Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF MANUSHAQE PUTO AND OTHERS v. ALBANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 13, 35, 06, 46, 37, 39

NUMERO: 604/07/2012
STATO: Albania
DATA: 31/07/2012
ORGANO: Sezione Quarta


TESTO ORIGINALE



Conclusions: Preliminary objection joined to merits and dismissed (Article 35-1 - Exhaustion of domestic remedies)
Violation of Article 13 - Right to an effective remedy (Article 13 - Effective remedy)
Violation of Article 6 - Right to a fair trial (Article 6 - Enforcement proceedings Article 6-1 - Reasonable time)
Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful enjoyment of possessions)
Pecuniary and non-pecuniary damage - award

FOURTH SECTION




CASE OF MANUSHAQE PUTO AND OTHERS v. ALBANIA

(Applications nos. 604/07, 43628/07, 46684/07 and 34770/09)










JUDGMENT


STRASBOURG

31 July 2012



This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

In the case of Manushaqe Puto and Others v. Albania,
The European Court of Human Rights (Fourth Section), sitting as a Chamber composed of:
Lech Garlicki, President,
David Thór Björgvinsson,
Päivi Hirvelä,
George Nicolaou,
Ledi Bianku,
Zdravka Kalaydjieva,
Nebojša Vučinić, judges,
and Lawrence Early, Section Registrar,
Having deliberated in private on 10 July 2012,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in eight applications (nos. 604/07, 43628/07, 34770/09) against the Republic of Albania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by twenty Albanian nationals, OMISSIS, (no. 43628/07), OMISSIS (no. 46684/07) and OMISSIS (no. 34770/09) on 16 November 2006, 4 October 2007, 9 October 2007 and 18 June 2009, respectively.
2. The applicants were represented by OMISSIS, lawyers practising in Tirana. The Albanian Government (“the respondent Government”) were represented by their then Agents, Ms S. Mëneri, Mrs. E. Hajro and, subsequently, by Ms L. Mandia of the State Advocate’s Office.
3. The applicants alleged that there had been a breach of Articles 6 § 1 and 13 of the Convention and of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention as a result of the non-enforcement of final administrative decisions awarding them compensation in lieu of the restitution of their properties.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
A. Application no. 604/07: Manushaqe Puto
4. The applicants were born in 1925, 1925, 1929, 1958 and 1964. They all live in Albania.
5. On 27 July 1995 the Vlora Commission recognised the applicants’ inherited property title to a plot of land measuring 5,000 sq. m. It further decided that the applicants would be compensated in one of the ways provided for by law.
6. The applicants sent various letters to the Commission in 1995, 1996 and 2002 about the issue of compensation but did not receive an official response.
7. On 30 March 2007 the Agency informed the applicants that it was in the process of determining the property valuation maps and allocating the appropriate funds. The outcome would pave the way for the establishment of the criteria for compensation claims.
8. On 6 October 2008 the Agency’s director decided proprio motu to verify the lawfulness of the 1995 Vlora Commission decision. To date, no other decision has been taken and the 1995 Commission decision continues to remain unenforced.
B. Application no. 43628/07: Dani
9. The applicants were born in 1937, 1941, 1944, 1950, 1936, 1960, 1962 and 1968. They all live in Albania.
10. On 31 October 1994 the Lezhë Commission recognised the applicants’ inherited title to a plot of land measuring 3,434 sq. m, out of which 713 sq. m were restored. The applicants would be compensated for the remaining 2,721 sq. m in one of the ways provided for by law.
11. On an unspecified date the applicants challenged the Commission decision before the court, claiming that a larger area should be restored to them.
12. On 10 December 1996 the Lezhë District Court decided that an additional plot of 1,187 sq. m should be restored to the applicants. Consequently, a total area of 1,900 sq. m was restored to the applicants.
13. However, to date they have not been provided with compensation in respect of the remainder of the property (1,534 sq. m).
C. Application no. 46684/07: Ahmatas and Others
14. The applicants were born in 1928, 1932, 1948, 1949, 1953 and 1957. They all live in Albania.
15. On 19 January 1996 the Korçë Commission recognised the applicants’ inherited title to a plot of land measuring 4,000 sq. m. It decided that, since the plot of land was occupied, the applicants would be compensated in one of the ways provided for by law. To date, the applicants have not been provided with any compensation.
16. On 15 January 1999 the Korçë Commission recognised the applicants’ inherited title over an agricultural plot of land measuring 59,546 sq. m. It decided that the applicants would be compensated in State bonds in the amount of 1,018,236 Albanian leks (“ALL”). To date, the applicants have not been awarded any State bonds or any other form of compensation.
17. The Government submitted that in 2009 the applicants applied for and received compensation in the amount of ALL 2,000,000 in respect of 200 sq. m from the Financial Compensation Fund (“FCF”). No supporting document was submitted.
D. Application no. 34770/09: Muka
18. The applicant was born in 1926 and lives in Albania.
19. On 7 June 1995 the Tirana Commission recognised the applicant’s inherited title to two plots of land measuring 63 sq. m and 597 sq. m, respectively. It further decided that, since the plots of land were occupied, the applicant would be compensated in one of the ways provided for by law. The Commission recognised the applicant’s right to first refusal of two buildings located on the land.
20. On 16 August 1995 the Commission recognised the applicant’s inherited title to another plot of land measuring 800 sq. m, of which 178 sq. m were restored. It decided that, since 622 sq. m were occupied, the applicant would be compensated in one of the ways provided for by law.
21. On an unspecified date the applicant lodged a claim for compensation with the Agency in respect of the Commission decision of 7 June 1995.
22. On 23 February 2009 the Agency dismissed the claim for compensation on the ground that the applicant had already benefited from the restitution of a plot of land measuring 178 sq. m. No appeal was lodged with the Tirana District Court within the statutory 30 days’ period.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW AND PRACTICE
A. The Constitution
23. The relevant provisions of the Albanian Constitution have been described, inter alia, in the judgment of Qufaj Co. Sh.p.k. v. Albania, no. 54268/00, § 21, 18 November 2004.
B. The Property Acts
1. The 1993 Property Act as amended
24. The first law on property restitution and compensation was enacted in 1993 (Law no. 7698 of 15 April 1993 – “the 1993 Property Act”, as amended). The 1993 Property Act has been described in detail in the judgments of Gjonbocari and Others v. Albania, no. 10508/02, §§ 36-43, 23 October 2007, Driza v. Albania, no. 33771/02, §§ 36-43, 13 November 2007, Ramadhi and Others v. Albania, no. 38222/02, §§ 23-30, 13 November 2007. The 1993 Property Act was repealed by the 2004 Property Act.
2. The 2004 Property Act as amended
25. The 2004 Property Act aimed at the restitution of urban, immovable property, which had been expropriated, nationalised or confiscated prior to 29 November 1944. In the impossibility of restoring the original property, it provided for the grant of compensation (sections 1, 2, 3 and 5).
26. Under Article 13 compensation was to be determined on the basis of the property’s market value. The 2004 Property Act, as amended, provided for six forms of compensation: (a) property of the same kind; (b) public property located in tourist areas; (c) property of any other kind; (d) shares in State-owned companies; (e) the value of a State-owned property in the course of privatisation, and (f) a sum of money corresponding to the value attributed to the property at the time of the decision (section 11 as amended).
27. The 2004 Property Act initially instituted local Commissions, whose decisions were amenable to appeal to the State Committee on Property Restitution and Compensation (sections 15-17). In 2006 those institutions were replaced by the Agency for Restitution and Compensation of Properties (“the Agency”) and its regional offices. Decisions of regional Agency offices were open to appeal before the central Agency. Regional Agency offices were subsequently abolished. At present, the Agency is the sole administrative body competent to decide on restitution and compensation claims.
28. Section 23 of the 2004 Act provided for the establishment of a ten year Financial Compensation Fund, whose aim was to provide financial compensation. It further recognised the former owner’s right to receive default interest covering the period running from the recognition of the property right until the award of the financial compensation, calculated at the annual median interest rate of the Bank of Albania. Section 28, as amended, provided for the establishment of the In-kind Compensation Fund (“IkCF”).
29. The 2004 Property Act has been amended at least seven times between 2004 and 2010; deadlines have been repeatedly extended. It has been described in further detail in Eltari v. Albania, no. 16530/06, §§ 27-45, 8 March 2011 and in Çaush Driza v. Albania, no. 10810/05, §§ 18-36, 15 March 2011.
30. Statistics concerning the property restitution and compensation process, as provided for by the Government, are annexed to this judgment.
C. Relevant domestic case-law concerning the 2004 Property Act as amended
31. In the context of the review of the constitutionality of the legislation after its entry into force, the Constitutional Court has been called upon, on several occasions, to rule on whether some of the 2004 Property Act provisions were compatible with the Constitution.
32. In decisions nos. 27 of 26 May 2010 and 43 of 6 October 2011 the Constitutional Court repealed as incompatible with the Constitution a number of the 2004 Property Act provisions, as amended, which empowered the central Agency’s director to re-examine, annul and repeal ex officio Commission decisions. Having regard, inter alia, to this Court’s judgments in the cases of Ramadhi and Others, cited above, and Hamzaraj v. Albania ((no. 1) (no. 45264/04, 3 February 2009)), the Constitutional Court reaffirmed that “Commission decisions were capable of conferring on individuals legal expectations equal to that created by virtue of a court decision which recognises an individual’s property rights”. Consequently, those decisions, which were not administrative acts within the meaning of that legal notion, were directly amenable to judicial review. Moreover, since such decisions had become “final and enforceable”, they could not be subject to review by the Agency’s director, who did “not embody the characteristics of a judicial body or quasi judicial body”.
The nature of Constitutional Court’s decisions
33. The Constitutional Court’s Act (law no. 8577 of 10 February 2000) provides that its decision is erga omnes and binding (section 72 § 7). The decision enters into force on the date of its publication in the Official Journal, save as decided otherwise (section 26). As a general rule, the Constitutional Court’s decision, which repealed an act as incompatible with the Constitution or international agreements, produces effect from its date of entry into force (section 76 § 1). The decision applies retrospectively only: (a) in respect of a criminal punishment even while it is being executed, if it is directly connected with the implementation of the repealed act; (b) in respect of cases that are being examined by domestic courts, as long as no final decision has been taken; and (c) in respect of consequences, yet to be produced, of the repealed act.
D. Principal implementing by-laws concerning the 2004 Property Act as amended
34. Pursuant to the 2004 Property Act, as amended, the Government have adopted a number of by-laws, by way of Council of Ministers’ Decisions (“CMDs”) as described below.
1. CMDs on financial compensation awards
35. Between 2005 and 2011 the authorities issued 6 CMDs in respect of the award of financial compensation to former owners (see Çaush Driza, cited above, §§ 38-43). In 2005 financial compensation was awarded in respect of compensation claims arising out of the Tirana Commission decisions. In 2006 financial compensation was awarded in respect of compensation claims arising out of the decisions of the Tirana and Kavaja Commissions. In 2007 the group of beneficiaries was expanded to include former owners who were in possession of a Commission decision issued with respect to cities for which a property valuation map had been approved and issued. In 2008, 2009 and 2011 all former owners, who were entitled to compensation, following a Commission / regional Agency decision, were eligible to apply for financial compensation. It would appear that no decision was adopted in 2010.
36. According to the CMDs adopted between 2005 and 2009, a claimant, whose right to compensation had been recognised in respect of the entire property, was required to lodge a standard application for financial compensation with the central Agency in Tirana, furnishing, inter alia, the Commission / regional Agency decision that recognised his right to compensation. The 2009 CMD further provided that a former owner was entitled to financial compensation on the condition that s/he had not benefited from: a) previous compensation; b) partial restoration/restitution of the property; c) the right to first refusal; d) the implementation of the Act on the Distribution of Land (Law no. 7501 of 19 July 1991). The 2011 CMD stated that a claimant, holding a final and enforceable decision, in respect of which no compensation had ever been awarded, was entitled to benefit from the award of compensation.
37. Applications would be examined in chronological order on the basis of the Commission/regional Agency decision date and number. The amount of financial compensation, which was to be calculated on the basis of property valuation maps, was limited to a maximum of 200 sq. m during the period between 2005 and 2009. The 2011 CMD established a tiered system according to which the amount of compensation was to be as follows: (a) the equivalent of 200 sq. m in respect of properties measuring up to 1,500 sq. m; (b) the equivalent of 300 sq. m in respect of properties measuring between 1,500 and 3,000 sq. m; (c) the equivalent of 400 sq. m in respect of properties measuring between 3,000 and 5,000 sq. m; (d) the equivalent of 500 sq. m in respect of properties measuring between 5,000 and 10,000 sq. m; (e) the equivalent of 600 sq. m in respect of properties measuring above 10,000 sq. m.
38. The lodging of an application entailed the payment of a processing fee. Claimants who had been unsuccessful in their application for financial compensation in a preceding year were to re-submit their application in the following year(s) once they had paid the processing fee. The 2011 CMD dispensed claimants from re-paying the processing fee in the event they re-submitted their claim for compensation.
2. CMDs on property valuation maps
39. Between 2007 and 2008 the Government approved and issued property valuation maps, which included the reference price per square metre throughout the country (see Çaush Driza, cited above, §§ 44-45). These maps are relied upon to calculate the value of expropriated properties and subsequently the amount of financial compensation to be awarded (compare with paragraph 26 above).
3. CMDs on in-kind compensation of former owners
40. The 2004 Property Act, as amended, provided for the establishment of the IkCF (see paragraph 28 above). Between 2007 and 2008 the Government have adopted a number of CMDs on the procedures for the allocation of properties covered by the IkCF (see Çaush Driza, cited above, §§ 46-52).
E. Action Plan
41. In decision no. 350 of 29 April 2011 the Council of Ministers approved an Action Plan to address the issues identified by this Court in its Driza and Ramadhi and Others judgments. The Action Plan attributed the non-enforcement of final decisions to the following:
“... the issues faced to date relate to the lack of inter-institutional coordination concerning the exchange of information and the inter-operability of archives of those institution (...). The property legislation is fragmented and needs to be consolidated and simplified in order to provide for simple and transparent compensation procedures. The nationwide process of the first registration of immovable properties has yet to be concluded. There is no unified, national, property map. The Agency lacks a unified database of decisions (...). The process of legalisation has yet to be completed and the identification of properties that would become part of the In-kind Compensation Fund has not finished.
`... the [Government] having regard to the legitimate expectations of owners for so many years, expresses their intention to provide the compensation amount at 100 per cent.”
42. The Action Plan described two schemes of compensation.
1. The transitional compensation scheme
43. The transitional compensation scheme (skema kalimtare) would apply in 2011 (see paragraph 37 above for more details).
2. The final compensation scheme
44. The final compensation scheme (skema definitive) would become operational in 2013, upon the estimation of the total financial bill. The final scheme would rely on digital cartographic and juridical data as produced by the Agency for Preparation of Standard Maps. A claimant possessing a final, enforceable decision would have to submit an application form to apply for compensation. The registration of the submitted application form into an electronic database would be in chronological order on the basis of the Commission’s / Agency’s decision date. A claimant holding more than one final, enforceable decision shall have them ranked chronologically. The compensation amount would be paid in full and in instalments.
45. The authorities would retain discretion as regards the type of compensation to be awarded. Claimants would not have the right to choose one type of compensation over another. If a claimant refused the type of compensation awarded, he would forfeit his right to compensation as regards the concerned instalment. Compensation would be automatically carried out by the authorities. In-kind compensation would take priority over financial compensation. Until the total allocation of properties to the IkFC, which would be completed by 2018, in-kind compensation would be distributed as it becomes available.
46. A new directorate, which would coordinate different State bodies, would be established within the Ministry of Justice.
47. The Action Plan did not contain time-limits as regards its implementation.
F. The Special Compensation Fund Act
48. On 25 February 2010 Parliament enacted the Special Compensation Fund Act (Law no. 10239), which is a special fund within the meaning of the budget act. The Special Compensation Fund beneficiaries are two-fold: (1) former owners whose right to compensation was recognised on account of the 1993 and/or 2004 Property Act; and (2) former owners whose right to compensation was recognised on the strength of the Legalisation Act (see “The Legalisation Act” section below).
49. The revenue of the Special Compensation Fund would consist of: (a) annual allocations from the State budget in accordance with the 2004 Property Act as amended; (b) proceeds deriving from the sale at auction of State properties in respect of which no decision on restitution or compensation has been adopted; (c) income generated during the process of the legalisation of unauthorised constructions (see paragraph 51 below); (d) income generated as a result of the implementation of other laws and by-laws; and (e) donations.
50. The Special Compensation Fund will be administered by the Agency.
G. The Legalisation Act (Law no. 9482 of 3 March 2006 on the Legalisation, Urban Planning and Integration of Unauthorised Buildings; as amended by laws nos. 9786 of 19 July 2007; 9895 of 9 June 2008; 10099 of 19 March 2009; and, 10169 of 22 October 2009)
51. On 3 March 2006 Parliament enacted the Legalisation Act in order to regularise illegal constructions and extensions that had been constructed on public and private land in the 1990s and early 2000s as a result of rapid, profound, internal demographic movements. The Act provided for the transfer of ownership of the plot of land on which unauthorised buildings were constructed, from the original land owner through the State to the owner of the unauthorised building, against the payment of a sale price (sections 19-21) in cash or by way of privatisation vouchers (section 17/1). The formal land owner would receive full compensation in respect of the expropriated plot of land in accordance with the 2004 Property Act. The proceeds obtained by the legalisation process would be transferred to the financial compensation fund as provided for by the 2004 Property Act (section 32 as amended).
52. Statistics concerning the legalisation process, as provided for by the Government, have been annexed to this judgment.
III. COUNCIL OF EUROPE MATERIAL
53. In its latest decision of 6 June 2012 concerning the supervision of the execution of this Court’s judgments, at its 1144th meeting, the Committee of Ministers, inter alia, “took note of the elaboration by the Albanian authorities of [a] draft global strategy on property rights.” It further insisted that the Albanian authorities should make concrete progress in order to “establish a list of final decisions, finalise the land value map, calculate the cost of the execution of decisions in order to be able to define the resources needed, adopt the final execution mechanism and execute the decisions at issue.”
THE LAW
I. JOINDER OF THE APPLICATIONS
54. Given that the four applications raise the same issue, the Court decides that they should be joined pursuant to Rule 42 § 1 of the Rules of Court.
II. ADMISSIBILITY OF THE COMPLAINTS
55. The applicants alleged that there had been a breach of Articles 6 § 1 and 13 of the Convention and of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention on account of the non-enforcement of final administrative decisions awarding them compensation in lieu of the restitution of their properties.
Article 6 § 1 of the Convention, insofar as relevant, reads as follows:
“In the determination of his civil rights and obligations ... everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...”
Article 13 of the Convention reads as follows:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. As regards application no. 604/07: Manushaqe Puto
56. On 6 October 2010 the Government requested the Court to stay the examination of this application, having regard to the review proceedings that had been instituted proprio motu by the central Agency’s director.
57. The applicants submitted that the central Agency’s director’s power to review Commission decisions proprio motu had been repealed by the Constitutional Court. They requested the Court to continue the examination of their application. Alternatively, they complained of a breach of legal certainty under Article 6 § 1 of the Convention.
58. The Court notes that on 6 October 2008, in accordance with the provisions of the 2004 Property Act, as amended, the central Agency’s director decided proprio motu to review the Commission decision of 27 July 1995 in the applicants’ favour. It further notes that on 26 May 2010 and 6 October 2011, respectively, the Constitutional Court repealed those provisions as incompatible with the Constitution (see paragraph 32 above). Having regard to the unconstitutionality of those provisions, to the legal nature of the Constitutional Court’s decisions (see paragraph 33 above), the Court considers that the review proceedings have become devoid of legal basis as a matter of domestic law. In those circumstances, it is not for the Court to question the finality of the Commission decision of 27 July 1995, which has never been quashed by the authorities. In conclusion, the Court therefore rejects the Government’s objection.
B. As regards the remaining applications
59. The Government contended that the applicants had not availed themselves of the remedies that had been introduced between 2005 and 2011.
60. The applicants contended that the remedies were not effective.
61. The Court considers that the question of the existence of effective remedies as regards the non-enforcement of final administrative decisions, and, in particular, of the remedies offered by the 2004 Property Act (introduced after the adoption of this Court’s judgments in the cases of Driza and Ramadhi and Others, cited above) should be joined to the merits of, and examined in conjunction with, the applicants’ complaint under Article 13 (see paragraphs 63-84 below). In this connection, the Court considers that, since the applicants’ complaint under Article 6 § 1 of the Convention is “arguable”, Article 13 is therefore applicable (see, amongst others, Eltari, cited above, § 80).
62. The Court considers that the applicants’ complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. Not being inadmissible on any other grounds, the complaints must therefore be declared admissible.
III ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
A. The parties’ submissions
1. The applicants
63. The applicants submitted that no effective measures were taken to secure the enforcement of decisions awarding compensation. The Agency’s procedure for the award of financial compensation was excessively long and uncertain. The selection of beneficiaries was made through random drawing of lots and compensation could not exceed the value of a plot of land measuring 200 sq. m. Furthermore, the property valuation maps did not reflect the market value. Their calculation lacked transparency and did not provide for any default interest in the event of delay in payment.
64. As regards compensation by means of State bonds, as ordered by the Commission in application no. 46687/07 (Ahmatas and Others), the applicants submitted that the Government had never, in fact, issued State bonds for the purpose of compensation. Furthermore, whereas this form of compensation was provided for under the 1993 Property Act, it was omitted in the current 2004 Property Act.
65. Lastly, the applicants stated that the authorities had taken no action to provide in-kind compensation. The authorities’ promises for future actions, including a draft strategy on property rights, should be considered abusive and would further delay the restitution and compensation process.
2. The Government
66. The Government submitted that financial compensation was being awarded annually on a country-wide scale since 2007. Until 2009 the award of financial compensation was limited to the value of a plot of 200 sq. m on the basis of the property valuation maps. Former owners, who had been awarded other forms of compensation, were not entitled to receive financial compensation. The goal of such scheme was to treat equally former owners who had never received any compensation, whether by way of partial restitution of their plots of land or by way of other types of compensation. Starting from 2010 the financial compensation scheme would be based on a percentage scale, whose details would be determined by a working group which had been set up for that purpose.
67. On the basis of previous experience, the Government stated that, in the event of a successful claim for financial compensation, the Agency paid the compensation amount within 10 to 15 days of the announcement of the results. As regards the payment of default interest, the Government contended that such interest was absorbed in the prices of property valuation maps which were regularly updated. The prices reflected the current market value and were several times higher than the price given at the time of the recognition of the property rights. In the event of an unsuccessful claim for financial compensation, the claimant had to re-apply the following year by submitting a template request and declaration.
68. As regards the possibility of awarding in-kind compensation, the Government submitted that no in-kind compensation was ever effected. The Agency was working for the establishment and verification of State properties which would be distributed as in-kind compensation. Furthermore, former owners would be invited to become shareholders in State-owned enterprises as a means to obtain compensation. The proceeds generated from the privatisation of State-owned companies would be used for the awards of financial compensation to former owners. The Government reiterated their intention to award compensation in full to former owners.
B. The Court’s assessment
1. General principles
69. The Court recalls that Article 13 gives direct expression to the States’ obligation, enshrined in Article 1 of the Convention, to protect human rights first and foremost within their own legal system. It therefore requires that the States provide a domestic remedy to deal with the substance of an “arguable complaint” under the Convention and to grant appropriate relief (see Kudła v. Poland [GC], no. 30210/96, § 152, ECHR 2000-XI).
70. The scope of the Contracting States’ obligations under Article 13 varies depending on the nature of the applicant’s complaint; the “effectiveness” of a “remedy” within the meaning of Article 13 does not depend on the certainty of a favourable outcome for the applicant. At the same time, the remedy required by Article 13 must be “effective” in practice as well as in law in the sense either of preventing the alleged violation or its continuation, or of providing adequate redress for any violation that has already occurred. Even if a single remedy does not by itself entirely satisfy the requirements of Article 13, the aggregate of remedies provided for under domestic law may do so (see Kudła, cited above, §§ 157-158, and Wasserman v. Russia (no. 2), no. 21071/05, § 45, 10 April 2008).
71. In cases concerning non-enforcement of final decisions, any domestic means to prevent a violation by ensuring timely enforcement is, in principle, of greatest value. However, where a final decision is delivered in favour of an individual against the State, the former should not, in principle, be compelled to bring separate enforcement proceedings (see, mutatis mutandis, Metaxas v. Greece, no. 8415/02, § 19, 27 May 2004).
2. Application of those principles to the present case
72. The Court notes that the present applications concern the non enforcement of Commission decisions which awarded the applicants compensation in lieu of the restoration of property. The Court first examined the question of the effectiveness of the enforcement of such administrative decisions in the case of Ramadhi and Others (cited above, §§ 45-53), where it found a breach of Article 13 in conjunction with Article 6 § 1 of the Convention. The Court further found as follows:
“50. The Court notes that none of the Property Acts or any related domestic provision governed the enforcement of the Commission’s decisions. In particular, the Property Acts did not provide either for any statutory time-limit for appealing against such decisions before the domestic courts or for any specific remedy for their enforcement. The Court further notes that the Property Acts left the determination of the appropriate form and manner of compensation to the Council of Ministers, which was to define the detailed rules and methods for such compensation. To date no such measures have been adopted (...) and the Government proffered no explanation for this.
51. That the authorities are committed, as the Government maintained, to the restitution of property and the payment of appropriate compensation did not lead to the enforcement of the decisions in the applicants’ favour, now unenforced for 12 and 11 years, respectively. Moreover, the Government have not submitted any evidence that relevant measures are imminent.
52. The foregoing considerations are sufficient to enable the Court to conclude that, by failing to take the necessary measures to provide for the means to enforce the Commission’s decisions, the applicants were deprived of their right to an effective remedy enabling them to secure the enforcement of their civil right to compensation. (...)”
73. The Court observes that, since the adoption of the judgment in Ramadhi and Others, the Government have enacted a significant number of legal acts as regards the award of financial compensation, the adoption of property valuation maps, the establishment of the IkFC and the adoption of the Action Plan.
74. The Court notes that the Commission decided that the present applicants should be compensated in one of the forms provided for by law (see also paragraph 26 above). The Court will now examine, having regard to the parties’ submissions, whether implementing measures have been taken to make awards in one of the compensation forms provided for by law and whether the measures can be considered to amount to an effective remedy within the meaning of Article 13 of the Convention.
(a) In-kind compensation
75. The Court notes the Government’s submission that, to date, this form of compensation has never been awarded (see paragraph 68 above). It, moreover, reiterates its findings in the case of Çaush Driza (cited above, §§ 78-83), to the effect that this form of compensation is not an effective remedy.
(b) Compensation by way of State-owned shares and proceeds from the privatisation process
76. The Court notes that the Government did not provide any evidence to show that this type of compensation has already been awarded in previous cases.
(c) State bonds
