Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui. Per conoscere il significato del livello d'importanza clicca qui.

CASO: CASE OF KOLYADENKO AND OTHERS v. RUSSIA

TIPOLOGIA: Sentenza
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media)
ARTICOLI: 41, 02, 13, 34, 35, 08, P1-1

NUMERO: 17423/05/2012
STATO: Russia
DATA: 28/02/2012
ORGANO: Sezione Prima


TESTO ORIGINALE

Conclusion Remainder inadmissible ; Violation of Art. 2 (substantive aspect) ; Violation of Art. 2 (procedural aspect) ; Violation of Art. 8 ; Violation of P1-1 ; No violation of Art. 13+8 ; No violation of Art. 13+P1-1 ; Pecuniary damage - award ; Pecuniary damage - claim dismissed ; Non-pecuniary damage - award
FIRST SECTION
CASE OF KOLYADENKO AND OTHERS v. RUSSIA
(Applications nos. 17423/05, 20534/05, 20678/05, 23263/05, 24283/05 and 35673/05)
JUDGMENT
STRASBOURG
28 February 2012
This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.


In the case of Kolyadenko and Others v. Russia,
The European Court of Human Rights (First Section), sitting as a Chamber composed of:
Nina Vajić, President,
Anatoly Kovler,
Peer Lorenzen,
Elisabeth Steiner,
Khanlar Hajiyev,
Linos-Alexandre Sicilianos,
Erik Møse, judges,
and Søren Nielsen, Section Registrar,
Having deliberated in private on 7 February 2012,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in six applications (nos. 17423/05, 20534/05, 20678/05, 23263/05, 24283/05 and 35673/05) against the Russian Federation lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) by six Russian nationals, OMISSIS on 12 May 2005, OMISSIS on 2 September 2005 (“the applicants”).
2. The first to fifth applicants were represented by OMISSIS, a lawyer practising in Vladivostok. The Russian Government (“the Government”) were represented by Mr G. Matyushkin, the Representative of the Russian Federation at the European Court of Human Rights.
3. The applicants alleged that the State was responsible for having put their lives at risk and for damage done to their homes and property as a result of a sudden large-scale evacuation of water from the Pionerskoye reservoir and the ensuing flooding in the area around the reservoir on 7 August 2001. The applicants also complained that they had no effective remedies in that regard. They relied on Articles 2 and 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
4. On 2 July and 8 September 2009 and 26 January 2010 respectively the applications were granted priority under Rule 41 of the Rules of Court.
5. On 2 July 2009 the Court decided to join the proceedings in the first four applications (Rule 42 § 1) and to give notice of them to the Government. It also decided to rule on their admissibility and merits at the same time (Article 29 § 1). On 8 September 2009 and 26 January 2010 respectively the President of the First Section decided to give notice of the last two applications to the Government. It was also decided to rule on the admissibility and merits of the applications at the same time (Article 29 § 1).
6. On 7 February 2012 the Court decided to join the proceedings in all six applications (Rule 42 § 1).
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
7. The applicants were born in 1938, 1941, 1973, 1945, 1942 and 1946 respectively and live in Vladivostok.
A. Background to the case
8. The city of Vladivostok, an administrative centre of the Primorskiy Region, is in the south-east of Russia on the Pacific coast. Its location explains the city’s monsoon-influenced humid continental climate with warm but humid summers when the annual precipitation reaches its maximum. More specifically, the first half of the summer season (June-July) is rainy and foggy, August and September can be marked by typhoons and August is the rainiest month.
9. The area where the applicants live is located in the Sovetskiy District of Vladivostok close to the Pionerskoye (Sedankinskoye) water reservoir (Пионерское водохранилище) near the Pionerskaya (Sedanka) river. The reservoir, constructed in 1936, contains supplies of drinking water for the city of Vladivostok. In the Government’s submission, on the basis of long-term observations, the floodplain of the Pionerskaya river was an area subject to periodic flooding during heavy rains when water was released from the Pionerskoye reservoir to avoid structural damage to the reservoir.
10. The first applicant lives in a flat which she owns in a low-rise building at 12/3 Semiradskiy Street.
11. The second applicant is a social tenant of a flat in a low-rise building at 20 Semiradskiy Street.
12. The third and fourth applicants, who are relatives, live in a flat owned by the fourth applicant in a low-rise building at 18 Semiradskiy Street.
13. The fifth applicant lives in a house he owns at 14 Semiradskiy Street.
14. The sixth applicant is a social tenant of a flat in a low-rise building at 18/3 Semiradskiy Street.
15. In a letter of 7 June 1999 Mr L., the head of the authority in charge of the Pionerskoye reservoir – the State-owned enterprise “South Primorskiy Region Water-and-sewage Authority” (государственное унитарное предприятие «Водопроводно-канализационное хозяйство юга Приморья», “the Water Company”) – warned the acting head of the Vladivostok Administration that the channel of the Pionerskaya river was cluttered with debris and household waste and overgrown with small trees and bushes and that this could have grave consequences given the adverse weather forecast for summer/autumn 1999. In particular, in the event of heavy rain the Water Company would have to release water from the reservoir and, in view of the poor state of the river channel, this might cause flooding over an area with a population of over 5,000 people, as well as a railway, a highway and manufacturing plants. Mr L. requested that appropriate measures be taken to clear the channel.
16. On 6 September 1999 the Vladivostok Commission for Emergency Situations (Комиссия по чрезвычайным ситуациям г. Владивостока, “the Vladivostok Emergency Commission”) took a decision concerning, among other things, flood prevention work in the floodplain of the Pionerskaya river. The decision stated that although the question of cleaning up the course of the Pionerskaya river was repeatedly raised every year, no actual measures had yet been taken. It went on to say that outlet channels and the river channel itself were abundantly overgrown with small trees and bushes, cluttered with debris and household waste and blocked by unlawfully built dams and various structures which all created a threat of flooding over an area of 15 square kilometres, with a population of over 5,000 people, in the event of the urgent release of a large quantity of water from the Pionerskoye reservoir. The decision called on the Vladivostok Administration, along with the Administration of the Sovetskiy District, to take measures to clean up and deepen the channel of the Pionerskaya river to ensure that its throughput capacity (пропускная способность) was no less than 30-40 cubic metres per second. The decision also ordered that the local population be apprised via the media of the possibility of the inundation of the floodplain adjacent to the Pionerskaya river in the event of urgent large-scale evacuation of water from the reservoir, and that the authority in charge of the Pionerskoye reservoir – the Water Company – restore the local early warning system to raise the alarm if there was a risk of a flood.
17. According to the Government, the authorities had taken a number of measures to implement the decision of 6 September 1999. In particular, in a letter of 14 September 1999 the Administration of the Sovetskiy District instructed the head of the Vladivostok bridge construction crew immediately to clean the Pionerskaya river channel in the area where one of the bridges was being built and the river channel was full of debris. In the Government’s submission, in the absence of information concerning the clogged-up river channel in subsequent reports, it was reasonable to assume that the Vladivostok bridge construction crew had cleaned it in compliance with the letter of 14 September 1999.
18. Also, in a letter of 16 September 1999 the Administration of the Sovetskiy District urged the head of the council of horticultural cooperatives to instruct the cooperatives’ members to engage in an effort to clean up the Pionerskaya river channel and avoid littering the land around the river. The Government further referred to relevant reports attesting that in September-November 1999 and July and October 2000 work had been done to clean up the river channel. They were unable to say whether those measures helped to increase the river’s throughput capacity to 30-40 cubic metres per second as prescribed by the decision of 6 September 1999.
19. In a letter of 29 May 2000 the Vladivostok Administration informed the Administration of the Sovetskiy District that the water level in the Pionerskoye reservoir was close to critical and that some of it would have to be evacuated. However, the Pionerskaya river channel was densely overgrown with small trees and bushes and cluttered with debris and household waste, creating a threat of flooding over a large populated area in the event of the urgent evacuation of water from the dam. The letter went on to say that, in accordance with the decision of the Vladivostok Emergency Commission dated 6 September 1999, it was necessary for the Administration of the Sovetskiy District to take urgent steps to clean up the Pionerskaya river channel.
20. In a letter of 16 June 2000 the Administration of the Sovetskiy District notified the Vladivostok Emergency Commission that, in accordance with the latter’s decision of 6 September 1999, work had been carried out to clean up the river channel. In particular, from September to November 1999 the bodies of thirty old cars and sundry household waste had been evacuated from the river, and the population living in its floodplain had been told what to do in the event of serious flooding. The letter also stated that work to cut down trees and bushes along the river was scheduled for June-July 2000.
21. On 3 April 2001 the Vladivostok Administration requested the Administration of the Primorskiy Region to earmark a certain amount from the regional budget for clean-up work on the Pionerskaya river, stating that the work would reduce the area in danger of flooding in the event of the sudden evacuation of water from the reservoir. It does not appear that this request was heeded.
22. On 4 July 2001 a committee of officials from the Vladivostok Administration drew up a report presenting the results of the examination of the Pionerskaya river bed. The report stated that the part of the river that fell within the 300-metre zone under the responsibility of the Water Company was being kept clear, whereas the river channel and floodplain outside that zone were overgrown with bushes and trees and littered with household waste and bodies of old cars. The report also noted that owners of private houses on the river banks had narrowed the channel by piling earth into the river in an attempt to enlarge the size of their plots of land. Moreover, earth was regularly excavated and removed from the river banks, with the result that the banks crumbled and were washed away. The committee recommended that the municipal authorities clear the bushes and trees from the floodplain, deepen the channel, clear the river bed and banks of household waste and car bodies and restore the banks to their natural state.
23. In a decision of 27 July 2001 the Vladivostok Emergency Commission instructed the city authorities to take a number of measures to prevent emergency situations in connection with the possible flooding of rivers during the summer period. It indicated, in particular, that it was necessary to verify the condition of water evacuation systems, bridges and river beds and channels, to check and activate the early warning system, to check whether rescue services were prepared for flood situations and to equip them with means of communication. It is unclear whether any such measures were taken.
B. Events in August 2001
1. Weather forecast for 7 August 2001
24. On 6 August 2001 at 1.45 p.m. a regional meteorological service forwarded a storm warning for 7 August 2001 to the Primorskiy regional and the Vladivostok city authorities. It stated that heavy rainfall of 100-120 millimetres was expected in the Primorskiy Region and the city of Vladivostok. In particular, for 7 August 2001 the service forecast heavy precipitation of 15-49 millimetres within 12 hours, which would continue throughout the day on 8 August 2001 and through the night. The warning also stated that there was a risk of floods on rivers in the south of the region. In the Government’s submission, the population had been duly forewarned about the heavy rain by the media.
25. On the same date, on the basis of the aforementioned warning, the Water Company calculated that the water inflow to the Pionerskoye reservoir, which had a maximum storage capacity of 7 million cubic metres and which on 6 August 2001 contained 5.3 million cubic metres, would be 1.65 million cubic metres. Having regard to these calculations, the Water Company started releasing 12 cubic metres of water per second from the reservoir.
2. Meteorological conditions on 7 August 2001 and the situation at the Pionerskoye reservoir
26. On 7 August 2001 it started raining early in the morning. The intensity of the rain proved to be much higher than forecast by the meteorological service the previous day. The amount of rain that fell on that day was the equivalent of a full month’s rainfall. In particular, within a 12-hour period the amount of rain that fell in the area of the Pionerskoye reservoir totalled 236 to 276 millimetres. The rain was heaviest between 10 a.m. and 12 noon, when 189 millimetres fell.
27. Until 9 a.m. on 7 August 2001, water was released from the Pionerskoye reservoir at the rate of 12 cubic metres per second.
28. At 9 a.m. the Water Company increased the rate to 22.8 cubic metres per second.
29. At 9.30 a.m. the Water Company increased the release of water to 44.6 cubic metres per second and kept increasing it every half an hour. By 11.30 the evacuation rate was 122 cubic metres per second.
30. Between 12 noon and 2 p.m. the evacuation of water remained at its maximum rate of 167 cubic metres per second.
31. At 2 p.m. the Water Company decreased the release rate to 119 cubic metres per second, then at 3 p.m. to 109 cubic metres per second, and at 6.30 p.m. down to 90 cubic metres per second.
3. Flood of 7 August 2001
32. According to the applicants, because of the urgent release of a large quantity of water from the Pionerskoye reservoir on 7 August 2001, a large area around the reservoir was instantly flooded, including the area where the applicants resided. In the applicants’ submission, the water arrived and rose very quickly at some point between 11 a.m. and 12 noon.
33. According to the applicants, no emergency warning had been given before the flood. The Government referred to a letter of the Main Department of the Russian Ministry for Emergency Situations in the Primorskiy Region, dated 11 September 2009, to the effect that at the relevant time there had been no local emergency warning system in place at the Pionerskoye reservoir.
34. According to the first applicant, a disabled person, on the date in question she was at home and found out about the flood from her daughter and granddaughter, who came running to her flat to help her out to a safe place. Just as they reached her home, the water started rising rapidly, and by the time her relatives had helped her out onto the roof of the building, the water had reached waist level in the flat and was much deeper in the courtyard. In the first applicant’s submission, her home and belongings, land, outhouses and two cars were flooded.
35. The second applicant was not at home that day as she was at work. Her disabled brother, who was at home during the flood, apparently later told her that at about 12 noon water started rising from the cellar and within 15-20 minutes the house was flooded. According to the second applicant, some of her belongings were washed out of the house and some damaged by the water, which remained in the house for some time.
36. The third applicant was at home with her 21-month-old son when the flat was instantly flooded. She managed to dress the boy and to escape, wading breast-deep to a nearby motorway, which at that point had not yet been flooded; from there she took a bus to a safe place. Soon after the third applicant had left, all motorways in the vicinity were submerged and the public transport lines disrupted. In the third applicant’s submission, her property was severely damaged by the flood.
37. The fourth applicant, the third applicant’s mother-in-law, was at work when the flood occurred. She returned home in the evening and, according to her, suffered severe distress when she found her daughter-in-law and grandson missing and her home and possessions ruined.
38. The fifth applicant was at work when the flood occurred. His son, A. B., who had been at home at the time, told him what had happened. According to A. B., at around 11.30 a.m. he heard the sound of seething water in the cellar and then saw water running from the street into the cellar. He looked out into the courtyard and realised that the water level was rising fast. He tried to leave but was unable to open the front door because the water in the street was already about 1.30 metres high. A. B. then jumped through a window into the flooded street, where the water was above shoulder level. He swam to a nearby shed, through seething water among household belongings, planks, logs and other litter. He managed to climb onto the roof of the shed and saw the surging water destroy sheds and fences, while people screaming in panic swam to any elevated places they could reach. According to the fifth applicant, when he returned home in the evening the water had already subsided. In his submission, his house and its contents and his land, outhouses and car were all damaged by the water.
39. The sixth applicant and her 19-year-old son were at home when the flood began. They opened the door to the street and their home was instantly flooded with water. They rushed out into the street, where within 15 minutes the water had risen to breast height. According to the sixth applicant, she was in a state of shock, as she could not swim. Her son swam away and brought a ladder, which enabled them to climb onto the roof of a garage. In the sixth applicant’s submission, her house and belongings, land and outhouses were all flooded.
40. As far as can be ascertained from the parties’ submissions, the water in the first four applicants’ flats reached a height of 1.20 metres; in the fifth applicant’s home the level was between 1.30 and 1.80 metres and in the sixth applicant’s flat, 1.50 metres. According to the applicants, the water remained at those levels for approximately a day.
4. Rescue operation
41. According to the applicants, no evacuation of the population from the flooded area had been organised following the flood of 7 August 2001. In their submission, they had had to find their own way to safety, and subsequently to cope with the consequences of the flooding on their own.
42. The documents submitted by the Government indicate that by a decision of 7 August 2001 the Vladivostok Emergency Commission ordered that a number of rescue measures be carried out. A similar decision was taken on 8 August 2001 by the Emergency Commission of the Primorskiy Region.
43. According to the Government, those affected by the flood had been evacuated and provided with food and accommodation at temporary accommodation centres. Also, staff from various rescue services had been sent to the flooded area.
44. In a letter of 14 August 2001 the Vladivostok Department for Commerce and Domestic Services reported to the Vladivostok Emergency Commission on the measures taken in the period from 7 to 13 August 2001 to provide those affected by the flood and the personnel engaged in the rescue operation with food and drinking water.
C. Criminal investigation into the incident of 7 August 2001
1. Investigation in case no. 916725
45. On 9 August 2001 the Vladivostok prosecutor’s office opened a criminal investigation in connection with the flood of 7 August 2001. At some point criminal proceedings were brought against Mr L., the director of the Water Company, on suspicion of his having committed an offence punishable under Article 293 (1) of the Russian Criminal Code (professional negligence). The case was assigned the number 916725.
46. By two decisions of 21 September 2001 the investigator in charge declared the first applicant both victim and civil claimant in the case. It appears that at some point the second, fourth, fifth and sixth applicants were also granted victim status. The sixth and fifth applicants were informed of the relevant decisions in letters from the Vladivostok Department of the Interior dated 2 July and 27 September 2002 respectively.
47. On 21 September 2001 the investigator in charge inspected the scene of the incident at the first applicant’s domicile and questioned her. The first applicant stated that she had spent the day of 7 August 2001 at home. It had been raining but at first there had been no water in the courtyard. At about 11 a.m. a wave of water had swept in from the direction of the Pionerskoye reservoir and within 15-20 minutes the water level had risen to two metres. The first applicant said that there had been no prior warning of any evacuation of water from the Pionerskoye reservoir. She further stated that she had been living in her flat for 41 years and had never been warned that the flat was located in a flood zone. This was the first time that such large-scale flooding had happened. She also listed the property lost in the flood and indicated its value.
48. On the same date the investigator in charge inspected the scene of the flooding at the fifth applicant’s domicile. The ensuing report attested, in particular, to the presence of traces on the walls at a height of 1.8 metres, left by water which had remained in the premises for a prolonged period. The investigator also questioned the fifth applicant, who stated that he had been away from home when the flooding had occurred and had been informed of the event by his son. That day he had returned home at 6 p.m. and the water had already subsided. The fifth applicant also said that there had been no prior warning of any evacuation of water from the Pionerskoye reservoir. He had lived in the house for 41 years and had never been warned that it was located in a flood zone. The fifth applicant also listed the property lost in the flood and indicated its value.
49. At some point the investigating authorities questioned the second applicant, who stated that she had been living in her flat for 60 years and that it was only during the last decade that the building in which she lived had been regularly flooded, which she explained by the absence of proper drains along the roads and the fact that the Pionerskaya river was littered and obstructed by unauthorised structures. She explained that on 7 August 2001, at about 12 noon, water had started rising from the cellar of the building in which she lived and filled her flat within 15-20 minutes. There had been no prior warning concerning any evacuation of water from the Pionerskoye reservoir and she had not seen any officials from the district or city authorities on 7 or 8 August 2001. She indicated the amount of the pecuniary damage she had suffered as a result of the flood.
50. The fourth applicant was also questioned as a witness and made oral statements similar to those of the second applicant.
51. On 25 January 2003 the investigating authorities ordered that the criminal proceedings against Mr L. be discontinued owing to the absence of the constituent elements of a criminal offence in his actions. According to the decision, the preliminary investigation had established that because of exceptionally heavy rains on 7 August 2001 the water level in the Pionerskoye reservoir had been close to critical, with the result that there was a real risk of a dam breaking, which could have claimed numerous lives and caused extensive pecuniary damage, and that in ordering the evacuation of water from the reservoir Mr L. had acted within his competence and in full compliance with the relevant regulations and had thus prevented more extensive damage to the residents of Vladivostok. At the same time, according to an expert report of 24 January 2003 (see paragraphs 72-80 below), the main reason for the flood of 7 August 2001 had been the poor state of the channel of the Pionerskaya river, and in particular the fact that it had been overgrown with trees and bushes and obstructed by various structures. On 24 January 2003 the investigating authorities accordingly ordered that separate criminal proceedings be brought under Article 286 (1) of the Russian Criminal Code (abuse of power) against officials of the Vladivostok municipal and the Primorskiy regional authorities in that connection.
2. Investigation in case no. 292025
(a) Investigation in 2003-2004
52. On 28 January 2003 the district prosecutor’s office of the Leninskiy District of Vladivostok (“the district prosecutor’s office”) brought criminal proceedings in case no. 292025 against officials of the Vladivostok municipal and Primorskiy regional authorities under Article 286 (1) of the Russian Criminal Code (abuse of power) on suspicion on them having, in excess of their power, allocated plots of land for individual housing construction within a water protection zone of the Pionerskaya river. The case file was given the number 292025.
53. In letters of 11 June and 9 August 2004 respectively the prosecutor’s office of the Primorskiy Region (“the regional prosecutor’s office”) informed the second and fourth applicants that the investigation in case no. 292025 had been repeatedly suspended owing to the lack of any evidence of a crime and then reopened, and that on the two most recent occasions it had been suspended and resumed on 5 March and 11 June 2004 respectively.
(b) Decision of 20 July 2004
54. On 20 July 2004 the investigating authorities discontinued the proceedings in case no. 292025, referring to the absence of evidence that a crime had been committed.
55. The decision stated that, in accordance with an applicable governmental regulation, a water protection zone should be delimited in a city’s general development plan or, in the absence of such a plan, should be established by a regional administrative authority. Moreover, in accordance with the relevant construction rules and regulations, construction of residential and non-residential buildings and, in particular, the allocation of plots of land for individual house building, was prohibited in water protection zones (водоохранные зоны) as well as in catastrophic flood hazard zones (зоны возможного катастрофического затопления). These latter zones were defined as areas where water levels during a flood could reach 1.5 metres and where flooding could cause death, destroy residential and non-residential buildings and disable industrial equipment.
56. The decision noted, with reference to the findings of the investigation, that when the Pionerskoye reservoir had been built in 1936, no severe flood hazard zone had been delimited in the adjacent area as no methods existed in Russia for identifying such zones until the 1990s. It was stated in the decision that an attempt to identify such zones in the city of Vladivostok had been made at some point in the 1990s, when an expert agency was commissioned to prepare a feasibility study on the “Protection of the City of Vladivostok from Floods”, in the context of the federal programme for the protection of territories from typhoons and floods. However, the resulting document had not been duly registered with the competent State authority and had thus remained ineffective and could not be taken into account in elaborating town planning restrictions. As a result, no potential flood zones or catastrophic flood hazard zones, including the Pionerskaya river valley, had ever been delimited in the city of Vladivostok’s general development plan.
57. The decision also stated that no water protection zones had ever been marked in the city’s general development plan either. The Administration of the Primorskiy Region, which by virtue of the aforementioned governmental regulation (see paragraph 55 above) had been under obligation to establish such zones, had repeatedly failed to do so despite requests from the competent State agencies, with the result that regulations imposing town planning restrictions, particularly those restricting construction of individual houses within such zones, had remained inoperative. Not until 4 September 2000 had the Governor of the Primorskiy Region finally adopted a decree establishing a water protection zone that included the Pionerskaya river valley. The decree required the Vladivostok authorities to delimit water protection zones in the city’s general development plan, but the instruction was not followed as it would have meant updating that plan, which in turn would have meant conducting an ecological impact assessment of the plan. According to the decision of 20 July 2004, the Vladivostok Administration had not yet submitted the city’s general development plan with water protection zones marked on it to the Administration of the Primorskiy Region for impact assessment.
58. In the light of the above findings, the decision concluded that prior to 4 September 2000, when no water protection zones had been established by the Primorskiy regional authorities, any town planning restrictions concerning construction activities in such zones had been inoperative, officials of the Vladivostok Adminsitration could not be said to have exceeded their powers when allocating plots of land on the banks of the Pionerskaya river at that time. After that date, no plots of land had been allocated within that zone. The decision thus confirmed that all the properties on the banks of the Pionerskaya river that had been flooded on 7 August 2001, including the buildings in which the applicants lived, had been built before 4 September 2000, that is, lawfully.
59. It also stated that construction activities along the Pionerskaya river in the area downstream of the reservoir at present were allowed within the limits of the site where buildings already existed, that no zones where new construction was prohibited were delimited in the city of Vladivostok’s general development plan, that no demolition or transfer of previously constructed buildings was planned, and that the owners and leaseholders of those buildings and plots of land were entitled to use and dispose of them, and in particular to construct new buildings in the place of old ones.
60. The decision also stated that there were no legal instruments or documents governing clean-up operations in the downstream area of the Pionerskaya river channel. Also, according to the decision, since 2001 the Main Department for the Administration of Natural Resources and Environmental Protection in the Primorskiy Region (“the Natural Resources Authority”) had been making yearly inspections of the Pionerskaya river channel. The results revealed that the Water Company had cleared the part of the river channel near the Pionerskoye reservoir; but the area downstream of that zone was only cleared sporadically by the people living there. The decision further stated that in view of the need to keep the channel of the Pionerskaya river clear the Natural Resources Authority had submitted suggestions to the Administration of the Primorskiy Region concerning measures to be taken with respect to the Pionerskaya river in 2002, 2003 and 2004, including clean-up work. It did not indicate whether those suggestions had been accepted and implemented.
61. The decision went on to note that the Pionerskoye reservoir belonged to the regional authorities and was operated by the Water Company. Under domestic law, the owner of the reservoir and the body operating it were responsible for ensuring its safe exploitation. Accordingly, the authorities of the Primorskiy Region and the Water Company were under obligation to secure the safe evacuation of water from the reservoir, which meant ensuring the necessary throughput capacity of the river channel below the dam. The decision further stated that, according to the relevant governmental decree, the proper technical and sanitary maintenance of reservoirs and use of water resources obeyed rules of exploitation of reservoirs to be elaborated by the owners of the reservoirs or the bodies operating them. It was the owner of the Pionerskoye reservoir and the body operating it who were responsible for planning and carrying out measures to ensure its proper functioning.
(c) Investigation in 2009-2010
62. Following the decision of 20 July 2004, the investigation remained suspended until late 2009.
63. By a decision of 23 September 2009 the regional prosecutor’s office ordered that the materials of criminal case no. 292025 be sent to the investigation department of the Leninskiy District of Vladivostok (“the district investigation department”) for examination, with a view to setting aside the decision of 20 July 2004 by which the criminal proceedings in the case had been discontinued. The decision of 23 September 2009 stated, in particular, that the decision of 20 July 2004 had been unfounded, as the investigation had not made any assessment of the Vladivostok authorities’ failure to clear and clean up the Pionerskaya river channel, or the failure of the Vladivostok city and the Primorskiy regional authorities to delimit water protection and riverside zones in the city of Vladivostok’s general development plan, to determine the legal status of the land adjacent to the Pionerskaya river, to comply with the regulations governing the exploitation of that land and to make the necessary changes to the feasibility study on the “Protection of the City of Vladivostok from Floods” so that it finally became operative.
64. In a decision of 5 October 2009 the district investigation department refused to set aside the decision of 20 July 2004.
65. On 28 October 2009 the regional prosecutor’s office sent a similar request to the investigation department of the Primorskiy Region. It appears that the latter instructed the district investigation department to re-open the investigation in case no. 292025.
66. On 2 December 2009 the district investigation department resumed the proceedings in the case.
67. By a decision of 9 February 2010 the district investigation department discontinued the proceedings owing to the absence of evidence of a crime. A copy of this decision has not been submitted to the Court.
68. On 12 March 2010 the district prosecutor’s office invited the district investigation department to set aside the decision of 9 February 2010 as unlawful. On the date of the submission by the Government of their latest observations in the present case in October 2010, the request of 12 March 2010 seems to have still been pending.
69. The Government did not submit a copy of the investigation file in case no. 292025 despite the Court’s specific request for them to do so. They stated that the case in question was in the hands of the regional prosecutor’s office and the Prosecutor General’s Office.
D. Expert inquiries
70. It appears that at least three expert examinations were carried out in the context of the investigation in case no. 916725. The results were reflected in reports dated 15 May and 29 September 2002 and 24 January 2003 respectively. The Court has not been provided with a copy of the report of 15 May 2002 and is unaware of its contents. Nor has the Court received a copy of the report of 29 September 2002, although the Government largely relied on that report in their submissions. The applicants have submitted a copy of the report of 24 January 2003.
1. Expert report of 29 September 2002
71. In the Government’s submission, this report stated that because of the exceptional meteorological conditions on 7 August 2001, when the actual rainfall exceeded several times the amount forecast, it had not been possible to avoid a sudden large-scale evacuation of water from the Pionerskoye reservoir. According to the Government, the report further stated that the actions of the Water Company on the date in question had been in compliance with relevant regulations and correct, and in particular the water release regime chosen by the Water Company on that day had been close to optimal. According to the report, on 7 August 2001 between 12 noon and 2 p.m. the evacuation of water remained at its maximum rate of 167 cubic metres per second. In the Government’s submission, if the Pionerskoye reservoir had not existed, rainwater would have flooded to the mouth of the Pionerskaya river at a maximum rate of 440 cubic metres per second.
2. Expert report of 24 January 2003
72. An expert examination of the area flooded on 7 August 2001 was carried out between 21 May 2002 and 24 January 2003.
73. The resulting report, dated 24 January 2003, was entitled “On the flooding of non-residential and residential objects in the area downstream of [the Pionerskoye reservoir] ... as a result of the evacuation of rainwater by the reservoir on [7 August 2001]”. It described the system for evacuating excess water from the Pionerskoye reservoir as comprising an open spillway with a floodgate situated below the normal water level, and a siphon spillway. The maximum throughput capacity of each of the two spillways was equal to 200 cubic metres per second. According to the technical documentation of the Pionerskoye reservoir, excess water should normally be evacuated through the open spillway by operating the floodgate. The siphon spillway was to be activated automatically only if the water level was still rising when the floodgate was fully open.
74. The report explained the sudden increase in the water level in the reservoir on 7 August 2001 by the exceptionally heavy rain on that day, which had been much heavier than forecast, making it necessary to evacuate water. It confirmed that the type of flooding that occurred on that day was thought to occur only once a century.
75. The report also noted the extensive damage caused by the flood, listing in particular the residential buildings which had been flooded near the Pionerskaya river, including those in which the applicants lived, and indicated that over much of the flooded area the water had been 1.5 to 2 metres deep.
76. The report further confirmed that the river bed was overgrown with vegetation and littered with household waste, that its course had been significantly altered by human activity and that a number of unauthorised constructions, including road bridges and footbridges, had been built, reducing its throughput capacity.
77. The report concluded that the staff of the Water Company had done well in evacuating the water from the Pionerskoye reservoir on 7 August 2001. In particular, after partially opening the floodgate of the open spillway for a short time, the staff had then opened the gate completely. However, the water evacuated had flowed down the river in the form of a wave, which had magnified its destructive effect, and the presence of debris and constructions in the floodplain had considerably contributed to raising the water level during the flood. In particular, the presence of bridges and service pipelines at some points on the Pionerskaya river had increased the water level by up to 1.5 metres, which had been the main reason for the destruction of a road and railway bridges at the mouth of the river.
78. The report also stated that under the relevant planning and development rules and regulations governing urban and rural settlements, territories where residential and non-residential buildings had been constructed or were to be constructed should be protected from floods of once-a-century proportions like the one on 7 August 2001. The same regulations prohibited the construction of various buildings in catastrophic flood hazard zones.
79. The report went on to note that the instruction for the exploitation of the Pionerskoye reservoir made it clear that no constructions should be allowed in the area downstream of the reservoir without measures being taken to protect that area from floods. According to the city of Vladivostok’s general development plan, there should be no building development in the area downstream of the Pionerskoye reservoir; any individual housing as well as recreational and industrial facilities located in that area should therefore be demolished or transferred.
80. The report further concluded that all building development in the area downstream of the reservoir from its very beginning had been, and was being, carried out in breach of the relevant technical standards and the city of Vladivostok’s general development plan. It added that the constant increase in the density of constructions in the area downstream of the reservoir in the absence of any measures to protect the area from floods led to increased losses when floods occurred.
E. Administrative bodies’ replies to the applicants’ complaints
81. It appears that on 11 August 2001 a commission of officials from the Vladivostok Administration drew up a report presenting the results of the inspection of the flat where the third and fourth applicants lived. The report listed in detail the damaged possessions and stated that the resulting damage amounted to 486,000 Russian roubles (“RUB”, approximately 11,500 euros, “EUR”).
82. On 14 August 2001 a similar report was drawn up following the inspection by the same authority of the fifth applicant’s home. The report confirmed that the fifth applicant’s house, its contents, the outhouses and land and two cars had been damaged as a result of the flood, and indicated that the damage amounted to RUB 200,000 (approximately EUR 4,700). It also mentioned that during the flood the water in the fifth applicant’s house had reached a level of 1.3 metres.
83. In their reply of 19 September 2001 to the third and fourth applicants’ complaint, the Vladivostok Administration stated that according to the information at their disposal, the human factor had played a role in the flood of 7 August 2007, as the water had not been released from the reservoir until a critical situation had emerged where a large volume of water had to be evacuated urgently to save the dam. The letter further stated that the work done by the city authorities to clear the river channel had not helped to prevent the houses and other structures from being flooded because the evacuation of water by the Water Company had been sudden and massive, with the result that even special concrete waterfronts of the dam outlet channel had been broken. The letter went on to say that the reservoir was the property of the regional authorities and therefore the Vladivostok city authorities had no power to reprimand staff of the Water Company. However, criminal proceedings had been brought in connection with the pecuniary damage suffered by residents of Vladivostok and the disruption of transport lines during the heavy rains and the evacuation of water from the Pionerskoye reservoir which should lead to the punishment of those responsible. Also, the Administration of the Sovetskiy District had filed a civil claim requesting that the actions of the Water Company be found unlawful. Lastly, the letter stated that compensation for pecuniary damage would only be possible from the federal budget (a request to that effect had already been sent to the Russian Government) and from insurance companies.
84. On 4 April 2002 the Russian Government ordered that funds be allocated for restoration work in the area flooded on 7 August 2001 and financial support to the victims of the flood. By a decree of 29 April 2002 the Governor of the Primorskiy Region ordered the distribution of the funds allocated by the Government. According to the Government, the first applicant received a lump sum of RUB 14,000 (approximately EUR 350) and the remaining applicants each received RUB 1,000 (approximately EUR 25) in financial support. Also, according to the Government, the victims of the flood could each have received three tons of coal with a 50% discount.
85. By a letter of 20 May 2002 the Main Department for Civil Defence and Emergency Situations of the Primorskiy Region informed the second applicant that so far no work had been carried out to repair the consequences of the flood.
