Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF ANTONYAN v. ARMENIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 35, P1-1

NUMERO: 3946/05/2012
STATO: Armenia
DATA: 02/10/2012
ORGANO: Sezione Terza


TESTO ORIGINALE



THIRD SECTION
Conclusions:
Preliminary objection joined to merits and dismissed (Article 35-1 - Exhaustion of domestic remedies)
Remainder inadmissible
Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions)
Non-pecuniary damage - award






CASE OF ANTONYAN v. ARMENIA

(Application no. 3946/05)








JUDGMENT




STRASBOURG

2 October 2012



This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Antonyan v. Armenia,
The European Court of Human Rights (Third Section), sitting as a Chamber composed of:
Josep Casadevall, President,
Egbert Myjer,
Corneliu Bîrsan,
Alvina Gyulumyan,
Luis López Guerra,
Nona Tsotsoria,
Kristina Pardalos, judges,
and Santiago Quesada, Section Registrar,
Having deliberated in private on 11 September 2012,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 3946/05) against the Republic of Armenia lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by an Armenian national, OMISSIS (“the applicant”), on 17 January 2005.
2. The applicant, who had been granted legal aid, was represented by OMISSIS, a lawyer practising in Hoenheim, France. The Armenian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Mr G. Kostanyan, Representative of the Republic of Armenia at the European Court of Human Rights.
3. The applicant alleged that the Armenian authorities, by refusing to cancel the registration at her flat of her late niece’s two children and requiring her to pay them compensation in order to terminate their right of use of accommodation in respect of that flat, interfered with the peaceful enjoyment of her possessions, as guaranteed by Article 1 of Protocol No. 1.
4. On 2 February 2007 the application was communicated to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the application at the same time (Article 29 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
5. The applicant was born in 1937 and lives in Yerevan. She is a second degree disabled person.
6. On an unspecified date during the Soviet period, the State allocated to the applicant a flat in Yerevan on the right of tenancy.
7. In 1981 the applicant’s niece, who had moved to Yerevan to study, obtained registration at the applicant’s flat with the latter’s consent. In 1986 she moved back to the town of Hrazdan without cancelling her registration. In 1989 the applicant’s niece was married, and she gave birth to two children in 1989 and 1991 respectively. Upon the applicant’s consent, the children were also registered at the applicant’s flat so that they could receive medical care from her address.
8. On 11 February 1993 the applicant acquired ownership of the flat, which was notarised on 19 February 1993.
9. In 1996 the applicant’s niece passed away. Her registration at the applicant’s flat was subsequently cancelled.
10. On 26 December 2003 the applicant applied to the Kanaker-Zeytun District Police Department of Yerevan (hereafter the District Police Department) seeking to cancel the children’s registration.
11. By a letter of 20 January 2004 the District Police Department informed the applicant of its refusal to cancel the children’s registration on the ground that, according to the relevant rules, the registration of minors could be cancelled only together with the cancellation of the registration of one of their parents; upon an application by the parents or the children’s lawful representatives; in connection with studies; or upon a relevant court order.
12. On an unspecified date, the applicant contested this refusal before the courts, seeking to oblige the District Police Department to deregister the children and claiming that the latter had never lived in her flat.
13. On 15 March 2004 the Arabkir and Kanaker-Zeytun District Court of Yerevan dismissed the applicant’s complaint, finding that the refusal was lawful as the District Police Department had acted in accordance with Government Decree no. 821 of 25 December 1998. According to the text of the judgment, the parties had been duly notified of the hearing but had failed to appear. According to the applicant, she was not notified of that hearing.
14. On 25 March 2004 the applicant lodged an appeal.
15. On 8 June 2004 the Civil Court of Appeal dismissed the applicant’s appeal on the same ground. According to the text of this judgment, the applicant and her representative made oral submissions at the court hearing. According to the applicant, neither she nor her representative was given the opportunity to make any oral submissions. It further appears that the children’s father was present at the appeal hearing and petitioned to dismiss the applicant’s claim.
16. On an unspecified date, the applicant lodged an appeal on points of law.
17. On 23 July 2004 the Court of Cassation dismissed her appeal finding that:
“According to Article 225 of the Civil Code, if no agreement is reached regarding the termination of the right of use of accommodation, this right can be terminated upon the owner’s request through court proceedings by paying compensation equivalent to the market value.
In such circumstances, the arguments raised in the appeal on points of law are unsubstantiated, since the right of use of accommodation enjoyed by [the children] can be terminated only in accordance with Article 225 of the Civil Code...”
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. The Housing Code of 1982 (no longer in force from 26 November 2005)
18. According to Article 4, apartment buildings and accommodation in other constructions situated on the territory of Armenia comprise the housing fund.
19. According to Article 9, citizens are entitled to receive accommodation in houses of the State and the public housing fund through a prescribed procedure.
20. According to Article 49, on the basis of the decision to allocate accommodation in a building of the State or public housing fund, the relevant executive committee shall provide the citizen with an order which shall serve as the sole basis for occupying the allocated accommodation.
21. According to Article 51, the accommodation tenancy agreement in respect of the buildings of the State and public housing fund shall be concluded in writing, on the basis of the accommodation order, between the lessor, namely, the organisation managing the maintenance of the building, and the tenant, namely, the citizen in whose name the voucher has been provided. Accommodation in the buildings of the State and public housing fund shall be used in accordance with the accommodation tenancy agreement.
22. According to Article 53, the tenant’s family members who live with him shall equally enjoy all the rights and bear all the responsibilities stemming from the accommodation tenancy agreement.
23. According to Article 54, the tenant’s family members include his spouse, their children and parents. Other individuals may be recognised as the tenant’s family members, if they live with the tenant and run a common household.
24. According to Article 55, the tenant has the right, with the consent of members of the family residing with him, to accommodate his spouse, children, parents and other persons in the accommodation occupied by him. Persons who have been accommodated in the accommodation according to this Article shall acquire the right of use of that accommodation equally with other persons residing there, unless some other agreement has been reached, at the time when these persons were accommodated, between the tenant and members of his family residing with him.
25. According to Article 59, in case of the tenant’s or his family member’s temporary absence, the accommodation shall be kept for them for a period not exceeding six months. A person may lose his right of use of accommodation by a court decision as a result of being absent for a period exceeding the prescribed time-limit on the basis of an application filed by the tenant or other permanent users of the accommodation in question.
B. The Civil Code (in force from 1 January 1999)
26. According to Article 23 § 2, the place of residence of minors under the age of fourteen shall be considered the place of residence of their lawful representatives, such as, inter alia, their parents.
27. According to Article 163 § 1, the right of use implies the possibility afforded by law to reap the useful natural qualities of a property and to “benefit” from it.
28. According to Article 225 § 1, as in force at the material time, the family members of the owner of accommodation and other individuals have the right to use the accommodation, if that right has been registered in accordance with the procedure prescribed by the Law on the State Registration of Property Rights.
29. According to Article 225 § 2, as in force at the material time, the right of use of accommodation shall originate, be implemented and terminated through a notarised written agreement with the owner. If no agreement is reached regarding the termination of the right of use of accommodation, this right can be terminated upon the owner’s request through court proceedings by paying compensation equivalent to the market value.
30. In accordance with Article 225 § 4, as in force at the material time, a person enjoying the right of use of accommodation can demand that any person, including the owner, eliminate the breaches of his right in respect of the accommodation.
C. Decree no. 272 of the Council of Ministers of the Armenian Soviet Socialist Republic and the Armenian Republican Council of Trade Unions adopted on the Sale of Flats in Buildings of the State and Public Housing Fund to Citizens as Private Property (13 June 1989)
31. According to Paragraph 20, flats in buildings of the State and public housing fund shall be sold as private property to the tenants of the flats in question and their family members indicated in Article 54 of the Housing Code, if there is written consent from all the adult family members. The flat may be sold to them as a common property, if they so wish.
D. Government Decree no. 821 of 25 December 1998 Approving the Regulations of the Passport System of Armenia and the Description of Passport of a Citizen of Armenia (in force from 25 December 1988)