77. The Court notes that the 2004 Property Act, as amended, does not envisage compensation by way of State bonds and the Government did not explain how it was envisaged to enforce Commission decisions that awarded State bonds to applicants as compensation.
(d) Financial compensation
78. The Court notes that the bulk of the parties’ submissions focused on the authorities’ award of financial compensation to former owners between 2005 and 2009 in respect of which the Court makes the following observations.
79. In the first place, the authorities’ decisions (see paragraphs 35-37 above) recognised a claimant’s right to financial compensation only if the Commission had awarded compensation in respect of the entire property. Accordingly, as submitted by the Government and as also evidenced by the list of claimants who had applied for financial compensation between 2005 and 2008 (see the attached Annex), if a claimant obtained partial restitution of the property or other forms of compensation, he would not be eligible to obtain financial compensation. This is the position in two applications (nos. 43628/07 (Dani) and 34770/09 (Muka)). The applicants in those cases would not be entitled to obtain financial compensation because they had been previously allocated a plot of land.
80. Secondly, the authorities’ decisions provided for a maximum amount of financial compensation equal to the value of 200 sq. m. It is true that legislation does not cap the ultimate compensation amount which should be at the market value, that the Government have repeatedly committed itself to the award of full compensation (see paragraphs 44 and 68 above) and, that the present applicants were all awarded compensation in respect of plots of land above 200 sq. m. However, financial compensation is the sole form of compensation currently awarded. Had the applicants therefore applied for and been awarded financial compensation in respect of 200 sq. m, their right to have the remainder of their decisions enforced would have been uncertain. In fact, even though the applicants in application no. 46684/07 (Ahmatas and Others) received financial compensation, to date, the remainder of the decision in their favour remains unenforced. Moreover, the Court is not convinced that the award of financial compensation equal to the value of 200 sq. m, irrespective of the plot of land recognised for the purpose of compensation, would ensure effective equality of treatment of claimants as contended by the Government. Persons, whose situations are significantly different, should be treated differently (see Thlimmenos v. Greece [GC], no. 34369/97, § 44, ECHR 2000 IV).
81. Thirdly, whereas a claimant may be required to take certain procedural steps to apply for financial compensation, the Court cannot accept that an unsuccessful claimant in a preceding given year should be required to re-submit another application in the subsequent year(s). The burden to comply with a final decision against the State lies primarily with the State authorities, which should use all means available in the domestic legal system in order to speed up the enforcement, thus preventing violations of the Convention (Burdov v. Russia (no. 2), no. 33509/04, § 98, ECHR 2009). It is for the respondent State to organise their legal system in such a way that it is able to cope with the technical and logistical infrastructure for processing the large number of claims. This is of major importance for ensuring that the compensation scheme is at all times “effective and expeditious” (see Broniowski v. Poland [GC], no. 31443/96, § 194, ECHR 2004 V).
82. Fourthly, it would be ineffective if the award of financial compensation did not take account of the non-pecuniary damage incurred as a result of excessively long non-enforcement (see Scordino v. Italy (no. 1) [GC], no. 36813/97, §§ 203-4, ECHR 2006 V; Burdov (no. 2), cited above, §§ 100 and 111). In the instant case, the Court is unable to see how the authorities’ decisions account for and calculate non-pecuniary damage.
83. The Court therefore concludes that this form of compensation is not effective.
(e) Conclusion
84. Having regard to the above findings, the Court concludes that there was no effective domestic remedy that allowed for adequate and sufficient redress on account of the prolonged non-enforcement of Commission decisions awarding compensation. There is accordingly a violation of Article 13 of the Convention. Consequently, the Court dismisses the Government’s objection that the applicants failed to exhaust effective domestic remedies.
IV. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 § 1 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1
A. The parties’ submissions
1. The applicants
85. The applicants complained that the final administrative decisions in their favour remained unenforced. Even though certain applicants received partial financial compensation, the remainder of the Commission decisions continued to remain unenforced. The Government’s argument as to the lack of funds had already been rejected by the Court in the case of Beshiri and Others v. Albania (no. 7352/03, § 102, 22 August 2006)
86. The applicants argued that, by virtue of final Commission decisions, they have a “claim” and, therefore, “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. The non-enforcement of such final decisions for a long period of time, without justification, has resulted in a breach of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
2. The Government
87. The Government argued that immediate payment of all compensation claims would paralyse the machinery of the State. The principle of honouring obligations by the State, as referred to in the Court’s case-law, concerned only sporadic and not widespread cases of non-enforcement. Enforcement of final decisions did not extend to continuing situations which had been created prior to the Convention’s entry into force, all the more so when such problems were inherited from a totalitarian regime which had extinguished all property rights.
88. The Government attributed the non-enforcement of final administrative decisions to: (a) the lack of funds; (b) frequent changes of the legislation; (b) the initial adoption of the property valuation maps as late as 2005; (c) the lack of an accurate system of addresses; (d) difficulties in the identification of heirs of former owners which resulted in delays; and, (e) the absence of data as to the status of judicial review proceedings concerning Commission decisions.
89. They further submitted that they were taking swift measures to establish the IkCF and to involve former owners in the privatisation of State-owned enterprises and objects. Having regard to the burden of compensation with which the State was laden, they submitted that they had made the utmost efforts to secure the enforcement of final decisions and former owners’ right to compensation.
B. The Court’s assessment
1. General principles
(a) As regards Article 6 § 1 of the Convention
90. The Court refers to the general principles outlined, inter alia, in the case of Burdov (no. 2), cited above, §§ 65-70 (references omitted).
“65. The right to a court protected by Article 6 would be illusory if a Contracting State’s domestic legal system allowed a final, binding judicial decision to remain inoperative to the detriment of one party. Execution of a judgment given by any court must therefore be regarded as an integral part of the “trial” for the purposes of Article 6 (...).
66. An unreasonably long delay in enforcement of a binding judgment may therefore breach the Convention (...). The reasonableness of such delay is to be determined having regard in particular to the complexity of the enforcement proceedings, the applicant’s own behaviour and that of the competent authorities, and the amount and nature of the court award (...).
67. While the Court has due regard to the domestic statutory time-limits set for enforcement proceedings, their non-respect does not automatically amount to a breach of the Convention. Some delay may be justified in particular circumstances but it may not, in any event, be such as to impair the essence of the right protected under Article 6 § 1 (...). Thus, the Court considered, for example, in a recent case concerning Russia, that an overall delay of nine months taken by the authorities to enforce a judgment was not prima facie unreasonable under the Convention (...). Such an assumption does not, however, obviate the need for an assessment in the light of the aforementioned criteria (...) and having regard to other relevant circumstances (...).
68. A person who has obtained a judgment against the State may not be expected to bring separate enforcement proceedings (...). In such cases, the defendant State authority must be duly notified of the judgment and is thus well placed to take all necessary initiatives to comply with it or to transmit it to another competent State authority responsible for execution. This is particularly relevant in a situation where, in view of the complexities and possible overlapping of the execution and enforcement procedures, an applicant may have reasonable doubts about which authority is responsible for the execution or enforcement of the judgment (...).
69. A successful litigant may be required to undertake certain procedural steps in order to recover the judgment debt, be it during a voluntary execution of a judgment by the State or during its enforcement by compulsory means (...). Accordingly, it is not unreasonable that the authorities request the applicant to produce additional documents, such as bank details, to allow or speed up the execution of a judgment (...). The requirement of the creditor’s cooperation must not, however, go beyond what is strictly necessary and, in any event, does not relieve the authorities of their obligation under the Convention to take timely action of their own motion, on the basis of the information available to them, with a view to honouring the judgment against the State (...). The Court thus considers that the burden to ensure compliance with a judgment against the State lies primarily with the State authorities starting from the date on which the judgment becomes binding and enforceable.
70. The complexity of the domestic enforcement procedure or of the State budgetary system cannot relieve the State of its obligation under the Convention to guarantee to everyone the right to have a binding and enforceable judicial decision enforced within a reasonable time. Nor is it open to a State authority to cite the lack of funds or other resources (such as housing) as an excuse for not honouring a judgment debt (...). It is for the Contracting States to organise their legal systems in such a way that the competent authorities can meet their obligation in this regard (...).”
91. The same principals were also described in the case of Yuriy Nikolayevich Ivanov v. Ukraine, no. 40450/04, §§ 51-54, 15 October 2009.
(b) As regards Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention
92. The Court refers to the general principles outlined, inter alia, in the case of Maria Atanasiu and Others v. Romania, nos. 30767/05 and 33800/06, §§ 134-37 and 163-68, 12 October 2010 (references omitted).
“134. The Court reiterates that an applicant can allege a violation of Article 1 of Protocol No. 1 only in so far as the impugned decisions related to his “possessions” within the meaning of this provision. “Possessions” can be either “existing possessions” or assets, including claims, in respect of which the applicant can argue that he or she has at least a “legitimate expectation” of obtaining effective enjoyment of a property right (...).
135. The Court further observes that Article 1 of Protocol No. 1 cannot be interpreted as imposing any general obligation on the Contracting States to return property which was transferred to them before they ratified the Convention (...).
136. On the other hand, once a Contracting State, having ratified the Convention including Protocol No. 1, enacts legislation providing for the full or partial restoration of property confiscated under a previous regime, such legislation may be regarded as generating a new property right protected by Article 1 of Protocol No. 1 for persons satisfying the requirements for entitlement (...).
137. Where the proprietary interest is in the nature of a claim it may be regarded as an “asset” only where it has a sufficient basis in national law, for example where there is settled case-law of the domestic courts confirming it (...).
...
163. Deprivation of ownership or of another right in rem is in principle an instantaneous act and does not produce a continuing situation of “deprivation of a right” (...).
164. Just as Article 1 of Protocol No. 1 does not guarantee the right to acquire property, it does not impose any restrictions on the Contracting States’ freedom to determine the scope of property restitution and to choose the conditions under which they agree to restore property rights of former owners (...).
165. On the other hand, Article 1 of Protocol No. 1 requires that any interference by a public authority with the peaceful enjoyment of possessions should be lawful (...). The principle of lawfulness also presupposes that the applicable provisions of domestic law be sufficiently accessible, precise and foreseeable in their application (...).
166. Furthermore, any interference with the enjoyment of a right or freedom recognised by the Convention must pursue a legitimate aim. By the same token, in cases involving a positive duty, there must be a legitimate justification for the State’s inaction. The principle of a “fair balance” inherent in Article 1 of Protocol No. 1 itself presupposes the existence of a general interest of the community. Because of their direct knowledge of their society and its needs, the national authorities are in principle better placed than the international judge to appreciate what is “in the public interest”. Under the system of protection established by the Convention, it is thus for the national authorities to make the initial assessment as to the existence of a problem of public concern warranting measures to be applied in the sphere of the exercise of the right of property, including deprivation and restitution of property. Here, as in other fields to which the safeguards of the Convention extend, the national authorities accordingly enjoy a certain margin of appreciation.
Furthermore, the notion of “public interest” is necessarily extensive. In particular, the decision to enact laws expropriating property or affording publicly funded compensation for expropriated property will commonly involve consideration of political, economic and social issues. Finding it natural that the margin of appreciation available to the legislature in implementing social and economic policies should be a wide one, the Court has declared that it will respect the legislature’s judgment as to what is “in the public interest” unless that judgment is manifestly without reasonable foundation (...).
167. Both an interference with the peaceful enjoyment of possessions and an abstention from action must strike a fair balance between the demands of the general interest of the community and the requirements of the protection of the individual’s fundamental rights. In particular, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aim sought to be realised by any measures applied by the State, including measures depriving a person of his of her possessions. In each case involving the alleged violation of that Article the Court must, therefore, ascertain whether by reason of the State’s action or inaction the person concerned had to bear a disproportionate and excessive burden (...).
168. In assessing compliance with Article 1 of Protocol No. 1, the Court must make an overall examination of the various interests in issue, bearing in mind that the Convention is intended to safeguard rights that are “practical and effective”. It must look behind appearances and investigate the realities of the situation complained of. That assessment may involve not only the relevant compensation terms – if the situation is akin to the taking of property – but also the conduct of the parties, including the means employed by the State and their implementation. In that context, it should be stressed that uncertainty – be it legislative, administrative or arising from practices applied by the authorities – is a factor to be taken into account in assessing the State’s conduct. Indeed, where an issue in the general interest is at stake, it is incumbent on the public authorities to act in good time, in an appropriate and consistent manner (...).
2. Application of those principles to the present case
93. The Court has already found similar violations of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in other cases concerning delays in enforcing final administrative property decisions in respect of the respondent State (see, among other authorities, Ramadhi and Others, cited above, §§ 45-53 and 75-84; Hamzaraj (no. 1), cited above, §§ 24-27 and 38-43; and, Nuri v. Albania, no. 12306/04, §§ 26-29 and 35 40, 3 February 2009. It will examine whether the Government have made new and relevant submissions.
94. The Government explained that it was feasible to enforce final decisions in a small number of cases, but not numerous applications. However, every applicant is entitled to have a final decision in his favour enforced (see Hornsby v. Greece, 19 March 1997, § 40, Reports of Judgments and Decisions 1997 II). The question of whether the non-enforcement of final decisions raises a systemic issue will be examined under Article 46 of the Convention below (see paragraphs 99-121 below).
95. The Government questioned the application of the Convention to final decisions adopted prior to its entry into force in respect of the respondent State. The Court notes that the non-enforcement of the final decisions in question persisted subsequent to the Convention’s entry into force on 2 October 1996. In fact, it still continues. The Convention therefore applies.
96. The lack of funds or other resources as a reason for not honouring a judgment debt cannot relieve the State of its obligation under the Convention to ensure compliance with a final decision within a reasonable time (see, for example, Burdov, cited above, §35; Beshiri and Others, cited above, § 102; and, Kukalo v. Russia, no. 63995/00, § 49, 3 November 2005). The other factors advanced by the Government in paragraph 88 above simply point to the authorities’ delayed action and failure to act in order to address the enforcement of Commission decisions.
97. In the circumstances of the instant case, final and enforceable Commission decisions in favour of the applicants remained unenforced for periods varying between 15 and 17 years. Having examined the materials submitted to it, the Court sees no reason to depart from its findings in previous cases (see paragraph 92 above). There has accordingly been a violation of Article 6 § 1 and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in each application.
V. APPLICATION OF ARTICLE 46 OF THE CONVENTION
98. Article 46 of the Convention provides:
“1. The High Contracting Parties undertake to abide by the final judgment of the Court in any case to which they are parties.
2. The final judgment of the Court shall be transmitted to the Committee of Ministers, which shall supervise its execution.
A. The parties’ submissions
1. The applicants
99. The applicants in the applications nos. 604/07 (Manushaqe Puto), 43628/07 (Dani) and 46684/07 (Ahmatas and Others) did not object to the application of the pilot-judgment procedure in the light of the authorities’ promises to draft unrealistic and ineffective actions plans or (inter)-sectoral strategies on property restitution and compensation. However, they questioned its utility, having regard to the fact that general measures had already been indicated to the Government under Article 46 in the judgments of Driza, cited above; Ramadhi and Others, cited above; Vrioni and Others v. Albania and Italy, nos. 35720/04 and 42832/06, § 87, 29 September 2009; and, Delvina v. Albania, no. 49106/06, §§ 85-88, 8 March 2011. Were the Court to apply the pilot-judgment procedure, those applicants requested that the application of Article 41 of the Convention in the above cases should not be reserved. Moreover, they requested the Court to continue the examination of all similar registered cases which have been communicated to the Government.
100. The applicant in application no. 34770/09 (Muka) submitted that the compensation process was a complete failure and that it could be characterised as a systemic/structural problem. Such failure was rooted in the legislative framework as well as in the authorities’ inability to establish an effective mechanism to award compensation.
2. The Government
101. The Government preliminary submitted that the issues identified in the above cases were similar to those identified in the judgment of Driza, cited above. Structural problems concerning the non-enforcement of final decisions, in general, were addressed in a working document drafted by the Government and the Committee of Ministers in the framework of the supervision and execution of this Court’s judgments. The Government considered that the situation in Albania resembled that described in the case of Maria Atanasiu and Others, cited above. This case would therefore be suitable for the application of the pilot-judgment procedure. They further submitted that they reserved the right to formally request the application of the pilot-judgment procedure at a later stage.
B. The Court’s assessment
1. General principles
102. The Court recalls that Article 46 of the Convention, as interpreted in the light of Article 1, imposes on the respondent State a legal obligation to implement, under the supervision of the Committee of Ministers, appropriate general and/or individual measures to secure the right of the applicant which the Court found to be violated. Such measures must also be taken in respect of other persons in the applicant’s position, notably by solving the problems that have led to the Court’s findings. This obligation was consistently emphasised by the Committee of Ministers in the supervision of the execution of the Court’s judgments in cases concerning the length of proceedings in Italy as well as in cases concerning the action of the security forces in Turkey (see Burdov (no. 2), cited above, § 125).
103. Subject to monitoring by the Committee of Ministers, the respondent State remains free to choose the means by which it will discharge its legal obligation under Article 46 of the Convention, provided that such means are compatible with the conclusions set out in the Court’s judgment (see Maria Atanasiu and Others, cited above, § 211)
104. The object of the Court’s designating a case for the “pilot-judgment procedure” is to facilitate the speediest and most effective resolution of a dysfunction affecting the protection of the Convention right in question in the national legal order. The aim of the pilot-judgment procedure is to induce the respondent State to resolve large numbers of individual cases arising from the same structural problem at the domestic level, thus implementing the principle of subsidiarity which underpins the Convention system (see Maria Atanasiu and Others, cited above, § 212).
105. One of the relevant factors considered by the Court in devising and applying the pilot-judgment procedure has been the growing threat to the Convention system resulting from large numbers of repetitive cases that derive from, among other things, the same structural or systemic problem Indeed, the Court’s task, as defined by Article 19, that is to “ensure the observance of the engagements undertaken by the High Contracting Parties in the Convention and the Protocols thereto”, is not necessarily best achieved by repeating the same findings in large series of cases (see Burdov (no. 2), cited above, § 127).
106. While the respondent State’s action should primarily aim at the resolution of such a dysfunction and at the introduction, where appropriate, of effective domestic remedies in respect of the violations in question, it may also include ad hoc solutions such as friendly settlements with the applicants or unilateral remedial offers in line with the Convention requirements. The Court may decide to adjourn examination of all similar cases, thus giving the respondent State an opportunity to settle them in such various ways. 128. If, however, the respondent State fails to adopt such measures following a pilot judgment and continues to violate the Convention, the Court will have no choice but to resume examination of all similar applications pending before it and to take them to judgment so as to ensure effective observance of Convention (see Burdov (no. 2), cited above, § 128).
2. Application of those principles to the present case
(a) Existence of a practice incompatible with the Convention
107. The Court recalls, at the outset, as already stated in paragraph 90 of the Ramadhi and Others judgment, that the violations found in the present judgment “originated in a widespread problem affecting a large number of people”, namely the regulatory shortcomings and/or administrative conduct of the authorities in the enforcement of final Commission decisions awarding compensation to former owners under the Property Acts.
108. The Court notes with concern that it has found violations in the present case, despite the general measures indicated in its previous judgments in 2007, 2009 and 2011 in the cases of Driza, cited above; Ramadhi and Others, cited above; Vrioni and Others, cited above; and, Delvina, cited above). Having regard to the number of similar cases pending before the Court and statistics provided by the Government (see the attached Annex), the Court is seriously concerned that the number of well-founded applications registered could increase and, therefore, represent a critical threat to the future effectiveness of the Convention machinery (see, amongst others, Yuriy Nikolayevich Ivanov, cited above, § 86).
(b) Application of the pilot-judgment procedure
109. In view of the large number of problems besetting the compensation mechanism which continue to persist after the adoption of the judgments in the cases of Driza, Ramadhi and Others, Vrioni and Others and Delvina, cited above, as well as the urgent need to grant applicants speedy and appropriate redress at the domestic level, the Court considers it imperative to apply the pilot-judgment procedure in this case. In this connection, the Court notes that in none of the above cases did it adopt a pilot judgment.
(c) General measures
110. The Court considers that the respondent State should take general measures, as a matter of urgency, in order to secure in an effective manner the right to compensation, while striking a fair balance between the different interests at stake (see, for example, Burdov (no. 2), cited above, § 125). Subject to monitoring by the Committee of Ministers, the respondent State remains free to choose the means by which it will discharge its legal obligation under Article 46 of the Convention, provided that such means are compatible with the conclusions set out in the Court’s judgment (see Scozzari and Giunta v. Italy [GC], nos. 39221/98 and 41963/98, § 249, ECHR 2000 VIII). The Court initially observes that the current property legislation has been frequently amended, at least seven times between 2004 and 2010. Whereas legislative amendments may reflect an evolving state of affairs, the complexity of the legislative provisions, the frequent changes made to them as well as the inconsistent judicial practice resulting therefrom, will inevitably contribute to a general lack of legal certainty. The respondent State should avoid frequent changes of the legislation and carefully examine all legal and financial implications before introducing further modifications.
111. As conceded by the Government in their Action Plan, the authorities lack accurate and reliable information as regards the overall number of administrative decisions recognising property rights and awarding compensation, as appropriate, that have been adopted since 1993. The existence of precise data, which should also reflect modifications made by way of judicial review, would enable the authorities to calculate and track the overall compensation bill as well as the financial implications of the compensation mechanism.
112. The compilation of a database and the estimation of the global compensation bill should be accompanied by a carefully devised and clear compensation scheme. The compensation scheme, which should be free of cumbersome compliance procedures, for example the obligation for a claimant to apply for compensation in the subsequent year in the event of unsuccessful application in a preceding year, should take into account the principles of the Court’s case-law concerning the application of Article 6 § 1 and Article 1 of Protocol No. 1 (see paragraphs 90-92 above).
113. The Court further notes that the compensation scheme should address the findings made under Article 13 of the Convention (see paragraphs 75-84 above). In particular, it takes note of the very considerable burden on the State budget which financial compensation represents. The above findings clearly require a reconsideration of the modalities for the payment of financial compensation as currently implemented. The revision and update of valuation maps should be subject to transparent and explanatory criteria, taking into account the land development and market fluctuations. The Court urges the authorities, as a matter of priority, to start making use of other alternative forms of compensation as provided for by the 2004 Property Act, which would eventually ease pressure on the budget, and/or to introduce other methods of compensation.
114. The decision-making process for the type of compensation to be awarded requires the utmost transparency and efficiency with a view to enhancing public confidence. It would be in the general interest that the results be made public and disseminated through different, accessible means of communication. It is crucial that the authorities’ decisions contain clear and sufficient reasons and that they be amenable to judicial review in the event of discord.
115. The process of compensation of former owners on account of the Property Acts should be distinguished from the compensation to former owners on the strength of the Legalisation Act. As to the latter, the respondent State could reconsider increasing the cost-share borne by the legalisation applicants to the extent that it would be capable of matching the financial compensation paid to former owners. On another note, the respondent State should ensure the existence of a transparent and effective system of property registration, including accurate, unified, cartographic data, in order to enable, simplify and facilitate future legal transactions.
116. Quite unlike the proposals in the Government’s Action Plan which lacked specific mention of time-limits, the Court cannot emphasise enough the importance of setting realistic, statutory and binding time-limits in respect of every step of the process. Frequent extensions of time-limits, as has been the case to date, do not contribute to an expedient solution of the problems identified and further undermines public confidence.
117. It is important that, in order to ensure the effective implementation of general measures, sufficient human and material resources be placed at the competent authorities’ disposal and that coordination amongst different State institutions be ensured with a view to exchanging information. Whenever possible, the authorities could explore the possibility of pooling resources by merging different institutions in order to avoid overlapping and diminish operative costs and expenses. Establishing new institutional structures should not be seen as another layer to the process but should be entirely justified.
118. The Court considers that the magnitude of the problem and the measures suggested above, on a purely indicative basis, together with the need for a comprehensive and practical solution, could be better addressed if subjected to wide public discussions in order to garner broad understanding about the level of compensation that the State is expected to realistically pay and about the different forms of compensation.
(d) Subsequent procedure to be followed in similar cases before this Court
119. As regards the procedure to be followed in respect of similar cases, the Court considers it appropriate to differentiate between the cases already lodged with the Court and those that could be brought in the future.
120. The Court will adjourn proceedings concerning all new applications lodged with it after the delivery of the present judgment in which the applicants raise arguable complaints relating solely to the prolonged non enforcement of final property decisions for the execution of which the State is responsible, including applications in which complaints alleging a lack of effective remedies in respect of such non-enforcement are also raised. The adjournment will be effective for a period of 18 months after the present judgment becomes final. The applicants in such cases will be informed accordingly.
121. The Court decides, however, to follow a different course in respect of applications lodged before the delivery of the present judgment. Proceedings in respect of all registered cases will not be adjourned. They will continue to be examined after the present judgment becomes final, without prejudice to the Court’s power at any moment to declare inadmissible any such case or to strike it out of its list following a friendly settlement between the parties or the resolution of the matter by other means in accordance with Articles 37 or 39 of the Convention or Rule 62A of the Rules of Court.

