quel il rapporto. Le parti attinenti di Articolo 6 e 13 lettura siccome segue:
Articolo 6
““ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale indipendente ed imparziale stabilito dalla legge.”
Articolo 13
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
A. Ammissibilità
65. Il Governo considerò che l'azione di reclamo fu collegata da vicino alle altre azioni di reclamo e reiterò l'eccezione di non-esaurimento che loro prima avevano reso.
66. Il richiedente notò che la via di ricorso lui si era giovato a di non era usato con scelta ma piuttosto era stato il viale legale previsto per con legge, e così avrebbe dovuto trarre profitto anche dall'Articolo 6 garanzie.
67. La Corte non può confarsi con l'asserzione del Governo che il richiedente aveva intrapreso procedimenti amministrativi di sua propria scelta e non poteva lamentarsi perciò ora di quelli procedimenti. Prima e primo, la Corte nota che già ha contenuto che la via di ricorso assunse col richiedente era perfettamente valido in legge ed appropria nelle circostanze (vedere paragrafo 41 sopra). La Corte nota inoltre che, benché i procedimenti avessero luogo di fronte alle corti amministrative (il Tribunale Amministrativo e Regionale per prima istanza e la Corte amministrativa Suprema su ricorso), i procedimenti avviati col richiedente concernerono una rivendicazione per danni ed erano di conseguenza civili in natura (vedere mutatis mutandis, Assenov ed Altri c. Bulgaria, 28 ottobre 1998 le Relazioni 1998 VIII). Loro furono costretti perciò ad attenersi con l'Articolo 6 § 1 requisiti. Infine, benché non si appellò su col Governo, la Corte osserva che, al giorno d'oggi circostanze che nessun problema sorge come all'applicabilità di Articolo 6 sulla base dello status del richiedente come un coscritto militare, determinato che lui aveva accesso per corteggiare sotto legge nazionale (vedere Vilho Eskelinen ed Altri c. la Finlandia [GC], n. 63235/00, §§ 62-63 ECHR 2007 II).
68. Segue che l'eccezione del Governo deve essere respinta.
69. La Corte nota che l'azione di reclamo sotto Articolo 6 e 13 non sono mal-fondati manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti 70. Il richiedente si lamentò finora di una mancanza dell'imparzialità da parte del CS in come sé aveva basato solamente le sue sentenze su un rapporto competente redatto con un organo che non poteva essere considerato imparziale ed indipendente delle parti. Il corpo competente nominato con la corte che con legge (n. 205 21 luglio 2000) doveva essere esterno al “l'amministrazione” (in procedimenti amministrativi), davvero era stato un organo del Ministero di Difesa composto nella maggioranza di dottori militari, nonostante l'imputato nell'il procedimenti essere infatti, il militare, incorrendo sotto anche il Ministero di Difesa. Il corpo competente era direttamente dipendente sul Ministero, ed il fatto che uno dei suoi membri era stato esterno al Ministero non aveva fatto differenza. Il contenuto del rapporto, sottovalutando qualsiasi fatti negativi ed accentuando il valore del militare, era andato solamente a provare la sua mancanza dell'obiettività. Inoltre, il richiedente non era stato in grado impugnare le sue sentenze, in finora come il CS aveva respinto la sua richiesta al rapporto e suo ex parte rapporto competente sulla base per il quale non era che corte per valutare i meriti di sentenze competenti. Ignorò il fatto che il rapporto non era stato presentato istanza per prima- il rapporto che era stato commissionato con la corte di prima -istanza non era stato presentato mai con l'esperto, e la richiesta del richiedente (dopo sette anni fuori dei dodici anni di procedimenti di prima -istanza) nominare un perito diverso era stato rifiutato con quel la corte. Così, il CS aveva deciso sulla base di un presentò di fresco, rapporto parziale al quale al richiedente non era stato permesso per impugnare.
71. Il richiedente si lamentò inoltre finora di una mancanza di rivelazione in come le autorità non era riuscito ripetutamente ad offrirlo con documentazione attinente.