86. On 8 August 2002 the regional prosecutor’s office sent a request (представление) to the head of the Vladivostok Administration. An inquiry by the prosecutor’s office had established that over the past year the city authorities had not taken any measures to remedy the consequences of the flood of 7 August 2001 and, in particular, that the Pionerskaya river remained abundantly littered with household and other debris, including large fragments of concrete structures destroyed during the flood, as well as wood and silt. The prosecutor’s office went on to say that the city authorities’ inactivity was putting the lives of the people living along the river in danger, since in view of the heavy rainfall in July-August 2002 and the need to evacuate water from the Pionerskoye reservoir, there was a real risk of a flood similar to that of 7 August 2001. The prosecutor’s office thus urged the city authorities to carry out clean-up work and to inform it of the results within a month.
87. In similar letters of 11 June and 9 August 2004 respectively, the regional prosecutor’s office notified the fourth and second applicants of the status of the proceedings in cases nos. 916725 and 292025 and stated that, following its requests of 2002, work had been carried out to clean up the Pionerskaya river, financed by the regional budget. Also, further funds would be allocated for flood protection work in the area close to the Pionerskaya river. The fourth applicant was also informed of her right to be declared a civil claimant in criminal case no. 292025, and sought compensation for the pecuniary damage she had suffered as a result of the flood of 7 August 2001.
88. On 7 July 2004 the regional prosecutor’s office further replied to the fourth applicant that an expert inquiry had confirmed that the building in which she lived was in an unsound state following the flood and that repair work was necessary. According to the letter, the Vladivostok Administration had been asked to do the work.
89. In a working report of 23 November 2004 the head of the Vladivostok Department for Civil Defence and Emergency Situations informed the deputy head of the Vladivostok Emergency Commission that the residential quarters near the Pionerskaya river were regularly flooded during heavy storms because the river was full of litter and obstructed by earth dumped into it for construction work, as well as the absence or poor state of drainage along the streets in the affected area, including Semiradskiy Street. A series of measures were needed to protect the city of Vladivostok from floods and, in particular, to clear the Pionerskaya river and equip the streets in the area near the river with a proper drainage system.
90. In a letter of 7 February 2005 the Main Department for Civil Defence and Emergency Situations of the Primorskiy Region notified the second applicant of the allocation in 2004 of funds for work to repair the consequences of the flood of 7 August 2001. According to the letter, the work was scheduled for May-June 2005.
91. On 11 May 2005, in reply to a complaint from the second applicant, the regional prosecutor’s office confirmed that the Vladivostok Administration had failed thus far to take any measures to prevent Semiradskiy Street from being flooded and, in particular, to carry out the work indicated in the working report of 23 November 2004, and that no budgetary funds had been or were being allocated for such work.
92. In a letter of 6 June 2005 the regional prosecutor’s office further informed the second applicant that the authorities were currently working on a fortification project to protect Vladivostok, including the area near the Pionerskaya river, from floods, that funds for the work had been assigned from the federal budget and that the work would be completed on schedule.
93. On 11 July 2006 the Vladivostok Administration informed the second applicant that no funds had been appropriated for clean-up work in the Pionerskaya river in the 2006 budget.
F. Civil proceedings
94. The applicants brought five separate sets of civil proceedings against the Primorskiy Region and Vladivostok City authorities and – save for the second and fifth applicants – the Water Company, seeking damages for their lost property as well as compensation for the anguish and distress they had suffered during the flood of 7 August 2001. They claimed that the flood had had such devastating effects mainly because of the poor state of the channel of the Pionerskaya river and the drainage system and the authorities’ failure to check and clear them. The first and second applicants reported that during the flood the water in their flats had risen to a height of 1.2 metres and remained at that level for a long time. The fifth applicant reported that during the flood the water in his house had risen to a height of 1.3 metres and remained at that level for about six hours. The sixth applicant reported that she had been at home during the flood and that the water in her flat had risen instantaneously to above head level and remained at that level for a long time.
1. Court decisions in the first, second, fifth and sixth applicants’ cases
95. In two judgments of 27 October 2004, a judgment of 28 October 2004 and a judgment of 14 December 2004, all very similar, the Sovetskiy District Court of Vladivostok (“the District Court”) dismissed the claims brought respectively by the first, second, fifth and sixth applicants. It noted, in particular, that according to the expert report of 24 January 2003 the action taken by the Water Company in a situation of extremely heavy rainfall had been correct. The court further referred to an expert report of 29 September 2002 which had found that the flood had been caused by the fact that the river channel had been narrowed by various structures and overgrown with vegetation, whereas the action taken by the Water Company in the circumstances had been correct. The court concluded that both expert reports suggested that the heavy rainfall had been the main cause of the flood.
96. The court also referred to the investigating authorities’ decision of 25 January 2003 to discontinue criminal proceedings against Mr L., the director of the Water Company, owing to the absence of any constituent elements of a crime in his actions, and the decision of 5 March 2004 to discontinue criminal proceedings against officials of the city of Vladivostok and the Primorskiy Region for lack of evidence of a crime.
97. It further noted that under the relevant legislation waterways like the Pionerskaya river could not be municipally owned, so there had been no obligation on the Vladivostok Administration to assign funds from the local budget for clean-up work on the river. The Vladivostok authorities had requested the Administration of the Primorskiy Region to assign money for the work from the regional budget.
98. The court thus concluded that no fault could be attached to any of the defendants for the damage sustained by the relevant applicants, which had been the result of force majeur. In the court’s opinion that conclusion was corroborated by the fact that following the flood, in the period between 7 and 11 August 2001, the authorities had declared an emergency situation throughout the city of Vladivostok and not only in the flooded area near the Pionerskaya river.
99. On 29 November 2004 the Primorskiy Regional Court (“the Regional Court”) upheld on appeal the judgment delivered in the second applicant’s case. It confirmed that the Vladivostok city authorities had had no obligation to clear the Pionerskaya river as it was not municipal property, and that any clean-up work should have been carried out by the Water Company. The court went on to say that it followed from the two expert reports relied on by the first-instance court that even if the Pionerskaya river channel and floodplain had been cleared it could not be excluded that the residential buildings near the river, including the one in which the second applicant lived, would nevertheless have been flooded, taking into account the exceptional intensity of the rains on the date in question. The court also noted that the defendants had offered welfare aid to the victims of the flood, including the second applicant, within the amount assigned for that purpose, and that her claim regarding pecuniary damage had not been supported by any documentary evidence and was therefore unsubstantiated.
100. On 16 December 2004 and 9 March 2005 the Regional Court also upheld on appeal the judgments given in the first, fifth and sixth applicants’ cases, adhering to the reasoning of the first-instance court.
2. Court decisions in the third and fourth applicants’ case
(a) First round of proceedings
101. On 25 February 2003 the District Court delivered a judgment in the case brought by the third and fourth applicants. It based its findings on expert reports of 15 May and 29 September 2002 and 24 January 2003 produced in the context of the investigation in criminal case no. 916725 and on other materials in that criminal case.
102. The court established that the Pionerskoye reservoir was run by the Water Company and was the property of the regional authorities. It also noted that since 1995 a special-purpose federal programme on protection of the Primorskiy Region from floods had been in progress, and that it was the Primorskiy regional authorities who had requested that programme and controlled the receipt and use of the funds earmarked for that purpose. The court went on to say that the programme had envisaged extensive work to reconstruct and build flood-protection facilities in inhabited areas, including the Pionerskaya river channel, and the construction of a water evacuation channel.
103. The judgment further stated that all three aforementioned expert reports had established that no measures to implement the federal programme in question had been taken. It then described in detail the poor state of the Pionerskaya river channel.
104. The court also referred to the decision of 6 September 1999 in which the Vladivostok Emergency Commission had urged the city authorities to clear the Pionerskaya river channel (see paragraph 16 above), and to a report by a committee of officials from the Vladivostok Administration dated 4 July 2001, which reflected on the poor state of the Pionerskaya river channel and invited the city authorities to have it cleared (see paragraph 22 above). The court noted that the city authorities had not adduced any evidence that any such measures had been taken, or that the authorities had ever complied with their own decisions.
105. The court further noted that the defendants had not adduced any evidence confirming that the Pionerskaya river was regional property and that there was any separation of powers between the regional and municipal authorities concerning the maintenance of the Pionerskaya river, which, in the court’s opinion, had led to the inactivity and shifting of responsibility by officials at various levels. The court stressed that proper, reasonable maintenance and exploitation of the river by the authorities would have helped avoid such drastic consequences.
106. As regards the action taken by the Water Company, the court found it established that the third and fourth applicants’ flat had remained intact until the large-scale evacuation of water by the Water Company on 7 August 2001, following which the flat had been instantly flooded. The court concluded that on the day in question the Water Company had evacuated a large quantity of water which had overflowed the river banks and flooded the residential area. The court rejected an argument of the Water Company’s representative that if the water had not been evacuated the reservoir would have burst its banks, which might have caused more serious damage. The court noted in this connection that in view of the weather conditions the Water Company should have evacuated water in smaller quantities over a longer period of time.
107. The court thus attributed responsibility for the events of 7 August 2001 to all three defendants, stating that they should have foreseen the adverse consequences and prevented them, but failed to do so. It stated that the defendants’ fault in the damage caused by the flooding of residential buildings situated in the vicinity of the Pionerskoye reservoir was established by the expert reports of 29 September 2002 and 24 January 2003.
108. As regards the third and fourth applicants’ claims, the court established, on the basis of the available evidence, that the fourth applicant was the owner of the damaged flat, where she was living with her husband, her son and daughter-in-law (the third applicant) and a grandchild. The court further examined an evaluation report drawn up in the fourth applicant’s presence by a competent State authority (see paragraph 81 above). The court noted that the report was signed by the fourth applicant, who had never disputed the amount of the damage indicated therein. Moreover, she confirmed to the court that as a civil claimant in the criminal proceedings instituted in connection with the incident of 7 August 2001, she had claimed the same amount. The court therefore granted the fourth applicant’s claim for pecuniary damage in the amount reflected in the evaluation report and found the remainder of that claim, as well as the third applicant’s claim for pecuniary damage, unsubstantiated, given in particular the fact that the third applicant lived in the fourth applicant’s flat, and all the damaged possessions in the flat had already been listed and the resulting damage assessed in the aforementioned evaluation report.
109. On 20 April 2004 the Regional Court quashed the first-instance judgment and remitted the case for fresh examination. It noted, in particular, that in stating that the Administration of the Primorskiy Region had funds at its disposal in the context of the federal programme to protect the region from floods, the first-instance court had not checked whether any funds from the federal budget had ever been allocated to the Primorskiy regional authorities and, if so, how they had been used. Therefore, in the Regional Court’s opinion the lower court’s finding concerning the regional authorities’ failure to have work carried out in the Pionerskaya river had not been based on the materials of the case.
110. The appellate court also noted that the fact that the Water Company was regionally owned, in itself, could not be regarded as engaging the responsibility of the Administration of the Primorskiy Region, as the Water Company was a legal entity, and the responsibility of an owner of an entity such as the Water Company could be limited by relevant civil law provisions or that entity’s constituent documents. The Regional Court further stated that in the first-instance judgment no distinction had been made between the consequences of the exceptionally heavy rain on 7 August 2001 and those of the authorities’ alleged failure to take measures to prevent flooding.
(b) Second round of proceedings
111. By a judgment of 6 December 2004 the District Court dismissed the third and fourth applicants’ claims in their entirety as unsubstantiated. The judgment was based essentially on the same reasoning as the judgments given in the cases brought by the first, second, fifth and sixth applicants.
112. On 25 January 2005 the Regional Court upheld the judgment of 6 December 2004 on appeal. It stated that when rejecting the third and fourth applicants’ claims, the first-instance court concluded that the flood of 7 August 2001 had been caused by a natural disaster whose extent could not have been foreseen by the defendants or avoided as a result of any purposeful action on their part.
113. The Regional Court also noted that the first-instance court had duly examined and rightly dismissed the claimants’ arguments to the effect that the defendants should be held liable for the destructive consequences of the evacuation of water from the reservoir. The appellate court referred to the expert report of 24 January 2003, which stated that the actions of the Water Company on 7 August 2001 had been correct and explained the flood on that date by the presence downstream of the Pionerskoye reservoir of unauthorised constructions built in breach of the city of Vladivostok’s general development plan, and the presence of debris and constructions in the floodplain of the Pionerskaya river.
114. The Regional Court further noted that the expert report of 29 September 2002 stated that the cause of the flood had been the fact that the river channel was narrowed by constructions and overgrown with vegetation, and that the water evacuation strategy used by the Pionerskoye reservoir on the date in question had been optimal.
115. The court also quoted the expert report of 15 May 2002 (see paragraph 70 above), which had established that the vegetation obstructing the river channel had helped to reduce the force of the wave following the evacuation of water from the reservoir, and that if the water had been evacuated “in accordance with the relevant instruction”, the area would have been flooded regardless, but the level of water would have been 1.82 times lower. The report also noted that the Water Company had not taken measures to alert the population with a view to minimising the damage caused by the flood.
116. The Regional Court then concluded that all three expert reports singled out the exceptionally heavy rain as the main reason for the flood on 7 August 2001, and that they considered it likely that flooding would have occurred irrespective of the evacuation of water by the Water Company.
117. The appellate court accordingly found that the District Court had correctly concluded, on the basis of the available materials, that in view of the exceptionally heavy rainfall, the Pionerskaya river would have overflowed its banks irrespective of the state of the river channel. It also noted that since it was impossible in the circumstances of the case to draw a distinction between the consequences of the flooding due to the weather conditions and those due to the poor state of the river channel, there was insufficient evidence to attach responsibility for the events of 7 August 2001 to the defendants.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. Russian Civil Code
118. Article 1064 provides for damage caused to the property of an individual or of a legal entity to be compensated for in full by the person responsible for the damage. The latter may be released from the obligation to make compensation if he or she can prove that the damage was not caused through his or her fault; however, the law may provide for compensation in respect of damage even in the absence of fault on the part of the person who caused it. Damage inflicted by lawful actions must be compensated for in the cases prescribed by law.
119. Article 1069 stipulates that a State agency or a State official will be liable towards a citizen for damage caused by their unlawful actions or failure to act. Compensation for such damage is awarded at the expense of the federal or regional treasury.
120. Articles 151 and 1099-1101 provide for compensation for non-pecuniary damage. Article 1099 states, in particular, that compensation shall be made for non-pecuniary damage irrespective of any award for pecuniary damage.
B. Russian Water Code of 1995
121. The Russian Water Code, as in force at the relevant time, provided in its Article 37 that bodies of water located entirely within the territory of a particular region of Russia which were not classified as federal property could be the property of that region. Such bodies of water could be classified as regional property by the executive authorities of the region concerned, with the approval of the federal executive authorities. Regional property was managed by the regional authorities, who were entitled to transfer some of their corresponding powers to competent federal authorities.
122. Under Article 66 regional authorities were entitled to own, use, govern and manage bodies of water in their region.
123. Article 108 stipulated that construction, channel dredging and blasting operations in bodies of water and their water protection zones should be carried out with the approval of the State agency responsible for the administration and protection of water resources.
124. Article 117 imposed an obligation on federal and regional executive authorities and water users to take measures aimed at preventing and repairing the consequences of damage to water as a result of flooding, impoundment, dam- and dyke-breaking, soil erosion, mudslide and the like.
C. Protection from Emergencies Act
125. The Federal Law of 21 December 1994 No. 68-FZ “On Protection of Civilians and Terrains from Emergencies of Natural and Industrial Origin” (Федеральный закон от 21 декабря 1994 г. № 68-ФЗ «О защите населения и территорий от чрезвычайных ситуаций природного и техногенного характера», “the Protection from Emergencies Act”), in its section 6, imposes an obligation on the federal, regional and local authorities to promptly and accurately inform civilians through the mass media and other channels of information about any emergency situations and the safety measures taken to protect the population and about any impending disasters and means of protection against them. The same section provides for the liability of State officials in the event of their failure to make such information public.
126. Under section 7 the prevention of emergencies and the mitigation, as far as possible, of any damage and losses is a fundamental principle of emergency relief and requires that all preventive measures be taken suitably in advance.
D. Hydraulic Structures Safety Act
127. The Federal Law of 21 July 1997 No. 117-FZ “On the Safety of Hydraulic Engineering Structures” (Федеральный закон от 21 июля 1997 г. № 117-ФЗ «О безопасности гидротехнических сооружений», “the Hydraulic Structures Safety Act”) stipulates in its section 5 that, where the safety of hydraulic engineering structures is concerned, the regional executive authorities: are responsible for resolving questions of safety of hydraulic engineering structures in territories under their control; participate in the implementation of State policies in that sphere; develop and implement regional programmes on the safety of hydraulic engineering structures; ensure the safety of hydraulic engineering structures used in connection with water resources and environmental protection measures; take decisions on locating hydraulic engineering structures and limiting their exploitation in the event of a breach of the legislation on the safety of such structures; help to repair the consequences of accidents at hydraulic engineering structures; and inform the population of any accident hazard at hydraulic engineering structures that might trigger an emergency situation.
128. Section 8 lists various requirements to ensure the safety of hydraulic engineering structures, including State control in the matter; establishing safety criteria in respect of hydraulic engineering structures and equipping them with appropriate technical means for permanent monitoring of their condition; taking every possible step, in good time, to keep the risk of emergencies at hydraulic engineering structures to a minimum; earmarking sufficient funding for measures aimed at ensuring the safety of hydraulic engineering structures; and liability for actions (or omissions) that reduce the safety of hydraulic engineering structures to unacceptable levels.
129. Section 9 lays down the obligations of owners of, and bodies operating hydraulic engineering structures. It states, in particular, that they must: ensure the observance of safety rules and standards during the construction, exploitation, repair, reconstruction, conservation, dismantling, and so on, of hydraulic engineering structures; monitor the condition of such structures; evaluate natural and industrial threats to them and, on the basis of the data thus obtained, regularly assess the safety of hydraulic engineering structures, including analysis of the reasons for any decrease in safety, taking into account harmful natural and industrial impacts, results of industrial and other activities and the presence of objects in river channels and adjacent areas, upstream and downstream; develop systems for monitoring the condition of hydraulic engineering structures and take timely measures to ensure their proper functioning and prevent accidents; maintain local emergency warning systems in a state of constant readiness to raise the alarm in the event of an accident at a hydraulic engineering structure; inform the local population on questions concerning the safety of, and accidents at, hydraulic engineering structures; finance measures on the exploitation of hydraulic engineering structures and preventing accidents and repairing their consequences, and so on.
THE LAW
I. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 2 OF THE CONVENTION
130. The applicants complained that the authorities had put their lives at risk on 7 August 2001 by releasing a large amount of water, without any prior warning, from the Pionerskoye reservoir into a river which for years they had failed to maintain in a proper state of repair, causing a flash flood in the area around the reservoir where the applicants lived. They also complained that they had no judicial response in respect of those events. The applicants relied on Article 2 of the Convention, which, in so far as relevant, reads as follows:
“1. Everyone’s right to life shall be protected by law. No one shall be deprived of his life intentionally save in the execution of a sentence of a court following his conviction of a crime for which this penalty is provided by law.
...”
A. Submissions by the parties
1. The applicants
131. The applicants insisted that responsibility for the flood damage on 7 August 2001 lay with the State-owned Water Company and the Primorskiy regional and the Vladivostok city authorities.
132. The applicants pointed out that the authorities had already been aware of the poor state of the channel of the Pionerskaya river two years prior to the events of 7 August 2001, and of the increased risk of large-scale flooding of the area in the event of evacuation of water from the Pionerskoye reservoir. They argued that the authorities at various levels – district, municipal or regional – had consistently ignored warnings, applications and complaints, whether from individual residents of the area in question or from State bodies. They referred to the results of an inspection of the channel of the Pionerskaya river carried out shortly before the flood of 7 August 2001 (see paragraph 22 above) which indicated that the river channel was still in an unsatisfactory condition despite numerous decisions by various authorities that it should be cleaned up.
133. The applicants submitted that the authorities should have been under an obligation to carry out the necessary clean-up work in the river channel to ensure that its throughput capacity could cope with the maximum possible release of water from the Pionerskoye reservoir, which, according to the report of 24 January 2003, was 200 cubic metres per second if an open spillway was used and could be increased by 200 cubic metres per second if a siphon spillway was also opened (see paragraph 73 above).
134. The applicants argued that the Water Company had neglected its duty, imposed on it by section 9 of the Hydraulic Structures Safety Act (see paragraph 129 above), to ensure the safety of the Pionerskoye reservoir, including monitoring the state of the Pionerskaya river channel and keeping it in a proper condition. Moreover, in breach of section 6 of the Protection from Emergencies Act (see paragraph 125 above), the Water Company had failed to set in place an emergency warning system and to give to the residents of the area along the Pionerskaya river an emergency warning of the sudden evacuation of water on 7 August 2001.
135. The applicants further argued that, as established in relevant expert reports, the presence of various constructions in the floodplain of the Pionerskaya river had contributed significantly to raising the water level during the flood, which had magnified its destructive effect. They argued that under national law town planning, and in particular the regulation of construction activities in Vladivostok, was the responsibility of the Vladivostok Administration. However, for many years the city authorities had turned a blind eye to spontaneous and unauthorised building around the Pionerskaya river and were therefore responsible for the dramatic consequences of the flood.
136. The applicants added that at the material time the Pionerskaya river was the property of the Primorskiy Region, and that under section 5 of the Hydraulic Structures Safety Act (see paragraph 127 above) the regional authorities had been under an obligation to ensure the safety of the Pionerskoye reservoir and to inform the population of any risk of accidents at such constructions which could create emergency situations. The allocation of funds for clean-up work in river channels and measures aimed at securing the safety of reservoirs also fell within the competence of the Primorskiy Region, but the authorities had failed to earmark the necessary amounts for that purpose.
137. The applicants thus argued that the authorities’ negligent attitude towards their responsibilities, the lack of monitoring and the failure to comply with their own decisions had significantly increased the risk to the lives of residents in the area round the Pionerskaya river, including the applicants.
138. The applicants further argued that during and after the flood they had been left to their own devices, that no evacuation had been organised and that they had had to make their way to safety and to deal with the consequences of the flood on their own.
139. They pointed out that even today the authorities had not taken any measures to eliminate the danger of a flood – the state of the Pionerskaya river channel remained unsatisfactory and the area where they lived was regularly flooded. In support of their assertions they referred to a working report of 23 November 2004 (see paragraph 89 above).
140. Lastly, the applicants contended that none of the two sets of criminal proceedings instituted in connection with the events of 7 August 2001 had brought any tangible results, and that they had therefore received no adequate judicial response in respect of the alleged infringement of their right to life.
141. The applicants accordingly insisted that there had been a breach of Article 2 of the Convention in their case.
2. The Government
142. The Government contended that Article 2 of the Convention was inapplicable in the present case. They pointed out, first of all, that the second, fourth and fifth applicants had not been at home during the flood and that there was no evidence that their lives had been put at risk at any time. The Government then argued that the first, third and sixth applicants, who had been at home when the flood had occurred, had never claimed in the civil proceedings brought by them that their lives had been in danger. In particular, the third applicant had been able to leave home with her child and make her way to a safe place. The Government contended that the circumstances of the present case were different from those in Budayeva and Others v. Russia (nos. 15339/02, 21166/02, 20058/02, 11673/02 and 15343/02, 20 March 2008) or Murillo Saldias and Others v. Spain ((dec.), no. 76973/01, 28 November 2006), where the applicants’ relatives had died and a number of the applicants had been injured as a result of the natural disasters concerned – a mudslide and a flood respectively – whereas in the present case none of the applicants had lost any relatives or sustained any injuries during the flood of 7 August 2001.
143. As to the merits of the applicants’ relevant complaint, and in so far as the Court’s question about the legislative and administrative framework for dealing with floods in the area where the applicants lived, and its implementation at the material time was concerned, the Government referred to a large number of federal laws and legal acts and other instruments adopted by various authorities in the Primorskiy Region, without, however, explaining how they were relevant in the circumstances, or referring to any particular relevant provisions.
144. The Government further submitted that the authorities had taken a number of measures to comply with the decision of the Vladivostok Emergency Commission of 6 September 1999 (see paragraph 16 above), including clean-up work in the channel of the Pionerskaya river. In the Government’s submission, they had no information as to whether those measures had ensured that the overall throughput capacity of the Pionerskaya river channel was no less than 30-40 cubic metres per second as prescribed by the aforementioned decision. The Government argued, however, that even if such a throughput capacity had been ensured, it would have been impossible to avoid the flood, or even to mitigate its consequences, given that in the period between 12 noon and 2 p.m. the release of water from the Pionerskoye reservoir had been at its maximum of 167 cubic metres per second.
145. The Government also argued that the amount of rain that fell on 7 August 2007 in the vicinity of Vladivostok had exceeded several times the amount forecast. In fact, such heavy rain had never been seen in the region before. Therefore, according to the Government, there was no way the authorities could have foreseen the drastic consequences of that rain. In particular, with reference to the relevant expert reports (see paragraphs 71 80 above), the Government argued that it had been impossible to avoid the urgent large-scale evacuation of water from the Pionerskoye reservoir, and that the rate of the release of water from the reservoir on 7 August 2001 had been close to optimal. If the Pionerskoye reservoir had not existed, on the date in question the rain flooding to the mouth of the Pionerskaya river would have reached a maximum volume of 440 cubic metres per second. The Government also contended that prior to the heavy rain on 7 August 2001 the Pionerskoye reservoir had had sufficient water storage capacity to hold the rainwater if the amount that fell had corresponded to the amount forecast, and therefore before 7 August 2001 there had been no need to evacuate water in smaller quantities over a longer period in an attempt to avoid the flood. Indeed, as pointed out by the Government, the Pionerskoye reservoir, which supplied drinking water to the city of Vladivostok, was usually only refilled over a limited period during the rainy season.
146. The Government admitted that at the time of the flood of 7 August 2001 there had been no operational emergency warning system in the Pionerskoye reservoir to raise the alarm in the event of a sudden large-scale evacuation of water, as prescribed by the decision of the Vladivostok Emergency Commission of 6 September 1999. They insisted, however, that the population of Vladivostok had been informed about forthcoming heavy rain by the media. They also stated that the lack of an emergency warning system had not prevented the third applicant from leaving her apartment when the water began to rise and going to a safe place.
147. They further argued that immediately after the flood the evacuation of the affected population had been organised in accordance with the decision of the Vladivostok Emergency Commission of 7 August 2001. In particular, those residents who found themselves in a flooded area had been moved to temporary accommodation centres and provided with meals and drinking water.
148. Lastly, the Government submitted that on 9 August 2001 a criminal investigation in case no. 916725 had been opened in connection with the incident of 7 August 2001, and the applicants had been granted the status of victims and civil claimants. The proceedings were discontinued on 25 January 2003 owing to the absence of the constituent elements of a criminal offence in the actions of Mr L., the director of the Water Company. The Government said they had been unable to submit the materials of that investigation to the Court because, as stated in a letter of 4 September 2009 from a representative of the Department of the Interior of the Primorskiy Region, the materials had been destroyed upon expiry of the period for their storage. Also, on 24 January 2003 a separate set of criminal proceedings had been disjoined from the aforementioned investigation. The Government refused to submit the materials from this latter investigation, stating that they were being studied by the Prosecutor General’s Office.
149. Overall, the Government insisted that, apart from setting in place an emergency warning system at the Pionerskoye reservoir, they had taken all possible measures to prevent the risk to the applicants’ lives. However, the rain on 7 August 2001 had been of such intensity that the authorities could not possibly have foreseen and prevented the flood and its consequences.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
150. The Court notes at the outset that the Government contested the applicability of Article 2 of the Convention in the present case, stating that the second, fourth and fifth applicants had been absent from their flats when they were flooded, and that the first, third and sixth applicants, although they had been at home during the flood, had not sustained any injuries, or lost any of their relatives as a result of the flood. According to the Government, therefore, at no moment had there been any risk to the physical integrity of any of the applicants.
151. The Court reiterates in the above connection that Article 2 of the Convention does not solely concern deaths resulting from the use of force by agents of the State but also, in the first sentence of its first paragraph, lays down a positive obligation on States to take appropriate steps to safeguard the lives of those within their jurisdiction (see, among other authorities, Öneryıldız v. Turkey [GC], no. 48939/99, § 71, ECHR 2004-XII, and Budayeva and Others, cited above, § 128). Moreover, this Article, read as a whole, covers not only situations where certain action or omission on the part of the State led to a death complained of, but also situations where, although an applicant survived, there clearly existed a risk to his or her life (see, mutatis mutandis, Makaratzis v. Greece [GC], no. 50385/99, §§ 49-55, ECHR 2004-XI, and Budayeva and Others, cited above, § 146). It is therefore essential to determine in the present case whether the applicants’ lives were endangered as a result of the events complained of.
152. The Court observes that, as the parties agreed, the second, fourth and fifth applicants were away from their homes during the flood on 7 August 2001. Moreover, it appears that by the time they returned home in the evening there was already no water left in their flats (see paragraphs 37-38 above). Also, the aforementioned applicants never alleged that they had been caught by the flood in the places where they had spent the day in question. In such circumstances, the Court accepts the Government’s argument that there was no evidence that any threat to the lives of the second, fourth and fifth applicants had ever existed as a result of the flood of 7 August 2001. Article 2 of the Convention is therefore inapplicable. It follows that the complaint brought by the second, fourth and fifth applicants under that Article is incompatible ratione personae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a), and must be rejected in accordance with Article 35 § 4 thereof.
153. On the other hand, the Court is unable to reach the same conclusion as regards the relevant complaint lodged by the first, third and sixth applicants. It notes in this connection that, as the parties agreed, these applicants were at home during the flood. The Court further takes into account these applicants’ submission – undisputed by the Government – that the water arrived and rose very quickly (see paragraphs 32, 34, 36 and 39 above). Nor is it in dispute between the parties that the water reached a level of 1.20 metres in the first and third applicants’ flats, and up to 1.50 metres in the sixth applicant’s dwelling (see paragraph 40 above). In the Court’s opinion, even a level of 1.20 metres can be regarded as sufficiently high to have put these applicants’ lives at risk, given, in particular, that the first applicant was a disabled 63-year-old at the time, and the then 55-year-old sixth applicant, in her own submission, could not swim.
154. As regards the third applicant, the Court is unable to agree with the Government that her life was not endangered because she managed to leave the flooded area on her own. The Court considers a situation where the third applicant had to wade, with her 21-month-old child in her arms, in seething, breast-deep, turbid water full of floating debris, as being dangerous to her life. The Court also takes into account the applicants’ submission that the level of water in the street was even higher than inside their homes (see paragraphs 34 and 38 above), which matches the finding of the expert report of 24 January 2003 that over much of the flooded area the water had been 1.5-2 metres deep (see paragraph 75 above).
155. Overall, in the Court’s opinion, these circumstances leave no doubt as to the existence of an imminent risk to the lives of the first, third and sixth applicants, which brings their complaint on that account within the scope of Article 2 of the Convention. The fact that they survived and sustained no injuries has no bearing on this conclusion.
156. The Court notes therefore that this part of the application, in so far as it was brought by the first, third and sixth applicants (“the relevant applicants”), is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
(a) Substantive aspect of Article 2 of the Convention
i. General principles
157. The Court reiterates that the positive obligation to take all appropriate steps to safeguard life for the purposes of Article 2 (see paragraph 151 above) entails above all a primary duty on the State to put in place a legislative and administrative framework designed to provide effective deterrence against threats to the right to life (see Öneryıldız, cited above, § 89, and Budayeva and Others, cited above, § 129).
158. The Court considers that this obligation must be construed as applying in the context of any activity, whether public or not, in which the right to life may be at stake, and a fortiori in the case of industrial activities, which by their very nature are dangerous. In the particular context of dangerous activities special emphasis must be placed on regulations geared to the special features of the activity in question, particularly with regard to the level of the potential risk to human lives. They must govern the licensing, setting up, operation, security and supervision of the activity and must make it compulsory for all those concerned to take practical measures to ensure the effective protection of citizens whose lives might be endangered by the inherent risks (see Öneryıldız, cited above, §§ 71 and 90).
159. Among these preventive measures particular emphasis should be placed on the public’s right to information, as established in the case-law of the Convention institutions. The relevant regulations must also provide for appropriate procedures, taking into account the technical aspects of the activity in question, for identifying shortcomings in the processes concerned and any errors committed by those responsible at different levels (see Öneryıldız, cited above, §§ 89- 90, and Budayeva and Others, cited above, § 132 ).
160. As to the choice of particular practical measures, the Court has consistently held that where the State is required to take positive measures, the choice of means is in principle a matter that falls within the Contracting State’s margin of appreciation. There are different avenues to ensure Convention rights, and even if the State has failed to apply one particular measure provided by domestic law, it may still fulfil its positive duty by other means. In this respect an impossible or disproportionate burden must not be imposed on the authorities without consideration being given, in particular, to the operational choices which they must make in terms of priorities and resources; this results from the wide margin of appreciation States enjoy, as the Court has previously held, in difficult social and technical spheres (see Budayeva and Others, cited above, §§ 134-35).
161. In assessing whether the respondent State complied with its positive obligation, the Court must consider the particular circumstances of the case, regard being had, among other elements, to the domestic legality of the authorities’ acts or omissions, the domestic decision-making process, including the appropriate investigations and studies, and the complexity of the issue, especially where conflicting Convention interests are involved. The scope of the positive obligations imputable to the State in the particular circumstances would depend on the origin of the threat and the extent to which one or the other risk is susceptible to mitigation (see Budayeva and Others, cited above, §§ 136-37).
ii. Application of the general principles in the present case
162. The Court notes at the outset that it does not seem to be in dispute between the parties that the area where the relevant applicants lived was flooded on 7 August 2001 after an urgent massive evacuation of water from the Pionerskoye reservoir. The Government, however, denied their responsibility for the incident in question, stating that the evacuation of water on 7 August 2001 had been rendered necessary by the exceptionally heavy rain which had proved to be several times heavier than forecast and which they could not have foreseen. Therefore, in the Government’s submission, they could not have prevented or avoided the release of water and the ensuing flood and were not responsible for its consequences.
163. Having regard to the materials in its possession, the Court is prepared to accept that the evacuation of water on 7 August 2001 could not have been avoided given the exceptional weather conditions on that day and the risk of the dam breaking, which could have entailed serious consequences (see paragraphs 51, 71 and 77 above). It will, furthermore, not speculate as to whether the flood on the aforementioned date could have been prevented if the Water Company had released water in smaller quantities over a longer period, as some of the national authorities appear to have suggested (see paragraphs 83 and 106 above).
164. At the same time, the Court is not convinced that the events of 7 August 2001 could be explained merely by adverse meteorological conditions on that date which were beyond the Government’s control, as they seem to have suggested. In this regard, the Court notes that the Pionerskoye reservoir is a man-made industrial facility containing millions of cubic metres of water (see paragraph 25 above) and situated in an area prone to heavy rains and typhoons during the summer season (see paragraphs 8-9 above). In the Court’s opinion, the operation of such a reservoir undoubtedly falls into the category of dangerous industrial activities (see paragraph 158 above), particularly given its location.
