Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF SILICKIENE v. LITHUANIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 35, 06, P1-1

NUMERO: 20496/02/2012
STATO: Lituania
DATA: 10/04/2012
ORGANO: Sezione Seconda


TESTO ORIGINALE

Conclusion Preliminary objections dismissed ; No violation of Article 6 - Right To A Fair Trial (Article 6 - Criminal Proceedings ; Article 6-1 - Access To Court) ; No violation of Article 6 - Right To A Fair Trial (Article 6 - Criminal Proceedings ; Article 6-2 - Charged With A Criminal Offence) ; No violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection Of Property (Article 1 para. 1 of Protocol No. 1 - Peaceful Enjoyment Of Possessions)
SECOND SECTION
CASE OF SILICKIENÄ– v. LITHUANIA
(Application no. 20496/02)
JUDGMENT
STRASBOURG
10 April 2012
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision

In the case of SilickienÄ— v. Lithuania,
The European Court of Human Rights (Chamber), sitting as a Chamber composed of:
Françoise Tulkens, President,
Danutė Jočienė,
Dragoljub Popović,
Isabelle Berro-Lefèvre,
András Sajó,
Işıl Karakaş,
Guido Raimondi, judges,
and Stanley Naismith, Section Registrar,
Having deliberated in private on 20 March 2012,
Delivers the following judgment, which was adopted on the
last-mentioned date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 20496/02) against the Republic of Lithuania lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by two Lithuanian nationals, OMISSIS(“the applicants”), on 15 May 2002 and 10 September 2003 respectively. On 24 April 2003 OMISSIS died.
2. The applicants were represented before the Court by OMISSIS, a lawyer practising in Kaunas. The Government were represented by their Agent, Ms Elvyra BaltutytÄ—.
3. Under Article 6 of the Convention OMISSIS alleged that the criminal proceedings that resulted in confiscation of her property were not fair. Invoking Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, she also complained that the deprivation of her property had been unlawful.
4. By a decision of 10 November 2009, the Court declared the application, as concerns the complaints by OMISSIS, admissible. The Court declared inadmissible the application as far as it concerned OMISSIS (hereinafter – M.S.).
The name of the case has consequently been changed from Silickis and Silickienė v. Lithuania to Silickienė v. Lithuania and hereinafter the term “the applicant” refers to the second applicant, OMISSIS.
5. The applicant and the Government each filed further written observations (Rule 59 § 1). The parties replied in writing to each other’s observations.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
6. The applicant was born in 1971 and lives in Vilnius.
A. The criminal proceedings against the applicant’s husband
7. On 16 August 2000 M.S., the applicant’s husband, a high ranking tax police officer, was arrested on suspicion of having committed various offences of fraud. He was remanded in custody.
8. Later that month he was charged with forgery, fraud and inappropriate commercial activities.
9. In May 2001 M.S. was charged with more serious offences, including that of smuggling large quantities of alcohol.
10. In February 2002 M.S. was accused of further serious crimes, including forming and leading a criminal association in order to smuggle alcohol and cigarettes in large quantities.
11. In 2000 a criminal investigator froze certain property belonging to M.S., his mother and the applicant. The mother appealed against that decision, pursuant to Article 2441 of the Code of Criminal Procedure (see the Relevant domestic law and practice part below). As a result, on
23 July 2002 the District Court of Kaunas City released some of her
assets – an apartment, a garage and a plot of land – the seizure of which was deemed to have been unreasonable. The court noted, however, that the café and shares in a telecommunications company which had been in the possession of the mother of M.S. was property acquired as a result of his criminal activities. The seizure of those items was upheld.
The applicant did not appeal against the seizure of her property.
12. In August 2002 a prosecutor approved a bill of indictment against M.S. and three of his accomplices, K.K., J.M. and V.V. The case was transmitted to the Kaunas Regional Court.
13. On 24 April 2003 M.S. committed suicide in the Lukiškės Remand Prison.
14. On 25 and 28 April 2003 the applicant and the mother of M.S. requested the court to continue the case to enable his rehabilitation. That same day the Kaunas Regional Court decided to continue the proceedings in so far as they concerned the activities of the criminal association organised by the applicant’s late husband. The court appointed a lawyer to defend the interests of the deceased.
15. On 28 May 2003 the Kaunas Regional Court received a request from the applicant and M.S.’s mother to discontinue the criminal proceedings. By a ruling of 2 June 2003 the court dismissed that request, noting that it had already started examining the evidence in the case. It observed that, without having examined the evidence, the court could not establish whether grounds existed to rehabilitate M.S.
16. On 22 January 2004 the Kaunas Regional Court adopted its judgment. It noted that there were no grounds on which M.S. could be exculpated. On the contrary, the court found sufficient evidence to prove that the applicant’s husband, being a State official, had indeed organised and led a criminal association for smuggling purposes between spring 1999 and March 2000. The offenders had succeeded in passing contraband on twenty-two occasions. However, in view of M.S.’s death, the court decided to discontinue the proceedings against him. Three of his co-accused, K.K., J.M. and V.V., were convicted and sentenced to prison sentences ranging from three years six months to six years. Two other co-accused were released from criminal liability because they had cooperated with the authorities and contributed to discovering the crimes.
17. The Kaunas Regional Court ordered the confiscation of certain items of property on the ground that they had been acquired as a result of M.S.’s criminal activities (Article 72 § 3 (2) of the Criminal Code). In particular, the court ordered confiscation of the applicant’s apartment in Vilnius. The court established that the applicant had bought the apartment in August 1999, having obtained a sham loan of 80,000 Lithuanian litai (LTL, approximately 23,000 euros (EUR)) from the mother of V.V. The applicant’s shares in a telecommunications company, to the value of LTL 29,997 (approximately EUR 8,700), were also to be confiscated on the ground that they had been obtained through an off-shore company which the criminal organisation used to hide the proceeds of its crimes. The trial court also ordered confiscation of a café belonging to M.S.’s mother as well as certain other items. Nonetheless, it lifted the seizure of a plot of land, a garden house, and some money and furniture that belonged to the applicant, given that there was no evidence of the illicit origin of that property. For the same reason, the seizure of flats and plots of land belonging to M.S.’s parents was also lifted. Lastly, the trial court ordered confiscation of V.V.’s car on the ground that it had been used as a means to smuggle goods (Article 72 § 2 (2) of the Criminal Code).
The reasons why each item of seized property should or should not be confiscated were set out in eight pages of the judgment.
18. Considering that the trial court’s judgment was erroneous, M.S.’s family hired another lawyer, E.J., to prepare an appeal. As the applicant wrote in her application to the Court, from that moment the lawyer E.J. “de facto represented all persons [who were affected by the confiscation measure]”. Appeals were also lodged by the prosecutor and three convicted persons.
19. In the appeal the lawyer E.J. contended that the criminal proceedings should have been discontinued after M.S.’s death. He also argued, mentioning each item of confiscated property, that those assets had been obtained from legitimate sources and thus the confiscation was unlawful. As concerns the applicant, E.J. averred that there was no proof to find that the apartment and shares in the telecommunications company, both registered in her name, had been obtained from the proceeds of the crimes. For the lawyer, the trial court’s conclusions about the circumstances in which the applicant had acquired the apartment and the shares were factually and legally erroneous.
20. On 25 October 2004 the Court of Appeal upheld the trial court’s judgment. The appellate court emphasised that the persons convicted had acted as an organised group (nusikalstamas susivienijimas) which was the most dangerous form of conspiracy (bendrininkavimas). The group’s criminal activity had lasted many years, was conducted systematically and did great harm to the State. The value of smuggled goods was millions of Lithuanian litai. Taking into account the scale, its systematic nature and the organisational level of the criminal activity, the case could be viewed as exceptional.
21. On the issue of confiscated property the Court of Appeal noted that of all persons whose property had been confiscated, only M.S.’s parents-in-law had testified before the trial court. Even so, they could not explain how they had obtained that property. Furthermore, M.S.’s conspirator V.V. had confirmed that his parents’ financial situation was not good and he could not explain financial transactions by his mother.
22. As regards the applicant, the Court of Appeal also noted that she was well aware of the criminal activities of her husband’s criminal association:
“Even though M.S.’s wife J. S. herself has not been charged [in this case], the examined evidence leaves no doubt that she was well aware of her spouse’s and the other co-accuseds’ criminal activities. ... J. S. was informed each time smuggled goods were loaded or unloaded as well as about the sale of those goods. ... There is evidence that J. S. herself received money which had been paid for smuggled goods. ... Consequently, J. S. without any doubt knew that property which the [trial] court confiscated and which had been registered in her name previously had been obtained as a result of criminal activities.”
23. The appellate court also dismissed the argument by the lawyer E.J. that confiscation was not possible because criminal proceedings against M.S. had been discontinued. Article 72 of the Criminal Code obliged the court to confiscate property which was the proceeds of crime, if third persons to whom the property had been transferred knew about the unlawful origin of that property. Confiscation was in no way linked to whether those third persons had been charged with a crime or convicted. On the contrary, pursuant to the aforementioned provision, confiscation of the proceeds of the crime had to be ordered both when imposing a punishment and when a person has been released from criminal liability and even in the event that he or she had not even been charged with a crime.
24. The Court of Appeal also held:
“...M.S.’s lawyer has unreasonably linked the confiscation of all the property listed in the judgment with the fact that the proceedings had been discontinued against M.S. However, it has been forgotten that not only M.S. but also other persons had been charged in the criminal proceedings in question. Those other persons had smuggled goods together with M.S., and the illicit gains had been obtained together. Some of those co-accused had been released from criminal liability, but three of the co-accused, J.M., K.K. and V.V., were convicted. For Article 72 § 3 of the Criminal Code to be applied, it was not important that the third persons to whom the property had been transferred should be family members or relatives of the person who committed the crime. Moreover, even presuming that it was M.S. who had transferred the property to his wife, his parents and his parents-in-law, it did not mean that that property had been obtained from the criminal activity of him alone. In the present case that property had been obtained as a result of the criminal activities of all co-accused, including those who had been convicted. Furthermore, V.V., who was M.S.’s cousin, had played a very important role in the activities of the criminal organisation. Accordingly, the persons to whom the confiscated property had been transferred were connected by family links not only to M.S., who died, but also to V.V., who was convicted. These circumstances totally rebut the appellant’s contention that the property had been confiscated after the proceedings had been discontinued, because in reality confiscation had been ordered after [the trial court] adopted an accusatory judgment”.
25. Lastly, the appellate court pointed out that the trial court had exceptionally thoroughly set out the reasons why particular items had to be confiscated. In setting out its conclusions the trial court had relied on extensive analysis of the evidence examined in court, devoting a whole chapter of the judgment, eight pages in length, to that. In the appellate court’s view, the trial court’s findings had been reasonable. Even so, the appellate court again went through the evidence and upheld the trial court’s findings, dismissing E.J.’s arguments to the effect that the two confiscated items in the applicant’s ownership had a lawful provenance (see paragraph 19 above).