72. Il Governo presentò che il Consiglio Medico era un tecnico e non un corpo giudiziale. Non aveva avuto un ruolo cruciale ed attivo nei procedimenti; i suoi membri non avevano frequentato le udienze o avevano presentato qualsiasi questioni alle parti. Era stato nominato seguente le richieste del richiedente (seguendo un periodo della passività da parte sua durante i procedimenti di prima -istanza) ed aveva limitato il suo rapporto alle questioni esposte con la corte. Come alla sua composizione, il Governo notò, che uno dei membri era stato esterno (un professore della neurologia), e che nessuno dei membri aveva avuto qualsiasi il collegamento alla causa del richiedente. I dottori in oggetto non era stato, mentre parlando severamente, parte del reparto coinvolse nella causa del richiedente e loro non erano stati soggetto a superiori gerarchico che aveva preso una posizione sulla causa. Nel loro rapporto loro avevano preso inoltre, conto di tutte le questioni sollevato con l'esperto del richiedente ed avevano redatto il rapporto seguente un esame del richiedente durante il quale il suo esperto nominato era stato anche presente. Inoltre, l'esperto del richiedente ed il suo avvocato avrebbero potuto impugnare quelle sentenze in procedimenti contraddittori ed i CS era stato in grado basare le sue sentenze su tutti gli argomenti attinenti come a fatti e legge, incluso quelli del richiedente che aveva fatto osservazioni in replica. Loro notarono inoltre che la richiesta del richiedente alla corte di prima -istanza riguardo all'esperto originalmente nominato era stata respinta con che corte (vedere paragrafo 23 sopra). In oltre, come alla sostanza del rapporto il Governo notò che le sue sentenze, vale a dire che era stato solamente casuale che la malattia del richiedente era sembrata mentre intraprendendo servizio militare, era stato basato anche su un referto medico (da NHS Tricase di ottobre 1995) quale aveva trovato che il richiedente non aveva avuto problemi neuropsichiatrici prima di iniziare il militare (vedere paragrafo 12 sopra).
73. Il Governo si riferì inoltre al fatto che il CS aveva respinto tutte l'azioni di reclamo di richiedente siccome presentato alla Corte ed i meriti della sua rivendicazione era stato respinto col CS nel corso di un processo equanime. Non era perciò per la Corte per riesaminare i meriti di quelle rivendicazioni. In particolare, il Governo notò che in relazione alla mancanza allegato di rivelazione il CS aveva considerato che i documenti non svelati erano stati irrilevanti.
2. La valutazione della Corte
(a) Articolo 6
74. Articolo 6 § 1 della Convenzione garantisce il diritto ad un'udienza corretta con un indipendente ed imparziale “il tribunale” e non richiede espressamente che un esperto ascoltasse con che tribunale adempia gli stessi requisiti. Comunque, è probabile che l'opinione di un perito che è stato nominato con la corte competente per rivolgere problemi che sorgono nella causa porti peso significativo in che la valutazione di corte di quelli problemi. Nella sua causa-legge la Corte ha riconosciuto che una mancanza della neutralità da parte di un esperto corte-nominato può nelle certe circostanze aumento determinato ad una violazione del principio dell'uguaglianza di braccio inerente nel concetto di un processo equanime. In particolare, riguardo a deve essere avuto a simile fattori come la posizione procedurale dell'esperto e ruolo nei procedimenti attinenti (vedere, inter l'alia, Sara Lind Eggertsdóttir c. l'Islanda, n. 31930/04, § 47 5 luglio 2007).
75. La Corte osserva che come specificamente affermò nella legge (vedere diritto nazionale attinente, divida in paragrafi 33 sopra) il Consiglio Medico è dipendente sul Ministero di Difesa che, fra le altre cose, nomina i suoi membri alle loro rispettive posizioni e paga i loro salari. In particolare, il Consiglio (in seguito capì come i cinque esperti che stendono il rapporto nella causa del richiedente) fu reso su di almeno tre ufficiali militari, incluso il Presidente della Sezione. In che luce, la Corte considera che la sua struttura e composizione potessero generare le certe preoccupazioni da parte del richiedente che non poteva essere disperso semplicemente perché uno dei membri del Consiglio era un civile. Mentre simile preoccupazioni possono avere una certa importanza, loro non sono decisivi: ciò che è decisivo è se i dubbi sollevati da comparizioni può essere sostenuto per essere giustificato obiettivamente (vedere Brandstetter c. Austria, 28 agosto 1991 la Serie A n. 211, p. 21, § 44).