165. Moreover, in so far as the Government may be understood as having asserted that they could not have foreseen that it would be necessary to evacuate such a large quantity of water from the Pionerskoye reservoir on 7 August 2001, because such heavy rainfall as on that day had never occurred in that region before, the Court finds this argument unconvincing. Indeed, it is clear from the adduced materials that in the years preceding the flood, the authorities knew that it might be necessary urgently to release water from the reservoir. In particular, in his letter of 7 June 1999 the head of the Water Company informed the Vladivostok Administration that it might be necessary to evacuate water urgently from the reservoir in the event of heavy rain (see paragraph 15 above); and in a letter of 29 May 2000 the Vladivostok Administration admitted that the water level in the reservoir was close to critical and some of it would have to be evacuated (see paragraph 19 above). Against this background, even if it is prepared to accept that the rain on 7 August 2001 was of an exceptional intensity, the Court is not persuaded that the authorities could claim to have been taken unaware by the rain in so far as the operation of the Pionerskoye reservoir was concerned. It considers that, irrespective of the weather conditions, they should have foreseen the likelihood as well as the potential consequences of releases of water from the reservoir.
166. Overall, the Court finds that the authorities had positive obligations under Article 2 of the Convention to assess all the potential risks inherent in the operation of the reservoir, and to take practical measures to ensure the effective protection of those whose lives might be endangered by those risks.
167. The Court notes first of all, in this connection, that in listing various legal acts and other legal instruments adopted by both the federal and the regional authorities, the Government provided no explanation as to how they were relevant in the circumstances of the present case, and whether they were effectively implemented at the relevant time (see paragraph 143 above). In the absence of any such explanation, the Court will make its assessment of the legislative and administrative framework in place at the material time on the basis of the available evidence.
168. The Court takes note of the existence of technical requirements which made it clear that the area along the Pionerskaya reservoir should not be inhabited unless certain preventive measures were taken. In particular, as stated in the expert report of 24 January 2003, which is the only report made available to the Court (see paragraph 70 above), the instruction for the exploitation of the Pionerskoye reservoir clearly prohibited any urban development in the area downstream of the reservoir without measures being taken to protect that area from floods (see paragraph 79 above). The authorities were therefore expected either to apply town planning restrictions and to prevent the area in question from being inhabited, or to take effective measures to protect the area from floods before allowing any development there.
169. The Court notes that, in practice, neither was done. Indeed, as is clear from the expert report of 24 January 2004, urban development in the area downstream of the Pionerskoye reservoir went on despite the relevant technical requirements and in the absence of any measures aimed at protecting the area from floods (see paragraph 80 above). Moreover, as can be ascertained from the decision of 20 July 2004, by which criminal proceedings against officials of the Vladivostok city and the Primorskiy regional authorities in connection with the alleged breach of town planning restrictions were discontinued, the urban development in the aforementioned area was lawful given the absence of any legal framework banning such development in the area in question (see paragraph 58 above).
170. In other words, it appears that the authorities disregarded technical and safety requirements and, therefore, potential risks, including risk to human lives, by failing to reflect them in legal acts and regulations and allowing urban development in the area downstream from the Pionerskoye reservoir. The Court considers that the authorities’ failure to regulate settlements on that territory is an element to be taken into account when considering the Government’s responsibility in the context of their positive obligations under Article 2 of the Convention. The Court is aware that it cannot be excluded that construction has gone on in the area downstream of the reservoir ever since the facility went into operation in 1936. The Court is also mindful of the fact that it has no temporal jurisdiction to assess this situation as it may have existed prior to 5 May 1998, the date of the entry into force of the Convention in respect of Russia.
171. However, the facts as they stand make it clear that the situation also obtained after the crucial date. Indeed, it is clear from the materials at the Court’s disposal that, in the period following the ratification, the authorities remained inactive and failed to apply any town planning restrictions or to take other necessary steps to protect those individuals who, on the date of the entry into force of the Convention in respect of Russia, were living in the area downstream of the Pionerskoye reservoir.
172. First of all, there was a deficiency in the legislative and administrative framework as regards town planning policy in the area below the Pionerskoye reservoir. Indeed, whereas the expert report of 24 January 2003 stated that all residential buildings and recreational and industrial facilities in the downstream area had been constructed in breach of relevant technical requirements and should be removed or transferred (see paragraph 79 above), the decision of 20 July 2004 made it clear that construction activities in the downstream part of the Pionerskaya river were allowed within the limits of the site with already existing buildings, that no zones where new construction was prohibited were delimited in the general development plan for Vladivostok, that no demolition or transfer of previously constructed buildings was planned, and that the owners and leaseholders of those buildings and plots of land were entitled to use and dispose of them, and in particular to construct new buildings in the place of old ones (see paragraph 59 above).
173. The Court also notes the authorities’ continuous failure, in breach of the relevant regulations, to establish flood zones, catastrophic flood hazard zones and water protection zones in the city of Vladivostok and to determine whether the land below the Pionerskoye reservoir belongs to any such zones (see paragraphs 55-57 above), without any rational explanation. As a result, it appears that no assessments have been made to date as regards the risk of floods potentially dangerous to individuals living in that area, and no measures have been taken to prevent such a risk, so the danger to those individuals’ lives is ever present. In the absence of any explanation by the Government, the Court can see no justification for the aforementioned failings by the authorities.
174. The Court further considers that the authorities’ responsibility under Article 2 of the Convention is also engaged on account of their failure to keep the Pionerskaya river channel free of obstruction, and in particular to ensure that its throughput capacity met the relevant technical requirements of the Pionerskoye reservoir, and to set an emergency warning system in place at the reservoir.
175. In this regard the Court refers first of all to the findings of the expert report of 24 January 2003 to the effect that the water evacuated from the reservoir on 7 August 2001 had flowed down the river in the form of a wave, and that the presence of debris and unauthorised constructions in the flood plane of the Pionerskaya river had contributed significantly to raising the water level during the flood. In particular, the report reveals that the presence of bridges and service pipelines in some parts of the river had raised the water level by up to 1.5 metres (see paragraph 77 above). It appears that similar findings were made in the report of 29 September 2002 (see paragraphs 95 and 114 above).
176. The Court further notes that at least two years before the flood of 7 August 2001 the authorities were made aware of the poor state of the Pionerskaya river channel and of the risk, as well as the possible extent and consequences, of a flood in the area around the Pionerskoye reservoir in the event of urgent evacuation of water from the reservoir. In particular, in a letter of 7 June 1999 addressed to the Vladivostok city authorities, the head of the Water Company stated that in view of the adverse weather forecast for the summer/autumn 1999, and in particular in the event of heavy rain, the Water Company might have to evacuate water from the reservoir, which might cause flooding over an extensive area given the poor state of the river channel (see paragraph 15 above).
177. Furthermore, as can be ascertained from the decision of the Vladivostok Emergency Commission of 6 September 1999, the authorities’ attention was drawn to the problem of proper maintenance of the Pionerskaya river channel even before 1999. In particular, the said decision stated that the question of cleaning up the course of the Pionerskaya river was regularly raised every year, and yet no measures had been taken. The decision attested to the poor condition of the river channel, confirming, in particular, that the river channel as well as its outlet channels were abundantly overgrown with vegetation, cluttered with debris and household waste, and blocked by unauthorised dams and other structures which created a threat of flooding over an area of 15 square kilometres, with a population of over 5,000 people, in the event of the urgent large-scale release of water from the Pionerskoye reservoir. The decision urged the authorities at the municipal and district levels to take the necessary measures, including cleaning and deepening the river channel to ensure that its throughput capacity was no less than 30-40 cubic metres per second. It was also prescribed that the local population be duly informed that the floodplain of the Pionerskaya river might be inundated in the event of the urgent large-scale evacuation of water from the Pionerskoye reservoir. The decision also ordered the restoration of the local early warning system to raise the alarm if there was a threat of flooding (see paragraph 16 above).
178. In so far as the decision of 6 September 1999 urged the authorities to ensure the throughput capacity of the river channel of at least 30 to 40 cubic metres per second, the Court notes that the expert report of 24 January 2003 indicated that the throughput capacity of the two spillways of the Pionerskoye reservoir totalled 400 cubic metres per second (see paragraph 73 above), which is ten times higher. Thus, the Court cannot but accept the relevant applicants’ argument that the Vladivostok Emergency Commission’s reference to the minimum throughput capacity of 30 to 40 cubic metres per second remains unclear.
179. In any event it does not appear that, even as it stood, the decision of 6 September 1999 was duly implemented. Although, according to the Government’s submissions, certain measures were taken (see paragraphs 17, 18 and 20 above), they were obviously insufficient, the poor state of the Pionerskaya river channel being regularly attested by various authorities in the subsequent period. Indeed, a letter from the Vladivostok Administration dated 29 May 2000 made it clear that the river channel remained overgrown with vegetation and cluttered with debris, that the risk of flooding persisted and that urgent steps should be taken in that connection (see paragraph 19 above). A report by the Vladivostok Administration drawn-up on 4 July 2001, that is shortly before the events under examination, reflected in detail the poor state of the river channel and recommended a number of measures, similar to those already prescribed on several occasions (see paragraph 22 above).
180. It is therefore clear that, for years, the authorities failed to make any meaningful effort to ensure that the throughput capacity of the Pionerskaya river channel was sufficient in view of the technical characteristics of the Pionerskoye reservoir (see paragraph 73 above), or at least to keep the river channel clear with a view to mitigating, if not preventing, the risk and consequences of flooding in the event of the urgent evacuation of water from the reservoir.
181. Under the circumstances, the authorities could reasonably have been expected to acknowledge the increased risk of grave consequences in the event of flooding following the urgent evacuation of water from the Pionerskoye reservoir, and to show all possible diligence in alerting the residents of the area downstream of the reservoir. In any event, informing the public of the inherent risks was one of the essential practical measures needed to ensure effective protection of the citizens concerned (cf. Budayeva and Others, cited above, § 152). In this connection, the Court notes that in a letter of 16 June 2000 the Administration of the Sovetskiy District of Vladivostok stated that the population living in the floodplain of the Pionerskaya river had been told what to do in the event of serious inundation (see paragraph 20 above). However, the Court is sceptical about that statement, given that the letter provided no further details, for example, as to the form in which the information concerned had been provided to the population, or what the contents of that information were. At the same time, the Court notes that the applicants consistently maintained that, even though by 7 August 2001, when the flood occurred, they had been living near the Pionerskoye reservoir for many years, they had never been warned by the authorities that they lived in a flood-prone area (see paragraphs 47-49 above).
182. Moreover, the Court notes the authorities’ continued failure to restore and maintain an operational emergency warning system to raise the alarm in the event of the massive release of water from the Pionerskoye reservoir, in spite of various requests to that effect (see paragraphs 16 and 23 above). The Court further notes that, even after the flood of 7 August 2001, the authorities remained passive and failed to take any practical measures to clear the river channel. Their manifest inactivity, putting the lives of people living along the Pionerskaya river in danger, was acknowledged by prosecutors and other State agencies (see paragraphs 85, 86, 89, 91 and 93 above).
183. The Court does not overlook the authorities’ wide margin of appreciation in matters where the State is required to take positive action (see paragraph 160 above). It is convinced, however, that no impossible or disproportionate burden would have been imposed on the authorities in the circumstances of the present case if they had complied with their own decisions and, in particular, taken the action indicated therein to clean up the Pionerskaya river to increase its throughput capacity and to restore the emergency warning system at the Pionerskoye reservoir.
184. The Court also notes that the Government did not indicate whether any other solutions were envisaged to ensure the safety of the local population, and in particular whether any town planning policies or specific safety measures were in application at the material time in the area where the relevant applicants lived. The information they submitted related exclusively to certain measures taken in an attempt to clear the Pionerskaya river channel, which, as the Court has established in paragraph 179 above, were inadequate and insufficient. Moreover, the Government failed to indicate the relevant legislative and administrative framework, merely referring to various legal acts and instruments (see paragraph 167 above). Nor did they clearly indicate which authority was responsible for the proper maintenance of the Pionerskaya river at the relevant time. From the facts as they stand, it appears that, as was pointed out by the Sovetskiy District Court of Vladivostok in its judgment of 25 February 2003, there was no separation of responsibilities between the authorities at various levels concerning the maintenance of the Pionerskaya river, which led to inactivity and the shifting of responsibility by officials, and, as a result, to the drastic consequences of the flood of 7 August 2001 (see paragraph 105 above).
185. In the light of the foregoing, the Court finds that the Government’s responsibility was engaged for the following reasons. Firstly, the authorities failed to establish a clear legislative and administrative framework to enable them effectively to assess the risks inherent in the operation of the Pionerskoye reservoir and to implement town planning policies in the vicinity of the reservoir in compliance with the relevant technical standards. Secondly, there was no coherent supervisory system to encourage those responsible to take steps to ensure adequate protection of the population living in the area, and in particular to keep the Pionerskaya river channel clear enough to cope with urgent releases of water from the reservoir, to set in place an emergency warning system there, and to inform the local population of the potential risks linked to the operation of the reservoir. Lastly, it has not been established that there was sufficient coordination and cooperation between the various administrative authorities to ensure that the risks brought to their attention did not become so serious as to endanger human lives. Moreover, the authorities remained inactive even after the flood of 7 August 2001, with the result that the risk to the lives of those living near the Pionerskoye reservoir appears to persist to this day.
186. The aforementioned findings are sufficient to enable the Court to conclude that the Government failed in its positive obligation to protect the relevant applicants’ lives. In such circumstances, it does not consider it necessary further to examine whether the rescue operation was duly organised.
187. There has accordingly been a violation of Article 2 of the Convention in its substantive aspect.
(b) Procedural aspect of Article 2 of the Convention
i. General principles
188. The Court reiterates that where lives have been lost in circumstances potentially engaging the responsibility of the State, Article 2 of the Convention entails a duty for the State to ensure, by all means at its disposal, an adequate response – judicial or otherwise – so that the legislative and administrative framework set up to protect the right to life is properly implemented and any breaches of that right are repressed and punished (see Öneryıldız, cited above, § 91, and Budayeva and Others, cited above, § 138).
189. In this connection, the Court has held that if the infringement of the right to life or to physical integrity is not caused intentionally, the positive obligation to set up an “effective judicial system” does not necessarily require criminal proceedings to be brought in every case and may be satisfied if civil, administrative or even disciplinary remedies were available to the victims (see, for example, Vo v. France [GC], no. 53924/00, § 90, ECHR 2004-VIII; Calvelli and Ciglio v. Italy [GC], no. 32967/96, § 51, ECHR 2002-I; and Mastromatteo v. Italy [GC], no. 37703/97, §§ 90 and 94-95, ECHR 2002-VIII).
190. However, in the particular context of dangerous activities, the Court has considered that an official criminal investigation is indispensable given that public authorities are often the only entities to have sufficient relevant knowledge to identify and establish the complex phenomena that might have caused an incident. It has held that where the authorities in question, fully realising the likely consequences and disregarding the powers vested in them, failed to take measures that were necessary and sufficient to avert the risks inherent in a dangerous activity, the fact that those responsible for endangering life were not charged with a criminal offence or prosecuted may amount to a violation of Article 2, irrespective of any other types of remedy which individuals may exercise on their own initiative (see Öneryıldız, cited above, § 93, and Budayeva and Others, cited above, § 140).
191. To sum up, the judicial system required by Article 2 must make provision for an independent and impartial official investigation procedure that satisfies certain minimum standards as to effectiveness and is capable of ensuring that criminal penalties are applied where lives are lost, or put at mortal risk, as a result of a dangerous activity if and to the extent that this is justified by the findings of the investigation. In such cases, the competent authorities must act with exemplary diligence and promptness and must of their own motion initiate investigations capable of, firstly, ascertaining the circumstances in which the incident took place and any shortcomings in the operation of the regulatory system and, secondly, identifying the State officials or authorities involved in whatever capacity in the chain of events in issue (see, mutatis mutandis, Öneryıldız, cited above, § 94, and Budayeva and Others, cited above, § 142).
192. It should in no way be inferred from the foregoing that Article 2 may entail the right for an applicant to have third parties prosecuted or sentenced for a criminal offence or an absolute obligation for all prosecutions to result in conviction, or indeed in a particular sentence (see, mutatis mutandis, Perez v. France [GC], no. 47287/99, § 70, ECHR 2004-I). On the other hand, the national authorities should not under any circumstances be prepared to allow life-endangering offences to go unpunished. This is essential for maintaining public confidence and ensuring adherence to the rule of law and for preventing any appearance of tolerance of or collusion in unlawful acts (see, Öneryıldız, cited above, § 96).
193. The Court’s task therefore consists in reviewing whether and to what extent the national authorities, in reaching their conclusion, may be deemed to have submitted the case to the careful scrutiny required by Article 2 of the Convention, so that the deterrent effect of the judicial system in place and the significance of the role it is required to play in preventing violations of the right to life are not undermined (see, Öneryıldız, cited above, § 96, and Budayeva and Others, cited above, § 145).
ii. Application of the general principles in the present case
194. The Court observes at the outset that some degree of investigation was carried out into the events of 7 August 2001. It has to assess whether this investigation can be regarded as an adequate judicial response in the light of the aforementioned principles.
195. In this connection, the Court notes that the investigation into the flood of 7 August 2001 was commenced on 9 August 2001, that is two days later, which can be regarded as being in compliance with the requirement of promptness. It further appears that on 21 September 2001 the investigator in charge acknowledged the first applicant as a victim and civil claimant in the case, interviewed her and inspected the scene of the incident at her domicile (see paragraphs 46-47 above). The sixth applicant was also granted victim status and informed thereof in a letter of 2 July 2002, that is almost eleven months after the proceedings were instituted. It is unclear whether she was ever interviewed and whether the scene of the incident at her domicile was ever inspected. It is also unclear whether any procedural steps were taken with respect to the third applicant.
196. However, the Court does not consider it necessary to establish whether the aforementioned investigative measures were taken and, if so, whether they were taken promptly, and if not, whether this affected the effectiveness of the investigation in the present case. The Court considers that rather than examining whether the preliminary investigation was fully compatible with all the procedural requirements established in such matters, it is essential to determine whether the competent authorities were determined to establish the circumstances of the events of 7 August 2001 and to identify and bring to justice those responsible (see paragraph 191 above).
197. With this in mind, the Court notes that originally criminal proceedings in connection with the flood of 7 August 2001 were brought against Mr L., the head of the Water Company, who ordered the evacuation of water from the Pionerskoye reservoir on the date in question. It appears that in the context of that investigation in case no. 916725, efforts were made to establish the circumstances of the incident of 7 August 2001. In particular, several expert examinations were carried out (see paragraph 70 above). The resulting reports appear to have confirmed that the actions of the personnel of the Water Company, including Mr L., were correct in the circumstances (see paragraphs 71 and 77 above), which prompted the investigating authorities to discontinue the criminal proceedings against Mr L. At the same time, as is clear from the decision of 25 January 2003, by which the criminal proceedings against Mr L. were terminated, the investigation established that the main reason for the flood of 7 August 2001 had been the poor state of the channel of the Pionerskaya river, and in particular the fact that it had been overgrown with trees and bushes and obstructed by various structures (see paragraph 51 above). As a result, separate criminal proceedings were ordered against officials from the Vladivostok municipal and Primorskiy regional authorities, presumably in that connection.
198. In practice, however, rather than in connection with the poor maintenance of the Pionerskaya river channel which, as was established by the investigation in case no. 916725, had as its consequence the flood of 7 August 2001, on 28 January 2003 a prosecutor’s office of the Leninskiy District of Vladivostok brought criminal proceedings in case no. 292025 against officials of the municipal and regional authorities on suspicion of them having abused their power when allocating plots of land for individual housing construction within a water protection zone in the Pionerskaya river basin (see paragraph 52 above).
199. The Court notes that despite its request the Government did not submit a copy of the file of the investigation in case no. 292025, and therefore its ability to assess the effectiveness of that investigation is limited. The Court further has doubts that this latter investigation, as such, can be regarded as an adequate judicial response to the events of 7 August 2001, given that its main purpose appears to have been to establish whether there were any abuses in town planning policies in the Pionerskaya river valley, rather than to pursue any further the relevant findings previously made by the investigation in case no. 916725, and to identify those responsible for the poor maintenance of the Pionerskaya river channel, which, as established by the investigation in case no. 916725, had been the main reason for the flood of 7 August 2001.
200. Indeed, according to the decision of 20 July 2004 (see paragraphs 54-61 above), while establishing, with reference to the relevant laws and by-laws, that it was the authorities of the Primorskiy Region and the Water Company who were in charge of securing the safe operation of the Pionerskoye reservoir, including ensuring that the river channel downstream of the reservoir had an adequate throughput capacity (see paragraph 61 above), the investigation made no apparent attempts to find out whether any responsibility should be attached to those authorities – let alone to establish the identity of the particular officials responsible – for the poor state of the Pionerskaya river, and in particular its obviously inadequate throughput capacity during the flood of 7 August 2001.
201. Moreover, concerning town planning policy in the city of Vladivostok, including the area near the Pionerskoye reservoir, the decision of 20 July 2004 listed a number of failings by both the municipal and the regional authorities, in particular their continuous failure to identify flood-prone areas so that suitable planning restrictions could be applied (see paragraphs 55-57 above). The Court is struck by the fact that, having detected all those shortcomings, the investigating authorities decided to close the investigation, referring to the absence of evidence of a crime. It also notes that, while the decision of 20 July 2004 stated that the reason why the investigating authorities discontinued the proceedings against the officials of the Vladivostok Administration was that they had not exceeded their powers when allocating plots of land near the Pionerskaya river in the absence of any town planning restrictions at the time (see paragraph 58 above), the reason why the proceedings against the authorities of the Primorskiy Region were also discontinued eludes the Court, as the aforementioned decision remained silent in that regard.
202. In view of the foregoing, the Court is not persuaded that the manner in which the competent Russian authorities acted in response to the events of 7 August 2001 secured the full accountability of the State officials or the authorities concerned for their role in those events and the effective implementation of the relevant provisions of domestic criminal law guaranteeing respect for the right to life (see, in a somewhat similar context, Öneryıldız, cited above, § 117). In the light of this finding and its general principles mentioned above (see paragraph 190 above), the Court further does not consider that any other remedy, in particular the civil proceedings to which the relevant applicants had recourse to claim damages in connection with the flood of 7 August 2001, could have provided an adequate judicial response in respect of their complaint under Article 2 of the Convention.
203. Accordingly, the Court concludes that there has been a violation of Article 2 of the Convention in its procedural aspect on account of the lack of an adequate judicial response by the authorities to the events of 7 August 2001.
II. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 8 OF THE CONVENTION AND ARTICLE 1 OF PROTOCOL NO. 1 TO THE CONVENTION
204. The applicants also complained that the authorities’ failure to maintain the channel of the Pionerskaya river in a proper state of repair and to take appropriate measures to mitigate the risk of floods resulted in the damage done to their homes and property, and that no compensation had been awarded to them for their losses. They referred to Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which, in so far as relevant provide as follows:
Article 8
“Everyone has the right to respect for ... his home ...
There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.”
Article 1 of Protocol No. 1
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
A. Submissions by the parties
205. The applicants submitted that their homes and property had been severely damaged by the flood caused by the sudden large-scale evacuation of water from the Pionerskoye reservoir. According to them, their lives had not yet returned to normal, and they had not received proper compensation for their damaged property. They considered the extra-judicial compensation that had been paid to them humiliating. Moreover, in view of the authorities’ continued failure to take any measures to clean up and deepen the Pionerskaya river channel, there was no guarantee that the events of 7 August 2001 would not re-occur.
206. The Government insisted that there had been no breach of the applicants’ rights secured by Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1. They argued that there was no evidence that the damage to the applicants’ homes and possessions could have been avoided if the Pionerskaya river channel had been cleaned up or an emergency warning system at the Pionerskoye reservoir had been in place. They referred to court decisions taken in the applicants’ civil cases at the domestic level, stating that the alleged losses had been suffered as a result of a natural disaster, in the form of exceptionally heavy rain. The Government also stated that the relevant domestic legislation imposed no obligation on the State to refund the market value of damaged property, and that given the large number of residents affected by the flood of 7 August 2001, the financial aid accorded by the State could scarcely have been more generous; however, the authorities had distributed what financial support they could to all those affected by the flood, directly, automatically and irrespective of whether they produced proof of any actual pecuniary damage.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
207. The Court reiterates at the outset that whilst at times there may be a significant overlap between the concept of “home” under Article 8 of the Convention and that of “property” under Article 1 of Protocol No. 1, a home may be found to exist even where the applicant has no right or interest in real property (see, mutatis mutandis, Prokopovich v. Russia, no. 58255/00, §§ 35-39, 18 November 2004, and Khamidov v. Russia, no. 72118/01, § 128, 15 November 2007). Conversely, an individual may have a property right in a particular building or land, within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, without having sufficient ties with it for it to constitute a home under Article 8 (see Loizidou v. Turkey (merits), 18 December 1996, § 66, Reports of Judgments and Decisions 1996-VI). In the present case, the applicants’ complaints concerned damage done by the flood to their homes – of which the first, fourth and fifth applicants were owners and the second and sixth applicants were social tenants, and which the third applicant shared with the fourth applicant, her relative (see paragraphs 10-14 above) – and to their possessions in and around those homes. The Court considers it appropriate to examine the applicants’ relevant complaints under both Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1.
208. The Court further observes that the applicants received certain extra-judicial compensation in respect of pecuniary losses they sustained as a result of the flood of 7 August 2001. In particular, the first applicant received a lump sum of RUB 14,000 (approximately EUR 350) and the remaining applicants each received RUB 1,000 (approximately EUR 25) in financial support. The question therefore arises whether, for the purposes of Article 34 of the Convention, the applicants can still claim to be “victims” of the alleged violation of their rights secured by Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1. In this connection, the Court reiterates that an applicant is deprived of his or her status as a victim if the national authorities have acknowledged, either expressly or in substance, and then afforded appropriate and sufficient redress for, a breach of the Convention (see, for example, Scordino v. Italy (no. 1) [GC], no. 36813/97, §§ 178-93, ECHR 2006-V).
209. In the present case, there is no evidence that the authorities at any point acknowledged the violations alleged by the applicants. Indeed, it is clear from the Government’s submissions on the issue that the compensation in question was accorded to all the victims of the flood of 7 August 2001 as financial aid and not in acknowledgment of the authorities’ responsibility for the events in question. Moreover, no such acknowledgement was made in the criminal proceedings instituted in connection with the events of 7 August 2001, or in the civil proceedings which the applicants brought seeking compensation for their pecuniary losses. Also, even if the Court were prepared to regard the compensation in the amount of RUB 14,000 paid to the first applicant as an appropriate and sufficient redress, it clearly could not reach the same conclusion as regards the compensation in the amount of RUB 1,000 paid to the remaining applicants.
210. The Court is therefore satisfied that the applicants retain their victim status, within the meaning of Article 34 of the Convention, in so far as their complaints under Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 are concerned.
211. The Court notes that this part of the application is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that it is not inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
2. Merits
212. The Court has held on many occasions that the State has a positive duty to take reasonable and appropriate measures to secure an applicant’s rights under Article 8 of the Convention (see López Ostra v. Spain, 9 December 1994, § 51, Series A no. 303-C, Powell and Rayner v. the United Kingdom, 21 February 1990, § 41, Series A no. 172, and many other authorities). It has also recognised that in the context of dangerous activities the scope of the positive obligations under Articles 2 and 8 of the Convention largely overlap (see Budayeva and Others, cited above, § 133).
213. The Court also reiterates that genuine, effective exercise of the right protected by Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention does not depend merely on the State’s duty not to interfere, but may require positive measures of protection, particularly where there is a direct link between the measures an applicant may legitimately expect from the authorities and his effective enjoyment of his possessions (see Bielectric S.r.l. v. Italy (dec.), no. 36811/97, 4 May 2000, and Öneryıldız, cited above, § 134). Allegations of a failure on the part of the State to take positive action in order to protect private property should be examined in the light of the general rule in the first sentence of the first paragraph of Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention, which lays down the right to the peaceful enjoyment of possessions (see Beyeler v. Italy [GC], no. 33202/96, § 98, ECHR 2000-I; Öneryıldız, cited above, § 133; and Budayeva and Others, cited above, § 172).
214. Turning to the present case, the Court observes first of all that the Government did not dispute that the dwellings to which each of the applicants’ referred were their “homes” within the meaning of Article 8. Nor did they dispute the existence of the applicants’ “possessions” within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1, or that the above homes and possessions were damaged as a result of the flood of 7 August 2001. The Court will therefore proceed to examine to what extent the authorities were under obligation to take measures to protect the applicants’ homes and possessions, and whether this obligation was complied with in the present case.
215. The Court further notes that the Government seem to have argued, with reference to the findings of the domestic courts in the applicants’ civil cases, that the alleged infringements of their rights under Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 were the result of a natural disaster, in the form of exceptionally heavy rain, which could not have been foreseen, and could therefore not be imputed to the State. The Court cannot accept this argument. It reiterates in this connection that, being sensitive to the subsidiary nature of its role and cautious about taking on the role of a first-instance tribunal of fact, the Court nevertheless is not bound by the findings of domestic courts and may depart from them where this is rendered unavoidable by the circumstances of a particular case (see, for example, Matyar v. Turkey, no. 23423/94, § 108, 21 February 2002). In the present case, the Court has established in paragraphs 162-165 above that the flooding of 7 August 2001 occurred after the urgent large-scale evacuation of water from the Pionerskoye reservoir, the likelihood and potential consequences of which the authorities should have foreseen. The Court has furthermore established that the main reason for the flood, as confirmed by the expert reports, was the poor state of repair of the Pionerskaya river channel because of the authorities’ manifest failure to take measures to keep it clear and in particular to make sure its throughput capacity was adequate in the event of the release of water from the Pionerskoye reservoir. The Court has concluded that this failure as well as the authorities’ failure to apply town planning restrictions corresponding to the technical requirements of the exploitation of the reservoir put the lives of those living near it at risk (see paragraphs 168-180 and 185 above).
216. The Court has no doubt that the causal link established between the negligence attributable to the State and the endangering of the lives of those living in the vicinity of the Pionerskoye reservoir also applies to the damage caused to the applicants’ homes and property by the flood. Similarly, the resulting infringement amounts not to “interference” but to the breach of a positive obligation, since the State officials and authorities failed to do everything in their power to protect the applicants’ rights secured by Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 (see Öneryıldız, cited above, § 135). Indeed, the positive obligation under Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 required the national authorities to take the same practical measures as those expected of them in the context of their positive obligation under Article 2 of the Convention (see, mutatis mutandis, Öneryıldız, cited above, § 136). Since it is clear that no such measures were taken, the Court concludes that the Russian authorities failed in their positive obligation to protect the applicants’ homes and property.
217. There has, accordingly, been a violation of Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention in the present case.
III. ALLEGED VIOLATION OF ARTICLE 13 OF THE CONVENTION
218. Lastly, the applicants complained that they had had no effective domestic remedies in respect of their aforementioned complaints. This complaint falls to be examined under Article 13 of the Convention, which reads as follows:
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. Submissions by the parties
219. The applicants maintained their complaint, stating that they had been unable to obtain adequate judicial response to the alleged infringements of their rights either in criminal proceedings – two sets of criminal proceedings instituted in connection with the flood of 7 August 2001 having brought no tangible results – or in civil proceedings, the domestic courts at two level of jurisdiction having rejected their claims for compensation.
220. The Government contended that the applicants had had effective domestic remedies at their disposal as criminal proceedings had been instituted in respect of the events of 7 August 2001. Also, in the Government’s submission, the applicants had been able to bring civil proceedings in an attempt to obtain compensation for damages, and had availed themselves of that opportunity, even though the outcome of those proceedings had been unfavourable to them.
B. The Court’s assessment
1. Admissibility
221. The Court reiterates that, according to its case-law, Article 13 applies only where an individual has an “arguable claim” to be the victim of a violation of a Convention right (see Boyle and Rice v. the United Kingdom, 27 April 1988, § 52, Series A no. 131). In the present case, the Court has found a violation on account of the State’s failure to take measures to protect the right to life of the first, third and sixth applicants as well as all the applicants’ homes and property. On the other hand, the Court has held that the complaints lodged under Article 2 of the Convention by the second, fourth and fifth applicants, are incompatible ratione personae with the provisions of the Convention.
222. Against this background, the Court is satisfied that the first, third and sixth applicants have an arguable claim under Articles 2 and 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 for the purpose of Article 13, and that the remaining applicants have an arguable claim under Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 for the purpose of Article 13, but no such claim under Article 2 to bring Article 13 of the Convention into play.
223. Accordingly, the Court finds that the first, third and sixth applicants’ complaints under Article 13, in conjunction with Articles 2 and 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, and the remaining applicants’ complaints under Article 13, in conjunction with Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1, are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention. It further notes that they are not inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
224. The Court further finds that the second, fourth and fifth applicants’ complaint under Article 13 in conjunction with Article 2 of the Convention is inadmissible as being incompatible ratione personae with the provisions of the Convention, and must be rejected in accordance with Article 35 §§ 3 (a) and 4 of the Convention.
2. Merits
225. The Court reiterates that Article 13 of the Convention guarantees the availability at national level of a remedy to enforce the substance of the Convention rights and freedoms in whatever form they might happen to be secured in the domestic legal order. The effect of Article 13 is thus to require the provision of a domestic remedy to deal with the substance of an “arguable complaint” under the Convention and to grant appropriate relief, although Contracting States are afforded some discretion as to the manner in which they comply with their Convention obligations under this provision. Nevertheless, the remedy required by Article 13 must be “effective” in practice as well as in law, in particular in the sense that its exercise must not be unjustifiably hindered by acts or omissions of the authorities of the respondent State (see, among recent authorities, Esmukhambetov and Others v. Russia, no. 23445/03, § 158, 29 March 2011).
226. In the present case, the Government argued that the applicants had been able to bring civil proceedings seeking compensation for damage to their homes and property as well as compensation for non-pecuniary damage for the anguish and distress they suffered during the flood of 7 August 2001 (see paragraph 94 above). The Court will proceed, in the light of the aforementioned principles, to assess the effectiveness of this remedy for the purpose of Article 13, taken in conjunction with Article 2 as well as in conjunction with Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 in respect of those complaints which the Court has found admissible (see paragraph 223 above).
(a) Article 13 in conjunction with Article 2
227. The Court has found in paragraph 202 above that the first, third and sixth applicants’ right to life was inadequately protected by the proceedings brought by the public authorities under the criminal law, and that any other remedy, in particular the civil proceedings to which these applicants had recourse, could not have provided an adequate judicial response in respect of their complaint under Article 2 of the Convention.