32. According to Paragraph 20, as in force at the material time, registration and deregistration of citizens shall be implemented for the purpose of ensuring necessary conditions for the enjoyment by them of their rights and freedoms as well as for the performance of their obligations before the State and other citizens.
33. According to Paragraph 21, as in force at the material time, citizens shall be registered at only one address at their temporary or permanent place of residence.
34. According to Paragraph 22, as in force at the material time, accommodation in respect of which a citizen does not have the right of ownership, tenancy or sub-tenancy, and which is not his permanent place of residence shall be considered his temporary place of residence.
35. According to Paragraph 23, as in force at the material time, the place where a citizen lives permanently or predominantly shall be considered his permanent place of residence.
36. According to Paragraph 29, a citizen’s application to be registered at a temporary place of residence can be refused if there is no written consent from, inter alia, the owner of the accommodation. Minor children shall be registered, irrespective of whether there is written consent from the owner, at the place of registration of one of the parents or their lawful representative.
37. According to Paragraph 39, the registration of minors below the age of sixteen who live with their parents shall be made through a relevant entry in the accommodation card or the parent’s registration card on the basis of the parents’ identity documents and the minor’s birth certificate.
38. According to Paragraph 44, the registration of citizens registered at a temporary or permanent place of residence shall be cancelled in case of, inter alia, change of place of residence, death, or if the documents and information which served as a basis for the registration were false. The authorities in charge of registration shall cancel the citizen’s registration at the permanent place of residence on the basis of documents within three days and make a relevant entry in his passport.
THE LAW
I. SCOPE OF THE CASE
39. The Court notes that on 12 September and 13 October 2007 the applicant, in her observations on the complaint under Article 1 of Protocol No. 1, also alleged a violation of her rights under Article 6 and 8 of the Convention.
40. In the Court’s view, these new complaints are not an elaboration of the applicant’s original complaints raised in the application form lodged with the Court more than two years before. The Court considers, therefore, that it is not appropriate now to take these matters up in the present context (see Skubenko v. Ukraine (dec.), no. 41152/98, 6 April 2001).
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL No. 1
41. The applicant complained that the Armenian authorities, by refusing to cancel the children’s registration at her flat and requiring her to pay them compensation in order to terminate their right of use of accommodation in respect of the flat, interfered with the peaceful enjoyment of her possessions. In this respect, she invoked Article 1 of Protocol No.1, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Admissibility
42. The Government submitted that the applicant failed to exhaust the domestic remedies. In particular, they claimed that, despite the fact that the applicant alleged a violation of her right to the peaceful enjoyment of her possessions because the children of her late niece enjoyed a right of use of accommodation in respect of her flat, the proceedings instituted by her before the domestic courts concerned exclusively the issue of cancelling their registration. However, a right of use of accommodation originated from the moment of state registration of that right, in accordance with the procedure prescribed by law, and not from the moment of obtaining registration at a flat. In addition, the only body competent to terminate that right was a court. This was in fact mentioned by the Court of Cassation in its decision of 23 July 2004, in which it informed the applicant about a possibility to restore her property right by instituting separate court proceedings. Hence, the applicant did not avail herself of the only effective remedy under the domestic law to terminate the children’s alleged right of use of accommodation in respect of her flat. Moreover, it was still open for the applicant to apply to a court and to restore her rights through the court proceedings as suggested by the Court of Cassation.
43. The applicant claimed that she had exhausted all the domestic remedies by lodging a claim against the unlawful acts of the state officials.
44. The Court would like to note at the outset that the finding that the children of the applicant’s late niece enjoyed a right of use of accommodation in respect of the applicant’s flat was made by the Court of Cassation in the proceedings concerning the lawfulness of the refusal by the District Police Department to deregister the children from the applicant’s flat (see paragraph 17 above). The applicant, when lodging the present application with the Court, expressed her grievances with the general situation in which she had found herself, namely the refusal by the authorities to cancel the children’s registration at her flat and the requirement, made therewith, that she pay compensation to the children in order to terminate their right of use of accommodation in respect of her flat. Hence, contrary to what the Government suggested, the applicant complained of a violation of her right to the peaceful enjoyment of her possessions not just because the children of her late niece had been found to enjoy a right of use of accommodation in respect of her flat, but in the context of, and because of, the refusal by the authorities to cancel the children’s registration at her flat.
45. Having said this, the Court further considers that the Government’s claim of non-exhaustion is closely linked to the substance of this complaint and should therefore be joined to the merits.
46. The Court notes that this complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
B. Merits
1. Whether there was an interference with the applicant’s right to the peaceful enjoyment of her possessions
(a) The parties’ submissions
47. The applicant claimed that there had been an interference with the peaceful enjoyment of her possessions. In particular, she could not rent out her flat because of the fact that the children were registered there.
48. The Government submitted that there had been no interference with the applicant’s possessions since the proceedings instituted by the applicant concerned exclusively the issue of cancelling the children’s registration at her flat. In this respect, the Government reiterated that, under Armenian law, the registration of a person at a flat by a passport section of the police did not serve as a legal basis for establishing any property rights in respect of that flat. In particular, registration at the police was nothing but a system of data on permanent, temporary or factual place of residence kept to promote an effective realisation of citizens’ rights and freedoms such as, for example, to vote in an election or to be served a court summons. As to the right of use of accommodation, such right originated only from the moment of its state registration in a manner prescribed by law. Besides, the applicant’s allegation that she was unable to rent out her flat was groundless since there was no evidence in the case indicating that she was ever deprived de jure or de facto of the possibility to do so.
(b) The Court’s assessment
49. The Court reiterates that the essential object of Article 1 of Protocol No. 1 is to protect a person against unjustified interference by the State with the peaceful enjoyment of his or her possessions. However, by virtue of Article 1 of the Convention, each Contracting Party “shall secure to everyone within [its] jurisdiction the rights and freedoms defined in [the] Convention”. The discharge of this general duty may entail positive obligations inherent in ensuring the effective exercise of the rights guaranteed by the Convention. In the context of Article 1 of Protocol No. 1, those positive obligations may require the State to take the measures necessary to protect the right of property (see Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 143, ECHR 2004 V).
50. In the present case, the applicant complained that the Armenian authorities, by refusing to deregister the children of her late niece from her flat and requiring her to pay them compensation in order to terminate their right of use of accommodation in respect of the flat, interfered with the peaceful enjoyment of her possessions. Hence, the Court considers that the present case concerns a dispute which falls into the sphere of public law and administrative discretion as opposed to private law. In this sense, the question of possible interference is closely linked to the further examination of the merits of the complaint. Therefore, the Court must examine as a whole the applicant’s complaint concerning a violation of her right to the peaceful enjoyment of possessions due to the impossibility to deregister the children from her flat.
51. As to the nature of the interference, the Court notes that there was no deprivation of property in the present case. Furthermore, the children’s continued registration at the applicant’s flat did not amount de jure to a control of use of property since Armenian legislation did not impose any restrictions in this respect on the applicant’s ownership rights. It must be noted that the applicant had failed to submit any proof in support of her allegation that she had been unable to rent out her flat. On the other hand, the children’s continued registration at the applicant’s flat against her will can be considered as causing considerable annoyance to the applicant as the owner of the flat and therefore, by itself, requiring protection under Article 1 of Protocol No. 1. Moreover, the children’s continued registration can be considered as de facto depriving the applicant of a realistic opportunity to sell her flat to another person. In such circumstances, the Court finds that the alleged interference with the applicant’s right to the peaceful enjoyment of her possessions must be considered as falling under the first sentence of the first paragraph of this Article, namely the peaceful enjoyment of possessions.
