Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF A. AND B. v. MONTENEGRO

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, P1-1

NUMERO: 37571/05/2013
STATO: Serbia
DATA: 05/03/2013
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

Conclusions: Remainder inadmissible Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 – Peaceful enjoyment of possessions Possessions) Pecuniary damage - award
Non-pecuniary damage - award




SECOND SECTION





CASE OF A. AND B. v. MONTENEGRO

(Application no. 37571/05)










JUDGMENT


STRASBOURG

5 March 2013



This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of A. and B. v. Montenegro,
The European Court of Human Rights (Second Section), sitting as a Chamber composed of:
Guido Raimondi, President,
Peer Lorenzen,
Dragoljub Popović,
András Sajó,
Nebojša Vučinić,
Paulo Pinto de Albuquerque,
Helen Keller, judges,
and Stanley Naismith, Section Registrar,
Having deliberated in private on 5 February 2013,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 37571/05) against Montenegro lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by the applicants’ mother, a Montenegrin national, on 19 October 2005. In July 2006 she passed away and her two sons, Mr A and Mr B, elected to pursue the application before the Court. For reasons of convenience, the present judgment will refer to Mr A and Mr B as the applicants. The President of the Fourth Section, to which the case had been assigned at the time, acceded to the applicants’ request not to have their names disclosed (Rule 47 § 3 of the Rules of Court).
2. The applicants, who had been granted legal aid, were represented by Mr P. Radulović, a lawyer practising in Banja Luka, Bosnia and Herzegovina. The Montenegrin Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr Z. Pažin.
3. The applicants complained, primarily, about the continued non-enforcement of the final civil judgments concerning the re-payment of the old foreign-currency savings deposited by their late mother and inherited by them. In the alternative, they complained about the failure of the Podgorička banka and/or the Central Bank of Montenegro to register the savings at issue and thus have them converted into the respondent State’s public debt, in accordance with the relevant domestic legislation.
4. On 6 July 2011 the application was communicated to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 1).
THE FACTS
I. BACKGROUND INFORMATION
5. Following the financial crisis in the former Socialist Federal Republic of Yugoslavia, as well as the subsequent collapse of the banking system in the 1990s, in 1998, 2002, and 2003 the Federal Republic of Yugoslavia, as well as the respondent State itself adopted specific legislation accepting the conversion of foreign currency deposits in certain banks, including the Podgorička banka, into a public debt. The legislation set the time-frame (2017) and the amounts, including interest, to be paid back to the banks’ former clients (see paragraphs 27-41 below).
II. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicants were born in 1949 and 1950, respectively, and both live in Montenegro.
A. The civil proceedings
7. On 20 September 1993 the Court of First Instance (Osnovni sud) in Podgorica rendered the first judgment in favour of the applicants’ mother ordering the Podgorička banka to pay to her: (i) 179,650.84 US dollars (USD), 59,539.97 German marks (DEM), 254,906.52 Italian liras (LIT) and 4,364.70 Swiss francs (CHF) on account of her foreign-currency savings; (ii) the applicable domicile sight deposit interest for the period between 1 January 1993 and 3 July 1993, plus 6% annual interest as of 3 July 1993; and (iii) 193,768,312 Yugoslav dinars (YUD) for legal costs.
8. On 23 May 1994 the Court of First Instance in Podgorica rendered a second judgment in favour of the applicants’ mother ordering the Podgorička banka to pay to her: (i) USD 9,770 and DEM 25,700 on account of her foreign-currency savings; (ii) the accrued sight deposit interest, and (iii) YUD 1,584 for legal costs.
9. On 27 June 1996 the same court rendered a third judgment in favour of the applicants’ mother, ordering the Podgorička banka to pay to her: (i) USD 147,620.64, DEM 126,661.39 and LIT 1,602.16 on account of an erroneous calculation of the applicable interest; (ii) the stipulated interest of 12.5%; and (iii) YUD 900 for legal costs.
10. On various dates thereafter these judgments became final and enforceable.
B. The enforcement proceedings
11. By 5 November 1998 enforcement orders in respect of the first and third judgments were issued. By 19 November 1999 the Court of First Instance terminated the enforcement of these two judgments relying on the Act on the Settlement of Obligations Arising from the Citizens’ Foreign Currency Savings (see paragraph 29 below). The applicants’ mother did not seek an enforcement order in respect of the second judgment at the time.
12. Between December 2003 and February 2004 the applicants’ mother requested the enforcement of all three judgments against the Podgorička banka. On 30 March 2005 the Court of First Instance rejected these requests, on the basis that the Podgorička banka was no longer the debtor (nije pasivno legitimisana). The decision further explained that by virtue of the Act on the Citizens’ Foreign-Currency Savings 2003 the respondent State had taken over the debt from this bank, and that the Central Bank of Montenegro (Centralna banka Crne Gore) was responsible for the accuracy of the data taken from the records of the authorised banks (see paragraph 34 below).
13. On 18 April 2005 and 19 April 2005 the Court of First Instance upheld the impugned decisions, endorsing the reasons contained therein.
C. Other relevant facts
14. On 26 May 2004 the applicants requested the Real Estate Office (Direkcija za nekretnine) in Podgorica to register the enforcement orders against the Podgorička banka property (tražili zabilježbu u evidenciji rješenja o izvršenju na nepokretnostima). On 1 June 2004 the Real Estate Office rejected their request. On 23 November 2004 the Real Estate Administration (Uprava za nekretnine) upheld the previous decision and directed them to enforce their rights through the Central Bank and the Ministry of Finance. On 3 April 2007 the applicants’ request was rejected by the Administrative Court (Upravni sud).
15. On 21 December 2004 the applicants’ mother requested the Central Bank to ensure the payment of the outstanding debt. On 7 April 2005 the Central Bank informed her that it lacked competence to deal with her case (nema ingerencije u [ovom] slučaju). In particular, it could not be held responsible for the accuracy of the relevant data as that was the responsibility of the authorised banks. In this regard the Central Bank referred to Article 7 § 5 of the Act on the Citizens’ Foreign-Currency Savings 2003 (see paragraph 36 below). In February and March 2006 the applicants, on behalf of their mother, requested again that the Central Bank pay the savings in question. On an unspecified date thereafter the Central Bank replied by referring to its previous letter of 7 April 2005, notably that it could not comply with their request. On 18 December 2007, upon yet another request from the applicants, this bank confirmed that there were no foreign-currency savings registered in respect of their mother.
16. On 4 October 2005 the applicants’ mother was informed, upon her enquiry, by the Ministry of Finance that the authorised banks were responsible for the accuracy of the transferred data.
17. After the applicants’ mother passed away in July 2006, the Court of First Instance rendered a decision on 5 May 2007 declaring the applicants her sole legal heirs and specifying that the inheritance consisted of the deposits (novčana sredstva) as established by the final courts’ judgments referred to above (see paragraphs 7-9 above).
18. On 21 December 2007 the Podgorička banka informed the applicants that there was no evidence that the debt established by the domestic judgments had been paid. At the same time, they were informed that the Central Bank was responsible for the accuracy of the transferred data and that the applicants could obtain the official data concerning the transfer from the Central Bank.
19. On several occasions the applicants’ mother and/or the applicants contacted the Ombudsman (Zaštitnik ljudskih prava i sloboda), and the Ministry of Justice (Ministarstvo pravde), but to no avail.
20. It would appear that the debt established by the domestic courts’ judgments has never been registered by the Podgorička banka and transferred to the Central Bank.
D. The additional foreign currency account
21. The applicants’ mother had another foreign-currency account with EUR 17,697.79, which amount was registered as public debt with the Central Bank and later converted into bonds. On an unspecified date in 2006 the applicants would appear to have sold the bonds for half of their value.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. The Constitution of Montenegro 2007 (Ustav Crne Gore; published in the Official Gazette of Montenegro - OGM - no. 1/07)
22. Article 149 of the Constitution provides that the Constitutional Court shall rule on a constitutional appeal lodged in respect of an alleged violation of a human right or freedom guaranteed by the Constitution, after all other effective legal remedies have been exhausted.
23. The Constitution entered into force on 22 October 2007.
B. The Constitutional Court Act (Zakon o Ustavnom sudu Crne Gore; published in OGM no. 64/08)
24. Section 48 provides that a constitutional appeal may be lodged against an individual decision of a state body, an administrative body, a local self-government body or a legal person exercising public authority, for violations of human rights and freedoms guaranteed by the Constitution, after all other effective domestic remedies have been exhausted.
25. Sections 49-59 provide additional details as regards the processing of constitutional appeals. In particular, section 56 provides that when the Constitutional Court finds a violation of a human right or freedom, it shall quash the impugned decision, entirely or partially, and order that the case be re-examined by the same body which rendered the quashed decision.
26. The Act entered into force in November 2008.
C. The Act on the Settlement of Obligations Arising from the Citizens’ Foreign Currency Savings (Zakon o izmirenju obaveza po osnovu devizne štednje građana; published in the Official Gazette of the Federal Republic of Yugoslavia - OG FRY - nos. 59/98, 44/99 and 53/01)
27. Sections 1, 2, 3 and 4 provided that all foreign currency savings deposited with the “authorised banks”, including the Podgorička banka, before 18 March 1995 were to become public debts.
28. Under section 10 the State’s responsibility in that respect was to be fully honoured by 2012 through the payment of specified amounts, plus interest, and according to a certain time-frame.
29. Section 22 provided that, as of the date of this Act’s entry into force (12 December 1998), “all pending lawsuits, including judicial enforcement proceedings, aimed at the collection of the foreign currency covered by this Act shall be discontinued”.
D. The Act on the Settlement of the Public Debt of the Federal Republic of Yugoslavia Arising from the Citizens’ Foreign Currency Savings (Zakon o regulisanju javnog duga Savezne Republike Jugoslavije po osnovu devizne štednje građana; published in OG FRY no. 36/02)
30. This Act repealed the Act described above. In doing so, however, it explicitly acknowledged as part of public debt all deposits previously recognised as such. It modified the time-frame for honouring the debt in question (from 2012 to 2016) and specified amended amounts, plus interest, to be paid annually.
31. Section 36 reaffirmed that “all lawsuits aimed at the collection of the foreign currency savings covered by this Act, including judicial enforcement proceedings, shall be discontinued”.
32. This Act entered into force on 4 July 2002. It was subsequently amended on two occasions, but these amendments concerned peripheral issues unrelated to the savers’ above-described status.
E. The Citizens’ Foreign-Currency Savings Act 2003 (Zakon o regulisanju obaveza i potraživanja po osnovu ino duga i devizne štednje građana; published in the Official Gazette of the Republic of Montenegro - OG RM - nos. 55/03 and 11/04)
33. Section 3, inter alia, defines “foreign currency savings” as all foreign currency deposited by natural persons with one of the “authorised banks based in the territory of the Republic of Montenegro” as recognised as a public debt of the Federal Republic of Yugoslavia (see paragraphs 27 and 30 above). The same section further provides that the foreign-currency savings shall be increased for an annual interest rate of 2% as of 1 January 2003. The same interest rate shall be applied on annual basis to all the remaining unpaid sums at the end of each payment period until the foreign-currency savings are entirely paid off.
34. Section 4 provides that the Central Bank of Montenegro shall provide all the records (evidenciju) and necessary documentation in respect of the foreign-currency savings, and that the same bank shall be responsible for the accuracy of the data taken from the records of the banks in question.
35. Pursuant to section 5 § 1 as of the date of this Act’s entry into force Montenegro shall assume the obligations of the authorised banks towards natural persons in respect of their foreign-currency savings.
36. Section 7 § 1 provides that after the transfer of debts to the Central Bank (nakon isknjižavanja potraživanja i obaveza), the authorised banks are obliged to provide the Central Bank with detailed analytical records of debts (detaljnu analitiku obaveza) on the basis of foreign currency savings. Article 7 § 5 provides that the authorised banks are responsible for the accuracy of these data.
37. Sections 14 and 15 provide that Montenegro shall honour this debt by 2017 and specify the amounts, and interest, to be paid annually in Euros.
38. Pursuant to section 18, the banks’ clients may, in advance of the said time-frame and under certain conditions, make use of their deposits converted into Government bonds in order to pay taxes, buy State property or take part in the privatisation of State-owned businesses.
39. Under sections 16 and 17 former clients of the banks in question can also sell the said bonds to other natural or legal persons. Such trading is exempt from taxation.
40. Sections 16 § 5 and 18 § 2 provide that the Government of Montenegro shall adopt additional technical regulations concerning the bonds in question.
41. This Act entered into force on 9 October 2003, and its amendments on 28 February 2004.
F. The Obligations Act 1978 (Zakon o obligacionim odnosima; published in the Official Gazette of the Socialist Federal Republic of Yugoslavia nos. 29/78, 39/85, 57/89 and 31/93)
42. Section 172 paragraph 1 provides, inter alia, that a legal person is responsible for the damage caused by its body to another person in the course of performing its functions or related thereto.
G. The Obligations Act 2008 (Zakon o obligacionim odnosima; published in the OGM nos. 47/08 and 04/11)
43. Section 148 provides that one who causes damage to another person is obliged to compensate for it, unless he/she proves that the damage was not his/her fault.
44. Section 166 provides, inter alia, that a legal person is responsible for the damage caused by its body to another person in the course of performing its functions or related thereto.
45. Section 192 provides that the responsible person will provide restitutio in integrum as before the damage occurred. If the damage cannot be removed entirely in this way, the remainder of the damage will be compensated in money.
H. The Civil Procedure Act (Zakon o parnicnom postupku; published in the OG RM nos. 22/04, 28/05, and 76/06, and OGM no. 73/10)
46. Section 188 provides that, by a civil claim, a plaintiff can seek the courts only to establish the existence or non-existence of a certain right or legal relation, or the accuracy of a document (neistinitost neke isprave).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
47. Under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention the applicants complained about the failure of the Podgorička banka and/or the Central Bank to register the foreign-currency savings deposited by their late mother and thus have them converted into the respondent State’s public debt, in accordance with the relevant domestic legislation.
48. The relevant provision reads as follows:
Article 1 of Protocol No. 1.
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
1. The parties’ submissions
49. The Government submitted that the applicants had not exhausted all effective domestic remedies available to them.