228. In the light of this finding, the Court does not consider it necessary to examine these applicants’ complaint under Article 13, taken in conjunction with Article 2 of the Convention, since it raises no separate issue in the circumstances of the present case.
(b) Article 13 in conjunction with Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1
229. The Court observes that Russian law provided the applicants with the possibility of bringing civil proceedings to claim compensation for damage done to their homes and property as a result of the flood of 7 August 2001.
230. It notes in this connection that, as it has observed in paragraph 197 above, some efforts were made to establish the circumstances of the incident of 7 August 2001 during an investigation in case no. 916725, and, in particular, at least three expert examinations were carried out. The resulting reports, and in particular those of 29 September 2002 and 24 January 2003, seem to have provided a rather detailed account of the flood of 7 August 2001, including its main cause and its scale and destructive effects. The domestic courts therefore had at their disposal the necessary materials to be able, in principle, in the civil proceedings to address the issue of the State’s liability on the basis of the facts as established in the criminal proceedings, irrespective of the outcome of the latter proceedings (see, by contrast, Budayeva and Others, cited above, §§ 162-63). In particular, they were, in principle, empowered to assess the facts established in the criminal proceedings, to attribute responsibility for the events in question and to deliver enforceable decisions (see Öneryıldız, cited above, § 151).
231. It is furthermore clear that the domestic courts examined the applicants’ claims on the basis of the available evidence. In particular, they addressed the applicants’ arguments and gave reasons for their decisions. It is true that the outcome of the proceedings in question was unfavourable to the applicants, as their claims were finally rejected. However, in the Court’s view this fact alone cannot be said to have demonstrated that the remedy under examination did not meet the requirements of Article 13 as regards the applicants’ claims concerning the damage inflicted on their homes and property. In this respect, the Court reiterates that the “effectiveness” of a “remedy” within the meaning of Article 13 does not depend on the certainty of a favourable outcome for the applicant (see Čonka v. Belgium, no. 51564/99, § 75, ECHR 2002-I).
232. In the light of the foregoing the Court therefore finds that there has been no violation of Article 13 in conjunction with Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 in the present case.
IV. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
233. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Damage
1. Pecuniary damage
(a) The applicants
234. The applicants sought compensation for pecuniary losses they had sustained as a result of the damage done to their possessions by the flood of 7 August 2001.
235. In particular, the first applicant claimed 417,000 Russian roubles (“RUB”, approximately 10,000 euros, “EUR”) for her lost possessions. In support of this claim, she referred to a transcript of her witness interview of 21 September 2001, where she listed her lost property in detail and indicated its value as RUB 417,000. She also enclosed an estimate indicating that the cost of the work necessary to repair her home amounted to RUB 63,114.97 (approximately EUR 1,500).
236. The second applicant claimed RUB 3,375,301 (approximately EUR 80,000), representing the costs of repair work on her flat and outhouses. She did not submit any supporting evidence in respect of this claim.
237. The third applicant claimed RUB 311,543 (approximately EUR 7,400) for the property lost during the flood. She did not submit any supporting evidence in respect of this claim.
238. The fourth applicant sought RUB 483,731 (approximately EUR 11,400) representing the cost of replacing her lost belongings with new ones, and of repair work on her flat. She submitted numerous documents, including receipts confirming the purchase of various household and other items, estimates of repair costs and a report confirming that repair work had been carried out.
239. The fifth applicant claimed RUB 400,000 (approximately EUR 9,500) representing the cost of the property he lost adjusted for inflation. In support of his claim, the fifth applicant referred to the evaluation report of 14 August 2001 (see paragraph 82 above). He submitted a certificate of a State statistics agency indicating the inflation rate in the Murmansk Region in the period between 2001 and 2009.
240. The sixth applicant claimed RUB 52,000 (approximately EUR 1,200) for her lost possessions. According to her, documents corroborating her claim could be found in the materials of her civil case examined by the Russian courts.
(b) The Government
241. The Government disputed the applicants’ claims in respect of pecuniary damage. They argued that no award should be made to any of the applicants under this head as they had failed to corroborate their respective claims with documentary evidence. They also pointed out that the domestic courts had refused to grant the applicants’ similar claims in the domestic proceedings, and argued that the Court could not substitute its view for that of the domestic courts on this issue.
242. The Government also argued that since the third and fourth applicants lived together in the same flat, they were not justified in lodging separate claims for compensation in respect of pecuniary damage.
243. The Government further contested the documents submitted by the fourth applicant in support of her claim. They pointed out, in particular, that the receipts mostly pertained to the period between May and September 2009, that the estimates for and the report on the repair work were not corroborated by appropriate documents and evidence, and that, overall, the fourth applicant had failed to prove that the expenses attested by the documents she submitted to the Court had been incurred to erase the consequences of the flood of 7 August 2001, rather than in some other connection.
244. The Government contested the claim submitted by the fifth applicant, stating that the pecuniary damage sustained by him as reflected in the evaluation report of 14 August 2001 amounted to RUB 200,000 (approximately EUR 4,700), and that the certificate indicating the inflation rate could not be taken into account as it concerned inflation in the Murmansk Region, whereas the applicant lived in the Primorskiy Region.
(c) The Court’s assessment
245. The Court reiterates that there must be a clear causal connection between the pecuniary damage claimed by an applicant and the violation of the Convention (see, among other authorities, Çakıcı v. Turkey [GC], no. 23657/94, § 127, ECHR 1999-IV). In the present case, the Court has found a violation of Article 1 of Protocol No. 1 on account of the authorities’ failure to take measures to protect the applicants’ property. It has no doubt that there is a direct link between that violation and the pecuniary losses alleged by the applicants.
246. The Court notes that the first applicant submitted a transcript of her witness interview during which she had listed her damaged property and stated that the pecuniary damage totalled RUB 417,000. The Court cannot, however, regard this document as proof that the damage sustained actually amounted to the sum indicated therein, as it is clear that the transcript was only a formal record of the first applicant’s submissions, not a document confirming their accuracy. On the other hand, the Court takes note of the estimate indicating that the cost of repair work on the first applicant’s house would amount to RUB 63,114.97 (approximately EUR 1,500). It therefore awards the first applicant EUR 1,500 in respect of pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount.
247. As regards the third and fourth applicants, the Court considers it appropriate to examine their relevant claims jointly, given that, as pointed out by the Government, they lived in the same flat, and therefore presumably the pecuniary losses they incurred related to the same possessions. The Court further considers it unnecessary to assess the relevance and reliability of the documentary evidence submitted by the fourth applicant to corroborate her claim for pecuniary damage, and to address the Government’s arguments in this respect (see paragraph 254 above). It notes that an evaluation report drawn up by a competent State authority, as referred to by the Sovetskiy District Court of Vladivostok in its judgment of 25 February 2003, attested that the damage done to the possessions in the flat where the third and fourth applicants lived amounted to RUB 486,000 (approximately EUR 11,500). It further notes that the said court accepted that document as reliable proof of the actual damage sustained, and the Court has no reason to question that court’s reasoning (see paragraph 108 above). It therefore awards EUR 11,500 to the third and fourth applicants jointly in respect of pecuniary damage, plus any tax that may be chargeable on that amount.
248. The Court further accepts the Government’s argument with regard to the claim in respect of pecuniary damage submitted by the fifth applicant that this claim was corroborated only in so far as the damage in the amount of RUB 200,000 (approximately EUR 4,700) was concerned, as it was this sum that was indicated in the evaluation report of 14 August 2001 attesting to the damage done to the fifth applicant’s property as a result of the flood of 7 August 2001 (see paragraph 82 above). The Court agrees with the Government that it cannot take into account the certificate submitted by the fifth applicant to substantiate his claim for the inflation-adjusted amount of the pecuniary damage he sustained, as the document in question refers to the price index in a region other than the one where the fifth applicant lives. Accordingly, the Court awards the fifth applicant EUR 4,700 under this head, plus any tax that may be chargeable on that amount.
249. Lastly, the Court observes that the second and sixth applicants failed to substantiate their claim with any documentary evidence. In particular, it is unclear whether the second applicant ever attempted, like the fourth and fifth applicants, for example, to have the alleged pecuniary losses duly assessed, and whether there are any documents at all which could confirm her claim. The sixth applicant, on the other hand, alleged that such documents could be found in the materials of her civil case examined by the national courts; however, she failed to explain why she did not submit those documents to the Court. Against this background, the Court considers that there is no call to make any award to the second and sixth applicants under this head.
2. Non-pecuniary damage
250. The third, fourth and sixth applicants each claimed RUB 5,000,000 (approximately EUR 120,000), and the first and fifth applicants each claimed RUB 500,000 (approximately EUR 12,000) in respect of non-pecuniary damage they sustained as a result of the events of 7 August 2001. The second applicant submitted no claim under this head.
251. The Government contested these claims as wholly excessive and unreasonable. They also argued that no award should be made to the second applicant in the absence of any claim on her part under this head.
252. The Court accepts the Government’s argument that no award in respect of non-pecuniary damage should be made to the second applicant, as she did not submit any claim under this head.
253. As regards the remaining applicants, the Court observes that it has found a violation of Article 2, in its substantive and procedural aspects, on account of the State’s failure in its positive obligation to protect the right to life of the first, third and sixth applicants and to provide adequate judicial response in connection with the events which put their lives at risk. It has also found a violation of Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 on account of the State’s failure to take steps to protect the applicants’ homes and property. The applicants must have suffered anguish and distress as a result of all these circumstances. Having regard to these considerations, the Court awards, on an equitable basis, EUR 20,000 each to the first, third and sixth applicants, and EUR 10,000 each to the fourth and fifth applicants, plus any tax that may be chargeable on these amounts.
B. Costs and expenses
254. The applicants having submitted no claim for costs and expenses, the Court considers there is no call to award them any sum under this head.
C. Default interest
255. The Court considers it appropriate that the default interest should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT UNANIMOUSLY
1. Declares the complaints under Article 2 and Article 13 in conjunction with Article 2, in so far as they were lodged by the first, third and sixth applicants, as well as the complaints under Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 and Article 13 in conjunction with Article 8 and Article 1 of Protocol No. 1 admissible and the remainder of the applications inadmissible;
2. Holds that there has been a violation of Article 2 of the Convention, in its substantive aspect, on account of the State’s failure to discharge its positive obligation to protect the first, third and sixth applicants’ right to life;
3. Holds that there has been a violation of Article 2 of the Convention, in its procedural aspect, on account of the lack of an adequate judicial response as required in the event of the alleged infringement of the right to life, in so far as the first, third and sixth applicants are concerned;
4. Holds that there has been a violation of Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
5. Holds that there is no need to examine separately a complaint under Article 13 in conjunction with Article 2, in so far as the first, third and sixth applicants are concerned;
6. Holds that there has been no violation of Article 13 in conjunction with Article 8 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1 to the Convention;
7. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, the following amounts, to be converted into Russian roubles at the rate applicable at the date of settlement:
(i) EUR 1,500 (one thousand five hundred euros) to the first applicant, EUR 11,500 (eleven thousand five hundred euros) to the third and fourth applicants jointly, and EUR 4,700 (four thousand seven hundred euros) to the fifth applicant in respect of pecuniary damage;
(ii) EUR 20,000 (twenty thousand euros) each to the first, third and sixth applicants, and EUR 10,000 (ten thousand euros) each to the fourth and fifth applicants in respect of non-pecuniary damage;
(iii) any tax, including value-added tax, that may be chargeable on the above amounts;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amounts at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;
8. Dismisses the remainder of the applicants’ claim for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 28 February 2012, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Søren Nielsen Nina Vajić Registrar President


TESTO TRADOTTO

Conclusione Resto inammissibile; Violazione di Art. 2 (aspetto effettivo); Violazione di Art. 2 (aspetto procedurale); Violazione di Art. 8; violazione di P1-1; Nessuna violazione di Art. 13+8; nessuna violazione di Art. 13+P1-1; danno Patrimoniale - l'assegnazione; danno Patrimoniale - rivendicazione respinse; danno Non -patrimoniale - assegnazione
PRIMA SEZIONE
CAUSA KOLYADENKO ED ALTRI C. RUSSIA
(Richieste N. 17423/05, 20534/05 20678/05, 23263/05 24283/05 e 35673/05)
SENTENZA
STRASBOURG
28 febbraio 2012
Questa sentenza diverrà definitivA nelle circostanze esposte nell’ Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetta a revisione editoriale.


Nella causa Kolyadenko ed Altri c. Russia,
La Corte europea di Diritti umani (Prima la Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Nina Vajić, Presidente,
Anatoly Kovler il Pari Lorenzen, Elisabeth Steiner, Khanlar Hajiyev, Linos-Alexandre Sicilianos, Erik Møse, giudici,
e Søren Nielsen, Sezione Cancelliere,
Avendo deliberato in privato 7 febbraio 2012,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in sei richieste (N. 17423/05, 20534/05 20678/05, 23263/05 24283/05 e 35673/05) contro la Federazione russa depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) con sei cittadini russi, OMISSIS in 12 maggio 2005, OMISSIS 2 settembre 2005 (“i richiedenti”).
2. I primo a quinto richiedenti furono rappresentati con OMISSIS, un avvocato che pratica in Vladivostok. Il Governo russo (“il Governo”) fu rappresentato col Sig. G. Matyushkin, il Rappresentante della Federazione russa alla Corte europea di Diritti umani.
3. I richiedenti addussero che lo Stato era responsabile per avere messo le loro vite a rischio e per il danno fatto alle loro case e alle loro proprietà come risultato di una fuoriuscita di grande potenza ed improvvisa di acqua dal serbatoio di Pionerskoye e l'allagamento conseguente nell'area intorno al serbatoio il 7 agosto 2001. I richiedenti si lamentarono anche che loro non avevano via di ricorso effettive in quel riguardo a. Loro si appellarono su Articoli 2 e 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
4. 2 luglio ed il 2009 e 26 gennaio 2010 di 8 settembre le richieste furono accordate rispettivamente prioritarie sotto Articolo 41 degli Articoli di Corte.
5. 2 luglio 2009 la Corte decise di congiungere i procedimenti nelle prime quattro richieste (l'Articolo 42 § 1) e dare avviso di loro al Governo. Decise anche di decidere sulla loro ammissibilità e meriti allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1). Il 2009 e 26 gennaio 2010 di 8 settembre il Presidente della prima Sezione decise rispettivamente di dare avviso delle ultime due richieste al Governo. Fu deciso anche di decidere sull'ammissibilità e meriti delle richieste allo stesso tempo (l'Articolo 29 § 1).
6. 7 febbraio 2012 la Corte decise di congiungere i procedimenti in tutte le sei richieste (l'Articolo 42 § 1).
I FATTI
I. LE CIRCOSTANZE DELLA CAUSA
7. I richiedenti nacquero in 1938, 1941 1973, 1945 1942 e 1946 rispettivamente e vive in Vladivostok.
A. Background della causa
8. La città di Vladivostok, un centro amministrativo della Regione di Primorskiy è nel sud-est della Russia sulla costa Pacifica. La sua ubicazione spiega il clima continentale umido monsone-influenzato della città con le calde ma umide estati quando la precipitazione annuale giunge al suo massimo. Più specificamente, la prima la metà della stagione di estate (giugno-luglio) è piovoso e nebbioso, agosto e settembre possono essere marcati con tifoni ed agosto è il mese più piovoso.
9. L'area dove i richiedenti vivono è localizzato nel Distretto di Sovetskiy di Vladivostok vicino al Pionerskoye (Sedankinskoye) serbatoio di acqua (водохранилище di Пионерское) vicino il Pionerskaya (Sedanka) il fiume. Il serbatoio, costruito nel 1936 contiene approvvigionamenti di bere acqua per la città di Vladivostok. Nell'osservazione del Governo, sulla base di osservazioni a lungo termine il floodplain del fiume di Pionerskaya era un'area soggetto ad inondazione periodica durante piogge pesanti quando acqua fu rilasciata dal serbatoio di Pionerskoye per evitare danno strutturale al serbatoio.
10. Il primo richiedente vive in un appartamento che lei possiede in una basso-aumento che costruisce a 12/3 Strada di Semiradskiy.
11. Il secondo richiedente è un inquilino sociale di un appartamento in una basso-aumento che costruisce a 20 Strada di Semiradskiy.
12. I terzo e quarto richiedenti che sono parenti vivono in un appartamento posseduto col quarto richiedente in una basso-aumento che costruisce a 18 Strada di Semiradskiy.
13. Il quinto richiedente vive in un alloggio che lui possiede a 14 Strada di Semiradskiy.
14. Il sesto richiedente è un inquilino sociale di un appartamento in una basso-aumento che costruisce a 18/3 Strada di Semiradskiy.
15. In una lettera del 1999 Sig. L. di 7 giugno, il capo dell'autorità in accusa del serbatoio di Pionerskoye-l'impresa Statale “Primorskiy Regione Acqua-e-liquame Autorità Meridionale” (предприятие di унитарное di государственное «юга di хозяйство di Водопроводно-канализационное Приморья», “la Società di Acqua”)-avvertì il capo di recitazione dell'Amministrazione di Vladivostok che il canale del fiume di Pionerskaya è stato ingombrato con detriti e spreco di famiglia e cresciuto eccessivamente coi piccoli alberi e cespugli e che questo potesse avere conseguenze gravi date la previsione di tempo avversa per estate/autunno 1999. In particolare, nell'evento di pioggia pesante la Società di Acqua dovrebbe rilasciare acqua dal serbatoio e, in prospettiva dello stato povero del canale di fiume, questo provocherebbe su inondazione un'area con una popolazione di più di 5,000 persone, così come un binario, una strada pubblica e piante manifatturiere. Il Sig. L. richiese che misure appropriate siano prese chiarire il canale.
16. 6 settembre 1999 la Commissione di Vladivostok per Situazioni Emergenza (по di Комиссия il ситуациям di чрезвычайным г. Владивостока, “il Vladivostok Commissione Emergenza”) prese un decisione riguardando, fra le altre cose lavoro di prevenzione di inondazione nel floodplain del fiume di Pionerskaya. La decisione affermò che benché la problema di pulire il corso del fiume di Pionerskaya fosse sollevata ripetutamente ogni anno, nessuno misure effettive erano state prese ancora. Seguì a dire che sbocco irriga ed il fiume si irriga fu coperto abbondantemente coi piccoli alberi e cespugli, fu ingombrato con detriti e spreco di famiglia e fu bloccato con dighe illegalmente costruite e le varie strutture che tutti crearono una minaccia di allagare su un'area di 15 chilometri quadrati, con una popolazione di più di 5,000 persone, nell'evento della liberazione urgente di una grande quantità di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. La decisione chiamata sull'Amministrazione di Vladivostok, insieme all'Amministrazione del Distretto di Sovetskiy prendere misure per pulire su ed approfondire il canale del fiume di Pionerskaya per assicurare che la sua veste di produttività (пропускная способность) non era meno che 30-40 metri cubici al secondo. La decisione ordinò anche che la popolazione locale sia informata via i media della possibilità dell'inondazione del floodplain adiacenti al fiume di Pionerskaya nell'evento dell'evacuazione di grande potenza ed urgente di acqua dal serbatoio, e che l'autorità in accusa del serbatoio di Pionerskoye-la Società di Acqua-ripristina il primo sistema di avvertimento locale per sollevare l'allarme se c'era un rischio di un'inondazione.
17. Secondo il Governo, le autorità avevano preso un numero di misure per implementare la decisione di 6 settembre 1999. In particolare, in una lettera di 14 settembre 1999 l'Amministrazione del Distretto di Sovetskiy immediatamente istruì il capo del Vladivostok ponte costruzione equipaggio a pulire il canale di fiume di Pionerskaya nell'area dove uno dei ponti era costruito ed il canale di fiume era pieno di detriti. Nell'assenza di informazioni riguardo al canale di fiume ostacolare-in aumento in rapporti susseguenti, era ragionevole per presumere nell'osservazione del Governo, che i Vladivostok fanno un ponte su equipaggio di costruzione l'aveva pulito in ottemperanza con la lettera di 14 settembre 1999.
18. In una lettera di 16 settembre 1999 l'Amministrazione del Distretto di Sovetskiy esortò anche, il capo del consiglio di cooperative orticole ad istruire le cooperative i membri di ' per prendere parte in un sforzo per pulire il canale di fiume di Pionerskaya ed evitare fare la lettiera la terra circa il fiume. Il Governo si riferì inoltre a rapporti attinenti che attestano che in settembre-novembre 1999 e luglio ed ottobre 2000 lavoro era stato fatto per pulire il canale di fiume. Loro erano incapaci per dire se quelle misure aiutarono ad aumentare al secondo la veste di produttività del fiume a 30-40 metri cubici siccome prescritto con la decisione di 6 settembre 1999.
19. In una lettera di 29 maggio 2000 l'Amministrazione di Vladivostok informò l'Amministrazione del Distretto di Sovetskiy che il livello di acqua nel serbatoio di Pionerskoye era vicino a critico e che alcuni di sé dovrebbero essere evacuati. Il canale di fiume di Pionerskaya fu coperto densamente comunque, coi piccoli alberi e cespugli ed ingombrò con detriti e spreco di famiglia, mentre creando una minaccia di allagare su una grande area popolata nell'evento dell'evacuazione urgente di acqua dalla diga. La lettera seguì a dire che, nella conformità con la decisione del Vladivostok Commissione Emergenza datò 6 settembre 1999, era necessario per l'Amministrazione del Distretto di Sovetskiy per prendere passi urgenti per pulire il canale di fiume di Pionerskaya.
20. In una lettera di 16 giugno 2000 l'Amministrazione del Distretto di Sovetskiy notificò il Vladivostok Commissione Emergenza che, nella conformità con la decisione seconda di 6 settembre 1999, lavoro era stato eseguito per pulire il canale di fiume. In particolare, da settembre a novembre 1999 i corpi di trenta vecchie macchine e spreco di famiglia diverso erano evacuati dal fiume, e la popolazione che vive nel suo floodplain era stata detta cosa per fare nell'evento di inondazione seria. La lettera affermò anche che lavoro per tagliare alberi e cespugli lungo il fiume fu elencato per giugno-luglio 2000.
21. 3 aprile 2001 l'Amministrazione di Vladivostok richiese l'Amministrazione della Regione di Primorskiy per marchiare un certo importo dal bilancio regionale per lavoro di pulizia sul fiume di Pionerskaya, mentre affermando che il lavoro avrebbe ridotto l'area in pericolo di allagare nell'evento dell'evacuazione improvvisa di acqua dal serbatoio. Non sembra che questa richiesta fu tenuta conto di.
22. 4 luglio 2001 un comitato di ufficiali dall'Amministrazione di Vladivostok stese un rapporto che presenta i risultati dell'esame del letto di fiume di Pionerskaya. Il rapporto affermò che la parte del fiume che è incorso all'interno della zona del 300-metre sotto la responsabilità della Società di Acqua era tenuta in modo chiaro, mentre il canale di fiume e floodplain fuori che zona fu coperta con cespugli ed alberi e fece la lettiera con spreco di famiglia e corpi di vecchie macchine. Il rapporto notò anche che proprietari di alloggi privati sulle banche di fiume avevano restretto il canale con accatastando terra nel fiume in un tentativo di allargare la taglia delle loro aree di terra. Terra fu scavata regolarmente inoltre, e rimosse dalle banche di fiume, col risultato che le banche hanno sbriciolato e furono lavate via. Il comitato raccomandò che le autorità municipali chiariscono i cespugli ed alberi dal floodplain, approfondisca il canale, chiaro il letto di fiume e banche di spreco di famiglia e corpi di macchina e ripristina le banche al loro naturale stato.
23. In una decisione di 27 luglio 2001 il Vladivostok Commissione Emergenza istruì le autorità urbane a prendere un numero di misure per ostacolare situazioni emergenza in collegamento con la possibile inondazione di fiumi durante il periodo di estate. Indicò, in particolare, che era necessario verificare la condizione di sistemi di evacuazione di acqua, ponti e letti di fiume e canali, controllare ed attivare il primo sistema di avvertimento controllare se servizi di liberazione erano preparati per situazioni di inondazione ed equipaggiarli con vuole dire di comunicazione. È poco chiaro se qualsiasi simile misure furono prese.
B. Eventi all’agosto 2001
1. Previsione del tempo per il 7 agosto 2001
24. 6 agosto 2001 a 1.45 di sera un servizio meteorologico e regionale spedì un avvertimento di temporale per 7 agosto 2001 al Primorskiy regionale ed il Vladivostok autorità urbane. Affermò che pioggia pesante di 100-120 millimetri si fu aspettata nella Regione di Primorskiy e la città di Vladivostok. In particolare, per 7 agosto 2001 la previsione di servizio precipitazione pesante di 15-49 millimetri entro 12 ore che continuerebbero in tutto il giorno 8 agosto 2001 e per la notte. L'avvertimento affermò anche che c'era un rischio di inondazioni su fiumi nel sud della regione. Nell'osservazione del Governo, la popolazione era stata preavvisata debitamente della pioggia pesante coi media.
25. Sulla stessa data, sulla base dell'avvertimento summenzionato la Società di Acqua calcolò che l'afflusso di acqua al serbatoio di Pionerskoye che aveva una capacità di memoria di massimo di 7 milioni di metri cubici e quali 6 agosto 2001 contenne 5.3 milioni di metri cubici, sarebbe 1.65 milioni di metri cubici. Avendo riguardo ad a questi calcoli, la Società di Acqua cominciò a rilasciare al secondo 12 metri cubici di acqua dal serbatoio.
2. Le condizioni meteorologiche del 7 agosto 2001 e la situazione al serbatoio di Pionerskoye
26. 7 agosto 2001 cominciò a piovere di mattina presto. L'intensità della pioggia provò molto essere più alto che preveda col servizio meteorologico il giorno precedente. L'importo di pioggia sul quale incorse che giorno era l'equivalente della pioggia di un pieno mese. In particolare, entro una 12-ora periodo l'importo di pioggia che è incorsa nell'area del totalled di serbatoio di Pionerskoye 236 a 276 millimetri. La pioggia era più pesante fra 10 di mattina e 12 mezzogiorno, quando il pelle di 189 millimetri.
27. Fino a 9 di mattina 7 agosto 2001, acqua fu rilasciata al secondo dal serbatoio di Pionerskoye al tasso di 12 metri cubici.
28. Alle 9 di mattina la Società di Acqua aumentò al secondo il tasso a 22.8 metri cubici.
29. A 9.30 di mattina la Società di Acqua aumentò al secondo la liberazione di acqua a 44.6 metri cubici e continuò ad aumentarlo ogni metà un'ora. Entro 11.30 il tasso di evacuazione era al secondo 122 metri cubici.
30. Fra 12 mezzogiorno e 2 di sera l'evacuazione di acqua rimase al secondo al suo tasso di massimo di 167 metri cubici.
31. Alle 2 di sera la Società di Acqua decrebbe al secondo il tasso di liberazione a 119 metri cubici, poi a 3 di sera a 109 metri cubici al secondo, ed a 6.30 di sera in giù a 90 metri cubici al secondo.
3. Inondazione di 7 agosto 2001
32. Secondo i richiedenti, una grande area circa il serbatoio fu allagata immediatamente a causa della liberazione urgente di una grande quantità di acqua dal serbatoio di Pionerskoye 7 agosto 2001, incluso l'area dove i richiedenti risieddero. Nei richiedenti l'osservazione di ', l'acqua arrivò e colorò di rosa molto rapidamente a del punto fra 11 di mattina e 12 mezzogiorno.
33. Secondo i richiedenti, nessun avvertimento emergenza era stato dato di fronte all'inondazione. Il Governo si riferì ad una lettera del Settore Principale del Ministero russo per Situazioni Emergenza nella Regione di Primorskiy, 11 settembre 2009 datato, all'effetto che al tempo attinente non era stato sistema di avvertimento emergenza e locale a posto al serbatoio di Pionerskoye.
34. Secondo il primo richiedente, un invalido, sulla data in oggetto lei era a casa e fondò fuori dell'inondazione da sua figlia e nipote che vennero correndo al suo appartamento per aiutarla fuori ad un posto sicuro. Nel momento in cui la sua casa li raggiunse, l'acqua cominciò a sorgere rapidamente, e col tempo i suoi parenti l'avevano aiutata fuori sopra il tetto dell'edificio, l'acqua era giunta a livello di vita nell'appartamento e molto era stata più profonda nel cortile. Nell'osservazione del primo richiedente, la sua casa e belongings, sbarchi, capanne e due macchine furono allagate.
35. Il secondo richiedente non era a casa che giorno siccome lei era a lavoro. Il suo disabile fratello che era a casa durante l'inondazione le disse evidentemente più tardi che alle approssimativamente 12 acqua di mezzogiorno cominciò a sorgere dalla cantina ed entro 15-20 minuti l'alloggio fu allagato. Secondo il secondo richiedente, alcuno del suo belongings furono lavati fuori dell'alloggio ed alcuni danneggiati con l'acqua che rimase nell'alloggio per del tempo.
36. Il terzo richiedente era a casa col suo 21-mese-vecchio figlio quando l'appartamento fu allagato immediatamente. Lei maneggiò vestire il ragazzo e scappare, mentre passando a guado seno-profondo ad un vicino autostradale che a che punto non era stato allagato ancora; da là lei portò un autobus ad un posto sicuro. Presto dopo che il terzo richiedente aveva lasciato, tutti i motorways nel vicinato furono sommersi e le linee di trasporto pubbliche disgregarono. Nell'osservazione del terzo richiedente, la sua proprietà fu danneggiata severamente con l'inondazione.
37. Il quarto richiedente, la suocera del terzo richiedente era a lavoro quando accadde l'inondazione. Lei restituì di sera a casa e, secondo lei, l'angoscia grave e subita quando lei trovò la sua nuora e nipote che perde e la sua casa e proprietà rovinarono.
38. Il quinto richiedente era a lavoro quando accadde l'inondazione. Suo figlio, A. B. che era stato a casa al tempo gli disse che che era accaduto. Secondo A. B., a circa 11.30 di mattina lui ascoltò il suono di bollire acqua nella cantina e poi acqua di sega che si incontra dalla strada con la cantina. Lui guardò fuori nel cortile e comprese che il livello di acqua stava sorgendo digiuno. Lui tentò di lasciare ma non era capace di aprire la porta anteriore perché l'acqua nella strada era già di 1.30 metri alto. A. B. saltò poi per una finestra nella strada allagata, dove era livello di spalla sopra l'acqua. Lui nuotò ad un capannone vicino, per bollendo acqua fra belongings della famiglia, assi, tronchi e l'altra figliata. Lui riuscì a scalare sopra il tetto del capannone e sega l'acqua che agita distrugge capannoni e recinti, mentre persone che gridano in panico nuotarono a qualsiasi posti elevati ai quali loro potrebbero arrivare. Secondo il quinto richiedente, quando lui restituì di sera a casa l'acqua già si era abbassata. Nella sua osservazione, il suo alloggio ed i suoi contenuti e la sua terra, capanne e macchina erano tutta danneggiate con l'acqua.
39. Il sesto richiedente ed il suo 19-anno-vecchio figlio erano a casa quando l'inondazione cominciò. Loro aprirono la porta alla strada e la loro casa fu allagata immediatamente con acqua. Loro si precipitarono fuori nella strada, dove entro 15 minuti l'acqua era sorta affrontare altezza. Secondo il sesto richiedente, lei era in un stato di colpo, siccome lei non potesse nuotare. Suo figlio nuotò via e portò una scala che li abilitò per scalare sopra il tetto di un garage. Nell'osservazione del sesto richiedente, il suo alloggio e belongings, terra e capanne erano tutte allagate.
40. Come lontano siccome può essere accertato dalle parti le osservazioni di ', l'acqua nei primi quattro richiedenti gli appartamenti di ' giunsero ad un'altezza di 1.20 metri; nella casa del quinto richiedente il livello era fra 1.30 e 1.80 metri e nell'appartamento del sesto richiedente, 1.50 metri. Secondo i richiedenti, l'acqua rimase a quelli livelli per verso un giorno.
4. Operazione di soccorso
41. Secondo i richiedenti, nessuna evacuazione della popolazione dall'area allagata era stata organizzata seguente l'inondazione di 7 agosto 2001. Nella loro osservazione, loro avevano dovuto trovare il loro proprio modo alla sicurezza, e successivamente affrontare le conseguenze dell'inondazione da solo.
42. I documenti presentati col Governo indicano che con una decisione di 7 agosto 2001 il Vladivostok che Commissione Emergenza ha ordinato che un numero di misure di liberazione sia eseguito. Una decisione simile fu impiegata 8 agosto 2001 con la Commissione Emergenza della Regione di Primorskiy.
43. Secondo il Governo, quelli colpiti con l'inondazione erano stati evacuati, ed erano stati previsti con cibo ed alloggio a centri di alloggio provvisori. Anche, fornisca di personale dai vari servizi di liberazione era stato spedito all'area allagata.
44. In una lettera di 14 agosto 2001 il Settore di Vladivostok per Commercio e Servizi Nazionali riportati al Vladivostok Commissione Emergenza sulle misure prese di periodo da 7 a 13 agosto 2001 per offrire quelli colpiti con l'inondazione ed il personale prese parte nell'operazione di liberazione con cibo e bevendo acqua.
C. indagine Penale nell'incidente del 7 agosto 2001
1. Indagine nella causa n. 916725
45. 9 agosto 2001 l'ufficio dell'accusatore di Vladivostok aprì un'indagine penale in collegamento con l'inondazione di 7 agosto 2001. A del punto procedimenti penali furono portati contro il Sig. L., il direttore della Società di Acqua su sospetto del suo avere commesso un punibile di reato sotto Articolo 293 (1) del Codice Penale russo (negligenza professionale). La causa fu assegnata il numero 916725.
46. Con due decisioni di 21 settembre 2001 l'investigatore in accusa dichiarò il primo richiedente vittima e rivendicatore civile, nella causa. Sembra che a del punto il secondo, quarto quinto e sesto richiedenti furono accordati anche status di vittima. I sesto e quinto richiedenti furono informati rispettivamente delle decisioni attinenti in lettere dal Settore di Vladivostok del 2 luglio datato ed Interno e 27 settembre 2002.
47. 21 settembre 2001 l'investigatore in accusa ispezionò la scena dell'incidente al domicilio del primo richiedente e l'interrogò. Il primo richiedente affermò che lei aveva passato il giorno di 7 agosto 2001 a casa. Stava piovendo ma non c'era stata per prima acqua nel cortile. Alle approssimativamente 11 di mattina un'onda di acqua aveva scopato in dalla direzione del serbatoio di Pionerskoye ed entro 15-20 minuti il livello di acqua era sorto a due metri. Disse il primo richiedente che c'era stato nessuno antecedente l'avvertimento di qualsiasi l'evacuazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. Lei affermò inoltre che lei viveva nel suo appartamento da 41 anni e non era stato avvertito mai che l'appartamento fu localizzato in una zona di inondazione. Questo era la prima volta che era successa inondazione così di grande potenza. Lei elencò anche la proprietà persa nell'inondazione ed indicò il suo valore.