26. The lawyer E.J. submitted an appeal on points of law. He contended, first, that the criminal proceedings against M.S. should have been discontinued after his death and that confiscation of property was possible only if an accusatory judgment had been adopted. Secondly, he alleged that the property, the confiscation of which had been ordered by the trial court, including that of the applicant, did not meet the requirements of Article 72 § 3 of the Criminal Code. In his submission, no fault of third person whose property was confiscated had been established.
27. On 17 May 2005 the Supreme Court dismissed the appeal on points of law. As regards the confiscation of property, the Supreme Court ruled that confiscation as a penal measure (baudžiamojo poveikio priemonė) could be applied independently of whether the procedure had been concluded by acquittal or conviction, and even in cases where a person had not been charged with a crime (kai asmuo netraukiamas baudžiamojon atsakomybėn). The Supreme Court emphasised that it was a court’s duty to confiscate property which fell under Article 72 §§ 2 and 3 of the Criminal Code. It was noted that, in its judgment, the trial court had thoroughly reasoned its choice as to which items of property should be confiscated as being the proceeds of illegal activities. The Supreme Court acknowledged that most of that property had been found in the possession of third persons. However, given the trial court’s conclusion that those persons knew or should have known about the illicit funding of the items concerned, it was lawful to confiscate them even though those persons had not been charged in the criminal proceedings against M.S. and the criminal organisation.
B. Related criminal proceedings against the applicant and the mother of M.S.
28. By a judgment of 30 June 2005 of the Kaunas Regional Court the applicant was convicted of misappropriating property and falsifying documents. The court established that she was actively involved in organising unlawful money transfers to off-shore companies used by the criminal organisation led by her late husband, so that the money was hidden. She fully confessed that she had committed the crimes with the aim of helping her husband avoid criminal liability while he was in detention. The applicant was sentenced to four years’ imprisonment.
29. The mother of the applicant’s late husband was convicted of falsifying documents and sentenced to six month’s imprisonment. The court noted that she was merely executing the orders of the applicant, but that they had the common goal of helping M.S.
30. Both the applicant and her late husband’s mother were pardoned under an Amnesty Act.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
31. The Code of Criminal Procedure at the relevant time provided that a pre-trial investigator could freeze the assets of an accused, or assets which were acquired in a criminal manner but later were in a third party’s possession, so as to protect a potential civil claim or confiscation order (Article 195 § 1). Appeals lay against such orders of investigators to two court instances (Article 2441).
32. As concerns confiscation of property, at the material time the Criminal Code provided:
Article 72. Confiscation of Property
1. Confiscation of property shall be the compulsory uncompensated taking into the ownership of a State of any form of property subject to confiscation and held by the offender, his accomplice or other persons.
2. Confiscation of property shall be applicable only in respect of the property used as an instrument or a means to commit a crime or as the result of a criminal act. A court must confiscate:
1) the money or other items of material value delivered to the offender or his accomplice for the purpose of commission of the criminal act;
2) the money and other items of material value used in the commission of the criminal act;
3) the money and other items of material value obtained as a result of the commission of the criminal act.
3. The property transferred to other natural or legal persons shall be confiscated regardless of whether or not those persons are subject to criminal liability, where:
1) the property has been transferred to them for the purpose of commission of a criminal act;
2) when acquiring the property, they were aware, or ought to have been aware and could have been aware that this property, money or the valuables newly acquired by means thereof have been gained from of a criminal act.
4. The property transferred to other natural or legal persons may be confiscated regardless of whether or not a person who has transferred the property is subject to criminal liability, where this person ought to and could have been aware that that property may be used for the commission of a serious or grave crime.
<...>
7. When ordering confiscation of property, a court must specify the items subject to confiscation or the monetary value of the property subject to confiscation.”
III. LAW AND PRACTICE REGARDING CONFISCATION OF PROPERTY IN THE MEMBER STATES OF THE COUNCIL OF EUROPE
33. In the legal systems of the Council of Europe Member States the concept of “confiscation” generally refers to a measure the effect of which is permanent deprivation of property by way of transfer of that property to the State. Seven countries (Albania, Germany, Georgia, Moldova, Romania, Sweden and Switzerland) provide for confiscation orders regardless of conviction. This type of confiscation order generally covers property that has been acquired though unlawful activities. As long as the origin cannot be justified, confiscation of such property may be imposed. Criminal liability of the offender is not relevant for the purposes of the confiscation order. For example, in Germany a court may order the confiscation of the proceeds of the crime despite the fact that the proceedings have been discontinued, as long as it can be established that a wrongful act has indeed been committed.
34. Five States (Bulgaria, Estonia, Luxembourg, the Netherlands and the Russian Federation) in principle require conviction as a prerequisite for confiscation whilst allowing for some exceptions to the general rule. In Bulgaria, if it is established or there are reasonable grounds to believe that the suspect committed the offence, confiscation of property acquired through that offence is permitted, even if the suspect is not ultimately convicted because of his or her death. Estonia and the Russian Federation allow confiscation of property which constitutes material evidence in limited circumstances. In the Netherlands, as a rule, a confiscation order will not be available upon the death of the accused. However, confiscation of the property that has already been seized can be imposed if it is plausible that the deceased had indeed committed an economic crime.
Three States (Belgium, France and the United Kingdom) strictly rule out the possibility of confiscation without conviction.
35. Confiscation of property which is the proceeds of a crime may be imposed without conviction in certain circumstances either against third parties in general, or against family members in particular (Bulgaria, Estonia, Germany, Georgia, Moldova, the Netherlands, the Russian Federation, Switzerland and the United Kingdom). Knowledge of the illicit origin of the property, failure to justify its origin, the type of crime at issue and whether or not the third party is a fictitious owner are four most common circumstances in which a confiscation order may be made against property belonging to family members of an accused regardless of their conviction.
IV. RELEVANT INTERNATIONAL INSTRUMENTS
36. On 22 December 1994 the Republic of Lithuania ratified the Council of Europe Convention on Laundering, Search, Seizure and Confiscation of the Proceeds from Crime (1990). The Convention aimed to facilitate international co-operation and mutual assistance in investigating crime and tracking down, seizing and confiscating the proceeds thereof. Parties undertake in particular to criminalise the laundering of the proceeds of crime and to confiscate instrumentalities and proceeds (or property the value of which corresponds to such proceeds).
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 6 §§ 1 AND 2 OF THE CONVENTION
37. The applicant alleged that the finding by the trial court of her late husband’s “criminal acts”, and the ensuing confiscation of her property on the basis of that finding, amounted to a fundamental abuse of process. She alleged a breach of Article 6 of the Convention, the relevant parts of which read as follows:
“1. In the determination of his civil rights and obligations or of any criminal charge against him, everyone is entitled to a fair ... hearing ... by [a] ... tribunal ...
2. Everyone charged with a criminal offence shall be presumed innocent until proved guilty according to law.”
A. The parties’ submissions
1. The applicant
38. The applicant argued that Article 6 of the Convention in its criminal limb was applicable in the present case. By the judgment of 22 January 2004 the Kaunas District Court had clearly found her late husband responsible for the organisation and execution of criminal acts, short of pronouncing the word “guilt” or imposing a sentence.
39. The applicant further alleged that the finding by the trial court of her late husband’s “criminal acts”, and the confiscation of their family property on the basis of that finding was in breach of her procedural rights under Article 6 § 1 of the Convention. She pointed to the fact that she was not a party to the criminal proceedings against her late husband. Although she was questioned as a witness, the procedural rights of witnesses could not be equated to the procedural rights of the accused. Thus, she could not question witnesses and submit evidence to prove that the confiscated property had nothing in common with the crimes attributed to her late husband. Whilst admitting that she could have objected to temporary seizure of her property, the applicant submitted that that measure was not determinative for the final confiscation order.
40. Lastly, relying on Article 6 § 2 of the Convention the applicant noted that the confiscation of her property was related to the findings of her late husband’s criminal behaviour. It was not consonant with the presumption of innocence to direct that a person shall bear the loss of property in respect of crimes where the case has been discontinued.
2. The Government
41. The Government submitted at the outset that Article 6 of the Convention under its “criminal head” was not applicable to the confiscation procedure at issue. In the criminal proceedings against the criminal organisation led by M.S., in which the confiscation of the applicant’s property had been imposed, the applicant was not accused of any criminal offence and the domestic courts did not determine any charges in her respect. Neither was Article 6 applicable under its “civil head”, given that no question concerning the applicant’s property rights in the sense of civil law had been determined. In the Government’s view, the confiscation of certain property imposed on the applicant was merely a preventive measure, aiming at deterrence of serious crimes based on property reasons. In that connection the Government also noted that in her application the applicant had made no express reference to Article 6 in so far as it related to “her civil rights and obligations”.
42. The Government further argued that the applicant’s interests related to the confiscated property were duly represented and defended before the domestic courts. In particular, at the pre-trial stage she had had the right to appeal to a court against the decision to seize her property. M.S.’s mother had lodged such an appeal, as a result of which part of the seized property had been released. However, the applicant had not made use of that right. For the Government, the applicant also could have testified as a witness during the court proceedings in order to explain the sources from which the property registered in her name was obtained, as did her parents, but, as the Court of Appeal rightly noted, she chose not to testify of her own will.
43. The Government’s main argument lay in the fact that M.S.’s defence counsel had submitted an appeal against the Kaunas Regional Court’s judgment of 22 January 2004, whereby the confiscation of the applicant’s property had been imposed. In his appeal, the lawyer had challenged the confiscation of the applicant’s property, and claimed that the confiscation of the said property should be lifted. Accordingly, and if the applicant had any relevant evidence to provide to the domestic courts in defence of her property rights, she could have submitted such evidence through the defence counsel of M.S. Lastly, the Government pointed out that M.S.’s defence counsel had also submitted an appeal on points of law, in which he had reiterated the arguments as to unlawfulness of the confiscation of the property of the applicant. Taking into account that M.S. had been represented by defence counsels during the proceedings at all three levels of jurisdiction, and that the confiscation of the applicant’s and her late husband’s property had been disputed before the courts of three instances, the applicant could not claim that her interests had not been defended before the domestic courts.
44. In the light of the foregoing the Government considered that the applicant’s procedural rights under Article 6 of the Convention had not been breached in the present case.
B. The Court’s assessment
1. Applicability of Article 6 of the Convention with regard to the confiscation
45. The Court reiterates that it is master of the characterisation to be given in law to the facts of the case. It is not bound by the characterisation given by the applicant or the Government. By virtue of the iura novit curia principle, it has, for example, considered of its own motion complaints under Articles or paragraphs not relied on by the parties and even under a provision in respect of which the European Commission of Human Rights had declared the complaint to be inadmissible while declaring it admissible under a different one. A complaint is characterised by the facts alleged in it and not merely by the legal grounds or arguments relied on (see, most recently, G.R. v. the Netherlands, no. 22251/07, § 36, 10 January 2012). On the basis of the materials submitted to it the Court notes that the applicant has undoubtedly complained about the loss of her property. It considers that the confiscation measure consequential upon the acts for which the applicant’s late husband was prosecuted affected in an adverse manner the property rights of the applicant and thus undoubtedly constituted an interference with her right to peaceful enjoyment of her possessions (see AGOSI v. the United Kingdom, 24 October 1986, § 65, Series A no. 108; Arcuri and Others v. Italy (dec.), no. 52024/99, 5 July 2001).