VI. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION

122. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. The parties’ submissions
123. The applicants relied on experts’ valuation reports and made the following claims in respect of pecuniary and non-pecuniary damage.
Application no. and name Pecuniary damage Non-pecuniary damage
604/07 – Manushaqe Puto EUR 1,440,000 as regards the property’s value (5,000 sq. m x 288 EUR/sq. m); EUR 25,000
EUR 720,000 as regards the loss of use of profits;
43628/07 – Dani EUR 343,750 as regards the property’s value (1,375 sq. m x 250 EUR / sq. m); EUR 70,000
46684/07 – Ahmatas and Others EUR 305,900 as regards the plot of land measuring 3,800 sq. m (3,800 sq. m x 80.5 EUR/sq. m); EUR 80,000
ALL 2,545,590 (EUR 18,372) as regards the plot of land measuring 59,546 sq. m in respect of which bonds had been issued;
34770/09 – Muka ALL 105,000,000 (EUR 790,000) as regards the plot of land measuring 660 sq. m; None.
ALL 79,000,000 (EUR 585,000) as regards the plot of land measuring 622 sq. m;
124. The Government contested the applicants’ claims and invited them to apply for financial compensation in accordance with the CMDs.
2. The Court’s assessment
125. In view of the ineffective nature of the current system of compensation and having regard, in particular, to the fact that it is now over 15 years since they were initially awarded compensation, the Court, without prejudging possible future developments with regard to the compensation mechanism, considers it reasonable to award the applicants a sum which would represent a final and exhaustive settlement of their applications. In this connection, the Court reiterates its findings in the case of Vrioni and Others v. Albania ((just satisfaction), nos. 35720/04 and 42832/06, §§ 33 39, 7 December 2010) as regards the method of calculation of pecuniary and non-pecuniary damage.
126. Having regard to the material in its possession and ruling on an equitable basis, the Court considers it reasonable to make the following awards in respect of pecuniary and non-pecuniary damage:
Application no. and name Pecuniary and non-pecuniary damage
604/07 – Manushaqe Puto EUR 1,000,000
43628/07 – Dani EUR 280,000
46684/07 – Ahmatas and Others EUR 352,400
34770/09 – Muka EUR 1,360,000
B. Costs and expenses
1. The parties’ submissions
127. The applicants, who submitted invoices, made the following claims in respect of costs and expenses.
Application no. and name Domestic proceedings Strasbourg proceedings
604/07 – Manushaqe Puto None. EUR 4,075
43628/07 – Dani EUR 2,940
46684/07 – Ahmatas and Others EUR 5,035
34770/09 – Muka None.
128. The Government submitted that the applicants failed to submit detailed receipts. They rejected the applicants’ claims for costs and expenses as excessive and unreasonable.
2. The Court’s assessment
129. According to the Court’s case-law, an applicant is entitled to the reimbursement of costs and expenses only in so far as it has been shown that these have been actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum (see Gjyli v. Albania, no. 32907/07, § 72, 29 September 2009). To this end, Rule 60 §§ 2 and 3 of the Rules of Court stipulates that applicants must enclose with their claims for just satisfaction “any relevant supporting documents”, failing which the Court “may reject the claims in whole or in part”.
130. In the present case, the Court notes that the applicants in applications nos. 604/07 (Manushaqe Puto), 43628/07 (Dani) and 46684/07 (Ahmatas and Others) were represented by the same lawyer. The facts of those cases were straightforward as was the conduct of the domestic and Convention proceedings. Their submissions to this Court were almost identical. Furthermore, the majority of the costs and expenses claimed were not reasonable as to quantum. In conclusion, the Court decides to award EUR 1,000 in respect of each of the above three applications.
131. The Court does not make an award for costs and expenses in respect of applications no. 34770/09 (Muka) in the absence of claims made by the applicant.
C. Default interest
132. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Decides to join the applications;

2. Decides to join to the merits of the complaint under Article 13 of the Convention the Government’s objection as to the exhaustion of domestic remedies;

3. Declares the applications admissible;

4. Holds that there has been a violation of Article 13 of the Convention and, consequently, dismisses the Government’s objection as to the exhaustion of domestic remedies;

5. Holds that there has been a breach of Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;

6. Holds that the respondent State must take, within eighteen months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, measures to ensure effective protection of the rights guaranteed by Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, in the context of all the cases similar to the present case, in line with the Convention principles as established in the Court’s case law;

7. Holds that it will examine, from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the cases lodged prior to the delivery of the present judgment, without prejudice to the Court’s power at any moment to declare inadmissible any such case or to strike it out of its list following a friendly settlement between the parties or the resolution of the matter by other means in accordance with Articles 37 or 39 of the Convention;

8. Holds that pending the adoption of the above measures, the Court will adjourn, for eighteen months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the proceedings in all cases similar to the present case, which were lodged subsequent to the delivery of the present judgment, without prejudice to the Court’s power at any moment to declare inadmissible any such case or to strike it out of its list following a friendly settlement between the parties or the resolution of the matter by other means in accordance with Articles 37 or 39 of the Convention;
9. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants jointly, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into the national currency at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 1,000,000 (one million euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary and non-pecuniary damage as regards application no. 604/07;
(ii) EUR 280,000 (two hundred and eighty thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary and non-pecuniary damage as regards application no. 43628/07;
(iii) EUR 352,400 (three hundred and fifty two thousand and four hundred euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary and non-pecuniary damage as regards application no. 46684/07;
(iv) EUR 1,360,000 (one million three hundred and sixty thousand euros), plus any tax that may be chargeable, in respect of pecuniary and non-pecuniary damage as regards application no. 34770/09;
(v) EUR 1,000 (one thousand euros), in respect of costs and expenses as regards application no. 604/07;
(vi) EUR 1,000 (one thousand euros), in respect of costs and expenses as regards application no. 43628/07;
(vii) EUR 1,000 (one thousand euros), in respect of costs and expenses as regards application no. 46684/07;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

10. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 31 July 2012, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Lawrence Early Lech Garlicki
Registrar President

ANNEX
A. Statistics concerning the property restitution and compensation process
On 30 June 2009 the Government provided a list of 1,194 claimants who had applied for financial compensation between 2005 and 2008. The award of financial compensation was based on the property valuation maps. The list contained several claimants who had obtained Commission decisions as early as 1993 and 1994, but were not awarded financial compensation, since they had previously received partial restoration of their plots of land. As regards other claimants who were not awarded financial compensation in respect of their Commission decisions of 1993 and 1995, the Government explained it by way of claimants’ non-compliance with statutory requirements for the submission of required documents and the lack of funds.
On 19 May 2010 the Government provided the following combined statistics concerning the financial compensation process.