48. Sulla stessa data l'investigatore in accusa ispezionò la scena dell'inondazione al domicilio del quinto richiedente. Il rapporto che consegue attestò, in particolare, alla presenza di tracce sui muri ad un'altezza di 1.8 metri, lasciò con acqua che rimaneva nei locali dall'un periodo prolungato. L'investigatore interrogò anche il quinto richiedente che affermò che lui era andato via da casa quando era accaduta l'inondazione ed era stata informata dell'evento con suo figlio. Che giorno che lui era ritornato a casa a 6 di sera e l'acqua già si era abbassato. Disse anche il quinto richiedente che c'era stato nessuno antecedente l'avvertimento di qualsiasi l'evacuazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. Lui viveva nell'alloggio da 41 anni e non era stato avvertito mai che fu localizzato in una zona di inondazione. Il quinto richiedente elencò anche la proprietà persa nell'inondazione ed indicò il suo valore.
49. A del punto le autorità inquirenti interrogarono il secondo richiedente che affermò che lei viveva nel suo appartamento da 60 anni e che era solamente durante la scorsa decade che l'edificio nel quale lei visse era stato allagato regolarmente che lei spiegò con l'assenza di fognature corrette lungo le strade ed il fatto che il fiume di Pionerskaya fu fatto la lettiera ed ostruì con strutture non autorizzate. Lei spiegò che ad approssimativamente 12 mezzogiorno, acqua aveva cominciato a sorgere dalla cantina dell'edificio nella quale lei visse e riempì il suo appartamento entro 15-20 minuti 7 agosto 2001. C'era stato nessuno antecedente avvertimento che riguarda qualsiasi l'evacuazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye e lei non aveva visto qualsiasi ufficiali dal distretto o autorità di città 7 o 8 agosto 2001. Lei indicò l'importo del danno patrimoniale del quale lei aveva sofferto come un risultato dell'inondazione.
50. Il quarto richiedente fu interrogato anche come un testimone e fece dichiarazioni orali simili a quelli del secondo richiedente.
51. 25 gennaio 2003 le autorità inquirenti ordinarono che i procedimenti penali contro il Sig. L. che debbano all'assenza degli elementi costituenti di un reato penale nelle sue azioni siano cessati. Secondo la decisione, l'indagine preliminare aveva stabilito, che a causa di piogge insolitamente pesanti 7 agosto 2001 il livello di acqua nel serbatoio di Pionerskoye era stato vicino a critico, col risultato che c'era un vero rischio di un diga rompere che avrebbe potuto chiedere vite numerose e danno patrimoniale esteso e causato e che nell'ordinare l'evacuazione di acqua dal serbatoio il Sig. L. aveva agito all'interno di competenza sua e nella piena ottemperanza con le regolamentazioni attinenti ed aveva ostacolato così danno più esteso ai residenti di Vladivostok. Allo stesso tempo, secondo un rapporto competente di 24 gennaio 2003 (veda divide in paragrafi 72-80 sotto), la ragione principale per l'inondazione di 7 agosto 2001 era stata lo stato povero del canale del fiume di Pionerskaya, ed in particolare il fatto che era stato coperto con alberi e cespugli ed era stato ostruito con le varie strutture. 24 gennaio 2003 le autorità inquirenti ordinarono di conseguenza che procedimenti penali e separati siano portati sotto Articolo 286 (1) del Codice Penale russo (abuso di potere) contro ufficiali del Vladivostok municipale ed il Primorskiy autorità regionali in quel il collegamento.
2. Indagine nella causa n. 292025
(a) Indagine nel 2003-2004
52. 28 gennaio 2003 l'ufficio dell'accusatore di distretto del Distretto di Leninskiy di Vladivostok (“l'ufficio dell'accusatore di distretto”) portò procedimenti penali in causa n. 292025 contro ufficiali del Vladivostok municipale e Primorskiy autorità regionali sotto Articolo 286 (1) del Codice Penale russo (abuso di potere) su sospetto su loro avendo, in eccesso del loro potere aree assegnate di terra per costruzione di alloggio individuale all'interno di una zona di protezione di acqua del fiume di Pionerskaya. L'archivio di causa fu dato il numero 292025.
53. In lettere di 11 giugno e 9 agosto 2004 rispettivamente l'ufficio dell'accusatore della Regione di Primorskiy (“l'ufficio dell'accusatore regionale”) informato il secondo e quarto richiedenti che l'indagine in causa n. 292025 che avevano dovuto ripetutamente alla mancanza erano stati sospesi di qualsiasi prova di un crimine e poi riaprì, e che sulle due più recenti occasioni era stato sospeso ed era stato ricapitolato rispettivamente 5 marzo e 11 giugno 2004.
(b) Decisione di 20 luglio 2004
54. 20 luglio 2004 le autorità inquirenti cessarono i procedimenti in causa n. 292025, riferendosi alla mancanza di prove che un crimine era stato commesso.
55. La decisione affermò che, nella conformità con una regolamentazione governativa ed applicabile, una zona di protezione di acqua dovrebbe essere delimitata nello sviluppo generale di una città progetti o, nell'assenza di tale piano, dovrebbe essere stabilito con un'autorità amministrativa e regionale. Inoltre, nella conformità con la costruzione attinente decide e regolamentazioni, costruzione di edifici residenziali e non-residenziali e, in particolare, l'allocazione di aree di terra per alloggio costruire individuale, fu proibito in protezione di acqua suddivide in zone (водоохранные зоны) così come in zone di rischio di inondazione catastrofiche (зоны возможного катастрофического затопления). Queste zone seconde furono definite come aree dove livelli di acqua durante un'inondazione potessero giungere a 1.5 metri e dove allagando potesse provocare morte, potrebbe distruggere edifici residenziali e non-residenziali e potrebbe disabilitare attrezzatura industriale.
56. La decisione notò, con riferimento alle sentenze dell'indagine che quando il serbatoio di Pionerskoye era stato costruito nel 1936, nessuna zona di rischio di inondazione grave era stata delimitata nell'area adiacente come nessuno metodi esistiti in Russia per identificare simile zone sino agli anni novanta. Fu affermato nella decisione che un tentativo di identificare simile zone nella città di Vladivostok era stato preso a del punto negli anni novanta, quando un'agenzia competente fu commissionata per preparare un studio di fattibilità sul “Protezione della Città di Vladivostok da Inondazioni”, nel contesto del programma federale per la protezione di territori da tifoni ed inondazioni. Il documento risultante non era stato registrato debitamente comunque, con l'autorità Statale e competente ed era rimasto così inefficace e non poteva essere preso in considerazione nell'elaborare città che progetta restrizioni. Di conseguenza, nessuno zone di inondazione potenziali o zone di rischio di inondazione catastrofiche, incluso la valle di fiume di Pionerskaya mai era stato delimitato nella città dello sviluppo generale di Vladivostok progetti.
57. La decisione affermò anche che nessuno zona di protezione di acqua mai era stato marcato nello sviluppo generale della città progetti uno. L'Amministrazione della Regione di Primorskiy che con virtù della regolamentazione governativa e summenzionata (veda paragrafo 55 sopra) era stato sotto obbligo per stabilire simile zone, non era riuscito ripetutamente a fare così nonostante richieste dalle agenzie Statali e competenti, col risultato che regolamentazioni città imponente che progetta restrizioni, particolarmente quelli che restringono costruzione di alloggi individuali all'interno di simile zone, era rimasto non operante. Non finché 4 settembre 2000 infine aveva il Governatore della Regione di Primorskiy adottato un decreto che stabilisce una zona di protezione di acqua che ha incluso la valle di fiume di Pionerskaya. Il decreto costretto le autorità di Vladivostok a delimitare zone di protezione di acqua nello sviluppo generale della città progetta, ma l'istruzione non fu seguita come sé avrebbe inteso aggiornamento che il piano che a turno avrebbe inteso conducendo una valutazione di impatto ecologica del piano. Secondo la decisione di 20 luglio 2004, l'Amministrazione di Vladivostok non aveva presentato ancora lo sviluppo generale della città progetti con zone di protezione di acqua marcate su sé all'Amministrazione della Regione di Primorskiy per valutazione di impatto.
58. Nella luce delle sentenze sopra, la decisione concluse, che prima di 4 settembre 2000, quando nessuno zone di protezione di acqua erano state stabilite col Primorskiy autorità regionali qualsiasi città che progetta restrizioni riguardo alle attività di costruzione in simile zone era stata non operante, non si poteva dire che ufficiali del Vladivostok Adminsitration abbiano ecceduto i loro poteri, quando assegnando aree di terra sulle banche del fiume di Pionerskaya a quel il tempo. Dopo che data, nessuno aree di terra erano state assegnate entro quel la zona. La decisione confermò così che tutte le proprietà sulle banche del fiume di Pionerskaya che era stato allagato 7 agosto 2001, incluso gli edifici nei quali vissero i richiedenti erano state costruite prima 4 settembre 2000, quel è, legalmente.
59. Affermò anche che alle attività di costruzione lungo il fiume di Pionerskaya nell'area fu concesso a valle del serbatoio attualmente all'interno dei limiti del luogo dove edifici già esisterono, che nessuno zone dove costruzione nuova fu proibita fu delimitato nella città dello sviluppo generale di Vladivostok progetta, che nessuna demolizione o trasferimento di edifici prima costruiti fu progettato, e che i proprietari ed affittuari di quegli edifici ed aree di terra furono dati un titolo ad usare e sbarazzarsi di loro, ed in particolare costruire edifici nuovi nel posto di vecchi uni.
60. La decisione affermò anche che non c'erano nessuno strumenti legali o documenti operazioni di pulizia governante nell'a valle area del canale di fiume di Pionerskaya. Anche, secondo la decisione, fin da 2001 il Settore Principale per l'Amministrazione di Risorse naturale e Protezione Ambientale nella Regione di Primorskiy (“la Risorse naturale Autorità”) stava facendo ispezioni annuali del canale di fiume di Pionerskaya. I risultati rivelarono che la Società di Acqua aveva chiarito la parte del canale di fiume vicina il serbatoio di Pionerskoye; ma l'area a valle di che zona fu chiarita solamente sporadicamente con le persone che vivono là. La decisione affermò inoltre che in prospettiva del bisogno di tenere il canale del fiume di Pionerskaya chiaro la Risorse naturale Autorità aveva presentato suggerimenti all'Amministrazione della Regione di Primorskiy riguardo a misure per essere preso riguardo al fiume di Pionerskaya nel 2002, 2003 e 2004, incluso lavoro di pulizia. Non indicò se quelli suggerimenti erano stati accettati ed erano stati implementati.
61. La decisione seguì a notare che il serbatoio di Pionerskoye appartenne alle autorità regionali e fu operato con la Società di Acqua. Sotto il diritto nazionale, il proprietario del serbatoio ed il corpo che l'azionano sia responsabile per assicurare il suo sfruttamento sicuro. Di conseguenza, le autorità della Regione di Primorskiy e la Società di Acqua erano sotto obbligo per garantire l'evacuazione sicura di acqua dal serbatoio che intese assicurando la veste di produttività necessaria del canale di fiume sotto la diga. La decisione affermò inoltre che, secondo il decreto governativo ed attinente, il mantenimento tecnico e sanitario corretto di serbatoi ed uso di risorse di acqua rispettò articoli dello sfruttamento di serbatoi per essere elaborato coi proprietari dei serbatoi o i corpi che li azionano. Era il proprietario del serbatoio di Pionerskoye ed il corpo che l'azionano chi era responsabile per progettando ed eseguire misure per assicurare il suo funzionando corretto.
(c) Indagine nel 2009-2010
62. A seguito della decisione di 20 luglio 2004, l'indagine rimase sospesa sino ad in ritardo 2009.
63. Con una decisione di 23 settembre 2009 l'ufficio dell'accusatore regionale ordinò che i materiali di causa penale n. 292025 siano spediti al reparto di indagine del Distretto di Leninskiy di Vladivostok (“il reparto di indagine di distretto”) per esame, con una prospettiva ad accantonando la decisione di 20 luglio 2004 con la quale i procedimenti penali nella causa erano stati cessati. La decisione di 23 settembre 2009 determinato, in particolare, che la decisione di 20 luglio 2004 era stata infondata, siccome non aveva reso l'indagine qualsiasi valutazione delle autorità di Vladivostok l'insuccesso di ' a chiaro e pulisce il canale di fiume di Pionerskaya, o l'insuccesso della città di Vladivostok ed il Primorskiy autorità regionali per delimitare protezione di acqua e sponda suddivide in zone nella città dello sviluppo generale di Vladivostok progetti, determinare la condizione giuridica della terra adiacente al fiume di Pionerskaya, attenersi con le regolamentazioni che governano lo sfruttamento di che terra e fare i cambi necessari allo studio di fattibilità sul “Protezione della Città di Vladivostok da Inondazioni” così che infine divenne operativo.
64. In una decisione di 5 ottobre 2009 il reparto di indagine di distretto rifiutò di accantonare la decisione di 20 luglio 2004.
65. 28 ottobre 2009 l'ufficio dell'accusatore regionale spedì una richiesta simile al reparto di indagine della Regione di Primorskiy. Sembra che i secondi istruirono il reparto di indagine di distretto a re-aprire l'indagine in causa n. 292025.
66. 2 dicembre 2009 il reparto di indagine di distretto riprese i procedimenti nella causa.
67. Con una decisione di 9 febbraio 2010 il reparto di indagine di distretto cessò i procedimenti che devono alla mancanza di prove di un crimine. Una copia di questa decisione non è stata presentata alla Corte.
68. 12 marzo 2010 l'ufficio dell'accusatore di distretto invitò il reparto di indagine di distretto ad accantonare la decisione di 9 febbraio 2010 come illegale. Sulla data dell'osservazione del Governo delle loro ultime osservazioni nella causa presente ad ottobre 2010, la richiesta di 12 marzo 2010 sembra ancora essere stata pendente.
69. Il Governo non presentò una copia dell'archivio di indagine in causa n. 292025 nonostante la specifica richiesta della Corte per loro per fare così. Loro affermarono che la causa in oggetto era nelle mani dell'ufficio dell'accusatore regionale e l'Ufficio dell'Accusatore Generale.
D. indagini Competenti
70. Sembra che almeno tre esami competenti furono eseguiti nel contesto dell'indagine in causa n. 916725. I risultati furono riflessi in rapporti datò rispettivamente 15 maggio ed il 2002 e 24 gennaio 2003 di 29 settembre. Alla Corte non è stata fornita una copia del rapporto di 15 maggio 2002 e non è stata saputa dei suoi contenuti. Né la Corte ha ricevuto una copia del rapporto di 29 settembre 2002, benché il Governo si appellasse grandemente su che rapporto nelle loro osservazioni. I richiedenti hanno presentato una copia del rapporto di 24 gennaio 2003.
1. Rapporto competente del 29 settembre 2002
71. Nell'osservazione del Governo, questo rapporto affermò, che a causa delle condizioni meteorologiche ed eccezionali 7 agosto 2001, quando la pioggia effettiva eccedè molte volte la previsione di importo, non era stato possibile evitare un'evacuazione di grande potenza ed improvvisa di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. Secondo il Governo, il rapporto affermò inoltre, che le azioni della Società di Acqua sulla data in oggetto era stato in ottemperanza con regolamentazioni attinenti ed aveva corretto, ed in particolare il regime di liberazione di acqua scelto con la Società di Acqua su che giorno era stato vicino ad ottimale. 7 agosto 2001 fra 12 mezzogiorno e 2 di sera l'evacuazione di acqua rimase al secondo al suo tasso di massimo di 167 metri cubici secondo il rapporto. Nell'osservazione del Governo, se il serbatoio di Pionerskoye non fosse esistito, acquazzoni avrebbero allagato al secondo alla bocca del fiume di Pionerskaya ad un tasso di massimo di 440 metri cubici.
2. Rapporto competente del 24 gennaio 2003
72. Un esame competente dell'area allagato 7 agosto 2001 fu eseguito fra il 2002 e 24 gennaio 2003 di 21 maggio.
73. Il rapporto risultante, 24 gennaio 2003 datato fu concesso “Sull'inondazione di oggetti non-residenziali e residenziali nell'area a valle di [il serbatoio di Pionerskoye]... come un risultato dell'evacuazione di rainwater col serbatoio su [7 agosto 2001].” Descrisse il sistema per evacuare acqua di eccesso dal serbatoio di Pionerskoye siccome comprendendo un canale di scarico aperto con una chiusa situò sotto il livello di acqua normale, ed un canale di scarico di sifone. La veste di produttività di massimo di ognuno dei due canali di scarico era al secondo uguale a 200 metri cubici. Secondo la documentazione tecnica del serbatoio di Pionerskoye, acqua di eccesso normalmente dovrebbe essere evacuata per il canale di scarico aperto con azionando la chiusa. Il canale di scarico di sifone si attiverebbe automaticamente solamente se il livello di acqua ancora stesse sorgendo quando la chiusa era completamente aperta.
74. Il rapporto spiegò l'aumento improvviso nel livello di acqua nel serbatoio 7 agosto 2001 con la pioggia insolitamente pesante su che giorno che molto era stato più pesante della previsione mentre facendolo necessario evacuare acqua. Confermò che il tipo di allagare quel accadde su che era pensato che giorno accadesse solamente una volta per secolo.
75. Il rapporto notò anche il danno esteso causato con l'inondazione, mentre elencando in particolare gli edifici residenziali che erano stati allagati vicino il fiume di Pionerskaya, incluso quegli in che vissero i richiedenti ed indicò che su molta dell'area allagata l'acqua era stata 1.5 a 2 metri profondo.
76. Il rapporto confermò inoltre che il letto di fiume fu coperto con vegetazione e fece la lettiera con spreco di famiglia che il suo corso era stato alterato significativamente con attività umana e che un numero di costruzioni non autorizzate, incluso ponti di strada e passerelle era stato costruito, mentre riducendo la sua veste di produttività.
77. Il rapporto concluse che il personale della Società di Acqua aveva fatto bene nell'evacuare l'acqua dal serbatoio di Pionerskoye 7 agosto 2001. In particolare, dopo avere aperto parzialmente la chiusa del canale di scarico aperto per un po' di tempo, il personale aveva aperto poi completamente il cancello. Comunque, l'acqua evacuata aveva fluito in giù il fiume nella forma di un'onda che era ingrandita il suo effetto distruttivo e la presenza di detriti e costruzioni nel floodplain aveva contribuito notevolmente a sollevando il livello di acqua durante l'inondazione. In particolare, la presenza di ponti e condutture di servizio a dei punti sul fiume di Pionerskaya aveva aumentato il livello di acqua con su a 1.5 metri che erano stati la ragione principale per la distruzione di una strada e binario fa un ponte su alla bocca del fiume.
78. Il rapporto affermò anche che sotto la pianificazione attinente e sviluppo decide e regolamentazioni che governano accordi urbani e rurali, territori dove edifici residenziali e non-residenziali erano stati costruiti o erano stati costruiti dovrebbe essere protetto da inondazioni di proporzioni di una volta-un-secolo piaccia quello 7 agosto 2001. Le stesse regolamentazioni proibirono la costruzione di vari edifici in zone di rischio di inondazione catastrofiche.
79. Il rapporto seguì a notare che l'istruzione per lo sfruttamento del serbatoio di Pionerskoye lo fece chiaro che a nessuno costruzioni dovrebbe essere permesso nell'area del serbatoio senza misure che sono prese proteggere a valle che area da inondazioni. Secondo la città dello sviluppo generale di Vladivostok progetti, non ci dovrebbe essere a valle sviluppo di edificio nell'area del serbatoio di Pionerskoye; qualsiasi alloggio individuale così come installazioni ricreativi ed industriali localizzarono in che area dovrebbe essere demolita perciò o dovrebbe essere trasferita.
80. Il rapporto concluse inoltre che ogni sviluppo di edificio nell'area era stato a valle del serbatoio dal suo molto inizio, e stava essendo, eseguì in violazione degli standard tecnici ed attinenti e la città dello sviluppo generale di Vladivostok progetti. Aggiunse che l'aumento continuo nella densità di costruzioni nell'area a valle del serbatoio nell'assenza di qualsiasi misure per proteggere l'area da inondazioni condussero a perdite aumentate quando accaddero inondazioni.
E. corpi Amministrativi che ' risponde ai richiedenti le azioni di reclamo di '
81. Sembra che 11 agosto 2001 un perpetrazione di ufficiali dall'Amministrazione di Vladivostok stese un rapporto che presenta i risultati dell'ispezione dell'appartamento dove i terzo e quarto richiedenti vissero. Il rapporto elencò in dettaglio le proprietà danneggiate e determinato che il danno risultante corrispose a 486,000 rubli russi (“RUB”, approssimativamente 11,500 euro, “EUR”).
82. 14 agosto 2001 un rapporto simile fu disegnato su seguendo l'ispezione con la stessa autorità della casa del quinto richiedente. Il rapporto confermò che l'alloggio del quinto richiedente, i suoi contenuti, le capanne e terra e due macchine erano stati danneggiati come un risultato dell'inondazione, ed indicò che il danno corrispose Strofinare 200,000 (verso EUR 4,700). Menzionò anche che durante l'inondazione l'acqua nell'alloggio del quinto richiedente era giunta ad un livello di 1.3 metri.
83. Nella loro replica di 19 settembre 2001 ai terzo e quarto richiedenti l'azione di reclamo di ', l'Amministrazione di Vladivostok affermò che secondo le informazioni a disposizione loro, il fattore umano aveva avuto un ruolo nell'inondazione di 7 agosto 2007, siccome l'acqua non era stata rilasciata dal serbatoio finché una situazione critica era emersa dove un grande volume di acqua doveva essere evacuato urgentemente per salvare la diga. La lettera affermò inoltre che il lavoro fatto con le autorità urbane per chiarire il canale di fiume non aveva aiutato ad impedire agli alloggi e le altre strutture dell'essere allagato perché l'evacuazione di acqua della Società di Acqua era stata improvvisa e massiccia, col risultato che anche lungomare concreti e speciali del canale di sbocco di diga erano stati rotti. La lettera seguì a dire che il serbatoio era la proprietà delle autorità regionali e perciò il Vladivostok autorità urbane non avevano nessun potere per rampognare personale della Società di Acqua. Comunque, procedimenti penali erano stati portati in collegamento col danno patrimoniale subito con residenti di Vladivostok e la disgregazione di linee di trasporto durante le piogge pesanti e l'evacuazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye del quale dovrebbe condurre alla punizione quelli responsabile. Anche, l'Amministrazione del Distretto di Sovetskiy aveva registrato una rivendicazione civile che richiede che le azioni della Società di Acqua siano trovate illegali. Infine, la lettera affermò che il risarcimento per danno patrimoniale sarebbe stato solamente possibile dal bilancio federale (una richiesta a che effetto già era stato spedito al Governo russo) e da compagnie di assicurazioni.
84. 4 aprile 2002 il Governo russo ordinò che finanziamenti siano assegnati per lavoro di restituzione nell'area allagata su 7 agosto 2001 ed appoggio finanziario alle vittime dell'inondazione. Con un decreto di 29 aprile 2002 il Governatore della Regione di Primorskiy ordinò la distribuzione dei finanziamenti assegnata col Governo. Secondo il Governo, il primo richiedente ricevuto un prezzo globale di Strofina 14,000 (verso EUR 350) ed i richiedenti rimanenti che ognuno ha ricevuto Strofinano 1,000 (verso EUR 25) in appoggio finanziario. Secondo il Governo, le vittime dell'inondazione potevano anche, ognuno ha ricevuto tre tonnellate di carbone con un 50% sconto.
85. Con una lettera di 20 maggio 2002 il Settore Principale per Difesa Civile e Situazioni Emergenza della Regione di Primorskiy informò il secondo richiedente che finora nessun lavoro era stato portato fuori per riparare le conseguenze dell'inondazione.
86. 8 agosto 2002 l'ufficio dell'accusatore regionale spedì una richiesta (l'ïðåäñòàâëåíèå) al capo dell'Amministrazione di Vladivostok. Un'indagine con l'ufficio dell'accusatore aveva stabilito che sull'anno passato le autorità urbane non avevano preso qualsiasi misure per rimediare alle conseguenze dell'inondazione di 7 agosto 2001 e, in particolare, che il fiume di Pionerskaya rimase fatto la lettiera abbondantemente con famiglia e l'altro detriti, incluso i grandi frammenti di strutture concrete distrutti durante l'inondazione così come legno e limo. L'ufficio dell'accusatore seguì a dire che le autorità urbane l'inattività di ' stava mettendo le vite delle persone che vivono lungo il fiume in pericolo, poiché in prospettiva della pioggia pesante in luglio-agosto 2002 ed il bisogno di evacuare acqua dal serbatoio di Pionerskoye, era un vero rischio di un'inondazione simile a che di 7 agosto 2001. L'ufficio dell'accusatore esortò così le autorità urbane ad eseguire lavoro di pulizia ed informarlo dei risultati entro un mese.
87. In lettere simili di 11 giugno e 9 agosto 2004 l'ufficio dell'accusatore regionale notificò rispettivamente, i quarto e secondo richiedenti dello status dei procedimenti in cause N. 916725 e 292025 e determinato che, seguendo le sue richieste di 2002, lavoro era stato eseguito per pulire il fiume di Pionerskaya, finanziato col bilancio regionale. Anche, gli ulteriori finanziamenti sarebbero assegnati per lavoro di protezione di inondazione nell'area vicino al fiume di Pionerskaya. Il quarto richiedente fu informato anche del suo diritto per essere dichiarato un rivendicatore civile in causa penale n. 292025, e chiese il risarcimento per il danno patrimoniale del quale lei aveva sofferto come un risultato dell'inondazione di 7 agosto 2001.
88. 7 luglio 2004 l'ufficio dell'accusatore regionale rispose inoltre al quarto richiedente che un'indagine competente aveva confermato che l'edificio nel quale lei visse era in un stato difettoso seguente l'inondazione e quel ripari lavoro era necessario. Secondo la lettera, l'Amministrazione di Vladivostok si aveva chiesto a fare il lavoro.
89. In un rapporto che lavora di 23 novembre 2004 il capo del Settore di Vladivostok per Difesa Civile e Situazioni Emergenza informò il capo aggiunto del Vladivostok Commissione Emergenza che i quartieri residenziali vicino il fiume di Pionerskaya fu allagato durante temporali pesanti regolarmente perché il fiume era pieno di figliata ed ostruì con terra scaricata in sé per lavoro di costruzione, così come l'assenza o stato povero di prosciugamento lungo le strade nell'area affettata, incluso Strada di Semiradskiy. Una serie di misure fu avuta bisogno di proteggere la città di Vladivostok da inondazioni e, in particolare, chiarire il fiume di Pionerskaya e dotare le strade nell'area vicino il fiume di un sistema di prosciugamento corretto.
90. In una lettera di 7 febbraio 2005 il Settore Principale per Difesa Civile e Situazioni Emergenza della Regione di Primorskiy notificò il secondo richiedente dell'allocazione in 2004 di finanziamenti per lavoro riparare le conseguenze dell'inondazione di 7 agosto 2001. Secondo la lettera, il lavoro fu elencato per maggio-giugno 2005.
91. In 11 maggio 2005, l'ufficio dell'accusatore regionale confermò in replica ad un'azione di reclamo dal secondo richiedente, che l'Amministrazione di Vladivostok era andata a vuoto così lontano a prendere qualsiasi misure per impedire a Strada di Semiradskiy dell'essere allagato e, in particolare, eseguire il lavoro indicò nel rapporto che lavora di 23 novembre 2004, e che nessuno finanziamenti budgetari erano stati o stavano assegnando per simile lavoro.
92. In una lettera di 6 giugno 2005 l'ufficio dell'accusatore regionale informò inoltre il secondo richiedente che le autorità stavano funzionando attualmente su un progetto di fortificazione per proteggere Vladivostok, incluso l'area vicino il fiume di Pionerskaya, da inondazioni che finanziamenti per il lavoro erano stati assegnati dal bilancio federale e che il lavoro sarebbe completato su orario.
93. 11 luglio 2006 l'Amministrazione di Vladivostok informò il secondo richiedente che nessuno finanziamenti erano stati appropriati per lavoro di pulizia nel fiume di Pionerskaya nel bilancio del 2006.
F. procedimenti Civili
94. I richiedenti portarono cinque set separati di procedimenti civili contro la Regione di Primorskiy e Vladivostok autorità Urbane e-salvi per il secondo e quinto richiedenti-la Società di Acqua, chiedendo danni per la loro proprietà perduta così come il risarcimento per l'angoscia ed angoscia loro avevano subito durante l'inondazione di 7 agosto 2001. Loro dissero che l'inondazione aveva avuto principalmente effetti così devastatori a causa dello stato povero del canale del fiume di Pionerskaya ed il sistema di prosciugamento e le autorità l'insuccesso di ' controllare e chiarirli. I primo e secondo richiedenti riportarono che durante l'inondazione l'acqua nei loro appartamenti era sorta ad un'altezza di 1.2 metri ed era rimasta a che livella per molto tempo. Il quinto richiedente riportò che durante l'inondazione l'acqua in alloggio suo era sorta ad un'altezza di 1.3 metri ed era rimasta a che livello per approssimativamente sei ore. Il sesto richiedente riportò che lei era stata a casa durante l'inondazione e che l'acqua nel suo appartamento era sorta istantaneamente a livello di capo sopra ed era rimasta a che livella per molto tempo.
1. Decisioni delle corti nelle cause del primo, secondo quinto e sesto richiedentd
95. In due sentenze di 27 ottobre 2004, una sentenza di 28 ottobre 2004 ed una sentenza di 14 dicembre 2004, tutti molto simile, la Corte distrettuale di Sovetskiy di Vladivostok (“la Corte distrettuale”) respinse le rivendicazioni portate rispettivamente entro il primo, secondo, quinto e sesto richiedenti. Notò, in particolare, che secondo il rapporto competente di 24 gennaio 2003 l'azione presa con la Società di Acqua in una situazione di pioggia estremamente pesante aveva avuto ragione. La corte si riferì inoltre ad un rapporto competente di 29 settembre 2002 che quale aveva trovato che l'inondazione era stata causata col fatto che il canale di fiume era stato restretto con le varie strutture e cresciuto eccessivamente con vegetazione, mentre l'azione presa con la Società di Acqua nelle circostanze aveva avuto ragione. La corte concluse che sia rapporti competenti suggerirono che la pioggia pesante era stata la causa principale dell'inondazione.
96. La corte si riferì anche alle autorità inquirenti la decisione di ' di 25 gennaio 2003 per cessare procedimenti penali contro il Sig. L., il direttore della Società di Acqua dovendo all'assenza di qualsiasi elementi costituenti di un crimine nelle sue azioni, e la decisione di 5 marzo 2004 di cessare procedimenti penali contro ufficiali della città di Vladivostok e la Regione di Primorskiy per mancanza di prove di un crimine.
97. Notò inoltre che sotto le idrovie di legislazione attinenti come il fiume di Pionerskaya non poteva essere posseduto municipalmente, così non c'era stato obbligo sull'Amministrazione di Vladivostok per assegnare finanziamenti dal bilancio locale per lavoro di pulizia sul fiume. Le autorità di Vladivostok avevano richiesto l'Amministrazione della Regione di Primorskiy per assegnare soldi per il lavoro dal bilancio regionale.
98. La corte concluse così che nessuna colpa potrebbe essere allegata a qualsiasi degli imputati per il danno subito coi richiedenti attinenti che erano stati il risultato di majeur del vigore. Nell'opinione della corte che conclusione è stata corroborata col fatto che seguendo l'inondazione, nel periodo fra 7 e 11 agosto 2001, le autorità avevano dichiarato una situazione emergenza in tutta la città di Vladivostok e non solo nell'area allagata vicino il fiume di Pionerskaya.
99. 29 novembre 2004 il Primorskiy Corte Regionale (“la Corte Regionale”) sostenne su ricorso che la sentenza ha consegnato nella causa del secondo richiedente. Confermò che il Vladivostok autorità urbane non avevano avuto nessun obbligo per chiarire il fiume di Pionerskaya come sé non era proprietà municipale, e che qualsiasi lavoro di pulizia sarebbe dovuto essere portato fuori con la Società di Acqua. La corte seguì a dire che seguì dai due rapporti competenti si appellati su con la corte di primo-istanza che anche se il canale di fiume di Pionerskaya e floodplain erano stati chiariti non poteva essere escluso che gli edifici residenziali vicino il fiume, incluso quello nel quale visse il secondo richiedente sarebbe stato allagato ciononostante, mentre prendendo in considerazione l'intensità eccezionale delle piogge sulla data in oggetto. La corte notò anche che gli imputati avevano proposto aiuto di welfare alle vittime dell'inondazione, incluso il secondo richiedente all'interno dell'importo assegnato per che fine, e che la sua rivendicazione che riguarda danno patrimoniale non era stata sostenuta con qualsiasi prova documentaria ed era perciò non comprovato.
100. Il 2004 e 9 marzo 2005 di 16 dicembre la Corte Regionale sostenne anche su ricorso le sentenze date nel primo, quinto e sesto richiedenti le cause di ', aderendo al ragionamento della corte di prima -istanza.
2. Decisioni delle corti nelle cause del terzo e quarto richiedente
(a) Prima round di procedimenti
101. 25 febbraio 2003 la Corte distrettuale consegnò una sentenza nella causa portata coi terzo e quarto richiedenti. Basò le sue sentenze su rapporti di esperto di 15 maggio ed il 2002 e 24 gennaio 2003 di 29 settembre prodotti nel contesto dell'indagine in causa penale n. 916725 e su altri materiali in quel causa penale.
102. La corte stabilì che il serbatoio di Pionerskoye fu amministrato con la Società di Acqua ed era la proprietà delle autorità regionali. Notò anche che fin da 1995 una speciale-fine programma federali su protezione della Regione di Primorskiy da inondazioni erano stati in progresso, e che era il Primorskiy autorità regionali che avevano richiesto che programma e controllato la ricevuta ed uso dei finanziamenti marchiarono per quel il fine. La corte seguì a dire che i programma avevano previsto lavoro esteso per ricostruire e costruire installazioni di inondazione-protezione in aree abitate, incluso il canale di fiume di Pionerskaya e la costruzione di un canale di evacuazione di acqua.
103. La sentenza affermò inoltre che tutti i tre rapporti competenti summenzionati avevano stabilito che nessuno misure per implementare il programma federale in oggetto erano state prese. Descrisse poi in dettaglio lo stato povero del canale di fiume di Pionerskaya.