46. Property rights being civil rights within the meaning of Article 6 § 1 of the Convention, that provision was applicable under its civil head and the applicant was consequently entitled to have the dispute over her civil right determined by a tribunal. The Government’s objection therefore must be dismissed.
Accordingly, the question arises whether Article 6 was complied with.
2. Compliance with Article 6 § 1 of the Convention
47. The applicant argued that she could not defend her rights in the framework of the criminal proceedings against her husband, which resulted in the confiscation of her property. The Court considers that it is not called upon to examine in abstracto the compatibility with the Convention of the provisions of the Lithuanian criminal law, which oblige the court to confiscate money and property which have been acquired in a criminal manner, including property transferred to third persons. Instead, the Court must determine whether the way in which the confiscation was applied in respect of the applicant offended the basic principles of a fair procedure inherent in Article 6 § 1 (see, mutatis mutandis, Salabiaku v. France, 7 October 1988, § 30, Series A no. 141-A). It must be ascertained whether the procedure in the domestic legal system afforded the applicant, in the light of the severity of the measure to which she was liable, an adequate opportunity to put her case to the courts, pleading, as the case might be, illegality or arbitrariness of that measure and that the courts had acted unreasonably (see AGOSI, cited above, § 55; also see, mutatis mutandis, Arcuri and Others, cited above, and Riela and Others v. Italy (dec.), no. 52439/99, 4 September 2001). It is not, however, within the province of the Court to substitute its own assessment of the facts for that of the domestic courts and, as a general rule, it is for these courts to assess
the evidence before them (see Edwards v. the United Kingdom,
16 December 1992, § 34, Series A no. 247-B).
48. The applicant’s main argument lay in the fact that she had no benefit of fair proceedings, given that she was not a party to the criminal proceedings. Whilst noting that the applicant indeed was not a party to the criminal proceedings against the criminal organisation, the Court considers that the system in question was not without safeguards. It notes, first, that the confiscation of the applicant’s property had its origins in a measure taken by the investigating authorities, namely seizure of her assets in 2000. The Court considers that it was open to the applicant to institute judicial review proceedings to challenge the reasons for that seizure and present evidence that those items of property had been acquired lawfully. Whilst acknowledging that the seizure was only a temporary measure, having no conclusive influence over the subsequent confiscation, the Court is of the view that at that time the applicant could reasonably foresee that the seizure could result in confiscation of the property at a later stage of the proceedings. Accordingly, this was an occasion for the applicant to present her arguments and thus to obtain the lifting of the seizure. On this last point the Court also notes that, as it appears from the facts of the case, M.S.’s mother was successful in her plea that some of the seized property had been acquired lawfully, given that seizure of some of the assets was lifted (see paragraph 11 above). Lastly and even though having certain reservations as to the Government’s suggestion that the applicant could have explained the origin of her property had she chosen to testify in the criminal proceedings against the criminal organisation, the Court nonetheless finds that that was one more occasion for her to put forward any evidence in support of her claims. However, according to the Court of Appeal, she did not avail herself of that opportunity (see paragraph 21 above).
49. The Court also recalls that after the death of the applicant’s husband, the Kaunas Regional Court appointed counsel to represent his interests. Furthermore, as the applicant admitted in her application to the Court, after the trial court adopted its judgment, M.S.’s family hired another lawyer, E.J., who de facto defended her interests as well. The Court has particular regard to the fact that in his appeal and cassation appeal E.J. explicitly raised the matter of confiscation, arguing that the property belonged to third persons whose fault had not been established. In particular, E.J. challenged the confiscation in respect of each item of property, including those belonging to the applicant (see paragraphs 19 and 26 above). In these circumstances, the Court shares the Government’s view that if the applicant had any evidence to adduce to prove that her property came from legitimate sources, she could have passed that information on to E.J., the lawyer of her choice (see Bongiorno and Others v. Italy, no. 4514/07, § 49, 5 January 2010).
50. In the light of the above, while the Court considers that, as a general principle, persons whose property is confiscated should be formally granted the status of parties to the proceedings in which the confiscation is ordered, it accepts that in the particular circumstances of the present case the Lithuanian authorities de facto afforded the applicant a reasonable and sufficient opportunity to protect her interests adequately. Accordingly, it finds that there was no violation of the applicant’s rights under Article 6 § 1 of the Convention.
3. Compliance with Article 6 § 2 of the Convention
51. The applicant appears to argue that she was compelled to assume liability for crimes allegedly committed by her late husband who had not been convicted. In this context, the Court recalls that it is a fundamental rule of criminal law that criminal liability does not survive the person who has committed the criminal act. Imposing criminal sanctions on the living in respect of acts apparently committed by the deceased person calls for its careful scrutiny (see A.P., M.P. and T.P. v. Switzerland, 29 August 1997, §§ 46 and 48, Reports of Judgments and Decisions 1997-V). The Court further reiterates that the scope of Article 6 § 2 of the Convention is not limited to pending criminal proceedings but extends to judicial decisions taken after a prosecution has been discontinued (see, most recently, Vulakh and Others v. Russia, no. 33468/03, § 33, 10 January 2012). With regard to the application of the presumption of innocence, the Court’s case-law also shows that the autonomous meaning of the expression “charge” in Article 6 of the Convention means that a person can be considered to have been “charged” for the purposes of that Article when that individual’s situation has been “substantially affected” (see Serves v. France, 20 October 1997, § 42, Reports of Judgments and Decisions 1997-VI).
52. On the facts of the present case the Court recalls that because of M.S.’s death, the criminal proceedings against M.S. were indeed terminated without his conviction. It notes, however, that contrary to what has been implied by the applicant, the criminal proceedings did not end with that procedural step alone. The Kaunas Regional Court convicted three other persons whom it had found to have formed a criminal organisation with her late husband. That conviction was upheld by the appellate and cassation courts.
53. Turning to the matter of confiscation, the Court recalls that, as it was explained by the Court of Appeal, the property confiscated from the applicant had not been acquired only through the criminal acts committed by M.S. alone. It had been obtained from illicit proceeds of criminal activities of the entire criminal organisation (see paragraph 24 above). To decide this point the trial court had regard to the fact that when purchasing the confiscated apartment the applicant had taken a loan from the mother of the convicted V.V., who, in turn, could not explain the provenance of his mother’s possessions. As to the shares in the telecommunications company, they had been purchased through the off-shore company that the criminal organisation used to launder the money gained through passing contraband. The Court sees no reason to depart from the appellate court’s findings, which were based on its direct knowledge of the facts of the case and the domestic law. Accordingly, the Court holds that the order to confiscate some of the applicant’s property was not related to any finding of guilt on the part of the applicant in respect of the crimes allegedly committed by her late husband. Lastly, the Court cannot fail to observe that the present case is distinguishable from the facts in A.P., M.P. and T.P., where new proceedings had been opened against the applicants, whereas in the instant case the criminal proceedings against M.S. and his co-accused merely continued after his death.
54. Bearing in mind the above, the Court finds that the applicant was not punished for criminal acts committed by her late husband and thus did not inherit his guilt. For the same reasons, even assuming that the applicant herself could be regarded as being “charged” with a criminal offence, the Court also considers that the confiscation order did not constitute a finding of the applicant’s personal guilt for any offence. There has accordingly been no violation of Article 6 § 2 of the Convention.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
55. The applicant argued that the confiscation of her property was in breach of Article 1 to Protocol No. 1 of the Convention, which reads as follows:
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. The parties’ submissions
56. The applicant complained about the confiscation of her property in the wake of the criminal proceedings against her late husband and his accomplices. She contended that she had not been aware of the unlawful origins of the confiscated property. The applicant admitted that, as the spouse of M.S., she could have known about the movement of merchandise; however, the domestic courts had not established that she was aware that crimes were being committed. Contrary to what has been suggested by the Government, in the other criminal proceedings (paragraphs 28-30 above), the applicant was convicted for crimes not linked to those of M.S. Whilst acknowledging that she had knowledge of the enterprises that her late husband and the co-accused used in their operations, the applicant maintained that those enterprises “had been engaged in lawful activities [in addition to unlawful ones]”. For the applicant, there was no public interest to deprive her of her property. Lastly, she contended that the domestic courts’ decisions had been erroneous in that they had incorrectly established the evidence proving that the confiscated property was the proceeds of crime.
57. The Government admitted that confiscation of the property belonging to the applicant could be considered as an interference under Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention. In any event, the confiscation of part of the family’s property had been in accordance with domestic law (Article 72 § 3 of the Criminal Code) and amounted to a justified control of the use of property in the general interest. Referring to the Court’s case-law (Raimondo v. Italy, 22 February 1994, Series A no. 281-A), the Government contended that, in the interests of crime prevention, the State had a wide margin of appreciation in controlling property obtained by unlawful means or used for unlawful purposes. Referring to the decision of the Court of Appeal of 25 October 2004 and the applicant’s conviction on 30 June 2005, the Government considered that a fair balance between the public and individual interests had been achieved in the present case, particularly as the applicant, with her knowledge of her husband’s criminal activities, must have known full well that the property in question had been obtained from money gained unlawfully.
58. The Government stressed that both the trial and appellate courts had scrutinised the evidence relating to the circumstances in which the confiscated property had been acquired. The unlawfulness of the origin of the property at issue and the fact that the applicant ought to have been aware and could have been aware that the disputed property had been acquired from criminal acts had been proven during the criminal proceedings, following strict standards of substantiation. The Government reiterated that when deciding upon confiscation of the seized items, the Kaunas Regional Court had lifted seizure of many items – plot of land, house and its
contents – that had been registered in the names of the applicant and her late husband. The seizure of those items had been lifted because the trial court had not established that that property had been acquired as a result of criminal activity. Only two items in the applicant’s ownership – the apartment and shares in a telecommunications company – had been confiscated.
59. Lastly, the Government submitted that confiscation of property belonging to third persons regardless of whether or not criminal proceedings are instituted against them was also established in the law of other European countries. As concerns property that was the proceeds of a criminal act, such practice was in compliance with the guidelines by the Council of Europe.
B. The Court’s assessment
60. The Court reiterates that Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which guarantees in substance the right to property, comprises three distinct rules. The first, which is expressed in the first sentence of the first paragraph and is of a general nature, lays down the principle of peaceful enjoyment of property. The second rule, in the second sentence of the same paragraph, covers deprivation of possessions and makes it subject to certain conditions. The third, contained in the second paragraph, recognises that the Contracting States are entitled, among other things, to control the use of property in accordance with the general interest. The second and third rules, which are concerned with particular instances of interference with the right to peaceful enjoyment of property, must be construed in the light of the general principle laid down in the first rule (see, among many authorities, Immobiliare Saffi v. Italy [GC], no. 22774/93, § 44, ECHR 1999-V).