No. Year Total compensation amount No of claims No. of beneficiaries Geographical location
1. 2005 ALL 209,215,623 103 28 Tirana
2. 2006 ALL 297,067,149 251 59 Tirana, Kavaja
3. 2007 ALL 499,999,994 468 119 Countrywide
4. 2008 ALL 497,518,493 740 162 Countrywide
5. 2009 ALL 1,250,725,155 209 Countrywide
6. 2010 ALL 21,000,000 United States Dollars Ongoing Countrywide
In addition, the Government provided the following figures:

No. Description of the items Total number
1. Number of pending applications claiming recognition of property rights, restitution and compensation thereof. 40,803
2. Number of applications, whose property rights have been recognised. 28,899
3. Number of applications awaiting full compensation [no partial financial compensation having been made to date]. 14,953
4. Number of applications awaiting full compensation, in respect of which financial compensation has been [partially] awarded. 9,065
5. Number of claimants having applied for financial compensation. 1,460
6. Number of applications in receipt of financial compensation [excluding 2009 and 2010]. 368
7. Number of claimants in receipt of full financial compensation (property size up to 200 sq. m). 128
On 22 February 2012 the Government adopted the annual report on the distribution of financial compensation during 2011 (decision no. 128). According to the report, in 2011, there had been 1,012 claims for financial compensation out of which 107 claimants were awarded financial compensation in a total amount of ALL 665,999,275, the equivalent of 4,684,000 euros (“EUR”); 46 claims were rejected and the remaining 859 were not examined owing to the lack of funds.
B. Statistics concerning the legalisation process
The 2008 Progress Report on the National Strategy for Development and Integration stated, amongst others, that:
“2.2 Property rights
[...]
Between 2006 and 2008 a total of 350,000 informal buildings have been identified throughout the country and a database has been established by way of aerial photography. Voluntary self-declaration has been completed in respect of 270,595 informal buildings (...). On the basis of statistics and following data processing, it results that 29% of informal buildings were erected on plots of land belonging to lawful owners, 24% [of informal buildings were raised] on public land and 35% [of informal buildings were constructed on the constructor’s] own plot of land. There is no information as regards 14% [of informal buildings].]
On 30 June 2009 the Government confirmed that there were 350,000 unauthorised buildings which would be subject to the legalisation process. Between 2008 and 2009 the authorities awarded compensation in the equivalent amount of EUR 34,500,000 in respect of 1,234 former owners. Over 36,640 objects were legalised, covering an area of 12,066,188.43 sq. m.
A 2011 World Bank Issue Brief on “Governance in the protection of immovable property rights in Albania: a continuing challenge” stated, amongst others, that (references omitted):
“... only 874 expropriated owners have received compensation in connection with the legalization process and another 1,300 cases have been transferred to the Agency for Property Restitution and Compensation (...), while a much larger number of cases await compensation. Figures produced by ALUIZNI and obtained from [the Agency] show that some 4.5 billion lek (over €30 million) is due to be paid to 1,460 owners of expropriated property whose claims have been approved by Government decision. ALUIZNI has collected €30 million in fees so far, of which half has been paid to restitution claimants. This has fallen far short of the required amount to compensate expropriated owners, which means the largest share of the compensation due must therefore be paid out of budget resources. This shortfall notwithstanding, amendments to the Legalisation [Act] were adopted in October 2009 that allow applicants to pay up to half of the cost of legalization using otherwise worthless vouchers issued under a 1990s privatization scheme. The acceptance of vouchers is likely to deprive the state of significant revenue that could have been used to compensate expropriated owners.”
The report on the distribution of financial compensation during 2011 mentioned that during the period between August 2010 and February 2011, ALL 1,877,092,628.87, the equivalent of EUR 13,142,800, was distributed as compensation to former owners as a result of the legalisation process. The monies had been used to pay either the first, second or third instalments in accordance with awards made by virtue of CMDs over different years.

TESTO TRADOTTO



Conclusioni: Eccezione preliminare congiunta ai meriti e respinta (Articolo 35-1 - Esaurimento delle vie di ricorso nazionali)
Violazione dell’ Articolo 13 - Diritto ad una via di ricorso effettiva (Articolo 13 - via di ricorso Effettiva)
Violazione dell’ Articolo 6 - Diritto ad un processo equo (Articolo 6 - procedimenti di Esecuzione Articolo 6-1 - il termine ragionevole)
Violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 1 del Protocollo N.ro 1 - godimento Tranquillo della proprietà)
Danno patrimoniale e non-patrimoniale - assegnazione

QUARTA SEZIONE




CAUSA MANUSHAQE PUTO ED ALTRI C. ALBANIA

(Richieste N. 604/07, 43628/07 46684/07 e 34770/09)










SENTENZA


STRASBOURG

31 luglio 2012



Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.