104. La corte si riferì anche alla decisione di 6 settembre 1999 in che il Vladivostok Commissione Emergenza aveva esortato le autorità urbane a chiarire il canale di fiume di Pionerskaya (veda paragrafo 16 sopra), ed ad un rapporto con un comitato di ufficiali dall'Amministrazione di Vladivostok datata 4 luglio 2001 che riflettè sullo stato povero del canale di fiume di Pionerskaya ed invitò le autorità urbane a sé ha chiarito (veda paragrafo 22 sopra). La corte notò che le autorità urbane non avevano addotto qualsiasi la prova che qualsiasi simile misure erano state prese, o che le autorità mai si erano attenute con le loro proprie decisioni.
105. La corte notò inoltre che gli imputati non avevano addotto qualsiasi prova che conferma che il fiume di Pionerskaya era proprietà regionale e che c'era qualsiasi separazione dei poteri fra i regionali ed autorità municipali riguardo al mantenimento del fiume di Pionerskaya che, nell'opinione della corte, aveva condotto all'inattività e spostando della responsabilità con ufficiali ai vari livelli. La corte sottolineò che mantenimento corretto, ragionevole e lo sfruttamento del fiume con le autorità avrebbero aiutato eviti conseguenze così drastiche.
106. Come riguardi l'azione presa con la Società di Acqua, la corte fondò stabilì che i terzo e quarto richiedenti l'appartamento di ' era rimasto intatto sino all'evacuazione di grande potenza di acqua con la Società di Acqua 7 agosto 2001, seguendo l'appartamento era stato allagato immediatamente quale. La corte concluse che nel giorno in oggetto la Società di Acqua aveva evacuato una grande quantità di acqua che aveva inondato il fiume deposita denaro ed allagò la zona residenziale. La corte respinse un argomento del rappresentante della Società di Acqua che se l'acqua non fosse stata evacuata il serbatoio avrebbe scoppio le sue banche che avrebbero provocato danno più serio. La corte notò in questo collegamento che in prospettiva delle condizioni meteorologiche la Società di Acqua avrebbe dovuto evacuare acqua nelle più piccole quantità su un periodo più lungo di tempo.
107. La corte attribuì così la responsabilità per gli eventi di 7 agosto 2001 a tutti i tre imputati, affermando che loro avrebbero dovuto prevedere le conseguenze avverse ed avrebbero dovuto impedire loro, ma non riuscì a fare così. Affermò che gli imputati ' biasima nel danno causato con l'inondazione di edifici residenziali situata nel vicinato del serbatoio di Pionerskoye fu stabilito coi rapporti competenti del 2002 e 24 gennaio 2003 di 29 settembre.
108. Come riguardi i terzo e quarto richiedenti che ' chiede, la corte stabilì, sulla base della prova disponibile, che il quarto richiedente era il proprietario dell'appartamento danneggiato, dove lei stava vivendo con suo marito, suo figlio e nuora (il terzo richiedente) ed un nipote. La corte esaminò inoltre un rapporto di valutazione steso nella presenza del quarto richiedente con un'autorità Statale e competente (veda paragrafo 81 sopra). La corte notò che il rapporto fu firmato col quarto richiedente che non aveva contestato mai l'importo del danno indicato in questo. Inoltre, lei confermò alla corte che come un rivendicatore civile nei procedimenti penali avviati in collegamento con l'incidente di 7 agosto 2001, lei aveva chiesto lo stesso importo. La corte ammise perciò il ricorso del quarto richiedente per danno patrimoniale nell'importo riflesso nel rapporto di valutazione e trovò il resto di che rivendicazione, così come la rivendicazione del terzo richiedente per danno patrimoniale, non comprovato, determinato in particolare il fatto che il terzo richiedente visse nell'appartamento del quarto richiedente, e tutte le proprietà danneggiate nell'appartamento già erano state elencate ed il danno risultante valutò nel rapporto di valutazione summenzionato.
109. 20 aprile 2004 la Corte Regionale annullò la sentenza di prima-i stanza e rinviò la causa per esame nuovo. Notò, in particolare, che nell'affermare che l'Amministrazione della Regione di Primorskiy aveva finanziamenti a disposizione sua nel contesto del programma federale proteggere la regione da inondazioni, la corte di prima -istanza non aveva controllato se qualsiasi finanziamenti dal bilancio federale mai erano stati assegnati al Primorskiy autorità regionali e, in tal caso, come loro era usato. Nell'opinione della Corte Regionale la corte più bassa sta trovando perciò, riguardo alle autorità regionali che l'insuccesso di ' per avere lavoro eseguito nel fiume di Pionerskaya non era stato basato sui materiali della causa.
110. La corte di appello notò anche che il fatto che la Società di Acqua fu posseduta regionalmente, in se stesso, non poteva essere considerato impegnando la responsabilità dell'Amministrazione della Regione di Primorskiy, siccome la Società di Acqua era una persona giuridica, e la responsabilità di un proprietario di un'entità come la Società di Acqua potrebbe essere limitata con disposizioni di diritto civile attinenti o che i documenti costituenti di entità. La Corte Regionale affermò inoltre che nella sentenza di prima -istanza nessuna distinzione era stata resa fra le conseguenze della pioggia insolitamente pesante 7 agosto 2001 e quelli delle autorità ' addusse insuccesso per prendere misure per ostacolare inondazione.
(b) Secondo round di procedimenti
111. Con una sentenza di 6 dicembre 2004 la Corte distrettuale respinse la richiesta del terzo e del quarto richiedente nella sua interezza come non comprovata. La sentenza essenzialmente fu basata sullo stesso ragionamento come le sentenze date nelle cause portate entro il primo, secondo, quinto e sesto richiedenti.
112. 25 gennaio 2005 la Corte Regionale sostenne la sentenza di 6 dicembre 2004 su ricorso. Affermò che quando respingendo i terzo e quarto richiedenti ' chiede, la corte di prima -istanza concluse che l'inondazione di 7 agosto 2001 era stata causata con una catastrofe naturale cui misura non poteva essere prevista con gli imputati o sarebbe potuta essere evitata come un risultato di qualsiasi azione decisa da parte loro.
113. La Corte Regionale notò anche che la corte di prima -istanza aveva esaminato respinto debitamente ed esattamente i rivendicatori gli argomenti di ' all'effetto che gli imputati dovrebbero essere sostenuti responsabili per le conseguenze distruttive dell'evacuazione di acqua dal serbatoio. La corte di appello si riferì al rapporto competente di 24 gennaio 2003 che determinato che le azioni della Società di Acqua 7 agosto 2001 avevano avuto ragione e spiegò l'inondazione su che data con la presenza progetta a valle del serbatoio di Pionerskoye di costruzioni non autorizzate integrato violazione della città dello sviluppo generale di Vladivostok, e la presenza di detriti e costruzioni nell’alveo di piena del fiume di Pionerskaya.
114. La Corte Regionale notò inoltre che il rapporto competente di 29 settembre 2002 determinato che la causa dell'inondazione era stata il fatto che il canale di fiume fu restretto con costruzioni e cresciuto eccessivamente con vegetazione, e che la strategia di evacuazione di acqua usò col serbatoio di Pionerskoye sulla data in oggetto era stato ottimale.
115. La corte citò anche il rapporto competente di 15 maggio 2002 (veda paragrafo 70 sopra) che aveva stabilito che la vegetazione che ostruisce il canale di fiume aveva aiutato a ridurre il vigore dell'onda seguente l'evacuazione di acqua dal serbatoio, e che se l'acqua fosse stata evacuata “nella conformità con l'istruzione attinente”, l'area sarebbe stata allagata malgrado tutto, ma il livello di acqua sarebbe stato 1.82 volte abbassano. Il rapporto notò anche che la Società di Acqua non aveva portato misure ad allarme la popolazione con una prospettiva di minimizzare il danno causato con l'inondazione.
116. La Corte Regionale concluse poi che tutti i tre competenti riportano la pioggia insolitamente pesante singolarmente fuori dalla norma come la ragione principale per l'inondazione 7 agosto 2001, e che loro lo considerarono probabile che allagando sarebbe accaduto irrispettoso dell'evacuazione di acqua con la Società di Acqua.
117. La corte di appello fondò di conseguenza che la Corte distrettuale aveva concluso correttamente, sulla base dei materiali disponibili che in prospettiva della pioggia insolitamente pesante, il fiume di Pionerskaya avrebbe inondato le sue banche irrispettoso dello stato del canale di fiume. Notò anche che poiché era impossibile nelle circostanze della causa per attrarre una distinzione fra le conseguenze dell'inondazione dovuto alle condizioni metereologiche e quegli a causa dello stato povero del canale di fiume, c'era prova insufficiente per allegare la responsabilità per gli eventi di 7 agosto 2001 agli imputati.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Codice civile russo
118. Articolo 1064 prevede per danno causato alla proprietà di un individuo o di una persona giuridica per essere compensato per in pieno con la persona responsabile per il danno. I secondi possono essere rilasciati dall'obbligo per fare il risarcimento se lui o lei possono provare che il danno non fu causato per suo o la sua colpa; la legge può prevedere anche comunque, per il risarcimento in riguardo di danno nell'assenza di colpa da parte della persona che lo provocò. Danno inflitto con azioni legali deve essere compensato per nelle cause prescritte con legge.
119. Articolo 1069 conviene che un'agenzia Statale o una volontà ufficiale e Statale sono responsabili verso un cittadino per danno causato con le loro azioni illegali od omissione di atto. Il risarcimento per simile danno è assegnato alla spesa del federale o tesoreria regionale.
120. Articoli che 151 e 1099-1101 offrono per il risarcimento per danno non-patrimoniale. Articolo 1099 stati, in particolare, che il risarcimento sarà reso per danno non-patrimoniale irrispettoso di qualsiasi assegnazione per danno patrimoniale.
B. Codice russo sull’Acqua di 1995
121. Il Codice di Acqua russo, come in vigore al tempo attinente, purché nel suo Articolo 37 che corpi di acqua localizzarono completamente all'interno del territorio di una particolare regione di Russia che non fu classificata come proprietà federale potrebbe essere la proprietà di quel la regione. Simile corpi di acqua potrebbero essere classificati come proprietà regionale con le autorità esecutive della regione riguardate, con l'approvazione delle autorità esecutive e federali. Proprietà regionale fu maneggiata con le autorità regionali che furono concesse per trasferire alcuni dei loro poteri che corrispondono ad autorità federali e competenti.
122. Sotto l'Articolo 66 autorità regionali furono concesse per possedere, usi, governi e maneggi corpi di acqua nella loro regione.
123. Articolo 108 convenne che costruzione, dragaggio di canale ed operazioni che danneggiano in corpi di acqua e le loro zone di protezione di acqua dovrebbero essere eseguite con l'approvazione dell'agenzia Statale responsabile per l'amministrazione e protezione di risorse di acqua.
124. Articolo 117 impose un obbligo su autorità esecutive e federali e regionali ed utenti di acqua per prendere misure mirate ad ostacolando e riparando le conseguenze di danno per annaffiare come un risultato di allagamento, rottura della diga , erosione di suolo l'inondazione di fango e simile.
C. Atto sulla Protezione di Emergenze
125. La Legge Federale di 21 dicembre 1994 N.ro 68-FZ “Su Protezione di Civili e Terreni da Emergenze di Naturale ed Industriale Origine” (от di закон di Федеральный 21 декабря 1994 г. № 68-ФЗ «населения di защите di О от di территорий di и природного di ситуаций di чрезвычайных характера di техногенного di и», “la Protezione da Emergenze Agisce”), nella sua sezione 6, impone un obbligo sul federale, autorità regionali e locali a prontamente ed accurately informano civili per i mass media e gli altri canali di informazioni di qualsiasi situazioni emergenza e la sicurezza misura preso proteggere la popolazione e di qualsiasi disastri imminenti e vuole dire di protezione contro loro. La stessa sezione prevede per la responsabilità di ufficiali Statali nell'evento del loro insuccesso per fare simile pubblico di informazioni.
126. Sotto sezione 7 la prevenzione di emergenze e la mitigazione, il più lontano possibile di qualsiasi il danno e perdite sono un principio fondamentale del sollievo emergenza e richiedono che tutte le misure preventive siano prese adeguatamente in anticipo.
D. Atto della Sicurezza delle Strutture Idrauliche
127. La Legge Federale di 21 luglio 1997 N.ro 117-FZ “Sulla Sicurezza di Strutture di Ingegneria Idrauliche” (от di закон di Федеральный 21 июля 1997 г. № 117-ФЗ «О безопасности гидротехнических сооружений», “l'Atto della Sicurezza delle Strutture Idrauliche”) conviene nella sua sezione 5 che, dove la sicurezza di strutture di ingegneria idrauliche concerne, le autorità esecutive e regionali: è responsabile per chiarire questioni della sicurezza di strutture di ingegneria idrauliche in territori sotto il loro controllo; partecipi nell'attuazione di politiche Statali in che sfera; sviluppi ed implementi programmi regionale sulla sicurezza di strutture di ingegneria idrauliche; assicuri la sicurezza di strutture di ingegneria idrauliche usata in collegamento con risorse di acqua e protezione ambientale misura; prenda decisioni su localizzando strutture di ingegneria idrauliche e limitare il loro sfruttamento nell'evento di una violazione della legislazione sulla sicurezza di simile strutture; aiuti a riparare le conseguenze di incidenti a strutture di ingegneria idrauliche; ed informa la popolazione di qualsiasi rischio di incidente a strutture di ingegneria idrauliche che provocherebbe una situazione emergenza.
128. Sezione 8 ruoli i vari requisiti per assicurare la sicurezza di strutture di ingegneria idrauliche, incluso controllo di Stato nella questione; stabilendo criterio di sicurezza in riguardo di strutture di ingegneria idrauliche ed equipaggiandoli con appropriato tecnico vogliono dire per monitoraggio permanente della loro condizione; prendendo ogni possibile passo, nel buon tempo per tenere il rischio di emergenze a strutture di ingegneria idrauliche ad un minimo; marchiando consolidamento sufficiente per misure mirò ad assicurando la sicurezza di strutture di ingegneria idrauliche; e la responsabilità per azioni (od omissioni) quel riduca la sicurezza di strutture di ingegneria idrauliche a livelli inaccettabili.
129. Sezione 9 posa in giù gli obblighi di proprietari di, e corpi che azionano strutture di ingegneria idrauliche. Afferma, in particolare, che loro devono: assicuri l'osservanza di articoli di sicurezza e standard durante la costruzione, sfruttamento ripari, ricostruzione, la conservazione, smantellando e così su, di strutture di ingegneria idrauliche; esamini la condizione di simile strutture; valuti le naturali ed industriali minacce a loro e, sulla base dei dati così ottenuta, regolarmente valuti la sicurezza di strutture di ingegneria idrauliche, incluso l'analisi delle ragioni per qualsiasi calo in sicurezza, prendendo in considerazione naturali ed industriali impatti dannosi, risultati delle attività industriali ed altre e la presenza di oggetti in canali di fiume ed aree adiacenti controcorrente ed a valle; sviluppi sistemi per esaminare la condizione di strutture di ingegneria idrauliche e prenda misure opportune per assicurare il loro funzionando corretto ed ostacolare incidenti; mantenga sistemi di avvertimento emergenza e locali in un stato della prontezza continua per sollevare l'allarme nell'evento di un incidente ad una struttura di ingegneria idraulica; informi la popolazione locale su questioni riguardo alla sicurezza di, ed incidenti a, strutture di ingegneria idrauliche; misure di finanza sullo sfruttamento di strutture di ingegneria idrauliche ed incidenti che ostacolano e riparando le loro conseguenze, e così su.
LA LEGGE
I. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 2 DELLA CONVENZIONE
130. I richiedenti si lamentarono che le autorità avevano messo le loro vite a rischio 7 agosto 2001 rilasciando un grande importo di acqua senza qualsiasi antecedente l'avvertimento, dal serbatoio di Pionerskoye in un fiume che per anni che loro non erano riusciti a sostenere in un stato corretto di ripara, mentre provocando un'inondazione abbagliante nell'area circa il serbatoio dove i richiedenti vissero. Loro si lamentarono anche che loro non avevano risposta giudiziale in riguardo di quegli eventi. I richiedenti si appellarono su Articolo 2 della Convenzione che, in finora come attinente, legge siccome segue:
“1. Ognuno ha diritto alla protezione della vita per legge. Nessuno sarà privato intenzionalmente della sua vita salvo nell'esecuzione di una sentenza di una corte in seguito alla sua condanna per un crimine per il quale questa sanzione penale è prevista dalla legge.
...”
A. Osservazioni delle parti
1. I richiedenti
131. I richiedenti insisterono che la responsabilità per il danno di inondazione sul 2001 disposizione di 7 agosto con la Società di Acqua Statale ed il Primorskiy regionale ed il Vladivostok autorità urbane.
132. I richiedenti indicarono che le autorità già erano state consapevoli dello stato povero del canale del fiume di Pionerskaya due anni prima degli eventi di 7 agosto 2001, e del rischio aumentato di inondazione di grande potenza dell'area nell'evento dell'evacuazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. Loro dibatterono che le autorità ai vari livelli-il distretto, municipale o regionale-aveva ignorato costantemente avvertimenti, le richieste ed azioni di reclamo, se da residenti individuali dell'area in oggetto o da corpi Statali. Loro si riferirono ai risultati di un'ispezione del canale del fiume di Pionerskaya eseguiti poco prima dell'inondazione di 7 agosto 2001 (veda paragrafo 22 sopra) quale indicò che il canale di fiume era ancora in una condizione insoddisfacente nonostante decisioni numerose con le varie autorità che dovrebbe essere pulito su.
133. I richiedenti presentarono che le autorità sarebbero dovute essere sotto un obbligo per eseguire il lavoro di pulizia necessario nel canale di fiume per assicurare che la sua veste di produttività potesse affrontare il massimo la possibile liberazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye che, secondo il rapporto di 24 gennaio 2003, era al secondo 200 metri cubici se un canale di scarico aperto fosse usato e potrebbe essere aumentato al secondo con 200 metri cubici se un canale di scarico di sifone fosse aperto anche (veda paragrafo 73 sopra).
134. I richiedenti dibatterono che la Società di Acqua aveva trascurato il suo dovere, impose su sé con sezione 9 dell'Atto della Sicurezza delle Strutture Idraulico (veda paragrafo 129 sopra), assicurare la sicurezza del serbatoio di Pionerskoye, incluso esaminando lo stato del canale di fiume di Pionerskaya e tenendolo in una condizione corretta. Inoltre, in violazione di sezione 6 della Protezione da Emergenze Agisca (veda paragrafo 125 sopra), la Società di Acqua era andata a vuoto ad insorgere posto un sistema di avvertimento emergenza e dare ai residenti dell'area lungo il fiume di Pionerskaya un avvertimento emergenza dell'evacuazione improvvisa di acqua 7 agosto 2001.
135. I richiedenti dibatterono inoltre che, come stabilito in rapporti di esperto attinenti, la presenza di varie costruzioni nell’alveo della piena del fiume di Pionerskaya aveva contribuito significativamente a sollevando il livello di acqua durante l'inondazione che era ingrandita il suo effetto distruttivo. Loro dibatterono che sotto legge città progettando nazionale, ed in particolare la regolamentazione delle attività di costruzione in Vladivostok, era la responsabilità dell'Amministrazione di Vladivostok. Per molti anni le autorità urbane si erano rivolte comunque, un occhio cieco ad edificio spontaneo e non autorizzato circa il fiume di Pionerskaya ed erano state perciò responsabili per le conseguenze drammatiche dell'inondazione.
136. I richiedenti aggiunsero che al tempo di materiale il fiume di Pionerskaya era la proprietà della Regione di Primorskiy, e che sotto sezione 5 dell'Atto della Sicurezza delle Strutture Idraulico (veda paragrafo 127 sopra) le autorità regionali erano state sotto un obbligo per assicurare la sicurezza del serbatoio di Pionerskoye ed informare la popolazione di qualsiasi rischio di incidenti a simile costruzioni che potrebbero creare situazioni emergenza. L'allocazione di finanziamenti per lavoro di pulizia in fiume irriga e misure mirarono a garantendo anche la sicurezza di serbatoi incorra all'interno della competenza della Regione di Primorskiy, ma le autorità erano andate a vuoto a marchiare gli importi necessari per quel il fine.
137. I richiedenti dibatterono così che le autorità ' atteggiamento negligente verso responsabilità loro, la mancanza di esaminare e l'inosservanza con le loro proprie decisioni aveva aumentato significativamente il rischio alle vite di residenti nell'area arrotondi il fiume di Pionerskaya, incluso i richiedenti.
138. I richiedenti dibatterono inoltre che durante e dopo che l'inondazione loro erano stati lasciati alle loro proprie apparecchiature che nessuna evacuazione era stata organizzata e che loro avevano avuto fare il loro modo alla sicurezza e trattare con le conseguenze dell'inondazione da solo.
139. Loro indicarono che addirittura oggi le autorità non avevano preso qualsiasi misure per eliminare il pericolo di un'inondazione-lo stato del canale di fiume di Pionerskaya rimase insoddisfacente e l'area dove loro vissero fu allagato regolarmente. In appoggio delle loro asserzioni loro si riferirono ad un rapporto che lavora di 23 novembre 2004 (veda paragrafo 89 sopra).
140. Infine, i richiedenti contesero che nessuni dei due set di procedimenti penali avviò in collegamento con gli eventi di 7 agosto 2001 aveva portato qualsiasi risultati tangibili, e che loro non avevano ricevuto perciò risposta giudiziale ed adeguata in riguardo della violazione allegato di diritto loro alla vita.
141. I richiedenti insisterono di conseguenza che ci fosse stata una violazione di Articolo 2 della Convenzione nella loro causa.
2. Il Governo
142. Il Governo contese che Articolo 2 della Convenzione era inapplicabile nella causa presente. Loro indicarono, prima di tutti, che il secondo, quarto e quinto richiedenti non erano stati a casa durante l'inondazione e che non c'era nessuna prova che le loro vite erano state fissate a rischio a qualsiasi il tempo. Il Governo dibatté poi che il primo, terzo e sesto richiedenti che erano stati a casa quando era accaduta l'inondazione, non aveva affermato mai nei procedimenti civili portati con loro che le loro vite erano state in pericolo. In particolare, il terzo richiedente era stato in grado lasciare casa col suo figlio e fare il suo modo ad un posto sicuro. Il Governo contese che le circostanze della causa presente erano diverse da quegli in Budayeva ed Altri c. la Russia (N. 15339/02, 21166/02 20058/02, 11673/02 e 15343/02 20 marzo 2008) o Murillo Saldias ed Altri c. la Spagna ((il dec.), n. 76973/01, 28 novembre 2006), dove i richiedenti i parenti di ' erano morti ed un numero dei richiedenti era stato ferito come un risultato delle catastrofi naturale riguardato-un'inondazione di fango ed un'inondazione rispettivamente-mentre nella causa presente nessuni dei richiedenti aveva perso qualsiasi i parenti o sostenuto qualsiasi danni durante l'inondazione di 7 agosto 2001.
143. Come ai meriti dei richiedenti ' azione di reclamo attinente, ed in finora come la questione della Corte del legislativo e struttura amministrativa per trattare con inondazioni nell'area dove i richiedenti vissero, e la sua attuazione al tempo di materiale concernè, il Governo si riferì ad un gran numero di leggi federali ed atti legali e gli altri strumenti adottati con le varie autorità nella Regione di Primorskiy, senza, comunque, spiegando come loro erano attinenti nelle circostanze, o assegnando a qualsiasi le particolari disposizioni attinenti.
144. Il Governo presentò inoltre che le autorità avevano preso un numero di misure per attenersi con la decisione del Vladivostok Commissione Emergenza di 6 settembre 1999 (veda paragrafo 16 sopra), incluso lavoro di pulizia nel canale del fiume di Pionerskaya. Nell'osservazione del Governo, loro non avevano informazioni come a se quelle misure avevano assicurato che la veste di produttività complessiva del canale di fiume di Pionerskaya non era meno che 30-40 metri cubici al secondo siccome prescritto con la decisione summenzionata. Comunque, il Governo dibattè che anche se tale veste di produttività era stata assicurata, sarebbe stato impossibile per evitare l'inondazione, o anche attenuare le sue conseguenze, determinato che nel periodo fra 12 mezzogiorno e 2 di sera la liberazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye era stata al secondo al suo massimo di 167 metri cubici.
145. Il Governo dibatté anche che l'importo di pioggia che è incorsa 7 agosto 2007 nel vicinato di Vladivostok aveva ecceduto molte volte la previsione di importo. Infatti, simile pioggia pesante non era stata vista mai prima nella regione. Secondo il Governo, non era perciò, modo le autorità avrebbero potuto prevedere le conseguenze drastiche di quel la pioggia. In particolare, con riferimento ai rapporti competenti ed attinenti (veda divide in paragrafi 71 80 sopra), il Governo dibattè che era stato impossibile per evitare l'evacuazione di grande potenza ed urgente di acqua dal serbatoio di Pionerskoye, e che il tasso della liberazione di acqua dal serbatoio 7 agosto 2001 era stato vicino ad ottimale. Se il serbatoio di Pionerskoye non fosse esistito, sulla data in oggetto la pioggia che allaga alla bocca del fiume di Pionerskaya sarebbe giunto al secondo ad un volume di massimo di 440 metri cubici. Il Governo contese anche che prima della pioggia pesante 7 agosto 2001 il serbatoio di Pionerskoye aveva avuto capacità di memoria di acqua sufficiente di sostenere il rainwater se l'importo che pelle aveva corrisposto alla previsione di importo, e di fronte a 7 agosto 2001 non era stato perciò nessun bisogno di evacuare acqua nelle più piccole quantità su un periodo più lungo in un tentativo di evitare l'inondazione. Effettivamente, come indicato col Governo, il serbatoio di Pionerskoye che provvide bevendo acqua alla città di Vladivostok di solito era riempito di nuovo solamente su un periodo limitato durante la stagione piovosa.
146. Il Governo ammise che al tempo dell'inondazione di 7 agosto 2001 non era stato sistema di avvertimento emergenza ed operativo nel serbatoio di Pionerskoye per sollevare l'allarme nell'evento di un'evacuazione di grande potenza ed improvvisa di acqua, siccome prescritto con la decisione del Vladivostok Commissione Emergenza di 6 settembre 1999. Comunque, loro insisterono che la popolazione di Vladivostok fosse stata informata di pioggia pesante ed imminente coi media. Loro affermarono anche che la mancanza di un sistema di avvertimento emergenza non aveva impedito al terzo richiedente di lasciare il suo appartamento quando l'acqua cominciò a sorgere ed andando ad un posto sicuro.
147. Loro dibatterono inoltre che immediatamente dopo l'inondazione l'evacuazione della popolazione affettata era stata organizzata in conformità con la decisione del Vladivostok Commissione Emergenza di 7 agosto 2001. In particolare, quelli residenti che si trovarono in un'area allagata si erano stati mossi a centri di alloggio provvisori e purché con pasti e bevendo acqua.
148. Infine, il Governo presentò che 9 agosto 2001 un'indagine penale in causa n. 916725 erano stati aperti in collegamento con l'incidente di 7 agosto 2001, ed i richiedenti erano stati accordati lo status di vittime e rivendicatori civili. I procedimenti furono cessati 25 gennaio 2003 che deve all'assenza degli elementi costituenti di un reato penale nelle azioni del Sig. L., il direttore della Società di Acqua. Disse il Governo loro non erano stati capaci di presentare i materiali di che indagine alla Corte perché, come affermato in una lettera di 4 settembre 2009 da un rappresentante del Settore dell'Interno della Regione di Primorskiy, i materiali erano stati distrutti su scadenza del periodo per il loro deposito. Anche, 24 gennaio 2003 che un set separato di procedimenti penali era stato disgiunto dall'indagine summenzionata. Il Governo rifiutò di presentare i materiali da questa indagine seconda, mentre affermando che loro erano studiati con l'Ufficio dell'Accusatore Generale.
149. In generale, il Governo insistette che, separatamente dall'insorgere posto un sistema di avvertimento emergenza al serbatoio di Pionerskoye, loro avevano preso tutte le possibili misure per ostacolare il rischio ai richiedenti le vite di '. Comunque, la pioggia 7 agosto 2001 era stata di simile intensità che le autorità non potevano prevedere possibilmente ed avrebbero potuto ostacolare l'inondazione e le sue conseguenze.
B. la valutazione della Corte
1. Ammissibilità
150. La Corte nota all'inizio che il Governo contestò l'applicabilità di Articolo 2 della Convenzione nella causa presente, mentre afferma che il secondo, quarto e quinto richiedenti erano stati assenti dai loro appartamenti quando loro furono allagati, e che il primo, terzo e sesto richiedenti benché loro fossero stati a casa durante l'inondazione, non aveva subito qualsiasi i danni, o perduto qualsiasi dei loro parenti come un risultato dell'inondazione. Secondo il Governo, perciò a nessun momento era stato là qualsiasi rischio all'integrità fisica di qualsiasi dei richiedenti.
151. La Corte reitera nel collegamento sopra che Articolo 2 della Convenzione non concerne solamente morti che sono il risultato dell'uso di vigore con agenti dello Stato ma anche, nella prima frase di primo paragrafo suo, posa in giù un obbligo positivo sugli Stati per prendere passi appropriati per salvaguardare le vite di quegli all'interno di giurisdizione loro (veda, fra le altre autorità, Öneryıldız c. la Turchia [GC], n. 48939/99, § 71 ECHR 2004-XII, e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 128). Questo Articolo, letto nell'insieme non solo copre inoltre, situazioni dove la certa azione od omissione da parte dello Stato condotto ad una morte si lamentò di, ma anche le situazioni dove, benché un richiedente sopravvisse, là chiaramente esistè un rischio a suo o la sua vita (veda, mutatis mutandis, Makaratzis c. la Grecia [GC], n. 50385/99, §§ 49-55 ECHR 2004-XI, e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 146). È perciò essenziale per determinare nella causa presente se i richiedenti che le vite di ' sono state messe in pericolo come un risultato degli eventi si lamentarono di.
152. La Corte osserva che, siccome concordarono le parti, il secondo, quarto e quinto richiedenti andavano via dalle loro case durante l'inondazione 7 agosto 2001. Inoltre, sembra che col tempo loro ritornarono di sera la casa non c'era già nessuna acqua lasciata nei loro appartamenti (veda divide in paragrafi 37-38 sopra). I richiedenti summenzionati non addussero mai anche, che loro erano stati presi con l'inondazione nei posti dove loro avevano passato il giorno in oggetto. In simile circostanze, la Corte accetta l'argomento del Governo che non c'era prova che qualsiasi minaccia alle vite del secondo, quarto e quinto richiedenti mai erano esistiti come un risultato dell'inondazione di 7 agosto 2001. Articolo 2 della Convenzione è perciò inapplicabile. Segue che l'azione di reclamo portò col secondo, quarto e quinto richiedenti sotto che Articolo è ratione personae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un), e deve essere respinto al riguardo in conformità con Articolo 35 § 4.
153. D'altra parte la Corte non è capace di giungere alla stessa conclusione come riguardi l'azione di reclamo attinente depositata entro il primo, terzo e sesto richiedenti. Nota in questo collegamento che, siccome concordarono le parti, questi richiedenti erano a casa durante l'inondazione. La Corte le ulteriori prese in conto questi richiedenti l'osservazione di '-incontrastato col Governo-che l'acqua arrivò e colorò di rosa molto rapidamente (veda divide in paragrafi 32, 34 36 e 39 sopra). Né è sé in controversia fra le parti che l'acqua è giunta ad un livello di 1.20 metri nei primo e terzi richiedenti ' spiana, e su a 1.50 metri nel sesto richiedente sta indulgendo (veda paragrafo 40 sopra). Nell'opinione della Corte, un livello di 1.20 metri può essere riguardato anche come sufficientemente alto avere messo questi richiedenti ' vive a rischio, determinato in particolare, che il primo richiedente era un disabile 63-anno-vecchio al tempo, ed il poi sesto richiedente 55-anno-vecchio, nella sua propria osservazione non poteva nuotare.
154. Come riguardi il terzo richiedente, la Corte non è capace di convenire col Governo che la sua vita non fu messa in pericolo perché lei riuscì a lasciare l'area allagata in pace. La Corte considera una situazione dove il terzo richiedente doveva passare a guado, col suo figlio 21-mese-vecchio nelle sue braccio, nel bollire acqua seno-profonda, torbida pieno di detriti galleggiante, come essendo pericoloso a vita sua. La Corte prende anche in considerazione i richiedenti osservazione di ' che il livello di acqua nella strada era anche più alto che nelle loro case (veda divide in paragrafi 34 e 38 sopra) che accoppia la sentenza del rapporto competente di 24 gennaio 2003 che su molta dell'area allagata l'acqua era stata 1.5-2 metri profondo (veda paragrafo 75 sopra).
155. Nell'opinione della Corte, queste circostanze senza dubbio lasciano in generale, come all'esistenza di un rischio imminente alle vite del primo, terzo e sesto richiedenti sui quali portano la loro azione di reclamo che conto all'interno della sfera di Articolo 2 della Convenzione. Il fatto che loro sopravvissero e non subirono danni non ha nascendo su questa conclusione.
156. La Corte nota perciò che questa parte della richiesta, in finora come sé fu portato entro il primo, terzo e sesto richiedenti (“i richiedenti attinenti”), non è mal-fondato manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
2. Meriti
(a) aspetto sostanziale dell’ Articolo 2 della Convenzione
i. Principi Generali
157. La Corte reitera che l'obbligo positivo per prendere tutti i passi appropriati per salvaguardare la vita per i fini di Articolo 2 (veda paragrafo 151 sopra) comporta soprattutto un dovere primario sullo Stato per fissare in posto una struttura legislativa ed amministrativa progettò per offrire prevenzione effettiva contro minacce al diritto alla vita (veda Öneryıldız, citata sopra, § 89, e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 129).
158. La Corte considera che questo obbligo deve essere costruito siccome facendo domanda nel contesto di qualsiasi l'attività, se pubblico o non in che il diritto alla vita può essere in pericolo, ed un fortiori nella causa di attività industriali che con molta natura loro sono pericoloso. Nel particolare contesto delle attività pericolose enfasi speciale deve essere messa su regolamentazioni ingranate alle caratteristiche speciali dell'attività in oggetto, particolarmente con riguardo ad al livello del rischio potenziale alle vite umane. Loro devono governare l'autorizzazione, mentre esponendo su, operazione, la sicurezza e soprintendenza dell'attività e deve farlo obbligatorio per tutti quelli riguardò prendere misure pratiche per assicurare la protezione effettiva di cittadini le cui è probabile che vite siano messe in pericolo coi rischi inerenti (veda Öneryıldız, citata sopra, §§ 71 e 90).