50. In particular, they had failed to institute civil proceedings against the Podgorička banka, on the basis of which database the transfer had been done, and which omitted to submit the relevant data concerning the savings in question to the Central Bank. They also could have filed a civil claim against the State, had they considered the State responsible. In the proceedings against the Podgorička banka and/or the State the applicants could have sought both compensation as well as the establishment of their right and/or the accuracy (istinitost) of the debt-related records (see paragraphs 42-46 above).
51. The Government further maintained that the applicants had also failed to initiate administrative proceedings against the Central Bank or any other body they considered responsible for the said legal matter, which decision could have been further challenged before the courts.
52. Lastly, after having exhausted these remedies the applicants could have made use of a constitutional appeal (see paragraphs 22-26 above). In any event, the letters addressed to various institutions could not be considered adequate legal proceedings.
53. The applicants contested these submissions and referred, in particular, to the civil court decisions rendered against the Podgorička banka in 1993, 1994 and 1996 (see paragraphs 7-10 above). While addressing various institutions was not an appropriate legal procedure itself, this was done only after the civil proceedings had been concluded and as an additional attempt to have the said judgments enforced.
54. They also maintained that a constitutional appeal had been introduced in the Montenegrin legal system much after the relevant civil proceedings had been concluded and it was thus not available to them at the relevant time.
2. The relevant principles
55. The Court reiterates that, according to its established case-law, the purpose of the domestic remedies rule contained in Article 35 § 1 of the Convention is to afford the Contracting States the opportunity of preventing or putting right the violations alleged before they are submitted to the Court. However, the only remedies to be exhausted are those which are effective.
56. It is incumbent on the Government claiming non-exhaustion to satisfy the Court that the remedy was an effective one, available in theory and in practice at the relevant time, that is to say, that it was accessible, was one which was capable of providing redress in respect of the applicant’s complaints and which offered reasonable prospects of success. However, once this burden of proof has been satisfied, it falls to the applicant to establish that the remedy advanced by the Government was in fact used or was for some reason inadequate and ineffective in the particular circumstances of the case, or that there existed special circumstances absolving him or her from the requirement (see Akdivar and Others v. Turkey, 16 September 1996, § 65, Reports of Judgments and Decisions 1996 IV).
57. The application of this rule must make due allowance for the context. Accordingly, the Court has recognised that Article 35 § 1 must be applied with some degree of flexibility and without excessive formalism (see Akdivar and Others, cited above, § 69). It has further recognised that the rule of exhaustion is neither absolute nor capable of being applied automatically; in reviewing whether it has been observed it is essential to have regard to the particular circumstances of each individual case (see Van Oosterwijck v. Belgium, 6 November 1980, Series A no. 40, § 35). This means, amongst other things, that the Court must take realistic account not only of the existence of formal remedies in the legal system of the Contracting Party concerned, but also of the general context in which they operate, as well as the personal circumstances of the applicant (see Akdivar and Others v. Turkey, cited above, § 69). It must examine whether, in all the circumstances of the case, the applicant did everything that could reasonably be expected in order to exhaust domestic remedies (see EVT Company v. Serbia, no. 3102/05, § 37 in fine, 21 June 2007).
3. The Court’s assessment
58. The Court observes the contradiction in the domestic legislation as to who exactly was responsible for providing the records on the old foreign-currency savings and the accuracy of the relevant data (see paragraphs 34 and 36 above). This contradiction was further affirmed by various domestic bodies when dealing with the requests of the applicants and their late mother (see paragraphs 12 in fine, 13, 14 in fine, 15-16, and 18 above). The Government, for their part, did not provide a clarification in this respect (see paragraphs 50-51 above).
59. The Court notes that the applicants’ late mother had obtained the civil court judgments against the Podgorička banka, which had already established the existence of the debt and its exact amount (see paragraphs 7-10 above), but which could not be enforced by virtue of the domestic legislation (see paragraphs 29, 31 and 11 above, in that order). In addition, the domestic courts themselves specified that, after the adoption of the relevant legislation, the said bank was no longer the debtor (see paragraph 12 in limine above). As there is nothing in the case file to suggest that the domestic courts would have ruled any differently at a later stage, the Court considers that requiring the applicants to initiate yet another set of civil proceedings against the bank at issue, after they had already obtained a final judgment in their favour, would place an excessive burden on them and that therefore they did not have to exhaust this particular avenue of redress (see, mutatis mutandis, Metaxas v. Greece, no. 8415/02, § 19, 27 May 2004; and Đukić v. Bosnia and Herzegovina, no. 4543/09, § 33, 19 June 2012).
60. The Court further observes that the applicants’ late mother as well as the applicants themselves requested the Central Bank on several occasions to ensure the payment of the outstanding debt. However, the Central Bank merely informed them by letters that it lacked competence to deal with their case (see paragraph 15 above).
61. While administrative proceedings before the Central Bank as well as a civil claim against the respondent State were theoretically possible, the Court notes that the savings in question had never actually been registered, as confirmed by the Central Bank (see paragraph 15 in fine above), and thus converted into the State’s public debt. The Court considers that, in such circumstances, and in view of the said Central Bank’s rejection of its competence in the applicants’ case neither administrative proceedings before the Central Bank nor civil proceedings against the State could offer the applicants reasonable prospects of success, thus absolving them from the obligation to make use of these remedies.
62. Lastly, it should be reiterated that, although there may be exceptions justified by particular circumstances of a case, the assessment of whether domestic remedies have been exhausted is normally carried out with reference to the date on which the application was lodged with the Court (see Baumann v. France, no. 33592/96, § 47, ECHR 2001 V (extracts)). The Court observes in this regard that the application in the present case had been lodged on 19 October 2005, while the constitutional appeal was introduced as of 22 October 2007, which is two years later, and was thus unavailable to the applicants at the relevant time (see paragraphs 1 and 22-23 above).
63. In view of the above, in particular given the contradiction in the relevant legislation, varying interpretations thereof, numerous futile attempts by both the applicants as well as their late mother to re-obtain the savings at issue at the domestic level after having had obtained judgments against the debtor bank, the Court considers that the applicants did not have to exhaust in addition the avenues of redress suggested by the Government. The Government’s objection in this regard must therefore be dismissed.
64. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. The parties’ submissions
65. The applicants reaffirmed their complaints. In particular, they submitted that the State was obliged to pay for their old-foreign currency savings, pursuant to the relevant legislation, and that the Government had never denied it.
66. The Government made no comments in this regard.
2. The Court’s assessment
67. The Court recalls that foreign currency savings constitute a possession within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention (see Kovačić and Others v. Slovenia (dec.), no. 44574-98 et al., 9 October 2003, as well as Trajkovski v. the former Yugoslav Republic of Macedonia (dec.), no. 53320/99, ECHR 2002 IV). It is also reiterated that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful (see The Former King of Greece and Others v. Greece [GC], no. 25701/94, § 79, ECHR 2000-XII) and that it should pursue a legitimate aim “in the public interest”. According to the Court’s established case-law, the expression “in accordance with the law” requires that the impugned measure should have some basis in domestic law, and it also refers to the quality of the law in question, requiring that it should be accessible to the person concerned and foreseeable as to its effects (see Kurić and Others v. Slovenia [GC], no. 26828/06, § 341, ECHR 2012 (extracts); see also Amann v. Switzerland [GC], no. 27798/95, § 50, ECHR 2000-II; Slivenko v. Latvia [GC], no. 48321/99, § 100, ECHR 2003 X).
68. Turning to the present case, the Court notes that the foreign-currency savings deposited by the applicants’ late mother constituted a possession, which possession was inherited by the applicants by virtue of the decision of the Court of First Instance of 5 May 2007 (see paragraph 17 above). As the relevant domestic legislation clearly provided that the State would take these savings over as a public debt and pay them back gradually by 2017 (see paragraphs 33, 35 and 37 above), the Court considers that the applicants’ mother and later the applicants themselves had a legitimate expectation that they would re-obtain the savings in question.
69. However, due to, apparently, an administrative error, and contrary to the said legislation, the savings at issue have never been registered and converted into the public debt and the applicants have never received a single instalment. This has been confirmed by the Central Bank and the Podgorička banka, as well as, indirectly, even by the Government themselves (see paragraphs 15 in fine, 18 in limine, and 50 in limine above).
70. The Court notes a lack of precision and foreseeability of the domestic legislation as to who is responsible for the transfer, the Central Bank or the debtor bank, given the contradiction of the relevant provisions (see paragraphs 34 and 36 above). It is clear, however, that it could not be imputed to the applicants.
71. In view of the above, the Court considers that there has been an evident interference by the respondent State with the applicants’ possessions and their legitimate expectation to gradually re-obtain the savings at issue, which interference was clearly contrary to the law. This conclusion makes it unnecessary for the Court to ascertain whether a fair balance has been struck between the demands of the general interest of the community on the one hand, and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights on the other (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999 II).
72. There has accordingly been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION
73. Relying on Article 6 of the Convention the applicants made the same complaint as the one already examined under Article 1 of Protocol No. 1.
74. The relevant provision reads as follows:
Article 6
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a ... hearing within a reasonable time by [a] ... tribunal ...”.
75. Having regard to its findings in relation to Article 1 Protocol No. 1, the Court considers that it is not necessary to examine separately the admissibility or the merits of the applicant’s identical complaint made under Article 6 of the Convention (see, mutatis mutandis, Milanović v. Serbia, no. 44614/07, § 103, 14 December 2010; Mladenović v. Serbia, no. 1099/08, § 59, 22 May 2012; as well as Jovanović v. Serbia, no. 32299/08, § 53, 2 October 2012).
III. OTHER COMPLAINTS
76. Under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 thereto the applicants also complained about: (a) their inability to enforce the final civil judgments rendered in the 1990s and be paid back the savings in question instantaneously, as well as (b) having had to sell the bonds issued in respect of another foreign-currency savings account for half of their nominal value (see paragraph 21 above).
77. The Court has already held in similar cases that the applicants did not have a continuing right to the enforcement, as it had been barred by the relevant legislation before the respondent State’s ratification of the Convention and Protocol No. 1 on 3 March 2004 (see Ajdarpašić and Kadić v. Montenegro (dec.), nos. 40759/06 and 56888/09, §§30-33, 23 November 2010; Molnar Gabor v. Serbia, no. 22762/05, §§ 48-51, 8 December 2009; see also paragraphs 29, 31 and 11 above, in that order). It follows that the applicants’ complaint in this respect is manifestly ill-founded and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 (a) and 4 of the Convention.
78. The Court notes that the relevant domestic legislation envisaged a possibility for the bonds to be sold (see paragraph 39 above), but it did not limit the value of these bonds in the market in any way whatsoever. In such circumstances, the Court considers that the State cannot be held responsible for the applicants’ own choice to sell the bonds for half of their nominal value. It follows that this complaint is incompatible ratione personae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a) and must be rejected in accordance with Article 35 § 4.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
79. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
80. The applicants claimed the old foreign-currency savings and interest, as awarded by the domestic courts (see paragraphs 7-9 above), in respect of pecuniary damage, as well as 10,000 euros (EUR) each in respect of non-pecuniary damage.
81. The Government contested this claim.
82. The Court accepts that the applicants have suffered some non-pecuniary damage which cannot be sufficiently compensated by the sole finding of a violation. Making its assessment on an equitable basis, the Court awards the applicants jointly EUR 3,000 under this head.
83. In addition, the respondent Government must pay the applicants, on account of pecuniary damage, all the instalments, including the relevant interest (see paragraph 33 above), due to them as of the moment when the old foreign-currency savings became public debt by virtue of the relevant domestic legislation until the date when this Court’s judgment becomes final, less any amounts that may have been paid in the meantime on this basis. The respondent Government must also take all appropriate measures to ensure that the competent authorities implement the relevant legislation in respect of the applicants and thus secure the payment of all future instalments under the same conditions and in the same manner as is done in respect of all other beneficiaries of the said legislation.
B. Costs and expenses
84. The applicants also claimed EUR 10,000 for the costs and expenses incurred before the domestic courts and referred to the relevant decisions issued in the course of these proceedings (see paragraphs 7-9 above). They also submitted an expert’s calculation of these costs, including the statutory interest, given that, in the meantime, the official currency in the respondent State changed from Yugoslav dinars to euros. From the submitted analysis it transpired that the costs incurred in the domestic proceedings amounted to EUR 8,016.35 in total (EUR 3,785.22 for the first set of proceedings, EUR 2,243 for the second set of proceedings and EUR 1,988.13 for the third set of proceedings).
85. The Government contested this claim.
86. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum (see, for example, Iatridis v. Greece (just satisfaction) [GC], no. 31107/96, § 54, ECHR 2000-XI).
87. In the present case, regard being had to the documents in its possession, in particular the domestic judgments specifying the awarded costs and the expert’s opinion on the matter, and the above criteria, as well as to the EUR 850 already granted to the applicants under the Council of Europe’s legal aid scheme, the Court considers it reasonable to award the sum of EUR 6,500 for the costs and expenses in the domestic proceedings.
C. Default interest
88. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaint under Article 1 of Protocol No. 1 concerning the failure to register the savings in question and have them converted into the respondent State’s public debt admissible;