61. On the facts of the case the Court recalls that the “possessions” at issue were the shares in a telecommunication company and an apartment which were confiscated from the applicant by a judicial decision. It is not in dispute between the parties that the confiscation order amounted to an interference with the applicant’s right to peaceful enjoyment of her possessions and that Article 1 of Protocol No. 1 is therefore applicable. It remains to be determined whether the measure was covered by the first or second paragraph of that Convention provision.
62. The Court reiterates its constant approach that a confiscation measure, even though it does involve a deprivation of possessions, constitutes nevertheless control of the use of property within the meaning of the second paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 (see Sun v. Russia, no. 31004/02, § 25, 5 February 2009 and case-law cited therein). Accordingly, it considers that the same approach must be followed in the present case.
63. As the Court has held on many occasions, an interference with property rights must be prescribed by law and pursue one or more legitimate aims. In addition, there must be a reasonable relationship of proportionality between the means employed and the aims sought to be realised. In other words, the Court must determine whether a balance was struck between the demands of the general interest and the interest of the individuals concerned. In doing so it leaves the State a wide margin of appreciation with regard both to choosing the means of enforcement and to ascertaining whether the consequences of enforcement are justified in the general interest for the purpose of achieving the object of the law in question (see Yildirim v. Italy (dec.), no. 38602/02, ECHR 2003-IV).
64. In that connection, the Court notes that the confiscation of the applicant’s property was ordered pursuant to Article 72 § 3 (2) of the Criminal Code. It was therefore an interference prescribed by law.
65. The Court also recalls that the confiscation affected assets which had been deemed by the courts to have been unlawfully acquired by the criminal organisation led by M.S. The measure was effected with a view to preventing the illicit acquisition of property through criminal activities. In such circumstances the Court finds that the confiscation pursued a legitimate aim in the general interest, namely it sought to ensure that the use of the property in question did not procure for the applicant pecuniary advantage to the detriment of the community (see Raimondo, cited above, § 30).
66. As regards the balance between that aim and the applicant’s fundamental rights, the Court reiterates that, where possessions are confiscated, the fair balance depends on many factors, including the owner’s behaviour. It must therefore determine whether the Lithuanian courts had regard to the applicant’s degree of fault or care or, at least, the relationship between her conduct and the offences which had been committed (see AGOSI, cited above, § 54; also see Arcuri and Riela, both cited above).
67. On the facts of the case the Court recalls the finding by the Court of Appeal that the applicant had directly participated in payments for the smuggled goods and that she must have known that the confiscated property could only have been purchased with the proceeds of the criminal organisation’s unlawful enterprises (see paragraph 22 above). The Court is also particularly struck by the judgment of 30 June 2005 delivered by the Kaunas Regional Court which found the applicant guilty of the misappropriation of property and the falsification of documents. In so finding, it noted that the applicant had fully confessed to having committed the crimes with a view to helping her husband escape criminal liability, while he was detained.
68. As to the way the proceedings which resulted in confiscation of the assets registered in the applicant’s name were held, the Court notes that the judicial review was conducted by three successive courts – the Kaunas Regional Court, the Court of Appeal and the Supreme Court, and concerned both the legality of and the justification for the confiscation. It also observes that the Lithuanian courts were debarred from basing their decisions on mere suspicions. Looking in detail at the steps taken by the courts to reach the final conclusion as to which pieces of property to confiscate, the Court notes that in respect of each item to be confiscated the courts were satisfied, on the basis either of the submissions by the applicants’ counsel or the evidence adduced by the prosecution, that the confiscated assets had been purchased by virtue of reinvestment of the criminal organisation’s unlawful profits (see, by contrast, Vulakh, cited above, § 46). In this context the Court also notes that only two items of the applicant’s property were confiscated, when many more were seized.
69. Lastly, the Court cannot overlook the particular circumstances which prompted the Lithuanian courts to take measures against the applicant. In particular, as the domestic courts noted, the illicit pursuits of the criminal organisation involved twenty-two episodes of smuggling, the value of the goods smuggled amounted to millions of Lithuanian litai and, in view of the scale, systematic nature and organisational level of the criminal activity, they regarded the case as exceptional. In such circumstances the confiscation measure complained of may appear essential in the fight against organised crime (see, mutatis mutandis, Raimondo, cited above, § 30; M. v. Italy, no. 12386/86, Commission decision of 15 April 1991, Decisions and Reports 70, p. 101; also see the Relevant international instruments part, paragraph 36 above).
70. Bearing in mind the above and having regard to the margin of appreciation enjoyed by States in pursuit of a crime policy designed to combat the most serious crimes, the Court concludes that the interference with the applicant’s right to the peaceful enjoyment of her possessions was not disproportionate to the legitimate aim pursued (see Raimondo and M. v. Italy, both cited above, paragraph § 30 and p. 102, respectively).
Consequently, there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Dismisses the Government’s objection concerning the applicability of Article 6 of the Convention;
2. Holds that there has been no violation of Article 6 §§ 1 and 2 of the Convention;
3. Holds that there has been no violation of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
Done in English, and notified in writing on 10 April 2012, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Stanley Naismith Françoise Tulkens
Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Eccezioni preliminari respinte; Nessuna violazione dell’ Articolo 6 - Diritto Ad Un Processo equanime (Articolo 6 - Procedimenti Penali; Articolo 6-1 - Accesso ad un tribunale); Nessuna violazione dell’ Articolo 6 - Diritto Ad Un Processo equanime (Articolo 6 - Procedimenti Penali; Articolo 6-2 – accusato di Reato Penale); Nessuna violazione dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 - Protezione della Proprietà (Articolo 1 paragrafo 1 del Protocollo N.ro 1 - Godimento Tranquillo della Proprietà)
SECONDA SEZIONE
CAUSA SILICKIENË C. LITUANIA
(Richiesta n. 20496/02)
SENTENZA
STRASBOURG
10 aprile 2012
Questa sentenza diverrà definitiva nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale

Nella causa di SilickienÄ— c. Lituania,
La Corte europea dei Diritti umani (Camera), riunendosi in una Camera, composta da:
Françoise Tulkens, Presidente, Danutė Jočienė, Dragoljub Popović, Isabelle Berro-Lefèvre, András Sajó, Işıl Karakaş, Guido Raimondi, giudici,
e Stanley Naismith, Cancelliere di Sezione,
Avendo deliberato in privato il 20 marzo 2012,
Consegna la seguente sentenza che fu adottata nell’ultima
data menzionata:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 20496/02) contro la Repubblica della Lituania depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con due cittadini lituani, i richiedenti di OMISSIS(“the”), il 2002 e 10 settembre 2003 di 15 maggio rispettivamente. Sul 2003 OMISSIS di 24 aprile morì.
2. I richiedenti furono rappresentati di fronte alla Corte da OMISSIS, un avvocato che pratica a Kaunas. Il Governo fu rappresentato dal suo Agente, la Sig.ra Elvyra BaltutytÄ—.
3. Sotto l’Articolo 6 della Convenzione OMISSIS ha addotto che i procedimenti penali che hanno dato luogo al sequestro della sua proprietà non erano equi. Invocando l’Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione, si lamentò anche che la privazione della sua proprietà era stata illegale.
4. Con una decisione del 10 novembre 2009, la Corte dichiarò la richiesta, riguardante le azioni di reclamo di OMISSIS, ammissibile. La Corte dichiarò inammissibile la richiesta nella misyura in cui riguardava OMISSIS (in seguito-M.S.).
Il nome della causa è stato cambiato di conseguenza da Silickis e Silickienė c. Lituania a Silickienė c. Lituania ed in seguito il termine “il richiedente” si riferisce al secondo richiedente, OMISSIS.
5. Il richiedente ed il Governo entrambi registrarono inoltre osservazioni scritte (Articolo 59 § 1). Le parti risposero per iscritto alle osservazioni le une dell’altro.
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
6. Il richiedente nacque nel 1971 e vive a Vilnius.
A. I procedimenti penali contro il marito del richiedente
7. Il 16 agosto 2000 M.S, il marito del richiedente, un agente di polizia di tassa di classificazione alto fu arrestato su sospetto di avere commesso vari reati di frode. Lui fu mandato indietro in custodia.
8. Un mese più tardi è stato accusato per falsificazione, frode e attività di pubblicità improprie.
9. In maggio 2001 M.S. fu accusato con reati più seri, incluso che di contrabbando le grandi quantità di alcol.
10. A febbraio 2002 M.S. fu accusato di ulteriori crimini seri, incluso formando e conducendo un'associazione penale a contrabbandare alcol e sigarette nelle grandi quantità.
11. Nel 2000 un investigatore penale gelò la certa proprietà che appartiene a M.S., sua madre ed il richiedente. La madre piacque contro che decisione, facendo seguito ad Articolo 2441 del Codice di Diritto processuale penale (vedere il diritto nazionale Attinente e parte di pratica sotto).
23 luglio 2002 la Corte distrettuale di Città di Kaunas rilasciò alcuni dei suoi beni di conseguenza,-un appartamento, un garage ed un'area di terra-la confisca di che fu ritenuto per essere stato irragionevole. Comunque, la corte notò che il caffé e le quote in una società di telecomunicazioni che era stata nella proprietà della madre di M.S. era proprietà acquisita come un risultato delle sue attività penali. La confisca di quegli articoli fu sostenuta.
Il richiedente non fece appello contro la confisca della sua proprietà.
12. Ad agosto 2002 un accusatore approvò un conto di accusa contro M.S. e tre dei suoi complici, K.K., J.M. e V.V. La causa fu trasmessa al Kaunas Corte Regionale.
13. Sul 2003 M.S di 24 aprile. suicidio commesso nella Lukiškės Carcerazione preventiva Prigione.
14. 25 e 28 aprile 2003 il richiedente e la madre di M.S. richiesto la corte per continuare la causa ad abilitare la sua riabilitazione. Che stesso giorno il Kaunas che Corte Regionale ha deciso di continuare finora i procedimenti in siccome loro concernerono le attività dell'associazione penale organizzate col defunto marito del richiedente. La corte nominò un avvocato per difendere gli interessi del defunto.
15. In 28 maggio 2003 il Kaunas Corte Regionale ricevette una richiesta dal richiedente e M.S. ' madre di s per cessare i procedimenti penali. Con una direttiva di 2 giugno 2003 la corte respinse che richiesta, notando che aveva cominciato a già esaminare la prova nella causa. Osservò che, senza avere esaminato la prova, la corte non poteva stabilire, se i motivi esisterono riabilitare M.S.
16. 22 gennaio 2004 il Kaunas Corte Regionale adottò la sua sentenza. Notò che non c'erano motivi su che M.S. potrebbe essere discolpato. Sul contrario, la corte trovò prova sufficiente per provare che il marito del richiedente, mentre essendo un ufficiale Statale, aveva organizzato davvero ed aveva condotto un'associazione penale per contrabbandare fini fra primavera 1999 e marzo 2000. Gli offensori erano successi in contrabbando passeggero in ventidue occasioni. Comunque, in prospettiva di M.S. ' morte di s, la corte decise di cessare i procedimenti contro lui. Tre di suo co-accusato, K.K., J.M. e V.V., fu dichiarato colpevole e condannò a pene detentive che variano dal sei mesi di tre anni a sei anni. Due altro co-accusato fu rilasciato dalla responsabilità penale perché loro avevano cooperato con le autorità ed avevano contribuito a scoprendo i crimini.