159. Fra queste misure preventive la particolare enfasi dovrebbe essere messa sul diritto del pubblico ad informazioni, come stabilito nella causa-legge delle istituzioni di Convenzione. Le regolamentazioni attinenti devono prevedere anche per procedure appropriate, mentre prendendo in considerazione gli aspetti tecnici dell'attività in oggetto, per identificare difetti nei processi riguardarono e con qualsiasi errori commisero quelli responsabile a livelli diversi (veda Öneryıldız, citata sopra, §§ 89 - 90, e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 132).
160. Come alla scelta di particolari misure pratiche, la Corte ha sostenuto costantemente, che dove lo Stato è costretto a prendere misure positive, la scelta di vuole dire è in principio una questione che incorre all'interno del margine dello Stato Contraente della valutazione. Ci sono viali diversi per assicurare diritti di Convenzione, ed anche se lo Stato è andato a vuoto a fare domanda una particolare misura prevista con diritto nazionale, ancora può adempiere il suo dovere positivo con altro vuole dire. In questo riguardo un carico impossibile o sproporzionato non deve essere imposto sulle autorità senza considerazione che è data, in particolare, alle scelte operative che loro devono rendere in termini di priorità e risorse; questo è il risultato del margine ampio della valutazione Stati gode, siccome prima ha sostenuto la Corte, in sfere sociali e tecniche difficili (veda Budayeva ed Altri, citata sopra, §§ 134-35).
161. Nel valutare se lo Stato rispondente si attenne col suo obbligo positivo, la Corte deve considerare le particolari circostanze della causa, riguardo ad essere aveva, fra gli altri elementi, ' agisce alla legalità nazionale delle autorità od omissioni, l'elaborazione decisionale e nazionale, incluso le indagini appropriate e studi e la complessità del problema, specialmente dove interessi di Convenzione contraddittori sono comportati. La sfera degli obblighi positivi imputabile allo Stato nelle particolari circostanze dipenderebbe dall'origine della minaccia e la misura a quale o l'altro rischio è suscettibile a mitigazione (veda Budayeva ed Altri, citata sopra, §§ 136-37).
ii. L’applicazione dei principi generali nella causa presente
162. La Corte nota all'inizio che non sembra essere in controversia fra le parti che l'area dove i richiedenti attinenti vissero fu allagato 7 agosto 2001 dopo un'evacuazione massiccia ed urgente di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. Comunque, il Governo negò la loro responsabilità per l'incidente in oggetto, affermando che l'evacuazione di acqua 7 agosto 2001 era stata resa necessaria con la pioggia insolitamente pesante che aveva provò essere molte volte più pesante che preveda e quale loro non potevano prevedere. Nell'osservazione del Governo, loro non potevano ostacolare perciò, o avrebbero potuto evitare la liberazione di acqua e l'inondazione che consegue e non poteva essere responsabile per le sue conseguenze.
163. Avendo riguardo ad ai materiali nella sua proprietà, la Corte è preparata per accettare che l'evacuazione di acqua 7 agosto 2001 non poteva essere evitata determinata le condizioni meteorologiche eccezionali su che giorno ed il rischio del diga rompere che avrebbe potuto comportare conseguenze serie (veda divide in paragrafi 51, 71 e 77 sopra). Sé la volontà, inoltre non specula come a se l'inondazione sulla data summenzionata sarebbe potuta essere ostacolata se la Società di Acqua avesse rilasciato acqua nelle più piccole quantità su un periodo più lungo, come alcune delle autorità nazionali avere suggerito sembra (veda divide in paragrafi 83 e 106 sopra).
164. Allo stesso tempo, la Corte non è convinta, che gli eventi di 7 agosto 2001 potrebbero essere spiegati soltanto con condizioni meteorologiche ed avverse su che data che era oltre il controllo del Governo, siccome loro sembrano avere suggerito. In questo riguardo a, la Corte nota che il serbatoio di Pionerskoye è una facilità industriale ed artificiale che contiene milioni di metri cubici di acqua (veda paragrafo 25 sopra) e situato in un'area soggetto a piogge pesanti e tifoni durante la stagione di estate (veda divide in paragrafi 8-9 sopra). Nell'opinione della Corte, l'operazione di tale serbatoio incorre indubbiamente nella categoria delle attività industriali e pericolose (veda paragrafo 158 sopra), particolarmente dato la sua ubicazione.
165. Inoltre, in finora come il Governo può essere capito siccome avendo asserito che loro non potessero prevedere che sarebbe necessario per evacuare tale grande quantità di acqua dal serbatoio di Pionerskoye 7 agosto 2001, perché simile pioggia pesante come su che giorno non era accaduto mai in che regione prima, la Corte trova questo argomento poco convincente. Effettivamente, è chiaro dai materiali addotti che negli anni che precedono l'inondazione le autorità seppero, che è probabile che sia urgentemente necessario per rilasciare acqua dal serbatoio. In particolare, nella sua lettera di 7 giugno 1999 il capo della Società di Acqua informò l'Amministrazione di Vladivostok che è probabile che sia necessario per evacuare urgentemente acqua dal serbatoio nell'evento di pioggia pesante (veda paragrafo 15 sopra); ed in una lettera di 29 maggio 2000 l'Amministrazione di Vladivostok ammise che il livello di acqua nel serbatoio era vicino a critico ed alcuni di sé dovrebbero essere evacuati (veda paragrafo 19 sopra). Contro questo sfondo, anche se è preparato per accettare che la pioggia 7 agosto 2001 era di un'intensità eccezionale, la Corte non è persuasa che le autorità potessero chiedere di essere state prese finora inconsapevoli con la pioggia in come l'operazione del serbatoio di Pionerskoye riguardò. Considera che, irrispettoso delle condizioni meteorologiche, loro avrebbero dovuto prevedere la probabilità così come le conseguenze potenziali di liberazioni di acqua dal serbatoio.
166. In generale, la Corte trova che le autorità avevano obblighi positivi sotto Articolo 2 della Convenzione per valutare tutti i rischi potenziali inerenti nell'operazione del serbatoio, e prendere misure pratiche per assicurare la protezione effettiva di quelli le cui è probabile che vite siano messe in pericolo con quelli rischi.
167. La Corte nota di tutti prima, in questo collegamento che nell'elencare i vari atti legali e gli altri strumenti legali ha adottato con sia i federali e le autorità regionali, il Governo non offrì chiarimento come a come loro erano attinenti nelle circostanze della causa presente, e se loro furono implementati efficacemente al tempo attinente (veda paragrafo 143 sopra). Nell'assenza di qualsiasi simile chiarimento, la Corte farà la sua valutazione del legislativo e struttura amministrativa in posto al tempo di materiale sulla base della prova disponibile.
168. Le prese di Corte notano dell'esistenza di requisiti tecnici che lo fecero chiaro che l'area lungo il serbatoio di Pionerskaya non dovrebbe essere occupata a meno che le certe misure preventive furono prese. In particolare, come affermato nel rapporto competente di 24 gennaio 2003 che è il rapporto solo reso disponibile alla Corte (veda paragrafo 70 sopra), l'istruzione per lo sfruttamento del serbatoio di Pionerskoye chiaramente proibito qualsiasi sviluppo urbano nell'area a valle del serbatoio senza misure che sono prese proteggere che area da inondazioni (veda paragrafo 79 sopra). Le autorità si furono aspettate perciò o di fare domanda città che progetta restrizioni ed impedire all'area in oggetto dell'essere abitato, o prendere misure effettive per proteggere l'area da inondazioni prima di concedere qualsiasi lo sviluppo là.
169. La Corte nota che, in pratica, nessuno era fatto. Effettivamente, siccome è chiaro dal rapporto competente di 24 gennaio 2004, sviluppo urbano nell'area seguì a valle del serbatoio di Pionerskoye nonostante i requisiti tecnici ed attinenti e nell'assenza di qualsiasi misure mirarono a proteggendo l'area da inondazioni (veda paragrafo 80 sopra). Inoltre, siccome può essere accertato dalla decisione di 20 luglio 2004 con che procedimenti penali contro ufficiali della città di Vladivostok ed il Primorskiy autorità regionali nel collegamento con la violazione allegato di città che progetta restrizioni furono cessate, lo sviluppo urbano nell'area summenzionata era legale determinato l'assenza di qualsiasi struttura legale che proibisce simile sviluppo nell'area in oggetto (veda paragrafo 58 sopra).
170. Nelle altre parole, sembra, che le autorità trascurarono tecniche e requisiti di sicurezza e, perciò, rischi potenziali, incluso rischio alle vite umane, non riuscendo a rifletterli in atti legali e regolamentazioni e concedendo sviluppo urbano nell'area dal serbatoio di Pionerskoye a valle. La Corte considera che le autorità l'insuccesso di ' per regolare accordi su che territorio è un elemento per essere preso in considerazione quando in considerazione della responsabilità del Governo nel contesto dei loro obblighi positivi sotto Articolo 2 della Convenzione. La Corte è consapevole che non può essere escluso che costruzione ha seguito a valle sin da allora nell'area del serbatoio la facilità andò in operazione nel 1936. La Corte è anche attenta del fatto che non ha nessuna giurisdizione temporale per valutare questa situazione come sé è potuto esistere prima di 5 maggio 1998, la data dell'entrata in vigore della Convenzione in riguardo della Russia.
171. Comunque, i fatti siccome loro stanno in piedi lo fa chiaro che la situazione ottenne anche dopo la data cruciale. Effettivamente, è chiaro dai materiali alla disposizione della Corte che, nel periodo che segue la ratifica, le autorità rimasero inattive e non riuscirono a fare domanda qualsiasi città che progetta restrizioni o prendere gli altri passi necessari per proteggere quegli individui che, sulla data dell'entrata in vigore della Convenzione in riguardo della Russia, stava vivendo nell'area del serbatoio di Pionerskoye a valle.
172. C'era prima di tutti, una deficienza nel legislativo e struttura amministrativa come città di riguardi che progetta politica nell'area sotto il serbatoio di Pionerskoye. Effettivamente, mentre il rapporto competente di 24 gennaio 2003 determinato che tutti gli edifici residenziali ed installazioni ricreativi ed industriali nell'a valle area era stata costruita in violazione di requisiti tecnici ed attinenti ed era stata rimossa o era stato trasferito (veda paragrafo 79 sopra), la decisione di 20 luglio 2004 lo fece chiaro che le attività di costruzione nell'a valle a parte del fiume di Pionerskaya fu concesso all'interno dei limiti del luogo con edifici già esistenti che nessuno zone dove costruzione nuova fu proibita fu delimitato nel piano di sviluppo generale per Vladivostok che nessuna demolizione o trasferimento di edifici prima costruiti è stato progettato, e che i proprietari ed affittuari di quegli edifici ed aree di terra furono dati un titolo ad usare e sbarazzarsi di loro, ed in particolare costruire edifici nuovi nel posto di vecchi uni (veda paragrafo 59 sopra).
173. La Corte nota anche le autorità ' insuccesso continuo, in violazione delle regolamentazioni attinenti stabilire zone di inondazione, zone di rischio di inondazione catastrofiche e zone di protezione di acqua nella città di Vladivostok e determinare se la terra sotto il serbatoio di Pionerskoye appartiene a qualsiasi simile zone (veda divide in paragrafi 55-57 sopra) senza qualsiasi chiarimento razionale. Di conseguenza, sembra, che nessuno valutazioni sono state rese per datare come riguardi il rischio di inondazioni potenzialmente pericoloso ad individui che vivono in che area, e nessuno misura è stato preso ostacolare tale rischio, così il pericolo a quegli individui le vite di ' mai sono presenti. Nell'assenza di qualsiasi chiarimento del Governo, la Corte non può vedere giustificazione per le debolezze summenzionate con le autorità.
174. La Corte considera inoltre che le autorità la responsabilità di ' sotto Articolo 2 della Convenzione è impegnata anche su conto del loro insuccesso per tenere il canale di fiume di Pionerskaya libero di ostruzione, ed in particolare assicurare che la sua veste di produttività soddisfece i requisiti tecnici ed attinenti del serbatoio di Pionerskoye, ed esporre un sistema di avvertimento emergenza in posto al serbatoio.
175. In questo riguardo che la Corte si riferisce di tutti alle sentenze del rapporto competente di 24 gennaio 2003 all'effetto che l'acqua ha evacuato dal serbatoio 7 agosto 2001 prima aveva fluito in giù il fiume nella forma di un'onda, e che la presenza di detriti e costruzioni non autorizzate nell'aereo di inondazione del fiume di Pionerskaya aveva contribuito significativamente a sollevando il livello di acqua durante l'inondazione. In particolare, il rapporto rivela che la presenza di ponti e condutture di servizio in delle parti del fiume aveva sollevato il livello di acqua con su a 1.5 metri (veda paragrafo 77 sopra). Sembra che sentenze simili furono rese nel rapporto di 29 settembre 2002 (veda divide in paragrafi 95 e 114 sopra).
176. La Corte nota inoltre che almeno due anni prima dell'inondazione di 7 agosto 2001 le autorità furono rese consapevoli dello stato povero del canale di fiume di Pionerskaya e del rischio, così come la possibile misura e conseguenze, di un'inondazione nell'area circa il serbatoio di Pionerskoye nell'evento dell'evacuazione urgente di acqua dal serbatoio. In particolare, in una lettera di 7 giugno 1999 rivolta al Vladivostok autorità urbane, il capo della Società di Acqua affermò, che in prospettiva della previsione di tempo avversa per il summer/autumn 1999, ed in particolare nell'evento di pioggia pesante, la Società di Acqua dovrebbe evacuare acqua dal serbatoio che provocherebbe su inondazione un'area estesa dato lo stato povero del canale di fiume (veda paragrafo 15 sopra).
177. Inoltre, siccome può essere accertato dalla decisione del Vladivostok Commissione Emergenza di 6 settembre 1999, le autorità che l'attenzione di ' è stata attratta al problema di mantenimento corretto del canale di fiume di Pionerskaya anche prima che 1999. In particolare, la decisione detta affermò che la problema di pulire il corso del fiume di Pionerskaya fu sollevata ogni anno regolarmente, ed ancora nessuno misure erano state prese. La decisione attestò alla condizione povera del canale di fiume, mentre confermando, in particolare, che il canale di fiume così come i suoi canali di sbocco furono coperti abbondantemente con vegetazione, ingombrata con detriti e spreco di famiglia e bloccarono con dighe non autorizzate e le altre strutture che crearono una minaccia di allagare su un'area di 15 chilometri quadrati, con una popolazione di più di 5,000 persone, nell'evento della liberazione di grande potenza ed urgente di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. La decisione esortò le autorità al municipale e distretto livella prendere le misure necessarie, incluso pulendo ed approfondendo il canale di fiume per assicurare che la sua veste di produttività non era meno che 30-40 metri cubici al secondo. Si prescrisse anche che la popolazione locale sia informata debitamente che è probabile che i floodplain del fiume di Pionerskaya siano allagati nell'evento dell'evacuazione di grande potenza ed urgente di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. La decisione ordinò anche la restituzione del primo sistema di avvertimento locale per sollevare l'allarme se c'era una minaccia di allagare (veda paragrafo 16 sopra).
178. In finora come la decisione di 6 settembre 1999 esortò le autorità ad assicurare al secondo la veste di produttività del canale di fiume di almeno 30 a 40 metri cubici, la Corte nota che il rapporto competente di 24 gennaio 2003 indicò che la veste di produttività dei due canali di scarico del totalled di serbatoio di Pionerskoye 400 metri cubici al secondo (veda paragrafo 73 sopra) che è dieci volte più alto. Così, la Corte non può ma accetta l'argomento di ' i richiedenti attinenti che il Vladivostok il riferimento di Commissione Emergenza alla minima veste di produttività di 30 a 40 metri cubici al secondo i resti poco chiaro.
179. In qualsiasi evento che non sembra che, anche come sé stette in piedi, la decisione di 6 settembre 1999 fu implementata debitamente. Benché, secondo le osservazioni del Governo, le certe misure furono prese, (veda divide in paragrafi 17, 18 e 20 sopra), loro erano evidentemente insufficienti, lo stato povero del canale di fiume di Pionerskaya che è attestato con le varie autorità di periodo susseguente regolarmente. Effettivamente, una lettera dall'Amministrazione di Vladivostok datata 29 maggio 2000 lo fece chiaro che il canale di fiume rimase cresciuto eccessivamente con vegetazione ed ingombrò con detriti che il rischio di allagare ha persistito e che passi urgenti dovrebbero essere presi in che il collegamento (veda paragrafo 19 sopra). Un rapporto dell'Amministrazione di Vladivostok disegnare-su 4 luglio 2001, quel è poco prima degli eventi sotto esame, rifletteva in dettaglio lo stato povero del canale di fiume e raccomandato un numero di misure, simile a quelli già prescritti su molte occasioni (veda paragrafo 22 sopra).
180. È perciò chiaro che, per anni, le autorità andarono a vuoto a rendere qualsiasi sforzo significativo di assicurare che la veste di produttività del canale di fiume di Pionerskaya era sufficiente in prospettiva delle caratteristiche tecniche del serbatoio di Pionerskoye (veda paragrafo 73 sopra), o almeno tenere in modo chiaro il canale di fiume con una prospettiva ad attenuando, se non ostacolando, il rischio e conseguenze di allagare nell'evento dell'evacuazione urgente di acqua dal serbatoio.
181. Sotto le circostanze, le autorità si sarebbero potute essere aspettate ragionevolmente di dare credito al rischio aumentato di conseguenze gravi nell'evento di allagare seguente l'evacuazione urgente di acqua dal serbatoio di Pionerskoye, e mostrare ogni possibile diligenza in alerting i residenti dell'area del serbatoio a valle. In qualsiasi l'evento, informare che il pubblico dei rischi inerenti, era una delle misure pratiche ed essenziali ebbe bisogno di assicurare protezione effettiva dei cittadini riguardata (il cf. Budayeva ed Altri, citata sopra, § 152). In questo collegamento, la Corte nota, che in una lettera di 16 giugno 2000 l'Amministrazione del Distretto di Sovetskiy di Vladivostok affermò che la popolazione che vive nell’alveo di piena del fiume di Pionerskaya era stata detta cosa per fare nell'evento di inondazione seria (veda paragrafo 20 sopra). Comunque, la Corte è scettica di che dichiarazione, dato che la lettera non offrì nessuno ulteriori dettagli, per esempio come alla forma nella quale riguardate le informazioni era stato previsto alla popolazione, o ciò che i contenuti di che informazioni erano. Allo stesso tempo, la Corte nota, che i richiedenti sostennero costantemente che, anche se in 7 agosto 2001, quando accadde l'inondazione, loro stavano vivendo vicini il serbatoio di Pionerskoye per molti anni, loro non erano mai stati avvertiti dalle autorità che loro hanno vissuto in un'area inondazione-soggetta (veda divide in paragrafi 47-49 sopra).
182. Inoltre, la Corte nota le autorità ' continuò insuccesso a ripristinare e mantenere un sistema di avvertimento emergenza ed operativo per sollevare l'allarme nell'evento della liberazione massiccia di acqua dal serbatoio di Pionerskoye, nonostante le varie richieste a quell'effetto (veda divide in paragrafi 16 e 23 sopra). La Corte nota inoltre che, anche dopo l'inondazione di 7 agosto 2001, le autorità rimasero passive e non riuscirono a prendere qualsiasi misure pratiche per chiarire il canale di fiume. La loro inattività manifesta, mentre mettendo le vite di persone che vivono lungo il fiume di Pionerskaya in pericolo, fu ammesso con accusatori e le altre agenzie Statali (veda divide in paragrafi 85, 86, 89 91 e 93 sopra).
183. La Corte non trascura le autorità ' margine ampio della valutazione in questioni dove lo Stato è costretto ad intentare causa positiva (veda paragrafo 160 sopra). Comunque, si convince che nessun carico impossibile o sproporzionato sarebbe stato imposto sulle autorità nelle circostanze della causa presente se loro si fossero attenuti con le loro proprie decisioni e, in particolare, preso l'azione indicato in questo per pulire il fiume di Pionerskaya per aumentare la sua veste di produttività e ripristinare il sistema di avvertimento emergenza al serbatoio di Pionerskoye.
184. La Corte nota anche che il Governo non indicò se qualsiasi le altre soluzioni furono previste per assicurare la sicurezza della popolazione locale, ed in particolare se qualsiasi città che progetta politiche o le specifiche misure di sicurezza sia in richiesta al momento di entrata di materiale l'area dove i richiedenti attinenti vissero. Le informazioni loro presentarono riferito esclusivamente alle certe misure prese in un tentativo di chiarire il canale di fiume di Pionerskaya che, siccome la Corte ha stabilito in paragrafo 179 sopra, era inadeguato ed insufficiente. Inoltre, il Governo andò a vuoto ad indicare la struttura legislativa ed amministrativa attinente, mentre riferendosi soltanto ai vari atti legali e strumenti (veda paragrafo 167 sopra). Né loro chiaramente indicarono quale autorità era responsabile per il mantenimento corretto del fiume di Pionerskaya al tempo attinente. Dai fatti siccome loro stanno in piedi, sembra che, siccome fu indicato con la Corte distrettuale di Sovetskiy di Vladivostok nella sua sentenza di 25 febbraio 2003, non c'era nessuna separazione delle responsabilità fra le autorità ai vari livelli riguardo al mantenimento del fiume di Pionerskaya che condusse all'inattività ed il cambiamento della responsabilità con ufficiali e, di conseguenza, alle conseguenze drastiche dell'inondazione di 7 agosto 2001 (veda paragrafo 105 sopra).
185. Nella luce del precedente, i costatazione di Corte che la responsabilità del Governo è stata impegnata per le ragioni seguenti. In primo luogo, le autorità andarono a vuoto a stabilire una struttura legislativa ed amministrativa chiara per abilitarli efficacemente per valutare i rischi inerente nell'operazione del serbatoio di Pionerskoye ed implementare città che progetta politiche nel vicinato del serbatoio in ottemperanza con gli standard tecnici ed attinenti. Non c'era in secondo luogo, nessun sistema direttivo ed aderente da incoraggiare quelli responsabile prendere passi per assicurare protezione adeguata della popolazione che vive nell'area, ed in particolare abbastanza tenere il canale di fiume di Pionerskaya chiaro affrontare liberazioni urgenti di acqua dal serbatoio, insorgere posto un sistema di avvertimento emergenza là ed informare la popolazione locale dei rischi potenziali collegata all'operazione del serbatoio. Infine, non è stato stabilito che c'erano coordinazione sufficiente e la cooperazione fra le varie autorità amministrative per assicurare che i rischi portarono ad attenzione loro non divenga così serio come mettere in pericolo le vite umane. Le autorità rimasero anche inoltre, inattive dopo l'inondazione di 7 agosto 2001, col risultato che il rischio alle vite di quelli che vivono vicino il serbatoio di Pionerskoye sembra persistere a questo giorno.
186. Le sentenze summenzionate sono sufficienti per abilitare la Corte per concludere che il Governo andò a vuoto in obbligo positivo suo a proteggere i richiedenti attinenti le vite di '. In simile circostanze, non lo considera inoltre necessario esaminare se l'operazione di liberazione fu organizzata debitamente.
187. C'è stata di conseguenza una violazione di Articolo 2 della Convenzione nel suo aspetto effettivo.
(b) aspetto Procedurale dell’ Articolo 2 della Convenzione
i. Principi Generali
188. La Corte reitera che dove le vite sono state perse in circostanze che impegnano potenzialmente la responsabilità dello Stato, Articolo 2 della Convenzione comporta un dovere per lo Stato per assicurare, con tutti i mezzi a disposizione sua una risposta adeguata-giudiziale o altrimenti-così che il legislativo e struttura amministrativa esposero su per proteggere il diritto alla vita in modo appropriato è implementato e qualsiasi le violazioni di che diritto è represso e è punito (veda Öneryıldız, citata sopra, § 91, e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 138).
189. In questo collegamento, la Corte ha sostenuto, che se la violazione del diritto alla vita o all'integrità fisica non è causato intenzionalmente, l'obbligo positivo per esporre su un “sistema giudiziale ed effettivo” non costringa necessariamente procedimenti penali ad essere portato in ogni causa e può essere soddisfatto se civile, amministrativo o anche via di ricorso disciplinari erano disponibili alle vittime (veda, per esempio, Vo c. la Francia [GC], n. 53924/00, § 90 ECHR 2004-VIII; Calvelli e Ciglio c. l'Italia [GC], n. 32967/96, § 51 ECHR 2002-io; e Mastromatteo c. l'Italia [GC], n. 37703/97, §§ 90 e 94-95, ECHR 2002-VIII).
190. Nel particolare contesto delle attività pericolose, la Corte ha considerato comunque, che un'indagine penale ed ufficiale è indispensabile determinato che autorità pubbliche sono le entità sole per avere conoscenza attinente e sufficiente per identificare e stabilire i fenomeni complessi che avrebbero provocato un incidente spesso. Ha contenuto che dove le autorità in oggetto, pienamente il realising le conseguenze probabili e trascurando i poteri assegnato legalmente in loro, non riuscito a prendere misure che erano necessarie e sufficiente per distogliere i rischi inerente in un'attività pericolosa il fatto che quelli responsabile per mettere in pericolo la vita non fu accusato con un reato penale o perseguì può corrispondere ad una violazione di Articolo 2, irrispettoso di qualsiasi gli altri tipi di via di ricorso che individui possono esercitare su loro proprio iniziale (veda Öneryıldız, citata sopra, § 93, e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 140).
191. Il sistema giudiziale richiesto con Articolo 2 deve costituire disposizione una procedura di indagine ufficiale ed indipendente ed imparziale che soddisfa i certi minimi standard come all'efficacia e è capace di assicurare per sommare su, che sanzioni penali penali sono fatte domanda dove le vite sono perse, o deve fissare a rischio mortale, come un risultato di un'attività pericolosa se ed alla misura che questo è giustificato con le sentenze dell'indagine. In simile cause, le autorità competenti devono agire con diligenza esemplare e la prontezza e devono dovere di loro propria istanza indagini iniziate capaci di, in primo luogo, accertando le circostanze nelle quali l'incidente ebbe luogo e qualsiasi difetti nell'operazione del sistema regolatore e, in secondo luogo, identificando gli ufficiali Statali o autorità coinvolte in veste purchessia nella catena di eventi in problema (veda, mutatis mutandis, Öneryıldız citata sopra, § 94, e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 142).
192. Deve in nessun modo sia dedotto dal precedente che Articolo 2 può comportare il diritto per un richiedente per avere terze parti perseguito o può condannare per un reato penale o un obbligo assoluto per tutte le accuse per dare luogo a condanna, o davvero in una particolare frase (veda, mutatis mutandis, Perez c. la Francia [GC], n. 47287/99, § 70 ECHR 2004-io). D'altra parte le autorità nazionali non devono sotto qualsiasi circostanze sono preparate per concedere vita-mettendo in pericolo reati per andare impunito. Questo è essenziale per mantenere fiducia pubblica e l'aderenza che assicura all'articolo di legge e per ostacolare qualsiasi comparizione della tolleranza di o collusione in atti illegali (veda, Öneryıldız, citata sopra, § 96).
193. Il compito della Corte consiste perciò nel fare una rassegna se ed a che misura le autorità nazionali, nel giungere alla loro conclusione possono essere ritenute per avere presentato la causa allo scrutinio accurato richiese con Articolo 2 della Convenzione, così che l'effetto di deterrente del sistema giudiziale in posto ed il significato del ruolo è costretto a giocare nell'ostacolare violazioni del diritto alla vita non è minato (veda, Öneryıldız, citata sopra, § 96, e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 145).
ii. L’applicazione dei principi generali nella causa presente
194. La Corte osserva all'inizio che del grado di indagine è stato eseguito negli eventi di 7 agosto 2001. Deve valutare se questa indagine può essere considerata una risposta giudiziale ed adeguata nella luce dei principi summenzionati.
195. In questo collegamento, la Corte nota, che l'indagine nell'inondazione di 7 agosto 2001 fu cominciata 9 agosto 2001, quel è due giorni più tardi che può essere riguardato come essendo in ottemperanza col requisito della prontezza. Sembra inoltre che 21 settembre 2001 l'investigatore in accusa diede credito al primo richiedente come una vittima e rivendicatore civile nella causa, l'intervistò ed ispezionò la scena dell'incidente al suo domicilio (veda divide in paragrafi 46-47 sopra). Il sesto richiedente fu accordato anche status di vittima ed informò al riguardo in una lettera di 2 luglio 2002, quel è pressocché undici mesi dopo che i procedimenti furono avviati. È poco chiaro se lei mai fu intervistata e se la scena dell'incidente al suo domicilio mai fu ispezionata. È anche poco chiaro se qualsiasi passi procedurali furono presi riguardo al terzo richiedente.
196. Comunque, la Corte non lo considera necessario stabilire se le misure investigative e summenzionate furono prese e, in tal caso, se loro furono presi prontamente, e se non, se questo colpì l'efficacia dell'indagine nella causa presente. La Corte considera che piuttosto che esaminando se l'indagine preliminare era completamente compatibile con tutti i requisiti procedurali stabiliti in simile questioni, è essenziale per determinare se le autorità competenti furono determinate stabilire le circostanze degli eventi di 7 agosto 2001 ed identificare e portare alla giustizia quelli responsabile (veda paragrafo 191 sopra).
197. Con questo in mente, la Corte nota, che procedimenti originalmente penali nel collegamento con l'inondazione di 7 agosto 2001 furono portati contro il Sig. L., il capo della Società di Acqua che ordinò l'evacuazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye sulla data in oggetto. Sembra che nel contesto di che indagine in causa n. 916725, sforzi furono resi per stabilire le circostanze dell'incidente di 7 agosto 2001. In particolare, molti esami competenti furono eseguiti (veda paragrafo 70 sopra). I rapporti risultanti sembrano avere confermato che le azioni del personale della Società di Acqua, incluso il Sig. L. avevano ragione nelle circostanze (veda divide in paragrafi 71 e 77 sopra) che incitò le autorità inquirenti a cessare i procedimenti penali contro il Sig. L. Allo stesso tempo siccome è chiaro dalla decisione di 25 gennaio 2003 con la quale i procedimenti penali contro il Sig. L. furono terminati, l'indagine stabilì che la ragione principale per l'inondazione di 7 agosto 2001 era stata lo stato povero del canale del fiume di Pionerskaya, ed in particolare il fatto che era stato coperto con alberi e cespugli ed era stato ostruito con le varie strutture (veda paragrafo 51 sopra). Di conseguenza, procedimenti penali e separati furono ordinati contro ufficiali dal Vladivostok municipale e Primorskiy autorità regionali, presumibilmente in quel il collegamento.
198. In pratica, comunque piuttosto che nel collegamento col mantenimento povero del canale di fiume di Pionerskaya che, siccome fu stabilito con l'indagine in causa n. 916725, avuti come la sua conseguenza l'inondazione di 7 agosto 2001 28 gennaio 2003 l'ufficio di un accusatore del Distretto di Leninskiy di Vladivostok portò procedimenti penali in causa n. 292025 contro ufficiali dei municipali ed autorità regionali su sospetto di loro che ha abusato il loro potere quando assegnando aree di terra per costruzione di alloggio individuale all'interno di una zona di protezione di acqua nel bacino di fiume di Pionerskaya (veda paragrafo 52 sopra).
199. La Corte nota che nonostante la sua richiesta il Governo non presentò una copia dell'archivio dell'indagine in causa n. 292025, e perciò la sua capacità di valutare l'efficacia di che indagine è limitata. La Corte ha inoltre dubita che questa indagine seconda, come così, può essere considerato una risposta giudiziale ed adeguata agli eventi di 7 agosto 2001, determinato che il suo fine principale sembra essere stato stabilire se c'era qualsiasi gli abusi in città che progetta politiche nella valle di fiume di Pionerskaya, piuttosto che perseguire qualsiasi inoltre le sentenze attinenti prima rese con l'indagine in causa n. 916725, ed identificare quelli responsabile per il mantenimento povero del canale di fiume di Pionerskaya che, come stabilito con l'indagine in causa n. 916725, era stato la ragione principale per l'inondazione di 7 agosto 2001.
200. Effettivamente, secondo la decisione di 20 luglio 2004 (veda divide in paragrafi 54-61 sopra), mentre stabilendo, con riferimento alle leggi attinenti e ordinanze che era le autorità della Regione di Primorskiy e la Società di Acqua che erano responsabile di garantire l'operazione sicura del serbatoio di Pionerskoye, incluso assicurando che il canale di fiume aveva a valle del serbatoio una veste di produttività adeguata (veda paragrafo 61 sopra), l'indagine non fece nessuno tentativi evidenti di scoprire se qualsiasi la responsabilità dovrebbe essere allegata a quelle autorità-affitti stabilire l'identità dei particolari ufficiali responsabile da solo- per lo stato misero del fiume di Pionerskaya, ed in particolare suo evidentemente veste di produttività inadeguata durante l'inondazione di 7 agosto 2001.
201. Inoltre, riguardo a città che progetta politica nella città di Vladivostok, incluso l'area vicino il serbatoio di Pionerskoye, la decisione di 20 luglio 2004 elencò un numero delle debolezze con sia i municipali e le autorità regionali, in particolare il loro insuccesso continuo per identificare aree inondazione-soggette così che restrizioni di pianificazione appropriate potrebbero essere fatte domanda (veda divide in paragrafi 55-57 sopra). La Corte è prevista col fatto che, avendo scoperto tutti quelli difetti, le autorità inquirenti decisero di chiudere l'indagine, mentre riferendosi alla mancanza di prove di un crimine. Nota anche che, mentre la decisione di 20 luglio 2004 determinato che la ragione perché le autorità inquirenti cessarono i procedimenti contro gli ufficiali dell'Amministrazione di Vladivostok era che loro non avevano ecceduto i loro poteri quando assegnando aree di terra vicino il fiume di Pionerskaya nell'assenza di qualsiasi città che progetta restrizioni al tempo (veda paragrafo 58 sopra), la ragione perché i procedimenti contro le autorità della Regione di Primorskiy furono cessati anche elude la Corte, siccome la decisione summenzionata rimase silenziosa in quel riguardo a.
202. In prospettiva del precedente, la Corte non è persuasa, che la maniera nella quale le autorità russe e competenti agirono in risposta agli eventi di 7 agosto 2001 garantito la piena responsabilità degli ufficiali Statali o le autorità riguardò per ruolo loro in quegli eventi e l'attuazione effettiva delle disposizioni attinenti di diritto penale nazionale che garantisce riguardo per il diritto alla vita (veda, in un piuttosto contesto simile, Öneryıldız citata sopra, § 117). Nella luce di questa sentenza ed i suoi principi generali menzionata sopra di (veda paragrafo 190 sopra), la Corte non considera inoltre che qualsiasi l'altra via di ricorso, in particolare i procedimenti civili ai quali i richiedenti attinenti avevano ricorso per chiedere danni in collegamento con l'inondazione di 7 agosto 2001, avrebbe potuto offrire una risposta giudiziale ed adeguata in riguardo della loro azione di reclamo sotto Articolo 2 della Convenzione.