Nella causa Manushaqe Puto ed Altri c. Albania,
La Corte europea dei Diritti umani (quarta Sezione), riunendosi che come una Camera, composta da:
Lech Garlicki, Presidente
David Thór Björgvinsson,
Päivi Hirvelä,
Giorgio Nicolaou,
Ledi Bianku,
Zdravka Kalaydjieva,
Nebojša Vučinić, judges,and
Lorenzo Early, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato il 10 luglio 2012,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata in quella data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da otto richieste (N. 604/07, 43628/07 34770/09) contro la Repubblica dell'Albania depositate presso la Corte sotto l’Articolo 34 della Convenzione per la Protezione dei Diritti umani e delle Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) da venti cittadini albanesi, OMISSIS, (n. 43628/07), OMISSIS (n. 46684/07) ed OMISSIS (n. 34770/09) rispettivamente il 16 novembre 2006, il 4 ottobre 2007, il 9 ottobre 2007 e il 18 giugno 2009,.
2. I richiedenti furono rappresentati da OMISSIS, avvocati che praticano a Tirana. Il Governo albanese (“il Governo rispondente”) fu rappresentato dai suoi Agenti, il Sig.ra S. Mëneri la Sig.ra E. Hajro e, successivamente, dalla Sig.ra L. Mandia dell'Ufficio del Difensore Statale.
3. I richiedenti addussero che c'era stata una violazione di Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione come risultato della non-esecuzione di decisioni amministrative definitive che assegnano loro risarcimento al posto della restituzione delle loro proprietà.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
A. Richiesta n. 604/07: OMISSIS
4. I richiedenti nacquero nel 1925, 1925, 1929, 1958 e 1964. Loro tutti vivono in Albania.
5. 27 luglio 1995 la Commissione di Vlora riconobbe il titolo di proprietà ereditato dai richiedenti su un'area di terra che misura 5,000 metri quadrati. Decise inoltre che i richiedenti sarebbero stati compensati in uno dei modi previsti per legge.
6. I richiedenti spedirono le varie lettere alla Commissione nel 1995, 1996 e 2002 del problema del risarcimento ma non ricevette una risposta ufficiale.
7. 30 marzo 2007 l'AGENZIA informò i richiedenti che era nell'elaborazione di determinare la valutazione di proprietà progetta ed assegnando i finanziamenti appropriati. La conseguenza pavimenterebbe il modo per la costituzione del criterio per rivendicazioni di risarcimento.
8. 6 ottobre 2008 il direttore dell'AGENZIA decise proprio motu per verificare la legalità della decisione di Commissione di Vlora del 1995. Nessuna altra decisione è stata presa datare, e la decisione di Commissione del 1995 continua a rimanere non eseguita .
B. Richiesta n. 43628/07: OMISSIS
9. I richiedenti nacquero in 1937, 1941, 1944, 1950, 1936, 1960, 1962 e 1968. Loro tutti vivono in Albania.
10. 31 ottobre 1994 la Commissione di Lezhë riconobbe il titolo di proprietà ereditato dai richiedenti ad un'area di terra che misura 3,434 metri quadrati di cui 713 metri quadrati fu ripristinato. I richiedenti sarebbero compensati per il rimanendo 2,721 metri quadrati in uno dei modi previsto per con legge.
11. Su una data non specificata i richiedenti impugnarono la decisione di Commissione di fronte alla corte, mentre chiedendo che una più grande area dovrebbe essere ripristinata a loro.
12. 10 dicembre 1996 la Corte distrettuale di Lezhë decise che un'area supplementare di 1,187 metri quadrati dovrebbe essere ripristinato ai richiedenti. Di conseguenza, un'area totale di 1,900 metri quadrati fu ripristinato ai richiedenti.
13. Comunque, datare loro non sono stati offerti con risarcimento in riguardo del resto della proprietà (1,534 metri quadrati).
Richiesta di C. n. 46684/07: OMISSIS
14. I richiedenti nacquero in 1928, 1932, 1948, 1949, 1953 e 1957. Loro tutti vivono in Albania.
15. 19 gennaio 1996 la Commissione di Korçë riconobbe il titolo di proprietà ereditato dai richiedenti ad un'area di terra che misura 4,000 metri quadrati. Decise che, fin dall'area di terra fu occupato, i richiedenti sarebbero compensati in uno dei modi previsto per con legge. I richiedenti non sono stati offerti per datare, con qualsiasi il risarcimento.
16. 15 gennaio 1999 la Commissione di Korçë riconobbe il titolo di proprietà ereditato dai richiedenti suun'area agricola di terra che misura 59,546 metri quadrati. Decise che i richiedenti sarebbero stati compensati in obbligazioni di Stato nell'importo di 1,018,236 leks albanesi (“Tutti”). I richiedenti non sono stati assegnati per datare, qualsiasi obbligazioni Statali o qualsiasi l'altra forma del risarcimento.
17. Il Governo presentò che nel 2009 i richiedenti fecero domanda per e ricevettero il risarcimento nell'importo di Tutti i 2,000,000 in riguardo di 200 metri quadrati dal Fondo di Risarcimento Finanziario (“FCF”). Nessun documento che sostiene fu presentato.
Richiesta di D. n. 34770/09: OMISSIS
18. Il richiedente nacque nel 1926 e vive in Albania.
19. 7 giugno 1995 la Commissione di Tirana riconobbe il titolo di proprietà ereditato dai richiedenti su due aree di terra che misura 63 metri quadrati e 597 metri quadrati, rispettivamente. Decise inoltre che, fin dalle aree di terra fu occupato, il richiedente sarebbe compensato in uno dei modi previsto per con legge. La Commissione riconobbe il diritto del richiedente a primo rifiuto di due edifici localizzato sulla terra.
20. 16 agosto 1995 la Commissione riconobbe il titolo ereditato del richiedente ad un'altra area di terra che misura 800 metri quadrati di che 178 metri quadrati fu ripristinato. Decise che, fin da 622 metri quadrati fu occupato, il richiedente sarebbe compensato in uno dei modi previsto per con legge.
21. Su una data non specificata il richiedente depositò una rivendicazione per il risarcimento con l'AGENZIA in riguardo della decisione di Commissione di 7 giugno 1995.
22. 23 febbraio 2009 l'AGENZIA respinse la rivendicazione per il risarcimento sulla base che il richiedente già aveva tratto profitto dalla restituzione di un'area di terra che misura 178 metri quadrati. Nessun ricorso fu depositato con la Corte distrettuale di Tirana entro l'il periodo di ' di 30 giorni legale.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE E PRATICA
A. La Costituzione
23. Le disposizioni attinenti della Costituzione albanese sono state descritte, inter alia, nella sentenza di Qufaj Co. Sh.p.k. c. l'Albania, n. 54268/00, § 21, 18 novembre 2004.
B. Atti di Proprietà
1. L’Atto di Proprietà del 1993 corretto
24. La prima legge su restituzione di proprietà ed il risarcimento fu decretata nel 1993 (la Legge n. 7698 15 aprile 1993-“il Proprietà Atto del 1993”, corretto). Il Proprietà Atto del 1993 è stato descritto in dettaglio nelle sentenze di Gjonbocari ed Altri c. l'Albania, n. 10508/02, §§ 36-43, 23 ottobre 2007 Driza c. l'Albania, n. 33771/02, §§ 36-43, 13 novembre 2007 Ramadhi ed Altri c. l'Albania, n. 38222/02, §§ 23-30, 13 novembre 2007. Il Proprietà Atto del 1993 fu abrogato col Proprietà Atto del 2004.
2. L’Atto di Proprietà corretto del 2004
25. Il Proprietà Atto del 2004 mirò alla restituzione di urbano, patrimonio immobiliare che era stato espropriato nazionalizzato o confiscò prima di 29 novembre 1944. Nell'impossibilità di ripristinare la proprietà originale, previde per la concessione del risarcimento (sezioni 1, 2 3 e 5).
26. Sotto l'Articolo il 13 risarcimento sarebbe determinato sulla base del valore di mercato della proprietà. Il Proprietà Atto del 2004, corretto purché per sei forme del risarcimento: (un) proprietà dello stesso genere; (b) proprietà pubblica localizzò in aree turistiche; (il c) la proprietà di qualsiasi l'altro genere; (d) quote in società Statali; (e) il valore di una proprietà Statale nel corso di privatizzazione, e (f) una somma di soldi che corrisponde al valore attribuì alla proprietà al tempo della decisione (sezione 11 corretto).
27. Il Proprietà Atto del 2004 avviò inizialmente Commissioni locali le cui decisioni erano assoggettabili per fare appello al Comitato Statale su Proprietà Restituzione ed il Risarcimento (sezioni 15-17). Nel 2006 quelle istituzioni furono sostituite con l'AGENZIA per Restituzione ed il Risarcimento di Proprietà (“l'AGENZIA”) ed i suoi uffici regionali. Decisioni di uffici di AGENZIA regionali erano aperte per fare appello di fronte all'AGENZIA centrale. Uffici di AGENZIA regionali furono aboliti successivamente. Attualmente, l'AGENZIA è il risuoli corpo amministrativo competente decidere su restituzione e rivendicazioni di risarcimento.
28. Sezione 23 dell'Atto del 2004 previde per la costituzione di un dieci-anno Fondo di Risarcimento Finanziario il cui scopo era offrire il risarcimento finanziario. Riconobbe inoltre il diritto del proprietario precedente per ricevere interesse di mora che copre il periodo che corre dal riconoscimento del diritto di proprietà sino all'assegnazione del risarcimento finanziario, calcolato al tasso di interesse mediano ed annuale della Banca dell'Albania. Sezione 28, corretto purché per la costituzione del In-kind Compensation Fund (“IkCF”).
29. Il Proprietà Atto del 2004 è stato corretto almeno sette volte fra il 2004 ed il 2010; termine massimo sono stati prolungati ripetutamente. È stato descritto nell'ulteriore dettaglio in Eltari c. l'Albania, n. 16530/06, §§ 27-45 8 marzo 2011 ed in Çaush Driza c. l'Albania, n. 10810/05, §§ 18-36, 15 marzo 2011.
30. Statistiche riguardo alla restituzione di proprietà ed elaborazione di risarcimento, come previsto per col Governo, è annesso a questa sentenza.
C. giurisprudenza nazionale Attinente riguardo all’Atto di Proprietà del 2004 corretto
31. Nel contesto della revisione della costituzionalità della legislazione dopo la sua entrata in vigore, la Corte Costituzionale è stata chiamata su, su molte occasioni, decidere su se alcune delle 2004 disposizioni di Atto di Proprietà erano compatibili con la Costituzione.
32. In decisioni N. 27 di 26 maggio 2010 e 43 6 ottobre 2011 che la Corte Costituzionale ha abrogato come incompatibile con la Costituzione un numero delle 2004 disposizioni di Atto di Proprietà, corretto che conferì poteri il direttore dell'AGENZIA centrale per riesaminare annulli ed abroghi ex decisioni di Commissione di officio. Avendo riguardo a, inter alia, alle sentenze di questa Corte nelle cause di Ramadhi ed Altri citata sopra, e Hamzaraj c. l'Albania ((n. 1) (n. 45264/04, 3 febbraio 2009)), la Corte Costituzionale riaffermò che “decisioni di Commissione erano capaci di conferire su individui le aspettative legali uguagli a quel creò con virtù di una decisione di corte che riconosce i diritti di proprietà di un individuo.” Di conseguenza, quelle decisioni delle quali non erano atti amministrativi all'interno del significato che nozione legale, era direttamente assoggettabile a controllo giurisdizionale. Inoltre, poiché simile decisioni erano divenute “definitivo ed esecutivo”, loro non potevano essere soggetto a revisione col direttore dell'AGENZIA che faceva “non incarni le caratteristiche di un corpo giudiziale o quasi corpo giudiziale.”
La natura delle decisioni di Corte Costituzionale
33. L'Atto della Corte Costituzionale (la legge n. 8577 10 febbraio 2000) prevede che la sua decisione è erga omnes e vincolante (la sezione 72 § 7). La decisione entra in vigore sulla data della sua pubblicazione nel Diario Ufficiale, salvi come deciso altrimenti (sezione 26). Come un articolo generale, la decisione della Corte Costituzionale che abrogò un atto come incompatibile con la Costituzione o accordi internazionali produce effetto dalla sua data di entrata in vigore (la sezione 76 § 1). La decisione fa domanda in modo retrospettivo solamente: (a) in riguardo di una sanzione penale anche mentre è giustiziato, se è connesso direttamente con l'attuazione dell'atto abrogato; (b) in riguardo di cause che sono state esaminando con corti nazionali, come lungo come nessuna definitivo decisione è stata presa; e (il c) in riguardo di conseguenze, ancora essere prodotto, dell'atto abrogato.
D. Principali leggi locali da implementare riguardo all’Atto di Proprietà del 2004
34. Facendo seguito al Proprietà Atto del 2004, corretto il Governo ha adottato un numero di by-laws, con modo di Consiglio di Ministri Decisioni di ' (“CMDs”) siccome descritto sotto.
1. CMDs su assegnazioni di risarcimento finanziarie
35. Fra il 2005 ed il 2011 le autorità emisero 6 CMDs in riguardo dell'assegnazione del risarcimento finanziario a proprietari precedenti (vedere Çaush Driza, citata sopra, §§ 38-43). Nel 2005 il risarcimento finanziario fu assegnato in riguardo di rivendicazioni di risarcimento che sorgono fuori delle decisioni di Commissione di Tirana. Nel 2006 il risarcimento finanziario fu assegnato in riguardo di rivendicazioni di risarcimento che sorgono fuori delle decisioni dei Tirana e Commissioni di Kavaja. Nel 2007 il gruppo di beneficiari fu espanso per includere proprietari precedenti che erano in proprietà di una decisione di Commissione emessi riguardo a città per le quali una mappa di valutazione di proprietà era stata approvata ed era stata emessa. Nel 2008, 2009 e 2011 tutti i proprietari precedenti che furono concessi al risarcimento mentre seguendo una Commissione / decisione di AGENZIA regionale, era eleggibile per fare domanda per il risarcimento finanziario. Sembrerebbe che nessuna decisione fu adottata nel 2010.
36. Secondo il CMDs adottò fra 2005 e 2009, un rivendicatore il cui diritto al risarcimento era stato riconosciuto in riguardo della proprietà intera fu costretto a depositare una richiesta standard per il risarcimento finanziario con l'AGENZIA centrale in Tirana, mentre fornendo, inter alia, la Commissione / decisione di AGENZIA regionale che ha riconosciuto il suo diritto al risarcimento. I 2009 CMD inoltre purché che un proprietario precedente fu concesso al risarcimento finanziario sulla condizione che s/ non avevano tratto profitto da: a) il risarcimento precedente; b) restituzione parziale della proprietà; il c) il diritto a primo rifiuto; d) l'attuazione dell'Atto sulla Distribuzione di Terra (la Legge n. 7501 19 luglio 1991). Il CMD del 2011 affermò che un rivendicatore, sostenendo un definitivo e decisione esecutiva, in riguardo del quale mai era stato assegnato nessun risarcimento fu concesso per trarre profitto dall'assegnazione del risarcimento.
37. Le richieste sarebbero esaminate in ordine cronologico sulla base di data e numero della decisione dell’AGENZIA Commissione/regionale. L'importo di risarcimento finanziario che sarebbe calcolato sulla base di valutazione di proprietà progetta, fu limitato ad un massimo di 200 metri quadrati durante il periodo fra il 2005 ed il 2009. Il CMD del 2011 stabilì un sistema a grdini secondo il quale l'importo del risarcimento doveva essere siccome segue: (un) l'equivalente di 200 metri quadrati in riguardo di proprietà che misurano su a 1,500 metri quadrati; (b) l'equivalente di 300 metri quadrati in riguardo di proprietà che misurano fra 1,500 e 3,000 metri quadrati; (il c) l'equivalente di 400 metri quadrati in riguardo di proprietà che misurano fra 3,000 e 5,000 metri quadrati; (d) l'equivalente di 500 metri quadrati in riguardo di proprietà che misurano fra 5,000 e 10,000 metri quadrati; (e) l'equivalente di 600 metri quadrati in riguardo di proprietà che misurano 10,000 sq sopra. metro.
38. L’introduzione di una richiesta comportò il pagamento di una parcella di lavorazione. Rivendicatori che erano stati senza successi nella loro richiesta per il risarcimento finanziario in un anno precedente erano re-presentare la loro richiesta nell’anno (seguente) una volta loro avevano pagato la parcella di lavorazione. Il CMD del 2011 dispensò rivendicatori dal re-pagare la parcella di lavorazione nell'evento loro re-presentarono la loro rivendicazione per il risarcimento.
2. CMDs su mappe di valutazione di proprietà
39. Fra il 2007 ed il 2008 il Governo approvò e valutazione di proprietà emessa progetta che incluse il prezzo di riferimento per metro di piazza in tutto il paese (vedere Çaush Driza, citata sopra, §§ 44-45). Queste mappe si sono appellate su per calcolare il valore di proprietà espropriate e successivamente l'importo del risarcimento finanziario per essere assegnato (compari con paragrafo 26 sopra).
3. CMDs sul risarcimento in natura di proprietari precedenti
40. Il Proprietà Atto del 2004, corretto purché per la costituzione dell'IkCF (vedere paragrafo 28 sopra). Fra il 2007 ed il 2008 il Governo ha adottato un numero di CMDs sulle procedure per l'allocazione di proprietà coperta con l'IkCF (vedere Çaush Driza, citata sopra, §§ 46-52).
E. Piano d’Azione
41. In decisione n. 350 29 aprile 2011 il Consiglio di Ministri approvò un Azione Piano per rivolgere i problemi identificati con questa Corte nel suo Driza e Ramadhi ed Altri le sentenze. L'Azione Piano attribuì la non-esecuzione di definitivo decisioni al seguente:
“... i problemi affrontati per datare riferiscono alla mancanza della coordinazione inter-istituzionale riguardo al cambio di informazioni e l'inter-operability di archivio di quelli l'istituzione (...). La legislazione di proprietà è frammentata e ha bisogno di essere consolidata e semplificò per prevedere per semplici e trasparenti procedure di risarcimento. L'elaborazione su scala nazionale della prima registrazione di patrimoni immobiliari doveva essere conclusa ancora. C'è nessuno unificò, cittadino, mappa di proprietà. All'AGENZIA manca un database unificato di decisioni (...). L'elaborazione di legalizzazione doveva essere completata ancora e l'identificazione di proprietà che diverrebbero parte del Fondo del Risarcimento dell'In natura non ha finito.
`... il [il Governo] avendo riguardo ad alle aspettative legittime di proprietari per così molti anni, esprime la loro intenzione di offrire l'importo di risarcimento a 100 per cento.”
42. L'Azione Piano descrisse due schemi del risarcimento.
1. Lo schema di risarcimento di transizione
43. Lo schema di risarcimento di transizione (skema kalimtare) si applicherebbe nel 2011 (vedere paragrafo 37 sopra per più dettagli).
2. Lo schema definitivo di risarcimento
44. Lo schema definitivo di risarcimento (lo skema definitivo) diverrebbe operativo in 2013, sul preventivo del conto finanziario e totale. Il definitivo schema si appellerebbe su dati cartografici e giuridici digitali siccome prodotto con l'AGENZIA per Preparazione di Mappe Standard. Un rivendicatore che possiede un definitivo, decisione esecutiva dovrebbe presentare un modulo di domanda per fare domanda per il risarcimento. La registrazione del modulo di domanda presentato in un database elettronico sarebbe in ordine cronologico sulla base della Commissione / la data di decisione di AGENZIA. Un rivendicatore che sostiene più di uno definitivo, decisione esecutiva farà classificare cronologicamente li. L'importo di risarcimento sarebbe pagato in pieno ed in rate.
45. Le autorità tratterrebbero la discrezione come riguardi il tipo del risarcimento per essere assegnato. Rivendicatori non avrebbero il diritto di scelta uno dattilografare del risarcimento su un altro. Se un rivendicatore rifiutasse il tipo del risarcimento assegnato, lui confischerebbe il suo diritto al risarcimento come riguardi la rata interessata. Il risarcimento sarebbe eseguito automaticamente con le autorità. Il risarcimento in natura prenderebbe prioritario sul risarcimento finanziario. Sino all'allocazione totale di proprietà all'IkFC che sarebbe completato entro 2018 il risarcimento in natura sarebbe distribuito come sé diviene disponibile.
46. Una direzione nuova che coordinerebbe corpi Statali e diversi sarebbe stabilita all'interno del Ministero della Giustizia.
47. Il Piano di Azione Piano non contenne tempo-limiti come riguardi la sua attuazione.
F. L'Atto del Fondo del Risarcimento Speciale
48. Sul 2010 Parlamento di 25 febbraio l'Atto del Fondo del Risarcimento Speciale decretò (la Legge n. 10239) che è un finanziamento speciale all'interno del significato dell'atto di bilancio. I beneficiari di Fondo di Risarcimento Speciali sono doppi: (1) proprietari precedenti il cui diritto al risarcimento fu riconosciuto su conto dei 1993 and/or 2004 Proprietà Atto; e (2) proprietari precedenti il cui diritto al risarcimento fu riconosciuto sulla forza dell'Atto di Legalizzazione (vedere “Il Atto di Legalizzazione” la sezione sotto).
49. L'ufficio imposte del Fondo di Risarcimento Speciale consisterebbe di: (un) le allocazioni annuali dal bilancio Statale nella conformità col Proprietà Atto del 2004 corretto; (b) incassi che derivano dalla vendita a vendita all'asta di proprietà Statali in riguardo di che nessuna decisione su restituzione o il risarcimento è stato adottato; (il c) reddito generò durante l'elaborazione della legalizzazione di costruzioni non autorizzate (vedere paragrafo 51 sotto); (d) reddito generò come un risultato dell'attuazione di altre leggi e leggi locali; e (e) le donazioni.
50. Il Fondo di Risarcimento Speciale sarà amministrato con l'AGENZIA.
G. L’Atto di legalizzazione (la Legge n. 9482 3 marzo 2006 sulla Legalizzazione, Pianificazione Urbana e l'Integrazione di Edifici Non autorizzati; corretto con leggi N. 9786 19 luglio 2007; 9895 9 giugno 2008; 10099 19 marzo 2009; e, 10169 22 ottobre 2009)
51. Sul 2006 Parlamento di 3 marzo l’Atto di Legalizzazione decretò per rendere regolare costruzioni illegali e proroghe che erano state costruite su pubblico e terra privata negli anni novanta e presto 2000s come un risultato di movimenti demografici e rapidi, profondi, interni. L'Atto previde per il trapasso di proprietà dell'area di terra sulla quale edifici non autorizzati furono costruiti, dal proprietario terriero originale per lo Stato al proprietario dell'edificio non autorizzato, contro il pagamento di un prezzo di vendita (sezioni 19-21) per contanti o con modo di ricevute di privatizzazione (sezione 17/1). Il proprietario terriero formale riceverebbe il pieno risarcimento in riguardo dell'area espropriata di terra in conformità col Proprietà Atto del 2004. Gli incassi ottenuti con l'elaborazione di legalizzazione sarebbero trasferiti al finanziamento di risarcimento finanziario come previsto per col Proprietà Atto del 2004 (sezione 32 corretto).
52. Statistiche riguardo al legalizzazione trattano, come previsto per col Governo, è stato annesso a questa sentenza.
III. CONSIGLIO DEL MATERIALE D’ EUROPA
53. Nella sua ultima decisione di 6 giugno 2012 riguardo alla soprintendenza dell'esecuzione delle sentenze di questa Corte, alla sua 1144 riunione il Comitato di Ministri, inter alia, “prese noti dell'elaborazione con le autorità albanesi di [un] la bozza la strategia globale su diritti di proprietà.” insistè inoltre che le autorità albanesi dovessero fare progresso concreto in ordine a “stabilisca un ruolo di definitivo decisioni, renda definitivo la mappa di valore di terra, calcoli il costo dell'esecuzione di decisioni per essere in grado per definire le risorse necessitate, adotti il definitivo meccanismo di esecuzione ed esegua le decisioni in questione.”
LA LEGGE
I. UNIONE DELLEE RICHIESTE
54. Dato che le quattro richieste sollevano lo stesso problema, la Corte decide che loro dovrebbero essere congiunti facendo seguito Decidere 42 § 1 degli Articoli di Corte.
II. L'AMMISSIBILITÀ DELLE AZIONI DI RECLAMO
55. I richiedenti addussero che c'era stata una violazione di Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione e di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione su conto della non-esecuzione di definitivo decisioni amministrative che assegnano loro risarcimento al posto della restituzione delle loro proprietà.
Articolo 6 § 1 della Convenzione, pertanto come attinente, legge siccome segue:
“ Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi... ognuno è abilitato ad un'udienza corretta... all'interno di un termine ragionevole...da[un] tribunale...”
Articolo 13 della Convenzione legge siccome segue:
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione legge siccome segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Riguardo alla richiesta n. 604/07: OMISSIS
56. 6 ottobre 2010 il Governo richiese la Corte per sospendere l'esame di questa richiesta, mentre avendo riguardo ad ai procedimenti di revisione che erano stati avviati proprio motu col direttore dell'AGENZIA centrale.