76. In questo collegamento, la Corte osserva, che l'importanza del rapporto nella causa del richiedente è accentuata col fatto che su ricorso il CS considerò che era davvero necessario per la determinazione della causa (vedere paragrafo 25 sopra). C'è anche senza dubbio come all'affidamento del CS sul rapporto del Consiglio Medico, le sentenze delle quali girò senza esitazione o l'ulteriore valutazione. Effettivamente, mentre adottando le conclusioni del rapporto, il CS notò che nei suoi poteri limitati di controllo giurisdizionale di atti amministrativi (legittimità di di di sede) non poteva esaminare i meriti di che rapporto (nonostante un rapporto contrastante è stato prodotto con l'esperto del richiedente), irrispettoso del fatto che il rapporto era stato presentato solamente allo stadio di ricorso. Il CS respinse così la richiesta sollevata col richiedente al rapporto basato sulle sentenze di suo proprio esperto (vedere paragrafo 29 sopra). Segue che gli aspetti attinenti della sentenza adottarono fu basato completamente sulle sentenze del Consiglio Medico.
77. La Corte nota che il Consiglio doveva esaminare se la malattia del richiedente era stata il risultato del suo servizio militare e, se non, se la sua malattia era stata scopribile per le prove compiute prima che lui fosse redatto. Così, la Corte osserva che non fu costretto a dare consiglio generale su una particolare materia, ma piuttosto fu chiamato su per fare sentenze su specifici fatti e valutare l'adempimento di colleghi nel militare con lo scopo di assistere il CS nel determinare la questione della responsabilità militare che avrebbe potuto condurre al richiedente che è assegnato il risarcimento (vedere, similmente, Sara Lind Eggertsdóttir, citato sopra, § 51, e Shulepova c. la Russia, n. 34449/03, § 65 11 dicembre 2008). Il problema non è soltanto perciò, una questione di esperti che hanno un lavoro con la stessa autorità amministrativa come che coinvolto nella causa (vedere, per esempio, Brandstetter, citato sopra, §§ 44-45).
78. La serietà di tale insuccesso è combinata col fatto che, come chiaramente traspira dalla sentenza del CS, le richieste del richiedente alle sentenze del Consiglio furono respinte perché che corte non fu conferita poteri per esaminare i meriti delle sentenze competenti e tecniche resi col Consiglio. Questo lasciò le sentenze del Consiglio come il risuoli prova incontestata e decisiva determinava i problemi nella causa, e senza un dubbio il dominante accentua o avendo la priorità addirittura totalmente ruolo del Consiglio. In questa luce, il piccolo conforto può essere trovato nel fatto che l'esperto del richiedente era presente quando il Consiglio esaminò il richiedente, o che il Consiglio era consapevole del contenuto del rapporto di esperto del richiedente.
79. In conclusione, la Corte considera, che il richiedente aveva ragioni legittime di temere che il Consiglio Medico non aveva agito con la neutralità appropriata nei procedimenti di fronte al CS. Traspira inoltre che, come un risultato della composizione del Consiglio, posizione procedurale e ruolo nei procedimenti di fronte al CS il richiedente non era alla pari col suo avversario, lo Stato siccome lui fu costretto ad essere in conformità col principio dell'uguaglianza di braccio. Che conclusione basta trovare che il richiedente non fu riconosciuto un'udienza corretta di fronte ad un tribunale imparziale ed ad una parità col suo avversario nei procedimenti di fronte al CS, senza il bisogno di esaminare inoltre gli argomenti del richiedente in relazione alla tarda rivelazione evidente della documentazione.
80. C'è stata perciò una violazione di Articolo 6 della Convenzione.
(b) Articolo 13
81. La Corte reitera che il ruolo di Articolo 6 § 1 in relazione ad Articolo 13 è che di un specialis della legge, i requisiti di Articolo 13 che è classificato coi requisiti più severi di Articolo 6 § 1 (vedere, per esempio, Société Anonyme Thaleia Karydi Axte c. la Grecia, n. 44769/07, § 29 5 novembre 2009; Dauti c. l'Albania, n. 19206/05, § 58; 3 febbraio 2009; Jafarli ed Altri c. Azerbaijan, n. 36079/06, § 55 29 luglio 2010; e Curmi c. il Malta, n. 2243/10, § 58 22 novembre 2011).
82. Segue che non è necessario per esaminare l'azione di reclamo sotto Articolo 13.
III. La richiesta Di Articolo 41 Di La Convenzione
83. L’ Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
84. Il richiedente chiese un totale di 2,140,000 euro (EUR) in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale. Lui quantificò la rivendicazione siccome segue.