2. Declares the complaints under Article 6 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 thereto concerning the non-enforcement of the judgments issued in the 1990s and the sale of the bonds for half of their value inadmissible;

3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention on account of the failure to register the savings in question and have them converted into the respondent State’s public debt;

4. Holds that it is not necessary to examine separately the admissibility or the merits of the complaint concerning the registration and conversion of the savings in question into the public debt under Article 6 § 1 of the Convention;

5. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts at the rate applicable at the date of settlement:
(i) all the instalments, including the relevant interest, due to them as of the moment when the old foreign-currency savings became public debt by virtue of the relevant domestic legislation until the date when this judgment becomes final, less any amounts that may have been paid in the meantime on this basis, plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary damage;
(ii) the respondent Government must also take all appropriate measures to ensure that the competent authorities implement the relevant legislation in respect of the applicants and thus secure the payment of all future instalments under the same conditions and in the same manner as it is done in respect of all other beneficiaries of the said legislation;
(iii) EUR 3,000 (three thousand euros) jointly, plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage;
(iv) EUR 6,500 (six thousand five hundred euros), plus any tax that may be chargeable to the applicants, in respect of costs and expenses;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

6. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 5 March 2013, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Stanley Naismith Guido Raimondi
Registrar President

TESTO TRADOTTO

Conclusioni: Resto inammissibile Violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 1 del Protocollo N.ro 1-godimento Tranquillo di proprietà) danno Patrimoniale - assegnazione
Danno non-patrimoniale - assegnazione




SECONDA SEZIONE





CAUSA A. E B. C. MONTENEGRO

(Richiesta n. 37571/05)










SENTENZA


STRASBOURG

5 marzo 2013



Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.