57. I richiedenti presentarono che il potere del direttore dell'AGENZIA centrale per fare una rassegna Commissione decisioni proprio motu era stato abrogato con la Corte Costituzionale. Loro richiesero la Corte per continuare l'esame della loro richiesta. Alternativamente, loro si lamentarono di una violazione della certezza legale sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione.
58. La Corte nota che 6 ottobre 2008, nella conformità con le disposizioni della Proprietà del 2004 Agisca, corretto, il direttore dell'AGENZIA centrale decise proprio motu per fare una rassegna la decisione di Commissione di 27 luglio 1995 nei richiedenti il favore di '. Nota inoltre che rispettivamente, la Corte Costituzionale abrogò quelle disposizioni come incompatibile con la Costituzione il 2010 e 6 ottobre 2011 di 26 maggio, (vedere paragrafo 32 sopra). Avendo riguardo ad all’incostituzionalità di quelle disposizioni, alla natura legale delle decisioni della Corte Costituzionale (vedere paragrafo 33 sopra), la Corte considera che i procedimenti di revisione sono divenuti privi di base legale come una questione di diritto nazionale. In quelle circostanze, non è per la Corte per mettere in dubbio la finalità della decisione di Commissione di 27 luglio 1995 che non è stato annullato mai con le autorità. In conclusione, la Corte respinge perciò l'eccezione del Governo.
B. Riguardo alle richieste rimanenti
59. Il Governo contese che i richiedenti non si erano giovati a delle via di ricorso che erano state introdotte fra il 2005 ed il 2011.
60. I richiedenti contesero che le via di ricorso non erano effettive.
61. La Corte considera che la questione dell'esistenza di via di ricorso effettive come riguardi la non-esecuzione di definitivo decisioni amministrative, e, in particolare, delle via di ricorso offerte col Proprietà Atto del 2004 (introdusse dopo l'adozione delle sentenze di questa Corte nelle cause di Driza e Ramadhi ed Altri, citata sopra) dovrebbe essere congiunto ai meriti di, ed esaminò in concomitanza con, i richiedenti l'azione di reclamo di ' sotto Articolo 13 (vedere divide in paragrafi 63-84 sotto). In questo collegamento, la Corte considera, che, fin dai richiedenti l'azione di reclamo di ' sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione è “difendibile”, Articolo 13 è perciò applicabile (vedere, fra altri, Eltari, citata sopra, § 80).
62. La Corte considera che i richiedenti le azioni di reclamo di ' non sono mal-fondate manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Non essendo inammissibile su qualsiasi gli altri motivi, le azioni di reclamo devono essere dichiarate perciò ammissibili.
III ADDOTTA VIOLAZIONE DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE
A. Le osservazioni delle parti
1. I richiedenti
63. I richiedenti presentarono che nessuno misura effettiva fu preso garantire l'esecuzione di decisioni che assegnano il risarcimento. La procedura dell'AGENZIA per l'assegnazione del risarcimento finanziario era smodatamente lunga ed incerta. La selezione di beneficiari fu resa per disegno casuale di destini ed il risarcimento non poteva eccedere il valore di un'area di terra che misura 200 metri quadrati. Inoltre, le mappe di valutazione di proprietà non rifletterono il valore di mercato. Al loro calcolo mancò trasparenza e non previde per qualsiasi interesse di mora nell'evento di ritardo in pagamento.
64. Come risarcimento di riguardi con vuole dire di obbligazioni Statali, siccome ordinato con la Commissione in richiesta n. 46687/07 (Ahmatas ed Altri), i richiedenti presentarono che il Governo non aveva mai, infatti, obbligazioni Statali ed emesse per il fine del risarcimento. Inoltre, mentre questa forma del risarcimento fu offerta per sotto il Proprietà Atto del 1993, fu omesso nel Proprietà Atto corrente del 2004.
65. Infine, i richiedenti affermarono che le autorità non avevano intentato nessuna causa per offrire il risarcimento in natura. Le autorità alle quali ' promette per azioni future, incluso una strategia di bozza su diritti di proprietà dovrebbero essere considerate abusive e rimanderebbero inoltre la restituzione ed elaborazione di risarcimento.
2. Il Governo
66. Il Governo presentò che il risarcimento finanziario era assegnato annualmente su una scala nazionale fin da 2007. Sino a 2009 l'assegnazione del risarcimento finanziario fu limitata al valore di un'area di 200 metri quadrati sulla base delle mappe di valutazione di proprietà. Proprietari precedenti che erano stati assegnati le altre forme del risarcimento non furono concessi per ricevere il risarcimento finanziario. La meta di simile schema era trattare proprietari ugualmente precedenti che non avevano ricevuto mai qualsiasi il risarcimento, se con modo di restituzione parziale delle loro aree di terra o con modo di altri tipi del risarcimento. Cominciando da 2010 lo schema di risarcimento finanziario sarebbe basato su una scala di percentuale i cui dettagli sarebbero determinati con un gruppo di lavoro per il quale era stato esposto su quel il fine.
67. Sulla base dell'esperienza precedente, il Governo affermò, che, nell'evento di una rivendicazione riuscita per il risarcimento finanziario, l'AGENZIA pagò l'importo di risarcimento entro 10 a 15 giorni dell'annuncio dei risultati. Come riguardi il pagamento di interesse di mora, il Governo contese che simile interesse fu assorbito nei prezzi di valutazione di proprietà progetta che fu aggiornato regolarmente. I prezzi rifletterono il valore di mercato corrente ed erano molte volte più alto che il prezzo dato al tempo del riconoscimento dei diritti di proprietà. Nell'evento di una rivendicazione senza successo per il risarcimento finanziario, il rivendicatore doveva re-fare domanda l'anno seguente con presentando una richiesta di maschera e dichiarazione.
68. Come riguardi la possibilità di assegnare il risarcimento in natura, il Governo presentò che qualche risarcimento di in natura mai fu effettuato. L'AGENZIA stava lavorando per la costituzione e verifica di proprietà Statali che sarebbero distribuite come risarcimento di in natura. Inoltre, proprietari precedenti sarebbero invitati per divenire azionisti in imprese Statali come un mezzi di ottenere il risarcimento. Gli incassi generati dalla privatizzazione di società Statali sarebbero usati per le assegnazioni del risarcimento finanziario a proprietari precedenti. Il Governo reiterò la loro intenzione di assegnare il risarcimento in pieno a proprietari precedenti.
B. la valutazione della Corte
1. Principi Generali
69. I richiami di Corte che Articolo 13 dà espressione diretta agli Stati l'obbligo di ', custodì in Articolo 1 della Convenzione, proteggere diritti umani all'interno del loro proprio ordinamento giuridico prima e primo. Richiede perciò che gli Stati offrano una via di ricorso nazionale per trattare con la sostanza di un “azione di reclamo difendibile” sotto la Convenzione ed accordare il sollievo appropriato (vedere Kudła c. la Polonia [GC], n. 30210/96, § 152 ECHR 2000-XI).
70. La sfera degli Stati Contraenti gli obblighi di ' sotto Articolo 13 variano dipendendo dalla natura dell'azione di reclamo del richiedente; il “l'efficacia” di un “la via di ricorso” all'interno del significato di Articolo 13 non dipenda dalla certezza di una conseguenza favorevole per il richiedente. Allo stesso tempo, la via di ricorso richiesta con Articolo 13 deve essere, “effettivo” in pratica così come in legge nel senso entrambi ostacolare la violazione allegato o la sua continuazione, o di offrire compensazione adeguata per qualsiasi violazione che già è accaduta. Anche se una sola via di ricorso non soddisfa da solo completamente i requisiti di Articolo 13, l'aggravamento di via di ricorso previsto per sotto diritto nazionale può fare così (vedere Kudła, citata sopra, §§ 157-158, e Wasserman c. la Russia (n. 2), n. 21071/05, § 45 10 aprile 2008).
71. In cause riguardo a non-esecuzione di definitivo decisioni qualsiasi nazionale vuole dire ostacolare una violazione con assicurando esecuzione opportuna è, in principio, di più grande valore. Comunque, dove una definitivo decisione è consegnata in favore di un individuo contro lo Stato, i precedenti non devono, in principio, sia obbligato per portare procedimenti di esecuzione separati (vedere, mutatis mutandis, Metaxas c. la Grecia, n. 8415/02, § 19 27 maggio 2004).
2. L’applicazione dei principi alla presente causa
72. La Corte nota che le richieste presenti concernono la non-esecuzione di decisioni di Commissione che assegnarono il risarcimento di richiedenti al posto della restituzione di proprietà. La Corte esaminò la questione dell'efficacia dell'esecuzione di decisioni così amministrative nella causa di Ramadhi ed Altri prima (citò sopra, §§ 45-53), dove trovò una violazione di Articolo 13 in concomitanza con Articolo 6 § 1 della Convenzione. La Corte fondò inoltre siccome segue:
“50. La Corte nota che nessuna degli Atti di Proprietà o qualsiasi disposizione nazionale e relativa governò l'esecuzione delle decisioni della Commissione. In particolare, i Proprietà Atti non previdero o per qualsiasi tempo-limite legale per fare appello contro simile decisioni di fronte alle corti nazionali o per qualsiasi la specifica via di ricorso per la loro esecuzione. La Corte nota inoltre che la Proprietà Agisce lasciato la determinazione della forma appropriata e maniera del risarcimento al Consiglio di Ministri che era definire gli articoli particolareggiati e metodi per simile risarcimento. Datare nessuno simile misure sono state adottate (...) ed il Governo non offrì chiarimento per questo.
51. Che le autorità sono commesse, siccome sostenne il Governo, alla restituzione di proprietà ed il pagamento del risarcimento appropriato non conduca all'esecuzione delle decisioni nei richiedenti il favore di ', ora non eseguite per 12 e 11 anni, rispettivamente. Inoltre, il Governo non ha presentato qualsiasi la prova che misure attinenti sono imminenti.
52. Le considerazioni precedenti sono sufficienti per abilitare la Corte per concludere che, non riuscendo a prendere le misure necessarie per prevedere per i mezzi di eseguire le decisioni della Commissione, i richiedenti furono privati del loro diritto ad una via di ricorso effettiva che li abilita per garantire l'esecuzione del loro diritto civile al risarcimento. (...)”
73. La Corte osserva che, fin dall'adozione della sentenza in Ramadhi ed Altri, il Governo ha decretato un numero significativo di atti legali come riguardi l'assegnazione del risarcimento finanziario, l'adozione di valutazione di proprietà progetta, la costituzione dell'IkFC e l'adozione dell'Azione Piano.
74. La Corte nota che la Commissione decise che i richiedenti presenti dovrebbero essere compensati in una delle forme prevista per con legge (vedere anche paragrafo 26 sopra). La Corte ora esaminerà, mentre avendo riguardo ad alle parti le osservazioni di ', se implementando misure è stato preso fare assegnazioni in una delle forme di risarcimento previsto per con legge e se si può considerare che le misure corrispondano ad una via di ricorso effettiva all'interno del significato di Articolo 13 della Convenzione.
(a) il risarcimento In natura
75. La Corte nota l'osservazione del Governo che, questa forma del risarcimento non è stata assegnata mai per datare, (vedere paragrafo 68 sopra). , Inoltre reitera le sue sentenze nella causa di Çaush Driza (citò sopra, §§ 78-83), all'effetto che questa forma del risarcimento non è una via di ricorso effettiva.
(b) il Risarcimento tramite quote Statali ed incassi dal proceso di privatizzazione
76. La Corte nota che il Governo non previde qualsiasi prova per mostrare che questo tipo del risarcimento già è stato assegnato in cause precedenti.
(c) obbligazioni Statali
77. La Corte nota che il Proprietà Atto del 2004, corretto non prevede il risarcimento con modo di obbligazioni Statali ed il Governo non spieghi come fu previsto per eseguire decisioni di Commissione che hanno assegnato obbligazioni Statali a richiedenti come risarcimento.
(d) il risarcimento Finanziario
78. La Corte nota che la massa delle parti che le osservazioni di ' si sono concentrate sulle autorità che ' assegna del risarcimento finanziario a proprietari precedenti fra il 2005 ed il 2009 in riguardo del quale la Corte fa le osservazioni seguenti.
79. Nel primo posto, le autorità le decisioni di ' (vedere divide in paragrafi 35-37 sopra) riconobbe solamente il diritto di un rivendicatore al risarcimento finanziario se la Commissione avesse assegnato il risarcimento in riguardo della proprietà intera. Di conseguenza, siccome presentato col Governo e come anche attestò col ruolo di rivendicatori che avevano fatto domanda per il risarcimento finanziario fra il 2005 ed il 2008 (vedere l'attaccato Annettere), se un rivendicatore ottenesse restituzione parziale della proprietà o le altre forme del risarcimento, lui non sarebbe eleggibile per ottenere il risarcimento finanziario. Questa è la posizione in due richieste (N. 43628/07 (Dani) e 34770/09 (Muka)). I richiedenti in quelle cause non sarebbero concessi per ottenere il risarcimento finanziario perché loro prima erano stati assegnati un'area di terra.
80. In secondo luogo, le autorità che le decisioni di ' hanno offerto per un importo di massimo del risarcimento finanziario uguale al valore di 200 metri quadrati. È vero che legislazione non fa copertura l'ultimo importo di risarcimento che dovrebbe essere al valore di mercato, che il Governo si è commesso ripetutamente all'assegnazione del pieno risarcimento (vedere divide in paragrafi 44 e 68 sopra) e, che i richiedenti presenti erano tutti assegnarono il risarcimento in riguardo di aree di terra 200 metri quadri sopr. Comunque, il risarcimento finanziario è il risuoli forma del risarcimento assegnata attualmente. Se i richiedenti avessero fatto domanda per ed avessero assegnato il risarcimento finanziario in riguardo di 200 metri quadrati, il loro diritto per avere il resto delle loro decisioni eseguito sarebbe stato incerto. Infatti, anche se i richiedenti in richiesta n. 46684/07 (Ahmatas ed Altri) ricevette risarcimento finanziario, datare il resto della decisione nel loro favore rimane non eseguita. Inoltre, la Corte non è convinta che l'assegnazione del risarcimento finanziario uguale al valore di 200 metri quadrati, irrispettoso dell'area di terra riconosciuta per il fine del risarcimento, assicurerebbe uguaglianza effettiva di trattamento di rivendicatori siccome conteso col Governo. Persone le cui situazioni sono significativamente diverse, dovrebbe essere trattato differentemente (vedere Thlimmenos c. la Grecia [GC], n. 34369/97, § 44 ECHR 2000-IV).
81. In terzo luogo, mentre un rivendicatore può essere costretto a prendere i certi passi procedurali per fare domanda per il risarcimento finanziario, la Corte non può accettare che un rivendicatore senza successo in un anno determinato e precedente dovrebbe essere costretto a ripresentare un altro applicativo nell’anno( susseguente). Il carico per attenersi primariamente con una definitivo decisione contro le bugie Statali con le autorità Statali che dovrebbero usare tutti i mezzi disponibili nell'ordinamento giuridico nazionale in ordine ad accelerazione l'esecuzione, ostacolando così violazioni della Convenzione (Burdov c. la Russia (n. 2), n. 33509/04, § 98 ECHR 2009). È per lo Stato rispondente per organizzare il loro ordinamento giuridico in tale modo che è in grado affrontare il tecnico ed infrastruttura di logistica per trattare il grande numero di rivendicazioni. Questo è dell'importanza notevole per assicurare che lo schema di risarcimento sempre è “effettivo e spedito” (vedere Broniowski c. la Polonia [GC], n. 31443/96, § 194 il 2004-V di ECHR).
82. In quarto luogo, sarebbe inefficace se l'assegnazione del risarcimento finanziario non prendesse conto del danno non-patrimoniale incorso in come un risultato di non-esecuzione smodatamente lunga (vedere Scordino c. l'Italia (n. 1) [GC], n. 36813/97, §§ 203-4 il 2006-V di ECHR; Burdov (n. 2), citata sopra, §§ 100 e 111). Nella causa presente, la Corte è incapace per vedere come le autorità conto di decisioni di ' per e calcola danno non-patrimoniale.
83. La Corte conclude perciò che questa forma del risarcimento non è effettiva.
(e) la Conclusione
84. Avendo riguardo ad alle sentenze sopra, la Corte conclude, che non c'era nessuna via di ricorso nazionale ed effettiva che ha lasciato spazio a compensazione adeguata e sufficiente su conto della non-esecuzione prolungata di decisioni di Commissione che assegnano il risarcimento. C'è di conseguenza una violazione di Articolo 13 della Convenzione. Di conseguenza, la Corte respinge l'eccezione del Governo che i richiedenti non sono riusciti ad esaurire via di ricorso nazionali ed effettive.
IV. VIOLAZIONE ADDOTTA DELLL’ ARTICOLO 6 § 1 DELLA CONVENZIONE ED ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1
A. Le osservazioni delle parti
1. I richiedenti
85. I richiedenti si lamentarono che le definitivo decisioni amministrative nel loro favore rimasero non eseguite. Anche se i certi richiedenti ricevettero il risarcimento finanziario e parziale, il resto delle n di Commissione continuò a rimanere non eseguite. L'argomento del Governo come alla mancanza di finanziamenti già era stato respinto con la Corte nella causa di Beshiri ed Altri c. l'Albania (n. 7352/03, § 102 22 agosto 2006)
86. I richiedenti dibatterono che, con virtù di definitivo decisioni di Commissione, loro hanno, un “la rivendicazione” e, perciò, “le proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. La non-esecuzione di simile definitivo decisioni per un periodo lungo di tempo, senza la giustificazione ha dato luogo ad una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
2. Il Governo
87. Il Governo dibatté che pagamento immediato di tutte le rivendicazioni di risarcimento avrebbe paralizzato il sistema dello Stato. Il principio di onorare obblighi con lo Stato, siccome assegnato a nella giurisprudenza della Corte, riguardava cause solamente sporadiche e non molto esteso di non-esecuzione. Esecuzione di definitivo decisioni non prolungò a continuando situazioni che erano state create prima dell'entrata della Convenzione in vigore, tutti il più così quando simile problemi furono ereditati da un regime totalitario che aveva estinto tutti i diritti di proprietà.
88. Il Governo attribuì la non-esecuzione di definitivo decisioni amministrative a: (un) la mancanza di finanziamenti; (b) cambi frequenti della legislazione; (b) l'adozione iniziale della valutazione di proprietà progetta come tardi come 2005; (il c) la mancanza di un sistema accurato di indirizzi; (d) le difficoltà nell'identificazione di eredi di proprietari precedenti che diedero luogo a ritardi; e, (e) l'assenza di dati come allo status di procedimenti di controllo giurisdizionale riguardo a decisioni di Commissione.
89. Loro presentarono inoltre che loro stavano prendendo misure rapide per stabilire l'IkCF e comportare proprietari precedenti nella privatizzazione di imprese Statali ed oggetti. Avendo riguardo ad al carico di risarcimento col quale lo Stato fu caricato, loro presentarono, che loro avevano fatto i massimi sforzi di garantire l'esecuzione di definitivo decisioni e proprietari precedenti il diritto di ' al risarcimento.
B. la valutazione della Corte
1. Principi Generali
(a) Come riguardi Articolo 6 § 1 della Convenzione
90. La Corte si riferisce ai principi generali delineati, inter alia, nella causa di Burdov (n. 2), citata sopra, §§ 65-70 (riferimenti omisero).
“65. Il diritto ad una corte protetto dall’ Articolo 6 sarebbe illusorio se l'ordinamento giuridico nazionale di un Stato Contraente concedesse un definitivo, mentre lega decisione giudiziale di rimanere non operante al danno di una parte. Esecuzione di una sentenza data con qualsiasi corte deve essere considerata perciò una parte integrante del “il processo” per i fini di Articolo 6 (...).
66. Un irragionevolmente ritardo lungo in esecuzione di una sentenza vincolante può violare perciò la Convenzione (...). La ragionevolezza di simile ritardo che ha sarà determinata riguardo ad in particolare alla complessità dei procedimenti di esecuzione, il proprio comportamento del richiedente e che delle autorità competenti, e l'importo e natura dell'assegnazione di corte (...).
67. Mentre la Corte ha dovuta riguardo ad ai tempo-limiti legali e nazionali esposti per procedimenti di esecuzione, la loro non-riguardo non corrisponde automaticamente ad una violazione della Convenzione. Del ritardo può essere giustificato nelle particolari circostanze ma non può in qualsiasi l'evento, sia come per danneggiare l'essenza del diritto protegguta sotto Articolo 6 § 1 (...). Così, la Corte considerò, per esempio, in una recente causa riguardo alla Russia che un ritardo complessivo di nove mesi preso con le autorità per eseguire una sentenza non era prima facie irragionevole sotto la Convenzione (...). Comunque, tale assunzione non risolve il bisogno per una valutazione nella luce del criterio summenzionato (...) ed avendo riguardo ad alle altre circostanze attinenti (...).
68. Una persona che ha ottenuto una sentenza contro lo Stato non può essere aspettatasi di portare procedimenti di esecuzione separati (...). In simile cause, l'imputato State autorità deve essere debitamente notied fidella sentenza e deve mettere così bene prendere tutte le iniziative necessarie per attenersi con sé o trasmetterlo ad un'altra autorità Statale e competente responsabile per esecuzione. Questo è particolarmente attinente in una situazione dove, in prospettiva delle complessità e la possibile sovrapposizione dell'esecuzione e procedure di esecuzione, un richiedente può avere dubbi ragionevoli dei quali autorità è responsabile per l'esecuzione o esecuzione della sentenza (...).
69. Un contendente riuscito può essere costretto ad intraprendere i certi passi procedurali per recuperare il debito di sentenza, sia sé durante un'esecuzione volontaria di una sentenza con lo Stato o durante la sua esecuzione con obbligatorio vuole dire (...). Di conseguenza, non è irragionevole che le autorità richiedono il richiedente per produrre documenti supplementari, come dettagli di banca concedere o accelerazione l'esecuzione di una sentenza (...). Il requisito della cooperazione del creditore non deve, comunque, vada oltre che che è severamente necessario ed in qualsiasi l'evento, non allevi le autorità del loro obbligo sotto la Convenzione per intentare causa opportuna di loro propria istanza, sulla base delle informazioni disponibile a loro, con una prospettiva ad onorando la sentenza contro lo Stato (...). La Corte considera così che il carico per assicurare primariamente ottemperanza con una sentenza contro le bugie Statali con le autorità Statali che cominciano dalla data sulla quale la sentenza diviene vincolante ed esecutivo.
70. La complessità della procedura di esecuzione nazionale o del sistema budgetario e Statale lo Stato del suo obbligo non può alleviare sotto la Convenzione per garantire ad ognuno il diritto per avere una rilegatura e decisione giudiziale ed esecutiva eseguì all'interno di un termine ragionevole. Né è sé aperto ad un'autorità Statale citare la mancanza di finanziamenti o le altre risorse (come alloggio) come una scusa per non onorare un debito di sentenza (...). È per gli Stati Contraenti per organizzare i loro ordinamenti giuridici in tale modo che le autorità competenti possono soddisfare il loro obbligo in questo riguardo a (...).”
91. Gli stessi direttori furono descritti anche nella causa di Yuriy Nikolayevich Ivanov c. l'Ucraina, n. 40450/04, §§ 51-54, 15 ottobre 2009.
(b) Riguardo all’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione
92. La Corte si riferisce ai principi generali delineati, inter alia, nella causa di Maria Atanasiu ed Altri c. la Romania, N. 30767/05 e 33800/06, §§ 134-37 e 163-68, 12 ottobre 2010 (riferimenti omisero).