2. Whether the interference was justified
(a) Lawfulness
52. The applicant submitted that the refusal to cancel the registration of the children at her flat was unlawful as Government Decree no. 821 did not envisage such ground for refusing removal from the register. Similarly, the Court of Cassation’s findings that the children enjoyed the right of use of accommodation and that she had to pay them compensation in order to terminate that right were unsubstantiated as they were in contradiction of Articles 54 and 59 of the House Code and the above Government Decree.
53. The Government did not make any submissions in this respect.
54. The Court reiterates that the first and most important requirement of Article 1 of Protocol No. 1 is that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful (see Iatridis v. Greece [GC], no. 31107/96, § 58, ECHR 1999-II). However, the existence of a legal basis is not in itself sufficient to satisfy the principle of lawfulness, which also presupposes that the applicable provisions of domestic law are sufficiently accessible, precise and foreseeable in their application. That principle also requires the Court to verify whether the way in which the domestic law is interpreted and applied by the domestic courts produces consequences that are consistent with the principles of the Convention (see, for example, Apostolidi and Others v. Turkey, no. 45628/99, § 70, 27 March 2007).
55. In the present case, the letter of the District Police Department sent to the applicant did not indicate any legal ground on which its refusal to deregister the children was based, but only stated that “according to the relevant rules, the registration of minors could be cancelled only together with the cancellation of the registration of one of their parents; upon an application by the parents or the children’s lawful representatives; in connection with studies; or upon a relevant court order” (see paragraph 11 above). The Arabkir nor Kanaker-Zeytun District Court of Yerevan and the Civil Court of Appeal, when dismissing the applicant’s claim against the District Police Department, found that the latter’s refusal was lawful as based on the Government Decree no. 821 (see paragraphs 13 and 15 above). In turn, as was already mentioned above, the Court of Cassation found that the applicant’s appeal on points of law was unsubstantiated since the children enjoyed a right of use of accommodation in respect of the applicant’s flat and that the applicant could institute proceedings in accordance with Article 225 of the Civil Code in order to terminate their right of use of accommodation by paying them compensation.
56. The Court notes that no concrete provision of the above Decree was specified by the domestic courts when dismissing the applicant’s claim against the police. Instead, for considering that the refusal was lawful, the domestic courts made a general reference to the above Decree. In this respect, the Court would like to point out that the Government Decree no. 821 contains no provision explicitly prohibiting deregistering children from one’s flat on the grounds as mentioned in the letter of 20 January 2004.
57. Besides, the Court of Cassation, in turn, when dismissing the applicant’s appeal on points of law, did not bring any reasons for considering that the children enjoyed a right of use of accommodation in respect of the applicant’s flat. The Court observes that Armenian legislation did not – and does not – link one’s registration at a domicile with the establishment of a right of use of accommodation in respect of that domicile by such person. This was in fact maintained by the Government in their observations. In particular, in accordance with Article 225 § 2 of the Civil Code, a right of use of accommodation could originate only through conclusion of a written agreement with the owner (see paragraphs 28 and 29 above). There was no such agreement between the applicant and the children in the present case. Moreover, before the entry into force of the Civil Code in 1999, the right of use of accommodation was conferred by virtue of being accommodated at a given flat, as provided for by Article 55 of the Housing Code. However, as it was established in the present case, the children had never resided in the applicant’s flat. Hence, it cannot be assumed that the children enjoyed the right of use of accommodation by virtue of the Housing Code either.
58. It can therefore be concluded that both the refusal by the police to deregister the children from the applicant’s flat and the requirement to pay them compensation in order to terminate their right of use of accommodation in respect of the flat in question lacked a clear legal basis. Having reached such conclusion, the Court accordingly considers that the applicant was not required to institute separate proceedings in accordance with Article 225 § 2 in order to terminate the children’s right of use of accommodation by paying them compensation. The Government’s corresponding objection as to non-exhaustion must be therefore dismissed.
59. In general, the Court would like to point out separately that, despite indicating that the registration of minors could be cancelled only together with the cancellation of the registration of one of their parents, neither the District Police Department nor the domestic courts took into account that the children’s registration had not in fact been cancelled together with the cancellation of the registration of their mother at the applicant’s flat back in 1996, while the children had been living together with their father at his place of residence in another town.
60. Based on the foregoing, the Court considers that the manner in which the Armenian authorities refused to cancel the registration of the children at the applicant’s flat, namely by making a general reference to Government Decree no. 821 and requiring her to pay them compensation in order to terminate their alleged right of use of accommodation in respect of the flat, resulted in an unforeseeable application of the domestic law and therefore failed to comply with the principle of lawfulness and the rule of law. It follows that the interference with the applicant’s right to the peaceful enjoyment of her possessions was not provided for by law.
61. Accordingly, there was a violation of Article 1 of Protocol No. 1.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 OF THE CONVENTION
62. The applicant complained under Article 6 of the Convention that the trial was unfair since she had not been notified of the hearing before the Arabkir and Kanaker-Zeytun District Court of Yerevan and had not been given an opportunity to make oral submissions before the Court of Appeal.
63. Having regard to all the material in its possession, and in so far as this complaint falls within its competence, the Court finds that it does not disclose any appearance of a violation of the rights and freedoms set out in the Convention or its Protocols. It follows that this part of the application must be rejected as being manifestly ill-founded, pursuant to Article 35 §§ 3 and 4 of the Convention.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
64. The applicant claimed EUR 8,060 in respect of pecuniary damage which she calculated on the basis of lost income for flat rent. She further claimed EUR 100,000 in respect of non-pecuniary damage required for recovery of her poor health. In this respect, she claimed that she had developed illnesses as a result of the suffering and stress sustained in relation to the violation of her rights.
65. The Government submitted that the applicant’s claim in respect of pecuniary damage had to be dismissed since there was no violation of her rights, because she had not been deprived either de jure or de facto of an opportunity to rent her flat and since there was no causal link between the violation alleged and the pecuniary damage claimed. The same criteria had to be applied in respect of non-pecuniary damage since the applicant, by claiming it, was in fact seeking compensation for medical treatment, which in essence constituted pecuniary damages. Furthermore, the applicant had not adduced any evidence in support of her allegation that her health problems had been linked to the alleged violation of her rights under the Convention. In any event, she had not produced any documentary evidence to substantiate the amount of non-pecuniary damage claimed.
66. The Court notes that there is nothing in the case file to indicate that the applicant could not rent out her flat due to the children’s registration there. There is therefore no causal link between the violation found and the applicant’s claim for lost earnings. Hence, the applicant’s claim for pecuniary damage must be dismissed. At the same time, the Court takes the view that the applicant has suffered non-pecuniary damage as a result of the impossibility to deregister her nephews from her flat. Ruling on an equitable basis, it awards the applicant EUR 3,000 in that respect.
B. Costs and expenses
67. The applicant claimed a total of EUR 1,111 for the costs and expenses including EUR 522 for the legal, notary and court fees as well as transportation costs and different administrative costs, such as postal, typewriting and photocopying incurred during the domestic proceedings and EUR 589 for legal and notary fees as well as postal and translation fees incurred before the Court.
68. The Government claimed that the applicant had failed to submit any evidence that those expenses had been actually incurred. Besides, as regards the payments to the legal representative and expenses incurred in relation to the submission of the application to the Court, the applicant failed to prove that those were necessary and reasonable.
69. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and were reasonable as to quantum. In this respect, the Court notes that the applicant had failed to submit any documentary proof substantiating her claims for costs and expenses. In any event, the applicant had been granted legal aid by the Court. The Court therefore decides not to make any award to the applicant under this head.
C. Default interest
70. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Decides to join to the merits the Government’s objection as to non-exhaustion of domestic remedies and rejects it;