Nella causa di A. e B. c. il Montenegro,
La Corte europea dei Diritti umani (Seconda Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Guido Raimondi, Presidente
Pari Lorenzen,
Dragoljub Popović,
András Sajó,
Nebojša Vučinić,
Paulo il de di Pinto Albuquerque,
Helen Keller, giudici e da Stanley Naismith, Cancelliere di Sezione
Avendo deliberato in privato il 5 febbraio 2013,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 37571/05) contro il Montenegro depositata presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) dalla madre dei richiedenti, un cittadino Montenegrino 19 ottobre 2005. A luglio 2006 lei morì e i suoi due figli, Sig. A. ed il Sig. B, eletti a proseguire la richiesta di fronte alla Corte. Per ragioni di convenienza, la sentenza presente assegnerà a Sig. A ed il Sig. B come i richiedenti. Il Presidente della quarta Sezione al quale la causa era stata assegnata al tempo, accolse la richiesta dei richiedenti di non rivelare i loro nominativi (l'Articolo 47 § 3 degli Articoli di Corte).
2. I richiedenti a cui era stato accordato patrocinio gratuito furono rappresentati dal Sig. P. Radulović, un avvocato che pratica in Banja Luka, Bosnia e Herzegovina. Il Governo del Montenegro(“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig. Z. Pažin.
3. I richiedenti si lamentarono, primariamente, della non-esecuzione continuata delle sentenze civili definitive riguardo al nuovo pagamento dei vecchi risparmi in valuta estera depositati dalla loro defunta madre ed ereditati da loro. Nell'alternativa, loro si lamentarono dell'insuccesso dell'and/or di banka di Podgorièka la Banca Centrale del Montenegro per registrare i risparmi in questione e così averli convertì nel debito pubblico dello Stato rispondente, in conformità con la legislazione nazionale ed attinente.
4. Il 6 luglio 2011 la richiesta fu comunicata al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti della richiesta allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1).
I FATTI
I. BACKGORUND DELLE INFORMAZIONI
5. In seguito alla crisi finanziaria nella Repubblica Federale Socialista dell'ex Iugoslavia, così come il crollo susseguente del sistema tecnico bancario negli anni novanta, in 1998, 2002, e 2003 la Repubblica Federale dell'Iugoslavia, così come lo Stato rispondente stesso adottò la specifica legislazione che accetta la conversione di depositi di valuta estera nelle certe banche, incluso il Podgorička banka, in un debito pubblico. La legislazione espose la tempo-cornice (2017) e gli importi, incluso interesse per essere pagato di nuovo alle banche ' clienti precedenti (veda divide in paragrafi 27-41 sotto).
II. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. I richiedenti nacquero nel 1949 e 1950, rispettivamente e entrambi vivono in Montenegro.
A. I procedimenti civili
7. 20 settembre 1993 il Giudice di prima istanza (sud di Osnovni) in Podgorica la prima sentenza rese in favore dei richiedenti madre di ' che ordina il Podgorička banka per pagare a lei: (i) 179,650.84 dollari Stati Uniti (USD), 59,539.97 marchi tedeschi (DEM), 254,906.52 lire italiane (Accese) e 4,364.70 franco svizzeri (CHF) su conto dei suoi risparmi di estero-valuta; (l'ii) il domicilio vista deposito interesse applicabile per il periodo fra il 1993 e 3 luglio 1993 di 1 gennaio, più 6% interesse annuale come di 3 luglio 1993; e (l'iii) 193,768,312 dinars iugoslavi (YUD) per spese processuali.
8. In 23 maggio 1994 il Giudice di prima istanza in Podgorica rese una seconda sentenza in favore dei richiedenti madre di ' che ordina il Podgorička banka per pagare a lei: (i) USD 9,770 e DEM 25,700 su conto dei suoi risparmi di estero-valuta; (l'ii) l'interesse di deposito di vista accumulato, e (l'iii) YUD 1,584 per spese processuali.
9. 27 giugno 1996 la stessa corte rese una terza sentenza in favore della madre dei richiedenti ordinando il Podgorička banka per pagare a lei: (i) USD 147,620.64, DEM 126,661.39 ed Accese 1,602.16 su conto di un calcolo erroneo dell'interesse applicabile; (l'ii) l'interesse convenuto di 12.5%; e (iii) YUD 900 per spese processuali.
10. In varie date queste sentenze divennero da allora in poi definitive ed esecutive.
B. I procedimenti di esecuzione
11. Col 1998 esecuzione di 5 novembre ordina in riguardo delle primo e terze sentenze fu emesso. In 19 novembre 1999 il Giudice di prima istanza terminò l'esecuzione di queste due sentenze che si appellano sull'Atto sull'Accordo di Obblighi che Sorge dai Cittadini ' Valuta estera Risparmi (veda paragrafo 29 sotto). I richiedenti la madre di ' non chiese un ordine di esecuzione in riguardo della seconda sentenza al tempo.
12. Fra dicembre 2003 e febbraio 2004 i richiedenti la madre di ' richiese l'esecuzione di tutte le tre sentenze contro il Podgorička banka. 30 marzo 2005 il Giudice di prima istanza respinse queste richieste, sulla base che il Podgorička banka non era più il debitore (legitimisana di pasivno di nije). La decisione spiegò inoltre che con la virtù dell'Atto sui Cittadini Estero-valuta di ' Risparmi 2003 che lo Stato rispondente aveva preso il debito da questa banca, e che la Banca Centrale del Montenegro (banka di Centralna Crne Gore) era responsabile per l'accuratezza dei dati presa dai documenti delle banche autorizzate (veda paragrafo 34 sotto).
13. Il 2005 e 19 aprile 2005 di 18 aprile il Giudice di prima istanza sostenne le decisioni contestate, mentre girando le ragioni contenute in esse.
C. gli Altri fatti attinenti
14. In 26 maggio 2004 i richiedenti richiesero il Beni immobili Ufficio (nekretnine di za di Direkcija) in Podgorica per registrare gli ordini di esecuzione contro la proprietà di banka di Podgorička (tražili zabilježbu rješenja di evidenciji di u o izvršenju na nepokretnostima). 1 giugno 2004 il Beni immobili Ufficio respinse la loro richiesta. 23 novembre 2004 la Beni immobili Amministrazione (nekretnine di za di Uprava) sostenne la decisione precedente e li diresse per eseguire i loro diritti per la Banca Centrale ed il Ministero di Finanza. 3 aprile 2007 i richiedenti la richiesta di ' fu respinta con la Corte amministrativa (sud di Upravni).
15. 21 dicembre 2004 i richiedenti la madre di ' richiese la Banca Centrale per assicurare il pagamento della pendenza debitoria. 7 aprile 2005 la Banca Centrale l'informò che sé mancò la competenza trattare con la sua causa (nema ingerencije u [l'ovom] lo slučaju). In particolare, non poteva essere contenuto responsabile per l'accuratezza dei dati attinenti come quel era la responsabilità delle banche autorizzate. In questo riguardo alla Banca Centrale si riferì ad Articolo 7 § 5 dell'Atto sulla valuta estera dei Risparmi dei cittadini 2003 (veda paragrafo 36 sotto). In febbraio e marzo 2006 i richiedenti, in favore di loro madre richiesero di nuovo che la Banca Centrale paga i risparmi in oggetto. Su una data non specificata da allora in poi la Banca Centrale risposta con riferendosi alla sua lettera precedente di 7 aprile 2005, notevolmente che non potesse attenersi con la loro richiesta. 18 dicembre 2007, questa banca confermò su ancora un'altra richiesta dai richiedenti, che non c'erano nessuno risparmi di estero-valuta registrati in riguardo di loro madre.
16. 4 ottobre 2005 i richiedenti che la madre di ' è stata informata, sul suo enquiry del Ministero di Finanza che le banche autorizzate erano responsabili per l'accuratezza dei dati trasferiti.
17. Dopo che i richiedenti che la madre di ' è passata via a luglio 2006, il Giudice di prima istanza reso una decisione in 5 maggio 2007 che dichiara i richiedenti lei risuola eredi legali e specificando che l'eredità consisteva dei depositi (novčana sredstva) come stabilito entro il definitivo corteggia sentenze di ' assegnate a sopra (veda divide in paragrafi 7-9 sopra).
18. 21 dicembre 2007 che i Podgorièka banka hanno informato i richiedenti che non c'era nessuna prova che il debito ha stabilito con le sentenze nazionali erano stati pagati. Allo stesso tempo, loro furono informati, che la Banca Centrale era responsabile per l'accuratezza dei dati trasferiti e che i richiedenti potessero ottenere i dati ufficiali riguardo al trasferimento dalla Banca Centrale.
19. Su molte occasioni i richiedenti and/or di madre di ' i richiedenti contattarono il Difensore civile (prava di ljudskih di Zaštitnik gli sloboda), ed il Ministero della Giustizia (pravde di Ministarstvo), ma inutilmente.
20. Sembrerebbe che il debito stabilì col nazionale corteggia le sentenze di ' non è stato registrato mai col Podgorička banka e è stato trasferito alla Banca Centrale.
D. Il conto in moneta estera supplementare
21. I richiedenti la madre di ' aveva un altro conto di estero-valuta con EUR 17,697.79 che importo fu registrato come debito pubblico con la Banca Centrale e più tardi convertì in obbligazioni. Su una data non specificata nel 2006 i richiedenti sembrerebbero avere venduto le obbligazioni per la metà del loro valore.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. La Costituzione del Montenegro 2007 (Ustav Crne Sangue coagulato; pubblicò nell'Ufficiale Pubblichi del Montenegro - OGM - n. 1/07)