203. Di conseguenza, la Corte conclude che c'è stata una violazione di Articolo 2 della Convenzione nel suo aspetto procedurale su conto della mancanza di una risposta giudiziale ed adeguata con le autorità agli eventi di 7 agosto 2001.
II. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 8 DELLA CONVENZIONE E DELL’ARTICOLO 1 DEL PROTOCOLLO N. 1 ALLA CONVENZIONE
204. I richiedenti si lamentarono anche che le autorità l'insuccesso di ' per mantenere il canale del fiume di Pionerskaya in un stato corretto di ripara e prendere misure appropriate per attenuare il rischio di inondazioni dato luogo al danno fatto alle loro case e proprietà, e che nessun risarcimento era stato assegnato a loro per le loro perdite. Loro si riferirono ad Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che, in finora come attinente preveda siccome segue:
Articolo 8
“1. Ognuno ha diritto al rispetto …, della sua casa ….
2. Non ci sarà interferenza da parte un'autorità pubblica con l'esercizio di questo diritto eccetto nel caso fosse in conformità con la legge e necessaria in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale, della sicurezza pubblica o del benessere economico del paese, per la prevenzione del disturbo o del crimine, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui.”
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1
“Ogni persona fisica o giuridica è abilitata al godimento pacifico delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto che nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste dalla legge e dai principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggiare il diritto di un Stato ad eseguire simili leggi come ritiene necessario per controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o assicurare il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
A. Osservazioni delle parti
205. I richiedenti presentarono che le loro case e proprietà erano state danneggiate severamente con l'inondazione causata con l'evacuazione di grande potenza ed improvvisa di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. Secondo loro, le loro vite non erano ritornate ancora a normale, e loro non avevano ricevuto il risarcimento corretto per proprietà danneggiata loro. Loro considerarono il risarcimento extragiudiziale che era stato pagato a loro umiliando. In prospettiva delle autorità ' continuò inoltre, insuccesso per prendere qualsiasi misure per pulire su ed approfondire il canale di fiume di Pionerskaya, non c'era nessuna garanzia che non re-accadrebbero gli eventi di 7 agosto 2001.
206. Il Governo insisteva che non ci fosse stata nessuna violazione dei diritti dei richiedenti garantiti dall’ Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Loro dibatterono che non c'era prova che il danno ai richiedenti case ' e proprietà si avrebbero potuto evitare se il canale di fiume di Pionerskaya fosse stato pulito su o un sistema di avvertimento emergenza al serbatoio di Pionerskoye era stato a posto. Loro assegnarono corteggiare decisioni prese nei richiedenti i giudizi civili di ' al livello nazionale, affermando che delle perdite allegato erano state sofferte come un risultato di una catastrofe naturale, nella forma di pioggia insolitamente pesante. Il Governo affermò anche che la legislazione nazionale ed attinente non impose obbligo sullo Stato per risarcire il valore di mercato di proprietà danneggiata, e che determinato il grande numero di residenti colpito con l'inondazione di 7 agosto 2001, l'assistenza finanziaria concessa con lo Stato sarebbe potuta essere appena più generosa; comunque, le autorità avevano distribuito loro potevano che appoggio finanziario a tutti quelli colpiti con l'inondazione, direttamente automaticamente ed irrispettoso di se loro produssero prova di qualsiasi danno patrimoniale ed effettivo.
B. la valutazione della Corte
1. Ammissibilità
207. La Corte reitera all'inizio che mentre a tempi può essere una sovrapposizione significativa fra il concetto di “casa” sotto l’Articolo 8 della Convenzione e che di “la proprietà” sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, una casa può essere trovata esistere anche dove il richiedente ha nessuno corretto o interessa in beni immobili (veda, mutatis mutandis, Prokopovich c. la Russia, n. 58255/00, §§ 35-39, 18 novembre 2004, e Khamidov c. la Russia, n. 72118/01, § 128 15 novembre 2007). Al contrario., un individuo può avere un diritto di proprietà in un particolare edificio o può sbarcare, all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, senza avere cravatte sufficienti con sé per sé costituire una casa sotto Articolo 8 (veda Loizidou c. la Turchia (i meriti), 18 dicembre 1996, § 66 Relazioni di Sentenze e Decisioni 1996-VI). Al giorno d'oggi la causa, i richiedenti le azioni di reclamo di ' concernerono danno fatto con l'inondazione alle loro case-di che il primo, quarto e quinto richiedenti erano proprietari ed il secondo e sesto richiedenti erano inquilini sociali, e quale il terzo richiedente divise col quarto richiedente, suo parente (veda divide in paragrafi 10-14 sopra)-ed alle loro proprietà in e circa quelle case. La Corte lo considera appropriato esaminare i richiedenti ' azioni di reclamo attinenti sotto ambo l'Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
208. La Corte osserva inoltre che i richiedenti ricevettero il certo risarcimento extragiudiziale in riguardo di perdite patrimoniali loro subirono come un risultato dell'inondazione di 7 agosto 2001. In particolare, il primo richiedente ricevuto un prezzo globale di Strofina 14,000 (verso EUR 350) ed i richiedenti rimanenti che ognuno ha ricevuto Strofinano 1,000 (verso EUR 25) in appoggio finanziario. La questione sorge perciò se, per i fini di Articolo 34 della Convenzione, i richiedenti ancora possono chiedere di essere “le vittime” della violazione allegato dei loro diritti garantita con Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. In questo collegamento, la Corte reitera, che un richiedente è privato di suo o il suo status come una vittima se le autorità nazionali hanno ammesso, o espressamente o in sostanza, e poi riconobbe compensazione appropriata e sufficiente per, una violazione della Convenzione (veda, per esempio, Scordino c. l'Italia (n. 1) [GC], n. 36813/97, §§ 178-93 il 2006-V di ECHR).
209. Al giorno d'oggi la causa, non c'è prova che le autorità a qualsiasi punto diede credito alle violazioni addusse coi richiedenti. Effettivamente, è chiaro dalle osservazioni del Governo sul problema che il risarcimento in oggetto fu concesso a tutte le vittime dell'inondazione di 7 agosto 2001 come assistenza finanziaria e non in riconoscimento delle autorità la responsabilità di ' per gli eventi in oggetto. Inoltre, nessuno simile riconoscimento fu reso nei procedimenti penali avviati in collegamento con gli eventi di 7 agosto 2001, o nei procedimenti civili che i richiedenti portarono chiedendo il risarcimento per le loro perdite patrimoniali. Anche, anche se la Corte sia preparata a riguardo al risarcimento nell'importo di RUB 14,000 pagato al primo richiedente come una compensazione appropriata e sufficiente, non poteva giungere chiaramente alla stessa conclusione come riguardi il risarcimento nell'importo di RUB 1,000 pagato ai richiedenti rimanenti.
210. La Corte si soddisfa perciò che i richiedenti trattengono il loro status di vittima, all'interno del significato di Articolo 34 della Convenzione in finora come le loro azioni di reclamo sotto Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 concerne.
211. La Corte nota che questa parte della richiesta non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che non è inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
2. Meriti
212. La Corte ha sostenuto su molte occasioni che lo Stato ha un dovere positivo di prendere misure ragionevoli ed appropriate per garantire i diritti di un richiedente sotto Articolo 8 della Convenzione (veda López Ostra c. la Spagna, 9 dicembre 1994, § 51 la Serie Un n. 303-C, Powell e Rayner c. il Regno Unito, 21 febbraio 1990, § 41 la Serie Un n. 172, e molte altre autorità). Ha riconosciuto anche che nel contesto delle attività pericolose la sfera degli obblighi positivi sotto Articoli 2 e 8 della Convenzione ricoprono grandemente (veda Budayeva ed Altri, citata sopra, § 133).
213. La Corte reitera anche che esercizio genuino, effettivo del diritto protetto dall’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione non dipende soltanto dal dovere dello Stato di non interferire, ma può richiedere misure positive di protezione, particolarmente dove c'è un collegamento diretto fra le misure un richiedente legittimamente può aspettarsi dalle autorità ed il suo godimento effettivo delle sue proprietà (veda Bielectric S.r.l. c. l'Italia (il dec.), n. 36811/97, 4 maggio 2000, e Öneryıldız citata sopra, § 134). Le dichiarazioni di un insuccesso da parte dello Stato per intentare causa positiva per proteggere proprietà privata dovrebbero essere esaminate nella luce dell'articolo generale nella prima frase del primo paragrafo di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione che posa in giù il diritto al godimento tranquillo di proprietà (veda Beyeler c. l'Italia [GC], n. 33202/96, § 98 ECHR 2000-io; Öneryıldız, citata sopra, § 133; e Budayeva ed Altri, citata sopra, § 172).
214. Rivolgendosi alla causa presente, la Corte osserva di tutti che il Governo non ha contestato prima che le abitazioni a che era ognuno dei richiedenti che ' ha assegnato loro “le case” all'interno del significato di Articolo 8. Né loro contestarono l'esistenza dei richiedenti ' “le proprietà” all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, o che le case sopra e proprietà furono danneggiate come un risultato dell'inondazione di 7 agosto 2001. La Corte procederà perciò esaminare a che misura le autorità erano sotto obbligo per prendere misure per proteggere i richiedenti case ' e proprietà, e se questo obbligo si fu attenuto con nella causa presente.
215. La Corte nota inoltre che il Governo sembra avere dibattuto, con riferimento alle sentenze delle corti nazionali nei richiedenti i giudizi civili di ' che le violazioni allegato dei loro diritti sotto Articolo 8 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 sia il risultato di una catastrofe naturale, nella forma di pioggia insolitamente pesante che non poteva essere prevista e non poteva essere imputata perciò allo Stato. La Corte non può accettare questo argomento. Reitera in questo collegamento che, essendo sensibile alla natura sussidiaria del suo ruolo e cauto di assumendo il ruolo di un tribunale di primo-istanza di fatto, la Corte non è legata ciononostante con le sentenze di corti nazionali e può abbandonare da loro dove questo è reso inevitabile con le circostanze di una particolare causa (veda, per esempio, Matyar c. la Turchia, n. 23423/94, § 108 21 febbraio 2002). Al giorno d'oggi la causa, la Corte ha stabilito in paragrafi 162-165 sopra che l'inondazione di 7 agosto 2001 accadde dopo l'evacuazione di grande potenza ed urgente di acqua dal serbatoio di Pionerskoye, la probabilità e conseguenze potenziali delle quali avrebbero dovuto prevedere le autorità. La Corte ha stabilito inoltre che la ragione principale per l'inondazione, come confermato coi rapporti competenti, era lo stato povero di ripari del canale di fiume di Pionerskaya a causa delle autorità ' insuccesso manifesto per prendere misure per tenerlo chiaro ed in particolare rendere sicuro la sua veste di produttività era adeguata nell'evento della liberazione di acqua dal serbatoio di Pionerskoye. La Corte ha concluso che questo insuccesso così come le autorità l'insuccesso di ' per fare domanda città che progetta restrizioni che corrispondono ai requisiti tecnici dello sfruttamento del serbatoio mise le vite di quelli che vivono vicino sé a rischio (veda divide in paragrafi 168-180 e 185 sopra).
216. La Corte senza dubbio ha che il collegamento causale stabilì fra la negligenza attribuibile allo Stato ed il mettere in pericolo delle vite di quelli che vivono anche nel vicinato del serbatoio di Pionerskoye fa domanda al danno causato ai richiedenti case ' e proprietà con l'inondazione. Similmente, la violazione risultante non corrisponde “l'interferenza” ma alla violazione di un obbligo positivo, poiché gli ufficiali Statali ed autorità andarono a vuoto a fare tutto nel loro potere per proteggere i richiedenti i diritti di ' garantì con Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (veda Öneryıldız, citata sopra, § 135). Effettivamente, l'obbligo positivo sotto Articolo 8 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 richiesto le autorità nazionali per prendere le stesse misure pratiche come quelli si aspettarono di loro nel contesto del loro obbligo positivo sotto Articolo 2 della Convenzione (veda, mutatis mutandis, Öneryıldız citata sopra, § 136). Poiché è chiaro che nessuno simile misure furono prese, la Corte conclude che le autorità russe andarono a vuoto nel loro obbligo positivo a proteggere i richiedenti case ' e proprietà.
217. Là, di conseguenza, non c’è stata una violazione dell’ Articolo 8 della Convenzione e dell’ Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione nella causa presente.
III. VIOLAZIONE ADDOTTA DELL’ ARTICOLO 13 DELLA CONVENZIONE
218. Infine, i richiedenti si lamentarono che loro non avevano avuto via di ricorso nazionali ed effettive in riguardo delle loro azioni di reclamo summenzionate. Questa azione di reclamo incorre essere esaminata sotto Articolo 13 della Convenzione che legge siccome segue:
“Chiunque i cui diritti e le libertà come riconosciuti [dalla] Convenzione sono violati avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale anche se la violazione fosse stata commessa da persone che agiscono in veste ufficiale.”
A Osservazioni delle parti
219. I richiedenti mantennero la loro azione di reclamo, mentre affermando che loro non erano stati capaci di od ottenere risposta giudiziale ed adeguata alle violazioni allegato dei loro diritti in procedimenti penali-due set di procedimenti penali avviarono in collegamento con l'inondazione di 7 agosto 2001 che non ha portato risultati tangibili-o in procedimenti civili, le corti nazionali a due livello di giurisdizione che ha respinto le loro rivendicazioni per il risarcimento.
220. Il Governo contese che i richiedenti avevano avuto via di ricorso nazionali ed effettive alla loro disposizione come procedimenti penali era stato avviato in riguardo degli eventi di 7 agosto 2001. Nell'osservazione del Governo, i richiedenti erano stati anche, in grado portare procedimenti civili in un tentativo di ottenere il risarcimento per danni, e si era giovato a di che l'opportunità, anche se la conseguenza di quelli procedimenti era stata sfavorevole a loro.
B. la valutazione della Corte
1. Ammissibilità
221. La Corte reitera che, secondo la sua causa-legge, Articolo 13 fa domanda solamente, dove un individuo ha un “rivendicazione difendibile” essere la vittima di una violazione di un diritto di Convenzione (veda Boyle e Riso c. il Regno Unito, 27 aprile 1988, § 52 la Serie Un n. 131). Al giorno d'oggi la causa, la Corte ha trovato una violazione su conto dell'insuccesso dello Stato per prendere misure per proteggere il diritto alla vita del primo, terzo e sesto richiedenti così come tutti i richiedenti case ' e proprietà. D'altra parte la Corte ha sostenuto che le azioni di reclamo depositarono sotto Articolo 2 della Convenzione col secondo, quarto e quinto richiedenti è incompatibile ratione personae con le disposizioni della Convenzione.
222. Contro questo sfondo, la Corte è soddisfatta, che il primo, terzo e sesto richiedenti hanno una rivendicazione difendibile sotto Articoli 2 e 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 per il fine di Articolo 13, e che i richiedenti rimanenti hanno una rivendicazione difendibile sotto Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 per il fine di Articolo 13, ma nessuno simile rivendicazione sotto Articolo 2 per apportare Articolo 13 della Convenzione gioca.
223. Di conseguenza, i costatazione di Corte che il primo, terzo e sesto richiedenti le azioni di reclamo di ' sotto Articolo 13, in concomitanza con Articoli 2 e 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, ed i richiedenti rimanenti le azioni di reclamo di ' sotto Articolo 13, in concomitanza con Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1, non è mal-fondato manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione. Nota inoltre che loro non sono inammissibili su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili.
224. La Corte gli ulteriori costatazione che il secondo, quarto e quinto richiedenti l'azione di reclamo di ' sotto Articolo 13 in concomitanza con Articolo 2 della Convenzione è inammissibile come essendo incompatibile ratione personae con le disposizioni della Convenzione, e deve essere respinto in conformità con Articolo 35 §§ 3 (un) e 4 della Convenzione.
2. Meriti
225. La Corte reitera che Articolo 13 della Convenzione garantisce la disponibilità a livello di cittadino di una via di ricorso per eseguire la sostanza dei diritti di Convenzione e le libertà in forma purchessia è probabile che sarebbero accaduti loro di essere garantiti nell'ordine legale e nazionale. L'effetto di Articolo 13 deve costringere così la disposizione di una via di ricorso nazionale a trattare con la sostanza di un “azione di reclamo difendibile” sotto la Convenzione ed accordare il sollievo appropriato, benché Stati Contraenti siano riconosciuti della discrezione come alla maniera nella quale loro si attengono coi loro obblighi di Convenzione sotto questa disposizione. Ciononostante, la via di ricorso richiesta con Articolo 13 deve essere “effettivo” in pratica così come in legge, in particolare nel senso che il suo esercizio non deve essere impedito ingiustificabilmente con atti od omissioni delle autorità dello Stato rispondente (veda, fra le recenti autorità, Esmukhambetov ed Altri c. la Russia, n. 23445/03, § 158 29 marzo 2011).
226. Al giorno d'oggi la causa, il Governo dibattè che i richiedenti erano stati in grado portare procedimenti civili che chiedono il risarcimento per danno alle loro case e proprietà così come il risarcimento per danno non-patrimoniale per l'angoscia ed angoscia loro subirono durante l'inondazione di 7 agosto 2001 (veda paragrafo 94 sopra). La Corte procederà, nella luce dei principi summenzionati, valutare l'efficacia di questa via di ricorso per il fine di Articolo 13, preso in concomitanza con Articolo 2 così come in concomitanza con Articolo 8 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 in riguardo di quelle azioni di reclamo che la Corte ha trovato ammissibile (veda paragrafo 223 sopra).
(a) Articolo 13 in concomitanza con l’Articolo 2
227. La Corte ha trovato in paragrafo 202 sopra che il primo, terzo e sesto richiedenti il diritto di ' alla vita fu protegguto inadeguatamente coi procedimenti portati con le autorità pubbliche sotto il diritto penale, e che qualsiasi l'altra via di ricorso, in particolare i procedimenti civili ai quali questi richiedenti avevano ricorso, non poteva offrire una risposta giudiziale ed adeguata in riguardo di azione di reclamo loro sotto Articolo 2 della Convenzione.
228. Nella luce di questa sentenza, la Corte non lo considera necessario esaminare questi richiedenti l'azione di reclamo di ' sotto Articolo 13, preso in concomitanza con Articolo 2 della Convenzione poiché non solleva problema separato nelle circostanze della causa presente.
(b) Articolo 13 in concomitanza con l’Articolo 8 ed Articolo 1 del Protocollo N.ro 1
229. La Corte osserva che legge russa fornì ai richiedenti la possibilità di portare procedimenti civili per chiedere il risarcimento per danno fatta alle loro case e proprietà come un risultato dell'inondazione di 7 agosto 2001.
230. Nota in questo collegamento che, come sé ha osservato in paragrafo 197 sopra, degli sforzi furono resi per stabilire le circostanze dell'incidente di 7 agosto 2001 durante un'indagine in causa n. 916725, e, in particolare, almeno tre esami competenti furono eseguiti. I rapporti risultanti, ed in particolare quelli del 2002 e 24 gennaio 2003 di 29 settembre, sembri avere previsto un piuttosto conto dettagliato dell'inondazione di 7 agosto 2001, incluso la sua causa principale e la sua scala ed effetti distruttivi. Le corti nazionali avevano perciò alla loro disposizione i materiali necessari per essere in grado, in principio nei procedimenti civili rivolgere il problema della responsabilità dello Stato sulla base dei fatti come stabilito nei procedimenti penali, irrispettoso della conseguenza dei procedimenti secondi (veda, con contrasto, Budayeva ed Altri, citata sopra, §§ 162-63). In particolare, loro erano, in principio, conferì poteri valutare i fatti stabiliti nei procedimenti penali, attribuire la responsabilità per gli eventi in oggetto e consegnare decisioni esecutive (veda Öneryıldız, citata sopra, § 151).
231. È inoltre chiaro che le corti nazionali esaminarono i richiedenti ' chiede sulla base della prova disponibile. In particolare, loro si rivolsero i richiedenti gli argomenti di ' e diedero ragioni per le loro decisioni. È vero che la conseguenza dei procedimenti in oggetto era unfavourable ai richiedenti, siccome infine furono respinte le loro rivendicazioni. Non si può dire da solo comunque, che questo fatto abbia dimostrato, nella prospettiva della Corte che la via di ricorso sotto esame non soddisfece i requisiti di Articolo 13 come riguardi i richiedenti ' chiede riguardo al danno inflitto sulle loro case e proprietà. In questo riguardo, la Corte reitera, che il “l'efficacia” di un “la via di ricorso” all'interno del significato di Articolo 13 non dipenda dalla certezza di una conseguenza favorevole per il richiedente (veda Čonka c. il Belgio, n. 51564/99, § 75 ECHR 2002-io).
232. Nella luce del precedente la Corte perciò costatazione che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 13 in concomitanza con Articolo 8 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 nella causa presente.
IV. L’APPLICAZIONE DELL’ ARTICOLO 41 DELLA CONVENZIONE
233. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se la Corte costata che c'è stata una violazione della Convenzione o dei Protocolli, e se la legge interna dell’Alta Parte Contraente riguardata permette una riparazione solamente parziale, la Corte può, se necessario, riconoscere una soddisfazione equa alla vittima.”
A. Danno
1. Danno patrimoniale
(a) I richiedenti
234. I richiedenti chiesero il risarcimento per perdite patrimoniali che loro avevano subito come un risultato del danno fatto alle loro proprietà con l'inondazione di 7 agosto 2001.
235. In particolare, il primo richiedente chiese 417,000 rubli russi (“RUB”, approssimativamente 10,000 euro, “EUR”) per le sue proprietà perdute. In appoggio di questa rivendicazione, lei si riferì ad una trascrizione del suo colloquio di testimone di 21 settembre 2001, dove lei elencò la sua proprietà perduta in dettaglio ed indicò il suo valore siccome Strofina 417,000. Lei incluse anche una stima che indica che il costo del lavoro necessario riparare la sua casa corrisposta per Strofinare 63,114.97 (verso EUR 1,500).
236. Il secondo richiedente chiesto Strofina 3,375,301 (verso EUR 80,000), rappresentando che i costi di, ripara lavoro sul suo appartamento e capanne. Lei non presentò qualsiasi sostenendo prova in riguardo di questa rivendicazione.
237. Il terzo richiedente chiesto Strofina 311,543 (verso EUR 7,400) per la proprietà persa durante l'inondazione. Lei non presentò qualsiasi sostenendo prova in riguardo di questa rivendicazione.
238. Il quarto richiedente chiesto Strofina 483,731 (verso EUR 11,400) rappresentando il costo di sostituire i suoi effetti personali perduto con uni nuovi, e di ripari lavoro sul suo appartamento. Lei presentò documenti numerosi, incluso ricevute che confermano l'acquisto di varia famiglia e gli altri articoli valuta di ripari costi ed un rapporto che confermano quel ripari lavoro era stato eseguito.
239. Il quinto richiedente chiesto Strofina 400,000 (verso EUR 9,500) rappresentando il costo della proprietà lui perse aggiustato per l'inflazione. In appoggio della sua rivendicazione, il quinto richiedente si riferì al rapporto di valutazione di 14 agosto 2001 (veda paragrafo 82 sopra). Lui presentò un certificato di un'agenzia di statistica Statale che indica il tasso di inflazione nella Regione di Murmansk di periodo fra il 2001 ed il 2009.
240. Il sesto richiedente chiesto Strofina 52,000 (verso EUR 1,200) per le sue proprietà perdute. Secondo lei, documenti che corroborano la sua rivendicazione potrebbero essere trovati nei materiali del suo giudizio civile esaminati con le corti russe.
(b) Il Governo
241. Il Governo contestò i richiedenti che ' chiede in riguardo di danno patrimoniale. Loro dibatterono che nessuna assegnazione dovrebbe essere resa a qualsiasi dei richiedenti sotto questo capo siccome loro non erano riusciti a corroborare le loro rispettive rivendicazioni con prova di documentario. Loro indicarono anche che le corti nazionali avevano rifiutato di accordare i richiedenti ' rivendicazioni simili nei procedimenti nazionali, e dibattè che la Corte non potesse sostituire la sua prospettiva per che delle corti nazionali su questo problema.
242. Il Governo dibatté anche che poiché i terzo e quarto richiedenti vissero insieme nello stesso appartamento, loro non furono giustificati nel depositare rivendicazioni separate per il risarcimento in riguardo di danno patrimoniale.
243. Il Governo contestò inoltre i documenti presentati col quarto richiedente in appoggio della sua rivendicazione. Loro indicarono, in particolare, che le ricevute concernerono soprattutto al periodo fra maggio e settembre 2009, che le stime per ed il rapporto sul ripari lavoro non fu corroborato con documenti appropriati ed attesta, e che, indice, il quarto richiedente non era riuscito a provare che le spese attestarono coi documenti lei presentò alla Corte era stato incorso in per annullare le conseguenze dell'inondazione di 7 agosto 2001, piuttosto che in dell'altro collegamento.
244. Il Governo contestò la rivendicazione presentata col quinto richiedente, mentre affermando che il danno patrimoniale subì con lui siccome riflesso nel rapporto di valutazione di 14 agosto 2001 corrispose Strofinare 200,000 (verso EUR 4,700), e che il certificato che indica il tasso di inflazione non poteva essere preso in considerazione nella misura in cui riguardava l'inflazione nella Regione di Murmansk, mentre il richiedente visse nella Regione di Primorskiy.
(c) la valutazione della Corte
245. La Corte reitera che ci deve essere un collegamento causale e chiaro fra il danno patrimoniale chiesto con un richiedente e la violazione della Convenzione (veda, fra le altre autorità, Çakıcı c. la Turchia [GC], n. 23657/94, § 127 ECHR 1999-IV). Nella presente causa, la Corte ha trovato una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 su conto delle autorità l'insuccesso di ' per prendere misure per proteggere i richiedenti la proprietà di '. Senza dubbio ha che c'è un collegamento diretto fra che violazione e le perdite patrimoniali addussero coi richiedenti.
246. La Corte nota che il primo richiedente presentò una trascrizione del suo colloquio di testimone durante la quale lei aveva elencato la sua proprietà danneggiata e dato il danno patrimoniale ammontava a RUB 417,000. Comunque, la Corte non può considerare questo documento prova che il danno davvero ha subito corrisposta alla somma indicato in esso, come sé è chiaro che la trascrizione era solamente un documento formale delle osservazioni del primo richiedente, non un documento che conferma la loro accuratezza. D'altra parte le prese di Corte notano della stima che indica che il costo di ripari lavoro sull'alloggio del primo richiedente corrisponderebbe Strofinare 63,114.97 (verso EUR 1,500). Assegna perciò EUR 1,500 il primo richiedente in riguardo di danno patrimoniale, più qualsiasi tassa sulla quale può essere addebitabile quel l'importo.
247. Come riguardi i terzo e quarto richiedenti, la Corte lo considera appropriato esaminare congiuntamente le loro rivendicazioni attinenti, determinato che, come indicato col Governo, loro vissero nello stesso appartamento, e perciò presumibilmente le perdite patrimoniali che loro sono incorsi in relativi alle stesse proprietà. La Corte lo considera inoltre non necessario valutare l'attinenza e l'affidabilità della prova documentaria presentate col quarto richiedente per corroborare la sua rivendicazione per danno patrimoniale, e rivolgere gli argomenti del Governo in questo riguardo (veda paragrafo 254 sopra). Nota che un rapporto di valutazione steso con un'autorità Statale e competente, siccome assegnato a con la Corte distrettuale di Sovetskiy di Vladivostok nella sua sentenza di 25 febbraio 2003, attestò che il danno fatto alle proprietà nell'appartamento dove i terzo e quarto richiedenti vissuti corrisposto per Strofinare 486,000 (verso EUR 11,500). Nota inoltre che la corte detta accettò che documento come prova affidabile del danno effettivo subita, e la Corte non ha nessuna ragione di interrogare che corte sta ragionando (veda paragrafo 108 sopra). Assegna perciò congiuntamente EUR 11,500 ai terzo e quarto richiedenti in riguardo di danno patrimoniale, più qualsiasi tassa sulla quale può essere addebitabile quel l'importo.
248. La Corte accetta inoltre l'argomento del Governo con riguardo ad alla rivendicazione in riguardo di danno patrimoniale presentato col quinto richiedente che questa rivendicazione è stata corroborata solamente finora in come il danno nell'importo di 200,000 Strofinano (verso EUR 4,700) riguardò, come sé questa somma che è stata indicata nel rapporto di valutazione di 14 agosto 2001 che attesta al danno fatta alla proprietà del quinto richiedente come un risultato dell'inondazione di 7 agosto 2001 era (veda paragrafo 82 sopra). La Corte si confa col Governo che non può prendere in considerazione il certificato presentò col quinto richiedente per provare la sua rivendicazione per l'importo inflazione-aggiustato del danno patrimoniale che lui ha subito, come il documento in oggetto si riferisce all'indice dei prezzi in una regione altro che quello dove le quinto vite di richiedente. Di conseguenza, la Corte assegna EUR 4,700 il quinto richiedente sotto questo capo, più qualsiasi tassa sulla quale può essere addebitabile quel l'importo.
249. Infine, la Corte osserva che il secondo e sesto richiedenti non riuscirono a provare la loro rivendicazione con qualsiasi prova documentaria. In particolare, è poco chiaro se il secondo richiedente mai tentò, come i quarto e quinto richiedenti, per esempio per avere le perdite patrimoniali ed allegato valutato debitamente, e se c'è qualsiasi documenti a tutti che potrebbero confermare la sua rivendicazione. Il sesto richiedente, d'altra parte allegato che simile documenti potrebbero essere trovati nei materiali del suo giudizio civile esaminati con le corti nazionali; comunque, lei non riuscì a spiegare perché lei non presentò quelli documenti alla Corte. Contro questo sfondo, la Corte considera, che non c'è nessuna chiamata da rendere qualsiasi assegnazione al secondo e sesto richiedenti sotto questo capo.
2. Danno non-patrimoniale
250. Il terzo, quarto e sesto richiedenti che ognuno ha chiesto Strofinano 5,000,000 (verso EUR 120,000), ed i primo e quinto richiedenti che ognuno ha chiesto Strofinano 500,000 (verso EUR 12,000) in riguardo di danno non-patrimoniale loro subirono come un risultato degli eventi di 7 agosto 2001. Il secondo richiedente non presentò rivendicazione sotto questo capo.
251. Il Governo contestò queste rivendicazioni come completamente eccessivo ed irragionevole. Loro dibatterono anche che nessuna assegnazione dovrebbe essere resa al secondo richiedente nell'assenza di qualsiasi rivendicazione sulla sua parte sotto questo capo.
252. La Corte accetta l'argomento del Governo che nessuna assegnazione in riguardo di danno non-patrimoniale dovrebbe essere resa al secondo richiedente, siccome lei non presentò qualsiasi chiede sotto questo capo.
253. Come riguardi i richiedenti rimanenti, la Corte osserva che ha trovato una violazione di Articolo 2, in aspetti effettivi e procedurali suoi su conto dell'insuccesso dello Stato in obbligo positivo suo per proteggere il diritto alla vita del primo, terzo e sesto richiedenti e fornire a risposta giudiziale ed adeguata in collegamento gli eventi che misero le loro vite a rischio. Ha trovato anche una violazione di Articolo 8 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 su conto dell'insuccesso dello Stato per prendere passi per proteggere i richiedenti case ' e proprietà. I richiedenti hanno dovuto soffrire dell'angoscia e hanno dovuto angosciare come un risultato di tutti queste circostanze. Avendo riguardo ad a queste considerazioni, la Corte assegna, su una base equa, EUR 20,000 ognuno ai primi, terzo e sesto richiedenti, ed EUR 10,000 ognuno ai quarto e quinto richiedenti, più qualsiasi tassa che può essere addebitabile su questi importi.
B. Costi e spese
254. I richiedenti che non hanno presentato rivendicazione per costi e spese, la Corte considera che non c'è nessuna necessità di assegnarli qualsiasi somma sotto questo capo.
C. Interesse di mora
255. La Corte considera appropriato che l'interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunti tre punti percentuali.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE ALL’UNANIMITA’
1. Dichiara le azioni di reclamo sotto Articolo 2 ed Articolo 13 in concomitanza con Articolo 2, in finora siccome loro furono depositati entro il primo, terzo e sesto richiedenti così come le azioni di reclamo sotto Articolo 8 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ed Articolo 13 in concomitanza con Articolo 8 ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ammissibile ed il resto delle richieste inammissibile;
2. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 2 della Convenzione, nel suo aspetto effettivo, su conto dell'insuccesso dello Stato per assolvere il suo obbligo positivo per proteggere il primo terzo e sesto richiedenti il diritto di ' alla vita;
3. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 2 della Convenzione, in aspetto procedurale suo su conto della mancanza di una risposta giudiziale ed adeguata come richiesto nell'evento della violazione allegato del diritto alla vita, in finora come il primo, terzo e sesto richiedenti concernono;
4. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
5. Sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare separatamente un'azione di reclamo sotto Articolo 13 in concomitanza con Articolo 2, in finora come il primo, terzo e sesto richiedenti concernono;
6. Sostiene che non c'è stata nessuna violazione di Articolo 13 in concomitanza con Articolo 8 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 alla Convenzione;
7. Sostiene
(a) che lo Stato rispondente è pagare i richiedenti, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione gli importi seguenti, essere convertito in rubli russi al tasso applicabile alla data di accordo:
(i) EUR 1,500 (mille cinquecento euro) al primo richiedente, EUR 11,500 (undici mila cinquecento euro) ai terzo e quarto richiedenti congiuntamente, ed EUR 4,700 (quattro mila settecento euro) al quinto richiedente in riguardo di danno patrimoniale;
(ii) EUR 20,000 (venti mila euro) ognuno ai primi, terzo e sesto richiedenti, ed EUR 10,000 (dieci mila euro) ognuno ai quarto e quinto richiedenti in riguardo di danno non-patrimoniale;
(iii) qualsiasi tassa, incluso tassa valore-aggiunta che può essere addebitabile sugli importi sopra;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sugli importi sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;
8. Respinge il resto dei richiedenti che ' chiede per la soddisfazione equa.
Fatto in inglese, e notificato per iscritto il 28 febbraio 2012, facendo seguito all’Articolo 77 §§ 2 e 3 dell’Ordinamento di Corte.
Søren Nielsen Nina Vajić Cancelliere Presidentessa




DATA DI VALIDITÀ: La data dell'ultimo controllo di validità dei testi è lunedì 14/09/2020.