2. Declares the complaint concerning an interference with the applicant’s right to the peaceful enjoyment of her possessions admissible and the remainder of the application inadmissible;

3. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1;

4. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicant, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 3,000 (three thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of non-pecuniary damage, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

5. Dismisses the remainder of the applicant’s claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 2 October 2012, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Registrar President

TESTO TRADOTTO



TERZA SEZIONE
Conclusioni:
Eccezione preliminare congiunse a meriti e respinta (Articolo 35-1 - l'Esaurimento di via di ricorso nazionali)
Resto inammissibile
Violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 - Protezione di proprietà (l'Articolo 1 parà. 1 di Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo di proprietà)
Danno non-patrimoniale - l'assegnazione






CAUSA ANTONYAN C. ARMENIA

(Richiesta n. 3946/05)








SENTENZA




STRASBOURG

2 ottobre 2012



Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.

Nella causa Antonyan c. Armenia,
La Corte europea di Diritti umani (terza Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Josep Casadevall, Presidente
Egbert Myjer,
Corneliu Bîrsan,
Alvina Gyulumyan,
Luis López Guerra,
Nona Tsotsoria,
Kristina Pardalos, judges,and
Santiago Quesada, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato 11 settembre 2012,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 3946/05) contro la Repubblica dell'Armenia depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con un cittadino Armeno, OMISSIS (“il richiedente”), 17 gennaio 2005.
2. Il richiedente che era stato accordato patrocinio gratuito fu rappresentato con OMISSIS, un avvocato che pratica in Hoenheim, Francia. Il Governo Armeno (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig. G. Kostanyan, Rappresentante della Repubblica dell'Armenia alla Corte europea di Diritti umani.
3. Il richiedente addusse che le autorità Armene, con rifiutando di annullare la registrazione al suo appartamento dei due figli di sua defunta nipote e costringendola a pagarli il risarcimento per terminare il loro diritto di uso di alloggio in riguardo di che appartamento, interferito col godimento tranquillo delle sue proprietà come garantito con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
4. 2 febbraio 2007 la richiesta fu comunicata al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti della richiesta allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1).
I FATTI
IO. LE CIRCOSTANZE DI LA CAUSA
5. Il richiedente nacque nel 1937 e vive in Yerevan. Lei è un'invalida di secondo-grado.
6. Lo Stato assegnò al richiedente un appartamento in Yerevan sul diritto di affitto su una data non specificata durante il periodo sovietico.
7. Nel 1981 la nipote del richiedente che si era trasferita a Yerevan per studiare registrazione ottenuta all'appartamento del richiedente col beneplacito secondo. Nel 1986 lei si ritrasferì alla città di Hrazdan senza annullare la sua registrazione. Nel 1989 la nipote del richiedente si sposò, e lei partorì rispettivamente due figli nel 1989 e 1991. Sul beneplacito del richiedente, i figli furono registrati anche all'appartamento del richiedente così che loro potrebbero ricevere cura medica dal suo indirizzo.
8. 11 febbraio 1993 il richiedente acquisì proprietà dell'appartamento che fu autenticato 19 febbraio 1993.
9. Nel 1996 la nipote del richiedente passò via. La sua registrazione all'appartamento del richiedente fu annullata successivamente.
10. 26 dicembre 2003 il richiedente fece domanda al Kanaker-Zeytun Distretto Polizia Settore di Yerevan (in futuro il Settore della Polizia del Distretto) cercando di annullare la registrazione dei figli.
11. Con una lettera di 20 gennaio 2004 il Settore della Polizia del Distretto informò il richiedente del suo rifiuto per annullare la registrazione dei figli sulla base che, secondo gli articoli attinenti, la registrazione di minors potrebbe essere annullata solamente insieme con l'annullamento della registrazione di uno dei loro genitori; su una richiesta coi genitori o i rappresentanti legali dei figli; nel collegamento con studi; o su un ordine della corte attinente.
12. Su una data non specificata, il richiedente contestò questo rifiuto di fronte alle corti, mentre cercando di obbligare il Settore della Polizia del Distretto a deregister i figli e chiedendo che i secondi non avevano vissuto mai nel suo appartamento.
13. 15 marzo 2004 l'Arabkir e Corte distrettuale di Kanaker-Zeytun di Yerevan respinsero l'azione di reclamo del richiedente, mentre trovò che il rifiuto era legale come il Settore della Polizia del Distretto aveva agito in conformità con Governo Decreto n. 821 25 dicembre 1998. Secondo il testo della sentenza, le parti erano state notificate debitamente dell'udienza ma non erano riuscite a sembrare. Secondo il richiedente, lei non fu notificata di quel ascolti.
14. 25 marzo 2004 il richiedente depositò un ricorso.
15. 8 giugno 2004 la Corte d'appello Civile respinse il ricorso del richiedente sulla stessa base. Secondo il testo di questa sentenza, il richiedente ed il suo rappresentante fecero osservazioni orali all'udienza di corte. Secondo il richiedente, né lei né il suo rappresentante, furono dati l'opportunità di rendere qualsiasi le osservazioni orali. Sembra inoltre che il padre dei figli era presente al ricorso ascolti e petitioned per respingere la rivendicazione del richiedente.
16. Su una data non specificata, il richiedente depositò un ricorso su questioni di diritto.
17. 23 luglio 2004 la Corte di Cassazione respinse il suo ricorso che trova quel:
“Secondo Articolo 225 del Codice civile, se nessun accordo è giunto alla conclusione del diritto di uso di alloggio, questo diritto può essere terminato sulla richiesta del proprietario per atti con pagando il risarcimento equivalente al valore di mercato.
In simile circostanze, gli argomenti sollevati nel ricorso su questioni di diritto sono non comprovati, fin dal diritto di uso di alloggio goduto con [i figli] può essere terminato solamente in conformità con Articolo 225 del Codice civile...”
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. L'Alloggio Codice di 1982 (più in vigore da 26 novembre 2005)
18. Secondo Articolo 4, palazzi ed alloggio nelle altre costruzioni situati sul territorio dell'Armenia comprenda il finanziamento di alloggio.
19. Secondo Articolo 9, cittadini sono concessi per ricevere alloggio in alloggi dello Stato ed il finanziamento di alloggio pubblico per una procedura prescritta.