22. Articolo 149 della Costituzione prevede che la Corte Costituzionale deciderà su un ricorso costituzionale depositato in riguardo di una violazione allegato di un diritto umano o la libertà garantito con la Costituzione, dopo che tutte le altre via di ricorso legali effettive sono state esaurite.
23. La Costituzione entrò in vigore 22 ottobre 2007.
B. L’Atto della Corte Costituzionale (Zakon o il sudu di Ustavnom Crne Gore; pubblicò in OGM n. 64/08)
24. Sezione 48 prevede che un ricorso costituzionale può essere depositato contro una decisione individuale di un corpo statale, un corpo amministrativo, un corpo di autogoverno locale o un soggetto giuridico che esercitano autorità pubblica, per violazioni di diritti umani e le libertà garantite con la Costituzione dopo che tutte le altre via di ricorso nazionali effettive sono state esaurite.
25. Sezioni 49-59 offrono dettagli supplementari come riguardi la lavorazione di ricorsi costituzionali. In particolare, sezione 56 prevede che quando i costatazione di Corte Costituzionali una violazione di un diritto umano o la libertà, annullerà la decisione contestata, completamente o parzialmente ed ordine che la causa sia riesaminata con lo stesso corpo che rese la decisione annullata.
26. L'Atto entrò in vigore a novembre 2008.
C. L'Atto sull'Accordo di Obblighi che Sorgono dai Risparmi in valuta estera dei cittadini (Zakon o izmirenju obaveza po osnovu devizne štednje građana; pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Federale dell'Iugoslavia - OG Fry - N. 59/98, 44/99 e 53/01)
27. Sezioni 1, 2 3 e 4 purché che tutti i risparmi di valuta estera depositarono col “banche autorizzate”, incluso il Podgorička banka, di fronte a 18 marzo 1995 era divenire debiti pubblici.
28. Sotto sezione 10 la responsabilità dello Stato in che riguardo era essere onorato pienamente entro 2012 per il pagamento di importi specificati, più l'interesse, e secondo una certa tempo-cornice.
29. Sezione 22 purché che, come della data dell'entrata di questo Atto in vigore (12 dicembre 1998), “tutti i processi pendenti, incluso procedimenti di esecuzione giudiziali mirati alla raccolta della valuta estera coperta con questo Atto saranno cessati.”
D. L'Atto sull'Accordo del Debito Pubblico della Repubblica Federale dell'Iugoslavia che nasce dai Risparmi in Valuta estera dei Cittadini (Zakon o regulisanju javnog duga Savezne Republike Jugoslavije po osnovu devizne štednje građana; pubblicň in OG Fry n. 36/02)
30. Questo Atto abrogò l'Atto descritto sopra di. Nel fare così, ammise esplicitamente comunque, prima come parte di debito pubblico tutti i depositi riconosciuti come così. Cambiò la tempo-cornice per onorare il debito in oggetto (da 2012 a 2016) e specificò importi corretti, più interesse, essere pagato annualmente.
31. Sezione 36 riaffermò che “tutti i processi mirati alla raccolta dei risparmi di valuta estera coperta con questo Atto, incluso procedimenti di esecuzione giudiziali saranno cessati.”
32. Questo Atto entrò in vigore 4 luglio 2002. Fu corretto successivamente su due occasioni, ma questi emendamenti concernerono problemi periferici non correlati ai salvatori ' sopra-descrisse status.
E. Atto sui Risparmi dei Cittadini in valuta estera del 2003 (Zakon obaveza di regulisanju di o i potraživanja po osnovu ino duga i devizne štednje građana; pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica del Montenegro - OG RM - N. 55/03 e 11/04)
33. Sezione 3, inter l'alia, definisce “risparmi di valuta estera” come ogni valuta estera depositata con persone fisiche con uno del “banche autorizzate basarono nel territorio della Repubblica del Montenegro” riconosciuto come un debito pubblico della Repubblica Federale dell'Iugoslavia (veda divide in paragrafi 27 e 30 sopra). La stessa sezione prevede inoltre che i risparmi di estero-valuta saranno aumentati per un tasso di interesse annuale di 2% come di 1 gennaio 2003. Lo stesso tasso di interesse sarà fatto domanda su base annuale a tutte le somme non retribuite e rimanenti alla fine di ogni periodo di pagamento finché i risparmi di estero-valuta sono pagati completamente.
34. Sezione 4 prevede che la Banca Centrale del Montenegro offrirà tutti i documenti (l'evidenciju) e la documentazione necessaria in riguardo dei risparmi di estero-valuta, e che la stessa banca sarà responsabile per l'accuratezza dei dati presa dai documenti delle banche in oggetto.
35. Facendo seguito a sezione 5 § 1 come della data dell'entrata di questo Atto in vigore Montenegro presumerà gli obblighi delle banche autorizzate verso persone fisiche in riguardo dei loro risparmi di estero-valuta.
36. Sezione che 7 § 1 offre che dopo il trasferimento di debiti alla Banca Centrale (potraživanja di isknjižavanja di nakon gli obaveza), le banche autorizzate sono obbligate per fornire alla Banca Centrale documenti analitici e particolareggiati di debiti (obaveza di analitiku di detaljnu) sulla base di risparmi di valuta estera. Articolo che 7 § 5 offre che le banche autorizzate sono responsabili per l'accuratezza di questi dati.
37. Sezioni che 14 e 15 offrono che Montenegro onorerà questo debito entro 2017 e specificherà gli importi, ed interessa, essere pagato annualmente in Euro.
38. Facendo seguito a sezione 18, le banche che i clienti di ' possono, in anticipo della tempo-cornice detta e sotto le certe condizioni, si avvalga dei loro depositi convertito in obbligazioni statali per pagare tasse, compri proprietà Statale o prenda parte nella privatizzazione di società Statali.
39. Sotto le sezioni 16 e 17 clienti precedenti delle banche in oggetto può vendere anche le obbligazioni dette ad altro naturale o soggetti giuridici. Simile commercio è esente da tassazione.
40. Sezioni 16 § che 5 e 18 § 2 offrono che il Governo del Montenegro adotterà regolamentazioni tecniche e supplementari riguardo alle obbligazioni in oggetto.
41. Questo Atto entrò in vigore 9 ottobre 2003, ed i suoi emendamenti 28 febbraio 2004.
F. Gli Obblighi Agiscono 1978 (Zakon odnosima di obligacionim di o; pubblicò nell'Ufficiale Pubblichi della Repubblica Federale e Socialista dell'Iugoslavia N. 29/78, 39/85 57/89 e 31/93)
42. Sezione che 172 paragrafo 1 offre, inter l'alia, che un soggetto giuridico è responsabile per il danno causò col suo corpo ad un'altra persona nel corso di compiere le sue funzioni o relativo inoltre.
G. Gli Obblighi Agiscono 2008 (Zakon odnosima di obligacionim di o; pubblicò nell'OGM N. 47/08 e 04/11)
43. Sezione 148 prevede che uno che provoca danno ad un'altra persona è obbligato per compensare per sé, a meno che he/she prova che il danno non era colpa di his/her.
44. Sezione 166 prevede, inter l'alia, che un soggetto giuridico è responsabile per il danno causò col suo corpo ad un'altra persona nel corso di compiere le sue funzioni o relativo inoltre.
45. Sezione 192 prevede che la persona responsabile offrirà restitutio in integrum come prima che accadde il danno. Se il danno non può essere rimosso completamente così in, il resto del danno sarà compensato nei soldi.
H. Il Procedura Atto Civile (Zakon postupku di parnicnom di o; pubblicò nell'OG RM N. 22/04, 28/05, e 76/06 ed OGM n. 73/10)
46. Sezione 188 prevede che, con una rivendicazione civile, un querelante può cercare solamente le corti di stabilire l'esistenza o la non-esistenza di un certo diritto o relazione legale, o l'accuratezza di un documento (isprave di neke di neistinitost).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
47. Sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione i richiedenti si lamentarono dell'insuccesso dell'and/or di banka di Podgorička la Banca Centrale per registrare i risparmi di estero-valuta depositati con loro defunta madre e così li hanno convertito nel debito pubblico dello Stato rispondente, in conformità con la legislazione nazionale ed attinente.
48. La disposizione attinente legge siccome segue:
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Ammissibilità
1. Le osservazioni delle parti
49. Il Governo presentò che i richiedenti non avevano esaurito via di ricorso nazionali e del tutto effettive disponibili a loro.
50. In particolare, loro non erano riusciti ad avviare procedimenti civili contro il Podgorička banka, sulla base di che database che il trasferimento era stato fatto, e quale omise presentare i dati attinenti riguardo ai risparmi in oggetto alla Banca Centrale. Loro avrebbero potuto registrare anche una rivendicazione civile contro lo Stato, li aveva considerato lo Stato responsabile. Nei procedimenti contro l'and/or di banka di Podgorička lo Stato i richiedenti avrebbero potuto chiedere l'ambo il risarcimento così come la costituzione del loro and/or corretto l'accuratezza (l'istinitost) dei documenti debito-relativi (veda divide in paragrafi 42-46 sopra).