“134. La Corte reitera che un richiedente può addurre una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 solamente in finora come le decisioni contestate riferite a suo “le proprietà” all'interno del significato di questa disposizione. “Le proprietà” può essere uno “proprietà esistenti” o i beni, incluso rivendicazioni in riguardo dei quali il richiedente può dibattere che lui o lei hanno almeno un “l'aspettativa legittima” di ottenere godimento effettivo di un diritto di proprietà (...).
135. La Corte osserva inoltre che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non può essere interpretato come imponendo qualsiasi obbligo generale sugli Stati Contraenti per restituire proprietà che fu trasferita a loro prima che loro ratificarono la Convenzione (...).
136. D'altra parte una volta un Stato Contraente, avendo ratificato la Convenzione incluso Protocollo N.ro 1, decreta legislazione che prevede per il pieno o restituzione parziale di proprietà confiscata sotto un regime precedente, simile legislazione che genera un diritto di proprietà nuovo protegguto con Articolo 1 di Protocollo può essere considerata N.ro 1 per persone che soddisfano i requisiti per diritto (...).
137. Dove è nella natura di una rivendicazione l'interesse di proprietà riservato può essere riguardato come un “il bene” solamente dove ha una base sufficiente in legge nazionale, per esempio dove là è stabilito giurisprudenzadelle corti nazionali che lo confermano (...).
...
163. La privazione di proprietà o di un altro diritto in rem è in principio un atto istantaneo e non produce una situazione che continua di “la privazione di un diritto” (...).
164. Nel momento in cui Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 non garantisce il diritto per acquisire proprietà, non impone qualsiasi restrizioni sugli Stati Contraenti la libertà di ' per determinare la sfera di restituzione di proprietà e scegliere le condizioni sotto le quali loro sono d'accordo a ripristinare diritti di proprietà di proprietari precedenti (...).
165. D'altra parte Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 richiede che qualsiasi interferenza con un'autorità pubblica col godimento tranquillo di proprietà dovrebbe essere legale (...). Il principio della legalità presuppone anche che le disposizioni applicabili di diritto nazionale sono sufficientemente accessibili, precise e prevedibili nella loro richiesta (...).
166. Inoltre qualsiasi interferenza col godimento di un diritto o la libertà riconosciuta con la Convenzione deve perseguire un scopo legittimo. Con lo stesso gettone, in cause che comportano un dovere positivo deve essere una giustificazione legittima per l'inazione dello Stato. Il principio di un “equilibrio equo” inerente in Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 presuppone l'esistenza di un interesse generale della comunità. A causa della loro conoscenza diretta della loro società e le sue necessità, le autorità nazionali sono meglio in principio messo che il giudice internazionale per apprezzare che che è “nell'interesse pubblico.” Sotto il sistema di protezione stabilito con la Convenzione, è così per le autorità nazionali per fare la valutazione iniziale come all'esistenza di un problema di preoccupazione pubblica che garantisce misure per essere fatto domanda nella sfera dell'esercizio del diritto di proprietà, incluso la privazione e restituzione di proprietà. Qui, come negli altri campi ai quali prolungano le salvaguardie della Convenzione, le autorità nazionali godono di conseguenza un certo margine della valutazione.
Inoltre, la nozione di “interesse pubblico” necessariamente è esteso. In particolare, la decisione di decretare leggi espropriando proprietà o riconoscendo pubblicamente il risarcimento consolidato per proprietà espropriata comporterà comunemente considerazione di problemi politici, economici e sociali. Trovandolo naturale che il margine della valutazione disponibile alla legislatura nell'implementare politiche sociali ed economiche dovrebbe essere un ampio, la Corte ha dichiarato che rispetterà la sentenza della legislatura come a che che è “nell'interesse pubblico” a meno che che sentenza è manifestamente senza fondamento ragionevole (...).
167. Sia un'interferenza col godimento tranquillo di proprietà ed un'astensione da azione deve prevedere un equilibrio equo fra le richieste dell'interesse generale della comunità ed i requisiti della protezione dei diritti essenziali dell'individuo. In particolare, ci deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e lo scopo chiese di essere compreso con qualsiasi misure fecero domanda con lo Stato, incluso misure che spogliano un'il persona di sua delle sue proprietà. In ogni causa che comporta la violazione allegato di che Articolo che la Corte deve, perciò accerta se con ragione dell'azione dello Stato o inazione la persona riguardata dovuto per sopportare un carico sproporzionato ed eccessivo (...).
168. Nel valutare ottemperanza con Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, la Corte deve fare un esame complessivo dei vari interessi in problema, mentre tenendo presente “pratico ed effettivo.” Deve guardare dietro a comparizioni e deve investigare le realtà della situazione si lamentarono di. Che valutazione non solo può coinvolgere il risarcimento attinente chiama-se la situazione è simile alla presa di proprietà-ma anche la condotta delle parti, incluso i mezzi assunti con lo Stato e la loro attuazione. In che contesto, dovrebbe essere sottolineato che l'incertezza-sia sé legislativo, amministrativo o sorgendo da pratiche fece domanda con le autorità-è un fattore per essere preso in considerazione nel valutare la condotta dello Stato. Effettivamente, dove è in pericolo un problema nell'interesse generale, è in carica sulle autorità pubbliche per agire nel buon tempo, in una maniera appropriata e coerente (...).
2. L’applicazione di quei principi alla causa presente
93. La Corte già ha trovato violazioni simili di Articolo 6 § 1 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione nelle altre cause riguardo a ritardi nell'eseguire definitivo decisioni di proprietà amministrative in riguardo dello Stato rispondente (vedere, fra le altre autorità, Ramadhi ed Altri, citata sopra, §§ 45-53 e 75-84; Hamzaraj (n. 1), citata sopra, §§ 24-27 e 38-43; e, Nuri c. l'Albania, n. 12306/04, §§ 26-29 e 35-40, 3 febbraio 2009. Esaminerà se il Governo ha fatto osservazioni nuove ed attinenti.
94. Il Governo spiegò che era fattibile per eseguire definitivo decisioni in un piccolo numero di cause, ma le richieste non numeroso. Comunque, ogni richiedente è concesso per avere una definitivo decisione nel suo favore eseguì (vedere Hornsby c. la Grecia, 19 marzo 1997, § 40 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1997-II). La questione di se la non-esecuzione di definitivo aumenti di decisioni un problema sistematico sarà esaminato sotto Articolo 46 della Convenzione sotto (vedere divide in paragrafi 99-121 sotto).
95. Il Governo mise in dubbio la richiesta della Convenzione a definitivo decisioni adottate prima della sua entrata in vigore in riguardo dello Stato rispondente. La Corte nota che la non-esecuzione delle definitivo decisioni in oggetto persistito susseguente all'entrata della Convenzione in vigore 2 ottobre 1996. Infatti, ancora continua. La Convenzione fa domanda perciò.
96. La mancanza di finanziamenti o le altre risorse come una ragione per non onorare un debito di sentenza non può alleviare lo Stato del suo obbligo sotto la Convenzione per assicurare ottemperanza con una definitivo decisione all'interno di un termine ragionevole (vedere, per esempio, Burdov, citata sopra, §35; Beshiri ed Altri, citata sopra, § 102; e, Kukalo c. la Russia, n. 63995/00, § 49 3 novembre 2005). Gli altri fattori avanzati semplicemente col Governo in paragrafo 88 sopra punto alle autorità ' rimandò azione ed omissione di atto per rivolgere l'esecuzione di decisioni di Commissione.
97. Nelle circostanze della causa presente, definitivo e decisioni di Commissione esecutive in favore dei richiedenti non eseguite rimasero per periodi che variano fra 15 e 17 anni. Avendo esaminato i materiali presentati a sé, la Corte non vede nessuna ragione di abbandonare dalle sue sentenze in cause precedenti (vedere paragrafo 92 sopra). C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 6 § 1 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione in ciascuno applicativo.
C. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 46 DELLA CONVENZIONE
98. Articolo 46 della Convenzione prevede:
“1. Le Parti Contraenti ed Alte si impegnano attenersi alla sentenza definitiva della Corte in qualsiasi causa alla quale loro sono parti.
2. La sentenza definitiva della Corte sarà trasmessa al Comitato di Ministri che soprintenderà alla sua esecuzione.
A. Le osservazioni delle parti
1. I richiedenti
99. I richiedenti nelle richieste N. 604/07 (Manushaqe Puto), 43628/07 (Dani) e 46684/07 (Ahmatas ed Altri) non obietti alla richiesta della procedura di pilota-sentenza nella luce delle autorità ' promette di redigere piani di azioni irreali ed inefficaci o (le strategie di inter)-sectoral su restituzione di proprietà ed il risarcimento. Comunque, loro misero in dubbio la sua utilità, mentre avendo riguardo ad al fatto che misure generali già erano state indicate al Governo sotto Articolo 46 nelle sentenze di Driza, citata sopra; Ramadhi ed Altri, citata sopra; Vrioni ed Altri c. Albania e l'Italia, N. 35720/04 e 42832/06, § 87 29 settembre 2009; e, Delvina c. l'Albania, n. 49106/06, §§ 85-88, 8 marzo 2011. Era la Corte per fare domanda la procedura di pilota-sentenza, quelli richiedenti richiesero che la richiesta di Articolo 41 della Convenzione nelle cause sopra non dovrebbe essere riservata. Inoltre, loro richiesero la Corte per continuare l'esame di cause registrate e del tutto simili che sono state comunicate al Governo.
100. Il richiedente in richiesta n. 34770/09 (Muka) presentò che l'elaborazione di risarcimento era un insuccesso completo e che potrebbe essere caratterizzato come un problema di systemic/structural. Simile insuccesso era radicato nella struttura legislativa così come nelle autorità l'incapacità di ' per stabilire un meccanismo effettivo per assegnare il risarcimento.
2. Il Governo
101. Il Governo preliminare presentò che i problemi identificarono nelle cause sopra era simile a quegli identificati nella sentenza di Driza, citata sopra. Problemi strutturali riguardo alla non-esecuzione di definitivo decisioni, in generale, fu rivolto in un documento che lavora redatto col Governo ed il Comitato di Ministri nella struttura della soprintendenza ed esecuzione delle sentenze di questa Corte. Il Governo considerò che la situazione in Albania assomigliò a quel descrisse nella causa di Maria Atanasiu ed Altri, citata sopra. Questa causa sarebbe perciò appropriata per la richiesta della procedura di pilota-sentenza. Loro presentarono inoltre che loro riservarono il diritto per richiedere formalmente la richiesta della procedura di pilota-sentenza ad un più tardi lo stadio.
B. la valutazione della Corte
1. Principi Generali
102. I richiami di Corte che Articolo 46 della Convenzione, siccome interpretato nella luce di Articolo 1, impone sullo Stato rispondente un obbligo legale per implementare, sotto la soprintendenza del Comitato di Ministri and/or generale ed appropriato misure individuali per garantire il diritto del richiedente che la Corte fondò essere violata. Simile misure devono essere prese anche in riguardo di altre persone nella posizione del richiedente, notevolmente con risolvendo i problemi che hanno condotto alle sentenze della Corte. Questo obbligo fu enfatizzato costantemente col Comitato di Ministri nella soprintendenza dell'esecuzione delle sentenze della Corte in cause riguardo alla lunghezza di procedimenti in Italia così come in cause riguardo all'azione della sicurezza costringe nella Turchia (vedere Burdov (n. 2), citata sopra, § 125).
103. Soggetto ad esaminando col Comitato di Ministri, i resti Statali e rispondenti liberano scegliere i mezzi con che assolverà il suo obbligo legale sotto Articolo 46 della Convenzione, purché che simile mezzi sono compatibili col set di conclusioni fuori nella sentenza della Corte (vedere Maria Atanasiu ed Altri, citata sopra, § 211)
104. L'oggetto della Corte sta designando una causa per il “procedura di pilota-sentenza” è facilitare il più veloce e la maggior parte di decisione effettiva di una disfunzione che colpisce la protezione del diritto di Convenzione in oggetto nell'ordine legale e nazionale. Lo scopo della procedura di pilota-sentenza è incitare lo Stato rispondente a chiarire i grandi numeri di cause individuali che sorgono dallo stesso problema strutturale al livello nazionale, mentre implementando così il principio di sussidiarietà che puntella il sistema di Convenzione (vedere Maria Atanasiu ed Altri, citata sopra, § 212).
105. Uno dei fattori attinenti considerato con la Corte nel concependo e fare domanda la procedura di pilota-sentenza è stato la minaccia crescente al sistema di Convenzione che è il risultato dei grandi numeri di cause ripetitive dal quali derivano, fra le altre cose lo stesso problema strutturale o sistematico Davvero, il compito della Corte, come definito con Articolo 19, quel è a “assicuri l'osservanza degli appuntamenti si impegnata con le Parti Contraenti ed Alte nella Convenzione ed i Protocolli inoltre”, non è realizzato necessariamente meglio ripetendo le stesse sentenze nella grande serie di cause (vedere Burdov (n. 2), citata sopra, § 127).
106. Mentre l'azione dello Stato rispondente dovrebbe mirare primariamente alla decisione di tale disfunzione ed all'introduzione, dove appropriato, di via di ricorso nazionali ed effettive in riguardo delle violazioni in oggetto, può includere anche ad soluzioni di hoc come regolamenti amichevoli coi richiedenti od offerte riparatore ed unilaterali in linea coi requisiti di Convenzione. La Corte può decidere di aggiornare esame di tutte le cause simili, mentre dando così lo Stato rispondente un'opportunità di stabilirli in modi così vari. 128. Comunque, se gli errori Statali e rispondenti per adottare simile misure seguente una sentenza di pilota e continua a violare la Convenzione, la Corte avrà nessuna alternativa ma riprendere esame di tutte le richieste simili pendente di fronte a sé e portarli a sentenza così come assicurare osservanza effettiva di Convenzione (vedere Burdov (n. 2), citata sopra, § 128).
2. La richiesta di quelli principi alla causa presente
(a) Esistenza di una pratica incompatibile con la Convenzione
107. La Corte richiama, all'inizio, come già affermato in paragrafo 90 dei Ramadhi ed Altri la sentenza, che le violazioni trovate nella sentenza presente “nacque da in un problema molto esteso che colpisce un gran numero di persone”, vale a dire l'and/or dei difetti regolatore condotta amministrativa delle autorità nell'esecuzione di definitivo decisioni di Commissione che assegnano il risarcimento a proprietari precedenti sotto i Proprietà Atti.
108. La Corte nota con preoccupazione che ha trovato violazioni nella causa presente, nonostante le misure generali indicate nelle sue sentenze precedenti in 2007, 2009 e 2011 nelle cause di Driza citata sopra; Ramadhi ed Altri, citata sopra; Vrioni ed Altri, citata sopra; e, Delvina, citata sopra). Avendo riguardo ad al numero di cause simili pendente di fronte alla Corte e statistiche previdero col Governo (vedere l'attaccato Annettere), la Corte concerne seriamente che il numero delle richieste fondate registrato potesse aumentare e, perciò, rappresenti una minaccia critica all'efficacia futura del sistema di Convenzione (vedere, fra altri, Yuriy Nikolayevich Ivanov, citata sopra, § 86).
(b) l’applicazione della procedura della sentenza pilota
109. In prospettiva del grande numero di besetting dei problemi il meccanismo di risarcimento che continua a persistere dopo l'adozione delle sentenze nelle cause di Driza, Ramadhi ed Altri, Vrioni ed Altri e Delvina, citata sopra, così come il bisogno urgente di accordare richiedenti compensazione veloce ed appropriata al livello nazionale, la Corte lo considera imperativo fare domanda la procedura di pilota-sentenza in questa causa. In questo collegamento, la Corte nota, che in nessune delle cause sopra adottò una sentenza di pilota.
(c) misure Generali
110. La Corte considera che lo Stato rispondente dovrebbe prendere misure generali, come una questione di urgenza per garantire in una maniera effettiva il diritto al risarcimento mentre prevede un equilibrio equo fra gli interessi diversi in pericolo (vedere, per esempio, Burdov (n. 2), citata sopra, § 125). Soggetto ad esaminando col Comitato di Ministri, i resti Statali e rispondenti liberano scegliere i mezzi con che assolverà il suo obbligo legale sotto Articolo 46 della Convenzione, purché che simile mezzi sono compatibili col set di conclusioni fuori nella sentenza della Corte (vedere Scozzari e Giunta c. l'Italia [GC], N. 39221/98 e 41963/98, § 249 ECHR 2000-VIII). La Corte osserva inizialmente che la legislazione di proprietà corrente frequentemente è stata corretta, almeno sette volte fra il 2004 ed il 2010. Mentre emendamenti legislativi possono riflettere un stato che evolve di affari, la complessità delle disposizioni legislative i cambi frequenti resero a loro così come la pratica giudiziale ed incoerente therefrom risultante, contribuirà inevitabilmente ad una mancanza generale della certezza legale. Lo Stato rispondente dovrebbe evitare cambi frequenti della legislazione ed attentamente dovrebbe esaminare implicazioni del tutto legali e finanziarie prima di introdurre le ulteriori modifiche.
111. Siccome concesso col Governo nel loro Azione Piano, le autorità mancano informazioni accurate ed affidabili come riguardi il numero complessivo di decisioni recognising proprietà diritti amministrativi ed il risarcimento che assegna, come appropriato, quel è adottato dal 1993. L'esistenza di dati precisi che dovrebbero riflettere anche modifiche resa con modo di controllo giurisdizionale, abiliterebbe le autorità per calcolare e localizzare il risarcimento complessivo conto così come le implicazioni finanziarie del meccanismo di risarcimento.
112. La compilazione di un database ed il preventivo del risarcimento globale conto dovrebbe essere accompagnato con un concepì attentamente e schema di risarcimento chiaro. Lo schema di risarcimento che dovrebbe essere libero di procedure di ottemperanza ingombranti per esempio l'obbligo per un rivendicatore per fare domanda per il risarcimento di anno susseguente nell'evento della richiesta senza successo in un anno precedente, dovrebbe prendere in considerazione i principi della giurisprudenza della Corte riguardo alla richiesta di Articolo 6 § 1 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (vedere divide in paragrafi 90-92 sopra).
113. La Corte nota inoltre che lo schema di risarcimento dovrebbe rivolgere le sentenze rese sotto Articolo 13 della Convenzione (vedere divide in paragrafi 75-84 sopra). In particolare, sé prese notano del carico molto considerevole sul bilancio Statale che rappresenta il risarcimento finanziario. Le sentenze sopra chiaramente richiedono una revisione delle modalità per il pagamento del risarcimento finanziario come implementò attualmente. La revisione ed aggiornamento di mappe di valutazione dovrebbero essere soggetto a criterio trasparente ed esplicativo, mentre prendendo in considerazione lo sviluppo di terra ed oscillazioni di mercato. La Corte esorta le autorità, come una questione di priorità cominciare ad avvalersi di altre forme di alternativa del risarcimento come previsto per col Proprietà Atto del 2004 che allevierebbe infine pressione sul bilancio and/or introdurre gli altri metodi del risarcimento.
114. L'elaborazione decisionale per il tipo del risarcimento per essere assegnato richiede la massima trasparenza ed efficienza con una prospettiva a migliorando la fiducia pubblica. Sarebbe nell'interesse generale che i risultati siano resi pubblici e diffusero per diverso, accessibile vuole dire di comunicazione. È cruciale che le autorità le decisioni di ' contengono in modo chiaro e ragioni sufficienti e che loro sono assoggettabili a controllo giurisdizionale nell'evento di discordia.
115. L'elaborazione del risarcimento di proprietari precedenti su conto dei Proprietà Atti dovrebbe essere distinta dal risarcimento a proprietari precedenti sulla forza dell'Atto di Legalizzazione. Come al secondo, lo Stato rispondente potrebbe riconsiderare aumentando la costare-quota sopportata coi richiedenti di legalizzazione alla misura che sarebbe capace di accoppiare il risarcimento finanziario pagò a proprietari precedenti. Su un altro noti, lo Stato rispondente dovrebbe assicurare l'esistenza di un sistema trasparente ed effettivo di registrazione di proprietà, incluso accurato, unificò, dati cartografici per abilitare, semplifichi e faciliti operazioni legali e future.
116. La Corte abbastanza non può enfatizzare completamente diversamente da proposte nell'Azione Piano del Governo che mancò la specifica menzione di tempo-limiti, l'importanza di esporre tempo-limiti realistici, legali e vincolanti in riguardo di ogni passo dell'elaborazione. Proroghe frequenti di tempo-limiti, siccome è stato la causa da datare, non contribuisca ad una soluzione conveniente dei problemi identificata ed inoltre mini la fiducia pubblica.
117. È importante che per assicurare l'attuazione effettiva di misure generali, creatura umana sufficiente e risorse di materiale sia messo alle autorità competenti la disposizione di ' e che la coordinazione fra istituzioni Statali e diverse sia assicurata con una prospettiva a scambiando informazioni. Ogni qualvolta possibile, le autorità potrebbero esplorare la possibilità di mettere in fondo comune risorse con unendo istituzioni diverse per evitare ricoprire e diminuire costi operativi e spese. Stabilendo strutture istituzionali e nuove non dovrebbe essere considerato un altro strato all'elaborazione ma dovrebbe essere giustificato completamente.
118. La Corte considera che la magnitudine del problema e le misure suggerì sopra di, su un puramente base indicativa, insieme col bisogno per una soluzione comprensiva e pratica si potrebbe rivolgere meglio se è sottoposto a discussioni pubbliche ed ampie per mettere nel granaio comprensione larga del livello di risarcimento che lo Stato si è aspettato di pagare realisticamente e delle forme diverse del risarcimento.
(d) procedura Susseguente da seguire in cause simili di fronte a questa Corte
119. Come riguardi la procedura per essere seguito in riguardo di cause simili, la Corte lo considera appropriato già rendere differente fra le cause depositò con la Corte e quelli che potrebbero essere portati nel futuro.
120. La Corte aggiornerà procedimenti riguardo a tutte le richieste nuove depositate con sé dopo la consegna della sentenza presente nella quale i richiedenti sollevano solamente azioni di reclamo difendibili relative alla non-esecuzione prolungata di definitivo decisioni di proprietà per l'esecuzione della quale lo Stato è responsabile, incluso richieste nelle quali sono sollevate anche azioni di reclamo che adducono una mancanza di via di ricorso effettive in riguardo di simile non-esecuzione. L'aggiornamento sarà effettivo per un periodo di 18 mesi dopo che la sentenza presente diviene definitivo. I richiedenti in simile cause saranno informati di conseguenza.
121. Comunque, la Corte decide di seguire un corso diverso in riguardo delle richieste depositò di fronte alla consegna della sentenza presente. Procedimenti in riguardo di tutte le cause registrate non saranno aggiornati. Loro continueranno ad essere esaminati dopo che la sentenza presente diviene definitivo, senza pregiudizio al potere della Corte a qualsiasi momento per dichiarare inammissibile qualsiasi simile causa o colpirlo del suo ruolo seguente un regolamento amichevole fra le parti o la decisione della questione con altro vuole dire in conformità con Articoli 37 o 39 della Convenzione o Decide 62A degli Articoli di Corte.