20. Sulla base della decisione il comitato esecutivo ed attinente fornirà al cittadino un ordine come il quale notificherà per assegnare alloggio in un edificio del finanziamento di alloggio Statale o pubblico, secondo Articolo 49, il risuoli base per occupare l'alloggio assegnato.
21. Secondo Articolo 51, l'accordo di affitto di alloggio in riguardo degli edifici del finanziamento di alloggio Statale e pubblico sarà concluso per iscritto, sulla base dell'ordine di alloggio, fra il locatore, vale a dire l'organizzazione che maneggia il mantenimento dell'edificio, e l'inquilino, vale a dire il cittadino in cui nome che la ricevuta è stata offerta. Alloggio negli edifici del finanziamento di alloggio Statale e pubblico sarà usato in conformità con l'accordo di affitto di alloggio.
22. Secondo Articolo 53, i membri di famiglia dell'inquilino che vivono con lui godranno ugualmente tutti i diritti e sopporteranno tutte le responsabilità che scaturiscono dall'accordo di affitto di alloggio.
23. Secondo Articolo 54, i membri di famiglia dell'inquilino includono il suo consorte, i loro figli e genitori. Gli altri individui possono essere riconosciuti come i membri di famiglia dell'inquilino, se loro vivono con l'inquilino e corrono una famiglia comune.
24. Secondo Articolo 55, l'inquilino ha il diritto, col beneplacito di membri della famiglia che risiede con lui accomodare il suo consorte, figli, genitori e le altre persone nell'alloggio occupò con lui. Persone che sono state accomodate nell'alloggio secondo questo Articolo acquisiranno il diritto di uso di che alloggio ugualmente con le altre persone che risiedono là, a meno che a dell'altro accordo è stato giunto, al tempo quando queste persone furono accomodate, fra l'inquilino e membri della sua famiglia che risiede con lui.
25. Secondo Articolo 59, in causa dell'assenza provvisoria dell'inquilino o il suo membro di famiglia l'alloggio sarà tenuto per loro per un periodo che non eccede sei mesi. Una persona può perdere il suo diritto di uso di alloggio con una decisione di corte come un risultato di essere assente per un periodo che eccede il tempo-limite prescritto sulla base di una richiesta registrato con l'inquilino o gli altri utenti permanenti dell'alloggio in oggetto.
B. Il Codice civile (in vigore da 1 gennaio 1999)
26. Secondo Articolo 23 § 2, la residenza di minors sotto l'età di quattordici sarà considerata la residenza dei loro rappresentanti legali, come, inter alia, i loro genitori.
27. Secondo Articolo 163 § 1, il diritto di uso implica la possibilità riconosciuta con legge per mietere le naturali qualità utili di una proprietà ed a “il beneficio” da sé.
28. Secondo Articolo 225 § 1, come in vigore al tempo di materiale, i membri di famiglia del proprietario di alloggio e gli altri individui hanno diritto ad usare l'alloggio, se che diritto è stato registrato in conformità con la procedura prescritta con la Legge sulla Registrazione Statale di Proprietà Diritti.
29. Secondo Articolo 225 § 2, come in vigore al tempo di materiale, il diritto di uso di alloggio nascerà da, implementerà e terminerà per un accordo scritto ed autenticato col proprietario. Se nessun accordo è giunto alla conclusione del diritto di uso di alloggio, questo diritto può essere terminato sulla richiesta del proprietario per atti con pagando il risarcimento equivalente al valore di mercato.
30. Nella conformità con Articolo 225 § 4, come in vigore al tempo di materiale, una persona che gode il diritto di uso di alloggio può richiedere, che qualsiasi persona, incluso il proprietario elimina le violazioni del suo diritto in riguardo dell'alloggio.
C. Decree n. 272 del Consiglio di Ministri della Socialista Repubblica sovietica ed Armena ed il Repubblicano Consiglio Armeno di Sindacati adottarono sulla Vendita di Appartamenti in Edifici dell'Alloggio Fondo Statale e Pubblico a Cittadini come Proprietà Privata (13 giugno 1989)
31. Secondo Paragrafo 20, appartamenti in edifici del finanziamento di alloggio Statale e pubblico saranno venduti come proprietà privata agli inquilini degli appartamenti in oggetto ed i loro membri di famiglia indicarono in Articolo 54 dell'Alloggio Programmi, se là è scritto beneplacito da tutti i membri di famiglia adulti. L'appartamento può essere venduto a loro come un bene comune, se loro così desidera.
D. Governo Decreto n. 821 25 dicembre 1998 che Approva le Regolamentazioni del Passaporto Sistema di Armenia e la Descrizione di Passaporto di un Cittadino dell'Armenia (in vigore da 25 dicembre 1988)
32. Secondo Paragrafo 20, come in vigore al tempo di materiale, registrazione e deregistration di cittadini sarà implementato per il fine di assicurare le condizioni necessarie per il godimento con loro dei loro diritti e le libertà così come per l'adempimento dei loro obblighi di fronte ai cittadini Statali ed altri.
33. Secondo Paragrafo 21, come in vigore al tempo di materiale, cittadini saranno registrati a solamente uno indirizzo al loro posto provvisorio o permanente di residenza.
34. Secondo Paragrafo 22, come in vigore al tempo di materiale, alloggio in riguardo del quale un cittadino non ha il diritto di proprietà, affitto o supplire-affitto, e quale non è la sua residenza permanente sarà considerato la sua residenza provvisoria.
35. Secondo Paragrafo 23, come in vigore al tempo di materiale, il posto dove un cittadino vive sarà considerato permanentemente o prevalentemente la sua residenza permanente.
36. Secondo Paragrafo 29, la richiesta di un cittadino per essere registrato ad una residenza provvisoria può essere rifiutata, se non c'è beneplacito scritto da, inter alia, il proprietario dell'alloggio. Figli minori saranno registrati, irrispettoso di se là è scritto beneplacito dal proprietario, al posto di registrazione di uno dei genitori o il loro rappresentante legale.
37. Secondo Paragrafo 39, la registrazione di minors sotto l'età di sedici chi vivono coi loro genitori sarà reso per un'entrata attinente nella scheda di alloggio o la scheda di registrazione del genitore sulla base dell'identità di ' di genitori documenta ed il certificato di nascita minore.
38. Secondo Paragrafo 44, la registrazione di cittadini registrata ad un posto provvisorio o permanente di residenza sarà annullata in causa di, inter l'alia, cambio di residenza, morte o se i documenti ed informazioni che notificarono come una base per la registrazione fossero false. Le autorità in accusa di registrazione annulleranno la registrazione del cittadino alla residenza permanente sulla base di documenti entro tre giorni e faranno un'entrata attinente nel suo passaporto.
LA LEGGE
IO. SFERA DI LA CAUSA
39. La Corte nota che 12 settembre e 13 ottobre 2007 il richiedente, nelle sue osservazioni sull'azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, anche addusse una violazione dei suoi diritti sotto Articolo 6 e 8 della Convenzione.