51. Il Governo sostenne inoltre che i richiedenti non erano riusciti anche ad iniziare procedimenti amministrativi contro la Banca Centrale o qualsiasi l'altro corpo che loro hanno considerato responsabili per la questione legale e detta che decisione sarebbe potuta essere impugnata inoltre di fronte alle corti.
52. Dopo avere esaurito queste via di ricorso i richiedenti uso di un ricorso costituzionale avrebbe potuto rendere infine, (veda divide in paragrafi 22-26 sopra). In qualsiasi l'evento, le lettere rivolte alle varie istituzioni non potevano essere considerate procedimenti legali ed adeguati.
53. I richiedenti contestarono queste osservazioni ed assegnarono, in particolare, alle decisioni di corte civili rese contro il Podgorička banka nel 1993, 1994 e 1996 (veda divide in paragrafi 7-10 sopra). Mentre rivolgere le varie istituzioni non era una procedura legale ed appropriata stessa, questo si faceva solamente dopo che i procedimenti civili erano stati conclusi e come un tentativo supplementare di avere le sentenze dette eseguito.
54. Loro sostennero anche che un ricorso costituzionale era stato introdotto nell'ordinamento giuridico del Montenegro molto dopo che i procedimenti civili ed attinenti erano stati conclusi e non era così disponibile a loro al tempo attinente.
2. I principi attinenti
55. La Corte reitera che, secondo la sua causa-legge stabilita, il fine dell'articolo di via di ricorso nazionale contenne in Articolo 35 § 1 della Convenzione è riconoscere gli Stati Contraenti l'opportunità di ostacolando o mettere diritto le violazioni addussero prima che loro sono presentati alla Corte. Comunque, le via di ricorso sole per essere esaurito sono quelle che sono effettive.
56. È in carica sulla non-esaurimento che chiede Statale per soddisfare la Corte che la via di ricorso era un effettivo, disponibile in teoria ed in pratica al tempo attinente che è dire che era accessibile, era uno che era capace di offrire compensazione in riguardo delle azioni di reclamo del richiedente e quale offrì prospettive ragionevoli del successo. Questo onere della prova è stato soddisfatto una volta comunque, incorre al richiedente per stabilire che la via di ricorso avanzò col Governo era infatti usato o era per della ragione inadeguato ed inefficace nelle particolari circostanze della causa, o che là esistè circostanze speciali che li assolvono lui o dal requisito (veda Akdivar ed Altri c. la Turchia, 16 settembre 1996, § 65 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-IV).
57. La richiesta di questo articolo deve costituire assegno dovuto il contesto. Di conseguenza, la Corte ha riconosciuto che Articolo 35 § 1 deve essere fatto domanda con del grado della flessibilità e senza il formalismo eccessivo (veda Akdivar ed Altri, citato sopra, § 69). Ha riconosciuto inoltre che l'articolo dell'esaurimento è né assoluto né capace di essere fatto domanda automaticamente; nel fare una rassegna se è stato osservato è essenziale per avere riguardo ad alle particolari circostanze di ogni causa individuale (veda Van Oosterwijck c. Belgio, 6 novembre 1980 la Serie Un n. 40, § 35). Questo vuole dire, fra le altre cose, che la Corte non solo deve prendere conto realistico dell'esistenza di via di ricorso formali nell'ordinamento giuridico della Parte Contraente riguardò, ma anche del contesto generale nel quale loro operano, così come le circostanze personali del richiedente (veda Akdivar ed Altri c. la Turchia, citato sopra, § 69). Deve esaminare se, in tutte le circostanze della causa, il richiedente faceva tutto quello che potrebbe essere aspettatosi ragionevolmente per per esaurire via di ricorso nazionali (veda Società di EVT c. Serbia, n. 3102/05, § 37 in multa 21 giugno 2007).
3. La valutazione della Corte
58. La Corte osserva precisamente la contraddizione nella legislazione nazionale come a chi era responsabile per offrire i documenti sui vecchi risparmi di estero-valuta e l'accuratezza dei dati attinenti (veda divide in paragrafi 34 e 36 sopra). Questa contraddizione fu affermata inoltre coi vari corpi nazionali quando trattando con le richieste dei richiedenti e loro defunta madre (veda divide in paragrafi 12 in multa, 13 14 in multa, 15-16, e 18 sopra). Il Governo, per la loro parte non offrì una chiarificazione in questo riguardo (veda divide in paragrafi 50-51 sopra).
59. La Corte nota che i richiedenti ' la defunta madre aveva ottenuto le sentenze di corte civili contro il Podgorička banka che già aveva stabilito l'esistenza del debito ed il suo importo esatto (veda divide in paragrafi 7-10 sopra), ma che non poteva essere eseguito con virtù della legislazione nazionale (veda divide in paragrafi 29, 31 e 11 sopra, in che ordine). In oltre, le corti nazionali loro specificarono che, dopo l'adozione della legislazione attinente, la banca detta non era più la debitrice (veda paragrafo 12 in limine sopra). Come là nulla è nell'archivio di causa per suggerire che le corti nazionali avrebbero deciso qualsiasi differentemente ad un più tardi lo stadio, la Corte considera che costringendo i richiedenti ad iniziare ancora un altro set di procedimenti civili contro la banca in questione, dopo che loro già avevano ottenuto una definitivo sentenza nel loro favore, metterebbe un carico eccessivo su loro e che loro non dovevano perciò esaurire questo particolare viale di compensazione (veda, mutatis mutandis, Metaxas c. la Grecia, n. 8415/02, § 19 27 maggio 2004; e Đukić c. Bosnia e Herzegovina, n. 4543/09, § 33 19 giugno 2012).
60. La Corte osserva inoltre che i richiedenti ' la defunta madre così come i richiedenti stessi richiesero la Banca Centrale su molte occasioni per assicurare il pagamento della pendenza debitoria. La Banca Centrale li informò soltanto comunque, con lettere che sé mancò la competenza trattare con la loro causa (veda paragrafo 15 sopra).
61. Mentre procedimenti amministrativi di fronte alla Banca Centrale così come una rivendicazione civile contro lo Stato rispondente sia teoreticamente possibile, la Corte nota che i risparmi in oggetto non era stato registrato mai davvero, come confermato con la Banca Centrale (veda paragrafo 15 in multa sopra), e così convertì nel debito pubblico dello Stato. La Corte considera che, in simile circostanze, ed in prospettiva del rifiuto della Banca Centrale detta della sua competenza nei richiedenti la causa di ' nessuni procedimenti amministrativi di fronte alla Banca Centrale né procedimenti civili contro lo Stato potrebbero offrire prospettive ragionevoli del successo i richiedenti, mentre assolvendoli così dall'obbligo per avvalersi di queste via di ricorso.
62. Infine, dovrebbe essere reiterato che, benché ci possono essere eccezioni giustificate con le particolari circostanze di una causa, la valutazione di se via di ricorso nazionali sono state esaurite è eseguito con riferimento alla data sulla quale la richiesta fu depositata con la Corte normalmente (veda Baumann c. la Francia, n. 33592/96, § 47 il 2001-V di ECHR (gli estratti)). La Corte osserva in questo riguardo a che la richiesta nella causa presente era stata depositata 19 ottobre 2005, mentre il ricorso costituzionale fu introdotto come di 22 ottobre 2007 che è due anni più tardi ed era così non disponibile ai richiedenti al tempo attinente (veda divide in paragrafi 1 e 22-23 sopra).
63. In prospettiva del sopra, in particolare determinato la contraddizione nella legislazione attinente, interpretazioni diverse al riguardo, tentativi futili e numerosi con sia i richiedenti così come loro defunta madre per re-ottenere i risparmi in questione al livello nazionale dopo aveva ottenuto sentenze contro il debitore depositi denaro, la Corte considera che i richiedenti non dovevano esaurire in oltre i viali di compensazione suggeriti col Governo. L'eccezione del Governo in questo riguardo a deve essere respinto perciò.
64. La Corte nota che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Meriti
1. Le osservazioni delle parti
65. I richiedenti riaffermarono le loro azioni di reclamo. In particolare, loro presentarono che lo Stato fu obbligato per pagare per i loro risparmi di valuta vecchio-esteri, facendo seguito alla legislazione attinente, e che il Governo non l'aveva negato mai.
66. Il Governo non fece commenti in questo riguardo a.
2. La valutazione della Corte