17. La corte Regionale di Kaunas ordinò sequestro di certi articoli di proprietà sulla base che loro erano stati acquisiti come un risultato di M.S. ' s le attività penali (l'Articolo 72 § 3 (2) del Codice Penale). In particolare, il sequestro di ordine della corte dell'appartamento del richiedente in Vilnius. La corte stabilì che il richiedente aveva comprato l'appartamento ad agosto 1999, dopo avendo ottenuto un prestito fittizio di 80,000 litai lituani (LTL, approssimativamente 23,000 euros (EUR)) dalla madre di V.V. Le quote del richiedente in una società di telecomunicazioni, al valore di LTL 29,997 (verso EUR 8,700), anche sarebbe confiscato sulla base che loro erano stati ottenuti per una società di via-spiaggia che l'organizzazione penale nascondeva gli incassi dei suoi crimini. Il giudice ordinò anche sequestro di un café che appartiene a M.S. ' madre di s così come i certi altri articoli. Nondimeno, tolse la confisca di un'area di terra, un alloggio orto, ed un po' di soldi e mobilia che hanno appartenuto al richiedente, dato che non c'era nessuna prova dell'origine illecita di quel la proprietà. Per la stessa ragione, la confisca di appartamenti ed aree di terra che appartiene a M.S. ' genitori di s furono tolti anche. Infine, il giudice ordinò sequestro della macchina di V.V. sulla base che si usava come un mezzi di contrabbandare beni (l'Articolo 72 § 2 (2) del Codice Penale).
Le ragioni perché ogni articolo di proprietà sequestrata deve o non dovrebbe essere confiscato sia esposto fuori in otto pagine della sentenza.
18. Considerando che la sentenza del giudice era erronea, M.S. ' famiglia di s assunse un altro avvocato, E.J., preparare un ricorso. Siccome il richiedente scrisse nella sua richiesta alla Corte, da che momento l'avvocato E.J. “de facto rappresentò tutte le persone [chi furono colpiti con la misura di sequestro].” Ricorsi furono depositati anche con l'accusatore e tre persone condannato.
19. Nel ricorso l'avvocato E.J. contese che i procedimenti penali sarebbero dovuti essere cessati dopo M.S. ' morte di s. Lui dibattè anche, mentre menzionando ogni articolo di proprietà confiscata che quelli beni erano stati ottenuti da fonti legittime e così il sequestro era illegale. Come preoccupazioni il richiedente, E.J. asserì che c'era nessuno impermeabile trovare che l'appartamento e quote nella società di telecomunicazioni, sia registrato nel suo nome, era stato ottenuto dagli incassi dei crimini. Per l'avvocato, le conclusioni del giudice delle circostanze nelle quali il richiedente aveva acquisito l'appartamento e le quote erano effettivamente e giuridicamente erroneo.
20. 25 ottobre 2004 la Corte d'appello sostenne la sentenza del giudice. La corte di appello enfatizzò che le persone dichiarate colpevole si erano comportate come un gruppo organizzato (nusikalstamas susivienijimas) quale era la forma più pericolosa di cospirazione (bendrininkavimas). L'attività penale del gruppo era durata molti anni, aveva condotto sistematicamente ed aveva fatto il grande danno allo Stato. Il valore di beni contrabbandati era milioni di litai lituano. Prendendo in considerazione la scala, la sua natura sistematica e di livello organizzativo dell'attività criminale, la causa potrebbe essere vista come eccezionale.
21. Sul problema di proprietà confiscata la Corte d'appello notò che di tutte le persone la cui proprietà era stata confiscata, solamente i suoceri di M.S. avevano testimoniato di fronte al giudice. Anche così, loro non potevano spiegare come loro avevano ottenuto quel la proprietà. Inoltre, il complice di M.S. V.V. aveva confermato che la situazione finanziaria dei suoi genitori non era buona e lui non poteva spiegare operazioni finanziarie con sua madre.
22. Come riguardi il richiedente, la Corte d'appello notò anche che lei era bene consapevole delle attività penali dell'associazione penale di suo marito:
“Anche se M.S. ' s moglie J. S. stessa non č stato accusato [in questa causa], la prova esaminata senza dubbio lascia che lei era bene consapevole del suo consorte e le attività criminali dell’altro co-accusato . ... J. S. fu informato ogni tempo contrabbandato beni fu caricato o scaricato così come la vendita di quei beni. ... C’è prova che J. S. stessa ricevette soldi che era stato pagato per beni contrabbandati. ... Di conseguenza, J. S. senza qualsiasi dubbio seppe che proprietà che il [processo] di corte confiscò e che prima era stato registrato nel suo nome era stato ottenuto come un risultato delle attività penali.”
23. La corte di appello respinse anche l'argomento con l'avvocato E.J. che il sequestro non era possibile perché procedimenti penali contro M.S. era stato cessato. Articolo 72 del Codice Penale obbligò la corte a confiscare proprietà che era gli incassi di crimine, se terza persona a chi la proprietà era stata trasferita conobbe l'origine illegale di quel la proprietà. Il sequestro era in nessun modo collegato a se quelli terza persona erano stati accusati con un crimine o condannato. Sul contrario, facendo seguito alla disposizione summenzionata, il sequestro degli incassi del crimine doveva essere ordinato sia quando imponendo una punizione e quando una persona è stata rilasciata dalla responsabilità penale ed anche nell'evento che lui o lei non erano state accusate anche con un crimine.
24. La Corte d'appello sostenne anche:
“... L’avvocato di M.S. ha collegato irragionevolmente il sequestro di tutta la proprietà elencato nella sentenza col fatto che i procedimenti erano stati cessati contro M.S. Comunque, è stato dimenticato che non solo M.S. ma anche le altre persone erano state accusate nei procedimenti penali in oggetto. Quelle altre persone avevano contrabbandato insieme beni con M.S., ed i guadagni illeciti erano stati ottenuti insieme. Alcuno di quelli co-accusato erano stati rilasciati dalla responsabilità penale, ma tre dei co-accusati, J.M., K.K. e V.V., fu dichiarato colpevole. Per Articolo 72 § 3 del Codice Penale per essere fatto domanda, non era importante che i terza persona a chi la proprietà era stata trasferita dovrebbe essere membri di famiglia o parenti della persona che commise il crimine. Inoltre, presumendo anche che era M.S. chi aveva trasferito la proprietà a sua moglie, i suoi genitori ed i suoi suoceri, non volle dire che questa proprietà era stata ottenuta dall'attività penale di lui da sola. Nella presente causa che proprietà era stata ottenuta come un risultato delle attività penali di ogni co-accusato, incluso quelli che erano stati dichiarati colpevole. Inoltre, V.V. che era cugino di M.S., aveva avuto un ruolo molto importante nelle attività dell'organizzazione penale. Di conseguenza, le persone a chi la proprietà confiscata era stata trasferita non solo fu connesso con collegamenti di famiglia a M.S. che morì ma anche a V.V. che fu dichiarato colpevole. Queste circostanze rifiutano totalmente la contesa dell'appellante che la proprietà era stata confiscata dopo che i procedimenti erano stati cessati, perché in sequestro di realtà era stato ordinato dopo [il giudice] adottò una sentenza accusatoria.”
25. Infine, la corte di appello indicò che il giudice aveva esposto insolitamente completamente fuori le ragioni perché i particolari articoli dovevano essere confiscati. Nell'esporre fuori le sue conclusioni il giudice si era appellato sull'analisi estesa della prova esaminata in corte, mentre dedicando un capitolo intero della sentenza, otto pagine in lunghezza a quel. Nella prospettiva della corte di appello, le sentenze del giudice erano state ragionevoli. Anche così, la corte di appello superò di nuovo la prova e sostenne le sentenze del giudice, mentre respingendo gli argomenti di E.J. dall'effetto che i due articoli confiscati nella proprietà del richiedente avevano una provenienza legale (vedere paragrafo 19 sopra).
26. L'avvocato E.J. presentato un ricorso su questioni di diritto. Prima, lui contese che i procedimenti penali contro M.S. sarebbe dovuto essere cessato dopo la sua morte e che la confisca dei beni era solamente possibile se una sentenza accusatoria fosse stata adottata. In secondo luogo, lui addusse che la proprietà, il sequestro di che era stato ordinato col giudice, incluso che del richiedente, non soddisfi i requisiti dell’ Articolo 72 § 3 del Codice Penale. Nella sua osservazione, nessuna colpa di terza persona la cui proprietà fu confiscata era stata stabilita.
27. In 17 maggio 2005 la Corte Suprema respinse il ricorso su questioni di diritto. Come riguardi la confisca dei beni, la Corte Suprema decise che il sequestro come una misura penale (priemonė di poveikio di baudžiamojo) potrebbe essere fatto domanda indipendentemente di se la procedura era stata conclusa con assoluzione o la condanna, ed anche in cause dove una persona non era stata accusata con un crimine (kai asmuo netraukiamas baudžiamojon atsakomybėn). La Corte Suprema enfatizzò che era il dovere di una corte confiscare la proprietà che ricadevano sotto l’ Articolo 72 §§ 2 e 3 del Codice Penale sotto. Fu notato che, nella sua sentenza, il giudice aveva discusso completamente la sua scelta come a che articoli di proprietà dovrebbero essere confiscati come essendo gli incassi delle attività illegali. La Corte Suprema ammise che la maggior parte di che proprietà era stata trovata nella proprietà di terza persona. Comunque, determinato la conclusione del giudice che quelle persone hanno saputo o avrebbero dovuto conoscere il consolidamento illecito degli articoli riguardò, era legale per confiscarli anche se quelle persone non erano state accusate nei procedimenti penali contro M.S. e l'organizzazione penale.
B. Procedimenti penali riportati contro il richiedente e la madre di M.S.
28. Con una sentenza di 30 giugno 2005 la Corte Regionale di Kaunas che il richiedente è stato condannato per appropriandosi indebitamente di proprietà ed avere falsificato documenti. La corte stabilì che lei attivamente fu coinvolta nell’organizzazione di trasferimenti di soldi illegali a società off-shore usate dall'organizzazione penale condotta con suo defunto marito, così che i soldi fu nascosto. Lei confessò pienamente che lei aveva commesso i crimini con lo scopo di aiutare suo marito evita la responsabilità penale mentre lui era in detenzione. Il richiedente fu condannato al reclusione di ' di quattro anni.
29. La madre del defunto marito del richiedente fu condannata per avere falsificato documenti e condannò al reclusione di sei mese. La corte notò che lei stava eseguendo soltanto gli ordini del richiedente, ma che loro avevano la meta comune di aiutare M.S.
30. Sia il richiedente e la madre di suo defunto marito furono perdonate sotto un Atto di Amnistia.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
31. Il Codice di Diritto processuale penale al tempo attinente previde che un investigatore di pre-processo potesse gelare i beni di un accusato, o beni che furono acquisiti in una maniera penale ma più tardi erano nella proprietà di una terza parte, così come proteggere una rivendicazione civile e potenziale od ordine di sequestro (l'Articolo 195 § 1). Ricorsi posarono contro simile ordini di investigatori a due istanze di corte (Articolo 2441).