40. Nella prospettiva della Corte, queste azioni di reclamo nuove non sono un'elaborazione delle azioni di reclamo originali del richiedente sollevata nel modulo di domanda depositato prima con la Corte più di due anni. La Corte considera, perciò, che ora non è appropriato per prendere su queste questioni nel contesto presente (veda Skubenko c. l'Ucraina (il dec.), n. 41152/98, 6 aprile 2001).
II. Violazione allegato Di Articolo 1 Di Protocollo N.ro 1
41. Il richiedente si lamentò che le autorità Armene, con rifiutando di annullare la registrazione dei figli al suo appartamento e costringendola a pagarli il risarcimento per terminare il loro diritto di uso di alloggio in riguardo dell'appartamento interferirono col godimento tranquillo delle sue proprietà. In questo riguardo, lei invocò Articolo 1 di Protocollo No.1 che legge siccome segue:
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Ammissibilità di A.
42. Il Governo presentò che il richiedente non riuscì ad esaurire le via di ricorso nazionali. In particolare, loro dissero che, nonostante il fatto che il richiedente addusse una violazione del suo diritto al godimento tranquillo delle sue proprietà perché i figli di sua defunta nipote goderono un diritto di uso di alloggio in riguardo del suo appartamento, i procedimenti avviati con lei prima che le corti nazionali concernerono esclusivamente il problema di annullare la loro registrazione. Comunque, un diritto di uso di alloggio nacque da dal momento di registrazione statale di che diritto, in conformità con la procedura prescritta con legge e non dal momento di ottenere registrazione ad un appartamento. In oltre, il corpo solo competente terminare che diritto era una corte. Questo era infatti menzionò con la Corte di Cassazione nella sua decisione di 23 luglio 2004 nella quale informò il richiedente di una possibilità di ripristinare il suo diritto di proprietà con avviando atti separati. Da adesso, il richiedente non si giovò a della via di ricorso effettiva e sola sotto il diritto nazionale terminare il diritto allegato dei figli di uso di alloggio in riguardo del suo appartamento. Ancora era inoltre, aperto per il richiedente per fare domanda ad una corte e ripristinare i suoi diritti per gli atti siccome suggerito con la Corte di Cassazione.
43. Il richiedente affermò che lei aveva esaurito tutte le via di ricorso nazionali con depositando una rivendicazione contro gli atti illegali degli ufficiali statali.
44. Alla Corte piacerebbe notare all'inizio che la sentenza che i figli della defunta nipote del richiedente goderono un diritto di uso di alloggio in riguardo dell'appartamento del richiedente fu reso con la Corte di Cassazione nei procedimenti riguardo alla legalità del rifiuto col Settore della Polizia del Distretto a deregister i figli dall'appartamento del richiedente (veda paragrafo 17 sopra). Il richiedente, quando depositando la richiesta presente con la Corte, espresse i suoi danni con la situazione generale nella quale lei si era trovata, vale a dire il rifiuto con le autorità per annullare la registrazione dei figli al suo appartamento ed il requisito, therewith reso che lei paga il risarcimento ai figli per terminare il loro diritto di uso di alloggio in riguardo del suo appartamento. Da adesso, contrari a che che suggerì il Governo, il richiedente si lamentò di una violazione del suo diritto al godimento tranquillo delle sue proprietà non equo perché i figli di sua defunta nipote erano stati trovati godere un diritto di uso di alloggio in riguardo del suo appartamento, ma nel contesto di, ed a causa di, il rifiuto con le autorità per annullare la registrazione dei figli al suo appartamento.
45. Avendo detto questo, la Corte considera inoltre che la rivendicazione del Governo della non-esaurimento è collegata da vicino alla sostanza di questa azione di reclamo e dovrebbe essere congiunta perciò ai meriti.
46. La Corte nota che questa azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
B. Merits
1. Se c'era un'interferenza col diritto del richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà
(un) Le parti le osservazioni di '
47. Il richiedente affermò che c'era stata un'interferenza col godimento tranquillo delle sue proprietà. In particolare, lei poteva non lacerato fuori il suo appartamento a causa del fatto che i figli furono registrati là.
48. Il Governo presentò che non c'era stata interferenza con le proprietà del richiedente poiché i procedimenti avviarono col richiedente concernè esclusivamente il problema di annullare la registrazione dei figli al suo appartamento. In questo riguardo, il Governo reiterò, che, sotto legge Armena, la registrazione di una persona ad un appartamento con una sezione di passaporto della polizia non notificò come una base legale per stabilire qualsiasi diritti di proprietà in riguardo di quel l'appartamento. In particolare, registrazione alla polizia non era nulla ma un sistema di dati su residenza permanente, provvisoria o che riguarda i fatti tenne promuovere una realizzazione effettiva di cittadini i diritti di ' e le libertà come, per esempio votare in un'elezione o essere notificato una citazione di corte. Come al diritto di uso di alloggio, simile diritto nacque da solamente dal momento della sua registrazione statale in una maniera prescritta con legge. Inoltre, la dichiarazione del richiedente che lei non era capace di affittare fuori il suo appartamento era infondato poiché non c'era prova nella causa che indica che lei mai fu spogliata jure del de o de facto della possibilità di fare così.
(b) la valutazione di La Corte
49. La Corte reitera che l'oggetto essenziale di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è proteggere una persona contro interferenza ingiustificata con lo Stato col godimento tranquillo di suo o le sue proprietà. Comunque, con virtù di Articolo 1 della Convenzione, ogni Parte Contraente “garantirà ad ognuno entro [suo] la giurisdizione i diritti e le libertà definirono in [il] la Convenzione.” Il pagamento di questo dovere generale può comportare obblighi positivi inerenti nell'assicurare l'esercizio effettivo dei diritti garantito con la Convenzione. Nel contesto di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, quegli obblighi positivi possono costringere lo Stato a prendere le misure necessarie proteggere il diritto di proprietà (veda Broniowski c. la Polonia [GC], n. 31443/96, § 143 il 2004-V di ECHR).
50. Al giorno d'oggi la causa, il richiedente si lamentò che le autorità Armene, rifiutando a deregister i figli di sua defunta nipote dal suo appartamento e costringendola a pagarli il risarcimento per terminare il loro diritto di uso di alloggio in riguardo dell'appartamento interferirono col godimento tranquillo delle sue proprietà. Da adesso, la Corte considera che la causa presente concerne una controversia come la quale incorre nella sfera di legge pubblica e la discrezione amministrativa opposta a legge privata. In questo senso, la questione di possibile interferenza è collegata da vicino all'ulteriore esame dei meriti dell'azione di reclamo. Perciò, la Corte deve esaminare nell'insieme l'azione di reclamo del richiedente riguardo ad una violazione del suo diritto al godimento tranquillo di proprietà a causa dell'impossibilità a deregister i figli dal suo appartamento.