67. I richiami di Corte che risparmi di valuta estera costituiscono una proprietà all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (veda Kovačić ed Altri c. la Slovenia (il dec.), n. 44574-98 et al., 9 ottobre 2003, così come Trajkovski c. la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia (il dec.), n. 53320/99, ECHR 2002 IV). È reiterato anche che qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale (veda Il Re Precedente di Grecia ed Altri c. la Grecia [GC], n. 25701/94, § 79 ECHR 2000-XII) e che dovrebbe intraprendere un scopo legittimo “nell'interesse pubblico.” Secondo la causa-legge stabilita della Corte, l'espressione “nella conformità con la legge” richiede che la misura contestata dovrebbe avere della base in diritto nazionale, e si riferisce anche alla qualità della legge in oggetto, mentre richiedendo che dovrebbe essere accessibile alla persona riguardata e prevedibile come ai suoi effetti (veda Kurić ed Altri c. la Slovenia [GC], n. 26828/06, § 341 ECHR 2012 (gli estratti); veda anche Amann c. la Svizzera [GC], n. 27798/95, § 50 ECHR 2000-II; Slivenko c. la Lettonia [GC], n. 48321/99, § 100 ECHR 2003-X).
68. Rivolgendosi alla causa presente, la Corte nota che i risparmi di estero-valuta depositarono coi richiedenti ' la defunta madre costituì una proprietà che proprietà fu ereditata coi richiedenti con virtù della decisione del Giudice di prima istanza di 5 maggio 2007 (veda paragrafo 17 sopra). Come la legislazione nazionale ed attinente chiaramente prevista che lo Stato prenderebbe questi risparmi finiti come un debito pubblico e li pagherebbe di nuovo gradualmente entro 2017 (veda divide in paragrafi 33, 35 e 37 sopra), la Corte considera che i richiedenti la madre di ' e più tardi i richiedenti stessi avevano un'aspettativa legittima che loro avrebbero re-ottenuto i risparmi in oggetto.
69. Comunque, a causa di, apparentemente, un errore amministrativo, e contraria alla legislazione detta, i risparmi in questione non è stato registrato mai e è stato convertito nel debito pubblico ed i richiedenti non hanno ricevuto mai una sola rata. Questo è stato confermato con la Banca Centrale ed il Podgorička banka, così come, indirettamente, anche col Governo loro (veda divide in paragrafi 15 in multa, 18 in limine e 50 in limine sopra).
70. La Corte nota una mancanza di precisione e prevedibilità della legislazione nazionale come a chi è responsabile per il trasferimento, la Banca Centrale o il debitore depositi denaro, dato la contraddizione delle disposizioni attinenti (veda divide in paragrafi 34 e 36 sopra). Comunque, è chiaro che non poteva essere imputato ai richiedenti.
71. In prospettiva del sopra, la Corte considera, che c'è stata un'interferenza evidente con lo Stato rispondente coi richiedenti le proprietà di ' e la loro aspettativa legittima gradualmente re-ottenere i risparmi in questione i quali interferenza chiaramente era contraria alla legge. Questa conclusione lo costituisce non necessario la Corte accertare se un equilibrio equo è stato previsto fra le richieste dell'interesse generale della comunità sulla mano del una, ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo sull'altro (veda Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II).
72. C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 DELLA CONVENZIONE
73. Appellandosi su Articolo 6 della Convenzione i richiedenti già fece la stessa azione di reclamo come quell'esaminato sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
74. La disposizione attinente legge siccome segue:
Articolo 6
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale . ...”
75. Avendo riguardo ad alle sue sentenze in relazione ad Articolo 1 Protocollo N.ro 1, la Corte considera che non è necessario per esaminare separatamente l'ammissibilità o i meriti dell'azione di reclamo identica del richiedente resi sotto Articolo 6 della Convenzione (veda, mutatis mutandis, Milanović c. Serbia, n. 44614/07, § 103 14 dicembre 2010; Mladenović c. Serbia, n. 1099/08, § 59 22 maggio 2012; così come Jovanović c. Serbia, n. 32299/08, § 53 2 ottobre 2012).
III. ALTRE AZIONI DI RECLAMO
76. Sotto Articolo 6 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 inoltre i richiedenti si lamentarono anche di: (un) la loro incapacità per eseguire le definitivo sentenze civili rese negli anni novanta e sia pagato di nuovo istantaneamente i risparmi in oggetto, così come (b) avendo dovuto vendere le obbligazioni emise in riguardo di un altro conto di risparmi di estero-valuta per la metà del loro valore nominale (veda paragrafo 21 sopra).
77. La Corte già ha sostenuto in cause simili che i richiedenti non avevano un diritto che continua all'esecuzione, come sé era stato sbarrato con la legislazione attinente di fronte alla ratifica dello Stato rispondente della Convenzione e Protocollo N.ro 1 3 marzo 2004 (veda Ajdarpašić e Kadić c. il Montenegro (il dec.), N. 40759/06 e 56888/09, §§30-33 23 novembre 2010; Molnar Gabor c. Serbia, n. 22762/05, §§ 48-51 8 dicembre 2009; veda anche divide in paragrafi 29, 31 e 11 sopra, in che ordine). Segue che i richiedenti l'azione di reclamo di ' in questo riguardo è mal-fondata manifestamente e deve essere respinta in conformità con Articolo 35 §§ 3 (un) e 4 della Convenzione.
78. La Corte nota che la legislazione nazionale ed attinente previde una possibilità per le obbligazioni per essere venduto (veda paragrafo 39 sopra), ma non limitò il valore di queste obbligazioni nel mercato in qualsiasi il modo qualsiasi. In simile circostanze, la Corte considera, che lo Stato non può essere sostenuto responsabile per i richiedenti ' la propria scelta vendere le obbligazioni per la metà del loro valore nominale. Segue che questa azione di reclamo è ratione personae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) e deve essere respinto in conformità con Articolo 35 § 4.
IV. L’ RICHIESTA DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
79. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
80. I richiedenti chiesero i vecchi risparmi di estero-valuta ed interessano, siccome assegnato con le corti nazionali (veda divide in paragrafi 7-9 sopra), in riguardo di danno patrimoniale, così come 10,000 euro (EUR) ognuno in riguardo di danno non-patrimoniale.
81. Il Governo contestò questa rivendicazione.
82. La Corte accetta che i richiedenti hanno sofferto di del danno non-patrimoniale col quale sufficientemente non può essere compensato il risuoli sentenza di una violazione. Facendo la sua valutazione su una base equa, la Corte assegna congiuntamente EUR 3,000 i richiedenti sotto questo capo.
83. Inoltre, il Governo rispondente deve pagare i richiedenti, su conto di danno patrimoniale tutte le rate, incluso l'interesse attinente (veda paragrafo 33 sopra), a causa di loro come del momento quando i vecchi risparmi di estero-valuta divennero debito pubblico con virtù della legislazione nazionale ed attinente sino alla data quando la sentenza di questa Corte diviene definitivo, meno qualsiasi importi che sono potuti essere pagati nel frattempo su questa base. Il Governo rispondente deve prendere anche tutte le misure appropriate per assicurare che le autorità competenti implementano la legislazione attinente in riguardo dei richiedenti e così garantiscono il pagamento di tutte le rate future sotto le stesse condizioni e nella stessa maniera siccome è fatto in riguardo di tutti gli altri beneficiari della legislazione detta.
B. Costi e spese
84. I richiedenti chiesero anche EUR 10,000 per i costi e spese incorse in di fronte alle corti nazionali e si riferirono alle decisioni attinenti emesse nel corso di questi procedimenti (veda divide in paragrafi 7-9 sopra). Loro presentarono anche il calcolo di un esperto di questi costi, incluso l'interesse legale determinato che, nel frattempo, la valuta ufficiale nello Stato rispondente cambiato da dinars iugoslavo ad euro. Dall'analisi presentata traspirò che i costi incorsero in nei procedimenti nazionali corrisposti ad EUR 8,016.35 in totale (EUR 3,785.22 per il primo set di procedimenti, EUR 2,243 per il secondo set di procedimenti ed EUR 1,988.13 per il terzo set di procedimenti).
85. Il Governo contestò questa rivendicazione.
86. Secondo la causa-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum (veda, per esempio, Iatridis c. la Grecia (soddisfazione equa) [GC], n. 31107/96, § 54 ECHR 2000-XI).
87. Nella presente causa, avuto riguardo dei documenti in suo possesso, in particolare le sentenze nazionali che specificano i costi assegnati e l'opinione dell'esperto sulla questione, ed il criterio sopra, così come a EUR 850 già accordato ai richiedenti sotto il Consiglio dello schema di patrocinio gratuito dell'Europa, la Corte considera ragionevole assegnare la somma di EUR 6,500 per i costi e spese nei procedimenti nazionali.
C. Interesse di mora
88. La Corte considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a cui dovrebbero essere aggiunti tre punti percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara l'azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 riguardo all'insuccesso nel registrare i risparmi in oggetto e nel convertirli in debito pubblico dello Stato rispondente ammissibile;