32. Come confisca dei beni di preoccupazioni, il Codice Penale previde al tempo di materiale:
Articolo 72. Confisca dei beni
1. La confisca dei beni sarà la presa non compensata nella proprietà di un Stato di qualsiasi forma di proprietà soggetta al sequestro e sostenne con l'offensore, il suo complice o le altre persone.
2. La confisca dei beni sarà solamente applicabile in riguardo della proprietà usato come un strumento o un mezzi di commettere un crimine o come il risultato di un atto penale. Una corte deve confiscare:
1) i soldi o gli altri articoli di valore di materiale consegnarono all'offensore o il suo complice per il fine di perpetrazione dell'atto penale;
2) i soldi e gli altri articoli di valore di materiale usarono nel perpetrazione dell'atto penale;
3) i soldi e gli altri articoli di valore di materiale ottennero come un risultato del perpetrazione dell'atto penale.
3. La proprietà trasferì ad altro naturale o soggetti giuridici saranno confiscati nonostante se o non quelle persone sono soggetto alla responsabilità penale, dove:
1) la proprietà è stata trasferita a loro per il fine di perpetrazione di un atto penale;
2) quando acquisendo la proprietà, loro erano consapevoli, o sarebbe dovuto essere consapevole e sarebbe potuto essere consapevole che di recente questa proprietà, soldi o gli oggetti di valore acquisiti tramite mezzi guadagnati tramite un atto criminale.
4. La proprietà trasferita ad altra persona fisica o a soggetti giuridici può essere confiscata nonostante se o meno una persona che ha trasferito la proprietà è soggetto alla responsabilità penale, dove questa persona deve e sarebbe potuta essere consapevole che questa proprietà può essere usata per la perpetrazione di un crimine serio o grave.
<...>
7. Quando ordinando la confisca dei beni, una corte deve specificare gli articoli soggetto al sequestro o il valore valutario della proprietà soggetto al sequestro.”
III. LEGGE E PRATICA RIGUARDO ALLA CONFISCA DEI BENI NEGLI STATI MEMBRO DEL CONSIGLIO DELL'EUROPA
33. Negli ordinamenti giuridici del Consiglio di Membro di Europa gli Stati il concetto di “il sequestro” generalmente si riferisce ad una misura l'effetto di che è privazione permanente di proprietà con modo di trasferimento di che proprietà allo Stato. Sette paesi (Albania, Germania, Georgia, Moldavia, Romania, Svezia e la Svizzera) prevedere per ordini di sequestro nonostante la condanna. Questo tipo di ordine di sequestro copre proprietà che è stata acquisita tuttavia le attività illegali generalmente. Come lungo come l'origine non può essere giustificata, il sequestro di simile proprietà può essere imposto. La responsabilità penale dell'offensore non è attinente per i fini dell'ordine di sequestro. In Germania una corte può ordinare il sequestro degli incassi del crimine nonostante il fatto per esempio, che i procedimenti sono stati cessati, come lungo come può essere stabilito che un atto sbagliato sia stato commesso davvero.
34. I cinque Stati (Bulgaria, Estonia, Lussemburgo, i Paesi Bassi e la Federazione russa) in principio richieda la condanna come un requisito indispensabile per il sequestro mentre lasciando spazio a delle eccezioni all'articolo generale. In Bulgaria, se è stabilito o ci sono i motivi ragionevoli da credere che la persona sospetta commise il reato, la confisca dei beni acquisì per che reato è permesso, anche se la persona sospetta non è dichiarata colpevole ultimamente a causa di suo o la sua morte. Estonia e la Federazione russa concedono confisca dei beni che costituisce prova importante in circostanze limitate. Nei Paesi Bassi, come un articolo un ordine di sequestro non sarà disponibile sulla morte dell'accusato. Comunque, il sequestro della proprietà che già è stata sequestrata si può imporre se è plausibile che il defunto aveva commesso davvero un crimine economico.
I tre Stati (Belgio, Francia ed il Regno Unito) severamente decida fuori la possibilità del sequestro senza la condanna.
35. Confisca dei beni che è gli incassi di un crimine o può essere imposta senza la condanna nelle certe circostanze contro terze parti in generale, o contro membri di famiglia in particolare (Bulgaria, Estonia, Germania, Georgia, Moldavia, i Paesi Bassi, la Federazione russa, Svizzera ed il Regno Unito). Conoscenza dell'origine illecita della proprietà, insuccesso per giustificare la sua origine il tipo di crimine in questione e se o non la terza parte è un proprietario fittizio è quattro più circostanze comuni in che un ordine di sequestro può essere reso contro proprietà che appartiene a membri di famiglia di un accusato nonostante la loro condanna.
IV. STRUMENTI INTERNAZIONALI ED ATTINENTI
36. 22 dicembre 1994 la Repubblica della Lituania ratificò il Consiglio di Convenzione di Europa su Lavare, Ricerca, la Confisca ed il Sequestro degli Incassi da Crimine (1990). La Convenzione mirò a facilitare co-operazione internazionale ed assistenza reciproca in crimine inquirente e localizzando in giù, mentre sequestrando e confiscando al riguardo gli incassi. Parti si impegnano in particolare criminalizzare il lavare degli incassi di crimine e confiscare instrumentalities ed incassi (o proprietà il valore di che corrisponde a simile incassi).
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 6 §§ 1 E 2 DELLA CONVENZIONE
37. Il richiedente addusse che la sentenza col giudice di suo defunto marito “atti penali”, ed il sequestro che consegue della sua proprietà sulla base di che trovando, corrisposto ad un abuso delle norme processuali fondamentale. Lei addusse una violazione di Articolo 6 della Convenzione, le parti attinenti di che lesse siccome segue:
“1. Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi o di qualsiasi accusa criminale contro lui, ognuno è concesso ad una fiera... ascolti... con [un]... tribunale...
2. Ognuno accusato con un reato penale sarà presunto innocente sino a si dimostrò colpevole secondo legge.”
A. Le osservazioni delle parti
1. Il richiedente
38. Il richiedente dibatté che Articolo 6 della Convenzione nel suo margine penale era applicabile nella causa presente. Con la sentenza di 22 gennaio 2004 la Corte distrettuale di Kaunas chiaramente aveva trovato suo defunto marito responsabile per l'organizzazione ed esecuzione di atti penali, breve di pronunciare la parola “la colpa” o imponendo una frase.
39. Il richiedente addusse inoltre che la sentenza col giudice di suo defunto marito “atti penali”, ed il sequestro della loro proprietà di famiglia sulla base di che trovare era in violazione dei suoi diritti procedurali sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione. Lei aguzzò al fatto che lei non era una parte ai procedimenti penali contro suo defunto marito. Benché lei fosse interrogata come un testimone, i diritti procedurali di testimoni non potevano essere associati ad ai diritti procedurali dell'accusato. Così, lei non poteva interrogare testimoni e presenta prova per provare che la proprietà confiscata non aveva niente in comune coi crimini attribuiti a suo defunto marito. Mentre ammettendo che lei avesse potuto obiettare alla confisca provvisoria della sua proprietà, il richiedente presentò che che misura non era determinative per il definitivo ordine di sequestro.
40. Infine, appellandosi su Articolo 6 § 2 della Convenzione il richiedente notò che il sequestro della sua proprietà fu riferito alle sentenze del comportamento penale di suo defunto marito. Non era conforme con la presunzione dell'innocenza per dirigere che una persona sopporterà la perdita di proprietà in riguardo di crimini dove la causa è stata cessata.
2. Il Governo
41. Il Governo presentò all'inizio che Articolo 6 della Convenzione sotto suo “capo penale” non era applicabile alla procedura di sequestro in questione. Nei procedimenti penali contro l'organizzazione penale condotti con M.S. in che era stato imposto il sequestro della proprietà del richiedente, il richiedente non fu accusato di qualsiasi reato penale e le corti nazionali non determinarono qualsiasi accuse nel suo riguardo. Nessuno era Articolo 6 applicabile sotto suo “capo civile”, determinato che nessuna questione riguardo ai diritti di proprietà del richiedente nel senso di diritto civile era stata determinata. Nella prospettiva del Governo, il sequestro di certa proprietà imposto sul richiedente era soltanto una misura preventiva, mentre mirando a prevenzione di crimini seri basò su ragioni di proprietà. In che collegamento che il Governo ha notato anche che nella sua richiesta il richiedente non aveva fatto finora riferimento espresso ad Articolo 6 in come sé riferì a “i suoi diritti civili ed obblighi.”
42. Il Governo dibatté inoltre che gli interessi del richiedente riferirono alla proprietà confiscata furono rappresentati debitamente e difesero di fronte alle corti nazionali. In particolare, allo stadio di pre-processo lei aveva avuto diritto a fare appello ad una corte contro la decisione per prendere la sua proprietà. M.S. ' madre di s aveva depositato tale ricorso, come un risultato del quale era stata rilasciata parte della proprietà sequestrata. Comunque, il richiedente non si era avvalso di quel il diritto. Per il Governo, il richiedente avrebbe potuto testimoniare anche come un testimone durante gli atti per spiegare le fonti dalle quali la proprietà registrò nel suo nome fu ottenuto, siccome faceva i suoi genitori, ma, come la Corte d'appello notata esattamente, lei scelse di non testimoniare della sua propria volontà.
43. L'argomento principale del Governo posò nel fatto che il consigliere della difesa di M.S. aveva presentato un ricorso contro la sentenza della Corte Regionale di Kaunas del 22 gennaio 2004, da che cosa il sequestro della proprietà del richiedente era stato imposto. Nel suo ricorso, l'avvocato aveva impugnato il sequestro della proprietà del richiedente, ed affermò che il sequestro della proprietà detta dovrebbe essere tolto. Di conseguenza, e se il richiedente avesse qualsiasi prova attinente per prevedere alle corti nazionali in difesa dei suoi diritti di proprietà, lei avrebbe potuto presentare simile prova per il consiglio di difesa di M.S. Infine, il Governo indicò che M.S. ' che consiglio di difesa di s aveva presentato anche un ricorso su questioni di diritto nelle quali lui aveva reiterato gli argomenti come all'illegalità del sequestro della proprietà del richiedente. Prendendo in considerazione che M.S. era stato rappresentato con consigli di difesa durante i procedimenti a tutti i tre livelli di giurisdizione, e che il sequestro della proprietà del richiedente e suo defunto marito era stato contestato di fronte alle corti di tre istanze, il richiedente non poteva affermare che i suoi interessi non erano stati difesi di fronte alle corti nazionali.
44. Nella luce del precedente il Governo considerò che i diritti procedurali del richiedente sotto Articolo 6 della Convenzione non erano stati violati nella causa presente.