In riguardo della violazione di Articoli 2, 3 e 8 lui disse EUR 980,000 in danno patrimoniale e lo stesso importo in danno non-patrimoniale. Il danno patrimoniale consisteva all’incirca nella somma di EUR 500,000 a cui si è arrivati a sulla base dei calcoli fatti in conformità con diritto nazionale da che cosa era considerato che lui avesse un parziale (41–50%) l'invalidità permanente, dando luogo a lui essendo dovuto una pensione privilegiata. A che lui aveva aggiunto EUR 480,000 in perdita di guadagni, lui è stato certificato 100% invalido e dipendente dai suoi genitori ma ricevendo solamente una pensione macilenta di EUR 300 per mese. I calcoli furono basati su una durata presunta della vita di 70 anni ed una vita lavorativa di 40 anni.
In riguardo della violazione di Articoli 6 e 13 lui disse EUR 90,000 in danno patrimoniale, uguagli alla somma lui sarebbe stato assegnato avuto i procedimenti non stato contaminato con la violazione attinente, e lo stesso importo in danno non-patrimoniale.
85. Il Governo asserì che nessuna soddisfazione equa era dovuta come le azioni di reclamo era inammissibile. Ciononostante, loro indicarono che il calcolo del richiedente non aveva preso in considerazione il fatto che una pensione privilegiata non sarebbe stata pagata ad una persona come il richiedente che già stava ricevendo un pagamento di beneficio di invalidità.
86. La Corte nota che le rivendicazioni del richiedente per danno patrimoniale sono basate sul locale che il militare era responsabile per la sua malattia in un modo o un altro. Comunque, la Corte non ha trovato stabilì che i militari avrebbero dovuto sapere al tempo del suo essere redatto che il richiedente era disadatto per servizio, e ha trovato solamente una violazione di Articolo 3 sulla base che il richiedente-chi, siccome è incontestato, patì disturbo di ansia, disforia disturbo di personalità borderline ed era in un stadio mentale e fragile (vedere divide in paragrafi 10 e 11 sopra) durante il suo servizio militare, ed era così vulnerabile-fu sottoposto a contrario di trattamento ad Articolo 3 di periodo attinente. Mentre è vero che tale locale era la contesa del richiedente di fronte alle corti nazionali e che la Corte ha trovato una violazione di Articolo 6 su conto del fatto che il richiedente non fu riconosciuto un'udienza corretta di fronte ad un tribunale imparziale di fronte alla Corte amministrativa Suprema, la Corte non può speculare come alla conseguenza del processo aveva la violazione detta non accaduta. Respinge perciò le rivendicazioni del richiedente sotto che capo (vedere Savino ed Altri c. l'Italia, N. 17214/05, 20329/05 e 42113/04, § 111, 28 aprile 2009, e Higgins ed Altri c. la Francia, 19 febbraio 1998, § 48 Relazioni 1998 io).
87. Comunque, assegna EUR 40,000 il richiedente in danno non-patrimoniale.
Costi di B. e spese
88. Il richiedente chiese anche EUR 34,060 per costi e spese incorse in di fronte alle corti nazionali e di fronte alla Corte. Incluso sia corte e parcelle legali, lui specificò questi come EUR 7,800 in riguardo dei procedimenti di prima -istanza, EUR 7,205 in riguardo dei procedimenti di ricorso ed EUR 18,000 per i procedimenti di fronte alla Corte, insieme con EUR 1,055 in spese amministrative come affrancatura e costi viaggianti connessi ai procedimenti.
89. Il Governo non fece commento in questo riguardo.
90. Secondo la causa-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum. Al giorno d'oggi la causa, riguardo ad essere aveva ai documenti nella sua proprietà ed il criterio sopra, la Corte lo considera ragionevole assegnare 17,000 costi di copertura la somma di EUR sotto tutti i capi.
Interesse di mora di C.
91. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’,
1. Dichiara la richiesta ammissibile;

2. Sostiene che c'è stata finora una violazione di Articolo 3 della Convenzione in quanto lo Stato fallito nel suo dovere di assicurare che il richiedente facesse il servizio militare in condizioni che erano compatibili con i suoi diritti dell’ Articolo 3 diritti, come un risultato del quale il richiedente fu sottoposto per angosciare o subendo di un'intensità che eccede il livello inevitabile della fatica inerente nella disciplina militare;

3. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto l’Articolo 8 della Convenzione;

4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione;

5. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo sotto l’Articolo 13 della Convenzione;

6. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione gli importi seguenti;
(ii) EUR 40,000 (quaranta mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno non-patrimoniale;
(iii) EUR 17,000 (diciassette mila euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico del richiedente, a riguardo di costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

7. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 21 gennaio 2014, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Stanley Naismith Il ıKarakaş
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.