2. Dichiara le azioni di reclamo sotto l’Articolo 6 della Convenzione e l’Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 inoltre riguardo alla non-esecuzione delle sentenze emesse negli anni novanta e la vendita delle obbligazioni per la metà del loro valore inammissibile;

3. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione a causa dell'insuccesso nel registrare i risparmi in oggetto e nel convertirli nel debito pubblico dello Stato rispondente;

4. Sostiene che non è necessario esaminare separatamente l'ammissibilità o i meriti dell'azione di reclamo riguardo alla registrazione e la conversione dei risparmi in oggetto nel debito pubblico sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione;

5. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente deve pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione gli importi seguenti al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) tutte le rate, incluso l'interesse attinente dovuto a loro dal momento in cui i vecchi risparmi di estero-valuta divennero debito pubblico in virtù della legislazione nazionale ed attinente sino alla data quando questa sentenza diviene definitiva, meno qualsiasi importo che può essere stato pagato nel frattempo su questa base, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo di danno patrimoniale;
(ii) il Governo rispondente deve prendere anche tutte le misure appropriate per assicurare che le autorità competenti implementano la legislazione attinente a riguardo dei richiedenti e così garantiscono il pagamento di tutte le rate future sotto le stesse condizioni e nella stessa maniera come è stato fatto a riguardo di tutti gli altri beneficiari della detta legislazione;
(iii) EUR 3,000 (tre mila euro) congiuntamente, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, a riguardo di danno non-patrimoniale;
(iv) EUR 6,500 (sei mila cinquecento euro), più qualsiasi tassa che può essere a carico dei richiedenti, a riguardo di costi e spese;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

6. Respinge il resto dei richiedenti che ' chiede per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto 5 marzo 2013, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Stanley Naismith Guido Raimondi
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è giovedì 20/02/2020.