B. La valutazione della Corte
1. L'applicabilità dell’ Articolo 6 della Convenzione a riguardo del sequestro
45. La Corte reitera che è padrona della caratterizzazione da dare in legge ai fatti della causa. Non è legata alla caratterizzazione data dal richiedente o dal Governo. Con virtù del principio di iura novit curia, a) per esempio, considerato di sue proprie azioni di reclamo di istanza sotto Articoli o paragrafi non si appellati su con le parti ed addirittura sotto una disposizione in riguardo della quale la Commissione europea di Diritti umani aveva dichiarato l'azione di reclamo per essere inammissibile mentre dichiarandolo ammissibile sotto un diverso. Un'azione di reclamo è caratterizzata coi fatti addotti in sé e non soltanto coi motivi legali o argomenti si appellati su (vedere, più recentemente, G.R. c. i Paesi Bassi, n. 22251/07, § 36 10 gennaio 2012). Sulla base dei materiali presentata a sé la Corte nota che il richiedente si è lamentato indubbiamente della perdita della sua proprietà. Considera che la misura di sequestro conseguente sugli atti per i quali il defunto marito del richiedente fu perseguito affettato in una maniera avversa i diritti di proprietà del richiedente e così indubbiamente costituì un'interferenza col suo diritto a godimento tranquillo delle sue proprietà (vedere AGOSI c. il Regno Unito, 24 ottobre 1986, § 65 la Serie Un n. 108; Arcuri ed Altri c. l'Italia ( dec.), n. 52024/99, 5 luglio 2001).
46. Diritti di proprietà che sono diritti civili all'interno del significato di Articolo 6 § 1 della Convenzione, che disposizione era applicabile sotto il suo capo civile ed il richiedente fu concesso di conseguenza per avere sulla controversia il suo diritto civile determinato con un tribunale. L'eccezione del Governo deve essere respinta perciò.
Di conseguenza, la questione sorge se Articolo 6 si fu attenuto con.
2. Ottemperanza con Articolo 6 § 1 della Convenzione
47. Il richiedente dibatté che lei non potesse difendere i suoi diritti nella struttura dei procedimenti penali contro suo marito che diede luogo al sequestro della sua proprietà. La Corte considera che non è chiamato su per esaminare in abstracto la compatibilità con la Convenzione delle disposizioni del diritto penale lituano che obbliga la corte a confiscare soldi e proprietà che sono state acquisite in una maniera penale incluso proprietà trasferì a terza persona. Invece, la Corte deve determinare se il modo dove il sequestro fu fatto domanda in riguardo del richiedente offese i principi di base di una procedura equa inerenti in Articolo 6 § 1 (vedere, mutatis mutandis, Salabiaku c. la Francia, 7 ottobre 1988, § 30 la Serie Un n. 141-un). Deve essere accertato se la procedura nell'ordinamento giuridico nazionale riconobbe il richiedente, nella luce della gravità della misura alla quale lei era responsabile un'opportunità adeguata di mettere la sua causa alle corti, supplicando siccome è probabile che la causa sia, l'illegalità o l'arbitrarietà di che misura e che le corti avevano agito irragionevolmente (vedere AGOSI, citato sopra, § 55; anche vedere, mutatis mutandis, Arcuri ed Altri, citato sopra, e Riela ed Altri c. l'Italia (il dec.), n. 52439/99, 4 settembre 2001). Comunque, non è all'interno della provincia della Corte per sostituire la sua propria valutazione dei fatti per che delle corti nazionali e, come un articolo generale, è per queste corti per valutare la prova di fronte a loro (vedere Edwards c. il Regno Unito, 16 dicembre 1992, § 34 la Serie A n. 247-B).
48. L'argomento principale del richiedente riposa nel fatto che non aveva nessun beneficio di procedimenti equi, determinato che lei non era una parte ai procedimenti penali. Mentre notando che il richiedente non era davvero una parte ai procedimenti penali contro l'organizzazione penale, la Corte considera che il sistema in oggetto non era senza le salvaguardie. Prima, nota che il sequestro della proprietà del richiedente aveva le sue origini in una misura presa con le autorità inquirenti, vale a dire la confisca dei suoi beni nel 2000. La Corte considera che era aperto al richiedente per avviare procedimenti di controllo giurisdizionale per impugnare le ragioni per che la confisca e prova di presente che quegli articoli di proprietà erano stati acquisiti legalmente. Mentre ammettendo che la confisca era solamente una misura provvisoria, mentre non avendo su influenza conclusiva il sequestro susseguente, la Corte è della prospettiva che a che tempo che il richiedente potrebbe prevedere ragionevolmente che la confisca potesse dare luogo al sequestro della proprietà ad un più tardi stadio dei procedimenti. Di conseguenza, questa era un'occasione per il richiedente per presentare i suoi argomenti e così ottenere il sollevamento della confisca. Su questo scorso punto la Corte nota anche che, come sé sembra dai fatti della causa, M.S. ' madre di s aveva successo nella sua dichiarazione che alcuna della proprietà sequestrata erano stati acquisiti legalmente, dato che la confisca di alcuni dei beni fu tolta (vedere paragrafo 11 sopra). Infine ed anche se avendo le certe riserve come al suggerimento del Governo che il richiedente avesse potuto spiegare l'origine di proprietà sua l'aveva scelto di testimoniare nei procedimenti penali contro l'organizzazione penale, la Corte nondimeno i costatazione che quel era una più occasione per fissare in avanti, per lei qualsiasi prova in appoggio di rivendicazioni sue. Secondo la Corte d'appello, lei non si giovò a comunque, di che l'opportunità (vedere paragrafo 21 sopra).
49. La Corte anche i richiami che dopo la morte del marito del richiedente, il Kaunas Corte Regionale nominò consiglio per rappresentare i suoi interessi. Inoltre, siccome il richiedente ammise nella sua richiesta alla Corte, dopo che il giudice adottò la sua sentenza, M.S. ' famiglia di s assunse un altro avvocato, E.J. che de facto difese come bene i suoi interessi. La Corte ha particolare riguardo ad al fatto che nel suo ricorso e ricorso di cassazione E.J. sollevò esplicitamente la questione del sequestro, mentre dibattendo che la proprietà appartenne a terza persona la cui colpa non era stata stabilita. In particolare, E.J. impugnato il sequestro in riguardo di ogni articolo di proprietà, incluso quegli appartenendo al richiedente (vedere divide in paragrafi 19 e 26 sopra). In queste circostanze, la Corte divide la prospettiva del Governo che se il richiedente avesse qualsiasi prova per addurre provare che la sua proprietà venne da fonti legittime, lei sarebbe potuta passare che informazioni su ad E.J., l'avvocato della sua scelta (vedere Bongiorno ed Altri c. l'Italia, n. 4514/07, § 49 5 gennaio 2010).
50. Nella luce del sopra, mentre la Corte considera che, come un principio generale, persone la cui proprietà è confiscata dovrebbero essere accordate formalmente lo status di parti ai procedimenti nei quali è ordinato il sequestro, accetta che nelle particolari circostanze della causa presente le autorità lituane de facto riconobbe il richiedente un'opportunità ragionevole e sufficiente di proteggere adeguatamente i suoi interessi. Di conseguenza, trova che non c'era nessuna violazione dei diritti del richiedente sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione.
3. Ottemperanza con l’Articolo 6 § 2 della Convenzione
51. Il richiedente sembra dibattere che lei fu obbligata per presumere la responsabilità per crimini commise presumibilmente con suo defunto marito che non era stato dichiarato colpevole. In questo contesto, i richiami di Corte che è un articolo fondamentale di diritto penale che la responsabilità penale non scampa la persona che ha commesso l'atto penale. Sanzioni penali ed imponenti sul vivente in riguardo di atti apparentemente commesso con le chiamate di persona decedute per il suo scrutinio accurato (vedere A.P., M.P. e T.P. c. Svizzera, 29 agosto 1997 §§ 46 e 48, Relazioni di Sentenze e 1997-V di Decisioni). La Corte reitera inoltre che la sfera di Articolo 6 § 2 della Convenzione non è limitato a procedimenti penali e pendenti ma prolunga a decisioni giudiziali prese dopo che un'accusa è stata cessata (vedere, più recentemente, Vulakh ed Altri c. Russia, n. 33468/03, § 33 10 gennaio 2012). Con riguardo ad alla richiesta della presunzione dell'innocenza, lagiurisprudenza della Corte anche gli show che il significato autonomo dell'espressione “l'accusa” in Articolo 6 della Convenzione vuole dire che si può considerare che una persona sia stata, “accusò” per i fini di che Articolo quando che la situazione di individuo è stata “sostanzialmente colpì” (vedere Notifica c. la Francia, 20 ottobre 1997, § 42 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1997-VI).
52. Sui fatti della causa presente i richiami di Corte che a causa di M.S. ' morte di s, i procedimenti penali contro M.S. fu terminato davvero senza la sua condanna. Comunque, nota che contrario a che che è stato implicato col richiedente, i procedimenti penali non terminarono con che passo procedurale da solo. La Corte Regionale di Kaunas dichiarò colpevole tre altre persone che aveva trovato avere formato un'organizzazione penale con suo defunto marito. Che la condanna fu sostenuta coi di appello e corti di cassazione.
53. Rivolgendosi alla questione del sequestro, i richiami di Corte che, come sé fu spiegato con la Corte d'appello, la proprietà confiscata dal richiedente non era stata acquisita solamente per gli atti penali commessi con M.S. da solo. Era stato ottenuto da incassi illeciti delle attività penali dell'organizzazione penale ed intera (vedere paragrafo 24 sopra). Decidere questo punto il giudice aveva riguardo ad al fatto che quando acquistando l'appartamento confiscato il richiedente aveva preso un prestito dalla madre del V.V condannato. che, a turno, non poteva spiegare la provenienza delle proprietà di sua madre. Come alle quote nella società di telecomunicazioni, loro erano stati acquistati per la società di via-spiaggia che l'organizzazione penale lavava i soldi guadagnata per contrabbando passeggero. La Corte non vede nessuna ragione di abbandonare dalle sentenze della corte di appello che furono basate sulla sua conoscenza diretta dei fatti della causa ed il diritto nazionale. Di conseguenza, la Corte sostiene che l'ordine per confiscare alcuna della proprietà del richiedente non fu riferito a qualsiasi trovando di colpa da parte del richiedente in riguardo dei crimini commise presumibilmente con suo defunto marito. Infine, la Corte non può andare a vuoto ad osservare che la causa presente è distinguibile dai fatti in A.P., M.P. e T.P., dove procedimenti nuovi erano stati aperti contro i richiedenti, mentre nella causa presente i procedimenti penali contro M.S. e suo co-accusato soltanto continuò dopo la sua morte.