51. Come alla natura dell'interferenza, la Corte nota, che non c'era nessuna privazione di proprietà nella causa presente. Inoltre, la registrazione continuata dei figli all'appartamento del richiedente non corrispose jure del de ad un controllo di uso di proprietà poiché legislazione Armena non impose qualsiasi restrizioni in questo riguardo sui diritti di proprietà del richiedente. Si deve notare che il richiedente non era riuscito a presentare qualsiasi prova in appoggio della sua dichiarazione che lei non era stata capace di affittare fuori il suo appartamento. D'altra parte la registrazione continuata dei figli all'appartamento del richiedente contro la sua volontà si può considerare siccome provocando seccatura considerevole al richiedente come il proprietario dell'appartamento e perciò, da solo, richiedendo protezione sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Inoltre, la registrazione continuata dei figli può essere considerata come privare de facto il richiedente di un'opportunità realistica di vendere il suo appartamento ad un'altra persona. In simile circostanze, i costatazione di Corte che l'interferenza allegato col diritto del richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà deve essere considerata come incorrere la prima frase del primo paragrafo di questo Articolo sotto, vale a dire il godimento tranquillo di proprietà.
2. Se l'interferenza fu giustificata
(un) la Legalità
52. Il richiedente presentò che il rifiuto per annullare la registrazione dei figli al suo appartamento era illegale come Governo Decreto n. 821 non previdero così basi per rifiutare l'allontanamento dal registro. Similmente, la Corte delle sentenze della Cassazione che i figli goderono il diritto di uso di alloggio e che lei doveva pagarli il risarcimento per terminare che diritto sia non comprovato siccome loro erano in contraddizione di Articoli 54 e 59 della Casa Programmano ed il Decreto Statale e sopra.
53. Il Governo non rese qualsiasi osservazioni in questo riguardo.
54. La Corte reitera che il primo e la maggior parte di importante requisito di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è che qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale (veda Iatridis c. la Grecia [GC], n. 31107/96, § 58 ECHR 1999-II). L'esistenza di una base legale non è in se stesso comunque, sufficiente per soddisfare il principio di legalità che anche presuppone che le disposizioni applicabili di diritto nazionale sono sufficientemente accessibili, precise e prevedibili nella loro richiesta. Che principio costringe anche la Corte a verificare se il modo dove il diritto nazionale è interpretato e fece domanda con le corti nazionali produce conseguenze che sono coerenti coi principi della Convenzione (veda, per esempio, Apostolidi ed Altri c. la Turchia, n. 45628/99, § 70 27 marzo 2007).
55. Al giorno d'oggi la causa, la lettera del Settore della Polizia del Distretto spedita al richiedente non indicò qualsiasi base legale su che il suo rifiuto a deregister i figli furono basati, ma solamente affermò che “secondo gli articoli attinenti, la registrazione di minors potrebbe essere annullata solamente insieme con l'annullamento della registrazione di uno dei loro genitori; su una richiesta coi genitori o i rappresentanti legali dei figli; nel collegamento con studi; o su un ordine della corte attinente” (veda paragrafo 11 sopra). L'Arabkir né Corte distrettuale di Kanaker-Zeytun di Yerevan e la Corte d'appello Civile, quando respingendo la rivendicazione del richiedente contro il Settore della Polizia del Distretto, fondi che il rifiuto secondo era legale come basato sul Decreto Statale n. 821 (veda divide in paragrafi 13 e 15 sopra). A turno, siccome già fu menzionato sopra, la Corte di Cassazione fondò che il ricorso del richiedente su questioni di diritto era non comprovato poiché i figli goderono un diritto di uso di alloggio in riguardo dell'appartamento del richiedente e che il richiedente potesse avviare procedimenti in conformità con Articolo 225 del Codice civile per terminare il loro diritto di uso di alloggio con pagandoli il risarcimento.
56. La Corte nota che nessuna disposizione concreta del Decreto sopra fu specificata con le corti nazionali quando respingendo la rivendicazione del richiedente contro la polizia. Invece, per considerare che il rifiuto era legale, le corti nazionali fecero un riferimento generale al Decreto sopra. In questo riguardo, la Corte piacerebbe indicare che il Decreto Statale n. 821 non contengono nessuna disposizione che proibisce esplicitamente figli di deregistering dall'appartamento di uno per motivi siccome menzionato nella lettera di 20 gennaio 2004.
57. Inoltre, la Corte di Cassazione, a turno, quando respingendo il ricorso del richiedente su questioni di diritto, non porti qualsiasi ragioni per considerare che i figli goderono un diritto di uso di alloggio in riguardo dell'appartamento del richiedente. La Corte osserva che legislazione Armena non faceva-e non fa-il collegamento la registrazione di uno ad un domicilio con la costituzione di un diritto di uso di alloggio in riguardo di che domicilio con simile persona. Questo era infatti sostenne col Governo nelle loro osservazioni. In particolare, nella conformità con Articolo 225 § 2 del Codice civile, un diritto di uso di alloggio potrebbe nascere da solamente per conclusione di un accordo scritto col proprietario (veda divide in paragrafi 28 e 29 sopra). C'era nessuno simile accordo fra il richiedente ed i figli nella causa presente. Di fronte all'entrata in vigore del Codice civile nel 1999, il diritto di uso di alloggio fu conferito inoltre, con virtù di essere accomodato ad un appartamento determinato, come previsto per con Articolo 55 dell'Alloggio Codice. Comunque, come sé fu stabilito nella causa presente, i figli non avevano risieduto mai nell'appartamento del richiedente. Da adesso, non si può presumere che i figli goderono il diritto di uso di alloggio con virtù dell'Alloggio Codice uno.
58. Può essere concluso perciò che sia il rifiuto con la polizia a deregister ai figli dall'appartamento del richiedente ed il requisito per pagarli il risarcimento per terminare il loro diritto di uso di alloggio in riguardo dell'appartamento in oggetto mancò una base legale e chiara. Essendo giunto a simile conclusione, la Corte considera di conseguenza che il richiedente non fu costretto ad avviare procedimenti separati in conformità con Articolo 225 § 2 per terminare il diritto dei figli di uso di alloggio con pagandoli il risarcimento. Il Governo sta corrispondendo eccezione come alla non-esaurimento deve essere respinto perciò.