VI. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE

122. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
1. Le osservazioni delle parti
123. I richiedenti si appellarono su esperti la valutazione di ' riporta e fece le rivendicazioni seguenti in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale.
Richiesta n. e nome Danno patrimoniale Danno non-patrimoniale
604/07-OMISSIS EUR 1,440,000 come riguardi il valore della proprietà (5,000 metri quadrati x 288 EUR/metri quadrati); EUR 25,000
EUR 720,000 come riguardi la perdita di uso di profitti;
43628/07- OMISSIS EUR 343,750 come riguardi il valore della proprietà (1,375 metri quadrati x 250 EUR / lo metri quadrati); EUR 70,000
46684/07- OMISSIS EUR 305,900 come riguardi l'area di terra che misura 3,800 metri quadrati(3,800 metri quadrati x 80.5 EUR/metri quadrati); EUR 80,000
Tutti i 2,545,590 (EUR 18,372) come riguardi l'area di terra che misura 59,546 metri quadrati in riguardo del quale obbligazioni erano state emesse;
34770/09- OMISSIS Tutti i 105,000,000 (EUR 790,000) come riguardi l'area di terra che misura 660 metri quadrati; Nessuno.
Tutti i 79,000,000 (EUR 585,000) come riguardi l'area di terra che misura 622 metri quadrati;
124. Il Governo contestò le richieste dei richiedenti e li invitò a fare domanda per il risarcimento finanziario in conformità col CMDs.
2. La valutazione della Corte
125. In prospettiva della natura inefficace del sistema corrente del risarcimento ed avendo riguardo a, in particolare, al fatto che ora è più di 15 anni poiché loro furono assegnati inizialmente risarcimento, la Corte senza giudicare prematuramente i possibili sviluppi futuri con riguardo ad al meccanismo di risarcimento, lo considera ragionevole assegnare una somma che rappresenterebbe un definitivo ed accordo esauriente delle loro richieste i richiedenti. In questo collegamento, la Corte reitera le sue sentenze nella causa di Vrioni ed Altri c. l'Albania ((soddisfazione equa), N. 35720/04 e 42832/06, §§ 33-39 7 dicembre 2010) come riguardi il metodo del calcolo di danno patrimoniale e non-patrimoniale.
126. Avendo riguardo ad al materiale nella sua proprietà e decidendo su una base equa, la Corte lo considera ragionevole fare le assegnazioni seguenti in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale:
Richiesta n. e nome Danno patrimoniale e non-patrimoniale
604/07- OMISSIS EUR 1,000,000
43628/07- OMISSIS EUR 280,000
46684/07- OMISSIS EUR 352,400
34770/09- OMISSIS EUR 1,360,000
Costi di B. e spese
1. Le osservazioni delle parti
127. I richiedenti che presentarono fatture fecero le rivendicazioni seguenti in riguardo di costi e spese.
Richiesta n. e nome Procedimenti nazionali Procedimenti di Strasburgo
604/07- OMISSIS Nessuno. EUR 4,075
43628/07- OMISSIS EUR 2,940
46684/07- OMISSIS EUR 5,035
34770/09- OMISSIS Nessuno.
128. Il Governo presentò che i richiedenti non riuscirono a presentare ricevute particolareggiate. Loro respinsero i richiedenti che ' chiede per costi e spese come eccessivo ed irragionevole.
2. La valutazione della Corte
129. Secondo la giurisprudenza della Corte, un richiedente è concesso solamente finora al rimborso di costi e spese in come sé è stato mostrato che questi davvero e necessariamente sono stati incorsi in e sono stati ragionevoli come a quantum (vedere Gjyli c. l'Albania, n. 32907/07, § 72 29 settembre 2009). A questa fine, Articolo 60 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte conviene che richiedenti devono includere con le loro rivendicazioni per la soddisfazione equa “qualsiasi documenti che sostengono attinenti”, fallendo quale la Corte “può respingere le rivendicazioni in intero o in parte.”
130. Al giorno d'oggi la causa, la Corte nota che i richiedenti in richieste N. 604/07 (Manushaqe Puto), 43628/07 (Dani) e 46684/07 (Ahmatas ed Altri) fu rappresentato con lo stesso avvocato. I fatti di quelle cause erano diritti siccome era la condotta dei nazionali e procedimenti di Convenzione. Le loro osservazioni a questa Corte erano quasi identiche. Inoltre, la maggioranza dei costi e spese chiesta non sia ragionevole come a quantum. In conclusione, la Corte decide di assegnare EUR 1,000 in riguardo di ognuno delle tre richieste sopra.
131. La Corte non costituisce un'assegnazione costi e spese in riguardo delle richieste n. 34770/09 (Muka) nell'assenza di rivendicazioni resa col richiedente.
C. Interesse di mora
132. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Decide di congiungere le richieste;

2. Decide di congiungere ai meriti dell'azione di reclamo sotto l’Articolo 13 della Convenzione l'eccezione del Governo in merito all'esaurimento delle vie di ricorso nazionali;

3. Dichiara le richieste ammissibile;

4. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 13 della Convenzione e, di conseguenza, respinge l'eccezione del Governo in merito all'esaurimento delle vie di ricorso nazionali;

5. Sostiene che c'è stata una violazione dell’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;

6. Sostiene che lo Stato rispondente deve prendere, entro diciotto mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitiva in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione, misure per assicurare protezione effettiva dei diritti garantiti dall’ Articolo 6 § 1 della Convenzione e dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1, nel contesto di tutte le cause simile alla causa presente, in linea coi principi di Convenzione come stabilito nella giurisprudenza della Corte;

7. Sostiene che esaminerà, dalla data in cui la sentenza diviene definitivo in conformità con l’ Articolo 44 § 2 della Convenzione, le cause depositate prima della consegna della sentenza presente, senza pregiudicare il potere della Corte in qualsiasi momento di dichiarare inammissibile qualsiasi simile causa o cancellare dal ruolo successivamente un regolamento amichevole fra le parti o la decisione della questione con altri mezzi in conformità con gli Articoli 37 o 39 della Convenzione;

8. Sostiene che durante l'adozione delle misure sopra, la Corte aggiornerà, per diciotto mesi dalla data in cui la sentenza diviene definitivo in conformità con l’Articolo 44 § 2 della Convenzione, i procedimenti in tutte le cause simile alla causa presente che sono state depositate susseguentemente alla consegna della sentenza presente senza pregiudicare il potere della Corte in qualsiasi momento per dichiarare inammissibile qualsiasi simile causa o cancellarla dal ruolo in seguito ad un regolamento amichevole fra le parti o la decisione della questione tramite altri mezzi in conformità con Articoli 37 o 39 della Convenzione;
9. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente è pagare congiuntamente i richiedenti, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione gli importi seguenti, da convertire nella valuta nazionale al tasso applicabile in data dell’ accordo:
(i) EUR 1,000,000 (un milione di euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo al danno patrimoniale e non-patrimoniale riguardo alla richiesta n. 604/07;
(l'ii) EUR 280,000 (duecento ed ottanta mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale riguardo alla richiesta n. 43628/07;
(l'iii) EUR 352,400 (trecento e cinquanta due mila e quattrocento euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale riguardo alla richiesta n. 46684/07;
(l'iv) EUR 1,360,000 (un milione trecento e sessanta mila euro), più qualsiasi tassa che può essere addebitabile, in riguardo di danno patrimoniale e non-patrimoniale riguardo alla richiesta n. 34770/09;
(v) EUR 1,000 (mille euro), in riguardo di costi e spese come richiesta di riguardi n. 604/07;
(vi) EUR 1,000 (mille euro), in riguardo di costi e spese riguardo alla richiesta n. 43628/07;
(vii) EUR 1,000 (mille euro), in riguardo di costi e spese riguardo alla richiesta n. 46684/07;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

10. Respinge il resto dei richiedenti che ' chiede per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 31 luglio 2012, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Lorenzo Early Lech Garlicki
Cancelliere Presidente
ANNESSO
A. Statistiche riguardo del processo di restituzione e di risarcimento della proprietà
Il 30 giugno 2009 il Governo offrì un ruolo di 1,194 rivendicatori che avevano fatto domanda per il risarcimento finanziario fra il 2005 ed il 2008. L'assegnazione del risarcimento finanziario fu basata sulle mappe di valutazione di proprietà. Il ruolo contenne molti rivendicatori che avevano ottenuto decisioni di Commissione come presto come 1993 e 1994, ma non fu assegnato il risarcimento finanziario, poiché loro prima avevano ricevuto restituzione parziale delle loro aree di terra. Come riguardi gli altri rivendicatori che non furono assegnati il risarcimento finanziario in riguardo delle loro decisioni di Commissione di 1993 e 1995, il Governo lo spiegò con modo di rivendicatori l'inadempienza di ' con requisiti legali per l'osservazione di documenti richiesti e la mancanza di finanziamenti.
In 19 maggio 2010 il Governo offrì le statistiche combinate e seguenti riguardo all'elaborazione di risarcimento finanziaria.
No Anno Importo di risarcimento totale Nessuno di rivendicazioni N.ro di beneficiari Ubicazione geografica
1. 2005 Tutti i 209,215,623 103 28 Tirana
2. 2006 Tutti i 297,067,149 251 59 Tirana, Kavaja
3. 2007 Tutti i 499,999,994 468 119 In tutto il paese
4. 2008 Tutti i 497,518,493 740 162 In tutto il paese
5. 2009 Tutti i 1,250,725,155 209 In tutto il paese
6. 2010 Tutti i 21,000,000 Dollari di Stati Uniti In corso In tutto il paese
In oltre, il Governo offrì le cifre seguenti:
No Descrizione degli articoli Numero totale
1. Numero di richieste pendenti che chiedono al riguardo riconoscimento di diritti di proprietà, restituzione ed il risarcimento. 40,803
2. Numero di richieste i cui diritti di proprietà sono stati riconosciuti. 28,899
3. Numero di richieste che attendono il pieno risarcimento [nessun risarcimento finanziario e parziale stato stato reso per datare]. 14,953
4. Numero di richieste che attendono il pieno risarcimento, in riguardo del quale è stato il risarcimento finanziario [parzialmente] assegnò. 9,065
5. Numero di rivendicatori che hanno fatto domanda per il risarcimento finanziario. 1,460
6. Numero delle richieste in ricevuta del risarcimento finanziario [escludendo 2009 e 2010]. 368
7. Numero di rivendicatori in ricevuta del pieno risarcimento finanziario (taglia di proprietà su a 200 metri quadrati). 128
22 febbraio 2012 il Governo adottò la relazione annuale sulla distribuzione del risarcimento finanziario durante 2011 (la decisione n. 128). Secondo il rapporto, nel 2011 erano state 1,012 rivendicazioni per risarcimento finanziario fuori di che 107 rivendicatori furono assegnati il risarcimento finanziario in un importo totale di Tutti i 665,999,275, l'equivalente di 4,684,000 euro (“EUR”); 46 rivendicazioni furono respinte ed i rimanere 859 che dovettero alla mancanza di finanziamenti non furono esaminati.
B. Statistiche riguardo al processo di legalizzazione
La Relazione sui Progressi del 2008 sulla Strategia Nazionale per lo Sviluppo e l'Integrazione afferma, fra l’altro che:
“2.2 diritti di proprietà
[...]
Fra il 2006 ed il 2008 un totale di 350,000 edifici informali è stato identificato in tutto il paese ed un database è stato stabilito con modo di fotografia aerea. L’autodichiarazone volontaria è stata completata in riguardo di 270,595 edifici informali (...). Sulla base di statistica ed elaborazione dati seguente, risulta, che 29% di edifici informali furono eretti su aree di terra che appartiene a proprietari legali, 24% [di edifici informali fu sollevato] terra pubblica e 35% [di edifici informali fu costruito sul costruttore] la propria area di terra. Non ci sono informazioni come riguarda 14% [di edifici informali].]
30 giugno 2009 il Governo confermò che c'erano 350,000 edifici non autorizzati che sarebbero soggetto all'elaborazione di legalizzazione. Fra il 2008 ed il 2009 le autorità assegnarono il risarcimento nell'importo equivalente di EUR 34,500,000 in riguardo di 1,234 proprietari precedenti. Su 36,640 oggetti furono legalizzati, mentre coprendo un'area di 12,066,188.43 metri quadrati.
Una Mondo Banca Problema Breve del 2011 su “Governo nella protezione di diritti di patrimonio immobiliare in Albania: una richiesta che continua” determinato, fra altri, che (riferimenti omisero):
“... solamente 874 proprietari espropriati hanno ricevuto il risarcimento in collegamento con l'elaborazione di legalizzazione ed un'altra 1,300 cause sono state trasferite all'AGENZIA per Proprietà Restituzione ed il Risarcimento (...), mentre un numero molto più grande di cause attende il risarcimento. Cifre prodotte con ALUIZNI ed ottenne da [l'AGENZIA] lo show che dei 4.5 miliardo lek (più di €30 milione) è dovuto per essere pagato a 1,460 proprietari di proprietà espropriata le cui rivendicazioni sono state approvate con decisione Statale. ALUIZNI ha raccolto €30 milione in finora le parcelle delle quali metà è stata pagata a rivendicatori di restituzione. Questo è incorso lontano breve dell'importo richiesto per compensare proprietari espropriati che intendono la più grande quota della quota di risarcimento deve essere pagato perciò di risorse di bilancio. Questo ammanco nonostante, emendamenti al Legalizzazione [l'Atto] fu adottato ad ottobre 2009 quel permetta richiedenti di pagare su alla metà del costo di legalizzazione che usa altrimenti ricevute indegne emise sotto un schema di privatizzazione del 1990s. È probabile che l'accettazione di ricevute spogli lo stato di ufficio imposte significativo che potrebbe essere usato per compensare proprietari espropriati.”
Il rapporto sulla distribuzione del risarcimento finanziario durante 2011 menzionati che durante il periodo fra agosto 2010 e febbraio 2011, Tutti i 1,877,092,628.87, l'equivalente di EUR 13,142,800 furono distribuiti come risarcimento a proprietari precedenti come un risultato dell'elaborazione di legalizzazione. I soldi erano usati per pagare la prima, la seconda o la terza rata in conformità con le assegnazioni fatte in virtù di CMDs durante il corso di anni diversi.



DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 05/04/2021.