54. Tenendo presente il sopra, i costatazione di Corte che il richiedente non è stato punito per atti penali commessi con suo defunto marito e così non ereditò la sua colpa. Per le stesse ragioni, presumendo anche che il richiedente stessa che è potrebbe essere considerato “accusò” con un reato penale, la Corte considera anche, che l'ordine di sequestro non costituì una sentenza della colpa personale del richiedente per qualsiasi il reato. Non c'è stata di conseguenza nessuna violazione di Articolo 6 § 2 della Convenzione.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
55. Il richiedente dibatté che il sequestro della sua proprietà era in violazione di Articolo 1 a Protocollo N.ro 1 della Convenzione che legge siccome segue:
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Le osservazioni delle parti
56. Il richiedente si lamentò del sequestro della sua proprietà in seguito ai procedimenti penali contro suo defunto marito ed i suoi complici. Lei contese che lei non era stata consapevole delle origini illegali della proprietà confiscata. Il richiedente ammise che, come il consorte di M.S., lei avrebbe potuto conoscere il movimento di merce; comunque, le corti nazionali non avevano stabilito che lei era consapevole che crimini erano commessi. Contrari a ciò che è stato suggerito col Governo, negli altri procedimenti penali (divide in paragrafi 28-30 sopra), il richiedente fu dichiarato colpevole per crimini non collegati a quelli di M.S. Mentre ammettendo che lei aveva conoscenza delle imprese che suo defunto marito ed il co-accusato usò nelle loro operazioni, il richiedente sostenne che quelle imprese “era stato preso parte in attività legali [oltre ad uni illegali].” Per il richiedente, non era nessun interesse pubblico per spogliarla della sua proprietà. Infine, lei contese che il nazionale corteggia le decisioni di ' erano state erronee in che loro avevano stabilito erroneamente la prova che prova che la proprietà confiscata era gli incassi di crimine.
57. Il Governo ammise che il sequestro della proprietà che appartiene al richiedente potrebbe essere considerato come un'interferenza sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione. In qualsiasi l'evento, il sequestro di parte della proprietà della famiglia era stato in conformità con diritto nazionale (l'Articolo 72 § 3 del Codice Penale) e corrispose ad un controllo allineato dell'uso di proprietà nell'interesse generale. Riferendosi allagiurisprudenza della Corte (Raimondo c. Italia, 22 febbraio 1994 la Serie Un n. 281-un), il Governo contese che, negli interessi di prevenzione delittuosa, lo Stato avuto un margine ampio della valutazione in proprietà di controllare ottenuta con illegale vuole dire, o usò per fini illegali. Riferendosi alla decisione della Corte d'appello di 25 ottobre 2004 e la condanna del richiedente 30 giugno 2005, il Governo considerò che un equilibrio equo fra gli interessi pubblici ed individuali era stato realizzato nella causa presente, particolarmente come il richiedente, con la sua conoscenza delle attività penali di suo marito ha dovuto sapere bene pieno che la proprietà in oggetto era stato ottenuto da soldi guadagnato illegalmente.
58. Il Governo sottolineò che sia il processo e corti di appello avevano scrutato la prova relativo alle circostanze nelle quali era stata acquisita la proprietà confiscata. L'illegalità dell'origine della proprietà in questione ed il fatto che il richiedente sarebbe dovuto essere consapevole e sarebbe potuto essere consapevole che la proprietà contestata era stata acquisita da atti penali era stato provato durante i procedimenti penali, mentre seguendo standard severi di prova. Il Governo reiterò che quando decidendo sul sequestro degli articoli sequestrati, Corte Regionale di Kaunas aveva tolto confisca di molti articoli-area di terra, alloggio ed il suo contenuto-quel era stato registrato nei nomi del richiedente e suo defunto marito. La confisca di quegli articoli si aveva tolto perché il giudice non aveva stabilito che questa proprietà era stata acquisita come un risultato dell'attività penale. Solamente due articoli nella proprietà del richiedente - l'appartamento e quote in una società di telecomunicazioni-era stato confiscato.
59. Infine, il Governo presentò che confisca dei beni che appartiene a terza persona nonostante se o procedimenti non penale sono avviati contro loro fu stabilito anche nella legge di altri paesi europei. Come proprietà di preoccupazioni che era gli incassi di un atto penale, simile pratica era in ottemperanza con gli orientamenti col Consiglio dell'Europa.
B. La valutazione della Corte
60. La Corte reitera che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che garantisce in sostanza il diritto a proprietà comprende tre articoli distinti. Il primo che è espresso nella prima frase del primo paragrafo e è di una natura generale, posa in giù il principio di godimento tranquillo di proprietà. Il secondo articolo, nella seconda frase dello stesso paragrafo copre privazione di proprietà e lo fa soggetto alle certe condizioni. Il terzo, contenuto nel secondo paragrafo riconosce che gli Stati Contraenti sono concessi, fra le altre cose, controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale. Il secondo e terzi articoli che concernono con le particolari istanze di interferenza col diritto a godimento tranquillo di proprietà devono essere costruiti nella luce del principio generale posata in giù nel primo articolo (vedere, fra molte autorità, Immobiliare Saffi c. l'Italia [GC], n. 22774/93, § 44 il 1999-V di ECHR).
61. Sui fatti della causa i richiami di Corte che il “le proprietà” in questione era le quote in una società di telecomunicazione ed un appartamento che furono confiscati dal richiedente con una decisione giudiziale. Non è in controversia fra le parti che l'ordine di sequestro ha corrisposto ad un'interferenza col diritto del richiedente a godimento tranquillo delle sue proprietà e che Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è perciò applicabile. Rimane essere determinato se la misura fu coperta col primo o secondo paragrafo di quel disposizione di Convenzione.
62. La Corte reitera il suo approccio continuo che una misura di sequestro, anche se comporta una privazione di proprietà, costituisce ciononostante controlli dell'uso di proprietà all'interno del significato del secondo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (vedere Sole c. la Russia, n. 31004/02, § 25, 5 febbraio 2009 e giurisprudenza citati in essa). Di conseguenza, considera che lo stesso approccio deve essere seguito nella causa presente.
63. Siccome la Corte ha sostenuto su molte occasioni, un'interferenza con diritti di proprietà deve essere prescritta con legge e deve essere intrapresa uno o scopi più legittimi. In oltre, ci deve essere una relazione ragionevole della proporzionalità fra i mezzi assunti e gli scopi cercarono di essere compresi. Nelle altre parole, la Corte deve determinare, se un equilibrio fu previsto fra le richieste dell'interesse generale e l'interesse degli individui riguardate. Nel fare così lascia lo Stato un margine ampio della valutazione con riguardo a sia a scegliendo i mezzi di esecuzione ed ad accertando se le conseguenze di esecuzione sono giustificate nell'interesse generale per il fine di realizzare l'oggetto della legge in oggetto (vedere Yildirim c. l'Italia (dec.), n. 38602/02, ECHR 2003-IV).
64. In che il collegamento, la Corte nota che il sequestro della proprietà del richiedente fu ordinato facendo seguito ad Articolo 72 § 3 (2) del Codice Penale. Era perciò un'interferenza prescritta con legge.
65. La Corte anche i richiami che il sequestro colpì beni che erano stati ritenuti con le corti per essere stato acquisito illegalmente con l'organizzazione penale condusse con M.S. La misura fu effettuata con una prospettiva ad ostacolando l'acquisto di proprietà illecito per le attività penali. In simile circostanze i costatazione di Corte che il sequestro intraprese un scopo legittimo nell'interesse generale, vale a dire cercò di assicurare che l'uso della proprietà in oggetto non procuri per il richiedente vantaggio patrimoniale al danno della comunità (vedere Raimondo, citato sopra, § 30).
66. Come riguardi l'equilibrio fra che scopo ed i diritti essenziali del richiedente, la Corte reitera che, dove proprietà sono confiscate, l'equilibrio equo dipende da molti fattori, incluso il comportamento del proprietario. Deve determinare perciò se le corti lituane avevano riguardo ad al grado del richiedente di colpa o cura o, almeno, la relazione fra la sua condotta ed i reati che erano stati commessi (vedere AGOSI, citato sopra, § 54; anche vedere Arcuri e Riela, sia citò sopra).
67. Sui fatti della causa la Corte richiama la sentenza con la Corte d'appello che il richiedente aveva partecipato direttamente in pagamenti per i beni contrabbandati e che lei ha dovuto sapere che la proprietà confiscata sarebbe potuta essere acquistata solamente con gli incassi delle imprese illegali dell'organizzazione penale (vedere paragrafo 22 sopra). La Corte è prevista anche particolarmente con la sentenza di 30 giugno 2005 consegnata dalla Corte Regionale di Kaunas che trovò il richiedente colpevole dell'appropriazione indebita di proprietà e la falsificazione di documenti. Nel trovare così, notò, che il richiedente aveva confessato pienamente ad avendo commesso i crimini con una prospettiva ad aiutando suo marito scappa la responsabilità penale, mentre lui fu detenuto.
68. Come al modo i procedimenti che diedero luogo al sequestro dei beni registrati nel nome del richiedente furono contenuti, la Corte nota che il controllo giurisdizionale fu condotto da tre corti successive -la Corte Regionale di Kaunas, la Corte d'appello e la Corte Suprema ed interessato sia la legalità di e la giustificazione per il sequestro. Osserva anche che le corti lituane furono escluse dal basare le loro decisioni su sospetti meri. Guardando in dettaglio ai passi preso con le corti per giungere alla definitivo conclusione come a che pezzi di proprietà per confiscare, la Corte nota che in riguardo di ogni articolo essere confiscati le corti fu soddisfatto, sulla base entrambe le osservazioni coi richiedenti ' consiglia o la prova addusse con l'accusa che i beni confiscati erano stati acquistati con virtù di reinvestimento dei profitti illegali dell'organizzazione penale (vedere, con contrasto, Vulakh, citato sopra, § 46). In questo contesto la Corte nota anche che solamente due articoli della proprietà del richiedente furono confiscati, quando molti più furono sequestrati.
69. Infine, la Corte non può trascurare le particolari circostanze che incitarono le corti lituane a prendere misure contro il richiedente. In particolare, siccome notarono le corti nazionali, le ricerche illecite dell'organizzazione penale comportarono ventidue episodi di contrabbandare, il valore dei beni contrabbandato corrisposto a milioni di litai lituano e, in prospettiva della scala, natura sistematica e di livello organizzativo dell'attività criminale, loro riguardarono la causa come eccezionale. In simile circostanze delle quali la misura di sequestro si è lamentata può sembrare essenziale nella lotta contro malavita (vedere, mutatis mutandis, Raimondo citato sopra, § 30; M. c. Italia, n. 12386/86, decisione di Commissione di 15 aprile 1991, Decisioni e Relazioni 70, p. 101; anche vedere la parte di strumenti internazionale ed Attinente, divida in paragrafi 36 sopra).
70. Tenendo presente quanto sopra ed avendo riguardo al margine della valutazione goduto dagli Stati in ricerca di una politica delittuosa combattere i crimini più seri disegnò, la Corte conclude che l'interferenza col diritto del richiedente al godimento tranquillo delle sue proprietà non era sproporzionata allo scopo legittimo perseguito (vedere Raimondo e M. c. l'Italia, sia citò sopra, paragrafo § 30 e p. 102, rispettivamente).
Non c'è stata di conseguenza, nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Respinge l'eccezione del Governo riguardo all'applicabilità di Articolo 6 della Convenzione;
2. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 6 §§ 1 e 2 della Convenzione;
3. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 10 aprile 2012, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Stanley Naismith Françoise Tulkens
Cancelliere Presidentessa




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è mercoledì 01/07/2020.