59. In generale, alla Corte piacerebbe indicare separatamente che, nonostante indicando che la registrazione di minors potrebbe essere annullata solamente insieme con l'annullamento della registrazione di uno dei loro genitori, né il Settore della Polizia del Distretto né le corti nazionali, presero in considerazione che la registrazione dei figli non aveva infatti stato annullato insieme indietro con l'annullamento della registrazione di loro madre all'appartamento del richiedente nel 1996, mentre i figli stavano vivendo insieme con loro padre alla sua residenza in un'altra città.
60. Basato sul precedente, la Corte considera che la maniera nella quale le autorità Armene rifiutarono di annullare la registrazione dei figli all'appartamento del richiedente, vale a dire con facendo un riferimento generale a Governo Decreto n. 821 e costringendola a pagarli il risarcimento per terminare il loro diritto allegato di uso di alloggio in riguardo dell'appartamento, diede luogo ad una richiesta imprevedibile del diritto nazionale e perciò non riuscì ad attenersi col principio della legalità e l'articolo di legge. Segue che l'interferenza col diritto del richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà non fu offerta per con legge.
61. C'era di conseguenza, una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
III. VIOLAZIONE ALLEGATO DI ARTICOLO 6 DI LA CONVENZIONE
62. Il richiedente si lamentò Articolo 6 della Convenzione sotto che il processo era ingiusto poiché lei non era stata notificata dell'udienza di fronte all'Arabkir e Corte distrettuale di Kanaker-Zeytun di Yerevan e non era stata data un'opportunità di fare osservazioni orali di fronte alla Corte d'appello.
63. Avendo riguardo ad a tutto il materiale nella sua proprietà, ed in finora come questa azione di reclamo incorre all'interno della sua competenza, i costatazione di Corte che non rivela qualsiasi comparizione di una violazione dei diritti e le libertà espose fuori nella Convenzione o i suoi Protocolli. Segue che questa parte della richiesta deve essere respinta come essendo mal-fondata manifestamente, facendo seguito ad Articolo 35 §§ 3 e 4 della Convenzione.
IV. La richiesta Di Articolo 41 Di La Convenzione
Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se i costatazione di Corte che c'è stata una violazione della Convenzione o i Protocolli inoltre, e se la legge interna della Parte Contraente ed Alta riguardasse permette a riparazione solamente parziale di essere resa, la Corte può, se necessario, riconosca la soddisfazione equa alla vittima.”
A. Damage
64. Il richiedente chiese EUR 8,060 in riguardo di danno patrimoniale che lei calcolò sulla base di reddito perduto per affitto di appartamento. Lei disse inoltre EUR 100,000 in riguardo di danno non-patrimoniale richiesto per ricupero della sua salute povera. In questo riguardo, lei disse, che lei aveva sviluppato malattie come un risultato della sofferenza e stress subito in relazione alla violazione dei suoi diritti.
65. Il Governo presentò che la rivendicazione del richiedente in riguardo di danno patrimoniale doveva per essere respinto da allora non c'era nessuna violazione dei suoi diritti, perché lei non era stata spogliata jure del de o de facto di un'opportunità di affittare il suo appartamento e non c'era da allora collegamento causale fra la violazione addotta ed il danno patrimoniale chiese. Lo stesso criterio aveva essere fatto domanda in riguardo di danno non-patrimoniale fin dal richiedente, con chiedendolo era infatti chiedendo il risarcimento per trattamento medico che in essenza costituì danni patrimoniali. Inoltre, il richiedente non aveva addotto qualsiasi prova in appoggio della sua dichiarazione che i suoi problemi di salute erano stati collegati alla violazione allegato dei suoi diritti sotto la Convenzione. In qualsiasi l'evento, lei non aveva prodotto qualsiasi prova documentaria per provare l'importo di danno non-patrimoniale chiesto.
66. La Corte nota che non c'è niente nell'archivio di causa per indicare che il richiedente poteva non lacerato là fuori la sua quota piatta alla registrazione dei figli. Non c'è perciò collegamento causale fra la violazione trovata e la rivendicazione del richiedente per guadagni perduti. Da adesso, la rivendicazione del richiedente per danno patrimoniale deve essere respinta. Allo stesso tempo, la Corte prende la prospettiva che il richiedente ha sofferto di danno non-patrimoniale come un risultato dell'impossibilità a deregister i suoi nipoti dal suo appartamento. Decidendo su una base equa, assegna EUR 3,000 il richiedente in quel il riguardo.
Costi di B. e spese
67. Il richiedente chiese un totale di EUR 1,111 per i costi e spese incluso EUR 522 per il legale, notaio e parcelle di corte così come trasporto costa e costi amministrativi e diversi, come postale, dattilografando e photocopying incorsero in durante i procedimenti nazionali ed EUR 589 per legale e parcelle di notaio così come postale e parcelle di traduzione incorsero in di fronte alla Corte.
68. Il Governo affermò che il richiedente non era riuscito a presentare qualsiasi prova che quelle spese davvero erano state incorse in. Inoltre, come riguardi i pagamenti al rappresentante legale e spese incorsero in in relazione all'osservazione della richiesta alla Corte, il richiedente non riuscì a provare che quegli erano necessari e ragionevoli.
69. Secondo la causa-legge della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum. In questo riguardo, la Corte nota, che il richiedente non era riuscito a presentare qualsiasi prova documentaria che prova le sue rivendicazioni per costi e spese. In qualsiasi l'evento, il richiedente era stato accordato patrocinio gratuito con la Corte. La Corte decide perciò di non rendere qualsiasi assegnazione al richiedente sotto questo capo.
Interesse di mora di C.
70. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE UNANIMAMENTE
1. Decide di congiungere ai meriti l'eccezione del Governo come alla non-esaurimento di via di ricorso nazionali e lo respinge;

2. Dichiara l'azione di reclamo riguardo ad un'interferenza col diritto del richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;

3. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1;

4. Sostiene
(un) che lo Stato rispondente è pagare il richiedente, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 3,000 (tre mila euros), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno non-patrimoniale per essere convertito nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile alla data di accordo;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

5. Respinge il resto della rivendicazione del richiedente per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 2 ottobre 2012, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Santiago Quesada Josep Casadevall
Cancelliere Presidente



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 03/08/2020.